Sei sulla pagina 1di 20

Pontificio Seminario Regionale Flaminio “Benedetto XV”

Proprium die 22 februarii

CATHEDRÆ S. PETRI, APOSTOLI

LITURGIA HORARUM

&

PROPRIUM MISSÆ
CON TESTO A FRONTE ITALIANO

Bononia, MMXVI
Sanguis Christi custódiat me in vitam ætérnam. LITURGIA HORARUM
Con riverenza si comunica al Sangue di Cristo.
Il sacramento ricevuto con la
bocca sia accolto con purezza Die 22 februarii 22 febbraio
ANT. AD COMMUNIONEM Mt 16, 16.18 nel nostro spirito, o Signore,
CATTEDRA DI SAN PIETRO,
e il dono a noi fatto nel tempo CATHEDRÆ S. PETRI, APOSTOLI
Dixit Petrus ad Iesum: APOSTOLO
ci sia rimedio per la vita eterna.
Tu es Christus, Fílius Dei vivi. Festum Festa
Respóndit Iesus: Tu es Petrus, et super hanc petram
ædificábo Ecclésiam meam. Festum Cathedræ Petri hac die iam a sæculo IV Romæ
La festa della cattedra di Pietro fu
DOPO LA COMUNIONE celebrata in questo giorno a Roma fin
O Dio, che nella festa celebratum est, ad unitatem Ecclesiæ super Apostolum dal secolo IV, per significare il
Durante la Purificazione: dell'apostolo Pietro ci hai nutriti fundatæ significandam. fondamento e l’unità della dottrina
che poggia sopra l’Apostolo.
Quod ore súmpsimus, Dómine, del corpo e del sangue di Cristo,
pura mente capiámus, fa' che la partecipazione Ad invitatorium
ai doni della salvezza
et de múnere temporáli Invitatorio
sia per noi sacramento di unità
fiat nobis remédium sempitérnum. e di pace. V. Dómine, lábia mea apéris. V . Signore, apri le mie labbra.
Per Cristo nostro Signore. R. Et os meum annuntiábit laudem tuam. R . E la mia bocca proclami la tua
lode.
POST COMMUNIONEM Ant. Regem Apostolórum Dóminum,
veníte, adorémus. Ant. Venite, adoriamo Cristo,
Deus, qui nos, re e Signore degli apostoli.
beáti Petri apóstoli festivitátem celebrántes,
Psalmus 94 (95) Invitatio ad laudem Dei SALMO 94 Invito a lodare Dio
Christi Córporis et Sánguinis communióne Adhortamini vosmetipsos per singulos dies, donec illud Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché
vegetásti, præsta, quǽsumus, «hodie» vocatur (Hebr 3, 13). dura «quest'oggi» (Eb 3, 13)
ut hoc redemptiónis commércium
Venite, applaudiamo al Signore,
sit sacraméntum nobis unitátis et pacis. Veníte, exsultémus Dómino; acclamiamo alla roccia della
Per Christum. iubilémus Deo salutári nostro. nostra salvezza.
Præoccupémus fáciem eius in confessióne Accostiamoci a lui per rendergli
V. Dóminus vobíscum. V. Il Signore sia con voi. et in psalmis iubilémus ei. (Ant.) grazie, a lui acclamiamo con
R. Et cum spíritu tuo. R. E con il tuo spirito. canti di gioia. (Ant.)

Benedícat vos omnípotens Deus, Vi benedica Dio onnipotente, Quóniam Deus magnus Dóminus Poiché grande Dio è il Signore,
Pater, et Fílius + et Spíritus Sanctus. Padre e Figlio e Spirito Santo. et rex magnus super omnes deos. grande re sopra tutti gli dèi.
R. Amen Amen. Quia in manu eius sunt profúnda terræ, Nella sua mano sono gli abissi
et altitúdines móntium ipsíus sunt. della terra, sono sue le vette dei
Quóniam ipsíus est mare, et ipse fecit illud, monti.
V. Ite, missa est. La messa è finita, andate in pace.
et siccam manus eius formavérunt. (Ant.)
Suo è il mare, egli l'ha fatto, le
R. Deo gratias. Rendiamo grazie a Dio. sue mani hanno plasmato la
terra. (Ant.)
Veníte, adorémus et procidámus
et génua flectámus ante Dóminum, Venite, prostràti adoriamo, in
qui fecit nos, ginocchio davanti al Signore che
ci ha creati.
quia ipse est Deus noster,
Egli è nostro Dio, e noi il popolo
et nos pópulus páscuæ eius et oves manus eius. del suo pascolo, il gregge che egli
(Ant.) conduce. (Ant.)

Utinam hódie vocem eius audiátis: Ascoltate oggi la sua voce: «Non
«Nolíte obduráre corda vestra, __ indurite il cuore,
sicut in Meríba secúndum diem Massa in desérto, come a Merìba, come nel giorno
ubi tentavérunt me patres vestri: di Massa nel deserto, dove mi dicendo sottovoce: Agnello di Dio, che togli i peccati
probavérunt me, etsi vidérunt ópera mea. (Ant.) tentarono i vostri padri: mi del mondo, abbi pietà di noi.
misero alla prova, pur avendo
Hæc commíxtio Córporis et Sánguinis Agnello di Dio, che togli i peccati
visto le mie opere. (Ant.) Dómini nostri Iesu Christi del mondo, dona a noi la pace.
Quadragínta annis tæduit me generatiónis illíus, fiat accipiéntibus nobis in vitam ætérnam.
et dixi: Pópulus errántium corde sunt isti. Per quarant'anni mi disgustai di
Et ipsi non cognovérunt vias meas; quella generazione e dissi: Sono
un popolo dal cuore traviato. Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: Signore Gesù Cristo,
ídeo iurávi in ira mea:
Non conoscono le mie vie; perciò miserére nobis. Figlio del Dio vivo,
Non introíbunt in réquiem meam». (Ant.)
ho giurato nel mio sdegno: Non Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: che per volontà del Padre
entreranno nel luogo del mio miserére nobis. e con l’opera dello Spirito Santo
Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto. riposo». (Ant.) morendo hai dato la vita al mon-
Sicut erat in princípio, et nunc et semper, Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: do, per il santo mistero
et in sæcula sæculórum. Amen. (Ant.) Gloria al Padre e al Figlio, e allo dona nobis pacem. del tuo Corpo e del tuo Sangue,
Spirito Santo. liberami da ogni colpa
Come era nel principio, e ora e e da ogni male, fa’ che sia sempre
Il Celebrante dice sottovoce:
sempre nei secoli dei secoli. fedele alla tua legge e non sia mai
Ad Officium lectionis Amen. (Ant.) Dómine Iesu Christe, Fili Dei vivi, separato da te.
qui ex voluntáte Patris,
V. Deus, in adiutórum meum inténde. cooperánte Spíritu Sancto,
R. Dómine, ad adiuvándum me festína. per mortem tuam mundum vivificásti: La Comunione con il tuo Corpo
Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto. Ufficio delle letture
líbera me per hoc sacrosánctum e il tuo Sangue,
Sicut erat in princípio, et nunc et semper, Corpus et Sánguinem tuum Signore Gesù Cristo,
O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al
et in sæcula sæculórum. Amen. Padre. Come era nel principio. ab ómnibus iniquitátibus meis et univérsis malis: non diventi per me
Alleluia. giudizio di condanna,
et fac me tuis semper inhærére mandátis, ma per tua misericordia,
HYMNUS et a te numquam separári permíttas. sia rimedio di difesa
INNO
Iam, bone pastor, Petre, clemens áccipe Orsù, buon pastore, Pietro, dell’anima e del corpo.
accogli benigno | le preghiere di
oppure:
vota precántum, et peccáti víncula Ecco l'Agnello di Dio,
noi che ti invochiamo, e sciogli i
resólve, tibi potestáte trádita, Percéptio Córporis et Sánguinis tui, che toglie i peccati del mondo.
vincoli | del peccato, con
qua cunctis cælum verbo claudis, áperis. l’autorità che ti è stata data, | per Dómine Iesu Christe, Beati gli invitati
la quale apri e chiudi a tutti il non mihi provéniat in iudícium et condemnatiónem: alla Cena del Signore.
cielo con una tua parola. sed pro tua pietáte prosit mihi
Sit Trinitáti sempitérna glória, O Signore, non sono degno
ad tutaméntum mentis et córporis, di partecipare alla tua mensa:
honor, potéstas atque iubilátio, Sia gloria eterna, | onore, potenza
e giubilo, nell’unità, alla Trinità, | et ad medélam percipiéndam. ma di’ soltanto una parola
in unitáte, cui manet impérium cui è stabile il potere | da ora fino e io sarò salvato.
ex tunc et modo per ætérna sæcula. Amen. alla fine per i secoli eterni. Amen. Tenendo l’ostia alquanto sollevata sulla patena: Il Corpo di Cristo
1 ant. Disse Pietro: Gesù, che Ecce Agnus Dei, ecce qui tollit peccáta mundi. mi custodisca per la vita eterna.
Ant. 1 Ait Petrus: Iesum, quem vos interemístis, voi avete ucciso, Dio lo ha Beáti qui ad cenam Agni vocáti sunt.
hunc Deus suscitávit a mórtuis et exaltávit in glória. risuscitato dai morti e lo ha
esaltato nella gloria. E continua, dicendo insieme con il popolo. Il Sangue di Cristo
Psalmus 18 (19) A mi custodisca per la vita eterna.
Dómine, non sum dignus,
Salmo 18 A ut intres sub tectum meum,
Cæli enárrant glóriam Dei, * I cieli narrano la gloria di Dio, * e
l'opera delle sue mani annunzia il sed tantum dic verbo, et sanábitur ánima mea. ANTIFONA ALLA COMUNIONE
et ópera mánuum eius annúntiat firmaméntum. firmamento. | Il giorno al giorno Il Celebrante dice sottovoce: Pietro disse a Gesù: «Tu sei il
Dies diéi erúctat verbum, * ne affida il messaggio * e la notte Cristo, il Figlio del Dio vivente».
Corpus Christi custódiat me in vitam ætérnam.
alla notte ne trasmette notizia. Gesù rispose: «Tu sei Pietro,
et nox nocti índicat sciéntiam. Con riverenza si comunica al corpo di Cristo. e su questa pietra edificherò
Non è linguaggio e non sono
Non sunt loquélæ neque sermónes, * parole, * di cui non si oda il Poi prende il calice e dice sottovoce: la mia Chiesa».
RITUS COMMUNIONIS venga il tuo regno, quorum non intellegántur voces: suono.
sia fatta la tua volontà, Per tutta la terra si diffonde la
come in cielo così in terra. in omnem terram exívit sonus eórum * loro voce * e ai confini del mondo
Præcéptis salutáribus móniti, Dacci oggi et in fines orbis terræ verba eórum. la loro parola.
et divína institutióne formáti, il nostro pane quotidiano,
audémus dícere: e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo Soli pósuit tabernáculum in eis, † Là pose una tenda per il sole †
Pater noster, qui es in cælis: ai nostri debitori, et ipse tamquam sponsus procédens che esce come sposo dalla stanza
e non ci indurre in tentazione, nuziale, * esulta come prode che
sanctificétur nomen tuum; de thálamo suo, *
ma liberaci dal male. percorre la via.
advéniat regnum tuum; exsultávit ut gigas ad curréndam viam.
fiat volúntas tua, sicut in cœlo, et in terra. Egli sorge da un estremo del cielo
Panem nostrum cotidiánum da nobis hódie; Liberaci, o Signore, da tutti i ma- † e la sua corsa raggiunge l'altro
li, concedi la pace ai nostri giorni; A fínibus cælórum egréssio eius † estremo: * nulla si sottrae al suo
et dimítte nobis débita nostra, e con l'aiuto della tua misericor- et occúrsus eius usque ad fines eórum, * calore.
sicut et nos dimíttimus debitóribus nostris; dia, vivremo sempre liberi dal
nec est, quod se abscóndat a calóre eius.
et ne nos indúcas in tentatiónem; peccato e sicuri da ogni turba- 1 ant. Disse Pietro: Gesù, che
sed líbera nos a malo. mento, nell'attesa che si compia voi avete ucciso, Dio lo ha
la beata speranza, e venga il no- Ant. 1 Ait Petrus: Iesum, quem vos interemístis, risuscitato dai morti e lo ha
stro Salvatore Gesù Cristo. esaltato nella gloria.
Líbera nos, quǽsumus, Dómine, hunc Deus suscitávit a mórtuis et exaltávit in glória.
ab ómnibus malis,
da propítius pacem in diébus nostris,
Tuo é il regno, tua la potenza 2 ant. Il Signore ha mandato
ut, ope misericórdiæ tuæ adiúti, e la gloria nei secoli. Ant. 2 Misit Dóminus ángelum suum, et liberávit me il suo angelo, e mi ha liberato
et a peccáto simus semper líberi de manu Heródis. dalla mano di Erode.
et ab omni perturbatióne secúri: Psalmus 63 (64)
Signore Gesù Cristo, che hai det- Salmo 63
exspectántes beátam spem to ai tuoi apostoli: "Vi lascio la
et advéntum Salvatóris nostri Iesu Christi. pace, vi do la mia pace", non Exáudi, Deus, vocem meam in meditatióne mea; * Ascolta, Dio, la voce, del mio
guardare ai nostri peccati, ma lamento, * dal terrore del nemico
alla fede della tua Chiesa, e dona- a timóre inimíci custódi ánimam meam. preserva la mia vita.
R. Quia tuum est regnum, et potéstas, le unita e pace secondo la tua vo- Prótege me a convéntu malignántium, * Proteggimi dalla congiura degli
et glória in sæcula. lontà. Tu che vivi e regni nei se- empi * dal tumulto dei malvagi.
a multitúdine operántium iniquitátem.
coli dei secoli. Amen.
Dómine Iesu Christe, qui dixísti Apóstolis tuis: Affilano la loro lingua come
Pacem relínquo vobis, pacem meam do vobis: La pace del Signore sia sempre Qui exacuérunt ut gládium linguas suas, † spada, † scagliano come frecce
R
con voi. . E con il tuo spirito. parole amare * per colpire di
ne respícias peccáta nostra, sed fidem Ecclésiæ tuæ; intendérunt sagíttas suas, venéfica verba * nascosto l'innocente;
eámque secúndum voluntátem tuam ut sagíttent in occúltis immaculátum.
pacificáre et coadunáre dignéris. Scambiatevi un segno di pace. lo colpiscono di sorpresa e non
hanno timore, * si ostinano nel
Qui vivis et regnas in sǽcula sæculórum. Súbito sagittábunt eum et non timébunt, * fare il male.
R. Amen. firmavérunt sibi consílium nequam. Si accordano per nascondere
Disputavérunt, ut abscónderent láqueos, * tranelli; * dicono: «Chi li potrà
Pax Dómini sit semper vobíscum. vedere?».
Il Corpo e il Sangue di Cristo, dixérunt: «Quis vidébit eos?». Meditano iniquità, † attuano le
R. Et cum spíritu tuo. uniti in questo calice, Excogitavérunt iníqua, † loro trame: * un baratro è l'uomo
siano per noi cibo di vita eterna. e il suo cuore un abisso.
perfecérunt excogitáta consília. *
Offérte vobis pacem.
Interióra hóminis et cor eius abýssus.
Ma Dio li colpisce con le sue
Agnello di Dio, che togli i peccati frecce: † all'improvviso essi sono
Spezza l’Ostia e lascia cadere un frammento nel calice, del mondo, abbi pietà di noi.
Et sagittávit illos Deus; † feriti, *
súbito factæ sunt plagæ eórum, * la loro stessa lingua li farà ut, quotquot ex hac altáris participatióne sa-
cadere; Ricordati, o Signore, dei tuoi fe-
et infirmávit eos lingua eórum. crosánctum Fílii tui deli, N. e N.,
Córpus et Sánguinem sumpsérimus, che ci hanno preceduto
Caput movébunt omnes, qui vidébunt eos, * chiunque, al vederli, scuoterà il ómni benedictióne cælésti et grátia repleámur. con il segno della fede
capo, * allora tutti saranno presi e dormono il sonno della pace.
et timébit omnis homo; da timore; Dona loro, Signore,
et annuntiábunt ópera Dei * annunzieranno le opere di Dio * e e a tutti quelli che riposano
capiranno ciò che egli ha fatto. 3C Meménto étiam, Dómine, in Cristo,
et facta eius intéllegent.
famulórum famularúmque tuárum N. et N., la beatitudine, la luce e la pace.
Il giusto gioirà nel Signore e qui nos præcessérunt cum signo fídei,
Lætábitur iustus in Dómino et sperábit in eo, * riporrà in lui la sua speranza, * i
retti di cuore ne trarranno gloria. et dórmiunt in somno pacis.
et gloriabúntur omnes recti corde. Ipsis, Dómine, Anche a noi, tuoi ministri,
2 ant. Il Signore ha mandato et ómnibus in Christo quiescéntibus, peccatori, ma fiduciosi
il suo angelo, e mi ha liberato nella tua infinita misericordia,
Ant. 2 Misit Dóminus ángelum suum, et liberávit me locum refrigérii, lucis et pacis,
dalla mano di Erode. concedi, o Signore, di aver parte
de manu Heródis. ut indúlgeas, deprecámur. nella comunità
dei tuoi santi apostoli e martiri:
3 ant. Una nube luminosa li Giovanni, Stefano, Mattia, Bar-
avvolse; ed la voce del Padre fu naba, [Ignazio, Alessandro,
Ant. 3 Ecce nubes lúcida obumbrávit eos, patérna udita: Questi è il mio Figlio, il
4C Nobis quoque peccatóribus fámulis tuis, Marcellino e Pietro,
prediletto. de multitúdine miseratiónum tuárum speránti- Felicita, Perpetua, Agata,
vox audíta est: Hic est Fílius meus diléctus.
bus, partem áliquam et societátem donáre di- Lucia, Agnese, Cecilia, Anastasia]
Salmo 96 gnéris e tutti i santi:
Psalmus 96 (97) ammettici a godere
Il Signore regna, esulti la terra, * cum tuis sanctis Apóstolis et Martýribus: della loro sorte beata
gioiscano le isole tutte. cum Ioánne, Stéphano, Matthía, Bárnaba, non per i nostri meriti,
Dóminus regnávit! Exsúltet terra, * Nubi e tenebre lo avvolgono, * (Ignátio, Alexándro, Marcellíno, Petro, ma per la ricchezza
læténtur ínsulæ multæ. giustizia e diritto sono la base del del tuo perdono.
Felicitáte, Perpétua, Agatha,
suo trono.
Nubes et calígo in circúitu eius, * Lúcia, Agnéte, Cæcília, Anastásia)
iustítia et iudícium firmaméntum sedis eius. Davanti a lui cammina il fuoco * et ómnibus Sanctis tuis: Per Cristo nostro Signore
e brucia tutt'intorno i suoi intra quorum nos consórtium, tu, o Dio, crei e santifichi sempre,
nemici. fai vivere, benedici
Ignis ante ipsum præcédet * Le sue folgori rischiarano il
non æstimátor mériti,
e doni al mondo ogni bene.
et inflammábit in circúitu inimícos eius. mondo: * vede e sussulta la terra. sed véniæ, quǽsumus, largítor admítte.
Illustrárunt fúlgura eius orbem terræ: * Per Christum Dóminum nostrum.
Per Cristo, con Cristo e in Cristo,
vidit et contrémuit terra. I monti fondono come cera a te, Dio Padre onnipotente,
davanti al Signore, * davanti al nell'unità dello Spirito Santo,
Signore di tutta la terra. CP Per quem hæc ómnia, Domine, ogni onore e gloria
Montes sicut cera fluxérunt a fácie Dómini, * I cieli annunziano la sua giustizia per tutti i secoli dei secoli.
semper bona creas, sanctíficas, vivíficas, bene-
a fácie Dómini omnis terra. * e tutti i popoli contemplano la
dicís, et præstas nobis.
Amen.
Annuntiavérunt cæli iustítiam eius, * sua gloria.

