Sei sulla pagina 1di 120

Fiat Auto S.p.A.

TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO

1 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

MODIFICHE / AGGIORNAMENTI DOCUMENTAZIONE

Data Referente Nome File Descrizione della modifica

© 2006 - Fiat Auto S.p.A.


Tutti i diritti sono riservati. Sono vietate la diffusione e la riproduzione anche parziale
e con qualsiasi strumento.
L'elaborazione del materiale non può comportare specifiche responsabilità per
involontari errori od omissioni.
Le informazioni riportate sul presente supporto sono suscettibili di aggiornamenti
continui: Fiat Auto S.p.A. non assume alcuna responsabilità per le conseguenze
derivanti dall'utilizzo di informazioni non aggiornate
La presente pubblicazione è ad esclusivo uso didattico.
Per le informazioni tecniche, complete ed aggiornate a fini assistenziali, è necessario
fare riferimento al manuale assistenziale ed alle informazioni di servizio del modello di
veicolo interessato.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 2 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

INDICE

1. BRIEFING...........................................................................................................................5
1.1 LA VETTURA E IL DESIGN ...........................................................................................................5
1.2 DIMENSIONI..................................................................................................................................6
1.3 ALLESTIMENTI .............................................................................................................................9
1.4 MOTORIZZAZIONI ......................................................................................................................11
1.5 SICUREZZA.................................................................................................................................11
1.6 ERGONOMIA E COMFORT ........................................................................................................12
1.7 ERGONOMIA E ABITABILITÀ .....................................................................................................12
1.8 SPAZIOSITÀ E VOLUME INTERNO............................................................................................13
1.9 VANO BAULE ..............................................................................................................................14
2. DATI TECNICI ..................................................................................................................15
2.1 MOTORE .....................................................................................................................................15
Tipo motore .................................................................................................................................................... 15
Dati motore ..................................................................................................................................................... 16
Iniezione ......................................................................................................................................................... 16
2.2 FRIZIONE ...................................................................................................................................16
2.3 CAMBIO.......................................................................................................................................16
2.4 FRENI .........................................................................................................................................17
Impianto frenante............................................................................................................................................ 17
Freni anteriori ................................................................................................................................................. 17
Freni posteriori................................................................................................................................................ 17
2.5 IDENTIFICAZIONE VEICOLO .....................................................................................................18
2.6 DIMENSIONI VETTURA ..............................................................................................................19
3.MOTORE ...........................................................................................................................20
3.1 DESCRIZIONE MOTORE 1.4 16V...............................................................................................20
3.2 DESCRIZIONE MOTORE 1.9 8V MULTIJET .................................................................................21
Schema elettrico gestione motore 1.9 Multijet 8v .......................................................................................... 22
3.3 DESCRIZIONE MOTORE 1.9 16V MULTIJET ...............................................................................35
Schema elettrico gestione motore 1.9 Multijet 16v ........................................................................................ 36
3.4 DESCRIZIONE SISTEMA DPF....................................................................................................49
4. FRIZIONE E CAMBIO ......................................................................................................51
5. FRENI ...............................................................................................................................51
6.SOSPENSIONI ..................................................................................................................54
6.1 DESCRIZIONE SOSPENSIONI ANTERIORI ..............................................................................54
6.2 MONTAGGIO SOSPENSIONE ANTERIORE..............................................................................55
6.3 DESCRIZIONE SOSPENSIONI POSTERIORI............................................................................56
6.4 MONTAGGIO SOSPENSIONE POSTERIORE ...........................................................................57
7. IMPIANTO ELETTRICO ...................................................................................................58
7.1 GENERALITA’ .............................................................................................................................58
7.2 QUADRO DI BORDO...................................................................................................................61
7.3 TELEMATICA ..............................................................................................................................66
Kit Viva-voce per cellulari con Bluetooth “Blue & Me”.................................................................................... 66
Descrizione BLUE & ME C3........................................................................................................................... 70

3 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Schema elettrico Blue & Me ........................................................................................................................... 73


Descrizione CONNECT NAV+........................................................................................................................ 75
7.4 CLIMATIZZAZIONE..................................................................................................................... 80
7.5 SICUREZZA PASSIVA ................................................................................................................ 82
Airbag.............................................................................................................................................................. 82
Fire Prevention system - FPS......................................................................................................................... 82
7.6 GUIDA ELETTRICA..................................................................................................................... 83
Descrizione ..................................................................................................................................................... 83
Schema elettrico guida elettrica...................................................................................................................... 88
Descrizione funzionale.................................................................................................................................... 89
8. CARROZZERIA ............................................................................................................... 90
8.1 PROCEDURE PER LE RIPARAZIONI......................................................................................... 90
9. PROCEDURE DI DIAGNOSI ......................................................................................... 102
9.1 FILTRO ANTIPARTICOLATO (DPF) ......................................................................................... 102
9.2 TURBOCOMPRESSORE.......................................................................................................... 106
9.3 PROCEDURA PER DECADIMENTO BATTERIA...................................................................... 108
9.4 GUIDA ELETTRICA................................................................................................................... 109

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 4 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

1. BRIEFING
1.1 LA VETTURA E IL DESIGN

La linea della Nuova Bravo è senz’altro uno dei punti di forza di questa vettura.
Il suo design accattivante e dinamico è frutto di un approfondito studio svolto dal Centro Stile Fiat per
restituire alla marca una forte immagine, assolutamente fedele a quello spirito più puro che l’ha resa
famosa, grazie ai capolavori che hanno costellato la sua storia.
La Nuova Bravo si inserisce nel segmento medio della gamma Fiat in perfetta armonia con il linguaggio
formale già proposto sulla Grande Punto, confermandone le scelte stilistiche, al fine di rafforzare il
“senso” del nuovo corso e la “consistency” del Brand.Il suo design è pura emozione e sensualità, su
un’architettura due volumi “atchback” estremamente dinamica e profilata, capace al tempo stesso, di
comunicare grande spazio abitabile e funzionalità.
L’altezza della vettura rende l’abitacolo spazioso e di comodo accesso, pur senza rinunciare ad una
linea aerodinamica e filante, anche grazie al parabrezza molto inclinato e posto in posizione alquanto
avanzata. Questo fatto, unito ad un frontale piuttosto compatto e spiovente che appare otticamente in
continuità col parabrezza, conferisce al corpo vettura quasi un aspetto da monovolume dinamico.
La linea a cuneo e la cintura molto inclinata rendono la Nuova Bravo scattante e aggressiva, e le sue
superfici plastiche e ricche di modellati, unite alla essenzialità del disegno, ne fanno una scultura
moderna.
Nel contesto di un linguaggio formale emozionale e di forte impronta italiana, si inseriscono gli
elementi che connotano il frontale e la coda esaltandone l’espressività.
Il frontale richiama i principi già espressi su Grande Punto: proiettori “a goccia” che si ispirano alla
grande tradizione italiana delle GranTurismo, la calandra bassa e morbidamente raccordata, ma
soprattutto il particolare modo in cui si compongono tutti gli elementi del frontale con sapiente e
ricercato equilibrio formale. Il suo sguardo è suggestivo ed attraente, quasi fosse capace di animarsi e
parlare a chi lo osserva, e nonostante l’aria di famiglia che lo caratterizza, sorprende per la sua
originalità e il carattere premium che lo differenzia dalla “sorella” minore.
Le imponenti prese d’aria inferiori racchiudono ai lati i preziosi fendinebbia con funzione di “cornering”
mentre i proiettori sono arricchiti da moderne ottiche cilindriche incastonate nella cornice cromata.
La calandra grigliata sostiene con orgoglio il nuovo marchio, che si inserisce in una nicchia nel paraurti.
Anche qui il volume è frutto di un attento studio per rendere le superfici modellate ed avvolgenti
dell’ampio paraurti in linea con le più rigorose norme per garantire la sicurezza del pedone e per
renderle più sfuggenti in caso di urto.
La coda è caratterizzata da pulizia e freschezza di disegno, ma anche da grande espressività che ne fa
il perfetto contraltare al “mood” del frontale.
La citazione degli “occhi” della Bravo degli anni ’90 (una delle poche vetture dell’epoca che resiste
egregiamente all’invecchiamento estetico) e funzionale all’intenzione di conferire uno “sguardo”
espressivo anche alla parte posteriore, dove i fanali si inseriscono con grande naturalezza e dialogano
con gli altri stilemi: per esempio l’ampio lunotto avvolgente che si appoggia dolcemente sul volume
inferiore.
E’ grazie anche all’andamento rastremato del lunotto se il volume di coda acquista possanza e grande
robustezza.
Questa è una caratteristica inconsueta in questo genere di vetture, della missione funzionalità,
connotando normalmente vetture da Granturismo.
Il risultato che ne consegue è la percezione di una spalla robusta, che emerge soprattutto nelle viste di
tre quarti, enfatizzata dalla posizione decentrata e avvolgente dei gruppi ottici posteriori.

5 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

La sportività della coda è accentuata dall’ampio guscio di protezione antracite, che emerge dalla parte
inferiore del paraurti e si incastona nel caratteristico modellato ad Omega, rendendo plastiche le
superfici in un contesto di estrema pulizia estetica.
L’interno riflette l’intenzione di trattare gli elementi di arredo con lo stesso gusto e con l’estetica
scultorea che caratterizza il design della carrozzeria.
La plancia, per esempio, di impronta moderna e raffinata, appare mossa da un susseguirsi equilibrato
di modellati e di superfici plastiche, senza mai togliere la sensazione di grande essenzialità di disegno.
La sua concezione è assolutamente innovativa: in un impianto “driver oriented” si inserisce l’ampia
fascia finemente rivestita, che incornicia il quadro strumenti e la completa consolle centrale.

1.2 DIMENSIONI
Esterne

Anche le dimensioni esterne sono conseguenza delle attese di mercato e delle conseguenti scelte di
stile.
In particolare si noti che l’altezza vettura risulta intermedia a quelle di Stilo 3 e 5 porte coniugando
obiettivi di spaziosità con quelli di dinamicità evidenziati dall’aspetto estetico dell’auto. Anche la
larghezza delle carreggiate e di tutto il corpo vettura al vertice della categoria sono chiari indizi delle
ottime doti di dinamica che si provano guidando l’auto e del senso di confort e protezione che si vive a
bordo.

In tabella vengono riportate le dimensioni esterne di Bravo e confrontate con quelle dell’attuale Stilo e
delle principali vetture della concorrenza.

L101 L103 L104 L105 H100 W103 W101 W102


BRAVO 2600 4336 974 762 1497 1792 1536 1532
STILO 3P 2600 4185 887 698 1454 1786 1514 1508
STILO 5P 2600 4256 896 760 1517 1756 1514 1508
FOCUS ‘05 2640 4342 871 831 1489 1740 1535 1531
PEUGEOT 307 2608 4202 878 716 1532 1755 1509 1505
ASTRA ‘05 2614 4249 871 764 1467 1754 1483 1470
GOLF V 2578 4204 880 746 1485 1759 1539 1528
CITROEN C4 2608 4255 935 712,5 1473,5 1766 1505 1497
MEGANE 5P 2623 4210 845 742 1464 1777 1518 1514

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 6 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Interne

Dimensioni interne di Bravo rispetto alla concorrenza

L61 H30-1 H61-1 W3-1 L50 L51-2 H30-2 H61-2 W3-2


BRAVO 913 274 986 1410 793 900 311 960 1385
STILO 3P 916 253 986 1412 783 888 311 940 1378
STILO 5P 896 298 987 1412 803 928 351 956 1365
FOCUS ‘05 926 298 998 1408 786 908 332 978 1385
PEUGEOT 307 928 302 1011 1410 763 873 328 979 1380
ASTRA ‘05 945 283 989 1370 793 897 309 975 1342
GOLF V 932 279 987 1390 803 901 321 979 1348
CITROEN C4 946 268 993 1406 768,5 810 308,5 938 1348
MEGANE 5P 962,8 259 988 1395 751 809 302 980 1348

7 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il confronto con la concorrenza pone la Bravo ai vertici del segmento in termini di abitabilità. Dall’analisi
infatti emerge che lo spazio verticale e trasversale è decisamente superiore alla media del segmento e
le misure relative alla larghezza interna risultano addirittura le migliori della categoria.
Il confronto con La Grande Punto evidenzia il salto di categoria esistente tra le due vetture e la netta
maggior spaziosità di Bravo.

W20-1 W20-2 W27-1 W27-2 W3-1 W3-2


BRAVO 350 333 72 63,3 1410 1385
GRANDE PUNTO 330 312 54 57 1365 1300

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 8 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

1.3 ALLESTIMENTI

Sono 4 gli allestimenti disponibili su Bravo:

Active Æ allestimento base


Dynamic Æ allestimento intermedio
Elegance Æ allestimento top con caratterizzazione confortevole ed elegante
Sport Æ allestimento top con caratterizzazione sportiva

Active

Maniglie esterne porta in colore nero opaco


Specchi retrovisori esterni in colore nero opaco
Maniglie interne porta in colore nero opaco
Anelli cromati su bocchette di aerazione
Inserti cromati su appoggiabraccio porta
Plancia con fascia tipo "spazzolato" in colore grigio antracite
Sedili e pannelli porta in tessuto axel in 2 varianti (grigio o blu)

9 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Dynamic (differenze rispetto all’allestimento Active)

Maniglie esterne porta in tinta carrozzeria


Specchi retrovisori esterni in tinta carrozzeria
Maniglie interne porta in cromo
Anelli cromati su strumentazione
Cornice cuffia cambio cromata
Anello gemma cambio cromata
Plancia con fascia tipo quadrettato "carbon look" in 3 varianti di colore (grigio antracite, avio o
marmotta)
Sedili e pannelli porta in tessuto inox in 3 varianti di colore (grigio, avio o marmotta) rispettivamente
abbinati alla fascia dello stesso colore

Elegance (differenze rispetto all’allestimento Dynamic)

Maniglie esterne porta in tinta cromo


Cornice cromata su mostrina maniglie interne porta
Raschiavetro cromato
Plancia con fascia tipo quadrettato "carbon look" in 3 varianti di colore (grigio antracite, avio o
marmotta)
Sedili e pannelli porta in tessuto tecnotweed in 3 varianti di colore (grigio, avio o marmotta)
rispettivamente abbinati alla fascia dello stesso colore

Sport (differenze rispetto all’allestimento Elegance)

Maniglie esterne in body color


Minigonne e spoiler
Maniglie interne apriporta in tinta nero metallizzato
Raschievetro nero
Assetto specifico
Pedaliera sportiva
Pinze freno verniciate
Tubo di scarico cromato
Quadro strumenti specifico
Volante sportivo con cucitura rossa o blu, freno a mano con cucitura rossa o blu, leva cambio con
cucitura rossa o blu
Comandi audio al volante con mostrina in tinta nero metallizzato
Plancia con fascia tipo quadrettato "carbon look" in colore nero
Sedili e pannelli porta in tessuto sail in colore nero con cuciture rosse o blu (abbinate con cuciture
volante, freno a mano e leva cambio)
Tasto Sport (vers. 1,4 T 150 cv bz)

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 10 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

1.4 MOTORIZZAZIONI

La Fiat Bravo è equipaggiata al lancio commerciale con le seguenti motorizzazioni:

Motore 1.4 Benzina 90CV (66 KW).


Motore 1.9 Multijet 120 CV (88KW).
Motore 1.9 Multijet 150 CV (110KW).

nella tabella sottostante sono riportati gli accoppiamenti motore-cambio per il veicolo in questione:

Motorizzazione Frizione Cambio


1.4 90CV AP C514
1.9 120CV Valeo C530
1.9 150CV Valeo C530

Nel corso del 2007 arriveranno i motori 1.4 Turbo da 120 e 150 cavalli e il motore 1.6 Multijet a
completamento della gamma disponibile per questa vettura.

1.5 SICUREZZA

Fiat Bravo ha l’obiettivo di raggiungere l’eccellenza nella sicurezza con un raiting di:
5 Protezione Adulti
3 Urto Pedoni
4 Protezione Bambino

Model Year Adult Occupant Rating Pedestrian Test Child Protection


Rating Rating
Audi A3 2003

Citroën C4 2004

Fiat Stilo 2005

Ford Focus 2004

Mazda 3 2006

Nissan Almera 1.4 GX 1999

Opel/Vauxhall Astra 2004

Peugeot 307 2001

Renault Mégane 2003

Seat León 2005

Toyota Corolla 2003

Volkswagen Golf 2004

11 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

1.6 ERGONOMIA E COMFORT

La Bravo ha fatto anche dell’ergonomia e del comfort i suoi cavalli di battaglia privilegiando le esigenze
di accessibilità, di abitabilità e di accomodamento passeggeri. A tal proposito hanno concorso a
rendere maggiormente vivibile l’abitacolo, e confortevole l’accomodamento interno diverse componenti:

Ergonomiche

• la posizione della pedaliera,


• l’allineamento del volante,
• l’adeguato posizionamento del piano appoggiabraccio,
• la corretta posizione del piano appoggiapiedi,
• l’ottima raggiungibilità e manovrabilità del pomello cambio
• la piena visibilità della strumentazione e dei principali comandi di guida
• i sedili ottimamente profilati e avvolgenti che, sia nella configurazione normale che Sport, contengono
adeguatamente il corpo anche nelle situazioni di guida più dinamiche.

Confortevoli

ƒ Isolamento del rumore entrante in abitacolo


ƒ Rumorosità interne
ƒ Filtraggio delle vibrazioni e rumore di rotolamento
ƒ Sensibilità acustica all’eccitazione trasmessa per via solida
ƒ Compattezza vettura sulle asperità stradali
ƒ Sistemi dinamici: motore, aspirazione e scarico

In questo modo la nuova vettura ha ottenuto un elevato livello di comfort in linea con la migliore
concorrenza salvaguardando lo stile e le prestazioni dell’auto.

1.7 ERGONOMIA E ABITABILITÀ

Nella fase di analisi dei componenti dell’abitacolo, il cliente sembra fondare la sua valutazione del
benessere a bordo pressoché esclusivamente dal posto guida.
La zona circostante il posto guida (ed i componenti in essa presenti) si configura quindi come la
porzione di superficie dell’abitacolo massimamente significativa per consentire al cliente di pervenire
ad un giudizio finale circa il benessere che l’interno nel suo insieme sarà in grado di offrirgli.
Di fatto, è in questa zona che si concentra la quasi totalità dei componenti spontaneamente citati dal
target come “caratteristiche dell’abitacolo più importanti nella determinazione del benessere a bordo”.
Lo studio dell’ergonomia punta, quindi, a raggiungere questi obiettivi :

• Diminuzione degli stadi transitori biocritici: caldo, freddo, umidità, scarso ricambio d’aria
• Diminuzione sotto i livelli percettibili e biologicamente fastidiosi dei disturbi: rumore, campi
elettromagnetici, fastidio da velocità dell'aria, radiazioni ionizzanti, miscele olfattive sgradevoli, bassa
igiene dell'aria, presenza di allergeni, ecc..
• Reintegro continuo di aria fresca biocontrollata
• Sorveglianza continua, e non intrusiva, di tutti i parametri biologici significativi degli occupanti
• Regolazione della qualità interna dell'abitacolo, regolabile e personalizzabile nel tempo e nello spazio,
adattabile alle diverse esigenze biologiche e fisiologiche dei singoli occupanti.
• Aria priva di inquinanti chimico/fisico/biologici sotto le concentrazioni biosuscettibili in ogni condizione
• Eliminazione della complessità di regolazione manuale e facilitazione dei comandi
• Adattamento continuo di sistemi di guida e controllo, sia a livello globale che di singola postazione di
seduta, alle diverse condizioni d'uso, d'ambiente e di stato psicofisico

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 12 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

• Spaziosità: capacità di accomodare l’utente nell'ambito della migliore postura (attinente al comfort) e
spaziosità (attinente alla gradevolezza).
• Accessibilità: è la capacità di consentire il movimento di ingresso/uscita (verso anello porta, brancardo,
ingombri interni) con i minimi cambiamenti posturali e la maggior naturalezza possibile (verticale,
trasversale, longitudinale, percettivo)

Nel caso di Bravo l’ergonomia è al centro dell’attenzione. Infatti si è raggiunto un ottimo bilanciamento
tra le prerogative di Stile/Sicurezza e le irrinunciabili esigenze del Cliente in termini di abitabilità, di
accessibilità, di visibilità interna (come la ottima disposizione dei comandi tutti visibili e a portata di
mano) e la visibilità esterna favorita dalle generose dimensioni degli specchietti esterni.
La Bravo è in grado di accogliere comodamente clienti di tutte le taglie, con risultati ottenuti, tra l'altro,
senza pregiudicare la capacità del bagagliaio, che è al top della categoria con oltre 400 litri nella
configurazione normale di marcia con 5 passeggeri.
"Star bene a bordo", infatti, significa sì trovare tanto spazio, ma bisogna sopratutto trovarlo là dove
serve; La Bravo ha valori volumetrici di spazio abitabile (“cubatura”) ai vertici della categoria. Inoltre
dona ai sui “ospiti” un senso di protezione determinato anche dalla qualità dei materiali che rivestono
l’abitacolo.
Da sempre qualità vincenti, queste caratteristiche diventano ancor più importanti oggi, nel momento in
cui aumenta il tempo trascorso in automobile, si diffonde l'abitudine a vetture di segmenti superiori (e
quindi più spaziose), cresce l'altezza media della popolazione. La Bravo raggiunge risultati eccellenti in
termini di abitabilità trasversale per le spalle sia ai posti anteriori che ai posti posteriori raggiungendo
valori dimensionali al vertice del segmento C in tutti i campi: dall'abitabilità all'accessibilità, dalla
visibilità alla facilità d'uso. Questo significa poter salire e scendere dalla vettura in modo facile e
comodo e, una volta accomodati sui sedili, avere intorno a sé un ambiente confortevole e protettivo.
Su Fiat Bravo si è posta particolare attenzione alla postura degli occupanti e alla configurazione dei
sedili. In particolare la posizione della pedaliera, l’allineamento del volante, la corretta posizione del
piano appoggiapiedi, l’ottima manovrabilità del pomello cambio e la piena visibilità della strumentazione
e dei principali comandi di guida rendono facile e piacevole la guida. I sedili ottimamente profilati e
avvolgenti contengono adeguatamente il corpo anche nelle situazioni di guida più dinamiche.
Il profilo dell'abitacolo ospita comodamente cinque passeggeri.
L’attività di impostazione del veicolo è stata svolta secondo i più moderni criteri di definizione delle
funzioni ergonomiche fondamentali, in coerenza con i prerequisiti stilistici e di sicurezza:
• Spaziosità e volume interno
• Abitabilità
• Accessibilità
• Visibilità
• Vano di carico
• Usabilità
A queste funzioni corrispondono parametri che misurano la capacità dell’auto di rispondere alle
esigenze di benessere a bordo del veicolo.
Qui di seguito si analizzano le dimensioni succitate che dimostrano la situazione di Bravo verso i
principali concorrenti.

