Sei sulla pagina 1di 71

Esercizio 2

Per il freno a tamburo riportato in Fig. 2 (le misure sono in mm), nota la forza F agente in D,
determinare il momento frenante sul tamburo e la reazione risultante della cerniera fissa O. Si
trascuri l’attrito negli accoppiamenti rotoidali. Si assuma | F | = (1200 + 100 X ) N (diretta come in
figura), un coefficiente di attrito pari a f = 0.4 e una velocità di rotazione del tamburo diretta come
in figura di modulo pari a |ω| = (1450 + X) RPM
Si chiede di determinare:

1. il modulo della reazione della cerniera fissa O1 [N]


2. il modulo della reazione del carrello in D [N]
3. il modulo della reazione sul supporto dell’asse del tamburo in O [N]
4. il momento frenante sul tamburo [Nm]
5. la potenza dissipata per attrito [W]

Fig. 2
Esercizio 2

Per il freno a tamburo riportato in scala in Fig. 2 (le quote sono in mm), è nota la forza F agente in
E. Si trascuri l’attrito negli accoppiamenti rotoidali. Si assuma | F | = (1200 + 100 X ) N (diretta come
in figura), un coefficiente di attrito pari a f = 0.3 e una velocità di rotazione del tamburo diretta
come in figura di modulo pari a |ω| = (1450 + X) RPM
Si chiede di determinare:

6. Il modulo della reazione della cerniera fissa O1 [N]


7. Il modulo della reazione del carrello in D [N]
8. Il modulo della reazione sul supporto dell’asse del tamburo in O [N]
9. Il momento frenante sul tamburo [Nm]
10. La potenza dissipata per attrito [W]

Fig. 2
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del --.--.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nel sistema riportato in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta BO1, di lunghezza 70mm, è posta
post in rotazione da un motore
avente velocità angolare costante di ω = 13 rad/s. Lungo l’asta DO3 agisce un carico normale, come indicato in Fig. 1, con
densità lineare 20 N/m. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella
configurazione di figura:

1) La velocità del centro della cerniera B.


2) La velocità angolare dell’asta CO2.
3) La velocità angolare dell’asta DO3.
4) Il modulo dell’accelerazione, di componente normale a DO3, del punto D.
5) La coppia da applicare all’asta BO1 per garantire l’equilibrio dinamico del sistema.
6) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O3.

Fig.1

Esercizio No 2

In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, una trasmissione con cinghia avente la funzione di d trasferire
potenza dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato
alla puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Il sistema di forzamento a gravità è realizzato mediante la massa sospesa M. Supponendo che la cinghia abbia
una massa lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 siano
folli,, calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:
1) Il rapporto di trasmissione geometrico;
2) la coppia agente sulla puleggia 2;
3) l’angolo di scorrimento sullee pulegge 1, 2;
4) la massa minima M da applicare al sistema di forzamento;
5) calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la massa sospesa venga raddoppiata.

Fig.2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=500
= RPM e coppia CM=250 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti z1=20; z2=80; z4=22; z5=18; z6=24; z7=18; z8=30,, si determini con riferimento al verso
positivo indicato in figura:

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore considerando che D1 sia innestata (e D2 disinnestata).


disinnestata)
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico,, considerando
consideran che D1 sia innestata (e
D2 disinnestata).
3) La velocità angolare dell’albero utilizzatore considerando che D2 sia innestata (e D1 disinnestata).
disinnestata)
4) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico,, considerando che
ch D2 sia innestata (e
D1 disinnestata).
5) Il modulo del momento frenante dell’innesto D2, considerando che D2 sia innestata (e D1 disinnestata).
disinnestata)

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 26.04.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta AC è dotata di velocità angolare
costante di ω = 0.6 rad/s (positiva nel verso di figura).
figura) Inoltre, sull’asta AC agisce la forza F=100N come mostrato in figura.
figura
Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
figura

1) La componente verticale della velocità del punto C.


2) La velocità angolare dell’asta AO1.
3) La coppia da applicare all’asta AO1 per garantire l’equilibrio dinamico del sistema.
sistema
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O2.
5) La componente verticale dell’accelerazione del punto C. C

Fig.1

Esercizio No 2

In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm,


mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F.. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:
1) Il rapporto di trasmissione geometrico;
2) la coppia agente sulla puleggia 2;
3) l’angolo di scorrimento sullee pulegge 1, 2;
4) la forza F da applicare al sistema di forzamento;
5) calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata.

Fig.2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ωΜ1=500
= RPM e coppia CM1=250 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti:
zA1=18 zA2=22 zB1=63 zB2=18 zC2=18 zD1=20 zD2=18 zE2=20 zF2=20
si determini con riferimento al verso
rso positivo indicato in figura:

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U, considerando che ωΜ2=0.


2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico,, considerando che ωΜ2=0.
3) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U, considerando che ωΜ2=0.5*ωΜ1.
4) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico,, considerando che ωΜ2=0.5*ωΜ1.
5) La coppia che deve applicare il motore M2 al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico,, considerando che ωΜ2=0.5*ωΜ1.

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 22.06.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta O1C è dotata di velocità angolare
costante di ω = 0.6 rad/s (di verso orario). Inoltre, sull’asta O1C agisce la forza F=20N
0N come mostrato in figura.
figura Trascurando
lee inerzie di tutti i corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli a meno dell’attrito agente
nell’accoppiamento pistone D – guida prismatica,
prismatica calcolare nella configurazione di figura:

1) Il modulo della velocità angolare del corpo O2B.


2) Il valore di pressione, che si assume uniformemente distribuita sulla superficie del pistone, di area 100 cm2, per garantire
l’equilibrio dinamico del sistema. Si assuma un attrito di tipo Coulombiano con coefficiente di attrito f=0.1.
3) Il modulo della reazione vincolare del pattino con cerniera C.
C
4) Il modulo dell’accelerazione del pistone D.

Fig.1

Esercizio No 2

In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm,mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F.. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente
ciente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) la coppia agente sulla puleggia 2.


2) il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O1.
3) la forza F da applicare
licare al sistema di forzamento.
4) calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata.
Fig.2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ωΜ1=500
= RPM e coppia CM1=250 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti:
zA1=26 zA2=52 zB1=26 zB2=18 zC2=18 zD1=20 zE1=26
26 zE2=18 zG1=18
si determini con riferimento al verso positivo indicato in figura:

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U.


2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico.
3) La coppia che agisce sulla ruota ZD1.
4) La velocità angolare della ruota ZD1.

