Sei sulla pagina 1di 8

Presentazione Bidelli

Il musical “Bidelli” è un mix di diverse tradizioni musicali, unite da un unico filo


conduttore: la costante presenza di una - o più - melodie. Esso affonda le proprie
radici sia nell’opera lirica che in musical moderni stile Bernstein e Webber. Ma è
soprattutto nell’ambito dell’off Broadway che “Bidelli” può - e deve - ascriversi: in
questo tipo di spettacolo, la presenza del pianoforte (e in generale di musica dal vivo)
è paritaria allo sviluppo stesso della trama e alla tessitura dei vari registri vocali.

La trama dell’opera verte intorno a un equivoco: un insegnante precario, Cleto


Inghilterra, scopre che la propria lettera di convocazione non è in quanto docente
bensì per operatore ecologico, ossia bidello. In realtà, la lettera è stata manomessa dal
bidello della scuola, Alfredino: egli lo ha fatto perché ingelosito dal rapporto creatosi
tra Cleto Inghilterra e l’insegnante Irene Pitto, zitella in cerca d’amore che sfoga la
sua rabbia sugli alunni. La scuola è capitanata dall’inflessibile burocrate Preside
Scaramuzza.

La musica non è ascrivibile in alcun modo a un determinato genere: si ascolta il jazz,


la classica, il rock e tutto ciò che l’orecchio dell’ascoltatore vuole - e può - trovare
all’interno di ottanta minuti (corrispondenti a uno spartito di più di cento pagine). In
ogni caso, tutto ciò che si ascolta è originale, senza alcun riferimento a musiche già
edite. Momenti di poesia si alternano a shuffle aggressivi, passando attraverso tempi
dispari, modulazioni ardite ma mai soffocanti; una fucina di idee musicali che
ritornano, poi cambiano, poi si mischiano ad altre idee, in un turbinio di melodie
emozionanti. Sopratutto in “Bidelli” ciò che è trattato in maniera innovativa, mai
scontata e sempre raffinata, è l’incastro delle voci, impastate in duetti, terzetti e
quartetti che, pur essendo scritte - anche nell’accompagnamento pianistico - in
maniera moderna, mantengono come riferimento l’insegnamento di mostri sacri quali
Mozart e Verdi.

Il libretto è divertente, immediato e semplice, ma non elementare. Il soggetto e


l’intera storia sono surreali: l’insegnante precario che si ritrova a lavorare come
bidello rappresenta metaforicamente la situazione di tanti professionisti - dello
spettacolo, ma non solo - costretti a lavori non all’altezza delle proprie competenze. È
un testo comico e cinico, che nasconde elevatissime citazioni: in due diverse arie,
sono musicali un sonetto del Petrarca e tre terzine della Divina Commedia.

