Sei sulla pagina 1di 14

~ gabriella giudici

Une école où la vie s'ennuie n'enseigne que la barbarie

About
Contatta la professoressa
Studying and blogging
Vaneigem et moi
The Right to Read
Foster Wallace Philosophy
Capire il declino della scuola
Classi
Rassegna stampa
Privacy

Une école où la vie s’ennuie


Questo blog documenta il combattimento quotidiano della scuola pubblica contro la banalizzazione
del sapere e la sua subordinazione a tutto ciò che “conta”.

Categorie
Antropologia
Arte
Didattica – EAS
Didattica – Flipped
Didattica – Lettura facilitata
Didattica – Materiali
Didattica – Teoria
Economia
Esame di stato
Filosofia
HowTo
Internet
Musica
Paleoantropologia
Pedagogia
Poesia
Programmi
Psicologia
Scienze
Scuola Pubblica
Sociologia
Storia
Viaggi d'istruzione
Z-Index A-L
Z-Index M-Z
Search...
alienazione animali Aristotele Bourdieu capitalismo Cina cittadinanza cultura Deleuze
democrazia educazione emancipazione fascismo filosofia Foucault Freud giustizia
globalizzazione guerra Hegel identità ideologia insegnanti INVALSI Kant lavoro libertà
linguaggio Marx morte natura umana neoliberismo Nietzsche omosessualità Platone potere povertà
psicanalisi razzismo religione Rousseau Scuola Pubblica società di controllo uguaglianza verità
WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck requires Flash Player 9 or better.

Condivisione

Videolezioni e registrazione audio delle lezioni in classe


La parola ci fa uguali 3. Analfabetismo strumentale, funzionale e di ritorno

Cornelius Castoriadis, Perché non siamo in democrazia


La parola ci fa uguali 2. Basil Bernstein e William Labov

6. L'origine dell'intelligenza tra fattori biologici innati e fattori ambientali

La parola ci fa uguali. L'unificazione linguistica degli italiani e i maestri degli esclusi


5. La psicometria e i test Q.I.

Visitatori dal 21 marzo 2011

Iscriviti al blog tramite e-mail


Unisciti a 585 altri iscritti

Indirizzo e-mail

Iscriviti

In questo momento state leggendo:


Archivi
Archivi Seleziona mese

Calendario
febbraio: 2018
L MMG V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28
« Gen

Tweet di ​@ghumansciences
~ gabriella giudici
@ghumansciences

Alberto Magnani, Le inutili lauree umanistiche danno sempre più lavoro


gabriellagiudici.it/alberto-magnan…

Incorpora Visualizza su Twitter

Meta
Accedi
RSS degli articoli
RSS dei commenti
WordPress.org

Tool e applicazioni
Animaps
Canva
Posterini
Coggle
MindMup
MP3 Cut
Evernote
Stormboard
Google Maps
ScribleMaps
Vialogues
VideoAnt
ViewPure
Prezi
Haiku Dek
Wideo
Ezvid
Dipity
Timeline
HistoryPin
Atlante geopolitico Treccani
Dizionario Italiano Ortografia e Pronuncia
Dizionario Bilingue Francese
WordReference
Dizionario Italiano Hoepli
Verbix

Riviste
OPAC SBN
Catalogo Biblio Umbria
Catalogo Bibliografico Unipg
Asinus Novus
Biblioteca Filosofia & Storia Unipi
Bookzz
Centro documentazione carcere, devianza e marginalità
Doppiozero
Eviter l’apocalypse
Fahrenheit
Filosofia.it
Internet Archive
Istat
Journal du MAUSS
Jura Gentium
Le parole e le cose
LiberLiber
Lo Sguardo
Marxists Internet Archive
NexLearning
Parlare civile
Progetto Gutemberg
Public Culture
RadioRai3
RaiEdu Filosofia
Resistenza Italiana
Rousseau online
Scienza & Filosofia
Stanford Encyclopedia of Philosophy
TiConZero
Treccani Scuola
Uqac
Tutta la città ne parla
WebDeleuze

Blog scolastici
AulaBlog
Schoolstorming

theme by spaceperson
powered by WordPress
follow via RSS
« La miseria rende stupidi? | Anitec, Il tablet non basta: verso un nuovo ruolo del docente »

