Sei sulla pagina 1di 19

http://www.tomshw.

it/cont/articolo/come-funziona-il-computer-il-processore-
parte-1-come-lavora-la-cache/51231/9.html

http://www.multe-ingiuste.com/ecco-come-puoi-contestare-le-multe-con-il-
testimone

Spesso i giudici di pace fondano il loro convincimento sulla legittimità o meno di una multa automobilistica sulla
base di un unico documento prodotto in giudizio: il verbale di contestazione. Ciò avviene perchè, sovente, il
malcapitato automobilista non conosce le molteplici possibilità istruttorie che il processo civile gli offre per
difendersi e per sostenere le sue ragioni. Ad esempio, il destinatario della multa che ricorre al giudice di pace
non considera che può fare richiesta di audizione di uno o più testimoni che, con le loro dichiarazioni,
contrastino l’operato dell’agente accertatore dell’infrazione.
Ti chiarisco le idee con un caso di vita pratica.
La busta di colore verde
In occasione del tuo compleanno, trascorri una mattinata di relax a bordo della tua motocicletta, in compagnia
di un amico, circolando lungo le strade della città. Dopo qualche mese da quella spensierata uscita, ti viene
recapitata a casa, in maniera del tutto inaspettata, una sospetta busta di colore verde. La apri con un certo
timore, la leggi e ti accorgi che in essa ti viene contestata l’infrazione dell’art. 146 del codice della
strada perchè, a bordo del tuo motociclo, avresti proseguito la marcia nonostante il semaforo proiettasse luce
rossa. Continui a leggere il verbale e ti accorgi che il vigile accertatore non ti ha potuto fermare perchè le
condizioni del traffico non glielo consentivano.
A questo punto ti ricordi immediatamente del giorno della presunta infrazione (era il tuo compleanno!) e ti viene
in mente che a quell’ora eri davvero in giro con la moto, ma non da solo! Ti sovviene che viaggiava insieme a
te anche il tuo amico. Non ti ricordi, invece, di aver commesso delle infrazioni quel giorno, anche perchè ti
conosci e sai di essere un motociclista attento e disciplinato. Allora inizi a pensare che magari il numero di
targa riportato nel verbale è errato e che, in effetti, se è vero che in quel giorno ed a quell’ora ti trovavi in moto,
non ricordi di aver circolato in quel particolare tratto stradale indicato e regolamentato da un incrocio
semaforico.
Preso come sei da questi tuoi numerosi dubbi, ma con la certezza di non aver violato alcuna norma del codice
della strada, ti domanderai: posso difendermi contro le dichiarazioni rese dal vigile e dimostrare la mia
totale estraneità ai fatti rappresentati nella multa?
Il testimone
La risposta è senz’altro affermativa. Al di là di altri possibili motivi di opposizione, che in questa sede non
tratterò, puoi contare sul tuo amico. Per cui potrai proporre ricorso al giudice di pace competente, indicando
quale testimone a tuo favore proprio l’amico che viaggiava con te quale trasportato.
Potresti obiettare a questo punto che le dichiarazioni del vigile hanno un valore non opinabile perchè rese da
un pubblico ufficiale.
Ma ecco la bella notizia. Ti sbagli!
Le autorità deputate a contestare le multe (polizia municipale, carabinieri ecc.) sono composte innanzitutto da
uomini ed è noto che gli esseri umani, in quanto tali, possono commettere degli errori di valutazione!
Questa circostanza è stata di recente ribadita dalla Suprema Corte (cfr. Cassazione Civile sez. II, 29 agosto
2008 n° 21816) la quale, richiamando altre precedenti pronunce, pone l’attenzione su un elemento
fondamentale al fine di consentire l’ingresso in giudizio di un teste per confutare l’operato del vigile: la
percezione della realtà. La percezione della realtà altro non è che l’idea o la sensazione che un dato fatto si
possa essere svolto in un certo modo secondo la valutazione personale e, quindi, soggettiva di un essere
umano.
Il problema dell’essere umano è infatti quello di cedere spesso alla tentazione
della certezza, propenso a vivere in un mondo di sicurezza percettiva priva di
dubbi, in cui le sue convinzioni lo portano continuamente a credere – spesso
forzatamente – che le cose sono come le vede, senza alcuna alternativa. (Luca
Bertolotti, Sulla (non) – percezione della realtà, vedi fonte, 09/2005)
