Sei sulla pagina 1di 1

© LA RIPRODUZIONE E LA UTILIZZAZIONE DEGLI ARTICOLI E DEGLI ALTRI MATERIALI PUBBLICATI NEL PRESENTE GIORNALE SONO ESPRESSAMENTE RISERVATE

26 Cronaca di Palermo GIORNALE DI SICILIA


Mercoledì 21 febbraio 2018

palermi...talent
Giambrone dirige il polo del wembley park a Londra

fuoco. Ho avuto la fortuna d’avere genitori lungimiran-


Giusi Parisi ti (papà Salvatore, bancario, è morto nel 2000) che mi

L
hanno incoraggiato a studiare nei college inglesi. Il pri-
a carta d’identità non ce l’ha. In compenso, mo? A tredici anni, d’estate, al Royal agricultural colle-
Claudio Giambrone ha un passaporto italiano di ge, nelle campagne del Cotswolds. Ma ricordo anche
cui è fiero. Anche se, per lui, l’orgoglio più gran- bellissime estati in Scozia, ad Aberdeen, dove mio fra-
de è quello d’essere palermitano nato e cresciu- tello studiava legge».
to (fino a diciotto anni), temporaneamente in
prestito ai sudditi di Sua Maestà, la regina Elisabetta II. Il OOO Ma, in mezzo a tanti inglesi, ci sarà pure un pro-
giovane Giambrone, infatti, lavora al Wembley Park come fessore palermitano di cui ancora si ricorda…
head of marketing nel più importante distretto culturale «Aldo Andaloro, maestro elementare alla scuola «Ra-
di Londra, il South Bank, che ospita, tanto per essere chia- gusa Moleti», un uomo fondamentale per la mia for-
ri, anche il National theatre e il British film institute. Posi- mazione: a lui devo curiosità intellettuale e capacità
zione rara da raggiungere per un non britannico visto che analitica. Quando avevo circa sei anni, ha piazzato me
«il mondo della cultura in UK è tradizionalmente appan- e i miei compagni davanti ad un computer Apple: si
naggio dell’intellighenzia autoctona». Ma se prima di di- chiamava Floppy e lo usavamo per scrivere e fare cal-
rigere il dipartimento di marketing ed eventi a Wembley coli. Per analizzare la fotosintesi ci faceva coltivare
Park, Claudio Giambrone aveva gestito i punti d’informa- piantine di fagioli e, in classe, tenevamo un acquario
zione turistica per i giochi della XXX Olimpiade che si so- coi pesci-gatto: era un ambiente molto creativo».
no svolti a Londra nell’estate del 2012, da settembre 2018
si occuperà anche di Boxpark Wembley, il terzo polo ga- OOO Se dico «casa»…
stronomico più grande della Capitale, costruito a moduli «Penso a Palermo dove torno quando posso. Tre setti-
con container navali dismessi e riciclati, dedicato allo mane estive, nel mio mare di Terrasini, sono la tradi-

a a
Mi piace vedere sempre il Street food, video art e concerti
bicchiere mezzo pieno. Ho iniziato rock. Stiamo rigenerando un’area
a lavorare a 15 anni, come barista a che includerà 5.000 case, scuole,
Nell’area del Wembley Park sarà organizzato un programma di attività culturali: il capo marketing è palermitano
Terrasini. Ora ci vengo in vacanza giardini e spazi creativi per tutti

Il top manager
street food ma con un programma ricco d’eventi mensili, zione. Un posto dove sento ancora l’odore del pane ap-
dalla video-art ai concerti rock. Tutto questo a trentasei pena sfornato: per me un lusso!».
anni «compiuti da poco» grazie alla sua fermezza, fiuto e

del divertimento:
fede fuori dal comune (la sua canzone preferita è «Nada te OOO Se la home è a Palermo, com’è la house londine-
turbe» di Giuni Russo su testo di Santa Teresa d’Avila). se?
«Abito in centro, ad una fermata di treno da London
OOO Lo stadio di Wembley è famoso nel mondo per il Bridge. Dalla mia finestra vedo lo Shard, il grattacielo
«Live aid», il mitico concerto organizzato da sir Bob disegnato da Renzo Piano, il più alto della Capitale. A

