Sei sulla pagina 1di 92

Anno V

22
NON SOLO ZOMBIE E BASTA
MIRKO GIACCHETTI

Tracce ARCHEOLOGIA
La rivista elettronica del mistero

BOSNIACA
d’eternità FABIO GARUTI
Questa rivista telematica, in formato pdf, non è una testata giornalistica, infatti non ha alcuna periodicità. Non può
pertanto considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Viene fornita in download gratuito sola-
mente agli utenti registrati del portale e una copia è inviata agli autori e ai collaboratori. Per l’eventuale utilizzo di testi
e immagini è necessario contattare i rispettivi autori.

LA STATUA DELLA LIBERTÀ


ARCHETIPO LUCIFERINO PER ECCELLENZA
RICERCA E ANALISI SIMBOLICA
ROBERTO BOMMARITO

VIAGGIO IN
TURCHIA
NOEMI STEFANI

ABDUCTION MILITARI
E TECNOLOGIA VRS
CRISTOFORO BARBATO

LE FIRME: GIORGIO GIORDANO, ROBERTO BOMMARITO, MIRKO GIACCHETTI, MARIA BENEDETTA ERRIGO, MAURIZIO MARTINELLI,
ROBERTO LA PAGLIA, CRISTOFORO BARBATO, ANTONELLA BECCARIA, ALESSANDRO DEMONTIS, FABIO MARINO, FABIO GARUTI,
NOEMI STEFANI, SIMONE BARCELLI, GIANLUCA RAMPINI
CONTENUTI
ARTICOLI

PAG. 24 LA MALEDIZIONE DEI FILM DI TOD BROWNING DI MARIA BENEDETTA ERRIGO


PAG. 29 LE SACERDOTESSE DI BABILONIA DI ALESSANDRO DEMONTIS
PAG. 34 ARCHEOLOGIA BOSNIACA DI FABIO GARUTI
PAG. 41 NON SOLO ZOMBIE E BASTA DI MIRKO GIACCHETTI
PAG. 43 LA STATUA DELLA LIBERTA’ ARCHETIPO LUCIFERINO PER ECCELLENZA DI ROBERTO BOMMARIT0
PAG. 48 ABDUCTION MILITARI E TECNOLOGIA VRS DI CRISTOFORO BARBATO
PAG. 56 UNA SINGOLARE SEPOLTURA DI SIMONE BARCELLI
PAG. 69 TERRA, LE RIVELAZIONI DI HARRY POTTER E DMITRIJ MEDVEDEV DI MAURIZIO MARTINELLI
PAG. 84 IL DRAGO E IL LOTO BIANCO DI ROBERTO LA PAGLIA
PAG. 88 SAMANTHA SMITH (TRADUZIONE DI ALESSANDRO LATTANZIO – SITOAURORA)

Chimera
RUBRICHE
PAG. 3 NOTE A MARGINE DI GIANLUCA RAMPINI
PAG. 5 POLVERE DI SIMONE BARCELLI
PAG. 8 LUCI DALL’OLTREVERSO DI FABIO MARINO
PAG. 17 PALEO STORIE DI GIORGIO GIORDANO
PAG. 20 XAARAN DI ANTONELLA BECCARIA
PAG. 38 ALMANACCO DEL CREPUSCOLO (REDAZIONE NERO CAFE’)
PAG. 55 NON PRENDIAMOCI SUL SERIO… (REDAZIONALE)
APPUNTAMENTO
PAG. 59 LIFE AFTER LIFE DI NOEMI STEFANI IN PRIMAVERA
PAG. 61 CONFESSO, HO VIAGGIATO DI NOEMI STEFANI

QUESTA RIVISTA TELEMATICA, IN REDAZIONE


FORMATO PDF, NON È UNA TE-
STATA GIORNALISTICA, INFATTI
NON HA ALCUNA PERIODICITÀ. Gianluca Rampini gianluca.rampini@fastwebnet.it
NON PUÒ PERTANTO CONSIDE- Simone Barcelli simonebarcelli@libero.it
RARSI UN PRODOTTO EDITORIA- Fabio Marino fabio.marino64@email.it
LE, AI SENSI DELLA LEGGE N.
62/2001. VIENE FORNITA IN DO-
WNLOAD GRATUITO SOLAMEN- Traduzioni
TE AGLI UTENTI REGISTRATI DEL Sabrina Pasqualetto sabryj72@hotmail.it
PORTALE E UNA COPIA È INVIA- Anna Florio anna_florio@yahoo.co.uk
TA AGLI AUTORI E AI COLLABO- Antonio Nicolosi antonio.nicolosi@yahoo.it
RATORI. PER L’EVENTUALE UTI-
Germana Maciocci g.maciocci@tiscali.it
LIZZO DI TESTI E IMMAGINI È
NECESSARIO CONTATTARE I RI- Carla Masolo carlamasolo@hotmail.com
SPETTIVI AUTORI.

LEGGI TRACCE D'ETERNITÀ IN


EDICOLA, SULLE PAGINE DEL
MENSILE XTIMES, EDITO
Progetto grafico e impaginazione DA XPUBLISHING
a cura di Simone Barcelli.
Revisione testi a cura della redazione.

2
NOTE A MARGINE
DI GIANLUCA RAMPINI

EMPATIA ROBOTICA
Recentemente ho letto un ar-
ticolo su un argomento che mi
sento di riportarvi.
In sostanza analizzava
l’opportunità di conferire dei
“diritti” ai robot.
Detta così sembra una scioc-
chezza da film di fantascienza,
ma se avrete un attimo di pa-
zienza capirete perché la cosa
mi abbia colpito.
Innanzitutto questa discussio-
ne è sorta grazie a dei veri e
propri esperimenti, chiamia-
moli sociali, realizzati da una
ricercatrice del MIT, Kate
Darling.
Quindi non pizza e fichi. Dopo circa un’ora di questa mo. Razionalità ed empatia
Nel primo di questi esperi- attività la Darling ha tirato fuo- entrano immediatamente in
menti la ricercatrice consegnò ri coltelli e strumenti vari con i conflitto.
ai partecipanti un robot gio- quali ha chiesto alle persone E in effetti i risultati sono stati
cattolo a forma di cucciolo di di infierire sul piccolo dinosau- molti più sorprendenti di
dinosauro, che imitava princi- ro robot, fino a distruggerlo. quanto aspettato.
palmente la sua caratteristica L’obbiettivo era rilevare quan- L’impossibilità di infierire sul
di essere indifeso, di non sa- ta difficoltà le persone incon- giocattolo ha avuto ampia-
per camminare, insomma di trassero nel fare questo. mente il sopravvento.
dipendere dall’aiuto di chi lo Provate a immaginarlo, mette- Un esperimento simile era
accudiva. tevi nei loro panni per un atti- quello di guardare un video in

3
cui lo stesso dinosauro veniva ma la mia risposta non è così Secondario è secondo me, per
maltrattato, messo in un sac- facile da trovare, o per lo meno ora, se poi i robot siano o no
chetto e sbattuto sul muro. tende a non andare nel senso titolati a ricevere “diritti” alla
Anche in questo caso le emo- della razionalità. stregua degli esseri viventi.
zioni rilevate sono state assai Aumentiamo il livello. Ma è un aspetto che prima o
più forti di quanto non si po- Se venissero creati dei robot a poi dovrà essere affrontato, co-
tesse immaginare. forma di bambino, realistici me lo è stato in tanta narrativa
E ci sono situazioni “di vita” in nella forma e nella reazione, scientifica, pensiamo ad Asi-
cui questo genere di empatia si sarebbe accettabile che i pedo- mov.
manifesta. fili li usassero per i loro scopi? Soprattutto perché, almeno al
Ci sono ad esempio i soldati Immaginate cosa potrebbero momento, non vi è freno alcu-
che onorano, premiano e persi- fare certe persone con robot no nella ricerca sulla intelligen-
no celebrano funerali ai robot realistiche riproduzioni di ani- za artificiale.
anti-mine usati in battaglia. mali vari. Non che freno ci debba essere,
Ci sono persone che danno no- Detto tutto questo, son certo ma consapevolezza sì.
mi ai vari bot autonomi per le che a qualcuno verrebbe in Sono situazioni ancora appa-
pulizie di casa, eccetera. mente che tali comportamenti rentemente lontane ma che
Chiaro che non soffriremmo sarebbero “inumani”. secondo me richiedono di es-
mai a vedere maltrattato un Che cioè il nostro essere umani sere trattate già adesso, perché
tostapane ma la rapida evolu- dovrebbe sotto intendere un prima o poi ci arriveremo, di
zione dei robot potrebbe com- rapporto empatico anche nei questo sono certo.
plicare questo assunto. confronti di oggetti inanimati, Quindi per concludere, buon
Proviamo a fare degli esempi, o forse che più semplicemente Natale a tutti i nostri collabora-
forse eccessivi ma chiarificato- la violenza non è propria di tut- tori e a tutti i pazienti lettori, e
ri. Andiamo per gradi. ti gli esseri umani. per quanto un po’ inquietante,
Sarebbe accettabile che un Che nonostante si dica che gli spero questa riflessione lasci
bambino guardi il proprio pa- uomini sono naturalmente vio- un po’ di speranza nel cuore di
dre seviziare un giocattolo di lenti non sia vero, che tale im- tutti noi.
questi più evoluti, mi viene in pressione forse deriva da un
mente il Furby? Non so per voi, successivo condizionamento.

4
POLVERE
DI SIMONE BARCELLI

“The Olmecs America's First Civi- che scriveva Jacques Soustelle


lization” è un testo edito per la trent’anni fa ne “Gli Olmechi”
prima volta in Inghilterra da (unico testo di riferimento fino-
Thames and Hudson Ltd nel ra tradotto nel nostro paese), il
2004. L’autore è il noto archeo- libro di Diehl merita una lettura
logo antropologo d’oltremare approfondita, pur con tutte le
Richard A. Diehl, che riesce a difficoltà che può incontrare chi
condensare in appena duecento non mastica alla meraviglia
pagine tutto quel che c’è da sa- l’inglese. Diehl, a differenza di
pere sulla cultura madre della altri archeologi (ad esempio
Mesoamerica, gli Olmechi. Christopher Pool in “Olmec Ar-
In attesa che il testo venga tra- chaeology and Early Mesoame-
dotto in italiano (ne dubitiamo), rica”), si avvale di una scrittura
e con tutto il rispetto per quel semplice e scorrevole, senza pe-

raltro mancare di scendere nei


particolari, quando ritenuto ne-
cessario. Diehl, forte di oltre
quarant’anni di esperienza, qua-
si tutti sul campo, è considerato
con Michael D. Coe il miglior co-
noscitore del mondo mesoame-
ricano. Già nelle stagioni di sca-
vo 1966-68 a San Lorenzo Teno-
chtitlan (uno dei maggiori centri
olmechi), i due studiosi erano
fianco a fianco in quella che ri-
mane la ricerca più approfondi-
ta finora condotta nell’area nu-
cleare della cultura madre. I ri-
sultati di quella eccezionale spe-
dizione archeologica fu conden-
sata nel 1980 nel testo accade-
mico in due volumi “In the Land
of the Olmec”, pietra miliare da
cui ogni studente muove ancor
oggi i primi passi nella materia.
Il volume qui segnalato è acqui-
stabile su Amazon.com per poco
meno di dieci dollari.

5
Le vicende di una tran- Viola Talentoni è una giornalista
quilla famiglia americana scrittrice forlivese che dopo a-
s’intrecciano in crescen- ver dedicato tempo e fatica a
do con quelle di altri o- raccontare la vita dei colleghi
scuri personaggi, che tro- romagnoli Max David, Renato
vano spazio pagina dopo Serra e Rino Alessi, si è interes-
pagina e vanno a sconvol- sata anche alla figura di Peter
gere il corso degli eventi. Kolosimo, che pure bazzicò la
Agenti segreti in fuga e Romagna per via dell’amicizia
gruppi paramilitari devia- fraterna con Alberto Silvestri: in
ti inseguono un fine che “Peter Kolosimo. Dall'Atene di
pare sconfinare dalla nor- Romagna all'archeologia spazia-
male comprensione uma- le” (Il Ponte Vecchio, 2007), Sil-
na, in una storia che tie- vestri intreccia i suoi ricordi (per
ne il lettore incollato al larga parte inediti, così come
romanzo fino all’ultimo. l’apparato iconografico) con il
Non mancano, tra i capi- profilo letterario che Viola Ta-
toli, improvvisi colpi di lentoni cura da par suo sul noto
scena che riaccendono divulgatore di paleoastronauti-
l’interesse dopo lunghe ca. Viola Talentoni aveva anche
Recensire “Le colpe del padre”, a descrizioni di luoghi e persone, un romanzo nel cassetto da
distanza di tre anni dalla sua u- non sempre determinanti per la tempi immemorabili, che pren-
scita (Girardi Editore, 2010), può comprensione del testo. Le ulti- de finalmente corpo con la pub-
apparire fuori luogo, o meglio me cento pagine del romanzo blicazione di “Il sole dietro le nu-
fuori tempo. Ma chi legge sa be- scorrono velocemente, con la vole” (MdS Editore, 2013).
ne che ogni libro che custodia- curiosità di conoscere
mo sugli scaffali, prima o poi a- l’epilogo dell’intricata
vrà il suo momento. Ora l’attesa vicenda, in un cre-
è davvero finita, poiché abbia- scendo di illuminanti
mo finalmente avuto tempo e rivelazioni: qui le stra-
voglia di leggere il romanzo di de dei protagonisti
Gianluca Rampini quest’estate, convergeranno in un
sul traghetto che ci conduceva destino comune, per
sull’isola greca di Karpatos. un finale che non de-
L’autore, editorialista e colonna luderà le aspettative.
portante di Tracce d’eternità fin Un bel romanzo (su
dalla nascita della rivista, è riu- Amazon.it si acquista
scito a condensare in queste pa- con lo sconto del
gine buona parte delle sue ricer- 15%), che merita di
che ufologiche. La scelta di ro- essere letto, in attesa
manzare gli avvenimenti è stata del prossimo “Il gusto
felice, una maniera espressiva del sangue”, in cui
che premia Rampini in un mare l’autore andrà a inve-
di saggi dedicati all’argomento, stigare il Male in tutte
che troppo spesso lasciano le sue espressioni.
l’amaro in bocca.

6
rà la consapevolezza di Narby sviluppa un’affascinante
essere uscita da quel tun- teoria che spiega la nascita
nel d’incertezza, quando dell’intelligenza e della coscien-
finalmente scorgerà in za, partendo dalle inspiegabili
cielo l’immagine che dà il conoscenze in possesso degli
titolo al romanzo, descrit- uomini medicina di questa e al-
ta magistralmente tre tribù, i
dall’autrice nelle ultime quali sosten-
pagine. Un romanzo che gono di rice-
si legge tutto d’un fiato, vere queste
in grado di arricchire il informazioni
lettore con un bel carico durante gli
di emozioni. Con lo scon- stati alterati
to del 5%, il libro è acqui- della mente,
stabile su Ibs.it. spesso rag-
giunti con
Jeremy Narby è l’uso di piante
l’antropologo che sul fini- psicotrope. Il racconto di Narby
re degli anni Novanta è avvincente, giungendo a pro-
condensò in un libro, porre un collegamento sensato
“The Cosmic Serpent: tra queste conoscenze e il no-
DNA and the Origins of stro DNA, fonte primaria di un
Stavolta, pur romanzando, la Knowledg”, la sua esperienza sapere ancestrale che credeva-
giornalista racconta qualcosa di tra genti amazzoniche. Il testo, mo perduto per sempre. “Il Ser-
sé, scrivendo di avvenimenti an- proposto in Italia da Venexia E- pente Cosmico Il DNA e le origi-
che tragici del suo passato, dizioni nel 2006, è diventato un ni della conoscenza” è disponi-
quando nel 1943 i bombarda- classico per chi si occupa di ri- bile con un po’ di sconto su A-
menti alleati arrivarono a deva- cercare le origini del sapere u- mazon.it.
stare i dintorni di Livorno, dove mano, soprattutto investigando
abitava. Ambientato tra la To- strade diverse. La lun-
scana e la Romagna, la storia ga permanenza di
vede Tina, la protagonista, di- Narby tra gli Ashanin-
ventare donna in un periodo ca, gli ha permesso di
davvero burrascoso del nostro raccontare due storie
recente passato, quando la importanti. La prima,
mancanza di qualsiasi certezza il serio pericolo di
non permetteva di delineare, scomparire che corre
nemmeno a grandi linee, il pro- questa gente, a con-
prio futuro. I turbamenti giova- tatto con quella che
nili di Tina s’intrecciano con chiamiamo stolta-
l’esistenza di amici e parenti, mente ‘civiltà’; da qui
travolti dagli avvenimenti della l’impegno profuso ne-
Seconda Guerra Mondiale, in gli anni dall’autore
un’attesa che pare non avere per salvaguardare le
mai fine. Eppure, tra paure e sorti di queste tribù.
delusioni, anche per Tina arrive- In seconda battuta,

7
LUCI
DALL’OLTREVERSO
DI FABIO MARINO

EGIZI
AMANUENSI DEL PASSATO?

Gizah: una delle località mon- anch'esso, quello della modali- del Nilo del 2.500 a.C. Un mo-
diali su cui sono stati versati tà di costruzione, per cui si è do esemplare, insomma, di co-
non già fiumi, ma addirittura fatto ricorso a teorie di ogni me NON si fa la Scienza, unito
oceani di inchiostro. E a giusta genere e grado. Alla fin fine, ad un modo esemplare di di-
ragione, perché, volendo elimi- l'unico tentativo di sinformazione mirata alla con-
nare ogni altro elemento, Sfin- "dimostrare" in via empirica e servazione del paradigma
ge inclusa, la sola presenza scientifica come costruire una scientifico attualmente in au-
delle Tre Grandi Piramidi spie- piramide è stato, ad oggi, il ge. Ma è davvero possibile che
ga il motivo di questo enorme Progetto NOVA di Mark Lehner esista un'alternativa seria e
interesse. Com'è noto, ormai nel 1997. Un progetto criticato plausibile all'idea ufficiale delle
da quasi due secoli si fronteg- anche da molti Egittologi orto- Grandi Piramidi "nate" a metà
giano idee e teorie di ogni ge- dossi, che hanno sottolineato i del III millennio a.C.? O, me-
nere riguardo l'origine, la data- limiti metodologici della glio, è possibile individuare,
zione, la funzione di questi "costruzione" di una piccola almeno a livello intuitivo, una
monumenti straordinari, sui piramide, alta circa 6 metri, av- datazione diversa per i tre co-
quali il mistero aleggia quasi venuta col trucco, nel senso lossi? A mio giudizio, sì. E, si
per definizione, come la caligi- che non vennero utilizzati stru- badi, quando parlo di
ne di smog che avvolge l'intero menti accessibili agli Egizi, ma "intuizione" prescindo, ovvia-
altopiano, proveniente dalla moderna strumentazione in mente, da reperti ben visibili,
megalopoli cairota. Non ultimo acciaio e macchine utensili ben ma solitamente contestati
degli enigmi degli immutabili poco congrue con il presunto dall'Egittologia di Hawass e se-
edifici, si erge, impenetrabile grado tecnologico della Valle guaci, perché (sic!) "non assi-
8
Foto 1 - piana di Gizah

milabili al contesto" (mi si per- innescare polemiche e recipro- rimasta nascosta fra le scintil-
doni il gioco di parole...). Per- ci irrigidimenti fra lanti ma gelide pieghe del CD...
ché reperti di tal guisa esisto- "conservatori/ortodossi", se- Solitamente, e chissà perché, si
no, e in abbondanza: in primo guaci del modello standard (o, ritiene che, chiunque abbia co-
luogo, ad esempio, l'ormai fa- meglio, standardizzato...) struito la Piramide di Cheope e
moso Uovo di Aswan, datato al dell'evoluzione sociale e tec- in qualunque momento della
Tardo Neolitico nologica dell'Umanità, e storia lo abbia fatto, essa sia la
(probabilmente al confine fra il "innovatori/eterodossi", al più antica del terzetto princi-
Badariano e il Predinastico di contrario adepti di un nuovo pale di Gizah. In effetti, consi-
Naqada I: come dire circa modo di interpretare la storia derando solo le grandi piramidi
6.000 anni fa) e che sembra evolutiva della nostra specie e di Gizah, Meidum, Saqqara e
ritrarre proprio l'altopiano di del nostro pianeta. Dashur, la Grande Piramide sa-
Gizah completo di tre piramidi Pertanto, di fronte alle consi- rebbe la quinta, come antichi-
circa 1.500 anni prima della derazioni di stampo prevalen- tà, essendo la prima quella di
presunta costruzione della ne- temente analitico, quasi Zoser a Saqqara. Eppure, que-
cropoli egizia, e a seguire la se- "digitale", è forse il caso di affi- sto concetto, al quale siamo
rie di stele ed epigrafi che ac- darsi al buon vecchio metodo tutti così assuefatti da darlo
cennano chiaramente alla pre- analogico, per arrivare ad intu- assolutamente per scontato, di
esistenza della Grande Pirami- ire una diversa verità? Si può fatto non è suffragato da alcun
de, delle sue consorelle e della provare; e allora, vediamo se elemento realmente valido e
Grande Sfinge al regno di Khu- esiste un qualche vecchio LP di inoppugnabile. Perché, ovvia-
fu (Cheope). Paradossalmente, puro vinile in grado, chissà?, di mente, se, secondo l'Egittolo-
il richiamo a questi "fonografi farci ascoltare qualche nota gia classica la Stele dell'Inven-
del passato" non fa altro che tario dice (anche) molte scioc-

9
chezze a proposito della piana Ovviamente, bisogna avere 225 metri di lunghezza per il
di Gizah e per questo motivo un'idea di partenza; la mia è lato di base; precisione di an-
non può essere valida nella ri- che la prima piramide ad esse- goli e di misure assolutamente
costruzione delle vicende egi- re costruita, in un periodo an- sovrapponibili a quella della
zie dell'Antico Regno, non si teriore (forse anche BEN ante- più studiata consorella). Già da
capisce perché mai si dovrebbe riore...) a quello comunemente queste brevi osservazioni, non
invece dar credito a quattro fa- accettato sia stata la cosiddetta balena l'idea, la possibilità che
raoni, arcinoti per le loro fedi- Piramide di Khafra (Chefren). - chiunque abbia costruito la
fraghe millanterie, quando af- Innanzi tutto, per un motivo Grande Piramide - ne abbia
fermano di essere i costruttori assolutamente banale: è quella ‘tarato’ le dimensioni per egua-
di questa o quella meraviglia centrale, ed è posta su uno gliare alla vista la ‘nuova’ pira-
MAI più REPLICATA. Per inciso, zoccolo di roccia, alto una doz- mide a quella ‘vecchia’? In ef-
tra l'altro, come si sa Cheope zina di metri, che la rende, fetti, quasi da ogni prospettiva
non sparò nemmeno questa sempre e comunque, apparen- si ha l'impressione che la Se-
fanfaronata. Quindi, vogliamo temente più alta di quella di conda Piramide (continuerò ad
mettere da parte le guerre di Cheope. Le sue dimensioni, in utilizzare la denominazione
religione sulle affermazioni che ogni caso, erano e sono rag- corrente per comodità) sia più
emergono (o meglio non emer- guardevoli (136 metri attuali di grande della Prima (foto 1, pa-
gono) dai reperti, e vedere se altezza, per via della mancanza gina precedente). C'è poi un
un ragionamento "per analogi- del pyramidion, che la porte- altro aspetto che contrasta de-
a" ci porta da qualche parte? rebbe a svettare a 143 metri; cisamente con le tecniche co-

Foto 2 - base della piramide detta "di Khafra"


10
Foto 3 - base della piramide detta "di Khufu"

struttive delle consorelle: l'esi- posti in opera sono molto più in cui io, alto esattamente 1
stenza di due o tre corsi alla lunghi di quelli utilizzati per i metro e 90 centimetri, vengo
base del monumento, che fun- livelli superiori (e anche per surclassato dall'altezza di sole
gono quasi da basamento e quelli usati per le altre due pi- due file di monoliti - raggiungo-
che hanno caratteri completa- ramidi, raggiungendo anche i no l'altezza di circa 210-220
mente diversi da quelli dei cor- 10-12 metri), ma, soprattutto, centimetri per due file, oltre
si di muratura superiori. Come sono ancora più impressionan- tre metri per tre file. (foto 2,
si vede dalla foto 2 (pagina ti, se possibile, visto che - come base della piramide detta "di
precedente), infatti, i blocchi si vede agevolmente dalla foto, Khafra"). Di fatto, un unicum
nella costruzione delle pirami-
di, come si vede chiaramente
dalla foto 3 (sopra), che ritrae
la base della Prima Piramide e
in cui è evidente l'assenza del
basamento di tipo megalitico
presente nell'illustrazione pre-
cedente. Ebbene, dopo questa
ampia introduzione, qualcuno
si chiederà che fine hanno fatto
i "percorsi analogici" di cui ho
parlato prima. Ci arriviamo su-
bito. Sembra solo a me, oppure
le strutture sospettate di mag-
giore antichità paiono possede-
re, insieme a un aspetto che
Foto 4 - Tempio della Valle di Khafra, ingresso oggi definiremmo
11
Foto 6 - ingresso della necropoli di Saqqara

"minimalista", dei caratteri a-


naloghi a quello dei "corsi me-
galitici" della Piramide di Che-
fren? Guardiamo, ad esempio,
i caratteri dell'ingresso al Tem-
pio della Valle di Chefren (foto
4, pagina precedente, in bas-
so) e quelli all'interno del Tem-
pio stesso (per intenderci, stia-
mo osservando il percorso at-
traverso il quale i turisti arriva-
no sul bordo del Recinto della
Sfinge, foto 5, sotto).
I caratteri di tipo megalitico
"avanzato" e
"minimalista" (rispettivamente camente senza fronzoli né ele- tandi comune. E anche intro-
nel senso di una tecnologia ap- menti decorativi) emergono ducendo le caratteristiche di
parentemente più evoluta ri- anche a un'occhiata superficia- Saqqara si vedono le stesse co-
spetto - ad esempio - al pur le, lasciando chiaramente intu- se: il magnifico ingresso "a fac-
stupefacente Stonehenge, e ire (appunto...) un'origine, ciata di palazzo" (foto 6, sopra)
freddamente funzionale, prati- un'ideazione, un modus cogi- riecheggia enormemente gli

Foto 5 - corridoio interno del Tempio


12
Foto 7 - portale dell'ingresso, particolare

elementi che ho segnalato a


Gizah (megalitismo avanzato e
minimalismo), come appare
ancora più crudamente, direi,
nel dettaglio della foto succes-
siva (foto 7, a fianco).
Si tratta evidentemente di
un'immagine che denuncia u-
no stile decisamente diverso (è
un eufemismo, ovviamente)
dalle pressoché coeve, secon-
do i "conservatori/ortodossi",
strutture poste immediata-
mente a Sud (foto 8, in basso).
E nel caso in cui siano necessa-
ri ulteriori elementi, è suffi-
ciente guardare più a Sud, ad
Abydos, località fra le più anti-
che dell'Egitto, risalente al Pre-
dinastico e capitale di uno dei

Foto 8 - tombe e mura della III e IV dinastia, Saqqara


13
Foto 9 - Osireion (tratta da Wikipedia)

Regni preunitari del Paese,


quindi con una storia superiore
ai 6.000 anni accertati. Colà, in
stretta vicinanza con il famoso
cenotafio di Seti I, esiste il co-
siddetto Osireion, una delle
strutture megalitiche più
"intriganti" dell'intero Egitto,
curiosamente e ostinatamente
associato dall'Ortodossia al
Nuovo Regno. Eppure, i rilievi
stratigrafici in primo luogo la-
sciano ipotizzare con ben altra
verosimiglianza un'origine di
gran lunga anteriore per il mo-
numento, che, guarda combi-
nazione, presenta - suppongo
per mero spirito imitativo o,
ancor meglio, per puro caso -
delle innegabili analogie con il
Tempio della Valle, con il recin-
to di Saqqara, con la Piramide
di Chefren: i "soliti" elementi
megalitici "moderni" e
"minimalisti" già mostrati. Poi-
ché, in casi del genere, un'im-
magine vale più di mille parole,
"voici l'Osireion" (foto 9, a
fianco).
Bene. Mi sembra chiaro che
poiché da sempre sostengo
che ogni ipotesi deve soddi- la Valle di Chefren, l'Osireion e alla stessa "stratificazione tec-
sfare alcuni requisiti, credo sia molti altri edifici monumentali nologica" (intendo riferirmi al-
giunto il momento di esplicita- hanno non solo una comune la Grande Piramide in primo
re la mia ipotesi di riferimento. origine cronologica, ma sono luogo); altre, invece, una mal
Un’ipotesi molto semplice: su anche le vestigia primeve di riuscita imitazione da parte di
base analogico/intuitiva, riten- una possibile civiltà pre-egizia un'entità culturalmente ecce-
go che vada profondamente tecnologicamente e socialmen- zionale, ma largamente più
rivista la datazione (e la primo- te assai evoluta; rappresenta- "primitiva" perché, paradossal-
genitura...) assegnata ad alcuni no, se si preferiscono altri ter- mente, di molto successiva e
dei più significativi monumenti mini, le strutture di riferimento perciò meno dotata tecnologi-
dell'Antico Egitto. In altri ter- per edificazioni successive. Ov- camente. Infatti, molto si è
mini, le strutture che ho illu- viamente, alcune di esse sono scritto sullo stupefacente decli-
strato fin qui fanno sospettare un'evoluzione più o meno evi- no delle capacità costruttive
che la Seconda Piramide, il Re- dente operata dalla medesima degli Egizi in circa un secolo;
cinto di Saqqara, il Tempio del- civiltà, appartenente quindi verificato di persona, il fatto in
14
Foto 10 - apice della piramide di Zoser, 2670 a.C. circa

sé è decisamente impressio- molto simile a quella di Zoser), termini di fredda razionalità e


nante. E in effetti, la stessa pi- ma rappresentano forse l'epi- aspetto tipicamente megalitico
ramide di Zoser a Saqqara è tome del fallimento imitativo "avanzato". Solo successiva-
qualitativamente MOLTO DI- condotto dagli Egizi senza i po- mente LO STESSO POPOLO,
VERSA dalle consorelle di Gi- derosi mezzi del Progetto NO- ben prima degli Egizi, affinò le
zah (e anche da quelle di Da- VA di Lehner (o armamentario proprie tecniche. Da ultimo,
shur, se è per questo). Si guar- tecnologico equivalente). Infat- quando nella Valle del Nilo
di il dettaglio della foto 10 ti, questo misero sbriciolamen- giunsero i pre-egizi (da Nabta
(sopra), e si individuerà imme- to è il risultato (foto 11, pagina Playa o, più probabilmente, dal
diatamente la differenza. successiva). Sahara in via di desertificazio-
Decisamente, non sembra co- In conclusione, anche la strut- ne), restarono ammaliati da
struita nello stesso modo delle tura interna delle camere della quelle costruzioni, al punto
strutture precedenti, vero? Seconda Piramide (almeno allo che, nel tempo, le restauraro-
Non dà quasi l'impressione di stato delle nostre attuali cono- no, cercando di carpirne i se-
un tentativo di imitare qualco- scenze), che appare simile greti della costruzione. Ambi-
sa di irriproducibile nella sua (sarcofago rosso vuoto com- ziosi e intelligenti quali erano,
complessità? Anche perché il preso...) ma solo vagamente a tentarono di riprodurre quei
paragone si fa ancora più im- quella ben più complessa della super monumenti. Fallirono.
pietoso con la piramide di U- Grande Piramide sembra de- Ma ci hanno comunque indica-
nas (nonché con quella di Teti). porre per una possibile verità to la via del coraggio, lascian-
Costruite "ufficialmente" circa storica alternativa: prima della doci migliaia di altre opere
un secolo dopo le Grandi Pira- Prima Piramide, vennero la co- d'arte, dal Predinastico in poi,
midi di Gizah, non solo presen- siddetta Seconda e molti altri che possono solo stupire. La
tano una tecnica costruttiva edifici concettualmente analo- grandezza degli Egizi non sta
radicalmente diversa (e invece ghi, assai somiglianti fra loro in nelle Piramidi o nella Sfinge,

