Sei sulla pagina 1di 164

LA RIVISTA PER IL MONDO MAC

Am
de iTu
mo be
pl
ne 3
l CD .0
.1
iPad
WWW.APPLICANDO.COM
MAGGIO

Provato
Il Sole 24 ORE Business Media Srl – via G.Patecchio 2 – 20141 Milano – Poste Italiane Spa – Sped. in A.P. – D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n.46) – art. 1 – Comma 1, DCB Milano - In caso di mancato recapito inviare al CMP di Milano Roserio per la restituzione al mittente previo pagamenti resi

per voi

In anteprima appena uscito negli USA:


cosa rende speciale il tablet di Apple

Mac
Nuovi portatili MacBook Pro
Mac OS X: i segreti di Anteprima
iPhone
Cosa porterà iPhone OS 4
Giochi, consigli, recensioni

Creative Suite 5
Photoshop, Flash Professional, Premiere Pro, Dreamweaver
e gli altri: le nuove versioni dei programmi Adobe
dedicati ai professionisti del design, del web e del video
MENSILE

Nikon D3000, Pioneer XW-NAS5, WD My Book Studio, VRAYforC4D 1.2, Buffalo Dualie € 6,00
Style your sound
Lasciati trasportare dalla musica fuori da ogni schema, nel mondo colorato dei suoni. Inserisci il tuo iPod
nel nuovo sistema di diffusori XW-NAS5 di Pioneer e lasciati travolgere da sonorità calde e cristalline.
Dipingi i colori del tuo stile e della tua personalità sulla tela della musica e della fantasia.
Le nuove docking Pioneer, dal design accattivante e minimalista, ti aspettano nella loro audace veste rossa,
o nelle versioni nero profondo, argento intenso o bianco perlato. Scopri l’intera gamma della musica in full
colour su www.pioneer.it o presso il tuo rivenditore Pioneer di fiducia.
Pioneer, dà stile alla tua musica.
Tutti i marchi appartengono ai rispettivi proprietari. Le specifiche dei prodotti potrebbero essere soggette a modifiche senza preavviso.

iPhone veste Case-mate

Sfoggia una custodia Case-mate sul tuo iPhone.


Scegli tra un’ampia gamma high-fashion di custodie per proteggere il tuo iPhone.
“You’re simply not dressed without Case-mate”

Ritaglia il coupon e recati presso il punto vendita aderente all‘


Custodia iniziativa in cambio di un originale custodia Recession Case!
iPhone
gratis! Nome
Trova dove acquistare Case-mate
su: www.macreport.eu Email

Questo tagliando permette di ricevere gratuitamente una custodia Case-mate Recession


case esclusivamente in un punto vendita autorizzato Apple aderente all’iniziative.
Nessun acquisto e’ necessario. Le custodie sono disponibili fino ad esaurimento scorte.
Guarda la Tv sul computer
con APPLICANDO!
ABBONATI E POTRAI VINCERE
5 ELGATO EYETV SAT e 40 ELGATO EYETV DTT DELUXE

Se ti abboni ad Applicando
nel periodo che va
dal 15 aprile al 30 giugno,
oltre a ricevere
a un prezzo scontato
la tua rivista preferita,
avrai la possibilità di
concorrere alla vincita
di fantastici prodotti
della Elgato che ti
consentiranno di
ricevere la televisione
satellitare e il
digitale terrestre sul
tuo Mac
o il tuo Pc
Per partecipare dovrai sottoscrivere e pagare, entro il periodo promozionale,
un rinnovo o un nuovo abbonamento annuale
Con soli 52 euro potrai ricevere 12 numeri di Applicando e la newsletter
della rivista. Uno sconto del 36% sul prezzo edicola della rivista e inoltre potrai
partecipare all’estrazione di uno tra questi fantastici premi

EyeTV Sat
EyeTV SAT è un ricevitore USB 2.0 per i canali televisivi
satellitari, anche HD. Supporta DVB-S e DVB-S2, la
programmazione multilingue DVB, il televideo e l’audio
Dolby Surround. L’EyeTV SAT dispone di uno slot CI per le
pay TV; può quindi essere usato con Conditional Access
Module (CAM) e smartcard compatibili, di fornitori di
servizi pay per view che supportano ricevitori di terze parti
(CAM e smartcard non sono incluse).
La descrizione completa del prodotto è disponibile sul sito
www.elgato.com

*Il computer e il portatile non sono inclusi

EyeTV DTT Deluxe


Elgato EyeTV DTT Deluxe è uno stick USB dalle dimensioni
estremamente ridotte per ricevere ovunque, sul computer,
i canali televisivi in digitale terrestre (DVB-T), anche
HD. L’EyeTV DTT Deluxe racchiude la tecnologia Elgato
di ricezione del segnale TV in un dispositivo dal design
essenziale e compatto, che ne garantisce la portabilità.
Oltre al ricevitore, comprende un’antenna miniaturizzata e
il telecomando.
La descrizione completa del prodotto è disponibile sul sito
www.elgato.com

*Il computer e il portatile non sono inclusi

ABBONATI SUBITO su offerte.ilsole24ore.com/concorsoapplicando


Il regolamento completo del concorso è disponibile su www.applicando.com
_login

in copertina
Tantissime, e tutte succulente, le novità di questo mese.
A partire dall’anteprima di iPhone OS 4 che Apple, con Steve Jobs in
persona, ha offerto da Cupertino. Per vedere in opera il nuovo
sistema operativo di iPhone dovremo attendere l’estate (o l’autunno,
per l’iPad), nel frattempo possiamo leggere nella sezione Login quali
sono le novità annunciate. La sezione Test ospita recensioni di
prodotti hardware e software di grande interesse, a partire dai primi
due: il rendering engine VRAYforC4D per Cinema 4D e la nuova
fotocamera reflex entry level di Nikon, la D3000.
Il Focus è ricco di importanti nuovi prodotti. L’iPad è ormai
disponibile negli Stati Uniti, ma il lancio internazionale (e quindi
quello italiano) è stato posticipato di un mese, alla fine di maggio.
Per riuscire a raccontarvi del tanto atteso prodotto (e anche,

74
ammettiamolo, perché non resistevamo al pensiero dell’attesa…)
abbiamo coinvolto i nostri inviati sul suolo statunitense che si sono pagina
prestati – per nulla malvolentieri, anzi, più che volenterosi – nell’opera
di passare attraverso l’esperienza di “early adopter”, partendo dal
pre-order, passando per l’emozionante ritiro dell’iPad all’Apple Store
di downtown San Francisco, proseguendo con i primi contatti con
l’oggetto dei desideri.
S login
Il Focus prosegue con un’altra importante novità: la Adobe Creative
Suite 5. La suite, anzi, per meglio dire le famiglie di suite Adobe 08 guida al ciddì
dedicate ai professionisti del design, del web e del video ha raggiunto 14 news
24 storie di Apple
un importante aggiornamento. Anche in questo caso, al momento di
26 lettere
chiudere la rivista i software non erano ancora stati rilasciati, ma
abbiamo avuto modo di scorrere su una prerelase internazionale
tutte le caratteristiche degne di nota.
Nei Tutorial parliamo di database, con il pacchetto open source
S logout
sommario

OpenOffice.org, di Mac OS X, di watermarking delle immagini e di 150 indie sott’occhio


consigli di utilizzo per Microsoft Office. L’industria dell’intrattenimento corteggia i dispositivi
mobili di Apple e snobba i nostri amati Mac? Niente
Nella sezione iPhone la consueta razione di notizie, applicazioni,
paura, ci sono sviluppatori indipendenti a cui i
accessori, consigli. Chiude come sempre la rivista il Logout, con una computer piacciono ancora parecchio
rassegna di giochi prodotti da sviluppatori indipendenti e con gli
156 listino
spazi fissi dei nostri due opinionisti.
Non perdete, infine, il prossimo numero di Applicando, che avrà un 158 il torsolo
inserto gratuito di 32 pagine: una completa introduzione al Mac, La coppia degli anni 2000, iPod e iTunes, a confronto
dedicata a chi è al suo primo computer oppure sta approdando alla col futuro che verrà: l’Pad, iBooks e i libri
nostra piattaforma da un Pc Windows. 160 succo di mela
Sarà digitale, multimediale, potenziato e aggiornato
dall’iPad. Qualche dubbio? Solo uno. Basta non
chiamarlo più libro, e abbiamo risolto tutti i
problemi

006 APPLICANDO 288 - 05.2010


applicando 288 - 05.2010

S test S iPhone
38 VRAYforC4D 1.2 136 news
46 Nikon D3000
50 Finale 2010 138 Buffalo Dualie
54 Synology Disk Station DS410j
56 Pioneer XW-NAS5 140 tenere la rotta con
58 Sitecom Wireless Navigon MobileNavigator
Network TV Media Player L’azienda Navigon AG è stata una delle prime a
60 BIAS Peak Pro 6 pubblicare sugli App Store di tutto il mondo un
software di navigazione completo e funzionale:
64 Freecom Hard Drive Dock
MobileNavigator per iPhone
64 Macally mMouse
66 Dropbox 146 consigli pratici per iPhone
68 Western Digital My Book Studio for Mac Questo mese, nel nostro consueto appuntamento
con le funzioni più utili relative all’iPhone,

46
esploriamo un paio di possibilità offerte da

pagina
iTunes, come la protezione con password dei
backup e delle informazioni sui contenuti, e
alcune opzioni di personalizzazione, da Spotlight
alle suonerie

l’inizio di una rivoluzione? 148 James Cameron’s Avatar


Come Apple intende cambiare le carte in tavola e rivoluzionare un Poteva il gioco del più grande kolossal di sempre
intero mercato attraverso il nuovo iPad. Storia di un successo essere da meno del film? Avatar, pur con qualche
annunciato. Il nostro inviato da San Francisco ci racconta i primi pecca, è un gioco di qualità, vasto e dalla grafica
contatti con un iPad americano, dall’ordine al ritiro all’Apple Store, notevole
dall’apertura della confezione ai primi utilizzi

084 le novità della Creative Suite 5 S tutorial


S focus

Adobe ha presentato la famiglia di prodotti Creative Suite


5, le collezioni di software per i professionisti di design e 112 dati in ordine 128 marchiare
sviluppo e per le aziende, che copre tutti i campi, dal design e sempre pronti, con le fotografie
al web, al video. Vediamo in anteprima le principali novità OpenOffice.org Base Ecco come applicare un logo o nascondere
Le basi di dati, o database, sono probabilmente le informazioni all’interno delle immagini. Due
fondamenta di una società fortemente organizzata. applicazioni di digital watermarking e una
Senza di esse, non potrebbero esistere servizi che cloud app online per gestire al meglio l’uso
prevedono l’invio di bollette, non si potrebbe fare la delle “filigrane digitali” e assicurarsi la
spesa al supermercato né si potrebbe navigare su proprietà univoca delle nostre foto
Internet sfogliando pagine dinamiche. La buona
organizzazione dei dati inizia dalle tabelle e dalla 132 arricchire i documenti
relazione tra esse di testo con Microsoft
Word 2008 per Mac

84
122 il Mac migratore Vediamo alcuni aspetti magari un po’ meno
L’impostazione assistita che consente di configurare noti di Microsoft Word 2008 per Mac: le
pagina

il nuovo Mac in pochi e semplici passaggi, permette diverse modalità di visualizzazione del
anche di attivare una procedura di migrazione degli documento, le modalità di importazione,
account, dei dati e delle informazioni dal Mac impaginazione e modifica delle immagini e i
utilizzato in precedenza al nuovo Mac collegamenti dinamici con documenti Excel

102 l’industria degli spot


Questo mese siamo andati a visitare la londinese Hogarth,

122
una società di post-produzione video specializzata nel
settore pubblicitario che è riuscita a imporsi sul mercato
pagina

grazie a un approccio innovativo interamente basato su


Final Cut Server

108 tips & tricks

APPLICANDO 288 - 05.2010 007


_login

guida al ciddì
Il contenuto del CD-ROM allegato alla rivista. I file sono stati inseriti così come
forniti dai rispettivi produttori: Applicando non è responsabile del loro eventuale
malfunzionamento. Alcuni installer e programmi potrebbero collegarsi a Internet
automaticamente. Consultare la documentazione prima di usare i software. —a cura della Redazione

demo cabinet completamente

AmpliTube 3 ridisegnato, una nuova


tecnologia di simulazione degli
altoparlanti denominata VRM
La demo pienamente (Volumetric Response
funzionante per dieci giorni Modeling), il drag&drop degli
della versione 3.0.1 del noto effetti a pedale sulla pedaliera,
software di modellazione di una nuova e più sofisticata
amplificatori ed effetti di gestione dei preset e molto
chitarra di IK Multimedia– altro ancora. In più, il recente
Per i chitarristi e i bassisti aggiornamento 3.0.1 ha
questo software della italiana IK portato miglioramenti,
Multimedia (www. correzioni di errori e incrementi
ikmultimedia.com) non ha della stabilità. Nel CD potete
bisogno di presentazioni. trovare la versione Demo di produttore, la versione dimostrativa scade ed emette periodicamente
AmpliTube 3 rispetto al AmpliTube 3.0.1, pienamente dei rumori. Quando si usa il programma in versione Demo, annullare
predecessore offre un centinaio funzionante per dieci giorni. la procedura di autorizzazione. Leggere la documentazione del
di modelli in più, un modulo Dopo questo periodo, spiega il produttore prima di installare e utilizzare il software.

demo Il gioco di EMBERGEP (www.spaceworkgame.com) è

Spacework Red Edition 1.1 disponibile sia per Mac sia per Windows. Di Spacework
esistono inoltre due versioni: Red Edition e Orange Edition.
Effetti sonori, gameplay e avversari sono gli stessi in entrambe
Un gioco ambientato nello spazio, dal design le edizioni, solo il colore è differente. Nel CD potete trovare la
minimale, originale nell’artwork e nel concept– versione Demo di Spacework Red Edition. La versione Demo
prevede ovviamente delle limitazioni rispetto a quella
completa: ad esempio solo il 15% dell’area totale è visibile.
Come requisiti di sistema il produttore indica: Mac OS X Tiger,
Leopard, Snow Leopard, almeno una Intel GMA X3100 come
scheda grafica, 1 GB di memoria RAM, 21 MB di spazio
sull’hard disk. È un’applicazione solo Intel.

008 APPLICANDO 288 - 05.2010


guida al ciddì

DEMO Firefox 3.6.3


AmpliTube 3.0.1 La nuova versione del browser
La Demo pienamente funzionante del progetto Mozilla (www.mozilla-
per dieci giorni della versione 3.0.1 europe.org/it/firefox).
del noto software di modellazione
di amplificatori ed effetti di chitarra GIMP 2.6.8p2
di IK Multimedia. GIMP sta per GNU Image Manipulation
Program. È un programma open source
Land Air Sea Warfare 1.01 di fotoritocco e manipolazione
Uno strategy game di guerra prodotto immagini. Richiede X11 per funzionare.
da Isotope 244 (www.isotope244.com). Ulteriori informazioni all’indirizzo
www.gimp.org.
Spacework Red Edition 1.1
Un gioco ambientato nello spazio, OpenOffice.org 3.2.0
dal design minimale, originale La nota suite per l’ufficio completa
nell’artwork e nel concept rilasciata con una licenza open source.
(www.spaceworkgame.com). Info su http://it.openoffice.org.
D Vox 0.2.7
Vox è un semplice player musicale Vox 0.2.7
per Mac OS X che supporta molti tipi Player musicale per Mac OS X che
di file tra cui FLAC, MP3, AAC, INFO supporta molti tipi di file. Informazioni
www.applicando.com al sito www.voxapp.uni.cc.
Musepack, Monkey’s Audio, OGG
Il link diretto al sito di Applicando.
Vorbis, Apple Lossless, AIFF, WAV e
altri ancora. Incorpora anche alcuni
effetti. Il sito ufficiale del programma TEST
è www.voxapp.uni.cc e nel CD è OPEN SOURCE E SHAREWARE Schede informative dei prodotti provati
Cyberduck 3.4.1 questo mese, tratte dai siti dei rispettivi
inclusa l’ultima versione, compatibile
Molto più di un semplice client FTP, produttori.
con Snow Leopard (richiede almeno Cyberduck (http://cyberduck.ch) viene Nikon D3000
Mac OS X 10.5): la 0.2.7. Sul sito del definito un browser FTP, SFTP, WebDAV
software è disponibile un forum per e Cloud Files per Mac OS X, ed è open
supporto e segnalazioni. source.

Dropbox 0.7.110
Il client per il servizio di archiviazione
online, di cui parliamo nella sezione
D Land Air Sea test. Info su www.dropbox.com.
Warfare 1.01
Uno strategy game in tempo reale
prodotto da Isotope 244 (www.
isotope244.com). Nel CD è presente
la versione Demo: esiste anche la
versione per Windows e sul sito del
produttore la versione iPhone è data
come coming soon… Come il nome
lascia immaginare, bisogna guidare
centinaia di unità, anche
gigantesche, in uno scenario di
guerra. Il gioco è Universal.

APPLICANDO 288 - 05.2010 009


_login

Apple
_news
anteprima dell’iPhone OS 4,
in arrivo questa estate
A soli cinque giorni dal lancio completa, in quanto è distribuito il come pieno accesso ai calendari o
di iPad, Apple ha offerto solo modello Wi-Fi. Dal successo di alla libreria di foto, o la possibilità di
un’anteprima delle principali iPad alle cifre dell’App Store: oltre 4 inviare SMS dall’interno delle App
novità del prossimo iPhone OS, miliardi di App scaricate tra le oltre stesse, o ancora accelerarle a livello
la versione 4– Steve Jobs in persona 180.000 disponibili. Di queste, circa hardware per garantire migliori
ha aperto e condotto l’evento di 3.500 sono già disponibili in prestazioni. Il tutto condito dalle
presentazione, non prima di aver versione ottimizzata per iPad e nel oltre cento nuove funzionalità, tra le
reso noto alcuni dati riguardanti il momento in cui leggerete quali spiccano lo zoom 5x digitale
nuovo nato a Cupertino: 450.000 verosimilmente il numero sarà molto per la fotocamera, un nuovo
iPad venduti nei primi 5 giorni. più alto. Anche iPhone vuole però la controllo ortografico integrato, la
Se si paragona con l’iPhone 3GS, sua parte di numeri e questi arrivano possibilità di abbinare una tastiera
capace di vendere un milione di dalle percentuali di uso del web su Bluetooth o di usare il geotagging
pezzi nel week-end di lancio, il dato periferiche mobili negli USA: iPhone nelle fotografie.
è estremamente positivo, contando OS detiene il 65% del traffico dati, Steve Jobs ne individua sette, di
che iPad è stato lanciato soltanto distaccando nettamente Android colonne portanti per iPhone OS 4 e,
negli USA a differenza dell’iPhone che con poco meno del 20% si sorpresa, la prima è quella che per
3GS che ebbe un lancio mondiale, e piazza al secondo posto. iPhone ha sua ammissione sarà la più
che la gamma iPad al momento in superato la soglia dei 50 milioni di importante: il multitasking. Questa è
cui scriviamo non è ancora pezzi venduti nel mondo, che stata probabilmente la richiesta
sommati ai 35 milioni di iPod touch numero uno degli utenti iPhone e,
fanno dell’iPhone OS un mercato allo stesso modo, la prima critica che
davvero ampio e di grande interesse i detrattori muovevano all’iPhone, in
per gli sviluppatori. grado di far funzionare una sola App
Proprio agli sviluppatori è dedicato per volta (non del tutto vero in
principalmente l’evento che entra nel realtà, perché App di Apple come
vivo con l’anteprima del nuovo OS 4, iPod e Mail girano già oggi in
la prossima major release dell’iPhone background). In ogni caso, Steve
OS, piattaforma comune per iPhone, Jobs ha spiegato che, come già
iPod touch e, da pochissimo, iPad, avvenuto per il copia/incolla, Apple
che sarà disponibile nel corso ha voluto implementare il
dell’estate per iPhone e iPod touch e multitasking nel miglior modo
in autunno per iPad. possibile e ciò ha richiesto il suo
Gli sviluppatori – ai quali è tempo: una grossa sfida per non far
contestualmente data la possibilità perdere l’iPhone in prestazioni e
di scaricare la versione beta dei soprattutto in autonomia della
nuovi kit di sviluppo, iPhone SDK 4 batteria, nota già abbastanza
beta – avranno a disposizione dolente per i fruitori del telefono
maggiori strumenti per poter meglio con la Mela. Dal punto di vista
integrare le loro App con il sistema, dell’utente, premendo due volte il

014 APPLICANDO 288 - 05.2010


news

pulsante Home la schermata scivola da organizzare meglio le decine e


verso l’alto per mostrare una specie decine di App che popolano molti
di Dock che raccoglie le icone di iPhone e iPod touch. Il
tutte le applicazioni in quel funzionamento sembra simile agli
momento attive, con cui passare da stack introdotti in Leopard. Tocco di
un’App all’altra. classe, l’icona di un folder si
Alcuni processi potranno quindi compone delle miniature delle App
continuare in background (ed essere al suo interno. Il numero totale di
richiamati) sfruttando specifici App installabili cresce poi a oltre
servizi di multitasking offerti da 2.000, contro le 180 di oggi.
iPhone OS 4 (quindi a quanto pare La terza major feature di iPhone OS 4
non tutte le elaborazioni saranno tocca Mail, che riceve un grosso
proseguibili in background). Ad aggiornamento. Mailbox di entrata
esempio sarà possibile ascoltare unificata per tutti gli account
tramite un’App la radio in streaming presenti, possibilità di visualizzare i
e nel frattempo compiere altre messaggi in thread, possibilità di
operazioni (background audio). aprire gli allegati in applicazioni
Oppure tenere attivo Skype ed esterne, anche di terze parti, sono
essere sempre raggiungibili tramite alcune delle novità. La quarta è pubblicitaria mobile che veicola
VoIP, o usare il navigatore e iBooks, lo store di libri che Apple ha inserzioni all’interno delle App. Apple
continuare ad avere le indicazioni presentato come App per l’iPad e che gestirà le inserzioni pubblicitarie
vocali anche se l’App è in verrà integrato in iPhone OS 4: sarà – anche interattive e multimediali –
background (background location). quindi disponibile anche per gli trattenendo il 40% mentre alla
Una nuova tecnologia di “freeze” utenti di iPhone e iPod touch, con la software house andrà il 60% dei
delle App chiamata Fast app possibilità di sincronizzare i ricavi. Più che per l’utente che dovrà
switching consentirà poi di segnalibri in wireless tra i diversi “subire” gli spot, il meccanismo pare
congelare lo stato di un’App per dispositivi. molto interessante ad esempio per i
poter passare da una all’altra in La quinta categoria di novità piccoli sviluppatori come forma di
maniera veloce, ma non allocando a riguarda il mercato enterprise, con finanziamento di App dal costo
quelle in background risorse del una migliore gestione della sicurezza molto ridotto.
processore, nell’ottica del risparmio dei dati, dell’installazione di App È questa l’ultima delle caratteristiche
energetico e dell’offrire le massime dedicate, supporto per Exchange descritte (delle oltre 100 nuove
prestazioni all’App in uso. Dal punto 2010 e per applicazioni SSL VPN di funzioni per gli utenti e 1.500 nuove
di vista degli sviluppatori sono sette Juniper Networks e Cisco e altro API per sviluppatori) dell’iPhone OS
in tutto i servizi, descritti da Scott ancora. Di tutt’altro genere è il nuovo 4, che però non supporterà tutte le
Forstall, Senior VP iPhone Software Game Center, un ecosistema funzioni su tutti i modelli hardware,
di Apple, disponibili per fornire dedicato ai videogiocatori che Apple non ha fornito dettagli precisi,
possibilità multitasking alle App. potranno sfidarsi nella cerchia degli ma ad esempio il multitasking sarà
Ma il multitasking è solo il primo amici o tra sconosciuti, per poi disponibile solo su iPhone 3GS e
pilastro della nuova versione dell’OS confrontare i propri punteggi con iPod touch di 3° generazione. Non
mobile; il secondo è rappresentato quelli degli altri. Il multiplayer per sono stati dati dettagli su eventuali
dalle cartelle, un’altra richiesta iPhone non sarà disponibile subito prezzi di aggiornamento ma
pressante da parte degli utenti. Con con l’OS 4 ma solo più avanti nel immaginiamo che ci sarà un piccolo
iPhone OS 4 basterà trascinare corso del 2010. costo. Maggiori informazioni su
un’icona sopra a un’altra e in La settima novità maggiore di iPhone iPhone OS 4 su www.apple.com/
automatico esse verranno OS 4 si chiama iAd. Apple ha creato iphone/preview-iphone-os/.
raggruppate in una cartella, in modo sostanzialmente una piattaforma —Emanuele Trussoni

APPLICANDO 288 - 05.2010 015


_login news

integrato Intel oppure di liberare la


potenza della GT330 per compiti più
gravosi, come videogame o calcoli
3D. Da segnalare inoltre che l’intera
gamma MacBook
Pro monta adesso
di serie 4 GB di
Apple

i nuovi MacBook Pro


memoria RAM DDR3 e in opzione
vengono offerti dischi a stato solido
fino a 512 GB, anche se il prezzo è
sicuramente proibitivo per i più.
Tutta la nuova serie di MacBook Pro,
La primavera ha portato tante Processore: vengono adottate le CPU disponibile da subito, mentre
novità in casa Apple: l’attesissimo Intel Core i5 e i7 sulla gamma da 15” e scriviamo, sarà ovviamente testata
iPad, l’annuncio di iPhone OS 4 17”, mentre sul 13” rimane il Core 2 nei nostri laboratori e già nel
e una rinnovata gamma di Duo che viene alzato di frequenza. La prossimo numero potremo fornirvi
MacBook Pro– Per l’occasione sono scelta attuata è nell’ottica di offrire le una recensione completa.
state riviste le specifiche dell’intera migliori prestazioni possibili nel primo Per quanto riguarda i costi delle
gamma MacBook Pro, che aveva visto caso (fino al 50% di velocità in più configurazioni standard, del MacBook
il suo ultimo aggiornamento quasi un rispetto alla serie precedente) e Pro da 13 pollici ci sono due modelli,
anno fa, nel giugno 2009, con l’arrivo un’autonomia da record nel secondo uno con processore Intel Core 2 Duo
delle versioni Unibody. Se nulla è (anche qui si sfiora il 50%). da 2,4 GHz e hard disk da 250 GB, al
cambiato dal punto di vista estetico, Schede grafiche: per la sua gamma prezzo di 1.149 euro, e uno con
sono molte le migliorie che si notano portatile Apple continua ad affidarsi al processore Intel Core 2 Duo da 2,66
sotto il cofano, a partire dall’attesa e partner NVIDIA e nel MacBook Pro da GHz e disco rigido da 320 GB, a 1.449
prevista adozione dei nuovi processori 13” rimpiazza la GeForce 9400M con euro. Il nuovo MacBook Pro 15 pollici
Core i5 e i7, di cui abbiamo parlato in un chipset grafico completamente è disponibile in tre modelli: uno con
occasione della loro presentazione da nuovo e sviluppato appositamente processore Intel Core i5 da 2,4 GHz,
parte di Intel. La gamma di prodotti si per i computer della Mela. Parliamo scheda grafica NVIDIA GeForce GT
articola, come prima, in tre differenti della GeForce 320M capace di 330M con 256 MB e hard disk da 320
dimensioni dello schermo: 13,3”, 15,4” generare una potenza fino all’80% GB a 1.749 euro; uno con processore
e 17”, con svariate configurazioni e superiore al modello che sostituisce, Intel Core i5 da 2,53 GHz, NVIDIA
personalizzazioni. Per il dettaglio pur continuando a condividere la RAM GeForce GT 330M con 256 MB e disco
completo e le specifiche tecniche vi con quella di sistema. Sui modelli da rigido da 500 GB a 1.949 euro; e,
rimandiamo al www.apple.com/it, 15” e 17” invece, l’accoppiata 9400 più infine, uno con processore Intel Core
mentre qui ci focalizziamo sulle tre 9600M viene scalzata dall’adozione i7 da 2,66 GHz, NVIDIA GeForce GT
aree più toccate dall’aggiornamento. del chipset grafico Intel HD integrato e 330M da 512 MB e hard disk da 500
Batteria: da sempre è un aspetto della GeForce GT330M con 256 MB o GB a 2.149 euro. Il nuovo MacBook
cruciale per qualsiasi notebook e i 512 MB di memoria dedicata a Pro 17 pollici integra un processore
nuovi MacBook Pro migliorano le già seconda della configurazione. Questi Intel Core i5 da 2,53 GHz, NVIDIA
ottime performance della serie che modelli sono in grado tra l’altro, grazie GeForce GT 330M con 512 MB e disco
vanno a rimpiazzare. Grazie a celle di a una nuova tecnologia Apple, di rigido da 500 GB per 2.249 euro, con
litio più potenti e a una migliore cambiare “al volo” il chipset grafico possibilità di richiedere
gestione del risparmio energetico, usato in modo da garantire il miglior opzionalmente il processore Intel
Apple dichiara un’autonomia di 8/9 risultato in ogni circostanza, Core i7 da 2,66 GHz a un prezzo
ore per i modelli con display da 15” o adattandosi alla necessità di maggiorato di 180 euro.
17” e addirittura fino a 10 ore per il 13”. risparmiare energia usando il chipset —Emanuele Trussoni

016 APPLICANDO 288 - 05.2010


_login news

eventi

torna il Creativity Day


Il Creativity Day 2010 è un evento campo della stampa digitale, dei lavoro? Come creare un metodo per la
dedicato a chi fa della creatività monitor, dei dispositivi di acquisizione ricerca delle idee creative? Questo e
una passione e una professione– fotografica e riproduzione video- tanto altro al Creativity Day.
Lo staff di Inside, azienda italiana che audio, di software per l’elaborazione “In 10 anni c’è stato un costante
si occupa di formazione e training che grafica, per la costruzione di siti web. aumento dei visitatori e quest’anno,
ha ideato e organizzato il Creativity Creativity Day offre ai visitatori un per il decennale, abbiamo lavorato
Day, ha coniato per l’edizione 2010 il ricco programma di seminari, incontri duramente per offrire il meglio”,
claim: Get in the ring! Entra nel ring, e workshop dedicati all’uso di nuovi afferma Dora Raimondo, Event
buttati dentro, accetta la sfida. Una strumenti software e hardware, ma Manager di Inside. “Il 18 maggio
sfida di idee per artisti, designer, anche molto di più. Quest’anno saremo a Milano e poi ci sarà una data
illustratori, fotografi e una sfida saranno presenti nuovi sponsor e a Roma, sulla quale stiamo ancora
tecnologica per i produttori hardware prenderanno vita seminari dedicati al lavorando. Unitevi a noi, get in the
e software. Il Creativity Day è una mondo del lavoro e dei professionisti. ring!”. Il primo appuntamento è quindi
grande occasione di dibattito e Qualcuno ha sentito già parlare di per il 18 maggio a Milano. Tutte le
confronto per professionisti che downshifting? Come sopravvivere alla informazioni sono disponibili
sentono la necessità di soluzioni nel partita Iva? Come dar valore al proprio su www.creativityday.it.

storage 2U a 12 alloggiamenti che fornisce

nuove soluzioni ReadyNAS ad alte prestazioni fino a 24 TB di capacità in un singolo


sistema. Con 12 canali SATA è a sua
volta il primo sistema ReadyNAS a
ReadyNAS 3100 e ReadyNAS 4200: da “Netgear offre soluzioni di storage potenti, ma a supportare l’infrastruttura di rete 10
Netgear, due nuove piattaforme di storage prezzi contenuti, che supportano le applicazioni Gigabit Ethernet. Grazie a
di rete, ottimizzate per le applicazioni di avanzate e gli ambienti server virtualizzati, throughput, tempi di risposta,
virtualizzazione– ReadyNAS offre prestazioni tanto delle filiali aziendali quanto dei data affidabilità ed efficienza molto
elevate e affidabili nello storage dei dati, con center di medie dimensioni.” migliorati, è una soluzione per la
replica integrata e opzioni di backup nelle ReadyNAS 3100 è una piattaforma di storage virtualizzazione dei server, i database
infrastrutture IT virtualizzate, consentendo alle per il montaggio su rack 1U a 4 alloggiamenti e altre applicazioni per le aziende di
aziende di ridurre i costi e aumentare la che fornisce fino a 8 TB di capacità in un singolo piccole e medie dimensioni. Entrambi
flessibilità. “L’introduzione dei sistemi ReadyNAS sistema. È dotato di 4 canali SATA ed è il primo i prodotti sono VMware-ready e sono
3100 e ReadyNAS 4200 consolida ulteriormente sistema di storage per il montaggio su rack 1U soluzioni di storage unificato con
la leadership di Netgear nello storage in rete per a essere provvisto di alimentatore ridondante sistema operativo ReadyNAS
il segmento di mercato delle PMI”, ha dichiarato per migliorare l’affidabilità e la business RAIDiator basato su Linux. Per
Paul Tien, Vice Presidente e Direttore Generale continuity. ReadyNAS 4200 è invece una maggiori informazioni consultare il
della Business Unit Network Storage di Netgear. piattaforma di storage per il montaggio su rack sito di Netgear, www.netgear.it.

018 APPLICANDO 288 - 05.2010


_login news

mouse pad

il tappetino di SBS si illumina


Tra forma e sostanza, il nuovo hub scorrevolezza del mouse a sfera e
USB a quattro porte con funzioni di un’ottima performance per i mouse
mouse pad, non scende a ottici, grazie alla superficie ultrafine
compromessi. Le 4 porte USB di cui è composto lo strato superiore.
2.0 ad alta velocità collocate ai L’installazione è semplicissima grazie
bordi del prodotto consentono di alla tecnologia Plug and Play, e il
collegare dispositivi ad alta velocità design sottile e leggero, rendono il
tra cui lettori multimediali, periferiche prodotto perfetto anche da portare
di archiviazione di massa e dischi fissi sempre con sé. La compatibilità è
esterni. Ma anche un mouse, una assicurata sia con dispositivi USB 1.0
Quattro porte USB in più con il penna USB, o l’iPod per sincronizzare sia 2.0 e i sistemi supportati, per il
tappetino che unisce praticità e la musica, la macchina fotografica. pieno sfruttamento, da Mac OS X
decoro grazie all’illuminazione Inoltre il nuovo tappetino illuminato 10.2.8 a salire. Per maggiori
integrata– di SBS, garantisce una perfetta informazioni: www.sbs-power.it.

community online esempio modelle, arti grafiche e altre

Creathead festeggia il traguardo di ancora.


Ma la linfa vitale di Creathead è

10.000 iscritti e un milione di visite apportata dai Contest, strumenti che


rispondono alle esigenze di aziende,
agenzie pubblicitarie, enti e
Creathead è una delle più grandi community di teste creative italiane associazioni, sempre in cerca di idee
che ha appena festeggiato il milione di visite alle sue “vetrine dei abbondanti, proposte originali, alta
creativi”: un traguardo importante per il portale stesso, ma soprattutto qualità e tempi veloci. Scegliendo
per i creativi e le aziende che hanno creduto in questo progetto e hanno Creathead per lanciare le gare
ottenuto risultati significativi– Il settore che ha ottenuto maggiori creative, si possono realizzare
performance è quello dei grafici, seguiti a ruota da illustratori, art e fotografi. campagne pubblicitarie, eventi,
Anche grazie al successo raccolto, dall’inizio dell’anno i curatori hanno avviato packaging, siti Internet, loghi,
nuove e stimolanti iniziative quali “la vetrina migliore”, i “collateral” e i “contest”. marchi, grafiche, spot, design di
Infatti, ogni due settimane, i dieci migliori delle varie prodotti e non solo. Grandi nomi
categorie, a rotazione, si sfideranno amichevolmente in come Microsoft, Bosch, Psion,
un confronto per decretare la “vetrina migliore”del NoLimits, OKI, Mars, Blu, Alphabet
momento: un sistema di votazione consentirà ai Italia (Gruppo Bmw) e altre
visitatori del sito di scegliere il preferito, dopo aver importanti realtà hanno già lavorato
visitato le vetrine e aver preso visione dei lavori con Creathead ottenendo risultati di
presentati. I Collateral rappresentano invece un’iniziativa rilievo. Creathead, che gravita attorno
volta a espandere la community alle categorie che al portale www.creathead.it,
gravitano nell’area communication, ossia tutti coloro che è un marchio di Agenzia Brand:
girano intorno al mondo della creatività come ad www.agenziabrand.com.

020 APPLICANDO 288 - 05.2010


The White Stripes

Elephant

Lo speaker dal suono mondiale

Distributore ufficiale per l’Italia - ww.adl.it


_login news

eventi

grande successo
fotografato Lady Gaga, nuova
testimonial di Polaroid, realizzando
per lei (e per Polaroid) un mosaico di

per il Photoshow 2010


generose dimensioni (foto nella
pagina a fianco). Una domanda sorge
spontanea: ma quando finirà la sua
scorta di introvabili ricariche
Polaroid?
Roma quest’anno, in alternanza chiacchiere con gli esperti del settore. Nikon, come sempre in queste
con Milano, è stata il palcoscenico Certo, anche dal proprio fornitore di occasioni, ha dato molto spazio ai
dove si è svolto il Photoshow 2010– fiducia è possibile fare la stessa cosa, propri utenti permettendo loro di
Un paio di giorni dopo la chiusura ma in negozio non sempre il provare tutte le ottiche in catalogo,
dell’evento gli organizzatori prodotto che cerchiamo è disponibile con grande felicità dei nikonisti
annunciavano con un comunicato il per un test, e allora… viva le fiere! accorsi in massa per fare qualche
successo di Photoshow 2010 (www. Nikon, Canon, Epson, Olympus, sono scatto e provare le apparecchiature.
photoshow.it), rassegna nazionale di solo alcuni dei grandi marchi che Anche Canon ha offerto le sue ottiche
fotografia e immagine digitale, che hanno animato questa undicesima ai propri clienti. Particolarmente
ha registrato in tre giorni 53.000 edizione del Photoshow. interessante era un superobiettivo di
visitatori di cui oltre un terzo Allo stand della Polaroid è stata vista dimensioni impressionanti al quale
operatori. Nulla di nuovo sotto il sole, la nuova Polaroid 300 (disponibile in “agganciare” letteralmente la propria
ma è sempre una sorpresa e un Italia a partire da maggio). La nuova reflex e fare un po’ di scatti di prova.
piacere vedere quante persone macchina a “sviluppo istantaneo” è Notevoli le gallerie fotografiche
partecipano con entusiasmo a eventi caratterizzata da un inedito fattore di allestite per l’occasione da entrambe
di questo tipo. Internet, ovviamente, forma e da un sistema innovativo per le case nipponiche.
è uno strumento insostituibile per catturare e stampare l’immagine. La stampa fotografica, soprattutto
tenersi aggiornati, ma mostre, fiere e Presente allo stand anche il fotografo quella di grande formato, è stata
mercati restano il posto ideale per Maurizio Galimberti (autore dei molto ben rappresentata sia da HP
“toccare” con mano l’oggetto del famosi mosaici realizzati con le sia da Epson. Quest’ultima, però, ci è
desiderio o per scambiare quattro piccole foto) che recentemente ha sembrata quella che faceva la parte
del leone con le sue aree espositive
suddivise in “Fotografia per tutti”,
“Fotografia per passione”, “Fotografia
come professione” e l’ultima, la più
interessante, “Fotografia come arte”,
con la sezione dedicata al marchio
Digigraphie, ovvero stampe digitali
certificate in ambito artistico e
fotografico.
Olympus al suo stand ovviamente
proponeva la sua gamma di prodotti
consumer e pro, ma la cosa più
interessante era rappresentata dalla
nuova Pen E-P1 che ha ridato nuova
vita alla storica Olympus Pen nata nel
1959. Oggi, la E-P1 rappresenta la più
raffinata QuattroTerzi della sua
categoria e secondo i suoi produttori

022 APPLICANDO 288 - 05.2010


news

è la migliore fusione possibile tra le


compatte e le reflex riunendo in sé il
meglio di entrambe.
Il mondo Apple era presente tramite
uno stand ampio e articolato, nel
quale erano riuniti vari operatori del
settore e alcuni rivenditori autorizzati
come Chiaia Store e Fotoforniture
Sabatini. Lo stand era affollatissimo e
non solo per i prodotti presentati
(praticamente l’intera gamma Apple
con relativo parterre di accessori,
hardware di terze parti e software)
ma soprattutto per la disponibilità
degli operatori che hanno dato vita a
numerose sessioni di esempi che
attiravano frotte di appassionati.
Spettacolare vedere in azione (anche
se non si tratta di una vera novità) il
monitor/tavoletta Cintiq della
Wacom: illustratori e fotografi che
operano anche nella post-produzione
non dovrebbero trascurare questo apprezzata dai fotografi cosiddetti
strumento (anche se ancora un po’ matrimonialisti, particolarmente
costoso), in grado di restituire una numerosi in regioni come Lazio e
esperienza di utilizzo unica. Campania (oltre che in altre regioni
I prodotti della Mela non erano limitrofe) e quindi presenti in massa
presenti solo nello stand dei centri alla manifestazione. Questo,
autorizzati, ma erano in bella mostra evidentemente, è stato previsto da
praticamente nella maggior parte molti degli espositori presenti al
degli stand a dimostrazione (se Photoshow 2010, che hanno allestito
ancora ce ne fosse bisogno) che in i loro stand con numerosi prodotti precisa richiesta del mercato…
ambito grafico, fotografico e video lo pensati per questa categoria di Finiamo con una nota di ottimismo
standard di fatto, dopo tutti questi fotografi. Gadget, album extralusso che rileviamo di nuovo dal
anni, appartiene ancora ad Apple. con copertine che si illuminano o che comunicato di chiusura degli
Il padiglione dedicato all’antiquariato contengono una cornice elettronica organizzatori del Photoshow 2010: si
ha suscitato notevole interesse nei estraibile o addirittura con decori conferma un trend positivo di questo
visitatori, la cui presenza era ottenuti con polvere brillantinata, ma mercato con il primo bimestre 2010
caratterizzata soprattutto da giovani anche mini-fotolab per la stampa tipo che ha fatto registrare una decisa
incuriositi da quei prodotti che instant-press e carta fotografica impennata del fatturato: + 12%
probabilmente non avevano mai stampabile su entrambi i lati per la rispetto allo stesso periodo dello
visto o toccato prima, come alcuni realizzazione di fotolibri artigianali. scorso anno. Prosegue la forte
esemplari di macchine fotografiche e Certo non tutto era apprezzabile e crescita delle fotocamere reflex
ottiche appartenenti al mondo, molti di questi gadget erano (+22,9%) e quella degli obiettivi
sempre affascinante, della prima decisamente di cattivo gusto, ma venduti (+49%).
fotografia analogica. evidentemente i produttori —Nicola Olivieri
La sede di Roma è stata molto rispondono a quella che è una (foto della fiera di Umberto Mancini)

APPLICANDO 288 - 05.2010 023


_login

Microsoft Excel è probabilmente il programma per Macintosh più longevo tra


tutti quelli ancora in commercio e di cui vengono sviluppate nuove versioni

25 anni di Microsoft Excel


Excel venne annunciato da Microsoft
storie di Apple
dei dati; si potevano
venticinque anni fa, nel maggio del 1985, cambiare i caratteri, le
in un incontro con la stampa a New York, e loro caratteristiche e
venne poi messo in vendita nel mese di anche l’aspetto delle
settembre a 395 dollari– Non si trattava però celle. Offriva la
del primo foglio di calcolo per Mac targato stampa unione e
Microsoft: il gennaio 1984, mese di nascita del includeva la creazione
Mac, aveva trovato l’azienda di Bill Gates di grafici, operazione
pronta con due prodotti per il nuovo in precedenza svolta
computer voluto da Steve Jobs. Uno di questi da programmi a parte
era Multiplan, spreadsheet già disponibile da come Chart della
alcuni anni per MS-DOS e per l’Apple II e per stessa Microsoft. Era
tanti sistemi anche molto diversi tra di loro infine il primo a
come il Commodore 64, il Texas Instruments effettuare il ricalcolo
TI-99/4A e Xenix. Excel arrivò l’anno seguente “intelligente” delle
e non era frutto di un porting di qualcosa di funzioni: laddove gli
preesistente ma un prodotto molto più altri programmi
complesso e ambizioso, pensato per il Mac. ricalcolavano tutto di continuo o dopo un A Immagine
Talmente complesso e ambizioso che non comando dell’utente, Excel andava a elaborare pubblicitaria
funzionava sul Macintosh originale. La sua solo ed esclusivamente le celle che di Excel tratta dal
memoria di 128k risultò stretta a Excel e per dipendevano da quelle appena modificate. retro di copertina
utilizzarlo era necessario un Mac 512k, il “Fat Si trattava oggettivamente di un notevole di Applicando di
Mac” messo in vendita a partire dal settembre passo in avanti rispetto alla concorrenza aprile 1986
1984 (vedi Applicando n. 279). Altrettanto (Visicalc e Lotus 1-2-3) e – insieme agli altri
interessante è che a differenza di Multiplan o software di Microsoft – fu uno strumento
di Word, Excel non fu subito disponibile anche importante per gli sforzi di diffondere il
per Pc con MS-DOS. Venne sviluppato Macintosh negli uffici. Questo in parte si ritorse
appositamente per Mac e rimase un’esclusiva contro Apple. L’azienda di Bill Gates sfruttò il
di questa piattaforma per ben due anni: solo suo sostegno al “computer for the rest of us” per
nel 1987 arrivò sul mercato la versione per Pc, ottenere una licenza di riutilizzo di elementi
che necessitava dell’ambiente grafico dell’interfaccia grafica del Mac per Windows
Windows. Secondo alcune fonti, quando Excel 1.0, assicurandosi così l’immunità dalle
venne mostrato a Jobs quest’ultimo non si successive cause contro l’aspetto e il
mostrò particolarmente impressionato e funzionamento di Windows.
dichiarò di preferirgli Lotus Jazz. Era però —Nicola D’Agostino e Storie di Apple
innegabile che il programma di Microsoft
avesse diverse novità di rilievo.
Era ad esempio il primo foglio elettronico che
permetteva all’utente di controllare l’aspetto

024 APPLICANDO 288 - 05.2010


_login

lettere
Dubbi, perplessità, opinioni salaci, complimenti e delazioni?
Inviate una mail all’indirizzo lettere.applicando@businessmedia24.com.
Le lettere utili a tutti e i commenti più interessanti verranno
pubblicati in queste pagine —a cura di Emanuele Fiorillo

Creative Suite in arrivo


precedente dell’applicativo. I dettagli dell’operazione
variano da società a società, ma vale sempre e
comunque la pena informarsi in merito alla questione,
I vantaggi del grace period– Un buongiorno a tutta la specie se il software che si sta per comprare è sul
redazione di Applicando; vi scrivo per chiedere conferma di mercato già da qualche tempo e si sospetta che ne stia
una notizia che spero sia vera, poiché, a quanto ho per arrivare una nuova versione. Nel caso di Adobe le
capito, la Creative Suite 5 di Adobe è sulla rampa di lancio. linee guida per il grace period sono descritte nel file
In poche parole mi interessa sapere se è vero che, PDF che si trova all’indirizzo www.adobe.com/it/
acquistando la CS4 prima del rilascio della nuova versione, support/pdfs/Grace_Period_Update.pdf, e risultano
ho diritto all’aggiornamento gratuito a quest’ultima. Se sì, valide anche per la neonata CS5. Qui si legge che “si
a quali condizioni? Ci sono dei limiti temporali? Oppure definisce Grace Period il lasso di tempo che intercorre
bisogna pagare qualcosa? Attendo in trepidazione vostre tra l’annuncio di un nuovo prodotto e la sua effettiva
notizie, dato che sono fermo alla CS3 e “portarmi avanti” di disponibilità presso il canale di distribuzione e rivendita.
due versioni in una volta sarebbe un bel colpo. Fiducioso Solo e solamente durante questo specifico periodo di
nella vostra risposta, vi porgo cordiali saluti. tempo il cliente può inoltrare richiesta per l’ottenimento
—Emiliano Pardi dell’aggiornamento gratuito. Scaduto questo termine, la
richiesta non può più essere accettata”. È importante
Caro Emiliano, ciò a cui ti precisare due cose: la prima è che il grace period si
riferisci prende il nome di applica anche agli aggiornamenti; se sei partito dalla
“grace period” e fa parte di CS2, hai acquistato l’upgrade a CS3 e intendi fare lo
una precisa politica stesso con la CS4, Adobe ti invierà (al costo delle sole
commerciale non solo di spese di spedizione) l’upgrade alla CS5. La seconda è
Adobe, ma di molte altre che il grace period – come chiaramente specificato da
software house anche di Adobe – decorre dal momento dell’annuncio ufficiale
medie e piccole dimensioni. della CS5, avvenuto lo scorso 12 aprile; le precedenti
In linea di massima la cosa voci di corridoio non contano e, soprattutto, l’offerta è
funziona come l’hai descritta: limitata nel tempo. A parte questo, si tratta di un
in corrispondenza del lancio eccellente strumento per ottimizzare gli investimenti sul
della nuova versione di un software, sfruttando un “2x1” molto conveniente;
programma, la software l’offerta è valida anche presso i rivenditori Adobe, per
house si impegna a fornire cui ti consigliamo di lasciare al tuo commerciante di
l’upgrade gratuito a quanti fiducia l’onere di avvisarti su tempi e modi per poter
avessero acquistato la release sfruttare l’occasione.

