Sei sulla pagina 1di 22

istituto a.t.

beck

Dipendenze
da Internet
A cura di
Antonella Montano
Alessandro Valzania

Antonella Montano
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,
Direttrice Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta

Alessandro Valzania
Psicoterapeuta cognitivo-comportamentale;
Docente interno Istituto A.T. Beck, Roma e Caserta
istituto a.t. beck

Presentazione Internet è in continua espansione e comportamenti patologici, percependo


assume sempre più le sembianze di un un’illusione di controllo e di potere.
ambiente senza confini. È il preludio di una dipendenza da
Esistono circa 4 miliardi di utenti nel Internet.
mondo e circa 2 miliardi di siti web;
ogni giorno vengono inviate milioni di Parleremo nei prossimi paragrafi di
email ed effettuate milioni di ricerche su gioco d’azzardo patologico online, di
Google; ogni giorno vengono acquistati dipendenza da cyber-sesso, di dipen-
migliaia di computer, tablet e smar- denza da social network e da video-
tphone. giochi. Inoltre descriveremo alcune
Il mondo virtuale è un mondo senza tematiche come il trauma legato alla
limiti, nel quale comunichiamo, ci rela- dipendenza da internet, il ritiro sociale
zioniamo, è un mondo che affianca e, a e il cyberbullismo, fenomeni che riguar-
volte sostituisce quello reale. dano in modo particolare i giovani.
Le chat, le email, i social network ci per-
mettono di entrare in contatto con
l’altro riducendo al minimo i tempi di
attesa; collegandosi al web si può gio-
care, comprare, discutere, informarsi,
vedere foto e video.

Il mondo di Internet ha degli abitanti,


non virtuali ma reali, che vivono in
questo spazio. Da una parte, l’immi-
grato digitale, nato in un ambiente ana-
logico e poi immigrato in uno “spazio”
digitale. Dall’altra, il nativo digitale,
nato e cresciuto nell’ambiente digitale,
con la presenza di tutte le nuove tecno-
logie compreso, ovviamente, Internet
(Prensky, 2001; Tonioni, 2013).

A volte, però, Internet può essere così


appetibile, gratificante e perverso da
indurre sia l’immigrato digitale che il
nativo digitale ad allontanarsi dalla vita
reale carica di conflitti e a rifugiarsi in
un ambiente virtuale, percepito come
unico luogo sicuro. Così l’immigrato e il
nativo metteranno in atto una serie di

2
istituto a.t. beck

Modulo 1 Che cos’è la dipendenza? Dipendenza non significa sempre pato-


logia. La dipendenza può essere anche

La dipendenza sana. Pensiamo, ad esempio, alla natu-


rale relazione genitore/figlio, questa sarà
da Internet necessaria al bambino per acquisire delle
abilità e delle competenze che lo porte-
ranno ad avere maggior fiducia nei
propri mezzi.
Che cos’è la dipendenza? La dipendenza non è più sana quando
Che cosa sono le dipendenze un normale comportamento si tra-
comportamentali? sforma in una ricerca incontrollata di
piacere, assumendo così i connotati di
Che cos’è la dipendenza da Internet?
condizione patologica.
Le diverse tipologie di dipendenza Quando, in altre parole, la naturale sod-
da Internet disfazione di un bisogno è sostituita
totalmente da un comportamento
disfunzionale innescato dal desiderio e
dalla brama.

3
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Che cosa sono In un concetto ampiamente diffuso Per ultimo, ma non in ordine di impor-
intendiamo la dipendenza come dipen- tanza, la dipendenza comportamentale
le dipendenze denza da sostanze, quindi da stupefa- genera conflitto, quindi un’inclinazione
comportamentali? centi (cocaina, eroina, marijuana ecc.), o una rottura delle relazioni con i geni-
alcool, caffeina e tabacco. tori, il partner, gli amici e la professione.
Esistono, però, altre forme di dipen- Ma quali sono le dipendenze comporta-
denza cosiddette “senza sostanza” o in mentali? Tra queste forme di dipen-
altri termini dipendenze comportamen- denza rientrano lo shopping compul-
tali. sivo, la dipendenza affettiva,
Prima di spiegare cosa si intende per la dipendenza sessuale, il gioco d’az-
dipendenza comportamentale, dob- zardo patologico, la dipendenza dal
biamo introdurre il concetto di compul- lavoro e la dipendenza da Internet.
sione. Il comportamento compulsivo è
un impulso a svolgere determinate
azioni ripetute nel tempo, con l’intento
di sperimentare gratificazione o di alle-
viare delle sensazioni negative.
Le dipendenze comportamentali sono,
quindi, dei comportamenti compulsivi
messi in atto alla ricerca di una “ricom-
pensa”, nonostante il soggetto sia consa-
pevole che tali azioni possano essere
causa di successive conseguenze nega-
tive.

Ma quali sono queste conseguenze nega-


tive? Innanzitutto, il soggetto che attua
tali comportamenti, a lungo andare, non
proverà più piacere. La gratificazione
sarà presente solo nelle fasi iniziali della
dipendenza per poi essere sostituita da
una compulsione incontrollabile.
Inoltre, tali comportamenti patologici
porteranno il dipendente a un’instabilità
emotiva con la sperimentazione di ansia,
rabbia e depressione.
Il disagio psicologico sarà avvertito
soprattutto nei momenti di astinenza
quando il soggetto ridurrà o interrom-
perà il comportamento.

4
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Che cos’è la dipendenza La dipendenza da Internet è una dipen- connotati altamente patologici quando Il controllo è dato dalla sensazione che
denza comportamentale costituita da l’utilizzo di Internet continua anche il soggetto sperimenta quando utilizza
da Internet? azioni compulsive e disfunzionali inerenti quando il soggetto è consapevole del suo Internet. Vi è un’illusione di poter con-
l’utilizzo di computer, smartphone, tablet comportamento e delle conseguenze trollare gli altri, le proprie emozioni e i
e ogni apparato strettamente collegato al negative fisiche, sociali e psicologiche, propri comportamenti.
vasto mondo di Internet. derivanti da esso. Successivamente la Spesso il dipendente usa delle frasi del
Il primo a classificare questa forma di ricercatrice Kimberly Young (1998) estese tipo “quando sono collegato mi sento
dipendenza fu Ivan Goldberg nel 1996, il termine dipendenza da Internet, intro- invincibile”, “quando sono su Internet mi
definendola Internet Addiction Disorder ducendo dei fattori che rendono il sento onnipotente”.
(IAD). Lo psichiatra con l’acronimo IAD mondo di Internet ancora più allettante e Infine l’eccitazione è data dagli effetti
indicava un comportamento maladattivo desiderabile per il dipendente. dell’utilizzo di Internet. Le numerose
nell’utilizzo di Internet, correlato a una Introdusse così il modello ACE, acronimo immagini, i suoni, i video porteranno i
compromissione o a un disagio clinica- di Accessibilità, Controllo ed Eccitazione. soggetti a sentirsi eccitati nel momento in
mente significativo in diversi aspetti di Per accessibilità si intende la facilità e la cui navigheranno. Accessibilità, controllo
vita del dipendente da Internet. velocità con cui un soggetto può soddi- ed eccitazione aumentano le probabilità
Tale dipendenza è costituita, secondo lo sfare i suoi bisogni virtuali, 24 ore su 24. che il soggetto ripeta nel tempo quel-
studioso, da un effetto di tolleranza. Oggi con uno smartphone, un computer l’azione, entrando così in un circolo
In questo caso per tolleranza si intende o un tablet è possibile collegarsi in qual- vizioso che trasformerà il comporta-
un bisogno incontrollato di utilizzare siasi momento e in qualsiasi luogo. mento da normale in patologico.
Internet per periodi di tempo sempre più
lunghi al fine di ottenere una gratifica- Dipendenza da Internet
zione.
La dipendenza da Internet, così come le
altre dipendenze, porta i soggetti a una
particolare sindrome di astinenza, che si
sperimenta nel momento in cui si riduce
o si elimina l’utilizzo di Internet.
Le conseguenze dell’astinenza possono
essere devastanti per il dipendente. Accessibilità
Oltre a un’estesa agitazione psicomotoria,
il dipendente da Internet può Controllo
provare sentimenti negativi quali ansia,
frustrazione e depressione.
Inoltre sono presenti continui pensieri
ossessivi e intrusivi, contornati da persi-
stenti fantasie e sogni a occhi aperti.
Questi aspetti causano nel soggetto un’in- Eccitazione
clinazione nelle sue relazioni sociali e
professionali.
La dipendenza da Internet assume dei Fig. 1