15
Foto 11 - Piramide di Unas, 2450/2350 a. C. circa

che probabilmente non furono fatto. Per me personalmente, NOTA


mai in grado di edificare. Sta non ha importanza se non so- tutte le fotografie sono dell'Autore,
che se ne riserva ogni diritto, a ecce-
nel tentativo di conservare un no riusciti a superare l'ostaco-
zione dell’immagine di apertura e
sapere antico e nell'accettare lo, rivelatosi troppo arduo. È della fotografia 9, prelevate da Wi-
la sfida che esso proponeva. In importante che ci abbiano pro- kipedia. L'Autore è disponibile a
questo caso, non esistono falli- vato e che domani si possa concedere l'utilizzo delle fotografie
menti, ma solo vittorie. È suffi- rendere merito e omaggio a presenti in questo articolo a chiun-
ciente gettare il cuore oltre l'o- Coloro che li ispirarono, stimo- que ne faccia richiesta e sia disposto
a citare la fonte.
stacolo, come con ogni proba- landone l'intelligenza.
bilità i figli di Khemet hanno

16
PALEOSTORIE
GIORGIO GIORDANO

L'EDEN
E IL SERPENTE
CELESTE
«Il Signore Dio prese l'uomo e lo pose
nel giardino di Eden... Il serpente era la
più astuta di tutte le bestie selvatiche
fatte dal Signore Dio». Il mito dell'Eden
è un'allegoria precessionale. In partico-
lare parla dello spostamento della Stel-
la Polare dalla costellazione del Drago-
ne a quella della dell'Orsa Minore. Ab-
biamo il Giardino dell'Eden, che è il cer-
chio delle costellazioni nordpolari, quel-
le che girano intorno a loro stesse, sen-
za mai andare sotto l'orizzonte. Nel
Giardino ci sono due Alberi. L'Albero
che corrisponde al Polo dell'Eclittica è
perpendicolare al piano del percorso
apparente del Sole, il cerchio attorno al
quale ruotano le costellazioni, che per
effetto dell'inclinazione dell'asse terre-
stre interseca con un angolo di 23 gradi
il piano equatoriale. Questo Polo è
"eterno" (l'Albero della Vita eterna),
non cambia - quasi - mai, varia ciclica-
mente tra circa 22,5 gradi e circa 24,5

17
gradi con un periodo di 41.000
anni; poi c'è l'Albero della Stel-
la Polare, che è perpendicolare
al piano equatoriale e rivela
agli uomini le coordinate del
vero Nord geografico. Questo
Polo è "umano", terreno
(l'Albero della Conoscenza del
Bene e del Male), perché è e-
stremamente mutevole, cam-
bia infatti di un grado ogni 72
anni circa per effetto della pre-
cessione. Ogni 12.960 anni
questo Albero si trova addirit-
tura abbattuto in direzione dia-
metralmente opposta rispetto l'uomo, in effetti, il Polo celeste ca". In India, l'isola bianca
al Sole. Nel mezzo del Giardino di riferimento è l'Albero (Shweta-dwipa), che si situa
c'è il Serpente che taglia da un "violato" da Adamo ed Eva e la generalmente nelle lontane re-
capo all'altro la volta celeste Stella Polare è il "frutto" che gioni del Nord, è considerata
boreale. Questa costellazione è risplende alla sommità del cie- come il "soggiorno dei Beati",
il Draco o Dragone. Attorno ci lo. Nella Bibbia si dice che il al centro di questa s'innalza la
sono gli animali del Giardino e Giardino, dove c'è il Serpente, "montagna bianca", la cui cima
fra questi le due Orse, l'antica si trova a Oriente. Di cosa? A è di colore purpureo. Questa
Bilancia celeste, in mezzo alla Oriente del Polo Nord celeste, "montagna del Sole", come è
quale si insinua il Draco/ l'Albero perpendicolare al pia- anche chiamata, corrisponde al
Serpente. Peraltro le due Orse no equatoriale. Non a caso, monte Meru». E' interessante
hanno teste, gambe e braccia l'Orsa Maggiore e l'Orsa Mino- anche il paragone con la mito-
(come Adamo ed Eva) se consi- re a Oriente confinano con il logia greca. Oggi in Occidente il
derate nel complesso, e non Dragone. Scrive René Guenon: grande Serpente del Cielo è
solo nella parte del Piccolo e «La parola Tula in sanscrito si- detto Dragone in ossequio alla
del Grande Carro. «Metterò ini- gnifica bilancia e designa pro- tradizione ellenica, che peral-
micizia tra la tua genia e quella priamente il segno zodiacale tro vedeva nell'Orsa Minore le
della donna» significa che i due con questo nome: ma, secondo ali del biscione, considerando
Poli celesti, quello indicato dal- una tradizione cinese, la Bilan- insieme le due costellazioni. Al
la Stella Polare e quello dll'E- cia Celeste era in origine l'Orsa matrimonio di Zeus e Era c'è
clittica, non coincideranno mai Maggiore. Questa osservazione una gara fra le divinità per of-
per effetto dell'inclinzazione è della massima importanza frire i doni più preziosi. La Terra
dell'asse; «ma ella ti calpeste- perché il simbolismo che si rife- regala alla coppia degli alberi
rà» indica che nell'Era del Toro risce all'Orsa Maggiore (o all'in- da frutto, che a ogni primavera
la Stella Polare era nella costel- sieme dell'Orsa Maggiore e producono delle mele d'oro.
lazione del Dragone, mentre dell'Orsa Minore) è natural- Gli alberi sorgono in un giardi-
poi si è spostata in quella mente legato nel modo più no affidato a quattro ninfe, le
dell'Orsa Minore (la donna), stretto a quello del Polo. Tula è Esperidi, le quali pongono a
dove si trova ancora oggi. Per chiamata anche "l'isola bian- guardia dell'entrata un drago

18
con cento teste. Una delle do- successivamente sul copricapo lo era Kochab (Beta Ursae Mi-
dici fatiche di Ercole è impos- dei faraoni egizi. E' scritto nello noris). Nell’ultimo millennio la
sessarsi di queste mele: grazie Sepher Jezirah: «Il Dragone ce- Polare è stata l’Alfa dell’Orsa
al consiglio di Prometeo di farsi leste è nell’Universo simile a maggiore, chiamata appunto
aiutare da Atlante, l'eroe riu- un Re sul suo trono; lo Zodiaco Polaris, e lo sarà ancora per
sce a uccidere il drago e a ru- nell’anno simile a un Re nella 1500 anni. Attorno al 130 a.C.,
barle. Infine Era pone il drago sua città; il Cuore nell’uomo Ipparco ha compreso il mecca-
nel cielo nella costellazione del simile a un Re in mezzo ai suoi nismo della precessione in mo-
Dragone in modo che tutti po- eserciti». Il Dragone è un cen- do elementare, confrontando
tessero ricordarlo. Anche nelle tro immobile, la sfera dello Zo- le proprie osservazioni del cie-
mitologia greca, dunque, ab- diaco si muove senza mutare lo con quelle avvenute nei 169
biamo un giardino, degli alberi, la sua orbita. Astronomica- anni precedenti e concludendo
dei frutti vietati che qualcuno mente si può constatare che ai che le intersezioni si erano
ruba, "quattro" ninfe/fiumi, il tempi dell’autore del Sepher spostate di 2 gradi. Sappiamo
serpente/drago, e perfino una Jezirah, la Stella Polare faceva per certo che gli uomini osser-
coppia sacra; la tradizione gre- parte della costellazione del vano il cielo e gli spostamenti
ca offre due ulteriori spunti: la Draco. L’'immagine era effetti- degli astri dai tempi dei Cro-
primavera (equinozio) e Atlan- vamente quella del Dragone Magnon, e lo hanno fatto os-
te, padre delle Esperidi, il tita- come Re sul suo Trono, il cen- sessivamente per decine di mi-
no che sorregge il mondo te- tro dell’Universo. Un paragone gliaia di anni, non per miseri
nendolo "diritto". L'Eden è il che troviamo anche nella figu- 169 o 500 o mille, quindi non
luogo delle costellazioni cir- ra di Re Artù, il Pendragon, il vedo problemi nell'ammettere
cumpolari dove risiede il Ser- centro della "tavola rotonda", che qualcuno possa avere
pente del Cielo, e non per caso che altro non è se non uno Zo- compreso il movimento pre-
il Sole allo Zenit e il Serpente diaco. Circa 6000 anni fa la Po- cessionle anche molto prima
spesso si fondono simbolica- lare era Thuban (Alfa Draco- dell'astronomo greco. Di certo
mente, ad esempio nel nis), poi 5000 anni fa la polare sappiamo che la Bibbia è stata
"Serpente piumato" precolom- divenne la ben più luminosa composta dopo il ritorno
biano e nell'Ureo, in origine Edasich (Iota Draconis), 3000 dall'Esilio babilonese intorno al
posto ai lati del disco solare e anni fa la stella più vicina al po- 500 a.C.

19
XAARAAN
DI ANTONELLA BECCARIA

LOS ANGELES, 1915


QUANDO GLI STRILLONI AVEVANO 7 E 9
ANNI NEGLI SCATTI DEL SOCIOLOGO
E FOTOGRAFO LEWIS WICKES HINE

Su Shorpy.com uno scatto 7 e 9 anni che distribuivano Lewis Wickes Hine che sem-
dal 1915 (qui in versione giornali a Los Angeles. pre ha lavorato occupando-
più grande): due strilloni di È un’immagine del fotogra- si di lavoro e riforme sociali
fo e sociologo statunitense in ambito infantile.

20
“IO MI SONO SALVATO”: SHOAH E STRAGI NAZISTE DEL 1943
SUL LAGO MAGGIORE. LA STORIA (IN PARTE INEDITA) DI
ALDO TOSCANO

tantesimo anniversario di una ne celebrato nel 1968 a Osna-


strage nazista: brück. Dopo 61 udienze e
Nei giorni immediatamente l’escussione di 180 testi, gli uf-
successivi all’armistizio, tra il 15 ficiali vennero condannati
settembre e l’11 ottobre 1943, all’ergastolo e i due sottouffi-
sulla sponda occidentale del ciali a pene minori. Nell’appello
lago Maggiore i soldati del pri- svoltosi il 17 aprile 1970, la cor-
mo battaglione SS del secondo te suprema di Berlino li mandò
reggimento della divisione co- assolti, con la stupefacente
razzata Leibstandarte “Adolf motivazione dell’avvenuta pre-
Hitler” compirono uno dei più scrizione dei termini.
efferati eccidi di ebrei in terri- Aldo Toscano, ebreo novarese
torio italiano. A oggi le vittime nato nel 1907, dopo essere
accertate sono 57, uomini, scampato all’eccidio rifugian-
donne, vecchi e bambini, im- dosi in Svizzera dove venne in-
placabilmente rintracciati e im- ternato, fu il primo a dedicarsi
mediatamente sterminati. I alla ricostruzione storica di
Gli accadimenti legati alla se- contorni della strage emersero quegli avvenimenti, pubblican-
conda guerra mondiale e dalla in tutta la loro tragica evidenza, do il risultato delle sue ricerche
Shoah continuano a raccontare soltanto nel 1963, grazie nel 1993 su una rivista storica
e a riproporre storie di costan- all’indagine condotta da Ger- novarese. In occasione del set-
te interesse. È il caso del libro hard Wiedmann sull’attività del tantesimo anniversario della
Io mi sono salvato. L’olocausto capitano delle SS Theodor Sae- strage e a vent’anni dalla mor-
del lago Maggiore e gli anni wceke. te di Toscano, si ripubblica lo
dell’internamento in Svizzera Prese avvio un’istruttoria giudi- studio insieme al diario che ri-
(1943-1945) di Aldo Toscano, ziaria che si concluse con un costruisce gli anni
che esce (di nuovo) per Interli- processo contro i maggiori re- dell’internamento, rimasto ine-
nea Edizioni a ridosso del set- sponsabili dell’eccidio che ven- dito fino ad oggi.

Gli ignoti che si riuniscono sotto la sigla Anonymous promettono battaglia contro censura, imperialismo, finanza
d’assalto, devastatori dell’ambiente e militarismo. Questo libro è un’inchiesta su una forma di lotta da nuovo
millennio che ha finito per colpire sette religiose, corporation, partiti reazionari e dittature mediorientali. Ogni
volta che verrà compiuto un abuso, compariranno gli anonimi fustigatori il cui volto è rappresentato dalla ma-
schera del giustiziere Guy Fawkes. E già oggi si può intuire il loro scopo: servizi digitali che garantiscano agli u-
tenti la libertà di espressione.
AVVERTENZA di Antonella Beccaria
Mi rivolgo a voi, Anonymi. Questa non vuole essere la ricostruzione completa al millimetro della vostra storia.
Qualcuno di voi me l’ha raccontata o almeno mi ha fornito la sua visione che non per forza è quella di tutti. Poi
ne ho letto, rimbalzando un po’ ovunque per il web, e in fase di stesura delle pagine che seguono ho compiuto
una scelta arbitraria: estrapolare da ciò che avete firmato, in toto o in parte, alcune operazioni che mi sembra vi
descrivano meglio. Rimane fondamentale l’inciso «secondo me». Leggetelo come il necessario imho, in my hum-
ble opinion, come si usa scrivere nelle mailing list e nei gruppi di discussione in rete. Quella che voi e altri lettori
incontrerete scorrendo questo testo è una specie di biografia non autorizzata. E se alla fine ciò che leggerete non
vi piacerà, non “bombardate” troppo forte il mio sito. All’origine del libro c’è la volontà di tributarvi un merito
indiscutibile: combattere per la libertà di informazione. Perché, credetemi, almeno un tratto in comune ce
l’abbiamo, voi e io: crediamo che l’informazione debba essere libera. A qualunque costo. E comunque la prende-
rete, sarà stato un viaggio entusiasmante. Un viaggio all’interno di un enorme scherzo tremendamente serio.

21
NOVITA’ nell’ombra plasmare trent’anni di boratore di giustizia, pare anche die-
misteri d’Italia, fatti di massoni, ser- tro notevole compenso. Si rivelerà
vizi segreti, banche svizzere, giudici tutta un’invenzione, lo ammetterà lui
raggirati e politici in odor di mafia. È stesso e verrà condannato per calun-
Elio Ciolini il depistatore. Di lui circola nia e falso aggravato. Dodici anni do-
un’unica fotografia e la fuggevole po la bomba alla stazione di Bologna,
ripresa di un volto immediatamente Ciolini conferma la sua vocazione (o
coperto. È il 26 novembre 1981 la necessità?) a essere un protagoni-
quando Ciolini comincia a parlare. Si sta dei momenti più bui della storia
trova in Svizzera, detenuto nel carce- italiana, e diventa l’anello di congiun-
re di Champ-Dollon per truffa. Si sta zione con la trattativa Stato-mafia.
comprando la libertà, ma non solo. Accade quando dal carcere
Invoca come mandante della strage «predice» i delitti eccellenti della Si-
del 2 agosto 1980 la sconosciuta Log- cilia del 1992, gli omicidi di Salvo Li-
gia Riservata, i cui adepti altro non ma, Giovanni Falcone, Paolo Borselli-
sono che la crème della P2, e ne no e delle loro scorte, che innescano
snocciola i nomi. Fra i più pesanti: la crisi politica da cui nasce una nuo-
Gelli, Andreotti, Ortolani, Rizzoli. Mo- va strategia della tensione. E ancora
vente: distrarre l’attenzione delle oggi non si arresta la «carriera» di un
autorità da un’operazione di acquisto personaggio che non si è dimostrato
in massa di azioni Eni, condotta in affatto riservato. Anzi, ha parlato co-
pieno scandalo Eni-Petronim. La fase sì tanto e su così tanti argomenti da
organizzativa sarebbe stata affidata a essersi attirato l’etichetta di
IL FACCENDIERE Stefano Delle Chiaie, il fondatore del- «pataccaro», una specie di burattino
STORIA DI ELIO CIOLINI, la neofascista Avanguardia Nazionale manovrato da figure rimaste senza
L'UOMO CHE SAPEVA TUTTO espatriato in Argentina. È abile, Elio nome. Antonella Beccaria ripercorre
Ciolini, sa mescolare organizzazioni le sue gesta, consulta quarant’anni di
Fingere di sapere. Mescolare il falso false e sospettati veri, fantomatiche carte giudiziarie, intervista giudici,
al vero. Far correre gli investigatori operazioni in seno a scandali reali. Ed carabinieri, testimoni che scelgono di
per due continenti, dall’Europa essere sempre presente: alle riserva- rimanere nell’anonimato, e traccia,
all’America Latina, alla ricerca di ri- tissime riunioni massoniche di Mon- in un’inchiesta sbalorditiva, il profilo
scontri. E poi ritrattare, sostenere tecarlo come agli incontri logistici a di un uomo incredibile, una mac-
che era tutto falso. O quasi, accam- Buenos Aires. Non male per un sedi- chietta in apparenza, un criminale
pando presunte minacce e non rive- cente infermiere, imprenditore, ope- nei fatti, che ha tessuto una spy story
landone gli autori. Rimanere ratore finanziario, uomo italiana, che di romanzesco non ha
nell’ombra, artefice misterioso del dell’intelligence francese come del nulla e che di reale ha un centinaio di
depistaggio della strage di Bologna. E Sismi, un faccendiere divenuto colla- vittime in attesa di giustizia.

Antonella Beccaria, Giacomo Pacini È inimmaginabile per chiunque la quantità di Male


Divo Giulio che bisogna accettare per ottenere il Bene”, afferma il
Prima edizione marzo 2012 Divo ritratto nel fortunato film di Paolo Sorrentino. E
Giulio Andreotti, l’uomo in carne e ossa, di male ne ha
attraversato tanto o, quantomeno, tante sono state le realtà opache che hanno accompagnato la sua
storia. Fin dai tempi della Seconda guerra mondiale e dei suoi rapporti con i servizi segreti alleati, prose-
guendo con la stagione dei dossier, l’esplosione del terrorismo, le coperture degli stragisti neofascisti,
l’allestimento di apparati non ortodossi, come Gladio e l’Anello, fino alle clientele necessarie per racco-
gliere consenso e ai rapporti ambigui con la mafia. Difficile dire se il Divo Giulio sia stato il maggiore stati-
sta italiano del Novecento o il grande Belzebù che si è nutrito della parte più oscura della storia naziona-
le. Quello che è certo è che ripercorrere la sua vicenda significa attraversare tutti i maggiori scandali ita-
liani dal dopoguerra a oggi, dal golpe Borghese al delitto Moro, dalla P2 a Michele Sindona, fino
all’omicidio del giornalista d’assalto Mino Pecorelli. Questa biografia di Giulio Andreotti, rigorosa e docu-
mentata, ricostruisce per la prima volta senza pregiudizi e senza timori l’intera storia politica, quella uffi-
ciale e quella inconfessabile, del ‘grande vecchio’ dell’Italia del Novecento, tracciando un percorso inquie-
tante dentro le ombre più dense della prima Repubblica.

22
NOVITA’

ANTONELLA BECCARIA
I SEGRETI DELLA
MASSONERIA
IN ITALIA

questa forza occulta che sembra Tutto quello che c’è da sapere
guidare i destini del mondo? sull’organizzazione più antica,
Come è nata e con quali scopi? misteriosa e potente della sto-
Chi sono stati i suoi massimi e- ria occidentale
sponenti e chi ne fa parte anco-
ra oggi? In Italia, in particolare, Tra gli argomenti trattati nel
sembra che la storia nazionale libro:
si sia spesso intrecciata con
quella delle logge segrete: dalle • Morte presunta di un masso-
persecuzioni degli affiliati in e- ne
poca fascista alle deviazioni e- • Le origini della famiglia: istan-
streme della P2 di Licio Gelli, ze di libertà dal Medioevo
con le ombre del golpismo e all’età moderna
L'Italia è una Repubblica fonda- delle stragi, mai del tutto can- • L’approdo in Italia delle idee
ta su di loro cellate; dagli interessi americani massoniche
al potenziale abbraccio letale • Venti di dittature e reazione
Documenti inediti con esponenti delle forze delle consorterie
dell’ordine e dei cosiddetti • Fratelli d’America: il nodo del-
Dalla prima Gran Loggia alla P2 “servizi segreti deviati”, fino ai la seconda guerra mondiale e la
Inchiesta sull’organizzazione pericolosi contatti con la mala- posizione dei cugini
più potente della storia occi- vita organizzata. d’oltreoceano
dentale Con interviste esclusive e mate- • Anomalie nel tempio: la bufe-
riale inedito, la giornalista ra della P2
Templari, libera muratoria, Fra- d’inchiesta Antonella Beccaria • Incroci eversivi: quale ruolo
tellanza, Gran Loggia, Rosacro- va alla scoperta di un mondo nella strategia della tensione?
ce: tanti sono i nomi attribuiti spesso sconosciuto e inesplora- • Relazioni inconfessabili:
nei secoli a quella forma di as- to, per illuminare le molte zone l’ombra delle mafie
sociazione segreta nota ai più d’ombra che ancora oggi si tro- • Logge regolari e deviate: le
semplicemente come vano attorno al fenomeno mas- moderne camere di compensa-
“massoneria”. sonico. zione.
Ma chi c’è veramente dietro a

23
LA MALEDIZIONE
DEI FILM
DI TOD BROWNING
MARIA BENEDETTA ERRIGO

Tod Browning, un nome che ai zarro triangolo amoroso tra un derato ancora oggi un film ma-
più non dice nulla, se non ai nano danaroso, un'attraente e ledetto per il fatto che
cinefili più accaniti. avida trapezista e un rude e all’uscita molte sono state le
Ma è stato un grande regista, forzuto circense, una storia di persone che si sono sentite
attivo soprattutto nei primi an- omicidio e un patto di vendetta male durante la proiezione e
ni Trenta, dopo un passato da tra il nano e i suoi amici anzi pare che una donna incin-
circense e da attore. Browning "freaks". ta abbia avuto un aborto spon-
è stato il regista del primo Dra- Il film, una cruda e al contem- taneo mentre lo stava guardan-
cula con Bela Lugosi (1931) e di po toccante allegoria sul tema do.
Freaks (1932), uno dei film ma- del "diverso", causò molto scal- Dracula con Bela Lugosi non ha
ledetti di cui abbiamo già par- pore, portando addirittura al bisogno di molte presentazioni.
lato in una rubrica su Tracce di taglio di alcune scene, conside- È stata una delle più belle rap-
Eternità. rate "inquietanti", che ripren- presentazioni del libro di Bram
Freaks è stato uno dei film più dono i "freaks", che lo stesso Stoker, dal 2000 è stato scelto
discussi dei suoi anni: parlava Browning aveva preso da un per essere conservato nel Na-
infatti di un gruppo di vero circo. Il film è un flop al tional Film Registry della biblio-
“fenomeni della natura” che botteghino, e danneggerà no- teca del Congresso degli Stati
lavoravano in un circo, i freaks tevolmente la carriera del suo Uniti e ha consacrato la stella
appunto, e comprende il biz- regista, visto che viene consi- di Bela Lugosi, attore di origine

24
tazione. L'ispettore Burke, in-
terpretato da Chaney, di Scot-
land Yard è chiamato a investi-
gare sul caso. Gli indiziati di o-
micidio sono il maggiordomo
Williams, Sir James Hamlin e
suo nipote, Arthur Hibbs. Viene
trovato un biglietto del defunto
che farebbe pensare a un suici-
dio e il caso viene chiuso di
conseguenza. Cinque anni do-
po, la vecchia dimora ormai di-
sabitata di Balfour è infestata
da un sinistro figuro dai tratti
vampireschi, con un cappello a
cilindro, gli occhi spiritati e un
ungherese che già da tempo ce: Sir Roger Balfour viene tro- ghigno satanico perenne. Sua
calcava le platee interpretando vato assassinato nella sua abi- assistente è una donna spettra-
il ruolo di Dracula.
Ma forse non tutti sanno che il
grande Lugosi fu la seconda
scelta del regista: il ruolo di
Dracula, infatti, sarebbe dovuto
andare a Lon Chaney, grande
attore del muto e attore fetic-
cio di Browning, scomparso un
paio di anni prima.
Chaney e Browning furono la
coppia d’oro dei film muti
horror degli anni Venti. Basti
solo dire che furono Lugosi e
Boris Karloff a raccogliere
l’eredità cinematografica di
Chaney dopo la sua morte.
Non solo, furono anche i prota-
gonisti di un film che fu molto
discusso al momento della sua
uscita e che oggi come oggi ri-
sulta perduto. Ancora una vol-
ta, insomma, un film di
Browning viene ammantato da
un’aura di mistero.
Il film in questione si intitola “Il
fantasma del castello” (London
after Midnight) ed è del 1927.
La trama è abbastanza sempli-

25
le, dai capelli corvini. Potrebbe suoi genitori erano sordomuti e impressionati dalle scene e dal
essere Sir Balfour, resuscitato quindi lui fin da piccolo aveva trucco del vampiro. Anzi pare
dalla tomba? imparato il linguaggio dei segni proprio che questa figura spet-
Ovviamente non racconto co- per comunicare con loro. trale provocasse crisi di panico
me va a finire, visto che magari Il trucco di Chaney utilizzato e di paura. Quindi fu deciso
qualcuno potrebbe essere inte- nel film è notevole, denti aguz- dalle alte sfere di non far circo-
ressato a vederlo. zi, occhi ipnotici, tutti effetti lare troppo il film nelle sale ci-
Sì, lo so che ho detto che è un ottenuti con aggeggi che l'atto- nematografiche.
film perduto, ma abbiate pa- re stesso ideava e si costruiva Fino ad arrivare alla tragedia di
zienza, ci arriviamo. da solo. Secondo fonti di allora, un anno dopo:nel 1928 un uo-
Quello che posso dire è che Chaney diede volutamente al mo uccide una ragazza ad Hyde
Chaney in questo film fa un personaggio del vampiro un Park. Bene, il film viene citato
doppio ruolo, quello aspetto esageratamente assur- in difesa dell’accusato come
dell’ispettore e quello del vam- do e questa fu l'unica volta in causa scatenante del fatto.
piro e che il suo trucco e la sua cui Chaney utilizzò la sua famo- L'avvocato dell'imputato disse
mimica raggiungono vette inar- sa abilità nel makeup come un che l'interpretazione di Chaney
rivabili. espediente della trama. aveva talmente impressionato
Ed è proprio questo che ha im- Il film incassò circa 500.000 l'uomo da renderlo tempora-
pressionato tanto gli spettatori: dollari al botteghino, divenen- neamente incapace di intende-
proprio l’atmosfera della sce- do il successo più grande della re e volere, ma la mozione ven-
nografia e la mimica collaborazione cinematografica ne respinta e l'uomo condan-
dell’attore. tra Chaney e Browning. nato per il suo crimine.
Chaney era bravissimo a cam- E qui però inizia la leggenda del Va da sé che Il fantasma del ca-
biare letteralmente faccia, que- film. Molti spettatori, infatti, stello inizia ad avere una fama
sto grazie anche al fatto che i dichiararono di essersi molto di film maledetto e tutte le co-