La Suprema Corte, nella summenzionata sentenza, differenzia il caso in cui l’agente accertatore dell’infrazione
abbia percepito una realtà dinamica (in movimento, come nel caso della motocicletta che transita su una
strada) od una realtà statica (ossia cristallizzata e ferma).
Esempio lampante di realtà statica è il caso di un veicolo in sosta. Pensa all’ipotesi in cui, dovendo fare degli
acquisti in compagnia di alcuni amici, parcheggi la tua vettura in un area di sosta “libera”. Al tuo ritorno, trovi in
bella mostra sul tergicristallo della macchina una multa. In particolare, la multa ti contesta la violazione dell’art.
157 comma 6 del codice della strada perchè hai sostato in zona sottoposta a limitazione di tempo, senza aver
segnalato l’orario in cui la sosta aveva avuto inizio. Tuttavia, sul posto non vi era alcuna segnaletica che ti
avvertisse della sosta a tempo limitato ed anche i tuoi amici riscontrano tale omissione.
In tale ipotesi, la dichiarazione resa nel verbale da parte dell’agente accertatore ha efficacia di piena
prova (la percezione della realtà era statica!) e tu, malcapitato automobilista, proponendo ricorso
nell’ordinario giudizio di opposizione alle multe, indicando a testimoni gli amici che erano in tua compagnia,
avresti di certo fatto un buco nell’acqua. Difatti, il giudice di pace chiamato a decidere sulla opposizione
avrebbe negato la tua richiesta di audizione dei testimoni. Questo perchè il vigile, o chi per esso, è da
considerarsi un pubblico ufficiale e ciò che egli attesta essere successo “davanti ai suoi occhi”, senza oggetti in
movimento, ha valore di atto pubblico e quindi incontrovertibile, il tutto salvo querela di falso.
Questa è un’altra bella notizia che ti fornisco!
Querela di falso
Anche in questo caso nulla è perso. Potrai difenderti dalla sanzione amministrativa attraverso un diverso
procedimento, certamente più laborioso, ma altrettanto degno della tua attenzione. Questo procedimento, per
l’appunto, si chiama querela di falso, da non confondere con la querela penale, la cui unica comunanza
riscontrabile è la presenza obbligatoria del pubblico ministero quale parte del processo. Tale intervento si
giustifica per la stessa natura della questione da trattare: difatti, mettendosi in dubbio l’intangibilità della
pubblica fede del verbale agli occhi della collettività, occorre la presenza nel processo di un organo (per
l’appunto, il pubblico ministero) che rappresenti in giudizio gli interessi della collettività, anche se l’impulso al
procedimento di querela di falso proviene da un singolo.
La querela di falso, regolata dagli articoli 221 e seguenti del codice di procedura civile, viene proposta con atto
di citazione o con dichiarazione resa nel giudizio di opposizione alla multa ed ha un unico scopo: accertare o
meno la falsità di ciò che ha dichiarato il pubblico ufficiale. Nel caso in cui tu decida di proporre querela di
falso nello stesso giudizio di opposizione ad una multa automobilistica sappi che il giudice di pace non è
competente in questa delicata materia, essendo invece competente, ratione materiae, il Tribunale. Per cui, di
fatto, il giudice di pace si limiterà a prendere atto della tua querela di falso autorizzandone la proposizione,
sospenderà il giudizio di opposizione e trasmetterà gli atti al Tribunale. In questa peculiare procedura, potrai
utilizzare i mezzi istruttori di cui disponi per dimostrare la falsità delle dichiarazioni rese dall’agente accertatore
e, quindi, potrai tranquillamente indicare il tuo importante testimone.
Conclusioni
Ci tenevo a scrivere questo articolo perchè ancora noto nei luoghi di giustizia un certo scetticismo ad utilizzare
questo mezzo istruttorio in materia di sanzioni amministrative. Eppure, la sentenza della Suprema Corte che
ho richiamato, non è foriera di un certo modo di valutare gli apprezzamenti soggettivi compiuti dagli agenti che
accertano le infrazioni. A mio modesto parere, ritengo opportuno che si operi una “rivalutazione” della
testimonianza che, non dimentichiamoci, resta la prova regina del processo, anche se liberamente valutabile
dal giudice.
Ho pensato di pubblicare qui le più significative sentenze della Corte di Cassazione riguardanti la materia
trattata.

