Sei sulla pagina 1di 5

Scienza

Un po’ prima
del big bang
Alan Lightman, Harper’s, Stati Uniti
L’universo è cominciato circa 14 miliardi di anni fa. Ma cos’è successo in quel
momento? C’era qualcosa prima? Il tempo esisteva già? E soprattutto: ha senso
farsi queste domande? Per i cosmologi quantistici, che cercano le risposte, sì

L’
11 febbraio 1931, Albert lo per sottolineare il concetto. Dai fram- campo di ricerca molto ristretto, e richiede
Einstein ebbe un incon- menti prodotti da quel colpo di martello un certo coraggio. La prima difficoltà è che
tro di più di un’ora con un nacque la cosmologia del big bang: l’idea la nascita del nostro universo è stata un
piccolo gruppo di scien- che l’universo non è statico ed eterno, che evento unico, e noi non eravamo lì ad assi-
ziati statunitensi in “è cominciato” circa 14 miliardi di anni fa in stere allo spettacolo. Per comprendere
un’accogliente bibliote- uno stato di altissima densità e da allora ha l’inizio dell’universo è anche necessario
ca del Mount Wilson observatory, vicino a continuato a espandersi e assottigliarsi. Se- capire la cosiddetta gravità quantistica: una
Pasadena, in California. L’argomento della condo i dati che abbiamo al momento, il gravità a una densità di materia e di energia
discussione era la cosmologia e in quell’oc- nostro universo continuerà a espandersi enorme, impossibile da replicare. La mag-
casione Einstein avrebbe fatto una delle all’infinito. gior parte dei fisici è convinta che in
affermazioni più importanti della storia Sean Carroll, un professore di fisica del quell’era quantistica, l’intero universo os-
della scienza. Con le sue teorie sulla gravità California institute of technology, è un co- servabile fosse circa un milione di miliardi
e la relatività ormai confermate da tempo e smologo del big bang. Appartiene anche a di miliardi più piccolo di un singolo atomo.
dieci anni dopo il premio Nobel, era di gran un piccolo gruppo di fisici che si definiscono La temperatura era intorno a un milione di
lunga lo scienziato più famoso del mondo. cosmologi quantistici e cercano di scoprire miliardi di miliardi di miliardi di gradi. Il
Per anni Einstein aveva insistito, come Ari- cos’è successo nel primissimo momento tempo e lo spazio si agitavano come l’acqua
stotele e Newton prima di lui, nel sostenere del big bang, se il tempo o qualsiasi altra co- che bolle. Naturalmente cose del genere
che l’universo era una magnifica cattedra- sa esisteva in precedenza, e come possiamo non sono immaginabili, ma i fisici teorici
le, immortale e immobile nel tempo. In prevedere il futuro in base al passato. Que- cercano di immaginarle in forma matema-
questa visione del mondo, il tempo scorre ste domande basilari della fisica, che gli tica, carta e penna alla mano. In qualche
da un passato infinito verso un futuro infi- scienziati si sono posti solo di recente, po- modo, il tempo come noi lo conosciamo è
nito, e nel frattempo cambia ben poco. trebbero essere paragonate a quella di Car- emerso da quella pepita straordinariamen-
Quando, nel 1927, un importante scienzia- tesio che cercava la prova della propria esi- te densa. O forse esisteva già, e a emergere
to belga aveva suggerito che l’universo cre- stenza. è stata solo la “freccia” del tempo, che pun-
sceva come un palloncino gonfiabile, Ein- ta verso il futuro. I fisici sperano che più o
stein aveva definito l’idea “abominevole”. Un evento senza spettatori meno entro i prossimi cinquant’anni la teo-
Ma nel 1931 il grande fisico si era già dovuto La cosmologia quantistica è una scienza ria delle stringhe o altre nuove teorie ci aiu-
confrontare con le prove telescopiche della speculativa, ma Carroll ci spiega perché è teranno a comprendere meglio la gravità
fuga delle galassie lontane. così affascinante: “È ad alto rischio, ma an- quantistica e ci spiegheranno com’è comin-
Quando arrivò a Pasadena, Einstein era che di grande soddisfazione”. Non abbiamo ciato l’universo. Fino a quel momento, i
pronto ad ammettere che esisteva un co- ancora una teoria completa della gravità, cosmologi quantistici dibatteranno le loro
smo in divenire. Disse a quei signori in giac- dello spazio e del tempo nell’era quantisti- ipotesi, ognuna delle quali è sostenuta da
ca e cravatta che lo spostamento delle ga- ca. Nonostante questo, alcune delle menti pagine di calcoli.
lassie che era stato osservato aveva “di- più brillanti della fisica, tra cui Stephen Quando gli ho parlato via Skype, Carroll
strutto la sua vecchia costruzione come un Hawking, Andrei Linde e Alexander Vilen- era nel confortevole studio di casa sua, a
colpo di martello”. E batté il pugno sul tavo- kin, hanno riflettuto su questo tema. È un Los Angeles, in felpa e jeans. Io invece ero

