Sei sulla pagina 1di 16

02/10/14

1. CHE COS’E’ IL DIRITTO?


DIRITTO COSTITUZIONALE ETIMOLOGIA: IUS / norma / regula /
docente: Ilenia Ruggiu directum / dirigere
I MODULO
Nozioni generali del diritto BRAIN STORMING:
costituzionale
PENSATE AD UNA FRASE IN CUI
I LEZIONE COMPAIA LA PAROLA DIRITTO…
Che cos’è il diritto? Quando nasce?
Che cos’è il diritto costituzionale?

DIVERSE DEFINIZIONI DI
La parola diritto è polisensa
DIRITTO
1.  Il diritto di informazione, di riunione etc. 1.  PRETESA AZIONABILE DAVANTI A UN
GIUDICE (Diritto soggettivo)
2.  Il diritto italiano, tedesco; il diritto civile 2.  INSIEME DI NORME (DI UNO STATO O
francese etc. SINGOLE NORME) (Diritto oggettivo)
3.  TECNICA DI REGOLAZIONE della VITA
3.  Norme di diritto, norme morali e religiose SOCIALE (come la religione, la morale)
4.  Un trattato di diritto, un libro di diritto 4.  SCIENZA, DISCIPLINA
costituzionale 5.  IDEALE DI GIUSTIZIA (Diritto positivo/Diritto
naturale)
5.  Lottiamo per riaffermare il diritto!

1
02/10/14

DIRITTO COME NORMA DI Criterio di distinzione delle


COMPORTAMENTO norme giuridiche
•  NORME GIURIDICHE •  No: SFERA SOCIALE/SFERA
•  NORME RELIGIOSE PERSONALE
•  NORME ETICHE •  No: SANZIONE
•  NORME DI CONDOTTA •  Sì: SOGGETTO PRODUTTORE: è diritto
•  NORME DI GALATEO quell’insieme di norme prodotte dal
soggetto che ha il MONOPOLIO DELLA
•  NORME DI CUCINA FORZA LEGITTIMO
•  NORME dei SINGOLI GRUPPI (es.
famiglia, classe, amici, facebook)

2. QUANDO NASCE IL 3. CHE COS’E’ IL DIRITTO


DIRITTO? COSTITUZIONALE?
2 risposte •  a) INSIEME DI NORME di gerarchia
SUPERIORE che limitano il potere politico allo
1° Ubi societas ibi ius (c’è diritto ovunque c’è scopo di proteggere l’individuo
un gruppo di individui, tranne che in un isola
deserta) •  b) DISCIPLINA DEL DIRITTO PUBBLICO
1.  diritto costituzionale
2.  diritto amministrativo
2° Nell’antica Roma quando lo IUS (ciò che 3.  diritto internazionale e comunitario
è lecito nella sfera pubblica) si separa dal 4.  diritto penale
FAS (ciò che è lecito religiosamente) 5.  procedura penale e civile
6.  Altri: diritto tributario, ecclesiastico, regionale etc.

2
02/10/14

QUANDO NASCE IL DIRITTO


COSTITUZIONALISMO  
COSTITUZIONALE?
1)  GRECIA (Costituzione ateniese) • Movimento filosofico che si sviluppa dal
2)  1215 MAGNA CHARTA LIBERTATUM 1700 (Montesquieau, Rousseau, Locke) in
3)  1787 COSTITUZIONE AMERICANA opposizione all’assolutismo del 1600 e che
4)  1789 DICHIARAZIONE DEI DIRITTI ha come obiettivo l’adozione di
5)  1803 SENTENZA MARBURY VS COSTITUZIONI come norme per limitare il
MADISON (nascita giustizia potere
costituzionale) • Il fine ultimo è IL LIMITE AL POTERE.
6)  In Italia 1948 con rigidità • Le idee filosofiche di potere influenzano il
COSTITUZIONE costituzionalismo.

Il potere secondo Montesqueiau


Il potere secondo Montesquieau
(1689-1755)
Il potere politico è la più grande minaccia
alla libertà individuale: va diviso in tre distinti
organi (principio di divisione dei poteri):
1.  Potere legislativo
2.  Potere esecutivo
3.  Potere giudiziario
Costituzione dei diritti e Costituzione dei
poteri

3
02/10/14

Il potere secondo Michel Il potere secondo Michel


Foucault 1926-1984 Foucault
•  Michel Foucault e la “microfisica del
potere”: il potere si occulta in tutte le
istituzioni e rapporti personali. Non basta
la divisione dei 3 poteri.