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 09.07.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta DC è dotata di velocità angolare
costante di ω = 0.6 rad/s (di verso come in figura).
figura Inoltre, sull’asta DC agisce la forza F=500500N come mostrato in figura.
Trascurando lee inerzie di tutti i corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli a meno dell’attrito agente
nell’accoppiamento C perno-boccola, calcolare nella configurazione di figura:

1) Il modulo della velocità del nodo B.


pistone, di area 4 cm2, per garantire
2) Il valore di pressione, che si assume uniformemente distribuita sulla superficie del pistone,
l’equilibrio dinamico del sistema. Si assuma un attrito di tipo Coulombiano con coefficiente di attrito f=0.5,
f=0. e raggio
dell’accoppiamento rotoidale R=10mm.
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.
4) Il modulo dell’accelerazione del punto D.
D

Fig.1

Esercizio No 2

In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F.. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente
efficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) la coppia agente sulla puleggia 2.


2) il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O5.
3) la forza F da applicare
licare al sistema di forzamento.
4) calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata.
Fig.2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ωΜ1=500
= RPM e coppia CM1=250 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti:
zA1=40 zA2=38 zB1=26 zB2=18 zC2=18 zD1=20 zE1=26
26 zE2=18 zG1=18
si determini con riferimento al verso positivo indicato in figura:

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U.


2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico.
3) La coppia all’incastro F.
4) La velocità angolare della ruota ZD1.

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 06.09.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il disco di centro O2 è dotato di velocità
angolare costante ω = 10 rad/s (di di verso orario). Inoltre, sull’asta AB agisce la forza F1=50 50N come mostrato in figura.
Trascurando le inerzie di tutti i corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli a meno dell’attrito agente nel
solo accoppiamento pattino-guida in C, calcolare nella configurazione di figura:

1) Il modulo della velocità del nodo D.


2) Il valore di F2, che garantisce
l’equilibrio dinamico del sistema
sistema,
assumendo un attrito di tipo Coulombiano
con coefficiente di attrito f=0.1.
f=0. Si assuma,
inoltre, che sul disco di centro O2 agisca
una coppia resistente di 1Nm.
3) Il modulo della reazione vincolare della
cerniera O2.
4) Il modulo dell’accelerazione del punto
D.

Fig 1

Esercizio No 2

In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm,


mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia M (di centro OM), agli alberi solidali alla puleggia 1 (di centro O1) e 2 (di centro O2). Il
motore applicato alla puleggia M ha una velocità
veloc costante ω1= 330 rad/s.. Le coppie utilizzatrici richieste sull’albero della
puleggia 1 e 2 sono,
rispettivamente, C1 = 50
Nm e C2 = 8 Nm. Le
pulegge hanno i raggi
R1= R2=60 mm, RM=110
mm. Al sistema di
forzamento a rullo
tenditore è applicata la
forzante F mediante una
molla di rigidezza
k=100N/mm.

Fig 2
Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare m=0.35 kg/m, kg/m che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che la
puleggia di centro O3 sia folle,, calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) la coppia motrice CM.


2) L’angolo di scorrimento sulla puleggia motrice.
motrice
3) l’elongazione ∆LL della molla di forzamento.
forzamento
4) il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa OM.

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ωΜ1=30
3000 RPM ed eroga una potenza di
1.5 kW. Inoltre, la ruota B1 è connessa, mediante organo di frizione innestato, all’incastro. Considerando che tutte le ruote sono
cilindriche
driche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,=20°, che presentano
presen i seguenti numeri di
denti:
zA1=18 zA2=19 zB1=19 zC1=48 zC2=20 zD1=20
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura):

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U.


2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico.
3) Assumendo, inoltre, che la massima potenza ammissibile erogabile dal motore sia Pmax=22 kW, si determini la l forza normale di
chiusura su S1 che garantisca l’occorrenza della
del condizione di incipiente slittamento (nell’organo di frizione) al raggiungimento di
Pmax. Si assuma, a tal proposito, che l’organo di frizione sia equiparabile a un semplice freno a disco, con coefficiente di attrito
f=0.3 e raggio medio dei dischi di attrito rm=0.2 m.
4) La velocità angolare ωΒ1 in condizioni di slittamento, assumendo ωU=0.

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 20.09.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta AO1 è dotata di velocità angolare
costante ω = 0.6 rad/s (di verso orario). Trascurando
Trascu le inerzie dei corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i
vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
figura
1) Il modulo della velocità angolare del corpo incernierato in O4.
2) La coppia da applicare all’asta AO1 che garantisca
garantisc l’equilibrio
equilibrio dinamico del sistema. Si consideri che nella camera
sione costante pm=10bar (area utile 100mm2).
cilindrica sia presente un fluido a pressione

Fig 1

3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.


4) Il modulo dell’accelerazione angolare del corpo incernierato in O2.

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm,
mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia M (di centro OM), agli alberi solidali alla puleggia 1 (di centro O1) e 2 (di centro O2). Il
motore applicato alla puleggia M ha una velocità
veloc costante ω1= 330 rad/s.. Le coppie utilizzatrici richieste sull’albero della
2 puleggia 1 e 2 sono, rispettivamente, C1 = 50 Nm e C2 = 80 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1= R2=60 mm, RM=110 mm. Al
sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forzante F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
trascurabile, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che la puleggia di centro O3 sia folle, calcolare in
condizioni di incipiente
iente slittamento globale:
1) la coppia motrice CM.
2) L’angolo di scorrimento sulla puleggia motrice.
motrice
3) La forza F.
4) il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa OM.

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ω=3000 RPM ed eroga una
potenza di 1.5 kW. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche
cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed
angolo di pressione θ=20°, che presentano
tano i seguenti numeri di denti:
zA1=40 zA2=18 zA3=18 zB1=18 zC1=18 zC2=36 zD2=18
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura):
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U.
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico.
3) La velocità angolare ωC1.
4) La coppia sulla ruota C1.

Fig 2

Fig 3

Fig.3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 24.10.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato
capovolto sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del
candidato dalla prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il corpo incernierato in O1 è caratterizzato da
una velocità angolare w1=3 rad/s oraria. Trascurando le inerzie deii corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti
t i
vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
figura
1) La portata volumetrica nell’attuatore D-EE (area utile 100mm2).

Fig 1

2) La forza F che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema. Si consideri che nella camera cilindrica sia presente un fluido
a pressione costante pm=10bar.
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O1.
4) L’accelerazione del pattino F.

