Sei sulla pagina 1di 31
ANTONIO PARISI Presentazione Con questa nuova "‘Messa’, d. Antonio Parisi a, ancora una voita, il suo valido contributo alla musica liturgica. Oggi, pili di ieri, si canta nelle celebrazioni. Ma, tante volte, si tratta di un canto poco liturgica. Si canta tanto per cantare, non si prega cantando. Wi canto deve diventare un segno liturgico pi vero € profondo. { canti di questa Messa rappresentano un tentativo, a mio parere riuscito, verso la formulazione di un nuovo repertorio di musica liturgica, Ho notate che anche i canti delle due raccolte precedenti hanno avuto una buona accoglienza. In Diocesi fi cantano tutte le parrocchie; fanno parte ormai di un repertorio comune. Raccomando percid questi nuovi canti, sia per i testi e sia per le musiche, | testi di d, Ladisa si fanno apprezzare per il profondo contenuto biblico e teologico. Le musiche di d. Parisi hanno una coralita e una cantabilita che ben si adattano alle nostre assemble. Esprimo il mio augurio, che attraverso queste nuove melodie si possa celebrare meglio I'unico mistero di Cristo Signore. + lh. A bap popolo santo T. Ladisa - A. Pari Uso liturgico: canto d'ingresso. Va bene non salo all'nizio della Messa, ma anche come canto di accoglienza in raduni, celebrazioni varie, momenti di preghiera. Note tecniche: va cantato con un andamento solenne, ma non lento. Si consiglia oi alternare fe strofe fra it solo e il coretto, in modo che il Rit. sia cantato da tutta l'assemblea con siancio. Attenzione a non marcare troppo il ritmo del Fit. POPOLO SANTO Popolo santo di Dio, figii rinati dal'acqua: Cristo per noi si fa cibo, Ja sua Parola @ vita. Per ’'assetato; Tu sei la fonte. Per chi @ debole: Tu sei la forza. Per Fatfamato: Tu sei il pane. Per chi @ cieco: Tu sei {a luce. Per chi @ schiavo: Tu sei liberta. Per chi & morto: Tu sei la vita Per chi ¢ triste: Tu sei la gioia. Per chi & solo: Tu sei |'amico. Per chi non crede: Tu sei certezza. Per chi 6 muto; Tu sei Parola. Per l'indigente: Tu set ricchezza. Per chi @ in guerra: Tu sei la pace. F Dom om D. Ritornetid ° Po - po-lo |s Gri -sto per} noi si Strofa_De solo Per I'as- se Fa r Per chi é Introd. Solenne F Lab Jom 7 La an-to fa |ci - bo, Rem? ta — to: b tril Tu Rem? Sol de-bo - le: | Tu i Fam sua pa sibz ro -la 6 Lam for - za, dal Sol? Mib 7 Va -equa’ signore pieta A, Parisi Uso Iiturgico: come canto rituale, durante Ja Messa. Pud anche essere usato durante le celebrazioni comunitarie della Penitenza. Note tecniche: alternare le invocazioni fra solo (0 coretto) @ assemblea. SIGNORE PIETA invocazioni a Cristo Signore, pieta. Signore, pietd. Cristo, pieta. Cristo, pieta. Signore, piet& Signore, piet& gno -re, pi Gri - sto, gloria a dio A. Parisi Uso titurgica: durante la Messa. A mio avviso, si pud usarlo anche come canto di iode in altre celebrazioni testose (incontri giovanili, ritiri spirituati, ecc.). Note tecniche: 2 modi di eseguirlo: 1. con il Rit. ripetuto 3 volte, 2. senza Rit., ma cantato tutto di seguito, dall'inizio alta fine. “Signore Figilo Unigenito", va un po' rallentato come ritmo. “Tu che togli i peccati”, pud essere cantato da un solista, con la risposta del popolo che & identica musicatmente al Signore Pieta. L"Amen"" si ripete due volte, fa seconda volta, ad libitum, possono entrare Je altre due voei (contralti e bassi). GLORIA A DIO inno Gloria gloria gloria a Dio nell’alto dei cieli € pace in terra ace in terra agli vornini di buona votonta. