Sei sulla pagina 1di 39

ROBOT Millennium versione 19.0.

Manuale per l’utente pagina: 1

MANUALE PER L'UTENTE

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 2 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

INDICE

NOVITA’ DEL PROGRAMMA ROBOT MILLENIUM (VERSIONE 19.0) .....................................................6


ROBOT MILLENNIUM - STRUTTURE ................................................................................................................6
ROBOT MILLENNIUM - STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ................................................................................7
ROBOT MILLENNIUM - STRUTTURE IN ACCIAIO ................................................................................................9
1. INSTALLAZIONE DI ROBOT MILLENNIUM ......................................................................................10
1.1. REQUISITI DI ATTREZZATURE ............................................................................................................10
1.2. PROGRAMMA DI INSTALLAZIONE........................................................................................................10
1.2.1. Installazioni di base (installazione dell’utente).......................................................................12
1.2.2. Installazioni speciali ...............................................................................................................16
1.2.3. Parametri della protezione. Aggiornamento del codice di protezione ...................................32
1.3. GENERAZIONE DEL RAPPORTO SULL’INSTALLAZIONE ..........................................................................39
2. INTRODUZIONE ..................................................................................................................................40
2.1. DESCRIZIONE GENERALE DEL PROGRAMMA .......................................................................................40
2.2. ISTRUZIONI GENERALI PER IL LAVORO NEL SISTEMA ROBOT MILLENNIUM.............................................45
2.2.1. Sistema degli schermi............................................................................................................45
2.2.2. Gestore d’oggetti....................................................................................................................47
2.2.3. Menu, menu di contesto, barre degli strumenti .....................................................................50
2.2.4. Preferenze e Preferenze del compito ....................................................................................51
2.2.5. Selezione e filtri......................................................................................................................54
2.2.6. Visualizzazione degli attributi della struttura e la leggenda della struttura ............................57
2.2.7. Liste utilizzate nel programma ...............................................................................................61
2.2.8. Caratteristiche comuni alle finestre di dialogo (cursore grafico, calcolatrice)........................61
2.3. CONVENZIONE DEI SEGNI .................................................................................................................63
2.4. LISTA DELLE COMBINAZIONI DI TASTI (TASTI DI SCELTA RAPIDA) ..........................................................66
2.5. MODALITÀ DI CURSORE ....................................................................................................................67
3. PRINCIPI GENERALI DELLA DEFINIZIONE DEL MODELLO DELLA STRUTTURA......................69
3.1. TIPI DI STRUTTURA...........................................................................................................................69
3.2. NODI, BARRE ...................................................................................................................................69
3.3. PROFILATI DELLE BARRE E MATERIALI ...............................................................................................73
3.3.1. Definizione del profilato della barra a più elementi; un esempio ...........................................78
3.4. PANNELLI ........................................................................................................................................79
3.4.1. Tipi di elementi finiti superficiali .............................................................................................81
3.4.2. Emettitori, raffinamento, consolidamento e qualità della mesh EF .......................................88
3.5. SPESSORE DEI PANNELLI..................................................................................................................91
3.6. SOLIDI (STRUTTURE VOLUMETRICHE)................................................................................................93
3.6.1. Descrizione degli elementi finiti volumetrici ...........................................................................96
3.7. OPERAZIONI SUGLI OGGETTI 2D E 3D ...............................................................................................99
3.8. VINCOLI ........................................................................................................................................106
3.8.1. Definizione del vincolo ruotato di un angolo ........................................................................108
3.8.2. Definizione dei vincoli elastici (suoli stratificati) ...................................................................109
3.9. CARICHI ........................................................................................................................................112
3.9.1. Combinazioni dei carichi ......................................................................................................120
3.9.2. Combinazioni di norma ........................................................................................................121
3.9.3. Carichi mobili .......................................................................................................................125
3.9.4. Carichi mobili - Autoloader...................................................................................................131
3.10. CARICHI DI NEVE E VENTO ..........................................................................................................134
3.10.1. Carichi di neve e vento 3D...................................................................................................136
3.10.2. Carichi di vento sui piloni .....................................................................................................138
3.10.3. Carichi di neve e vento sugli oggetti 3D ..............................................................................139
3.10.4. Carichi di vento sulle strutture a base poligonale (prisma)..................................................141

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 3

3.10.5. Discesa di carichi (ricapitolazione dei carichi) presi dalla base dati ....................................144
3.10.6. Definizione automatica dei carichi dovuti alla spinta del suolo............................................146
3.11. CAVI .........................................................................................................................................149
3.12. ALTRI ATTRIBUTI DELLA STRUTTURA ............................................................................................154
3.13. ALTRI COMPONENTI DELLA STRUTTURA .......................................................................................158
3.13.1. Operazioni di modifica .........................................................................................................163
3.14. STRUTTURE TIPO .......................................................................................................................163
3.15. STRUTTURE PER FASI .................................................................................................................166
4. ANALISI DELLA STRUTTURA.........................................................................................................170
4.1. LANCIO DEL CALCOLO DELLA STRUTTURA ........................................................................................170
4.2. TIPI DI ANALISI DISPONIBILI .............................................................................................................170
4.3. DEFINIZIONE DI UNA NUOVA CONDIZIONE O MODIFICA DI TIPO DI ANALISI ............................................183
4.3.1. Esempio della definizione della condizione dell’analisi modale della struttura....................190
4.3.2. Esempio della definizione della condizione dell’analisi sismica e spettrale .......................191
4.4. RIPRESA DEL CALCOLO ..................................................................................................................192
4.5. VISUALIZZAZIONE DEL PROCESSO DI CALCOLO ................................................................................194
5. ANALISI DEI RISULTATI ..................................................................................................................196
5.1. DIAGRAMMI ...................................................................................................................................197
5.2. TABELLE .......................................................................................................................................200
5.3. MAPPE PER LE BARRE ....................................................................................................................203
5.4. MAPPE (PANNELLI) ........................................................................................................................205
5.5. INTERSEZIONI DEI PANNELLI ...........................................................................................................208
5.6. MAPPE PER I SOLIDI .......................................................................................................................212
5.7. INTERSEZIONI DEI SOLIDI ................................................................................................................215
5.8. ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI ......................................................................................................219
5.9. ANALISI DELLE SOLLECITAZIONI NELLA STRUTTURA ..........................................................................221
5.10. ANALISI GLOBALE .......................................................................................................................223
5.11. ANALISI DETTAGLIATA.................................................................................................................225
5.12. LINEE D’INFLUENZA ....................................................................................................................229
5.13. RISULTATI SEMPLIFICATI PER PANNELLI .......................................................................................232
5.14. DIAGRAMMI E TABELLE PER L’ANALISI TEMPORALE / ANALISI AVANZATE..........................................235
6. DIMENSIONAMENTO DELLA STRUTTURA ...................................................................................239
6.1. DIMENSIONAMENTO DELL’ACCIAIO / ALLUMINIO ................................................................................239
6.1.1. Analisi dettagliata (norma Eurocodice3) ..............................................................................248
6.1.2. Analisi dettagliata (norma francese CM66)..........................................................................251
6.1.3. Verifica delle barre a più briglie (norma per le costruzioni in acciaio Eurocodice 3) ...........254
6.1.4. Verifica delle barre a più elementi (norma acciaio francese CM66)....................................258
6.2. DIMENSIONAMENTO DEGLI ELEMENTI DELLA STRUTTURA IN CALCESTRUZZO ARMATO .........................261
6.2.1. Dimensionamento delle travi ...............................................................................................264
6.2.2. Esempio di generazione dell’armatura della colonna e dei disegni dell’armatura...............269
6.2.1. Definizione delle travi CA – modalità interattiva ..................................................................270
6.2.2. Dimensionamento delle colonne..........................................................................................273
6.2.3. Dimensionamento delle fondazioni......................................................................................277
6.2.4. Dimensionamento delle fondazioni continue .......................................................................289
6.2.5. Dimensionamento delle travi-parete ....................................................................................290
6.2.6. Disegni esecutivi ..................................................................................................................291
6.3. DIMENSIONAMENTO DELLE BARRE IN CALCESTRUZZO ARMATO .........................................................295
6.4. DIMENSIONAMENTO DEI GIUNTI .......................................................................................................304
6.5. DIMENSIONAMENTO DEL LEGNO ......................................................................................................312
6.6. ARMATURA DELLE PIASTRE E DEI GUSCI ..........................................................................................314
7. BASI DEI PROFILATI DELLE BARRE .............................................................................................328

8. STAMPE.............................................................................................................................................332
8.1. NOTE DI CALCOLO .........................................................................................................................332
8.2. COMPOSIZIONE DELLA STAMPA.......................................................................................................333

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 4 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

8.2.1. Segnalibro Standard ............................................................................................................335