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla puleggia
1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm, R2=110 mm. Al
sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia
cinghia abbia una massa lineare m=0.35 kg/m, che
il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 e O5 siano
iano folli, calcolare in condizioni di
incipiente slittamento globale:
1) Il rapporto di trasmissione geometrico;
2) la coppia agente sulla puleggia 2;
3) la forza F da applicare al sistema di forzamento;
forzamento
4) la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata;
raddoppiata
Fig 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ω=3000 RPM ed eroga una
potenza di 1.5 kW. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed
angolo di pressione θ=20°, che presentano
tano i seguenti numeri di denti:
zA1=40 zA2=18 zA3=18 zB1=18 zC1=18 zC2=36 zD2=18
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura):

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U.


2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico.
3) La velocità angolare ωC1.
4) La coppia sulla ruota C1.

Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 04.12.2012
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
dal
prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il corpo individuato dai punti GFH è caratterizzato
da una velocità angolare |w1|=1 rad/s antioraria
oraria e costante. Inoltre, la velocità del punto A è nulla. Trascurando le inerzie dei
corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti
t i vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
figura
mm3/s
1) La portata volumetrica nell’attuatore L (area utile 100mm2)........................................................................
..................

Fig 1

N
2) Il modulo della forza N1 che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema. Si consideri N2 pari a 1kN.......
1kN.
Pa
3) La pressione pm che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema,
sistema nelle condizioni del punto 2)..................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O1............................................................................
.....................

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 700 Nm. Le pulegge hanno i raggi
R1=60 mm, R2=110 mm. Al sistema di forzamento è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia cin abbia una massa lineare
m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 e O5 e O6 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:
1) Il rapporto di trasmissione geometrico..............................................................................
......................................................................................................
..................
Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice................................................................................
...............................................................................
N
3) Il modulo della
la forza F da applicare al sistema di forzamento.......................................................
forzamento ..................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................
raddoppiata

Fig 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ω=3000
00 RPM ed
e eroga una potenza di
1.5 kW. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di
pressione θ=20°, che presentano
tano i seguenti numeri di denti:
zA1=18 zA2=42 zB1=2222 zB2=20 zC2=36 zD1=22 zD2=30 zE1=18
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari,
unitari assumendo ωF=0:

rad/s
1) La componente della velocità angolare dell’albero utilizzatore U......................................................
...................................................................
Nm
2) Il modulo della coppia all’utilizzatore U,, che garantisca l’equilibrio dinamico.............................................
...............................................
Nm
3) Il modulo della coppia frenante CF.(freno a disco).........................................................................................
disco). ................
4) Assumendo che la forza di chiusura del freno
no a disco sia raddoppiata, determinare il modulo della massima coppia motrice
Nm
trasmissibile dal rotismo..................................................................................................................................
...................................................................................................................
......................................................................................................................
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 15.01.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
dal
prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, la cesoia è attuata con una portata idraulica
costante di 1000 mm3/s entrante nell’attuatore F. Trascurando le inerzie deii corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile
tra in
tutti i vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
figura
mm/s
1) Il modulo della velocità del punto D (area utile attuatore 100mm2).............................................................
..................

Fig 1
2) Il modulo della forza N1 che garantisce l’equilibrio
l’e dinamico del sistema.
N
Si consideri la pressione agente nell’attuatore pari a 10bar.........................................................................
10bar ..............................................................................
m/s2
3) L’accelerazione del punto D..........................................................................................................
..........................................................................................................
..........................................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2............................................................................
.....................

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire
potenza dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato
alla puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 500 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 70 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Il sistema di forzamento a gravità è realizzato mediante la massa sospesa M. Supponendo che la cinghia abbia una
massa lineare
eare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.....................................


......................................................................................................
....................................................................
rad
2) L’angolo di scorrimento sulla puleggia 1.....................................................................................................
1................... .....................
kg
3) La massa minima M da applicare al sistema di forzamento.........................................................................
forzamento ........................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che M venga raddoppiata..................
......................
Fig 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=500 RPM e coppia CM=250 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti:
z1=20 z2=80 z4=22
=22 z5=18 z6=24 z7=18 z8=30
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:
unitari

1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore considerando:


considerando
rad/s
D1 innestata (e D2 disinnestata)....................................................
)...........................................................................................................
.....................................................................
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico considerando:
Nm
le condizioni del punto 1)..................................................................................................................................
1).................................................................................. ...............................................
3) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico, considerando:
Nm
D2 innestata (e D1 disinnestata)..............................
..........................................................................................................................
...........................................................................................
4) Il modulo del momento frenante dell’innesto D2 considerando:
Nm
le condizioni del punto 3).............................................................................................................................
.............................................................................................................................
..................................................................................................................................
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 14.02.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
dal
prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’attuatore
’attuatore in A è alimentato da una portata
costante di 1000 mm3/s entrante a pressione pA=10 bar. Trascurando le inerzie deii corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile
in tutti i vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
figura
mm3/s
1) La portata qB (positiva se entrante) (area utile attuatore A=B=100mm2)......................................................
..................

Fig 1

MPa
2) La pressione che agisce nella camera B, che garantisce
garantisc l’equilibrio dinamico del sistema..........
.........................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.......................................................................
.................
m/s2
4) L’accelerazione
azione del punto B.................................................................................................................
B....................................... .....................

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e N1=100N, si determini:
mm
1) Il raggio del cerchio di Romiti.................
.............................................................................................................
..............................................................................
Nm
2) Il momento frenante complessivo.................................................................................................................
complessivo................ ....................................
N
3) La reazione della cerniera O3........................................................................................................................
................................................. ........................................
N
4) La reazione della cerniera O2..............................................................................................................
......................................................................................... ......................
Fig 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=500 RPM e coppia CM=10 Nm.
Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione θ=20°,
che presentano i seguenti numeri di denti:
z1=20 z2=18 z3=2
=20 z4=18 z5=30 z7=108 z8=18 z10=22
si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:
unitari

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:......................................................................................
utilizzatore .....................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:..............
dinamico .................
rad/s
3) La velocità angolare del portatreno:.......................
................................................................................................................
...........................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota 6..................................................................................................................................
.............................................................................................................................
..................................................................................................................................
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-20
2012 -
Appello del 28.02.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
dal
prova.

Esercizio No 1
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione pA=10 bar nella camera di attuazione (area utile 100mm2), si
determini:
mm
1) Il raggio del cerchio di Romiti.................
.............................................................................................................
..............................................................................
Nm
2) Il momento frenante complessivo.................................................................................................................
complessivo................ ....................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O1...................................................................................................
........................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in B sul telaio...........................................................
......................

