Sei sulla pagina 1di 26

GESTIONEWP

GUIDA
WORDPRESS
• GRAFICA E CONTENUTI
• TEMPLATE E PLUGIN
• PAGE SPEED E SEO
• SICUREZZA E PROTEZIONE
S
U

A cura di
N
AL G
CI TIN

Marcello Moresco
M O

Jhonny Stanfield
SO E
E K
B
AR
+
GESTIONEWP    

 
Indice  
 
 
 
Capitolo  1  
Creare  un  Blog   2  
 
Capitolo  2  
WordPress,  template  e  plugin   8  
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO   12  
 
Capitolo  4  
Sicurezza  e  protezione   20  
 
 
 
 
 
 
 

 
 

https://www.gestionewp.it  
 
 
 

 
1  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 

Per  creare  un  blog  di  successo  bisogna  partire  dalla  base,  mettere    
su  carta  l’idea  che  c’è  nella  testa  e  scegliere  gli  strumenti  
più  adatti  per  realizzarla.  Lo  strumento  principale  che  negli  ultimi  
anni  ha  visto  una  grandissima  diffusione  è  WordPress,    
piattaforma  presente  su  oltre  16  milioni  di  siti  web.  
 
Questa  guida  non  poteva  che  iniziare  parlando  di  come  creare  un  blog  di  successo  con  WordPress  e  
di  tutto  quello  che  devi  fare  per  avere  una  buona  presenza  su  Internet  utilizzando  WordPress  come  
il  principale  strumento  di  supporto  al  tuo  business.    
Se  sei  convinto  che  un  buon  sito  web  o  un  blog  possa  essere  fatto  con  WordPress,  con  la  scelta  di  
un  ottimo  tema  e  qualche  ottimo  plugin  che  lo  possa  rendere  ancora  migliore,  vediamo  anche  come  
poter   raggiungere   un   vasto   pubblico   online,   poter   avere   più   engagement   e   aumentare   le   vendite.  
Purtroppo  creare  un  blog  di  successo  non  è  così  semplice:  dopo  che  avrai  realizzato  il  tuo  sito  non  
potrai   certo   dormire   sugli   allori.   Questo   è   solamente   l’inizio…   un   grande   lavoro   di   gestione,   di  
aggiornamento  e  di  azioni  specifiche  ti  aspetta.  
In  questa  guida  cercherò  di  evidenziarti  alcune  delle  cose  che  devi  fare  per  gestire  in  modo  efficace  
il  tuo  blog  nel  corso  del  tempo.  Ci  sono  5  aree  chiave  da  tenere  sempre  sotto  controllo  e  curare  per  
essere  sicuri  che  il  proprio  sito  sia  sempre  in  gran  forma  e  dia  il  massimo  valore  possibile.  
 
 

1)  Contenuti    
         (Le  tue  pubblicazioni,  le  condivisioni  e  i  commenti)  
2)  Codice    
         (Pulizia  e  ottimizzazione  del  codice  per  prestazioni  al  top)  
3)  Performance    
         (Page  Speed  ed  Esperienza  Utente)  
4)  Backup    
         (Salvataggio  e  ripristino)  
5)  Sicurezza  
         (Attacchi  hacker  e  spam)  
 

 
2  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 
Gestire  i  contenuti  
La  gestione  e  l’aggiornamento  dei  contenuti  per  creare  un  blog  di  successo  è  abbastanza  facile  con  
WordPress.   Ma   WordPress   stesso   non   farà   tutto   il   lavoro   per   te:  è   necessario   creare   i   tuoi  
contenuti,  condividerli  e  coinvolgere   le   persone   nel   leggere   e   commentare.   Facendo   queste   cose  
realizzerai  un  blog  che  incoraggia  le  persone  a  tornare  regolarmente  e  che  viene  trovato  dai  motori  
di  ricerca.  Le  tre  principali  aree  che  devi  sviluppare  sono:  
 
• Pianificazione  delle  pubblicazioni  
• Condivisione  di  contenuti  
• Gestione  degli  utenti  iscritti  e  dei  commenti  
• Pubblicazione  regolare  dei  tuoi  contenuti  
 
Nei  primi  giorni  di  lavoro  sul  tuo  nuovo  blog,  probabilmente  avrai  un  sacco  di  adrenalina  e  scriverai  
nuovi   contenuti   con   una   certa   frequenza.  Col  passare  del  tempo  sarai  inevitabilmente  distratto  da  
altre   cose,   perderai   il   tuo   entusiasmo,   iniziando  a   pubblicare   sempre   meno   frequentemente.   Col  
tempo  rischierai  addirittura  di  interrompere  le  pubblicazioni.  
 
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
Gestire  un  blog  di  successo  è  abbastanza  difficile  e  come  si  dice:  “Uno  su  mille  ce  la  fa.”  Tantissimi  
utenti   pubblicano   articoli   sul   proprio   blog,   anche   con   l’aiuto   di   strumenti   dedicati,   alcuni   dei   quali  
citerò  in  questa  guida.  Ma  può  essere  un  lavoro  duro,  soprattutto  se  vuoi  avere  un  sito  con  alti  livelli  
di   traffico,   che   attiri   tanti   visitatori,   ma   che   garantisca   anche   la   sicurezza   e   dove   tutto   sia   sotto  
controllo.  Infatti  oltre  a  dedicarti   alla   realizzazione   dei   contenuti  dovrai  curare  l’interfaccia  grafica,  
gli  aggiornamenti  di  tutti  i  componenti  aggiuntivi,  la  promozione  del  tuo  progetto  online.    
 
L’importante   è   non   buttarsi   giù   e   non   abbandonare   mai:   per   i   problemi   pratici   puoi   sempre  
rivolgerti   a   professionisti   del   settore   in   modo   da   dedicare   il   tuo   tempo   alla   cura   dei   contenuti   in  
modo  da  offrire  alla  tua  tribù  il  maggior  valore  possibile.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
 
 

 
3  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 
 
Pianifica  le  tue  pubblicazioni  
Se   desideri   che   gli   utenti   continuino   a   frequentare   il   blog  e   che   Google   continui   ad   indicizzarlo  
sempre   meglio   non   puoi   permetterti   di   fermarti   mai.   È  necessario   quindi   pianificare   le   future  
pubblicazioni   fin   dall’inizio.   Se   ora   hai   un   sacco   di   idee,   non   pubblicarle   ancora   tutte:  salva   gli  
articoli  come  bozze  o  in  forma  di  nota  e  pubblicali  in  un  secondo  momento,  quando  non  avrai  più  
così  tante  idee  e  tanto  tempo  da  dedicarvici.  
 
Diffondi  gli  articoli  
Una  volta  che  hai  preparato  e  pubblicato  un  contenuto,  è  necessario  informare  gli  utenti.  Per  fare  
ciò   hai   qualche   strumento   a   disposizione:   Aumenta  le   iscrizioni  –   Invoglia   gli   utenti   ad   iscriversi   al  
tuo   sito   (magari   con   un   omaggio,   come   un   e-­‐book   gratuito).   È   possibile   utilizzare   plugin   come  
MailPoet  per   notificare   automaticamente   i   tuoi   utenti   sul   quando   pubblichi   nuovi   contenuti,   o  
inviare  a  loro  un  report  dei  nuovi  articoli.  Utilizza  i  Feed  RSS  –  WordPress  creerà  automaticamente  
un  feed  RSS,  ma  puoi  anche  utilizzare  un  widget  che  stimoli  l’utente  ad  abbonarsi.  
 
