Sei sulla pagina 1di 7

⊗ . PERMUTAZIONI .

Una permutazione di n elementi distinti : e1 , e2 , . . . , en è


un’applicazione biunivoca dell’insieme

Nn = {1 , 2 , 3 , . . . , n } sull’insieme En = { e1 , e2 , . . . , en }

Dati 3 elementi A , B , C , esistono 6 permutazioni possibili:

1 → A 1 → A 1 → B
α = 2 → B , β = 2 → C , γ = 2 → A ,
Es. 3 → C 3 → B 3 → C

1 → B 1 → C 1 → C
δ = 2 → C , ε = 2 → A , ϕ = 2 → B .
3 → A 3 → B 3 → A

Si può dire che una permutazione di n elementi distinti : e1 , e2 , . . . , en è una

qualunque disposizione di tutti gli elementi e1 , e2 , . . . , en ;


così le 6 permutazioni α , β , γ , δ , ε , ϕ dell’es., si possono scrivere anche :

ABC , ACB , BAC , BCA , CAB , CBA .

-1-
Particolare interesse rivestono le permutazioni dei primi n numeri naturali escluso
zero, cioè le permutazioni dell’insieme Nn = {1 , 2 , 3 , . . . , n}.
Una permutazione dell’insieme Nn si indica nel seguente modo:

1 2 3 ..... n   1 2 3 ..... n 
α=  oppure α= 
 a1 a2 a3 ..... an   a( 1 ) a( 2 ) a( 3 ) ..... a( n ) 

dove gli ai o a(i) appartengono ad Nn (con i = 1, 2 , …, n) .

Nel caso di N 3 si hanno 6 permutazioni (come prima):

1 2 3  1 2 3  1 2 3 
α1 =   , α2 =   , α 3 =   ,
Es. 1 2 3  1 3 2   2 1 3

1 2 3  1 2 3  1 2 3 
α4 =   , α5 =   , α 6 =   .
 2 3 1 3 1 2  3 2 1

Per evitare confusione con le matrici, una permutazione di Nn si può indicare con
una n-pla :

α = ( α1 , α 2 , ..... , α n )

Per cui tutte le 6 permutazioni possibili di N3 si possono scrivere:

(1 , 2 , 3 ) , (1 , 3 , 2 ) , ( 2 , 1 , 3) , ( 2 , 3 , 1) , ( 3 , 1 , 2) , ( 3 , 2 , 1) .

Detto Pn l’insieme delle permutazioni di Nn , si ha che Pn è composto da


1⋅2⋅3⋅…⋅n = n! (si legge “enne fattoriale”) elementi (permutazioni).

Spesso Pn viene indicato anche il numero di permutazioni di Nn , cioè:

Pn = n! = 1 ⋅ 2 ⋅ 3 ⋅ .... ⋅ n .

-2-
Nell’insieme Pn si può introdurre un’operazione * , che chiamiamo moltiplicazione,
così definita:
α ∗ β = ( a1 ,a2 ,...,an ) ∗ ( b1 ,b2 ,...,bn ) = ( c1 ,c2 ,...,cn ) = γ , con ci = abi .
cioè,

ogni elemento ci , della permutazione risultato γ , è l’elemento


della 1ª permutazione α corrispondente alla posizione indicata
da ciascun numero bi della 2ª permutazione β .

Se nell'insieme P3 delle permutazioni di N 3 = {1, 2 , 3} :

{(1 , 2 , 3 ) , (1 , 3 , 2 ) , ( 2 , 1 , 3 ) , ( 2 , 3 , 1) , ( 3 , 1 , 2 ) , ( 3 , 2 , 1)} ,
Es.1
ad es., α = ( 1 , 3 , 2 ) e β = ( 2 , 3 , 1) , allora :

α ∗ β = ( 1 , 3 , 2 ) ∗ ( 2 , 3 , 1) = ( 3 , 2 , 1) .

Se nell'insieme P4 delle permutazioni di N 4 = {1 , 2 , 3 , 4} :

Es.2 ad es., α = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) e β = ( 2 , 1 , 3 , 4 ) , allora :

α ∗ β = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) ∗ ( 2 , 1 , 3 , 4 ) = (1 , 4 , 3 , 2 ) .

La moltiplicazione * nell’insieme Pn delle permutazioni di Nn non è commutativa,


cioè:
α ∗β ≠ β ∗α
Nell'insieme P3 ad es., se : α = (1 , 3 , 2 ) e β = ( 2 , 3 , 1) , si ha :

Es. α ∗ β = ( 1 , 3 , 2 ) ∗ ( 2 , 3 , 1) = ( 3 , 2 , 1) ,
mentre :
β ∗ α = ( 2 , 3 , 1) ∗ ( 1 , 3 , 2 ) = ( 2 , 1 , 3 ) .