1.8 SPAZIOSITÀ E VOLUME INTERNO

Lo spazio interno di Bravo è il risultato di un buon bilanciamento dei volumi dell’abitacolo e che quasi
sorprende vedendo la vettura all’esterno, con la sua compattezza e dinamicità .
I parametri che declinano la postura, la posizione del posto di guida e dei posti dedicati ai passeggeri
nelle varie possibilità di utilizzo della vettura, l’abitabilità complessiva del modello, e lo spazio
volumetrico interno a disposizione degli occupanti sono stati ottimizzati in funzione di un bilanciamento
tra stile esterno e volume interno disponibile.
Per quanto riguarda lo spazio volumetrico interno a disposizione degli occupanti il progetto Bravo si
posiziona ai vertici della propria categoria.
La volumetria interna risulta dal rapporto delle dimensioni di abitabilità anteriore e posteriore relative
allo spazio in verticale, (tra sedile e padiglione al posto anteriore e posteriore H61-1 e H61-2 , e tra

13 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

sedile e pavimento al posto anteriore e posteriore H30-1 e H30-2), in longitudinale (tra acceleratore e
p.to H anteriore L61 e tra i due p.ti H L50-1), la spaziosità alle gambe anteriori e posteriori (L34 ed
L51) e la spaziosità in trasversale (distanza tra i pannelli W3-1 e W3-2).
Queste dimensioni di abitabilità sono misurate secondo quanto previsto dalla GCIE List (Global Car
Information Exchange group, lista di quote/dimensioni di interscambio dati tra case costruttrici).
Anche analizzando le singole dimensioni di abitabilità misurate secondo la GCIE List emerge che il
progetto Bravo è ai vertici della categoria.

1.9 VANO BAULE

Il bagagliaio molto regolare è stato studiato ricercando il miglior compromesso tra stile esterno e
volumetria interna e ha raggiunto oltre 400 lt in configurazione 5 posti e fino a 1175 litri in
configurazione 2 posti.
Verifiche virtuali hanno permesso di definire un volume di carico ampio e realmente sfruttabile.
Versatilità d’uso è consentita anche grazie alla possibilità di reclinare il sedile posteriore in modo da
avere un ampio piano di carico. Lo sdoppiamento del sedile consente inoltre di trasportare oggetti
ingombranti mantenendo la capacità di trasporto di 3 o 4 passeggeri.

volume baule con 5 persone

425
400
375
350
V210
325
300
275
250
7

5p
5P

A
5
3P

5P

5
30

C
V
ST o

S1

`0

`0

LL
av

EN
LF
A3
O

E
S

RO
A
W

EO
Br

AN
IL

IL

CU

TR

O
BM
DI
ST

CO
TR
G

EG
AS
FO
AU

CI

M
PE

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 14 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Ruote e Pneumatici

2. DATI TECNICI
2.1 MOTORE

Tipo motore
1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)
Codice tipo 192B2000 192A8000 937A5000
Anteriore Anteriore Anteriore
Posizione
Trasversale Trasversale Trasversale
N° cilindri 4 4 4
Disposizione
In linea In linea In linea
cilindri
N° valvole per
4 2 4
cilindro
Ciclo Benzina Diesel Diesel
Distribuzione 2ACT 1ACT 2ACT
Alimentazione Benzina Diesel Diesel
carburante MPI Common Rail Common Rail

15 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Dati motore
1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)
Alesaggio (mm) 72 82 82
Corsa (mm) 84 90.4 90.4
Cilindrata totale
1368 1910 1910
(cm³)
Rapporto di
11 : 1 18 ± 0,5 : 1 17.5 ± 0,5 : 1
compressione
Potenza massima
66/90 88 / 120 110 / 150
(KW /CV)
Regime di potenza
5800 4000 4000
massima (giri/1’)
Coppia massima
13 / 128 26 / 255 31 / 305
(kgm / Nm)
Regime coppia
4500 2000 2000
massima (giri/1’)

Iniezione

1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)

Tipo Bosch Me7.3.H4 Bosch EDC16c39 Bosch EDC16c39

Ordine di
1-3-4-2 1-3-4-2 1-3-4-2
iniezione

2.2 FRIZIONE

1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)


Tipo Monodico a secco Monodico a secco Monodico a secco
Azionamento A spinta A spinta A spinta
Idraulico con Idraulico con
Comando Idraulico attuatore interno attuatore interno
coassiale coassiale
Fornitore AP Valeo Valeo

2.3 CAMBIO

1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)


Tipo C514 C530 C530

Sono presenti sincronizzatori su tutte le marce avanti.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 16 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

2.4 FRENI

Impianto frenante
1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)
Idraulico Idraulico Idraulico
Tipo
servoassistito servoassistito servoassistito
Diametro cilindro
servofreno 10” 10” 10”

Impianto
antibloccaggio BOSCH 8.1 BOSCH 8.1 BOSCH 8.1

Freni anteriori

1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)

Tipo disco Ventilato Ventilato Ventilato


Diametro
257 284 281
disco (mm)
Spessore
nominale 22 22 26
(mm)
Diametro
pistoncino 54 52 57
pinza (mm)

Freni posteriori

1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)

Tipo disco Non Ventilato Non Ventilato Non Ventilato


Diametro
251 251 251
disco (mm)
Spessore
nominale 10 10 10
(mm)

17 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

2.5 IDENTIFICAZIONE VEICOLO

Le targhette e le marcature di identificazione veicolo sono ubicati sulla vettura come nella figura
seguente:

1. Targhetta riassuntiva dei dati di identificazione


2. Marcatura dell’autotelaio
3. Targhetta di identificazione vernice carrozzeria
4. Marcatura del motore

La marcatura dell’autotelaio è stampigliata sul pianale dell’abitacolo, vino al sedile anteriore destro

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 18 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

2.6 DIMENSIONI VETTURA

A B C D E F G H
4336 974 2600 762 1498 1538 1792 1532

19 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3.MOTORE

3.1 DESCRIZIONE MOTORE 1.4 16V

CARATTERISTICHE 1.4 16V 90cv


Cilindrata (cc) 1368
Numero cilindri 4
Valvole per cilindro 4
Sistema di aspirazione Motore aspirato
Potenza massima (cv/Kw) 90 / 66 a 6000 rpm
Coppia massima (Nm) 127 a 4500 rpm
Alesaggio (mm) 72
Corsa (mm) 84
Rapporto di compressione 11:1
Peso (Kg) 100
Dimensioni mm (L-W-H) 475 – 442 - 689
Emissioni Euro 4
Basamento In ghisa – closed deck
Testa In alluminio
Sovratesta In alluminio
A cinghia dentata con tenditore
Distribuzione
automatico
MPI – sensore pressione assoluta
Iniezione
– corpo farfallato motorizzato
Stabilimento produttivo Termoli (Italia)

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 20 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3.2 DESCRIZIONE MOTORE 1.9 8V Multijet

CARATTERISTICHE 1.9 8V 120 cv Multijet


Cilindrata (cc) 1910
Alesaggio (mm) 82
Corsa (mm) 90.4
Testa cilindri in lega di alluminio, due valvole per cilindro
Basamento in ghisa tipo closed deck
Albero motore in ghisa, 5 supporti di banco, 8 contrappesi
Distribuzione - un albero a camme in testa comandato da cinghia dentata
- punterie meccaniche
Alimentazione -iniezione diretta con turbocompressore a geometria Variabile con intercooler
-sistema controllo motore Multijet
Potenza massima 120 / 88 a 4000 rpm
(cv/Kw)
Coppia massima (Nm) 255 Nm a 2000 rpm
Dispositivi anti- EGR lineare, raffreddata, pilotata direttamente dalla centralina controllo
inquinamento: motore Bosch EDC16c39
- precatalizzatore 0.6 I ad elevato contenuto di metalli nobili (140gr/ft3)
- trappola particolato catalizzata sottopianale 4 lt con contenuto metalli
nobili (70 gr/ft3) Æ la rigenerazione viene attivata tramite la post
iniezione
Lubrificazione forzata, pompa ad ingranaggi
Radiatore acqua olio ad ugelli di raffreddamento pistoni
Raffreddamento Forzato con pompa centrifuga
Sovralimentazione Turbocompressore Garrett VGT 17 a Geometria variabile con intercooler,
farfalla di parzializzazione gestita da centralina per miglioramento della portata
di ricircolo del gas di scarico e per funzione antiscuotimento allo spegnimento
motore.

21 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Schema elettrico gestione motore 1.9 Multijet 8v

Versione con DPF


E5050

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 22 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

23 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 24 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE
La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione
elettronica.
L''alimentazione sotto chiave giunge dalla linea protetta dal fusibile F16 della centralina vano motore
B1 al pin 28 del connettore A di M10.
I pin 2, 4 e 6 del connettore A di M10 sono a massa.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta
dal fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:
- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17di B1;

- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;

- alle elettrovalvole L30, L36, L62, alla centralina M15 attraverso la linea dal fusibile F11 di B1.

Il teleruttore pompa combustibile T10 di B1 viene alimentato dalla linea del fusibile F21 di B1. Esso
viene eccitato con un segnale di comando (massa) proveniente dal pin 20 del connettore A della
centralina M10 e fornisce l''alimentazione all''elettropompa combustibile N40, che è collegata a massa
attraverso l''interruttore inerziale I50, che in caso di urto interrompe il circuito e quindi ferma pericolose
l''erogazione di combustibile.

La centralina M15, che gestisce il preriscaldo delle candelette A40, è alimentata - connettore A -
direttamente dalla batteria attraverso la linea protetta dal MAXIFUSE F5 di B1.
Essa è alimentata - connettore C - dalla linea del fusibile F11 di B1, e scambia i segnali di comando e
controllo con i pin 52 e 93 del connettore A di M10 che ne controlla la temporizzazione. Il connettore B
si collega alla candelette A40.
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore.
Il sensore di giri K46 fornisce, attraverso segnale in frequenza scambiati con i pin 12 e 27 del
connettore B della centralina M10, informazioni circa il regime del motore.
Il sensore di fase K47 è alimentato dal pin 11 del connettore B di M10. Esso riceve una massa di
riferimento dal pin 20 del connettore B della centralina M10 ed in via ad essa un segnale in frequenza
corrispondente alla fase al pin 50 del connettore B.
Il sensore temperatura motore K36, riceve una massa di riferimento dal pin 41 del connettore B della
centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura del liquido del motore al pin 58
del connettore B.
Il misuratore portata d''aria K41 - alimentato "sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2 - riceve
dal pin 44 del connettore B di M10 una massa di riferimento, ed invia al pin 42 del connettore B un
segnale proporzionale alla portata d''aria.
All''interno di K41 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale di temperatura
aria al pin 37 del connettore B di M10.
Il pedale acceleratore K55 è dotato di due potenziometri integrati (uno principale ed uno di sicurezza).
Il primo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 30 e 45 del connettore A di M10 ed invia
il segnale corrispondente al pin 9.
Il secondo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 46 e 8 del connettore A di M10 ed
invia il segnale al pin 31.
Il sensore di temperatura combustibile - integrato nel filtro gasolio K101 - rileva la temperatura del
gasolio in entrata. Esso riceve una massa di riferimento dal pin 10 del connettore A di M10 ed invia al
pin 11 della stessa il segnale di temperatura combustibile.
Il sensore sovralimentazione K44 rileva la pressione e la temperatura nel cassoncino di aspirazione, a
valle del turbocompressore. Esso è alimentato dal pin 13 del connettore B di M10 e riceve dal pin 23
del connettore B una massa di riferimento.
Il segnale corrispondente al valore di pressione viene inviato al pin 40 del connettore B della centralina.
All''interno di K44 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale al pin 53 del
connettore B di M10.

25 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il sensore pressione combustibile K83 ha il compito di fornire alla centralina di iniezione un segnale di
feedback per regolare la pressione e la durata dell''iniezione.
Esso riceve l''alimentazione e la massa di riferimento rispettivamente dai pin 28 e 8 del connettore B di
M10; invia poi il segnale sulla pressione al pin 43.
Il regolatore di pressione combustibile posto sulla pompa N77 controlla l''alta pressione generata dalla
pompa stessa; i due segnali di controllo provengono dai pin 19 e 49 del connettore B della centralina
M10.
L''elettrovalvola EGR L30 controlla il ricircolo dei gas di scarico; è alimentata dalla linea del fusibile F11
di B1, e viene comandata da un segnale del pin 60 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola comando geometria variabile turbina L36 regola il funzionamento della turbina in
funzione del carico del motore: è alimentata dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandata da un
segnale del pin 15 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola corpo farfallato L62 controlla l''apertura della farfalla tramite un motorino "passo- asso";
il motorino è alimentato dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandato da un segnale del pin 59
del connettore B di M10; dai pin 39 e 52 del connettore B di M10 partono i segnali di controllo della
elettrovalvola.
La centralina controllo motore invia il comando agli iniettori N70 dai pin 16-47, 2-31, 1-46, 17-33 del
connettore B di M10 rispettivamente per i cilindri 1, 2, 3 e 4.
Il pin 17 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore luci stop I30 - contatto N.
A. - , alimentato "sotto chiave" dal fusibile F37 della centralina B2.; riceve invece al pin 80 del
connettore A di M10 il segnale - contatto N. C. - proveniente dall''interruttore luci stop I30, alimentato
"sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2.
ll pin 79 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore frizione I31.
La centralina M10 riceve - al pin 56 del connettore B -- il segnale del sensore minima pressione olio
motore K30.
Il sensore di presenza acqua nel filtro gasolio - integrato nel filtro K101 - è alimentato "sotto chiave" dal
fusibile F35 della centralina B2 - invia il corrispondente segnale al pin 74 del connettore A di M10.
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1 - pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10
attraverso l''''apposita linea diagnostica
Il sistema di autodiagnosi della centralina M10 genera anche un segnale - che esce pin 71 del
connettore A - che si collega direttamente alla spia "EOBD", posta nel quadro strumenti E50.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN - pin 83-84 del connettore A di M10 - al Body Computer
M1 e agli altri nodi della rete: attraverso questo collegamento invia informazioni circa:
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e agli altri nodi della rete:
attraverso questo collegamento invia informazioni circa

- temperatura acqua motore, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce l''indicatore e la
spia relativi;

- giri motore, che viene inviata al contagiri del quadro strumenti E50;

- minima pressione olio motore, che vengono inviati al quadro strumenti E50 che gestisce la spia e
relative segnalazioni;

- preriscaldo candelette, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la spia relativa;

- presenza acqua nel filtro gasolio, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la relativa
indicazione sul display.

Riceve invece, sempre via CAN il segnale tachimetrico, generato dalla centralina ABS M50.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 26 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

E5070
DPF

27 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE DPF

La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione elettronica.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta dal
fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:
- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17 di B1;
- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore, in particolare, per la gestione del funzionamento della trappola del
particolato sono presenti tre sensori specifici.
Il sensore pressione differenziale FAP K187 riceve una alimentazione dalla centralina M10 dal pin 44 del
connettore A, una massa di riferimento dal pin 37 del connettore A, ed invia un segnale proporzionale alla
pressione al pin 36 del connettore A di M10.
Il sensore temperatura catalizzatore a monte K189, riceve una massa di riferimento dal pin 35 del
connettore A della centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura rilevata al pin 34
del connettore A della centralina M10.
Il sensore temperatura catalizzatore a valle K190, riceve una massa di riferimento dal pin 33 del connettore
A della centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura rilevata al pin 32 del
connettore A della centralina M10.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e al quadro strumenti E50,
comandando così l''accensione della spia "filtro intasato" e le relative visualizzazioni sul display.
La centralina M10 si collega direttamente al quadro strumenti E50 con un segnale - che esce pin 71 del
connettore A di M10 - che si collega alla spia "EOBD".
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body Computer
M1- pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10 attraverso l''''apposita
linea diagnostica, attraverso la quale "passa" anche il comando per eseguire la rigenerazione forzata
tramite lo strumento di diagnosi (Examiner).

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 28 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Versioni senza DPF


E5050

29 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 30 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

31 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE

La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione
elettronica.
L''alimentazione sotto chiave giunge dalla linea protetta dal fusibile F16 della centralina vano motore
B1 al pin 28 del connettore A di M10.
I pin 2, 4 e 6 del connettore A di M10 sono a massa.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta
dal fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:

- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17di B1;

- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;

- alle elettrovalvole L30, L36, L62; alla centralina M15 e alla sonda lambda K40 attraverso la linea dal
fusibile F11 di B1.