Usa   i   Social   media  –  Se  il  contenuto  è  pubblico,  i  social  media  sono  senz’altro  il  modo  migliore  per  
aumentarne   la   diffusione.  Non   fare   però   l’errore   di   condividere   su   troppe   pagine   o   gruppi:  
sprecherai  un  sacco  di  tempo  con  risultati  poco  significaivi.    
Identifica   invece   quale   può   essere   la   migliore   piattaforma   social  in   base   ai   tuoi   contenuti   e  
concentrati  nel  costruirti  un’immagine  e  una  tua  presenza  su  di  essa.  Cerca  di  capire  i  giorni  e  le  ore  
di   maggior   traffico   su   quel   social   media   e  pianifica   le   tue   pubblicazioni.   Uno   strumento  
come  Hootsuite  ti  può  aiutare  con  i  messaggi  di  pianificazione.    
 
Usa   i   plugin  –   Plugin   come  Ultimate   Facebook  e  POWr   Twitter   Feed,   ti   aiuteranno   ad   inviare  
automaticamente   i  contenuti   ai   tuoi   account   social   media   al   momento   della   pubblicazione.   Plugin  
come  ShareThis  incoraggeranno  i  lettori  a  condividere  i  contenuti  anche  con  i  propri  account  social.  
 
 
 
Pubblicare  con  regolarità  sul  tuo  blog  
crea  aspettative  e  fan  affezionati  e  fa  crescere  
la  schiera  dei  tuoi  follower.  
 
 

 
4  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 
 
Gestisci  gli  utenti  e  i  commenti  
Per  gestire  al  meglio  i  commenti  è  importante  capire  come  hai  intenzione  di  permettere  ai  lettori  di  
esprimere   le   loro   opinioni:  consentirgli  di  fare  domande  e  analizzare  le  loro  risposte.  Su  alcuni  siti  
potrebbe   non   essere   necessario   attivare   i   commenti,   ma     se   stai   lanciando   un   blog,   i   commenti  
daranno  la  sensazione  che  ti  stai  preoccupando  di  quello  che  gli  utenti  pensano  dei  tuoi  contenuti,  
ed  è  probabile  che  leggendo  i  commenti  di  altri,  gli  utenti  torneranno  sul  tuo  blog.    
 
Queste  sono  alcune  delle  domande  che  potresti  farti:  
 
• Vuoi  permettere  a  chiunque  di  inviare  commenti,  o  vuoi  prima  approvarli?  

• Se   qualcuno   ha   già   avuto   un   commento   approvato,   vuoi   far   loro   commentare   senza   dover  
approvare  in  futuro?  

• Gli  utenti  si  devono  registrare  per  commentare?  

• Vuoi  utilizzare  uno  strumento  di  terze  parti  per  gestire  i  commenti,  o  lasciare  che  i  lettori  usino  
i  loro  account  di  social  media?  

• Quante  volte  leggerai  i  commenti?  

• A   che   tipo   di   commenti   gli   utenti   possono   rispondere?   Vuoi   che   rispondano   a   tutti   o   stabilire  
una  serie  di  criteri  diversi?  
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
Prima  di  partire  con  la  stesura  del  tuo  primo  articolo,  assicurati  di  aver  compilato  un  piano  editoriale  
adatto  ai  tuoi  obiettivi.  Il  PIANO  EDITORIALE  è  l’insieme  delle  azioni  strategiche  che  ti  permettono  
di  trasformare  la  tua  presenza  online  in  uno  strumento  di  Business.    
• Definisci  un  TEMA  PRINCIPALE  che  rappresenti  ciò  che  vuoi  davvero  esprimere  e  come  puoi  
esprimerlo  in  base  alle  tue  competenze.  
• Definisci  un  OBIETTIVO  che  sia  definito,  misurabile  e  raggiungibile.  
• Definisci  le  FONTI  DI  INFORMAZIONE  e  documentazione.    
• Definisci  il  LINGUAGGIO  da  usare  nella  scrittura  degli  articoli,  in  base  al  tuo  cliente  target.    
• Definisci  la  FREQUENZA  con  cui  pubblicare  i  tuoi  post.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
 

 
5  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 
Configura   le   impostazioni   di   discussione   nelle   schermate   di   amministrazione.   In  Impostazioni   -­‐>  
Discussione:  scegli   le   opzioni   che   funzionano   meglio   per   il   tuo   sito,   e   ricordarti   che   se   accedi   ai  
commenti   dall’esterno   lo   potrai   fare   solo   per   i   nuovi   articoli,   quindi   avrai   bisogno   di   eliminare  
manualmente  le  discussione  nei  tuoi  vecchi  post  ousare  un  plugin  per  disattivare  i  commenti.    
 

Nella   schermata   delle   impostazioni   di   discussione,  è   possibile   definire   se   i   commenti   sono  


consentiti,  se  gli  utenti  devono  effettuare  il  login  per  lasciare  un  commento,  se  sarai  tu  a    moderare  
i  commenti  prima  che  vengano  pubblicati  e  se  vuoi  permettere  alle  persone  che  hanno  postato  dei  
commenti,  di  porne  inviare  di  nuovi  senza  che  questi  debbano  essere  moderati.  Una  volta  registrate  
queste  impostazioni,  è  necessario  gestire  i  commenti  e  rispondere.  La  gestione  assieme  alla  notifica  
via  mail  può  avere  un  impatto  negativo  sulla  tua  produttività.    
 
Ti  consiglio  di  pianificare  in  quale  momento  della  giornata  da  dedicare  alla  gestione  dei  commenti.  
Questi  sono  alcuni  suggerimenti:  
 
1)  Assicurati   di   abilitare   il   plugin  Akismet,   in   bundle   con   WordPress,   per   cancellare   lo   spam   nei  
commenti.  Ti  farà  risparmiare  un  sacco  di  tempo.  
 
2)  A  volte  un  altro  lettore  risponderà  ad  un  commento  invitando  gli  utenti  a  rispondere  ad  una  sua  
domanda  o  avvierà  una  discussione.    
 

 
6  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  1  
Creare  un  blog  con  WordPress  
 
 
Questo  sarebbe  un’ottimo  risultato!  Significherebbe  che  il  tuo  blog  ha  conquistato  l’interesse  della  
comunità  di  lettori.  Aspetta  ad  inviare  una  risposta,  ma  non  ti  dimenticare  di  rispondere  o  gli  utenti  
penseranno  che  li  stai  ignorando.  
 
3)  Fai   attenzione   ai   commenti   che   riempiono   di   elogi   il   tuo   lavoro,   senza   aggiungere   nulla   di  
specifico.   Spesso   si   tratta   di   SPAM.   Se   invece   gli   utenti   rispondono   con   commenti   specifici   e  
positivi,  pubblicali  nel  minor  tempo  possibile  e  rispondi  sempre  ringraziando  per  la  risposta.    
Naturalmente  posso  esserci  commenti  in  disaccordo  con  il  tuo  punto  di  vista  o  consiglio.  Questo  è  
molto  sano  in  quanto  incoraggia  il  dibattito  coinvolgerà  un  maggior  numero  di  utenti  a  commentare.  
Rispondi  a  questi  commenti,  ma  senza  metterti  sulla  difensiva:  le  tue  opinioni  sono  altrettanto  valide  
quanto  quelle  degli  altri.  
 
4)  Se  gli  utenti  (giustamente)  sottolineano  errori  nel  contenuto,  ringraziali  e  fai  le  correzioni.  
 
5)  Se   gli   utenti   pubblicano   commenti   diffamatori   e   osceni   non   approvarli  –   non   fanno   parte   di   un  
dibattito  sano.  Contrassegnarli  come  spam  e  sarà    Akismet  a  bloccare  i  commenti  di  sull’utente,  in  
futuro,  o  semplicemente  ad  eliminarli.  
 
Ho   visto   molti   blog   che   generano   migliaia   di   commenti   sugli   articoli,   molti   dei   quali   sono   ripetitivi  
(‘Amo   le   tue   idee   su   X   e   Y!   Incredibile!’).  Benvenuti   tutti   i   commenti,   ma   non   preoccuparti   di  
rispondere   a   ciascuno  per  creare  un  blog  di  successo  il  empo  trascorso  a  scrivere  nuovi  contenuti  
beneficerà  i  tuoi  lettori  molto  di  più  del  tempo  speso  per  rispondere  ai  commenti  infiniti.  
 
