Sei sulla pagina 1di 10

MODULO 2

La vita quotidiana delle società industrializzate porta


a desiderare un tempo libero/tempo vacanza alla ricerca
del relax e dell’equilibrio psico-fisico ed interiore,
uno spazio-tempo in cui ritrovare se stessi e trascorrere
la vacanza, anche con i propri famigliari e amici,
all’insegna di uno stile di vita ricreativo e di qualità.

Ecco perché per chi vende viaggi è sempre più importante


conoscere dettagliatamente questo tipo di esigenza.
E sapere con precisione come soddisfarla.

L’OFFERTA DEI TERRITORI


Impareggiabile Benessere italiano
In questo modulo potrai trovare in sintesi le caratteristiche che contraddistinguono l’offerta benessere
dei 9 territori aderenti al Progetto Interregionale Terme d’Italia. Ti aiuterà a individuare spunti, curiosità e
proposte per rispondere al meglio alle esigenze dei clienti.
Nello spazio dedicato a ogni singolo territorio troverai l’indicazione del sito web istituzionale, per attingere
informazioni ancora più dettagliate sulle diverse strutture e sulle diverse località termali.

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 1

Un bagno con le Ninfe

CALABRIA

Non è solo un’immersione in acque ricchissime di interessanti proprietà. La vacanza termale


che offre la Calabria è anche in perfetta tendenza con le attuali esigenze dei viaggiatori,
orientati al consumo di esperienze emozionali.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


E cosa potrebbe esserci di più emozionante da offrire ai clienti di una vacanza benessere alle Terme di Cerchiara,
nella Grotta delle Ninfe, dove, secondo la leggenda, dimoravano le Lusiadi, creature semidivine che con le acque
della sorgente curavano il corpo e l’anima dei bagnanti?
In aggiunta si potrebbero citare le fonti sulfuree del Monte Livia, alle spalle di Galatro, scoperte nel 1550 dai
monaci brasiliani. Acque dalle eccellenti proprietà curative che da allora vengono utilizzate per molti tipi di
trattamenti. La storia di questo centro termale – oggi dotato di un centro benessere – è legata ai vari ordini
monastici che dall’VIII al XVIII secolo si sono occupati della cura degli infermi utilizzando l’acqua sorgiva di cui
conoscevano e apprezzavano le proprietà terapeutiche. La stazione è situata in una valle incontaminata, ricca di
boschi e di secolari uliveti, a solo un chilometro dal borgo antico di Montebello e a pochi dalla costa tirrenica.
Sorgenti benefiche di fanghi e acque sulfuree anche alle Terme Luigiane di Guardia Piemontese, luogo dal
nome curioso considerate le latitudini, ma giustificato dal fatto che nel XIII secolo accolse dal Piemonte molti
valdesi in fuga dalle persecuzioni.
E infine le Terme di Caronte, alle pendici del Reventino, in direzione del Golfo di Sant’Eufemia, note da secoli per
le acque che sgorgano a una temperatura di 39 °C. Gli storici le identificano con le Acquae Angae degli Itinerari
Romani e conosciute fin dal II secolo d.C.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 2

Fra Benessere e Dolce Vita

EMILIA ROMAGNA

Territorio di terme ma anche di buona cucina e gioia di vivere, l’Emilia Romagna è perfetta
per una vacanza benessere a tutto tondo. Alle virtù delle fonti si aggiungono i sorrisi
e l’ospitalità della gente, oltre a ben 41 prodotti DOP e IGP per la delizia dei palati.

  QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


L’elenco delle località e delle strutture per i soggiorni termali è ricco e variegato e al link indicato in fondo
a questo capitolo si trovano tutti i dettagli. Volendo inquadrare il prodotto, si può senza dubbio segnalare
l’ottimo connubio con la cucina regionale, la cui fama è riconosciuta ovunque e, parlando strettamente di terme,
il legame con personaggi storici altrettanto noti. Da Matilde di Canossa e gli Estensi, che furono tra i più affezionati
frequentatori delle Terme della Salvarola, alle Terme Santa Agnese ospitate in una residenza della seconda
metà del XVII secolo appartenuta a Leopoldo II di Lorena, Granduca di Toscana. In questo caso le origini del
bagno termale sono però ancora più antiche. Se ne trova infatti traccia dalla fine del III sec. a.C. quando sorsero
i primi impianti pubblici termali della Repubblica Romana.
Essendo nota oltre che per le sue acque anche per i suoi vini, la regione, in perfetta armonia con le risorse
del territorio, offre anche trattamenti di vite-terapica in acqua termale, con maschera viso e corpo ai polifenoli,
massaggi all’olio di vinaccioli, peeling corpo alla polvere di foglie di vite.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 3

