Sei sulla pagina 1di 43

DocArtis

Mitologia greco - romana


Achille Condottiero dei Mirmidoni alla guerra contro Troia, figlio del re Peleo e della dea marina
Tetide, era un semidio. Leggendario eroe greco, è il personaggio principale del poema di Omero. Fra gli
episodi più celebri, si ricorda qui l’agguato a Troilo. Il più bello, oltre che il più valoroso tra gli eroi omerici,
viene rappresentato coi capelli biondi e gli occhi lucenti; è rappresentato in un primo tempo barbuto, poi
imberbe, in moltissime opere dell'arte greca, etrusca e romana (pitture, mosaici, sarcofagi, ecc.). “Achillee”
erano dette, secondo Plinio il Vecchio, le statue di giovani in nudità eroica, armati di lancia.

Giovanni Battista Tiepolo Tomba dei Tori a Tarquinia J.Auguste Dominique Ingres
Atena impedisce ad Achille di Agguato di Achille a Troilo Achille e l'amante Patroclo
uccidere Agamennone

Apollo Dio del sole delle arti (e per questo messo in relazione con le Muse), è una delle dodici
divinità dell’Olimpo. Viene raffigurato come un bellissimo giovane con il capo coronato di alloro, pianta a
lui consacrata, simbolo di vittoria, sotto la quale alcune leggende volevano che il dio fosse nato. Suoi
attributi tipici erano l'arco e la cetra. Altro suo emblema caratteristico è il tripode sacrificale, simbolo dei
suoi poteri profetici. Animali sacri al dio erano i cigni (simbolo di bellezza), i lupi, le cicale (a simboleggiare
la musica e il canto), e ancora falchi, corvi e serpenti, questi ultimi con riferimento ai suoi poteri oracolari. E
ancora il gallo, come simbolo dell'amore omosessuale, diversi, infatti, gli uomini di cui il dio s'innamorò.

Statua del primo secolo Jean Broc Andrea Sacchi


Apollo La morte di Giacinto Marc'Antonio Pasqualini coronato da
Con in mano una lira, uno dei suoi La triste storia d'amore con il Apollo
simboli tipici. principe spartano Giacinto.
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

1
DocArtis

Arpie Nella mitologia greca, le arpie (lett. "le rapitrici", dal


verbo greco ἁρπάζειν harpazein, "rapire") sono creature mostruose,
con viso di donna e corpo d'uccello.
L'origine del loro mito deve forse ricondursi a una personificazione
della tempesta.
«Nelle isole Strofadi del mar Ionio ci furono alcuni mostri, le arpie,
in forma di uccello, ma col volto di vergine, che potevano parlare le
lingue umane. Erano sempre insaziabili, spinte da fame rabbiosa, e
strappavano di mano a chi mangiava il cibo con gli artigli adunchi».
(Liber Monstrorum).

Gustave Doré Andrea del Sarto François Perrier


Illustrazione di per la Divina “Madonna delle Arpie” (part.) Illustrazione di un episodio dell’Eneide
Commedia. Enea e i suoi compagni combattono le
Dante cita le arpie nel Canto XIII Arpie.
dell'Inferno.

Atteóne Secondo le Metamorfosi di


Ovidio, il principe cacciatore, durante una
battuta di caccia scorge Diana presso una fonte.
Per questo viene tramutato da lei in cervo.
Rappresentato con questi attributi: cervi
fuggenti, azzannati dai cani, e molli fanciulle al
bagno. Dall’inizio del Cinquecento, Il bagno di
Diana e delle Ninfe aveva fornito ai pittori un
buon pretesto per mostrare nudi femminili in
paesaggi ricchi di contrasti tonali.
Tiziano
Diana e Atteone →

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

2
DocArtis

← Domenichino,
Diana e Atteone

Parmigianino →
1523, “saletta
segreta” della Rocca
dei conti Sanvitale a
Fontanellato
Diana e Atteone

Bacco In greco, Diòniso, Dio del vino, è un giovane con il capo coronato di vite, con una coppa di
vino o un grappolo d’uva in mano. Nel corteo di Bacco a volte compaiono fanciulle che danzano,le
Baccanti, e Satiri che suonano il flauto. A volte Bacco è accompagnato da Arianna, che sarà sua sposa.

Tiziano Velasquez Michelangelo


Bacco e Arianna Il Trionfo di Bacco Bacco

Centauri Sono esseri selvaggi e rozzi, metà uomini e metà cavalli, che vivono sulle montagne e
si nutrono di carne cruda. Sono legati a numerosi episodi mitologici. Mostri dal busto a forma umana dalla
testa alla vita, innestato su un corpo di cavallo. Presenti nell'iconografia dal tardo Miceneo, sono
rappresentati tradizionalmente come cacciatori. La più famosa leggenda che si racconta sui Centauri è
quella della loro sconfitta da parte dei Lapiti, un popolo della Tessaglia. I miti ci tramandano anche che i
Centauri furono decimati da Eracle e scacciati dalla Tessaglia furono confinati nelle pendici del monte
Pindo.

Ciclopi Sono delle figure della mitologia greca, divinità gigantesche con un occhio solo.
Creature prodigiose, vengono descritti come alti conoscitori dell'arte della lavorazione del ferro e
sono considerati gli aiutanti di Efesto, il dio del fuoco. Omero dà solo il nome di uno di loro,
Polifemo, che fece prigioniero Odisseo (Ulisse) e i suoi compagni.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

3
DocArtis

Annibale Carracci Giulio Romano Mosaico in Sicilia


Polifemo Polifemo Ulisse offre il vino a Polifemo

Nelle pitture pompeiane della Casa di Sirico e in


quella degli Amorini dorati, i Ciclopi sono
rappresentati come esseri umani dai volti silenici,
con chiome abbondanti e arruffate ed hanno due
occhi: i caratteri pastorali prevalgono su quelli
mostruosi.

Guido Reni Tivoli G. B. Cipriani


Il ratto di Deianira Centauro Vecchio Chirone educa Achille al tiro con l'arco

Clori Ninfa amata da Zefiro. Il poeta romano


Ovidio opera una fusione tra la leggenda greca di Clori
e la tradizione italica di Flora (antica dea italica della
primavera, presente nelle raffigurazioni di Venere).
Attributi: fiori in mano, coroncina sul capo ecc.