50 Internazionale 1139 | 5 febbraio 2016


HUBBLE SM4 ERO TEAM/NASA/ESA

La nebulosa planetaria NGC 6302, detta anche nebulosa farfalla

Internazionale 1139 | 5 febbraio 2016 51


Scienza
nella stanza degli ospiti di casa mia, a Con- con il passare del tempo una stanza pulita dine. Quindi il futuro si allontana dal big
cord, nel Massachusetts: praticamente la diventa sporca. Quello che chiamiamo fu- bang in due direzioni. Una persona che vive
porta accanto, in termini cosmologici. Oltre turo è una condizione di crescente disordi- nella fase di contrazione dell’universo vede
a essere un fisico molto stimato, Carroll è ne; quello che chiamiamo passato è di cre- il big bang come un evento passato, come
un ottimo divulgatore – ha scritto articoli scente ordine. La nostra capacità di distin- facciamo noi. Quando muore, l’universo è
scientifici con titoli come “E se il tempo esi- guere tra i due dimostra che nel nostro più grande di quando è nata, come lo sarà
stesse sul serio?” – e parla del suo argomen- mondo il tempo ha una direzione chiara. E per noi. “Quando sono arrivato a capire che
to preferito con evidente piacere. Ha 49 ha una direzione chiara anche nel cosmo in il motivo per cui posso ricordare il passato
anni, è piuttosto robusto, con le guance paf- generale. Le stelle irradiano luce e calore, ma non il futuro è strettamente collegato
fute, la mascella forte, una massa di capelli consumano lentamente il loro combustibi- alle condizioni del big bang, è stata un’epi-
rossi e gli occhi che scintillano come quelli le nucleare e alla fine si trasformano in ce- fania straordinaria”, dice Carroll.
di uno scolaro birichino. nere fredda che vaga nello spazio. Non suc-
Carroll è ossessionato dalla relativa cede mai il contrario. E questo ci riporta Il tempo a due teste
omogeneità e dall’ordine dell’universo. In all’inaspettato ordine del nostro universo. Se immaginiamo il tempo come una lunga
fisica l’ordine ha un significato concreto. In collaborazione con Alan Guth, un strada e il big bang come una buca a un cer-
Può essere quantificato. Inoltre, le condi- pioniere della cosmologia del Massachu- to punto di quella strada, un cartello all’al-
zioni di disordine sono più probabili di quel- tezza della buca che indichi la direzione del
le di ordine, come è più probabile che le Quello che chiamiamo futuro avrebbe due frecce che puntano in
carte di un mazzo, una volta che è stato me- direzioni opposte. Da qui deriva il nome di
scolato, siano in ordine sparso piuttosto che futuro è una “tempo a due teste”. Vicino alla buca, e alle
sistemate per numeri e semi. Applicando condizione di due frecce, il tempo non avrebbe una dire-
queste considerazioni al cosmo in generale, zione chiara. Nella versione subatomica dei
i fisici dicono che, data la quantità di mate- crescente disordine bicchieri e delle stanze, i frammenti di ve-
ria esistente, dovremmo aspettarci un uni- tro salterebbero su dal pavimento per an-
verso molto più disordinato e confuso. setts institute of technology, Carroll ha ide- dare a formare i bicchieri con la stessa fre-
L’universo osservabile ha qualcosa come ato una teoria che ha chiamato “del tempo quenza con cui i bicchieri cadono e si rom-
cento miliardi di galassie, ma quando si a due teste”. Nel loro modello, il tempo è pono, e le stanze abbandonate diventereb-
prendono in considerazione fette di spazio sempre esistito. Ma a differenza di quello bero più pulite con la stessa frequenza con
abbastanza ampie, appare uniforme come immaginato da Aristotele, Newton e Ein- cui diventano più sporche. Entrambi i fil-
la sabbia di una spiaggia. Sarebbe molto più stein, l’universo cambia con il passare dei mati sembrerebbero normali a qualsiasi