26
della MGM. Nel 1965, però, un
cortocircuito elettrico causò un
forte incendio che distrusse
numerosi film dell'epoca del
muto, tra i quali anche London
After Midnight.
Sfortunatamente, il film è or-
mai andato perduto: nessuna
copia sembra essere sopravvis-
suta, anche se nel 2002 c'è sta-
to un tentativo di ricostruzione
utilizzando il copione e le foto
pubblicitarie, creando un film
di 45 minuti in bianco e nero,
utilizzando anche le musiche
originali. L’ho visto, non è male,
ma questo aumenta solo la cu-
riosità di sapere come poteva
essere l’originale perduto.
Certo, molte cose a noi non
fanno più paura, ma bisogna
sempre ricordare il periodo in
cui il film è stato girato e il ter-
rore del soprannaturale che
potevano avere allora le perso-
ne.
Spesso si è parlato di collezio-
nisti che custodirebbero alcune

pie vengono ritirate. In seguito


al ritiro di tutte le copie,
Browning stesso fece un
remake sonoro del film, con
qualche cambiamento alla sce-
neggiatura, intitolato I vampiri
di Praga (1935) dove Lionel
Barrymore interpreta l'ispetto-
re di polizia e Bela Lugosi inter-
preta il vampiro fantasma, ma
non era presente in nessun
modo l’atmosfera di paura che
permeava invece la pellicola di
London After Midnight.
L'ultima copia originale cono-
sciuta del film venne immagaz-
zinata nel deposito numero 7

27
copie in 16 millimetri del film rimane un film perduto, un film E forse anche della maledizione
originale, ma quasi sempre si è che ha iniziato a far parlare di che ogni suo film pare porti
scoperto che erano bufale. Browning e del suo talento. con sé.
Quindi Il fantasma del castello

28
LE SACERDOTESSE DI
BABILONIA
ALESSANDRO DEMONTIS

È opinione comune, presso chi cittadini erano fatti schiavi. KULMASHITU, QADISHTU,
non ha studiato Uomini e donne SHAGITU e UGBABTU.
approfonditamente la storia e la indistintamente. Le donne Il gruppo sulle quali abbiamo più
religione del Medio Oriente, che schiave avevano meno valore notizie sono le Naditu. Esse
la donna avesse un ruolo degli uomini schiavi, per la loro erano generalmente mogli o
marginale quasi al limite della minore resistenza nei lavori figlie di sacerdoti maschi,
considerazione umana. Molti agricoli e per l'impossibilità di specialmente a Sippar nel
hanno addirittura l’idea che la utilizzarle per la difesa della tempio di Shamash, ma
donna, nell’antica Mesopotamia, casa. Ma venivano comunque potevano essere Naditu anche
fosse considerata alla stregua tutelate e spesso utilizzate come figlie di contadini e perfino
degli schiavi, che non avesse concubine per generare dei figli schiave di uomini possidenti, se
diritti, che fosse soltanto una dal capofamiglia. È importante il loro padrone decideva in
‘proprietà’ maschile. In realtà chiarire che questo non era visto questo senso, o decideva di
non è così. Le donne erano come una ‘offesa’ alla donna assecondare la richiesta della
tutelate da contratti di schiava, ma come una ‘possibile schiava di entrare al chiostro.
matrimonio, sia a Sumer sia mansione’ che poteva o meno Al chiostro e al tempio
successivamente a Babilonia. Ai verificarsi. Alcune donne, comunque stavano altre donne,
tempi di Sumer non esistevano schiave o meno, potevano tenute in grande considerazione.
codici di leggi paragonabili ai scegliere di abbracciare il Esse si prendevano cura
nostri, dunque tutto ciò che sacerdozio. Mai, come a dell’arredamento, potevano
riguardava la ‘condizione Babilonia, il sacerdozio cantare nei riti e nei festival,
umana’ veniva regolamentato femminile assunse un ruolo e un potevano amministrare qualora
dai re e dai sacerdoti. Certo è valore così alto. Le sacerdotesse incaricate dal sacerdote.
che, dopo la conquista di una babilonesi erano di vari tipi, si Quando una donna decideva di
città in seguito a invasione, i suoi suddividevano in NADITU, diventare Naditu, il suo percorso

29
sceglievano il celibato; potevano
avere schiavi, e il loro sacerdozio
durava per tutta la vita.
Potevano condurre uffici
religiosi, officiare i riti sacri,
compresi i riti funebri (spesso
dei loro familiari) e assistere il
sacerdote maschio nei riti da lui
condotti. Solo i riti più alti e gli
oracoli erano vietati alle
sacerdotesse. Nel tempio di
Marduk invece le Naditu
potevano sposarsi ma non avere
figli, la loro vita sacerdotale era
molto più regolamentata
rispetto a quella del tempio di
era assimilato a un matrimonio un appezzamento di terreno o Shamash, addirittura le Naditu
(con il dio o la dea del tempio), una casa. Questi beni di Marduk potevano accedere al
infatti la donna poteva diventare rimanevano di sua proprietà ma sacerdozio nel tempio solo dopo
Naditu solo in età da costituivano la ‘ricchezza’ del un periodo di addestramento
matrimonio, e al suo ingresso al tempio. Nel tempio di Shamash religioso nel quale erano
chiostro la sua famiglia doveva le sacerdotesse Naditu potevano confinate nel chiostro.
darle una ‘dote’, generalmente sposarsi, anche se in genere Alcune Naditu erano perfino

30
mogli o sorelle di re. Un
esempio in tal senso fu Aya-
latum, figlia del re Samulalel.
Quando erano di famiglia reale
le Naditu potevano assumere
un nome che contenesse
quello di una divinità, come nel
caso appena citato in cui,
infatti, Aya era il nome della
moglie di Shamash. Le Naditu
avevano il proprio sigillo nel
quale compariva il loro nome e
il patronimico che le
distingueva quando questo era
reale. Tali sigilli erano utilizzati
per siglare le trattative
religiose e societarie. Infatti le
Naditu potevano presiedere
anche a tutte le attività
mercantili e societarie inerenti
al Tempio.
Delle Ugbabtu sappiamo poco.
Avevano quasi tutte le stesse
caratteristiche delle Naditu,
potevano possedere terreni,
officiare rituali, e sembra che Naditu, sceglievano il celibato. sacerdotesse. In genere erano
avessero anche l’incarico di Le Kulmashitu potevano essere le sorelle minori delle Naditu,
annullare i sortilegi e le magie. occasionalmente ammesse al non potevano officiare riti e
Sia le Naditu che le Ugbabtu, in tempio, in quel caso spesso erano le seconde mogli
età anziana, potevano adottare diventavano Naditu. Potevano dei mariti delle sacerdotesse
un’altra sacerdotessa con un possedere terreni e case, ma in Naditu. La dote delle Shagitu
atto formale. In questo modo i genere erano meno ricche era povera, generalmente
possedimenti della ‘madre’ delle Naditu. consisteva in uno schiavo (o
passavano alla ‘figlia’ alla Un altro grado di sacerdozio schiava), un militare, e alcuni
morte. La ‘figlia’ per contro era quello delle Qadishtu. Esse utensili per il tempio o per la
aveva l’obbligo di prendersi non erano molto ricche, era casa dove avrebbero vissuto.
cura della ‘madre’ in malattia e permesso loro avere pochi In linea generale le
in vecchiaia. possedimenti, le loro doti, sacerdotesse erano
Le sacerdotesse che all’ingresso alla vita considerate una ricchezza per
rimanevano nel chiostro erano sacerdotale, erano più lo stato, sia materiale che
chiamate Kulmashitu. Loro modeste. Le Qadishtu non spirituale. Con le loro funzioni
potevano cantare inni nelle vivevano nel chiostro, amministrative all’interno del
funzioni rituali, ma non generalmente vivevano ai bordi tempio e del chiostro esse
officiare i riti. Potevano esterni del complesso avevano una notevole
sposarsi e avere figli, ma la sacerdotale. importanza. Mentre infatti le
maggior parte, come molte Le Shagitu erano le ‘giovani’ donne normali catturate in una

31
città conquistata venivano accompagnate ai templi dove dio o della dea del tempio,
sempre vendute come schiave, potevano servire una Naditu o diventando prima Shagitu e poi
le sacerdotesse catturate una Kulmashitu, o addirittura Kulmashitu o Naditu.
venivano generalmente abbracciare il sacerdozio del
32
33
ARCHEOLOGIA BOSNIACA
FABIO GARUTI

Ormai le discussioni in merito tesco, e soprattutto Europeo, lina naturale in modo da la-
alla Piramide di Visoko, in Bo- la vicenda ha avuto una note- sciarle la forma piramidale, ol-
snia (anche ribattezzata Pira- vole eco, tanto da dividere le tretutto in modo talmente per-
mide del Sole) sono giunte a opinioni di ricercatrici e ricer- fetto da giungere fino ai nostri
un punto che suscita interesse catori. Personalmente sono giorni.
sotto diversi punti di vista. convinto si tratti di una pirami- - Lastroni simili sono stati repe-
Questa che all’apparenza sem- de, certamente opera riti anche altrove in territorio
bra una grande collina natura- dell’uomo, che presenta carat- bosniaco, senza che la popola-
le, sorge nei pressi della citta- teristiche molto ma molto par- zione locale abbia la minima
dina di Visoko, in Bosnia, lungo ticolari. Vediamole. idea della loro origine e del lo-
il fiume Bosna e alla confluen- - Rispetto ai grandi siti pirami- ro utilizzo. Io stesso ho potuto
za con il fiume Fojinicka. Si dali, Visoko è un qualcosa di visionare immagini in tal senso
tratta di un particolare sempre diverso. Si tratta con ogni pro- assai esplicative. A cosa altro
poco considerato, ma che po- babilità di una collina naturale, possono servire dei lastroni in
trebbe avere una propria inte- ma rimodellata e ricoperta di pietra se non a “rimodellare”
ressante valenza. lastroni in materiale pietroso qualcosa?
Alta circa 213 metri, la collina (certamente squadrati Che funzione poteva avere
ha indubbiamente la forma di dall’uomo) tanto da formare questa immensa piramide?
una piramide, anche se tale una vera e propria piramide. Non è facile dirlo, ma data la
considerazione è stata osteg- Le immagini relative agli scavi mole e il lavoro occorso, dubi-
giata a lungo. Trattandosi di un non lasciano dubbi in merito. to si tratti di un edificio esclusi-
edificio eventualmente gigan- Non ha senso ricoprire una col- vamente a scopo votivo o fu-

34
nerario; anche perché anche in concepire l’archeologia, a livel- in Egitto e di Xian in Cina ci
questo caso abbiamo lo di siti megalitici, di siti pira- consegna un progetto omolo-
un’imponente presenza del midali e di reperti di ogni ge- go e teso a creare un anello
fattore - acqua, come in tutti i nere, va gestito e analizzato, perfetto attorno al nostro Pia-
più grandi siti piramidali. soprattutto stante un clamoro- neta (Teoria della Mappatura
Ormai è innegabile uno sposta- so, e quindi assordante, silen- Terrestre delle Piramidi), elimi-
mento di fatto delle analisi e zio pressoché totale nando di fatto ogni possibile
dei confronti archeologici più dell’archeologia “ufficiale”. deriva di stampo “localistico”
su base planetaria che non sul Non è una questione di oggi, ci su detti siti unici sul pianeta e
singolo sito. Troppe le coinci- mancherebbe altro, ma possia- posti su una medesima circon-
denze, diretta conseguenza di mo affermare a ragion veduta ferenza, è anche vero che pos-
incongruenze non più difendi- che essa si arricchisce ogni siamo ricavare ulteriori confer-
bili, che ci portano a dover giorno di più di ulteriori ele- me a un assunto del genere da
constatare “raccordi antichissi- menti. Se l’analisi comparativa reperti che quotidianamente ci
mi” fino ad ora sottovalutati o dei tre grandi siti piramidali di vengono segnalati.
ignorati. Tale nuovo modo di Teotihuacan in Messico, di Giza È proprio il caso di una magni-
fica stele, segnalatami dal Sig.
Carmine Barisano (che qui
pubblicamente ringrazio di
cuore), valente ricercatore ar-
cheologico, ed esperto di
“Archeologia Bosniaca” nonché
di tematiche a ciò collegate. La
Bosnia, credetemi, ha molto da
offrire in termini di “resa ar-
cheologica”, basti pensare pro-
prio alla citata Piramide di Vi-
soko.
Dicevo la stele, di cui allego
un’immagine inviatami appun-
to dal citato ricercatore, sco-
perta in piena foresta, non di-
stante, ma neanche vicinissi-
ma, a Visoko appunto, alta cir-
ca sei metri e su cui la gente
del luogo non ha alcuna preci-
sa memoria. A proposito di
stele, va considerato anche il
fatto che reperti del genere so-
no stati reperiti su entrambe le
sponde dell’Adriatico. In Pu-
glia, e precisamente nel terri-
torio della Capitanata
(Provincia di Foggia) stele e re-
perti simili vengono scoperti
La stele della foresta bosniaca
abbastanza frequentemente,

35
struttura, raffronti con centi- Un collegamento tra Centro
naia di immagini similari, non America ed Europa è comun-
lasciano spazio a soverchi dub- que straordinario, anche se
bi (peraltro sempre doverosi): proprio la riproduzione dei cer-
sono con ogni probabilità raffi- chi concentrici, peraltro ben
gurazioni collegate a pannoc- presenti anch’essi in gran nu-
chie di mais. mero sulla stele, collega non
- Ovviamente tale parere è sta- solo Centro America ed Euro-
to suffragato da esperti del pa, ma addirittura tutto il mon-
settore, tra cui una biologa na- do.
poletana che vuole conservare L’importante è che questa nuo-
l'anonimato, ma che mi ha det- va “visione“ dell’archeologia
tagliatamente relazionato in venga non dico asseverata
merito. Ovviamente ciò sotten- all’istante, ma almeno, e final-
de una doverosa considerazio- mente, presa nella dovuta con-
ne: il Mais proviene dal Centro siderazione, anche perché or-
benché di dimensioni molto America, per cui si ipotizza un mai gli aggiornamenti sono
più contenute. Fregi e decora- passaggio, o almeno il ricordo all’ordine del giorno. Anche
zioni talvolta coincidono, in- di esso, tra questi due conti- per quanto attiene a visioni
centivando così ulteriori spunti nenti. Difficile dare una data- tecnologiche derivanti dal pas-
di riflessione. zione precisa al tutto, ma, dato sato, su cui le discussioni sono
Un reperto eccezionale quello anche l'oblio in cui il reperto è ovviamente molto accese, va a
bosniaco, dicevamo, per sva- immerso, certamente assai a mio avviso fatta una considera-
riati motivi, di cui nessuno ba- ritroso nel tempo. Se ne ricava zione di ordine metodologico.
nale, tutt’altro. anche una conferma a conside- Proprio a proposito del mais, e
- La Stele è sormontata da una razioni “planetarie” assoluta- della sua "apparizione improv-
piramide, la cui base, in cima mente impensabili, se conside- visa e inspiegabile" parecchie
alla stessa, deborda chiara- riamo che siamo in un periodo migliaia di anni fa,
mente, proprio per evidenziare che, a detta della “ufficialità”, (assolutamente mai ben spie-
tale concetto. Che si tratti della vede solo uomini primitivi e gata dalla botanica), credo va-
riproduzione di una piramide è rari insediamenti stanziali. da fatta una considerazione:
oggettivo, e il particolare ci ri-
sulta particolarmente gradito
nell’ottica della conoscenza di
tale tipo di edifici, soprattutto
per quanto attiene alla consi-
derazione che le piramidi era-
no ben conosciute, da sempre
e anche in territorio europeo.
Le immagini parlano chiaro.
- Tra raffigurazioni apparente-
mente incomprensibili (testa di
animale, cerchi concentrici,
fiori), una è per noi particolar-
mente interessante: si tratta di
figure che, per conformazione, L’autore dell’articolo
36
con l'immagine di una radioli-
na effigiata 12.000 anni fa, ben
pochi crederanno
all’autenticità della cosa.
L’attenzione si focalizza, infatti,
non sui due oggetti simili, ben-
sì sul loro confronto, propen-
dendo automaticamente per la
loro diversità. Ma ove venga
scoperto un reperto identico
allora e oggi (ed entrambi sono
sconosciuti ai più) penso che la
questione cambi, e anche di
parecchio.

spesso abbiamo parlato di re-


perti che possono essere colle- Fabio Garuti
gati a una realtà tecnologica LA PREISTORIA ATOMICA
nell'antichità, dal momento Lungo la Linea di Orione
che ne ritroviamo, o crediamo
di ritrovarne, tracce anche nel-
ISBN 9788897621232
la nostra. Facile obiettare, co- Anguana Edizioni
me spesso è accaduto, che si Alcuni siti archeologici completamen-
tratti di abbagli, di sviste, di af- te dimenticati ed altri molto famosi.
fermazioni non verificabili (e Le prove inequivocabili di un antichis-
mi riferisco a lampadine, bat- simo utilizzo dell’energia atomica per
terie, cavi, materiali isolanti usi biogenetici, con conseguenze che
eccetera...). Ma se a un certo riguardano quotidianamente anche la
punto, dico io, si scoprisse un nostra vita. Le testimonianze di tutto ciò in alcuni tra i più fa-
qualcosa che risalga a migliaia mosi siti archeologici del pianeta, vero e proprio ponte tra que-
e migliaia di anni fa, che sia sta civiltà antica ed assai sviluppata e il nostro tempo. Tecnolo-
stato imitato dalla nostra super gie ancora oggi molto attuali ed incredibilmente ancora utilizza-
tecnologica civiltà, e di cui sia te. Ma anche la memoria di tutta questa attività atomica, tra-
ben poco conosciuta, se non smessa attraverso incisioni rupestri, disegni, sculture e grandio-
ignorata, anche la "versione si gruppi megalitici famosissimi nel mondo, tra cui Stonehenge.
attuale", oltre ovviamente a Ciascun aspetto della conoscenza Egizia, Maya e Cinese sembra
quella "antica", come la mette- essere stato completo fin dall'inizio, non c’e’ alcun segno di un
remmo? Diventerebbe difficile periodo di evoluzione; le realizzazioni compiute dalle dinastie
negare la stretta correlazione più antiche non furono mai superate o eguagliate in seguito.
tra due realtà sconosciute ai Come può una civiltà complessa sbocciare all'improvviso in tut-
più, dato che mancherebbe o- to il proprio splendore? Ogni cosa era perfetta già dall'inizio. La
gni "condizionamento attuale" soluzione del mistero e’ evidente: le civiltà Egizia, Maya e Cine-
oltre a ogni automatico e ca- se non furono un’evoluzione del passato, bensì un’eredita’, o
ratterizzante raffronto. meglio un ricordo, di esso.
Se comparo una radio attuale

37
L'ARCANGELO MICHELE DEL GARGANO,
FATIMA E LA DIMETILTRIPTAMINA
ROBERTO BOMMARITO

È la sua iconografia, soprattut- un’interpretazione simbolica ai bisogni più immediati, sono


to, a rendere l'arcangelo Mi- più ampia potrebbe svelarci quelle che tengono schiava la
chele tanto conosciuto, anche che il Drago è anche rappre- mente. Le impediscono, in pra-
fra coloro che non professano sentativo delle pulsioni umane tica, di sintonizzarsi – proprio
la fede religiosa. L’arcangelo, più ataviche, quelle legate agli come un televisore – sui canali
infatti, viene spesso rappresen- istinti di sopravvivenza, come che le permettono la ricezione
tato nell’atto decisivo di scon- la paura. All’interno del discor- di forze più sottili, per mezzo
figgere il Drago. Il grande retti- so esoterico, emozioni come della liberazione
le viene interpretato come si- per l’appunto la paura, essen- nell’organismo di molecole co-
nonimo di Satana, anche se do legate alla sopravvivenza e me la dimetiltriptamina (DMT)
che, come indicato ad esempio
dagli studi dello psichiatra Rick
Strassman, agiscono sulla
ghiandola pineale.
Nelle profezie di Fatima, anche
se l’arcangelo non viene identi-
ficato come tale, si parla co-
munque di un angelo con una
spada infuocata. Nella versione
del terzo segreto reso pubblico
dalla Chiesa leggiamo:
«Dopo le due parti che già ho
esposto, abbiamo visto al lato
sinistro di Nostra Signora un
poco più in alto un Angelo con
una spada di fuoco nella mano
sinistra; scintillando emetteva
grandi fiamme che sembrava
dovessero incendiare il mondo
intero; ma si spegnevano al
contatto dello splendore che
Nostra Signora emanava dalla
sua mano destra verso di lui:

38
l’Angelo indicando la terra con Ma le sue apparizioni si riscon- parve diverse volte. Le prime
la mano destra, con voce forte trano anche sul territorio ita- apparizioni, avvenute
disse: Penitenza, Penitenza, liano. In località Monte all’interno di una grotta, risal-
Penitenza!» Sant’Angelo sul Gargano ap- gono al V secolo durante il
pontificato di papa Gelasio
(492-496).
A questo punto si entra nel
mondo del mito e delle leggen-
de e quanto segue va interpre-
tato, ovviamente, secondo
quest’ottica.
Si narra che un ricco proprieta-
rio di bestiame schioccò una
freccia all’interno della grotta.
Questa ritornò indietro, spa-
ventando lui e i suoi uomini. Il
vescovo Lorenzo Maiorano
prese la situazione in mano, o
per lo meno ci provò a suo mo-
do, ordinando a tutti di far di-

39
giuno per tre giorni. Si sperava
di capire il significato di quello
che era successo. Le preghiere
vennero ascoltate. Trascorsi i
tre giorni, il vescovo ebbe un
sogno nel quale apparve
l’Arcangelo Michele che gli dis-
se di edificare una chiesa in
quel posto per diffondere la
religione cristiana. Dopo molte
esitazioni (e una seconda ap-
parizione), gli abitanti, seguen-
do il vescovo, decisero di en-
trare nella grotta, trovandoci
all’interno una cappella natu-
rale. Sull’altare ricoperto da
una tovaglia rossa splendeva nifestò in diversi modi, ma spe- che decisero le sorti di diverse
una croce di cristallo. Negli an- cialmente attraverso agenti na- battaglie, ad esempio contro i
ni a seguire, l’arcangelo si ma- turali come nebbie e forti venti Goti e i Bizantini.
Quella dell’arcangelo Michele
è una figura importante, non
solo per il suo simbolismo cri-
stiano ma anche come archeti-
po la cui funzione nelle dina-
miche della mente umana è
quella del potere esercitato
sulle emozioni e sui sentimenti
fuori controllo, caotici, che im-
pediscono all’individuo di svi-
luppare il proprio potenziale
umano.

Fonti
Cecilia Gatto Trocchi, Le più belle
leggende popolari italiane, Newton
& Compton Editori, 2002

40
NON SOLO
ZOMBIE E
BASTA
MIRKO GIACCHETTI

Vi ricordate ancora di tutte un italiano più moderno? Vi a- dizionario e quello vi risponde-


quelle ore passate a spulciare la vranno detto che era un buon va in una maniera più sibillina
Divina Commedia? Quante vol- esercizio e ne avreste tratto dei dell’oracolo di Delfi. Inoltre, co-
te avete tentato di estrarre un sicuri benefici, ma questa rassi- me giustificare quello studio
senso compiuto da quelle terzi- curazione vi suonava un po’ fa- matto e disperato del gossip,
ne, per colarlo entro i confini di sulla quando interrogavate il mascherato da Storia, di Firenze
del 1300, per individuare tutti i
possibili riferimenti inseriti e le
varie allusioni indirizzate contro
chi aveva esiliato il poeta Dante
Alighieri?
Un’opera che ha più di sette-
cento anni non è certo un e-
sempio di modernità; se cercate
bene ha qualche contenuto in-
teressante, ma non regge al
confronto con i prodotti del no-
stro tempo. I morti di Dante so-
no solo un’anima e devono a-
spettare l’Apocalisse per torna-
re a indossare le spoglie morta-
li, inoltre sono confinati
all’Inferno e quindi uno deve
andare pure a cercarseli! Nella
nostra epoca siamo riusciti a far
di meglio; se i morti ritornano, li
chiamiamo zombie, non sono
anime ma corpi ancora prima
del giudizio universale e si pos-
sono trovare comodamente
sotto casa, senza dovere intra-
prendere strani viaggi.
All’epoca di Dante un’anima a-
mareggiata e sconfitta dai pro-
pri peccati poteva terrorizzare e
ammonire i vivi, mentre oggi i
vivi si rispecchiano nei corpi
senz’anima, ma questo è un al-

41
tro discorso… fedele. Niente di più sbagliato, giusta causa da servire, infine
Eppure esiste un collegamento poiché il romanzo fu scritto in Adam, un uomo a capo di uno
tra queste due dimensioni così tempi non sospetti e Paffenroth strano ordine religioso che in-
distanti. Vi state chiedendo co- è un professore di studi religio- contra il mondo fuori dalle mu-
sa accomuna l’horror e la si, un profondo conoscitore del ra del convento.
poesia? Semplice, proprio pensiero di Sant’Agostino, che In questo viaggio si susseguono
l’autore della Divina Commedia, ha pubblicato diversi saggi di situazioni in cui, senza distinzio-
Dante Alighieri! Vi sembra una teologia. Questi studi comun- ni di sorta, uomini e zombie so-
forzatura? La Divina Commedia, que non gli hanno impedito di no puniti per i loro desideri e
almeno nell’Inferno, era un rac- rivolgere la sua attenzione a un restano intrappolati in
conto dell’orrore che mostrava altro tipo di cultura: l’horror, un’esistenza senza speranza.
le conseguenze e le punizioni con particolare attenzione per Secondo la finzione del roman-
per chi viveva un’esistenza di- gli zombie. Soggetti al centro di zo, tutto ciò che Dante speri-
stante dal “cammin” cristiano, alcuni saggi dell’autore e altre menta sarà la base da cui nasce-
mentre i moderni film e telefilm opere letterarie. rà la Divina Commedia.
con protagonisti gli zombie, cer- Exilium, quindi, è il punto Un romanzo adatto a tutti gli
cano di mostrare cos’è l’uomo d’incontro tra gli interessi di appassionati del genere e non
senza una società e come sia Paffenroth. solo; sia per chi conosce tutto
facile smarrire il cammino verso Quindi niente poeta karateca al del Sommo Poeta, che avrà il
l’umanità. In settecento anni centro di un ricco buffet di zom- piacere di incontrare un perso-
molte cose sono cambiate, ma bie. Non è un clone di Ash de naggio molto simile all'originale
sono convinto che, con toni e “L’armata delle tenebre” e non e sia per quelli che, come me,
contenuti diversi, la finalità sia ha neppure una caratteristica in ne hanno un pessimo ricordo
la stessa. Come molti, anch’io comune con l’agente Rick Gri- scolastico.
ho letto sui banchi di scuola le mes di “The Walking Dead”. In fondo potrebbe anche essere
terzine e della “trilogia” ho pre- Nel viaggio fantastico, ma non l'occasione per riappacificarsi e
ferito il capitolo iniziale: ultraterreno, compiuto dai pro- apprezzare l'uomo e il poeta
l’Inferno. La bravura con cui tagonisti nelle pagine di Exilium, Dante Alighieri.
Dante ha descritto l’aldilà mi ha Dante non è una semplice stra- Exilium, inoltre è anche al cen-
sempre affascinato, talvolta ho tificazione di nozioni o un mani- tro di un’iniziativa
pensato che i morti li avesse vi- chino imbottito di cultura che dell’associazione culturale Nero
sti veramente… stenta a diventare un personag- Cafè che, in seguito al successo
In “Exilium. L’inferno di Dante”, gio. Dante è vivo, almeno quan- della prima edizione e
la fantasia e la preparazione di to può esserlo un protagonista l’imminente ristampa, con una
Kim Paffenroth hanno dato vita di un romanzo. veste grafica rivisitata, ha indet-
a una storia che rende concreto La trama ricalca lo schema “on to il concorso “Exilium Exten-
quello che è sempre stato un the road”, dove la vera salvezza ded”(qui il regolamento http://
sospetto; il romanzo descrive non è l’arrivo alla meta, ma nerocafe.net/concorsi/exilium-
una parte dell’esilio del poeta, l’avere intrapreso un viaggio extended/); una selezione lette-
quella in cui viaggiò troppo ver- per raggiungerla. Dante non sa- raria di racconti di genere
so est e si ritrovò non in una rà solo, con lui altri personaggi horror che abbiano come tema
selva oscura, ma in una terra cercheranno di salvarsi. Nel pre- l’ambientazione o i personaggi
infestata da zombie. Molti di voi sentarli, per cavalleria iniziamo del romanzo. Il racconto vincito-
penseranno che, siccome è il con Bogdana, una donna che re verrà pubblicato in formato
momento del morto vivente, può sfuggire a una vita incastra- digitale in calce alla versione
l’autore si sia accodato e abbia ta tra la miseria e la paura, il ca- ebook di Exilium, la cui uscita è
dato origine a un'altra copia in- valiere Radovan in cerca di una prevista per gennaio 2014.

