Sei sulla pagina 1di 28

MUSICOIN

La piattaforma decentralizzata che sta rivoluzionando


la creazione, la distribuzione e il consumo di musica

White Paper
Version 2.0.0
Ottobre2017

1
INDICE
PREMESSA 3
3
VISIONE DEL PROGETTO
3
MERCATO 3
Streaming 4
Diritti di prestazione 5
Sincronizzazione
5
IL PROBLEMA 5
Centralizzazione 6
Mancanza di trasparenza 10
Modello di business insostenibile
10
LA SOLUZIONE 11
Decentralizzazione Peer-to-Peer (P2P) 12
Smart Contract Pay Per Play (PPP) 12
Musicoin v2.0 Platform (Heal the World) 14
Modello del Reddito Base Universale (UBI)
14
DESIGN DELLA PIATTAFORMA 15
UBI Pool 16
Minatori 17
Musicisti 17
Consumatori 19
Ricerca e Sviluppo 19
Piattaforme e hardware 19
Scambi e rampe su monete stabili 20
Partnership con terzi
20
PRINCIPIO GUIDA: “CONDIVISIONISMO” (SHARISM) 20
Economia Musicoin (Musiconomy) 21
Protocollo aperto
21
RISORSE DEL PROGETTO
22
SPECIFICHE TECNICHE 24
Emissione di moneta 24
Era glaciale
25
REFERENCES 26

2
PREMESSA
Musicoin è una piattaforma decentralizzata che sfrutta la forza della blockchain,
una tecnologia che consente ai musicisti di acquisire la piena proprietà dei loro
contenuti e del valore generato dall'ascolto. La nostra piattaforma è costruita su una
rete Peer-to-Peer trasparente, alimentata da contratti intelligenti, programmabili, per
consentire una remunerazione equa per tutti i contenuti musicali pubblicati e per i
servizi offerti. La nostra visione a lungo termine è quella di sviluppare un'ecosistema
aperto, in cui i fornitori esterni possano costruire beni e servizi legati alla musica sulla
piattaforma Musicoin.

VISIONE DEL PROGETTO


La nostra visione è quella di affermare il nostro marchio come una piattaforma
musicale globale che garantisca un'equa remunerazione, una distribuzione e una
visibilità per i musicisti indipendenti. Consapevoli del prodotto, il nostro approccio ha
una portata globale e un'esecuzione locale. Entro il 2020, puntiamo a far condividere
piú 30 milioni di brani e ospitare almeno 1 milione di musicisti indipendenti.
Dall'inizio del nostro progetto, nel febbraio 2017, abbiamo costruito una piattaforma di
musica di streaming che ospita oltre 5.800 tracce create dai nostri 1.300 musicisti e
serve 18.000 ascoltatori da tutto il mondo (ottobre 2017). Questo è solo l'inizio in
quanto continuiamo a costruire e migliorare la piattaforma per renderla più intuitiva e
facile da usare dai musicisti, ascoltatori e fornitori esterni.

MERCATO
Negli ultimi anni, l'industria discografica ha registrato un notevole boom di
entrate dovute all'aumento delle vendite digitali. IFPI (Federazione internazionale
della fonografia Industria) ha registrato una crescita del settore del 5,9% delle entrate
nel 2016, il tasso più rapido di crescita dal 1997[1], con una capitalizzazione di mercato
di $ 15 miliardi di dollari. Il grafico sottostante mostra la valutazione del settore oltre il
2016. Si prevede che l'industria musicale abbia una crescita esponenziale e raddoppi la
capitalizzazione di mercato ($ 26 miliardi USD) entro il 2020 (Figura 1).

3
Figura 1. Valore annuale globale dell'industria musicale registrata dal 2015 al 2020 [2]

Inoltre, i flussi di entrate come lo streaming continuano a crescere con un enorme


potenziale al rialzo, mentre permangono le entrate derivanti dai diritti di esecuzione e
dalla sincronizzazione sottovalutato nel settore.

Streaming
Lo streaming è diventato la forma più diffusa di consumo nel mondo
dell'industria della musica moderna, alimentando la crescita in quasi tutti i principali
mercati e cominciando a sbloccare il potenziale nei territori in via di sviluppo[1]. Il
2016 vede lo streaming come il principale contributore alla crescita del mercato con un
incremento del 60,4%, la maggiore crescita in otto anni (Figura 2). Ora rappresenta il
59% del totale dell'entrate per la musica digitale, per un valore di $ 7,8 miliardi di
dollari. PSAM (P. Schoenfeld Asset Management), uno dei principali hedge fund
americani, pensa che dal 2014 al 2020 lo streaming consentirà a l'industria della
musica ricavi superiori all'80% e il settore potrà raggiungere il 15% di crescita annua
prima della fine del decennio[3].
Questo è accompagnato da un enorme aumento della propensione al consumo
per la musica indipendente. Dall'inizio del 2015 alla fine del 2016, il numero degli
ascoltatori di musica indie sono cresciuti del 141% [4]. Questi numeri continueranno a
crescere man mano che i servizi di streaming musicale e le playlist condivise
aumenteranno di popolarità [5]

4
Figura 2. Crescita del mercato globale dello streaming musicale 2012 – 2016 [1]

Diritti di prestazione
Le entrate generate dai diritti di riproduzione da emittenti radio e in luoghi
pubblici sono cresciute del 7% attestandosi a $ 2,2 miliardi di dollari nel 2016. Questo
flusso di entrate rappresenta il 14% del mercato, ma rimane significativamente
sottovalutato [1]. Pertanto, IFPI ritiene che il mercato dei diritti di prestazioni globali
ha un potenziale di crescita significativo [1].

Sincronizzazione
Le entrate derivanti dall'uso della musica per la pubblicità, i film, i giochi e la
televisione è cresciuto del 2,8% nel 2016 rispetto ad una crescita del 7% nel 2015. Ha
mantenuto la sua quota del 2% del mercato globale [1] e si prevede che crescerà in
modo significativo in futuro.

IL PROBLEMA
L'inizio dell'era digitale negli anni '80 ha permesso a Napster di diventare una
forza dirompente nel settore discografico. La condivisione di file peer-to-peer (figura
3) ha permesso alle persone di piratare i contenuti online senza conseguenze legali.
Ciò ha causato un enorme clamore tra i musicisti perché non sono piú stati compensati
per il loro lavoro e alla fine ha costretto tutto il settore ad adattarsi e ad abbracciare la
tecnologia dello streaming nei primi anni 2000. Il ragionamento alla base dello
spostamento verso lo streaming piuttosto che il possesso di contenuti era quello di

5
facilitare una relazione più interattiva tra ascoltatori e musicisti, e portare gli
ascoltatori lontani dalla pirateria offrendo loro un'alternativa gratuita e legale
all'accesso di musica.

Figura 3. I musicisti sono completamente ignorati da un modello di torrent peer-to-peer.