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, 1i adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Gloria gloria... ®» e Glo-ria glo-ria Signore, Figlio unigenito, Gesu Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio det Padre: tu che togli i peccati del mondo, abbi pieta di noi: tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra di Dio Padre, abbi pieta di noi. Gloria gloria... Perché tu solo il Santo, tu soto il Signore, tu solo lAltissimo: Gesu Cristo ¢on to Spirito Santo nella gloria di Dio Padre. Amen. Do Rem? Sol gle-rigaDi-o nel-fl'al-to dei cie- ti © pacgin|ter-ra — pacgip terraa-uliuomini di buona volor Fa sib Sol m Solm6 La @ Pacginter—ra — {paceinterraaglivomini di | buonavodonta, Noi ti lo-diamo, [ti be-ne-di- kk Siz Mi a, Fatty, Sim, Sol randta-mo gra-rie perla wade - riaimmensa, Si-gnore | Di-o, Mim = Mim7 Do Do? La ripetere il Rit, 2 | O@ cie- 10, Dh ° Pa-dre on-ni - po ten - te. La Las La Rev+ Re e gno-re, Fi-gliou-ni +ge-ni-to, Ge-si | Gri-sto, Dojm7 Fatm_ Sim Di-o, A-gnello di |Di-o, —Fi-gliodel| Pa — — re: i eo Lam Rem Solt Tu che}to-gli i pectca - ti del | mon—do, co - gli ta nostra sup-Pli-ca; Ila} de-stra di Dio si ripete il Ritornello dre, | ab- bi pie -ta ae @@) y Pertchd tu so -loil| San-to, So — loi Si ! ! F | ! Sim Sol Mi La La so— lo I'Ai+tis -si — mo: Do Rem? Solm Do? Fa eae Lon -to [nel - la bo di Dio f. dre, Solm Do7 Lam Re Sol m Doz Fa 3 voci ad lib. ft it ; e t uo A = - men A = men A — men, 1 la tua parola é luce T. Ladisa - A. Parisi Uso Iiturgico: durante la Messa. Note tecniche: tutte te raccomandazioni sotite per ben cantare una salmodia. Naturalmente ci vuole un buon solista. NB. Con un po’ di mestiere, si pud facilmente adattare questa musica con altre parole. LA TUA PAROLA E LUCE salmo responsoriale La tua Parola 6 luce sul mio cammino. Quando il sole sorge sull’orizzonte a te, Signore, innalzo la mia preghiera; Tu rendi attento il mia cuore, perché ascolti le tue parole. Un cuore docile alla tua voce ‘ai brilare di gioia senza fine. | tuoi precetti per me sono canti di gioia nel mio cammino verso il cielo. Tu mi indichi il sentiero della vita 8 mi awolgi con la tua forza; ricordo sempre i tuo amore s0lo in Te trovo sicurezza. Custodiscimi come la pupilla dell'occhio, proteggimi all’ombra delle tue ali, al mattino rinnova il mio cuore e correrd per la via dei tuoi precett. 12 @ |lu—ce sulmiocam 7 ols Quando il sole sorge sul -I'o -riz—zon-te | a / teSignore, mia preghie-ra; | tu rendi attento il mio cuore,| perché ascolti le tu-e pa-ro-le, 13 alleluia, é il maestro T. Ladisa - A. Parisi Uso liturgico: durante la Messa © come canto di festa durante incontri vari. Note tecniche: cantarlo con gioia ed esultanza. Naturaimente fa strofa va cantata da un Solista 0 da un piccolo coro, ALLELUIA, E IL MAESTRO canto al Vangelo Alfetuia, Alletuia, Alleluia, Alleluia, Alleluia, Alletuia, Alleluia! E il Maestro che ti parla: apr il tuo cuore. © Signore, hai parole d'eterna vita. Tu, Signore, sei per noi canto di gioia. 14 = = Al-le-lu-ia, | Al-le—lu -ia, Rem? Doi Fa Do Re Fa SelmSol7 Doz Ea Al-le -lu-ia, | Al — le-lu-ia,/ Al ~ le - ty i “1 che ti par-la: 18 sei tu o dio T. Ladisa - A. Parisi Uso liturgico: durante ta presentazione dei dani. Note tecniche: la strofa va affidata @ un solista, in modo da renderla quasi come un recitativo. Fare attenzione alle terzine, non accelerare. JI Rit. va cantato senza marcare il tempo 6/8. SEI TU O DIO Noi offriamo nel pane e nel vino la nostra vita; tu ci doni il tuo Corpo di Vita. Sei tu, 0 Dio, che nutri ogni vivente; di frutti d'amore sia ricca fa nostra vita. Chi cammina alla tua presenza neila giustizia, tu ami pit di ogni offerta. Se nel cuore tu conservi il rancore verso il fratello, il Signore allontana il tuo dono. Come dirt il mio grazie, 0 Dio, per i tuoi doni? Alzo il calice @ invoco il tuo nome. meee eee Oe Rem6+Rem6 z= Re Ritornelto Re Mim? Sol sib Le Rem Rem7+ friamo nel tu ci do-ni Sim ° Di-o, Sol Le? che Mim? Re ric -ca la nostra vi - ta, Da Capo con Introd. 