Sei sulla pagina 1di 100

LA BIBBIA E GLI ALIENI: Anno IV nr.

INSERTO CENTRALE DI 20 PAGINE

19
MITOPOIESI MODERNA O NEO-EVEMERISMO SOSTENIBILE?
(SECONDA PARTE) di Fabio Marino

Tracce
La rivista elettronica del mistero
The
BLUE ROOM PROJECT
Roberto La Paglia
d’eternità SILA STELLA DEL CANE
Questa rivista telematica, in formato pdf, non è una testata giornalistica, infatti non ha alcuna periodicità. Non può Magia Rituale, fenomeno UFO
pertanto considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Viene fornita in download gratuito sola- e strategie del controllo
mente agli utenti registrati del portale e una copia è inviata agli autori e ai collaboratori. Per l’eventuale utilizzo di testi
e immagini è necessario contattare i rispettivi autori.
Carlo Barbera

IL TRANSITO DI VENERE E
LA “FINE” DI UN CICLO
DALLA GENESI ALL’EDEN Simone Barcelli

LE MISTERIOSE
ORIGINI
DELL’ANTICO
TESTAMENTO
Roberto La Paglia

L'aura umana
IL CAINO Alfonso Neto
BIBLICO La conferenza di
Alessandro Demontis
Antonio Chiumiento
a Porto Cesareo
Débora Goldstern (7 Luglio 2012)
intervista Resoconto del C.U.T.
Christopher Dunn Antonello Vozza

Gianluca Rampini LE FIRME DI QUESTO


NUMERO

intervista Nick Pope


Alateus
Aezio (Il Fatto Storico)
Daniele Bagnoli (Dita di
Fulmine)
Antonello Vozza (C.U.T.)
Simone Lega (Edizioni XII)
Debora Goldstern
Alfonso Neto
Roberto La Paglia
Carlo Barbera

Tecnologia
Antonella Beccaria
Alessandro Demontis
Stefano Panizza
perduta Cieli aperti
Michele Proclamato
Noemi Stefani
nell’Antico
Fabio Marino

Egitto
menti chiuse Simone Barcelli
Gianluca Rampini
CONTENUTI
ARTICOLI

Pag.15 Alessandro Demontis - Il Caino biblico


Pag.18 Alfonso Neto - L’aura umana Pag.44
(Traduzione e adattamento dallo spagnolo di Simone Barcelli) EDITORIALE
Roberto La Paglia
Pag.38 Domenico Dati - Cos’è la gravità?
Pag.64 Antonello Vozza - La conferenza di Antonio Chiumiento a Porto Cesario Pag.45
THE BLUE ROOM PROJECT
Pag.72 Roberto La Paglia - Le misteriosi origini della Genesi Roberto La Paglia
Pag.88 AA.VV. - Eredità atlantidee per Templari d'oltreoceano Pag.50
Pag.96 Simone Barcelli - La civiltà di Asikli Hoyuk SIRIO, LA STELLA DEL CANE
Carlo Barbera
RECENSIONI Pag.60
Pag.5 Simone Barcelli, “Il ritorno del Serpente Piuma- IL TRANSITO DI VENERE
to” (Cerchio della Luna Editore, 2012) E LA FINE DI UN CICLO
Pag. 59 Leonardo Dragoni, “La verità sui cerchi nel gra- Simone Barcelli
no” (Edizioni Alvorada, 2010) Pag.58
NEWS
INTERVISTE Redazionale
Pag.31 Gianluca Rampini intervista Nik Pope Pag.59
(Cieli aperti menti chiuse) SEGNALI IN LIBRERIA
Stefano Panizza
Pag. 66 Debora Goldstern intervista Christopher Dunn
(Tecnologia perduta dell’Antico Egitto)
Traduzione e adattamento dallo spagnolo di Simone Barcelli

RUBRICHE
Pag. 3 NOTE A MARGINE di Gianluca Rampini
Pag. 4 CONTAMINAZIONI di Luigi Milani
Pag. 7 LIBRARSI di Carpeoro
Pag. 8 IL FATTO STORICO di Aezio
Pag. 9 DITA DI FULMINE di Daniele Bagnoli
Pag.10 LUCI DALL’OLTREVERSO di Fabio Marino
Pag.21 XAARAN di Antonella Beccaria
Pag.23 L’OTTUPLICE SAPERE ORIENTALE di Michele Proclamato
Pag.63 NON PRENDIAMOCI SUL SERIO della redazione
Pag.80 CONFESSO, HO VIAGGIATO di Noemi Stefani
Pag.86 LIFE AFTER LIFE di Noemi Stefani

NAVIGA TRA LE PAGINE CON IL SIMBOLO

REDAZIONE Progetto grafico e impaginazione


a cura di Simone Barcelli.
Gianluca Rampini gianluca.rampini@fastwebnet.it Revisione testi a cura della redazione.
Simone Barcelli simonebarcelli@libero.it
Fabio Marino fabio.marino64@email.it
Questa rivista telematica, in formato pdf, non è una
testata giornalistica, infatti non ha alcuna periodicità.
Traduzioni
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale,
Sabrina Pasqualetto sabryj72@hotmail.it
ai sensi della legge n. 62/2001. Viene fornita in downlo-
Anna Florio anna_florio@yahoo.co.uk
ad gratuito solamente agli utenti registrati del portale
Antonio Nicolosi antonio.nicolosi@yahoo.it
e una copia è inviata agli autori e ai collaboratori. Per
Germana Maciocci g.maciocci@tiscali.it
l’eventuale utilizzo di testi e immagini è necessario
Carla Masolo carlamasolo@hotmail.com
contattare i rispettivi autori.

2
NOTE A MARGINE
di Gianluca Rampini

Il fattore umano
Mi scuserete se ancora una volta faccio Vanno quindi scartati? Gesù, ma non necessariamente alla sua
uso personale del mezzo. Nel farlo però Il defunto Monsignor Balducci, demono- resurrezione dalla morte. Quindi in defi-
vorrei affrontare un tema che, a mio pa- logo del Vaticano, che spesso si è occu- nitiva buona parte della Fede Cristiana
rere, è fondamentale per chi tratta di pato di questioni ufologiche sosteneva deve affidarsi al racconto di chi sostiene
tematiche di confine. In particolare per che la testimonianza ha un valore altret- di aver vissuto quei momenti. Non so se
chi si occupa di ufologia e di contatti tra tanto rilevante delle prove “scientifiche”. ci avete riflettuto spesso ma non è cosa
umani ed alieni. Naturalmente da chi provenga da un da poco. Noi critichiamo tanto religioni
Il fattore umano o, per meglio dire, la contesto religioso non è che ci possa come quella dei Mormoni, ad esempio,
testimonianza umana, il valore dei testi- aspettare un’opinione tanto diversa. perché basata sull’incredibile racconto
moni. Questo argomento ha assunto una Le apparizioni Mariane, o fenomeni BVM del fondatore, Joseph Smith. Ma a voler
valenza personale per una ragione piut- ( Beata Vergine Maria) come si usa chia- essere onesti si tratta sempre di credere
tosto particolare. Da molti mesi a questa marli in ufologia, sono esempi perfetti di alla parole di chi le racconta.
parte, con i ritmi che la vita odierna con- questo genere di situazioni. Di certo io non ho l’opportunità di sotto-
sente, sto lavorando ad un libro in cui ho Molte persone, non solo religiosi, sono porre la persona in questione alla mac-
raccolto la storia personale e, a dir poco, propense a valutare con metro diverso la china della verità ma ho cercato in tutti i
sconvolgente di una donna. Non posso credibilità di testimoni solo per l’oggetto modi di forzare qualche contraddizione
ancora svelare la natura delle sue espe- di ciò che viene visto o vissuto. Si è più che però non si è verificata. Nonostante
rienze ma, date le premesse, qualcuno propensi a credere che tre ragazzini ab- tutto dovrò fidarmi delle sue parole, per
un’idea riuscirà a farsela. Un’insegnante, biano veramente visto la Madonna piut- lo meno dovrò fidarmi del fatto che lei
una ricercatrice che conoscevo per altre tosto che un gruppo di boscaioli abbiano consideri reali le esperienze che ha con-
ragioni rispetto al segreto che ha voluto vissuto un’esperienza di contatto con diviso con me. Il mio ruolo alla fine sarà
condividere con me. Il tutto è avvenuto esseri alieni. Travis Walton ed i suoi col- quello di tramite tra lei e chiunque vorrà
per caso. Non entro nei dettagli della leghi, protagonisti del rapimento dello leggere della sua esperienza, di tramite
vicenda perché non hanno in questa se- stesso, hanno superato sei diversi test tra lei e qualcuno che possa aver vissuto
de rilevanza ma devo dire che ho molto poligrafici (macchina della verità) una esperienza paragonabile.
riflettuto sull’opportunità di portare a nell’ambito delle indagini che precedet- Ed io che pensavo che con il passare de-
termine questo lavoro. Nonostante ab- tero il ritrovamento dello scoparso Wal- gli anni e l’accumularsi dell’esperienza
bia trovato verifiche indipendenti a sup- ton (il caso di Travis Walton è forse il più avrei consolidato le mie opinioni, avrei
porto della storia che mi è stata raccon- famoso e credibile caso di rapimento progressivamente composto il puzzle di
tata, se mi limitassi ai fatti, nulla potreb- alieno, ndr). questa nostra realtà. Nei fatti invece mi
be essere dimostrato come vero. Senza voler offendere la sensibilità di rendo conto che l’unica consapevolezza
Devo quindi impormi un ragionamento nessuno, anche fatti molto più importan- che ho raggiunto è che il numero di pezzi
che poi, come dicevo, può essere condi- ti e dati per veri, non sono altro che te- del puzzle non fa altro che aumentare.
vido da chiunque si occupi di argomenti stimonianze. La Resurrezione di Gesù è Tornando al punto, come considerare
così sfuggenti. Devo valutare quanto per forse l’esempio più eclatante. I quattro una testimonianza, ritengo che chi come
me conti la sola testimonianza delle per- Vangeli che ne parlano, tutti per altro in noi si occupa di questi argomenti sia te-
sone coinvolte nella storia. modo diverso, non sono che la testimo- nuto per lo meno ad ascoltare queste
Si può prescindere da questo? Si deve nianza degli Apostoli. Sì, è vero, c’è la testimonianze e con un po’ di intuito e di
prescindere da questo? Ci sono molte Sindone. Ma ammesso e non concesso esperienza cercare di discernere tra
situazioni in cui i fatti descritti da un te- che sia vera (probabilmente lo è), essa quelle oneste e quelle che non lo sono.
stimone non lasciano alcuna evidenza testimonia uno sconosciuto fenomeno Sapendo che l’errore è sempre dietro
riscontrabile dietro di sé. energetico, forse associato alla figura di l’angolo.

3
CONTAMINAZIONI
di Luigi Milani

Il detective dell’impossibile

Il mondo del fumetto ha spesso


affrontato tematiche di confine,
le stesse che interessano, o così
ci auguriamo, i lettori della no-
stra rivista.
Nel nostro Paese uno degli auto-
ri più rappresentativi è senza
ombra di dubbio Alfredo Castel-
li, autore, redattore e storico del
fumetto. Il celebre fumettista
milanese, classe 1947, dopo i
fasti di serie divenute leggenda-
rie, quali Gli Aristocratici, su di-
segni di uno straordinario Ferdi-
nando Tacconi, nel 1982 realizza
per Bonelli Editore il personag-
gio di Martin Mystère, il detecti-
ve dell’impossibile, protagonista
dell’omonima serie a fumetti.
Mystère è uno studioso che vive
affascinanti e scatenate avven-
ture alle prese con misteri irri-
solti – uno tra tutti Atlantide –
tra UFO e fatti considerati in-
spiegabili dalla scienza ufficiale
e perciò spesso colpevolmente
rimossi.
L’approccio del professore ai vari
misteri che si trova ad affronta- rato una sorta di Umberto Eco certo cinema d’antan di ambien-
re è di tipo scientifico, e lo spes- del fumetto – rappresentano un tazione esotico-avventurosa,
sore conferito al personaggio, unicum nella produzione fumet- Castelli è riuscito a innovare
non ultimo un certo eloquio for- tistica di casa nostra. profondamente il panorama fu-
bito e ironico – tipico peraltro Coniugando abilmente temi e mettistico nostrano, senza nep-
del suo autore, il grande Castel- linguaggi “alti” con ambientazio- pure lasciarsi ingabbiare dal
li, da molti non a torto conside- ni e situazioni mutuate da un meccanismo della serialità. In

4
tal senso non è esagerato affer- l’immancabile Peter Kolosimo. ruolo del partner dell’eroe. Java
mare che Martin Mystère rap- Nello specifico, per quanto con- è nientemeno che un Uomo di
presenta una sorta di ipotetico e cerne le origini degli Uomini in Neanderthal, scoperto
spericolato anello di congiunzio- Nero, queste si perderebbero dall’instancabile studioso in
ne tra il tradizionale fumetto po- nella notte dei tempi, e sareb- Mongolia.
polare e quello cosiddetto bero legate agli esiti della leg- Ancora: l’arma che utilizza il di-
d’autore. Il risultato è raggiunto gendaria guerra che avrebbe vi- namico professore è
grazie anche all’indubbio presti- sto protagoniste le civiltà perdu- un’antichissima pistola, prove-
gio dei suoi autori, tra i quali, te di Atlantide e Mu. niente dal continente perduto di
oltre allo stesso Castelli, non Un altro esempio illuminante Mu, in grado di emettere raggi
possiamo non ricordare le dell’approccio di Castelli è rap- paralizzanti. Particolare non tra-
splendide matite di Giancarlo presentato dall’introduzione del scurabile, o perfido inside joke a
Alessandrini, principale disegna- personaggio di Java nel classico seconda delle chiavi di lettura
tore della serie, nonché suo co-
pertinista.
Tra i personaggi presenti sin da-
gli inizi nella serie ricordiamo gli
Uomini in Nero, una setta segre-
ta che da migliaia di anni si pro-
pone di rintracciare ed elimina-
re possibili tracce, non solo di
un remoto, ovviamente non co-
dificato passato della razza uma-
na, ma anche e soprattutto dei
presunti contatti che si ipotizza
siano intercorsi tra i nostri pro-
genitori e antichissime civiltà
extraterrestri, ben più evolute
della nostra. Ciò al fine di man-
tenere un imprescindibile status
quo che consenta agli Uomini in
Nero di perseguire scopi tanto
oscuri quanto perniciosi.
Se qualcuno tra i nostri lettori
crede di ravvisare in questa tra-
ma echi della teoria del com-
plotto, largamente diffusa nella
cultura popolare d’oltreoceano,
ebbene sappia che è nel giusto.
Castelli infatti fa propria anche
questa tendenza, ovviamente
piegandola alle proprie necessi-
tà narrative, senza tralasciare di
miscelarla con elementi mutuati
dalle opere di autori a noi ben
noti, quali Erich von Däniken o

5
adottate, il nome dell’arma è innovazione: il personaggio nelle storie personaggi storici
Murchadna, termine d’origine “invecchia”, a differenza di realmente esistiti, dai nostri Ga-
sanscrita che sta per quanto avviene di solito per gli briele D’Annunzio e Garibaldi a
“stupefacente”, usato nella tra- altri eroi del fumetto – ha poi Sherlock Holmes e Dracula.
dizione mitologica indiana per generato le Storie da Altrove, In una prossima puntata ci spo-
indicare uno dei dardi di Kama serie di albi speciali a cadenza steremo invece negli Stati Uniti,
Deva, il dio del piacere sessuale annuale dedicata al disvelamen- dove andremo a esaminare,
e dell’amore carnale. to dei fantasiosi retroscena di sempre dal nostro peculiare an-
La serie del BVZM – acronimo avvenimenti storici narrati in u- golo d’osservazione, l’opera di
ironico che sta per “Buon Vec- na chiave quasi distopica. Non un vero e proprio titano del fu-
chio Zio Martin”, un’altra grande di rado fanno la loro comparsa metto, Jack “The King” Kirby.

Il trucco è nella sottile inquietudine


Halloween è in arrivo; niente di meglio quindi che lasciarsi
dell’atmosfera, rispetto al colpo di scena che
andare ad un’atmosfera un po’ dark e leggere racconti di
strappa un sussulto. Dopo Seasons e la nuova
spiriti e di avvenimenti soprannaturali, soprattutto se le sto-
edizione di Ci sono stati dei disordini, L’estate
rie provengono da una penna raffinata ed elegante come
del diavolo rappresenta un’ulteriore bella prova
quella di Luigi Milani. L’estate del diavolo è una raccolta di
della versatilità dell’autore, che si dimostra in
racconti essenzialmente noir che si ricollegano alla lunga
grado di spaziare con uguale disinvoltura dalla
tradizione delle gothic novel e dei “Racconti del Terrore e del
narrazione impegnata del romanzo breve dedica-
Mistero”, mantenendo una linea parallela rispetto all’horror
to al ricordo dei fatti del G8 di Genova, alla
contemporaneo che sempre di più tende a momenti splatter
fiction pura di una raccolta di racconti sovranna-
del tutto assenti nei racconti di Milani.
turali e fantastici.

6
LIBRARSI
di Carpeoro

Simone Barcelli stabile e continuativa con la ponendo in stupefacente evi-


IL RITORNO DEL SERPENTE PIU- rivista da me diretta, bruciando denza le analogie ricorrenti con
MATO sul tempo il tentennamento la nostra tradizione cristica, o
Il dio Quetzalcoatl tra Vecchio e piuttosto snobistico e suppo- cristiana che dir si voglia, sup-
Nuovo Mondo nente di una rivista concorren- portato da annotazioni, citazio-
Gennaio 2012 Cerchio della Lu- te, che non riusciva, e non riu- ni e riferimenti puntuali e cir-
na Editore scì mai a vendere, più della costanziati e da molte immagi-
metà delle copie che vendeva ni la maggior parte delle quali
Ho conosciuto Simone Barcelli Hera al tempo della mia dire- scattate personalmente
qualche anno fa, ero direttore zione. Da allora ho avuto modo dall’Autore con evidente pas-
della rivista Hera da una decina di collaborare con Simone e ho sione per la sua ricerca. Una
di mesi e mi si presentò in re- avuto anche il piacere altri due bella narrazione, una vacanza
dazione con la sua bella com- suoi libri, prima L’enigma delle culturale, ma anche un viaggio
pagna un giovanottone con un origini della razza umana scientifico. Cosa si può chiede-
simpatico accento romagnolo (2011) e poi quello uscito re- re di più a un libro e al suo po-
che mi mise in mano un libric- centemente, Il ritorno del Ser- vero autore?
cino dal titolo Tracce d’Eternità pente Piumato (2012).
mentre un gran sorriso che gli Quest’ultimo in particolare si Carpeoro
illuminava tutto il volto. In real- occupa delle vestigia archeolo-
tà Simone non era un esordien- giche, mitiche e simboliche del-
te nel mondo dei misteri: già le civiltà meso e sudamericane
da tempo con altre persone centrando l’attenzione sulla
era contitolare di un portale di figura centrale e fondante. Non
archeologia eretica e di altre sono certamente addentro co-
tematiche di ricerca di confine me Simone per entrare nel me-
molto conosciuto dal nome Pa- rito degli argomenti trattati,
leoseti, e in aggiunta ne stava ma posso certificare che, come
per fondare uno nuovo, oggi gli altri, ha la straordinaria qua-
tra i pilastri di queste temati- lità di offrire al lettore un com-
che sul web col medesimo tito- pleto quadro d’insieme della
lo del suo libro Tracce presenza della divinità, con di-
d’Eternità. Fu proprio la lettura versi nomi e a diverse latitudini
del volumetto che mi aveva della divinità in oggetto. Un vi-
portato, terminata piacevol- aggio assolutamente documen-
mente in un paio di giorni, che tato all’inseguimento del della
mi spinse a proporgli, senza presenza del Serpente Piumato
indugio, una collaborazione
7
IL FATTO STORICO
di Aezio

Quotidiano di Storia e Archeologia

La città
“perduta”
di Sliasthorp

Gli archeologi danesi dell’Università di Aarhus pensano di aver L’aggressivo re vichingo Gøtrik (noto anche come Godfred o
trovato la leggendaria città vichinga di Sliasthorp, nella baia di Gudfred) decise di trasformare quello che all’inizio del IX seco-
Schlei nel nord della Germania, vicino al confine con la Dani- lo era un piccolo insediamento in un centro militare, vicino al
marca. Finora sono state scavate circa 200 case e mucchi di confine del primi regno danese.
armi. Nell’VIII secolo, Sliasthorp servì come un centro militare Strategicamente, fu una scelta intelligente. Il lungo vallo di
strategico per i primi re danesi. Gli archeologi hanno anche Dannevirke era situato a poche centinaia di metri a sud. Così,
scoperto una grande casa che venne bruciata nel decimo se- qualora ci fosse bisogno di rinforzi al confine con l’impero ca-
colo e, secondo alcune fonti, Sliasthorp venne attaccata pro- rolingio, sarebbero potuti facilmente arrivare da Sliasthorp. La
prio in quel periodo. “Sia il vallo di Dannevirke che la grande città poteva ospitare l’esercito del re Godfred: ciò permetteva
città vichinga di Hedeby potevano essere controllati da questo al re di contrattaccare nel caso in cui lo Jutland venisse attac-
luogo”, ha dichiarato l’archeologo Andres Dobat. “Il sito è cato da Carlo Magno. Essendo inoltre vicino alla baia di Schlei,
enorme. Dovunque scaviamo, troviamo case – ne abbiamo le navi vichinghe potevano facilmente trasportare personale,
contate circa 200″, dice Dobat. “E le case che abbiamo scavato armi e cibo da e verso la città. Sliasthorp venne poi effettiva-
finora erano piene di reperti: perline, gioielli, pezzi di vetro, mente attaccata. “Abbiamo trovato i resti di un’enorme casa
asce, chiavi e punte di freccia”. distrutta dalle fiamme nel corso del X secolo”, racconta Dobat.
“Non siamo ancora pienamente consapevoli del significato “La casa era lunga oltre 30 metri e larga 9, e nei resti dei pila-
avuto da questo sito. Ma i nostri scavi ci hanno già dato una stri dei muri e dell’ingresso, abbiamo trovato frecce e triboli.
prospettiva completamente nuova su molte cose, compresa Ciò suggerisce che la casa venne attaccata durante un conflit-
l’organizzazione militare dell’età vichinga e la natura delle pri- to militare e bruciata”.
me città in Scandinavia”. Le prime fonti scritte sulla storia del-
la Danimarca – gli Annales Regni Francorum dell’804 – dicono Science Nordic
che Sliasthorp svolse un ruolo importante in epoca vichinga.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DE “IL FATTO STORICO”


8
DITA DI FULMINE
di Daniele Bagnoli

“Vernice del deserto" potrebbe


contribuire a scoprire la vita su Marte

Curiosity è appena sbarcato su Marte con il preciso intento di scovare (sempre ammesso che esistano) tracce di vita presente o passata sul
pianeta. Ma gli astronomi rimasti sulla Terra non hanno impiegato il loro tempo nel solo progetto di esplorazione marziana: grazie ai moder-
ni microscopi, infatti, hanno scoperto che la la patina che ricopre alcuni campioni di roccia terrestre, del tutto simili nell'aspetto ad alcune
rocce marziane, potrebbe essersi originata dalla morte di miliardi di microrganismi. La principale ipotesi sulla formazione di questa
"laccatura" della roccia, uno strato scuro tendente al nero che riveste anche alcune formazioni rocciose terrestri, prevede che alcuni micror-
ganismi, dopo la morte, abbiano ceduto parte del loro manganese per formare, assieme ad alcuni minerali argillosi, una patina spessa qual-
che millesimo di millimetro. "Ogni forma di vita terrestre ha bisogno di manganese per eseguire molte funzioni biologiche" spiega Barry E.
DiGregorio, co-autore della ricerca e professore alla University of Buckingham. DiGregorio e il suo team hanno recentemente pubblicato
sulla rivista Geomorphology uno studio sulla formazione di quella che viene chiamata "vernice del deserto" (rock varnish) nelle condizioni
ambientali di alcuni fiumi nordamericani. "I microrganismi coinvolti nella formazione di questa vernice rocciosa a base di manganese, osser-
vati in alcuni dei campioni che abbiamo esaminato, assorbono questo elemento dalla polvere atmosferica, dal vapore acqueo e da altre for-
me di precipitazioni, tutte presenti anche su Marte".

PROSEGUI LA LETTURA DELL’ARTICOLO SUL SITO DITA DI FULMINE

9
LUCI DALL’OLTREVERSO
di Fabio Marino

LA BIBBIA E GLI ALIENI

MITOPOIESI MODERNA
O NEO-EVEMERISMO
SOSTENIBILE?
SECONDA PARTE
CONSIDERAZIONI LOGICHE E GENERALI

Nella parte precedente abbiamo sarebbe stato contattato da un cardine dei Raeliani e dei loro e-
iniziato ad analizzare alcune disso- rappresentante di una civiltà extra- muli attuali sarebbe che il genere
nanze che inducono a pensare che terrestre, gli Elohim (quando si di- umano (e solo esso) sia stato artifi-
la “revisione” di cui è oggetto la ce la coincidenza…), il 13 dicembre cialmente creato venticinque mila
Bibbia da parte di giovani esperti 1973, nel cratere di un vulcano anni fa da esseri provenienti da un
ha poco a che vedere con un neo- spento vicino a Clermont-Ferrand. altro mondo; in linea puramente
evemerismo, ma è solo una mito- L’evoluzione del Raelismo, ovvia- teorica, una tecnologia sufficiente-
poiesi moderna. In questa seconda mente, non ci interessa in questa mente sviluppata potrebbe essere
parte, entriamo un po’ più in det- sede; ma è la prova che un’idea- in grado di compiere una tale atti-
taglio, ed è altresì opportuno se- madre nasce quarant’anni fa su vità di ingegneria genetica. Pecca-
gnalare che la trattazione sarà vo- basi presuntamente rivelate, e dà to, però, che le moderne scoperte
lutamente di carattere generale e la stura a una serie di argomenta- biomolecolari rivelino una stretta
non approfondita (ma comunque zioni ed affinamenti al riguardo. affinità del genere umano in buona
piuttosto accurata), per facilitare Basti pensare che l'affermazione sostanza con ogni organismo vi-
la scorrevolezza del testo. Da ulti-
mo, verranno esposte teorie certa- Fig. 1: una donna raeliana e i suoi simboli
mente scientifiche ed accreditate
in campo internazionale, ma che
non necessariamente e in tutti i
casi riflettono il mio pensiero.
E cominciamo dalle fonti che ven-
gono utilizzate per avvalorare talu-
ne idee - diciamo così - un pochino
azzardate.
Iniziamo subito col dire che l’idea
di un “Dio” o di “Dèi” che fossero
in realtà extraterrestri non è nuo-
va, né originale. Infatti, risale al
1973 (sic!) la fondazione, da parte
di un ex-giornalista, Claude Voril-
hon, rinominatosi Rael, di un movi-
mento a carattere religioso e
“settario”.
Secondo il suo racconto, Vorilhon

10
Fig. 2: un frammento di Bibbia masoretica

è il famoso tetragramma YHWH


(comunemente letto dai non ebrei
come Jahvè), la cui lettura REALE è
ormai sconosciuta agli stessi Ebrei,
che al suo posto da tempo imme-
morabile e per rispetto al nome di
Dio leggono Adonai, come nel fa-
moso “Shemà Israel ( :”)‫שמע ישראל‬
‫(“שמע ישראל י*ה*ו*ה אלהינו י*ה*ו*ה‬
,”‫אחד‬e cioè: “Ascolta, Israele, il
Signore è il nostro Dio, il Signore è
Uno”.
La frase contiene proprio il Tetra-
gramma ,‫ ה*ו*ה‬come detto non
pronunciabile, e quindi viene letta
"Shema' Ysrael, Ado-nai Eloheinu,
Ado-nai ehad".
Ma arriviamo alla “vexata
quaestio” di El, Eloha, Elohim e va-
riazioni sul tema, e, visto che ci
siamo, cerchiamo anche di identifi-
care questo “alieno” di nome Ja-
hvè. Vi va di imbarcarvi in un viag-
gio che, per la necessaria tirannia
dello spazio, sarà superficiale e
vente sulla Terra, e nel suo geno- sti, errori dei medesimi, aggiusta- limitato, ma spero illuminante?
ma non siano presenti segni di al- menti in corso d’opera, modifica- Partiamo, allora!
terazione genetica… zione di termini dell’ebraico anti- Innanzi tutto, chi erano gli Ebrei?
Ma la cosa interessante è che i mo- co, e, last but not least, perdita Da dove venivano? Qual era la loro
derni pseudo esegeti, del tutto di- dell'effettiva pronuncia vocalizzata religione originale? Contrariamen-
giuni di lavori imponenti sulla sto- delle parole. Come è possibile leg- te a quel che normalmente si pen-
ria del popolo ebraico, gere “addirittura” in Wikipedia: sa, e cioè che il popolo ebraico ab-
dell’ebraismo e della sua letteratu- “Nel corso del tempo si sono svi- bia attraversato una prolungata
ra basino le loro costruzioni luppate differenze nella sillabazio- fase di nomadismo a partire
“bizzarre” su alieni ed extraterre- ne e nella pronuncia non solo tra le dall’alta Mesopotamia
stri non sui testi più antichi, ma sul scuole della Palestina e di Babilo- (segnatamente, con ogni probabili-
testo masoretico. Parliamo, quindi nia (differenze già notate nel III tà, da Harran) fino a giungere alla
(e sia detto a chiare lettere) di un secolo) ma nelle varie sedi d'inse- Palestina, per poi spostarsi in E-
testo composto, edito e diffuso da gnamento di ogni paese. In Babilo- gitto in epoca ancora imprecisata
un gruppo di ebrei noto come Ma- nia la scuola di Sura differiva da (ma comunque intorno ai primi
soreti fra il primo e il X secolo d.C. quella di Nehardea; differenze si- secoli del II millennio a.C.), i ritro-
In altre parole, laddove i più pru- mili esistevano nelle scuole della vamenti archeologici più recenti
denti fra gli esegeti biblici colloca- Palestina, dove la principale sede assegnano agli Ebrei un’origine
no la redazione pressoché definiti- d'insegnamento negli ultimi tempi meno “avventurosa”. Essi, in effet-
va della Bibbia nel periodo della era la città di Tiberiade. Queste ti, avrebbero fatto parte proprio
cattività babilonese (a partire dal differenze devono essersi accen- del popolo cananeo, con cui con-
587 a.C.), costoro traducono tuate con l'introduzione dei segni dividono molte cose, a partire (in
(spesso arbitrariamente e in ma- grafici per la pronuncia e cantilla- una fase diciamo “proto-ebraica”)
niera errata, sintatticamente, eti- zione; e ogni località, seguendo la dalle credenze religiose. Vi sono
mologicamente e semioticamen- tradizione della sua scuola, aveva molti segni, archeologici e anche
te) testi SUCCESSIVI di OLTRE un codice standard che includeva nel testo biblico, di una fase (non
quindici secoli, con tutto ciò che le sue letture (il grassetto è mio).” sappiamo quanto prolungata) di
ne consegue: alterazioni dei copi- Un ulteriore, significativo esempio politeismo da parte della futura

11
V’è di più: la prima volta che viene
citato il nome di Israele è nella fa-
mosa stele di Merenptah (foto so-
pra) e i geroglifici che parlano chia-
ramente di Israele sono questi:
Seguendo la regola normale il testo
viene letto "verso le facce degli es-
seri umani, degli uccelli, ecc", cioè
da destra verso sinistra.
La traslitterazione è come segue: y
s r i ’ r/l (ysri’l: la somiglianza
con il nome "Israele" nell'ebraico
è evidente); vi sono poi alcuni ele-
menti grafici (detti “determinativi”)
che consentono di identificare un
“popolo di Israele” che è
“straniero”.
Si tratta del primo esempio, in as-
soluto, dell'esistenza di un gruppo
etnico chiamato “Israele”, il cui no-
me contiene, indiscutibilmente, la
radice (così comune a tanti termini
ebraici) “el”. Ma chi era El?
El (il cui plurale è... El-im, non Elo-
him!) era la divinità principale dei
Cananei, segnatamente dei Cana-
nei del Nord. Egli era il Dio supre-
mo di una strana assemblea divina,
poco nota, e il termine El si riferi-
sce alla Divinità in sé, in quanto
tale. Dal termine El discende il ter-
mine Eloha, che si riferisce alla Di-
vinità in senso generico, e che con-
templa un plurale usuale, come
detto Elohim, con il chiaro significa-
to (in ottica cananea, s'intende) di
“dèi”.
Non può sorprendere, dunque, che
Figura 3: la stele di Merenptah, inizi del XIII sec. a.C. se (come gli studi archeologici e
scientifici più accreditati dimostra-
nazione ebraica. “Elohim” nel contesto biblico, che no) gli Ebrei furono, ai loro primor-
Uno di questi segni è dato proprio però nella redazione definitiva as- di, politeisti, la parola Elohim non
dalla persistenza di parole come sumeranno ben altra connotazio- può non ricorrere nei loro testi. In
ne, come vedremo. ogni caso, poiché alcuni “studiosi”
Figura 4: “Israele” in geroglifico