et vidérunt omnes pópuli glóriam eius. Siano confusi tutti gli adoratori di CC Per ipsum, et cum ipso, et in ipso, RITI DI COMUNIONE
statue † e chi si gloria dei propri est tibi Deo Patri omnipoténti,
idoli. * Si prostrino a lui tutti gli dei!
Confundántur omnes, qui adórant sculptília † in unitáte Spíritus Sancti, Obbedienti alla parola del Salva-
et qui gloriántur in simulácris suis. * ómnis honor et glória tore e formati al suo divino inse-
Ascolta Sion e ne gioisce, †
gnamento, osiamo dire:
Adoráte eum, omnes ángeli eius. esultano le città di Giuda * per i per ómnia sécula sæculórum.
tuoi giudizi, Signore. R .Amen.
Audívit et lætáta est Sion, † Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
a questo calice et exsultavérunt fíliæ Iudæ *
annunziamo la tua morte, Signo- Perché tu sei, Signore, l'Altissimo
R. Mortem tuam annuntiámus, Dómine, re, nell'attesa della tua venuta. propter iudícia tua, Dómine. su tutta la terra, * tu sei eccelso
CP et tuam resurrectiónem confitémur, donec Oppure: sopra tutti gli dei.
vénias. Tu ci hai redenti con la tua croce
Quóniam tu Dóminus,
Oppure: e la tua risurrezione:
salvaci, o Salvatore del mondo. Altíssimus super omnem terram, * Odiate il male, voi che amate il
R. Quotiescúmque manducámus panem hunc nimis exaltátus es super omnes deos. Signore: † lui che custodisce la
et cálicem bíbimus, mortem tuam annuntiámus, vita dei suoi fedeli * li strapperà
Dómine, donec vénias. In questo sacrificio, o Padre, dalle mani degli empi.
Oppure: noi tuoi ministri Qui dilígitis Dóminum, odíte malum; †
e il tuo popolo santo celebriamo custódit ipse ánimas sanctórum suórum, *
R. Salvátor mundi, salva nos, il memoriale della beata passio- Una luce si è levata per il giusto,
qui per crucem et resurrectiónem tuam liberásti ne, della risurrezione dai morti de manu peccatóris liberábit eos. * gioia per i retti di cuore.
nos. e della gloriosa ascensione al cie-
lo del Cristo tuo Figlio Rallegratevi, giusti, nel Signore, *
Lux orta est iusto, *
e nostro Signore; rendete grazie al suo santo nome.
CC Unde et mémores, Dómine, e offriamo alla tua maestà divina, et rectis corde lætítia.
nos servi tui, tra i doni che ci hai dato, Lætámini, iusti, in Dómino *
sed et plebs tua sancta, la vittima pura, 3 ant. Una nube luminosa li
santa et confitémini memóriæ sanctitátis eius. avvolse; ed la voce del Padre fu
eiúsdem Christi, Fílii tui, Dómini nostri, e immacolata, udita: Questi è il mio Figlio, il
tam beátæ passiónis, pane santo della vita eterna prediletto.
Ant. 3 Ecce nubes lúcida obumbrávit eos, patérna
necnon et ab ínferis resurrectiónis, e calice dell'eterna salvezza.
vox audíta est: Hic est Fílius meus diléctus. V. Da chi andremo, Signore?
sed et in cælos gloriósæ ascensiónis:
offérimus præcláræ maiestáti tuæ
R. Tu hai parole di vita eterna.
de tuis donis ac datis
V. Dómine, ad quem íbimus? PRIMA LETTURA
hóstiam puram, Volgi sulla nostra offerta
R. Verba vitæ ætérnæ habes. Dagli Atti degli Apostoli 11, 1-18
il tuo sguardo sereno e benigno,
hóstiam sanctam,
come hai voluto accettare i doni LECTIO PRIOR Pietro narra la conversione delle genti
hóstiam immaculátam, di Abele, il giusto,
Panem sanctum vitæ ætérnæ il sacrificio di Abramo,
De Actibus Apostolórum 11, 1-18 In quei giorni, gli apostoli e i
nostro padre nella fede, fratelli che stavano nella Giudea
et Cálicem salútis perpétuæ. Petrus narrat conversionem gentium vennero a sapere che anche i
e l'oblazione pura e santa
di Melchisedech, pagani avevano accolto la parola
Supra quæ propítio ac seréno vultu tuo sommo sacerdote. In diébus illis: Audiérunt apóstoli et fratres, qui di Dio. E quando Pietro salì a
respícere dignéris: erant in Iudæa, quóniam et gentes recepérunt Gerusalemme, i circoncisi lo rim-
proveravano dicendo: «Sei entra-
et accépta habére, verbum Dei. Cum ascendísset autem Petrus in to in casa di uomini non circon-
sícuti accépta habére dignátus es Ierúsalem, disceptábant advérsus illum, qui erant ex cisi e hai mangiato insieme con
múnera púeri tui iusti Abel, circumcisióne, dicéntes: «Introísti ad viros loro!». Allora Pietro raccontò per
Ti supplichiamo, Dio onnipoten- ordine come erano andate le
et sacrifícium Patriárchæ nostri Abrahæ, præpútium habéntes et manducásti cum illis!».
te: fa' che questa offerta, cose, dicendo: «Io mi trovavo in
et quod tibi óbtulit Incípiens autem Petrus exponébat illis ex órdine preghiera nella città di Giaffa e
per le mani del tuo angelo santo,
summus sacérdos tuus Melchísedech, sia portata sull'altare del cielo vidi in estasi una visione: un
dicens: «Ego eram in civitáte Ioppe orans et vidi in
sanctum sacrifícium, davanti alla tua maestà divina, oggetto, simile a una grande tova-
perché su tutti noi excéssu mentis visiónem, descéndens vas quoddam glia, scendeva come calato dal
immaculátam hóstiam. cielo per i quattro capi e giunse
che partecipiamo di questo alta- velut línteum magnum quáttuor inítiis submítti de
re, comunicando al santo mistero fino a me. Fissandolo con atten-
Súpplices te rogámus, omnípotens Deus: cælo, et venit usque ad me; in quod íntuens zione, vidi in esso quadrupedi,
del corpo e sangue del tuo Figlio,
iube hæc perférri per manus sancti Angeli tui scenda la pienezza di ogni grazia considerábam et vidi quadrupédia terræ et béstias et fiere e rettili della terra e uccelli
e benedizione del cielo. reptília et volatília cæli. Audívi autem et vocem del cielo. E sentii una voce che mi
in sublíme altáre tuum, diceva: Pietro, alzati, uccidi e
in conspéctu divínæ maiestátis tuæ; dicéntem mihi: “Surgens, Petre, occíde et mangia! Risposi: Non sia mai,
mandúca!”. Dixi autem: Nequáquam, Dómine, quia Signore, poiché nulla di profano quorum méritis precibúsque concédas, gnore, l'offerta che ti presentiamo
e di immondo è entrato mai nella noi tuoi ministri e tutta la tua
commúne aut immúndum numquam introívit in os mia bocca. Ribatté nuovamente
ut in ómnibus protectiónis tuæ muniámur famiglia: disponi nella tua pace i
meum. Respóndit autem vox secúndo de cælo: “Quæ la voce dal cielo: Quello che Dio auxílio. nostri giorni, salvaci dalla danna-
ha purificato, tu non considerarlo zione eterna, e accoglici nel greg-
Deus mundávit, tu ne commúne díxeris”. Hoc autem
profano. Questo avvenne per tre CP Hanc ígitur oblatiónem servitútis nostræ, ge degli eletti.
factum est per ter, et retrácta sunt rursum ómnia in volte e poi tutto fu risollevato di
nuovo nel cielo. Ed ecco, in quel- sed et cunctæ famíliæ tuæ, Santifica, o Dio, questa offerta
cælum.
l'istante, tre uomini giunsero alla quǽsumus, Dómine, ut placátus accípias: con la potenza della tua benedi-
Et ecce conféstim tres viri astitérunt in domo, in casa dove eravamo, mandati da diésque nostros in tua pace dispónas, zione, e degnati di accettarla
qua erámus, missi a Cæsaréa ad me. Dixit autem Cesarea a cercarmi. Lo Spirito mi atque ab ætérna damnatióne nos éripi a nostro favore, in sacrificio spiri-
Spíritus mihi, ut irem cum illis nihil hæsitans. disse di andare con loro senza tuale e perfetto, perché diventi
esitare. Vennero con me anche et in electórum tuórum iúbeas grege numerári. per noi il corpo e il sangue
Venérunt autem mecum et sex fratres isti, et ingréssi questi sei fratelli ed entrammo in del tuo amatissimo Figlio,
sumus in domum viri. Narrávit autem nobis casa di quell'uomo. Egli ci rac- CC Quam oblatiónem tu, Deus, il Signore nostro Gesù Cristo.
contò che aveva visto un angelo
quómodo vidísset ángelum ad domum suam in ómnibus, quǽsumus,
presentarsi in casa sua e dirgli: La vigilia della sua passione, egli
stantem et dicéntem: “Mitte in Ioppen et accérsi Manda a Giaffa e fa' venire benedíctam, adscríptam, ratam, prese il pane nelle sue mani sante
Simónem, qui cognominátur Petrus, qui loquétur Simone detto anche Pietro; egli ti rationábilem, acceptabilémque fácere dignéris: e venerabili, e alzando gli occhi al
dirà parole per mezzo delle quali ut nobis Corpus et Sanguis fiat dilectíssimi cielo a te Dio Padre suo onnipo-
tibi verba, in quibus salvus eris tu et univérsa domus sarai salvato tu e tutta la tua tente, rese grazie con la preghiera
tua”. famiglia. Avevo appena comincia-
Filii tui, Dómini nostri Iesu Christi. di benedizione, spezzò il pane, lo
Cum autem cœpíssem loqui, décidit Spíritus to a parlare quando lo Spirito diede ai suoi discepoli, e disse:
Santo scese su di loro, come in Qui, pridie quam paterétur, accépit panem
Sanctus super eos sicut et super nos in inítio. principio era sceso su di noi. Mi in sanctas ac venerábiles manus suas,
Recordátus sum autem verbi Dómini sicut dicébat: ricordai allora di quella parola Prendete, e mangiatene tutti:
del Signore che diceva: Giovanni et elevátis óculis in cælum questo è il mio Corpo
“Ioánnes quidem baptizávit aqua, vos autem ad te Deum Patrem suum omnipoténtem,
battezzò con acqua, voi invece offerto in sacrificio per voi.
baptizabímini in Spíritu Sancto”. Si ergo æquále sarete battezzati in Spirito Santo. tibi grátias ágens benedíxit, fregit,
donum dedit illis Deus sicut et nobis, qui Se dunque Dio ha dato a loro lo
dedítque discípulis suis, dicens:
stesso dono che a noi per aver Dopo la cena, allo stesso modo,
credídimus in Dóminum Iesum Christum, ego quis creduto nel Signore Gesù Cristo, prese questo glorioso calice
eram qui possem prohibére Deum?». chi ero io per porre impedimento ACCÍPITE ET MANDUCÁTE EX HOC OMNES: nelle sue mani sante e venerabili,
His autem audítis acquievérunt et glorificavérunt a Dio?» All'udir questo si calma- HOC EST ENIM CORPUS MEUM, ti rese grazie
rono e cominciarono a glorificare con la preghiera di benedizione,
Deum dicéntes: «Ergo et géntibus Deus pæniténtiam QUOD PRO VOBIS TRADÉTUR.
Dio dicendo: «Dunque anche ai lo diede ai suoi discepoli, e disse:
ad vitam dedit». pagani Dio ha concesso che si
convertano perché abbiano la Símili modo, póstquam cenátum est, Prendete, e bevetene tutti:
vita!». accípiens et hunc præclárum cálicem questo è il calice del mio San-
gue
RESPONSORIO in sanctas ac venerábiles manus suas, per la nuova ed eterna allean-
R. Ho pregato per te, Simon item tibi grátias ágens benedíxit, za,
Pietro, che non venga meno la dedítque discípulis suis, dicens: versato per voi e per tutti
tua fede; * e tu, superata la prova, in remissione dei peccati.
RESPONSORIUM Lc 22, 32; Mt 16, 17b V
conferma i tuoi fratelli. . Non ti
ACCÍPITE ET BÍBITE EX EO OMNES:
fu rivelato dalla carne e dal Fate questo in memoria di me.
R. Ego rogávi pro te, Petre, ut non defíciat fides tua;
sangue, ma dal Padre mio che è HIC EST ENIM CALIX SÁNGUINIS MEI
Mistero della fede.
* Et tu, aliquándo convérsus, confírma fratres tuos. nei cieli. * E tu… NOVI ET ÆTÉRNI TESTAMENTI,