7 santo A. Parisi Uso liturgico: durante la Messa. Note tecniche: l'organo pud suonare a tempo fe prime due battute a mo' di introduzione. L’andamento é solenne e festoso. “1 cieli @ la terra” e il “Benedetto possono essere cantati dal coro, in modo che I’"Osanna” dell'assemblea sia veramente un'acclamazione gioiosa. Fa Fa5+ Fao r San-to, San-to, Di-o — del'u-ni ver - so. SANTO Santo, Santo, Santo il Signore. Santo, Santo, Santo il Signore, Dio detl’universo, { cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli. Osanna nell’alto dei cieli. Osanna nell’alto dei cieli. Osanna nellalto dei cieli Benedetto colui che viene nel nome del Signore Osanna nell’alto dei cieli. Osanna nell'alto dei cieli. Osanna nell’alto dei cieli. Osanna nell’alto dei cieli. Fa Lag ro Fa San-tojlSi-gnore, | San-to, Santo, | Santollsignore, 18 © - sanna nel-t'al-to dei san-nanel-l'al-to dei | cie = sanna nel-lal-to dei cie-fi. © - sannanell'aito dei Fags, Fa Red 3k Ts 6 © —| sannanelfat-todei [ci - San-na nel-¥al-to dei cie - ii, rif rie lt pr det-to co - luiche| vie~ne nel | no-me del Si-gno|- re. acclamazioni A. Parisi Uso liturgico: durante ta Messa. Note tecniche: il terzo Amen pud essere cantato a 4 voci. ACCLAMAZIONI Mistero della fede. Annunciamo la tua morte, Signore, proclamiamo la tua sisurrezione, nell'attesa delia tua venuta. Amen, Amen, Amen, Tuo 6 il regno, tua la potenza, tua é Ia gloria nei secolil e r Mi -ste-ro del-la An-nuntcia-mo la tua |mor-te, Si— Rem7 sib Do Re Fa t eelr ano -re, pro-cla-| mia-mo a | tua Hi - sur-re del -la tua ve + nu—ta Re Lam? Re Fe = Rem Ret RemDo Re gno,|tu-a la po} ten-za, |tu-a ia |glo-ria nei |se-co 41, ot 21 agnello di dio A, Parisi Uso Iiturgico: durante la Messa. Note tecniche: non troppo fento, ma un poco andante. Attenzione at ritmo ternario, non accentuare if primo movimento. “Dona a noi la pace” si pud eseguire in 2 modi: 1, ripetere due volte “dona a noi la pace” ad una sola voce; 2. ripetere "dona @ nol fa pace” tre volte; la seconda volta entra la seconda voce, la torza volta entra la prima voce (insieme alla seconda voce). Ascoltare la cassetta per maggiore chiarezza. Rem Solm A 4gnel-lo di }Di - 0, che ab - bi pie-ta di Do no - AGNELLO DI DIO Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi pieté di noi, abbi pieta di noi. Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi pieta di noi, abi pieta di noi Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, dona 4 noi la pace, dona a noi la pace Dona a noi la pace, dona a noi la pace. Dona a noi la pace, dona a noi la pace. Fa to -glii pec ca-ti det i, pie-ta di Lat Pooce ad tib. Do = 2%voce ad Lib. Do-na a Solm noi ta rs do- naa noi ta Solm A -|gnel -10 La im to - alii pec— Solm di |Di- o, che noi ta pa-ce, = do-na a noila 23 il tuo corpo immolato T. Ladisa - A. Parisi Uso Mturgico: alia Comunione. Durante adorazione eucaristica 0 momenti di preghiera nei gruppi giovanit. Note tecniche: le strofe le dovrd cantare un solista. Attenti al ritmo det Fit.: non lasciarsi prendere fa mano dalla velocita; ‘occorre un andamento comodo. IL TUO CORPO IMMOLATO HI tuo corpo immolato, Signore, tinnova ta nostra vita; il tuo sangue versato, Signore, risana le nostre colpe; ii tuo Spirito, Signore, ci riconduce al Padre. Chicco di sei, Signore la tua morte per noi @ sorgente di vita. ano sceso nella terra Lungo le strade buon Samaritano sei, Signore: con il tuo amore risani le ferite dell'uomo. Noi il tuo gregge, tu il buon Pastore sei, Signore: 4i 88i fatto Agnello per salvarci col sangue. Della tua Chiesa, Pietra angolare sei, Signore: con il tuo Spirito Santo fai di noi il tuo Tempio. 