Vintage 9ct Gold "Slippers/ Shoes" Charm

comprendo ma purtroppo non posso andare oltre i 40 euro totali. Considerando il già acquisto delle
etichette (Oggetto Oggetti Bocchino Vino Bottiglia Marca GREGGIO Argento Silver 800 Catena) a 15
euro potrei spendere altri 25 euro per questo tappo.

Importo Richiesto Num. Rate Importo Rata Azione


€ 5.747,08 24 € 250,00 Richiedi
Importo Richiesto Num. Rate Importo Rata Azione
€ 2.346,67 12 € 200,00 Richiedi
€ 4.597,66 24 € 200,00 Richiedi
€ 6.756,89 36 € 200,00 Richiedi
€ 2.933,33 12 € 250,00 Richiedi

Importo Richiesto Num. Rate Importo Rata Azione


€ 1.760,00 12 € 150,00 Richiedi
€ 1.642,67 12 € 140,00 Richiedi
€ 1.584,00 12 € 135,00 Richiedi

Stimato Maurizio, mi permetto di inviare questo messaggio perché da tempo ho elaborato una riflessione e,
nonostante alcune mail, nessuno ne ha parlato o illuminatomi. So che lei non è un semplice satiro ma uno
che va a fondo alle cose prima di "scherzarci" sopra; e questo lo dico perché seguo le sue trasmissioni. Da
sette anni abbiamo questa legge elettorale che la "lumaca" corte costituzionale (chissà se non volutamente
lenta!!) ha dichiarato incostituionale anche nella mancanza delle preferenze. Ora si persevera, seppur in
minor misura, con le liste bloccate e quindi non preferenze ma uomini scelti dal partito. Modalità credo
non democratica visto che non è il popolo (che il berlusca continua a dire sovrano!!) a scegliere i propri
rappresentanti. La mia riflessione è: ma nel 1926 il partito fascista emanò una legge con la quale
eliminava le preferenze ed era il partito a scegliere i propri uomini. Il popolo dava esclusivamente voto al
partito. Ma allora il fascismo non è dimenticato? Siamo ancora quindi in un governo oligarchico e non
democratico? Mi farebbe molto piacere se lei approfondisse questa mia riflessione. Con profonda stima

Paspartout chiave
Pennello barba

Foto della tesina l’organo napoletano (per inserire come file)


- Titoli brani in bulgaro

Perseo da aggiustare
- panni estivi
pluribol
Saldatura portamine Ivan
Foto e pesi oro
SS. Annunziata
Armonia: Tissori, Delachi
Musica per coro
Di Giorgio modello ??
Numeri di telefono Francia
Libri flauto, ed. musicale
FINALE - brani personali per pubblicazione Sinfonica
Risolvere rallentamento velocità CD
Repertorio organistico
Copertine CD (gregoriano – org e trom -