12
ritengono evidente anche la dare Sant'Agostino, che già 1.700 sabili di corruzione e di ingiustizia.
“variazione sessuale” degli angeli in anni fa aveva adeguatamente spie- La sentenza pronunciata da Dio è
astronave che quei “poveri primiti- gato la parte “sospetta” del salmo severissima e nessuno può rifugiar-
vi” ritenevano dèi, va sottolineato (“...6 Io ho detto: "Voi siete dèi, sie- si nell’immunità e nell’impunità;
che la “Asherah” di cui qualcuno te tutti figli dell'Altissimo. 7 Tutta- 2 – i fautori di ipotesi alternative
parla come sorella/moglie di Dio via voi morrete come gli altri uomi- dimenticano, regolarmente, a) -
era un personaggio esclusivamente ni, e cadrete come ogni altro po- che il Salmo POTREBBE contenere
cananeo, e, soprattutto, che in E- tente"), tutte le principali correnti (come altre parti della Bibbia e co-
braico non esiste una parola equi- esegetiche concordano nel ritenere me già segnalato) elementi
valente a “dea”. che gli “dèi” di cui si parla sono in “tradizionali” di stampo politeista
Tuttavia, con il passare dei secoli, realtà i Giudici, a cui era stata affi- (cosa, come detto, niente affatto
Israele si avviò prima alla data dall'Altissimo (“El-yon”) la cu- sorprendente); b) - che esiste un
monolatria/enoteismo, e poi al ra della giustizia, e che in realtà ultimo versetto (regolarmente i-
monoteismo. Che successe? stavano cadendo nella corruzione, gnorato e mai citato) che recita: “8
Perché rimasero i segni degli Elo- abdicando di fatto al compito loro Sorgi, Dio, a giudicare la terra, per-
him nel Sacro Libro? affidato (“...3 Difendete il debole e ché a te appartengono tutte le
Per un motivo molto semplice: per- l'orfano fate giustizia all'afflitto e al genti.”: è evidente, dunque, che il
ché il termine assunse le caratteri- povero. 4 Liberate il misero e il bi- Dio di cui si parla (e comunque lo si
stiche di SINGOLARE, non di plura- sognoso; salvatelo dalla mano degli voglia chiamare) non è il
le. In effetti, per quanto riguarda il empi. 5 Essi non conoscono nulla e “magister” di una ristretta porzione
fatto che El sarebbe il padre di altri non intendono nulla, e camminano di territorio e/o il “padre-padrone”
dèi, gli Elohim, divinità minori ma- nelle tenebre tutti i fondamenti del- di un singolo popolo, ma il
schili citati spesso nella Bibbia (o il la terra sono smossi...”). “Dominus” di ogni popolazione,
“capo” di una spedizione extrater- Da qui, l'osservazione che anche i per cui, in effetti, il Salmo termina
restre...), occorre tener presente Giudici, “potenti come dèi” sulla con la speranza che Dio, il vero Al-
che l'uso di un simile plurale sareb- Terra in virtù del Patto diretto con tissimo, prenda in mano la situa-
be né più né meno che una forma YHWH, sono in realtà soggetti alla zione e ponga tutta l’umanità sot-
di "pluralis maiestatis" o meglio naturale legge della morte come to la sua diretta giurisdizione;
plurale "di astrazione" (come più tutti gli uomini. 3 - viene usata l'espressione
correttamente si chiama in ebrai- Se non bastasse, si dovrebbe pen- "elohim" un titolo che designa sicu-
co), allo stesso modo in cui, per sare in primo luogo al rapporto ramente potere ma che può essere
riferirsi alla divinità siro-palestinese speciale che gli ebrei ritenevano e utilizzato tanto per Dio quanto per
di Baal (Signore, Padrone), si usava ritengono di avere con l'Unico Dio. gli uomini. Infatti nel contesto del
il plurale di rispetto "Ba‘alim", o In quest'ottica, i Giudici sono “dèi” Salmo 82 i protagonisti sono dei
per Astarte si parlava di perché chiamati ad amministrare la giudici, ovvero persone che erano
"Astarti" (Giudici 10:6). Insomma, il giustizia in conformità a quella con- caratterizzate da una certa autori-
plurale (che diventa singolare per- tenuta nella parola di Dio; in secon- tà, ed è chiaro il linguaggio sarca-
ché il verbo che lo segue è al sin- do luogo, l'esegesi cristiana del Sal- stico che viene utilizzato, perché
golare: una peculiarità della lingua mo 82 prende le mosse dal fatto questi "elohim" in realtà erano dei
ebraica) è rimasto sia come che la Scrittura definisce "dèi" colo- giudici iniqui e per questo motivo
“inconscia” reliquia dei tempi poli- ro ai quali Dio rivolge la sua Parola. Dio li giudicherà.
teisti, sia per indicare la TOTALITA' Si è innalzati insomma al rango di
degli attributi della Divinità. Un'e- interlocutori di Dio, quando Egli Ma sottolineiamolo, una volta di
venienza frequente nell'antichità, rivolge direttamente la sua Parola, più: quando, nella Bibbia, si parla di
al punto che anche nelle lettere di e in certo senso si viene resi simili a “Elohim” intendendo “Dio”, è inva-
Amarna si trovano esempi analo- Colui che ci parla. Inoltre, non biso- riabilmente al singolare il verbo
ghi. gna dimenticare TRE elementi fon- che segue il sostantivo, rendendo
In quelle missive, spesso il vassallo damentali: perciò quest'ultimo (per la gram-
si appellava al Faraone definendolo matica ebraica) di genere singola-
“miei dèi, mio dio sole”: in pratica, 1 – è fuori di discussione, sotto re.
affermava che il Faraone era la qualsiasi ottica, che il Salmo 82 sia Affermazioni diverse da questa
totalità del suo pantheon. un attacco contro le magistrature sono certamente quanto meno
Cosa dire, però, del Salmo 82, cita- corrotte. Dio pronuncia un’aspra tendenziose.
to nella prima parte? Senza scomo- requisitoria contro i giudici respon- Resta ora da “interpretare” il ruolo

13
di Jahvè in tutto questo. tra l'altro, spesso mutuati dai Ma- Perché questa idea di uno YHWH
In effetti, la succitata stele di Me- dianiti (una tribù di cui era capo e “extraterrestre”?
renptah non ne fa cenno alcuno. sacerdote Ietro, il suocero di Mo- Che fine fa El? E che cosa è succes-
Anzi, per secoli non esisterà alcun sè), con connotazioni a volte simili so (SE è successo) davvero durante
testo che citi contemporaneamen- a quelle di Aton, tanto da lasciare l'Esodo?
te Israele e YHWH! spazio all'ipotesi freudiana sulla Infine, quali sono le considerazioni
Sorprendente, invece, è il fatto che nascita del Dio ebraico. di carattere storico e logico che mi
esistano riferimenti egizi a YHWH E che YHWH fosse un Dio in un cer- spingono a... respingere l'ipotesi di
ben prima della stele, e che tali to senso “nuovo” lo si evince dalla un “neo-evemerismo”?
riferimenti sembrino essere con- stessa Bibbia, in quanto nella teo- Lo vedremo nella prossima, conclu-
nessi con una località, non con una fania del roveto ardente sull'Har siva parte di questa rubrica
Divinità. Karkom - figura 5, in pagina - (che (diventata troppo lunga); ma qual-
Questo luogo pare esser posto nel- parrebbe essere il vero Monte Si- che indizio, a là Ellery Queen è giu-
la regione meridionale di Canaan nai - ma di questo discuteremo in sto fornirlo: pensate a una serie di
(guarda la combinazione...), il che un prossimo articolo) la voce dice a dèi, che diventano uno, poi si sdop-
lascia facilmente supporre la nasci- Mosè: piano in due per tornare a essere
ta sincretistica di un unica figura “Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di uno; pensate alle date accertate
divina a partire dall'El del Nord (il Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di con una certa sicurezza dall'arche-
futuro Regno di Efraim o di Israele, Giacobbe, ma a loro non mi sono ologia; pensate allo
caratteristicamente “portato” all'a- rivelato con il mio vero nome”. scacchiere geopolitico della secon-
dorazione di tutto quello che gli Una cosa va sottolineata: è proba- da metà del II millennio a.C.; pen-
passava per le mani, al punto di bile che il libro più antico della Bib- sate a un Esodo che non fu un'inva-
essere il centro costante delle in- bia non sia il “Genesi”, ma proprio sione.
vettive profetiche) e dallo YHWH l'“Esodo”, che andrebbe perciò ri- Come Ellery, anch'io sono certo che
del Sud, il Dio del patto, il Signore guardato come la storia dell'epope- siete arrivati alla soluzione del ca-
degli Ebrei giunti in Egitto al segui- a di un popolo APPARENTEMENTE so...
to degli Hyksos e poi ritornati in nuovo.
patria, con un Dio dal nome antico, Cosa è accaduto, dunque, al “Dio
ma dagli attributi nuovi. Attributi, nazionale ebraico”?

Fig. 5: la sommità dell'Har Karkom (Monte dello Zafferano)

14
IL CAINO BIBLICO
Alessandro Demontis

Il personaggio biblico storica. Se finora non si è riusciti a


chiamato Caino, celebre per Seppur avara di parole in riconoscere la possibilità che
aver assassinato il fratello merito a questo personaggio, Caino sia davvero esistito è
Abele, è uno di quelli sui quali la Bibbia ci lascia alcune frasi solo perché non si è tentato
si son svolte ricerche per chiave che possono aiutare di mettere in relazione le
verificarne l’attendibilità nella ricerca. poche informazioni bibliche

15
Signore e abitò nel paese di
Nod, ad oriente di Eden.
Ora Caino si unì alla moglie
che concepì e partorì Enoch;
poi divenne costruttore di una
città, che chiamò Enoch, dal
nome del figlio.”
Genesi 4:16-17

Potrebbe la terra di Nod


essere la terra di Dunnu?
L’indicazione di ‘Dunnu dei
due fiumi’ potrebbe riferirsi ai
fiumi mesopotaici Tigri ed
Eufrate, sulle sponde dei quali
stava l’E.din sumero e l’Eden
biblico.
Può la città con le due torri
essere la città costruita da
Caino/Ka’in per il figlio
Enoch?
Le liste reali assire ci
tramandano di due re che
sembrano fare riferimento a
questo mito, un’usanza molto
diffusa tra i babilonesi e gli
assiri, i quali incorporavano
nei propri nom reali quelli di
divinità ed eroi del passato.
Questi re sono Asur-en-duni
(nella lista di re assiri è Asur-
Dan I), il cui nome significa:
Ashur signore di Dun/Dan, e
con le fonti mesopotamiche spostò nella terra di Dunnu/ Asur-bel-ka'ini (nella lista di re
relative. Dan (il testo chiama ‘Dunnu
Un tentativo simile è stato dei due fiumi’).
fatto da Zecharia Sitchin, il Secondo il testo BM74329
quale pensa di aver conservato al British
identificato la stirpe Museum, il leader degli
discendente da Caino negli Amakandu si chiamava Ka’in,
Amakandu. e fondò una città con due
Questo nome, in un testo torri.
canaanita, è attribuito a un Questi particolari ci
personaggio nato dall’unione rimandano a ciò che la Bibbia
della Terra e del Mare dice di Caino:
Sotterraneo, ma è anche il
nome di una tribù che si “Caino si allontanò dal
16
Canaan e nell’ odierno Iran.
Jethro, suocero di Mosè, è
uno dei Keniti famosi nella
Bibbia. Il nome sembra essere
di origine iraniana, e in
aramaico QENI significa
‘lavoratore dei metalli’, un
particolare che ci riporta a
Tubal-Cain, discendente di
Caino, che secondo la Bibbia
fu il primo fabbro fondatore
della metallurgia.
L’argomento è certamente
interessante e meritevole di
approfondimento.
Ciò che si può dire da questa
breve analisi è che
effettivamente potrebbe
assiri è Asur-bel-Kati), il cui della prima forma di esserci un legame tra Caino e
nome significa Ashur signore Yahwismo. Stando alle fonti le popolazioni Kenite, esperti
dei kainiti. bibliche, i Keniti erano metallurgi, attraverso suo
A questo punto è interessante stanziati sia nella terra di figlio Tubal-Cain, appunto il
notare che nel II millennio, a ‘Levante’ (corrispondente alla ‘fondatore’ della lavorazione
est della mesopotamia, viveva parte estrema a nordest del dei metalli.
un popolo chiamato ‘Kenita’, Sinai fino alla parte superiore
al quale si deve la nascita della mesopotamia) sia in

17
L'aura umana
Alfonso Neto

Traduzione e adattamento dallo spagnolo forma un grande campo elettri- non sono a conoscenza della
a cura di Simone Barcelli
camente carico e circonda il cor- sua esistenza, probabilmente a
L'aura umana è, come suggeri- po degli individui. causa di una sorta di cecità fun-
sce il nome, una sorta di alone Se imparare a distinguere l'aura zionale.
luminoso, ma normalmente in- può essere, a volte, una que- La gente spesso guarda gli og-
visibile per l'occhio umano, che stione di quindici o venti minuti, getti in modo selettivo, in modo
la maggior parte delle persone che ignora la maggior parte dei
18
dettagli, perché si focalizza l'at-
tenzione solo su alcuni aspetti
salienti.
Molte ricerche sono state effet-
tuate per dimostrare e rilevare
l'aura umana. Tra i pionieri c’era
il dottor Walter J. Kilner, il pri-
mo a condurre una serie di e-
sperimenti scientifici al fine di
determinare, con l’ausilio di ap-
parecchiature di laboratorio, la
natura dell’aura.
Questi esperimenti sono stati
avviati nel 1908, quando il dot-
tor Kilner osservò in primo luo-
go un alone attorno al corpo u-
mano. Poi si avvide della possi-
bilità che l’aureola (o aura) po-
tesse riflettere lo stato fisiologi-
co del uomo, anzi, scoprì che i religiosi in cui compaiono aloni Stati Uniti e Gran Bretagna, han-
colori e i motivi formanti l’aura bianchi intorno alle figure di no scoperto che, attraverso
erano collegati a determinate santi e vergini. l’aura, è forse possibile determi-
malattie e disturbi fisici. Grazie, quindi, agli sforzi di mol- nare il carico massimo elettrico.
Nel 1920 il Dr. Kilner pubblicò il ti ricercatori, oggi è possibile Quanto più splende l’aura di un
suo libro “atmosfera umana”, fare affermazioni specifiche e di individuo, maggiore è la carica
testo che mise in evidenza peso in relazione al aura umana. elettrica in grado di trasmette-
l’opinione dell'autore, secondo Il campo che circonda il corpo re.
cui il 95%degli individui normali fisico, che di solito si estende Ogni individuo che utilizza tecni-
può imparare a vedere e inter- per circa tre pollici, capelli inclu- che di respirazione, può impara-
pretare la propria aura. si, si ritiene possa essere di ori- re ad aumentare l’energia
In Russia il metodo Kerlian, con gine eterica o bioplasma. dell’aura e orientarla a piaci-
un metodo fotografico, ha per- Questa striscia è sensibile al toc- mento attraverso un certo pun-
messo agli scienziati di fotogra- co, e un individuo può trovare la to.
fare e valutare il campo magne- propria essenza reale senza Quando un individuo si rende
tico che circonda ogni essere troppe difficoltà. conto per la prima volta della
umano, senza eccezioni. Alcuni ricercatori hanno scoper- presenza dell’aura, non può no-
Recentemente i ricercatori della to che l’aura interna risponde tare la sua evoluzione in forme
Stanford University (USA) hanno alla forza di attrazione dei ma- e colori.
migliorato l'invenzione russa, gneti. Quindi, la nostra aura ha La capacità di distinguere i dise-
fotografando il colore dell'aura una massa, probabilmente a gni colorati nell’aura è una que-
umana. causa della presenza di particel- stione di pazienza e pratica.
Un ricercatore presso la Cornell le di ferro. Altre persone riescono a vedere
University, il professor Otto L’aura si estende intorno al cor- immediatamente i colori, ma
Rhan, ha scoperto dopo lunghi po in uscita, come ad esempio i pochi conoscono l’arcobaleno di
studi che la radiazione umana capezzoli e le dita e non si tratta luce intorno al proprio corpo,
più intensa proviene dalla punta di superfici più o meno piatte. presente fin dall’infanzia.
delle dita, in particolare quelle Curiosamente, questo è vero Sebbene l’interpretazione dei
della mano destra. anche per qualsiasi corpo con- colori dell’aura abbiano ancora
La prova della vera natura duttore elettricamente carico. bisogno di ulteriore ricerca (e
dell’aura umana, è nei dipinti Scienziati provenienti da Russia, quindi di documentazione), si
19
può cercare un accenno di plau- - il rosso, che di solito rappre- un insegnante o un guru.
sibile verità. senta energia e vitalità. Quando D’altronde, al bianco si attribui-
Ad esempio, sulla stretta rela- una persona si arrabbia, la sua sce la definizione di pace e ar-
zione tra la presenza di alcuni aura è prevalentemente rossa- monia, spesso notato nei bam-
colori e lo stato emotivo della stra; bini piccoli. In caso di malattie,
persona, il suo stato fisiologico - il blu, legato allo studio della si presentano macchie marroni
e il suo stato mentale. filosofia, ma sono numerosi gli attorno agli organi malati. O co-
La maggior parte delle prove studi sulle diverse tonalità di munque delicati;
raccolte fino ad oggi sono di ca- questo colore; - il grigio, che sembra essere le-
rattere empirico, e questo argo- - il giallo, un segno di attività gato alle emozioni di una natura
mento è ancora aperto ad ulte- mentale, rappresenta l’analisi negativa, come la paura e in ge-
riori ricerche per quanto riguar- critica e il ragionamento logico; nerale a tutti i tipi di depressio-
da l’interpretazione da assegna- - il nero, la prova di dolo o an- ne.
re alle singole sfumature e tona- che del male o di una profonda - una miscela di colore giallo-
lità. depressione; verde sembra essere associata
Le interpretazioni più diffuse - il bianco, invece, richiede ne- alla frode e all’inganno, anche
per quanto riguarda i colori cessariamente ulteriori indagini. se il verde accompagna quelle
dell'aura sono comunque que- Yoga e oculisti credono che indi- persone che amano la vita
sti: chi una persona evoluta, come all’aria aperta.
Nonostante quanto affermato
in questo articolo, sarà bene ri-
cordare che resta ancora molto
da fare per essere sicuri del si-
gnificato dei diversi colori che
integrano l’aura umana.

20
XAARAAN
di Antonella Beccaria

La spada nella roccia all’eremo di


Montesiepi e la leggenda di San Galgano
Una spada nella roccia italiana. È nell’eremo di Montesiepi antecedente all’abbazia di San
Galgano, a Chiusdino, in provincia di Siena. Una spada nella roccia italiana. È nell’eremo di
Montesiepi antecedente all’abbazia di San Galgano, a Chiusdino, in provincia di Siena.

Antonella Beccaria, Giacomo Pacini È inimmaginabile per chiunque la quantità di Male


NOVITA’ Divo Giulio che bisogna accettare per ottenere il Bene”, afferma il
Prima edizione marzo 2012 Divo ritratto nel fortunato film di Paolo Sorrentino. E
Giulio Andreotti, l’uomo in carne e ossa, di male ne ha
attraversato tanto o, quantomeno, tante sono state le realtà opache che hanno accompagnato la sua
storia. Fin dai tempi della Seconda guerra mondiale e dei suoi rapporti con i servizi segreti alleati, prose-
guendo con la stagione dei dossier, l’esplosione del terrorismo, le coperture degli stragisti neofascisti,
l’allestimento di apparati non ortodossi, come Gladio e l’Anello, fino alle clientele necessarie per racco-
gliere consenso e ai rapporti ambigui con la mafia. Difficile dire se il Divo Giulio sia stato il maggiore stati-
sta italiano del Novecento o il grande Belzebù che si è nutrito della parte più oscura della storia naziona-
le. Quello che è certo è che ripercorrere la sua vicenda significa attraversare tutti i maggiori scandali ita-
liani dal dopoguerra a oggi, dal golpe Borghese al delitto Moro, dalla P2 a Michele Sindona, fino
all’omicidio del giornalista d’assalto Mino Pecorelli. Questa biografia di Giulio Andreotti, rigorosa e docu-
mentata, ricostruisce per la prima volta senza pregiudizi e senza timori l’intera storia politica, quella uffi-
ciale e quella inconfessabile, del ‘grande vecchio’ dell’Italia del Novecento, tracciando un percorso inquie-
tante dentro le ombre più dense della prima Repubblica.

21
“Desperados” di James D. Horan: un saggio
che va oltre i miti e le leggende di
un’epopea lontana

L’autore è lo storico e giornalista Il libro ci rivela così il carattere


dati o un gesto galante verso il
James D. Horan, scomparso nel insicuro e ombroso nascosto die- gentil sesso. La sua morte per
1981, che nel libro Desperados – tro alla maschera da bandito di mano di Bob Ford mise fine a un
L’epopea dei fuorilegge americani Jesse James, sfatando al contem- regno del terrore che sconvolse il
da Jesse James a Butch Cas- Middle West per ben sedi-
sidy (uscito poche settimane ci anni.
fa per i tipi della Odoya), dà Ma ancora più a ovest
un’immagine sui generis di Butch Cassidy, Sundance
un’epopea di solito contras- Kid e i loro compagni era-
segnata da eroismi (luminosi no pronti a profilarsi e in-
o tenebrosi che siano) a tut- combere sullo stesso
to tondo: “banditesco sentiero”. Dal
Horan ripercorre le storie 1882 al 1889 il Mucchio
vere di leggendari banditi, Selvaggio formò un picco-
fuorilegge e assaltatori di lo esercito che riunì centi-
banche, treni e diligenze del naia di spietati razziatori,
West. Un ritratto unico e ni- malviventi, giocatori
tido, autorevole e appassio- d’azzardo, ladri di cavalli,
nante di queste ombre a ca- ballerine d’infimo ordine e
vallo che attraversarono la cowboy rinnegati. Dal loro
scena del grande melodram- covo sulle colline sfidaro-
ma americano del Middle no il governo degli Stati
Border, dove si traccia un Uniti tenendo testa a inte-
illuminante e inedito paralle- ri squadroni di cavalleria,
lo tra la banda dei fratelli fino a quando i suoi capi si
James e Younger e il famige- trasferirono in Sud Ameri-
rato Mucchio Selvaggio che ca, rimanendo simboli vi-
circondava Butch Cassidy. Tutti po il mito del Robin Hood che venti di un’intera era della storia
uomini in carne e ossa, disperati non trascura mai una nobile at- americana.
e malvagi ma non privi di fascino. tenzione nei confronti dei disere- Per leggerne ancora si veda qui.

Gli ignoti che si riuniscono sotto la sigla Anonymous promettono battaglia contro censura, imperialismo, finanza
d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo. Questo libro è un’inchiesta su una forma di lotta da nuovo
millennio che ha finito per colpire sette religiose, corporation, partiti reazionari e dittature mediorientali. Ogni
volta che verrà compiuto un abuso, compariranno gli anonimi fustigatori il cui volto è rappresentato dalla ma-
schera del giustiziere Guy Fawkes. E già oggi si può intuire il loro scopo: servizi digitali che garantiscano agli u-
tenti la libertà di espressione.
AVVERTENZA di Antonella Beccaria
Mi rivolgo a voi, Anonymi. Questa non vuole essere la ricostruzione completa al millimetro della vostra storia.
Qualcuno di voi me l’ha raccontata o almeno mi ha fornito la sua visione che non per forza è quella di tutti. Poi
ne ho letto, rimbalzando un po’ ovunque per il web, e in fase di stesura delle pagine che seguono ho compiuto
una scelta arbitraria: estrapolare da ciò che avete firmato, in toto o in parte, alcune operazioni che mi sembra vi
descrivano meglio. Rimane fondamentale l’inciso «secondo me». Leggetelo come il necessario imho, in my hum-
ble opinion, come si usa scrivere nelle mailing list e nei gruppi di discussione in rete. Quella che voi e altri lettori
incontrerete scorrendo questo testo è una specie di biografia non autorizzata. E se alla fine ciò che leggerete non
vi piacerà, non “bombardate” troppo forte il mio sito. All’origine del libro c’è la volontà di tributarvi un merito
indiscutibile: combattere per la libertà di informazione. Perché, credetemi, almeno un tratto in comune ce
l’abbiamo, voi e io: crediamo che l’informazione debba essere libera. A qualunque costo. E comunque la prende-
rete, sarà stato un viaggio entusiasmante. Un viaggio all’interno di un enorme scherzo tremendamente serio.

22
L’OTTUPLICE SAPERE ORIENTALE
di Michele Proclamato

L’AGOSAPERE
Una piccola premessa rietà, accettasse di prendere in stanziale mancanza di equilibrio
Non è difficile per me vedere e a esame altri punti di vista. Mi scu- fra i due tipi di energia. Ho appre-
volte intuire, ciò che a molti può so, quindi, fin da ora, se nel mio so, inoltre, che oggi la medicina
sembrare improbabile o inspiega- scrivere, a volte, si avvertirà occidentale ha parzialmente ac-
bile. È un dono, questo, ricevuto l’insopportabile sentore di una cettato l’uso dell’Agopuntura, an-
nella penombra di una basilica saccenza non avvalorata, in que- che ufficialmente, in quanto, in-
viva e parlante, oggi ferita. Convi- sto caso specifico, da titoli o atte- negabilmente, ci si è resi conto
vo con questo talento, passando stati medici specifici, ma spero che esistono meccanismi fisici
dall’euforia datami dallo vorrete considerarmi come un che avvalorano la sua utilità in un
“scoprire”, alla tristezza di una pioniere che cerca di ri-aprire an- grandissimo numero di disturbi,
situazione per la quale mi sento tiche porte con chiavi conoscitive nei quali la “malattia” non avreb-
spesso solo parzialmente com- che ho solo ri-forgiato. Senza in- be altro modo di essere combat-
preso, se non deriso, al massimo dugiare oltre, passo, pertanto, tuta e vinta se non attraverso
tollerato, come si può tollerare alle vere eterogenee motivazioni l’uso chimico e farmacologico.
un vicino di casa riservato, sicura- del mio scrivere. Ma persiste tutt’oggi, sempre da
mente inoffensivo, ma certamen- Una medicina nata parte della medicina ufficiale, una
te un po’… strano. In ogni caso, in Mesopotamia sostanziale diffidenza verso que-
ho scelto questo destino fatto di Con estrema onestà, dico che non sto sistema curante, dovuta so-
un sapere che mi ha reso sempre mi occupo di Agopuntura e non prattutto ad un motivo fonda-
più simile a un ponte teso fra le ho esperienze dirette della sua mentale, il seguente: il raffinato
sue mille interpretazioni, che io capacità curativa, ma credo di sistema di meridiani utilizzato da
so essere solo apparentemente aver capito, in sintesi, che tale ben 5000 anni dagli agopuntori
diverse. Il mio fine ultimo e la tecnica terapeutica cinesi, materialmente, non ha
speranza prima, sono quelli di (contravvenendo a ogni canone una corrispondenza anatomica
traghettare aspetti superficial- curativo occidentale di tipo uffi- diretta nel corpo umano
mente ancora intesi come ciale), basandosi “occidentale”. Ci si trova, quindi,
“esoterici”, in un ambito scientifi- sull’interpretazione del fluire di di fronte ad un paradosso in ter-
co strettamente ufficiale, poiché, un’energia femminile e maschile mini per il quale, un tipo di medi-
con tutto il cuore, credo che il fu- (Yin e Yang) chiamata QI, sia in cina effettivamente valido per
turo dell’uomo potrà avere un grado, da millenni, di curare una civiltà, non è ritenuto com-
nuovo impulso, da una terza via, l’uomo attraverso pletamente tale per una civiltà
dettata dalla fusione di questi du- l’identificazione di canali energe- “altra”, come la nostra. Non solo:
e aspetti, oggi ancora pericolosa- tici definiti Meridiani e nodi, nei l’Agopuntura funziona chiara-
mente distanti. Vorrei perciò di- quali vengono immessi degli aghi mente anche in Occidente, ma,
mostrare che l’Agopuntura, so- specifici, affinchè le due energie sostanzialmente, la nostra medi-
stanzialmente, è una delle tante, di cui sopra, vengano, tonificate cina… non sa perché. E qui inizia il
eccelse, interpretazioni, di quel in caso di deficienza, o liberate e mio di lavoro, poiché rimango al-
sapere universale del quale mi fatte defluire, in caso di eccesso. libito di fronte a tanta superficia-
occupo da anni, affinchè si possa- In tale contesto, la malattia, di lità occidentale. Infatti, con lo
no chiarire alcuni aspetti, oggi per sé, è il frutto di una serie di stesso sistema conoscitivo con cui
probabilmente sconosciuti alla comportamenti mentali o alimen- i cinesi curano, divinano ed eser-
medicina ufficiale, che ancor più tari che culminano in stati ener- citano “marzialmente” la loro de-
potrebbe progredire se, con se- getici caratterizzati da una so- strezza fisica, noi occidentali ab-
23
biamo costruito, dipinto, scolpi- ai “pazienti” lettori, che questa "Un" re …….. egli governò per
to, numerato, eccetera. Si tratta mia interpretazione, pur avendo 18600 anni.
di un sistema figlio di una fisiolo- le caratteristiche descrittive di In "Cinque" città “Otto”re,
gia celeste, impressa senza tema uno studio storico, “spero” potrà essi regnarono per” 241200”
in quella umana e regalataci in dare risposte anche mediche, ad anni,
tempi e modi sconosciuti, in un un presunto mistero per il quale, Poi il Diluvio “travolse tutto”.
momento della storia tutto da sulla Terra, l’anatomia umana e
definire. Partirò, quindi, proprio la sua fisiologia, sembrano avere Quella che avete appena letto è
dai Meridiani dell’Agopuntura, più interpretazioni ed utilizzi di- la traduzione di ciò che, inciso in
per tracciare un quadro estrema- versi, comunque gravidi di effetti caratteri cuneiformi, fa sfoggio
mente complesso, la cui sintesi, positivi, come l’Agopuntura di- di sé, da migliaia di anni, su un
però, a mio avviso, risiede in mostra. prisma in pietra, passato alla
un'unica parola: OTTAVA. Chi ha storia come Prisma di Blundell,
avuto modo di approcciare i miei Lista Sumera dei Re dal nome del suo scopritore.
studi sa che, per me, vi sono del- Dopo la discesa della regalità Ho studiato, e profondamente
le sequenze numeriche di fonda- dai cieli, mi impegno tutt’ora nel farlo, il
mentale importanza per la com- La regalità fu a Eridu, significato di tale testo ed ho im-
prensione di ciò che ci circonda, In Eridu Alulim divenne re, parato a mie spese e da tempo,
perciò, per prima cosa, desidero Egli regnò per 28800 anni. quanto sia sicuro nascondere in
riassumere i “numeri” dell’antica Alalgar regnò per 36000 anni. un luogo visibile a tutti, qualcosa
medicina taoista in questione. Vi "Due" re; di estremamente importante,
sono 8 Meridiani “curiosi” ai qua- Essi regnarono per 64800 anni. rendendolo praticamente…
li viene imputata la formazione Poi Eridu cadde invisibile. Ora, seguendo il filo
del corpo umano, che, a loro vol- E la regalità fu spostata a Bad- conduttore della simbologia e
ta, danno origine a 12 organi. Tali Tibira dell’analogia, che guida fin
organi sono garanti di 12 meri- Divenne re a Bad-Tibira Enmen- dall’inizio i miei studi e le mie
diani principali, responsabili cia- luanna; ricerche, vorrei procedere con la
scuno di 4 meridiani secondari Egli regnò per 43200 anni. “mia” dimostrazione delle moti-
definiti: Enmengalanna regnò per 28800 vazioni poste alla base di questa
Tendino-muscolari, Distinti, anni. “scienza” orientale, chiedendovi
Luo longitudinali e Luo trasver- Dumuzi il pastore regnò per la pazienza e la disponibilità ad
sali, 36000 anni. abbracciare un percorso solo ap-
per un totale di 48 meridiani. "Tre" re essi regnarono 108000 parentemente tortuoso e fuorvi-
Di conseguenza, la somma di or- anni. ante. Cercherò, quindi, di ac-
gani, meridiani secondari e prin- Bad-ti-bira cadde compagnarvi attraverso quelle
cipali ammonta a 72 unità. E la regalità fu spostata a La- che sono state le innumerevoli
Arrivati a questo punto, ho rias- rak. domande che mi sono posto e
sunto l’essenza numerico- A Larak, Ensipadzidanna regnò che hanno condizionato le mie
costitutiva dell’insieme ed è il 28800 anni. “peregrinazioni” nei vari campi
momento di passare all’esame di "Un" re ……. Egli regnò per del sapere.
un resoconto plurimillenario me- 28800 anni. Per prima cosa, proviamo a so-
sopotamico, noto come Lista Larak cadde stituire gli OTTO Meridiani Cu-
Sumera dei Re, affinché si possa E la regalità fu spostata a Sip- riosi, con gli Otto Re mesopota-
cominciare a vedere come e par. mici, ottenendo in tal modo Otto
quanto sia diffusa tale sequenza A Sippar Enmeduranna divenne frequenze temporali.
numerica, garante, essenzial- re Osserviamo poi il computo fina-
mente - come ho appreso attra- E governò per 21000 anni le degli Otto momenti regnanti,
verso i miei studi - della codifica, Poi Sippar cadde dove possiamo ritrovare, nume-
mai completamente decifrata E la regalità fu spostata a Shu- ricamente, qualcosa che molto
dall’uomo, di un sistema creati- ruppak. ha a che fare con i 12 organi ed i
vo, che definirei… divino. Ubaratutu divenne re, egli go- relativi 12 meridiani principali e,
Prima però, desidero anticipare vernò per 18600 anni proseguendo nell’esame, è mol-
24
to importante notare, che tale ecc. ecc, dimostrano una plasma- in brevissimo tempo, venivano
computo possiede una strana bilità piuttosto accentuata, se collegati da rette ben precise
particolarità: esso, infatti, è fra- stimolati dal suono. (Figg. 1,2). I
zionabile in 1\3 e 2\3 di un ulte- Vorrei qui riportare, brevemen- l risultato finale era rappresenta-
riore somma pari a 36 unità. Pas- te, un ”espe-rimento” utilizzato to da una rete geometrica nella
siamo ora all’esame del luogo in dal prof. Richard Buck-minster quale, a volte, era possibile nota-
cui si svolge tutta la scena: il te- Fuller (filosofo, architetto, inven- re la coesistenza di un insieme di
sto parla di 5 città, esattamente tore, ecc. ecc.), per dimostrare ai solidi, famosi da millenni presso
come 5 sono gli Elementi princi- suoi studenti il pote-re struttu- ogni civiltà e comunemente chia-
pali presenti nell’Agopuntura. rante del suono. In sintesi, egli mati in occidente: solidi Platonici
Credo, quindi, di poter affermare intinge-va un palloncino bianco, (Fig.3).
che le analogie numeriche, pur (di quelli, una volta, sempre pre- Il Prof. Fuller spiegava che quel
appartenenti a significati e con- palloncino, nella spasmo-dica
testi temporali, geografici e civili ricerca di un equilibrio, pur di
completamente diversi, sembra- non esplodere, riesce a veicolare
no essere molteplici. l’energia sonora che lo colpisce,
Ritengo, inoltre, importante sot- in quell’intricato substrato geo-
tolineare che la lista termina la metrico. Substrato che, sostan-
sua descrizione parlando di Re, zialmente, rappresenta un luogo
città e momenti regnanti, posti di bassa pressione dove, l’alta
storicamente prima del Diluvio e pressione sonora viene canalizza-
penso sappiate, che la scienza è ta, ottenendo un concreto equili-
disposta ad avvalorare tale cata- brio dinamico, garante del futuro
strofico evento, o più eventi mi- sferico dello sfortunato orpello
nori del genere, incasellandoli in infantile.
un ambito storico piuttosto alea- Ora, immaginiamo la Lista Sume-
torio, posizionato fra i 10000 ed i ra dei Re sotto il punto di vista
12000 anni fa. Faccio questa pre- Cimatico. Facendo le dovute so-
cisazione, per dare una pur mini- stituzioni, possiamo percepire,
ma idea del contesto storico at- negli enormi archi di tempo,
traverso il quale ci stiamo muo- l’essenza vibrazionale dei Meri-
vendo. Ciò premesso, diviene diani Curiosi e, proseguendo in
spontaneo domandarsi cosa rap- questo gioco di corrispondenze
presentano quegli enormi archi Sino-Mesopotamiche, possiamo
di tempo, chiaramente intesi ipotizzare la Lista, come la sintesi
dall’archeologia in modo piutto- della descrizione di un sistema
sto goliardico, tanto da abbando- creante di tipo sonico-
nare il reperto, senza spiegazio- energetico, in grado di palesarsi
ne, in una polverosa teca, in quel geometricamente, grazie a meri-
di Oxford, ma per avere una ri- senti nei pressi delle giostre), in diani e punti ben precisi, attra-
sposta è necessario fare un ulte- una vernice molto densa, poi lo verso i quali scorre un tipo di e-
riore passaggio. poneva accanto a una cassa acu- nergia che potremmo ora identi-
Cimatica stica e incrementando una fre- ficare con il QI. In tal modo, sia-
A questo punto, abbandoniamo quenza prestabilita, mostrava mo in grado di “interpretare” la
la Lista per parlare di una scienza come sulla superficie colorata struttura responsabile, nella tra-
semi-ufficiale, chiamata Cimati- apparissero prima dei punti, che, dizione cinese, della nascita della
ca. Oggi è appurato, grazie ad
una lunga serie sperimentale cul-
minata negli anni ‘70 in pubblica-
zioni ed articoli su riviste accredi-
tate, che determinati materiali,
come: sabbia, polvere, acqua,