Tuttavia, anche con una riduzione senza precedenti della pirateria e con la
crescita del mercato dello streaming, l'industria musicale sta ancora affrontando lo
stesso problema. I musicisti, specialmente quelli nuovi e meno conosciuti, ricavano una
parte irrisoria delle entrate totali generate dal loro lavoro perché la maggior parte di
tali entrate viene consumata dagli intermediari, le stesse entità che pretendono di
rappresentare i loro migliori interessi. Questo problema è dovuto principalmente alla
centralizzazione, alla mancanza di trasparenza e ad un modello di business
insostenibile.

Centralizzazione
Oggi, circa l'88,5% dell'industria musicale globale è in gran parte dominata da
tre etichette discografiche multinazionali: Universal Music Group, Sony Music
Entertainment e Warner Music Group [6]. Con un enorme monopolio, queste case
discografiche sono in grado di dettare le regole di mercato che siano più favorevoli per
loro [7]. La centralizzazione delle entrate e del potere tra i produttori e gli editori
musicali ha anche portato all'ingente abuso di piattaforme di streaming centralizzate
nascenti.
Ad esempio, recentemente Sony Music ha minacciato di ritirare tutto il
contenuto da Pandora, sostenendo che i tassi delle royalty erano troppo bassi [ 8].

6
Allo stesso modo, anche la gestione dei dati sta diventando centralizzata. Le
società di Streaming devono ridurre le pratiche prevalenti nel settore proprio perchè
tali pratiche sono inefficienti o obsolete. Nel 2014, Spotify ha abbandonato il Peer-to-
Peer (P2P), la tecnologia che l'aveva aiutata per l'avvio dell'attività, riducendo i costi
della larghezza di banda e evitanto milioni di dollari in spese operative ogni anno, a
favore di uno stoccaggio dati centralizzato e più tradizionale [9].
Inoltre, l'attuale modello di compartecipazione alle entrate nel settore della
musica in streaming è ingiusto per tutti i musicisti e particolarmente dannoso per i
musicisti indipendenti e aspiranti. Nei contratti di compartecipazione alle entrate tra le
case discografiche e le società di streaming, la maggior parte delle entrate è destinata a
pagare gli intermediari e i musicisti sono quasi sempre esclusi da queste transazioni.
Ciò si traduce in uno schema di distribuzione di royalty che favorisce pesantemente gli
intermediari, a spese dei musicisti e in ultima analisi sottovalutando il lavoro e le
entrate del musicista. Quanto segue è una ripartizione di come le royalty vengono in
genere distribuite ai musicisti dalle piattaforme di streaming come Spotify e Apple
Music [10]:
"... è utile capire come vengono generalmente calcolate le royalties di streaming :
1. Il reddito mensile di un servizio (Spotify, Apple Music, et al.) è calcolato.
2. Le etichette discografiche hanno accordi per ottenere i loro diritti a percentuale
fissa e ricevono la loro parte di entrate prima di tutti.
3. Anche le Performance Rights Organizations (PRO) hanno percentuali fisse che
vengono pagate successivamente.
4. Le società di streaming mantengono una percentuale per loro stessi, generalmente
il 15-30%.
5. I servizi di streaming spesso contraggono vari servizi di backoffice, anch'essi
possono ottenere una percentuale piuttosto che una tariffa fissa (a questo punto
rimangono circa il 40% delle entrate totali da ripartire tra artisti, autori e
editori).
6. Per determinare quindi il valore da ripartire per ogni riproduzione ( stream, play),
si prende il valore restante delle entrate e lo si divide per il totale delle
riproduzioni di quel mese.
7. Ogni editore (le persone che rappresentano le composizioni) ottiene una somma
forfettaria rappresentata dal valore di ogni riproduzione moltiplicato per il totale
degli ascolti a lui attribuiti.
8. L'editore quindi consegna i diritti d'autore agli artisti e agli autori; spetta
all'editore quindi capire come suddividere il pagamento ad ogni singolo
proprietaro, valore che sarà ridotto ulteriormente da questo servizio. "

7
Figura 4. Il sistema attuale paga ai musicisti una piccola parte delle entrate totali.

È doloroso constatare che i musicisti che hanno creato il contenuto vengono


pagati dopo e meno degli intermediari che non hanno partecipato al processo creativo
(figura 4). Ecco un altro esempio di compartecipazione alle entrate (figura 5),
secondo un documento di ricerca scritto da Pierre-É. Lalonde dall'istituto croato di
musica [7]

"Attualmente, le maggiori case discografiche ricevono fino al 97% dei ricavi,

8
lasciando solo il 3% da condividere tra autori, editori, altri detentori di diritti e
amministratori. Una ragione per questo è che le società che gestiscono i servizi di
streaming spesso negoziano solo con le principali etichette discografiche, quando
invece dovrebbero rappresentare tutti i detentori dei diritti. In alcuni casi, le
etichette discografiche sono anche azioniste nei servizi di streaming, creando un
conflitto d'interessi a danno degli artisti, autori e altri detentori di diritti che
dovrebbero rappresentare."

Figura 5. Formula della distribuzione delle royalties di Spotify, SMR=Reddito Mensile Spotify [11]

Inoltre, le royalty di un artista per ogni riproduzione dipendono dal tipo di


riproduzione. Secondo Spotify, tutte le riproduzioni (stream) sulla sua piattaforma non
sono uguali. La riproduzione di livello premium ha un pagamento più alto rispetto agli
stream di livello base[12]. Ciò significa che non sono solo i musicisti ottengono una
piccola parte delle entrate generate, ma soprattutto che questo flusso è insufficiente. La
maggior parte gli artisti sulle principali piattaforme continuano a guadagnare meno di
mezzo centesimo per flusso. Sopra, per guadagnare un salario minimo mensile di $
1,472 USD avrebbero bisogno in media di più di 500.000 riproduzioni (play, stream) al
mese[13]. Ciò ha portato molti musicisti a attaccare pubblicamente queste piattaforme
di streaming [14],
"Una banda di quattro persone con il 15% di royalty da Spotify, dovrebbe ricevere
236.549.020 stream per guadagnare un salario minimo di $ 15.080 (£ 9.435) a
persona all'anno. Per esempio alla fine di agosto la canzone dell'estate dei Daft
Punk, 'Get Lucky ", ha raggiunto 104.760.000 stream su Spotify: i due Daft punk
hanno guadagnate circa $ 13.000 ciascuno. Non male, ma ricorda che questa è
solo una canzone di una lungo lavoro che ha richiesto molto tempo e denaro per
realizzarla. Questo non pagherà le loro bollette se fosse la loro principale fonte di
reddito. E cosa succede alle band che non hanno grandi successi estivi
internazionali? "- David Bryne, co-fondatore della band, Talking Heads.