5
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Rispondi ora a delle semplici afferma- Esistono dei predittori che possono far sione, ansia, disturbo ossessivo-compul-
zioni per comprendere che rapporto hai suonare un campanello da allarme rela- sivo, fobia sociale, ADHD, altre forme di
con l’utilizzo di Internet inserendo un tivo all’utilizzo incontrollato di Internet. dipendenza (da sostanze, shopping
punteggio che va da uno a cinque Si tratta di eventi ed esperienze di vita compulsivo, gioco d’azzardo patologico,
seguendo questa scala di valori: che influenzano l’umore del soggetto. dipendenza sessuale), disturbi di perso-
nalità (maggiormente disturbo narcisi-
1 Mai
Questi eventi possono essere così stico, evitante e dipendente), bassa auto-
2 Raramente
sintetizzati: stima, bassa autoefficacia.
3 Qualche volta
• Problemi economici
4 Spesso
• Difficoltà scolastiche
5 Ogni volta
• Difficoltà nei rapporti sociali


(genitori, partner, amici)
Trascuro le altre attività per
• Difficoltà lavorative (problemi
passare sempre più tempo
con il capo, licenziamento ecc.)
su Internet
• Separazione


• Lutto
I miei genitori o il mio partner
• Cambiamenti di status (sociali,
si lamentano perché uso
sentimentali o lavorativi)
Internet per troppo tempo


Il mondo verrebbe percepito come
Quando sono su Internet mi
minaccioso e pericoloso e per questo il
sento molto eccitato/a
soggetto si rifugerebbe in Internet


attuando una vera e propria fuga dal
Mangio poco e/o dormo poco
mondo reale. Collegandosi avrebbe l’il-
per stare più tempo
lusione di trovarsi in un ambiente
collegato/a
potenzialmente non minaccioso e non


pericoloso, in cui può fare, dire e scri-
Internet mi fa stare bene e mi
vere quello che vuole.
allontana da tutti i problemi
della vita
La dipendenza da Internet riguarda


indifferentemente bambini, adolescenti
Ho tentato di ridurre l’utilizzo
e adulti. Tale psicopatologia ha diverse
di Internet ma non ci sono
comorbilità con altri disturbi e tratti di
riuscito/a
personalità. Per comorbilità si intende la
coesistenza di un disturbo, nel nostro
caso la dipendenza da Internet, con altre
patologie.
Nei soggetti che presentano una com-
pulsione incontrollata nell’utilizzo di
Internet spesso sono presenti: depres-

6
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Le diverse tipologie Abbiamo descritto cosa si intende per Tra queste la forma meno nota è l’infor- Che rapporto hai con la pornografia
dipendenza da Internet, ora scendiamo mation overload, sono invece più fre- online? Rispondi alle seguenti afferma-
di dipendenza nello specifico elencando e descrivendo quenti le altre tipologie annoverate. zioni inserendo un punteggio che va da
da Internet le diverse forme patologiche di utilizzo Adattando queste descrizioni al nostro uno a cinque seguendo questa scala di
della rete virtuale. contesto, potremmo parlare di dipen- valori:
denza cyber-sessuale, di gioco d’azzardo
1 Mai
Esistono cinque forme di dipendenza patologico online, di gaming e di dipen-
2 Raramente
da Internet (Young, 2004): denza da social network.
3 Qualche volta
• Cybersexual Addiction 4 Spesso
Dipendenza cyber-sessuale
La dipendenza cyber-sessuale, che 5 Ogni volta
La dipendenza da sesso online è sicura-
riguarda tutti quei soggetti che utiliz-


mente una delle dipendenze da Internet
zano compulsivamente Internet per Navigo da un sito all’altro alla
più comuni. Comprende diversi com-
entrare nei siti pornografici, per scari- ricerca continua di materiale
portamenti disfunzionali attuati in rete
care filmati a contenuto sessuale e per pornografico
come il reperire materiale pornografico,
coloro che frequentano chat erotiche.


navigare nei siti pornografici anche live,
Sto male quando non ho la
• Net compulsions azioni che possono svolgersi con o senza
possibilità di entrare nei siti
Comprende i comportamenti compul- atto masturbatorio. Questa sotto-forma
porno
sivi della rete virtuale, come lo shop- di cyber-sex addiction prende il nome di


ping compulsivo online e il gioco d’az- porno-dipendenza.
Sono molto eccitato/a all’idea
zardo patologico (gambling) online. I porno-dipendenti navigano continua-
di collegarmi ad Internet per
• Information overload mente alla ricerca di materiale porno-
entrare nei siti porno
Riguarda quei soggetti che in modo grafico, adottando per lo più un com-
incontrollato ricercano materiale portamento passivo, in quanto non
Sono dipendenti cyber-sessuali anche i
online e navigano continuamente e hanno interesse a instaurare una rela-
soggetti che frequentano compulsiva-
compulsivamente in Internet (web sur- zione con l’altro. La presenza o meno
mente le chat erotiche. In questo caso
fing). dell’atto masturbatorio è legata esclusi-
parliamo di dipendenti da sesso online
vamente alle immagini, alle fantasie e ai
• Cyber-relational Addiction che, a differenza dei porno-dipendenti,
sogni erotici del dipendente.
Riguarda quei soggetti che hanno delle utilizzano Internet attivamente per avere
relazioni all’interno della rete utiliz- delle relazioni virtuali a sfondo sessuale,
zando chat e social network. con un partner spesso occasionale.
Nella chat erotica si può comunicare
• Gaming attraverso il microfono e soprattutto
La dipendenza da gioco offline e/o possono essere utilizzate delle webcam
online, che comunque comprenda che permettono di avere un’esperienza
l’utilizzo di personal computer, tablet completa di sesso virtuale. Solitamente i
e smartphone. frequentatori compulsivi di queste chat
hanno necessità di entrare in contatto
con l’altro per provare piacere e gratifi-
cazione.
7
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Che rapporto hai con le chat erotiche? rispetto alla vita reale, ma anche la pos- fessionali per dedicare sempre più Il gioco d’azzardo patologico online
Rispondi alle seguenti affermazioni sibilità di accedere facilmente a diversi tempo al sesso online. Solitamente la La differenza sostanziale che esiste tra la
inserendo un punteggio che va da uno a siti e chat erotiche nello stesso relazione maggiormente compromessa è forma di gambling tradizionale e il gam-
cinque seguendo questa scala di valori: momento. L’evasione consente al dipen- quella sentimentale, con una diminu- bling online è ovviamente riscontrabile
dente di sfuggire dagli aspetti di vita che zione o con una totale scomparsa dei nell’utilizzo della rete virtuale.
1 Mai
lo affliggono per rifugiarsi in un rapporti sessuali con il proprio partner. Quindi parliamo di dipendenti da gioco
2 Raramente
ambiente che percepisce come non fru- Infine, sembra esserci una prevalenza che utilizzano gli apparati elettronici per
3 Qualche volta
strante. maschile nella frequentazione dei siti svolgere attività ludiche che prevedano
4 Spesso
Anonimato, convenienza ed evasione pornografici; probabilmente l’uomo una posta monetaria.
5 Ogni volta
aumentano le possibilità che quel com- preferisce navigare nei siti porno non