-3-
Per la moltiplicazione * esiste l’elemento neutro che è la permutazione:
µ = ( 1, 2, …, n )
detta permutazione unità ed è, quindi, tale che:
α ∗µ = µ∗α = α per ogni permutazione α di Pn .

Infatti, se nell'insieme P4 delle permutazioni di N 4 = {1 , 2 , 3 , 4} :

ad es., α = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) , si ha :

Es.
α ∗ µ = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) ∗ (1 , 2 , 3 , 4 ) = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) ,
ed anche :
µ ∗ α = (1 , 2 , 3 , 4 ) ∗ ( 4 , 1 , 3 , 2 ) = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) .

Per ogni permutazione α esiste la permutazione inversa α-1 , cioè, la


-1
permutazione α tale che:

α ∗ α -1 = α -1 ∗ α = µ

Infatti, se nell'insieme P4 si considera ad es., α = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) ,


e α -1 = ( a1 ,a2 ,a3 ,a4 ) la sua inversa, devendo essere :

α ∗ α -1 = ( 4 , 1 , 3 , 2 ) ∗ ( a1 , a2 , a3 , a3 ) = µ = (1 , 2 , 3 , 4 ) ,
Es.

quindi :
α -1 = ( 2 , 4 , 3 , 1) .

-4-
Permutazioni pari e permutazioni dispari.

Per stabilire se una permutazione è pari o dispari bisogna calcolare il numero


delle coppie (ai , aj) (con i < j ) all’interno della permutazione tali che ai > aj .
Se questo numero è pari, la permutazione è pari, altrimenti la permutazione è dispari.

Nell'insieme P3 , ad es. :

la permutazione α = (1 , 3 , 2 ) è dispari per via della sola coppia ( 3 , 2) ;


Es. la permutazione β = ( 2 , 3 , 1) è pari per via delle 2 coppie ( 2 , 1) e ( 3 , 1) ;
la permutazione unità µ = (1 , 2 , 3 ) è pari in quanto non si possono formare coppie
tali che il 1° numero è maggiore del 2° .
.

Si dice che una permutazione ha segno +1 se è pari oppure -1 se è dispari.

Quindi indicato con σα il segno di una permutazione α , si ha :

 +1 se α è pari
σα = 
 −1 se α è dispari

-5-
Definizione di DETERMINANTE di una matrice.
Sia
 a11 a12 ... a1n 
 
a a22 ... a2 n 
A =  21
 ... ... ... ... 
 
 an1 an 2 ... ann 

una matrice di ordine n , e


α = (α1 , α2 , α3 , …, αn )
una delle n! permutazioni di Pn .

Si chiama determinante della matrice A e si indica con:


a11 a12 ... a1n
a21 a22 ... a2 n
det A oppure
... ... ... ...
an1 an 2 ... ann

il numero reale:
det A = ∑σ
α∈Pn
α a1α1 a 2 α 2 a 3 α 3 ... anα n
.

Essendo n! il numero delle permutazioni di Pn , il numero degli addendi che


costituiscono un determinante è n! .

Il determinante di ordine 2 :

Le permutazioni di P2 sono : α = (1 , 2 ) e β = ( 2 , 1) ,

essendo : σ α = +1 , α1 = 1 , α 2 = 2 , σβ = − 1 , β1 = 2 , β 2 = 1 ,
si ha :
a11 a12
= σ α a1α1 a2α 2 + σβ a1β1 a2β2 = a11a22 − a12 a21
a21 a22
-6-
Il determinante di ordine 3 :

Le permutazioni di P3 sono :

α = (1 , 2 , 3 ) , β = (1 , 3 , 2 ) , γ = ( 2 , 1 , 3 ) ,
δ = ( 2 , 3 , 1) , ε = ( 3 , 1 , 2 ) , ϕ = ( 3 , 2 , 1) ,

essendo : σ α = +1 , σβ = −1 , σ γ = −1 ,
σ δ = +1 , σ ε = + 1 , σ ϕ = − 1 ,
si ha:

a11 a12 a13


a21 a22 a23 = σα a1α1 a2α 2 a3α 3 + σβ a1β1 a2β2 a3β3 + σ γ a1γ1 a2 γ 2 a3 γ 3 +
a31 a32 a33
+ σ δ a1δ1 a2δ2 a3δ 3 + σ ε a1ε1 a2ε 2 a3ε 3 + σ ϕ a1ϕ1 a2ϕ2 a3ϕ3 =

= + a11a22 a33 − a11 a23 a32 − a12 a21a33 + a12 a23 a31 + a13 a21a32 − a13 a22 a31 =

= + a11 a22 a33 + a12 a23 a31 + a13 a21 a32 − ( a11 a23 a32 + a12 a21a33 + a13 a22 a31 )

che dimostra la regola di Sarrus per il calcolo dei determinanti del 3° ordine:

+a11 a12 a13 a11 a12


a21 a22 a23 a21 a22
a31 a32 a33 a31 a32

bGD'O

-7-