Sei sulla pagina 1di 14

Ingredienti dei Cocktails

Advocaad: liquore prodotto in Olanda di colore giallo al gusto di uova.


Amaretto: liquore dolce a base di mandorle, buono da gustare solo oppure in combinazione con un
cocktail.
Amerò Picon: fa parte della categoria degli aperitivi francesi, ha un gusto amaro ed è prodotto con
l´uso di genziana, arancia ed altre spezie.
Angostura: è un liquore aromatico a base di olio ricavato dalla corteccia dell’albero Cusparia e
spezie, nei cocktail lo si usa a gocce.
Anisette: liquore francese secco, aromatizzato con semi di anice, simili sono il mistrà e l´anice.
Aperol Barbieri: Aperitivo tutto italiano con solo l´11% di alcool e un lieve gusto amaro, è un ideale
drink per qualsiasi occasione. Servito puro, come long drink oppure nella composizione di cocktail è un
ottimo partner.
Apricot brandy: prodotto in qualsiasi parte del mondo è un liquore ottenuto dalla macerazione di
albicocche in brandy.
Armagnac: acquavite di vino, prodotta in Francia nella zona omonima , ha un sapore meno secco del
cognac.
Aurum: liquore dolce a base di arancia invecchiato in botti di rovere.
Baileys: crema liquore irlandese a base di Irish Whiskey, prodotto con crema di latte, cioccolato e
altre sostanze con solo 17% di alcool.
Bènèdictine: liquore dolce a base di erbe e radici, prodotto dai monaci benedettini dell’abbazia di
Fècamp in Francia.
Brandy: Il brandy si ricava distillando il vino ed è un´acquavite nota nel mondo con tanti nomi:
Armagnac, Cognac, Pisco, Weinbrand…
La nascita del brandy è derivata dalla volontà di recuperare del vino andato a male o che non si
conservava. In effetti, per fare un buon brandy non occorre un vino eccezionale ma è sufficiente un
vino neutro, con basso grado alcolico e discreta acidità. Del resto la maggior parte delle sostanze che
rendono grande un vino non sono volatili, durante la distillazione cioè non volatizzano e rimangono nel
liquido base; ecco perché è assurdo impiegare un vino pregiato.
Un buon brandy viene distillato due volte con alambicchi discontinui: dopo la prima distillazione si
ottiene una flemma, con il 25-35 % di alcol; poi si opera la seconda distillazione e in questa fase si
separano le parti bassobollenti (testa) e altobollenti (coda) dal cuore, ricavando un liquido con il 60-
70 % di alcol. Oggigiorno, comunque, si ottengono prodotti discreti anche con la distillazione continua.
Terminata la distillazione il brandy viene messo a maturare in botti di legno e allungato con acqua
distillata per portarlo alla giusta gradazione.
Per legge deve avere un invecchiamento minimo di un anno, ma i prodotti migliori sono sottoposti a
un invecchiamento di 5-7-10 anni.
Quando un brandy è giovane, può essere servito fresco o con ghiaccio.
Brandy o cognac invecchiati, e quindi di qualità migliore, devono essere serviti nel ballon e gustati a
temperatura ambiente, con calma, assaporando le sfumature di gusti e profumi.
Assolutamente da evitare è la pratica di riscaldare l´acquavite con uno scaldino ad alcol o una
candela.
Cachaca: (si pronuncia casciasa) distillato ricavato dal succo fermentato dalla canna da zucchero e
prodotto in Brasile. È simile al rum agricolo con profumo e gusto marcati.
Calvados: nasce in Francia nelle zone della Normandia. Inizialmente dalle mele si ricava un mosto che
fermentato diventa il sidro, in seguito si passa a una doppia distillazione in alambicchi discontinui. Il
Calvados migliore proviene dai Pays d`Auge. A differenza degli altri distillati di frutta, questo
prodotto con l`invecchiamento migliora notevolmente e in questi casi si serve come un buon cognac.
Champagne: regione della Francia appartenente quasi per intero al bacino idrografico della Senna e
compresa negli odierni dipartimenti di Ardennes, Marne, Aube, Haute-Marne, più una sezione dei
dipartimenti di Meuse, Seine- et-Marne e Yonne.
Il nome Champagne deriva dal latino campania, cioè un´ampia, monotona pianura. La regione
presenta aspetti diversi. La zona centrale, estendentesi uniforme tra i monti della Champagne e la
falaise dell’Ile-de-France, contrasta con le parti più alte e ricoperte di boschi delle Ardennes e
Argonne a nord-est e dell’Othe e del Langres a sud-est.
I metodi di preparazione che hanno reso celebre la Champagne risalgono al sec. XII e pare siano
dovuti al benedettino P. Pérignon, monaco di Hautvillers, che per primo avrebbe ottenuto vino bianco
spumante da uve nere. La tecnica di vinificazione è molto complessa. La materia prima è data dalla
mescolanza di diverse varietà di vini tratti da uve bianche, rosse e nere e ottenuti con una
torchiatura leggera per evitare i coloranti delle bucce e da una fermentazione particolarmente lenta
e curata. A fermentazione avvenuta il prodotto, previa aggiunta di un´opportuna quantità di
zucchero, viene imbottigliato per una successiva fermentazione in vetro. Le susseguenti operazioni
tendono a liberare il prodotto dai depositi originali dalla seconda fermentazione in bottiglia e la
definitiva chiusura è preceduta dall`aggiunta di una speciale soluzione di zucchero ed alcol.
I prodotti vinicoli della Champagne sono protetti da rigorose disposizioni di legge, che limitano
l´uso del nome Champagne esclusivamente ai vini di una zona ben delimitata del territorio francese.
Chartreuse: liquore a base di distillato di vino, fiori e piante di montagna. È prodotto in Francia e ne
esistono di vari tipi, di cui i più diffusi sono la Chartreuse jaune (giallo e amabile) e verte ( verde
secco e più alcolico).
Cherry brandy: liquore ottenuto con la macerazione di ciliegie marasche della Dalmazia nel brandy e
messo ad invecchiare in botti di rovere.
Cherry Heering: famoso cherry brandy danese prodotto a Copenaghen di cui le ciliegie sono prodotte
dalla stessa ditta Heering.
Cognac: È un´acquavite di vino prodotta in Francia, in un territorio comprendente le regioni Charente
e Charente Marittima. Questa grande area è suddivisa in sei territori o “crus” : Grande Champagne,
Boderies, Fino Bois, Bons Bois e Bois Ordinaires. La Grande e Petite Champagne ( il vino champagne non
c´entra, il termine vuol dire campagna) si trovano al centro della regione e offrono i prodotti migliori.
Il cognac prodotto solo con uve di questi due crus avrà in etichetta la specificazione “Fine
Champagne”.
Per il vino base si utilizzano i vitigni Colombari, Folle Blanche e, il più diffuso, il Saint Emilion
(chiamato anche Ugni Blanc, che poi è il nostro Trebbiano Toscano).
