Sei sulla pagina 1di 277

I ndice

I n t r o d u z i on e 13

1. L ’ or igin e d el l ’al ch i m i a: m ito e st o r i a n el l a t r ad i zi on e


occi d en t al e 17

i .i . L ’origine d el l ’alchi m i a 17
1.2. I l mito dell a perfezi on e 22
1-3- Fi gl i di Er m et e 26

2. Segr et i d el l a n at u r a e segreti d el l ’ alch i m i a 31

2.1. I segreti del l a nat ura 31


2.2. Pr el u di o al l ’alchim ia 33
2.3. L e dot t rine di Er m et e 37
2.4. Ph y si k à k a ì m y st i k à 40

3- L ’Ar t e Sacr a 47

3.1. I n pr inci pi o la donna 47


3.2. L ’alt are del sacr i fi ci o 51
3.3. I l segret o d el l ’angelo 55
3.4. U n ’acqua di vi n a e fi losofica 59

4. C h r y so p o e ia 65

4 .1. Passaggi o ad O r i en t e 65

7
A R C A N A S A P I E N Z A

4.2. Alchi m i st i di bibl iot eca 67


4.3. I l fiore dell a pr at ica 69
4.4. L a fabbri cazi on e del l 'or o 72

5. Co sm o l o gi e al ch em i ch e 79

5.1. I segret i del l a cr eazione 79


5.2. L a T abu l a sm ar agd i n a 82
5.3. U n congresso di alchim ist i 85
5.4. L a chiave dell a sapi enza 87

6 . L a sapi en za t r asfor m at r i ce 95

6 .1. L ’alchim ia n el l ’IsIam 95


6.2. L a Bi lanci a 96
6.3. Sost anze e operazi on i 10 1
6.4. Al legori e 102
6.5. U n giudizi o fi l osofi co 105
6.6. Pr opedeu t i ca dell a sapienza 107

7. F r a d u e ci vi l t à 111

7.1. L ’or o spagn ol o 111


7.2. I segreti di Er m et e 113
7.3. «Q u est ’oper a som i glia alla cr eazion e di un uom o» n6
7.4. L ’anima n el l ’alchi m i a 118
7.5. I l m agist ero perfet t o 121
7.6. T r an sl at i o a l ch em i a e 122

8. Fal sar i e fi l o so fi 129

8 .1. Si m i a n at u r a e 129
8.2. U n nuovo sapere 132
8.3. Al chi m i a e filosofia nat urale 133
8.4. L a t rasm ut azione dei metalli 137

8
I NDICI.

8.5. Alchim ia, m edici na e pr olungam ent o dell a vita 13 9


8.6. Aurum p e r m a g i st e r i u m 14 4

9 - D a l so gn o d el l ’e l i x i r al la p r o d u z i o n e d el l a q u i n t e s­
sen za 14 9

9 . 1. Il segret o dei segr et i della nat ur a 14 9


9.2. Una scu ol a di alchim ist i
9 . 3. Un t esor o du revol e 15 6
9.4. I semi dell a perfezi one 1 5 9

9-5 La quint essenza 16 1


9.6. Dist illare la r adi ce della vit a 16 3

IO. R eal t à, l e gge n d e e si m b o l i al l a f i n e d el M e d i o e vo 16 9

IO .I. L oro, il sole, il cuor e 16 9


10 . 2. Liber libr u m a p er it 172
I O .3. Vit a d ’alchi m i st a x 74
I O .4. Visioni, par abol e, profezi e 17 8
10 . 5. La con danna del l ’I nqui si t or e 18 3

II. N a sci t a d i u n a t r a d i z i o n e 18 9

I I .I . U n’epoca di passaggi o 18 9
I 1 .2 . Segret ezza e di vulgazi one 193
I I . 3. Il l i n guaggio dell e im m agini 195
I I .4 . Bi b l i o t h eca C h e m i ca 20 0
I I . 5. Il r it or no di Er m et e 20 2

12. V i si b i l e e i n vi si b i l e 20 9

12 . 1. A t anor m i cr ocosm i co 20 9
12. 2 . L a luce del l a nat ur a 2 12
12 . 3. Si g n a t u r a r e r u m 215
I 2. 4 . L a filosofia chi m i ca 2 18
12. 5. La filosofia M osaica 220
12. 6 . Con t i nui t à e r ot t u re 222

9
A R C A N A S A P I E N Z A

I l sap e r e occu lt at o 229


Sogn i e ut opi e 229
I con e e m usica 2 32

I segr et i dell e cort i 235


A l k a h est 239
II cr ipt ogram m a delTO nn ipot ent e 243

Ch i m i ca su bli m e 2 5 1

L ’al ch im i a n el l ’et à dell a chi m i ca 251

La per fezione dell a chi m i ca 2 54

Esper i m en t o vit ale 255

L ’i deal e della perfezione 260


D al l ’erudi zi on e alla st oria 264
I l pr i m o err or e 26 6

L a G r a n d e O p er a 273

Cat t edral i alchem iche 2 73

2 7 6
M y st er i u m C o n i u n ct i o n i s
A lchi m i a e m odernit à 281
Tr asfor m azion e e cura del m ondo 283

Co n cl u si o n e 293

Bi b l i o gr afì a 2 9 7

I n d i ce dei n om i 3* 7

10
A fà n de d e sv e l a r , afàn irrep rim ib le de co m u n ica r
l o d e sv e l a d o [ . . . ] , si n sa b e r el e f e c t o q u e v a a cau ­
sa r , q u e v a a se g u i r d e su r e v e l a c i ó n .
M a r i a Z a m b r an o , P o r q u é se e s c r i b e
I n tro d u zi o n e

D upl i ce è st at a fin dal l ’origine la pr odu zi on e degli alchi m i st i : i l r i ­


sult at o m at eri ale delle operazi oni di l abor at or i o su cui f o n d avan o i l
pr opri o sapere e i fium i di par ole che h an n o scritt o per i n segn ar e a
ot t enerlo. N on possedi am o alcun pr odot t o ch e sia effet t iva, non l e g ­
gen dar ia t est im onianza dei t ent at ivi persegu it i per secoli dai “ fi gl i d i
Er m et e” di far e l ’oro o l ’elixir; m a di l or o ci rim ane una l et t er at u r a
st erm inat a e in gran par t e ancora sem i sconosciut a, redat t a in f o r m e
di versi ssim e, dal l a ricet t a al t rat t at o fi losofico all'allegori a in p ar o l e e
im m agini.
Test i scrit t i e i m m agini sono l 'u n i co l asci t o cert o di una t r ad i z i o ­
ne per m olt i aspet t i an cor a vivent e: olt re al l ’esist enza di un co sp i cu o
num er o di pr at i can t i “ t radi zi on al i ” pi ù o m eno at t endi bi li (di cu i h o
avut o m odo di saggi are la consist enza at t raverso le num er ose e- m ai l
che ho r icevut o dopo aver affidat o ad un si t o Int ernet un br eve i p e r ­
t est o su ll 'al ch im i a com e «sapere che nasce dal fare»), alcuni r i c er c a­
t ori n ell ’am bit o delle farm acologi e alt ernat i ve fanno seri am ent e r i f e r i ­
m ent o alla t radizi one alchem ica e un buon num ero di psi col ogi d e l
pr ofon do t rovan o riscont ro alla di ffi ci l e erm eneut ica dei sogni nel d e ­
posi t o, cert o n on meno oscuro, dell e im m agini e delle operazion i d el -
l 'A r t e Sacra. Per non par lare della presenza am bigua del t erm i ne st es­
so “ alchi m i a” e di significat ivi r eper t i del l essi co alchem i co ( q u i n t es­
senza, pi et ra filosofale, sublim are ecc.) nel li nguaggio di ogni g i o r n o ,
o dell 'affasci nat a reazione che generalm ent e il solo nom inare l 'al c h i ­
m ia suscita.
N on è st at o faci le decider e di r accon t ar e la storia del l 'al ch i m i a r i ­
n un ci ando alla sicurezza di una st ori ografi a di t ipo accadem i co, c o m e
con t r ibut o speci alist ico ad una st ori a delle scienze, o di u n 'i n t er p r et a­
zione com unque legit timat a, com e quell a del l a t radizione er m et i ca o
quell a junghiana “ di st ret t a osservanza” . D 'al t r a parte, com e gli al c h i ­
misti di cui par lerò, anch'io ho cedut o alla t entazione di affi d ar e a
pagi ne scrit t e il “ segr et o” che per par t e mia ho t rovat o n el l ’al ch i m i a e

13
A R C A N A SA P I E N Z A

che, for se perché la m ia r icer ca era di or di ne fi losofico, si è m ost rat o


in t er m i ni fi losofici, com e scopert a di una con cezion e del fare um ano
e d i una vi si on e del m on do che m ost rano la possi bi l i t à di un r app or ­
to fr a um anit à e nat ura alt ro ed i nespl or at o rispet t o a quell o i nst aur a­
to dall a m odernit à. N on è cert am ent e possi bi l e r i pr opor r e, oggi , il
fare alchem i co nella sua l et teralit à: t ut t avia sper o ch e present are nel
loro svi lu ppo st ori co l e convi nzi oni con cui gl i alchi m i st i operavano e
le m odal i t à del lor o operar e, am bigue cert o m a non piat t am ent e con ­
form i al l ’i dea del dom ini o um ano sulla nat ura com e sola possi bi lit à di
essere nel m on do, offr a “ ci bo per il pen si ero” a quant i ancora non si
sono arresi al ni chi li sm o post -heideggeri an o e cer can o di coniugare il
fare um ano con la r espon sabi l it à p er la t erra.
E poi ché ho “ scopert o il segr et o” dell ’alchi m i a a part i re da st u ­
di accadem i ci , seguendo - al l’ini zio i ncon sapevol m en t e - il su ggeri ­
m ent o che chi ude il M u t u s L i b e r («lege, lege, rel ege...»), l ’uni co
m odo per me possi bi le di far ne alt ri par t eci pi er a quello di p r o­
dur re, a mia volt a, un l i br o. Un l i br o che pr esent i le parole st esse
degli alchim ist i at traverso i lor o m olt i l i br i , per ch é «li ber l i br um
aperi t » e non ci si può accon t en t ar e di u n ’uni ca esposizi one né di
un u ni co aut ore per com prender e. Un l i br o ch e pert ant o è cost r u i ­
to esat t am ent e com e m olt i dei l ibr i di cui par l er à: la T u r b a p h i l o so -
p h o r u m , il R o s a r i u s , i S y m b o l a a u r e a e m e n s a e d u o d e c i m n a t i o n u m ,
per non fare che pochi celeberr im i esem pi, sono esposizioni dei
det ti dei filosofi (perché t ali si denom i navano gli alchim ist i). U n o
specchi o di specchi , al fon d o del quale l ’im m agin e del fare al ch e­
m ico si scom pone nelle m ille im m agini che la ci vilt à ellenist ica e
bi zant i na, i slam ica e cri st i ana m edievale h an n o t ram andat o e che
non sono scom parse n ell a m odernit à, pu r assum endo il col or e
oscu r o di cert e fi gure d el l ’i ncon sci o che dai sogni non cessano di
pr em ere sulla coscienza del gior no.

N el l ’esposi zi on e, che defi ni sce il percorso di acr on ico dell’al chi m i a


occiden t ale a par t i re dal n secolo d.C. per arri vare fino alle i n t er ­
pr et azi oni con t em por an ee, ho cercat o di r en dere di spon ibil i i r i su l ­
tati del l e r icer che più at t u al i in m aniera da offr i r e sia una vedu t a
si nt et i ca del l ’evol uzione d el l ’“ A r t e Sacr a” , si a la possi bi lit à di ap ­
pr ofon di r e i si ngoli ar gom en t i at t raverso l e let t ure pi ù aggi ornat e *.
Per quest o ho cercat o d i segnalare sist em at icam ent e i con t r i bu t i
più r ecent i e/ o quelli fon dam ent ali relativi ad ogni singolo ar go ­
m ent o affront at o. Pu r senza m i rare alla com pl et ezza, che avr ebb e
appesant it o olt r e m isura l ’appar at o di not e, ho di norm a i n d i cat o
l avor i che, per la pr esenza di val ide pr opost e int erpret at ive e di

14
I N T RO D U ZI O N E

una consist ent e bi bl i ografi a di r i fer im en t o, possan o servi re da g u i d a


a chi desi der i adden t rar si in pr im a per son a n el l 'affasci n an t e c am p o
della st ori a dell 'al ch im i a.
Il m io lavoro n on vuole essere per ò un m ero r en di con t o st o r i o ­
grafico. In prim o l u ogo perché il p er cor so st or ico delPalch i m i a o c ­
cident ale non ha un andam ent o li neare, dal l ’ant ichit à ai gi or n i n o ­
stri: l ’alchi m i a è un sapere st ru t t ur al m ent e pr e-m oderno, ch e c u l m i ­
na nell’et à m edievale, per poi sop r avvi ver e da u na par t e cr i st al l i z ­
zandosi in una t radizi on e che si con si der a i m m ut abi le, d al l ’ a l t r a
m escol andosi a r i cer ch e nat e da esi genze e con scop i alt ri r i sp et t o
alla ricer ca alchem i ca della perfezione m at eri ale. Inol t re, n el l a m i a
frequent azione dei t est i alchem i ci mi son o post a fin d al l ’i n i zi o i l
problem a del senso di quest o sapere e, nel con fr on t o con l e i n t er -
pret azioni del x x secol o, ho ricevut o i m por t ant i st im oli dagl i sc r i t t i
di Car i Gu st av Ju n g, pu r non r iconoscendom i appien o n ell a su a
i dea del l ’a-st ori ci tà d el l ’alchim ia e del car at t er e i nconsci o del l 'o p u s .
L ’i m port anza del l ’i nt er pr et azi one junghi an a risi ede, a m i o av v i so ,
n ell’aver m esso in l uce il carat t ere com pen sat or i o dell ’al ch i m i a r i ­
spett o agli aspet t i d ’om bra dell a t radizi on e r el igiosa, f i l o sofi ca e
scient ifica occi dent al e, facendo em ergere il collegam ent o si m b o l i co
fra la m at eria (il cor po), il fem m inile e il m ale: temi che an c o r
oggi - anzi oggi pi ù che mai - sono r il evant i per una r i fl essi on e d i
ordi ne fi losofico 2.
N ar ran do la st ori a del l ’alchim ia e del l e idee che in essa si so n o
m anifest at e, ho qu in di cer cat o di r endere vi si bi l e il culm ine del l a p a ­
rabola alchem i ca occiden t al e n el l ’età m edievale, quan do Pi n d et er m i -
natezza epi st em ol ogi ca e il non ancora avvenu t o di st acco t ra f i l o so f ìa
nat urale e ricer ca r el igiosa hanno perm esso, per un breve m o m en t o ,
di con cepi re un r appor t o del l ’um anit à con la “ M adr e m at eri a” i m ­
pront at o da val ori di versi rispet t o a quell i della t radizi one f i l o so f i ca
greca, crist iana e m odern a. N el peri odo post -m edi evale ho vol u t o i n ­
vece m ost rare le for m e di sopravvivenza del l a t radizi one alchem i ca si a
nel progr essivo di st acco da ciò che veniva definendosi com e l 'am b i t o
della m oderna sci enza chim ica, sia nella perm anenza com e saper e si ­
st em atico nella t radi zi on e esot erica, sia i nfi ne nel riem ergere an ch e
occasionale e fr am m ent ar io del suo por t at o si m bol ico nella co n t em ­
poraneità.

N el m i o percorso di st udi o, ricerca e int erpret azione ho r icevut o st i ­


moli, suggeri m ent i e con cr et o aiut o da m ol t e person e am iche. L o
scam bio di i dee orm ai vent ennale e l a col laborazi one con Ch i ara C r i ­
sciani cost i tui scono lo sfon do sul quale la m i a com prensione d el l ’ a l ­

15
A R C A N A SA P I E N Z A

ch i m i a si è cost ant em ent e affinat a. A n ch e ad alt re/ i am iche/ i, st udi ose


e st u d i osi dell a st ori a d d l ’alchi m i a e dell a chi m i ca (Fer di nando Ab-
br i , Pao l a Car usi , Cri st i na V i an o), ho spesso ch i est o opi ni oni , i n for ­
m azi oni bi bl i ografi ch e, consigli durant e i num er osi incont ri scient ifici
ch e ci h an n o vist o insiem e nel per iodo in cui pr epar avo il m i o li br o.
L i r i n gr azi o vivam ent e per aver m i ascolt at o con pazienza e p er l ’aiut o
ch e m i han n o dat o.
U n br eve m a i nt enso per i od o di st udi o pr esso la W ar bu r g Li br ar y
( Lon d r a) m i ha perm esso di com plet ar e la r icerca bi bl i ogr afica e,
com e sem pr e, gli st im oli offer t i dalla spl endi da bi bl i ot eca e dall e di ­
scu ssi on i i nfor m ali con am ici e colleghi (in par t i col ar e Pi nel la Tr ava­
gl ia e A n t on i o Cler icuzio) m i sono st ati pr ezi osi .
D evo m ol t i ssim o alla generosi t à di A n n ar osa But t arelli , ch e mi ha
i n vit at o nel 1997 a t enere un cor so sulTalchi m i a alla Scuola di Cu l t u ­
r a Con t em por an ea di M an t ova da lei di ret t a. Ri cor do con grat it udi ne
la p ar t eci p e curiosit à del pu bb l i co di M an t ova e di quell o, pi ù raccol ­
t o m a n on m eno vivace, che ha seguit o un anal ogo corso organizzat o
nel 1998 d al l ’U ffi ci o per l ’Educazi on e degli A du l t i del Com un e di Pi ­
st oia e d al l ’A ssoci azi on e Calei doscopi o.
I l l i br o, com u nque, non sar ebbe for se m ai st at o scrit t o se Gi an l u ­
ca M or i non mi avesse con vi nt o a dar gli la for m a at t uale, sfi dandom i
a m et t ere insiem e erudi zi on e e i nt er pr et azi one in un m odo ch e è st a­
t o per m e m ol t o cost rut t ivo.
U n ringr azi am ent o affet t uoso a M ar ia Elen a M eni ci e Kesh av F.
A l ai m o, che hanno l et t o la prim a st esura del l avor o, offr en dom i con
le l or o osservazi oni e suggeri m ent i un pr ezi oso ai ut o nella revi sione
fi nale; e a m i o m ar it o, Fran cesco D i Pi et r o, ch e ha messo a mia d i ­
sposi zi on e il suo t em po e la sua com pet enza nella scelt a e n el l ’el abo­
razione grafi ca dell e i m m agini.

P i st o i a , 2 9 se t t e m b r e 2 0 0 0

Note

1. L a st o r i a deU a l ch i m i a p i ù r e ce n t e u sci t a in t r a d u z i o n e it al i an a - a p a r t e la
p r o d u z i o n e d i t agl i o st r e t t a m e n t e e so t e r i co - è q u e l l a d i H o l m y a r d ( 19 5 9 ) - I n l i n gu a
i n gl e se e si st o n o d u e b u o n i l avo r i d i si n t e si : C o u d e r t ( 19 8 0 ) e M u l t h a u f ( 19 6 6 ) . A n c o ­
r a p r e z i o sa l a m o l e di d a t i i n H a l l e u x ( 19 7 9 ) . U n o t t i m o st r u m e n t o r e ce n t e è il v o l u ­
m e d i F i g a i a e P r i e sn e r ( 19 9 8 ) .
2. L a l e t t u r a d ei l a v o r i di D a v i d H o l t e lo sca m b i o d i i d e e ch e h o a v u t o il p r i v i ­
l e gi o d i i n t r a t t e n e r e co n l u i u n a d e ci n a d ’an n i f a m i so n o st a t i d i gr a n d e a i u t o n el l a
v a l u t a z i o n e d e l l ’a p p o r t o p r o p r i a m e n t e f i l o sof i co d e l l ’i n t e r p r e t a z i o n e j u n gh i a n a d e l l ’a l ­
ch i m i a .

16
I

L ’o r i g i n e d el l ’al ch i m i a:
m i t o e st o r i a n el l a t r ad i z i o n e o c c i d e n t a l e

I .I
L 'o r i g i n e d ei r al c h i m i a

V en ezi a, 1475. U n an oni m o let terato scri ve un breve t rat t at o d ed i c at o


a col or o che «si i nt er essan o da un pu nt o di vist a t eorico, non p r at i c o ,
a qu el l a celebre par t e del l a filosofia subli m e e gloriosa che è n asc o st a
agli sci occhi m a rivelat a agli uomini pr uden t i, ovvero l ’ast r on om i a i n ­
feri or e, cioè la t rasm ut azi one degli elem ent i» Ci ò di cui si p ar l a è
l ’alchim ia, ma la defi ni zi one che ne viene dat a non è per ni ent e o v v i a :
è u na definizione di t ipo filosofico, nella qu al e non è n eppu re n o m i ­
nat o l o r o - con la cui pr oduzi one a par t i r e dai m et alli “ vi l i ” l ’ a l ­
chi m i a oggi vi en e com unem ent e i dent ifi cat a - e si m et t ono i n v ece i n
r ili evo il carat t ere su bl i m e e segreto del saper e alchem ico e la su a i n ­
t erazione con il m acrocosm o («ast ronom i a i nferi ore»), esp r i m en d o n e
l ’operat i vi t à in t erm i ni generali e ch i ar am ent e filosofici ( «t r asm u t azi o ­
ne d eg l i el em en t i ») .
Q uest a defi ni zi one - che, com e vedr em o, ha il suo ret rot er ra n e l l o
svi l u ppo che l ’al chi m i a aveva avut o nel cor so del M edi oevo - m o st r a
in qu al e alta con si derazi one l ’arte dell a t rasm ut azione venisse t en u t a
al l’ini zio dell’et à rinascim ent ale. I l car at t er e col t o, e addi ri t t ur a f i l o so ­
fico, di quella ch e - all or a per m ol t i e an cora oggi n ell ’i m m agi n ar i o
generale - sem br a essere solt ant o una pr at i ca dai risvolt i m i st er i osi , è
legat o non solo ai cont enut i , ma anche, e non secondariam ent e, al l a
m odali tà di t rasm i ssi one: «i filosofi l ’hann o t ram andat a o ccu l t an d o l a
nei l or o libri, let t ere, codi cil li, usando i m m agini e m et afore, p ar l an d o
per enigm i e u sando l inguaggi di versi ». E di quest i “ fi l osofi ” l ’an o n i ­
m o ricost ruisce un a genealogi a che uni sce fi gu r e m itiche e fi gu re st o ­
r iche, deli neando un percor so che è in par t e quello che il sap er e al ­
chem i co ha com pi ut o i n O cci den t e, e in par t e attinge ad un “ m i t o
dell e origini” che ha r adi ci nella fi gur a di Er m et e, nel quale fin d a l ­
l ’ant ichit à si r icon osceva il m ondo in D i o e D i o nel m on do i n t er o.

17
A R C A N A S A P I E N Z A

Prim a del diluvio ci furono Seth e i suoi figli e i loro seguaci; dopo il diluvio
ci fu il famoso Ermete, filosofo triplice, padre e capo di tutti i filosofi, che
ne 2 scrisse in quella sua lettera breve ma di gran peso che inizia «Verità
senza menzogna [...]» \ Fu poi la volta di M osè e di sua sorella M aria, dalla
quale deriva il “ bagnomaria” , e di molti figli del popolo ebraico; e poi il re
Er co l e4, Stefano, Ostane, Beleno, Salomone, Democrito e Rosino ed altri,
i cui detti sono riportati nel libro intitolato Tur ba pbi losophor u m : Pitagora,
Socrate, Zenone, Anassagora, Diomede e molti altri, i cui nomi sono scritti
in quel libro 6. E poi vi fu il divino Platone, che scrisse di questa scienza in
linguaggio filosofico, ma con grande efficacia. E poi M orieno, H aly, Calid,
M irnesindo, Alfidio, Alessandro e Galeno, che scrissero molti volumi su que­
sta scienza. E il gran principe, Aristotele pieno di ingegno, che ne scrisse
nella M et afisica e nelle M et eor e e nel Secr et um secret orum [...] e Razi [...] e il
più grande dei medici, Avicenna, e il magnifico Geber, che nei molti libri
che scrisse nascose questo segreto, questo dono di Dio, come un chicco di
grano sotto un mucchio di paglia, affinché chi ne è indegno non lo possa
t rovare7.

H o lasci at o la par ol a al l ’anonim o ven ezian o per far vedere com e il


pr obl em a dell e origi ni del l ’alchi m i a fosse considerat o una necessaria
pr em essa ad ogni di scor so sul l’alchi m i a st essa. E non solo da allora:
gi à in epoca bi zant ina si erano pr odot t e l e prime li st e di alchim ist i,
ed il pr im o t est o t radot t o dal l’ar abo in lat ino nel 114 4 , il T est am en t o
di M or ieno, era st at o arri cchi t o dal t radut t ore, l ’i nglese Rob er t o di
Ch est er , di un pr ologo in cui l ’or igin e del l ’alchimia è ripor t at a al l ’in­
ven zione dell e art i e dell e scienze da par t e del m it ico Er m et e T r i p l ex
(o Tri sm egi st o). Tr i pl i ce, int ende Rober t o, perché

leggiamo nelle antiche Storie Sacre che vi furono un tempo tre filosofi, ognu­
no dei quali ebbe nome Ermete. Il primo di essi fu Enoch, che con altro
nome fu chiamato Ermete e con un altro ancora Mercurio. Il secondo fu
Noè, anche lui denominato inoltre Ermete e Mercurio. Il terzo infine fu Er­
mete, che regnò a lungo in Egitto dopo il diluvio. Quest’ultimo fu chiamato
dai nostri predecessori Triplice, a motivo delle tre dignità che Dio gli aveva
concesso. Infatti egli fu Re, Filosofo e Profeta H.

Er m et e, il cu i nom e rinvi a al pi ù i n afferr abi l e degli dei del l ’O li m po


gr eco, viene du n qu e col legat o alla t radizi one ebraica ed egiziana, con­
fi gur andosi com e una sor t a di si m bol o del sacro di t ut t a l ’ant ichit à,
m a anche sot t ol i nean do che l ’al chi m i a non può essere col l egat a in
m aniera l i near e alla t radizi one t eoret ica greca. Il r ichiam o i m pl i ci t o al
t em a della p r i sca sa p i en t i a degli Egi zi , pr esen t e nel pr ol ogo di Rob er ­
to e sviluppat o nell a Co n ver sa t i o veneziana, sot t olinea la vicinanza
del l ’alchim ia alla sapi en za rivelata dei pr ofet i e m ost ra nei due scritt i

18
i . i \ >k le » i n ! d l i .l ’a l c h i m i a

I I GLKA I

N el f r o n t esp i z i o d ei Sy m b o l a A u r ea e M en sa e D u o d ea m N a t i o n u m ( F r a n c o f o r t e
1 6 1 7 ) M i ch ael M ai er v o l l e i n ser i r e i r i t r at t i d i d o d i ci au t o r i ch e i n car n an o il p e r ­

co r so d el l al ch i m i a d al m i t i co Eg i t t o d i Er m et e T r i sm egi st o al l ’ an o n i m o Sa r m a t a

bont e: M i ch a e l M aier, Sy w b o h i A u rea e M e n si le D a u dedm hatùm um ( F r a n co t o r t e 16 17 ) . rep rin t


H i l d e sh e i m 19 7 2 , f r o n t e sp i z i o .

19
A R C A N A S A P I E N Z A

- che possi am o assum ere com e em bl em at i ci - la con sapevol ezza che


quest o sap er e è “ al t r o” r ispet t o a ci ò che com unem ent e si int ende
con la par ol a “ fi l osofi a” .
L o st esso sign i fi cat o ha la t radi zi on e che riport a l 'or i gi n e del l ’al­
chi m i a alla ci vilt à d el l ’ant ico Egit t o, con una elaborazi one m i t i ca ricca
di si gnificat i si m bol i ci , accolta ancora i n gran part e dell a pr oduzi one
con t em por an ea, speci alm ent e - m a n on solo - in quel l a l egat a alla
t radizi one esot er i ca, per cui il nom e st esso dell ’alchim ia deri ver ebbe
dal t erm ine egi zi ano che i ndica la t er r a nera del N i l o 9.
Fin dai prim i scr it t i alchem i ci , pr odot t i nell’am bi t o del l a cult ura
alessandri na - du n qu e pr opri o in Egi t t o, anche se i n età cr ist i ana - , è
present e il m i t o d el l ’origi ne di vina e ant ichissim a del sapere che inse­
gn a a t rasfor m are (nel senso di r en der e perfet t i) i m et al l i 1C>. E poiché
le t ecniche m et allurgi che sono legat e origi nariam ent e a un at t eggi a­
m ent o r el i gi oso nei confront i della T er r a M adre, M i r cea El i ad e ha
fat t o der i vare da esse l ’alchim ia. I m i nat or i e i fabbri , nell ’ant i chit à e
ancora nel nost ro secol o in alcune cul t ur e non occident ali, si pon go­
n o in r appor t o con la Ter ra (m at eria che per la fi losofia occident al e è
“ i ner t e” ) com e nei con fron t i di un essere animat o, vi vent e e dal l e ca­
rat t erist iche di vine; non solo le cr edenze espresse a parol e, m a so­
prat t ut t o i rit i che scan di scon o i di versi processi di lavor azi on e (est ra­
zione, fusi on e ecc.) m anifest ano quest o at t eggiam ent o di fon do.
E t ut t avia non si t rat ta dell o st esso com port am ent o degli alchi m i ­
st i. Quest i lavor an o sì i m et alli, u t i li zzando t ecniche e r icet t e le cui
or igini si per don o nel tem po, e con di vi den do le cr edenze di fabbr i e
m et allurghi sulla l oro origine e sul car at t ere vivent e e divin o della
T er r a; ma i l m ito ch e li guida è un alt ro: la convi nzi one che si possa
p r o d u r r e a r t i f i c i a l m en t e la p er f ez i o n e n el l a m at er i a . L e t ecni che usate
son o dun que le st esse dei m inat ori, dei m et allurghi, degli or efi ci e dei
t int ori , m a l o scopo ed il senso del l avoro è decisam ent e di ver so: non
si tratta di st rappar e dalle vi scer e del l a M adr e T er r a m at eri ali utili
alla vita um ana, m a di cont inuare e por t ar e a com pi m en t o l ’opera
dell a Ter ra st essa, pr odu cen do a par t i re da questi st essi m at eri ali il
cor po perfet t o (il l ap i s p h i l o so p h o r u m o eli xir) capace di con feri re
l ’i ncor rut t ibi lit à a t ut t i i corpi m at eriali, com preso quel l o um ano. Il
prodot t o d el Yo pu s alchem i co si con fi gu ra perciò com e un agen t e di
salvezza i n t egral e d el l ’uom o e del m on do
Come gi à più di un secolo fa osservava acut am ent e M ar cel i n Ber ­
t helot , il pr obl em a di fondo per una com prensi one st ori ca d el l ’alchi ­
m i a è capi re com e si sia passati dal l ’ut ilizzazione di t ecni che m et all ur ­
gi che, e in par t i col ar e di t ecniche «dest i nat e a ingannare» m edian t e la
produzi one de\ Y appar en z a dell’or o, alla convinzione di alcuni fr a co­

20
i . l ’o r i g i n e d e l l ’a l c h i m i a

loro che quest e t ecniche u t i l izzavan o che «con l ’ai ut o d i qualche r i t o


m i st eri oso si pot esse real izzare la t rasfor m azi one effet t i va di quest e l e ­
ghe si m il i al l’o r o e all’ar gen t o in ver o oro e ver o ar gen t o» N ei t e r ­
mini in cui h a con si derat o il pr obl em a pi ù r ecent em ent e Jo sep h
N eedham nel su o st udio su l l ’alchi m i a cinese, si t rat t a di capire c o m e
dalle p r oced u r e di con sapevol e a u r i f i c t i o n , ch e cert am en t e - in q u an ­
to pert inent i al l a m et allurgia - er an o i nquadrat e nella visi on e r el i gi o sa
della T er r a vi ven t e e accom pagn at e da rit i rel igiosi e magici, si si a
passat i alla ver a e propr ia a u r i f a c t i o n , cioè ad un i nsiem e di p r at i ch e
accom pagn at e d a una dot t r i n a - anch e solo em br i on al e - della p r o ­
duzi one di una perfezi one pr opr iam ent e art i ficial e.
I l pecul i are elem ent o rel i gi oso ch e carat t erizza l ’em ergere d el l ’ a l ­
chim ia non è pert ant o l a t radi zi on al e credenza nell a divinit à d el l a
Terr a, m a la r icer ca della salvezza at t raverso il perfezi onam en t o d el l a
m at eria: m ot ivo di origi ne gnost i ca, come gi à Ber t hel ot r i con osceva e
com e hanno sopr at t ut t o m esso in evidenza A . J. Fest ugièr e e C a r i
Gu st av Ju n g. È infatti nei m it i gn ost ici che em erge l ’i dea di una sc i n ­
tilla di vi na cadut a e rim ast a r acch i usa nell’opaci t à del l a mat eria c r ea­
ta, nell a cui li berazione consist e l a redenzione ult im a del l ’u m ani t à e
del m on do n at ur al e I5. I l m essaggi o crist iano aveva pi ut t ost o i n t er p r e­
t ato quest a redenzi one com e li berazi on e del l ’um anit à d a l m ondo n a ­
t urale; m a n eppu r e in esso m an cava una pr ospet t iva di ver sa, esp r essa
nelle par ol e di Paol o ai Rom ani : «L a creazione st essa [...] n u t r e l a
speranza di esser e liberat a dal la schi avi t ù dell a cor ru zion e, per en t r a­
re nell a l iber t à dell a gl ori a dei figli di D i o» (8, 19 - 21) . A l l ’idea di f o n ­
do dell a di vi ni t à prigioni era della m at eria cr eat a si r i con duce an ch e i l
mito del l a creazione del m on do narrat o nel P i m a n d r o , opera f o n d a-
m ent ale fra qu el l e propri am ent e fi losofiche at t r ibuit e al l ’i n segn am en t o
di Er m et e, e quest o rende anche pi ù com prensi bi le il fat t o che il su o
nom e, una vol t a indicat o com e qu el l o del m i t i co fon dat ore fin d a i
testi alchem i ci p i ù ant ichi, si a r im ast o i ndelebilm ent e im presso n el l a
m ent e degli alchim ist i com e quell o del loro pr ogen i t or e 14 .
A lch i m i a è dunque, in origi ne, l a convinzione di p ot er f a r e , a p a r ­
t ire dal l a m at eri a im perfet t a e i m pu ra dei m et alli , una sost anza p e r ­
fetta e capace di t rasferire ad alt re sost anze la p r op r i a p er fezi on e.
Tal e con vi n zi on e nasce dal con ver ger e di t ecni che di l aborat or io m o l ­
to r affi nat e del l a tarda ant ichit à, com e quell e at t est at e nei papi r i d i
Lei da e di St occol m a (m secol o d .C.) , e di u na dot t ri n a dell a sal v ezza
di or igi n e gnost ica. I l com pi m ent o dell’i dea alch em i ca di p er f ezi o n e
si avrà t ut t avi a n el t ardo M edi oevo, quando la perfezi on e della m at e­
ria si ar t i col er à esplicit am ent e nel dupli ce scopo dell a t r asm u t azi on e
A R C A N A S A P I E N Z A

d ei m et alli e della rest it uzione al cor p o um ano dell a int egrit à di cui si
r i t en eva fosse dot at o il cor po di A dam o e di Èva pr im a del peccat o
or i gi n al e; i nt egr it à int esa com e perfet t a salut e, equ i l i br i o psicofisico e
l on gevi t à.
Per cogl i er e appi en o lo svi l u pp o del m it o al ch em i co n el l ’O cciden-
t e, e il su o art i colarsi con le rel i gi oni dell e civilt à in cui è nat o e si è
d i ffu so (gn ost i ci sm o, islam i sm o, cr ist i anesi m o m edi eval e), occorr e co­
m u n qu e t en ere present e la com plessi t à del l ’origi ne, nella quale con­
fl u i scon o senza alcun dubbi o anche elem ent i appar t enent i alla t radi­
zion e fi l osofica greca classica: l ’agent e di perfezione, che alcuni dei
t est i ell en i st i ci i ndi cano col t erm i ne di i òsi s, con t i ene infat t i diversi
aspet t i del l a concezione ar ist ot el ica d eìY en t el ecb èi a y la form a che por ­
t a a com pim ent o la sost anza i ndi vi dual e, e quest o ha perm esso addi ­
ri t t ur a di defi ni re l ’alchim ia «fi gl i a dell a filosofia gr eca» I5. Ecco per ­
ch é l ’anon im o veneziano pot è affiancar e ad Er m et e i cam pi oni della
fi l osofia gr eca, Plat on e e Ar ist ot el e, olt re alla schi era dei presocrat ici
r iun it i nell a T u r ba p h i l o so p h o r u m .