8.2.2. Segnalibro Salva schermo ...................................................................................................337
8.2.3. Segnalibro Modelli ...............................................................................................................338
8.2.4. Segnalibro Stampa semplificata ..........................................................................................338
8.3. IMPOSTA PAGINA ...........................................................................................................................340
9. ESEMPI ..............................................................................................................................................342
9.1. ESEMPIO DI PROGETTAZIONE DELLA STRUTTURA DI BARRA CON L’USO DEGLI SCHERMI DEL SISTEMA ROBOT
MILLENNIUM .............................................................................................................................................342
9.1.1. Definizione del modello di struttura......................................................................................343
9.1.2. Analisi della struttura............................................................................................................347
9.1.3. Analisi dei risultati ................................................................................................................347
9.1.4. Dimensionamento dell’acciaio .............................................................................................348
9.1.5. Dimensionamento dei giunti in acciaio ................................................................................349
9.1.6. Analisi delle sollecitazioni ....................................................................................................350
9.2. ESEMPIO DI PROGETTAZIONE DELLA STRUTTURA DI BARRA SENZA L’USO DEGLI SCHERMI DEL SISTEMA
ROBOT MILLENNIUM .................................................................................................................................351
9.2.1. Definizione del modello di struttura......................................................................................352
9.2.2. Analisi della struttura............................................................................................................359
9.2.3. Analisi dei risultati ................................................................................................................360
9.2.4. Dimensionamento delle travi in calcestruzzo armato ..........................................................361
9.2.5. Dimensionamento delle colonne CA....................................................................................363
9.2.6. Dimensionamento delle barre in calcestruzzo armato.........................................................366
9.3. PIASTRA IN CALCESTRUZZO ARMATO ..............................................................................................368
9.3.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................368
9.3.2. Analisi della struttura e visualizzazione dei risultati di calcolo.............................................374
9.3.3. Calcolo delle armature teoriche della superficie ..................................................................376
9.3.4. Calcolo delle aree reali dell’armatura ..................................................................................378
9.4. ESEMPI DI DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA CON L’USO DELL’OPZIONE DI ESTRUSIONE E DI RIVOLUZIONE379
9.4.1. Silo .......................................................................................................................................380
9.4.2. Torre di raffreddamento .......................................................................................................385
9.4.3. Tubo .....................................................................................................................................387
9.4.4. Strutture rotative simmetriche..............................................................................................389
9.5. ESEMPIO DI PROGETTAZIONE DEL TELAIO PIANO ..............................................................................395
9.5.1. Definizione del modello di struttura......................................................................................395
9.5.2. Definizione delle condizioni di carico e dei carichi...............................................................397
9.5.3. Definizione dei carichi di neve e vento ................................................................................398
9.5.4. Analisi della struttura............................................................................................................399
9.5.5. Analisi dettagliata.................................................................................................................399
9.5.6. Dimensionamento della struttura .........................................................................................401
9.5.7. Analisi globale......................................................................................................................403
9.5.8. Dimensionamento dei giunti in acciaio ................................................................................405
9.5.9. Composizione della stampa.................................................................................................406
9.6. ESEMPIO DI DEFINIZIONE DEI CARICHI MOBILI PER LA STRUTTURA PIANA (TELAIO 2D) .........................407
9.6.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................408
9.6.2. Analisi della struttura............................................................................................................417
9.6.3. Visualizzazione del veicolo e della condizione di carico mobile..........................................417
9.6.4. Analisi dei risultati ................................................................................................................418
9.6.5. Linee di influenza .................................................................................................................419
9.7. SALA INDUSTRIALE (CARROPONTE: CARICO MOBILE) ........................................................................420
9.7.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................421
9.7.2. Analisi della struttura............................................................................................................435
9.7.3. Dimensionamento della struttura .........................................................................................438
9.7.4. Analisi dei risultati (linee di influenza)..................................................................................442
9.8. PONTE (CARICO MOBILE E ANALISI TEMPORALE) ..............................................................................444
9.8.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................447
9.8.2. Analisi della struttura............................................................................................................462
9.8.3. Visualizzazione dei risultati ..................................................................................................462
9.8.4. Dimensionamento delle barre della struttura .......................................................................463

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 5

9.8.5. Analisi temporale della struttura (integrazione delle equazioni del movimento) .................471
9.9. FONDAMENTO ...............................................................................................................................476
9.9.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................477
9.9.2. Analisi della struttura............................................................................................................491
9.9.3. Presentazione dei risultati in forma di mappe......................................................................491
9.10. ESEMPIO DI PROGETTAZIONE DELLA STRUTTURA BARRA SECONDO LA NORMA EUROCODICE 3 .......493
9.10.1. Definizione del modello della struttura.................................................................................493
9.10.2. Analisi elasto-plastica ..........................................................................................................502
9.11. ESEMPIO DI PROGETTAZIONE DELLA STRUTTURA DI BARRA CON LE MASSE AGGIUNTE ....................505
9.11.1. Definizione del modello di struttura......................................................................................506
9.11.2. Calcolo e analisi dei risultati.............................................................................................514
APPENDIX ................................................................................................................................................517
APPENDIX 1 ..........................................................................................................................................518
APPENDIX 2 ..........................................................................................................................................523
APPENDIX 3 ..........................................................................................................................................533
APPENDIX 4 ..........................................................................................................................................568
APPENDIX 5 ..........................................................................................................................................569
APPENDIX 6 ..........................................................................................................................................584

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 6 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

NOVITA’ DEL PROGRAMMA ROBOT MILLENIUM (VERSIONE


19.0)

Robot Millennium - Strutture

MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA

• Ergonomia:
- Gestore d’oggetti: nuova finestra nell’interfaccia del programma che presenta gli oggetti del
modello in forma di struttura d’albero, permettendo di selezionare e di editare gli elementi
nel modello
- Finestra di proprietà di oggetti: nuova finestra nell’interfaccia del programma che permette
di vedere l’anteprima e di effettuare una modifica rapida delle proprietà di un gruppo di
oggetti, barre, pannelli.
- Definizione libera dei nomi delle barre e dei pannelli, il che permette di descrivere gli
elementi della struttura, di identificarli sulla stampa e durante il dimensionamento
- Salvataggio di una parte del modello con i risultati in un file separato: questo permette di
lavorare in modo simultaneo sul dimensionamento di più parti del modello e, in seguito, di
aggiornare i dati; l’analisi effettuata su una sottostruttura più piccola, ne accelera e facilita il
dimensionamento
- Tabella di contabilità per pannelli: tabella di superfici e materiali per piastre e gusci
- Applicazione dei carichi superficiali ai contorni, senza indicare i pannelli
• Modellazione:
- Eccentricità automatiche: eccentricità della sezione della barra, definita in rapporto ai punti
caratteristici di altri elementi o piastre, p.es., un arcareccio situato sul puntone o una trave
sotto una piastra; dopo la modifica del profilato di un puntone o di una piastra, l’eccentricità
sarà aggiornata automaticamente
- Definizione delle direzioni delle piastre ortotrope conforme al sistema locale del pannello
- Composizione dei vincoli per i nodi appartenenti a più bordi o superfici vincolate; sono
creati vincoli nuovi, le cui caratteristiche sono composte della somma dei gradi di libertà
vincolati
- Accelerazione della generazione delle mesh EF
- Raffinamento automatico della mesh EF per i nodi vincolati
• Sezioni:
- Profilati con anima ondulata: la base dei profilati WTA (SIN) e la definizione delle
dimensioni dall’utente
- profilati ad anima traforata (a nido d'ape) costituiti di profilati a I, presi dalla base dei
profilati: definizione per l’altezza del taglio del profilato, intercalari o fori rotondi
- parametri addizionali per i profili definiti con l’uso delle proprietà (Ax, Iy, Iz...) permettenti il
dimensionamento secondo la norma acciaio
- basi dei profilati laminati a freddo: profilati a U, a Z Borga, Lindab, Pruszyński
• Carichi:
- Carichi mobili: posizione arbitraria del veicolo sulla strada, definita dai punti della polilinea
- Generazione del carico NV per i telai spaziali ripetitivi secondo Eurocode1
- Carichi NV secondo la norma spagnola NBE-AE-88
- Carichi NV secondo la norma italiana DM 16/1/96
• Opzioni avanzate:
- Generazione automatica dei legami rigidi tra i bordi dei pannelli
- Riduzione della rigidezza della piastra in flessione

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 7

- raffinamento automatico della mesh EF sopra i vincoli

CALCOLO

• Analisi:
- Barre sul suolo elastico unilaterale, con sollevamento
- Gestione migliorata degli elementi tipo barra nell’ analisi non_lineare P-delta
• Analisi sismica:
- Calcolo sismico secondo la norma aggiornata Eurocodice 8, NAD portoghese, italiano e
generale, con la possibilità d’inserimento dei coefficienti
- Calcolo sismico secondo la norma rumena aggiornata P100-1-2004

RISULTATI

• Risultati:
- Reazioni in forma diagramma per i vincoli lineari
- Valore dell’integrale per la linea dell’influenza dei carichi mobili
- Valori estremi dei risultati per EF (del letto inferiore e superiore)
• Risultati per elementi finiti: diagrammi sulle intersezioni:
- Valore dell’integrale: somma delle grandezze sul diagramma
- Scelta di una direzione arbitraria per le grandezze risultanti sul diagramma e non soltanto
nel sistema locale dell’intersezione
- Tabella dei risultati per spostamenti e flessioni totali

STRUMENTI AUSILIARI

• Definizione semplificata e calcolo dei telai in acciaio 3D:


- Nuovo strumento di definizione e di gestione del calcolo dei telai (nuova applicazione)
• Cambiamento dei dati:
- Importazione del modello della struttura dal programma architettonico Revit® di Autodesk
- Aggiornamento dei dati nel programma Revit dopo il dimensionamento nel programma
Robot
- transfer delle trame e dei nodi di vincolo dal programma RCAD Acciaio

Robot Millennium – Strutture in cemento armato

ARMATURA TEORICA DELLE BARRE

• Generale:
- Integrazione con la struttura: i nomi e le altre proprietà delle condizioni sono conservati
durante il dimensionamento degli elementi della struttura; ai nomi degli oggetti sono
aggiunti i numeri dei nodi di vincolo e /o delle barre
• Norma Eurocodice2:
- Calcolo secondo le regole generali EC2