«La sicilia è cambiata,


Gendolf nel 1985 quando lei aveva tre anni… casa in bella mostra c’è una mattonella a forma di me-
«Chi l’avrebbe mai detto che trentadue anni dopo un dusa, regalo di mia madre Giovanna, e tante conchi-
Sicilian-born boy si sarebbe occupato della program- glie: abbiamo il culto del mare».
mazione del calendario culturale, della promozione

gli inglesi ci amano»


turistica e perfino della toponomastica. Stiamo rigene- OOO E nel tempo libero?
rando, infatti, un’area molto estesa che includerà 5.000 «Ho il vizio di mangiare tanta pasta, piatto che i londi-
case, scuole, parchi e spazi creativi aperti a tutti. Anche nesi riservano per occasioni speciali. Così cucino ita-
dare nomi alle strade è parte dell’incarico». liano e i miei anelletti al forno sono molto popolari tra
gli amici londinesi: il segreto è nel ragù con le foglie
OOO Il suo ruolo? OOO Com’è la Sicilia vista da laggiù? d’un albero di alloro che abbiamo a Palermo. E poi pre-
«In sintesi, è quello di unire i puntini e disegnare una «Cambiata, e in meglio, tanto da essere una delle mete paro legumi, dalle fave larghe di Leonforte alle lentic-
nuova narrativa basata sulla cultura e la creatività». più in voga tra i britannici e, chi la visita, torna soddi- chie di Ustica».
sfatto. Forse è anche merito del commissario Montal-
OOO Sono più le cose che ha guadagnato o quelle che bano, in onda sulla BBC». OOO Il tassello mancante al puzzle della sua vita?
ha sacrificato facendo questo lavoro? «Si può dire il sole? E le donne di casa mia: papà è morto
«È un testa a testa. Mi piace vedere sempre il bicchiere OOO Britannici per le strade di Palermo se ne incon- che ero un adolescente, sono cresciuto in ambiente
mezzo pieno. Meglio investire il proprio tempo e talen- trano tanti… prettamente femminile, che amo ritrovare (anche se la
to a discapito d’una vita facile: mai restare a casa e do- «Ora che la città ha un aeroporto che si rispetti, la pas- sorella Mariangela, come il fratello Gabriele, fanno la
mandarsi come sarebbe stato altrimenti. Io ho iniziato seggiata pedonale in centro ha fatto rifiorire l’econo- spola tra la Sicilia e l’Inghilterra)».
a lavorare a quindici anni, come barista a Terrasini». mia e, in generale, anche l’offerta turistica mi pare ab-
bia fatto un salto di qualità. A volte siamo noi siciliani OOO Dove s’immagina nel futuro?
OOOOra vive in Gran Bretagna dal 2005: è facile guida- troppo duri con noi stessi: dovremmo essere fieri di «A Londra, naturalmente. Ma l’obiettivo a lungo termi-
re mantenendo la sinistra? quello che abbiamo perché all’estero ci vedono meglio ne resta la Sicilia. Qui ci sono tante opportunità tuttavia
«È relativamente semplice. Come a tutto, ci si abitua. di quello che pensiamo». è una città molto impegnativa dalla quale, ad intervalli
All’inizio c’è un cambio di prospettiva ma poi tutto ri- ciclici, si sente l’esigenza di fare una pausa. È per que-
torna a posto. Io, però, guido raramente perché a Lon- OOO E invece come le appariva il Regno Unito in età sto che tre anni fa mi sono ritrovato in cammino, zaino
dra i mezzi pubblici funzionano e non ho un’automo- giovanile? in spalla, dall’Argentina alla California, dopo aver ven-
bile: quando proprio mi serve, l’affitto. La mia macchi- «Quand’ero bambino lo idealizzavo: sognavo brughie- duto mobili e lasciato casa. Senza le low cost il mondo
na è felicemente posteggiata in garage, a Palermo». Claudio Giambrone re, lande desolate, camini accesi con teiere fumanti sul sarebbe peggiore…».*giup*)

università. Sono Disegno industriale e Ingegneria della Sicurezza. Fino a domani sarà possibile assistere a lezioni e visitare laboratori e aule. Già 11 mila gli studenti

