Sei sulla pagina 1di 46

-





(

FREE!
"


,









Come stampare la guida







"


&


stampa la guida su fogli A4,



)


orientamento orizzontale,

)


stampa dimensioni effettive








)

"

piega ogni foglio a metà lasciando


%

why? B


la stampa all’esterno
"


,


(





sovrapponi i fogli piegati, mantenendo




C


l’ordine indicato dal numero di pagina e




rilegali tutti insieme con una pinzatrice o








una spirale
"

what?


'


when?





&







(


"




*






La tua azienda in questa guida




$


who? where?







Se hai una attività commerciale in questa città e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al


"


)

turista ed in linea alla qualità offerta dalla guida, scrivi a: inguide@weagoo.com.










$


Pernottamento: hotel, Servizi:HCTOCEKGQHſEKPG
'









bed and breakfast, camp- negozi in genere, assi-
&


%


ing ecc. curazioni ecc.






$


#









"













Ristorazione: ristoranti,






trattorie, pizzerie, bar,



Eventi: sponsorizza un


gelaterie ecc.


evento nella guida della





tua città.





SALENTO E OSTUNI



























Con l’intento di fornire all’utilizzatore della guida un servizio migliore, WeAGoo si riserva di se-


lezionare la presenza nelle proprie Guide.
scarica le altre guide su www.weagoo.com
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,









vista livello paese


LA CITTÀ






SALENTO
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'





Torre Sant’Andrea © Freddyballo


&


vista livello regione





(

SALENTO


"




*


Conosciuto anche come penisola salentina o interessarono la parte centrale della penisola,







“Tacco d’Italia”, il Salento è una regione che reputata più sicura rispetto alle zone costiere.



$




coincide con la parte meridionale della Puglia, Le testimonianze della presenza bizantina so-






tra il mar Ionio ad ovest e il Mar Adriatico ad pravvivono ancora nella lingua grika, caratteris-


"


)


est, comprendente l’intera provincia di Lecce, tica dei comuni che costituiscono l’attuale Gre-
(




quasi tutta quella di Brindisi e parte di quella cia Salentina, e negli usi e costumi della gente





di Taranto. La sua posizione centrale rispetto che vive in questi luoghi. Nel 1071 si affermò




3
4
$


al continente europeo e ai principali centri di il potere Normanno, al quale va riconosciuto
'





sviluppo delle società civilizzate più importanti il merito dell’istituzione delle Contee di Lecce





&

della storia hanno determinato l’apporto di così e Taranto e della rinascita delle arti, mentre


%





VCPVKKPƀWUUKEWNVWTCNKPGNNGFKXGTUGGRQEJG alla dominazione Sveva risale il restauro delle



$


RTKPEKRCNKQRGTGFKHQTVKſEC\KQPGRTGUGPVKUWNVGT-
#



Le prime testimonianze della presenza umana ritorio salentino. L’episodio più atroce e triste-








ci arrivano dalle numerose grotte che si pos- mente ricordato fu l’eccidio da parte dei turchi,
"


sono ammirare nel tratto di costa compreso che entrarono ad Otranto il 14 agosto 1480, di


vista livello nazione


tra Otranto e Santa Maria di Leuca. Furono i


EKTECRGTUQPGEJGTKſWVCTQPQFKEQPXGTVKTUK



messapi il primo esempio di società civile or- alla religione islamica, i cui resti sono ancora





ganizzata ad insediarsi in queste zone. La conservati nella cattedrale di Otranto.







conquista romana, avvenuta tra il 269 a.C.




e il 267 a.C., fu un periodo cruciale per la La successiva dominazione spagnola diede




nascita di infrastrutture e di opere pubbliche, grande impulso alle arti e alla letteratura, dan-




nonché l’inizio di una radicale trasformazione do vita ad una forma particolare dell’arte baroc-




del paesaggio e di una completa ristrutturazi- ca, il barocco leccese, favorita dalla presenza







one dei centri abitati. A seguito della caduta in questi luoghi di una pietra particolarmente






dell’Impero Romano d’Occidente, avvenuta nel duttile che permetteva la realizzazione di ogni






476 d.C., la penisola fu oggetto di saccheggi e genere di decoro. Anche il dominio borbonico


razzie da parte di numerose popolazioni bar- segnò un periodo di crescita, anche se la vera






bariche come Longobardi, Saraceni, Ungari e crescita economica del Salento avvenne nel



Slavi. Le prime migrazioni bizantine cominci- periodo fascista, grazie ad una sapiente op-
arono intorno alla prima metà del 500 a.C. e GTCFKDQPKſECEJGKPVGTGUUÍNG\QPGRCNWFQUG

3 4
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,






prossime al litorale orientale, e la realizzazione



COME MUOVERSI IN SALENTO


LA CITTÀ


dell’Acquedotto Pugliese.





SALENTO
"


TRASPORTI
Chi desidera raggiungere il Salento in genere NWPIJKGFKHſEQNVQUKUGUKGVGRQUK\KQPCVKNWPIQNC
&

Il Salento terra che conquista, porta d’Oriente e





fa riferimento a Lecce, facilmente raggiungibile costa).


)

sintesi di divesità, metafora di una felice unione




con qualunque mezzo di trasporto (anche se


)

tra storia e natura, tesori artistici e bellezze


bisogna tener conto del fatto che Lecce vanta IN AUTO



RCGUCIIKUVKEJG .C RQUK\KQPG IGQITCſEC G



NCRTQXKPEKCRKÔXCUVCFŏ+VCNKCGNGFKHſEQNV´PQP Se raggiungete il Salento in auto, percorrendo




l’ampio contatto con il mare offrono un clima


)

sono poche, nonostante negli ultimi anni si sia l’A-14, vi sarà poi facile muovervi nella penisola

"

tipicamente mediterraneo fatto di inverni mol-


%

sentita la necessità di potenziare un servizio salentina. Se alloggiate in una zona interna


to miti ed estati lunghe, calde e secche, cieli
"


scadente per far fronte alle necessità delle piuttosto che lungo la costa, potrete addirittu-
,


sempre chiari e pieni di sfumature radiose, tra-

migliaia di persone che, soprattutto nei mesi ra decidere un itinerario diverso ogni giorno,


(

monti tipici e pittoreschi, orizzonti panoramici




estivi, imperversano nelle località più rino- scegliendo tra le varie meraviglie salentine.


ricchissimi di fascino. In estate, quando i frutti



mate). Una delle migliori soluzioni è rappresen- Percorrendo la litoranea potrete raggiungere

maturano e il sole arroventa il terreno, ecco

tata dal “Salento in Treno e in bus + bici”, senza problemi alcune delle località più belle




che il Salento esplode in tutto il suo naturale © Cinzia A. Rizzo





una sinergia di mezzi di trasporto che consente e le spiagge più famose, ammirando nel con-



splendore fatto di colori, centri storici, contrade,
"

di raggiungere con facilità e a prezzi modici tempo tutta la bellezza delle coste salentine


'

spiagge, della campagna con i suoi trulli e le erario turistico. Allo stesso modo la campagna


qualsiasi località balneare e turistica, senza e godendo di un panorama unico, anche se





vecchie masserie. Attraversare questa parte salentina, con i suoi sterminati uliveti e gli orti



la necessità di usare la macchina. L’iniziativa RQVTGUVG VTQXCTG WP RQŏ RKÔ FK VTCHſEQ UQRTCV-
&


d’Italia è un’esperienza senz’altro indimentica- coloriti, regala stupendi panorami e sensazioni



prosegue da diversi anni ottenendo un risultato tutto in serata. Se amate gli spostamenti più


di pace assoluta. Percorrendone le strade si ha


bile, perchè ogni momento e ogni angolo sono


(


sorprendente, ed è particolarmente apprez- veloci e meno stressanti vi suggeriamo invece
"


in grado di suscitare grandi emozioni. l’occasione di soffermarsi sugli aspetti più aut-

zata da chi raggiunge il Salento con l’auto e di optare per le strade interne, come la statale
*


entici di un paesaggio sempre vario e al lavoro.




spesso ha problemi nel trovare parcheggio in 101-274, che vi porterà da Lecce a Gallipoli




Il Salento si affaccia su due mari, lo Ionio e



$

prossimità delle maggiori stazioni balneari. Chi e da qui a Santa Maria di Leuca, oppure la




Adriatico, e ciò si traduce in un paesaggio Molte sono anche le iniziative culturali e fol-




KPXGEG Â CWVQOWPKVQ PQP KPEQPVTGT´ FKHſEQNV´ statale 275, che vi consentirà di passare anche



variegato, con pianure regolari e coste meno cloristiche che, specie negli ultimi anni, punta-


"

nello spostamento grazie alle diverse arterie per Maglie ed Otranto. Gli spostamenti in auto


)


pronunciate nel versante ionico e un territorio no a rivalutare le vicende storiche del Salento,
(


che collegano Lecce alle maggiori località tu- sono particolarmente indicati per le famiglie e


mettendo a contatto visitatori e popolazione lo-


più ondulato e irregolare in quello adriatico. Le


ristico-balneari. Vi consigliamo di scegliere un per chi ama la comodità.




cale con un mondo antico ancora molto vivo e


rocce, di origine calcarea, costituiscono una


alloggio nell’entroterra, in modo da poter raggi-


$


pregevolissima caratteristica delle zone cos- presente, fatto di sagre, canzoni, trekking, feste
ungere con maggiore facilità entrambi i versanti I principali assi viari sono:
'





tiere, in cui si alternano bellissime spiagge di popolari e manifestazioni di ogni genere.




(mentre gli spostamenti potrebbero risultare più La direttrice adriatica Bari-Brindisi-Lecce-


&

E’ proprio questa libertà di vivere il territorio


%

ſPKUUKOCUCDDKCFQTCVCCUEQINKGTGXGTVKIKPQUG





affacciate su un mare turchese dalle trasparen- il punto di forza del Salento, la sua indole a



$


ze cristalline, quasi al pari di quello dei tropici. lasciarsi scoprire, la sua vocazione a regalare
#



In questo modo, spiaggia e scogliera accon- sorprese. Il Salento è, in ogni luogo, in ogni








tentano ogni gusto vacanziero e offrono una momento, nell’opera dell’uomo, patrimonio in-
"


grande possibilità di variazione del proprio itin- discusso di tutta l’umanità.






















































© Any.colour.you.like Porto Otranto © Freddyballo
5 6
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,






Maglie-Otranto Gli orari di arrivo e di partenza delle tratte sono





LA CITTÀ
Strada statale 16 Adriatica diverse, collegate tra l’altro anche alle stazioni






Strada statale 379 Egnazia e delle Terme di ferroviarie e ai principali aeroporti per facilitare
"


TRASPORTI
TRASPORTI
&

Torre Canne gli arrivi e le partenze. Per maggiori informazi-






)

Strada statale 613 Brindisi-Lecce; oni sul servizio potete visitare il sito della Pro-



)

vincia di Lecce www.provincia.le.it, oppure


Le direttrici ovest-est Taranto-Brindisi e www.salentointrenoebus.it






Taranto-Lecce
)

"

Strada statale 7 Via Appia NOLEGGIO AUTO E BICI


%


Strada statale 7 ter Taranto-Lecce Se siete arrivati nel Salento con aereo o treno
"


,


e vorreste comunque spostarvi in auto, avete la


(

Le direttrici nord-sud Lecce-Gallipoli e Ma- possibilità di noleggiarne una. Per informazioni





glie-Leuca consultate il sito www.logitravel.it. Se invece



Strada statale 101 Salentina di Gallipoli avete voglia di godervi il vostro soggiorno sen-




Strada statale 275 di Santa Maria di Leuca za spostarvi troppo, potete noleggiare una bici


© Salento81





(ma anche quad e risciò) e regalarvi non solo
"


'

La Litoranea Salentina
+

piacevolissime pedalate in mezzo alla natura






Strada statale 274 Salentina Meridionale che treno di usufruire di uno sconto. GFWPCUCPCCVVKXKV´ſUKECOCCPEJGXKUVGOQ\-



&


collega Gallipoli con Leuca \CſCVQGFQTKIKPCNKKVKPGTCTKPGNNCVGTTCUCNGPVKPC




Il servizio si è di recente arricchito di ulteriori

(


"


IN TRENO attività: IN AEREO



*

-Gira Salento: portale internet che consente di




Se arrivate in Salento con il treno e volete con- Aeroporto di Brindisi-Casale





trovare tutte le informazioni sull’intero sistema


tinuare a spostarvi con questo mezzo, sappiate Recentemente ribattezzato Aeroporto Interna-



$




che potrete usufruire delle Ferrovie dello Stato dei trasporti pubblici presenti sul territorio della zionale del Salento, serve l’intera area salen-






ſPQC.GEEG2GTEQPVKPWCTGCOWQXGTXKRQVTGVG provincia e sulle principali località turistiche; tina e presenta diversi voli di linea con le prin-


"


)


poi utilizzare le Ferrovie del Sud Est, che co- cipali città italiane, oltre ad alcuni collegamenti
(




prono l’intero territorio salentino, antica e lunga -Disco in Bus: servizio di trasporto collettivo internazionali.