ARMATURA TEORICA DELLE PIASTRE

• Generale:
- Definizione di ambienti differenti per la superficie superiore e l’inferiore della piastra
- Definizione dei valori dell’armatura minima indipendentemente per il letto inferiore e
superiore

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 8 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

- Possibilità di prendere (o no) del valore Amin nei risultati


• Norma Eurocodice2:
- Calcolo secondo le regole generali EC2
• Norma italiana:
- Calcolo secondo la norma italiana DM 9-01-96 (MP4)

ARMATURA REALE DELLE PIASTRE

• Generale:
- Armatura reale per le piastre armate in una direzione e in un letto (18.0MP4)
- Sui disegni gli elementi d’appoggio e quelli che riposano sulla piastra sono tratteggiati nel
modo differente

MODULO TRAVE

• Generale:
- Possibilità della generazione e dell’edizione delle barre piegate durante il calcolo delle travi
secondo PN
- Importazione delle travi oblique come travi semplici
- Presa in considerazione dell’azione assiale (nel calcolo del taglio e della fessurazione)
• Norma Eurocodice2:
- Calcolo secondo le regole generali EC2
• Norma francese BAEL:
- Tipi di ancoraggio supplementari
• Norma russa SNIP:
- Armatura reale
• Norma italiana:
- norma DM 9/1/96 (MP4)

MODULO COLONNA

• Norma Eurocodice2:
- Calcolo secondo le regole generali EC2
• Norma francese BAEL:
- Calcolo con presa in considerazione della tenuta al fuoco
• Norma PN:
- Controllo dell’armatura nelle colonne per il taglio (MP1)
• Norma italiana:
- norma DM 9/1/96 (MP4)

MODULO PLINTI DI FONDAZIONE

• Generale:
- Numero del nodo di vincolo come componente del nome
- Miglioramento della presentazione dei risultati
• Norma Eurocodice2:
- Calcolo secondo le regole generali EC2
• Norma italiana:
- norma DM 9/1/96 (MP4)

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 9

Robot Millennium – Strutture in acciaio

DIMENSIONAMENTO DELLE BARRE IN ACCIAIO

• Generale:
- Unificazione del calcolo della lunghezza di svergolamento automatica in tutte le norme
COM
• Norma PN:
- Dimensionamento dei profilati ad anima ondulata (SIN)
• Norma Eurocode3:
- Dimensionamento secondo la nuova edizione della norma EC3 (EC3:2005)
• Norma BSK:
- Presa in considerazione dell’effetto di torsione per la norma svedese BSK
• Norma GB 50017-2003:
- Dimensionamento delle barre secondo la norma cinese GB 50017-2003 (18.0MP4)

DIMENSIONAMENTO DEI GIUNTI IN ACCIAIO

• Generale:
- Nuova interfaccia per la gestione dei giunti mediante gestore di oggetti
- Possibilità della copia multipla dei giunti sulla struttura
- Creazione di numerosi giunti per le barre selezionate della struttura
- Messaggi di verifica con i valori numerici
- Note di calcolo in formato HTML e la loro esportazione ai programmi MS Word® e MS
Excel®
• Norma PN:
- Calcolo del plinto incastrato (18.0MP4)
- Calcolo del plinto incastrato nel cemento (18.0MP4)
- Giunto trave-trave principale
- Definizione degli irrigidimenti trapezoidali per il plinto articolato
• Norma EC3 (EN 1993-1-1:2005):
- Giunti trave-colonna
- Analisi della resistenza del giunto trave-colonna

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 10 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

1. INSTALLAZIONE DI ROBOT MILLENNIUM

1.1. Requisiti di attrezzature


Per lavorare con il programma Robot Millennium è richiesto:

HARDWARE / SOFTWARE REQUISITI NOTE

Computer IBM PC (o compatibile)

Sistema operativo Windows NT / 2000 / XP È raccomandato il sistema


Windows 2000 o XP Professional

Processore Pentium III (o maggiore)

RAM 256 MB memoria RAM (visto Per utenti avanzati è raccomandato


che il sistema operativo 512 MB RAM
occupa in generale circa 120
MB, e Robot necessita circa
100 MB di memoria viva
RAM)

HDD 500 MB di spazio libero sul Per utenti avanzati è raccomandato


disco, dopo l’installazione 5 GB di spazio libero sul disco, dopo
l’installazione

Grafica - risoluzione 1024x768

CD-ROM Necessario soltanto durante


l’installazione del programma.

Robot Millennium è fornito con la chiave di protezione che è indispensabile per l’utilizzazione corretta del
programma. Occorre ricordare che la chiave deve essere inserita nel porto prima di ogni sessione di lavoro
con il programma; la chiave vi deve rimanere durante tutto il Vostro lavoro con il programma.

Per stampare correttamente le note di calcolo di Robot il sistema deve essere dotato di un editor di testi che
renda possibile una lettura dei file in formato *.rtf (Rich Text Format). A tali editor appartengono ad es., MS
Word, versione 6.0 o maggiore, e WordPad, installato insieme con un sistema Windows (NT/2000/XP).

1.2. Programma di installazione


Per primo, inserire il disco CD dell’installazione del programma Robot in una unità di lettura conveniente.

ATTENZIONE: La chiave di protezione NON può essere inserita nel porto del computer.

Quando il CD è già inserito, la presentazione multimediale in lingua definita nei parametri regionali del
sistema operativo Windows sarà attivata automaticamente (quando tale presentazione non è disponibile sul
CD, sarà lanciata la presentazione di default).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 11

Le zone dello schermo possono essere attivate con il sinistro pulsante del mouse:
• Analysis and Design – inizializzazione dell’installazione dei programmi: Robot + ESOP + ACIS

• All products - inizializzazione dell’installazione di tutti i programmi disponibili con i parametri standard

• Concrete structures – inizializzazione dell’installazione dei programmi: Robot, RCAD Concrete

• Steel strucutres – inizializzazione dell’installazione dei programmi: Robot, RCAD Steel e Robot EC3
Expert.

Nella zona inferiore dello schermo sono disponibili i seguenti bottoni:


• Custom installation – con un clic su questo bottone possiamo scegliere il tipo di installazione che
permetterà di installare qualsiasi programma(i) disponibile(i) sul CD; di seguito si passa allo schermo
d’installazione, dove l’utente potrà attivare manualmente le installazioni selezionate

• Special installations – con un clic su questo bottone possiamo scegliere la modalità delle installazioni
speciali: installazione della versione di rete, installazione della protezione di rete, installazione del
monitor di rete; di seguito si passa allo schermo d’installazione, dove l’utente potrà attivare
manualmente le installazioni selezionate

• Update – con un clic su questo bottone possiamo scegliere la modalità che permetterà di trovare
nell’Internet le versioni recenti del programma già installato (o, p.es. Maintenance Pack per il programma
selezionato).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 12 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Dopo la selezione delle installazioni, sarà attivato l’Assistente dell’Installazione che permetterà di installare
diversi prodotti.
Prima occorre selezionare la per l’installazione, quindi appariranno le finestre di dialogo, attivate durante
l’installazione semplice di un prodotto (localizzazione del programma sul disco, autorizzazione, ecc.).
Durante queste operazioni sarà stimato la capacità disponibile sul disco. Tutti i prodotti saranno installati
nelle apposite sottocartelle, nella localizzazione sul disco indicata. .

L’installazione comune per tutti i prodotti permetterà di installare i seguenti programmi:


• Robot: ogni elemento indispensabile del programma in 1 lingua

• RCAD: Steel e Concrete

• ESOP: ogni elemento indispensabile del programma in 1 lingua

• Robot Expert: ogni elemento indispensabile del programma in 1 lingua.

Inoltre, sul disco sarà installata la cartella aggiuntiva Robot Office Common che contiene i dati comuni di tutti
i programmi (p.es. base dati dei profilati, materiali, barre, reticoli, norme, ecc.). Ogni modifica in qualsiasi
base dati della cartella Robot Office Common (o aggiunta di nuovi elementi alla base), sarà visibile in tutti i
programmi installati.

Con un clic sul bottone Analysis and Design si attiva l’installazione del programma Robot Millennium.

Attenzione: In corso di installazione è possibile (se è necessario) ritornare alla finestra di dialogo
precedentemente visualizzata sullo schermo, per eseguire correzioni nel contenuto delle
informazioni inserite dall’utente.

1.2.1. Installazioni di base (installazione dell’utente)


Per installare il sistema Robot su un singolo computer (installazione dell’utente: con un clic sul bottone
Custom installation) occorre eseguire i seguenti passi:

ATTENZIONE: La chiave di protezione NON può essere inserita nel porto del computer.

1. Appare la finestra di dialogo contenete il CONTRATTO DI LICENZA del sistema Robot; per continuare
l’installazione, dopo aver letto le condizioni del contratto, occorre cliccare sul bottone SI (accettazione delle
condizioni del contratto di licenza); la successiva finestra di dialogo contiene le osservazioni sul
funzionamento del programma Robot Millennium; per continuare l’installazione occorre digitare AVANTI.

