Sei sulla pagina 1di 1

slogan e ordinanze.

I principali scopi di
questa attività furono:
2. il controllo costante dell'opinione pubblica come
strumento di misurazione del consenso;
a volte anche banali
e riciclate, venivano
accompagnate da suoni

1. il controllo
sull'immagine
3. La creazione di archivi nazionali e locali nei quali
ogni cittadino venisse catalogato a seconda
delle sue idee, le sue abitudini, le sua relazioni
e parole che esaltarono
la grandezza e il valore
del Duce e si chiedeva
pubblica del regime, d›amicizia e sessuali, le sue eventuali situazioni e atti di sopprimere o rendere
ottenuto con la percepiti come vergognosi. invisibili scene con donne
cancellazione immediata semi nude o ragazzi che
di qualsiasi contenuto Per controllare i “dissidenti” Mussolini istituì
il Tribunale speciale e l’OVRA, una polizia fatta chiedono l'elemosina; si
che potesse suscitare chiedeva di cambiare le
opposizione, sospetto, o di spie che avevano il compito di scovare gli
antifascisti. A questo punto occorreva occuparsi della parole straniere, (come
dubbi sul fascismo; ad esempio camion) con
manipolazione delle coscienze. Fu così che, accanto
al PNF (Partito Nazionale parole italiane (come
Fascista), nacquero autocarri); si arrivò
l’Istituto Fascista di addirittura a censurare
Cultura e il Ministero per la scena, nel film «Tarzan
la stampa e la propaganda l'indomabile», in cui un
con il fine di operare leone addentava l'uomo
una “fascistizzazione” bianco. Tutto con il solo
della società attraverso il scopo di rafforzare l’idea
controllo degli intellettuali, dell’invincibilità del
della scuola e persino del governo fascista e la tesi
tempo libero. che l'uomo bianco fosse
più forte e intelligente di
Tra gli anni Venti e qualsiasi altra razza.
gli anni Trenta il duce Mussolini venne
iniziò ad investire ingenti quindi presentato
risorse sulla radio, in come l’artefice di ogni
grado di raggiungere successo, l’incarnazione
simultaneamente enormi di tutti i valori dello stato,
masse di persone. fu mostrato sempre
Essendo un potente sicuro di sé, forte,
mezzo di comunicazione robusto: in poche parole,
di massa, la radio fu un punto di riferimento
utilizzata per portare per tutti le cui parole,
avanti una grande opera declamate con una
di persuasione delle certa posa e una certa
masse. Ulteriore mezzo di intonazione, furono
comunicazione di massa enfatizzate da riprese
fu il cinema. Quando si glorificanti.
passò dal cinema muto a
quello sonoro le immagini,

13