Sei sulla pagina 1di 9

VITAMINA K2

Il gruppo della vitamina K comprende una serie di composti liposolubili con diversa origine e
funzione; esistono 2 gruppi di vitamina K naturale: la vitamina K1 o fillochinone, di origine vegetale
e la vitamina K2 che comprende diverse forme dette menachinoni ed è prevalentemente di origine
batterica.
La Vitamina K2 è un nutriente essenziale che fa parte del gruppo delle Vitamine K conosciute fin
dal 1929 nella forma della Vitamina K1 nota per gli effetti regolatori sulla coagulazione del sangue
(K deriva dall’iniziale del termine Koagulation). Dello stesso gruppo fanno parte la Vitamina K1, K3
K4 e K5.
• Vitamina K1 (o Fillochinone), sintetizzato da vari tipi di piante, si tratta di un’unica
molecola. Le maggiori fonti dietetiche di vitamina K1 sono le verdure di colore verde
scuro e gli olii vegetali
• Vitamina K2 (o Menachinone), sintetizzato da vari batteri della flora intestinale, in
particolare Gram +, si distinguono qui vari gruppi di molecole in relazione alla catena
laterale formata da un numero diverso di unità isopreniche:
MK-4, menachinone a catena corta, meno attivo, presente soprattutto nei prodotti di
derivazione animale, ottenuta comunque anche per via sintetica.
L’ MK-7 si trova nei semi di soia fermentati e formaggi fermentati. (97-98).
Ciò che rende questa forma così speciale è che rimane attiva nel corpo per più di 24 ore.
(84). Questo è fondamentale quando la protezione contro la calcificazione da matrice
Gla-proteina che si inattiva rapidamente in assenza della vitamina K2. (99).
• Vitamina K3 (o Menadione), molecola sintetica usata come sodio bisolfito
nell’alimentazione di polli e suini, è idrosolubile ma poco stabile.
K2 alimentare deriva da 2 maggiori fonti:
grassi di origine animale quali uova e latte e derivati . Gli animali accumulano K2 nei loro tessuti in
proporzione diretta con la ricchezza in vitamina K1 dei vegetali che assumono. Ovviamente la
carne ed il latte di animali allevati al pascolo sono molto più ricchi in questa vitamina rispetto agli
animali tenuti in stalla e nutriti a cereali. La stessa cosa del resto accade con l’acido alfa linoleico.
specifici alimenti fermentati, quali in particolare la soia (Natto) ed il formaggio Brie. In questi casi
la vitamina K2 è prodotta dall’azione di specifici batteri.
Il Natto è un cibo tradizionale giapponese ricavato da soia fermentata con bacillus subtilis varietà
natto. Anche il miso è a base di soia fermentata. Contiene grandi quantità di vitamina K2 (MK7). Di
grande interesse è il fatto che questo cibo contiene Nattochinasi, potentissimo enzima
fibrinolitico. Questa molecola si usa anche prima di prolungati viaggi aerei per prevenire i trombi,
in associazione con il picnogenolo.
La vitamina K ha importanti benefici al di là della coagulazione del sangue. La vitamina K è stata da
subito messa in relazione con problemi coagulativi. In particolare, nei paesi sviluppati, la sua
somministrazione per almeno un mese, alla nascita ha reso oggi rara la sindrome emorragica dei
neonati (particolarmente frequente nei prematuri). Ogniqualvolta vi sia un aumentato rischio
emorragico (metrorragia, sanguinamento nasale o gengivale) è utile l’impiego di vitamina K.
Paradossalmente un basso livello di vitamina K contribuisce ad un controllo instabile della
coagulazione nei pazienti in terapia coumadinica.
Il meccanismo della coagulazione è un processo organico molto complesso cui prendono parte 8
proteine plasmatiche tutte vitamina K dipendenti, il risultato finale è la conversione del
fibrinogeno solubile in fibrina insolubile che determina la formazione del coagulo, assai ritardata in
caso di deficit di vitamina K.
La vitamina K è ben nota per essere cruciale per una corretta coagulazione del sangue, sia la
vitamina K1 che la K2 - attivano alcuni fattori di coagulazione.
Non vi è il rischio di provocare una eccessiva coagulazione anche se si assume troppa vitamina K.
In altre parole, i fattori di coagulazione non diventeranno iperattivi assumendo elevate quantità
di vitamina K1 o K2. Dunque non ci sono rischi se non quando venga assunto
contemporaneamente un farmaco anticoagulante per via orale.
La vitamina K, nella sua forma ridotta, stimola la gamma glutamil carbossilasi che attiva i fattori di
coagulazione da essa dipendenti. I derivati coumadinici (warfarin) impediscono la rigenerazione
della vitamina K ossidata, interferiscono quindi con il processo di coagulazione, ma non con le altre
azioni non coinvolgenti in maniera così stretta la g glutamil carbossilasi della vitamina K.
AZIONI SULL’OSSO E IL CALCIO
Nel 1980, si è scoperto che la vitamina K è necessaria per attivare una proteina, l'osteocalcina, che
si trova nel midollo. Un decennio più tardi, un'altra proteina, vitamina K-dipendente, è stata
scoperta: la proteina Gla (MGP), riscontrata nel sistema vascolare. Senza vitamina K, questa ed
altre proteine, vitamina K dipendenti, restano inattivate e non possono svolgere le loro funzioni
biologiche.
La Vitamina K2 ha la funzione di consentire al calcio assunto con l’alimentazione e circolante nel
sangue di non depositarsi nelle arterie e in genere nei tessuti molli (come rene, articolazioni,
cervello) e di depositarsi invece preferenzialmente a livello osseo. Diminuendo il rischio di
formazione di “placche” calcificate nelle arterie e, aumentando la calcificazione ossea (recenti
ricerche suggeriscono anche una possibile diminuzione del rischio di lesioni artrosiche e della M. di
Alzheimer). La Vitamina K2 avrebbe quindi soprattutto un effetto di protezione cardiovascolare
e antiosteoporotica.
La Vitamina K2 è in grado di attivare (attraverso una operazione chimica detta “carbossilazione”)
una proteina presente a livello dei vasi (“mGLA protein”) che impedisce al calcio circolante nel
sangue (specie se in eccesso) di depositarsi in forma di cristalli nella parete arteriosa e di formare
così, insieme al colesterolo, placche aterosclerotiche che possono occludere i vasi e costituire
rischio di trombosi. In tal modo la Vitamina K2 riduce il rischio di malattia cardiovascolare.
PROTEINA GLA DI MATRICE (MGP) Proteina detta anche periostina, è espressa in molti tessuti
molli ma si accumula solo nei tessuti calcificati ove ha affinità per la matrice ossea demineralizzata
e per la cartilagine non mineralizzata. Sembra avere un ruolo di inibizione sulla calcificazione. Topi
transgenici privi di questa proteina manifestano precocemente malattia periodontale. L’azione
benefica sulla prevenzione della calcificazione vasale della vitamina K sembra esplicarsi tramite
l’attivazione di questa proteina.
Se viene inattivato il MGP, si rischiano gravi calcificazioni arteriose e questo è il motivo per cui la
vitamina K è così importante per la salute cardiovascolare. Gli studi indicano che la vitamina K
può anche far regredire la calcificazione arteriosa indotta dalla carenza di vitamina K.

