Sei sulla pagina 1di 12

Associazione

dimore
storiche
italiane
XXXIx Assemblea
dei soci

12/13 aprile 2016 - ROMA

www.adsi.it
ORGANIGRAMMA A.D.S.I.

TRIENNIO 2013-2016

Presidente EMILIA-ROMAGNA
Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini Giovanni Facchinetti Pulazzini
T. +39 051 225928 - emilia@adsi.it
Vice Presidenti FRIULI-VENEZIA GIULIA
Prospero Colonna Teresa Perusini de Pace
Nicola de Renzis Sonnino T. +39 0432 675103 - friuli@adsi.it
LAZIO
Segretario Generale Francesco Sforza Cesarini
Sergio Gelmi di Caporiacco T. +39 06 6832774 - lazio@adsi.it
LIGURIA
Consiglio Nazionale Teresa Scotti d’Albertis
Ippolito Bevilacqua Ariosti T. +39 010 2473286 - liguria@adsi.it
Prospero Colonna LOMBARDIA
Nicola de Renzis Sonnino Camillo Paveri Fontana
Gaddo della Gherardesca T. +39 02 76318634 - lombardia@adsi.it
Marina Deserti MARCHE
Vittorio Giulini Stanislao de Angelis Corvi
Gioacchino Lanza Tomasi T. +39 06 6875864 - marche@adsi.it
Carlo Marenco di Santarosa MOLISE
Nicoletta Pietravalle
Giunta Esecutiva T. +39 06 8551946 - molise@adsi.it
Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini PIEMONTE e ra valle d’aosta
Prospero Colonna Fabrizio Folonari
Nicola de Renzis Sonnino T. +39 011 8129495 - piemonte@adsi.it
Gaddo della Gherardesca PUGLIA
Marina Deserti Giuseppe Seracca Guerrieri
Fabrizio Folonari T. +39 0832 309581 - puglia@adsi.it
Sergio Gelmi di Caporiacco SICILIA
Giuseppe Seracca Guerrieri Bernardo Tortorici Montaperto di Raffadali
T. +39 091 534280 - sicilia@adsi.it
TOSCANA
Bernardo Gondi
Presidenti Sezioni Regionali T. +39 055 212452 - toscana@adsi.it
TRENTINO-ALTO ADIGE
ABRUZZO Wolfgang von Klebelsberg
Massimo Lucà-Dazio T. +39 335 5457580 - trentino-altoadige@adsi.it
T. +39 0872 61104 - abruzzo@adsi.it UMBRIA
BASILICATA Lorenzo Pucci della Genga
Francesco Scardaccione T. +39 339 2442070 - umbria@adsi.it
T. +39 06 6877769 - basilicata@adsi.it VENETO
CALABRIA Giorgio Zuccolo Arrigoni
Francesco Zerbi T. +39 049 661144 - veneto@adsi.it
T. +39 06 8541300 - calabria@adsi.it
CAMPANIA Coordinatore Nazionale Gruppo Giovani
Marina Colonna Amalfitano Aloisia Marzotto Caotorta
T. +39 081 5751828 - campania@adsi.it coordinatoregiovani@adsi.it

Consulenza Soci Segreteria di Presidenza


Mariastella Bellini Lucia Calabrese
consulenze@adsi.it segreteriadipresidenza@adsi.it