Vetta cinturino
Musica e immagine – spazio 1999
Copertina canzoni napoletane

Della Casa – Educazione e curricolo – Stampare i test ingresso

SCARICARE
Il piacere negato

- controllare interruttori impianto casa e portare a Varese un esempio di quelli da prendere di


riserva
- educazione musicale
- Corso ORFF (CD)

Articolo Bollettino diocesano su organo SA

Riparazione piastra per musicassette


Foto della libreria per individuare libri

Supporto della penna multifunzione: matita da mamma

Libri da comprare su Unilibro


Sonate bibliche
Bottiglia per tappo vetro (rotta da Antonio)
Custodie per posate Sambonet
Diametro porta accendino in argento
Alice 57627070 - u95psjbpf8s8dkou6wwzxofh
(qw2vxmpdvllb6xou83weuv4p ?? ) -
Alice 52825817 - z90xshgm0bozcvpl1j120bpo

38229DF94E20 - 09086a0773

001D8B54E410 - 026c036a67

38229DF6E584 - 6873626403

753951xX!?

47028046
w2sejhcg26r4uxz1870vfm8x
dltb8a9we3wfvkzx9pva7xth
8n3947bwjqubso7u57s1rkf7
4xpjee4nq1x053erkznncorp
1ad92a80ai6noy3yse08ubx5

SN: 67902X0642277 K: 13 Q: 38678445


4usayjqci9rdipc96i6cryxa
4r5gwiheu7os2oh82n3nqgm8
q0f6fsj205jere837akj0jsa
a03epdk1qspbc4917do8oz7z
fnqqzckvzn20uom3ifglp4pj

52487297

f7d49iavjdlblpwo4hy3uuvx
b5hgful0eearx78i63etqxdg
nrfy3y5f6ve47k2irvovs613

SN: 67903X0036371 K: 8 Q: 52196329


ok7v5mtodtbuly4y1scwyawy
qt4shy12wnvunc7jmkwy3lvx
omrz0yqfayci5m7pk5l8z0ge

18109753

vczkn2gn2bigj2dai2fo87zv
msxxq2i2pz9x8xketd5ne91b
t5tw1jwikhgtpwr2ilrwljq1

SN: 67902X0322147 K: 13 Q: 13921842


89qf3509bc48ev1ihck1b7h0
pkblayg8453u2k438wnoxbzv
n0x97v82xjcke7phgsqc006s

85879542
xyn3w85sx78guc3y3a1x0e0i

g950suvxad4f8ntrn37q7jio

Alice 52888337 -
2icvxxskvsbd03t0v9yczsfg

rtijfdi3ktn9uk01g0dfpach

3ugu75wxdk8xk1ndv97o0jfj

5a4tlzhhzlc9pqyfudld77j8

gbo07o9wy5pdoicbeugrkb30

8rnotmq3t8vbaijlp4knfb4c

Fast 0021961BCA38 - 6868617361

001CA2B7CDC4 - 026d6d0165

http://www.meninedizioni.it/modules.php?name=Prodotti&cp=mostra_prodotti&pag=p&id_prod=82

38229DF6E584 - 6873626403

AMARILLI VOLTOLINA 049.8640333 - tel. Armelin ed. 049.8724928 parlare con Michele
(titolare) o figlio Marco

- Repertorio pianoforte -- organo e voce


- Ricambio del frigorifero Candy su Varese
- Ricerche ebook personali
- Mottetti per il periodo natalizio a Francesca
- www.imslp.org
- Mail thonet a Baseluna68 - vedi Windowz mail - Ebay
- www.conservatorio.tn.it
- www.triobeethoven.it (olimpiaraffaele@tiscali.it)
- Mi telefoni cosi ti spiego tutto. 339-3268611 -- 3292034221 Raffaele Bertolini (vallo)
- Controllare spese annue

http://www.metodo-ritmia.com/parlamusica.htm
-
- Stampare i file dei brani:
- Tarantella di Rossini per flauto e pianoforte (e altri brani) - Rossini-Liszt “La Danza”
- Impaginare “la lingua italiana: le favole”
- Del CD “musica rinascimentale” scaricare partiture da Lphant
- Straccio cucina, origano, lenzuolo ricambio sotto singolo
- Libri corso Novara : – musica sacra – musica ambrosiana - voci DEUMM
- Copertine dei libri in fotocopia con misure
- Cassette registratore
- Tel. Catarozzo
- TITOLI SCANSIONI
- Musiche organo e brani pianistici
- Vedi filmografia su scaricare