Fig 1

Esercizio No 2
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 2, in scala e con quote in mm, l’attuatore
’attuatore in A è alimentato da una portata
costante di 1000 mm3/s entrante a pressione pA=10 bar (area utile attuatore A =100mm2). Trascurando le inerzie dei corpi, e
assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli,
vincoli calcolare nella configurazione di figura:

Fig 2
m/s
1) Il modulo della velocità del punto D..........................................................
..............................................................................................................
..................
N
2) Il modulo della forza N1 che garantisce l’equilibrio
l’e dinamico del sistema...................................
.........................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.......................................................................
.................
m/s2
4) L’accelerazione del punto D.......................................
.................................................................................................................
.....................

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=500 RPM (positiva come in
figura) e coppia CM=10 Nm.. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm
ed angolo di pressione θ=20°, che presentano
ntano i seguenti numeri di denti:
denti

z1=18 z2=27 z3=18 z4=27 z5=27 z6=18 z8=18 z9=19 z10=


z10=41 z12=18 z13=27

si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:
unitari

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:......................................................................................
utilizzatore .....................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:.........................
dinamico .................
rad/s
3) La velocità angolare del solare 7:...........................
................................................................................................................
...........................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota 7..................................................................................................................................
.............................................................................................................................
..................................................................................................................................

Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2011-2012 -
Appello del 20.04.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
prova.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta O1A è dotata di velocità angolare costante di
ω = 0.6 rad/s (di verso anti-orario). Inoltre, sul profilo BCD agisce la forza N1=100N come mostrato in figura. Trascurando le
inerzie di tutti i corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli a meno dell’attrito agente nell’accoppiamento
rotoidale in C (coefficiente di attrito 0.3 e raggio della boccola 20mm), calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto D............................................................................................................
Nm
2) La coppia da applicare su O1A per garantire l’equilibrio dinamico del sistema..........................................
N
3) Il modulo della reazione in C.......................................................................................................................
m/s2
4) Il modulo dell’accelerazione del punto D.....................................................................................................

Fig 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 77 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) la coppia agente sulla puleggia 2...................................................................................................................
N
2) la forza F da applicare al sistema di forzamento............................................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.....................................................................................
Fig 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante ω=3000 RPM ed eroga una
potenza di 1.5 kW. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed
angolo di pressione θ=20°, che presentano i seguenti numeri di denti:
zA1=40 zA2=18 zA3=18 zB1=18 zC1=18 zC2=36 zD2=18
si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura):

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:.....................................................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:.........................
rad/s
3) La velocità angolare angolare ωC1.:....................................................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota D1.....................................................................................................................................

Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2012-20
2013 -
Appello del 03.07.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. Alla fine della prova il candidato è invitato a disporre l’elaborato capovolto
sul tavolo. Il personale docente ne predisporrà il ritiro. L’assenza dell’elaborato sarà intesa come ritiro del candidato dalla
dal
prova.

Esercizio No 1
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione pA=10 bar nella camera di attuazione (area utile 100mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante complessivo.................................................................................................................
complessivo................ ...............................................................................
N
2) Il modulo della reazione della cerniera O3...................................................................................................
........................................
N
3) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...........................................................
....................
4) Il valore minimo ideale di coefficiente di attrito che determina, nella coppia di contatto di sinistra, sinistra la condizione di freno

autobloccante.................................................................................................
.........................................................................................................................
......................

Fig 1
Esercizio No 2
Nella configurazione di sistema (parte
rte del complesso di sterzatura)
sterzatura riportata in Fig. 2,, in scala e con quote in mm, il corpo AO3
ruota con velocità angolare costante ω=100 RPM in verso antiorario. Sulle ruote, individuate dai punti C e D, agiscono delle forze
di modulo 250 N.. Trascurando le inerzie dei corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli, calcolare nella
configurazione di figura:

Fig 2

rad/s
1) Il modulo della velocità angolare della ruota C.............................................................................................
C ....................................................
rad/s
2) Il modulo della velocità angolare della ruota D.............................................................................................
...................................................
Nm
3) Il modulo della coppia da applicare al corpo AO3 che garantisce l’equilibrio
equilibrio dinamico del sistema...........
sistema..
N
4) Il modulo della reazione vincolare in O3.......................................................................................................
O3... ..........................................

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=500 RPM (positiva come in
figura) e coppia CM=10 Nm.. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm
ed angolo di pressione θ=20°, che presentano
ntano i seguenti numeri di denti:
denti

z1=18 z2=27 z3=18 z4=27 z5=27 z6=18 z8=18 z12=40 z13=18

si determini (con
con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:
unitari

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:......................................................................................
utilizzatore .....................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:.........................
dinamico .................
rad/s
3) La velocità angolare del solare 1:...........................
................................................................................................................
...........................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota 1..................................................................................................................................
.............................................................................................................................
..................................................................................................................................
Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2012-2013 -
Appello del 15.07.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta di cerniera O1 è dotata di velocità angolare
costante di  = 0.6 rad/s (positiva nel verso di figura). Inoltre, sull’asta AC agisce la forza F=100N come mostrato in figura.
Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto C............................................................................................................
Nm
2) La coppia C che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema...................................................................
N
3) Il modulo reazione vincolare della cerniera fissa O3....................................................................................
m/s2
4) Il modulo dell’accelerazione del centro di istantanea rotazione dell’asta AC.............................................

Fig1
Esercizio No 2
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione pA=10 bar nella camera di attuazione (area utile 100mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante =500 RPM e coppia CM=250
Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di
pressione =20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

z1=20 z2=80 z4=22 z5=18 z6=24 z7=18 z8=30


si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura):

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore considerando che D1 sia innestata (e D2 disinnestata):................
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico, considerando che D1 sia innestata (e
Nm
D2 disinnestata):.................................................................................................................................................
rad/s
3) La velocità angolare dell’albero utilizzatore considerando che D2 sia innestata (e D1 disinnestata):................
4) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico, considerando che D2 sia innestata (e
Nm
D1 disinnestata)............................................................................................................................................... ...
Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2012-2013 -
Appello del 10.09.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il disco di centro e cerniera O1 è dotato di velocità
angolare costante e oraria di  = 2.6 rad/s. Inoltre, sullo stesso disco agisce una coppia, concorde con il vettore velocità angolare,
di modulo Cm=1Nm. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di
figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto E............................................................................................................
2) Il modulo della forza applicata in E che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema. Si assuma che tale forza abbia direzione
N
parallela alla direzione della velocità del punto E…………......................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O 3...........................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O 2...........................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una forza F di modulo 100 N, si determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante =500 RPM (positiva come in
figura) e coppia CM=10 Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm
ed angolo di pressione =20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