Il teleruttore pompa combustibile T10 di B1 viene alimentato dalla linea del fusibile F21 di B1. Esso
viene eccitato con un segnale di comando (massa) proveniente dal pin 20 del connettore A della
centralina M10 e fornisce l''alimentazione all''elettropompa combustibile N40, che è collegata a massa
attraverso l''interruttore inerziale I50, che in caso di urto interrompe il circuito e quindi ferma pericolose
l''erogazione di combustibile.
La centralina M15, che gestisce il preriscaldo delle candelette A40, è alimentata - connettore A -
direttamente dalla batteria attraverso la linea protetta dal MAXIFUSE F5 di B1.
Essa è alimentata - connettore C - dalla linea del fusibile F11 di B1, e scambia i segnali di comando e
controllo con i pin 52 e 93 del connettore A di M10 che ne controlla la temporizzazione. Il connettore B
si collega alla candelette A40.
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore.
Il sensore di giri K46 fornisce, attraverso segnale in frequenza scambiati con i pin 12 e 27 del
connettore B della centralina M10, informazioni circa il regime del motore.
Il sensore di fase K47 è alimentato dal pin 11 del connettore B di M10. Esso riceve una massa di
riferimento dal pin 20 del connettore B della centralina M10 ed in via ad essa un segnale in frequenza
corrispondente alla fase al pin 50 del connettore B.
Il sensore temperatura motore K36, riceve una massa di riferimento dal pin 41 del connettore B della
centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura del liquido del motore al pin 58
del connettore B.
Il misuratore portata d''aria K41 - alimentato "sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2 - riceve
dal pin 44 del connettore B di M10 una massa di riferimento, ed invia al pin 42 del connettore B un
segnale proporzionale alla portata d''aria.
All''interno di K41 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale di temperatura
aria al pin 37 del connettore B di M10.
Il pedale acceleratore K55 è dotato di due potenziometri integrati (uno principale ed uno di sicurezza).
Il primo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 30 e 45 del connettore A di M10 ed invia
il segnale corrispondente al pin 9.
Il secondo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 46 e 8 del connettore A di M10 ed
invia il segnale al pin 31.
Il sensore di temperatura combustibile - integrato nel filtro gasolio K101 - rileva la temperatura del
gasolio in entrata. Esso riceve una massa di riferimento dal pin 10 del connettore A di M10 ed invia al
pin 11 della stessa il segnale di temperatura combustibile.
Il sensore sovralimentazione K44 rileva la pressione e la temperatura nel cassoncino di aspirazione, a
valle del turbocompressore. Esso è alimentato dal pin 13 del connettore B di M10 e riceve dal pin 23
del connettore B una massa di riferimento.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 32 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il segnale corrispondente al valore di pressione viene inviato al pin 40 del connettore B della centralina.
All''interno di K44 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale al pin 53 del
connettore B di M10.
Il sensore pressione combustibile K83 ha il compito di fornire alla centralina di iniezione un segnale di
feedback per regolare la pressione e la durata dell''iniezione.
Esso riceve l''alimentazione e la massa di riferimento rispettivamente dai pin 28 e 8 del connettore B di
M10; invia poi il segnale sulla pressione al pin 43.
La sonda lambda K40 invia i segnali ai pin 64, 65 e 87 del connettore A di M10, mentre il pin 86
fornisce la massa di riferimento. La sonda K40 viene riscaldata con una resistenza, in modo da
assicurarne un corretto funzionamento anche a freddo. La resistenza è alimentata dalla linea del
fusibile F11 di B1 e riceve un segnale di massa dal pin 51 del connettore A della centralina M10.
Il regolatore di pressione combustibile posto sulla pompa N77 controlla l''alta pressione generata dalla
pompa stessa; i due segnali di controllo provengono dai pin 19 e 49 del connettore B della centralina
M10.
L''elettrovalvola EGR L30 controlla il ricircolo dei gas di scarico; è alimentata dalla linea del fusibile F11
di B1, e viene comandata da un segnale del pin 60 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola comando geometria variabile turbina L36 regola il funzionamento della turbina in
funzione del carico del motore: è alimentata dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandata da un
segnale del pin 15 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola corpo farfallato L62 controlla l''apertura della farfalla tramite un motorino "passo- asso";
il motorino è alimentato dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandato da un segnale del pin 59
del connettore B di M10.
La centralina controllo motore invia il comando agli iniettori N70 dai pin 16-47, 2-31, 1-46, 17-33 del
connettore B di M10 rispettivamente per i cilindri 1, 2, 3 e 4.
Il pin 17 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore luci stop I30 - contatto N.
A. - , alimentato "sotto chiave" dal fusibile F37 della centralina B2.; riceve invece al pin 80 del
connettore A di M10 il segnale - contatto N. C. - proveniente dall''interruttore luci stop I30, alimentato
"sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2.
ll pin 79 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore frizione I31.
La centralina M10 riceve - al pin 56 del connettore B -- il segnale del sensore minima pressione olio
motore K30.
Il sensore di presenza acqua nel filtro gasolio - integrato nel filtro K101 - è alimentato "sotto chiave" dal
fusibile F35 della centralina B2 - invia il corrispondente segnale al pin 74 del connettore A di M10.
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1 - pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10
attraverso l''''apposita linea diagnostica
Il sistema di autodiagnosi della centralina M10 genera anche un segnale - che esce pin 71 del
connettore A - che si collega direttamente alla spia "EOBD", posta nel quadro strumenti E50.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN - pin 83-84 del connettore A di M10 - al Body Computer
M1 e agli altri nodi della rete: attraverso questo collegamento invia informazioni circa:
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e agli altri nodi della rete:
attraverso questo collegamento invia informazioni circa:
- temperatura acqua motore, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce l''indicatore e la
spia relativi;

- giri motore, che viene inviata al contagiri del quadro strumenti E50;

- minima pressione olio motore, che vengono inviati al quadro strumenti E50 che gestisce la spia e
relative segnalazioni;

- preriscaldo candelette, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la spia relativa;

- presenza acqua nel filtro gasolio, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la relativa
indicazione sul display.

Riceve invece, sempre via CAN il segnale tachimetrico, generato dalla centralina ABS M50.

33 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Legenda componenti

A040. Candelette preriscaldo


B001. Centralina derivazione vano motore
B002. Centralina derivazione sotto plancia
B099. Scatola pmaxi-fuse su batteria
C001. Massa batteria
C010. Massa anteriore sinistra
C020. Massa plancia lato passeggero
C038. Massa su tunnel centrale
D001. Giunzione anteriore/plancia
D004. Giunzione anteriore/motore
E050. Quadro strumenti
H001. Commutatore di accensione
I030. Interruttore pedale freno
I031. Interruttore pedale frizione
I050. Interruttore inerziale
K030. Sensore pressione olio motore
K036. Sensore temperatura acqua motore
K040. Sonda lambda
K041. Misuratore portata aria
K044. Sensore pressione e temperatura aria aspirata
K046. Sensore giri
K047. Sensore fase
K055. Potenziometro pedale acceleratore
K083. Sensore pressione combustibile
K101. Sensore temperatura combustibile
K187. Sensore pressione differenziale DPF
K189. Sensore temperatura filtro articolato (DPF) a monte
K190. Sensore temperatura filtro articolato (DPF) a valle
L030. Elettrovalvola EGR
L036. Elettrovalvola comando geometria variabile turbina
L062. Corpo farfallato
M001. Body computer
M010. Centralina controllo motore
M015. Centralina preriscaldo candelette
N040. Elettropompa combustibile e misuratore livello carburante
N070. Elettroiniettori
N077. Regolatore combustibile

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 34 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3.3 DESCRIZIONE MOTORE 1.9 16V Multijet

CARATTERISTICHE 1.9 16V 150 cv Multijet


Cilindrata (cc) 1910
Alesaggio (mm) 82
Corsa (mm) 90.4
Testa cilindri in lega di alluminio, due valvole per cilindro tipo cross flow
Basamento in ghisa tipo closed deck
Albero motore in ghisa, 5 supporti di banco, 8 contrappesi
Distribuzione - due alberi a camme in testa, comando a cinghia dentata su un albero e
rinvio sul secondo mediante coppia di ingranaggi
- punterie idrauliche
Alimentazione -iniezione diretta con turbocompressore a geometria Variabile con intercooler
-sistema controllo motore Multijet
Potenza massima 150 / 110 a 4000 rpm
(cv/Kw)
Coppia massima (Nm) 305 Nm a 2000 rpm
Dispositivi anti- EGR lineare, raffreddata, pilotata direttamente dalla centralina controllo
inquinamento: motore Bosch EDC16c39
- precatalizzatore 0.6 I ad elevato contenuto di metalli nobili (140gr/ft3)
- trappola particolato catalizzata sottopianale 4 lt con contenuto metalli
nobili (70 gr/ft3) Æ la rigenerazione viene attivata tramite la post
iniezione
Lubrificazione forzata, pompa ad ingranaggi
Radiatore acqua olio ad ugelli di raffreddamento pistoni
Raffreddamento Forzato con pompa centrifuga
Sovralimentazione Turbocompressore a Geometria variabile con intercooler, farfalla di
parzializzazione gestita da centralina per miglioramento della portata di
ricircolo del gas di scarico e per funzione antiscuotimento allo spegnimento
motore.

35 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Schema elettrico gestione motore 1.9 Multijet 16v

Versioni con DPF


E5050

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 36 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

37 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 38 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE
La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione
elettronica.
L''alimentazione sotto chiave giunge dalla linea protetta dal fusibile F16 della centralina vano motore
B1 al pin 28 del connettore A di M10.
I pin 2, 4 e 6 del connettore A di M10 sono a massa.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta
dal fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:

- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17di B1;

- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;

- alle elettrovalvole L30, L36, L62, alla centralina M15 attraverso la linea dal fusibile F11 di B1.

Il teleruttore pompa combustibile T10 di B1 viene alimentato dalla linea del fusibile F21 di B1. Esso
viene eccitato con un segnale di comando (massa) proveniente dal pin 20 del connettore A della
centralina M10 e fornisce l''alimentazione all''elettropompa combustibile N40, che è collegata a massa
attraverso l''interruttore inerziale I50, che in caso di urto interrompe il circuito e quindi ferma pericolose
l''erogazione di combustibile.
La centralina M15, che gestisce il preriscaldo delle candelette A40, è alimentata - connettore A -
direttamente dalla batteria attraverso la linea protetta dal MAXIFUSE F5 di B1.
Essa è alimentata - connettore C - dalla linea del fusibile F11 di B1, e scambia i segnali di comando e
controllo con i pin 52 e 93 del connettore A di M10 che ne controlla la temporizzazione. Il connettore B
si collega alla candelette A40.
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore.
Il sensore di giri K46 fornisce, attraverso segnale in frequenza scambiati con i pin 12 e 27 del
connettore B della centralina M10, informazioni circa il regime del motore.
Il sensore di fase K47 è alimentato dal pin 11 del connettore B di M10. Esso riceve una massa di
riferimento dal pin 20 del connettore B della centralina M10 ed in via ad essa un segnale in frequenza
corrispondente alla fase al pin 50 del connettore B.
Il sensore temperatura motore K36, riceve una massa di riferimento dal pin 41 del connettore B della
centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura del liquido del motore al pin 58
del connettore B.
Il misuratore portata d''aria K41 - alimentato "sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2 - riceve
dal pin 44 del connettore B di M10 una massa di riferimento, ed invia al pin 42 del connettore B un
segnale proporzionale alla portata d''aria.
All''interno di K41 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale di temperatura
aria al pin 37 del connettore B di M10.
Il pedale acceleratore K55 è dotato di due potenziometri integrati (uno principale ed uno di sicurezza).
Il primo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 30 e 45 del connettore A di M10 ed invia
il segnale corrispondente al pin 9.
Il secondo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 46 e 8 del connettore A di M10 ed
invia il segnale al pin 31.
Il sensore di temperatura combustibile - integrato nel filtro gasolio K101 - rileva la temperatura del
gasolio in entrata. Esso riceve una massa di riferimento dal pin 10 del connettore A di M10 ed invia al
pin 11 della stessa il segnale di temperatura combustibile.
Il sensore sovralimentazione K44 rileva la pressione e la temperatura nel cassoncino di aspirazione, a
valle del turbocompressore. Esso è alimentato dal pin 13 del connettore B di M10 e riceve dal pin 23
del connettore B una massa di riferimento.
Il segnale corrispondente al valore di pressione viene inviato al pin 40 del connettore B della centralina.
All''interno di K44 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale al pin 53 del
connettore B di M10.

39 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il sensore pressione combustibile K83 ha il compito di fornire alla centralina di iniezione un segnale di
feedback per regolare la pressione e la durata dell''iniezione.
Esso riceve l''alimentazione e la massa di riferimento rispettivamente dai pin 28 e 8 del connettore B di
M10; invia poi il segnale sulla pressione al pin 43.
Il regolatore di pressione combustibile posto sulla pompa N77 controlla l''alta pressione generata dalla
pompa stessa; i due segnali di controllo provengono dai pin 19 e 49 del connettore B della centralina
M10.
L''elettrovalvola EGR L30 controlla il ricircolo dei gas di scarico; è alimentata dalla linea del fusibile F11
di B1, e viene comandata da un segnale del pin 60 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola comando geometria variabile turbina L36 regola il funzionamento della turbina in
funzione del carico del motore: è alimentata dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandata da un
segnale del pin 15 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola corpo farfallato L62 controlla l''apertura della farfalla tramite un motorino "passo- asso";
il motorino è alimentato dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandato da un segnale del pin 59
del connettore B di M10; dai pin 39 e 52 del connettore B di M10 partono i segnali di controllo della
elettrovalvola.
La centralina controllo motore invia il comando agli iniettori N70 dai pin 16-47, 2-31, 1-46, 17-33 del
connettore B di M10 rispettivamente per i cilindri 1, 2, 3 e 4.
Il pin 17 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore luci stop I30 - contatto N.
A. - , alimentato "sotto chiave" dal fusibile F37 della centralina B2.; riceve invece al pin 80 del
connettore A di M10 il segnale - contatto N. C. - proveniente dall''interruttore luci stop I30, alimentato
"sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2.
ll pin 79 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore frizione I31.
La centralina M10 riceve - al pin 56 del connettore B -- il segnale del sensore minima pressione olio
motore K30.
Il sensore di presenza acqua nel filtro gasolio - integrato nel filtro K101 - è alimentato "sotto chiave" dal
fusibile F35 della centralina B2 - invia il corrispondente segnale al pin 74 del connettore A di M10.
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1 - pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10
attraverso l''''apposita linea diagnostica
Il sistema di autodiagnosi della centralina M10 genera anche un segnale - che esce pin 71 del
connettore A - che si collega direttamente alla spia "EOBD", posta nel quadro strumenti E50.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN - pin 83-84 del connettore A di M10 - al Body Computer
M1 e agli altri nodi della rete: attraverso questo collegamento invia informazioni circa:
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e agli altri nodi della rete:
attraverso questo collegamento invia informazioni circa

- temperatura acqua motore, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce l''indicatore e la
spia relativi;

- giri motore, che viene inviata al contagiri del quadro strumenti E50;

- minima pressione olio motore, che vengono inviati al quadro strumenti E50 che gestisce la spia e
relative segnalazioni;

- preriscaldo candelette, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la spia relativa;

- presenza acqua nel filtro gasolio, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la relativa
indicazione sul display.

Riceve invece, sempre via CAN il segnale tachimetrico, generato dalla centralina ABS M50.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 40 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

E5070
DPF

41 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE

La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione
elettronica.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta
dal fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:
- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17 di B1;
- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore, in particolare, per la gestione del funzionamento della trappola
del particolato sono presenti tre sensori specifici.
Il sensore pressione differenziale FAP K187 riceve una alimentazione dalla centralina M10 dal pin 44
del connettore A, una massa di riferimento dal pin 37 del connettore A, ed invia un segnale
proporzionale alla pressione al pin 36 del connettore A di M10.
Il sensore temperatura catalizzatore a monte K189, riceve una massa di riferimento dal pin 35 del
connettore A della centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura rilevata al pin
34 del connettore A della centralina M10.
Il sensore temperatura catalizzatore a valle K190, riceve una massa di riferimento dal pin 33 del
connettore A della centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura rilevata al pin
32 del connettore A della centralina M10.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e al quadro strumenti E50,
comandando così l''accensione della spia "filtro intasato" e le relative visualizzazioni sul display.
La centralina M10 si collega direttamente al quadro strumenti E50 con un segnale - che esce pin 71
del connettore A di M10 - che si collega alla spia "EOBD".
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1- pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10
attraverso l''''apposita linea diagnostica, attraverso la quale "passa" anche il comando per eseguire la
rigenerazione forzata tramite lo strumento di diagnosi (Examiner).

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 42 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Versioni senza DPF


E5050

43 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 44 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

45 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

DESCRIZIONE FUNZIONALE
La centralina controllo motore M10 controlla e regola tutto il sistema di accensione ed iniezione
elettronica.
L''alimentazione sotto chiave giunge dalla linea protetta dal fusibile F16 della centralina vano motore
B1 al pin 28 del connettore A di M10.
I pin 2, 4 e 6 del connettore A di M10 sono a massa.
Il teleruttore principale iniezione T9 di B1 controlla l''intero sistema: esso è protetto dalla linea protetta
dal fusibile F18 della centralina vano motore B1 e viene eccitato da un segnale di comando (massa)
proveniente dal pin 72 del connettore A della centralina M10 ed invia, di conseguenza, l''alimentazione:

- al pin 1 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F17di B1;

- al pin 5 del connettore A della centralina stessa, attraverso la linea dal fusibile F22 di B1;

- alle elettrovalvole L30, L36, L62; alla centralina M15 e alla sonda lambda K40 attraverso la linea dal
fusibile F11 di B1.
Il teleruttore pompa combustibile T10 di B1 viene alimentato dalla linea del fusibile F21 di B1. Esso
viene eccitato con un segnale di comando (massa) proveniente dal pin 20 del connettore A della
centralina M10 e fornisce l''alimentazione all''elettropompa combustibile N40, che è collegata a massa
attraverso l''interruttore inerziale I50, che in caso di urto interrompe il circuito e quindi ferma pericolose
l''erogazione di combustibile.
La centralina M15, che gestisce il preriscaldo delle candelette A40, è alimentata - connettore A -
direttamente dalla batteria attraverso la linea protetta dal MAXIFUSE F5 di B1.
Essa è alimentata - connettore C - dalla linea del fusibile F11 di B1, e scambia i segnali di comando e
controllo con i pin 52 e 93 del connettore A di M10 che ne controlla la temporizzazione. Il connettore B
si collega alla candelette A40.
La centralina motore M10 riceve i segnali dai diversi sensori, mantenendo così sotto controllo tutti i
parametri di funzionamento del motore.
Il sensore di giri K46 fornisce, attraverso segnale in frequenza scambiati con i pin 12 e 27 del
connettore B della centralina M10, informazioni circa il regime del motore.
Il sensore di fase K47 è alimentato dal pin 11 del connettore B di M10. Esso riceve una massa di
riferimento dal pin 20 del connettore B della centralina M10 ed in via ad essa un segnale in frequenza
corrispondente alla fase al pin 50 del connettore B.
Il sensore temperatura motore K36, riceve una massa di riferimento dal pin 41 del connettore B della
centralina M10, e fornisce un segnale proporzionale alla temperatura del liquido del motore al pin 58
del connettore B.
Il misuratore portata d''aria K41 - alimentato "sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2 - riceve
dal pin 44 del connettore B di M10 una massa di riferimento, ed invia al pin 42 del connettore B un
segnale proporzionale alla portata d''aria.
All''interno di K41 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale di temperatura
aria al pin 37 del connettore B di M10.
Il pedale acceleratore K55 è dotato di due potenziometri integrati (uno principale ed uno di sicurezza).
Il primo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 30 e 45 del connettore A di M10 ed invia
il segnale corrispondente al pin 9.
Il secondo riceve alimentazione e massa rispettivamente dai pin 46 e 8 del connettore A di M10 ed
invia il segnale al pin 31.
Il sensore di temperatura combustibile - integrato nel filtro gasolio K101 - rileva la temperatura del
gasolio in entrata. Esso riceve una massa di riferimento dal pin 10 del connettore A di M10 ed invia al
pin 11 della stessa il segnale di temperatura combustibile.
Il sensore sovralimentazione K44 rileva la pressione e la temperatura nel cassoncino di aspirazione, a
valle del turbocompressore. Esso è alimentato dal pin 13 del connettore B di M10 e riceve dal pin 23
del connettore B una massa di riferimento.
Il segnale corrispondente al valore di pressione viene inviato al pin 40 del connettore B della centralina.
All''interno di K44 è collocato anche un sensore temperatura aria che invia un segnale al pin 53 del
connettore B di M10.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 46 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il sensore pressione combustibile K83 ha il compito di fornire alla centralina di iniezione un segnale di
feedback per regolare la pressione e la durata dell''iniezione.
Esso riceve l''alimentazione e la massa di riferimento rispettivamente dai pin 28 e 8 del connettore B di
M10; invia poi il segnale sulla pressione al pin 43.
La sonda lambda K40 invia i segnali ai pin 64, 65 e 87 del connettore A di M10, mentre il pin 86
fornisce la massa di riferimento. La sonda K40 viene riscaldata con una resistenza, in modo da
assicurarne un corretto funzionamento anche a freddo. La resistenza è alimentata dalla linea del
fusibile F11 di B1 e riceve un segnale di massa dal pin 51 del connettore A della centralina M10.
Il regolatore di pressione combustibile posto sulla pompa N77 controlla l''alta pressione generata dalla
pompa stessa; i due segnali di controllo provengono dai pin 19 e 49 del connettore B della centralina
M10.
L''elettrovalvola EGR L30 controlla il ricircolo dei gas di scarico; è alimentata dalla linea del fusibile F11
di B1, e viene comandata da un segnale del pin 60 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola comando geometria variabile turbina L36 regola il funzionamento della turbina in
funzione del carico del motore: è alimentata dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandata da un
segnale del pin 15 del connettore B di M10.
L''elettrovalvola corpo farfallato L62 controlla l''apertura della farfalla tramite un motorino "passo- asso";
il motorino è alimentato dalla linea del fusibile F11 di B1, e viene comandato da un segnale del pin 59
del connettore B di M10.
La centralina controllo motore invia il comando agli iniettori N70 dai pin 16-47, 2-31, 1-46, 17-33 del
connettore B di M10 rispettivamente per i cilindri 1, 2, 3 e 4.
Il pin 17 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore luci stop I30 - contatto N.
A. - , alimentato "sotto chiave" dal fusibile F37 della centralina B2.; riceve invece al pin 80 del
connettore A di M10 il segnale - contatto N. C. - proveniente dall''interruttore luci stop I30, alimentato
"sotto chiave" dal fusibile F35 della centralina B2.
ll pin 79 del connettore A di M10 riceve il segnale proveniente dall''interruttore frizione I31.
La centralina M10 riceve - al pin 56 del connettore B -- il segnale del sensore minima pressione olio
motore K30.
Il sensore di presenza acqua nel filtro gasolio - integrato nel filtro K101 - è alimentato "sotto chiave" dal
fusibile F35 della centralina B2 - invia il corrispondente segnale al pin 74 del connettore A di M10.
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1 - pin 7: ad esso arrivano i segnali dal pin 25 del connettore A dalla centralina M10
attraverso l''''apposita linea diagnostica
Il sistema di autodiagnosi della centralina M10 genera anche un segnale - che esce pin 71 del
connettore A - che si collega direttamente alla spia "EOBD", posta nel quadro strumenti E50.
La centralina M10 si collega poi via rete CAN - pin 83-84 del connettore A di M10 - al Body Computer
M1 e agli altri nodi della rete: attraverso questo collegamento invia informazioni circa:
La centralina M10 si collega poi via rete CAN al Body Computer M1 e agli altri nodi della rete:
attraverso questo collegamento invia informazioni circa

- temperatura acqua motore, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce l''indicatore e la
spia relativi;

- giri motore, che viene inviata al contagiri del quadro strumenti E50;

- minima pressione olio motore, che vengono inviati al quadro strumenti E50 che gestisce la spia e
relative segnalazioni;

- preriscaldo candelette, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la spia relativa;

- presenza acqua nel filtro gasolio, che viene inviata al quadro strumenti E50 che gestisce la relativa
indicazione sul display.