2. Appare la finestra di dialogo che permette di inserire le informazioni principali sull’utente (vedi la figura
sotto); occorre scriverci il cognome (le iniziali) dell’utente, il nome della ditta/società e, facoltativamente,
l’indirizzo della posta elettronica; qui è possibile decidere, se l’applicazione installata può essere utilizzata da
tutti gli utenti del computer, o soltanto da un utente specifico; per continuare, cliccare sul tasto AVANTI.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 13

3. Appare la finestra, in cui si può definire la cartella di destinazione dell’installazione del programma sul
disco (vedi la figura sotto); il catalogo di installazione di default è la cartella: C:/Program Files/Robot Office.
La localizzazione può essere definita direttamente dalla tastiera, o selezionata con l’uso del tasto SFOGLIA
disponibile nella parte inferiore della finestra; se la cartella definita non è presente su disco, il programma
d’installazione genererà la cartella con nome definito dall’utente; per continuare, cliccare sul tasto AVANTI.

ATTENZIONE: l’installazione del programma Robot su disco sostituito non è consigliabile. In tale situazione
dopo il riavvio del sistema Windows il supporto del programma Robot non sarà registrato;
perché il supporto sia disponibile occorre installarlo utilizzando l’apposita icona disponibile
nella cartella di Robot.

4. Appare la finestra di dialogo che permette di scegliere i prodotti di RoboBAT da installare sul disco (vedi la
figura sotto)

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 14 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

5. Appare la finestra di dialogo che permette di scegliere il nome di default del gruppo (Robot Office); il nome
può essere cambiato; per continuare occorre digitare AVANTI

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 15

6. Appare la finestra di dialogo che permette di confermare le informazioni inserite, quali localizzazione del
programma, nome, nome dell’utente; per continuare occorre digitare AVANTI
7. Il programma inizia l’installazione di Robot (copia dei file), sullo schermo appare la finestra che visualizza
lo stato dell’installazione; in corso di installazione vengono mostrate brevi informazioni sul programma
installato;
8. Terminata l’installazione, sullo schermo appare la finestra di gruppo contenente due icone: quella che
raffigura il sistema Robot e quella che raffigura i programmi ausiliari
9. Il programma Robot può essere disinstallato mediante la selezione dell’opzione Aggiungi/Cancella
programmi disponibile nel pannello di controllo. La selezione di questa opzione permette inoltre di modificare
la versione del programma Robot installata in precedenza (mediante aggiunta o eliminazione dei
componenti) e di reinstallare la versione in base alle opzioni attualmente selezionate (installazione di
salvataggio).

L’installazione del sistema Robot su disco è stata terminata. Per poter attivarlo, occorre riavviare il sistema
WINDOWS NT/2000/XP (sullo schermo è visualizzato il messaggio che informa che prima di attivare il
programma, occorre riavviare il computer); per aggiunta nella finestra di dialogo supplementare è possibile
scegliere una delle seguenti opzioni (questo è possibile solo, quando il programma è installato dopo la copia
della versione di installazione dall’Internet o direttamente dal CD dopo la selezione dell’installazione del
programma Robot):
connettersi con l’Internet e controllare, se nel sito Web del produttore sono già disponibili aggiornamenti
della versione corrente
chiudere l’installazione senza controllare, se è disponibile l’aggiornamento della versione corrente.
Dopo l’installazione del programma nel menu di Robot sarà accessibile l’opzione Guida / Aggiornamenti del
programma disponibili. La selezione di questa opzione permetterà di aprire la pagina Web del produttore o
del distributore del software e di scaricare l’aggiornamento del programma (Maintenance Pack, informazioni
sulla nuova versione, ecc.).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 16 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

L’attivazione del sistema Robot Millennium è possibile attraverso:


• doppio click sull’icona del sistema disponibile sul desktop del sistema Windows (se, durante
l’installazione l’utente ha selezionato l’opzione di creazione dell’icona)

• selezione del comando Robot Millennium nel gruppo creato Robot Structural Office.

1.2.2. Installazioni speciali

Protezione di rete
Per i computer che lavorano nella rete può essere usata una chiave speciale ‘di rete’, installata su un
computer selezionato. L’installazione della protezione di rete permette di installare il programma (Robot,
RCAD) su molti computer che lavorano in rete (allora si tratta dell’installazione del programma su più
computer collegati in rete) e di utilizzare la chiave di rete comune presente su un solo computer (non è
necessario utilizzare le chiavi di protezione separate per ogni singolo computer della rete). Tale sistema di
protezione è nominato Protezione di rete. La protezione di rete è indipendente dall’installazione della
versione di rete del programma e richiede soltanto l’esistenza di una rete di computer.
Per utilizzare la chiave di rete in modo corretto, occorre sul computer al quale essa sarà collegata, installare
il programma specialistico di vigilanza, così detto, gestore della protezione (NetHASP License Manager); è
un’installazione della protezione di rete: vedi la descrizione sotto.
Quando l’installazione di rete sarà terminata e la chiave di protezione sarà collegata, ogni computer
lavorante nella rete, potrà utilizzare la protezione di rete.

Per far funzionare la protezione di rete installata in modo corretto, devono essere soddisfatte le successive
condizioni:
• computer, sul quale è installato il server della protezione di rete, deve avere l’indirizzo IP fisico (quando il
computer non è in rete locale) o l’indirizzo della rete locale
• su tutti gli altri computer deve essere installato uno dei prodotti accessibili (p.es., TCP\IP).

Ora presentiamo le tappe dell’installazione del sistema Robot Millennium su più computer con l’unica
protezione di rete:
• installazione della protezione di rete (vedi la descrizione sotto); l’installazione può essere effettuata
direttamente dal disco CD con un clic sul bottone Protezione di rete disponibile nella finestra
Installazioni speciali o con l’attivazione del file lmsetup.exe disponibile nella cartella Install \ Hasp \
Servers \ Win32 (il programma può essere installato come applicazione o come servizio)

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 17

• installazione del programma Robot (installazione di base su un singolo computer) su ogni computer
della rete
• copia dei file di protezione *.pmn su ogni computer (nodo) nella cartella: disco_di_sistema:\ Program
Files\ Common Files \ Robobat \ Prot \ Net \ ~TMP o disco_di_sistema:\ Program Files\ Common Files \
Robobat \ Prot \ Std \ ~TMP ; la cartella, dove sono stati copiati i file *.pmn è arbitrario, tuttavia deve
essere visibile nella finestra di dialogo Protezione - Impostazioni (vedi il punto successivo): tale
operazione può essere effettuata nella finestra di dialogo Protezione - Impostazioni (vedi il cap. 1.2.3)
• attivazione del programma Protezione - Impostazioni (vedi descrizione nel cap. 1.2.3) selezionando
dal menu del sistema Windows l’opzione Robot Office \ Strumenti; nella finestra di dialogo (Protection
settings) occorre passare al segnalibro Impostazioni (Settings), e nell’opzione di cartelle e licenze
(Folders and licences) indicare i file di protezione copiati per la licenza di rete, e quindi selezionare
l’opzione Utilizza le licenze di rete (Use network licence) per l’opzione Impostazioni comuni per tutti i
programmi (Common settings for all programs); indicare il file di protezione adeguato (vedi il punto
sopra); per finire, cliccare sui bottoni Applica e Chiudi.

ATTENZIONE: La descrizione della configurazione del della protezione nella finestra di dialogo Protezione
– impostazioni si trova nel capitolo 1.2.3.

INSTALLAZIONE DELLA PROTEZIONE DI RETE


L’installazione della protezione di rete permette di installare la protezione di rete su ogni computer lavorante
in rete. Questa installazione è indipendente dall’installazione di rete del programma Robot Millennium. Non
è raccomandata l’installazione della protezione sul server della reti di computer (per ragioni di sicurezza, è
sconsigliato incaricarlo con delle attività aggiuntive, anche se, formalmente, l’installazione può essere
effettuata su ogni computer). Naturalmente, il computer, sul quale sarà installata la protezione, deve essere
‘attivo’, perché ogni terminazione del suo lavoro, significa la terminazione del funzionamento della protezione
di rete.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 18 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

L’installazione della protezione di rete è disponibile sullo schermo Installazioni speciali del pacchetto Robot
Office. Conforme all’informazione visualizzata durante l’installazione, il gestore della protezione può essere
installato come servizio, o come un’applicazione (vedi la descrizione successiva).
L’inizializzazione dell’installazione della protezione di rete avviene dopo un clic sul bottone Installazioni
speciali nel menu dello schermo Installazione (paragona il cap. 1.2), e quindi, con un clic sul bottone
Protezione di rete.
Iniziata l’installazione della protezione di rete, sullo schermo si apre la finestra, nella quale occorre
selezionare la lingua per l’installazione.

L’installazione della protezione di rete permette di installare la protezione per tutta la rete, con l’uso di una
sola chiave.

ATTENZIONE: La chiave di protezione NON può essere inserita nel porto del computer;come indica il
messaggio visualizzato sul seguente disegno.

Sullo schermo appare la finestra, come in figura sotto, dove è possibile selezionare il tipo di installazione del
gestore della protezione.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 19

Ci sono due possibilità:


- modalità di installazione ‘applicazione’
- modalità di installazione ‘servizio’.
In modalità ‘applicazione’ il gestore sarà aggiunto ai programmi che si attivano dopo l’avvio del computer
(disponibile nei programmi di ‘Menu Avvio’); questo tipo di installazione è raccomandato, quando sul
computer si trovano programmi di protezione tipo ‘firewall’, che possono bloccare l’accesso alla chiave di
protezione, e, con ciò, bloccare il funzionamento della protezione.
Quando si sceglie la modalità ‘servizio’, il bloccaggio della chiave di protezione non sarà segnalata.