Inutile dire che il modello attuale di ripartizione delle entrate nello streaming
nelle piattaforme come Spotify e Apple è atrocemente ingiusto per i musicisti, e
soprattutto mette i musicisti indipendenti e aspiranti in serio svantaggio. Ciò ha
portato ad una crescente ondata di intenso malcontento nella comunità degli artisti
accompagnata da pubblica protesta e ritiro di contenuti dalle piattaforme di streaming

9
da parte di musicisti di spicco come Taylor Swift[ 15] e Jay Z[16]. I musicisti cercano
sempre più di creare migliori e alternative più giuste ai servizi di streaming
centralizzato come Spotify[17]. E artisti come Imogen Heap, due volte vincente il
grammy, sta sostenendo la Blockchain come soluzione ai problemi che affliggono
l'industria musicale [18].

Mancanza di trasparenza
Con la centralizzazione del potere nelle mani degli intermediari del settore, i
contratti di copyright e di licenza per la maggior parte dei musicisti sono diventati
complessi, opachi e draconiani. Gli artisti, spesso senza alcun background legale e
senza i mezzi o il desiderio di assumere avvocati, non sono in grado di negoziare i
termini del loro contratto. Ciò crea un grande grado di confusione, malcontento e
mancati guadagni. Sebbene sia possibile fornire contratti chiari e concisi, equi e facili
da comprendere, gli intermediari del settore sono riluttanti a farlo perché lo status quo
ne beneficia immensamente.
Larry Kenswil, ex capo della divisione eLabs della Universal Music, ci spiega
come è insidiosa e prevalente questa pratica [19],
"Anche se il ruolo degli intermediari è prominente nell'era della musica moderna,
l'industria non ha ancora richiesto che siano forniti dati completi, leggibili,
standardizzati, aggiornati sulle vendite e sulle licenze di musica. Questo semplice
passo, che sta nelle mani di [intermediari societari] e distributori, potrebbe
rimediare a importanti problemi con la ridistribuzione delle royalties, aiutare gli
artisti a capire meglio l'industria e diventare vigili sulla ricompensa economica
per lo sfruttamento dl loro talenti. "
"Non c'è alcun incentivo per nessuno a costruire un sistema che sia pienamente
funzionante. […] Le principali etichette ed editori traggono vantaggio dall'attuale
complessità e imprecisione del sistema e i servizi di streaming non hanno alcun
incentivo a investire in trasparenti sistemi di reporting e contabilità, perchè
risultano costosi. "

Modello di business insostenibile


Le società di streaming hanno livelli di streaming gratuiti per promuovere la
piattaforma. Lo streaming gratuito incoraggia la crescita della base di utenti e la
pubblicità genera reddito. Deezer ha accumulato 7 milioni di utenti nei primi due anni
[20] e Pandora guadagna oltre l'88% delle sue entrate dai soli annunci pubblicitari [ 21].
Tuttavia, nonostante la crescita massiccia, il loro modello di business è insostenibile.
Dopo il suo primo anno di servizio, Spotify ha raddoppiato la propria perdita da $ 2,2
milioni a $ 4,4 milioni USD [22]. Pandora è andato in perdita durante i suoi primi due
anni a seguito del cambio di servizio sullo streaming musicale[23]; SoundCloud è

10
criticato come una società di incertezza materiale perché è fortemente dipendente dal
capitale e dagli investimenti per poter operare [24]. Uno dei motivi di critica dietro al
loro modello di business insostenibile sono i crescenti costi di acquisizione dei
contenuti. Sono molto variabili e sono principalmente associati al tipo di contenuto e
agli accordi di licenza con etichette discografiche [ 25]. Nel 2015, l'importo che Spotify
ha dovuto pagare attraverso le royalties e le commissioni di distribuzione sono
aumentate dell'85%, a circa $ 1,8 miliardi di dollari. In altre parole, le spese sono
cresciute più delle entrate [26]. Per inserire questo in prospettiva, di ogni dollaro che
Spotify porta nelle entrate, circa 85 centesimi esce subito fuori dalla porta sotto forma
di pagamenti agli intermediari[26]. Sono quindi gli intermediari che decidono
principalmente la percentuale sulle entrate a loro spettante dalle società streaming,
perchè eventuali disaccordi potrebbero comportare una controversia legale prolungata
[27]. Talvolta una causa persa potrebbe tradursi per le società di streaming con un
aumento dei tassi di royalty, come è successo a Pandora [ 28]. Le compagnie di streaming
per aumentare le entrate e poter rimanere a galla sono obbligate a aumentare i livelli di
streaming a pagamento, che a loro volta diminuiscono la base di utenti. Il caso di
Pandora, come studiato da Music Business Research [29],

"L'elevata percentuale di costi di acquisizione dei contenuti spiega anche la


perdita operativa di $ 37,7 milioni di USD nel 2012, nonostante l'aumento dei
ricavi della pubblicità e degli abbonamenti(Pandora 2013: 71). In effetti, i costi di
acquisizione dei contenuti sono cresciuti più rapidamente del totale delle entrate
(67,7 per cento rispetto al 73,2 per cento) dal 2011 al 2012. Nello stesso periodo,
l'aumento dei costi è quindi superiore alla crescita delle ore di ascolto del 72,9
percento."

LA SOLUZIONE

Il settore dello streaming è maturo per integrarsi alla tecnologia blockchain [ 30]
e Musicoin è la prima piattaforma nello spazio criptovaluta che sta liberando la forza
della tecnologia blockchain per offrire una valida alternativa per risolvere i problemi
che affliggono l'industria musicale. Il nostro obiettivo principale è quello di rimuovere
tutti gli intermediari e colmare il divario tra il musicista e l'ascoltatore. Nel processo,
Musicoin andrà oltre i problemi irrisolti che affliggono l'industria musicale di oggi
come delineato in questo articolo, decentralizzando la distribuzione e il consumo della
musica, rendendo i contratti musicali equi e automatizzati e aprendo la strada a un
modello di business autosufficiente. Musicoin, con la giusta remunerazione di tutti i
partecipanti alla piattaforma, aspira ad essere il principale ecosistema globale per beni
e servizi costruiti intorno alla musica.

11
Decentralizzazione Peer-to-Peer (P2P)
Gli intermediari e terze parti che promuovono piattaforme di streaming lo
fanno in modo non uniforme per i musicisti. L'archiviazione centralizzata dei dati è
proibitivamente costosa e vulnerabile all'attacco degli hacker. Musicoin sfrutta la forza
e l’affidabilità della tecnologia blockchain per consentire pagamenti Peer-to-Peer (P2P)
e archiviazione dei dati in modo equo, trasparente e automatico. I pagamenti
automatizzati P2P imposti da contratti intelligenti sulla blockchain Musicoin
consentono una ripartizione, equa e trasparente del valore tra tutti gli attori: minatori,
sviluppatori di progetti, musicisti, ascoltatori, senza bisogno di intermediari e di terze
parti.
Inoltre, invece di utilizzare server centralizzati, Musicoin sta archiviando e
distribuendo i suoi contenuti attraverso un sistema di distribuzione di file P2P
decentralizzato noto come Inter-Planetary File System (IPFS). Contratti intelligenti e
file di contenuti sulla blockchain vengono crittografati prima e decrittografati dopo la
loro trasmissione per impedire l'accesso non autorizzato e attività dannose. I metadati
sulla nostra piattaforma e sui portafogli utente possono essere archiviati e
memorizzati nella cache a tempo indeterminato. Per una trasmissione più rapida e
costi di consegna contenuti ridotti, abbiamo anche abilitato la sincronizzazione da più
peer contemporaneamente.