(474 km) rete ferroviaria che collega ed attra- verso le discoteche e i locali di divertimento www.aeroportodibrindisi.com



$

della provincia;


versa le quattro province meridionali della Pug-
'





lia, unendo Bari, Taranto e Lecce, nonché gli Aeroporto di Taranto-Grottaglie





&

85 comuni del loro circondario. Una soluzione -Paesaggio in Movimento: concorso fotogra- Recentemente ampliato per permetterne


%





perfetta per chi ama la praticità e l’avventura. ſEQTKUGTXCVQCKVWTKUVKCDQTFQFGKVTGPKGQFGINK l’utilizzo all’Alenia Aeronautica per la realiz-



$


Per informazioni su orari e tratte potete visitare autobus, le cui migliori foto verranno premiate zazione di alcune parti strutturali del Boeing
#



il sito www.fseonline.it con diversi soggiorni nel salento.  +N VTCHſEQ RCUUGIIGTK Â NKOKVCVQ CF CNEWPK








voli charter.
"

L’obiettivo principale di questa iniziativa, oltre


IN AUTOBUS

Se non avete la possibilità di portare l’auto con al miglioramento dell’intero sistema di mobilità Aeroporto Lepore di Lecce-San Cataldo





voi e non volete prendere il treno, potete optare estiva, è quello di garantire in maniera rapida Aeroporto civile di “terzo livello” di proprietà




e diretta il collegamento di principali centri di




per l’autobus. La Provincia di Lecce ha ideato dell’Aero Club Lecce, offre al Salento collega-





attrazione turistica del Salento.


“Salento intreno e bus +biciŒ WP GHſEKGPVG menti con città come Roma e Corfù.





programma di trasporto in pullman costituito www.aeroportolecce.it




Il servizio verrà effettuato con autobus di


da una rete integrata di 20 linee, di cui 3 con



aziende associate al Cotrap muniti di aria con-




corse “espresse” e integrate col treno individu- Per informazioni generali potete consultare il





dizionata, e con treni locali delle ferrovie Sud-


ate da colori distintivi, che consentono di raggi- sito www.aeroportidipuglia.it







ungere le più importanti località dell’entroterra Est. Saranno garantite le coincidenze tra treni





e bus con fermate di scambio nei piazzali delle


e le spiagge più famose del Salento. Sono in-






oltre presenti ulteriori 32 linee di servizi ordinari stazioni, mentre “Diversamente abili La Provin-


circolanti nel periodo estivo. Presso i nodi di cia di Lecce” assicurerà il trasporto a chiamata






di passeggeri diversamente abili su tutte le lo-


interscambio di Lecce, Otranto, Santa Maria di


Leuca e Gallipoli è possibile noleggiare la bici- calità e fermate.
cletta, e a chi è munito di biglietto del bus o del

7 8
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















TARANTO
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&





Castello aragonese © syder.ross



(


"




*

TARANTO






DA VISITARE




$

Importante città turistica, industriale e com- OGOQTKGITGEJGDK\CPVKPGGOGFKQGXCNKſPQCN







merciale, secondo centro più popoloso della XVIII secolo. Ma la costruzione più imponente




"

regione nonché terzo dell’Italia meridionale di Taranto è senza dubbio il Castello Aragon-


)


peninsulare, Taranto è una città vivace e os- ese, o Castel Sant’Angelo, con la sua massic-





pitale ricca di storia e proiettata verso il futuro, cia pianta quadrangolare che occupa l’angolo





incastonata lungo l’omonimo golfo che si affac- estremo dell’isola del Borgo Antico. Realizzato
$


cia sullo Ionio e lambita dal Mar Grande, che nel lontano 916 dai Bizantini con lo scopo di
'





TiP (tourist informations in pills)




costeggia il litorale esterno, e dal Mar Piccolo, proteggere l’abitato dagli attacchi pirateschi e


&


%

il vasto bacino interno. Luogo d’incontro per ec- della Repubblica Veneziana, fu ampliato nelle








taranto ...........................................pag 10 cellenza tra l’attività umana e la forza del mare forme attuali da Ferdinando II d’Aragona, nel
$


#

manduria........................................pag 16 è il grande porto industriale e commerciale, in 1486. Non da meno è la Fortezza di Laclos,






nardò .............................................pag 20 virtù del fatto che la pesca è una delle risorse


UVTWVVWTC HQTVKſECVC ETGCVC CNNC ſPG FGN :8+++




gallipoli...........................................pag 24 economiche più sviluppate della città. Il turista secolo per volere di Napoleone Bonaparte, de-
"


santa maria di leuca ......................pag 30 che si appresta a visitare Taranto troverà una ciso a fare di Taranto uno dei suoi avamposti





otranto ...........................................pag 34 risposta ad ogni esigenza, sia che voglia tras- UWN/GFKVGTTCPGQ2GTSWCPVQTKIWCTFCINKGFKſEK


lecce ..............................................pag 40 correre una vacanza all’insegna del mare, visi- religiosi non possiamo non citare la Cattedrale





brindisi ...........................................pag 46 tare testimonianze storiche di grande pregio, di San CataldoGFKſECVCUWWPGFKſEKQDK\CP-



mesagne ........................................pag 52 divertirsi o concedersi qualche peccato di gola VKPQFGNNCUGEQPFCOGV´FGN:UGEQNQGOQFKſ-





chiese ..................................................pag 1 grottaglie ........................................pag 56 con le delizie gastronomiche locali.




ECVCCNNCſPGFGNNŏ:+UGEQNQ6CPVGCNVTGEJKGUG




palazzi .................................................pag 5 francavilla fontana .........................pag 60 6TCKOQPWOGPVKRKÔUKIPKſECVKXKEKVKCOQKNPon- disseminate nel centro della città testimoniano






musei ...................................................pag 9 ostuni .............................................pag 64 te Girevole  EJG EQNNGIC NŏKUQNC CTVKſEKCNG FGN la profonda devozione dei fedeli nel corso dei


monumenti e strutture..........................pag 13 Borgo Antico con la penisola del Borgo Nuovo, secoli, così come le tradizionali feste religi-







teatri.....................................................pag 21 spiagge ..........................................pag 79 aperto nel 1887 e rimodernato nel 1957 secon- ose, su tutte i Riti della Settimana Santa che





varie .....................................................pag 23 dove mangiare ...............................pag 88 do le nuove tecnologie, dedicato a San Franc- a partire dalla Domenica delle Palme attirano






mappa............................................pag 90 esco di Paola, il Santo protettore degli uomini nel centro tanti visitatori. Rappresentativo della






di mare. Il Borgo Antico può vantare un’antica tradizione locale è invece il Palio di Taranto,






costruzione di grande interesse storico e ar- una manifestazione in costume nata nel 1986
cheologico, l’ipogeo “De Beaumont Bonelli che prevede una gara di imbarcazioni a remi
Punta Palascia © Andrea Grimaudoi Bellacicco”KORQPGPVGGFKſEKQEQPEGPVTCVQFK disputata tra i dieci rioni della città.
9 10
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







TARANTO
TARANTO
"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Palazzo Pantaleo


)


Rampa Pantaleo, 1-7 - Taranto


www.comune.taranto.it
)


Costruito nel 1770 dal barone Francesco Maria Pantaleo, il





palazzo presenta un assetto unitario, privo di un cortile interno.


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE




La facciata principale si presenta con un avancorpo e un ampio


)

7HſEKQ+PHQTOC\KQPKG#EEQINKGP\C6WTKUVKEC

"

portale, dal quale sporge la ringhiera bombata in ferro battuto


(I.A.T.)
%


"

della loggia sovrastante. All’interno si possono ammirare gli am-


Corso Umberto, 113 - Taranto
,



DKGPVKFKTCRRTGUGPVCP\CEQPKUQHſVVKFKRKPVKFC&QOGPKEQ#PVQ-


Tel. +39 099 453 23 92


(


nio Carella nel 1773, rappresentanti scene tratte dall’Eneide e





dall’Iliade.


Azienda di Promozione Turistica della pro-

vincia di Taranto (A.P.T.)






Corso Umberto, 121 - Taranto



"

Tel. +39 099 453 23 83 – 099 452 04 17 Cattedrale di San Cataldo


'


Fax +39 099 453 23 97




Via Duomo, 142 - Taranto


&


Costruita ad opera dei Bizantini nella seconda metà del X secolo,



NUMERI UTILI la chiesa fu oggetto di diverse ristrutturazioni, che le conferirono



(


Carabinieri 112 l’attuale pianta basilicale. La facciata, opera di Mauro Manieri,
"





Polizia di Stato 113


*

è decorata con le statue di san Pietro apostolo, san Marco, san







Vigili del Fuoco 115


Rocco e sant’Irene. All’interno, di particolar interesse è il mosaico




$

Emergenza sanitaria 118


RCXKOGPVCNG G NG VGNG TCHſIWTCPVK Nŏ#FQTC\KQPG FGK /CIK





Viaggiare informati (CCISS) 1518





l’Assunta, e il Riposo in Egitto.


"

Soccorso stradale 803116


)







CLIMA





Taranto gode di un clima piacevolissimo, con


$


estati calde e talvolta afose, ma generalmente Lungomare
'


3






accarezzate dalla brezza gradevole che viene Corso Vittorio Emanuele II - Taranto


&


%

%QUVTWKVQ UWN /CT )TCPFG KN .WPIQOCTG FK 6CTCPVQ Â ſCP-


dal mare, ed inverni miti e piovosi, con poche





cheggiato da imponenti palazzi moderni, ottocenteschi e del pri-


precipitazioni nevose. Le temperature medie
$


#

di gennaio, il mese più freddo, vanno da una mo novecento, come il Palazzo della Prefettura, il Palazzo delle




Poste, e il Palazzo della Banca d’Italia. All’inizio del viale, ab-



minima di 6°C a una massima di 12°C, mentre




in luglio e agosto si passa dai 20°C ai 29°C, bellito da palme, pini ed oleandri, si apre la suggestiva terrazza
"


semicircolare della Rotonda a mare.


con picchi che superano i 35°C. Le piogge si






concentrano tra novembre e dicembre.







NELLE VICINANZE



Massafra ........................................Km. 20





Grottaglie .......................................Km. 23


Santuario di Monte Oliveto




Martina Franca ..............................Km. 32 4


Piazzetta Monte Oliveto, 1-7 - Taranto






Francavilla Fontana .......................Km. 36


Dichiarata santuario mariano nel 1936, la chiesa presenta sulla





Manduria........................................Km. 37


facciata lo stemma dell’Ordine domenicano. Invece, l’interno,




caratterizzato dall’imponente cupola, ospita l’altare maggiore,






opera di Antonio di Lucca e di Galichio d’Amato, decorato con




un motivo a calice intarsiato; e le statue di San Francesco de





Geronimo, di San Luigi Gonzaga e di San Giuseppe.





Tempio di Poseidone © diffendale
11 12
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















TARANTO
TARANTO
"


&



Tempio di Poseidone Giardini del Pepirato


)

5 9


Piazza Municipio, 9-13 - Taranto Giardini Peripato, 71 - Taranto

)


Il Tempio di Poseidone è il tempio più antico della Magna Grecia. %WQTGXGTFGFGNNCEKVV´FK6CTCPVQKIKCTFKPKFGNRGRKTCVQWHſEKCN-





1IIKCVGUVKOQPKCP\CFKSWGUVŏGFKſEKQUQPQTKOCUVGEQNQPPGFK mente diventarono di proprietà del Comune nel 1913, ma già nel





ordine dorico, alte ciascuna 8,47 metri, risalenti al V secolo a.C., 1863 la famiglia Beaumont trasformò gli orti preesistenti in una
)

"

più una base con 3 tamburi o rocchi, realizzata in carparo locale, lussureggiante villa. Dal giardino, tenuto a palme e pini, si gode


%


"

ricavata dalla stessa acropoli. FKWPOCIPKſEQRCPQTCOCOCTKPQ


,


(
















"

Castello Aragonese Palazzo del Governo


'

6 10





Corso Vittorio Emanuele II, 53 - Taranto Lungomare Vittorio Emanuele III - Taranto


&


Risalente al 916, anno in cui i Bizantini avviarono la costruzi- Realizzato in 4 anni su progetto dell’Architetto Armando Brasini,



one della Rocca a protezione dagli attacchi dei Saraceni e della il palazzo fu inaugurato il 7 settembre 1934 da Benito Mussolini.



(


Repubblica di Venezia; nel 1486, il castello fu ampliato, assu-
"


.ŏGFKſEKQCNVQOGVTKUKGUVGPFGUWWPŏCTGCFKOSGFÂ



*

mendo l’attuale struttura, su volere di Ferdinando II d’Aragona, formato da una speronata ad arcate, realizzata interamente in






dall’architetto Francesco di Giorgio Martini. Dal 1887 il castello è pietra carparo marrone. All’interno sono conservati alcuni dip-




$

una delle sedi della Marina Militare Italiana. inti di Cavallino, Paolo de Mattheis, Solimeno, Olivieri. Oggi è









sede della Prefettura, dell’Amministrazione Provinciale e della


"

Questura.