probabile, dicono i fisici, vedere quello stes- millenni. L’evoluzione del cosmo è simme- essere subatomico che vivesse nel momen-
so materiale concentrato in un numero trica nel tempo, quindi il suo comporta- to del big bang.
molto più piccolo di enormi galassie, o in mento prima del big bang è più o meno Secondo Carroll e Guth, la teoria del
grandi ammassi di galassie, o forse in un l’immagine speculare di quello successivo. tempo a due teste potrebbe diventare mol-
unico gigantesco buco nero, come se tutta Fino a 14 miliardi di anni fa, l’universo si to più strana e complessa. Il punto di mini-
la sabbia di una spiaggia fosse concentrata stava contraendo. Al momento del big bang me dimensioni e massimo ordine potrebbe
in pochi massi di silicio. ha raggiunto le dimensioni mini- non essere stato il big bang del
L’improbabile omogeneità dell’univer- me (che chiameremo t=0) e da nostro universo, ma il big bang di
so osservabile, a sua volta, indica condizio- allora ha continuato a espander- un altro universo, una sorta di
ni insolitamente ordinate al momento del si. È come una molla d’acciaio grandioso protouniverso. Il no-
big bang. Non capiamo perché, ma l’ordine elicoidale che cade a terra, rag- stro, e forse un numero infinito
e l’omogeneità, che per i fisici denotano un giunge la massima compressione di altri universi, potrebbero esse-
basso livello di entropia, ci danno un’indi- all’impatto, e poi rimbalza e si espande di re stati generati da questo progenitore, e
cazione importante. “Sono convinto che la nuovo. A causa delle inevitabili fluttuazioni ognuno potrebbe aver avuto il suo big
bassa entropia dell’alba dell’universo sia un casuali richieste dalla fisica quantistica, bang. Il processo di generazione di nuovi
mistero che la comunità dei cosmologi non l’universo in contrazione non sarebbe universi da parte di un universo progenito-
prende sul serio quanto dovrebbe”, mi ha un’immagine speculare perfetta di quello re è stato chiamato inflazione eterna.
detto Carroll. “Misteri come questo offrono in espansione: probabilmente nella fase di L’idea è stata proposta dai cosmologi quan-
l’opportunità di nuove scoperte”. contrazione del nostro universo un fisico di tistici nei primi anni ottanta. In breve, nel
Carroll e altri fisici pensano che l’ordine nome Alan Guth non è mai esistito. protouniverso un campo di energia ano-
sia intimamente collegato alla freccia del Nella scienza dell’ordine e del disordine malo agisce come una forza di antigravità
tempo. E, in particolare, che la sua direzio- è ben noto che, a parità di condizioni, uno e provoca un’espansione sempre più rapi-
ne in avanti sia determinata dall’ordine e spazio più ampio è più disordinato, essen- da. In ogni regione dello spazio, questo
dal disordine. Per esempio, il filmato di un zialmente perché c’è più posto dove sparpa- campo di energia anomalo ha una forza
bicchiere di vetro che cade dal bordo di un gliare le cose. Di conseguenza, secondo la diversa. Ognuna di queste regioni si espan-
tavolo e si frantuma ci sembra normale; se visione di Carroll e Guth, l’ordine dell’uni- de fino a raggiungere proporzioni cosmi-
invece vedessimo un bicchiere in frantumi verso ha raggiunto il massimo livello al mo- che e il campo di energia diventa materia
che salta dal pavimento sul bordo del tavolo mento del big bang, prima e dopo c’è stato comune, formando un nuovo universo iso-
e si ricompone in un bicchiere, diremmo un disordine crescente. Ricordiamoci che lato che non ha nessun contatto con il pro-
che il filmato sta girando al contrario. Allo la direzione in avanti del tempo è determi- touniverso che lo ha generato.
stesso modo, se smettiamo di occuparcene, nata dal movimento dell’ordine e del disor- Un’altra ipotesi importante è che l’uni-