25
forma del corpo umano, in modo condurvi in questa indagine. in 1\3 femminili, paria 4 unità e 2
sicuramente inedito e forse illu- In sintesi stiamo vedendo \3 maschili, pari ad 8 unità. Sia-
minante. Continuando a un’enorme sfera, che contiene mo, quindi, di fronte a nuove in-
“giocare” con i numeri e per por- una serie di Esseri, sicuramente formazioni numeriche ben preci-
tare a termine ciò che gioco non compositi e viventi, che rappre- se, condensabili nel concetto
è, sono costretto ad utilizzare un sentano pianeti, stelle e costella- Taoista di Yin e Yang.
secondo esempio millenario, per zioni. All’esterno di tale visione si Stiamo osservando, forse per la
poter fornire ulteriori informa- può notare un’altra serie di enor- prima volta, il QI suddiviso in
zioni su quello che si nasconde mi Esseri, suddivisi in Neter, (le modo frazionario, nella sua acce-
dietro il significato numerico dei tipiche divinità egizie con la testa zione maschile e femminile, da
Meridiani, ma, soprattutto, per di falco) e Donne umane. una civiltà che sicuramente può
meglio comprendere il senso e- Stiamo, quindi, osservando una aiutarci a capire determinati con-
nergetico dello Yin e dello Yang, visione celeste riguardante la Via cetti energetici che crediamo ap-
anche perché, spero vi stiate do- Lattea, che presenta una strana pannaggio del solo mondo orien-
mandando che cosa, in quella particolarità. Infatti, mentre ciò tale. Ovviamente, dei grandi os-
che sembra essere la descrizione che si trova all’interno della sfe- servatori celesti come gli egizi
di un momento creativo, è desti- ra, grazie ai nostri mezzi scientifi- non potevano essere così ottusi
nato a diventare il palloncino. ci, è quasi obsoleto, ciò che ap- da vedere presso il 30° parallelo
L’Agopuntura celeste pare all’esterno non è affatto esclusivamente 72 corpi celesti,
Esiste, anche in questo caso da contemplato ai giorni nostri ed chiaramente ciò è inverosimile,
millenni, un esempio che, solo inoltre, per gli egizi, gli Esseri, essi erano e sono infinitamente
apparentemente, rappresenta che come enormi Atlanti sorreg- di più e la cosa è palese, visiva-
una visione cosmologica egizia. Il gono la visione celeste, sono ma- mente, oggi come allora. Quindi,
suo nome, ormai famoso in tutto terialmente molto più grandi, penso che ciò che gli egizi stanno
il mondo, è “Zodiaco di Dendera” non solo delle stelle, ma addirit- cercando di dirci attraverso tale
e la sua esecuzione viene fatta tura di intere costellazioni. Di rappresentazione, è qualcosa
risalire al 57 d.C., in pieno perio- conseguenza, vorrei che usaste il che ancora a molti sfugge. Infat-
do Tolemaico. Si tratta di un di- numero, per capire il perché di ti, non stanno descrivendo una
sco in pietra di alcuni metri di una simile simbologia, tenendo semplice visione siderale, bensì
diametro, trafugato dal tempio presente una massima di Giorda- un meccanismo creante che, in
di Dendera durante il periodo di no Bruno: questo caso, pone nei numeri in
dominazione napoleonica, dove ”Il numero è limpido principio questione, il fondamento del ma-
oggi, nella camera delle stelle, fisico, metafisico e razionale”. teriale celeste. Quindi, essi sono,
rimane solo una copia. Osservia- Torniamo, quindi, ai numeri, os- contemporaneamente, causa
mo l’immagine (Fig. 4), servando che gli Atlanti in que- materica e sistemica di una crea-
stione sono 12 e, chiaramente, zione, in questo caso macrosco-
sorreggono quello spaccato side- pica. Consideriamo poi, “come”,
rale attraverso 24 braccia. il meccanismo frazionario posto
È pertanto semplice rivedere in all’esterno dello zodiaco, si riper-
tale rappresentazione, un modo cuote al suo interno: i 72 esempi
con il quale la somma della Lista siderali sono la somma di
Sumera dei Re, a distanza di tem- un’ulteriore suddivisione (la cui
po, riappare presso un’altra civil- spiegazione qui tralascio), costi-
tà. Posso ora dirvi che il computo tuita da 24 corpi celesti femminili
totale di corpi celesti contenuti e 48 maschili, quindi gli egizi ap-
in quella sfera lattea, che molto plicavano l’idea di Yin e Yang per-
ricorda il famoso palloncino del sino alla creazione stellare. Ma
professore americano, è pari a devo aggiungere che non è tutto.
“72” unità. Infatti, Dendera rappresenta la
risalente ad una riproduzione di Tornando nuovamente agli Esse- seconda parte di un atto creante,
fine ottocento di Gerolamo Sega- ri, possiamo osservare che si per noi inesistente, iniziato in
to. Di nuovo, permettetemi di suddividono in modo frazionario Mesopotamia, un big bang dode-

26
cafonico del passato. composta, ma soprattutto cosa Oggi, questi numeri, definiti ma-
Sommando poi, tutti i riferimenti ne è responsabile. In tale conte- gici dai fisici più accreditati
numerici presenti nello Zodiaco sto, negli ultimi decenni, una (come ad esempio: Michio Kaku),
(36+72), avremo 108 unità, delle Teoria del Tutto si è andata affer- sono il fondamento numerico
quali, 1\3 (36) per noi sono invi- mando, resistendo, per ora, della Teoria delle Stringhe, una
sibili. Di nuovo, gli egizi suggeri- all’arrivo di altre, come quella teoria dimensionale, motivo per
scono un fatto essenziale, che piuttosto geometrica (Algebra di cui, anche a livello medico, do-
dovrebbe essere fondamentale Lie E8), del fisico Antony Garret vremmo predisporci ad accettare
per chi si occupa di agopuntura, Lisi. Mi riferisco alla Teoria delle una realtà nella quale,
e cioè, che la nostra realtà (e ve- Stringhe. l’anatomia umana potrebbe pos-
dremo anche la sua fisiologia), è Un principio secondo il quale, lo sedere caratteristiche non valu-
saldamente legata, direi fusa, dico in modo molto semplicisti- tate appieno.
con un sistema dimensionale di co, la materia altro non è che fi- Perché insisto su tale concetto?
cui siamo perfettamente glia di un sistema multi- Per un motivo ben preciso, ripo-
all’oscuro, anche se, in altri cam- dimensionale. Si è arrivati ad ipo- sto proprio in quella presunta
pi dello scibile umano, già da de- tizzare 26 dimensioni, nelle quali, mancata corrispondenza fra me-
cenni, le cose non stanno esatta- sostanzialmente, delle corde, o ridiani-nodi cinesi ed anatomia
mente così. stringhe, vibrano (suono) a gran- ufficiale occidentale.
In sintesi: il palloncino rappre- dezze invisibili per i nostri attuali Io mi sento di affermare, infatti,
senta, “spazialmente”, la Galas- strumenti, ma il motivo per cui che l’Agopuntura funziona, sem-
sia, mentre le OTTO frequenze insisto sulla dimensionalità della plicemente perché simula, riper-
l’energia destinata a diventare materia, è duplice. corre e ricorre ad una struttura
corpi celesti, la cui appartenenza Il primo è numerico. anatomica, posta dimensional-
maschile o femminile ed i relativi Ritengo che sia molto importan- mente altrove, ma perfettamen-
rapporti, delineano quella sottile te sapere che i presupposti equa- te coerente e COLLEGATA a tutti
trama geometrica attraverso la zionali della Teoria sopra citata, i livelli materici, COMPRESI
quale scorre l’energia creante, o furono ideati da un grandissimo QUELLI ANATOMICI. La struttura
meglio, il QI. matematico Indiano: Srinivasa meridianica, quindi, solo appa-
E, come ho avuto modo di accer- Aiyangar Ramanujan. rentemente non corrisponde a
tare, l’uomo, presso tutte le ci- Lui, geniale bramino ormai famo- quella anatomica ufficiale. Essa,
viltà del passato, è specchio sissimo, ipotizzò, nel secolo scor- infatti, fondamentalmente, si
frattale di questa struttura di- so, una realtà di-mensionale Ot- ispira alla sua matrice sistemica.
mensionale. tuplice dalla quale dipende la Per cui sarebbe estremamente
Vero, falso, probabile? Andiamo “nostra”, e motivò tutto ciò at- utile, per capire certi risultati
avanti. traverso le sue celeberrime E- medici ascrivibili all’Agopuntura,
Gli esempi dimensionali quazioni Modulari (Fig. 5). comprendere quali sono quelle
Mi rendo conto di quanto sia dif- caratteristiche dimensionali alle
ficile accettare una tematica co- quali si ispira. E questo è il se-
me la mia, sempre ai confini condo motivo per il quale voglio
dell’inverosimile, ma, io per pri- soffermarmi su questo aspetto.
mo, ho dovuto accogliere una Ritorniamo all’immagine dello
realtà secondo la quale il passato Zodiaco di Dendera ed osservia-
umano rivela, in questo senso, mo il suo interno. Con un minimo
sorprese conoscitive che andreb- di attenzione è possibile notare
bero valutate con molta più se- che tutti i corpi celesti obbedi-
rietà e fiducia, soprattutto alla Ma qual è il sistema numerico da scono ad una spirale sinistrorsa,
luce del fatto che, proprio la no- cui trae ispirazione per descrive- che culmina con una strana co-
stra civiltà, sta cercando in tutti i re tale visione creante del tutto? scia centrale. Questo significa
modi di appurare, nei laboratori Come si può dedurre che al suo interno vi è movimen-
di fisica nucleare di tutto il mon- dall’immagine allegata, è il se- to.
do, quale sia il segreto della ma- guente: Un movimento dettato da una
teria, come essa sia veramente ”8-12-24”. legge chiarissima un tempo.

27
Ora osserviamo gli Esseri posti ni-Solare. Come è facile notare, i
all’esterno: sono disposti sferica- numeri di cui ci stiamo occupan-
mente e sono… immobili. do riappaiono questa volta, in
Di conseguenza: all’interno dello un contesto, secondo me, solo
Zodiaco vi è spazio per muoversi apparentemente planetario. In-
e tempo per farlo, all’esterno in- fatti, sarebbe d’uopo immagina-
vece, il concetto di tempo e spa- re cosa mettono in campo i corpi
zio deve essere inteso diversa- celesti, affinchè questo impecca-
mente, vista la sua immobilità. bile meccanismo si consumi. Per-
Ancora: se all’interno vi è movi- gare ancora la simbologia zodia- ché ciò avvenga, infatti, le veloci-
mento, spazio, tempo e materia, cale egizia. Provate con me ad tà orbitali, rotazionali e le dire-
non può mancare la caducità, utilizzare gli esseri in modo nu- zioni seguite da un massa enor-
quindi la morte. E all’esterno? merico. Sommando le loro parti, me di corpi celesti, dovranno sin-
All’esterno no! Stiamo, quindi, possiamo ottenere 36 unità e, tonizzarsi, affinchè la Terra, il
osservando un luogo archetipico vista la loro disposizione, ecco Sole, il Sistema solare e le relati-
dove tempo, spazio, movimento, perché, da sempre, suddividiamo ve costellazioni, con i relativi si-
materia e morte, trovano la loro la sfera in 360° e potrei anche stemi orbitali, rotazionali e dire-
causa, ma non esistono. Queste, aggiungere che qui risiede il mo- zionali possano allinearsi in un
dimensionalmente, sono le ca- tivo fondamentale per cui il Tem- determinato luogo spaziale, in un
ratteristiche a cui si ispira nume- po è stato unanimemente suddi- preciso istante, dopo un altret-
ricamente l’Agopuntura. Sostan- viso nel modo corrente (12-24 tanto preciso periodo.
zialmente, essa, quando opera ore). Per tornare, però, al noccio- Per darvi un’idea: la Terra ha una
sull’anatomia umana, lo fa con lo della questione, proviamo a velocità rotazionale equatoriale
riferimento all’anatomia archeti- moltiplicare l’invisibile (36) per il pari a 1.668 Km orari, ai quali si
pica della creazione tutta, la stes- visibile (i 72 corpi celesti) ed a- somma una velocità di fuga di
sa dell’uomo e, trovandoci di vremo un risultato che, in questa 11.186 metri al secondo. Ora,
fronte ad un tipo di creazione dimensione, viene definito: Pre- immaginate tutte queste velocità
cimatica, è di estrema importan- cessione degli Equinozi (Fig. 6). a livello galattico e chiedetevi se
za tutelarla, facendo sì che la La Precessione degli Equinozi go- un simile evento precessionale
struttura a bassa pressione, il de di una fama dimenticata, che potrebbe esistere, se l’unica ra-
corpo umano, non manifesti o- a stento oggi riusciamo a giustifi- gione motivante fosse
struzioni energetiche o malattie, care. L’uomo la conosce da tem- l’attrazione Luni-solare!
affinchè la struttura archetipica po immemorabile, senza sapere Affinchè ciò avvenga, è necessa-
dimensionale, gli Otto meridiani chi sia stato capace di tempora- ria, a mio avviso, una legge galat-
curiosi (ad alta pressione), conti- lizzare un cammino assiale terre- tica in grado di armonizzare, non
nui ad emanare energia, nel pie- stre pari a 25.920 anni. Ma ve- i movimenti di più corpi siderali,
no rispetto di un equilibrio, tute- diamo sinteticamente in cosa bensì la fisiologia di un unico es-
lato da numeri che rappresenta- consiste. sere vivente, chiaramente com-
no intervalli musicali dodecafoni- Sostanzialmente, l’ipotetico asse posito, come ad esempio, la Via
ci. terrestre Nord–Sud disegna Lattea. Di conseguenza, lo sche-
Fisiologia numerica un’altrettanto ipotetica ellisse ma numerico dimensionale di cui
Se la mia analisi avesse connotati celeste, attraverso spostamenti sopra viene utilizzato affinchè
esclusivamente teorici, non do- pari a 1° dei 360° celesti, ogni 72 tutto ciò avvenga con estrema
vremmo trovare, nella realtà, anni. La conseguenza più eviden- precisione, in un arco di tempo
nessun tipo di appiglio, ma se ciò te di questa “corsa” platonica è millenario. Per cui avremo una
che sto dicendo corrisponde al l’apparizione - ogni 2160 anni corrispondenza tangibile, a livel-
vero, allora dovremmo trovare circa - all’Equinozio di Primavera, lo galattico, di un sistema nume-
esempi non solo umani, ma pla- alle spalle del Sole, di una nuova rico dimensionale, in grado di
netari o stellari, che si rifanno ad costellazione zodiacale. gestire, non solo la fisiologia si-
un simile meccanismo archetipi- La scienza ufficiale motiva tale derale, ma anche, e giustamente,
co. Prima di passare a tale anali- “movimento-terrestre”, attraver- quella umana, come nel caso
si, però, sono costretto ad inda- so l’attrazione gravitazionale Lu- dell’Agopuntura. Ora vi doman-

28
do: vi sembra più corretta peso del vivere in questa realtà.
l’interpretazione del fenomeno Allora, vediamo che tipo di fisio-
in questione da parte della scien- logia anatomica viene utilizzata
za ufficiale, o quella suggeritaci dagli Yogi, da millenni, per otte-
dagli egizi? Perché, anche in que- nere tutto ciò.
sto caso, effetti falsamente Iniziamo dicendo che 8 sono gli
“locali” come quelli precessiona- stadi principali dello Yoga: 4 fisici
li, sono sostanzialmente decisi a e 4 mentali.
livelli sistemici altri. Allo stesso Aggiungiamo poi, che l’anatomia
modo si comporta l’Agopuntura. Dovremmo, quindi, chiederci in questione è sostanzialmente
Di conseguenza e giustamente, il perché esistono simili corrispon- costituita da 72000 Nadi, che so-
sistema dei meridiani è un siste- denze numeriche fra la fisiologia no essenzialmente dei canali e-
ma curante non locale, in grado umana, quella celeste ed il siste- nergetici destinati a convogliare
di agire localmente, grazie alla ma curante dei meridiani e, for- un tipo di energia dalle caratteri-
perfetta interpretazione di una se, potremmo renderci conto di stiche composite, definita in que-
legge creante dimensionale, ca- quanto la nostra visione anato- sto caso: Prana.
pace di armonizzare e raggiunge- mica sia sostanzialmente parzia- Infine possiamo osservare che 3
re ogni parte o organo del nostro le, direi arretrata. gruppi di Nadi principali, disposti
corpo universale, attraverso un Se dovessi poi riassumere come, all’interno ed ai lati della colonna
sistema simpatico di risonanza, dove e quanto, il sistema nume- vertebrale, sono chiamati a vei-
di stampo cimatico. rico in questione è apparso nella colare 4 tipi di energia ben preci-
In altre parole: curare un organo storia umana, dovrei ri-scrivere sa.
sollecitando alcuni punti posti, un libro ormai storico, dal titolo: Tralascio il contesto Chakra, poi-
ad esempio, sull’orecchio del pa- ”Il Mulino di Amleto”, scritto dal chè richiede dei passaggi cono-
ziente, è l’applicazione di un sa- Prof. Giorgio De Santillana, nel scitivi che mi allontanerebbero
pere, conscio dei rapporti arche- 1969. troppo dall’argomento in que-
tipici esistenti in un corpo uma- Altre interpretazioni stione.
no. Accennavo, all’inizio, Per avvalorare maggiormente il Proseguiamo, quindi, con il no-
all’uomo. La medicina ufficiale, mio punto di vista, vorrei ora ri- stro esame: come viene coagula-
non dovrebbe ignorare come e correre ad un secondo tipo di ta e finalizzata una simile struttu-
quanto i processi circolatori, re- anatomia, quello Vedico, per di- ra anatomica?
spiratori e cardiaci utilizzino in- mostrare che la struttura anato- Attraverso 108 posizioni Yogiche.
tervalli che rappresentano frazio- mica umana, può avere più inter- Di nuovo osserviamo come si
ni o multipli numerici precessio- pretazioni ed usi, mai errati se raggruppano gli Esseri intorno
nali. Un esempio, fra le centinaia riferiti alla “matrice” in questio- allo Zodiaco di Dendera: 3 gruppi
che la fisiologia umana può offri- ne. Penso sia noto che lo Yoga, di 4.
re è il seguente: se applicato secondo canoni ben Ed il computo totale di elementi?
precisi, dia all’uomo capacità tali 108 unità.
da poter interagire “mental- Ebbene, a questo punto, il
mente“, oltre che fisicamente, “cerchio” si può chiudere, dicen-
con vari aspetti della fisiologia do che la l’anatomia Vedica, co-
umana. In questo caso, alimenta- me quella Taoista, si basa sullo
zione, meditazione ed una ben stesso livello sistemico creante,
precisa “attività” fisica, concen- con alcune piccole modifiche.
trata nell’ottenimento di deter- Vi domando: possiamo negare
minate ”posizioni“, possono ave- che lo Yoga abbia effetti benefici
È, a mio avviso, evidente come e re, come risultato finale, uno sta- sul corpo e sulla mente?
quanto l’essere umano interpreti to psicofisico spiritualmente ec- Credo proprio di no, eppure, an-
in pieno, non una fisiologia esclu- celso definito Nirvana. che in questo caso, esso utilizza
sivamente terrestre, ma uno Insomma, il risultato finale si po- un’anatomia che non coincide
schema creante, come già ricor- trebbe intendere come una Gua- con quella occidentale.
dato, universale. rigione, piuttosto “elevata”, dal Ecco dimostrato come sulla Terra

29
sembrano esistere diverse inter- la stessa cosa. Chissà, forse po-
pretazioni anatomiche di cui trebbe esserci utile per capire,
quella occidentale è solo l’ultima perché in Piazza San Pietro, al
arrivata e la più limitata, nonché Bernini, (Fig. 10)
limitante, poiché frutto non di-
mensionale. Prima di lasciarvi,
permettetemi di ritornare in Ci-
na, per mostrarvi una delle inter-
pretazioni più sublimi di ciò che
mi piacerebbe che anche Voi
chiamaste l’OTTAVA: l’IChing.
(Fig.8)

fu ordinato di porre OTTO Dire-


zioni come quelle utilizzate dei
Nativi Americani per pregare e
E’facile, a questo punto, cogliere curare. (Fig.11)
le caratteristiche principali di un
simbolo in grado di rappresenta-
re il mondo dell’arte divinatoria
cinese e vedere, all’interno di un
OTTAGONO, 24 linee spezzate e
12 intere.
Lo stesso schema dei meridiani
viene utilizzato dai sapienti cinesi
per divinare e la cosa molto do-
vrebbe farci riflettere su ciò che
definiamo realtà e le sue caratte-
ristiche spazio-temporali.
Nel frattempo, vorrei congedar-
mi, mostrandovi uno dei sigilli
ermetici utilizzati da Giordano
Bruno (Fig.9), non per divinare,
bensì per
riportare “a
galla” un
certo tipo di
memoria Ma sto, come mio solito, an-
immortale, dando fuori tema, in fondo, io
che, detto sono solo il vicino… un po’ stra-
fra noi, è… no.
30
Gianluca Rampini intervista Nick Pope

Cieli aperti
menti chiuse
Ciao Nick, prima di tutto voglia- stesse risorse per svolgere que- be sapere qualcosa di più del
mo ringraziarti per essere no- sto genere di indagini. tuo lavoro con i media, con il
stro ospite. La maggior parte cinema e le serie tv. Ti è stato
delle persone sanno che sei un Dal tuo punto di vista com’è re- chiesto di dare un punto di vi-
ricercatore Ufo e che hai un almente il rapporto tra la ricer- sta più realistico per promuove-
background governativo. Puoi ca Ufo gevernativa e quella pri- re film o serie tv.
raccontarci qualcosa in più a vata? C’è solo quello che vedia- È corretto? Cosa pensi delle
questo proposito e come sia av- mo o c’è dell’altro al di fuori moderne produzioni su questo
venuta la transizione alla ricer- della vista del pubblico? argomento? C’è un qualche
ca non governativa? programma segreto per svelare
Mi spiace dire che in molti casi i o insabbiare informazioni, op-
Ho lavorato per il Governo Bri- governi non prendono in seria pure è solo show business?
tannico per ventun’anni, al Mini- considerazione la ricerca priva-
stero della Difesa. ta. Ci sono state alcune eccezio- È solo show business. Ora lavoro
Dal 1991 al 1994 fui destinato a ni in cui si svilupparono collabo- come conduttore e giornalista
una sezione in cui i miei compiti razioni (tentai per esempio di mentre continuo a occuparmi di
includevano indagini sugli avvi- costruire un buon rapporto tra il promozione di film o serie tv di
stamenti Ufo. Quando lasciai il MoD e alcuni dei maggiori grup- fantascienza. Ho anche scritto
Mod (Ministry of Defense, ndt) pi britannici di ricerca) ma sono due romanzi sci-fi io stesso.
ho portato avanti alcune delle rare. Non c’è nessun programma se-
ricerche in questo campo in am- greto. I film devono divertire, i
bito privato, sebbene ora non Prima di affrontare l’argomento documentari devono informare.
abbia più lo stesso tempo e le Ufo vero e proprio, ci piacereb- Il mio lavoro è generalmente di

31
Ricostruzione di ciò che incontrarono i militari della base di Bentwaters, ( Rendleshan Forest )

creare interesse per il prodotto. caso sul mio sito famiglia reale per questo argo-
Ma capisco che alcune persone (www.nickpope.net). Certamen- mento.
diventino sospettose a questo te è uno dei casi ufologici più Puoi spiegarci meglio?
riguardo, dato il mio precedente rilevanti e solidi che abbiamo,
lavoro per il Ministero della Di- forse il più solido di tutti. Come Posso dire poco riguardo
fesa. in tutti i casi ci sono alcuni punti l’interesse della famiglia reale
deboli (ad esempio le differenza in questo argomento, a causa
Ok. Addentriamoci adesso tra i racconti dei testimoni), ma della delicatezza della questio-
nell’ufologia. Tu hai lavorato preso nel suo complesso è un ne, ma non è un segreto che nel
molto sul “Rendelsham Forest caso molto robusto. Non va di- corso degli anni, alcuni membri
Incident”, forse il più importan- menticato che il Mod (Ministero della famiglia reale abbiano di-
te caso ufologico moderno do- della Difesa, ndt) lo classifica mostrato un interesse concreto
po Roswell, o forse addirittura come “non spiegato”. e personale negli Ufo e in altri
più importante di Roswell per- aspetti del paranormale. È di-
ché l’oggetto non identificato, Affrontiamo brevemente la scutibile fino a che punto questo
in questo caso, era operativo. questione dei cerchi nel grano. possa essere definito un interes-
Resiste questo caso? Ci sono Sappiamo che non hai una po- se ufficiale, il che è quasi una
punti deboli o è realmente così sizione definitiva a questo pro- domanda costituzionale.
importante? posito, ma noi siamo interessa-
ti soprattutto a una tua affer- Scorrendo il tuo sito ci par di
C’è molto materiale su questo mazione circa l’interesse della capire che tu supporti il SETI.

32
Credi sia realmente utile ed ef- stica di Stephen Hawking ri- Una civiltà che abbia la capaci-
ficace, soprattutto tenendo guardo al rischio di inviare tà di minacciarci, se esiste, è già
presente tutta l’attività Ufo sul messaggi a potenziali ascolta- al corrente della nostra esisten-
nostro pianeta e la limitazione tori oppure l’idea del Meti (il za.
dello spettro di ricerca, dovuto Meti è un programma per invi-
all’utilizzo di onde radio? are messaggi verso lo spazio, Ci sono molte voci a proposito
sostanzialmente la versione at- di un possibile programma spa-
Come ho detto spesso, Il SETI e tiva del Seti. M sta per Messa- ziale segreto della Nasa. Credi
la comunità ufologica cercano ge, ndr) è qualcosa da prende- si siano veramente fermati
la stessa cosa, ma in luoghi dif- re in seria considerazione? nell’andare nello spazio o que-
ferenti e con diverse metodolo- sto è ciò che vogliono farci cre-
gie. Sono un sostenitore del SE- Per quanto rispetto Stephen Ha- dere?
TI. wking, credo che Frank Drake e
Credo che il loro lavoro sia mol- Seth Shostak abbiano ragione in Nell’industria aereonautica mili-
to eccitante e potrebbero essere questo caso, quando sottolinea- tare la tecnologia corre sempre
proprio loro, e non gli ufologi, a no che siamo una civiltà indivi- 10 o 15 anni avanti rispetto a
compiere la clamorosa scoperta duabile ormai da molti anni, ad quanto noi pensiamo. In altre
della vita extraterrestre. esempio attraverso le trasmis- parole, in qualsiasi momento, ci
sione radio televisive. Quindi è sono velivoli segreti e droni,
E condividi l’opinione pessimi- tardi per preoccuparsi del Meti. l’esistenza dei quali non verrà

33
resa pubblica per molti anni a (rivelazione, ndt) ufficiale a pro- mia divisione la tolse, essendosi
venire. posito della presenza extra- convinto che l’oggetto fosse un
Lo stesso principio va applicato terrestre sul nostro pianeta. prototipo segreto americano.
al programma spaziale. Puoi tu, provenendo da una po- Ora la fotografia e i negativi so-
È sicuramente vero. sizione governativa, darci una no scomparsi a tutto ciò che ne
La Nasa, ad esempio, ha lanciato prospettiva migliore su questo rimane è una povera fotocopia
diversi satelliti militari, le cui argomento? di una ricostruzione schematica
specifiche sono state classificate. basata sui miei ricordi.
Sono sicuro che le cose poi Per quanto ne so io, non esiste
vanno ben oltre a questo. nessun piano di divulgazione in L’argomento più sensibile e in
questo senso. qualche modo oscuro, in ufolo-
Uno dei partecipanti del Disclo- gia, sono i rapimenti alieni.
sure Project del Greer ha dichia- Abbiamo sentito parlare di que- Qual è la tua opinione in propo-
rato che sul lato oscuro della sta foto (vedi sotto, in pagina) sito?
Luna c'è una base umana. Così del caso Calvine come la miglio-
il segreto sulla Luna non sareb- re mai ricevuta dal Ministero Proprio come il fenomeno Ufo,
be che non ci siamo mai stati, della Difesa ma che è poi stata anche questo non ha una singola
ma che ci siamo ancora e siamo perduta. spiegazione. Credo ci siano diffe-
una presenza regolare. Cosa ne Ci puoi spiegare questa storia? renti spiegazioni per il fenomeno
pensi, in generale, del Disclosu- delle abductions. Alcuni casi sa-
re Project? Un approfondimento sull’intera ranno di certo falsi, altri potreb-
vicenda lo si può trovare sul mio bero essere attribuiti a qualche
Il Disclosure Project ha fatto sito www.nickpope.net . Essen- forma di allucinazione o illusio-
molte cose buone ma, inevitabil- zialmente ci furono spedite alcu- ne.
mente, alcune testimonianze so- ne foto di un Ufo che i nostri e- A questo si possono aggiungere
no impossibili da verificare. sperti scientifici e tecnici confer- sogni realistici, paralisi del son-
Affermazioni come queste rien- marono essere reali e inqua- no, sindrome dei falsi ricordi e
trano nel “interessanti se vere”. dranti un Ufo a forma di dia- vari altri aspetti.
mante di circa 25 metri di dia- Comunque, quanto detto non
Molte persone nel campo metro. Una copia è stata appesa spiega tutti i casi e sospetto ci
dell’ufologia si aspettano ci sarà al muro del mio ufficio per molti sia qualche altro fattore
una qualche forma di disclosure anni, fino a quando il capo della all’opera.
Alcuni studi scientifici su addotti
The Calvine Ufo recostruction non mostrano prove di patologia
psicologiche o di falsità e nel ri-
tornare a quelle esperienze mo-
strano vere reazioni psicologiche
(ad esempio, respiro e battito
cardiaco aumentati) non rilevate
nei gruppi di controllo di non ad-
dotti.

È recentemente nata una nuova


ipotesi sul caso Roswell, secon-
do la quale si tratterebbe di un
velivolo russo e che la ragione

34
della segretezza fosse dipesa al meno Ufo in generale fosse il ricano abbia in atto una qual-
non voler riconoscere una simi- prodotto di una campagna di che collaborazione con alcune
le superiorità alla tecnologia depistaggio creata durante la razze aliene.
russa. Guerra Fredda contro i sovietici, Credi sia vero?
Ti sembra plausibile? potrebbe contenere qualche ve- E nel caso, è solo una questio-
rità. Ma dubito sia una soluzio- ne americana?
Non credo. Se fosse vero, dubito ne definitiva.
che gli americani avrebbero al- Non ho informazioni a questo
lestito la storia del disco volante Da Roswell, e passando per proposito. Se è successo, di cer-
per i media, per poi ricorrere al- l’incontro di Eisenahowe a Mu- to non è successo nel Regno U-
la smentita. rok con alcuni alieni, è opinio- nito.
Detto ciò, la storia che il feno- ne comune che il governo ame-
Sulla tua pagine Facebook ho
visto che hai postato alcuni
commenti fatti sul sito di Gra-
ham Hancock.
Questo mi fa venire in mente il
suo libro “Supernatural”, nel
quale afferma che le visite alie-
ne possono essere un fenome-
no innescato da uno stato alte-
rato di coscienza.
Ci può essere qualcosa di vero?
Hai mai affrontato l’argomento
delle esperienze sciamaniche?

Graham Hancock potrebbe aver


ragione, sebbene come ho detto
prima, dubito ci sia una spiega-
zione sola per tutti i racconti di
rapimenti alieni.
Ma vale certamente la pena a-
nalizzare le esperienze sciama-
niche e gli stati alterati di co-
scienza in relazione ai rapimenti
alieni ed altri fenomeni para-
normali.

Oltre ai casi di Roswell e Ren-


delsham Forest, quale conside-
ri essere il miglior caso che
supporti l’ipotesi della presen-
za extraterrestre?
Non credo necessariamente che
questi casi supportino l’ipotesi
extraterrestre; inspiegato signi-

35
fica inspiegato, non alieno. Ma
l’altro caso più difficile da spie-
gare, oltre a quelli citati, è pro-
babilmente il “Cosford incident”.
Una serie di avvistamenti che
avemmo nel Regno Unito per un
periodo di sei ore il 30 e 31 mar-
zo 1993.
Dei rapporti che ricevetti e inve-
stigai, uno dei più interessanti
venne da una pattuglia di polizi-
a militare alla Royal Airforce Ba-
se di Cosford.
I militari videro l’UFO volare di-
rettamente sopra la base milita-
re.
Ma il più impressionante mi ar-
rivò dall’ufficiale meteorologico anni di servizio, che ha regolar- tive, posso dire che il fenomeno
di una seconda base militare, a mente visto elicotteri e aerei, e Ufo, qualsiasi cosa sia, pone un
Shawbury. che nonostante questo ha affer- problema di sicurezza difensiva
Egli vide un grande oggetto vo- mato che ciò che vide non era e di volo. Inoltre, è certamente
lante non identificato, a forma come niente che avesse mai vi- degno di un più serio studio
di delta, muoversi lentamente sto. scientifico di quello che esiste al
attraverso la base, a circa 70 Noi lanciammo una completa momento.
metri dal terreno, a un velocita indagine ma l’avvistamento ri-
di non più di 30 km/h. Egli vide mane tutt’ora inspiegato. Tornando a Facebook e ai so-
l’Ufo sparare un raggio di luce cial network in generale,
(come un laser) verso il terreno, Per quanto sia difficile realizza- l’ufologia moderna è pesanta-
sondando il terreno avanti e in- re un’immagine completa di mente influenzata da questi
dietro, poco oltre le reti di recin- questo argomento, puoi riassu- nuovi media e dal loro potere
zione, come se stesse cercando mere la tua posizione riguardo di interazione.
qualcosa. L’ufficiale sentì uno all’intero fenomeno ufo? Quanto questo è positivo e
spiacevole ronzio a una bassa quando negativo?
frequenza provenire da quel ve- La riassumerei così: la maggior
livolo, specificando che lo sentì parte degli avvistamenti può I nuovi media e i social network
bene quanto le mie parole. Egli essere spiegato in termini con- sono una spada a doppio taglio
stimò le dimensioni dell’oggetto venzionali, ma alcuni non pos- per l’ufologia, così come per
essere tra quelle di un C-130 e sono. Non abbiamo spiegazioni molti altri argomenti.
quelle di un Boeing 747. definitive per questi ultimi, no- Sul lato positivo, è molto facile
Poi mi disse che il raggio si ri- nostante vi siano molte teorie. reperire materiale, condividere
trasse in un modo innaturale e Non posso escludere una spie- ricerche, localizzare testimoni e
che l’oggetto sfrecciò via gazione extraterrestre, ma non così via.
all’orizzonte molto più veloce di ci sono nemmeno prove a soste- Il lato negativo è che si da voce
un qualsiasi velivolo militare. gno. a un sacco di gente matta, delle
Qui si tratta di un esperto uffi- Basandomi sulle mie ricerche e quali sarebbe meglio non sentir
ciale dell’aereonautica con otto investigazioni ufficiali governa- proprio parlare.

36
La torre di controllo della base di Cosford.

C’è un sacco di buon materiale Condivido l’idea che la comuni- Siamo ormai molto vicini.
in rete, ma è sempre più difficile
tà ufologica stia andando in cir- Ti aspetti che succeda qualcosa
trovarlo, tra tutte le altre por-
colo, avendo sempre le stesse di realmente percettibile?
cherie. discussioni e controversie avute
È preoccupante il fatto che le nel passato. D’altro canto Ho condotto approfondite ricer-
persone non sono molto predi- l’argomento è sempre condotto che in questo senso e sono sicu-
sposte a dare il giusto peso alle
dagli eventi. Non saprei dire co- ro che niente di inusuale succe-
informazioni e nel discernere sa porterà il futuro, ma mentre derà.
quali sono le fonti attendibili e
alcuni sviluppi sembreranno si- Quando finisce un calendario,
quali no. mili a eventi passati, altri inve- non significa che il mondo fini-
ce, sono certo, saranno nuovi e sca.
Ho la sensazione che l’Ufologia interessanti. Il mio calendario finisce ogni
sia in qualche modo impanta- anno e tutto quello che succede
nata, niente di veramente im- Bene, ringraziandoti di nuovo è che devo comprarmene uno
portante accade più, o se suc- per il tuo tempo, come faccia- nuovo.
cede viene catturato dal rumo- mo usualmente, chiudiamo
re di fondo della rete. l’intervista chiedendo
Cosa possiamo aspettarci in l’opinione a proposito
questo campo negli anni a ve- dell’incombente dicembre
nire? 2012.

