Sei sulla pagina 1di 2

L-CARNITINA

La l-carnitina (levocarnitina) è un costituente naturale delle cellule nelle quali svolge un ruolo
fondamentale nella utilizzazione dei substrati lipidici. È, infatti, l'unico "carrier" utilizzabile dagli
acidi grassi a lunga catena per attraversare la membrana interna mitocondriale ed essere
avviati verso la b-ossidazione. Indirettamente la l-carnitina influenza anche il metabolismo
glucidico e protidico: l'ossidazione degli acidi grassi riduce l'utilizzazione periferica del glucosio
mentre permette l'ingresso degli acetili (residui della b-ossidazione) nel ciclo di Krebs,
aumentando di conseguenza la disponibilità energetica della cellula. Svolge un ruolo essenziale
nel metabolismo cardiaco e non, poiché l'ossidazione degli acidi grassi è strettamente
dipendente dalla presenza di quantità adeguata della sostanza. La l-carnitina viene assorbita a
livello intestinale e raggiunge il picco ematico alla 3ª ora; buoni livelli ematici si mantengono
per circa 9 ore. L'eliminazione avviene per via renale in forma immodificata, per oltre l'80%
nelle 24 ore. Si distribuisce in tutti i tessuti sia muscolari che parenchimatici.

L'assunzione di L-carnitina è indicata:

- per chi segue una dieta povera di proteine e aminoacidi (poca carne e prodotti caseari) o per
chi segue una dieta vegetariana

- per chi ha subito gravi ustioni o lesioni

- per chi è in emodialisi

- per i neonati prematuri

I sintomi di grave carenza di L-carnitina sono: fatica muscolare, dolori muscolari sotto sforzo,
crampi, modifiche nelle funzioni chimiche dopo esercizio, invecchiamento prematuro, aritmie in
persone che hanno avuto un attacco cardiaco.

In natura è presente nei seguenti alimenti:

- Avocado

- Carni rosse

- prodotti caseari

- Tempeh (semi di soja fermentati)

La l-carnitina è disponibile anche in preparati sintetici

Effetti benefici:

- promuove la crescita normale e lo sviluppo

- cura e previene alcune forme di malattie cardiovascolari

- aiuta ad aumentare la massa muscolare

- protegge contro le malattie epatiche

- protegge contro il diabete


- protegge contro le malattie renali

- aiuta nella dieta, rende le diete a basso contenuto calorico più facilmente tollerabili riducendo il senso di
debolezza

Interazioni
Non si conoscono interazioni tra l-carnitina ed altri farmaci.

Gravidanza ed allattamento

Il prodotto può essere usato sia in gravidanza che durante l'allattamento solo dopo aver consultato il
medico.

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine.

La l-carnitina non provoca alcun effetto negativo sulla capacità di guidare o di usare macchinari.

Effetti indesiderati

Riportati lievi disturbi gastrointestinali dopo somministrazione orale. Segnalati inoltre in pazienti uremici
lievi sintomi miastenici.

Sono stati riportati casi di convulsioni in pazienti, con o senza precedenti di attività convulsiva, che
avevano ricevuto "levocarnitina" per via orale od endovenosa.