Sei sulla pagina 1di 40

Arcidiocesi di Genova

SUSSIDIO di PREGHIERA
per RAGAZZI
QUARESIMA 2018
Carissimi ragazzi,
ci ritroviamo insieme per iniziare il cammino di Quaresi-
ma, in preparazione alla Pasqua!
Il tema di quest’anno è “Quaresima: tempo per cresce-
re nella comunione”. Noi tutti facciamo parte di una grande
famiglia, che è la CHIESA. Voi mi direte: “Ma la chiesa non è un
edificio?”. Certo, ma potremmo dire che la chiesa, prima che
essere fatta di mattoni, è formata da persone: ciascuno di
noi ne è una pietra viva. E sapete qual è la cosa bella? Che
non siamo soli, ma ne facciamo parte insieme a tante altre
persone! In questa quaresima scopriremo una cosa impor-
tantissima: Gesù ci chiede di vivere nella Chiesa imparando ad
essere in comunione tra noi. E questa “comunione” va co-
struita insieme di giorno in giorno!
Sempre a proposito di “chiesa”, in questo sussidio tro-
verete anche due pagine dal titolo “Speciale Cattedrale”, per
approfondire la conoscenza della chiesa più importante della
nostra diocesi e dei Musei ad essa legati.
Riguardo invece alla storia che ci accompagnerà, sarà
ambientata in un mondo fantastico, di cui forse avete già
sentito parlare: Narnia. Chiedete alle vostre catechiste o ai
vostri genitori di vedere insieme il film o di leggere l’episodio
“Il leone, la strega e l’armadio” contenuto ne “Le Cronache di
Narnia”. Chiaramente in questo sussidio ci soffermeremo so-
lo su alcuni passi, in particolare su quelli legati al cammino di
Quaresima. Ma… cosa c’entra Narnia con la Quaresima?!? Se-
guiteci e lo scoprirete!

Buon cammino a tutti!


don Gianfranco Calabrese e l’Équipe Diocesana

I riferimenti alla storia di Narnia sono liberamente tratti da:




diario da Narnia
Siamo a Londra, durante la seconda guerra mondiale. Lucy, Susan, Ed-
mund e Peter Pevensie sono quattro fratelli. Vengono allontanati dalla
città per sfuggire ai bombardamenti tedeschi e vengono affidati alle
cure di un misterioso professore, che abita in una grande e lussuosa
casa in campagna. Un giorno, mentre per gioco esplorano la casa, Lucy
(la più piccola) prova ad aprire un armadio che si trova in una stanza
praticamente vuota. Ci entra dentro e scopre che è molto di più di un
semplice guardaroba pieno di pellicce: è infatti una specie di porta che
conduce in una terra incantata, chiamata Narnia. La bambina si trova
improvvisamente a camminare su un sentiero innevato nel bel mezzo di
una foresta. Vicino ad un alto lampione, incontra il fauno Tumnus, che la
invita a casa sua a prendere un thè. I due stringono subito amicizia, ma
a un certo punto il fauno scoppia in lacrime e le confessa di essere il
servo di Jadis, la cattiva Strega Bianca che ha incantato Narnia in mo-
do che lì sia sempre inverno e ha dato ordine che tutti i "figli di Eva" e
i "figli di Adamo" (in pratica, gli umani) le siano consegnati.
Il fauno, che in realtà è molto buono, decide, a suo rischio e pericolo,
di non consegnare Lucy alla strega e la aiuta a fuggire. Lucy torna così
a casa ripassando attraverso l’armadio e si ritrova nella stanza vuota
proprio nel momento esatto in cui ci era entrata, come se il tempo non
fosse mai trascorso. La piccola racconta la sua avventura ai fratelli,
che però non credono a questa storia così assurda.

Il fauno è inizialmente sicuro del suo compito


(consegnare Lucy alla Strega Bianca), ma la conver-
sazione con la bambina lo scuote: inizia a conoscerla
e si affeziona a lei, fino a decidere di salvarla.
L’incontro con l’altro ci interpella e ci cambia la vita:
è il miracolo dell’incontro, dell’aprirsi all’altro. Vogliamo iniziare la qua-
resima con questo spirito… non siamo fatti per stare da soli, abbiamo
bisogno di camminare insieme agli altri.
1
14 febbraio, Mercoledì delle CENERI

Dal Vangelo secondo Matteo (6,1-6.16-18)


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
Quando fai l’elemosina, non suonare la tromba da-
vanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade,
per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già rice-

sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua ele-
mosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti
ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sina-
goghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti,
per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già rice-
vuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella
tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segre-
to; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diven-
tate malinconici come gli ipòcriti,

far vedere agli altri che digiunano.


In verità io vi dico: hanno già rice-
vuto la loro ricompensa. Invece,
quando tu digiuni, profùmati la te-
sta e làvati il volto, perché la gente
non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto;
e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».
2
18 febbraio, I domenica di Quaresima

diario da Narnia
Un giorno, i quattro fratelli stanno giocando a nascondino e Lucy si ri-
trova di nuovo nella stanza con l’armadio: vi si nasconde dentro e ritor-
na a Narnia. Suo fratello Edmund la vede e la segue. Appena arrivato,
Edmund incontra la Strega Bianca, che si rivela molto cortese e gentile
con lui, gli offre una bevanda calda e poi delle gelatine di frutta: sono i
dolci più buoni che il ragazzo abbia mai mangiato! Questi dolci in realtà
sono stregati: chi li mangia una volta, ne desidera sempre di più. La re-
gina chiede a Edmund di tornare a Narnia con il fratello e le sorelle, in
modo che lei li possa conoscere: in cambio, gli promette altre gelatine
di frutta. Edmund cede alle lusinghe e promette di portarle Peter, Su-
san e Lucy. La gelosia di Edmund nei confronti dei fratelli è il terreno
ideale per prendere una “brutta strada”. Tra l’altro, all’inizio, il suo
peccato non sembra poi così grave: gli sembra di aver fatto solo una
vaga promessa e poi… quei dolci sono così buoni!