37
COS’E’ LA GRAVITA’
Domenico Dati

Dalla Scienza conven- “tragico” evento, ci fu Galileo Gali- http://www.youtube.com/watch?v=5C5_dOEyAfk Trat-


to da Wikipedia
zionale per avere una lei che riuscì a determinare, tramite
Galileo Galilei formula una sua teoria
spiegazione di cosa sfere e un piano inclinato, il valore
sulla caduta dei gravi sottoposti
sia la gravità (una d’accelerazione di gravità molto vici-
delle quattro intera- no al valore convenzionale di
zioni fondamentali), (9,80665 m/s2), stabilita dalla ter-
dobbiamo risalire al za CGPM nel 1901.
Caduta di un grave 1666 a Sir Isa- Senza contare gli esperimenti sulla
ac Newton , e a caduta dei gravi condotti sulla torre
quando la sua testa fu colpita da di Pisa.
un’irriverente mela (anche se sembra In questo filmato viene riproposto
non sia mai accaduto, una leggenda l’esperimento di Galileo Galilei, da
insomma). un’astronauta sulla Luna (missione
E comunque, prima di questo Apollo 15) Effetto fionda

38
ad accelerazione di gravità, poi dob- alle basse latitudini, facendo sì che la diamagnetici o paramagnetici) e non
biamo quindi attendere Sir Isacc forza di gravità che agisce su di esso certo sulla carne o sulle ossa.
Newton e la sua mela che la sia leggermente inferiore, dato che è Ma se noi stessi fossimo dei magneti
“codifica” in legge della gravitazione inversamente proporzionale al qua- posti nello spazio (in assenza di gravi-
universale, ma presentava ancora dei drato della distanza tra i baricentri tà) ad abitare su un gigantesco polo
“punti deboli” che verranno affronta- del corpo e della Terra. magnetico, ecco che inizieremmo ad
ti da Albert Einstein nella Teoria della La combinazione di questi due effetti avvicinarci alla realtà.
relatività generale. rende il valore di g misurato ai poli Un’altra considerazione è che la gra-
In soldoni, la gravità nella fisica classi- circa lo 0,5% più grande di quello mi- vità oltre ad essere continua è an-
ca è interpretata come u- surato all’equatore. che molto precisa, stabile, quasi para-
na forza d’attrazione conservativa Riassumendo, secondo la Scienza gonabile a degli “invisibili binari” sui
agente fra corpi massivi, la cui mani- convenzionale se non abbiamo massa quali la vita può appoggiarsi sopra,
festazione più evidente, o energia, non possiamo avere un scorrendo verso la propria direzione
nell’esperienza quotidiana, è la forza campo gravitazionale e quindi la gra- (crescita).
peso. vità (una “mela” difficile da digerire). Dobbiamo quindi immaginare una
Come definizione, in fisica il campo Infatti, qualcuno come il ricercato- forza magnetica (una “Colla Magneti-
gravitazionale è un definito come la re Erik Verlinde ha iniziato a mettere ca”) capace d’interagire su qualunque
deformazione dello spazio- in discussione “la mela” con altre Te- tipo di materia che esiste sul nostro
tempo creata dalla presenza di corpi orie pianeta, a cui siamo sottoposti conti-
dotati di massa o energia. …e secondo la Scienza di Confine che nuamente, istante per istante, e che
Si tratta del campo associato cos’è la gravità?
all’interazione gravitazionale, una Ma prima alcune considerazioni.
delle quattro interazioni fondamenta- Ora proviamo per un’instante a im-
li. maginare il nostro pianeta Terra
In meccanica classica, il campo gravi- (nonostante la sua massa) senza for-
tazionale è trattato come un campo za gravità su di esso, che cosa succe-
di forze conservativo, mentre derebbe ?
in relatività generale è un campo ten- Per prima cosa addio all’atmosfera,
soriale, rappresentato matematica- non ci sarebbe più nessun tipo di for-
mente da un tensore metrico, legato za a contenere i gas senza più peso
alla curvatura dello spazio-tempo at- che compongono l’atmosfera terre-
traverso il tensore di Riemann. stre, l’acqua degli oceani, quella che imprime un’accelerazione a ogni ato-
Il campo gravitazionale generato dal- scorre nei fiumi o delle cascate si tro- mo di cui è composta la materia stes-
la Terra, ad esempio, in prossimità verebbe a fluttuare libera. sa.
della superficie terrestre assume va- Forse solo le piante rimarrebbero ben Scriveva Edward Leedskalnin, il crea-
lori prossimi a 9,8 m/s², e per conven- piantate nel terreno (finché non inizia tore di Coral Castle (Homestead in
zione si adotta tale valore di riferi- anch’esso a fluttuare), inutile dire che Florida, USA) nel suo libro “Magnetic
mento per l’accelerazione di gravità. fine farebbero tutte le specie animali: Current” del 1945 :
L’effettiva accelerazione che la Terra http://www.youtube.com/watch?v=O9XtK6R1QAk In un magnete permanente il “vero
http://www.youtube.com/watch?v=JAWuMd6GOfs
produce su un corpo in caduta varia, Senza la gravità la vita non può esi- magnete” non è il metallo ma le par-
al variare del luogo in cui questa è stere; la cara gravità, che diamo tanto ticelle che compongono il campo ma-
misurata. per scontato, è più importante gnetico e che vi ci scorrono
Il valore dell’accelerazione aumenta dell’aria che respiriamo e dell’acqua all’interno.
con la latitudine per due ragioni: che beviamo. Le particelle che compongono il cam-
- la rotazione della Terra, che produ- Esiste una forza in natura che intera- po magnetico sono “piccolissime”
ce una forza centrifuga che si oppone gisce con la materia in modo imme- e penetrano qualunque cosa, attra-
all’attrazione gravitazionale; questo diato, anche se ci troviamo nello spa- versano più facilmente il metallo che
effetto da solo fa sì che zio: il magnetismo. l’aria.
l’accelerazione di gravità sia Intimamente, almeno una volta, avre- Sono in costante movimento da una
9,823 m/s² ai poli e 9,789 m/s² mo pensato che il magnetismo direzione contro l’altra e se guidate
all’equatore; c’entra con la gravità, ma in che mo- nei giusti canali, possiedono il movi-
- lo schiacciamento della Terra ai poli, do, dal momento che i magneti per- mento perpetuo.
che allontana ulteriormente dal cen- manenti interagiscono solo con alcuni I magneti del Nord e Sud possono es-
tro della Terra ogni corpo che si trova metalli (che possono essere anche sere magneti (forza magneti-

39
Tubo Vortex riflessione/inversione (da immagi-
nare in verticale)

ca) singolarmente (o solo del Nord


o solo del Sud ed è u-
na dichiarazione di monopolo ma-
gnetico)
Il Nord e Sud come magne-
ti individuali sono forze cosmiche, che l’atomo magnetico). cambia verso, velocità, colore e
esse mantengono insieme questa La Fonte di questo “Flusso” è il polarità, risalendo verso
terra e qualunque cosa su di essa. nostro sole, unico corpo attivo di la superficie del pianeta (si realiz-
Per essere di qualche uso pratico tutto il sistema solare; dal sole za un’aspirazione d’energia mono-
devono essere presenti in grande parte il flusso d’energia mono- magnetica proveniente dal sole,
quantità. magnetica positiva (di “Colla Ma- che darà vita al fenomeno finale
In un magnete permanente a vol- gnetica”), seguendo un movimen- della gravità).
te alcune particelle riescono a to a spirale, come un vettore o un Risalendo lentamente e vortican-
sfuggire dal campo magneti- nastro trasportatore, trasporta do in senso opposto (sinistro), tra-
co, ma sopraggiungono altre a luce, calore e radiazioni con esso passando qualunque tipo
prendere il loro posto. (ed è quindi quella che diverrà di materia, imprimeranno u-
gravità sulla terra). na “seconda accelerazione ma
Sono delle dichiarazioni che de- Il vortice di Flusso d’energia posi- questa volta antigravitazionale”
scrivono il magnetismo in una ma- tiva discendente proveniente dal (trattandosi di un flusso ascen-
niera completamente diversa da sole, investirà il pianeta Terra sot- dente), che stabilizza e definisce
quello che è il classico dipolo ma- toponendolo a una formidabile quella che viene finalmente per-
gnetico in fisica. pressione magnetica: le particelle cepita come “forza di gravità” (in
I monopoli magnetici sono la trapasseranno qualunque tipo di questo dualistico vorticare ascen-
“Colla Magnetica” che può essere materia presente sul piane- dente e discendente, non viene
sia positiva (del Nord) o negativa ta, imprimendo una “prima acce- formata materia in modo acciden-
(del Sud), in ambedue i casi ha lerazione gravitazionale” verso il tale e ne viene dissolta quella già
effetto su qualunque tipo centro del pianeta. esistente, solo esercitata la risul-
di materia esistente sulla terra. Le particelle mono-magnetiche tante e stabile “forza di gravità”
Ma da dove proviene un flusso positive vorticando (verso destra) come la avvertiamo, a causa delle
così potente, veloce e abbondan- attraverseranno la materia senza differenti velocità delle due cor-
te di particelle mono- danno, poiché la materia stessa è renti di flusso mono-magnetiche).
magnetiche positive, tale da im- formata da queste particelle Il Flusso d’energia mono-
primere ai gravi quella che poi vie- (sia positive che negative) che si magnetica negativa opaco aspira-
ne percepita come sono unite solidificandosi in una to dal sole, risalirà fino ad esso,
“accelerazione di gravità”? particella neutra (come in dove ostacolerà/impedirà la fuori-
Questo viene spiegato da Pier Lui- un microscopico magnete perma- uscita d’energia magnetica positi-
gi Ighina, nella sua “Legge del Rit- nente a livello atomico). va luminosa nel suo punto
mo” (e le particelle mono- Nessun tipo di materia presente d’impatto, dando origine a u-
magnetiche altro non sono sul pianeta può fermarle poiché na“macchia solare” perforando
piccolissime, arriveranno da tutte con verso sinistroso la granulazio-
le parti fino a un’esatto punto si- ne fotosferica solare.
tuato nel centro del pianeta, dove
collideranno.
A questo punto , come similmente
si verifica in un Tubo Vortice di
Ranque-Hilsch (Ranque-Hilsch
Vortex Tube – RHVT), avverrà una
riflessione e inversione delle parti-
celle mono-magnetiche: l’energia
da positiva (fascia rossa nella figu-
ra) diventa negativa (fascia blu) e

40
http://www.youtube.com/watch?v=n7q8oknyHek
loro viaggio verso la terra (si muo- forma di vita terrestre non risen-
Queste immagini provengono dal vono dal sole nello spazio con mo- tono la potente pressione eserci-
telescopio giapponese Hinode; gli tata dall’energia magnetica lumi-
astronomi, visionandole, sono ri- nosa se non indirettamente come
masti confusi perché mostrano le peso o forza di gravità (o come
emissioni di plasma ricadere verso vedremo in seguito, una “prima
la superficie del sole, venendo a- forza di gravità”).
spirate all’interno del sole stesso Entriamo con l’energia solare
e riassorbite (vedere anche nell’interno del globo terrestre (il
la Teoria di Nassim Haramein). magma viene riscaldato da essa e
“Con queste conoscenze possibili a siccome niente può fermare il pe-
realizzarsi in un tempo non lonta- netrare di queste particelle se non
no, il genere umano verrà portato Il sole è come un proiettore cinemato-
le particelle stesse, esse raggiun-
grafico che proietta la sua rotazione
ad una rinnovata esistenza in ar- geranno tutte insieme un unico
monia con le forze della natura” esatto punto nel centro del piane-
(PierLuigi Ighina). vimento a spirale a causa della ta in cui si scontreranno); vedre-
Inizieremo la trattazione della loro uguale polarità positiva, ten- mo così che al centro di esso le
Legge del ritmo con estratti dai dono a respingersi tra di loro). particelle solari, non rallentate
vari allegati che Ighina pubblicava Esse attraversano la luna che ne perché sfuggite all’impatto con le
a nome del C.I.S.M (Centro Inter- rallenta in parte la velocità e giun- sostanze terrestri, formano come
nazionale Studi Magnetici). Andia- gono sulla terra esercitando su di un piccolo sole. Questo piccolo
mo a vedere che cos’è il sole da essa una notevole forza e pressio- sole (interno) della terra
vicino, con la mente libera. Esso è ne (come un’arancia stretta salda- (chiamato Aurora) agisce come
formato di una materia che si mente in un pugno). Esse scendo- una parabola infuocata che attrae
muove, si arroventa, si trasforma no verso la terra con movimento a verso di sé le particelle
producendo Energi- dell’energia solare rallentate dalla
a MagneticaLuminosa (o asiatico materia terrestre e quindi prive di
Yang, ndr). Cosa vuol dire Energia luminosità e riflettendole le rilan-
Magnetica Luminosa? cia verso il sole (scontrandosi av-
viene un’inversione e riflessione;
l’energia calda Yang diventa fred-
da, yin cambia colore dal giallo al
blu, risalendo al sole con rotazio-
ne sinistrosa). Il sole attrae verso
di sé le particelle rallentate e ri-
spirale e si introducono in essa flesse dal fuoco interno della ter-
come farebbe una grossa vite che ra, grazie alla minor potenza che
stringa senza far conoscere la le differenziano da quelle che nel
pressione esterna. È appunto gra- sole stesso sono ancora a livello
Energia è il movimento delle par- zie a questo movimento a spirale originario (l’energia terrestre yin
ticelle che compongono la mate- che gli esseri umani e ogni altra essendo vicina alla sua origine co-
ria solare in continua trasforma- lora il cielo di blu, cosa che non
zione. riesce alla gialla solare
Magnetica è la capacità posseduta Yang distante dalla sua origine).
da tali particelle di respingere par- In questo modo, a partire dal cen-
ticelle uguali a se stesse e di atti- tro della terra, si sviluppa un mo-
rare quelle differenti. vimento ascendente di energia
Luminosa è la potenza di velocità magnetica non luminosa, che in
del movimento di tali particelle. parte bilancia la pressione
Seguiamo queste particelle di e- dell’energia solare sulla superficie
nergia magnetica luminosa nel terrestre (quindi la forza di gravità

41
che avvertiamo è una for- gravitazionale del Sole che applica una differenza molto interessante
za risultante tra l’energia discen- la sua pressione sulla superficie di tra i due poli d’una barra magneti-
dente gialla luminosa Yang e quel- pianeti , su tutte le cose su di essi ca. Infatti, le particelle magneti-
la ascendente anti-G blu opaca e nelle loro profondità cm3 per che sono uguali in forza e numeri
yin). cm3 (Gravità). Per questa ragione in entrambi i poli. Ma non si com-
Vediamo ora cosa succede quan- la Terra e gli altri pianeti del siste- portano allo stesso modo, infatti
do l’energia magnetica priva di ma solare sono considerati FERMI c’è un po’ più di attrazione con il
luce, salendo dalla terra con movi- (IMMOBILI). Polo Sud verso il basso a spingere
mento a spirale di senso contrario 2) Nel sistema solare qualunque via la limatura di ferro, mentre
a quello dell’energia luminosa, effetto di movimento (quale orbi- non vi è più l’attrazione mentre si
viene assorbita nella fornace sola- tale o di rotazione) è illusorio, poi- solleva la limatura di ferro con il
re. ché dato dal movimento a spirale Polo Nord. Anche se le forze sono
http://www.youtube.com/watch?v=Gvb11bmE1vU dell’energia magnetica positiva uguali in forza, non significa che
Penetrando nel sole essa provoca, (Yang), che come un vettore tra- siano esattamente identiche.
nella parte intaccata, un impedi- sporta luce, calore e radiazioni Questa differenza della forza at-
mento all’uscita dell’energia ma- provenienti dal Sole, che seguono trattiva dei poli magnetici su di un
gnetica luminosa, creando una il percorso a spirale dell’energia. corpo metallico (limatura di ferro)
macchia scura chiamata dagli es- http://www.youtube.com/watch?v=oH7yuBFQAAA può esser data, appunto, dal di-
seri umani “macchia solare” Pier Luigi Ighina: “Qui abbiamo la sturbo che esercitano i flussi della
(l’esplosione o eruzione solare si macchina rotativa che produce il legge del ritmo d’Ighina: le forze
verifica in prossimità di queste movimento rotatorio d’energia uguali si sommano (quelle dei ma-
macchie solari dovute appunto Solare. La quale da la possibilità di gneti e dell’energia Yang/yin),
all’impedimento/ ostacolo subita far vedere gli oggetti in movimen- schiacciando di più la limatura di
dall’uscita energetica). to per impressione e se voi vedete. ferro, mentre forze opposte si sot-
Le macchie solari, come è noto, Quest’oggetto qua sopra ch’è fer- traggono diminuendo l’attrazione
producono variazioni sul campo mo si vede l’immagine in movi- risultante sulla limatura. Credo
magnetico terrestre e sono provo- mento. (proiezione esterna ma nel che sia questo il modo in cui Lee-
cate non solo dalla terra ma an- caso della terra la proiezione è dskalnin si sia orientato su gravità
che dall’energia non luminosa di interna su di essa). Questo è la e antigravità (e dimostra che la
ritorno dagli altri pianeti del siste- cosiddetta presa in giro che il sole gravità è un fenomeno di natura
ma solare. fa a tutti gli scienziati del mondo! magnetica!)
Il duplice movimento a spirale di Quando gli scienziati cominceran- In oltre osservate la disposizione
energia magnetica ascendente e no a capire questo cominceranno della limatura non schiacciata che
discendente, che collega il sole e a conoscere cos’è il ritmo solare- chiaramente è sottoposta a forza
la terra, è stato chiamato “Ritmo terrestre!” diagonale…( tipo “/” o di tipo “\”)
Magnetico”(ed è la vera essenza Segue un’interessante animazione
dell’Etere). di sistema solare, da prendere in
Esso è il promotore di ogni vitalità considerazione il model-
e manifestazione energetica esi- lo Ticonico (dove il sole va consi-
stente sul globo terrestre. derato al centro al posto della
Terra).
Considerazioni
1) La Terra e tutti gli altri corpi Modello Sistema Solare (da selezionare il
Tychonian) N.B. benché le forze sembrino u-
celesti sono immersi nella morsa guali è nella differenza di velocità
Attività Solare e Macchie solari in Real con cui precipitano i monopoli
Time positivi sulla terra ad imprimere
l’accelerazione ai gravi, mentre
Aggiornamento l’energia negativa più lenta la
La legge del ritmo dimostrata compensa.
Si noti la perforazio-
da Edward Leedskalnin? Nel suo
ne con verso sinistro-
so della granulazione libro “Magnetic Current”, scopre
fotosferica

42
Il transito di
Venere
e la fine di
un ciclo

SIRIO
la Stella del Cane

The Blue Room Project

43
SIGNS Magazine – Anno II – Numero 5 – Settembre 2012
che seguono, un menu che predilige po-

EDITORIALE
che ma importanti portate, il tutto condi-
to dalla certezza che non possiamo co-
struire il presente se non siamo consape-
voli del nostro passato, e non possiamo
nostra stessa identità è offuscata dalle accedere a questa consapevolezza se
incertezze e dai dubbi, probabilmente ignoriamo totalmente le nostre origini,
bisogna fermarsi un attimo, riprendere così come non possiamo costruire il futu-
fiato e iniziare a domandarsi quale sia il ro se non abbiamo bene in mente chi
vero senso di tutto ciò che ci circonda, di siamo e chi vogliamo essere.
quello che ci tiene prigionieri e di quello Buona lettura
che potrebbe invece renderci liberi. Ho Roberto La Paglia
sempre pensato che la ricerca nel campo
delle tematiche misteriose non sia sol-
tanto un particolare hobby al quale si
dedicano animi sognatori e fantasie sfre-
nate; indagare le nostre origini, la storia,
i suoi enigmi, oppure volgere lo sguardo
in alto e pensare che altre forme di vita,
non necessariamente simili alla nostra,
possano popolare l’universo, è un cam- Rivista di informazione ufologica, esopolitica,
mino che si snoda attraverso due ben misteri e scienze di frontiera.
Quanto realmente conosciamo del mon- distinte fasi, che si riveleranno in seguito
do che ci circonda, e quanto ancora si in perfetta sinergia tra loro. Non si può Supplemento gratuito,
nasconde ai nostri occhi, gelosamente indagare il mistero senza prima indagare abbinato a “Tracce d’eternità”
custodito da un passato che, forse, non si su noi stessi, senza effettuare quella ri-
sente ancora pronto a palesarsi in uno scoperta del proprio essere che sarà il Direttore Responsabile Emilio Raciti
scenario che di certo lo sminuirebbe e lo primo passo verso un nuovo modo di
Direttore Editoriale Roberto La Paglia
taccerebbe di falsità. La situazione attua- sentire e percepire il mondo. Chi indaga
Coordinatore Salvatore Giusa
le non ci concede certo molte divagazio- il mistero quasi sempre si ritrova a sco-
ni, le priorità sono cambiate e con esse è prire che, in realtà, ha sempre indagato Webmaster e coordinazione in Rete Roberto La Paglia
cambiato anche il mondo di vivere e sen- se stesso, perché proprio l’uomo è il più Editor esterno / Direttore grafica Simone Barcelli
tire quanto ci accade intorno In un mo- grande dei misteri. Da questa consapevo-
mento così particolarmente delicato, nel lezza nasce la speranza di un mondo e di Siti di riferimento
quale il futuro non soltanto si tinge di un futuro migliore, costruito da uomini e www.ufosigns.org
nero ma, sempre più spesso, si nasconde donne che si sentono intimamente parte- http://esomisteri.blogspot.com
all’orizzonte dei nostri sguardi, il fatto cipi di quanto gli accade intorno. Questa www.centroufologicosiciliano.info
stesso di impegnarsi a capire diventa un varietà di sensazioni, modi di percepire e Partner
valore aggiunto del quale si sente un e- di osservare le cose, è anche il riassunto http://wearealiens.wordpress.com/
stremo bisogno. Per quanto cultura e di questo nuovo inserto di SIGNS, attra- http://centroufologicotaranto.wordpress.com/
http://www.centroufologicosiciliano.info/
conoscenza vengano ormai relegati nei verso il quale ci addentreremo nel mon- http://www.cauitalia.beepworld.it/
più oscuri meandri di un sistema caratte- do dei segreti militari con le notizie rela- http://inaufraghidellestelle.blogspot.com/
rizzato dall’informazione stile “mordi e tive al Blue Room Project, ma esplorere- http://aurelio132.interfree.it/csfsite.htm
fuggi”, ampiamente di parte e non così mo anche connessioni che risiedono in http://www.eugeniosiragusa.it/home.html
http://ovniparanormal.over-blog.com/
libera come molti ancora si ostinano a dimensioni diverse, in correnti di pensie- www.simonebarcelli.org
farci credere, è necessario rimboccarsi le ro che formano quasi un ponte attraver-
maniche e ricominciare da zero, e non so il quale cielo e terra, stelle e pianeti, I numeri arretrati di SIGNS Magazine sono acquistabili
online:
soltanto da un punto di vista sociale, eco- simboli e realtà, si incontrano continua-
nomico o politico, la vera necessità è mente all'ombra di Sirio, la Stella del Ca- http://www.ufosigns.org
quella di riscoprirsi e dare un senso alla ne, l'importante contributo firmato http://esomisteri.blogspot.com
nostra esistenza. Quando si inizia a per- dall'amico Carlo Barbera. www.centroufologicosiciliano.info

dere la coscienza di se stessi, quando la Questo ed altro troverete nelle pagine


44
The Blue Room Project Roberto La Paglia

Molto spesso il colore blu viene associato so quindi, dato che uno degli enigmi più
al volo e, in particolare, viene usato come impenetrabili è quello degli Ufo, il proget-
identificativo rispetto a tutto ciò che orbi- to sviluppato nella base di Wright Patter-
ta intorno alla tecnologia aerospaziale e son venne battezzato “Blue Room Pro-
all’aviazione militare. ject”.
Si tratta del colore dell’Air Force, che ricor- Su questo identificativo sono sorte decine
da il cielo e i suoi infiniti misteri; non a ca- e decine di ipotesi, tutte legate tra loro da
45
un unico filo conduttore: il progetto Blue interno non può essere di certo casuale; an-
Room riguarda artefatti extraterrestri in ma- che in questo modo, comunque, rimaniamo
no al governo, sarebbe quindi la prova defi- ancora legati al campo delle ipotesi, provia-
nitiva del fatto che la verità è stata per anni mo quindi a spostare la nostra attenzione su
manipolata e abilmente nascosta ai nostri un altro fronte, quello della documentazio-
occhi. ne.
Una affermazione del genere, che rispecchia Una delle prime richieste inoltrate al FOIA
in fondo quel ragionevole dubbio ormai pre- (Freedom of Information Act), venne fatta il
sente nella maggior parte di coloro che, di- 30 dicembre del 1980 dal ricercatore Wil-
rettamente o indirettamente, seguono la liam Moore; il 7 gennaio del 1981, Moore
questione Ufo, potrebbe acquistare maggior ricevette una laconica risposta da parte del-
valore qualora si riuscisse a rispondere con la U.S. Air Force attraverso la quale veniva
assoluta certezza ad un semplice quesito: informato che non esiste alcun file riguar-
esiste veramente il Blue Room Project? dante un Progetto Blue Room, così come
I dati in nostro possesso, provenienti da in- non esiste materialmente nessuna Blue
dagini effettuate da ricercatori indipendenti, Room in nessuna delle basi dislocate nel ter-
riescono a fornirci soltanto due informazio- ritorio americano.
ni, due indizi che diventano il punto di par- Nonostante ciò bisogna registrare un evento
tenza per questa indagine: il progetto Blue che sembra smentire queste due afferma-
Room nacque intorno agli Anni ’50 e fu sicu- zioni: il fatto in questione riguarda il senato-
ramente operativo nel periodo tra il 1955 e re ed ex generale Barry Goldwater, il quale,
il 1965; esisterebbe uno spezzone di pellico- durante una intervista, riferì di un suo collo-
la in 35 mm che documenterebbe quanto quio avvenuto nella prima metà degli Anni
classificato all’interno del progetto. ’60, con il generale Curtis LeMay. Durante
Trovandoci costretti a confrontarci con quel- quella conversazione il senatore disse di es-
le che, al momento, appaiono come pure e sere a conoscenza di una stanza nella base
semplici ipotesi, non possiamo fare altro che di Wright Patterson nella quale venivano cu-
scavare più a fondo in cerca di notizie più stodite attrezzature e macchinari posti sotto
consistenti. il massimo codice di segretezza.
Nel gergo in uso presso l’Intelligence, una Si potrebbe ovviamente obiettare che non
Blue Room identifica una porzione di spazio necessariamente il senso di questa frase
posta all’interno di un edificio di massima debba essere riferito a materiali di origine
sicurezza, uno spazio progettato e attrezzato aliena, potrebbe anche trattarsi di tecnologi-
per contenere elementi classificati ad alta a terrestre in fase di sperimentazione, que-
sensibilità o di elevato interesse tecnologico. sto però non chiarisce per quale motivo,
A questo punto è lecito supporre che, se quando Goldwater chiese di accedere alla
Wright Patterson è effettivamente collegata sala, gli venne bruscamente negato il per-
con la questione Ufo, una Blue Room al suo messo.

46
Riconoscendo che anche questo dubbio non tivamente esistito, anche se non possiamo
scioglie completamente le riserve sulla que- con altrettanta certezza identificare di cosa
stione, non ci resta che passare ad un suc- il progetto stesso si occupasse.
cessivo documento, la lettera di un privato L’indagine sarebbe quindi chiusa, ma in real-
cittadino, Brian Parks, indirizzata al FOIA; tà non è così!
proprio a questa lettera i militari risposero La questione si complica
in maniera del tutto sorprendente, contrad- Proprio quando alcuni dubbi stavano per
dicendo quanto scritto in risposta a William sciogliersi la questione si complica; d’altra
Moore. parte chiunque abbia un minimo di espe-
“…esiste una sala chiamata Blue Room ma rienza rispetto a questo tipo di indagini non
tutti i file e i documenti che la riguardano, dovrebbe certo stupirsi.
siano essi fotografici che contributi video, Nel maggio del 2012 Anthony Bragaglia spe-
sono stati bruciati”! disce una mail al centro richieste del FOIA,
L’Air Force ammette quindi l’esistenza di una chiedendo maggiori delucidazioni rispetto al
Blue Room, un progetto in funzione già da progetto Blue Book.
anni che per qualche misterioso motivo è Dopo poco tempo una mail di risposta lo av-
stato soppresso, arrivando addirittura a di- visa del fatto che è stato assegnato un nu-
struggere completamente ogni tipo di docu- mero di protocollo alla sua richiesta; passa-
mentazione. no ancora pochi giorni e una nuova mail, fir-
La lettera riportata in foto è del tutto chiara, mata Lynn Kane Centro Analisi FOIA, lo avvi-
riporta un numero di progetto e un numero sa che la sua richiesta è stata girata al NASIC
di identificazione USAF entrambi relativi alla (National Air and Space Intelligence Center),
Blue Room; i fraintendimenti, a questo pun- il quale si ripromette di rispondere al più
to, sono ridotti al minimo: i filmati girati in presto essendo l’ente al quale fa riferimento
35 mm sono stati distrutti, insieme a tutto il il Blue Room Project.
resto del materiale, il 9 settembre del 1965, In pratica, nella risposta, Lynne Kane, am-
stranamente dopo qualche anno mette nuovamente che l’Air Force è a cono-
dall’interesse manifestato da Goldwater e scenza del Blue Room Project, che questo è
dal rifiuto di fargli visitare il progetto. stato ospitato presso la base di Wright Pat-
Il Blue Room Project quindi, come la stessa terson, e che adesso è parte del NASIC che
lettera conferma, venne avviato nel 1955 e ne è responsabile.
andò avanti per diversi anni; i relativi filmati Questa risposta riapre l’intera questione e
vennero distrutti (?) dalle Forze Armate nel aggiunge una nuova, curiosa, coincidenza al
1965; il colonnello Anderson, che firma la discorso rimasto in sospeso che riguardava
lettera, fornisce anche un numero di proto- la vera finalità della Blue Room.
collo e un identificativo. Pur confermando ancora una volta
Potremmo a questo punto ragionevolmente l’esistenza del Progetto non si accenna a
affermare che un Blue Room Project è effet- nessuna distruzione o chiusura dello stesso,

47
mentre il riferimento al NASIC risulta parti-
colarmente curioso, visto che proprio in un
documento rilasciato da questa organizza-
zione, documento che ne definisce la mis-
sion, si legge testualmente: “…raccogliere e
analizzare dati di intelligence su attuali e fu-
ture minacce provenienti dall’aria e dallo
spazio”.
La tentazione di accostare questo estratto
all’idea diffusa che la Blue Room contenga
reperti alieni è di certo molto forte, ma an-
diamo avanti con il nostro racconto.
Il 17 maggio 2012, ad appena tre giorni
dall’ultima mail, Bragaglia riceve una lettera
che fa cadere nuovamente un velo misterio-
so sull’intero caso.

“Department of the Air Force


National Air & Space Intelligence Center (AF
ISR Agency)
Wright-Patterson AFB Ohio Abbiamo cercato più volte in passato per
17 maggio 2012 quanto riguarda i record associati a "Blue
NASIC / SCOK (FOIA) Room" ma senza alcun esito. Qualora inter-
4180 Watson Way pretasse questa risposta come una negazio-
Wright-Patterson AFB OH 45433-5648 ne di informazioni potrà appellarsi al segre-
Mr. Anthony Bragalia tario dell'Air Force entro 60 giorni dalla data
(Indirizzo) della presente lettera. In questo caso dovrà
allegare al suo appello i motivi per il riesame
Gentile Signor Bragalia: e una copia della presente lettera. L'appello
Questa lettera viene scritta in merito alla sarà trasmesso al segretario dell'Air Force,
sua richiesta, datata 26 aprile 2012 e indiriz- Thru: NASIC / SCK (FOIA), 4180 Way Watson,
zata al Freedom of Information Act (FOIA), Wright-Patterson AFB OH 4533-5648.
in merito ai record relativi al "Blue Cordiali saluti,
Room".Alla sua richiesta è stato assegnato il Gery D. Huelsman
numero di protocollo FOIA 2012-03668-F. Libertà NASIC Manager Information Act”
E’ stata condotta una ricerca in merito ai re- Se non esiste alcun record, a cosa si riferiva
cord da lei richiesti, ma senza nessun risulta- il colonnello Anderson?
to. Questa stessa domanda venne rivolta da

48
Bragaglia il 5 giugno 2012 proprio al NASIC,
insieme a un altro dubbio: come avrebbe
fatto il colonnello Anderson ad ammettere
che la pellicola della Blue Room era stata di-
strutta se di questa misteriosa camera non
esiste alcun record? Quali fonti aveva con-
sultato? Se non esiste alcun record da dove
provengono i numeri di identificazione ri-
portati nella risposta?
In merito alle nuove richiesta si attende an-
cora una risposta; sembra quasi di assistere
ad un remake della vicenda che ebbe come
pro ta go ni sta la mi ster ios a IPU
(Interplanetary Phenomenon Unit), sulla
quale ancora si attendono risposte, ma que-
sta è un’altra storia, l’ennesimo racconto di
verità nascoste che purtroppo sembra ormai
diventato così comune quando si cerca di
capire cosa realmente si muove dietro gli
spessi drappi che nascondono il potere ai
nostri occhi.

Nell'era della comunicazione globale istantanea - l'ufologia, anziché trarre giovamento da un'informazione
sempre più libera ed incontrollabile, ha subito un grave danno. Perchè oggi chiunque, nel più assoluto ano-
nimato e senza avere un minimo di preparazione in materia, può impunemente riversare nel Web le infor-
mazioni più assurde, i falsi video più spudorati, le storie più inverosimili. Ed è stato così che, all'alba del
terzo Millennio, di pari passo con la progressiva apertura di molti archivi governativi e militari, anziché assi-
stere alla morte della «congiura del silenzio» UFO (il sistematico insabbiamento di dati sino all'eliminazione
fisica di chi sapeva o diceva troppo), abbiamo visto nascere la «congiura del rumore», vale a dire l'inonda-
zione della Rete con materiale fasullo, al punto che oggi, persino per i ricercatori più esperti, diventa diffi-
coltoso districarsi nella ragnatela di bugie. In quest'opera La Paglia non cedendo alla seduzione degli scoop
da Web ricostruisce puntigliosamente quello che fu il substrato bellico e militarista in cui si manifestò per
le prime volte in maniera palese il fenomeno UFO: il Ventennio fascista, la Seconda Guerra Mondiale, il
maccartismo della Guerra Fredda. Fu in quest'ultimo contesto di spie, di caccia alle streghe e di operazioni
top secret USA che, nel Paese che ha il più alto numero di servizi segreti, iniziarono a muoversi misteriosi
«silencers» dai sistemi spicci e violenti, i fantomatici Men in Black che oggi ispirano film e fumetti; e fu quel-
lo il periodo in cui si segnalarono orripilanti mattanze di uomini e animali, con modalità che di convenziona-
le avevano ben poco. E in barba a ciò, l'Amministrazione americana (presto imitata da quella sovietica) e la
scienza ufficiale continuarono a negare, a non vedere, a non sapere. O peggio, a dire di non sapere… Qui
interviene l'autore, documenti alla mano, svelando anche la storia dell'ufologia occulta, vale a dire quel
rapporto - spesso ignorato - che lega gli UFO alle religioni, siano esse «tradizionali» (come il Cristianesimo e
le sue manifestazioni mariane) o «pagane», come lo gnosticismo. Quindi scava a fondo nei segreti militari: dal progetto HAARP alle scie chimi-
che, dai Governi Ombra alle basi sotterranee; infine, passa al setaccio gli enigmi spaziali di questa e di altre terre, Marte incluso: scoprirete così
le molteplici tipologie aliene ed il modus operandi degli E.T. stessi, attraverso rapimenti UFO, sparizioni di feti, ma anche fenomeni di occulta-
mento sottomarino e persino di «luci fantasma" e di «UFO di ghiaccio».