- Verificare Note.it
- Misure e foto per i mobili da costruire
- Filmografia bullismo
- Mentalità disciplinare
- Apprendimento neuro-motorio (Sangalli)
- Come insegnare a scrivere
- Nati per la musica
- Foto oggetti da trovare mercatini
- Metodo Feurestein
- www.gorilla.it (vendita libri)
- Assistenti alla comunicazione
- Trattamento antitarlo tavolo
- Autonomia pedagogica
- Brani per tr.,fl.,corno e pf - -------- pf., v.no e orch. d’archi
- JSBachChorales.net -- corali di Lipsia NBA
- Il corale bachiano
- La punta del naso (favola: La Cartellina n. 67 p.13)
- www.maestrasandra.it/tabelline
- www.didattica.org/matematica
- Schoenberg - Musica e Idea
- Musicheria, rivista telematica di educazione musicale
- 4e40, riv. di formazione musicale
- O. Sala
- Dahlhaus - La musica dell’Ottocento, Fi, La nuova italia
- Come fare una ricerca araldica
- tecniche di respirazione (trattati sulla)
- paideutica
- Psicologia dell’educazione musicale
- Approccio corporeo alla musica
- Pedagogia musicale
- Psicologia musicale
- Valutazione in musica
- Abilità musicali
- Musica e vino
- Lavorare all’estero (lavoro-studio)
- Quale repertorio per il matrimonio
- I quaderni del Conservatorio Bellini di Palermo
- Audio-grablor (file audio)
- Musica domani (indici)
- Circuitio o circumlocutio (F.A. Gallo, pag. 17/4 rigo 6)
- http.//limex.bdp.fi.it/-dgsm00I Atti 1996
-
- animazione musicale
- inciso musicale
- accento in musica
- piede
- audion piano
- canoni strumentali
- esempi di valutazione
- antiquariato del disco
- sogno e racconto. Atti del convegno
- www.consmilano.it
- Verifiche di educazione musicale ((nota fino a 50))
- Musica e matematica
- Filosofia della musica
- Fiabe in musica
- Storia della notazione musicale
- Automatismi musicali
- Band in A Box
- Ts Audio To Midi
- Legge 143/04 art. 2 direttiva 5289 del 12/11/04
- Giochi musicali
- Musica e giocattoli
- Danze a scuola
- Ricerche musicali (indagini) - statistiche di musica
- Musica e movimento
- Ist. Musicale Orazio Vecchi di Modena
- Scarabocchio
- Insegnare a scrivere
- Notazioni moderne
- R. Murray Schaffer - El rinoceronte en el aula - Ricordi americana 1984
- www.melamusic
- www.theaterlibrary.org (Il Burcardo)
- Analisi funzionale della melodia
- Amministrazione Provinciale di Como e Ass. P. I. atti del convegno “IL rapporto uomo/suono in
“educazione e terapia” del 22/03/1988
- infoistruzione@provincia.como.it
- La fisica dell’organo
-
Musica per l'infanzia

Spesso genitori, insegnanti, pedagoghi si chiedono come interessare e abituare i bambini all'ascolto della musica colta che, di per sé, viene considerata idonea quasi

sempre per un pubblico adulto. Ma la musica, fortunatamente, non ha età e quindi anche i più giovani, gli stessi bambini possono essere stimolati nel provare grande

interesse per l'arte dei suoni.