Pensiamoci: il male può nascondersi dietro a sem-


bianze particolarmente invitanti. Quante volte anche
a noi capita di commettere un peccato, pensando
“intanto non è così grave…”. A volte siamo insieme
ad altri (fratelli, sorelle, amici,…), ma vogliamo fare
di testa nostra seguendo vie sbagliate.
All’inizio di questa quaresima cerchiamo di
“convertirci”, cioè di non cedere alle tentazioni ma di
comportarci bene e di migliorare, insieme alle perso-
ne care che vogliono il nostro bene.
3
Dal Vangelo
secondo Marco
(1,12-15)

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel de-


serto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con
le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, procla-
mando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno
di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

4
«La chiesa nel mondo intero vuol essere la chiesa dei poveri. Essa vuole
estrarre tutta la verità contenuta nelle beatitudini e soprattutto nel-
la prima: beati i poveri in spirito. Fedele allo spirito delle beatitudini, la
chiesa è chiamata alla condivisione con i poveri e gli oppressi di ogni
genere. Ringrazio i sacerdoti, i religiosi, le religiose e i laici per la loro
dedizione, mentre incoraggio i volontari di organizzazioni non go-
vernative, oggi sempre più numerosi, che si dedicano a queste opere di
carità e di promozione umana. Sono, infatti, queste opere che testimo-
niano l'anima di tutta l'attività missionaria: l'amore, che è e resta il
movente della missione, ed è anche l'unico criterio secondo cui tutto
deve essere fatto o non fatto, cambiato o non cambiato. Sono molte le
necessità materiali ed economiche delle missioni. Circa gli aiuti mate-
riali è importante guardare allo spirito col quale si dona. Per questo oc-
corre rivedere il proprio stile di vita: le missioni non chiedono solo un
aiuto, ma una condivisione con l'annun-
zio e la carità verso i poveri.
Tutto quello che abbiamo ricevuto da
Dio - la vita come i beni materiali - non
è nostro, ma ci è dato in uso. La gene-
rosità nel dare va sempre illuminata e
ispirata dalla fede: allora, davvero c'è
più gioia nel dare che nel ricevere».

dall’Enciclica «Redemptoris Missio» di Papa Giovanni Paolo II

Ciascuno di noi può fare qualcosa


per gli altri e per il mondo in cui vive,
anche senza andare lontano.

5
Gesù viene guidato dallo Spirito Santo nel de-
serto e viene tentato dal diavolo con propo-
ste e lusinghe. Ma con la preghiera sconfigge
il demonio e le sue tentazioni. La Parola di questa domenica mi ricorda
la forza della preghiera di fronte alle tante tentazioni che la vita di
oggi mi offre e come solo cambiando la mia strada io possa convertire
il mio cuore e avvicinarmi a Gesù.

Gesù,
“Fammi conoscere, nel vangelo di questa
Signore, le tue vie. prima domenica di quaresima
Insegnami mi inviti a convertirmi
i tuoi sentieri. e a credere in Te.
Ricordati di me Aiutami in questo
nella tua misericordia, cammino quaresimale
per la tua bontà, Signore”. a conoscerti e a percorrere
(dal Salmo 24) la via che conduce a Te.

Talvolta la sera, se esaminiamo la


nostra giornata, ci scopriamo
scontenti e delusi, desiderosi di
cambiare alcuni aspetti del nostro modo di essere e di fare;
insomma, vorremmo essere migliori, più aperti e disponibili. Se
riflettiamo attentamente scopriremo che in tutti questi
momenti di delusione e scontentezza Gesù è assente, o me-
glio, noi siamo distanti da Lui. Gesù desidera vivere con noi
tutti gli attimi, anche i momenti di fragilità. In questa setti-
mana, a fine giornata, proviamo a consegnare a Gesù i mo-
menti di debolezza, chiedendo di avere fiducia in Lui.
6
25 febbraio, II domenica di Quaresima

diario da Narnia
La Strega Bianca si allontana sulla sua slitta ed Edmund si trova di
nuovo solo in mezzo alla neve. Lucy, che era andata a trovare il fauno
Tumnus, torna nei pressi del lampione, vede il fratello e gli corre incon-
tro, felice che anche lui sia lì, anche perché così Peter e Susan crede-
ranno all’esistenza di Narnia. I due oltrepassano l’armadio e tornano a
casa. Ma di fronte a Peter e Susan, Edmund nega tutto, con grande
sorpresa e dispiacere da parte di Lucy. La piccola è sempre stata una
bambina calma, simpatica e sincera: ora agli occhi dei fratelli sembra
essere improvvisamente impazzita o sembra essere diventata una gran
bugiarda, mentre Edmund sembra comportarsi in modo davvero dispet-
toso.
Preoccupati per la situazione, Susan e Peter decidono di parlarne con
il professore. Gli raccontano tutta la vicenda e l’anziano uomo li invita
a credere alle parole della sorella: “Esistono solo tre possibilità: la vo-
stra sorellina mente, è impazzita oppure dice la verità. Voi stessi rico-
noscete che è una bambina sincera, che non dice mai bugie. E non è
matta, basta guardarla e sentire come parla. Allora, e fino a prova con-
traria, dobbiamo pensare che dica la verità”.
A volte pensiamo di saperla lunga, di non aver biso-
gno di chiedere consigli ad altre persone, più grandi
e più esperte di noi. I nostri fratelli più grandi, i ge-
nitori, i nonni spesso ci dicono cose sagge… ascol-
tiamoli di più senza chiuderci in noi stessi. E, quando
abbiamo un dubbio o un problema, parliamone anche
con Gesù: è Lui la Persona per eccellenza che dob-
biamo ascoltare, perché ci conosce più di tutti e
vuole il nostro bene!

7
Dal Vangelo
secondo Marco
(9,2-10)
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li
condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splen-
denti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe ren-
derle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano
con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bel-
lo per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per
Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché
erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra
e dalla nube uscì una voce:
ascoltatelo!». E improvvisa-
mente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non
Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad

fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chie-
dendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

8
"Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il
mondo", dice Malala, ragazza oggi ventenne originaria del Pakistan,
dove nel 2012, a soli15 anni, fu colpita da un attentato dei talebani
mentre era sullo scuolabus. Per i talebani Malala era colpevole di aver
manifestato pubblicamente a favore del diritto all’istruzione delle don-
ne e contro la politica dei talebani. Operata in condizioni disperate in
Inghilterra, dove oggi vive con la famiglia, Malala ce l’ha fatta. Oggi
sostiene il diritto di tutti i bambini e le bambine del mondo ad andare a
scuola e a ricevere un'istruzione, perché solo combattendo l'ignoranza e
l'analfabetismo possiamo diventare uomini e donne liberi.
Il film-documentario “Malala”, presentato nella rassegna “Filmissio” di
Mesì, racconta la storia della ragazza durante una giornata qualsiasi: il
rapporto con i due fratellini, i compiti con le amiche, i voti a scuola,
guardare i Minions sul tablet, pensare a quando incontrerà il primo
ragazzo. Anche se il ricordo dell’attentato sullo scuolabus non la abban-
dona mai. «Credevano che i proiettili ci avrebbero zittiti. Ma nella mia
vita non è cambiato niente a parte questo: la debolezza, la paura e il
pessimismo sono morti; sono nati la forza, la potenza e il coraggio».
Il coraggio di Malala nasce dall’amore
per il Pakistan e dalla fedeltà all’I-
slam, per lei religione di pace e di dia-
logo, che si traduce in generosità, sin-
cerità, affetto e assenza di rabbia per
ciò che le è successo.