V . Caro et sanguis non revelávit tibi, sed Pater meus, SECONDA LETTURA - Dai «Discorsi»
di san Leone Magno, papa
QUI PRO VOBIS ET PRO MULTIS EFFUNDÉTUR Annunziamo la tua morte, Signo-
qui est in cælis. * Et tu, aliquándo convérsus, IN REMISSIÓNEM PECCATÓRUM. re, proclamiamo la tua risurre-
zione, nell'attesa della tua venuta.
confírma fratres tuos. La Chiesa di Cristo s'innalza HOC FÁCITE IN MEAM
Oppure:
LECTIO ALTERA
sulla salda fede di Pietro COMMEMORATIÓNEM. Ogni volta che mangiamo
V. Mystérium fídei. di questo pane e beviamo
Canon Romanus mo per Gesù Cristo, Ex Sermónibus sancti Leónis Magni papæ Tra tutti gli uomini solo Pietro
tuo Figlio e nostro Signore, viene scelto per essere il primo a
di accettare questi doni, (Sermo 4 de Natali ipsius, 2-3: PL 54, 149-151) chiamare tutte le genti alla sal-
CP TE ÍGITUR, clementíssime Pater, di benedire queste offerte, vezza e per essere il capo di tutti
per Iesum Christum, Filium tuum, questo santo Ecclesia Christi in Petri fidei firmitate consurgit gli apostoli e di tutti i Padri della
Dóminum nostrum, e immacolato sacrificio. Chiesa. Nel popolo di Dio sono
Noi te l'offriamo anzitutto De toto mundo unus Petrus elígitur, qui et molti i sacerdoti e i pastori, ma la
súpplices rogámus ac pétimus per la tua Chiesa santa e cattoli- universárum géntium vocatióni, et ómnibus vera guida di tutti è Pietro, sotto la
uti accépta hábeas ca, perché tu le dia pace e la pro- scorta suprema di Cristo. Caris-
Apóstolis cunctísque Ecclésiæ pátribus præponátur:
et benedícas  hæc dona, hæc múnera, tegga, la raccolga nell'unità
ut, quamvis in pópulo Dei multi sacerdótes sint
simi, Dio si è degnato di rendere
hæc sancta sacrifícia illibáta, e la governi su tutta la terra, questo uomo partecipe del suo po-
con il tuo servo multíque pastóres, omnes tamen próprie regat tere in misura grande e mirabile.
in primis, quæ tibi offérimus il nostro Papa N., E se ha voluto che anche gli altri
pro Ecclésia tua sancta cathólica: il nostro Vescovo N. Petrus, quos principáliter regit et Christus. Magnum prìncipi della Chiesa avessero
quam pacificáre, custodíre, adunáre e con tutti quelli che custo- et mirábile, dilectíssimi, huic viro consórtium qualche cosa in comune con lui, è
discono la fede cattolica, poténtiæ suæ tríbuit divína dignátio; et, si quid cum sempre per mezzo di lui che tras-
et régere dignéris toto orbe terrárum:
trasmessa dagli Apostoli. mette quanto agli altri non ha ne-
una cum fámulo tuo Papa nostro N. eo commúne céteris vóluit esse princípibus, gato.
Ricordati, Signore, dei tuoi fedeli.
et Antístite nostro N. Ricordati di tutti i presenti, numquam nisi per ipsum dedit quidquid áliis non A tutti gli apostoli il Signore do-
et ómnibus orthodóxis atque cathólicæ dei quali conosci la fede manda che cosa gli uomini pen-
negávit.
e la devozione: sino di lui e tutti danno la stessa
et apostólicæ fidei cultóribus. Omnes dénique Apóstolos Dóminus quid de se risposta fino a che essa continua
per loro ti offriamo
e anch'essi ti offrono hómines opinéntur intérrogat; et támdiu sermo ad essere l'espressione ambigua
1C Meménto, Dómine, questo sacrificio di lode, della comune ignoranza umana.
respondéntium commúnis est, quámdiu humánæ Ma quando gli apostoli sono
famulórum famularúmque tuárum N. et N. e innalzano la preghiera a te,
Dio eterno, vivo e vero, ignorántiæ ambigúitas explicátur. interpellati sulla loro opinione
et ómnium circumstántium, personale, allora il primo a
per ottenere a sé e ai loro cari At ubi quid hábeat sensus discipulórum exígitur,
quorum tibi fides cógnita est et nota devótio, redenzione, sicurezza di vita professare la fede nel Signore è co-
pro quibus tibi offérimus: primus est in Dómini confessióne, qui primus est in lui che è primo anche nella dignità
e salute.
apostólica dignitáte. Qui cum dixísset: Tu es apostolica. Egli dice: «Tu sei il
vel qui tibi offerunt hoc sacrifícium láudis,
Cristo, il Figlio del Dio vivente»; e
pro se suísque ómnibus: Christus, Fílius Dei vivi, respóndit ei Iesus: Beátus Gesù gli risponde: «Beato te,
pro redemptióne animárum suárum, In comunione con tutta la Chiesa,
es, Simon Bar-Iona, quia caro et sanguis non Simone figlio di Giona, perché né
pro spe salútis et incolumitátis suæ: ricordiamo e veneriamo anzitutto revelávit tibi, sed Pater meus qui in cælis est; id est, la carne né il sangue te l'hanno
la gloriosa e sempre vergine Ma- rivelato, ma il Padre mio che sta
tibíque reddunt vota sua ídeo beátus es, quia te Pater meus dócuit, nec nei cieli» (Mt 16,16-17). Ciò
ria,
ætérno Deo, vivo et vero. Madre del nostro Dio terréna opínio te feféllit, sed inspirátio cæléstis significa: tu sei beato perché il Pa-
e Signore Gesù Cristo, instrúxit; et non caro nec sanguis, sed ille me tibi, dre mio ti ha ammaestrato, e non
2C Communicántes, san Giuseppe, suo sposo, ti sei lasciato ingannare da opi-
cuius sum unigénitus Fílius, indicávit. nioni umane, ma sei stato istruito
et memóriam venerántes, i santi apostoli e martiri:
Pietro e Paolo, Andrea, Et ego, inquit, dico tibi: hoc est, sicut Pater meus da una ispirazione celeste. La mia
in prímis gloriósæ semper Vírginis Mariæ, (Giacomo, Giovanni, Tommaso, identità non te l'ha rivelata la car-
tibi manifestávit divinitátem meam, ita et ego tibi ne e il sangue, ma colui del quale
Genetrícis Dei et Dómini nostri Iesu Christi: Giacomo, Filippo, Bartolomeo,
Matteo, Simone e Taddeo, notam fácio excelléntiam tuam: Quia tu es Petrus: id io sono il Figlio unigenito. Gesù
sed et beáti Ióseph, eiúsdem Vírginis Sponsi,
Lino, Cleto, Clemente, Sisto, est, cum ego sim inviolábilis petra, ego lapis continua: «E io ti dico»: cioè come
et beatórum Apostolórum ac Mártyrum tuórum, il Padre mio ti ha rivelato la mia
Cornelio e Cipriano, Lorenzo, anguláris, qui fácio utráque unum, ego
Petri et Pauli, Andréæ, Crisogono, Giovanni e Paolo, divinità, così io ti manifesto la tua
(Iacóbi, Ioánnis, Thomæ, Iacóbi, Philíppi, Bar- Cosma e Damiano) fundaméntum præter quod nemo potest áliud dignità. «Tu sei Pietro». Ciò
e tutti i santi; pónere; tamen tu quoque petra es, quia mea virtúte significa che se io sono la pietra
tholomǽi, Matthǽi, Simónis et Thaddǽi: inviolabile, la pietra angolare che
per i loro meriti e le loro preghie-
Lini, Cleti, Cleméntis, Xysti, Cornélii, Cypriáni, solidáris, ut quæ mihi potestáte sunt própria, sint ha fatto dei due un popolo solo
re donaci sempre aiuto e prote-
Lauréntii, Chrysógoni, Ioánnis et Pauli, zione. tibi mecum participatióne commúnia. (cfr. Ef 2,14. 20), il fondamento
Cosmæ et Damiáni) che nessuno può sostituire, anche
Et super hanc petram ædificábo Ecclésiam meam, tu sei pietra, perché la mia forza ti
et ómnium Sanctórum tuórum; Accetta con benevolenza, o Si-
et portæ ínferi non prævalébunt advérsus eam. Super rende saldo. Così la mia R. E con il tuo spirito.
prerogativa personale è comu- V. In alto i cuori.
hanc, inquit, fortitúdinem ætérnum éxstruam Prefatio I de Apostolis
nicata anche a te per partecipa- R. Sono rivolti al Signore.
templum, et Ecclésiæ meæ cælo inserénda zione. «E su questa pietra edifi- V. Dóminus vobíscum. V. Rendiamo grazie al Signore.
sublímitas in huius fídei firmitáte consúrget. cherò la mia Chiesa e le porte de- R. Et cum spíritu tuo. R. È cosa buona e giusta.
gli inferi non prevarranno contro V. Sursum corda.
Hanc confessiónem portæ ínferi non tenébunt, di essa» (Mt 16,18). Cioè, su que- È veramente cosa degna e giusta,
mortis víncula non ligábunt: vox enim ista vox vitæ sta solida base voglio costruire il R. Habémus ad Dóminum. e salutare, che noi sempre e
est. Et sicut confessóres suos in cæléstia próvehit,
mio tempio eterno. La mia Chiesa, V. Grátias agámus Dómino Deo nostro, ovunque di rendiamo grazie, Si-
ita negatóres ad inférna demérgit.
destinata a innalzarsi fino al cielo,
dovrà poggiare sulla solidità di
R. Dignum et iustum est. gnore, Padre santo, Dio onnipo-
tente ed eterno:
Propter quod dícitur beatíssimo Petro: Tibi dabo questa fede. Pastore eterno, tu non abbandoni
Le porte degli inferi non pos- Vere dignum et iustum est, æquum et salutáre,
claves regni cælórum. Et quæcúmque ligáveris super il tuo gregge, ma lo custodisci
sono impedire questa professione nos tibi semper et ubíque grátias ágere: e proteggi sempre per mezzo
terram, erunt ligáta et in cælis; et quæcúmque sólveris di fede, che sfugge anche ai legami Dómine, sancte Pater, omnípotens ætérne Deus: dei tuoi santi Apostoli, e lo
della morte. Essa infatti è parola conduci attraverso i tempi, sotto
super terram, erunt solúta et in cælis. Qui gregem tuum, Pastor ætérne, non déseris,
di vita, che solleva al cielo chi la la guida di coloro che tu stesso
Transívit quidem étiam in álios Apóstolos ius proferisce e sprofonda nell'inferno sed per beátos Apóstolos
hai eletto vicari del tuo Figlio
potestátis istíus, et ad omnes Ecclésiæ príncipes chi la nega. È per questo che a san contínua protectióne custódis, e hai costituito pastori.
Pietro viene detto: «A te darò le ut iísdem rectóribus gubernétur, Per questo con gli Angeli e gli Ar-
decréti huius constitútio commeávit; sed non frustra chiavi del regno dei cieli, e tutto
quos Fílii tui vicários cangeli, i Troni e le Dominazioni,
uni commendátur, quod ómnibus intimétur. Petro ciò che legherai sulla terra sarà e tutte le milizie dell’esercito ce-
legato nei cieli, e tutto ciò che eídem contulísti praeésse pastóres.
enim ídeo hoc singuláriter créditur, quia cunctis leste, cantiamo l’inno della tua
scioglierai sulla terra sarà sciolto Et ídeo cum Angelis et Archángelis, gloria, dicendo senza fine:
Ecclésiæ rectóribus Petri forma præpónitur. nei cieli» (Mt 16,19). Certo, il di- cum Thronis et Dominatiónibus,
ritto di esercitare questo potere è Santo, Santo, Santo il Signore
stato trasmesso anche agli altri a- cumque omni milítia caeléstis exércitus,
Dio dell’universo. I cieli e la terra
postoli, questo decreto costitutivo hymnum glóriæ tuæ cánimus, sono pieni della tua gloria. Osan-
è passato a tutti i prìncipi della sine fine dicéntes: na nell’alto dei cieli. Benedetto
Chiesa. Ma non senza ragione è colui che viene nel nome del Si-
stato consegnato a uno solo ciò gnore. Osanna nell’alto dei cieli.
che doveva essere comunicato a Sanctus, Sanctus, Sanctus Dóminus Deus Sábaoth.
tutti. Questo potere infatti è affida- Pleni sunt cæli et terra glória tua.
to personalmente a Pietro, per-ché Hosánna in excélsis.
la dignità di Pietro supera quella
di tutti i capi della Chiesa.
Benedíctus qui venit in nómine Dómini.
Hosánna in excélsis.
RESPONSORIO
R . Simon Pietro prima di chiamar-
ti dalla barca, ti ho conosciuto; ti
ho messo a capo del mio popolo, *
RESPONSORIUM Cf. Mt 16, 19 ti ho consegnato le chiavi del