“Bidelli” è un nuovo modo di concepire il Musical: moderno e classico,


rigorosamente originale, nel testo e nella musica, e - soprattutto - con la
imprescindibile presenza della musica dal vivo.
Musical Operetta
BIDELLI
data di composizione: 8 Giugno 2015
Autore musiche: Sergio Colicchio
Autore testi (parte letteraria e libretto): Sergio Colicchio
Resp. di produzione : Paolo de Pascale - mobile 3487410770
paolo.depascale@gmail.com
SINOSSI:
Un precario della scuola, Cleto Inghilterra, riceve la tanto sospirata convocazione per
insegnare presso una scuola media. In quella stessa scuola lavorano il preside
Scaramuzza, un attento burocrate con evidenti problemi di balbuzie; Irene Pitto,
insegnante "zitella" in cerca di un amore che non ha ancora trovato; infine Alfredino il
bidello. Quest’ultimo, ingelosito dal rapporto che si viene a creare tra Cleto e Irene,
riscrive la lettera di convocazione, apportando la dicitura “bidello” dove prima c’era
quella di “insegnante”. Il preside Scaramuzza, pur essendo convinto che si tratti di un
errore, si offre in prima persona per risolvere il problema presso il provveditorato ma,
nel frattempo, comunica a Cleto Inghilterra che l’unica possibilità che ha di cominciare
a lavorare presso la scuola è di prendere servizio come bidello. Suo malgrado, Cleto
accetta l’incarico ma Irene Pitto, in un primo momento invaghita di lui, non lo ritiene
più meritevole del suo amore proprio in virtù della condizione professionale. Una volta
scoperto l’arcano, la donna tenta di riconquistare Cleto Inghilterra e Alfredino gli
chiede scusa, in un lieto fine che inneggia all’amore universale vincitore, sempre e
comunque, su ogni avversità.
CAST:
Regia
JULIE CICCARELLI
Aiuto regia:
Federica Chiocca
Supervisione alla regia:
LUIGI RUSSO
Cantanti
ANNALISA CUCCHIARA: Irene Pitto
LUCA NOTARI: Cleto Inghilterra
MICHELE SAVOIA: Alfredino
ANDREA ROMEO: Preside Scaramuzza
Pianoforte:
SERGIO COLICCHIO
Sax e Clarinetto:
FABIANO PAPPALARDO
Scuole di musica che hanno gentilmente preparato i cori:
A. Vivaldi; Armonie; Sotto i raggi del Sol.
Direttore Tecnico:
Francesco De Simone
Produzione:
Paolo de Pascale
SCHEDA TECNICA COMPAGNIA:
TITOLO DELLO SPETTACOLO: Bidelli
GENERE DELLO SPETTACOLO: Musical/Operetta
DURATA DELLO SPETTACOLO: 70'circa
REFERENTE TECNICO: Paolo de Pascale 3487410770
paolo.depascale@gmail.com

Lo spettacolo può essere rappresentato in teatri al chiuso o in spazi all’aperto:


N.B. Gli elementi di illuminotecnica e di scenotecnica rimangono i medesimi in
entrambi i casi.

Per i teatri al chiuso:


Scenotecnica:
Lo spettacolo è agito in uno spazio rettangolare (minimo 500cm x 400cm) in posizione
centrale a partire dal proscenio.
E’richiesta una quadratura nera. Gli elementi scenografici (sedie, strumenti musicali
etc) sono resi disponibili dalla compagnia teatrale.
Illuminotecnica:
Un piazzato rettangolare, bianco, che illumini il suddetto ”rettangolo scenico” che
comprenda: - illuminazione frontale (parte avanzata del palco), americane centrali,
intermedie, controluce. Il numero minimo di pc per americana: 4 pc - N° 1 puntamento
con pc in proscenio (a sx, su attori che parlano ad un microfono) - N° 4 Par posizionati
a terra (collocati nei 4 punti cardinali del rettangolo) o su staffe con N° 2 gelatine ocra
e n° 2 gelatine gialle. Note: durante lo spettacolo la sala rimarrà illuminata
soffusamente. Audiotecnica: Spettacolo cantato e recitato in acustico Si richiede una
prolunga – cavo nera e relativa ciabatta per alimentare una cassa attiva e una scatola
effetti.
Note speciali: - E’richiesto un vostro tecnico luci per la creazione degli aspetti
lluminotecnica del suddetto spettacolo -
Durante lo spettacolo un nostro operatore sarà alla consolle luci durante lo spettacolo
Per i teatri, piazze o spazi teatrali all’aperto:
Audiotecnica:
N° 4 radiomicrofoni (no gelato) per 4 attori in scena (lo spettacolo è in gran parte
cantato).
Strumenti da amplificare: N° 1 pianoforte digitale (se acustico no).
N° 1 Sax/Clarinetto da amplificare con microfono per strumenti acustici (serve solo
cavetteria il microfono è reso disponibile dalla compagnia teatrale.
N° 2 casse spia sui lati del palco.

FOTO DI SCENA