Dio ci parla anche nel dolore


e nelle esperienze difficili:
impariamo a tendere l’orecchio.

9
Gesù prende con sé alcuni discepoli, sale sulla
montagna e si raccoglie in preghiera. I disce-
poli cedono al sonno, ma appena si svegliano

meglio il messaggio della Salvezza.

Gesù, nella Trasfigurazione


ti sei mostrato in tutto
il tuo splendore,
“Dalla nube mentre la voce del Padre
luminosa, invitava ad ascoltarti.
si udì la voce Sì, io voglio ascoltarti
del Padre: e per questo ti chiedo
“Questi è il mio Figlio, l’a- di aiutarmi a vivere nel tuo
mato: Ascoltatelo!” amore insieme ai miei amici,
(Canto al Vangelo per superare con loro
II dom. quaresima) le difficoltà di ogni giorno.
I ricordi più cari che abbiamo so-
no quelli che ci riportano a mo-
menti sereni nei quali ci siamo
sentiti capiti e ascoltati, a volte
anche senza dire niente. Abbiamo bisogno di spazi di silenzio
ben precisi per poter ascoltare che cosa ci dice il Signore e
capire che cosa stiamo vivendo in questo momento.
In questa settimana, ogni giorno, proviamo a costruire que-
sto spazio di silenzio: spegniamo televisione, computer e
cellulare… ripensiamo con calma alle persone e alle situazioni
che abbiamo incontrato e vissuto nella giornata… Apriamo il
vangelo della seconda domenica di quaresima, rileggiamolo e
poi facciamo silenzio… in ascolto.
10
4 marzo, III domenica di Quaresima

diario da Narnia
Un giorno Peter, Susan, Edmund e Lucy si nascondono nell’armadio per
evitare di imbattersi nella signora Macready, la governante, che sta in-
trattenendo alcuni ospiti. Improvvisamente si trovano tutti a Narnia... si
ha così la prova che Lucy aveva detto la verità! Vanno a casa di Tumnus e
qui scoprono che il fauno è stato arrestato con l’accusa di tradimento. I
ragazzi, impauriti, sono tentati di tornare a casa, ma Lucy si rende conto
che l’arresto del fauno è legato alla sua amicizia con lei: “Non possiamo
tornare a casa. Se il povero fauno è finito nei guai è per colpa mia: invece
di consegnarmi alla Strega Bianca, mi ha riaccompagnato a casa”.
Guidati da un pettirosso, i bambini vagano nel bosco e incontrano il signor
Castoro, che, insieme alla moglie, li accoglie in casa e spiega loro che, per
salvare Tumnus, l’unica cosa da fare è aspettare l’arrivo del leone
Aslan: “Aslan è il re, il padrone di tutto, colui che sistemerà la cosiddetta
regina. È grande e terribile, ma è buono. È terribile, ma giusto. È il re”.
I bambini restano tutti incantati sentendo parlare di Aslan, ad eccezione
di Edmund, che si spaventa solo sentendolo nominare. Ad un certo punto
si allontana di soppiatto per andare dalla Strega Bianca: ha ormai scelto
di stare dalla sua parte.
Ancora una volta i quattro fratelli ci indicano la via da
seguire in questa quaresima: vivere nella Chiesa è
cercare di essere in comunione tra noi, anche con chi
ci sembra comportarsi in modo strano (come Lucy) o
dispettoso (come Edmund). Vivere nella Chiesa è an-
che aiutare chi è in difficoltà (come loro decidono di
aiutare Tumnus) ed essere accoglienti (come lo è stato con loro il signor
Castoro).
Riflettendoci un po’… Edmund assomiglia molto a noi, quando ci lasciamo
tentare e cadiamo nel peccato. E non vedete una somiglianza tra la Stre-
ga Bianca e il diavolo? Presto scopriremo
11 anche qual è il ruolo di Aslan!
Dal Vangelo
secondo Giovanni (2,13-
25)
Si avvicinava la Pasqua dei Giu-
dei e Gesù salì a Gerusalemme.
Trovò nel tempio gente che
vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Al-
lora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tem-
pio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamo-
nete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse:
«Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre
mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto:
«Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mo-
stri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete
questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli
dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in qua-
rantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parla-
va del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai mor-
ti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e cre-
dettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, mol-
ti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome.
Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non

12
23/11/2017
Questa accoglienza di 50 giovani stranieri, che hanno rischiato la vita
attraversando il mare pur non sapendo nuotare, ha seminato il disagio.
Si è scatenato il putiferio contro la Chiesa. Desidero dunque cominciare
questo scritto chiedendo sinceramente scusa. Scusa per le fatiche e le
incomprensioni che avete dovuto sopportare. Non potrei e vorrei mai
fare nulla se non fossi in comunione con il Vangelo e la Chiesa. Sono
innamorato del Vangelo; un Vangelo che mi sovrasta ma insieme racco-
glie la mia vita, facendomi appassionare di “chi ha fame, sete, o è
nudo, straniero, malato o in carcere”, perché in lui c’è Gesù stes-
so. Gesù che incontro nella Chiesa, che è madre e non discrimina nes-
suno, ma si cura soprattutto del figlio più debole. Chiesa e Vescovo, con
cui vivo una comunione obbediente che detta le mie scelte e il mio ope-
rare. Il Vangelo è roba seria! Essere cristiano non è solo andare a Mes-
sa ma vivere la Messa, ossia l’offerta della vita per i propri amici,
ogni giorno. È faticoso stare col povero che, non avendo nulla, a volte
guarda solo al suo bisogno, o col ma-
lato, perché non riesce a vedere al-
tro se non il suo dolore, ma è proprio
per questo che queste persone hanno
bisogno di noi. Vorrei salutarvi con le
parole di Gesù: “Vi lascio la pace, vi
do la mia pace. Non come la dà il
mondo, io la do a voi. Non sia turba-
to il vostro cuore e non abbia ti-
more.”

dalla lettera di Mons. Giacomo Martino al parroco di Multedo,


a seguito delle polemiche scatenate
dall’accoglienza nell’ex asilo di alcuni migranti
13
Gesù scaccia i mercanti e parla di un tempio
nuovo. La Parola di questa domenica mi ricorda

lasciato: la Chiesa... di viverla appieno come comunità di preghiera e di


ascolto, ma soprattutto senza dimenticare il sacrificio sul quale essa
si fonda.