Riceve invece, sempre via CAN il segnale tachimetrico, generato dalla centralina ABS M50.

47 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Legenda componenti

A040. Candelette preriscaldo


B001. Centralina derivazione vano motore
B002. Centralina derivazione sotto plancia
B099. Scatola pmaxi-fuse su batteria
C001. Massa batteria
C010. Massa anteriore sinistra
C020. Massa plancia lato passeggero
C038. Massa su tunnel centrale
D001. Giunzione anteriore/plancia
D004. Giunzione anteriore/motore
E050. Quadro strumenti
H001. Commutatore di accensione
I030. Interruttore pedale freno
I031. Interruttore pedale frizione
I050. Interruttore inerziale
K030. Sensore pressione olio motore
K036. Sensore temperatura acqua motore
K040. Sonda lambda
K041. Misuratore portata aria
K044. Sensore pressione e temperatura aria aspirata
K046. Sensore giri
K047. Sensore fase
K055. Potenziometro pedale acceleratore
K083. Sensore pressione combustibile
K101. Sensore temperatura combustibile
K187. Sensore pressione differenziale DPF
K189. Sensore temperatura filtro articolato (DPF) a monte
K190. Sensore temperatura filtro articolato (DPF) a valle
L030. Elettrovalvola EGR
L036. Elettrovalvola comando geometria variabile turbina
L062. Corpo sfarfallato
L064. Elettrovalvola modificatrice di flusso
M001. Body computer
M010. Centralina controllo motore
M015. Centralina preriscaldo candelette
N040. Elettropompa combustibile e misuratore livello carburante
N070. Elettroiniettori
N077. Regolatore combustibile

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 48 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3.4 DESCRIZIONE SISTEMA DPF

Introdotto lungo la linea di scarico, il DPF permette lo smaltimento delle particelle di fuliggine mediante
un sistema di rigenerazione, tutte le volte che il loro accumulo raggiunge il limite. Le particelle vengono
smaltite in una fase di post-combustione.

Sulle versioni Diesel di Fiat Bravo dotate di DPF viene adottato il sensore di pressione differenziale
filtro con una sola presa di pressione a monte del filtro; la seconda connessione a valle presente nelle
precedenti versioni di DPF viene eliminata e al suo posto viene inserita una presa in atmosfera diretta;
il livello di intasamento del filtro viene in questo caso direttamente correlato alla differenza di pressione
tra monte del filtro e atmosfera; in centralina è presente una opportuna calibrazione in modo da gestire
correttamente il nuovo parametro di pressione differenziale.

49 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Nella figura seguente si possono vedere le entrate delle pressioni sul sensore

A. Foro addizionale per pressione atmosferica


B. Pressione atmosferica
C. Pressione gas di scarico
D. Arrivo pressione atmosferica sul chip interno
E. Arrivo pressione gas di scarico sul chip interno

Curva caratteristica del sensore

In figura viene riportato il grafico relativo al segnale in uscita dal sensore in funzione della differenza di
pressione P (espressa in Kpa) tra pressione gas di scarico e pressione atmosferica.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 50 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

4. FRIZIONE E CAMBIO

Per tutte le versioni, sia benzina che diesel, sono utilizzati dischi frizione con materiali di attrito privi di
elementi non ecologici, in accordo con le direttive europee per la salvaguardia dell’ambiente. Per tutte
le versioni, sia benzina che diesel, viene utilizzato il comando idraulico di disinnesto frizione.
Alla motorizzazione 1.4 16V è accoppiato il cambio tipo C514 che garantisce eccellente manovrabilità
del comando marce, silenziosità e peso contenuto; la configurazione è del tipo trasversale a 2 alberi in
cascata e differenziale; la sincronizzazione su tutte le marce avanti e retromarcia, è di tipo ad anello
libero (tipo Borg-Warner) in ottone ed è disposta per 1^ e 2^ velocità sull’albero secondario per 3^, 4^ e
5^ velocità sull’albero primario e per la retromarcia sull’asse di rinvio.
Su 1^ / 2^ velocità le marce più utilizzate e più sollecitate in uso cliente, il sincronizzatore è realizzato a
doppio cono, assicurando sforzi in innesto sensibilmente ridotti rispetto a un sincronizzatore
tradizionale di pari dimensioni a cono singolo (-40%).
Alle motorizzazioni Multijet 120 e 150 cv è invece accoppiato il cambio C530 che garantisce ottime
prestazioni oltre che un’eccellente manovrabilità.

Motorizzazione 1.4 (90cv) 1.9 (120cv) 1.9 (150cv)

Tipo
C514.6 C530.5 C530.6

I 3.909 3.800 3.800

II 2.158 2.235 2.235

III 1.480 1.360 1.360

IV 1.121 0.971 0.971

V 0.897 0.763 0.763

VI 0.766 - 0.614

RM 3.818 3.545 3.545

5. FRENI

Il sistema frenante impiegato su Bravo utilizza i più sofisticati sistemi elettronici e meccanici,
riscontrabili oggi su vetture di ultima generazione appartenenti a segmenti superiori:
ABS: (Antilock Braking System) sistema antibloccaggio ruote;
EBD (Electronic Braking Distribution): ripartitore di frenata elettronico tra ruote anteriori e posteriori;
ESP (Electronic Stability Program): controllo elettronico stabilità vettura;
Hill-Holder (con ESP): automatismo che permette la sosta e la ripartenza su strade in pendenza senza
ausilio del freno a mano.
Sistema HBA (Hydraulic Brake Assistant): assistente elettroidraulico di frenata che incrementa
automaticamente la pressione del circuito frenante durante la frenata da panico (con ESP).

51 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il sistema ABS Bosch 8.1 è il più avanzato oggi disponibile: ha una centralina idraulica con 8 elettro-
valvole, 4 sensori attivi e 4 canali con correttore (o ripartitore) di frenata; nelle versioni ESP il gruppo
elettroidraulico dispone di 12 elettrovalvole; il sensore di angolo sterzo è installato su piantone guida,
mentre il sensore di imbardata è allocato su pavimento centrale in zona mobiletto centrale (per
rilevamento accelerazione laterale, velocità di imbardata e inclinazione veicolo, quest’ultima per
funzione Hill-Holder).

L’impianto frenante è di tipo idraulico servo-assistito, costituito da 2 circuiti indipendenti incrociati (ogni
circuito agisce su una ruota anteriore e su quella posteriore diagonalmente opposta) per garantire la
frenata e la stabilità anche in caso di avaria di un circuito. Tutta la gamma è equipaggiata con:
• dischi freno ventilati sulle ruote anteriori
• dischi freno solidi sulle ruote posteriori.
• ABS con EBD;
• ESP di serie su allestimento Sport.

L’impianto freni, per le differenze di peso e di potenza installata dalle diverse motorizzazioni, ha
comportato le seguenti differenziazioni:

Motorizzazione 1.4 bz 16v:


disco anteriore ventilato di diametro 257 x 22 mm
pinze freno Bosch ZOH con pistoncino di diametro 54 mm
superficie delle pastiglie frenanti: 43 cm2
spessore minimo dopo rettifica: 20,55 mm
disco posteriore 251 x 10mm con pinza Bosch BIRIII.
spessore minimo dopo rettifica: 9,35 mm

Motorizzazioni 1.9 Multijet 120cv:


disco ventilato di diametro 284 x 22 mm
pinze freni Bosch ZOH con pistoncino di diametro 54 mm
superficie delle pastiglie frenanti: 52 cm2
spessore minimo dopo rettifica: 20,55 mm
disco posteriore 251 x 10mm con pinza Bosch BIRIII.
spessore minimo dopo rettifica: 9,35 mm

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 52 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Motorizzazione 1.9 Multijet 150cv :


disco ventilato di diametro 281 x 26 mm
pinze freni Bosch ZOH con pistoncino di diametro 54 mm
superficie delle pastiglie frenanti: 57 cm2
spessore minimo dopo rettifica: 24,55 mm
disco posteriore 251 x 10mm con pinza Bosch BIRIII.
spessore minimo dopo rettifica: 9,35 mm

E’ stato adottato un servofreno Bosch di grande diametro (10”), con pompa in alluminio e corse allungate per
garantire buona riserva di corsa pedale anche in condizioni estreme di surriscaldamento dovute ad un uso
intenso.

Per Bravo è stata adottata una pedaliera con supporto in materiale plastico, che alloggia i pedali freno,
frizione e pedale acceleratore. I pedali acceleratore e frizione sono in plastica .
Il sistema pedaliera presenta un dispositivo, sviluppato appositamente per Bravo, che consente ai
pedali di collassare in caso di urto, limitandone al minimo l’intrusione in abitacolo e quindi eventuali
lesioni agli arti inferiori.

53 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

6.SOSPENSIONI
6.1 DESCRIZIONE SOSPENSIONI ANTERIORI

Schema a ruote indipendenti Mc Pherson, in cui l’ammortizzatore e la molla fungono sia da elementi
smorzanti ed elastici, che strutturali e cinematici.
In particolare, i principali componenti di questo schema strutturale sono:
Bracci oscillanti biguscio in lamiera stampata (con schema costruttivo “butterfly” brevettato) più leggero di
quelli Stilo per ridurre le masse non sospese.

Traversa sospensione anteriore ad alta rigidezza strutturale, con “bandella” trasversale di collegamento
in prossimità degli attacchi anteriori dei bracci.
Tasselli duomo di tipo “sdoppiato” (schema “dual-path”) per filtrare meglio le vibrazioni stradali
garantendo al contempo una rigidezza strutturale elevata a favore della precisione di guida.
Barra stabilizzatrice irrigidita rispetto a Stilo per contenere maggiormente il rollio vettura, con biellette di
ancoraggio agli ammortizzatori, che permettono una maggiore efficienza stabilizzante ed una migliore
prontezza di risposta dinamica in curva.
Nuove molle ad elica irrigidite realizzate con la tecnica “side-load” per l’ottimizzazione dell’asse di
spinta, allo scopo di ridurre le forze tangenziali sullo stelo dell’ammortizzatore e quindi gli attriti interni
(isteresi del sistema) con un conseguente miglior assorbimento delle piccole asperità stradali.
Ammortizzatori idraulici telescopici a doppio effetto con diametro stelo da 22 mm sulle le versioni
Multijet e da 20mm, su 1.4bz, per una elevata rigidezza laterale a favore della tenuta in curva.
E’ stata aumentata inoltre la rigidezza della scocca e rifatto il fissaggio superiore alla scocca per
irrigidimento e aumento dell’angolo di caster per miglior precisione di guida e miglior ritorno ottenendo
anche un miglioramento sul comfort.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 54 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

6.2 MONTAGGIO SOSPENSIONE ANTERIORE

Per effettuare il montaggio corretto della traversa anteriore è necessario l’utilizzo dell’attrezzo
200004400 al fine di ottenere il centraggio preciso della traversa rispetto alla scocca; l’attrezzo è
provvisto di tre perni su ogni lato, due di questi sono collegati alla traversa e uno realizza il centraggio
su scocca

Uno dei due perni sulla traversa è provvisto di una copiglia che garantisce la sicurezza nello
smontaggio

55 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Utilizzo attrezzo su traversa anteriore

6.3 DESCRIZIONE SOSPENSIONI POSTERIORI

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 56 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

La Bravo adotta lo schema a ruote semi-indipendenti, interconnesse mediante un assale torcente


(ponte torcente), secondo uno schema ottimizzato rispetto alla precedente Stilo.
Come su Stilo, la nuova barra stabilizzatrice a tubo, irrigidita del 40% rispetto a Stilo, ha permesso di
ottenere rigidezze stabilizzanti a rollio del 40% migliorando la precisione di guida e la tenuta di strada.
La disposizione verticale degli ammortizzatori con attacco a scocca sul passaruota è stata
maggiormente insonorizzata rispetto a Stilo per maggior filtraggio delle asperità stradali a vantaggio del
comfort acustico in abitacolo. La struttura del ponte è composta da bracci laterali stampati in due
semigusci, saldati ad un profilo laterale torcente più nuova arra stabilizzatrice passante all’interno della
traversa e saldata ai bracci.
Le boccole di attacco del ponte, sono idrauliche, per garantire un miglior assorbimento longitudinale e
comfort rispetto a quelle gomma-metallo, migliorate negli spallamenti e irrobustite ed entrate in
produzione già su Stilo da ottobre 2005.

6.4 MONTAGGIO SOSPENSIONE POSTERIORE

Per effettuare il montaggio corretto del ponte posteriore è necessario l’utilizzo dell’attrezzo 200004400
al fine di ottenere il centraggio preciso del ponte rispetto alla scocca; l’attrezzo è provvisto di quattro
perni su ogni lato, uno di questi si inserisce nel ponte e uno realizza il centraggio su scocca; sono
presenti altri due perni, uno di questi serve solo da supporto per il ponte, mentre l’altro si collega alla
piastra della boccola.
Utilizzo attrezzo su ponte posteriore

57 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7. IMPIANTO ELETTRICO
l’impianto elettrico è costituito da una architettura mirata a renderlo leggero e funzionale. Di seguito è
raffigurato lo schema a blocchi dell’impianto.

7.1 GENERALITA’

LEGENDA:

C-CAN B-CAN A-BUS Antenna Private Bus K - line LIN

Powertrain/Chassis C-CAN

NGE NYL NCR NFR NCM

K-line NCV
(C3)

NCV
NQS NCL NSP
(C1)

NBC
Gateway

NIT/
NVO NAB NAG NAP
NRR
A-BUS
Body B-CAN

CPP CAV CSA DEV CSP

B CAN

NBC: Nodo Body Computer, NQS: Nodo Quadro Strumenti, NVO: Nodo Volante, NIT: Nodo
Infotelematico NRR: Nodo Radio Ricevitore, NAB: Nodo Airbag, NCL: Nodo Climatizzazatore, NAG:
Nodo Assetto Guida, NAP: Nodo Assetto Passeggero, NCV: Nodo Convergence ( C1 o C3), NSP:
Nodo Sensori Parcheggio, DIAG_TEST.

C CAN

NGE: Nodo Guida Elettrica, NBC: Nodo Body Computer, NFR: Nodo Frenante (ABS, ASR, ESP),
NCM: Nodo Controllo Motore, NYL: Nodo Yaw Rate Sensor, NCR: Nodo Cambio Robotizzato,
NCV: Nodo Convergence C3.

A BUS

CAV: Centralina Antisollevamento Volumetrici, DEV: Devio Guida, CSA: Centralina Sirena Antifurto,
CSP: Centralina Sensore Pioggia / Crepuscolare, CPP: Centralina Pressione Pneumatici.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 58 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

EMCU (centraline fusibili)

CBA: Centralina Batteria, CFO: Centralina Supplementare su Batteria, CGP: Centralina Gestione
Porte, CPL: Centralina Plancia, CVB: Centralina Vano Baule, CVM: Centralina Vano Motore.

ID PPHISICAL PRO
SIGLA SISTEMA / NODO BUS DIAGNOSI PRPGRAM.
NODO LAYER XI
0 NBC Nodo Body Computer B-C CAN SI B CAN SI SI
1 NCM Nodo Controllo Motore C CAN SI Linea K NO SI
2 NGE Nodo Guida Elettrica C CAN SI Linea K NO NO
3 NQS Nodo Quadro Strumenti B CAN SI B CAN SI SI
4 NVO Nodo Volante B CAN NO / NO NO
5 NRR Nodo Radio Ricevitore B CAN NO / NO NO
6 NFR Nodo Freni C CAN SI Linea K NO NO
7 NIT Nodo Infotelematico B CAN SI B CAN NO NO
7 NCV Nodo Convergence C1 B CAN SI B CAN SI NO
7 NCV Nodo Convergence C3 B-C CAN SI B CAN SI NO
10 NCL Nodo Clima B CAN SI B CAN SI NO
11 NCR Nodo Cambio Automatico C CAN SI Linea K NO NO
15 NYL Nodo Sensore Imbardata C CAN NO / NO NO
18 NAG Nodo Assetto Guida B CAN SI B CAN NO NO
23 NAP Nodo assetto Passeggero B CAN SI B CAN NO NO
24 NSP Nodo Sensore Parcheggio B CAN SI B CAN NO SI
26 NAB Nodo Air bag B CAN SI B CAN SI SI
# CAV Centralina Allarme Volumetrici A BUS NO / NO NO
# DEV Devio Guida A BUS NO / NO NO
# CSA Centralina Sirena antifurto A BUS NO / NO NO
# CSP Centralina Sensore Pioggia A BUS NO / NO NO
# CPP Centralina Pressione Pneumatici A BUS SI Linea K NO NO

FUNZIONE “Lane change”

La funzione in questione costituisce una novità e permette di agevolare la segnalazione di cambio di


corsia durante la marcia del veicolo; infatti qualora si voglia segnalare un cambio di corsia è sufficiente
portare la leva sinistra del devio in posizione instabile per meno di mezzo secondo; l’indicatore di
direzione del lato selezionato si attiverà per 3 lampeggi per poi spegnersi automaticamente.

59 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

FUNZIONE “Cornering lights”

Con luci anabbaglianti accese ad una velocità inferiore ai 40 Km/h, per ampi angoli di rotazione del
volante o all’accensione dell’indicatore di direzione, viene comandata l’accensione di una luce
(integrata nel fendinebbia) riferita al lato di svolta che amplierà l’angolo di visibilità notturna.
Il NBC comanda separatamente le luci fendinebbia, seguendo la posizione del volante, secondo la
logica seguente:
La luce fendinebbia destra o sinistra si accendono quando l’angolo di rotazione del volante è maggiore
di 40° e si spengono quando l’ angolo rientra sotto il valore di 20°.