portamento sessuale diventi compulsivo solo per non entrare in contatto con Internet ha amplificato notevolmente
Ho un bisogno incontrollato
e patologico. l’altro, ma anche per vivere l’illusione di questo comportamento disfunzionale
di spogliarmi in chat per
conquistare il suo partner immaginato. che, nel tempo, continua ad avere una
essere visto/a
La dipendenza cyber-sessuale implica Al contrario, le chat erotiche sembrano crescita esponenziale. Anche in questo


una serie di conseguenze nella vita del avere una prevalenza femminile; le caso, la facilità d’accesso alla forma di
Entro nelle chat erotiche,
dipendente. Il soggetto con comporta- donne evidentemente hanno necessità gioco d’azzardo online ha reso incon-
perché solo lì tutto ha un
mento sessuale virtuale incontrollato di avere una relazione attiva per soddi- trollabile l’espansione di questo feno-
senso
tenderà a ridurre i rapporti sociali e pro- sfare i propri piacere sessuali virtuali. meno. È sufficiente pensare a quanti siti


esistono per effettuare scommesse spor-
Provo grande piacere nel
tive e per giocare nei casinò virtuali.
vedere il mio partner virtuale
Dipendenza cyber-sessuale Tutti possono farlo con diverse moda-
eccitato/a
lità, senza recarsi nelle ricevitorie e nelle
sale da gioco. Si possono utilizzare carte
La Young (1998) ha riadattato il modello
di credito, carte prepagate, bonifici, per
ACE precedentemente descritto, specifi-
questo il dipendente da gioco d’azzardo
catamente per la dipendenza cyber-ses-
online può giocare “senza limiti” sperpe-
suale. In questo caso ACE è l’acronimo
rando grandi quantità di denaro.
di Anonimato, Convenienza ed Eva-
Inoltre, attraverso il gambling online,
sione.
Anonimato il giocatore può rendersi “invisibile” per
L’anonimato garantisce all’utente online
nascondersi dagli altri, aspetto fonda-
la percezione di essere “non visibile” con
Convenienza mentale per chi probabilmente prova
la convinzione, a volte illusoria, di non
vergogna e imbarazzo per il suo com-
essere scoperti. Molto spesso per alcuni
portamento.
soggetti l’anonimato fa saltare qualsiasi
Un’altra caratteristica disfunzionale del
freno inibitorio, quindi la rete virtuale
gioco d’azzardo online è data dall’im-
assume dei connotati disinibenti.
mediatezza del gioco: spesso le scom-
Evasione messe online sono veloci, consentendo
La convenienza della rete virtuale ses-
al dipendente di sperimentare rapida-
suale non riguarda solo un aspetto eco-
mente gratificazione e di soddisfare i
nomico che spesso è ridotto o azzerato
Fig. 2 propri desideri.

8
istituto a.t. beck | modulo 1 | La dipendenza da Internet

Che rapporto hai con il gioco d’azzardo La nomofobia Ci sono diversi comportamenti che
online? Rispondi alle seguenti afferma- La nomofobia (nomo abbreviazione di solitamente il dipendente da smar-
zioni inserendo un punteggio che va da no-mobile) è un nuovo termine utiliz- tphone mette in atto e possono essere
uno a cinque seguendo questa scala di zato per categorizzare quei soggetti che così riassunti:
valori: sperimentano emozioni negative, quali • Guardare continuamente il telefonino
ansia, tristezza e rabbia quando non per vedere se sono arrivati messaggi
1 Mai
sono connessi con il proprio smar- o chiamate
2 Raramente
tphone. In altre parole, la nomofobia è • Portare lo smartphone sempre con sé,
3 Qualche volta
una vera e propria sindrome da discon- anche quando si va a dormire
4 Spesso
nessione. • Provare ansia e rabbia se il cellulare
5 Ogni volta
Per quanto sia un fenomeno molto è scarico, non prende o non riesce


recente, la continua evoluzione degli a collegarsi ad Internet
Provo a smettere di giocare
smartphone ha portato diversi studiosi • Portare con sé e ovunque il carica
d’azzardo online, ma con
a interessarsi alla nomofobia. batteria
scarsi risultati
• Avere più smartphone a disposizione


Alcune ricerche (King et al., 2010, 2013; • Avere sempre credito
Non vado a scuola, all’univer-
Bahl & De Iuliis, 2015) hanno eviden-
sità o al lavoro per giocare
ziato come molti soggetti manifestino Che rapporto hai con il tuo smar-
d’azzardo nella rete virtuale
ansia e rabbia quando lo smartphone è tphone? Rispondi alle seguenti afferma-


scarico, quando si spegne, quando non zioni inserendo un punteggio che va
I miei familiari si lamentano
prende o quando non riesce a collegarsi da uno a cinque seguendo questa scala
per il tempo che passo a gio-
ad Internet. Per altro, alcune applica- di valori:
care d’azzardo online
zioni messaggistiche, come ad esempio
1 Mai
WhatsApp, hanno reso negli ultimi anni
2 Raramente
ancora più appetibile l’utilizzo dei tele-
3 Qualche volta
foni cellulari.
4 Spesso
5 Ogni volta

Ho un desiderio incontrollato
di guardare continuamente il
mio smartphone

Provo emozioni spiacevoli se
il mio smartphone non
prende

Mi sento male al pensiero che
il mio cellulare si scaricherà e
si spegnerà

9
istituto a.t. beck

Modulo 2 Che cos’è la dipendenza Non esiste una dipendenza da Internet


esclusiva per i bambini e gli adolescenti.
da Internet in infanzia
La dipendenza e in adolescenza?
Il gioco d’azzardo patologico online,
la dipendenza cyber-sessuale, la nomo-
da Internet fobia, la dipendenza da social network
e il gaming possono riguardare indistin-
in infanzia tamente ragazzi e adulti.
Abbiamo preferito, però, dedicare un
e in adolescenza intero spazio ai bambini e agli adole-
scenti, in quanto sono utenti nati e cre-
sciuti in un mondo virtuale e potenzial-
mente più a rischio.
Che cos’è la dipendenza da Internet
in infanzia e in adolescenza
Gli adolescenti creano e alimentano
Gaming le loro relazioni sui social network;
Dipendenza da social network gli adolescenti e i bambini adorano i
videogiochi e spesso si rifugiano in essi.
Il ritiro sociale Inoltre ci sono dei fenomeni stretta-
Trauma e dipendenza da Internet mente collegati alla rete virtuale, come
il ritiro sociale o il cyberbullismo, che
Il cyberbullismo colpiscono soprattutto i ragazzi di oggi.
Di seguito, affronteremo queste tema-
tiche.