R . Simon Petre, ántequam de navi vocárem te, novi


V
regno dei cieli. . Ciò che legherai
sulla terra sarà legato nei cieli, ciò
te, et super plebem meam príncipem te constítui, * che scioglierai, sarà sciolto. * Ti
Et claves regni cælórum trádidi tibi. ho…
V . Quodcúmque ligáveris super terram, erit ligátum INNO Te Deum
et in cælis; et quodcúmque sólveris super terram, Preghiera Eucaristica I
erit solútum et in cælis. * E Et claves regni cælórum Noi ti lodiamo, Dio, * ti proclami- Canone Romano
amo Signore. | O eterno Padre, *
trádidi tibi. tutta la terra ti adora. | A te tutti
HYMNUS Te Deum. gli angeli * e tutte le potenze dei Padre clementissimo,
cieli, | a te i cherubini e i serafini Prex Eucharistica I noi ti supplichiamo e ti chiedia-
sollevato sull’altare, dice sottovoce: abbiamo ricevuto questo vino, Te Deum laudámus: * te Dóminum confitémur. * incessanti proclamano a gran
frutto della vite, e del lavoro voce:
Benedíctus es, Dómine, Deus univérsi, delle mani degli uomini; lo pre- Te ætérnum Patrem, * omnis terra venerátur.
quia de tua largitáte accépimus vinum, sentiamo a te, perché diventi per Tibi omnes ángeli, *
quod tibi offérimus, noi bevanda spirituale.
tibi cæli et univérsæ potestátes: Santo, * Santo, * Santo * il
fructum vitis et óperis mánuum hóminum, Signore Dio dell'universo. | I cieli
Benedetto nei secoli il Signore. tibi chérubim et séraphim * e la terra * sono pieni della tua
ex quo nobis fiet potus spiritális. gloria.
incessábili voce proclámant:
R. Benedíctus Deus in sǽcula. Umili e pentiti accoglici, o Signo-
re: ti sia gradito il nostro sacrifi- Sanctus, * Sanctus, * Sanctus * Ti acclama * il coro degli
cio Dóminus Deus Sábaoth. apostoli, | i profeti * in gran
Il sacerdote, inchinandosi, dice sottovoce: che oggi si compie dinanzi a te. numero, | la candida schiera * dei
In spíritu humilitátis, et in ánimo contríto Pleni sunt cæli et terra * maiestátis glóriæ tuæ. martiri; | la santa Chiesa ti
suscipiámur a te, Dómine; confessa * in tutta la terra, |
Padre * di immensa gloria; |
et sic fiat sacrifícium nostrum in conspéctu tuo Te gloriósus * Apostolórum chorus,
adora il tuo vero * e unico Figlio,
hódie, ut pláceat tibi, Dómine Deus. te prophetárum * laudábilis númerus, | e lo Spirito * Santo Paraclito.
te mártyrum candidátus * laudat exércitus.
Il sacerdote, a lato dell’altare si lava le mani dicendo Lavami, Signore, dalla mia colpa, Te per orbem terrárum *
e purificami dal mio peccato.
sottovoce: sancta confitétur Ecclésia, O Cristo, * re della gloria, | eterno
Lava me, Dómine, ab iniquitáte mea, Figlio * del Padre, | tu non disde-
Patrem * imménsæ maiestátis;
et a peccáto meo munda me. Pregate, fratelli, perché il mio gnasti il grembo della Vergine *
e vostro sacrificio sia gradito a venerándum tuum verum * et únicum Fílium; per la salvezza dell'uomo.| Tu che
Dio, Padre onnipotente. Sanctum quoque * Paráclitum Spíritum. hai vinto il pungiglione della
Il Celebrante invita i fedeli a pregare con lui: morte, * hai aperto ai credenti il
Oráte, fraters: regno dei cieli. | Tu siedi alla
ut meum ac vestrum sacrifícium Tu rex glóriæ, * Christe. destra di Dio, * nella gloria del
Il Signore riceva dalle tue mani il Tu Patris * sempitérnus es Fílius. Padre. Crediamo * che verrai a
acceptábile fiat apud Deum Patrem omnipoténtem.
sacrificio a lode e gloria del suo giudicare. |
nome, per il bene nostro e di tut- Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem, *
Il popolo risponde: ta la sua santa Chiesa. non horruísti Vírginis úterum.
Suscípiat Dóminus sacrifícium de mánibus tuis Tu, devícto mortis acúleo, * Ti chiediamo dunque, soccorri i
tuoi figli, * che hai redento col
ad laudem et glóriam nóminis sui, aperuísti credéntibus regna cælórum. tuo sangue prezioso. |
ad utilitátem quoque nostram SULLE OFFERTE Tu ad déxteram Dei sedes, * in glória Patris. Accoglici nella tua gloria *
totiúsque Ecclésiæ suæ sanctæ. Accogli, Signore, le offerte
Iudex créderis * esse ventúrus.
nell'assemblea dei santi.
della tua Chiesa, e fa' che
riconosca nell'apostolo Pietro il Te ergo quæsumus, tuis fámulis súbveni, * ¶ Salva il tuo popolo, Signore, *
ORATIO SUPER OBLATA maestro che ne conserva integra benedici la tua eredità, | e guidala
quos pretióso sánguine redemísti.
Ecclésiae tuae, quǽsumus, Dómine, la fede e il pastore che la guida * e reggila per sempre. | Ogni
all'eredità eterna. Ætérna fac cum sanctis tuis * in glória numerári. giorno * ti benediciamo; | e
preces et hóstias benígnus admítte,
Per Cristo nostro Signore. lodiamo il tuo nome nei secoli * e
ut, beáto Petro pastóre,
¶ Salvum fac pópulum tuum, Dómine, * nei secoli dei secoli. | Degnati
ad ætérnam pervéniat hereditátem, oggi, Signore, * di custodirci
quo docénte fídei tenet integritátem. et bénedic hereditáti tuæ. senza peccato. | Pietà di noi,
Per Christum. Et rege eos, * et extólle illos usque in ætérnum. Signore, * pietà di noi. | Sia su di
noi la tua misericordia, * poiché
Per síngulos dies * benedícimus te; in te abbiamo sperato. | In te,
Preghiera eucaristica et laudámus nomen tuum in sæculum, * Signore, ho sperato, * che non sia
et in sæculum sæculi. confuso in eterno.
Prefazio degli Apostoli I
Dignáre, Dómine, die isto *
Prex Eucharistica V. Il Signore sia con voi.
sine peccáto nos custodíre. . Pater meus, qui in cælis est. Et ego dico tibi: Tu es mio che è nei cieli. E io a te dico:
tu sei Pietro e su questa pietra
Miserére nostri, Dómine, * miserére nostri. Petrus, et super hanc petram ædificábo Ecclésiam edificherò la mia Chiesa e le
Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos, * Orazione meam; et portæ ínferi non prævalébunt advérsum potenze degli inferi non
quemádmodum sperávimus in te. Concedi, o Dio onnipotente, che eam. Tibi dabo claves regni cælórum; et prevarranno su di essa. A te darò
tra gli sconvolgimenti del mondo quodcúmque ligáveris super terram, erit ligátum in le chiavi del regno dei cieli: tutto
In te, Dómine, sperávi: * non si turbi la tua Chiesa, che hai ciò che legherai sulla terra sarà
fondato sulla roccia con la caelis, et quodcúmque sólveris super terram, erit legato nei cieli, e tutto ciò che
non confúndar in ætérnum.
professione di fede dell'apostolo solútum in cælis». scioglierai sulla terra sarà sciolto
Pietro. Per il nostro Signore. nei cieli».
Oratio V. Verbum Dómini. R. Laus tibi, Christe.
Præsta, quǽsumus, omnípotens Deus, ut nullis Lodi mattutine
nos permíttas perturbatiónibus cóncuti, quos in
apostólicæ confessiónis petra solidásti. Per O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al
Dóminum. Padre. Come era nel principio.
Alleluia.