Viaggi Rapporti con i Soci Amministrazione


Alteria Catalano Gonzaga Manuela Bigonzi Francesca Bigonzi
viagginelledimorestoriche@gmail.com soci@adsi.it amministrazione@adsi.it
eccoci nuovamente in prossimità del nostro appuntamento annuale più significativo, l’Assemblea dei Soci 2016 che, tra le
altre importanti questioni in discussione, è chiamata ad eleggere i nuovi Consiglieri Nazionali, che guideranno le sorti della
nostra Associazione sino al 2019.
Si tratta del primo importante appuntamento che avvia il rinnovamento – adesso avente ad oggetto i Consiglieri Nazionali
ma a breve coinvolgente tutti i Presidenti Regionali –, richiesto dalle note disposizioni del nostro Statuto.
Non sta a me sottolineare quanto questa occasione sia rilevante, e quanto sia fondamentale il Vostro apporto, in termini di voto
e partecipazione, per consegnare il futuro di A.D.S.I. nelle migliori mani possibili e andare avanti nel perseguimento degli
scopi che ci siamo prefissi e che, oggi più che mai, necessitano di essere tutelati e difesi con grandissima grinta e competenza.
Desidero invece, con grande affetto e un filo di commozione, ringraziare ciascuno di Voi, per il supporto e la stima che mi
avete dimostrato in questi anni alla guida dell’Associazione. Come senz’altro tutti Voi ricorderete, il Consiglio Direttivo ha
ritenuto di dover attuare e applicare le regole statutarie ed ha stabilito che il limite di tre mandati consecutivi in seno alle
cariche sociali sia perentorio e non interpretabile, ciò al fine di agevolare – e non rinviare – un opportuno ricambio di stimoli
e idee alla guida dell’Associazione, così come – ripeto – desumibile dalla ratio della norma statutaria che l’Assemblea A.D.S.I.
aveva da tempo approvato.
Ho avuto il privilegio di far parte del Direttivo Nazionale per molti anni, prima in qualità di Presidente dell’A.D.S.I. Lazio
e, dal 2010, come Presidente Nazionale, raccogliendo l’eredità di illustri predecessori e lavorando con passione ed impegno
per ricambiare la Vostra fiducia; è arrivato tuttavia anche per me il momento di passare il testimone, non senza un pizzico di
malinconia.
Non voglio approfittare della Vostra attenzione ma, in questo momento, non posso fare a meno di ripercorrere un periodo per
me tanto intenso e impegnativo quanto foriero di soddisfazioni e gratificazioni.
Sono stati sei anni assolutamente straordinari, per quanto abbiano coinciso con un momento storico, politico ed economico
estremamente difficile, e mi fa piacere, in questo contesto, ripercorrerne con Voi i momenti più significativi, che ho potuto
già condividere personalmente incontrandoVi in occasione delle Assemblee regionali, alle quali ho sempre partecipato con
entusiasmo sia nell’ottica di annullare le distanze tra i ruoli di vertice e la compagine associativa che per conoscere da vicino
le problematiche attinenti le diverse realtà territoriali.
E’ ovviamente primario, visto il nostro ruolo di custodi e tutori del patrimonio storico-artistico di proprietà privata, ricordare
il gravoso cammino che il Governo Monti, a seguito del Decreto Salva Italia del 2012, ha portato originariamente ad una
eliminazione delle agevolazioni previste per i beni storici privati, disconoscendo di fatto il vincolo apposto dallo stesso Stato
e i conseguenti oneri a carico del proprietario; tuttavia, anche in questa drammatica situazione, l’A.D.S.I. è riuscita ad imporre
la propria voce ottenendo, come sapete, il dimezzamento al 50% dell’IMU e la detraibilità sui redditi da locazione al 35%.
Il 2012 segna la svolta all’interno della nostra Associazione, la quale è costretta ad uscire dal “limbo” in cui era rimasta per anni,
e far valere le proprie ragioni, sia a livello di politiche istituzionali che di comunicazione.
E questo è il momento in cui inizia la mia attività di radicamento di rapporti, sempre più consolidati, con vari interlocutori
Istituzionali: ebbene oggi, a distanza di qualche anno, credo che questi rapporti siano un’eredità che lascio davvero con
soddisfazione ai miei successori. Oggi A.D.S.I. infatti, intrattiene serie e continue relazioni con i Ministeri per noi importanti
(MEF, MIBACT in particolare), con l’Agenzia delle Entrate e del Territorio, con esponenti del mondo politico, Presidenze di
Commissioni delle due Camere ecc..
Ancora, A.D.S.I. ha iniziato una campagna di sensibilizzazione volta a sconfiggere la ignoranza e demagogia che purtroppo
non abbandonano mai le nostre dimore storiche.
A questa attività costante ma svolta in silenzio e senza (ovviamente) segnali si sono aggiunti alcuni dati che confermano -
sempre nella consapevolezza dei cambiamenti della nostra epoca e delle numerose difficoltà, economiche e non, che abbiamo
conosciuto ed alle quali non eravamo mai stati abituati - un maggiore riconoscimento, dimostrato da taluni passaggi formali
ed obbiettivi, alcuni dei quali Vi ricordo.
1) Anzitutto, il lavoro congiunto svolto dalla nostra Associazione con l’allora Agenzia del Territorio, che è confluito nella
predisposizione della circolare 5/2012 relativa al corretto classamento degli immobili di interesse culturale ai sensi del decreto
legislativo 42/2004 in previsione della riforma del Catasto. Ma anche nell’instaurazione di un rapporto diretto volto a chiarire
le peculiarità dei nostri beni culturali, che ha consentito alla stessa Agenzia di far introdurre la norma che – nel contesto della
Legge delega per la riforma del Catasto – stabilisce adeguate riduzioni per i beni culturali, avuto riguardo alle numerose
peculiarità che li contraddistinguono.
In tema di normativa e disposizioni fiscali, evito di ricordare i numerosi emendamenti che soggetti politici ma anche
istituzionali/governativi hanno presentato in nostra tutela, e che solo la miopia e la demagogia del dibattito politico hanno
impedito di entrare in vigore. Ma questa ormai è la storia di questi anni: con la sicurezza che nei prossimi tempi la maggiore
conoscenza della realtà dei beni culturali (che siamo riusciti, almeno in parte, a provocare) non potrà che sortire, mi auguro,
qualche risultato positivo.
2) In questo contesto desidero ringraziare tutti coloro che, con grande disponibilità, ci hanno inviato tutti quei dati essenziali
a redigere i numerosi studi sui quali abbiamo basato le nostre battaglie; ricordo brevemente lo studio sul Catasto predisposto
dall’ing. Fernando Imbroglini e, successivamente, quello riguardante l’incidenza del patrimonio storico-artistico sul rilancio
dell’economia, redatto dal prof. Luciano Monti della Fondazione Bruno Visentini e quello commissionato dalla Sezione
Toscana alla Deloitte.
3) Un mio particolare punto d’orgoglio è rappresentato dall’unificazione degli eventi e quindi l’istituzione formale delle
Giornate Nazionali A.D.S.I nel 2011; diventato Presidente esisteva già una manifestazione analoga, quanto meno nell’idea,
ma estremamente frammentaria ed organizzata, per tempistica e temi, autonomamente da ciascuna sezione regionale.
Coordinare i vari eventi ed unificarli in una data comune, è stata una importante sfida, che ne ha incrementato il successo di
pubblico e ha rafforzato il ruolo di A.D.S.I. quale referente della vita culturale nazionale.
4) Sempre in tema di divulgazione e al fine di mantenere alta l’attenzione sulle nostre problematiche e consolidare le sinergie
createsi con le principali Istituzioni e rappresentanti di Governo, desidero ricordare i prestigiosi Convegni organizzati negli