52 Internazionale 1139 | 5 febbraio 2016


ESO

La nebulosa NGC 7293, detta anche nebulosa helix

verso, e il tempo, prima del big bang non Uno dei primi cosmologi quantistici a esistono. Su questo punto, Vilenkin ama
esistessero. L’universo si sarebbe materia- ipotizzare che l’universo potrebbe essersi citare sant’Agostino, al quale chiedevano
lizzato dal nulla, in una dimensione picco- materializzato dal nulla è stato Alexander spesso cosa facesse Dio prima di creare
la e finita, e da allora avrebbe continuato a Vilenkin, uno scienziato ucraino arrivato l’universo. Nelle Confessioni, Agostino ri-
espandersi. Non esisterebbero altri mo- negli Stati Uniti nel 1976 a poco più di sponde che, poiché quando ha creato l’uni-
menti prima di quello perché non esiste- vent’anni che oggi insegna fisica alla Tufts verso Dio ha creato anche il tempo, non
rebbe un “prima”. Quindi non ci sarebbe university. Prima di emigrare, aveva lavora- esisteva nessun “prima”.
stata nessuna “nascita” dell’universo, per- to come guardiano di notte in uno zoo, cosa Quando parla dell’effetto tunnel, Vilen-
ché questo concetto implicherebbe che gli aveva dato molto tempo per pensare kin si riferisce a un inquietante fenomeno
un’azione nel tempo. Perfino dire che l’uni- alla cosmologia. “Mi occupavo di cosmolo- della fisica quantistica, in cui gli oggetti
verso si è “materializzato” sarebbe in qual- gia come attività collaterale”, dice. “All’epo- possono fare magie come apparire all’im-
che modo sbagliato. ca non era un settore che godeva di una provviso dall’altra parte di una montagna
Per come lo vede Hawking, l’universo buona reputazione”. Vilenkin è un uomo senza scalarne la vetta. Questa sconcertan-
“non sarebbe stato né creato né distrutto, serio che, diversamente da molti fisici, te capacità, verificata in laboratorio, conse-
sarebbe semplicemente stato”. Concetti scherza poco e prende estremamente sul gue dal fatto che le particelle subatomiche
come quello di esistenza e di essere in as- serio il suo lavoro sull’universo a t=0 . “Non si comportano come se potessero trovarsi
senza di tempo risultano inafferrabili nei è necessaria nessuna causa per creare un in molti posti contemporaneamente. Nel
limiti della nostra esperienza umana. Non universo tramite l’effetto tunnel”, dice, “ma microscopico mondo degli atomi, l’effetto
abbiamo neanche parole per definirli. Qua- le leggi della fisica dovrebbero essere già tunnel è molto comune, mentre nel mondo
si tutto quello che diciamo implica in qual- lì”. Discutiamo brevemente su cosa signifi- umano è altamente improbabile. Non è mai
che modo la nozione di “prima” e “dopo”. chi “lì” se lo spazio e il tempo ancora non stato osservato su vasta scala, il che spiega