)










$


Ponte San Francesco da Paola Palazzo delle Poste
'


7 11






Ponte San Francesco da Paola - Taranto Lungomare Vittorio Emanuele III, 15 - Taranto


&


%

Inaugurato il 22 maggio 1887 dall’Ammiraglio Ferdinando Ac- Costruito sul suolo acquistato nel 1935 dal Re Vittorio Ema-







ton, il ponte collega l’isola del Borgo Antico con la penisola del nuele III di Savoia, il palazzo fu completato nel 1937 su progetto


$


#

Borgo Nuovo. La struttura, lunga 89,9 metri e larga 9,3 metri, fu dell’Architetto Cesare Bazzani. La facciata è decorata da sei col-




costruita dall’Impresa Industriale Italiana di Napoli su progetto onne di ordine ionico intervallate da ampie vetrate, sovrastate






dell’Ingegnere Giuseppe Messina. Il ponte venne rimordernato ognuna da statue che impersonano le scienze e le arti, nonché
"


nel 1957, passando da un funzionamento di apertura e chiusura rappresentazioni di aquile. Oggi ospita la sede delle Poste Itali-




a turbine idrauliche, ad uno di tipo elettrico. ane.


















Museo Nazionale Archeologico Fontana della Rosa dei Venti




8 12
Corso Umberto I, 37-41 - Taranto Lungomare Vittorio Emanuele III, 31-32 - Taranto







Fondato nel 1887, il museo occupa la sede dell’ex Convento di Realizzata su disegno dell’Architetto Brunetti, la fontana fu inau-






San Pasquale di Baylon. All’interno ospita una delle più grandi gurata il 4 giugno 1953. Il monumento deve il proprio nome alle




collezioni di manufatti dell’epoca della Magna Grecia, tra cui i otto teste poste ai bordi del cerchio centrale, ognuna delle quali






famosi Ori di Taranto. Il piano rialzato è utilizzato per esposizioni TCRRTGUGPVC WPQ FGK XGPVK EJG UQHſCPQ UWNNC EKVV´&QVCVC FK 




temporanee e convegni; il primo piano ospita la sezione greco- ventuno getti d’acqua verticali e di un altissimo zampillo centrale,





romana inerente alla società tarantina; mentre il secondo piano presenta sul bordo esterno della vasca l’iscrizione in latino: “e





ospita la sezione preistorica del Paleolitico e dell’Età del Bronzo. anche con venti avversi coraggiosamente navigheremo”.
Aperto tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso € 5.

13 14
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















TARANTO
MANDURIA
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(


l#PFTGCſUVGVVQ
"




*






MANDURIA




$







Situata sulle Murge Tarantine, Manduria è una Palazzo Imperiali-Filotico, costruito nel XVIII




"

tra le più grandi e attive cittadine della provincia secolo sui ruderi del castello medioevale da don


)

di Taranto che deve la sua particolare impor- Michele III Imperiali, feudatario di Casalnuovo,







VCP\C CN HCVVQ FK VTQXCTUK CNNC EQPƀWGP\C FGNNG come elemento fondamentale di un importante



vie di comunicazione fra i territori di Taranto, piano di rinnovamento urbanistico della città.

$


Lecce e Brindisi, su di un territorio fertile e in- Degni di nota sono anche il ghetto ebraico,
'








tensamente coltivato a vigneti e oliveti che pro- di epoca medioevale, la torre dell’orologio,


&


%

ducono olii e vini pregiati. Notevoli sono anche e alcuni palazzi dall’aspetto gentilizio costruiti








NŏCVVKXKV´GFKVQTKCNGVKRQITCſECGOCPKHCVVWTKGTC in varie epoche e tratti dell’antica cerchia mu-
$


#

Manduria è nota anche come “Città dei Messa- raria messapica. Nell’area a nord-est della città




pi” e del “Primitivo”. Fondata appunto dai Mes- si estende il Parco Archeologico delle Mura






sapi, conserva ancora numerose testimoni- Messapiche, frutto di scavi che hanno portato
"


anze del suo antico passato, tra le quali le mura alla luce la più grande necropoli messapica mai





megalitiche e la necropoli. Il nome potrebbe scoperta (circa 2.500 tombe), assieme ad ampi


FGTKXCTGFCNNŏKPFQGWTQRGQőOCPFWUŒEJGUKIPKſ- VTCVVKFGNNGVTGEGTEJKGOWTCTKGEJGHQTVKſECXCPQ



ca “cavalli” (infatti i messapi erano abili alleva- la città in periodo messapico, al Fonte Pliniano






tori di cavalli), ma esistono comunque diverse e alla Chiesa di San Pietro Mandurino.





teorie sull’origine dell’etimologia.







Per quanto riguarda le manifestazioni citiamo






Il centro storico della città si sviluppa in una se- NC (KGTC 2GUUKOC ſGTC ECORKQPCTKC FK ECTCV-



rie di stradine strette e contorte in cui è molto tere regionale che si svolge in città dal 1742 e





ha acquisito con il passare degli anni sempre




HCEKNGRGTFGTUK6TCKRTKPEKRCNKGFKſEKTGNKIKQUKEK-







tiamo la Chiesa Madre, importante esempio di maggiore importanza, tanto da esser diventato






architettura rinascimentale pugliese, la Chiesa un evento che coinvolge l’intera Italia centro-





di Santa Lucia, in stile neoclassico, la Chiesa meridionale. Gli argomenti trattati sono la pro-







di San Benedetto, risalente al XVI secolo, e la duzione agroalimentare, l’artigianato, il com-


Chiesa dell’Immacolata, in stile barocco con mercio, il tempo libero e i servizi.
un interno riccamento decorato. Notevole è il
15 16
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







MANDURIA
MANDURIA
"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Palazzo Imperiali


)


Piazza Giuseppe Garibaldi, 16 - Manduria


www.comunedimanduria.com
)


www.mandurianet.it Il palazzo probabilmente sorge sui resti di un castello di età





normanna. Fu costruito grazie a Don Michele III Imperiali che





era marchese della città, il progetto fu assegnato all’architetto


)

UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE

"

leccese Mauro Manieri. E’ chiamato comunemente “delle cento


%

#UUQEKC\KQPG6WTKUVKEC2TQ.QEQ
7HſEKQ+P-


"

stanze” anche se di fatto le stanze sono 99 essendo rimasta in-


formazioni Turistiche)
,



compiuta l’ala a sud est. La leggenda dice che il re delle Due Si-


Via Pietro Maggi, 7 - Manduria


(


EKNKG(TCPEGUEQ++NQFGſPÇRKÔEQOQFQFGNNCUWCTGIIKCC0CRQNK


Tel. +39 099 9796600





NUMERI UTILI






Carabinieri 112



"

Polizia di Stato 113 Chiesa della Ss. Trinità


'


Vigili del Fuoco 115




Via Marco Gatti - Manduria


Emergenza sanitaria 118
&


La chiesa ha subito numerosi rifacimenti nel corso dei secoli,



Viaggiare informati (CCISS) 1518 i restauri più recenti negli anni 1938-1940 hanno portato alla



(


Soccorso stradale 803116 luce una parte dell’antica architettura. E’ detta “chiesa madre”
"




*

in quanto monumento sacro più insigne. Notevole è la facciata







CLIMA


monocuspidata che termina con due curve salienti dentellate e




$

Manduria sorge in una fertile piana che si es-


FKXKUCKPVTGRCTVKXGTVKECNKUKRWÍCOOKTCTGKNOCIPKſEQITCPFGTQ-





tende ad ovest verso le basse colline dette





sone gotico con la raggiera in pietra che racchiude al suo interno


"

del “Diavolo”, che fanno da spartiacque tra il un calice raggiato.


)


microclima costiero e quello più continentale





dell’entroterra. Durante l’inverno non sono rari







episodi di gelo notturno, in particolare durante


$


i periodi anticiclonici, mentre in estate non di Mura Messapiche
'


3






rado la colonnina di mercurio può superare i Via Varrone Pirro - Manduria


&


%

Le mura messapiche sono uno dei resti più cospicui, meglio


40°, con picchi eccezionali di 43°- 44° quando





conservati e ancora oggi visibili dell’antica civiltà messapica.


si attivano caldi e secchi venti settentrionali.
$


#

.ŏKORQPGPVG QRGTC FK HQTVKſEC\KQPG Â EQUVKVWVC FC VTG EGTEJKG






murarie, intervallate da un fossato e servite da strade di arroc-



NELLE VICINANZE




Francavilla Fontana .......................Km. 18 camento. La cerchia interna di forma pentagonale risalirebbe al


"


V-IV secolo a.C., quella esterna potrebbe essere del III o II se-


Grottaglie .......................................Km. 28





colo a.C., mentre l’ultima rinvenuta, quella di mezzo, dovrebbe




Mesagne ........................................Km. 28


San Vito dei Normanni...................Km. 35 essere la più recente.





Taranto ..........................................Km. 35



Brindisi ...........................................Km. 45





Lecce .............................................Km. 50


Fonte Pliniano




4
Viale Scegno - Manduria







Risalente all’epoca messapica, il Fonte Pliniano prende il nome






da Plinio il Vecchio che lo descrive nella sua “Historia Naturalis”.




Questo monumento simbolo di Manduria è una grande caverna






naturale di 18 metri di diametro e 8 metri di altezza, accessi-




bile da una larga scala scavata nella roccia. La grotta, illuminata





da un grande lucernario quadrato posto nel sommo della volta,





presenta all’interno una vasca dove scorre ancora oggi l’acqua
della fonte.
© mafe
17 18
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,












NARDÒ





MANDURIA
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(


"





© Lupiae
*










$

NARDO’










"

Il centro più popoloso della provincia di Lecce, EKVV´6TCINKGFKſEKEKXKNKPQPRQUUKCOQPQPEKV-


)


seconda città della Puglia per estensione e nu- are l’imponente Castello del XV secolo, antica





mero di abitanti, Nardò è una località ridente e residenza dei nobili Acquaviva e oggi sede mu-





ospitale, estesa su un territorio ampio che per nicipale.


$


la sua particolare bellezza ha ricevuto numer-
'









osi riconoscimenti da Legambiente. La fascia Per quanto riguarda l’ambiente naturale il Par-
&


%


litoranea comprende tante frazioni marittime, co di Porto Selvaggio, istituito di recente, of-






affacciate su un mare cristallino che lambisce fre con le sue insenature rocciose e le folte
$


#

spiagge meravigliose con fondali bassi di sab- pinete un paesaggio naturale molto pittoresco.







DKCſPGEJKCTCEQOGCKVTQRKEK Ma scorci altrettanto interessanti sono distribui-



"

Secondo la tradizione Nardò sarebbe nata ti lungo l’intera fascia costiera, dominata dalle



dove un toro colpì la terra con lo zoccolo, e fece sagome delle torri difensive, fatte erigere da






CHſQTCTGNCHQPVGFKWPVQTTGPVG1IIKUKUCEJG Carlo V per difendere l’entroterra dagli attacchi




fu fondata intorno al VII secolo a.C. da una tribù turchi e pirateschi via mare. Le più affascinanti




messapica, per poi diventare un importante sono Torre Alto, che si trova proprio all’interno



centro in età romana e godere, col passare dei del Parco Naturale di Porto Selvaggio, e Torre






secoli, di uno splendore sempre maggiore. Sant’Isidoro.




Importante è la presenza di testimonianze Altre componenti importanti sono l’ottima cuci-








na e le diverse manifestazioni all’insegna delle


UVQTKEQCTVKUVKEJG OQNVK INK GFKſEK FK EWNVQ KPVGT-





essanti, tra cui spiccano la Cattedrale dell’XI prelibatezze gastronomiche, tra cui citiamo la






secolo, custode di opere di pregio, e la Chiesa Sagra della Grigliata Salentina, che si tiene a





di San Domenico, con la facciata barocca


ſPGNWINKQEQPWPCUGTKGFKFGIWUVC\KQPKURGV-




carica di riccioli e ricami. Particolarmente sce- tacoli musicali e mostre a tema, e la Sagra








PQITCſEC Â Piazza Salandra, in posizione della Frisella, che si tiene la prima decade di





centrale, dominata dagli ornamenti fantasiosi agosto e vede come protagonista il tipico pane
della guglia dell’Immacolata e su cui si affac- biscottato del salento, servito con pomodoro,
EKCPQ CNEWPK FGINK GFKſEK RKÔ KPVGTGUUCPVK FGNNC basilico, olio, sale e altre varianti.
19 20
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI



NARDÒ
NARDÒ





"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Cattedrale Maria Santissima Assunta


)


Piazza Pio XI, 2-23 - Nardò


www.comune.nardo.le.it
)


La Cattedrale sorge sul luogo dove un tempo fu fondata l’antica





chiesa di Sancta Maria de Neritorio, ad opera di alcuni monaci


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE




che nel VII secolo sfuggirono alle persecuzioni iconoclaste. Di


)

7HſEKQ+PHQTOC\KQPKGFK#EEQINKGP\C6WTKU-

"

impianto basilicale, è suddivisa in tre navate, con due ordini di


%

tica (I.A.T.)