Smart Contract Pay Per Play (PPP)


Il contratto intelligente Pay Per Play (PPP) è progettato esclusivamente per gli
interessi dei musicisti. Tutti i musicisti sulla nostra piattaforma mantengono la piena
proprietà dei loro contenuti e vengono ricompensati in modo equo e automatico
attraverso contratti intelligenti e autonomi. Musicoin porta un nuovo livello di
trasparenza e chiarezza nell'industria musicale che è afflitta da contratti di licenza
complessi e ottusi.
Per far rispettare ed eseguire i termini di licenza in tempo reale, con il nostro
contratto intelligente PPP, i musicisti possono ricevere pagamenti istantanei ad ogni
riproduzione. Il PPP è un contratto intelligente per il Musicoin blockchain che applica
ed esegue i termini della licenza per premiare con un determinato importo fisso di
$MUSIC (valuta nativa della piattaforma Musicoin) per ogni riproduzione. In pochi
secondi, il pagamento va direttamente al proprietario della licenza per quell'opera
musicale. Non sono richiesti altri intermediari per realizzare i pagamenti sul libro
mastro della blockchain di Musicoin.

12
Figura 6 Modello per la distribuzione delle royalties di Musicoin Pay per Play (PPP).

Uno dei vantaggi di un contratto intelligente PPP è quello di eseguire una


ripartizione immediata delle entrate per diversi beneficiari. Ad esempio (Figura 6), un
contratto PPP di una licenza per una banda di quattro persone puó ripartire il
pagamento nel modo seguente : 45% al musicista principale, 20% agli autori e
produttori, 10% al chitarrista e 25% al batterista. L'utilizzo di questo contratto ci
consente di evitare costi inutili nell'acquisizione di contenuti, rimuovendo tutti gli
intermediari coinvolti e quindi distribuire il 100% dei guadagni ai musicisti.
La rimozione degli intermediari ha permesso a Musicoin di trasferire la maggior
parte del valore generato dalla musica ai musicisti. Di seguito è riportata una tabella di
confronto dei pagamenti per flusso (in USD) tra le piattaforme di streaming esistenti,
incluso Musicoin (Figura 7). Musicoin non fa distinzioni tra artisti firmati e non firmati
e paga i suoi musicisti ad un tasso che è almeno ~ 286% superiore al suo concorrente
più vicino, Spotify.

13
Figura 7. Tariffe per streaming dalle piattaforme di streaming esistenti nel 2017.

Musicoin v2.0 Platform (Heal the World)


La piattaforma Musicoin v1.0 (Hello) ospita attualmente migliaia di artisti e
ascoltatori. Ogni volta che un ascoltatore trasmette un brano, $MUSIC viene trasferito
dal portafoglio dell'ascoltatore al portafoglio dell'artista. Il contratto smart di PPP in
Musicoin v1.0 ha contribuito all'enorme crescita della piattaforma in un breve arco di
otto mesi e alla costruzione di una fiorente e appassionata comunità di musicisti e
ascoltatori.
Tuttavia, poiché la piattaforma continua a progredire e a stringere partnership
strategiche all'interno dell'industria musicale, il corrispondente aumento del valore di
$MUSIC (valuta nativa della piattaforma Musicoin) rispetto al dollaro o all’euro ha
creato due problemi: elevati costi di streaming musicale per gli utenti e pagamenti
incoerenti ai musicisti a causa della volatilità del mercato.
Al fine di consentire al valore del $MUSIC di crescere con la crescita della
piattaforma e di fornire ai nostri musicisti un reddito stabile che non sia influenzato
dai capricci del mercato, passeremo da un valore fisso di 1 $MUSIC per ogni
riproduzione (PPP) (Musicoin v1.0) ad un valore frazionario di 1 $MUSIC per ogni
riproduzione (Musicoin v2.0) (Heal the World). Ciò consentirà una crescita economica
sostenibile nel valore del $MUSIC (Musicoin) con lo sviluppo del progetto, e allo stesso
tempo fornirà un reddito fisso ed equo agli artisti per ogni riproduzione.

Modello del Reddito Base Universale (UBI)


Dall'inizio del progetto, il team di sviluppo e la comunità di Musicoin si sono
offerti volontari e hanno lanciato la piattaforma che abbiamo oggi. Tuttavia, al fine di
continuare a migliorare la piattaforma e assumere nuovi talenti, un fondo dedicato per

14
lo sviluppo è necessario. Per soddisfare questi obiettivi, stiamo introducendo a nuovo
modello economico in Musicoin v2.0, come dettagliato qui. Crediamo che questo
garantirà una maggiore penetrazione nel mercato dello streaming da parte di Musicoin,
genererà una maggiore equità e una coerenza nelle entrate per i musicisti, consentirà
la crescita del valore di mercato del $MUSIC e potrà finanziare il team dedicato allo
sviluppo continuo della piattaforma Musicoin.
In Musicoin v2.0 (Heal the World, Guarisci il Mondo) , abbiamo introdotto un
nuovo concetto rivoluzionario in criptovaluta: "Universal Basic Income (UBI)" un
modello di Reddito Universale di Base. UBI è un modello economico per assicurare che
ogni contributore che opera alla crescita della piattaforma sia ricompensato in
proporzione al proprio contributo.
In questo modello economico, il team di UBI garantisce un reddito base ai
musicisti (verificati), a un tasso fisso equo, non influenzato dalle forze del mercato e
superiore a quello di qualsiasi altra piattaforma di streaming concorrente. Ciò
aumenterà l'afflusso di contenuti da parte dei musicisti e renderà la musica in
streaming gratuita per gli ascoltatori, garantendo in tal modo una penetrazione più
profonda di Musicoin nel mercato dello streaming. A differenza di altre piattaforme di
streaming, gli utenti della piattaforma Musicoin saranno in grado di riprodurre in
streaming le canzoni gratuitamente e senza pubblicità. Lo streaming musicale gratuito
e illimitato senza pubblicità è la caratteristica fondamentale che distingue Musicoin
dalle piattaforme di streaming centralizzate, permettendoci di espanderci
radicalmente e catturare una quota maggiore del mercato dello streaming.
Una piccola parte del team UBI svilupperà ulteriormente la piattaforma (Figura
8), come descritto nella prossimo capitolo, Platform Design.