Botticelli →,
La Nascita di Venere
Zefiro e Clori spargono rose sulla Dea.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

4
DocArtis

← Botticelli,
“La primavera”
Part. Zefiro e Clori


Jacopo Amigoni
Clori e Zefiro

Cupido In greco, Eros, figlio di Venere, è il dio


dell’amore. È rappresentato come un bambino o un
giovinetto bendato (perché l’amore è cieco), con arco
e frecce; più raramente con fiori o una lira o con una
face accesa che gli fiammeggiava in una delle mani. In
età ellenistica la sua figura diviene più molle,
femminea, sempre più infantile, finché venne
rappresentato come un putto alato. A questo periodo
risale anche la nascita del mito di Amore e Psiche. Botticelli,
“La Primavera” Part. Cupido

Lorenzo Lotto, Piero della Francesca, Jacopo Zucchi


“Venere e Cupido” Cupido bendato Psiche scopre l'identità
dell'amante e fa cadere una
goccia di olio bollente.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

5
DocArtis

Antonio Canova Museo del Louvre


Amore e Psiche Diana cacciatrice

Diana E’ una delle dodici divinità dell’Olimpo, chiamata dai Greci Artemide, è la sorella di Apollo.
Cacciatrice e signora delle fiere, è la dea della natura selvaggia. Custode della verginità e della purezza,
governa anche la fertilità femminile, protegge le giovani spose e le partorienti. È talora identificata con la
dea infernale Ecate e con la Luna. L'iconografia la ritrae come cacciatrice, con il chitone (un corto vestito di
stoffa leggera), arco, frecce, calzari e una muta di cani; il suo carro d'oro è trainato da cerve. In altre
raffigurazioni, in cui appare come Ecate, la dea impugna una fiaccola.

Domenichino Correggio Ipogeo di via Livenza a Roma


“Diana” “Diana cacciatrice” “Diana cacciatrice”

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

6
DocArtis

Dafne Ninfa di cui si invaghisce Apollo e a cui sfugge tramutandosi in una pianta di alloro.
Attributi: arco, faretra (Apollo); mani in forma di rami d’alloro, rami sulla testa, piedi in forma di
radici (Dafne)

Paolo Veronese Antonio Pollaiolo Bernini


Apollo e Dafne Apollo e Dafne Apollo e Dafne

Ercole Eracle nella mitologia greca, metà uomo e metà dio, è un eroe
della mitologia greca, personificazione della forza fisica e del coraggio.
Famose sono le sue dodici fatiche che, dopo aver affrontato grandi avversità,
supera trionfando sul male. L’iconografia greca e romana del dio insiste sugli
attributi della clava e della pelle leonina e talvolta compaiono anche l’arco e
la faretra; in alcuni tipi arcaici e italici indossa la corazza. I due tipi barbato e
imberbe coesistono fino dall’arcaismo; la muscolatura del corpo è sempre
vigorosa. Particolari figurazioni sono l’Ercole banchettante, quello che suona
la cetra, quello ebbro, quello in abiti di Onfale.
Prospero Sogari Spani
Ercole→

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

7
DocArtis

Paolo Pagani Rubens Pollaiolo


Ercole cattura Cerbero Ercole e Onfale Ercole e l’Idra

La dodicesima fattica

George Petel
Eracle e il Leone di Nemea

Erinni Furie nella mitologia


romana. Esse sono chiamate anche
Dire da Virgilio, sono, nella religione
e nella mitologia greca, le
personificazioni femminili della
vendetta soprattutto nei confronti
di chi colpisce i parenti o i membri
del proprio clan. L’iconografia è
quella di una divinità cacciatrice
munita di serpi, talora alata.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

8
DocArtis

William-Adolphe Bouguereau
Il rimorso di Oreste

Oreste inseguito dalle Erinni. Rappresentate


come geni alati, con la bocca spalancata
nell'atto di cacciare urla terribili, con serpenti
invece di capelli, recanti in mano torce o fruste
o carboni e tizzoni ardenti. Il loro aspetto era
quindi di tre donne alate con capelli di serpenti
che recavano tra le mani delle armi che
usavano per torturare il malcapitato.


John Singer Sergent
“Oreste inseguito dalle Furie”

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

9
DocArtis

Giove (in greco, Zeus): è la suprema divinità


dell’Olimpo. Dio del cielo, presiede i mutamenti
atmosferici. È sposato con la dea Giunone, che però
tradisce con numerose fanciulle divine e mortali. I suoi
simboli sono la folgore, il toro, l'aquila e la quercia.
Nell’iconografia classica la figura di Zeus è caratterizzata
da folta barba, capelli lunghi coronati d’alloro, torso
nudo e mantello sulle gambe. I suoi elementi distintivi
sono lo scettro e il fulmine. Numerosi sono i miti
rappresentati anche in cicli pittorici.

J. A. D. Ingres
“Zeus e Teti”

Antoine Coypel Raffaello. Loggia di Psiche


Hera e Zeus Giove e Psiche

Giunone e Giove, secondo i romani

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

10
DocArtis

Giunone Moglie di Giove (Zeus), è la


principale dea dell’Olimpo. Tutela il matrimonio e il
parto. L'iconografia della dea ripete comunemente
quella della greca Era, ma l'origine del culto di
Giunone come divinità italica è documentata dalla
statua di Iuno Sospita proveniente da Lanuvio
(Musei Vaticani), con gli attributi della veste di
pelle di capra, asta, scudo, serpente, e da antefisse
laziali e falische dei sec. VI-V, con elmo di pelle
bovina. La dea frequentemente è rappresentata
sopra un carro tirato da due pavoni, con lo scettro
in mano, e la fronte coronata di gigli e di rose. I
pittori le pongono sempre ai piedi un pavone, e la
cingono talora dell'arcobaleno, emblema d'Iride.
Carracci
Giove e Giunone

Rubens De Ferrari Gregorio Lastman Pieter Pietersz


Giunone e Argo Giunone applica gli occhi di Giunone sorprende Giove con Io
Argo sulla coda del pavone

Le Tre Grazie Sono divinità che fanno parte del seguito di Apollo e di Venere. Sono
abbracciate, nude o vestite di veli. Nel Rinascimento simboleggiano castità, bellezza e amore.
Chiamate dai greci Cariti, erano figlie di Zeus e della ninfa Eurinome ed erano tre dee portatrici di
gioia e bellezza. I loro nomi erano Aglaia (“splendore”), Eufrosine (“gioia e letizia”) e Talia
(“prosperità”); presiedevano ai banchetti e alle danze, accompagnavano Afrodite ed Eros, le
divinità dell’amore, e con le muse danzavano per gli dei al suono della lira di Apollo.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

11
DocArtis

Nell’iconografia greco- romana le tre donne, totalmente nude, sono disposte in modo che quella
centrale sia vista da dietro e le altre la affiancano con posture simmetriche.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

12
DocArtis

Nel Medioevo scompaiono,


perché raffigurazioni pagane
ed è con il Rinascimento che
tornano alla ribalta, in primis
con l’interpretazione di
Sandro Botticelli.