"

archi a tutto sesto e a sesto acuto, sorretti da pilastri rettangolari


Via Fabio Massimo - Nardò (Santa Maria al
,



fasciati da semicolonne. Il Campanile, di pregevole fattura me-


Bagno)


(


FKGXCNG ſPQ CN RGPWNVKOQ RKCPQ ÂFGEQTCVQ UWK ECPVQPCNK FC WP


Tel +39 0833573026




motivo a zig-zag.


NUMERI UTILI






Carabinieri 112



"

Polizia di Stato 113 Palazzo del Tribunale


'


Vigili del Fuoco 115




Via Rosario, 3-9 - Nardò


Emergenza sanitaria 118
&


+N 2CNC\\Q TKUCNGPVG CN :8+ UGEQNQ HW GFKſECVQ RGT QURKVCTG NG



Viaggiare informati (CCISS) 1518 autorità civili, ossia il Sindaco dei Nobile e quello del Popolo.



(


Soccorso stradale 803116
"


&QRQ KN VGTTGOQVQ FGN  XGPPG TKGFKſECVQ +N PWQXQ GFKſEKQ



*

completato nel 1772, presenta un’elegante facciata in stile tardo








CLIMA barocco ed è diviso in due ordini: l’ordine inferiore è caratteriz-




$

Nardò gode di un clima tipicamente mediter- zato da un portico sostenuto da sette colonne; quello superiore è







raneo con estati calde ma ventilate e inverni





UECPFKVQFCNGUGPGGFGEQTCVQEQPOQVKXKƀQTGCNKGRKEEQNGOGP-


"

miti, mai troppo freddi. Le temperature medie sole.


)


di gennaio, il mese più freddo, vanno da una





minima di 5°C a una massima di 13°C, mentre







in luglio e agosto si passa dai 19°C ai 31°C. Le


$


precipitazioni sono scarse in estate e frequenti Chiesa di Santa Chiara
'


3






Via Giovanni Zuccaro, 7-11 - Nardò


nel periodo che va da ottobre a dicembre.
&


%

La chiesa di Santa Chiara, la cui data di fondazione risale al XIII







secolo, rappresentano uno tra i più antichi complessi monastici


NELLE VICINANZE
$


#

Galatina .........................................Km. 16 FGNVGTTKVQTKQRWINKGUG.ŏGFKſEC\KQPGFGN%QPXGPVQCXXGPPGUWK






resti di una preesistente fortezza, di cui sono ancora visibili mo-



Gallipoli ..........................................Km. 17




Lecce .............................................Km. 30 tivi di merlatura. L’interno è a navata unica, con tre cappelle poco
"


profonde in ciascun lato ospitanti altari barocchi. Un grande arco


Manduria........................................Km. 43





trionfale introduce al presbiterio rettangolare decorato con par-




Otranto...........................................Km. 58


Santa Maria di Leuca.....................Km. 62 aste.





Brindisi ...........................................Km. 74



Taranto ..........................................Km. 80






Castello Acquaviva




4
SP359 - Nardò







La struttura fu opera dell’architetto Acquaviva, duca di Atri e al-






NKGXQFK(TCPEGUEQFK)KQTIKQ/CTVKPK2TQDCDKNOGPVGNŏGFKſEKQHW




concepito come ampliamento di una costruzione precedente, e






si caratterizzò con un impianto quadrangolare cinto da mura e




circondato da un profondo fossato. La facciata principale, dec-





orata a bugnato, è frutto del rimaneggiamento ottocentesco, e





ECTCVVGTK\\CQIIKNŏCURGVVQFGſPKVKXQFKSWGUVQPQDKNGRCNC\\QEJG
ospita la sede del Municipio.
Chiesa di S. Giuseppe © FedericoLukkini
21 22
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,












NARDÒ





GALLIPOLI
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(


"


Castello angioino © EM2m



*










$

GALLIPOLI










"

Situata sulla costa occidentale della penisola mente in stile leccese ed un interno interes-


)


salentina, nel Golfo di Taranto, Gallipoli fu colo- sante, mentre verso la punta occidentale trovi-





nia greca sotto il controllo di Taranto, epoca a COQWPCEQRRKCFKEJKGUGCHſCPECVGNCChiesa







cui probabilmente risale l’origine del suo nome, del SS. Rosario e l’adiacente confraternita
$


“Kalè Polis”, ovvero città bella. Da allora, per
'

FGN 55 %TQEGſUUQ, poste a poca distanza








la sua posizione strategica e la sua potenza dalla Chiesa di Santa Maria degli Angeli. Dal


&


%

marinara fu invasa e conquistata da Romani, promontorio più occidentale si possono vedere








Longobardi, Bizantini, Saraceni, Normanni, le vicine isole del Campo e di Sant’Andrea.
$


#

Aragonesi, Angioini, Veneziani, eventi testimo-








niati dai numerosi monumenti e dalle costruzi- A chi vuole godersi il mare consigliamo di re-





carsi lungo la Riviera Nazario Sauro, presso


"

QPKIKWPVKſPQCPQK


la quale si trova la spiaggia cittadina, detta





Gallipoli si suddivide in due parti, la Città Vec- della purità. Ma anche nei dintorni di Gallipoli


chia, situata su di una piccola isola rocciosa e si trovano altre spiagge interessanti da sco-





la Città Nuova, estesa su di uno stretto prom- prire: verso nord ecco la spiaggia di Rivabella



ontorio che si unisce con la prima, grazie ad e quella di Lido Conchiglie. Lungo la costa sud





un lungo ponte. Proprio questa disposizione ecco altre belle spiagge dal colore candido





geologica la rende unica e straordinariamente della sabbia affacciate su un mare straordinari-








suggestiva, un angolo d’oriente immerso nella amente turchese: Baia Verde, Torre del Pizzo,


bellezza del suo mare.


/CTKPCFK/CPECXGTUCſPQCFCTTKXCTGCKOCI-






PKſEKNKFKFK6QTTG5CP)KQXCPPKG6QTTG/Q\\C





La Città Vecchia ha un fascino estremo, con E’ la natura stessa del territorio a rendere le






le sue strette stradine, il bianco della calce e il acque così belle e adatte alla balneazione.






beige della pietra tufacea a dominare l’intricato Le meraviglie della città e del territorio, l’offerta






tessuto di vicoli alternati a improvvise vedute ricettiva e la varietà delle manifestazioni rendo-
sul mare. Al centro domina la bella Cattedrale no Gallipoli una meta perfetta per una vacanza
di Sant’Agata, con facciata barocca tipica- indimenticabile.
23 24
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







GALLIPOLI
GALLIPOLI
"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Santuario di Santa Maria del Canneto


)


Via della Cala, 3-7 - Gallipoli


www.comune.gallipoli.le.it
)


www.infogallipoli.it Fu costruita nell’ultima metà del Seicento su un preesistente edi-





ſEKQUCETQFGN7PRQTVKEQEQPVTGCTECVGHTQPVCNKGFWGNCV-





erali a tutto sesto con archi, introduce alle tre navate sormontate
)

UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE

"

FCWPRTGIGXQNGUQHſVVQNKIPGQCECUUGVVQPK5WNNCRCTGVGFKHQPFQ


%

7HſEKQ+PHQTOC\KQPKG#EEQINKGP\C6WTKUVKEC


"

VTQPGIIKC NŏCPVKEC GHſIKG FGNNC /CFQPPC FGN %CPPGVQ NGICVC C


(I.A.T.)
,



una leggenda cara ai pescatori del posto.


Piazza Imbriani, 9 - Gallipoli


(




Tel. +39 0833 262529





Pro Loco Gallipoli, accoglienza ed in-






formazione turistica



"

Via Kennedy - Gallipoli Fontana Greca


'


Tel. e fax +39 0833 263007




Piazza Fontana Greca, 3 - Gallipoli


prolocogl@inwind.it
&


La fontana, costituita da due facciate, è stata per molto tempo



ritenuta la più antica d’Italia. La facciata, che guarda a sciroc-



(


NUMERI UTILI co, è suddivisa in tre parti da quattro cariatidi che sorreggono
"





Carabinieri 112
*

l’architrave con un ricco decoro. Sull’altra facciata, realizzata con







Polizia di Stato 113


la funzione di sostegno nel 1765, vi sono collocati lo stemma di




$

Vigili del Fuoco 115 Gallipoli, una epigrafe in latino e le insegne del sovrano Carlo III







Emergenza sanitaria 118





di Borbone.


"

Viaggiare informati (CCISS) 1518


)


Soccorso stradale 803116









CLIMA
$


Gallipoli gode di un clima tipicamente medi- Ponte di Gallipoli
'


3






terraneo, con inverni non eccessivamente Ponte Città Vecchia - Gallipoli


&


%

Costruito nel 1600, a causa dei ripetuti assalti alla città da parte


freddi, primavere ed autunni miti ed estati cal-





dei briganti del tempo. Infatti prima la città di Gallipoli, che si


do umide. La temperatura media del mese di
$


#

gennaio, il mese più freddo, si attesta attorno trova su di un isola, era collegata alla terra ferma, da un piccolo




lembo di terra chiamato istmo, e a causa dei ripetuti attacchi,



ai +9°C, mentre quella del mese più caldo,




agosto, si aggira sui +25,1°C; le precipitazioni venne distrutto l’istmo, ed al suo posto venne costruito un ponte
"


KP OWTCVWTC HQTOCVQ FC  CTEJK EJG PGNNC RCTVG ſPCNG OQP-


medie annue sono minime in primavera e in





tava un ponte levatoio in legno il quale permetteva una maggiore




estate e presentano un picco in autunno e in-


verno. Il periodo migliore per una visita alla città difesa della città.





è sicuramente l’estate, quando le acque dello



Jonio raggiungono temperature perfette per






NWPIJKGTKNCUUCPVKDCIPK&COGV´OCIIKQſPQ Rivellino




a metà ottobre, in genere il tempo si mantiene 4


Rampa Castello - Gallipoli






stabile e soleggiato, con rari episodi temporale-


%QUVTWVKVQKPVQTPQCNUKVTCVVCFKWPCVQTTGHQTVKſECVCEJGCXG-





schi (che in genere interessano le zone interne


XCNCHWP\KQPGFKFKHGUCFGNNCEKVV´GFKEQPVTQNNQFGKVTCHſEKVTCKN




del Salento). La tramontana tende a pulire il borgo e la terra ferma. Nella parte superiore della torre si trova-





mare, che acquista una colorazione turchese


vano catapulte e cannoni, usate proprio per difendere la città. L’




meravigliosa, mentre con il libeccio e lo sciroc-



accesso al Rivellino, è consentito mediante un ponte levatoio in



co l’acqua diventa più calda e gradevole, pur


legno presenta ancora oggi. Attualmente il Rivellino viene adibito





perdendo un po’ in limpidezza. Altra stagione durante il periodo estivo a Cinema.
indicata per una visita alla città è la primavera,
© Francesco Crippa che presenta un clima piacevole.
25 26
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















GALLIPOLI
GALLIPOLI
"


&



Castello Angioino Museo Civico


)

5 9


Rampa Castello - Gallipoli Via Antonietta De Pace, 102-120 - Gallipoli

)


Il castello è stato costruito durante il dominio Angioino, ed è ris- Il Museo Civico fu fondato nel 1873 dal medico, scienziato e let-





alente al XIII Secolo. Attualmente, dopo alcuni rimaneggiamenti, terato gallipolino Emanuele Barba. Il Museo conserva reperti ar-





il Castello presenta una base quadrata, con quattro torri disposte cheologici dell’epoca messapica, romana e medioevale; armi e
)

"

in corrispondenza degli angoli. Le torri sono a base scarpata e vestiti del XVIII e XIX secolo; una ricca collezione numismatica;


%


"

nel centro, sono avvolte da un cordone, che segna il livello del una collezione naturalistica e mineralogica; ceramiche e terraglie


,



piano interno, nella parte superiore sono ornate da piccoli archi. di produzione locale. Sono inoltre conservati numerosi dipinti e



(


Durante il XVI secolo venne costruito il Rivellino: una quinta torre tele riguardanti la storia di Gallipoli ed i suoi cittadini illustri.





circolare.










"

Teatro Garibaldi Chiesa della Madonna della Purità


'

6 10





Via Antonietta De Pace, 78 - Gallipoli Via Sant’Elia, 16 - Gallipoli


&


Il teatro Garibaldi di Gallipoli fu costruito nel 1825 da Balsamo La facciata, delimitata lateralmente da due lesene e terminante



Bonaventura che per onorare la real-casa borbonica lo intotolò con un cornicione in carparo leggermente aggettante sul quale



(


poggia un frontone con due pinnacoli laterali, è caratterizzata da
"


6GCVTQ FGN )KINKQ &QRQ KN VTCEQNNQ ſPCP\KCTKQ FGNNC ECUCVC $CN-



*

samo fu il Comune ad acquistare l’immobile. Successivamente VTGRCPPGNNKKPOCKQNKECTCHſIWTCPVKNC/CFQPPCFGNNC2WTKV´5CP








venne restaurato dal Bernardini e venne intotolato Garibaldi. Di Giuseppe e San Francesco d’Assisi. L’interno, ricco di fastosi




$

notevole interesse sono le pitture del maestro Melchiorre Zalardi. stucchi, ospita un marmoreo altare maggiore sul quale è collo-









ECVC NC VGNC FK .WEC )KQTFCPQ TCHſIWTCPVG NC /CFQPPC VTC 5CP


"

Giuseppe e San Francesco d’Assisi.