1.2

I l m i t o d el l a p er f ez i o n e

I l car at t er e m it ico del l ’origi ne non è una carat t erist ica esclusi va del­
l ’alchi m i a occident ale: anche nel l e due grandi ci vilt à, quella indiana e
qu el l a ci nese, in cui esist e una t radizi one alchem i ca, se ne riconduce
l ’i nizio agli albori della st oria, nonost ant e anche in quest i casi la pre­
senza di docum ent i risalga sol o ad un peri odo rel at i vam ent e t ardo.
L a cor r ispon denza si m bol ica d el l ’oro con l ’im m ort alit à, di versam ent e
ar t i colat a, sem br a essere il con t enut o cent rale in ent ram be le t radizi o­
ni orient ali , ma gli int recci r eci pr oci fra esse e con l ’alchim ia occi ­
den t al e son o ben lont ani dal l ’essere stati chiarit i. Sol o il pr obl em a del
r appor t o fr a l ’origi ne del l ’alchi m i a cinese e quella occident al e è stato
affron t at o, pu r senza por t ar e a un risult at o cert o: sicuram ent e, co­
m unque, n on si possono far r isali re le più ant iche t est i m oni anze scrit ­
t e su l l’alchi m i a cinese a prim a dell a m et à del n secol o d.C. l<\
L ’ori gi n e dell ’alchim ia i ndi an a ( r asayan a ) viene t al or a fat ta risalire
al l ’epoca pr e-Vedica, ma n el l ’ant ica t radizione ayu rvedi ca la parola
r asayan a (la V i a dell e essenze) si riferiva esclusi vam ent e a t ecniche e
pr ocessi p er rinvi gori re e r in gi ovani re il cor po. Ben ch é vi si ano riferi­
m ent i m ol t o ant ichi a processi m et allurgi ci , non si p u ò par lare di una
t radi zi on e alchem i ca ver a e p r opr i a finché i pr ocessi m et allurgi ci non

22
i . i .’ o r i g i n i -; d e l l ’a l c h i m i a

vengono m essi in relazione con il perfezi onam en t o del co r p o In


ogni caso, il t erm ine r asayan a viene oggi corrent em ent e ut ilizzat o p er
indicare l ’alchim ia.
N el l ’i nt er pr et azi on e di S. M ah di hassan , par t i colar m ent e i n t er essa­
t o agli usi farm acol ogici dell’el i xi r , l ’or igine dell ’al ch im i a è st at a c o l l e­
gat a al ci cl o di vit a dei popol i d el l ’ant ica India: i vecch i , escl usi d al l a
vit a soci al e perché resi dall ’et à i ncapaci di pr ovveder e a se st essi e
agli altri, e cost ret t i alla vit a ascet ica, avrebbero cer cat o e t rovat o m e ­
di ci ne ut i li a ringi ovani re, dappr i m a ut ilizzando a quest o scopo er b e
e succhi di der ivazi one veget al e, ma prest o passando a dr ogh e c o m ­
post e anch e di sost anze m i nerali e m et alliche lS.
La r icerca della pr olongevi t à sar ebbe pert ant o radi cat a n el m ed e­
sim o con t est o ant ropologico in cui si svil uppò la fi losofia del le U p a-
nishad e si sar ebbe svolt a in par al lelo alla riflessione pr opri am en t e f i ­
losofica su l l ’i m m ort alit à spi ri t ual e, i nt eragendo con preesi st ent i c o n ­
cezioni rel i gi ose secon do cui t ut t o ciò ch e esiste è un a em anazi one d a
una font e o essenza originaria e t roverà il suo com pi m ent o nel r i t o r ­
no ad essa. L e t ecni che alchem i che di prol ungam ent o della vit a so n o
funzionali alla realizzazione del l a liberazione t ot al e nel r it or no al
pr in ci pi o, e si accom pagn ano a (nell’alchim ia bu ddh i st a son o q u asi
com plet am ent e sost it uit e da) pr at ich e alchem i che i nt erne, at t r aver so
la ci rcol azione del r espi ro e d el l ’energia sottile nel cor po.
Per qu an t o l ’i nt eresse susci t at o dal l’alchim ia sia ancora, nella c o n ­
t em poraneit à, di or di ne sopr at t u t t o pr at i co, legat o al l ’uso m edi co c h e
viene t ut t ora fat t o dei farm aci al chem i ci indicat i col nom e di M a k a r a
D h w a j a , nel l a t radizi one al chem i ca si pu ò riconoscer e la presenza n e l ­
la st oria di qual cosa che non è un pr odot t o della st ori a ly. L ’al ch i m i a
è un «fossi l e vivent e» basat o su l l ’i dea cent rale d el l ’anim a com e « i l
pot ere di t ut t o ciò che di viene, si m ut a e soprat t ut t o dà al le cose l a
capacit à di cr escere e r ipr odur si», e il suo carat t ere fil osofico non r i ­
siede sol o, o non t ant o, nella pr esen za di i dee e dot t r in e peculi ari , m a
nel si gnificat o si m bol ico dell a sua operat ivi t à che h a i n dot t o M ah d i ­
hassan - non senza un’assai pr obab i l e forzat ura - a con siderar la l a
spint a or igin ar ia all ’elabor azi one dell a fi losofia i ndiana.

Ciò che mi ha soprattutto impegnato è stato mostrare la corrispondenza f r a i


“ due oppost i” intesi come co-creatori, su cui si basa la dottrina alchemica, e
i “ due pilastri” della filosofia indiana, Brahman e Atman presi come le d u e
parti dell’anima. Brahman è identificato come l’anima della crescita, o la sot -
to-anima maschile, e Atman come l ’anima del corpo, o sotto-anima fem m i ni ­
le. La loro unione significa la fusione degli opposti, che ha come risult at o
l ’energia creativa capace di ringiovanire, di operare la resurrezione e di p r o ­

23
A R C A N A S A P I E N Z A

du r r e l ’immortalità [...]. La filosofìa indiana è stata elaborata per spiegare


l ’alchi m i a teorica [...].

O l t r e al l ’or i gi n e m it ica e al car at t er e filosofico, l 'al ch i m i a indiana con ­


d i v i d e con quel l a occident al e l o scopo sal vi fi co cent r at o sulla salvezza
co m e sal u t e e forza del cor po um ano, che in quest i t ermini di verr à
t em a cen t r al e della r i cer ca alchem i ca in O cci den t e sol o piut t ost o t ar­
d i . Car at t er i st i ch e anal oghe ha l ’alchimia ci nese, ch e gi à nel sint et ico
r eso co n t o ch e ne dava M ar cel Gr an et e p oi , assai pi ù est esamente,
n el q u i n t o vol um e dell a St o r i a d el l a sci en za i n C i n a di Joseph N eed ­
h am , ap p ar e sem pre st ret t am ent e collegat a alla r i cer ca dell ’i m m ort al i­
t à d el co r p o um ano 2°.
L ’i d eal e cinese dell a perfezi one, infat ti, i n cl ude com e cont enut o
essen zi al e l ’i m m ort alit à at t r averso la cost ruzi one di un corpo i n cor ­
r u t t i b i l e ch e preserva dal la di spersi on e le ani m e y a n g h u n e y i n p ’o
ch e l o r en don o un cor po vivent e. D ’altra par t e il perfezi onam en t o del
co r p o n on è vist o in con t r apposi zion e alla spi ri t u al i t à e alPintegrazio-
n e n el l a vi t a celeste. L ’esper ienza della Vi a pot eva essere com piut a in
m o l t i m odi , e l ’alchim ia è uno di quest i - n on l ’u n i co, del rest o, né il
pr i vi l egi at o. D a un lat o, infat t i, l ’alchim ista r i p r odu ceva l ’attività per ­
f ezi on at r i ce dell a nat ura nel su o laborat or io, r en den dol a ogget t o pos­
si b i l e di cont em pl azi on e in quant o la dur at a del pr ocesso, la forza
cr eat i va del calore e la ci cl i ci t à dei processi nat urali venivano r i p r o­
d o t t i su scal a adeguat a alla di m en sion e um ana.

L ’e l i x i r n atu rale t r a sf o r m a t o a t t r a v e r so le ci r co l a z i o n i si fo r m a qu an d o il
m e r cu r i o flu id o , a b b r a cci a n d o il p iom bo, d ivien e gr avid o . L ’e l i x i r si fa in
4 .32 0 a n n i , e c o m p r e n d e i l c h ’i d e l so l e e d e l l a l u n a , y i n e y a n g y p er 4 .320 ;
co sì , q u a n d o i l su o c b ’i è n e l l a p i e n e z z a , d i v e n t a u n e l i x i r t r a sf o r m a t o attra­
v e r s o l e c i r c o l a z i o n i p e r g l i i m m o r t a l i d e l g r a d o p i ù a l t o e p e r gl i e sse r i c e l e ­
st i . E q u a n d o n el m o n d o d i q u a ggiù i l m e r c u r i o e il p i o m b o so n o so t t o p o st i
a i p r o c e s s i a l c h e m i c i p e r o t t e n e r e l ’i m m o r t a l i t à , l ’ e l i x i r a r t i f i c i a l e è c o m p i u t o
in un an n o. Il prodotto d e l l ’ a l c h i m i st a r i e sce a m o tivo d e l l a su a c o r r i s p o n ­
d e n z a in r a g i o n e d i m i l l e 2 1.

Q u est o st esso processo pot eva ven ir e com piut o al l ’i nt erno del cor po
um an o: il t est o forse p i ù not o agli occident ali r el at i vo a queste pr at i ­
ch e è il Segr et o d el f i o r e d 'o r o 22. «N on appena la l u ce ent ra in ci r co­
l azi on e, t ut t e l e energie del cor po si di spon gon o di nanzi al suo t rono
[ ...] . Perci ò non dovet e che far circolare l a luce: ecco il segret o più
pr ofon d o e st upefacent e. M et t er e in m ovi m ent o la l u ce è faci le, ma
di ffi ci l e fissarla. Se la si fa ci r col ar e per il t em po dovu t o, essa si cr i­
st allizza e cost it uisce il cor po spirit uale n at u r al e»23. A l l ’or igin e di

24
i . I .’ o r i g i n i -: d e l l ’a l c h i m i a

quest a int eriorizzazione, ch e non con si dera con fli t t uali o m u t u am en t e


escludent esi il cor po e l o spi ri t o, st a l ’idea del cor p o um ano c o m e
cosm o su scala ridotta (m i cr ocosm o), e il su o obiet t i vo è il su p er a­
ment o d el l ’opposizion e fr a la vit a e l a morte, cui anche l ’alchim ia o c ­
cident ale in t alu ni m om ent i della su a storia sem br a perveni re 24.
N at h an Si vi n ha m esso in evi den za nei su oi st udi com e l ’al ch i m i a
cinese, per quant o abbia i n dubbi am ent e com pi ut o nel suo p er co r so
m i llenari o i m port ant i scoper t e di t ipo pr opr iam ent e chim ico, n o n
ebbe m ai com e scopo pr im ar i o u na conoscenza di t ipo “ sci en t i fi co” .
Gl i alchi m i st i ut i li zzarono si cur am en t e sost anze e pr ocedi m ent i p r o ­
pri del l e at t ivit à art igianali e della m edici na, m a il l or o scopo p r i m a­
rio fu quel l o del l a conqui st a del l ’im m ort alit à m at eri ale, con fi gu r an d o­
si così com e u n a ricerca del l a salvezza 25.
N el l e cu lt u r e orient ali, possi am o concludere, l ’alchi m i a è fin d a l ­
l ’or igi ne con nessa al tema d el l ’im m ort alit à e dell a l on gevit à, e la l a v o ­
razione dei m et alli e dei m i nerali n e cost it uisce un el em ent o p ar z i al e
o uno svil u ppo: la fabbri cazi on e d el l ’oro in Ci n a è i ni zialm ent e i n
funzi one delle m odalit à di assunzi one della bevan da d ’i m m or t ali t à
m ent re in I n d i a l ’utilizzazione far m acol ogi ca di m et alli e m i n er al i
sem bra i nnest arsi su r icer ch e origi nariam ent e er bor ist ich e.
I l m i t o d el l ’im m ort al it à e del l ’et ern a giovi nezza è for t em ent e p r e ­
sente anche nel l a civiltà occi den t al e, ed è anche qu i or i gi n ar i am en t e
connesso al m on do veget al e, dal la ricerca di Gi l gam esh all’o m er i ca
erba m o l y y fino alla far m acol ogia erm et i ca del l i br o int it olat o K y r a n i -
d e s , passan do p er innum erevoli m it i e leggende di cui l a più fam osa è
cert am ent e qu el l a di A l essan dro M agn o 27. A fon dam en t o di q u est o
mito st a l ’i m m agine pr im ordial e del l a Terra M adr e, la dea alla q u al e
ri conducono m ol t i dei si m bol i connessi alla ricer ca d el l ’i m m or t al i t à.
L ’acqua (la font e) e il serpent e ne son o i pr in ci pal i , ed ent ram bi so n o
cent rali n el l ’alchim ia: dal l ’acqua di vi n a (o di zolfo, y d o r t h e i o n ) d e g l i
alchim ist i greci 2 ^ a q u a v i t a e , che gl i alchim ist i m edi eval i l asci ano i n
eredit à, anche n ell a form a di oro pot abi le, alle epoch e post er iori ; d a l -
Y o u r o b o r o , la pi ù antica i m m agi ne si m bol ica associ at a ai testi su l l 'a l ­
chim ia, al drago alchem ico che r it rovi am o n egli em bl em i r i n asci m en ­
tali e ol t r e 28.
L a con nessi one del m i t o deH’i m m ort alit à con l e t ecn ich e m et al l u r ­
giche si ebb e p er ò in O cci den t e pi ù t ardi ch e nell e cu l t ur e o r i en t al i ,
e cioè n el M edi oevo cr ist i ano, qu an do orm ai era an dat a per d u t a l a
coscienza dell a com une r adi ce di qu el mito e di qu el l e t ecni che n e l l a
divinit à dell a T er r a, da cui n ascon o i veget ali e n el cui grem bo g i a c ­
ciono m i ner ali e metalli. N el l ’alchi m i a ellenist ica, i nfat t i , il nesso f r a
m et allurgi a e redenzi one è essenzialm ent e un n esso anal ogi co: l a r i -

2 5
A R C A N A S A P I E N Z A

cer ca d i l aborat or io i nt er pr et at a secondo coordi n at e t eoret iche e


com p ost a in una coerent e dot t ri na della t rasfor m azi on e viene let t a
alla l u ce del l e dinam iche spi ri t u al i gnost iche, ed è capace a sua volt a
di get t ar e un a l uce sulle vicen de d el l ’anima, m a non ha inizialm ent e
r i cad u t e di or di n e farm aco-m i t ico. L ’epoca in cui viene recuperat a,
at t r aver so il con t at t o con l ’alchi m i a islam ica, l ’i dea che il prodot t o al ­
ch em i co possa conferi re agli esseri um ani la perfet t a salut e e la p r o­
l on gevi t à, seppu re non la ver a e pr opr ia i m m ort al it à m at eriale - i n ­
com p at i b i l e con la t eologi a cri st i ana - segna pert ant o il m om ent o cu l ­
m i n an t e dell a st ori a dell ’alchi m i a occident ale, pr est o seguit o da un
di ver si fi car si dell a ricerca al chem i ca in rivoli di st int i che si cri st alli z­
zano i n una t radizi one dai m ol t epl i ci volti. Q uest a è l a st oria che cer ­
ch er ò di r accon t ar e nel segui t o.

i *3
F i g l i d i E r m et e

M a t or n i am o all’anoni m o ven ezi an o ch e spi egava cosa fosse l ’alchim ia


p r op r i o nel m om ent o in cu i essa aveva raggiunt o in O cci dent e il m as­
sim o del l a sua espansi one sia sul pi an o dell o svil uppo operat i vo e
dot t r i n al e sia su quell o del l a di ffusione e vi si bi l it à nella cult ura del
t em po (era di dat a recent e, fr a l ’alt ro, l ’acquisi zi one alla cult ura lat ina
dei t est i alchem i ci ellenist ici e delle l or o pr opaggin i bi zant ine 2y). N el
suo r accon t o si cogli e chi aram ent e una cesura fr a la genealogia ch e
abbi am o vist o in pr ecedenza, dove personaggi m it ici e person aggi
st ori ci si sussegui vano e senza t urbam ent o Pl at on e e Arist ot ele erano
an n over at i nella schi era alchem i ca, ed il percor so successi vo.
«Pr ocedan t iam m oderni»: il secon do t rat t o del percorso si apr e
con qu est a esort azione che, ut i li zzando la par ol a “ m oder n i ” per i n d i ­
care person aggi ch e noi ascr i vi am o al “ m edi oevo” (cat egoria st or ica
che a sua volt a con t r appon i am o al “ r i n asci m ent o” , anche se fu con i a­
ta a post er i or i), ne inizia l ’enum erazi one con un a t riplet t a di tutto r i ­
spet t o, m a un p o’ scon vol gent e: «San Tom m aso d ’A qu i n o, Sant ’A go-
st ino e San t ’A m brogi o vol l er o apprendere quest a part e dell a fi losofia
non p er desider io di ricchezze, ma perché volevan o i ndagar e i segr et i
della n at u ra»
Il coi nvol gi m ent o dei m assi m i Pad r i e D ot t or i dell a chiesa l at in a
indica con grande chiarezza che, a t re secoli e m ezzo dal su o i ngresso
nella cu lt u ra crist iana, l ’alchi m i a ne è divent at a part e. E davver o i n u ­
sitato — for se u ni co - sent ir at t ri buire ad A m b r ogi o e ad A gost i no,
che aveva di chi ar at o nelle su e C o n f essi o n i di vol er con oscere solo D i o

26
i. l ’ o r i c ì i m ; d l l l ’ a l c .h i m i a

e l ’anima, un i nt eresse per i “ segret i dell a n at u r a” di carat t er e al c h e­


mico. M eno i nsoli t o il coi nvol gi m ent o dell ’Aqui nat e, cui ven n er o a t ­
t ribuit i a part ire dagli inizi del T r ecen t o alcuni scritti d ’alchi m i a: si a
perché, in quant o fi losofo, si era effet t ivam ent e occupat o di t em at i ch e
nat uralist iche (seppur e n el l ’ambit o del l a fi losofia ar ist ot el ica, non d e l ­
l ’alchim ia), scr i vendo fra gl i altri un t rat t at ello D e o p er a t i o n i b u s o c c u l -
t is n at u r a e; sia per ch é aveva i ndagat o esplicit am ent e la val idit à d el l ’ a l ­
chimia in un capi t ol o dell a Su m m a t h eo l o gi a e, che si i nser isce n el l a
discussione scol ast ica sulla verit à o fal si t à dell a t rasm ut azi one
A l t r i filosofi scolast ici sono r icordat i a quest o punt o nell a C o n v e r ­
san o: A l ber t o M agno, che «i nsegnò molti segret i del l a nat ur a [ ...]
com e è evident e nei suoi l i br i »; Ru gger o Bacone e M i chel e Scot o, c h e
«non occul t aron o la proiezi one d el l ’el ixir , anzi ne scr i sser o in q u e ­
stioni fi losofiche e in epist ole». E accant o ad essi un espon ent e d e l
prim o francescanesi m o, fr at e Eli a, cu i si t rovano at t ri buit i dei p o e ­
metti in volgare it aliano, e due nom i sem i sconosciut i «Joh an n es Sed a-
marii cum Jaco b o de Sanct o Sat ur ni no», che t rat t arono del l ’el i xi r an -
ch ’essi in lingua vu l gar e: è assai i nt eressant e sot t ol ineare quest a p r ec i ­
sazione, perché i t est i d ’alchim ia fu r on o effet t ivam ent e - assi em e a
quelli di m edici na - fra i prim i scr it t i non let t erari sot t rat t i al m o n o ­
polio dell a li ngua lat ina che carat t erizzava l a cult ura sci ent ifi ca m e ­
dievale 32.
Com e prim a, anche in quest a par t e della Co n ver sat i o i n d i cazi on i
st oriche si m escol an o senza di st inzione con elem ent i del l a t r ad i zi on e
leggendaria. Q u est a m escolanza è par t i colar m ent e signifi cat iva p e r
quel che r iguarda gli ult im i due au t or i nom inat i: «Rai m on do L u l l o ,
che non con osceva quest a scienza e l ’aveva confut at a con d ot t i ssi m e
argom ent azioni, fu edot t o dal grande dot t ore cat t olico e som m o sp e ­
rim ent at ore, il m aest ro r ever en di ssim o A r n al do da V i l l an ova, c at al a­
no, m edi co espert issi m o, che con di vi se con lui la sua esper ienza e g l i
insegnò le oper azi on i del l’alchi m i a». D ei due aut ori nom inat i , in r e a l ­
tà, il pr im o non scri sse d ’alchim ia n é la prat i cò, ed il secon do, p u r
avendo scrit t o n u m er ose opere di far m acol ogia, non sem br a esser e
l ’aut ore di nessun o dei t est i alchem i ci at t ribuit egli. T or n er em o su
quest o, m a è int eressant e or a ferm arsi su un det t aglio che i l l u m i n a i l
nesso fra m it o e realt à st ori ca n el l ’alchi m i a. N ella pi ù ant i ca d el l e
opere al chem i che at t r ibui t e a Rai m on do Lu l l o, il T est am en t u m , c h e
l ’anonim o ven ezi an o conosceva (lo nom ina poche righe pi ù avan t i ) ,
l'alchi m i st a che scr i ve di ch i ar a di essere «divenut o fi gli o di Er m et e»;
la stessa den om i nazi one è ut ilizzat a da A rn al do da V i l l an ova in u n
t esto far m acol ogi co, il D e v i n i sy in cu i r invi a all’opi ni one di «al cu n i
figli di Er m et e [ ...] nei l or o l ibri di segr et i » 35. La deri vazi on e m i t i ca

27
A R C A N A S A P I E N Z A

dell'alchim ia dal di o Erm et e è di ven t at a qui or igin e genealogica degli


alchimisti; non con t a più la l or o i dent i t à, il l or o n om e person ale può
sparire di et ro l ’at t ri buzione ad aut ori fam osi, perch é il pr odot t o delle
loro speri m ent azi oni - i libri che scr i von o, pi ù ancora for se che l ’oro
o l ’elixir ch e avrebbero vol ut o pr od u r r e - non è il fr ut t o di un ri­
trovato i n di vi du ale, ma il deposit o di una t radizi on e le cui origini
sono fu or i della st ori a, in una r i vel azione o in un «d on o di D i o».
«Per ci ò quest o l i br o è di or igi n e di vin a ed è col m o dell a scienza
divina», aveva scr i t t o Robert o di Ch est er presen t an do ai lat i ni il T e­
st am en t o d i M or i en o del quale, gi ocan do sul t it olo, pot eva afferm are
che «in esso è cont enut a la pr ova ver a e perfet t a dei du e t est ament i
(l’antico e il n u ovo)» H. I l saper e r i vel at o si t rasm et t e at t r aver so un
t estamento, il don o di D i o viene lasci at o in eredit à a chi si a stato ri­
conosciut o com e figli o, ed è at t r averso un sussegui rsi di vicende ere­
ditarie ch e la dot t ri n a di Er m et e è gi u nt a a M orieno.
Il t em a del l ’or igi n e ant ichissim a e, com e abbi am o vist o, egiziana
dell’alchim ia sot t ol inea la con sapevolezza che accant o alla filosofia
come er ed e del l o g o s nella st ori a, c’è u n ’alt ra fi losofia la cui origine è
“ prima” , o m eglio fuor i della st ori a, un sapere “ fi l osofal e” che non si
è format o at t r aver so il di st acco dal m i t o, ma che ad esso si rapport a
come il par edr o al la Gr an de D ea, di ffer en zi an dosen e ma rim anendo
nel suo grem bo. I l percorso st ori co d el l ’alchimia è perci ò un tragit t o
di m ut azioni nel t em po, che r in vi ano sem pr e ad un alt rove int em po­
rale, il cu i nucleo, pu r pr esen t an dosi in form e di verse nell e diverse
epoche, perm an e i dent ico e r iconosci bi le: il sogno della produzi one
della perfezi on e m at eri ale at t r aver so l ’oper a delle m ani um ane

N o te

1. C o n v e r s a n o p h i l o s o p h o r u m , V e n e z i a , B i b l i o t e ca N a z i o n a l e M a r ci a n a , m s. lat.
v i . 2 15 ( 3 5 9 9 ) , f. i ^ ^ r . I l t est o è i n e d i t o , l a t r a d u z i o n e è e f f e t t u a t a su u n a m i a t r a­
scr i z i o n e d e l l ’o r i gi n a l e l a t i n o .
2. D i a l ch i m i a , e vi d e n t e m e n t e .
3. Si t r a t t a d el l a T a b u l a s m a r a g d i n a , su cu i cf r . i n f r a f pa r . 5. 2.
4. C i o è l ’i m p e r a t o r e b i z a n t i n o E r a cl i o .
5. C i o è Z o si m o .
6. Co m e si v e d r à i n segu i t o , n e l p a r . 5 . 3 , l ’a f f e r m a z i o n e d e l l ’a n o n i m o a u t o r e r i­
n asci m e n t a l e co r r i sp o n d e a q u an t o l a cr i t i ca st o r i ca h a a p p u r a t o a p r o p o si t o d ei fi l o­
so fi n o m i n a t i n el l a T u r b a p h i l o s o p h o r u m .
7. C o n v e r s a n o p h i l o s o p h o r u m , f . 15 5 T - V .
8. P e r e i r a ( 19 9 6 , p. 33) . Su l p r o l o go di R obert o di C h e st e r cf r . Lem ay
( 19 9 0 - 9 1) .