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
Linee  guida  alla  gestione  dei  commenti  
Gestire   i   commenti   sul   proprio   blog   potrebbe   richiedere   più   tempo   del   previsto,   in   base   alle  
interazioni   che   ci   sono   e   al   tipo   di   destinatario.   Rimane   comunque   fondamentale   rispondere   ai  
commenti,   in   quanto   il   blog   per   sua   natura   non   è   un   canale   a   senso   unico   ma   un   momento   di  
confronto  sulle  tematiche  affrontate.  Se  vedi  che  il  carico  di  lavoro  diventa  troppo  elevato  togliendo  
tempo  alla  realizzazioni  di  contenuti,  delega  a  un  collaboratore  il  compito  di  rispondere  ai  commenti,  
ma  non  lasciare  mai  i  tuoi  lettori  senza  risposte!  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
 

 
7  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  2  
WordPress  template  e  plugin  
 

WordPress  template  ma  non  solo.  


Per  creare  un  ottimo  sito  web  è  necessario  conoscere  
e  installare  i  temi  e  plugin  giusti.    
Verificare  sempre  sicurezza  e  prestazioni.  
 
Solo   WordPress   non   ti   basterà   per   avere   un   ottimo   sito   web.   Con   ogni   release   vengono   installati  
temi  e  plugin  di  default,  ma  tu  vuoi  di  più:  un  ottimo  tema  con  una  bella  grafica,  plugin  premium  che  
ti   assistano   in   quello   che   chiedi   e   un   sito   veloce,   merito   di   una   sapiente  ottimizzazione   dei   codici  
HTML,   CSS   e   Javascript   di   cui   parleremo   nel   terzo   capitolo   di   questa   guida.   In   questo   articolo  
invece  andiamo  ad  approfondire  questi  temi:  
 
• WordPress  (ormai  alla  versione  4.4.2)  
• Template  (grauiti  e  “premium”)  
• Plugin  (quelli  necessari  e  indispensabili)  
 
Attenzione   particolare   dobbiamo   porla   sugli   aggiornamenti  perché  avere  sempre  l’ultima  versione  
installata  ti  garantirà  più  performace  e  sicurezza.  Argomenti  che  non  puoi  trascurare  se  vuoi  avere  
sempre  un  sito   web   in   perfetta   forma.  WordPress  si  aggiorna  automaticamente  all’ultima  versione  
minore,  ma  le  release  principali  devono  sempre  essere  aggiornate  manualmente.  Sei  sicuro  di  avere  
l’ultima  versione  installata?  
 

 
 

 
8  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  2  
WordPress  template  e  plugin  
 
 
Con   i   WordPress   template   (i   temi)   è   un   po’   la   stessa   cosa:   acquistare   un   tema   “premium”   ti   darà  
diritto   ai   successivi   aggiornamenti,   alla   correzione   di   eventuali   bug,   ad   aggiornamenti   sulla  
sicurezza   e   alla   piena   compatibilità   con   l’ultima   versione   di   WordPress.   nella   tua   Dashboard   puoi  
facilmente  verificare  se  hai  bisogno  di  aggiornamenti,  proprio  attraverso  una  schermata  dedicata.  
 
WordPress  template,  plugin  e  codice  
Oltre  a  mantenere  il  tuo  sito  web  aggiornato  è  indispensabile  sapere  a  chi  ti  rivolgi  per  l’acquisto  di  
temi   e   plugin.   Assicurati   di   scaricare   solo   il   codice   da   una   fonte   affidabile.   Se   non   ne   sei   sicuro,  
chiedi  agli  altri  utenti  di  WordPress  e  fatti  dare  dei  consigli.  Oppure,  se  non  sei  uno  sviluppatore,  ma  
ma  ne  conosci  uno,  chiedigli  se  gentilmente  ti  possa  aiutare.  
La   qualità   dei   tuoi   temi   e   dei   tuoi   plugin   sarà   molto   diversa   in   base   a   ciò   che   cercherai,   siano   essi  
temi  e  plugin  gratuiti  o  a  pagamento.  
Quando  scegli  un  tema  o  un  plugin,  l’affidabilità  e  la  sicurezza  non  sono  gli  unici  criteri  da  tenere  in  
mente.  Temi  e  plugin  devono  essere  intuitivi,  veloci  e  facili  da  amministrare,  devono  fare  quello  per  
cui  sono  stati  progettati  senza  troppo  lavoro  aggiuntivo;  qualche  dritta?  
 
• Se  non  sei  un  programmatore  evita  tutti  i  plugin  che  richiedono  codice  nei  file  del  tema.  
 
• Evita  temi  con  caratteristiche  che  non  ti  servono.  Aggiungono  più  codice  e  tutte  le  funzioni  che  
a  te  non  sono  utili  ti  possono  confondere.  
 
•  Verifica   come   i   plugin   facciano   davvero   quello   per   cui   sono   stati   progettati.   Per   esempio:  
quando  scegli  un  plugin  di  backup,  trovane  uno  che  automatizza  il  backup  e  lo  rende  super  facile  
per  poter  poi  ripristinare  il  sito.  Un  sacco  di  plugin  fanno  la  prima  cosa  ma  non  la  seconda.  
 
• Scegli   plugin   efficienti   e   che   non   rallentano   il   sito.  Se  un  plugin  sta  rallentando  il  sito,  controlla  
che   sia   aggiornato   e   se   non   lo   è   prova   un   altro   plugin.   Dobbiamo   però   sfatare   un   mito:   non   è  
vero   che   più   plugin   installi   e   più   il   sito   sarà   lento,   ciò   dipende   sempre   dalle   dimensioni,   dalle  
funzioni    e  dalle  prestazioni  di  ogni  plugin.  
 
 
 
 
 
 
 

 
9  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  2  
WordPress  template  e  plugin  
 
 
Un   amico   una   volta   mi   ha   chiesto   di   guardare   un   tema   che   stava   progettando   per   un   sito   di   una  
community.  Ho  notato  che  a  piè  di  pagina  e  nascosti  il  template  aveva  un  sacco  di  codice  dannoso  e  
non  ottimizzato.  Ecco  i  miei  consigli:  
 
• Scarica   solo   WordPress   template   gratuiti   e   plugin   dal   sito   ufficiale   WordPress.org.   Ci   sono  
migliaia  di  temi  e  plugin  per  soddisfare  tutte  le  esigenze  e  tutti  sono  stati  controllati  dal  gruppo  di  
esperti,  al  fine  di  garantire  che  funzionino  davvero,  non  includendo  codici  dannosi.  
 
• Parla   con   altri   sviluppatori   al   momento   dell’acquisto   di   temi   e   plugin   premium,   o   controlla  
attraverso   altri   siti   web   come   siano   valutati.   Ciò   ti   aiuterà   a   trovare   delle   fonti   attendibili   ed  
evitare  guai.    
 
• Scegli  template  WordPress  e  plugin  che  ti  semplificano  il  lavoro!  
 
Template  per  tutti  
Sulla   rete   troverai   migliaia   di   template   e   avrai   solo   l’imbarazzo   della   scelta!  Se  stai  realizzando  un  
sito  con  pochi  contenuti  scegli  un  template  one  page  (monopagina).  Come  spunto  ti  posso  suggerire  
questo   sito   dove   troverai   template   gratuiti   e   premium:   One   Page   Love.   Se   invece   il   tuo   sito   avrà  
tanti   contenuti   e   sarà   suddiviso   in   più   pagine,   affidati   ad   una   scelta   più   tradizionale,   ne  
beneficeranno  sia  la  Page  Speed  che  la  SEO.  Come  riferimento  puoi  iniziare  ad  esplorare  questo  sito  
web:  ThemeForest  di  Envato.  Qui  le  risorse  sono  davvero  infinite!  
 