z1=18 z2=27 z3=18 z4=27 z5=27 z6=18 z8=18 z9=18 z10=41 z12=18 z13=27

si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:.....................................................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:.........................
rad/s
3) La velocità angolare del solare 7:.......................................................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota 7...................................................................................................... .................................
Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2012-2013 -
Appello del 30.10.2013
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il pattino di cerniera A trasla con velocità
costante, e concorde con la forza F. Inoltre, sulla traversa EDC agisce una forza P, come in figura, di modulo 100N. Trascurando
gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto D considerando |vA|=10mm/s ...............................................................
N
2) Il modulo della forza applicata in A che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema ...............................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O 1 ..........................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera interna B ........................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione A-F di p=100 bar (area utile 10mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 70 Nm. Le pulegge hanno i raggi
R1=60 mm, R2=110 mm. Al sistema di forzamento è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O 3 e O4 e O5 e O6 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice..................................................................................
N
3) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento.....................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................

Fig3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 15.01.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1 (meccanismo di Klann), in scala e con quote in mm, l’asta AO1 ruota con
velocità angolare, costante ed oraria, |w|=1 rad/s. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi,
calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto F ............................................................................................................
rad/s
2) Il modulo della velocità angolare dell’asta DCF ........................................................................................
3) Il modulo della forza resistente applicata in F (con direzione orizzontale) che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema,
N
assumendo che sull’asta AO1 agisca una coppia oraria |C|=1 Nm ...........................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O2 ..........................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e |N1|=1000 N, si determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo (rotismo di Simpson) ove il motore M ha una velocità costante =500 RPM
(positiva come in figura) e coppia CM=10 Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno
modulo m=10 mm ed angolo di pressione =20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

z1=18 z2=36 z3=18 z4=30

si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

1) Il rapporto di trasmissione wU/wM .............................................................................................................


Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico ...................
Nm
3) La coppia d’incastro A ...............................................................................................................................
Nm
4) Il modulo della coppia sulla ruota 3 ...........................................................................................................

Fig3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 29.01.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento della prova. I risultati vanno inseriti negli appositi spazi indicati.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta AO 1 è dotata di velocità angolare costante
|w|=1.5 rad/s (di verso orario). Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella
configurazione di figura:
rad/s
1) Il modulo della velocità angolare del corpo incernierato in O 4....................................................................
2) La coppia da applicare all’asta AO1 che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema. Si consideri che nella camera cilindrica
Nm
sia presente un fluido a pressione costante p m=50bar (area utile 100mm2)................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2………………...........................................................
rad/s2
4) Il modulo dell’accelerazione angolare del corpo incernierato in O 2…........................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 100 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 50 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.3 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.4 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) La coppia agente sulla puleggia 2……………............................................................................................
N
2) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O 5...........................................................................
N
3) La forza F da applicare al sistema di forzamento.........................................................................................
Nm
4) Calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata.........

Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante =100 RPM (positiva come in
figura) e coppia CM=10 Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm
ed angolo di pressione =20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

z1=18 z2=36 z3=18 z5=20 z6=36 z7=38

si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

1) Il rapporto di trasmissione wU/wM .............................................................................................................


Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico ...................
Nm
3) La coppia d’incastro A ...............................................................................................................................
rad/s
4) La velocità angolare della ruota 4.................................................................................................................

Fig3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 19.02.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento della prova. I risultati vanno inseriti negli appositi spazi indicati.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il disco di centro O 2 è dotato di velocità angolare
costante  = 25 rad/s (di verso orario). Inoltre, sull’asta AB agisce la forza F1=100N come mostrato in figura. Trascurando le
inerzie di tutti i corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile in tutti i vincoli a meno dell’attrito agente nel solo accoppiamento
pattino-guida in C, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto D............................................................................................................
2) Il valore di F2, che garantisce l’equilibrio dinamico del sistema, assumendo un attrito di tipo Coulombiano con coefficiente di
N
attrito f=0.1. Si assuma, inoltre, che sul disco di centro O 2 agisca una coppia resistente di 3Nm.............
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O3....……………...........................................................
m/s2
4) Il modulo dell’accelerazione del punto D.........................................…........................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza dall’albero solidale alla
puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla puleggia 1 ha una velocità
costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 110 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm, R2=110 mm. Al
sistema di forzamento è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente
d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O 3 e O4 e O5 e O6 siano folli, calcolare in condizioni di incipiente
slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice..................................................................................
N
3) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento.....................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M 1 ha una velocità costante =5000 RPM e coppia CM1=250
Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione
=20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

zA1=40 zA2=38 zB1=26 zB2=18 zC2=18 zD1=20 zE1=26 zE2=18 zG1=18

si determini con riferimento al verso positivo indicato in figura, in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

1) Il rapporto di trasmissione wU/wM .............................................................................................................


Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico ...................
Nm
3) La coppia d’incastro F ................................................................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota ZB1..............................................................................................................................

Fig3

Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 10.06.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento della prova. I risultati vanno inseriti negli appositi spazi indicati.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’attuatore in A è alimentato da una portata
costante di 1200 mm3/s entrante a pressione p A=14 bar. Trascurando le inerzie dei corpi, e assumendo che l’attrito sia trascurabile
in tutti i vincoli, calcolare nella configurazione di figura:
mm3/s
1) La portata qB (positiva se entrante) (area utile attuatore A=B=150mm2).....................................................
MPa
2) La pressione che agisce nella camera B, che garantisce l’equilibrio dinamico del sistema.........................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2....……………...........................................................
m/s2
4) L’accelerazione del punto B.........................................…............................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 300 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 70 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.25 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.33 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

Fig2
Nm
1) La coppia agente sulla puleggia 2.................................................................................................................
N
2) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento.....................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2...................................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M 1 ha una velocità costante =3500 RPM ed eroga una potenza
di 1.8 kW. Inoltre, la ruota B1 è connessa, mediante organo di frizione innestato, all’incastro. Considerando che tutte le ruote
sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione =20°, che presentano i seguenti
numeri di denti:
zA1=18 zA2=19 zB1=19 zC1=48 zC2=20 zD1=20
si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura), in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

1) Il rapporto di trasmissione wU/wM .............................................................................................................


Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico ...................