28
i . l ’o r i g i n e d e l l ’a l c h i m i a

9. I l t er m i n e è k m t : P l u t a r co , D e I si d e e t O s i r i d e , 33; cf r . G a b r i e l e ( 19 8 6 , p p . 14
ss.) su l l ’i m p l i ca z i o n e si m b o l i ca d e l l ’ i p o t esi e gi z i a n a ; su l l ’e t i m o d i “a l ch i m i a " cf r . a n c h e
G a b r i e l e ( 19 9 7 , p p . 11- 7 ) .
10 . B e r t h e l o t ( 18 8 5 ) ; L i n d sa y ( 19 70 ) .
11. C f r . El i a d e ( 19 9 0 , p . 12 9 ) : « L e m yt h e d e l ’a l ch i m i e est u n d e s r a r e s m y t h e s
o p t i m i st e s: en effet , Y o p u s a l c h e m i c u m n e se co n t e n t e p a s se u l em e n t d e t r a n sf o r m e r ,
d e p a r f a i r e o u d e r é gé n é r e r l a n a t u r e ; il co n f è r e l a p e r f e ct i o n à l ’e x i st e n ce h u m a i n e ,
en lu i d o n n a n t san t é, j e u n esse é t e m e l l e et m è m e i m m o r t a l i t à » .
12 . B e r t h e l o t ( 18 8 9 , p. 6) . Su B er t h e l o t cf r . i n f r a , p a r . 14 . 5.
13. Jo n a s ( 19 9 1) . L ’ i n t e r p r e t a z i o n e d el m i t o gn o st i co p u ò assu m er e u n ’i n t o n a z i o ­
n e d i d u a l i sm o p e ssi m i st a ( p r e va l e n t e n el l ’et à e l l e n i st i ca ) , m a p u ò a n ch e c o n n e t t e r si
ad u n a co n ce z i o n e u n i t a r i a e t e n d en z i al m en t e o l i st i ca d el r a p p o r t o fr a sp i r i t o e m a t e ­
r ia ( co m e in al cu n e co sm o l o gi e i sl am i ch e e n ella T a bu la sm a r a g d i n a ) . Cfr . G reen
( 19 9 2) .
14 . C f r . p a r . 2 . 3.
15. H o p k i n s ( 19 3 4 ) .
16 . Si v i n ( 19 8 7, p . 18 9 ) . L ’i d e a d i u n ’i n f l u e n z a ci n e se su l l ’al ch i m i a i sl a m i ca e o c ­
ci d e n t a l e n el M e d i o e v o è st at a so st e n u t a d a N e e d h a m ( 19 7 4 ) . I l p r o b l e m a a n d r e b b e
a f f r o n t a t o al l a r a d i ce, co n l ’a p p o r t o d el l e r i ce r ch e a n t r o p o l o gi ch e r el at i ve a d i f f u s i o n i ­
sm o / p o l i ce n t r i sm o d i t e cn i ch e e sa p e r i .
17 . W h i t e ( 19 8 7 , 19 9 6 ) .
18 . M a h d i h a ssa n ( 19 9 1) .
19 . I v i , p. xix. Su l l a p r ep ar azi on e di m e d i ci n e a l ch e m i ch e cf r . a n ch e D a sh
( 19 8 6 ) .
20 . G r a n e t ( 19 8 7 ) ; N e e d h a m ( 19 7 4 ) . F a b r i z i o P r e g a d i o cu r a u n si t o I n t e r n e t s u l ­
l ’a l ch i m i a ci n ese, T h e G o l d e n E l i x i r R e so u r c e s o n C h in ese A l c h e m y (h t t p :/ / h e l i o s. u n i -
v e . i t / ~ d sa o / p r e g a d i o / i n d e x . h t m l ) . Di un im portan te t e st o di al ch i m i a t a o i st a , ch e
p r e se n t a Y o p u s in r e l a z i o n e co n l ’I C h i n g, esi st e u n a t r a d u z i o n e in gl ese: U n d e r s t a n d i n g
R ea lity. A T a o i st A l c h e m i c a l C l a s s i c , b y C h a n g P o - T u a n g , w i t h a co n ci se c o m m e n t a r y
b y L i n I - M i n g , U n i v e r si t y o f H a w a i i Pr ess, H o n o l u l u 19 8 7 .
2 1. I l p asso , d a u n t e st o ci n e se d el x se co l o , è ci t a t o i n Si vi n ( 19 8 7 , p . 18 7 ) , e
v i e n e co sì i n t e r p r e t at o d a l l o st u d i o so : «I n a lt r e p a r o l e , l ’a l ch i m i st a co m p i e in u n a n n o
d i 4 . 32 0 o r e (le 12 o r e ci n esi d el gi o r n o p e r 36 0 gi o r n i ) ci ò ch e la n a t u r a f a i n 4 . 3 2 0
a n n i . I l p r o ce sso a l ch e m i co , in a l t r e p ar o l e, è u n a sp e ci e d i m o d e l l o p i l o t a d e l l ’e v o l u ­
z i o n e co sm i ca [ ...] . I l r i ce r ca t o r e r i d u ce l e o p e r a z i o n i d el l a V i a a d i m e n si o n i s p a z i o ­
t e m p o r a l i ch e p u ò a b b r a cci a r e n e l l a co n t e m p l a z i o n e , n el l a sp e r a n z a d i d i v e n t a r e u n o
co n e ssa ». Su l ca r a t t e r e d e l l ’a l ch i m i a cin ese co m e «r i t u a l e p e r r i gen e r a r e il m o n d o »
cf r . F. P r e ga d i o , A s p e t t i r i t u a l i d e W a l c h i m i a c i n e s e ( a r t i co l o p u b b l i ca t o n e l si t o s o p r a
i n d i ca t o a l l a n ot a 20 ) .
22. Q u e st o t est o e n t r ò i n ci r co l a z i o n e i n E u r o p a n e gl i an n i T r e n t a d e l n o s t r o
se co l o , gr a z i e alla t r a d u z i o n e t e d e sca d el si n o l o go R . W i l h e l m , co m m e n t a t a d a C . G .
Ju n g ( Ju n g , W i l h e l m , 19 8 1) .
2 3. Ju n g , W i l h e l m ( 19 8 1, p . 9 8 ) .
24. C f r . i n f r a , p a r r . 9 . 3 e 14 . 3 . C . G . Ju n g , i n u n a n o t a d el su o co m m e n t o al
S e g r e t o d e l f i o r e d ’o r o , r i co r d a co m e «l a st essa a m b i gu i t à r i g u a r d o al “ d i v e n i r e i m m o r ­

t a l i ” si r i t r o v a co m ’è n o t o a n ch e n e l cr i st i a n e si m o d el l e o r i gi n i , d o ve l ’i m m o r t a l i t à si
f o n d a su p r e su p p o st i d e l t u t t o a n a l o gh i , e ci o è su l l ’i d e a d i u n “ co r p o p n e u m a t i c o ”
q u a l e p r i n ci p a l e ve i co l o d i v i t a » . Ju n g , W i l h e l m ( 19 8 1, p . 6 1) .
2 5. Si v i n ( 19 8 7 , p . 19 0 ) ; cf r . Si vi n ( 19 9 0 , p . 14 ) : « U n a co m p r e n si o n e a d e g u a t a
d e l l ’a l ch i m i a è i m p o ssi b i l e se l a si co n si d e r a se p a r a t a m e n t e co m e st o r i a d e l l a c h i m i c a

29
A R C A N A SA P I E N Z A

o st o r i a d e l l a r el i gi o n e. C h e l ’a l ch i m i a l e i n cl u d e sse e n t r am b e i n u n l e g a m e i n t im o è
co sa d i r i l e va n t i ssi m o i n t e r e sse p e r l a st o r i a d e l l a co sci e n z a u m a n a » .
26 . Q u e st o t e m a r i t o r n a in u n t e st o o cci d e n t a l e d el x m se co l o , il D e r et a r d a t io n e
a cci d en t i u m sen e ct u t i s, ch e è all o r i gi n e d el l a r i f l essi o n e d i R u g ge r o B a co n e su l n esso
t r a al ch i m i a e p r o l u n ga m e n t o d el l a vi t a. C f r . p a r . 8 . 3.
27. C e n t a n n i { 19 9 2 ) .
28 . P a r t i co l a r m e n t e n o t i e si gn i f i ca t i vi gl i e m b l e m i x x v e l ò e W A t a l a n t a F u g ie n s
( cf r . i n fr a , p a r . 13. 2 ) .
29 . B e r t h e l o t ( 18 8 5 ) ; cf r . i sa ggi d i L e t r u i t e Sa f f r e y in K a h n , M a t t o n ( 19 9 5 ) .
30 . C o n v e r sa n o p h i l o so p h o r u m , f . i j 6 r .
3 1. Su t a l e d i scu ssi o n e , ch e t e cn i ca m e n t e si i n d i ca co l n o m e d i q u a e st i o d e a l ch i ­
m i a , cfr . p a r . 8 . 3.
32. C f r . p a r . 11. 2 .
33. P e r e i r a ( 19 9 5 a ) .
34. P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 33- 4 ) .
35. Su l l a d e f i n i z i o n e d e l l ’a l ch i m i a co m e p r o d u z i o n e d el la p e r f e z i o n e m a t er i al e
cf r . C r o sl a n d ( 19 6 2 , p p . 3- 4 e 53) , e Sh e p p a r d ( 19 8 6 ) .

30
2

Seg r eti d el l a n at u r a
e seg r eti d e l l ’ al ch i m i a

2.1
I seg r et i d e l l a n a t u r a

La fi losofia gr eca, dai presocrat i ci al l e scuole del l ’età elleni st ica, av ev a


com piut o un per cor so di pr ogr essi vo allont anam ent o dal m it o a p ar t i ­
re dal la di st inzione fondam ent ale fr a sogget t o e ogget t o dell a c o n o ­
scenza, ed era giunt a con Ar ist ot el e ad un ver o appr occi o sci en t i fi co
alla realt à m at eri ale, fondat o sulla separazi on e fra fisica e m et afi si ca e
sul m et odo si llogist ico dell a sci enza. M a a part ire dal l 'epoca d el l e
conquist e di A lessandro fat t ori st ori ci ben not i , com e l a perdit a d el l a
libertà poli t i ca e il conseguent e pr ofon d o m ut am ent o nell a vit a d el l e
città, l ’i nsicurezza derivant e d al l 'aw i cen d ar si delle gu er r e cu l m i n at e
(ma non t erm inat e) con l 'in st au razi on e del dom ini o di Rom a, l ’an si a
spirit uale col l egat a alle pr ofon de t rasfor m azi oni in at t o e la m ol t ep l i ­
cità di rispost e ch e por t ar ono i nfine ad un ver o e pr opr i o si n cr et i sm o
religioso, det erm inarono un cam bi am ent o pr ofon do nel clim a i n t el l et ­
tuale dell a r egion e m edit erranea, i cui sint om i posson o essere co l t i
con chi arezza an che nel m ut at o car at t ere dell a l et t erat ura sci en t i fi ca
del per iodo.
L a nat ura del l e realtà m at eriali, di cui Arist ot ele nei l ibr i f i si ci
aveva i ndagat o l a cost it uzione or di nat a, rit enendo che l 'or i en t am en t o
unit ario e finali st i co della p h y si s si a com prensi bi le at t r averso l 'o sser ­
vazione r egolat a dei m ut am ent i vi si bi l i, t ornava ad appari r e m i st er i osa
e i m penet r abi le com e nelle ant iche religioni m ist eriche, i cui co n t en u ­
ti si r ipr esen t avano nei cult i rel igiosi m escol ando m at eri ali della t r ad i ­
zione greca arcai ca con elem ent i di provenienza orient ale. Q u est o
profondo r ivol gi m en t o si espresse nel rit orno generalizzat o ad un at ­
t eggiam ent o r el igioso, che por t ò gli eredi dell a t radizi one del l o g o s a
rielaborare il pen si er o ant i co, sopr at t ut t o quell o di Pl at on e, nella d i ­
rezione di una fi losofia i nt esa com e pr eparazi one al rit orno del l ’an i m a

3i
A R C A N A S A P I E N Z A

al l ’U n o; m ent re col or o ch e m ant enevano l o sgu ar do rivolt o al m ondo


dei cor p i si accinsero a cercar e n uove vie d ’ap pr occi o ad una realtà
avver t i t a come sover chi arn e e cari ca di m i st er o. Si apriva così ad A t e­
ne la gr an de st agione fi l osofica del n eoplat on ism o, m ent re la cit t à egi ­
zi ana di Alessandri a di ven t ava il cent ro di u na cult ura cosm opoli t a,
en ci cl opedi ca ed erudi t a, m a anche apert a a speri m ent azi oni e r icer ­
ch e sci ent ifi che i nn ovat ive.
En t r am be quest e t en den ze sono chi ar am ent e visi bi li in un insiem e
di scr i t t i com post i nella st ragran de m aggi oran za a part i re dal n secolo
d .C. e at t ribuit i ad Er m et e Tri sm egist o, i dent i fi cat o col m it ico dio
egi zi an o Thot *: t ut t i gli scri tt i erm et ici, sia qu el l i di carat t ere filosofi-
co ch e quelli con cer nent i la nat ura e le t ecn i ch e di int ervent o su di
essa (scrit t i ast rologi ci , alchem i ci , di m edi ci na m agica e di m agia t eu r ­
gi ca"1), sono i nfat t i con si derat i espressi one di una conoscenza ot t en u ­
ta per rivelazione di vi na, e pert ant o fondat a su basi com plet am ent e
di ver se rispet to a quell e del l a filosofia e del l e sci enze nat urali ari st ot e­
li che. N ei testi erm et i ci , che com prendon o si a gli scritt i at t ri buit i ad
Er m et e st esso si a quelli i cui aut ori (Agat odai m on , Isi de ecc.) si d i ­
ch i ar an o suoi discepol i , e che nel com pl esso sem br ano pi ù di or igi n e
greca che non egi zi ana, si com pie un t en t at ivo di accost are elem ent i
dell a t radizione fi losofica e scient ifica svil uppat a in Gr eci a alla r el i gi o­
ne d el l ’Egit t o, su l l ’esem pio di quant o era gi à avvenut o per un set t ore
part i col ar e di quest i scrit t i, quelli ast rologi ci , i pi ù ant ichi dei quali si
r it ien e risalgano al l ’epoca precri st iana.
Il quadro gen erale del l a rivelazione erm et i ca e l ’at m osfera sp i r i ­
t uale son o gli st essi sia n egl i scritti fi losofici che in quelli t ecnici. L e
dot t r i n e fondam ent ali i n cl udon o la con vi nzi on e del l ’unit à del t ut t o e
il conseguent e par all eli sm o fra m acrocosm o e m i crocosm o, la cr ed en ­
za nel pot ere degl i ast ri e degli spi ri t i ast rali, dei segni zodiacal i e dei
l or o decani , che gover n an o la discesa dell’ani m a nel m ondo e dal cui
i nflusso l ’anima st essa d ovr à purificarsi per pot er t ornare alla p r opr i a
or i gi n e celeste; l a cr edenza nel fat o e l ’i dea che sia possi bi l e con o­
scer e D i o at t raverso la cont em pl azione degl i ast ri si accom pagn an o
alla com plessa dot t ri na ast rologica. L a cr eazion e dell’anim a in u n o
degli scrit t i filosofici, la K o r e K o sm o u , present a evident i t racce di d o t ­
t rine alchem i che, e an cor a questo scrit t o e YA scl ep i u s (l ’uni co t est o
er m et i co filosofico di et à ellenist ica con osci ut o nel M edi oevo occi d en ­
tale: gl i altri fu r on o t radot t i da M ar sili o Fi ci n o nella Fir en ze m edi cea
di fin e Q uat t rocent o) si riferiscono a prat i che m agiche e t eu rgi che \
Q u est e conoscenze son o, per defini zi one, segret e: una scienza ch e
t rae or igine da una rivelazione di vina non p u ò essere at t int a con la
r i cer ca razionale che pr en de il via d al l ’esper ienza sensibile, ma escl u ­

32
2 . si c ; ki-;ti d l l i . a n a t u r a i- s l g r l t i h i i l l ’ a l c h i m i a

sivam ent e at t raverso il con t at t o col m i st er o r i velat o ai di scepol i el et t i ,


pi ù profet i che sci enzi at i n el senso gr eco del t er m i n e4. A n ch e se è
orm ai chi ar o che n on esist è una vera e pr opri a set t a erm et i ca, la n e ­
cessità di di fendere una conoscenza ch e con fin ava con, o m egl i o
sconfinava nella m agia (persegui t a com e cr im ine nella l egislazi one r o ­
mana) e insieme la volont à d i esalt arla nei t er m i ni della co n o scen za
pi ù alta, quella rel i gi osa, son o già m ot ivi sufficient i a spiegar e il c a ­
ratt ere segret o dell e scienze erm et iche. I l car at t ere elevat o dell a c o n o ­
scenza dei segreti è evi dent e nella di ffi col t à i m pli cat a nel l or o o t t en i ­
ment o: senza la r i cer ca iniziat ica, nessuno di ver r ebbe davver o cap ac e
di apprenderli. Q u est o at t eggiam ent o nei con fr on t i del l 'acqu i si zi on e e
dell a di ffusione del la conoscenza si col l oca al l'est r em o oppost o d el l a
concezi one classica, per cui l a t rasm issione del sapere avvi en e at t r a­
verso un i nsegnam ent o apert o a tutti i di scepoli nella scuola. N on si
deve per ò dim ent icare che m olt e t radizi oni art igianali si t r am an d ava­
no i pr op r i saperi at t r averso canali r iser vat i: quest o elem ent o è d i
par t i col ar e rilievo per inquadr are la m odal i t à di t rasm issione d el l ’ a l ­
chim ia che, come abbiam o gi à osservat o, ha una cont iguit à m ol t o f o r ­
te con l e arti fabri li che son o, fra le t ecni che del l ’ antichità, quel l e p i ù
for t em ent e intrise di valenze iniziat iche.

2 .2

P r e l u d i o al l ’ al c h i m i a

L e conoscenze m et al lu rgiche e le prat i che di l aborat or io che l ’al c h i ­


m ia ellenist ica fece pr opri e avevano u n ’or igi ne ant ichissim a 5. L ’u so
di sost anze m inerali com e il carbone, il sale, alcuni pigm ent i, è at t e­
st at o fin dal l’età pal eol i t i ca, ed agli albori dell a ci vilt à egiziana, v er so
il v m illennio a.C., si ut ilizzavano alt ri sali com e il n at r on (una sp eci e
di soda) e si pr at i cavano la m et allurgia e la pr oduzi one del l a t er r a­
cot t a e d i m at eriali vet r ifi cat i, anche se del vet ro vero e p r op r i o n o n
si ha t racci a prim a del 2500 a.C. Pi gm ent i art i ficial i ottenuti d al l ’o ssi ­
dazi one di metalli er an o ut ilizzat i in A ssi r i a, in Per si a e in Egi t t o v e r ­
so il i x secolo a.C. M a è sopr at t ut t o nell a l avorazi one dei m et al l i —
est r azi one e fusione son o i pr i m i pr ocedi m ent i art ificiali in senso p r o ­
pr i o - ch e si ven ne acqu isen do il pat ri m on i o di conoscenze r el at i ve
alla t rasform azi one dell a m at eria, che gli alchi m i st i assunsero co m e
b ase pr at i ca della l o r o “ sci enza di vin a” .
L ’ut ilizzazione dei m et alli , dappri m a di quell i che si pot evano t r o ­
var e allo st ato nat ivo e successi vam ent e di quell i ottenuti per l av o r a­
zione, sem br a aver m osso i prim i passi nel V i ci n o Orient e ( A r m en i a,

33
A R C A N A S A P I E N Z A

An at ol i a, Asia M i n or e, Per si a) fra il vi ed il n m i llenn io a.C. L ’or di ne


in cui ent rarono n el l ’uso è il seguent e: dappr i m a l ’oro e l ’el et t ro (lega
nat iva di oro e argent o), poi il rame, che sem br a fosse il pr i m o m e­
t allo ad essere ot t enut o p er est razi one ver so l a fine del v m illennio
a.C., per quant o n on si con oscan o l e ci r cost an ze in cui si scopr ì la
possi bi l it à di est rar re un m et allo dal l a gan ga; segui rono il bronzo
(lega di ram e e st agno), il pi om bo, l ’ar gent o, l o st agno e i nfi ne il fer ­
ro. U n a classificazione dei m et alli com e gr u pp o di sost anze ben defi ­
nite non com pare t ut t avi a fi no al n secol o d .C. 6, ed è qu est o un ul t e­
riore m ot ivo perché non si possa par lare di alch i m i a prim a di qu el l ’e­
poca, nonost ant e l a pr esen za di t ecni che m et allurgi che, t int ori e e far ­
m acol ogi che fin d a epoch e m ol t o più ant iche; l ’alchim ia i nfat t i , anche
nei t rat t at i più or ient at i alla prat ica, pr esu ppon e una con oscenza già
codi fi cat a dei m et alli i m piegat i nel Yopu s.
A ccan t o ai m et alli ent rò lent am ent e n el l ’u so t ut t a una seri e di al ­
t re sost anze chi m i che, com e i minerali e gli aci di , anch essi inclusi nel
r eper t ori o degli alchi m i st i . M ol t e di quest e sost anze com paion o nelle
liste di farm aci, ch e fino al l ’epoca r om ana cost it ui scono la docu m en ­
t azione pi ù affi dabi l e per st abi lir e quali sost anze chim iche fosser o co ­
n osciut e in un det er m i nat o peri odo e con t est o st orico. I pi ù antichi
papi ri non medici con t enen t i i ndicazioni su l l ’uso di sost anze chim iche
sono quell i di L ei d a e di St occolm a, la cui im port anza r ispet t o alle
origi ni d el l ’alchim ia è già st at a sot t olineat a: essi tuttavia r i salgon o a
non pr im a del ni secol o d .C .7. Le ult im e sost anze ad essere i nt ro
dot t e fu ron o il m er cu r i o (argent o vi vo), che non sembra fosse noto
prim a del 400 a.C., e l ’ot t on e, spesso con fuso nell e liste col rame.
Le princi pal i fon t i t est uali delle con oscenze m i neralogiche del l ’an ­
t ichit à son o il t rat t at o Su l l e p i et r e di Teofr ast o, il successore di A r i ­
st ot ele nell a guida del Li ceo; la St or i a n at u r a l e di Plinio il V ecch i o, e
soprat t ut t o la M a t er i a m edi ca di D i oscor i de, la farm acopea pi ù fam o­
sa del l ’ant ichit à, ch e fino al l ’età rinasci m ent ale ed oltre fu uno dei
riferim ent i più au t orevol i anche per gli alchim ist i In quest i trattati
si assist e ai prim i t ent at i vi di classificazione; Teofr ast o ad esem pio,
i naugur a una su ddi vi si on e in metalli, pi et re e “ t er r e” (cat egoria resi­
duale non ben defi ni t a, “ pi et re i m m at ure” ). M a le dist inzioni sia fra
cat egor ie di sost anze che fra le sost anze st esse sono alquant o labili:
molti n om i posson o i ndicar e una st essa sost anza, e vi ceversa, m at eri a­
li di versi possono ven ir e unificat i sot t o un nom e unico (casi del gene­
re sono il “ vet r i ol o” e l ,aal l u m e” ); spesso la differenziazi one è fat ta in
base alla regione d i proveni enza del m et al lo o del minerale.
N on esist e una docum ent azione cer t a sulla presenza di t eori e rela­
t ive ai m et alli e ai m i nerali n el l ’ant ichit à. La m et allurgia ani m i st a pr e­

34
2. S E G R E T I D E L L A N A T U R A E S E G R E T I D E L L * A L C H I M I A

sentata d a M ircea El i ade, p er la quale i m et alli son o creat ur e v i v en t i


che cr escon o nel grem bo d el l a M adre T er r a e l ’est razi one e l av o r az i o ­
ne art i ficiale cost i tui scono u n ’accel erazi one dell a l or o norm al e m at u ­
razione, è u n ’i pot esi plau si bi l e - soprat t ut t o con si deran do il p ar al l el i ­
smo con l ’agri colt ura - el abor at a con m et odologi a com parat ist ica, m a
non t r ova support o docu m ent ari o nell e font i greche e r om ane. L a
m ancanza di una ver a e p r opr i a dot t ri na m i ner alogica nel co r p u s
scient ifico di Ar ist ot el e, del rest o, è un segnale pi ut t ost o pr eci so i n
senso negat i vo. A l l a fine del t erzo l i br o del t rat t at o Su l l e M et eo r e A r i ­
stotele aveva in r eal t à en u nciat o brevem ent e una t eoria dell a f o r m a­
zione dei metalli dal l a du pl i ce esalazione che si pr odu ce sot t o la su ­
perficie t errest re; in si gn ifi cat ivo parallelism o con l a dupli ci t à dei c o r ­
pi del m on do superi or e, l ’esalazione um ida (vapor e) pr oduce i m e ­
talli, qu el l a secca (fum o) le pi et r e e le sost anze m i nerali. M a ci ò c h e
seguiva n on era t ant o uno svil u ppo di quest a dot t ri n a, quant o p i u t t o -
s:o u n’am pi a e m ol t o det t agli at a t rat t azione dei cor pi “ o m eo m er i ”
(cioè om ogenei nell a sost anza), di cui i m et alli e i m inerali sono so l o
una par t e; infatti anche i t essut i dei cor pi ani m ali e veget ali so n o
om eom eri , e met alli e m i neral i non occu pan o una posi zione di p ar t i ­
colare r i li evo nel quart o l i br o delle M et eo r e 9.
In et à m edievale, qu an do insieme al rest o del corpus ar i st ot el i co
quest o t est o fu t radot t o in ar abo e poi in l at ino, venne arri cchi t o d a
un’aggi unt a che, col l ocan dosi piut t ost o in cont i nui t à col t erzo l i b r o
che col quart o, pr esen t ava u n a teoria dell a gen erazi one dei m et al l i e
della l or o t rasform azione coerent e con la dot t ri n a genuinam ent e a r i ­
st otelica dell e due esalazi oni . L ’aut ore di qu est ’aggi unt a fu il gr an d e
filosofo e m edico per si an o Avi cenna, ch e la pr odu sse com e una p ar t e
della sua enci cl opedi a filosofica arist ot elica, il L i b r o del l a g u a r i g i o n e
( K i t àb al -Sh i fa lo); la t r aduzi on e lat ina, not a generalm ent e col t i t o l o
D e co n gel at i o n e et co n g l u t i n a t i o n e l a p i d u m , ven ne inizialm ent e co n si ­
derat a op er a dello st esso Ar ist ot el e, e ci rcol ò anche col t it olo di L i b e r
M i n er a l i u m A r i st o t el i s.
T or n an d o all’ant ichit à, si deve sot t ol ineare che il t erm ine st esso
m ét al l o n in greco non si gn i fi cava origi nariam ent e l e sost anze m et al l i ­
che ver e e propri e, m a i l u ogh i m inerari e le m i ni ere, e solo n el i
secolo a.C. t roviam o il t er m i ne utilizzat o nel si gnifi cat o odier no 11. L a
prim a dot t ri na sist em at ica dei metalli è quel l a che si fonda sul l’asso ­
ciazione di ciascuno ad un si ngol o pianet a, i nt roducen do un ch i ar o ( o
t endenzialm ent e t ale) cr i t eri o di dist inzione fra i met alli stessi. A d
epoca pr ei st ori ca si fa r isali re l ’associazione del Sol e e della Lu n a r i ­
spet t i vam ent e con l ’or o e con l ’argent o. A nch e il n esso fra V en er e e i l

35
A R C A N A S A P I E N Z A

r am e, M ar t e e il ferr o e Sat ur no e il pi om bo è ant ico e rel at i vam ent e


cost an t e. V ar i abi l e i nvece è il col l egam ent o fr a i du e pianet i r esi dui ,
G i o v e e M ercu ri o, e quest i alt ri m et alli: st agn o, br on zo, elet t ro e ar ­
gen t o vivo.
L ’elem ent o cent rale di quest e associ azi oni rim ane in ogni caso il
n u m er o set t e, l a cui vast a gam m a di si gnifi cat i cosm ici e si m bol ici i n ­
cl u d eva anche i m et alli, con la si gnifi cat iva m ediazi on e dei sett e col o­
r i . Pr esso gli abit ant i di H ar r an , seguaci di u na rel i gi one ast rale, ogni
d i vi n i t à planet ar ia aveva una st at ua fat t a di un m et allo di verso: in
q u est a t radizi one a Gi ove era at t ri buit a una st at ua di st agno e a M er ­
cu r i o una st atua fat ta di una lega di t utti quant i i met alli, con una
con si st en t e quant it à di m ercur io. U n a dell e p i ù ant i che liste al ch em i ­
ch e di associazione fra m et alli e pianet i, quel l a di O li m piodor o (vi
secol o d.C.) ripr odot t a in un m anoscrit t o gr eco del i x secolo, at t r i ­
b u i sce ancora a Gi ove l ’elet t ro e a M er cu ri o l o st agno; nel m an oscr it ­
t o ogn i coppi a è i nolt re con t r assegn at a da un segno grafi co par t i col a­
r e, in genere (m a non sem pre) cor ri spon den t e ai segni utilizzat i in
ast r ol ogi a per i pianet i.
M a nel v i i secol o l ’at t r ibuzione dell’argen t o vivo (o m ercurio) al
pi an et a M ercur io era già vigent e, com e m ost ra un passo del l ’al ch i m i ­
st a bi zant ino St efan o:

I l demiurgo collocò per primo Saturno, e con esso il piombo, nella regione
prima e più elevata; poi collocò Giove e con esso lo stagno nella seconda
regione; Marte, il terzo, lo collocò nella terza regione e con esso il ferro; il
Sole, quarto, lo collocò nella quarta regione e con esso Toro; Venere, il quin­
to, lo collocò nella quinta regione e con esso il rame; Mercurio, il sesto, lo
collocò nella sesta regione e con esso l ’argento vivo; collocò la Luna settima,
e con essa l ’argento, nella settima e ultima regione ,2.

Q u est a serie di associ azi on i di venne t radizi onale per gli alchim ist i, ot ­
t en en do m aggi ore o m i nor e rilievo a seconda del l ’im port anza che ve­
ni va at t ribuit a al l ’influenza degli ast ri nell "opu s. A l ivello di st rat egi e
l i ngui st iche, i nom i st essi dei pianet i avrebbero finit o per sost it uire in
m ol t i t rat t at i qu el l i dei m et alli l or o connessi e, nel Rinascim ent o, sa­
r eb ber o divenut i uno dei t ram it i pi ù i m port ant i per la messa in p a­
r al lelo del l ’alchim ia con la m i tologi a antica. I n ol t re la car at t er izzazi o­
ne ast rologi ca del pi an et a M ercu ri o, associ at o ai quat t ro elem ent i
( fu oco, aria, acqu a, t erra) e non ad uno sol o di essi com e t ut t i gli
alt ri pi anet i , avrebbe gi ocat o un r u ol o i m port ant e nella com parsa d el ­
la dot t ri na del “ m er cur io sol o” n el l ’alchim ia lat ina del l ’eli xir 1\ M a
pi ù in generale l ’associ azi one fra met alli e pi anet i port ava in pr i m o

36
2. S E G R E T I D E L L A N A T U R A E S E G R E T I D E L L ’ A L C H I M I A

piano, n el cont est o operat ivo del l’alchi m i a, l ’assi om a d el l ’unità d e l


tutto, ch e il neoplat oni co Gi am b l i co aveva espr esso afferm an do c h e
«il m on do è un animale u n i co, di cu i tutte l e par t i , quant unque d i ­
stanti fr a lor o, son o legate n ecessar iam ent e l ’una al l ’alt ra» I4.