Tuttavia e altre opere del


Rinascimento, , non
presentano l’originalità della
versione di Botticelli,
riprendendo, al contrario, il
modello antico in modo
molto fedele.

Con l’età barocca il tema


delle Grazie è di nuovo
accantonato. Il Seicento e la
Controriforma esigono temi a
carattere religioso. Tra le
poche eccezioni è il
fiammingo Rubens che
raffigura più volte le Grazie
come opulenti matrone dalle
carni tremolanti.

Bisognerà attendere quasi


due secoli, con
l’affermazione del
Neoclassicismo, perché le
tre Grazie abbiano una
seconda rinascita.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

13
DocArtis

Marte In greco Ares, secondo la mitologia romana del I secolo a.C., è


il dio della guerra e dei duelli. Secondo la mitologia romana più arcaica, era
anche il dio del tuono, della pioggia, della natura e della fertilità. figlio di
Giove e Giunone, è una delle dodici divinità dell’Olimpo. Quasi sempre
Marte è raffigurato con indosso l'elmo, la lancia o la spada e lo scudo,
raramente con uno scettro talvolta è ritratto nudo, altre volte con
l'armatura e spesso ha un mantello sulle spalle. A volte è rappresentato con
la barba ma, nella maggior parte dei casi, è sbarbato. È raffigurato a piedi o
su un carro trainato da due cavalli imbizzarriti, ma ha sempre un aspetto
combattivo.
Musei Capitolini a Roma
Statua colossale di Marte

Velasquez Veronese Canova


Marte Marte che spoglia Venere Venere e Marte
con amorino e cane

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

14
DocArtis

Medea Figlia di Eete, re


della Colchide, e di Idia. Era inoltre
nipote di Elio (secondo altre fonti
di Apollo) e della maga Circe, e
come quest'ultima era dotata di
poteri magici. Sposa di Giasone,
da lui tradita, uccide i propri figli
per vendetta. Viene rappresentata
come divinità o come maga che fa
incantesimi e malie.
Anthony Frederick Augustus
Eugene Delacroix Sandys
La furia di Medea Medea mescola le sue pozioni

Medusa (detta anche Gorgone): è un mostro temuto dagli


uomini ma anche dagli dei. È raffigurata con la testa tagliata,
circondata da serpenti. Chiunque la guarda è trasformato
in pietra. Secondo il mito, Medusa era una delle tre Gorgoni, l'unica
mortale, e abitava con le sorelle in una caverna nel giardino delle
Esperidi, vicino al regno dei morti.

Caravaggio
Testa di Medusa

Benvenuto Cellini
Perseo con la testa di Medusa

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

15
DocArtis

Nell’arte romana troviamola testa della Affreschi pompeiani


Medusa al centro di grandi mosaici Perseo e la testa della Medusa
pavimentali.

Come tutti i personaggi mitologici Medusa resterà in disparte per almeno mille anni aspettando che
finisca il Medioevo. La ritroviamo rappresentata da Baldassare Peruzzi sulla volta della Villa Farnesina
a Roma.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

16
DocArtis

Mercurio In greco, Hermes, è il messaggero


degli dei. Indossa calzari alati per spostarsi con rapidità e
tiene in mano il caduceo, una verga magica con due serpi
intrecciate, sormontato da ali. Nella raffigurazione di
Mercurio protettore dei mercanti l'iconografia etrusco-
italica e poi quella romana ripetono le caratteristiche
dell'Ermete greco: corpo nudo o rivestito di un corto
mantello, caduceo nella mano, petaso (caratteristico
cappello alato) e calzari alati. Mercurio è però anche la
guida delle anime dei defunti nei sotterranei recessi
dell'Ade e il caduceo lo qualifica in questo compito come
messaggero di Giove al dio dell'Averno. Come dio della
ricchezza la sua testa compare su monete in bronzo e
argento; la sua figura trionfa sulle insegne delle botteghe,
auspicio di buoni affari. In epoca imperiale divenne un
motivo ricorrente in rilievi, pitture e mosaici e gli scultori ne
fecero vivaci bronzetti. Spesso è rappresentato o ricordato
inserendo nelle opere d'arte i suoi tipici simboli, la borsa, il
gallo o la tartaruga.

Giambologna
Mercurio

Il Caduceo, Gregorio De Ferrari Palazzo Perelli, Arezzo


simbolo di Mercurio Incontro di Mercurio e Minerva Mercurio (col caduceo)

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

17
DocArtis

Attribuito a Giulio Romano, su disegno di Raffaello, Giovanni Antonio Burrini Mercurio


1517. Roma, Farnesina.
Mercurio

Minerva In greco Athena, nata dalla testa di Giove, è una


delle divinità dell’Olimpo. Dea della guerra, combatte per la giusta
causa e non per scopi distruttivi, come Marte. È anche dea del
sapienza, protettrice delle istituzioni, delle scienze e delle arti.
L'iconografia di Minerva è analoga a quella della greca Atena. In
bronzetti, sculture, rilievi, monete la dea è infatti rappresentata
con una lunga veste e con i suoi attributi specifici (egida, elmo)
L'iconografia classica di Atena prevede che sia ritratta in piedi
mentre indossa l'armatura e l'elmo, tenuto alto sulla fronte;
porta con sé una lancia e uno scudo sul quale è fissata la testa
della Gorgone Medusa. Spesso, poggiata sulla sua spalla, si trova
la civetta, simbolo di saggezza.

La civetta di Minerva è quella che


accompagna la dea nei miti dell’antica Roma
e, da Omero in poi, Atena glaucopide nei miti
dell’antica Grecia. Questo animale
rappresenta il simbolo della filosofia e della
saggezza. Atena compariva sulle monete
ateniesi, “civette”, sul cui rovescio appariva
appunto una civetta.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

18
DocArtis

Giorgio Vasari Andrea Mantegna Rembrandt


Atena e Vulcano Trionfo della Virtù (particolare) Atena

Minotauro
Essere mostruoso con il corpo
umano e la testa di toro.
Rinchiuso nel labirinto dell’isola di
Creta, fu ucciso da Teseo con
l’aiuto di Arianna. Il Palazzo di
Cnosso,con le sue innumerevoli
sale è associato a questo mito.

