Sei sulla pagina 1di 1

nardone

Introdurre piccoli graduali cambiamenti che poi divengono valanghe di cambiamento. Trasforma la paura
iniziale di cambiare in coraggio. Come mai si lavora solo sul presente e sul futuro? Perché non si vanno a
ricercare le cause del problema? Questo è uno dei vizi dell’uomo moderno, il bisogno delle spiegazioni e
soprattutto il bisogno delle cause. La ricerca delle cause e dei colpevoli è ciò che forvia dalla ricerca delle
soluzioni. Una volta che “io ho trovato la causa” questa di solito è nel passato, ed il passato non lo posso
più cambiare, mentre mi devo occupare di studiare come persiste, si alimenta, nel presente. Una volta che
ho trovato i responsabili, i colpevoli, e li ho condannati la situazione rimane la medesima quindi il colpevole
punito non porta alla soluzione del problema.

Dobbiamo intervenire sul presente per migliorare il futuro, e che talvolta dobbiamo usare un futuro che noi
proiettiamo per influenzare il nostro presente. Ma l’intervento sarà sempre sul presente, usando una
tautologia “il passato è passato”. Le cause sono già avvenute, i colpevoli ci sono già stati.

Non possiamo illuderci di cambiare gli altri se non cambiamo noi stessi, come ha detto Gandhi “se vuoi
cambiare il mondo inizia cambiando te stesso, sii quello che vorresti che il mondo fosse”.