DESIGN DELLA PIATTAFORMA


Subito dopo l'introduzione di UBI, $MUSIC sarà usato dagli ascoltatori per poter
dare la mancia ai loro artisti preferiti sulla piattaforma. I dati provenienti dalla
blockchain mostrano che per i musicisti le entrate provenienti dalle mance sono cinque
volte più alte di quelle provenienti dai PPP (Pay per Play). Il consumo di musica
gratuito sulla piattaforma incoraggerà gli utenti a sostenere i musicisti ancora di più
che a sua volta stimolerà i musicisti a offrire costantemente contenuti di qualità e a
crescere la loro base di fan. Questo creerà un ciclo di feedback positivo che aumenterà
il valore e l'utilità di $MUSIC.
Inoltre, stiamo attivamente costruendo nuove funzionalità sulla piattaforma che
utilizza $MUSIC, oltre i PPP e le mance. Sviluppatori esterni, sviluppo di hardware e
software di applicazioni in cima alla blockchain Musicoin, useranno $MUSIC come
valuta per alimentare quelle applicazioni. Per riassumere, stiamo costruendo un
ecosistema musicale potenziato da $MUSIC, la valuta originaria della blockchain

15
Musicoin.

Figura 8. Design della piattaforma di Musicoin in v2 (Heal the World).

UBI Pool
I benefici derivanti dalla coniatura di $MUSIC da parte dei minatori dopo
l'introduzioni di UBI saranno divisi in due frazioni. Le emissioni rimarranno le stesse
ovvero 314 monete per blocco ogni 15-30 secondi in base alla difficoltà mineraria. Di
quelle 314 monete, 250 monete (~ 80%) andranno ai minatori e le restanti 64 monete
(~ 20%) entreranno nell' UBI comune. Di quelle 64 monete del pool UBI, 50 monete
saranno riservate per lo streaming di contenuti sulla piattaforma (PPP) e il rimanente
14 monete andranno per lo sviluppo della piattaforma (Figura 9).

Figura 9. Redistribuzione dei $ MUSIC prima e dopo l'introduzione di UBI

16
Minatori
I minatori sono ora diventati uno dei benefattori di questo nuovo ecosistema,
condividendo una parte delle loro entrate (block reward) con musicisti e sviluppatori.
Invece di 314 monete per blocco, i minatori riceveranno 250 monete per blocco (~
80% delle loro entrate pre-UBI ) con l'introduzione di UBI.

Musicisti
Il reddito Pay Per Play (PPP) destinato ai musicisti proverrà dal portafoglio di
UBI dal quale il 78% del totale è destinato a ricompensare i musicisti per il loro
contenuto sulla piattaforma Musicoin. La remunerzione del Pay Per Play sulla
piattaforma Musicoin con l'entrata di UBI rimmarrà ancora superiore rispetto agli
attuali standard del settore (Figura 7), con 0,02 centesimi di dollaro per stream. Al
valore minimo, un musicista può guadagnare circa $ 20.000 USD con un milione di
riproduzioni.
La tabella qui sotto (Figura 10) ti darà un'idea di come il nostro sistema calcola
il pagamento dei musicisti adeguandosi al valore di mercato del $MUSIC. Ad esempio, i
musicisti riceveranno 1 $MUSIC per ogni riproduzione quando il mercato della moneta
avrà un valore compreso tra 0 e 0,099 centesimi, 0,2 $ MUSIC quando il valore di
mercato è compreso tra 0,10 centesimi e 1,00 dollari, e così via. Questi intervalli di
valore sono soggetti a modifiche per garantire equi compensi e tassi competitivi
all'interno del settore.

17
Figura 10. Contratto intelligente PPP con UBI . Variazione dei
$MUSIC pagati in funzione della variazione del suo valore di
mercato

Il grafico sottostante (Figura 11) mostra come si regolerà il contratto intelligente PPP
in base al cambiamento nel valore di mercato di $ MUSIC.

Figura 11. Regolazione del PPP in base al prezzo di mercato di $


MUSIC.

18
I consumatori
I consumatori sono importanti nel guidare la crescita dell'ecosistema Musicoin.
Essi possono comprare, vendere e utilizzare la nostra valuta sulla piattaforma e quindi
contribuire a far circolare il valore all'interno. Fornire più utilità a $MUSIC incoraggerà
più circolazione di valore nella rete.
Analizzando i dati della nostra piattaforma si osserva che si sta attivamente
utilizzando il click per le mance per premiare i musicisti per il loro contenuto. In effetti,
i musicisti guadagnano entrate da mance a tasso cinque volte superiore a PPP
(rapporto 5:1 dei guadagni da ribaltamento rispetto allo streaming). Finora, più di
200.000 $ MUSIC sono stati utilizzati per il ribaltamento sulla nostra piattaforma. Dare
mance incoraggia i musicisti a impegnarsi più attivamente con i loro fan e a continuare
a generare contenuto di qualità. Alcuni musicisti possono ricevere fino a 1.000 MC
dagli ascoltatori per un singolo ascolto.
Stiamo anche incoraggiando attivamente gli sviluppatori esterni a creare beni e
servizi sulla piattaforma Musicoin che miglioreranno l'esperienza Muscoin per il
consumatore, promuovere l'interazione tra artisti e fan e alimentare l'utilità di $MUSIC.
L'utilità dei $MUSIC non si limita ai download di brani con una velocità di bit più
elevata, ma potrà comprendere compensazioni dei remix, collaborazione tra artisti,
biglietti per gli spettacolo dal vivo, articoli per i fan, catalogo delle licenze Musicoin per
il pubblico streaming, abbonamenti alle riviste musicali, ecc.

Ricerca e Sviluppo
Ogni mese, il 4,5% del totale UBI Pool sarà assegnato per ulteriori sviluppi sulla
piattaforma Musicoin. Questi fondi aiuteranno a far progredire i nostri obiettivi di , così
come reclutare e conservare nuove membri alla nostra squadra. Tutti i membri del
team attuali sono volontari e sviluppatori appassionati che hanno lavorato pro-bono da
quando è iniziato il progetto inizio (fino all'attuazione di UBI).

Piattaforme e hardware
La nostra piattaforma Musicoin include la nostra piattaforma di streaming web
principale, nonché un portafoglio utente e un'applicazione mobile in sviluppo. Lettore
musicale e cataloghi sarà incorporato su questi mezzi per espandere la base di utenti e
promuovere la fluidità della scoperta musicale. Inoltre, i nostri piani futuri nello
sviluppo di prodotti commerciali come altoparlanti personali e cuffie per lo streaming
di contenuti diretto dal nostro catalogo e offriranno sempre più modi per accedere alla
nostra piattaforma. Più ricca è la scelta dei consumatori, meglio è l'esposizione che i

19
nostri musicisti otterranno.