Ad Laudes matutinas
INNO
V. Deus, in adiutórum meum inténde. Pietro beato spezzò in modo
mirabile | i lacci delle catene per
R. Dómine, ad adiuvándum me festína. comando di Cristo, | custode del-
Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto.
l’ovile e dottore della Chiesa, |
Sicut erat in princípio, et nunc et semper, pastore del gregge, protettore
et in sæcula sæculórum. Amen. delle pecore | respinge la ferocia LITURGIA EUCARISTICA
minacciosa dei lupi.
HYMNUS LITURGIA EUCHARISTICA
Qualunque vincolo stringerà sulla Offertorio
Petrus beátus catenárum láqueos terra, | sarà legato più saldamente
Christo iubénte rupit mirabíliter; nei cieli, | e ciò che scioglie in Offertorium
custos ovílis et doctor Ecclésiæ, terra con il giudizio, | sarà un
pastórque gregis, conservátor óvium raggio sciolto nei cieli; | sarà
Il sacerdote all’altare, prende la patena con il pane e Benedetto sei tu, Signore,
arcet lupórum truculéntam rábiem. giudice fino alla fine dei secoli. Dio dell'universo: dalla tua bontà
tenendola leggermente sollevata sull’altare, dice sotto-
abbiamo ricevuto questo pane,
Sia gloria al Padre per i secoli voce: frutto della terra, e del lavoro del-
Quodcúmque vinclis super terram strínxerit, infiniti, | sia a te la dignità e il Benedíctus es, Dómine, Deus univérsi, quia de tua le mani degli uomi; lo presentia-
erit in astris religátum fórtiter, regno, o Nato, | l’onore e la mo a te, perché diventi per noi
et quod resólvit in terris arbítrio, potenza allo Spirito Santo; | sia il largitáte accépimus panem, quem tibi offérimus,
pane di vita.
erit solútum super cæli rádium; saluto in modo unico alla Trinità fructum terræ et óperis mánuum hóminum: ex quo
in fine mundi iudex erit sæculi. per tutti i secoli dei secoli. nobis fiet panis vitæ. Benedetto nei secoli il Signore.
Amen.

Glória Patri per imménsa sæcula, 1 ant. Non temere, Simone, dice R. Benedíctus Deus in sǽcula. Per il mistero di quest’acqua
sit tibi, Nate, decus et impérium, il Signore, d'ora in poi sarai e di questo vino fa’ che siamo resi
honor, potéstas Sanctóque Spirítui; pescatore di uomini. Il diacono, o il sacerdote, versa nel calice il vino, con partecipi della divinità di colui
sit Trinitáti salus indivídua un po’ d’acqua, dicendo sottovoce: che si è degnato di farsi partecipe
Salmo 62, 2-9 della nostra umanità.
per infiníta sæculórum sæcula. Amen. L'anima assetata del Signore Per huius aquæ et vini mystérium
eius efficiámur divinitátis consórtes,
O Dio, tu sei il mio Dio, * qui humanitátis nostræ fíeri dignátus est párticeps. Benedetto sei tu, Signore,
Ant. 1 Dixit Dóminus Simóni: Noli timére; ex hoc all'aurora ti cerco,
Il sacerdote prende il calice e tenendolo leggermente Dio dell'universo: dalla tua bontà
LAUS ET VERSUS ANTE EVANGÉLIUM Mt 16,18 iam hómines eris cápiens. di te ha sete l'anima mia, * a te
Lode a te, o Cristo, Re di anela la mia carne.
eterna gloria. Come terra deserta, arida,
R. Laus tibi Christe, Rex ætérnae glóriæ. Psalmus 62 (63), 2-9 Anima Dominum sitiens senz'acqua, † così nel santuario ti
(T. Ordinario: Alleluia, alleluia.)
(T. per annum: Allelúia, allelúia.) Tu sei Pietro e su questa pietra ho cercato, * per contemplare la
V. Tu es Petrus st super hanc petram ædificábo edificherò la mia Chiesa Deus, Deus meus es tu, * tua potenza e la tua gloria.
e le potenze degli inferi ad te de luce vígilo. Poiché la tua grazia vale più della
Ecclésiam meam, et portæ ínferi non prævalébunt non prevarranno su di essa. vita, * le mie labbra diranno la
Sitívit in te ánima mea, *
advérsum eam. Lode a te. (T.O. Alleluia.) tua lode.
te desiderávit caro mea.
R. Laus tibi. (T. per annum: Allelúia.)
In terra desérta et árida et inaquósa, † Così ti benedirò finché io viva, *
sic in sancto appárui tibi, * nel tuo nome alzerò le mie mani.
ut vidérem virtútem tuam et glóriam tuam. Mi sazierò come a lauto convito,
Purifica il mio cuore e le mie lab- * e con voci di gioia ti loderà la
bra, Dio onnipotente, Quóniam mélior est misericórdia tua super vitas, *
Il Celebrante invoca la benedizione di Dio: lábia mea laudábunt te. mia bocca.
perché possa annunziare Nel mio giaciglio di te mi ricordo
Munda cor meum ac lábia mea, omnípotens Deus, degnamente il tuo Vangelo. * penso a te nelle veglie notturne,
ut sanctum Evangélium tuum digne váleam Sic benedícam te in vita mea * tu sei stato il mio aiuto, * esulto
nuntiáre. et in nómine tuo levábo manus meas. di gioia all'ombra delle tue ali.
Benedicimi, o padre.
Sicut ádipe et pinguédine repleátur ánima mea, *
et lábiis exsultatiónis laudábit os meum. A te si stringe l'anima mia, * la
Se c’è il Diacono, chiede la benedizione: Il Signore sia nel tuo cuore e sulle
forza della tua destra mi sostiene.
Iube, domne, benedícere. tue labbra, perché tu possa an- Cum memor ero tui super stratum meum, *
nunziare degnamente il suo Van- in matutínis meditábor de te,
Il Sacerdote dice sottovoce: 1 ant. Non temere, Simone, dice
gelo: nel nome del Padre e del quia fuísti adiútor meus, *
Dóminus sit in corde tuo et in lábiis tuis: il Signore, d'ora in poi sarai
Figlio e dello Spirito Santo.
et in velaménto alárum tuárum exsultábo. pescatore di uomini.
ut dígne et competénter annúnties Evangélium su-
um: in nómine Patris, et Fílii,  et Spíritus Sancti. Amen.
Adhæsit ánima mea post te, * 2 ant. Tu sei il Cristo, il Figlio del
Diacono: Amen. Dio vivo. E beato sei tu, Simon
me suscépit déxtera tua. Pietro.