1
anni. Il 25 maggio 2012 a Palazzo Colonna si è tenuto il Convegno dal titolo: “Patrimonio storico-artistico culturale privato:
tutela costituzionale e rilevanza sociale ed economica nel sistema Italia”; il 10 ottobre 2012 nella Sala della Protomoteca
di Roma Capitale invece si è svolto il Convegno dal titolo: “La sfida delle dimore storiche ad un trentennio dalla Legge
512/1982: riferimento culturale e leva economica”. Entrambi gli appuntamenti hanno visto la partecipazione di illustri
relatori ed interventi di prestigiose autorità, distinguendosi per i ricchissimi parterre ed i saluti istituzionali.
5) I due eventi del 2014 e 2015 si sono connotati come I e II Convegno Nazionale, andando ad impreziosire l’Assemblea dei Soci
che, proprio con l’edizione del 13 maggio 2014 ha esordito nella sua nuova veste maggiormente confederale con un Convegno
dal titolo: Il ruolo dei Beni Culturali nell’attuale sistema giuridico ed economico italiano”. Il 13 maggio 2015 invece il
secondo Convegno ha trattato il tema dei “Beni culturali: oneri o risorse? L’impatto economico del patrimonio storico-
architettonico sull’economia del Paese”. Nel 2014 quindi, per la prima volta vi è stata una scissione dei lavori assembleari dal
programma collaterale di visite e pranzi, confluiti nell’organizzazione dei Viaggi Nazionali, il primo tenutosi in Umbria nel
2014 ed il secondo in Liguria nel 2015, con un ottimo riscontro ed una folta partecipazione da parte dei Consociati.
6) Di sicuro impatto e di grande importanza il restauro di Porta Bazzano dell’Aquila, gravemente danneggiata dal sisma del
2009 e restituita integra alla cittadinanza grazie al Fondo 5 per 1000 del 2009 devoluto ad A.D.S.I. dai propri associati, sino ad
ora primo ed unico intervento su un bene pubblico effettuato dall’Associazione a livello nazionale.
7) Grandissimo impegno e significativi investimenti sono stati inoltre incanalati nel settore della Comunicazione, al fine di
rafforzare l’immagine dell’Associazione sul territorio e con essa il ruolo del patrimonio storico-artistico nell’ambito della crescita
sociale, politica ed economica del Paese; in quest’ottica rientra la collaborazione, nata nel novembre 2013 e tutt’oggi viva, con
MSL Italia, una delle maggiori società italiane in tema di comunicazione istituzionale e ufficio stampa, che cura capillarmente
la nostra “voce” e ci affianca costantemente nel dialogo con politici, organi di stampa, rappresentanti di Governo e personaggi
della cultura. Fondamentale il restyling del sito istituzionale www.adsi.it, strumento primario di scambio sia verso i Soci che
verso l’esterno, reso graficamente più accattivante e maggiormente fruibile nelle notizie e nella varietà di contenuti. Di assoluto
prestigio l’accordo con Allemandi Editore del 2013 che ha portato alla luce i primi due volumi della collana “12”, dedicati
rispettivamente ai portali ed al restauro, mostrandoci, di volta in volta, le dimore storiche dei Consociati da una prospettiva del
tutto nuova, focalizzata su un unico, significativo particolare. E’ peraltro di prossima uscita il terzo numero della collana, che
verterà nuovamente sul restauro, visto il congruo numero di testimonianze pervenute e l’importanza del tema trattato.
Mi preme inoltre ricordare le Convenzioni stipulate al fine di fornire sempre maggiori servizi agli associati: Art Defender,
L’Istituto del Credito Sportivo, Arteria, Fontana Rava–Toscana & Partners, Metaenergia Esco Srl, Heritage, Acone Associati e
Krt, Asacert, Reale Mutua, Università degli Studi Europea di Roma e Immodrone Srl.
Meritano altresì una menzione, a mio parere, la partecipazione ufficiale di A.D.S.I. al Salone del Restauro di Ferrara ed al
Vinitaly, avvenuta per la prima volta rispettivamente nell’edizione del 2012 e del 2014, sempre nell’ottica di una più proficua
sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulle problematiche, ma altresì sulle risorse, in dotazione alle dimore storiche.
8) La storia recente ci porta alla costituzione, nel maggio del 2014, dell’A.D.S.I. Consulenze e Servizi Srl, società a socio
unico partecipata interamente da A.D.S.I., creata allo scopo di offrire consulenza in materia legale, architettonica, urbanistica,
edilizia e finanziaria, nonché in campo turistico e di attività pubblicitaria. Il primo, importante progetto realizzato è il portale
www.dimorestoricheitaliane.it, dedicato alla promozione turistico/ricettiva degli immobili di proprietà dei Soci; il sito,
online dal mese di giugno 2015, sta registrando una crescita esponenziale sia per quanto concerne l’indicizzazione nei motori
di ricerca, che in termini di visite giornaliere.
Questa iniziativa si ricollega allo sforzo che ho profuso nel tentativo di strutturare la nostra Associazione in modo da poter
essere in grado in futuro di tutelare ed aiutare ancor più i nostri Soci, in un mondo ed in un sistema che cambia repentinamente.
Spero di essere riuscito, almeno in parte, ad avviare un percorso di sana evoluzione, rinnovamento ed aggiornamento
dell’Associazione, in adeguamento ad una nuova realtà. Il tempo ci darà risposta.
***
Infine, sono molto felice di annunciare a Voi Soci che, per la prima volta nella storia dell’A.D.S.I., il 12 aprile 2016, l’intero
Consiglio Direttivo sarà ricevuto in una udienza privata dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.
Non so se ho dimenticato qualche dettaglio importante, se nel ripercorrere questi anni ho lasciato per strada appuntamenti,
giornate, eventi, ma seppure l’ho fatto, nell’esercizio del ricordare e condividere, di certo nessun istante di questa esperienza
mi abbandonerà mai.
Presiedere l’A.D.S.I., rappresentare tutti quanti Voi e le Vostre speranze, è stato un privilegio straordinario, un percorso al
quale ho dedicato tutto me stesso e per il quale non mi sono mai risparmiato, e assieme a me i colleghi del Consiglio Direttivo,
che mi hanno sempre sostenuto, incoraggiato, supportato e senza i quali non avrei di certo potuto gestire e valorizzare una
realtà importante come la nostra.
Un sincero ringraziamento quindi a tutti i componenti della Giunta e del Consiglio, che mi hanno “sopportato” e supportato
con affetto e passione!
Un GRAZIE davvero grande lo merita il Vice Presidente Nazionale l’Avvocato Nicola de Renzis Sonnino, compagno di
battaglia insostituibile. Preparato, appassionato ed equilibrato Consigliere!!!
Un grazie di cuore allo staff della Sede Nazionale, che ha saputo apprezzarmi e farsi apprezzare, coadiuvando il mio lavoro
con serietà e professionalità. GRAZIE quindi all’Avvocato Bellini, ad Alteria Catalano Gonzaga, a Lucia, Francesca e Manuela
e a Giorgio Hardouin.
Tuttavia il ringraziamento più grande e sentito va a tutti Voi, e non solo per la stima e l’affetto che mi avete dimostrato in
questi anni, ma soprattutto per l’amore sincero che ciascuno di Voi nutre per la propria dimora, un sentimento inattaccabile e
aggregante, che costituisce il motore della nostra base associativa, la rende solida e incorruttibile, al di là del tempo che scorre
e delle difficoltà che quotidianamente dobbiamo affrontare.

