Sei sulla pagina 1di 4

COMPITO DI FISICA GENERALE – INGEGNERIA INFORMATICA 6/02/2012

ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO I PASSAGGI


LOGICI ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE. RISPOSTE
SENZA ALCUNA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.

Esercizio 1 (16)
$%#&"# !"#
Un carrello di massa !! = 9!"  si puo’ muovere senza
attrito su un piano orizzontale. Sul carrello e’ appoggiata
una massa !! = !! /3  e sulla superficie di appoggio c’e’
attrito. Il carrello e’ collegato ad una molla ideale di '("# '
costante elastica k = 200 N/m e lunghezza a riposo L0 = 80 cm , che ha l’altra estremita’ collegata
ad una parete (vedi’ figura).
Le due masse sono inizialmente (t=0) in moto con una velocita` v0 = 2.0m/s e vanno a comprimere
la molla.
Supponiamo che il coefficiente di attrito statico sia tale che la massa !! non scivoli sulla superficie
del carrello per tutto il moto successivo.
1.1 Calcolare la compressione della molla e l’istante !!   in cui !!  ed !! si fermano.
1.2 Calcolare la forza di attrito statico sulla massa !!   in funzione del tempo ed il suo valore
all’istante ! = 0.2! (intensita’ e verso!)
1.3 Calcolare il minimo coefficiente di attrito statico necessario affinche’ effettivamente !!  non
scivoli sul carrello.
1.4 Ipotizzando ora che il coefficiente di attrito statico e dinamico valgano !! = !! = 0.6 calcolare
la compressione della molla quando la massa  !! inizia a scivolare e la velocita’ dei due oggetti
in quell’istante.
Esercizio 2 (16)
Si consideri un cilindro di raggio a, altezza infinita ed asse coincidente con l’asse z di un sistema
di coordinate. Il cilindro è riempito da portatori di carica positivi (carica +e) con una densita’ per

unita’ di volume uniforme n , in moto lungo l’asse z con velocità Vz = +Vo e da altrettanti
portatori di carica negativi (carica −e , concentrazione sempre uniforme n ) in moto lungo l’asse z

con velocità Vz = −Vo .


2.1 Calcolare la corrente elettrica totale attraverso una sezione del cilindro.
2.2 Dimostrare, utilizzando considerazioni di simmetria, che il campo magnetico ha solo

componente tangenziale (Bϑ ) . Calcolare Bϑ in ogni punto dello spazio e riportarlo in un


grafico in funzione di r (distanza dall’asse del cilindro).
2.3 Calcolare la forza su un singolo portatore di carica posto a distanza r dall’asse z. La risposta
varia se il portatore è positivo o negativo?
  2
2.4 Individuare e disegnare una linea chiusa γ tale che: ∫ • dl = 3πµ o a enVz
B
γ

ATTENZIONE: LE RISPOSTE DEVONO ESSERE GIUSTIFICATE INDICANDO I PASSAGGI


LOGICI ESSENZIALI UTILIZZATI PER ARRIVARE AL RISULTATO FINALE. RISPOSTE
SENZA ALCUNA GIUSTIFICAZIONE, ANCHE SE CORRETTE, NON SARANNO PRESE IN
CONSIDERAZIONE.
SOLUZIONI COMPITO DI FISICA GENERALE – Ing. Informatica 06/02/2012