026 APPLICANDO 288 - 05.2010


5$0 6WRUDJH6SHFLDOLVW

PHPRU\

0DGHIRU$SSOH (QMR\WKHVWRUDJH1RZ$SSOH6W\OH

+DUGHUEHWWHUIDVWHUVWURQJHUPRELOHVWRUDJH
'45$,'VLPSO\IDVW

9LD=DJDUuD4XLQWRGL7UHYLVR 79 Ã,7$/<Ã7HO
ZZZLFHEHUJWHFKQRORJ\FRPÃLQIR#LFHEHUJWHFKQRORJ\FRP
_login lettere

iPad e le presentazioni
Caro Giuseppe, ti confermiamo che la cosa si
può fare: sulla pagina delle specifiche tecniche
di iPad (www.apple.com/it/ipad/specs), alla
Connettore cercasi– Gentili redattori di accompagna ovunque. Ebbene: ho seguito voce “TV e video”, si legge infatti: “Supporto per
Applicando, sono un utente Apple dal per intero il keynote di Steve Jobs sull’iPad e 1.024 x 768 con adattatore da connettore dock a
1983, Mac dal 1985 e vostro lettore dal sono rimasto folgorato quando Phil Schiller VGA; 576p e 480p con cavo A/V component
primo numero della rivista, che ritengo un ha presentato iWork per iPad, dicendo che Apple; 576i e 480i con cavo composito Apple”.
punto fermo per l’informazione tecnica sul il nuovo tablet si può collegare a un La possibilità di replicare su un proiettore o su
mondo Apple. Dopo i rapidi, ma sentiti e proiettore multimediale; tuttavia, fra gli un monitor esterno il contenuto dello schermo
dovuti, complimenti, vi pongo un quesito. accessori di iPad presentati sul sito Apple di iPad è quindi certa; quello che attualmente
Sono un chirurgo, professore universitario non c’è alcuna traccia di questo connettore, manca, come tu stesso segnali nella tua e-mail, è
della Università Federico II di Napoli. Oltre a né mi sembra che iPad abbia una presa proprio un cavo/adattatore che dalla porta dock
un’intensa vita professionale chirurgica e di Mini DisplayPort o similare attraverso cui dell’iPad si possa connettere a un’interfaccia
ricerca svolgo una notevolissima attività connettersi a un proiettore (DVI, miniDVI, video esterna. Ma non temere: prodotti di
congressuale, tenendo una media di circa VGA, SVGA o altro). Potete aiutarmi a questo genere sono sicuramente in arrivo e,
tre conferenze al mese in giro per il mondo, questo proposito? Questa informazione anche se al momento in cui scriviamo l’iPad non
senza contare le tantissime lezioni agli potrebbe essere molto importante per tutta è disponibile in Italia, sullo store americano
studenti del corso di laurea e delle scuole di la comunità accademica e scientifica Apple già commercializza un “iPad Dock
specializzazione; inutile dire che sono un Apple, che – vi assicuro! – è assai nutrita. Connector to VGA Adapter”, con cui è possibile
accanito utilizzatore di un MacBook Pro da Grazie in anticipo, venire incontro alle esigenze di tutti gli utenti di
15” (un Intel Core 2 Duo da 2,8 GHz) che mi —Giuseppe Galloro Keynote e PowerPoint.

dischi di installazione
risolvere il problema: basta ricorrere
a Utility Disco (è nella cartella
Applicazioni > Utility). Inserisci il DVD
Come crearne uno– Un saluto a tutti i lo abbiano sempre sottomano, in caso di installazione e selezionane il nome
redattori di Applicando: leggo sempre di emergenza: i portatili sono infatti “Mac OS X Install DVD” nella colonna
volentieri la vostra rivista, che spesso mi spesso fuori casa. Ho provato a fare una di sinistra, quindi scegli il comando
è tornata utile per superare i problemi copia diretta del disco di installazione, Archivio > Nuova > Immagine disco
tecnici… Stavolta però vi chiedo una ma con il DVD risultante non sono da “Mac OS X Install DVD”. Nella
mano “extra”. Ho acquistato il nuovo riuscito ad avviare il MacBook Pro… finestra di dialogo che appare scegli
Snow Leopard in edizione Family Pack, —Silvio Zonca “master DVD/CD” come Formato
per installarlo su 5 diversi computer immagine e “nessuna” come
casalinghi (in famiglia ne abbiamo tre, Caro Silvio, premettiamo che sul Codificazione, quindi decidi un nome
di cui due portatili). Vorrei duplicare il versante legale ti stai addentrando in e il luogo di salvataggio per
DVD di installazione in modo che tutti una zona grigia: è vero che il Family l’immagine che stai per creare. Con
Pack consente di installare Mac OS X un clic su “Registra”, l’operazione è
su 5 diversi computer, ma il contratto terminata: devi solo attendere che
d’uso di Apple cita la possibilità di Utility Disco crei la tua immagine.
duplicare il DVD di installazione Potrai masterizzare quest’ultima su
esclusivamente a scopo di backup (e un DVD vergine, sempre da Utility
una sola volta, non di più). In questo Disco, trascinandola nella colonna di
caso sei ancora nel giusto, e ti sinistra, selezionandola e facendo clic
possiamo fornire le indicazioni per su “Masterizza”.

028 APPLICANDO 288 - 05.2010


liarsi d
Sveg ive
nt
a
un
ver
o p i a cere!

Importatore ufficiale per l’Italia - www.adl.it


_login lettere

caro, vecchio PPC


Mac PPC come il tuo, è stato abbandonato proprio con
Leopard, indipendentemente dall’architettura del Mac; se
quindi aggiorni a 10.5 dovrai rinunciare al vecchio
Gli aggiornamenti possibili– Salve a sistema operativo di qualche anno ambiente di emulazione, a meno di ricorrere a
tutti, sono un vostro affezionato fa. Nel tuo caso puoi aggiornare a SheepShaver (www.emaculation.com/doku.php/
lettore (anche se, lo ammetto, Mas OS X 10.5 “Leopard”, che richiede sheepshaver), che per inciso funziona anche sui Mac
occasionale), ma spero comunque che almeno un processore G4 a 867 MHz Intel. Terza cosa: a proposito della Creative Suite, Adobe
possiate darmi alcuni preziosi e 512 MB di RAM, ma non a Snow precisa che “Creative Suite 2 e precedenti potrebbero
suggerimenti. Possiedo un iMac G5 da Leopard, per cui è necessario un anche funzionare sotto Leopard, ma sono state
2 GHz con 2 GB di RAM e Mac OS processore Intel. Devi però tenere progettate, testate e rese disponibili al pubblico diversi
10.4.11, su cui utilizzo abitualmente la presente alcune cose. Prima di tutto anni prima che il nuovo sistema operativo fosse
Creative Suite Adobe e alcuni vecchi Leopard non è più in vendita su disponibile. L’utente potrebbe, pertanto, sperimentare
programmi per Classic. Soprassedendo Apple Store: una scelta, questa di una serie di problemi relativi a installazione, stabilità e
su questi ultimi, ma continuando a Apple, che ha scontentato gli utenti affidabilità per cui non esistono soluzioni. Le versioni
sfruttare almeno i programmi della CS, con la necessità di aggiornare il meno recenti della Creative Suite non verranno
vorrei sapere fino a quale versione system all’ultima versione aggiornate per supportare Mac OS X Leopard”. Per
posso aggiornare il sistema operativo disponibile per il loro G4 o G5. Per esperienza diretta, possiamo dirti che sotto Leopard la
del computer e, più in generale, cosa è recuperare questo OS devi quindi CS2 funziona relativamente bene (alcune piccole
possibile espandere nel mio Mac. rivolgerti a canali alternativi, come i incompatibilità sono state risolte dagli utenti stessi, con
Grazie e buon lavoro! siti di e-commerce online che espedienti di vario tipo), mentre l’accoppiata tra CS1 e
—Luca Schiavo abbiano qualche “fondo di Leopard è decisamente più instabile; la prima versione a
magazzino” o i mercatini dell’usato. essere definita da Adobe “pienamente compatibile con
Caro Luca, la tua domanda è Seconda avvertenza: Classic, che Leopard” è invece la Creative Suite 3, che – anche in
interessante, vista la moltitudine di Apple supportava unicamente sotto i questo caso – dovrai recuperare sul mercato dell’usato o
utenti che hanno ancora un Mac di scandagliando le offerte online. Passando all’hardware, ti
tipo PowerPC ma sono fermi a un ricordiamo che Apple ha pensato l’iMac come una
macchina sostanzialmente “chiusa”, per cui le opzioni di
aggiornamento sono ridotte all’osso. Restando nel campo
dell’umanamente fattibile puoi intervenire praticamente
sul solo disco rigido, montando un capiente hard disk da
3,5 pollici di tipo SATA I oppure SATA II (che sia
retrocompatibile con SATA I: attenzione dunque agli
ultimissimi modelli SATA II, che non sempre offrono
questa possibilità); dovrai però aprire il Mac per accedere
alla componentistica interna; se non ti senti troppo sicuro
nell’effettuare un intervento del genere, chiedi aiuto a un
tecnico specializzato. La RAM, altro componente
aggiornabile con poco sforzo, è invece già al massimo; il
tuo modello di iMac ne supporta infatti 2 GB, non di più.
Esiste poi, naturalmente, una pletora di periferiche
esterne (dischi rigidi, webcam, componenti audio e così
via) che possono arricchire la dotazione del tuo Mac
sfruttando le interfacce presenti sul retro della macchina;
l’elenco è davvero lungo e lo spazio di queste pagine non
ci permette di affrontarlo il modo esauriente, ma ti basta
visitare il sito di qualche rivenditore specializzato per farti
un’idea sulla vastità dell’offerta.

030 APPLICANDO 288 - 05.2010


La matematica
è una opinione.
Estesa.

Da oggi puoi avere Office per Mac Home & Student Edition (valida per tre licenze)
e l’irrinunciabile Bluetooth Number Pad ad un prezzo davvero incredibile!
Estendere le capacità del tuo Mac non è mai stato così conveniente.

© 2010 Microsoft. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società.
* La promozione è valida dal 15 Aprile al 15 Giugno 2010.
www.microsoft.com/italy/mac
Stai aspettando i tuoi cataloghi
ma il tuo stampatore abituale
è dall’estetista?

pixart.it, più valore al tuo tempo.

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


stampa 32x44 a colori

0 ,€/cad.
01 *

da
adesivi

4,98 *

da €/mq

stampa su materiale rigido

9,85 *

Prezzi IVA esclusa.


da €/mq
“Preventivo immediato e consegne al cronometro
con la qualità di HP Indigo 7000 e Komori LS-1029:
con un servizio del genere sarai tu ad avere il tempo per l’estetista”
Prezzi IVA esclusa.

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


“Manda il file e dedicati a te stesso,
goditi un servizio di tutto riposo”

new!

new!

Tutti i marchi citati sono registrati e di proprietà delle rispettive case.

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


“Una vita più rilassante e con più tempo per te
con Rho 700 e 800 di Durst,
Océ Arizona 350 XT e 7 tavoli da taglio Zund.”
Prezzi IVA esclusa.

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


“Con pixart.it anche il packaging è diventato una passeggiata rilassante.
L’unico problema sarà come impegnare il tuo tempo libero.”

Tutti i marchi citati sono registrati e di proprietà delle rispettive case.

antità
altre qu ti su:
e forma
pixart.it

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


_test
rendering
VRAYforC4D 1.2
fotocamera
Nikon D3000
musica
Finale 2010
storage
Synology Disk Station DS410j
audio
Pioneer XW-NAS5
riproduttore multimediale
Sitecom Wireless Network TV Media Player
audio
BIAS Peak Pro 6
accessori
Freecom Hard Drive Dock
accessori
Macally mMouse
storage remoto
Dropbox
hard disk
Western Digital My Book Studio for Mac

legenda
ECC
Plug-in che porta il motore di rendering di Chaos Group
E Lab Test scelto per eccellenza
all’interno del programma di modellazione Cinema 4D
LLE

Un prodotto che spicca


NZ A

all’interno della propria

VRAYforC4D 1.2
categoria
CON
Lab Test scelto per convenienza
VEN

Un prodotto particolarmente
IENZA

interessante come rapporto


qualità/prezzo
INN
Lab Test scelto per innovazione Per chi non lo conoscesse, V-Ray è uno straordinario mo-
OV

Un prodotto che apre nuove tore di rendering, destinato alla resa fotorealistica in ambi-
A ZIONE

strade nel mercato hardware info to architettonico, del design e della computer grafica tridi-
o software LAUBlab_KG Vienna
mensionale in genere. Nato nel 2002 a opera dalla bulgara
ANT
Lab Test anteprima www.vrayforc4d.com
€ 790,00 Chaos Group e sviluppato inizialmente solo per il program-
EP

Primo sguardo senza un giudizio


RIMA

definitivo perché il prodotto ma 3D Studio Max di Autodesk, questo sistema dedicato al


è in versione beta o preliminare sistema di rendering allo sta-
rendering fotorealistico si è ben presto distinto, divenendo
to dell’arte, realistico e veloce;
perfettamente integrato all’in- assai popolare per la sua straordinaria resa (non solo di gran
Il nuovo riferimento terno di Cinema 4D a partire dal- qualità ma anche fisicamente accurata), per la capacità di ge-
Un’ottima scelta la versione R 10.5; funziona sia a
stire la geometria tridimensionale in maniera ineccepibile e
32 sia a 64 bit
Soldi ben spesi per la velocità di calcolo tutt’oggi insuperata.

Senza infamia e senza lode


curva di apprendimento ri- Esclusivo appannaggio del mondo Windows fino a pochi an-
pida; esclusivamente in ingle- ni fa, finalmente il programma si è aperto all’universo Mac
C’è di meglio se; sporadici bug; costo impe-
gnativo
proprio grazie al lavoro svolto da utenti evoluti, appassio-
Se non diversamente specificato,
nati di Cinema 4D e di V-Ray. Stefan Laub, austriaco esper-
tutti i prezzi si intendono Iva inclusa to di modellazione e rendering, con la collaborazione degli

038 APPLICANDO 288 - 05.2010


rendering

© LAUBlab
italiani Renato Tarabella e Daniele Fi- che, oltre a garantire la piena compa-
cini, sono infatti gli “artefici” del por- tibilità con la più recente versione di
ting di V-Ray all’interno di Cinema 4D, Cinema 4D, introduce migliorie e no-
grazie alla programmazione di un in- vità di grande rilievo.
telligente bridge che, senza soluzio-
ne di continuità, integra perfettamen- La potenza della luce
te il sistema di render professionale di Una volta installato il software e otte-
Chaos Group direttamente tra i menu nuta via e-mail la license key legata al
del programma Maxon, sfruttandone numero di serie del proprio Cinema 4D,
sapientemente tutte le apprezzate fun- VRAYforC4D si presenta con differenti
zionalità, dal sistema di luci ai materiali e distinte voci all’interno del program-
© ARCHITECTURE VIZ

procedurali, sino ai moduli particolari ma ospite, più o meno in ognuno dei


come Hair (per la generazione di fila- “settori” principali (luci, materiali, me-
menti, peli e capelli) e MoGraph (svi- nu per il rendering). Il plug-in adotta
luppato per la creazione di animazio- pienamente il paradigma di funziona-
ni di grande impatto visivo attraverso mento di Cinema 4D e agisce fonda-
l’impiego di dinamica dei corpi rigidi motore di rendering più apprezzato mentalmente attraverso comodi tag,
e sistema di cloni). al mondo. Il plug-in è disponibile, ol- da associare a oggetti e funzioni che
Il lavoro compiuto dal terzetto euro- tre che per Windows, per sistemi Mac già siamo abituati a utilizzare all’inter-
peo ha dell’incredibile: in soli 20 MB, a 32 e 64 bit ed è compatibile con Ci- no del programma Maxon.
direttamente scaricabili dal sito ufficia- nema 4D a partire dalla versione 10.5. Questo significa che, fin da subito, sa-
le www.vrayforc4d.com, è racchiu- Commercializzato sin dal 2008, oggi remo in grado di utilizzare scene già
sa tutta la straordinaria potenza del VRAYforC4D è giunto alla release 1.2 create in precedenza e, senza trop-

APPLICANDO 288 - 05.2010 039


_test VRAYforC4D 1.2

D Il calcolo
effettuato da
VRAYforC4D è
realistico e molto
veloce, e consente
di ottenere render
di grande bellezza
e pulizia

pe nozioni, potremo utilizzare il siste- Force e, appunto, light Cache, VRAY Materiali ultra-realistici
ma di rendering V-Ray con pochi sem- offre una flessibilità impensabile da Un altro “comparto” che rivoluziona il
plici clic: sarà sufficiente convertire in ottenere con gli strumenti forniti da modus operandi tipico dell’utente di
modo automatico i materiali originali casa Maxon. Cinema 4D è la gestione dei Materia-
di Cinema 4D per renderli compatibili Non basta. Il plug-in supporta il cal- li. VRAYforC4D è in grado di convertire
con il nuovo sistema, associare alle lu- colo delle luci fotometriche e legge in “al volo” qualsiasi materiale di Cinema
ci presenti nella scena il relativo tag di maniera impeccabile i dati fotometrici 4D in un materiale proprietario grazie
V-Ray e selezionare nella finestra desti- forniti dalle stesse aziende che costrui- a un apposito comando ma, natural-
nata al rendering vero e proprio il mo- scono lampade (dati IES): in questo mente, può generare materiali parten-
tore appena installato (scegliendo da modo è possibile replicare in manie- do da zero e sfruttando il proprio si-
un apposito menu a tendina uno dei ra assoluta il comportamento di lam- stema multi layered BRDF.
21 preset) per ottenere un’immagine pade e fonti di luce particolari, senza Un materiale BRDF (acronimo che sta
sicuramente straordinaria. alcuno sforzo. per Bidirectional Reflectance Distribu-
La caratteristica più sorprendente di Per finire, VRAYforC4D possiede uno tra tion Function) sfrutta una sofisticata
VRAYforC4D è proprio la luce: il pro- i più sofisticati e realistici motori per funzione che calcola il modo con cui
gramma è in grado di simulare in ma- la resa di luce solare e proveniente dal la luce viene riflessa da una superficie
niera impressionante il comportamen- cielo, in grado di illuminare in maniera opaca. Al contrario del sistema interno
to fisico della luce grazie ad algoritmi di corretta sia scene in esterno sia inter- di Cinema 4D, quel che propone VRAY
calcolo davvero unici, come il Light Ca- ni; l’integrazione con gli strumenti di origina materiali assolutamente reali-
che Global Illumination, che è in grado Cinema 4D, anche in questo caso, ha stici, in grado di comportarsi in modo
di calcolare gli infiniti rimbalzi della luce dell’incredibile: si inserisce nella sce- corretto in qualsiasi condizione di lu-
sulle superfici di una scena restituendo na una luce solare per la quale si de- ce essi vengano esposti. Tanta potenza,
un feedback quasi istantaneo. cide longitudine, latitudine e orario, si tuttavia, si manifesta attraverso un’in-
Con la possibilità di accoppiare tra di associa un tag light di VRAY all’inter- terfaccia congeniale agli utenti abitua-
loro più sistemi di calcolo, come Irra- no del quale si abilita il cielo fisico e il li del programma e consente una fles-
diance Map, Photon mapping, Brute sole, e il gioco è fatto. sibilità così elevata da permettere fa-

040 APPLICANDO 288 - 05.2010


_test VRAYforC4D 1.2

cilmente la riproduzione di proprietà materiali molto particolari come cere, del plug-in apporta in questo compar-
particolari come riflessioni anisotropi- alabastri, plastiche traslucide, oppu- to sostanziali novità: lo speciale shader
che, riflessioni sfocate, rifrazione e as- re tendaggi, fogli di carta ecc., che la- Fast SSS2Material calcola in modo fisi-
sorbimento della luce. Shader specifi- sciano passare la luce ma risultano co- camente accurato la dispersione del-
ci, poi, sono stati studiati per replicare munque opachi. Proprio la versione 1.2 la luce in base allo spessore di un og-

S L’integrazione
con Cinema 4D è
perfetta: il plug-in si
inserisce in tutti i
“comparti” senza
soluzione di
continuità,
impiegando il
medesimo
paradigma
dell’applicazione
ospite e
sfruttandone tutte le
caratteristiche
salienti, come
l’Interactive Render
Region

D Grazie a
VRAYforC4D
finalmente è
possibile impiegare
all’interno del
programma di casa
Maxon il calcolo
fisicamente corretto,
con l’impiego delle
luci fotometriche

042 APPLICANDO 288 - 05.2010


rendering

S VRAYforC4D è in
grado di simulare
materiali assai
complessi, come
cera, plastica
traslucida, marmi,
e così via: nella
versione 1.2 tali
materiali sono
calcolati a una
frazione del tempo
rispetto alla
precedente release

getto, riuscendo così a raggiungere un renti obiettivi e di grandangolari. Tut- rendering, garantendo risultati assolu-
realismo impossibile da ottenere altri- ti questi parametri possono essere re- tamente vicini a quelli reali.
menti, a una frazione del tempo impie- golati come si farebbe con un apparec- Infine, è possibile selezionare differen-
gato dalla precedente release. chio fotografico tradizionale e portano ti tipologie di camere per ottenere, ad
VRAYforC4D presenta, infine, un fanta- nuove possibilità agli artisti digitali fa- esempio, panorami VR o effetti fish eye
stico sistema di displacement micro- cilitando non poco la realizzazione di di grande impatto.
poligonale che, attraverso una textu- un buon render. Con la VrayPhisicalCa-
re, è capace di deformare realmente la mera, infatti, è assai semplice regola- Un futuro roseo
geometria di un oggetto sino a stravol- re l’esposizione di un’immagine rende- Molto altro ci sarebbe da dire su que-
gerne completamente la forma; an- rizzata: è sufficiente, ad esempio, agire sto straordinario plug-in: dalla capa-
che in questo caso, rispetto all’engine sulla sensibilità della pellicola virtuale cità di gestione di miliardi di poligo-
standard di Cinema 4D i risultati sono per aumentare o diminuire la lumino- ni grazie alla funzione Proxy, alla pos-
straordinariamente puliti e, soprattut- sità generale, senza toccare alcun pa- sibilità di produrre velocemente ani-
to, velocissimi. rametro relativo alla luce, con un bel mazioni in modalità Global Illumina-
risparmio di tempo. tion grazie al salvataggio in cache dei
Una macchina Completamente differente, poi, è il dati di illuminazione, dall’integrazio-
fotografica virtuale comportamento della profondità di ne con moduli evoluti di Cinema 4D
Rispetto alla telecamera di Cinema 4D, campo: nel programma di Maxon il come Thinking Particles o Hair fino al-
la VrayPhisicalCamera funziona proprio DOF (Depth of Field) è un effetto appli- la possibilità di Net rendering con un
come una macchina fotografica reale, cato al rendering finito in fase di post- numero di nodi illimitati già compresi
con tanto di F-Stop (ovvero l’apertu- processo; in altre parole si tratta di un nel prezzo base.
ra del diaframma), Shutter Speed (ve- effetto che facilmente si può ottenere Il lavoro svolto è davvero ottimo, gli
locità dell’otturatore) e Film ISO (ossia con un buon programma di fotoritoc- strumenti messi a disposizione sono
la sensibilità della… pellicola virtua- co. La Camera di VRAYforC4D, al con- ricchi di possibilità e, seppur in grado
le); è possibile anche controllare la di- trario, calcola il DOF in maniera fisica- di produrre grandi risultati sin da su-
storsione dovuta all’impiego di diffe- mente accurata direttamente in fase di bito, inevitabilmente complessi e non

APPLICANDO 288 - 05.2010 043


_test VRAYforC4D 1.2

proprio facilissimi da padroneggiare Non solo: sono previsti un sistema mul- VRAYforC4D può quindi rappresenta-
“in profondità”. tipass a 32 bit completamente riscrit- re un’aggiunta di valore alla dotazio-
Il supporto è personalmente gestito da to, con molti più parametri di quel- ne standard di Cinema 4D e diventare,
Stefan Laub e dagli sviluppatori italiani li attualmente presenti, nuovi shader dopo pochi giorni di utilizzo, uno stru-
attraverso il forum www.vrayforc4d. V-Ray e, più o meno per la fine dell’an- mento davvero irrinunciabile, in gra-
com/forum/, davvero ben organizzato no, un sistema di rendering distribui- do di elevare in modo esponenziale
e ricco di tutorial, manualistica, risor- to per renderizzare in maniera rapida la qualità del lavoro di qualunque ar-
se e utili suggerimenti sia per i “princi- immagini statiche (e non solo anima- tista digitale, ripagando pienamente
pianti” sia per gli utenti evoluti. zioni, come ora accade) attraverso una lo sforzo economico necessario per il
Il futuro di VRAYforC4D appare davve- network di computer. suo acquisto. Ricordiamo, infatti, che il
ro promettente. È lo stesso Stefan Laub In un futuro ancora non meglio defi- programma, acquistabile direttamen-
che ci ha parlato di quel che verrà intro- nito, infine, ci si aspetta V-Ray real ti- te dal sito ufficiale ed esclusivamente
dotto nelle prossime release, dal mo- me, per sfruttare i processori ma an- in forma di download, costa 790 euro
mento che il lavoro di aggiornamen- che le GPU (ovvero le schede grafiche) + Iva, una cifra non proprio alla por-
to è in costante sviluppo: innanzitut- per calcolare soluzioni renderizzate in tata di tutte le tasche; tuttavia, se te-
to ci saranno delle aggiunte gratuite tempo reale, anche attraverso l’impie- niamo conto che con meno di mille
come il “vray dirt”, uno shader in gra- go del nuovo standard OpenCL. euro possiamo entrare in possesso di
do di aggiungere sporco e polvere in Nonostante il software soffra di alcu- uno dei motori di rendering più diffu-
modo parametrico che si integra con ni bug e sia proposto da un terzetto di si e potenti del momento, disponen-
il nuovo Ambient Occlusion (una del- programmatori e non da una grande do anche di un numero di licenze illi-
le novità della versione 1.2); ci saran- società distribuita capillarmente, può mitate per il calcolo distribuito in una
no dei miglioramenti nelle luci, tra le rivelarsi di grande aiuto per il profes- rete network mista (Mac e Windows),
quali la tanto attesa “nebbia volume- sionista che ogni giorno ha a che fa- allora diventa più accettabile l’impe-
trica”, per simulare nuvole 3D, nebbia, re con rendering impegnativi e tem- gno economico richiesto.
raggi di luce visibili ecc. pi di consegna strettissimi. —Carlo Magrì
© Mia Sani

044 APPLICANDO 288 - 05.2010


_test fotocamera

Modello di ingresso della nuova gamma di reflex digitali Nikon


dotato di sensore CCD da 10,2 Megapixel in formato DX
info

Nikon D3000
www.nital.it
199 124172
€ 450,00
(con obiettivo AF-S Nikkor
18-55 mm 1:3,5-5,6G VR)

buon rapporto prezzo/ L’acquisto di una reflex digitale è giu- un elemento su cui contano molto i de l’attacco delle ottiche a baionetta,
prestazioni
stificato principalmente dal fatto di fabbricanti e per questo è per loro im- lo stesso utilizzato dalla Nikon F lancia-
scarsa visibilità del display poter contare su una qualità delle im- portante riuscire ad attrarre il maggior ta sul mercato ben 50 anni fa. Il parco
in pieno sole magini superiore a quella offerta dal- numero di appassionati proponendo di obiettivi fra i quali si può scegliere
la stragrande maggioranza delle com- modelli di ingresso che, a fronte di fun- è quindi vastissimo, ma tutti gli auto-
patte. L’altro elemento che entra in gio- zionalità simili a quelle delle reflex di matismi sono accessibili solo con gli
co è la possibilità di sostituire l’obietti- fascia professionale, siano comunque obiettivi delle serie AF-S e AF-I.
vo, potendo in genere scegliere fra una facili da usare, caratteristiche che si ri- Il sistema che gestisce la messa a fuoco
gamma che va dagli ultra grandango- trovano nella Nikon D3000, destinata a automatica è derivato da quello a 11
lari fino ai teleobiettivi più spinti. Man raccogliere l’eredità della D60. Per con- punti di lettura utilizzato dalla D90, un
mano che il corredo di ottiche cresce, tenere il più possibile il prezzo, sono netto miglioramento rispetto a quel-
diventa sempre più difficile passare a state eliminate funzionalità tipiche di lo a tre punti della D60. Simili invece
un altro marchio, per non parlare del- modelli di fascia superiore, come il Li- i metodi per la lettura dell’esposizio-
le differenze dal punto di vista opera- ve View, che permette di sfruttare il di- ne (media, ponderata centrale e spot),
tivo fra i modelli delle diverse marche, splay per comporre l’inquadratura o la con possibilità di blocco sia premen-
disposizione dei comandi principali e possibilità di registrare filmati. do il pulsante di scatto a metà corsa,
impostazioni dei menu. sia con un pulsante dedicato.
Proprio la fidelizzazione al marchio è Tecnologie collaudate Un’altra caratteristica derivata dai mo-
Il sensore utilizzato dalla D3000 è lo delli di fascia più alta è il sistema di ri-
stesso CCD da 10,2 Megapixel in for- duzione della polvere che sfrutta sia
mato DX della D60, lo standard scelto le vibrazioni del filtro passa basso an-
da Nikon anche per la maggior parte teposto al sensore, sia il controllo del
dei modelli della fascia professio- flusso d’aria a ogni movimento del-
nale. Il formato DX comporta lo specchio.
un fattore di moltiplicazione
di 1,5x quando si utilizzano Tutto dal display
obiettivi progettati per le Come altre reflex della gamma consu-
reflex Nikon a pellicola, vale mer di Nikon, il selettore rotante per-
a dire che la lunghezza mette di scegliere la modalità di scat-
focale equivalente to e le impostazioni correnti sono vi-
si ottiene molti- sualizzate sul display LCD posteriore,
plicando per che ha una diagonale di 3” ed è com-
questo fat- posto da 230.000 punti: un po’ pochi
tore la lun- per garantire una rapida valutazione
ghezza fo- della nitidezza delle immagini sen-
cale effet- za ingrandirle al massimo consenti-
tiva. Con le to, operazione che richiede qualche
reflex Nikon secondo.
a pellicola, la In condizioni di scatto, sul display so-
D3000 condivi- no riportate tutte le impostazioni prin-

046 APPLICANDO 288 - 05.2010


Nikon D3000

caratteristiche tecniche
sensore CMOS 23,6 x 15,8 mm – 10,2 milioni di pixel effettivi
sistema di pulizia vibrazioni, controllo flusso d’aria
obiettivo kit AF-S Nikkor 18-55 mm, f/3,5-5,6G
messa a fuoco auto con 11 punti, tracking 3D, manuale
sensibilità 100 – 1.600 ISO, (estendibile a 3.200)
esposizione matrix, ponderata centrale, spot
tempo di posa da 1/4.000 a 30 secondi
bilanciamento del bianco automatico, manuale, 6 modalità preimpostate
mirino pentaspecchio, 0,8x, copertura 95%
display LCD TFT a colori da 3 pollici; 230.000 punti
flash incorporato; modalità automatica o manuale
modalità scatto auto, programmata, priorità tempi o diaframmi,
manuale, guida, 6 modalità scene
esposizione compensazione +/- 5 EV
scatto continuo 3 fps (fino a 100 JPEG o 11 Raw)
A Tutte le più con l’apposito comando per la corre-
filmati no
importanti zione dell’esposizione che si estende
formato foto 3.872 x 2.592, 2.896 x 1.944, 1.936 x 1.296 pixel
impostazioni per un intervallo di 5 EV, ben al di là
formato file JPEG, NEF
memoria slot per schede SD, SDHC per la ripresa sono quindi di quanto solitamente neces-
connettività USB 2.0, AV riportate sul display sario. Altro difetto riscontrato è un’er-
alimentazione batteria Li-Ion EN-EL9a 1.080 mAh rata impostazione del bilanciamento
dimensione 126 x 97 x 64 mm (L x A x P) del bianco in modo automatico nelle
peso 485 g (senza obiettivo) riprese effettuate in ambienti illumina-
ti con lampadine a incandescenza, per
cipali che possono essere modificate Veloce solo in JPEG cui è consigliabile impostare manual-
direttamente e il ricorso al menu è ne- Il trattamento interno delle immagi- mente il valore corrispondente. Me-
cessario solo per selezionare funzioni ni è affidato a un processore della se- no problemi con illuminazione fluo-
particolari come l’attivazione o meno rie Expeed capace di gestire gli scatti F La disposizione rescente, situazione in cui si può sce-
del filtro per la riduzione del disturbo o a raffica con una velocità massima di dei comandi ricalca gliere fra ben sette impostazioni diffe-
la regolazione fine del bilanciamento tre fotografie al secondo e per un nu- quella delle altre renti, compresa quella per le lampade
del bianco. Le numerose voci non so- mero di oltre cento scatti in formato reflex Nikon della a vapori di sodio. Per le impostazioni
no suddivise in alcun modo, ma nella JPEG, ma solo quattro in formato Raw fascia consumer predefinite del bilanciamento del bian-
sezione Impostazioni recenti del me- che sono poi salvate sulla scheda in po-
nu sono elencate le ultime seleziona- co meno di venti secondi. Tra le funzio-
te ed è quindi più immediato acce- ni messe a disposizione dal processo-
dere a all’opzione che è stata appe- re Expeed c’è anche la D-Lighting che
na modificata. permette di compensare le differenze
Dal punto di vista operativo, potreb- fra le zone più scure e quelle più chia-
be esserci qualche problema nel riu- re delle immagini riprese in condizioni
scire a distinguere qualcosa sul di- di forte contrasto mentre, rispetto ai
splay quando si è all’aperto in gior- modelli superiori, è assente la corre-
nate di pieno sole, specialmente se zione automatica dell’aberrazione cro-
ci si trova su un campo innevato o su matica degli obiettivi, difetto che può
una spiaggia. In queste condizioni, il provocare la comparsa di aloni colorati
contrasto delle immagini visualizzate in corrispondenza dei dettagli più con-
è troppo basso da permettere anche trastati. La D3000 in prova ha mostra-
un’accurata valutazione delle imma- to una leggera tendenza alla sovrae-
gini appena scattate. sposizione, facilmente compensabile

APPLICANDO 288 - 05.2010 047


_test Nikon D3000

D ViewNX permette di elaborare


anche le foto scattate in formato NEF

Ritocco immediato
Un buon numero di elaborazioni può
essere effettuato direttamente all’in-
terno della fotocamera grazie al me-
nu ritocco, funzioni che possono es-
sere utili per la stampa diretta delle
fotografie. Da segnalare le opzioni Ef-
fetto miniatura e Filmato d’animazio-
ne: con la prima è possibile realizzare
l’effetto tilt&shift focus che può confe-
rire alla foto di un paesaggio l’aspetto
simile a quello delle fotografie di mo-
dellini in miniatura mentre con la se-
conda si possono creare animazioni
passo uno a partire da una serie di fo-
to scattate in sequenza.
Foto assistite Funzionalità simili a quelle offerte dal
Oltre alla classica modalità di scatto menu ritocco si ritrovano nel software
automatica, la Nikon D3000 aggiun- ViewNX fornito a corredo che offre an-
ge la modalità Guida intelligente che che strumenti per la catalogazione del-
dovrebbe essere d’aiuto per chi è alle le foto. Nel CD-ROM era presente la ver-
prime armi. Selezionandola, sul display sione 1.5, incompatibile con la versione
compare un elenco delle situazioni che più recente di Snow Leopard, problema
si presentano più frequentemente, ad che è stato risolto dalla versione 1.5.2.
esempio paesaggi o ritratti, e sceglien- Un’elaborazione decisamente più raffi-
do una di queste la fotocamera impo- nata delle fotografie è offerta dal sof-
sta il corrispondente modo scena, sen- tware Capture NX 2 mentre con Came-
za che sia necessario agire sul seletto- ra Control 2 si può controllare diretta-
re rotante. Un po’ più utili le situazioni mente dal Mac il funzionamento della
proposte con Funzionamento avanza- fotocamera collegata a una delle por-
A Il trasferimento delle immagini sul Mac può to, Sfondi sfocati e Ferma movimento, te USB; entrambi i software sono ven-
essere gestito con l’applicazione Nikon Transfer che consigliano rispettivamente di uti- duti separatamente e una versione di
lizzare i valori di diaframma più bassi e prova può essere scaricata selezionan-
co è poi prevista la possibilità di appli- tempi di scatto più brevi. L’iniziativa è lo- do la relativa opzione dal programma
care una correzione fine. devole ma per una fotocamera del ge- di installazione presente sul CD-ROM.
La massima sensibilità che può es- nere sarebbe stato forse preferibile oc- La fornitura di software è completata
sere impostata è di 3.200 ISO, valore cuparsi anche di argomenti un po’ più da Nikon Transfer, un’applicazione si-
che produce però immagini eccessi- ostici per i neofiti, come la regolazio- mile ad Acquisizione immagini di Mac
vamente rumorose, situazione che si ne del bilanciamento del bianco, argo- OS X per il trasferimento delle foto sul-
presenta in misura minore anche con mento che, per inciso, non è neanche l’hard disk del Mac che permette, tra
le foto scattate con una sensibilità di affrontato nel piccolo manuale d’uso le altre cose, di effettuare contempo-
1.600 ISO. Limitando la sensibilità a fornito in forma cartacea con la fotoca- raneamente una copia di backup del-
800 ISO, i risultati sono decisamente mera, ma soltanto nel manuale di riferi- le foto su un altro hard disk.
più accettabili. mento contenuto nel CD-ROM. —Mauro Baldacci

048 APPLICANDO 288 - 05.2010


_test notazione musicale

Il potente software di notazione musicale professionale di MakeMusic è disponibile


in italiano e con un buon anticipo rispetto a quanto avvenuto lo scorso anno
info

Finale 2010
MakeMusic
www.makemusic.com

distribuito da
Midi Music
www.midimusic.it
011 3185602 Finale in italiano, rispetto alla versione Le librerie Garritan sono arricchite di te l’introduzione del motore Play. Vale a
€ 590,00 + Iva inglese offre in più sia le font per scri- nuovi suoni, tra i quali ricordiamo, al- dire Symphonic Orchestra, Symphonic
versione Academic
€ 399,00 + Iva vere gli accordi nella nostra lingua, sia meno, una collezione di percussio- Choirs, Bosendorfer 290, Ra e Colossus,
quelle che consentono le legature fra ni suonate con le spazzole Brush Kit, che abbiamo potuto caricare con una
si conferma un prodotto due sillabe appartenenti alla stessa no- un Synth Bass, alcuni suoni d’organo, o più istanze di Kontakt 3.5. Durante il
al top nel campo della nota-
zione musicale e sempre in af- ta nel testo cantato. Il programma (da suoni di bassi elettrici e di varie chitar- test anche i campioni East West della
finamento; sezione audio mi- noi provato nella versione 2010b.r1) è re, anche elettriche e con effetti. Tut- Symphonic Orchestra gestiti col moto-
gliorata, che permette di pro- compatibile con Snow Leopard e gira ti, pur non raggiungendo livelli eccel- re Play hanno mostrato di lavorare sen-
durre con i mezzi in dotazione
a partire dai Mac PPC G4 con OS 10.4. si, ci sono sembrati per lo meno adatti za le ruvidità che avevamo incontrato
(vedi suoni Garritan) mixdown
dignitosi e anche più, se si di- Tuttavia conviene usarlo almeno con a un normale uso di Finale per il moni- durante il loro utilizzo in Finale 2009 e
spone dei giusti virtual instru- un Mac Intel in OS 10.5 o successivo. toraggio e l’esemplificazione di quan- lo stesso vale per la poderosa collezio-
ment di terze parti
Per il test si è utilizzato un Mac Pro 2 x to si sta componendo. Per migliori ri- ne di campioni di pianoforti della rac-
continua a non permet- 2,66 GHz Intel Xeon, con 12 GB di RAM sultati sonori e per ottenere mixdown colta QL Pianos che, nel nostro caso, ha
tere l’interscambio dei file ge- e Mac OS X 10.6.2, sul quale abbiamo di buon livello (compatibilmente con portato quasi ai limiti il sistema hard-
nerati con la versione appena installato il programma completo del- la potenza del nostro hardware) è me- ware senza arrivare ai crash che ci ca-
uscita e le precedenti; Snow
Leopard dà qualche grattacapo le librerie SmartMusic SoftSynth e delle glio affidarsi a campioni professionali, pitavano precedentemente.
con le nuove font Broadway librerie Garritan gestibili con l’allegato come gli ormai classici suoni delle libre- In generale, dunque, a livello di gestio-
motore audio loro dedicato, ARIA. rie East West, nella versione preceden- ne dei suoni – sia per il playback, sia per

S Interfaccia di Finale in stile Cool Black,


volutamente sovraccaricata di finestre per 4
mostrare alcune particolarità:
1 la pagina utilizza il carattere Broadway Copyst,
che simula la scrittura manuale; 1
2 nel set dei caratteri Broadway troviamo anche
il segno degli occhiali;
3 l’interfaccia del motore audio Play per gestire i
2 5
suoni di terze parti della East West;
6
4 nel banco 1-16 abbiamo potuto attivare il
gestore di dinamica targato Apple;
5 la nuova finestra per la gestione degli
strumenti AU; 3
6 l’utilissima segnalazione della presenza di clip
durante il palyback o il mixdown;
7 l’interfaccia del motore audio ARIA, per gestire
i suoni Garritan in dotazione con Finale 2010;
7 8
8 l’interfaccia del motore audio Kontakt 3 per la
gestione di vari set di campioni di terze parti

050 APPLICANDO 288 - 05.2010


Finale 2010

S Confronto tra le
finestre – vecchia, a
sinistra, e nuova
della versione 2010,
a destra – di
Numerazione delle
misure

la possibilità di effettuare mixdown au- razionalizzandole maggiormente o in- ai formati TIFF, PICT ed EPS, mentre può
dio – Finale 2010 ci è sembrato miglio- tegrandone alcune tra loro. importare file grafici anche nei formati
rato rispetto al predecessore. Oltre ai caratteri musicali di rito, tra i JPEG, PNG, BMP e GIF.
La finestra Strumenti Audio Unit è cam- quali Maestro, Petrucci e Jazz, trovia-
biata radicalmente. Sfoggia controlli se- mo le nuove font Broadway Copyist, Ritocchi utili
parati sugli effetti e sul volume e, in caso che – come per le font Jazz – imitano Chi osserva l’interfaccia di Finale 2010
di clip durante il playback o il mixdown, la scrittura manoscritta; in questo caso e la confronta col software preceden-
veniamo allertati da luci rosse, una su quella dell’epoca d’oro delle partiture te, fatica a trovare differenze evidenti. Si
ogni gruppo di sedici canali e una sul- di Broadway, la strada della musica e percepisce una pulizia migliore a livello
l’uscita master; spie molto utili duran- del teatro di New York City che ha ispi- di visualizzazione, resa con effetti anti-
te il mixdown perchè siamo immedia- rato titoli di brani musicali e innumere- aliasing, specialmente per l’aspetto del-
tamente in grado di rilevare l’eventuale voli nomi di orchestre degli anni Venti le linee curve: un modo per avvicinar-
presenza di clip nel file audio genera- e Trenta dello scorso secolo. si il più possibile all’aspetto finale della
to, senza dover ricorrere a una succes- Osservando i numerosi simboli dispo- partitura che stamperemo o che espor-
siva analisi visiva tramite programmi nibili, ci ha colpito il segno degli oc- teremo in formato grafico. In più, le ma-
di elaborazione audio come Audacity, chiali, che tante volte abbiamo segna- niglie di selezione degli oggetti – che
che resta comunque utile per verifica- to a matita sulla partitura per ricordar- ora si colorano di viola quando selezio-
re i volumi di suono registrati. ci o per ricordare ad allievi o esecuto- nate – possono essere rese trasparen-
Segnaliamo che durante il playback l’in- ri di fare attenzione a determinati pas- ti (dalla finestra Opzioni del program-
terfaccia e le finestre di Finale sono an- saggi difficoltosi. Adesso lo possia- ma) per non celare gli elementi sotto-
cora poco praticabili. Tra le altre cose, mo scrivere elettronicamente! Pecca- stanti, evitandoci errori nella loro mo-
ad esempio, ci piacerebbe poter libe- to che in Snow Leopard questo set di difica o nel loro spostamento.
rare al volo la scrivania da tutte le fine- font non venga correttamente visua- Di macroscopico c’è il grande cambia-
stre relative alla gestione dei campioni lizzato a video (è imminente al mo- mento della finestra di impostazione
per mostrarci la partitura, oppure po- mento in cui scriviamo una fix corret- Strumenti AU e il potenziamento di
ter passare rapidamente, sia da una fi- tiva) mentre in uscita, ad esempio co- quella per la Numerazione delle misu-
nestra di controllo all’altra, sia da Fina- me documento PDF, la pagina risulta re, finestra che permette ulteriori op-
le ad altri programmi in uso. graficamente a posto. Ricordiamo che zioni, ad esempio nella differenziazio-
Inoltre non sarebbe male se i progetti- proprio dal punto di vista grafico que- ne tra numerazione della partitura e
sti mettessero mano alle varie finestre sta nuova versione può esportare sele- delle parti staccate o distinguendo tra
relative al versante audio (Mixer, Elen- zioni o pagine intere anche nei formati numerazione di battute“normali”e del-
co degli strumenti, Strumenti AU ecc.) JPEG e PNG, che vanno ad aggiungersi le battute d’aspetto.

APPLICANDO 288 - 05.2010 051


_test Finale 2010

immediatamente cosa si stava impo- ve più ci aggrada e con le figure mu-


stando, mentre ora l’inserimento del- sicali dotate di vita autonoma, inseri-
le percussioni è stato reso più sempli- bili a piacimento all’interno della mi-
ce e immediato. Ciò perché, attivando sura, senza che influiscano sui simboli
lo strumento di Inserimento semplice accordali o sui diagrammi per chitarra.
o di Inserimento rapido e spostando- Chi non ricorda l’artificio di ricorrere al-
Per il resto, i cambiamenti sono nasco- A Anche gli accordi ci su e giù nel pentagramma, compare le note “dummy” – false, posticce – o a
sti qua e là, nei menu e in varie poten- sono stati dotati della un feedback a video col nome del suo- pause da rendere più o meno invisibi-
zialità operative che semplificano pro- linea tratteggiata no che stiamo per inserire. li, che lo stesso manuale consigliava di
cedure e contribuiscono ad abbreviare che ne indica il punto adottare per rendere a video la presen-
i tempi di lavorazione. di assegnazione, Proprio d’accordo… za di accordi in una battuta vuota o la
Una di queste potenzialità riguarda la che ora è una delle Nelle due versioni precedenti abbiamo presenza di più accordi corrisponden-
gestione degli indicatori di sezione (le pulsazioni della assistito allo svolgersi di una piccola ri- ti a una sola nota? Possiamo finalmen-
classiche A, B ecc., oppure i grandi nu- misura voluzione su vari aspetti del software, te dimenticare quegli artifici.
meri o l’evidenziazione del numero del- con decine di modifiche e ritocchi aven- Per quanto riguarda il playback dei sim-
la misura) che adesso si possono im- ti l’obiettivo di arrivare a una maggio- boli degli accordi, Finale 2010 li fa suo-
mettere in automatico. Vediamo la se- re razionalizzazione e facilità di utiliz- nare fino al simbolo accordale succes-
quenza operativa necessaria. zo: siamo lieti di poter constatare che sivo o fino alla fine della misura, con
Attivando lo Strumento Espressione, si continui su quella strada. un notevole miglioramento della lo-
dobbiamo fare clic nel punto dove in- La sezione dedicata ai simboli degli ac- ro resa sonora, che precedentemente
tendiamo intervenire. Si apre così la fi- cordi – con i relativi diagrammi per chi- appariva spesso incerta e incompleta.
nestra Selezione delle espressioni, che tarra e il conseguente loro playback – Naturalmente possiamo interrompe-
presenta l’inedita categoria Indicatori di è quella che quest’anno beneficia del- re temporaneamente la riproduzione
sezione. Fra le tre modalità offerte (let- le più rilevanti novità che, secondo noi, dell’accordo prima della fine della mi-
terale, numerica o di evidenziazione del possono giustificare il passaggio dalla sura o prima del simbolo successivo, di-
numero di misura) scegliamo l’indicato- vecchia alla nuova versione di Finale. gitando “N.C.” (che sta per “no chord”).
re che più ci aggrada e lo vediamo im- Non occorre più specificare (attraver- Se stiamo utilizzando gli accordi in in-
mediatamente inserito sopra la misura. so un menu) la modalità di inserimen- glese funziona perfettamente. Mentre,
Con la stessa procedura possiamo ag- to che intendiamo utilizzare, il software se optiamo per l’inserimento delle si-
giungere i successivi indicatori di sezio- accetta contemporaneamente l’inseri- gle degli accordi in italiano e digitiamo
ne, che vengono assegnati in progres- mento degli accordi via tastiera MIDI e/ “N.C.”, compare un quadratino e il suf-
sione, col medesimo meccanismo che o la loro digitazione in partitura. fisso “Do”, ma l’effetto è proprio quello
incontreremmo in un word processor Quando selezionati, i simboli accorda- desiderato. Così, se non vogliamo che
per l’inserimento degli indicatori in api- li ci mostrano il proprio punto di anco- quella indicazione venga stampata, è
ce delle note a piè di pagina. raggio nella misura per mezzo della li- sufficiente farci sopra un clic con il pul-
Allo stesso modo, secondo quel mec- nea tratteggiata introdotta lo scorso an- sante destro e disattivarne la visualiz-
canismo, togliendo un indicatore, tutti no per le Espressioni. Tuttavia siamo di zazione dal menu contestuale.
i successivi si riordinano nella sequen- fronte a un cambiamento epocale, poi- La ricorrente nota stonata riguarda le
za esatta (A, B, C, D... o 1, 2, 3 ecc.). Nel ché gli accordi non sono più assegnati difficoltà di interscambio dei file gene-
caso della evidenziazione del nume- ciascuno a una figura di nota o pausa, rati con la versione appena uscita e le
ro di misura, aggiungendo o toglien- come avveniva da sempre. precedenti. Un problema al quale sia-
do una misura viene evidenziata quel- L’ancoraggio degli accordi ora viene as- mo ormai rassegnati e che ci obbliga a
la appropriata. È davvero una novità segnato alle pulsazioni della misura. conservare i vecchi file, se crediamo di
pratica e utile. Come pratica è diventa- Ciò rende più semplice inserire più sim- dovercene servire per passarli a utenti
ta la mappatura e la gestione dei suoni boli accordali sopra una nota o su una non ancora allineati all’ultima versione
MIDI per le percussioni. Ancora con Fi- misura vuota. Se ne ottiene un penta- di questo prodotto.
nale 2009 non si era in grado di capire gramma con gli accordi disposti do- —Fabio Lombardi

052 APPLICANDO 288 - 05.2010


Xtand
Ideal for your workstyle.