La distillazione avviene nei famosi alambicchi discontinui “Charentais”, nel modo già spiegato per il
brandy. Dopo la distillazione il prodotto viene messo a invecchiare in botti di legno in rovere.
I diversi tipi di cognac in commercio sono il risultato di tagli con prodotti di età e provenienze
diverse. L´età ufficiale viene definita dall’acquavite più giovane che entra nell’assemblaggio.
Dalle sigle indicano l´invecchiamento del cognac:
• tre stelle: è un cognac nel quale l´acquavite più giovane è invecchiata per almeno due anni e
mezzo;
• V.O.(very old) o Réserve o V.S.O.P.(very superior old pale): contengono acquaviti con età
minima di 4 anni e mezzo;
• V.V.S.O.P.(very very superior old pale) o Grande Réserve: contengono acqueviti invecchiate
per almeno 6 anni;
• Napoléon, X.O.(extra old), Très Vieux o Vieille Réserve: contengono acqueviti molto vecchie,
fino a 50 e più anni.
Cointreau: liquore dolce a base di fiori e scorze di arancia selvatica originario da Angers in Francia.
Simile è il Triple Sec.
Crème de cassis: liquore denso prodotto nella zona di Digione, a base di ribes neri.
Curacao: liquore dolce aromatizzato con fiori e scorze di arancia selvatica. Viene prodotto in colore
blu e rosso.
Cynar: leggermente amaro è un prodotto interamente naturale ottenuto dalla miscela di foglie di
carciofo ed altre preziose erbe infuse secondo antiche formule.
Drambuie: liquore dolce a base di Scotch whisky scozzese, miele ed erbe aromatiche.
Dubonnet: liquore aperitivo francese a base di vino e aromi vegetali con solo il 16 % alcol.
Fernet: amaro a base di erbe, radici, fiori e droghe; subisce una lunga stagionatura.
Framboise: distillato di lamponi.
Galliano: liquore dolce a base di erbe, radici, fiori e bacche di colore giallo trasparente.
Gin: nasce in Olanda per merito di un medico. Si tratta di un´acquavite ricavata da cereali,
aromatizzata con bacche di ginepro e altri componenti come coriandolo, angelica, ginestra ecc. Viene
prodotto usando alcol a 95°, rettificato a tal punto che non rimane nessun elemento aromatico
derivante dalla materia prima di base. Naturalmente la distillazione è continua e molto spinta. I vari
componenti aromatici sono messi a macerare e, dopo un certo periodo, il composto viene nuovamente
distillato in presenza dei vegetali.
Il gin non viene quasi mai invecchiato ed è principalmente consumato miscelato con altre bevande.
Se l´Olanda è il paese d´origine del gin (qui viene chiamato Genever), l`Inghilterra è il paese che
ha adottato questo prodotto e l´ha fatto conoscere in tutto il mondo.
Il tipo di gin più diffuso è il London Dry, molto secco e con un elegante profumo. Altri tipi sono: lo
Sloe Gin (aromatizzato anche con prugne selvatiche), l`Old Tom (più dolce per l´aggiunta di
zucchero), il Golden Gin (invecchiato nei fusti di rovere dello sherry), il Pink Gin (aromatizzato anche
con angostura), il Lemon Gin e l´Orange Gin.
Ginger Ale: bevanda gassata aromatizzata con radice di zenzero, che la rende leggermente piccante.
Granatina: è uno sciroppo a base di succo di amarena, arancia e lampone, in commercio esistono varie
marche di questo prodotto sia italiano che estero, componente fondamentale per molte categorie di
bevande internazionali.
Grand Marnier: liquore dolce a base di cognac, succo e scorze di arancia. Ne esistono
Grappa: è un prodotto tipico dell’´Italia del nord, ricavato dalla distillazione delle vinacce (si
utilizzano solo le bucce, semi e graspi che vengono scartati). La grappa è l´unico distillato ricavato da
una materia solida. In questi ultimi anni, dopo un lungo periodo di stasi, la grappa si sta notevolmente
rivalutando, in particolare con grappe giovani, monovitigni e aromatizzate.
Esistono due tipi di vinaccia: quella “vergine” , imbevuta di mosto, che deve fermentare al riparo
dall’aria per 3-5 mesi, e quella “fermentata”, già impregnata di vino.
La grappa può essere distillata sia in alambicchi continui sia discontinui, anche se questi ultimi
offrono prodotti migliori.
In commercio si possono trovare:
Grappa giovane: messa in commercio dopo un breve periodo di affinamento in vasche d´acciaio o
vetrificate.
Grappa invecchiata: invecchiata per almeno un anno, di cui 6 mesi in legno.
Grappa monovitigno: in questo caso sono state utilizzate vinacce di un solo vitigno. Spesso si
usano uve aromatiche, tipo moscato o malvasia, che conferiscono al prodotto aromi particolari; in tal
caso la grappa viene denominata aromatica.
Grappa aromatizzata: in questa grappa, da non confondere con quella aromatica, sono state
aggiunte essenze di frutti, erbe e radici, per cui si avranno: grappa alla ruta, genziana, angelica,
lamponi, mirtilli ecc.
Quando la grappa è giovane o aromatizzata alla frutta va servita fresca (tra 6 e 10°C ); quando è
invecchiata o aromatizzata alle erbe si serve sui 16-18°C, ma non oltre.
Il bicchiere ideale sarà un piccolo calice a forma di tulipano, per concentrare i profumi.
Kàhlua: liquore abbastanza denso a base di caffè, cacao e vaniglia. Prodotto in Messico.
Kirsch: distillato di ciliegie prodotto in Germania.
Kümmel: distillato dolce a base di cumino,, nel fondo della bottiglia si formano alcuni cristalli di
zucchero.
Madera: vino liquoroso prodotto nell’omonima isola del Portogallo. Quattro sono i tipi principali:
Malvasia (dolce), Sercia (secco), Verdello (semisecco) e Boal (abboccato).
Malaga: vino liquoroso prodotto nella provincia omonima della Spagna. Può essere sia dolce sia secco.
Malibù: rum aromatizzato al cocco.
Mammuth: liquore dolce a base di arancia.
Mandarinetto: liquore dolce a base di succo di scorze di mandarino.
Maraschino: liquore dolce ricavato dalla distillazione di ciliegie marasche.
Marc: distillato francese ricavato da vinello e vinacce.
Marsala: è prodotto nella parte occidentale della provincia di Trapani e in base alla legge n. 851 del
28.11.1984 non può essere preparato, affinato e invecchiato al di fuori della zona di produzione.
Si utilizzano i seguenti vitigni:
• bianchi: Catarratti, Grillo, Inzolia, (o Anzonica) e Damaschino;
• rossi: Pignatello (o Perticone), Calabrese (o Nero d´Avola), e Nerello Mascalese; questi rossi sono
ammessi solo per la produzione del Marsala Rubino.
Il marsala è un vino liquoroso ottenuto con l´aggiunta, oltre ad alcol di vino, di mosto concentrato,
sifone e, per il tipo color ambra, mosto cotto. Il marsala Vergine Soleras invece prevede solo aggiunta
di alcol.
In base al colore si possono avere il marsala Oro, Ambra e Rubino; secondo il contenuto
zuccherino questo vino può essere secco, semi-secco o dolce.