Alla fine dell’installazione appare il messaggio sull’inserimento della chiave di rete e sulla possibilità della
configurazione dei parametri della protezione. La descrizione della finestra di dialogo Protezione -
Impostazioni si trova nel capitolo 1.2.3.

Versione di rete del programma Robot Millennium

ATTENZIONE: L’installazione di rete del programma Robot Millennium deve essere effettuata
dall’Amministratore della Rete o, almeno, in sua presenza.

Per i computer che lavorano in rete è possibile anche l’installazione della versione di rete del programma
Robot. Essa permette di installare il programma Robot in modalità ‘server-nodo’; questo significa che su un
computer nella rete è creato il server del programma Robot, dove sono installati e salvati i file comuni per gli
altri utenti nella rete, invece sui computer degli utenti (cioè, nodi della versione di rete) non saranno installati
che i file indispensabili, utilizzati per l’uso del programma Robot sul dato computer.
L’installazione della versione di rete del programma Robot abbraccia tre parti:

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 20 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

• installazione Robot - server


• installazione Robot - nodo
• installazione del monitor di rete (strumento di gestione del lavoro di rete del programma Robot).

Nella fase iniziale (sia per l’installazione server, che nodi della rete) l’installazione avviene in modo identico
come l’installazione sul computer unico (vedi il cap. 1.2.1).
Il server del programma Robot Millennium deve essere installato sul disco visibile dagli altri utenti. La
cartella principale della versione di server del programma Robot Millennium (Robot Office - server) e la
cartella Robot Office Common devono essere accessibili alla lettura degli utenti, e la cartella Robot Office
Users alla lettura e al salvataggio. L’installazione del server del programma Robot Millennium dovrebbe
essere fatta dall’amministratore del sistema Robot (questo diritto ottiene la persona che installa il server del
programma Robot Millennium). Quando il server è installato, gli utenti possono installare sui propri
computer le versioni nodo. Durante l’installazione di un nodo, occorre determinare l’indirizzo di rete del
server del programma Robot Millennium.
Il server del programma Robot Millennium può essere installato sul computer, sul quale saranno fatte le
copie backup; può essere server NT, perché l’installazione del server del programma Robot Millennium
non installerà nessun driver, ma per la sicurezza della rete questo dovrebbe essere un altro server,
specialmente per le reti grandi.

INSTALLAZIONE DEL SERVER DELLA VERSIONE RETE DEL PROGRAMMA ROBOT Millennium

ATTENZIONE: L’installazione del server della versione di rete è accompagnata dall’installazione della
cartella Robot Office Common.

Iniziata l’installazione del server della versione di rete, sullo schermo apparirà la finestra, dove occorre
indicare la cartella, in cui sarà installata questa versione.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 21

Nell’installazione rete è possibile scegliere la cartella Robot Office Users; questa è una cartella, dove sono
salvati i file dell’utente. Finora, durante il lavoro nella rete, i file dell’utente erano salvati nel luogo, dove era
stato installato il server del programma Robot (cartella USERS). Attualmente, i file sono salvati sul Server di
File Utente. Nella finestra di dialogo presentata sotto è possibile selezionare il luogo dell’installazione;
l’installatore crea in questo luogo la cartella ROBOT OFFICE USERS.

Dopo un clic sul bottone Avanti (Next), il programma Robot Millennium sarà installato sul server. Dopo
l’installazione del server di Robot Millennium, l’attivazione di questo programma non sarà possibile. Per
farlo occorre installare un nodo. Il nodo può essere installato sullo stesso computer della versione server, ma
l’installazione dovrà essere effettuata in un’altra cartella.

Dopo l’installazione dei file sul server verrà visualizzato il messaggio, come in figura sotto.

Quando la versione server di Robot Millennium è stata installata sulla partizione NTFS (Windows NT),
occorre render accessibile alla lettura la cartella principale del programma Robot Millennium e la cartella
Robot Office Common agli altri utenti, invece la cartella "Users" deve essere accessibile al salvataggio. La

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 22 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

cartella Robot Office deve essere accessibile agli utenti che installeranno i nodi, con i diritti di accesso a
sottocartelle specifiche.
L’amministratore dovrebbe avere il diritto al salvataggio nella cartella principale del programma Robot
Millennium. Durante l’installazione di un nodo della versione rete, la cartella RobotMillennium deve essere
accessibile con i diritti al salvataggio.

Durante l’installazione apparirà il messaggio sulla possibilità di copiare i file d’installazione nella cartella
‘Install’. La creazione di una tale copia è richiesta, quando l’utente vuole installare i nodi della versione rete
in modalità automatica (vedi la descrizione nel cap. Installazione di un nodo della versione rete).
La cartella ‘Install’ creata può trovarsi su qualsiasi computer nella rete, tuttavia, tale computer deve essere
accessibile a tutti e lavorare in modo continuo (il che permette di installare i nodi in ogni momento); perciò si
propone anche di mettere la cartella ‘Install’ sul computer, dove è installato Robot-server. Occorre anche
ricordare di assegnare i diritti d’accesso a questa cartella.

INSTALLAZIONE DI UN NODO DELLA VERSIONE RETE DEL PROGRAMMA ROBOT Millennium

1. Installazione di un nodo sullo stesso computer, sul quale la versione rete è installata

Quando un nodo della rete deve essere installato sullo stesso computer, sul quale è installata la versione
rete, occorre rispondere SI alla domanda mostrata in figura sotto. Occorre ricordare che dopo la
deinstallazione della versione, bisogna eliminare manualmente le cartelle della versione server del
programma Robot.

Data la risposta positiva a questa domanda, sullo schermo apparirà il seguente messaggio:

I passi successivi nell’installazione sono identici a quelli durante l’installazione di un nodo su un altro
computer (vedi la descrizione sotto).

2. Installazione di un nodo sul computer, sul quale la versione rete non è installata

Prima che l’ installazione del server della versione rete sia terminata, sullo schermo apparirà la domanda
concernente la creazione della copia dei file d’installazione nella cartella ‘Install’ per l’installazione
automatica di un nodo a partire dal server. Ci sono due possibilità:
1. SI - l’installazione in modo automatico (vedi sotto: INSTALLAZIONE in modo automatico)
2. NO – l’installazione con l’uso del CD per ogni nodo (vedi sotto: INSTALLAZIONE con l’uso del CD per
ogni nodo).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 23

Iniziata l’installazione della versione rete del programma Robot Millennium, nella finestra occorre
selezionare una delle seguenti opzioni:
• Di rete - nodo (azione veloce): tutti i file sono copiati sul disco del computer, sul quale è installato un
nodo della versione rete
durante l’installazione è necessario definire i percorsi completi alle seguenti cartelle:
Robot-server
Robot Office Common
Robot Office Users
e assegnare a queste cartelle i diritti di accesso convenienti
• Di rete - nodo (Risparmio del disco) – la maggior parte di file si trova sul server, invece nel nodo sono
installati soltanto i file che rendono possibile un’attivazione corretta della versione (file di configurazione
dell’utente).

INSTALLAZIONE in modo automatico


L’installazione di un nodo nella versione rete in modo automatico permette di limitare il ruolo dell’utente
durante l’installazione dei nodi nella versione rete.

L’installazione dei nodi in modo automatico consiste in effettuare l’installazione del primo nodo secondo un
procedimento speciale, permettente di salvare i percorsi a partire dai quali sono copiati i file e determinante
quali cartelle di destinazione devono essere creati.
Dopo questa installazione sarà creato un collegamento specifico, contente i parametri dell’installazione dei
nodi. Tale collegamento può essere lasciato in un luogo accessibile a tutti gli utenti o può essere inviato a
quegli utenti dai quali Robot-nodo sarà installato. L’attivazione di questo collegamento su un computer
selezionato, causerà l’installazione automatica di un nodo, senza la necessità di definire alcun percorso, ecc.
L’installazione in modo automatico va iniziata su qualsiasi computer nella rete, sul quale si vuole installare
Robot-nodo.

L’installazione occorre iniziare dalla linea dei comandi, con il parametro aggiuntivo ‘-r’. Per farlo, occorre
selezionare l’opzione Esegui nella barra Start e nella finestra di dialogo Esegui battere sul bottone Sfoglia
...; quindi occorre indicare il file setup.exe nella cartella ‘Install’ creata durante l’installazione Robot-server
(vedi la descrizione dell’installazione del server della versione rete).

Durante l’installazione apparirà la finestra, nella quale bisogna selezionare il tipo di installazione del nodo.
Terminata l’installazione, sarà creato un collegamento all’installazione in modo automatico nella cartella
principale del server della versione rete. Il collegamento creato va inviato a tutti gli utenti (basta anche
l’informazione, dove è accessibile), che vogliono installare un nodo della versione rete.
Gli utenti dovrebbero averci l’accesso senza logarsi al computer, sul quale sono installati Robot-server, la
cartella ‘Install’ e le cartelle: Robot Office Common e Robot Office Users.
L’installazione di un nodo della versione rete in modo automatico consiste in avviare il collegamento al
l’installazione in modo automatico. Terminata l’installazione, saranno creati:
- collegamento al programma Robot sul desktop
- opzioni di attivazione del programma nel gruppo Robot Office.