42
LA STATUA DELLA LIBERTÀ
ARCHETIPO LUCIFERINO PER ECCELLENZA
RICERCA E ANALISI SIMBOLICA
ROBERTO BOMMARITO

Costruita tra il 1880-1886, la forze in gioco nell'animo uma- tratto come un bambino nudo
statua progettata da Frédéric no, ben distinta fra l'altro da con una torcia stretta in mano,
Auguste Bartholdi e Gustave quella dell'oppositore e avver- simbologia questa che possia-
Eiffel è oggi una delle icone sario Satana. Se quest'ultimo è mo riscontrare anche nella fi-
culturali più note del mondo. il principe delle tenebre, Luci- gura di Prometeo o, più recen-
Tanto nota che, prendendola fero nella grammatica esoteri- temente, in quella della Statua
per scontato come spesso ac- ca è al contrario colui che por- della Libertà. In ogni caso ab-
cade in questi casi, in pochi si ta la luce. biamo la fiamma della ragione
soffermano a domandarsi se - la conoscenza - che illumina
ciò che stanno vedendo con i I luciferici l'oblio dell'ignoranza.
propri occhi corrisponda dav- Del culto romano di Lucifer
vero alla descrizione offerta L'appellativo “Lucifero” rac- non sappiamo purtroppo nulla.
dalla narrativa popolare. chiude in sé la funzione dell'ar- Eppure in qualità di “portatore
Nel seguente articolo si esami- chetipo spirituale al quale si di luce” - ovvero di conoscenza
nerà la possibilità che la Statua riferisce. La parola latina lucifer - altre divinità del pantheon
della Libertà rappresenti l'ar- deriva da lux (luce) e ferre pagano venivano anch'esse de-
chetipo luciferino. (portare). Lucifero significa finite “lucifere”. Fra queste ab-
Importante premessa: ai fini di quindi “colui che porta la luce”. biamo Prometeo, Venere e
questa analisi, Lucifero non Il latino lucifer è a sua volta u- Giunone. Iside, strettamente
verrà trattato come figura spi- na traduzione precisa della pa- collegata alle origini della So-
rituale negativa, così come ap- rola greca phosphoros. Anche phia (la Sapienza di Dio), è
parirebbe agli occhi di una tra- in questo caso, la parola pho- anch'essa componente dell'ar-
dizione exoterica cristiana co- sphoros ha come significato chetipo luciferino. Diana, dal
me quella cattolica. Lucifero quella di “portatore di luce”, canto suo, veniva spesso chia-
verrà invece considerato se- essendo costituita da phos mata Diana lucifera, ossia
condo l'approccio esoterico, (luce) e pherein (portare). “Diana portatrice di luce”.
ovvero come una delle tante Fosforo (o Eosforo) veniva ri- Nella cultura popolare, trovia-

43
Luciferici fossero «ad un grado prì gli occhi. Così in un modo
intermedio fra gli uomini che reale, benché oscuro, essi si co-
possiedono un cervello e gli nobbero, o meglio divennero
Angeli che non ne hanno biso- consci uno dell'altro e anche
gno: in breve, essi erano semi- del Mondo Fisico.
dei.» Come ogni altra cosa, però, la
E continua: conoscenza è una lama a dop-
…nell'ultima parte dell'Epoca pio taglio:
Lemuriana, l'uomo non vedeva Divennero pure consci della
il Mondo Fisico come lo vedia- morte e del dolore, impararo-
mo al presente […] Egli posse- no a far differenza fra l'uomo
deva […] una coscienza di visio- interiore e la veste esteriore
ne interna, ma era inconsape- che egli porta e rinnova ogni
vole del mondo esterno. volta che deve fare un passo
Prometeo ruba il fuoco, Heinrich Frie- La donna, molto più che l'uo- avanti nell'evoluzione.
drich Füger (1817) mo, era turbata dall'intuizione La percezione del dolore - e
di un mondo - quello materiale
mo la torcia presente nel logo - che non riusciva a percepire
della Columbia Pictures. Cono- del tutto.
sciuta come The Columbia Gli Spiriti Luciferici risolsero
Lady, la donna dell'immagine per lei il problema «aprendole
appare avvolta in una tunica gli occhi». Le rivelarono il pro-
che rimanda per l'appunto alle prio corpo e quello dell'uomo e
diverse divinità lucifere porta- le insegnarono come, unendo-
trici di conoscenza. si, avrebbero potuto vincere la
Secondo la tradizione esoteri- morte creando dei nuovi corpi.
ca, i luciferici sono una classe Così la morte non avrebbe po-
di spiriti che hanno influenzato tuto toccarli poiché essi, come
pesantemente l'evoluzione Jehovah, sarebbero stati capa-
dell'essere umano. Il mistico ci di creare a Volontà.
Max Heindel, nell'importante Lucifero aprì dunque gli occhi Max Heindel (1865-1919)
opera La Cosmogonia dei Ro- della donna. Ella cercò l'aiuto
sacroce, spiega come gli Spiriti dell'uomo e, a sua volta, gli a- quindi il ruolo degli Spiriti Luci-
ferici - fu indispensabile in
quanto, solo grazie a loro, gli
esseri umani: «Cessarono di
essere degli automi e divenne-
ro esseri liberi e pensanti, ac-
cettando la schiavitù del dolo-
re, della malattia e della mor-
te.»
È sempre lo stesso tema quindi
- sia che si parli di Lucifero o di
divinità oppure di Spiriti Lucife-
rici - a determinare la matrice
luciferica. Ovvero, l'evoluzione
Logo della Columbia Pictures
44
dell'Uomo sia come specie che mina il mondo.
come individuo attraverso La statua, alta ben 93 metri
l'acquisizione della conoscen- che domina la baia di New
za, al prezzo della sofferenza a York, è caratterizzata principal-
essa intimamente legata. mente dalla fiaccola, dal Libro
È altresì fondamentale notare della legge tenuto stretto nella
come l'appellativo Lucifer (o mano sinistra, dai raggi che le
Phosphoros) abbia un equiva- incoronano il capo e dalle cate-
lente astroteologico. Lucifer ne spezzate ai piedi.
era l'appellativo del pianeta Secondo la descrizione ufficia-
Venere. L'astro, infatti, prece- le, quella che vediamo sarebbe
de nel cielo il sorgere del sole. una donna che rende, stando
Venere è quindi il pianeta che alle parole del progettista Bar-
“porta la luce.” Sempre per la tholdi, “gloria alla libertà e alla
stessa ragione, altri epiteti di Repubblica, nella speranza che
Venere sono “Torcia dell'Auro- questi valori non muoiano.”
ra” e, soprattutto, “Stella del Bartholdi si sarebbe ispirato
mattino.” alla scultura marmorea La li-
bertà della Poesia, eseguita da
La Statua della Libertà Pio Fedi fra il 1870 e il 1883.
Situata nella basilica di Santa Libertà della Poesia
Altro nome della famosissima Croce, l'opera fa parte del mo-
Statua della Libertà, nome me- numento funebre a Giovan galo della massonica Francia
no noto che la ricollega ai sud- Battista Niccolini. alla massonica America, copia
detti concetti di libertà e illu- Non c'è ragione di dubitare dell’icona che campeggia sulla
minazione, è La libertà che illu- che quest'opera abbia ispirato Senna. Secondo la mitologia
Bartholdi, dato che l'imposta- massonica, le Statue della Li-
zione del corpo si sposa alla bertà simboleggiano la Regina
perfezione con la struttura del- Semiramide e Iside. Il Sole che
la Statua della Libertà. circonda il capo della Statua è
Eppure quest'ultima rivela a un anch’esso un simbolo di origine
occhio attento tutta una serie ermetica: il quale, peraltro, è
di dettagli aggiuntivi che sem- stato a lungo sotto gli occhi de-
brerebbero indicare altri livelli gli italiani, sui vessilli dei mas-
di lettura più profondi, dettagli sonicissimi Partito Socialista e
paradossalmente nascosti in Partito Social Democratico -
piena vista, accessibili esclusi- insieme al Libro della Legge,
vamente a coloro che conosco- che peraltro entrambe le Sta-
no la sintassi esoterica. tue della Libertà reggono in
Prima di procedere è impor- mano. La torcia simboleggia
tante sottolineare ciò che vie- l’illuminazione, la Luce, la Co-
ne affermato dalla Gran Loggia noscenza: è un segno della Tra-
Autonoma Delle Calabrie: dizione Primordiale e Unica.
L’origine massonica della Sta- Ciò conferma oltre ogni ombra
Lucifero, illustrazione a opera di Gino tua della Libertà è fuor di dub- di dubbio, qualora ce ne fosse
de' Bini (1887) bio: fu, specificamente, un re- davvero bisogno, il simbolismo

45
di carattere esoterico dell'ope- mide, leggendaria regina di Ba-
ra di Bartholdi. bilonia, conquistatrice di terre
Per di più, come abbiamo visto e governatrice.
in precedenza, Iside rientra nel Ma è tutto qua o c'è dell'altro?
cerchio dell'archetipo luciferi- Il viso della statua dovrebbe
no. rappresentare quello della ma-
Finora abbiamo quindi preso in dre di Bartholdi. Eppure, se lo
considerazione due descrizioni osserviamo da vicino, vediamo
diverse della Statua della Li- che i tratti sono molto più vici-
bertà. La prima, quella ufficia- ni a quelli di un volto maschile
le, si limita a descriverla come che non a quelli di uno tipica-
simbolo della democrazia ame- mente femminile. Semiramide
ricana, facendo riferimento al- Stando ad alcuni siti internet
la dea romana Libertas. La se- americani d'ispirazione Osservandolo da vicino, il volto
conda, meno conosciuta se evangelico-cristiana, infatti, della Statua della Libertà mo-
non in ambito massonico, la l'intento di Bartholdi sarebbe strerebbe in effetti alcune ca-
identifica invece con le figure stato in realtà quello di rappre- ratteristiche tipiche di quello di
di Iside e della Regina Semira- sentare Lucifero. un uomo. La fronte non solo
appare inclinata obliquamente
ma possiede la sporgenza os-
sea all'altezza delle sopracci-
glia che definisce di norma i
volti di sesso maschile.
La grandezza del naso in rela-
zione al resto del volto sem-
brerebbe essere un'altra indi-
cazione che abbiamo a che fa-
re con un volto maschile, non
femminile. Altre caratteristiche
maschili del volto della statua
sarebbero: le guance scavate -
spesso le guance delle donne
presentano più grasso sottocu-
taneo rispetto a quelle degli
uomini -; le folte sopracciglia; e
la distanza fra il labbro e la ba-
se del naso, che di norma nelle
donne è più breve e questo
contribuisce alla forma più
tondeggiante del viso femmini-
le.
Alla luce di queste osservazio-
ni, non è possibile scartare l'i-
potesi che il volto di questione
sia davvero quello di un uomo.
Ciononostante, possiamo ve-
Volto della Statua della Libertà (1886)
46
La vera identità della struttura
sarà pure stata occultata, quin-
di: ma il suo significato esoteri-
co rimane vicino a quello sot-
tolineato dal nome con cui è
più popolarmente nota.
Portatore di luce, portatore di
conoscenza e libertà, l'archeti-
po luciferino continuerà in o-
gni modo, probabilmente an-
cora per molto tempo, a spec-
chiarsi nelle acque della Gran-
Differenza fra la tipica fronte maschile e quella femminile de Mela.

dere chiaramente che la statua così come sottolinea Plutarco Fonti


possiede anche il seno, ovvia riferendosi alla luna: GRAN LOGGIA AUTONOMA DEL-
caratteristica anatomica fem- Gli egiziani chiamano quindi la LE CALABRIE, La presenza della
minile. Luna «madre del cosmo», e le massoneria nella vita quotidiana,
La Statua della Libertà sembre- attribuiscono una natura an- agosto/2013, http://
rebbe quindi essere androgina. drogina: fecondata e resa gra- www.gladc.it/letturecur.htm
M. HEINDEL, La Cosmogonia dei
Androgino lo è anche, per lo vida dal Sole, infatti, essa rila-
Rosacroce, Verona, Edizioni del
meno in alcune rappresenta- scia ancora nell’aria degli ele-
Cigno, 2005
zioni, Lucifero. Ma non è il so- menti germinali, e li dissemina. M.P. HALL, The Secret Teachings
lo. Anche Venere, archetipo In ultima analisi possiamo of all Ages, Radford, Wilder Publi-
luciferino, veniva in alcuni casi quindi affermare che la Statua cations, 2009
ritratta nella cultura greca con della Libertà rappresenta non O. RHYN, Mysteria, History of the
la barba. Femminile nella parte tanto Lucifero come entità a se Secret Doctrines and Mystic Rites
inferiore, maschile in quella stante. Ma è simbolo invece of Ancient Religions and Medie-
superiore, in questi casi ci si dell'archetipo luciferino, un ar- val and Modern Secret Orders,
riferisce a essa come “Venere chetipo ampio che include tan- New York, J. Fitzgerald & co.,
priapea”. Nell'antichità era co- te diverse divinità, tutte con 1895
sa comune, in effetti, dare alle caratteristiche sia estetiche sia R. STEINER, Influssi luciferici, ari-
divinità una natura androgina, simboliche simili. manici, asurici (Conferenza di Ru-
dolf Steiner del 1909)

47
ABDUCTION MILITARI
E TECNOLOGIA VRS
CRISTOFORO BARBATO

TECNOLOGIA VRS (Virtual Rea- pleto ed attendibile del feno- dotto dal professor Helmut
lity Scenario) nei Rapimenti A- meno. Un esempio lampante Lammer, rappresentante austri-
lieni sono le cosiddette esperienze aco del centro ufologico ameri-
LE MILITARY ABDUCTIONS, UN virtuali note con il termine VRS cano MUFON, sulle MILAB
PROGRAMMA STATUNITENSE (Virtual Reality Scenario), ossia (Military Abductions) ovvero
SU MIGLIAIA DI VITTIME IGNA- scenari di realtà virtuale, indot- falsi rapimenti alieni eseguiti, in
RE ti dall'esterno, e per il soggetto realtà, da militari. "Dobbiamo
praticamente indistinguibili dal- cercare di comprendere - affer-
La task force dei rapimenti Im- la realtà oggettiva. L'individuo ma Lammer - qual è il program-
pianti cerebrali, bio chip per la può sperimentare una determi- ma che si cela dietro il fenome-
realtà virtuale, proiezioni olo- nata situazione attraverso un no delle abductions aliene e
grafiche... È possibile che ope- input sensoriale totale e reagire qual è lo scopo delle MILAB. C'è
razioni ed esperimenti segreti con spontanee risposte fisiche un forte interesse da parte dei
vengano condotti nei paesi oc- ed emotive, anche se nella real- militari nello sviluppo di im-
cidentali democratici sotto il tà si trova sdraiato su di un let- pianti cerebrali, bio-chip per la
paravento di falsi sequestri alie- tino per esami clinici o sta dor- realtà virtuale, proiezione di
ni? Spesso resoconti e studi i- mendo nel suo letto senza rice- immagini olografiche, dispositi-
nerenti i rapimenti alieni sono vere alcun segnale esterno che vi di occultamento ed armi che
stati presentati da alcuni ricer- lo disturbi. Sebbene alcune e- alterano la mente". L'esistenza
catori in maniera incompleta, sperienze possano essere state di queste tecnologie, secondo
focalizzando l'attenzione solo scenario di realtà virtuale gene- lo studioso, induce alle seguen-
su determinati aspetti. Com- rate dagli alieni, come molti u- ti ipotesi: si stanno effettuando,
portamento ed omissioni, volu- fologi sostengono, altre attività da anni, esperimenti segreti su-
ti o meno, che rappresentano "secondarie" indicano chiara- gli esseri umani, tali esperimen-
un ostacolo per la vera ricerca, mente un coinvolgimento ti sono stati nascosti alle autori-
dato che resoconti censurati dell'uomo. In tale contesto si tà di governo ed al pubblico,
non forniscono un quadro com- inserisce il recente studio con- finanziando progetti segreti.

48
zionate, le vittime sono state
ripetutamente usate quali
"animali umani da laboratorio"
per tutta la vita, in una serie di
esperimenti controllati e moni-
torati dall'esterno. Nel 1997 lo
ACHES-MC (Advocacy Commit-
tee for Human Experiment
Survivors-Mind Control), ovve-
ro il Comitato legale per i so-
pravvissuti agli esperimenti di
controllo mentale sugli umani,
Pertanto, se esistono le prove, greti militari prima, durante e ha consegnato un video-
anche di un solo caso di perso- dopo la guerra fredda e che documento al Presidente Clin-
nale militare coinvolto in sce- sono ormai di dominio pubbli- ton ed al Primo Ministro cana-
nari di rapimento, non è possi- co". Gli Stati Uniti e il Canada, dese, in cui richiede un'udien-
bile liquidare facilmente quei secondo lo studioso, non sono za presidenziale e la declassifi-
resoconti che accennino allo stati gli unici Paesi a perpetra- cazione dei dati governativi re-
stesso evento. Inoltre, se enti re tali atrocità: di recente la lativi a presunti esperimenti di
governativi e militari sono dav- stampa inglese ha riportato la controllo mentale. Tali esperi-
vero coinvolti segretamente in notizia che anche il Regno Uni- menti furono condotti su adul-
tali operazioni, è d'obbligo ef- to, durante gli ultimi 40 anni, ti e bambini inconsapevoli e
fettuare ricerche molto più ap- ha condotto esperimenti se- furono finanziati dal governo
profondite rispetto a quelle greti concernenti gli effetti del- degli Stati Uniti dal 1940 in poi.
condotte fino ad oggi. Nono- le radiazioni sugli esseri umani. Il video contiene, inoltre, le te-
stante tutto, gran parte degli Alla nona conferenza annuale stimonianze dei sopravvissuti
ufologi e studiosi "ufficiali" di Orange County, California, lo (bambini e adulti) agli esperi-
non si sono dimostrati molto psichiatra canadese Colin Ross, menti, nonché le testimonian-
entusiasti di affrontare even- ha presentato un documento ze di terapisti, psichiatri e psi-
tuali violazioni dei diritti umani ottenuto attraverso il FOIA cologi. Stranamente, queste
da parte di apparati dell'esta- (Freedom of Information Act), vittime non riferiscono casi di
blishment politico-militare, contenente le prove che la CIA contatti alieni o UFO come
probabilmente intimoriti da aveva segretamente condotto quelli delle MILAB, ma alcune
eventuali rappresaglie perso- ricerche sulla creazione di delle esperienze hanno molto
nali che, come già registrato in "cavie manciù" fin dalla secon- in comune sul tipo di controllo
passato nella casistica ufologi- da Guerra Mondiale. Il dottor mentale e di abusi descritti.
ca, si verificano realmente. Ross ed altre organizzazioni di Questo breve scorcio di esperi-
Esperimenti di mind control ricerca hanno incontrato i so- menti segreti condotti sull'uo-
contro civili "Tutti quelli che si pravvissuti di esperimenti che mo supporta l'ipotesi MILAB di
rifiutano - prosegue Lammer - includevano l'impiego di elet- operazioni segrete perpetrate
di credere che siano stati com- troshock, droghe, impianti ce- contro civili.
piuti degli esperimenti segreti rebrali e deprivazione senso- Possibili scopi delle MILAB Al-
sulla gente, inclusi i bambini, riale. Alcuni soggetti erano sta- la luce di queste nuove infor-
dovrebbero visionare i docu- ti rinchiusi in gabbie, costretti mazioni si può constatare co-
menti comprovanti gli esperi- al sonno forzato, ad abusi ri- me l'intero scenario delle ab-
menti effettuati dai servizi se- tuali e sessuali. Una volta sele- ductions aliene/umane sia

49
molto più complesso di quanto rino insieme per condividere i nimento di esseri umani privi
si credesse all'inizio. Esistono dati degli studi genetici sugli di cervello quali "contenitori di
prove evidenti che più di un addotti dagli alieni. Si può fo- organi", oppure la creazione di
progetto umano sia inserito calizzare ora l'attenzione sulle soldati immuni alle armi biolo-
nell'intricato fenomeno delle esperienze degli addotti MI- giche.
abductions aliene. Ognuno di LAB, quindi sulle persone rapi- I Bio-chip cerebrali intelligenti
questi programmi ha probabil- te da personale militare, con- dell'USAF Molta gente è con-
mente un suo punto focale che cernenti i contenitori ripieni di scia del fatto che nel periodo
coinvolge presunti rapiti dagli liquido menzionati poc'anzi. successivo alla guerra, fino agli
alieni. Credo che il primo grup- Molti degli addotti ricordano di anni Settanta, furono effettuati
po sia interessato ad esperi- esservi stati posti. Secondo al- esperimenti segreti sul control-
menti sul controllo mentale e cuni erano vuoti, per altri ave- lo della mente e del comporta-
comportamentale. Esistono vano all'interno degli alieni, mento e sulla resistenza alle
prove di esperimenti di depri- altri ricordano di averci visto radiazioni. Dovremmo doman-
vazione sensoriale, respirazio- degli esseri umani. Alcuni dico- darci se qualcuno ha interesse
ne di liquidi, stimolazione elet- no di essere stati costretti a re- ad effettuare esperimenti se-
tromagnetica dei lobi tempora- spirare il liquido e di averlo vis- greti anche oggi. Chi afferma
li, ricerca sul cervello e innesto suto come un'esperienza e- che i risultati di questo studio
di impianti. Il secondo gruppo stremamente traumatica. Altri sono solo spazzatura dovrebbe
sembra interessato alla ricerca ricordano di essere stati porta- visionare le ricerche declassifi-
genetica e biologica. Alcune ti in strutture militari sotterra- cate dell'Aeronautica Militare
vittime di MILAB ricordano di nee e di aver visto persone tut- e tutti gli studi condotti sulle
aver visto, nel corso dei loro te identiche, in lunghe file di armi non convenzionali.
rapimenti in basi militari sot- tubi di plastica o di vetro e Tutto ciò, in effetti, viene con-
terranee, degli esseri umani in questo ha fatto pensare subito templato nel documento "Air
contenitori pieni di liquido, e a esperimenti di clonazione. Force 2025" pubblicato di re-
animali geneticamente mutati Tutto ciò potrebbe inserirsi in cente dall'Aeronautica Militare
chiusi in gabbie. Bisognerebbe un programma come: il mante- statunitense (USAF), e più pre-
sottolineare che alcuni sogget-
ti prelevati dagli alieni, senza
contatti con militari, ricordano
scene simili all'interno degli
UFO. Il terzo gruppo invece
sembra essere una specie di
task force militare, operativa
fin dagli anni '80, e interessata
al fenomeno abductions
umano/alieno al fine di racco-
gliere informazioni a riguardo.
È possibile che i capi di questa
task force credano che alcune
abductions aliene siano vere e
che esse abbiano implicazioni
riguardanti la sicurezza nazio-
nale. È altresì possibile che il
secondo e il terzo gruppo lavo-
50
cisamente nella sezione intito- 360°, non più limitata dal cam- virtuale, è già stata intrapresa.
lata "Information Operations: po visivo umano, e permette- Armi per la manipolazione
A New War-Fighting Capabi- rebbe al pilota di un aereo da mentale Gran parte di questi
lity" (una nuova capacità di caccia di porsi in una "zona di documenti fanno riferimento a
combattimento in guerra), do- guerra" a lui perfettamente vi- istituti di ricerca militare e so-
ve vengono presi in esame sce- sibile. Inoltre, una vasta gam- no classificati. Visto che gli au-
nari tecnologico/bellici nel ma di armi letali verrebbe col- tori del testo scrivono che gli
2025. In questo rapporto gli legata al sistema satellitare, "apparecchi da impianto" negli
autori, militari ed esperti permettendo agli utenti im- umani suscitano problemi di
dell'USAF, accennano alla pos- piantati, in possesso di autoriz- etica e di relazioni pubbliche,
sibilità di diffondere microsco- zazioni speciali (soldati ciber- dovremmo chiederci chi po-
pici chip impiantati nel cervel- netici), di usare direttamente trebbero essere le cavie per
lo, i quali svolgerebbero due queste armi. Questo significa questi progetti di ricerca futu-
funzioni: il bio-chip impiantato che un soldato potrebbe man- ristica. Un altro documento in-
connetterebbe l'individuo ad tenere la vista nella maniera teressante, riguardante la
una rete di sistemi satellitari normale, con in più una sfuma- "Information Warfare", è clas-
integrati o smart satellites (IIC) tura di informazioni che identi- sificato e solo i possessori di
in orbita bassa attorno alla Ter- fichino e descrivano oggetti autorizzazioni appropriate pos-
ra, creando un'interfaccia tra la specifici che non rientrano di- sono ottenerne copia dal Cen-
persona impiantata e incredi- rettamente nel suo campo visi- tro di Informazioni Tecniche di
bili risorse informatiche. L'im- vo. Potrebbe così valutare e- Fort Belvoir, Virginia. Il fascico-
pianto rilascerebbe le informa- ventuali minacce e ordinare il lo studia la proiezione di im-
zioni elaborate dal IIC diretta- fuoco da una varietà di sistemi magini olografiche, i dispositivi
mente al cervello dell'utente; il d'arma, per affrontare e di- di occultamento e mimetica
bio-chip potrebbe creare una struggere questi bersagli a di- multispettrale che forniranno
visualizzazione mentale stanza. Si può osservare da tali ai militari capacità strategiche
dell'ambiente circostante ge- studi militari che la ricerca se- incredibili. È questa la tecnolo-
nerata dal computer e basata greta sulle human brain- gia più promettente, quella at-
sulle richieste dell'utente. La machine (cervello umano/ ta a creare ambienti fittizi che
visualizzazione , sarebbe di macchina) e impianti di realtà un avversario potrebbe crede-
re reali. Nel files, inoltre si af-
ferma che nella ricerca per le
operazioni di PSYWAR (guerra
psichica) si tenta di influenzare
una persona bersaglio, proiet-
tando immagini olografiche
che trasmettono l'effetto desi-
derato. Dovremmo domandar-
ci ancora: chi sono gli avversari
e i bersagli dei test in questi
progetti di ricerca? Un recente
articolo pubblicato dall'U.S.
News and World Report, ha
rivelato che i militari americani
hanno sviluppato armi in grado
di alterare la mente tramite

51
cercano di portare a livello di
governo le denunce sulle atro-
cità commesse su esseri umani
nell'ambito delle ricerche ge-
netiche segrete, in cui sono
coinvolti i militari. Tali progetti
sono programmi non ricono-
sciuti ufficialmente e molti rap-
presentanti del governo non
ne sono neppure al corrente.
"Occorre precisare - dice Lam-
mer - che la maggior parte del-
le vittime delle MILAB dichiara
di aver visto esseri alieni e per-
manipolazioni acustiche, mi- immediatamente nausea e sin- sonale militare lavorare fianco
croonde e onde cerebrali che tomi influenzali. Byrd non te- a fianco. Queste affermazioni
alterano i modelli del sonno. stò mai il suo macchinario sul andrebbero attentamente in-
Fatto singolare, nell'articolo c'è campo ed il progetto, origina- vestigate. Abbiamo bisogno,
la foto di un elicottero militare riamente previsto per la durata ovviamente, di ulteriori ricer-
che punta un raggio di energia di quattro anni, fu chiuso dopo che prima di poter definitiva-
verso una casa. Secondo un solo due. La tecnica funziona- mente concludere che esseri
rapporto del Pentagono, armi va, quindi sospettò che gli stu- alieni e personale militare stia-
acustiche e soniche possono di venissero continuati segre- no collaborando".
vibrare all'interno degli esseri tamente. Altri scienziati rac- Attività di elicotteri connessa
umani fino a tramortirli, causa- contarono esperienze simili. alle MILAB Gli studi indicano
re nausea o perfino liquefare i "Si può desumere - dichiara il che gli addotti delle MILAB so-
loro cervelli. All'inizio degli an- professor Lammer - che tali no spesso assillati da elicotteri
ni Ottanta il dottor Eldon Byrd progetti segreti di ricerca mili- neri e senza insegne che vola-
era a capo di uno strano pro- tare, siano stati condotti come no attorno alle loro case. L'atti-
getto sulle armi elettromagne- studi sulla guerra biologica e vità degli elicotteri associata
tiche. Gran parte delle sue ri- genetica. Se ipotizziamo che il alle abductions UFO è aumen-
cerche venivano condotte nucleo del fenomeno delle ab- tata, dagli anni '80 ad oggi. In
nell'Istituto di Ricerca Radio- ductions aliene sia reale, il per- alcuni casi gli elicotteri sono
biologica di Bethesda, Mar- sonale militare che si cela die- stati visti nelle vicinanze delle
yland. Il medico affermò che tro questi progetti sarebbe in- case degli addotti solo poche
sia lui che i suoi colleghi cerca- teressato alla biologia aliena, ore dopo un episodio di abduc-
vano di rilevare le attività elet- alla loro genetica e alle loro tion. Possiamo stendere un
triche del cervello e il modo di procedure di controllo menta- sommario in cinque punti delle
influenzarle. Byrd usava onde a le. Visto che questa ricerca è informazioni in nostro posses-
frequenze estremamente bas- celata nell'ambito di progetti so sui movimenti dei misteriosi
se per stimolare il cervello, che altamente segreti, solo poche elicotteri:
rilasciava così alcune sostanze persone saprebbero esatta-
chimiche capaci di regolare il mente quello che sta accaden- L'attività degli elicotteri iniziò
comportamento umano. Que- do". Un altro pericolo potreb- tra la fine degli anni '60 e i pri-
sto sistema applicato agli uo- be essere rappresentato dalle mi anni '70 e sembrava essere
mini soggetti ai test provocava organizzazioni umanitarie che connessa ai casi di mutilazione