•  Diritto costituzionale allarga il suo oggetto


e penetra in tutti i meandri del potere: es.
diritto antidiscriminatorio, azioni positive,
nuovi diritti.

Differenza tra diritto pubblico e Oggetto specifico del diritto


diritto privato costituzionale
•  Diritto pubblico: è l’insieme di norme che
disciplina i rapporti tra consociati e pubblici •  1) DIRITTI E LIBERTA’
poteri (sia politici che amministrazione) •  2) ORGANI COSTITUZIONALI (5)
•  3) GIUSTIZIA COSTITUZIONALE
•  Diritto privato: è l’insieme di norme che •  4) FONTI
disciplina i rapporti dei consociati tra loro,
in posizione di parità

4
02/10/14

Schema  lezione  
•  DEFINIZIONE DI NORMA E
ORDINAMENTO GIURIDICO
LA NORMA GIURIDICA •  TIPI DI NORME
E •  CARATTERISTICHE DELLA NORMA
LA COSTITUZIONE •  L’INTERPRETAZIONE
•  DEFINIZIONE DELLA NORMA SUPREMA:
I modulo: NOZIONI GENERALI DEL DIRITTO
LA COSTITUZIONE
docente: Ilenia Ruggiu
•  TIPI DI COSTITUZIONE
Che cos’è? Che caratteristiche presenta? Che tipi di norme esistono? •  CARATTERISTICHE DELLA
COSTITUZIONE

Esempi  di  norme…   …  e  a<  normaLvi  


Art.  17  Cost.:  “tu<  i  ci=adini  hanno  diri=o  di   •  Legge 19 Luglio 2013 n. 87
riunirsi  pacificamente  e  senz’armi”.   Istituzione di una Commissione
Art.  575  c.p.:  “chiunque  cagiona  la  morte  di  un   parlamentare di inchiesta sul fenomeno
uomo  è  punito  con  la  reclusione  non  inferiore   delle mafie e sulle altre associazioni
ad  anni  ventuno”.   criminali, anche straniere
Art.  540  c.civ.  “  a  favore  del  coniuge  è  riservata   Pubblicazione: G.U. n. 175 del 27 Luglio
la  metà  del  patrimonio  dell’altro  coniuge,  salve   2013 (Supp. Ord.)
le  disposizioni  dell’art.  542  per  il  caso  di  
concorso  con  i  figli”  
 
 

5
02/10/14

Definizione  di  NORMA  (in  senso  


ESEMPI  DI  NORME  
generale,  non  solo  giuridico)  
La norma è una regola di comportamento O Esistono norme:
generale e astratta. Generale in quanto etiche: es. non bisogna mentire
applicabile a un numero indeterminato e religiose: es. tutti i cristiani devono andare a
messa di domenica
indeterminabile di soggetti. Astratta in quanto di galateo: es. non urlare in autobus, salutare i
applicabile a un numero indeterminato e vicini
indeterminabile di casi, di situazioni giuridiche: es. art. 659 c.p. chiunque mediante
schiamazzi o rumori, ovvero abusando di
strumenti sonori o di segnalazioni acustiche…
disturba le occupazioni o il riposo delle
persone…

QUANDO UNA NORMA è


Definizione  di  Norma  giuridica  
GIURIDICA?
• Una norma è giuridica quando è prodotta da •  La norma giuridica è una regola di
chi detiene il monopolio della forza su un comportamento generale e astratta prodotta
territorio o da soggetti da questo autorizzati dallo Stato o da soggetti da questo
• NON E’ NECESSARIA LA SANZIONE, esistono autorizzati (es. UE, regioni, comuni,
norme giuridiche senza sanzione, inoltre università, scuole, Authority) .
anche le norme religiose ed etiche hanno
una sanzione (es. rimorso, inferno,
scomunica etc.)