ATTENZIONE: La cartella Robot Office Common è installata automaticamente.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 24 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Osservazioni aggiuntive sulla modalità automatica


L’installazione dei nodi in modo automatico causa che tutti i nodi della versione rete saranno installati sullo
stesso disco e nella stessa cartella; quando sul computer, sul quale deve essere installato un nodo della
versione rete non esiste il disco con il nome dato, si produce un errore durante l’installazione
Gli errori che si sono prodotti durante l’installazione, sono salvati nel file testo SetupRobot.log che si trova
nella cartella principale (p.es. C:\) su ogni nodo. Quando il parametro ReturnCode = 0, l’installazione è stata
terminata con successo. Quando il parametro ReturnCode ≠ 0, è raccomandata l’installazione con l’uso del
CD.

INSTALLAZIONE con l’uso del CD per ogni nodo

Dopo un clic sul bottone Avanti > (Next >) nella finestra mostrata sopra, occorre indicare la cartella, nella
quale sarà installato un nodo del programma Robot.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 25

Come durante l’installazione della versione su un unico computer, per i due tipi d’installazione di un nodo
rete, è possibile selezionare i componenti da installare.

ATTENZIONE: Si raccomanda di installare le stesse versioni nazionali del programma Robot Millennium
su tutti i nodi della rete.

Durante l’installazione di un nodo occorre indicare la cartella dell’installazione server del programma Robot
Millennium (server del programma Robot Millennium dovrebbe essere installato in precedenza). Occorre
fare attenzione, se la cartella per la versione server del programma Robot Millennium è stata definita come
l’indirizzo di rete, e se è stata mappata (cambiata in lettera che simboleggia il disco duro). Nel secondo dei
casi, occorre definire l’opzione per un nuovo mappaggio di questo disco, dopo il riavvio del sistema
Windows.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 26 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Di seguito occorre indicare la cartella di database e di file di configurazione Robot Office Common.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 27

Nell’installazione della versione rete è possibile la selezione del Server File Utente; è un luogo, in cui sono
salvati i file dell’utente. Nella finestra mostrata sotto, è possibile selezionare il luogo del server del
programma Robot; l’installatore verificherà i diritti all’accesso nel dato luogo e interromperà l’installazione,
se l’utente non possiede questo diritto.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 28 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Dopo l’installazione del nodo della versione rete è possibile iniziare il lavoro nel programma Robot.

FUNZIONALITA’ DELLA VERSIONE DI RETE

Sotto vengono elencate le caratteristiche principali della versione di rete del programma Robot Millennium:
1. lavoro in modalità locale o server
L’utente può scegliere il luogo, dove saranno collocati i suoi file (progetti e file di configurazione). Può
essere il computer locale che utilizza per lavorare, o un computer di server. Nel secondo caso (quando i file
si trovano sul computer di server), l’utente potrà lavorare sui suoi progetti con qualsiasi computer di rete.

2. possibilità di lavorare sul progetto con qualsiasi computer


Se l’utente desidera lavorare in modalità server, potrà elaborare i suoi progetti con qualsiasi computer di rete
(i file non dovranno essere copiati da un computer all’altro).

3. disponibilità del programma nei confronti dell’utente


Ogni utente ha a disposizione un proprio catalogo con file di configurazione e con progetti.

4. opzioni avanzate di gestione dei file di configurazione


L’Amministratore può definire su un computer di server i file di configurazione per tutti gli utenti di rete.
L’utente è informato sulle eventuali modifiche e può facilmente aggiornare i suoi file di configurazione
(consulta la descrizione del programma Amministratore).

5. possibilità di limitare l’accesso al programma Robot


Se appare tale necessità, l’Amministratore può compilare la lista delle persone autorizzate a utilizzare il
programma Robot, o ad apportare modifiche alla configurazione di default, ecc. (paragona la descrizione del
programma Amministratore presentata sotto).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 29

PROGRAMMA AMMINISTRATORE

Per configurare i parametri del lavoro della versione di rete del programma Robot Millennium si impiega il
programma Amministratore (admn.exe). Il programma è disponibile nel catalogo SISTEMA/EXE del
programma Robot Millennium installato. Le possibilità del programma Amministratore dipendono dai diritti
concessi all’utente. All’utente ‘normale’ del programma Robot Millennium dopo l’attivazione del programma
Amministratore appare la finestra di dialogo che si compone di tre segnalibri (File, Modalità di lavoro e Robot
Expert). All’amministratore del programma Robot Millennium è riservato anche l’accesso ai tre altri segnalibri
(Utenti, Sistema e Monitor di Rete).

ATTENZIONE: Prima di attivare il programma Amministratore occorre controllare, se il programma Robot


Millennium non è aperto in questo momento.

Sotto è presentata la descrizione dei singoli segnalibri disponibili nella finestra di dialogo dell’amministratore.
Segnalibro Utenti (opzione riservata esclusivamente per l’amministratore)
Segnalibro Utenti permette all’amministratore di definire la lista degli utenti e di concedere loro i diritti
appropriati.
Nella finestra di dialogo sono accessibili le seguenti opzioni:
Nome dell’utente : nome con cui l’utente è visto in rete
Diritto all’accesso : utente può attivare il programma Robot
Diritti dell’amministratore : utente ottiene tutti i diritti dell’amministratore
Diritto al lavoro sulla configurazione dell’utente : utente può lavorare sui file di configurazione personali,
nell’altro caso, la configurazione utente è la configurazione server
Opzione Controlla la lista degli utenti all’avvio di Robot non permette di utilizzare il programma a chiunque
non sia presente sulla lista.

Segnalibro Sistema (opzione esclusivamente per l’amministratore)


Nella finestra di dialogo sono disponibili le seguenti opzioni:
Modifica dei file di configurazione : selezionata questa opzione, la configurazione di amministratore diventa
configurazione di server (in seguito, gli utenti potranno aggiornare i file di configurazione utente,
apportandoci le modifiche inserite dall’amministratore)
Codice di protezione – nel caso il codice di protezione sia stato cambiato (p.es., dopo l’acquisto di una
nuova opzione), il nuovo codice va inserito nel campo di modifica. Dopo l’attivazione dall’utente del
programma Robot Millennium, l’applicazione automaticamente attualizzerà il codice di protezione
Creazione di una nuova base dati degli utenti : cancellazione della base utenti attuale e creazione di una
nuova base degli utenti.

Segnalibro Monitor di Rete (opzione esclusivamente per l’amministratore)


Le opzioni disponibili in questo segnalibro permettono di definire l’indirizzo di rete del computer, su cui è
installato Monitor di Rete. L’indirizzo definito viene applicato a tutti i programmi Robot Expert installati
(calcolatrici).
Robot Millennium trova questo indirizzo automaticamente.

Segnalibro File
All’avvio del programma Robot può apparire il messaggio sulla necessità di aggiornare i file di
configurazione o di sistema. Il segnalibro File informa l’utente sullo stato dei suoi file e permette di
attualizzarli automaticamente.
ATTENZIONE: Il programma Robot dovrebbe essere chiuso.

Segnalibro Modalità di lavoro


Il segnalibro Modalità di lavoro consente all’utente di definire i parametri del suo lavoro in rete.
La modalità locale di lavoro fa sì che i file di configurazione dell’utente si trovino sul suo computer locale
(l’accesso vi è più veloce).
La modalità server di lavoro fa sì che i file di configurazione utente si trovino sul server. Questa modalità e
consigliabile, se l’utente desidera lavorare sui suoi progetti con computer diversi.
La selezione della configurazione permette all’utente di dichiarare, se desidera utilizzare la propria
configurazione personale, o la configurazione di server definita dall’amministratore del sistema).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 30 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Se si desidera di continuare a lavorare negli stessi file di configurazione, la copia dei file di configurazione e
dei progetti locali al server, o dei file di server al disco locale, deve essere eseguita, quando è stata cambiata
la modalità di lavoro (dalla modalità locale in quella server, o dalla modalità server in quella locale).
Segnalibro Robot Expert
Il segnalibro Robot Expert permette di attualizzare l’indirizzo di rete del computer, su cui è installato Monitor
di Rete.

Esempi di utilizzazione del programma Amministratore.

A. Cosa fare, se l’utente non è in grado di attivare il programma Robot Millennium:


controllare, se il server è acceso
se durante l’installazione del nodo il percorso al server è stato mappato occorre controllare, se il mappaggio,
dopo il riavvio del computer, e sempre attuale
controllare, se all’utente è stato concesso il diritto a lettura nel catalogo Sistema sul server
controllare, se all’utente è stato concesso il diritto a salvataggio nel catalogo Users/Nome dell’utente
controllare, se all’utente è stato concesso il diritto a utilizzare il programma Robot Millennium.

B. Messaggi all’avvio del programma Robot Millennium


Nel caso appaia il messaggio sulla necessità di attualizzare i file di configurazione o di sistema occorre,
dopo l’attivazione del programma Amministratore, andare al segnalibro File e quindi attivare la relativa
opzione.

C. Lavoro degli utenti nella versione di rete


Quando l’utente desidera lavorare sui suoi progetti con computer qualsiasi in rete, deve sul segnalibro
Modalità di lavoro attivare l’opzione Modalità di lavoro di server.
Quando l’utente lavora in modalità locale (i suoi file di configurazione si trovano su un computer locale) e
desidera lavorare sugli stessi file con un altro computer, deve:
attivare il programma Amministratore
andare al segnalibro Modalità di lavoro
selezionare l’opzione di copia dei file al server
cambiare modalità di lavoro in modalità server.