Spesso genitori, insegnanti, pedagoghi si chiedono come interessare e abituare i bambini all’ascolto della musica

colta che, di per sé, viene considerata idonea quasi sempre per un pubblico adulto. Ma la musica, fortunatamente, non ha età e quindi anche i più giovani, gli stessi bambini

possono essere stimolati nel provare grande interesse per l’arte dei suoni. Fortunatamente i compositori del passato, a cominciare da due colossi del Novecento, il russo Sergej

Prokofiev e il britannico Benjamin Britten, ebbero modo di creare delle opere particolarmente adatte all’infanzia.
Oltre ad avere composto i “Dodici pezzi pianistici per bambini”, le “Tre canzoni per bambini”, la suite “Falò invernale” per voce narrante, coro

di bambini e orchestra, Sergej Prokofiev (nella foto a fianco) nel 1936 raccolse l’invito di Natalie Satz, direttrice del Teatro infantile di Mosca, la quale gli chiese di comporre

un’opera musicale adatta per i bambini, attraverso la quale i piccoli ascoltatori potessero visualizzare gli eventi della storia narrata attraverso il suono degli strumenti musicali.

Nacque così la favola musicale “Pierino e il lupo” per voce narrante e orchestra, in cui i vari personaggi vengono rappresentati da specifici strumenti musicali, con il bambino

protagonista rappresentato dagli archi, il lupo da tre corni, l’uccellino dal flauto, l’anatra dall’oboe, il gatto dal clarinetto, il nonno dal fagotto e i colpi di fucile dei cacciatori dalle

percussioni.

Anche Benjamin Britten, uno dei più raffinati e geniali compositori del Ventesimo secolo (che vediamo

nell’immagine accanto), dedicò una composizione che possiamo definire indicata per suscitare la curiosità dei più giovani e, soprattutto, per insegnare loro i differenti timbri degli

strumenti utilizzati in orchestra. Nel 1946, il ministero britannico dell’Educazione incaricò Britten di comporre la musica da inserire in un documentario grazie al quale i bambini

avrebbero imparato a conoscere gli strumenti musicali. Quel brano, passato alla storia con il titolo di “Young Person’s Guide to the Orchestra” (Guida all’orchestra per il giovane

ascoltatore), è considerato tutt’oggi uno dei migliori esempi musicali per introdurre i bambini al meraviglioso mondo dei colori orchestrali. La genialità di questa composizione è che

Britten ideò una serie di brevissime variazioni (ognuna delle quali viene eseguita da un preciso strumento), tratte dal celeberrimo tema di “Abdelazar” del compositore Henry

Purcell, e concluse da una maestosa fuga.


Ora queste due celebri composizioni per l’infanzia possono essere riascoltate (insieme con le sei “Danze di corte” tratte

dall’opera “Gloriana” dello stesso Britten) in una stimolante interpretazione del direttore americano André Previn (nella foto), a capo della Royal Philharmonic Orchestra, che risale

al 1985 e pubblicata nuovamente dall’etichetta discografica statunitense “Telarc” in un’edizione a prezzo medio. Indubbiamente, con il passare degli anni, questa interpretazione

non ha perso il suo smalto e mostra la grande compagine orchestrale britannica in pieno spolvero, sotto l’effervescente e precisa direzione di Previn. Tra l’altro, è un cd che farà

felici anche gli audiofili, grazie ad un’apprezzabile rappresentazione del palcoscenico sonoro e ad una buona profondità, che permettono di apprezzare i timbri e le dinamiche dei

vari strumenti musicali.

