Sei sulla pagina 1di 6

arrows

Funzioni e loro proprietà. Immagini e controimmagini. Funzioni


composte e inverse. Funzioni elementari
Quiz

Rispondere ai seguenti quesiti. Una sola risposta e’ corretta.

1. Le due funzioni f (x) = ln(x2 − 4) e g(x) = ln(x − 2) + ln(x + 2)


(a) coincidono
(b) assumono gli stessi valori se x > 2
(c) hanno entrambe dominio (2, +∞)
(d) hanno dominio (−∞, −2) ∪ (2, +∞)
(e) sono due scritture diverse della stessa funzione
2. La funzione f (x) = e2 ln x
(a) coincide con la funzione g(x) = x2 , ∀x ∈ R+
(b) coincide con la funzione g(x) = x2 , ∀x ∈ R
(c) coincide con la funzione g(x) = 2x, ∀x ∈ R
2
(d) coincide con la funzione g(x) = eln(x ) , ∀x ∈ R
(e) coincide con la funzione g(x) = e2 x, ∀x ∈ R+
3. La funzione f (x) = e3 ln x è uguale alla funzione
(a) f (x) = x3 , ∀x ∈ IR
(b) f (x) = eln(3x)
(c) f (x) = xe3
(d) f (x) = x3 , ∀x ∈ (0, +∞)
(e) f (x) = 3x, ∀x ∈ IR
4. Siano f (x) = ln x e g(x) = ex . Allora
(a) f (g(x)) = x, ∀x ∈ IR
(b) f (g(x)) = x, solo per x ∈ (0, +∞),
(c) ∀x ∈ IR, f (g(x)) = g(f (x))
(d) @ x ∈ IR tale che f (g(x)) = g(f (x))
(e) f (x), g(x), f (g(x)) sono definite ∀x ∈ IR
5. Siano f (x) = ex e g(x) = ln x. Allora
(a) f (g(x)) = ex ln x
(b) f (g(x)) = x, ∀x ∈ IR
(c) ∀x ∈ IR, f (g(x)) = g(f (x))
(d) f (g(x)) = x, ∀x ∈ (0, +∞)
(e) @ x ∈ IR tale che f (g(x)) = g(f (x))

6. Siano f (x) = x2 e g(x) = x. Allora
(a) g(f (x)) = |x|, ∀x ∈ IR
(b) f (g(x)) = x
(c) g(f (x)) = f (g(x)), ∀x ∈ IR
(d) f (g(−1)) = −1
(e) g(f (x)) = x, ∀x ∈ IR
7. Siano f (x) = sin x e g(x) = M(x) (funzione mantissa1 ). Allora

(a) (f ◦ g)(x) è periodica2 di periodo 2π;


(b) (g ◦ f )(x) è periodica di periodo 2π;
(c) Im (f ◦ g) = [−1, 1]
(d) Dom (f ◦ g) = (0, +∞)
(e) Im (f ◦ g) = [0, 1]

8. Siano f (x) = M(x) (funzione mantissa) e g(x) = cos x. Allora

(a) Im (f ◦ g) = [0, cos 1]


(b) Im (g ◦ f ) = (cos 1, 1]
(c) g ◦ f è periodica di periodo 2π;
(d) f ◦ g è periodica di periodo 1;
(e) Im (f ◦ g) = [cos 1, 0]

9. Siano date le tre funzioni f (x) = sin x, g(x) = [x] (funzione parte intera3 ), h(x) = sign x (funzione
segno4 ). Allora
(a) la funzione h ◦ f non è periodica
(b) le funzioni h ◦ g ◦ f e g ◦ f coincidono ∀x ∈ IR;
(c) la funzione h ◦ g ◦ f non è periodica;
(d) (h ◦ g ◦ f )(π) = −1.
(e) Im (h ◦ g ◦ f ) è {0, −1}
1
10. Sia f : IR \ {0} → IR; f (x) = − .
x
(a) La funzione è suriettiva
(b) f (−2) < f (−1) e f (1) < f (2) ⇒ la funzione è strettamente crescente in IR \ {0}
(c) Poichè la funzione è iniettiva, allora è strettamente monotona5
(d) La funzione è monotona
(e) La funzione è iniettiva, ma non monotona in IR \ {0}
11. L’immagine della funzione  p 
f (x) = sin π sign(x2 − x + 1)


(a) IR
(b) [-1, 1]
(c) {1}
(d) {0}
(e) {0, 1}
12. Sia f (x) = | ln(|x| − 1)|. Allora
(a) Dom (f ) = IR, Im (f ) = [0, +∞]
(b) Dom (f ) = IR, Im (f ) = [0, 1]
(c) Dom (f ) = (−∞, −1) ∪ (1, +∞), Im (f ) = [0, +∞)
(d) Dom (f ) = IR, Im (f ) = IR
(e) Dom (f ) = [−1, 1], Im (f ) = IR

1 La funzione mantissa è definita come M(x) = x − [x], dove [x] è la parte intera di x. Vedere la Figura 2.
2 Ricordiamo che una funzione f : IR → IR si dice periodica di periodo T > 0 se risulta f (x + T ) = f (x) ∀x ∈ IR.
3 La funzione parte intera [x] è definita come il piu’ grante intero ≤ x. Vedere la Figura 1.
4 La funzione segno è definita come sign x = 1 se x > 0, sign x = −1 se x < 0, mentre sign 0 = 0. Vedere la Figura 3.
5 Ricordiamo che una funzione si dice monotona se è crescente oppure decrescente, mentre si dice strettamente monotona se è

strettamente crescente oppure strettamente decrescente.