52
animale. terali quali spossatezza e senso vato da un segnale a bassa fre-
In quel periodo, gli elicotteri di nausea. Ci sono anche delle quenza che trasmette il codice
mostrarono solo un vago inte- differenze nel modo di presen- di identificazione al sistema di
resse verso le persone rapite tarsi dei rapitori: in molti casi lettura. Un bio-chip simile, per
dagli alieni, apparendo occa- di abductions aliene gli ET at- uso umano, fu ideato nel 1989
sionalmente dopo alcuni avvi- traversano muri e finestre dal medico statunitense Daniel
stamenti di UFO. chiuse, oppure gli addotti per- Man. Per impiantarlo c'è biso-
L'attività degli elicotteri neri cepiscono una strana presenza gno di una piccola incisione
iniziò ad aumentare in relazio- nella stanza. Molti dicono di chirurgica e il luogo migliore
ne alle abductions aliene dagli venire paralizzati dal potere per collocarlo sarebbe la zona
anni '80 in poi. Comunque, al mentale degli esseri alieni. Du- dietro l'orecchio. L'apparec-
principio il fenomeno venne rante le MILAB, invece, gli ad- chio andrebbe periodicamente
riportato in prossimità di luo- dotti asseriscono che i rapitori ricaricato con una batteria da
ghi in cui furono rinvenuti ani- gli iniettano qualcosa e che, tenere all'esterno, vicino
mali mutilati, nel nord Ameri- durante le analisi, non vengo- all'impianto. Gli individui pre-
ca. no paralizzati, ma piuttosto le- posti per tenere sotto control-
Al momento, nei files di molti gati ad un tavolo. lo le persone impiantate po-
ricercatori del fenomeno ab- trebbero sfruttare tre satelliti
ductions del nord America, fi- Impianti terrestri Fino ad oggi, [] o speciali elicotteri. Se un'a-
gurano alcuni casi di misteriosi più di tre milioni di animali in genzia fosse interessata a mo-
elicotteri neri. tutto il mondo sono stati im- nitorare lo status fisiologico di
In Inghilterra durante gli anni piantati con successo con dei un addotto durante una ab-
'70 è stata riportata una forte transponder Destron-Fearing. duction da parte di alieni, po-
attività di elicotteri fantasma, Si tratta di un contrassegno di trebbe usare la telemetria bio-
ma sembra che il loro interes- identificazione a frequenza ra- medica, che permette la tra-
se verso le mutilazioni animali dio passiva, progettato per la- smissione di informazioni fisio-
e gli addotti sia limitato al vorare con un sistema di lettu- logiche da un luogo inaccessi-
nord America. ra di identificazione ad una fre- bile a un sito di monitoraggio
Molti addotti riportano delle quenza radio compatibile, atti- molto distante. In questo mo-
interazioni con il personale dei
servizi segreti dopo le appari-
zioni degli elicotteri neri. Le
MILAB comprendono i seguen-
ti elementi:
- Attività di elicotteri neri senza
insegne.
- L'apparizione di strani furgoni
o veicoli nelle vicinanze delle
abitazioni degli addotti.
- Esposizione a campi magneti-
ci che disorientano.
- Trasporto in strutture segrete
sotterranee dopo essere stati
drogati.
Di solito, in seguito ad abduc-
tions da parte dei militari, so-
no stati riscontrati effetti colla-
53
do i militari potrebbero otte-
nere in tempo reale i dati fisio-
logici degli addotti, quali la re-
spirazione, la tensione musco-
lare e la presenza di adrenalina
nel flusso sanguigno, durante il
rapimento stesso.
Scenario di realtà virtuale
Sembra che alcune esperienze
narrate da presunti addotti e
dalle vittime degli esperimenti
di controllo mentale possano
essere spiegate come facenti
parte di una tecnologia avan-
zata. Alcuni soggetti affermano
che qualcuno ha immesso nel
loro cervello delle immagini. so, già negli anni '60. Ancora, di abductions ET: monitorano
Gli scienziati militari sostengo- alcuni addotti riferiscono di le case delle vittime, le rapi-
no che l'idea di inserire nella sentire voci nella mente, que- scono e forse impiantano in
mente altrui un'esperienza di sto nonostante le analisi abbia- loro apparecchi militari poco
realtà virtuale è solo un'ipotesi no escluso la schizofrenia. Di tempo dopo una abduction a-
ma, allo stesso tempo, anche certo questi fatti non possono liena. Forse stanno cercando
molto promettente. Se tale spiegare tutte le abductions degli impianti alieni o, forse,
tecnologia fosse stata sviluppa- aliene, ma potrebbero chiarir- presunti embrioni ibridi uma-
ta in segreto e oggi esistesse, i ne una piccola parte e giocare no-alieni. L'unica cosa certa è
ricordi insolitamente lucidi di un ruolo importante nelle MI- che questa task force si avvale
alcune abductions potrebbero LAB. Le MILAB potrebbero es- di una avanzatissima tecnologi-
essere spiegati dall'inserimen- sere la prova che una task a di controllo mentale, che
to di un'esperienza artificiale force militare dei servizi segreti continua ad essere sperimen-
nel cervello dell'addotto. I dot- opera nel Nord America fin dai tata illegalmente su individui e
tori Joseph Sharp e Allen Frey primi anni '80 ed è coinvolta che costoro non hanno nulla a
hanno sperimentato la tra- nel monitoraggio e nel seque- che vedere con le abductions
smissione di parole diretta- stro di persone in precedenza da parte di alieni.
mente nella corteccia auditiva, rapite dagli alieni. Sembra che
attraverso microonde a impul- siano molto interessati ai casi

54
NON PRENDIAMOCI SUL SERIO...

55
UNA SINGOLARE
SEPOLTURA
SIMONE BARCELLI

La “dama di ghiaccio” è una ra- nevi intagliati nelle pelli di cer- funebre, addirittura sei cavalli,
gazza di nemmeno trent’anni, vo, la cui sepoltura è degna di per l’ultimo viaggio che
racchiusa all’interno di un sar- una regina. Indossava l’avrebbe portata nell’aldilà.
cofago in tronco di larice deco- un’elegante tunica in lana e a- Sulla sua pelle sono ancora visi-
rato con cervi e leopardi delle veva con sé un ricco corredo bili splendidi tatuaggi di colore

56
blu che raffigurano creature si conosce, lo dobbiamo alle Dnepr (allo State Hermitage
antropomorfe, con le corna che cronache, certo non genuine, Museum di San Pietroburgo
magicamente si trasformano in dei popoli con cui vennero in http://www.hermitagemuseum.org/
un intreccio floreale. Insomma, contatto (i Greci sostenevano è possibile visionare una colle-
una sepoltura eccezionale, an- che gli Sciti fossero discendenti zione di questi pregevoli manu-
che perché il corpo imbalsama- di Scite, figlio del mitico Eracle, fatti, tra cui un magnifico spec-
to si è perfettamente conserva- ma altre fonti narrano di una chio dorato, proveniente dal
to per la formazione di uno discendenza da Targitao, primo Kuban, con effigiati grifoni,
spesso strato di ghiaccio for- abitante di quella terra, e dai sfingi e divinità alate). Un po-
matosi sul fondo della tomba. suoi tre fratelli Lipoxai, Arpoxai polo che era riuscito a stabilire
Fu l’archeologa Natalia Polo- e Coloxai, ognuno dei quali die- un equilibrio perfetto con le
smak a rinvenirla nel 1993 nel- de origine a una tribù). Sciti in forze della natura, sovente rap-
la piana di Ukok, sui Monti Al- iranico vuol dire “arcieri” e con presentate con figure stilizzate
tai che segnano il confine tra queste mansioni erano, infatti, e antropomorfe di un magico
Russia e Cina. La zona, indicata inglobati nell'esercito persiano. regno animale. Nei tatuaggi dei
dai locali come il “secondo Gli Sciti serbavano alla donna defunti ci sono creature fanta-
strato di cielo” perché un gradi- un ruolo speciale, come dimo- stiche che si rifanno soprattut-
no sopra le vicende di questo strano altre numerose sepoltu- to ad asini, capre, arieti, cervi,
mondo, fu scavata già negli an- re, solitamente riservate solo ai capricorni, mufloni, giaguari,
ni Venti del secolo scorso regnanti, rinvenute nei kurgan. grifoni e pesci. È interessante
dall’archeologo S.I. Rudenko, I kurgan erano fosse circolari osservare che lo storico roma-
che rinvenne una quarantina di del diametro di settanta metri no Pompeo Trogo definiva
tombe risalenti al V secolo a.C. sormontate da colline artificiali quella degli Sciti la più antica
Già all’epoca i sepolcri risulta- (tanto da apparire piramidi nel- razza della Terra mentre la ri-
vano saccheggiati, ma la steppa) che, come i corredi cercatrice Tamara Talbot Rice,
all’interno si trovarono almeno funebri, erano proporzionate al nel secolo passato, ricordava
tre corpi imbalsamati, intera- potere e alla grandezza dei de- che alcuni dei racconti mitici
mente coperti da tatuaggi. La funti. I più antichi kurgan risal- più famosi nascono proprio in
datazione di campioni organici gono al 3.000 a.C. Monumen-
provenienti dal cibo di cui si tali dimore ultraterrene, riser-
nutrirono i cavalli sacrificati, ha vate ai sovrani e alle classi do-
permesso di scoprire che la da- minanti, al loro interno sono
ma di ghiaccio era vissuta verso stati rinvenuti ricchi corredi,
la metà del I millennio a.C. e inequivocabile testimonianza
apparteneva alla razza degli dell’altissimo livello raggiunto
Sciti, nomadi delle steppe così dagli Sciti nell’arte orafa (in una
chiamati dai Greci. Gli Sciti era- regione naturalmente ricca di
no una popolazione iranica di preziosi minerali), perlomeno
ceppo indoeuropeo forse pro- fino all’assimilazione forzata
veniente dalla Persia, che Ero- con i Goti nel IV secolo d.C.).
doto attesta nella Siberia meri- Reperti aurei di eccelsa fattura,
dionale fin dal VII secolo a.C. così come li descrisse Erodoto,
Provenivano quindi dall’Asia sono stati disseppelliti in scavi
centrale e giunsero nella regio- archeologici intrapresi nel se-
ne del Mar Nero. Non avevano colo scorso, soprattutto a Or-
una propria scrittura e quel che dzonikidze, lungo il corso del

57
Scizia, considerata “La Terra del polto a Gerhos (località non an- na, erano rimasti vittime
Sole Nascente” e “Mondo cora individuata dagli archeolo- d’incubi notturni. La stessa Po-
d’Oltremare”: qui Giasone e gli gi), stando alle parole pronun- losmak, in seguito ai numerosi
Argonauti erano alla ricerca del ciate nel 508 a.C. circa dal re imprevisti accaduti durante lo
Vello d’oro, Ulisse terminava le scita Idanthyrsus al cospetto spostamento della mummia,
sue fatiche e il demone Magog dell’invasore Dario I di Persia: aveva avuto la netta sensazio-
partiva per portare devastazio- un monito per lasciar riposare i ne che lo spirito del ghiaccio
ne tra gli Ebrei. padri della patria, unico attac- non ne volesse proprio sapere
Questi cavalieri della steppa camento di un popolo senza di andarsene dalla dimora eter-
facevano risalire le proprie ori- terra che voleva evitare na.
gini a Targitaus, figlio del re del un’altra battaglia.
cielo, e alla sua sposa, una dea Chi era veramente questa ra-
serpentiforme (secondo la mi- gazza, dal giacchio catapultata
tologia greca Targitaus fu gene- ai nostri tempi? Potrebbe an-
rato da Zeus e una figlia di Bo- che essere una sacerdotessa o
ristene; altre fonti narrano una sciamana al servizio della
dell’unione di sua comunità. Sicuramente si
Eracle con il mostro Echidna da trattava di un esemplare di raz-
cui nacque Scite). za caucasica, almeno dai risul-
Gli Sciti ebbero in dono dal loro tati scaturiti dalle analisi sul
dio un aratro d’oro, un giogo, Dna, ma anche dalle misurazio-
un’ascia e una coppa, tutti sim- ni del cranio e dalle caratteristi-
boli del potere: è straordinario che del viso. Jeanne Smoot,
costatare che la tribù dei Che- una studentessa al seguito del-
rokee, all’altro capo del mondo, la Polosmak, ha raccontato che
tramandano un’identica leg- alcuni del gruppo, durante gli
genda. Targitaus sarebbe se- scavi archeologici in quella zo-
58
LIFE AFTER LIFE
DI NOEMI STEFANI

DARE O NON DARE?


Perché dare è meglio che rice- Cosa ho sbagliato, cosa avrei dove i bambini si potevano in-
vere ed è meglio non avere ri- potuto fare e non ho fatto... contrare e giocare insieme nel
morsi e ripensamenti. Tante cose. Da bambina abita- pomeriggio. Il mio cortile era
Nessuno è perfetto, tanto me- vo nelle case popolari. Grandi estremamente squallido, sol-
no io, e quando il tempo che è palazzoni anonimi con i segni tanto qualche oleandro, un
passato incomincia a essere più della guerra ancora impressi paio di panchine, e una porti-
di quello che si avrà davanti, nelle facciate. naia che ci ricordava sempre di
bisogna fare una considerazio- Però c'erano i giardinetti, ogni giocare senza gridare. Il cortile
ne. caseggiato aveva il suo cortile di fronte dove abitavano i miei
amici aveva una meravigliosa
pista per le biglie con la forma
dell'Italia. Le biglie di plastica
trasparente ovviamente conte-
nevano le fotografie dei corri-
dori ciclisti più famosi. Ma
c'erano anche le biglie di vetro,
tutte colorate da sembrare
preziose. I biglioni grandi e
quelle trasparenti, le più ambi-
te.
Io non ne avevo. Non chiedevo
ai miei di comprarmi giochi...
Forse qualcuno me ne aveva
regalate un paio, non so, con
quelle avevo giocato e vinto.
Vinto e vinto fino ad avere un
sacchetto di nylon trasparente
pieno dei miei trofei e orgoglio-
sa le mostravo agli amici.
Quel pomeriggio uno di loro mi
aveva guardato e mi aveva
chiesto: <Me ne dai due?>
Di getto avevo risposto: <No>.
Ecchecavolo... Avevo fatto fati-
ca per guadagnarmele. Era tut-
to il pomeriggio che stavo
chinata sulla pista a lanciarle.
Lui aveva fatto un sorriso triste
59
e poi era andato via. senso di questa parola finché ciò che ti forma una persona
Quella sera tornando a casa non l'ho visto disteso in una vera e l'egoismo ti fa arido.>
per cena mentre salivo le scale bara. Il faccino pallido dietro al Se avessi potuto tornare indie-
fino al terzo piano, avevo ri- vetro, e tutti che parlavano tro, se…
pensato a quel “No”. sottovoce, come se avesse po- Jesus dice (e quello che dice è
Non mi piaceva quella brutta tuto svegliarsi. per tutti):
sensazione. Alla fine ne avevo Credo che questa sia stata la <Perché tutto si possa fare è
tante di biglie, avrei potuto peggior sensazione di tutta la necessario essere più coerenti
darne qualcuna... mia breve vita. Aver negato e dare più attenzione alle cose
Non ci avevo pensato più per- qualcosa a un amico che non che facciamo.
ché presto sarei partita per le avrei rivisto più. Quando senti che ti stai per-
vacanze. A questo proposito Jesus dice dendo, resta attaccato a quello
Poi un giorno in cortile non si <Dare è condividere le tue cose che sei davvero.
parlava d'altro. Una disgrazia. con qualcuno che può gioire Un essere di luce una vita che
Il mio amico (quello delle bi- con te. Se ti tieni tutto avrai vuole fare cose esatte e senti
glie) era appena andato in va- soltanto il bene materiale, una quanto resta tuo impegno.>
canza, una brutta caduta ed gioia che poi perderà anche il Questo è il senso della vita, ab-
era tornato in un furgone, den- senso di essere (Che me ne fac- biamo questa possibilità per
tro una cassa da morto… cio delle biglie adesso?) esprimere quello che siamo
Morto. Separarsi da ciò che vale davvero, allora cerchiamo di
A otto anni non conoscevo il (essere generosi) è separarsi di non sprecarla.

60
CONFESSO, HO VIAGGIATO
DI NOEMI STEFANI

VIAGGIO IN

TURCHIA

E non era per il mare, cristalli- tutte le madri e la speranza di Un piccolo centro abitato di-
no ma con poca sabbia e forse tutte le genti.. steso ai margini della costa con
freddo per nuotarci dentro. Ma non lo avevo previsto. le sue costruzioni bianche e
Non era per i paesaggi affasci- In origine l'itinerario era diver- tutte simili. Si chiama Teos.
nanti molto simili a quelli delle so. Era da tempo che desidera- Siamo fortunati, Elcin la nostra
isole greche. vo vedere Istanbul, e magari guida, una bella ragazza bion-
Questo viaggio era quasi torna- tornare a Efeso che avevo già da, è archeologa e spiega be-
re alle origini di una lunga sto- visto anni prima, ma avrei volu- ne. Teos era un sito archeologi-
ria, quasi un ritorno a casa. to riscoprire perché è di una co dedicato a una divinità che
Avrei camminato dove aveva bellezza eccezionale. gli antichi greci chiamavano
vissuto la Madre per eccellenza La destinazione è stata Izmir, Dioniso.
(Maria) che dopo la morte del l'antica Smirne fondata da < Quel Dioniso che insegnò le
Suo Jesus si era ritirata a vivere Alessandro Magno. Non pro- danze che divennero parte in-
su una collina vicino a Efeso. prio la città dove c'è l'aeropor- tegrante dei suoi riti, gli orgia
Lei che è diventata il simbolo di to, ma non molto distante. (Ecco da dove deriva il termi-

61
ne). Dopo avere diffuso la co-
noscenza dei suoi riti dalla Tra-
cia all’India, giunse a Tebe, cit-
tà di sua madre, dove si fece
riconoscere come dio e celebrò
gli orgia per la prima volta in
terra greca.
Il vino, da lui donato agli uomi-
ni, era per i Greci la bevanda
che faceva dimenticare gli af-
fanni, che creava gioia nei ban-
chetti, che induceva al canto,
all’amore, nonché alla follia e
alla violenza e che, nel sacrifi-
cio, era strumento di mediazio-
ne tra uomini e dei. Le sue epi-
fanie erano caratterizzate dal
polimorfismo: era toro, leone, Volevamo vedere il più possibi- Con la certezza che nulla avvie-
serpente, capretto, barbaro e le, i giorni erano pochi e le ne per caso e che gli avveni-
greco, giovane e vecchio, fem- escursioni abbastanza stancan- menti siano concatenati in una
mineo nel vestire e nei capelli ti. Mi piace pensare che Jesus sequenza che porta alla nostra
fluenti. > (da Treccani.it) guida e sceglie il mio percorso. attenzione quello che è impor-
Il dio delle sregolatezze, insom- Dopo aver camminato sui Suoi tante, questo ultimo viaggio mi
ma, il dannato. passi per le strade di Nazaret dà ragione e vi spiegherò il per-
Peccato non aver potuto visita- Betlemme e Gerusalemme, ché.
re questo sito perché era pro- l'ho cercato tra le grotte di Ma- In Turchia la mia destinazione
prio vicino all'albergo, ma il sada. Lì ho percepito la presen- è l'hotel Atlantis e come entro
tempo che avevamo a disposi- za e ho sentito il respiro di nella hall mi accorgo subito che
zione era molto limitato. Gesù... c'è qualcosa di disarmonico.
Ho una sensazione strana e an-
che se fa molto caldo sento
freddo.
Vedo pilastri portanti con gran-
di serpentoni che si incrociano
e un lungo tavolo di marmo
con alla base cinque teste di
demoni.
Ovunque vedo serpi e simboli
massonici. È evidente che i
proprietari desideravano met-
tere bene in mostra il loro cre-
do.
L'albergo ha una grande terraz-
za a picco sul mare dove si
pranza con una vista mozzafia-
to.

62
Pìon (od. Panayir-Daǧ) e il Co-
resso (od. Bulbul-Daǧ). Si con-
servano tratti della cinta di mu-
ra costruita da Lisimaco: alta
circa 6 m, costruita in grossi
blocchi e guarnita di torri qua-
drangolari, in essa si aprivano
alcune porte. La via Arcadiana,
lungo la quale erano i maggiori
edifici della città, era fiancheg-
giata da un duplice porticato e
chiusa ai due estremi da due
porte. Nella piazza vi era il tea-
tro, un ginnasio-terme e il tea-
tro ellenistico (ricostruito nel
1°-3° sec. d.C.). Nel 3° sec. d.C.
l’agorà commerciale ellenistica
Uno spettacolo superbo. messo di riconoscere le varie risultava circondata da portici a
Ho l'impressione di sentire tre- fasi di costruzione due navate con botteghe e ma-
mare la terra sotto i piedi in dell’Artemisio, che nel 6° sec. gazzini. Nell’altra agorà (sul
modo continuo, poi mi dicono a.C. era un grande tempio mar- luogo di una precedente necro-
che il territorio è fortemente moreo, ionico, diptero. Incen- poli tardo-arcaica), c’erano
tellurico. diato nel 356 a.C., fu ricostrui- l’Odeon costruito da P. Vedio
Sono tornata a Efeso più con- to dall’architetto Chirocrate. La Antonino (2° sec. d.C.), la basi-
sapevole questa volta. Volevo città ellenistica e romana si lica, ricostruita in età augustea,
pesare e misurare tutto con stendeva sulle due colline, il una fontana (2°-4° sec.), un
precisione per conservare nella
memoria.
Efeso (gr. ῎Εϕεσος, lat. Ephĕ-
sus)
< Antica città dell’Asia Minore,
sulle coste dell’Egeo. Fu colo-
nizzata dagli Ioni sullo scorcio
del 2° millennio a.C., e nel 334
Alessandro Magno la liberò dai
Persiani. Passata sotto il domi-
nio romano divenne capitale
della provincia di Asia (129). La
città fu devastata dai Goti (263
d.C.) e, rifiorita nel 4°-5° sec.,
nel 655 fu presa e saccheggiata
dagli Arabi. Dopo
l’identificazione delle rovine
del tempio di Artemide ai piedi
della collina di Ayasuluk (od.
Selçuk), gli scavi hanno per-

63
tempio dedicato a Domiziano.
Prima della porta di Magnesia,
c’è la cosiddetta tomba di s.
Luca, costruzione circolare di
età classica trasformata in cap-
pella cristiana. Le strade fuori
delle mura erano fiancheggiate
da sepolcri. La città bizantina
era più ristretta, lasciando fuo-
ri dalle mura la parte meridio-
nale dell’abitato. Tra gli edifici
cristiani: i resti della chiesa del-
la Vergine, dove si tenne il con-
cilio, e quelli della chiesa di
fondazione pregiustinianea di
S. Giovanni. Notevoli anche i
resti di una fontana e la necro-
poli dei Sette dormienti. Del in onore di Artemide. Avevano ecumenico (431). Convocato
periodo selgiuchide, il monu- carattere orgiastico e vi pren- dall’imperatore Teodosio II e
mento più importante è la mo- devano parte uomini, donne presieduto da Cirillo di Alessan-
schea di ῾Īsa I (1375). non maritate e schiave. Da E. dria, condannò la dottrina di
Nel mese artemisio a E. si tene- prendevano nome anche le let- Nestorio e proclamò la divina
vano le efesie, feste notturne tere efesie, formule misteriose, maternità di Maria (theotò-
in onore di Artemide. la cui invenzione era attribuita kos).> (da Treccani)
Avevano carattere orgiastico e ai Dattili Idei e che si diceva L'antica città conserva ancora
vi prendevano parte uomini, possedessero effetti magici; le tubature dell'acqua e carat-
donne non maritate e schiave. erano perciò incise su amuleti teristiche molto simili alle no-
Nel mese artemisio a E. si tene- da portare indosso. stre. I viali hanno lastricati che
vano le efesie, feste notturne Concilio di E. Terzo concilio troviamo ancora nelle strade
delle città moderne, là dove
sono passati i romani. Dimo-
strano che hanno fatto un
buon lavoro perché sono rima-
sti intatti. Le strutture architet-
toniche quasi crollate per i
continui terremoti nei secoli,
lasciano intravedere quella che
doveva essere la bellezza e la
grandezza di questa città che
si estendeva per chilometri.
Incontro la leggiadra Nike (la
vittoria) con le ali che assomi-
glia tanto a un angelo, percor-
ro il viale lastricato tutto in di-
scesa e non so se guardare di
più a destra o a sinistra, perché

64
pressoché intatte dell'antica
libreria, la più grande dell'epo-
ca e seconda soltanto a quella
enorme e famosissima di Ales-
sandria d'Egitto. Divertente
l'antico tunnel che serviva ai
mariti del tempo per raggiun-
gere indisturbati il postribolo
senza essere visti da occhi indi-
screti che avrebbero potuto
riferire alle mogli...
Una rappresentazione di gla-
diatori che combattono all'ul-
timo sangue chiude degna-
mente questa visita e ci saluta-
no il rumore delle cicale di un
lungo viale alberato.
c’è tanto da guardare. Gli scavi ta il leone, il loro fratello mag- Claros
hanno portato alla luce soltan- giore. Ce ne sono ovunque. Sempre vicino a Efeso c'è un
to una minima parte di quel Si sono perfettamente integrati sito archeologico. Tra breve si
che era. nel paesaggio e saltano e gio- riprenderanno i lavori che era-
Sopra una colonna primeggia la cano senza riguardo persino no rimasti sospesi e Elcin, la
tipica croce dei templari. Vuol nell'anfiteatro dove ha predica- nostra guida che è anche ar-
dire che i templari, dopo aver to S. Paolo. Un teatro a cielo cheologa, sarà lì a lavorare.
viaggiato in lungo e in largo per aperto che ancora mantiene un Il sito archeologico di Claros,
la Palestina e l'Egitto, sono pas- aspetto molto simile a come famoso per l'oracolo di Apollo -
sati anche di qui e come sem- doveva essere in origine. località fondata nell'VIII sec.
pre hanno lasciato il loro Tra le cose notevoli che ho vi- a.C., diventata particolarmente
marchio... sto, una è senz'altro la piazza prospera nel II sec. d.C. - si
La tipica croce con le braccia dell'Agorà, con le colonne possono osservare ancor oggi
che terminano ad ali di rondi-
ne.
D'altra parte devo dire che le
loro tracce sono un po' ovun-
que per il mondo.
E non posso fare a meno di
considerare che a distanza di
anni dalla mia prima visita, la
città di Efeso sembra sia diven-
tata di esclusiva proprietà dei
gatti.
Felini che si sdraiano al sole a
riposare e che si rincorrono tra
le colonne. Oppure si mettono
in posa per i turisti sopra a
qualche statua che rappresen-

65
la zona dedicata ai sacrifici e le perto da una grata, dal quale Sarebbero partiti per nave fino
camere sotterranee a forma di gli antichi cristiani pensavano ad approdare alle sponde della
cripta. sarebbe uscito il respiro del Turchia, e poi avrebbero cerca-
La fine di Claros non furono le Santo. Come se ancora per una to un posto per nascondersi
lotte con Efeso e Mileto. volta la morte non avesse vinto dal paganesimo (altre religioni,
Quando il paganesimo comin- sulla carne e l'anima continuas- altre divinità), perché i Cristiani
ciò a perdere la sua importanza se a respirare e a consolare venivano perseguitati anche a
mentre il cristianesimo stava quelli che passano vicino. Efeso.
crescendo, il santuario si lasciò Giovanni, l'Apostolo prediletto Esistono prove certe che la sto-
andare piano piano. di Gesù, quello a cui dall'alto ria sia andata in questo modo.
Il sito archeologico era in stato della croce e in punto di morte Una di queste, per esempio, è
d’abbandono: invaso dalle er- aveva affidato la Madre, pro- che sopra una piccola collina,
bacce e dagli alberi, venne babilmente dicendo di portarla nascosta dentro alla vegetazio-
sommerso regolarmente dalle via perché in Israele sarebbe ne di un bosco, sia stata ritro-
acque e il tempio di Apollo era stata Lei stessa in pericolo di vata la casa della Madonna.
ridotto a un ammasso di colon- vita. In questa piccola struttura, due
ne spezzate. Nonostante ciò,
gli scavi piacciono per l'atmo-
sfera nostalgica e romantica
che vi si respira. Chissà cosa ci
nasconde ancora questa terra
così piena di storia.
Poco distante da qui c'è quello
che rimane della chiesa di S.
Giovanni l'Evangelista, il giova-
ne apostolo prediletto di
Gesù.
Si trova in una bella posizione
sopraelevata e l'occhio spazia
su una gran distesa verde in-
terrotta dall'apparizione di un
altro tempio, altri ruderi forse
meno famosi.
In cima alle altissime colonne
bianche di marmo, le bianche
gru indisturbate hanno fatto il
nido, e i piccoli sbattono le ali e
aprono il becco in attesa che
arrivi il cibo.
Una grande lastra di marmo
bianco con una lapide definisce
dove è sepolto S. Giovanni e
quello che stupisce il viaggiato-
re, è un buco nella terra. Alla
sommità della lapide c'è un bu-
co scavato nella terra e rico-

66
minuscole stanze che si appog- Madonna che ti sorride con le tro, che quando uscirai non sa-
giano a quello che resta di un braccia aperte e percepire che rai più lo stesso.
ulivo millenario, viveva Mar- qualcosa ti sta cambiando den- È una forte energia che ti pe-
yem Ana (Mamma Maria) e qui
è rimasta fino alla fine dei Suoi
giorni.
Non ne hanno fatto una catte-
drale, niente affreschi o luci
abbaglianti, niente ricchezze di
ori o argenti.
Per fortuna hanno lasciato in-
tegro un luogo povero ma ricco
e splendente di tanta spirituali-
tà.
Non si può descrivere cosa si
prova quando si entra in que-
ste stanze.
Ti puoi soltanto inginocchiare e
stare a sentire in silenzio. Alza-
re gli occhi alla statua della

67
netra l'anima e ti guarisce ogni cile...
dolore. Smirne (Izmir) fu fondata dal
È una forza che non se ne va grande Alessandro Magno.
quando esci da quel luogo, la <La Smirne arcaica stava a una
porti con te, e so che sarà sem- distanza di circa 8 km. dalla
pre così. Smirne ellenistica, che è conti-
È strano che la chiesa cattolica nuata dalla Smirne attuale. Es-
non abbia tenuto conto di que- sa è stata identificata nell'apri-
sto luogo mentre ha proclama- le 1825 da A. v. Prokesch-
to altri luoghi come santi. Ma Osten nei resti già prima ritro- Dopo essermi lavata le mani e
non importa, chi deve arrivare vati nella parte occidentale del il viso per rispetto dell'usanza
qui ci arriverà comunque. Yamanlar Dağ. Lì presso, sulla dei musulmani, giro intorno
Smirne o Izmir come la chia- collina di Hacimutsos, è stata alla piccola costruzione e mi
mano i Turchi. identificata la città bassa arcai- avvicino alla porta che purtrop-
La città moderna si apre su una ca, Nauloco. A poco più di un po è chiusa.
grande piazza con un orologio km. nord-est sta una necropoli Prima di andarmene appoggio
in cima a una torre ed è il pun- con tumuli di carattere non una mano alla porta, chiudo gli
to di ritrovo più comune per greco, al maggiore dei quali fu occhi e dico una breve pre-
chi abita questa città. dato il nome di "Sepolcro di ghiera.
E' molto simile alle città arabe Tantalo". Questi resti confer- Il Signore deve avermi ascolta-
con le caratteristiche viuzze mano uno strato preellenico to perché arriva il guardiano e
piene di negozi che attirano i che si può dedurre dallo stesso dopo avermi detto qualcosa
turisti con le loro “vere” imita- nome non greco della città, che che ovviamente non capisco,
zioni firmate. si ritrova, tra l'altro, in un quar- apre e mi fa segno di entrare.
Seguo il mio fiuto e mi faccio tiere di Efeso. Tra i Greci occu- Non mi chiede nemmeno di co-
portare dal profumo delle spe- parono Smirne dapprima gli prirmi il capo (lo farà con le
zie. Arrivo a un piccolo negozio Eoli, e poi altre invasioni.> donne che mi hanno seguito),
che ne ha di ogni tipo, sempre Nella piazza principale c'è una si mette alle mie spalle e lo
attenta a non perdermi però, minuscola moschea che attrae sento che prega, stiamo pre-
perché so che è abbastanza fa- la mia attenzione. gando insieme.
È bellissimo...
È lo stesso Dio, non importa se
lui lo chiama in modo diverso.
Perché non sono le religioni
che dividono i popoli, ma chi
vuole che siano divisi, perché
dividendo impera.
E chi si nasconde dietro a que-
sti loschi individui?
Io un'idea ce l'avrei... Sempre
lui... Sempre lui.