Tipo Colore Grado alcolico minimo Invecchiamento minimo


Fine Oro, ambra, 1 anno, di cui 8 mesi in
rubino 17° botte di legno
Superiore Oro, ambra, rubino 18° 2 anni in legno
Superiore e/o 4 anni in legno
riserva ambra 18°
Vergine e/o Soleras 5anni in legno con metodo
solera
Stravecchio e/o 10 anni in legno con metodo
riserva ambra 21° solera
Vergine e/o Soleras

Il marsala è un grande vino italiano. I tipi secchi sono consumati come aperitivi, i dolci sono ottimi vini
da dessert o fuori pasto e quelli invecchiati sono classici “vini da meditazione”.
Il sifone (o mistella) è un prodotto pregiato; si tratta di un mosto addizionato con alcol e
invecchiato. Il mosto concentrato è un mosto ridotto di circa un terzo per l´eliminazione di una parte
d´acqua, con un più elevato contenuto di zuccheri (50-60%). In Italia, essendo proibita l´aggiunta di
zucchero, viene utilizzato per aumentare il grado zuccherino di mosti carenti.
Si ricava aumentando la temperatura della massa sottovuoto (non oltre 50°) oppure congelando
ed eliminando una parte d´acqua.
Il mosto cotto è un mosto concentrato ottenuto per riscaldamento diretto; avviene così una
parziale caramellizzazione degli zuccheri e il prodotto assume un gusti particolare.
Menta: liquore a base di menta prodotto da numerose case estere, di colore verde o bianco.
Metaxa: acquavite proveniente dalla Grecia.
Midori: prodotto dalla Casa Suntory al gusto di melone verde con una gradazione alcolica del 20%.
Mirabelle: distillato francese di prugne piccole e gialle.
Mixybar: ampio assortimento di sciroppi concentrati prodotti in Italia.
Ouzo: (si pronuncia uso) liquore greco a base di anice.
Parfait Amour: simile alla crema di violetta di colore viola, gradevolmente dolce.
Passoa: liquore ottenuto dal frutto della passione non molto alcolico.
Pastis, Pernod, Ricard: liquori dolci francesi a base d´anice, allungato con l´acqua è l´aperitivo
preferito dai francesi.
Pimm´s n°1: prodotto a base di gin e altri aromi.
Pisco: distillato di vino proveniente da Perù, Bolivia e Cile.
Porto: nasce in Portogallo con uve provenienti dalla valle del Duoro, in vigneti posti a terrazzamenti in
una zona molto impervia, dove gran parte del lavoro è ancora manuale. Qui terreno e clima sono
principali artefici di questo grande prodotto. Per la nascita del vino sono ammessi molti vitigni: 37 di
uve bianche e 51 di uve rosse. Durante la fermentazione si aggiunge del distillato di vino per bloccarla,
ottenendo così un vino molto alcolico con ancora degli zuccheri. In inverno riposa presso i produttori,
per poi essere trasportato a Oporto, città da cui prende il nome il vino, posta alla foce del Douro: è
qui che il vino maturerà e si affinerà.
Il porto può essere bianco o rosso. Il tipo rosso, il più diffuso, si suddivide in:
Full: è un vino giovane, fruttato, di colore intenso.
Ruby: di colore rosso rubino, ha già qualche anno di invecchiamento
Tawny: di colore rosso topazio, sono i vini più invecchiati e con aromi più complessi
Vintage: è un porto proveniente da un´unica vendemmia, di qualità eccezionale, invecchiato in
bottiglia.
Late Bottled Vintage: è come un Vintage invecchiato in botte.
Porto con data di vendemmia: deriva da un´unica vendemmia di ottima qualità.
In base al grado di dolcezza, il porto può essere dolce, semi-dolce e secco, con estremi fino al molto
dolce ed extrasecco.
Punt e Mes: vermouth rosso amaricante e dolce, prodotto dalla Carpano.
Rosolio: nome che indica un liquore dolce a bassa gradazione alcolica. Il tipo preferito era a base di
olio di rose, da cui il nome.
Rum: si ottiene dalla canna da zucchero e, originariamente, era ricavato dal succo della canna;
successivamente dalla canna si iniziò a ricavare lo zucchero e il rum venne fatto con la melassa, lo
scarto della lavorazione contenente ancora zuccheri.
Questo tipo di rum (detto industriale) ha un gusto molto debole. Molto più marcati sono gusto e
profumi del rum agricolo, ricavato direttamente dalla canna, ma che rappresenta solo una piccolissima
parte della produzione e che in Italia è difficile da reperire.
Il rum può essere giovane o invecchiato. È l´acquavite più consumata nel mondo, in particolare
nelle bevande miscelate ed è prodotta quasi in ogni paese, ma i rum più famosi provengono da Cuba,
Guaiana inglese (Demerara rum), Giamaica e Martinica.
Safari:liquore africano al gusto tropicale a base di papaya, maracuja, lime e mango; contenente poco
alcohol.
Sakè: vino ricavato dalla fermentazione del riso, diffuso in Cina e Giappone. Si beve tiepido in
appositi bicchierini.
Sambuca: liquore dolce italiano a base d´anice.
Samos: vino liquoroso prodotto nell’isola omonima della Grecia.
Sassolino: liquore a base di anice.
Sherry: In Spagna, in una zona triangolare compresa tra Jerez de la Frontiera, Puerto de Santa
Maria e Sanlucar de Barramela, tra le foci del Guadalquivir e del Guadalete: è qui che nasce il più
famoso vino spagnolo.
Il vino subisce due fermentazioni: la prima rapida e violenta, la seconda calma e prolungata, durante
la quale sulla superficie di alcuni tipi di sherries, nelle botti lasciate aperte e non completamente
riempite, si forma la flor, una pellicola bianca dovuta a un lievito, che conferisce al vino un particolare
profumo e sapore. Dal vino su cui si è formata la flor nascono i tipi: Fino, Manzanilla e Ammontillado.
Durante e dopo la fermentazione, al vino viene aggiunta acquavite ricavata con vino delle stesse
uve, in quantità variabile in base al tipo di sherry.
Lo sherry viene prodotto con il metodo solera. Le botti con il vino vengono sovrapposte in 4-5 file:
in basso ci sono quelle con il vino più vecchio, in alto quelle con il vino più giovane. Il vino da immettere
al consumo viene estratto dalle botti in basso, togliendo solo 1/3 del contenuto. Ogni botte viene poi
riempita con quella immediatamente superiore, fino ad arrivare a quella più in alto dove verrà aggiunto
il vino giovane. Con questo sistema ogni produttore conserva nei secoli qualità e stile dei propri
sherries.
Vediamo i vari tipi di sherries in commercio.
Fino: è il più venduto e conosciuto. Invecchiato almeno tre anni, è secco con un profumo
particolare. È un ottimo aperitivo, usato molto anche in cucina.
Manzanilla: è prodotto come il Fino ma viene maturato e affinato a Sanlucar de Barramela, sotto
l´influenza dell’oceano Atlantico, con particolare odore e sapore salino.
Ammontillado: è un Fino che ha acquistato colore e corpo attraverso una lunga stagionatura. È un