2,3
Le dottrine di Ermete

«La t ot ali t à delle cose, ben ch é m ol t epl i ce, è det t a U n o» ,5: quest e p a ­
role, che r ipet ono in altra for m a l ’i dea espressa da Gi am b l i co, so n o
at t ri buit e t radizionalm ent e ad Er m et e Tri sm egi st o, e assi em e ad a l t r i
det ti r ipor t at i fram m ent ariam ent e son o la pi ù ant i ca t est i m on i an za
che ci r im ane di quelle dot t r in e filosofiche, e pi ù pr ecisam ent e c o ­
sm ologi che, che giust ifi cano l a con cezi one del Tri sm egi st o com e f o n ­
dat ore d el l ’alchi m i a e padr e m it ico d i quanti la pr at ican o. Se p o i è
vero, com e ha afferm at o Ru d o l f O t t o, che per i greci l ’or igine d el l a
figura di Er m et e è la con cezi on e che vede «il m on do in D i o e D i o
nel m on do i nt er o» l6, il pr ofon d o convi ncim ent o rel i gi oso degli al c h i ­
misti, espr esso nel mito del l a t rasform azi one sal vifi ca del l a m at er i a,
t rova qu i l a sua fondazi one si m bol i ca più aut ent ica. E n t ò p à n ( U n o -
Tut t o) è il det t o at t ribuit o al m it ico Chym es an cor prim a ch e Er m et e
venisse esplicit am ent e i ndi cat o com e fondat ore d el l ’alchim ia; q u est o
det to car at t er izza Y o u r o b o r o s , il più ant ico si m bol o grafi co del l’al c h i ­
mia 17.
La fi gu ra di vi na di Er m et e è una m anifest azione del ruolo d el l a
m ediazi one cosm ica, quindi di una razionalit à orient at a al l ’i n t er ven t o
um ano sul m on do e i nt risa di un val or e pr ofondam ent e rel igioso l 8 .
A m ezza vi a fra l a t radizi one greca classi ca e la t radizi one cri st i ana i n
for m azi one, le credenze erm et i che d el l ’età elleni st ica - affin i alla r i ­
cerca degl i gnost ici, se non addi r i t t u r a t est im onianza gnost ica a t u t t i
gli effet t i - perm et t ono di com pr en der e com e il m on do sia p o t u t o
passare «dal l a rel igione om er ica alla religione cr ist i ana» 19 e, se t en i a­
m o in debit o con t o il l or o car at t er e fondat ivo r ispet t o al l ’al ch i m i a,
perm et t on o di chi arire perch é l ’arte della t rasm ut azione sia stata d a
Ju n g st ret t am ent e collegat a alla t radizi one gnost ica, m ent re fra i su o i
discepol i e col l abor at ori vi è chi ne h a sot t olineat o gli elem ent i p ag a­
ni e ch i i nvece l a i nserisce seppu r e crit icam ent e nell a t radizione c r i ­
st iana 2°.
L a pr ossi m i t à della t radizi on e alchem ica e di quell a erm et i ca si
m anifest a nella com unanza di t em i filosofici e spi ri t uali negli scr i t t i

37
A R C A N A S A P I E N Z A

del cor pu s erm et i co vero e pr opr i o (in pr im o luogo il P o i m a n d r e s e la


K o r e K o sm o u ) e negli scr it t i alchem i ci che al nom e di Er m et e si r i ­
chi am ano. N el v i i secolo d .C., qu an do gli scri t t i degl i alchim ist i greci
fu ron o r accol t i i n un uni co cor pus, i fram m ent i alchem i ci di Er m et e
vi eb b er o un post o di r i li evo, accent uat o n ell a t radi zi on e post eri ore
(dall’I sI am m edi eval e all’esot eri sm o m oderno) dal carat t er e di U r t e x t
alchem i co at t r ibu it o alla T a b u l a sm a r a g d i n a 21. La l eggen da del suo
r eperi m ent o in una grot t a sot t erranea, nelle m ani di una st atua del
dio, cost i t u isce il m odello dell a r icer ca della ver it à alchem i ca, accessi ­
bi le sol o a ch i affront i le di ffi col t à di una "di scesa agli i n fer i ’’ .
N ei fr am m ent i alchem ici at t r ibui t i ad Er m et e ven gon o espressi al ­
cuni capi sal di dell a dot t ri na alchem i ca che r im aser o sost anzialm ent e
i nalt erat i , pu r nell a di versi tà dell e successive elabor azioni t eoriche.
Coerent em en t e con l ’afferm azi on e d el l ’U n o/ Tu t t o, quest i testi presen ­
t ano u n ’i m m agine del m on do ch e respinge l e di cot om i e principali
della t radizi on e filosofica greca, quel l a fra ani m a e cor p o, che è di
or igine pi t agori co-pl at on i ca e qu el l a fra i cor pi dot at i di vit a e i corpi
inert i, el abor at a nelle r icer ch e nat uralist i che di Ar ist ot el e.
U n fr am m ent o d ’im port anza capi tal e, il cui con t en ut o riaffiorerà
in num er osi ssi m i testi alchem i ci , afferm a: «Se non r en di i ncor por ei i
cor pi e non r en di cor por ee le cose pr ive di cor po, il risult at o at teso
non ci sar à» 22. È chiaro i nnanzit ut t o il con t est o oper at i vo del l ’afori-
sma, anche se non ven gon o dat i i det t agli del Y o p u s. Se quest o det to
può essere effet t ivam ent e at t r ibuit o a M aria l ’Eb r ea, com e risult a dai
testi di Zosi m o e O l i m pi odor o, il pr ocedi m ent o cui l ’afor ism a si r i fe­
risce d ev ’essere l a di st illazione o la subli m azi one 2*. E com unque i n­
du b bi o che il det t o erm et i co i m pl ica una con t i nui t à fr a le due di ­
m ensi oni, quell a spirit uale e quella cor por ea, con cepit e com e poli di
una real t à uni ca st rut t urat a da un cont inuo di nam i sm o dal l ’invisibile
al vi si bi l e e dal visi bi le al l ’i nvisi bi le. Sem bra par t i col ar m ent e si gnifi ca­
t iva, a quest o pr oposi t o, l ’at t r ibuzione di un det t o or igin at o pr oba­
bi lm ent e negli scrit t i operat i vi di una donna alchi m i st a al dio che nel
mito è fi gli o e com pagno dell a Gr an d e M adre; ciò nonost ant e, questa
con cezi one è spesso cont r addet t a di fat to nei t est i degli alchim isti po­
st eri ori , i quali pu r richiam andosi alle dot t rine di Er m et e di ffi ci lm en­
te r iescon o ad espri m ersi in t erm ini non duali st ici. I n realt à il c o n t i ­
n u u m cor po-spir i t o che si può “ ved er e” all’oper a nel pr ocesso della

di st ill azione (che gli ant ichi non di st inguevano dalla subli m azi one 24)
si pon e olt re la di st inzione classica fr a fisica, o m on do dei cor pi , e
m et afisi ca, o m on do dei pr in ci pi , post ul andone la r ecipr oca perm ea­
bilit à, e sem br a rinviare alla concezi one del l 'a r c h è dei filosofi preso-

38
2 . Sr - C R C T l D L L L A N A T U R A C SH G R E I T I D E L L . ’ a L C H I \ 1 1A

crat ici o, rim anendo in un cont est o filosofico pi ù vi ci n o, all ’idea st o i ­


ca di p n eu m a : riferim ent i che t roverem o ent ram bi n egli sviluppi m e­
dievali, prim a islamici e poi occiden t al i, dell’alchi m i a 25.
U n ri feri m en t o più espl icit am ent e operat i vo, chi ar am ent e l egat o
alle operazi on i sui metalli, lo t rovi am o in un alt ro dei fram m ent i e r ­
met ici, in cui si afferm a che «le qualit à at t i ve del cor po m et al l i co
pr en don o vit a sot t o Fazione del cal d o e si r affr edd an o sot t o l ’az i o n e
del fr eddo. D a ci ò pr ovi ene che il metallo è det t o dal sap i en t i ssi m o
Er m et e un vi vent e anim at o» 2<s. N el l a prima par t e del fr am m ent o si a ­
mo di fr ont e ad una dot t ri na che m odifi ca espl icit am ent e, anche se i n
m aniera assai sint et ica, la con cezion e arist ot elica per cu i le qualit à d ei
metalli e dei m inerali son o per definizione passi ve, in quant o le d u e
esalazioni di cu i si parla nel t erzo l i br o delle M et eo r e sono p r o d o t t e
dalle qualit à passive degli elem ent i, Tumido e il secco. N on ost an t e
ciò, l ’afferm azi on e che cal do e fr eddo pr odu con o in questi c o r p i
azioni di verse concorda con l 'at t i vi t à at tribuit a a qu est e due q u al i t à
nel quart o l i br o, mentre è definit ivam ent e est ranea ad Ar ist ot ele l ’ i ­
dea ch e i m et alli possano “ pr en der e vit a” sot t o l ’azi one del cal o r e.
A nche qu i possi am o pi ut t ost o ipot i zzare, alla radi ce di quest a i d ea,
uno svil uppo del l a concezi one st oi ca del p n eu m a com e calore v i t al e:
di cal ore vit ale aveva par lat o del r est o lo st esso Ar ist ot el e, n on p er ò a
p r o p o si t o d ei m et a l l i , ma nei t rat t at i bi ologi ci 27.
E ch i ar o qu al è il pu nt o che carat t erizza la con cezi one del “ sa ­
pi ent i ssi m o Er m et e” , dist in gu en dol a da quella dell o St agirit a: la d i ­
st inzione fra cor pi om eom eri (m et alli e t essut i) e anom eom eri ( co r p i
st rut t urat i in par t i funzi onalm ent e diverse) non ha alcun a r i l evan za
rispet t o al car at t ere di “ vivent e ani m at o ', cosi cché al fon do della d o t ­
trina al chem i ca si deve r icon oscere una “ l ogica del vi ven t e” p r o f o n ­
dam ent e di ver sa rispet to a quell a arist ot elica 2K. E per quest o ch e i l
lavoro d el l ’alchi m i st a viene assi m il at o a quell o del l ’agri colt or e, il c u i
am bit o è quell o dei pi ù sem pli ci fr a i cor pi vivent i: l e piant e. « Se
sem ini gran o, nascerà gr an o »29 è dunque u n ’i ndicazi on e o p er at i va
fondam ent ale. L ’operazi one al ch em i ca è una sem ina che dovrà sc e ­
gliere la m at er ia di part enza dell 'o p u s (la “ m at eri a pr i m a” ) coer en t e­
m ent e con il fi ne di perfezi one cui vuole gi un ger e; nel cr ogiuolo n o n
si opera un assem bl aggio di m at eri e estranee, m a una gest azione d a l
seme alla nascit a, come espl icit erà nel suo t rat t at o l 'ar ab o M or i en o.
Ed è i nt er essan t e sot t ol ineare il par allelism o fra quest a i n gi u n zi on e
operat iva e il br an o del V an gel o giovann eo rel at i vo alla semina e al l a
m ort e del gr an o nella t er ra, che sar à spesso ci t at o dagli al ch i m i st i
crist iani 3°.

39
A RC A N A SA PI EN Z A

L a m aggi or part e degl i alt ri fram m ent i at t ri buit i ad Er m et e, che


com e i pr ecedent i sono per lo pi ù ricavat i dal le oper e degli alchimisti
gr eci , dà indicazi oni rel at i ve a det t agli ò d k 'o p u s o r ipor t a i t it oli dei
t rat t at i d ’alchi m i a che gli sono ascrit t i; t it oli che, sebben e non cor ri ­
spon dan o a nessuno degl i scrit t i greci o ar abi noti 31, rinviano a con­
t en ut i operat i vi ( T r at t at o su l l ’i m b i an ch i m en t o d el p i o m b o , T r at t at o su i
c r i v el l i ) o a m ot ivi all egori ci ( L a ch i a ve, L a p i cco l a ch i ave) . D a questi
fram m ent i risult a che nei t rat t at i alchem i ci erm et i ci venivano utilizzati
t er m i ni al legori ci (il cu or e d ’or o per i ndi care la cr isocolla, il grande
di o per i ndi car e il sole, r aggi di m i ele per il m ercur io ecc.) e che la
par t e operat i va era in essi m olt o sviluppat a 32; essi t ut t avia si dist in­
gu ono dal la t rat t at ist ica m et allurgi ca o t int ori a di carat t ere art igianale
per ch é pon gono in st ret t a e r eciproca r el azione ricet t e e dot t rine.

2 .4

Physikà kaì mystikà

Il m ut uo legam e fra t eori a e prat i ca carat t erizza i prim i scrit t i che


posson o essere definit i pr opr iam ent e alchem i ci . Tradi zi on alm ent e si
con si der a t ale un test o int it olat o Ph y si k à k a ì m y st i k à , cit at o da Zosi ­
m o 53 che lo at t ri buisce a D em ocri t o; l ’alchi m i a si lega così al nome
del fi l osofo presocrat ico che aveva elabor at o una dot t ri na ant i plat oni ­
ca dell a m at eri a basat a su l l ’idea di part i celle i ndi vi si bi l i e i nvisibili
(at om i), i cui m ovim ent i e assem bl aggi pr odu con o le realt à visi bi li . La
r i cer ca più recent e m ost ra che quest o pseudo-D em ocri t o, ver osim i l­
m ent e l ’aut ore egiziano di lingua greca Bol o di M ende, non va con fu­
so con il “ Bol o egi zi ano” m enzi onat o in scr it t i del 1 secolo d.C. 34. Il
t rat t at o pseudodem ocr it eo sar ebbe dunque di poco ant eriore al l ’ope­
ra di Zosim o in cui si t r ova cit at o; t ut t avia nel pr ologo ripor t a un
det t o risalent e pr opri o al 1 secolo d el l ’era cr ist i ana e at t ribuit o ad un
person aggi o leggendari o, il m ago e alchim ist a O st ane, secondo cui le
di n am i ch e m at eriali che st anno a fon dam ent o dell e part i operat ive
del t est o possono essere com prese nei t er m i ni generalissim i di una
dot t ri na delle “ n at ur e” , ovver o degl i elem ent i 35.

Avendo appreso queste cose dal maestro sunnominato (Ostane) e conoscen­


do la diversità della materia, mi esercitai a fare la mescolanza delle nature.
Ma, poiché il nostro maestro era morto prima che la nostra iniziazione fosse
completa e mentre eravamo ancora tutti intenti a riconoscere la materia, ten­
tai di evocarlo dall’Ade, come lo chiamano. M i misi dunque all’opera e,
quando apparve, mi rivolsi a lui con queste parole: «Non mi dai niente in

40
2. S I ’X . R I . I l m i . I .A N A T U R A I. SI Ci R I. I I I M ' 1 .1. ' A I .< ! l 11 M l A

1• K » 11R A 2
L ' O u r o h o r o s c l a p r i m a r a f f i g u r a z i o n e si m b o l i c a d e l p r i n c i p i o e r m e t i c o d e l l ’u n i t à
d e l t u t t o , c h e si i n c o n t r a f i n d a i m a n o sc r i t t i a l c h e m i c i d ’e t à b i z a n t i n a

ov7s4<nV7o m à j n f/ ° Vo •
«**»> 7ovt\ w 7«V aio ?.
/ Ocrj-toyTW *
1 A
0WT»U •"
^ cu 7 «t»7«vAM Ì / r»p

'TETf>at<nV0Vcn/ TWfcW W

■ w . . 'T C ^ V JÌ W , .■ •.■ t à t ì ' S S


« 4 «l<CWjW
«/ * + \ J v
’$* ' 1^0a* su Jt w 7 o\ ^ % ^ 7o * 0' : —

fetHii b»7»»A'«jV7»vwv
i o n i e : clal m an o sc r i t t o P a n s. B i b l i o t h eq u e N at i o n al e. gr . 2 5 2 7 . r i p r o d o t t o i n M . ( ’ al v c si . . l r / r <■ w / avw A / .
in ‘ A r t e & D o ssi e r ” , u >N 6, p . 50 (a co l o r i n el l o r i g i n al e; e l a b o r a z i o n e p r at i ca: 1; . D i Pi et r o ) .

c a m b i o d i q u e l l o ch e h o f a t t o p e r t e ?» . E b b i u n b e l d i r e , e gl i r i m a se in si ­
l e n z i o . P e r ò , p o i ch é l o i n t e r r o g a v o se m p r e p i ù i n si st e n t e m e n t e ch i e d e n d o g l i
c o m e a vr e i p o t u t o f a r e l e m e sco l a n z e d e l l e n a t u r e , m i r i sp o se ch e gl i e r a d i f ­
f i ci l e p a r l a r e , ch e il d e m o n e n o n gl i e l o p e r m e t t e v a . D i sse so l t a n t o : « I l i b r i
so n o n el t e m p i o » . T o r n a n d o i n d i e t r o a n d a i d u n q u e a f a r e d e l l e r i ce r ch e al
t e m p i o , n e l ca so m i r i u sci sse d i m e t t e r e l e m a n i su i l i b r i , p o i ch é d a v i v o n o n
n e a v e va p a r l a t o e d e r a m o r t o se n z a a v e r f a t t o t e st a m e n t o , se c o n d o a l cu n i
p e r c h é a v e v a u sa t o u n v e l e n o p e r se p a r a r e l ’ a n i m a d a l co r p o , se co n d o su o
f i g l i o p e r a v e r i n gh i o t t i t o d e l v e l e n o i n a v v e r t i t a m e n t e ; e d a v e va p r e so l e su e
p r e c a u z i o n i , q u a n d ’e r a i n vi t a , p e r ch é q u e st i l i b r i n o n f o sse r o co n o sci u t i ch e
da su o f i gl i o , q u a n d o f o sse d i v e n t a t o a d u l t o : n e ssu n o d i n o i n e sa p e v a n i e n ­
t e . E p o i ch é , n o n o st a n t e l e n o st r e r i ce r ch e , n o n t r o v a v a m o n i e n t e , co n t i n u a ­
v a m o a d a r ci t e r r i b i l m e n t e d a f a r e p e r sa p e r e co m e so st a n z e e n a t u r e si u n i -

4i
A R C A N A S A P I E N Z A

scono e si combinano in una sola sostanza. Poi, quando avemmo realizzato le


congiunzioni della materia, ed era già passato un po’ di tempo, ebbe luogo
una festa nel tempio, alla quale prendemmo parte, e andammo tutti insieme
al convivio: mentre eravamo nel tempio, tutt’a un tratto una colonna da sola
si aprì a metà, ma a un primo sguardo sembrò che non contenesse niente
all’interno. Tuttavia Ostane (figlio) ci rivelò che era in questa colonna che
erano depositati i libri del padre. E, andando avanti a tutti, li portò al nostro
cospetto. Allora ci chinammo su di essi e scoprimmo con sorpresa che niente
ci era sfuggito, salvo questa utilissima formula che vi trovammo: La nat ura si
r allegr a della nat ur a, la nat ur a vince la nat ura, la nat ura gover na la nat ura.
Grande fu la nostra ammirazione poiché egli aveva sintetizzato in così poche
parole tutta la scrittura 56.

L e carat t erist iche della let t erat ura elleni st ica sui “ segret i ” si r it rovan o
t ut t e in quest o t est o suggest i vo, e col l ocan o la ricerca alchem i ca in
q u el l ’aura i niziat ica e sacr ale che si m ant errà per t utta la dur at a dell a
t radi zi on e. O ccor r e però sot t ol ineare che Zosi m o, riferendosi al t rat ­
t at o dell o pseudo-D em ocri t o, ne i ndica più volt e l ’aut ore col nom e di
“ fi l osofo” , e qu est o t ant o quando si riferisce al prologo, qu an t o nell e
occasi on i in cui ne r ichiam a pr ocedu re oper at i ve *7, dando un ch i aro
segn al e del fat t o che l ’alchi m i a fin dal l e or igin i si pr opon e com e p o r ­
t at r ice di una razi on al i t à di versa da quella dell a t radizione t eoret i ca
gr eca, m a con sapevol m en t e post a su ll o st esso pi ano ,K.
I l t rat tat o pseu dodem ocr i t eo era su ddi vi so in quat t ro part i : Su l l 'o ­
r o , S u l l ar gen t o. Su l l e p i et r e , Su l l a p o r p o r a , e nei vari processi er an o
ut i li zzat e sost anze di or i gi n e m i nerale (com posi zi one secca) e su cch i
di pi ant e ed er b e (com posi zi one um ida), un a alm eno del l e qual i, la
cel i don ia, r im arrà fra le classi che er b e adoperat e dagli alchi m i st i fin o
al l’et à m edievale e m odern a
O l t r e agli aspet t i ini ziat i ci e ai cont enut i dot t rinali e oper at i vi ,
qu est ’opera pr esent a un ult eriore elem ent o ch e rim arrà car at t er i st i co
di gran parte del l a let t erat ura alchem i ca post eri ore: l ’at t r i bu zi on e
pseudoepi gr afica. D ue son o le carat t erist iche che possi am o cogl i er e
n el l ’at t ri buzione a D em ocri t o: in pr i m o lu ogo la volont à di sot t ol i n ea­
re il carat t ere fi l osofi co, dun que razionale, d el l ’alchimia, e qui la p er ­
sonal i t à del fi losofo at om i st a, il cui pensi ero non appart iene p r o p r i a­
m ent e alla linea m aest ra del pensiero greco, quell a plat on i co-ar i st ot e­
lica, ci offre u n ’i ndi cazi on e preziosa sul car at t ere della razi on al i t à al ­
chem i ca, volta a i ndagar e l a mat eria e le sue t rasfor m azi oni com e m a­
ni fest azi one d el l ’U n o/ Tu t t o, e non i pr in ci pi m et afisici t r ascen den t i o
i m m anent i; in secon do l uogo, l ’elem ent o di arcaicit à ch e der i va da
quest a scelta, e che cost i tui rà spesso (non sem pr e, per la ver it à) un
m ar chi o della pseu doepi gr afi a alchem ica.

42
2. S E G R E T I D E L L A N A T U R A E S E G R E T I D E L L * A L C H I M I A

Alt re at t ribuzioni pseudoepi gr afi che carat t erizzano l ’al ch i m i a g r e ­


ca fin dal l e origini: la m aggi or parte di quest i scr it t i ven iva t r ad i z i o ­
nalm ent e considerat a com e appart enent e alla pr im a fase del l a p r o d u ­
zione alchem i ca (i cosi ddet t i “ vecchi al ch i m i st i ” ), m a il fat t o che m o l ­
ti di essi siano nom inat i solo in testi t ardi por t a a dubit are dell a l o r o
ant ichit à 4°. Nei t est i di Zosi m o si t rovano com u nque, olt re allo p se u -
do-D em ocr it o e ad Er m et e, i nomi di A gat odai m on e di A p ol l o, f i g u ­
re divine o sem idivine che accent uano l 'el em ent o religioso i n sci n d i b i ­
le dalla r at i o alchem i ca; solo in scritti pi ù t ardi son o invece at t est at i i
nom i ch e rinviano alle di vinit à egiziane H or u s e Isi de, a Cl eop at r a, a l
m ago O st ane, al fi l osofo Com ari o, e - nom e for se pi ù di t ut t i i n at t eso
- a M osè.
L'epi sod i o bi bl i co della manna ( Ex . 16, 16 - 18 ) det te l u ogo a d
u n ’i nt erpret azi one alchem i ca da parte di Zosi m o, al quale si deve a n ­
che un r esocont o m i t i co d el l ’origine del l 'al ch i m i a che ha com e p r o t a ­
gonist i gli ebrei. Raccont a Zosi m o: « L ’art e chi am at a di vina, ci o è l a
dot t rina (h è d o g m a t i k è) a cui si dedicano t ut t i col or o che p r at i can o l e
m anipolazi oni e le art i n obi l i - cioè le quat t ro art i rel at i ve al l 'o r o ,
41
al l ’argent o, alla por p or a e al le p i et r e —, qu est ’art e di vina era st a t a
concessa solo ai sacerdot i [ egi zi ani ]». Q uant i con oscevano qu est ’ a r t e
però, non la prat i cavano e quant i la pr at icavan o osservavano l 'asso l u ­
ta pr oi bi zi on e di di vu lgar la p er iscrit to: «Com e avrebbero pot ut o r e n ­
dere pu bbl i ca t ale conoscenza, danneggi ando i r e e perm et t endo c h e
alt ri s’i m padr on i ssero della ricchezza? A n ch e se avessero pot ut o f a r l o ,
n on l 'avr ebb er o di vulgat a, per ch é cust odi van o gel osam ent e il l or o sa ­
pere. Sol o agli ebr ei fu possi bi l e pr at icar la di nascost o, scr i ver n e e
r enderla pu bbl i ca» 42.
Un secol o, o poco più, pr im a che A gost i n o d'I p pon a, per gi u st i f i ­
car e l'at t i vi t à filosofica dei crist iani, t eorizzasse nella Ci t t à d i D i o i l
«sacro fu rt o» che gli ebrei avevano com pi ut o por t an do via d al l ’E g i t t o
l e ricchezze cui, in quant o popol o elet t o, avevano dirit t o, un al ch i m i ­
st a fort em ent e con sapevol e del valore sacr al e dell 'ar t e t r asm u t at or i a
r i n t r acciava l 'or i gi n e delle dot t ri ne al chem i che nell a furt i va d i v u l ga­
zi one p er scr i t t o di con oscenze la cui nascit a si perdeva nella m i t i ca
i nt em porali t à della r el igione egizia. M i t o e st ori a si int recciano d u n ­
qu e nell a riflessione di Zosi m o, alla qu al e si deve anche la pr i m a t e ­
st im oni anza di una fi gur a st or ica di al chi m i st a che è pr opr io q u el l a d i
un aut ore ebreo, anzi un’aut ri ce: M ar ia, cui si deve un t rat t at o c h e
descr ive gli appar ecchi alchem i ci e l 'in ven zion e di un p r oced i m en t o
di cot t ur a par t i colar e, not o ancor oggi col suo nome, il b agn o m a­
ria 4K L a connessi one che gli alchim ist i r inasci m ent ali operer anno c o n
l a Cab al a ebrai ca p er lo pi ù i gnora quest o l egam e origi nario t est i m o ­

43
A R C A N A S A P I E N Z A

n i at o n el l ’opera di Zosi m o, di cui sem bra r it rovar e per ò il significat o


pr ofon d o; i nfat t i sia l ’associ azi on e di Er m et e con l a cult ura egiziana,
sia l e con nessi oni del l ’alchi m i a con la cult ura ebr aica, olt re a sot t ol i ­
neare il val ore sacrale d el l ’art e t rasm ut at ori a, t est i m oni ano che essa
non pu ò in alcun m odo essere considerat a esclusi vam ent e il fr ut t o
dell a cult ura greca 44.

N o te

1. C f r . F e st u g i è r e ( 19 50 p p . 6 7 ss.) . Su l l a m o l t e p l i ci t à d el l e f i g u r e d i E r m e t e cf r .
B o n a r d e l ( 19 8 5 , p p . 13- 8 ) e C o p e n h a v e r ( 19 9 2 ) ( I n t r o d u c t i o n ).
2. O g g i u n i f i ca t i so t t o la d e f i n i z i o n e d i “ H e r m e t i c a t e cn i ci ” : cf r . F o w d e n ( 19 8 6 ) .
3. F e st u g i è r e ( 19 50 , p p . 8 7- 8 ) .
4 . E a m o n ( 19 9 4 , ca p . 1 e i n p a r t i co l a r e p p . 19 ss.) .
5. Q u e st o p a r a gr a f o è in l a r ga m i su r a b asat o su M u l t h a u f ( 19 6 6 , ca p . 1) e H a l ­
l e u x ( 19 7 4 ) . L e f o n t i p r i m a r i e p e r lo st u d i o d e l l ’a l ch i m i a gr e ca so n o i t est i e d i t i d a
B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 , 3 v o l i . ) , e d a B i d e z , C u m o n t ( 19 2 4 - 5 2 , 8 vo l i .) ; d al 19 8 1 è in
co r so p r e sso l a ca sa e d i t r i ce L e s B e l l e s L e t t r e s u n a n u o v a e d i z i o n e p r o m o ssa d a l l ’U -
n i o n A ca d é m i q u e I n t e r n a t i o n a l e e d i r e t t a d a H . D . Sa f f r e y , L e s a l c h i m i s t e s G r e c s ( 12
v o l u m i p r o ge t t a t i , d i cu i t r e a p p a r si f i n o r a ) .
6 . M u l t h a u f ( 19 6 6 , p . 37) .
7. H a l l e u x ( 19 8 1, p p . 2 4 - 30 , 7 5 ) .
8 . N e l l a t a r d a et à r i n a sci m e n t a l e il co m m e n t o d i P i e t r o A n d r e a M at t i o l i , t r a d o t t o
i n si e m e a l l ’o p e r a co m m e n t a t a i n i t al i a n o e i n al t r e l i n gu e e u r o p e e , co st i t u i sce u n p r e ­
z i o so a g gi o r n a m e n t o su l l ’u so a n ch e a l ch e m i co d i m o l t i m a t er i a l i . C f r . F e r r i ( 19 9 7 ) .
9 . Su l q u a r t o l i b r o d el l e M e t e o r e cf r . B a ff i o n i ( 19 8 1) . ch e d à co n t o sia d el p r o ­
b l e m a d e l l ’a u t e n t i ci t à ch e d el co n t e n u t o f i l o so f i co e sci e n t i f i co d e l t est o , co n si d e r a t o
d a a l cu n i i n t e r p r e t i i n m an i er a d e l t u t t o a n a cr o n i st i ca u n t r a t t a t o “ ch i m i co ” q u a n d o
n o n a d d i r i t t u r a “ a l ch e m i co ” .
10 . N e l l a t r a sl i t t e r a z i o n e d e i n o m i a r a b i se gu o A n a w a t i ( 19 9 6 ) .
11. H a l l e u x ( 19 7 4 ) . C f r . H a l l e u x ( 19 8 3 p . 49 ) , ch e r i p o r t a so l o l a f o r m a a gg e t t i ­
va l e { m e t a l l i k ò s ) .
12 . C i t . in B e r t h e l o t ( 18 8 9 , p . 8 4) .
13 . Cfr . in fr a , c a p . 9.
14 . C i t . in B e r t h e l o t ( 18 8 9 , p . 73) .
15 . F e st u g i è r e ( 19 8 9 , p . 2 5 0 , f r . 26 b i s) .
16 . C i t . in K e r e n y ( 19 8 7 , p . 3) .
17 . C f r . a n ch e L u ck ( 19 9 9 , p . 259 ) : « L ’ u n o è il t u t t o e il t u t t o è gr a z i e a q u e st o
e p e r q u e st o , e se l ’u n o n o n co n t i e n e il t u t t o , il t u t t o è n u l l a ».
18 . C f r . B o n a r d e l ( 19 9 3, P- 8 l )i su l l a “ r az i o n al i t à e r m e t i ca ” cf r . a n ch e B o n a r d e l
( 19 8 3 , p p . 12 2 - 3) .
19 . Se co n d o u n ’a f f e r m a z i o n e d i L o u i s M é n a r d , ci t . i n B o n a r d e l ( 19 9 3 , p . 8 2) .
20 . Ju n g ( 19 8 1) , e d i l sa ggi o su Z o si m o i n Ju n g ( 19 8 9 ) . L a so t t o l i n e a t u r a d e l l ’a ­
sp e t t o p a ga n o è in v o n Fr a n z ( 19 8 2 ) , m e n t r e H o l t ( 19 7 4 , 19 8 3) va l o r i z z a l ’a l ch i m i a in
r a p p o r t o a « ci ò ch e il cr i st i a n e si m o h a f a t t o al l a n a t u r a ».
2 1. Su c u i c f r . p a r . 5. 2.
22. F e st u gi è r e ( 19 8 9 , p . 2 4 2 , f r . 1) .
2 3. C f r . L e t r u i t ( 19 9 5 , p . 8 1) ; su M a r i a l ’Eb r e a cf r . p a h . 3 . 1.

44
2 . s e g r e t i d i : l i . a n a t u r a e s e g r e t i d e l l ’ a l c h i m i a

24 . N e i t est i a l ch e m i ci l a d i st i l l a z i o n e e l a su b l i m a z i o n e i n d i ca n o l a v o l a t i l i z z a z i o ­
n e d i u n a so st a n z a a d o p e r a d e l cal o r e e l a su cce ssi v a co n d e n sa z i o n e a d o p e r a d el
f r e d d o ; in ge n e r e si i n d i ca co l t e r m i n e d i d i st i l l a z i o n e q u e st o p r o ce sso co n d o t t o a p a r ­
t i r e d a u n l i q u i d o , m e n t r e co n su b l i m a z i o n e ci si r i f e r i sce n o r m a l m e n t e al l ’o p e r a z i o n e
su i m et al l i o a l t r e so st a n z e so l i d e .
2 5. C f r . i par r . 5 . 3 e 9 . 5.
26 . F e st u gi è r e ( 19 8 9 , p . 2 4 9 , f r . 2 5) . Q u e st o f r a m m e n t o p r o v i e n e d a l c o s i d d e t t o
A n e p i g r a fo , a u t o r e d i t est i a l ch e m i ci r i sa l en t e al l ’ v n i o al i x se co l o d e l l ’e r a c r i s t i a n a ,
cu i si d e v e a n ch e l a p r i m a t e st i m o n i a n z a d e l l ’a t t r i b u z i o n e ad E r m e t e d el l a p a t e r n i t à
d e l l ’a l ch i m i a: « I l p r i m o è st a t o Er m e t e ch e h a scr i t t o su i gr a n d i m i st e r i », ci t . i n L e ­
t r u i t ( 19 9 5 , p- 6 5) .
2 7. Fr e u d e n t h a l ( 19 9 5 ) .
28 . Fa i v r e ( 19 7 1) .
29 . F e st u gi è r e ( 19 8 9 , p . 2 4 2 , f r . 18 ) .
30 . G i o . 12 . 2 4 : « Se il ch i cco d i gr a n o ca d u t o i n t e r r a n o n m u o r e , r i m a n e s o l o ; s e
i n ve ce m u o r e , p r o d u ce m o l t o f r u t t o ».
31. P o t r e b b e f o r se f a r e e cce z i o n e il t e st o ch e M i ch e l e P se l l o ci t a co l t i t o l o di
t ì e p t a b i b l o s, d a l m o m e n t o ch e p o sse d i a m o u n t est o l a t i n o i n t i t o l a t o Se p t em t r a c t a t u s ,
e sp l i ci t a m e n t e a t t r i b u i t o a d E r m e t e . M a è so l o u n ’i p o t e si p e r il m o m e n t o .
32. F e st u gi è r e ( 19 8 9 , p p . 2 5 1- 2 ) . P r o p r i o alla l u c e d ei m a t e r i al i m essi i n r i l i e v o
d a Fe st u gi è r e , n o n m i p a r e e sa t t o co n d u d e r e ( i vi , p . 2 5 2 ) ch e è l a p a r t e t e o r i ca q u e l l a
ch e p r e se n t a m a gg i o r i n t er esse p e r gli a l ch i m i st i g r e ci ch e al n o m e d i E r m e t e s i ri­
ch i am an o .
33. Su cu i cf r . p a r . 3 . 2 .
34 . L e t r u i t ( 19 9 5 , p p . 15 - 7 ) -
35. L a l e gge n d a d e l m a go O st a n e è r i p o r t a t a p e r l a p r i m a v o l t a d a P l i n i o , M i st .
x x x , 9 - 11.
36 . I n B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 , voi . 11) ; t r a d . f r a n . F e st u gi è r e ( 19 8 9 , p . 2 2 8 ) ; c f r .
L e t r u i t ( 19 9 5 , PP- 7 4 ' 8 o ).
37 . «Q u e st o d i ce il f i l o so f o n el p r o l o go [ ...] il f i l o so f o d i ce n e l ca p i t o l o su l l a c r i ­
so co l l a [ ...] n e l l ’u l t i m o ca p i t o l o su i l i q u i d i il f i l o so f o d i ce » : B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 ,
vo i . m ) ; cfr . L e t r u i t ( 19 9 5 , p . 76 ) .
38 . I t er m i n i “ f i l o so f i a ” , “ f i l o so f o ” r i n vi a n o e t i m o l o gi ca m e n t e a d u n a so p h i a ( sa ­
p i e n z a ) d i cu i si è “ a m i ci ” : si p u ò p e r t a n t o r a vvi sa r e n e l l ’a u t o r a p p r e se n t a z i o n e d e g l i
a l ch i m i st i co m e f i l o so f i u n a d i v e r sa , m a n o n p e r q u e st o i l l egi t t i m a, f o r m a d i “ a m o r e ”
o “ a m i ci z i a ” ( p h i l i a ) p e r u n a sa p i e n z a ch e , co m e t al e, n o n si i d en t i f i ca n é co n l a t r a d i ­
z i o n e t e o r e t i ca n é co n q u e l l a a l ch e m i ca . F r a n ^ o i se B o n a r d e l so t t o l i n e a t a n t o il p a r a l l e ­
l i sm o q u a n t o l a d i f f e r e n z a u t i l i z z a n d o i d u e t er m i n i “ f i l o so f i co ” e “f i l o so f a l e ” .
39 . Su l l e e r b e d e gl i a l ch i m i st i cfr . Se g r e R u t z ( 20 0 0 ) .
40 . P e r l a p r i m a o p i n i o n e cf r . T a y l o r ( 19 37 a ) , p e r l a se co n d a L e t r u i t ( 19 9 5 ) .
4 1. Si n o t i l ’e sa t t a co r r i sp o n d e n z a co n l e m a t e r i e e sp o st e n el t r a t t at o p s e u d o d e ­
m o cr i t e o .
4 2. I l p a sso d i Z o si m o , ci t a t o a p a r t i r e d a u n t e st o d i O l i m p i o d o r o , e r a s t a t o
p u b b l i ca t o in B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 , v o i . 11) e d è st a t o r i ed i t o , se gu e n d o i l m a n o ­
scr i t t o m ar ci a n o , d a L e t r u i t ( 19 9 5 , p. 19 , cf r . a n ch e p p . 8 5- 7) . Se gu o q u e st ’u l t i m a
e d i z i o n e co n f r o n t a n d o l a co n l a t r a d u z i o n e f r a n ce se ( i vi , p . 20 ) .
4 3. T a y l o r ( 19 4 5 )
44 . P e r i r a p p o r t i f r a a l ch i m i a e cu l t u r a e b r a i ca f i n o al x i x se co l o cf r . P a t a i
( 19 9 4 ) , d o ve p e r ò l a m a ssa d e i d a t i st o r i ci è i n t e ssu t a a cr i t i ca m e n t e co n trad izion i
l e gge n d a r i e .