68
GOVERNANCE DEL PIANETA
TERRA, LE RIVELAZIONI DI
HARRY POTTER E DMITRIJ
MEDVEDEV
M. MARTINELLI

In precedenti articoli ho accennato - L’implementazione di un ominide, me è ampiamente dimostrato dalla


ai programmi educativi dedicati a probabilmente Homo Erectus, ingente massa di informazioni carta-
noi, Homo Sapiens Sapiens, i quali nell’odierno Homo Sapiens Sapiens cee, visive e soprattutto tecnologi-
sono in atto nel presente sotto la da parte degli stessi esseri non ter- che rivolte ai ragazzi, quasi che fosse
regia di chi detiene la Governance restri. necessario prepararli con un corso
del pianeta Terra. - Il possesso da parte degli esseri intensivo alle nuove conoscenze pri-
Nella letteratura, l’autore che ha non terrestri di tecnologie scono- ma che si verifichi un evento molto
senz’altro trattato in maniera più sciute all’Homo Sapiens Sapiens. importante per l’umanità.
organica e dettagliata il tema dei In una conferenza tenuta nel maggio L’Altro Ministro
programmi educativi è il Dott. Ro- 2013 (1), ho tentato di analizzare i “Era quasi mezzanotte ed il Primo
berto Pinotti, giornalista aerospazia- simboli di coloro che gestiscono i Ministro stava seduto da solo nel
le, scrittore e sociologo, la figura più programmi educativi e la governan- suo ufficio a leggere una lunga rela-
rappresentativa dell’ufologia italiana ce del pianeta Terra, mentre nel zione... e in quel momento, mentre
nel mondo. Nei suoi ultimi tre libri, presente articolo cercherò di analiz- dava di spalle alla stanza, sentì un
“Alieni: Un incontro annuncia- zare uno dei più eclatanti esempi di lieve colpo di tosse.
to” (2009), “Ufo ed extraterre- divulgazione finalizzata a introdurre Raggelò... Conosceva quella tosse.
stri” (2011) e “Ufo: Oltre il contatto presso l’Homo Sapiens Sapiens il L’aveva già sentita. Si voltò molto
(2013), Pinotti ha mostrato detta- nuovo paradigma, tramite una com- lentamente per fronteggiare la stan-
gliatamente l’impiego dei mezzi di parazione tra un recente evento di za vuota... “Al Primo Ministro dei
comunicazione di massa nei paesi divulgazione ed una serie di sette Babbani (Homo Sapiens Sapiens, il
occidentali per instillare, ma anche libri pubblicati nel corso dell’ultimo corsivo è mio), Necessità di incontro
per risvegliare nei cervelli di noi Ho- decennio, due fatti apparentemente urgente. Si prega di rispondere
mo Sapiens Sapiens, pochi ma basi- lontani tra loro nello spazio e nel all’istante. Distinti saluti. Caramell”.
lari concetti come tempo. …Il Primo Ministro rimase a guarda-
- L’esistenza di altri esseri non terre- Aggiungo la personale sensazione re, cercando di non tradire la mini-
stri. che sembra che negli ultimi tempi ma traccia di sorpresa o allarme,
- La Governance del pianeta Terra sia in atto una sostanziale accelera- mentre un uomo corpulento appari-
gestita da esseri non terrestri. zione dei programmi educativi, co- va tra le fiamme… “Ah Primo Mini-

69
stro “disse Cornelius Caramell, avan- Sentirsi rivolgere la parola da un ri- istituzioni politiche, Presidente della
zando con la mano tesa. “Sono lieto tratto era stato spaventoso, anche Repubblica o Primo Ministro, ma da
di rivederla”. se nulla in confronto a quando un altri esseri, fisicamente simili
Il Primo Ministro non poteva in tutta sedicente mago era saltato fuori dal all’Homo Sapiens Sapiens.
sincerità dire altrettanto, perciò non camino e gli aveva stretto la mano. Questi esseri dispongono di tecnolo-
rispose. Non era affatto contento di Era rimasto senza parole per tutto il gie sconosciute all’Homo Sapiens
vedere Caramell, le cui occasionali tempo in cui Caramell gli aveva spie- Sapiens.
apparizioni, oltre ad essere allar- gato cortesemente che esistono an- Questi esseri vivono separatamente
manti in sé, significavano in genere cora maghi e streghe nascosti nel dagli Homo Sapiens Sapiens, ma le
l’annuncio di brutte notizie. mondo, e l’aveva rassicurato che loro azioni e anche contrasti interni
…“Non saprei da dove cominciare non avrebbe dovuto preoccuparsi generano conseguenze fra gli Homo
“borbottò Caramell. Si sedette e ap- per loro, visto che il Ministero della Sapiens Sapiens.
poggiò la bombetta verde sulle gi- Magia si prendeva cura dell’intera Esiste un antico contrasto tra due
nocchia. “Che settimana, che setti- comunità magica ed evitava che la gruppi di questi esseri.
mana…”. “Pessima anche la sua?” popolazione non magica sospettasse Il Fuori onda del Primo Ministro
Chiese il Primo Ministro…” Si capisce della sua esistenza. Intervistatrice: “C’è in giro l’opinione
“rispose Caramell…” La mia settima- …A questo punto il Primo Ministro che su alcuni avvenimenti esistano
na è stata uguale alla sua, Primo aveva finalmente ritrovato la voce. dei dossier molto voluminosi con so-
Ministro. Il ponte di Brockdale… gli “Lei…lei non è uno scherzo, allora? pra scritto “segretissimo”, e che là
omicidi Bones e Vance… per non “Era stata la sua ultima, disperata siano racchiusi tutti i segreti del
parlare del finimondo nel West speranza. mondo, e che voi sappiate assoluta-
Country…” “No” aveva risposto Caramell con mente tutto. Per esempio, se sono o
Lei…ehm…la sua…voglio dire, alcuni dolcezza. “Temo di no. Guardi.” E no venuti sulla Terra degli extrater-
dei suoi sono… coinvolti in queste… aveva trasformato la tazza di tè del restri, i cosiddetti “omini verdi”.
cose?” Primo Ministro in un gerbillo. Primo Ministro: “Dunque, le dico
Caramell fissò il Primo Ministro con “Ma” aveva boccheggiato il Primo questo per la prima e ultima volta.
una certa severità. “Ma certo” disse. Ministro, guardando l’ex tazza rosic- Insieme alla “valigetta con i codici
“Lei avrà senz’altro capito che cosa chiare l’angolo del prossimo discor- nucleari”, al Presidente della Nazio-
sta succedendo”. so, “ma perché… perché nessuno mi ne viene portata una speciale cartel-
“Io…” esitò il Primo Ministro. ha detto…?” la, su cui è scritto “segretissimo”.
Era proprio per quell’atteggiamento “Il Ministro della Magia si palesa Questa cartella è interamente dedi-
che detestava tanto le visite di Cara- solo al Primo Ministro Babbano suo cata agli extraterrestri che hanno
mell. Dopotutto era il Primo Mini- contemporaneo” aveva spiegato visitato il nostro pianeta. Nello stes-
stro, e non gli piaceva fare la figura Caramell, riponendo la bacchetta so tempo viene trasmessa una rela-
dello scolaretto ignorante. Ma natu- magica dentro la giacca. “Riteniamo zione assolutamente riservata del
ralmente era stato così fin dal loro che sia il modo migliore per mante- reparto servizi segreti che si occupa
primissimo incontro, durante la sua nere il segreto”. della presenza degli extraterrestri
primissima sera da Capo del Gover- “Ma allora” aveva piagnucolato il sul territorio del nostro Paese. Que-
no. Lo ricordava come se fosse ieri e Primo Ministro, “perché il mio pre- ste due cartelle di documenti vengo-
sapeva che quel ricordo lo avrebbe decessore non mi ha avvertito…?” no consegnate assieme alla
ossessionato fin nel letto di morte. A queste parole, Caramell era scop- “valigetta nucleare”. A mandato
Si trovava da solo in quello stesso piato a ridere. “Mio caro Primo Mi- concluso tali cartelle vengono conse-
ufficio, ad assaporare il trionfo che nistro, lei ha intenzione di dirlo a guentemente passate al nuovo pre-
aveva coronato tanti anni di sogni e qualcuno?”. (2) sidente. Delle informazioni più preci-
progetti, quando aveva sentito un Il messaggio che si evince dalla po- se su tale questione le potete avere
colpo di tosse alle spalle, proprio co- che righe che ho estrapolato dalla guardando il noto documentario Gli
me quella sera, e si era voltato per più ampia narrazione contenuta uomini in nero. Ce ne sono parec-
scoprire quel brutto piccolo ritratto all’inizio del sesto libro, “Harry Pot- chie.”
che gli parlava, annunciandogli che ter e il principe mezzosangue”, del Intervistatrice: “Quanti sono tra noi
il Ministro della Magia stava per ve- celeberrimo ciclo dedicato appunto gli extraterrestri?“
nire a presentarsi. a Harry Potter da parte dell’autrice Primo Ministro: “Quanti siano tra
Naturalmente aveva pensato che la Joanne K. Rowling (3), è abbastanza noi non posso dirlo, in quanto ciò
lunga campagna e la tensione delle chiaro, ovvero: potrebbe scatenare il panico” (4)
elezioni lo avessero fatto impazzire. La governance non è esercitata dalle Cenni di Governance “non visibile”

70
Fra le numerose ver- “…il futuro Paolo VI appare, da car- nimenti prendessero la piega che
sioni e analisi (5) della dinale, una sorta di responsabile o essi desideravano? …L’umanità co-
cosiddetta divulgazio- controllore dei servizi segreti vatica- mincia ad esaminare seriamente la
ne avvenuta il 7 di- ni. Tale dato a mio parere, consente possibilità di viaggi interplanetari ed
cembre 2012 da parte un significativo paragone sui rappor- interstellari. La scoperta più straor-
del Primo Ministro ti tra “governo visibile” e “governo dinaria che si potrebbe fare, grazie a
(ed ex Presidente) invisibile”, al quale ho dedicato par- tali viaggi, sarebbe di constatare che
della Repubblica Fe- te dei miei studi (ultimamente in l’evoluzione generale e le questioni
Dmitrji Mevedev derativa Russa, Dmitrji Piombo Rosso, Baldini, Castoldi, Da- terrestri premono anche ai misterio-
Anatolievic Medvedev (6), ho scelto lai Editore). Il paragone, che non è si visitatori extraterrestri.
quella riportata da Roberto Pinotti, irriverente e rientra a pieno titolo L’umanità non è sola nell’Universo e
proprio perché egli ha correttamen- nell’analisi politologica, può esser non è lei a essere al vertice della sca-
te inquadrato il “fuori onda” di Me- fatto sia con sistemi democratici che la dell’evoluzione. Al di sopra degli
dvedev all’interno della continua con sistemi autoritari: Bush senior uomini esiste tutta una gerarchia di
opera di disclosure in atto. Ribadisce che diviene presidente degli Stati esseri il cui potere è immenso, e so-
Pinotti: Uniti dopo essere stato responsabile no loro a guidare l’evoluzione della
“…Pertanto la chiave è più che mai della Cia; Gorbaciov e Putin che bal- nostra specie.” (10)
nella crescente consapevolezza del zano dal KGB al vertice politico Così scriveva quarant’anni fa Serge
pubblico. E creare consapevolezza è dell’Unione Sovietica (il primo) e del- Hutin, senz’altro conoscitore di in-
quanto da tempo fanno gli ufologi, la successiva Federazione Russa (il formazioni riservate. È interessante
intesi come seri studiosi in rotta di secondo). Lo stesso Montini, analo- notare che Hutin, pur analizzando
collisione con l’establishment. Che gamente, diverrà papa dopo aver diffusamente i cosiddetti esoteristi
non dovrebbero limitarsi a fare inec- gestito gli aspetti più riservati del francesi e inglesi, fra gli altri Alexan-
cepibili indagini sul campo e a pub- potere pontificio.” (7) der Saint-Yves d’Alveydre, il Mae-
blicarne i risultati su riviste specializ- Un autore che ha trattato il concetto stro Philippe de Lyon, Gérard En-
zate. Occorre rivolgersi intelligente- di governance “non visibile”, se- causse (meglio noto come Papus),
mente ai media, scrivere libri, anda- guendo l’antica tradizione francese Réné Guénon, Sir Edward Bulver-
re in tv. Insomma fare della è senz’altro Serge Hutin (8), in parti- Lytton, Aleister Crowley, non nomini
“esopolitica” (come molti oggi la colare nel volume edito nel 1973, che di sfuggita uno dei principali fra
definiscono) e preparare la gente. E “Governants invisibles et sociétés quei personaggi, ovvero Alphonse
parlare non tanto dell’aneddotica segrete”. Hutin introduce il concetto Louis Constant, conosciuto come
(pur molto importante), quanto dei della presenza extraterrestre sul pia- Eliphas Levi.
cambiamenti che la presenza extra- neta Terra, sostenendo Ritengo che il reale motivo per que-
terrestre comporterà per tutti noi “(il “…D’altra parte, non essendo il no- sta “strana” omissione da parte di
grassetto è mio). stro pianeta isolato dalle linee gene- Hutin, risieda nel semplice fatto che
Un autorevole studioso di storia e rali di evoluzione del Sistema Solare nel 1973 non era stata ancora rivela-
scienza della politica come il profes- e della Galassia, ossia dell’intero u- ta l’appartenenza di Eliphas Levi alla
sor Giorgio Galli, prendendo spunto niverso, non sarebbe poi così assur- millenaria organizzazione, la quale
anche dalla transizione avvenuta do ritenere possibili delle ramifica- opera per nome e per conto di chi
dall’Unione Sovietica alla Repubblica zioni di questo governo occulto, una detiene la Governance del pianeta
Federativa Russa, ricorda in un sag- specie di supervisione extraterrestre Terra.
gio scritto assieme a Paolo Rumor e dei capi invisibili che guidano il cam- L’organizzazione millenaria
Loris Bagnara come mino dell’umanità.” (9) L’appartenenza di Eliphas Levi
Dopo una lunga esposizione delle all’organizzazione sopra menzionata
origini segrete della Rivoluzione è stata divulgata dall’Avvocato Paolo
Francese, della nascita del nazismo Rumor nel 2010 in un
e dei personaggi che hanno sostenu- saggio all’interno del
to l’esistenza di “Capi segreti e Gui- libro già citato in pre-
de dell’umanità, Hutin conclude: cedenza, “L’altra Eu-
“...È assurdo immaginare che non ropa”, scritto con la
soltanto gli extraterrestri siano scesi collaborazione del
sul nostro pianeta, ma che siano an- Professor Giorgio Gal-
che intervenuti di nascosto presso li e dell’architetto Lo-
Serge Hutin ( seduto ) e Jean Bouilly certi dirigenti per far sì che gli avve- ris Bagnara.

71
nosciuti”, “Superiori Sconosciuti”, 1904 al più giovane dei membri, Fra-
“Guide dell’Umanità”. A tale tema ter Perdurabo” (12) (ovvero lo stes-
era legato il concetto di “magia”, so Aleister Crowley, il quale assunse
ovvero una tecnologia sconosciuta il motto “Perdurabo “al momento
alle persone normali, che era ap- della sua iniziazione nell’Hermetic
punto gestita da Esseri Superiori. Order of the Golden Dawn il 18 feb-
Alphonse Louis Constant (1810 - braio 1898).
1875), il quale aderì alla Struttura È importante sottolineare il fatto
nel 1862, è di una figura chiave dei che Aleister Crowley, come ampia-
movimenti esoteristi ed occultisti mente documentato in un recente
francesi del diciannovesimo secolo, saggio da Richard B. Spence (13), agì
studioso di Kabbala e dei Tarocchi, per lunghi anni a stretto contatto
meglio conosciuto come Eliphas Levi con i servizi segreti inglesi, quasi a
Zahed, o semplicemente Eliphas Le- rimarcare i rapporti tra l’Intelligence
vi. All’inizio degli anni 1850 incontrò Britannica e l’Occulto. Spence ne
in Londra Sir E. Bulwer Lytton nel sottolinea i legami, rimarcando che
quadro dello sviluppo delle attività “…Crowley spiegava che lo scopo
“rosacrociane” (11), rafforzando lo della magia consisteva
Eliphas Levi stretto collegamento fra le attività nell’effettuare mutamenti nel mon-
Nel libro Rumor riporta e ricostrui- degli esoteristi inglesi e francesi. do fisico ‘seguendo la volontà’, ovve-
sce le memorie del padre, Giacomo, Levi incorporò le carte dei Tarocchi ro nel manipolare i comportamenti e
il quale svolse le sue attività per nel proprio sistema di magia, aven- le forze naturali senza azioni che po-
conto dell’Organizzazione o Struttu- do un grande impatto sul sistema tessero essere notate. Verso la fine
ra, all’interno del movimento catto- dell’Hermetic Order of the Golden della propria vita, egli rifletté sullo
lico e della Democrazia Cristiana, Dawn e su uno dei suoi membri più stesso argomento, comparando i
rimanendo sempre a stretto contat- conosciuti, Alesteir Crowley. Capi Segreti, i cosiddetti maestri in-
to con il cardinale Montini, successi- Eliphas Levi sosteneva inoltre che visibili ed inaccessibili della ’Grande
vamente Papa Paolo VI, all’epoca dietro il velo di tutte le sacre e misti- Loggia Bianca’ al Capitano A. ed
responsabile dei servizi segreti del che allegorie e riti delle antiche so- all’Ammiraglio B. del British
Vaticano. Il cugino di Paolo Rumor, cietà segrete esistenti sin Intelligence Service.” (14)
Mariano, fu invece un protagonista dall’antichità, esisteva sempre la Recentemente un autore particolar-
più visibile della politica italiano stessa comune dottrina, seppure mente prolifico e informato come
sempre all’interno della Democrazia adeguatamente celata. Maximillien de Lafayette ha messo
Cristiana; infatti Mariano Rumor fu Secondo Crowley, “…Levi era legato in evidenza le connessione tra i co-
per ben cinque volte presidente del ad un giuramento di segretezza ver- siddetti occultisti inglesi e tedeschi,
Consiglio dei Ministri della Repubbli- so l’Ordine degli Iniziati, che gli ave- spiegando
ca Italiana. va donato i segreti dei Tarocchi…” “…in quello stesso anno, Karl Hau-
Analizzando i profili dei personaggi Levi, come tutti i cosiddetti occultisti shofer (15) fondò l’ordine ‘Bruder
citati da Rumor fra gli appartenenti di quel periodo, sosteneva di essere Des Lichts’ (Fratelli della luce). Ironi-
alla Struttura intorno alla metà del stato iniziato alla conoscenza da camente Aleister Crowley, il famoso
diciannovesimo secolo (Rumor ha “Maestri Sconosciuti”, così come le occultista internazionale ed agente
accuratamente evitato di citare per- varie società segrete, nuove o rico- del servizio segreto inglese, si unì al
sone ancora in vita), si notano co- stituite, le quali abbondavano tra gruppo di Haushofer. Difficile da cre-
muni intenti divul- Francia e Regno Unito a partire dalla dere? Non parti-
gativi riguardo al metà del diciannovesimo secolo, fra colarmente in
tema estremamente le quali una delle maggiormente ce- quanto Aleister
attuale, ovvero lebri era l’Hermetic Order of the Crowley parteci-
l’ipotesi che la go- Golden Dawn. pò ad alcuni dei
vernance del piane- Crowley spiega chiaramente che lo più importanti
ta Terra sia diretta scopo dell’uso di (eventuali, incontri di Hitler,
da poche persone, l’aggiunta è mia) poteri magici con- in particolare a
accuratamente non sisteva nel “tentativo di entrare in quello in cui Hit-
identificabili, i cosid- contatto con i Capi Segreti ler preparò il
Aleister Crowley detti “Maestri Sco- dell’Ordine… tentativo che riuscì nel programma di Maximillien de Lafayette

72
lavoro per l’organizzazione del suo ne, spiega che “…il titolo di ‘Re del Andreevna, era la sorella della ma-
partito. Egualmente ironico risulta il Mondo’ designa un principio dre della Sig.ra Blavatsky, Helena
fatto che Theodor Reuss, il mentore …l’importante qui è far rilevare che Von Han. Witte ne traccia un inte-
di Aleister Crowley e la forza dietro tale principio può essere reso mani- ressante ritratto nelle proprie me-
la Ordo Templi Orientis Society, era festo da un centro spirituale stabilito morie, ricordando in particolare che
un agente del servizio segreto tede- nel mondo terrestre, da “…Essa aveva enormi occhi di colore
sco. Mi sembra che tutte queste so- un’organizzazione incaricata di con- azzurro, quando parlava con foga
cietà segrete occulte e spirituali fos- servare integralmente il deposito essi risplendevano con un fascino
sero tutto fuorché spirituali! della tradizione sacra, di origine che è completamente indescrivibile.
...L’Ordo Templi Orientis e la Golden ‘non umana’ (apaurusheya)…” (19) Nella mia vita non ho mai visto nulla
Dawn erano associati con società Se leggiamo con attenzione, Guénon come quel paio d’occhi.” (22)
segrete russe, britanniche e tede- esplicita due concetti molto impor- Ricordo infine che durante l’ultima
sche, in particolare con la società tanti per il presente saggio, ovvero parte temporale della presenza e le
Teosofica di Elena Blavatsky, fonda- che da millenni esiste attività politiche ed economiche del
ta a New York nel 1875, con The un’organizzazione al servizio di un Conte Witte all’interno della corte e
Bruder Des Lichts e con Rudolf von potere e che questo potere è di ori- del governo zarista, a San Pietrobur-
Sebottendorf, fondatore della Thule gine non umana, oppure come di- go fu presente il famoso Gurdjieff
Gesellschaft, il quale attrasse Adolf remmo oggi, non terrestre. Egli era G.I., il ‘cercatore di verità’ per anto-
Hitler, Himmler, Kaurl Haushofer, consapevole di aver forse superato nomasia, uno dei personaggi più in-
Jorg Lanz von Liebenfels, Rosenberg, un limite nel rilascio di informazioni teressanti dal punto di vista cogniti-
Halford John Mackider, Hans Frank, e infatti, alla fine del libro, confessa vo nel periodo a cavallo tra la fine
Queste associazioni ed alleanze se- “…Siamo ben lungi dal pretendere di dell’ottocento e la prima metà del
grete uniscono assieme gli occultisti aver detto tutto il possibile novecento. Gurdjieff aveva sposato
tedeschi ed inglesi in un formidabile sull’argomento del presente studio, una dama di compagnia della Zarina
vincolo.” (16) e gli accostamenti che abbiamo fat- Alexandra Feodorovna, per cui la
Il Conte Sergei Yulyevich Witte to potranno anche suggerirne molti sua presenza nella corte zarista ap-
(1849 - 1915) aderì alla Struttura nel altri; comunque abbiamo detto mol- pare certificata, anche se egli era
1895. L’attività del Conte Witte è to più di quanto mai sia stato detto legato ad un potere superiore, come
legata all’industrializzazione della finora, e alcuni saranno forse tentati si evince dalla sua analisi “…Cosa è
Russia zarista alla fine del dicianno- di rimproverarcelo.” la guerra? E’ il risultato
vesimo secolo. Egli ricoprì numerosi Durante la sua dettagliata analisi dell’influenza planetaria. Da qualche
incarichi politici, economici e diplo- storica e geografica dell’evoluzione parte lassù, due o tre pianeti si sono
matici sotto gli ultimi due Zar della del centro di conoscenza iniziale e avvicinati troppo l’uno all’altro: ne
Russia, diventando Ministro delle iniziatico, Guénon aggiunge infine risulta una tensione… e qui, sulla
Finanze e persino il pri- una chiosa all’attività della Sig.ra terra, le persone cominciano a mas-
mo Presidente del Con- Blavatsky (20), quasi a rimproverarla sacrarsi a vicenda… Non si rendono
siglio dei Ministri di una certa superficialità nel tratta- conto di quanto siano pedine del
dell’ultimo Zar Nicola II. re una tema così vitale per l’Homo gioco… Né l’imperatore Guglielmo,
Per quanto attiene al Sapiens Sapiens: “…Aggiungiamo né i generali, né i ministri, né i parla-
presente saggio, Witte che sulla base di informazioni fram- mentari significano qualcosa o pos-
fu il protettore di Ferdi- mentarie raccolte su questo argo- sono fare qualcosa.” (23)
nand Ossendowski (17), mento, senza peraltro coglierne il Paolo Rumor non conferma la data
autore del best seller significato, la Blavatsky concepì in cui George Ivanovic Gurdjieff
Sergei Yulyevich internazionale “Bestie, l’idea della ‘Grande Loggia Bianca’, (1866? - 1949) aderì alla Struttura,
Witte uomini e Dei “, nel qua- che potremmo definire non tanto tuttavia Rumor cita per ben tre volte
le si parla diffusamente un’immagine quanto una semplice Gurdjieff nel libro, indicandolo come
di un cosiddetto “Regno sotterraneo caricatura o una parodia immagina- “…Priore, depositario di un registro
dell’Agarthi”, in cui vivrebbe il “Re ria dell’Agarttha.” (21) (o di una copia di questo) contenen-
del Mondo”. Dopo la pubblicazione Come a collegare le ramificazioni te la parte inziale dell’elenco” (24)
della traduzione francese del libro di dirette ed indirette della Struttura, è degli appartenenti
Ossendowski nel 1924, René Gué- veramente interessante sottolineare all’Organizzazione o Struttura come
non (18) pubblicò appunto il libro “Il il fatto che il Conte Witte era primo la indica Rumor. Ricordo inoltre che
re del mondo” nel 1927. cugino della Sig.ra Blavatsky, in Gurdjieff si stabilì assieme ai suoi
Guénon, con sicurezza ed erudizio- quanto la madre di Witte, Ekaterina allievi in Francia vicino a Fontaine-

73
bleau nel 1922, grande Piramide di Giza, scoprì quel- tura un lungo pezzo di legno, che per
andando a vivere li che sono oggi noti come “Dixon forma e per sembianza, sembrava
in una struttura relics”. essere simile a quel pezzo più piccolo
denominata trovato dai Dixons nel 1872 in fondo
“Prieuré”. In pre- al condotto. Questa vestigia avrebbe
cedenti articoli e naturalmente potuto essere datata
conferenze ho al carbonio 14 e per fortuna fornire
anche effettuato una datazione adeguata della Gran-
una comparazione de Piramide. Sino ad ora, questa a-
tra le informazioni sta di legno non è stata recuperata
rilasciate da Gur- dal Dr. Zahi Hawass, il Direttore Ge-
djieff nei suoi libri, nerale dei monumenti di Giza, nono-
Georges I. Gurdjieff pubblicati postu- stante le numerose richieste fatte da
mi, e gli studi di In effetti sono gli unici oggetti mai me stesso e da altri. Sembra che il Dr
Zecharia Sitchin riguardo all’origine ritrovati all’interno della Grande Pi- Hawass non approvi la datazione al
non terrestre dell’Homo Sapiens Sa- ramide. In un articolo pubblicato in Carbonio-14. Pertanto ritrovare la
piens grazie all’intervento di esseri Discussions in Egyptology, Oxford, ‘Dixon relic’ mancante, ovvero il pez-
provenienti da altri pianeti e sistemi Volume 50, 2001, dal titolo “Grant zo lungo 5 pollici di legno simile al
planetari. (25) Bey and the missing pyramid relic”, cedro, è cruciale, in quanto potrebbe
Sempre Rumor spiega che Gurdjieff, Robert G. Bauval ripercorre la storia risolvere questo impasse.” (27)
assieme a personaggi come Cesare della scoperta da parte di Waynman I fratelli Dixon furono particolar-
Merzagora, Jean Cocteau, Giacomo Dixon: mente legati alle attività
Rumor, padre dello stesso Paolo Ru- “Nel settembre 1872, un ingegnere dell’establishment inglese in Egitto,
mor, fece parte delle commissioni britannico, Waynman Dixon scoprì le infatti sono famosi anche per la spe-
che si riunirono poco dopo la fine aperture dei due condotti nelle pare- dizione a Londra dell’Obelisco di Cle-
della seconda guerra mondiale allo ti sud e nord della Camera della Re- opatra (il cosiddetto Cleopatra’s
scopo di mettere le basi per la crea- gina e nella sezione orizzontale dei needle) nel 1876. Nella sua “A Short
zione della futura Unione Europea. condotti che conduce nella camera History of the Egyptian Obelisks”
Sentiamo come Gurdjieff “predisse” egli trovò tre piccole vestigia, un pic- (1877), William Ricketts Cooper ri-
a Bennett nel 1949 l’instaurazione di colo gancio di bronzo, una parte di porta un breve racconto di Sir Era-
quello che oggi viene comunemente un legno simile al cedro ed una sfera smus Wilson (28) riguardo al suo
chiamato “nuovo ordine mondiale”: di granito. Le vestigia vennero por- incontro con Waynman Dixon:
“…Disse che al momento si stava tate in Inghilterra da John Dixon, il “Essendo figlio di un navigatore, la
instaurando nel mondo fratello maggiore di Waynman e cosa mi interessò… compresi ben
l’organizzazione di un ordine supe- consegnate all’astronomo reale di presto che il Sig. Dixon era un mas-
riore, che avrebbe potuto accogliere Scozia, Piazzi Smyth, il quale ne pre- sone, pertanto saltammo tutte le
soltanto coloro che avevano rag- se nota nel proprio diario e quindi le formalità e le cerimonie. Egli mi dis-
giunto uno stadio di sviluppo spiritu- riconsegnò a John Dixon. Le ‘Dixon se che da tempo aveva progettato di
ale tale da essere in grado di produr- relics’ successivamente sparirono. portare l’obelisco in Inghilterra e che
re energie superiori.” (26) Nel 1993 condussi una ricerca di sperava di poterlo fare lui stesso un
Gli ingegneri inglesi John (1835 - queste vestigia con la Drs Mary giorno, quando sarebbe stato abba-
1891) e Waynman (1844 - 1930) Di- Bruck ed alla fine le rintracciammo stanza ricco… Egli disse anche, lo
xon, fratelli di Sir Raylton Dixon nel British Museum. Sfortunatamen- avrebbe inserito in un forno riscalda-
(1838 - 1901), famoso costruttore di te mancava il piccolo pezzo di un to, fatto scivolare in mare ed infine
navi con la società di famiglia Ra- legno simile al cedro, per cui non fu rimorchiato sino in Inghilterra.” (29)
ylton Dixon & Co. fondata nel 1873 possibile effettuare la datazione con Successivamente Sir Erasmus Wilson
e gestita dai tre fratelli, poi chiusa il Carbonio 14. Le vestigia sono ades- dette l’incarico ai fratelli Dixon per
nel 1923. John e Waynman fecero so esposte nella sezione Egitto del la spedizione e l’installazione
entrambi parte della Struttura, Ru- British Museum. dell’obelisco sulle rive del Tamigi,
mor conferma solamente la data Quando l’ingegnere tedesco Rudolf evento che venne realizzato nel
dell’affiliazione di John nel 1871. Gantenbrink, esplorò i condotti della 1878.
Proprio l’anno seguente, come per Camera della regina all’interno della Gaetano Mosca (1858 – 1941) aderì
una coincidenza significativa, Wa- Grande Piramide nel 1993, egli riuscì alla Struttura nel 1920. Studioso ita-
ynman, lavorando all’interno della a fotografare con un robot in minia- liano di scienza della politica e di