Sergej Prokofiev - Benjamin Britten “Pierino e il lupo - Young Person’s Guide to the Orchestra - Gloriana Courtly Dances” André Previn - Royal Philharmonic Orchestra, Telarc, 1

cd, tempo totale: 54,48 (distribuito in Italia da Sound and Music srl)

http://www.youtube.com/watch?v=yALepeqtDjk

http://www.gennarovespoli.it/guida_del_giovane_all'orchestra.htm

http://www.softwaredidatticofree.it/miosoftwaremusica.htm

http://soft.foxtab.com/video-converter/gd/sg/?
adnm=23387167900&i=s&grid=A&lg=EN&cc=IT&clg=en&c=1&d=1&cid=_047944111&kw=&mn=ww
w.softwaredidatticofree.it&Network=D&expr=&agid=_0603011305&gclid=COCbup3BqrACFUSIDgodU
VnqSA
video converter
Rimuovere i NetBus
Per togliere Netbus versione inferiore a 1.6 o Netsphere bisogna vedere con Regedit nell'indirizzo:
(HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\
WINDOWS\
CURRENTVERSION\RUN), quale è il nome del file server che l'hacker vi ha installato, fatto ciò eseguire
nome_del_file_server /remove dove nome_del_file_server è il nome del file che avete individuato, a
questo punto cancellate il programma server.
Per eliminare Netbus per versioni da 1.6 a superiore potete fare la stessa cosa descritta sopra o scaricare il
programma Netbus (dentro Astalavista lo trovate sicuramente) ed eliminarlo direttamente con il
programma client tramite le opzioni. Altro modo per togliere netbus bisogna eliminare il collegamento al
programma sospetto eliminando la chiave del registro regedit all'indirizzo sopra specificato in giallo,
scriversi su un foglietto il nome del programma che in genere è "patch.exe", riavviare il sistema, cercare il
file che in genere sta dentro c:\windows\system ed eliminarlo semplicemente tramite elimina di gestione
delle risorse (o file manager), oppure ad esempio se è patch.exe fate: PATCH.EXE /REMOVE (questo è
il modo più efficace e sicuro che esiste). Esiste anche un programma chiamato Netbast che nel caso in cui
qualcuno prova ad intromettersi nel vostro sistema tramite netbus il programma manda in overlow il
computer dell'hacker bloccandogli il computer.
Altro modo per eliminare NetSphere è collegandosi a se stessi cioè 127.0.0.1 con il client del programma
poi selezionare Target > Server > Remove Server. Nel caso in cui sia un file server dotato di password
allora vai su Start o Avvio della barra delle applicazioni, poi vai su esegui e insersci il nome del file server
con relativo percorso, cioè se il file è nssx.exe allora bisogna inserire dentro esegui la riga di comando
c:\windows\system\nssx.exe /visible poi dal menù del file server clicca su REMOVE.
Per eliminare Master's Paradise dovete vedere nel registro di sistema con Regedit alla chiave riportata
sopra (HKEY_LOCAL_MACHINE\......\RUN) in genere viene infettato SYSEDIT.EXE, è un programma
fornito con Windows per editare i file di sistema, se è infettato il vostro computer questo programma non
edita più i file, comunque potrebbe trovarsi anche sotto altri nomi di file, eliminare il collegamento al
programma dal registro e cancellare il programma server come descritto per gli altri due Backdoor
precedenti (Back Orifice e Netbus).
Per evitare di essere spiati con Netbios invece dovete soltanto disattivare l'opzione netbios da CLIENT per
reti Microsoft che sta dentro Rete del Pannello di controllo e se possibile disattivare Condivisione file e
stampanti almeno quando ci si connette ad internet.
Per gli altri exploit (netbios è un exploit) non c'è nessun modo per evitare di essere penetrati,
aggiornamenti molto frequenti dei software possono risolvere alcuni bug, tenere meno applicazioni
possibili attive che utilizzano internet può servire a tenere le porte e i programmi dotati di bug utili agli
exploit chiuse, al massimo aprire un programma alla volta, ma la penetrazione al sistema è solo questione
di tempo, fare delle connessioni brevi e utilizzare firewall o proxy server non è utile anzi esistono vari bug
sfruttati dagli exploit che usano proprio questi sistemi di sicurezza.
Per determinare l'infezione da Remote Explorer si posso fare due strade:
1. Eseguire l'applicazione Servizi che si trova in Pannello di Controllo, controllare se nella lista dei
servizi c'è Remote Explorer.
2. Lanciare con Start Menu il programma TASKMGR.EXE e vedere se c'è IE403R.SYS o
TASKMGR.SYS (non file exe, potrebbe però essere anche sotto altro nome a seconda della
versione del virus di rete)
Se in uno di questi due casi risulta quanto detto siete infettati, Eliminare il file IE403R.SYS o
TASKMGR.SYS non è utile a ripristinare il sistema.
Se invece avete commesso l'imprudenza di aprire il file HAPPY99.EXE (virus di rete che si diffonde
attraverso la posta elettronica chiamato HAPPY99) senza prima esaminarlo con un software antivirus
aggiornato, niente panico: esiste una procedura molto semplice per liberarsene.
 Uscite da Windows ed entrate in Ms-Dos (o aprite una sessione Dos)
 Andate nella directory System di Windows
 Eliminate i file: ska.exe - ska.dll - wsock32.dll
 Rinominate il file wsock32.ska in wsock32.dll