49
Magia Rituale, fenomeno UFO e strategie del controllo

SIRIO
la Stella del Cane Carlo Barbera

La personale esperienza nel campo delle manifestazioni fenomeno aereo di natura non identificata, sia esso una
UFO e del Contatto con Entità Extraterrestri ci porta a forma di luce plasmatica percepita dagli occhi umani,
considerare il fenomeno come espressione della co- più o meno soggetti ad una qualsiasi forma di espansio-
scienza umana e della mente, collocandolo nel campo ne di coscienza, o un ben più materiale veicolo spaziale
di quelle forze più intimamente legate al nostro essere sperimentale che esegue incomprensibili manovre nei
e al nostro andare, in altre parole, alla nostra identità cieli dell’Area 51.
cosmica, ed eterna. Sarà solo la nostra fantasia a limitare i connotati del
Non volendo neppure prendere in considerazione le fenomeno, mai negandogli i connotati di un fatto
scientifiche idiozie degli scettici ad oltranza e dei de- “reale” ma rendendolo semmai inesplicabile, un labirin-
bunkers, l’ipotesi Extraterrestre, che per prima ha ten- to misterioso quanto la nostra mente.
tato di spiegare il fenomeno UFO, è stata affiancata da Per chi, come noi, è esploratore della coscienza, non è
altre teorie di cospirazione e di controllo mentale che difficile collegare il fenomeno UFO e la pratica del Con-
dipingono un’umanità succube di governi ombra e vam- tatto Extraterrestre alla magia, alla meditazione, alla
piri alieni, e da teorie di squarci nel continuum spazio- psichedelia, e a tutte quelle pratiche atte all’espansione
tempo che permettono l’ingresso ad apparizioni ultra- della coscienza e del campo di percezione della realtà.
terrene, che possono indifferentemente assumere la Senza voler assolutamente dire che gli UFO sono frutto
forma di dischi volanti, Uomini-Falena, Chupacabras o, di allucinazioni, possiamo invece affermare con una
se vogliamo, la vergine Maria. discreta certezza che sono il prodotto di una coscienza
Quel che è certo è che il fenomeno UFO è complesso e espansa. Vale a dire che i testimoni di avvistamenti Ufo,
multiforme e non può essere spiegato esclusivamente coscienti o meno, raggiungono in quel preciso momen-
in termini di piccoli e poco socievoli scherzi della natu- to, per disparati motivi, uno stato di coscienza dilatato,
ra, provenienti da Zeta Reticoli a bordo dei loro caduchi recettivo quindi a gamme di frequenze abitualmente
mezzi volanti, con sei dita, la pelle grigia, la passione non percepibili o relegate a livelli subconsci e non ela-
per la violazione della privacy e per l’umano DNA. borate dalla mente cosciente.
Il termine UFO indica, molto meno emotivamente, un Simili stati di coscienza, raggiunti per mezzo di trance

50
indotta o spontanea, mettono in comunicazione i me- decenni.
dium ed i channelers con energie sottili ed entità. Lo Crowley chiamò tali esseri "entità Enochiane" presumi-
stesso dicasi per le operazioni magiche dove i maghi bilmente perchè per l’evocazione fu utilizzata una
realizzano rituali per invocare spiriti e demoni. “chiamata Enochiana”, un sistema cabalistico di lin-
LA MAGIA RITUALE DI ALEISTER CROWLEY guaggio concepito nel diciassettesimo secolo dal mago
Un esempio classico e completo di tali procedure può elisabethiano, Dr.John Dee.
essere la famosa “Amalantrah Working” (Operazione Tramite le “chiamate Enochiane” il Dr.John Dee ed il
Amalantrah) realizzata nel 1918 dal leggendario occulti- suo “scrutatore”, Edward Kelly, ebbero, più di un secolo
sta inglese Aleister Crowley. Tale operazione magica prima, i loro strani incontri con quelli che definirono
produsse una serie di visioni che Crowley ricevette da “piccoli uomini”, che si muovevano all’interno di “una
Gennaio a Marzo di quell’anno attraverso la “Donna piccola nuvola fiammeggiante”.
Scarlatta” del tempo, Roddie Minor. Nella sua vita, Cro- Il favorevole risultato magico ottenuto da Crowley in
wley, ebbe un certo numero di “Donne Scarlatte”, che questa operazione lascia pensare che, con la magia ritu-
agirono come “Canali” per le trasmissioni ultraterrene ale, egli aprì intenzionalmente un portale di ingresso
di origine angelica e/o demoniaca evocate dalle sue che permise alle entità LAM, come ad altre entità, un
operazioni magiche. accesso al piano della Terra.
La Donna Scarlatta aveva un ruolo fondamentale nei Alcuni sono convinti che Crowley attinse dalla stessa
rituali di magia sessuale realizzati da Crowley, che com- oscura e misteriosa riserva sub-conscia collettiva da cui,
binava, con molta disinvoltura, droghe e pratiche defi- negli ultimi decenni, scaturisce il fenomeno di massa
nite al tempo, oscene e bestiali, atte ad evocare quelle delle “abductions”, come descritte e documentate da
energie potenti e misteriose ‘praeter-umane’ dalle qua- esperti nel campo come Budd Hopkins, John Mack, Da-
li Crowley voleva così ardentemente attingere. vid Jacobs ed altri. Ma prima di addentrarci in tali consi-
Riportiamo alcune frasi di uno dei più grandi conoscito- derazioni è importante sottolineare che la maggioranza
ri di Crowley, Kenneth Grant, pubblicate nel suo degli addotti riescono a ricordare e ricostruire i dettagli
“Aleister Crowley e il Dio Occulto” (Ed.Astrolabio): delle loro esperienze con gli alieni solo dopo essersi
sottoposti a sedute di regressione ipnotica.
“Crowley era consapevole della possibilità di aprire i E’ doveroso a questo punto ricordare che per mezzo
cancelli spaziali e di immettere una corrente extraterre- della regressione ipnotica, il soggetto viene introdotto
stre nell’onda vitale umana…Vuole una tradizione oc- ad uno stato di coscienza alterato, sicuramente dilata-
culta - espressa da Lovecraft in modo persistente nei to, non dissimile a quello prodotto dall’hashish e dal
suoi scritti – che un qualche potere transfinito e super- sesso rituale descritto in operazioni magiche come
umano stia schierando le sue forze con l’intento di inva- l’Amalantrah Working, ed utilizzato per innescare
dere e prendere possesso di questo pianeta… Questo l’apertura di un portale di ingresso a queste misteriose
ricorda gli oscuri accenni di Charles Fort riguardo alla entità. Secondo Kenneth Grant, questa tradizione è sta-
presenza sulla terra di una società segreta già in contat- ta tramandata e resa viva dagli Adepti moderni di Alei-
to con esseri cosmici che, forse, sta già preparando la ster Crowley, i quali seguono i suoi passi praticando
via per il loro avvento. Crowley dissipa l’aura di male magia rituale per rendere attiva la Corrente 93, flusso
con cui Lovecraft e Fort tingono il fatto; egli preferisce di volontà stellare veicolata da queste “entità aliene”.
interpretarlo thelemicamente, non come un attacco alla Nel suo “Outside the Circles of Time” Grant scrive:
coscienza umana, ma abbracciando altre stelle ed as- ”Alcuni credono che il fenomeno UFO sia una parte del
sorbendo le loro energie in un sistema che ne è quindi “miracolo”, e una crescente massa di prove sembra
arricchito e reso veramente cosmico…” suggerire che entità misteriose sono presenti
all’interno dell’atmosfera terrestre da tempo immemo-
Attraverso l’Operazione Amalantrah – che nei rituali rabile e che un numero sempre maggiore di persone
includeva l’ingestione di hashish e mescalina – Crowley nascono con l’innata capacità di vedere, o in qualche
entrò in contatto con un’entità interdimensionale chia- modo percepire la loro presenza… Quelle che un tempo
mata LAM, che risulta essere estremamente simile erano le preghiere per un intervento divino sono ora
all’immagine di “grigio” divenuta popolare negli ultimi divenute un’invocazione ad entità extraterrestri o inter-

51
dimensionali, a seconda se le manifestazioni siano inte- Da un punto di vista magico, il portale d’ingresso per
se accadere all’interno della coscienza umana, o entità extraterrestri aperto da Crowley con il contatto
all’esterno di essa, invocazioni rivolte a entità apparen- con l’entità LAM può essere stato potenziato ed ulte-
temente oggettive ma spesso invisibili. riormente aperto dall’operazione Babalon di Parson ed
La Loggia Nuova Iside possiede nei suoi archivi i sigilli di Hubbard, producendo uno straordinario salto in avanti
alcune di queste entità. I sigilli provengono da un gri- nel paradigma della coscienza umana.
moire di origine sconosciuta che forma una parte Come Kenneth Grant scrive:
dell’oscura qabalah di Besqul, localizzata dai maghi nel “L’Operazione (Babalon) ebbe inizio…esattamente pri-
Tunnel di Quliefi. Il grimoire descrive Quattro Porte di ma dell’ondata di inspiegabili fenomeni aerei definiti
ingresso extraterrestre nel e dall’Universo conosciuto.” Dischi Volanti. Parson aprì una porta e qualcosa l’ha
Grant si riferisce a una forma di magia rituale praticata attraversata volando.”
da gruppi come la Golden Dawn e l’Ordo Templi Orien- Alcuni ricercatori, ipotizzano che la detonazione delle
tis (O.T.O.). I "Sigilli" sono composti da linee e diagram- due bombe atomiche sul Giappone alla fine della Se-
mi che rappresentano le firme di entità accessibili ad un conda Guerra Mondiale, possa aver in qualche modo
mago addestrato che abbia familiarità con le “chiamate contribuito all’apertura di questa porta tra le dimensio-
Enochiane” ed altri metodi di evocazione degli “spiriti”. ni o, almeno, attratto la curiosità di nostri vicini galatti-
Un grimoire è un elenco di tali sigilli ed un manuale per ci.
il loro uso. La Storia Thelemica racconta che nel 1947 terminò il
Nel 1946, un noto discepolo di Crowley, Jack Parson, un primo stadio dell’Operazione Babalon, quando le strade
tempo capo della branca californiana dell’O.T.O. e cele- di Parson ed Hubbard si divisero tumultuosamente
bre scienziato missilistico, utilizzò questa tradizione di (sembra che Hubbard fuggì con la moglie di Parson e
contatto interdimensionale e, con l’aiuto di “Frater H”, una gran parte della sua ingente fortuna). Fu in quello
realizzò nel deserto californiano una serie di operazioni stesso anno, che ebbe inizio l’era moderna degli UFO,
magiche chiamate “Babalon Workings” che portarono con l’avvistamento di Kenneth Arnold, sul Monte Rai-
al contatto con un genere di entità, niente affatto dissi- ner, nello Stato di Washington, seguito, non molto tem-
mile al LAM di Crowley. po dopo dal leggendario schianto di un disco volante a
La vicenda si rende ancor più bizzarra se si tiene pre- Roswell, in New Mexico.
sente che il collega di Parson in tale operazione, citato Il 1947 fu anche l’anno del trapasso della Grande Be-
come Frater H, era in realtà L.Ron Hubbard, più tardi stia, Aleister Crowley e, solo l’anno successivo, nel
conosciuto come il capo carismatico e fondatore di 1948, Albert Hoffmann diede la nascita all’LSD.
Scientology. Accanito sostenitore della connessione tra i misteriosi
Sembra che Hubbard svolse un ruolo simile a quello di eventi che fermentarono nell’inconscio collettivo tra il
Edward Kelly, “scrutatore” del già citato Dr.John Dee, di 1946 ed il 1948, il ricercatore John Judge, rilasciò
cui Crowley era un ardente ammiratore. un’intervista a radio KPFK di Los Angeles, il 12 Agosto
Uno scrutatore opera come un recettore di comunica- 1989, in un programma chiamato “Unidentified Fascist
zioni ultraterrene, spesso usando una sfera di cristallo, Observatories” (Osservatori Fascisti Non Identificati), in
in congiunzione con i rituali e le cerimonie del mago, al cui dichiarò che Kenneth Arnold e Jack Parson erano
fine di convocare esseri provenienti da altre dimensio- colleghi di volo, sebbene non sono stati trovati riscontri
ni. a supporto di tale dichiarazione.
Mago e scrutatore lavorano assieme, mano nella mano, Quel che è certo è che Parson ed Hubbard realizzarono
evocando questi esseri ultraterreni: siano essi angeli, la loro operazione magica ed il loro contatto interdi-
demoni o spiriti dei defunti. mensionale con entità aliene nel deserto della Califor-
La Donna Scarlatta di Crowley adempiva a questa stes- nia, negli stessi anni in cui questa zona fu teatro di stra-
sa funzione; ad esempio, la prima moglie di Crowley, ordinarie manifestazioni ed attività di dischi volanti.
Rose Kelly, ricevette in stato di trance magica i tre capi- LA CORRENTE STELLARE DI SIRIO
toli del celebre Libro della Legge, il manoscritto che In questo scenario sorsero in quegli anni “contattati”
traccia la fondazione della filosofia magico-religiosa di come Gorge Adamski e Gorge Hunt Williamson che de-
Crowley, Thelema. scrivevano il proprio tipo di messaggeri cosmici traspor-

52
tati da dischi volanti, navi sigariformi, spesso originari ziatico riattivato da Crowley, era simbolo ed espressio-
dal pianeta Venere, o altri pianeti del nostro sistema ne della diretta volontà di Nu-Iside (Sirio) e, come Ken-
solare. neth Grant ha dichiarato, Crowley “identificava inequi-
Nel 1930, prima dell’incontro con i suoi “Fratelli dello vocabilmente il suo Santo Angelo Guardiano con Sothis
Spazio”, George Adamski gestì un monastero denomi- (Sirio), o Set-Iside.”.
nato “Ordine Reale del Tibet”, che gli permise di otte- A questo proposito, deve essere ricordato il “Mistero di
nere un permesso per produrre del vino sacrificale du- Sirio” di Robert Temple, pubblicato nel 1977, che docu-
rante il periodo del Proibizionismo. menta la storia della tribù Dogon in Africa, e dei loro
Quando il Proibizionismo terminò, anche il monastero favolosi incontri con i Nommo, una razza di esseri, con
di Adamski chiuse le sue porte, ed egli decise di aprire tre occhi e chele da granchio, provenienti da Sirio.
un chiosco di panini vicino all’Osservatorio di Monte Secondo quanto racconta la leggenda dei Dogon, questi
Palomar. Qui Adamski dichiarò di aver aiutato gli astro- emissari intergalattici tramandarono alla tribù africana
nomi a fotografare diversi UFO, ma tale dichiarazione dati astronomici risalenti fino al 3200e.v., tra cui la co-
non fu mai confermata dal personale dell’osservatorio. noscenza che Sirio ha una stella compagna, invisibile
Il primo incontro di Adamski con i Fratelli dello Spazio all’occhio nudo.
avvenne nel Deserto Mojave, il 20 Novembre 1952, Queste leggende anticipano enormemente l’avvento
quando, in compagnia di Gorge Hunt Williamson ed dei telescopi, e furono successivamente confermate
alcuni altri amici, fu testimone di un inseguimento di un dagli astronomi. Questa stella compagna, Sirio B, non fu
oggetto sigariforme da parte di jet militari. mai fotografata prima del 1970.
Proprio prima di scomparire alla vista, la nave spaziale Oltre alla conoscenza riguardante Sirio B, i Dogon cono-
espulse un disco argentato, che atterrò a breve distan- scevano le quattro Lune di Giove, l’anello attorno a Sa-
za da Adamski e i suoi compagni. turno, e che i pianeti del nostro sistema solare orbitano
Quando egli si avvicinò al disco fu salutato da un uomo attorno al sole.
con lunghi capelli bianchi, vestito con una tuta ad unico Nel “Mistero di Sirio”, Temple fa risalire il contatto con i
pezzo. Nommo a Sumer, circa nel 4500 e.v. A quel tempo, egli
L’uomo spiegò telepaticamente di essere originario di dice, queste creature con tre occhi e chele da granchio,
Venere e di essere preoccupato dalla possibilità che le apparvero nelle loro potenti navi spaziali provenienti
radiazioni della boma atomica potessero raggiungere dalle stelle, concedendo all’umanità vasti segreti; rive-
altri pianeti del sistema solare; disse anche che vari es- lando misteri e conoscenza esoterica che fu tramanda-
seri provenienti da tutta la galassia stavano visitando la ta ad Adepti di varie società segrete in Egitto, nel Me-
Terra nutrendo la stessa preoccupazione. dio Oriente ed in Grecia.
Secondo lo stesso Adamski, egli fu preso a bordo di una Temple sostiene che questi iniziali contatti posero i se-
nave aliena e volò visitando diversi luoghi nell’universo, mi per le varie religioni misteriche, i cui germogli inclu-
compreso il lato oscuro della Luna. dono personaggi come Giordano Bruno, il Dr.John Dee,
Durante il corso della sua scorribanda aerea, Adamski l’intera tradizione che pose le pietre di fondazione della
scattò una serie di fotografie delle quali, sebbene famo- Massoneria, ed altre scuole segrete di conoscenza eso-
sissime, è stata spesso discussa l’autenticità. terica come i Cavalieri Templari e i Rosacroce.
In “Osservatori Fascisti Non Identificati”, John Judge La Massoneria sostiene che la civilizzazione della Terra
asserì che Adamski era uno strumento della CIA, e nel fu inizialmente formata da Iniziati provenienti dal siste-
suo giro di conferenze nel mondo negli anni ’50 e ’60 ma solare di Sirio, equiparati alla Trinità Egiziana di Isi-
seminò disinformazione per conto dell’Agenzia. de, Osiride e Horus. In questa mitologia, Osiride è un
Il collega di Adamski, Gorge Hunt Williamson, autore di precursore del Cristo, divinità morente che poi risorge,
molti libri sugli UFO, promulgò l’idea di un battaglia tra formando le basi del sacerdozio Egiziano
il bene ed il male, tra i “buoni” provenienti dalla Stella dell’adorazione del dio Sole.
del Cane, Sirio, contro i “cattivi” provenienti da Orione. Gli adepti di queste religioni misteriche si sono sempre
Il pianeta Sirio è un tema ricorrente nel campo riferiti a se stessi, in un modo o in un altro, come Illumi-
dell’Occulto e del fenomeno UFO. nati, coloro che sono stati “illuminati” dall’adorazione
La Stella d’Argento, il misterioso ed antico Ordine Ini- del dio solare e della dea lunare.

53
Nel suo trattato, Temple nota che l’intero calendario voodoo.
Egiziano compiva una rivoluzione attorno ai movimenti Secondo quanto riferito, operazioni magiche condotte
di Sirio e che il calendario annuale iniziava con i “giorni con questi rituali nel 1922, evocarono un’entità chia-
del cane”, il periodo in cui Sirio sorgeva dietro il Sole. mata LAM, esattamente la stessa entità con cui Aleister
Secondo Philip Vandenburg nel suo “La maledizione del Crowley entrò in contatto alcuni anni prima.
Faraone”: “un archeologo chiamato Duncan MacNau- Il già citato contattista gorge Hunt Williamson, tra il
ghton scoprì nel 1932 che il lungo tunnel oscuro nella 1950 ed il 1960, evocò alcuni presunti abitanti di Sirio,
Grande Piramide di Cheope funziona come un telesco- conversando con essi in linguaggio “enochiano” o
pio, rendendo visibili le stelle anche durante il giorno. “angelico”, già usato da John Dee nel 1700 e successi-
La grande Piramide è orientata, secondo MacNaughton, vamente da Aleister Crowley.
per fornire una visione, dalla Camera del Re, dell’area Nei suoi vari libri e nelle molte conferenze Williamson
del cielo del Sud in cui Sirio si muove durante l’anno”. parlò anche della presenza sulla Terra di una società
La più brillante stella dei cieli, Sirio, è utilizzata nella segreta che era stata in contatto con Sirio per migliaia
navigazione perchè rimane fissa nel cielo. Volendo fare di anni; l’emblema di questa società segreta era
un paragone, Sirio è approssimativamente 35 volte più l’occhio di Horus, altrimenti conosciuto come l’occhio
grande del nostro sole, ed è considerata nei circoli eso- che tutto vede.
terici come “il dio occulto del cosmo”. In un affascinante saggio intitolato: “Magia, Sesso, As-
Il famoso emblema dell’occhio ‘che tutto vede’ sospeso sassinio, e la Scienza del Simbolismo”, l’autore James
sopra la piramide tronca, oltre ad essere un motivo co- Shelby Downard descrive un “culto di adorazione a Si-
mune alla tradizione massonica è, prima di tutto, la de- rio” che era arrivato fino ai più alti livelli della CIA.
scrizione dell’Occhio di Sirio. Non è un segreto che mol- In questo brano provocatorio, Shelby descrive uno dei
ti dei padri fondatori della Nazione Americana furono loro rituali che avevano luogo nell’Osservatorio Palo-
Massoni; ciò spiega la strana presenta dell’Occhio di mar sotto la luce di Sirio, telescopicamente focalizzata
Sirio sulla banconota da un dollaro, un simbolo visto per inondare i suoi partecipanti della luce della maesto-
ogni giorno da milioni di persone in tutto il pianeta, sa Stella del Cane.
un’immagine impressa per sempre nella psiche umana. PSICOTRONICA
In tempi recenti, un intero esercito di teorici della co- Dopo l’onda di interesse per Sirio iniziata nel 1970 da
spirazione attribuisce all’antico simbolo dei connotati Robert Temple, nel 1974, lo scrittore di fantascienza
insidiosi ed oscuri. Per essi l’occhio nel triangolo rap- Philip F.Dick visse una sorta di “esperienza mistica” che
presenta i temibili “Illuminati”, oscuri e potenti perso- ebbe origine in una serie di “contatti” che egli definì
naggi che occupano gli occulti posti alla cima della Pira- “trasmissioni psicotroniche”.
mide, e che connettono fra loro ordini fraterni e società Esse iniziarono il 20 Marzo 1974, sotto forma di potenti
segrete come i Cavalieri di Malta, la Massoneria e i Ro- onde mentali che lo inondarono con una quantità smi-
sacroce, in un’estesa trama di cospirazione atta ad isti- surata di impulsi cerebrali audio visivi, descritti da Dick
tuire un nuovo ordine mondiale, un futuristico incubo come violenti e sgradevoli, dei “messaggi morti”.
Orwelliano, una società totalitaria mascherata da de- Durante le settimane seguenti, fu disturbato da manife-
mocrazia libertaria, che usa linguaggi e simboli della stazioni notturne nella sua camera da letto, “attività di
Massoneria per programmare le masse. fosforo viola, per otto ore ininterrotte”; tale manifesta-
A rendere ulteriormente confusa una situazione già zione era la sorgente degli impulsi mentali che sopraf-
abbastanza complessa, il XX° secolo ha visto sorgere facevano Dick con immagini di grafica moderna ed e-
una nuova generazione di contatti che rendevano o- stratta, con musica sovietica che risuonava nella testa,
maggio alla “Stella del Cane”, accrescendo di ulteriori nomi e parole pronunciate in linguaggio russo. Lo scrit-
elementi la leggenda dell’Occhio sospeso sulla Pirami- tore giunse alla conclusione di essere il bersaglio delle
de. trasmissioni di agenti del controllo mentale sovietico.
Proprio al volgere del secolo, un gentiluomo di Haiti di Inizialmente Dick aveva una percezione negativa delle
nome Lucien-Francois Jean-Maine costituì un ordine emanazioni che invadevano la sua mente ma successi-
chiamato il “Culto del Serpente Nero”, che utilizzava vamente cominciò a percepire nella forza che lo contat-
rituali dell’O.T.O. di Crowley combinati con pratiche tava qualcosa di completamente differente.

54
In una lettera a Ira Einhom, datata 10 Febbraio 1978, altri casi nella letteratura del contatto.
Dick entrò nei particolari della sua esperienza con le MK ULTRA
aggressioni psicotroniche è dichiarò che, ad un certo C’è da dire che la stella Sirio non è stata solo menziona-
punto, le trasmissioni gli “sembravano senzienti”. Spie- ta nella ricerca occulta e nella fenomenologia del con-
gò che percepiva chiaramente una forma di vita aliena, tatto ufologico ma è anche stata posta in relazione ad
localizzata in uno strato superiore dell’atmosfera della alcuni esperimenti di controllo mentale facenti parte del
Terra, che era stata “…attratta e potenziata dalle tra- nefasto progetto della CIA denominato MK ULTRA.
smissioni psicotroniche sovietiche a micro-onda.” E Iniziato presumibilmente nel 1953, all’interno di un pro-
che, attraverso di esse era entrata in contatto con lui. gramma esente dalla supervisione del Congresso, il pro-
Questa forma di vita aliena operava come una getto MK-ULTRA era composto da agenti addestrati co-
“stazione”, un terminale di una qualche forma di rete di me “spie psichiche”, che testavano radiazioni, shock
comunicazione interplanetaria che “…conteneva e tra- elettrici, microonde ed impianti elettrici su soggetti in-
smetteva grandi quantità di informazioni.”. consapevoli.
Secondo le affermazioni di Dick, nei mesi che seguiro- Lo scopo finale di MK-ULTRA era quello di creare assas-
no, il contatto con l’entità aliena che intanto aveva bat- sini programmati.
tezzato Zebra, migliorò enormemente le sue condizioni A questo proposito la CIA testò anche un’ampia gamma
mentali e fisiche. Inoltre l’entità aliena gli fornì com- di droghe al fine di scoprire il composto chimico ideale
plesse e precise informazioni riguardo se stesso e ri- per il controllo mentale. L’LSD fu una delle droghe che
guardo suo figlio che, secondo Zebra, era affetto dalla interessò maggiormente gli psichiatri della CIA, al punto
nascita da un grave difetto non diagnosticato che ri- che nel 1953, l’Agenzia tentò di acquistare l’intero fab-
chiedeva urgente ed immediata chirurgia. bisogno mondiale di acido lisergico dai Laboratori San-
La moglie di Dick si precipitò con il bambino dal medico doz, in Svizzera. E’ un dato di fatto che, per molti anni,
chiedendo un controllo riguardo il difetto indicato da la CIA fu la sorgente principale di LSD legale o meno.
Zebra e, con lo sgomento generale, si apprese che il Negli ultimi decenni varie informazioni sulla tecnologia
bimbo era effettivamente affetto da quella grave defor- del controllo mentale si sono diffuse nella comunità di
mazione. ricerca, anche grazie ad un gentile signore finlandese di
Un intervento chirurgico fu programmato d’urgenza nome Martin Koski ed alle sue affermazioni riportate in
per il giorno seguente ed il bambino fu salvato. La mo- un libretto che titola “la mia vita dipende da voi”. Koski
glie di Dick, Tessa ed altri testimoni degli eventi hanno ha diffuso la sua terribile descrizione di un mondo sog-
da allora confermato le predizioni di Zebra riguardante getto ad un esteso controllo mentale, documentando
le sue condizioni mediche e quelle del figlio, Christo- l’alterazione cerebrale subita su se stesso e su molti al-
pher. tri. I presunti operatori di queste nefaste operazioni di
Phil Dick era sicuro della totale positività di Zebra e no- controllo mentale includevano agenzie di Intelligence
tò il suo grande disprezzo per i sovietici e per i loro e- come la Royal Canadian Mounted Police (RCMP), la CIA
sperimenti psicotronici. Zebra rivelò a Dick che la Terra e l’Intelligence Finlandese.
stava morendo, e che lo sconsiderato utilizzo dei gas Sirio viene evocata, nei racconti di Koski, ancora una
propellenti stava “…distruggendo lo strato di atmosfera volta in un episodio di controllo mentale. Egli sosteneva
in cui Zebra…esisteva”. di essere stato rapito e che i “dottori” che avevano ope-
Solo diversi anni dopo la sua mistica esperienza con rato su di lui avevano dichiarato di essere “alieni prove-
Zebra, Phil Dick scrisse una novella, basata su questi nienti da Sirio”.
eventi, intitolata VALIS. Nel romanzo Zebra prese il no- Nel suo libro Koski sosteneva che questi personaggi gli
me di VALIS (Vast Active Living Intelligence System) e avevano impiantato uno schermo nella memoria per
veniva identificato come un prodotto del sistema stella- celare la loro identità e le loro intenzioni.
re di Sirio e descrivendo i suoi operatori come esseri Sulla base di affermazioni come questa trovò credito la
con tre occhi e muniti di chele. teoria, sostenuta da un gruppo di ricercatori nei primi
Mai prima di allora Phil Dick aveva citato Sirio nei suoi anni ’90, che i rapimenti alieni fossero una copertura
racconti ma con VALIS la Stella del Cane ebbe in quegli per il programma di controllo mentale messo in atto dal
anni una grande popolarità, alla quale contribuirono progetto MK-ULTRA, un inganno perpetrato dagli spettri

55
della CIA. fantomatica apparecchiatura denominata TLE
Secondo Walter Bowart, nella sua riedizione di (Temporal Lobe Epilepsy) ritenuta da molti il congegno
‘Operation Mind Control’, una vittima del controllo utilizzato dagli aggressori psichici per sferrare trasmis-
mentale racconta di un incidente accaduto presumibil- sioni psicotroniche come quelle riportate nel romanzo
mente all’inizio degli anni ’70. Nei ricordi recuperati VALIS di Philip Dick.
attraverso la regressione ipnotica, è stato rivelato che Una delle fenomenologie più frequenti attribuite al TLE
la vittima era stata al centro di un finto rapimento alie- è la visione del divino, la creazione di forme di comuni-
no, con l’intenzione di creare uno schermo che avrebbe cazione diretta con dio o con divinità di qualsiasi forma
nascosto il reale programma in atto sulla vittima. Il sog- e natura.
getto dichiarò di aver visto un bambino vestito in un COMMUNION
piccolo costume alieno, simile in apparenza a quello Whitley Strieber, autore del best seller “Communion”,
degli alieni di Spielberg. nel tentativo di spiegare la propria esperienza di rapi-
Questo non fornisce certamente una spiegazione esau- mento, prese in esame la possibilità di essere stato vitti-
riente per l’intero fenomeno ufologico e neppure vuole ma del TLE.
significare che forme di intelligenza extraterrestre non Gli esami che eseguì per accertare un condizionamento
abbiano mai visitato la Terra. E’ comunque sconcertan- psicotronico risultarono negativi ma rimane notevole la
te considerare l’impatto che il fenomeno dei rapimenti componente magica nella sua esperienza e nel suo per-
alieni ha avuto sulla coscienza umana e quanto tutto sonale modo di affrontarla.
ciò abbia mutato le credenze e le strutture psichiche di Dopo l’iniziale regressione ipnotica che lo rese coscien-
milioni di abitanti di questo pianeta, creando un nuovo te per la prima volta della presenza dei “visitatori”,
paradigma che solo alcune decine di anni fa era del tut- Strieber iniziò a praticare una forma di meditazione per
to impensabile. evocare nella sua mente la loro immagine, in modo da
Walter Bowart nel suo “Operation Mind Control”, affer- poterli descrivere con maggiore dovizia di particolari.
ma che alla fine degli anni ’70, il membro del Congresso Al primo tentativo di evocazione riuscì a visualizzare con
Americano Charlie Rose, ebbe un incontro con un in- estrema facilità un alieno grigio nel campo visivo della
ventore canadese che aveva ideato e costruito un el- sua mente.
metto che simulava stati di coscienza e di realtà senso- Cosciente o meno di aver compiuto un’evocazione ma-
riale. Rose prese parte ad un esperimento che consiste- gica a tutti gli effetti, Strieber, ripeté l’esperimento in
va nella riproduzione di un programma di rapimento molte occasioni, evocando volontariamente questi es-
alieno dallo scenario estremamente realistico e dram- seri oltre il velo della percezione.
matico. L’elmetto produceva campi magnetici a bassa Precedentemente alle sue esperienze di contatto, Strie-
frequenza sui lobi temporali, l’area di effetto associata ber fu un membro della Fondazione Gurdjeff,
alla distorsione temporale e ad altri stati alterati di co- un’organizzazione di auto-trasformazione dedicata alle
scienza. tecniche di meditazione e di espansione della coscienza
E’ probabile che l’inventore dell’elmetto fosse il elaborate dal mistico russo G.I.Gurdjeff. Strieber ha
Dr.Michael Persinger, clinico neuropsichiatria e profes- spiegato che le tecniche apprese in
sore di neuroscienza, il cui lavoro negli anni si è focaliz- quell’addestramento e particolarmente una forma di
zato sugli effetti dei campi elettromagnetici sugli orga- canto a doppia tonalità, gli avevano permesso di rima-
nismi biologici e sul comportamento umano. Il nere cosciente in alcune esperienze con i visitatori che
Dr.Persinger fu anche l’inventore di un “elmetto magi- altrimenti avrebbe vissuto in modo inconsapevole.
co” di cui si occupò la stampa americana in quegli anni. Ciò che allora Strieber non sapeva era che lo stesso Gur-
Alcuni ricercatori collegarono il nome di Persinger alle djeff era in contatto con esseri di Sirio, proprio attraver-
operazioni di intelligenze connesse al progetto MK UL- so questo metodo del canto a doppio tono, che può
TRA. anche essere definito come “Canto Enochiano”.
Egli sosteneva la teoria che gli UFO sono il prodotto di In Communion, Strieber sostiene che lo stato mentale
effetti elettromagnetici rilasciati dalla crosta terrestre prodotto dagli incontri con i ‘visitatori’ potrebbe asso-
sottoposta a stiramenti tettonici. migliare a quello prodotto da una rara droga chiamata
L’elmetto di Persinger aveva caratteristiche simili alla Tetradotossina, che in piccole dosi causa anestesia e-

56
sterna, e in dosi maggiori può provocare esperienze di Ciò che vogliamo ipotizzare è l’effettivo potere di tali
“uscita dal corpo”. Dosi ancora maggiori di tale droga Atti, liberandoli da ogni valutazione morale e da ogni
possono simulare esperienze di morte. Secondo Strie- restrizione ideologica. Liberare il potere che ha reso
ber, la Tetradotossina è la sostanza di base per il possibile l’ingresso nella sfera della coscienza umana di
“veleno degli zombies” di Haiti. Ciò che non dice è che un nuovo paradigma cosmico, all’interno del quale la
la Tetradotossina fu precisamente uno dei molti compo- razza umana può trovare la propria funzione simbiotica
nenti psicoattivi utilizzati dalla CIA per il loro leggenda- con le altre razze dell’universo.
rio progetto MK-ULTRA. I tentativi degli uomini, spesso goffi e disastrosi, di pos-
In Communion, Strieber sostiene la possibilità che i Gri- sedere tale potere hanno generato dei mostri senza
gi, per comunicare, possono non aver utilizzato telepati- testa, che si nutrono degli incubi da loro stessi generati.
a mentale ma qualcosa di natura più tecnica come onde Non è questa la storia che condurrà al futuro e non è
a frequenza extra bassa irradiate nel suo cervello. questa la storia che la futura umanità ricorderà alle sue
Su questa linea, Strieber aggiunge che la stessa terra origini.
genera una grande quantità di campi magnetici nel L’onda stellare di Sirio, che scorre impetuosa dalle Porte
campo da 1 a 30 hertz.che interagiscono con la nostra del Tempo, appare essere l’artefice della nostra Muta-
mente e la nostra energia. Esistono forse condizioni na- zione. La straordinaria accelerazione evolutiva del ‘900,
turali per la risposta del nostro cervello, come esperien- che include le due guerre mondiali e tutte le tremende
za psicologica della nostra specie vivente su questa cre- convulsioni della razza umana, sembra istruita da invin-
atura macrocosmica. Esiste una relazione con il nostro cibili potenze cosmiche, regolate dalla legge della Forza.
pianeta che non abbiamo ancora compreso completa- La Forza che conduce alla Mutazione e all’Evoluzione
mente e forse gli antichi dei, gli esseri elementari e i che è virtù nelle mani del singolo uomo, eppure lo tra-
moderni visitatori sono solo un effetto di un mistero più valica essendo Volontà stessa dell’Universo.
grande. Se c’è qualcosa da invocare, prima di tutto, è l’apertura
IL FUTURO della mente di fronte allo sconosciuto, la disponibilità a
Affrontando il fenomeno ufologico e l’ipotesi extrater- mettere in discussione se stessi e le strutture portanti
restre dal punto di vista esoterico della magia rituale, del proprio mondo. Oltre ciò vi è l’esperienza, la diretta
abbiamo tracciato uno scenario forse oscuro, forse in- conoscenza delle cose che apre nuovi portali alla sag-
quietante, privo cioè di risposte che possano sedare la gezza.
nostra atavica ansia di uomini di fronte a realtà scono- Oltre ciò vi è l’esperienza diretta dell’universo, quello
sciute. Abbiamo piuttosto messo in evidenza occulte che, ormai certamente, sembra essere il nostro futuro.
relazioni tra mondi distanti o spesso in apparente con- "La mia osservazione dell’Universo mi convince che ci
flitto fra loro, mondi nascosti, sia pure per differenti sono esseri di intelligenza e potere di più alta qualità
motivi, agli uomini ignari di un destino di cui non risulta- che qualsiasi cosa che possiamo concepire come umana;
no essere padroni. che essi non sono necessariamente basati sulle strutture
Sono gesta di uomini ai margini ad aver tracciato la sto- cerebrali e nervose che noi conosciamo, e che l’unica e
ria, con lettere d’oro o di sangue. Sono gesta che spesso sola possibilità per il genere umano di avanzare
rimangono oscure, nascoste tra le pieghe del mondo, nell’insieme è di prendere contatto individualmente con
appunti ai confini della Storia degli uomini e della civil- tali esseri”.
tà. A.Crowley, 1944
Sono atti di coraggio o di viltà, come eroici e maledetti
sono gli uomini ed i loro sogni più profondi.
Le porte dimensionali aperte dalle epiche operazioni
magiche del Dr.John Dee e di Aleister Crowley sono tra-
mandati come sogni di visionari e perversi. E’ la Storia,
che si sbarazza degli eroi, maledicendoli con la propria
viltà. Altri hanno fatto della perversione un’arte di logi-
ca e forse sono proprio quelli che la Storia la scrivono
indisturbati.