6
02/10/14

DIFFERENZE LA  DISPOSIZIONE  
1)  TRA DISPOSIZIONE E NORMA: La •  E’  IL  TESTO  SCRITTO,  CONSISTENTE  IN  UNA  O  
norma è una regola di comportamento che PIU’  FRASI  DI  SENSO  COMPIUTO,  DISTRIBUITE  
ricavo dalla disposizione (testo scritto, IN  ARTICOLI,  COMMI,  PUNTI  O  LETTERE,  DA  
parte materiale della norma) CUI  SI  RICAVANO,  tramite  l’interpretazione,  LE  
NORME  
2)  TRA NORMA E PROVVEDIMENTO: La norma •  Da  una  disposizione  possono  ricavarsi  una  o  
si distingue dal provvedimento che è più  norme  
anch’esso una regola giuridica, ma •  TUTTE  LE  DISPOSIZIONI  HANNO  ALMENO  UNA  
specifica e concreta. NORMA,  NON  TUTTE  LE  NORME  HANNO  UNA  
DISPOSIZIONE  (ES.  consuetudine)  

IL  PROVVEDIMENTO   GENERALITA’  
E’  una  regola  giuridica,  contenuta  in  un  a=o   Norma versus Provvedimento
giuridico,  che  a  differenza  della  norma  è   ES. Concessione edilizia: il Signor Rossi deve
specifica  e  concreta:  riferita  a  un  sogge=o  e  a  un   costruire la sua casa rispettando il progetto
caso/situazione  determinata  o  determinabile.   ES. Sentenza penale, civile, amministrativa: Il
Es.  tu<  gli  a<  amministraLvi  (concessioni   Signor Bianchi è condannato a 3 anni di
edilizie,  verbali  di  esami,  licenze,  multe),  tu=e  le   reclusione
sentenze  della  magistratura.   ES. Atto di nomina vincitore concorso pubblico:
la signora Verdi è immessa nel ruolo di
Professore

7
02/10/14

Trasforma le norme di cui sopra in


È  generale  questa  regola?   provvedimenti
• Gli studenti del 1° anno di Scienze dei La segreteria ha chiesto a Valentina Rossi, n.
servizi giuridici devono pagare 500 euro di di matricola 34567, il pagamento di 500
tasse euro di tasse

• Le donne in gravidanza hanno diritto alla Maria Bianchi ha avuto dalla sua
maternità amministrazione il permesso maternità

• I cittadini disabili godono dell’assegno di Pietro Verdi ha ottenuto l’assegno di


accompagnamento accompagnamento dopo lunghe lotte

ASTRATTEZZA   Problema    
Norma versus provvedimento • Le leggi provvedimento
ES. Chiunque  cagiona  la  morte  di  un  uomo  è   Es. pensione per i parenti dei caduti a Nassirya
punito  con  la  reclusione  non  inferiore  ad  anni   Es. art. 77 Cost.: decreto legge in casi di
ventuno   necessità e urgenza: es. terremoto all’Aquila
L’omicidio di Via Poma è ancora senza Nel nostro ordinamento si è accolto un criterio
colpevole formale per cui chiamiamo atti normativi
Sentenza: Toto’ Riina è stato punito con 30 anche alcune fonti che hanno un contenuto
anni di reclusione provvedimentale.

8
02/10/14

DEFINIZIONE  DI  ORDINAMENTO  


TIPI  DI  NORME  GIURIDICHE  
GIURIDICO  
• L’insieme di tutte le norme giuridiche vigenti
formano un ordinamento giuridico: in Italia
circa 3 milioni di norme.
• Un ordinamento giuridico si compone sia di
atti normativi che di fatti normativi.

TIPI  DI  NORME   TIPI  DI  NORME  


• 1° TIPOLOGIA • 2° TIPOLOGIA
• Norme imperative (impongono o vietano un Norme precettive: vincolanti per il cittadino o
comportamento): es. diritto penale per i pubblici poteri
• Norme permissive: es. diritto civile
(testamento, matrimonio, contratti) Norme programmatiche (sent. 1/1956 Corte
• Norme promozionali: es. “La Repubblica costituzionale ha detto che anche le norme
promuove il diritto allo studio premiando i programmatiche vincolano il legislatore)
meritevoli”

9
02/10/14

Tipi di norme Norme principio


3° tipologia Il principio di uguaglianza sostanziale si
a) norma-regola: es. art. 13 Cost. concreta in diverse regole:
“provvedimenti provvisori comunicati entro - Azioni positive a favore di determinate
48 ore all’autorità giudiziaria” categorie (quote rosa in politica
b) norma-principio: è generativa di più regole quote disabili nel lavoro)
es. art. art. 3 “è compito della Repubblica -  Borse di studio per i meno abbienti
rimuovere gli ostacoli