10
istituto a.t. beck | modulo 2 | La dipendenza da Internet in infanzia e in adolescenza

Gaming Il gaming, ovvero la dipendenza da aggressività a tal punto che, negli ultimi mondo reale con quello virtuale con
videogioco online e/o offline, è un feno- anni, i governi di molti paesi hanno limitazioni devastanti in tutte le forme
meno sempre più esteso che colpisce in limitato la vendita di questi videogiochi di relazioni interpersonali. Immagi-
modo particolare i giovani. Le espe- in base all’età dell’utente. niamo, per altro, che anche in questo
rienze di gioco sono innumerevoli e I dipendenti tipo di questa prima cate- caso l’utente principale di questi video-
sono disponibili per tutti gli apparati goria di videogiochi sono solitamente i giochi è l’adolescente che, condizionato
elettronici (computer, console, tablet e bambini e gli adolescenti che hanno dalla sua esperienza di gioco, svilupperà
smartphone), anche in versione multi- scarsa capacità di fronteggiare eventi un’identità totalmente alterata.
player, cioè con il coinvolgimento di stressanti e grandi difficoltà nella
altri utenti della rete virtuale. gestione della rabbia. Questi utenti uti-
Inoltre, per i computer e per le console, lizzano il videogioco per evadere dai I campanelli d’allarme della
è disponibile la Virtual Reality (VR) che conflitti relazionali con i genitori, inse- dipendenza da videogiochi.
immerge interamente l’utente in un gnanti e soprattutto coetanei, conside- Come i genitori possono
mondo virtuale sempre più realistico e rando il videogioco l’unica modalità comprendere se i propri figli
sempre più alienante. possibile per disinnescare la propria sono dipendenti dai videogiochi
Se consideriamo il contenuto patologico aggressività, rabbia e frustrazione. • Abuso nella quantità di tempo
dei videogiochi, possiamo suddividerli dedicata al videogioco
in due grandi categorie: Sparatutto e L’altra tipologia di videogiochi sono
• Il videogioco porta l’utente
Picchiaduro da una parte, MMPORG gli MMPORG (Massively Multiplayer
a un totale assorbimento,
dall’altra. Online Role-Playing Game), dei giochi
con lunghi tempi di esperienza
di ruolo per computer e console che
di gioco privi di pause
Gli Sparatutto sono dei giochi in cui danno la possibilità, praticamente irri-
l’obiettivo principale è quello di sparare nunciabile, di giocare online con • La quantità di tempo utilizzata
e uccidere il nemico con diverse armi. migliaia di utenti allo stesso momento. per il videogioco cresce in modo
Posso giocare in prima persona, quindi In questo caso, è molto comune l’am- esponenziale, limitando altre atti-
vedere il mondo virtuale con gli occhi bientazione fantasy, nella quale solita- vità come i compiti o lo sport
del protagonista del gioco, oppure in mente si sviluppa un conflitto tra le • Il videogioco solitamente sosti-
terza persona. Lo scopo è quello di ucci- forze del bene e quelle del male. tuisce qualsiasi tipo di relazione
dere più nemici possibili per andare Uno degli obiettivi dell’utente, forse il
avanti nell’esperienza di gioco. principale, è quello di creare un avatar e • L’irritabilità dell’utente aumenta
coltivare l’accrescimento di questo. se gli si chiede di interrompere
Un’altra tipologia di videogiochi, simile L’avatar è l’immagine scelta dall’utente il videogioco
per contenuti emotivi ai precedenti, all’interno del mondo virtuale.
sono i Picchiaduro. In questo caso, Un’altra peculiarità di questi video-
l’obiettivo principale è quello di affron- giochi è che il più delle volte sono degli
tare i nemici in diverse modalità di lotta, endless games, cioè dei giochi potenzial-
utilizzando le mani, le gambe o delle mente infiniti.
armi da contatto. La conseguenza patologica degli
Sono entrambi tipologie di videogames MMPORG è che il dipendente, a lungo
con un alto contenuto di violenza e andare, sostituisce completamente il

11
istituto a.t. beck | modulo 2 | La dipendenza da Internet in infanzia e in adolescenza

Che rapporto hai con i videogiochi? Dipendenza I social network (SN) permettono rapi- Il comportamento diventa patologico,
Rispondi alle seguenti affermazioni damente di creare connessioni e rela- però, quando la propria identità si tra-
inserendo un punteggio che va da uno a da social network zioni all’interno di uno spazio virtuale. sforma in un’identità virtuale completa-
cinque seguendo questa scala di valori: Esistono diversi social network, tra i più mente artefatta e dissociata dal mondo
noti in Italia annoveriamo Facebook, esterno. Peraltro, a peggiorare il quadro,
1 Mai
Instagram e Snapchat. contribuiscono gli SN che utilizzano
2 Raramente
I tre social network indicati hanno una comunicazione esclusivamente
3 Qualche volta
diverse caratteristiche e spesso gli utenti indiretta attraverso la pubblicazione di
4 Spesso
della rete si ritrovano a utilizzarli tutti: immagini e foto (tipo Instagram), elimi-
5 Ogni volta
con Facebook si possono scrivere testi, nando ogni forma diretta di relazione


pubblicare video e foto, comunicare in sociale e generando dei profili, a volte
Quando gioco online mi
chat. Sono molto simili, invece, Insta- patologici, di “estroversione” e “introver-
sento unico/a e ho una strana
gram e Snapchat, entrambi utilizzati su sione”.
sensazione di controllo
smartphone e tablet, consentono di scat-


tare, modificare e inviare foto per poi L’estroverso pubblica foto, selfie, imma-
Quando sono altrove penso
pubblicarle. gini, con l’obiettivo di esibirsi, di ricer-
continuamente e ossessiva-
care attenzione; l’unica cosa che conta è
mente al mio videogioco
Le caratteristiche intrinseche dei social aumentare il numero di contatti, rice-


network attraggono principalmente un vere più like (mi piace) possibili.
Sento di poter scaricare nel
pubblico giovanile. L’adolescente, che Tutto questo a lungo andare può diven-
videogioco tutte le mie emo-
costruisce la propria identità, ha fame di tare un’ossessione.
zioni negative
relazioni e oggi il web gli permette velo- L’introverso patologico, invece, si iscrive
cemente di entrare in contatto con a questi SN, ma assume un comporta-
l’altro attraverso diverse modalità dirette mento passivo, non pubblica foto, né
e indirette. immagini, probabilmente perché si
Quando, però, un utente diventa dipen- sente inadeguato, però osserva gli altri,
dente? Quando la relazione all’interno sperimentando così frustrazione, rabbia
degli SN diventa esclusiva e assume con- e invidia.
notati di compulsione e incontrollabi-
lità, quando il soggetto, lentamente, si
allontana dalle altre forme relazionali.
Ragazzi che a casa, a scuola e con i pari
hanno difficoltà, si sentono inadeguati,
incerti, inefficaci, si rifugiano nei social
network per proteggersi e per creare
relazioni che riescono a gestire.

12
istituto a.t. beck | modulo 2 | La dipendenza da Internet in infanzia e in adolescenza

Che rapporto hai con i social network? Il ritiro sociale Hikikomori, che significa letteralmente denza da Internet e ritiro sociale.
Rispondi alle seguenti affermazioni “stare in disparte”, è un termine giappo- Le esperienze sociali e relazionali del
inserendo un punteggio che va da uno a nese utilizzato per indicare quei soggetti mondo esterno sono conflittuali, disa-
cinque seguendo questa scala di valori: che hanno deciso di ritirarsi dalle rela- gianti, frustranti e innescano in questi
zioni sociali. ragazzi rabbia, inadeguatezza e ver-
1. Mai
Il fenomeno in Giappone è in continua gogna. Queste esperienze diventano
2. Raramente
espansione e diventa sempre più patolo- intollerabili e per questo l’adolescente si
3. Qualche volta
gico, al punto che gli esperti in materia rifugia in casa e sviluppa un comporta-
4. Spesso
hanno sviluppato dei criteri specifici, mento patologico legato a Internet.
5. Ogni volta
approvati dalla comunità psichiatrica, Il mondo virtuale non è solo un posto


per diagnosticare potenziali Hikiko- sicuro, in cui sentirsi protetto, ma è
Sono talmente immerso/a
mori. anche un ambiente gratificante e foriero
nel social network, da non
Tali criteri sono: rimanere confinati in di aggressività e paura.
rendermi conto del tempo
casa per tutta o la maggior parte della A questo punto Internet diventa un
che passa
giornata; evidente e persistente fuga oggetto onnipotente, così come l’eroina


dalle relazioni sociali; il ritiro sociale per il tossicodipendente, così come l’al-
Preferisco stare con i miei
deve essere per almeno sei mesi; non cool per l’alcoolizzato, un oggetto che
amici del social network,
devono coesistere altre malattie psichia- conferisce potere illusorio a chi lo uti-
piuttosto che uscire e fare
triche. In alcuni casi, il ritiro sociale è lizza con la convinzione che attraverso
altro
talmente patologico che il soggetto si questo strumento potrà provare piacere,


confina nella sua stanza, uscendo da non sentire rabbia e sperimentare con-
Riesco a essere me stesso/a
questa solo per mangiare e per altri trollo. Allo stesso tempo l’oggetto
solo all’interno del social
bisogni fisiologici. “Internet” aliena questi soggetti dal
network
Il fenomeno degli Hikikomori è note- mondo esterno portandoli a una vera e
volmente cresciuto negli ultimi anni con propria fuga dalla realtà.
l’evoluzione di Internet; un soggetto
può entrare nel proprio mondo virtuale,
in cui può relazionarsi, giocare e diver-
tirsi senza avvertire più la necessità di
uscire di casa. Alla luce di quello che
abbiamo scritto finora, è facile immagi-
nare che questa condizione colpisca
soprattutto gli adolescenti.