)










$


Concattedrale di Sant’Agata Chiesa di San Francesco d’Assisi
'


7 11






Via Duomo, 1 - Gallipoli Via Raymondo Alessandro Pasca - Gallipoli


&


%

Dedicata a Sant’Agata, la Cattedrale sorge imperiosa al centro Risalente al XIII secolo si presenta con una facciata in carparo,







della citta’, circondata da palazzi signorili, e costituisce il princi- articolata su due livelli, che venne rifatta nel 1736 da Mauro


$


#

RCNG OQPWOGPVQ FGNNŏCTEJKVGVVWTC DCTQEEC FK )CNNKRQNK 'FKſECVC Manieri. Al piano terra tr oviamo un portale introdotto da un porti-




all’inizio del XII secolo sui resti di un’altra chiesa, la Cattedrale co ad arco; al piano superiore con due corpi aggettanti e la parte






come la vediamo oggi fu ricostruita a partire dal 1629. L’interno EGPVTCNGEQPECXC5WIIGUVKXCÂNCECRRGNNCFGN%TQEGſUUQEQU-


"


JCRKCPVCCETQEGNCVKPCEQPVTGPCXCVGKPVGTXCNNCVGFCFWGſNGFK truita per volontà del castellano spagnolo don Josè della Cueva,




colonne doriche in carparo. con le due statue lignee dei Ladroni, opera settecentesca di Ves-



pasiano Genuino.













Palazzo Pirelli Chiesa di San Domenico al Rosario




8 12
Via Duomo, 1 - Gallipoli Riviera Armando Diaz, 28-32 - Gallipoli







Risalente al XVI secolo, Fu ristrutturato in stile barocco e arric- La chiesa si presenta con un elegante prospetto in carparo deco-






chito da un bel portale e da una loggia. Si accede dall’antico TCVQ EQP PKEEJKG G OQVKXK ƀQTGCNK .ŏKPVGTPQ C RKCPVC QVVCIQPCNG




portale cinquecentesco catalano-durazzesco. L’interno è ricco di EQPXQNVCKPRKGVTCſPGOGPVGFGEQTCVCQURKVCFKGEKCNVCTKDCTQEEJK






FGEQTC\KQPKVTCNGSWCNKUKFKUVKPIWGSWGNNGFGNUQHſVVQFGNNŏCPVKEQ impreziositi da alcune tele del pittore gallipolino Giovanni Do-




KPITGUUQEJGPGNHWVTCUHQTOCVQKPHCTOCEKC+NUQHſVVQGXK- menico Catalano. L’adiacente chiostro del convento presenta





denzia alto-rilievi in carparo, corredati da fregi e cornici che si CNEWPKCHHTGUEJKTCHſIWTCPVKNCƀQVVCETKUVKCPCCNNŏCPEQTCPGNNCTCFC





incontrano nella chiave di volta. di Gallipoli dopo la Battaglia di Lepanto.

27 28
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















GALLIPOLI
"


&




)

SANTA MARIA DI LEUCA



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(

Piazza Giovanni XXIII © Nouhailler


"




*






SANTA MARIA DI LEUCA




$







Una delle frazioni del comune di Castrignano Ciolo, lungo la strada che conduce ad Otranto.




"

del Capo insieme a Salignano e a Giuliano di Qui, in corrispondenza di un ponte si apre una


)


Lecce, Santa Maria di Leuca è una rinomata stretta insenatura dove l’acqua è cristallina e si





località situata lungo la propaggine più me- aprono alcune grotte, paradiso per gli amanti



ridionale del Salento. Una vicenda legale tra dello snorkeling. Proseguendo verso nord la

$


i comuni di Castrignano del Capo e Gagliano strada si apre tra rocce calcaree e macchia
'








del Capo, conclusasi dopo 83 anni, ha stabil- mediterranea, tra curve che si aprono su viste


&


%

ito che Leuca ricade interamente nel comune


URGVVCEQNCTKſPQC1VTCPVQ






di Castrignano del Capo, più precisamente si
$


#

intende per Santa Maria di Leuca la zona so- Da non perdere è sicuramente la Basilica,






pra il promontorio su cui si trova la Basilica e il sorta su un antico tempio dedicato alla Dea





faro, mentre la Marina di Leuca è situata più in Minerva e meta di numerosi pellegrinaggi,
"


basso ed è compresa tra punta Mèliso ad est e nonché luogo ideale dove scattare una foto





punta Ristola ad ovest, estremo lembo meridi- d’insieme della città. Dall’altra parte della baia il


onale del Salento. RCGUCIIKQÂFQOKPCVQFCNRTQſNQFGNfaro, alto





quasi 50 metri e su di una altura che si eleva



Collegata ad altre località come Galipoli, Ot- ad oltre 100 metri sul livello del mare.Tra le più





ranto, Lecce, Torre Vado, Santa Maria di belle ville ricordiamo La Meridiana, Villa Mel-





Leuca è oggi una tra le più gettonate località lacqua, Villa Sangiovanni, Villa De Francesco,




in cui trascorrere le proprie vacanze. Là dove Villa Pia, Villa Daniele, Villa Episcopo, Villa



l’Adriatico e lo Ionio si congiungono sulla vas- Colosso. Solitamente ogni villa aveva una sua






tità del Mediterraneo, si respira un’aria di mis- “bagnarola” in pietra o in legno che costituiva







tero, con il paesaggio che varia da morfologie una sorta di stabilimento balneare privato, an-






piatte e sabbiose, affacciate su un mare dalle cora visibili a ridosso del lungomare. Oggi alle






trasparenze tropicali, a falesie imponenti e ville si sono aggiunte tantissime strutture ricet-






spettacolari, con grotte e cale che s’alternano tive ed alberghi di lusso, residence, ristoranti,
in uno dei tratti costieri più spettacolari d’Italia. case vacanze, campeggi e resort.
Una delle zone più spettacolari della costa è il
29 30
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate i siti: Il Faro di Leuca


)

SANTA MARIA DI LEUCA


SANTA MARIA DI LEUCA
1


Piazza Giovanni XXIII - Castrignano Del Capo


www.santamariadileuca.it
)


www.leuca.puglia.it Progettato dall’ingegner Achille Rossi, il faro fu attivato nel





 EQP OCEEJKPC C NWEG ſUUC XCTKCVC C URNGPFQTK  EO KP


www.leuca.info




30 secondi. Alta 48,60 metri, la struttura è detota di una scala


)

"

a chiocciola di 254 gradini che permette di raggiungere la gab-


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE
%


"

bia dell’apparato di proiezione. Nel 1937 l’alimentazione del faro,


Associazione turistica Pro Loco
,



EJGſPQCSWGNOQOGPVQGTCCRGVTQNKQHWVTCUHQTOCVCKPGPGTIKC


Lungomare Cristoforo Colombo, 53 - Marina di


(


elettrica.


Leuca





Tel. +39 0833 758161

www.prolocoleuca.it






infovacanze@prolocoleuca.it



"

infosegreteria@prolocoleuca.it Basilica Santa Maria de Finibus Terrae


'





Piazza Giovanni XXIII - Castrignano Del Capo


NUMERI UTILI
&


Costruita tra il 1720 ed il 1755 da monsignor Giovanni Giannelli,



Carabinieri 112 per resistere ai ripetuti attacchi da parte di turchi e saraceni, la



(


Polizia di Stato 113 chiesa è caratterizzata all’esterno dai tre portoni in bronzo, op-
"





Vigili del Fuoco 115


*

era dello scultore Armando Marrocco. All’interno, degni di nota







Emergenza sanitaria 118


i dipinti di Francesco Saverio Mercaldi; il dipinto della Madonna




$

Viaggiare informati (CCISS) 1518 con Bambino, di Jacopo Palma il Giovane; e l’Ara a Minerva, un







Soccorso Stradale 803116





grosso masso monolitico.


"


)


CLIMA





Il clima di Santa Maria di Leuca è caldo ma







quasi mai afoso e sempre ventilato, perfetto


$


per una vacanza estiva, periodo in cui le brezze Piazza Giovanni XXIII
'


3






dominano le giornate che raggiungono mas- Piazza Giovanni XXIII - Castrignano Del Capo


&


%

Luogo principale del paese, la piazza ospita la Basilica Santa


sime intorno ai 30 °C e presentano cieli in prev-





Maria De Finibus Terrae, e la croce monumentale, eretta il 21


alenza sereni. Le piogge sono rare in estate,
$


#

e si limitano in genere a brevi episodi tempo- ottobre 1901 in occasione dell’Anno Santo.







raleschi. D’inverno l’esposizione ai freddi venti




balcanici può rendere il clima piuttosto ostile,


"



anche se in genere le temperature si manten-






gono su valori miti.







NELLE VICINANZE



Santa Cesarea Terme ...................Km. 35





Gallipoli ..........................................Km. 48


Scalinata Monumentale




Otranto...........................................Km. 52 4
Via Don Luigi Sturzo - Castrignano Del Capo






Galatina .........................................Km. 57


Costruita nel periodo fascista in occasione delle opere terminali





Nardò .............................................Km. 60


dell’Acquedotto, la scalinta è costituita da due rampe di scale




ognuna di 300 gradini che collegano il Santuario con il porto vec-






chio.













Faro © Edoardo Forneris
31 32
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















OTRANTO
"


&




)

SANTA MARIA DI LEUCA



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(


"


© laura.foto



*










$

OTRANTO










Splendida città marinara posta sul canale
"


)


omonimo a circa 40 Km da Lecce, Otranto è Il castello Aragonese, chiamato anche Forte
(





la città più orientale d’Italia, meta perfetta per a mare, fu costruito da Ferdinando I d’Aragona




una vacanza all’insegna del mare, della storia, dieci anni dopo l’eccidio degli idruntini per

$


dell’arte e dell’ospitalità. Diverse le ipotesi sulle mano dei turchi e domina ancora oggi la baia
'








sue origini: alcuni la fanno risalire al tempo di di Otranto ed il porto posto a sud-est del cen-


&


%

Dedalo, altri la vogliono fondata dagli Japigi, al- tro. Quando la tramontana rende l’aria limpida,







tri ancora dai Cretesi. Certo è che la città ebbe NQUIWCTFQUKRWÍURKPIGTGſPQCNNŏCNVTCURQPFC


$


#

una grande importanza nella storia. dell’Adriatico, a oltre 100 km di distanza sulle




coste dell’Albania.






Ciò che più colpisce sono il bianco delle case


"


e il turchese del mare, uno dei più limpidi e Appena fuori città si trova un sito particolare,




trasparenti d’Italia. Attraverso Porta Terra si Torre Pinta, al di sotto del quale fu scoperto un



accede alla cittadella e alla Porta Alfonsina, Ipogeo, forse Messapico, una trentina di anni



che intruduce nel vivo delle viuzze del centro, fa. Questa struttura a croce latina è ancora un






strette stradine lastricate con pietra viva e cos- enigma per gli archeologi, nonchè un luogo di





tellate di botteghe e piccoli negozi, con artig- grande effetto. Lungo la costa si possono am-





ianato locale e altri prodotti esposti. Salendo si mirare le torri costiere risalenti al XV secolo:




RWÍCTTKXCTGſPQCN%CUVGNNQGCNNCCattedrale, Torre dell’Orto, Torre Sant’Emiliano, Torre del



vero capolavoro d’arte e una delle espressioni Serpe, Torre Santo Stefano, ormai solo mute





artistiche più alte di tutta la Puglia. All’interno si testimoni di un glorioso passato.








trovano il celebre mosaico pavimentale, opera Protettori del paese sono i S.S. Martiri di Otran-







straordinaria in stile romanico con al centro il to festeggiati con solenni cerimonie il 14 ago-





celeberrimo albero della vita, e sette enormi ar- sto. Compatrona la Madonna dell’Alto Mare,







madi dove sono conservate le ossa ed i teschi celebrata la prima domenica di settembre. Vas-


dei martiri di Otranto, gli oltre 800 abitanti della tissima è la scelta degli alberghi, dei ristoranti e
città che nel 1480 furono trucidati dai turchi. dei locali caratteristici.
33 34
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







OTRANTO
OTRANTO
"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Castello Aragonese


)


Piazza Castello - Otranto


www.comune.otranto.le.it
)


Il poderoso Castello, sito nell’omonima piazza, venne fatto cos-



www.otrantopoint.com





truire da Alfonso d’Aragona tra il 1485 e il 1498 e forma un unico


www.otrantonelsalento.it




apparato difensivo con la cinta muraria. La pianta pentagonale ri-


)

www.otrantonline.net

"

sulta irregolare a causa dei numerosi rifacimenti: nel 1578 venne


%

www.otrantoinfo.it


"

aggiunto un bastione con dei baluardi esterni per l’avvistamento


www.otrantovirtuale.com
,



FGNNG ƀQVVG PGOKEJG UW EWK UQPQ KPEKUK INK UEWFK IGPVKNK\K FGK UK-



(


gnori dell’epoca. Sul portone d’ingresso è scolpito lo stemma


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE




imperiale di Carlo V.



