Sei sulla pagina 1di 2

Teologia del Dialogo Ecumenico

Introduzione
I – I fondamenti Storici e teologici dell’ecumenismo
NT: desidero di che «siano una sola cosa». Ma dicono: «sono di Paolo» o «sono di Apollo».
Concili: cercano la verità per unirsi (strettamente finalizzati all’unione: Concilio di Leone II e
Concilio di Firenze).
1.1 La storia del movimento ecumenico nel XX° secolo
In questi «ultimi tempi» (UR, 1): Non siamo capaci di fare questo, ma crediamo che Dio (agente
principale) stia facendo qualcosa e dobbiamo cooperare.
«Segno dei tempi» (UR,4). Non è soltanto una realtà storica contingente, è qualcosa che
proviene da Dio e che fa parte della concezione di «Chiesa».

1.1.1 Gli inizi nelle Chiese e comunità ecclesiali non-cattoliche

1.1.2 La partecipazione della Chiesa Cattolica

1.2 Fondamenti teologici

1.2.1 L’unità come determinazione essenziale della Chiesa

1.2.2 Sviluppo della comprensione del rapporto fra la Chiesa Cattolica e le altre Chiese e comunità
ecclesiali

1.2.3 I principi cattolici dell’ecumenismo

II – LE DIVISIONI E GLI ACCORDI ECUMENICI

2.1 Le Chiese orientali antiche

2.1.1 Presentazione
2

2.1.2 Situazione del dialogo

2.2 L’ortodossia bizantina

2.2.1 Presentazione

2.2.2 Situazione del dialogo

2.3 La Riforma

2.3.1 Presentazione

2.3.2 Situazione del dialogo

III – VERSO L’UNITÀ DELLA CHIESA

3.1 Il dialogo sulle questioni etiche

3.2 Diverse questioni e osservazioni finali