24 Introd. Dot Rem Do 7Ritornetto Lin Rem I tuo || corpoimmolate,Si tgno-re, — rin- Rem Solm Do? Rem Lam 7 lanostra| vi-ta; il tuo} sanguever-sa-to, Si | gno - re, Rem Solm DoT La? stb Doz Rem lenostre col-pe; il tua |Spi-ri-to,Sitgno-re, {ei _ri-conducgal| Pa - dre. Strofa Fam Reb Do Fam tu-a mor-te per} no-i @ sor-gen-te di 25 ti adoriamo e ti ringraziamo T. Ladisa - A. Parisi Uso Mturgico: come canto di ringraziamento dopo la Comunione. Ma pud benissimo essere utifizzato Gurante vari momenti di preghiera comunitaria, Note tecniche: i! Rit. va cantato con molto raccoglimento e sottovoce. Ad libitum ci pud essere fa voce del solista @ il coro a 3 voci. Le strofe affidate a un solista, eseguite con un andamento pits veloce rispatto af Rit. La risposta “noi ti Jodiamo, noi t'adoriamo” va cantata da tutti in maniera robusta @ forte; subito dopo si attacchera it Fit. con raccoglimento e sottovoce. 26 TI ADORIAMO E TI RINGRAZIAMO Ti adoriamo e ti ringraziamo perché, Signore, sempre sei con noi. Ti adoriamo e ti ringraziamo perché if tuo amore dura in eterno. Perché ci chiami all’unita, e doni a noi il tuo perdono: Noi ti lodiamo, noi t'adoriamo. Perché ci doni la tua Parola, la nostra preghiera Tu accogl: noi ti lodiamo, noi t'adoriamo. Perché accetti le nostre offerte, e ti offri come Cibo: noi ti lodiamo, noi t'adoriamo. Perché ci mandi dai nostri fratelli sei sempre con noi: noi ti lodiamo, noi t'adoriamo, Introd, Catmo Ritornelto solo ad lib a-do-riamo | e ti ringraziamo per lcoro advoct lad lib. w sei con no - i, Mim? Sempre seicon no - i, Ti a-do - ria~ mo 27 lo - dia-mo, e ti rin-gra- ziamo pertché it tueamo-re_— | du-ra_ ine - ter-no. soto MA Solfm La siz Re Fag? siz Mi Solffm do-nia } noi il tuo per La Sit Re Fat? Si7 pace canteremo F. Nigro - A. Parisi Uso liturgico: alla fine della Messa. Ma va molto bene durante incontri giovanili, durante campi scuola, ec. Note tecniche: “introduzione pud essere solo strumentale. W Rit. ha un andamento motto festoso. Pud essere eseguito anche a canone a due 0 a tre voci, Le strofe vanno cantate da un piccolo coretto maschile, la prima parte; femminile, la seconda parte. Si finiré sempre con I’Amen ad una voce 0 a 4 voc! miste PACE CANTEREMO Amen, Amen, vera pace sei Signore. Pace, pace canteremo al mondo; 'universo intero sara segno, sacramento def tuo amore, Signore Dio, armonia del mondo, vita nella vita, il tuo amore che ci hai donato noi canteremo. La nostra pace 8 nel Signore, la vita per noi 6 letizia di festa: il mondo inonderemo. Per noi tu sei (ncarnato Amore @ in ogni uomo contempleremo e sveleremo il tuo volto. E festa sara perché ogni uomo se stesso a te aprira: noi stiamo bussando alle sue porte. La nuova legge, quella dell'amore doni a noi, Signore: per te noi costruiremo un uomo vero degno d'amarti, A voi lontani @ separati oppressi @ umiliati: che Dio riunisca i nostri cuori. Introd. A— men A - men, ve—ra pa-ce sei Si- Sit Re7 Sol Jae gno — re Pa-ce,pa-ce cante-re- versoin"te— ro ma eet r Sol 857 Ret Mim Sel Siz fda sa- rd se-gno, sa-cra-men-to del tuga-mo - re. Si7 vu _Strofa Si - gno-re Di- 0, ar-mo-niadel mondo, vi-ta nebia vi - ta, Sol Siz Re? Mim Sol Siz che cihai do - na —to noi cante— re-mo. Sol Si7 Re? Mim r P Strofa Lam Re sit Mim Lam? | Re ta | no-stra pa-ce & nelSi-gno-re, 1a |vi-tapernoi Je- Sim Mim? Dob Re? Do = Si? Mi thzia di fe-sta, il |mondojnnondere ~| mo: A-men. A—|men, Per Finire ee