7HſEKQ+PHQTOC\KQPKG#EEQINKGP\C6WTKUVKEC


(I.A.T.)






Piazza Castello - Otranto



"

6GN(CZ  Basilica di San Pietro


'





Via San Pietro - Otranto


NUMERI UTILI
&


La piccola Basilica di San Pietro costituisce una preziosa tes-



Carabinieri 112 timonianza del dominio bizantino a Otranto e rimane una delle



(


Polizia di Stato 113 più alte espressioni di arte bizantina in tutta la Puglia. La sua
"




*

Vigili del Fuoco 115 datazione è stata a lungo dibattuta, ma sembra riconducibile al






Emergenza sanitaria 118 IX-X secolo. La pianta quadrata a croce greca con otto colonne a




$

Viaggiare informati (CCISS) 1518 capitelli prismatici rientra negli schemi costruttivi dell’architettura







Soccorso stradale 803116





religiosa di Bisanzio, così come gli splendidi affreschi delle tre


"

absidi sul fondo.


)


CLIMA





Otranto gode di un clima tipicamente mediter-







raneo, con inverni miti ed estati caldo umide.


$


La temperatura media di gennaio, il mese più Corso Garibaldi
'


3






freddo, si attesta attorno ai +9 °C, mentre quel- Corso Garibaldi - Otranto


&


%

Corso Garibaldi rappresenta l’arteria commerciale del borgo an-


la del mese più caldo, agosto, si aggira intorno





VKEQFK1VTCPVQEQPKUWQKPGIQ\KGVVKCRGTVKſPQCVCTFCUGTCGKP


ai +24,7 °C. Le precipitazioni sono frequenti
$


#

in autunno e in inverno, mentre la primavera cui si può trovare di tutto: souvenir, oggettistica, cartoline, ab-




bigliamento.



e l’estate sono caratterizzate da lunghi periodi




di siccità.
"









NELLE VICINANZE


Santa Cesarea Terme ...................Km. 18





Castro ............................................Km. 25



Galatina .........................................Km. 33






Lecce .............................................Km. 47 Borgo Antico




4
Via Alfonso d’Aragona - Otranto







Il borgo antico di Otranto, rimasto intatto nonostante la forte es-






pansione edilizia, è uno dei più belli d’Italia: le stradine lastricate




di pietra viva, si snodano fra le tipiche case in calce bianca e con-






vergono verso la Cattedrale, che insieme al Seminario si trova




nella parte più alta. Punti d’interesse sono la Basilica di San Pi-





GVTQ%QTUQ)CTKDCNFKEQPKUWQKPGIQ\KGVVKCRGTVKſPQCVCTFCUGTC





Piazza del Popolo con la Torre dell’Orologio, “Porta a Mare”.

© PongAccia
35 36
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,
















OTRANTO
OTRANTO
"


&



Mura - Porta Terra Palazzo Lopez-Museo Diocesano Arte Sacra


)

5 9


Lungomare degli Eroi, 16-19 - Otranto Piazza Basilica, 14a - Otranto

)


(CVVCEQUVTWKTGUWNſPKTGFGN5GVVGEGPVQGTKPHQT\CVCPGNNŏ1VVQEGPVQ +N RCNC\\Q GFKſECVQ FWTCPVG KN FQOKPKQ URCIPQNQ FCNNC PQDKNG





non era la vera porta, ma un ingresso strategico che non per- famiglia Lopez e successivamente ampliato, è dal 1992 sede del





metteva un attacco diretto alla cittadina. Museo Diocesano di Arte Sacra: al suo interno è possibile am-
)

"

mirare opere provenienti dalla cattedrale di Otranto e da altre


%


"

chiese locali, oltre a strumenti liturgici, pitture, sculture. Di parti-


,



colare interesse sono un monumentale fonte battesimale ornato



(


da lastre a rilievo del XVI secolo e i frammenti di un mosaico





pavimentale.










"

Monumento agli Eroi e Martiri di Otranto Cattedrale della Santissima Annunziata


'

6 10





Lungomare degli Eroi, 19-27 - Otranto Piazza Basilica, 3 - Otranto


&


La statua, realizzata nel 1922 dallo scultore Antonio Bortone, è .C %CVVGFTCNG FGNNC 5CPVKUUKOC #PPWP\KCVC GFKſECVC UWK TGUVK



FGFKECVC CK /CTVKTK FK 1VTCPVQ G TCRRTGUGPVC NC ſIWTC CNNGIQTKEC di una domus romana e consacrata nel 1088, costituisce uno



(


della Patria che si difende dal pericolo che arriva dal mare. Il 13 dei più grandi monumenti del Romanico pugliese. All’interno le
"




*

agosto, giorno dedicato alla commemorazione civile dell’eccidio tre navate sono scandite da quattordici colonne sormontate da






di Otranto, il sindaco, l’Arcivescovo, le autorità civili, militari e capitelli romanici, mentre alcune pitture parietali testimoniano un




$

religiose, partono dal palazzo comunale per recarsi presso “il


KPƀWUUQ DK\CPVKPQ 0QVGXQNK UQPQ KN OQUCKEQ EJG TKEQRTG KN RCXK-







/QPWOGPVQŒFQXGFGRQUVCWPCEQTQPCFKſQTKUKVKGPGKNFKUEQTUQ mento rappresentando una specie di enciclopedia religiosa e il


"

commemorativo. rosone quattrocentesco della facciata.


)










$


Lungomare degli Eroi Cattedrale - Mosaico Pavimentale
'


7 11






Lungomare degli Eroi - Otranto Piazza Basilica, 3 - Otranto


&


%

Percorrendo il Lungomare degli Eroi intitolato ai famosi Martiri Il maestoso mosaico pavimentale della Cattedrale della San-







d’Otranto, si può godere di una meravigliosa vista sul piccolo tissima Annunziata (il più grande d’Europa), venne realizza-


$


#

golfo otrantino. to tra il 1163 e il 1165 dal monaco Pantaleone, facente parte




dell’Abbazia di San Nicola di Casole, ed è tutt’oggi oggetto di






numerosi dibattiti. Realizzato con tasselli di calcare, presenta


"


TCHſIWTC\KQPKGUKODQNQIKGVCPVQCTVKEQNCVGGEQORNGUUGFCTGP-





FGTNQCPEQTCQIIKWPOKUVGTQFKFKHſEKNGKPVGTRTGVC\KQPG















Mura Cattedrale - Ossa Dei Beati Martiri




8 12
Via delle Torri, 6-40 - Otranto Piazza Basilica, 14a - Otranto







Il sistema di difesa delle mura otrantine ha origini molto antiche In sette grandi armadi a muro presenti nell’abside della navata






ed è stato oggetto di numerosi rimaneggiamenti nel corso dei destra della Cattedrale si conservano le ossa dei Beati Martiri di




secoli: un primo impianto doveva già essere presente in epoca Otranto, ottocento e più cittadini sgozzati dai Turchi nel 1480 per






messapica e romana. Il tracciato attuale riprende in parte quello non aver voluto rinnegare la fede cristiana. Sul retro dell’altare è




GFKſECVQUQVVQNCFQOKPC\KQPGDK\CPVKPCGXGPPGRQKRGTHG\KQPC- visibile la pietra utilizzata per il martirio, per il quale si attribuisce





to dagli Angioini e dai vicerè spagnoli che fecero delle mura e del a Otranto anche il nome di “Città martire”.





ECUVGNNQWPGHſEKGPVGOQFGNNQFKCTEJKVGVVWTCOKNKVCTG

37 38
6

.
0
3

/
1
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,












LECCE





OTRANTO
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(












Piazza Duomo © Tango7174





"


'





LECCE


&





Conosciuta anche come la “Firenze del Sud”, TCOGGTCHſIWTCPVGKN5CPVQRCVTQPQFGNNCEKVV´



(


spesso citata da importanti personaggi per Attraversando Piazza Vittorio Emanuele si ar-
"





le sue bellezze a volte controverse, Lecce è


*

TKXC CN UGEQPFQ VGCVTQ TQOCPQ G CPſVGCVTQ FK







una splendida città di quasi 100.000 abitanti Lecce, rinvenuto negli anni ’30. Altrettanto af-






$

dall’importante storia e simbolo di architettura fascinante è Piazza del Duomo, circondata da







barocca, presente praticamente ovunque. La PWOGTQUKGFKſEKVTCEWKURKEECPQNCHCEEKCVCFGN-






"

pietra locale infatti, la cosiddetta “pietra lec- la Chiesa di Santa Maria dell’Assunta, nota


)


cese”, si presta molto alla creatività più strava- come il duomo, e il quattrocentesco Palazzo





gante e ha favorito la nascita di uno stile inno- Vescovile, delimitato da un loggiato angolare





XCVKXQPQVQEQOGDCTQEEQNGEEGUGEJGſQTÇVTC CFCTECVGGCFFQUUCVQCNOCIPKſEQ5GOKPCTKQ
$


i secoli XVI e XVIII in un periodo di particolare settecentesco, costruito tra il 1694 ed il 1709.
'








prosperità e dinamismo culturale. L’esempio più tipico di stile barocco leccese è


&


%


senza dubbio la Basilica di Santa Croce, real-






Con i suoi palazzi barocchi e le tante piazze izzata a metà del XVI secolo da una squadra di
$


#

EJG UGODTCPQ UGV EKPGOCVQITCſEK .GEEG Â artigiani tra i migliori di Lecce su commissione







una città giustamente molto visitata. Nel comp- di uno degli ordini religiosi più ricchi della città,




lesso il centro vanta più di 40 chiese e almeno quello dei Celestini. Il risultato di oltre 100 anni
"



altrettanti palazzi, la maggior parte dei quali FK NCXQTQ Â WP GFKſEKQ UQPVWUQ EQP WP KPVGTPQ






EQUVTWKVKQTKPPQXCVKVTCKN:8+GNCſPGFGN:8+++ riccamente decorato.


secolo. Principale luogo di ritrovo è Piazza


5GORTG RGT SWCPVQ TKIWCTFC INK GFKſEK UCETK






Sant’Oronzo, circondata da caffè, negozi, uf- meritano una visita la seicentesca Chiesa di



ſEKGUKIPKſECVKXKGFKſEKEQOGNCChiesa di San 5CPVŏ+TGPG EJG XCPVC FWG OCIPKſEJG RCNG





Marco, costruita per una comunità di veneziani d’altare barocche con immagini a specchio, la





nel 1543, e il SedileEJGſPQCNÂUVCVQ Chiesa del Rosario, la Chiesa dei SS. Nicolò e






la sede del Municipio. La demolizione di gran Cataldo, la Chiesa di Santa Chiara, terminata




parte della piazza, delle gallerie commerciali e solo a metà, e la Chiesa di San Matteo, la cos-






dell’imponente palazzo del governatore per far truzione barocca più “audace” della città. Tra i





URC\KQCNNŏGFKſEKQEJGFQXGXCQURKVCTGNCPWQXC palazzi citiamo Palazzo Marrese, il cui portone






sede della Banca d’Italia, all’inizio del XX se- Â ſCPEJGIIKCVQ FC SWCVVTQ ECTKCVKFK HGOOKPKNK






Palazzo Palmieri e Palazzo Guerini, una delle


colo, ha portato alla luce i resti di un CPſVGCVTQ





romano del II secolo. Accanto all’arena, situ- residenze aristocratiche meglio conservate in
ata più in basso rispetto al livello stradale, è la città. Agli appassionati di archeologia consigli-
Colonna di Sant’Oronzo, realizzata in lastra di amo invece una visita al Museo Provinciale.
39 40
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI



LECCE
LECCE





"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Chiesa di San Giovanni Battista


)


Via Santa Maria del Paradiso, 5 - Lecce


www.comune.lecce.it
)


Costruita tra il 1691 e il 1728 per i Domenicani, dall’architetto





Giuseppe Zimbalo, la chiesa, all’esterno, è divisa in 2 ordini da


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE




WPCDCNCWUVTCFGEQTCVCFCUVCVWGRQUVGEJGTCHſIWTCPQNGXKUKQPK
)

7HſEKQ+PHQTOC\KQPKG#EEQINKGP\C6WTKUVKEC

"

del Profeta Ezechiele. Il portale è sormontato dal simbolo dei Do-


(I.A.T.)
%


"

menicani e dalla statua di San Domenico di Guzman, fondatore


Corso Vittorio Emanuele II, 16 - Lecce
,



dell’Ordine. All’interno sono conservate statue in pietra leccese,


Tel. +39 0832 248092 – 0832 332463


(


TCHſIWTCPVKCNEWPKUCPVKVGNGFK5GTCſPQ'NOQGFK1TQP\Q.GVK\KC






Azienda di Promozione Turistica di Lecce

(A.P.T.)