La vitamina K sarebbe fondamentale per mantenere la resistenza dell’osso in quanto funge da


cofattore dell’enzima gamma-carbossilasi, il quale attiva le tre proteine vitamina K-dipendenti
nell’osso: l’osteocalcina, la proteina di matrice G1a e la proteina S. L’osteocalcina, in particolare è
essenziale per la formazione dei cristalli di idrossiapatite. Un deficit di vitamina K comporta il
rilascio nel circolo, da parte degli osteoblasti, di osteocalcina non carbossilata (ucOC).
Allo stesso modo, trattamenti con bisfosfonati riducono i livelli di ucOC. Un corretto apporto di
vitamina K dovrebbe garantire che almeno il 60% dell’osteocalcina si trovi in forma carbossilata.
La Vitamina K2 “frena” l’azione degli osteoclasti (cellule deputate al riassorbimento osseo) e
“attiva”, carbossilandola, l’Osteocalcina una proteina prodotta dagli osteoblasti sotto l’influenza
della Vitamina D permettendo la deposizione del calcio nella matrice proteica ossea.
L’osteocalcina attivata (“osteocalcina carbossilata”), permette il legame del calcio alle proteine
ossee, consente la creazione di una “retina” calcificata che conferisce all’osso nel contempo
resistenza e flessibilità. In tal modo la Vitamina K2 riduce il rischio di osteoporosi.

