Sei sulla pagina 1di 6

Equivalenza asintotica e “o piccolo”

Brevi appunti per i corsi Analisi Matematica I – A.A. 2007/08


(a cura di Claudio Citrini e Clelia Marchionna)

Equivalenza asintotica
Siano f(x) e g(x) due funzioni definite in un intorno di c (finito o infinito), e sia g(x) ≠ 0 in tale
intorno, privato al più di c.
Si dice allora che f(x) è asintotica a g(x) per x → c , e si scrive f(x) ~ g(x) (per x → c), se ri-
sulta:
f (x)
lim = 1.
x →c g ( x )

La specificazione "per x → c" può essere sottintesa ove non dia luogo ad equivoci.
La relazione di equivalenza asintotica è una relazione di equivalenza; ciò significa che soddisfa
le proprietà:

• riflessiva: f(x) ~ f(x)


• simmetrica: f(x) ~ g(x) ⇒ g(x) ~ f(x)
• transitiva: f(x) ~ g(x) e g(x) ~ h(x) ⇒ f(x) ~ h(x).

Scelta una funzione g(x) come infinito (o infinitesimo) campione, per x → c, se risulta f(x) ~ k
g(x)α, con k costante ≠ 0, si dice che f(x) è infinito (o infinitesimo) di ordine α rispetto a g(x), e
che kg(x)α ne costituisce la parte principale. Usualmente si sceglie g(x) = x o g(x) = 1/x, a seconda
dei casi.

Esempi:

a) per x → 0:
• cos x ~ ex ~ Ch x ~ 1
• sin x ~ tg x ~ ex – 1 ~ Sh x ~ Th x ~ log(1+x) ~ arctg x ~ x
• (1 + x)1/2 –1 ~ x/2 (e, in generale, (1 + x)α –1 ~ α x)
• 1 – cos x ~ Ch x – 1 ~ x2/2
• p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm ~ k xm , monomio di grado minimo in p(x)(n > m ≥ 0; a, k ≠ 0)
• x – sin x ~ x3/6

(dunque rispetto all’infinitesimo g(x) = x, per x → 0, sin x è un infinitesimo del primo ordine
con parte principale x; 1 – cos x è un infinitesimo del secondo ordine con parte principale x2/2; 5x4
– 3x2 è un infinitesimo del secondo ordine con parte principale – 3x2; x – sin x è un infinitesimo
del terzo ordine con parte principale x3/6, ecc.)

b) per x → + ∞:
• p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm ~ a xn , monomio di grado massimo in p(x)
• Ch x ~ Sh x ~ ex /2
• arctg x ~ π/2
• π/2 – arctg x = arccotg x ~ 1/x
• Th x ~ 1

1
(dunque rispetto all’infinito g(x) = x, per x → +∞, 5x4 – 3x2 è un infinito del quarto ordine con
parte principale 5x4; π/2 – arctg x è un infinitesimo del primo ordine con parte principale 1/x, ecc.)

c) per x → 1:
• log x ~ (x–1)
• sin (πx) ~ (1–x)

Si noti che, nei precedenti esempi a)b)c), in ciascuna riga l’ultima espressione è assai più sem-
plice delle altre. Ciò facilita molto il calcolo di limiti e, più in generale, lo studio del comporta-
mento di una funzione nell’intorno di x = c, se si sfruttano opportunamente le seguenti proprietà
(si intende che tutti i limiti sono per x → c):

1) f(x) ~ g(x) ed ∃ lim f(x) (o lim g(x)) ⇒ lim f(x) = lim g(x)

(in particolare f(x) ~ k ∈ \{0} ⇔ lim f(x) = k). Si badi che f(x) ~ 0 non ha significato!
Il reciproco non vale, in generale, se i limiti sono 0 oppure ∞.

Controesempio: f(x) = x , g(x) = x2 per x → 0 o per x → ∞ hanno lo stesso limite (risp. 0 o


∞) ma non sono asintoticamente equivalenti.

2) f1(x) ~ g1(x) , f2(x) ~ g2(x) ⇒ f1(x) f2(x) ~ g1(x) g2(x)


(In un prodotto si può sostituire ciascun fattore con un altro asintoticamente equivalente)

Esempi:
• per x → 0 log(1+x) ~ x , 1 – cos x ~ x2 /2 ⇒ log(1+x) · (1 – cos x) ~ x3 /2

3) f(x) ~ g(x) ⇒ f (x)α ~ g(x) α (α ∈ ) ⇐ per α ≠ 0)


(⇐
(si può elevare a potenza entrambi i membri di una relazione di equivalenza asintotica)