ottimo vino da meditazione ma può essere anche bevuto come aperitivo.
Oloroso: in questo vino la flor non si è sviluppata per l´aumento della gradazione alcolica.
Invecchiato anche per molti anni ha un sapore secco o leggermente abboccato, con molto carattere e
un piacevole profumo di noci.
Cream: ha un gusto abboccato o dolce, con un ottimo profumo. Viene realizzato mescolando un
buon Oloroso con vino dolce ottenuto con uve Pedro Ximenez.
Sidro: vino ricavato dalle mele. Poco alcolico (5-8°), è anche la base per ricavare il Calvados.
Slivovitz: distillato di prugne proveniente dalla Jugoslavia di sapore secco.
Southern Comfort:
Steinhäger: distillato di bacche di ginepro prodotto in Germania.
Strega: liquore dolce a base di erbe creato a Benevento.
Tequila: è un´acquavite messicana ricavata dalla distillazione dell’agave. L´agave è una pianta grassa
molto grande che produce un frutto al centro che può arrivare ai 50 Kg, ma prima di dare il frutto la
pianta impiega non meno di 8 anni.
Molte sono le specie di agave e il prodotto migliore lo si ottiene dall’agave blu. Dopo essere stati
raccolti, i frutti vengono cotti in grandi forni per 2-4 giorni a 90°C; successivamente avviene la
frantumazione e una pressatura. Se ne ricava una pasta semiliquida alla quale si aggiungono lieviti e
zucchero. La fermentazione dura alcuni giorni e il succo che ne deriva viene avviato a una doppia
distillazione di alambicchi discontinui. In seguito il prodotto viene invecchiato in botte per almeno un
anno (3-5 anni per quelli migliori).
La tequila è usata principalmente come ingrediente per cocktail (Margherita), ma la si può bere
anche liscia fresca. La tecnica tradizionale per bere la tequila è:
• mettere un po’ di sale nell’incavatura tra pollice e indice;
• si prende il sale con le labbra e la punta della lingua;
• si morde il limone;
• si beve la tequila.
Tia Maria: liquore al caffè prodotto in Giamaica.
Triple Sec: liquore aromatizzato all’arancia, ne esistono di varie marche.
Vermouth: vino aromatizzato con spezie ed altri aromi dal gusto un po’secco.
Ne esistono di varie qualità: bianco, rosso, rosè e dry che sarebbe extrasecco.
Vodka: è un distillato ricavato principalmente da cereali, ma si usano anche le patate. Caratteristica
di questo prodotto è il sapore neutro; infatti dalla distillazione con metodo continuo si ottiene un
prodotto purissimo, con percentuali di alcol alte, che in seguito passa attraverso filtri di carbone per
eliminare ogni componente aromatica. La vodka non viene sottoposta a invecchiamento. È un
ingrediente molto usato nei cocktails e assai apprezzato per il suo gusto neutro. La vodka può essere
bevuta liscia fredda (5-8°C, non ghiacciata); in tal caso si serve in piccoli bicchieri a calice.
La vodka può anche venire aromatizzata con frutta; questo tipo di prodotto rappresenta una
quota molto rilevante delle vendite totali.
Whisky: più che un whisky bisognerebbe parlare di whiskies, visto che in commercio se ne trovano
tanti tipi.
Qui si accenna alla produzione del whisky scozzese, in seguito si esamineranno brevemente le
altre principali tipologie.
Il miglior whisky scozzese è di puro malto, in cui si usa solo l´orzo. Per ottenere questo distillato
si possono usare anche altri cereali quali la segale, mais, avena, grano ecc.
Le principali fasi di produzione sono:
• macerazione: l´orzo viene messo in vasche con acqua dove si gonfierà e ammorbidirà;
• germinazione: viene steso su appositi germinatoi fino a che il chicco germoglia;
• essiccamento: arrivato al giusto punto di germinazione, il malto verde viene essiccato in forni
aperti alimentati con torba, da cui deriva il caratteristico sentore di affumicato;
• frantumazione: dal malto si eliminano i germogli e lo si frantuma;
• miscelazione: il malto viene amalgamato con acqua calda; in questo momento il mosto viene
chiamato wort;
• fermentazione: dopo essere stato filtrato al wort viene aggiunto il lievito di birra, ottenendo così
un mosto fermentato chiamato wash. Il mosto è pronto per essere distillato. Come si può notare il
procedimento per ottenere il wash è simile a quello per produrre la birra, anche se notevoli sono le
differenze tecniche;
• distillazione: la migliore è quella discontinua. La prima distillazione avviene in un grande alambicco
di rame chiamato wash still. La flemma che si ottiene va distillata una seconda volta in un
alambicco più piccolo detto spirit still e in questa fase si opera l´eliminazione di testa e coda. In
seguito il whisky viene allungato con acqua e messo a invecchiare;
• maturazione: il whisky invecchia in piccole botti di quercia per non meno di tre anni (le botti
migliori hanno contenuto lo sherry) ma un buon prodotto passa 10-12 anni in botte;
• miscelazione: poche sono le bottiglie di whisky di solo malto di un´unica distillazione (single malt
scotch whisky). La maggioranza del whisky è miscelato, un blended. Il blender, cioè l´esperto
della miscelazione, miscela infatti distillati di diversa provenienza (ottenuti anche con altri
cereali) ed età. Dopo la miscelazione, prima di essere messo in bottiglia, il whisky passa ancora 6
mesi in botte. L´età riportata sull’etichetta indica l´ invecchiamento dell’acquavite più giovane
usata per la miscela.
Lo scotch whisky ha quattro zone di provenienza: Highlands, Lowlands, Islay e Campbeltown.
Se il whisky è giovane può essere servito, a richiesta, anche con ghiaccio; se è ben invecchiato è
meglio proporlo liscio. Può anche essere allungato con soda, acqua o selz. Il classico bicchiere nel quale
servire il whisky è il tumbler basso.
Oltre allo scotch whisky esistono in commercio diversi tipi di whisky, ottenuti dalla distillazione
di cereali miscelati tra loro. Di seguito si riportano i più conosciuti:
Bourbon whiskey: prodotto negli Stati Uniti con una miscela di cereali di cui almeno il 51% è mais; è
invecchiato per un minimo di 2 anni in botte. La principale zona di produzione è il Kentucky. Questo
prodotto ha una forte personalità.
Canadian whisky: prodotto in Canada con una miscela di cereali in cui predomina il mais. È un distillato
dal gusto delicato.
Irish whiskey: si produce in Irlanda con vari cereali in cui predomina l´orzo. È un´acquavite molto
pura (quelli prodotti con metodo discontinuo vengono distillati 3 volte) e non vi è sentore di torba in
quanto il malto viene essiccato in forni chiusi.
Rye whiskey: whiskey americano prodotto con almeno il 51 % di segale.
Underberg: amaro tedesco a base di erbe.