Vaso attico
Vaso greco Il Minotauro
Teseo uccide il Minotauro

Antonio Canova W. Russell Flint George Frederic Watts


Teseo uccide il Minotauro Theseus and the Minotaur Il minotauro

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

19
DocArtis

Mòire I romani le chiamavano Parche e, come le Ore, erano figlie di Zeus e di Temi: sono le
dee del destino. Da alcuni erano rappresentate come vecchie, ma da la maggior parte, come
giovani dall'aspetto severo, vestite con dei lunghi pepli bianchi trapunti di stelle. Le tre dee
filavano la vita degli uomini. Sono spesso raffigurate mentre filano e tagliano il filo della vita
umana, secondo la lunghezza corrispondente al numero dei giorni spettante ad ognuno. Possono
essere raffigurate sole, negli Inferi, o in complesse scene allegoriche in cui si scorge, talvolta,
anche l’immagine della Morte. Le Parche (come erano chiamate dai romani) sono rappresentate
sui sarcofagi, in relazione a scene legate alla nascita o alla creazione degli uomini da parte di
Prometeo. Su raffigurazioni sepolcrali a Ostia (II e III sec. d.C.) sono ritratte, sole o insieme, con i
loro attributi tipici: il filo, il fuso e le cesoie.

John Strudwick
A Golden Thread
(Un filo prezioso)

Cloto e Lachesi intente a


tessere il filo del fato mentre
Atropo siede nell'attesa del
momento ineluttabile di
reciderlo.

Marco Bigio Incisione Bernardo Strozzi


Le Parche Le Moire

L’opera raffigura le tre Parche intente a filare il destino degli uomini accompagnate da una folta
schiera di personaggi allegorici. Sulla destra, Cloto, che presiede alla nascita, svolge il filo dal fuso;
a sinistra, Lachesi tesse il filo diventato rosso a significare l’amore fisico dell’età matura, al quale
allude anche la giovane nera con quattro mammelle, simbolo di fecondità. Atropo, la Parca al
centro, recide il filo della vita decretando il momento della morte. Sullo sfondo si scorgono l’albero
di Adamo ed Eva, un altro albero secco con un rapace appollaiato, e uno scheletro con la falce,
simbolo di vanitas.
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

20
DocArtis

Le Ore Le Ore erano sorelle delle Moire e venivano considerate le custodi dell'Olimpo. In
origine erano tre e simboleggiavano il regolare scorrere del tempo nell'alterna vicenda delle
stagioni (primavera, estate e autunno fusi insieme, inverno); poi ne fu aggiunta una quarta
(allusione all'autunno); in epoca romana finirono col personificare le ore vere e proprie, divenendo
12 e da ultimo 24. Irene è la personificazione e la divinizzazione della pace (entrata
successivamente nel pantheon romano - a partire dal regno di Augusto - con il nome di Pax). In
Esiodo è una delle tre Ore (Eunomia=buon Governo, Dike=Giustizia e Irene=Pace). L'arte trattò
spesso il soggetto d'Irene: una gran quantità di monete appartenenti ai più svariati paesi greci ne
recarono l'effige, ma particolare fama raggiunse la statua d'Irene col bambino Pluto (la ricchezza)
in braccio, che sorgeva nell'agorà di Atene

Imagini di Cartari-Zaltieri L'arte trattò spesso il Ambrogio Lorenzetti


Fortuna – Nemesi soggetto d'Irene: una gran Personificazione della Pace
quantità di monete
In Grecia abbiamo in realtà due appartenenti ai più svariati
Giustizie: Nemesi e Dike. La dea paesi greci ne recarono
greca Némesis era detta la l'effige, ma particolare fama
giustizia compensatrice: nemesis raggiunse la statua d'Irene
infatti significa distribuire. col bambino Pluto (la
Originariamente la dea greca ricchezza) in braccio, che
distribuiva gioia o dolore secondo sorgeva nell'agorà di Atene
il giusto. L'idea che soggiace al (queta è una copia romana).
termine è che il mondo risponda
ad una legge di armonia per cui il
bene debba essere compensato
dal male in egual misura. Dike
invece viveva sulla terra al tempo
in cui era Saturno il re degli dei.
Quando prese il potere Giove gli
uomini scoprirono la violenza.
Dike allora lasciò la terra e andò
in cielo nella costellazione della
Vergine, che è l'unica
costellazione femminile dello
zodiaco.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

21
DocArtis

Leipzig
Dike - Giustizia in trono

È rapprentata col braccio alzato e la spada; talvolta col


ῥάβδος (bacchetta). Nel Medioevo e nel corso del
Quattrocento l'iconografia mutò: Dike fu sostituita
dall'arcangelo Michele, i cui attributi sono la spada e la
bilancia. Ricorda anche la pesa e la punizione dell'anima
dopo la morte, tipica dell'iconografia egizia. Viene
presentata come "vergine" e Platone considera questa
condizione come incorrotta, perché tale deve essere la
"giustizia".
Louvre
Dioniso e le Ore

Gli antichi le rappresentavano come leggiadre fanciulle


stringenti nella mano un fiore o una pianticella,
immaginandole peraltro brune e invisibili con riferimento
alle ore della notte.

(Iconografia della) Morte o del Macabro Compare spesso in


raffigurazioni a partire dal medioevo, il più delle volte nella forma di uno scheletro animato.
Soggetti macabri ebbero diffusione anche in età controriformistica o barocca.

Iconografia del
mietitore

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

22
DocArtis

Un esempio perfetto di Trionfo della Morte in pittura è quello dell’Oratorio dei Disciplini di
Clusone. Originariamente i Trionfi erano processioni festose e dirompenti dedicate a Dioniso,
basate su canti, litanie e processioni. Nel mondo romano, il Trionfo divenne essenzialmente la
marcia celebrativa degli imperatori che ritornavano a Roma vittoriosi, assisi su un carro (il carro
dei vincitori, appunto) e circondati dai simboli delle loro imprese vincenti: lo scettro e la corona
d’alloro. La Morte è al centro della scena, con mantello e corona, secondo il senso di caducità
medievale: non era più Dioniso, non era più l’Imperatore che avanzano incedendo in pompa
magna, ostentando la loro grandezza, ma la Morte.