Internazionale 1139 | 5 febbraio 2016 53


Scienza
perché ci sembra così assurdo. Ma nell’era davanti a un problema difficile della fisica, nebbia quantistica dell’origine dell’univer-
quantistica della cosmologia, molto vicina tirava fuori una penna con la punta sottile e so, dicono Page e altri scienziati, potremmo
al t=0, l’intero universo era grande come scarabocchiava un’equazione dopo l’altra mettere in discussione la sua solidità anche
una particella subatomica. Quindi poteva in un fitto intrico di calcoli matematici fino nel mondo in cui viviamo che è molto lonta-
essere apparso “improvvisamente” da do- a quando non trovava la risposta. no nel tempo dal big bang, ma fa comunque
vunque le cose abbiano origine nell’inaffer- Anche se ha collaborato con Hawking parte della stessa realtà. “Nell’universo la
rabile nebbia quantistica delle probabilità. alla stesura di alcuni saggi, Page si allonta- causalità non è fondamentale”, dice Page.
Cosa significa dire che l’intero universo na da lui sul tema di Dio. Qualche tempo fa “È un concetto approssimativo derivato
era come una particella subatomica nel mi ha detto: “Come cristiano, io penso che della nostra esperienza del mondo”. La
mondo crepuscolare dei quanti? James esista un essere al di fuori dell’universo che stretta causalità potrebbe essere un’illusio-
Hartle, un cosmologo quantistico dell’uni- lo ha creato ed è la causa di tutte le cose. Dio ne, il modo in cui il nostro cervello e la no-
versità della California a Santa Barbara, ha è il vero creatore. Tutto l’universo è causato stra scienza danno un senso al mondo. Ma
sviluppato insieme a Hawking uno dei mo- da Dio”. Sul blog di Carroll, Page sembra al senza stretta causalità come possiamo as-
delli più dettagliati dell’universo “durante” tempo stesso uno scienziato e un teista: “Si sumerci la responsabilità delle nostre azio-
l’era quantistica intorno al momento del big può pensare che aggiungere l’ipotesi di un ni? Una crepa nelle marmoree fondamenta
bang. Nelle equazioni di Hartle e Hawking mondo (tutto quello che esiste) in cui è com- dalla causalità potrebbe far traballare la fi-
il tempo non appare da nessuna parte. Han- losofia, la religione e l’etica.
no usato solo la fisica quantistica per calco- All’origine del nostro La cosmologia quantistica ci ha spinto a
lare le probabilità di certe istantanee interrogarci sugli aspetti fondamentali
dell’universo. Sebbene sia un esperto della universo non c’era una dell’esistenza e dell’essere. Quello che ve-
teoria, Hartle ammette di essere rimasto chiara distinzione tra diamo e sentiamo con il nostro corpo, a me-
sconcertato dall’applicazione della fisica tà strada tra gli atomi e le galassie, è solo
quantistica all’universo nel suo complesso. causa ed effetto una minima parte dello spettro, un fram-
“Perché esista la meccanica quantistica se mento di realtà. Negli anni quaranta, lo psi-
c’è un solo stato dell’universo”, dice, “per preso anche Dio renderebbe ancora più cologo statunitense Abraham Maslow ha
me è un mistero”. In altre parole, perché do- complessa una teoria dell’universo, ma non proposto una gerarchia dei bisogni umani
vrebbe esserci la probabilità di condizioni è detto che sia così, può darsi che Dio sia che parte dai più primordiali e impellenti
alternative dell’universo quando ne abbia- perfino più semplice dell’universo, e che per arrivare a quelli più alti. Alla base della
mo solo uno? E quelle condizioni alternati- quindi partendo da Dio piuttosto che solo piramide ci sono i bisogni del corpo legati
ve esistono veramente da qualche parte? dall’universo potremmo arrivare a una alla sopravvivenza: il cibo e l’acqua. Subito
I cosmologi quantistici sono ben consa- spiegazione più semplice”. dopo viene la sicurezza. Sopra ancora ci so-