Nella culla del termalismo

LAZIO

Questa è la terra dove il termalismo è nato e da dove, a poco a poco, si è diffuso in ogni
angolo d’Europa. La tradizione del bagno nelle acque che sgorgano dal sottosuolo
risale infatti all’antica Roma e conosce il suo massimo splendore nell’Età Imperiale,
con i suoi grandiosi edifici ancora in parte visibili.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Le terme nell’antica Roma erano un’autentica istituzione: servizi aperti a tutta la popolazione e corredati di
biblioteche, sale per riunioni e conferenze, palestre, solarium e stadi. Ancora oggi solo nell’area Roma-Colli
Albani si contano venti sorgenti, cui sono legati grandi centri benessere.
Ma non è tutto, perché il Lazio è costellato di strutture attrezzate per questo genere di trattamenti. Ne parla
persino Dante nella sua Commedia, riferendosi alle Terme dei Papi, nel cuore della Tuscia, già note agli Etrus​
chi. Il loro nome ricorda che ebbero fra gli illustri curisti alcuni grandi papi, insieme a un discreto numero di artisti
di fama. Sgorgano in grande portata alla temperatura di ben 58 gradi. Alle Terme di Cretone, si è cercato di
attualizzare l’originale concetto termale romano, che includeva molteplici aspetti: igiene, relax, esercizio fisico,
benessere psicofisico, attività culturali e, non ultimo, l’antico ludus, cioè il gioco. Gli Etruschi tornano nell’offerta
del Bagnaccio, specializzata in trattamenti a base di fango, trattamenti estetici maschili e, appunto, per l’efficace
calidarium all’interno della Grotta Etrusca.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 4

Per rifare il carico d’energia

LOMBARDIA

Spesso associata alla vivacità della vita del suo capoluogo, la Lombardia è in realtà anche
una regione adatta per il relax. Chi vuole ricaricare le batterie trova in questo territorio
numerose proposte, dai trattamenti rigeneranti che impegnano poche ore ai weekend
e ai soggiorni prolungati che aiutano a sciogliere le tensioni accumulate nei mesi di lavoro.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Inevitabile partire da Milano, che propone  Spa di lusso e  trattamenti personalizzati nel  cuore di una delle
metropoli più amate dai turisti, per lo shopping, per il suo cartellone culturale, per i suoi locali alla moda e
per il suo carattere marcatamente cosmopolita. In perfetta linea con il mood chic-contemporaneo cittadino, i centri
benessere dei vari hotel propongono esperienze ad altissima emozionalità, tra giochi di luce, videoproiezioni, e
cascate, cerimonie del bagno giapponesi, trattamenti a base di uva, vino, mandorle dolci. Il tutto eventualmente
declinabile in versione Aperiterme o Bagno di Mezzanotte. Ce n’è insomma per tutti i gusti. Ma la regione è vasta,
e anche oltre i confini del capoluogo non mancano i centri termali, alcuni dei quali tra i più rinomati d’Italia.
Ricordiamo per tutti Boario, San Pellegrino e Sirmione. In questi come negli altri centri termali disseminati sul
territorio e dettagliati nelle apposite pagine del sito web regionale, c’è anche un’ampia offerta di passatempi per
rimettere in moto il corpo: piscine all’aperto, spazi per beach volley, basket, tennis, bocce e calcetto. Anche in
questo caso non manca l’originalità dei prodotti utilizzati per i massaggi e le maschere di bellezza, che spaziano
dal cioccolato al caviale.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 5

Il regno del Benessere verde

PUGLIA

È la terra degli ulivi, dei mandorli e dei vigneti. E la sua proposta benessere non poteva
che essere incentrata sui trattamenti a base di olio d’oliva, mandorle e vino rosso.
Un perfetto connubio tra mondo minerale e vegetale.

  QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Il legame tra l’acqua e la terra è fortissimo negli angoli di Puglia attrezzati per il turismo benessere. Le Terme di Torre
Canne si trovano nel perimetro del Parco Naturale Dune Costiere, su cui sventola la bandiera blu, a ricordare la
pulizia del mare, e dove le coltivazioni di pomodori presidiate da Slow Food sottolineano il valore della tradizione
agricola locale.
La bandiera blu sventola anche sul litorale che ospita le terme di Margherita di Savoia, dove si trovano le saline
più grandi d’Europa, anch’esse regalo della natura all’uomo.
L’acqua termale di Santa Cesarea sgorga invece da quattro grotte naturali, incorniciate dal verde mantello di pini
d’Aleppo che ombreggia i sentieri per le passeggiate. L’ultimo nato fra gli stabilimenti termali della regione è
quello di Castelnuovo della Daunia, arroccato a 560 metri di altitudine, con spettacolare vista sulle campagne
circostanti, nonché sede della caratteristica Fiera della Pecora, istituita nell’Ottocento niente meno che
dall’impetuoso generale francese Gioacchino Murat, anche cognato di Napoleone.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 6

Il calore che viene dal profondo

SICILIA

La conformazione vulcanica di questa regione è segno dell’impeto e del calore


del suo sottosuolo. I suoi abitanti lo sanno da secoli e ne sfruttano i benefici sin dalla lontana
età della Magna Grecia. Delle oltre 60 fonti termali, solo una decina sono convogliate
nei centri attrezzati per accogliere gli ospiti.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Se il cliente è appassionato di record, allora le Terme di Acireale costituiscono uno dei centri in assoluto più antichi,
avviato dagli antichi greci che avevano imparato a sfruttare magnificamente il calore e le proprietà delle acque
provenienti dall’Etna. Successivamente i Romani non fecero che appropriarsi di queste conoscenze, realizzando
sul posto il primo vero complesso termale.
Arriva non solo dal profondo della terra ma anche della storia, la tradizione termale di Gorga, vicinissima a
Segesta, con il suo tempio dorico diventato a tutti gli effetti un’icona del territorio.
Si ricorda poi che il passato dell’odierna Termini Imerese, è testimoniato dalle origini del suo stesso nome,
Thermae Himeraeae ispirato dalla presenza di fonti termali. L’attuale stabilimento sorge sulle rovine del precedente,
ed è storicamente legato al neoclassico Grand Hotel delle Terme firmato da Damiani Almejda. Anche qui, un balzo
indietro nei secoli: il Grand Hotel delle Terme fu un luogo molto amato dalla nobiltà palermitana e non a caso
venne scelto come sede operativa da Ignazio Florio ai tempi della mitica corsa sulle Madonie, la Targa Florio.
Un necessario discorso a parte va fatto per le Terme di Vulcano, sull’omonima isola dell’arcipelago delle Eolie,
con le pozze per i fanghi naturali all’aperto, affacciate sul mare. Anche qui la storia ha lasciato traccia nel
nome dell’isola, ispirata al dio Vulcano e nei documenti che testimoniano l’inarrestabile attività del sottosuolo,
testimoniata già negli scritti di Tucidide del V secolo a.C.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 7

Un tuffo nel Rinascimento

TOSCANA

Utilizzate già in epoca etrusca, le acque termali toscane tornano a far parlare di sé più volte
nella storia. Dal Granduca Cosimo I De’ Medici a Lorenzo Il Magnifico, al Pontefice Pio II,
molti sono i grandi personaggi che hanno goduto dei benefici effetti di queste fonti.
Un successo che si è protratto fino ad oggi e che le vede ogni anno meta di viaggiatori
e di curisti nazionali e internazionali.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Se i vostri clienti sono cultori dell’epoca rinascimentale, se hanno seguito le appassionanti vicende di Cosimo
De’ Medici nella nota fiction televisiva dedicata al celebre casato e desiderano fare una vera e propria immersione
in quell’affascinante periodo storico di cui la Toscana è culla, allora consigliate loro anche un soggiorno termale
presso le fonti che di quell’epoca furono teatro. Ad esempio, si deve proprio al granduca Cosimo De’ Medici il
recupero delle terme etrusche di Bagno di Roselle. Bagno Vignoni ha invece ospitato nel 1490 Lorenzo il Magnifico,
oltre ad essere stato successivamente eletto a cornice di numerosi film tra cui Nostalghia, il film del regista
sovietico Andrej Tarkovskij che nel 1983 vinse il Grand Prix du Cinéma al festival del cinema di Cannes.
Ripercorrendo le tappe della grande storia di cui sono state teatro le terme toscane, si scopre poi che il
riconoscimento delle proprietà curative delle acque di Bagno a Montione risalgono al 1561 e a farsene carico fu la
Confraternita dei laici di Arezzo, che fece pressione sulle autorità comunali affinché ufficializzassero l’importanza
della fonte. Papa Pio II fu invece ospite nel 1460 dei Bagni di Petriolo, mentre assai più indietro nei secoli, le fonti
di Saturnia (località già nota in epoca etrusca come Aurinia), erano considerate un luogo sacro, ribattezzato
con l’attuale nome dai Romani in onore del dio Saturno, che secondo il mito aveva dato vita all’acqua sulfurea
scagliando sulla terra una saetta.
Quello nelle acque termali della Toscana, dunque, non sarà insomma per i vostri clienti soltanto un tuffo nel
benessere ma anche nella mitologia e nella storia dell’intera regione e del nostro Paese.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 8