E nel resto del mondo? Il fenomeno


degli Hikikomori non è più confinato
al solo Giappone, ma si è esteso anche in
Italia e nel resto del mondo.
Anche nel nostro paese c’è una stretta
corrispondenza tra adolescenza, dipen-

13
istituto a.t. beck | modulo 2 | La dipendenza da Internet in infanzia e in adolescenza

Trauma e dipendenza Il trauma può essere definito come la minaccioso per il successivo sviluppo di
conseguenza all’esposizione di un una dipendenza da sostanze, da alcool,
da Internet evento doloroso, ingestibile, a volte da gioco d’azzardo e dal sesso.
imprevedibile, tale da generare nel sog-
getto che lo subisce, un’interruzione o Negli ultimi anni alcuni ricercatori
un danno alla propria integrità fisica e (Dalbudak et al., 2014; Rafla et al., 2014)
mentale. L’evento critico al quale è hanno dimostrato che esiste una corre-
esposto l’individuo viene definito lazione tra esperienza traumatica e l’uti-
evento traumatico. Le esperienze poten- lizzo patologico di Internet, indicando il
zialmente traumatiche possono essere trauma infantile come fattore scatenante
diverse, tra queste indichiamo: la vio- e precipitante nello sviluppo di una
lenza verbale, fisica e psicologica, dipendenza da Internet in infanzia e in
l’abuso sessuale, la trascuratezza emo- adolescenza.
tiva, le malattie, il lutto, il bullismo Le vittime di un evento traumatico
(cyberbullismo), gli incidenti, l’esposi- potrebbero utilizzare comportamenti
zione a delle catastrofi naturali, l’esposi- incontrollati e patologici dell’utilizzo del
zione a guerre, gli attacchi terroristici, web, per auto-medicarsi dal “dolore”
le torture ecc. A volte le vittime di un costantemente procurato dalla condi-
evento traumatico sviluppano una vera zione traumatica. In altri casi, Internet,
e propria sindrome clinica chiamata invece di costituire la “cura”, per alcuni
Disturbo Post-Traumatico da Stress soggetti, può diventare la causa inne-
(DPTS o PTSD) come conseguenza di scante un evento traumatico.
una grave sofferenza fisica, emotiva e Pensiamo, ad esempio, a tutti i compor-
psicologica. tamenti di cyberbullismo e le molestie
L’evento può diventare potenzialmente perpetrate nel mondo virtuale.
traumatico a tutte le età e riguardare,
quindi, giovani e adulti. Alcuni studi sottolineano la rilevanza di
Ci sono però alcune esperienze (trascu- un’esperienza traumatica nel successivo
ratezza emotiva, violenza o testimoni di sviluppo di una dipendenza da gioco
violenza, abuso, bullismo ecc.) che, se d’azzardo online e di una dipendenza
vissute in infanzia o adolescenza, pos- cyber-sessuale. Blaszczynski e Nower
sono avere un impatto sconvolgente tale (2002) definiscono “giocatori d’azzardo
da costituire una minaccia per lo svi- emotivamente vulnerabili” i soggetti
luppo emotivo e psicologico del bam- precedentemente esposti a un evento
bino e per la costruzione d’identità traumatico; altri studi, invece, indicano
dell’adolescente. le vittime di abuso sessuale infantile
In letteratura esistono diverse ricerche come soggetti potenzialmente a rischio
che evidenziano uno stretto legame tra di sviluppare comportamenti disfunzio-
trauma e dipendenza. Molti studi indi- nali legati al sesso.
cano il trauma come potenzialmente

14
istituto a.t. beck | modulo 2 | La dipendenza da Internet in infanzia e in adolescenza

Il cyberbullismo Prima di discutere di cyberbullismo, è lizzato per indicare tutti gli episodi di
I campanelli d’allarme
necessario definire brevemente il bul- bullismo che si perpetrano nella rete vir-
lismo. Per bullismo si intende un com- tuale, attraverso l’utilizzo di personal del cyberbullismo.
portamento sociale, aggressivo e vio- computer, tablet e smartphone. Come i genitori possono
lento perpetrato nei confronti di In questo caso il bullismo non è fisico, comprendere se i propri figli sono
soggetti percepiti come più deboli e ma verbale e psicologico. Il bullo utilizza vittime di atti di bullismo
indifesi. Per definire il bullismo è fonda- le chat, i social network, le applicazioni e cyberbullismo
mentale che questi comportamenti messaggistiche, le foto e i video per • Sono presenti, sempre più
siano intenzionali e si ripetano nel molestare, minacciare, diffamare e umi- frequentemente, emozioni
tempo. liare la vittima. negative quali ansia e depressione
Esistono alcuni ruoli ben delineati
che caratterizzano il bullismo: Internet può essere un detonatore molto • C’è un evitamento o un rifiuto
• Il bullo: colui che mette in atto potente in mano al bullo, difficile da di andare scuola o di frequentare
il comportamento disinnescare. L’ambiente virtuale viene luoghi ricreativi
• La vittima: colui che lo subisce percepito come distante e per questo • Disturbi del sonno e/o
• Il complice o gregario: colui che innocuo, il bullo ha quindi più difficoltà dell’alimentazione
solitamente sostiene il bullo, a riconoscere la responsabilità dei propri
caricandolo, e alimentando così comportamenti. Molto spesso nella rete • Emozioni negative più intense
la possibilità che quel virtuale è garantito l’anonimato, per- quando entra a contatto con
comportamento si ripeta tanto chi vuole mettere in atto compor- computer o smartphone
tamenti vessatori e minacciosi può farlo • Difficoltà nel rendimento
Il bullismo è un fenomeno che riguarda senza il timore di essere scoperto. scolastico
maggiormente l’infanzia e l’adolescenza.
Sono diverse le modalità con le quali un Nella rete non esistono confini, limiti e
comportamento provocatorio e violento filtri, dunque per la vittima le conse-
può essere messo in atto: il bullismo guenze possono essere devastanti.
fisico, in cui c’è un contatto violento tra Un bullo può pubblicare foto o video e
il bullo e la vittima. renderli virali, per questo nel mondo
virtuale i complici del bullo possono
Il bullismo verbale, in cui il bullo uti- essere infiniti. A questo punto per la vit-
lizza parole e frasi per offendere, minac- tima le vie di fuga sembrano restringersi
ciare e umiliare la vittima. e in alcuni casi scomparire.
Il bullismo psicologico è una forma
comportamentale indiretta, in cui il
bullo solitamente cerca di escludere la
vittima dal gruppo dei pari, raccon-
tando possibilmente false notizie sul suo
conto.
Tra queste forme annoveriamo il cyber-
bullismo, cioè un termine generico uti-