Gesù, aiutami a comprendere


che vivere nella chiesa
è vivere nella nostra casa
“Vi radunerò
dove Tu, con gioia e amore,
da ogni terra,
sei pronto
vi aspergerò
ad accoglierci sempre
con acqua pura
e dove possiamo
e sarete purificati;
ricevere e dare amicizia,
comprensione, amore
e vi darò un cuore nuovo”.
formando una vera
(cfr. Ezechiele 36,24-26 )
comunione fraterna.
Il vangelo festivo di questa set-
timana ci fa conoscere il coraggio
di Gesù, capace di reagire di fron-
te alle ipocrisie e ai compromessi
della vita religiosa dei capi ebrei e dei cambiavalute davanti al
Tempio di Gerusalemme. Talvolta seguire il Signore implica
decisione e coraggio, anche a costo di apparire strani e in-
comprensibili ai nostri amici.
Qual è il mio atteggiamento davanti alle ingiustizie e alle pre-
potenze che vedo negli ambienti che frequento?
Questa settimana posso mettere da parte invidie e gelosie
che provo verso un preciso compagno, amico o familiare,
cercando di avvicinarmi a lui/lei con simpatia.
14
La cattedrale è la chiesa cristiana più importante di una diocesi. Si chiama
così perché contiene la cattedra del vescovo.
La cattedrale di Genova è intitolata al martire San Lorenzo, arcidiacono della
Chiesa romana, martirizzato a Roma nell’anno 258. Secondo un’antica tradizio-
ne, San Lorenzo avrebbe accompagnato Papa Sisto II in un viaggio in Spagna
e avrebbe fatto sosta a Genova.
Nello stesso posto esisteva già una chiesa risalente al VI secolo. A quell’epo-
ca però la cattedrale di Genova era San Siro (la chiesa intitolata a San Siro
esiste ancora oggi nello stesso luogo, ma è stata ricostruita nel XVI secolo).
Si pensa che nel corso del secolo IX la chiesa di San Lorenzo abbia prima
affiancato e poi sostituito come cattedrale la chiesa di San Siro, anche perché
si trovava in una posizione più protetta, entro le mura della città.
Nel corso degli anni, la Cattedrale di San Lorenzo acquista una crescente im-
portanza in città, sia dal punto di vista religioso che da quello civile: a par-
tire dal 1007 diventa il polo vescovile (e politico) esclusivo della città.
Le autorità cittadine decidono di costruire un edificio religioso in grado di
rappresentare la crescente potenza di Genova e il 10 ottobre 1118 Papa Gela-
sio II consacra l’altare della nuova cattedrale (la pergamena che attesta l’e-
vento è conservata nel Museo del Tesoro).
Come ci ha ricordato il Cardinale Bagnasco, “nel 2018 ricorreranno i 900
anni della consacrazione della Cattedrale. Da quel momento, la Basilica di San
Lorenzo diventa l’unica cattedrale di Genova: sede della cattedra del Vescovo,
Successore degli Apostoli: la Cattedrale è madre e maestra di tutte le chiese
della Diocesi. Andare ad essa, pregare per lei, ascoltare la sua parola, è
segno di comunione spirituale e di unità pastorale del Popolo di Dio. Nella
Cattedrale, quando il Vescovo celebra la divina Eucaristia insieme ai sacerdoti,
con la partecipazione della Comunità cristiana, si manifesta in modo unico il
mistero della Chiesa: la luce del Risorto rifulge sul volto della sua Sposa”.

Siete mai stati in cattedrale?


Chiedete ai vostri catechisti
di andare insieme a visitarla!

15
11 marzo, IV domenica di Quaresima

diario da Narnia
Peter, Susan e Lucy partono insieme al Signor Castoro e a sua moglie
per raggiungere Aslan alla Tavola di Pietra. Presto si accorgono che
Edmund è scomparso: si è messo alla ricerca della Strega Bianca per
avvertirla dell’arrivo di Aslan. La Strega è arrabbiatissima per l’arrivo di
Aslan a Narnia e inizia a tramare un piano per uccidere i ragazzi e con-
trastare l’antica profezia, secondo la quale, un giorno, quattro bambini
rovesceranno il suo regime malvagio e diventeranno re di Narnia.
Durante il viaggio verso la Tavola di Pietra si verificano meravigliosi
cambiamenti stagionali: con l’avvicinarsi di Aslan, la neve si scioglie e
arriva la primavera… l’incantesimo della strega sta per svanire.

Il leone è il re che deve venire e che riprenderà il suo


posto scalzando il “principe di questo mondo”, incarnato
nella figura della Strega Bianca. Ma per farlo ha in qual-
che modo bisogno della collaborazione dei ragazzi: i tre,
per incontrarlo, devono seguire un lungo e faticoso cam-
mino, simbolo del percorso del cristiano che deve incon-
trare il Signore. Ed è il signor Castoro ad aiutarli e a
guidarli: Castoro li trova, li porta a casa sua, in un ambiente familiare
(un banchetto!) racconta loro chi è Aslan e poi li accompagna da lui.
Sembra la scena di un catechismo! Nel nostro viaggio verso Gesù an-
che noi abbiamo bisogno di persone (i nostri genitori, i nostri catechi-
sti, …) che guidino il nostro cammino.

16
Dal vangelo
secondo Giovanni
(3,14-21)
In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Come Mosè innalzò il
serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il
Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui ab-
bia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito per-
ché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita
eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per con-
dannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di
lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già sta-

Figlio di Dio.
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini
hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere era-
no malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene
alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi
fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiara-
mente che le sue opere sono state fatte in Dio».

17
Secondo il Vangelo di Luca, dopo aver accolto l’angelo e aver detto “sì”
alla chiamata a diventare madre del Salvatore, Maria va a visitare la
cugina Elisabetta, che è al sesto mese di gravidanza. Maria è giovanis-
sima; ciò che le è stato annunciato è un dono immenso, ma comporta
sfide molto grandi; il Signore le ha assicurato il suo sostegno, ma tante
cose sono ancora oscure nella sua mente e nel suo cuore. Eppure Maria
non si chiude in casa, non si lascia paralizzare dalla paura o dall’orgo-
glio. Maria non è il tipo che per stare bene ha bisogno di un buon diva-
no dove starsene comoda e al sicuro. Non è una giovane-divano! Se ser-
ve una mano alla sua anziana cugina, lei si mette subito in viaggio: un
po’ come fanno nel loro quotidiano i nostri missionari nel mondo. Quan-
do Dio tocca il cuore di un/a giovane, questi diventano capaci di azioni
grandiose. Le “grandi cose” che l’Onnipotente ha fatto nell’esistenza di
Maria ci parlano anche del nostro viaggio nella vita, che non è un va-
gabondare senza senso, ma un pellegrinaggio che, pur con tutte le sue
sofferenze, può trovare in Dio la sua pienezza. Mi direte: “Padre, ma
io sono molto limitato, cosa posso fare?”. Quando il Signore ci chiama,
non si ferma a ciò che siamo o a ciò che abbiamo fatto. Al contrario,
nel momento in cui ci chiama, Egli sta guardando tutto quello che po-
tremmo fare, tutto l’amore che siamo capaci di sprigionare. Come la
giovane Maria, potete camminare insieme verso Gesù e far sì che la
vostra vita diventi strumento per migliorare il mondo.