Grazie A.D.S.I.!!!!!

Roma, 15 febbraio 2016 Il Presidente Nazionale


Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini

2
35 °
Piero Gnudi
Ministro per il Turismo e lo Sport
“Le dimore storiche e il sistema economico italiano. La valorizzazione
del territorio e la leva del turismo.”
25 maggio 2012 Luigi Mazzella
“Patrimonio storico-artistico culturale privato: Giudice della Corte Costituzionale
tutela costituzionale e rilevanza sociale ed economica “Origine e ratio dell’art.9 della Costituzione. La valorizzazione dei suoi
principi fondamentali nella giurisprudenza della Corte Costituzionale”
nel sistema Italia”
Giuseppe Morbidelli
Ordinario di Diritto Amministrativo – “La Sapienza” Roma
Inizio lavori: 9.30
“La tutela del patrimonio storico artistico dei privati: strumenti di tutela
SALUTI e di promozione”
Giovanni Alemanno
Sindaco di Roma Lorenzo Ornaghi
Fabrizio Saccomanni Ministro per i Beni e le Attività Culturali
Direttore Generale Banca d’Italia “Le dimore storiche private: obblighi, oneri e funzione sociale del
Nicola Zingaretti proprietario”
Presidente della Provincia di Roma Corrado Passera
Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti
INTRODUZIONE
Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini “Le nuove prospettive di valorizzazione, finanziamento e gestione
Presidente A.D.S.I. dinamica dei beni vincolati”

Alberto Quadrio Curzio


RELATORI Vice Presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei
Sabino Cassese
“Sussidiarietà, Economia e Dimore Storiche”
Giudice della Corte Costituzionale
“La disciplina dei beni culturali: le prospettive” Termine lavori: 13.30

Gaddo della Gherardesca


Palazzo Colonna A.D.S.I.
Consigliere A.D.S.I. Piazza SS. Apostoli, 66 L.go dei Fiorentini, 1 - Roma
“Dimore storiche: l’esperienza del proprietario privato” Roma tel. + 39 06 6832774

PROGRAMMA PROGRAMMA
Sessione 10 ottobre 2012 Sessione
10:00/13:00 14:30/18:30

Saluti: Saluti:
Moroello Diaz della Vittoria Pallavicini, Presidente A.D.S.I. Nicola de Renzis Sonnino, Vice Presidente A.D.S.I.

Le dimore storiche, un asset strategico dell’azienda Italia: Le dimore storiche nella prospettiva del diritto tributario:
attualità della disciplina normativa di riferimento e prospettive di riforma fondamento e ratio compensativa propri della speciale disciplina normativa
Coordina e modera la discussione: Coordina e modera la discussione:
Marcello Sorgi, Editorialista de La Stampa Marcello Sorgi, Editorialista de La Stampa

he Lorenzo Ornaghi, Ministro Beni e Attività Culturali Gabriella Alemanno, Direttore Agenzia del Territorio
Le dimore storiche e il codice dei beni culturali: obblighi e prospettive La rappresentazione catastale delle dimore storiche: specificità e prospettive future
/1982:
mica” Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito Corte Costituzionale
Una testimonianza del passato, una prospettiva del futuro: la tutela dei beni culturali nel
Leonardo Perrone, Professore Ordinario di Diritto Tributario Università di Roma La Sapienza
Il regime fiscale dei beni vincolati: fiscalità indiretta e trasferimenti generazionali
nostro Paese
Livia Salvini, Professore Ordinario di Diritto Tributario Università di Roma Luiss
Lorenzo Bini Smaghi, Harvard University e Presidente Fondazione Palazzo Strozzi Il regime fiscale dei beni vincolati: redditività e meccanismi di imposizione reddituale
Le nuove prospettive di valorizzazione, finanziamento e gestione dinamica dei beni vincolati
quale asset strategico dello sviluppo economico nazionale – l’essenzialità delle leva fiscale Laura Castaldi, Professore Associato di Diritto Tributario Università di Siena
quale sostituto dell’intervento diretto dello Stato ai tempi della crisi economico-finanziaria Il regime fiscale dei beni vincolati: le eterogenee misure di imposizione patrimoniale e locale
e le ricollegate anomalie applicative
Ilaria Borletti Buitoni, Presidente FAI - Fondo Ambiente Italiano
L’essenzialità dell’intervento economico e finanziario dei privati proprietari per il soddisfacimento Tommaso Di Tanno, Professore di Diritto Tributario Università di Siena
dell’interesse pubblico alla luce delle esperienze concrete – L’intervento sostitutivo del FAI Conclusioni: il regime fiscale dei beni vincolati, assetto attuale e prospettive di (ulteriore)
riforma
Fabrizia Lapecorella, Direttore Generale Dipartimento delle Finanze
Le forme di proprietà e gestione dei beni vincolati: il sistema economico ad esse ricollegato; modi
di finanziamento ed esperienze comparative internazionali, nel rapporto con la fiscalità