Conservatorio Milano

Vincenzo Billi - Campane a sera


Schubert - Ellens Gesang III, op.52 n.6
G. Rossini . G. Torre - Ave Maria su due note (prima raccolta dei Péchés de Vieillesse)
F. Mendelsshon-Bartholdy - Geistliches lied (Canto sacro) op. 112 n. 1
A. Dvorak - Slys, o boze! (ascolta o Signore) op. 99 n. 3
Beniamino Carelli – P. Paolo Parzanese - Ora pro nobis
Musorgskij - Preghiera
G. Puccini – A. Ghislanzoni - Salve Regina
Schumann - Requiem op.90 n.7
G. Verdi – W. Gothe (luigi Balestra) - Deh, pietoso, oh addolorata (da 6 romanze)
André Caplet – Jacques Hébertot - Priere Normande
F. Busoni - Ave Maria op.35 (baritono)
G. Donizetti - Una lagrima (preghiera) (da 10 romanze - Matinée musicale)
C. Gounod - La salutation angelique (inserita nella Quarta raccolta di 20 liriche)
Debussy - Ballade que Villon feit à la requeste de sa mère pour prier Notre-Dame (trois ballade de
Villon)
Joseph Marx - Novalis - Marienlied
Ant. Carlos Gomes - An. Ghislanzoni - Preghiera dell’orfano (album vocale di cinque numeri –
Ricordi)
O. Respighi - Albert Samain - Le repos en Egypte (seconda serie di 6 liriche – 1912)
Alexander Zemlinsky - Tecla Lingen - Kolpfet, so wird euch aufgethan (Bussate e vi sarà aperto) -
(Sei lieder op. 10 n. 5)
Joaquin Nin - Rodrigo de Reinosa - Jesus de Nazareth
Gaetano Palloni - Ave Maria
Hall Johnso - Fix me, Jesu
Xavie Montsalvatge - Ramon Llull (Raimondo Lullo) - D’oraciò de Temps (Cinco Invocaciones al
Crucificado – Cinque invocazioni al Crocefisso – per voce e undici strumenti
Al. Longo - Ave Maria (in “L’arte pianistica” 1936)
Ravel M - Kaddish (Deux melodies hébraiques)
F. Liszt - Gebet
S. Mercadante - Salve Maria
Leopoldo Mugnone - Ave, Maris stella
G. F. Ghedini - Assumpta est Maria in coelum (4 duetti su testi sacri)
Tosti F.P. - Preghiera (alla mente confusa)
Goffredo Sajani - Berceuse de la Vierge (4 liriche - Accademia S. Cecilia)
M. Reger - Des kindes gebet (la preghiera dei bambini) op.76 n.22 (melodie semplici)
Leopoldo Mililotti - Preghiera alla Madonna (6 romanze “Foglie d’autunno)
F. Poulenc - Priez pour paix