13. Il dominio della funzione √ √ 
f (x) = arcsin x+1− x−1
è:
(a) IR
 
5
(b) , +∞
4
(c) [1, +∞)
(d) (−∞, −1)
 
3
(e) , 2
2
14. Il dominio della funzione √ √
f (x) = ln( 3 x − x3 )
è:
(a) IR
(b) (−∞, 1)
(c) (−∞, 1]
(d) [0, 1]
(e) (0, 1)
15. Siano f (x) e g(x) due funzioni dispari e invertibili. Allora la funzione
cos f (x) + sin (f (x)g(x))

(a) pari e invertibile6
(b) pari e non invertibile
(c) dispari e non invertibile
(d) nè pari nè dispari
(e) dispari e invertibile
VERO o FALSO

1. Stabilire se le seguenti affermazioni sono vere o false7


(a) c.n.s. affinché una funzione sia invertibile è che sia strettamente monotona (ossia, una funzione è
invertibile se e solo se è monotona)
(b) c.s. affinché una funzione non sia invertibile è che sia pari (ossia, se una funzione è pari, allora non
è invertibile)
(c) c.n.s. affinché una funzione sia invertibile è che sia dispari
(d) tutte le funzioni invertibili in un intervallo sono ivi strettamente monotone
(e) c.s. affinché una funzione non sia invertibile è che sia periodica
1
(f) la funzione f : IR \ {0} → IR, definita da f (x) = , non è suriettiva
x
1
(g) la funzione f (x) = è monotona, strettamente decrescente nel suo dominio
x
π
(h) esiste il massimo dell’insieme A = {tan x : < x ≤ π}
2
(i) x < 3 ⇒ x2 < 9
(l) esiste il massimo dell’insieme A = {sin x : x ∈ (0, π]}
(m) esiste il minimo dell’insieme A = {|3n − 7| : n ∈ IN}
(n) se A ⊆ IR e sup A = 3 allora 2 ∈ A
(o) se A ⊆ IR e sup A = 3 allora 3 ∈ /A
6 Iltermine funzione invertibile è sinonimo di funzione iniettiva.
7 Nel seguito, c.n.s sta per condizione necessaria e sufficiente, mentre c.s. sta per condizione sufficiente. Ricordiamo che, date
due proposizioni P e Q, se P ⇒ Q diciamo che P è una condizione sufficiente affinché valga Q, e che Q è una condizione necessaria
affinché valga P . Se invece P è equivalente a Q, ossia valgono entrambe P ⇒ Q e Q ⇒ P , allora diciamo che P è condizione
necessaria e sufficiente affinché valga Q. Ad esempio, affinché una funzione sia strettamente crescente e’ necessario che sia crescente
ma non e’ sufficiente che sia crescente.
2. Data la funzione f (x) = (x − 1)2 , stabilire se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) f (x) e’ monotona crescente
b) f (x) > 0 , ∀x ∈ R
c) f (x) e’ una funzione pari
d) f (2) = f (0)
e) f (x) > −8 , ∀x ∈ R
f) f (x) non e’ monotona in [0, +∞)
g) f (x) ≥ 0 , ∀x ∈ R
h) L’immagine di f è inferiormente limitata.

GRAFICI DI FUNZIONI
Esercizio 1 Rappresentare il grafico della funzione f (x) = [x2 ] (parte intera di x2 ). Calcolare f −1 (f ((1/2, 3/2))).
Esercizio 2 Rappresentare il grafico della funzione f (x) = [sin x] (parte intera di sin x).
a) Dire quali sottoinsiemi A di IR hanno controimmagine vuota.
b) Dire quali sottoinsiemi A di IR hanno una controimmagine che non contiene alcun intervallo (a, b), con
a < b.
c) Dire quali sottoinsiemi A di IR hanno controimmagine non limitata.

RISPOSTE AI QUESITI

Item n 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15
Risposta b a d a d a b b b e d c b e b

RISPOSTE AI VERO o FALSO

Esercizio 1

Item n a b c d e f g h i l m n o
Risposta F V F F V V F V F V V F F

Esercizio 2

Item n a b c d e f g h
Risposta F F F V V V V V

RISPOSTE AI GRAFICI DI FUNZIONI

Esercizio 1 Vedere il grafico in Figura 4. √Dall’esame


√ del grafico si deduce subito che f ((1/2, 3/2)) = {0, 1, 2}
e f −1 (f ((1/2, 3/2))) = f −1 ({0, 1, 2}) = (− 3, 3).
Esercizio 2 Vedere il grafico in Figura 5. Dall’esame del grafico si deducono le seguenti risposte.
a) Qualsiasi sottoinsieme A che non contiene i punti −1, 0, 1, ossia soddisfacente A ∩ {−1, 0, 1} = ∅.
b) Qualsiasi sottoinsieme A che non contiene i punti −1, 0, ossia soddisfacente A ∩ {−1, 0} = ∅.
c) Qualsiasi sottoinsieme A che contiene il punto −1 oppure 0, oppure 1, ossia soddisfacente A ∩ {−1, 0, 1} =
6 ∅
Figura 1: Grafico della funzione parte intera y = [x]

Figura 2: Grafico della funzione mantissa y = M(x) = x − [x]

Figura 3: Grafico della funzione segno y = sign x


Figura 4: Grafico della funzione y = [x2 ]

Figura 5: Grafico della funzione y = [sin x] (nei punti x = π/2 + 2kπ, k ∈ Z, la funzione vale 1, quindi i punti
(π/2 + 2kπ, 0) non appartengono al grafico