Lorenzo Lotto
Putto con Teschio
Per alcuni è una raffigurazione di Cupido, o di
Amor, che trionfa sulla morte, una sorta di Eros e
Thanatos. Mentre per altri è la celebrazione della
vita eterna. Il puer della rinascita, incoronando il
teschio non vuole esprimere una riflessione sulla
morte come conclusione di tutto, ma piuttosto
sulla morte intesa come sonno temporaneo, oltre il
quale c’è ancora vita. Il trionfo quindi non è quello
della morte sulla vita, ma esattamente l’opposto. È
la vita che vince sulla morte. L’ipotesi più diffusa è
quella che suole vedere in questa tavoletta una
raffigurazione della vanitas umana.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

23
DocArtis

Muse Sono nove sorelle figlie di Giove e Memoria, governano l’ispirazione poetica e tutte le
attività intellettuali. Abitano sul monte Parnaso. L'importanza delle muse nella religione greca era
elevata: esse infatti rappresentavano l'ideale supremo dell'Arte, intesa come verità del "Tutto"
ovvero l'«eterna magnificenza del divino». le Muse vengono rappresentate avvolte in lunghi
chitoni dai morbidi drappeggi, alcune con gli attributi propri (come la cetra, la lira, il rotolo scritto,
il globo, ecc.) Il tema delle nove Muse raffigurate come fanciulle in vesti vaporose e veli, per lo
più danzanti attorno ad Apollo ma anche in altri atteggiamenti, fu ripreso dall'arte rinascimentale
e manieristica

Le nove Muse rappresentano l’ideale supremo dell’Arte, coloro che allietavano le feste degli dei con canti
e danze. La loro presenza nel mito si ha fin dalle origini; figlie di Zeus e protette di Apollo, avevano la loro
dimora sul monte Elicona. Fino ad Esiodo le muse erano molte di più, ma nella sua “Teogonia” fissò il loro
numero a nove, pur non definendo i loro specifici compiti. Erano considerate le depositarie della memoria
e del sapere. Chi osava sfidarle veniva punito severamente, come le sirene che volendo dimostrare la loro
supremazia sulle Muse, persero le ali.

Giulio Romano Baldassarre Tommaso Peruzzi


Le muse danzano con Apollo Danza di Apollo con le Muse

Eustache le Sueur Andrea Mantegna


Clio, Euterpe e Talia Il Parnaso
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

24
DocArtis

Narciso Eroe della mitologia greca.


Bellissimo figlio del dio fluviale Cefiso e della ninfa
Liriope, rifiuta le gioie d'amore per un eccessivo
amore di sé; muore prematuramente di vana
passione, per essersi innamorato della propria
immagine riflessa in una fonte, e viene mutato nel
fiore omonimo. Tra le amanti da lui rifiutate, è
ricordata la ninfa Eco
J. W. Waterhouse
Eco e Narciso

Caravaggio Arazzo del XV-XVI secolo (part.) Jan Cossiers


Narciso Narciso si specchia nell'acqua Narciso alla Fonte

Nereidi e Mostri marini L’uso del repertorio mitologico in senso non


narrativo, diffuso già in precedenza nell’arte romana, prosegue nel periodo costantiniano; molto comuni
sono le scene acquatiche, popolate di Nereidi, tritoni e mostri marini: questo tema è particolarmente
amato per la decorazione delle stanze termali, come il frigidario ottagonale della villa di Piazza Armerina.
Amiche e confortatrici dei naviganti, le Nereidi personificavano le lente e molli onde del mare in bonaccia.
Le più famose di tutte furono Anfitrite, consorte di Posidone, e Tetide (madre di Achille), la massima delle
Nereidi e direttrice delle loro danze. Tritone veniva raffigurato con la metà superiore umana e quella
inferiore a forma di pesce, tutta la pelle era verde. Gli schemi e le forme, fissati nell'arte ellenistica,
resteranno immutati nelle numerose rappresentazioni dell'arte decorativa romana, quali musaici e rilievi di
sarcofagi, di grandi vasi, di fontane.

Museo del Bardo, Tunisi Mosaico, Terme via Terracina Napoli.


Mosaico con tritone Tritone e Nereide
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

25
DocArtis

P. De Matteis Arnold Böcklin


Carro marino trainato da Tritone e Nereidi davanti al Dio Tritone e Nereide
Sebeto

Nettuno Poseidone per i greci, dio mare, invocato dai marinai per ricevere protezione
durante la navigazione. Riconoscibile per il suo tridente, talvolta è accompagnato dal figlio Tritone.
Nell'iconografia romana Nettuno non differisce dal Posidone greco e compare spesso nelle
raffigurazioni di cortei marini, sul carro tirato da ippocampi fra Nereidi e Tritoni. La raffigurazione
del dio fu in seguito ripresa dalla scultura manieristica e barocca, soprattutto a ornamento di
monumentali fontane.

Bronzino John Singleton Copley


Nettuno Il ritorno di Nettuno

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

26
DocArtis

Pandora e Epimeteo La prima donna mortale, l'"Eva" della mitologia greca,


consorte del titano Epimeteo. Pandora viene rappresentata mentre apre il vaso (pithos, πίθος in
greco antico) era un dono fatto a Pandora da Zeus, lasciandone uscire tutto il contenuto, a danno
degli uomini. Vi rimane la sola speranza.

J. Alaux John William Waterhouse Dante Gabriel Rossetti


Pandora condotta da Hermes Pandora Pandora

Henry Howard
Hermes conduce Pandora da Epimeteo

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

27
DocArtis

André Van Loo Nicola Salvi


Nettuno e Amimone Fontana di Trevi
Nettuno

Pegaso Cavallo alato nato dalla testa di Medusa,


aiuta alcuni eroi a sconfiggere i mostri. Compare in varie
raffigurazioni mitologiche nell’antichità, e dal Medioevo al
XVIII sec. anche in cicli o dipinti a carattere religioso. Il
cavallo alato ha ispirato artisti di ogni tempo; dal VI secolo
a.C. ai giorni nostri, le opere si sono susseguite su un arco
di tempo di 2500 anni e in tutte le forme dell’arte, dalla
pittura alla scultura alla numismatica.
Affresco pompeiano
Pegaso

Vaso greco Fontana a Villa d’Este G. B Tiepolo


Pegaso Pegaso Bellerofonte su Pegaso(
part.)