15
istituto a.t. beck

Modulo 3 Gli approcci psicoterapeutici utilizzati


per il trattamento delle dipendenze da
La psicoterapia Nel modello cognitivo-comportamen-
tale per le dipendenze da Internet
cognitivo-comportamentale (Davis, 2001) si ipotizza che il ritiro
Il trattamento Internet sono simili a quelli usati per le
altre dipendenze da sostanze e dipen- sociale e alcuni disturbi dell’umore,
delle dipendenze denze comportamentali.
La differenza sostanziale riguarda
siano la causa di comportamenti relativi
all’utilizzo patologico di Internet.
da Internet l’intervento sull’astinenza del soggetto.
In questo caso, infatti, il dipendente non
In altre parole, l’isolamento sociale e la
depressione predispongono il soggetto
dovrà evitare ogni comportamento rela- ad attuare comportamenti disfunzionali
tivo all’uso di Internet, in quanto questo nell’utilizzo della rete che, a catena,
La psicoterapia
è in ogni ambiente e fa parte della vita generano ulteriori conseguenze nega-
cognitivo-comportamentale
di tutti noi. tive.
Prevenzione delle ricadute: L’obiettivo sarà quello di contenere le Il soggetto svilupperebbe così senso di
La Mindfulness Based Relapse ore di connessione e di ristrutturare le preoccupazione contornato da pensieri
Prevention (MBRP) idee pervasive e i comportamenti intrusivi e ossessivi come “non riesco a
disfunzionali del dipendente da smettere di pensare ad Internet” o “devo
Internet. collegarmi altrimenti sto male” che lo
Lo scopo finale sarà quello di riavvici- porterebbero a medio-lungo termine a
nare gradualmente il soggetto a una rete compromettere gran parte delle proprie
sociale, che probabilmente aveva evitato relazioni interpersonali.
per molto tempo. Inoltre, il modello cognitivo-comporta-
Tra gli approcci psicoterapeutici più mentale ipotizza nei dipendenti da
efficaci indichiamo la psicoterapia Internet un deficit di auto-monitoraggio
cognitivo-comportamentale e i gruppi consistente nell’incapacità di monito-
di supporto. rare adeguatamente le proprie emozioni,
sensazioni corporee e comportamenti
relativi all’uso della rete.

La letteratura internazionale indica la


Terapia Cognitivo-Comportamentale
(TCC) come uno degli approcci più effi-
caci per il trattamento della dipendenza
da Internet. Il protocollo TCC dei
“12 passi” ideato da Kimberly Young
(2011) è particolarmente indicato per
questa dipendenza, in quanto è proget-
tato ad hoc per ogni singolo paziente
con l’obiettivo di modificare il compor-
tamento disfunzionale correlato all’uti-
lizzo di Internet.

16
istituto a.t. beck | modulo 3 | Il trattamento delle dipendenze da Internet

Nella fase iniziale del protocollo dei “12 Quante ore trascorri al giorno sul tuo • Prima del collegamento a Internet Le carte promemoria
passi” sarà necessario aumentare la con- computer o sul tuo smartphone? mi sento Consiste in una tecnica concreta per
sapevolezza del soggetto relativa al suo limitare l’utilizzo di Internet.
comportamento-problema. Con l’aiuto Ore di connessione Si chiederà al paziente di fare delle
dello psicoterapeuta sarà fondamentale schede promemoria in cui dovrà indi-
Social network
comprendere quali attività sono state care 5 vantaggi principali derivati dalla
abbandonate a causa dell’uso patologico • Durante il collegamento a Internet limitazione della connessione al web e 5
Gaming mi sento
di Internet. svantaggi principali causati dall’ecces-
sivo utilizzo di Internet.
Gioco d’azzardo online
Indica qui sotto quali attività hai trascu- Il soggetto dovrà portare sempre con sé
rato negli ultimi mesi a causa dell’ecces- queste carte promemoria, che potrà leg-
sivo utilizzo di Internet: Sesso online gere ogni volta che avvertirà la tenta-
• Dopo il collegamento a Internet
mi sento zione al collegamento, così valutando
Sarà fondamentale valutare l’utilizzo di cosa si potrà evitare e cosa si potrà fare
Attività trascurate sostanze stimolanti (droghe, tabacco, per stare bene.
1 caffè ecc.) da parte del soggetto per Stabilire delle regole
aumentare la quantità di tempo da dedi- Consiste nell’utilizzare dei riferimenti,
care alle attività online. Nel protocollo TCC vengono utilizzate
alcune tecniche per consentire al stabiliti con il terapeuta, per interrom-
Questo può portare ad un’alterazione
2 del ciclo del sonno e a una conseguente paziente di gestire in modo funzionale il pere l’abitudine disfunzionale.
suo tempo e per allontanarlo dalle sue Se, ad esempio, il soggetto solitamente si
esacerbazione delle relazioni con i corica alle 23:00 e rimane collegato a
propri familiari, nella professione, con abitudini virtuali. Di seguito alcune di
3 queste: Internet fino a pochi minuti prima, si
gli amici e con il partner. deciderà di interrompere il collega-
Con l’aiuto dello psicoterapeuta sarà La pratica dell’opposto mento alle 22:00. In questo caso sarà
importante riconoscere come e perché Consiste nel ricercare i comportamenti necessario impostare una sveglia in
4 il comportamento si innesca. disfunzionali legati all’utilizzo della rete quanto il soggetto dipendente da
Comprendere come ci si sente prima, e praticare l’opposto. Ad esempio, se Internet è spesso immerso nelle sue atti-
durante e dopo il collegamento online solitamente il soggetto utilizza per il col- vità virtuali, perdendo così il controllo
5 è necessario per capire cosa si sta evi- legamento la propria camera, provare a del tempo.
tando e cosa si vuole provare attraverso spostarsi in un’altra stanza per attuare il
l’utilizzo di Internet. collegamento.
Può essere utile annotare le sensazioni Se il soggetto utilizza Internet soprat-
Un altro passo importante sarà quello di e le emozioni che si sperimentano tutto nel fine settimana e nei giorni
valutare la quantità di tempo dedicata in queste fasi. festivi, si può provare ad usarlo nei
ad Internet. Diminuire le ore di connes- giorni feriali. Se il soggetto si collega la
sione sarà senza dubbio uno degli obiet- sera, sarà consigliabile utilizzare Internet
tivi principali del percorso psicoterapeu- al mattino. Queste strategie sono neces-
tico. sarie per il decondizionamento del com-
portamento problematico del dipen-
dente da Internet.
17
istituto a.t. beck | modulo 3 | Il trattamento delle dipendenze da Internet