Cambio verso monete correnti


A causa della scarsità di altre opzioni, attualmente, i cambi di criptovaluta sono
il modo più semplice per scambiare la moneta corrente ($ o €) con $MUSIC. Andando
avanti, cercheremo attivamente soluzioni alternative che possano integrare nel
portafoglio Musicoin la possibilità di conversione diretta tra $MUSIC e la moneta
corrente, aumentando così drasticamente la liquidità di $MUSIC.

Partnership di terzi
Le licenze di copyright sviluppate da Musicoin consentiranno alle entità esterne
di ottenere la licenza dei nostri musicisti e il loro contenuto sulle loro piattaforme.
Questi contratti saranno molto più giusti rispetto alle attuali pratiche del settore e
saranno completamente trasparenti per evitare confusione. Essenzialmente, Musicoin
agirà sia come servizio di streaming che come entità per i diritti di esecuzione per
proteggere i nostri musicisti dalla disparità delle royalties e dalla violazione del
copyright.
Le future partnership con le organizzazioni esterne saranno sponsorizzate da
Musicoin, e includernno spettacoli in locali privati, sale da concerto, festival musicali e
spettacoli nei nightclub. Collaboreremo anche con produttori di hardware per
produrre diversi dispositivi di streaming musicale come altoparlanti desktop e cuffie,
oltre alla nostra licenza cataloghi di caffetterie locali, musei d'arte e piattaforme di
streaming di terze parti. I consumatori che usufruiscono di questi servizi saranno
tenuti a pagare nella nostra valuta, $MUSIC.

PRINCIPIO GUIDA: “CONDIVISIONISMO” (SHARISM)

Il concetto di Condivisionismo (Sharism) è una filosofia rivoluzionaria che


incorpora la saggezza degli studi di Epistemologia e Axiologia. Sottolinea l'importanza
di condividere conoscenza e valore all'interno di una comunità per crearne un impatto
sociale positivo. Il condivisionismo è un atteggiamento socio-psicologico che consente
a tutti all'interno di una comunità, di riorientare il proprio sistema di valori verso il
miglioramento della comunità stessa, in modo da superare i limiti di un'intelligenza
isolata verso una coscienza sociale altamente intelligente[31] .
L'emergenza di questa intellingente coscienza sociale all'interno di un una
comunità, consente di passare radicalmente dalle singole entità e culture del non
condividere che la compongono ad una interconnessione di persone spinte da una
comunicazione e una collaborazione. Questo porta alla proprietà condivisa in cui il

20
valore è distribuito attraverso la rete di contributi di tutti i soggetti coinvolti [ 32]. In
altre parole, ognuno è stimato ed è necessario per Musicoin, i minatori, gli ascoltatori,
gli sviluppatori, i fornitori esterni e, naturalmente, i musicisti.
"Più condividi, più ricevi. Più condividi, più sei condiviso.
Più condividi, più sei. Più condividi, più gli altri ricevono[ 33]”.

Entro il 2018, Musicoin incorporerà i principi dello Condivisionismo per rafforzare la


propria rete esistente con un nuovo modello di consenso noto come Proof of Sharing.
Ulteriori informazioni saranno disponibili nelle versioni future di questo white paper.

Economia Musicoin (Musiconomy)


L'ecosistema Musicoin si allinea con il principio di base dello (Sharismo). Questo
ecosistema, noto anche come Economia Musicoin (Musicoin Economy o Musiconomy ),
è costruito come una rete economica che promuove la distribuzione del valore equo a
diversi partecipanti in base al loro contributo nella rete e nella comunità.
Il valore di Musicoin (Economia Musicoin) inizia con i creatori di contenuti, i musicisti.
Più è alto il numero di musicisti e più attivamente rilasciano contenuti di qualità sulla
rete, più gli ascoltatori saranno attratti dall'uso della piattaforma. Un numero maggiore
di consumatori genererà un maggiore consumo di contenuti che alimenterà l'utilità e il
valore di $MUSIC. Ciò, a sua volta, incoraggerà una partecipazione più attiva nella rete
da parte dei musicisti. Questo ciclo di feedback positivo continuerà a potenziare il
valore di $MUSIC beneficiando anche altri partecipanti (minatori, sviluppatori, servizi
di terze parti) e incentivando la loro continua partecipazione alla rete. Una tale
economia musicale autosufficiente è precisamente il tipo di ecosistema promosso dal
nostro principio guida del Condivisionismo.

Protocollo aperto
La piattaforma Musicoin è pioniera e sta aprendo la strada a un concreto cambio
di paradigma nell'economia e nelle tecnologie legate alla creazione, la distribuzione e il
consumo della musica. È un ecosistema aperto che accoglie la partecipazione esterna
delle start-up nel settore musicale che sono interessate a costruire tecnologie e servizi
innovativi per generare nuove fonti di valore per musicisti e ascoltatori. Ad esempio, i
produttori di hardware possono creare dispositivi intelligenti in grado di riprodurre
musica in streaming dalla piattaforma Musicoin quando si è a casa e minare $MUSIC
quando si è assenti. Inoltre, l'enorme quantità di metadata che viene generata nella
blockchain Musicoin consentirà la creazione di sistemi di intelligenza artificiale che
possono aiutare gli ascoltatori con la scoperta di musica intelligente basata su variabili

21
come le loro storie di ricerca, l'umore personale, l'ora del giorno eccetera.

RISORSE DEL PROGETTO


Il team di Musicoin si impegna a posare ogni pietra miliare sulla sua roadmap
pubblica e fornire risultati coerenti e puntuali. Andando avanti, continueremo a
mantenere una comunicazione trasparente con la nostra comunità e forniremo loro
ulteriori canali per ottenere informazioni aggiornate sugli ultimi sviluppi del progetto,
inclusi BitcoinTalk, GitHub e Reddit.

$ MUSIC sito: https://musicoin.org


BitcoinTalk: https://bitcointalk.org/index.php?topic=1776113.0
GitHub: https://github.com/musicoin
Reddit: https://www.reddit.com/r/musicoin

Inoltre, la roadmap pubblica recentemente pubblicata spiega i nostri obiettivi


riguardanti le future iterazioni della blockchain Musicoin. Puntiamo a rendere la nostra
blockchain sempre più stabile, sostenibile, sicura e scalabile (4S). Di seguito sono
riportate le versioni precedenti del nostro white paper e della roadmap. Le nostre
pietre miliari per i prossimi due anni sono disponibili per la visualizzazione nella
versione più lunga di questo white paper.