Esempi:
• per x → 0 sin x ~ x ⇒ sin3 x ~ x3 , √(sin x) ~ √x
• per x → 0 x3 + 4x2 ~ 4x2 ⇒ x 3 + 4x 2 ~ √(4x2) = 2 |x|
• per x → +∞ x3 + 4x2 ~ x3 ⇒ x 3 + 4x 2 ~ √(x3) = x3/2
• per x → –4+ x3 + 4x2 ~ 16(x+4) ⇒ x 3 + 4x 2 ~ 4 x + 4

4) f1(x) ~ g1(x) , f2(x) ~ g2(x) ⇒ f1(x) / f2(x) ~ g1(x) / g2(x)


(In un quoziente si può sostituire ciascun termine con un altro asintoticamente equivalente)

Esempi:
a) per x → 0:
sin x ~ x , 1 – cos x ~ x2 /2, ⇒ (1 – cos x)/ sin x ~ x/2
p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm ~ k xm ; P(x) = A xr + B xr–1 + … + K xs ~ K xs (k, K ≠ 0)
⇒ p(x)/P(x) ~ (k/K) xm–s,
e quindi p(x)/P(x) → 0 se m>s, → k/K se m=s, → ∞ se m<s

b) per x → ∞:
p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm ~ a xn; P(x) = A xr + B xr–1 + … + K xs ~ A xr (a, A ≠ 0)

2
⇒ p(x)/P(x) ~ (a/A) xn–r ,
e quindi p(x)/P(x) → ∞ se n>r, → a/A se n=r, → 0 se n<r

5) f(x) ~ g(x) ⇒ loga f(x) ~ loga g(x)


se f discosta da 1 (cioè |f–1| ≥ k > 0) in un intorno di c , f(x) > 0, a > 0, a ≠ 1.
(si possono prendere i logaritmi di entrambi i membri di una equivalenza asintotica, purché –
sostanzialmente – tali membri non tendano, o comunque si avvicinino, a 1)

Esempio: Ch x ~ ex /2 per x → +∞, ⇒ log Ch x ~ log(ex /2) = x – log 2 ~ x


Controesempio: x2 ~ x per x → 1, ma log x2 = 2 log x non è ~ log x.

6) f(x) ~ g(x) ⇒ af(x) ~ ag(x)


se f è limitata nell'intorno di c , (a > 0).
(si possono prendere gli esponenziali di entrambi i membri di una equivalenza asintotica, pur-
ché – sostanzialmente – non tendano, o comunque si avvicinino, a ∞)

Controesempi: x +1 ~ x + √x ~ x – √x ~ x + sin x per x → +∞,


ma ex+1 / ex → e ≠ 1, ex+√x / ex → ∝, ex–√x / ex → 0, ex+sin x / ex non ammette limite.

7) f(t) ~ g(t) per t → b, h(x) → b per x → c, (con h(x) ≠ b per x ≠ c) ⇒


⇒ f(h(x)) ~ g(h(x)) per x → c.
(si possono eseguire cambiamenti di variabile in una equivalenza asintotica)

Esempi:
• sin (x2) ~ x2 per x → 0 (b = 0, c = 0)
• 1–cos(3x)~9x2/2 per x → 0 (b = 0, c = 0)
• log(1+5sin x) ~ 5x per x → 0 (b = 0, c = 0)
• sin(1/x) ~ 1/x per x → ∞ (b = 0, c = ∞)
• sin(x) = sin (π – x) ~ (π – x) per x → π (b = 0, c = π)
• log(cos x) = log(1+(cos x – 1)) ~ (cos x – 1) ~ –x2/2 per x → 0 (b = 0, c = 0)

8) In generale da f1(x) ~ g1(x) , f2(x) ~ g2(x) non segue f1(x) ± f2(x) ~ g1(x) ± g2(x).

Controesempio: f1(x) = x, f2(x) = sin x, g1(x) = x + x2, g2(x) = x per x → 0: risulta


f1 – f2 = x – sin x ~ x3/6, che non è asintotico a g1 – g2 = x2.

La somma algebrica si può eseguire solo se non corrisponde ad una semplificazione delle parti
principali (nel controesempio: x). Nel dubbio si utilizzi correttamente la nozione di “o piccolo”. La
formula di Taylor consente di scoprire come è fatto questo “o piccolo”
Esempi:
• per x → 0 sin x ~ x , log(1+x) ~ x ⇒ log(1+3x) + sin 2x ~ 3x + 2x = 5x,
• per x → 0 1 – cos x ~ Ch x – 1 ~ x2/2 ⇒ Ch x – cos x ~ x2/2 + x2/2 = x2
• per x → +∞ x2 − x ~ x ⇒ x 2 − x + x ~ 2x,
mentre x 2 − x – x non si può trattare così semplicemente, ma richiede un passaggio in
più. Raccogliendo la potenza di grado massimo nel radicando, e sfruttando l’equivalenza asintotica
(1 + t)α –1 ~ α t con α = 1/2 e t = -1/x si ha: x 2 − x – x = x {√(1 – 1/x) – 1} ~ x/2 (– 1/x) = – ½ .
Si noterà che questo modo di procedere funziona altrettanto bene con radici di ordine qualsiasi,