dal Messaggio
del Santo Padre
Francesco
per la XXXII
Giornata Mondiale
della Gioventù 2017

18
Come il bastone di Mosè salvò gli ebrei, così la
Croce salva noi, ogni giorno. La Parola di que-
sta domenica mi ricorda da dove arriva la luce
capace di illuminare la mia vita e indicarmi il percorso sicuro verso la
Salvezza: la fonte è Gesù. Camminare verso di Lui vuol dire condivide-
re con i fratelli la certezza del suo infinito amore per noi.

Gesù, questa settimana


ti prego di farmi
“ecco, Com’è bello
comprendere il valore
e com’è dolce
di camminare con gli altri:
che i fratelli in famiglia, in parrocchia,
vivano insieme… a scuola, nello sport
È come olio prezioso… per fare esperienze
È come la rugiada di fraternità,
che scende sui monti di Sion… sempre con lo sguardo
Perché là il Signore manda verso di Te.
la benedizione”. (Salmo 132, 1-3)

Spesso ci fermiamo a guardare


gli altri, a giudicare, a trovare
mille scuse… Gesù ci chiede di
cambiare vita, di passare dall’e-
goismo all’altruismo, dall’individualismo alla generosità, dal
mettere se stessi al centro al metterci gli altri.
In questa settimana possiamo chiederci con sincerità: nelle
nostre giornate trasmettiamo gioia, apertura, dono oppure
distanza e prepotenza o, peggio ancora, disprezzo? Che cosa
doniamo agli altri con la nostra presenza? Quale messaggio
dà la nostra vita?

19
18 marzo, V domenica di Quaresima

diario da Narnia
Quando i tre fratelli incontrano Aslan sono intimoriti da lui, ma ben presto
la paura si trasforma in un grande affetto. La loro prima preoccupazione è
Edmund: “Per favore, Aslan, non si potrebbe fare qualcosa per salvare
Edmund?”.
“Si farà tutto il possibile – risponde Aslan – ma forse la cosa è più diffi-
cile di quanto credi”.
Edmund, dal canto suo, prende coscienza del suo errore e se ne pente,
ma è ormai in balia della Strega Bianca, che tenta di ucciderlo. Aslan e i
suoi seguaci lo salvano, ma non riescono a trovare la strega.
Il giorno seguente, la strega e Aslan si incontrano e lei gli ricorda che c’è
un incantesimo a Narnia, per cui ogni traditore le appartiene, è suo per
legge: ogni tradimento le dà diritto a un’uccisione. Aslan non lo nega e
raggiunge un compromesso con lei: la Strega appare molto soddisfatta,
mentre Aslan sembra pensieroso e triste.

Edmund è il peccatore. Per salvarlo, i seguaci di Aslan lo


riportano a casa. Man mano che i fedeli si organizzano, il
potere della strega viene meno. Edmund, una volta libe-
rato, si riconcilia coi fratelli, ma il male che ha fatto re-
sta.
Aslan è simbolo di Cristo: ha deciso di sacrificarsi per
salvare Edmund, il traditore. Si farà uccidere al suo posto, morirà per lui,
cedendo apparentemente al potere della Strega Bianca. Aslan, come Ge-
sù, ai nostri occhi potrebbe sembrare uno strano re: viene a servire, non
a farsi servire. Pensate, un re che si sacrifica! E noi siamo capaci di sacri-
ficarci per gli altri?
20
Dal Vangelo
secondo Giovanni
(12,20-33)
In quel tempo, tra quelli che
erano saliti per il culto duran-

Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono:


«Signore, vogliamo vedere Gesù».
Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a

se il
chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane
solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama
la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mon-
do, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi
segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno ser-

ancora!». La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era
stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse
Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il
giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà
gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò
tutti a me». Diceva questo per indicare di quale morte doveva
morire.
21
C’era una volta un filo di cotone che si sentiva inutile. “Sono troppo
debole per fare una corda” si lamentava. “E sono troppo corto per fare
una maglietta. Sono troppo sgraziato per un aquilone e non servo nep-
pure per un ricamo da quattro soldi. Sono scolorito e ho le doppie pun-
te… ah, se fossi un filo d’oro, ornerei una stola, starei sulle spalle di
un prelato! Non servo proprio a niente. Sono un fallito! Nessuno ha bi-
sogno di me. Non piaccio a nessuno, neanche a me stesso!». Si raggomi-
tolava sulla sua poltrona, ascoltava musica triste e se ne stava sempre
solo. Lo udì un giorno un mucchietto di cera e gli disse: «Non ti abbatte-
re in questo modo, piccolo filo di cotone. Ho un’idea: facciamo qualcosa
noi due, insieme! Certo non possiamo diventare un cero da altare o da
salotto: tu sei troppo corto e io sono una
quantità troppo scarsa. Possiamo diven-
tare un lumino e donare un po’ di calore e
un po’ di luce. È meglio illuminare e scal-
dare un po’ piuttosto che stare nel buio a
brontolare». Il filo di cotone accettò di
buon grado. Unito alla cera, divenne un
lumino, brillò nell’oscurità ed emanò calo-
re. E fu felice.

da “L’animatore missionario, Giornata Missionaria Ragazzi 2018”

Il filo di cotone
insieme al mucchietto di cera
trovano insieme un senso:
si sacrificano per generare il bene.

22
Gesù parla del chicco che, per dare frutto,
deve morire. Lui è il seme della Salvezza: si è
sacrificato per darci il frutto della Vita. La Pa-
rola di questa domenica mi fa riflettere sul valore del sacrificio, della
capacità di rinunciare a qualcosa di sé per donarla gratuitamente agli
altri, per essere un piccolo seme di cambiamento.

