Sei sulla pagina 1di 2

Irritazioni cutanee?

Fate attenzione all’acqua dura

La bellezza, in particolare una pelle liscia, luminosa e vellutata, non è legata solo ai misteri della
genetica o all’opera di un chirurgo, ne è una meta raggiungibile unicamente tramite creme o artifici
cosmetici, ma anche l’acqua che usiamo quotidianamente per raggiungerla.

Prima regola: idratazione cutanea


La prima regola della bellezza a costo zero, determinante per ottenere risultati importanti, è
l’idratazione, infatti una pelle dall’aria giovanile e particolarmente liscia la si può ottenere solo con
una corretta idratazione, cospargendo il corpo di preziosa acqua, coccolandolo e proteggendolo e
assicurandosi che l’acqua che utilizziamo sia pura priva di agenti esterni potenzialmente nocivi
come il calcare.

Soprattutto durante l’Estate, quando si avvicina la prova costume, e i periodi secchi, la salute della
nostra epidermide e il suo aspetto liscio e roseo sono a rischio e la loro protezione inizia proprio
dalla pratica di una corretta idratazione.

Durante i bagni o le docce oppure la mattina quando laviamo il nostro viso, dovremmo assicurarci
che l’acqua sia pura, magari filtrata da un sistema ad osmosi inversa per ottenere il miglior risultato
possibile, così da evitare i problemi di irritazione ed arrossamento legati alla presenza di calcare e
altri agenti esterni.
Arrossamenti? Irritazione? Acne? Ascolta il tuo corpo!
Importante è proteggere la pelle dagli agenti esterni, smog, polveri, fumo, raggi solari e per evitare
che l’acqua evapori verso l’esterno, per fare ciò si posso usare prodotti cosmetici appositi,
partendo da una buona detersione mattutina e tarando l’uso di questi prodotti e le tipologie scelte
in base al genere di pelle.

Altro fattore essenziale, come abbiamo detto, è costituito dal giusto grado di idratazione.

Un apporto corretto di acqua può tenere lontani i segni dell’età, ma l’esposizione e l’assunzione di
acqua che contenga un eccesso di sostanze come carbonato di calcio e dolomite può causare
problemi e secchezza. La classica acqua del rubinetto in alcune zone potrebbe essere la cosiddetta
“acqua dura” o contenente sostanze che alla lunga su alcuni tipi di pelle creare irritazioni e fastidi
di vario genere oltre a far perdere tonicità ed elasticità.

Attenzione all’acqua dura


L'acqua dura è composto di alte concentrazioni di minerali, sua composizione, quella che viene
definita “durezza” è determinata dalla quantità di calcio e magnesio contenuti in essa e varia a
seconda dell'area geografica e del contenuto minerale della sorgente. Le linee guida per la
classificazione delle acque distinguono fra: acque morbide (0-60 mg/L carbonato di calcio), acque
moderatamente dure (61-120 mg/L), acque dure (121-180 mg/L) e acque molto dure (oltre 180
mg/L).

L’acqua con questa caratteristiche può trasformarsi in un irritante da contatto, in particolare può
provocare l’occlusione dei pori della pelle a causa della sua incapacità di rimuovere i residui dei
vostri prodotti per la pulizia come creme o sapone.

Questo si tradurrà in pelle secca e altri problemi come acne, infezioni, eczema e prurito

Per conoscere esattamente le caratteristiche della vostra acqua potete rivolgervi ad esperti che
effettueranno un’analisi professionali dell’acqua gratuita e potranno consigliarvi per l’acquisto e
l’installazione di un addolcitore d’acqua domestico che porrà rimedio ai vostri problemi di salute.