Mtable Cooling Bar Xtand Pro


Supporto Supporto Supporto
per Monitor per notebook per notebook

€ 69,00 € 29,90 € 89,90

Lounge Xtand Go Gum Plus


Supporto Supporto Batteria
per iPhone per iPhone portatile
in alluminio da auto per iPhone

€ 49,90 € 29,90 € 69,90

visita il sito www.macreport.eu/justmobile


distribuito da Attiva spa - www.attiva.com - www.macreport.eu - Tutti i nomi ed i marchi utilizzati appartengono ai rispettivi proprietari
_test storage

Soluzione NAS a quattro bay per la gestione di backup, multimedia streaming


e file sharing in ambienti domestici e piccoli uffici
info

Synology Disk Station DS410j


Synology
www.synology.com
€ 286,00 + Iva (senza dischi)

qualità generale; versati-


lità di configurazione anche via
web o mobile; ampia dotazio- L’unità di Synology si pone nella fascia compatibili sia con il formato SATA da ner presente che l’inserimento di nuo-
ne di applicazioni e servizi medio-alta in relazione alle esigenze 3.5” sia SATA/SSD da 2.5”. La massima vi supporti al contesto esistente, com-
seppur dotato di sistema dell’utilizzatore domestico. È una solu- capacità supportata si attesta su 8 TB porta la nuova creazione del volume di
di gestione e applicazioni ag- zione vera e propria in quanto, alle clas- pari a quattro dischi da 2 TB. Il produt- archiviazione con la conseguente for-
giuntive, nelle configurazio- siche funzionalità di un NAS – Network tore consiglia, nel caso di dischi mul- mattazione dei singoli supporti.
ni minime il prodotto ha un
Attached Stogare – unisce, grazie al firm­ tipli, l’utilizzo di tagli identici in modo Per procedere all’installazione (con l’au-
prezzo base lievemente supe-
riore alla media ware e al sistema di amministrazione, da sfruttare tutte le possibilità offer- silio della guida) sfruttiamo l’utility de-
una serie di funzioni interessanti, poten- te dal sistema RAID in fase di creazio- nominata Synology Assistant, che tro-
ti e, allo stesso tempo, di semplice ge- ne dei volumi. viamo nel CD allegato alla confezione
stione da parte di un’utenza non spe- L’installazione fisica degli hard disk è del prodotto. Si tratta di pochi semplici
cialistica. Ovviamente il cuore del siste- molto semplice e sia l’apertura del ca- passaggi alla portata di tutti anche gra-
ma resta la funzione di archiviazione, binet sia il fissaggio del disco a ogni vas- zie alla localizzazione nella nostra lin-
backup e ripristino ma, come vedremo, soio sono molto pratici, oltre che ben gua e alla specificità della nostra piat-
il DiskStation manager – il software di spiegati nella documentazione presen- taforma. Ad accelerare il tutto ci pensa
gestione – è in grado di abilitare e ge- te anche in italiano. il setup rapido – One-Click Setup – che
stire altre pratiche funzionalità. Per quanto riguarda l’allestimento del- consente l’installazione veloce riman-
Il prodotto è commercializzato senza la struttura di archiviazione l’utente ha dando in seguito le eventuali configura-
hard disk. La loro scelta, nel numero e quindi la massima versatilità e scalabili- zioni di fino. Al termine della configura-
nella capacità, è quindi libera di essere tà, il che garantisce facili implementa- zione scelta, il pannello di gestione del
basata sulle effettive esigenze. A dispo- zioni dettate dal modificarsi delle esi- DS410j (DiskStation Manager) è dispo-
sizione ci sono quattro alloggiamenti genze nel tempo. È ovviamente da te- nibile all’accesso via web con Safari al-
l’indirizzo http://DiskStation:5000/ o
direttamente, sempre alla porta 5000,
all’indirizzo IP assegnato dalla rete in
cui è collocato.
La ricchezza di funzioni disponibili è
ben visibile fin dal primo collegamen-
to e, come vedremo in seguito, offro-
no grande libertà di personalizzazione.
La prima cosa da fare è però la creazio-
ne del volume da utilizzare in funzio-
ne del, o dei, dischi utilizzati. Come già
accennato, sul Synology Disk Station si
possono combinare più hard disk per
creare tipi diversi di volumi e trovare il
giusto livello di protezione dati di cui
si ha bisogno. Il Synology Disk Station
offre in pratica tutte le possibilità: base
(un solo disco), JBOD (due o più dischi
con capacità massima pari alla capaci-

054 APPLICANDO 288 - 05.2010


Synology Disk Station DS410j

tà totale) e RAID da 0 a 6 (in funzione


del numero dei dischi disponibili, del-
la ridondanza e della parità).

Non solo NAS


DiskStation Manager denuncia la ric-
chezza della soluzione Synology. L’in-
terfaccia – tutta in italiano, compresa
l’esaustiva finestra di help contestuale
– è ordinata e tutti i servizi sono rag-
gruppati logicamente in modo chiaro
e intuitivo. È proprio il gran numero di
possibilità che, visto lo spazio a disposi-
zione in queste pagine, non ci consente
di illustrare ogni singolo dettaglio. Per
comodità, confermiamo la presenza di
tutto quanto possa essere necessario
per configurare un dispositivo di archi- zione personale o domestica ci si può A La schermata volmente includendo ad esempio Flac,
viazione di rete: configurazione di siste- limitare a definire il Nat sull’IP del dispo- del DiskStation Ogg Vorbis e Lossles (per l’audio), DAT e
ma (rete, lingua, aggiornamenti), privi- sitivo e della porta relativa per potersi Manager, accessibile DivX (per il video), PSD, TIF e RAW (per
legi (utenti, gruppi, cartelle condivise, collegare da remoto sia con un client tramite browser, con le foto). Per la lista completa rimandia-
gestione applicazioni), archiviazione e sia con un dispositivo mobile. tutte le funzioni mo al sito del produttore nella sezione
condivisione (gestione dischi e volumi, Synology ha ideato e progettato un disponibili per la delle specifiche tecniche.
accesso Mac/Win, FTP, NFS). pacchetto di vere e proprie applica- configurazione e la Surveillance Station è invece l’applica-
Per quanto riguarda le funzioni di zioni che consentono diversi utilizzi in personalizzazione zione che consente di gestire, visualiz-
backup, DiskStation può essere utiliz- ambito multimediale. PhotoStation, ad della soluzione zare e registrare video provenienti da
zato dai client della rete come disposi- esempio, consente di condividere le Synology telecamere IP. Accedendo all’interfaccia
tivo Time Machine ed esso stesso, a sua foto e i video attraverso Internet sen- di gestione web di Surveillance Station
volta, può effettuare copie di sicurezza za dover affrontare procedure compli- è possibile vedere le immagini trasmes-
sia locali (cartelle condivise o dispositi- cate. Il controllo Album assicura che i se dalla webcam in tempo reale e regi-
vi collegati tramite USB) sia di rete me- contenuti siano condivisi con le perso- strare un video con flusso continuo o in
diante il protocollo RSync. ne abilitate. I visitatori possono perfino modalità Motion Detection cioè con ri-
Grazie a FileStation, il DS410j offre, oltre lasciare commenti sulle foto. È inoltre levazione del movimento. Segnaliamo,
al servizio FTP con limitazione di ban- stato integrato un sistema di blog per infine, che su App Store sono presenti
da e login anonimo, la gestione dei file una semplice condivisione dei nostri tre diverse applicazioni gratuite offer-
attraverso l’interfaccia web anche con post. AudioStation e i servizi per iTu- te dal produttore che consentono l’uso
un iPhone o iPod touch. nes consentono invece, anche grazie in mobilità delle funzioni audio, foto e
Un’altra caratteristica interessante è al supporto DLNA, la completa condivi- di sorveglianza; sono rispettivamente
rappresentata dall’offerta dei servizi sione delle librerie musicali utilizzando DS Audio, DS Photo e DS Cam.
web inclusi nel DiskStation con tan- anche, nel caso, altoparlanti USB colle- La completezza di funzioni, il supporto
to di PHP e MySQL (l’host virtuale può gati direttamente al DS410j. wireless e la presenza di due prese USB
ospitare fino a 30 siti web). Il server iTunes integrato è in grado di per dischi aggiuntivi o stampanti (con
L’accesso dall’esterno della rete, sia per supportare diversi formati audio (MP3, vero e proprio Print Server), fanno di
gli host virtuali sia per gli altri servizi, M4A, M4P, WAV, AIFF), video (M4V, MOV, questa soluzione una scelta in grado di
deve ovviamente dipendere dall’op- MP4) oltre che Playlist( M3U, WPL). Gra- integrare in un unico centro di control-
portuna configurazione dell’infrastrut- zie invece al server DLNA/UPnP, la lista lo un ampio ventaglio di servizi.
tura modem/router. In una configura- dei formati supportati si allunga note- —Gianni Fontana

APPLICANDO 288 - 05.2010 055


_test audio

Nuovo sistema integrato di diffusori con radio, sveglia e riproduzione


video dotato di connessione digitale diretta dal dock iPod
info

Pioneer XW-NAS5
Pioneer
www.pioneer.it
XW-NAS5 € 399,00
disponibile in nero, bianco,
argento, rosso
XW-NAS3 € 299,00
disponibile in bianco Il colosso giapponese non ha certo bi- patibilità con gli apparecchi portati- che il display che appare visibile solo

connessione digitale di-


sogno di presentazioni o elogi. I suoi li di Apple è già presente in altre linee nello stato operativo. Una soluzione
retta; estetica e qualità dei ma- prodotti segnano il passo dell’home come i lettori per auto e alcuni sistemi molto elegante e di effetto.
teriali; prestazioni audio entertainment da più di mezzo seco- Hi-Fi domestici. Il sistema audio è del tipo 2.1 cioè a due
lo. Sono forse pochi coloro i quali non Il prodotto oggetto di questa prova è vie, destro e sinistro, più un subwoofer
telecomando poco or-
dinato hanno mai posseduto un apparecchio tuttavia un sistema dedicato. Quello per le frequenze basse. Quest’ultimo,
elettronico che ne recava l’effige. che, nel linguaggio comune, è defini- sempre protetto da un tessuto, è po-
Nel tempo, la produzione Pioneer ha to un sistema all-in-one e cioè un siste- sto sotto l’apparecchio e lavora rivol-
abbracciato diversi settori dell’intratte- ma audio che integra oltre al dock per to verso il basso.
nimento audio/video consolidandone iPod, speaker e amplificazione. “Ho disegnato il profilo di questo nuovo
il marchio anche grazie ad alcune pie- Il Pioneer XW-NAS5 si presenta con sistema di diffusori iPod secondo due
tre miliari come l’invenzione del Laser un’estetica molto curata e in linea con parole chiave: minimalismo e persona-
Disc, del DAT, del primo navigatore DVD la qualità tipica dei prodotti della ca- lità. Volevo che il sistema fosse il per-
per auto e altro ancora. sa. Tutte le finiture sono metallizzate e fetto coronamento di un arredamento
Oggigiorno alle tre famiglie presen- le superfici appaiono lucide e brillan- moderno, per questo ho optato per un
ti a catalogo – Car Entertainment, ti. Aspetto che privilegia l’estetica ma look essenziale, in grado di integrarsi in
Audio&Video e sistemi dedica- che lo rende più soggetto a im- qualsiasi ambiente come un camaleon-
ti ai dj – si unisce la nuova vo- pronte. Lo sviluppo è in orizzon- te. Le sue linee morbide e arrotonda-
ce dei dispositivi per iPod e tale e la linea risulta snella e pia- te conferiscono un design intramon-
iPhone. In effetti, la com- cevole. Il frontale è caratterizza- tabile e impeccabile. Grazie al pannel-
to da una garza di copertu- lo di connessione posteriore integra-
ra nera che avvolge l’appa- to come un elemento di design, que-
recchio su tre lati e, oltre a sto sistema di diffusori per iPod vanta
celare gli altoparlanti princi- un’estetica accattivante da qualunque
pali, nasconde an- angolazione lo si osservi”, spiega il de-
signer francese Steeve Senescat, auto-
re del progetto.

Non solo design


Il NAS5 di Pioneer è in
grado di produrre un
suono di buona quali-
tà, in linea con le pre-
stazioni dei concorren-
ti migliori di fascia medio
alta e appartenenti alla stes-
so range di prezzo.
A Il Pioneer XW-NAS5 in una delle L’iPod trova posto sul lato supe-
quattro finiture disponibili tutte con riore in posizione centrale e l’allog-
superficie metallizzata giamento è protetto da uno sportello

056 APPLICANDO 288 - 05.2010


Pioneer XW-NAS5

viamente limitati dalla posizione rav-


vicinata degli altoparlanti ma, tutta-
via, è una limitazione comune ai pro-
dotti dello stesso genere. Inoltre, la tec-
nologia proprietaria Advanced Sound
Retriever è studiata per migliorare la
qualità dell’audio compresso e per far-
lo corrispondere al meglio alla sorgen-
te originale.
Il sistema Pioneer XW-NAS5 è anche
A Sul retro trovano provvisto di una serie di tracce prein-
che, una volta chiuso, resta a filo con posto la porta per accedere alla musica digitale, così co- stallate denominate “soundscape”, che
la superficie. Sull’apparecchio sono ri- l’adattatore me archiviata nel lettore iPod, evitando possono eventualmente essere mixa-
proposti, tramite pulsanti, il coman- Bluetooth opzionale, passaggi di conversione intermedi da te nella riproduzione musicale. In al-
do di accensione, quello del volume e le uscite video digitale ad analogico. Una caratteristica ternativa, l’ascoltatore può selezionare
il selettore degli ingressi. Tutto il resto component e tecnologica che, unita a quelle genera- la traccia più indicata per i propri mo-
è gestito dal telecomando in dotazio- composito e un li, giustifica il prezzo di acquisto relati- menti di relax: atmosfera di una spiag-
ne. Questo, seppur leggero e comodo ingresso minijack vamente superiore alla media. gia tropicale, suoni della metropoli, ru-
nell’utilizzo, appare un po’ disordinato audio L’installazione e il primo utilizzo di que- more della risacca o di un ruscello nel
nella disposizione dei tasti e non con- sto sistema audio non richiedono par- cuore di una foresta, prato d’autunno
sente l’esplorazione completa del di- ticolari attenzioni. È uno di quei casi in o il fascino nostalgico del suono del vi-
spositivo. Caratteristica tuttavia comu- cui la tentazione di utilizzarlo subito nile. Un compendio che per molti può
ne a molti apparecchi simili. senza leggere il manuale non ci fa ca- lasciare il tempo che trova ma che de-
Tutte le connessioni disponibili sono dere in errore. In ogni caso le istruzio- nota la propensione all’entertainment
nel pannello posteriore sapientemente ni a corredo sono chiare, esaustive e in ad ampio raggio della casa.
e armoniosamente integrato con il cor- italiano. Una lettura ci sarà sicuramente A completare l’offerta, segnaliamo la
po principale. Qui trovano posto la pre- d’aiuto specie nelle funzioni più parti- presenza della radio FM con funzione
sa per l’alimentatore esterno, l’ingres- colari e meno intuitive come l’uso del di memorizzazione delle stazioni prefe-
so per un dispositivo ausiliare esterno timer, della sveglia o della memorizza- rite e un orologio con le classiche fun-
di tipo minijack, la presa antenna per zione delle stazioni radio. zioni Snooze, Wake-Up e Sleep.
la radio e le uscite video sia in compo- Gli iPod non inclusi nella lista di compa- Avvisiamo, infine, che a catalogo c’è un
nent sia in composito. Inoltre è a di- tibilità possono comunque, come ogni modello alternativo al NAS5, denomi-
sposizione una presa per il collega- altra sorgente, essere collegati al siste- nato NAS3, sostanzialmente identico
mento di un modulo Bluetooth – op- ma tramite l’ingresso ausiliare. Ovvia- per l’aspetto, disponibile solo in bian-
zionale – che consente la riproduzio- mente, in questa ipotesi, la qualità del- co e limitato nelle dotazioni. È privo,
ne di contributi presenti su dispositivi la connessione digitale diretta dal dock infatti, della radio, dell’orologio e del-
dotati di questa tecnologia, come i te- viene perduta. L’uso con l’iPhone non le funzioni di processing audio. Anche
lefoni cellulari. è certificato. gli altoparlanti sono di tipo full-ran-
La peculiarità di quest’apparecchio è Le prestazioni sonore, come accennato, ge invece che sdoppiati su tweeter e
comunque la connessione diretta del- sono di tutto rispetto. Anche grazie alla midrange.
l’uscita digitale dell’iPod attraverso il connessione diretta digitale il suono è La connessione digitale diretta, essen-
dock. Questa modalità, solitamente ben riprodotto e appare chiaro e defini- do disponibile su entrambi i modelli,
presente solo in prodotti di fascia high to. Per raggiungere livelli di distorsione non contribuisce alla selezione in fase
dell’alta fedeltà, dà a Pioneer il vanto percettibili bisogna alzare il volume ben di scelta. Saranno la differenza di prezzo
di essere la prima ad adottarla in un di- oltre la soglia del gradimento. e la presenza di radio e sveglia a far pro-
spositivo di questa categoria. La ricostruzione spaziale e il conse- pendere per una o l’altra versione.
Il sistema Pioneer è in grado quindi di guente effetto stereofonico sono ov- —Gianni Fontana

APPLICANDO 288 - 05.2010 057


_test riproduttore multimediale

Dispositivo compatibile con lo standard UPnP AV da collegare direttamente


al televisore per la riproduzione di audio, video e foto
info

Sitecom Wireless
Sitecom
www.sitecom.com
€ 159,99

Network TV Media Player


riproduzione video 1080p;
facilità d’uso e collegamento

nessun software per sfrut-


tare le funzionalità UPnP AV
con il Mac
Semplificare. Questa è la mission di Si- si può scegliere fra l’uscita in video sitamente per applicazioni multime-
tecom, azienda specializzata nella pro- composito con audio stereo o HDMI diali e un’unità NAS che può ospitare
duzione di dispositivi di rete destina- e nella confezione sono presenti i ca- due hard disk SATA da 3,5 pollici, an-
ti all’utenza domestica, professionisti vi necessari. Il WL-355 dispone anche che in configurazione RAID.
e piccole aziende. A questa filosofia è di un’uscita digitale ottica utilizzabile
ispirato anche il Wireless Network TV per la riproduzione dell’audio con un Semplice configurazione
Media Player WL-355, un riproduttore impianto Hi-Fi. Tutte le funzioni sono Una volta acceso il dispositivo, sullo
multimediale privo di memoria inter- controllabili con il piccolo telecoman- schermo del televisore compare dopo
na, ma dotato di due porte USB e di do bianco, un po’ anonimo rispetto al pochi secondi il menu che permette di
connettività cablata o wireless. Que- design del TV Media Player, che deno- configurare l’accesso alla rete dome-
st’ultima funzione è resa possibile da ta una maggior cura nei dettagli: cor- stica, operazione che avviene in mo-
un adattatore Wi-Fi che si collega a po arrotondato in plastica bianca con do automatico: solo in casi particola-
una delle porte USB: se si esclude la superficie goffrata e finiture in allumi- ri può essere necessario indicare gli
connettività wireless, le funzionali- nio. Lo stesso design è condiviso dagli indirizzi del router e dei DNS. Nel ca-
tà sono le stesse del TV Media Player altri prodotti della linea Smart Living, so si utilizzi l’adattatore Wi-Fi fornito a
MD-270. il Wireless Media Router 300N e l’Ho- corredo è possibile anche stabilire l’ac-
L’installazione è abbastanza sempli- me Storage Center MD-253, rispettiva- cesso in modalità WPS-PBC (Wi-Fi Pro-
ce: per il collegamento al televisore mente un router Wi-Fi studiato appo- tected Setup - Push a Button Configu-
ration) per l’accesso sicuro a un router
che supporti questa funzione, compre-
se quindi le basi AirPort Apple.
Una possibilità offerta dal collega-
mento in rete è l’aggiornamento del
firmware del TV Media Player: nel ca-
so sia disponibile una nuova ver-
sione, l’operazione
procede in modo
del tutto automa-
tico dopo la con-
ferma da parte del-
l’utente e richiede pochi
minuti. La connessione a In-
ternet permette di accedere ad alcu-
ni social network (YouTube, Flickr e Pi-
casa); nel caso si disponga di un pro-
prio account, è possibile accedere di-
rettamente alla propria pagina per-

058 APPLICANDO 288 - 05.2010


Sitecom Wireless Network TV Media Player

sonale e i dati relativi a nome uten-


te e password sono memorizzati dal
dispositivo, semplificando così gli ac-
cessi seguenti.

Standard per lo streaming


Il riproduttore è compatibile con lo stan-
dard UPnP AV (Universal Plug and Play
Audio and Video) ed è quindi in grado
di riprodurre in streaming audio, foto
e video contenuti in un server colle-
gato alla stessa rete e compatibile con tra i quali MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4 A Sul pannello formato MKV scaricati da Internet che
questo standard, in pratica un qualsiasi (AVCHD/H.264), WMV9, VC-1, MKV, Xvid posteriore del possono utilizzare una notevole varietà
computer che sia dotato di un softwa- e DivX. Inoltre, possono essere ripro- dispositivo è di codec per l’audio o per il video, non
re capace di trasformarlo in un media dotti i movie di QuickTime compressi presente anche tutti supportati dal dispositivo.
server, ma Sitecom non fornisce nulla in MPEG-4 o H.264. La massima risolu- l’uscita audio Inoltre, il collegamento wireless a rou-
del genere. Per gli utilizzatori di Pc Win- zione supportata con il collegamento digitale ottica ter non studiati in modo specifico per
dows questo non rappresenta un pro- HDMI al televisore è 1080p, vale a dire applicazioni multimediali non si è di-
blema poiché le funzionalità di server in formato Full HD progressivo, men- mostrato sufficientemente robusto
UPnP sono integrate in Windows Media tre utilizzando il collegamento in vi- da sopportare segnali Wi-Fi non ab-
Player già dalla versione 11 mentre con deo composito la risoluzione è limita- bastanza potenti. Quando si perde la
un Mac si deve installare un software ta alla definizione standard. connessione, occorre ripetere la con-
come TwonkyMediaServer o EyeCon- Proprio con i filmati può però presen- figurazione della rete, operazione ra-
nect della Elgato, entrambi utilizzati tarsi qualche problema. Il TV Media pida, ma comunque noiosa. In linea di
senza problemi per la prova. Player impiega qualche secondo per massima, per la riproduzione di filma-
Una volta avviato uno di questi, il TV individuare il tipo di filmato ed è poi ti è quindi consigliabile affidarsi al col-
Media Player è in grado di individuare necessario attendere un tempo varia- legamento via cavo alla rete domestica
la presenza del server in modo automa- bile a seconda del bitrate per riempi- o, ancor meglio, trasferire i filmati su un
tico e può accedere quindi ai contenuti re il buffer interno, in modo da poter hard disk o una chiavetta USB da colle-
registrati sull’hard disk del Mac. Nel ca- poi garantire uno streaming senza in- gare direttamente al TV Media Player.
so di foto e audio, l’accesso è pratica- terruzioni. Nel caso il formato non sia L’hard disk può essere formattato non
mente immediato e i file possono es- compatibile, prima che sullo schermo solo con i file system FAT 32 e NTFS, ma
sere ricercati anche in modalità Cover compaia il messaggio che il tipo di file anche in HFS+, lo standard per il mon-
Flow, visualizzando le miniature del- non è supportato, possono trascorrere do Mac. Da sottolineare, infine, che per
le foto o le copertine degli album, nel anche diversi minuti: l’unico modo per tutti i prodotti della linea Smart Living,
caso in cui queste siano disponibili. Il interrompere l’operazione è spegnere il Sitecom offre una garanzia della dura-
supporto per i formati audio è piutto- dispositivo. Una situazione del genere ta di ben 10 anni.
sto ampio, si va dai classici MP3, AAC e è abbastanza frequente con i filmati in —Mauro Baldacci
Wav, a formati di qualità superiore co-
me il Dolby AC3 e il FLAC. Per quel che caratteristiche tecniche
riguarda le foto, il supporto non è limi- connessioni HDMI 1.3a, 2 x USB 2.0, S/PDIF, video composito, Ethernet 10/100, 802.11b/g/n
tato al solito JPEG, ma è possibile ripro- risoluzioni 480i, 480p, 576i, 576p, 720p, 1080i, 1080p
durre anche immagini in formato BMP, decoder audio PCM, MPEG, Dolby Digital
formati audio supportati MP3 (CBR, VBR 32~320kbps), MP2, WAV/PCM/LPCM, AAC (MPEG-4), Dolby AC3, FLAC, WMA, WMA Pro
GIF, PNG e TIFF.
formati video supportati MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4 (ASP, AVC HD/H.264), WMV9, VC-1, MKV, Xvid, DivX, Avi, VOB/ISO/IFO,
Più che completo anche l’elenco dei DVR-MS, ASF, MOV, DAT (VCD/SVCD)
formati video supportati, compren- formati foto supportati BMP, GIF, JPEG, PNG, TIFF
dente praticamente tutti i più diffusi, certificazioni DLNA, UPnP AV

APPLICANDO 288 - 05.2010 059


_test audio

Editor audio professionale in grado di offrire sofisticati strumenti


di registrazione, editing, DSP
info

BIAS Peak Pro 6


BIAS
www.bias-inc.com

Midi Music
www.midimusic.it
011 3185602
€ 549,00 + Iva Peak Pro 6 di BIAS rappresenta un ot- quantizzazione di 8, 16, 24, o 32 bit. Può re peak level, clipping e distorsione del
timo complemento per software quali creare documenti nei formati maggior- segnale. Consente inoltre l’audizione di
sofisticate funzionalità
DSP; interfaccia utente funzio- Cubase, Logic, Pro Tools ma anche per mente utilizzati nel settore audio: AIFF, una selezione con impostazione di pre-
nale e intuitiva; ampia dotazio- applicazioni video. Esso si pone come Sound Designer II, WAVE, QuickTime, roll e post-roll, input dell’unità di tem-
ne di effetti; cache in RAM strumento per compositori, produtto- Raw, System 7 Sound, Sonic, AIFF, Paris, po oltre a vari formati SMPTE timeco-
ri operanti nel settore multimediale, Jam Image, AU, MP2, MP3, MP4 (AAC), de (codice di sincronizzazione fra di-
prezzo elevato
sound designer, video e remix editor. FLAC. Inoltre supporta i metadata leg- spositivi video/audio). Inoltre Peak Pro
La configurazione minima richiesta è gendo e scrivendo “tag” relativi ad ar- 6 supporta dispositivi MIDI in Mac OS
un processore G4, G5 o Intel (maggiore tista, album e così via. Il software ope- X: abilitando una tastiera MIDI esterna
di 400 MHz), Mac OS X 10.4.3 o succes- ra in modalità di editing non distrutti- (disponendo di una interfaccia MIDI), la
sivo, risoluzione video minima di 1.024 vo e interattivo: ogni elaborazione ap- tastiera del computer o quella virtuale
x 768 pixel, 256 MB RAM (512 MB rac- plicata alla registrazione audio non de- di Peak Pro 6, si potranno suonare gli
comandati), 330 MB disponibili su hard terminerà modifiche al file originale fin- strumenti virtuali disponibili.
disk con tempo di accesso minimo di 18 ché non si salverà l’editing effettuato; Se si possiede un Mac con almeno 2
ms, QuickTime 6.0 o successivo. inoltre si potrà editare il brano, duran- GB di RAM si potrà attivare l’opzione
Peak Pro 6 supporta direct-to-disk re- te il playback, con funzioni DSP, plug- cache in RAM incrementando le pre-
cording/playback a tutte le frequenze in, taglia e incolla. stazioni e la velocità di elaborazione:
F L’interfaccia di campionamento (sample rate) of- Peak Pro 6 è dotato di graph meter ad una volta terminato l’editing, il file sal-
di Peak Pro 6 ferte dall’hardware utilizzato e livelli di alta risoluzione in grado di visualizza- vato verrà ritrasferito sull’hard disk. Uti-
lizzando il comando Insert si può in-
collare una porzione di registrazione
audio senza cancellare i dati esistenti
o mixarla con questi ultimi. Tutti i da-
ti già presenti verranno spostati a de-
stra del punto di inserzione per far po-
sto a quelli introdotti. Tale funzionalità
permette la ricostruzione di frasi mu-
sicali, riff ecc.

Elaborazione del suono


Mediante il comando Export Regions
si possono salvare porzioni di brano,
in differenti file, precedentemente de-
finite mediante il posizionamento de-
gli appositi marker. Il software dispone
inoltre, di potenti effetti e capacità di
elaborazione (DSP) del segnale audio.
Amplitude Fit consente di normalizza-
re una selezione audio sulla base del-
l’elaborazione di piccoli gruppi di cam-

060 APPLICANDO 288 - 05.2010


BIAS Peak Pro 6

S La finestra di dialogo Export Regions F Con il Panner si può editare


graficamente posizionamento e
pioni, della durata di circa 30 ms, defini- movimento sonoro fra canale destro e
ti “grain”. Ogni grain viene elaborato e sinistro in una registrazione stereo
mixato in dissolvenza con il preceden-
te. Da rilevare la possibilità di cambia-
re la durata della selezione audio sen-
za cambiarne la tonalità utilizzando il
comando Change Duration. Nel relati-
vo dialogo è possibile definire la nuova
durata mediante impostazione percen-
tuale, durata in secondi o battute/mi-
nuto; modifiche oltre il 200% possono
però dar luogo a uno scadimento del-
la qualità audio. Utilizzando il coman- ste ultime vengono utilizzate per re-
do Change Pitch si potrà invece cam- sintetizzare la forma d’onda mediante
biare, entro l’intervallo di un’ottava, il oscillatori che usano i valori di pitch e
contenuto in frequenza e quindi la to- duration specificati. Incrementando il D La finestra di
nalità di una regione audio mediante numero di bande si otterrà un più ac- opzioni del Phase
i relativi slider Interval e Fine Tune. Ta- curato tracciamento del contenuto ar- Vocoder
le impostazione potrà essere effettua- monico ma il Phase Vocoder è più indi-
ta anche introducendo numericamen- cato per l’elaborazione di tracce di“solo”
te l’editing desiderato. A tale riguar- vocali o strumentali piuttosto che per
do Peak Pro 6 suddivide l’intervallo di il trattamento di parti orchestrali. Nel
un’ottava in 1.200 “cents”. Volendo mo- dialogo Convert Sample Rate è possi-
dificare la tonalità di un tono si dovrà, bile cambiare la frequenza di campio-
quindi, impostare il valore 200 (100 per namento di un intero brano, senza mo-
un semitono, 50 per un quarto di tono dificarne la tonalità, adattando, così, il
ecc.). Il checkbox presente nel dialogo documento audio all’elaborazione con te permette invece di ruotare lo spet-
permette di effettuare tale elaborazio- altre applicazioni che richiedono uno tro sonoro di una selezione intorno a
ne preservando la durata della selezio- specifico “sample rate”. un asse orizzontale, ottenendo l’effetto
ne audio oppure, così come avviene in di prendere le frequenze precedente-
un tradizionale registratore analogico, Onde audio sotto controllo mente associate a una sezione del file
modificando la stessa, in modo propor- Il comando Change Gain permette di e assegnarle ad altre aree con differenti
zionale all’editing impostato. Anche lo aumentare l’ampiezza di un segnale ampiezze. Envelope from Audio trasfe-
strumento di analisi/resintesi di spettro consentendo anche la protezione da risce l’inviluppo di una regione audio a
Phase Vocoder permette l’editing della eventuale clipping derivante da ecces- un’altra così come nel caso di una spe-
durata e del pitch suddividendo l’inter- siva amplificazione. Arriviamo a due cifica dissolvenza (fade out) che potrà
vallo di un’ottava, anche in questo ca- strumenti di particolare interesse per essere, in tal modo, applicata ad altra re-
so, in 1.200 cents. Nell’apposito dialo- il “sound designing”: Convolve, basato gione. Ma le caratteristiche dell’invilup-
go si impostano, oltre a pitch e durata, sull’analisi dello spettro sonoro, con- po potranno anche essere salvate per
i valori relativi a numero di bande e di- sente di “caratterizzare” una selezione poi essere utilizzata con altre funziona-
mensione della trasformata di Fourier audio mediante un’altra copiata negli lità di Peak Pro (Fade In/Out, Gain Enve-
(FFT). L’algoritmo della funzione Pha- Appunti (le caratteristiche spettrali del- lope ecc.). La tecnologia PHAT (Partial
se Vocoder analizza il contenuto in fre- la selezione verranno modificate molti- Harmonic Audio Technology) è la base
quenza della selezione audio e colloca plicando le frequenze in comune con il dello strumento Perpetual Looper con
le frequenze trovate nelle tracce. Que- brano nella clipboard); Harmonic Rota- il quale è possibile creare forme d’on-

APPLICANDO 288 - 05.2010 061


_test BIAS Peak Pro 6

da monofoniche operando nel domi- Qualora siano presenti settori non re- ca (Latency Compensation) per elimi-
nio della frequenza anziché nel domi- cuperabili Peak Pro ricostruirà il file in- nare tale slittamento dei dati.
nio del tempo, come solitamente av- serendo porzioni di silenzio dove i da- Il pacchetto supporta due modalità di
viene. Esso divide ed elabora il suono ti non siano interpolabili. Sarà possibi- scrubbing per localizzare con grande
in fase di “looping” in due componen- le anche eliminare click (Repair Click) e precisione un particolare punto del
ti: Partials (contenuto armonico) e Re- decentramenti della forma d’onda dalla brano che si desidera selezionare e
sidual (contenuto non-armonico, noi- linea base (DC Offset), che possono ve- editare. Impostando la durata del loop
se ecc.). PHAT usa una trasformata di rificarsi durante la conversione analogi- che si intende analizzare (selezionabi-
Fourier per convertire il segnale au- co/digitale. Peak Pro 6 supporta plug- le fra 10 e 600 ms) si potrà utilizzare il
dio dal dominio del tempo nel domi- in nei formati Audio Units e VST, la cui movimento del mouse per controlla-
nio della frequenza per poi elaborare elaborazione è assegnata alla CPU del re “capillarmente” il playback all’inter-
ogni componente armonica sinusoida- computer utilizzato, non necessitan- no del loop. Peak Pro 6, inoltre, può
le allo scopo di eliminare ogni discon- do dunque di ulteriore hardware, e in- masterizzare un Audio CD, registrare
tinuità nelle sue componenti, “liman- clude diversi effetti, strumenti virtuali, una traccia audio all’interno di un mo-
do”, così, non adeguate differenze nel- loop ed effetti sonori. vie Quick­Time, pubblicare podcast su
lo spettro fra start point ed end point Per arrangiare e mixare i plug-in, Peak MobileMe, FTP o server locali.
di un loop. Per impostare e editare loop Pro 6 comprende un apposito strumen- Peak Pro 6 è un editor audio dotato di
ritmici, sono utili le funzioni Loop Sur- to di routing: Vbox. Una volta raggiun- sofisticate funzionalità che consentono
fer e Loop Tuner che, sulla base dei da- ta la configurazione desiderata, si po- un capillare controllo della registrazio-
ti relativi a tempo e numero di battu- trà effettuare il “bouncing”, il trasferi- ne/postproduzione audio e di un’inter-
te, permettono di automatizzare la ri- mento, cioè, degli effetti applicati al fi- faccia utente funzionale e intuitiva che
cerca della conveniente lunghezza di le audio registrato sull’hard disk. A ta- facilita l’utilizzo delle sue potenzialità.
regione audio per la creazione di loop le scopo è presente il comando Boun- Il pacchetto è rivolto a un’utenza pro-
ritmicamente corretti. Per mixare due ce mentre utilizzando la funzione Real- fessionale anche come complemento ai
suoni (di cui uno precedentemente co- Time Bounce si potrà procedere in tem- più diffusi software utilizzati negli stu-
piato nella clipboard) è presente il co- po reale. In tal modo si avrà il vantaggio di di registrazione di tutto il mondo. La
mando Mix mentre, utilizzando Pan- di poter editare i parametri dei plug-in versione Pro, qui descritta, presenta un
ner, si potrà editare graficamente po- durante il bouncing stesso oltre a po- buon rapporto qualità/prezzo anche se
sizionamento e movimento sonoro fra ter bypassare il segnale, disponendo questo è un po’ elevato rispetto ad altri
canale destro e sinistro in una registra- di una interfaccia audio, a un disposi- pacchetti dello stesso settore. Sono an-
zione stereo. Recover Audio File tenta tivo esterno. L’applicazione dei plug- che disponibili le versioni LE e XT (sul
di aprire e riparare un file audio dan- in comporta la comparsa della cosid- sito del produttore sono reperibili ta-
neggiato impostando alcune opzioni detta “latenza” nel file audio che si sta belle con le differenze tra le versioni,
quali numero di canali, frequenza di elaborando. Peak Pro 6 dispone di una oltre alle rispettive demo).
campionamento, quantizzazione ecc. funzione di compensazione automati- —Maurizio Fabrizi

S Change Pitch consente


di cambiare la tonalità di
una regione audio e con
Pitch Envelope il cambio di
tonalità si può basare su un
inviluppo personalizzato

062 APPLICANDO 288 - 05.2010


Iomega¨
Soluzioni di storage intelligenti per Mac
Eleganti, versatili e sicure
Iomega offre la soluzione ideale per Mac¨ sia per unitˆ a disco rigido esterne che per storage di rete (NAS).
Condividete e proteggete i file importanti con le soluzioni di storage di rete oppure eseguite il backup di foto,
video, e musica sulle unitˆ a disco rigido esterne portatili o desktop, disponibili in diversi modelli e con varie
opzioni di connessione FireWire e USB. Inoltre, il prestigioso software di backup e ripristino di emergenza
EMC¨ Retrospect¨ per Mac  disponibile tramite semplice download.

eGo Portable Hard Disk, Mac Edition Ultramax Desktop Hard Drive StorCenter Network Hard Drive (NAS)

Disponibili presso:
Via Postumia, 21
33100 Udine
Tel. 0432 287777
email: info@alias.it

Iomega offre un’ampia gamma di soluzioni di storage per PC e Mac¨: la combinazione perfetta tra stile e prestazioni. www.iomega.com
www.iomega.com

Copyright © 2010 Iomega Corporation. Tutti i diritti riservati. Iomega, il logo ”i” stilizzato, StorCenter, eGo e l’insieme dei marchi Iomega sono marchi registrati o marchi di Iomega
Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. I nomi di altri prodotti, marchi o societˆw menzionati nella presente documentazione sono marchi o designazioni dei rispettivi proprietari. Per maggiori
informazioni sui requisiti relativi ai prodotti Iomega attualmente disponibili e sulle procedure di supporto tecnico, visitare il sito Web dell’azienda all’indirizzo www.iomega.com
_test accessori

Dock per hard disk da 2,5 e 3,5 pollici di tipo SATA, collegabile via USB
per espandere al volo lo spazio sul proprio Mac
info

Freecom Hard Drive Dock


Freecom
www.freecom.com

distribuito da
Attiva
www.attiva.com
0444 240641 L’utente Mac non è troppo abituato ad eSATA; entrambi i cavi sono inclusi nel- Dock ed estrarre l’hard disk, premendo
€ 30,00 armeggiare con i dischi rigidi “nudi e la confezione, che contiene anche una il pulsante sulla parte frontale. Durante
pratico ed economico; si- crudi”, che per quanto riguarda le solu- guida di installazione rapida – solo in l’attività il tasto di espulsione del Dock
lenzioso zioni Apple si trovano ben nascosti al- inglese – e un CD-ROM con la manua- funge anche da spia luminosa per se-
l’interno di portatili e desktop, risultan- listica, a dire la verità superflua. gnalare, lampeggiando vistosamente,
i dischi scaldano; trasfor-
do facilmente accessibili solo sul Mac eventuali operazioni di lettura o scrit-
matore esterno
Pro. Ciò non toglie che, per vari moti- Facile facile tura in corso.
vi, può far comodo avere a disposizione L’uso del Dock è semplicissimo: lo si col- L’Hard Drive Dock è utile per chi fa “gi-
un accessorio come questo Hard Drive lega al Mac, vi si innesta l’hard disk e lo rare” più dischi, o vuole riciclare come
Dock della teutonica Freecom. si accende tramite il pulsante sul retro; unità di stoccaggio o backup gli hard
Il nome del prodotto dice tutto: si tratta da quel momento il disco è pronto per disk non più utilizzati (segnaliamo che
di un adattatore per dischi da 3,5 pol- essere utilizzato dal computer, proprio Freecom offre anche l’Hard Drive Dock
lici (quelli dei computer desk­top) e da come se si trattasse di una normalissi- Pro: a una decina di euro in più, accetta
2,5 pollici (dei portatili e del Mac mini), ma unità di memorizzazione esterna. anche i vecchi dischi PATA/IDE). Il pro-
innestabili nella parte superiore del di- Al termine dell’uso occorre come sem- dotto ha però alcune pecche che, se la-
spositivo, che può essere collegato al pre trascinare l’icona del disco rigido sciano impassibili gli“smanettoni”da Pc
Mac tramite l’interfaccia USB 2.0 oppure nel Cestino; si può quindi spegnere il Windows, potrebbero far storcere il na-

Mouse USB leggero e compatto, con un pratico sistema di avvolgimento


del cavo e altezza regolabile in due posizioni
info

Macally mMouse
Macally Europe
www.macally-europe.com

distribuito da
American Dataline
www.adl.it
0422 3771 Da tempo l’utente Apple associa alla pa- saggio alla tecnologia Bluetooth, viene mento a scomparsa nella parte inferio-
€ 19,95 rola “mouse” l’innovazione tipica di Cu- integrato nel mMouse con un pratico re del puntatore.
curato nei dettagli; leg- pertino: tra sferette per lo scrolling, su- sistema di riavvolgimento, interno al Il sistema di avvolgimento consente di
gero e pratico perfici multi-touch, collegamenti Blue- corpo del dispositivo; ciò consente di usare il mMouse evitando confusione
tooth, un prodotto come il mMouse di regolare la lunghezza del filo da 0 a 70 sulla scrivania, regolando il cavo in base
il tasto centrale è un po’
duro
Macally potrebbe apparire superato. centimetri, con step da 7,5 centimetri alle proprie esigenze: bastano 20 centi-
In realtà questo dispositivo si rivolge circa; in caso di trasporto è addirittura
a chi preferisce restare sul classico, ma possibile far sparire nel mouse lo
al contempo sfoggia un paio di detta- spinotto USB, che viene ospi-
gli piuttosto interessanti. tato in un apposito alloggia-
Il cavo USB, additato come fonte di
grovigli e motivo principale per il pas-

064 APPLICANDO 288 - 05.2010


WWW.MILLECANALI.IT
Il portale italiano
per i professionisti
della comunicazione,
televisione,
radio e produzione.
Tutto sul mondo
dell’audiovisivo

so all’utenza Mac. Il trasformatore esterno non aiuta a tenere ordina-


ta la scrivania; lo sportellino di accesso superiore lascia esposta al-
la polvere l’interfaccia SATA interna, quando nessun disco è presen-
te nell’unità; i dischi scaldano, anche parecchio (ma ciò non è ovvia-
mente imputabile a Freecom); la qualità delle plastiche non appare
delle migliori. Per il resto l’Hard Drive Dock è una soluzione pratica
ed economica, che ha pochi eguali sul mercato.
—Emanuele Fiorillo

metri scarsi di filo per sfruttare la porta USB integrata a destra della
tastiera. Un altro plus risiede nell’altezza regolabile: la parte posterio-
re del mMouse può salire o scendere di 5 millimetri, che sembrano
pochi ma possono fare la differenza per le mani più o meno piccole
(la foto pubblicata mostra il mouse in posizione “elevata”).

Un classico che non stanca


Il mMouse funziona senza driver e richiede Mac OS X 10.2.8 o supe-
riore (mentre per Windows servono XP, Vista oppure 7). Il sistema
di puntamento ottico a 800 dpi lo rende molto preciso – ben più di
certi dispositivi Bluetooth di fascia bassa – e i tre tasti, uno dei quali
integrato nella rotellina di scorrimento, bastano e avanzano per chi
Visita il sito
ha esigenze di puntamento nella norma. Il colore bianco stona forse www.millecanali.it
un po’ con le ultime proposte di Apple, ma si sposa con il resto della
produzione Macally; peccato che il pulsante integrato nella rotella
e iscriviti alla
sia un tantino duro da azionare. Il prezzo è leggermente elevato per newsletter gratuita
un semplice mouse USB, ma viene pienamente ripagato dalla gra-
devole esperienza d’uso. di Millecanali
—e.f.
_test storage remoto

Servizio di storage online con sincronizzazione desktop


caratterizzato da varie tipologie di offerta
info

Dropbox
Dropbox
www.dropbox.com
Basic gratuito
Pro 50 9,90 dollari/mese
Pro 100 19,99 dollari/mese

versatile, potente, del tut- I servizi di storage remoto sono di certo Dropbox ha fatto proprio di queste due contenuto della cartella sincronizzan-
to automatico una delle voci importanti nella attuale esigenze i suoi cavalli di battaglia, unita- dolo con il contenuto della stessa cartel-
manca il supporto per i e futura offerta commerciale di molte mente a un sistema di fidelizzazione in- la ospitata nei server di Dropbox: instal-
me­tadati; la parte Pro è un po’ realtà di spicco del mondo informati- trigante, proponendosi non solo come landola su più computer (con lo stesso
costosa co: Apple già da anni prevede uno spa- una delle realtà più interessanti nel set- account), la sincronizzazione avviene in
zio, con annessi altri servizi, chiamato tore, ma anche vincendo l’ambito pre- modo parallelo, siano Mac o Pc.
MobileMe, ma anche Microsoft (Share- mio di Best Internet App 2009 e assimi- Il servizio è semplice nell’uso e non ri-
Point) e Google (GDrive), come d’altra lando velocemente il numero più alto chiede configurazione alcuna, né per
parte l’italiana Memopal offrono solu- di piattaforme tra le quali, oltre a Ap- quanto riguarda il Mac, né per quan-
zioni simili, ognuna con le proprie ca- ple e Microsoft, anche soluzioni mobi- to riguarda il router o qualunque ele-
ratteristiche. le (con pagine web dedicate) con tan- mento gestisca la connessione, dato
Tra tutte ci è sembrata doverosa di un to di applicazione per iPhone. che il tutto avviene in modo automa-
esame approfondito Dropbox che, ol- L’intero servizio è basato su un’applica- tico e trasparente.
tre a dare una base di partenza della zione, che una volta scaricata dal sito Dropbox mostra l’andamento con
propria soluzione in modo del tutto www.dropbox.com, permette di crea- un’icona blu installata nella barra dei
gratuito, offre una serie di servizi com- re un proprio account gratuito, e otte- menu, con due frecce, nel momento
plementari, interessanti e utili, per chi nere così sin da subito uno storage di 2 del passaggio dei file, e una verde di
vuole semplicemente sincronizzare una GB da utilizzare a piacere. Durante l’in- stand-by, segno che al momento non
parte dei suoi documenti ma anche per stallazione, viene creata una cartella al- c’è alcuna attività di rete. La stessa ico-
il professionista più esigente, che ha bi- l’interno del proprio utente, chiamata na è visibile anche nelle cartelle, diret-
sogno di un sistema per condividere i appunto Dropbox, perfettamente in li- tamente nel Finder, durante l’attività.
dati in modo articolato ma sicuro, ge- nea con la grafica delle altre cartelle del Lo stato, come la quantità di spazio ri-
stendo il tutto direttamente dalla pro- Mac. L’applicazione, che una volta lan- manente, l’attività totale e l’elenco de-
pria scrivania tramite Finder. ciata lavora in background, controlla il gli ultimi documenti sincronizzati è visi-
bile nel menu attivabile dalla barra dei
D I servizi offerti menu. Da notare che la sincronizzazio-
da Dropbox ne tra le cartelle di più computer non
sono accessibili deve intendersi come un backup, poi-
anche operando ché tutti i file eliminati da un compu-
direttamente ter (o spostati in una cartella diversa da
dall’interno Dropbox) sono eliminati anche da tut-
di un browser ti gli altri, e che l’applicazione control-
la solamente il contenuto della cartella
soggetta e delle relative sottocartelle,
ignorando il resto del computer.
Peccato che la sincronizzazione dei fi-
le non conservi i metadati (come, ad
esempio, le etichette colorate dei file,
le icone o le preferenze della finestra
nel caso di una cartella), anche se na-

066 APPLICANDO 288 - 05.2010


Dropbox

vigando nel forum del sito sembra che F Inserito un documento nella cartella Public,
questa funzione sia stata presa in con- dal menu contestuale appare una voce Dropbox
siderazione dagli sviluppatori e che sa-
rà implementata a breve.