Gesù, insegnami
ad essere tuo discepolo,
a seguirti
“Siate come anche e soprattutto
la candela accesa quando costa fatica,
Che illumina se stessa aiutami ad essere generoso
e, senza diminuire e a sacrificarmi per compiere
la propria fiamma, un atto di bontà
accende altre candele verso un amico
per illuminare gli altri”. che si trova in difficoltà.
(S. Serafino di Sarov)

La parola “sacrificio” significa


“rendere sacro” un gesto, un’in-
tenzione o un momento.
“Rendere sacro” significa vivere l’inten-
zione in comunione con il Signore. Deci-
dere quindi, con calma e senza farlo sa-
pere a nessuno, di “sacrificarsi” per un
amico o un parente.
Sacrificarsi significa quindi rendere la
persona speciale, unica, amata da noi in
modo unico, quindi sacro.

23
25 marzo, domenica delle Palme

diario da Narnia
La notte seguente, Susan e Lucy non riescono a dormire, si accorgono
che Aslan è scomparso e iniziano a cercarlo. Non appena lo trovano,
Aslan le avvisa che potranno rimanere finché lui non dirà loro di andare
via: “Mi farebbe piacere avere compagnia stanotte. Venite pure, ma
promettetemi che mi lascerete solo quando ve lo dirò. Mi sento triste
e abbandonato. Mettetemi la mano sulla criniera e andiamo avanti così.
Sentirò che mi siete vicine”.
Proprio quando arrivano alla Tavola di Pietra, Aslan le fa allontanare.
Susan e Lucy scoppiano a piangere, lo abbracciano stretto stretto, poi
si nascondono dietro alcuni cespugli e vedono che la strega, insieme ad
un’orda di seguaci, lo tormenta e lo umilia fino ad ucciderlo: Aslan ha
sacrificato la sua vita per Edmund.

Aslan si lascia uccidere. È triste, come Gesù


nell’orto degli ulivi. Ricorre al sostegno di
Susan e Lucy, che lo seguono e gli fanno
compagnia. Aslan, come Gesù, si lascia met-
tere in croce: viene portato davanti ai mal-
vagi e lasciato in pasto agli aguzzini, che gli
tagliano la criniera per umiliarlo. Come Gesù, che perde il mantello e
viene coronato di spine. Poi Aslan viene legato alla Tavola di Pietra,
come Gesù si lascia inchiodare alla croce. Il male sembra vincere.
E noi, come Susan e Lucy, rimaniamo con lui, lo accompagniamo, perché
lo abbiamo accolto nel nostro cuore e gli vogliamo bene.
24
Dal Vangelo
secondo Marco
(11,1-10)
Quando furono vicini a Gerusalemme, verso Bètfage e Betània,
presso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli e
disse loro: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito, entran-
do in esso, troverete un puledro legato, sul quale nessuno è
ancora salito. Slegatelo e portatelo qui. E se qualcuno vi dirà:

Andarono e trovarono un puledro legato vicino a una porta, fuo-


ri sulla strada, e lo slegarono. Alcuni dei presenti dissero loro:
«Perché slegate questo puledro?». Ed essi risposero loro come
aveva detto Gesù. E li lasciarono fare.
Portarono il puledro da Gesù, vi gettarono sopra i loro mantelli
ed egli vi salì sopra. Molti stendevano i propri mantelli sulla
strada, altri invece delle fronde, tagliate nei campi. Quelli che
precedevano e quelli che seguivano, gridavano: «Osanna! Be-
nedetto colui che viene nel nome del Signore! Bene-
detto il Regno che viene, del nostro padre Davide! Osanna nel
più alto dei cieli!».

25
Una bella storia di accoglienza per Mesì
da Genova alle missioni in Eritrea

«A maggio di quest'anno siamo venuti a conoscenza di una famiglia di


Asmara, in Eritrea, con due bambini che necessitavano di cure mediche
particolari. Dopo un lungo iter burocratico Ozyan, 8 anni, e Rahsi, 14
mesi, sono arrivati a Genova con la mamma a inizio settembre, ospiti
di una famiglia della comunità eritrea genovese, che abita nel centro
storico. I bambini, ricoverati uno per volta all'ospedale pediatrico Gian-
nina Gaslini, sono stati quindi sottoposti alle cure mediche necessarie.
Specie per il caso della piccola Rahsi si può dire che il nostro aiuto sia
stato provvidenziale. Non dimenticherò mai le parole del prof. Dini che
in sostanza ci ringraziava: se la piccola non fosse stata operata d’ur-
genza, com’è avvenuto, non ce l’avrebbe fatta. A fine ottobre i bambi-
ni sono stati dimessi entrambi e saranno sottoposti ancora a controlli
periodici di routine prima di tornare a casa. Tutto questo è stato possi-
bile grazie al nostro intervento, all’aiuto di Caritas diocesana e Flying
Angels, ma soprattutto alle persone che ci hanno aiutato ad aiutare.
Un contributo che è arrivato senza fare
rumore, nel rispetto di questi bambini e
delle loro famiglie, che ne hanno passate
già tante, e grazie al passaparola discreto
di alcuni nostri amici sostenitori di Mesì.
Vorremmo allora contagiarvi della gioia
immensa che ci anima per aver semplice-
mente aiutato delle persone, bambini
speciali, che ne avevano bisogno».

Lara, fondatrice di Mesì Mesì


Prog. BAMBINI SPECIALI NEL MONDO: CURE SPECIALI
26
Ascoltiamo oggi il racconto della Passione. È un
percorso lungo, difficile, pieno di fatica e dif-
ficoltà. La Parola di questa domenica mi invita
a comprendere il senso vero della Passione di Gesù, della sua vita of-
ferta per me. Lo stare insieme e il condividere la preghiera con i fra-

non abbandonarlo.

Gesù,
tu mi sei sempre vicino
“Popoli tutti, e io, all’inizio della
battete le mani! Settimana Santa,
acclamate Dio ti chiedo di darmi la mano,
con grida di gioia,
perché sappia accoglierti
perché terribile è il Signore
Grande re su tutta la terra.
nel mio cuore
Cantate inni a Dio, e restare sempre unito a Te,
cantate inni al nostro re. che hai dato la vita
(dal Salmo 46) anche per me.

Benedetto colui che viene nel no-


me del Signore! Accogliere Gesù è
accogliere la vita con tutte le
sue bellezze e fragilità e vivere
tutti uniti a Lui, cercando di capire cosa lui vuole da noi negli
avvenimenti che viviamo.
In questa settimana possiamo provare ad accogliere la vi-
ta che il Signore ci dona attraverso l’incontro con gli altri,
la lettura della Sua Parola, la nostra stessa coscienza. Ma ci
impegniamo anche a essere come l’acqua: portatori di vita
attorno a noi. Con l’offerta del nostro aiuto, con una parola
di incoraggiamento o anche solo con un sorriso.