20° 20°

40°
40°

Luci
Steering Angle
fendinebbia
logic Status ON

OFF

Degree
20°
CL_Not ACT_Angle * 40° *
CL_ACT_Angle Gradi rotazione volante

*(Absolute value)

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 60 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7.2 QUADRO DI BORDO

Versioni

Il Quadro di bordo della Fiat bravo è disponibile in due versioni a seconda dei contenuti della vettura

Versione con grafica nera


(per gli allestimenti Base)

Versione con grafica bianca


(per opt Blue&Me C3 e per gli allestimenti Sport)

61 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Quadro di bordo MATRIX

Il Quadro di bordo tipo MATRIX utilizzato per l’ opt Blue&Me C3 e per gli allestimenti Sport è un quadro
di bordo con display a matrice riconfigurabile, connesso alla rete CAN, unificato per le versioni guida a
destra e a sinistra, ed è comprensivo di:

4 indicatori, realizzati con motorini passo - passo per:


1) Tachimetro elettronico
2) Contagiri elettronico
3) Livello carburante (con spia di insufficiente livello carburante)
4) Temperatura liquido raffreddamento motore (con spia di massima temperatura)
22 spie max a LED a comparsa – contrasto negativo (7 predisposizioni spie attivabili con rete CAN, 2
predisposizioni spie attivabili in modo discreto)

1 display STN di tipo a matrice riconfigurabile trasmissivo negativo per la visualizzazione di :


1) Data
2) Dati trip computer (elaborati dal quadro di bordo);
3) Menu di set-up con relativi messaggi per impostazioni / regolazioni;
4) Messaggi di : attivazione funzioni / service / anomalie / informativi / feedback con relativi
simboli riepilogativi;
5) Ripetizione indicazioni delle funzioni Audio / Telefono / Navigazione;
6) Visualizzazioni delle funzioni di Blue&Me;
7) Odometro totale;
8) Orologio;
9) Temperatura esterna e simbolo “Ice-Risk” (pericolo ghiaccio);
10) Indicazione correttore assetto fari;
11) Simbolo “Service” (chiave inglese)
Per la versione con “cambio robotizzato” è definita una zona dedicata per la visualizzazione della
marcia inserita e per i simboli “AUTO”, “E” ed “S”.
Per la versione con funzione “Sport” è definita una zona dedicata per la visualizzazione del simbolo
“S”.
1 buzzer con la possibilità di gestire segnalazioni di differente intensità (8 livelli), per assolvere le seguenti
funzioni:
Segnalazione allarmi / avvertimenti / pericoli;
Segnalazioni richieste da cambio robotizzato (ove presente);
Segnalazioni sensore parcheggio (ove presente);
Seat Belt Reminder;
Tic-toc luci di direzione/emergenza;

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 62 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

“Roger Beep” pressione tasti;

3 tasti esterni (“MODE”, “CAF/MODE +”, “CAF/MODE –“) posizionati su specifica mostrina su plancia che
permettono le impostazioni/regolazioni di “C.A.F.”, “Dimming” e “Menu di set-up”
Un tasto su devioguida (“TRIP”) che permette la visualizzazione del Trip Computer

Al Key-OFF con porte anteriori chiuse, il display rimane spento.


Al Key-OFF all’apertura / chiusura di almeno una porta anteriore, il display visualizza orologio ed
odometro totale.

Quadro di bordo COMFORT

Il Quadro di bordo CONFORT utilizzato per gli allestimenti base è un quadro di bordo con display
alfanumerico, connesso alla rete CAN, unificato per le versioni guida a destra e a sinistra, ed è
comprensivo di:

4 indicatori, realizzati con motorini passo - passo per:


1) Tachimetro elettronico
2) Contagiri elettronico
3) Livello carburante (con spia di insufficiente livello carburante)
4) Temperatura liquido raffreddamento motore (con spia di massima temperatura)
30 spie max a LED a comparsa – contrasto negativo (1 predisposizione spia attivabile con rete CAN)

1 display STN di tipo alfanumerico trasmissivo negativo a tre righe.


La riga superiore, di 14 caratteri dot matrix ( 7x5 ), è per la visualizzazione di :
1) Data
2) Dati trip computer (elaborati dal quadro di bordo);
3) Menu di set-up con relativi messaggi per impostazioni / regolazioni;
4) Messaggi di : attivazione funzioni / service / anomalie / informativi / feedback;
5) Ripetizione indicazioni delle funzioni Audio / Telefono;
6) Visualizzazioni delle funzioni di Blue&Me.
Due righe inferiori a segmenti per la visualizzazione di :
1) Odometro totale;
2) Orologio;
3) Temperatura esterna e simbolo “Ice-Risk” (pericolo ghiaccio);
4) Indicazione correttore assetto fari;
5) Simbolo “City” inserito
6) Simbolo “S” (funzione “Sport” inserita)
7) Simbolo “Service” (chiave inglese)

63 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Per la versione con “cambio robotizzato” è definita una zona dedicata per la visualizzazione della
marcia inserita e per i simboli “AUTO”, “E” ed “S”.

1 buzzer con la possibilità di gestire segnalazioni di differente intensità (8 livelli), per assolvere le seguenti
funzioni:
Segnalazione allarmi / avvertimenti / pericoli;
Segnalazioni richieste da cambio robotizzato (ove presente);
Segnalazioni sensore parcheggio (ove presente);
Seat Belt Reminder;
Tic-toc luci di direzione/emergenza;
“Roger Beep” pressione tasti.

3 tasti esterni (“MODE”, “CAF/MODE +”, “CAF/MODE –“) posizionati su specifica mostrina su plancia che
permettono le impostazioni/regolazioni di “C.A.F.”, “Dimming” e “Menu di set-up”
Un tasto su devioguida (“TRIP”) che permette la visualizzazione del Trip Computer

Al Key-OFF con porte anteriori chiuse, il display rimane spento.


Al Key-OFF all’apertura / chiusura di almeno una porta anteriore, il display visualizza orologio ed
odometro totale.

QUADRO QUADRO
Contenuto
COMFORT MATRIX

Tachimetro X X
Contagiri X X
Indicatore livello carburante X X
Indicatore temperatura liquido raffreddamento motore X X
Indicazione pressione turbo – X
Correttore assetto fari X X
Odometro totale X X
Temperatura esterna e pericolo ghiaccio X X
Illuminazione reostatata (diurna) – X
Illuminazione reostatata (notturna) X X
Menu di Setup X X
Ora e Data X X
Trip Computer X X
Service (manutenzione programmata) X X
Indicazioni cambio robotizzato (ove presente) X X
Ripetizione informazioni Audio X X
Ripetizione informazioni Telefono X X
Ripetizione informazioni Navigazione – X
Ripetizione informazioni da Blue&Me C1 X X
Ripetizione informazioni da Blue&Me C3 – X
Logistic Mode X X
Buzzer (avarie, segnalazioni cambio robotizzato,
sensore parcheggio, SBR, tic-toc luci X X
direzione/emergenza, roger beep tasti)
Filtro antiparticolato (Diesel Particulate Filter) + Oil life X X
Avaria alternatore X X
Minima pressione olio motore X X
Indicazione EOBD/MIL X X
Preriscaldo candelette / avaria sensore X X
Acqua nel filtro gasolio / avaria sensore X X

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 64 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

QUADRO QUADRO
Contenuto
COMFORT MATRIX

Cruise Control X X
X (con check
X (con check luci
Luci fendinebbia e retronebbia luci per
per retronebbia)
retronebbia)
X (con check
Luci di direzione, posizione, targa X (con check luci)
luci)
Luci abbaglianti X X
Check luci stop X X
Sensore crepuscolare (avaria e regolazione sensibilità
X X
da menu)
Avaria sensore pioggia X X
Indicazioni Tire Pressure Monitoring System X X
Airbag X X
Disattivazione airbag passeggero X X
Seat Belt Reminder X X
Indicazioni ABS X X
Indicazioni ESP X X
Indicazioni Hill-Holder X X
Freno a mano inserito X X
Minimo livello liquido freni X X
Usura pastiglie freni X X
Guida Elettrica X X
Inserimento “city” X X
Inserimento “sport” X X
Indicazioni immobilizer X X
Fire Prevention Switch / Fuel cut-off X X
Superamento limite velocità X X
Porte / baule / cofano aperti X X
Segnalazioni sensore parcheggio X X
Car Configuration and Check – PROXI X X

Legenda:
X Presente
– Non presente

65 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7.3 TELEMATICA

La telematica rappresenta la risposta di Fiat alla sempre maggiore richiesta del mercato di sistemi che
consentano l’utilizzo del telefono cellulare a bordo vettura, salvaguardando la sicurezza e la
funzionalità dell’utilizzatore, e rendendo disponibili servizi multimediali di ultima generazione.
Il sistema portante che viene proposto è denominato “Blue&Me” ed è integrato nella plancia vettura.

Kit Viva-voce per cellulari con Bluetooth “Blue & Me”

Il Blue & Me permette la connessione del sistema ai dispositivi personali (bluetooth, pendrive) con il
minimo intervento del cliente, con una logica di funzionamento semplice e intuitiva, e attraverso il
riconoscimento dei comandi vocali senza necessità di apprendimento del sistema.

Le funzioni disponibili sono:

• Connessione automatica del telefono via bluetooth.


• Interazione manuale da menu o con sintesi e riconoscimento vocale.
• Trasferimento completo della rubrica telefonica al sistema.
• Visualizzazione su display del quadro di bordo del numero o nome del chiamante (se già presente in
rubrica).
• Possibilità di formulare un numero per via vocale cifra per cifra o chiamare un numero memorizzato nel
telefono utente pronunciando il nome.
• Ricercare un numero in rubrica scorrendola sul display del quadro utilizzando i tasti a volante.
• Possibilità di mettere in “mute” la comunicazione mediante comandi a volante.
• Riproduzione della suoneria del telefono “personalizzata” nell’impianto radio.
• Compatibilità con il 90% del mercato dei telefoni e upgradabilità per mantenere compatibilità anche con
nuovi standard e con telefoni futuri.

Le dimensioni del Blue & Me, ubicato sulla plancia vettura, include i seguenti moduli:

Ricevitore Bluetooth
Modulo integrato per Voice Recognition comprensivo di microfono
Modulo integrato per Text to Speech
Display alfanumerico integrato nel quadro di bordo
Comandi al volante per gestione funzioni
Connessione a rete veicolo B-Can

Descrizione caratteristiche funzionali

-Autoradio con ingressi Tel-IN e Tel-MUTE


-Microfono in plafoniera
-Volante con comandi per autoradio e Vivavoce Bluetooth
-Display su Quadro di Bordo

Ovviamente è indispensabile che l’utente sia provvisto di un telefono cellulare con interfaccia
BlueTooth e, come minimo, il Profilo “Hands Free”.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 66 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

I comandi Blue & Me.

Tramite comandi su volante, Blue & Me e autoradio condividono la sorgente dei comandi ed ogni
apparato risponde ai comandi di propria pertinenza a seconda del pulsante attivato e del modo
operativo attivo al momento (in questo caso è previsto che il Blue & Me inibisca l’autoradio
dall’eseguire i comandi da volante quando è attiva la funzione Hands-Free).
La connessione tra il cellulare e il Blue & Me avviene tramite il canale radio BlueTooth a 2.4 GHz.
La prima connessione tra il cellulare ed il dispositivo Blue & Me è da effettuare attraverso un’apposita
procedura detta “pairing procedure”; successivamente il Blue & Me si ricorda dell’indirizzo di questo
cellulare e lo connette automaticamente se e quando lo ritrova in rete.

E‘ possibile memorizzare nel Blue & Me fino a 5 utenti che verranno connessi automaticamente ai
successivi key-on senza intervento manuale dell’utente stesso. In ogni caso, un solo telefono cellulare
può essere connesso al Blue & Me via BlueTooth.
Le funzionalità dell’apparato Blue & Me sono legate alla disponibilità sul cellulare dell’utente degli
opportuni Profili BlueTooth, “Hands Free Profile” in particolare. L’apparato Blue & Me si accende
autonomamente al Key-On. L’apparato si spegne autonomamente al Key-Off rilasciando la
connessione BlueTooth eventualmente attiva: è previsto un ritardo di 30 secondi per sopperire a
spegnimenti accidentali del motore (nelle code, ai semafori, ecc.).
Qualora fosse in corso una telefonata, la conversazione viene mantenuta attiva (a meno della
visualizzazione sul display del Quadro di Bordo) anche dopo aver spento la macchina; il Blue & Me e
l’autoradio si spengono definitivamente al termine della conversazione.

Lingue disponibili

Le lingue disponibili, sia per le stringhe di testo visualizzate (menù) sia per i messaggi “voice
recognition” e “text to speech”, sono le seguenti:
Francese
Inglese
Tedesco
Italiano
Spagnolo europeo
Olandese
Portoghese europeo
Polacco
Il cambio della lingua ed eventuali aggiornamenti sw del componente devono essere effettuati presso il
concessionario.

67 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Visualizzazioni telefono da Blue&Me (quadro Comfort)

Il quadro visualizza lo stato Blue&Me:


- Stato BLUETOOTH
- Nome operatore telefonico

Esempio
Il quadro inoltre visualizza le informazioni inviate da Blue&Me, tramite un multi-message dinamico. Il
numero di frame che si possono ricevere dipende dal numero di caratteri inviati dal Blue&Me.

Visualizzazioni da Blue&Me (quadro Matrix)

Visualizzazioni telefono

Vengono visualizzati lo stato e le informazioni inviate da Blue&Me.

Visualizzazioni navigatore

Sono visualizzate le seguenti informazioni:


- Pittogramma di navigazione
- Distanza alla prossima svolta
- Unità di misura
- Nome della via

Esempio
Ripetizione visualizzazioni Radio / Nodo Infotelematico (quadro Comfort)

Il quadro ripete le visualizzazioni di:


- Radio (da Radioricevitore e Nodo Infotelematico)
- Telefono (da Nodo Infotelematico)
- Registrazione casella vocale (da Nodo Infotelematico)

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 68 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Pittogramma di Distanza alla prossima svolta


navigazione

Unità di misura
Nome della via

Ripetizione visualizzazioni Radio / Nodo Infotelematico (quadro Matrix)

Il quadro ripete le visualizzazioni di:


- Radio (da Radioricevitore e Nodo Infotelematico)
- Telefono (da Nodo Infotelematico)
- Registrazione casella vocale (da Nodo Infotelematico)
- Navigazione (da Nodo Infotelematico)

69 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Descrizione BLUE & ME C3

Servizi telematici

Il sistema C3 aggiunge al C1 le funzioni di:

- Navigazione On Board con pittogrammi e messaggi vocali tramite Pen Drive. Il sistema
guida il conducente fornendo informazioni su display del quadro (pittogrammi) e di tipo vocale
(sintesi vocale).

- Telefono GSM Dual-Band (solo per la comunicazione con il service provider)

- Servizi:

Servizio Descrizione

SOS Assistenza
Stradale/Sanitaria con
localizzazione a richiesta o
automatica con scoppio Air
Bag
Assicurazione Connessione telematica con
assicurazioni e fruizione di
polizze telematiche (pay
per use, sconti)

Manutenzione • Rilevazione Usure e


Intelligente Scadenze
• Canalizzazione su rete
assistenziale F.A.
Fleet • Localizzazione/visibilità
Management veicoli
• Controllo e reportistica KM,
Consumi, Diagnosi

Per quanto riguarda i servizi assicurativi e fleet, il sistema, una volta autorizzato dall’utente, raccoglie
dati sull’utilizzo della vettura e trasmette i dati al service provider e, sotto certi accordi, alle compagnie
assicuratrici. Attraverso l’indicazione dei dati riguardanti:
• Dove (regione, tipi di strade percorse,..);
• Quando (giorno, notte, weekends,..)
• Velocità
• Percorrenza (km/mese)
• Utilizzo di funzioni di sicurezza (airbag, cinture di sicurezza, etc.)
• Informazioni sullo stato vettura (presenza chiave, attivazione allarme, stato porte, etc)
le polizze di assicurazione possono essere ritagliate sul profilo di utilizzo del cliente per ottenere
significativi sconti.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 70 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Descrizione caratteristiche funzionali

¾ Display di bordo con quadro Matrix


¾ Antenna GPS/GSM
¾ Kit di navigazione: chiave USB con mappa precaricata di una nazione/area geografica, e CD di
backup per memorizzare, tramite pc, la stessa mappa o mappe aggiuntive su altri lettori MP3
¾ Modulo GSM e carta SIM (solo per comunicare con il service provider in presenza di servizi)
¾ Plancetta su padiglione con tasti dedicati.

Uso della navigazione

Blue&Me C3 offre un semplice ed intuitivo sistema di navigazione a pittogrammi. Le sue


caratteristiche principali sono:

• Esclusiva modalità d’inserimento della destinazione con utilizzo dei comandi vocali
• Ricalcalo della destinazione in tempo reale
• Cartografia memorizzata sulla chiave USB
• Prezzo di vendita competitivo

Procedura d’uso

Inserendo la chiave USB con la mappa nella porta USB è possibile iniziare la navigazione appena
dopo aver effettuato il Key-on vettura.

• Il sistema GPS localizza la posizione della macchina


• Premendo il tasto Nav posizionato sulla plancetta dedicata e ubicata sul padiglione, il sistema si
connette direttamente al menu di navigazione, che può essere anche selezionato con i tasti al
volante
• La destinazione viene inserita selezionando le lettere iniziali dell’indirizzo dal menu “Nuova
destinazione”, mediante i tasti al volante. Nominando la destinazione desiderata tra quelle
proposte dal sistema, si completa la selezione. Questo sistema d’inserimento vocale è
un’esclusiva di Blue&Me, e consente una selezione più comoda e veloce.
• Tutte le informazioni telefoniche, musicali, e quindi anche della navigazione, sono visibili sul
quadro di bordo.
• Mentre si naviga è possibile anche ascoltare la musica preferita presente sulla stessa chiave
USB.

71 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Predisposizione ai servizi

Blue&Me C3, grazie alla presenza del modulo GSM, è predisposto all’attivazione di servizi vincolati
alla stipula di un contratto specifico.
I principali servizi in realizzazione sono focalizzati al mondo automotive:
• SOS Assistenza Stradale e Sanitaria con localizzazione veicolo
• Assicurazione telematica con fruizione di polizze a condizioni speciali
• Informazione sui punti d’interesse lungo il percorso
• Monitoraggio e gestione delle flotte (rent a car..)

Plancetta su padiglione con tasti dedicati

La plancetta applicata sul padiglione è predisposta con 3 tasti dedicati.

¾ NAV Collegamento veloce al menu di navigazione


¾ SOS Assistenza Stradale e Sanitaria con localizzazione della vettura
¾ INFO Servizio di Concierge per informazioni live sui punti d’interesse lungo il percorso: dealers,
officine, stazioni di rifornimento, farmacie, ristoranti, hotels, cinema, discoteche, e ancora informazioni
sul traffico, meteo, eventi.

NOTA BENE i tasti SOS ed INFO non saranno attivi in assenza di servizio.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 72 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Schema elettrico Blue & Me


Versione senza navigatore

73 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Versione con navigatore

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 74 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Legenda componenti

B002. Centralina derivazione sotto plancia


B099. Scatola pmaxi-fuse su batteria
C038. Massa su tunnel centrale
D020. Giunzione plancia/posteriore
D047. Giunzione contatto spiralato
E050. Quadro strumenti
H001. Commutatore di accensione
M001. Body computer
M162 Centralina bluetooth.
P020. Autoradio
P025. Antenna GPS/GSM
P026. Microfono vivavoce
P143. Presa Usb

Descrizione CONNECT NAV+

GENERALITÀ

Il CONNECT Nav+ controlla e fornisce informazioni per i seguenti sistemi e funzioni:


– Navigazione basata su GPS (Global Positioning System);
– Audio con radio RDS (Radio Data System), MP3, CD e CD Changer;
– Telefono GSM (Global System for Mobile Communication) con capacità WAP ed SOS-call (chiamata
di emergenza);
– Riconoscimento vocale (modulo VR) con sintesi voce e memorizzazione della stessa.

75 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Il sistema CONNECT Nav+ è essenzialmente costituito da:


– una tastiera composta da 28 pulsanti e 2 manopole;
– comandi al volante (8 pulsanti + 1 rotella)
– gruppo elettronico ubicato all’interno della plancia portastrumenti.
L’interfaccia è rappresentata dal display informativo multifunzionale per tutti i componenti integrati.
La mostrina estetica ed i tasti funzionali sono verniciati con la vernice lucida “Nero Black Metal”, mentre
i tasti telefonici ed i tasti CD sono verniciati in Grigio Grand Prix. Le manopole sono in nero soft touch
(vernice che favorisce la qualità percepita al tatto e la prensilità), e sono impreziosite da un anellino
cromato frontale.