3
con le quali non si può usare la tecnica di “razionalizzare alla rovescia”, moltiplicando e dividendo
per la somma ( x 2 − x + x). Si potrebbero usare, con molta maggior difficoltà e solo per esponenti
frazionari, i prodotti notevoli del tipo (an – bn) = (a – b) (an–1 b + an–2 b2 + … + a bn–1) .
Per es., 5
( )
x 5 − x – x = x 5 1 − 1 / x 4 − 1 ~ x (1/5) (– 1/x4) = – 1/(5x3),
mentre 5
( )
x 5 − x 4 – x ~ x 5 1 − 1 / x − 1 ~ x (1/5) (– 1/x) = – 1/5.

9) f(x) ~ g(x) , g(x) > 0 ⇒ ∀ ε > 0 ∃ un intorno di c in cui valgono le disuguaglianze:


(1–ε) g(x) < f(x) < (1+ε) g(x). Se g(x) < 0, si ha analogamente (1+ε) g(x) < f(x) < (1–ε) g(x).
Queste disuguaglianze significano che il grafico di f(x), in un intorno di c, è compreso tra quelli di
(1–ε) g(x) e di (1+ε) g(x). L’osservazione è molto significativa quando g(x) → 0 per x → c.

Simbolo di rapporto infinitesimo ("o piccolo")

Siano f(x) e g(x) come nel paragrafo precedente. Si dice allora che f(x) è "o piccolo" di g(x)
(per x → c), e si scrive f(x) = o(g(x)), oppure brevemente, f = o(g), se avviene che:
f (x)
lim = 0.
x→c g( x )

La relazione di "o piccolo" non è una relazione di equivalenza non essendo riflessiva (difatti f
= o(f) è sempre falsa). Inoltre essa non è né simmetrica né antisimmetrica (le due relazioni f = o(g)
e g = o(f) sono fra loro incompatibili). Vale soltanto la proprietà transitiva: f = o(g) e g = o(h) ⇒
f = o(h).
Si noti che, nonostante la scrittura f = o(g), “o” non è una funzione, ma solo un simbolo indi-
cante un ordine di grandezza.
Valgono inoltre le seguenti proprietà:

1) f(x) = o(1) ⇔ lim f(x) = 0


1’) 1 = o(g(x)) ⇔ lim g(x) = ∞
2) f(x) = g(x) + o(h(x)) significa f(x) – g(x) = o(h(x))
3) f~g ⇔ f = g + o(g) ⇔ f – g = o(g)
3’) g + o(g) ~ g
4) f = o(g), g ~ h ⇒ f = o(h)
5) f × o(g) = o(f × g)
6) k costante ≠ 0 ⇒ o(kg) = o(g)

Esempi:
a) per x → 0:
• x3 = o(x2) x2 = o(x) x = o(1) 1 = o(1/x) …
β α
e, in generale, x = o(x ), α < β reali (anche negativi!)
⇒ nel polinomio p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm tutti i termini sono “o piccolo” di quello
con la potenza minore
• log x = o(1/x) (equivale a x log(x) = o(1), cioè x log(x) → 0)

b) per x → +∞:
• 1/x2 = o(1/x) 1/x = o(1) 1 = o(x) x = o(x2) x2 = o(x3) …
e, in generale, xα = o(xβ), α < β reali (anche negativi!)
⇒ nel polinomio p(x) = a xn + b xn–1 + … + k xm tutti i termini sono “o piccolo” di quello
con la potenza maggiore
• e–x = o(1/xn) ∀n>0 o, equivalentemente, xn = o(ex)
4
• log x = o(xα) ∀α>0
• log (log x) = o(log x) log (log (log x)) = o(log (log x)) ……
2

• e–2x = o(e–x) e − x = o(e − αx ) ∀α∈R

Applicazioni

A) Calcolo di limiti e grafico di funzioni

Si ricorda che le funzioni y = xα per x → 0+ presentano tangente verticale se 0 < α < 1, oriz-
zontale se 1 < α. Prolungate a sinistra dell’origine in modo simmetrico rispetto all’asse y (renden-
dole cioè funzioni pari) tramite y = |x|α, esse presentano, per 0 < α < 1, una cuspide a tangente ver-
ticale. Prolungate in modo simmetrico rispetto all’origine (funzioni dispari) tramite la posizione y
= |x|α sgn(x), esse presentano, per 0 < α < 1, un flesso a tangente verticale. Si ricorda inoltre che y
= |x| presenta nell’origine un punto angoloso.
(Se α è un esponente razionale, α = p/q, con q dispari, le funzioni sono già definite per x < 0 e
risultano pari se p è pari, dispari se p è dispari). Lo stesso comportamento avrà dunque una funzio-
ne asintoticamente equivalente ad una potenza con esponente α.