Le   ultime   tendenze   vedono   il   sopravvento   di   temi   multi   funzione,   rispetto   a   singoli   temi   specifici.  
Con  i  temi  multi  funzione  è  possibile  realizzare  siti  molto  diversi  tra  loro,  modificando  attraverso  le  
opzioni   del   tema   praticamente   tutto.   Decine   di   layout   sono   a   disposizione   per   combinazioni  
praticamente   infinite.  Generalmente  tutti  questi  temi  usano  un  sistema  di  impaginazione  chiamato  
Visual  Composer,  con  il  quale  comporre  una  pagina  è  decisamente  più  semplice  anche  per  chi  non  è  
un  “addetto  ai  lavori”.    
 
Tra   i   temi   multi   funzione   più   popolari   ti   voglio   segnalare:   Betheme   (il   tema   con   cui   è   realizzato  
Gestione   WP),   Avada,   The7.   Questi   temi   hanno   in   dotazione   un   ricco   set   di   plugin   e   sono  
predisposti  per  il  tuo  prossimo  negozio.  online.  
 
 
 
 
10  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  2  
WordPress  template  e  plugin  
 
 
Lo  strano  caso  di  BeTheme  
Creato  da  Muffingroup,  BeTheme  rappresenta  il  caso  più  particolare  di  tema  multipurpose.  Infatti  al  
suo   interno   troviamo   ben   31   homepage   diverse   tra   cui   scegliere,   da   quella   perfetta   per   un   sito  
dedicato   al   wedding,   quella   dedicata   all’educazione   o   quella   perfetta   per   il   tuo   prossimo  
ecommerce.  Con   un   singolo   tema   si   aprono   infinite   possibilità   di   personalizzazione,   con   oltre   200  
shortcode   e   componenti,   ognuno   con   moltissime   opzioni   con   cui   giocare   per   adattarsi  
perfettamente  a  qualsiasi  tua  esigenza.  
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
11  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 

Page  Speed  vuole  dire  velocità  della  pagina,    


nella  pratica  ci  dobbiamo  mettere  anche  Esperienza  Utente  
e  prestazioni  al  massimo.  
 
Uno   degli   aspetti   fondamentali   della   realizzazione   di   un   buon   sito   web   riguarda   proprio   la   sua  
ottimizzazione   in   funzione   delle   prestazioni   e   della   SEO.   Come   fare   per   gestire   e   ottimizzare   le  
prestazioni   (Page   Speed)   del   tuo   sito   WordPress?   E   in   funzione   di   quali   obiettivi?   Tieni   bene   a  
mente  due  concetti  che  ti  torneranno  utili:  
• Migliori  prestazioni  del  tuo  sito  ti  fanno  posizionare  meglio  e  attirare  più  utenti.  
• Maggiore  velocità  del  tuo  sito  significa  rapidità  di  caricamento  della  pagina  maggiore.  
Due   obiettivi   molto   diversi   tra   loro   ma   in   stretta   relazione.  Il  secondo  (le  prestazioni)  avranno  un  
enorme  impatto  sul  primo  (le  conversioni)  perché  un  sito  lento  è  quello  che  gli  utenti  abbandonano  
prima  che  si  sia  ancora  caricato.  
Dati  statistici  infatti  dimostrano  che  siti  web  che  impiegano  più  di  4  secondi  nel  caricare  l’homepage  
vengono   abbandonati   da   circa   il   50%   degli   utenti;   valori   più   bassi   di   caricamento   hanno   tasso  
d’abbandono  molto  minore.  Indicativamente  un  sito  web  performante  non  dovrebbe  impiegare  più  
di  2  secondi  nel  mostrare  la  pagina  completa.  
 

Alte  prestazioni  in  un  sito  web:  tutti  i  benefici  


Un  sito  con  alte  prestazioni  genera  una  notevole  quantità  di  traffico  e  fa  aumentare  il  numero  di  
visitatori   nel   tempo.   Il   tuo   sito   avrà   i   propri   obiettivi   specifici:   è   importante   sapere   quali   siano   fin  
dall’inizio  e  come  questi  influenzeranno  la  struttura  del  sito,  l’interfaccia  utente  e  il  contenuto.  
Per   massimizzare   le   prestazioni   è   necessario   conoscere   i   tuoi   obiettivi  e  misurare  le  performance  
del  sito  in  funzione  di  essi.  Avrai  anche  bisogno  di  individuare  e  utilizzare  gli  strumenti  giusti.    
Le  principali  aree  da  prendere  in  considerazione  sono:  
• SEO  per  essere  trovato  più  facilmente  e  attirare  più  visitatori.  
• Ottimizzazione  del  layout  per  maggiori  conversioni  e  ottenere  più  vendite  o  contatti.  
• Monitoraggio   e   analisi   per   aiutarti   a   tenere   traccia   dei   visitatori,   delle   conversioni,   della  
frequenza  di  rimbalzo  e  altro.  
• Ottimizzazione  del  sito  per  tutte  le  piattaforme  (desktop,  tablet,  mobile).  
• Ottimizzazione  della  PageSpeed.  
 
 
 
12  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
SEO,  la  Search  Engine  Optimization  
Avrai  già  trovato  milioni  di  articoli  che  parlano  della  SEO  e  non  ho  molta  voglia  di  aggiungere  altro.  
Tuttavia  vale  la  pena  notare  che  hai  a  tua  disposizione  strumenti  specifici  che  ti  possono  aiutare  con  
la   SEO.   WordPress   è   dotato   di   caratteristiche   incorporate   dedicate   a   ciò,   inoltre   puoi   installare  
plugin   che   ti   aiuteranno   a   incrementare   il   posizionamento   sui   motori   di   ricerca.   Nessuno   di   questi  
però   è   una   soluzione   rapida   per   quanto   riguarda   il   posizionamento.   Avrai   bisogno   di   acquisire   una  
conoscenza   approfondita   degli   ultimi   sviluppi   della   SEO   e   dedicare   molto   lavoro   per   ottimizzare  
veramente  bene  il  tuo  sito.  Queste  sono  alcune  delle  funzioni  che  puoi  utilizzare:  
• Utilizza   funzioni   WordPress   incorporate,   come   quelle   per   la   generazione   di   tag   del   titolo   nella  
sezione   <head>   delle   tue   pagine.   Il   tuo   tema   dovrebbe   sostenere   queste   funzioni   (anche   se   si  
potrebbe  utilizzare  un  plugin).  
• Aggiungi   i   collegamenti,   in   particolare   i   collegamenti   interni,   aggiungendo   un   titolo   nel   campo  
fornito  da  WordPress.  Ciò  aiuterà  i  motori  di  ricerca  a  capire  che  cosa  questi  link  sono  circa.  
• Aggiungi  testo  alternativo  e  una  descrizione  alle  immagini.  Quando  le  persone  fanno  ricerche  di  
immagini,   Google   e   altri   motori   di   ricerca   useranno   queste   informazioni   per   determinare   cosa  
mostrare  loro.  Sono  anche  un  bene  per  l’accessibilità.  
• Installa  Plugin  che  ti  offrono  funzionalità  SEO  più  avanzate  come  Yoast.  
• Installa  Plugin  che  ti  aiutano  nelle  analisi.  Dalla  bacheca  di  WordPress,  come  Google  Analytics  o  
Google  Analytics  Dashboard  per  WP.  
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
GLI  STRUMENTI  INDISPENSABILI  PER  UNA  BUONA  SEO  STRATEGY  
Ne   esistono   moltissimi   di   strumenti   che   puoi   utilizzare   per   rendere   più   interessante   ai   motori   di  
ricerca  il  tuo  sito  web.  Qui  ti  indico  quelli  che  io  stesso  utilizzo  su  GESTIONE  WP.  
• Moz  -­‐  La  suite  di  Moz  include    molti  strumenti  utili  per  poter  analizzare  il  proprio  sito  web,  tra  cui  
anche  un  crawler  che  permette  di  identificare  tutti  i  potenziali  problemi  del  un  sito.  
• Google   Webmaster   Tools   -­‐   Obiettivo   di   questo   strumento   è   far   sì   che   il   vostro   sito   sia   ben  
indicizzato  relativamente  alla  ricerca  su  Google.  
• SERPmetrics  -­‐  analizza  le  fluttuazioni  delle  SERP  di  Google.  
• SEO   Profiler   -­‐   include   uno   strumento   per   fare   Link   Building   che   aiuta   a   trovare   solo   i   link   che  
rispettano  le  linee  guida  di  Google.  
WordPress  SEO  by  Yoast  -­‐  Plugin  fondamentale  che  ti  semplifica  la  vita  nella  attività  di  creazione  di  
contenuti  che  siano  ottimizzati  per  la  SEO.  
 