57
NEWS

I primi neuroni coltivati sulla nanocellulosa

(ANSA) – GOTHENBURG, 4 APR – Cellule ner- hanno mostrato che la nanocellulosa stimola
vose coltivate su nanoimpalcature di cellulo- la formazione di un network di neuroni. La
sa potrebbero essere il primo passo verso la tecnica, secondo i ricercatori, potrebbe con-
creazione di modelli tridimensionali del cer- tribuire alle ricerche sul cervello in particola-
vello. Il risultato si deve all’universita’ di re studi che riguardano la malattia di Alzhei-
Chalmers e all’universita’ di Gothenburg che mer e la malattia di Parkinson.

Morto Neil Armstrong, primo uomo sulla Luna


(TGCOM 24) All'età di 82 anni è morto Neil Armstrong, il for mankind", un piccolo passo per un uomo, un balzo da gi-
primo uomo che il 21 luglio del 1969 mise piede sulla Luna. A gante per l'umanità. Neil Armstrong nacque il 5 agosto 1930
dare la notizia è stata la rete americana Nbc. Armstrong, co- in Ohio figlio di Stephen Koenig Armstrong e Viola Louise En-
mandante della missione Apollo 11, aveva subito un interven- gel, famiglia di origine tedesca. Combattè come pilota di jet
to chirurgico di quadruplo bypass coronarico lo scorso 7 ago- per la marina militare americana nella guerra di Corea. Ha
sto. Obama: "E' stato tra i più grandi eroe americani". Neil frequentato la Purdue University, dove si laureò in ingegneria
Armstrong è morto per "le complicazioni post operatorie" aeronautica nel 1955. Diventò pilota civile e per la NASA testò
dopo l'intervento chirurgico di quadruplo bypass coronarico l'X-15, in grado di raggiungere i 6.401 km/h. Fu selezionato
che subì il 7 agosto scorso. Lo ha reso noto la famiglia dell'au- come astronauta nel 1962. Per il Programma Gemini comandò
stronauta che ha definito Neil "un eroe americano riluttante", la missione Gemini 8, che fu la prima che vide l'aggancio di
che, "ha servito la nazione con orgoglio, due oggetti orbitanti, nel 1966, ma subito
come pilota di caccia della marina, di aerei dopo l'aggancio la missione fu interrotta a
sperimentali e austronauta". Neil Ar- causa di un malfunzionamento dei propul-
mstrong si colloca tra i più grandi eroi ame- sori di manovra. Nel 1968 fu comandante
ricani: così il presidente statunitense, Ba- dell'equipaggio di riserva nella missione
rack Obama, commenta la scomparsa del Apollo 8, che prevedeva anche orbite luna-
primo uomo che mise piede sulla luna. ri. Il 6 maggio 1968 sfuggi' miracolosamen-
"Michelle e io siamo profondamente colpiti te alla morte in un incidente durante una
dalla morte di Armstrong", afferma il presi- esercitazione con il simulatore volante LLRV
dente in una nota. "Neil è stato tra i più (Lunar Landing Research Vehicle). Nel luglio
grandi eroi americani, ma non solo del suo 1969, Armstrong comandò la missione di
tempo, ma di tutti i tempi", aggiunge Obama, sottolineando allunaggio Apollo 11. Durante la fase di avvicinamento, Ar-
come "quando lui e il suo equipaggio atterrarono sulla luna si mstrong prese i controlli manuali del modulo lunare Eagle e lo
realizzarono le aspirazioni di un'intera nazione. Dimostrarono pilotò fuori da una zona particolarmente rocciosa. Le sue pri-
come lo spirito americano può andare oltre l'inimmaginabile" me parole furono, "Houston, qui Base della Tranquillità. L'A-
e che "niente è impossibile". "Oggi - conclude il presidente quila è atterrata". Quasi sette ore più tardi, il 21 luglio, uscì
americano - lo spirito pioneristico di Neil vive in tutti quegli dal Lem e divenne il primo essere umano a camminare sulla
uomini e quelle donne che hanno votato le loro vite alla sco- Luna. Dopo il pensionamento dalla NASA, Armstrong insegnò
perta dell'ignoto". Si tratta di un uomo - conclude Obama - ingegneria all'Università di Cincinnati. E' stato membro delle
"che ci ha insegnato l'enorme potere di un piccolo passo". commissioni che indagarono sull'incidente dell'Apollo 13 nel
Armstrong raggiunse la luna a bordo dell'Apollo 11 insieme 1970 e dello Space Shuttle Challenger nel 1986. Il 13 agosto
con Buzz Aldrin e Michael Collins il 20 luglio del 1969. Fu il 1969 il Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon gli assegnò la
primo uomo a posare piede sul suolo lunare, quando pronun- Medaglia presidenziale della libertà, la più alta onorificenza
ciò la storica frase: "That's a small step for a men a giant leap civile americana.

58
SEGNALI IN LIBRERIA
LA VERITÀ SUI CERCHI NEL GRANO
LEONARDO DRAGONI
EDIZIONI ALVORADA

Falso e bugiardo. Non direi che non è di facilissima lettura, specialmente nella prima
il libro, ma l’ambiente parte. Non perché il linguaggio sia nebuloso o i contenuti com-
che gira attorno ai plessi, ma per la costante attenzione, necessaria a seguire i
crop circle. Non so se ragionamenti proposti incessantemente dall’autore. Debbo,
la frase possa sposare poi, riconoscergli una pazienza certosina a smontare le tante
appieno il pensiero di (troppe) teorie che circolano sul fenomeno, figlie, a volte, delle
Leonardo Dragoni, ma fantasie più sfrenate. A dire il vero, nella fase iniziale di ogni
la sensazione che si ha singolo processo, fa di tutto per tentare il lettore a dar credito
leggendo le sue pagi- alla “strana” idea di turno. Poi, però, cala implacabile, ma sem-
ne è proprio questa. E pre con rispetto, la mannaia della ragione, che ne rende evi-
non potrebbe essere dente l’inconsistenza. Anche se mi sembra di cogliere che, no-
altrimenti, nel mo- nostante tutte le evidenze contrarie, ulteriormente dimostra-
mento in cui vengono te dalla casistica analizzata, la porta del mistero l’abbia solo
snocciolati, senza so- socchiusa. Forse l’ancora di salvataggio è l’assenza, nella stra-
luzione di continuità, grande maggioranza dei casi, di una seria documentazione. In
tutta una serie di per- altre parole, se dove è stato possibile reperirla si è constatato
sonaggi equivoci e che nulla vi era di anormale, ove mancante, a livello puramen-
situazioni inaccettabi- te teorico, nulla si può dire. Ragionamento formalmente cor-
li, anche al semplice retto, non c’è che dire. O forse, il suo dubbio, è anche la com-
buon senso. Si parte, prensibile concessione alla speranza che, dico per fortuna,
infatti, da banali illazioni che nessuno verifica. Con il tempo guida l’Uomo, nonostante tutto e contro tutti. Non mi sento,
verranno, poi, arricchite dai particolari più improbabili e veico- invece, di condividere l’apprezzamento, seppur solo accenna-
late come verità scientifiche. E si prosegue con affermazioni to, all’opera di Haselhoff e del BLT. Perché le aspettative, trat-
sensazionalistiche lanciate da sedicenti esperti, indifferenti del tandosi di uomini di scienza, erano tante e non credo siano
fatto che siano prive di qualunque supporto. Sanno, infatti, state mantenute. Erano loro che dovevano far fare il salto di
che sarà la massa dei belivier a farsi inconsapevolmente carico qualità allo studio del fenomeno (non certo chi accosta i cerchi
della diffusione del loro messaggio. Perché la credibilità di all’improbabile Nibiru o alla fine dei tempi), salto che, in realtà,
un’idea non è il risultato delle prove che la sostengono, ma del non c’è stato (ed il totale e successivo disimpegno del primo, e
fatto che tanti ne parlino, in una sorta di autoreferenza che si parziale del secolo, non può far pensare niente di buono. For-
poggia sul nulla (o al massimo su una spruzzatina di scienza). tunatamente negli ultimi anni, Cicap a parte, sono usciti allo
Insomma, ingenuità e faciloneria sembrano farla da padrone. scoperto alcuni validi ricercatori che, seppur timidamente,
Ma il peggio lo si raggiunge di fronte alle vergognose invenzio- hanno cominciato a guardare con occhi nuovi e disincantati al
ni di sana pianta che, purtroppo, sembrano una costante nella fenomeno (e Dragoni è uno di questi). Strada tutta in salita,
presentazione della casistica, forse figlie dell’incredibile busi- avviso, e per due motivi. A buttar li che un cerchio è perfetto e
ness di cui ormai è impregnato il fenomeno. Una parentesi creato per di più durante un nubifragio, ci vuole un battito di
personale. Mi ha fatto piacere che nella parte finale del libro ciglia, a smontar la storia un lungo e faticoso lavoro di ricerca
sia stata pubblicata, unitamente ad altre interviste, quella fat- ed analisi (più semplice cedere al “meraviglioso”). Poi, nel mi-
ta allo scrivente alcuni anni or sono. Allora ero un belivier, gliore dei casi, viene fatta attorno al ricercatore terra bruciata,
ottenebrato dalla scellerata divulgazione che da sempre si fa nel peggiore, invece, si passa agli insulti, se non alle minacce.
sull’argomento (con le dovute, seppur rare, eccezioni). Poi, ha Come in molte credenze irrazionali, il fanatismo gioca la sua
avuto il sopravvento un lungo e faticoso approfondimento parte, evidentemente. In conclusione, mi permetto di consi-
autonomo, che mi ha portato ad averne una visione diametral- gliare il libro a chi vuol davvero capire, i creduloni ne stiano
mente opposta. Un j’accuse, nella sostanza, che spero faccia alla larga, perderebbero solo tempo e denaro.
capire di come sia sempre necessario dubitare di quanto venga Stefano Panizza
detto e scritto, ed in fondo anche delle mie parole, e si debba
imparare a ragionare con la propria testa. Tornando al libro,

59
Il transito di Venere
e la fine di un ciclo
Simone Barcelli

La notizia, già diffusa all’inizio di marzo, a margine pietra rinvenuta a Tortuguero, che prevedono “la
dei lavori della terza edizione di “Kon Tiki, Rasse- discesa dal cielo di un essere soprannaturale, il
gna del Documentario di Archeologia e di Viaggi”, quale porterà…”: non si può desumere altro dalla
ha ripreso a correre incontrollata sul web poco più lastra perché illeggibile. Poiché la posta il ballo è
di tre mesi fa. In quell’occasione l’archeologa Ma- davvero alta (ne va della sopravvivenza
ria Longhena, apprezzata saggista, avrebbe dichia- dell’umanità…), urge fare alcune considerazioni
rato che il passaggio di Venere tra la Terra e il So- per riportare ordine in queste rivelazioni prive di
le, avvenuto il 5 giugno, di fatto avrebbe anticipa- senso.
to la fine del calendario Maya (e la fine del mon- Il transito di Venere L’evento, oltre che raro, era
do) perché “L’allineamento del Sole e di Venere particolarmente atteso dagli astronomi perché ha
simboleggia eventi nefasti poiché la divinità legata permesso di comprendere qualcosa in più di que-
a questo pianeta era associata a guerre, alluvioni, sto pianeta, tanto simile alla Terra. L’osservazione
carestie, tragedie”. La studiosa, riferendosi alla avvenuta con la luce riflessa della Luna, poiché il
fine del ciclo calendariale al compimento del Con- telescopio Hubble, non potendo essere puntato in
to lungo, ha tirato in ballo anche le incisioni sulla direzione del Sole, è stato rivolto verso il nostro

60
satellite, catturando la luce solare riflessa, permet- segna l’arrivo di Cortes nel Nuovo Mondo). Nella
tendo di isolare quella che ha attraversato tomba 116 di Tikal, scolpita su due ossi, è raffigu-
l’atmosfera di Venere. La sperimentazione poi pro- rata la canoa celeste, associata alla Via Lattea, che
seguirà nell’osservazione dei pianeti esterni al no- conduce il dio del mais al centro dell’Universo nel-
stro sistema solare. la notte della creazione del mondo, che per Linda
I prossimi transiti di Venere davanti al Sole avver- Schele e David Freidel (protagonisti della decodifi-
ranno nel dicembre 2117 e nel dicembre 2125, ca dei codici Maya) è il 13 agosto 3114 a.C. In ogni
perché il duplice fenomeno si concretizza nel giro modo la data iniziale del calendario maya è ancora
di otto anni. Il mondo (o il calendario Maya…) sa- fortemente discussa. Sull’argomento si è espresso
rebbe dovuto quindi terminare già l’8 giugno in maniera davvero esaustiva il ricercatore Stefa-
2004, con il primo di questi due transiti. Facendo no Panizza: “…Ma a guardare bene non tutti gli
una ricerca a ritroso di questi transiti, scopriremo archeologi sono concordi sulla data d’inizio del
che il tragico destino avrebbe potuto realizzarsi calendario (fondamentale per calcolarne la fine).
diverse volte in passato: 7 dicembre 1631, 4 di- Ci sono ben ventuno versioni, e quasi tutte diverse.
cembre 1639, 6 giugno 1761, 3 giugno 1769, 9 di- La più antica (Robert Heneling) parte dal 1 aprile
cembre 1874 e 6 dicembre 1882. del 8498 a.C., la più recente (Vaillant) inizia l’8 a-
Un calendario imperfetto Oggi la scrittura maya, prile del 2594 a.C., con una sostanziale predomi-
in buona parte decifrata, può dirsi pienamente nanza per i mesi di aprile ed agosto. Vediamole
compresa e questo ha permesso di svelare la cro- tutte e ventuno con i rispettivi autori: Robert He-
nologia di questo popolo, calcolata partendo da neling 1 aprile 8498 a.C. – Charles P.Bowditch 16
un punto determinato del Lungo computo risalen- dicembre 3634 a.C. – Charles H. Smiley 26 giugno
te al 6 settembre 3114 a.C., che a ben vedere do- 3392 a.C. – Nancy K. Owen 20 maggio 3379 a.C. –
veva rappresentare qualcosa di davvero importan- Maud W. Makemson 11 febbraio 3374 a.C. – Her-
te che andava tramandato. bert J.Spinden 15 ottobre 3374 a.C. – D.H. Kelley 6
La durata di quest’era, presidiata dal dio Xolotl luglio 3207 a.C. – Martin 3 aprile 3171 a.C. –
come rappresentazione gemellare di Quetzalcoatl, J.T.Goodman 8 agosto 3114 a.C. – Juan H. Marti-
è fissata in 5125 anni. La leggenda vuole che que- nez 9 agosto 3114 a.C. – Goodman, Martinez,
sto Sole possa terminare con esplosioni e terre- Thompson 11 agosto 3114 a.C. – Nowotny 11 ago-
moti, alla fine di un ciclo di 52 anni come avvenu- sto 3114 a.C. – Beyer 12 agosto 3114 a.C. – Grube,
to per i precedenti. Tenendo in considerazione la Sabloff, Lounsbury, Thompson (1935) F.Lounsbury
durata complessiva delle quattro ere (17.141 an- (1978) 13 agosto 3114 a.C. – Bohm, Bohumil e
ni), facendo di conto (la cronologia Mexica/ Vladimir Bohm 4 agosto 3100 a.C. – kreichgauer
Nahuatl pone il diluvio che distrusse il primo Sole 14 maggio 2997 a.C. – Hocheitner 28 dicembre
approssimativamente 13.133 anni prima della 2868 a.C. – Escalona Ramos 19 marzo 2584 a.C. –
compilazione del Codice, risalente all’11.600 a.C.), Weitzel 3 aprile 2594 a.C – Antoon, Leon, Vollema-
il Quinto Sole iniziato nel 3114 a.C. terminerebbe ere 5 aprile 2594 a.C. – Vaillant 8 aprile 2594 a.C.
nel fatidico 2012. Ma è anche vero che Maya e Oggi si tende, invece, a dare per sicura la data del
Aztechi avevano in uso due calendari che incro- 11 (o 13) agosto del 3114 a.C. che invece proprio
ciandosi tra loro, ogni 52 anni preannunciavano la certa non la è. Qualche voce fuori dal coro lo ha
possibile fine del Sole con il ritorno del Serpente comunque ribadito. Mi riferisco ai fratelli Bohumil
Piumato. La data corretta per quest’avvenimento, e Vladimir Boehm, con uno studio pubblicato sulla
ammesso e non concesso che sia esatta la data rivista Astronomiche Nachrichten, che ritengono
iniziale del calendario, andrebbe dunque spostata che la data finale sia da posticipare all’anno 2116.
al 2039 (esattamente 520 anni dopo il 1519, che Oppure al professor Gerardo Aldana

61
dell’università californiana di Santa Barbara che, “Monumento 6”, rinvenuta sulla collina di Tortu-
nel suo ultimo libro Calendars and years II: Astro- guero, a Macuspana, nel 1958) è oltretutto con-
nomy and time in the Ancient and Medieval world, troproducente per avvallare teorie sulla fine del
ritiene ci sia stato un errore di conversione del ca- mondo. Nel marzo 2011 in Messico, a Villahermo-
lendario maya in quello gregoriano (per lui la fine sa (nello stato del Tabasco), c’è stata una confe-
del calendario è il 21 dicembre del 2013). Ad ulte- renza stampa nel corso della quale è stata mostra-
riore prova della possibilità che la data del 21 di- ta al pubblico parte della stele che, seppur incom-
cembre 2012 possa non essere quella corretta, vi pleta (quattro delle sette parti della stelesaranno
sono precise discrepanze astronomiche. Eclissi e esposte quest’anno al Museo Regionale di Antro-
movimenti del pianeta Venere, per i quali abbiamo pologia Carlos Pellicer; i pezzi mancanti sono con-
le relative date nel calendario maya, non corri- servati al Metropolitan Museum di New York e in
spondono, infatti, ai fenomeni celesti che sappia- collezioni private), smentisce la data finora erro-
mo essere avvenuti in ben determinati periodi…”. neamente interpretata come un annuncio di fine
Il dio “cattivo” Il Serpente Piumato (Quetzalcoatl del mondo: il 23 dicembre 2012.
per gli Aztechi, Kukulkan per i Maya) era conside- In quell’occasione l’antropologo e archeologo José
rato il dio della stella del mattino con il titolo di Luis Romero, vice direttore dell’INAH (l’Istituto
Tlahuizcalpantecuhtli o Tlahuizcalpantecutli Nazionale di Antropologia e Storia di Città del
(“signore della stella dell’aurora”), personificazio- Messico), ha dichiarato al riguardo che “in quel
ne della stella del mattino, in sostanza il pianeta poco che possiamo vedere, in ogni lato della stele,
Venere quando appare al mattino. Dalle numero- è impressa la data del 23 dicembre 2012, in cui si
se rappresentazioni rinvenute nella Mesoamerica, prevede l’arrivo di un signore del cielo, in coinci-
non c’è ombra di dubbio che il Serpente Piumato denza con la chiusura di un numero di cicli”.
vada associato a questo pianeta. Questa divinità La data incisa sulla pietra, come ha ribadito Rome-
non era cattiva, anzi: era un dio benevolo che i- ro, rimanda a Bactum XIII, che corrisponde
struiva i nativi insegnando loro arti e mestieri. As- all’inizio di una nuova era e non certamente, co-
sociato ai venti, alla medicina e alla fertilità, la sua me finora supposto, alla fine del mondo.
permanenza tra gli umani corrisponde a un ciclo Juan Antonio Ferrer Aguilar, referente locale
felice, l’Età dell’Oro dell’Anàhuac. Il fratello ge- dell’INAH, ha aggiunto che il contenuto delle iscri-
mello Xolotl era la stella della sera: invariabilmen- zioni si riferisce alla battaglia combattuta da Ba-
te ci si riferiva al pianeta Venere. Xolotl era colui lam Ahau nel VII secolo d.C. e ad altre date impor-
che aiutava i defunti nel loro viaggio e per tale ra- tanti del suo periodo di governo: il 23 dicembre
gione è raffigurato come uno scheletro o come un 2012 è da intendere come data del declino del dio
uomo con la testa di cane (similmente alla divinità maya “dei nove passaggi” Bolom Yokte, associato
egizia Anubi). Come gemello di Quetzalcoatl rap- alla creazione dell’universo, annunciante una nuo-
presentava l’aspetto demoniaco di Venere, stella va era.
della sera. Nell’età delle Acque aveva salvato Scritto questo, c’è da aggiungere che l’attesa per il
l’umanità bagnando col proprio sangue le ossa dei 5 giugno 2012 non ci ha rubato certamente il son-
morti tanto da riportarli in vita. no. Qualche incubo, invece, potrebbe averlo chi,
La stele Maya che smentisce la fine del mondo privo di senno, continua a mettere in circolazione
Citare le incisioni presenti sulla stele Maya di Tor- notizie così tendenziose.
tuguero (una pietra calcarea denominata

62
Non prendiamoci sul serio...

63
La conferenza di Antonio Chiumiento
a Porto Cesareo (7 Luglio 2012)
Resoconto del C.U.T.
Antonello Vozza

Sabato 7 Luglio 2012 è stata presidente Vincenzo Puletto, Una altra sua caratteristica, be-
svolta nella stupenda cornice di Franco Pavone e Sergio Patrono. ne precisarlo, è che non parla
Porto Cesareo la conferenza del Abbiamo scambiato due conve- mai né di alieni, né di velivoli e-
Dott. Antonio Chiumiento, pro- nevoli e conosciuto i suoi colla- xtrarrestri: il professore lascia
fessore in economia e matemati- boratori Luca Bortali e Ofelia decidere l’interlocutore, così co-
ca. Stradella, quindi ci siamo rac- me faremo noi adesso, evitando
L’evento è stato organizzato dal contati qualche aneddoto di sto- di dire se sia un pregio o meno,
nostro caro amico Cosimo Faniz- ria ufologica. ma è sua indole di matematico,
za, senza il cui impegno questa Il professore si è dimostrato dav- come ama ripetere. L’evento, ini-
conferenza non si sarebbe svol- vero una persona simpatica, con ziato verso le 21 circa, si è con-
ta. cui abbiamo immediatamente cluso poco dopo le 23.30, quan-
Siamo arrivati giusto qualche mi- stretto amicizia (una sua eccel- do il professore ha presentato
nuto prima per veder entrare il lente caratteristica), tanto che sommariamente l’ultimo suo li-
professore che mi ha riconosciu- alle ultime battute della confe- bro, Alieni Tra Noi, che abbiamo
to e ha poi associato tutti i com- renza Chiumiento ha invitato al acquistato, in cui ha scritto
ponenti. tavolo dei relatori anche il no- dell’esperienza del caso Morte-
Eravamo in quattro, oltre me: il stro presidente! gliano.

64
verso Taranto dopo aver
salutato.
Per il resto, siamo con-
tenti d’aver conosciuto
un ricercatore serio co-
me il Prof. Chiumiento, o
meglio Antonio, una per-
sona che di certo non
merita tutto ciò che sta
subendo in questo peri-
odo.

Sono venute a galla ulteriori no-


vità, almeno per il sottoscritto:
era una voce, ma il professore
ha chiaramente detto che a con-
tattarlo è stato il padre del testi-
mone chiave, Leonard D’Andrea,
Giuseppe: questi è un militare in
pensione, già apparentente al 2°
Reparto di stanza ad Aviano, ove
si istruiscono i militari
all’approccio verso gli oggetti
volanti non identificati.
La creatura (che sembrava agita-
ta sino all’arrivo del D’Andrea)
inoltre, e anche questa era solo
una voce, ha sfiorato Leonard
sia sul torace -sopra la giacca - e
sul viso, senza tuttavia toccarlo,
ma a quel punto avviene qual-
cosa che Leonard non ha ancora
messo a fuoco.
Il professore ha raccolto inoltre
quasi tutte le testimonianze dei
presenti, circa 15, 16 testimoni,
anche se all’appello mancano gli
occupanti di due auto che non si
sono ancora fatti sentire.
Ha concluso col dire che tutti i
dettagli, dichiarazioni dei testi-
moni integrali comprese, saran-
no disponibili sul suo prossimo
libro.
Ci saremmo voluti intrattenere
di più, purtroppo il tempo è ti-
ranno e ci siamo reincamminati
65
Christopher Dunn
Tecnologia perduta
dell’Antico Egitto
Intervista esclusiva di Deborah Goldstern
Traduzione e adattamento dallo spagnolo a cura di Simone Barcelli

L’ingegnere aerospaziale Christo-


pher Dunn parla in esclusiva della
sua ricerca su uno dei monumenti
più importanti della storia del
mondo archeologico, la Piramide
di Giza, forse un’opera architetto-
nica di riferimento, che conserva
ancora i segreti inviolabili sulla
sua costruzione.
Dunn, che ha raggiunto la fama
nel 1988 con il suo libro "The Giza
Power Plant: Technologies of An-
cient Egypt", è uno degli studiosi

66
più autorevoli, con più di quaranta- come uno dei principali operatori del
cinque anni di lavoro ininterrotto nel settore. Nella sua opera classica,
compito di svelare i misteri rimasti “Piramidi di Giza e Templi”, risalente
sul passato egiziano, concentrandosi al XIX secolo, Petrie si riferisce all'uso
in particolare sul mistero della Pira- di trapani nella costruzione di questi
mide di Giza. monumenti in pietra ed io ho pensato
Nel 2010 è uscito il secondo libro di che questa era una dichiarazione ri-
Dunn "Lost Technologies of Ancient voluzionaria e controversa per
Egypt: Advanced Engineering in the l’epoca. Questa tecnica, con punte di
Temples of the Pharaohs", un succes- diamante, poteva essere in uso pres-
so come il precedente. so le dinastie egizie per la perforazio-
ne del porfido, ancor prima della
Parliamo dall’inizio Come mai un in- comparsa della ruota del vasaio.
gegnere aerospaziale si interessa ai
misteri della Piramide di Giza? Potrebbe spiegarci il lavoro di Pe-
trie?
Per quello che posso ricordare, l'Egit-
to è sempre fascinoso per me. Dopo Petrie è stato introdotto nella materia
aver lavorato in produzione per sedici attraverso Tompkins, dopo l'acquisi-
anni, ho letto "I segreti della Grande zione di una copia del suo libro del
Piramide" di Peter Tompkins. Questo 1883. In qualità di ingegnere sono
libro mi ha ispirato, in quanto intro- stato molto sorpreso di scoprire che il concluso che gli elementi necessari
duce diversi punti di vista sulla natura grande pubblico non era a conoscen- per la loro produzione non sono e-
della Grande Piramide, proponendo za degli elementi di prova presentati mersi nel corso della ricerca archeo-
una serie di idee circa la sua costru- da Petrie a sostegno della tesi che logica.
zione. La teoria della tomba è stata metodi di produzione avanzati sono Ho trattato del lavoro Petrie in un ca-
messa in discussione e la mia mente, stati usati nell'antico Egitto. Petrie ha pitolo del mio secondo libro, che con-
improvvisamente, si è aperta a realiz- descritto manufatti che dimostrano tiene anche un aggiornamento circaa
zare che la storia era molto più ricca e come gli antichi Egizi usassero sofisti- queste ricerche. In sintesi, nel corso
complessa di quanto ci viene insegna- cati torni, seghe e trapani. Questi ma- della storia sono stati utilizzati molti
to. nufatti sono ancor oggi al Museo Pe- metodi per forare materiali. Dai primi
Quando si tratta di tecnologia utiliz- trie di Londra. Ho visitato questo mu- lavori con l'impiego di sabbia, osso,
zata nell'antico Egitto, il nome di Wil- seo diverse volte e scritto molto sui pietra e legno, si è passati a un meto-
liam Matthew Flinders Petrie appare suoi studi, sulla capacità di foratura do più avanzato e preciso. Il mio lavo-
degli antichi Egizi. Petrie ha trovato ro recente si concentra non solo sugli
chiaramente difficoltà a convincere i strumenti utilizzati per tagliare la pie-
suoi colleghi che gli antichi egizi a- tra, ma anche sulle macchine neces-
vrebbero avuto bisogno, per fare quel sarie per guidarli, che hanno permes-
tipo di lavoro, di punte di diamante; so la creazione di geometrie precise e
nei suoi scritti e nelle conferenze, Pe- complesse di molti artefatti
trie ha relazionato di come gli antichi
egizi fossero in grado di forare il gra- L'ipotesi proposta in "Lost Technolo-
nito e lasciare scanalature a spirale, a gies of Ancient Egypt: Advanced En-
cento centimetri di distanza. gineering in the Temples of the Pha-
Le ricerche di Petrie sono state finan- raohs" è che la Piramide di Giza ha
ziate dalla Royal Society di Londra, funzionato come una sorta di centra-
quindi è comprensibile che non pote- le elettrica, basata sulla produzione
va andare oltre nella trattazione di idrogeno, poi convertito in micro-
dell’argomento perché sarebbe stato onde lanciate nello spazio. Si allude
troppo controverso. Come ingegnere, anche alla piramide come sintonizza-
però, leggendo il suo libro, è chiaro tore terrestre. Quali sono stati i pas-
che egli non accettava il punto di vi- saggi che ha dovuto sostenere per
sta classico e attuale; dalla descrizio- arrivare a questa tesi, e quali conclu-
ne di questi artefatti, i tecnici hanno sioni ha tratto sulla base di questi

67
studi? fosse in armonia con le frequenze na- mera del Re.
turali della Terra, quindi la descrizio- È stato inoltre dimostrato che la Ca-
La fonte principale per la produzione ne di una piramide come un mera del Re è un assemblaggio preci-
di energia nella Grande Piramide non "sintonizzatore terrestre" è abbastan- so di granito, specificamente sintoniz-
è l’idrogeno, ma l'energia meccanica za precisa, e che tiene conto delle zato, come spazio che risponde armo-
della Terra che è dinamica energia placche terrestri come "scatole di ri- nicamente sulla frequenza della Ter-
sismica. L'energia potenziale bloccata sonanza", che è molto appropriato. ra, come se fosse uno strumento mu-
nelle piastre della Terra ha per risul- Facendo vibrare la piramide sicale. Questa energia viene assorbita
tato di spingere l'uno all'altro. Quan- (sintonizzatore), la Terra (tavola ar- dalla Piramide e lo "strumento" mec-
do queste piastre scivolato, come è monica) risuona, e le conseguenti o- canico è la Grande Galleria Grande.
avvenuto in India e Indonesia nel scillazioni della stessa consentono Con l'introduzione di idrogeno, che
2004, viene rilasciata una quantità alle piastre di scivolare delicatamente viene creato nella cosiddetta
enorme di energia. Nello stesso anno invece di muoversi assieme in blocco. "Camera della Regina", il gas assorbe
lo slittamento ha generato uno tsuna- John Cadman ha dimostrato, con un energia a una frequenza armonica
mi che ha causato 230.000 vite! Si modello di lavoro, che la camera sot- superiore, elevandolo a una melodia
stima che l'energia rilasciata nella terranea e i passaggi principali da un superiore. L’onda che ne scaturisce
superficie della terra, solo dal terre- settore a un altro, agiscono come un viene guidata, stimolando l’emissione
moto in Indonesia, era equivalente a generatore di impulsi introdotto nella di energia.
1500 bombe atomiche simili a quelle Piramide. La vibrazione che ne risulta
di Hiroshima. viene catturata dalla "Camera del Re" Ancora oggi, quattordici anni dopo la
Propongo che le piramidi sono state e dai risonatori di linea della Grande pubblicazione di questo libro, questa
utilizzate per sfruttare l'energia del Galleria, che portano il suono attra- ipotesi sembra fantastica e futuristi-
pianeta. Ciò è stato fatto in modo che verso l'aria, dirigendola verso la Ca- ca. Tuttavia, le nuove prove sembra-

68
no sostenerla.