Scuola Politecnica, al via due nuovi corsi di laurea Energia e ingegneria dell’informa-
zione gli iscritti possono arrivare
ad un numero complessivo di 2160
senza sbarramento tra i tre diparti-
menti «per una maggiore flessibili-
OOO La Scuola Politecnica dell’Uni- sono davvero capire cosa significa E se i laureati in economia e inge- tà e mobilità». Oggi e domani, tra le
versità di Palermo ha aperto le sue studiare in uno dei nostri sei dipar- gneria potranno partecipare alla proposte, orientamento e lezioni
porte e si è presentata alla comuni- timenti: Scienze agrarie, alimentari quinta edizione della borsa di stu- dalle 9 alle 12 cui seguirà una degu-
tà. Ieri il rettore, Fabrizio Micari, e forestali; Architettura; Scienze dio «Toto Lo Bianco», «la novità per stazione dei prodotti oggetto di
nel campus di Viale delle Scienze, economiche, aziendali e statisti- le matricole è la laurea magistrale studio; dalle 14, nell’edificio 8, al
ha inaugurato gli «open days» così, che; Energia, ingegneria dell’infor- in Disegno industriale e, per la pri- secondo piano, simulazione dei te-
fino a domani, sarà possibile assi- mazione e modelli matematici; In- ma volta all’Università di Palermo, st d’ingresso in Economia, Archi-
stere a lezioni e workshop, visitare gegneria civile, ambientale, aero- anche il nuovo corso di laurea pro- tettura e Ingegneria. E, prima di ve-
videoteche, laboratori e aule multi- spaziale e dei materiali e quello fessionalizzante per cinquanta stu- dere i laboratori, pausa pizza cui
mediali, conoscere docenti ma so- dell’Innovazione industriale e digi- denti in Ingegneria della Sicurezza seguiranno le visite guidate alla
prattutto i futuri studenti potranno tale: dalle offerte formative ai pos- che consentirà d’avere competen- Fossa della Garofala (quindici etta-
respirare l’aria del Campus univer- sibili sbocchi occupazionali ci si ze su problematiche legate alla si- ri di parco urbano all’interno del
sitario vivendone anche i ritmi so- potrà muovere nell’ambiente a mi- curezza nei luoghi di lavoro ma an- Parco d’Orléans), all’apiario, alla
ciali, dalla mensa al campo da jog- sura di studente che abbiamo crea- che in campo informatico e am- biblioteca della Scuola mentre,
ging. to. Le attività cui si potrà assistere bientale». nell’edificio 14, si potrà visitare
«È una nuova iniziativa promos- non sono fittizie ma proprio quelle Ad eccezione dei corsi di laurea l’emeroteca del dipartimento di
sa dal rettore - dice Maurizio Carta, di routine solo che, per i tre «open a numero programmato imposto Architettura.
Presidente della Scuola Politecnica days», tutto è concentrato dalle 9 dal Miur (35 posti a Viticoltura ed «Proporre il presente, guardan-
e ordinario di Urbanistica e Pianifi- alle 17. Il nostro primo obiettivo è enologia; 350 per Economia e am- do il futuro - conclude Carta - è la
cazione territoriale - che si aggiun- quello di rasserenare gli studenti in ministrazione aziendale; 300 di sfida che ci prefiggiamo di vincere
ge agli usuali incontri già program- questo delicato passaggio, dalla Economia e finanza; Architettura per rispondere pienamente alle
mati con le scuole del territorio. La scuola all’università, nel nostro ed ambiente costruito), tanti sono nuove domande del mondo del la-
novità è che, grazie alle «giornate ateneo che cresce e, come Scuola, quelli che non lo prevedono men- voro, delle professioni e delle disci-
aperte», i ragazzi delle scuole me- puntiamo all’aumento del numero tre per i dipartimenti di Ingegneria pline tecniche scientifiche».
die superiori e le loro famiglie pos- degli attuali undicimila studenti». civile, Innovazione industriale ed Maurizio Carta, presidente della Scuola Politecnica (*giup*)

WS7Yl7wvVSKfWWUKwKvpZ0SDG5oER/N5HTxljSxVWxA=