Servizi complementari
I servizi offerti da Dropbox però non
si limitano all’ambiente Desktop: dal-
l’icona nella barra dei menu è possibile
aprire la pagina del proprio account nel
browser e da qui accedere al contenuto
del proprio account, operando diretta-
mente dall’interno di Safari. Questa fun-
zione è molto comoda perché permet-
te l’accesso ai propri file anche quan-
do si è lontani dal proprio Mac: basta-
no, infatti, un qualsiasi computer colle- dere documenti sino a 2 GB di peso in no effettuate tramite Finder, senza per A Una schermata
gato a Internet e le credenziali di acces- un solo clic, con chiunque, e conside- questo preoccuparsi dello stato della li- dall’App gratuita
so, per operare in tranquillità. rando che Dropbox non presenta limi- nea o della presenza online o meno de- Dropbox per iPhone
La navigazione tramite browser per- ti di traffico, il servizio può essere uti- gli altri computer sincronizzati: si può e iPod touch
mette di attivare alcune funzioni inte- lizzato da chiunque possegga un sito quindi operare anche senza una con-
ressanti come il recupero dei documen- per ospitare i documenti più grossi, che nessione attiva, lasciando che Dropbox
ti eliminati e l’associazione di cartelle ad altrimenti andrebbero ad aumentare il normalizzi il tutto, in modo trasparen-
altri utenti, facendo in modo che il con- traffico mensile che di solito è una voce te, alla prima connessione.
tenuto di una singola cartella oltre che particolarmente sensibile nei contratti Lo spazio di 2 GB gratuito ottenibile al-
sincronizzato con tutti i propri compu- di hosting dei siti web. l’inizio è ampliabile tramite un sistema
ter, sia sincronizzato anche con un al- Durante il periodo della nostra prova, di fidelizzazione a inviti, che dà la pos-
tro utente Dropbox. l’applicazione è stata aggiornata riu- sibilità di aumentare la propria quota
Nel corso dell’installazione, l’applicazio- scendo a migliorare le prestazioni di ve- di 250 MB per ogni utente invitato che
ne crea due cartelle all’interno di quella locità, diminuendo il numero di risorse ha installato anch’esso Dropbox sul pro-
principale: una dedicata alle immagini occupate, abilitando tra l’altro anche la prio computer, sino a un massimo di 5
e un’altra per la condivisione pubblica. sincronizzazione attraverso LAN, quan- GB complessivi. L’utente invitato si tro-
La prima permette di creare al volo una do due o più computer si trovano nelle va sin da subito con uno spazio di 2,25
galleria di foto in formato HTML, la se- vicinanze. La qualità del servizio è sen- GB; volendo aumentare ulteriormente
conda invece permette di condividere il za dubbio positiva, anche perché una la disponibilità, Dropbox propone fasce
contenuto di ogni documento in modo volta installata l’applicazione, questa “Pro” di 50 e 100 GB rispettivamente a
pubblico, senza necessità di utilizzare lavora completamente in background, 10 e 20 euro al mese, cifra tuttavia non
ID e Password. Una volta inserito un do- avvisando solamente a operazioni ulti- indifferente che, unitamente agli altri
cumento nella cartella Public, dal menu mate tramite il sistema di notifica Growl servizi di Dropbox, permette di avere
contestuale appare una voce Dropbox (http://growl.info), presente anch’esso in pratica un piccolo disco rigido sem-
che a sua volta permette di copiare ne- nell’installer di Dropbox. Unico neo la pre sincronizzato, accessibile da qual-
gli appunti il percorso del link, in modo velocità di scarico di alcuni documen- siasi computer. Inoltre, Dropbox pro-
da poter essere inviato via mail, oppu- ti pubblici, che talvolta è stata più len- pone anche un’applicazione gratuita
re postato in un sito web o blog per lo ta della media. per iPhone e iPod touch, che presenta
scarico istantaneo. Questa possibilità, L’aspetto più importante è che essen- una versione ridotta delle caratteristi-
legata ai documenti presenti nella so- do Dropbox nulla più di una cartella che della navigazione da browser.
la cartella Public, permette di condivi- sul proprio Mac, tutte le operazioni so- —Matteo Discardi

APPLICANDO 288 - 05.2010 067


_test hard disk

Hard disk esterno da 2 TB, interfaccia USB 2 e FireWire dotato dell’innovativa etichetta
elettronica e di un software di gestione con sistema proprietario di backup e ripristino
info

Western Digital
Western Digital
http://www.wdc.com/it/
€ 229,00

My Book Studio for Mac


qualità costruttiva; dota-
zione software; praticità d’uso;
sistema backup proprietario;
help contestuale

prezzo di poco sopra la


media, seppur giustificato dal- La produzione di Western Digital non Anche in questo caso, ci troviamo da­ Per quanto riguarda l’aspetto este­
la dotazione software è mai stata così attiva come negli ul­ vanti a una soluzione – chiamarlo sem­ riore, anche questo prodotto si alli­
timi anni. Ai suoi prodotti, specie per plicemente disco esterno è riduttivo – nea alla nuova estetica che da qual­
quelli dedicati alla nostra piattaforma, particolarmente studiata, progettata che tempo caratterizza i prodotti WD.
abbiamo dato ampio spazio sulle pa­ e realizzata per l’uso col Mac. My Book nel nome ma anche nel look.
gine della rivista. L’azienda non ha bi­ La definiamo soluzione in quanto, ol­ Le forme che assomigliano appunto a
sogno di elogi anche perché sono pro­ tre alle caratteristiche fisiche e tecni­ un libro adesso sono leggermente ri­
prio i suoi prodotti a meritarseli. L’at­ che tipiche dei dischi esterni, è dota­ dotte rispetto ai precedenti model­
tenzione al mondo Mac è tale da far ta di componenti software che, come li. Anche le rifiniture generali hanno
riservare, per ogni linea di prodotto, la vedremo, ne rendono l’uso estrema­ subito qualche intervento migliorati­
specifica versione per gli utenti Apple. mente versatile. vo. Sia la griglia che sovrasta il dispo­
sitivo, sia la superficie posteriore che
ospita tutte le connessioni, sono rin­
novate e particolarmente curate. Le
prese d’aria perdono il look tipico e il
colore metallizzato favorendo la fun­
zionalità e la ventilazione e garanten­
do comunque un’estetica molto cura­
ta. Le connessioni a disposizione so­
no sia USB 2.0 sia FireWire 800 e i ca­
blaggi sono realizzati dalla casa con i
connettori dalla forma ergonomica e
personalizzati. Tra le dotazioni esiste
anche un connettore che commuta la
spina FireWire da 800 a 400.
A impreziosire ulteriormente l’effetto
libro, ci pensa ora un’etichetta virtua­

D Il nuovo My Book Studio for Mac di


Western Digital è dotato di una label
elettronica, visibile anche quando l’unità
è spenta o scollegata, che mostra lo
spazio libero, quello occupato e una
pratica etichetta definibile dall’utente
per denominarne il contenuto. Il retro,
rifinito e ordinato, dispone di due prese
FireWire e di una USB 2.0

068 APPLICANDO 288 - 05.2010


Western Digital My Book Studio for Mac

le che, collocata sulla costa, mostra al­


cune utili informazioni come lo spazio
disco libero e la percentuale di quel­
lo occupato. A disposizione dell’uten­
te vi è inoltre la possibilità di riporta­
re una dicitura personalizzata che re­
sta visibile anche a dispositivo spen­
to. Possiamo così personalizzare il no­
stro, o i nostri, My Book con voci come
archivio, immagini o, semplicemente,
con un nome.
Durante lo stato operativo, segnalato
da un piccolo led azzurro sul frontale,
il dispositivo è particolarmente silen­
zioso anche grazie a due nuovi pie­
dini in gomma di grandi dimensioni
e particolarmente morbidi in grado programma. Il manuale dell’utente in A La funzione di za beneficiare del sistema offerto dal
di ridurre anche la classica vibrazio­ formato PDF è fornito in aggiunta alla backup di WD produttore – utilizzando magari solo
ne solitamente propagata sul piano guida contestuale disponibile in ogni SmartWare con le funzioni di TimeMachine con cui è
di appoggio. schermata. evidenziati in compatibile – ma sarebbe un vero pec­
La cartella WD SmartWare, contiene in­ modalità grafica i cato vista la praticità della soluzione
WD SmartWare vece il software che è automaticamen­ raggruppamenti proposta da Western Digital.
Come accennato, la soluzione Western te installato quando si collega l’unità classificati Lanciata l’applicazione, la prima cosa
Digital si spinge oltre le classiche fun­ al computer per la prima volta. Se a dall’applicazione e la che ci viene proposta è la configura­
zionalità di archiviazione. Infatti l’hard causa di un problema con il compu­ relativa selezione zione dell’etichetta virtuale che, co­
disk, nella sua speciale edizione per ter si rende necessaria la disinstalla­ dell’utente me abbiamo visto, decorerà con utili
Mac, monta dalla fabbrica un sistema zione del software WD SmartWare, è informazioni il nostro disco. In segui­
software di gestione denominato WD possibile eseguirne di nuovo l’instal­ to, è offerta la possibilità di protegge­
SmartWare. lazione direttamente da questa car­ re l’unità tramite una password, un si­
Il CD virtuale – VCD – di WD SmartWa­ tella. Inoltre, qualsiasi aggiornamen­ stema che consente di abilitare l’uso
re incluso nell’unità simula un CD fisi­ to automatico del software è colloca­ dell’unità solo da chi ne possiede le
co non distinguibile dal disco rigido in to in questa cartella. Tra le varie utili­ corrette credenziali di accesso. È ne­
uso. Contiene al suo interno tutto il soft­ ty esiste anche quella di sblocco che cessario porre particolare attenzione
ware necessario per iniziare a utilizzare consente di collegare l’unità a qualsiasi a questo passaggio: non ricordarsela
WD SmartWare per organizzare, recu­ computer e di sbloccarla manualmen­ ha come pena la perdita di tutti i da­
perare e proteggere i file e altre infor­ te, garantendo la protezione dei dati ti memorizzati. È disponibile, in aiuto,
mazioni essenziali, nonché eseguirne il fino a quando non si sceglie di render­ la classica domanda di sicurezza utile
backup. Essendo incluso nell’unità, of­ li disponibili. a “rinfrescare” la memoria.
fre il vantaggio di non essere sogget­ Il software viene lanciato alla prima Dopo i primi passaggi di configura­
to a danneggiamento, deterioramen­ connessione e consente di gestire tut­ zione, il dispositivo ha rilevato auto­
to o, cosa non rara, perdita. te le funzionalità di configurazione, di maticamente aggiornamenti softwa­
Nella cartella Extra si trova il manuale backup e di ripristino. Tutte le proce­ re disponibili per il download. Nella
dell’utente in formato PDF in cui so­ dure di configurazione sono illustra­ nostra prova abbiamo avuto qualche
no contenute le informazioni preli­ te nella documentazione inclusa nel conflitto tra le versioni del firmware
minari necessarie all’utilizzo del soft­ disco stesso e non presentano parti­ e quelle del software di gestione. Si­
ware, come pure le descrizioni det­ colari difficoltà. Ovviamente il dispo­ tuazione comunque superata con fa­
tagliate su ciascuna funzionalità del sitivo potrebbe essere utilizzato sen­ cilità, leggendo attentamente le indi­

APPLICANDO 288 - 05.2010 069


_test Western Digital My Book Studio for Mac

S La funzione di ne, sulla diagnostica e sull’eventuale


recupero consente di azzeramento completo dell’unità tra­
ripristinare i file o le mite formattazione.
cartelle selezionate
sia nella loro Classificazione logica
posizione originale La funzione di backup, e il relativo even­
sia nella cartella di tuale ripristino, merita certamente un
recupero allo scopo plauso grazie alla particolarità di clas­
configurata sificazione dei file oltre che alla versa­
tilità di utilizzo. Tramite il soft­ware, in­
fatti, tutti i file residenti sul Mac vengo­
no censiti e classificati secondo preci­
si raggruppamenti: documenti, posta,
film, musica, sistema e altro. La classi­
ficazione, oltre a determinare il tipo di
file, calcola lo spazio totale che il grup­
D Oltre al recupero po stesso occupa. Questa informazio­
completo, è possibile ne che è resa visivamente tramite l’in­
selezionare file o fografica dell’interfaccia consente, ol­
cartelle agendo tre al colpo d’occhio, anche la gestione
sull’elenco gerarchico dei gruppi da includere nel salvataggio
mostrato a video mediante la spunta di caselle di selezio­
ne. La scelta dell’utente, evidenziata in
blu, si ripropone a seguito del backup
nel dispositivo di archiviazione.
Nel caso si volesse recuperare un’infor­
mazione archiviata tramite il backup
effettuato con il software WD, agiremo
sul tab denominato recupera. Da qui
possiamo selezionare il backup che
si intende utilizzare (nel caso ne fos­
sero presenti più di uno), scegliere la
cazioni fornite sul sito nell’area relati­ li sono incluse nei due legati all’archi­ destinazione, che può essere alternati­
va al supporto e all’aggiornamento. viazione e al recupero e in quello di vamente la posizione originale oppu­
L’unica accortezza, peraltro segnala­ configurazione generale. re la cartella di recupero configurata,
ta, è quella di collegare il dispositivo, Partendo da quest’ultimo, possiamo e selezionare l’informazione da recu­
almeno per la fase di aggiornamento, agire sia sulla configurazione del client perare, che sia file o cartella.
tramite un cavo USB. a cui è connessa l’unità, sia su quella My Book Studio for Mac di Western Di­
dell’unità stessa. Nel primo caso pos­ gital è uno di quei prodotti che si fan­
Non solo backup siamo impostare il numero di versio­ no senza dubbio apprezzare in tutte
L’applicazione configurata si presen­ ni di backup da mantenere, la veloci­ le sue qualità. La praticità della confi­
ta con un’interfaccia particolarmen­ tà di backup (nel caso si volesse privi­ gurazione e del suo utilizzo unite al­
te raffinata e intuitiva. I comandi so­ legiare la velocità del Mac rispetto al l’attenzione alla piattaforma Mac po­
no raggruppati da quattro tab princi­ backup) e la cartella di recupero dove sta su tutti i fronti, fanno di questa so­
pali: home, backup, recupero e impo­ saranno posti i file dopo l’azione relati­ luzione una scelta che trova pochi pa­
stazioni. Oltre al primo tab che si rive­ va. Nel secondo caso invece, si agisce ri tra la concorrenza.
la riassuntivo, le funzionalità principa­ sull’etichetta virtuale, sulla protezio­ —Gianni Fontana

070 APPLICANDO 288 - 05.2010


foto: withe BOX
_focus

l’inizio di una

074 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’inizio di una rivoluzione?

Il 3 aprile scorso, dopo


averlo annunciato poco più di due
mesi prima, Apple ha iniziato a
vendere negli Stati Uniti l’ormai già
popolarissimo iPad. Ovviamente non
ci siamo lasciati sfuggire l’occasione
di essere in prima linea al lancio del
prodotto: l’abbiamo prenotato con
largo anticipo, ritirato un esemplare
il giorno dell’apertura delle vendite
e provato per raccontarvi le prime
impressioni, in attesa che l’iPad sia
disponibile anche in Italia. Ecco
quindi nelle pagine che seguono
una descrizione a caldo non solo del
nuovo prodotto della società di
Cupertino, ma dell’intera esperienza
di acquisto e di “immersione” nel
nuovo gioiello della Mela.
Apple è sempre stata
particolarmente attenta nell’offrire ai
propri utenti una esperienza d’uso
che non si limiti al prodotto
acquistato ma si estenda anche
alla specifica esperienza di acquisto
del prodotto stesso. L’attenzione
di Apple per dettagli quali il
packaging, dimostra come per la
società di Cupertino ogni istante
del rapporto tra gli utenti e il
Come Apple intende cambiare le carte prodotto sia essenziale, fin dal primo
in tavola e rivoluzionare un intero mercato contatto con i punti vendita e con
attraverso il nuovo iPad. Storia di un successo gli oggetti. Ciò si amplifica
annunciato. Il nostro inviato da San Francisco ci esponenzialmente in occasione di
racconta i primi contatti con un iPad e un account eventi importanti quali quello del
americano, dall’ordine al ritiro all’Apple Store, primo giorno di vendita di un
dall’apertura della confezione ai primi utilizzi prodotto potenzialmente
rivoluzionario come iPad.
Non potevamo quindi mancare
all’appuntamento con il lancio
—Aaron Ghirardelli americano di iPad. Abbiamo
foto di Claudio Sforza prenotato un esemplare – del

APPLICANDO 288 - 05.2010 075


_focus l’inizio di una rivoluzione?

caratteristiche tecniche presso il negozio, si è avuto il piacere è stata “Da quanto tempo siete qui
modello iPad Wi-Fi o dispiacere di trovare già diverse in fila?”). Approfittando poi del fatto
processore Apple A4 1 GHz persone posizionate di fronte che tutte le persone in coda erano
capacità memoria 16 GB all’Apple Store, in attesa di ricevere il evidentemente fan sfegatati di tutto
connettività wireless Wi-Fi 802.11b/g/n, Bluetooth 2.1+EDR proprio iPad. C’erano addirittura ciò che è Apple (perché chi,
dimensioni (L x A x P) 189,7 x 242,8 x 13,4 mm
persone equipaggiate con tavolini e altrimenti, sarebbe disposto a
peso 680 g (solo Wi-Fi)
sedie da campeggio, intente a mettersi di fronte a un negozio
display 9,7” LED-backlit
giocare a carte o a sorseggiare una chiuso alle sei del mattino?), si sono
risoluzione 1.024 x 768 a 132 pixel per inch (ppi)
tazza di caffè caldo. presentati anche molti
connessioni porta Dock; uscita cuffie mini-jack 3,5 mm
(altoparlante e microfono incorporati) Fin da subito si è avuto modo di fare rappresentanti di software house,
prezzo 499,00 dollari (in USA)* amicizia con altri appassionati del pronti a distribuire volantini relativi
* al momento di scrivere il prezzo in Italia ancora non è noto mondo Apple e si è constatato come alle loro nuove App per iPad.
molti di loro venissero, come noi, da L’atmosfera era magica, molto simile
modello Wi-Fi da 16 GB – settimane nazioni diverse dagli Stati Uniti. Chi a quella che si prova prima dell’inizio
prima del lancio, con ritiro presso il per studio, chi per lavoro, molti di un grosso concerto.
negozio Apple di San Francisco, in utenti presenti a San Francisco Il bello è però iniziato intorno alle
Stockton Street, a due passi dal durante quei giorni non si sono sette e trenta, quando sono arrivati i
centro finanziario della città e dalla voluti lasciare sfuggire l’opportunità dipendenti dell’Apple Store. Fin da
più popolare fermata delle classiche di vivere un momento importante e subito hanno dimostrato grande
“cable car” (i tram “aperti” che di portare a casa il nuovo prodotto. attenzione nei confronti di tutti gli
rendono San Francisco, insieme ad Mentre i minuti scorrevano, la fila utenti in attesa e dopo aver diviso
altre cose, una città unica al mondo). aumentava in modo impressionante tutti in due file (chi aveva prenotato
Per evitare che, nonostante la e intorno alle sette del mattino si il proprio iPad e chi sperava, invece,
prenotazione, si rimanesse a bocca sono visti arrivare i primi giornalisti di trovarne uno senza prenotazione),
asciutta per via dell’incredibile televisivi e della stampa generalista, i dipendenti del negozio hanno
numero di ordini registrati per il pronti a fare domande di ogni tipo offerto a tutte le persone in coda
nuovo prodotto, il vostro cronista si alle persone in attesa (la più comune una brioche e un bicchiere di caffè
è presentato di fronte al negozio caldo. Un tocco di cortesia per tutte
Apple alle sei del mattino. Lo spirito le persone in attesa. Poco prima
della “impresa” ha reso la alzataccia delle nove del mattino un boato ha
meno spiacevole del previsto fragorosamente riempito
e la sorpresa è stata l’atmosfera: era stato tolto
notevole quando, all’arrivo il velo che in

076 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’inizio di una rivoluzione?

vetrina copriva iPad. Finalmente iPad proprio iPad e gli eventuali occhi osservare quella superficie
diventava ufficialmente parte del accessori. Al momento dell’uscita, luminosa (forse addirittura un po’
negozio. con il sacchetto bianco in mano, troppo luminosa) e quella semplicità
Il momento dell’apertura del siamo stati di nuovo accolti da una di design che contraddistingue
negozio è stato a dir poco ovazione, tra utenti in coda, ormai da anni ogni prodotto di
coinvolgente. All’entrata siamo stati dipendenti di Apple festanti e Apple, merito di quel genio del
accolti da una fila di dipendenti telecamere. design che risponde al nome di
Apple, tutti intenti ad applaudire e Una volta fuori eravamo ansiosi di Jonathan Ive. Estratto l’iPad,
dare il loro benvenuto e correre in albergo per aprire il pacco troviamo un piccola scheda
ringraziamento, da parte di Apple, a e mettere finalmente le mani sulla informativa e subito sotto sono
coloro che avevano pazientemente nuova creatura di Steve Jobs. inseriti il cavo USB, del tutto identico
aspettato per ben tre ore all’aperto. a quello che equipaggia ogni iPhone
All’ingresso del negozio siamo stati Il contenuto e iPod touch, e l’adattatore per
quindi accolti da urla festanti e e la dotazione di serie collegare il cavo alla presa della
telecamere intente a catturare L’iPad è custodito in una piccola corrente. Niente di più, niente di
questo momento, il tutto condito da scatola di cartone con impressa meno. In qualche modo la dotazione
una organizzazione impeccabile. l’immagine del prodotto. Una volta colpisce per la sua essenzialità:
Alla soglia del negozio ogni utente è aperta la confezione, si può nessun panno per pulire il generoso
stato accompagnato da un addetto immediatamente ammirare in tutto schermo dell’iPad, nessuna cuffia
che ha svolto il ruolo di guida, il suo splendore lo schermo lucido stereo (purtroppo). Solo l’essenziale
aiutando il cliente a scegliere il dell’iPad ed è un piacere per gli per poter iniziare a usare il proprio

APPLICANDO 288 - 05.2010 077


_focus l’inizio di una rivoluzione?

generose, rende finalmente giustizia


al sistema operativo che fino a oggi
equipaggiava solo iPhone e iPod
touch. Le icone finalmente si
possono gustare nel loro splendore
e ogni singola applicazione muta
completamente aspetto una volta
lanciata sull’iPad. Inviare tweet con
Twitterrific, navigare su Internet o
gestire la posta non è mai stato così
di lineare piacevole, nemmeno con il proprio
semplicità, in perfetto laptop o computer fisso. Il vetro che
stile Apple. Ma è copre lo schermo è resistente e la
veramente un prodotto sensibilità al tocco è ottima.
innovativo e straordinario? Di
seguito elenchiamo quelli che dal La batteria
iPad. A ogni nostro soggettivo e personale punto Non abbiamo potuto effettuare
modo, l’iPad è di vista sono apparsi i pregi e i difetti ancora test particolarmente attenti e
davvero un di iPad, dopo qualche giorno di approfonditi in merito alla durata
bell’oggetto da vedere e intenso utilizzo del prodotto. della batteria dell’iPad, ma possiamo
tenere in mano. Il retro, Ricordiamo ancora una volta che la azzardare che le aspettative
realizzato in alluminio e dolcemente prova si è svolta su un dispositivo dichiarate da Apple (10 ore) sembra
smussato dai bordi verso il centro, il acquistato negli USA e utilizzato siano state confermate se non
grande schermo e l’assenza di con un account americano. addirittura superate. Nel nostro caso,
qualsivoglia ulteriore elemento Partiamo dai pregi. facendo un uso regolare ma non
funzionale (a parte i pulsanti di ininterrotto, e quindi in qualche
accensione, di blocco rotazione e del Lo schermo modo simile a quello per il quale
volume di colore nero) rende iPad Il display LED da 9,7 pollici di iPad è stato progettato, abbiamo
un oggetto di stile, in cui la diagonale è a dir poco spettacolare. potuto fare a meno di caricare la
complessità è nascosta sotto un velo Luminoso e dalle dimensioni batteria del nuovo prodotto per più

078 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’inizio di una rivoluzione?

di una giornata. Ovvio che non L’esperienza d’uso dell’iPad è, pur con qualche neo e alcune mancanze
stiamo parlando di un uso nella dotazione, notevole, ma la sua effettiva utilità sarà legata alla
continuativo e senza pause di iPad disponibilità in Italia di servizi, contenuti e applicazioni e alla loro varietà
ma di un utilizzo calato in una
normale giornata, fatto di sessioni di
navigazione, visione di film, giochi, velocità del processore, unita alla orizzontalmente. A titolo di esempio,
inframmezzate da momenti in cui qualità dello schermo, rischia di si consideri che questo articolo è
l’iPad è stato lasciato a riposo sulla rendere iPad ciò che più si potrebbe stato scritto interamente su iPad con
scrivania o sul divano, l’ambiente avvicinare al computer ideale: un la tastiera virtuale e con Pages, il
ideale per questo tipo di prodotto. dispositivo che non richiede programma di videoscrittura di
Il modo più veloce di ricaricare la particolari conoscenze, che funziona Apple che fa parte della suite iWork e
batteria è con l’alimentatore fornito; sempre e che non crea alcun senso venduto su App Store alla cifra di
in alternativa richiede una porta USB di frustrazione dovuto alla lentezza 9,99 dollari. Ciò significa che si può
2.0 high-power e non tutti i del sistema operativo o serenamente portare l’iPad nel
computer e hub erogano energia dell’hardware. Su iPad tutto risponde proprio zaino sapendo che in caso di
sufficiente allo scopo. in maniera istantanea e l’esperienza emergenza sarà possibile usare con
di utilizzo da questo punto di vista sufficiente comodità e soddisfazione
Le prestazioni risulta gratificante. la tastiera virtuale sullo schermo. Una
e la tastiera virtuale Le dimensioni generose dello nota negativa è l’assenza delle frecce
Il processore A4 che equipaggia il schermo hanno aiutato non poco a direzionali, che talvolta
nuovo iPad è incredibilmente veloce. migliorare l’impatto della tastiera risulterebbero particolarmente utili,
Le applicazioni si aprono in un virtuale, che diventa su iPad una e l’assenza di altri tasti funzione,
lampo, a una velocità sinora mai valida alternativa a quella fisica. come il tasto di tabulazione o i tasti
vista nemmeno nel già veloce Nonostante si possa collegare a iPad modificatori che consentono di
iPhone 3GS. iPad segue il flusso dei una delle tastiere Bluetooth prodotte gestire scorciatoie di sistema.
nostri pensieri e passare da una da Apple o la tastiera con apposito
applicazione all’altra, navigare Dock, venduta separatamente, la Le applicazioni
all’interno dell’App Store o giocare a tastiera virtuale è comoda e pratica, Come già detto in precedenza, lo
un videogioco non comporta soprattutto nella versione estesa schermo dell’iPad, per le sue
apparentemente alcuno sforzo e la quando l’iPad è orientato dimensioni, consente alle

APPLICANDO 288 - 05.2010 079


_focus l’inizio di una rivoluzione?

applicazioni di esprimere il meglio di sempre più applicazioni in grado di resa dello schermo. Leggere
sé rispetto all’ambiente “ristretto” sfruttare le potenzialità hardware e quotidiani e libri illustrati, con Safari
dell’iPhone, a cominciare dalle software del nuovo prodotto Apple. o con applicazioni native, è una
applicazioni prodotte da Apple esperienza gratificante e la
stessa. Mail, ad esempio, è Come strumento di lettura risoluzione dello schermo consente
spettacolare, soprattutto in modalità Ribadiamo che la prova è stata alle immagini di essere visualizzate
“landscape”. L’applicazione del condotta negli Stati Uniti con un nella loro completa bellezza. Con
calendario è estremamente account di quel Paese: la iPad è una delizia leggere non
elegante: sembra di gestire su disponibilità di servizi, contenuti e soltanto quotidiani e libri ma anche
schermo una vera e propria agenda applicazioni varierà nelle altre fumetti, grazie a numerose
cartacea. I contatti sono nazioni. Al momento di scrivere, una applicazioni, come ad esempio
comodissimi, con la suddivisione nota sul sito Apple dichiara quella sviluppata da Marvel, il
dello schermo in due sezioni: a esplicitamente che “iBooks is popolare editore di supereroi.
sinistra la lista, a destra la scheda di available only in the U.S.” L’esperienza di acquisto dei libri è
ogni singolo contatto. Per non L’applicazione iBooks per l’iPad e il molto buona anche se, purtroppo
parlare dell’applicazione per la nuovo iBookstore non saranno per tutti gli utenti che non leggono
visualizzazione delle mappe, che quindi disponibili in Italia, l’inglese, la scelta è ovviamente
lascerebbe a bocca aperta anche il verosimilmente, al lancio dell’iPad.
più scettico, grazie alla velocità di Speriamo di non dover attendere
elaborazione (che consente di troppo perché questo servizio sia
effettuare zoom in modo molto disponibile anche da noi, e con
fluido) e alla bellezza dello schermo. ricchezza di contenuti.
Al primo utilizzo, ogni applicazione è Molti si chiedono se Apple, con il
motivo di meraviglia e le prime App suo nuovo iBooks Store e con iPad,
di terze parti disponibili sullo Store sarà in grado di intaccare la
dimostrano l’intenzione, da parte di leadership del Kindle di Amazon,
tutti gli sviluppatori, di consentire di ormai da diversi anni sul mercato e
godere appieno delle generose ormai nel cuore di migliaia di utenti.
dimensioni dello schermo. Siamo iPad è sicuramente vincente dal
convinti che vedremo nascere punto di vista della velocità e della

080 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’inizio di una rivoluzione?

limitata per il momento. Ribadiamo la luce delle lampade posizionate sul


qui quanto già sottolineato più volte tetto dei vagoni si rifletteva in modo
in questo articolo: la nostra fastidioso sullo schermo lucido.
esperienza di utilizzo si riferisce Nessun problema, invece, quando
all’iPad acquistato negli Stati Uniti e iPad viene utilizzato in ambienti
utilizzato in quel Paese. I servizi e i domestici o in ufficio, soprattutto
contenuti, a partire proprio dalla quando si ha la possibilità di
disponibilità dei libri elettronici, inclinarlo leggermente al fine di
potrebbe essere molto diversa in evitare fastidiosi riflessi.
altre nazioni, Italia inclusa. Lo schermo, inoltre, dato che si
È possibile avere una anteprima dei tratta di un display touch screen,
libri e acquistarli con un semplice ben presto si riempirà di ineleganti
clic. Sullo Store americano sono ditate. Superficie generosa in questo
inoltre presenti numerosi titoli caso equivale a superficie piena di problema nel caso in cui si utilizzi
completamente gratuiti, per la impronte. l’iPad comodamente seduti su una
maggior parte grandi classici della Per quanto riguarda il peso, l’iPad poltrona o sulla sedia di casa (si
letteratura. I libri vengono non è un “peso piuma”. Non lo si può potrà appoggiare l’iPad sulle proprie
conservati in una libreria virtuale definire pesante (la cosa è gambe) lo stesso non si può dire nel
molto simile, nel design, a quella già soggettiva...), ma l’importanza del caso in cui ci si trovi in piedi in una
vista sulla applicazione shareware prodotto si sente non appena lo si metropolitana affollata e si desideri
Delicious Library. prende in mano. Apple dichiara un sfogliare la rivista o il libro appena
Se quindi iPad vince perché peso di 0,68 kg (per il modello Wi-Fi) scaricato.
supporta il colore, cosa non da poco, e mentre è ad esempio possibile iPad è compatibile con qualsiasi
e perché è molto più veloce del tenere il Kindle con una mano sola, applicazione sviluppata per iPhone o
Kindle, quest’ultimo vince in lo è di meno per quanto riguarda iPod touch. Le applicazioni non
leggerezza e leggibilità dello l’iPad (sono pur sempre 700 specificamente sviluppate per iPad
schermo, per i motivi che verranno grammi). Se ciò non risulta essere un vengono però visualizzate a
esposti di seguito nell’ambito della dimensione naturale, ovverosia in
rassegna dei difetti, pochi, che ha una dimensione che risulta essere
questo iPad. una frazione dello schermo dell’iPad.
Come dimostrato dallo stesso Steve
Cosa ci è piaciuto di meno Jobs durante il keynote di
Se lo schermo è stato il primo pregio presentazione, è comunque possibile
messo in luce, lo stesso deve essere
considerato anche come un difetto
per via della lucidità della superficie.
iPad riflette moltissimo qualsiasi luce
diretta e in alcune occasioni la
lettura dello schermo diventa
difficile se non impossibile. Ci si è
rivelato impossibile leggere ciò che
era visualizzato sullo schermo alla
luce del sole (ci si deve dimenticare
di portarsi l’iPad al parco in una
giornata d’estate) e in altre occasioni
la lettura si è rivelata difficile, come
ad esempio in metropolitana, dove

APPLICANDO 288 - 05.2010 081


_focus l’inizio di una rivoluzione?

Già nelle ore immediatamente che offerte da iPad per creare


mi si è allargata l’App

successive al lancio dell’iPad, ini- nuovi titoli che trasformeranno


ziavano ad arrivare in redazione ancora una volta l’esperienza di
gli annunci di nuove applicazioni gioco digitale.”
progettate per il nuovo disposi- Il fermento generato dall’uscita
tivo– Gameloft, uno dei maggio- di iPad non si limita al mercato
ri produttori di videogiochi an- più legato all’intrattenimento,
che per iPhone, ha annunciato la ma coinvolge anche le soluzio-
disponibilità di otto applicazio- ni di produttività, professionali,
ni videoludiche: N.O.V.A. Near personali e aziendali. Significa-
Orbit Vanguard Alliance, Mo- tivo l’esempio di Citrix Systems,
dern Combat: Sandstorm, Dun- che ha annunciato due nuove
geon Hunter, Asphalt 5, UNO, applicazioni per iPad, Citrix Re-
NFL 2010, Let’s Golf! e Real Foot- ceiver e Citrix GoToMeeting. La
ball 2010. Ogni titolo, dichiara prima ricrea un ufficio virtuale
il produttore, sfrutterà al mas- consentendo l’accesso alle ap-
simo tutte le caratteristiche di plicazioni e ai documenti Win-
iPad per offrire un’esperienza dows, la seconda permette di tured Code ha comunicato la di- con esempi del genere, ma ne vo-
di gioco ancora più coinvolgen- partecipare da qualsiasi luogo sponibilità di Things for iPad, il gliamo segnalare uno legato al-
te.“Con iPhone e iPod touch, Ap- a riunioni online. task manager sincronizzabile la musica che sembra poter sfrut-
ple ha cambiato il modo in cui i FileMaker ha annunciato Bento con la corrispondente versione tare in maniera ottimale la mag-
consumatori percepiscono e in- for iPad, applicazione basata su per Mac o, come altro esempio, giore area di visualizzazione del-
teragiscono con i loro dispositi- Bento for iPhone ma ottimizzata Mariner Software ha annunciato l’iPad. La superficie di controllo
vi, creando un’era rivoluziona- per sfruttare il display più gran- Mariner Calc per iPad, nuova ver- e missaggio dei loop musicali di
ria per l’intero settore del mobi- de dell’iPad. Molte delle appli- sione dello storico software per GrooveMaker, l’applicazione per
le gaming,” ha dichiarato Michel cazioni per iPhone più diffuse e Mac che l’hanno scorso era sta- iPhone di IK Multimedia, a giudi-
Guillemot, presidente di Game- popolari dell’App Store vengo- to proposto anche nell’edizione care dalle foto sull’iPad ha un ef-
loft. “Stiamo sfruttando tutte le no naturalmente ottimizzate in per iPhone e iPod touch. fetto davvero spettacolare.
nuove possibilità e caratteristi- queste settimane per iPad. Cul- Si potrebbe continuare a lungo Come quello delle App, anche il

scalare e ingrandire le applicazioni preferite sul nuovo prodotto di È quindi giunta


premendo un tasto sullo schermo. Apple. Ma questo è un problema la fine dei laptop?
Un clic e l’applicazione si ingrandisce imputabile alle applicazioni, non Lo stesso Steve Jobs, durante la
fino a riempire lo schermo dell’iPad. all’iPad. presentazione dell’iPad, ha
Il problema, però, è che lo scaling L’iPad ci ha trasmesso un senso di evidenziato come vi siano dubbi in
risulta in un insieme di testo e estrema eleganza e robustezza. Allo merito alla specifica categoria di
immagini sgranate. Oltre a ciò, stesso tempo, tenere in mano un prodotto all’interno della quale la
ovviamente l’applicazione scalata dispositivo portatile ma nuova creatura di Apple dovrebbe
non sfrutta in alcun modo le caratterizzato da una discreta massa inserirsi. iPad può essere in grado di
generose dimensioni dello schermo e e da uno schermo in cristallo così sostituire un computer portatile
ci si ritroverà innanzi ad App viste con grosso, desta qualche nelle operazioni di tutti i giorni, dalla
la lente di ingrandimento. In attesa preoccupazione sui possibili lettura della posta alla navigazione
che le applicazioni più popolari siano sgradevoli effetti di una caduta su Internet, ma non può certo porsi
sviluppate anche per iPad, lo scaling accidentale. L’acquisto di una come alternativa assoluta ai laptop,
risulta essere l’unico modo per custodia, a nostro parere, diventa in modo definitivo.
continuare a utilizzare le proprie App un’accortezza pressoché Ciò che nel nostro caso emerge dopo
fondamentale per utilizzare l’iPad una settimana di uso intenso, è un
ovunque, con serenità. altro spunto di riflessione: un futuro

082 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’inizio di una rivoluzione?

gratificante e la
mercato degli accessori è in fermento. l’iPad proteggendolo dai graffi e pre-
sensazione, grazie
Facciamo un unico esempio, tra l’altro venendo il rischio di cadute acciden-
all’uso delle dita, è
(come il software GrooveMaker) all’in- tali dopo l’apertura, e sono tutti do-
quella di controllare
segna del made in Italy: Tucano ha già tati di una tasca posteriore per acces-
svelato le nuove custodie per iPad. I sori. Lips è invece una custodia in mi-
definitivamente il dispositivo; il
nuovi folder Soft Skin sono l’evoluzio- crofibra con chiusura a strappo, men- rapporto tattile segna una
ne dei Second Skin che gli utenti Mac tre si espande la collezione Elemen- netta svolta nell’interazione
conoscono molto bene nelle versio- ts for Apple con le custodie per iPad tra l’essere umano e la
ni per i portatili: sono morbidi al tat- Elements Special Edition, nei nuovi ri- macchina. iPad è facile da usare,
to, hanno l’Anti-Slip System, una fa- vestimenti in materiale a effetto can- immediato, chiaro, semplice,
scia elastica in neoprene che avvolge giante in nero e bianco ghiaccio. intuitivo.
Abbiamo avuto la sensazione di aver
dato una occhiata al futuro e di aver
strizzato l’occhio a ciò che sarà.
Aspettiamoci sorprese: anche questa
volta Apple potrebbe averla
veramente fatta grossa!
Seguiteci nei prossimi numeri,
perché riprenderemo ovviamente il
discorso con una prova di utilizzo più
estesa e approfondita non appena
iPad sarà disponibile in Italia, con il
contesto quindi di servizi, contenuti
e applicazioni disponibili e localizzati
per il nostro Paese e linguaggio. È
chiaro infatti che, come strumento di
fruizione di servizi e contenuti, la sua
utilità dipenderà molto da quali
contenuti, servizi e applicazioni
sempre più roseo di iPhone OS. Il saranno disponibili e accessibili
sistema operativo per dispositivi anche in Italia. Abbiamo purtroppo
mobili di Apple ne esce vincitore a un esempio di potenziale mai
pieni voti. Utilizzare su uno schermo sbocciato con Apple TV, prodotto
di quasi dieci pollici l’interfaccia geniale ma che in Italia ancora non
utente alla quale ci ha abituati consente l’acquisto di film e serie TV,
iPhone è una esperienza molto limitandone moltissimo l’utilità.

Slitta di un mese il lancio di iPad in settimane dal momento che mol- nale di iPad di un mese, fino alla fi-
l’attesa si allunga

Italia– Poco prima di andare in stam- te più persone vedranno e tocche- ne di maggio. Annunceremo i prezzi
pa, lo scorso 14 aprile, Apple ha ri- ranno un iPad. Abbiamo anche rac- internazionali e inizieremo a racco-
lasciato la seguente dichiarazione colto numerosi preordini per il mo- gliere i preordini lunedì 10 maggio.
ufficiale:“Sebbene abbiamo conse- dello iPad 3G per la consegna a fi- Sappiamo che molti clienti deside-
gnato più di 500.000 iPad nella pri- ne aprile. rosi di acquistare un iPad saranno
ma settimana, la domanda è mol- Di fronte a questa sorprendente- delusi da questa notizia, ma speria-
to più alta delle previsioni e pro- mente alta domanda negli Stati Uni- mo siano soddisfatti dal conoscerne
babilmente continuerà a superare ti, abbiamo preso la difficile decisio- la ragione – ad ora iPad è un succes-
la nostra fornitura per le prossime ne di posticipare il lancio internazio- so enorme negli Stati Uniti”.

APPLICANDO 288 - 05.2010 083


_focus

le novità della
Adobe ha presentato la famiglia di
prodotti Creative Suite 5, le collezioni
di software per i professionisti di
design e sviluppo e per le aziende,
che copre tutti i campi, dal design al
web al video. Vediamo in anteprima
le principali novità

La nuova release della


Creative
Creative Suite di Adobe, la quinta, si
per consentire di lavorare
agevolmente anche con complessi
sempre più sul desktop, nel mondo
mobile e in genere in ogni tipo di
declina come di consueto in diverse progetti HD. device che si collega a Internet. Le
collezioni dedicate ai vari settori La Creative Suite 5 si apre anche in attese prossime release Flash Player
dell’attività creativa professionale e maniera più decisa all’integrazione 10.1 e Adobe AIR 2 rappresenteranno
una Master Collection che copre in con servizi da fruire online che un importante passo per questa
pratica tutte le esigenze. Nel potenziano (ovviamente in presenza piattaforma e per chi si occupa di
presentare la CS5 Adobe segnala che di connessioni flat e a banda larga) il generare contenuti per essa. L’unica
sono oltre 250 le nuove funzionalità. flusso di lavoro dei “tradizionali” nota stonata da questo punto di vista
Ma più che di sole nuove funzioni strumenti desktop. Adobe CS Live è è la distanza che sembra diventare
(che pure non mancano), ci sembra un nuovo set composto da cinque sempre più incolmabile tra Flash e
un aggiornamento votato anche al servizi online, di alcuni dei quali iPhone OS e le scintille che ne stanno
perfezionamento del flusso di lavoro parliamo più avanti: Adobe derivando, almeno nel momento in
tra diverse professionalità, BrowserLab (per il collaudo di siti cui scriviamo, tra Adobe e Apple.
all’integrazione tra i diversi strumenti web con più browser e sistemi Le prerelease beta internazionali da
e al miglioramento delle prestazioni, operativi), Adobe CS Review (per noi brevemente utilizzate per questa
e quindi dell’efficienza, nella creare e condividere revisioni anteprima non consentivano di dare
progettazione e realizzazione di online sui documenti), Acrobat.com, valutazioni approfondite o di mettere
progetti anche complessi. Riguardo Adobe Story (per la stesura seriamente alla prova i software (ad
quest’ultimo punto, basti pensare a collaborativa di copioni) e SiteCatalyst esempio la build di Photoshop CS5 a
due importanti novità: Photoshop, NetAverages, frutto della recente nostra disposizione non era a 64 bit),
Premiere Pro e After Effects sono ora acquisizione di Omniture da parte ma ci hanno permesso di avere una
a 64 bit sia su Mac sia su Windows e di Adobe. succosa preview delle potenzialità
l’Adobe Mercury Playback Engine in Non ultimo, la piattaforma CS5 della nuova CS5. Le pagine che
Premiere Pro CS5 sfrutta consente di creare contenuti per la seguono non vanno considerate
l’accelerazione di alcune GPU NVIDIA Flash platform, che si sta espandendo quindi delle prove dei software, ma

084 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

un’anteprima delle principali novità.


Seguiteci nei prossimi numeri perché
dedicheremo ampio spazio ad
approfondimenti, prove e tutorial
pratici sulle soluzioni della CS5
—Mauro Baldacci, Andrea De Marco e Gianni Fontana

Suite 5
Adobe.
Adobe ha annunciato per il 12
maggio la disponibilità in italiano dei
pacchetti appartenenti alla Creative
Suite 5: i principali saranno
ovviamente disponibili anche
singolarmente per l’acquisto o
l’aggiornamento. I prezzi previsti,
sempre come indicato nel
comunicato ufficiale di lancio, sono:
3.099 euro per la Master Collection
CS5, 2.299 euro per la CS5 Design
Premium, 1.999 euro per la CS5 Web
Premium, 2.099 euro per la CS5
Production Premium e 1.699 euro per
CS5 Design Standard. Saranno
disponibili aggiornamenti e opzioni
di licenze a volume, così come è
previsto un “grace period” di
aggiornamento gratuito alla CS5
(da richiedere entro un certo periodo)
per chi acquista la CS4 dal 12 aprile
al 12 maggio. Per informazioni
dettagliate e personalizzate,
così come per la composizione
completa delle suite e per i requisiti
di sistema dei pacchetti e delle
singole applicazioni, è sicuramente
utile e opportuno consultare il sito
www.adobe.com/it e chiedere
l’assistenza del proprio rivenditore
di fiducia.
Una cosa è da sottolineare: come già
avvenuto per Snow Leopard, la CS5
“taglia i ponti” con i processori
PowerPC e funziona solo con i Mac
Intel multicore.
Segnaliamo che Adobe ha pubblicato
online una utile guida interattiva con
informazioni sui prodotti: la si può
consultare all’indirizzo http://adobe
interactiveguide.adobe.com/it/.