Glossario

Ballon: tipico bicchiere da cognac o brandy.


Blender: miscelatore elettrico, munito di bicchierone in metallo. Nel blender, tra l´altro, vanno
preparate le miscele per realizzare anche la Pina Colada e tutti i frozen.
Bowl: capace zuppiera in cristallo o in vetro, adatta per la preparazione dei cosiddetti cocktails-
champagne o di bevande a basso tenore alcolico.
Copita: bicchiere che serve per servire vini liquorosi come il Porto o lo Sherry.
Coppa Margherita: tipo di calice made in USA reperibile dal 1994 in Italia.
Coppa per Champagne: viene utilizzato negli Champagne cocktails.
Crusta: classico bicchiere per servire lo Sherry e il Porto.
Cup: è un tipo di long drink che si prepara in grandi zuppiere e va servito ben freddo; abitualmente la
base principale è il vino.
Dark Drink: appellativo che viene dato agli after dinner nei quali il caffè espresso è l´ingrediente
base: che siano caldi o freddi.
Dash: in inglese significa “goccia”.
Drink: in inglese significa “bevanda”, indica tutte le preparazioni alcoliche.
Electrik mixer: in inglese vuol dire miscelatore.
Exotic: long drink speciale, appartenente alla categoria omonima, il cui frutto intero viene spolpato e
quindi utilizzato a modi bicchiere.
Fizz: è un long drink; deriva dall’inglese to fizz (sfrigolare) e di solito si identifica con una miscela
preparata con succo di limone, bevanda alcolica (es. Gin) e acqua tonica o selz.
Flambé: parola francese che significa fiammata; anche appellativo per quei cibi cucinati alla lampada
e ultimati con Cognac o Vodka fatti appositamente infiammare.
Flip: è una bevanda preparata con l´aggiunta di uova fresche.
Flùte: è il classico calice per servire lo Champagne o lo Spumante.
Frappè: deriva dal francese frapper = agitare e consiste in una bevanda dissetante, priva di alcol, a
base di latte o con aggiunta di frutta o gelato.
Freezer: scomparto del frigo atto per la produzione del ghiaccio.
Glass: la parola vuol dire bicchiere.
Grog: bevanda calda con una base alcolica.
Highball: è un long drinks e viene preparato con l´aggiunta di bibite gassate, il bicchiere in cui viene
versato porta il medesimo nome, che deriva dall’uso degli Americani di richiedere come highball il
whisky con aggiunta di soda e ghiaccio.
Jce: in inglese ghiaccio.
Juice: in inglese succo.
Lampada: tipo di fornello col quale vengono cucinati i cibi davanti ai commensali.
Long drink: in inglese bevanda lunga. Si tratta di una miscela che va servita fredda e leggermente
alcolica, con aggiunta, di solito, di succo di frutta, Spumante, Champagne, bibite gassate.
Mix: in inglese to mix significa mescolare.
Mixing glass: bicchiere miscelatore per la preparazione soprattutto di cocktails; a differenza dello
shaker nel mixing glass si usa un lungo cucchiaino per mescolare
New fashion: nuova moda relativa al settore del food and beverage.
Old fashion: in inglese significa “all’antica”; è un bicchiere tipico senza gambo, a base stretta e
sommità più larga.
Oncia: misura inglese che spesso sta a indicare la quantità di un ingrediente che viene usato per la
preparazione di cocktails.
Peach: in inglese indica pesca.
Peel: in inglese vuol dire buccia; nella preparazione dei cocktail viene utilizzata quella degli agrumi.
Pillè: è ghiaccio pressato.
Poussè-cafè: caratteristico cocktail che si prepara in un bicchiere lungo e stretto; i vari liquori
vengono versati uno alla volta, partendo da quelli a maggiore densità e vischiosità affinché non si
mescolino, si avranno così, cocktails a vari strati colorati.
Sangria: originaria dalla Spagna, è una bevanda a base di vino; si prepara in caraffe o in capaci
recipienti, con vino rosso, pezzi d´arancia e limone, aromatizzato il tutto con cannella e chiodi di
garofano.
Sgroppino: after dinner a base di sorbetto al limone in combinazione con vodka e Prosecco, con una
goccia di latte. La paternità dello “sgroppin” è veneziana.
Shaker: in inglese “scuotitore”; è il caratteristico recipiente chiuso, nel quale si mescolano gli
ingredienti che compongono un cocktail.
Shirly Temple: si tratta di una bevande totalmente analcoliche, a base di agrumi e succhi di frutta,
allungate con acque gassate e decorate con frutta fresca.
Slice: in inglese “fetta” (arancia, limone…)
Sparkling: categoria di cocktails a base di frullato di frutta fresca e Spumante.