Carlo Sini, Husserl e Heidegger


by gabriella

Un’intervista a Carlo Sini sul tradimento di Heidegger


della persona e dell’insegnamento di Husserl del quale fu allievo.
Perché Heidegger tradì il suo maestro Husserl?
«Sembra che a rompere i rapporti sia stato Husserl, sconcertato dall’adesione di Heidegger al nazismo.
Vale comunque la pena di rammentare che Heidegger dedicò a Husserl Essere e tempo e glielo
consegnò a Friburgo nel giorno del suo compleanno. Husserl, al momento, non lo aprì nemmeno. Lo
fece tempo dopo, quand’era cresciuta la fama del suo allievo. E commentò che si trattava del suo stesso
pensiero “ma senza fondamento”. Lo considerò un tradimento della fenomenologia, che non fu mai
abbandonata da Husserl ».
Può spiegare il termine “fenomenologia”?
«E’ il tentativo di tornare alle “cose stesse”, mettendo tra parentesi le teorie sulle quali abbiamo
edificato i nostri saperi. Si vuole fare ritorno all’essere del mondo così come questo si manifesta, in
modo genuino e primario, riesaminando, riosservando e ridescrivendo i fenomeni originali. Secondo
Husserl dobbiamo aderire alle cose, non nasconderle, servendoci della lingua che ricostruisca una
ragione descrittiva. Questa teoria ha plasmato diversi metodi d’approccio scientifico. Ad essa si è
ispirata la fenomenologia psichiatrica, dove il paziente viene descritto così com’è, nel suo apparire, e la
terapia trova il proprio motore nei dati immediati dei suoi gesti e dei suoi atteggiamenti ».

Qual era la posizione di Heidegger?


«Si convinse che un programma filosofico, pur apprezzabile, che avesse a fondamento
l’immediatezza delle cose stesse, fosse già fallito a partire da Platone. Quella filosofia nata per il
dominio del logos uccideva se stessa. Da qui la sua critica alla metafisica. Il tentativo fu perciò di
ritrovare una verità della realtà in qualcosa che preceda la filosofia, e trovò quel qualcosa nella
poesia. Nel “pensiero poetante”, come amava ripetere. Non a caso lavorò molto su Rilke».

In che modo Heidegger, in principio, aderì alla fenomenologia?


«Per molti versi vi restò ancorato fino all’ultimo. Negli anni Sessanta (Husserl era morto nel ’38),
Heidegger scrisse di considerarsi legato alla rivelazione fenomenologica, che doveva in gran parte a
Husserl. Ma è grande il divario tra i due filosofi, a partire dalle rispettive formazioni. Heidegger proveniva
da studi classici, mentre Husserl era un frutto delle scienze matematiche. I suoi riferimenti erano
l’illuminismo e Cartesio: era un ebreo votato al culto della ragione. Heidegger invece prendeva le
mosse da Aristotele, che arrivava a considerare un fenomenologo più profondo del suo maestro. In
sostanza Heidegger è un romantico, e vede la modernità come un pericolo enorme che ha preteso di
sostituirsi a Dio. Il suo è un pensiero genialmente reazionario».

Husserl, a sua volta, non ebbe forse un rapporto problematico con la modernità?
«Sì. Nella sua ultima opera rimasta incompiuta, La crisi delle scienze europee, Husserl evoca i
rischi della specializzazione scientifica, che può far perdere il senso della ragione umana e portare
l’Europa a divenire un fenomeno meramente antropologico, come la Cina o ciò che ha determinato la
filosofia occidentale attraverso l’impresa della modernità, da Galileo a Cartesio, si mostra solo come
volontà di potenza. Anche per Heidegger è necessario abbandonare la ragione devastatrice che rende la
terra un deserto. Ma la divergenza dei due filosofi coincide con un’opposizione epocale. Per Husserl il
nichilismo, cioè la caduta nella barbarie della scienza che ha perso l’unità del potere, diventa un
impegno ulteriore per la ragione, da ricondurre ai suoi compiti veri, in quanto l’illuminismo ha
promulgato una ragione incapace d’imporsi. Secondo Heidegger invece, lo svelamento di un essere
enigmatico che si sottrae alla ragione occidentale rischia di gettarci nel “futuro della bomba
atomica”. L’uomo che si autoproclama signore della natura ha compiuto un sacrilegio nei confronti
dell’essere, e ci sospinge verso la devastazione».

Heidegger è convinto che l’uomo, con un eccesso d’uso della scienza, abbia tradito il proprio ruolo
nella vita?
«Esatto. E legge l’avvio di tale tradimento nella filosofia platonica. Si comincia a scambiare l’essere
delle origini con una sorta di entificazione, riducendo la rivelazione degli esseri a cose che si possono
manovrare, misurare, produrre. Husserl e Heidegger concordano nel sostenere che ridurre l’ente alla
sua misura matematica, come fa Galileo, è insufficiente. Però l’uno vuol scavare sotto e andare
all’indietro, mentre l’altro si propone di scavare avanti e andare oltre. Heidegger aveva intuito una cosa
non chiara a Husserl, e cioè la natura tecnologica della vita moderna: aveva compreso che la tecnica non è
un’applicazione della scienza, ma che quest’ultima è una conseguenza della tecnica, laddove Husserl era
ancora della vecchia idea che prima si fa la teoria e poi si costruisce la pratica. Per Heidegger il porre
l’uomo al centro della natura e farne il suo legislatore è la tragedia dell’Occidente, mentre per Husserl la
filosofia equivale alla ragione, che in fin dei conti genera la democrazia. Le correnti nazionalistiche,
infatti, tradiscono questo modo di pensare».

