Sei sulla pagina 1di 2

esercizi di GEOMETRIA 2015/16

1 - VETTORI DELLA GEOMETRIA EUCLIDEA

1. Verificare che il vettore u = (4, −10, 8) ∈ R3 è combinazione lineare dei due vettori v = (1, −2, 3) e
w = (0, −1, −2) con coefficienti rispettivi 4 e 2.

2. Verificare che ogni vettore u = (x, y, z) ∈ R3 si può scrivere come combinazione lineare dei vettori
v1 = (1, 1, 0), v2 = (0, 1, 1) e v3 = (0, 0, 1).

3. Dato u = i + j − 2k, scrivere i vettori di modulo 3 e un versore aventi la stessa direzione di u.



4. Dati u = hi + 2hj e v = j + 2k , determinare il parametro reale h tale che |u + v| = 6.

5. Dato w = 3i + 5j, determinare (se possibile) a e b reali tali che w = a(3i + 6j) + b(2i + 4j).

6. Dato w = 3i + 9j, determinare (se possibile) a e b reali tali che w = a(2i + 6j) + b(i + 3j).

7. I vettori u = i − j, v = j + k, w = k sono linearmente indipendenti?

c sapendo che |u| = 2, |v| = 3, u · v = −3.


8. Determinare l’angolo uv,

9. Determinare u · v, sapendo che |u| = 4, |v| = 2, |u − v| = 2 3.

10. Determinare l’angolo uv,


c sapendo che u,v,u + v sono versori.

11. Dati i vettori u = i + 3j − k e v = i − j, scomporre u nella somma di un vettore perpendicolare a v con


uno che ha la stessa direzione di v.

12. Calcolare l’area del parallelogramma individuato dai vettori v = 2i + 3j − k e w = i + j − 2k.

13. Calcolare il prodotto scalare e il prodotto vettoriale dei vettori u = (1, 2, −2) e v = (−2, 0, 1) e verificare
che il vettore w = (2, 3, 4) risulta ortogonale sia a u che a v. Determinare i vettori di modulo 2 ortogonali
sia a u che a v.

14. Dati u = i − j, v = j + k, determinare:


(a) la proiezione ortogonale di v su u;
(b) i vettori di modulo 2 ortogonali a u e a v;
(c) verificare che i vettori u,v,w = i + k sono complanari.

15. Dati u = 3i + j + k, v = i, w = i − j, determinare il vettore proiezione ortogonale di w sul piano di u e


di v.

16. Dire per quali valori del parametro reale h i vettori u = (1, h, 0), v = (2h, 0, 1), w = (1, 0, 1) sono
linearmente dipendenti e, in corrispondenza dei valori trovati, scrivere uno di essi come combinazione lineare
degli altri due.

17. Siano dati i vettori applicati u = i − j + 3k, v = j − 2k, w = 3i − 6j − 3k. Quale affermazione è vera?
(a) u, v, w sono complanari.
(b) w è parallelo a v.
(c) u e w formano un angolo acuto.
(d) w è parallelo ad u ∧ v.

18. Siano dati i vettori u = (0, 1, 0), v = (1, 1, 0), w = (0, 0, 1). Quale affermazione è vera?
(a) u + v è ortogonale a w
(b) il volume del parallelepipedo generato dai tre vettori vale 3
(c) u forma un angolo ottuso con v + w
(d) Il prodotto misto dei tre vettori vale 0

1
1 - SOLUZIONI


√ di modulo di un vettore si √ha che |u| = 6, perciò i vettori di modulo 3 paralleli
3. Dalla definizione
1 = (3/ 6)(i + j − 2k) e v2 = (−3/ 6)(i + j − 2k). Un versore parallelo a u è per esempio
a u sono v√
w1 = (−1/ 6)(i + j − 2k).

2
4. Dall’ipotesi si ha |u + v| = 6, mentre u + v = hi+(2h+1)j+2k; quindi deve essere 6 = h2 +(2h+1)2 +4,
da cui segue h = −1 oppure h = 1/5.

5. Non è possibile trovare a e b tali che w = (3a + 2b)(i + j), infatti w = 3i + 5j non è multiplo di (i + 2j).

6. Per determinare a e b tali che w = (2a + b)(i + 3j) basta osservare che w = 3(i + 3j) e quindi la relazione
è soddisfatta per ogni coppia (a, b) tale che 2a + b = 3.

7. Si ha au + bv + cw = ai + (−a + b)j + (b + c)k = 0 se e solo se a = b = c = 0, quindi u, v, w sono


linearmente indipendenti.

8. Si ha u · v = |u||v|cosuv; c = −1/2 e quindi uv


c ossia cosuv c = 2π/3.

2 2 2
9. Per le proprietà del prodotto scalare |u − v| = (u − v) · (u − v) = |u| + |v| − 2|u||v|cosuv
c quindi
c = 1/2 e u · v = 4.
cosuv

2 2 2
10. Si ha |u + v| = |u| + |v| + 2|u||v|cosuv c = −1/2 e uv
c , quindi cosuv c = 2π/3.

11. Un vettore (a, b, c) è perpendicolare a v se e solo se (a, b, c) · (1, −1, 0) = 0 cioè se e solo se a − b = 0.
Per poter scrivere (1, 3, −1) = (a, a, c) + (k, −k, 0), basta quindi che sia a = 2, k = −1, c = −1.

12. |v ∧ w| = −5i + 3j − k, quindi l’area richiesta è 35.

14. (a) La proiezione ortogonale di v su u è vu = − 21 (1, −1, 0) = − 21 i + 12 j.


(b) Un vettore è ortogonale a u e a v se è parallelo al loro prodotto √ vettoriale −i − j + k, cioè è
del tipo k(−1,
√ −1, 1); un tale vettore ha modulo 2 se e solo se |k| = 2/ 3, quindi si ottengono i vettori
v = ±(2/ 3)(−1, −1, 1).

15. Per determinare il vettore z richiesto occorre determinare il vettore r proiezione ortogonale di w sulla
direzione ortogonale a u e a v:
1
r = − (0, 1, −1)
2
Si ha poi r + z = w e quindi z = w − r = (1, −1, 0) + 12 (0, 1, −1).

16. u, v, w sono linearmente dipendenti se e solo se il loro prodotto misto si annulla. Si ha u · v ∧ w =


−h(2h − 1). Se h = 0, si ottiene u = −v + w; se h = 1/2, v = w, mentre se h 6= 0 e h 6= 1/2, i tre vettori
sono linearmente indipendenti.