27
Il Museo del Tesoro conserva le opere più significative legate alla storia
dell’Arcidiocesi e alle liturgie solenni della Cattedrale.
Chi lo visita è aiutato a conoscere la storia di S. Giovanni Battista attraverso
oggetti legati al suo martirio e alla sua venerazione. Poi ci sono oggetti che
rimandano a vicende leggendarie, come il Sacro Catino, giunto a Genova come
bottino di guerra alla fine della prima crociata e celebrato come Reliquia
dell’Ultima Cena di Gesù; altri che sono invece testimonianza storica della
fondazione della Cattedrale, come la Bolla di papa Gelasio II datata al 1118.
Insieme alla Cassa processionale del Corpus Domini in argento si possono am-
mirare paramenti sacri, calici e reliquiari ancora utilizzati durante le solenni
celebrazioni.

Incastonato tra la Cattedrale e Palazzo Ducale, il Chiostro di San Lorenzo


sorse nel XII secolo come residenza dei Canonici della Cattedrale. All’interno
di questo suggestivo edificio è allestito il Museo Diocesano.
Oltre ai percorsi per comprendere meglio, attraverso l’arte, i sacramenti e i
momenti forti dell’anno liturgico, quest’anno è possibile fare il percorso “900
anni d’amore. San Lorenzo e Genova”, dedicato a scoprire la cattedrale geno-
vese, attraverso le testimonianze architettoniche e i segni spirituali che ne
hanno percorso una storia lunga 900 anni.

Chiedete ai vostri catechisti


di organizzare una visita guidata!

010 2475127
010 2541250

28
1 aprile, Pasqua di Risurrezione

diario da Narnia
Susan e Lucy accudiscono il cadavere di Aslan per tutta la notte. Al
mattino, sentono un gran rumore e si accorgono che la Tavola di Pietra
si è rotta in due pezzi e che il corpo di Aslan è scomparso.
“Che cosa significa? C’è un’altra magia?”.
“Sì – risponde una voce profonda alle loro spalle. – C’è un’altra magia.
Non sono più morto”. Ecco apparire Aslan, splendido nella luce del sole
nascente. È risorto!

La Strega Bianca non sa che esiste una magia più anti-


ca, più grande ancora di quella che aveva rievocato:
“Quando al posto di un traditore viene immolata una
vittima innocente e volontaria, la Tavola di Pietra si
spezza e al sorgere del sole la morte stessa torna in-
dietro!”.
Col suo sacrificio, il Male viene definitivamente sconfitto. È il tempo
della risurrezione. Aslan dice alle due sorelline “Non sono più morto”:
significa che ha vissuto in pienezza anche la realtà della morte, è morto
davvero, ma questa non è stata l’ultima parola. Esiste una vita dopo la
parola “fine”.
Il sacrificio di Aslan è un evidente richiamo al sacrificio sulla croce di
Gesù: Cristo muore per salvare tutti gli uomini dal peccato, per ac-
compagnarci attraverso la sofferenza e la paura della morte e permet-
terci di vincerle assieme a lui; come Edmund, possiamo sbagliare, ma
possiamo rialzarci grazie al sacrificio d’amore di qualcuno che offre la
sua vita per noi e vivere nella gioia.
29
Dal Vangelo
secondo Giovanni
(20,1-9)
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al
sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra
era stata tolta dal sepolcro.

che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Si-


gnore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno
posto!».

veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli


posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel
sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario che era stato
sul suo capo non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a
parte.

sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compre-


so la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

30
«Carissimi amici di Mesì, con il vostro contributo all’apericena del 2016
abbiamo organizzato ben 3 campi per i bambini malati di HIV del centro
sanitario di Kolowaré, in Togo: 2 campi di 7 giorni ciascuno durante le
vacanze di Pasqua e un campo estivo di 10 giorni. I ragazzi attual-
mente in cura presso il centro sono 51. La più piccola ha un anno, il più
grande 14. Durante il soggiorno, il dottore visitava ogni bambino ed
eseguiva le analisi del sangue. Nel corso del campo estivo, sulla base dei
risultati, abbiamo cambiato la terapia a 6 bambini che si erano aggra-
vati. Altri soffrivano di malaria, polmonite o diarrea e sono stati cura-
ti. I giovani del villaggio si sono offerti di tenere dei corsi scolastici.
Così ogni mattina, dopo la colazione e le medicine, i bambini si divideva-
no nelle classi per le lezioni. Oltre a questi momenti “seri”, le giornate
erano piene di giochi, danze, scenette, racconti di favole. L’ultima sera
i bambini hanno ballato al ritmo di musica tradizionale e moderna:
quanti talenti abbiamo scoperto! L’ultimo giorno è arrivato troppo
presto. Parenti e tutori sono venuti a prenderli. Bertrand, che abita
qui a Kolowaré, si è rifiutato di partire e ha seguito Chantal, l’anima-
trice, sino a casa! A ogni bambino abbiamo regalato un sacco di riso,
spaghetti e pomodori in scatola, olio e sa-
pone da portare a casa. Tutto questo grazie
a voi. Non ho parole per esprimervi la nos-
tra riconoscenza. Grazie e, se potete, conti-
nuate a sostenerci per far sorridere questi
bambini, che chiedono solo vita e salute!
Grazie di aiutarci ad aiutare!».

dalla lettera di Suor Etta, referente in Togo del progetto di


aiuto ai bambini malati di AIDS, inviata a Mesì Mesì il 19/11/2017

31
La pietra è stata tolta, il sepolcro è vuoto, la
vita ha vinto sulla morte: Gesù è davvero ri-
sorto! La Parola di questa domenica è la gioia
piena della salvezza, il premio per chi ha ascoltato e creduto alle pro-
messe del Signore che si sacrifica per noi, ci salva e rimane con noi
tutti i giorni.

Gesù, sei risorto, grazie!


Aiutami, perché la mia vita
“Sono risorto e di ogni giorno
sono sempre con te”. sia una gioiosa offerta a te,
(ant. Ingresso in segno di riconoscenza
Messa di Pasqua) per la tua fedeltà.
Fa’ che oggi condivida
“Cristo, nostra Pasqua la mia gioia con gli amici,
è immolato: facciamo festa perché il tuo amore
nel Signore”. non ci abbandona mai.
(dal Canto al Vangelo)

Ognuno di noi vive momenti di tri-


stezza: in famiglia o con gli amici;
per una malattia o per una delu-
sione. Gesù promette non solo
che quel momento sarà passeggero,
ma che lui è lì, in quella tristezza; è lì,
nell'amico che ci ascolta, che ci consola;
è lì nelle persone che ci mette accanto
per farci sentire meno soli.
Chiediamo al Signore di diventare noi
stessi strumenti di consolazione e di gioia per le persone
che ci sono accanto e sono nella tristezza.