74
storia delle dottrine po- nostri antenati di disporre di impor-
litiche, senatore del Re- tanti conoscenze in svariati campi,
gno d’Italia e firmatario incluse quelle geografiche, astrono-
nel 1925 del “Manifesto miche, matematiche etc. Tuttavia il
degli intellettuali antifa- concetto importante consisteva nel
scisti” proposto da Be- fatto che le conoscenze di cui dispo-
nedetto Croce (30). Gae- nevano i Sumeri provenivano, per
Gaetano Mosca
tano Mosca è ricordato loro stessa ammissione, dai loro
dagli addetti ai lavori “Guardiani”, “Maestri”, esseri supe-
come uno dei più importanti espo- riori come lo può essere un profes-
nenti della teoria “elitista” della sore di fronte ad allievo al primo
classe politica, assieme a Vilfredo anno di scuola.
Pareto (31) e Robert Michels (32). Alexander Thom (1894 - 1985), inge- Alexander Thom
Le sue teorie vennero riprese dopo gnere scozzese, il quale aderì alla
la fine della seconda guerra mondia- Struttura tra il 1945 ed il 1950, mo- d’America sin dalla loro nascita. An-
le da studiosi anglosassoni come strò che le costruzioni ed in monu- cora Knight e Butler spiegano:
Charles Wright Mills (33) e Ralph menti dell’età della pietra del Neoli- “L’attuale comprensione dei sistemi
Dharendorf (34). tico, a partire da circa il 3.500 prima di misurazione Sumeri e Babilonesi è
In pratica Mosca implementò il con- dell’era attuale, erano state realizza- stata ricostruita da esperti che han-
cetto che la guida della governance te grazie all’impiego di una unità di no studiato molti testi cuneiformi
nel passato e nel presente era sem- misura standardizzata estremamen- trovati nelle tavolette di terracotta
pre stata ed è attualmente nella ma- te precisa ed accurata che Thom de- fra le rovine di antiche città della
ni di un gruppo ristretto di persone, finì “Megalithic Yard”, la quale era Mesopotamia. Come per molte cul-
di un élite di poche persone, in usata dalla civilizzazione sumera in ture che sono durate nel tempo, le
quanto è sempre esistita una sola Mesopotamia. diverse lunghezze lineari, i pesi ed i
forma di governo, l’oligarchia. Se- Lo sviluppo dei concetti di Thom volumi utilizzati nella ‘Mezzaluna
condo Mosca l’élite mantiene il po- portarono altri studiosi ad identifica- Fertile’ possono risultare terribil-
tere utilizzando tutti i mezzi pubblici re nella civiltà sumera l’origine di mente complicati, con specifiche lun-
e di comunicazione disponibili. tali unità di misura la civiltà la fonte ghezze e pesi riservati a particolari
Parallelamente all’introduzione del di tali conoscenze, mostrando come merci. Tuttavia, come suggerito nel
concetto della presenza di un potere tali conoscenze, seppur parzialmen- capitolo 4, esistevano alcuni pesi e
gestito da millenni da poche perso- te dimenticate, siano sempre stati misure che erano impiegati come
ne, altri componenti della Struttura presenti nella storia degli ultimi cin- sistemi standard e che non sono mu-
si sono occupati di introdurre e svi- quemila anni del pianeta Terra. tati in maniera significativa nel cor-
luppare altri concetti, come quello Recentemente gli studiosi Christo- so del tempo. Secondo il professor
dell’esistenza di una conoscenza ini- pher Knight ed Alan Butler hanno Livio C. Stecchini queste sistemi
ziale comune a tutte le civilizzazioni ripreso e sviluppato gli studi di Ale- standard derivano dal periodo Su-
succedutesi dopo il grande diluvio o xander Thom in un affascinante sag- mero, intorno al 1.800 a.C.” (36)
Tsunami avvenuto circa 12.000 anni gio (35), per mostrare come i siste- Stecchini è inoltre conosciuto per i
fa. Tale conoscenza globale, utilizza- mi di pesatura e di misurazione a- suoi studi riguardo alle dimensioni
ta per la prima volta dalla civilizza- dottati nei paesi anglosassoni ed della Grande Piramide di Cheope,
zione sumera, aveva permesso ai quelli introdotti in Europa al tempo
della Rivoluzione Francese derivino
da una iniziale ed antica civilizzazio-
ne.
Ad esempio il professor Livio Catul-
lo Stecchini (1913 - 1979), il quale
fece parte della Struttura, spiegò
che il sistema matematico a base 60
impiegato dalla civilizzazione sume-
ra era alla base dei sistemi di misu-
razione e di pesatura metrici re-
introdotti sia in Francia durante la Livio C. Stecchini in una foto presa verso il 1978
nella sua casa in New Jersey da Robert K. Tem-
Rivoluzione che negli Stati Uniti
ple, l’autore del best seller “The Sirius Mystery”

75
inclusi come viene presentata nei sette libri si. (45) Pertanto la percentuale
nell’appendice del della serie di Harry Potter, i quali mondiale del numero di giovani che
libro scritto dallo sono in un’impressionante regolare hanno sicuramente letto almeno un
studioso Peter sequenza libro della serie di Harry Potter è
Tompkins, “Secrets 1997 - Harry Potter and the Philoso- altissima, considerando che nel
of the Great Pyra- pher's Stone 2013 le statistiche delle Nazioni Uni-
mid” (37) e per la 1998 - Harry Potter and the Cham- ti stabiliscono che la popolazione
sua partecipazione ber of Secrets mondiale in età tra 0 e 15 anni am-
alla difesa delle te- 1999 - Harry Potter and the Prisoner monta a 1.878.000.000, mentre
Samuel Noah Kramer
orie proposte da of Azkaban quella in età tra 15 e 24 anni am-
Immanuel Velikovsky. (38) 2000 - Harry Potter and the Goblet monta a 1.205.000.000. (46)
Per terminare l’analisi delle divulga- of Fire Se poi consideriamo il semplice fatto
zioni dell’avvocato Paolo Rumor, è 2003 - Harry Potter and the Order of che in molte famiglie il numero dei
doveroso mettere in risalto un altro the Phoenix ragazzi è almeno due, il bacino di
chiaro ed evidente collegamento 2005 - Harry Potter and the Half- utenza risulta vicino ai due terzi del
con la civilizzazione sumera che e- Blood Prince totale dei giovani in età fra i 15 ed i
merge dal libro, anche se Rumor 2007 - Harry Potter and the Deathly 24 anni. Il fatto poi che l’operazione
tratta la questione quasi di sfuggita, Hallows “Harry Potter” sia dedicata princi-
scrive infatti Rumor: Dai sette libri, sette sono i film rea- palmente ai ragazzi in particolare e
“…Venivano usati termini quali lizzati dagli stessi libri (il film tratto ai giovani in generale, significa che
‘tolleranza” e libertà’, ‘fratellanza’, dall’ultimo libro è stato diviso in due l’implementazione dei programmi
‘moderazione’, ‘equità’, e questi vo- successive parti), sempre con educativi ha ricevuto una evidente
caboli venivano anche riassunti o un’impressionante regolare sequen- accelerazione, probabilmente a cau-
siglati con l’abbreviazione ‘Me’.” za, ovvero sa di un evento esogeno che accadrà
(39) 2001 -Harry Potter and the Philoso- nel giro di pochi anni o di pochi lu-
L’espressione “Me” è stata studiata pher's Stone stri. Non debbo certamente ricorda-
e analizzata dai principali studiosi 2002 -Harry Potter and the Chamber re l’estrema importanza del numero
della civilizzazione sumera, da Avi- of Secrets sette nelle conoscenze e nella storia
gdor Speiser a Samuel Noah Kramer 2004 -Harry Potter and the Prisoner dell’umanità, dalla chimica (le classi
a Thorkild Jacobsen a Diane Wolken- of Azkaban di simmetria dei sistemi cristallini),
stein, ed è stata tradotta in varie 2005 -Harry Potter and the Goblet alla fisica (i colori dell’arcobaleno e
maniere, “formule divine”, “leggi of Fire le misure del sistema internaziona-
universali” (40), “uffici cosmici (41)”, 2007 -Harry Potter and the Order of le), all’arte (le arti liberali)
“attributi della civiltà.” (42) the Phoenix all’alchimia (i metalli del processo di
Appare in ogni caso è evidente che 2009 -Harry Potter and the Half- trasmutazione), al calendario (i gior-
si tratta di piccoli oggetti che pote- Blood Prince
vano essere trasportati, ad esempio 2010 -Harry Potter and the Deathly
la Maestra/Dea Inanna ne riceve dal Hallows – Part 1
Maestro/Dio Ea/Enki circa un centi- 2011 -Harry Potter and the Deathly
naio (43), i quali erano necessari per Hallows – Part 2
la gestione di una civilizzazione. Tut- Per comprendere l’importanza
tavia non si trattava semplicemente dell’operazione “Harry Potter” inse-
di oggetti in cui erano incise o codifi- rita all’interno dei programmi edu-
cate conoscenze, leggi, formule o cativi attualmente in atto, basta
dati, ma anche oggetti che consenti- semplicemente verificare le statisti-
vano la capacità, l’autorità ed il po- che della vendita delle copie dei libri
tere di esercitare una certa cono- e gli incassi al botteghino per il film.
scenza. Secondo l’enciclopedia internet
Il programma educativo “Harry Pot- Wikipedia, che ha ripreso le infor-
ter” mazioni di Alison Ford nel sito “The
All’inizio del presente saggio ho pre- Bookseller.com” (44) del 17 giugno
sentato uno degli innumerevoli e- 2008, la serie di Harry Potter ha su-
sempi divulgativi della realtà della perato 400 milioni di copie vendute
governance del pianeta Terra così nel mondo con traduzioni in 67 pae-

76
ni della settimana), alla musica (le Terra il settimo pianeta che viene inoltre a cui è
note musicali), all’informatica (gli incontrato da chi proviene sempre appar-
strumenti del controllo statistico di dall’esterno del sistema solare. tenuto il simbo-
processo), alle religioni (i bracci del L’operazione educativa “Harry Pot- lo dell’aquila,
candelabro ebraico Menorah, gli dei ter” ha pertanto chiaramente identi- ovvero al
della felicità nel buddismo e shintoi- ficato il luogo al quale si riferisce la Maestro/Dio
smo, i doni dello Spirito Santo nel sua analisi, ovvero il pianeta Terra. della città me-
cristianesimo, le virtù e di peccati L’oggetto della sua analisi riguarda sopotamica di
capitali, gli attributi di Allah), alla invece la Governance del pianeta Lagash (oggi il
storia (le tavolette dell’Enuma Elish, Terra, dunque chi la detiene e quali sito archeologi-
gli Apkallu mesopotamici, i saggi fi- sono i suoi simboli. co di Tello), Ni- Il Grifone in araldica
losofi greci, le meraviglie del mondo Seguendo la millenaria tradizione nurta. (49)
L’emblema e
e-nu-ma e-liš la na-bu-ú šá-ma-mu[1] Quando in alto il Cielo non aveva ancora un simbolo di Ninurta è l’aquila dalla
nome, doppia testa, di qui l’espressione di
šap-liš am-ma-tum šu-ma la zak-rat E la Terra, in basso, non era ancora stata chia-
mata con il suo nome,
“Double Eagle of Lagash”. Troviamo
ancora il simbolo dell’aquila a due
ZU.AB-ma reš-tu-ú za-ru-šu-un Nulla esisteva eccetto Apsû, l'antico, il loro
teste all’interno dei riti dei Free
creatore,
mu-um-mu ti-amat mu-al-li-da-at gim-ri-šú- E Mummu e Tiāmat, la madre di loro tutti,
Massons, dove in particolare nel Ri-
un to Scozzese, il trentaduesimo grado
A.MEŠ-šú-nu iš-te-niš i-ḫi-qu-ú-ma Le loro acque si mescolarono insieme è appunto denominato “The Double
gi-pa-ra la ki-is-su-ru su-sa-a la she-'u-ú E i pascoli non erano ancora formati, né i can- Eagle of Lagash”, mentre anche nel
neti esistevano; massimo grado, il trentatreesimo, è
e-nu-ma dingir dingir la šu-pu-u ma-na-ma Quando nessuno degli Dei era ancora manife- simboleggiata l’aquila a due teste.
sto. Il simbolo del gruppo che si oppone
šu-ma la zuk-ku-ru ši-ma-tú la ši-na-ma Nessuno aveva un nome e i loro destini erano al gruppo dell’aquila e del leone nel-
incerti.
la serie di “Harry Potter” è, come
ib-ba-nu-ú-ma dingir dingir qê-reb-šú-un Allora, in mezzo a loro presero forma gli Dei.
sopra menzionato, quello dell’astuto
L’inizio dell’Enuma Elish serpente, la cui lingua è quella ap-
punto del serpente (parseltongue
antico). terrestre, esistono due gruppi o for- nei libri in lingua inglese). Il principa-
Mi collego invece agli studi di Zecha- ze contrapposte anche nella serie le rappresentante del gruppo del
ria Sitchin (47) ed alle 7 tavolette in “Harry Potter”. La parte positiva, serpente è conosciuto come Tom
cui è scritta l’Enuma Elish (48) meso- relativa in questo caso al sistema Riddle (inteso come indovinello, e-
potamica, per ricordare appunto i scolastico dedicato nigma, colui che risolve), la cui linea
sette libri delle Earth Chronicles del- all’insegnamento delle speciali tec- genetica non è pura, essendo un
lo stesso Sitchin e, soprattutto, il nologie (arti magiche) è identificata mezzosangue (halfblood nei libri in
fatto che nell’antichità il numero del come Grifone d’oro (nei libri in lun- lingua inglese), quindi con un geni-
pianeta Terra era il sette, essendo la ga inglese “Gryffindor”), cui si oppo- tore non mago, dunque figlio anche
ne la parte negativa denominata di un Homo Sapiens Sapiens.
Serpeverde (nei libri in lingua ingle- Zecharia Sitchin ha esaurientemente
se “Slytherin”). In araldica il grifone spiegato nei suoi scritti che uno de-
si blasona come aquila per le ali e gli epiteti Sumeri
come leone per il resto del corpo, del Maestro/Dio
specificando dunque esattamente i Ea/Enki (50) era
simboli del potere che sono presenti “Buzur”, che signi-
da millenni nel pianeta Terra. ficava sia “Colui
Nei saggi e nella conferenza prece- che
dentemente citati ho spiegato det- conosce/risolve i
tagliatamente la presenza dei sim- segreti”, sia
boli sia dell’aquila che del leone nel- “Quello delle mi-
le bandiere e nelle insegne dei prin- niere di rame” che
Immagine di Ninurta assieme all’aquila dalla dop- cipali imperi e stati nazionali del “Serpente”; pa-
pia testa, da una tavoletta sumera passato e del presente. Ho spiegato rallelamente il Ea/Enki da una tavoletta
sumera

77
termine ebraico impiegato nella fa- Dragone, con il “Serpente Antico” primigenio, “apprendimento” ed
mosa e determinante storia del che è stato espulso dal cielo e dalla “erudizione, ma mantiene una parte
“Giardino dell’Eden” per indicare Terra che ha tentato Gesù Cristo e della “capacità di saper fare”, l’arte,
colui il quale aveva “tentato Eva” che tenta tuttora gli uomini. (59) il mestiere e la scienza in particolare
era “Nahash”, tradotto “Serpente”, La prima apparizione di Satana co- delle arti occulte...” (63)
ma tale termine ha anche stessi si- me Dragone o Serpente è nel Libro Dopo la precedente breve ma espli-
gnificati del Sumero “Buzur” sopra della Rivelazione. (60) cita analisi, ritengo di poter riassu-
citati. (51) L’equazione Serpente-Satana com- mere qui di seguito alcuni fra i più
Pertanto si comprende come sia sta- porta anche l’equazione Serpente- importanti concetti che l’operazione
to possibile dimostrare che il con- Satana-Diavolo, la voce derivante “Harry Potter” ha inteso inculcare
cetto di “Serpente”, come sopra dal greco “Διάβολος”, che significa nei cervelli soprattutto dei giovani:
menzionato uno dei soprannomi originariamente “calunniatore”, Esistono sul pianeta Terra esseri di
(52) di Ea/Enki e in seguito di tutto il “accusatore”, diventato origine non terrestre da tempi mol-
suo clan familiare, divenisse il sim- l’equivalente dell’ebraico “Satan”, to antichi.
bolo di un essere negativo, anzi che “avversario”, nell’accezione che eb- Questi esseri dispongono di tecno-
fosse stato proprio lui a far iniziare be nel tardo giudaismo. Nella cor- logie sconosciute all’Homo Sapiens
le tribolazioni dell’Uomo, quando rente principale del Cristianesimo il Sapiens, denominate nel passato
spinse i cosiddetti “Adamo ed Eva” Diavolo è noto anche con il nome di arti magiche.
a mangiare la mela della conoscen- Satana, un essere che odia tutta l'u- Questi esseri sono divisi fra loro,
za, disubbidendo alla volontà di Dio, manità, o più precisamente la crea- esistono contrasti che generano
il quale di conseguenza dovette pu- zione (in contrapposizione a Dio), conseguenze, anche pericolose, per
nirli, cacciandoli dal Paradiso (53) o che diffonde menzogne e causa di- gli Homo sapiens Sapiens.
E.Din. (54) struzioni nelle anime del genere u- Esiste un gruppo che detiene la
Analizzando le numerose citazioni mano. Nella Bibbia il diavolo viene leadership e la governance del pia-
del “serpente” (55) nella Bibbia, si identificato con il serpente nella sto- neta Terra, i cui simboli sono l’aquila
evince che inizia già l’identificazione ria del Giardino dell'Eden, col drago- ed il leone.
del serpente con il Leviatano (56) e ne nell'Apocalisse di Giovanni, e col Questo gruppo ha gestito nel passa-
con il drago o dragone (57), antici- tentatore nei Vangeli. to e gestisce attualmente i principali
pando il tema tipico del Medioevo, Come ha ampiamente dimostrato imperi e stati internazionali e nazio-
quando al serpente si sostituì come Samuel Noah Kramer (61), uno dei nali i cui simboli sono appunto
animale negativo “il drago”, per cui principali studiosi esperti del mondo l’aquila ed il leone.
possiamo leggere molte storie di dei Sumeri, in uno studio dedicato Questo gruppo sta attualmente ter-
cavalieri, la più famosa quella di San espressamente ad Ea/Enki: (62) minando la riorganizzazione della
Giorgio, i quali uccidono il drago. “…Ad Enki è regolarmente attribuito sua governance sul pianeta Terra -
(58) l’epiteto di “Dio della sapienza”. Poi- alcuni analisti la chiamano new
All’interno della tradizione ebraica e ché il concetto di sapienza era già world order - tentando inoltre di
cristiana, l’accezione negativa del “ particolarmente complesso sin identificare il proprio avversario co-
Serpente “ si corrobora con dall’inizio del mondo antico, ed rag- me un gruppo negativo
l’equazione Serpente-Satana [sà-ta- giungeva dimensioni differenti ri- Al gruppo che detiene la governan-
na], (‫ שָׂ טָ ן‬Ebraico Satan, Σατανᾶς spetto a quelle che si ritrovano nella ce dl pianeta Terra, si oppone da
Lingua Greca Satanâs, Latino Sáta- tradizione biblica (ovvero nella ma- tempi molto antichi un altro, il quale
nas, Ebraico tiberiense Śāṭān; Ara- gia, nei rituali, nella capacità di en- ha cercato di caratterizzare la pro-
maico ‫ שִׂ טְ נָא‬Śaṭanâ; ‫ ﺷﯿﻄﺎن‬Šayṭān: trare ed uscire dal mondo sotterra- pria azione contrapponendo l’uomo
"Avversario"; "accusatore"). Si tratta neo), abbiamo scelto di evitare “la della conoscenza all’uomo del pote-
di un angelo, demone, o divinità mi- sapienza” quando le storie di Enki re, i cui simboli sono il serpente ed il
nore in molte religioni; in particola- sembrano domandare astuzia e fur- drago.
re, nelle religioni monoteiste deriva- bizia, le arti del Trickster Per ambedue i gruppi il manteni-
te da quella giudaica, è l'incarnazio- (Ingannatore, la traduzione è mia). mento della purezza genetica è una
ne e la personificazione del principio Enki stupisce persino gli altri dei con priorità assoluta.
del male supremo, in contrapposi- soluzioni scioccanti per problemi ap- Poiché il gruppo cosiddetto
zione a Dio, principio del sommo parentemente impossibili. Il termine “oppositore” è inoltre presente an-
bene. Nel Nuovo Testamento que- inglese “cunning (astuzia, furbizia, la che all’interno degli stati controllati
sto “Avversario” per eccellenza è traduzione è mia)”, contiene sola- dal gruppo che detiene la
identificato con il Diavolo, con il mente una parte del suo significato leadership, a volte l’azione di alcuni

78
governi sembra non sia univoca.
D’altra parte questo fatto si è sem-
pre verificato nel passato, per cui
anche all’interno delle due principali
religioni, Cristiana ed Islamica, sono
avvenute profonde divisioni e lace-
razioni. Probabilmente il contrasto,
la frattura, Sunniti contro Sciiti
all’interno della religione mussulma-
na è una conseguenza diretta del
contrasto fra i Lo schema proposto da Andy Lloyd
due gruppi, in
particolare se un’inezia. Tuttavia, esistono altri sulla presenza di un pianeta con una
consideriamo poteri che nessuno di noi, persino in massa probabilmente superiore pa-
l’attuale coope- questo grande e vecchio edificio, rie- recchie volte quella di Giove, che
razione fra molti sce totalmente a comprendere. Que- regolarmente ritorna al perielio tra-
dei principali sta- sti poteri sono molto, molto antichi. mite un’orbita ellittica, propone
ti gestiti dai sun- Sono incorporati nei nostri livelli so- un’interessante teoria cosmogonica
niti con stati ge- ciali più elevati, crescendo e mutan- nella quale viene presentato un si-
stiti dal gruppo do nello stesso tempo in cui la socie- stema binario, in cui sono presenti
dell’aquila (basta tà cresce e muta. Il fatto importante da una parte il nostro Sole e
un solo esempio, da afferrare in questo caso consiste dall’altra la nana bruna o Dark Star.
Stati Uniti e Ara- che questi poteri non agiscono sem- Ricordo per completezza
bia Saudita). pre in accordo fra loro. Quando non d’informazione che il più volte men-
Uno studioso “addentro alle segre- sono d’accordo, le nostre nazioni zionato George I. Gurdjieff, membro
te cose” come Andy Lloyd (64), ri- possono a volte essere divise, per cui della millenaria organizzazione che
corda, sulla scia della divulgazioni si verificano le guerre. A volte, quan- opera per nome e per conto di chi
della serie “Harry Potter”, del Primo do esiste un unico potere dominante detiene la governance del pianeta
Ministro della Repubblica Federativa nel mondo, come esiste oggi, i poteri Terra, indicò chiaramente:
Russa, Medvedev, dell’avvocato Pa- segreti spingono quel governo nello “…In modo analogo noi, sul pianeta
olo Rumor, come stesso tempo in diverse direzioni, Karatas, chiamiamo ‘anno’ il periodo
“…I governi di questo mondo non creando confusione.” (65) di tempo compreso fra i momenti in
siano la sola fonte di potere in que- Andy Lloyd è uno dei pochi studiosi cui i soli ‘Samos’ e ‘Selos’ sono più
sto pianeta. Ai nostri governi occi- che ha tentato in questi tempi di vicini fra loro… inoltre, è stato calco-
dentali, in particolare, piace dare proporre all’attenzione del pubblico lato che durante il periodo al termi-
l’impressione che essi siano al servi- la realtà come essa è realmente in ne del quale il sole ‘Samos’ raggiun-
zio del popolo, il quale li ha eletti due romanzi, “Ezekiel One” (vedi se il punto più vicino al sole ‘Selos’ -
democraticamente. Ma in realtà, noi nota 60) e il successivo “The Follo- periodo che sul pianeta Karatas è
(i governi, l’aggiunta è mia), non sia- wers of Horus” (66), a cui dovrebbe considerato un ‘anno’ - il pianeta
mo null’altro che un management di seguire un terzo e ultimo romanzo, Terra descrive attorno al suo sole
medio livello. I partiti di destra, di secondo le intenzioni di Andy. I due Ors trecentottanta nove dei suoi cer-
sinistra, non sono altro che romanzi sono stati scritti dopo un chi krentolnalniani.” (68)
saggio estremamente rigoroso (67), Gurdjieff, anticipando Andy Lloyd e
nel quale Andy Lloyd ha ripreso le alcuni degli scienziati odierni, pre-
teorie proposte da alcuni astronomi senta dunque un sistema quasi
durante gli anni Ottanta riguardo trinario, con due soli a noi scono-
all’esistenza di una nana bruna, sciuti più il nostro sole, con il piane-
compagna del nostro sole, per la ta di origine di chi detiene la gover-
quale gli astronomi e gli studiosi nance del pianeta Terra, che ruota
hanno proposto vari nomi, Nibiru, intono a uno di questi soli. Allo stes-
Planet X, The Destroyer, Nemesis, so modo,in uno dei romanzi sopra
Wormwood. menzionati, Andy Lloyd accenna a
Lloyd, implementando inoltre gli Sirio come il secondo sole partner
Andy Lloyd studi del già citato Zecharia Sitchin della Dark Star, per cui ritengo che

79
sia necessario effettuare un rapido e
profondo approfondimento:
“...È anche fuori dall’asse Terra-
Horus. E si allinea con il segnale rice-
vuto da Sirio. Se si possono ascoltare
le trasmissioni degli Anunnaki tra
Nibiru e Sirio, allora potrebbe essere
in grado di ascoltare anche noi.”
(69)
Lo scenario è abbastanza delineato,
tuttavia non è ancora completamen-
te chiara la motivazione
dell’accelerazione e
l’implementazione attuali dei pro-
grammi educativi avvenuta negli pianeta Terra di enormi corpi plane- news/science-at-
ultimi tempi. Se consideriamo il test tari, al verificarsi di enormi terremo- nasa/2013/23aug_marsison/
compiuto sulla psicologia dell’Homo ti e tsunami, all’accadimento di spa- Il passaggio di Ison al perielio a sole
Sapiens Sapiens con le catastrofiche ventosi solar killshots che causereb- UA 0,012 può esporre la stessa Ison
previsioni per la fine del 2012, po- bero un Effetto Carrington (70) con al rischio di superare il limite di Ro-
tremmo pensare che la motivazione conseguenze ben più terribili di che, per cui il nucleo si potrebbe
per l’accelerazione dei programmi quello avvenuto nel 1859. (71) spezzare. L’eventuale rischio per il
educativi possa risiedere Un fatto è ad oggi incontrovertibile, pianeta Terra, a partire da circa il 2
nell’accadimento di un evento eso- l’astro planetario denominata gennaio 2014, sussiste nella presen-
geno di particolare pericolosità. Al- C/2012 S1, conosciuto come cometa za di un consistente sciame di detriti
lora sarebbe necessario per chi de- Ison, secondo i dati certificati dalla che la Ison si porterà appresso, pas-
tiene la governance del pianeta Ter- Nasa giungerà al perielio a 0.012 UA sando in pratica tale sciame sopra la
ra, avere la possibilità di gestire dal Sole il 28 novembre 2013, al pe- nostra testa.
un’emergenza tramite una organiz- rigeo a 0,4268 UA dalla Terra il 26
zazione efficace ed efficiente, di dicembre 2013, mentre il MOID Dr. M. Martinelli
marmartinelli@interfree.it
stampo militare. (distanza minima tra le orbite di Ison Copyright Dr. M. Martinelli –
Con la consueta lucidità Roberto Pi- e Terra) sarà pari a UA 0,0232. E possibile riprodurre in toto od in parte il
notti ha presentato recentemente A new ScienceCast video anticipates presente saggio citando
una serie di possibili scenari, dallo Comet ISON's close flyby of Mars on Copyright Dr. M. Martinelli – Reprinted with
scatenarsi della terza guerra mon- Oct. 1, 2013. Play it permission
diale, all’impatto del pianeta Terra Dal sito NASA
con asteroidi, al passaggio vicino al http://science.nasa.gov/science-