Metafora: un principio è come


TIPI  DI  NORME  
un grappolo d’uva
4° TIPOLOGIA (in base alla gerarchia)
Norme costituzionali
Norme comunitarie
Norme legislative
Norme regolamentari
Norme consuetudinarie

10
02/10/14

Fonte  del  diri=o  e  Norma  giuridica   La  Piramide  delle  FonL  


•  Gli  a<  (CosLtuzione,  legge,  regolamento)  o  i  
fa<  (consuetudine)  giuridici  che  producono   FONTI COSTITUZIONALI

norme  si  chiamano  fonL  del  diri=o  e  si   FONTI COMUNITARIE

dispongono  in  una  piramide  gerarchica.   FONTI PRIMARIE

•  Spesso  il  termine  norma  o  fonte  sono   FONTI SECONDARIE

interscambiabili:  la  legge  è  sia  una  fonte  del  


diri=o  sia  una  norma.  
FONTI TERZIARIE

FONTI CONSUETUDINARIE

La piramide delle fonti. Esempi CARATTERISTICHE  DELLA  NORMA  


1° fonti costituzionali: Costituzione e leggi
costituzionali
2° fonti comunitarie: Trattati, regolamenti,
direttive etc.
3° fonti primarie: Legge, decreto legge,
decreto legislativo, referendum, legge
regionale, regolamenti parlamentari
4° fonti secondarie: regolamenti governativi,
regionali, comunali

11
02/10/14

CARATTERISTICHE DELLA NORMA


PER POTER ESSERE APPLICATA
DEFINIZIONI  
• ESISTENZA: insieme di requisiti procedurali
• ESISTENTE minimi che consentono di riconoscere il tipo
• EFFICACE di norma/SANZIONE: nullità
• VALIDA
• VIGENTE • EFFICACIA: CAPACITA’ DI PRODURRE EFFETTI
GIURIDICI la norma deve essere stata
pubblicata, resa nota ai consociati (GU, BUR,
• EFFETTIVA Albo pretorio etc.) + vacatio legis (15gg)
SANZIONE/non applicabilità

DEFINIZIONI   DEFINIZIONI  
• VALIDITA’: IL POSSESSO DEI REQUISITI • EFFETTIVITA’: GRADO DI OBBEDIENZA
FORMALI E SOSTANZIALI di quel tipo di MEDIO (DATO SOCIOLOGICO, NON ESISTE
norma/SANZIONE: annullamento DESUETUDINE) SANZIONE: nessuna ES.
semaforo rosso a Napoli
• VIGENZA: APPLICABILITA’ DOVUTA AL FATTO
CHE LA NORMA NON E’ STATA ABROGATA/
SANZIONE: non applicabilità tranne casi
passati

12
02/10/14

Sanzioni  e  sogge<  preposL   L’INTERPRETAZIONE  


•  INESISTENTE  =  NULLITA’  è  TUTTI  GLI   È quell’attività che consiste nel ricavare la
INTERPRETI  (giudice  interprete  qualificato)   regola da applicare ad un caso concreto. La
•  INEFFICACE  =  NON  APPLICABILITA’  èTUTTI   regola si ricava dalla disposizione.
GLI  INTERPRETI  
•  INVALIDA  =  ANNULLAMENTO  è  CORTE  COST.   E’ l’attività principale del giurista che nella
o  Giudice  AMMINISTRATIVO   veste di legislatore produce disposizioni, nella
•  NON  VIGENTE  =  NON  APPLICABILITA’  (tranne   veste di interprete ne ricava il significato, le
casi  passaL) è  TUTTI  GLI  INTERPRETI   norme.