32
Tempo di Pasqua

diario da Narnia
Aslan, risorto, porta Susan e Lucy al castello della Strega. Appena arriva-
ti, trovano un cortile pieno di statue: Aslan soffia su di esse, ad una ad
una, e ridà loro la vita. Nani, ninfe, centauri, unicorni, animali di ogni gene-
re si rianimano e si mettono a danzare intorno ad Aslan. Con grande gioia,
Lucy può riabbracciare Tumnus!
Aslan, Susan e Lucy si uniscono all’esercito e a Peter e inizia la battaglia.
Fondamentale l’apporto di Edmund, che riesce a mandare in mille pezzi la
bacchetta che la Strega usava per pietrificare qualunque creatura le si
parasse davanti. Aslan riesce ad uccidere la Strega, mentre Peter, con le
truppe, sconfigge i suoi seguaci.
Il giorno dopo, nel Castello di Cair Paravel, Aslan incorona Peter, Susan,
Edmund e Lucy re e regine di Narnia e li fa sedere sui quattro troni a loro
destinati: a Narnia torna la pace.
Si fa una grande festa con banchetti,
danze, fuochi artificiali… Nel bel mezzo
della baldoria, Aslan se ne va tranquilla-
mente. Inizia così il lungo e felice regno
dei quattro re di Narnia.
I quattro fratelli hanno combattuto per il bene, rischiando a volte la vita,
hanno creduto scegliendo di dare fiducia agli altri, hanno amato, solidariz-
zando tra loro e con altri. Ora, il compito di governare su Narnia (affidato
loro da Aslan) è entusiasmante, ma richiede impegno e fatica: anche loro,
come Aslan, saranno re, ma nel senso dell’amore.
Dopo la morte e risurrezione di Gesù, inizia il tempo della Chiesa, un
tempo in cui vivere tutti insieme, in comunione tra noi, i Suoi insegnamen-
ti. Sta a noi costruire e mantenere la pace che proviene da Lui… anche se
non lo vediamo con gli occhi, Lui è sempre con noi!
33
II di Pasqua 8 aprile
Leggi il Vangelo di oggi: Giovanni 20,19-31

III di Pasqua 15 aprile


Leggi il Vangelo di oggi: Luca 24,35-48

IV di Pasqua 22 aprile
Leggi il Vangelo di oggi: Giovanni 10,11-18

V di Pasqua 29 aprile
Leggi il Vangelo di oggi: Giovanni 15,1-8

VI di Pasqua 6 maggio
Leggi il Vangelo di oggi: Giovanni 15,9-17

Ascensione 13 maggio
Leggi il Vangelo di oggi: Marco 16,15-20
Quante guerre ci sono oggi nel
mondo! Quante persone soffro-
no! Quanti bambini e ragazzi si al-
zano al mattino temendo di non riuscire a sopravvivere alla
giornata! Se solo riuscissimo a metterci un secondo nei panni
di questi nostri coetanei forse tutto cambierebbe!
In questo tempo di Pasqua, con l’aiuto della tua catechista,
puoi “adottare” un paese che attualmente sta vivendo la
tragedia della guerra e impegnarti a pregare ogni giorno
perché si realizzi la pace; se vuoi puoi cercare eventuali
profughi o rifugiati presenti nella nostra città.

34
20 maggio, Pentecoste

diario da Narnia
Peter, Susan, Edmund e Lucy diventano adulti e regnano su Narnia per
molti anni. Un giorno, durante la caccia a un cervo bianco, arrivano al
lampione che segnava il confine tra Narnia e il loro mondo. I fratelli Pe-
vensie ritornano nel mondo umano e si accorgono che il tempo non è
passato: si ritrovano ancora bambini, nello stesso giorno e alla stessa
ora in cui avevano deciso di nascondersi nell’armadio per non farsi sco-
prire dalla governante.
Si sentono in dovere di raccontare al professore tutta la loro avventu-
ra. L’anziano li ascolta e crede ad ogni loro parola: “Naturalmente tor-
nerete, un giorno o l’altro, a Narnia, ma non cercate di passare due
volte per la stessa strada. Anzi, non cercate di andarci di proposito.
Capiterà quando meno ve lo aspettate. Una volta che si è stati re e
regine a Narnia, si è re e regine per sempre”.

Quando abbiamo incontrato Gesù,


non possiamo tenerlo per noi:
dobbiamo tornare a casa e raccontarlo a tutti!

35
Dal Vangelo
secondo Giovanni
(15,26-27; 16,12-15)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il
Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità
che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e
anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal princi-
pio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete
capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della veri-
tà, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso,
ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo an-
nuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho
detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Pensandoci bene, cambiamo un


po’ ogni giorno: se ci siamo incam-
minati nel cammino di Gesù, alla
fine di questo periodo ci scopriamo di-
versi, certamente migliori. Possiamo
ringraziare il Signore per questo pe-
riodo vissuto insieme e “scegliere” un
luogo o un ambiente (famiglia, scuola,
gruppo sportivo...) in cui portare la
nostra testimonianza di Gesù, verifi-
cando la promessa ogni giorno.

36
Per aiutare molte realtà missionarie che hai potuto conoscere leggendo i te-
sti di questo sussidio e per avere più informazioni, vai su www.mesimesi.it e
seguici su Facebook!

Con il tuo sostegno stiamo promuovendo direttamen-


te progetti di solidarietà nelle Missioni ad Haiti, in
India, in Repubblica Dominicana, in diversi paesi
dell’Africa e nella Missione Diocesana di Cuba.
Sostenendo questa iniziativa darai ai bambini delle
missioni la possibilità di avere accesso alle cure me-
diche, di ricevere un’educazione, di costruirsi un
futuro migliore.
In occasione di un momento importante della vita
(Battesimo, Comunione, Matrimonio,...) allarga al
Mondo la tua festa e scegli di devolvere in solidarie-
tà quanto destinato alle bomboniere tradizionali.
I tuoi parenti e amici più cari riceveranno una per-
gamena-bomboniera solidale contenente un messag-
gio di ringraziamento che li renderà felici di aver
condiviso con te questo gesto, testimonianza della
tua solidarietà e sensibilità nella realizzazione di
uno dei progetti nei paesi in via di sviluppo promossi
dall’Associazione Mesì Mesì ONLUS.

Per saperne di più contattaci:


info@mesimesi.it - 3473080249
Centro Missionario Diocesano
Via T. Reggio 17, 16123 Genova
Tel. 010 2700239

DONA IL TUO 5xmille ALLE MISSIONI


Scrivi il nostro codice fiscale: 95137590105

Seguici su Facebook
Ufficio Catechistico
in collaborazione con
Ufficio Missionario
e Caritas Diocesana