Sei sulla pagina 1di 6

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO

SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO


“G. CERUTI”

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE
MUSICA
a.s. 2010 -2011

Docente : DE LUCIA ANTONIETTA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E SPECIFICI (CONOSCENZE E ABILITA’)


GRADUATI PER FASCE DI LIVELLO

CLASSE PRIMA

OBIETTIVI DI OBIETTIVI SPECIFICI OBIETTIVI STANDARD


APPRENDIMENTO MINIMI
• conosce il lessico specifico • comprende ed utilizza i
relativo agli argomenti trattati termini del linguaggio
• riconosce i simboli della specifico
COMPRENSIONE ED USO notazione relativi al ritmo • decodifica il significato
DEL LINGUAGGIO • legge le note nel pentagramma dei simboli di una
MUSICALE partitura (monodica e
polifonica) con la
presenza di soli suoni
naturali e tempi
semplici
• sa utilizzare il codice
nel dettato ritmico
• sa ascoltare in silenzio • sa individuare ed
• sa riconoscere una fonte sonora analizzare, in una
CAPACITA’ DI ASCOLTO, • sa riconoscere, al riascolto, sequenza sonora, le
INTERPRETAZIONE ED brani precedentemente ascoltati caratteristiche richieste
ANALISI o eseguiti • sa riconoscere, in una
• sa riconoscere la durata del sequenza ritmica, gli
suono all’interno di semplici elementi del codice
sequenze ritmiche musicale richiesti
• esegue, anche solo parzialmente, • esegue correttamente le
semplici melodie note di semplici
• sa riprodurre un ritmo ascoltato melodie all’interno
• all’interno di una esecuzione di dell’intervallo DO-RE’
PRATICA VOCALE E gruppo sa intervenire eseguendo • esegue correttamente
STRUMENTALE la parte imparata sequenze ritmiche con
• segue le indicazioni del direttore durate fino alla croma e
tempi semplici
• sa eseguire brani
polifonici e/o suonare
su una base registrata
• realizza un ostinato ritmico • compone brevi sequenze
RIELEBORAZIONE seguendo l’esempio del gruppo melodiche o ritmiche
PERSONALE seguendo indicazioni
date

CLASSE SECONDA

OBIETTIVI DI OBIETTIVI SPECIFICI OBIETTIVI STANDARD


APPRENDIMENTO MINIMI
• conosce il lessico specifico • comprende ed utilizza i
relativo agli argomenti trattati termini del linguaggio
• riconosce i simboli della specifico
COMPRENSIONE ED USO notazione relativi al ritmo • decodifica il significato
DEL LINGUAGGIO • riconosce i simboli relativi alle dei simboli di una
MUSICALE alterazioni partitura (monodica e
• legge le note nel pentagramma polifonica) con la
e con un taglio addizionale presenza di suoni
naturali ed alterati in
tempi semplici
• sa utilizzare, nel dettato
ritmico, simboli come il
punto e la legatura di
valore e le cellule
derivate dalla quartina
di semicrome
• sa ascoltare in silenzio • sa individuare ed
• sa riconoscere alcuni strumenti analizzare, in una
CAPACITA’ DI ASCOLTO, musicali dal timbro sequenza sonora, le
INTERPRETAZIONE ED • sa riconoscere, al riascolto, i caratteristiche richieste
ANALISI brani precedentemente ascoltati • sa contestualizzare brani
o eseguiti inserendoli nel musicali non noti in
contesto specifico base a specifiche
• sa riconoscere la durata del caratteristiche
suono all’interno di semplici • sa riconoscere, in una
sequenze ritmiche sequenza ritmica, gli
elementi del codice
musicale richiesti
• esegue, anche solo parzialmente, • esegue correttamente le
semplici melodie con la note naturali e alterate
presenza di suoni alterati di melodie di media
• sa riprodurre un semplice ritmo difficoltà all’interno
PRATICA VOCALE E scritto dell’intervallo DO-MI’
STRUMENTALE • all’interno di una esecuzione di • esegue correttamente
gruppo sa intervenire eseguendo sequenze ritmiche con
la parte imparata durate fino alla
• segue le indicazioni del direttore semicroma e tempi
semplici
• sa eseguire brani
polifonici e/o suonare
su una base registrata
• realizza un ostinato ritmico • compone brevi sequenze
RIELEBORAZIONE seguendo l’esempio del gruppo melodiche o ritmiche
PERSONALE seguendo indicazioni
date
CLASSE TERZA