 

 
13  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
Studia  le  dinamiche  dei  tuoi  utenti  
Per    molti  anni  l’attenzione  sulla  SEO  è  stata  rivolta  solo  a  ottenere  più  visitatori.  Ma  pensare  che  
ciò  sia  ancora  la  sola  tecnica  giusta  è  sbagliato.    
Gli   utenti   devo   essere   stimolati   a   compiere   delle   azioni   e   lavorare   su   ciò   è   molto   più   efficace   che  
passare   da   100   a   500   visitatori   al   giorno.  Investire  denaro  in  ads  ti  porterebbe  a  questo  risultato,  
ma  gli  utenti  potrebbero  lasciare  il  tuo  sito  entro  pochi  secondi  se  l’esperienza  che  provano  sul  tuo  
sito  è  deludente  in  termini  di  grafica  e  contenuti.  Ottimizzare  i  contenuti  è  quindi  la  nuova  sfida  da  
affrontare  per  offrire  una  user  experience  sempre  di  grado  superiore.  Non  a  caso  il  mantra  “Content  
is  King”  è  la  nuova  legge  in  fatto  di  obiettivi  per  un  sito  web  o  blog.  
 
L’ottimizzazione   dei   contenuti   non   è   un   fatto   di   mera   matematica   ma   è   più   un’azione   da   fare  
pensando  alla  nostra  tribù.  Dobbiamo  cercare  di  intrattenere  al  meglio  possibile  l’utente  che  arriva  
sul   nostro   sito.   Ormai   non   basta   più   offrire   contenuti   di   valore   per   essere   sicuri   di   fare   leggere  
l’intero  contenuto  agli  utenti  e  attirarne  di  nuovi  ogni  giorno;  la  moneta  dell’Informazione  di  qualità  
si  è  svalutata  essendo  inflazionata  dalla  crescente  moltiplicazione  delle  fonti  di  informazioni.    
La   nuova   moneta   di   scambio   è   l’Attenzione:   oltre   ad   informare   devi   riuscire   a   mantenere  
l’attenzione  del  lettore  sul  tuo  pezzo,  senza  che  venga  distratto.    
Questo   riguarda   anche   il   messaggio   che   vuoi   trasmettere:   è   importante   scegliere   un   messaggio  
forte   e   chiaro  da  comunicare  nel  tuo  pezzo,  e  ripeterlo  più  volte  possibile  in  modo  da  ricordare  al  
lettore  quale  è  il  fulcro  centrale  del  tuo  discorso,  senza  divagare.  
 
Per  capire  quanto  gli  utenti  possano  essere  interessati  ai  contenuti  che  esistono  diversi  strumenti  a  
tua  disposizione:  
• Plugin   come   Google   Analytics   o   Google   Analytics   Dashboard   per   WP   ti   vengono   in   aiuto   per  
accedere  alle  analisi  del  sito  e  vedere  ciò  che  i  visitatori  stanno  facendo.  
• Esecuzione  di  test  A/B  su  due  temi  diversi  ti  aiuterà  a  vedere  quale  tema  incoraggia  più  visitatori  
a  interagire.  Il  test  A/B  per  un  tema  o  un  plugin  ti  aiuterà  tantissimo.  
 
Ci  sono  una  serie  di  plugin  per  ottenere  molti  più  dati  dalle  tue  analisi  creando  report  più  dettagliati.  
Puoi  utilizzare  ad  esempio  Form   Abbandoning   Tracking,  che  tiene  traccia  dei  comportamenti  sulle  
form;  Vidanalytic  monitora  le  visite  sui  tuoi  video;  Heatmap  for  WordPress  ti  mostrerà  una  mappa  
di  calore  in  base  al  comportamento  dell’utente  sulla  tua  pagina.  
 

 
14  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
Il  copywriting,  arte  segreta  
Il  Copywriting  è  uno  degli  elementi  principali  del  web-­‐marketing.  Esso  rappresenta  l’arte  e  la  scienza  
della  scrittura  persuasiva:  attraverso  il  nostro  copy  comunichiamo  al  consumatore  con  l’intenzione  
di  fargli  compiere  una  determinata  azione.  
 
I   copywriters   sono   alcuni   degli   scrittori   più   pagati   al   mondo,   ma   per   diventare   una   figura  
professionale  di  questo  tipo  si  deve  investire  tempo  ed  energia  nello  studio  del  mestiere.  
Sebbene  un  utente  si  trovi  su  un  blog,  un  sito  ecommerce  o  una  landing  page  di  vendita,    impiegherà  
pochi  secondi  a  prendere  una  decisione  riguardo  la  qualità  dei  contenuti  e  questo  avverrà  in  base  a  
un’occhiata  veloce  passata  principalmente  alla  parte  superiore  della  pagina.  Lo  stesso  avviene  per  gli  
annunci  pubblicitari  che  spesso  ci  ritroviamo  a  dover  scrivere  in  una  sola  riga  per  servizi  ads  come  
google   adwords   o   facebook   annunci.   Diviene   quindi   evidente   l’importanza   acquisita   oggi   giorno  
dalla  competenza  nello  scrivere  testi  sintetici  e  persuasivi  –  e  quindi,  del  ruolo  del  copywriter.  
Il  copywriter  sempre  più  ricopre  un  ruolo  di  vitale  importanza  nella  scrittura  di  pagine  e  contenuti  
che  devono  risultare  attraenti  per  i  visitatori  umani  e  di  facile  indicizzazione  per  i  motori  di  ricerca  
attraverso  l’uso  di  corrette  parole  chiave.  
 

Scegli  di  essere  responsive  


Quando  ho  iniziato  a  sviluppare  siti  web  gli  sviluppatori  passavano  ore  ed  ore  a  litigare  con  il  loro  
codice   per   ottimizzare   la   compatibilità   tra   i   diversi   browser.   Oggi   è   solo   una   questione   di  
compatibilità   tra   i   diversi   device,   dovuta   ai   diversi   produttori   e   alle   differenti   dimensioni   degli  
schermi.   In   ambito   Wordpress   la   tua   attenzione   dovrà   essere   dedicata   all’installazione   di   un   tema  
responsive,  il  quale  sia  in  grado  di  adattarsi  ai  diversi  device.  Il  layout  del  tuo  tema  quindi  si  dovrà  
ridimensionare  e  adattare,  per  soddisfare  diverse  risoluzioni  schermo.  Ma  non  riguarda  solamente  il  
layout   del   tema,   ma   anche   le   risorse.   Infatti   idealmente   su   schermi   piccoli   dovrebbero   essere  
caricate   immagini   piccole,   per   risparmiare   sui   tempi   di   caricamento.   Per   rendere   perfettamente  
“mobile”  il  tuo  tema  su  un  cellulare,  è  anche  possibile  utilizzare  un  tema  mobile  che  utilizza  il  PHP  
per  cambiare  in  base  alla  richiesta,  piuttosto  che  i  CSS  per  modificare  la  modalità  in  cui  il  sito  viene  
visualizzato.  Un   tema   responsive   si   occuperà   anche   di   servire   immagini   più   piccole   sui   dispositivi  
mobili,  anche  se  ciò  e  meno  importante  rispetto  a  solo  un  paio  di  anni  fa.  