pevoli delle ripercussioni filosofiche e teo- no l’amore e l’appartenenza, poi l’autosti-
logiche della loro ricerca. Come dice La domanda più importante ma. In cima ai bisogni proposti da Maslow
Hawking in Dal big bang ai buchi neri. Breve È significativo il fatto che la maggior parte c’è l’autorealizzazione, il desiderio di otte-
storia del tempo (Bur 2015), molti pensano dei cosmologi quantistici non crede che nere il massimo da noi stessi. Io suggerirei
che all’inizio sia stato Dio a caricare l’orolo- qualcuno o qualcosa abbia causato la nasci- di aggiungere un’altra categoria in cima alla
gio e a decidere quando dovesse partire, pur ta dell’universo. Come mi ha det- piramide, al di sopra dell’autore-
consentendo che l’universo si evolvesse se- to Vilenkin, la fisica quantistica è alizzazione: l’immaginazione e il
condo le rigide leggi della natura. La teoria in grado di ipotizzare un universo desiderio di esplorare. Non era
di Hawking fornisce una spiegazione di co- senza causa, come di dimostrare forse quello il bisogno che spin-
me l’universo abbia potuto caricarsi da solo: che in un atomo gli elettroni pos- geva Marco Polo, Vasco da Gama
il suo metodo per calcolare le sue prime sono cambiare orbita senza una e Einstein? La necessità di imma-
istantanee non dipende dalle condizioni causa. Nel mondo quantistico non esiste ginare nuove possibilità, di andare oltre noi
iniziali, da eventuali confini o da qualsiasi nessun rapporto causa-effetto, esistono so- stessi per capire il mondo che ci circonda.
altra cosa esterna all’universo stesso. Sono lo probabilità. Per usare le parole di Carroll: Non perché potrebbe aiutarci nella soprav-
sufficienti le fredde regole della fisica quan- “Nella vita quotidiana parliamo di causa e vivenza, nei rapporti personali o nella sco-
tistica. “Che posto c’è, allora, per un creato- di effetto, ma non c’è motivo di applicare perta di noi stessi, ma per conoscere e com-
re?”, si chiede. Il fisico Lawrence Krauss questo concetto all’universo nel suo com- prendere questo strano cosmo in cui ci tro-
giunge a una conclusione simile nel suo li- plesso. Non mi sento per nulla insoddisfat- viamo. Il bisogno di fare la domanda più
bro L’universo dal nulla (Macro 2013), nel to se dico semplicemente ‘Così stanno le importante. Come è cominciato tutto que-
quale sostiene che i progressi della cosmo- cose’”. sto? Ben oltre la nostra vita, la nostra comu-
logia quantistica dimostrano che nel mi- L’idea di un evento o di uno stato senza nità, il nostro paese, il nostro pianeta e per-
gliore dei casi Dio sarebbe irrilevante. causa va contro la natura stessa della scien- fino il nostro sistema solare. Com’è comin-
Ci si aspetterebbe che tutti i cosmologi za. Per secoli gli scienziati hanno tentato di ciato l’universo? Probabilmente potersi
quantistici fossero atei, come la maggior spiegare ogni evento come la logica conse- porre questa domanda è un lusso. Ma è an-
parte degli scienziati. Ma Don Page, un im- guenza di eventi precedenti. Page sostiene che una necessità umana. ◆ bt
portante cosmologo dell’Università di Al- che all’origine del nostro universo – sia che
berta, è anche un cristiano evangelico. Page si scelga il modello del tempo a due teste sia L’AUTORE
è un computazionalista. Quando frequen- quello dell’universo emerso dal nulla – non Alan Lightman è un fisico e scrittore
tavamo insieme il corso di specializzazione c’era una chiara distinzione tra causa ed ef- statunitense. Insegna studi umanistici al
in fisica al Caltech, ogni volta che si trovava fetto. Se la causalità può dissolversi nella Massachusetts institute of technology.

54 Internazionale 1139 | 5 febbraio 2016