Sei sulla pagina 1di 1

auyn modoion

mi inizia con il definire il problema entrando nella logica del cliente, quindi al
suo punto di vista.

� Si definisce un obiettivo concreto che caratterizzer� la riuscita


dell'intervento.

� Si analizzano le soluzioni messe in atto dalla persona portatrice del problema e


da quelle che fanno parte del suo contesto.

� Si definisce un piano di intervento calibrato sul modello specifico percettivo


reattivo della persona.

� Si evita l'insorgenza di atteggiamenti resistenti iniziando col produrre


cambiamenti minimali, tali da non mettere in crisi il sistema percettivo reattivo
del cliente.

� Si valuta puntualmente la direzione dei cambiamenti ottenuti e si confronta con


la direzione dell'obiettivo concordato.

Se le cose procedono nel modo giusto, si valuta la situazione di quel momento che
si prende come base per introdurre nuovi cambiamenti che avvicinano all'obiettivo;
se le cose non si sono modificate come previsto, si prende atto dell'inefficacia
della manovra e si sostituisce con una che ha maggiori probabilit� di funzionare.

Cos� di seguito fino a quando la situazione attuale non coincide con quella
prevista come terminale.

Nel frattempo, man mano che si aggiungono i cambiamenti desiderati, si aiuta il


cliente a cambiare la propria prospettiva di osservazione e quindi di spiegazione
di quanto gli stava succedendo, per concludere con l'ultima seduta rivisitando
tutto il percorso, accertandosi che il cliente abbia compreso che ci� che
costituiva il problema non era la cosa in s�, ma quello che lui faceva per
risolverla partendo da una prospettiva disfunzionale.

Le sedute di verifica a tre mesi, 6 mesi, 1 anno, ci confermeranno che risultato


raggiunto � stabile e che quindi la persona ha fatto propria la nuova modalit� di
approccio ai problemi, e che quindi � immunizzata da difficolt� non solo della
stessa tipologia, ma anche da ipotetici problemi similari.

Dal punto di vista della struttura del intervento, ricordiamo che la media delle
sedute � quantificabile in 15. Queste hanno cadenza settimanale nella fase iniziale
e successivamente, una volta raggiunti i primi risultati positivi, sono diradate
nel tempo per evitare qualsiasi rischio di dipendenza psicologica dal
terapeutahgva.