Via Monte San Michele, 20 – Lecce



"

Tel. +39 832 314117 Piazza Duomo


'


Fax +39 832 310238




Piazza Duomo - Lecce


&


Piazza Duomo è uno dei rari esempi di “piazza chiusa”, infatti un



NUMERI UTILI tempo, la sera le porte venivano serrate. Interessante è l’uso del-



(


Carabinieri 112 la “falsa facciata” del Duomo, infatti il visitatore, entrando nella
"





Polizia di Stato 113


*

RKC\\CUKVTQXCFKHTQPVGWPCHCEEKCVCFKEJKGUCOCÂUWHſEKGPVG





Vigili del Fuoco 115


varcare la soglia del portale per ritrovarsi nella navata laterale.




$

Emergenza sanitaria 118


3WGUVCUQNW\KQPGUEGPQITCſECXGPPGCFQVVCVCRGTGXKVCTGEJGKN





Viaggiare informati (CCISS) 1518





visitatore si trovasse di fronte ad un muro piatto e senza decori.


"

Soccorso stradale 803116


)







CLIMA





Lecce gode di un clima mediterraneo con


$


punte continentali, riscontrabili sia d’estate Duomo
'


3






che d’inverno. Durante l’inverno non sono Piazza Duomo, 5 - Lecce


&


%

Costruito una prima volta nel 1144, poi nel 1230, su richiesta del


rare le giornate di freddo intenso, soprattutto





vescovo Luigi Pappacoda, il duomo fu completamente ristruttur-


tra gennaio e febbraio, a causa dei rigidi venti
$


#

provenienti dai Balcani che discendono lungo ato negli anni tra il 1659-1670 da Giuseppe Zimbalo a cui si deve




anche l’attigua torre campanaria alta 70 metri circa. All’interno



la dorsale adriatica. Piuttosto calda e afosa è




invece l’estate, durante la quale le temperature sono conservate opere di vari artisti, tra i quali Giuseppe da
"


Brindisi, Oronzo Tiso, Gianserio Strafella, Domenico Catalano


possono superare anche i 40 gradi e le precipi-





e Coppola.


tazioni tendono a farsi sempre meno frequenti.







NELLE VICINANZE



Galatina .........................................Km. 25





Nardò .............................................Km. 30


Episcopio - Palazzo Vescovile




Brindisi ...........................................Km. 39 4
Piazza Duomo, 5 - Lecce






Gallipoli ..........................................Km. 41


Costruita per la prima volta nel XV secolo, la residenza del ves-





Otranto...........................................Km. 49


EQXQ HW CORNKCVC PGN  FCN 2CRRCEQFC G KPſPG PGN 




Manduria........................................Km. 50 XGPPGTKUVTWVVWTCVQFC#NHQPUQ5Q\[%CTCHCEJGCHſFÍKNCXQTKCF






Emanuele Manieri. All’esterno, l’episcopio presenta tre nicchie in




cui sono ospitate statue, tra le quali quella della Vergine, mentre





il fastigio contiene il centrale orologio, inventato dal leccese Do-





menico Panico.

Basilica di S. Croce © fabcom


41 42
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,












LECCE
LECCE





"


&



Teatro Romano Piazza Sant’Oronzo


)

5 9


Via Arte della Cartapesta, 3 - Lecce Piazza Sant’Oronzo - Lecce

)


Risalente al periodo augusteo, il teatro romano fu casualmente Considerata il salotto della città, la piazza ospita diversi impor-





scoperto nel 1929, durante alcuni lavori eseguiti nei giardini di VCPVKGFKſEKEQOGNŏ#PſVGCVTQTQOCPQKNRCNC\\GVVQFGN5GFKNGNC





due palazzi storici della città. Gli scavi riportarono alla luce la chiesetta di San Marco e la chiesa di Santa Maria delle Grazie.
)

"

cavea, divisa in sei cunei da cinque scalette radiali, e alcune


%


"

statue marmoree, che adornavano il teatro, dell’età degli An-


,



tonini. Ingrado di ospitare oltre 5.000 spettatori, era destinato ad



(


accogliere rappresentazioni di tragedie e commedie.














"

Castello Colonna di Sant’Oronzo


'

6 10





Viale 25 Luglio 25 - Lecce Piazza Sant’Oronzo, 9 - Lecce


&


Realizzato a partire dal 1539 dall’ingegnere Gian Giacomo Eretta su progetto di Giuseppe Zimbalo, nel 1666, in segno di



dell’Acaya, su volere di Carlo V, il castello si estendeva origi- gratitudine a Sant’Oronzo, la colonna, alta circa 29 metri, fu cos-



(


truita utilizzando i rocchi crollati dello stelo marmoreo di una delle
"


PCTKCOGPVGUWWPCUWRGTſEKGFKOS0GKXCTKCPPKHWQI-



*

IGVVQFKOQFKſEJGUKCUVTWVVWTCNKEJGHWP\KQPCNKKPHCVVKPGNUGEQNQ due colonne romane poste al termine della Via Appia a Brindisi.






XVIII una delle sale fu adibita a teatro, e successivamente, dal La struttura presenta sulla cima una statua in legno veneziano




$

1870 al 1979, divenne caserma e distretto militare. Oggi è sede


TKEQRGTVC FK TCOG FK 5CPVŏ1TQP\Q TCHſIWTCVQ KP CDKVK XGUEQXKNK







dell’Assessorato alla Cultura e centro per le attività culturali. nell’atto di benedire la città.


"


)










$


#PſVGCVTQ4QOCPQ Basilica di Santa Croce
'


7 11






Piazza Sant’Oronzo - Lecce Via Umberto I, 13 - Lecce


&


%

.ŏCPſVGCVTQUKVTQXCKP2KC\\C51TQP\QGPGUQPQUVCVGRQTVCVG Costruita tra il 1549 e il 1695, su disegni di Gabriele Riccardi,







alla luce alcune parti, quasi la metà nel complesso, tra il 1904 ed dagli architetti Cesare Penna e Giuseppe Zimbalo, la chiesa pre-


$


#

il 1938. La costruzione è d’età augustea, ed è di ragguardevoli senta una facciata riccamente decorata da statue e decori, e dal




dimensioni: m 102 x 82. L’arena è ellittica, ed era separata dalle TCHſPCVQTQUQPGDCTQEEQ+PXGEGNŏKPVGTPQCETQEGNCVKPCGCVTG






gradinate da un alto muro guarnito di un parapetto rivestito di un PCXCVGÂFKRWTCHQTOCDCUKNKECNG&GIPKFKPQVCUQPQKNUQHſVVQ


"


fregio in marmo con scene di caccia ad animali feroci: il che ri- a cassettoni dorati, la tela di Sant’Antonio con l’apparizione del




manda al tipo di spettacoli che si tenevano nell’arena. Bambino, gli affreschi del XVI secolo.
















Palazzo del Sedile Palazzo dei Celestini




8 12
Piazza Sant’Oronzo, 27 - Lecce Via Umberto I, 17-25 - Lecce







Costruito nel 1592 su incarico dell’allora sindaco veneziano %QUVTWKVQ C RCTVKTG FCN  UW RTQIGVVQ FGN 4KEECTFK NŏGFKſEKQ






Pietro Mocenigo, in sostituzione del vecchio, il palazzo, in stile ÂCTTKEEJKVQFCFWGNQIIGVVGRQUVGUWKNCVKFCPWOGTQUGſPGUVTG




gotico-rinascimentale, è composto da 4 pilastri forati ad ovuli che decorate, da elaborate cornici e da un fregio ornato con scudi






incorporano una colonna, fra cui si aprono grandi arcate ogivali araldici; mentre il portale d’ingresso presenta una decorazione di




a sesto acuto sormontate da logge, decorate da trofei. Fino al putti e grappoli di frutta. Nato come monastero, nel 1807 divenne





1851 è stato sede del Municipio della città, mentre oggi è desti- 2CNC\\QFGN)QXGTPQ1IIKQURKVCINKWHſEKFGNNC2TGHGVVWTCGFGNNC





nato a mostre d’arte ed esposizioni. Provincia.

43 44
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,












LECCE




BRINDISI


"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&







(


Duomo © LPLT
"




*








BRINDISI



$









Uno dei porti naturali più importanti del medi- Teresa che si apre sulla omonima piazza coro-


"


terraneo, Brindisi è citata al tempo della civiltà nata all’estremità da un monumento ai caduti,
)


messapica e fu importante località già al tempo il Castello Svevo e il Castello Alfonsino di





dei romani, la porta d’oriente di Roma visto che Brindisi, detto anche Forte a Mare, una parti-





la via Appia si spingeva verso questi lidi per poi EQNCTG UVTWVVWTC HQTVKſECVC GTGVVC UWNNŏKUQNQVVQ FK
$


'




EQPUGPVKTGKNVTCHſEQFKUECODKEQOOGTEKCNKEQP Sant’Andrea, posto all’ingresso del porto più








&

il mondo ellenico ed il vicino oriente. Il nome esterno di Brindisi. Il punto più suggestivo e


%




deriverebbe del termine “Brendon” o “Brention”, simbolico della città è costituito dalle Colonne





$


EJGUKIPKſECVGUVCFKEGTXQEQUÇEQOGCRRCTG Romane EJG UGIPCXCPQ NC ſPG FGNNŏ#RRKC
#


l’insenatura naturale che si divide in due rami la strada forse più importante per i romani.







come fossero corna. Oggi la città è un impor- Forse volute dallo stesso imperatore Traiano,

"

tante porto per i collegamenti tra Italia e Grecia, le due colonne vegliarono il porto di Brindisi





nonché un’interessantissima località turistica. ſPQ CN  PQXGODTG  SWCPFQ SWGNNC FK






Da visitare Piazza del Duomo, su cui si pros- sinistra crollò. I pezzi furono riutilizzati oltre un
!




pettano una chiesa con facciata tipica del secolo dopo dai leccesi, che con i frammenti




XVIII secolo e custode di opere interessanti, costruirono una colonna votiva a Sant’Oronzo





il Seminario della Curia, l’elegante Loggia nell’omonima piazza di Lecce. L’insieme ar-



Balsamo e il Museo Archeologico Provin- chitettonico è reso ancora più spettacolare




ciale Francesco Ribezzo. Poco distante si dalla presenza dell’ampia scalinata Virgilio







trova uno dei monumenti più importanti della che scende verso il mare. I dintorni di Brindisi








città, San Giovanni al Sepolcro, dalla partico- offrono altri interessanti spunti turistici: gli ap-



lare pianta circolare e con un notevole portale passionati di arte non possono mancare una






d’ingresso, e poco più ad ovest l’antica chiesa


XKUKVC CNNC OCIPKſEC chiesa di Santa Maria





di San Benedetto, costruita nel 1090 e carat- al Casale, a circa 3 km di distanza dal centro.





terizzata da un notevole campanile a trifore Agli amanti del mare suggeriamo invece, a





ed arcatelle. Al centro della città vecchia è la nord-ovest, Punta Penne, Case Bianche, Torre
Chiesa di Santa Maria degli Angeli, barocca. Rossa, Apani e Torre Guaceto, verso sud-est,
#NVTKGFKſEKKPVGTGUUCPVKUQPQNC%JKGUCFK5CPVC Casalabate, Torre Rinalda e la loc di Torricella.
45 46
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI






BRINDISI
BRINDISI


"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Castello Alfonsino-Aragonese


)


Via Torpediniera Spica - Brindisi


www.comune.brindisi.it
)


www.comune.taranto.it +N ECUVGNNQ HW GFKſECVQ PGN  UWNNŏKUQNC FK 5CPVŏ#PFTGC RGT





volere di Ferdinando I d’Aragona, che ne commissionò la cos-





VTW\KQPGCNſINKQ#NHQPUQ#VVWCNOGPVGNŏGFKſEKQUKEQORQPGFKFWG
)

UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE

"

fulcri: quello Aragonese e quello postumo, che comprende tutta


%

7HſEKQ+PHQTOC\KQPKGFK#EEQINKGP\C6WTKU-


"

la zona del Forte, voluta da Filippo II d’ Austria nel 1583. Oggi,


tica (I.A.T.)
,



peridicamente, ospita eventi culturali.


Lungomare R. Margherita - Brindisi


(




Tel. +39 0831523072





Fax +39 0831523072






Azienda di Promozione Turistica (A.P.T. )



"

Via C. Colombo, 88 - Brindisi Monumento al Marinaio


'


Tel. +39 0831562126




Viale Duca degli Abruzzi, 1-3 - Brindisi


Fax +39 0831562149
&


Inaugurato il 4 novembre del 1933 alla presenza del re Vittorio



Emanuele III, il monumento, alto 54 metri, fu voluto per com-



(


NUMERI UTILI
"


OGOQTCTGKECFWVKKPOCTGFWTCPVGKEQPƀKVVKOQPFKCNK4GCNK\\CVQ

Carabinieri 112
*

a forma di timone, conserva nella cripta le lastre in marmo nero







Polizia di Stato 113


con i 6850 nomi dei marinai della Marina da Guerra e della Ma-




$

Vigili del Fuoco 115 rina Mercantile morti a partire dal 1860, oltre alla campana di







Emergenza sanitaria 118





poppa della corazzata Benedetto Brin, affondata nel 1915 nel


"

Viaggiare informati (CCISS) 1518 porto di Brindisi.