Display informativo multifunzionale

Il display a colori è costituito da uno schermo grafico a 256 colori TFT da 6,5” 16/9 LCD (cristalli liquidi)
con una risoluzione di 400 x 240 pixels.

Funzioni principali disponibili per le funzionalità RADIO:

- Informazioni sul traffico


- Ricerca frequenze alternative
- Funzione Autostore (memorizzazione automatica delle stazioni)
- Funzione Band Scan (scansione delle stazioni nella banda di frequenza selezionata)
- Funzione Preset Scan (scansione delle stazioni prememorizzate nella banda di frequenza
selezionata)

- Selezione Mono/Stereo
- Funzione PTY
- Funzione RDS
- Modalità Regional (abilitare o disabilitare un servizio RDS regionale)
- Funzione audio setup (Bass, Treble, Balance/Fader, Loudness)

Funzioni principali disponibili per le funzionalità CD/MP3:

- Funzione Shuffle (RIPRODUZIONE CASUALE)


- Funzione Scan (riprododuzione di tutti i brani presenti sul CD per circa 10 secondi nella sequenza
effettiva presente sul CD)
- Funzione Compression (compressione della dinamica di uscita del suono durante la riproduzione del
CD in vettura)
- Definizione Playlist (definizione di una sequenza di riproduzione dei brani presenti all’interno di un CD
MP3)

TELEFONO CELLULARE CON COMANDI VOCALI

Il CONNECT NAV+ è provvisto di un cassettino estraibile sul frontale, che consente l'inserimento di
una SIM telefonica gestita direttamente dal modulo GSM presente sul NIT.
Il CONNECT NAV+ consente di gestire:
- CHIAMATE IN ARRIVO
- CHIAMATE IN USCITA
– accesso alla lista degli ultimi 10 numeri composti per facilitare l’uso delle chiamate ricorrenti
- accesso alla lista delle ultime 10 chiamate ricevute
- gestione messaggi SMS (Short Message Service) che permette di accedere in ricezione ed invio a
brevi messaggi di testo
– visualizzazione del credito residuo in caso di carta SIM prepagata, se supportato dall’operatore
telefonico
– visualizzazione dell’intensità di campo del segnale e di altri avvisi di stato con relative icone e scritte.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 76 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

NAVIGATORE (NAV)

Il navigatore integrato nel CONNECT Nav+ permette di raggiungere la meta selezionata per mezzo di
istruzioni visive ed acustiche.
La posizione della vettura viene determinata per mezzo del sistema GPS (Global Positioning System)
installato a bordo della vettura. L’impianto GPS e dotato di un’antenna e di un modulo di ricezione
integrato nel sistema telematico.
Il sistema cosi configurato elabora dinamicamente i segnali satellitari e quelli provenienti dall’impianto
della vettura, integrandoli con la posizione corrente per ottenere un “punto auto stimato”.

ELEMENTI DELLA VIDEATA E FUNZIONI

Le principali informazioni e funzioni fornite e gestite dal sistema di navigazione sono:


– simbolo del segnale GPS, di colore differente in base alla qualita di ricezione;
– istruzioni di guida acustiche e visive con indicazioni della distanza dalla destinazione e ora presunta
di arrivo;
– cartografia dettagliata in diversi colori e con diverse scale, per rappresentare chiaramente la
posizione della vettura, del percorso e della destinazione;
– funzione agenda di navigazione con possibilita di memorizzazione mete;
– memorizzazione automatica delle ultime 10 mete;
– nome della via attualmente percorsa;
– possibilita di scegliere il percorso in funzione delle proprie preferenze;
– informazioni sulla posizione attuale;

INDICAZIONI GRAFICHE

Sulla pagina principale della funzione di navigazione, vengono visualizzate tramite frecce o pittogrammi
le manovre da eseguire.
Il pittogramma inferiore rappresenta la prossima manovra (svolta a sinistra, a destra, rotatoria, diritto od
inversione) mentre quello superiore rappresenta la manovra successiva. Il numero riportato sotto il
pittogramma indica la distanza della vettura dal punto di manovra.

INDICAZIONI VOCALI

Le indicazioni vocali fornite dal sistema guidano alla meta consigliando per tempo tutte le manovre da
eseguire: in particolare viene prima annunciata la manovra e poi vengono fornite dettagliate istruzioni.

VIDEATA PRINCIPALE DI NAVIGAZIONE

La videata principale di navigazione visualizza le seguenti informazioni:


– Ora.
– Intensita dei segnali GPS e GSM.
– Data.
– Informazione Audio.
– Modalita attiva (NAV).
– Localizzazione della vettura sulla mappa (mediante icona grafica).
– Scala di visualizzazione mappa.
Il display visualizza le seguenti informazioni
– rappresentazione di una bussola indicante la direzione della vettura (espressa in gradi) rispetto al
Nord;
– longitudine, latitudine ed altitudine della vettura;
– numero dei satelliti visibili;
– destinazione (disponibile soltanto con navigazione attiva);

77 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

– ora di arrivo e distanza alla meta (disponibili soltanto con navigazione attiva).

COMPUTER DI BORDO (TRIP)

La pressione del pulsante TRIP sul frontalino del sistema CONNECT Nav+ determina la
visualizzazione della videata “Trip Generale” che prevede la comunicazione all'utente delle
informazioni:
- Ora di arrivo (presente solo quando è attiva la funzione di navigazione)
- Distanza alla meta (presente solo quando è attiva la funzione di navigazione)
- Limite di velocità (con segnalazione acustica in caso di superamento)
- Autonomia
- Consumo istantaneo
- Tempo di viaggio
- Distanza percorsa
- Velocità media
- Consumo medio

RICONOSCIMENTO VOCALE

Questa funzione permette di gestire a voce le funzioni del sistema CONNECT Nav+. Mediante il
“riconoscimento vocale” l’utente può inviare comandi al sistema tramite microfono: una breve pressione
sul pulsante “VOICE” ubicato sul frontalino abilita l’interpretazione dei comandi vocali; il sistema
CONNECT Nav+ fornisce quindi un ausilio vocale per guidare l’utente verso la funzione desiderata.
Premendo nuovamente il pulsante “VOICE” si arresta il procedimento.
I comandi che l’utente può inviare al sistema si dividono in due categorie:
– comandi vocali senza identificazione della voce;
– comandi vocali con identificazione della voce.
I comandi senza identificazione della voce consentono di attivare le principali modalità del sistema
(TEL, RADIO, CD ecc.).
I comandi con identificazione della voce sono relativi all’immissione / richiamo di nominativi in
agenda telefono e/o di indirizzi di navigazione.
Utilizzando i comandi vocali senza identificazione della voce il sistema è in grado di riconoscerli
indipendentemente dal sesso, dal tono di voce e dalle inflessioni dell’utente che li pronuncia.
Per l’esecuzione di questi comandi il sistema non necessita di alcuna operazione preliminare (training);
è sufficiente eseguire le istruzioni fornite di volta in volta dal sistema.
Utilizzando i comandi vocali con identificazione della voce il sistema è in grado di riconoscere il
comando richiesto attraverso il confronto tra il comando vocale pronunciato ed il corrispondente
campione vocale memorizzato in precedenza dallo stesso utente.

SERVIZI DI ASSISTENZA E SOS

Quando viene premuto il pulsante “SOS” compare la videata di richiesta di Soccorso fig. 150,
qualunque sia la pagina precedentemente visualizzata sul display.

Il menu “SOS” comprende le seguenti funzioni:


– Consul. medica (*)
– Assist. stradale (*)
– N.ro personale (chiamata telefonica verso un numero impostato in precedenza dall’utente)
– Emergenza 112

(*) Questi servizi gestiti da bCONNECT sono attivabili gratuitamente su richiesta dell’utente presso il
concessionario oppure chiamando il Centro Servizi bCONNECT. I servizi sono a pagamento a partire
dal secondo anno. Se l’utente non li ha ancora sottoscritti, le relative funzioni sul menu sono inattive e
sul dispay compare la dicitura “I servizi in abbonamento non sono abilitati” .

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 78 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Per entrambe le funzioni, selezionandole mediante la manopola e confermando la selezione premendo


la stessa, dopo un’attesa di circa 10 secondi, viene inoltrato un messaggio di richiesta di consulenza
medica/assistenza stradale, corredato della posizione della vettura per permetterne la localizzazione,
all’operatore di bCONNECT.

SERVIZI DI INFOMOBILITY - Funzione “Connect”

Premendo il pulsante "CONNECT" e selezionando mediante la manopola la funzione "Connect", il


dispositivo di bordo invia la richiesta di informazioni alla Centrale Operativa bCONNECT tramite un
SMS preconfigurato. Al ricevimento della richiesta, bCONNECT richiama l’utente sul telefono di bordo
viva voce. Quando il collegamento telefonico è attivato, l’utente può chiedere ad un operatore
l’informazione desiderata. Se non è possibile attivare il collegamento telematico, sul display appare il
relativo messaggio di avviso. Alcune informazioni verranno comunicate solo a voce dall’operatore,
mentre altre potranno anche essere inviate con messaggi di testo SMS, che saranno ricevuti
qualunque sia la funzione attiva (MAIN, AUDIO, ecc.). Il messaggio apparirà direttamente sopra la
videata attiva al momento, all’interno di una finestra nella quale saranno presenti le funzioni “Salva”,
“Cancella”, “Mappa” (se il messaggio contiene indicazioni geografiche) e “Chiama” (se presente un
numero telefonico).
Tipologia di messaggi in ricezione:
- Informazioni sul traffico (icona “T”) es. cantieri, incidenti ecc...
- Informazioni sui punti di interesse (icona “i”) punti di interesse o informazioni generiche
- Informazioni generiche (icona “i”) condizioni meteorologiche, eventi atmosferici, ecc.
MENU’ MY CAR

La modalità MY CAR permette di impostare una serie di parametri e di modalità di funzionamento della
vettura e del sistema CONNECT Nav+.
Parametri e modalità di funzionamento sono stati raggruppati in quattro aree qui di seguito specificate:
– LINGUA
– DATA & ORA
– VETTURA (impostazioni generiche della strumentazione di bordo, varia a seconda dell’allestimento
vettura)
– CONNECT (impostazioni generali)

79 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7.4 CLIMATIZZAZIONE

L’ offerta di gamma prevede tre differenti sistemi:

¾ riscaldatore
¾ climatizzatore manuale
¾ climatizzatore automatico bi-zona con sensore qualità dell’aria (Air Quality Sensor, AQS)

La quantità di gas per il riempimento del circuito climatizzatore è pari a 500 ±40 g.

Mostrina Riscaldatore

Mostrina climatizzatore manuale

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 80 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Mostrina climatizzatore automatico Bi-zona

1. pulsante auto
2. tasto distribuzione aria
3. display
4. spegnimento centralina (off)
5. omando variazione portata aria
6. pulsante mono
7. lunotto termico
8. max def
9. manopola regolazione temperatura lato passeggero
10. ricircolo aria
11. tasto compressore
12. manopola regolazione temperatura lato guidatore

81 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7.5 SICUREZZA PASSIVA

Airbag

Il sistema protezione occupante della Nuova Bravo si compone dei seguenti contenuti:

Il sistema di protezione frontale comprendente:


• Air-Bag frontali guidatore e passeggero
• Sensore frontale di rilevazione urto
• Cinture anteriori con pretensionatore e limitatore di carico
• Sistema elettronico (my car) di disabilitazione Air-Bag passeggero
• Air-Bag frontale protezione ginocchia lato guidatore (disponibile come optional).

Il sistema di protezione laterale, disponibile come optional, comprendente:


• 2 Bag sui sedili anteriori
• 2 Bag a tendina alloggiati nelle longherine sotto tetto
• 2 sensori di rilevazione urto laterale.

Il sistema di protezione si avvale anche del supporto dei sedili, costruiti per assorbire parte
dell’energia durante l’impatto sia frontale che laterale.

Fire Prevention system - FPS

Su tutte le motorizzazioni benzina e diesel è presente l’interruttore inerziale FPS (dall’inglese Fire
Prevention System) che permette l’immediato spegnimento del motore a pochi millisecondi da inizio
urto. L’interruttore è ubicato sotto il rivestimento del montante porta anteriore destra.
Il serbatoio in plastica, già conforme alla futura direttiva, è ubicato in zona protetta in caso di collisione
ed ha la capacità di resistere ad eventuali deformazioni senza rischi di perdite combustibile. Inoltre,
essendo in plastica, non genera rischi di esplosione in caso di incendio vettura.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 82 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7.6 GUIDA ELETTRICA

Descrizione
Su Bravo è stato implementato un sistema di guida elettroassistito. Questo sistema ha il compito di
generare una coppia (forza*spostamento) che aggiunta alla coppia applicata al volante dall'utente, riduce lo
sforzo al volante necessario durante le manovre di utilizzo.
Il sistema è formato da una scatola guida con cremagliera tradizionale, da un motorino elettrico con
cremagliera applicato al piantone sterzo, da un sensore detto "di coppia' (che misura la coppia applicata al
volante), da un tasto che seleziona le modalità operative (con posizione City o Normal) che garantiscono
due livelli di coppia di servoassistenza differenti e da una centralina che ne gestisce il funzionamento.

La coppia di assistenza (asservimento) che viene sommata a quella fornita dal guidatore, è funzione dei
seguenti parametri:

• coppia applicata dal guidatore


• velocità vettura
• posizione angolare sterzo
• velocità angolare sterzo
• livello di assistenza richiesto (City o Normal)

In ogni condizione di funzionamento il sistema provvede a:

• mantenere lo sforzo necessario alla sterzata al di sotto di un determinato valore e dipendente dal livello
di assistenza selezionato (City - Normal)
• assicurare il corretto ritorno al centro del volante durante il riallineamento
• assicurare lo smorzamento delle oscillazioni del volante durante il ritorno al centro

Il servosterzo elettrico, rispetto al servosterzo idraulico offre i seguenti vantaggi:

• l'impianto ha un minor numero di componenti, quindi un peso ed una complessità impiantistica minore
• l'installazione e/o l'assistenza è semplificata ed è possibile in tempi ridotti
• il servosterzo elettrico assorbe corrente solo quando viene richiesta la coppia di servoassistenza,
migliorando le prestazioni della vettura e riducendo i consumi e le emissioni
• un ridotto rumore di funzionamento che migliora il comfort di marcia

• variazione dell'asservimento in funzione della la velocità veicolo
• asservimento selezionabile in base alle esigenze del cliente (City/Normal) per facilitare il guidatore
durante le manovre di parcheggio

83 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Nota:
Per le versioni SPORT, la modalità CITY è stata sostituita dalla modalità SPORT: Premendo il
pulsante, dopo circa 5 secondi, si ottiene un’ impostazione di guida sportiva caratterizzata da maggior
prontezza in accelerazione ed uno sforzo al volante superiore per un feeling di guida adeguato

Strategie di base

Secondo le esigenze del conducente e della velocità del veicolo, la centralina guida elettrica, comanda il
servomotore elettrico che assiste il piantone sterzo nella rotazione.
Tramite un meccanismo a vite senza fine, il motore applica una coppia al piantone sterzo, diminuendo lo
sforzo necessario ad effettuare la sterzata al guidatore.

Servoassistenza variabile in funzione della velocità vettura

All'aumentare della velocità del veicolo, la coppia da applicare sul volante diminuisce in modo
proporzionale; questo perché la forza resistente alle ruote, con l'incremento della velocità vettura,
diminuisce.
Di conseguenza la centralina, sfruttando il segnale tachimetrico, attua una riduzione della coppia di
asservimento.

Ritorno attivo

Per funzione di ritorno attivo s'intende la funzione di riallineamento, normalmente generata dalla
geometria dell'avantreno del veicolo, quando lo sterzo viene rilasciato dopo una sterzata in bassa velocità.
Questa funzione ha lo scopo di rendere più preciso e rapido il riallineamento facendo intervenire il servo
motore in aiuto al normale effetto geometrico della sospensione anteriore dell’autoveicolo chedi solito è
molto limitato alle basse velocità.

La correzione di ritorno attivo varia in funzione della velocità veicolo:

• è massima a velocità basse


• è minima o disabilitata a velocità alte

Motoriduttore

Il gruppo motoriduttore è composto da una fusione d'alluminio vincolata al telaio vettura.


L'ingranaggio del motoriduttore, coassiale e solidale al piantone sterzo, è realizzato in acciaio, mentre la
ruota dentata collegata sull’albero di uscita è in materiale plastico co-stampato.
La parte metallica dell'ingranaggio è solidale all'albero del motore elettrico, che trasmette le coppie
sterzanti da sommare (ovvero le coppie del servomotore)a quelle del guidatore.
Gli alberi d'entrata e d'uscita sono vincolati tra di loro da una "barra di torsione” con elasticità tarata '.
L'albero d'entrata, in presenza di una coppia resistente alle ruote, applica una torsione alla barra di
torsione, quindi, l'albero d'entrata e quello d'uscita sono sfasati di un angolo proporzionale alla coppia
applicata al volante.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 84 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Un sensore di coppia, montato all'interno dell’albero di entrata, rileva lo scostamento di angolo tra l'albero
di entrata e l'albero di uscita, e fornisce un segnale elettrico alla centralina proporzionale allo
scostamento.
La scatola del gruppo motoriduttore ha anche il compito di alloggiare la parte esterna del "sensore di
coppia e di posizione”.
Infine sulla scatola è vincolato il canotto di supporto all’albero d'ingresso, dove viene montato il volante,
ed ospita sia il commutatore di accensione che il devioguida.

Pinout guida elettrica

La centralina presenta due connessioni:

• una a due vie di alimentazione,


• una a 10 vie per il collegamento alla rete CAN e segnali.

1 Alimentazione batteria (+)


2 Ritorno batteria (-)
3 Segnale key - on
4 N.C.
5 N.C.
6 Linea K (diagnostica)
7 Bus su rete CAN
8 Bus su rete CAN
9 Bus su rete CAN
10 Bus su rete CAN
11 N.C.
12 N.C.

85 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Funzionamento

Il sistema ha il compito di fornire un'assistenza alla sterzata tramite l'applicazione di una coppia generata
da un motore elettrico (di tipo brush-less) e trasmessa al piantone attraverso un meccanismo vite senza
fine - ruota dentata elicoidale.
Di seguito è riportato lo schema funzionale del sistema.

A - Sensore ottico di torsione,


B - Nodo guida elettrica
1 - Segnale sensore ottico di torsione
2 - Alimentazione sensore ottico di torsione
3 - Comando motore
4 - Misurazione posizione motore
5 - Trasferimento dati su rete CAN: velocità vettura, stato veicolo, segnali
6 - Collegamento con Nodo Body Computer (NBC)
7 - Alimentazione

La coppia di assistenza che va ad aggiungersi a quella applicata dal guidatore, è funzione dei seguenti
parametri:

• coppia applicata dal guidatore,


• velocità vettura,
• posizione angolare volante,
• velocità angolare volante,
• livello di assistenza selezionato (City o Normal).

In ogni condizione di funzionamento il sistema provvede a:

• mantenere lo sforzo necessario alla sterzata sotto un determinato valore, che dipende dal livello di
assistenza selezionato (City o Normal);

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 86 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

• assicurare il corretto ritorno al centro del volante durante il riallineamento (ritorno attivo) a basse
velocità;
• assicurare lo smorzamento delle oscillazioni del volante durante il ritorno al centro (funzione di
smorzamento).