 
 
 
15  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
 
Un   ottimo   plugin   adatto   allo   scopo   di   rilevare     i   diversi   dispositivi   e   servire   il   contenuto   di  
conseguenza   è   Mobble,   che   fornisce   tag     per   inviare   immagini   di   diverse   dimensioni   a   dispositivi  
diversi  quali  PC  Desktop,  tablet  o  smartphone.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
RESPONSIVE  DESIGN,  SCOPRIAMO  COS’È  
Con  Responsive  Design  indichiamo  quell’approccio  per  il  quale  la  progettazione  e  lo  sviluppo  di  un  
sito   dovrebbero   adattarsi   al   comportamento   e   all’ambiente   dell’utente   in   base   a   fattori   come   le  
dimensioni  dello  schermo,  la  piattaforma  e  l’orientamento  del  device.  La  pratica  consiste  in  un  mix  di  
griglie,  layout  e  immagini  flessibili,  più  un  uso  accorto  delle  media  queries  CSS.  
Quando  l’utente  passa  dal  suo  PC  desktop  ad  un  iPad,  il  sito  dovrebbe  automaticamente  adattarsi  
alla  nuova  risoluzione,  modificare  le  dimensioni  delle  immagini  e  le  interazioni  basate  sugli  script.  In  
altre   parole,   un   sito   dovrebbe   implementare   tutte   quelle   tecnologie   utili   per   un   adattamento  
automatico  alle  preferenze  dell’utente.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 

Ottimizza  la  Page  Speed  


Se  il  tuo  sito  è  lento,  gli  utenti  andranno  a  navigare  altrove  e  quindi  tutto  il  lavoro  che  hai  fatto  su  
SEO,   ottimizzazione   dei   contenuti   e   esperienza   utente   sarà   inutile.   Devi   assicurarti   e   garantire  
un’ottima  Page  Speed  in  base  al  traffico  che  vuoi  ottenere,  utilizzando  un  server  provider  con  alte  
prestazioni,  temi  e  plugin  sviluppati  anche  in  funzione  della  Page  Speed.  Diamo  uno  sguardo  a  quali  
sono  le  tecniche  più  comuni  per  ottimizzare  un  sito  web  in  funzione  delle  prestazioni.  
Esistono   ovviamente   tecniche   che   possono   essere   messe   in   pratica   a   prescindere   dall’esperienza  
che   abbiamo   nell’utilizzo   di   Wordpress   mentre   altre   richiedono   una   conoscenza   approfondita   del  
lato  server  e  delle  possibilità  che  una  personalizzazione  può  offrire  in  termini  di  miglioramento  delle  
prestazioni.  Prima  di  utilizzare  qualsiasi  tecnica  è  sempre  consigliabile  cercare  tutte  le  informazioni  
possibili  in  merito,  infatti  alcune  operazioni  potrebbero  influire  anche  negativamente  sul  nostro  sito  
web,  di  fatto  pregiudicando  l’usabilità  per  gli  utenti.  
Fondamentale   è   utilizzare   un   plugin   di   cache,   che   serve   per   servire   meglio   al   browser   le   pagine  
HTML  statiche  del  tuo  sito,  ma  va  usata  con  criterio:  
 
 
16  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
• Se   il   tuo   sito   ha   pagine   che   si   aggiornano   frequentemente,   le   pagine   nella   cache   potrebbero  
scadere  rapidamente.  
• Se   pubblichi   commenti   senza   moderazione,   la   cache   potrebbe   prevenire   la   visualizzazione   dei  
commenti  appena  pubblicati.  
• Se   le   tue   pagine   includono   feed   da   altre   fonti   (ad   esempio   i   social   media   o   i   feed   RSS),   è  
necessario  considerare  quando  la  cache  aggiornerà  il  tuo  sito  e  con  quale  frequenza.  
 
I   plugin   più   popolari   per   la   memorizzazione   nella   cache   di   siti   WordPress   sono   W3   Total   Cache   e  
WP   Super   Cache.   Quale   funziona   meglio   dipenderà   dalle   opzioni   di   cui   hai   bisogno:   vale   la   pena  
testare   entrambi   se   il   tuo   sito   riceve   un   sacco   di   traffico,   potrai   scegliere   quello   che   farà   la  
differenza.   Per   i   siti   web   con   un   alto   traffico   è   anche   possibile   utilizzare   un   servizio   di   cache  
direttamente   sul   server   per   migliorare   la   Page   Speed:   il   modo   in   cui   si   esegue   questa   operazione  
dipende  dalla  configurazione  del  server  quindi  è  qualcosa  che  hai  bisogno  di  chiarire  con  gli  esperti  
del  tuo  hosting  provider.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
SPINGI  SULL’ACCELLERATORE  
Prima   di   partire   con   l’ottimizzazione   della   PageSpeed   è   importante   rendersi   conto   quale   è   la  
situazione  attuale.  Per  fare  questo  esistono  svariati  strumenti  che  misurano  il  tempo  impiegato  per  
caricare   completamente   una   pagina.  Utilizzali   per   capire   come   è   messo   il   tuo   sito,   ma   prendi   i  
risultati   sempre   molto   con   le   pinze:   infatti   la   rete   è   molto   variabile   e   i   risultati   spesso   non   sono  
stabili   tra   un   momento   e   l’altro   della   giornata   o   tra   strumento   e   strumento   stesso.  Dopo   ogni  
operazione   di   ottimizzazione   controlla   quali   sono   i   risultati   in   modo   da   capire   l’incidenza  
dell’operazione  sul  tuo  sito  web.  Fai  degli  screenshot  dei  singoli  strumenti  con  i  risultati  ottenuti  di  
volta  in  volta  per  avere  un  resoconto  visivo  di  facile  comprensione.  Qui  di  seguito  trovi  gli  strumenti  
che  utilizziamo  tutti  i  giorni  per  verificare  l’efficacia  delle  nostre  operazioni  di  ottimizzazione:  
• GTmetrix  
• Pingdom  
• Google  Page  Speed  
• Webtest  
• Moz  toolbar  
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
 
 
17  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
Minimizza  il  codice  
Così   come   la   memorizzazione   delle   pagine   nella   cache,   è   possibile   anche   installare   plugin   che  
minimizzano  il  codice  del  tuoi  file  CSS  e  Javascript.  Aumenterai  così  la  tua  Page  Speed,  aiutando  il  
browser  ad  essere  più  veloce  rendendo  i  file  più  leggeri,  in  quanto  le  tue  pagine  non  hanno  bisogno  
di   tutti   i   ritorni   a   capo   o   gli   spazi   in   più   che   hai   aggiunto   per   lavorare   meglio.   I   plugin   di   cache   di  
solito   offrono   un’opzione   di   minimizzazione,   e   se   lo   desideri   puoi   anche   usare   un   plugin   dedicato  
come  Better  WordPress  Minify  senza  necessariamente  attivare  la  cache.  
 
Minimizza   le   richieste   HTTP.  Ogni  volta  che  un  browser  deve  formulare  una  domanda  per  trovare  
un  oggetto  su  una  pagina  ci  vuole  tempo  e  uno  dei  più  grandi  colpevoli  di  questa  perdita  di  tempo  
sono  le  immagini.  Assicurati  che  il  tuo  tema  non  usi  immagini  quando  al  loro  posto  potrebbe  essere  
utilizzato  del  codice  CSS.  
 