)


Soccorso stradale 803116









CLIMA
$


Brindisi gode di un clima tipicamente mediter- Hotel Internazionale
'


3






raneo, secco e caldo in estate e fresco e pio- Viale Regina Margherita, 22 - Brindisi


&


%

Costruito nell’Ottocento, il palazzo in passato era strettamente


voso nelle stagioni autunnale ed invernale. La





NGICVQ CN VTCPUKVQ FGK RKTQUECſ FGNNC 8CNKIKC FGNNG +PFKG EJG FCN


primavera può alternare fasi calde e soleggiate
$


#

a manifestazioni di stampo invernale, con fred- 1870 al 1914 ha permesso il collegato tra Londra e Bombay.




L’hotel, negli anni, ha ospitato regnati, nobili e ricchi commerci-



do e rovesci di pioggia. Per godersi le coste




dell’Adriatico, il periodo migliore per visitare anti in transito per l’India, ma anche il Re Vittorio Emanuele III.
"



la città è senza dubbio l’estate: tra giugno ed






agosto piove raramente e le temperature mas-


sime si attestano intorno ai 28 °C (valori gen-





eralmente mitigati dall’azione delle brezze di



mare). In inverno le temperature non sono mai





troppo basse, anche se con la tramontana il




Scalinata Virgiliana




freddo risulta comunque pungente. Il mese più 4


Viale Regina Margherita, 13 - Brindisi






piovoso dell’anno è novembre, ma comunque


La scalinata Virgiliana attinge la sua denominazione dal luogo in





tutto il periodo autunno-invernale risulta piutto-


cui sorse l’abitazione del sommo poeta Publio Virgilio Marone,




sto ricco di precipitazioni. KPEWKXKOQTÇPGNC%.CUECNKPCVCEJGſPQCKRTKOKCPPKFGN






‘900 appariva dimezzata, venne ampliata nel 1933 per donarle




NELLE VICINANZE



l’attuale aspetto.



Mesagne ........................................Km. 15






San Vito dei Normanni...................Km. 22
Ostuni ............................................Km. 36
© Roberto sernicola Lecce .............................................Km. 39
47 48
6

.
0
3
3

/
1
1
.

2
4
4
5
2
-






(
"


,















BRINDISI
BRINDISI


"


&



Colonne Romane Area Archeologica S. Pietro degli Schiavoni


)

5 9


Via Colonne, 36-42 - Brindisi Via Giambattista Casimiro, 10 - Brindisi

)


In origine erano due colonne gemelle, ma nel 1528 una delle Situata al di sotto del Teatro Verdi, l’area conserva importanti el-





due rovinò al suolo e i rocchi, rimasti incustoditi per circa cento ementi e reperti dell’antica città romana. Di particolar interesse è





anni, vennero donati, nel 1657, alla città di Lecce per erigervi un il ritrovamento di un’importante tratto viario della Brindisi romana
)

"

monumento in segno di devozione a Sant’Oronzo. In marmo pro- largo circa 6 metri, un cardine ricoperto da lastre calcaree dove


%


"

connesio, la colonna misura 18,74 metri d’altezza, e presenta un sono ancora visibili le tracce delle ruote dei carri.


,



ECRKVGNNQUWNSWCNGUQPQTCHſIWTCVGSWCVVTQFGKV´GQVVQVTKVQPKVTC



(


foglie di acanto.














"

Museo Archeologico Provinciale F. Ribezzo Tempietto di San Giovanni al Sepolcro


'

6 10





Via Colonne, 2-20 - Brindisi Via San Giovanni al Sepolcro, 3-11 - Brindisi


&


Istituito nel 1884 all’interno del Tempietto di San Giovanni al Costruzione di età normanna, il tempietto fu forse eretto dai Tem-



Sepolcro, il museo inizialmente raccoglieva le donazioni di al- plari, piuttosto che da Boemondo di ritorno dalle crociate come



(


cuni collezionisti locali, e gli innumerevoli reperti restituiti dalle vuole la tradizione locale. Di forma circolare, conserva all’interno
"




*

campagne di scavo, effettuate sul territorio. Nel 1958 il museo alcuni brani d’affresco di cui si riconoscono vari stili ed epoche,






fu spostato nella nuova sede in Piazza Duomo. Di notevole in- rappresentanti santi e scene sacre. Al centro del monumento




$

teresse sono i vasi attici e i famosi Bronzi di Punta del Serrone. restano visibile, tramite un’apertura circolare sul pavimento, trac-









EGFKWPCFQOWUTQOCPCEJGFQXGXCGUVGPFGTUKQNVTGKNEQPſPG


"

del monumento stesso.


)










$


Duomo Chiesa di Santa Maria degli Angeli
'


7 11






Piazza Duomo 2-3 - Brindisi Via Ferrante Fornari, 25a - Brindisi


&


%

Consacrata da Papa Urbano II nel 1089, la chiesa, pesante- Costruita a partire dal 1609, per volere del santo Lorenzo da







mente danneggiata dal terremoto del 1743, fu sottoposta a Brindisi, la chiesa fu destinata alle suore clarisse della città. La


$


#

numerosi restauri. La facciata presenta, al posto del timpano, HCEEKCVCKPUVKNGDCTQEEQFGEQTCVCEQPſQTKGRWVVKRTGUGPVCWPC






statue in pietra leccese che rappresentano San Leucio, San Teo- RQTVC NKIPGC QTPCVC EQP DCUUQTKNKGXK TCHſIWTCPVK 5CP (TCPEGUEQ






doro d’Amasea, San Lorenzo da Brindisi, San Giustino de Jaco- d’Assisi, Santa Chiara, San Giovanni e San Matteo. All’interno
"


bis. All’interno sono conservati frammenti del pavimento musivo sono conservate alcune opere pittoriche e scultoree, tra cui un




del 1178, il coro in legno del 1594, il fonte battesimale del XVI


ETQEGſUUQFK#PIGNQFC2KGVTCſVVCGKNFKRKPVQő'UVCUKFKUCP.QT-


secolo e alcune tele settecentesche. enzo” di Oronzo Tiso.













Piazza Duomo Castello Svevo




8 12
Piazza Duomo - Brindisi Via dei Mille, 5 - Brindisi







Situata nel cuore della città vecchia, la piazza può essere con- Voluto da Federico II nel 1227, il castello conserva ancora






siderata il salotto di Brindisi. Di forma quadrata, è caratteriz- l’impianto federiciano trapezoidale. Successivamente potenziato




zata dalla grande facciata barocca della Cattedrale e dal sette- ed ampliato ad opera di Ferdinando I d’Aragona, la struttura è






EGPVGUEQ RCNC\\Q FGN UGOKPCTKQ 6TC INK CNVTK KORQTVCPVK GFKſEK stata utilizzata nel 1814 con Gioacchino Murat come “bagno




troviamo il Palazzo Vescovile, la loggetta di Palazzo Balsamo e penale”, funzione che svolse anche sotto i Borboni e i Savoia





la torre Campanaria. ſPQCKRTKOKCPPKFGNŎSWCPFQNC/CTKPC/KNKVCTGNQCESWKUVÍ





per avere la sua base a Brindisi. Tuttora è sede del Comando
Marina.

49 50
6

.
0

/
1
3
1
.
3

2
4
4
5
2
-






(
"


,















BRINDISI


MESAGNE
"


&




)



)







)

"


%


"


,


(
















"


'






&






Chiesa S. Anna

(


"




*



MESAGNE







$




Uno dei centri più popolosi e grandi del Salen- tegole che coprivano le abitazioni a “tavolato”






to, Mesagne è la città d’arte che meglio rappre- e la Pistergula, una porta di piccole dimensioni


"


)


senta il barocco pugliese in tutta la provincia. da cui si poteva entrare o uscire dalla città, situ-
(





Importante centro messapico, per la posizione ata nei pressi dell’attuale Chiesa di Sant’Anna.




strategica a metà della strada che univa la cit- Nell’attuale piazza Vittorio Emanuele II, nel

$


tà-Stato di Oria (sede di una reggia) al porto largo compreso tra Porta Grande e la Chiesa
'





di Brindisi, fu altrettanto importante ai tempi FGK (TCPEGUECPK CNNC ſPG FGN %KPSWGEGPVQ UK





&

dei Romani, che sul tracciato dell’arteria mes- trovavano le botteghe dei conciapelle, dei ma-


%





sapica costruirono la via Appia. Il nome deriva niscalchi e dei calzolai.



$


proprio da quella posizione strategica. Lo svi-
#



luppo vero e proprio della cittadina si ebbe tra i Molto caratteristico è il centro storico, con vi-








secoli XVI e XVII grazie a ricchi feudatari, nobili uzze strette e la forma a cuore. Tra i numerosi
"


e clero. GFKſEKTGNKIKQUKEKVKCOQKPRCTVKEQNCTGNCChiesa


Con l’ampliamento della città iniziavarono a di Sant’Anna, nei pressi del castello, aperta



prendere vita opere di urbanizzazione che vide- al pubblico nel 1706 e custode di una copia





ro la realizzazione di un teatro, di un ospedale, della Deposizione di Paolo Veronese attribui-








e la lastricatura delle strade. In pochi decenni bile al pittore mesagnese Andrea Cunavi. De-





HWTQPQGFKſECVKPWOGTQUKRCNC\\KECTCVVGTK\\CVK gni di nota sono il Castello, presumibilmente





esistente in epoca bizantina e oggi sede del


FC ſPGUVTG TKEEJG FK OQFCPCVWTG G HTGIK EQT-





nici a motivi geometrici e portali a bugnato, una Museo archeologico Ugo Granafei, la cinta mu-




tecnica di rivestimento che prevede l’utilizzo di raria quattrocentesca che comprendeva anche







RKGVTG EJG URQTIQPQ OQNVQ FCNNC UWRGTſEKG FGN 22 torri difensive, il Teatro Comunale con fac-






muro, a punta di diamante o ad anelli, logge ciata in stile neoclassico, l’Orologio Munici-






poggianti su mensoloni a volute rovesciate, pale e il Frantoio ipogeo, nelle vicinanze della


colonne angolari, doccioni, per lo scarico delle chiesa matrice.








acque piovane e balaustre traforate. Al ricco patrimonio storico e artistico si aggi-


Tra le attuali via Marconi e via Manfredi Svevo ungono le feste religiose e i numerosi eventi,
esistevano fornaci dove venivano cotte le distribuiti nell’arco dell’anno.
51 52
6

.
0
3
.
3

/
1
1

2
4
4
5
2
-






(
"


,









INFORMAZIONI UTILI







MESAGNE
MESAGNE
"


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ
&



Per informazioni generali visitate il sito: Castello


)


Via Castello, 10-28 - Mesagne


www.comune.mesagne.br.it
)


www.mesagne.me Risalente all’età normanna, il castello assunse l’attuale aspetto in





seguito ai diversi rimaneggiamenti effettuati nel corso dei secoli.


www.mesagne.net




Dopo essere stato trasformato in palazzo baronale, e, nel 1973,


)

www.promocultura.net

"

sede di istituzioni di volontariato e della biblioteca comunale,


guidaaiservizi.comune.mesagne.br.it
%


"

NŏGFKſEKQÂQIIKCFKDKVQCOWUGQEKXKEQ&GIPCFKPQVCNŏKORQPGPVG


,



torre quadrata, costruita nel XV secolo per volere di Giannanto-


UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE


(


nio del Balzo Orsini.


7HſEKQFK+PHQTOC\KQPGG#EEQINKGP\C6WTKU-





tica (I.A.T.)

Via Castello - Mesagne






tel +39 0831 735235



"

iat@comune.mesagne.br.it Museo Civico Archeologico Ugo Granafei


'





Via Castello, 10-28 - Mesagne


NUMERI UTILI
&


Allestito all’interno del castello, il museo, istituito nel 1935 grazie



Carabinieri 112 ad una donazione privata, attualmente conta circa 2.500 pezzi,



(


Polizia di Stato 113 di cui circa 1.000 esposti. La collezione comprende reperti che
"





Vigili del Fuoco 115


*

documenta la cultura materiale dell’età messapica tra il VI e il IV







Emergenza sanitaria 118


secolo a.C., vasellame dell’età del Bronzo, manufatti in pietra,




$

Viaggiare informati (CCISS) 1518 materiale di età romana e ceramica di età medievale. Degno di







Soccorso stradale 803116





nota il corredo proveniente da una necropoli risalente al III se-


"

colo a.C..


)


CLIMA





Mesagne gode di un clima tipicamente mediter-







raneo, con temperature medie che si aggirano


$


sui 22 gradi in estate e sui 10 gradi in inver- Chiesa di Sant’Anna
'


3






no. Le precipitazioni si concentrano perlopiù