In claris non fit interpretatio   TIPI  DI  INTERPRETAZIONE  


 
•  Si  procede  sempre  ad  interpretare  un  testo,  a   • 1. LOGICO/SISTEMATICA, CONFORME A
meno  che  questo  non  sia  così  palesemente   COSTITUZIONE
chiaro  (es.  contenga  numeri)  che  non  è   • 2. EVOLUTIVA o ADEGUATRICE
necessario  interpretarlo.   • 3. LETTERALE
• 4. INTENTIO LEGIS
• 5. INTENTIO LEGISLATORIS, STORICA (art.
29)
• 6. TELEOLOGICA (non ammessa)

13
02/10/14

INTERPRETAZIONE   UNA  DISPOSIZIONE,  5  NORME…  


DIFFERENZA  TRA     •  TUTTI I CITTADINI può voler dire:
DISPOSIZIONE  E  NORMA   1.  Cittadini italiani (STORICA)
  2.  Cittadini di qualsiasi Stato (esclusi gli
Art.  17  Cost.Tu<  i  ci=adini   apolidi) (LETTERALE)
3.  Stranieri + un cittadino (LETTERALE
hanno  diri=o  di  riunirsi   +sistematica)
pacificamente  e  senz’armi   4.  TUTTI, ANCHE GLI STRANIERI (LOGICO-
  SISTEMATICA)
5.  Cittadini maschi (sarebbe incompatibile
con art. 3)

Come  interpretare?   Chi  è  interprete?  


 Art.  146  Codice  strada:  “il  conducente  del   1.  Qualunque  ci=adino  
veicolo  che  prosegue  la  marcia,  nonostante  
che  le  segnalazioni  del  semaforo  o  dell’agente   2.  Le  imprese  e  le  persone  giuridiche    
del  traffico  vieLno  la  marcia  stessa,  è  sogge=o   3.  La  Pubblica  Amministrazione  
alla  sanzione  amministraLva  del  pagamento  di  
una  somma  da  euro  162  a  euro  646”   4.  Il  giudice  (interprete  qualificato)  ordinario  e  
  amministraLvo  (o  speciale)  
Art.  21  Cost.  c.  6.  “Sono  vietate  le  pubblicazioni   5.  La  Corte  cosLtuzionale  (interprete  e  giudice  
a  stampa,  gli  spe=acoli  e  tu=e  le  altre   delle  leggi  e  a<  con  forza  di  legge)  
manifestazioni  contrarie  al  buon  costume”.  

14
02/10/14

Schema  lezione   LA  COSTITUZIONE  


•  DEFINIZIONE DI NORMA E
ORDINAMENTO GIURIDICO
•  TIPI DI NORME
•  CARATTERISTICHE DELLA NORMA
•  L’INTERPRETAZIONE
•  DEFINIZIONE DELLA NORMA SUPREMA:
LA COSTITUZIONE
•  TIPI DI COSTITUZIONE
•  CARATTERISTICHE DELLA
COSTITUZIONE

DEFINIZIONE: CHE COS’è LA


QUANDO  NASCE  LA  COSTITUZIONE?  
COSTITUZIONE?
• COSTITUZIONE IN SENSO MATERIALE:
E’ LA NORMA SUPREMA, GERARCHICAMENTE insieme dei rapporti di forza esistenti tra le
SUPERIORE A TUTTE LE ALTRE, DI UN componenti della società (Mortati): ubi
ORDINAMENTO GIURIDICO societas ibi constitutio
(DEFINIZIONE GIUSPOSITIVISTICA Kelseniana)
• COSTITUZIONE IN SENSO FORMALE: norma
ALTRE DEFINIZIONI: patto sociale sui valori giuridica superiore alle altre e rigida, USA
fondanti la convivenza 1803, Italia 1948

15
02/10/14

CARATTERISTICHE DELLA
TIPI  DI  COSTITUZIONI   COSTITUZIONE
• RIGIDE o FLESSIBILI (livello di rigidità)
• SCRITTE O NON SCRITTE • STRUTTURA INTERNA: COSTITUZIONE DEI
• LUNGHE o BREVI DIRITTI / COSTITUZIONE DEI POTERI
• OTTRIATE (CONCESSE) o VOTATE • RIGIDITA’ FORMALE (art. 138 procedimento
aggravato) E SOSTANZIALE (art. 134 Corte
costituzionale controlla che le leggi ne
rispettino il contenuto)
• SOGGETTO PRODUTTORE: POTERE
COSTITUENTE

LA  COSTITUZIONE  ITALIANA  
•  ART. 1-54 = COSTITUZIONE DEI DIRITTI
•  ART. 55-139 = COSTITUZIONE DEI
POTERI

•  Potere costituente italiano si manifesta in


2 momenti:
1.  corpo elettorale nel referendum del 1946
2.  assemblea costituente (Commissione dei
75)

16