Uno dei pochi pezzi che sembrano


sfuggire alla censura, attualmente in
mostra nel Museo del Cairo, è l'album
chiamato Principe Sabu, scoperto nei
pressi della piramide di Sakkara e at-
tribuito al prima dinastia. L'oggetto
sembra riferirsi a un antico manufatto
di fattura sconosciuta; perché viene
ignorato l'uso e la tecnologia di que-
sto meccanismo?
È un pezzo di artigianato incredibile.
Ho potuto fotografare il reperto nel
1986 e ne ho scritto al riguardo nel
mio libro. Si tratta di un piatto di pa-
reti sottili, che ha tre lobi piegati verso
l'interno in modo equidistante.
I lobi sono anche a parete sottile. Il
centro ha un asse (una porzione rial-
zata) con un foro. Ci sono state molte
speculazioni su come sia stato realiz-
zato il piatto e come sia stato utilizza-
to. Tra le teorie proposte, quella che
fosse un dispositivo per la combustio-
ne del petrolio, quella di un dispositivo
rotante in grado di reare il suono op-
pure un meccanismo per ricevere e/o circa la loro composizione e precisione strumenti che sono stati utilizzati all'i-
trasmettere segnali. geometrica, prima di fare affermazio- nizio della civiltà erano in pietra, scal-
Si ipotizza inoltre che sia stata fatta ni forti riguardo all'uso. pelli di rame, martelli e asce; corda
da macchinari semplici con l'utilizzo di È l'artefatto egizio più notevole e ha per legare e trascinare oggetti, manici
tecniche più avanzate. bisogno di un esame più attento, forse in legno, rulli, eccetera. Ci viene inse-
Dall’osservazione visiva dell'oggetto, sono necessarie informazioni aggiun- gnato che gli egiziani usavano questi
le parti sono accurate. Sarebbe neces- tive. stessi strumenti per migliaia di anni.
sario fornire una risposta definitiva È ragionevole proporre, per una civiltà
Quando si tratta di screditare la tesi intelligente che ha espresso il suo ge-
di questa tecnologia nell’Egitto pre- nio in edifici e statue, il fatto che non
dinastico, s’invoca la mancanza di fosse abbastanza intelligente per mi-
strumenti sviluppati per la costruzio- gliorare strumenti e metodi?
ne di questi monumenti, mai recupe- Tutti gli sforzi che sono stati fatti dagli
rati sul posto durante gli scavi. Tutta- egittologhi per dimostrare questi me-
via, questa presunta mancanza di todi primitivi, hanno fallito misera-
prove non può spiegare alcuni di mente. I risultati non si possono con-
questi edifici, in particolare la pirami- frontare con gli originali, né si posso-
de di Giza, che sfida tutte le leggi og- no riprodurre certe opere ingegneristi-
gi conosciute. Cosa ne pensi di que- che dell’Antico Egitto. Pertanto, non è
sta controversia? difficile confutare questi metodi primi-
tivi suggeriti in una parte della docu-
La mancanza di prove non è una pro- mentazione archeologica. Gli egittolo-
va e non spiega nulla. Abbiamo l'ob- gi hanno fatto molto bene la loro par-
bligo di essere fedeli ai metodi scienti- te.
fici e proporre soluzioni che funziona- La nostra sfida, come osservatori inte-
no. Si noti che la civiltà egizia è durata ressati e persone in cerca della verità,
3000 anni. Ci viene insegnato che gli è quella di dimostrare i metodi di la-

69
voro e ricercare le prove, ma gli stru- mondo. Ho scritto circa la scoperta di tenbrink. Dopo i risultati, ho dovuto
menti non sono quelli indicati dalla Gantenbrink nel mio libro, ho pubbli- modificare in parte la stima, ma la
documentazione archeologica. cato articoli e relazionato circa le previsione era essenzialmente la stes-
scansioni successive dopo che il mio sa: dietro quella porta si dovevano
Nel 1992 un evento importante, pri- libro era stato pubblicato. Questi arti- trovare le prove della presenza di cavi
ma che fosse sospeso, fu coli possono essere letti nel mio sito e di un albero, in basso, attraverso il
l’introduzione del robot creato www.gizapower.com. quale le sostanze chimiche potevano
dall’ingegnere tedesco Rudolf Gan- La spedizione del 2002, seppur inter- venire pompate.
tenbrink nel condotto della Camera rotta, ha generato molto interesse. Le immagini della spedizione del 2011
della Regina. Nel 2002 il National Ge- Penso sia stato un passo molto impor- hanno mostrato immagini sgranate,
ographic inviò il robot o Pyramid Ro- tante perché apre un'altra area di stu- tra cui quella che inquadrava quelli
ver, ma il progetto fallì. Recentemen- dio. Cosa dobbiamo sperare? L'esplo- che potevano essere fili elettrici; ma
te una società privata, quella del Dje- razione più recente nel 2011 è stata ancora più importante è stato il fatto
di robot, ha fatto rivelazioni esplosi- molto significativa per me. È stata an- che ha rivelato con chiarezza quali
ve di sconosciuti geroglifici e disegni che la meno pubblicizzata, rispetto sono i simboli elettrici. Quei simboli
non umani, ma per ora non sono al- alle scansioni precedenti, e sul pavimento dietro la "porta", non
tro che questo. Come sono avvenute l’Occidente ha prestato poca attenzio- sono geroglifici. Si è ipotizzato che
tutte queste scansioni? ne. fossero marchi in muratura, ma sono
Prima della scansione, nel 2002, ho unici e non si trovano da nessun'altra
Ho seguito da vicino questa inchiesta, fatto una previsione di quello che a- parte, in questa o in qualsiasi altra
come milioni di persone in tutto il vrebbe trovato dietro la porta Gan- piramide.

70
Ma visto nel contesto della teoria del-
la centrale elettrica, con accessori ed
elettrodi metallici, questi segni posso-
no essere chiaramente interpretati
come simboli del potere. Quelli con
una forma simile a un numero di cin-
que sono i connettori, e quello in mez-
zo è un simbolo per un cavo elettrico
con doppini ritorti. Inoltre, vi è una
linea dipinta sul terreno, a identificare
la polarità dell'elettrodo sul lato che
viene verniciato.

Zahi Hawass, per nove anni al Consi-


glio Supremo delle Antichità in Egit-
to, era un avversario difficile per le
ricerche sulla civiltà egizia, almeno
quelle che contgraddicevano l'età
accettata dalla maggior parte degli
studiosi. Ha avuto scontri animati
con ricercatori del calibro di Robert trebbe aver avuto nella storia egizia- neano che l’Egitto può essere uno dei
Bauval, John Anthony West e Gra- na per una rapida transizione. Sappia- luoghi più importanti in cui questi
ham Hancock, tra gli altri. Nel 2011 la mo che questa idea è fortemente con- enigmi verranno alla luce. Lei sente
sua rimozione dalla carica è stato in- trastata dagli egittologi più ortodossi, qualcosa di speciale in questa data,
terpretato come un segnale di forte che negano la presenza di Atlantide qualsiasi cosa accadrà?
cambiamento. Sulla scorta della sua nel passato dell'Egitto. L'idea di una
lunga esperienza in Egitto, pensa che cultura madre, come fonte di ogni co- Le date diventano speciali quando la
possiamo aspettarci cambiamenti noscenza avanzata, sembra sollevare gente le rende speciali. È difficile per
significativi nel settore o continuere- un diffuso rifiuto, ma le prove a favore me credere che i Maya potessero pre-
mo a ripetere gli stessi dogmi conser- di questa ipotesi sono sempre mag- vedere gli eventi di diverse migliaia di
vatori? giori. anni. Non ci credo. C'è sempre stato
un segmento della società che propo-
Penso che sia prematuro pensare che Fa sua questa idea di un passato de- ne e sostiene l'idea del giorno del giu-
questo fatto permetterà una nuova rivante da Atlantide, o propone altre dizio. Io personalmente non la penso
interpretazione degli antichi Egizi. ipotesi? così. Io sono vivo oggi perché ciò che è
Quando la politica e l'ideologia sono stato profetizzato in passato non è
più influenti della ricerca scientifica, la La mia convinzione è che la Terra, nel- avvenuto.
scienza ne esce sofferente. Molti egi- la preistoria, sia stata abitata da una
ziani di oggi hanno abbracciato que- civiltà avanzata. Questa civiltà è stata Ultima domanda. Cosa consiglia a
ste nuove indagini sui loro monumen- distrutta, e ciò di cui discutiamo oggi, coloro che che si avvicinano allo stu-
ti; anche il mio lavoro ha riscontrato è lo scheletro dei suoi successi. In Egit- dio del passato in maniera critica?
commenti positivi, ma la loro voce to si propone che una razza di persone
deve essere ascoltata da coloro che chiamate Khemitians, fossero respon- La mia raccomandazione per chi vuole
detengono il potere. sabili per le piramidi. In altre parti del compiere le proprie ricerche, o moni-
Si tratta di dibattere sulla questione mondo esistono leggende e miti che torare la ricerca degli altri, è quella di
della tecnologia, chi possa aver deter- narrano di razze superiori. Il mito di essere onesti, leggere o ascoltare be-
minato la sua accellerata nell’arcaico Atlantide è credibile, ma difficile da ne. Assicurarsi che le prove siano in-
Egitto, presumibilmente durante le provare. terpretate correttamente. Se possibi-
prime dinastie. La mitica Atlantide è Si parla molto del 2012 come un an- le, esaminare le prove di persona. Bi-
uno dei nomi indicati come un proba- no critico, in cui si pensa che molti sogna chiedere agli esperti, senza in-
bile candidato e l'influenza che po- segreti saranno rivelati. Altri sottoli- namorarsi mai delle proprie idee.

71
DALLA GENESI ALL’EDEN

LE MISTERIOSE
ORIGINI
DELL’ANTICO
TESTAMENTO
ROBERTO LA PAGLIA

Ponendoci alla ricerca delle conclusione che tutto abbia perfetta sintonia con la tradi-
origini del popolo ebraico, e avuto inizio a partire dai Pa- zione biblica e il pensiero cor-
usando a tale scopo le infor- triarchi Abramo, Isacco e Gia- rente; difficilmente viene mes-
mazioni contenute nell’Antico cobbe. sa in discussione, è un fatto
Testamento, arriviamo alla Tale conclusione si rivela in scontato che le origini degli

72
Ebrei possono essere ricostrui-
te attraverso le migrazioni di
Abramo.
Scopo di queste pagine è quel-
lo di andare oltre, di osservare
i vari scenari con diversi occhi
e, soprattutto, in relazione a
quanti, in quegli stessi scenari,
erano presenti e contribuiva-
no a formare i vari periodi sto-
rici e le innumerevoli correnti
religiose e culturali.
Iniziamo quindi a seguire i
passi di Abramo; partito da un
luogo chiamato Ur dei Caldei
si dirige verso Haran, quindi
nel paese di Canaan, la Terra
Promessa che in seguito assu- arrivano in Egitto, vi dimorano l’Esodo come una pura inven-
merà il nome di Israele. per un lungo periodo, rappre- zione, testimonianze archeo-
Tralasciando il fatto che Ur dei sentato dal numero epico/ logiche venute alla luce in I-
Caldei potrebbe anche non simbolico di quattrocento an- sraele ne confermerebbero la
essere la città sumera di Ur ni, per poi diventare protago- veridicità, sia pure in propor-
(Cyrus H. Gordon la identifica nisti del famoso Esodo che li zioni molto più ridotte, men-
con Urfa, nella Mesopotamia riporterà nella loro Terra Pro- tre per quanto riguarda la li-
settentrionale), andiamo a- messa. nea temporale si continua a
vanti rapidamente nel nostro Abbiamo prove certe riguardo rimanere incerti tra il XVII se-
racconto. agli eventi appena descritti? colo a.C. e il XII secolo a.C.
Dopo una lunga serie di vicis- Pur trovandoci di fronte ad al- Da notare che queste due da-
situdini e migrazioni, gli Ebrei cuni autori che riportano tazioni rappresentano anche
due diverse correnti; i fautori
del XII secolo a.C. si rifanno
infatti a quanto riporto in “The
Bible and the Ancient Near E-
ast” di Cyrus H. Gordon e Gary
A. Rendsburg, mentre i fautori
del XVII secolo considerano
l’Esodo come un ricordo
dell’antica eruzione vulcanica
che distrusse l’isola di Thera;
da quest’ultima osservazione
potrebbero nascere diverse
connessioni che ci portereb-
bero alle altrettanto famose
migrazioni dal continente
sommerso di Atlantide, ma si
tratta di divagazioni che non

73
riguardano l’argomento princi-
pale di questo articolo.
Quello che riguarda invece la
migrazione di Abramo dalla
Mesopotamia a Canaan, alme-
no dal punto di vista
dell’archeologia, rimane anco-
ra avvolto nel mistero; in ogni
caso lo scenario che più ci in-
teressa, quello che viene fuori
dagli episodi appena narrati,
indica uno sviluppo culturale
non certo isolato ma con radi-
ci profonde nelle tradizioni
della Mesopotamia settentrio-
nale, nel paese di Canaan e
nel nord dell’antico Egitto.
Si tratta in pratica di migrazio- erano probabilmente di origi- (il Padre dell’Uomo).
ni e lunghe soste in paesi es- ne mesopotamica. Il dio El era assiso su un trono
senzialmente pagani, con nu- Abramo quindi, spostandosi che si trovava al centro dei
merosi tratti in comune, che da un paese con una tradizio- Due Abissi, con lui regnavano i
prediligevano un pantheon ne religiosa densa di insonda- suoi figli: Yam, Baal, Mot e la
sotterraneo e che si affidava- bili misteri, fonda la dinastia figlia Anat.
no a un sistema religioso di ebraica nel paese di Canaan, Da notare che il dio El assu-
tipo politeista. un luogo nel quale la divinità meva il nome di El-Elyon, che
Non andremmo quindi molto suprema era rappresentata da tradotto letteralmente signifi-
lontani dalla verità afferman- El, padre di tutti gli Dei, noto ca “Dio Altissimo”.
do che gli antenati degli ebrei anche con il nome di Ab-Adam Seguendo la linea di pensiero
dell’autrice britannica Karen
Armstrong (“A History of God),
potremmo anche azzardare
l’ipotesi, per molti versi logica
e storicamente accettabile,
che Abramo fosse in origine
devoto al Dio Altissimo, El-
Elyon, signore del paese di Ca-
naan.
Questo in sintesi lo scenario di
provenienza degli Ebrei al loro
ingresso in Egitto, paese nel
quale la situazione mutò radi-
calmente; è noto infatti che
proprio in quel periodo, in E-
gitto, si sviluppava una nuova
corrente religiosa nota come
Monolatria, ovvero

74
l’adorazione in esclusiva di almente composto l’Antico un grave problema in vista di
un Dio senza per questo ne- Testamento? una maggiore comprensione
gare l’esistenza degli altri, da Quasi certamente i vari libri di quelle che furono le vicen-
non confondersi quindi con il vennero ricomposti, e questo de che portarono alla stesura
Monoteismo (negazione de- avvenne in un periodo im- della Bibbia così come oggi la
gli altri Dei). precisato, un periodo sul conosciamo, ci impedisce di
Lo scenario, sostanzialmen- quale ancora oggi il dibattito trovare nella diversità punti
te, non sembra cambiare; è completamente aperto; di contatto che potrebbero
anche nel paese di Canaan quello che sappiamo con cer- essere a loro volta indizi rive-
Abramo si ritrova a confron- tezza riguarda un lasso di latori di fatti, circostanze e
tarsi con una religione paga- tempo tra il 617 e il 537 a.C., ulteriori similitudini atte a
na derivata in gran parte dai periodo durante il quale gli comprendere meglio la sto-
culti mesopotamici, una reli- ebrei vennero tratti in cattivi- ria delle civiltà.
gione che, come lo stesso tà dai Babilonesi. A differenza dell’antico Egitto
Antico Testamento riporta Esisteva già in quel tempo un nel quale ciò non avvenne (i
più volte, attraeva enorme- dogma religioso proprio del testi delle Piramidi si posso-
mente gli ebrei. popolo ebraico? Possiamo no confrontare, ad esempio,
Non si può logicamente ne- completamente escludere il con i Testi dei Sarcofagi), gli
gare che a un certo punto il fatto che, proprio in tale oc- Ebrei possiedono un solo
sincretismo divenne l’unico casione, vennero adattate gruppo di testi, divulgato dai
modo per riaccostare la casta alcune leggende allora diffu- sacerdoti che risiedevano a
sacerdotale al popolo; fu un se nella città di Babilonia? Gerusalemme.
percorso lento, che si prolun- Di certo gli ebrei avevano già Si tratta in pratica di una sor-
gò nel corso di migliaia di an- dei testi religiosi propri, in ta di “monopolio” che ci im-
ni, del quale si possono nota- seguito soppiantati pedisce di andare indietro;
re tracce sparse nei testi bi- dall’Antico Testamento, testi cosa accadde ai testi antece-
blici, soprattutto quando si che purtroppo oggi non pos- denti?
accenna ai misteriosi Elohim. siamo confrontare nell’ottica L’unico modo che ci resta per
Tenuto conto di questo lento di uno studio comparativo. tentare di intravedere cosa si
processo, quando venne re- Questa circostanza è certo potrebbe nascondere dietro
l’Antico Testamento è quello
di rileggerlo con occhi diver-
si, tenendo sempre bene in
mente quanto scritto finora
relativamente alle origini.
Tutti conosciamo il racconto
della Genesi, inutile ripeterlo
in questo contesto, nel quale
però è opportuno far notare
come lo scenario sia comple-
tamente cambiato rispetto
alle vecchie tradizioni paga-
ne dalle quali proveniva A-
bramo.
Non esistono più gli Dei ma
un solo Dio, e non si tratta di

75
un essere fisico bensì di una
entità ultraterrena; non si
parla più delle vicende divi-
ne, il protagonista assoluto è
adesso il genere umano, in
poche parole cambia com-
pletamente la prospettiva
pur mantenendo intatti alcu-
ni temi di fondo quali la co-
smogonia, la creazione, il Di-
luvio e la nascita di una nuo-
va terra.
Questi ultimi particolari di-
ventano assolutamente im-
portanti, si tratta infatti delle
prove che esisteva già una
precedente teologia, una
formazione culturale dalla
quale si è attinto abbondan-
temente.
Volendo però trascurare
quest’ultima affermazione ci
si potrebbe ritrovare in pie-
no dilemma: una nuova reli-
gione rivelata misteriosa-
mente?
Una verità che soppianta e
pone alla stregua di fantasti- tutto ha inizio con il Diluvio basterà andare avanti nella
che invenzioni le precedenti Universale, quindi lo stesso lettura, passando al Libro dei
cosmogonie? Dio scende sulla Terra per Salmi, e più esattamente al
Forse le cose non sono anda- disperdere le genti e confon- Salmo 88.
te esattamente così. dere le lingue (episodio della Proprio in questa occasione
Riprendiamo nuovamente in Torre di Babele), continua faremo la conoscenza di Ra-
mano la Genesi, il racconto poi scagliando zolfo e fuoco hab, fatto a pezzi dal Dio de-
nel quale un essere sopran- sulle città di Sodoma e Go- gli Eserciti; ma chi è Rahab?
naturale crea in maniera del morra. Il primo indizio ci viene dato
tutto pacifica il mondo; nes- Questa fisicità si accentua dal profeta Isaia il quale lo
suna fisicità, nessun contat- andando avanti nella lettura; descrive come un drago che,
to, nessuna azione Dio appare tra vento, terre- al tempo delle generazioni
“sospetta” che lo possa met- moti, fuoco, fulmini, tutti passate, viveva nel mare; in
tere in relazione agli Dei me- scenari che riportano alla pratica sarebbe il più cono-
sopotamici o egiziani. mente le divinità pagane; sciuto Leviatano.
Questa natura così pacifica potrebbe comunque trattar- La storia che è stata riporta-
subisce però di colpo si di pura coincidenza, ma ta assume un particolare si-
un’improvvisa mutazione; non è così, e per dimostrarlo gnificato quando si prova a

76
leggerla in maniera globale, in maniera sincretica la co- tranne che si avanzi l’ipotesi
facendo molta attenzione smogonia ebraica, perché che la luce creata il primo
alla descrizione fornita dalla non viene riportata giorno sia da intendersi in
Bibbia. nell’Antico Testamento? modo completamente diver-
Questi gli elementi da tene- Probabilmente non sarebbe so; se la luce non era quindi
re in considerazione: Rahab stata consona a un Dio che quella che comunemente
abitava nelle profondità del non è più fisico, e proprio intendiamo essa non poteva
mare, era un drago o un ser- per tale motivo venne elimi- essere che Dio stesso, disce-
pente dalla forma tortuosa, nata, pur rimanendo sotto so sulla Terra per attestare la
è stato fatto a pezzi. forma allegorica. propria unicità.
Iniziamo adesso a ripercor- Ma i misteri non si fermano Questa attestazione è evi-
rere la strada all’indietro: qui. dente quando si cita la sepa-
con il termine grande mare Riprendiamo ancora una vol- razione della luce dalle tene-
oppure oceano, sia gli abi- ta la Genesi, in particolare il bre; Dio separò il concetto di
tanti della Mesopotamia che periodo che riguarda la crea- Monolatria lasciando negli
gli antichi egizi usavano de- zione, creazione che avven- Inferi gli altri Elohim e riba-
scrivere il cielo e gli abissi ne in sei giorni. dendo la propria unicità.
spaziali; un serpente dalla Durante il primo giorno ven- In tal senso, e certo non a
forma tortuosa era una delle gono separate le tenebre caso, sia in Mesopotamia
raffigurazioni del Nilo, lo dalla luce; questo passaggio che in Egitto il luogo nel qua-
smembramento era l’azione è da sempre stato spiegato le vivevano gli Dei era sotter-
che contribuì alla creazione dicendo che si tratta della raneo, così come nella co-
del mondo secondo il cano- luce del giorno, ma andando smogonia durante la creazio-
ne egizio. Tutte queste curio- avanti ci accorgiamo che so- ne il Dio Supremo era lette-
se coincidenze sembrano in- le, luna e stelle vennero cre- ralmente e fisicamente pre-
dicare quindi nella figura di ate il quarto giorno, a quale cipitato sulla Terra fecondan-
Rahab non certo un mostro luce quindi si riferisce dola.
ma una divinità, mentre le l’Antico Testamento? Questa spiegazione svele-
descrizioni riportate nella La soluzione non è semplice, rebbe un secondo mistero
Bibbia sembrano voler nar-
rare sommessamente una
vera e propria battaglia tra il
Dio di Israele e lo stesso Ra-
hab o Leviatano.
Quest’ultimo particolare ci
riporta alle battaglie condot-
te dagli Dei sumeri e da
quelli egiziani, un contesto
dal quale l’Antico Testamen-
to non sembra del tutto im-
mune.
Se questa battaglia effettiva-
mente avvenne, e ciò rispet-
terebbe le antiche tradizioni
dalle quali si andò evolvendo

77
contenuto nella Genesi: per ché anch’essa non è altro sembrano incastrarsi perfet-
quale motivo, se il sole, la che una affermazione esote- tamente tra loro; narrare la
luna e le stelle vennero crea- rica di morte e rinascita. storia di un popolo senza te-
ti il quarto giorno, già a ini- La linea di ricerca appena nere conto delle sue radici,
ziare dal primo si legge ad intrapresa apre però anche delle vicende che lo videro
ogni chiusura la frase “…e fu una seconda visione della protagonista e dei coinvolgi-
sera e fu mattina”? creazione; potremmo infatti menti che logicamente lo
Logicamente notte e giorno trovarci a leggere il resocon- legarono alle civiltà con le
non sarebbero dovute esi- to di due ben distinte crea- quali entrò in contatto, signi-
stere mancando gli elementi zioni: durante i primi tre ficherebbe riportare una ide-
essenziali per fare una di- giorni viene creato il mondo a parziale del suo passato.
stinzione, ma se intendiamo metafisico, mentre nei re- Questo metodo di ricerca
la separazione di luce e te- stanti tre prende vita il mon- non è certo un modo per
nebre come un simbolo di do fisico. screditare una religione o
morte e resurrezione, cadu- Quelle riportate sono ovvia- delle intime convinzioni; la
ta e rinascita, anche la frase mente ipotesi, ragionevoli fede è un intimo convinci-
appena citata risulta facil- dubbi fondati su curiosi e mento che merita sempre e
mente comprensibile, poi- molteplici parallelismi che comunque il dovuto rispetto,

Roberto La Paglia
CANARIE: UN VIAGGIO NEL MISTERO
Editore Paranormaltour

Non è facile spiegare in poche righe quali strade,


quali sensazioni ci portino ad affrontare tematiche
che, a prima vista, potrebbero apparire infinitamente
lontane da quello che è il nostro quotidiano. Una del-
le tante risposte potrete trovarla proprio tra le pagi-
ne che state per leggere, una selezione per certi ver-
si unica nel suo genere, la prima che si prefigge di
raccogliere e sottoporre all’attenzione del grande
pubblico uno degli aspetti forse meno conosciuti ma
estremamente affascinante delle Canarie, i suoi anti-
chi e moderni misteri. Molto spesso questo incredibi-
le “paradiso terrestre” viene ampiamente menziona-
to soltanto negli spazi pubblicitari delle agenzie turi-
stiche, questo scenario ha portato, nel tempo, ad accantonare spesso la storia
dell’arcipelago, con le sue numerose leggende, i luoghi mitici e gli innumerevoli fatti
misteriosi che ancora oggi ne disegnano i contorni.

78
la storia e le sue innumere-
voli connessioni, così come
lo studio dei miti e delle anti-
che cosmogonie, sono e do-
vrebbero essere dei resocon-
ti asettici e sempre aperti a
un costante aggiornamento,
poiché si tratta dell’unico
modo che abbiamo per ten-
tare di comprendere le no-
stre origini e provare a dare
un senso diverso, forse meno
angosciante, alla nostra pre-
senza su questo pianeta.

I LIBRI DI ROBERTO LA PAGLIA

79
CONFESSO, HO VIAGGIATO
di Noemi Stefani

EL ALAMEIN
Passato e presente s’incontrano

Estate si associa al pensiero di d’ogni immaginazione per la loro


vacanze e mi reputo fortunata bellezza e il senso di pace che
finché potrò farle. Brevi, solo po- m’ispirava. Il nome poi, ha com-
chi giorni, se posso nei luoghi che pletato e chiuso il cerchio facen-
preferisco, dove la mia mente domi desiderare di essere già lì.
insegue la storia e l'archeologia, El Alamein.
per cercare i posti dove quei fatti Quel nome mi faceva tornare
accadevano nel tempo. indietro nel tempo. Quando alle
Il Mediterraneo e l'Egitto, che medie studiavo storia e la secon-
ormai ho visitato più volte, sono i da guerra mondiale non era sol-
miei luoghi preferiti. tanto un programma scolastico.
Ascoltando le proposte dell'a- Per me la vera storia era quella
genzia di viaggi, mi sono lasciata che sentivo dalla voce di mio pa-
subito incantare da una fotogra- dre, quella che ci parla attraver-
fia che rapiva lo sguardo. Era sol- so i ricordi.
tanto una spiaggia come tante, Mio padre era stato richiamato
ma la trasparenza e il colore tur- militare a Bengasi e per non far
chino del mare erano aldilà scadere i documenti si era spo-
80
rava nel cortile. Raccontava delle
punture che gli facevano nel pet-
to prima di mandarli all'attacco,
delle atrocità che aveva visto con
i suoi occhi. Aveva visto bruciare,
con il lanciafiamme, dei poveri
negri dentro i loro tucul, e diceva
“Cosa avran fa de mal quei pori
cristian”. I tucul erano una sorta
di costruzioni di paglia impastata
nel fango, che si possono ancora
vedere nei piccoli centri in Africa.
Aveva visto i Mammalucchi ar-
mati di scimitarra mutilare e
sventrare dei corpi senza alcuna
pietà.
Era tornato sconvolto, era trop-
po per lui, beveva, e beveva.
Invece era quasi allegro quel
sato per procura con la mamma. il suo pranzo nel deserto. giorno, che con il suo più grande
Lei a Milano alla chiesa di S.Luigi La sua razione era fatta di un pri- amico (detto "il longo", perché
con un amico di famiglia che fa- mo strato di mosche, uno di cibo era alto) erano andati ad arruo-
ceva le veci; lui sotto una pianta e quando si alzava il vento (il Ghi- larsi come volontari e così risol-
di palme nel deserto Libico. bli) un dito di sabbia sul fondo. vevano il problema della disoccu-
Nemmeno un po’ di festa per il C'era poco da fare gli schizzinosi pazione. In alternativa c'erano le
matrimonio, né allora né dopo se volevi sopravvivere. In quei miniere, e sarebbe dovuto parti-
perché tanto era inutile spende- giorni tristi, spesso capitava che re ugualmente. Lui era contento
re dei soldi che non ce n'erano, nelle famiglie più d’uno partisse e la nonna, invece, piangeva per
ma si erano voluti sempre bene per la guerra. Così si erano arruo- la rabbia e lo sconforto. Sapeva
ugualmente, fino alla fine. Era lati i fratelli della mamma: il Bepi cosa voleva dire guerra perché
tornato giusto in tempo, prima nell'aereonautica ancora a livelli aveva già vissuto sulla sua pelle
dell'apocalisse, prima di esser sperimentali; l'Emilio, disperso in quella del '15, e non pensava di
bloccato lì dalla guerra. Russia; e il Nanni, carrista ad El essere coinvolta ancora in un'al-
Se non mi piaceva la minestra, Alamein. tra tragedia.
sorrideva, e mi spiegava com'era Ci sono state migliaia di morti in
questa stupida guerra, e loro so-
no stati fortunati. Sono tornati
tutti e tre. Del primo non si dice-
va nulla. Si era soltanto incattivi-
to e chiuso ancor di più nel suo
carattere ostico. L'altro è tornato
quando ormai si disperava di ri-
vederlo.
Il Nanni si era salvato per miraco-
lo. Era riuscito a sopravvivere fin-
gendosi morto e nascondendosi
sotto un mucchio di cadaveri. Era
vivo, ma beveva perché aveva
molto da dimenticare. Non era
più lo stesso. Folle dalla paura, si
svegliava di notte e si metteva a
urlare “Eccoli… arrivano!”, e spa-
81
fischiare nelle fessure delle ve- tendo mi addormento.
trate, e muovere le tende oscu- Mi svegliano delle voci forti.
ranti. Un occhio al mio orologio sul co-
Una stanza d'albergo è sempre modino, sono le tre e mezzo di
un luogo estraneo la prima sera. notte.
È come se fosse rimasto qualco- Ma chi grida così?
sa. L'energia delle tante persone Sembra una televisione ad alto
che si sono fermate qui, i loro volume.
pensieri. L'aria è satura di odori, Temporeggio un attimo, tra il
hanno dormito in quel letto, do- sonno e la veglia e spero che fini-
ve avrei dormito io. sca da sé, e poi penso di chiama-
Soltanto quando incomincio ad re la reception per i rumori mole-
aprire la valigia, a buttare qua e sti.
là le mie cose che poi vedo in gi- Mi fermo appena in tempo, per-
ro, la stanza diventa più familiare ché dall'armadio che ho di fronte
e rassicurante. al letto, vedo filtrare una luce
Spengo la luce e provo a dormi- azzurra.
re, sono stanca e vento permet- La televisione è la mia.

Sì, perché il Nanni lo avevano


preso abile e arruolato, mentre
"il longo" era rimasto a casa per
il fisico non adatto.
Pensavo a queste cose quando il
Boeing è atterrato nel deserto
all'aeroporto di El Alamein.
Più di 45 gradi.
Un aeroporto senza aria condi-
zionata, dove più di trecento per-
sone in fila attendevano di avere
il visto di entrata, mentre due
funzionari grondavano di sudore
e qualche volta sbagliavano i tim-
bri, costringendoci a rifare la fila.
Quanti tipi di sudore esistono,
quanti tipi di odore in tanti corpi
umani diversi costretti a stare
troppo vicini uno all'altro?
Tanti.
Gli abiti incollati alla pelle, final-
mente siamo arrivati al Ghazala
Resort.
È sera, e dalla terrazza della hall
vedo un posto qualunque, una
piscina con pochi che si attarda-
no a parlare, un mare qualunque
e nel fondo una barriera e pochi
scogli.
C'è molto vento, e mi mette un
senso di tristezza. Il vento c'era
anche quella sera e lo sentivo

82
Che cosa ricordo di più?
Una sabbia bianca e impalpabile
come cipria.
Onde che scavano e franano la
riva, acqua verde, azzurra, turchi-
na, blu cobalto e persino rosa, a
secondo dei raggi del sole e da
come si spostano le nuvole. Colo-
ri che cambiano continuamente
e che non avevo mai ammirato
prima nella loro purezza.
Se il paradiso esiste davvero, de-
ve essere un posto molto simile a
questo.
Alessandria d'Egitto
Alessandria d'Egitto, qui si fece la
storia nei secoli. M’impressiona
girare per le strade di questa cit-
Si è accesa da sola. all'hotel. tà ricostruita da architetti italia-
E si spegne da sola perché se ne A pochi chilometri dall'aeroporto ni. Sembra di passeggiare nella
va la corrente. di El Alamein, è in una zona vecchia Milano, o Torino, sembra
Buio totale, nemmeno le luci d'e- (Dabah) rinomata per la sua bel- di stare in Italia... I romani sono
mergenza. lezza e frequentata da tutta l'éli- passati di qui. Si vede la loro
Mi alzo e vado a guardare dal te degli egiziani, circa centoqua- traccia guardando il grande sca-
terrazzino della stanza. ranta chilometri da Alessandria, vo dell'Anfiteatro Romano. E' im-
Fuori la luna illumina un paesag- trecentodieci dal Cairo, e circa ponente, peccato che gli scavi
gio spettrale. quattro ore dall'Oasi di Siwa. siano stati interrotti perché nel
Non posso evitare di pensare alla È anche abbastanza vicino al mu- 900 gli egiziani hanno costruito
battaglia, a quei poveri morti. seo dedicato alla seconda guerra orrendi palazzoni proprio in mez-
Di fronte a me sono ben definite mondiale e al sacrario dedicato zo ai ruderi e quindi non hanno
le dune del deserto con qualche ai militari italiani, tedeschi e in- nessuna intenzione di farsi de-
rara palma e un cielo di piombo glesi caduti in questa terra. molire le loro case, nemmeno
con poche stelle.
Solo tre brillano luminose.
Sono quelle della cintura di Orio-
ne, le stesse che immagino alli-
neate sopra le piramidi al Cairo a
poco più di trecento chilometri
da me.
La corrente torna, e anche l'aria
condizionata.
Nelle notti seguenti succederà
spesso che la televisione si ac-
cenda e si spenga da sola per
questi sbalzi di tensione inspie-
gabili.
Il Ghazala Resort si trova in una
posizione strategica per chi vuol
visitare più posti.
È stato costruito pochi anni fa da
uno sceicco del luogo, che abita
una villona abbastanza vicina
83
tanto immaginare. Il tempo ha
lasciato soltanto vaghi segni e un
lontano ricordo.
El Alamein - Seconda guerra
mondiale
Dopo un po’ l'autobus si ferma
lungo la strada assolata, ma qua-
si nessuno vuole scendere. Trop-
per una buona causa come la go, dove probabilmente si ergeva po caldo. Guardiamo dai finestri-
storia. Non poteva mancare la il famosissimo Faro. S’innalzava a ni una lapide, diventata famosa
visita alla famosissima Biblioteca guidare le navi che lo vedevano per le parole incise nella piastra.
di Alesssandria demolita più vol- da molte miglia di distanza. Era “MANCO' LA FORTUNA NON IL
te nel corso della storia e rico- costruito tenendo conto della VALORE. 01 LUGLIO 1942”, ap-
struita in modo imponente usan- tecnica degli specchi del grande pena 111 km da Alessandria.
do le tecniche più innovative. Gli Archimede, ed è andato distrut- Qui i soldati italiani si sono dovu-
egiziani hanno voluto mantenere to, finito in mare durante uno dei ti fermare e arrendere. Prose-
il più possibile il ricordo della tanti terremoti nei secoli. È rima- guiamo per il Museo Militare,
struttura originale costruendo sta la fortezza di Qaitbay, rico- dove sono esposti i reperti della
tutto con una simbologia. Per struita su quello che in origine battaglia, le vecchie divise, mani-
terminare la breve visita ad Ales- era il palazzo della bella Cleopa- chini vestiti come soldati di allo-
sandria, la guida ci mostra il luo- tra. Quanta storia che si può sol- ra, fucili, baionette, granate, ma-
schere antigas, cucchiai, scarponi
senza suola, e quant'altro è stato
ritrovato in mezzo alle sabbie del
deserto. Fa molto caldo, ma io mi
sento i brividi e sudo freddo. Ne
hanno ritrovati soltanto pochi di
questi ragazzi, circa 4,500 su
40,000. Guardo le foto di Rom-
mel alle pareti mentre visita le
trincee. Ma guarda, c'è un picco-
lo monumento al soldato carri-

