Sei sulla pagina 1di 22

Tecnologie di produzione

Lavorazione plastiche
Iniezione

Stampaggio a iniezione
• Principio:
– Il materiale plastico in granuli è inserito in un cilindro riscaldante
attraverso una tramoggia di alimentazione
– Il materiale fonde ed è trasferito dalla rotazione di una vite verso la testa
del cilindro
– Attraverso uno spostamento della vite, la massa fusa è iniettata sotto
pressione in uno stampo, dove solidifica e raffredda

tramoggia

vite cilindro di
stampo punzonante plastificazione
Stampaggio a iniezione
• Pressa per iniezione: gruppo di iniezione

gruppo di
chiusura

Stampaggio a iniezione

(Gruppo di iniezione)
Ciclo di stampaggio
• Fasi del ciclo:
– Chiusura dello stampo

Ciclo di stampaggio
– Iniezione
forza
di chiusura riempimento
dell’impronta
Ciclo di stampaggio
– Compressione, tenuta
forza
di chiusura
raffreddamento

Ciclo di stampaggio
– Riempimento del cilindro (plastificazione del materiale)
forza
di chiusura
raffreddamento
Ciclo di stampaggio
– Apertura dello stampo, espulsione

Ciclo di stampaggio
• Stampato:

canali di iniezione
(materozza, distributori, attacchi)

componenti stampati
Ciclo di stampaggio
• Andamento delle pressioni:
(70 ÷ 150 MPa)

pressione
solidificazione
(2) impronta (1) cilindro
punto di iniezione

iniezione

(1)

(2)

tempo

compressione, tenuta
apertura, chiusura

Ciclo di stampaggio
• Forza di chiusura:

forza esercitata spinta del materiale


dall’attuatore sullo stampo
Ciclo di stampaggio

Forza di chiusura = pressione × area proiettata

Area proiettata
(escluse aperture frontali)

Esempio:
Pressione = 50 MPa
Area proiettata = 100 cm2 (compreso sistema iniezione)
→ Forza di chiusura = (50 × 106 Pa) × (100 × 10-4 m2) = 500.000 N = 500 kN

Materiali per iniezione


• Termoplastici:
– a bassa temperatura: PE, PP, PS
– in condizioni medie: ABS, PC, PMMA, PA, CA, POM, PPO, PBT…
– difficili da stampare: PEEK, PI, PAI, PEI, PPS, PFA/FEP, ...
– non stampabili: PTFE, UHMWPE, ...

• Termoindurenti:
– PF, MF, UF, EP, …

• Altri:
– elastomeri termoplastici (EPDM, SBS, EVA, TPU)
– elastomeri reticolati (SBR, NBR)
– plastiche rinforzate a fibra corta
– (espansi)
Materiali per iniezione
• Modalità di stampaggio:

Materiali termoplastici:
- il cilindro è riscaldato
- lo stampo è raffreddato

Materiali termoindurenti:
- il cilindro è riscaldato a
temperatura inferiore
- lo stampo è riscaldato
a temperatura superiore

Materiali per iniezione


• Tempo ciclo:
Chiusura Materiali termoplastici
(dipende da materiale, spessore, dimensioni)
Iniezione
Tenuta
Plastificazione
Solidificazione
Apertura
[s]
0 5 10

Chiusura Materiali termoindurenti


(dipende da materiale, spessore, dimensioni)
Iniezione
Tenuta
Plastificazione
Indurimento
Apertura
[s]
0 5 10 15 20 … 45 50 55 60
Materiali per iniezione

Chiusura
Iniezione (termoplastici)
Tenuta
Plastificazione
Solidificazione (1,5 ÷ 2) × (spessore max [mm])2
Apertura
iniezione + apertura + chiusura = 3 ÷ 10 s
[s]
(in base alle dimensioni dello stampato)
0 5 10

Esempio: 4 tempo ciclo ≈ 2 × (4 mm)2 + 5 =


= 2 × 16 + 5 =
= 32 + 5 = 37 s
2
tempo ciclo ≈ 2 × (2 mm)2 + 5 =
= 2 ×4 +5=
= 8 + 5 = 13 s

Applicazioni dello stampaggio a iniezione

• Caratteristiche:
– Forma complessa con
sottosquadri
– Spessore uniforme e
preferibilmente limitato
– Varietà di dimensioni
– Buona precisione
– Finitura superficiale e
colorazione senza
trattamenti secondari
– Volumi di produzione
elevati (> 10000 pezzi)
Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Componenti di piccole dimensioni

Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Contenitori
Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Scocche di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Applicazioni nel settore automobilistico


Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Applicazioni in settori vari (macchine da ufficio, apparecchi medicali, articoli sportivi)

Applicazioni dello stampaggio a iniezione

Stampati con inserti metallici


Stampi per iniezione
• Funzioni:
– distribuiscono il materiale iniettato alle impronte
– permettono la compressione del materiale fuso
– raffreddano il materiale
– espellono lo stampato
• Materiali:
– acciai (hot-work, inox)
– (leghe di alluminio)

Stampi per iniezione


• Struttura:
contropiastra piastra piastra
lardoni mobile fissa
piastra mobile
contropiastra
tavolino fissa

anello di
centraggio

ugello di
iniezione

bussola di
iniezione
espulsori

piastra impronta
espulsori

semistampo semistampo
mobile fisso
Stampi per iniezione
• Funzionamento:

1) chiusura stampo 3) apertura stampo

2) iniezione 4) espulsione

Stampi per iniezione


• Sottosquadri:

Stampo semplice senza sottosquadri


Stampi per iniezione

Dispositivo di estrazione per sottosquadro esterno (1)

Stampi per iniezione

Dispositivo di estrazione per sottosquadro esterno (2)


Stampi per iniezione

Dispositivo di estrazione per sottosquadro interno

Stampi per iniezione

Sottosquadro esterno senza dispositivo di estrazione


(scelta della linea di divisione)
Stampi per iniezione
• Stampi multi-impronta:

Stampi per iniezione


Stampi per iniezione
• Esempi:

Stampi per iniezione


Stampi per iniezione

Stampi per iniezione


Stampi per iniezione

Stampi per iniezione

(Stampaggio a iniezione con vari tipi di presse e stampi)


Difetti negli stampati
• Disuniformità locali sulla superficie:

Tracce degli attacchi di iniezione

Tracce degli espulsori

Difetti negli stampati


• Ritiro: p.es.:
– durante il processo (ritiro di stampaggio) L0 = 100 mm
L L0 L = 99 mm
– dopo il processo (post-ritiro)
→ ritiro lineare = 1%

ABS
PS (ritiri minori
PC
termoplastici per plastiche
amorfi
PMMA rinforzate)
PVC rigido
LDPE
HDPE
PP
PA 66 termoplastici
PA 6
cristallini
POM
PET
UF
MF
termoindurenti
EP

0 1 2 3 4
Ritiro lineare [%]
Difetti negli stampati
• Fattori che influenzano il ritiro:
– Forma e spessore dello stampato
– Canali e attacchi di iniezione (dimensionamento, posizione)
– Parametri di processo (pressione, temperatura, tempo di iniezione)
(dati sperimentali per PP)
• La cristallizzazione provoca una
diminuzione di volume
• Il tempo di raffreddamento può essere
insufficiente alla completa cristallizzazione

Maggiore spessore

Raffreddamento più lento

Cristallizzazione più completa

Maggiore ritiro