APPLICANDO 288 - 05.2010 085


_focus le novità della Creative Suite 5

CS5 Design Premium tool consentono infatti di operare prospettici in fase di digitazione; la
con nuove dimensioni, è il caso di variazione dimensionale di testi e
dirlo, senza la necessità di creare oggetti più o meno complessi
griglie di supporto con orizzonti, appartenenti ai piani prospettici,
punti di fuga e quant’altro. mantiene la ratio del piano ospitante
Con lo strumento Shape Builder di rendendo ulteriormente agevole la
Illustrator CS5, la griglia prospettica composizione dell’elaborato.
permette di ricreare scene Altre interessanti funzioni sono state
ambientate con uno, due o tre punti destinate alle tracce. Queste adesso
prospettici. La griglia prospettica farà possono essere create a dimensione
Illustrator CS5 da base per l’adattamento di tutti gli variabile, simmetricamente o meno,
Tra le novità principali di questa oggetti vettoriali che le saranno garantendo massima libertà anche
edizione del classico programma di applicati. Agendo sui bordi della grazie alla possibilità di assegnare
grafica vettoriale spicca la nuova griglia possiamo, trascinando e profili memorizzati ad altre linee.
funzione di disegno prospettico a cui spostando, adattare la prospettiva Inoltre, le terminazioni di ogni linea
si aggiungono, come vedremo, altre ricreata a quella desiderata. possono essere decorate con diverse
diverse funzioni, alcune rifiniture o Ovviamente gli oggetti possono tipologie di freccia. Sempre in tema
implementazioni di tool già esistenti, essere creati e finalizzati in modalità di tracciati, un’altra comodità di cui si
indirizzate alla migliore gestione flat per poter essere poi riportati sui sentiva la mancanza è la possibilità di
delle tracce, a un più versatile utilizzo piani prospettici offerti dalla griglia. definire con maggior precisione
dei pennelli e ai lavori destinati alla In questo modo è possibile passare l’utilizzo dei tratteggi. Come forse
fruizione via web o mobile. da una vista all’altra in fase di molti hanno notato, è attualmente
Tornando alle possibilità offerte dalla produzione per visualizzare il reale difficile far coincidere il tratteggio
funzione prospettiva, possiamo effetto nell’ambiente prospettico
apprezzare come la tecnica adottata ricreato. Anche la funzione di editing F Alcuni effetti ottenibili con le nuove
contribuisca notevolmente a testuale guadagna da queste nuove funzioni dedicate ai tracciati come lo spessore
semplificare la vita all’utente. I nuovi funzionalità, adattandosi ai piani variabile e le terminazioni

—Gianni Fontana

086 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

negli angoli di un poligono. La nuova


funzione, che fa combaciare il
tratteggio terminale con i due lati
dell’angolo adattando la dimensione
dei singoli tratteggi, resta comunque
un’alternativa rispetto alla classica
modalità che preserva il tratteggio
definito analiticamente.
Anche i Brush hanno subito diverse
migliorie e in Illustrator CS5 lasciano
più spazio alla creatività. La prima
novità è quella che consente la
distorsione anche di una singola
porzione mantenendo inalterate le
parti escluse. L’utilizzo dei Pattern
Brush permette invece una ottimale
gestione dei riempimenti in presenza
di poligoni con angolazioni sia
ottuse sia acute. Il Bristle Brush, Illustrator CS5 porta con sé un sicuramente apprezzamenti da parte A Con le nuove funzioni
infine consente di operare in profondo rinnovamento nella degli utenti, riportiamo due diverse prospettiche, la gestione
modalità artistica pur mantenendo i gestione dei formati del documento. possibilità di interazione tra di oggetti e grafica è resa
vantaggi derivanti da una gestione In particolare è possibile adesso piattaforme della stessa suite in più agevole e veloce.
puramente vettoriale. Le opzioni del controllare fino a cento Artboard edizione 5: Flash Catalyst CS5 e Ovviamente non si tratta
Bristle Brush attivabili permettono all’interno dello stesso file. I vantaggi Adobe CS Review. Nel primo caso, di oggetti 3D, ma di disegni
ora di operare in termini di densità, sono facilmente immaginabili. possiamo utilizzare Illustrator CS5 in prospettiva
spessore, opacità e di flessibilità oltre Innanzitutto in termini pratici: per l’editing grafico di elaborati che
che di dimensione e di lunghezza. mantenendo in un unico contesto saranno poi oggetto di
Ulteriore versatilità è offerta dalla tutti gli elementi di base e gli implementazioni interattive con
possibilità di operare all’interno di elaborati di un progetto, il lavoro è Flash Catalyst CS5. L’integrazione è
selezioni o di testi ottenendo certamente agevolato e tutto resta referenziata, di conseguenza
l’espressività dell’acquerello e la archiviato in modo ordinato e senza possiamo riaprire in Illustrator il
qualità del vettoriale. Inoltre, rischi di perdere nulla. progetto ed effettuare le modifiche
utilizzando una tavoletta grafica Per la creazione di nuovi artboard del caso mantenendo il suo
come ad esempio la Wacom 6D Art sono disponibili diversi modelli che collegamento all’interno di Catalyst.
Pen, si possono ricavare, impiegando predispongono l’aspetto in termini Con Adobe CS Review è possibile
pressione e movimento, rotazioni di di proporzioni dell’output scelto, pubblicare file Illustrator sul servizio
360 gradi e anteprime accurate. come ad esempio uno schermo online di revisione, creato da Adobe
Particolare attenzione è stata posta HDTV. È possibile inoltre creare un per agevolare le attività collaborative
sugli output web e mobile; la pannello di lavoro all’interno di un all’interno di un workflow.
rasterizzazione può essere impostata altro, in modo da riservare l’area di
su Align To Pixel Grid, per garantire il esportazione mediante crocini di Photoshop CS5
perfetto adeguamento dell’oggetto taglio. In fase di esportazione si Nell’edizione 5 della Creative Suite di
all’unità di misura del singolo pixel. possono selezionare singoli artboard Adobe, Photoshop CS5 è disponibile
Allo stesso scopo, anche l’antialiasing o tutti insieme, anche come PDF nella versione base e in quella
del testo offre le quattro diverse multi pagina. Extended. Mentre la prima è
modalità presenti su Photoshop: Concludendo la carrellata di nuove utilizzabile nella sola configurazione
Sharp, Crisp, Strong e Smooth. funzioni che riceveranno Design Standard della Suite, la

APPLICANDO 288 - 05.2010 087


_focus le novità della Creative Suite 5

S La funzionalità
di scontorno
avanzata
permette di
eseguire selezioni
anche in situazioni
difficili, come nel
caso dei capelli

seconda è inclusa, oltre che in con Adobe Repoussé, la gestione di è sempre stato motivo di tedio; con
Design Premium, in Web Premium, diversi materiali per le superfici e lo strumento Refine Edge, oltre a
F La correzione Production Premium e performance migliorate in fase di velocizzare la determinazione dei
delle aberrazioni nell’onnicomprensiva Master rendering grazie al potenziato bordi, si può utilizzare la funzione di
può essere Collection. Photoshop CS5 Extended motore Adobe Ray Tracer (ART 2.0). decontaminazione per aiutare
subordinata alle offre, oltre a tutte le nuove Anche Photoshop beneficerà del nell’esclusione dei colori di
caratteristiche funzionalità garantite dalla versione supporto nativo a 64 bit e background. Gli strumenti Smart
della fotocamera base, ulteriori strumenti di editing dell’indirizzamento della RAM (la Radius e Erase Refinement fanno
utilizzata per la orientati alla terza dimensione, di versione da noi brevemente provata operare sulle mascherature o sulle
ripresa testi e grafica, come l’estrusione 3D era ancora a 32 bit), con un aumento selezioni in tempo reale, ottenendo
delle prestazioni percettibile in effetti che fino a ora necessitavano di
special modo nell’utilizzo di file di elevata laboriosità.
grandi dimensioni o operando su Il riempimento Content-Aware è
selezioni particolarmente complesse. un’altra interessante funzione di
Inoltre, la tecnologia Repoussé ritocco: lo strumento rende possibile
aggiunge una reale terza dimensione eliminare particolari da una foto
per i creativi che con ombre e librerie rimpiazzandoli con lo sfondo
di materiali, per citarne solo alcuni, dell’area circostante; si aggiunge così
possono sfogare estro e creatività. una nuova modalità a quelle tipiche
Tra le nuove funzioni, è senza dubbio di rimpiazzo, come Foreground Color
la tecnologia intelligente di o Background Color.
definizione dei bordi a distinguersi Le immagini HDR – High Dynamic
tra le altre. Scontornare i capelli dei Range – stanno riscuotendo grande
ritratti o identificare in modo rapido interesse e, già nelle versioni
ed efficace i bordi di forme precedenti, Photoshop consentiva di
complesse particolarmente articolate operare secondo questa innovativa

088 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

modalità. Con la funzione HDR Pro, stampa. Viceversa, l’attenzione di operatori siano alle prese con questa
arrivano nuovi controlli sul processo Adobe è stata rivolta da una parte al nuova modalità di fruizione, che a
di fusione dei diversi scatti e processo di revisione all’interno del quanto pare muterà le nostre
aggiustamenti sulla mappa dei toni; workflow e dall’altra alla creazione di abitudini di lettura.
la funzione Deghosting permette di elaborati destinati al digitale e, in Adobe ha predisposto allo scopo
selezionare informazioni da una delle particolare, agli ebook. nuove funzionalità per InDesign CS5,
immagini nelle aree problematiche Per le ultime due applicazioni si come l’ordine di lettura mantenuto
in cui la sovrapposizione non è evidenzia l’integrazione con Adobe nella struttura del documento, il
perfettamente coincidente. CS Review che, come già visto, supporto dei CSS acclusi e la migliore
Riguardo all’elaborazione delle rappresenta il collettore del processo gestione di capitoli e tabelle, che
immagini Raw, è da segnalare che il di revisione e controllo dei flussi di semplificano il rilascio degli
nuovo plug-in Adobe Camera Raw 6 lavoro. Quanto al Print-to-digital, i elaborati.
– incluso in Photoshop CS5 – processi di deployment verso il web, Per quanto concerne gli aspetti
supporta adesso quasi 300 modelli di il mobile o verso l’integrazione con strettamente editoriali, la gestione di
fotocamera. Inoltre, la rimozione del Flash sono resi più veloci ed pagine con dimensione diversa
rumore è resa più agevole nelle efficienti. Tutti i contributi animati all’interno dello stesso documento si
situazioni di lunga esposizione o di inseriti in InDesing CS5 vengono rivela senza dubbio molto
condizioni di luce particolarmente mantenuti nell’esportazione verso interessante per la creazione di
ridotta. Il risultato è garantito da un Flash e i testi restano editabili, oltre elaborati basati, ad esempio, su
nuovo algoritmo introdotto da che collegati come nel layout. Le progetti cartotecnici particolari. Lo
Adobe per questa release. animazioni collocate in InDesign strumento Page Selection consente
Automated Lens Correction è la sono visualizzate nella timeline di selezionare una singola pagina e
funzione per correggere le tipiche come clip, garantendone il totale modificarne le dimensioni; le nuove
deformazioni causate dagli obiettivi controllo. Un’altra applicazione impostazioni possono essere
– specie se di corta focale – quali la legata al digitale è la creazione di riutilizzate tramite le pagine master.
distorsione geometrica, l’aberrazione eBook in formato standard EPUB, lo Un’altra interessante possibilità è
cromatica e la vignettatura. Alla adottato non solo dall’iPad, ma offerta dai paragrafi Span: è possibile
funzione è abbinata la possibilità di anche da altri reader come l’ebook di specificare, per un paragrafo, la F Con InDesign CS5 è
creare un profilo di correzione Sony o il Nook di Barnes&Noble. È funzione relativa in modo da possibile gestire
personale basato sulle caratteristiche presumibile quindi che soggetti sovrapporsi su più colonne documenti con formati
della propria fotocamera: questa editoriali e, di conseguenza, interrompendone il flusso. pagina differenti
utility, non veicolata con il software,
è disponibile per il download al sito
labs.adobe.com. Anche Photoshop
CS5, come già visto per altri software
della suite, beneficia delle funzioni di
estrusione e decorazione 3D offerte
dalla tecnologia Repoussé e dello
strumento collaborativo di revisione
CS Review.

InDesign CS5
Adobe InDesign CS5 è il pacchetto
che probabilmente riceve meno
implementazioni funzionali riguardo
al suo utilizzo più tipico, ovvero
quello di impaginazione per la

APPLICANDO 288 - 05.2010 089


_focus le novità della Creative Suite 5

CS5 Web Premium però ora acquisisce due software solo Intel, però al momento non a 64
completamente nuovi. Stiamo bit (almeno la build da noi provata).
parlando di Flash Catalyst CS5 e Flash Nei prossimi numeri approfondiremo
Builder 4, che però, a onor del vero, e proveremo sul campo queste nuove
non sono strumenti del tutto inediti funzioni, sulle versioni definitive in
ai professionisti del web e a chi segue italiano dei programmi della Creative
lo sviluppo delle nuove soluzioni di Suite 5 Web Premium. Come per le
casa Adobe. Flash Builder è la nuova altre collection della CS5, le versioni
versione del tool prima noto come internazionali beta da noi utilizzate
Flex Builder e la cui beta pubblica, per questa anteprima non
La suite per il web insieme a quella di Flash Catalyst, è consentivano di dare valutazioni
La suite dedicata ai professionisti del stata a lungo disponibile sul sito approfondite o di mettere seriamente
web perde un’edizione ma acquisisce Adobe Labs. Flash Builder è un alla prova i software, attività che
nuovi strumenti. Al contrario di ambiente di sviluppo per la porteremo avanti per i prossimi
quanto era accaduto per la CS4 (e di realizzazione di Rich Internet numeri, ma ci hanno permesso di
quanto ancora avviene per la Design), Application, mentre Flash Catalyst è avere una succosa preview delle
la Creative Suite 5 Web è infatti ora uno strumento che consente ai potenzialità della nuova CS5.
disponibile solo nell’edizione designer di trasformare delle
Premium e non più nella Standard. La illustrazioni statiche in progetti Flash Professional CS5
Creative Suite 5 Web Premium interattivi per la realizzazione di Rich Una delle novità principali è il nuovo
contiene, oltre agli strumenti Internet Application e Desktop engine per il testo, il Text Layout
professionali per il design, lo sviluppo Application basate sul Flex Framework. Il TLF è incorporato
e l’authoring web (Dreamweaver CS5, framework, senza scrivere una riga di anche in Flash Player 10 (è quindi
Flash Professional CS5, Fireworks CS5, codice. Ma di questi due nuovi richiesta questa versione per la
Contribute CS5), anche i principali software parliamo più avanti; corretta visualizzazione) e consente di
strumenti di design (Photoshop CS5 iniziamo invece dalle “colonne definire le proprietà del testo
Extended e Illustrator CS5); in più, ci portanti” storiche della suite per il secondo modalità molto più vicine al
sono Acrobat 9 Pro e naturalmente web, Flash e Dreamweaver. Prima di mondo tipografico che a quello web.
Bridge CS5 e Device Central CS5. entrare nelle novità, diciamo che È ora possibile collegare tra loro box
Rispetto alla CS4, non c’è più anche Flash e Dreamweaver, come gli di testo – in modo simile a come si fa
Soundbooth nella Web Premium, che altri software, sono ora applicazioni in InDesign – e il testo può poi fluire

D Una delle novità


più importanti di
Flash Professional
CS5 è il nuovo engine
di testo Text Layout
Framework

—Andrea De Marco

090 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

in più colonne; sono poi molto più S L’animazione di


numerose e dettagliate le proprietà di armature può essere resa
carattere e di paragrafo che è in modo più fluido con le
possibile personalizzare. Diventa in nuove proprietà Spring di
questo modo possibile creare dei Flash Professional CS5
layout di testo molto più sofisticati e
anche lavorare con una maggiore
libertà creativa. Il nuovo Text Layout
Framework prevede anche un più
avanzato supporto multilingue, con la F La Flash platform è
gestione dell’orientamento del testo, sempre più estesa e c’è
delle proprietà “locale” e così via. In chiaramente anche nella
base alle nuove funzionalità, un CS5 la possibilità di
campo di testo ha nuove proprietà: testare i progetti in
innanzitutto la scelta dell’engine, tra dispositivi mobile con
Classic e TLF; poi l’orientamento Device Central CS5
orizzontale o verticale; inoltre la
scelta tra diverse possibilità di
gestione della selezione, read only,
selezionabile o editabile.
La piattaforma Flash in generale è
sempre più ampia. Come abbiamo
avuto modo di scrivere già su numeri
precedenti di Applicando, il Flash
Player di ultima generazione gestisce
target multipli, dai computer
tradizionali ai dispositivi palmari. Per
i telefonini dalle ridotte prestazioni
hardware ci sarà ancora Flash Lite 4,
ma la maggior parte dei dispositivi
mobile di tipo palmare avrà
incorporato il Flash Player vero e
proprio (la prossima versione, 10.1,
avrà un unico riproduttore per tutti i ambiente di sviluppo per iPhone; per beta di Flash Professional CS5. Le
device). Come gli utenti Mac sanno, sviluppare e compilare applicazioni possibilità di accesso ai componenti
nell’iPhone e nell’iPad non c’è per iPhone l’unica piattaforma di iPhone è comunque limitata
possibilità di riprodurre contenuti interamente nativa è Xcode di Apple. rispetto alle vere applicazioni native,
Flash. Flash Professional CS5 getta Flash Professional CS5 include un ma il vero ostacolo a questa funzione
forse un ponte tra il mondo Flash e packager che compila il bytecode sta nei termini della licenza dell’SDK:
l’iPhone. Nella schermata di ActionScript in binari nativi per ARM, pare che Apple li stia modificando in
creazione di un nuovo documento, il processore dell’iPhone, e lo vista del rilascio di iPhone OS 4 in
infatti, tra i nuovi tipi di file ce n’è uno “impacchetta” in un installer per modo da non consentire la
denominato proprio “iPhone”. Questo iPhone (.ipa) che lo sviluppatore può pubblicazione e la distribuzione su
apre un documento di 320 x 480 poi testare e distribuire su App Store. App Store di applicazioni create
pixel, configurato per l’iPhone come Già all’Adobe MAX dell’anno scorso mediante traduttori, convertitori o
dispositivo di output. Intendiamoci: furono mostrate delle applicazioni livelli intermedi di compatibilità. In
Flash non diventa per nulla un per iPhone realizzate con la versione questo caso, le App create con il

APPLICANDO 288 - 05.2010 091


_focus le novità della Creative Suite 5

D Il supporto
migliorato in
Dreamweaver CS5
per i CMS quali
WordPress, Joomla! e
Drupal e per i siti
dinamici PHP può
rappresentare una
grande comodità.
Il sorgente di questa
pagina ha solo
un’istruzione di
inclusione, ma in
alto sono elencati
i file correlati

sul web, dalla sua ampia diffusione su e così via. Oltre che per il novizio, il
smartphone e dall’ambiente AIR per pannello Code Snippets può magari
il desktop. rivelarsi utile anche per il
Tornando per un attimo alla finestra professionista, per risparmiare tempo.
di creazione di un nuovo documento, Gli snippet di codice sono utili per
c’è anche da segnalare i nuovi tipi di realizzare velocemente dei
file ActionScript 3.0 Class e componenti e si presentano, nel
ActionScript 3.0 Interface: è quindi pannello, divisi in categorie: questi
possibile creare classi e salvarle come pezzetti di codice AS3 sono ben
file esterni in maniera più rapida commentati (naturalmente in inglese,
rispetto alle versioni precedenti. Per nella build da noi utilizzata) ed è
gli sviluppatori, è stato potenziato quindi possibile studiarli, magari
A La nuova finestra di packager di Flash (ma anche l’editor ActionScript nei suggerimenti anche per imparare a fare i primi passi
definizione di un sito di mediante altri strumenti esistenti sul e nell’autocompletamento del codice, nel linguaggio.
Dreamweaver CS5 mercato) correrebbero il rischio così come nei riferimenti alle proprie Dal punto di vista dell’architettura,
molto concreto (se non la certezza) di classi e alle librerie esterne. L’editor Flash Professional CS5 usa una nuova
non passare il processo di esegue l’introspezione delle classi, implementazione del formato di file
approvazione da parte di Apple; lo anche di quelle custom importate da .fla basata su XML, denominata XFL;
strumento perderebbe quindi la sua file esterni, e c’è ora la possibilità di al salvataggio di un nuovo file ci viene
utilità. Vedremo nei prossimi mesi indicare Flash Builder (più adatto data infatti la possibilità di scegliere
quali saranno gli sviluppi nelle come ambiente di sviluppo di tra l’opzione .fla (per CS4 o CS5) e .xfl,
relazioni tra Flash e iPhone, sia dal applicazioni) come editor esterno per definita come documento Flash non
punto di vista tecnico sia da quello le classi ActionScript. Chi si avvicina al compresso. L’XFL è un formato più
“politico e giuridico”, legato alle mondo dell’ActionScript troverà aperto, basato come detto su XML,
decisioni di Apple. Più interessante e invece prezioso l’aiuto dei Code che presenta le librerie aperte in
in target con l’attività dello Snippets, un modo veloce per inserire cartelle, dove sono archiviati asset (ad
sviluppatore Flash è l’ampio in un progetto piccoli pezzi di codice esempio i file importati) e documenti
supporto della piattaforma Flash che espletano task semplici di XML. Ad esempio un singolo
dato dalla quasi ubiquità del player navigazione, interattività, animazione elemento, come un’immagine,

092 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

potrebbe essere aggiornato in Live, è gratuito per 12 mesi per chi web publishing quali WordPress o
maniera più semplice e veloce, registra la propria copia della CS5 Joomla!. Un’altra novità annunciata
rimpiazzando un file. Teoricamente entro un determinato termine. che farà piacere a chi utilizza PHP è
questo apre la strada anche a Per quanto riguarda le novità che il code hinting per questo
possibilità di più agevole integrazione “interne” a Dreamweaver CS5, una di linguaggio è stato potenziato, e offre
in ambienti di authoring multi-utente quelle a nostro avviso più significative ad esempio suggerimenti anche delle
e a una più facile interazione tra è il migliorato supporto per le pagine classi custom o di framework esterni.
applicazioni diverse. generate dinamicamente e per i CMS È stata poi ulteriormente potenziata
Anche per i designer ci sono novità. Il PHP. Una pagina generata la possibilità di ispezione del codice
sistema di cinematica inversa si dinamicamente in PHP attraverso un con una modalità denominata
arricchisce ad esempio della nuova CMS è generalmente composta da proprio Inspect, che in combinazione
proprietà Spring, che rende più fluida una serie di file inclusi l’uno nell’altro. con le modalità già esistenti Live
l’animazione di ossa e articolazioni, Dreamweaver CS5 offre ora la Code e Live View permette di
con movimenti più elastici e naturali possibilità di rivelare le dipendenze accedere in maniera rapida alle
e meno artificiosi. Ci sono poi diverse tra i vari file che compongono il proprietà CSS degli elementi
novità minori ma non per questo documento aperto. I nomi di questi selezionati ed eventualmente
meno utili, come la migliore gestione file correlati dinamicamente vengono modificarli. In generale, la difficile
del video sullo stage e nuove skin dei elencati in una riga al di sopra del attività di verifica, test e
componenti FLV, nel cui pannello è documento attivo e da qui possono ottimizzazione delle regole CSS
ora possibile anche inserire dei cue essere aperti in maniera comoda e diventa più semplice, avvicinandosi a
point. veloce, per apportarvi modifiche (un strumenti dedicati come Firebug.
po’ come avviene per documenti CSS Comoda anche la possibilità di
Dreamweaver CS5 o JavaScript esterni, collegati al disattivare temporaneamente delle
Dreamweaver è un ambiente documento attivo). Nella modalità regole CSS per verificarne l’effetto sul
completo di design, sviluppo e Live View, che offre un’anteprima layout.
pubblicazione di siti e applicazioni anche di questi contenuti generati Si notano piccoli miglioramenti votati
web. Nelle ultime versioni sta dinamicamente, ci sono ora delle alla ottimizzazione e velocizzazione
diventando più agevole anche il nuove opzioni per seguire i link. Con del flusso di lavoro. Ad esempio la
complesso lavoro di test di una questi nuovi strumenti si dovrebbe creazione di un nuovo sito non
soluzione web. A questo proposito, poter lavorare in maniera molto più costringe a passare attraverso una
uno dei nuovi Adobe CS Live, i servizi agevole anche con popolari sistemi di serie di step modali ma si avvale di
online che si integrano con le
applicazioni della CS5, si chiama S L’IDE di Flash
BrowserLab e serve a ottenere Builder 4, basato su
un’anteprima della visualizzazione di Eclipse
una pagina web su una serie di
browser e piattaforme. Quindi,
collegandosi al sito BrowserLab e
aprendo con questo la URL di un sito
che abbiamo sviluppato e provato sul
Mac, possiamo verificare in
un’anteprima generata
automaticamente come il sito sarà
visualizzato con, ad esempio, Internet
Explorer 7 o Firefox 3 su Windows XP.
L’utilizzo di questo strumento di
“diagnostica”, come gli altri servizi CS

APPLICANDO 288 - 05.2010 093


_focus le novità della Creative Suite 5

D L’ambiente di lavoro del nuovo software


Flash Catalyst CS5 che fa il suo debutto
nell’ultima versione della Creative Suite

strumento di design ed è stato


progettato da Adobe con lo scopo
di dare la possibilità ai designer di
rendere interattivi gli artwork statici
generati con Photoshop, Illustrator
e Fireworks. Il programma è
indirizzato quindi ai grafici ed è il
prodotto nuovo di questa CS5: serve
essenzialmente per poter creare file
SWF per i riproduttori Flash senza
scrivere una riga di codice. In realtà
in Flash Catalyst il codice non può
proprio essere scritto né modificato:
come dicevamo, è un tool di design
una procedura più compatta e Nuove della Creative Suite 5 sono che ha come oggetto di lavoro
razionale, racchiusa in un’unica invece Flash Catalyst CS5, che è contenuti interattivi per la
finestra che consente di definire un presente anche nelle altre Suite piattaforma Flash.
sito semplice in un’unica schermata e Premium e nella Master Collection, e Verificheremo negli
di avvalersi delle opzioni avanzate di Flash Builder 4. Di questi software approfondimenti pratici che
configurazione solo nel caso esse abbiamo accennato all’inizio e a essi pubblicheremo nei prossimi mesi
siano (o quando diventino) dedicheremo uno specifico articolo fino a dove “si può spingere” questo
necessarie. Allo stesso tempo, le di approfondimento in uno dei strumento e quali sono le sue
configurazioni avanzate sono prossimi numeri: il discorso sulla loro abilità, così come le potenzialità di
migliorate: ad esempio è possibile integrazione nei flussi di lavoro per integrazione tra i diversi tool di
definire server multipli di staging. progetti destinati alla Flash platform sviluppo per la Flash platform.
Tornando, infine, sui servizi online, la e alla loro interazione con Flash Riprendendo e sintetizzando una
recente acquisizione di Omniture da Professional C5 richiede e merita tabella informativa Adobe delle
parte di Adobe apre la strada uno spazio che non è disponibile in differenze e dei campi di utilizzo dei
all’offerta di una serie di nuovi servizi questa panoramica introduttiva. Li tre software, potremmo dire che
per incrementare le proprie accenniamo qui brevemente, a Flash Professional rimane il tool di
potenzialità di business online e tali vantaggio di chi non conosca tali riferimento per la creazione di
servizi, anche se finora non abbiamo programmi. contenuti ricchi e interattivi e
avuto l’opportunità di provarli in Flash Builder 4 è l’evoluzione del richiede una certa conoscenza di
concreto, immaginiamo che saranno precedente Flex Builder ed è uno ActionScript; Flash Catalyst non
sempre più integrati con gli strumento di sviluppo orientato al richiede alcuna competenza nel
strumenti della CS5. codice, basato su Eclipse. Si tratta coding ed è utilizzabile per progetti
quindi di un tool dedicato agli quali, ad esempio, interfacce utente
La Flash platform sviluppatori di applicazioni Flex che o prototipi; Flash Builder richiede
Fireworks CS5 e Contribute CS5, per ora si integra anche con Flash una conoscenza avanzata di
completare la rassegna di Professional CS5 per quanto ActionScript e/o MXML e serve per
applicazioni essenzialmente per il riguarda la stesura del codice lo sviluppo di Rich Internet
web, sembrano cambiare poco o ActionScript. Application o Desktop Application
nulla, se non per correzioni di bug. Flash Catalyst CS5 è invece uno esportate per Adobe AIR.

094 APPLICANDO 288 - 05.2010


_focus le novità della Creative Suite 5

CS5 Production Premium Catalyst CS5, proponendosi quindi nuovo Mercury Playback Engine, in
come strumento completo per la modo da ridurre drasticamente i
realizzazione di video destinati alla tempi necessari per il render degli
distribuzione su qualsiasi effetti sfruttando la tecnologia CUDA
piattaforma. Come componenti integrata nelle GPU delle schede
addizionali, nella suite Production grafiche NVIDIA.
Premium sono poi inclusi Bridge CS5 Come applicazione a 64 bit, Premiere
e Dynamic Link, il componente che Pro CS5 può accedere a tutta la
permette l’interscambio di file memoria installata nel Mac. La
bidirezionale fra After Effects CS5 e gestione della RAM fra le diverse
La suite per il video Premiere Pro CS5 e da questi verso applicazioni della suite permette,
Come nella precedente versione CS4, Encore CS5, l’applicazione di inoltre, di sfruttare appieno il
la suite Production Premium per la authoring per DVD, dischi Blu-ray e multitasking, ad esempio con un
produzione video comprende, oltre web DVD. Mac Pro è possibile lavorare su
alle applicazioni specifiche (Premiere Vediamo più nel dettaglio le progetti complessi mentre si effettua
Pro, After Effects, Soundbooth, applicazioni specifiche, cominciando un render con After Effects, senza
Encore e OnLocation tutti in versione dal software di montaggio video apprezzabili rallentamenti. Un’altra
CS5), anche Photoshop CS5 Premiere Pro CS5 che, oltre al funzionalità può invece essere
Extendend, Illustrator CS5, Flash supporto nativo per i sistemi d’aiuto quando si sta utilizzando un
Pofessional CS5 e il nuovo Flash operativi a 64 bit, può sfruttare il Mac o un portatile che non sia in

AD Con e senza GPU:


nei diagrammi in basso è
possibile verificare l’apporto
della GPU nella gestione Alcune schermate, come quelle di questa
—Mauro Baldacci di progetti complessi pagina, sono tratte dalla versione Windows

096 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

F Il servizio online CS Review è


interamente gestito all’interno di
Premiere Pro CS5

grado di gestire la riproduzione A Supporto nativo


fluida del video HD: con Premiere Pro anche per i formati
CS5 è possibile definire risoluzioni Panasonic AVC-Intra
differenti per la riproduzione e la e RED R3D
pausa del video, in modo da
garantire un’accurata valutazione
della nitidezza delle immagini anche
se non si ha a disposizione un
monitor HD.

Supporto esteso
Sul fronte dei formati supportati in
modo nativo, fanno la loro comparsa
formati largamente diffusi in campo
professionale, come il Sony XDCam
HD 50 o il Panasonic AVC-Intra. È
stato inoltre migliorato il supporto
per i file in formato R3D generati
dalla RED (una telecamera digitale
con risoluzione fino a 4K) e aggiunto
quello per i filmati realizzati con le
più recenti reflex digitali Canon,
Nikon e Panasonic. Tutti questi lo standard de-facto nel settore delle di preparare i filmati per il loro A Adobe Story è
formati possono essere inseriti applicazioni per la cinematografia utilizzo con Flash Professional CS5 o un servizio messo
direttamente nella timeline senza elettronica. Encore CS5 per la creazione di dischi a disposizione da
che sia necessaria alcuna Adobe non ha trascurato neanche Blu-ray, permettendo di realizzare CS Live per la
transcodifica preliminare. Oltre a l’interoperabilità con altri sistemi di flussi di lavoro comuni in ambienti stesura delle
questo, Premiere Pro CS5 permette montaggio video: Premiere Pro CS5 è misti di produzione. sceneggiature
di importare ed esportare il video in in grado di importare progetti Sempre per il miglioramento dei
formato DPX a 10 bit e risoluzione realizzati con Final Cut Pro e Avid flussi di lavoro, la funzione
fino a 4k, il formato divenuto ormai Media Composer, permettendo così Trascrizione discorso, presente già

APPLICANDO 288 - 05.2010 097


_focus le novità della Creative Suite 5

D OnLocation può
essere validamente
utilizzato anche con
le più recenti
telecamere senza
nastro

D Originariamente proposto come l’assegnazione dei metadata alle clip


programma a sé stante, Ultra Keyer è ora con OnLocation, il software che può
integrato come effetto in Premiere Pro CS5 gestire anche la registrazione diretta
su disco da telecamere dotate di
Collaborare in tutte le fasi interfaccia FireWire (DV, HDV e
del progetto DVCPro). OnLocation può essere
Per quanto riguarda la fase di validamente utilizzato anche con
revisione e approvazione dei altre telecamere senza nastro, come
progetti si può sfruttare il servizio le Panasonic P2 o le Sony XDCam e
online CS Review, che fa parte di CS tra le novità della versione CS5 c’è
Live. Con esso è possibile sottoporre anche la possibilità di definire una
a collaboratori o clienti finali il lavoro, serie di parole chiave che possono
cui potranno accedere utilizzando un poi essere associate alle singole clip
qualsiasi browser web. La codifica con un semplice clic del mouse.
dei filmati e il loro upload sono Per finire con Premiere CS5, il già
operazioni che possono essere ampio corredo di effetti è
nella versione CS4, può ora avvalersi gestite direttamente da Premiere completato dall’Ultra Keyer, un
di uno script per rendere più CS5. Un altro servizio messo a raffinato strumento per la gestione
accurato il riconoscimento del testo disposizione da CS Live è Adobe del chroma-key. A giudicare dal
parlato che non sempre forniva Story che può essere utilizzato per la nome, la tecnologia dovrebbe essere
risultati ottimali. Nuova è invece la stesura iniziale di una sceneggiatura la stessa di Ultra, un’applicazione a sé
funzione di rilevamento dei volti a più mani: anche in questo caso è stante inclusa nella versione CS3
(non riconoscimento) che permette prevista la possibilità di accedervi della Production Premium, ma allora
di individuare automaticamente i tramite un browser web. disponibile solo per la piattaforma
punti delle clip in cui compaiono Gli script creati con Adobe Story Windows. Anche l’Ultra Keyer può
volti umani. possono poi essere utilizzati per trarre vantaggio dal Mercury

098 APPLICANDO 288 - 05.2010


le novità della Creative Suite 5

Playback Engine e con un hardware programma è possibile stabilire riducendo drasticamente i tempi
sufficientemente potente è in grado quanti processori lasciare liberi per necessari per questa noiosa
di gestire il chroma-key di video HD svolgere altri compiti. operazione.
anche in tempo reale. La funzionalità che può però da sola La maschera creata con Roto Brush
Passando a Encore CS5, questa nuova giustificare il passaggio alla nuova può essere poi rifinita rimuovendo
versione del software di authoring di versione è il Roto Brush, l’equivalente eventuali invasioni di colore o
Adobe estende le funzionalità di dello strumento di selezione rapida aggiungendo una leggera sfocatura
creazione di dischi Blu-ray con la presente nelle ultime versioni di da movimento che permette di
gestione dei menu su più pagine, che Photoshop. Con Roto Brush possono migliorare la fusione con il nuovo
possono essere sovraimpressi alle essere sufficienti alcune pennellate sfondo.
immagini, senza interrompere la per isolare un soggetto dallo sfondo L’integrazione con Photoshop è stata
riproduzione dei filmati. Encore CS5 e se il movimento non è eccessivo, la ulteriormente migliorata con la
accetta materiale in formato 4k e la selezione definita su un frame può possibilità di gestire anche i livelli di
necessaria transcodifica in HD può essere valida per l’intera clip, regolazione colori selettivi, bianco e
anche essere gestita in background,
appoggiandosi per questa S Dalle Preferenze
operazione ad Adobe Media Encoder. di After Effects CS5 è
Inoltre, per la produzione dei master possibile stabilire
destinati alla duplicazione da parte quanta memoria
di un service esterno, non è più RAM e quanti
indispensabile avere a disposizione processori riservare
un’unità a nastro DLT (Digital Linear per l’applicazione
Tape): il software è in grado di creare
direttamente immagini in formato
DDP (Disc Description Protocol) che
può essere trasferito via FTP al
service che si occupa della
duplicazione.

Effetti a 64 bit
e Roto Brush
Anche After Effects è ora
un’applicazione a 64 bit e il
vantaggio principale consiste nel
fatto di poter sfruttare tutta la RAM
installata nel Mac per la riproduzione
dei filmati in tempo reale: con 16 GB
di RAM si possono riprodurre
fluidamente una trentina di secondi
di materiale in formato HD a 16 bpc
(bit per colore). Oltre a poter definire
la quantità di memoria assegnata ad
After Effects CS5, dalle preferenze del

S Roto Brush all’opera: possono


essere sufficienti poche pennellate
per isolare un soggetto dallo sfondo

APPLICANDO 288 - 05.2010 099


_focus le novità della Creative Suite 5

S Soundbooth CS5
permette di gestire
più agevolmente i
progetti multi traccia

assegnato in base al loro contenuto e che possono essere adattati


con il mouse è possibile ingrandire perfettamente al video, stabilendo i
all’istante una porzione della punti di stacco e modificandone,
timeline o ritornare alla vista almeno in parte, l’esecuzione. Oltre
complessiva. agli score di diversi generi musicali,
Inoltre, l’effetto Livelli permette di sono presenti quelli che riproducono
visualizzare i singoli canali colore i suoni tipici di ambienti cittadini o
consentendo un riscontro visivo naturali.
molto più accurato sul risultato. Come con la precedente versione,
l’integrazione con Premiere Pro
Tracce a volontà permette di inserire all’interno della
L’interfaccia utente è il punto su cui si timeline del software di montaggio
è concentrata maggiormente video le colonne sonore realizzate
A Sempre più ricca l’offerta di effetti l’attenzione del team di sviluppo di con Soundbooth senza che sia
sonori e score scaricabili gratuitamente Soundbooth CS5: è ora possibile necessario alcun render,
con Resource Central cambiare l’altezza delle tracce con un permettendo quindi di modificarle in
semplice drag&drop, nasconderle qualsiasi momento successivo. Per
nero e vividezza. Le estrusioni create con un clic del mouse o portarle a l’integrazione con Flash Professional
con il nuovo comando Repoussé di pieno schermo con un doppio clic. CS5, la novità è costituita dalla
Photoshop CS5 possono essere Nuove scorciatoie da tastiera possibilità di definire marker che
importate e animate mentre per la permettono poi di duplicare o potranno poi essere utilizzati per
camera 3D la novità è rappresentata tagliare una clip e tutto ciò può sincronizzare le animazioni o fare da
dalla modalità two-node che rendere molto più agevole e rapido trigger per determinati eventi.
permette di puntare la camera su un l’editing multi traccia. Proprio la notevole integrazione fra
determinato layer e quindi di L’offerta di effetti sonori e score le diverse applicazioni che
seguirne il movimento. (spartiti) accessibili tramite il servizio compongono la suite Production
Qualche miglioramento ha online Resource Central si è poi Premium si conferma il punto di
riguardato anche l’interfaccia utente. sensibilmente ampliata. Si può forza della soluzione Adobe per il
Il colore dei livelli può essere scegliere fra oltre 130 score diversi video digitale.

100 APPLICANDO 288 - 05.2010


_focus

Questo mese siamo andati a


visitare la londinese Hogarth,

l’industria
una società di post-produzione
video specializzata nel settore
pubblicitario che è riuscita a
imporsi sul mercato grazie a un

degli spot
approccio innovativo interamente
basato su Final Cut Server

—Mauro Baldacci

Il moderno edificio che particolare, su Final Cut Server, e, a giudicare dai risultati ottenuti in
ospita la Hogarth è situato nel centro l’applicazione complementare della meno di due anni di attività, sembra
di Londra, a pochi passi da Soho, il suite Final Cut Studio che si occupa proprio che l’obiettivo sia stato
quartiere dove hanno sede alcune della gestione di tutto quanto può pienamente raggiunto. Ad
tra le più importanti case di post- essere utile per la realizzazione di un accoglierci troviamo Mark Rhys
produzione video e video. Sono oltre 200 i Mac installati Thomas, uno dei soci fondatori della
cinematografiche, interconnesse tra solo nella sede londinese, la maggior società, e Mark Keller che, in qualità
loro da una delle prime reti a larga parte dei quali sono iMac con di chief technology officer, è il
banda, Sohonet, creata per facilitare schermo da 27 pollici, macchine responsabile tecnico di tutto il
lo scambio di materiale in formato molto meno costose dei sistemi progetto.
digitale tra le diverse realtà dedicati normalmente utilizzati per
produttive. Anche Hogarth è la post-produzione video. 0 La prima domanda per Mark
connessa a Sohonet ma questo è L’obiettivo che si erano posti i tre soci Rhys Thomas è d’obbligo: perché
uno dei pochi elementi che la era proprio quello di ridurre avete scelto di puntare tutto sulla
accomuna alle tradizionali post- drasticamente i costi delle piattaforma Apple?
produzioni. La sua particolarità è di lavorazioni, senza per questo Il settore pubblicitario è cambiato
aver scommesso tutto su Apple e, in sacrificare nulla sul piano qualitativo radicalmente nel corso degli ultimi

102 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’industria degli spot

anni. In questo settore c’è chi Adobe che, grazie ai continui 0 Può descriverci in dettaglio
sviluppa le idee e chi le mette in miglioramenti, sono diventati quali sono le lavorazioni di cui vi
pratica. In passato, c’era chi si strumenti più che adatti per gestire il occupate principalmente?
occupava degli annunci pubblicitari tipo di lavorazioni che facciamo qui. Quello che facciamo è ciò che
destinati alla carta stampata, chi In passato, era un problema trovare chiamiamo post-produzione
degli spot per la televisione e chi personale capace di fare con sistemi secondaria. Lo spot creato dalla casa
della comunicazione su Internet. Qui come Avid, Flame o Smoke quello di produzione costituisce, nella
noi facciamo di tutto ed è questa una che ora possiamo fare con Final Cut. maggior parte dei casi, il nostro
delle ragioni per cui abbiamo scelto Oggi si sta riproponendo nel settore materiale di partenza. Noi lo
una singola piattaforma. della produzione televisiva quello riconfezioniamo in molteplici modi:
Non c’è neanche un Pc in questo che è successo anni fa nell’industria ad esempio, si parte da uno spot
edificio, tutto è basato su macchine della stampa, quando con l’ingresso creato per il mercato inglese e se ne
Apple e per una ragione precisa: i di Apple i costosi sistemi dedicati ricava una versione per quello
giovani che escono dalle scuole sono stati progressivamente francese, tedesco e così via. Si tratta
sanno come usare i software che abbandonati. Qualcosa di molto sostanzialmente di sostituire i
compongono le suite Final Cut simile sta accadendo nel settore contributi grafici, le voci degli
Studio di Apple o le Creative Suite di televisivo. speaker e quant’altro sia necessario

F Una delle suite


attrezzate per le
lavorazioni audio

APPLICANDO 288 - 05.2010 103


_focus l’industria degli spot

per poterlo poi distribuire in altri finale. Questo significa che dal video, gran parte del lavoro è affidato
Paesi: da un unico spot si possono momento in cui si acquisisce un a operatori specializzati in una
generare anche diverse decine di qualsiasi contributo video, lo si crea o particolare lavorazione su un sistema
versioni differenti. Abbiamo poi lo riceviamo da qualcun altro, il media molto specifico: non c’è niente di
clienti come Procter&Gamble o Pfizer viene sempre mantenuto in qualità sbagliato in questo, ma per il nostro
per i quali realizziamo le versioni broadcast per tutto il processo di tipo di lavoro serviva qualcosa di più
localizzate di videocorsi: per loro è produzione fino alla distribuzione efficiente.
estremamente importante la finale.
correttezza dell’informazione. In Noi non ridigitalizziamo o 0 E qui entra in gioco Apple…
passato, per lavorazioni di questo transcodifichiamo alcunché: quello Esattamente, ci siamo dotati di una
tipo, un’agenzia pubblicitaria doveva che cerchiamo di fare è di organizzare piattaforma hardware che potremmo
trovare una casa di post-produzione tutti i media fin dall’inizio, tenendoli definire di uso generico, macchine
in ogni singolo Paese: noi abbiamo nella loro qualità originale, sia che si cioè in grado di lavorare su qualsiasi
cambiato le regole. tratti di video HD, sia di materiale in 4k contributo in qualsiasi momento,
girato con Red. Per tutte le lavorazioni sostanzialmente iMac e Mac Pro. A
0 Per i dettagli più tecnici la parola intermedie usiamo il codec ProRes HQ seconda del software che si usa su
passa a Mark Keller. In che modo il e questo ci permette di convertire più queste macchine, si può fare qualsiasi
vostro approccio differisce da facilmente il prodotto finale in PAL o tipo di lavorazione: solo per alcune
quello tradizionale? NTSC, conservando una qualità lavorazioni molto particolari, ad
Il concetto che è alla base del sistema ottimale. Qualcosa di simile accade esempio il doppiaggio di uno spot,
che utilizziamo è il flusso di lavoro per le lavorazioni destinate alla abbiamo delle suite dedicate, ma la
unificato, vale a dire un processo di stampa: in pratica, abbiamo cercato di maggior parte delle macchine Apple
produzione integrato in cui i media replicare nel settore video i flussi di hanno più o meno lo stesso software,
passano in modo trasparente dalla lavoro utilizzati nel settore del DTP. tutte hanno più o meno la stessa
creazione fino alla distribuzione Nelle tradizionali post-produzioni configurazione standard. In questo
modo, anche se una macchina è
D Mark Keller, chief inservibile per qualsiasi ragione, non è
technology officer un problema, si può passare
della Hogarth immediatamente su un’altra. I Mac
sono tutti collegati a un server
centrale e ogni operatore ha un
proprio login: quando accede alla rete
interna, il server provvede a caricare la
sua cartella utente sul Mac che sta
S Mark Rhys usando e questo ci permette una
Thomas, uno dei notevole flessibilità operativa. In tutto
tre soci fondatori abbiamo circa 220 Mac e ogni giorno
della Hogarth possiamo decidere quanti destinarne
alle lavorazioni video e quanti alle
altre lavorazioni.

0 Che ruolo ha Final Cut


Server in tutto questo?
La nostra non è
semplicemente
un’installazione di
Final Cut Server:

104 APPLICANDO 288 - 05.2010


l’industria degli spot

quando ci sono più persone che


lavorano su uno storage centrale è di
fondamentale importanza poter
controllare in continuazione lo stato
della produzione per tutto il processo.
Ci possono essere più persone che
lavorano in parallelo e devono sapere
esattamente cosa fare, altrimenti si
rischia un disastro. Prima dell’arrivo di
Final Cut Server, esistevano già sistemi
MAM (Media Asset Management), ma
erano molto più costosi.
Un tipico flusso di lavoro per il video
inizia con l’acquisizione con Final Cut
Pro del materiale originale che viene
poi montato con l’aggiunta di audio e
grafica per passare infine alla finitura e
alla distribuzione. Nel caso delle Abbiamo sviluppato un sistema di A Tutte le creare sulla SAN la struttura a cartelle
lavorazioni per la stampa e il web, il messaggistica molto raffinato che postazioni di lavoro che verrà utilizzata per il progetto.
flusso di lavoro è simile, con le ovvie abbiamo chiamato FIDO (Fully hanno una L’azione seguente è tipicamente
differenze. Oltre ai programmi della Integrated Data and Operations) che configurazione più o l’acquisizione del materiale che
suite Final Cut Studio, per le integra i metadati con i media nel meno simile e sono comporta la scrittura su disco delle
lavorazioni video utilizziamo Shake e modo più stretto possibile. Più che un connesse al server clip video e audio lasciando poi a
Adobe After Effects mentre per l’audio pezzo di software, è proprio un modo centrale in rete Final Cut Server il compito di
ci serviamo anche di Logic Studio e di lavorare. Normalmente quando si Gigabit Ethernet generare automaticamente i proxy
ProTools della Digidesign. La fase di lavora su un progetto è necessario (NdR: le versioni in bassa risoluzione)
finitura viene gestita con Final Cut Pro inviare una e-mail per dare istruzioni che potranno essere visualizzati sia
e Final Cut Server, con cui produciamo a ogni operatore, il quale provvede da chi supervisiona il progetto, sia dal
anche il prodotto finale vero e poi a inviare un’altra e-mail quando committente, sempre utilizzando
proprio. È piuttosto interessante ha terminato il suo compito. Lo un’interfaccia web.
notare che partiamo sempre da Final scambio di e-mail è anche necessario
Cut Pro e finiamo con lo stesso per sottoporre il lavoro 0 Una fase essenziale di tutte le
programma. all’approvazione da parte del cliente: produzioni video è il controllo
L’acquisizione iniziale è critica poiché normalmente, sarebbe necessario della qualità del prodotto finale:
è in questa fase che vengono inviare in allegato un file MPEG, non come riuscite a gestirla in modo
assegnati i metadati alle clip che proprio il massimo dell’efficienza. efficiente?
serviranno per tutte le successive Abbiamo quindi sviluppato Come ha sottolineato Thomas, la
lavorazioni. Il compito di Final Cut un’interfaccia web per l’accesso a maggior parte del nostro lavoro
Server è sostanzialmente quello di Final Cut Server che può essere consiste nella realizzazione di
tenere legato il tutto e garantire che utilizzata da chi supervisiona la differenti versioni e adattamenti:
tutto il materiale sia sempre produzione, dagli operatori coinvolti spesso partiamo da una versione
disponibile a tutti gli operatori nel progetto e dai committenti. inglese o americana dalla quale
coinvolti nel progetto. Quando si inizia un nuovo progetto, realizziamo anche qualche decina di
l’interfaccia web permette di inserire versioni europee o asiatiche e
0 Come avete risolto il problema tutti i metadata essenziali per dobbiamo verificare tutto questo
del passaggio di informazioni fra i cominciare il lavoro e questi sono materiale prima di poterlo
diversi operatori? utilizzati da Final Cut Server per distribuire. Per farlo, si potrebbe

APPLICANDO 288 - 05.2010 105


_focus l’industria degli spot

D Le suite video
sono destinate solo a
lavorazioni che
richiedono l’impiego
di monitor televisivi
di riferimento

usare semplicemente il player di A Il cuore Final Cut Pro. Se avessimo scelto altre dati, affiancata da un sistema di
QuickTime e un Mac Pro dotato di tecnologico della soluzioni MAM, per realizzare backup con capacità sufficiente per
una scheda con uscita video Aja o Hogarth: server e qualcosa del genere avremmo circa 30 giorni di lavorazioni. Per
Blackmagic collegata a un monitor unità di storage dovuto spendere milioni di dollari. l’archiviazione vera e propria
televisivo di riferimento o a uno sono contenuti in Final Cut Server fa un lavoro sfruttiamo le funzionalità specifiche
schermo al plasma. Si tratterebbe quattro rack eccellente per la gestione dei di Final Cut Server e ci appoggiamo a
però di un controllo molto contributi video o audio e lo usiamo un data center esterno. Anche dal
soggettivo e quindi tutta la fase di anche per tutte le lavorazioni di punto di vista economico, gli hard
controllo qualità, o meglio di quality stampa o destinate al web. disk rappresentano una soluzione più
assurance, è gestita da software che valida: il costo dello storage
come Cerify della Tektronix che 0 Che soluzione avete scelto per presso i data center è conteggiato in
analizzano i file e permettono di l’archiviazione dell’enorme mole base al consumo d’energia elettrica.
verificare la loro correttezza dal di dati digitali che producete ogni Quando abbiamo iniziato, usavamo
punto di vista tecnico, dai livelli giorno? hard disk da 1 TB che ora stiamo
audio e video fino alla corretta Da un master realizziamo anche più sostituendo con quelli da 2 TB: in
codifica con i diversi metodi di di 100 versioni, sarebbe del tutto pratica, abbiamo potuto raddoppiare
compressione che utilizziamo per la improduttivo e molto costoso la capacità complessiva senza costi
distribuzione alle emittenti televisive, salvarle singolarmente su nastro aggiuntivi di gestione.
compito di cui possiamo occuparci video come si faceva una volta. Una
direttamente. delle cose che abbiamo deciso 0 Un’ultima curiosità: com’era
Anche tutte queste operazioni quando siamo partiti con Hogarth è strutturato il vostro flusso di
ruotano intorno a un unico che non doveva esserci neanche un lavoro prima?
contenitore gestito da Final Cut videoregistratore, né tantomeno Questa azienda è stata creata 18 mesi
Server e quello che è interessante unità a nastro per l’archiviazione dei fa e abbiamo subito iniziato con Final
rilevare è che il flusso di lavoro non dati. Una volta completato il Cut Server: prima di allora non
deve essere necessariamente lineare. progetto, lo archiviamo su hard disk avremmo potuto realizzare tutto
Tenendo il tutto in un’unica area, tutti in un data center remoto e questo. Tre sono gli elementi
possono accedervi in qualsiasi conserviamo localmente solo i proxy essenziali per il nostro flusso di
momento: Final Cut Server fa un gran per la consultazione. lavoro: Xsan, Final Cut Server e
lavoro nell’analizzare il contenuto Internamente abbiamo una SAN con QuickTime. Senza anche solo uno di
della SAN, cataloga gli asset e una capacità complessiva di 140 TB questi, una realtà come Hogarth non
controlla come evolvono i progetti di che garantisce l’accesso immediato ai potrebbe esistere.

106 APPLICANDO 288 - 05.2010


CREATIVITÀ A PORTATA DI MANO.