Strainer: termine inglese con cui si indica il passino usato per filtrare la bevanda preparata nel
mixing glass o nel Boston.
Teaspoon: cucchiaino da tè, ed è anche un´unità di misura per la preparazione di bevande miscelate.
Tumbler: è il caratteristico bicchiere cilindrico, a volte leggermente allargato alla sommità, senza
gambo.
Twist: termine usato tra i barman di lingua inglese per indicare lo “sprizzo” di buccia di limone o
d´arancia da mettere nel cocktail già pronto nel bicchiere.

I Cocktail Internazionali
Glasses Tecnick Name Ricetta Guarni.
Coppetta Shake & Strain After Supper 1 oz Apricot, ½ oz Blu Curacao, Limone o Lime
Cocktail (Digestivo) ½ oz Triple Sec, 1 oz Sour.
Mix & Pour ½ oz Vodka, ½ oz Gin,
Juice o Alabama Slammer ½ oz Southern, ½ oz Amaretto, Arancia
Shake & Pour (Cocktail) 3 oz Succo Arancia,
½ oz Granatina.
Coppetta Shake & Strain Alba 1 oz Crema Menta Bianca, Limone o Lime
Cocktail (Digestivo) 1 oz Grappa, 1 oz Sour.
Coppetta Shake & Strain Alexander 1 oz Brandy, 1 oz Crema Cacao, Noce Moscata
Cocktail (After Dinner) 1 oz Crema di Latte.
Rocks Build Americano 1 oz Vermouth Rosso, Arancia
(Pre Dinner) 1 oz Campari, Top Soda.
Coppetta Shake & Strain Apotheke 1 oz Cognac, Nessuna
Cocktail (After Dinner) 1 oz Crema di menta verde,
1 oz Fernet Branca.
Shot Layer B 52 ¾ oz Kahlua, ¾ oz Baileys, Nessuna
(Shot ) ¾ oz Grand Marnier.
Mix & Pour Bahama Mama ¾ oz Rum, ¾ oz Crema Banana,
Juice o (Cocktail) ½ oz Malibu, ½ oz Granatina, Arancia
Shake Pour Top Succhi Ananas e Arancia.
Coppetta Shake & Strain Banana Bliss 1 ½ oz Cognac, Nessuna
Cocktail (After Dinner) 1 ½ oz Crema di banana.
Coppetta Shake & Strain Bariloche 1 oz Vermouth Rosso, 1 oz Nessuna
Cocktail (Digestivo) 1 oz Drambuie, ¼ oz Campari.
Shot Layer Black Army ¾ oz Galliano, Nessuna
(Shot) ¾ oz Jägermaister.
Rocks Build Black Russian 1 ¼ oz Vodka, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Kahlua.
Mix & Pour Black Jack 1 ¼ oz Jack Daniels,
Juice o (Cocktail) ¾ oz Southern Comfort, Limone o Lime
Shake & Pour 2 oz Sour, Top Cola.
Shot Layer Blow Job ¾ oz Kahlua, Nessuna
(Shot) ¾ oz Baileys, ¾ oz Panna.
1 ½ oz Vodka,
Mix & Pour ½ oz succo di limone, Decorare con un
Highball o Bloody Mary 2 oz succo pomodoro, pezzo di sedano
Shake & Pour (Cocktail) Sale, pepe, sale di sedano, direttamente nel
1 goccia di tabasco e bicchiere
2 gocce di Worcester sauce.
Coppetta 1 ½ oz Vodka, Decorare con
Cocktail Shake & Strain Blue Lagoon ½ oz Blue Curacao, una scorza di
1 oz Succo di limone. limone
Juice Mix & Pour o Blu Hawaian 1 ½ oz Rum, ½ oz Blu Curacao, Ananas
Shake & Pour (Cocktail) 3 oz Succo Ananas.
Blu Kamikaze 1 ¼ oz Vodka,
Rocks Shake & Strain (Shoteers) ¼ oz Blu Curacao, Limone o Lime
½ oz Triple Sec, 1 oz Sour.
Mix & Pour Blu Margarita 1 ¼ oz Tequila,
Juice o Shake & Pour (Cocktail) ¾ oz Blu Curacao, Bordare sale
3 oz Sweet & Sour.
1 ½ oz Gin,
Coppetta Shake & Strain Bronx ½ oz VermouthRosso, Arancia
Cocktail (Pre Dinner) ½ oz Vermouth Dry,
1 oz Succo Arancia.
Caipirinha 4 pz Lime, 3 Zucch Canna,
Highball Muddler (Pestato) 1 oz Sweet & Sour, Nessuna
2 oz Cachaca.
Caipirinha Fragola 4 pz Lime, 3 Zucch Canna,
Highball Muddler (Pestato) 1 oz Fragola Mix, Nessuna
2 oz Cachaca.
Highball Muddler Caipirissima 4 pz Lime, 3 Zucch Canna, Nessuna
(Pestato) 1 oz Sour, 2 oz Rum Scuro.
Caipiroska Fragola 4 pz Lime, 3 Zucch Canna,
Highball Muddler (Pestato) 1 oz Fragola Mix, Nessuna
2 oz Vodka.
Mix & Pour Ciclone 1 ½ oz Jack Daniel,
Juice o (Cocktail) ½ oz Amaretto, 3 oz Succo Arancia
Shake & Pour Arancia, Float Granatina.
Juice Mix & Pour o Cancun 1 ½ oz Tequila, ½ oz Blu Curacao, 1
Shake & Pour (Cocktail) oz Sour, Limone o Lime
2 oz Succo Ananas.
Mix & Pour Analcolico 1 oz Colada Mix,
Juice o Crazy Beach 2 oz Succo Arancia, Ananas
Shake & Pour (Cocktail) 2 oz Succo Ananas,
Float Fragola Mix.
Highball Muddler Cuba Libre 3 pz Lime, 1 ¼ oz Rum, Nessuna
(Pestato) Top Cola.
Juice Blender Daiquiri Fragola 1 ½ oz Rum, Bordare
(Frozen) 3 oz Strawberry Mix, Zucchero
1 oz Sour. Fragola
Doppo Otto ¾ oz Ramazzotti Menta,
Rocks Shake & Strain (Shoteers) ¾ oz Crema di Cacao, Nessuna
½ oz Kahlua.
Flute Build Flamming Shot 1 oz Triple Sec, Accendere e
(Shot) ½ oz Blu Curacao. appiccicare
Mix & Pour Florida Ice ½ oz Vodka, ½ oz Rum,
Juice o (Cocktail) ½ oz Gin, ½ oz Blu Curacao, Limone o Lime
Shake & Pour 2 oz Sour, Top Aranciata.