White paper v0.9.0: https://medium.com/@musicoin/musicoin-white-paper-free-creations-while-


rewarding-creators-v-0-9-b14b334a8843

$ MUSIC Blockchain Roadmap: https://medium.com/@musicoin/roadmap-of-musicoin-


blockchain-4a65620fefce

22
23
SPECIFICHE TECNICHE

Il progetto è stato lanciato l'11 febbraio 2017, quando il blocco di genesi della
blockchain Musicoin è stato minato [ 34]. La rete opera sotto il modello a prova di lavoro
(proof of work) usando ETHash come algoritmo di hashing per il mining e il
raggiungimento della rete consenso. La blockchain Musicoin è una biforcazione della
blockchain di Ethereum, con rete nodi e protocolli configurati come una macchina
virtuale Ethereum (EVM), capace di eseguire contratti intelligenti in una lingua
completa di Turing. Nel vero spirito di decentramento e distribuzione equa, il progetto
è iniziato senza un'offerta iniziale di moneta (ICO) o pre-mine o pre-assegnazione di
fondi per lo sviluppo.
A differenza dei token ERC-20, Musicoin non funziona all'interno
dell'ecosistema Ethereum. Ogni caratteristica all'interno della piattaforma Musicoin
come valuta, nodi, portafogli e libro mastro decentralizzato è iterato dal codice base di
Ethereum per adattarlo ai peculiari requisiti per la manutenzione dell'industria
musicale. Questo ci consente di mantenere una bassa transazione tasse, rimuovere gli
intermediari e fungere da base per i futuri strati del musical applicazioni da costruire
in cima alla piattaforma Musicoin.
Il 22 maggio 2017, Musicoin è diventato un membro ufficiale dell'Enterprise
Ethereum Alliance (EEA). Gli sviluppatori di Musicoin continuano a lavorare a stretto
contatto con gli sviluppatori di Ethereum nell'integrazione di tecnologie che saranno
vantaggiose per la piattaforma Musicoin andando avanti. Un recente esempio di tale
collaborazione è l'integrazione di Musicoin blockchain con Parity software (v1.8.0) per
facilitare il ridimensionamento della rete Musicoin e supporto del portafoglio dopo
l'implementazione UBI [35].

Emissione di moneta

Come Ethereum, l'offerta di moneta totale di Musicoin non viene superata,


generando 1,5 milioni monete al giorno. L'attuale premio per il blocco minerario è di
314 monete ogni 15-30 secondi media. Questo schema di emissione di monete è
progettato per facilitare Musicoin nella costruzione di un globale ecosistema che aspira
alla valorizzazione e compensa equamente tutte le attività economiche collegate a
creazione, distribuzione e consumo di musica, tramite la sua valuta nativa $MUSIC.
Al fine di garantire che abbiamo la capacità di alimentare l'economia musicale
su scala globale, è imperativo che garantiamo due cose. In primo luogo, ci deve essere
una base abbastanza grande di $MUSIC per potenziare l'attività musicale globale. In

24
secondo luogo, dobbiamo concedere abbastanza tempo a $MUSIC per diffondersi in
lungo e in largo, in modo da stabilire effetti di rete e garantire equità dipenetrazione di
$MUSIC in tutto il mondo. Siamo sulla buona strada per raggiungerli entro il quarto
trimestre del 2018.

Era glaciale

Il concetto di era glaciale è stato introdotto dalla Fondazione Ethereum il 7 di


Settembre 2015 [36]. È uno schema di regolazione della difficoltà in cui l'estrazione
mineraria di Ethereum la difficoltà e il tempo di blocco-ricompensa passerà
bruscamente da un aumento costante a un aumento esponenziale. Dopo questo
passaggio, l'attività mineraria non sarà più redditizia per i minatori ed Ethereum
subirà una transizione (upgrade "Casper") nel suo meccanismo di consenso da Prova di
lavoro (Proof-of-Work) a Prova di gioco (Proof-of-Stake).
Originariamente, l'era glaciale era prevista per il terzo trimestre del 2017, ma a
causa di un ritardo nello sviluppo di "Casper" il 21 giugno 2017 è stata posticipata di
un anno e mezzo[37], annullare efficacemente l'algoritmo di difficoltà di Ethereum. Di
conseguenza, la bomba di difficoltà era creata per funzionare come un conto alla
rovescia per l'era glaciale.
Musicoin, una forchetta della blockchain di Ethereum, eredita anche l'era
glaciale. A la Ethereum, l'inizio dell'era glaciale sulla blockchain Musicoin nel quarto
trimestre 2018 porterà a un aumento esponenziale delle difficoltà minerarie e quindi
una drastica riduzione del tasso di emissione di $MUSIC. Dopo questo, Musicoin, a
differenza di Ethereum, passerà da Prova di lavoro (Proof-of-Work) per un nuovo
modo di raggiungere il consenso sulla sua rete, prova di condivisione (Proof-of-Share),
che sarà delineata nella prossima versione del nostro white paper nel 2018.
Prudentemente stimiamo che 700-800 milioni $ MUSIC saranno in circolazione prima
che inizi l'era glaciale.
Il grafico sottostante è una rappresentazione visiva del tasso di inflazione a
lungo termine di Musicoin nel corso della bomba di difficoltà e l'inizio dell'era glaciale
(Figura 12).

25
Figura 12. Tasso d'inflazione a lungo termine

REFERENCES
* Musiconomy is a term coined by Isaac Mao. It is not to be confused with
another project called Musiconomi. Additionally, the Musicoin Foundation is not in
direct affiliation with Musiconomi.