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

28
DocArtis

Perseo Con l’aiuto di Minerva e con la


spada donatagli da Mercurio, trova il covo di
Medusa e la uccide. Dona poi la testa di
Medusa a Minerva che la pone come effigie sul
suo scudo. Perseo è raffigurato come un
giovane (completamente armato o con un
abito corto) che tiene in mano una spada
ricurva, dono di Ermes. Talvolta indossa calzari
alati o viene raffigurato in sella al cavallo
Pegaso.
Francesco Maffei
Perseo e Medusa

Rubens Giorgio Vasari Antonio Canova


Perseo libera Andromeda Perseo e Andromeda Perseo trionfante

Plutone e Proserpina Ade per i Greci: è il dio degli Inferi. È aiutato da


numerose creature tra cui: Caronte, che traghetta le anime agli Inferi, e Cerbero, il mostruoso
cane a tre teste che sorveglia l’ingresso del regno.

François Perrier, detto il Plutone in trono con le principali Luca Giordano


Borgognone divinità dell'Ade: Le Furie, Il ratto di Proserpina
Orfeo davanti a Plutone e Cerbero, Proserpina, le Arpie, la
Proserpina Morte

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

29
DocArtis

Plutone, veniva spesso raffigurato come un uomo maturo, dallo sguardo severo, barbuto, con
folta capigliatura e con in mano uno scettro, o delle chiavi, o della terra. Sovente è assiso su di un
trono d'ebano e con ai piedi Cerbero, il cane tricefalo, o dei serpenti. Viene talvolta rappresentato
anche con una cornucopia o sopra un carro trainato da quattro cavalli neri. I suoi copricapi sono il
diadema d'ebano, l'elmo (che dona l'invisibilità) forgiato per lui dai Ciclopi e il cappuccio (per
celarsi). Le piante a lui sacre sono il cipresso ed il narciso.

Prometeo Nelle opere artistiche, il Titano Prometeo è generalmente raffigurato nudo e


legato a una roccia, mentre un'aquila gli divora il fegato. Nella scena si può scorgere una fiaccola
accesa, simbolo della sua colpa e della sua punizione. Meno frequentemente l'eroe è ritratto
davanti a una statua dalle fattezze umane, che talvolta poggia su di un piedistallo. In un'altra
versione iconografica l'eroe, dopo aver rubato il fuoco, avvicina una torcia accesa alla statua per
darle la vita. La commistione dei due episodi, in realtà indipendenti tra loro, è stata letta in chiave
allegorica: la figura della statua rappresenta l'uomo toccato dalla grazia divina.

Piero di Cosimo Battista Zelotti, Villa Godi,


Prometeo plasma l'uomo Lonedo di Lugo
Sala dei Trionfi

Personaggi: Prometeo,
Minerva, Ercole, Mercurio,
Attributi: nudità, vincoli,
ferita, aquila, barba
(Prometeo); lancia, elmo,
scudo, corazza (Minerva);
clava, pelle del leone nemeo
(Ercole); caduceo, petaso
(Mercurio).

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

30
DocArtis

Heinrich Friedrich Füger Rubens Salvator Rosa


Prometeo ruba il fuoco Prometeo Supplizio di Prometeo

Proserpina È la versione romana della dea greca Persefone o Kore. Figlia di Cerere,
dea dell’agricoltura, fu rapita da Plutone che si innamorò di lei e la trascinò nel suo regno degli
Inferi. La madre rese sterile la terra, ma a Proserpina fu concesso di tornarvi ogni anno in
primavera, quando il suolo rifiorisce e offre i suoi frutti. La dea viene raffigurata come regina,
quindi in trono vicina ad Ade o in scene di banchetto, ma sempre riccamente vestita e con
numerosi gioielli. Gli attributi della dea sono simboli regali come lo scettro, ma anche torce, luce
nell’Oltretomba, le spighe di grano dei misteri eleusini, oppure il frutto del melograno ed il gallo,
che annuncia l’alba e rappresenta una rinascita. Un soggetto iconografico che ha avuto grande
fortuna è il Rapimento di Proserpina (Persefone).

Dante Gabriel Rossetti Pinakes, Museo Nazionale della Magna


Proserpina Grecia di Reggio Calabria.
Persefone
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

31
DocArtis

Bernini Alessandro Turchi


Il ratto di Proserpina Il Ratto di Proserpina

Psiche Rappresenta talvolta con una farfalla, è una fanciulla così bella da far ingelosire
Venere che invia Amore per farla innamorare di un uomo spregevole, ma Amore si innamora a sua
volta di Psiche. Quando Amore l’abbandona, Psiche vaga nel mondo alla sua ricerca e poi cade in
un sonno profondo dal quale si risveglia con un bacio di Amore. La favola di Amore e Psiche, tratta
dalle Metamorfosi di Apuleio, quella che Voltaire definì “la più bella fiaba che gli antichi ci abbiano
lasciato”, è un soggetto che ha affascinato generazioni di artisti. Il mito di Amore e Psiche,
raffigurati mentre danzano o intrecciano ghirlande, fu il più frequente simbolo pagano di
immortalità che passò nell'iconografia paleocristiana. Venne ripreso poi nel Seicento e Settecento,
come pretesto per scene “galanti”, nel tipo di Psiche che illumina Amore.

Canova
Amore e Psiche

Psiche pone nella mano di


Amore una farfalla.

Canova
Amore e Psiche

La scena del bacio con il


quale Amore sveglia Psiche

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

32
DocArtis

William Bouguereau Francois Gerard


Amore e Psiche Amore e Psiche

Rappresentati come due La farfalla sul capo di Psiche.


bambini, lei con le ali di farfalla.

Satiri, Fauni e Sileni Figure mitologiche fra le più diffuse nella letteratura,
nell'arte, nelle credenze popolari della Grecia antica. I Satiri, partecipanti della natura caprina, hanno
perciò corpo e membra umane, ma orecchie (e spesso anche corna) e coda caprine, orecchie cioè lunghe
e appuntite, capelli arruffati, naso rincagnato. Si vedeva nei satiri la personificazione della vita della
natura, così come nelle ninfe, delle quali si consideravano i corrispondenti maschili, viventi anch'essi nelle
solitudini dei monti o dei boschi, cacciando, danzando e sonando la zampogna, il flauto o le nacchere.
Insieme con le ninfe stesse e con le baccanti si associavano al corteo (o tiaso) di Dioniso ( Bacco). I Sileni
sono di natura equina, con le orecchie e la coda di cavallo e spesso anche il caratteristico zoccolo degli
equini. Piuttosto che dei monti e dei boschi, i sileni venivano riguardati come genî dell'acqua corrente che
irriga e feconda, amanti d' intrattenersi nelle umide praterie, spesso in compagnia delle ninfe, con le quali
solevano congiungersi nella fresca ombra delle caverne. Nell'antica religione romana il satiro è noto come
"fauno”. i Fauni, corrispondenti italici di Pan e Satiri greci, sono descritti come esseri metà caprini con
zoccoli e corna di capra.