OFFERTA DEL MESE

X-BANNER
X-BANNER
X-BANNER 60X160CM COMPLETO DI STAMPA A € 19,00 + IVA

RIB
AS
SO

CONTINUA
RIB RIB RIB
AS AS AS
SO SO SO

8,60 € al mq 8,60 € al mq

RIB
Polionda AS Forex
SO

9,80 € al mq 18,90 € al mq
_focus

tips & tricks


Trucchi, suggerimenti d’utilizzo, scorciatoie sconosciute, accrocchi,
tips, roba da utenti super esperti. Tutto questo, e molto altro ancora,
per farvi padroneggiare il Mac come mai avreste osato immaginare
e per suscitare l’invidia di amici e parenti —Luca Nalin

Anteprima
essere visualizzate e utilizzate su Spotlight, anche includendo
sistemi differenti, non soltanto da parzialmente, o combinando, le
Anteprima sul Mac. Per prima cosa parole chiave inserite per descrivere
Anteprima è il visualizzatore dobbiamo aprire un PDF con il documento (figura 2).
standard di immagini e documenti Anteprima, poi scegliamo la voce Anteprima non è soltanto un
PDF sul Mac: nel corso degli anni, Mostra impostazioni dal menu visualizzatore di immagini e di PDF:
si è evoluto diventando anche un Strumenti e per finire, all’interno è infatti diventato un ottimo
utilissimo programma per della nuova finestra, selezioniamo il strumento da utilizzare per
modificare sia le immagini, sia i secondo pannello, quello con l’icona modificare entrambe le tipologie
documenti PDF– Iniziamo parlando della lente di ingrandimento, che ci di documenti.
dei PDF e di come sia possibile consentirà di introdurre le nostre Iniziamo a vedere come sia possibile
aggiungere delle parole chiave per parole chiave. Per inserirle è modificare contemporaneamente
descrivere il contenuto di un sufficiente fare clic sul pulsante + e una serie di immagini, effettuando
documento che sono indicizzate da digitare il testo che ci interessa sia operazioni di rotazione delle
Spotlight, rendendo quindi (figura 1); per eliminare una parola stesse, sia di ridimensionamento. Per
facilmente individuabile un file sul chiave già inserita, è invece cominciare, selezioniamo l’insieme
proprio computer; inoltre, è sufficiente selezionarla nell’elenco e di immagini che vogliamo
importante sapere che queste fare clic sul pulsante –. A questo modificare nel Finder e apriamole
parole chiave vengono salvate punto, bisogna semplicemente con Anteprima: in questo modo le
direttamente all’interno del registrare il documento PDF, affinché varie immagini vengono
documento PDF, e quindi possono le parole chiave vengano registrate e automaticamente raggruppate
salvate, selezionando la voce all’interno di una singola finestra e
Registra dal menu Archivio, oppure sono selezionabili tramite la barra
utilizzando la combinazione di tasti laterale. Attraverso la barra laterale
Comando+S. Una volta registrato, è possiamo effettuare delle selezioni
possibile controllare che tutto sulle immagini che vogliamo
funzioni, semplicemente modificare: infatti è possibile
effettuando una ricerca con selezionare tutte le immagini
utilizzando la scorciatoia
Comando+A dopo aver fatto clic su
una delle immagini presenti nella
barra laterale; oppure effettuare
selezioni parziali utilizzando la
1 2

108 APPLICANDO 288 - 05.2010


tips & tricks

combinazione Comando+Clic per


aggiungere immagini alla selezione
(figura 3). Una volta effettuata la
selezione, possiamo applicarvi le
modifiche che abbiamo in mente: ad
esempio è possibile ruotare o
ribaltare le immagini, scegliendo le
apposite voci dal menu Strumenti
(figura 4); oppure, possiamo
ridimensionare le immagini
scegliendo la voce Regola 4
dimensione sempre dal menu 3
Strumenti. In questo caso comparirà
una finestra attraverso la quale contatti: in questo formato la barra
possiamo agire manualmente sulla laterale diventa larga come tutta la
larghezza, sull’altezza e sulla finestra e le immagini, o le pagine
risoluzione delle immagini (figura del PDF, vengono rappresentate da
5): grazie alla finestra è anche una serie di anteprime; la
possibile selezionare formati visualizzazione ricorda quella di
preimpostati, utilizzando il menu a iPhoto ed è possibile regolare la
comparsa Adatta a:. Una volta dimensione delle anteprime agendo
premuto il tasto OK, le immagini sul controllo presente nell’angolo
verranno automaticamente inferiore sinistro della finestra.
ridimensionate. Facendo doppio clic su una delle
In Snow Leopard, Anteprima ha anteprime, viene visualizzata poi
5
subito diverse modifiche che l’immagine relativa. Il formato
riguardano sia l’interfaccia grafica sia Miniature è quello di default, con la PDF: il primo consente di visualizzare
il funzionamento di alcune delle barra laterale che occupa solamente l’indice del documento, il secondo di
funzionalità del programma. una porzione della finestra e con le avere un elenco comodo da
Vediamo quindi le modifiche anteprime che sono organizzate per consultare di tutte le note inserite
riguardanti la barra laterale, che è elenco. In questi due formati è all’interno del file. I diversi formati
stata ampiamente rivista: per prima possibile modificare i criteri di della barra laterale sono accessibili
cosa, nel caso non fosse visibile, è ordinamento delle anteprime: è anche facendo clic sulle apposite
possibile visualizzare la barra laterale sufficiente fare clic con il tasto destro icone poste nella parte inferiore
utilizzando la scorciatoia sull’area occupata dalla barra destra della finestra, proprio sotto
Comando+Maiuscole+D, oppure laterale e scegliere poi il criterio di l’area destinata alle anteprime delle
selezionando la voce Mostra barra ordinamento preferito dal menu immagini o delle pagine (figura 8); è
laterale dal menu Vista > Barra contestuale (figura 7). inoltre possibile ridimensionare la
laterale (figura 6). Attraverso Quando si utilizza il formato larghezza della barra laterale
questo menu è anche possibile Miniature, il menu contestuale facendo clic, e poi trascinando, sul
scegliere fra uno dei nuovi quattro presenta anche una voce aggiuntiva delimitatore fra la barra laterale e
stili di visualizzazione della barra che ci consente di impostare su l’area principale della finestra.
laterale: infatti si può selezionare tra quante colonne devono essere Vediamo ora invece tutte le
i formati Foglio contatti, Miniature, visualizzate le anteprime nella barra possibilità di modifica dei
Indice e infine Note. Vediamo ora le laterale. Tornando invece ai vari documenti PDF. Anche se rispetto a
varie caratteristiche di ciascun formati, quelli chiamati Indice e Leopard non sono state introdotte
formato, iniziando dal Foglio Note sono specifici per i documenti delle novità, ci sono dei

APPLICANDO 288 - 05.2010 109


_focus tips & tricks

6 7 qualsiasi punto del documento che


abbiamo aperto in Anteprima.
Un’altra alternativa è quella di aprire
un altro PDF in Anteprima,
selezionare le pagine che ci interessa
aggiungere nella barra laterale, e poi
trascinarle nella barra laterale del
PDF di destinazione: in questo modo
8
è possibile specificare quali pagine
aggiungere, senza che venga
automaticamente incluso tutto il
documento.
cambiamenti in alcune delle Una volta che si è finito di modificare
operazioni da eseguire per il PDF è possibile registrare il
raggiungere determinati risultati. documento selezionando la voce
9
Una volta aperto un documento PDF Registra col nome dal menu
è possibile riordinare le pagine Le modifiche maggiori hanno Archivio: bisogna fare attenzione
semplicemente trascinandole nella riguardato però le operazioni da quando si registra il file, infatti se si
barra laterale: per fare questo compiere per unire più PDF differenti sceglie la voce Registra viene
bisogna accertarsi di essere nel all’interno di un unico documento: sovrascritto direttamente il PDF che
formato Miniature o Foglio infatti la barra laterale di Anteprima abbiamo utilizzato come base per
contatti, in quanto gli altri due si comporta in modo diverso rispetto l’unione dei diversi documenti.
formati non consentono di alla versione precedente, offrendo la Attenzione quindi a non registrare
effettuare modifiche di nessun possibilità di visualizzare diversi inavvertitamente, perché si rischia di
genere. Per cancellare delle pagine è documenti PDF in contemporanea, perdere in maniera irrecuperabile il
invece sufficiente selezionarle nella raggruppati tutti all’interno della contenuto del documento originale.
barra laterale e poi scegliere la voce stessa finestra, mentre in precedenza Finora abbiamo visto metodi che ci
Elimina dal menu Composizione: ogni documento PDF veniva consentono di riorganizzare le
rispetto a Leopard bisogna prestare visualizzato all’interno di una finestra pagine, di unire documenti diversi e
molta attenzione al fatto che la diversa. Vediamo quindi come di cancellare pagine; abbiamo anche
scorciatoia Comando+Cancella non bisogna procedere con la nuova la possibilità di creare un nuovo file
può più essere utilizzata per versione di Anteprima. contenente solo una selezione di
cancellare le pagine, dato che è stata Per prima cosa bisogna aprire pagine del documento originale.
assegnata al comando per spostare almeno un documento PDF in Con il PDF aperto, e la barra laterale
l’intero documento nel cestino. Per Anteprima, visualizzare la barra visibile, è sufficiente selezionare le
finire, è possibile aggiungere delle laterale e accertarsi che siano visibili pagine che ci interessa mantenere e
pagine bianche al nostro tutte le pagine del documento: è trascinarle sulla Scrivania: verrà
documento, selezionando la voce possibile visualizzare le pagine automaticamente creato un nuovo
Inserisci pagina vuota dal menu facendo clic sull’apposito pulsante documento PDF, contenente
Composizione. Questa funzione è che compare passando con il mouse solamente le pagine selezionate. Si
comoda per organizzare meglio i sull’anteprima della copertina del può ottenere lo stesso risultato
documenti, soprattutto se in fase di PDF (figura 9). Una volta fatto selezionando le pagine, copiandole
stampa si decide di stampare più questo, è possibile trascinare nella negli appunti (Comando+C) e poi
pagine per foglio: inserendo pagine barra laterale, direttamente dal creando un nuovo documento
vuote è possibile delimitare meglio Finder, i PDF che vogliamo (Comando+N): Anteprima creerà un
gli argomenti, facendo in modo che aggiungere: è possibile ovviamente nuovo file contenente le pagine
inizino sempre su un nuovo foglio. inserire le pagine del PDF in un selezionate.

110 APPLICANDO 288 - 05.2010


PRESTAZIONI SUPERIORI
E CONTRASTO STABILE DA
OGNI ANGOLAZIONE.
EIZO CG243W.

Display a 24 pollici in formato Widescreen


YEARS WARRANTY

Pannello con tecnologia IPS e Wide Gamut


LUT a 3D con 16 bit Color Processing e gestione del colore a 10 bit
Tecnologia Digital Uniformity Equalizer per perfetta omogeneità e cromaticità
Calibrazione hardware della luminosità, del punto di bianco e dei valori gamma
Pieno supporto del sistema FograCert Softproofing, classe A
Scopri tutti i dettagli su www.eizo.it
_tutorial

Le basi di dati, o database, sono probabilmente le fondamenta di una società


fortemente organizzata. Senza di esse, non si potrebbe fare la spesa al supermercato
né si potrebbe navigare su Internet sfogliando pagine dinamiche.
La buona organizzazione dei dati inizia dalle tabelle e dalla relazione tra esse

dati in ordine e sempre pronti,


con OpenOffice.org Base —Claudio Romeo

La gestione dei database è un piccolo progetto personale, qual- zo, ad esempio. In questo caso, sareb-
un’attività estremamente delicata, che che nozione può esservi utile. Verrà be corretto usare due campi: un cam-
richiede l’opera di professionisti quali- esaminata la prima fase di costruzio- po Nome e un campo Indirizzo.
ficati e che va curata fin dalle origini: la ne di un database mediante OpenOf- In realtà, non sempre le cose sono così
progettazione di una base di dati è pro- fice.org Base: la costruzione di tabel- nette come potrebbe sembrare; l’ato-
babilmente una delle operazioni che le e la loro messa in relazione. micità del dato dipende talvolta dal-
possono avere le più grandi ripercus- Prima di addentrarsi nell’esame delle l’uso che si intende fare del database.
sioni negative se non vengono effet- funzioni di Base, il gestore di databa- Ad esempio, in determinate situazio-
tuate a regola d’arte. In questo artico- se di OpenOffice.org, è il caso di chia- ni, un ipotetico campo Cognome e No-
lo prendiamo invece in considerazione rire alcuni punti fermi teorici generali, me potrebbe essere considerato ato-
un utilizzo amatoriale e domestico; in in modo da essere in grado di costrui- mico, senza dover prevedere la sud-
ambito aziendale e professionale non re basi dati a prova di bomba. divisione nei due campi Cognome e
c’è alternativa a ricorrere ai servizi di Nome. Una situazione di questo tipo
un professionista specializzato, ma per Dati atomici si verifica, ad esempio, nel database di
Il primo punto fermo della teoria dei fatturazione di un’azienda: quella che
database è che i dati devono essere viene ricercata è infatti l’intera stringa
atomici, o nucleari. Ovviamente, ato- con il cognome e il nome del cliente,
mico va inteso nel significato origina- o la sua ragione sociale se si tratta di
le di non divisibile. un’altra azienda; in questo caso, il da-
Ad esempio, un ipotetico campo chia- to può essere considerato nucleare.
mato Nome e indirizzo che richiedesse Nel caso invece di un elenco telefoni-
l’introduzione sia del nome della per- co, un’ipotetica ricerca potrebbe es-
sona sia del suo indirizzo di residenza sere condotta su tutte le persone con
non sarebbe atomico: si tratta di due un determinato cognome che vivono
dati differenti, la cui natura è completa- nella stessa città: è lampante che il da-
mente diversa. Diverrebbe molto diffi- to (il cognome e il nome) deve esse-
cile ordinare l’elenco in base all’indiriz- re disgiunto.

112 APPLICANDO 288 - 05.2010


dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

La prima regola potrebbe perciò esse-


Stabilire una relazione tra due tabelle è

i vizi nascosti nelle relazioni


re riassunta così: occorre valutare l’uso
abbastanza facile. Far sì che la relazione
che si farà della base di dati e organiz- resista bene anche in occasione di even-
zare i dati stessi affinché siano atomi- ti critici è un po’ più difficile– Per evento
ci rispetto a esso. critico in una relazione tra tabelle si in-
Resta da aggiungere che in caso di tende, ad esempio, ciò che succede quan-
dubbio la soluzione migliore è atomiz- do in una tabella viene eliminato un va-
zare tutte le volte: è sempre possibi- lore unico in un campo cui fa riferimen-
le aggregare i dati con relativa facili- to il campo di un’altra tabella. In un ca-
so come questo, come si deve compor-
tà, mentre spezzarli richiede una fati-
tare il database con tutti i valori che da
ca ben più improba.
un momento all’altro fanno riferimento
a qualcosa che non c’è più?
Dati non ridondanti Il comportamento del database in occa-
La ridondanza dei dati è un’altra trap- sione di eventi critici è regolato da op-
pola insidiosa per i primi passi dei no- zioni predefinite, che tuttavia possono
vizi. Una base dati organizzata corret- essere modificate per ogni singola rela- dei campi collegati che rappresentano l’estremità
tamente non prevede campi doppi, de- zione: basta fare doppio clic sulla linea “a molti” della relazione.
stinati a contenere la stessa informa- di connessione di una relazione e aprire Nessuna operazione: fa sì che le modifiche a una
zione. Se così fosse, oltre allo spreco così la finestra riportata nella figura che chiave primaria o la sua eliminazione non abbia-
correda il box. no effetto sulle chiavi esterne.
di spazio su disco ci si esporrebbe al
Nella finestra sono indicate le due tabel- Aggiorna/Elimina cascata: in caso di modifica al
pericolo di discrepanza tra i dati stes-
le in relazione e i due campi che costitui- valore di una chiave primaria, i campi con chiavi
si, magari a causa di un banale erro-
scono la relazione stessa. Nella sezione esterne corrispondenti vengono aggiornati o eli-
re di battitura.
Opzioni di aggiornamento si trovano minati di conseguenza.
Ci si ricordi che è meglio avere una so- le opzioni che determinano il compor- Imposta lo zero: in caso di modifica al valore di una
la ricorrenza del dato, sbagliata, piut- tamento del database in caso di modifi- chiave primaria o di sua eliminazione, viene asse-
tosto che due, delle quali una giusta ca della chiave primaria (cioè del campo gnato ai campi di chiavi esterne il valore “IS ZERO”,
e una sbagliata. Questo apparente che contiene valori unici e rappresenta che indica che il campo di dati è vuoto.
paradosso è in realtà molto semplice l’estremità“uno”della relazione), mentre Preimpostazione: in caso di modifica al valore
da intuire: se si scopre un dato sba- nella sezione Opzioni di eliminazione si di una chiave primaria o di sua eliminazione, ai
gliato, è facile correggerlo se è uni- trovano le corrispondenti opzioni in caso campi con chiavi esterne viene assegnato un va-
di eliminazione della chiave primaria. Le lore predefinito, che deve essere stato definito
ca la sua posizione all’interno del da-
opzioni riguardano ovviamente ciò che durante la progettazione della tabella, nelle pro-
tabase. Se il dato compare invece in
succede alle chiavi esterne, cioè ai valori prietà di campo.
più posizioni, diventa difficile andare
a pescare quella che ha bisogno del-
la correzione. tato alle attività riservate ai maggio- ti per verificare se qualcuno è diven-
Detto questo, alcune ridondanze so- renni). Qualunque database è in gra- tato maggiorenne e modificare quin-
no abbastanza appariscenti. Ad esem- do di condurre ricerche del tipo “veri- di il suo stato.
pio, in un ipotetico database di un’as- fica se tra la data di nascita dell’iscrit-
sociazione che riserva alcune attività to e la data odierna sono passati più Relazione tra tabelle
solo agli iscritti maggiorenni, è inuti- di diciotto anni” oppure del tipo “tro- Scomporre la base di dati in più tabel-
le e potenzialmente dannoso contem- va tutti gli iscritti che a oggi hanno le messe in relazione tra loro è il siste-
plare sia il campo Data di nascita (che più di diciotto anni”. Occorre perdere ma più semplice per renderla snella
contiene la data di nascita e viene uti- un po’ di tempo per definire (una sola ed efficiente.
lizzato per esaminare l’età media de- volta per sempre) le opzioni di ricerca, Si immagini un’ipotetica motorizza-
gli iscritti) sia il campo Maggiorenne ma poi il lavoro lo fa il gestore di data- zione civile nel cui database vi siano i
(che è un campo di tipo Sì/no e ser- base. In compenso, non si deve scor- dati sia di tutti gli autoveicoli (model-
ve solo a verificare se l’iscritto è abili- rere ogni giorno l’elenco degli iscrit- lo, produttore, cilindrata, tipo di car-

APPLICANDO 288 - 05.2010 113


_tutorial dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

burante, numero di posti eccetera) sia sociare a ogni modello di autoveicolo cercare tutte le persone che possie-
di tutti i possessori di veicoli (cogno- un codice. Nella tabella dei proprieta- dono veicoli a GPL.
me, nome, indirizzo, data della paten- ri, anziché riportare tutti i dati del vei- La relazione tra tabelle è lo strumento
te e così via). Per associare a ogni pro- colo posseduto basta perciò riportare in più che pone i gestori di database
prietario di autoveicolo l’automezzo il codice dell’autoveicolo: semplice, li- relazionali su un piano nettamente più
da lui posseduto occorrerebbe una neare e a prova di errori. alto rispetto ai fogli elettronici e, ovvia-
tabella molto estesa; oltretutto, per Per far ciò è necessario che vengano mente, agli elaboratori di testo.
ogni proprietario sarebbero riporta- create due tabelle (Proprietari e Auto-
ti tutti i dati dell’automezzo, identi- veicoli) e che esse siano messe in rela- Avvio di Base
ci a quelli riportati per altri proprieta- zione: che l’una contenga cioè un cam- e procedura guidata
ri di automezzi identici. Sarebbe uno po che punta direttamente a un cam- Sulla falsariga di Microsoft Access,
spreco di spazio su disco e un’esposi- po dell’altra tabella; nel caso dell’esem- avviando Base viene contestualmen-
zione a possibili errori: basterebbe in- pio, è il codice del veicolo. te avviata una procedura guidata (fi-
fatti che in un caso si scrivesse Fait an- Una volta stabilita la relazione, diven- gura 1) che chiede come operare per
ziché Fiat e il database darebbe risul- ta facile per il gestore del database aprire un database: se crearlo da zero,
tati non corretti. estrarre i dati dell’autoveicolo posse- se aprirne uno esistente o se collegare
Per evitare questi problemi basta as- duto da una determinata persona o un nuovo database di Base a una ba-

A Figura 1. Il primo passo della creazione guidata che viene avviata insieme con Base A Figura 2. Il secondo e ultimo passo della creazione guidata di un nuovo database

A Figura 3. Per ognuno dei campi della tabella è possibile impostare le proprietà, A Figura 4. In Base, ogni tabella deve possedere una chiave primaria, che identifica
intervenendo sui parametri nella parte destra della finestra univocamente il record

114 APPLICANDO 288 - 05.2010


fashion 4 tech

iCon Pro, la praticità nel modo più semplice

/HFROOH]LRQL7,0(VRQRGLVSRQLELOLVRORSUHVVRL5LYHQGLWRUL$SSOHVHOH]LRQDWL

4-)1328) $;36/:ME ' &EXXMWXM % 836-23 $;36/:ME *PPM &ERHMIVE %836-23 $;36/:ME &VSJJIVMS %78- $;36/ GS 1IPGLMSRRM:ME 1MKPMEVE %0)77%2(6-%
031&%6(-% ') '31192-'%8-32 )2+-2))6-2+ 'WS 7ER +SXXEVHS  1-0%23 ') '31192-'%8-32 )2+-2))6-2+ 4^^E *MVIR^I  1-0%23
')'31192-'%8-32)2+-2))6-2+:ME1EVGERXSRMSHEP6I1-0%23')+63947836)4^^E4SVXIPPS4PI%GGYVWMS1-0%23')'31192-'%8-32)2+-2))6-2+4^^E<<
7IXXIQFVI:%6)7)')'31192-'%8-32)2+-2))6-2+:ME:MXXSVMS)QERYIPI--132>%$;36/:ME+'EVHYGGM%RK+EPPIVME&SVIPPE1-0%234)6732%07=78)1:PI&SV
REXE&KS;YLVIV  &6)7'-%;,-8)7836):ME*PPM 4SVGIPPEKE&6)7'-%4)6732%07=78)1:ME++EFIV(1%283:%:)2)83-24984PI(SREXSVMHM 7ERKYI 1)786) :) 
*6-90-*6-90'31498)6:ME4EPPEHMS8%:%+2%''3 9( )1-0-%631%+2%4)6732%07=78)1:ME1EVGLIWM4%61%4)6732%07=78)1:ME<<7IXXIQFVI7%779303
(%8%86%():ME'SPXIPPMRM13()2%(%8%86%():MEHIPPE0MFIVE^MSRI-RX''3J½GMRI1MRKERXM&303+2%(%8%86%():ME7SEVHM6-1-2-671(%8%86%():ME---7IXXIQ
FVI(3+%2%7%21%6-231%6',)1)(7836)+EPPIVME6SQE4)7%631)(7836)'WS1E^^MRM%2'32%1)(7836):ME'PYIRXMRE&PSG4MIHMVMTE1%')6%8%
91&6-% 1)( 7836) 'SVWS:ERRYGGM  4)69+-% 0%>-3 M'32 :ME 7JSV^E 4EPPEZMGMRM  631% M'32 :ME 7 .EGMRM  631% -283;2 :MEPI HIPP´3GIERS%XPERXMGS  631%
-283;2:ME+0ER^E631%'%14%2-%'%7)68%7836):ME%PSMW'%7)68%',-%-%7836):ME2MWGSERK:MEHIM1MPPI2%430-49+0-%'
''327908-2+'WS
:MXXSVMS)QERYIPI--&%6-'
''327908-2+:ME>EREVHIPPM0)'')'%0%&6-%/)=7836)32):ME%VEFME)'37)2>%7-'-0-%-2*361%8-'%'311)6'-%0):ME)
2SXEVFEVXSPS4%0)613

ZZZWLPHIDVKLRQWHFKFRP
_tutorial dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

D Figura 5. Ad esempio, scegliendo Crea un nuo-


La tabella Piante vo database e facendo clic sul pul-
in vista Struttura. sante Avanti viene visualizzata la fi-
Le proprietà del nestra riportata nella figura 2, che of-
campo IDPianta sono fre la possibilità di registrare il databa-
state modificate se. La registrazione di un database in
affinché il numero OpenOffice.org non ha nulla a che fare
progressivo con la memorizzazione su disco (ope-
sia introdotto razione che verrà compiuta più avanti),
automaticamente ma significa che il database che si sta
da Base creando può essere automaticamen-
te utilizzato come sorgente di dati da
tutte le applicazioni OpenOffice.org;
finché si tratta di database di prova,
conviene deselezionare la casella. Le
caselle Apri il database per la modi-
fica e Crea nuove tabelle con la pro-
cedura guidata andrebbero invece se-
lezionate: la prima fa sì che il databa-
se di dati già esistente. In quest’ultimo Non è una soluzione sicura al 100%, se venga subito aperto per la modifi-
caso si ha la possibilità di usare un da- ma dovrebbe funzionare. ca, mentre la seconda avvia una nuo-
tabase creato con altri gestori, tra cui Se non si ha alcuna dimestichezza con va procedura guidata per la creazione
Calc. Tuttavia in alcuni casi (Calc è tra i database, con Base o con Access, è di tabelle predefinite.
questi), non sono permesse operazio- consigliabile fare un po’ di pratica La procedura guidata per la creazione
ni di modifica, ma solo di ricerche e di usando la creazione guidata per rea- delle tabelle (che può essere avviata
costruzioni di rapporti. lizzare velocemente qualcuno dei da- anche in seguito, a database già rea-
La mancanza della possibilità di modi- tabase proposti ed esaminarne poi la lizzato) consente innanzitutto di sce-
fica dei dati non è sempre una sciagu- struttura. Il passo successivo potreb- gliere tra tabelle legate alla professio-
ra. Ad esempio, può essere un modo be essere creare un database vuoto ne o all’uso personale e conseguen-
per separare le operazioni (e gli uten- e costruire le tabelle da zero (in vista temente di selezionare sia la tabella
ti) di introduzione dei dati da quelle Struttura, secondo la terminologia di tra quelle proposte sia i campi che la
di ricerca e di rendiconto. In ogni ca- Base). Partendo da cose semplici si ha comporranno.
so, restando nel mondo del software modo di fare esperienza senza troppa Ad esempio, scegliendo la tabella
libero, i formati di database che me- S Figura 6. confusione. Piante della categoria Personale, si
glio si prestano a essere gestiti con Ba- La finestra principale
se sono quello di Base stesso e quello di Base. In alto vi
di MySQL, il gestore di database pro- sono le barre degli
fessionale sviluppato anch’esso, come strumenti; i tre
Open­Office.org, da Sun. riquadri di gestione
I database di Microsoft Access non so- del database
no subito utilizzabili da Base per Mac occupano la maggior
né da Base per Linux: solo Base per Win- parte della finestra;
dows ha la possibilità di gestire file di lungo la parte
Access. Esiste però la possibilità di im- inferiore, la barra di
portare (non di collegare) le tabelle di stato indica, tra le
Access in Base per Windows e poi uti- altre cose, il tipo
lizzare il file di Base in ambiente Mac. di database usato

116 APPLICANDO 288 - 05.2010


?
Far tacere la zia
nel video
del matrimonio
Corso di
Corso Professionale di Corso Professionale di Corso Breve di
Apple Final Cut Pro 7 Apple Motion 4 Apple
Apple® Compressor® 3.5 DVD Studio Pro 4
® ®

Laura De Meo Laura De Meo Laura De Meo

Teacher-in-the-Box: Camillo Brena


M|W



Su supporto
In Italiano
Impara come fare
con i nostri videocorsi
!
• Per Mac e PC
• Video a 1024 x 768
• Percorsi didattici preimpostati
• Playlist personalizzabili
• Motore di ricerca interna

.it
• I nostri Teachers sono:
_tutorial dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

le a mano, agendo in vista Struttura Database che sono già stati creati. Nel-
e partendo da zero. l’esempio della già citata figura 6, vi è
La finestra principale di Base è orga- una sola tabella, chiamata Piante.
nizzata in tre riquadri: Database, At- Dopo questa panoramica sulla creazio-
tività e quella specifica dell’elemen- ne delle tabelle e sugli elementi fon-
to selezionato nel riquadro Databa- damentali di un database, è opportu-
se. Nel caso dell’esempio della figura no esaminare un po’ più in profondi-
6, il terzo riquadro è Tabelle. tà sia il concetto stesso di tabella sia
Il riquadro Database offre subito un’in- l’uso delle tabelle in Base. Poi verran-
dicazione precisa su come Base gesti- no presi in considerazione anche gli
sca i database. Gli elementi fondamen- altri elementi di Base.
tali sono le tabelle, che contengono i
dati. Le Ricerche sono istruzioni per Le tabelle e le viste
possono scegliere i campi che faran- A Figura 7. I tipi estrarre dalle tabelle solo i dati corri- La componente fondamentale di un
no parte della tabella; per ogni campo di dato sono molti; spondenti a determinati valori. I For- database è la tabella. Un database può
è inoltre possibile impostarne le pro- nondimeno, mulari sono interfacce più comode essere costituito da una sola tabella o
prietà (figura 3). Se si desidera, è an- è importate delle tabelle nude e crude (o delle ri- da più tabelle messe in relazione.
che possibile aggiungere altri campi, scegliere quello cerche) per visualizzare e filtrare i dati. La prima tabella di un database può
facendo clic sul pulsante + posto in giusto in relazione I Rapporti sono infine elenchi di dati essere realizzata insieme con il databa-
fondo all’elenco. all’uso che si farà estratti da tabelle o da ricerche e pre- se stesso mediante la procedura gui-
Ogni tabella deve possedere una chia- del dato stesso sentati in forma generalmente aggre- data vista in precedenza. Altre tabel-
ve primaria, cioè un campo o una com- gata, in un documento Writer o Calc. le possono essere create richiaman-
binazione di campi in grado di iden- Il riquadro Attività elenca le operazioni do la procedura guidata facendo clic
tificare univocamente i record (figura che è possibile compiere sugli elementi sul comando Usa procedura guida-
4). In altre parole, non è possibile che selezionati nel riquadro Database. ta per la creazione di tabelle, nel ri-
più record abbiano la chiave primaria Il terzo riquadro elenca invece gli ele- quadro Attività.
con lo stesso valore. menti del tipo selezionato nel riquadro Facendo invece clic sul comando Crea
La chiave primaria consente di stabili-
re correttamente le relazioni e di effet-
tuare ricerche sensate. Il campo utiliz-
zato come chiave primaria non deve
essere necessariamente un campo in
cui inserire dati significativi dal pun-
to di vista umano: spesso la strada più
comoda è usare un campo contenente
un numero progressivo, inserito auto-
maticamente da Base (figura 5).
Le proprietà dei campi delle tabelle
possono essere modificate anche in
un secondo momento, purché le ta-
belle siano vuote o non contengano
dati incompatibili con le nuove im-
postazioni.
Dopo aver creato la prima tabella del
database, si può ripetere la procedu-
ra guidata e creare altre tabelle. Op-
pure si possono creare nuove tabel- A Figura 8. La finestra per gestire le relazioni. Per prima cosa, occorre indicare le tabelle da mettere in relazione

118 APPLICANDO 288 - 05.2010


dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

tabella in vista struttura, viene richia- D Figura 9. La finestra


mata la finestra già riportata nella fi- delle relazioni contiene in
gura 5, che consente di definire ma- questo esempio due tabelle
nualmente i nomi dei campi e le loro
proprietà. Ovviamente, a differenza
di quanto visibile nella figura, all’ini-
zio la tabella è completamente vuota.
Per creare un campo basta scriverne il
nome nella prima riga libera della co-
lonna Nome campo. Facendo clic nel-
la cella adiacente, nella colonna Tipo
campo, si apre un elenco da cui sce- S Figura 10. La relazione tra
gliere il tipo di dato che il campo de- tabelle è stata stabilità: i
ve contenere (figura 7). simboli 1 e n alle estremità
Questa operazione è delicatissima; è della connessione indicano che
infatti necessario scegliere con cura il si tratta di una relazione di
tipo di campo, valutando soprattutto tipo “uno a molti”
l’uso che se ne farà e lo spazio occu-
pato su disco. Ad esempio, se il dato
è un valore numerico che sarà sotto-
posto ad aggregazione o ad altre ope-
razioni matematiche, per forza andrà
scelto uno dei tipi numerici e in cam- D Figura 11.
pi di questo tipo non potranno essere Le relazioni tra le
inseriti testi. I tipi principali sono nu- tabelle del database
mero, testo e data, ognuno delle quali Elenco_Film.odb
ha diversi sottotipi. Per avere un’idea
più precisa di ogni sottotipo, si può
consultare la pagina di Wikipedia che
si trova all’URL http://it.wikipedia.
org/wiki/Tipo_di_dato_%28data-
base%29. partenza per la creazione di ricerche o un valore unico in una tabella posso-
Nella parte inferiore della finestra sono di rapporti. Tuttavia non sempre i dati no corrispondere più record nell’altra
elencate le altre proprietà del campo, di una vista possono essere modifica- tabella. Nel caso dell’ipotetica moto-
che variano secondo il tipo. ti: ad esempio, se nella vista non sono rizzazione, un codice di autoveico-
Ci si ricordi che ogni tabella deve ave- stati riportati i campi con la digitazio- lo corrisponde a un autoveicolo solo,
re un campo chiave. Per definirlo, ba- ne necessaria di una tabella, i dati non ma più persone possono possedere
sta fare clic destro sull’intestazione sono modificabili. quel modello.
della riga del campo scelto e selezio- Tra i database di esempio di OpenOf-
nare poi dal menu contestuale la vo- Le relazioni fice.org Base ve n’è uno che, per quan-
ce Chiave primaria. Innanzitutto va chiarito che i campi to la sua funzione sia ormai obsoleta,
Nel riquadro Attività vi è anche la vo- delle due tabelle usati per la relazio- serve bene allo scopo di far compren-
ce Crea vista. Una vista è una tabella ne devono essere dello stesso tipo, dere la messa in relazione tra due ta-
che raccoglie campi da tabelle diver- in modo da escludere possibili errori. belle. È il database per l’archiviazione
se, in modo da offrire una visione foca- Nel tipo di relazione più comune (chia- delle fotografie, che si basa sulle tabel-
lizzata sui campi di maggior interesse. mato uno a molti), uno dei due cam- le Fotografie e Pellicole. Il motivo per
Una vista può anche essere la base di pi è una chiave primaria e l’altro no; a cui è obsoleto è evidente: si riferisce a

APPLICANDO 288 - 05.2010 119


_tutorial dati in ordine e sempre pronti, con OpenOffice.org Base

rispondente campo dell’altra tabella. cedimento coinvolge strumenti (le ri-


Campo. Voce di dati all’interno di una tabella. Ad
glossario

Nell’esempio, si tratta del campo IDPel- cerche e i formulari) che vanno al di là


esempio, nella tabella Iscritti i campi potrebbero es-
licola della tabella Pellicola con il cam- dell’ambito di questo articolo, tuttavia
sere Cognome, Nome, Data di nascita, Data d’iscri-
zione, Ultimo pagamento quota. All’interno di una po IDPell della tabella Fotografie. è opportuno darne un assaggio.
tabella, i campi sono organizzati in colonne. Per far ciò è sufficiente trascinare il
Database. Letteralmente, una base di dati; in prati- campo IDPellicola sul campo IDPell. Un piccolo esempio
ca, qualunque archivio organizzato. Un database non Dopo questa semplice operazione, le Nel CD allegato alla rivista è contenuto
è un’applicazione, ma un insieme di dati. I database due tabelle sono legate da una con- il file Elenco_Film.odb, un piccolo da-
moderni sono solitamente organizzati in tabelle. nessione, indice dell’esistenza di una tabase casereccio nato per cataloga-
Gestore di database. Applicazione in grado di ge- relazione (figura 10). re la collezione di film in DVD. Il data-
stire i database. Access, Base, MySQL, Oracle, File- Ora occorre salvare la relazione, facen- base si basa sulla tabella Film e sulle
Maker sono alcuni gestori di database famosi. In do clic sul pulsante Salva; quindi si può due tabelle di supporto Collane e For-
passato, il mercato era dominato da dBIII. chiudere la finestra delle relazioni. mati; queste ultime sono state create
Record. Singola scheda di un archivio di dati; in una Le relazioni tra tabelle possono esse- al solo scopo di rendere più compat-
tabella ogni record costituisce una riga. Ad esem- re usate per rendere più comprensibili ta la tabella principale, inserendo so-
pio, nella tabella Iscritti ogni record contiene i da-
(dal punto di vista umano) i moduli del lo un numero ma visualizzando una
ti di un iscritto.
database per l’inserimento e il recupe- descrizione alfanumerica. È possibi-
Tabella. Archivio di dati organizzato in forma ta-
ro dei dati, cioè i formulari e i rappor- le studiare la struttura delle tabelle
bellare. Ogni colonna costituisce un campo, men-
ti. Ad esempio, è vero che ogni tipo di esaminandole direttamente dal file,
tre ogni riga costituisce un record.
pellicola è identificato univocamente mentre la figura 11 mostra le relazio-
dal campo IDPellicola, un campo nu- ni tra di esse.
un archivio fotografico dell’era analo- merico, ma è anche vero che un mero Grazie a queste relazioni, è stato pos-
gica e non prende in considerazione codice numerico è ben più difficile da sibile costruire un formulario che per-
alcun parametro della tecnologia di- F Figura 12. Grazie interpretare per un essere umano ri- mette di introdurre il codice collana e
gitale. Però il concetto rimane valido. a un formulario, i spetto a una descrizione testuale. il codice formato scegliendoli da un
Nell’esempio, si dà per scontato che campi Cod_Collana e È sufficiente che la tabella sia dotata, elenco testuale (figura 12) e che tra-
sia stato creato un database conte- Cod_Formato della oltre che di un codice numerico, di un duce automaticamente tale scelta nel
nente le tabelle Fotografie e Pellico- tabella Film vengono campo con una descrizione testuale. corrispondente codice numerico.
le. Per creare una relazione tra le due compilati scegliendo Nell’altra tabella, quella con la relazio- Lo scopo di questo articolo era for-
tabelle occorre innanzitutto imparti- una descrizione ne a molti, si può scegliere la descri- nire le basi per una buona costruzio-
re il comando Strumenti > Relazioni testuale, ma in essi zione testuale e Base provvede auto- ne delle tabelle mediante OpenOffi-
e aprire così la finestra riportata nel- vengono maticamente a inserire invece il codi- ce.org Base. In un prossimo articolo
la figura 8. automaticamente ce numerico, che fa risparmiare po- si esaminerà meglio il processo di co-
Se è la prima volta che la finestra vie- immessi i corretti sto su disco. struzione delle ricerche, dei formula-
ne aperta, viene anche aperta conte- valori numerici La tecnica per realizzare questo pro- ri e dei report.
stualmente la finestra Aggiungi ta-
belle, che permette di scegliere le
tabelle da mettere in relazione: ba-
sta selezionarne una per volta e fare
clic sul pulsante Aggiungi. Al termi-
ne, bisogna chiudere la finestra Ag-
giungi tabelle.
Le tabelle scelte appaiono ora nella fi-
nestra delle relazioni, come mostrato
nella figura 9.
Ora è necessario mettere in relazione il
campo chiave di una tabella con il cor-

120 APPLICANDO 288 - 05.2010


2000 VOLANTINI MANIFESTI AFFISSIONI ECO ROLL UP 80x202 cm
f.to A5 - STAMPA a COLORI STAMPA A PIGMENTO SU CARTA 120 gr. ALTISSIMA RISOLUZIONE SU BANNER ANTICURVATURA f.to 42x30 cm € 15,00
1 lato su CARTA PATINATA OPACA 135 gr.
f.to 70x100 € 2,00 oltre le 26 copie COMPLETO DI STAMPA E BORSA PER TRASPORTO
€ 110,00 f.to 100x140 € 3,50 oltre le 26 copie € 51,00 oltre i 20 pz
_tutorial

L’impostazione assistita che consente di configurare il nuovo Mac in pochi e semplici


passaggi permette anche di attivare una procedura di migrazione degli account,
dei dati e delle informazioni dal Mac utilizzato in precedenza a quello nuovo; questa
operazione è svolta anche dall’utility Assistente Migrazione

il Mac migratore —Mirko Roccia

La configurazione di un nuo- stita. Il trasferimento dei dati può avve- portare. Apple consiglia anche, prima
vo Mac è diventata ormai semplicissima, nire anche in un secondo momento, ri- di eseguire la migrazione, di utilizzare
con la procedura assistita per l’imposta- correndo all’utility Assistente Migrazio- Aggiornamento Software sul Mac pre-
zione veloce. Può essere però lungo e ne, ma in questo caso bisogna proce- cedente per applicare gli ultimi aggior-
tedioso ricostruire esattamente l’am- dere con molta cautela. namenti più recenti per Mac OS X.
biente operativo del vecchio Mac, con La sostituzione di alcuni Mac in redazio- Anche se si può accedere a tale proce-
account, impostazioni, preferenze, ap- ne ci ha dato l’occasione per registrare dura in qualsiasi momento mediante
plicazioni, copia dei documenti e così un’esperienza pratica di utilizzo di ta- l’applicazione Assistente Migrazione,
via. A questo scopo Apple ha inserito in li strumenti. Abbiamo quindi annota- l’operazione ad ambiente già configu-
Mac OS X uno strumento estremamente to e registrato i passi che l’impostazio- rato potrebbe incorrere in qualche con-
utile: Assistente Migrazione, che si oc- ne assistita di un nuovo Mac ci ha pro- flitto (ad esempio account dallo stesso
cupa di trasferire documenti e imposta- posto: vi raccontiamo tali passi nelle nome, applicazioni duplicate ecc.).
zioni dal Mac precedentemente utiliz- prossime pagine. Come per ogni operazione di manuten-
zato a un nuovo Mac. Tale migrazione Non sempre la migrazione di un Mac su zione, è ovviamente necessario fare un
di solito avveiene in fase di prima con- un computer nuovo è la soluzione mi- backup completo dei dati, anche in più
figurazione del nuovo Mac, all’interno gliore. Apple ad esempio sconsiglia di di una copia, prima di procedere. È an-
della procedura di impostazione assi- trasferire archivi e applicazioni nel nuo- che opportuno seguire la documenta-
vo computer se si riscontravano proble- zione Apple più aggiornata, sia nei ma-
mi sul vecchio Mac. Se il vecchio Mac o nuali sia nel sito di supporto (alcune utili
alcune sue applicazioni presentano dei informazioni sono disponibili ad esem-
problemi, infatti, trasferendo il tutto sul pio su http://support.apple.com/kb/
nuovo si rischia di riportare nel nuovo HT3322?viewlocale=it_IT).
ambiente anche i problemi. Potrebbe Partiamo quindi con la cronaca di co-
essere preferibile ripartire da zero, da me Mac OS X ci ha guidato, passo do-
un System pulito, anche nel caso si pas- po passo, nel trasferire le informazio-
si a nuove versioni del sistema operati- ni dal vecchio Mac al nuovo. La caute-
vo o di applicazioni importanti. La pro- la infine suggerisce di conservare i da-
cedura di migrazione offre comunque ti sul vecchio Mac almeno finché non
anche alcune opzioni di personalizza- si è sicuri che nel nuovo tutto funzio-
zione sulla scelta degli elementi da im- ni a dovere.

122 APPLICANDO 288 - 05.2010


il Mac migratore

01 All’avvio del nuovo Mac, dopo le prime impostazioni su lingua e tastiera, la procedura as-
sistita ci chiede se possediamo già un Mac dal quale desideriamo trasferire i dati su quel-
lo nuovo. Il pulsante Ulteriori informazioni offre informazioni preziose e istruzioni su questa
02 La finestra a comparsa che appare con un clic sul pulsante Ulteriori informazioni ci spie-
ga che tipo di informazioni verranno trasferite (account, impostazioni di rete, documenti,
applicazioni, alcune delle quali potrebbero però richiedere una nuova installazione) e i passaggi da
procedura: è opportuno leggerle. espletare. Selezioniamo poi l’opzione Da un altro Mac e facciamo clic su Continua.

03 L’impostazione assistita ci chiede di collegare i due Mac con un cavo FireWire. La proce-
dura, benché semplice, svolge un compito molto delicato: in caso di computer portati-
li che stiano funzionando con la batteria, viene chiesto di collegare l’alimentatore. È chiaramente
04 Per proseguire con il trasferimento delle informazioni bisogna collegare i due Mac, il vec-
chio e il nuovo, ossia quello da cui prelevare i dati e quello su cui trasferirli, con un cavo
FireWire. In caso di Mac privi di tale porta (ad esempio il MacBook Air), è possibile utilizzare una
opportuno aver eseguito un backup completo prima della procedura. connessione Ethernet o Wireless (consultare http://support.apple.com per informazioni al ri-
guardo, ad esempio, ma non solo, la nota tecnica HT2288).

05 Dopo aver collegato un Mac all’altro con il cavo FireWire e aver fatto clic di nuovo su Con-
tinua, l’impostazione assistita chiede di riavviare il vecchio Mac tenendo premuto il ta-
sto T finché non appare sul monitor il simbolo FireWire.
06 La procedura attende che l’altro Mac si riavvii in modalità disco target, dopodiché nella
schermata viene visualizzato l’avviso che la connessione FireWire è stata stabilita; sul mo-
nitor del vecchio Mac appare il simbolo FireWire (che indica che è attiva la modalità disco target).

APPLICANDO 288 - 05.2010 123


_tutorial il Mac migratore

07 Quando la connessione FireWire viene stabilita e il vecchio Mac con le informazioni da


recuperare è entrato in modalità target (indicata dal simbolo FireWire sullo schermo), è
possibile fare clic su Continua per procedere con la Migrazione assistita, il trasferimento dei da-
08 La schermata successiva è denominata Trasferisci le informazioni e offre un certo gra-
do di personalizzazione nella scelta delle informazioni da trasferire. Selezionare quindi gli
utenti, i documenti e le impostazioni che si desidera trasferire e, infine, fare clic su Trasferisci.
ti vero e proprio.

09 A questo punto parte il trasferimento dei dati: la durata del processo varia a seconda
della quantità di dati, ma in genere passa un po’ di tempo prima di concludersi. È tem-
po di prendersi una pausa.
10 Infine, appare la schermata con l’esito della procedura. Nel nostro caso quello segnalato
non è un vero e proprio errore: basando la connessione di rete su un indirizzo IP statico,
Mac OS X ha rilevato due macchine con lo stesso IP. Basta, se serve utilizzarlo in un secondo momen-
to, scollegare dal network il vecchio computer (o in alternativa cambiargli l’indirizzo IP).

11 Con un ulteriore clic su Continua arriviamo all’ultima schermata, che non fa altro che
avvisarci che possiamo espellere il Mac in target mode, scollegare il cavo FireWire e spe-
gnere il vecchio Mac. Un ultimo clic sul pulsante Continua ci conduce all’ambiente familiare ma
12 La Migrazione assistita non è accessibile solo attraverso l’Impostazione assistita che par-
te all’accensione di un Mac nuovo: può essere avviata anche mediante l’applicazione As-
sistente Migrazione, presente in Applicazioni/Utility. Se il Mac nuovo è però già configurato e
in un Mac nuovo di zecca. funzionante, questa possibilità è da scegliere e percorrere con estrema cautela e attenzione.

124 APPLICANDO 288 - 05.2010


Il primo sistema di Inroom Entertainment per Hotel e Residence 
basato su piattaforma Mac OS X*
* Integrabile con i principali sistemi di gestione alberghieri. 

DirectStreams Pavia Via Calchi 3 - 27100 (Pv) - Tel. 0382.040099

Soluzioni IPTV, VOD e Multimedia Milano Via Savona 88 - 20144 (Mi) - Tel. 02.36522151

info@direct-streams.com www.direct-streams.com Genova Via D. Fiasella 16 - 16121 (Ge) - Tel. 010.532472

UNo s.r.l. è distributore esclusivo DirectStreams per l’Italia info@unoprofessional.it www.unoprofessional.it


** In Lombardia, Liguria e Piemonte.

Progettiamo e realizziamo**
Progettiamo e realizziamo** 
soluzioni di Digital Living basate sulla piattaforma Mac OS X
soluzioni Digital Living basate sulla piattaforma mac OS X

Domus iTeam è Partner di UNO


per le soluzioni di Digital Living domusiteam@domusiteam.it www.domusiteam.it
_tutorial il Mac migratore

13 Al suo avvio, con un doppio clic, l’applicazione Assistente Migrazione ci accoglie con una
schermata Introduzione, che spiega le informazioni che è possibile trasferire. Per avviare
la procedura, con un clic su Continua, è necessario autenticarsi con un account amministratore.
14 Il passaggio successivo consiste nella scelta del metodo di migrazione: Da un altro Mac,
Da un backup di Time Machine o da un altro disco, Ad un altro Mac (la dire-
zione contraria). Nel nostro esempio, che stiamo illustrando, abbiamo selezionato la prima opzio-
ne, Da un altro Mac, e fatto clic su Continua.

15 Nella schermata Migra da un altro Mac, anche in questo caso Assistente Migrazione ci
offre due opzioni di collegamento, via FireWire o via network. Abbiamo utilizzato la pri-
ma, collegando i due Mac con un cavo FireWire e facendo poi clic su Usa FireWire.
16 Come abbiamo visto poc’anzi, Assistente Migrazione invita a riavviare l’altro Mac tenen-
do il tasto T premuto (ovviamente sulla tastiera dell’altro Mac) finché non appare il sim-
bolo del FireWire sullo schermo. Un messaggio sulla schermata ci avvisa che la connessione è sta-
ta stabilita; possiamo quindi fare clic su Continua.

17 Ora è possibile selezionare dall’elenco gli elementi da migrare, attivando o disattivando


le corrispettive caselle di controllo (checkbox). Bisogna considerare che se il Mac di de-
stinazione non è nuovo e immacolato, alcuni elementi potrebbero entrare in conflitto (ad esempio
18 Dopo aver selezionato gli elementi da far migrare sul nuovo Mac e fatto clic su Conti-
nua nella schermata precedente, inizia il trasferimento dei dati. Alla fine Assistente Mi-
grazione ci avvisa che le informazioni sono state trasferite correttamente. È quindi possibile chiu-
fare molta attenzione se ci sono account con lo stesso nome). dere l’applicazione con un clic su Esci.