Ant. 1 Dixit Dóminus Simóni: Noli timére; ex hoc CANTICO Dn 3, 57-88. 56


VANGELO iam hómines eris cápiens. Ogni creatura lodi il Signore
EVANGÉLIUM Mt 16,13-19 Benedite, opere tutte del Signore,
il Signore, * lodatelo ed esaltate-
Il Signore sia con voi. Ant. 2 Tu es Christus, Fílius Dei vivi. Et tu beátus es,
E con il tuo spirito. lo nei secoli. | Benedite, angeli del
V. Dóminus vobíscum. Lettura del santo Vangelo
Simon Petre. Signore, il Signore, * benedite,
R. Et cum spíritu tuo. secondo Matteo. cieli, il Signore.
V.  Léctio sancti Evangélii secúndum Matthéum Gloria a te, o Signore.
Canticum Dan 3, 57-88. 56
Omnis creatura laudet Dominum Benedite, acque tutte, che siete
R. Glória tibi, Dómine. sopra i cieli, il Signore, * benedite,
In quel tempo, Gesù, giunto nella potenze tutte del Signore, il Signo-
regione di Cesarèa di Filippo, Benedícite, ómnia ópera Dómini, Dómino, *
In illo témpore: venit autem Iesus in partes re. | Benedite, sole e luna, il Signo-
domandò ai suoi discepoli: «La laudáte et superexaltáte eum in sæcula. re, * benedite, stelle del cielo, il Si-
Caesaréæ Philíppi et interrogábat discípulos suos gente, chi dice che sia il Figlio Benedícite, cæli, Dómino, * gnore.
dicens: «Quem dícunt hómines esse Fílium dell’uomo?». Risposero: «Alcuni benedícite, ángeli Dómini, Dómino. Benedite, piogge e rugiade, il
hóminis?». At illi díxerunt: «Álii Ioánnem dicono Giovanni il Battista, altri Signore, * benedite, o venti tutti, il
Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei Benedícite, aquæ omnes, Signore. | Benedite, fuoco e calore,
Baptístam, álii autem Elíam, álii vero Ieremíam, aut profeti». Disse loro: «Ma voi, chi
quæ super cælos sunt, Dómino, * il Signore, * benedite, freddo e
unum ex prophétis». Dicit illis: «Vos autem quem dite che io sia?». Rispose Simon caldo, il Signore.
me esse dícitis?». Respóndens Simon Petrus dixit: Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio benedícat omnis virtus Dómino.
del Dio vivente». E Gesù gli disse: Benedícite, sol et luna, Dómino, * Benedite, rugiada e brina, il
«Tu es Chrístus, Fílius Dei vivi».
«Beato sei tu, Simone, figlio di benedícite, stellæ cæli, Dómino. Signore, * benedite, gelo e freddo,
Respóndens autem Iesus dixit ei: «Beátus es, Simon Giona, perché né carne né sangue Benedícite, omnis imber et ros, Dómino, * il Signore. | Benedite, ghiacci e
Barióna, quia caro et sanguis non revelávit tibi sed te lo hanno rivelato, ma il Padre nevi, il Signore, * benedite, notti e
benedícite, omnes venti, Dómino. giorni, il Signore, LITURGIA VERBI
Benedícite, ignis et æstus, Dómino, * PRIMA LETTURA
Benedite, luce e tenebre, il Signo- Dalla prima lettera di san
benedícite, frigus et æstus, Dómino. re, * benedite, folgori e nubi, il Si- LÉCTIO PRIMA 1 Pt 5,1-4 Pietro apostolo
gnore. | Benedica la terra il Signo- Léctio Epístolæ primæ beáti Petri apóstoli
Benedícite, rores et pruína, Dómino, * re, * lo lodi e lo esalti nei secoli. Carissimi: esorto gli anziani che
benedícite, gelu et frigus, Dómino. Fratres: senióres, qui in vobis sunt, óbsecro, sono tra voi, quale anziano come
Benedite, monti e colline, il loro, testimone delle sofferenze di
Benedícite, glácies et nives, Dómino, * consénior et testis Christi passiónum, qui et eius, Cristo e partecipe della gloria che
Signore, * benedite, creature tutte
benedícite, noctes et dies, Dómino. quæ in futúro revelánda est, glóriæ communicátor: deve manifestarsi: pascete il
che germinate sulla terra, il
Signore. | Benedite, sorgenti, il Páscite, qui est in vobis, gregem Dei, providéntes gregge di Dio che vi è affidato,
Benedícite, lux et ténebræ, Dómino, * Signore, * benedite, mari e fiumi, non coácto sed spontánee secúndum Deum, neque sorvegliandolo non perché
benedícite, fúlgura et nubes, Dómino. il Signore, costretti, ma volentieri, come
turpis lucri grátia sed voluntárie, neque ut piace a Dio, non per vergognoso
Benedícat terra Dóminum, * dominántes in cleris, sed formæ facti gregis. Et cum interesse, ma con animo
laudet et superexáltet eum in sæcula. Benedite, mostri marini e quanto si
muove nell'acqua, il Signore, * be- apparúerit Princeps pastórum, percipiétis generoso, non come padroni delle
persone a voi affidate, ma
nedite, uccelli tutti dell'aria, il Si- immarcescíbilem glóriæ corónam.
Benedícite, montes et colles, Dómino, * gnore. | Benedite, animali tutti, sel- facendovi modelli del gregge. E
benedícite, univérsa germinántia in terra, vaggi e domestici, il Signore, * be- quando apparirà il Pastore supre-
Dómino. nedite, figli dell'uomo, il Signore. V. Verbum Dómini. R. Deo grátias. mo, riceverete la corona della
gloria che non appassisce.
Benedícite, mária et flúmina, Dómino, *
Benedica Israele il Signore, * lo
benedícite, fontes, Dómino. lodi e lo esalti nei secoli. | Bene- SALMO RESPONSORIALE
dite, sacerdoti del Signore, il
Benedícite, cete et ómnia Signore, * benedite, o servi del Si- PSALMUS RESPONSÓRIUS Ps 22
Il Signore è il mio pastore: non
quæ movéntur in aquis, Dómino, * gnore, il Signore. manco di nulla.
benedícite, omnes vólucres cæli, Dómino.
Benedite, spiriti e anime dei giusti,
R. Dóminus pascit me, et nihil mihi déerit.
Benedícite, omnes béstiæ et pécora, Dómino, * Su pascoli erbosi mi fa riposare,
il Signore, * benedite, pii e umili ad acque tranquille mi conduce.
benedícite, fílii hóminum, Dómino. di cuore, il Signore. | Benedite, A- In páscuis viréntibus me collocávit,
Rinfranca l’anima mia,
nania, Azaria e Misaele, il Signore, super aquas quiétis edúxit me, mi guida per il giusto cammino
Bénedic, Israel, Dómino, * * lodatelo ed esaltatelo nei secoli. ánimam meam refécit. a motivo del suo nome.
laudáte et superexaltáte eum in sæcula. Dedúxit me super sémitas iustítiæ
Benedícite, sacerdótes Dómini, Dómino, * Benediciamo il Padre e il Figlio
benedícite, servi Dómini, Dómino.
con lo Spirito Santo, * lodiamolo propter nomen suum. . R Anche se vado per una valle
ed esaltiamolo nei secoli. | Bene- oscura,
detto sei tu Signore, nel firma-
Benedícite, spíritus et ánimæ iustórum, Dómino, * Nam et si ambulávero in valle umbræ mortis, non temo alcun male,
mento del cielo, * degno di lode e perché tu sei con me.
benedícite, sancti et húmiles corde, Dómino. di gloria nei secoli. non timébo mala, quóniam tu mecum es.
Il tuo bastone e il tuo vincastro
Benedícite, Ananía, Azaría, Mísael, Dómino, * Virga tua et báculus tuus, mi danno sicurezza.
laudáte et superexaltáte eum in sæcula. Alla fine di questo cantico non si
ipsa me consoláta sunt. . R
Davanti a me tu prepari una
dice il «Gloria al Padre». mensa
Benedicámus 2 ant. Tu sei il Cristo, il Figlio del Parásti in conspéctu meo mensam
sotto gli occhi dei miei nemici.
Patrem et Fílium cum Sancto Spíritu; * Dio vivo. E beato sei tu, Simon advérsus eos, qui tríbulant me; Ungi di olio il mio capo;
laudémus et superexaltémus eum in sæcula. Pietro. impinguásti in óleo caput meum, il mio calice trabocca.
Benedíctus es in firmaménto cæli * et calix meus redúndat. . R
et laudábilis et gloriósus in sæcula. Sì, bontà e fedeltà
mi saranno compagne
3 ant. Disse il Signore a Pietro: Ti Étenim benígnitas et misericórdia subsequéntur me tutti i giorni della mia vita,
In fine huius cantici non dicitur «Gloria Patri». darò le chiavi del regno dei cieli.
ómnibus diébus vitæ meæ, abiterò ancora nella casa del
et inhabitábo in domo Dómini Signore | per lunghi giorni.
Ant. 2 Tu es Christus, Fílius Dei vivi. Et tu beátus es, Salmo 149 Festa degli amici di CANTO E VERSETTO PRIMA DEL
Simon Petre.
Dio in longitúdinem diérum. . R VANGELO
V. Misereátur nostri omnípotens Deus et, dimíssis dia di noi, perdoni i nostri pecca-
ti e ci conduca alla vita eterna. Cantate al Signore un canto
peccátis nostris, perdúcat nos ad vitam ætérnam. Amen. nuovo; * la sua lode nell'as-
R. Amen. Ant. 3 Dixit Dóminus Petro: Tibi dabo claves regni
semblea dei fedeli. | Gioisca Isra-
ele nel suo Creatore, * esultino
Quindi, se non è stata usata la terza formula: Signore, pietà. Signore, pietà. cælórum. nel loro Re i figli di Sion. | Lodino
il suo nome con danze, * con
V. Kýrie, eléison. R. Kýrie, eléison. Cristo, pietà. Cristo, pietà. Psalmus 149 Exsultatio sanctorum timpani e cetre gli cantino inni. |
Il Signore ama il suo popolo, *
V. Christe, eléison. R. Christe, eléison. Signore, pietà. Signore, pietà.
Cantáte Dómino cánticum novum; *
incorona gli umili di vittoria.