• Carica   i   fogli   di   stile   CSS   nella   parte   superiore   della   pagina,   nella   sezione   <head>.   Questo   in  
genere  non  velocizzerà  il  tempo  di  caricamento  della  pagina,  ma  non  lo  diminuirà  diminuirà  e  farà  
sembrare   agli   utenti   che   il   sito   carichi   più   rapidamente.   Nell’intestazione   del   file   .php   del   tuo  
tema  i  fogli  site  dovrebbero  comparire  nella  parte  iniziale.  
• Carica   gli   script   nella   parte   inferiore   della   pagina.   Gli   script   caricati   nella   parte   superiore  
bloccheranno   altri   download   come   le   immagini   o   gli   slider.   È   probabile   che   la   funzionalità   degli  
script  non  saranno  necessarie  fino  a  quando  il  resto  della  pagina  è  stata  caricata.  
• Usa   CSS   e   Javascript   che   sono   esterni   alla   pagina.  Inserire  i  CSS  inline  è  controproducente.  Gli  
script  esterni  vengono  caricati  più  rapidamente  di  quelli  nella  pagina.  
• Evita   i   re-­‐indirizzamenti   dove   possibile.   I   Redirect   (utilizzando   i   codici   di   stato   301   e   302)  
rallentano  il  browser.  
 
Assicurati  di  utilizzare  una  barra  finale  dopo  link  interni.  Un  collegamento  senza  una  barra  finale  in  
realtà   punta   a   nulla,   ma   il   browser   capirà   che   deve   puntare   al   collegamento  corretto   (con   la   barra  
finale).    Se  si  stai  lavorando  su  un  sito  esistente  e  pensi  alcuni  vecchi  link  non  hanno  lo  slash  finale,  è  
possibile  forzare  il  “trailing  flash”  nel  file  .htaccess.  
 
 
 
 

 
18  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  3  
Page  Speed  e  SEO  
 
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
LE  REGOLE  DA  NON  DIMENTICARE  
Utilizzare  la  configurazione  Responsive  Web  Design  sia  per  migliorare  la  velocità  di  caricamento  del  
sito  su  ogni  device,  ma  anche  per  aumentare  la  propria  SEO  Reputation.  
 
• Utilizzare  la  compressione  gzip  messa  a  disposizione  dai  web  server  per  comprimere  i  file  prima  
del  download  degli  elementi  delle  pagine  da  parte  del  client.  
• Attivare  e  sfruttare  al  meglio  la  cache  sia  dal  lato  sito  che  dal  lato  server.  
• Minimizzare   le   risorse   HTML,   JS,   CSS   eliminando   le   parti   superflue   all’interno   dei   file   per  
guadagnare  in  spazio  occupato  (e  di  conseguenza  nel  tempo  di  download).  
• Ottimizzare  le  immagini,  prima  nella  fase  di  produzione  attraverso  software  di  fotoritocco  come  
Photoshop  o  Gimp,  e  poi  con  un  plugin  di  compressione  in  WordPress.  
• Incorporare  JS  e  CSS  necessari  ai  contenuti  above  the  fold.  
• Utilizzare   il   minor   numero   di   plugin   esterni,   rappresentano   una   forte   non   compatibilità   con   i  
dispositivi  mobile.  
Se   il   tuo   sito   è   hostato   su   un   server   Apache   Web   attiva   il   mod_pagespeed   per   ottenere   una  
ottimizzazione  automatica  delle  pagine  web  secondo  le  direttiva  di  Page  Speed  Insigne  by  Google.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
19  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  4  
Sicurezza  e  protezione  
 

Sicurezza  WordPress  contro  attacchi  hacker  


e  spam  e  una  corretta  gestione  del  tuo  sito  attraverso  diverse  
configurazioni  e  servizi.  
 
Come   ogni   software   popolare,   anche   WordPress   è   un   bersaglio   appetito   da   hacker   e  
malintenzionati   di   qualsiasi   genere,   che   potrebbero   sfruttare   le   vulnerabilità   del   sistema   per  
accedere  a  dati  sensibili  o  addirittura  prendere  il  controllo  del  server  su  cui  il  sito  è  ospitato.  
Tale   scenario   può   apparire   eccessivamente   catastrofista   ma   in   realtà   può   stupire   quanto   il   tema  
della  sicurezza  in  ambito  web  sia  trascurato  anche  da  professionisti  del  settore.    
E  soprattutto  occorre  considerare  quale  sia  la  posta  in  gioco:  si  va  dal  semplice  de-­‐facing  di  un  sito  
(cambio   dell’hompage,   spesso   puntando   su   contenuti   solo   per   adulti),   che   costringe   a   ripristinare  
backup  e  dati  sottratti,  alla  perdita  di  dati  sensibili  e  del  controllo  di  interi  server  con  conseguenze  
per  ogni  sito  ospitato.  
 
Mettere   in   sicurezza   un   server   è   cosa   complessa.  Anche  se  WordPress  e  i  tuoi  temi  e  plugin  sono  
aggiornati,  il  sito  potrebbe  non  essere  sicuro.  Ci  sono  passaggi  aggiuntivi  che  puoi  fare  per  rendere  
la   sicurezza   WordPress   migliore   contro   possibili   hacker   e   spammer.   Diamo   uno   sguardo   a   cinque  
aspetti  di  questo  concetto  fondamentale:  
 
• Gestisci  e  amministra  il  sito  in  modo  sicuro.  
• Configura  WordPress  per  una  maggiore  sicurezza.  
• Blocca  una  parte  della  tua  installazione.  
• Sicurezza  tramite  segretezza.  
• Monitora  il  sito  contro  gli  attacchi  hacker  e  spam.  
 
 
 
 
 
 

 
20  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  4  
Sicurezza  e  protezione  
 
Gestione  sicura  del  tuo  sito  web  
Prendi   subito   il   controllo   del   tuo   sito,   segui   questi   semplici   passi   per   gestire   il   tuo   WordPress   in  
modo  più  sicuro  e  diminuire  quindi  i  possibili  attacchi:  
• Aggiorna   WordPress   ogni   volta   che   una   nuova   versione   viene   rilasciata.  Questo  è  il  passo  più  
importante  che  puoi  compiere  per  migliorare  la  sicurezza.  Le  nuove  release  avranno  le  patch  di  
sicurezza  che  aggiornano  i  backdoor  di  cui  gli  hacker  sono  a  conoscenza  e  che  hanno  utilizzato  
per  attaccare  i  siti.  
• Scarica   solo   aggiornamenti   WordPress   dal   sito   ufficiale.  Non  c’è  assolutamente  alcuna  ragione  
per  scaricarlo  da  qualsiasi  altro  luogo.  
• Scarica   plugin   e   temi   solo   da   fonti   attendibili.   I   Plugin   e   i   temi   ufficiali   dei   rispettivi   siti   web   o  
repository   sono   gli   unici   luoghi   affidabili   per   il   download   di   temi   gratuiti   o   plugin.   Se   stai   per  
acquistare   temi   premium   e   plugin,   assicurati   che   essi   abbiano   una   licenza   GPL   e   che   vengono  
raccomandati  da  altri  sviluppatori.  È  anche  saggio  ispezionare  il  codice  prima  di  attivarli.  
• Utilizza  SFTP  invece  di  FTP  durante  il  caricamento  e  il  download  di  file  o  la  modifica  del  sito.  
• Utilizza  password  complesse  e  incoraggia  gli  altri  utenti  a  fare  lo  stesso.  Costringili  a  farlo  con  un  
plugin  come  Force  Strong  Password.  