• Diversi studi giapponesi hanno dimostrato che la vitamina K2 inverte completamente la


perdita di tessuto osseo e, in alcuni casi addirittura aumenta la massa ossea nelle persone
con osteoporosi. (1)
• Le prove di sette studi giapponesi indicano che la supplementazione di vitamina K2
produce una riduzione del 60 per cento delle fratture vertebrali e una riduzione dell'80 per
cento di quelle dell'anca e di altre fratture non-vertebrali. (2)
• I ricercatori dei Paesi Bassi hanno dimostrato che la vitamina K2 è tre volte più efficace
della vitamina K1 nella formazione di osteocalcina, che controlla la costruzione delle ossa.
(3)
E' importante sapere che la vitamina K non opera da sola ma ha bisogno della presenza di
vitamina D. Queste due vitamine lavorano insieme per aumentare la proteina GLA, che è la
proteina responsabile della protezione dei vasi sanguigni dalla calcificazione.
I risultati degli studi clinici confermano che l'uso contemporaneo di vitamina K2 e di vitamina D
può ridurre sensibilmente la perdita di tessuto osseo.

AZIONE ANTIDIABETICA
Il deficit relativo di vitamina K è associato con maggiori picchi glicemici postprandiali e la
supplementazione con vitamina K2 migliora il diabete II. Bisogna ricordare che i picchi insulinici
correlati ai momenti di iperglicemia sono uno dei maggiori fattori di invecchiamento tissutale. Il
ruolo, non ancora definito, della vitamina K nel metabolismo del glucosio è spiegabile tramite la
complessa inter relazione tra vitamina K ed osteocalcina. Dati recenti indicherebbero che bassi
livelli di osteocalcina totale (dipendenti dalla vit. D) e di osteocalcina non carbossilata
(dipendenti da bassi livelli di vit. K) possano essere in rapporto alle alterazioni del metabolismo
glucidico.
I topi geneticamente carenti di osteocalcina manifestano insulino resistenza e la somministrazione
a questi animali di osteocalcina stimola la secrezione insulinica da parte delle cellule b
pancreatiche e l’espressione dell’adiponectina (ormone che favorisce l’equilibrio del metabolismo
gluco-lipidico e che controlla l’obesità); queste proprietà sono attribuibili all’osteocalcina non
carbossilata.
Nell’uomo anche l’osteocalcina carbossilata dalla vitamina K sembra avere questi effetti
favorevoli nel diabete. Interessante è anche il fatto che nelle donne con diabete gestazionale c’è
un aumento dei livelli di osteocalcina nel tentativo di contrastare l’insulino resistenza. L’insulina
limita la produzione di osteoprotegerina da parte degli osteoblasti sostanza che inibisce la
maturazione osteoclasti. L’insulina stimolerebbe pertanto indirettamente il riassorbimento. La
vitamina K, stimolando la carbossilazione osteocalcinica potrebbe antagonizzare gli effetti
decalcificanti dell’insulina.
PREVENZIONE DEI DANNI CARDIO VASCOLARI
I livelli di assunzione di vitamina K2 sono inversamente correlati con morbilità e mortalità
cardiovascolare. La supplementazione di tale vitamina, nell’animale da esperimento, riduce in 6
settimane del 50% le calcificazioni aterosclerotiche.
Il meccanismo di azione è quello dell’attivazione di una specifica proteina (MGP) che rimuove gli
accumuli di calcio dalle arterie e da altri tessuti molli, ove possa essere anomalamente
accumulato. Questi stessi risultati non si ottengono impiegando vitamina K1. La calcificazione
arteriosa è una delle più importanti cause di ipertensione sistolica senile, legata precipuamente
alla diminuita elasticità dei vasi Anche le vene varicose possono essere peggiorate da una
calcificazione legata alla carenza di vitamina K.
Interessante è il recente rilievo che la vitamina K inibisce una proteina denominata aterocalcina,
scoperta nei tessuti aterosclerotici calcificati e coinvolta nello sviluppo dell’aterosclerosi stessa. Un
buon apporto di vitamina K2 rende le arterie più elastiche e morbide rimuovendo gli accumuli di
calcio
STUDIO SU PAZIENTI IN EMODIALISI
I pazienti in emodialisi, normalmente hanno 4,5 volte più alto i livelli di matrice gla-proteina non-
carbossilata (qundi non attiva) rispetto ad un gruppo di controllo di pazienti sani. (83)
Le persone in dialisi sono state suddivise in tre gruppi, con tre diversi dosaggi giornalieri
di Vitamina K2 – forma MK-7 e cioè 45 mcg, 135 mcg e 360 mcg, che sono stati somministrati per
un periodo di sei settimane.
I risultati sono stati misurati in base sulla riduzione della matrice Gla-proteina non carbossilata e
altri parametri di calcificazione sistemica.
Ricordo che quando matrice Gla è sotto-carbossilata, consente la calcificazione del tessuto
circostante.
La supplementazione con la forma MK-7 della vitamina K2 ha ridotto la matrice Gla-proteina non
carbossilata:

• Del 36,7% nel gruppo dosi mcg 45


• Del 61,1% nel gruppo dosi mcg 135
• Nel gruppo trattato con 360 mcg al giorno di Vitamina K2/MK-7, il tasso di risposta
favorevole è stato un notevole 93%. (83)
Quando la supplementazione di vitamina K2 fu cessata in questi pazienti dializzati, i livelli
plasmatici di matrice Gla-proteina non-carbossilata sono aumentati in modo significativo, che
indicavano questi individui ad alto rischio erano di nuovo vulnerabili a gravi calcificazioni
vascolari.

AZIONE ANTI INVECCHIAMENTO


L’incidenza di morbo di Alzheimer aumenta con l’età ed è maggiore nel genotipo con
apolipoproteina E4. Un deficit relativo di vitamina K, che influenza le funzioni extraepatiche
(coagulazione) della vitamina stessa, si verifica comunemente sia nell’invecchiamento maschile
che in quello femminile. Le concentrazioni ematiche di vitamina K sono più basse nei soggetti con
genotipo APOE4. Sono numerose le evidenze secondo le quali la vitamina K ha importanti funzioni
a livello cerebrale inclusa la regolazione dell’attività sulfotransferasica e dei fattori di crescita
correlati ai recettori fosfochinasici cellulari. L’ipotesi è che il deficit di vitamina
K possa contribuire alla patogenesi del morbo di Alzheimer e che la sua supplementazione possa
prevenire o ridurre il danno neuronale correlato a questa malattia o a fattori vascolari. La vitamina
K2 si è dimostrata utile nella prevenzione del danno cerebrale da ictus e per antagonizzare
l’invecchiamento

AZIONE SULLA FUNZIONE NERVOSA


Una proteina Gla vitamina K dipendente chiamata Gas6, simile alla PROTEINA S, ha attività
neurotrofica a livello dei neuroni dell’ippocampo. Vari dati sperimentali dimostrano che questa
proteina stimola la crescita e la sopravvivenza di molti tipi di cellule neuronali.

AZIONE ANTI INFIAMMATORIA


La vitamina K2 ha una potente azione anti infiammatoria (riduzione di PGE2, COX2, IL-6) e può
essere molto utile in patologie quali l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla.
La supplementazione di 1mg di vitamina K, è stata vantaggiosa nel compensare i difetti di
carbossilazione tipici della fibrosi cistica.
UTILE ASSOCIARLA A
Vitamina D
Per migliorare gli effetti a livello osseo e cardiovascolare. Un eccesso di vitamina D può portare a
calcificazione arteriosa, contrastata dalla somministrazione contemporanea di vit. K.
Calcio e Magnesio Per meglio supportare il benessere osseo.
Picnogenolo Ananas Proteasi
Per potenziare le proprietà fibrinolitiche utili soprattutto nella prevenzione delle trombosi venose.
Vitamina B3 Per potenziare le proprietà anti aterosclerotiche
Vitamina C Per potenziare le proprietà anti neoplastiche.
Sesamina Per aumentare i livelli di Phillochinone e la ritenzione di MK-4 a livello tissutale.

DOSAGGI CONSIGLIATI
Il dosaggio consentito negli integratori è di 180 mcg
Per attivare tutte le proteine K2 dipendenti ed in generale per andare incontro alle necessità
organiche di vitamina K, sono necessari circa 200 mcg/die di vitamina K2 (MK-7). L’uso di K2 di tipo
MK-4, meno attiva, richiede supplementazioni molto maggiori dell’ordine di 45mg/die ovvero di
45.000mcg.
MODO D’USO
La somministrazione dopo un pasto lipidico o in associazione con acidi grassi ne favorisce
l’assorbimento.