Esercizio 1.
1.1Nell’ipotesi che la massa !! non scivoli sul carrello il moto e’ come quello di un sistema di
massa M=m1+m2 collegato ad una molla. Sul piano orizzontale l’unica forza esterna che agisce sul
sistema M e’ la forza elastica !!" = −!", ed il II principio di Newton applicato ad M si scrive:          
−!" = !" = !! à ! = ! = −!! ! (1)
dove x indica la compressione della molla, avendo utilizzato l’asse x mostrato in figura e con
origine nel punto in cui la molla ha lunghezza a riposo. Il motodei due oggetti solidali M e’ quindi
oscillatorio armonico rispetto alla posizione di equilibrio (x=0, molla a riposo) con legge oraria
! ! = !"#$(!" + !) . La pulsazione !  dell’oscillazione e’ determinata dall’equazione (1) e vale
!
!= !
= 4.1! !! .
L’ampiezza e la fase dell’oscillazione si calcolano imponendo le condizioni iniziali del moto:
! ! = 0 = 0 = !"#$% , da cui ! = 0, e ! ! = 0 = −!! = !" .
!
Le leggi orarie del moto sono quindi !(!) = − !! !"#$% e ! ! = −!! !"#$% (2)
Si noti che avendo scelto l’asse x come in figura il segno della velocita’ iniziale e’ negativo.
Dal moto descritto dalle eq. 2, nell’istante !!   in cui le masse si fermano viene raggiunta la massima
!! !
compressione !!"# = !
= !
!! = 0.49! (3) e questo avviene dopo un quarto di periodo
! !!
! = ! ! = 0.38! (4)
La compressione della molla quando le masse si fermano si puo’ anche calcolare dalla
conservazione dell’energia meccanica del sistema (m1+m2). Infatti se !! non scivola l’attrito e’
statico ed il lavoro fatto dalle due forze di attrito statico SUL SISTEMA m1+m2 e’ nullo. All’inizio
l’energia meccanica e’ solo cinetica, molla non compressa, all’istante finale l’energia e’ solo
potenziale, gli oggetti sono fermi e la molla ha la massima compressione !!"# :
! ! !! !
!
!! + !! !!! = ! !!!"#
!
(5) à !!"# = !
= !
!! = 0.49!
1.2 Sul corpo m2 l’unica forza in direzione orizzontale e’ la forza d’attrito statico Poiche’ m2 ed m1
!
sono solidali l’accelerazione di m2 e’ quella trovata nell’equazione (1):  !! = ! = !!" = −!"/!.
! !
Dal II principio di Newton applicato ad m2: !!""#_!"#" = !! !! = !! !!" = −! !! ! = −!! !! !
(6) e sostituendo l’andamento di x(t) dell’eq. 2 si ottiene: !!""#_!"#" ! = !!! !! !"#$% (7)
La forza di attrito statico varia quindi nel tempo, perche’ segue l’andamento nel tempo della
compressione x. Il suo valore massimo e’ !!"# = !!! !! = 24.5! e all’istante t=0.2 s vale
!!""#_!"#" !1 = 0.2! = !!! !! sin  (!!! ) = 17.8! .
Il segno positivo indica che il verso e’ positivo rispetto all’asse x (cioe’ punta dalla parete verso le
masse), come mi aspetto perche’ durante la compressione della molla quello e’ il verso della forza
elastica, dell’accelerazione delle masse e quindi anche della forza d’attrito che determina questa
accelerazione per m2.
1.3 Affinche’ m2 non scivoli la forza di attrito statico deve essere sempre inferiore alla forza di
attrito statico massima che il carrello puo’ esercitare !!""#_!"#"_!"# = !! !! ! (8)
quindi dall’eq. (7) si ha: !!! !! ≤ !! !! ! (9)
!"
Il minimo coefficiente di attrito statico risulta quindi !!_!"# = ! ! = 0.83 (10)
1.4 La massa m2 inizia a scivolare quando la forza di attrito statico in eq (6) raggiunge il massimo
valore che il carrello puo’ esercitare, equazione (8), da cui: !!""#_!"#" = !! !! ! = !! !! ! . Lo
! ! ! !"
scivolamento inizia quindi in !!"#$ = !!! = !! = 0.35! (11)
Poiche’ fino a questo punto l’attrito era statico, e si conservava l’energia meccanica DEL
SISTEMA, calcolo le velocita’ di carrello e m2 nel punto in cui inizia lo scivolamento dalla
conservazione dell’energia meccanica tra l’istante iniziale ed il punto !!"#$ :
! ! ! ! ! !
!
! ! + ! ! ! ! = !
!!!"#$ + !
!! + !! !!"#$ à

!! ! !
!!"#$ = !!! − ! ! !!"#$
!
= !!! − = 1.39  !/!
!!

Esercizio 2
2.1 All’interno del cilindro le densità di corrente dei portatori positivi e negativi sono uguali:
( )
J zpos = J zneg = enVo , per cui la corrente totale richiesta è I = J zpos + J zneg πa 2 = 2πa 2 enVo .
2.2 All’interno del cilindro è presente una densità di corrente uniforme , che si può suddividere in
tanti fili rettilinei di sezione infinitesima percorsi da corrente. La direzione del campo magnetico in
un punto P a distanza r dall’asse si può determinare notando che il campo magnetico generato da
due fili in posizione simmetrica rispetto alla
congiungente del punto P all’asse z (vedi figura)
è tangenziale, quindi Br = 0, Bz = 0, Bϑ ≠ 0 . B
P
Applicando la legge di Ampère ad una
circonferenza di raggio r e centrata sull’asse del
cilindro si trova:!! 2!" = !! !!"#! (!)
z
con !!"#! ! = 2!"!! !! ! per ! < !
e !!"#! = 2!"!! !!! per ! > !

⎧ µ 0 enVo r r<a
⎪
Bϑ = ⎨ µ 0 a 2 enVo
⎪ r>a
⎩ r

2.3 La forza sul singolo portatore è ! = !!×!, quindi poiche’ dipende dal segno della carica e da
quello della velocita’, la forza e’ la stessa sia per portatori positivi che negativi, ed è diretta
2 2
radialmente verso il centro: Fr = − µ o ne Vo r .

2.4 Esistono infinite linee chiuse γ tali che


  2
∫ • dl = 3πµo a enVo . Una è quella riportata in figura,
γ
B

poiche’ la linea chiusa vede una corrente concatenata pari a


!
quella di tutto il cilindro piu’ meta’ di esso: !!"#! = ! + ! ! =
!
!
!, con I trovata al punto 2.1