126 APPLICANDO 288 - 05.2010


_tutorial

Ecco come applicare un logo o nascondere informazioni all’interno delle


immagini. Due applicazioni di digital watermarking e una cloud app
online per gestire al meglio l’uso delle “filigrane digitali” e assicurarsi la
proprietà univoca delle nostre foto

marchiare le fotografie —Luca Pancotti

Una delle dispute più acce- gine dalla Rete? Magari solo per farsi della tipologia “iniettiva” con cui si in-
se sull’uso della Rete, riguarda la qua- uno sfondo originale nel desktop. Co- serisce un’informazione, visibile o in-
si totale assenza di controllo sulla pro- loro che hanno necessità di assicurar- visibile, all’interno di un file, in questo
prietà di ciò che si pubblica online. È si la proprietà univoca delle immagi- caso di un’immagine. L’alternativa, la
infatti possibile pubblicare commen- ni pubblicate devono quindi munirsi steganografia generativa, parte inve-
ti e opinioni in modo anonimo, ma di strumenti preventivi, come il digi- ce dal messaggio segreto e produce
è anche possibile copiare e incollare tal watermarking, in italiano “filigrana l’opportuno contenitore adatto a na-
tali opinioni, facendole proprie. Que- digitale”. Una tecnica steganografica sconderlo al meglio.
sto discorso vale in particolare per
quanto riguarda le immagini. Foto di
un certo valore, economico o artisti-
co, una volta fatto l’upload, diventa-
no praticamente di pubblico domi-
nio. Chi non ha mai salvato un’imma-

128 APPLICANDO 288 - 05.2010


marchiare le fotografie

Watermarking con PicMark


Su piattaforma Mac OS X una como-
da applicazione di watermarking di-
gitale si chiama PicMark, di Digital Ca-
lamity, e si può scaricare dalla pagina
http://mac.softpedia.com/get/DTP-
Prepress/PicMark.shtml. Si tratta di
un tool che permette di inserire un
watermark visibile, composto da un
testo o da un logo, in una o più imma-
gini. Una volta effettuato il download,
per l’installazione basta lanciare il file
.dmg e spostare l’icona di Pic­Mark nel-
la cartella applicazioni. Il programma,
di primo acchito, non mostra nessuna
4
schermata ma soltanto la barra oriz-
zontale del menu, tipica di ogni appli-
cazione OS X. Per accedere al pannel-
lo di creazione delle “filigrane digitali”
bisogna selezionare Watermark ma-
nager dal menu Window. Da qui, bi-
sogna fare clic sul simbolo + in basso
a sinistra del pannello per aggiungere
un watermark alla lista. A questo pun-
to è possibile decidere nome del wa-
termark, posizione, font, dimensioni,
5
colore e se debba essere semplice te-
sto o l’immagine di un logo (figura 1).
Infine si clicca su Done per generare il
watermark. Sempre selezionando Win-
dow nel menu in alto, si può passare al
Workshop, dove si selezionano le im-
magini e si applica il watermark.
Nella parte bassa del workshop c’è la
scritta Watermark: Choose; cliccando
Choose si può selezionare il watermark
realizzato in precedenza, mentre con il
6
pulsante + si apre il browser da cui sce-
gliere le foto da processare (figura 2). loro che hanno un account Flickr, Face- gliere di ridimensionarla con i formati
Per concludere, si clicca Start e si sele- book o Picasa. Difatti, il sito web www. più comuni per il web, poi si clicca Ok!
ziona la directory di destinazione dove picmarkr.com permette di applicare Go to Step2 per proseguire (figura 4).
salvare le immagini contrassegnate con un watermark alle foto già presenti sui Nella schermata successiva si decide se
il nostro “marchio” (figura 3). propri account oppure lavorare una fo- applicare un watermark di testo o usa-
to dal proprio computer per poi inviarla re un’immagine, e se questo debba es-
Watermarking online direttamente ai tre social network. Dalla sere singolo o tiled, vale a dire ripetuto
Lo stesso procedimento si può fare con home page del sito si seleziona l’imma- su tutta la foto (figura 5). Una volta de-
un tool online piuttosto comodo per co- gine da processare e si può anche sce- ciso il posizionamento del watermark,

APPLICANDO 288 - 05.2010 129


_tutorial marchiare le fotografie

8
9 10 messaggio risulta illeggibile. Torniamo
al menu principale di PicSecret e pro-
viamo a fare il decoding dell’immagine
appena processata. Clicchiamo quin-
di Decode an Image e selezioniamo
la foto precedente. Viene richiesta la
password scelta durante il processo di
basta cliccare su Continue e il gioco è encoding (figura 9), dopodiché com-
fatto. La schermata successiva (figura parirà una finestra contenente il mes-
6) permette di inoltrare l’immagine a rire un messaggio in un’immagine o se saggio nascosto (figura 10). Il proces-
Flickr, Facebook e Picasa o di salvarla estrarlo da un’immagine già processata so di decodifica è possibile con qual-
sul proprio computer. (figura 7). Iniziamo dall’encoding: clic- siasi programma per la gestione di wa-
chiamo Encode a Message in an Ima- termarking invisibili e non necessaria-
Messaggi invisibili ge e selezioniamo la foto da processa- mente con il programma utilizzato per
Quando invece si vuole nascondere un re. La schermata successiva ci permette l’encoding. L’importante è conoscere la
messaggio all’interno di un’immagine, di digitare il messaggio da nasconde- password corretta.
o meglio, applicare un watermark invi- re, scegliere una password per il deco-
sibile, è necessario usare un altro tipo di ding, selezionare il formato di output e
La parola steganografia deriva dal greco stèganos
un po’ di etimologia

programma, ad esempio, PicSecret, un il tipo di compressione (figura 8). I for-


(rendere occulto) e grafein (scrittura)– Steganogra-
tool gratuito che si può scaricare dalla mati JPEG e PNG tendono a danneggia- fia è dunque “la scrittura nascosta” o meglio ancora
pagina: http://download.cnet.com/ re il messaggio, e con immagini di pe- l’insieme delle tecniche che consente a due o più per-
PicSecret/3000-2367_4-10661616. so ridotto, una volta operata la deco- sone di comunicare in modo tale da nascondere non
html (o più semplicemente cercando difica si corre il rischio di ottenere un tanto il contenuto, ma la stessa esistenza della comu-
“picsecret”su Google, il loro sito ufficia- messaggio incomprensibile. Per risol- nicazione agli occhi di un eventuale osservatore.
le è, al momento, under construction). vere questo problema, si può provare Il termine inglese watermark corrisponde all’italiano
PicSecret si installa sempre trascinan- ad aumentare il parametro Encoding filigrana. Nel caso delle fotografie o dei filmati digita-
Strength, oppure si può scegliere un li, indica un metodo per inserire informazioni visibi-
do l’icona del software all’interno della
li relative all’autore o al possessore dei diritti di uti-
cartella Applicazioni. Questa volta pe- diverso formato di output, o diminuire
lizzo, generalmente sovrapposte in trasparenza al-
rò, al lancio del programma, PicSecret la lunghezza del messaggio. Si può an-
le immagini, in modo da renderle inutilizzabili per la
mostra una schermata principale in cui che tentare di salvare l’immagine codi-
stampa o la pubblicazione su altri siti web.
scegliere l’azione da compiere: se inse- ficata così com’è, perché non sempre il

130 APPLICANDO 288 - 05.2010


_tutorial

Vediamo alcuni aspetti magari un po’ meno noti di Microsoft Word 2008
per Mac: le diverse modalità di visualizzazione del documento, le modalità
di importazione, impaginazione e modifica delle immagini e i collegamenti
dinamici con documenti Excel

arricchire i documenti di testo


con Word 2008 per Mac —Michele Discardi

il potere delle immagini


Foto della Casella degli strumenti Ta-
volozza oggetti è possibile seleziona-
re e quindi importare fotografie anche
Spesso negli editor di testi si fa un to semplice: è possibile scegliere di im- dagli album di iPhoto. Selezionata l’im-
uso delle immagini alquanto basilare portarla dalla Casella degli strumenti magine importata nel documento, in
e non si sfruttano le vere potenzialità Tavolozza oggetti mediante un sem- Riquadro formattazione si rendono
che software come Word possono of- plice drag&drop (figura 1) oppure con disponibili utili comandi, opzioni e me-
frire. Inserire un’immagine in una pagi- la voce di menu Inserisci > Immagine nu (figura 2). Tra di essi, possiamo no-
na di un documento di testo è alquan- e facendo clic su Da file. Nel pannello tare nella parte alta i controlli dell’im-

1 2 3

132 APPLICANDO 288 - 05.2010


Soddisfa la tua sete
4 di notizie con
Applinews
la newsletter
che ti tiene
sempre aggiornato
sul mondo Apple.
Novità di prodotto,
test, approfondimenti
e tendenze:
5 ogni settimana
direttamente
sul tuo Mac.
Iscriviti subito sul sito
www.applicando.com

magine stessa, dal ritaglio agli effetti, passan- sto in Riquadro formattazione (figura 4),
do per la possibilità di modificare luminosità per avere tutte le opzioni disponibili con
e contrasto in maniera veloce, direttamente chiare icone che rappresentano un’antepri-
da qui. Nella parte sottostante sono presen- ma del risultato (si può procedere anche con
ti alcuni tipi di cornice ed effetti che posso- un clic con il tasto destro sull’immagine, ma
no essere applicati all’immagine in quanto in questo modo non saranno presenti le ico-
oggetto: è possibile applicare un effetto 3D ne illustrative).
alla foto, aggiungere e scegliere un’ombreg- Nella figura 5 si può appunto vedere un esem-
giatura o un riflesso, selezionare il colore dei pio di disposizione del testo; si possono no-
riempimenti e così via (figura 3). tare inoltre, attorno all’immagine, alcune ma-
Per quanto riguarda l’integrazione con il te- niglie circolari azzurre e verdi: quelle azzur-
sto, basterà, una volta selezionata l’immagi- re permettono il ridimensionamento men-
ne, fare clic su Stile o Adatta nei relativi me- tre il pallino verde permette la rotazione del-
nu a tendina del pannello Disposizione Te- la fotografia.
_tutorial arricchire i documenti di testo con Word 2008 per Mac

tabelle modificabili
L’utilizzo dei fogli di calcolo di Excel è alquanto semplice e
immediato, ma come fare se si desidera poi importare i da-
ti in Word per allegarli a un testo?
Niente di più facile: basterà selezionare i dati che vogliamo
importare e fare clic sul menu Modifica > Copia (oppure
l’onnipresente scorciatoia Comando+C). Passati a Word,
basterà fare clic su Incolla sempre dal menu Modifica op-
pure premere i tasti Comando+V. In questo modo viene
creata automaticamente una tabella di Word, con i dati im-
portati. Ma come fare affinché i contenuti della tabella si
aggiornino automaticamente, se per caso i dati vengono
successivamente cambiati in Excel? Niente di più sempli-
ce: quando si incolla in Word il contenuto proveniente dal to e la voce Foglio Microsoft Excel Oggetto nella casella
foglio di calcolo Excel, scegliamo il comando Incolla spe- Come (in figura). È ovviamente sempre opportuno salva-
ciale dal menu Modifica e in seguito, nella finestra Incol- re periodicamente, e di frequente, il proprio lavoro e tut-
la speciale, selezioniamo la casella Incolla collegamen- ti i documenti aperti.

altre visualizzazioni
completamente bianca senza format- e intuitiva il “telaio” del documento,
tazione (se non quella del testo), utile cioè l’organizzazione logica delle in-
soprattutto per scrivere senza badare formazioni.
È possibile cambiare tipo di visualizzazione del documento troppo alla impaginazione del docu- La terza da sinistra, Visualizzazione
di Word mediante i pulsanti in basso a sinistra nella finestra mento; la seconda invece, Visualiz- Layout di pubblicazione, è utile so-
del documento oppure dal menu Visualizza. La prima op- zazione Struttura, completa la pri- prattutto per chi userà il documento
zione, Visualizzazione Bozza, altro non è che una pagina ma mostrando in maniera semplice in pubblico, sia esso un volantino, una
brochure o un piccolo progetto grafi-
co di comunicazione; qui, attraverso
modelli già pronti, Word aiuta ad arri-
vare a un ottimo risultato visivo in po-
chissimo tempo.
Infine, oltre alla ben conosciuta quar-
ta opzione, Visualizzazione Layout di
stampa, in cui Word fornisce un’ante-
prima di come il documento appari-
rà stampato, c’è il pulsante Visualiz-
zazione Layout blocco note (in figu-
ra), che serve esattamente a ciò che
suggerisce il nome: prendere appun-
ti. Sarà possibile disegnare a mano li-
bera sul foglio, registrare appunti vo-
cali o scrivere liberamente, quasi sen-
za limiti di spazio.

134 APPLICANDO 288 - 05.2010


_iPhone
treppiede

sta in piedi dovunque


Joby, azienda americana nota per custodia con adattatore per iPhone, la
l’originale treppiede Gorillapod per confezione del Gorillamobile per
fotocamere e videocamere digitali, 3G/3GS comprende anche due clip
ha annunciato la versione per iPhone adesive 3M e un adattatore universale
del suo prodotto: Gorillamobile per per fotocamere; per quanto riguarda le
3G/3GS– Il treppiede è caratterizzato dimensioni, pesa 128 grammi ed è alto
da una struttura a giunti sferici che 20,3 centimetri. Il prezzo è di euro 34,95.
rende le gambe flessibili e snodabili; Joby (www.joby.com) ha anche
ciò consente non solo di posizionare rilasciato un aggiornamento della
l’iPhone su diversi tipi di superficie, popolare applicazione Gorillacam, una
ma anche di ancorarlo App gratuita per scattare fotografie con
praticamente a quasi qualsiasi l’iPhone che offre svariate funzioni in
sostegno, per scattare foto, più rispetto a quella in dotazione, come
registrare video, visualizzare l’autoscatto, il time-lapse, lo zoom 4x, lo
immagini e filmati. La sottile stabilizzatore di immagini e la livella
custodia per l’iPhone del Gorillamobile virtuale. I prodotti sono distribuiti da
per 3G/3GS è progettata per collegarsi Cellular Italia (www.cellularline.it).
al treppiede e per proteggere il
telefono. Oltre al treppiede e alla

e-book caricabatterie

D’Annunzio e Belkin dà la carica


Carducci su iPhone Belkin ha presentato la gamma rinnovata di
Nuove App arricchiscono la collana caricatori da casa e da auto per iPod, iPhone e altri
annoteBook di Dathlon– Dopo le raccolte accessori digitali– Gli alimentatori universali Belkin
poetiche di Leopardi e Foscolo e l’App sono adatti alla carica dei dispositivi con collegamento
dedicata alla Divina Commedia, altri due USB, iPod e iPhone inclusi nella versione completa di
poeti arricchiscono la collana annoteBook cavo di sincronizzazione iPhone e iPod; il modello con Belkin (www.belkin.it) ha
di Dathlon (www.dathlon.com). Si tratta doppia porta USB permette inoltre di ricaricare due anche reso noto che il
della raccolta delle “Laudi del cielo, del apparecchi simultaneamente e – sottolinea il produttore packaging della gamma è
mare, della terra e degli eroi” di Gabriele –, grazie alla carica da 1 ampere, i tempi di ricarica sono stato totalmente rinnovato
D’Annunzio e delle Opere poetiche ridotti. È opportuno verificare la compatibilità con iPod e per arrivare a una riduzione
complete di Giosuè Carducci. Particolarità iPhone del modello cui si è interessati, solitamente del 65% del volume
di queste App (il cui costo varia da 0,79 a contrassegnata dai loghi Made for iPod e Works with dell’imballaggio rispetto alle
1,59 euro a seconda dei titoli) sta nel fatto iPhone. I prezzi dei caricabatterie da casa variano, a versioni precedenti, con un
che consentono di registrare di fianco ai seconda dei modelli, dai 12,99 ai 24,99 euro; per quelli da occhio all’ambiente ma anche
versi delle brevi annotazioni testuali. auto i prezzi variano dai 12,99 ai 29,99 euro. allo scaffale dei rivenditori.

136 APPLICANDO 288 - 05.2010


news

custodie headset

originalità e un tocco sportivo Calypso, la cuffia


Trexta ha lanciato una nuova collezione di custodie a
che parla
guscio per iPhone– Le custodie sono realizzate con colori e B-Speech Calypso è un headset
materiali diversi: aderiscono al telefono e lo proteggono da Bluetooth per la riproduzione audio
eventuali urti anche grazie alla pellicola per lo schermo inclusa stereofonica e per la riproduzione della
nella confezione; permettono inoltre l’accesso ai comandi voce in modalità mono– La cuffia può
dell’iPhone. La versione Racing prende ispirazione dal mondo essere collegata a una sorgente audio
delle gare automobilistiche, con uno stile che richiama quello Bluetooth come un comune telefono
delle vecchie auto da corsa, lucide e sportive: include modelli in cellulare e anche all’iPhone 3G/3GS.
pelle verniciata, nei colori bianco, rosso e nero. La versione Italy, Calypso è dotata di un microfono
in morbida pelle, è proposta in nero e bianco e con strisce che direzionale. Consente di ascoltare la musica
riprendono i colori della bandiera italiana. Ma le custodie Trexta in stereofonia e in wireless; quando è in
si vestono dei colori anche delle bandiere di altre nazioni, dal arrivo una chiamata passa in modalità
Brasile alla Francia e alla Germania. Più sobrio il modello in mono, per poi tornare al funzionamento
legno naturale e pelle, che offre uno stile elegante e raffinato. stereofonico non appena si interrompe la
Le nuove custodie Trexta sono disponibili a un prezzo di euro telefonata. Il prezzo della B-Speech Calypso
24,90 e sono distribuite in Italia da ADL - American Dataline, è di euro 54,90; il prodotto è distribuito in
www.adl.it. Italia da DM&S (www.dmes.it).

App Store

un’App in regalo
possono essere utilizzati sono nello Store del
Paese in cui sono stati acquistati. La schermata Fai
un regalo ci avvisa, opportunamente, di verificare
che l’App selezionata sia compatibile con
l’hardware e l’OS utilizzati dal destinatario del
Una nuova funzione di iTunes e come avveniva già ad esempio regalo. È inoltre possibile, in alternativa a inviare
dell’App Store consente di per gli album musicali, di regalare per e-mail il regalo, anche stamparlo.
regalare le applicazioni per a un conoscente l’applicazione
iPhone– Nell’App Store, nella selezionata. Il comando Regala
schermata dell’applicazione, di questa App conduce a una
fianco al pulsante Acquista schermata dove è possibile
(posizionato sotto l’icona digitare nome e indirizzo e-mail
dell’App) c’è una freccia che dà del destinatario e un breve
accesso a un menu a tendina. Tra messaggio personale. Il
le opzioni di questo menu pop- destinatario riceverà per e-mail
up c’è quella di aggiungere l’App anche il codice con cui potrà
alla lista dei desideri, segnalarla beneficiare del regalo mentre
per e-mail a un amico, copiare il ovviamente l’acquisto sarà
relativo URL, condividere su addebitato sulla carta di credito
Facebook e Twitter. Ora in questo del proprio account (quello
menu è presente anche la voce utilizzato per concludere
Regala questa App che consente, l’operazione). I codici regalo che

APPLICANDO 288 - 05.2010 137


_iPhone dock + hard disk

Disco rigido portatile da 500 GB e dock USB con alloggiamenti


per iPhone o iPod e per l’hard disk
info

Buffalo Dualie
Buffalo Technology
www.dualie.it
www.buffalo-technology.com
€ 219,00

soluzione dock compatta


ed elegante per iPod/iPhone Il Dualie di Buffalo Technology è un per la lista aggiornata dei modelli com-
e hard disk; disco rigido por- prodotto che unisce in sé due funzio- patibili), due cavi mini-USB/USB, uno
tatile incluso; ampia dotazio-
ne di cavi ni, come suggerisce esplicitamente il da 50 cm e l’altro da 100 cm, un cavo
nome, ma in realtà anche di più. Forni- FireWire 800 con doppio connettore a
FireWire 800 presente sul sce in un’unica unità gli alloggiamen- 9 pin e un cavo FireWire con connet-
disco ma non sul dock; prezzo
ti per iPhone o iPod e per un disco ri- tore a 9 pin da un lato e 6 pin FireWire
elevato; il disco esterno por-
tatile non è di quelli resisten- gido da 2,5 pollici portatile, fornito in 400 dall’altro. Se il nostro Mac ha a di-
ti agli urti dotazione. Il disco ha una capacità da sposizione la veloce FireWire 800, pos-
500 GB e arriva preformattato Mac OS siamo utilizzare quest’ultima con l’hard
esteso (HFS+), è quindi specificamen- disk da 500 GB, ma solo con un colle-
te dedicato agli utenti Mac. Il disco ri- gamento diretto. Il dock infatti forni-
gido esterno ha una doppia interfac- sce solo la presa USB di tipo mini-B: in
cia: FireWire 800 e USB 2.0. più, però, offre due ulteriori porte USB
La dotazione di accessori che trovia- in modo da poter funzionare anche da
mo nella confezione è davvero com- piccolo hub.
pleta: oltre al dock e al disco, sono for- Il dock è in plastica abbastanza legge- tatile, anche se tra i due oggetti non
niti quattro adattatori dock per iPhone ra; la forma e le finiture silver su corpo c’è alcuna interazione. L’ampia scelta di
e iPod (consultare il sito del produttore nero sono gradevoli; gli inserti gommo- cavi forniti in dotazione consente inol-
si, inoltre, lo rendono stabile sulla scri- tre di mantenere fisso il collegamento
vania. Il disco rigido si adatta perfetta- con il dock, per ridurre il numero di ca-
mente, dal punto di vista estetico, al vi sulla scrivania e preservarne l’ordine,
dock: lo si inserisce in uno dei due va- e di collegare direttamente il disco me-
ni, quello posteriore, e viene connesso diante il cavo FireWire 800 solo quan-
tramite la porta USB. Nel dock anterio- do è richiesta la maggiore velocità di
re trova posto l’iPhone (o iPod), in mo- tale connessione.
do tale che lo schermo multi-touch ri- Si tratta quindi di una soluzione funzio-
manga facilmente accessibile. nale per incorporare in un’unica uni-
Il Buffalo Dualie richiede l’alimentatore tà le funzioni di sincronizzazione e ri-
esterno e ciò comporta lo svantaggio di carica di iPod o iPhone e l’archiviazio-
un’ulteriore accessorio e un cavo in più ne dei dati del Mac (anche dei backup
sulla scrivania. D’altra parte, il vantaggio di Time Machine) su hard disk portati-
è che la batteria dell’iPhone può esse- le, con il vantaggio di accrescere l’or-
re ricaricata anche a computer spento. dine sulla scrivania; d’altro canto, con
Quando è alimentato, sul disco rigido prodotti separati si ottiene magari una
si accende una tenue luce blu. soluzione meno comoda e pulita, ma è
Il Dualie consente di concentrare in possibile risparmiare o avere di più con
un’unica posizione due degli accesso- lo stesso prezzo (iniziano ad esempio
ri più utilizzati nel digital lifestyle quo- a diffondersi dischi portatili da 640 GB,
tidiano, soprattutto per lavoro: l’iPho- 750 GB e anche 1 TB).
ne (o anche l’iPod) e un hard disk por- —Mirko Roccia

138 APPLICANDO 288 - 05.2010


goes here, goes there,
goes almost anywhere

TheTalkyOne
universal Bluetooth® speakerphone

www.novero.com

Milano Milano Monza Varese


P.zza Firenze, 4 C.so S.Gottardo, 5 Via Vittorio Emanuele, 8 P.zza XX Settembre, 1/2
NOV_Anz_Mac_Talky_215x230.indd 1 31.03.10 15:48
Tel: 02 33 60 31 22 Tel: 02 92 87 11 24 Tel: 039 32 84 47 Tel: 0332 16 92 087
Kunde/client
shopmilano@cegroup.it Motiv/motif Anlage (B x H)/layout (w x h) shopmonza@cegroup.it
shopgottardo@cegroup.it Format (B x H)/format (w x h) Farbe/colours DU/material deadline
shopvarese@cegroup.it
Novero Talky 215 x 230 mm CMYK
Objekt/object Werbeträger/media Beschnitt/bleed Info/info Farbprofil/colour profile ET/insertion date
Anzeige Assistenza Tecnica e Ufficio Commerciale
3 mm 39L - ISOcoated_v2_eci

Via Marcantonio dal Re, 26 - Milano - Tel: 02 39 23 101


Headline Steady Subline Copy Legal Stage

www.cegroup.it

Centro di Assistenza Autorizzato Solution Expert Creative


_iPhone

L’azienda Navigon AG è stata una delle prime a pubblicare sugli App Store
di tutto il mondo un software di navigazione completo e funzionale,
MobileNavigator per iPhone. Proseguiamo con questa App
la nostra panoramica sui migliori software di navigazione GPS

tenere la rotta con


Navigon MobileNavigator —Simone Leopizzi

Su Applicando n. 285, feb- attento e rispettoso di sé e degli altri. se a disposizione. La versione dell’ap-
braio 2010, abbiamo iniziato la pano- Navigon AG era già nota sia per i suoi plicazione utilizzata per il test è quella
ramica dei software di navigazione GPS dispositivi di navigazione per auto, sia che include il materiale cartografico NA-
per iPhone con TomTom. Su Applicando per il software MobileNavigator, dedi- VTEQ dello Stato del Vaticano, San Ma-
n. 286, marzo 2010, abbiamo prosegui- cato a soluzioni mobile che utilizzava- rino e dell’Italia. Appena avviata, l’ap-
to con quattro applicazioni disponibili no OS Windows Mobile e Symbian; dal plicazione ci presenta, dopo la scher-
su App Store: Sygic Mobile Maps, iGo My 16 giugno 2009 è stata presentata e mata d’avvio, il menu principale (figu-
way 2009, CoPilot Live e NDrive. Questo messa in vendita una versione di que- ra 1), caratterizzato essenzialmente da
mese analizziamo un altro noto softwa- sto software dedicata a iPhone, dispo- quattro pulsanti al centro dello schermo
re del settore: MobileNavigator di Na- nibile in varie versioni che si differen- che permettono di inserire un indiriz-
vigon (www.navigon.com). ziano l’una dall’altra per le mappe mes- zo, ricercare un POI, dirigersi verso ca-
La versione da noi provata del softwa-
re di Navigon AG su iPhone era la 1.4.0;
nel riquadro riassumiamo le novità della
versione 1.5, uscita nel frattempo.
Come abbiamo sottolineato anche in
occasione dei precedenti articoli sui na-
vigatori, è opportuno seguire in manie-
ra scrupolosa le istruzioni dei produt-
tori per quel che riguarda l’utilizzo dei
software e il posizionamento dell’appa-
recchio, oltre che ovviamente seguire
le indicazioni del codice della strada e
del buon senso. Alla guida è sempre op-
portuno, ovviamente, non solo rispet-
tare le leggi e i codici, ma anche man-
tenere un comportamento prudente,
1 2

140 APPLICANDO 288 - 05.2010


tenere la rotta con Navigon MobileNavigator

sa (cioè verso una destinazione impo-


stata come tale, tipicamente la nostra
abitazione) e di visualizzare la mappa.
Si nota subito che, al contrario di tut-
ti gli altri navigatori, MobileNavigator
per iPhone è l’unico che utilizza un’in-
terfaccia molto essenziale (tra l’altro,
è quella utilizzata nella maggior parte
delle applicazioni native e non) e sem-
plice. In basso possiamo scegliere di-
verse sezioni attraverso alcuni tab tra
cui Menu (che ci porta alla schermata
descritta prima), Favorite (che elenca
tutte le destinazioni da noi designate
come preferite), Recenti (appunto un
3 4
elenco delle destinazioni recenti), Con-
tatti (che fa accedere direttamente al- tà di scegliere un profilo tra auto, mo-
la rubrica contatti del nostro telefono, to, camion, bicicletta o pedone, un tipo
con la possibilità di cercare i contatti e di tragitto tra veloce, migliore, breve o
di scegliere per ognuno un indirizzo panoramico, e che ci permette di sce-
verso cui recarsi), infine Tragitto (che gliere se evitare o no le autostrade, le
ci dà la possibilità di creare un percorso strade a pedaggio, i traghetti o le stra-
inserendo tappe tra indirizzi, POI, pre- de per residenti, figura 4) e infine Sal-
feriti e indirizzi recenti, di riordinarli o va come favorita (per salvare nell’elen-
cancellare una tappa e quindi iniziare co dei preferiti la destinazione). Notia-
la navigazione del tragitto) e Opzioni mo inoltre la presenza del menu SOS/
(di cui parleremo più avanti). DirectHelp, che raccoglie i numeri uti-
Nel dettaglio, scegliendo dalla scher- li e del Pronto Soccorso.
mata Menu il pulsante Inserire indiriz-
zo, parte una serie di viste che ci dan- Strade in punta di dita
no la possibilità di scegliere Stato (pre- Scegliendo invece, sempre dalla scher-
5
mendo sulla bandierina in alto a destra), mata del menu principale, il pulsante Ri-
città, via (figura 2) e numero civico e di cerca POI, sul display vengono visualiz- na (figura 5). Scegliendo Mappa dalla
raggiungere una schermata (figura 3) zati tre pulsanti per scegliere se visualiz- schermata del menu principale visua-
che contiene l’indirizzo di destinazione, zare i POI in città o in tutto il paese o nei lizziamo la mappa in modalità 3D (fi-
una mappa 2D con il tragitto tracciato dintorni (dandoci la possibilità di sce- gura 6); facendo tap sulla mappa, pas-
e con la possibilità di zoom su di essa, gliere da una lista la categoria di POI da siamo automaticamente alla modalità
un pulsante per avviare la navigazione visualizzare e verso cui dirigersi, crean- 2D, che ci offre la possibilità, premen-
(che in assenza di segnale ci chiede di do un percorso e avviando la naviga- do il pulsante in basso Imposta desti-
avviare una simulazione) e un pulsan- zione), insieme a tre pulsanti di acces- nazione, di trascinare un segnaposto
te Di più; premendo quest’ultimo, vie- so rapido a tre diverse tipologie di POI. in stile Google Maps sulla destinazio-
ne visualizzato un alert con alcune op- Tali pulsanti possono essere impostati ne verso cui vogliamo recarci e avvia-
zioni: Invia destinazione (per inviare la facendo tap sul tasto opzione in altro re la navigazione (figura 7).
destinazione via e-mail, leggibile solo a destra, che ci permetterà di sceglie- Infine, supporta in modo perfetto
dallo stesso software su un altro dispo- re una categoria di POI per ognuno dei l’orientamento in landscape in ogni
sitivo), Profilo di tragitto (che ci por- tre pulsanti ad accesso rapido, ciascu- schermata e lo zooming della mappa
ta in una nuova vista con la possibili- no contrassegnato da una piccola ico- attraverso la gestura a pinza.

APPLICANDO 288 - 05.2010 141


_iPhone tenere la rotta con Navigon MobileNavigator

Su strada dalità già descritta in precedenza. Pre- niera sintetica e per iscritto l’intero iti-
Anche questo navigatore è stato messo mendo il tasto Fine ritorniamo nella nerario di viaggio, comprese le indica-
alla prova su vari tipi di strade (campa- schermata di navigazione. Da qui pos- zioni sulle direzioni da prendere. L’ap-
gna, città, extraurbane principali e se- siamo visualizzare le Opzioni di navi- plicazione reagisce in un modo eccel-
condarie e autostrade); all’avvio del- gazione (citate anche in precedenza), lente per quanto riguarda le animazio-
l’applicazione in ogni tipo di strada il che permettono di impostare la rap- ni sulla mappa, gestisce molto bene
fix dei satelliti dura in media 10 secon- presentazione della mappa (quindi accelerazioni e decelerazioni e garan-
di; in assenza di segnale la barra supe- scegliere tra modalità 2D o 3D, tra mo- tisce una sincronizzazione con la posi-
riore si colora di rosso. Scegliendo una dalità diurna o notturna o automatica, zione reale molto precisa, questo per-
destinazione attraverso i vari menu de- se visualizzare o no i nomi delle strade messo anche dall’utilizzo (sul modello
scritti in precedenza, ci viene presen- sulla mappa o le informazioni del tra- 3GS) del magnetometro/bussola che
tata la schermata di navigazione che gitto, scegliere le categorie di POI in- nella modalità Pedone capirà imme-
riprende ovviamente lo stile e i colori dicate e visibili sulla mappa e di impo- diatamente quando avremo svoltato.
di quella utilizzata da Navigon AG nei stare le unità di misura utilizzate). Pos- In navigazione, la voce guida non so-
propri prodotti. Qui, in basso, ci sono siamo, inoltre, regolare alcune opzio- lo indica le manovre da effettuare ma,
informazioni relative alla lunghezza del ni di tragitto (tra cui l’inserimento di ad esempio in caso di svolta, ci indica
tragitto, al tempo rimanente per il rag- una tappa o i POI sul tragitto, figura anche in quale via girare pronuncian-
giungimento della meta, alla velocità di 8), visualizzare le informazioni relative do il suo nome. Questa funzionalità è
andamento, alla via attuale che stiamo al GPS (come le coordinate o la veloci- definita Text-to-Speech e risulta molto
percorrendo e in basso a sinistra, in un tà) con la possibilità di salvare la posi- utile in diverse occasioni, soprattutto
riquadro, le indicazioni da seguire. zione attuale, visualizzare i nostri luo- nei centri urbani.
Come anche in TomTom, alla pressio- ghi preferiti sulla mappa rappresentati Su autostrade o strade extraurbane, Na-
ne del riquadro la voce guida ripeterà da una bandierina e, in ultimo, definire vigon offre una funzionalità denomina-
le ultime indicazioni segnalate; la voce le impostazioni generali (come i limiti ta Reality View Pro, che permette, pri-
guida è fluida e gradevole ma soprat- di velocità, il volume, l’attivazione del- ma degli svincoli o incroci su queste ti-
tutto molto discreta. la segnalazione degli autovelox, la no- pologie di strade, di visualizzare imma-
Facendo tap sulla mappa entriamo in minazione delle vie e il controllo iPod, gini realistiche delle uscite e dei cartel-
modalità 2D/mappa che ci permette di di cui parleremo più avanti). li contenenti i numeri reali delle uscite
scorrere la mappa, effettuare lo zoom e Sempre dalle opzioni è possibile acce- stesse; in questo modo risulta ancora
inserire una tappa nel nostro percorso dere al menu Turn-By-Turn RouteList più semplice seguire i cartelli. Inoltre
attraverso un segnaposto, con la mo- che, attraverso una lista, riporta in ma- l’applicazione integra anche la funzio-

6 7 8

142 APPLICANDO 288 - 05.2010


_iPhone tenere la rotta con Navigon MobileNavigator

gazione, si può accedere ai controlli di


riproduzione (volume, play/pausa, tem-
po, ripeti tutto o una canzone, casua-
le); si possono scegliere interi album o
singole canzoni, ma anche podcast al-
l’interno della nostra libreria, e quindi
riprodurre il tutto (figura 10). La fun-
zione è ben integrata e mentre si è in
riproduzione e la voce guida imparti-
sce i comandi necessari per la naviga-
zione, il volume della canzone viene ri-
dotto lentamente (ma non del tutto) e
ripristinato poi in automatico al valo-
re impostato nelle opzioni, senza inter-
rompere la riproduzione. Il tutto risulta
9 10
veramente confortevole. Una chiama-
ta non chiude inoltre l’esecuzione del-
Navigon, nella nuova versione 1.5 del suo Mo- e il giorno della settimana proponendo fino a
novità della versione 1.5

l’App ma, anzi, il segnale GPS e la map-


bileNavigator presentata al MacWorld di San tre soluzioni di viaggio tra cui scegliere. Goo-
Francisco e ora disponibile su App Store, ha in- gle Local Search permette di accedere alle voci pa rimangono ben sincronizzati con la
cluso diverse novità– È stata aggiunta la pos- più recenti inserite da Google e quindi di tro- posizione attuale e, all’interruzione del-
sibilità di condividere con i maggiori social vare POI di ogni tipo, consentendo eventual- la chiamata, la voce guida ci indica le
network (Facebook e Twitter) i dettagli della mente di raggiungerli, o la possibilità di visua- prossime istruzioni da eseguire. Navi-
navigazione come destinazione, tempo man- lizzare luoghi fornendone le coordinate geo- gon ha pensato anche alla condivisione
cante all’arrivo e posizione attuale. Una del- grafiche. La nuova funzione Panorama View della nostra posizione offrendo la pos-
le funzioni più richieste, arrivate direttamen- 3D offre una visione più realistica del paesag- sibilità di ottenere le coordinate geo-
te dai PND NAVIGON di ultima generazione, e gio e maggiore possibilità di orientamento; è grafiche della posizione attuale da in-
che caratterizzano la nuova versione è senza opzionale e acquistabile dall’interno dell’ap- viare via e-mail agli amici che, aprendo
dubbio NAVIGON MyRoutes; quest’ultima offre plicazione tramite In-App Purchase al costo di
un link, saranno in grado di raggiunger-
agli utenti una maggior personalizzazione del 9,99 euro. Su App Store diversi utenti lamen-
ci. È giusto precisare infine che l’attuale
calcolo del tragitto in base alle abitudini per- tano il mancato aggiornamento delle mappe,
versione di Navigon non solo supporta
sonali, lo stile di guida, l’orario di percorrenza che risulterebbero ormai datate.
iPhone 3G e 3GS ma anche iPod touch
(inutile precisare che però in questo ca-
nalità di visualizzazione realistica del- altra funzione che accede a Internet e so è necessario un accessorio aggiun-
la segnaletica soprattutto per quanto sfrutta il traffico dati, agli eventuali costi tivo come il TomTom Car Kit, che per-
riguarda i segnali di limite di velocità del proprio piano tariffario) tutto grazie mette di usufruire del GPS integrato).
(figura 9). A proposito di limiti di ve- a una rete di controllo molto avanzata Già la versione 1.4.0 (ora superata dalla
locità, nel menu Country Info è possi- che si affida ai sensori stradali e che, al 1.5) da noi provata del software di Na-
bile visionare i limiti di velocità in auto- rilevamento di traffico, fa si che l’appli- vigon AG su iPhone appariva davvero
strada, superstrada e strade urbane di cazione automaticamente suggerisca semplice, precisa e curata.
qualunque nazione europea. È possibi- all’utente un nuovo percorso alterna- L’unica nota negativa riguarda l’inter-
le acquistare tramite In-App Purchase, tivo sicuramente più veloce. faccia grafica, un po’scarna e minimale
al costo di 19,99 euro la funzione Live a confronto con altre soluzioni concor-
Traffic, grazie alla quale l’utente rimane Anche la musica renti, anche se semplice, intuitiva e ve-
costantemente aggiornato sulla situa- Un’altra caratteristica di questo naviga- loce. Segnaliamo poi che Navigon AG
zione del traffico (la connessione dati tore è il controllo iPod. Facendo tap sul- ha anche rilasciato una versione beta
a Internet è dunque necessaria; c’è da la piccola icona raffigurante un iPod, in pubblica del software NAVIGON Fresh
fare quindi attenzione, come per ogni basso a destra nella schermata di navi- 2.5 per Mac OS X.

144 APPLICANDO 288 - 05.2010


18 maggio Milano 12 ottobre roma
FOTOGRAFIA / 3D / GRAFICA / WEB /MARKETING / TENDENZE / VIDEO

www.antidote.it
www.creativityday.it

Milan & Rome

Get in the ring


10 th Anniversary

Il 18 maggio a Milano, all’ATA HOTEL EXECUTIVE, un giorno intero di seminari gratuiti, workshop e corsi a pagamento
sulle novità più importanti a livello di grafica, sviluppo, tendenze, modalità di lavoro, software e hardware il tutto
powered by creativity.
_iPhone

consigli pratici per iPhone


Questo mese, nel nostro consueto appuntamento con le funzioni più utili
relative all’iPhone, esploriamo un paio di possibilità offerte da iTunes,
come la protezione con password dei backup e delle informazioni sui —Simone Leopizzi
contenuti, e alcune opzioni di personalizzazione, da Spotlight alle suonerie e Michele Discardi

informazioni
particolari
Succede spesso, anche in Mac OS, che Apple
nasconda alcune informazioni proprio sotto i
nostri occhi– È il caso delle ore di riproduzione di
audio o video presenti sul nostro dispositivo o del
numero delle applicazioni installate. Infatti,
collegando il nostro iPhone o iPod touch al
computer e aprendo iTunes siamo abituati a
visualizzare la barra Capacità, in basso, che indica,

dati al sicuro
differenziandoli mediante colori, gli spazi occupati
da audio, foto, applicazioni, ecc. Facendo clic sulla
barra possiamo visualizzare il numero di brani, di
foto e di applicazioni e, facendo clic un’altra volta, le Con l’uscita di iTunes 8.2 e del firmware 3.0 di iPhone
ore di riproduzione di audio e di video (ovviamente è possibile proteggere i backup che vengono
calcolate come la somma delle durate dei contenuti effettuati durante la sincronizzazione tra iPhone/
multimediali presenti). Facendo clic sulla barra per iPod touch e il computer– Tali backup contengono tutti
l’ultima volta ritorneremo alla visualizzazione i nostri dati, dai messaggi ai dizionari, dalle impostazioni
standard delle capacità. agli elenchi di chiamate, contatti, applicazioni e così via.
Se non siamo i soli a utilizzare il computer per
sincronizzare i nostri dispositivi – ma non solo
necessariamente in questo caso – conviene proteggere i
backup con una password che ci permetterà, al ripristino
del dispositivo o anche all’aggiornamento del firmware,
di essere gli unici a poter sincronizzare tali dati sensibili.
Tale funzione può essere attivata in iTunes, collegando il
nostro dispositivo, sulla schermata Riepilogo spuntando
la casella Codifica backup iPhone, che ci offre la
possibilità di impostare una password richiesta poi nelle
occasioni prima citate.

146 APPLICANDO 288 - 05.2010


consigli pratici per iPhone

Spotlight sostituzione
Spotlight su iPhone è una delle vocale
funzioni più utili– La ricerca
avviene fra diverse categorie ma se Per i fortunati possessori di
vogliamo escludere dalle ricerche iPhone 3GS esiste la possibilità
alcuni tipi di file, basta selezionare di attivare un’opzione nelle
Impostazioni > Generali > Home > Impostazioni, in base alla quale
Risultati di ricerca per decidere fra il nostro iPhone ci dice a voce la
quali categorie il software dovrà parola suggerita per la
ricercare il testo digitato. Questo sostituzione nella scrittura di
comporterà che, se si escluderà la SMS– Per attivarla è necessario
ricerca ad esempio da iPod (video e aprire Impostazioni > Generali
musica) e Note, ci si accorgerà subito e poi Accessibilità. In questa
della velocità maggiore di ricerca fra scheda si deve attivare Pronuncia
i contatti o nei messaggi e-mail. È cui i risultati compariranno nella testo auto per far sì che iPhone
inoltre possibile, sempre da questo pagina di ricerca, trascinando le pronunci automaticamente
menu, personalizzare l’ordine con singole voci. le parole che suggerisce.

creiamo le nostre suonerie


(figura 2): in questo modo anche nella timeline viene visualizzato
il tempo in minuti e secondi invece che in battute.
Dobbiamo infatti selezionare la regione del ciclo da esportare,
Utilizzando l’applicazione GarageBand del pacchetto iLife ’09 trascinando le estremità della banda gialla nella timeline, evitando
di Apple è possibile comporre facilmente suonerie per iPhone che superi i 40 secondi. Quando siamo soddisfatti, registriamo il brano
a partire dai loop predefiniti, ma anche da registrazioni vocali e selezioniamo Condividi > Invia suoneria a iTunes.
o strumentali, sia digitali sia di strumenti reali come una Alla fine del processo di esportazione il brano apparirà nel pannello
chitarra– Va premesso che una suoneria – o ringtone – è un Suonerie di iTunes e da qui sarà sincronizzato con iPhone (se non
suono breve e di solito ripetuto ciclicamente che, nell’iPhone, ha è disattivata tale sincronizzazione).
una lunghezza massima di 40 secondi; dovremo quindi scegliere
la parte del brano che ci interessa, ritagliarla continuando a 1
mantenere una sonorità accettabile, sia tra i tagli, sia quando
viene ripetuta da capo, ed esportarla. Con GarageBand, Apple ha
reso tutto molto semplice e intuitivo, sin dall’avvio; infatti, una
volta lanciato il programma è possibile scegliere, nella schermata
introduttiva, Suoneria iPhone e poi Example Ringtone (figura
1), quindi registrare il nostro progetto. A questo punto troveremo
già una traccia predisposta con un loop. Possiamo cancellare
quanto predisposto da GarageBand, aprire il browser dei loop e
costruire il nostro brano.
È comunque possibile anche partire da un nostro brano non
creato come ringtone per iPhone. In questo caso è necessario
attivare il pulsante Ciclo regione nei controlli di trasporto e 2
selezionare la modalità di visualizzazione Durata nel pannello LCD

APPLICANDO 288 - 05.2010 147


_iPhone

da cavalcare (sia a terra sia in volo, in


tre dimensioni), piccole missioni di
destrezza e altro, che vi lasciamo
scoprire. Avremo così, all’interno dello
stesso titolo, innumerevoli, differenti
schemi di gioco, che, moltiplicati per
15 capitoli, porteranno l’avventura a
una longevità di circa 8-9 ore sempre
di ottimo livello. E malgrado si possa
dire che con così tante possibilità di
gioco nessuna è stata davvero resa al
massimo, è proprio la sua varietà che
contraddistingue Avatar. Gli unici
punti deboli, che probabilmente
incontrerete fin dal primo livello, sono
la camera e i combattimenti. La
Poteva il gioco del più grande kolossal di sempre essere da meno del film? camera, per il suo essere fissa e spesso
Avatar, pur con qualche pecca, è un gioco di qualità, dalla grafica notevole non ottimamente posizionata (cosa
che renderà alcuni passaggi dei test,
all’apparenza facilissimi, davvero

James Cameron’s Avatar


insuperabili); i combattimenti invece
avranno la pecca di sembrare tutti
uguali e ripetitivi. Gli avversari non
hanno mai tecniche sopraffine di lotta
e ci troveremo quindi semplicemente
—Michele Discardi La storia segue la falsariga sensazione di essere in quel luogo. a premere il pulsante d’attacco a
del film, facendoci impersonare il Il gioco usa l’ormai collaudato d-pad casaccio, senza pensarci; tale punto
soldato Ryan Lorenz calato in un dello sviluppatore francese Gameloft debole su applicazioni come questa
avatar. Il suo scopo principale è e alcuni pulsanti sulla destra che sembrano essere legate più che altro
cercare di entrare in contatto con gli cambiano secondo le possibilità alla bassa intelligenza artificiale. Si
abitanti e con il pianeta stesso, ma d’interazione con il livello. I controlli, può affermare che Avatar è una delle
ben presto nel corso della storia, sebbene virtuali, appaiono semplici e migliori trasposizioni videoludiche di
proprio come nel film, il nostro alter ben calibrati, nonostante qualche film presenti nell’App Store, ma è
ego capirà come gli umani stiano cambio di inquadratura tenderà a consigliato anche a chi vuole
distruggendo tutto ciò che i Na’vi crearci più di un problema. L’intera semplicemente un passatempo per
hanno a cuore e decide di combattere prima missione sarà comunque un trascorrere una mezz’ora di
con loro. Probabilmente il comparto addestramento mirato ad apprendere divertimento. Forse i combattimenti
grafico è ciò che più impressiona al i comandi base per riuscire a risulteranno l’aspetto meno riuscito
primo avvio, a maggior ragione su un manovrare il proprio avatar. dell’avventura e la camera spesso ci
iPhone 3GS. Ogni movimento e Al primo contatto il titolo potrebbe farà innervosire, ma il senso di piacere
info
Gameloft azione appaiono fluidi e precisi e il sembrare il solito platform con un dato dal librarsi in mezzo alla foresta
www.avatariphonegame.com mondo di Pandora appare vivido e pizzico di combattimento, ma su delle liane o dall’esplorare il
€ 5,49 luccicante, nei colori in cui il film lo classificarlo così sarebbe quantomeno villaggio Na’vi o ancora dal volare su
requisiti di sistema aveva dipinto. Le musiche e gli effetti riduttivo. Sono presenti alcune fasi di lucertoloni, faranno ben presto
(versione 1.0.6) sonori non sono certo da meno: esplorazione, altre di combattimento, dimenticare ogni pecca e daranno un
iPhone e iPod touch con ag- grazie a loro le ambientazioni e questo è certo; ma ci sono anche coinvolgente “tocco blu” alla nostra
giornamento 2.2.1
riusciranno a trasmettere davvero la semplici enigmi da risolvere, animali giornata.

148 APPLICANDO 288 - 05.2010


visual communication
Viscomregional

www.mollydesign.com
Roma 2010
28-29 maggio

face-to-face
28 - 29 maggio / Four Points by Sheraton Roma West

• Come vendere nel 2010


• 1 file per 100 applicazioni
• Interior design: come arredare il deserto ed altro
• Digital Signage: come prevedere il guadagno per il tuo cliente
• Come creare in digitale mosaici, ritratti, pitture
Registrati on line: www.visualcommunication.it

Partecipa per offrire nuove idee al tuo cliente:


il tuo business riparte da qui.

> Catania
7 - 8 maggio / Hotel Santa Tecla Palace

Organizzatore della VISCOM ITALIA, fiera europea leader del mercato della comunicazione visiva
Info: T 0744.4435204
_logout

L’industria dell’intrattenimento corteggia i dispositivi mobili di


Apple e snobba i nostri amati Mac? Niente paura, ci sono sviluppatori
indipendenti a cui i computer piacciono ancora parecchio

indie sott’occhio
—Pietro Cristofoli Era da un po’ che Applicando non
dedicava uno speciale alla cosiddetta scena
indipendente. Non che ci fosse gran che da
raccontare, a onor del vero. A parte la consueta
montagna di titoli casual e gli occasionali porting, non
si vedono in giro molti cantieri aperti per la
nostra piattaforma. La bonaccia, purtroppo,
riguarda in egual misura l’industria, la scena
indie e quella open source, e non c’è molto
che possiamo fare: di questi tempi vanno
tutti pazzi per l’iPhone e per il nuovo
arrivato, il gemellone iPad. Per nostra fortuna (e in attesa
dei titoli in arrivo attraverso la piattaforma Steam), i Mac
vendono bene e non siamo ancora diventati del tutto
invisibili.
Questo mese vi proponiamo una breve rassegna di
giochi sviluppati da aziende indipendenti il cui nome
raramente ha fatto capolino sulle pagine della
stampa specializzata. Si tratta di produzioni molto
differenti tra loro, ma tutte ugualmente degne di
attenzione. Alcune di queste, va precisato, si trovano nel
pieno della fase di sviluppo e tutto quello che possiamo
offrirvi, per ora, è una semplice anteprima.