QUANDO SERVE LA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINA K


Durante il primo trimestre di gravidanza la vitamina K2 è importante come l’acido Folico perché
essenziale per lo sviluppo dei denti primari e di una sana struttura ossea facciale. Nel secondo
trimestre la K2 è essenziale per gli abbozzi dei denti definitivi e per la formazione dello scheletro.
Bambini ed adolescenti, durante la crescita, necessitano di vitamina K2.
Dopo i 50 anni sia gli uomini che le donne hanno necessità di integrare la vitamina K2
per contrastare la perdita di massa ossea e la calcificazione vascolare.
I soggetti obesi hanno una carente utilizzazione di vitamina K che viene accumulata a livello del
tessuto adiposo.
Le persone che assumono vitamina D dovrebbero sempre associare vitamina K2 per evitare le
calcificazioni fuori posto
CAUSE DI CARENZA DI VITAMINA K
Le più frequenti cause di carenza di vitamina K, sono: Malassorbimento Lipidico
Patologie quali la stasi biliare, malattie epatiche, fibrosi cistica, morbo celiaco, infestazione da
ascaridi interferendo sul metabolismo lipidico, riducono l’assorbimento intestinale di vit.
K.Terapie anticoagulanti I trattamenti anticoagulanti a base di warfarina, interferiscono con
il metabolismo-attivazione della vit. K. Terapie antibiotiche
Poiché una importante fonte endogena di vit.K deriva dalla flora batterica intestinale,
terapie antibiotiche prolungate possono portare ad una carenza di tale vitamina.

INTERAZIONI E CONTROINDICAZIONI
La vitamina K2, non ha effetti tossici sia nei bambini che negli adulti. Non favorisce eventi
trombotici perché le proteine della cascata coagulativa sono già attivate nei soggetti non in terapia
anti coagulante. La vitamina K interferisce con l’attività dei farmaci di tipo warfarinico-
dicumarolico (Coumadin e simili), molto usati nella prevenzione cronica della trombosi.In questi
casi è necessario un attento dosaggio del farmaco anticoagulante, ma non necessariamente la
sospensione della vitamina K2. In realtà farmaci quali il Coumadin che antagonizzano la vitamina
K determinano danni ancora maggiori della decalcificazione ossea e della calcificazione
arteriosa.
Soggetti che assumono Coumadin cui sia consigliato di evitare supplementi di vitamina K hanno
una maggiore incidenza di osteoporosi, fratture, calcificazioni arteriose e valvolari, ipertensione.
Quindi per decenni si è pensato, in erroneamente, che l'assunzione di elevate quantità di vitamina
K avrebbe aumentato il rischio trombotico.
La spiegazione è che solo piccole quantità di vitamina K sono necessarie per saturare
completamente la coagulazione delle proteine (137) e quindi una volta che tali proteine sono
completamente saturate dalla vitamina K, allora non vi è alcun aumento del rischio trombotico in
risposta ad ulteriore assunzione di vitamina K.

Del resto anche lo stesso Marco Moia, presidente dei Centri di terapia anticoagulante italiani, in un
recente intervento sul “Corriere della Sera” ha risposto a questa domanda:

- "Corriere": Ma chi segue una terapia con anticoagulanti cumarinici dovrebbe evitare il
consumo di cibi ricchi di vitamina K?-

«I cumarinici — spiega Marco Moia, presidente dei Centri di terapia anticoagulante italiani — sono
anticoagulanti orali, usati da quasi un milione di italiani, che contrastano l’azione della vitamina K
impedendo l’attivazione di alcuni fattori della coagulazione».
«Contrariamente a quanto alcuni medici continuano a suggerire, il consumo abituale di verdura
a foglia verde non va sconsigliato a chi segue queste terapie — chiarisce Moia — tanto è vero che
nel nostro centro seguiamo vegetariani e vegani senza imporre loro cambiamenti
dietetici.Importante è controllare la coagulazione periodicamente: se necessario sarà il medico
ad adeguare la terapia».

Altri tipi di fluidificanti sanguigni tipo eparina, aspirina o Plavix non interferiscono con la vitamina
K2. Tuttavia per essere precisi è importante rilevare che aspirina e tutti i derivati salicilici
inibiscono r leggermente l‘attivazione ed il riciclo della vitamina K, determinando una maggiore
richiesta organica di vitamina K, la cui supplementazione supera questi effetti senza interferire
sulla funzione anti aggregante piastrinica.
Del resto è stato provato che l’assunzione cronica di salicilati aumenta la perdita ossea ed il tempo
di guarigione delle fratture.