Chiusura: Saluti di chiusura:


Rassegna di esempi di successo nell’intervento dei privati proprietari Vieri Ceriani, Sottosegretario Economia e Finanze
+ 39 06 68 32 774
info@adsi.it interventi e dibattito interventi e dibattiti

3
IL PRESIDENTE
MOROELLO DIAZ DELLA VITTORIA PALLAVICINI
IN OCCASIONE DELLA XXXVII ASSEMBLEA DEI SOCI A.D.S.I.
HA IL PIACERE DI INVITARE LA S.V. ALL’INCONTRO SUL TEMA

“IL RUOLO DEI BENI CULTURALI


NELL’ATTUALE SISTEMA GIURIDICO E ECONOMICO ITALIANO”
MARTEDÌ 13 MAGGIO 2014 ORE 09:30 – 13:45
ROMA, PALAZZO COLONNA – PIAZZA SS. APOSTOLI, 66

MODERATORE: NICOLA PORRO, VICE DIRETTORE DE IL GIORNALE


INTERVENTI:
PIER PAOLO BARETTA, SOTTOSEGRETARIO MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
ILARIA BORLETTI BUITONI, SOTTOSEGRETARIO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO
CARLO CALENDA, VICEMINISTRO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
RODOLPHE DE LOOZ-CORSWAREM, PRESIDENTE EUROPEAN HISTORIC HOUSES
GIAN LUCA GALLETTI, MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
LOUIS GODART, CONSIGLIERE PATRIMONIO ARTISTICO PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
GIAMPIERO MARACCHI, PRESIDENTE OSSERVATORIO DEI MESTIERI D’ARTE
CORRADO PASSERA
ANTONIO PATUELLI, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA
SERGIO RIZZO, CORRIERE DELLA SERA
CORRADO SFORZA FOGLIANI, PRESIDENTE CONFEDILIZIA
NICOLÒ ZANON, ORDINARIO DI DIRITTO COSTITUZIONALE E MEMBRO DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA
si ringrazia

LARGO DEI FIORENTINI, 1 | 00186 ROMA | T. +39 06 68307426 | F. +39 06 68802930 | INFO@ADSI.IT | WWW.ADSI.IT

IL PRESIDENTE
MOROELLO DIAZ DELLA VITTORIA PALLAVICINI
IN OCCASIONE DELLA XXXVIII ASSEMBLEA DEI SOCI A.D.S.I.
HA IL PIACERE DI INVITARE LA S.V. ALL’INCONTRO SUL TEMA

“BENI CULTURALI: ONERI O RISORSE?”


“L’IMPATTO ECONOMICO DEL PATRIMONIO STORICO-ARCHITETTONICO
SULL’ECONOMIA DEL PAESE”
MERCOLEDÌ 13 MAGGIO 2015 ORE 09:30 – 13:00
ROMA, PALAZZO COLONNA – PIAZZA SS. APOSTOLI, 66
SALUTI:
PIER PAOLO BARETTA, SOTTOSEGRETARIO MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
ILARIA BORLETTI BUITONI, SOTTOSEGRETARIO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO
COSIMO MARIA FERRI, SOTTOSEGRETARIO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
GIANNI LETTA, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE CIVITA
MODERATORE: ANTONELLO PIROSO, GIORNALISTA
INTERVENTI:
CARLO CALENDA, VICE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
MARCO CARRAI, IMPRENDITORE
EMMANUELE FRANCESCO MARIA EMANUELE, PRESIDENTE FONDAZIONE ROMA
FABIO GALLIA, AMMINISTRATORE DELEGATO BNL E RESPONSABILE GRUPPO BNP PARIBAS PER L’ITALIA
IVANHOE LO BELLO, IMPRENDITORE - VICE PRESIDENTE CONFINDUSTRIA
LUCIANO MONTI, DOCENTE DI POLITICA ECONOMICA EUROPEA - LUISS
con il contributo di

LARGO DEI FIORENTINI, 1 | 00186 ROMA | T. +39 06 68307426 | F. +39 06 68802930 | INFO@ADSI.IT | WWW.ADSI.IT |

4
Ai sensi dello Statuto (art. 9), la convocazione dell’Assemblea è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale nei termini legali previsti.

I Soci sono convocati in Assemblea a Roma, presso Palazzo Colonna (Piazza SS. Apostoli, 66) alle ore 18:00 del 12
aprile 2016 in prima convocazione ed in seconda convocazione alle ore 9:30 del 13 aprile 2016, con il seguente

ORDINE DEL GIORNO

Ore 09:30/13:30 - Assemblea dei Soci

1. Relazione del Presidente;


2. Rinnovo cariche sociali (triennio 2016/2019);
3. Approvazione del bilancio consuntivo 2015;
4. Approvazione del bilancio preventivo 2016;
5. Relazione Coordinatore Nazionale Gruppo Giovani;
6. Interventi dei Presidenti regionali;
7. Varie ed eventuali (spazio ai Soci, etc…).

Ore 13:30/14:45 – Colazione

Ore 14:45/16:30 – Eventuale ripresa lavori assembleari

DELEGA PER IL VOTO

Il sottoscritto Socio Ordinario ………………………………………………………………………………………………….

delega il Socio …………………………………………………………………………………………………………………….

a rappresentarlo alla XXXIX Assemblea dell’Associazione Dimore Storiche Italiane del 13 aprile 2016.

N.B. I Soci Onorari, Aderenti e Giovani partecipano all’Assemblea dei Soci senza diritto di voto; ne consegue
che essi non possono concedere deleghe.