laus eius in ecclésia sanctórum. Esultino i fedeli nella gloria, *


V. Kýrie, eléison. R. Kýrie, eléison. Lætétur Israel in eo, qui fecit eum, * sorgano lieti dai loro giacigli.
et fílii Sion exsúltent in rege suo. Le lodi di Dio sulla loro bocca * e
Laudent nomen eius in choro, * la spada a due tagli nelle loro
Gloria mani,
Gloria in týmpano et cíthara psallant ei, per compiere la vendetta tra i
Gloria a Dio nell'alto dei cieli quia beneplácitum est Dómino in pópulo suo, * popoli * e punire le genti;
V. Glória in excélsis Deo e pace in terra agli uomini di et honorábit mansuétos in salúte. per stringere in catene i loro capi,
et in terra pax homínibus bonæ voluntátis. buona volontà. * i loro nobili in ceppi di ferro;
Noi ti lodiamo, | ti benediciamo, Iúbilent sancti in glória, * per eseguire su di essi il giudizio
Laudámus te, ti adoriamo, | ti glorifichiamo, già scritto: * questa è la gloria per
benedícimus te, ti rendiamo grazie
læténtur in cubílibus suis. tutti i suoi fedeli.
adorámus te, per la tua gloria immensa, Exaltatiónes Dei in gútture eórum *
glorificámus te, Signore Dio, Re del cielo, et gládii ancípites in mánibus eórum, 3 ant. Disse il Signore a Pietro:
Dio Padre onnipotente. ad faciéndam vindíctam in natiónibus, * Ti darò le chiavi del regno dei
grátias ágimus tibi propter magnam glóriam tuam, Signore, Figlio unigenito, | Gesù cieli.
castigatiónes in pópulis,
Dómine Deus, Rex cæléstis, Cristo, | Signore Dio, Agnello di
ad alligándos reges eórum in compédibus *
Deus Pater omnípotens. Dio, | Figlio del Padre,
tu che togli i peccati del mondo, et nóbiles eórum in mánicis férreis,
Dómine, Fili Unigénite, Iesu Christe, ad faciéndum in eis iudícium conscríptum: *
abbi pietà di noi; LETTURA BREVE
Dómine Deus, Agnus Dei, Fílius Patris, tu che togli i peccati del mondo, glória hæc est ómnibus sanctis eius. Dio ha fatto una scelta, perché i
qui tollis peccáta mundi, miserére nobis; accogli la nostra supplica; pagani ascoltassero per bocca mia
qui tollis peccáta mundi, tu che siedi alla destra del Padre, Ant. 3 Dixit Dóminus Petro: Tibi dabo claves regni la parola del vangelo e venissero
abbi pietà di noi. alla fede. E Dio, che conosce i
súscipe deprecatiónem nostram. Perché tu solo il Santo, | tu solo il
cælórum. cuori, ha reso testimonianza in loro
Qui sedes ad déxteram Patris, miserére nobis. Signore, | tu solo l'Altissimo, favore concedendo anche a loro lo
Quóniam tu solus Sanctus, tu solus Dóminus, Gesù Cristo, | con lo Spirito San- Spirito Santo, come a noi; e non ha
tu solus Altíssimus, to: | nella gloria di Dio Padre. fatto nessuna discriminazione tra
Amen. LECTIO BREVIS Act 15, 7b-9 noi e loro, purificandone i cuori
Iesu Christe, cum Sancto Spíritu: con la fede.
in glória Dei Patris. Amen. Elégit Deus per os meum audíre gentes verbum
COLLETTA evangélii et crédere; et qui novit corda, Deus RESPONSORIO BREVE
Preghiamo testimónium perhíbuit illis dans Spíritum Sanctum . Li hai posti come i primi * su
R
COLLECTA
sicut et nobis et nihil discrévit inter nos et illos fide tutta la terra. Li hai posti come
Oremus. Concedi, Dio onnipotente, che tra puríficans corda eórum. primi su tutta la terra.
Præsta, quǽsumus, omnípotens Deus, gli sconvolgimenti del mondo V. Ricorderanno il tuo nome,
non si turbi la tua Chiesa, che hai Signore. * Su tutta la terra.
ut nullis nos permíttas perturbatiónibus cóncuti, fondato sulla roccia con la
quos in apostólicæ confessiónis petra solidásti. Gloria al Padre e al Figlio e
professione di fede dell'apostolo
allo Spirito Santo.
Per Dóminum nostrum Iesum Christum, Pietro.
Li hai posti come primi su tutta la
Fílium tuum, qui tecum vivit et regnat terra.
RESPONSORIUM BREVE
in unitáte Spíritus Sancti, Deus, LITURGIA DELLA PAROLA
per ómnia sǽcula sæculórum. Amen
R. Constítues eos príncipes * Super omnem terram. Ant. al Ben. Disse il Signore a Si-
Constítues eos príncipes super omnem terram. mon Pietro: Io ho pregato per te, ORDINARIUM & PROPRIUM MISSÆ
che non venga meno la tua fede.
V . Mémores erunt nóminis tui, Dómine. E tu, superata la prova, conferma
* Super omnem terram. i tuoi fratelli. Die 22 februarii 22 febbraio
Glória Patri et Filio et Spíritui Sancto. CATTEDRA DI SAN PIETRO,
Cantico evangelico Lc 1, 68-79 CATHEDRÆ S. PETRI, APOSTOLI
Constítues eos príncipes super omnem terram. Il Messia e il suo Precursore APOSTOLO
Festum Festa
Benedetto il Signore Dio
Ad Benedictus, ant. Dixit Dóminus Simóni Petro: d'Israele, * perché ha visitato e La festa della cattedra di Pietro fu
redento il suo popolo, | e ha Festum Cathedræ Petri hac die iam a sæculo IV Romæ
Ego pro te rogávi, ut non defíciat fides tua. Et tu, celebrata in questo giorno a Roma fin
suscitato per noi una salvezza celebratum est, ad unitatem Ecclesiæ super Apostolum dal secolo IV, per significare il
aliquándo convérsus, confírma fratres tuos. potente * nella casa di Davide, fondamento e l’unità della dottrina
fundatæ significandam.
suo servo, | come aveva promesso che poggia sopra l’Apostolo.
Canticum evangelicum Lc 1, 68-79 * per bocca dei suoi santi profeti
De Messia eiusque præcursore d'un tempo: | salvezza dai nostri RITUS INITIALIS RITI INIZIALI
nemici, * e dalle mani di quanti ci
odiano.
Benedíctus Dóminus Deus Israel, * Introitus
Così egli ha concesso misericor- Ingresso
quia visitávit et fecit redemptiónem plebi suæ dia ai nostri padri * e si è ri-
et eréxit cornu salútis nobis * cordato della sua santa alleanza, | Ant. ad introitum Lc 22,32 Ant. d'ingresso
in domo David púeri sui, del giuramento fatto ad Abramo, Dice il Signore a Simon Pietro:
nostro padre, | di concederci, Dicit Dóminus Simóni Petro:
sicut locútus est per os sanctórum, * «Io ho pregato per te,
qui a sæculo sunt, prophetárum eius, liberati dalle mani dei nemici, * «Ego rogávi pro te, ut non defíciat fides tua, che non venga meno la tua fede,
di servirlo senza timore, | in et tu aliquándo convérsus confírma fratres tuos». e tu, una volta ravveduto,
salútem ex inimícis nostris * santità e giustizia al suo cospetto,
et de manu ómnium, qui odérunt nos; conferma i tuoi fratelli».
* per tutti i nostri giorni.
ad faciéndam misericórdiam cum pátribus nostris * E tu, bambino, sarai chiamato V. In nómine Patris, et Fílii, et Spíritus Sancti. Nel nome del Padre e del Figlio
et memorári testaménti sui sancti, profeta dell'Altissimo * perché e dello Spirito Santo. Amen.
iusiurándum, quod iurávit andrai innanzi al Signore a R. Amen.
preparargli le strade, | per dare al
ad Abraham patrem nostrum, * suo popolo la conoscenza della Salutatio Saluto
datúrum se nobis, salvezza * nella remissione dei
ut sine timóre, suoi peccati, | grazie alla bontà La grazia del Signore nostro Gesù
de manu inimicórum nostrorum liberáti, * misericordiosa del nostro Dio, * V. Grátia Dómini nostri Iesu Christi, Cristo, l'amore di Dio Padre e la
serviámus illi per cui verrà a visitarci dall'alto et cáritas Dei, et communicátio Sancti Spíritus comunione dello Spirito Santo
un sole che sorge | per rischiarare sit cum ómnibus vobis. sia con tutti voi.
in sanctitáte et iustítia coram ipso*
quelli che stanno nelle tenebre e E con il tuo spirito.
ómnibus diébus nostris. nell'ombra della morte * e R . Et cum spíritu tuo
Et tu, puer, prophéta Altíssimi vocáberis: * dirigere i nostri passi sulla via
præíbis enim ante fáciem Dómini della pace. Actus Pænitentialis Atto penitenziale
paráre vias eius, Ant. al Ben. Disse il Signore a
Simon Pietro: Io ho pregato per Fratelli, per celebrare degna-
ad dandam sciéntiam salútis plebi eius * V. Fratres, agnoscámus peccáta nostra, mente i santi misteri, ricono-
te, che non venga meno la tua
in remissiónem peccatórum eórum, fede. E tu, superata la prova, ut apti simus ad sacra mystéria celebránda. sciamo i nostri peccati.
per víscera misericórdiæ Dei nostri, * conferma i tuoi fratelli.
in quibus visitábit nos óriens ex alto, Confesso a Dio onnipotente e a
Confíteor Deo omnipoténti et vobis, fratres, quia voi, fratelli, che ho molto peccato
illumináre his, qui in ténebris
INVOCAZIONI peccávi nimis cogitatióne, verbo, ópere et omissióne: in pensieri, parole, opere e omis-
et in umbra mortis sedent * sioni, per mia colpa, mia colpa,
Dio nostro Padre, per mezzo mea culpa, mea culpa, mea máxima culpa.
ad dirigéndos pedes nostros in viam pacis. degli apostoli, ci ha fatto eredi del mia grandissima colpa.E supplico
Ad Benedictus, ant. Dixit Dóminus Simóni Petro: Ideo precor beátam Maríam semper Vírginem, om- la beata sempre vergine Maria, gli
regno dei cieli. Riconosciamo
Ego pro te rogávi, ut non defíciat fides tua. Et tu, tutti i suoi benefici acclamando:
nes Angelos et Sanctos, et vos, fratres, oráre pro me angeli, i santi e voi, fratelli, di pre-
aliquándo convérsus, confírma fratres tuos. Ti loda, Signore, il coro degli ad Dóminum Deum nostrum. gare per me il Signore Dio nostro.
Dio onnipotente abbia misericor-
pópulo sancto eius, dicéntes: Tu, che hai mandato il tuo Figlio apostoli.
per seminare il seme della tua
Recordáre Ecclésiæ tuæ, Dómine. parola, Gloria a te, Signore, per la mensa
— concedi una messe abbon- del corpo e del sangue di Cristo,
dante agli operai del vangelo. PRECES trasmesso a noi dagli apostoli,
Pater, qui voluísti Fílium tuum, a mórtuis Fratres caríssimi, hereditátem cæléstem ab —ci nutre e ci da vita.
suscitátum, prius Apóstolis fíeri maniféstum, Hai sacrificato il tuo Figlio per Apóstolis habéntes, grátias agámus Patri nostro pro
— præsta, ut eius testes simus usque ad últimum riconciliare il mondo a te, ómnibus donis eius, clamántes:
— fa' che tutti cooperiamo alla Per la mensa della tua parola
terræ. tua opera di riconciliazione e di
Te laudat Apostolórum chorus, Dómine.
preparata a noi dagli apostoli,
pace. — che ci illumina e ci conforta.
Qui Fílium tuum misísti in mundum evangelizáre Laus tibi, Dómine, pro mensa córporis et sánguinis,
paupéribus, Hai innalzato il Cristo alla tua nobis ab Apóstolis trádita,
— da, ut omni creatúræ Evangélium prædicémus. destra te nella gloria, Per la tua Chiesa santa, costruita
- accogli nel tuo regno, i nostri — qua refícimur et vívimus: sul fondamento degli apostoli,
Qui tuum misísti Fílium semináre semen Verbi, fratelli defunti. —che ci unisce in un solo corpo e
Te laudat Apostolórum chorus, Dómine. in un solo spirito.
— concéde ut, verbum seminántes cum labóre, Padre Nostro.
fruges metámus in gáudio. Pro mensa verbi tui, nobis ab Apóstolis paráta,
— qua lumen et gáudium nobis dantur: Per la grazia del battesimo e della
Qui Fílium tuum misísti reconciliáre tibi mundum penitenza affidati al ministero
Orazione Concedi, o Dio Te laudat Apostolórum chorus, Dómine. degli apostoli,
per sánguinem suum, onnipotente, che tra gli —che ci purifica da tutte le nostre
— tríbue, ut ad reconciliatiónem omnes sconvolgimenti del mondo non si Pro Ecclésia tua sancta super Apóstolos ædificáta, colpe.
cooperémur. turbi la tua Chiesa, che hai
fondato sulla roccia con la
— qua in unum concorporámur:
Qui Fílium tuum ad déxteram tuam in cæléstibus professione di fede dell'apostolo Padre Nostro.
Pietro. Per il nostro Signore.
Te laudat Apostolórum chorus, Dómine.
constituísti,
— defúnctos in regnum beatitúdinis admítte. Pro lavácro baptísmi et pæniténtiæ, Apóstolis Orazione Concedi, o Dio onni-
concrédito, potente, che tra gli sconvol-
— quo ab ómnibus peccátis ablúimur: gimenti del mondo non si turbi la
Pater noster. tua Chiesa, che hai fondato sulla
Te laudat Apostolórum chorus, Dómine. roccia con la professione di fede
dell'apostolo Pietro. Per il nostro
Signore.

Pater noster.
Oratio Oratio
Præsta, quǽsumus, omnípotens Deus, ut nullis Præsta, quǽsumus, omnípotens Deus, ut nullis Ora media
nos permíttas perturbatiónibus cóncuti, quos in nos permíttas perturbatiónibus cóncuti, quos in
apostólicæ confessiónis petra solidásti. Per apostólicæ confessiónis petra solidásti. Per Terza
Dóminum. Dóminum. Inno dall’ordinario, antifone e
salmi dalla feria corrente.