Strategie di controllo

La coppia di assistenza è la risultante dei seguenti componenti:

• una componente principale, funzione della coppia applicata dal guidatore e dal livello di asservimento
selezionato (City o Normal);
• due componenti che realizzano "Smorzamento" e "Ritorno attivo", funzioni rispettivamente della velocità
di sterzata (e della coppia applicata dal guidatore) e dell'angolo volante;

Collegamenti elettrici

1 - Commutatore di accensione
2 - Batteria
3 - Connessione plancia/anteriore

87 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Schema elettrico guida elettrica

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 88 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Descrizione funzionale
La centralina di controllo del servosterzo elettrico M86 controlla e regola tutto il sistema di guida
comandata elettricamente.
L’alimentazione diretta della centralina giunge dalla batteria, dalla linea protetta dal fusibile F72 della
scatola maxifuse su batteria B99 C , al pin A del connettore A di M86.
Il pin B del connettore A di M86 è a massa.
L’alimentazione sotto chiave giunge dalla linea protetta dal fusibile F24 della centralina vano motore B1,
al pin 1 del connettore B di M86.
Il Body Computer M1 è alimentato direttamente dalla batteria dalla linea protetta dal maxifuse d B99 al
pin 18 del connettore F di interfaccia con la centralina sottoplancia B2; la alimentazione sotto chiave (INT)
giunge al pin 9 del connettore F di interfaccia con la centralina B2.
La centralina M86 è collegata in rete CAN – pin 7 - 8 e 5-6 del connettore B con gli altri nodi, in
particolare il Body Computer M1 ed il quadro strumenti E50, al quale invia i segnali per la spia "avaria
guida elettrica"e la segnalazione di funzione “CITY” inserita.
Il pulsante per selezionare la funzione CITY (sforzo sul volante più leggero) si trova nel gruppo comandi
al centro della plancia, lato guida, H90 connettore A,: il segnale di inserimento della funzione CITY viene
inviato al pin 20 del connettore H di M1 e da qui via CAN alla centralina M86.
La lettura dei dati dell''''autodiagnosi può essere realizzata collegandosi al connettore C del Body
Computer M1 - pin 9: ad esso arrivano i segnali dal pin 4 del connettore B di M86 attraverso l''''apposita
linea diagnostica.

Legenda componenti

B001. Centralina derivazione vano motore


B002. Centralina derivazione sotto plancia
B099. Scatola pmaxi-fuse su batteria
C001. Massa batteria
C038. Massa su tunnel centrale
D001. Giunzione anteriore/plancia
E050. Quadro strumenti
H001. Commutatore di accensione
H090. Gruppo comandi interruttori
M001. Body computer
M086. Centralina guida elettrica

89 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

8. CARROZZERIA
8.1 PROCEDURE PER LE RIPARAZIONI
7005E10 PANNELLO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.

Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 7005M15 GRUPPO INTERRUTTORI COMANDO ALZACRISTALLI E SPECCHI RETROVISORI SU


PORTA ANTERIORE LATO GUIDA - S.R.
Op. 7005E38 APPIGLIO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.

1. Scalzare il coperchietto di finizione.


2. Svitare le viti di fissaggio pannello.
3. Spostare leggermente il pannello (3a) disimpegnando i ritegni interni (3b) con l’apposito attrezzo.

Attrezzo Denominazione Funzione Validità


Coltello Scalza
1878077000 scalzatore ritegni

- Sollevare leggermente il pannello (3a) per disimpegnare il raschiavetro interno (3c) dal telaio porta.
- Sollevare leggermente il pannello (3a) per disimpegnare il raschiavetro interno (3c) dal telaio porta.
4. Disimpegnare il tirante (4a) dai ritegni (4b) e (4c) della maniglia interna porta.
5. Recuperare il pannello interno.

Riattacco

- Controllare che il pannello interno non sia danneggiato.


- Fare impegnare il tirante ai ritegni della maniglia interna porta.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 90 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

- Posizionare in sede il pannello e fare impegnare il raschiavetro interno sul telaio porta, quindi fare
impegnare i ritegni interni.
- Avvitare le viti di fissaggio pannello.
- Calzare il coperchietto di finizione.
Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 7005E38 APPIGLIO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.


Op. 7005M15 GRUPPO INTERRUTTORI COMANDO ALZACRISTALLI E SPECCHI RETROVISORI SU
PORTA ANTERIORE LATO GUIDA - S.R.
- Controllare la funzionalità delle parti smontate.

7005M26 MECCANISMO DELL'ALZACRISTALLO ELETTRICO DI UNA PORTA ANTERIORE, SX O


DX - S.R.

Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 7005M15 GRUPPO INTERRUTTORI COMANDO ALZACRISTALLI E SPECCHI RETROVISORI SU


PORTA ANTERIORE LATO GUIDA - S.R.
Op. 7005E38 APPIGLIO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.
Op. 7005E10 PANNELLO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.
Op. 5570T91 ALTOPARLANTE LATERALE ANT. (UNO), SX O DX - S.R. A PANNELLO PORTA
STACCATO
Op. 7005A04 PROTEZIONE RIPARO ACQUA PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R. O SIST. A
PANNELLO PORTA STACCATO
Op. 7005D15 CRISTALLO SCENDENTE (UNO), SX O DX, DELLA PORTA LATERALE ANTERIORE -
S.R.

1. Scollegare la connessione elettrica.


2. Svitare i dadi di fissaggio del meccanismo alzacristallo.

91 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3. Scollegare il ritegno (3a) del cablaggio elettrico (3b).


4. Estrarre il meccanismo dell’alzacristallo (4a) estraendolo dal vano (4b).

Riattacco

- Controllare che il meccanismo dell’alzacristallo non sia danneggiato.


1. Posizionare il meccanismo dell’alzacristallo (1a) e avvitare i dadi (1b).
2. Collegare il ritegno (2a) del cablaggio elettrico (2b).
3. Collegare la connessione elettrica.

Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 7005D15 CRISTALLO SCENDENTE (UNO), SX O DX, DELLA PORTA LATERALE ANTERIORE -
S.R.
Op. 7005A04 PROTEZIONE RIPARO ACQUA PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R. O SIST. A
PANNELLO PORTA STACCATO
Op. 5570T91 ALTOPARLANTE LATERALE ANT. (UNO), SX O DX - S.R. A PANNELLO PORTA
STACCATO
Op. 7005E10 PANNELLO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.
Op. 7005E38 APPIGLIO INTERNO PORTA LATERALE ANTERIORE - S.R.

Procedura di Inizializzazione

Qualora sia stata scollegata l''alimentazione, è necessario eseguire la seguente procedura di reset della
funzione "antipizzicamento")
- ruotare la chiave in posizione MAR
- premere il pulsante in modalità "manuale" (pressione continua) in salita del cristallo fino alla completa
chiusura e mantenerlo premuto per almeno 1 secondo.
Effettuata questa procedura, il sistema "antipizzicamento" e il funzionamento automatico dell''alzacristallo
sono funzionanti.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 92 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7040A10 RIVESTIMENTO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.

Stacco

Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 5580C18 MODULO PER AIR BAG - S.R.


Op. 4110A10 VOLANTE - S.R. PER SOST. O VERIFICHE
Op. 7040A26 RIVESTIMENTO DEL PIANTONE GUIDA - S.R.
Op. 5550A10 DEVIOGUIDA COMPLETO - S.R.
Op. 5560B10 QUADRO DI BORDO - S.R.
Op. 5570T80 APPARECCHIO AUTORADIO - S.R.
Op. 7040A85 CORNICE CENTRALE PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A22 ELEMENTO (UNO) COMPLEMENTARE DEL RIVESTIMENTO PLANCIA
PORTASTRUMENTI - SIST.
Op. 2125C02 CUFFIA ESTERNA LEVA COMANDO MARCE - S.R.
Op. 7040L37 MOSTRINA CONTORNO LEVA COMANDO CAMBIO - S.R.
Op. 7040A47 VANO PORTAOGGETTI NEL RIVESTIMENTO SOTTOPLANCIA - S.R.
Op. 5040D15 CENTRALINA CON MANOPOLE E PULSANTI CONDIZIONATORE AUTOMATICO
BIZONA - S.R.
Op. 7040A14 SPORTELLO DEL RIPOSTIGLIO SU PLANCIA - S.R.

93 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Op. 7040G22 PORTALAMPADA/INTERRUTTORE PER ILLUMINAZIONE CASSETTO SU PLANCIA -


S.R.
Op. 5570T49 CENTRALINA ELETTRONICA BLUETOOTH - S.R.
Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040L73 PORTABOTTIGLIA/POSACENERE SU RIVESTIMENTO POSTERIORE TUNNEL - S.R.
Op. 7040L70 RICOPRIMENTO POST. DEL RIVESTIMENTO TUNNEL - S.R.
Op. 7040L20 RIVESTIMENTO SU TUNNEL - S.R.
Op. 7040A65 CHIUSURA LATERALE MOBILETTO (UNA) - S.R.

Op. 7040A18 RIPOSTIGLIO SU PLANCIA - S.R.


Op. 7040A37 COPERCHIETTO ACCESSO FUSIBILI SU PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A44 RIVESTIMENTO LATERALE SINISTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A30 RIVESTIMENTO INFERIORE SINISTRO PLANCIA STRUMENTI - S.R.
- Oppure, in alternativa
Op. 5580C23 AIR BAG PROTEZIONE GINOCCHIA LATO GUIDA - S.R.
Op. 5010D56 SENSORE IRRAGGIAMENTO SOLARE - S.R.
A SEGUITO VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO
Op. 5010C12 DIFFUSORE PER SBRINAMENTO PARABREZZA - S.R.
Op. 5580C22 MODULO PER AIR BAG - LATO PASSEGGERO - S.R.

1. Svitare le viti di fissaggio rivestimento plancia, lato guida.


1. Svitare le viti di fissaggio rivestimento plancia, lato passeggero.
2. Rimuovere il rivestimento plancia.
- Se necessario, eseguire il denudamento della plancia.
Eseguire la seguente operazione:

Op. 7040A27 RIVESTIMENTO PLANCIA STRUMENTI - DENUDAMENTO A SEGUITO


SOSTITUZIONE

Riattacco

- Controllare che il rivestimento plancia non sia danneggiato.


- Posizionare in sede il rivestimento plancia.
Prestare attenzione al corretto posizionamento dei cavi elettrici in modo da evitare interferenze o
schiacciamenti. In particolare verificare che l’interruttore pedale frizione risulti non a contatto con i cavi.

Avvitare le viti di fissaggio rivestimento plancia.


Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 5580C22 MODULO PER AIR BAG - LATO PASSEGGERO - S.R.


Op. 5010C12 DIFFUSORE PER SBRINAMENTO PARABREZZA - S.R.
Op. 5010D56 SENSORE IRRAGGIAMENTO SOLARE - S.R. A SEGUITO VERIFICA IMPIANTO
ELETTRICO
Op. 5580C23 AIR BAG PROTEZIONE GINOCCHIA LATO GUIDA - S.R.
Op. 7040A30 RIVESTIMENTO INFERIORE SINISTRO PLANCIA STRUMENTI - S.R.
Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A44 RIVESTIMENTO LATERALE SINISTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A37 COPERCHIETTO ACCESSO FUSIBILI SU PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 7040A18 RIPOSTIGLIO SU PLANCIA - S.R.
Op. 7040A65 CHIUSURA LATERALE MOBILETTO (UNA) - S.R.
Op. 7040L20 RIVESTIMENTO SU TUNNEL - S.R.
Op. 7040L70 RICOPRIMENTO POST. DEL RIVESTIMENTO TUNNEL - S.R.
Op. 7040L73 PORTABOTTIGLIA/POSACENERE SU RIVESTIMENTO POSTERIORE TUNNEL - S.R.
Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 5570T49 CENTRALINA ELETTRONICA BLUETOOTH - S.R.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 94 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Op. 7040G22 PORTALAMPADA/INTERRUTTORE PER ILLUMINAZIONE CASSETTO SU PLANCIA -


S.R.
Op. 7040A14 SPORTELLO DEL RIPOSTIGLIO SU PLANCIA - S.R.
Op. 5040D15 CENTRALINA CON MANOPOLE E PULSANTI CONDIZIONATORE AUTOMATICO
BIZONA - S.R.
Op. 7040A47 VANO PORTAOGGETTI NEL RIVESTIMENTO SOTTOPLANCIA - S.R.
Op. 7040L37 MOSTRINA CONTORNO LEVA COMANDO CAMBIO - S.R.
Op. 2125C02 CUFFIA ESTERNA LEVA COMANDO MARCE - S.R.
Op. 7040A22 ELEMENTO (UNO) COMPLEMENTARE DEL RIVESTIMENTO PLANCIA
PORTASTRUMENTI - SIST.
Op. 7040A85 CORNICE CENTRALE PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.
Op. 5570T80 APPARECCHIO AUTORADIO - S.R.
Op. 5560B10 QUADRO DI BORDO - S.R.
Op. 5550A10 DEVIOGUIDA COMPLETO - S.R.
Op. 7040A26 RIVESTIMENTO DEL PIANTONE GUIDA - S.R.
Op. 4110A10 VOLANTE - S.R. PER SOST. O VERIFICHE
Op. 5580C18 MODULO PER AIR BAG - S.R.
Controllare la funzionalità delle parti smontate.

5560B10 QUADRO DI BORDO - S.R.

95 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Stacco
Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 5580C18 MODULO PER AIR BAG - S.R.


Op. 4110A10 VOLANTE - S.R. PER SOST. O VERIFICHE
Op. 7040A26 RIVESTIMENTO DEL PIANTONE GUIDA - S.R.
Op. 5550A10 DEVIOGUIDA COMPLETO - S.R.

1. Svitare le viti.
2. Spostare leggermente il quadro di bordo.
3. Scollegare la connessione elettrica.
4. Recuperare il quadro di bordo.

Riattacco

- Controllare che il quadro di bordo non sia danneggiato.


- Collegare la connessione elettrica.
- Posizionare il quadro di bordo.
- Avvitare le viti.
Eseguire le seguenti operazioni:

Op. 5550A10 DEVIOGUIDA COMPLETO - S.R.


Op. 7040A26 RIVESTIMENTO DEL PIANTONE GUIDA - S.R.
Op. 4110A10 VOLANTE - S.R. PER SOST. O VERIFICHE
Op. 5580C18 MODULO PER AIR BAG - S.R.

NOTA
Alcuni nodi della rete CAN - e tra questi il quadro strumenti - vengono programmati con impostazioni di
“default”, che il Cliente trova all’atto dell’acquisto della vettura. In caso di sostituzione del quadro, la
Ricambi invia un componente “vergine”: una volta montato occorre quindi trasferire su di esso i dati
memorizzati nel Body Computer, eseguendo tramite Examiner la procedura “ALLINEAMENTO PROXI”

Provare la funzionalità degli strumenti del quadro di bordo.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 96 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

5570T80 APPARECCHIO AUTORADIO - S.R.

97 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Stacco

1. Inserire a fondo gli appositi attrezzi (1a) (numero di attrezzo 2000024200) nelle sedi (1b) presenti
sull’autoradio.

2. Impugnare gli attrezzi (1a) e, spingendoli verso l’esterno e tirandoli verso se stesso, estrarre
l’autoradio (1b).
3. Scollegare la connessione antenna.
4. Scollegare le connessioni elettriche (2a, 2b).
5. Recuperare l’autoradio.

Riattacco

- Controllare che l’autoradio non sia danneggiata.


- Collegare le connessioni elettriche.
- Collegare la connessione antenna.
- Inserire in sede l’autoradio e fare impegnare i ritegni interni. Fare attenzione a non schiacciare i cavi
elettrici.
- Controllare la funzionalità dell’autoradio e degli altoparlanti.

5010C02 BOCCHETTA ARIA LATERALE DESTRA SU PLANCIA - S.R.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 98 / 120


Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Stacco
Eseguire la seguente operazione:

Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.

1. Svitare le vite di fissaggio bocchetta.


2. Portare il comando (2a) su bocchetta aperta.
3. Inserire l’apposito attrezzo (3a) nella bocchetta ed agganciarlo all’estremità interna (3b) della
bocchetta, come indicato in figura.

Attrezzo Denominazione Funzione Validità

2000011100 Estrattore Bocchette aria

4. Mediante l’attrezzo (3a) estrarre la bocchetta (4a) disimpegnando i ritegni interni (4b).

Riattacco
- Controllare che la bocchetta non sia danneggiata.
- Inserire in sede la bocchetta e fare impegnare i ritegni interni.
- Avvitare la vite di fissaggio bocchetta.
Eseguire la seguente operazione:

Op. 7040A45 RIVESTIMENTO LATERALE DESTRO PLANCIA PORTASTRUMENTI - S.R.

99 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati


Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

7045A10 SEDILE ANTERIORE (UNO), SX O DX - S.R.

Stacco
- Spostare il sedile anteriore fino a fine corsa anteriore e sollevarlo completamente.
1. Operando sul lato esterno del sedile, rimuovere la mostrina (1a) disimpegnando i ritegni interni (1b)
con l’apposito attrezzo.

Attrezzo Denominazione Funzione Validità


Coltello Scalza
1878077000 scalzatore ritegni

2. Svitare dal sedile la vite (2a) di fissaggio estremità cintura di sicurezza anteriore (2b).
3. Svitare le viti di fissaggio posteriori.
4. Portare il sedile al fine corsa posteriore.
5. Portare il sedile al fine corsa posteriore.
6. Spostare il lembo del tappeto.
7. Scollegare la connessione elettrica.
8. Svitare le viti di fissaggio anteriori.
9. Rimuovere il sedile (4a) dopo avere disimpegnato la fascetta di ritegno cablaggio (4b).
Se il sedile è dotato di Air Bag laterale effettuare la movimentazione afferrando il sedile solo ed
esclusivamente nella zona dell’appoggiatesta e sul lato anteriore del cuscino.

Riattacco

- Controllare che il sedile non sia danneggiato.


- Posizionare il sedile con le guide in posizione di fine corsa posteriore.
1. Impegnare la fascetta di ritegno cablaggio.
2. Avvitare e serrare la vite di fissaggio anteriore interna.
3. Accostare senza serrare la vite anteriore esterna.
4. Collegare la connessione elettrica (4a) e posizionare in sede il lembo del tappeto (4b).
- Portare il sedile al fine corsa anteriore.
5. Avvitare e serrare la vite di fissaggio posteriore interna.
6. Accostare senza serrare la vite posteriore esterna (6a).
Il sedile deve essere fissato al pavimento senza subire distorsioni sulle guide di scorrimento. Se
necessario agire sui dadi flottanti (6b) assicurandosi che siano liberi.
- Controllare il corretto scorrimento del sedile; eseguire alcuni scorrimenti e agganci del sedile e
controllare che avvenga il simultaneo aggancio dei chiavistelli in entrambe le guide.
7. Avvitare e serrare la vite posteriore esterna.
8. Avvitare e serrare la vite anteriore esterna.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 100 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

9. Posizionare sul sedile l’estremità della cintura di sicurezza anteriore (1a) e avvitare la vite (1b), quindi
serrarla alla coppia prescritta.
10. Posizionare la mostrina (2a) della cintura di sicurezza (2b) e fare impegnare i ritegni.
Controllare il corretto scorrimento del sedile; eseguire alcuni scorrimenti e agganci del sedile e
controllare che avvenga il simultaneo aggancio dei chiavistelli in entrambe le guide.

101 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

9. PROCEDURE DI DIAGNOSI
9.1 FILTRO ANTIPARTICOLATO (DPF)
Accensione spia avaria sistema iniezione/EOBD con Errore Examiner P1206

INCONVENIENTE LAMENTATO

Presenza di uno o più dei seguenti inconvenienti:


- Accensione spia avaria sistemi di iniezione/controllo motore EOBD
- Scarse prestazioni motore.
- L’esame con Examiner rivela la presenza dell’errore P1206

CICLO OPERATIVO

In presenza di lamentata anomalia, prima di effettuare la rigenerazione forzata o altri interventi,


eseguire i rilievi mediante Examiner di seguito riportati:

NOTA I seguenti rilievi devono essere effettuati prima di una rigenerazione forzata e con
motore regimato (temperatura acqua 90 °C).

A. Collegare l’Examiner, rilevare i parametri sottoelencati e annotarli nella tabella 1 seguente

Tabella 1 – Parametri Examiner

n. Parametri da leggere con Examiner Valori rilevati


Pressione sensore differenziale con
1
motore spento
Pressione sensore differenziale con
2
motore in moto
Massa aria misurata
(Con motore al minimo per almeno 2
minuti in modo che l’EGR sia chiusa e
temperatura aria decimetro inferiore a 35
°C)
3
NOTA
Per motori 1.9 e 2.4JTD il valore deve
essere circa 480 mg/iniet.
Per motori 1.3JTD il valore deve essere
compreso tra 280 e 310 mg/iniet.
4 Intasamento filtro antiparticolato
5 Temperatura filtro antiparticolato
6 Temperatura media ultime 5 rigenerazioni
7 Odometro
8 Odometro ultima sostituzione DPF
9 Odometro da ultima rigenerazione

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 102 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

10 Massa aria obiettivo


Temperatura precatalizzatore
11 (Valore disponibile solo per motori 1.9 e
2.4JTD con centraline Bosch EDC16C39)
12 Stato filtro particolato
13 Distanza media ultime 5 rigenerazioni
14 Durata media ultime 5 rigenerazioni
Verificare corrispondenza codici IMA su
15
iniettori e visualizzati su Examiner
16 Verificare presenza di altri errori
Rilevare il N° delle rigenerazioni forzate
eseguite
17
(Valore disponibile solo per motori 1.3JTD
con centraline Marelli 6F3)
Rilevare i seguenti identificativi:
numero SW
18 versione SW
N. disegno FIAT
Data programmazione

B. In presenza del solo errore P1206 non effettuare la rigenerazione forzata e proseguire con
il punto G.

C. In presenza di altri errori oltre al P1206, eliminare la causa che li ha generati e cancellarli,
quindi eseguire la rigenerazione forzata e proseguire con il punto D.