3) Assumendo, inoltre, che la massima potenza ammissibile erogabile dal motore sia P max=2 kW, si determini la forza normale di
chiusura su S1 che garantisca l’occorrenza della condizione di incipiente slittamento (nell’organo di frizione) al
raggiungimento di Pmax. Si assuma, a tal proposito, che l’organo di frizione sia equiparabile a un semplice freno a disco, con
N
coefficiente di attrito f=0.3 e raggio medio dei dischi di attrito rm=0.2 m.................................................
rad/s
4) La velocità angolare  in condizioni di slittamento, assumendo U=0....................................................

Fig 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 24.06.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’attuatore AB è caratterizzato da una portata
(volumetrica) costante ed entrante di q=103 mm3/s (sezione utile S=10 mm2), e pressione p=10 bar. Trascurando gli attriti in tutti
gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
rad/s
1) Il modulo della velocità angolare del disco di centro O2 .............................................................................
Nm
2) Il modulo della coppia sul disco che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema.....................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O1 ..........................................................................
4) Il modulo della coppia sul disco che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema, assumendo che il contatto pattino/guida in A
Nm
sia caratterizzato da un coefficiente di attrito 0.2 ......................................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi (esterni) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione B-C di p=100 bar (area utile 10mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O1 sul telaio...................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 100 Nm. Le pulegge hanno i raggi
R1=60 mm, R2=110 mm. Al sistema di forzamento è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.3 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.33 e che le pulegge di centro O3 e O4 e O5 e O6 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice..................................................................................
N
3) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento.....................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................

Fig3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 08.07.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, la velocità angolare del corpo AB, costante e di
verso orario, ha modulo pari a 10 rad/s. Inoltre, la forza F (applicata in D) ha modulo pari a 100N. Trascurando gli attriti in tutti
gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto A ...........................................................................................................
m/s
2) Il modulo della velocità del punto D ...........................................................................................................
N
3) Il modulo della forza orizzontale applicata in A, che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema ...........
N
4) Il modulo della reazione della cerniera in O3 ..............................................................................................

Fig1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi (esterni) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una coppia, di verso antiorario, agente sull’asta AB e di modulo pari a 50Nm, si
determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo esterno in A ......................................................................
Fig2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 100 Nm. Le pulegge hanno i raggi
R1=60 mm, R2=110 mm. Al sistema di forzamento è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.3 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.33 e che le pulegge di centro O3 e O4 e O5 siano folli, calcolare in
condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice..................................................................................
N
3) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento.....................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata................

Fig3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 03.09.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il disco di centro O2 è caratterizzato da una
velocità angolare costante di 1 rad/s (antioraria). Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi,
calcolare nella configurazione di figura:
mm3/s
1) La portata volumetrica q (positiva se uscente) dell’attuatore (sezione utile S=10 mm2) ............................
2) Il modulo della coppia sul disco che garantisca l’equilibrio dinamico del sistema, considerando che nella camera agisca una
Nm
pressione p=10 bar .....................................................................................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O1 ..........................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O2 ..........................................................................

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppo (esterno) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione A di p=100 bar (area utile 10mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante ....................................................................................................................................
N
2) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
3) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O3 sul telaio...................................................................
Nm
4) Il momento frenante erogato nel caso in cui raddoppi la pressione nell’attuatore ......................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 60 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli, calcolare
in condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) La coppia agente sulla puleggia 2 .................................................................................................................
N
2) La forza F da applicare al sistema di forzamento .........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2.....................................................................................
Nm
4) La massima coppia motrice trasmissibile nell’ipotesi che F venga raddoppiata ..........................................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 16.09.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, la ruota dentata di centro O3 è caratterizzato da
una velocità angolare costante di modulo pari a 10 rad/s. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i
corpi, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto B............................................................................... ............................
2) Il modulo della forza applicata in B, di direzione orizzontale (non mostrata in figura), che equilibra dinamicamente il sistema.
N
Si assuma che il modulo della coppia applicata sulla ruota O3 sia 10Nm (angolo di pressione 20°) ........
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O1 ..........................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O2 ..........................................................................

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M ha una velocità costante ωΜ=100 RPM (positiva come in
figura) e coppia CM=10 Nm. Considerando che tutte le ruote sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm
ed angolo di pressione θ=20°, che presentano i seguenti numeri di denti:

z1=18 z2=27 z3=18 z4=27 z5=27 z6=18 z8=18 z12=40 z13=18

si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura) in condizioni stazionarie e rendimenti unitari:

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore:....................................................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico:.........................
rad/s
3) La velocità angolare del solare 1:.......................................................................................................................
Nm
4) La coppia sulla ruota 1.......................................................................................................................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire
potenza dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato
alla puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 100 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 50 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Il sistema di forzamento a gravità è realizzato mediante la massa sospesa M. Supponendo che la cinghia abbia una
massa lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3 e O4 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

5) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


rad
6) L’angolo di scorrimento sulla puleggia 1.....................................................................................................
kg
7) La massa minima M da applicare al sistema di forzamento........................................................................
Nm
8) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che M venga raddoppiata............................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2013-2014 -
Appello del 30.10.2014
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il pattino con cerniera in C è caratterizzato da una
velocità pari a 0.1 m/s (come in figura). Inoltre, la ruota dentata di centro O1 ingrana con la ruota di centro A (solidale all’asta
AB) mediante un accoppiamento cilindrico a denti diritti con angolo di pressione 20°. Trascurando gli attriti in tutti gli
accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
rad/s
1) Il modulo della velocità angolare della ruota dentata di centro O1 .............................................................
rad/s
2) Il modulo della velocità angolare dell’asta O1A .........................................................................................
3) La coppia sulla ruota O1 che equilibra dinamicamente il sistema, assumendo il modulo della forza F pari a 10 N
Nm
....................................................................................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare esercitata dall’asta AB sul pattino di cerniera B ..................................

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppo (esterno) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione A di p=100 bar (area utile 10mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante ....................................................................................................................................
N
2) Il modulo della reazione della cerniera O2 ..................................................................................................
N
3) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O3 sul telaio ..................................................................
Nm
4) Il momento frenante erogato nel caso in cui raddoppi la pressione nell’attuatore ......................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s, e la coppia utilizzatrice richiesta è Cu = 100 Nm. Le pulegge hanno i raggi
R1=60 mm, R2=110 mm. Il sistema di forzamento è ottenuto per gravità. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O 3 e O4 e O5 e O6 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia motrice..................................................................................
kg
3) La massa da applicare al sistema di forzamento ..........................................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la massa venga raddoppiata ................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 14.01.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3 ore per lo svolgimento. I risultati vanno apportati negli appositi riquadri.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il rocchetto motore di centro O1, che ingrana con
la dentiera di cerniera interna A, è caratterizzato da una velocità angolare pari a 1 rad/s (antiorario). Inoltre, tale accoppiamento è
cilindrico a denti diritti con angolo di pressione 20°. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi,
calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto C ...........................................................................................................
mm3/s
2) La portata (positiva se uscente) in D (area utile 10mm2) ............................................................................
3) La pressione che agisce nella camera di attuazione D, che equilibra dinamicamente il sistema, assumendo il modulo della
MPa
coppia motrice pari a 10 Nm .....................................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione in O2.(hint: si consideri il sistema composto dall’asta AC, EO2 ed EC) ............