45
3
L ’A r t e S ac r a

31
I n principio la d onna

Con osci am o solo per fram m ent i gli scr it t i di M ari a \ la pr i m a al c h i ­


m ist a not a col p r op r i o nom e, alla quale si r ifer iscono com e a f i g u r a
d i grande aut orevolezza Zosi m o e vari alt ri alchi m i st i di li ngua g r eca.
E solo dai loro t est i, pert ant o, che possi am o ricost r uir e i l i n eam en t i
dell a sua prat i ca e dell a sua dot t rina al chem i ca, ed è per una ser i e d i
considerazi oni ad essi legat e che col l och iam o la sua vicenda b i o g r af i ­
ca agli inizi del ni secolo d el l ’era cri st i ana; di cer t o M ar ia scr i sse
dopo lo pseudo-D em ocri t o, poi ché cit a il det t o dei Ph y si k à k a ì m y ­
st i k à r el at i vo alle nat ure. D el l a sua vit a n on sappi am o alt ro, ed il su o
nom e det t e luogo a di verse ident i fi cazi oni leggendari e, delle qu al i l a
pi ù di ffusa, se non anche la pi ù ant ica, è quell a con M i ri am , so r el l a
di M osè e di A ron n e. Q uest a leggenda accen t uò senza du b bi o ag l i
occh i dei post eri la sua aut orevolezza, con feren dole un’aura p r o f et i ca
che por t ò un aut ore cr ist i ano del i v secol o d.C., Epi fani o, ad at t r i ­
bui r l e addi ri t t ura un a visione di Cr ist o; n el Fi h r i st e in alt re fon t i ar a­
b e essa è descri tt a con in bracci o il bam bi n o Gesù , dunque i d en t i fi ­
cat a in prat i ca con M ar i a di N azaret h 2.
Font i di verse i n di can o la sua origi ne com e siciliana o copt a e p er
al cun i aut ori essa sar ebbe st at a allieva o for se condi scepola di O st a­
ne, al quale avr ebbe det t o: « L ’opera è fat t a di m e e di te», al l u d en d o
alla necessit à di con giu ngere sost anze “ fem m i n i l i ” e sost anze “ m a­
sch i l i ” n el l ’operazi on e alchem ica. Per gli alchi m i st i m edievali essa f u
in genere “ M ar ia la Pr ofet essa, sorella di M osè e A ron n e” . N el l a l et ­
t er at ura esot eri ca occiden t al e, e poi n el l ’i nt erpret azione ju n gh i an a
d el l ’alchim ia, l ’accost am ent o del m ot i vo dell a profezi a col fr am m en t o
pi ù celebr e della sua dot t ri na, il cosi ddet t o “ assiom a di M ar i a” ch e
m et t e eni gm at i cam ent e in relazione l ’unit à e la quat em it à, ha favo r i t o

47
A R C A N A S A P I E N Z A

F I G U R A 3

L a r a f f i g u r a z i o n e d i q u e st i d u e a p p a r e c c h i p e r d i st i l l a r e ( q u e l l o i n a l t o è d e n o m i ­
n a t o t r i b i k o s) a c c o m p a g n a i f r a m m e n t i a t t r i b u i t i a l l ’ a l ch i m i st a M a r i a n e l t e st o d i
Z o si m o

V a n t i ", d al m a n o scr i t t o V en ezia, B i b l i o t e ca N az io n ale M a r cia n a gr . n » , riprod otto in F. Sh e r w i x > d


T aylo r, i h : l i v o l u t i o » o f t h e St i l l , in ‘ A n n a l s o f S c i e n c e ". 19 4 5. p p . 1 c> ■ e 19 2 .

48
3. i/ a r t f . sa c r a

l ’idea di un pr ecoce parallelism o fr a alchimia e t em at i che cr i st i an e;


questo in realtà con t r addi ce l ’unico elem ent o bi ografi co sicuro: la su a
appart enenza al popol o ebr ai co r ende infatti i nver osi m i l e l a p r esen za
nella sua opera si a del t em a t ri ni t ari o che di quel l o cr ist ologi co. L a
sua or igine ebr aica è certa: uno dei fram m ent i ripresi dai suoi scr i t t i
suona i nfat t i così: «D isse M ar ia: “ N on azzardart i a t occare con le t u e
mani: t u non appart ieni alla st irpe d ’Àbr am o, non sei dell a n o st r a
stirpe [ ...] ” » \
Secon do la t est im onianza di Zosi m o i pr im i aut ori ch e scr i sser o
d ’alchim ia fu rono ebrei; fra quest i M ar i a è, di fat t o, la pr i m a al ch i m i ­
sta che i dent ifi chi am o con un nom e personale reale, non m itico. L a
sua ident it à fem m inile non è però st at a finora ogget t o di p ar t i co l ar e
at tenzione o problem at i zzazione, se n on da part e di Ju n g, l a cui i n t er ­
pret azione del l ’alchim ia in generale sot t olinea l ’elem ent o si m b o l i co
fem m inile: la m at eri a com e “ il qu ar t o dei t r e” , ovver o il p r i n ci p i o
fem m inile che d ev’essere i nt egrat o n ell a trinità cri st i ana t ut t a co n n o ­
tata al m aschile, affinché la t ot alit à com e pr in ci pi o di vi n o o c o m e
pr inci pi o psicol ogico del Sé possa m anifest arsi 4.
Pu r non cont est ando la vali di t à psicol ogica di t ale l et t ura, è o p ­
port uno per ò avanzare alt re due considerazi oni : la pr im a, di o r d i n e
st ret t am ent e st ori co, sot t olinea la presenza e il ril i evo di donne sc i en ­
ziate nel m on do t ardo-ant ico. M ari a infat t i richiam a alla m ent e la p i ù
tarda e di versam ent e or ien t at a i ndagi ne fi losofico-nat urali st ica d i
un’alt ra donna, Ipazia: due figur e lasciat e in pen om br a dal l a st o r i o ­
grafia, la cui i m port anza però si rivela im m ediat am ent e ad un ap p r o c­
cio pi ù at t ent o e m eri t erebbe di essere ult eri orm ent e ap p r o fo n d i t a,
anche t en endo cont o del l ’i nfluenza am pi a e du r evol e che en t r am b e
hanno esercit at o at t raverso segu aci uom ini, il cui nom e è ben più f a ­
moso (Zosi m o p er M aria, Si nesio per I p azi a) 5.
L a secon da con siderazi one è essenzialm ent e u n ’i nt errogazi one su l
rapport o fr a cult ura m at eriale e cu lt u ra scritt a n el l ’alchim ia: gli ap p a­
recchi ch e M ar ia descrive, ed in part icol ar e il di sposit ivo più cel eb r e
legato al suo nom e, il bagnom ari a - ch e consist e in un doppi o r e c i ­
piente, un o dei quali, quell o che r accogli e il m at eri ale da r i scal dar e, è
im m erso in un al t ro cont enent e acqu a bollent e - non possono n o n
richiam are appar at i e t ecni che di t rasform azi one dei cibi, t r ad i zi on al e
am bit o di m anifat t ur a fem m i ni l e 6. A M ar ia si deve anche l a più an t i ­
ca descri zi one di u n al am bi cco, la k e r o t a k i s , che è un vaso for m at o d i
tre part i , i n una del l e quali si r iscal da il m at eriale, u n ’alt ra part e c o n ­
densa il vapor e ed una t erza l o r iceve. Infine il pi ù el abor at o dei su o i
apparecchi , il t r i b i k o s , descri t t o da Zosi m o, è una cost ruzi one c o m ­
plessa ch e at t r aver so un grosso t ubo d i uscit a por t a il vapor e di z o l f o

49
A R C A N A S A P I E N Z A

dal l 'al am bi cco in t re t ubi infissi nel r ecet t or io e da essi in t re reci ­


pi en t i di vet ro resist ent i al calore.
I l carat t ere fondant e del l e t ecni che di M ar i a r ispet t o alla t r adi zi o­
n e alchem i ca è u n’u lt er iore pr ova della di fferen zi azi on e dell 'alchim i a
r i spet t o alle t ecni che m et al lurgi che t r ad i zi on al i 7; è negli alam bicchi ,
ch e la speri m ent at ri ce ebr ea ha i nvent at o o descr it t o per prim a, che
effet t ivam ent e t rova real izzazi one l ’afferm azi on e erm et i ca del l ’unit à
del t ut t o e dell a non di fferenzi azi on e fra m at eri ali inert i e m at eri ali
or gan i ci. Tut t i quant i posson o essere sot t opost i a “ cot t u r a” , anzi d eb ­
b on o esserlo affinché si possano realizzare i pr i n ci pi erm et ici d el l ’un i ­
t à del t ut t o e della i n t er cam bi abi l it à tra cor p or eo e spirit uale. M ar i a
spi ega così il det t o erm et i co r el at i vo alla m u t u a t rasform azi one co r p o­
r eo/ i n cor por eo: «Q uest o vuol dire che, se i m at eri ali resistenti al fu o­
co non ven gon o m escol at i con quel li che nel fu oco evaporano, n on si
ot t er rà nient e di ciò che ci si aspet t a» 8.
N egl i scrit t i di M ar ia, D escr i z i o n e d ei f o r n i e C o m e si f a b b r i c a la
p i cco l a f i g u r a , olt re agli apparecch i venivano descri t t i i procedi m ent i
i m pi egat i e i m at eriali, quest i ult im i spesso i ndicat i con nomi di co ­
per t u r a, com e “ acqua di vi na i n cor r ut t i bi l e” , “ acqua d ’acet o” , “ acqua
d el l ’aci do del sale m ar i n o” , “ lat t e di donna che ha part ori t o un figlio
m asch i o” e così via. I l pr ocedi m en t o pr in ci pal e descri t t o sembra con ­
si st er e n el l ’am algam a di quat t ro di versi m et alli: ram e, ferro, pi om bo e
zinco.
I l nu m er o quat t ro, com e si è già accennat o, rivest e una par t i col ar e
i m por t an za anche n el l ’el abor azi on e dot t rinale del l ’alchimista ebr ea,
che con t ale riferim ent o por t a a com pim en t o l e concezi oni erm et i che
d el l ’U n o/ Tu t t o a part i re dalla ver ifica d el l ’i nt ercam bi abi li t à fr a so­
st anze cor por ee ed i n cor por ee che si ot tiene m ediant e di st illazione e
subli m azi one. I quat t ro m et alli o cor pi ( t et r asom i a) si col locano ad
u no degli est rem i della scala delle sost anze m at eriali, in quanto corpi
fissi; al l ’alt ro est rem o t rovi am o le sost anze volat i li . M ent re la t r ad i zi o­
ne post er i or e i dent ifi cherà le sost anze i ncor por ee con gli “ spi ri ti ” , per
M ar ia esse sono i nvece gli stessi m et alli qu an do n el l ’opera alchem i ca
per don o la l oro consist enza soli da; la cor por ei t à vi ene dissolt a m e­
di ant e la sublim azione, r en den dol i così i ncor por ei , per poi port arli di
nu ovo allo st at o di cor pi , ma dot at i di pr opr i et à e col ori di versi da
quell i di part enza 9. I nfi ne, collegandosi an che a u n ’afferm azione er ­
m et ica, quella del carat t ere vivent e dei m et alli e di t ut t i i corpi m at e­
riali in genere, M aria svil uppa l ’analogia fra cor po um ano e m et alli a
par t i re dalla t ri part i zione di cor po-ani m a-spi ri t o e fino ad asseri rne il
com une assogget t am ent o alla m alat t ia e alla m ort e; anche qu est o


3. l ’ a r t e SA C RA

tema avr ebbe cost it ui t o in segui t o uno dei capi sal di del pen si ero a l ­
chem ico.
L'espr essi on e pi ù celebr e della su a dot t ri na è com u nque q u el l a
che i nsegn a la r iduzi on e al l ’unit à a par t i r e dal m ol t epl i ce at t r aver so
una gradualit à espr essa m edian t e passaggi n u m er i ci che fann o p en sa­
re ad un influsso del neopi t agor ism o, poi ch é m et t on o in gi oco i n u ­
meri del l a t et r ak t ys io. Si t rat t a del cel ebr e “ assi om a di M ar i a” , c o sì
reso dal bizant ino Fi l osofo Crist iano: «A l l or a l a pr ofet essa eb r ea
esclam ò: “ Uno di vent a due, due di vent a t re, e m ediant e il t erzo e i l
quart o com pie l ’unit à; così du e sono u n o” » I [ . M ol t i t ent at i vi so n o
stati fat t i per ch i ar ir e fino in fondo qu est o det t o eni gm at i co, che p u ò
riferirsi si a alle sost anze che agli st adi d el l ’operazi on e alchem i ca. N o n
è n eppu r e da esclu der e che vi sia i m pli ci t a un'anal ogi a fra la p r o d u ­
zione alchem ica e una cosm ogonia di t ipo erm et i co; il quat t ro c o m e
r appresent at i vo d el l ’U n o, che racchi ude in sé o gen era da sé la m o l t e­
plicit à, è infatti r afforzat o dal paragone con l ’uovo, che diven t er à u n
m ot ivo t i pi co del l ’alchi m i a basat a sulla scom posi zi one dei cor pi n e i
quat t ro elem ent i (le “ n at u r e” , cui già si r ifer iva il det t o di O st an e r i ­
por t at o nei Pb y si k à k a ì t n yst i k à e ci t at o anche nei fram m ent i di M a ­
ria). I l si m bol o del l 'u ovo aveva però u n ’or igine m olt o pi ù an t i ca e
una st or ia molto com pl essa, dalla cosm ogon ia or fica alla si m b o l o gi a
neopl at oni ca delle N o z z e d i M er cu r i o e Fi l o l o g i a 12.
Lo sviluppo degl i apparecch i e quell o della dot t rina er m et i ca
sono d u e processi i nt im am ent e int recciat i; M ar ia pr om uove l 'at t eggi a­
m ent o pr opri am ent e alchem i co di i nt er di pendenza recipr oca fr a o p e ­
razioni m anuali e riflessi one t eoret ica con m aggi or e chiarezza che n o n
l 'au t or e dei Pb y si k à k a ì m y st i k à. I m et alli che nella k er o t ak i s si v o l at i ­
l izzano rappr esent ano i nsi em e il pr in ci pi o at t ivo dell e M et eo r e di A r i ­
st ot ele e le “ t in t u re” dell o pseu do-D em ocri t o, m a essi sem br an o s o ­
pr at t ut t o essere l 'equ i val en t e del p n eu m a st oico, faci li tando qu el l a c o -
n i u n ct i o di teoria e pr at i ca ch e rim arrà nel corso dei secoli il car at t er e
di st in t i vo dell 'epi st em ol ogi a alchem ica.

3’2
L ’ a l t a r e d el sac r i f i c i o

Zosim o, vissut o nel l a secon da metà del in secolo I3, m anifest a n e i


con fr on t i di M aria un at t eggiam ent o anal ogo a quell o di un d i sc ep o ­
lo, per quant o i t er m i ni cr on ologi ci non perm et t ano di pensar e ad u n
cont at t o personale fr a i due. O r iginari o del l 'A l t o Egit t o ( Pan o p o l i s,
l 'at t ual e Akhm im ) m a vi ssut o ad Alessandri a, Zosi m o appart iene d u n -

51
A R C A N A S A P I E N Z A

que ad una t radizione che segue gli i nsegnam ent i dell’alchi m i st a


ebr ea sia dal pu nt o di vi st a prat i co che dot t ri nal e, com ’è evi dent e
dal le am pi e ci tazioni dei t est i m ariani con t enut e nei fram m ent i dei
C h ei r ò k m et a y la r accolt a di scrit t i che i l lu st ravan o i procedi m ent i del-
l ’opera alchem ica. L a pr esenza di alcune not azi on i polem i che n egli
scri tt i di Zosi m o, in par t i col ar e nel pr ol ogo del L i b r o su l l a l et t er a Q y
ci rivel a inolt re che all’ep oca in cui egl i scr i veva esist evano m odi d i ­
ver si di int endere l ’alchim ia, che egli r ipor t a a du e at t eggiam ent i sp i ­
rit uali di fferent i pr im a an cor a che a par t i colar i opzioni operat i ve o
t eori che 14.
L e oper e di Zosi m o che ci sono perven u t e sono per l a m aggi or
par t e scri t t e in greco, ma n on m ancano testi in si ri aco ed alt ri di cui
con osci am o solo un or igi nal e ar abo o lat ino il cui r apport o con la sua
effet t i va pr oduzione è st ato indagat o sol o in par t e I5. I più i m por t an t i
st udi recent i m et t ono t ut t avi a sufficient em ent e a fu oco che l 'el em en t o
i nn ovat i vo cont enut o nel suo m odo di fare al chi m i a è lo sfon do r el i ­
gi oso gnost ico, ch e svil uppa l ’elem ent o sacrale del sapere t rasm ut a-
t ori o.
Sot t ol in ear e l ’i nquadr am ent o gnost ico del l ’alchi m i a di Zosi m o non
deve per ò far di m en t i car e ch e la pr oduzi one d el l ’alchim ist a alessan­
dr in o è per la m aggi or par t e dedicat a alla descri zione di pr ocessi, so­
st anze e apparat i ch e all’ep oca avevano r aggi un t o già un not evol e l i ­
vel l o di com plessi t à l6. Secon do la t est im onianza del lessicogr afo b i ­
zant ino Suida, «Zosi m o, A lessandri no, filosofo, dedicò al la sor ella
T eosebi a una r accolt a alchem i ca in vent ot t o l i br i , che segue l ’or di ne
al fabet ico I7. A lcun i ne i ndican o il t it olo com e O p er a z i o n i m a n u a l i
( C h ei r ò k m et a ) . Scr i sse anche una V i t a d i Pl a t o n e».
L ’alchi m i a viene definit a com e «art e sacra e divina», l ’art e dell a
fabbri cazi on e dell’or o e del m ercurio. D ei fram m ent i rim ast ici uno è
dedi cat o «ai quat t ro cor pi sost anziali secon do D em ocri t o», si r ifer isce
ci oè ai Ph y si k à k a ì m y st i k à ; un altro alla quest ione «se si pu ò i n co­
m i nciar e l ’opera i n ogni m om ent o»; si parla dell a «t int ura uni ca»,
d el l ’«acqu a di zolfo ver gi ne», della m agnesia, dei pesi, di di verse op e­
razioni e processi (calci nazi on e, fabbri cazi one dell e birre, fab b r i cazi o­
ne di un a lisciva). A l t ri scr it t i riguardano i vasi e i fornelli necessari .
I l già nom inat o L i b r o su l l a l et t er a Q , con cernent e la pr oduzi one d el ­
l ’acqua divina, doveva essere l ’ultimo dell a seri e alfabet ica, cu i si ag­
gi ungon o gli altri t est i che present ano l ’alchim ia con il l i nguaggio r e­
l igi oso origi nale di Zosi m o { Su l p o t er e, L i b r o d i So p h e, C o n ged o f i n a ­
l e ), ed il cui r appor t o con i capit oli a Teosebia è alquant o com pl es­
so.

5 2
3- l ’a r t h s a c r a

L ’elem ent o gnost ico vien e i nseri t o nel di scorso al ch em i co di Z o si ­


mo in pr im o l u ogo m ediant e il r esocont o dell e oper azion i sulle so ­
stanze m at eri ali nell a form a di vi si oni avute in sogno. M ol t e di esse
rappr esent ano azioni sacrificali at t or no ad un «alt ar e a for m a di a m ­
polla» l8. I n un si gnifi cat ivo passo ( M ém o i r esy i o ) Zosi m o scri ve: « M i
addorm ent ai. V i d i lo st esso alt are a form a di am poll a n ell a cui p ar t e
superi or e r i boll i va del l ’acqua con den t r o una fol la di person e, m o l t i s­
simi». U n om et t o dai capelli bi anchi gli chiede che cosa st ia o sser v an ­
do, e poi gli spi ega: «Q uest o spet t acolo che vedi è l ’ent rat a, l ’u sci t a e
la t rasfor m azi one [ ...] il l u ogo in cui si com pie ciò che chi am ano m a ­
cerazione, per ch é gli uom ini 19 che vogli ono r aggiun gere l ’eccel l en za
ent rano qui e di vent ano spi ri t i dopo essere sfuggi ti ai l or o cor pi » * °.
Le visi oni su ccessi ve m ost rano allegori cam ent e in sogni di versi le v a ­
rie fasi d el l ’opera.
L ’alchi m i a com e sogno: Ju n g, che sem bra avesse avut o il p r i m o
cont at t o con l ’alchi m i a pr opr i o at t r aver so un t est o di Z o si m o 21, t r o ­
vò in quest e vi si on i la con ferm a del l a pr opri a i nt er pr et azione d el l ’ a l ­
chimia i cui cont enut i , definit i com e i nconsci, pr oven gon o a suo g i u ­
dizio «da quell e zone psi chiche di confine che sfoci an o nel m i st er o
della m at eri a cosm i ca» 22. I l t em a cent rale i ndividuat o n el l ’alchi m i a d i
Zosi m o è l ’acqua m eravi gl iosa, cor po e spirit o, che u cci de e r esu sci t a;
i nt erpret ando qu est ’acqua com e “ la divinit à r acchi usa nell a m at er i a” ,
Ju n g r accor da l ’alchim ia alle m anifest azioni r el igiose sincr et i st iche d i
età elleni st ica e così conclude: «Per Zosi m o e per col or o che la p e n ­
savano com e lui, l ’acqua di vin a era un cor pu s m yst i cu m [ ...] un d o n o
visibile della grazi a [...]. I n ogni t em po l ’alchim ia è st at a una d el l e
grandi q u èt es d el l ’uomo ver so l ’i r raggi un gibil e» 2}.
L ’acqua su lfur ea, o di vi na, passerà in effet t i com e cont enut o c e n ­
t rale n el l ’alchi m i a islam ica e poi lat ina. M a occor r e sot t ol ineare c h e
l ’i n dubbi a valenza religiosa del l ’oper a del l’alchim ist a alessandri no n o n
significa che le operazi oni da lui descri t t e si ano r i duci bi l i a m et afo r e
di dinam ism i i nt eri ori. L ’acqua, nell a quale si di ssol von o i cor pi ( « r i ­
get t ando il cor po grossol ano, di ven t ano spi ri t o» chi ude il passo d i
Zosi m o sopra ci t at o), è insi em e pr im a m at eria e agent e dell a t r asf o r ­
mazione; ed è ai pr ocessi di l aborat ori o, la di ssol uzi one di ci ò che h a
form a e il passaggi o at t raverso r ipet ut i pr ocessi di “ di st il l azion e” r esi
manifest i dai vari colori per ot t ener e l a perfezi one (il bi anco, il gi al l o ,
il rosso, infine il por pora o i ò si s ) 24, ch e i sogni di Zosi m o i n t r o d u co ­
no il let t ore.
I sogni del l’ant i co alchi m i st a n on hanno dun qu e l o st esso st at u t o
dei sogni dei pazi ent i di Ju n g: n el l ’et à ellenist ica, in cui il sapere d ei
segreti nat urali vien e ot t enut o per r ivelazione o dono di vino, il so g n o

53
A R C A N A S A P I E N Z A

è uno dei vei col i , forse il pi ù com u ne, di t ale con oscenza 2\ D unque
r icon oscere nelle sue vi si on i e n ell a prat ica alchem i ca, che esse t r a­
sm et t ono at t r aver so un r i don dan t e reper t ori o d ’im m agini (uomini f at ­
ti a pezzi e scort icat i, l e set t e puni zi oni , il dr ago, fi gu re umane di
pi om bo o di ot t one), il t em a della r icer ca dell a salvezza significa r i co­
noscere in u n ’at t ivit à m an uale di ret t a alla t rasfor m azione di sost anze
m at eri ali l 'orient am ent o r el i gi oso con form e al gran de m ot ivo dell a
m ist ica elleni st ica: la l iber azion e del pr inci pi o di vi no, o anima, dai l e­
gami del l a m at eria. «Per col or o ch e salvano e pu ri fi can o l'ani m a d i vi ­
na i ncat enat a negli elem ent i, o m egl io il soffi o di vin o im past at o nell a
carne, l ’alchim ia è in r appor t o si m bol i co con la cr eazion e del m on ­
do» 2Ó.
L 'i d ea che si possa pr odu r r e il pr in ci pi o di salvezza dell a m at eria
cosm ica at t raverso concret e operazi on i “ ch i m i che” 27 è il cont ri but o
propr io di Zosi m o alla t radi zi on e alchem ica, ch e va ben olt re sia il
proget t o di t rasform azi one delle “ n at u r e” dell o pseu do-D em ocri t o e
forse di M aria, i nquadr at o nella vi si on e erm et i ca del m ondo, sia la
“ n or m al e” i nt onazione m i st er ica dell a scienza elleni st ica. Con cret a­
ment e, l a sua r i cer ca consist e in “ operazi oni m an u al i ” (ch ei r ò k m et a ),
che ol t r e alla t int ura pu r pu r ea ( i òsi s) e l 'acqua “ di vi n a” o di zolfo
pr odu con o una “ pol ver e” i m pal pabi l e che “ t i n ge” i m et alli e che vi e­
ne i ndicat a col m edesim o n om e che il m edico A ezi o aveva i m piegat o,
nel secol o pr ecedent e, per un far m aco: x er i o n , da cui deri ver à l 'el i xi r
di ar abi e l at i n i 28.
For se ancora pi ù rilevant e del t em a della con oscenza ot tenut a m e­
diante vi si on i è t ut t avia il secon do elem ent o di con nessione fra alch i­
mia e r el igione: nel prologo del L i b r o su l l a l et t er a Q Zosi m o ist ruisce
Teosebi a su l l ’afferm azione di Er m et e e Zoroast ro che «la razza dei
filosofi si pone al di sopr a del Fat o» e che, li ber an dosi dal l’uom o
est eriore, i m para ad ascolt are con le orecchie spi ri t uali e non con
quelle corpor ee. Ch i voglia pr at icar e l'alchim ia dun qu e (la «razza dei
filosofi») deve in prim o l u ogo assum ere un punt o di vist a superiore a
quello di quant i, con fidando n ell ’aiut o dei dem on i i nfer ior i o sem ­
pli cem ent e affidandosi alla casuali t à del m om ent o, pr oducon o le t in ­
ture che Zosi m o chiam a k a i r i k a ì b a p h a ì , t inture “ occasi on al i ” . Q u an ­
do quest i operat or i im perfet t i per pu r o caso r iescon o a ot t enere un
risult at o posi ti vo, der idon o gl i scrit t i alchem ici, e persegu on o esclusi ­
vam ent e i beni m at er i al i 29. E chiaro l ’intento polem i co d el l ’aut ore,
da cui r isult a fr a l ’altro eviden t e che all’epoca in cui l ’im perat ore
D i ocl ezi an o em ise quello ch e nella st ori a occident ale è il pr im o pr ov­
vedi m ent o di condanna di quant i fabbri cano or o e argent o (296

54
} . l ’a r t iì s a c r a

d .C .) 50 l ’alchim ia er a una pr at ica così diffu sa da aver e già dat o l u o g o


a “ scu ol e” diverse.
«In t ut t e le t ecni che gli uom i ni pr at ican o l a st essa art e con st r u ­
menti e m et odi di versi [ ...] m a pi ù che in t ut t e le alt re l o si pu ò c o n ­
statare n el l ’Art e Sacr a» 31. L ’at t eggiam ent o di Zosi m o nei co n f r o n t i
dell a r i cer ca alchem i ca è est rem am ent e più com pl esso di qu el l o at t e­
st at o dai du e papir i di L ei d a e di St occolm a: qu est i docum ent i, c h e
cost it ui scono la t est i m oni anza m at eriale pi ù ant ica del l ’alchi m i a, so n o
raccolt e di ricet t e - alcune del l e quali risalent i al l i br o delle t int ure d i
An axil aos (11 secolo a.C.) - l a cui finalit à t rasm ut at ori a e non st r et t a-
mente art igianale è pi ut t ost o chiara, ma che non con t engon o al cu n
cenno a t em at iche rel igiose gnost iche 3i . Zosi m o i nvece, svil uppa a m ­
piam ent e il tema rel igioso d el l ’uom o est eriore, non pr ivo di r i son an ze
paoline, che finisce per cost it ui re il cont enut o pi ù rilevant e del L i b r o
su l l a l e t t e r a Q , at t raverso u n ’art icolat a let t ura si m bol i ca di due m i t i
collegat i al Y o p u s: il mito or ient ale del pr im o uom o, A dam o, asso ci at o
alla ‘t er ra rossa” e nel cui nom e risuonano i qu at t r o punt i car d i n al i
del m ondo; e quell o greco di Pr om et eo ed Epi m et eo, che r ap p r esen ­
t ano rispet t i vam ent e l ’i nt el let t o o uom o spi ri t ual e e la m at eri a o
uomo cor por eo.
Una cont r apposi zione alquant o inaspet t at a, quel l a fr a la m ag i a
rappresent at a da Zor oast r o e la “ ricerca di sé” pr opu gn at a com e l a
via di Er m et e, r ibadi sce la di cot om i a di fon do fr a i due t ipi u m an i .
Solo l ’u om o spirit uale, p n e u m a t i k ó s , pu ò avere la rivelazione dei m i ­
steri; sol o chi i m para a r accogli er si in sé, m or en do alle passi oni , e
at t ende silenziosam ent e alla ricerca di D i o, pot rà di scr im i nar e fr a l e
“ t inture nat urali ” e quell e “ non nat u ral i ” , ot t enut e per caso o c o n
l ’aiuto dei dem oni. In quest i t erm ini la figura d el l ’alchim ist a è p r e ­
sentata nel C o n g e d o f i n a l e , dove Zosi m o r ivolge alla sorella l ’eso r t a­
zione a «r aggi unger e la perfezion e del l ’anim a. E qu an do r i co n o scer ai
di aver ot t enut o l a perfezione, allora, possedendo l e t int ure n at u r al i ,
sputa sul la m at eria, r ifugiat i presso il Past or e degli uom ini ( P o i m e -
n a n i r e s) e, ricevut o il bat t esim o dell a coppa, slanciat i a r aggi u n ger e i

tuoi si m i l i» 33.