84
sta... Penso allo zio Nanni...
“Visto, ti hanno fatto il monu-
mento”, e mi scappa un sorriso...
Sento un groppo allo stomaco,
pensieri vanno e vengono. Uomi-
ni trattati come carne da macello
per l'ottusità di chi li governa e
decide di vita e di morte. Quando
siamo arrivati al Sacrario Italiano,
c'era più di un km da fare a piedi
sotto il sole del mezzogiorno da
dove ci ha lasciato il pullman. Sul
muro all'entrata un'altra frase
storica che appartiene a Rom-
mel, generale tedesco e grande
stratega detto "la volpe del de-
serto". “Il soldato tedesco ha stu-
pito il mondo, il bersagliere ita-
liano ha stupito il soldato tede-
sco”. Un viale terroso, fiorito da
cespugli di buganvillee, rosa e
lilla, ai lati con tante lapidi a me-
moria dei bersaglieri, fanti, alpini
e tutti i corpi militari che hanno
combattuto. C'è un guardiano
sulla porta del Sacrario e sorride
gentile a chi entra. Tante scritte
sui muri per ricordare chi non c'è
più e tante lapidi con tanti nomi rimasto un senso di oppressione va solo aspettare. Il Boeing era
italiani. Mi si stringe il cuore e che ancora adesso stenta ad an- visibile dalle vetrate sporche. U-
non posso restare più di tanto. dare via. Una nota in rosa. Al ri- na buona notizia, che sollievo, si
Percepisco la paura della morte torno, altra attesa penosa all'ae- parte mezzora prima. Mai suc-
imminente, la disperazione di roporto, più di trecento persone cesso in nessun viaggio. E notizia
lasciare la vita quando invece è chiuse in un locale, senza aria ancora migliore, si atterra alla
ancora piena di promesse. Prego condizionata e senza finestre, Malpensa mezz'ora prima. Il pilo-
per loro, senza voce, senza paro- per aspettare il volo. C'erano an- ta era una donna, e non aggiun-
le, e lascio quell'ombra veloce- che bambini molto piccoli e face- go nessun altro commento, non
mente. Il resto della settimana è va pena vederli piangere in brac- ce n'è bisogno.
volato in un attimo, ma a me era cio a genitori impotenti. Bisogna-

85
LIFE AFTER LIFE
di Noemi Stefani

Jesus insegnaci la vita

La PAZIENZA

<<Non è sempre facile avere pa- quando la farina e l'acqua insie- vedere e sarà sgradita al pala-
zienza. Sentire che bisogna saper me al sale e al lievito hanno cre- to...
aspettare il tempo di risposta di ato una sostanza che si solleva La PAZIENZA
quelli che ci ascoltano. E se non soffice, gonfia e pronta per esse- Bisogna saper servire con pa-
arriva quello che vorremmo allo- re elaborata dalle mani. zienza, dare amore senza avere
ra tutto deve essere fermato, Gli incapaci sbagliano gli ingre- tutto presto, e dentro di noi ciò
lasciato lievitare come se fosse dienti, il tempo di lievitazione e che serve, è il senso di dare con
un pane. la cottura. amore che conta.
Il pane non può essere servito Uscirà dal forno una sostanza Senza amore anche le azioni più
crudo. Il processo è completo che non nutre, è poco bella da nobili non portano nessun frut-
86
to. Perché il frutto è il risultato
di un processo d'amore che vie-
ne dal sacrificio di un piccolo se-
me.
Senza morire dell'ego resta poco
da fare...
Dare non è fare grandi azioni, o
decidere per grandi imprese.
Darai tutto il tuo amore e senza
avere ritorno sarà il dono per
grandi opere.
Ti porterai a essere una persona
che vale se decidi che tu non sei
una semplice apparenza, se ti
senti portato verso chi è più de-
bole, e salvare e servire sono gli
unici desideri che ti distinguono.
Perché vi affannate a rincorrere
ciò che vorreste, cercate sempre
di possedere e di tenere stretto
quello che vi resta tra le mani?
Meritare le cose dipende da ciò
che deve essere, dall'uso che voi
farete di ciò che vi verrà dato.
Se non avete, non vuol dire che
non potrete avere.
Significa che ci sono dei tempi e
delle azioni che si devono com-
pletare, che il destino non è da-
to per avere cose o sentimenti
che restano inespressi, non è
tutto PRESTO.
Abbiate PAZIENZA, lasciate lievi-
tare il vostro senso per quello
che vorreste, state a guardare
come tutto si compie secondo
una legge precisa che collega gli E tu marito non essere meschino conto e sollevatevi dai pensieri
eventi a tessere un tessuto per con chi ti dedica tanto tempo e di morte che pesano.
voi esatto. sentimento. Una vita finisce e un'altra conti-
Nemmeno un sasso passa incon- Seguila nelle sue difficoltà che è nua a vivere senza forma appa-
cludente, perché anche la sua degna di rispetto perché sa por- rente, senza peso, esattamente
funzione viene registrata da Chi tare tanto peso e resta lieta. in linea con la Creazione.
tiene conto di tutte le cose e a- Molto viene dato a chi sa stare PAZIENZA allora! Tutto va e tut-
vrà cura che per quel sasso tutto secondo il testo (destino) che to viene verso chi è capace di
serva a renderlo adatto al luogo vuole. Se viene tolto qualcosa è tenere il corso degli eventi se-
e alla dimensione che deve ave- sempre per dare al testo un sen- condo la sua vera natura.
re. so capace di formare il tema che Lasciate che tutto sia... Sarà sen-
Moglie tieniti forte a chi ti ha si è scelto. za peso e vi porta a salire >>
voluto compagna perché se resti Seguite il cammino che volete, P.S: Se servono chiarimenti ave-
annoiata dei suoi errori anche lui pensate che è stato scelto per te l'indirizzo della mia posta e-
poi non troverà motivo per darti voi e con il vostro consenso pri- lettronica. Scrivetemi pure in
amore e fedeltà che tu pretendi. ma di essere carne, tenetene privato, vi risponderò.

87
Eredità atlantidee per
Templari d'oltreoceano
AA.VV.

Il presente articolo è una riedizio- revisionismo storico, dall'apocrifia Soprassedendo il Cipango, ovun-
ne più elaborata di articoli accademica svincolano resti di que non sopiscono efferate inda-
dell’autore, già pubblicati sullle insediamenti Vichinghi in Canada, gini alla conoscenza templare,
riviste Hera e Il Giornale dei Mi- tracce di Fenici in Brasile, di roma- pregna di incensite ricchezze e
steri ni sulle coste texane e fondali di arcane dottrine aventi simbolismi
Rio De Janeiro, così in Nordameri- di una sospetta matrice... atlanti-
Col progressivo incremento del ca, con ricercatori a caccia di un dea.
tesoro rossocrociato nascosto Quello di Atlantide non è più solo
sull'isola di Oak. un mito, ma perdute memorie
Da accurate indagini del prof. En- ricostituite da scoperte mai uffi-
rico Calzolari (fig 1), nel 2007 ap- cializzate, come nell'Atlantico oc-
presi uno studio con elementi illu- cidentale (fig 2), probabile prima-
minanti segreti templari, nonché rio continente "perduto", e inten-
dissacranti la storicità del più no- diamoci, pure sott'acqua, ove da
to navigatore genovese. tempo Graham Hancock e prede-
A declassare Colombo, anche la
verosimile flotta cinese dell'ami-
raglio Zeng He, alla testa di 300
navi con un'ammiraglia di abnor-
me dimensione (dieci volte una
Caravella), approdante sulla costa
statunitense del Pacifico agli albo-
ri del 1400.
88
cessori puntarono l'indice investi-
gativo.
Il mare nasconde verità legate
all'occulto passato terrestre, e la
superficie conserva preziosi re-
perti costellati da simboli di non
esclusa pre arcaica estrazione,
appartenente ad antichi così re-
moti da poter antecedere il popo-
lo degli iconografici Atlantidei? fig. 4
Forse, e forse giunti dalle stelle o
rinati dalle ceneri di un'evoluta ed
estinta umanità spazzata via pri-
ma dello sbarco Anunnaki del cristiano dettagliarono con Nibiru, per ornamento due identici copri-
450.000 A.C. (fonte: Zecharia Si- primo indiziato circa globali diluvi capi tipici degli Amerindi (fig 4,
tchin). terrestri ogni 3600 anni. Sempre Chiesa a Codiponte, SP).
Per reminiscenza atlantidea, un in mia considerazione, le due spi- Questi avrebbero trasmesso ai
esempio lunigianese potrebbe rali di succitata effige suggerireb- Templari conoscenze e simboli
testimoniare la tragedia relativa bero ondate di marea travolgenti ereditati da avi sopravissuti alla
alla "scomparsa" di continenti una terra costituita da monti tragedia dell'Atlantide sprofonda-
(Antartide) o del suo sommerso/ prossimi ad essere investiti da ta oltre le colonne d'ercole; tutta-
inabissato ex grande avamposto mega-tsunami. via, questa, per calcolo delle pro-
atlantico al di là delle colonne Calzolari comunque, sostiene che babilità, dovrebbe essere stata la
d'Ercole. l'effige spezzina può determinarsi più grande colonia marina dell'im-
Si tratta di una doppia spirale di nel sistema di lettura "colmate le pero atlantideo, avente come ma-
origine templare (fig 3) visibile valli e spianate i monti" (vuoto- dre patria l'attuale Antartide, ove
presso la chiesa di Porto Venere pieno a cremagliera) e in un se- "anonime" spedizioni scientifiche
in S.Lorenzo (SP), avente in basso condo sistema di lettura determi- avrebbero scoperto occulte mera-
un segmento dentato (sospetta nante che, le due lettere lamda viglie imprigionate tra i ghiacci
catena montuosa) e in alto due sovrapposte simboleggerebbero il (alto fig 5).
lettere greche Lamda sovrastanti doppio senso del movimento ro- Altresì, le attuali vette delle Az-
due cerchi simboleggianti: forse il tatorio della Terra con due angoli zorre (già meta Cartaginese e for-
sole e la luna (Calzolari: “...si so- di inclinazione dell'eclittica: l'attu- se Templare) rappresenterebbero
stiene che i Templari ebbero a i- ale 23°27' e l'antecedente 24° al l'apice di un vasto territorio un
dentificare il Sole in Dio e la Luna cataclisma globale creato da due tempo emergente dal mare e rap-
nella Madonna…”). corpi celesti che, passando vicini,
Il professore tuttavia, non esclude causarono il catastrofico innalza-
una mia personale interpretazio- mento delle maree.
ne di lettura, e cioè né Sole o Lu- Come tutte le genti e i miti al
na, ma due pianeti rappresentanti mondo raccontano di questi e-
la Terra e un pianeta in transito venti, anche i Templari in rimem-
attiguo ad essa, ovvero ciò che il branza potrebbero essere stati
compianto Sitchin e Roberto Bon- partecipi a tale apprendimento.
Secondo Calzolari, la loro attività
transoceanica portò essi a carpire
(e ricordare in Lunigiana) epiche
narrazioni mesoamericane e loro
costumi.
Questi, sono constatabili in una
figura muraria realizzata dai Tem-
plari presso Codiponte ove sono
raffigurate due facce di riconduci-
bile fattezza oltreoceanica, aventi

89
smettermi in precedenza. proteggere i cavalieri dall'Inquisi-
Per oltre due secoli, i Templari zione, non chiuse il loro l'ordine,
attraversarono segretamente l'A- ma, lo mutuarono nel nome di
tlantico anticipando Colombo di Ordo do Cristo (Ordine di Cristo).
almeno trecento anni. Nel Medioevo perciò, gli ex Tem-
Sulla questione, evitando contesti plari di adozione portoghese at-
di ricerca circa tracce di ori Tem- traversarono l'Atlantico più volte
plari nascosti in Islanda, Canada, per giungere nella Mesoamerica e
Scozia o Pirenei, si tenterà di sco- più a meridione come in... Pata-
prire le ragioni che spinsero i ros- gonia!
socrociati ad attraversare repenti- Da una estesa relazione libraria
namente l'oceano, con indizi circa del Bartocci e attigue analisi di
la loro presenza nel nuovo conti- Calzolari, si enuncia come presso
nente. Nel libro Arte Precolombi- il centro portoghese di Sagres con
na di Alberto Rex Gonzales, sono illecito Cristoforo Colombo
raffigurate placche discoidali in (complice il fratello Bartolomeo)
bronzo arsenioso appartenute riuscì a ottenere una rotta atlanti-
alle misconosciute civiltà dell'A- ca costata la vita al corrotto ex
guada e del Beni (dal 600 al 900 capo Templare dell'Ordo do Cri-
d.C.). Alla luce di un attenta anali- sto, pugnalato dal Re Giovanni I
si combinata con Calzolari, non è per violazione del segreto atlanti-
dato sapere da CHI dette civiltà co e tradimento.
abbiano ereditato i misteriosi sim- Pertanto, la ragione per cui Co-
boli insiti nei bronzi (lascito atlan- lombo impresse la Croce Templa-
tideo? I sospetti non mancano). re sulle vele delle Caravelle spa-
In uno di questi (fig 6, placca del gnole, non sarebbe stata per in-
Beni) si appura la presenza di due neggiare l'araldica di Genova (che
doppie spirali che riconducono a mai lo accreditò), ma piuttosto
presentante la parte di un impero quella di Porto Venere e molte per "onorare" gli ex Templari
atlantideo. altre site negli ornamentali tem- dell'Ordo do Cristo che permisero
È ipotizzabile che i Templari sa- plari d'Italia e dell'Europa medio- la fuga di notizie avvenuta al cen-
pessero questo, e molto altro a evale. tro di Sagres, già fondato dal Prin-
noi oggi appena noto. In comprovazione, la presenza cipe Enrico (figlio di Re Giovanni I)
Nei bassi fondali a sud ovest delle simbolica del Tau (alfabeto greco) e maestro del nuovo ordine cri-
Azzorre, furono rilevate rovine da inciso in piccolo sopra la doppia
cui si può delineare un tracciato spirale superiore (alto fig 7), ri-
sino al muro di Bimini, e da lì sino scontra con la simbologia lunigia-
a Cuba: una serie di ex isole colli- nese dove imperava l'ordine Tem-
manti con la descrizione di Plato- plare dei Cavalieri del Tau (basso
ne conducente a occidente. Nel fig 7: simbolo Tau in Val di Pino).
mare meridionale cubano, a 600 Come Calzolari insegna, i valichi
metri di profondità, giace un com- lunigianesi ed i porti del levante
plesso piramidale tutt'altro che ligure formavano un'imponente
blasonato rispetto al megalitico sistema viario templare conver-
Yonaguni giapponese (basso fig 5 gente ai porti di Ile Rousse e St.
unità sottomarina sovietica in e- Florent (Corsica), noti per aprire
splorazione). rotte verso la Spagna e relative
Il 18/12/09, la trasmissione Voya- Canarie.
ger mandava in onda un esteso I Templari in Portogallo, custodi
capitolo denominato La Notte dei della rotta atlantica che dalle Ca-
Templari: indagini di ricercatori narie portava alle Americhe, con-
europei e statunitensi, conferma- divisero tale conoscenza con il
vano quanto Calzolari ebbe a tra- reame Portoghese, che, al fine di

90
stiano, tra cui membri figurava
un certo Vasco De Gama!
Tra le singolari connotazioni di
Colombo, una emerge nel libro di
Roberto Marino Colombo, l'ultimo
dei Templari; il navigatore però,
non incarnò originarie virtù
dell'ordine, ma quelle di un ra-
mingo fuggiasco (col figlio Diego)
dall'ospitale Portogallo che ne
ordinò la cattura, a cui scampò
rifugiandosi in Spagna.
Perché, dunque, la Lunigiana sa-
rebbe stata un epicentro Templa-
re ricco di simbologie presenti in
Sudamerica?
Calzolari ricorre agli antichissimi te un disco Solare (fig 8) tipico del eccetera) perlopiù erano adatte a
valichi preistorici lunigianesi: i Guatemala. percorrenze fluviali, ivi le più
Templari sfruttarono vie di comu- Come per l'esempio di Codiponte grandi (fig 9) più consone alla na-
nicazione utilizzate da paleolitici ed altri, si potrebbe pensare che vigazione costiera che oceanica.
liguri e autoctoni dell'Oltrepò Pa- gli amerindi avrebbero potuto, Al merito però, va detto che alcu-
vese (dal 17000 a.C. > fine ultima nel passato, giungere in Europa e ne delle antiche cronache amerin-
glaciazione) valicanti i passi per trasmettere la loro simbologia. de rivelano che Maya, Atzechi e
trasportare l'argento che estrae- Tuttavia, teoricamente ciò po- Incas sarebbero i discendenti di
vano da Monte Valerio (Cento trebbe risultare improbabile: de- alcuni scampati al disastro di At-
Camerelle, Piombino). gli amerindi, non risultano crona- lantide, e ciò denoterebbe una
Nel valico di Porciorasco ed an- che di grande navigazione, e le persa ed antica conoscenza di na-
nesso ex sito Templare, è presen- loro imbarcazioni (canoe, piroghe, vigazione atlantica (altrimenti,
detti avi come avrebbero potuto
salvarsi?). Già l'ebreo Abraham
Zacuto (matematico e astronomo)
dichiarò che i Templari soppressi
in Parigi, sotto tortura rivelarono
di aver raggiunto lontane terre a
occidente.
Azzorre e Canarie, quindi, sareb-
bero state un avamposto per rot-
te verso le Americhe con opportu-
no appoggio sull'asse Bermuda.
In base ai reperti descritti dallo
studioso José Vizinho (allievo di
Zacuto, conoscitore della Carta
Medicea) le Azzorre furono meta
cartaginese, poichè egli rilevò loro
monete datate 300 a.C., mentre
le Canarie, già note erano a Fenici
e Romani.
È possibile, quindi, che certe sim-
bologie siano state trasmesse al
vecchio continente e agli Amerin-
di da una civiltà atlantica scom-
parsa tra i flutti del mare?
È una probabilità che si veste di

91
tinente.
Circa approdi al nuovo continen-
te, non sono pochi i sostenitori
della tesi fenicia, ma anche quella
romana, già indagata sulle coste
texane dall'esperto Osvaldo Cari-
gi. I Fenici possedevano navi velo-
certezze, come è certo che i fon- fesina di Elusi (centro fig 11), co- ci, robuste e particolarmente a-
dali atlantici nascondano antiche me le lettere Lamda di Uxmal col- datte per affrontare il mare in
vestigia (fig 10). limanti con le due Lamda nell'effi- tempesta (esempio navale poi
Si vedano anche, gli esempi Mes- ge di Porto Venere (basso fig 11), assimilato dai Romani).
sicani del complesso di Uxmal le cui spirali parentelano con nu- Nel 1872 Ladislau Netto, ex diret-
(alto fig 11), con spirali quadran- merosissimi reperti europei e tore del Museo Nazionale di Rio
golari comuni nell'antica Grecia, d'oltreoceano. Che optare? Greci de Janeiro, fu licenziato per aver
visibili anche in vasi etruschi, o assimilanti simbologie dalla nemi- dichiarato di aver scoperto alla
greci e romani come al museo El- ca Atlantide o Greci navigatori foce del Fiume Paraiba una pia-
che raggiusero il Messico? Tem- stra avente incisioni fenice, simil-
plari influenzati dalla cultura Elle- mente rinvenute cento anni dopo
na o da genti oltreoceaniche? Fu in Honduras su pietre e anfore
la cultura amerinda a produrre giacenti innanzi la costa.
dette simbologie o qualcuno le Al noto archeologo subacqueo
trasmise a loro arrivando da do- Robert Marx, dopo aver recupera-
ve? to sospette anfore fenice e roma-
O forse transoceanici Fenici tra- ne nei bassi fondali brasiliani
smisero agli Amerindi ciò che (1982), fu negata dalle autorità
(anche) nutriva la vicina Grecia? brasiliane l'immersione presso
Indizi suggeriscono il contrario. due probabili relitti romani da lui
O più semplicemente, in un di- individuati (tutt'oggi il cacciatore
menticato passato terrestre una di tesori, vive l'impossibilità di
scomparsa e remota civiltà colo- perlustrare i fondali brasiliani, fig
nizzò tutto il pianeta lasciando 12).
tracce archeologiche in ogni con- Pertanto, se i Fenici furono i primi

92
e i romani secondi ad approdare mente custodite in segreto dalla sè l'Atlantico;
oltreoceano, Roma, con la vittoria nascente Santa sede romana del- 2) commercialmente i Fenici, fre-
nelle guerre puniche, avrebbe lo Stato Pontificio. quentavano assiduamente le co-
carpito rotte oceaniche dai Fenici Sic stantibus rebus, da essa i Tem- ste atlantiche della penisola iberi-
che a loro volta (tesi da non esclu- plari a loro volta sarebbero riusci- ca, e perciò, è lecito supporre che
dere) potrebbero essere stati e- ti a trafugare documenti relativi a entrambi i popoli abbiano condi-
missari navigatori per conto dei segreti oltreoceanici (quindi, le viso ciò che altri non sapevano.
Faraoni egiziani (cocaina e caffei- rotte!). È comunque certo che le placche
na rinvenuta nelle mummie: ele- Tuttavia, prima dell'avvento tem- di bronzo arsenioso di Alberto Rex
menti esclusivamente reperibili plare, non è detto che avi lusitani Gonzales, denunciano elementi
nel "nuovo continente"). non fossero già conoscitori delle impossibili a ignorarsi.
Dette rotte transoceaniche sareb- Americhe per due motivi: Simboli anellanti culture assai di-
bero poi state ereditate dal Sacro 1) tale popolo da tempi immemo- stanti tra loro nel tempo e nello
Romano Impero, e successiva- rabili ha sempre avuto innanzi a spazio... con Greci, Precolombia-
ni, Templari e i misteriosi Atlanti-
dei? Platone: “davanti alla foce
chiamata Colonne d'Ercole, c'era
un isola che offriva un passaggio
alle altre isole e dalle isole a tutto
il continente che sta dalla parte
opposta di quello che è veramente
il mare”.
Ed è proprio da "quella parte op-
posta", che una placca di bronzo
rinvenuta a Cercania de Cocha-
bamba (Bolivia, fig13, civiltà sco-
nosciuta) richiama un contesto
Greco-Romano con simbologie
assunte dai Templari.
Come a Elfesina di Elusi, in siti ar-
cheologici e musei, su alcuni vasi
e manufatti è possibile riscontrare
il fiore della vita (alto sx fig 13),
che nella casistica, può presentar-
si a numero variabile di petali.
Questi similmente, è presente in
succitata placca boliviana con due
fiori a noe e dieci petali dettagliati
con una spirale e due labirinti.
Nel contesto sudamericano, la
realtà delle spirali in oggetto as-
sume parentela al cospetto delle
numerosissime spirali petroglifi-
che appartenute agli eruditi Ana-
sazi; l'inspiegabile scomparsa di
tale misterioso popolo mesoame-
ricano, si accosta all'equivalente
scomparsa dei peruviani Incas,
nonchè le estinte civiltà del Beni e
dell'Aguada.
Vista la spirale, un'altra consuetu-
dine simbolica ricorrente in Euro-
pa e nei bronzi in questione fa il

93
Le prove indiziarie qui inizialmen-
te raccolte, stanno a indicare che i
Templari assunsero nella loro sim-
bologia esoterica, elementi che
appartenevano sia agli Amerindi
sia ai Greci. Certo, i romani molto
assorbirono dalla cultura greca, e
quindi i Templari avrebbero potu-
to cogliere elementi dalla loro e-
redità; ma non si spiega come gli
Amerindi del nord Argentina, Pe-
rù, Bolivia e Cile andino (aree pre-
sidiate dal Beni e Aguada) possa-
no aver condiviso la medesima
simbologia.
La tesi di Calzolari ha una rispo-
sta: sarebbero stati i Templari a
ricevere dagli Amerindi codeste
simbologie.
Altresì è difficoltoso dimostrare
l'opposto; gli oltreoceanici non
avrebbero potuto aver attinto
nulla dai Templari, a prova del
fatto che l'ordine dei crociati nac-
que oltre due, tre secoli dopo la
verso al labirinto.
Il suo archetipo encefalico dalle
ignote origini (fig 14) è diffuso in
tutto il mondo, e si ritiene che
forse, il più antico sia a Luzzanas
(Sardegna, 6000 a.C.): si tratta di
petroglifi, pitture rupestri, traccia-
ti terreni o botanici, incisioni og-
gettistiche e numismatiche.
Il modello che a noi interessa pre-
senta forma rettangolare o qua-
drata come in una placca di bron-
zo della cultura divinatoria demo-
ninata Las Manos Vacias; la pro-
venienza è sconosciuta e l'appar-
tenenza non è certa (si suppone
Aguada).
Nelle sue incisioni centrali è possi-
bile constatare la presenza di una
spirale e due labirinti: per compa-
razione Calzolari esibisce un ecla-
tante esempio presente in Luni-
giana presso la Chiesa di Monte
dei Bianchi; la familiarità dei labi-
rinti è impressionante, peraltro
assai poco dissimile dal labirinto
coniato su una moneta della anti-
ca Grecia (es. fig15).

94
datazione delle placche di bronzo al termine dell'era precolombia- colombiani, in primis costituenti
arsenioso (600-900 d.C.) e relativa na, periodo Incas, Azteco e oppor- uno dei simboli più familiari al
scomparsa dei loro possessori. tunamente Maya nella Mesoame- contesto Templare...
Tali simboli quindi, i Templari li rica. Croci Orbicolari!
avrebbero conosciuti da successi- Nella prossima e ultima parte, e- E molto altro...
vi autoctoni sudamericani relativi mergeranno ancora elementi pre (Continua nel prossimo numero)

95
La civiltà
di Asikli Hoyuk
Simone Barcelli

Asikli Hoyuk, a circa trenta stri antenati a fermarsi, cam- tazioni oscillanti tra 7000 e
chilometri da Aksaray, è un biando radicalmente le prece- 6.600 a.C. Gli scavi sistematici
sito archeologico al centro denti abitudini. iniziarono solamente sul finire
della Cappadocia; poco cono- degli anni Ottanta del secolo
sciuto, non pare destare parti- Archeologi al lavoro Il sito, scorso sotto la guida di Ufuk
colare interesse e non è nem- tuttora oggetto di studio, fu Esin, in considerazione
meno inserito come meta pre- individuato nel 1964 dell’urgenza di procedere alla
minente dagli operatori turi- dall’archeologo Ian A. Todd, mappatura completa
stici. Eppure, in pieno Neoliti- che rinvenne in strati superfi- dell’insediamento, poiché era
co (attorno all’8000 a.C.), fu ciali migliaia di artefatti realiz- imminente la realizzazione di
scelto per crearvi un impor- zati con l’ossidiana, segno del- una diga sul lago Mamasin, le
tante insediamento di qualche la presenza di una notevole cui acque avrebbero sommer-
migliaio di residenti, immerso industria, il cui prodotto era so parzialmente il sito (sorte
com’era in un paesaggio vul- destinato per lo più al com- già toccata all’insediamento di
canico dominato da quelle mercio in un ambito che deve Nevali Cori). Da allora le cam-
che un tempo erano valli flu- considerarsi assai vasto, ab- pagne di scavo si sono susse-
viali, poi trasformatesi in de- bracciando tutto il Vicino O- guite quasi senza sosta, anche
positi di tufo: una zona fertile riente. I primi accertamenti se oggi non sussiste più alcun
e ricca di ossidiana, due buo- con la tecnica del C-14, ese- pericolo di sommersione, co-
ne ragioni per convincere i no- guiti all’epoca su almeno cin- me confermato recentemente
que manufatti, produssero da-
96
8200-7400 a.C., facendo di A-
sikli Hoyuk uno dei primi siti
neolitici dell’altopiano
dell’Anatolia. Non c’è dubbio
che questa località, fin dal Pa-
leolitico, fosse meta dei
cacciatori/raccoglitori che va-
gavano nei dintorni, nel primo
tentativo di stanziamento se-
dentario.

Scheletri in casa Le abitazioni


in mattoni crudi finora rinve-
nute sono quattrocento, alli-
dall’archeologo Gunes Duru, dalle piogge. La parte più inte- neate e adiacenti, tanto da
con il quale mi sono breve- ressante che si sta scavando è suggerire una convivenza so-
mente intrattenuto proprio ad senz’altro quella in fondo allo ciale senza i classici requisiti
Asikli Hoyuk; grazie a una co- scavo stratigrafico legati alla proprietà privata. La
noscenza locale, ho potuto dell’insediamento, dov’è stata presenza di pochi edifici ben
infatti accedere direttamente rinvenuta anche una forma- più grandi rispetto alla media,
all’interno del sito, documen- zione rotondeggiante con possono intendersi come luo-
tando gli scavi più recenti con all’interno alcune buche: po- ghi di aggregazione di una
le immagini a corredo di que- trebbe essere stato un pozzo parte della comunità. Poiché
sto resoconto. L’archeologo mi per la raccolta dell’acqua pio- gli edifici sono privi di apertu-
ha spiegato che molte delle vana. Le ultime datazioni con re sulle pareti, similmente alle
abitazioni già scavate sono ora il C-14, eseguite stavolta sulle abitazioni di Catalhoyuk (ma
protette con coperture per ceramiche rinvenute in tre dif- anche a quelle degli indiani
evitare possibili deteriora- ferenti strati di occupazione, Anasazi), si ritiene che
menti provocati soprattutto hanno prodotto il risultato di l’ingresso avvenisse dal tetto
piano mediante scale di legno
removibili. Un’area dedicata, a
ridosso del sito, presenta rico-
struzioni attendibili di queste
abitazioni, realizzate con ma-
teriale e tecnica dell’epoca.
All’interno delle camere
‘multifunzione’, ampie media-
mente sui venti mq., sono sta-
te individuate una settantina
di sepolture, quasi tutte cor-
redate da offerte funebri di
collane e braccialetti. Infatti, i
defunti erano seppelliti in po-
sizione fetale all’interno di
fosse create sotto il pavimen-
to degli edifici stessi.
97
Dall’analisi dei resti scheletrici
sappiamo che la vita media
dell’uomo era attorno ai cin-
quantacinque anni, mentre
quella della donna non anda-
va oltre i venticinque: le evi-
denti deformità riscontrate
sulle articolazioni suggerisco-
no che il gentil sesso fosse im-
piegato anche in lavori solita-
mente svolti dai maschi, come
il trasporto di carichi partico-
larmente pesanti. Il campione
ci permette inoltre di attesta-
re al 50% la mortalità infanti-
le; un’analoga percentuale è
riservata agli scheletri che
presentano evidenti segni di
bruciature, a conferma che
sovente, dopo il decesso, i Nevali Cori, con il rinvenimen- le di agata magistralmente
corpi erano inceneriti in forni to di analoghi focolari. Poiché perforate per quasi dieci milli-
predisposti allo scopo (forse ad Asikli Hoyuk non è stato metri, databile ad almeno il
all’interno di santuari o templi ancora rinvenuto quello che 7000 a.C. La scoperta induce a
destinati alle pratiche religio- potremmo definire un cimite- considerare che gli ‘artigiani’
se), come d’altronde già ac- ro, per il momento si scorge la di Asikli Hoyuk avessero rag-
certato negli scavi di Cayoyu e possibilità che la sproporzione giunto un livello sorprendente
tra le sepolture e il numero di di tecnologia nella lavorazione
abitazioni sia riconducibile a di questi manufatti, tenendo
un culto funebre riservato a in considerazione che l’agata è
una ristretta classe di dignita- una varietà di quarzo che, per
ri. Stupisce, semmai, la com- la particolare durezza, si può
pleta mancanza di manufatti forare ancor oggi solo con
che possano richiamare preci- l’utilizzo di un trapano munito
si simbolismi legati a pratiche di punta conica diamantata.
religiose, come ad esempio Una semplice punta d’acciaio
quelle della Dea Madre o del non riuscirebbe nemmeno a
Toro Celeste, attestate a Catal- scalfire l’agata, anzi la scheg-
hoyuk, Gobekli Tepe e altri siti gerebbe. Una simile tecnolo-
similari presenti in Turchia, gia, addirittura risalente a no-
ma anche nella vasta area di vemila anni fa, non può esse-
riferimento, cioè il bacino del re assolutamente conciliabile
Mediterraneo. con le conoscenze che oggi
pensiamo di avere del nostro
Collane e bracciali Una venti- passato. Senza dimenticare
na di anni fa si rinvenne nel che una tecnica del genere
sito una collana con dieci per- avrebbe richiesto uno svilup-

98
Trapanazioni Un ultimo (per
ora) indizio da non sottovalu-
tare, che in questo contesto
non ci pare per niente fuori
posto, è fornito dal rinveni-
mento, sempre ad Asikli Ho-
yuk, dello scheletro di una
giovane donna che presenta
tracce della prima trapanazio-
ne al cervello finora conosciu-
ta: anche questo reperto è cu-
stodito al Museo Archeologico
di Aksaray. Probabilmente si
trattava di un intervento chi-
rurgico, poiché è stato deter-
minato che la tecnica fu utiliz-
zata mentre la ragazza era an-
cora in vita e il decesso avven-
ne pochi giorni dopo. La gente
che visse ad Asikli Hoyuk con-
tinua a inviarci messaggi, ne-
po lento e graduale di almeno ottenibile solamente con l’uso anche tanto cifrati, che non
qualche centinaio d’anni. Nel di lenti telescopiche. Lo so- sappiamo (o non vogliamo)
frattempo, a questa magnifica stengono i ricercatori accettare. Forse perché non si
collana si è aggiunto un altro dell’Institut Français d’Etudes tratta solo di stravolgere com-
stupefacente manufatto: un Anatoliennes di Istanbul e del pletamente le cronologie fino-
braccialetto d’ossidiana, rinve- Laboratoire de Tribologie et ra accettate: bisognerebbe
nuto nel 1995 e databile allo de Dynamiques des Systèmes ammettere l’esistenza di una
stesso periodo della collana, di Saint-Etienne, (lo studio è civiltà, tra Paleolitico e Neoli-
che oltre a presentarsi in for- stato pubblicato dal Journal of tico, talmente evoluta da as-
ma quasi regolare, denota Archaeological Science nel di- somigliare dannatamente alla
un’incredibile simmetria della cembre 2011), che hanno a- nostra.
cresta anulare centrale e una nalizzato il reperto con il me-
Bibliografia
superficie, simile a uno spec- todo della tribologica multi- http://www.asiklihoyuk.org
chio, accuratamente pulita e scala, tecnica già sviluppata http://www.asiklihoyuk.org/neolithic_in_t
rifinita. Realizzare questo per l’industria automobilistica urkey_en.pdf
http://phys.org/news/2011-12-oldest-
bracciale, ora esposto al Mu- (per determinare le proprietà obsidian-bracelet-reveals-amazing.html
seo Archeologico di Aksaray, meccaniche della carrozzeria) http://www.ancient-
wisdom.co.uk/turkeyashikli.htm
richiederebbe oggi una tecni- e ora adattata all’archeologia.
ca complessa di lucidatura,

Venerdì 23 novembre 2012 ore 18:00 a Ravenna, Casa Melandri, via Ponte Marino 2,
per il XXXIX ciclo annuale 2012-2013 del Centro Relazioni Culturali di Ravenna,
presentazione del libro "L'enigma delle origini della razza umana" di Simone Barcelli
(Cerchio della Luna Editore, 2011).
Intervengono la giornalista Antonella Beccaria di Bologna e la giornalista Viola Talentoni di
Forlì.
99
100