Sei sulla pagina 1di 1

A,\,1ARE CUEsTA VITA

T-H. 4;
q\UD tlere4ttti 4
vt pl r€N- zA ?e o' &^ DT àot - c* - L;_t xa-2g *.

Ìo
5,AN- DO At- T A lr - \r^ gÈ4-cr'í LoT-T,lL ct€ - Lo 'at^ uttt1ll - t€N- gt,

t.a
f,4r.
DA-./A-úo r* I

Oo ilb
+l- UrF 0è-ét - q+.o< - call qLt î&. -

5tb FA FA? sLb.

&o - r.a f9 r !o-r? 4r'DgA Q't-ÚA o ígr ù.}!ra +-t,l .Jr-Lr+

(e: 8€? toL*r FA


qù-'l6a LA íx+t- cA \{ Rr- rqrrr-t? € Q*t-cA
^c€vIA.2€

eb 3tÉ

AMARE OUESTA VITA


Erano uornini senza paura
di solcare il mare pensando alla riva Prima che un sols più caldo vi insidi
blrclìe rono il ciclo prima che il giorno vi lasci delusi
tro nìontagnc o silenzio riprendele il largo -
davano la reîe al mare e geltate le Ìeli
vita dalle mani di Dio. barche cariche di pesci
Venne nell'ora più kntij del gaorlìo Yita dalle mani di Dio.
quando le reîi 5i sdraiano a rava LO SEGUIMMO FIOANOOCI DEGLI OCCH
l'araa senza vento GLI CREDEMMO AMANDO LE PAROLE
si riempa di una voce LUt VOCE E LUI NOTIZIA
manicariche di sale LUI STRADA E LUt SUA META
sale nelle mani di Dio. LUI GIOIA IMPREVEDIBILE E SINCERA
DI AMARE OUESTA VITAI
LO SEGUIMMO FIOANOOCI DEGLIOCCHI Erano uo.nini s€nza paura di tolcare il mare
GLI CFEDEMMO AMANDO LE PAROLE pensando alla riva
FU IL SOLE CALDO A RIVA ariche quella tera
O FU IL VENTO SULLA VELA renza dire Parole
O IL GUSIO E LA FAÍICA misero lc barchc in marc
DI RISCHIARE E ACCETTARE OUELLA SFIDA? vita dalle mani di Dio.