Il segreto dell’angelo

I n quest a t em perie spi ri tuale non è sor prendent e t rovare nei t est i d i
Zosi m o, che com e abbiam o vist o è un person aggi o st orico anch e se
dai con t orn i bi ografi ci poco definit i, cit azioni r ifer it e a personaggi m i -

55
A RC A N A SA PI EN Z A

t i c i , com e Er m et e e A pol l o. Pi ù am biguo il r ifer im en t o ad Agat odai-


m o n : qu est i , int er pr et at o nel l a t radizi on e post er i or e com e il dio-ser-
p en t e r affi gu r at o n el l ’i m m agine del l 'o u r o bo r o s - la pi ù ant ica figura
si m b o l i ca associ at a al l ’alchi m i a - , pot r ebbe essere i nvece un autore di
o r i g i n e h ar ran ian a, e dun qu e la pi ù ant ica t est i m oni anza di u n ’alchi­
m i a or ien t al e prei slam i ca u .
I con t en u t i at t ribuit i agli aut ori m it ici sono i pi ù di versi : dagli
af o r i sm i cosm ologici e operat ivi agli or acol i , t ut t a l a gam m a dei temi
co l l egat i al l ’alchim ia t rova in essi r iscont ro, am m ant andosi di u n ’ant i­
c h i t à e di una valenza sacra che ne con val i dano l a pret esa di arte sal ­
v i f i c a. Poch i testi di una cer t a am piezza con quest o t ipo di at t ri buzio­
n e ci son o stati conservat i . U n o però rivest e u n ’i m por t anza t utta par ­
t i co l ar e: è il piccolo t rat t at o int it olat o I si d e l a p r of et essa a su o f i g l i o
H o r u s , ch e nel gen ere let t er ari o adot t at o e nella scelt a dei personaggi
m o st r a chi ar am ent e la pr opr i a appart enen za alla t radizi one erm et ica.
Per quant o quest o t est o sia nom inat o esplicit am ent e solo da com ­
p i l at o r i dei secoli vn -vm , è possi bi l e che esso sia m olt o pi ù antico;
p a r e i nfat t i che cor ri spon da ad una par t e del l ’oper a cit ata da Zosi m o
c o m e Fi si ca d i E r m et e , e che u n ’allusi one polem i ca alla prat i ca inse­
g n a t a da I si d e com paia anche nel L i b r o d i So p h e *5. Q uest a prat ica si
b a sa sul par agon e con l ’agri col t ur a (nell’opu scol o è infatti riport at o
l ’ af o r i sm a erm et ico «se sem ini grano, nascerà gr an o»), e considera
p er t an t o necessari o i nt rodur re l ’oro com e sem e (gli alchim ist i post e­
r i o r i lo di rann o anche ferm ent o), che get t at o nell a “ t er r a” - cioè in
u n m et al lo opport unam ent e l avor at o - si m ol t i plica com e il grano se­
m i n at o nei cam pi.

Ch i ed i a qualunque artefice, figlio mio, che cos’è quel che si semina e quel
ch e si raccoglie: imparerai che chi semina grano raccoglie il grano [...]. E se
com pr en di questo discorso, figlio mio, imparerai a conoscere tutta quanta la
fabbr i cazi on e e la generazione delle cose: sappi che l ’uomo genera un uomo
e i l leone un leone, il cane un cane, e se uno di questi esseri viene prodotto
i n maniera contraria all’ordine naturale è un mostro e non potrà sopravvive­
r e. Perché una natura gioisce in un’altra natura, e una natura vince un’altra
n at u r a [...]. Ecco, qui sta tutto il segreto

L ’ al ch i m i a è accostat a, per la pr im a volt a in t erm ini così esplicit i , alla


gen er az i o n e degli esseri vivent i, e per quant o “ la fabbri cazi on e e la
gen er az i o n e delle cose” si ri feri scano ancora esclusi vam ent e alle prat i ­
c h e m et allurgi che (Iside infat t i aggiunge: «L a m at eri a dev’essere pre­
p ar at a sol o con le t erre, senza i m piegare alt re sost anze»), l ’insistita
an al o gi a con la generazione um ana ed anim ale apre la ment e del “ fi-

56
3. l ’ a r t i : s a c r a

gl io” cui l ’i nsegnam ent o è di ret t o, così com e quella di chi l egge an ­
che a dist anza di m olt i secoli, ad una possi bi le generali zzazi one est r e­
ma del processo. Il senso del m ot t o dem ocrit eo rel at i vo alle n at u r e
sembra all or a allargarsi da rel azione fra gli elem ent i a relazione fra gl i
esseri, e la “ fabbri cazi on e” alchem ica (d em i o u r gh ìa ) viene non t r op p o
i m plicit am ent e assim ilat a ai pr ocessi nat urali.
Anche il richiamo al segr et o, con cui il di scor so di I si de si co n ­
clude (il t est o prosegue poi present ando, com e di consuet o, una ser i e
di ricet t e), sem bra r ifer ir si alla consapevolezza che la “ fab br i cazi on e”
alchemica non è una cost ruzi one com e quel l a di una casa o di u n
m uro, secon do il senso cor rent e cui il t erm i ne greco rinvia, m a p i u t ­
t osto una creazione com e quell a del D em i ur go pl at oni co, che nel T i ­
m eo dà for m a alle cose r accor dan dol e at t raverso l ’ani m a del m on d o
alla realtà pi ù vera del m ondo i deale. La capaci t à di “ cr ear e” sem b r a
essere già qu i il cont enut o del segreto d el l ’alchi m i a, lont ana r ad i ce
della h y br i s t ecnologica occident ale e ult eri ore elem ent o di d i f f er en ­
ziazione d el l ’alchimia dal l e pr at i che art i gi anali, nelle quali il “ segr et o”
è m eno alt isonant e e pi ù concret am ent e l egat o alle esigenze di m o n o ­
poli o produ t t ivo *7.
Il sapere alchem ico viene present at o da I side com e un segr et o i n ­
segnat o da un angelo: la pr im a part e del r accon t o indica in q u est o
m odo l ’origi ne sopr annat ur ale del l’alchim ia, m an ifest ando fra l ’al t r o
chi aram ent e un’i nfluenza dell a t radizione ebr ai ca che si i nnest a su l
t em a t opi co del sapere rivelat o. È infatti un t est o ebr ai co non i n ser i t o
nel canone bi bl ico, il L i b r o d i En o ch (n secol o d.C.) che, r i p r en d en d o
il raccont o genesiaco degli angeli che pr eser o in m ogli e le figlie d egl i
uom ini ( G en . vi , 1-4), raccon t a com e per ot t enere quest o scopo l e
creat ure spi ri t uali abbian o ri velat o alle donne um ane le arti p r oi b i t e.
Si noti che gli angeli i m par t i scon o in prat i ca lo st esso sapere at t r i b u i ­
t o aU’i nsegnam ent o di Er m et e; l e arti pr oi bi t e cor ri spon don o i n o l t r e
esat t am ent e alle “ t i n t u r e” del l o pseudo-D em ocri t o: « L ’angelo A z ael e
i nsegnò agli uom ini a fab br i car e le spade e fece l or o con oscer e i m e­
t alli e le ar t i m et allurgi che [ ...] le piet re pr ezi ose di ogni gen ere e l e
t int ur e» *8.
I n apert ur a del su o D i sco r so I si de r accont a di essersi recat a in u n
l u ogo dove si pr at i cava segr et am ent e l ’A r t e Sacr a d el l ’Egit t o; r i t r o vi a­
m o qui il t em a del t em pi o, pr esen t at o n el pr ol ogo dei Ph y si k à k a ì
m y st i k à e r ipr eso nell a nar r azi on e del l ’or igi ne della let t erat ura al ch e­
m i ca dat a da Zosi m o. D op o esservi rim ast a a l ungo, vol eva an d ar se­
ne, «M a qu an do st avo per r ipar t i re, uno dei pr ofet i o degli an gel i c h e
ri si edon o nel prim o ci elo mi vide, ed essendosi avanzat o ver so di m e
vol l e uni rsi a m e in un com m ercio am oroso; ma i o non gli ced et t i , e

57
A R C A N A S A P I E N Z A

c h i esi che m i dicesse il segret o dell a pr eparazi one d el l ’oro e del l’ar­
g en t o » . L ’angel o rispose che non gli era perm esso parlarne, perché
q u est o m i st ero superava ogni descrizione. M a il gi or no seguent e andò
i n co n t r o ad I si de un alt ro angelo, Am naele, il quale le most rò un se­
g n o che aveva sul capo e un vaso «pi en o di un’acqu a t rasparent e».
A n c h ’egl i t ut t avi a rifiutò di rivelarle il segret o ed il gi or n o dopo, t or­
n an d o da l ei , m anifest ò il suo desi derio; m a I si de n on cedet t e, com ­
p o r t an d o si con i ndifferenza. «I o non mi abban donai m ai, mi m ant en­
n i a l di sopra della sua lussuri a, finché egli non m i ebbe m ost rat o il
seg n o che aveva sul capo e generosam ent e e senza nasconder m i nien­
t e m i ebb e m esso a par t e dei m ist eri». I l sapere segr et o è dunque
o t t en u t o at t r aver so la t rasfor m azi one dell’er os nel dialogo col sacro,
r eso possi bil e dalla resist enza della donna al l ’i nvasion e da part e di
esso .
I si d e di fat t o indica la condi zi one di val idit à di un sapere rivelat o
o i n t u i t i vo : com e non t ut t e le rivelazioni in sogno son o considerat e di
o r i g i n e di vina, m a possono essere com uni cazioni dem oni ache e du n­
q u e fall aci , anche l ’i nt uizione può i ngannare e por t are alla perdit a di
sé, q u al o r a i ncont ri una coscienza i ncapace di di st inguere e di “ resi­
st e r e ” . Se nella nost ra esper ienza con t em por an ea è possi bi l e am m et t e­
r e ( e non da par t e di chi unque) la validit à del saper e int uit ivo solo
p e r q u el che r iguarda l a realt à int eri ore o psicol ogi ca, in età elleni ­
st i c a la m odali t à “ r ivelat a” o, in li nguaggio più neut rale, int uit iva,
co n cer n ev a t u t t i i segreti: l e rivelazioni in sogno pot evano guar ire un
m al at o , m a anche m ost rare le pr opr iet à di u n ’erba o di una sost anza,
o i l p r ocesso per ot t enerne la t rasform azi one.
I I segr et o rivelat o ad I si de i nfine, è «un vaso pi en o d ’acqua t ra­
sp ar en t e»: allusi one m ol t o chiara al l ’acqua su lfu rea o di vina, m a an­
c h e — sopr at t ut t o - bell issi m a im m agine del l a sapi enza degli alchi m i ­
st i , d el l a sua sem plicit à e t raspar enza che son o la sem pli ci tà e la t r a­
sp ar en z a della com uni cazione fra l ’anima um an a e l ’anim a del m on ­
d o . O r o e ar gent o, vei col i di reale ricchezza e pot er e ol t r e che si m bo­
l i d el l a perfezi one, non possono essere “ fat t i ” se n on m ediant e le
“ t i n t u r e n at u r al i ” , ovvero nel r apport o di com u ni cazione e obbedi en ­
z a c o n le m er avi gl ie segr et e di una nat ura nel l a cui vest e m at eriale sta
r acch i u so il pr in ci pi o cr eat or e di vino. Il D i sc o r so d i I s i d e a d H o r u s
p r esen t a in for m a est rem am ent e suggest iva il carat t ere dell’Ar t e Sa­
c r a: l a t ecnol ogi a di t rasfor m azi one è frut t o di un sapere i nt uit ivo
n a t o n el l ’esperi enza, che r ichiede un r apport o coscient e con la realt à
i n v i si b i l e e si di fferenzi a si a dalle t ecniche ar t i gi an al i in senso st ret t o
c h e d al l e pr at ich e t rasm ut at ori e avul se dal con t est o sacr o (le “ t int ure
o cc asi o n al i ” di Zosi m o, i “ m ost ri che non r est ano in vi t a” nell’analo-

58
3- l ’a r t e s a c r a

già int rodot t a da I si de). Solo in tal m odo si ot t iene l a con oscenza ch e
salva.

, 3.*4
U n ’ ac q u a d i v i n a e f i l o so f i c a

Per quant o svalut at i dalla st ori ografi a t esa a pri vi l egi are gli asp et t i
prot ochim ici dell ’alchi m i a, gli aut ori post er i or i a Zosi m o n on son o
solo let terati rivolt i al passat o, il cui con t r i bu t o «non aggi unse n i en t e
di significat ivo alla sci enza della m at eri a» *9. L a riflessione su l l ’acq u a
divina, il pi ù i m port ant e dei t re pr odot t i alchem ici present i nei t est i
di Zosim o (accant o alla i òsi s e allo x er ìo n ), ha invece i m pl i cazi on i f i ­
losofiche di grande rili evo, che ven gon o rese pienam ent e esp l i ci t e
solo nel com m ent o di O l i m piodor o Su l l a p r at i ca d i Z o si m o , n ot o an ­
che come t rat t at o Su l l 'a r t e sacr a 4°.
«E quest o il di vi no e il grande m i st ero, l ’ogget t o della r icer ca; i n ­
fatti è quest o il Tu t t o», aveva afferm at o Zosi m o nel capi t olo S u l l a c ­
qu a di vi n a. E O li m pi odor o glossa:

E q u e st a l ’ a c q u a d 'a r g e n t o , l 'e r m a f r o d i t a , ci ò ch e fu gge se m p r e , ci ò ch e si


p r e ci p i t a v e r so l e su e r e a l t à p r o p r i e , l ’a c q u a d i v i n a ch e t u t t i h a n n o i g n o r a t o
[ . . . ] e ssa n o n è un m e t a l l o n é u n ’ a c q u a se m p r e i n m o vim en to , n é u n co r p o
( so l i d o ) , p o i c h é n o n la si p u ò affer r ar e. E q u e st a il T u t t o in tutte le co se ;
e ssa a l t e m p o st e sso p o ssi e d e v i t a e sp i r i t o e p o t e r e d i st r u t t i v o . C h i l a c o m ­

p r e n d e p o ssi e d e l ’o r o e l ’ a r g e n t o 4 1.

L ’espressione greca che i ndica l ’acqua di vin a, h u d o r t k ei o n y pu ò si ­


gnificare anche “ acqua di zol fo” ; coscient i di quest a am biguit à, gli a l ­
chimisti for n iscon o t ut t avi a sufficient i m at eri ali per spi egar e l ’at t r i b u ­
t o “ di vi n o” che der i va dal m ovi m ent o di qu est ’acqua e di sost an ze
analoghe ver so l ’alt o, la sede dell a divinit à. L ’acqua divina i nfat t i , d i
cui lo zolfo è u no degli i ngredient i , ma non l ’unico, si di st ill a m e­
diante l ’alam bicco e, com e aveva scri tt o M ari a, «essa è spint a v er so
l ’alto dalla cu cu r bi t a e dal t ubo ascendent e». E pr opri o il pr ocesso d i
dist illazione m et t e in evidenza la sost anzi ale ident it à t ra la m at er i a
prim a (ciò che si pon e a dist illare) e l ’acqua divina (il pr odot t o d el l a
dist illazione); la m at eri a, at t raverso il processo di assot t i gl iam ent o c u i
viene sot t opost a, di vi en e una sost anza at t iva capace di t ingere il m e­
t allo - assum e ci oè la funzi one di causa efficient e, di agent e dell a t r a­
sm ut azione, por t an do alla luce la d ù n a m i s i m m anent e che con t i en e i n
maniera occult a.

59
A R C A N A S A P I E N Z A

L ’i nt er pr et azi one del l 'acqu a di vina nei t erm ini dell a t radizi one fi­
losofica la dobbi am o ad O l i m pi odor o, la cui i dent i fi cazi one con l'o-
m onim o com m ent at or e neopl at oni co di Ar ist ot el e vissut o nel vi seco­
l o è incert a, m a che com u nque affront a il com m ent o di Zosi m o con
l 'espl i ci t a i nt enzione di chi ar ir e un t est o la cui oscuri t à è dovut a al
l i nguaggi o pr eci so ed estrem am ent e sint et ico: cioè negli st essi t ermini
in cui i com m ent at or i affr ont avan o i t est i filosofici di Arist ot ele 42.
N el l e t re part i in cui il com m ent o si di vide si i nt recciano e si di ­
st inguono t re li velli i nt er pr et at ivi possi bi l i, relat ivi alla prat i ca, alla
t eori a alchem i ca e alla pi ù am pi a t eori a fi losofica cui quella alchem ica
si raccorda. L a pr at i ca ( p r ax i s) viene let t a filosoficam ent e com e “ azio­
n e” (en èr gh ei a ), e ci oè at t uali zzazione di ci ò che è in pot enza; la cen­
t rali t à del l’acqua di vin a viene ravvisat a nell a sua funzi one di “ separa­
r e” , r ipor t ando la m at eria d el l ’op«.y al suo st at o di m assim a pot enzia­
li tà. Al t ret t an t o cent ral e l 'acqua lo è nella successi va operazi one di
“ fi ssazi one” , in cui con feri sce al m et allo una “ t i n t ur a’’ persist ent e
(prat i ca), dan do ad un cor po i ndet erm inat o una nat ura st abi l e (dot ­
t ri na alchem ica), che cor r i spon de alla defini zi one arist ot el ica di so­
st anza (dot t rina filosofica).
Alla r icer ca del pr in cipi o che quest ’acqua m at erializza, O li m pi o­
do r o lo t rova n ell ’i dea di ar ch è svil uppat a nella fi losofia presocrat i ca:
pr in cipio m at eri ale i dent ifi cat o dai di versi filosofi con element i diversi
(l ’acqua, il fu oco, Yap ei r o n ecc.), che pr odu ce la real t à sensibile. A t ­
t raverso u n’esposizi on e d ossogr af i ca4* dell e opi ni oni dei nat uralist i
ant i chi ( p h u si k ò i ) , O l i m pi odor o riesce ad operar e un inquadram ent o
propri am ent e filosofico della t rasm ut azi one; l 'acqua divina vi en e così
i nt erpret at a alla luce di un dopp i o m odello, quello dell a m at eri a pr i ­
m a e quello dell a causali t à efficient e.
La di ssoluzi one dei m et alli nell a loro “ m at eria p r i m a” perm et t e di
im i t ar e i pr ocessi di separazi one e unione dei loro com ponent i ult imi,
r i pr oducen do una dinam ica m at eri ale nat ur ale che la filosofia sia pl a­
t on i ca che arist ot el ica con si deran o l ogicam ent e necessaria, ma em pi ri ­
cam ent e inat t ingibile. Tal e dissoluzi one, r esa possi bi l e dal l 'acqu a in
funzi one di solvent e, rende a sua volt a possibi l e l'est r azione del l ’ac­
qu a stessa d al l ’i nt erno dei m et alli nei quali occult am ent e risiede.
L ’acqua di vina può così essere ident i fi cat a con la m at eria pr im a dei
m et alli. La sua est razi one m et te in m ot o il pr ocesso operat ivo, i cui
passaggi sono m anifest at i dalla successi on e dei col or i . Pert ant o l ’ac­
qu a agisce com e causa efficient e, secon do un tipo di causalit à anal ogo
a quell o del fu oco m a pi ù pot ent e; com e il lievit o, essa è i nfat t i una
sost anza m at eri ale pr ofon dam ent e affine alla m at eria su cui agisce:

60
3- L ’ A R T E SA C R A

«una causalit à im m anent e, m a che dev’essere pr el im i narm ent e sep ar a­


ta dalla nat ur a da cu i pr ovi en e» 44.
L ’acqua divina è dun que materia e causa, pr i n ci pi o e fi ne, «d u e
nature e un a sola essenza» com e aveva det t o Zosi m o, poiché con t i en e
in sé la capaci t à di separar e e quella di uni re. Com e Yar chè dei p r eso ­
crat ici - pr inci pi o di ver so dal l a materia pr im a arist ot elica per ch é c o n ­
creto e n on astratto, at t ivo e non i nert e, capace di pr odur re da sé l a
propria for m a - , l ’acqua di vi na possiede una causalit à i m m an en t e,
mat eriale ed efficient e insi em e, la cui di nam i ca è m odellat a su q u el l a
della causalit à arist ot elica. A l l a fine dell o svi lu ppo d el l ’alchim ia el l en i ­
stica la connessione fr a alchi m i a e fi losofia è così saldam ent e st ab i l i t a,
ed i pr ocessi operat i vi sono ancorat i alle coor di nat e t eoriche del n at u ­
ralismo ant ico. M a gli alchi m i st i , a di fferen za dei filosofi dell a t r ad i ­
zione, son o filosofi ch e pr odu con o con l e pr opr i e m ani il “ p r i n ci p i o ” ,
l’acqua di vina dal le m eravi gl i ose virtù, con cui proget t ano di r i p r en ­
dere l ’at t ivit à dem i ur gi ca del l a creazione del m on do e por t ar l a a
com pim ent o.

N o te

1. U n a P r a ct i ca M a r i a e P r o p h e t y s s a e s o r o r i s M o y s i , d i cu i sem b r a si a c o n se r v a t o
l o r i g i n a l e a r a b o , è e d i t a i n d u e r a cco l t e l at i n e { A r t i s a u n f e r a e v o i . i, e T h e a t r u m C b e-

m i cu m , voi . v i ) ; cfr . H a l l e u x ( 19 7 9 , p. 66 ) . D i u n a l t r o t e st o in ar a b o a t t r i b u i t o a
“M a r i a la C o p t a ” , la L e t t e r a su l l a c o r o n a e l a n a t u r a d e l l a c r e a z i o n e , si p u ò l e g ge r e l a
t r a d u z i o n e i n gl ese in H o l m y a r d ( 19 2 7 ) .
2. L i n d sa y ( 19 70 , p . 2 4 3) ; P a t a i ( 19 9 4 , p p . 7 4 ss.) ; L e t r u i t ( 19 9 5 , p. 2 1) .
3. I l f r a m m e n t o è r i p o r t a t o d a O l i m p i o d o r o ( v se co l o d . C j .
4 . Ju n g { 19 7 9 ; 19 9 0 - 9 1) . Un i m m agi n ar i o r it r at t o di M a r i a , d al V i r i d a r i u m di
St o l ci u s, è r i p r o d o t t o i n P a t a i ( 19 9 4 , p . 79 ) .
5. Su I p a z i a cfr . G . B e r e t t a ( 19 9 3) . M a r i a a sp e t t a a n co r a u n a si m i le v a l o r i z z a ­
zi on e.
6. U n a l et t u r a “ al fe m m in il e” d e l l ’a l ch i m i a in K u n zle ( 19 8 0 ) ; A l i e n , H ubbs
( 19 8 0 ) .
7. C o m e so t t o l i n ea M u l t h a u f ( 19 6 6 , p . n o ) , i p r o ce ssi ch i m i ci p e r i q u a l i si u t i ­
l i z z ava l a k e r o t a k i s ( u n o d e gl i a p p a r e cch i d escr i t t i p e r l a p r i m a vo l t a d a M a r i a ) « c o u l d
h a r d l y h a v e b e e n e co n o m i ca l m e t a l l u r gy » e l e e l a b o r a z i o n i d o t t r i n a l i e t e cn i ch e di
M a r i a gi o ca n o u n r u o l o e sse n z i al e n e l l a d i f f e r e n z i a z i o n e f r a m a n i p o l a z i o n e d e i m e t a l l i
p er u si a r t i gi a n a l i e p r o d u z i o n e a l ch e m i ca d e l l ’a ge n t e d e l l a t r a sf o r m az i o n e . C f r . T a y l o r
( 19 4 5) .
8. C i t . i n B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 , vo i . 1, p . 19 2 ) .
9 . C f r . P a t a i ( 19 9 4 , P* 6 7) .
10 . L a t e t r a k t y s è l a so m m a d e i n u m er i 1, 2, 3, 4 , r a p p r e se n t a b i l e co n u n t r i a n ­
go l o r e t t a n go l o ch e h a i l 4 p e r ca t e t o .
11. C i t . in B e r t h e l o t , R u e l l e ( 18 8 8 , voi . 1, p . 38 9 e voi . 11, p . 40 4) . Su C r i st i a n o
cfr . L e t r u i t ( 19 9 5 , p . 6 2) .
12 . V i a n o ( 19 9 5) .

61
A R C A N A S A P I E N Z A

13. U n r i f e r i m e n t o a M a n i , co n t en u t o n e l L i b r o su l l a let t er a Q , p e r m e t t e d i d a t a ­
r e q u e st ’o p e r a f r a i l 2 6 8 e i l 2 7 8 d . C . ; cfr . L e t r u i t ( 19 9 5 , p . 46 ) .
14 . M u l t h a u f ( 19 6 6 , p p . 10 4 , 10 9 , 114 ) , p r o p o n e d i i n d i vi d u a r e , a cca n t o a l l ’a l ­
ch i m i a gr e co - e gi z i a n a , u n a l i n e a d i o r i gi n e o r i e n t a l e ( h a r r a n i a n a ) cu i sa r e b b e r o d a r i ­
p o r t a r e M a r i a , A g a t o d a i m o n e i n u l t i m a a n a l i si l o st e sso Z o si m o . Su l l ’a l ch i m i a h a r r a ­
n i a n a cf r . i n fr a , p a r . 3. 3.
15 . M e r t e n s ( 19 9 0 , p p . 12 1- 6 ) . N e l l ’i n t r o d u z i o n e a l l a n u o va e d i z i o n e d e l t e st o
g r e co ( M e r t e n s, 19 9 5 ) i M é m o i r e s so n o i d e n t i f i ca t i co n u n ’a m p i a p a r t e d e l L i b r o su ll a
l e t t er a Q e gl i st r u m e n t i d e scr i t t i n ei t est i e d i t i so n o st u d i a t i d e t t agl i a t am e n t e .
16 . L e t r u i t ( 19 9 5 , p p . 2 2 - 3 2 ) . I t i t ol i d e l l e o p e r e d i Z o si m o p r o v e n g o n o d a i t est i
co n t e n u t i n el m a n o scr i t t o M a r ci a n o G r . 2 9 9 c h e se co n d o M e r t e n s ( 19 9 0 ) so n o in p a r ­
t e so m m a r i r eal i z z at i d a co m p i l a t o r i b i z an t i n i .
17 . I n r eal t à i “ ca p i t o l i a T e o se b i a ” n el m a n o scr i t t o so n o 35. Cfr . M erten s
( 19 9 0 ) .
18 . L e V i si o n i d i Z o si m o co m m e n t a t e d a Ju n g ( 19 8 9 ) , co r r i sp o n d o n o ai M é m o i ­
r e s a u t b é n t i q u e s, x - x n ( M e r t e n s, 19 9 5 , p p . 34 - 4 9 e 2 0 7 - 3 2 ) . Q u est a p a r t e d e l t e st o è
st a t a t r a d o t t a in i t a l i a n o ( T o n e l l i , 19 8 8 ) .
19 . N o n si t r a t t a d i u o m i n i r eal i , m a d e l l e so st a n z e so t t o p o st e a l l ’ a z i o n e d el ca l o ­
r e; l ’u so d el t e r m i n e à n t h r o p o s r i sen t e si a d e l p a r a l l e l i sm o i n t r o d o t t o d a M a r i a , si a
d e l l ’a n a l o gi a f r a A d a m o e l a m a t e r i a p r i m a p r e se n t a t a n el p r o l o go al L i b r o su l la l e t t er a
Q.
20 . M e r t e n s ( 19 9 5 , p p . 36 - 7) .
2 1. P e r e i r a ( 19 9 2 a , p p . 4 17 - 8 ) .
2 2. Ju n g ( 19 8 9 , p p . 1 1 3- 4 ) .
2 3. Ju n g ( i vi . p . 12 5 ) .
24 . L a ce n t r a l i t à d ei co l o r i , l ’o t t e n i m en t o d e l l a i ò si s co m e sco p o d e l l ’a l ch i m i a , e d
il r a p p o r t o d i q u e st i t e m i co n l a f il osofi a cl a ssi ca , so n o al cen t r o d e l l ’i n t e r p r e t a z i o n e
d i H o p k i n s ( 19 34 ) .
2 5. C f r . F e st u g i è r e ( 19 8 9 , p . 312 ) . Su l t e m a d el so g n o n el l ’a l ch i m i a r i n a sci m e n t a ­
l e cf r . par. 13 . 1.
26 . L i b r o d i So p b e y ci t . i n Fe st u gi è r e ( 19 8 9 , p . 2 6 1) .
2 7. C i o è a t t r a ve r so m a n i p o l a z i o n i di so st a n z e m i n e r a l i m ed i an t e l ’a z i o n e d el f u o ­
co , a n a l o gh e a r ea z i o n i ch i m i ch e . I l t er m i n e “ ch i m i ca ” p u ò esser e u sa t o in q u e st o
co n t e st o so l o p r e ci sa n d o n e i l i m i t i : seb b en e i n f a t t i fi n d a l l ’o r i gi n e l ’a l ch i m i a co n t e n ga
P e l e m e n t o o p e r a t i v o ch e , d i v e n t a n d o p r o p r i a m e n t e sp e r i m e n t a l e , se n e d i st a cch e r à in
e t à m o d e r n a d a n d o o r i gi n e al l a ch i m i ca, n o n e si st e “ ch i m i ca ” in se n so p r o p r i o p r i m a
d el m u tam en t o d i p r o sp e t t i v a e p i st e m o l o gi ca a v ve n u t o n el xvm se co l o . C f r . in fr a ,
pa r k . 14 . 1 e 14 . 2 . L ’a l ch i m i a d u n q u e , p u r p o t e n d o e sse r e co n si d e r a t a , p e r la p a r t e
o p e r a t i v a , la m a t r i ce st o r i ca d e l l a ch i m i ca i n t e sa co m e sci e n z a sp e r i m e n t a l e , n o n è
co r r e t t a m e n t e d e f i n i b i l e co m e ch i m i ca p r i m i t i va o p r o t o ch i m i ca .
28 . M u l t h a u f ( 19 6 6 . p . n i ) .
29 . L 'o g g e t t o d i sch e r n o d i q u est i o p e r a t o r i i m p e r f e t t i è il L i b r o d e i f o r n e l l i d i
M ar ia.
30 . M u l t h a u f ( 19 6 6 , p . 10 3) ; m a cfr. T a y l o r ( 19 3 7 b , p . 117 ) .
3 1. Fe st u gi è r e ( 19 8 9 , p p . 2 6 3- 7 3) .
32. C f r . cap . 2 , n o t a 7.
33. C i t . in F e st u g i è r e ( 19 8 9 , p . 2 8 1)
34. L e t r u i t ( 19 9 5 , p p . 8 0 - 1) . A n a w a t i ( 19 9 6 , p p . 8 59 - 6 0 ) , n e so t t o l i n e a il ca r a t t e ­
r e se m i d i vi n o , m e n t r e St a p l e t o n ( 19 5 3 ), ch e n e t r a d u ce i n p ar t e u n t e st o , i n t i t o l a t o
L et t e r a d i a m m o n i m e n t o , l o co n si d e r a un p e r so n a gg i o st o r i co d i o r i gi n e h a r r a n i a n a e
l o co l l o ca n el 111 se co l o a .C . Su l l a ci vi l t à h a r r a n i a n a cf r . G r e e n ( 19 9 2 ) .