26
1 2017. “Global Music Report 2017”. International Federation of the Phonographic Industry.
http://www.ifpi.org/downloads/GMR2017.pdf
2 Ingham, T. 27 Mar 2015. “Streaming will double the music business by 2020 – and Universal must go it alone”.
Music Business Worldwide. https://www.musicbusinessworldwide.com/streaming-will-double-the-music-industry-
by2020-and-universal-must-go-it-alone
1 2017. “Global Music Report 2017”. International Federation of the Phonographic Industry.
http://www.ifpi.org/downloads/GMR2017.pdf
3 PSAM. Mar 2015. “Value Creation At Vivendi”.
https://cdn.mbw.44bytes.net/files/2015/03/Vivendi_White_Paper.pdf
4 Glenn, P. 15 Sept 2017. “Gimme Indie Rock. And Indie Folk. And Indie Dance”. Medium.
https://medium.com/@glennpeoples/gimme-indie-rock-at-pandora-b46e0a5943e4.
5 Atkinson, C. 2 Jan 2014. “Indie artists are new No. 1 in music industry”. New York Post. 26
http://nypost.com/2014/01/02/indie-artists-are-new-no-1-in-music-industry
1 2017. “Global Music Report 2017”. International Federation of the Phonographic Industry.
http://www.ifpi.org/downloads/GMR2017.pdf
1 2017. “Global Music Report 2017”. International Federation of the Phonographic Industry.
http://www.ifpi.org/downloads/GMR2017.pdf
6 Last edited on 1 Oct 2017. “Music Industry”. Wikipedia.
https://en.wikipedia.org/wiki/Music_industry#Consolidation
7 Lalonde, P. May 2014. “Study concerning fair compensation for music creators in the digital age”. Institut Hrvatske
Glazbe. http://www.ihg.hr/files/File/makk/MAKK_2014/CIAM14_1172_Study_Fair_Compensation_2
014_05_01_EN.pdf
8 Leonard, A. 20 Jun 2014. “The music industry is still screwed: Why Spotify, Amazon and iTunes can’t save musical
artists”. Salon. https://www.salon.com/2014/06/20/the_music_industry_is_still_screwed_why_spotify_ama
zon_and_itunes_cant_save_musical_artists
9 Kar, S. 22 Apr 2014. “Spotify abandoning P2P in favor of a more traditional dedicated architecture”. Silicon Angle.
https://siliconangle.com/blog/2014/04/22/spotify-abandoning-p2p-in-favor-of-a-more-tradi tional-dedicated-
architecture
10 Quora. 25 Oct 2016. “How Much Does The Average Artist Earn Per Play On Spotify?”. Forbes.
https://www.forbes.com/sites/quora/2016/10/25/how-much-does-the-average-artist-earn-p er-play-on-
spotify/#53f05aa96e48
7 Lalonde, P. May 2014. “Study concerning fair compensation for music creators in the digital age”. Institut Hrvatske
Glazbe. http://www.ihg.hr/files/File/makk/MAKK_2014/CIAM14_1172_Study_Fair_Compensation_2
014_05_01_EN.pdf
11 LoudSoundLogic. 18 Feb 2016. “How Do Artists Make Money on Spotify & Monetize Soundcloud?”. Interactive
Digital Studies. University of Northern Iowa. https://ids.uni.edu/loudsoundlogic/how-do-artists-make-money-on-
spotify-soundcloud
12 Luckerson, V. 3 Dec 2013. “Here’s How Much Money Top Musicians Are Making on Spotify”. Time.
http://business.time.com/2013/12/03/heres-how-much-money-top-musicians-are-making-o n-spotify
13 Sanchez, D. 24 Jul 2017. “What Streaming Music Services Pay (Updated for 2017)”. Digital Music News.
https://www.digitalmusicnews.com/2017/07/24/what-streaming-music-services-pay-updat ed-for-2017
14 Byrne, D. 11 Oct 2013. “David Byrne: 'The internet will suck all creative content out of the world'”. The Guardian.
27 https://www.theguardian.com/music/2013/oct/11/david-byrne-internet-content-world
15 Kinshi, J. 3 Nov 2014. “Here’s why Taylor Swift pulled her music from Spotify”. Time.
http://time.com/3554468/why-taylor-swift-spotify
16 Shaw, L. 9 Apr 2017. “Jay Z pulls his albums from Spotify”. Bloomberg.
https://www.bloomberg.com/news/articles/2017-04-09/jay-z-goes-missing-from-spotify-asrapper-pulls-out-his-
albums
17 Iyengar, R. 30 Mar 2015. “Jay Z just launched his own music streaming service called Tidal”. Time.
http://time.com/3764675/tidal-for-all-jay-z-streaming-music-spotify
18 Heap, I. 5 Jun 2017. “Blockchain Could Help Musicians Make Money Again”. Harvard Business Review.
https://hbr.org/2017/06/blockchain-could-help-musicians-make-money-again
19 Sharon, A. 7 Dec 2015. “Protecting music creators in the digital age”. Centre For Intellectual Property Policy.
McGill University. http://www.cippmcgill.ca/files/sites/45/2016/06/Protecting-Music-Creators-in-the-Digital-A ge-
Marie-Pier-Gagnon-Avichay-Sharon.pdf
20 Last edited on 10 Oct 2017. “Deezer”. Wikipedia. https://en.wikipedia.org/wiki/Deezer#Launch
21 Last edited on 25 Oct 2017. “Pandora Radio”. Wikipedia.
https://en.wikipedia.org/wiki/Pandora_Radio#Business_model
22 Nylander, J. 17 Aug 2009. “Spotify doubled its loss last year”. Swedish Wire.
http://www.swedishwire.com/business/751-spotify-doubled-its-loss-last-year
23 Last edited on 25 Oct 2017. “Pandora Radio”. Wikipedia.
https://en.wikipedia.org/wiki/Pandora_Radio#Business_model
24 Wilson, S. 11 Feb 2016. “SoundCloud could be forced to close after $44m losses”. Fact Mag.
http://www.factma.com/2016/02/11/soundcloud-financial-report-44m-losses
25 Nielson, S. 11 Apr 2014. “Pandora’s rising content acquisition costs may impact its profits”. Market Realist.
http://marketrealist.com/2014/04/pandoras-rising-content-acquisition-costs-impact-profit
26 Ingram, M. 24 May 2016. “Spotify's Financial Results Reinforce Just How Broken the Music Business Is”. Fortune.
http://fortune.com/2016/05/24/spotify-financials
26 Ingram, M. 24 May 2016. “Spotify's Financial Results Reinforce Just How Broken the Music Business Is”. Fortune.
http://fortune.com/2016/05/24/spotify-financials
27 Hill, B. 30 Jul 2015. “Pandora denied lower royalty rate to BMI after buying radio station”. RAIN News.
http://rainnews.com/pandora-denied-lower-royalty-rate-to-bmi-after-buying-radio-station
28 Hill, B. 15 May 2015. “BMI wins court ruling vs. Pandora in royalty rate lawsuit”. RAIN News.
http://rainnews.com/bmi-wins-court-ruling-vs-pandora-in-royalty-rate-lawsuit
29 Tschmuck, P. 17 Jun 2013. “Is streaming the next big thing? – the business models of music streaming services”.
Music Business Research. Wordpress. https://musicbusinessresearch.wordpress.com/2013/06/17/is-streaming-the-
next-big-thing -the-business-models-of-music-streaming-services
30 Heap, I.; Tapscott, D. 22 Sept 2016. “Blockchain could be Music’s next disruptor”. Fortune.
http://fortune.com/2016/09/22/blockchain-music-disruption
31 Mao, I. 30 Mar 2015. “Sharism: A Mind Revolution”. Free Souls. https://freesouls.cc/essays/07-isaac-mao-
sharism.html
32 Last edited on 17 Aug 2017. “Sharism”. Wikipedia. https://en.wikipedia.org/wiki/Sharism
33 Phillips, J. 12 Oct 2010. “Sharism: The more you share, the more you receive”. Slide Share.
https://www.slideshare.net/rejon/sharism-the-more-you-share-the-more-you-receive
34 11 Feb 2017. “Musicoin Block 1”. Orbiter Explorer. http://orbiter.musicoin.org/block/1
35 15 Oct 2017. “Announcing Parity 1.8”. Parity Technologies Ltd. https://paritytech.io/blog/announcing-parity-1-
8.html
36 28 Sep 2017. “What is the Ethereum Ice Age?”. Crypto Compare.
https://www.cryptocompare.com/coins/guides/what-is-the-ethereum-ice-age
37 Schoedon, A.; Buterin, V. 21 Jun 2017. “Metropolis Difficulty Bomb Delay and Block Reward Reduction”. GitHub.
https://github.com/ethereum/EIPs/pull/669/files