LETTURA BREVE
Gli porrò sulla spalla la chiave
Ad Horam mediam della casa di Davide; se egli apre,
nessuno chiuderà; se egli chiude,
nessuno potrà aprire.
Ad Tertiam
V. Nel mondo intero si è diffuso il V. In ómnibus pópulis mirabília eius. L'anima mia * magnifica il
loro annunzio.
* Glóriam Dómini. Signore,
Hymnus Nunc, Sancte, nobis vel Certum tenéntes.
R. Ai confini della terra, la loro Gloria Patri et Filio et Spíritui Sancto. e il mio spirito esulta in Dio, *
Antiphonæ et psalmi de feria currente. parola. mio salvatore,
Annuntiáte inter gentes glóriam Dómini.
perché ha guardato l'umiltà della
Sesta sua serva. * D'ora in poi tutte le
LECTIO BREVIS Is 22, 22 Inno dall’ordinario, antifone e generazioni mi chiameranno
salmi dalla feria corrente. beata.
Dabo clavem domus David super úmerum eius; Ad Magnificat, ant. Tu es pastor óvium, princeps Grandi cose ha fatto in me
et apériet, et non erit qui claudat; et claudet, et non LETTURA BREVE Apostolórum; tibi tráditæ sunt claves regni cælórum. l'Onnipotente * e Santo è il suo
erit qui apériat. Esorto gli anziani che sono tra nome:
voi, quale anziano come loro, di generazione in generazione la
V . In omnem terram exívit sonus eórum.
testimone delle sofferenze di
Canticum evangelicum Lc 1, 46-55 sua misericordia * si stende su
R. Et in fines orbis terræ verba eórum. Cristo e partecipe della gloria che Exsultatio animæ in Domino quelli che lo temono.
deve manifestarsi: pascete il Ha spiegato la potenza del suo
gregge di Dio che vi è affidato, braccio, * ha disperso i superbi
Ad Sextam Magníficat * nei pensieri del loro cuore;
sorvegliandolo non per forza ma
volentieri secondo Dio. ánima mea Dóminum, ha rovesciato i potenti dai troni, *
Hymnus Rector potens vel Dicámus laudes. ha innalzato gli umili;
et exsultávit spíritus meus * ha ricolmato di beni gli affamati,
Antiphonæ et psalmi de feria currente. V. Hanno custoditi gli
in Deo salvatóre meo, * ha rimandato i ricchi a mani
insegnamenti di Cristo,
quia respéxit humilitátem ancíllæ suæ. * vuote.
R. sono testimoni delle sue
Ha soccorso Israele, suo servo, *
LECTIO BREVIS 1 Petr 5, 1-2a parole. Ecce enim ex hoc beátam me dicent ricordandosi della sua
Senióres óbsecro, consénior et testis Christi omnes generatiónes, misericordia,
Nona
passiónum, qui et eius, quæ in futúro revelánda est, come aveva promesso ai nostri
Inno dall’ordinario, antifone e quia fecit mihi magna, qui potens est, *
padri, * ad Abramo e alla sua
glóriæ communicátor: Páscite, qui est in vobis, salmi dalla feria corrente. Per la et sanctum nomen eius, discendenza, per sempre.
salmodia complementare, al
gregem Dei. et misericórdia eius in progénies et progénies *
posto del salmo 125 (126) si può
Ant. al Magn. Tu sei pastore del
dire il 128 (129). timéntibus eum. gregge, e primo degli apostoli; a
V. Custodiébant testimónia Dei. LETTURA BREVE
Fecit poténtiam in bráchio suo, * te sono affidate le chiavi del
R. Et præcépta eius. Non per essere andati dietro a dispérsit supérbos mente cordis sui; regno.
INTERCESSIONI
favole artificiosamente inventate vi depósuit poténtes de sede * Edificati sul fondamento degli
Ad Nonam abbiamo fatto conoscere la potenza
e la venuta del Signore nostro Gesù
et exaltávit húmiles; apostoli per formare il tempio
vivo di Dio, preghiamo con fede:
Hymnus Rerum, Deus vel Ternis horárum Cristo, ma perché siamo stati testi- esuriéntes implévit bonis * Ricordati, Signore, della tua
moni oculari della sua grandezza. et dívites dimísit inánes. Chiesa.
Antiphonæ et psalmi de feria currente. Pro psalmis V . Gioite ed esultate, dice il
Suscépit Israel púerum suum, *
Signore:
gradualibus, loco psalmi 125 (126) dici potest 128 R . i vostri nomi sono scritti nel recordátus misericórdiæ, Padre, tu hai voluto che gli
(129). cielo. sicut locútus est ad patres nostros, * apostoli fossero i primi testimoni
Abraham et sémini eius in sæcula. del Figlio tuo risorto,
LECTIO BREVIS 2 Petr 1, 16 Orazione Concedi, o Dio — concedi a noi di essere
Non captiósas fábulas secúti notam fécimus onnipotente, che tra gli testimoni della sua risurrezione.
sconvolgimenti del mondo non si Ad Magnificat, ant. Tu es pastor óvium, princeps
vobis Dómini nostri Iesu Christi virtútem et turbi la tua Chiesa, che hai Tu, che hai mandato il tuo Figlio
advéntum, sed speculatóres facti illíus magnitúdinis. fondato sulla roccia con la Apostolórum; tibi tráditæ sunt claves regni cælórum. a portare il lieto annunzio ai
professione di fede dell'apostolo PRECES poveri,
Pietro. Per il nostro Signore. — fa' che il vangelo sia predicato
V. Gaudéte et exsultáte, dicit Dóminus. Superædificáti, fratres, super fundaméntum
a tutti gli uomini.
R. Quia nómina vestra scripta sunt in cælis. Apostolórum, orémus Patrem omnipoténtem pro
noi * con ogni sapienza e Vespri
intelligenza
in laudem glóriæ grátiæ suæ, * Oratio O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al
in qua gratificávit nos in Dilécto, poiché egli ci ha fatto conoscere Padre. Come era nel principio.
il mistero del suo volere, * nella Præsta, quæsumus, omnípotens Deus, ut nullis Alleluia.
sua benevolenza, nos permíttas perturbatiónibus cóncuti, quos in
in quo habémus redemptiónem lo aveva in lui prestabilito * per
apostólicæ confessiónis petra solidásti. Per
per sánguinem eius, * realizzarlo nella pienezza dei
tempi: Christum.
remissiónem peccatórum, il disegno cioè di ricapitolare in
Cristo tutte le cose, * quelle del INNO
secúndum divítias grátiæ eius, † cielo come quelle della terra. La voce divina ti scelse,
Ad Vesperas o pescatore, e al posto delle reti
qua superabundávit in nobis * 3 ant. Tu sei Pietro, e su questa e dei remi, rifulgi della gloria
in omni sapiéntia et prudéntia, pietra edificherò la mia Chiesa!
V. Deus, in adiutórum meum inténde. delle chiavi del cielo.

notum fáciens nobis


R. Dómine, ad adiuvándum me festína. Offrendo testimonianza tenace
Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto. e dolce dell’amore,
mystérium voluntátis suæ, * LETTURA BREVE Sicut erat in princípio, et nunc et semper, accetta di reggere le pecore
Sia benedetto Dio e Padre del che tutte l’amore ha già lavato.
secúndum beneplácitum eius, Signore nostro Gesù Cristo; nella et in sæcula sæculórum. Amen.
quod propósuit in eo, * sua grande misericordia egli ci ha
HYMNUS Caduto, reso forte dalla grazia,
in dispensatiónem plenitúdinis témporum: rigenerati, mediante la
tu stai a fondamento della Chiesa,
risurrezione di Gesù Cristo dai Divína vox te déligit, la quale splende nei secoli,
recapituláre ómnia in Christo, * morti, per una speranza viva, per piscátor, ac pro rétibus non soggetta ad alcuna forza.
quæ in cælis et quæ in terra. una eredità che non si corrompe,
remísque qua tu glória
non si macchia e non marcisce.
Essa è conservata nei cieli per cæli refúlges clávibus! Tu, o Pietro, oracolo di Cristo
Ant. 3 Tu es Petrus, et super hanc petram ædificábo voi, che dalla potenza di Dio siete risplendi come maestro di tutti,
custoditi mediante la fede, per la Tenax amóris próferens e conferma i fratelli, provvido
Ecclésiam meam.
vostra salvezza, prossima a ac dulce testimónium, tu annunzi parole di vita.
rivelarsi negli ultimi tempi. omnes amor quos láverat
oves regéndas áccipis. Raduna il gregge, fallo prosperare
LECTIO BREVIS 1 Petr 1, 3-5 in vita di lieti frutti,
Lapsus, supérno róbore e preservato dagli assalti del nemico
Benedíctus Deus et Pater Dómini nostri Iesu RESPONSORIO BREVE conducilo a pascoli luminosi.
tu petra stas Ecclésiæ,
Christi, qui secúndum magnam misericórdiam R . Annunziate tra i popoli * le qua splendet illa sæculis,
suam regenerávit nos in spem vivam per meraviglie del Signore.
nullis subácta víribus. Sia gloria al sommo Cristo,
Annunziate tra i popoli le
resurrectiónem Iesu Christi ex mórtuis, in meraviglie del Signore. che ci concede di varcare
Tu, Petre, Christi oráculo la soglia del cielo attraverso
hereditátem incorruptíbilem et incontaminátam et V . Proclamate in tutte le nazioni
luces magíster ómnium, te, porta, nella gioia eterna.
immarcescíbilem, conservátam in cælis propter vos, le meraviglie del Signore.
Gloria al Padre e al Figlio e
fratrésque firmas, próvidus Amen.
qui in virtúte Dei custodímini per fidem in salútem allo Spirito Santo. tu verba vitæ núntias.
parátam revelári in témpore novíssimo. Annunziate...
Gregem fac unum, próspera 1 ant. Pietro, mi ami tu? Signore,
lætis in ævum frúctibus, tu sai che ti amo. Guida il mio
gregge.
Ant. al Magn. Tu sei pastore del salvúmque ab hostis ímpetu
gregge, e primo degli apostoli; a ad lucis adduc pábula. Salmo 115
RESPONSORIUM BREVE te sono affidate le chiavi del
regno.
R. Annuntiáte inter gentes * Glóriam Dómini. Sit summa Christo glória, Ho creduto anche quando dicevo:
qui nos det aulæ cælicæ * «Sono troppo infelice».
Annuntiáte inter gentes glóriam Dómini. Cantico evangelico Lc 1, 46-55
Ho detto con sgomento: * «Ogni
Esultanza dell'anima nel Signore intráre per te iánuam
in sempitérna gáudia. Amen. uomo è inganno». facti sumus quasi somniántes. Chi semina nelle lacrime *
mieterà con giubilo.
Tunc replétum est gáudio os nostrum, * Nell'andare, se ne va e piange, *
Ant. 1 Petre, amas me? Tu scis, Dómine, quia amo Che cosa renderò al Signore * per et lingua nostra exsultatióne. portando la semente da gettare,
te. Pasce oves meas. quanto mi ha dato? ma nel tornare, viene con giubilo,
Tunc dicébant inter gentes: *
Alzerò il calice della salvezza * * portando i suoi covoni.
e invocherò il nome del Signore. «Magnificávit Dóminus fácere cum eis».
Psalmus 115 (116 B) Magnificávit Dóminus fácere nobíscum;*
Adempirò i miei voti al Signore, *
davanti a tutto il suo popolo. facti sumus lætántes.
Crédidi, étiam cum locútus sum: *
«Ego humiliátus sum nimis». Convérte, Dómine, captivitátem nostram, * 2 ant. Pietro era tenuto in prigio-
Preziosa agli occhi del Signore * ne, e una preghiera insistente a
Ego dixi in trepidatióne mea: * è la morte dei suoi fedeli. sicut torréntes in austro. Dio saliva per lui dalla Chiesa.
«Omnis homo mendax». Qui séminant in lácrimis, *
in exsultatióne metent.
Sì, io sono il tuo servo, Signore, *
Quid retríbuam Dómino * io sono tuo servo, figlio della tua 3 ant. Tu sei Pietro, e su questa
pro ómnibus, quæ retríbuit mihi? ancella; Eúntes ibant et flebant * pietra edificherò la mia Chiesa!
Cálicem salutáris accípiam * hai spezzato le mie catene: † a te
offrirò sacrifici di lode * e semen spargéndum portántes; Cantico Cfr Ef 1, 3-10
et nomen Dómini invocábo. invocherò il nome del Signore. veniéntes autem vénient in exsultatióne *
Vota mea Dómino reddam * portántes manípulos suos. Benedetto sia Dio, Padre del
Signore nostro Gesù Cristo, * che
coram omni pópulo eius. Adempirò i miei voti al Signore * ci ha benedetti con ogni
Pretiósa in conspéctu Dómini * davanti a tutto il suo popolo, Ant. 2 Petrus servabátur in cárcere, et orátio fiébat benedizione spirituale nei cieli, in
mors sanctórum eius. negli atri della casa del Signore, * Cristo.
pro eo sine intermissióne ab Ecclésia ad Deum.
in mezzo a te, Gerusalemme.

O Dómine, ego servus tuus, * In lui ci ha scelti prima della


ego servus tuus et fílius ancíllæ tuæ. 1 ant. Pietro, mi ami tu? Signore, creazione del mondo, † per
tu sai che ti amo. Guida il mio Ant. 3 Tu es Petrus, et super hanc petram ædificábo trovarci, al suo cospetto, * santi e
Dirupísti víncula mea: † gregge. Ecclésiam meam. immacolati nell'amore.
tibi sacrificábo hóstiam laudis *
2 ant. Pietro era tenuto in prigio-
et nomen Dómini invocábo. ne, e una preghiera insistente a Canticum Eph 1, 3-10
Dio saliva per lui dalla Chiesa. Ci ha predestinati a essere suoi
Vota mea Dómino reddam * Salmo 125 figli adottivi † per opera di Gesù
Benedíctus Deus Cristo, * secondo il beneplacito
coram omni pópulo eius, Quando il Signore ricondusse i et Pater Dómini nostri Iesu Christi, * del suo volere,
in átriis domus Dómini, * prigionieri di Sion, * ci sembrava qui benedíxit nos in omni benedictióne spiritáli
di sognare. a lode e gloria della sua grazia, *
in médio tui, Ierúsalem. in cæléstibus in Christo,
Allora la nostra bocca si aprì al che ci ha dato nel suo Figlio
sorriso, * la nostra lingua si diletto.
Ant. 1 Petre, amas me? Tu scis, Dómine, quia amo sciolse in canti di gioia. sicut elégit nos in ipso ante mundi constitutiónem, †
Allora si diceva tra i popoli: * «Il
te. Pasce oves meas. Signore ha fatto grandi cose per ut essémus sancti et immaculáti * In lui abbiamo la redenzione
loro». in conspéctu eius in caritáte, mediante il suo sangue, * la
Ant. 2 Petrus servabátur in cárcere, et orátio fiébat Grandi cose ha fatto il Signore remissione dei peccati
per noi, * ci ha colmati di gioia.
pro eo sine intermissióne ab Ecclésia ad Deum. qui prædestinávit nos in adoptiónem filiórum†
Psalmus 125 (126) Riconduci, Signore, i nostri per Iesum Christum in ipsum, * secondo la ricchezza della sua
prigionieri, * come i torrenti del grazia, † Dio l'ha
Negheb. secúndum beneplácitum voluntátis suæ, abbondantemente riversata su di
In converténdo Dóminus captivitátem Sion, *