 
Configurazione  WordPress  sicura  
Devi   compiere   una   serie   di   passi   per   rendere   le   cose   più   sicure,   il   più   semplice   di   questi   passi   è  
quello   di   utilizzare   delle   chiavi   di   sicurezza   (Security   Keys).   Queste   sono   un   set   di   variabili   casuali  
che  servono  a  garantire  una  migliore  cifratura  delle  informazioni  memorizzate  nei  cookie.  Le  chiavi  
di  sicurezza  sono  le  stringhe:  AUTH_KEY,  SECURE_AUTH_KEY,  LOGGED_IN_KEY,  ecc.  
È   possibile   utilizzare   il   generatore   di   chiavi   di   sicurezza   sul   sito   WordPress   per   generare   il   proprio  
codice,  che  poi  lo  incollerai  nel  file  wp-­‐config.php:  Security  Key  Generator.  
Un’altra  cosa  che  ti  consiglio,  soprattutto  se  il  tuo  sito  ha  tanti  utenti  o  è  un  e-­‐commerce,  è  quella  di  
utilizzare   un   certificato   SSL.   In   questo   modo   userai   una   URL   crittografata   https   al   posto   della  
classica  http.  Potrebbe  anche  essere  un  vantaggio  per  la  SEO,  Google  ha  recentemente  dichiarato  
che  in  futuro  potrà  favorire  i  siti  che  utilizzano  certificati  SSL.  
 
 
 
 
 

 
21  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  4  
Sicurezza  e  protezione  
 
Blocca  alcune  parti  del  sito  
Puoi  anche  provare  a  bloccare  alcune  parti  del  tuo  sito  o  limitarne  l’accesso,  questi  alcuni  esempi:  
• Limita   l’accesso   in   base   all’indirizzo   IP.   Nel   file   .htaccess   è   possibile   specificare   indirizzi   IP  
attraverso   i   quali   gli   utenti   sono   autorizzati   a   modificare   il   sito.   Per   fare   ciò,   aggiungi   quanto  
segue  al  file  .htaccess,  sostituendo  xxx.xxx.xxx.xxx  con  il  tuo  indirizzo  IP.  
• Proteggi   con   password   la   directory   wp-­‐admin.  È  possibile  aggiungere  una  password  lato  server  
nella   directory   wp-­‐admin   usando   cPanel   e   aggiungere   un   ulteriore   livello   di   sicurezza   a   questa  
directory,  il  che  significa  che  qualsiasi  hacker  che  riesce  ad  ottenere  la  tua  username  e  password  
dovrà  anche  ottenere  questa  password  (ovviamente  deve  essere  molto  forte).  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
GLOSSARIO  DELLA  SICUREZZA  
Alcuni   termini   potrebbero   sembrarti   ostici,   qui   trovi   una   breve   descrizione   di   quelli   utilizzati   in  
questa  sezione.  
• SSL   -­‐   protocollo   progettato   per   consentire   alle   applicazioni   web   di   trasmettere   informazioni   in  
modo  sicuro  e  protetto.  
• .htaccess  -­‐  comune  file  di  testo  che  viene  inserito  all'interno  di  una  specifica  directory  al  fine  di  
fornire  alcune  informazioni  al  server  Apache  sul  modo  in  cui  gestire  quella  specifica  directory  e/o  
i  file  al  suo  interno.  
• Cookie  -­‐  file  di  testo  nati  per  memorizzare  dati  degli  utenti  che  visitano  un  sito  e  che  vengono  
memorizzati  nel  browser  per  migliorare  la  navigazione  all’interno  di  un  sito  web.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 

Sicurezza  tramite  segretezza  


Il  concetto  di  ‘security  by  obscurity’  significa  che  non  stai  effettivamente  rendendo  il  vostro  sito  più  
sicuro,  ma  che  stai  rendendo  l’installazione  di  WordPress  diversa  da  quella  standard,  per  prevenire  
l’accesso  ad  hack  automatizzati  o  hacker  molto  stupidi.  
 
• Non  utilizzare  nomi  utente  di  default.  Se  un  account  con  il  nome  utente  di  amministratore  viene  
creato   durante   l’installazione   di   WordPress,   rimuovilo.   Crea   un   account   amministratore   con   un  
nome  utente  univoco,  invece.  Questo  ti  proteggerà  dagli  hacker  in  cerca  di  una  backdoor  tramite  
l’account  admin.  
 
 
22  
GESTIONEWP    

 
 
Capitolo  4  
Sicurezza  e  protezione  
 
• Cambia   il   prefisso   delle   tabelle   WordPress.   Per   default   è   wp_,   ma   si   può   cambiare   durante  
l’installazione  di  WordPress  modificando  il  valore  table_prefix  $  nel  file  wp-­‐config.php.  
 

Monitoraggio  spam  e  hacker’s  attack  


Monitora  sempre  la  sicurezza  del  tuo  sito,  in  modo  tale  da  sapere  se  sei  stato  attaccati  e  poter  agire  
il  più  rapidamente  possibile.  Ci  sono  strumenti  e  servizi  che  è  possibile  utilizzare  aiutarti,  che  hanno  
costi  differenti  a  seconda  della  natura  del  tuo  sito  e  del  livello  di  servizio:  
• La  tua  società  di  hosting  probabilmente  offrirà  livelli  di  servizio  diversi  e    in  grado  di  monitorare  
il   tuo   sito   o   risolvere   il   problema   se   le   cose   dovessero   andare   male.   Alcuni   fornitori   offrono  
hosting  specificamente  orientato  verso  i  siti  WordPress  come  Sucuri.  
 
Il  servizio  di  Sucuri  offrire  uno  strumento  sul  loro  sito  web  per  la  verifica  della  sicurezza  gratuito,  ma  
se  vuoi  gli  aggiornamenti  automatici  e  le  correzioni  puoi  provare  il  loro  servizio  di  monitoraggio.  Il  
plugin   di   sicurezza   Sucuri   è   gratuito  e  ti  aiuterà  a  monitorare  la  sicurezza  del  tuo  sito  se  non  vuoi  
pagare  per  un  elevato  livello  di  servizio.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 
PLUGIN  INDISPENSABILE  PER  LA  SICUREZZA  WORDPRESS  
Ne  esistono  moltissimi  di  plugin  per  la  sicurezza,  ma  quello  che  ti  consiglio  è  uno  solo:  
WORDFENCE   SECURITY  che   oltre   ad   avere   diverse   funzionalità   per   monitorare   lo   stato   di  
sicurezza  del  sito,  permette  anche  di  velocizzarlo  con  l’opzione  caching.  
• Scan   -­‐   La   prima   cosa   che   potrai   fare   appena   installi   Wordfence   Secutirity   è   fare   una   scansione  
del  tuo  sito.  Terminato  la  scan,  tutti  i  problemi  individuati  saranno  visualizzati  a  fondo  schermo.  
• Live   traffic   -­‐   Sezione   dove   puoi   monitorare   gli   utenti   ed   i   robot   che   visitano   il   tuo   sito,   oltre   a  
vedere  quali  URL  generano  errore  404.  
• Performance  Setup  -­‐  In  questa  sezione  trovi  la  possibilità  di  attivare  2  tipi  di  cache:  quella  base  e  
quella  Falcon  (in  grado  di  migliorare  le  performance  di  un  sito  fino  a  40  volte)  
• Blocked   IP   -­‐   Se   vuoi   bloccare   l’accesso   e/o   la   visualizzazione   del   tuo   sito   ad   un   particolare  
utente,   crawler   o   bot,   puoi   indicare   l’indirizzo   IP   da   bloccare   in   questa   sezione.   Puoi   anche  
bloccare  dalla  Bacheca  WordPress  specifici  indirizzi  IP.  
 
-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐-­‐  
 

 
23  
GESTIONEWP    

 
Ti  è  piaciuta  la  nostra  Guida?  
Contattaci  
e  riceverai  il  bonus!  
 
 
Capitolo  5  

Marketing  e  social  
 

 
 
 
mailto:Info@gestionewp.it  
 

 
24  
GESTIONEWP

NON ESISTONO DOMANDE STUPIDE O INUTILI

Le domande
hanno solo bisogno
della risposta
giusta.

https://www.gestionewp.it