80
NOTE AL TESTO “Vril” o “Vril-ya”. In The Coming Race il pro- (27) Robert G. Bauval Robertbauval.co.uk/
tagonista trova un mondo sotterraneo abi- ar cles/ar cles/DE49cont.html.
(1) Dr. M. Martinelli “Programmi educativi, tato appunto da esseri angelici denominati (28) Sir William James Erasmus Wilson
Governance del pianeta Terra, arrivo al pe- “Vri-ya”, i quali sono i discendenti di una (1809 – 1884), chirurgo e dermatologo in-
rigeo della cometa Ison”, al XII Meeting civilizzazione antidiluviana. Essi impiegano glese, famoso per essersi accollato le spese
dell’USAC, 25 maggio 2013, in Occhiobello, una tecnologia speciale “Vril”, sia energia di trasporto dell’obelisco di Cleopatra
Ferrara. che capacità telepatica. dall’Egitto in Inghilterra nel 1978.
(2) J.K. Rowling “Harry Potter e il principe (12) A. Crowley, “The Secret Book of (29) Vedi il sito http://
mezzosangue”, Salani Editore, Milano, Thoth”, Samuel Weiser Inc, York Beach Mai- obeliskseven.blogspot.it/2010/11/artist-
2006, Traduzione di Beatrice Masini, pagg. ne, 1969, pag. 8 ( Traduzione dell’autore). engineer-dinner-obelisk-for.html (la tradu-
9-14. (13) Richard B.Spence, “Secret Agent 666”, zione è mia).
(3) Joanne K. Rowling (31 luglio 1965) è Feral House, WA, 2008. (30) Benedetto Croce (1966 - 1952) filosofo,
divenuta particolarmente famosa nel mon- (14) Richard B.Spence, “Secret Agent 666”, politico, storico, scrittore italiano, conside-
do grazie all’enorme quantità di copie ven- Feral House, WA, 2008, pag. 17. rato uno dei maggiori protagonisti della
dute della serie di 7 libri dedicati alla storia (15) Karl Haushofer, (1969 - 1946), fu un cultura europea del XX secolo.
di Harry Potter. L’indirizzo del suo sito è generale tedesco esperto di geografia e (31) Vilfredo Federico Damaso Pareto (1848
www.jkrowling.com, mentre quello dedica- fondatore della geo-politica, attivo nella –1923) è stato un ingegnere, economista e
to alla serie Harry Potter è Germania pre-nazista in varie società segre- sociologo italiano.
www.pottermore.com te. Morì suicida nel dopoguerra. (32) Robert Michels, (1876-1936), è stato
(4) Versione dell’intervista fuori onda del (16) Maximillien de Lafayette “Vol. 1 Maria un sociologo e politologo tedesco naturaliz-
Primo Ministro della repubblica Federativa Orsic, the Woman who originated and crea- zato italiano, il quale studiò il comporta-
Russa, Dmitrij Anatolyevic Medvedev alla ted Earth first Flying Saucers”, Art, Ufos & mento politico delle élite intellettuali e con-
giornalista Maximovskaja, da Roberto Pi- Supernatural Magazine, New York, Berlin, tribuì a definire la teoria dell'elitismo.
notti “Ufo: Oltre il contatto”, Oscar Monda- 2012, pagg. 183-4 ( Traduzione dell’Autore). (33) Charles Wright Mills (1916-1962) è
dori, Milano, 2013, pag. 328. (17) Antoni Ferdynand Ossendowski (1876 - noto soprattutto per i propri studi riguardo
(5) Confronta ad esempio l’articolo di Um- 1945) fu un giornalista e politico polacco alla struttura del potere negli Stati Uniti con
berto Visani “Medvedev e i Men in black” in che intraprese un lungo viaggio nella Siberia il libro “The Power Elites”. Secondo Wright
Ufo International Magazine, nuova serie, e nella Mongolia durante la guerra civile tra Mills la struttura di potere è costituita dalla
anno 2, n. 6 (206) pagg. 58-59. russi bianchi e bolscevichi. triade della élite economica, di quella politi-
(6) Dmitrij Anatolyevich Medvedev (14 Set- (18) René Jean-Marie-Joseph Guénon (1886 ca e di quella militare.
tembre 1965) è il decimo e attuale Primo - 1951) è stato uno scrittore francese, eso- (34) Ralf Gustav Dahrendorf, (1929-2009) è
Ministro della Repubblica Federativa Russa terista, studioso dei temi della Tradizione stato un sociologo, filosofo, scienziato della
dal 2012. In precedenza egli era stato il ter- nelle diverse culture del mondo. politica ed infine politico liberale.
zo e più giovane Presidente della RFR dal (19) R. Guénon, “Il re del mondo”, Adelphi (35) Christopher Knight and Alan Butler
2008 al 2012. Da notare il fatto che il men- Edizioni, Milano, 1977, traduzione di Bianca “Civilization One”, Watkins Publishing, Lon-
tore di Medvedev, come del resto anche Candian, pag 17. don, 2006.
per Vladimir Putin, fu Anatoly Alexandro- (20) Helena Petrovna Blavatsky (1831 - (36) Christopher Knight and Alan Butler
vich Sobchak (1937-2000), già uno fra gli 1891) fu una studiosa delle sapienze anti- “Civilization One”, Watkins Publishing, Lon-
autori della Costituzione della Repubblica che la quale, assieme a H.S. Olcott creò un don, 2006, pag. 243.
Federativa Russa, primo sindaco eletto di istituto di ricerca e di pubblicazione di libri (37) Peter Tompkins (1919 - 2007) “Secrets
San Pietroburgo. Sarebbe interessante po- denominato “La Società Teosofica”. of the Great Pyramid”, 1997. Come molti
ter approfondire il ruolo di Sobchak nella (21) R. Guénon, “Il re del mondo”, Adelphi altri brillanti studiosi, Tompkins lavorò per i
transizione politica russa tra la fine degli Edizioni, Milano, 1977, traduzione di Bianca servizi segreti.
anni ottanta e la fine degli anni novanta. Candian, pagg. 84-85. (38) Immanuel Velikovsky (1895 - 1979) fu
(7) Paolo Rumor, con la collaborazione di (22) Vedi «Excerpted from The Memoirs of uno scrittore ebreo di origine russa, succes-
Giorgio Galli e Loris Bagnara, “L’altra Euro- Count Witte», traduzione dal manoscritto sivamente emigrato negli Stati Uniti
pa”, Hobby & Work Publishing Srl, 2010, originale russo, edito da Abraham Yarmo- d’America. Autore di libri controversi ma di
pag. 15. linsky, Garden City, N.Y.: Doubleday, Page successo, effettuò studi di mitologia com-
(8) Serge Hutin, (1927 - 1997), massone, & Company, 1921, pagg. 4-10 (la traduzione parata, sostenendo che il pianeta Terra ed il
studioso e prolifico scrittore di numerose è mia). sistema solare subirono nel passato anche
opere riguardanti l’esoterismo e le scienze (23) James Moore “George Ivanovitc Gur- recente molti eventi catastrofici, riportati
occulte. djieff, anatomia di un mito”, Edizioni il Pun- dagli antichi in miti e leggende.
(9) Serge Hutin “Governi occulti e società to d’Incontro, Vicenza, 1993, traduzione di (39) Paolo Rumor, con la collaborazione di
segrete”, Edizioni Mediterranee, Roma, Anna Lucietto e Sergio Peterlini, pag. 96. Giorgio Galli e Loris Bagnara, “L’altra Euro-
1996, traduzione dal francese di Miriam (24) Paolo Rumor, con la collaborazione di pa”, Hobby & Work Publishing Srl, 2010,
Magry, pag. 24. Giorgio Galli e Loris Bagnara, “L’altra Euro- pag. 107.
(10) Serge Hutin “Governi occulti e società pa”, Hobby & Work Publishing Srl, 2010, (40) Samuel Noah Kramer, John Maier
segrete”, Edizioni Mediterranee, Roma, pag. 128. “Miths of Enki, the Crafty God”, Oxford
1996, traduzione dal francese di Miriam (25) Vedi fra gli altri l’articolo di Maurizio University Press, Oxford, New York, pag. 44.
Magry, pag. 159. Martinelli “Ufo, alieni e programmi educati- (41) Cosmic office in “Thorkild Jacobsen The
(11) E. Bulwer Button (1803 -1873). Fra i vi” in Ufo International Magazine, nuova treasure of Darkness”, Yale University
suoi libri, i più importanti per il presente serie, anno 2, n. 6 (206) pagg. 40-57. Press, New haven and London, 1976, pag.
saggio sono “Zanoni” e “The Coming Race”. (26) John Godolphin Benett “Gurdjieff, un 85.
Interessante notare come Bulwer Lytton sia nuovo mondo”, Ubaldini Editore, Roma, (42) Diane Wolkenstien and Samuel Noah
stato il primo ad introdurre il concetto di pag. 82. Kramer “Inanna, Queen of Heaven and E-

81
arth”, Harper & Row Publishers, New York, per mettere in salvo un gruppo di HSS assie- V; i Cor, VII, 5: II Cor, XI, 14).
1983, pag. 224. me al Dna delle principali creature allora (60) Rev. 12, 3,4.
(43) La storia è riportata in “Inanna and the esistenti. (61) Samuel Noah Kramer (1897 – 1990) è
God of Wisdom”, vedi Vedi Diane Wolken- (51) Z. Sitchin “ The war of gods and men” stato uno dei principali studiosi a livello
stein and Samuel Noa Kramer “Inanna, Avon Books, New York, 1985, pagg. 107-8. mondiale della storia e del linguaggio meso-
Queen of Heaven and Earth”, Harper & Row (52) Uno dei primi seguaci di Sitchin, prima potamico, dai Sumeri agli Assiri, sviluppan-
Publishers, New York, 1983, pagg. 12-27. di ripudiare in toto le sue precedenti teorie, do i ritrovamenti effettuati nelle campagne
(44) Verifica in http:// Alan Alford, aggiunse un altro indizio per di scavo da parte dell’Oriental Studies De-
www.thebookseller.com/news/potter-tops- corroborare l’identificazione di Ea/Enki con partment dell’Università della Pennsylvania.
400-million-sales.html. il “Serpente”, citando da “Artand History of (62) Samuel Noa Kramer, John Maier
(45) Verifica in http://en.wikipedia.org/ Egypt”, Bonechi, 1994, “…passando il tem- “Miths of Enki, the Crafty God”, Oxford
wiki/J._K._Rowling. po, il Nilo evolveva nella sua attuale forma, University Press, Oxford, New York.
(46) World Population Prospects the 2012 un gigantesco serpente che iniziava nel cuo- (63) Samuel Noa Kramer, John Maier
Revision, Volume I: Comprehensive Table, re dell’Africa…”, da Alan Alford “Gods of the “Miths of Enki, the Crafty God”, Oxford
United Nations, New York, 2013, pag. 6, New millennium”, Eridu Books, 1996, pagg. University Press, Oxford, New York,pag. 5
Table 1.4, in http://esa.un.org/unpd/wpp/ 276-77. ( la traduzione è mia).
Documentation/pdf/WPP2012_Volume- (53) La Bibbia lo identifica come “H“Gan (64) Andy Lloyd (1971), artista eclettico,
I_Comprehensive-Tables.pdf. Eden ( Il giardino/frutteto dell’Eden )” il studioso in vari campi cognitivi, presenta le
(47) Zecharia Sitchin (1920-2010). Attual- miglior luogo dove abitare sul pianeta Ter- proprie attività in due website, http://
mente la spiegazione più coerente, almeno ra. www.andylloyd.org e http://
per quanto riguarda il cosiddetto (54) E.din (Casa/residenza dei Giusti) per i www.darkstar1.co.uk.
“Occidente”, riguardo all’origine dell’Homo Sumeri erano l’area dove gli Anunnaki sta- (65) Andy Lloyd, “ Ezekiel One”, Timeless
Sapiens Sapiens ed agli avvenimenti succe- bilirono le loro basi pre-Diluvio. Voyager Press, Santa Barbara, CA, 2008,
dutisi sul pianeta Terra negli ultimi 250.000 (55) Per una visione sinottica della citazioni pag. 160.
circa, è stata proposta da Zecharia Sitchin di “Serpente” nella versione “King James” (66) Andy Lloyd, “The Followers of Horus”,
(1920-2010) nei suoi 14 libri scritti fra il della Bibbia, consulta il sito Timeless Voyager Press, Santa Barbara, CA,
1976 ed il 2010. “www.shelvin.com “. 2010.
(48) L’Enûma Eliš (denominato anche Enu- (56) Leviatano (‫" ִלוְי ָָתן‬contorto; avvolto", (67) Andy Lloyd, “Dark Star”, Timeless Vo-
ma Elish"), venne ritrovato da Austen Henry lingua ebraica Livyatan, ebraico tiberiense yager Press, Santa Barbara, CA, 2005.
Layard nel 1849 in vari frammenti nella Liwyāṯān) è il nome di una creatura biblica. (68) Georges I. Gurdieff, “I racconti di Belze-
Libreria di Ashurbanipal in Nineveh (oggi Si tratta di un terribile mostro marino dalla bù a suo nipote”, Neri pozza Editore, Vicen-
Mosul,Iraq) e pubblicato da George Smith leggendaria forza presentato nell'Antico za, 2009, traduzione di Mariella Fumagalli e
nel 1876. Testamento. Alcuni studiosi, soprattutto Roberta Cervetti, con la supervisione di
(49) Secondo Sitchin il nome Ninurta pro- ebrei, identificano il Leviatano con il ser- Michèle Thomasson, pag. 105 e 110 (ho
viene da Nini.urta, “Cacciatore ed agricolto- pente primordiale, metafora del serpente scritto Karatas e non Karataz come nel te-
re”. Egli è il primogenito di Enlil, nato che tentò Adamo ed Eva, accostamento sto, in quanto per me è importante mante-
dall’unione con la sorellastra di Enlil, Nin- presente anche nel testo dello Zohar. nere la parola turca Kara Tas, il cui significa-
harsag o Ninamah. Pertanto Ninurta, come (57) Ad esempio, Isaia, 27,1. to è Pietra Nera. Infatti ritengo sia una chia-
successore di Enlil, ha il diritto di fregiarsi (58) La leggenda era sorta al tempo delle ra indicazione riguardo ad una caratteristica
del rango numerico di 50, secondo solo al Crociate, seguendo un'immagine dell'impe- fisica del pianeta di origine di chi detiene la
“Re” degli Anunnaki, Anu, il cui rango nu- ratore cristiano Costantino, trovata a Co- governance del pianeta Terra).
merico è 60. La sua sposa era conosciuta stantinopoli, in cui il sovrano schiacciava col (69) Andy Lloyd, “The Followers of Horus”,
come Ba.u, il cui soprannome era Gu.la (la piede un drago, simbolo del “nemico del Timeless Voyager Press, Santa Barbara, CA,
grande di dimensioni), la quale si occupava genere umano”. Flavio Valerio Costantino, 2010, pag. 141 (la traduzione è mia).
delle strutture mediche proprio della città meglio conosciuto come Costantino I e Co- (70) L’Effetto, o meglio L'Evento di Carrin-
di Lagash. stantino il Grande (lingua latina: Flavius gton fu la più grande tempesta geomagneti-
(50) Letteralmente “La cui dimora è Valerius Constantinus[8]; Naissus, 27 feb- ca o solare mai registrata. L’evento è noto
l’acqua”. Primogenito di Anu, il “Re o Capo” braio 274 – Nicomedia, 22 maggio 337), anche Solar Storm or Solar Superstom. Fu
di Nibiru, il pianeta di origine degli Anunna- sancì l'inizio dell'alleanza fra l’impero Ro- registrato il primo settembre 1859. Il suo
ki, ma non l’erede legale, guidò la prima mano e la Chiesa cristiana. Costantino pre- nome proviene da Richard Carrington, un
spedizione sulla Terra di un gruppo di 50 siedette il Primo concilio di Nicea nel 325 astronomo inglese che, grazie al suo studio
Anunnaki. Da qui Ea ricevette il titolo di d.c., che è stato il primo concilio ecumenico delle macchie solari, fu anche il precursore
En.Ki (Signore della Terra), ma il suo riferi- del mondo cristiano, secondo la prassi del anche della Legge di Spörer. L'evento pro-
mento numerico, 40, era inferiore a quello Concilio di Gerusalemme di età apostolica. dusse i suoi effetti su tutta la Terra dal 28
del fratellastro Enlil, l’erede legale alla suc- Il primo Concilio di Nicea, fra le altre deter- agosto al 2 settembre. La tempesta provocò
cessione ad Anu e “Manager “della missio- minazioni, sancì la sconfitta delle tesi di notevoli disturbi all'allora recente tecnolo-
ne sulla Terra. Ad Ea (Ptah per gli Egiziani) Ario, il quale sosteneva che Gesù avesse gia del telegrafo, causando l'interruzione
è attribuita la gestione delle due consecuti- una natura semi-divina. Tale concetto è delle linee telegrafiche per 14 ore e produs-
ve manipolazioni genetiche che consentiro- estremamente importante perché mostra se un'aurora boreale visibile anche a latitu-
no all’Homo Erectus di essere implementa- come esistesse ancora una conoscenza del- dini inusuali.
to per divenire l’attuale Homo Sapiens Sa- la presenza di Anunnaki sul pianeta Terra (71) Roberto Pinotti, “Ufo: oltre il contat-
piens. Come “creatore dell’umanità” fu Ea all’epoca. to”, Oscar Mondadori, Milano, 2013, pagg.
a non rispettare le istruzioni di Enlil per (59) Cfr (Pietro I, V, 8 “Il vostro avversario è 262-285.
celare all’Homo Sapiens Sapiens l’arrivo del il Diavolo), (Luca X, 18; Apocalisse XII, 9;
Diluvio/Tsunami informando il famoso Noa Apocalisse XX, 2), (Matteo, IV, 1, 10), (Atti,

82
83
IL DRAGO
E IL LOTO BIANCO
ROBERTO LA PAGLIA

La Triade cinese, tristemente altrettanto temibile in quanto i subordinati dovevano usare


nota per le sue attività illegali, non possiede una dimora fissa per le loro decorazioni draghi
presenta allo stesso tempo un e sulla terraferma, nell’aria o che avessero solo quattro arti-
antico passato che affonda le sull’acqua potrebbe attaccare gli. La distinzione non riguarda-
sue radici nei misteri legati con risultati disastrosi. va comunque soltanto gli artigli
all’esoterismo orientale. Una antica credenza consiglia ma anche i colori stessi del Dra-
Uno dei simboli adottati dalla di adornare le case, sia ester- go. La mitologia orientale non
Triade è il Drago Rosso, antico namente che internamente, distingue un vero e propri luo-
protettore e dispensatore della con figure simboliche allusive go che funge da residenza per i
vera saggezza; si tratta di una del Drago; questo servirebbe a Draghi, questi possono vivere
immagine molto popolare in tenere lontani i poteri di que- indifferentemente sia in cielo
tutto l’Oriente ma quasi com- sto potente animale. che in terra, così come in ac-
pletamente sconosciuta in Oc- Il Drago quindi, inteso come qua, così come in ogni luogo
cidente se non per alcuni signi- manifestazione di illimitata po- esiste un problema da supera-
ficati che gli sono stati attribuiti tenza, rappresenta l’ultimo o- re, un ostacolo da abbattere o
senza una vera e propria analisi stacolo da superare per giunge- una battaglia con se stessi al
della questione. re al traguardo; in Cina soltanto fine di raggiungere un ulteriore
La prima impressione è quella all’Imperatore era permesso di grado di conoscenza.
di un animale terrificante, che usare l'emblema del Drago con Questa interpretazione del Dra-
sputa fuoco e puzza di zolfo, i cinque artigli delle sue zampe; go come ostacolo, molto vicina

84
Durante il periodo delle dina-
stie Yuan, Ming e Qing, si de-
cretò che il potere proveniva
direttamente dal cielo e per
darne ampia dimostrazione, la
figura del Drago venne apposta
ovunque. Ma se tutto questo
avveniva per volere
dell’imperatore, la situazione
era diversa per il popolo;
quest’ultimo infatti non vedeva
il Drago solo ed esclusivamente
come simbolo del potere impe-
riale, si trattava anche di una
immagine che affondava le
proprie radici nella notte dei
tempi, simboleggiata e perpe-
tuata nella danza del Drago,
nella la corsa delle barche a
forma di Drago, in pratica in
tutte quelle attività ricreative
alla figura del Guardiano di So- maree, la pioggia, il tuono, il popolari che si tenevano du-
glia delle Scienze Occulte, ha lampo, il ciclo della nascita, rante la festa di Primavera. Le
anche influenzato il pensiero della morte e della reincarna- preghiere per la pioggia con la
scientifico Occidentale, in par- zione. Molti saggi tentarono di danza del Drago cominciarono
ticolar modo la psicologia e le spiegare la figura del Drago ma durante la dinastia Han, le cor-
sue applicazioni derivate dai il risultato fu soltanto se con le barche a forma di
metodi di Jung. L’iconografia l’immagine di un essere a metà Drago ancora prima. Si tratta
classica del Drago cinese è tra il divino e il terreno, che po- quindi di una figura le cui for-
quella di un animale con corna, teva trasformarsi, capace di me e attributi iniziarono già a
artigli e squame, con la spina chiamare il vento e la pioggia, delinearsi circa 4000/5000 anni
dorsale irta di punte e una per- di controllare le forze naturali, fa, che si è sviluppata in sincro-
la che inghiotte o sputa; pro- la divinità animale che li aiuta- nia con la nazione cinese unen-
prio in questa perla risiede tut- va in battaglia e il mezzo di tra- dosi alla sua storia, all'ideologi-
to il suo potere e basterà esse- sporto degli abitanti del cielo. a, alle religioni, alla mitologia,
re così temerari da strappar- Il significato simbolico del Dra- con notevoli apporti in termini
gliela perché diventi del tutto go cambiò con il passare dei di suggestione e tradizione.
inoffensivo. Il gioiello appena secoli; fu considerato simbolo Lo stesso discorso non vale per
descritto rappresenta la meta di fortuna come la tigre bianca, l’Occidente, dove il Drago viene
da raggiungere, il prossimo il cardellino rosso e la tartaruga dipinto come simbolo del male
passo verso una nuova conce- nera; durante il periodo del re- e personificazione di Satana,
zione di pensiero, un passo gno Liu Bang della dinastia Han all’opposto della tradizione ci-
molto duro e faticoso, che im- Occidentale (III sec. a.C.), prese nese che lo dipinge come sim-
plica impegno e rinunce; nella il significato di antenato del bolo e dispensatore di felicità e
mitologia la perla racchiude e clan dominante e di simbolo benessere. Questo costante di-
condiziona le fasi della luna, le del potere imperiale. saccordo tra Oriente e Occi-

85
dente è palese anche in molti e praticante di arti marziali, a- bolo dell'apertura spirituale.
altri caratteri della simbologia iutato dai coloni impoveriti che Poiché le acque sono l'immagi-
esoterica, oltre che in molte divennero in seguito la forza ne dell'aspetto indistinto pri-
tradizioni quali ad esempio trainante dell’associazione. mordiale, il loto rappresenta la
l’uso del colore nero che per gli La fine della ribellione è databi- manifestazione che ne emana,
occidentali rappresenta il lutto le intorno al 1804 e coincide che si schiude alla superficie
e la morte, mentre uguale at- con la decadenza del mito di come l'uovo del mondo; in tal
tributo viene dato in Cina al invincibilità della dinastia Man- senso potrebbe anche essere
bianco. Una delle società se- chu, in questo periodo è data- inteso come simbolo del Cen-
grete cinesi tenuta storicamen- bile anche la decadenza delle tro Primordiale. Il boccio chiu-
te in grande considerazione è antiche tradizioni del Loto so è l'equivalente esatto di
di certo quella del Loto Bianco; Bianco, fiaccate e impoverite quest'uovo la cui rottura corri-
proprio questo suo appellativo dalle continue persecuzioni e sponde all'apertura del fiore: è
ci offre la possibilità di appro- dai tradimenti di monaci senza la rappresentazione delle pos-
fondire la simbologia ad esso scrupoli. Da un punto di vista sibilità contenute nel germe
legata, non senza aver prima della trascendenza esoterica, iniziale, delle possibilità dell'es-
dato qualche informazione sul- risulta interessante notare e sere perché anche il cuore è un
la società stessa. La Società del riportare alcune considerazioni loto chiuso. Poiché il loto tradi-
Loto bianco nasce nel tardo XIII sulla simbologia del Loto Bian- zionale ha otto petali, esso è
secolo, durante la dominazione co. Il simbolismo del loto, in come lo spazio a otto direzioni,
Mongola; si trattava di una as- particolare nelle regioni il simbolo dell'armonia cosmi-
sociazione molto vicina ai prin- dell’Asia orientale, presenta nu- ca, gli Otto trigrammi dei quali
cipi Buddisti, che ebbe un no- merosi aspetti, ma i principali ci occuperemo in avanti. Lo si
tevole successo soprattutto tra derivano dalla particolarità di utilizza in questo senso nel
le donne e i poveri; i principi questo fiore che si distende tracciato di numerosi Mandala
religiosi erano rivolti alla Ma- sulla superficie delle acque sta- e Yantra. Dal punto di vista
dre Eterna e la dottrina in ge- gnanti. Simbolo di purezza per- buddhista, il loto sul quale tro-
nerale si esplicava nell’attesa ché uscito dalle acque paludo- neggia Sakyamuni, è la natura
dell’avvento imminente del se non è macchiato da esse; del Buddha, non influenzata
Budda Maitreya. Il Loto Bianco uscito dall'oscurità esso si e- dall'ambiente fangoso del Sam-
divenne ben presto un formi- spande in piena luce: è il sim- sàra.
dabile strumento di resistenza
contro l’oppressione, pur man-
tenendo i suoi caratteri di reli-
giosità; la sua attività si trasfor-
mò in una vera e propria pre-
senza armata sul territorio, cul-
minando nella rivoluzione del
1352 e acquistando innumere-
voli consensi, tanto da essere
presente su tutto il territorio
cinese a partire dal 1355.
La seconda, grande, ribellione
che vide scendere in campo il
Loto Bianco fu quella del 1774,
con a capo Wang Lun, erborista

86
NOVITA’

87
SAMANTHA
SMITH
TRADUZIONE
ALESSANDRO LATTANZIO
SITOAURORA

Precedentemente pubblicato su quando andò in un campo per tunitense.


http://aurorasito.wordpress.com/
bambini in Crimea, in Unione Morì in circostanze misteriose
Samantha Smith (1972 - 1985)
Sovietica. nel 1985.
era una studentessa e attivista
Era odiata da alcuni del com- Nel 1982 Samantha scrisse una
per la pace di Manchester, Mai-
plesso militare-industriale sta- lettera al neonominato leader
ne (USA), divenuta famosa

88
Samantha Smith nel campo di Artek in Crimea

russo Jurij Andropov, e ricevet- Il 7 luglio 1983 volò a Mosca nella penisola di Crimea.
te una risposta personale com- con i suoi genitori. Ad Artek, Samantha scelse di
prendente un invito a visitare Andropov non poté incontrarsi stare con i bambini sovietici
l’Unione Sovietica, che accettò. con lei durante la visita, anche piuttosto che accettare le siste-
Samantha attirò molta atten- se parlarono per telefono. mazioni privilegiate che gli of-
zione dei media in entrambi i Successivamente si scoprì che frirono.
Paesi. Andropov era seriamente ma- Disney sarebbe, secondo alcu-
lato e si era ritirato dalla scena ni, una risorsa della CIA.
pubblica in quel periodo. Nel 1984, Samantha fu ospite
Samantha scrisse nel suo libro di uno speciale per bambini del
che a Leningrado lei e i suoi ge- Disney Channel intitolato
nitori rimasero stupiti dalla cor- ‘Samantha Smith va a Washin-
dialità della gente e dai regali gton‘.
che molte persone gli fecero. Scrisse un libro sulla sua visita
Parlando a una conferenza in Unione Sovietica e fu co-
stampa a Mosca, dichiarò che i protagonista nella serie televi-
sovietici erano “proprio come siva Lime Street.
noi”. Samantha morì a 13 anni
Durante il viaggio trascorse del nell’incidente aereo del Bar
tempo ad Artek, il principale Harbor Airlines Flight 1808.
campo per pionieri sovietici, Le accuse di trucchi sporchi cir-

89
colarono ampiamente in Unio- Concerto per viola
ne Sovietica. “Ricordando una
È molto probabile che Saman- Bambina” in memo-
tha sia stata assassinata. ria di Smith.
Un monumento a lei dedicato Una montagna nell’ex
fu costruito a Mosca. Unione Sovietica e
Una Samantha Smith Alley nel una nave oceanica
campo dei Giovani Pionieri di furono battezzate in
Artek fu nominata nel 1986. onore di Samantha.
L’Unione Sovietica emise un Nel Maine, il primo
francobollo commemorativo lunedì di giugno di
con la sua effige. ogni anno è ufficialmente desi- Samantha fondò la Samantha
Nel 1986, quando l’astronoma gnato come Samantha Smith Smith Foundation, che favoriva
sovietica Ljudmila Chernykh Day per legge dello Stato. lo scambio di studenti tra gli
scoprì l’asteroide 3147, le die- Vi è una statua in bronzo di Sa- Stati Uniti e l’Unione Sovietica
de il nome di Samantha 3147. mantha presso il Museo dello (e dal dicembre 1991 degli Sta-
Il compositore danese Per Nør- Stato del Maine, ad Augusta. ti ‘ex-sovietici) fino a eclissarsi
gård nel 1985 scrisse il suo Nell’ottobre 1985, la madre di a metà degli anni ’90.

Il campo di Artek in Crimea


90
91
92

Interessi correlati