Di ruolo, fantasy e molto, molto competitivi


Cominciamo subito con la software house più attiva sul
fronte Mac, la californiana S2 Games. Fondata nel 2003,
ha al suo attivo tre giochi online ad ambientazione

150 APPLICANDO 288 - 05.2010


indie sott’occhio

strategia in tempo reale con pubblico più “casual” potrebbe


meccaniche da sparatutto in prima garantire per guadagnarsi una solida
persona. Il gioco venne concepito sin reputazione tra i giocatori più
dall’inizio come progetto intransigenti? Evidentemente sì, a
multipiattaforma orientato al gioco giudicare dall’entusiasmo dei fan che
di squadra e aperto alle modifiche ogni giorno si danno appuntamento
apportate dai giocatori. Attorno a sui server di S2 Games per
Savage, nel corso degli anni, si è partecipare alle sessioni online di
radunata una discreta comunità di Savage e Savage 2. Non stupisce,
appassionati e senza il loro quindi, che la mossa successiva abbia
passaparola, probabilmente, il gioco insistito nella medesima direzione:
avrebbe faticato non poco per l’imminente Heroes of Newerth,
ottenere la meritata visibilità. Il infatti, è persino più competitivo e
modesto successo commerciale di intenso dei due Savage. Avremo
Savage è stato solo in parte occasione di esaminare più in
influenzato dalle recensioni dettaglio le meccaniche di gioco nei
altalenanti raccolte nei mesi prossimi mesi, ma possiamo
che hanno seguito la anticiparvi che si tratta di una
pubblicazione. I bug che rivisitazione di Defense of the
costellavano le prime build e la ripida Ancients, il più amato (e giocato) tra i
curva di apprendimento iniziale tanti scenari creati dalla community
hanno infatti tenuto alla larga gran di giocatori di Warcraft III.
parte dei giocatori meno curiosi e I veterani preferiscono chiamarlo
testardi.
Con il seguito di Savage, S2 Games
ha fatto tesoro delle critiche ricevute
ma, forse, ha finito con il mettere
troppa carne al fuoco. Rispetto al
fantasy: Savage: The Battle for primo episodio, Savage 2 offre una
Newerth, Savage 2: A Tortured Soul e discreta dose di elementi tipici dei
il recentissimo Heroes of Newerth. giochi di ruolo d’azione, affina le
Tutte le produzioni messe in cantiere meccaniche degli scontri di mischia e
da S2 Games in questi anni hanno in introduce un efficace tutorial
comune alcune precise scelte di commentato. Il risultato di tanto
fondo: l’ambientazione (fantasy, lavoro è un titolo impegnativo,
occidentale, classica), la commistione profondo e a tratti spettacolare che
di meccaniche appartenenti a generi tuttavia non è riuscito a cambiare in
differenti, la possibilità di accedere modo significativo la demografia del
gratuitamente ai server di gioco, una primo episodio: a competere per la
solida direzione artistica e una cura supremazia sono ancora loro, i
per i dettagli davvero non comune giocatori hardcore (spesso dotati di
per una software house desktop Linux e sempre ben
indipendente. organizzati in clan).
L’esordio sulla scena internazionale è A questo punto, la domanda che si
avvenuto sul finire del 2003 con pongono molti osservatori della
Savage: The Battle for Newerth, un scena indie è quasi ovvia: vale la pena
titolo ambizioso che mescolava di rinunciare ai grandi numeri che un

APPLICANDO 288 - 05.2010 151


_logout indie sott’occhio

DotA ed è diventato popolare perché americano? Beh, perché Flagship sottolineare i due aspetti peculiari
riduce le meccaniche di Warcraft III a Studios è stata fondata da un gruppo del loro progetto: i valori di
uno scontro diretto tra due team di transfughi eccellenti della Blizzard produzione elevati, tipici dei giochi
contrapposti di eroi. Niente più che in precedenza avevano lavorato ad alto budget (a tripla A, come s’usa
accumulo di risorse né costruzione di allo sviluppo di Diablo, ecco perché! dire negli Stati Uniti), e il desiderio di
edifici, insomma, solo un campo di Mentre scriviamo Runic Games sta restare svincolati dal soffocante
battaglia dove due squadre di eroi approntando gli ultimi ritocchi alla abbraccio delle major di settore per
assistiti da truppe di supporto gestite versione Mac, ma sappiamo per privilegiare il rapporto diretto con la
dalla CPU se le danno di santa certo che non è il caso di aspettarsi propria comunità di giocatori.
ragione per conquistare la base annunci ufficiali a breve perché il Quanto al gioco, parliamo di uno
nemica. Vi sembra facile? Beh, non lo team è alle prese con il lancio di sparatutto in prima persona,
è affatto. Torchlight in Cina e con lo sviluppo orientato al gioco di squadra e
Il terzo titolo della rassegna è un della (attesissima) versione online. ambientato nel futuro. Grazie alla
gioco di ruolo fantasy estremamente Per il momento, insomma, vi dovrete tecnologia Unity 3D, è possibile
convenzionale. Si chiama Torchlight accontentare di un’anteprima. giocarlo su Pc e Mac utilizzando un
ed è stato sviluppato da Runic Games, Con questi tre titoli targati S2 e Runic comune browser web.
una software house di Seattle nata si chiude la corposa componente
dalle ceneri della defunta ruolistica e fantasy di questo speciale Pochi mezzi e molte idee
Flagship Studios. E perché mai appuntamento di Logout dedicato Gli ultimi due giochi della rassegna,
dovrebbe interessarci la alla scena indie. Con i rimanenti tre, infine, sono autentiche perle di
genealogia di questo piccolo la musica cambia. game-design e dimostrano quanto
studio indipendente una buona direzione artistica possa
“Pubblicato dai giocatori”. far miracoli anche quando la
Suona bene… funzionerà? tecnologia, per così dire, “vola basso”.
Partiamo con il più ambizioso: I fan di Spore riconosceranno nel
Interstellar Marines di Zero Point puzzle-game Osmos le meccaniche
Software. Non si tratta, per il incontrate nel primo stage del
momento, di un prodotto popolare simulatore di Will Wright.
completo e interamente fruibile Anche in questo caso, infatti,
ma piuttosto di un cantiere abbiamo a che fare con organismi
aperto al pubblico dove i fan unicellulari in lotta per la
sono incoraggiati a sostenere i sopravvivenza ma qui, come
costi di sviluppo e ottengono, vedremo nelle pagine seguenti, il
in cambio, il privilegio di livello di sfida è davvero un’altra
godere dei frammenti di cosa.
gioco realizzati man mano Machinarium, invece, è una deliziosa
che si rendono disponibili avventura grafica punta&clicca
al pubblico. realizzata utilizzando la piattaforma
Si tratta di un approccio inedito a Flash di Adobe. Il gioco adotta uno
un problema – quello del stile visivo minimalista ma evocativo
finanziamento dei costi necessari e trabocca di classe e personalità. Se
allo sviluppo e alla distribuzione amate il genere non perdetevi la
dei videogiochi – che assilla nostra mini-recensione e segnatevi
specialmente le piccole software bene i recapiti web di Amanita
house indipendenti. In Zero Design perché, non abbiamo dubbi,
Point chiamano questa sentiremo parlare ancora delle loro
formula “AAA Indie” per avventure.

152 APPLICANDO 288 - 05.2010


indie sott’occhio

a
n
Savage 2: A Tortured Soul Heroes of Newerth

te
pr
im
a
Mescolate le meccaniche di uno Che ne sarebbe stato di Defence of
sparatutto in prima persona, di un the Ancients se a cimentarsi con le
info gioco di ruolo e di uno strategico in info sue meccaniche ci fosse stato uno
S2 Games S2 Games
http://savage2.com tempo reale, aggiungete una generosa www.heroesofnewerth.com sviluppatore esperto e deciso a fare
download e accesso ai server dose di competizione e speziate il tutto 30 dollari in prevendita sul serio?– Defense of the Ancients per
gratuiti; opzione Prime Ac- con un preparato a base di ranking, (download) Warcraft III può essere considerato
count 9,99 dollari
achievement e testosterone– presentazione ottima
(insieme al leggendario Team Fortress
presentazione ottima I giocatori che intendono partecipare a coinvolgimento ottimo per Quake e a pochi altri) uno dei mod
coinvolgimento buono una partita online devono scegliere per grafica ottima più popolari e longevi della storia dei
grafica buona sonoro buono
quale fazione combattere: Legion of Man videogiochi. Nel corso degli ultimi mesi
sonoro buono giocabilità ottima
giocabilità ottima o Beast Horde. Dovranno poi eleggere durata buona ha ispirato addirittura due produzioni
durata buona un comandante cui affidare la costruzione commerciali di buon livello: Legue of
requisiti di sistema
di barriere difensive e di altri edifici Legends e Heroes of Newerth.
requisiti di sistema Mac OS X 10.4, processore G4,
Mac OS X 10.4, processore In- di supporto e prendere il controllo di una G5 o Intel da 1,2 GHz, scheda Abbiamo deciso di concentrarci su
tel, scheda video OpenGL 2.0 propria unità da combattimento. video con 64 MB di VRAM (non quest’ultima perché, oltre a essere la
con 128 MB di VRAM (non so- Il comandante vede l’azione di gioco sono supportate le schede gra- sola a girare su Mac, è opera degli stessi
no supportate le schede grafi- fiche integrate Intel GMA 950),
che integrate Intel GMA e NVI-
attraverso un’inquadratura a volo 1 Gb di RAM
autori di Savage 2 e ha quindi potuto
DIA con memoria condivisa), 1 d’uccello simile a quella adottata dagli beneficiare della positiva esperienza
Gb di RAM strategici in tempo reale, mentre per tutti Universal Binary accumulata da S2 Games sul fronte dei
gli altri membri del team la prospettiva è giochi multiplayer competitivi a
Intel
quella tipica dei giochi action in terza squadre.
persona. La scelta della classe di Il lavoro svolto sulle meccaniche
appartenenza può avvenire in diversi originarie di DotA ha già entusiasmato
momenti della partita (in caso di morte più di un milione di beta tester, il nuovo
della propria unità, ad esempio), mentre motore grafico è una gioia per gli occhi
l’esperienza guadagnata sul campo e si accontenta di dotazioni hardware
beneficia sia le singole unità sia l’intero modeste, la comunità di giocatori che
team. Scopo del gioco è la distruzione del affolla i server è intransigente, spietata
centro di comando avversario. Un titolo ma tutto sommato matura. Non c’è
impegnativo che richiede costanza, riflessi ancora una data di pubblicazione
pronti e lavoro di squadra ma che sa come ufficiale ma accedere alla fase beta non
ricompensare i giocatori più determinati. è difficile. Mettete da parte i complessi
Provarlo, poi, non costa nulla. di inferiorità, quindi, e provatelo.

APPLICANDO 288 - 05.2010 153


_logout indie sott’occhio

a
n

n
Torchlight Interstellar Marines
te

te
pr

pr
im

im
a

a
Con i precedenti Mythos e Hellgate: Alieni contro marines armati fino ai
London i ragazzi di Flagship Studios ci denti, nello spazio, in luoghi quasi
info erano andati vicino. Ci riprovano con info sempre angusti e illuminati dalla luce
Runic Games Zero Point Software
www.torchlightgame.com un team rinnovato e un RPG single- www.interstellarmarines.com delle torce elettriche. Vi suona
19,95 dollari (download) player che sprizza Diablo da tutti i 31,25 dollari Frontline Unit familiare?– Beh, dovrebbe. A partire
pori– Per quanto tempo i fan di Diablo (down­l oad); 48,75 dollari dal nome, infatti, sembra davvero che gli
presentazione ottima Spear­head Unit (download)
hanno atteso un degno erede del autori di questo shooter fantascientifico
coinvolgimento ottimo
grafica buona capolavoro targato Blizzard? Un “dungeon presentazione buono ce l’abbiano messa tutta per affidarsi
sonoro buono crawler” senza fronzoli né pretese di coinvolgimento discreto senza ritegno ai cliché più triti del
giocabilità buona grafica buona
modernità che soddisfacesse la loro genere. Per fortuna, sembra che stavolta
durata buona sonoro buono
decennale sete di mostri, skill e giocabilità buona la sostanza sia destinata ad andare ben
requisiti di sistema (soprattutto) loot? Molti hanno provato – durata indefinita oltre la forma. Per prima cosa, è
Non sono ancora stati annun- senza successo – a coprire quel vuoto e la d’obbligo segnalare il fatto che questo
ciati. Visti i requisiti della ver- requisiti di sistema
sione Windows, ci aspettiamo spasmodica attesa che ha consumato i Non sono ancora stati annun- gioco è un cantiere aperto al pubblico e
che il gioco giri senza proble- fan in seguito all’annuncio dello sviluppo ciati. Dobbiamo ricordare, tut- che non c’è alcuna garanzia che il
mi su qualsiasi Mac con pro- di Diablo III sembrava dimostrare che solo tavia, che Unity Web Player ri- progetto (una trilogia, nelle intenzioni
cessore Intel chiede, come unico requisito
Blizzard poteva ripetere il miracolo. Ma da ufficiale, Mac OS X 10.3.9
degli autori) possa completarsi in tempi
probabilmente solo Intel qualche mese abbiamo finalmente un brevi. Giocare a Interstellar Marines,
vero contendente al trono, o perlomeno Universal Binary quindi, è un atto di fede che prevede la
un regnante: si chiama Torchlight. Si gioca partecipazione diretta al finanziamento
unicamente in single-player, i dungeon dei costi di sviluppo. Per il momento è
sono generati casualmente, tutte le classi possibile accedere ai primi due capitoli,
hanno un pet che combatte al loro fianco The Vault (sorta di visita turistica agli
e il movimento del proprio personaggio è ambienti di gioco) e Bullseye (sessione
controllato dal mouse. Insomma, lo avrete di tiro a segno che permette ai giocatori
capito, Torchlight non inventa nulla di di cimentarsi con i controlli).
nuovo ma è immediato, divertente e Tecnicamente, Interstellar Marines
sfoggia una direzione artistica di convince in pieno e l’idea di fondo
prim’ordine. La versione per Mac sarà (gioco cooperativo a squadre, crescita
pronta “entro l’anno”, ci hanno detto, ma “ruolistica” del personaggio e una
potete dargli un’occhiata già ora se avete sostanziosa componente narrativa) ci è
un po’ di familiarità con WINE (o con il più sembrata abbastanza promettente.
amichevole CrossOver Games). Da seguire.

154 APPLICANDO 288 - 05.2010


indie sott’occhio

Osmos Machinarium
Li chiamano “ambient games”: sono Muto e poetico come la prima
lenti, offrono atmosfere rilassanti, parte di Wall-E, impegnativo
info meccaniche intuitive e vagonate di info e ricco di personalità come i migliori
Hemisphere Games Amanita Design
www.hemispheregames.com/­ musica new age. Osmos è un http://machinarium.net punta&clicca di una volta– Questa
osmos campione della categoria– Siete una 20 dollari (download) magnifica avventura grafica punta&clicca
10 dollari (download) cellula fagocita, una piccola entità chiusa è stata sviluppata, disegnata, animata e
presentazione ottima
e autosufficiente capace di inglobare e musicata da un team di ragazzi della
presentazione buona coinvolgimento ottimo
coinvolgimento buono assimilare materiale esterno alla propria grafica ottima Repubblica Ceca ed è stata una delle
grafica buona membrana… e non siete i soli! sonoro ottimo sorprese più belle del 2009. Protagonista
sonoro ottimo giocabilità buona
Nell’oscuro brodo primordiale il piccolo robot Josef, gettato da una
giocabilità buona durata discreta
durata buona immaginato dagli autori di Osmos, nave per i rifiuti e abbandonato sopra a
infatti, ci sono miriadi di cellule come voi requisiti di sistema un cumulo di rottami. Lontano dalla città,
requisiti di sistema e sono tutte ansiose di aumentare il Mac OS X 10.4, processore G4, il piccolo automa dovrà ritrovare e
Mac OS X 10.4.11, processore G5 o Intel da 1,6 Ghz, 1 GB
G4, G5 o Intel volume del proprio citoplasma a spese di RAM assemblare i pezzi smarriti nell’impatto e
del vostro. Se avete giocato a Spore finirà per essere coinvolto, suo malgrado,
Universal Binary avrete certamente avuto una sensazione Universal Binary in un oscuro complotto. L’affascinante
di déjà vu, ma qui in Osmos quel universo robotico che fa da sfondo alle
semplice meccanismo cellula-grande- vicende narrate in Machinarium è stato
mangia-cellula-piccola-e-cresce realizzato in gran parte senza l’ausilio di
guadagna una subdola variante: per software specializzato, usando tecniche
spostarvi non potrete fare affidamento di disegno e animazione convenzionali.
su escrescenze mobili, ma dovrete Questo approccio ha donato al gioco un
utilizzare una sorta di motore a reazione aspetto molto personale e ha permesso
cellulare alimentato dal vostro stesso agli autori di rivelare tutto il proprio,
citoplasma; più a lungo imprimete la eccezionale, talento artistico. Non ci sono
spinta, quindi, e più citoplasma espellete dialoghi in questo gioco, né parlati né
diventando progressivamente più scritti. Enigmi e minigiochi si alternano
piccoli. Nella loro apparente semplicità, incastrandosi alla perfezione con la trama
dunque, le meccaniche di Osmos si principale, mentre al giocatore vengono
prestano a un approccio più ragionato e lasciati pochi, essenziali elementi con cui
tattico e il livello di sfida, di interagire. Un esempio riuscito di game-
conseguenza, schizza verso l’alto. Solido, design ispirato alla cosiddetta “arte del
impegnativo, conveniente e Zen. levare”, la scultura.

APPLICANDO 288 - 05.2010 155


_logout

listino
Apple aggiorna la linea di MacBook Pro con processori più veloci, grafica di ultima generazione
e durata della batteria fino a dieci ore. Gli altri prodotti subiscono un lieve aumento di costo,
dovuto al decreto del Ministero per i Beni e le Attività culturali che pone un sovrapprezzo
ai supporti di memorizzazione, hard disk inclusi, in base alla loro capacità —a cura della redazione

MacBook MacBook Pro MacBook Pro Mac mini iMac


modello 13”: 2,26 GHz 13”: 2,4 GHz 15”: 2,53 GHz 2,26 GHz : 160 GB 21,5”: 3,06 GHz
prezzo euro 902,00 euro 1.149,00 euro 1.949,00 euro 552,00 euro 1.102,00
processore Intel Core 2 Duo da 2,26 GHz Intel Core 2 Duo da 2,4 GHz Intel Core i5 da 2,53 GHz Intel Core 2 Duo da 2,26 GHz Intel Core 2 Duo da 3,06 GHz
RAM (max) 2 GB (4 GB) 4 GB (8 GB) 4 GB (8 GB) 2 GB (4 GB) 4 GB (8 GB)
grafica NVIDIA 9400M 256 MB condivisa NVIDIA GeForce 320M NVIDIA GeForce GT330M 256 MB NVIDIA 9400M 128 MB condivisa NVIDIA 9400M 256 MB condivisa
hard disk Serial ATA 250 GB Serial ATA 250 GB Serial ATA 500 GB Serial ATA 160 GB Serial ATA 500 GB
unità ottica SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL
recensito su Applicando n. 283 - - - -

MacBook Pro MacBook Pro Mac mini iMac


13”: 2,66 GHz 15”: 2,66 GHz 2,53 GHz : 320 GB 21,5”: 3,06 GHz
euro 1.449,00 euro 2.149,00 euro 751,00 euro 1.351,00
Intel Core 2 Duo da 2,66 GHz Intel Core i7 da 2,66 GHz Intel Core 2 Duo da 2,53 GHz Intel Core 2 Duo da 3,06 GHz
4 GB (8 GB) 4 GB (8 GB) 4 GB 4 GB (8 GB)
NVIDIA GeForce 320M NVIDIA GeForce GT330M 512 MB NVIDIA 9400M 256 MB condivisa ATI Radeon HD 4670 con 256 MB
Serial ATA 320 GB Serial ATA 500 GB Serial ATA 320 GB Serial ATA 1 TB
SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL
- - Applicando n. 283 Applicando n. 284

MacBook Air MacBook Pro MacBook Pro Mac mini Server iMac
modello 13”: 1,86 GHz 15”: 2,4 GHz 17”: 2,53 GHz 2,53 GHz : Dual 500 GB 27”: 3,06 GHz
prezzo euro 1.401,00 euro 1.749,00 euro 2.249,00 euro 949,00 euro 1.502,00
processore Intel Core 2 Duo da 1,86 GHz Intel Core i5 da 2,4 GHz Intel Core i5 da 2,53 GHz Intel Core 2 Duo da 2,53 GHz Intel Core 2 Duo da 3,06 GHz
RAM (max) 2 GB 4 GB (8 GB) 4 GB (8 GB) 4 GB 4 GB (8 GB)
grafica NVIDIA 9400M 256 MB condivisa NVIDIA GeForce GT330M 256 MB NVIDIA GeForce GT330M 512 MB NVIDIA 9400M 256 MB condivisa ATI Radeon HD 4670 con 256 MB
hard disk SATA da 120 GB a 4.200 giri/min Serial ATA 320 GB Serial ATA 500 GB 2 x Serial ATA 500 GB Serial ATA 1 TB
unità ottica - SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL Snow Leopard Server preinstallato SuperDrive 8x DL
recensito su - - - Applicando n. 285 Applicando n. 283

MacBook Air iMac


Per il modello 17” sono disponibili Se non diversamente specificato, tutti i prezzi si intendono Iva inclusa
modello 13”: 2,13 GHz e sono ripresi dalla sezione italiana del negozio online di Apple: 27”: 2,66 GHz Quad-Core
anche le opzioni BTO: processore
prezzo euro 1.701,00 Core i7 a 2,66 GHz (+ euro 180,00), http://store.apple.com/it. euro 1.802,00
processore Intel Core 2 Duo da 2,13 GHz schermo antiriflesso (+ euro Le caratteristiche e i prezzi qui pubblicati sono aggiornati al 13/04/2010 Intel Core i5 da 2,66 GHz
RAM (max) 2 GB 45,00). Per il modello 15” sono e vanno intesi come puramente orientativi; pertanto non possono essere 4 GB (16 GB)
grafica NVIDIA 9400M 256 MB condivisa disponibili anche le opzioni BTO: considerati impegnativi né da parte di Apple e delle sue reti di vendita, ATI Radeon HD 4850 con 256 MB
display Hi-Res 1.680 x 1.050 né degli altri produttori e distributori citati, né da parte di Applicando.
hard disk Disco a stato solido da 128 GB lucido (+ euro 90,00) o antiriflesso Serial ATA 1 TB
In rosso sono evidenziati i nuovi modelli o configurazioni, o una riduzione
unità ottica - (+ euro 135,00). SuperDrive 8x DL
di prezzo rispetto al mese precedente.
recensito su - -

156 APPLICANDO 288 - 05.2010


LISTINO 2010 8-04-2010 12:11 Pagina 1

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
C M Y CM MY CY CMY K

www.cuordimela.it LISTINO PREZZI NOLEGGIO 36 mesi (rata trimestrale) con pagamento a 90gg.
Listino iRent

MODELLO Prezzo con riscatto Prezzo senza riscatto


MacBook 13”- 2.13Ghz (bianco) euro 118,44 euro 107,81
MacBook Pro 13”- 2.53Ghz (alluminio) euro 152,98 euro 139,25
MacBook Air 13”- 1.86Ghz (superdrive e adattatore usb-ethernet) euro 165,81 euro 150,93
MacBook Pro 15”- 2.66Ghz euro 197,39 euro 179,68
MacBook Pro 17”- 2.8Ghz euro 246,74 euro 224,60
iMac 21,5”- 3.06Ghz 4 Gb Ram 500 Gb HD euro 112,30 euro 123,37
iMac 27”- 3.06Ghz 4 Gb Ram 1Tb HD euro 157,91 euro 143,74
Mac Pro One 2.66Ghz Quad-Core euro 236,87 euro 215,61
Tutti i Mac qui proposti vengono noleggiati in configurazione standard e comprensivi di AppleCare, installazione, configurazione e consegna, già calcolati nella rata trimestrale. Nel prezzo
di noleggio del MacBook Air sono inclusi il SuperDrive e l’adattatore usb-ethernet. I prezzi sono calcolati secondo il listino Apple al momento di andare in stampa e sono IVA esclusa.
La rata può variare secondo i termini di riscatto che saranno stabiliti in sede di trattativa. Le rate sono calcolate dalla finanziaria e subordinate alla loro approvazione.
CUORDIMELA - Via Poggibonsi, 14 - 20146 Milano - Tel. 02 48713244 - mac@cuordimela.it

Colori compositi

iPhone
Le configurazioni dei Mac Pro riportate sono quelle 3G 8 GB euro 499,00
consigliate su Apple Store; si possono personalizzare questi 3GS 16 GB (nero o bianco) euro 599,00
modelli con svariate opzioni BTO. Qui sotto, elenchiamo una 3GS 32 GB (nero o bianco) euro 699,00
serie di componenti alternativi con le relative differenze di
prezzo (grafica e hard disk sono comuni ai due modelli). Disponibili con gli operatori TIM, Vodafone
processore e 3 Italia, anche con formule abbonamenti.
Mac Pro 1 x Xeon quad-core da 2,93 GHz + euro 360,00 Per offerte consultare:
www.tim.it, www.vodafone.it, www.tre.it.
modello Quad-Core RAM
prezzo euro 2.302,00 8 GB (4 x 2 GB) + euro 225,00
processore Xeon quad-core da 2,66 GHz grafica iPod
RAM (max) 3 GB (8 GB) 2 x NVIDIA GeForce GT 120 512 MB + euro 135,00
iPod shuffle 2 GB euro 61,00
grafica NVIDIA GeForce GT 120 512 MB ATI Radeon HD 4870 512 MB + euro 180,00
iPod shuffle 4 GB euro 81,00
hard disk Serial ATA 640 GB hard disk (alloggiamento 1) iPod nano 8 GB euro 143,00
unità ottica SuperDrive 18x DL Serial ATA 1 TB + euro 90,00 iPod nano 16 GB euro 174,00
recensito su - iPod classic 160 GB euro 247,00
iPod touch 8 GB euro 194,00
Mac Pro processore iPod touch 32 GB euro 286,00
modello 8-Core 2 x Xeon quad-core da 2,66 GHz + euro 1.260,00
iPod touch 64 GB euro 379,00
prezzo euro 3.002,00 2 x Xeon quad-core da 2,93 GHz + euro 2.340,00
iPod shuffle 4 GB
processore 2 x Xeon quad-core da 2,26 GHz RAM edizione speciale* euro 100,00
RAM (max) 6 GB (32 GB) 16 GB (8 x 2 GB) + euro 450,00
grafica NVIDIA GeForce GT 120 512 MB 32 GB (8 x 4 GB) + euro 3.330,00 * iPod shuffle in acciaio lucido inossidabile,
hard disk Serial ATA 640 GB disponibile in esclusiva su Apple Store.
unità ottica SuperDrive 18x DL
recensito su Applicando n. 277
Apple TV
160 GB euro 269,00

Anche Xserve è disponibile in due versioni, Quad-Core e


Apple Cinema Display
8-Core. Solo per il secondo sono disponibili come opzioni
24” LED Cinema euro 849,00
BTO processori più veloci rispetto a quelli da 2,26 GHz che
30” Cinema HD euro 1.799,00
costituiscono la dotazione standard.
­

Xserve Xserve
Accessori
modello Quad-Core 8-Core Time Capsule 1 TB euro 269,00
prezzo euro 2.899,00 euro 3.469,00 Time Capsule 2 TB euro 449,00
processore 1 x Xeon quad-core da 2,26 GHz 2 x Xeon quad-core da 2,26 GHz Base AirPort Express euro 89,00
RAM (max) 3 GB (32 GB) 3 GB (32 GB) Base AirPort Extreme euro 159,00
grafica NVIDIA GeForce GT 120 256 MB NVIDIA GeForce GT 120 256 MB Apple Keyboard euro 49,00
hard disk Serial ATA 160 GB Serial ATA 160 GB Wireless Keyboard euro 69,00
unità ottica SuperDrive 8x DL SuperDrive 8x DL Apple Mouse euro 49,00
recensito su - - Magic Mouse euro 69,00

APPLICANDO 288 - 05.2010 157


_logout

La coppia degli anni 2000, iPod e iTunes, a confronto col futuro che verrà:
l’iPad, iBooks e i libri

flirt o vero amore?


L’iPad, ancor più dell’iPhone,
il torsolo
i Mac Pro sostituiti dagli iMac, a loro Amazon e B&N, saltando l’iTunes
è una piattaforma le cui revenue volta sostituiti dai MacBook, che librario made in Cupertino. Ma ben
dipenderanno in buona parte potrebbero essere insidiati dagli iPad sappiamo che iTunes, in termini
dal software e dalle idee che ha pochi punti chiari, ma illumina un economici, ha avuto più il merito di
avranno altri– Ma il fatturato dei solo punto d’arrivo: un dispositivo consentire la vendita dell’hardware
libri? È poco nel mondo degli atomi, è portatile, usabile, touch, cui uniremo che non quello di far incassare diritti.
prodotto da aficionados e feticisti le periferiche di volta in volta Quindi?
della carta: che ne sarà nel mondo dei necessarie. L’iPad sarà l’iPod del futuro?
bit? Ma si saran detti: perché no? Se Probabilmente Apple, ben
questi qui (gli editori) riusciranno a Ma basta divagare: parlavamo applicando la lezione di iTunes, si sta
creare business, beh, ce ne di libri– Amazon e Barnes & Nobles, preparando a essere il futuro hub per
avvantaggeremo. Butta lì ‘sto iBook, pur vendendo i propri dispositivi di l’acquisto di prodotti culturali e
dai. Ma il nome non è granché! Non lettura, stanno preparando due App editoriali in genere, parallelamente,
sarà granché ma si capisce, e dopo per l’iPad, Il New York Times, dopo ma forse strategicamente questo è
tutto va su un coso che si chiama iPad. aver visto in preview quella di l’asse portante, ponendo
Nell’iPad, insieme di tecnologie già Amazon, la descrive più o meno così: “fisicamente” un proprio hardware al
disponibili centellinate con l’usuale si girano lentamente le pagine con le centro di un passaggio di più lungo
calma (in un paio di release avremo dita (come in iBooks) e rispetto al termine nel nostro approccio all’uso
tutto quello che ora si lamenta come Kindle ci sono nuove e migliori del digitale. Operatori di telefonia
mancanza) c’è molto di più di un possibilità di vedere e organizzare la mobile, società operanti nell’enorme
traslato atomi-bit: vi è contenuta propria biblioteca, con cover a colori settore gaming, editori di giornali,
un’attesa che non c’era sul mercato da eccetera. L’unità digitale di Barnes & magazine, riviste, libri e prodotti
tempo. E non importa che gli ordini Noble ha occupato 14 sviluppatori video, piattaforme sociali di
siano stati esplosivi e poi (pare) siano nel ridisegno della iPhone App per contenuti vari in mobilità: un intero
rallentati, che siano miliardi di iPad: il nuovo software pare mondo di settori commerciali e di
fantastilioni o decine di megatroni. È permetterà agli utenti di sfogliare i sviluppatori e ricercatori sta,
comunque solo un inizio: Apple ci sta libri (!!!) e di personalizzarne i sostanzialmente, lavorando per il
dicendo che i nostri ferrivecchi qui, caratteri in diversi colori e successo dell’iPad, senza che Apple
con tastiere e cavi, e costrizioni, e dimensioni. Insomma, a debba – cinicamente – fare nulla se
peso, e atomi ovunque prescindere dal tasso di non passare all’incasso e quindi
sono vecchi, obsoleti, innovazione, tutti al reindirizzare questo enorme flusso di
kaputt. E che lavoro. Ma per chi? denaro in ricerca per giungere a un
qualcosa li sostituirà. Già, perché c’è chi grado di sviluppo maggiore dei suoi
Che non sarà l’iPad è dice che queste prodotti hardware. Azzardiamo: il
chiaro a tutti, ma che due applicazioni touch è una tecnologia, l’iPod – e
l’iPad sia un punto di sarebbero deleterie non l’iPhone – il riferimento, il
partenza lo sappiamo per lo sviluppo di mobile il futuro. Lo ha detto Lui, eh!
comunque tutti. La iBooks: porterebbero Alla prossima.
catena evolutiva che vede clientela agli store di —Giorgio Gianotto

158 APPLICANDO 288 - 05.2010


Sul prossimo numero di Applicando inserto gratuito di 32 pagine

il Mac per tutti


Sul prossimo numero della rivista, Applicando n. 289 giugno 2010,
inauguriamo una collana di inserti dedicati al mondo della Mela, indirizzata
in special modo – ma non solo – ai nuovi utenti di Mac, iPhone e iPad.

Dedicato a Argomenti
• chi è da poco passato o ha • introduzione al Mac, i primi passi
intenzione di passare da in Mac OS X
Windows al Mac • musica, foto e Digital Lifestyle
• chi ha da poco acquistato il suo secondo Apple
primo Mac • scambiare e condividere
• chi sta valutando di scegliere il documenti tra Mac e Pc
Mac come proprio computer • eseguire applicazioni Windows
• chi è già utente Mac e desidera sul Mac
rinfrescare alcune utili nozioni di
base …e altro ancora
_logout

Sarà digitale, multimediale, potenziato e aggiornato dall’iPad. Qualche dubbio?


Solo uno. Basta non chiamarlo più libro, e abbiamo risolto tutti i problemi

non chiamatelo libro


Come sarà il libro del futuro? Quasi
succo di mela
tendenza: in diciotto mesi il digitale è produzione di libri alla produzione di
tutti oggi cominciano a passato dall’essere un mercato un’altra cosa che non è più un libro?
scommettere che sarà digitale– Ma residuale a creare un potenziale Per quanto riguarda giornali e
non è poi così sicuro. Invece, è tutta “nuovo mondo” per gli editori, inedito periodici, in realtà il cambiamento è
una questione di identità e di unità nei mezzi e nelle forme. meno traumatico. I giornalisti sono nel
dell’opera. In passato qui su business della vendita di notizie, non
Applicando ci siamo occupati dei Un esempio: su iPhone, il telefono in quello della vendita della carta (o
lettori di libri basati sulla tecnologia di Apple che ha rivoluzionato il almeno, non dovrebbero). I giornalisti
dell’inchiostro digitale come il Kindle mondo delle piccole applicazioni cioè sono già abituati a usare
di Amazon. L’argomento non ha scaricabili con micropagamento, a tecnologie e linguaggi diversi: oltre
smesso di attrarre l’interesse del marzo per la prima volta i libri alla carta stampata hanno la radio, la
pubblico e della stampa. Soprattutto hanno superato tutti gli altri televisione, le agenzie e i siti web. Ma
adesso che la disponibilità di nuovi generi– Ci sono stati più volumi gli scrittori e gli editori tradizionali?
apparecchi come l’iPad di Apple ha digitali da scaricare che non giochi. Chi scrive o pubblica libri è anche nel
fatto crescere ancora di più la Tradotto in cifre, questo ha voluto dire business della carta, non solo in
sensazione che, l’ultima fetta più di 26mila libri da scaricare rispetto quello delle parole.
dell’industria culturale a digitalizzarsi, a 24mila giochi, su un totale di oltre
lo stia facendo proprio adesso. E pure 140mila applicazioni di vario genere. Per questo un romanzo in formato
di gran carriera. L’euforia, insomma, in È musica per le orecchie dei manager digitale diventa un’altra cosa
pochi mesi è molto cresciuta. delle case editrici. Costretti a causa rispetto a un libro– Cosicché
Il mercato dei libri digitali però ancora della crisi a cercare sempre nuovi dovremmo parlare di videogioco, di
non esiste, perlomeno non in Italia. filoni per rimettere il segno “più” film, di racconto interattivo, piuttosto
Tuttavia, le cifre sono lo stesso già davanti alle percentuali di crescita che di libro. È una differenza
significative: i grandi editori USA nelle trimestrali. Il digitale è la grande fondamentale. Perché nel caso del
vedono in maniera sempre più occasione, apparentemente. Però, con libro la forma e il contenuto sono
tangibile il traguardo del 10% del loro l’utilizzo di iPad piuttosto che del strettamente legati. Le pagine di carta
fatturato provenire dal mondo dei bit. personal computer, del Kindle o di cioè sono funzionali al contenuto del
Soprattutto, quella che colpisce è la altri apparecchi digitali, si può ancora libro, che si presume debba
parlare di “libro”? mantenere una identità costante.
La domanda non Contenuti omogenei e sempre quelli.
è banale. Cosa Con l’iPad e i suoi fratelli, il libro
prevede il futuro diventerà eterogeneo per quanto
dell’editoria? Il riguarda i contenuti (multimedialità) e
cambiamento di costantemente aggiornabile
tecnologia (dalla (connettività). E allora, se abbiamo
carta all’iPad) fatto tanta strada, facciamo anche un
oppure il ultimo passo: chiamiamolo in un altro
cambiamento di modo e non pensiamoci più.
settore: dalla —Antonio Dini

160 APPLICANDO 288 - 05.2010


le ultime uscite

servizio
arretrati Se vi siete persi
un numero
di Applicando,
richiedetelo al nostro
ufficio arretrati.
Ma fate presto:
la scorta è limitata!

n. 284 01/2010 n. 285 02/2010 n. 286 03/2010 n. 287 04/2010


tutto per il mio portatile il Mac è (anche) Server arriva l’iPad voglia di reflex
Vediamo come scegliere il portatile e come Snow Leopard Server, le funzionalità del nuo- Vi raccontiamo l’annuncio, le caratteristiche e le Scegliere la prima reflex non è sempre un’im-
corredarlo di accessori utili vo sistema operativo Apple nella versione de- prime impressioni d’uso dell’iPad. Il problema presa facile. Vediamo quali sono le caratteri-
dicata agli ambienti server, e Mac mini con alla fine è stato uno solo: restituirlo stiche di cui tener conto per passare poi a una
Windows e OS X, insieme sul Mac Snow Leopard Server panoramica dei modelli più recenti
Grazie alla virtualizzazione il Mac è in grado libri in bit
di far girare contemporaneamente Mac OS X, a ciascuno il suo Photoshop Tracciamo qualche considerazione su cos’è il la terza via dell’informatica
Windows, Linux, ambienti Unix Adobe Photoshop Elements 8, Photoshop.com Kindle e che cosa significa per l’editoria Una sonda futuroscopica puntata sulla crona-
e Photoshop.com Mobile ca di quella che potrebbe essere una giornata
Mac Team: venticinque anni dopo talking mac dell’era dell’iPad…
Intervista a Caroline Rose, Andy Hertzfeld, Bill due cuori, un Mac Questo mese Applicando incontra un personag-
Fernandez e Bruce Horn Una guida alla creazione di idee regalo pensa- gio caro non solo al pubblico televisivo, ma ai le nuove dimensioni di Vectorworks 2010
te specificamente per San Valentino sempre più numerosi appassionati degli anima- Una panoramica sull’ultima versione della sui-
talking mac li e della natura, Vincenzo Venuto, biologo, oggi te di prodotti CAD
Biblohaus è una realtà italiana la cui attività è un Mac del cavolo autore conduttore televisivo di Missione Natu-
culturale prima ancora che editoriale Sigrid Verbert è artefice di Cavoletto ra, fortunato programma in onda su La7 talking Mac
di Bruxelles, il Blog di cucina più intrigante Intervista a Carlo Fuortes, Amministratore Dele-
Tutorial e conosciuto del web italiano Tutorial gato della Fondazione Musica per Roma
– montare un video con le fotografie – fotografie e dintorni –3ª parte
– le funzioni 3D di Photoshop CS4 –2ª parte Tutorial – la TV nel Mac –1ª parte Tutorial
– OpenOffice.org Calc: calcoli in libertà Motion in tre dimensioni - iCal Server 2 e iCal - – inviare e-mail in HTML – la TV nel Mac –seconda parte
– navigare in prima classe un profilo per ogni fotocamera - OpenOffice.org, – Word, scrivere con stile
– Libreria e Modelli in Dreamweaver CS4 comunicare in libertà - fare musica con Garage- iPhone – Snow Leopard, sotto il cofano
– Windows 7 sul Mac con Parallels Desktop 5 Band - usare i trigger con FileMaker Pro 10 – telefonare con il Bluetooth – backup e sicurezza dei dati
– per non perdere la rotta – effetto tilt-shift con Photoshop
iPhone iPhone – consigli pratici per iPhone – otto passi in Cubase 5
– ascoltare e fare musica con l’iPhone made in Italy - Ultimate Ears SuperFi 5vi - Sen- – Fieldrunners
– consigli pratici nheiser MM 60 iPhone - la strada giusta con iPhone
– Real Football 2010, Worms iPhone e TomTom - consigli pratici per iPhone - Logout – Messless
di chi è questo brano? - Knights Onrush – BioShock – consigli pratici per iPhone
Logout – droni a Las vegas – Brain Challenge 2
– The Path, Braid Logout
Football Manager 2010 Test Logout
Test iMac 27” 2,66 GHz quad-core, Pixologic ZBrush Kung Fu Panda
iMac 21,5” 3,06 GHz, Capture One 5 Pro, Bam- Test 3.2, PDF2ID, Eizo FlexScan S2243W, Artlantis
boo Fun Pen & Touch, LinkStation Pro 1 TB, Ben- Matrox MXO2 Mini, Samson StudioDock 4i, R & Studio 3.0, EMC Retrospect 8.1 per Mac, Test
to 3, Microsoft Wireless Mobile Mouse 6000, LaCie d2 Network, Telsey BLOBbox, Cisco ASA IK Multimedia StompIO-1, Samson Go Mic, Aperture 3.0.1, B&W Zeppelin Mini, T-RackS 3
Microsoft Notebook Cooling Base, Plustek Op- 5505, Quantum Leap Pianos, Samsung Story LaCinema Black Record, WD ShareSpace, iHo- Deluxe, Iomega StorCenter ix4-200d, NEC Mul-
ticFilm 7600i SE Station, Elgato Video Capture me iP1, Cinemin Swivel tiSync EA222WMe, Edifier E3350, HyperMac

Per ordinare gli arretrati: 02/3964.6420 o abbonamenti@businessmedia24.com

APPLICANDO 288 - 05.2010 161


_logout rubrica indirizzi

www.applicando.com - e-mail: redazione.applicando@businessmedia24.com


Registrazione Tribunale di Milano n.185 del 14/03/2005
Direttore Responsabile Antonio Greco
Publisher area Comunicazione e IT Claudio De Falco
Adobe Systems 039 65501 www.adobe.it Realizzato da Dedamedia Srl
via Venezia, 23 - 20099 Sesto S. Giovanni - Milano
Tel. 02.24.12.68.17 - dedamedia@dedamedia.com
American Dataline 0422 3771 www.adl.it
Coordinatore di redazione Andrea De Marco
Segreteria di redazione Erica Biassoni
Apple 02 273261 www.apple.com/it Collaboratori Mauro Baldacci, Riccardo Ballerini, Massimiliano Bigatti,
Maurizio Bonomi, Luca Caviglione, Beniamino Cenci Goga, Federico Cervelli,
Attiva 0444 240641 www.attiva.com Alberto Ciocia, Gianfranco Cotumaccio, Pietro Cristofoli, Nicola D’Agostino,
Riccardo De Benedetti, Matteo Discardi, Michele Discardi, Riccardo Erra, Mauro Fanelli,
Belkin 02 69430251 www.belkin.com/it Emanuele Fiorillo, Gianni Fontana, Marco Galiazzo, Paolo Genta, Federico Giacanelli,
Giorgio Gianotto, Aaron Ghirardelli, Simone Leopizzi, Fabio Lombardi, Cristiano Maggi,
Carlo Magrì, Luca Nalin, Domenico Panacea, Luca Pancotti, Alberto Pian, Stefano Pinzi,
Buffalo Technology 02 45077175 www.buffalo-tecnology.com Alberto Porcu, Enrico Ricciardi, Claudio Romeo, Ludovico Rossi, Marianna Santoni,
Angelo Scicolone, Luca Torella, Dario Tortora, Paolo Tramannoni, Emanuele Trussoni,
Davide Vasta, Federico Zancan, Silvio Zanzi
Creathead - www.creathead.com Progetto grafico e impaginazione Davide Spagnuolo
DM&S 0775 270303 www.dmes.it APPLICANDO - La rivista per il mondo Mac
Applicando è un giornale indipendente non affiliato in nessun modo ad Apple.
Macintosh, Mac e il logo Apple sono marchi registrati. L’uso del nome Mac nel sottotitolo
Dropbox - www.dropbox.com della rivista è autorizzato da Apple Spa. Tutti gli altri marchi registrati o TradeMark
di Apple nominati, sono di proprietà della stessa e le citazioni hanno soltanto natura
Freecom 02 72585576 www.freecom.com giornalistica e di informazione.
Abbonamenti - www.shopping24.it - e-mail: abbonamenti@businessmedia24.com
IK Multimedia 059 285496 www.ikmultimedia.com Tel. 02.3964.6420 – Fax 02.3964.6421
I versamenti possono essere effettuati mediante l’emissione di assegno circolare, cartolina
vaglia o utilizzando il c/c postale n. 28308203 intestato a Il Sole 24 ORE Business Media Srl,
Microsoft 02 70398398 www.microsoft.com/italy via Patecchio, 2 - 20141 Milano.
Diffusione Concessionario esclusivo per l’Italia
Midi Music 011 3185602 www.midimusic.it m-dis Distribuzione Media Spa - via Cazzaniga, 2 - 20132 - Milano
Stampa Deaprinting Officine Grafiche Novara 1901 S.p.A.
Netgear 02 91198001 www.netgear.it corso della Vittoria, 91 - 28100 Novara
Immagini Alcune immagini sono tratte da ICP (www.icponline.it)
Nital 199 124172 www.nital.it
POSTE ITALIANE SPA Spedizione in A. P.   D.L. 353/2003
(conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB Milano
Pioneer Electronics 199 100858-02 21690690 www.pioneer.it
Rivista mensile, 12 numeri anno - una copia € 6,00 - numero arretrato € 8,00
Abbonamento con Applicando News - annuale € 52,00 - estero € 104,00
SBS 0322 980909 www.sbs-power.it
Ufficio commerciale e traffico Anna Boccaletti
Sitecom 0773 473691 www.sitecom.com

Synology - www.synology.com

Western Digital - www.wdc.com/it


Il Sole 24 ORE Business Media s.r.l.
via Patecchio, 2 - 20141 Milano - Tel. 02.39646.1 - Fax 02.39646.091
Presidente Eraldo Minella
Amministratore Delegato Antonio Greco
Direttore Editoriale Mattia Losi
Direttore Divisione Industry Fabio Franzoni

ADL 17 - 19 - 21 - 25 - 27 - 29 Lead III cop


indice inserzionisti

Alias 63 Microsoft 31
Iscrizione al Registro
Attiva 3 - 53 Nital IV cop degli Operatori
Brain 101 OKI 45 della Comunicazione
(ROC) N° 6357
Canon 41 Omnia Studio 135 del 10/12/2001

Cartoons 107 Pioneer Italia II cop Informativa ex D. Lgs. 196/2003 (tutela della privacy).
Il Sole 24 ORE Business Media s.r.l., titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini,
CE 139 Pixart 32/33 - 34/35 - 36/37 i Suoi dati personali, liberamente conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento
od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi allo svolgimento di attività economiche
Cuordimela 72/73 - 157 Q&B Grafiche 121 ed equiparate, per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d) del D. Lgs. 196/2003, per inviarLe
la rivista in abbonamento od in omaggio.Il Responsabile del trattamento è il Responsabile IT,
Effeci 131 Studio Stands 71 cui può rivolgersi per esercitare i diritti dell’art. 7 D. Lgs. 196/2003 (accesso, correzione, cancel-
lazione, ecc) e per conoscere l’elenco di tutti i Responsabili del Trattamento. I Suoi dati potranno
essere trattati da incaricati preposti agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministra-
Eizo Italia (Avnet Technology Solutions) 111 Teacher-in-a-Box 117 zione e potranno essere comunicati alle società del Gruppo 24 ORE per il perseguimento delle
medesime finalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista e per l’invio
Elgato 95 Tic Tac 10/11 - 12/13 di nostro materiale promozionale.Il Responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in
banche dati di uso redazionale è il Direttore Responsabile a cui, presso il coordinamento delle
Fotolia 127 Time by Società Italiana Marketing 115 segreterie redazionali (fax 02/39646095), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i
diritti previsti dall’art. 7, D. Lgs. 193/2003.Gli articoli e le fotografie, anche se non pubblicati,
non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione può
Futura Grafica 49 Uno 125 essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica,
elettrostatica, fotocopia ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore.
GRM 143 Visual Communication 149
Annuncio ai sensi dell’art. 2, comma 2 del “Codice di deontologia relativo al trattamento dei
Inside 145 dati personali nell’esercizio della attività giornalistica”. La società Il Sole 24 ORE Business Media
s.r.l., editore della rivista Applicando, rende noto al pubblico che esistono banche dati ad uso
redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare i diritti
previsti dal D. Lgs. 196/2003 è l’ufficio del Responsabile del trattamento dei dati personali,
presso il coordinamento delle segreterie redazionali (fax 02/39646095).

162 APPLICANDO 288 - 05.2010


I AM CREATIVE

I AM
Sono Nikon D300s, perfetta per esaltare al massimo la tua creatività in ogni momento o situazione.
Sono realizzata con una leggerissima lega di magnesio, resistente a qualsiasi condizione atmosferica. Grazie
alla mia funzione D-Movie è possibile realizzare splendidi filmati nel formato Motion-JPEG HD a 24fps,
con registrazione audio stereo*. Il mio sensore CMOS da 12,3 megapixel DX, insieme al processore
d’immagine EXPEED, permette di realizzare nitidissime immagini in sequenza a 7 ftg/s, mentre i 51 punti di messa
a fuoco consentono di catturare con la massima precisione il soggetto, anche nelle situazioni più complesse.
Il mio sistema Color Matrix 3D restituisce esposizioni perfette anche nelle condizioni di luminosità più difficili
e l’elevata sensibilità estendibile fino a 3200 ISO offre il miglior rapporto segnale/noise. Il mio flash incorporato
è compatibile con il sistema di illuminazione creativa Nikon CLS e l’innesto a baionetta F-Mount permette
di sfruttare l’eccezionale qualità delle ottiche NIKKOR. Insomma, sono l’unica in grado di cambiare il vostro modo
di fotografare. Scopri subito le mie straordinarie caratteristiche su www.iamnikon.it

3 ANNI NITAL CARD assicura 3 anni di garanzia* e assistenza più accurata con ricambi originali.
Infoline 199.124.172.
GARANZIA *Per estendere la garanzia a 3 anni è necessario registrare il prodotto via web alle condizioni
riportate all’interno della confezione o su www.nital.it

* con microfono esterno opzionale