62
3- l ’a r t l s a c r a

35. F e st u g i è r e ( 19 8 9 , p p . 2 5 4 - 6 ; se gu e , p p . 2 56 - 6 0 , la t r a d u z i o n e f r a n ce se d el l a
p r i m a p a r t e d e l t est o ) . R i co r d i a m o ch e l ’a t t r i b u z i o n e d e l L i b r o d i So p b e ( o d i C h e o p e )
a Z o s i m o è m essa in d u b b i o d a a l cu n i : cf r . M e r t e n s 19 9 5 , p . 12 5 .
36 . C i t . in Fest u gi èr e ( 19 8 9 , p. 2 59 ) .
37. Si p o t r e b b e f o r se p a r a g o n a r e il se gr e t o a l ch e m i co a q u e l l o sci e n t i f i co e t e c­
n o lo gico d e l P e n t a go n o o d e i l a b o r a t o r i d i cl o n a z i o n e d egl i esse r i vi ve n t i , e q u el l o
a r t i g i a n a l e ai se gr e t i i n d u st r i al i r i gu a r d a n t i p r o d o t t i d i u so co m u n e co m e p a r t i co l a r i
co sm e t i c i e p r o fu m i .
38 . F e st u g i è r e ( 19 8 9 , p p . 2 2 3 e 2 56 ) .
39 . C o sì M u l t h a u f ( 19 6 6 , p p . 111- 2 ) . G i u st a p p o n e n d o i n m a n i e r a se m p l i ci st i ca
c a t e g o r i e p o si t i vi st e e j u n gh i a n e , M u l t h a u f o p e r a u n a co n t r a p p o si z i o n e i m p r o p o n i b i l e
per l a t a r d a a n t i ch i t à , q u e l l a t r a a l ch i m i a e so t e r i ca ( sp i r i t u a l e ) e d e sso t e r i ca ( p r o t o -
ch i m i ca ) , e ci t a lo st o r i co d el l a ch i m i ca von Lip p m an se co n d o cu i O lim p iod or o
a v r e b b e a d a t t a t o 1’a l ch i m i a « a d u n a f i l o so fi a n a t u r a l e d el l a m e l a n co n i a e al m i st i ci sm o
c r i st i a n o » .
40 . Su O l i m p i o d o r o , o l t r e a l l e n o t i z i e e alla b i b l i o gr a f i a in L e t r u i t ( 19 9 5 , p p .
4 9 - 5 6 ) , cf r . V i a n o ( 19 9 5 ) .
4 1. L a t r a d u z i o n e d el t e st o e l ’an al i si d e l t e m a d e l l ’a cq u a d i v i n a so n o t r at t e d a
V ian o ( 19 9 7 ) .
4 2. P e r Let r u it ( 19 9 5 , pp. 54-6.) n on è p o ssi b i l e i d e n t i f i ca r e il co m m e n t a t o r e
d ’ A r i st o t e l e e l ’a l ch i m i st a ; m a cfr . gl i a r go m e n t i co n t r a r i d i V i a n o ( 19 9 5 ) e l ’ar t i co l at a
r i p r e s a d el l a q u e st i o n e n el p i ù r e ce n t e co n t r i b u t o ( V i a n o , 20 0 0 ) , d o v e l a st u d i o sa so t ­
t o l i n e a la n e ce ssi t à d i i n d a g a r e le r a gi o n i d e l l ’a t t r i b u z i o n e e d i r i e sa m i n a r e il r a p p o r t o
fra a l ch i m i a e f il o so fi a n e o p l a t o n i ca . Su l l ’an al i si d e l t est o d i O l i m p i o d o r o in V i a n o
( 19 9 5 ; 19 9 7 ) è b a sa t o l ’u l t e r i o r e sv i l u p p o e sp o si t i vo d i q u e st o p a r a g r a f o .
4 3. L e “ d o sso gr a f i e ” so n o l e e sp o si z i o n i d i d o t t r i n e f i l o so f i ch e ( d o x a i ) a n t i ch e
ch e si t r o v a n o n el l a l e t t e r a t u r a f i l o so f i ca e sci en t i f i ca .
4 4 . V i a n o ( 19 9 5 , p . 132 ) .

63
4
Chrysopoeia

4 .1
P assag g i o ad O r i e n t e

N e l l ’ età elleni st ica la più aut orevol e font e alchem ica sono gli scritt i di
Z o si m o , che la pr esent ano com e A r t e Sacr a, anche se non m ancano
t est i m on i an ze di pr at i che t rasm ut at ori e pi ù “ sobr i e” , in par t i col ar e le
r i c et t e dei papir i di Lei da e St occol m a, che sem brano r appresent at i ve
d e l l a cor rent e con t r o cui Zosi m o polem i zzava. D i t ut t o quest o, niente
d i r i con osci b i l e si è con servat o nell a cu lt ur a del t ardo i m pero romano
e d e l l ’alto m edi oevo: l ’alchim ia t ardo-ant ica sem bra essere st at a lette­
r al m en t e t ravolt a dalle m ut at e con di zi oni soci ali e for se dal la definit i­
v a scon fi t t a dell o gnost icism o a cui si era così st ret t am ent e legat a.
M a è davver o scom parsa l ’alchi m i a, o è sopravvissut a in forma
f r am m en t ar i a e nascost a? N on m an cano i t ent at ivi di di m ost rarn e la
p er m an en za nei m ovi m ent i rel igiosi eredi dell a t radizi one gnost ica, at ­
t r av er so le cui vicen de l ’“ acqua di vi t a” sar ebbe ar ri vat a con un per ­
c o r so t ort uoso, ma ini nt errot t o, fi no al m on do lat ino del xn secolo
T a l i vicen de sono t ut t avi a r icost r uit e solo sulla base di t est im onianze
i n d i r et t e e di indizi l abili e spesso am bigui.
I n realtà è com prensi bi l e che un sapere in cui è così cent rale il
segr et o non abbi a l asci at o t racce t r oppo evi dent i a l i vel lo di fon t i do­
cu m en t ar i e; in ogni m odo la pr esenza del l ’alchim ia nel m ondo latino
p r i m a del m ovi m ent o dell e t raduzion i nel xn secolo è prat icam ent e
i n d i m ost r ab i l e, alm eno allo st at o at t uale del le nost re con oscenze, an­
c h e se alcune t racce al l ’i nt erno di t est i ricet t arist ici art i gi anali lasciano
i n t r aved er e possi bi l i i nfilt razioni dal l a Spagn a islam ica e anche, forse,
d a l l ’ i m pero r om ano d ’O r ient e 2.
U prim o raccon t o con cernent e una t rasm ut azi one alchem i ca (pe­
r al t r o present at a com e frode) in O cci den t e risale alla m et à d el l ’xi se­
c o l o . Il croni st a A dam o di Br em a narra di un ebr eo con vert i t o della

65
A R C A N A S A P I E N Z A

ci t t à di A m b u r go, di nom e Paol o, che dopo la con ver si one si era re­
cat o in Gr eci a «non so se per far sol di o p er cul t ur a» - così il narra­
t ore p r epar a chi legge al segui t o del raccont o. «A l suo r it or no si mise
al le cost ol e del l ’arci vescovo, glor ian dosi di essere a conoscenza di
m ol t e art i , per esem pio di pot er insegn are l a fi losofia agl i i gnorant i in
t re anni, e di pot er far e or o p u r o dal ram e [ ...] aggi u n gen do a tutte
l e alt re b u gi e che prest o con qu el l ’or o avr ebbe fat t o ad A m bu r go del­
l e m on et e» 3. U t ono sprezzant e con cui le pr om esse d el l ’ebr eo Paolo
sono r ipor t at e dal croni st a car at t erizzerà nei secoli fu t u r i una serie di
r esocont i, spesso di m ano eccl esi ast i ca, rel at i vi alle fal se pr om esse de­
gli alchi m i st i ; al culm ine di quest a seri e si t rova la bol l a em essa in
pi ena ep oca di fi ori t ura alchem i ca, nel 1317 , da Gi ovan n i xxn : la
S p o n d e n t q u a s n o n e x b i b e n t ch e si apre, i n perfet t a sint onia con la
cr onaca di t re secoli prim a, con quest e parole: «Prom et t ono, i disgra­
ziat i alchi m i st i , ricchezze che poi non sono in grado di pr odur re» 4.
Paol o dun que aveva appreso in Gr eci a l ’arte dell a ch r y so p o e i a , la
fabbr i cazi one del l ’oro. In effet t i , al l’epoca cui r isale il raccont o di
A dam o di Br em a l ’Ar t e Sacr a aveva con osci ut o a Bi sanzio un vigoro­
so r innovam ent o n ell ’am bit o di una generale rivalut azi one e curiosit à
p er i pi ù vari dom ini dell a t ecni ca 5: di ciò sono t est i m oni im port ant i
le due r accolt e di testi alchem i ci greci a cui dobbi am o per la massima
par t e la nost ra conoscenza del l ’alchim ia del l e o r i gi n i 6. Q uest o rinno­
vam ent o avvenne in u n ’epoca in cui l ’alchim ia i slam i ca aveva già rag­
giunt o e su perat o il m om ent o del l a sua pi en a fi ori t ur a, e precedet t e
di poco l ’i nt roduzione di testi alchem i ci nel m ondo l at in o con le t ra­
duzi oni d al l ’ar abo effet t uat e nel xn secolo; i testi bi zant ini sarebbero
st at i t radot t i m ol t o più t ardi, già in pieno Ri nascim ent o.
N on si sa m olt o del m odo in cui l ’alchim ia gr eca era ent rat a in
cont at t o con gli am bient i sci ent ifi ci arabi, dove a par t i r e dal i x secolo
la presenza di int eressi alchem i ci era si curam ent e già in at to, e dove
di ede l uogo sia ad at t ivit à di speri m ent azi one prat i ca che ad una pr o­
du zi on e di scrit t i or igi nali e spesso profondam ent e i nnovat ivi rispetto
a quelli d el l ’et à ellenist ica. E ver osim i l e com u nque che gli scritt i al ­
chem i ci di com m ent at ori com e O l i m pi odor o e St efan o abbi an o segui­
t o percorsi anal oghi a quell i dell e opere fi losofiche e scient ifiche gre­
ch e, di cui l ’IsIam i nt rapr ese prest i ssi m o l ’assim ilazione, spesso gio­
van dosi di “ m ediat ori cu l t u r al i ” si a crist iani che ebr ei 7.
D ’alt ra par t e pr opr i o il pr i m o testo alchem i co ar abo t radot t o in
l at ino, il gi à ram m ent at o T e st a m e n t o di M or ieno, deli nea un percorso
d el sapere t rasm ut at ori o che t occa Rom a, cit t à d ’or i gi n e del l o stesso
M or i en o; Bisan zi o, con l ’i m perat or e Er acl i o e l ’alchi m i st a St efano;
Ger u sal em m e, la città dove M or i en o opera; e il cal i ffat o di Baghdad

66
4 . C7 IR Y SO P O E I A

con il re Kh àl i d, che richiede l a presenza del l ’alchi m i st a e ot t i en e ch e


questi gli i nsegni i segret i del l’arte. Il raccont o col l ega cioè i n for m a
mitica t ut t e le civilt à m edit erranee dell’epoca at t raverso i passaggi d el
sapere segr et o della t rasm ut azione, dando un ruolo fondant e p r o p r i o
all ’alchimia bizant ina: M orieno dichiara i nfat t i di aver r icevut o il p r o ­
prio sapere da St efan o, denom inat o con form a islam izzat a A d far , e d i
essersi t rasfer it o a Ger usal em m e solo d opo la m or t e del l ’i m p er at or e
Eracli o ( 610- 641 d.C.).

42
A l c h i m i st i d i b i b l i o t e c a

I dotti bi zant i ni fu r ono gli eredi del l ’alchim ia così com e dell a fi l osofi a
e delle sci enze grech e sviluppat e in età classi ca, che con servarono e
cont inuarono a col t i vare. Carat t erist ica dell a cult ura fi losofica b i zan t i ­
na, e più in genere di t utte le di sci pli ne di der ivazi one classi ca, è l a
netta separazi one in cui esse ven nero m ant enut e r ispet t o al l ’el ab or a­
zione della sapi enza r eligiosa e t eologi ca. I nfat t i, con t r ar iam en t e al l a
t eologia, la cui i m por t anza per la vit a anche poli t i ca del l ’i m pero d ’O -
riente di ede l uogo a di bat t it i accesi e t alvol t a non li m i tat i a d i scu ssi o­
ni accadem i che (bast i r icordare la bat t agl ia i conoclast a del l’vi l i seco ­
lo), il sapere l ai co di origi ne cl assi ca ven ne in tal m odo con servat o al
riparo da con t est azioni relat ive alla sua legit t im it à, in ci rcoli d el i m i t at i
e spesso gravi t ant i at t or no alla cort e i m peri ale 8.
Pr opr i o a quest ’opera di con servazione, cui si accom pagn a un’a t ­
t ività di espl icazi on e e com m ent o, dobbi am o la nost ra conoscenza d e­
gli aut ori pi ù ant ichi; è infat t i nell e r accolt e m anoscrit t e pr odot t e i n
am bient e bi zant ino e nell e opere essenzialm ent e com pil at ori e di er u ­
diti, con un evi den t e anche se spesso n on esclusi vo i nt eresse per i l
sapere dell a t rasm ut azi one, che t rovi am o test i, fram m ent i e t est i m o­
nianze r el at i ve al per i od o elleni st ico. Se e quant o quest a p r od u zi on e
sia t est i m oni anza di una pr at i ca di ffu sa non si può al m om ent o d e­
t erm inare, m a l ’anal isi accur at a di quest i m at eriali perm et t e di r i n ­
t racciare not i zi e, pi ù o m eno est ese, r el at i ve ad un num ero p i u t t ost o
elevat o di alchi m i st i e/ o er udit i che hann o dedicat o al l ’alchi m i a i n t er i
scrit t i o t rat t azi oni com u nque rilevant i: r icordiam o ancora che è n ei
l oro testi ch e “ n ascon o” gli alchi m i st i m i t i ci com e Er m et e, I si d e,
Cl eopat ra ecc. 9.
Fr a gli au t or i real i da essi r i cor dat i si incont r ano nom i di p er so ­
naggi dei qu ali non sappi am o null a o quasi , com e quell i di Pel agi o ,
Sinesio, Pet asi o com m ent at or e del l o pseu do-D em ocr i t o (tutti q u an t i

67
A R C A N A S A P I E N Z A

cit at i gi à da O l i m pi odor o, m a tut t i alt ri m ent i ignot i ); un nom e di


donna, Ju l i an a, for se i dent ifi cabi le con una real m ent e esist i ta Jul i an a
A n i cia IO; m a anche nom i fam osi, com e quell i degl i i m perat or i Gi u ­
st in ian o (527-565), il cui coi nvol gi m ent o n el l’alchi m i a è qu asi cert a­
m ent e u n ’invenzione post er i or e, ed Er acl i o, ch e i nvece sicuram ent e se
ne i nt er essò e ne pr ot esse gl i esponent i. D u r an t e l 'im per o di Er acl io
svolse infat t i la su a at t ivit à St efan o d'A l essan dr i a, il cui r u ol o basilare
nella fondazi on e del l 'al ch i m i a islam ica e lat ina è st at o appena ri corda­
t o. A l t r i aut ori di scrit t i alchem i ci r icordat i nei m anoscrit t i bizant ini
ven gon o qualifi cat i com e fi losofi: Pap p o (vn -vi n secolo) e du e autori
anoni m i di trat tat i sulla ch r y so po ei a scr it t i fr a l 'vn i e il i x secolo; ano­
nim o è anche il Fi l osofo Cr ist i an o ( vi i -vi i i secolo) aut ore di un'im ­
por t ant e raccolt a. Al t ri aut or i più t ardi sono i nvece conosci ut i per
nom e (per esem pio T eodor o il com pi lat or e), ed anche se qu asi nessu­
no fra essi sem bra aver dat o cont ri but i i nnovat ivi al sapere alchem ico,
le l or o opere sono in gen ere conservat e e in at t esa di qual cu no che
vogl i a indagarle.
N el x v secolo un er udit o del l ’isola di Ch ios, Gi ovan n i Canabout -
zes, t essè un elogio dell 'al chi m i a in cui si chi edeva:

D i ch e c o s a è il c o m p i m e n t o q u e st ’a r t e d e m i u r g i c a , m i st i c a e o ccu l t a d ella
c h i m i c a , se n o n d e l l ’ a l t a f i l o so f i a t e o r i c a c h e t r a t t a d e l l a n a t u r a d e g l i e sse r i ?
Ch iam o “ ch i m i ca ” ( c h u m ì a ) l ’ a r t e ch e c e r t i i t a l i a n i c o n un b a r b a r i sm o ch i a ­

m an o a r k im ia , m en tre d o vreb b ero d ire a r t e k i m i a [ ...] p e r ch é e ssa d i sso l v e


tutti i m e t a l l i e li l i q u e f a 11 [ ...] . Si d i ce ch e e ssa t r a sf o r m i o m o d i f i ch i la

n atu ra d i tutti i m etalli n ella n atu ra di u n a l t r o m e t a l l o . I l co r o n a m e n t o di


q u e st ’ a r t e , i l p r o c e d i m e n t o c o m p l e t o c h e o p e r a l a t r a sf o r m a z i o n e e i l p e r f e ­
z i o n a m e n t o d e i m e t a l l i , si c h i a m a p i e t r a f i l o so f a l e , n o m e c h e i f i l o so f i l e h a n ­
n o d a t o p e r i n g a n n a r e g l i i g n o r a n t i ch e n o n c a p i s c o n o c h e co sa si g n i f i c a , 2 .

L ’alchi m i a, present at a com e art e esclusi vam ent e m et allurgi ca anche se


secoli di elabor azi oni ar abe e latine ne avevano enor m em ent e com ­
pli cat o il carat t ere e gli usi, è considerat a il com pim ent o del l a filoso­
fia; e poi ché la filosofia si addi ce ai re e ai pot ent i , ecco che que­
st ’arte è present at a al pot en t e di t urno assiem e al ricordo di Cl eopa­
t ra e Gi ust i ni an o che, a di re di colui che scrive, l a pr at i car ono.
Canabout zes n on è l 'u n i co suddit o del l 'i m pero d'O r i en t e che nel­
la secon da metà del Q uat t rocent o si int eressi al l ’alchim ia, anche se
forse or m ai solo i n t erm ini erudit i e con finalità più o m eno sm acca­
tam ent e cort igiane. Un alt ro erudit o, Gi or gi o M idiat es, t raduce in
greco un “ classi co” dell 'alchim i a lat ina, la Sem i t a r ect a at t r ibui t a ad
A l ber t o M agno; alt ri si fann o com pilat ori di im port ant i r accol t e ma­

68
4- a i R Y S O P o r . i A

noscri t t e del l’al ch im i a greca: Em an uel e Rou sot as, Teodor o Pel ecan o s,
Ant on i o D r an gan as. A gl i ult im i decen ni del Q u at t r ocent o r i sal go n o
due m anoscrit t i, u no dei quali copi at o in Cal abr i a, che co n t en go n o
anche t raduzi on i gr eche di test i alchem i ci ar abi e lat ini r *.
Chi aram ent e a qu est 'ep oca le t radizi on i si andavano fon d en d o e
con fondendo, e l ’alchi m i a al lo st esso t it olo di alt ri saperi pi ù o m en o
segreti e pi ù o m en o pr est i gi osi ven iva ut ilizzat a da quant i cer cav an o
prot ezione o vant aggi pr esso i pot en t i . M a t orn iam o i n diet ro nei s e ­
coli, per vedere fi n o a che punt o e con quali car at t er ist iche l ’A r t e S a ­
cr a fosse stata el abor at a n el l ’am bit o pr opr i o del l a cult ura bi zan t i n a.

4-3
Il fiore della pratica

St efano d ’A lessandri a è un person aggi o st ori co reale, vissu t o al l ’ep o c a


del b a si l e u s Er acl i o, in un m om ent o ci oè di rior gani zzazione d el l ’i m ­
pero e di lotte gen er al m en t e vit t ori ose con t r o i Persiani e gli A r ab i .
Conosci ut o col sopr an n om e di “ fi l osofo ecu m en i co” , fu com m en t at o-
re di Plat on e e di Ar ist ot el e, insegnò la geom et ria, l ’arit m et ica, l ’ a ­
st ronom ia e la m u si ca, m ost rando con ciò il pr opr i o i nt er esse p er l a
parte scient ifica d el l ’eredit à classica ,4. L o scr it t o su ll ’alchi m i a, S u l l 'a r ­
t e g r a n d e e sa cr a , su l l a f a b b r i c a z i o n e d e l l 'o r o , con ferm a i suoi i n t er essi
filosofici di fon do, anche se da alcuni st udi osi del secol o scor so n e è
stata m essa in d u b b i o l ’at t ribuzione. A n ch e sulla sua i dent i tà p er m an ­
gono alcune incert ezze l5: da t aluni è st at o i nfat t i i dent ifi cat o con i l
m edico St efano di At ene, e cert am ent e i nt er essi e con oscenze m ed i ­
che e far m acologi che sono evident i nel t rat t at o alchem i co l6. Q u el
che è cert o, e che cont a p er noi, è che il suo scri tt o S u l l a r t e g r a n d e e
sa cr a è uno dei poch i t est i greci d’alchi m i a conservat i ci p er i n t er o; e
se anche non è u n ’opera di grande or igi nal it à, il m odo in cui r i p r en ­
de le t em at iche di aut ori pr ecedent i e sopr at t ut t o la sua scr it t ura p r e ­
sentano num erosi m ot i vi d ’int eresse.
Può darsi ch e St efan o non fosse un pr at i can t e del l ’alchi m i a, m a
l ’importanza del suo t est o risi ede innanzit ut t o n el l ’accurat a esp o si zi o ­
ne delle t eorie alchem i che così com e si pr esent avano nel v i i secol o; e
nel linguaggio ut ilizzat o, in cui t ut t e le risorse della r et or ica so n o
messe a disposizione del l’esalt azione dell a «nat ura olt re nat u ra v i n c i ­
t rice delle nat ure» (i, 120) 17. L a sua opera sem br a t endere al l ’el ab o ­
razione di una ver a e pr opr ia cosm ol ogia al chem i ca com p r en d en t e
macrocosmo e m i cr ocosm o, che si m anifest a prim a di t ut t o n el l ’u n i t à
del primo princi pi o, «nat ur a una e ident ica, che da t e st essa p r o d u ci

69
A R C A N A S A P I E N Z A

e p o r t i a com pim ent o il Tu t t o, u ni t à che si m ol t i plica e di versi tà che


si f a uno [ ...] cor po senza cor po che rendi i corpi i n cor por ei , corso
d e l l a luna che i llum ini l ’ordi ne del cosm o [ ...] volt o con t em pl at o d a­
g l i u om i n i vi r t u osi , fiore pr ofum at o dei fi losofi pr at i ci » (ivi).
Q u est i epi t et i , che sono solo un esem pio m inim o dell o sviluppo
d i u n 'i m m agi n i fi ca am pli fi cazione sul t em a della m at eri a prim a, r i ­
ch i am an o fi no ad un cert o punt o la t radizi one; quest o è evi dent e nel­
l a p r i m a ci t azione, che rinvi a senz’al t ro ai Ph y si k à k a ì m y st i k à , e nelle
p r i m e due l i nee dell a seconda, n el l e quali r iecheggi ano le parole di
E r m et e. M a la lu na che i llum ina il cosm o e il dupl i ce par allelism o fra
v o l t o e cont em pl azione, fi ore e pr at ica, sono im m agini n u ove o alm e­
n o u t i l i zzat e per la prim a volt a in u n cont est o alchem ico. Accedi am o
c o n esse ad un'al chi m i a che, se pr en de le m osse dal coi nvolgim ent o
r el i g i o so di Zosi m o, accogli e t ut t avi a anche la lezione dell a ricerca fi-
l o so f i co - r el i gi o sa del t ardo n eopl at oni sm o, di Procl o o di Gi am bl i co
se n o n , addir it t u ra, del pr im o neopl at on i co crist iano D i on i gi pseudo-
A r eo p agi t a. L a p b u si s ù p er p h u si m (nat ura olt re nat ura) invocat a da
St ef an o r ichi am a infat ti alla m ent e l 'ù p er (Olt re) con cui il prim o
esp o n en t e dell a “ t eologia negat iva” i ndicava il car at t er e inat t ingibile
d e l l a di vinit à.
L a prim a m at eri a appare com e pr i n ci pi o fem m i ni le m ediat ore del
d i v i n o , con il r ipet ut o accost am en t o alla luna: «Lu n a che prendi luce
d a l l a l u ce del sol e, nat ura unica in t e st essa e non alt ra, dom i nat r ice e
d o m i n at a, sal vat a e salvat ri ce» (i, 122) ; pr in ci pi o di i l lum i nazi one e di
sal v ez z a: «Ri con osco la grazi a di ch i dà l uce dal l ’alt o, dat a a noi dalla
l u c e del padre. Ascol t at e, int ellet t i simili agli angeli. Ri nun ci at e alla
t eo r i a m at eri ale, si cché possi at e essere rit enut i degni di vedere con gli
o c c h i d el l ’i nt el let t o il m i st ero n ascost o. Per ch é ciò di cui abbi am o b i ­
so g n o è una cosa sola, la nat ura una che vince il t ut t o» (ivi). La l et t u ­
r a d i quest i sl an ci lirici sul lo sfon do della fi losofia n eopl at on i ca, dove
l a n at u r a cost i t u isce l ’ult im a em anazi one di vin a, m edi at ri ce fra la sfe­
r a i n t el l i gi b i l e dei pr in ci pi e il m on do m at eriale, perm et t e di com ­
p r en d er e il val or e che St efan o at t r ibui sce al l ’alchim ia, che i nt roduce
al l a vi si one del “ m ist ero n ascost o” e pr odu ce il cont at t o col pr in ci pi o
u n i c o dell a real t à.
G l i “ int el let t i simili agli angel i ” hanno cert am ent e u na qualche af­
f i n i t à con la “ razza dei fi l osofi ” cu i Zosi m o at t r ibuiva l a sola vera e
n o n casuale pr at i ca dell 'alchim i a. St efan o non è per t an t o il pr im o a
so st en er e che l ’ar t e «consi st e in operazi on i m ent ali» lK, m a è si cu r a­
m en t e il pr im o a pr esent ar e con u n li nguaggio m ist ico l a ricerca fi l o­
so f i c a deH’alchi m i a. Che pr opri o di una r icer ca fi losofica si t rat t i è
ev i d en t e dalla su a polem i ca cont ro col or o che dell ’al chi m i a si ser von o

70
4- C H R Y S O P O E IA

per scopi bassi , dove r it rovi am o, m odificat o, un alt ro t rat to gi à p r e­


sente in Zosi m o. Le font i fi losofiche ut ilizzat e da St efan o son o d ’a l ­
t ronde num erose e qualifi cat e: il pit agori sm o, Pl at on e e i n eop l at on i ­
ci, ma anche Arist ot ele e qualche elem ent o st oicheggi an t e gi u st i fi can o
il fatto che la sua opera sia st at a am pi am ent e apprezzat a n on so l o
dagli alchimisti i slam ici, m a anche durant e il Ri nascim ent o, q u an d o
venne t radot t a in lat ino e st am pat a in un vol u m e oggi rari ssi m o 19 .
L ’alchim ia, secondo St efano, i nt roduce alla filosofia int esa co m e
assimilazione a D i o; e, com e la filosofia, d eve segui re un m et odo d i
ricerca, esam inando t ut t e le t eorie e cost ruendo la pr opr i a (così co m e
aveva fat t o O l i m piodor o a pr oposit o della pr i m a m at eri a); i nfine, essa
dev’essere insegnat a t en en do present e la n ecessi t à di edu car e l ’an i m a
e di guidarla dalle cose m at eri ali ai loro pr in ci pi im m at eriali 2°: a q u e­
st o percorso graduale cor r i spon don o le n ove part i del l a sua o p er a,
l ’ultima delle quali è espl icit am ent e dedicat a al l ’im perat or e Er acl i o.
Lo speci fico cont enut o fi losofi co delPalchi m i a con si st e nel p assag­
gio della conoscenza, at t r aver so gli st rum ent i della sensazi one e d el ­
l ’esperienza, dal vi si bi l e al l ’i nvisi bi le, poi ché la sapi enza «può v ed er e
l ’invisibile e fare l ’i m possi bi l e» 21; la ricerca alchem i ca, che «si ad o r n a
della prat i ca t eori ca e st a salda nell a t eoria pr at i ca» (i, 122) , deve r i ­
cercare nel sapere t rasm esso dagli ant ichi il nu cl eo pi ù segret o, q u el l o
mistico e non m it ico, per ch é «la chim ica m i t i ca è u n a cosa e q u el l a
mistica e segret a un’alt ra: quella m it ica è u na m escol anza di m o l t e
parole, m ent re quella m i st i ca è oper at a dal la parol a del Cr eat or e d el
m ondo, e l ’uom o sant o che è fi gli o di D i o p u ò appren der la d i r et t a-
mente m ediant e le operazi on i e anche dai di scor si m i st i ci che r i gu ar ­
dano il di vi no» 22.
La “ chim ica m i st ica” appr en de l ’unità del pr i n ci pi o m at eri ale d el
m ondo, e pu ò im it are i pr ocessi nat urali poi ch é in quel pr i n ci pi o è
racchi uso lo spi ri t o vit al e che oper a com e em anazi on e divina; n o n
sono infat t i le sost anze m at eri ali in quant o t ali che operan o le m er av i ­
glie del l ’alchim ia, ma l a capaci t à del l ’alchi m i st a di m an i pol ar e at t r a­
ver so t ali sost anze la n at u ra nell a sua più i nt im a essenza, lo sp i r i t o .
«Q u ando il cor po i ncor r ut t i bi l e sarà rest it ui t o dalla m ort e, e q u an d o
si sarà t rasfor m at o di vent an do spi ri tuale, al l or a sarà su peri or e alla n a ­
t ura com e uno spi ri t o operat or e di m i racol i ( t h au m az óm en on p n èu -
m a) [ ...] ciò di cui ti par l o è l a m agnesia ch e abbr acci a t ut t o» ( 1,
122) . I l pr in cipi o cosm i co è così nom inat o p r opr i o alla fine del p r i m o
di scor so; ed il secon do, ch e si apre con un r ichiam o all ’«infinit o c h e
emana da sé» (11, 126), am pl i fi ca il t em a col l egan do esplicit am ent e l a
m agnesia alla luna: «par l er ò del l o st rasci co della l u n a calant e [ ...]
bi ancovest it a l una che ri spl en di con forza olt re l a bi anchezza [ ...]

7i
A R C A N A S A P I E N Z A

n eve bi an ch eggi an t e, occhio bri llant e del l a bianchezza, vest i t o da spo­


sa [ ...] » (n, 128).
U m i st er o r acchi uso nella bi an ca m agnesia si m bol eggi at a dalla
l u n a è l a t int ura d ’oro, e per ci ò essa viene ult eriorm ent e decant at a
com e «l a perl a pi ù degna, l a piet ra di luna fiam m eggiant e, la tunica
dal l e pagl i u zze d ’or o, il ci bo del l ’oro l i qu i d o» ( i b i d . ) \ nel t er zo di scor­
so è p oi ch iam at a anche «sem e dell a t erra d’argent o» ed è chi ara­
m ent e m essa in r el azione con l a pr epar azi on e del l ’acqua di vin a (ili,
40). D ei pr ocessi necessari per rendere visi bi le il segr et o dell a m a­
gnesi a St efan o r i cor da solo gli aspet t i p i ù schiet t am ent e fi losofici, d i f­
fon d en d osi ben p oco sulle operazi oni di laborat or io e t or nan do i nve­
ce ripet ut am ent e su una frase dei P h y s i k à k a ì m y st i k à , «n i en t e è rim a­
st o, nient e, se non il vapore e l ’acqua che si alza» (11, 130). I l richia­
m o alla di st il l azion e è tant o chi aro quan t o generico, nonost ant e l ’i nvi­
t o ad «ar m ar si di cor aggi o» (11, 132) per i nt rapr ender e l ’operazi on e;
anche la r el azi on e che è post a nel t er zo di scor so fr a rot t eni m ent o
del l e cener i e il r en dere vi si bi l e ciò che è invisi bi le non ha l ’anda­
m ent o di u na r icet t a, m a enfat izza pi ut t ost o le risonanze si m bol iche
di t ale p r ocesso-13. Così St efano pr en de spunt o dal t em a dell a rina­
sci t a dalle ceneri p er par agon are il r am e al l ’essere u m ano per ch é esso
«com e l ’u om o ha ani m a e spi ri t o» (ni, 40), e i nt roduce poi il par ago­
ne fra l ’al chi m i a e la generazi one um ana.
«N essu n a nozi on e del l ’alchim ia è pi ù com plessa di qu el l a della
m agnesia [ ...] St efan o sem bra i dent ifi car la con la nat ur a uni versale
ch e soggi ace all ’i n t er o uni ver so», sost iene Franci s Sh er w ood Tayl or
nel suo com m ent o a quest e pagi n e 24; e se anche su ccessi vi st udi han­
no cercat o di svi scerar e il m i st ero di quest a affasci nant e sost anza 2\
sul suo vol t o lunar e risplende il m assim o m ist ero dell 'o p u s nell a bi an­
chezza innocent e del l a prim a m at eria e nell o spl endor e d el l ’argent o
ch e annunzia la m anifest azione del com pi m ent o 2h.