Bibliografia
(1) Eur J Nutr. December 2004; 43(6):325-335
(2) Arch Intern Med. 2006; 166: 1256-1261
(3) Blood. Apr 2007; 109(8):3279-83
83. Westenfeld R, Krueger T, Schlieper G, et al. Effect of vitamin K2 supplementation on
functional vitamin K deficiency in hemodialysis patients: a randomized trial. Am J Kidney Dis. 2012
Feb;59(2):186-95.
84. Schurgers LJ, Teunissen KJ, Hamulyák K, Knapen MH, Vik H, Vermeer C. Vitamin K-
containing dietary supplements: comparison of synthetic vitamin K1 and natto-derived
menaquinone-7. Blood. 2007 Apr 15; 109(8):3279-83.
85. Booth SL. Vitamin K: food composition and dietary intakes. Food Nutr Res. 2012; 56.
86. Villines TC, Hatzigeorgiou C, Feuerstein IM, O’Malley PG, Taylor AJ. Vitamin K1 intake and
coronary calcification. Coron Artery Dis. 2005 May; 16(3):199-203.
87. Poli D, Antonucci E, Lombardi A, et al. Safety and effectiveness of low dose oral vitamin K1
administration in asymptomatic out-patients on warfarin or acenocoumarol with excessive
anticoagulation. Haematologica. 2003 Feb; 88(2):237-8.
88. Shetty HG, Backhouse G, Bentley DP, Routledge PA. Effective reversal of warfarin-induced
excessive anticoagulation with low dose vitamin K1. Thromb Haemost. 1992 Jan 23; 67(1):13-5.
89. Bolton-Smith C, McMurdo ME, Paterson CR, et al. Two-year randomized controlled trial of
vitamin k(1) (phylloquinone) and vitamin d(3) plus calcium on the bone health of older women. J
Bone Miner Res. 2007 Apr; 22(4):509-19.
90. Okano T, Shimomura Y, et al. Conversion of phylloquinone (Vitamin K1) into menaquinone-
4 (Vitamin K2) in mice: two possible routes for menaquinone-4 accumulation in cerebra of mice. J
Biol Chem. 2008 Apr 25; 283(17):11270-9.
91. Elder SJ, Haytowitz DB, Howe J, Peterson JW, Booth SL. Vitamin k contents of meat, dairy,
and fast food in the U.S. diet. J Agric Food Chem. 2006 Jan 25;54(2):463-7.
92. Komai M, Shirakawa H. Vitamin K metabolism. Menaquinone-4 (MK-4) formation from
ingested VK analogues and its potent relation to bone function. Clin Calcium. 2007 Nov;
17(11):1663-72.
93. Miki T, Nakatsuka K, Naka H, et al. Vitamin K(2) (menaquinone 4) reduces serum
undercarboxylated osteocalcin level as early as 2 weeks in elderly women with established
osteoporosis. J Bone Miner Metab. 2003 21(3):161-5.
94. Kawashima H, Nakajima Y, Matubara Y, et al. Effects of vitamin K2 (menatetrenone) on
atherosclerosis and blood coagulation in hypercholesterolemic rabbits. Jpn J Pharmacol. 1997 Oct;
75(2):135-43.
95. Shearer MJ, Newman P. Metabolism and cell biology of vitamin K. Thromb Haemost. 2008
Oct;100(4):530-47.
96. Suhara Y, Murakami A, Nakagawa K, Mizuguchi Y, Okano T. Comparative uptake,
metabolism, and utilization of menaquinone-4 and phylloquinone in human cultured cell lines.
Bioorg Med Chem. 2006 Oct 1; 14(19):6601-7.
97. Chow CK. Dietary intake of menaquinones and risk of cancer incidence and mortality. Am J
Clin Nutr. 2010 Dec; 92(6):1533-4; author reply 1534-5.
98. Sato T, Schurgers LJ, Uenishi K. Comparison of menaquinone-4 and menaquinone-7
bioavailability in healthy women. Nutr J. 2012 Nov 12; 11:93.
99. Schurgers LJ, Spronk HM, Soute BA, Schiffers PM, DeMey JG, Vermeer C. Regression of
warfarin-induced medial elastocalcinosis by high intake of vitamin K in rats. Blood. 2007 Apr 1;
109(7):2823-31.