In alcuni casi, i dipendenti da Internet • Perdita di interesse Prevenzione “La Mindfulness è una tecnica medita-
non riescono a riconoscere il proprio Frequentemente i dipendenti da tiva volta a prestare attenzione al pre-
comportamento come problematico, Internet limitano o eliminano qualsiasi delle ricadute: sente in modo intenzionale e non giudi-
altri addirittura lo negano. altra attività offline. La Mindfulness Based cante”. È questa la definizione di Jon
Per questo il sostegno del partner e dei Perdita di interesse nel sesso con il par- Kabat-Zinn (1994), il pioniere e tra i
familiari è assolutamente necessario. tner, perdita di interesse di hobbies Relapse Prevention maggiori esponenti di questa pratica
La Young propone, nel suo protocollo, precedentemente costanti, diminu- (MBRP) meditativa, ormai diffusa e utilizzata in
dei segnali utili ai familiari per ricono- zione del tempo dedicato alla profes- tutto il mondo occidentale.
scere la dipendenza da Internet del pro- sione, allo sport ecc.
prio caro: In cosa consiste la Mindfulness?
La Mindfulness è una forma meditativa
• Alterazione del ciclo sonno-veglia Il protocollo dei 12 passi prevede,
che richiede disciplina e pratica nel
e alterazione del comportamento inoltre, delle strategie per identificare
tempo. L’obiettivo sarà quello di porre
alimentare eventuali processi di negazione del pro-
attenzione in modo consapevole e non
I soggetti che utilizzano in modo blema da parte dei dipendenti da
giudicante ai propri pensieri, alle pro-
incontrollato Internet, solitamente Internet. Questi soggetti solitamente
prie sensazioni corporee e alle proprie
alterano le proprie abitudini del sonno alzano un muro tra loro e i propri fami-
emozioni. Tutto questo avverrà inte-
e dell’alimentazione. I dipendenti da liari, utilizzando frasi del tipo “smetto
grando una pratica strutturata a esercizi
Internet rimangono svegli sempre più quando voglio”, “non ho nessun pro-
di esplorazione del corpo e meditazione
a lungo, mangiando spesso davanti allo blema”, “lasciami stare, non sto facendo
del respiro come l’hatha yoga, body
schermo virtuale o saltando i pasti. male a nessuno”.
scan, sitting meditation e walking medi-
A volte i dipendenti da Internet tendono
• Ricerca di privacy e intimità tation.
a sottovalutare i propri comportamenti,
Solitamente i dipendenti da Internet Diversi studi e ricerche hanno confer-
minimizzando sulla quantità di tempo
considerano la rete come il loro “posto mato l’efficacia della Mindfulness nella
trascorso in Internet e sulle spese effet-
sicuro” e tendono a escludere gli altri. gestione dello stress e nella riduzione di
tuate nei diversi siti.
Ad esempio, i giocatori d’azzardo patologie legate allo stress, nel sollievo
In altri casi, i dipendenti dal web ten-
online vorranno privacy per nascon- di sintomi fisici di diverse malattie orga-
dono a giustificarsi o a dare la colpa agli
dere quanto stanno spendendo. niche e, più in generale, nel migliora-
altri utilizzando frasi del tipo “sono
I dipendenti da cyber-sex ricerche- mento e nella modificazione degli
troppo stressato”, “è solo colpa tua”,
ranno intimità per nascondere aspetti maladattivi di un soggetto legati
“mi sto solo divertendo un po'”.
un’eventuale relazione online. ai propri pensieri, emozioni e compor-
Il protocollo dei 12 passi sarà necessario
• Cambiamento dell’umore tamenti.
anche per prevenire eventuali ricadute.
Molto spesso chi utilizza eccessiva- Per questo sarà possibile organizzare dei
mente Internet sperimenta un’altera- La Mindfulness Based Relapse Preven-
gruppi di supporto per aiutare il dipen-
zione del proprio umore con vere e tion (MBRP) è un protocollo Mindful-
dente da Internet a migliorare le rela-
proprie oscillazioni emotive dipen- ness specifico per la prevenzione delle
zioni sociali, allontanando così il rischio
dente essenzialmente dalle conse- ricadute delle dipendenze da sostanze e
di ricaduta.
guenze positive o negative delle attività comportamentali (Witkiewitz et al.,
virtuali. 2005). La MBRP è strutturata come un
protocollo di integrazione delle pratiche

18
istituto a.t. beck | modulo 3 | Il trattamento delle dipendenze da Internet

meditative orientali con i principi della


psicoterapia cognitivo-comportamen-
uscire da questi e allontanarsi dai com-
portamenti patologici.
3. 6.
tale applicati alla dipendenza. Il protocollo Mindfulness Based Relapse La Mindfulness nella vita quotidiana Vedere i pensieri come pensieri
Prevention si divide in 8 incontri a Comprendere come la Mindfulness può L’obiettivo sarà quello di comprendere
La Mindfulness Based Relapse cadenza settimanale, ognuno con una aiutarci a disinnescare il pilota automa- che i pensieri non sono fatti, realtà asso-
Prevention agisce su questi aspetti: durata di due ore circa. tico. Lo scopo sarà quello di portare la lute ma solo delle ipotesi, degli schemi
Di seguito, gli argomenti di ogni consapevolezza nella vita di tutti i mentali, ai quali possiamo decidere di
• Stress giorni. credere oppure no.
incontro:

1. 4.
• Emozioni negative In questo incontro, inoltre, si analizzano
quali pensieri si attivano nel momento
• Comportamento patologico di ricerca in cui si utilizza Internet in modo
di piacere derivante dall’utilizzo di Pilota automatico e ricaduta La Mindfulness nei comportamenti
incontrollato.
Internet ad alto rischio

7.
L’obiettivo sarà quello di comprendere
perché si agisce con il “pilota automa- È un passaggio fondamentale del pro-
Il programma MBRP si svolge in gruppo tico”, vale a dire con un comportamento gramma MBRP. L’obiettivo sarà quello
e consente al praticante di entrare in senza consapevolezza. L’automatismo di insegnare al soggetto come utilizzare Cura di sé stessi e stile di vita
contatto con la sua esperienza attuale. spesso ci porta a compiere una serie di la Mindfulness nelle azioni potenzial- equilibrato
Il soggetto che pratica Mindfulness pro- azioni senza rendercene conto. Questo è mente rischiose, quelle che solitamente In questa sessione, si esaminerà lo stile
verà sensazioni positive e negative ma uno dei primi meccanismi responsabili attivano il processo di dipendenza da di vita attuale del soggetto, per com-
l’obiettivo sarà quello di riportarlo che ci spingono alla ricerca di gratifica- Internet. prendere cosa può essere dannoso e ad

5.
sempre nel presente. zione attraverso un comportamento alto rischio. L’obiettivo sarà quello di
Il dipendente da Internet affronterà il disfunzionale come l’utilizzo incontrol- costruire un piano d’azione mirato alla
proprio disagio senza sfuggire da questo; lato e patologico cura del proprio corpo e della propria
Accettazione e comportamento
imparerà a gestire le proprie emozioni e di Internet. mente.
efficace

2. 8.
i propri impulsi che spesso lo portano a
“Presta attenzione al presente”.
giocare d’azzardo online, a fare sesso
È questo l’insegnamento principale della
online, ad entrare compulsivamente nei
Consapevolezza degli eventi che quinta sessione. Molto spesso, non si Supporto sociale e pratica continua
social network. Lo scopo sarà quello di
innescano la dipendenza da Internet possono controllare alcune emozioni In questo incontro verranno discusse
guardare alla ricaduta, senza giudicarla e
L’obiettivo sarà quello di aumentare la quali ansia, rabbia e tristezza. È più nuovamente le pratiche precedenti,
criticarla, ma di affrontarla come se
consapevolezza degli eventi scatenanti la opportuno accettare questi momenti, per comprendere, una volta terminato il
fosse un’opportunità di cambiamento.
dipendenza da Internet. Comprendere adottando così un’azione più efficace. programma MBRP, come sarà fonda-
Probabilmente la ricaduta viene elabo-
quali esperienze di vita innescano pen- mentale attuare una pratica continua.
rata come una sconfitta e un fallimento
sieri, emozioni e comportamenti disfun- Inoltre, si discuterà dell’importanza
spesso condito da pensieri generaliz-
zionali. di una rete di supporto sociale.
zanti. Fallire non significa “io sono un
fallito” ma può significare “ho fallito, ma
posso farcela”. Quindi il protocollo
MBRP sarà necessario per far compren-
dere al soggetto gli schemi che lo legano
alla dipendenza, con la possibilità di

