Sei sulla pagina 1di 1

Igor Stravinskij - Concerto in re per orchestra d'archi “di Basilea”

Un neoclassicismo astratto

II Concerto in re per orchestra d'archi appartiene al periodo americano di Stravinskij. Fu infatti composto a Hollywood
tra l'inizio del 1946 e l'8 agosto 1946 su commissione di Paul Sacher, che aveva chiesto al compositore di scrivere un
pezzo per celebrare il ventesimo anniversario della Orchestra da Camera di Basilea. Con questa orchestra, della quale era
fondatore e direttore, Sacher svolgeva una intensa opera di diffusione in favore della musica contemporanea,
distinguendosi non soltanto come esecutore di qualità (era stato allievo di Felix Weingartner) ma anche come sensibile
mecenate. Fra l'altro, questa commissione del direttore svizzero era la prima che provenisse a Stravinskij dall'Europa
dopo oltre dodici anni. La prima esecuzione della partitura, nella cui dedica manoscritta in francese si legge "Dedié à la
Basler Kammerorchester et son chef Paul Sacher", avvenne a Basilea il 27 gennaio 1947, diretta da Sacher. Il Concerto in
re, noto per queste circostanze anche con il titolo Concerto di Basilea, venne pubblicato nel 1947 da Boosey & Hawkes:
era la prima composizione nuova di Stravinskij a essere data alle stampe dalla casa londinese, che aveva appena
acquistato tutte le opere precedentemente edite dall'Édition Russe de Musique.

Il Concerto per archi in re si iscrive nello stile neoclassico di Stravinskij ma ha un carattere alquanto diverso per esempio
dal balletto Apollon Musagète (del 1928, anch'esso per orchestra d'archi) o dal Concerto in mi bemolle Dumbarton
Oaks per orchestra da camera (1938), che pure gli si avvicina per brevità (dodici minuti circa) e struttura tripartita. Si
tratta qui di un neoclassicismo più astratto, più disseccato ritmicamente e armonicamente spigoloso. Tutto il pezzo si
basa sulla cellula, ossessivamente presente, dell'intervallo di seconda minore. Il discorso procede per progressiva
espansione melodica di questa cellula, fino a coprire il totale cromatico. Il semitono si sposta all'interno della scala
cromatica generando tensioni armoniche e modali fra i gradi ed evidenziando polarità che arricchiscono la tonalità
d'impianto senza negarla (l'armatura in chiave non è mai abbandonata).

Nel primo movimento Vivace in re maggiore il tema in 6/8, che nasce da una nota ripetuta (fa diesis) dalla quale si
genera il semitono (mi diesis), si muove con leggerezza su un accompagnamento spigliato e lussureggiante. Nella sezione
mediana Moderato il tono si abbassa di una seconda minore a re bemolle maggiore, e l'intervallo ossessionante riappare
nella nuova tonalità. Nell'Arioso centrale gli archi si effondono in un lirismo più spiegato, di marca "apollinea" e
"cantabile", alla cui base sta una variante della cellula tematica semitonale realizzata con lo scambio insistito a distanza
d'ottava tra le note la bequadro e si bemolle, rispettivamente sensibile e tonica della tonalità di questo movimento.
Nel Rondò finale, che ritorna a re maggiore, la cellula in espansione è una successione di note cromatiche dominata da un
pulsare ritmico sferzante: nel moto incessante delle quartine di semicrome l'urto semitonale che l'accompagna produce
un che di ispido, di spinto, se non di dissonante.

La scrittura per soli archi è un capolavoro di cesello. Stravinskij fa uso di distinzioni esecutive precisate con la massima
cura. Le indicazioni variano fra staccato, spiccato e ben articolato. Frasi legato sono accompagnate all'unisono o all'ottava
da note staccato o pizzicato. A episodi compatti di ripieno si alternano momenti in cui gli archi sono usati, come nel
"concerto grosso" barocco, in piccoli gruppi di esecutori solisti. L'effetto complessivo è di nitida limpidezza, non di
parodia o di evasione. Eppure dietro la maschera del supremo gusto artigianale emergono, come sovente accade nelle
composizioni stravinskiane di apparente "puro divertimento", inquietanti ambiguità e ombre, che celano a tratti anche
una terribile ferocia. Da questo punto di vista il Concerto in re è un'opera di confine, che introduce per via sinfonica alle
ultime grandi realizzazioni della stagione neoclassica di Stravinskij in ambito teatrale (il balletto Orpheus, The Rake's
Progress) e vocale (Messa, Cantata).

Oleg Caetani / Renaud Capuçon, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino


Teatro del Maggio Musicale Fondazione, Opere Concerti Balletti Stagione 2000-2001