Per x → 0:
sin x + log(1 + 3x) x + o( x) + 3x + o( x) 4 x + o( x ) 4 x
1) = 2 2
= ~ =4
tg x + 1 − cos x x + o ( x ) + x / 2 + o( x ) x + o( x) x

sin 2 x (e 6 x − 1) x 2 6x
2) ~ = 3 sgn( x) → ±3 (per x → 0 ± )
2
log(1 + 2 x ) x + x3 2 2 x 2 | x|

sin(x 2 ) log(1 − x 3 ) x 2 (−x 3 ) − x 5 x3


3) ~ = = −
1 − cos(2x) (2x) 2 / 2 2x 2 2
Se ne deduce non solo che tale funzio-
ne tende a 0, ma anche che il suo gra-
fico presenta nell’origine un flesso
orizzontale discendente (vedi figura).

4) f(x) = 3 x 3 − x per x → 0 è ~ –x1/3, ed


ha quindi un flesso verticale nell’origi-
ne (con derivata “–∞”). Analogamente
per x → 1 risulta f ~ [2(x–1)]1/3 e per
x → –1 risulta f ~ [2(x+1)]1/3. Dun-
que anche in ±1 vi sono dei flessi ver-
ticali. Per x → ∞ è invece f ~ x, f – x
= = x {[1– 1/x2] 1/3 – 1} ~ x (– 1/2x2)

5
= – 1/2x → 0, dunque f presenta
l’asintoto obliquo y = x.
5) f(x) = x 3 + 4 x 2 . Tenendo conto del-
le equivalenze già indicate al punto 3)
di pag. 2, si ha il grafico in figura.

B) Asintoto obliquo

La linea di equazione y = f(x) ammette la retta y = mx + q (m ≠ 0) come asintoto obliquo (per


x → ± ∞) se risulta f(x) = mx + q + o(1) (per x → ± ∞). Si ha pertanto f(x) ~ mx + q ~ mx, da cui

m = lim f(x)/x q = lim [f(x) – mx]

Risulta pure, per la regola di De L’Hôpital, m = lim f '(x) (se tale limite esiste).

È improprio scrivere f(x) ~ mx + q , dato che tale espressione equivale solo a f(x) = mx + o(x).
(Controesempi: f = x + log x; f = x + sin x che non presentano asintoti obliqui pur essendo ~ x).

C) Formula di Taylor

Sia f(x) continua in un intorno di c con tutte le sue derivate fino all'ordine n [risp. (n+1)]1. Al-
lora valgono le seguenti relazioni, che traducono la cosiddetta formula di Taylor (con il resto di
Peano):

n
f(x) = ∑ f (k)(c) (x–c)k /k! + o[(x–c)n ]
k=0
n
f(x) – ∑ f (k)(c) (x–c)k /k! ~ f (n+1)(c) (x–c) n+1/(n+1)! (se f (n+1) (c) ≠ 0).
k=0
In particolare il grafico del polinomio y = T1(x) = f(c) + f ’(c) (x–c) rappresenta la tangente al
grafico di y = f(x) nel punto C(c, f(c)).
n
Perciò la differenza f(x) – T1(x) si esprime con ∑ f (k)(c) (x–c)k /k! + o[(x–c)n ]. Se tutte le
k=2

derivate di ordine k ≥ 2 sono nulle, e la prima diversa da 0 è quella di ordine n ≥ 2, si ha f(x) –


T1(x) = f (n)(c) (x–c)n /n! + o[(x–c)n ] = (x–c)n { f (n)(c) /n! + o[(x–c)n ]/(x–c)n}. Il fattore tra {} ten-
de a f (n)(c) /n!, e ne ha dunque il segno in un opportuno intorno di c; il fattore (x–c)n invece, sem-
pre positivo per x > c, a sinistra di c assume valori positivi se n è pari, negativi se n è dispari. Per-
tanto il grafico di f(x) giace tutto dalla stessa parte di quello della tangente se n è pari (concavità
verso l’alto o verso il basso), lo attraversa se n è dispari (flesso).

1
In entrambi i casi basta che la derivata di ordine n [risp. (n+1)] esista nel punto c.
6

Potrebbero piacerti anche