Con il contributo di:

5
XxxiX Assemblea dei Soci
Roma, 12 – 13 aprile 2016

PROGRAMMA
MARTEDI’ 12 APRILE 2016

PALAZZO DEL QUIRINALE (piazza del Quirinale)


Ore 17:00 Visita esclusiva del Palazzo del Quirinale, accompagnati dal Prof. Louis Godart, per i Soci e gli accompagnatori
registrati (numero massimo partecipanti 70 pax)
Si ricorda di portare un documento di identità da esibire al momento dell’accredito

PALAZZO COLONNA (piazza SS. Apostoli, 66)


Ore 21:00 Pranzo per i Soci e gli accompagnatori registrati (numero massimo partecipanti 70 pax)

N.B.: Non sarà possibile partecipare ad uno solo degli eventi previsti per la giornata di martedì 12 aprile.
Si ringrazia il Professor Godart – Consulente del Presidente della Repubblica in materia di iniziative ed eventi culturali ed espositivi, per la
visita esclusiva

MERCOLEDI’ 13 APRILE 2016

PALAZZO COLONNA (piazza SS. Apostoli, 66)

Ore 09:30/13:30 XXXIX Assemblea dei Soci


I seggi per il rinnovo della cariche sociali saranno aperti dalle ore 09:30 alle ore 13:30

Ore 13:30/14:45 Colazione per i Soci e gli accompagnatori registrati (numero massimo partecipanti 150 pax)

Ore 14:45/16:30 Eventuale ripresa dei lavori assembleari


Si ringrazia il Principe Don Prospero Colonna per la disponibilità riservata ad A.D.S.I.

La presente scheda d’iscrizione, compilata e sottoscritta, andrà inviata entro lunedì 4 aprile all’A.D.S.I.:
Via posta: Largo dei Fiorentini, 1 – 00186 Roma
Via Fax: +39 06 68802930
Via e-mail: segreteriadipresidenza@adsi.it
All’attenzione di Lucia Calabrese: +39 06 68300327 - +39 334 3550433

L’invio della scheda va corredato dalla copia del bonifico bancario del totale sotto riportato a favore di:
Associazione Dimore Storiche Italiane (Largo dei Fiorentini, 1 – 00186 Roma)
IBAN: IT91Y0504803200000000010212

Il Socio……..………………………………………………………………………………………………………………………………………

Iscritto alla Sezione Regionale………………………………………………………………………. Tessera n°………………………….….

Indirizzo……………………………………………………………………Città………………………………..…CAP………………..

Cell…………………………………………. E-mail ……………………………………………………………………………………………

Accompagnatore (nome e cognome)……………………………………………………………………………………………………………

IMPORTO N° PERSONE IMPORTO


Martedì 12 aprile 2016
Visita Palazzo del Quirinale
Pranzo Palazzo Colonna E 160,00 /cad. …………………… E ……………………
Mercoledì 13 aprile 2016
Colazione Palazzo Colonna E 075,00 /cad. …………………… E ……………………

Totale E ……………………

Data……………………… Firma………………………………………………………..

6
Normative
a cura dell’Avv. Mariastella Bellini

Nel corso del 2015 e all’inizio del 2016, non sono in- IMU
tervenute variazioni significative riguardanti il regi- Viene pagata dal proprietario; non si applica sulle abi-
me normativo degli immobili storici; cogliamo quindi tazioni classificate prima casa purché non accatastate in
l’occasione per redigere un breve testo che riassuma A/1, A/8 e A/9 – in tal caso essa verrà calcolata sulla
l’attuale situazione, comprese le recenti modifiche di base imponibile costituita dalla rendita catastale - per gli
IMU e TASI. immobili vincolati ai sensi dell’art 10 del D.L. 42 del 2005
ridotta alla metà.
CONTRATTI DI LOCAZIONE DI IMMOBILI La Legge di Stabilità 2016 ha previsto, a determinate
VINCOLATI condizioni, che vi sia una riduzione del 50% dell’IMU
I contratti di locazione ad uso abitativo degli immobili sulla casa concessa in comodato gratuito ad un parente
vincolati sono soggetti soltanto alle norme del C.C. art. di primo grado. Gli uffici dell’entrate hanno chiarito che
1571 e seguenti. tale agevolazione è cumulabile con quella degli immobili
Essi sono quindi liberi nella durata e nell’importo richie- storici riducendo in tal modo l’IMU al 25%; è stato inoltre
sto per la locazione. ribadito che tale cumulo non si ha nel caso di immobile
Ovviamente i proprietari di immobili vincolati che vo- inagibile.
gliano utilizzare la cedolare secca, agevolata, applicata La stessa legge ha anche introdotto, nel caso di affitto sti-
per i contratti stipulati in regime di concordato dovran- pulato secondo la tipologia del canale concordato, un’ab-
no, per poterlo fare, sottostare al regime previsto per battimento dell’IMU del 25%; per analogia con quanto
tali tipologie di contratto (durata 3 anni più 2 e rispetto detto in precedenza riteniamo che, anche in questo caso,
dell’accordo comunale per il canone). possa essere effettuato il cumulo delle agevolazioni.
Per le locazioni ad uso diverso da quello abitativo valgo- Quindi dopo aver abbattuto l’IMU al 50%, questa sarà
no le norme dettate per gli immobili in generale, quindi ulteriormente ridotta di un’altro 25%.
non si potrà prevedere una durata più breve di quella
prevista per la tipologia di uso (6 anni o 9 anni).
Tutti i contratti di locazione dovranno essere dotati di Ape. TASI
Sempre con la Legge di Stabilità 2016 è stata abolita la
IRPEF PER GLI IMMOBILI VINCOLATI DATI IN TASI sugli immobili adibiti ad abitazione principale am-
LOCAZIONE messo che non rientrino nelle categorie A/1,A/8 e A/9
Dal 2012 l’imposta si calcola applicando una detrazione in questi casi la base imponibile è quella prevista per
forfettaria dal canone di locazione pari al 35% del cano- l’IMU, cioè il valore catastale dell’immobile con l’abbat-
ne percepito (qualsiasi sia la destinazione del bene). Nel timento del 50% nel caso di immobili vincolati in base
caso in cui il reddito catastale (a valore IMU) dovesse all’art 10 del D.L. 42/20.
risultare superiore al canone di locazione, l’imponibile Godranno inoltre dell’abolizione della TASI gli inquilini
sarà costituito dal reddito catastale stesso. e coloro che hanno dovuto cedere l’immobile all’ex co-
N.B. in caso di contratto stipulato con le regole del canale niuge e nel caso risultino intestati a personale delle Forze
concordato ad esso sarà applicabile, in più, anche l’age- dell’Ordine che venga trasferito per motivi di servizio.
volazione del 30% riconosciuta per tali tipi di contratto
dalla legge 431/1998. TARI
Ricordiamo che gli immobili ad uso abitativo, di pro- La tassa rivolta alla copertura del costo di raccolta rifiuti
prietà di persone fisiche, possono usufruire del sistema solidi urbani e a essi assimilati; sarà pagata dal proprie-
di tassazione alternativo della Cedolare secca, pertanto, tario o dall’inquilino in base ai tre parametri validi per la
ogni proprietario dovrà valutare l’opportunità fiscale di precedente tariffa rifiuti: numero di occupanti, dimensio-
utilizzare un metodo di tassazione o l’altro. ne immobile e produzione pro capite di rifiuti.
Immobili non locati: L’IRPEF sugli immobili a disposi-
zione del proprietario o non locati è assorbita dalla IMU SUCCESSIONE E DONAZIONE
tranne se si trovano nello stesso comune in cui si trova In caso di successioni e donazioni ai parenti in linea ret-
l’abitazione principale, in tal caso il relativo reddito con- ta (moglie e figli) viene applicata una franchigia pari ad
corre alla formazione della base imponibile dell’IRPEF e 1.000.000 di euro (pro capite) al di sotto della quale si è
delle relative addizionali nella misura del 50% (articolo esenti. Per fratelli e sorelle la franchigia è di 100.000 Euro.
1, comma 717, legge 147/2013). Ogni categoria di successibili ha una diversa aliquota.
Qualora il valore della franchigia sia superato o l’erede
Dal 2014 sono stati introdotti nuovi tributi comunali ac- non sia parente in linea retta si ricorda che l’imposta non
comunati sotto la comune etichetta della IUC – Imposta colpisce gli immobili sottoposti a vincolo storico artistico
Unica Comunale. che “sono esclusi dall’attivo ereditario”.