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppo (esterno) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione A di p=100 bar (area utile 10mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante ......................................................................................................... ...........................
N
2) Il modulo della reazione della cerniera O2 ..................................................................................................
N
3) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O3 sul telaio ..................................................................
Nm
4) Il momento frenante erogato nel caso in cui raddoppi la pressione nell’attuatore ......................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 100 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O 3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

1) Il rapporto di trasmissione geometrico.........................................................................................................


Nm
2) Il modulo della coppia agente sulla puleggia condotta ...............................................................................
N
3) La forza da applicare al sistema di forzamento ..........................................................................................
Nm
4) Il modulo della massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la massa venga raddoppiata ................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 11.02.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. I risultati vanno apportati negli appositi riquadri.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, gli attuatori P1 e P2 (area utile 10 mm2) sono
soggetti ad una portata entrante di 100 mm3/s. Inoltre si consideri che la forza F (applicata in corrispondenza del nodo C) abbia
modulo 1 kN. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:
m/s
1) Il modulo della velocità del punto G ...........................................................................................................
m/s
2) Il modulo della velocità del punto C ...........................................................................................................
MPa
3) La pressione che agisce nella camera P1 .....................................................................................................
MPa
4) La pressione che agisce nella camera P2 .....................................................................................................

Fig. 1

Fig. 2
Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppo (esterno) di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione nella camera di attuazione A di p=100 bar (area utile 10mm 2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante del ceppo di sinistra ...................................................................................................
Nm
2) Il momento frenante del ceppo di destra .....................................................................................................
N
3) Il modulo della reazione esercitata dal vincolo in O3 sul telaio ..................................................................
Nm
4) Il momento frenante complessivo erogato nel caso in cui raddoppi la pressione nell’attuatore .................

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentato lo schema di un rotismo ove il motore M1 ha una velocità costante =3000 RPM ed eroga una potenza
di 1.5 kW. Inoltre, la ruota B1 è connessa, mediante organo di frizione innestato, all’incastro. Considerando che tutte le ruote
sono cilindriche ad asse dente rettilineo e hanno modulo m=10 mm ed angolo di pressione =20°, che presentano i seguenti
numeri di denti:
zA1=18 zA2=19 zB1=19 zC1=48 zC2=20 zD1=20
si determini (con riferimento al verso positivo indicato in figura):

rad/s
1) La velocità angolare dell’albero utilizzatore U............................................................................................
Nm
2) La coppia che deve applicare l’utilizzatore U al rotismo per garantire l’equilibrio dinamico ....................
3) Assumendo, inoltre, che la massima potenza ammissibile erogabile dal motore sia Pmax=2 kW, si determini la forza normale di
chiusura su S1 che garantisca l’occorrenza della condizione di incipiente slittamento (nell’organo di frizione) al
raggiungimento di Pmax. Si assuma, a tal proposito, che l’organo di frizione sia equiparabile a un semplice freno a disco, con
N
coefficiente di attrito f=0.3 e raggio medio dei dischi di attrito rm=0.2 m ................................................
rad/s
4) La velocità angolare  in condizioni di slittamento, assumendo U=0 ...................................................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 01.04.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 2.5 ore per lo svolgimento. I risultati vanno apportati negli appositi riquadri.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta AO1 è dotata di velocità angolare costante ω
= 0.6 rad/s (con verso mostrato in figura). Inoltre, sull’asta AO1 agisce una coppia motrice di modulo pari a 10Nm. Trascurando
gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:

m/s
1) Il modulo delle velocità del punto C ..........................

2) La portata volumetrica (positiva se entrante)


nell’attuatore di nodo O3 (sezione pari a 100mm2)..... mm3/s

3) La pressione nella stessa camera che garantisca


MPa
l’equilibrio dinamico del sistema ...............................

4) La reazione in O2 in maniera qualitativa.

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 ed una pressione nella camera di attuazione pari a 10 bar (area utile 100mm2), si
determini:
mm
1) Il raggio del cerchio di Romiti .....................................................................................................................
Nm
2) Il momento frenante complessivo ...............................................................................................................
N
3) La reazione della cerniera O2 ......................................................................................................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 100 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 50 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa lineare
m=0.3 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.4 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli, calcolare in
condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) La coppia agente sulla puleggia 2……………............................................................................................
N
2) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O5...........................................................................
N
3) La forza F da applicare al sistema di forzamento.........................................................................................

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 11.06.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 3.5 ore per lo svolgimento. I risultati vanno apportati negli appositi riquadri.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, la ruota dentata cilindrica a denti diritti di centro
O1 è dotata di velocità angolare costante ω = 1 rad/s (con verso mostrato in figura). Trascurando gli attriti in tutti gli
accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura (si consideri un angolo di pressione
dell’accoppiamento dentato pari a 20°):

rad/s
1) Il modulo della velocità angolare del pistone (di centro O3) .......................................................................
mm3/s
2) La portata volumetrica (positiva se entrante) (si assuma la sezione utile pari a 100mm2) ..........................
3) Il modulo della coppia da applicare sulla ruota dentata di centro O1 (si assuma che nella camera agisce una pressione di 10
Nm
MPa) ..........................................................................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2 ..................................................................................

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 ed una pressione nella camera di attuazione pari a 10 bar (1 bar=105 Pa; area utile 100
mm2), si determini:
mm
1) Il raggio del cerchio di Romiti .....................................................................................................................
Nm
2) Il momento frenante complessivo ...............................................................................................................
N
3) La reazione della cerniera O3 ......................................................................................................................
N
4) La reazione della cerniera O1 ......................................................................................................................
Fig. 2

Esercizio No 3
In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 100 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.33 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) Il modulo della coppia agente sulla puleggia 2 .............................................................................................
N
2) Il modulo della forza F da applicare al sistema di forzamento .....................................................................
N
3) Il modulo della reazione vincolare della cerniera O2 ....................................................................................
Nm
4) Calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata .........