• Maturazione
OBIETTIVI di una
DI sufficiente responsabilità
OBIETTIVI e costanza nel lavoro
SPECIFICI OBIETTIVI STANDARD
domestico
APPRENDIMENTO MINIMI
• Allungamento dei tempi di acquisizione dei contenuti
• conosce disciplinari
il lessico specifico • comprende ed utilizza i
• Assiduo controllo con frequenti verifiche e richiami
relativo agli argomenti trattati termini del linguaggio
• Valorizzazione dell’ordine e della•precisione
riconosce, in una partitura, i specifico
•COMPRENSIONE
Acquisizione delle
ED tecniche
USO di studio simboli della notazione relativi • analizza una partitura
• Esercitazioni di fissazione/automatizzazione
DEL LINGUAGGIO al ritmodellee conoscenze
quelli relativi alla monodica o polifonica
• Obiettivi minimi
MUSICALE scrittura delle altezze dal punto di vista
• legge le note nel pentagramma ritmico e melodico;
e con un taglio addizionale individua la tonalità e
lo schema formale

• sa ascoltare in silenzio • sa individuare ed


• sa riconoscere alcuni strumenti analizzare, in una
CAPACITA’ DI ASCOLTO, musicali dal timbro sequenza sonora, le
INTERPRETAZIONE ED • sa riconoscere, al riascolto, i caratteristiche richieste
ANALISI brani precedentemente ascoltati • sa contestualizzare brani
o eseguiti inserendoli nel musicali non noti in
contesto specifico base a specifiche
• sa riconoscere la durata del caratteristiche
suono all’interno di semplici • sa riconoscere, in una
sequenze ritmiche sequenza ritmica, gli
elementi del codice
musicale richiesti
• esegue, anche solo parzialmente, • esegue correttamente le
semplici melodie con la note naturali e alterate
presenza di suoni alterati di melodie comprese
• sa riprodurre un semplice ritmo nell’intervallo DO-FA’
PRATICA VOCALE E scritto • esegue correttamente
STRUMENTALE • all’interno di una esecuzione di sequenze ritmiche, con
gruppo sa intervenire eseguendo durate fino alla
la parte imparata semicroma, in tempi
• segue le indicazioni del direttore semplici e composti
• sa eseguire brani
polifonici e/o suonare
su una base registrata
• realizza un ostinato ritmico • compone brevi sequenze
RIELEBORAZIONE seguendo l’esempio del gruppo melodiche o ritmiche
PERSONALE seguendo indicazioni
date

ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DISABILITA’

ALUNNI CON DISTURBI DI APPRENDIMENTO


Saranno utilizzate misure dispensative quali :
• Lettura ad alta voce
• Scrittura in corsivo
• Esercizi ripetitivi per il recupero degli errori
• Memorizzazione di sequenze

E, allo stesso tempo, strumenti compensativi quali:


• Uso dello stampato maiuscolo
• Videoscrittura al computer con correttore ortografico
• Registrazioni audio
• Dizionario computerizzato
• Lavagna multimediale
• Compiti ridotti
• Uso di immagini, schemi, mappe

Infine, la valutazione delle prove scritte terranno conto del contenuto più che della forma.

ALUNNI STRANIERI DI I E II ALFABETIZZAZIONE


Alfabetizzazione (Livello 1)

• Obiettivi minimi e ridotti


• Allungamento dei tempi di acquisizione dei contenuti disciplinari
• Integrazione sociale e relazionale

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

La competenza in Musica prevede la maturazione della capacità di riconoscere ed analizzare con


linguaggio appropriato le fondamentali strutture musicali; di comprendere i messaggi musicali
relativi al contesto storico sociale che li ha generati e la loro valenza espressiva; l’alunno deve
essere inoltre in grado di esprimersi attraverso la voce e l’uso di strumenti didattici.