Cesare Fracanzano William Adolphe Bouguereau


Baccanale
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

33
DocArtis

L’aspetto di Pan è quello di


un uomo dai piedi caprini,
barbuto e peloso, con
corna di capra Suoi
attributi sono la siringa e
talvolta un corto mantello.
È rappresentato in
atteggiamenti fallici, in
rapporto con l’orgia
dionisiaca e con gli aspetti
più istintivi della natura, a Affresco allegorico con la figura di Pan e
metà tra l’umano e il flauto alla Reggia di Caserta: Dio dei
l’animale. Molto presente boschi dell'antica religione greca
nell’arte greca e romana, è raffigurato come un essere selvaggio,
associato spesso a satiri, villoso, cornuto e con le zampe caprine;
sileni, e fauni nelle scene è in effetti una potenza che si rivela nei
erotiche e pastorali. luoghi selvaggi, fuori della civiltà. Pan
era venerato, ma anche temuto, dai
pastori (timore dal suo nome detto
Incisione “panico”).; la sua presenza, comunque,
Le Ninfe e il Satiro era pericolosa per tutti. I Romani lo
identificarono con il loro dio Fauno.

Affresco pompeiano Bellini, Tiziano e Dosso Dossi.


Priapo Il "Festino degli Dei"

Presumibilmente Priapo è una divinità minore di Realizzato nello Studio privato di Alfonso d'Este,
origini relativamente tarde e popolaresche - non duca di Ferrara, è uno dei capolavori della pittura
appare per esempio in Esiodo - originario di rinascimentale, noto per i suoi molteplici contenuti
Lampsaco e di altri centri della Propontide. Di qui si iconografici. Gli dei sono riuniti in olimpico convito,
diffuse per tutta la Grecia e poi per il mondo un lungo banchetto durato tutta la notte: adesso,
romano, sostituendosi indubbiamente a oscure verso l'alba, mentre alcuni sono colti dal sonno,
divinità falliche regionali. sfiancati dal vino e dalle libagioni, Nettuno può
prendersi qualche libertà, con la destra nell'intimità
di Cibele con la sinistra sul fondo schiena di Cerere
mentre Priapo solleva furtivo la veste di Lotis.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

34
DocArtis

Urano e Gea (Gaia) Urano è la personificazione del Cielo in quanto elemento


fecondo. Nell'opera di Esiodo, Teogonia, egli è figlio e coniuge di Gea (la Madre Terra). È una
divinità primigenia (con Gaia, la Terra) all'origine delle generazioni degli dèi. La ricostruzione
dell'iconografia di Urano non è certa, per la scarsità di documentazione relativa all'arte greca. La
sua immagine è stata inoltre ricostruita nell'ara di Pergamo dove appare come figura alata.
Nell'arte romana Urano è invece più frequentemente rappresentato, anche perché diventa molto
spesso la personificazione della volta celeste. È riprodotto sulla corazza della statua di Augusto di
Prima Porta.

Giorgio Vasari
La mutilazione di Urano da parte di Crono

Mosaico pavimentale romano Giorgio Vasari


Urano e Gea (Gaia) Gea offre le primizie della Terra a Crono.

Gea stesa a terra è circondata da un gruppo Crono o Saturno è il figlio di Gea e Urano ed è colui che
di Carpi divinità infantili che simboleggiano i spodesta il padre e libera i fratelli dal Tartaro.
frutti della terra.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

35
DocArtis

Sirene Sono le più celebri e le più rappresentate tra le creature fantastiche. Sono un ibrido
di donna e di pesce, le cui origini si ricollegano ai Tritoni della mitologia greca. Il busto è alquanto
seducente, con seni prominenti, mentre il resto del corpo si allunga in una coda di pesce, singola
o doppia. Simboleggiano tutte le seduzioni femminili e le tentazioni demoniache che queste
ispirano. In origine, erano alate, il loro canto è ammaliatore.

← Pieve di San Giorgio (Ganaceto)


Acquasantiera in marmo con sirene

È opera del celebre Wiligelmo, fra i maggiori artisti medievali,


ed è datata intorno al 1100

← Otranto, Cattedrale, mosaivo pavimentale


Sirena bicaudata

Herbert James Draper


Ulisse e le Sirene

La sirenetta, simbolo della città di Copenaghen.


Nel secolo scorso le sirene sono riapparse sempre a
fianco di Ulisse e nelle fiabe per bambini. La sirenetta
della favola di Andersen è buona ed è innamorata di
un essere umano. →

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

36
DocArtis

Teti Era la più bella delle Nereidi, le ninfe dei mari figlie di Nereo e Doride, discendenti da
Oceano. Aveva il dono della metamorfosi che contribuiva ad aumentarne il suo fascino. Una
profezia della titanide Temi predisse come Teti fosse destinata a dare alla luce un figlio, Achille,
che sarebbe divenuto più potente, più intelligente e più ambizioso del padre Pelide.

Antoine Borel
Teti immerge Achille
nello Stige

Le acque del fiume


Stige, mitico fiume
infernale, avevano il
Vaso attico a figure nere potere di rendere
Teti che consegna al figlio Achille immortali. La donna
le armi forgiate da Efesto viene aiutata dalle
altre sorelle, mentre il
piccolo Achille,
immerso nell'acqua
con l’esclusione del
tallone, diventerà il
leggendario eroe dal
tallone vulnerabile.