Non a caso Heidegger aderì al nazismo.


«Questa è stata una vergogna e una rovina per la filosofia. Un vero tradimento: uno dei più influenti
filosofi del Novecento ha tradito l’essenza di libertà e umanità che la filosofia incarna. Husserl sosteneva
che i filosofi sono i funzionari dell’umanità. Una visione democratico- illuministica intollerabile per
Heidegger».
Ma Heidegger fu davvero nazista? Nella famosa intervista concessa allo Spiegel, “Ormai solo un Dio
ci può salvare”, prende le distanze dal nazismo.
«Era un seguace del nazismo della prim’ora, un simpatizzante delle camicie brune. Da figlio di
contadini, scorse nel nazismo delle origini una rivolta popolare che tornava alle forze della natura
contro quelle che considerava le due degenerazioni della democrazia occidentale, cioè l’illuminismo
e il marxismo. Ma quando ci fu “la notte dei lunghi coltelli” capì la pericolosità dell’hitlerismo. Resosi
conto delle sue implicazioni, lo rinnegò e fu perseguitato per questo. L’anima nera di Heidegger fu la
consorte Elfride, antiebraica e iscritta fin da giovane nei movimenti nazisti. E tanto per inseguire ancora il
tema del tradimento, con una digressione in ambito privato, c’è da dire che Heidegger tradì molto sua
moglie. Al di là della sua maschera di severa rispettabilità, il grande filosofo non solo visse una
tormentata storia d’amore con la più illustre tra le sue allieve, Hanna Arendt, ma ebbe numerose relazioni
clandestine».

La nozione di tradimento è frequentata dalla filosofia?


«Lo è nella forma nobilitata e un po’ idealistica del motto Amicus Plato sed magis amica Veritas.
Ovvero: inevitabile che il buon discepolo tradisca. Sono amico di Platone, ma la verità è più amica. Il
discepolo fedele è un ripetitore, ma ogni cosa ripetuta muore. L’eccesso di fedeltà produce
un’imbalsamazione delle idee».

Condividi:

Tweet

Mi piace:

Mi piace

Piace a un blogger.

Correlati

Husserl Heidegger, Ormai solo un Dio ci Heidegger


9 luglio 2014 può salvare 12 luglio 2014
In "Filosofia" 26 ottobre 2013 In "Filosofia"
In "Filosofia"

Husserl Heidegger, Ormai solo un Dio ci Heidegger


9 luglio 2014 può salvare 12 luglio 2014
In "Filosofia" 26 ottobre 2013 In "Filosofia"
In "Filosofia"

Posted on venerdì, agosto 30th, 2013 at 22:22 in Filosofia | RSS feed | Respond | Trackback URL

Tags: Essere e tempo, Heidegger, Husserl, La crisi delle scienze europee, nazismo, nichilismo, Ormai solo un Dio ci può salvare

One Trackback to “Carlo Sini, Husserl e Heidegger”

1. Carlo Sini, Husserl e Heidegger ; Theses On Feuerbach …. | controappuntoblog.org


30 marzo 2014 at 19:50

Leave a Reply

Name (required)

Mail (will not be published) (required)

Website

Submit Comment

Avvertimi via email in caso di risposte al mio commento.

Avvertimi via email alla pubblicazione di un nuovo articolo

Commenti recenti
giuliano su Senso comune
Gaetano Barbella, Il rogo di Bruno | Lim e dintorni su Gaetano Barbella, Il rogo di Bruno
Goebbels, Manuale di propaganda | l'eta' della innocenza su Goebbels, Manuale di propaganda
Giuliano Cecconi su La crisi degli asini
Giuliano Cecconi su Giordano Bruno

Dati Tecnici
Realizzato da Gabriella Giudici con cms Wordpress, tema Under the Influence e plugin wordpress.
Ringraziamenti ad Andrea di primotu.it per il generoso help desk.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi
allo stesso modo 3.0 Italia.

Archives
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno
Il presente sito2011
fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia Ok Informativa
maggio 2011
all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La
prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei
cookie.