La regina europea della balneoterapia

VENETO

Le località termali del Veneto costituiscono il più grande complesso europeo specializzato
in balneoterapia. Grotte, massaggi, piscine, saune e trattamenti di bellezza per allontanare
lo stress, curarsi e ritrovare la perfetta forma fisica costituiscono la ricca offerta delle fonti
regionali, note sin dall’epoca dell’antica Roma.

 QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


Stendhal sosteneva che la gaiezza del carattere veneto non sarebbe altro che la conseguenza del benefico
effetto delle acque termali. Certo è che una vacanza termale in questo territorio, che in Europa è primo nel settore
della balneoterapia, può davvero essere fonte di benessere e di salute per l’intera famiglia.
Le terme del Veneto sono infatti strutturate per accogliere anche le famiglie con bambini, a partire dai corsi di
acquaticità per le mamme ancora in attesa e dai corsi preparto per gestanti fino all’acquaticità per i neonati e, a
proseguire, ai trattamenti per bambini che abbiano necessità di rafforzare il sistema immunitario oppure di
risolvere problemi di asma, bronchiti e laringiti causati anche dall’eccesso di smog cittadino.
L’offerta comprende inoltre l’idrokinesiterapia termale, ideale per il recupero del tono muscolare nei curisti di tutte
le età. E, infine, la medicina estetica, altro elemento importante dell’offerta termale veneta, basata su trattamenti
innovativi, in alcuni casi supportati da piccoli interventi di chirurgia plastica a cura di personale interno specializzato.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.

CAPITOLO 9

Il Benessere della cultura contadina

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

Chi è alla ricerca di benessere e relax in Alto Adige troverà, accanto ai massaggi tradizionali
e agli impianti Kneipp, trattamenti speciali che affondano le loro radici nella cultura
contadina, come i bagni di fieno e quelli al pino mugo Sarentino, capaci di risvegliare anima
e corpo,
o i bagni al latte, alle mele e persino al vino.

  QUALCHE CURIOSITÀ PER ORIENTARE IL CLIENTE


L’Alto Adige è il più grande giardino d’Europa grazie alle sue mele che non sono solo buone da mangiare o per
farci il succo alla mela, sono anche utilizzate nelle beauty farm e alle terme come prodotti per la cura del corpo.
Anche i bagni di fieno vantano una lunga tradizione, risalente almeno al 1871 quando un libro di balneologia
racconta che in Alto Adige i contadini usano sdraiarsi nel fieno per ritemprarsi dalle fatiche nei campi. Il bagno
di fieno, oltre ad essere fonte di energia, era usato anche per lenire i dolori articolari.
Il pino mugo viene utilizzato per estrarne un olio essenziale dagli effetti purificanti. Si può usare nei bagni, avvolti
in un lenzuolo e immersi in trucioli di pino mugo ancora caldi; oppure nei massaggi, con l’olio balsamico, o
ancora negli impacchi e per il peeling.
Nelle terme locali si praticano inoltre trattamenti a base di castagne in forma di bagni, impacchi e massaggi, e alla
rosa canina, per rigenerare le cellule della pelle danneggiate dalla disidratazione.
L’originale offerta altoatesina non si ferma però qui. Il territorio è infatti l’unico in Italia per la paneterapia, praticabile
in una stanza-forno di cui si sfruttano il calore residuo e gli enzimi rimasti nell’aria dopo la cottura del pane.
La tradizione contadina applicata al wellness torna infine nei bagni alla lana, praticati nei masi specializzati
e in alcuni centri termali, sfruttando le proprietà della lanolina particolarmente adatte alla stimolazione della
microcircolazione e infine nei trattamenti peeling alla polvere di marmo mischiata a gusci di mandorle e calendula.

PER GLI APPROFONDIMENTI SULL’OFFERTA TERMALE E TERRITORIALE


CLICCA QUI

L’e-learning Wellness Specialist Terme d’Italia è realizzato da Italian Exhibition Group


per conto del Progetto Interregionale Terme d’Italia.