Mix & Pour Freebird 1 ¼ oz Vodka, ¾ oz Galliano,


Juice o (Cocktail) ½ oz Granatina, 1 oz Sour Limone o Lime
Shake & Pour 2 oz Succo Ananas.
French Afternoon 1 oz Kahlua,
Rocks Shake & Strain (Shoteers) 1 oz Pernod, Nessuna
½ oz Sour.
Frozen Slammer 1 oz Southern,
Juice Blender (Frozen) ½ oz Amaretto, Fragola
4 oz Strawberry Mix.
Coppetta Shake & Strain Ginger Rogers 1 oz Gin, ¾ oz Apricot, Limone e
Cocktail (Pre Dinner) 1 oz Vermouth Dry, Ciliegina
½ oz Sour.
Rocks Build Godfather 1 ¼ oz Whisky, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Amaretto.
Rocks Build Godmother 1 ¼ oz Vodka, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Amaretto.
Coppetta Grasshopper 1 oz Crema Menta Verde,
Cocktail Shake & Strain (After Dinner) 1 oz Crema Cacao Bianca, Nessuna
1 oz Crema Di Latte.
Juice Mix & Pour o Green Eyes 1 ½ oz Vodka, Limone o Lime
Shake & Pour (Cocktail) ½ oz Blu Curacao,
3 oz Succo Arancia.
1 ½ oz Whisky,
Juice Mix & Pour Hurricane ½ oz Triple Sec, Arancia
o Shake & Pour (Cocktail) 3 oz Succo Arancia,
Float Granatina.
Shot Layer KGB ¾ oz Kahlua, ¾ oz Baileys, Nessuna
(Shot) ¾ oz Galliano.
Mix & Pour 1 oz Liquore Melone,
Juice o June Bug ½ oz Crema Banana, Limone o Lime
Shake & Pour (Cocktail) ½ oz Malibu,
Top Sour e Succo Ananas.
Mix & Pour Lynchburg Lemonade 1 ½ oz Whisky,
Juice o (Cocktail) ½ oz Triple Sec, Limone
Shake & Pour 3 oz Sour.
Mix & Pour Long Island ½ oz Vodka, ½ oz Rum,
Juice o Iced Tea ½ oz Gin, ½ oz Triple Sec, Limone
Shake & Pour (Cocktail) 2 oz Sweet & Sour, Top Cola.
Coppetta Manhattan 2 oz Rye o Canadian Whisky,
Cocktail Shake & Strain (Pre dinner) ¾ oz Vermouth Rosso, Ciliegina
1 Goccia Angostura.
Coppetta Manhattan Dry 2 oz Rye o Canadian Whisky,
Cocktail Shake & Strain (Pre dinner) ¾ oz Vermouth Dry, Nessuna
1 Goccia Angostura.
Coppetta Manhattan 2 oz Rye o Canadian Whisky,
Cocktail Shake & Strain Perfect ½ oz Vermouth Dry, Ciliegina
(Pre Dinner) ½ oz Vermouth Rosso.
Coppetta Shake & Strain Martini Up 2 oz Vodka, Oliva
Cocktail (Pre Dinner) ½ oz Vermouth Dry.