19
istituto a.t. beck

Bibliografia Bahl, R. R., & DeIuliis, D. (2015). King, A. L. S., Valença, A. M., Silva, A. C. Young, K. S. (2011). CBT-IA: the first tre-
Nomophobia. In Encyclopedia of Mobile O., Baczynski, T., Carvalho, M. R., & atment model for Internet addiction.
Phone Behavior (pp. 745-754). IGI Nardi, A. E. (2013). Nomophobia: Depen- Journal of Cognitive Psychotherapy,
Global. dency on virtual environments or social 25(4), 304-312.
phobia?. Computers in Human Beha-
Blaszczynski, A., & Nower, L. (2002). vior, 29(1), 140-144.
A pathways model of problem and patho-
logical gambling. Addiction, 97(5), 487- Prensky, M. (2001). Digital natives,
499 digital immigrants part 1. On the
horizon, 9(5), 1-6.
Dalbudak, E., Evren, C., Aldemir, S., &
Evren, B. (2014). The severity of Internet Rafla, M., Carson, N. J., & DeJong, S. M.
addiction risk and its relationship with (2014). Adolescents and the Internet: what
the severity of borderline personality fea- mental health clinicians need to know.
tures, childhood traumas, dissociative Current psychiatry reports, 16(9), 472.
experiences, depression and anxiety sym-
ptoms among Turkish university students. Tonioni, F. (2013). Psicopatologia web-
Psychiatry research, 219(3), 577-582. mediata. In Psicopatologia web-mediata
(pp. 141-169). Springer Milan.
Davis, R. A. (2001). A cognitive-beha-
vioral model of pathological Internet use. Witkiewitz, K., Marlatt, G. A., & Walker,
Computers in human behavior, 17(2), D. (2005). Mindfulness-based relapse pre-
187-195. vention for alcohol and substance use
disorders. Journal of cognitive psycho-
Goldberg, I. (1996). Internet addiction therapy, 19(3), 211-228.
disorder. Psychom. net,, accessed, 20.
Young, K. S. (1998). Internet addiction:
Kabat-Zinn, J. (1994). Wherever you go, The emergence of a new clinical disorder.
there you are: Mindfulness meditation in Cyberpsychology & behavior, 1(3), 237-
everyday life. Hachette UK. 244.

King, A. L. S., Valença, A. M., & Nardi, A. Young, K. S. (2004). Internet addiction:
E. (2010). Nomophobia: the mobile phone A new clinical phenomenon and its conse-
in panic disorder with agoraphobia: redu- quences. American behavioral scientist,
cing phobias or worsening of dependence?. 48(4), 402-415.
Cognitive and Behavioral neurology,
23(1), 52-54.

20
istituto a.t. beck

Dipendenze da Internet
Riassunto dei moduli

Modulo 1 connessi con il proprio smartphone. esperienze diventano intollerabili e per soggetto ad attuare comportamenti
Le dipendenze comportamentali sono dei In altre parole, la nomofobia è una vera e questo l’adolescente si rifugia in casa e disfunzionali nell’utilizzo della rete che,
comportamenti compulsivi messi in atto propria sindrome da disconnessione. sviluppa un comportamento patologico a catena, generano ulteriori conseguenze
alla ricerca di una “ricompensa”, nono- legato a Internet. negative.
stante il soggetto sia consapevole che tali Modulo 2 Il trauma può essere definito come la La letteratura internazionale indica la
azioni possono portare a conseguenze Il gaming ovvero la dipendenza da video- conseguenza all’esposizione di un evento Terapia Cognitivo-Comportamentale
negative. La dipendenza da Internet è una gioco online e/o offline è un fenomeno doloroso, ingestibile, a volte imprevedi- (TCC) come uno degli approcci più effi-
dipendenza comportamentale costituita sempre più esteso che riguarda, in modo bile, tale da generare nel soggetto che lo caci per il trattamento della dipendenza
da azioni compulsive e disfunzionali ine- particolare, i giovani. Esistono dei campa- subisce, un’interruzione o un danno alla da Internet. Il protocollo TCC dei “12
renti l’utilizzo di computer, smartphone, nelli d’allarme per individuare la dipen- propria integrità fisica e mentale. In lette- passi” è particolarmente indicato per
tablet e ogni apparato strettamente colle- denza da videogiochi: abuso nella quan- ratura esistono diverse ricerche che evi- questa dipendenza, in quanto è proget-
gato al vasto mondo di Internet. tità di tempo dedicata al videogioco; il denziano uno stretto legame tra trauma e tato ad hoc per ogni singolo paziente con
La dipendenza da sesso online è sicura- videogioco porta l’utente a un totale dipendenza da Internet. l’obiettivo di modificare il comporta-
mente una delle dipendenze da Internet assorbimento, con lunghi tempi di espe- Il cyberbullismo è un termine generico mento disfunzionale correlato all’utilizzo
più comuni. Comprende diversi compor- rienza di gioco privi di pause; la quantità utilizzato per indicare tutti gli episodi di di Internet.
tamenti disfunzionali attuati in rete, di tempo utilizzata per il videogioco bullismo che si perpetrano nella rete vir- La Mindfulness Based Relapse Prevention
come il reperire materiale pornografico, cresce in modo esponenziale, limitando tuale, attraverso l’utilizzo di personal (MBRP) è un protocollo Mindfulness
navigare nei siti pornografici, azioni che altre attività come i compiti o lo sport; il computer, tablet e smartphone. Il bullo specifico per la prevenzione delle ricadute
possono svolgersi con o senza atto videogioco praticamente sostituisce qual- utilizza le chat, i social network, le appli- delle dipendenze da sostanze e comporta-
masturbatorio. Sono dipendenti cyber- siasi tipo di relazione; aumenta l’irritabi- cazioni messagistiche, le foto e i video per mentali. In cosa consiste la Mindfulness?
sessuali anche i soggetti che frequentano lità dell’utente se gli si chiede di inter- molestare, minacciare, diffamare e umi- La Mindfulness è una forma meditativa
compulsivamente le chat erotiche. rompere il videogioco. liare la vittima. che richiede disciplina e pratica nel
In questo caso parliamo di dipendenti da I social network (SN) permettono rapida- tempo. L’obiettivo sarà quello di porre
sesso online che, a differenza dei porno- mente di creare connessioni e relazioni Modulo 3 attenzione in modo consapevole e non
dipendenti, utilizzano Internet attiva- all’interno di uno spazio virtuale. Gli approcci psicoterapeutici utilizzati per giudicante ai propri pensieri, alle proprie
mente per avere delle relazioni virtuali a Quando, però, un utente diventa dipen- il trattamento delle dipendenze da sensazioni corporee e alle proprie emo-
sfondo sessuale con un partner spesso dente da social network? Quando la rela- Internet sono simili a quelli usati per le zioni. Tutto avverrà integrando una pra-
occasionale. zione all’interno degli SN diventa esclu- altre dipendenze da sostanze e comporta- tica strutturata a degli esercizi di esplora-
I dipendenti da gioco d’azzardo online siva e assume connotati di compulsione e mentali. zione del corpo e meditazione del respiro:
sono soggetti che utilizzano gli apparati incontrollabilità, quando il soggetto, len- Nel modello cognitivo-comportamentale hatha yoga, body scan, sitting meditation
elettronici per svolgere attività ludiche tamente, si allontana dalle altre forme per le dipendenze da Internet si ipotizza e walking meditation. La MBRP è strut-
che prevedano una posta monetaria. relazionali. che il ritiro sociale e alcuni disturbi del- turata come un protocollo di integra-
La nomofobia è un nuovo termine utiliz- Inoltre, le esperienze sociali relative al l’umore alla base siano la causa di com- zione delle pratiche meditative orientali
zato per categorizzare quei soggetti che mondo esterno sono conflittuali, disa- portamenti relativi all’utilizzo patologico con i principi della psicoterapia cogni-
sperimentano emozioni negative, Mquali gianti, frustranti e innescano nei ragazzi di Internet. In altre parole, l’isolamento tivo-comportamentale applicati alla
ansia, tristezza e rabbia quando non sono rabbia, inadeguatezza e vergogna. Tali sociale e la depressione predispongono il dipendenza.

21
Direttore
Dott.ssa Antonella Montano
antonellamontano@istitutobeck.it

piazza San Bernardo 109, 00187 Roma


telefono 06 4819817
fax 06 4828665

via Gioberti 54, 00185 Roma


telefono 06 44703820
fax 06 49382241

www.istitutobeck.com