7
Al fine di ottenere l’agevolazione occorre presentare l’in- parti comuni di edifici residenziali.
ventario dei beni in oggetto al competente organo perife- Al momento la percentuale di detraibilità della spesa è
rico del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, che del 50% su di un tetto massimo di 96.000 euro.
deve attestare, l’esistenza del vincolo e l’assolvimento In aggiunta a tale detrazione IRPEF i proprietari di di-
degli obblighi di conservazione e protezione. In seguito, more vincolate (con vincolo diretto) hanno la possibilità
l’attestazione deve essere presentata all’ufficio del regi- di usufruire della detrazione dall’imposta lorda di una
stro, in allegato alla dichiarazione di successione. percentuale pari al 19% delle spese sostenute per la con-
Saranno comunque dovute le imposte ipotecarie e cata- servazione ed il restauro degli immobili stessi, ed effet-
stali nella misura dell’ 1 + 2 % da calcolare sulla rendita tivamente rimaste a carico, tale detrazione è applicabile
catastale assegnata all’immobile; in caso di prima casa si anche ad immobili adibiti ad uso diverso dall’abitativo.
applicherà l’imposta fissa pari a 200 € per ognuna. Tale detrazione in caso di cumulo con quella del 50% vi-
In capo all’erede inoltre, se si usufruisce dell’esenzione sta in precedenza, verrà ridotta al 9,5%.
dall’imposta in quanto bene vincolato, rimane l’obbligo Tenuto conto che, per la detrazione propria degli immo-
di non vendere il bene stesso prima che sia decorso un bili vincolati, non vi è tetto massimo, ove venga superato
quinquennio dall’apertura della successione. il tetto previsto da quella ordinaria (96000), la detrazione
stessa varrà, per la parte eccedente, nella misura ordina-
TRASFERIMENTO A TITOLO ONEROSO ria del 19%, da effettuare in un solo anno.
Nel caso in cui la proprietà di un immobile vincolato Per usufruire di tale detrazione i contribuenti dovranno
venga trasferita a titolo oneroso da un soggetto ad un presentare alla soprintendenza competente un’apposita
altro si applicano a partire dal 2014 le medesime imposte dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà nella qua-
di registro e ipotecarie e catastali previste per qualsiasi le verrà indicata la spesa sostenuta.
tipo di immobile. Alternativamente ai precedenti si può utilizzare, in alcuni
Gli atti di trasferimento devono necessariamente essere casi, la detrazione sul risparmio energetico pari al 65% della
accompagnati dal certificato APE. spesa. Il tetto massimo varia in base alla tipologia di lavori
N.B. In tutti i casi del passaggio di proprietà, in base eseguiti. Tale detrazione NON è cumulabile con altre.
all’art 59 del Codice dei Beni Culturali e del paesaggio,
deve essere data, comunicazione al Ministero. IMMOBILI VINCOLATI DI SOCIETA’
Dai redditi di impresa sono deducibili le spese sostenute
IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI dai soggetti obbligati alla manutenzione, protezione o re-
Sono esenti dall’imposta le assicurazioni di beni soggetti stauro delle cose vincolate ai sensi del decreto legislativo
alla disciplina della legge 1º giugno 1939, n. 1089 (attual- 29 ottobre 1999, n. 490 e del decreto del Presidente della
mente D.L. 42 del 2004). Repubblica 30 settembre 1963, n. 1409, (oggi D.L. 42 del
2004) nella misura effettivamente rimasta a carico.
DETRAZIONI SUI LAVORI EDILI ESEGUITI NEGLI
IMMOBILI CONTRIBUTI
I possessori e detentori di immobili possono usufruire A tutt’oggi non è ancora stata ripristinata la possibilità di
della detrazioni IRPEF i lavori di manutenzione straordi- richiedere i contributi dello Stato di cui agli articoli 35 e
naria, restauro e ristrutturazione eseguiti negli immobili 37 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, il Mini-
a prevalente uso abitativo. stero infatti, ha come direttiva quella di aver ottemperato
Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi a tutti gli impegni economici già presi in precedenza pri-
all’agevolazione IRPEF solo se riguardano determinate ma di accettare nuove richieste.