D. Lavoro dell’amministratore della versione di rete


Modifica della configurazione server (immissione di modifiche nella configurazione visibili per tutti gli utenti):
amministratore si assicura di lavorare nella configurazione corrente (segnalibro File), se no, aggiorna i suoi
file di configurazione
amministratore apporta modifiche necessarie (aggiunta di un nuovo materiale, definizione di un nuovo
profilato, vincolo, di un nuovo modello della stampa, ecc.)
attiva il programma Amministratore
seleziona l’opzione Modifica dei file di configurazione del segnalibro Sistema nella finestra di dialogo
chiude il programma Amministratore
all’utente che avvia più tardi il programma Robot Millennium, arriva il messaggio sulla necessità di
attualizzare i file di configurazione.

Modifica del codice di protezione (p.es. dopo l’acquisto di nuove opzioni):


amministratore attiva il programma Amministratore
sul segnalibro Sistema nella finestra di dialogo definisce il nuovo codice di protezione
utente che attiva più tardi il programma Robot Millennium, avrà il codice di protezione automaticamente
attualizzato.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 31

PROGRAMMA MONITOR DI RETE

Il programma Monitor di Rete ha le seguenti capacità:


seguire programmi attivati in rete che utilizzano la protezione (segnalibro Licenze)
generare rapporti sulla statistica dell’utilizzazione della licenza (segnalibro Rapporti)
ricevere messaggi su fatti avvenuti (segnalibro Avvenimenti)
inviare informazioni/messaggi agli utenti.

Il programma Monitor di Rete può essere installato su computer di rete qualsiasi. Per assicurarne un corretto
funzionamento, occorre attivarlo e non disattivare, finché in rete lavorino i programmi che utilizzano la
protezione di rete. Dopo aver installato Monitor di Rete, nel segnalibro Monitor di rete del programma
Amministratore occorre scrivere il nome del computer, su cui Monitor è stato installato. Ogni programma
(p.es. Robot Millennium, o Robot Expert) invia al Monitor di rete un messaggio sulla sua attivazione e
sull’utilizzazione della licenza di protezione di rete. Sul segnalibro Licenze sono visualizzate informazione sul
programma (nome del computer, su cui è stato attivato, nome dell’utente, numero della protezione in uso,
nome dell’applicazione, identificatore del processo, durata dell’attivazione, stato dell’applicazione).
L’albero dell’applicazione contiene i nomi dei computer e delle applicazioni su essi attivate. Le applicazioni
attivate sullo stesso computer utilizzano la stessa licenza. Durante il funzionamento, ogni qualche minuto
Robot Millennium invia a Monitore di rete un messaggio di controllo. L’ora, in cui il messaggio è stato inviato
viene segnata nel campo Last Ping. Se l’ora segnata in questo campo non è attuale, vuol dire che la data
applicazione non è attiva. I Ping non vengono inviati durante la preparazione della struttura al calcolo.

ATTENZIONE: I programmi Robot Expert non inviano questo tipo di informazione, e Robot Millennium non
può inviarle durante l’inserimento di un file formato *.str.

Terminata l’applicazione, a Monitor di rete viene inviato il messaggio che l’applicazione è stata terminata e
quindi essa viene cancellata dall’albero dell’applicazione del segnalibro Licenze.
La diagnostica dell’utilizzazione della licenza consiste nell’osservare l’albero nel segnalibro Licenze.
L’Amministratore può vedere chi e da quanto tempo utilizza la licenza, può controllare inoltre, se la licenza
non è stata bloccata dal processo sospeso. L’opzione Cancella applicazione (Remove Application) permette
di cancellare dall’albero l’applicazione che non esiste (che probabilmente è stata terminata in modo non
corretto, e non ha liberato la protezione). Monitor di rete deve essere attivo durante il tempo dell’utilizzazione
della protezione. Se Monitor sarà chiuso, dopo la sua successiva riattivazione, sarà possibile avere le
informazioni sui programmi che lavorano in rete, tranne quelle sui programmi che sono stati terminati in
modo non corretto, mentre Monitor era disattivato (questi programmi saranno assenti nell’albero e
bloccheranno la licenza).
L’Amministratore può generare i rapporti sull’utilizzazione della licenza dagli utenti. Sono disponibili alcuni
modelli di rapporto, tuttavia l’utente può crearne anche altri, personali, a seconda delle necessità. Il rapporto
definito dall’utente è visualizzato nella tabella sul segnalibro Rapporti e può essere stampato. Il rapporto di
default contiene l’intero database (tutte le informazioni sono archiviate nella base MDB e sono disponibili
dopo l’attivazione del programma MS Access). Quando l’opzione Logout Status è attivata, significa che
l’applicazione ha inviato il messaggio sulla terminazione di una sessione di lavoro. Quando questa opzione è
disattivata, significa che mentre Monitor di rete era disattivato alla chiusura dell’applicazione si è verificato un
errore.
ATTENZIONE: Ogni tanto i record inutili presenti nel database dovrebbero essere cancellati.

Se all’applicazione (ai programmi Robot Millennium, o Robot Expert) non è stata concessa una licenza,
Monitor ne riceve il messaggio che sarà visualizzato sul segnalibro Avvenimenti.

Il programma Monitor di rete permette di inviare i messaggi agli utenti con l’uso della finestra di dialogo che
consente di comunicare al destinatario il contenuto del messaggio. I messaggi inviati all’utente durante la
sua sessione di lavoro vengono visualizzati immediatamente (se l’utente lavora con versione dimostrativa,
non più tardi che 5 minuti dopo che sono stati inviati), gli altri saranno visualizzati quando Robot verrà
riavviato.

ATTENZIONE: I messaggi possono essere inviati soltanto agli utenti del programma Robot Millennium.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 32 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Affinché i messaggi possano essere ricevuti, nel programma Amministratore, sul segnalibro Monitor di
Licenza occorre attivare il campo Gestione dei messaggi (il segnalibro è accessibile esclusivamente per
l’Amministratore).
Affinché i programmi Robot Expert possano registrarsi in Monitor di Rete, occorre eseguire le seguenti
operazioni:
• attivare il programma Amministratore sul computer, su cui saranno utilizzati i programmi Robot Expert

• selezionare il segnalibro Robot Expert e quindi aggiornare Indirizzo del Monitor di Licenza (quando il
relativo pulsante non è accessibile, significa che l’aggiornamento è stato già eseguito).
Durante l’aggiornamento può verificarsi un errore, dovuto alla mancanza di autorizzazione a modificare i
registri da parte dell’utente. In tale situazione, l’aggiornamento dovrebbe essere condotto dall’utente che
possiede i diritti dell’Amministratore del dato computer (da non confondere con i diritti dell’Amministratore nel
sistema Robot Millennium)
L’aggiornamento può essere eseguito anche con l’attivazione del programma RegEdit disponibile nel
sistema Windows 95/98/NT/2000 e la successiva definizione del valore della chiave
«HKEY_LOCAL_MACHINE \ SOFTWARE \ RoboBAT \ Protection \ Net \ LicenceServerName » all’indirizzo
corrente di Monitor di Licenza (disponibile sopra il bottone Attualizza sul segnalibro Robot Expert del
programma Amministratore).

1.2.3. Parametri della protezione. Aggiornamento del codice di


protezione
Il contenuto della chiave di protezione fornita con il programma Robot può essere modificato, quando si
inserisce il codice adeguato. Tale situazione può avere luogo quando l’utente ha acquistato nuove opzioni o
quando la protezione temporale è terminata e l’utente decide di prolungarla.
La finestra di dialogo Protezione – Impostazioni permette di modificare o di verificare i parametri della
protezione sul computer dell’utente. Dopo l’installazione del programma, le opzioni disponibili in tale finestra
di dialogo permetteranno all’utente di cambiare i parametri della protezione.
La finestra di dialogo Protezione – Impostazioni può essere attivata nel menu AVVIO del sistema operativo
Windows: Robot Structural Office / Strumenti / Protezione – Impostazioni

ATTENZIONE: Prima di aprire la finestra di dialogo Protezione – Impostazioni occorre controllare se i


programmi che utilizzano le chiavi di protezione di RoboBAT sono stati chiusi.

Dopo la selezione dei parametri della protezione, sullo schermo sarà visualizzata la finestra di dialogo in
figura sotto.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 33

Sul segnalibro Aggiornamento è disponibile la lista Seleziona licenza; in tale lista occorre selezionare il
numero della licenza, il cui contenuto deve essere modificato. Il sistema della protezione coopera con tre tipi
di chiave: chiavi locali (HASP), chiavi di rete (NetHASP) e chiavi di disco (SoftGuard). Sono gestiti 6 tipi di
chiavi locali, cui corrispondono le lettere dalla A alla F. L’apposita lettera appare sulla lista di selezione.
Quando la chiave di protezione è selezionata, il numero della licenza e l’identificatore della chiave saranno
identificati automaticamente (nei campi Numero e ID sono inseriti gli appositi valori). Nel caso della
protezione di disco, nel campo ID viene inserito il valore nullo.

ATTENZIONE: Non si devono collegare contemporaneamente più chiavi locali dello stesso tipo. Quando,
per esempio, al computer saranno collegate due chiavi tipo A, solo una di esse (scelta a
sorte) sarà letta in modo corretto.)