D. Assicurarsi che la rigenerazione forzata si concluda regolarmente e che l’errore P1206 non
sia più presente.

E. Al termine della rigenerazione verificare con Examiner l’intasamento del filtro DPF; valori
intorno al 75% sono accettabili e la vettura può essere riconsegnata al Cliente.

ATTENZIONE
EFFETTUARE LA PROCEDURA DI RESET PARAMETRI FILTRO PARTICOLATO (SU
EXAMINER VOCE “SOSTITUZIONE FILTRO ANTIPARTICOLATO - SOLO PER
ALLESTIMENTO CON DPF”) ESCLUSIVAMENTE IN CASO DI EFFETTIVA SOSTITUZIONE
DEL FILTRO PARTICOLATO.

F. Se la rigenerazione forzata non si conclude regolarmente e/o l’errore P1206 rimane ancora
presente, proseguire con il punto G.

G. Eseguire i controlli su motore riportati nella Tabella 2 seguente

103 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Tabella 2 – Controlli su motore

n. Controllo OK No OK - Intervento
0 Con Examiner SMART, Temperatura superiore a Con valori di temperatura
rilevare con motore regimato 85°C al di sotto di 85°C
e vettura in movimento – 4ª - sostituire il termostato
5ª marcia a 70 e 90 km/h – il
valore di temperatura acqua
motore
1 Verificare livello olio Livello olio corretto. Ripristinare corretto livello
motore. olio motore.
(almeno 2mm sotto il livello
Max)
2 Verificare il numero di Assenza di sfiati e il n. di Sostituire gli iniettori non
disegno degli iniettori ed disegno corrisponde a conformi.
eventuali sfiati. quello riportato nella
Tabella 3.
3 Controllare il n. delle Lo spessore deve essere: Ripristinare il corretto
rondelle presenti nella sede - 2mm per 1.9JTD e spessore.
iniettore e il loro spessore. 2.4JTD
(deve essere presente una - 1.5mm per 1.3JTD.
sola rondella)
4 Verificare il numero di Il n. di disegno corrisponde Sostituire gli iniettori non
disegno dei polverizzatori. a quello riportato nella conformi.
Tabella 3 (il numero è Pulire delicatamente
stampigliato sulla parte facendo attenzione a non
terminale degli iniettori). toccare la parte inferiore
ove sono presenti i fori
calibrati di iniezione.
5 Verificare il numero di Il n. di disegno corrisponde Sostituire le candelette
disegno di ogni candeletta. a quello riportato nella non conformi.
Tabella 3.
6 Controllare le tubazioni aria Assenza di perdite / sfiati. Ripristinare la corretta
fra debimetro e ingresso tenuta del circuito di
motore. aspirazione.
7 Controllare presenza olio Assenza d’olio Pulire le zone interessate
nel circuito aspirazione aria e verificare il
/ intercooler turbocompressore
8 Solo per motori 1.9JTD 8v Assenza di usura Rilevata presenza di
verificare stato di usura usura, sostituire gli alberi
boccioli asse a camme a camme.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 104 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Tabella 3 – N° disegno iniettori, polverizzatori e candelette

1.9 JTD 8v
Motorizzazione 1.9 JTD 16v
120CV
Iniettore
55200259 55198218
Disegno Fiat
Iniettore 0 445 110 0 445 110
Disegno Bosch 276 243
DLLA 142 P DLLA 148 P
Polverizzatore
1607 1347
Candelette
55200817 55187863
Disegno Fiat
Candelette 0 250 202
276 010
Disegno Bosch 132

Si ricorda che sono assolutamente vietate le seguenti operazioni:


- lavaggio del filtro antiparticolato con idrogetto o con altri dispositivi
- sconnessione del sensore di pressione differenziale durante l’esecuzione della rigenerazione
forzata

NOTA In caso di rabbocco dell’olio motore, non superare mai il livello massimo
(preferibilmente 2mm sotto il livello Max).

105 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

9.2 TURBOCOMPRESSORE
Fischio in accelerazione

Sibilo in decelerazione

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 106 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Calo prestazionale, Trafilamento olio, Riempimento intercooler, Trafilamento olio da tubazione di


scarico

Inefficienza turbo, Fumosità allo scarico, Consumo olio motore, Trafilamento olio motore nel
catalizzatore

107 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Scarse prestazioni

9.3 PROCEDURA PER DECADIMENTO BATTERIA

Per indagare sulle cause che possono generare decadimenti della carica della batteria, si può utilizzare
la funzionalità dell’Examiner “Monitor rete Can”; in tal modo è possibile analizzare problemi di
batteria scarica dovuti ad anomalie della rete CAN con chiave su Stop; lo strumento consente di
controllare la rete CAN senza limitazioni di tempo, permettendo all’operatore di effettuare analisi sulla
vettura anche per periodi superiori alle 24 ore.

Per individuare facilmente quali sono le centraline causa del problema è possibile procedere come di
seguito riportato:

1. Dopo avere ricaricato la batteria è sufficiente collegare lo Strumento Examiner alla presa di diagnosi
della vettura, successivamente selezionare Test Centralina e dopo avere scelto il modello e la versione
eseguire il programma Monitor Rete CAN inserito nel gruppo “Altri Impianti”.

2. Dopo aver avviato il programma, è necessario posizionare la chiave di accensione su STOP.


Proseguendo si accede all’ambiente di Acquisizione, nel quale occorre impostare quale rete si
intende controllare (B-CAN o C-CAN) e il tempo di acquisizione, al termine del quale verrà visualizzato
l’elenco delle centraline che hanno inviato messaggi sulla rete.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 108 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

3. Dall’ambiente di Acquisizione è inoltre possibile accedere alle funzionalità di Grafica e Tempi


consentendo all’operatore di analizzare quanto precedentemente acquisito in modo più approfondito.
In ogni videata sono presenti i tasti di AIUTO contenente la descrizione dettagliata delle funzionalità
richiamate e di STAMPA .

9.4 GUIDA ELETTRICA

ALBERO COMANDO STERZO


Rumorosità in sterzata

INCONVENIENTE LAMENTATO
Rumorosità in sterzata (colpi multipli).

CICLO OPERATIVO
- Eseguire, con vettura in moto e a velocità di parcheggio, un’ulteriore verifica della presenza di
rumorosità (colpi multipli) effettuando ripetute sterzate in entrambe le direzioni.
- In presenza di rumorosità, allentare la vite (1b - Fig.1) e sfilare la forcella dell’albero sterzo (1a) dal
pignone guida.

NOTA Prima di staccare la forcella albero sterzo tracciare un segno di riferimento tra la forcella (1a -
Fig.1) ed il millerighe del pignone scatola guida in modo da facilitare il corretto orientamento al
successivo riattacco.

- Verificare la mancanza di rumorosità durante la rotazione del volante (evitare interferenze dell’albero
inferiore con i componenti pedaliera).
- trazionare la parte inferiore dell’albero provocandone il massimo allungamento.
- Lubrificare applicando circa 10 cc di grasso tipo Klübersynth LI 44-22 la zona di scorrimento
dell’albero inferiore (freccia di Fig.1).

Fig. 1

- Effettuare alcune manovre di scorrimento (movimento assiale) della parte maschio dell’albero in modo
che il grasso si inserisca nella semiparte femmina dell’albero e lasciare la parte inferiore dell’albero
completamente estesa (estratta).

109 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

- Rimuovere il coperchio vano portafusibili (Op. 7040A37) così da accedere alla zona superiore del
piantone guida.
- Collegare una canula avente un diametro esterno di circa 6 mm ad un ingrassatore

- Introdurre nel foro superiore dell’albero sterzo la canula (1 - Fig 2) fino a sentire il contatto con la parte
superiore della parte maschio dell’albero; assicurasi dell’effettivo contatto verificando che facendo
rientrare leggermente l’albero corrisponda un relativo movimento della canula.

NOTA Per facilitare l’inserimento nell’albero sterzo, tagliare a 45° il bordo d’ingresso della canula.
Fig 2

- Iniettare con alcune pompate circa 40 cc di grasso tipo Klübersynth LI 44-22 mantenendo la canula a
fondo corsa.
- Effettuare alcune manovre di scorrimento (movimento assiale) della parte maschio dell’albero in
modo che il grasso si inserisca nella semiparte femmina dell’albero.
- Rimontare la forcella sul pignone scatola sterzo (fare riferimento al segno precedentemente tracciato
per il corretto orientamento), sostituire la vite (1b - Fig.1) con una nuova e serrarla alla coppia di 5.0 ÷
6.1 daNm.

NOTA se con albero sterzo staccato dal pignone vengono effettuate rotazioni del volante superiori a
360° occorre effettuare la procedura di ricalibrazione angolo sterzo con Examiner.

- Effettuare una prova pratica ed accertarsi che la rumorosità non si ripresenti.

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 110 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

H025 MANCANZA DI ASSERVIMENTO DELLA GUIDA ELETTRICA CON ACCENSIONE DELLA


SPIA AVARIA

Si nota un indurimento dello sterzo (sterzando in entrambe le direzioni) manca asservimento e la spia
avaria è accesa
La guida elettrica è coassiale e solidale al piantone sterzo. Con il motore in moto la spia avaria deve
risultare spenta.

Risultati delle verifiche

VERIFICHE
1 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
ELETTRICHE

Verificare:
- corretto
inserimento delle
connessioni
elettriche e
terminali sul
sistema EPS e
Body;
- corretto serraggio 1. Rilevate
dei morsetti connessioni labili 1. Intervenire sulle
batteria; e/o interruzioni di connessioni del
- continuità Proseguire a Step continuità su cablaggio. Se il
cablaggi 1 entrambe le problema persiste
alimentazione EPS estremità del proseguire allo step
Vedere E7045 cablaggio 2. Caricare la batteria
GUIDA 2. Batteria scarica
ELETTRICA
- controllare e
pulire terminali a
massa carrozzeria
- la batteria sia
carica (non
inferiore a 10,5
Volt)

VERIFICA
CONDIZIONI DI
2 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
RILEVAMENTO
DELL’ANOMALIA

1. Proseguire a step 3
(Se la diagnosi
1. L’anomalia si
conduce alla
Verificare il presenta in fase
sostituzione di
momento in cui si d’avviamento
Fine diagnosi particolari, allegare ai
presenta il 2. L’anomalia si
tolti d’opera la stampa
problema presenta con
della diagnosi
vettura in marcia
evidenziando che
l’anomalia si presenta

111 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

all’avviamento)
2. Proseguire a step 3
(Se la diagnosi
conduce alla
sostituzione di
particolari, allegare ai
tolti d’opera la stampa
della diagnosi
evidenziando che
l’anomalia si presenta
con vettura in marcia)

VERIFICA CON
3 STRUMENTO Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Collegare
l’apparecchiatura di
diagnosi (Examiner
o altri strumenti) Proseguire seguendo
alla presa di Fine diagnosi Presenza di errori le indicazioni dello
diagnosi al nodo strumento di diagnosi
guida elettrica e
verificare l’assenza
d’anomalie

VERIFICA
ALIMENTAZIONE
4 CENTRALINA Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
GUIDA
ELETTRICA

Verificare che la
centralina guida
elettrica sia 1. Fusibile di 1. Sostituire il fusibile
correttamente potenza da 70 A dopo avere
alimentata nella scatola fusibili identificato la causa
Vedere Prova nel vano motore della fusione
Proseguire a Step interrotto
4110DC VERIFICA 2. Ripristinare
5
ALIMENTAZIONE 2. Alimentazione + alimentazione
GUIDA 15 interrotta 3. Ripristinare
ELETTRICA 3. Collegamento a collegamento a
Vedere E7045 massa difettoso massa
GUIDA
ELETTRICA

VERIFICA CON
5 STRUMENTO Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Effettuare la Contattore
Fine diagnosi L’anomalia persiste
cancellazione degli l’Assistenza Tecnica

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 112 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

errori, scollegare la per ulteriori


stazione di informazioni sulla
diagnosi e problematica
posizionare la
chiave su stop per
circa 10 sec.
Effettuare un
avviamento ed
effettuare una
rotazione del
volante a fondo
corsa in entrambe
le direzioni.
Ricollegare lo
strumento di
diagnosi Examiner
e verificare che
sulla centralina
guida elettrica non
siano presenti
errori

113 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

H026 MANCANZA DI ASSERVIMENTO DELLA GUIDA ELETTRICA SENZA ACCENSIONE DELLA


SPIA AVARIA
Il Cliente lamenta un mancato funzionamento (durezza in sterzata) senza accensione della spia
avaria

Risultati delle verifiche

VERIFICA
1 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
CABLAGGIO

Verificare:
- corretto
inserimento delle
connessioni
elettriche e terminali Rilevate connessioni
sul sistema EPS e labili e/o interruzioni
Body Computer Intervenire sulle
di continuità su
Proseguire a Step 2 connessioni del
- corretto serraggio entrambe le
cablaggio
dei morsetti batteria estremità del
- continuità cablaggi cablaggio
alimentazione EPS
- controllare e pulire
terminali collegati a
massa carrozzeria

VERIFICA CON
2 STRUMENTO DI Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Collegare lo
strumento di
diagnosi Examiner e
Anomalia spia guida Proseguire a Step
verificare che non Proseguire a Step 4
elettrica 3
sia presente l’avaria
della spia guida
elettrica

VERIFICA QUADRO
3 STRUMENTI E Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
BODY COMPUTER

Proseguire
Collegare lo secondo quanto
strumento di indicato dallo
diagnosi Examiner e strumento di
verificare l’assenza Proseguire a Step 4 Presenza d’anomalie diagnosi, vedere
d’anomalie su l’elenco dettaglio
quadro strumenti e errori ed effettuare
body computer l’intervento
consigliato

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 114 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

Vedere tabella
H025 MANCANZA
DI
ASSERVIMENTO
DELLA GUIDA
ELETTRICA CON
ACCENSIONE
DELLA SPIA
AVARIA

VERIFICA
4 CORRETTO Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
FUNZIONAMENTO

Contattare
l’Assistenza
Verificare che
Tecnica per
l’anomalia non sia Fine diagnosi L’anomalia persiste
ulteriori
più presente
informazioni sulla
problematica

115 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

H029 SCARSO RITORNO E PESANTEZZA STERZO DELLA GUIDA

Il cliente lamenta una scarsa risposta dello sterzo e/o pesantezza in fase di sterzata

Risultati delle verifiche

VERIFICHE
1 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
ASSETTO

1. Pneumatici 1. Sostituire
usurati pneumatici. 2.
Verificare corretto
2. Pressione non Ripristinare
assetto ruote e stato Proseguire a Step 2
corretta pneumatici pressione
usura pneumatici
3. Assetto non 3. Ripristinare
corretto assetto corretto

VERIFICA
UNIFORMITA’
2 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
PESANTEZZA
STERZO

Non intervenire sul


A veicolo fermo, sistema EPS.
verificare che la Verificare la
La pesantezza e/o il
pesantezza sterzo presenza
Proseguire a Step 3 ritorno sterzo è
vari da un fondo d’anomalie sulla
uniforme
corsa all’altro della scatola sterzo e sul
sterzata gruppo sospensioni
anteriori

VERIFICA ENTITA’
3 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
ANOMALIA

1. Non intervenire; il
1. La pesantezza è
sistema EPS non
Verificare se la di lieve entità e si
assiste il ritorno
pesantezza è di presenta in manovra
Fine diagnosi dello sterzo da
lieve o rilevante di parcheggio
fermo
entità 2. La pesantezza è
2. Proseguire a
d’entità rilevante
Step 4

VERIFICA
4 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
CABLAGGIO

Verificare: Rilevate connessioni


- corretto labili e/o interruzioni Ripristinare
inserimento delle Proseguire a Step 5 di continuità su connessioni corrette
connessioni entrambe le del cablaggio
elettriche e terminali estremità del

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 116 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

sul sistema EPS e cablaggio


Body Computer
- corretto serraggio
dei morsetti batteria
- continuità cablaggi
alimentazione EPS
- controllare e pulire
terminali collegati a
massa carrozzeria

VERIFICA CON
5 STRUMENTO DI Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Proseguire secondo
quanto indicato
Collegare lo
dallo strumento di
strumento di
Presenza diagnosi vedere
diagnosi Examiner e Proseguire a Step 6
d’anomalie l’elenco dettaglio
verificare l’assenza
errori ed effettuare
d’anomalie
l’intervento
consigliato

VERIFICA
6 INTERRUTTORE Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
CITY

Sempre con
strumento di
Anomalia Ripristinare il
diagnosi Examiner
Fine diagnosi interruttore e/o corretto
verificare l’assenza
cablaggi funzionamento
d’anomalie
sull’interruttore City

117 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

H030 GUIDA ELETTRICA NON FUNZIONA/CITY

Premendo il tasto CITY, la funzione non si attiva e non si ha maggiore asservimento del servosterzo
elettrico

Risultati delle verifiche

VERIFICA
1 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
FUNZIONALE

Premendo il
pulsante CITY,
verificare che: Il simbolo sul “NQS” Proseguire a Step
Proseguire a Step 2
- S’illumini il non s’illumina 4
corrispondente
simbolo sul “NQS”

VERIFICA
2 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
FUNZIONE CITY

Proseguire come
Eseguire una prova indicato
su strada per Vedere tabella
verificare che Il simbolo sul quadro H025 MANCANZA
avvenga una è funzionante DI
variazione Fine diagnosi mentre ASSERVIMENTO
d’asservimento l’asservimento non DELLA GUIDA
premendo il pulsante varia ELETTRICA CON
CITY sulla plancetta ACCENSIONE
comandi DELLA SPIA
AVARIA

VERIFICA CON
3 STRUMENTO DI Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Collegare 1. Proseguire
l’apparecchiatura di come indicato
diagnosi (Examiner dallo strumento di
1. Presenza d’errori
o altri strumenti) alla diagnosi
su nodo guida
presa di diagnosi al 2. Ripristinare
elettrica
nodo guida elettrica integrità
e verificare: 2. Linea CAN da
collegamenti
Proseguire a Step 5 NGE a NBC in
- eventuale presenza elettrici linea CAN
avaria
errori su nodo da NGE a NBC
guidano elettrica 3. Linea CAN da
3. Ripristinare
NCM a NGE in
- eventuale presenza integrità
avaria
d’errori su NBC collegamenti
- eventuale presenza elettrici linea CAN
d’errori su NCM da NCM a NGE

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 118 / 120
Fiat Auto S.p.A. TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

VERIFICA
4 Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
PULSANTE CITY

Verificare il corretto
funzionamento del
pulsante City 1. Sostituire
Vedere Prova pulsante city 2.
1. Pulsante city
7040AA VERIFICA Ripristinare
difettoso
PULSANTE CITY continuità
2. Cablaggio cablaggio
Verificare la Proseguire a Step 5
interrotto
continuità del Op. 7040A56
3. Body Computer
cablaggio tra 3. Sostituire Body
difettoso
pulsante City e nodo Computer
body computer Op. 5505A32
Vedere E7045
GUIDA ELETTRICA

VERIFICA
5 CORRETTO Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
FUNZIONAMENTO

Sostituire piantone
completo, se
l’anomalia è
Verificare che
ancora presente
l’anomalia non sia Fine diagnosi Anomalia persiste
dopo la
più presente
sostituzione
proseguire a Step
6

VERIFICA CON
6 STRUMENTO Tutto OK Problemi riscontrati Intervento
DIAGNOSI

Effettuare la
cancellazione degli
errori, scollegare la
stazione di diagnosi
e posizionare la
chiave su stop per
circa 10 sec.
Effettuare un Sostituire
avviamento ed Fine diagnosi Anomalia persiste centralina guida
effettuare una elettrica
rotazione del volante
a fondo corsa in
entrambe le
direzioni.
Ricollegare lo
strumento di
diagnosi Examiner e

119 / 120 © 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati
Fiat auto S.p.A TRACCIA DIDATTICA FIAT BRAVO Training Academy

verificare che sulla


centralina guida
elettrica non siano
presenti errori

© 2006 Fiat Auto S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati 120 / 120