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 25.06.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________; Matricola: ____________
1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 2 ore e 45 minuti per lo svolgimento. I risultati vanno apportati negli appositi riquadri.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, il pattino di cerniera B è attuato mediante
l’ingresso di portata volumetrica costante q=104 mm3/s (si assuma la sezione utile pari a 100mm2) a pressione P=10 bar.
Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:

1) Il numero dei gradi di libertà del sistema ....................................................................................................


mm/s
2) Il modulo della velocità del punto C …...………………………………………………………………....
mm3/s
3) La portata volumetrica nella camera D (positiva se entrante, si assuma la sezione utile pari a 100mm2)...
MPa
4) La pressione che agisce nella camera D e che garantisce l’equilibrio dinamico del sistema.......................

Fig. 1

Esercizio No 2
In Fig. 2 è rappresentata, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 ed una pressione nella camera di attuazione pari a 10 bar (area utile 100mm2), si
determini:

1) Il tipo di accostamento dei singoli ceppi ....................................................................................................


mm
2) Il raggio del cerchio di Romiti ....................................................................................................................
Nm
3) Il momento frenante complessivo ...............................................................................................................
N
4) La componente verticale della reazione della cerniera O4 ...........................................................................
Fig. 2

Esercizio No 3

In Fig. 3 è rappresentata, in scala e con quote in mm, una trasmissione con cinghia avente la funzione di trasferire potenza
dall’albero solidale alla puleggia 1 (di centro O1) all’albero solidale alla puleggia 2 (di centro O2). Il motore applicato alla
puleggia 1 ha una velocità costante ω1= 330 rad/s e sviluppa una coppia Cm = 107 Nm. Le pulegge hanno i raggi R1=60 mm,
R2=110 mm. Al sistema di forzamento a rullo tenditore è applicata la forza F. Supponendo che la cinghia abbia una massa
lineare m=0.35 kg/m, che il coefficiente d’attrito con le pulegge sia f=0.42 e che le pulegge di centro O3, O4 e O5 siano folli,
calcolare in condizioni di incipiente slittamento globale:

Nm
1) Il modulo della coppia agente sulla puleggia 2 .............................................................................................
N
2) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O2............................................................................
N
3) La forza F da applicare al sistema di forzamento..........................................................................................
Nm
4) Calcolare, infine, la massima coppia Cm trasmissibile nell’ipotesi che la forza F venga raddoppiata .........

Fig. 3
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 10.09.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________

1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 2 ore e 15 minuti per lo svolgimento.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’asta di cerniera O1 è dotata di velocità angolare
costante di ω = 1.5 rad/s (nel verso di figura). Inoltre, sull’asta AC agisce la forza F=50N come mostrato in figura. Trascurando
gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:

1) Il numero dei gradi di libertà del sistema (con descrizione del calcolo) ………………………………….
m/s
2) Il modulo della velocità del punto C............................................................................................................
Nm
3) La coppia Cω atta a garantire l’equilibrio dinamico del sistema.................................................................
N
4) Il modulo reazione vincolare della cerniera fissa O2...................................................................................

Figura 1
Esercizio No 2
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi interni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione pA=15 bar nella camera di attuazione (area utile 120mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante erogato dal ceppo di sinistra.......................................................................................
Nm
2) Il momento frenante erogato dal ceppo di destra.........................................................................................
N
3) Il modulo della reazione nella cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione nella cerniera O3...................................................................................................

Figura 2
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 22.09.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________

1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 2 ore e 30 minuti per lo svolgimento.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, l’attuatore di cerniera O1 è caratterizzato da una
portata entrante costante pari a 1000 mm3/s (sezione utile 100 mm2, pressione 10 bar). Inoltre, sull’asta AC agisce la forza F
diretta come in figura. Trascurando gli attriti in tutti gli accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione
di figura:

1) Il numero dei gradi di libertà del sistema (con descrizione del calcolo) ………………………………….
m/s
2) Il modulo della velocità del punto D............................................................................................................
N
3) Il modulo della forza F atta a garantire l’equilibrio dinamico del sistema .................................................
N
4) Il modulo reazione vincolare della cerniera fissa O1...................................................................................

Figura 1
Esercizio No 2
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppi esterni di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione pA=15 bar nella camera di attuazione (area utile 120mm2), si
determini:
Nm
1) Il momento frenante generato dal ceppo di destra…...................................................................................
N
2) Il modulo della reazione erogata dalla guida prismatica sul pattino di cerniera A .....................................
Nm
3) Il momento frenante generato dal ceppo di sinistra.....................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitato sul telaio nella cerniera O2...................................................................

Figura 2
UNIVERSITÀ DEL SALENTO
MECCANICA APPLICATA
- CdS in Ingegneria Industriale (Lecce) A.A. 2014-2015 -
Appello del 28.10.2015
Cognome: _______________________; Nome: ___________________;Matricola: ____________

1.Il candidato non può consultare libri di testo o appunti di lezione e non è consentito l’uso di PC portatili.
2.Il candidato non deve iniziare lo svolgimento della prova fino ad opportuno avviso del personale docente.
3.Il candidato dispone di 2 ore e 30 minuti per lo svolgimento.

Esercizio No 1
Nella configurazione di sistema riportata in Fig. 1, in scala e con quote in mm, la ruota dentata di centro O3 (θ=20°) è
caratterizzata da una velocità angolare costante pari a 1 rad/s (con verso riportato in figura). Inoltre, sulla stessa è applicata una
coppia motrice di 1Nm. Considerando che la sezione utile nell’attuatore A-B è di 100 mm2, e trascurando gli attriti in tutti gli
accoppiamenti e le inerzie di tutti i corpi, calcolare nella configurazione di figura:

1) Il numero dei gradi di libertà del sistema (con descrizione del calcolo) ………………………………….
mm3/s
2) La portata volumetrica (positiva se entrante) nella camera di attuazione A-B ...........................................
bar
3) La pressione che agisce nella camera A-B atta a garantire l’equilibrio dinamico del sistema ...................
N
4) Il modulo della reazione vincolare della cerniera fissa O1 ..........................................................................

Figura 1
Esercizio No 2
In Fig. 1 è rappresentato, in scala e giacente nel piano verticale, un freno a tamburo a ceppo esterno di raggio R=200mm.
Considerato un coefficiente di attrito f=0.3 e una pressione p=5 bar nella camera di attuazione (area utile 100mm2), si determini:
Nm
1) Il momento frenante ....................................................................................................................................
N
2) Il modulo della reazione della cerniera O1 erogata sul telaio ......................................................................
N
3) Il modulo della reazione della cerniera O2...................................................................................................
N
4) Il modulo della reazione esercitata dalla guida prismatica sul pattino di cerniera A ..................................

Figura 2