Nel campo Fonte d’informazione sulle modifiche sono disponibili le opzioni che permettono di definire i codici
di modifica per i parametri della protezione, salvati sulla chiave di protezione selezionata prima. Occorre
selezionare il luogo da cui l’informazione sulle modifiche della protezione deve essere scaricata (Internet,
CD, file, o definizione manuale) e quindi cliccare sul bottone Applica, disponibile in basso della finestra di
dialogo. Nel campo Personalizzazione può essere inserita l’autorizzazione del programma (sono i caratteri
che appaiono, ad es. nella finestra d’avvio del programma Robot ); il numero di caratteri non può essere
superiore a 31. Per salvare la personalizzazione modificata sulla chiave di protezione, occorre cliccare si
Applica.
Un clic sul bottone Rilettura permette di rileggere le licenze disponibili; l’opzione è utile, quando l’utente
possiede più di una chiave dello stesso tipo (p.es. tipo A). Dato che non è possibile inserire
contemporaneamente più di una chiave dello steso tipo, ogni operazione sulle chiavi deve essere effettuata
a suo turno. Basta, senza uscire dal programma, sostituire la chiave e cliccare su Rilettura.

In basso, nella finestra di dialogo Protezione - Parametri sono disponibili i seguenti bottoni:
• Rapporto – cliccando su tale bottone l’utente attiva la generazione del rapporto contenente i parametri
attuali della protezione per la licenza selezionata
• Test - cliccando su tale bottone l’utente attiva il test di protezione. La procedura di test consiste in
verificare il sistema della protezione, mediante il controllo di ogni chiave locale e delle licenze di rete e
delle licenze installate di disco attive. In risultato del test effettuato, si genera il file di testo con
l’informazione che dovrebbe aiutare a identificare la causa di eventuali problemi di protezione.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 34 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Quando si verificano problemi di protezione, occorre battere sul bottone Test e inviare il file con il
risultato del test al supporto tecnico di RoboBAT.
• Chiudi – chiude la finestra di dialogo Protezione – Parametri.

Per configurare il sistema di protezione di ogni programma di RoboBAT, occorre passare al segnalibro
Parametri (vedi la figura sotto).

La posizione Parametri comuni per tutti i programmi permette di configurare in modo uniforme il sistema
della protezione di ogni programma di RoboBAT. Tre tipi di protezione sono disponibili che possono essere
verificati durante l’attivazione del programma: protezione salvata sulla chiave locale HASP, licenza di rete
(venduta insieme con la chiave di rete NetHASP) e la licenza di disco gestita da Software Protection Service
(SoftGuard). Per indicare che il dato tipo di protezione va controllato durante l’attivazione del programma,
occorre segnare la posizione adeguata con . È possibile una contemporanea indicazione di più di una
posizione. P.es., quando saranno segnate le posizioni: Chiavi Locali e Licenze Rete, il sistema prima
verificherà la chiave locale, e se questa è assente, controllerà la licenza di rete.

Per le licenze di rete e di disco occorre anche indicare il numero di licenza che sarà utilizzata. Per questo
occorre cliccare sull’icona e aprire la finestra di dialogo per selezionare la licenza (vedi la figura sotto).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 35

La licenza di disco, la si seleziona indicando il suo numero (come in figura sopra), invece la licenza di rete si
seleziona, indicando il conveniente file pmn con la licenza di rete.

È possibile una configurazione indipendente del sistema di protezione per singoli programmi o gruppi di
programmi. Ciò permette di acquistare la licenza locale per il programma Robot e la licenza di rete per
ESOP e di lavorare contemporaneamente con i due programmi sullo stesso computer.

Per esempio, per rendere possibile un lavoro contemporaneo con la protezione locale di Robot e con la
protezione di rete di ESOP sullo stesso computer, occorre in questa finestra di dialogo:
• Scegliere Parametri indipendenti per il programma ESOP
• Selezionare la posizione “Licenze Rete“ disponibile sotto, quindi indicare l’apposita licenza di rete
• Cliccare su Applica, per salvare le modifiche.

In modo simile può essere definita la protezione per il programma ESOP, indipendentemente dalle
definizioni della protezione per gli altri programmi.

La posizione Parametri indipendenti per il programma ESOP apparirà sul segnalibro Parametri solo, quando
il programma ESOP sarà stato installato sul computer.

Le licenze di rete e di disco sono salvate in appositi file. L’utente può indicare le cartelle, in cui saranno
salvati i file con le licenze. Per farlo, occorre estendere la posizione Cartelle e licenze. Cliccando sull’icona
l’utente può indicare la cartella adeguata per i file con le licenze. Dopo l’estensione della posizione
contenente il percorso alla cartella, saranno visibili anche tutte le licenze installate.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 36 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Un doppio clic su Aggiungi licenza permetterà all’utente di indicare un nuovo file con la licenza di disco o di
rete che sarà installata.
Con le licenze della protezione di disco sono legate certe operazioni addizionali, disponibili sul segnalibro
SoftGuard (vedi la fig. sotto).

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 37

L’operazione fondamentale è Generazione del codice del computer. Il codice identifica il computer
dell’utente. Tale codice è indispensabile per creare la licenza di disco per il dato computer. Per ottenere la
licenza di disco, l’utente deve inviare il codice del suo computer al venditore del programma.

Quando il venditore trasmetterà all’utente il file contenente la definizione della licenza di disco, l’utente deve
installare la licenza sul suo computer. Per questo, sul segnalibro SoftGuard occorre selezionare
Installazione della nuova licenza.

In questa finestra di dialogo nel campo File – selezione del file ottenuto dal venditore del programma occorre
scrivere il percorso di accesso al file di licenza ricevuto, e quindi cliccare su Applica.
Le operazioni concernenti la chiave di rete NetHASP sono state raggruppate sul segnalibro Chiave di rete, in
figura sotto.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
pagina: 38 ROBOT Millennium versione 19.0 Manuale per l’utente

Quando si passa a questo segnalibro, il contenuto della chiave di rete NetHASP sarà letto automaticamente.
La chiave non deve essere collegata al server delle licenze di rete - cioè al computer, su cui è stata attivata
NetHASP License Manager – e vista dalla rete. Letta la chiave, nella finestra apparirà la lista delle licenze
programmate sulla chiave, cioè ID, tipo e contenuto.
Il contenuto della chiave potrà essere modificato con l’aiuto dei codici ottenuti dal distributore. Per farlo,
occorre indicare il file con i codici ottenuti e accettare le modifiche, cliccando su Applica. Il bottone
NetHasp.ini facilita l’accesso alla configurazione della protezione di rete mediante l’attivazione dell’editor di
testi con il file nethasp.ini che è il file di configurazione per la protezione di rete NetHASP. Il file nethasp.ini
dovrebbe trovarsi nella cartella di sistema.

ATTENZIONE: Per accelerare l’accesso alla chiave di rete, nel file di configurazione nethasp.ini si può
assegnare alla variabile NH_SERVER_ADDR l’indirizzo del computer, sul quale è stata
installata.

Il bottone Prestito permette di trasferire temporaneamente la licenza della chiave rete sulla chiave locale o
sulla licenza SPS. Per attivare questa opzione, occorre indicare nella finestra con la lista delle licenze
programmate sulla chiave di rete la licenza che vogliamo prendere in prestito e cliccare sul bottone Prestito.
Sullo schermo apparirà la finestra di dialogo presentata in figura sotto.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com
ROBOT Millennium versione 19.0. Manuale per l’utente pagina: 39

Prima di usare l’opzione per la prima volta, occorre configurare (bottone Parametri) la connessione con il
programma RobotBAT Extension for NetHASP LM (nhext.exe), che dovrebbe essere attivato sul computer
del server delle licenze di rete. La configurazione consiste in definire l’indirizzo IP del server e il numero del
porto di comunicazione (di default 10001). Occorre assicurarsi che il numero di porto definito non è stato
bloccato dal software tipo firewall. Il programma nhext.exe concede il prestito della licenza e il suo ripristino
automatico sulla chiave di rete dopo la scaduta del termine del prestito.
Per prendere in prestito la licenza di rete, occorre indicare il file PMN che definisce il contenuto della licenza
da prestare e determinare la durata del prestito, e cioè la data della restituzione automatica della licenza. La
licenza può essere trasferita sulla chiave locale HASP o sulla licenza locale SPS per un qualsiasi computer.
Per creare la licenza SPS per un qualsiasi computer, occorre definire il codice di destinazione del computer
e indicare il file SLF, nel quale sarà salvata la licenza. Di seguito, occorre copiare il file SLF sul computer di
destinazione e installare con l’uso dell’opzione Installazione della nuova licenza sul segnalibro SPS.

1.3. Generazione del rapporto sull’installazione


Terminata l’installazione del programma e attivato il programma, verrà generato automaticamente il rapporto
sull’installazione, in cui saranno presentate le informazioni sul programma Robot. Se il rapporto
sull’installazione (rapporto di protezione) non sarà stampato subito, l’utente può generarlo in diversi modi.
Per iniziare la generazione del rapporto sull’installazione, l’utente può scegliere fra le seguenti possibilità
disponibili nel programma:

1. nel menu del programma Robot selezionare l’opzione Guida / Parametri della protezione, nella finestra
di dialogo Protezione - Parametri e cliccare sul bottone Rapporto.
2. nel menu AVVIO del sistema Windows attivare l’opzione Robot / Strumenti / Parametri; nella finestra di
dialogo Protezione - Parametri cliccare su Rapporto.

ATTENZIONE: La generazione del rapporto sull’installazione può durare molto; quando la generazione sarà
terminata, sullo schermo apparirà l’editor di testi, in cui sarà visualizzato il rapporto.

© RoboBAT
Via Monte di Pietà, I-20121 Milano, Tel 02 86 99 50 72 Fax 02 80 29 89 96
Email: informazioni@robobat.com