8
Notizie Dalla Sede Centrale

GIORNATE NAZIONALI A.D.S.I. – 21/22 MAGGIO 2016


Il 21 e 22 maggio 2016 si terrà la VI edizione delle Giornate Nazionali dell’A.D.S.I., che, come sapete, si svolge su tutto il territorio
nazionale ed ha come sempre, l’obiettivo di avvicinare il grande pubblico alla realtà delle Dimore Storiche e accrescere la consapevo-
lezza del ruolo fondamentale dei beni culturali di proprietà privata all’interno del patrimonio storico-architettonico italiano.
In linea con l’edizione 2015, un ruolo chiave nell’ambito delle Giornate Nazionali A.D.S.I. avranno anche i MAESTRI ARTIGIANI
impegnati nella manutenzione delle dimore storiche: restauratori, corniciai, vetrai, ceramisti, marmisti, bronzisti, argentieri, orolo-
giai, mosaicisti e pittori, mostreranno al pubblico le loro realizzazioni e daranno dimostrazioni delle loro attività.

SITO DIMORE STORICHE ITALIANE: UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI PIU’ BELLI D’ITALIA
Dal luglio 2015 è online il nuovo portale www.dimorestoricheitaliane.it che a gennaio 2016 ha avuto l’adesione di oltre 200 dimore
di nostri associati da tutto il territorio nazionale. 
Indicizzazione: Il lavoro fatto sui testi e la costante ottimizzazione del sito ha consentito l’indicizzazione dello stesso con le princi-
pali chiavi di ricerca in lingua italiana e inglese, ai primi posti sui motori di ricerca più utilizzati, alla pari o addirittura in posizione
migliore di altri siti concorrenti online da anni!! Fondamentale è stato il banner con il logo dimore storiche italiane nel sito della
dimora, operazione ancora in corso.
Visitatori:  Il numero di visitatori mensili a gennaio 2016 è oltre 6000 con 3 minuti di permanenza media sul sito e un incremento di
mese in mese del 15% con il 20% proveniente da paesi Extra UE.
Stampa: E’ iniziata una collaborazione con il Gruppo Cairo Editore che ha permesso, mensilmente, di avere pubblicate dimore li-
state nel nostro sito sulle riviste Bell’Italia, Antiquariato e Gardenia. Altre testate ci hanno contattato per operazioni congiunte che
stiamo valutando con cura in modo da offrire un’opportunità in più alle dimore listate sul sito. 
Viaggi: Importante novità del 2016 saranno i viaggi e gli itinerari, con visite nelle nostre dimore storiche, che svilupperemo in col-
laborazione alla Società A Private View of Italy, società leader in questo settore per i 20 anni di lavoro con i soci sostenitori dei più
importanti musei del mondo.
Nuovi soci: Abbiamo constatato con molto piacere l’interesse di nuovi Soci, in regola con il vincolo 1089, a far parte di A.D.S.I.  solo
per il fatto di essere listati sul sito.
Costi: Vi ricordiamo che fino al mese di giugno 2016 è prevista la gratuità per tutte le dimore listate; dal mese di luglio 2016 Vi antici-
piamo gli importi annuali per le dimore che intendono continuare ad essere listate sul sito, (persone fisiche € 150,00 + IVA – persone
giuridiche € 250,00 + IVA)  un importo fra i più bassi del settore proprio in funzione del servizio offerto ai soli Soci A.D.S.I. 
Per ulteriori informazioni contattare info@dimorestoricheitaliane.it – T. + 39 06 6833714.

3° VIAGGIO NAZIONALE A.D.S.I.


Il terzo viaggio nazionale è in fase di programmazione, pertanto prossimamente riceverete il programma della sede regionale orga-
nizzatrice, con i relativi dettagli inerenti le visite e le modalità di partecipazione.

PROGRAMMA VIAGGI DELLA SEDE CENTRALE


Firenze 19 – 22 maggio 2016
Castelli romani 26 – 29 maggio 2016
Per ulteriori informazioni sui viaggi potete rivolgerVi alla dr.ssa Alteria Catalano Gonzaga, T. +39 06 68307426 – +39 328 8783687
Email: viagginelledimorestoriche@gmail.com

L’A.D.S.I. E’ SEMPRE PIU’ SOCIAL

SEGUICI SU Associazione Dimore Storiche Italiane

SEGUICI SU @dimorestoriche

SEGUICI SU Associazione Dimore Storiche Italiane

TARGA DISTINTIVA A.D.S.I.


Qualora foste interessati alla realizzazione della targa distintiva dell’A.D.S.I., potete scrivere a segreteriadipresidenza@adsi.it indi-
cando nome e anno di costruzione in secoli della dimora storica.
La targa avrà le seguenti caratteristiche:
Logo A.D.S.I.;
Materiale ottone pretrattato – formato 32x22 – quattro fori laterali per la messa in opera;
Costi: € 150,00 + € 20,00 di spedizione (nel caso la dimora fosse fuori Roma) + Iva al 22%.

9
In copertina: Giuseppe Vasi - Casino della Villa Patrizi fuori di Porta Pia, 1747-1801

Largo dei Fiorentini, 1 | 00186 Roma


t. +39 06 68307426 | f. +39 06 68802930 | INFO@adsi.it | www.ADSI.IT | o o