INSIEME DELLE UNITA’ DI APPRENDIMENTO


CLASSE PRIMA

UN MONDO DI SUONI E DI EMOZIONI: L’alunno acquisisce la capacità di indagare e


CAPIRE E DESCRIVERE I SUONI riflettere sulla qualità dei suoni presenti
nell’ambiente e sulle funzioni della musica nella
nostra civiltà
NOTE PER CANTARE E SUONARE L’alunno acquisisce la capacità di leggere e
scrivere le note nel pentagramma con un taglio
addizionale Esegue le note naturali comprese
nell’intervallo DO.RE’
IL RITMO L’alunno acquisisce la capacità di leggere,
scrivere ed eseguire una sequenza ritmica e di
riconoscere, ascoltando un brano musicale, le
differenze ritmiche e agogiche
CLASSE SECONDA

GLI STRUMENTI MUSICALI L’alunno acquisisce la capacità di distinguere


gli strumenti musicali e di riconoscerne il
timbro; associa inoltre i diversi organici
musicali ai contesti di appartenenza

L’alunno acquisisce la capacità di leggere, scrivere


IL RITMO: IL PUNTO DI VALORE E LA ed eseguire una sequenza ritmica con punti di valore
SEMICROMA e semicrome

I LUOGHI DELLA MUSICA: MEDIOEVO E L’alunno acquisisce la capacità di saper


RINASCIMENTO contestualizzare la musica sacra e profana del
Medioevo e del Rinascimento e di comprenderne le
funzioni sociali
LE NOTE ALTERATE PER CANTARE E L’alunno acquisisce la capacità di leggere, scrivere
SUONARE ed eseguire le note naturali comprese nell’intervallo
DO-MI’ e alcune note alterate

CLASSE TERZA
TEMPI, TONALITA’ E STILI DIVERSI PER L’alunno acquisisce la capacità di analizzare ed
CANTARE E SUONARE eseguire brani musicai in tempi semplici e
composti, monodici e polifonici e in tonalità
diverse
I LUOGHI DELLA MUSICA: SETTECENTO, L’alunno acquisisce la capacità di saper
OTTOCENTO E NOVECENTO contestualizzare la musica dal Settecento in poi e di
comprenderne le funzioni sociali
GLI INNI NAZIONALI L’alunno acquisisce la capacità di cogliere il
significato e la funzioni degli inni nazionali.

CONTROLLO E VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI

a) Verifica diagnostica: prove d’ingresso per la pianificazione del piano di lavoro


b) Verifica formativa: prove frequenti e sistematiche svolte “in itinere” per regolare l’andamento
didattico
c) Verifica sommativa: prove finali di accertamento del processo di apprendimento
d) Verifica obiettivi formativi:
osservazione diretta del:
• comportamento nel gruppo e nel lavoro autonomo
• esecuzione dei compiti assegnati a casa in modo sistematico, ordinato e completo
• rispetto delle regole verso i compagni, il personale e l’ambiente scolastico
TIPOLOGIA DI PROVE

▫ test scritti a completamento


▫ test scritti a risposta chiusa
▫ test scritti ad abbinamento
▫ domande aperte scritte
▫ corrispondenze
▫ quesiti vero/falso
▫ quesiti a scelta multipla
▫ completamenti o integrazioni
▫ esercitazioni
▫ test pratici

VERIFICHE E VALUTAZIONE

Le prove di verifica delle conoscenze e abilità, che saranno somministrate al termine di ogni UA o di una
parte di essa, saranno congruenti con quanto è stato svolto e volte a rilevare il grado di raggiungimento degli
obiettivi stabiliti.
Le verifiche si baseranno su prove oggettive e soggettive graduate per diversi livelli di difficoltà e strutturate
per criteri
La misurazione delle prove sarà espressa in decimi, in base all’art. 3 del decreto Gelmini, ora legge n.169 del
30 ottobre 2008.

Infine, per i criteri e le modalità di valutazione si rimanda al documento redatto da questa scuola nell’a.s.
2009-2010 riguardante la valutazione .

Iniziative a livello di Istituto

• SAGGIO MUSICALE NATALIZIO


• SAGGIO MUSICALE ALLA FINE DELL’ ANNO SCOLASTICO
• CORSO DI TASTIERE

La docente