Sei sulla pagina 1di 15

Lambdin 35

Proposizioni legate con ְ‫ ו‬wə-


Ci sono due modelli principali di connessione tra
proposizioni unite della congiunzione wə- :
• congiuntivo-sequenziale, in cui la seconda
proposizione è consequenziale alla prima dal
punto di vista logico o da quello cronologico
• disgiuntivo, in cui la seconda proposizione
può stare in rapporto non consequenziale.
La distinzione dipende dalla parola posizionata
immediatamente dopo il wə-:

wə- (o wa-) + verbo → modalità congiuntiva

wə- + non verbo → modalità disgiuntiva


Quindi tutte le proposizioni non verbali (cioè le
proposizioni con predicati avverbiali, aggettivali,
nominali, esistenziali o participiali) sono
essenzialmente disgiuntive quando usate
all’interno di una narrazione.

Le proposizioni negative in cui ‫ לֹא‬precede il


verbo sono disgiuntive per definizione.
Modelli congiuntivo-sequenziali
1. sequenze narrative:
(a) al passato puntuale: perfetto + wa + imperfetto (f. breve) §98
(b) al futuro puntuale: imperfetto + wə + perfetto §98
al futuro abituale: imperfetto + wə + perfetto §98
(c) proposizione non verbale + wə + perfetto sotto

2. sequenze imperative:
(a) imperativo + wə + perfetto (successione) §107
(b) imperativo + wə + imperfetto / iussivo / coortativo §107
(scopo/finalità)
(c) proposizione non verbale + wə + perfetto
Per il fatto che proposizioni non verbali,
specialmente quelle con predicati participiali,
possono riferirsi all’immediato futuro, una
proposizione non verbale usata in tal modo può
proseguire con un perfetto invertito, come tipo (1b).

‫ל־אד ֶֶֹּ֫ניָך‬
ֲ ‫תְאֹתֹוְ ֶא‬
ְֶָּ֫ ‫תְאֹתֹו ונָ ַת‬
ְֶָּ֫ ‫ת־ה ֶֶּ֫כ ֶסףְו ָל ַקח‬
ַ ‫ֲא ִניְנ ֵֹתןְלָךְ ֶא‬
Ti darò i soldi e tu li prenderai e li darai al tuo padrone.
Usi delle proposizioni disgiuntive
1) Contrastivo
‫םְהיָ הְ ֶּ֫ ֶל ֶחם‬
ָ ִ‫ץְמצ ַ ֶּ֫רי‬
ִ ‫ל־א ֶר‬
ֶֶּ֫ ‫ל־ה ֲא ָרצֹותְּוב ָכ‬
ָ ‫וַ י ִהיְ ָר ָעבְב ָכ‬
Ci fu carestia in tutti gli (altri) paesi, ma in Egitto c’era cibo.
(Gen 41,54)
2) Circostanziale - una proposizione disgiuntiva descrive
una situazione o circostanza contemporanea o precedente
all’azione della proposizione che precede:
‫הּוְאיׁשְו ִהנֵ הְת ֶֹעהְ ַב ָש ֶדה‬
ִ ‫וַ יִ מ ָצ ֵֶּ֫א‬
E un uomo lo trovò vagare nel campo. (lett. [mentre] egli
vagava…) (Gen 37,15)
3) Esplicativo o parentetico - le proposizioni
disgiuntive interrompono la narrazione principale per
fornire informazioni rilevanti o necessarie per la
narrazione stessa.
In Gen 29,16, la conversazione tra Giacobbe e Labano è
interrotta dalla seguente proposizione
‫ ּול ָל ָבןְׁש ֵתיְ ָבנֹות‬Ora Labano aveva due figlie…
per spiegare il riferimento a Rachele della proposizione
successiva che appartiene alla narrazione principale:
“ed egli (Giacobbe) disse, ‘Io ti servirò per sette anni per
Rachele la tua figlia più giovane’ ”.
4) Conclusivo o iniziale - indica o il completamento di
un episodio o l’inizio di un altro.
...‫הְערּום‬
ָ ָ‫ׁשְהי‬
ָ ‫ ו ַהנָ ָח‬- Ora il serpente era il più astuto…
(Gn 3,1)
Lambdin 35
‫ יֵׁש‬e ‫אֵ ין‬
I predicatori di esistenza o di non esistenza ‫ יֵ ׁש‬e
‫ ֵאין‬possono essere flesse per numero e genere
attraverso l’addizione di desinenze pronominali.
Ciò avviene raramente nel caso di ‫ ֵיׁש‬, più
comunemente nel caso di ‫ ֵאין‬.
‫‪SINGOLARE‬‬ ‫‪PLURALE‬‬ ‫‪SINGOLARE‬‬ ‫‪PLURALE‬‬

‫‪1‬‬
‫ֵא ֶֶּ֫יננִ י‬ ‫ֵא ֶּ֫ ֶיננּו‬
‫‪2m‬‬
‫ֶיׁשָך‬ ‫יֶ ׁש ֶכם‬ ‫ֵאינָך‬ ‫ֵאינ ֶכם‬
‫‪2f‬‬
‫ֵאינֵ ְך‬
‫‪3m‬‬
‫ֶיׁשנֹו‬ ‫ֵא ֶֶּ֫יננּו‬ ‫ֵאינָ ם‬
‫‪3f‬‬
‫ֵא ֶֶּ֫יננָ ה‬
• Le forme flesse di ‫ ֵיׁש‬si trovano quasi
esclusivamente dopo la congiunzione ‫( ִאם‬se), e
sostituiscono i pronomi personali, cfr.

‫ ִאם־ְ ֶיׁש ֶכםְע ִֹשיםְ ֶֶּ֫ח ֶסד‬- Se voi agite correttamente…


‫ ִאם־ ַא ֶתםְע ִֹשיםְ ֶֶּ֫ח ֶסד‬- Se voi agite correttamente…
Usi delle forme flesse di ‫ ֵאין‬:
1) Negazione di esistenza
(con soggetto pronominale o nominale):

‫ – ֵא ֶֶּ֫יננּו‬egli non è/egli non c’è


‫ – ַה ֶֶּ֫י ֶלד ֵא ֶֶּ֫יננּו‬il ragazzo non è (qui) = ‫יןְה ֶֶּ֫י ֶלד‬
ַ ‫ֵא‬
NB: la forma flessa è usata normalmente dopo un
soggetto nominale determinato.
2) Negazione di frasi con predicati participiali
‫ ֵא ֶֶּ֫ינ ִני כ ֵֹתב‬- Io non sto scrivendo.
‫ ָה ֲאנָ ִׁשיםְ ֵאינָ ם י ֹד ִעים‬- Gli uomini non sanno.

3) Più raramente - ‫ ֵאין‬al posto di ‫ לֹא‬nella


negazione di frasi con predicati aggettivali o
avverbiali:
‫ ָה ִאיׁשְ ֵא ֶּ֫ ֶיננּו ַב ֶַּ֫ביִ ת‬- L’uomo non è in casa.