Rubens Mosaico
Teti immerge Achille nello Stige. Teti (Tethis)

Uno degli episodi più rappresentati È rappresentata l’altra figura mitologica, Teti (da non
dagli artisti di ogni epoca. confondere con l’omonima madre di Achille), qui con lo sposo
Oceano. La rappresentazione di Tethys è rara; appare sui
mosaici assieme al suo coniuge e con due piccole ali sulla fronte
certamente per il suo ruolo di madre delle nuvole.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

37
DocArtis

Thanatos Nella mitologia greca, Thanatos


(Θανατος) è la personificazione della morte. Secondo
Esiodo, è figlio della Notte, che l'aveva concepito senza
l'aiuto di nessun altro dio. Omero ne fa il fratello gemello
di Hypnos, la personificazione del sonno. I greci lo
rappresentavano sotto la figura di un bambino nero con
piedi torti. A volte i suoi piedi, senza essere difformi, sono
soltanto incrociati, simbolo dell'imbarazzo dei corpi che si
trovano nella tomba. Altre volte era rappresentato come
un giovane o un vecchio barbuto con le ali. Questa
divinità appare anche, nelle antiche sculture con un viso
dimagrito, gli occhi chiusi, coperto da un velo, e mentre
tiene una falce in mano. Questo attributo sembra
significare che la vita viene raccolta come il grano. Gli
attributi comuni tra Thanatos e la madre Nyx (la Notte)
sono le ali e una torcia spenta e rovesciata. I Romani lo
chiamavano Mors, e se lo raffiguravano come un Genio
alato e silenzioso.

Tempio di Artemide a Efeso


Thanatos
Riprodotto come un giovane alato

Titani Nome degli dei precedenti a quelli venerati dai Greci. Figure puramente mitiche, i
Titani erano figli di Gaia (Terra) e Urano (Cielo). Erano 12, 6 maschi e 6 femmine. Dall’ unione di
due di questi, Crono e Rea, come spiegato nella titanomachia, nascono i grandi dei dell'Olimpo.

Charles Lamy Rubens C. C. Van Haarlem


Zeus sconfigge i Titani Crono divora La caduta dei Titani
Poseidone
Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

38
DocArtis

Giovanni Lanfranco Villa di Tiberio - Sperlonga


Norandino e Lucina scoperti dal Ciclope Accecamento del ciclope Polifemo

Venere In greco, Afrodite, nata dalla schiuma del mare, è la dea dell’amore passionale,
della bellezza, della fecondità. La conchiglia è il suo simbolo. È madre di Cupido e le sono ancelle le
Grazie. Suoi attributi sono le colombe o i cigni, la conchiglia, i delfini, la cintola magica che rende
seducente chi la indossa, la torcia che desta amore, il cuore fiammeggiante, la rosa, il mirto
sempreverde come l’amore. Altro attributo convenzionale può essere lo specchio. Dal punto di
vista iconografico Venere può essere rappresentata come anadiomene, cioè che sorge dalle
acque, che giunge alla riva di Cipro, giacente o dormiente, in trionfo, o associata ad altri soggetti
mitologici.

Affresco pompeiano Botticelli


Venere La nascita di Venere
Adagiata sulla conchiglia marina

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

39
DocArtis

Velázquez Bronzino
Venere allo specchio Allegoria del Trionfo di Venere

Il tema è tratto dalla mitologia romana e rappresenta Venere in primo piano (identificata dal pomo
Venere adagiata mollemente su un letto tra lenzuola d'oro del giudizio di Paride e dalle due
di raso, mentre Cupido, riconoscibile per la faretra e le
colombe in basso), bacia sensualmente il
ali, le regge uno specchio.
figlio Cupido, il quale, mostrando
vistosamente la sua nudità attraverso le
natiche, le solletica un capezzolo.

Vittoria In greco, Nike, è l’inviata dagli dei per incoronare il vincitore di una gara sportiva,
poetica o un combattimento. Raffigurata come una donna alata, è una divinità di tipo precosmico:
ha come padre il titano Pallas e come madre Stige, una dea infera. Il culto di Nike assume
particolare importanza in epoca ellenistica. Ellenistiche sono la Nike di Samotracia (Parigi, Louvre),
che avanza impetuosamente ad ali spiegate, e la Nike che incorona Atena vittoriosa nel rilievo
dell'altare di Pergamo. Attributi: ali spiegate, ramo di palma, corona di lauro.

Apollo e la Nike Nike di Samotracia Affresco pompeiano


Posto al centro tra i due vi è Dea Vittoria
l'Omphalos delfico, ovvero
l'«ombelico del mondo» (il centro
della terra voluto da Zeus)

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

40
DocArtis

Nike con una coppa e una brocca La colonna della Vittoria è oggi il simbolo della comunità gay
che offre libagioni su un altare da di Berlino ed è il punto di arrivo dell'annuale "Christopher
un vaso attico del V secolo Street Parade".

Vulcano Antico dio romano, poi identificato con il dio greco Efesto, di cui prese il
carattere e gli Attributi: incudine, martello, tenaglie, pileo; al solito vestito di una semplice tunica
che lascia nuda la spalla destra; anche se tale identificazione con Efesto non è da tutti accettata, è
il dio del fuoco terrestre, manifestantesi nei vulcani, e come protettore di quelle arti umane che
trovano nel fuoco la loro base ed elemento (metallurgia). In età classica ne assunse anche la
mitologia ritrovandosi così ad essere considerato figlio di Giove e di Giunone e sposo di Venere.
Comunque le raffigurazioni di Vulcano sono ispirate all'arte greca: è il greco Efesto che vediamo
come Séthlans sui monumenti etruschi e come Vulcano su quelli romani, ma mentre sui primi è
raffigurato sia barbuto che imberbe, a Roma, tranne un affresco pompeiano, si preferì il tipo
barbuto. L'identità di Vulcano con Efesto è riconoscibile nelle numerose rappresentazioni di
Vulcano nell'arte rinascimentale e moderna. Era fabbro e aveva la fucina con la forgia dentro
l'Etna. Era zoppo.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

41
DocArtis

Mosaico pavimentale romano al Affresco romano della Casa del Rubens


Museo del Bardo a Tunisi. Triclinio a Pompei Vulcano forgia le folgori
Fucina Teti attende le armi di Achille per Giove
nella fucina di Efesto

Velasquez Luca Giordano Alessandro Tiarini


La fucina di Vulcano La forgia di Vulcano Vulcano fabbrica le frecce ad
Amore

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

42
DocArtis

Zefiro Personificazione del vento di primavera. Secondo Ovidio, quando si unì alla ninfa
Clori questa fu trasformata in Flora. È presente nelle raffigurazioni di Venere.

Botticelli Tiepolo Claude Michel Clodion


Zefiro e Clore Zefiro e Flora Zefiro e Flora

Particolare nella Nascita di


Venere: in realtà la
compagna di Zefiro potrebbe
essere Psiche. Nel mito
raccontato da Apuleio Zefiro
è presente in molte parti,
agli ordini di Amore. In uno
degli episodi in cui compare
trasporta Psiche.

Rielaborazione di materiale edito per uso interno a fini didattici

43