Coppetta Margarita Up 1 ½ oz Tequila, Bordare Sale


Margarita Shake & Strain (Cocktail) ½ oz Triple Sec, Limone
1 oz Sour, 1 oz Succo Arancia.
Mix & Pour ¾ oz Havana 3, ¾ oz Havana 7,
Juice o MaiTai ½ oz Triple Sec, Arancia
Shake & Pour (Cocktail) ½ oz Sciroppo Mandorla,
2 oz Succo Arancia, 1 oz Sour.
Mix & Pour Mellow Yellow 1 oz Rum, ½ oz Galliano, Ananas e
Juice o (Cocktail) ½ oz Crema Banana, ciliegina
Shake & Pour Top Succo Ananas.
Juice Mix & Pour Mexican Passion 1 ¼ oz Tequila,
o (Cocktail) ¾ oz Passoa, Limone
Shake & Pour 3 oz Sour.
Mix & Pour My Friend 1 oz Tequila, ½ oz Triple sec,
Juice o (Cocktail) ½ oz Sciroppo o Liquore Melone, Arancia
Shake & Pour Top Sour e Succo Arancia.
Highball Muddler Mojito 4 pz Lime, 2 Zucchero, Foglie Nessuna
(Pestato) Menta, 1 ¼ oz Rum, Top Soda.
Rocks Shake & Strain Mulata 1 ¼ oz Rum Scuro,1 oz Crema Cacao, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Succo Lime
Rocks Build Negroni 1 oz Vermouth Rosso, Arancia
(Pre Dinner) 1 oz Campari, 1 oz Gin.
Mix & Pour Orangeade 1 ½ oz Vodka, 1 oz Sour,
Juice o Shake & Pour (Cocktail) 2 oz Succo Arancia, Arancia
Top Soda.
Rocks Shake & Strain Orgasmo ¾ oz Bayles, ¾ oz Amaretto, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Kahlua.
Rocks Shake & Strain Pascosky ¾ oz Vodka, Nessuna
(Shoteers) ¾ oz Passoa, 1 oz Sour.
Mix & Pour Papaya Passion 1 ½ oz Tequila, 1 oz Papaia Mix
Juice o (Cocktail) 2 oz Sweet & Sour, Fragola o Limone
Shake & Pour 1 oz Fragola Mix.
Juice Mix & Pour Pearl Harbor 1 ¼ oz Vodka, Ananas e
o (Cocktail) ¾ oz Liquore Melone, Ciliegina
Shake & Pour 3 oz Succo Ananas.
Highball Build Pina Colada 1 ¼ oz Rum, Ananas
(Cocktail) 4 oz Colada Mix.
Highball Mix & Pour Pina Colada Kahlua 1 ¼ oz Rum,
o (Cocktail) ¾ oz Kahlua, Ananas
Shake & Pour 3 oz Colada Mix.
Analcolico
Juice Build Pina Colada Virgin 6 oz Colada Mix. Ananas

Rocks Build Rustynail 1 ¼ oz Scotch Whisky, Nessuna


(Shooters) ¾ oz Drambuie.
Highball Build Screwdriver 1 ¼ oz Vodka, Arancia
(Long Drink) 4 oz Succo Arancia.
Coppetta Shake & Strain Sidecar 1 ½ oz Cognac, Limone
Cocktail (After Dinner) ½ oz Triple Sec, 1 oz Sour.

Highball Mix & Pour Singapore Sling 1 ¼ oz Gin, ¾ oz Cherry, Limone o Lime
o Shake & Pour (Cocktail) 2 oz Sour, ½ oz Granatina,
Top Soda.
Coppetta Shake & Strain Stinger 1 ¼ oz Brandy, Nessuna
Cocktail (After Dinner) ¾ oz Crema di Menta Bianca.
Mix & Pour Spring Breeze ½ oz Vodka, ½ oz Tequila,
Juice o (Cocktail) ½ oz Liquore Melone, ½ oz Rum, Limone o Lime
Shake & Pour 2 oz Sour, Top Sprite o Soda.
Rocks Mix & Pour Sweet Dream 1 oz Vermouth Bianco, Ananas
o (Pre Dinner) 1 oz Aperol,
Shake & Pour 1 oz Succo ananas.
Highball Build Tequila Sunrise 1 ¼ oz Tequila, 4 oz Succo Arancia, Arancia
(Long Drink) ½ oz granatina.
Mix & Pour o Texas Tea ½ oz Vodka, ½ oz Rum,
Juice Shake & Pour (Cocktail) ½ oz Tequila, ½ oz Triple Sec, Limone o Lime
2 oz Sour, Top Cola.
Coppetta Shake & Strain The Claridge 1 oz Vermouth Dry, 1 oz Gin, Arancia
Cocktail (Pre Dinner) ½ oz Triple Sec, ½ oz Apricot.
Mix & Pour Trinidad 1 oz Wodka, ½ oz Triple Sec, Ananas o
Juice o (After Dinner) ½ oz Vermouth Dry, Arancia
Shake & Pour Top Succhi Arancia e An anas.
1 ½ oz Wodka,
Coppetta Shake & Strain Toppless ½ oz Vermouth Dry, Arancia
Cocktail (Pre Dinner) ½ oz Chartreause,
½ oz Mandarinetto.
Juice Mix & Pour o Torquoise 1 ½ oz Rum, ½ oz Blu Curacao, Limone o Lime
Shake & Pour (Cocktail) 1 oz Sour, 2 oz Succo Ananas.
1 oz Whisky Canadian,
Coppetta Shake & Strain Tutto Si ½ oz Vermouth Rosso, Arancia
Cocktail (After Dinner) ¼ oz Galliano, ½ oz Brandy,
¼ oz Mandarinetto.
Juice Mix & Pour Unforgiven ¾ oz Whisky, ¾ oz Amaretto,
o (Cocktail) ½ oz Vodka, 2 oz Sour, Limone o Lime
Shake & Pour Top Cola.
Mix & Pour Vodka Sour 1 ¼ oz Vodka,
Highball o (Long Drink) 4 oz Sweet & Sour Limone o Lime
Shake & Pour
Coppetta Shake & Strain White Lady 1 ½ oz Gin, ½ oz Triple Sec, Limone
Cocktail (Shoteers) 1 oz Sour.
Coppetta Zaffiro 1 ½ oz Vodka, ½ oz Triple Sec,
Cocktail Shake & Strain (After Dinner) ½ oz Vermouth Dry, Limone
¼ oz Curacao Blu.