La fabbricazione dell’oro

Abbiam o gi à vist o com e le t est i m oni anze su l l ’alchi m i a nell ’i m pero di


Bisanzio si con not i no per il l oro pr eval ent e carat t ere erudi t o. Ci ò non
significa necessar iam ent e che l a fabbri cazi on e dell ’or o (sia n el senso
A d K a u r i j i c t i o n che d el l ' a u r i f a c t i o n ) non fosse at t i vam ent e persegui t a;
anzi la cont i nui t à con cui nei secol i si segu it ò a r accogli er e e com pil a­
re testi e ricet t e i n d i ca il perdurar e di un int eresse anch e prat i co, del
quale t ut t avi a sappi am o ben poco. Sopr at t u t t o non si può, al l o st ato

72
4- C I I R Y S O F O F JA

i;k ; l ' 3 A 4
L i st a d e i si m b o l i d i m e t a l l i , m i n e r a l i e a l t r e so st a n z e « c h e si t r o v a n o n e g l i s c r i t t i
t e cn i ci d e i f i l o so f i » . H p r i m o i n a l t o n e l l a co l o n n a d i si n i st r a i n d i c a l ’o r o , s e g u i t o
d a va r i su o i d e r i v a t i ; l ’o t t a v o i n d i ca l ’ a r g e n t o

v (r i t t i j LuVt u i t i i Hr m t Tl y w m t i c
Jj A l l X l i t r r M t - U r t M K H C

^ >YC0C 111
<^ '| - r - i i V p N M A JU L c
f c X J- r ' * - r t n - r t . 7< JL 4$ K K f « M M ^ JL i N O N u j T v i M C

,j | [ - ^ T I t l K i K i 9r iU H ® I C

4 £] f f T t M 9 N j K 'r p M 6i 10 *

^ ..t n ifi i v | v n y ^ ( ^ u N t t T l M i i i H i i u i i 'n i p i

C' t j r « r p »
fc JLfr t f«-r r-H
) l I K i u ^ t Ju T r "
T fT l I 4» j j j 7 s.i B2i J
JL b
xju i a y^ ù t KI Kirjr JL4J N «t
^ 4f r r r .c c « u ^ U M .« ? K U t t ^ . u ^

* x a - X K .t K - ^ i .c - ^ £ « u n ™ r ,Y - r -
j X K U H T n rivrtM H ^ ii.
f >Cl - ^ K * ‘v ' P ^ K u i i T H p ’n m i ^ i
A 7 0 ^ VK**VTrt T XX i . jj K l t t I T K p t K I I C 13r “ »*<*'
ì -X ^ K t n CCK X T T L U ».» j ‘ Bt
A i .r x t X i c .V >«,
d* ?\ ( Y * c h n t n n 11
UCI.N
M f i n ì i j i j • TT |-n ^ ^ r -t-p c

*> 4 i i «m -4- • •*<(’«•


«V* r +«i t N 4L*- l K- r »M

lo n t e d a l l o st e sso m a n o sc r i t t o d e l l a H e . j . r i p r o d o t t o i n M . B e r t h e l o t , i n t r o d u c t i o n ù l ’c t u Je d e l a c h i -
m i e d es a n a e n s et d u M o y e n A g , c , P a r i s 18 8 9 . p . 10 4 .

73
A R C A N A S A P I E N Z A

at t uale dell e con oscenze, ver ificare se ed event ualm ent e quali e quan­
te i nnovazi oni operat i ve siano st at e i nt rodot t e nella ricet t arist ica, e
du n gu e se vi si ano appor t i speci fici dei bi zant ini alla pr at ica alchem i­
ca. E diffi cil e per ò pensar e che una ci vi lt à in cui così grande rilievo
avevano art i decor at i ve com e l 'or efi cer i a e la decorazi one su smalto
sia rim ast a t ot alm ent e passiva r ispet t o alle conoscenze t ecni che relat i­
ve alla l avor azi on e dei m at eriali eredi t at e. L a presenza di alcune so­
st anze, com e la Ker r i a-l acca (una coccin el la indiana da cui si produce
l a t int ur a det t a “ l acca” ), e l 'u so di t erm i ni ar abi (per esem pio “ t ut ia” )
nei t rat t at i di alcuni degli aut ori anoni m i post er iori a St efano sem ­
br an o i ndi care com u nque una cert a vivaci t à di scam bi con l e regioni
or ien t ali , e non m ancano not izie r el at i ve a m iniere e a t ecniche di
est razione e l avorazi on e dei met alli.
Pur t u t t avi a, il t rat t at o scrit t o da M i ch ele Psell o ( 10 18 - 10 78 ?) sulla
fabbri cazi on e d el l ’oro, Cr i so pea 27, si present a com e un esercizio let t e­
rari o scri tt o a richiest a di un pot en t e eccl esi ast i co, M i chel e Cerulari o,
e si i nseri sce nell a vast a e vari egat a pr odu zi on e di Psel l o com e un
opu scol o car at t erizzat o dal l a st essa finezza di stile degl i alt ri. E piut ­
t ost o la curiosit à del dedicat ari o per l 'alch i m i a che si pu ò r accordare
al riem er ger e d el l ’int eresse dei col t i e dei pot ent i per l ’osservazione e
la speri m ent azi one, che carat t erizza l ’xi secolo: la fabbri cazi on e del­
l ’or o, fino ad allora considerat a u n'at t i vi t à puram en t e artigianale,
sem br a ora m erit ar e una t rat t azione filosofica, e quest o a Psell o è st a­
t o richiest o, com ’egli st esso di chi ar a in apert ura del br eve trattato:
«Tu vedi , m io sign or e e padr on e dell a m ia anim a, cosa mi fai obbl i ­
gandom i a scendere dal l ’altezza del l a filosofia a una t ecni ca m eccani ­
ca da fabbr o, e persuaden dom i a t rasfor m ar e la m at eria e a m odifica­
re le nat ure. O for se anche quest o at t iene alla filosofia e di pende dal ­
la scienza dell a N at u r a?» ( 1, 27).
In realtà l ’au t ore non abban don a affat t o la col locazi one di filoso­
fo ed erudit o che gli è pr opr ia nel l a sua opera pr in ci pale, la Cr o n o ­
gr afi a. I n essa n on solo t ram anda gl i ar can a i m p er i i di Bisanzio, m a
anche un at t eggi am ent o nei con fron t i della cult ura cl assi ca in tutta la
sua est ensione che accant o alla con servazi on e del pat ri m on io ant ico
ne pr opugn a l ’aggi or nam ent o a par t i re dal l 'esper ienza personale.
«U na st rar ipant e dot t ri na, una pr open sion e i rr efr en abi l e allo scrivere
non m eno che al legger e, por t aron o Psello a occuparsi di tutto lo
sci bi l e» 28, scr i ven do num erose agil i m onografie e dedi candosi con
par t i colar e propension e al le arti del quadr ivio (arit m et ica, geom et ria,
ast ronom ia, m usica) nelle quali i ndividuava la m i gl iore educazione
della m ent e alla filosofia neopl at oni ca. A nche nei con fr on t i dell 'alch i ­
mia m ant iene pert ant o il pr opri o pun t o di vist a: «E all or a, come è

74
4 - C U R Y SO PO FJA

mia regola in ogni im presa a cui mi accingo, ho i m boccat o i n n a n z


tutto la st rada del ragi onam ent o, invest i gando le cau se di qu an t o s u o
cedeva» ( i , 27).
N on nel l aborat orio, dun qu e, ma nell a bi bl i ot eca Psel l o si è r e c a
to per com pren dere scient ificam ent e ch e cosa fosse qu el l’ar t e in a p
parenza m eccani ca: invest i gare l e cause è infatti i l m et odo sci en t i f ìc c
della fi l osofi a ant i ca. M a dove r in t r acciar e quest e cause, o p r i n c i p i *
«Così dun qu e, scr ut ando e i n dagan do, pr ocedendo da un pu nt o a u 1
altro, mi spi nsi si no alla n at ur a degli elem ent i, da cu i le cose p r e n d o
no consist enza e in cui di sgregandosi si di ssolvono [ ...] così d u n q u e
mi slanciai verso la scienza del l a nat ura, fam iliarizzai con i più p r e
st igiosi filosofi, scoper si che gl i elem ent i si generano r eci p r ocam en t e t
ciascuno pr oduce l ’alt ro» (2-3, 27-29): è nella fi l osofi a nat urale, n e l l e
st udio degli elem ent i e delle l or o t rasform azi oni , che Psel l o t r o v a i
fondam ent o razionale della fabbr i cazi on e dell’or o. L a su a scr i t t u r a
non pr en de però l ’andam ent o di m ost rat i vo di un t rat t at o, m a p i u t t o
sto quell o di una narrazione ch e at t r aver so esem pi person ali - c o m e
la giovani le scopert a di una r adi ce di qu er cia pi et ri fi cat a - e m at er i al
erudit i con du ce am abilm ent e il l et t ore alla com prensi one.
La cur iosi t à onni vor a fu, a quant o par e, una car at t er ist ica di P s e l
lo in t ut t a la sua pr oduzi one. E così egli narra di essersi l asc i at e
prendere dal fasci no dell’ar gom en t o ch e era st at o invit at o a t r at t ar e
che avrebbe volu t o affront are in t utte le sue ram ificazioni e p r ofon d i
tà; ma il com m i tt ent e vol eva saper e una cosa ed u n a sola: «con q u a l
m at erie ed at t r aver so quale sci enza si riesca a fabb r i car e l ’oro» ( 5
31) , e l ’aut or e si pi ega al suo vol er e, n on senza un guizzo d ’i ronia. S<
infat ti non pot rà effet t uare una ricogn i zi one sist em at ica di tutta l ’ a l
chimia, darà con t o almeno di t ut t i i m at eri ali e i procedi m en t i di fafc>
br icazi one del l ’or o, e il let t or e per cepi sce una cer t a ar guzi a nel s u e
avvert i m ent o al com m it t ent e: «M i ci vor r à par ecch i o fiato: p er ch é t t
mi hai or m ai i nst allat o sul seggi o dell a fiducia, con il crogiuolo e g l
st am pi gi à b el l ’e pront i» (6, 33).
I l cor po cent rale del t rat t at ello, i paragrafi 7- 13, è dedicat o a r i
cet te di verse per fabbri care o per “ m ol t ipl icar e” l ’or o; la pr im a si s e r
ve di una sabbia det t a “ cr i n i t e” , di ar gent o e pi om bo, e utilizza p r o
cedim ent i com e la t ri t urazi one, l ’i m bi bi zi on e dell e pol veri con so st a n
ze aci de, l a fusione. La secon da ricet t a ha i ngredient i pi ù n u m er o s
(sandaracca, vet r iol o bl u, or pi m ent o, zol fo, cinabro) che, ancora u n j
volt a t rit at i e cot t i in un vaso chi uso, danno l u ogo ad una pasta c h <
passat a al cr ogi u ol o con ar gent o dar à com e risult at o l ’oro. N ella t er z z
ricet t a t r ovi am o l a m agnesia bi an ca, m a qui la sost anza non ha a s s o

75
A R C A N A S A P I E N Z A

I m am en t e il val or e cosm ico e sim bol i co che abbiam o vist o in St efan o


d ’A l essan d r i a, ed è solo uno degli i ngredient i per ot t enere «qualcosa
di p i ù si m i l e all’oro dell e pagl i uzze del Pat t ol o» (9, 35). Psello non
i gn or a, e m et t e a di sposi zion e del com m it t ent e, la possi bi l it à di «r ad ­
dop p i ar n e [ d el l ’oro] la quant it à senza i nci dere sulla qualit à», e quindi
t r ascr i ve u na ricet t a a base d i m i sy (solfat o m on obasi co di rame) e
l i m at u ra d ’ebano.
Q u est e r icet t e i nsegnano t ecn ich e di l avor azi on e d el l ’oro, m a non
son o esat t am ent e la ch r y so p o ei a : i n apert ura del par agr afo n Psell o
m ost r a con di dascali ca ch i ar ezza la di fferenza fra au r i fi ct i o n e au r i -
f a c t i o n : «V eram en t e il com pi t o a cu i sono st at o i ndi ri zzat o non era né
di con fer i r e splendore al l ’oro né di m ol t i plicarl o, ben sì di fabbr i car ­
l o» ( i i , 37) . A quest o or a si dedi ca, m ut ando vist osam ent e regi st ro
li n gui st i co: Sol e e Luna, A fr odi t e ed Efest o ven gon o ad indicare oro,
ar gent o, r am e, fuoco; le i ndicazi on i operat i ve sono pi ù vaghe che nei
par agrafi pr eceden t i, ed il con t est o mitico del l a fabbri cazi on e del l ’oro
al ch em i co è sot t olineat o dalla chiusura, ch e i ndica nella figura di
A fr od i t e e nell a preferenza accordat al e da Par i d e r ispet t o ad alt re dee
la possi bi l i t à di ut ilizzare il r am e come m et allo da t rasform are in
or o.
D u e ri cet t e linguist icam ent e pi ù sobrie, p er fabb r i car e la t int ura e
per t r asfor m ar e il pi om bo in or o m ediant e l ’am algam a con zol fo in­
com bu st o, son o seguite da un i nt eressant e r ichi am o al segreto al ch e­
m i co, par agon at o di fat t o all’iniziazione m ist erica: «E ch e? D evo r i ve­
l ar t i , succi nt am ent e, t ut t a la sapi en za delTAbderi t a e n on lasciare n u l ­
la den t r o ai luoghi più segr et i ? M a non di cono quest o gli iniziat ori né
l a gu i da a D i o di tipo m i st er i co» ( 14 , 39). M i ch el e Psel l o sem bra vo­
l er i nt en der e con ciò di essere ini ziat o all’alchi m i a; m a si tratta p r ob a­
bi lm en t e sol o di un gi oco r et or ico, col qu al e i n t roduce l ’elaborat a
con cl usi on e d el l ’opuscol o. A l suo dest inat ari o egli ch i ede infatti di in­
t r odu r l o al l ’esperienza m i st i ca «senza farmi t u rbin are n el l ’aria o sal i re
su, i n alt o, ben sì col fasci no dell a parola» ( 15, 39), com e è col fasci no
del l e par ole, non senza un p o’ d ’ironia, ch e M i ch ele ha “ fat t o” per
lui l ’or o:

Q u e l l o ch e h o f a t t o p e r t e , l o v e d i ? H o p r o d o t t o so r g e n t i d ’o r o , se n z a sq u a s­
sa r e i l m o n t e A t h o s n é sp o st a r e i l P a n g e o , e n e a n ch e a p r i r e il v a r co a v e n e
a u r i f e r e so t t e r r a n e e ; sf r e g a n d o t r a d i l o r o d el l e p i e t r e e m e sco l a n d o e r b e , ti
h o o t t e n u t o i n m o d o se m p l i ce e p o c o co st o so i l t a n t o p r e g i a t o o r o [ ...] . V u o i
ch e t i d i ca ch e co sa ti c h i e d o i n c a m b i o p e r t u t t o c i ò ch e t i o f f r o ? C h e t u m i
v o g l i a p i ù b e n e ( 15 , 4 1) .

7 6
4 - ( I l K Y S O H O h l A

L a ch i u sa “ m i ni m ali st a” , spi egabi l e con i con t r oversi r apport i fr a M i ­


c h e l e Psel l o e M i chele Cer ul ar io, non pu ò t ut t avia nasconder e che
a n c h e in u n’esercit azione essenzialm ent e let t erari a com e quest a l ’al ­
c h i m i a veniva orm ai con est rem a facilit à associ at a alla ricerca filosofi-
co - r el i gi o sa e m ist i ca, com e St efan o d ’A lessan dri a con ben pi ù r adi ca­
l e con vi n ci m en t o aveva m ost rat o, e com e ri badi sce il di scepol o di
St ef an o , M or ien o: «Fa bene chi m olt o cer ca e m ol t o am a quest a
sci en z a, perché m ediant e essa ver rà i nt rodot t o ad u n ’alt ra di cui fino­
r a n o n era a con oscenza» 2t\
Q u est o nesso, reso espl icit o da Zosi m o in un cont est o essenzi al­
m en t e gnost ico ed el abor at o nella t radizi one alessandri na sullo sfondo
d e l l a filosofia n eopl at on i ca e del suo r ichi am o ai m i st eri , sar ebbe di ­
v en u t o di nuovo cent rale n ell ’alchim ia del Ri nascim ent o, dove non
casu al m en t e vedrem o riem ergere il col legam ent o fra sost anze alche­
m i c h e e dei d el l ’ant ica Gr eci a. N el frat t em po però l ’alchim ia si era
ar r i cch i t a del l ’appor t o i slam i co, alla cui or igi n e si scor ge il pr ofil o di
u n a t radizi one che l egge il r apport o fra di nam i che cosm iche e t ra­
sf o r m azi o n e al chem i ca in m aniera abbast an za di versa rispet t o agli au­
t o r i radi cat i nella fi losofia greca. A bban don i am o dun qu e Palchim ia di
l i n g u a greca, la cui i nfluenza sulla t radi zi on e successi va si farà sent ire
i n m an i er a di ret t a e consist ent e solt ant o in età rinasci m ent ale, e ad­
d en t r i am o ci negli scrit t i di lingua araba, ch e hanno dat o un apport o
an c o r più fondam ent ale allo svi lu ppo di quest o saper e nella cult ura
d e l l 5O cci den t e.

N ote

1. D u e t en t at i vi di r i cost r u zi on e d el l e vi cen d e d e l l ’alch im ia ch e op t an o p er una


co n t i n u i t à di q u est o t i po so n o gli st udi di W i lso n ( 19 8 4 ) , ch e col l ega la per m an en za
d e l l * “acq u a d i vi n a ” alla t r ad i zi on e di r i t u ali r eligiosi con fl u i t i in fi n e nel Cat ar i sm o; e
di D u v a l ( 19 79 ) , ch e h a i n ve ce vist o u n n esso st r u t t u r al e e st o r i co fr a l 'al ch i m i a e
l ’ o r i g i n e della let t er at u r a l egat a alla t r ad i zi on e del G r a a l . Cfr . p a r . 9.2.
2. H al l eu x ( 19 9 6 , p. 8 8 6 ) .
3. Ad a m o d i Br em a, C h r o n i c o n , scol i o 38 (in P a t r o l o g i a L a t i n a , voi. 14 6 , coll.
58 3- 4 ) -
4. C f r . pa r . 10 .5.
5. Bi d ez, Cu m o n t ( 19 2 4 - 32 ) , pp. 22 ss.
6. Si tr atta d ei m an oscr i t t i : Bi bl i ot eca N az i on al e M ar ci an a, V en ez i a, gr . 299 ; Bi-
b l i o t h è q u e N a t i on al e d e Fr a n ce , Par is, gr . 2 325.
7. Su l l a r i cezi on e d el l a cu l t u r a gr e ca n ell’I sI am cfr . D ’A n co n a Co st a ( 19 9 6 ) e
B a f f ì o n i ( 19 9 1 ).
8. U n si n t et i co r aggu agl i o sulle con d i zi on i di svi l u p p o della filosofìa a Bi san zi o è
in D e Li b er a ( 19 9 4 , cap. 1) ; l ’alch i m i a vi è com p l et am en t e i gn or at a.
9. Q u an t o segu e si b asa su Let r u i t ( 19 9 5, p p . 4 6 ss.).
a r c a n a sa p i e n z a

10 . B e r t h e l o t ( 18 8 9 , p . 19 5) .
11. I l t e r m i n e g r e co è d i a k e ch u m è n o n , d o v e si r i t r o va la r a d i ce d i ch u m ì a . Su l l ’u ­
so d e l t e r m i n e c h i m i a cf r . par. 13 . 1.
12 . C i t . i n L e t r u i t ( 19 9 5 , p . 6 9 ) ; cf r . l a t r a d u z i o n e f r a n ce se a p . 70 .
13 . H a l l e u x ( 19 7 9 , p . 6 2 ) ; C o l i n e t ( 20 0 0 ) .
14 . C f r . L e t r u i t ( 19 9 5 , p p . 58 - 6 0 ) .
15 . I d u b b i su l l ’ i d e n t i t à d i St e f a n o a l ch i m i st a e St e f a n o co m m e n t a t o r e so n o an a­
lo gh i a q u e l l i so l l e v a t i p e r O l i m p i o d o r o ( cf r . p a r . 3. 4 ) . G l i st u d i p i ù r e ce n t i m a n t e n ­
gon o u n a p r u d e n t e so sp e n si o n e , in a t t e sa d el l a p r o ge t t a t a e d i z i o n e cr i t i ca p e r l a co l l e­
zion e L e s a l ck i m i st e s g r e csy d e l l a q u a l e i l t e st o d i St e f a n o d o v r e b b e co st i t u i r e il sest o
vo lu m e ( Sa f f r e y i n H a l l e u x , 19 8 1, p p . v n - x v ) . I l t e st o gr e co e d i t o d a I . L . I d el er ,
P b y s i c i et M e d i c i G r a e c i M i n o r e s ( B e r l i n o 18 4 3 ) , n on è st at o r i p r e so d a B e r t h e l o t ,
R u elle ( 18 8 8 ) ; t u t t a vi a u n so m m a r i o d e i n o v e d i sco r si i n cu i il t e st o si su d d i v i d e si
trova in B e r t h e l o t ( 18 8 9 , p p . 2 8 8 - 9 5) . U n a t r a d u z i o n e i n gl ese d e i p r i m i t r e d i sco r si
co n a m p i o co m m e n t o i n T a y l o r ( 19 3 7 b e 19 38 ) .
16 . P a p a t h a n a ssi o u ( 19 9 0 ) .
17 . R i n v i o in q u e st o m o d o al t e st o e d i t o d a T a y l o r ( 19 3 7 b e 19 38 ) , co n la cu i
t r a d u z i o n e i n gl e se h o co n f r o n t a t o l a m i a ( i l n u m e r o r o m a n o è q u e l l o d el d i sco r so , il
n um ero a r a b o i n d i ca l a p a gi n a d el t e st o g r e co , cu i l a t r a d u z i o n e i n gl e se è p o st a a
fro n te).
18 . C o m e a f f e r m a T a y l o r ( 19 3 7 b , p . 119 ) .
19 . D . P i z z i m e n t i , D e m o cr it u s A b d e r i t a , d e a r t e m a gn a , si v e d e r eb u s n a t u r a lib u s.
N ec n o n Sy n e si i , e t P e l a g i i , e t St e p b a n i A l e x a n d r i n i , et M i ch e l i s P se l l i i n e u n d e m co m ­
m e n t a r l a , P a d o v a 15 7 3 . C f r . F e r gu so n ( 19 5 4 , p . 2 0 5) .
2 0 . P a p a t h a n a ssi o u ( 19 9 0 , p . 12 5 ) .
2 1. L a ci t a z i o n e , t r a t t a d a u n p a sso d e l t e st o n o n t r a d o t t o d a T a y l o r , è i n P a ­
p a t h a n a ssi o u ( 19 9 0 , p . 12 5 ) .
2 2 . I n q u e st o m o d o si co n cl u d e l 'E p i st o l a a T e o d o r o , ch e si t r o v a f r a l a f i n e d el
s e c o n d o e l ’i n i z i o d el t e r z o d i sco r so ; il t e st o è r i p r o d o t t o e t r a d o t t o in T a y l o r ( 19 38 ,

P 38 ) . . . . .
2 3 . E p r o p r i o in q u e st i ce n n i al l a f u n z i o n e d el l e ce n er i , ch e t r a sm e t t o n o l ’e n er gi a
d ella so st an z a d i b a se al p h a r m a k o n , ch e vi e n e i n d i vi d u a t o u n o d e i co l l e ga m e n t i fra
l ’a l ch i m i a di St e f a n o e le p r o ce d u r e f a r m a co l o gi ch e ( P a p a t h a n a ssi o u 19 9 °» PP
12 2 - 4 ) .
2 4 . T a y l o r ( 19 3 7 b , p . 136 ) .
2 5 . M u l t h a u f ( 19 7 6 ) ; cf r . H a l l e u x ( 19 8 1, p p . 2 2 1- 2 ) .
2 6 . Ja m e s H i l l m a n ( 19 8 0 - 8 1) n el p i ù co m p l e sso d e i su oi sa gg i su l l a “ p si co l o gi a
a l c h e m i c a ” , se p a r a i d u e a sp e t t i d el l a “ t e r r a b i a n ca ” , “v o l a t i l i z z a n d o ” d i f a t t o il p i ù
r a d i c a l e i n se gn a m e n t o , a n ch e p si co l o gi co , d e l l ’a l ch i m i a: ch e ci o è u n a e la st e ssa co sa è
ciò c h e si d e v e t r a sf o r m a r e e ci ò ch e m a n i f e st a l ’a w e n u t a t r a sf o r m a z i o n e , e ch e l ’i m ­
p o r t a n t e è l ’o p e r a z i o n e .
2 7 . I l t e st o g r e co è e d i t o in B i d e z , C u m o n t ( 19 2 8 - 3 2 , vo i . v i ) . D u e t r a d u z i o n i
l a t i n e ve n n e r o e f f e t t u a t e n el R i n a sci m e n t o : u n a è st a m p a t a n el l a r a cco l t a i n d i ca t a su ­
p r a , a l l a n o t a 19 ; u n ’al t r a, e f f e t t u a t a d a Jo se p h A u r i a e p u b b l i ca t a a n o n i m a d a l B i d e z
a f r o n t e d el t e st o g r e co , è co n se r va t a n e l m a n o scr i t t o M a r ci a n o g r e co i v. 4 4 ( cf r . A l b i ­
n i, 19 8 8 , p . 2 3 ) . L e ci t a z i o n i d a l t est o so n o t r a t t e d a l l a t r a d u z i o n e i t al i a n a d i F r a n ce ­
sc a A l b i n i , d i cu i i n d i co f r a p ar e n t e si il n u m e r o d i p a r a gr a f o e l a p a gi n a .
2 8 . A l b i n i ( 19 8 8 , p . 11) .
2 9 . I n P e r e i r a ( 19 9 6 , p . 6 4) . C f r . i n f r a , par. 7 . 3.

78
5
C o sm o l o g i e al c h em i c h e

51
I se gr e t i d el l a cr e a z i o n e

L ’ am pl i am en t o di pr ospet t ive che abbiam o vist o gradualm ent e m ani ­


f est ar si nei testi alchem i ci di lingua greca, dal la riflessione nat uralist i­
c a su prat i che di l abor at or i o, at t raverso Pi nnest o di temi religiosi, fino
al l a prospet t iva fi losofica n eoplat oni ca di St efan o d ’Al essandri a, segna
u n per cor so di cui il m on do lat ino sem br a essere rim ast o a lungo al ­
l ’o scu r o . N on così la ci vilt à islam ica, nat a dal la pr edicazione religiosa
d e l p r ofet a M aom et t o (622-632) e art icolat asi in cent ri di pot er e, i ca­
l i f f at i , che di vennero ben prest o anche cent ri di una com plessa at t i vi ­
t à di acquisi zi one e pr oduzi on e di cult ura fi l osofica e sci ent ifica. I l
p r i m o di essi, il cal i ffat o di Baghdad sot t o la di nast ia degli O m ayyadi ,
si car at t eri zzò per l ’apert ur a ad apport i cult ural i di ogni proveni enza.
L a Casa della Sapi en za, l ’ist it uzione fon dat a da al-M a’m ùn perché
f o sse un vero e p r opr i o cent r o di r icer ca e di i nsegnam ent o, det t e
i n f at t i ospi tali t à a fi losofi e m edici di or igi ne gr eca e si ri aca, ma si
ap r ì anche alla ricezi one di t em at iche e m at eri ali di origine orient ale.
G l i int el let t uali di for m azi on e greca por t avan o con sé l ’eredit à dell a
cu l t u r a classi ca ed elleni st ica non solo com e possesso i nt ellet t uale, m a
an ch e m at eri alm ent e, nell a for m a di t est i fi losofici e sci ent ifici (fra cui
m o l t i t est i m edici) t alora in li ngua ori gi nal e, t al or a già t radot t i in si ­
r i ac o dagli st udiosi che, d opo la chi usura dell a Scu ol a di A t en e (529
d .C .) , avevano cer cat o e t r ovat o rifugio in O r i ent e \
L ’app or t o or ient ale è pi ù di ffi ci le da defini re, anche se un ru ol o
ch i ave in quest a di r ezion e viene at t ri buit o dall e font i i slam i che agli
ab i t an t i di H ar ran, t alora i dent ificat i con i Sabei nom inat i nel Cor a­
n o . Secon d o le t est im oni anze che li r iguardan o, già in ep oca pr ei sla­
m i ca essi avr ebber o con si derat o Er m et e - ch i am at o anche A gat odai -
m o n - il lor o m i ti co fon dat or e; svil uppar on o i nol t re una com pl essa

79
A R C A N A S A P I E N Z A

r e l i gi o n e a st r a l e b a sa t a su co n ce z i o n i a st r o l o gi ch e d i a n t i ca m a t r i ce
m e so p o t a m i ca . Si r a cco n t a ch e n el m om en to in cu i l a ci t t à v e n n e
co n q u i st a t a d al ca l i f f o a l - M a ’m ù n gl i H a r r a n i a n i , p er p o t e r go d e r e
d e l l o st a t u s ch e i co n q u i st a t o r i i sl a m i ci co n ce d e v a n o so l o al l e p o p o l a ­
z i o n i ch e p r a t i ca v a n o r e l i gi o n i “ d e l L i b r o ” ( e b r e i , cr i st i a n i e, a p p u n ­
t o , i “ Sa b e i ” ) , d i ch i a r a r o n o d i a v e r e i n E r m e t e il l o r o p r o f e t a , i d e n t i ­
f i ca n d o l o c o n i l co r a n i co I d r i s. D u n q u e l a co m p l e ssa r e a l t à d e l l 'e r m e ­
t i sm o d i o r i g i n e e l l e n i st i ca co n f l u ì n e l l a cu l t u r a i sl a m i ca n o n d i r e t t a -
m en te, m a a t t r a ve r so l ’e l a b o r a z i o n e h a r r a n i a n a , ch e se m b r a a v e r n e
e l i m i n a t o o a l m e n o a t t e n u a t o i l d u a l i sm o d i o r i gi n e gn o st i ca , i n se r e n ­
d o l e i d e e e r m e t i ch e in u n a co n ce z i o n e u n i t a r i a d e l l a r e a l t à i n f l u e n z a ­
t a d a l n a t u r a l i sm o a st r o l o gi co o r i e n t a l e e se gn a t a d a f o r t i i n fl u ssi n e o ­
p l a t o n i ci e n e o p i t a g o r i c i 2.
D u r a n t e i l ca l i f f a t o d i a l - M a ’m ù n ve n n e r e d a t t o i n a r a b o u n t e st o
n el q u a l e co n f l u i sco n o t e m a t i ch e g r e ch e e a p p o r t i o r i e n t a l i , e l a cu i
o r i g i n e è t u t t o r a m i st e r i o sa : p e r q u a n t o si a a t t r i b u i t o a d A p o l l o n i o d i
T y a n a ( i n a r a b o B a l l n u s) , u n m a g o e l l e n i co v i ssu t o n e l i se co l o d e l l ’e ­
r a cr i st i a n a , n o n se n e co n o sce l ’i p o t e t i co o r i gi n a l e d i l i n gu a g r e ca \
E u n t r a t t a t o ch e sp i e ga i n m a n i e r a si st e m a t i ca l e ca u se d e l l a p r o d u ­
z i o n e d i t u t t e l e r eal t à n a t u r a l i : p i a n e t i , m i n e r a l i e p i e t r e , ve ge t a l i ,
an im ali e i n f i n e l ’e sse r e u m an o; il su o t it olo in arabo (K it à b Si r r
a l - h a l T q a , ch e si gn i f i ca L i b r o d e i se g r e t i d e l l a c r e a z i o n e ), ve n n e t r a d o t ­
t o i n l a t i n o n el xn se co l o co m e L i b e r d e se c r e t i s n a t u r a e 4.
I l t e st o si a p r e co n u n ’a m p i a t r a t t a z i o n e su l l ’o r i g i n e d el l a r e al t à
cr e a t a , ch e p r e se n t a i m p o r t a n t i e l e m e n t i d i a f fi n i t à f r a l e d i n a m i ch e
di fo r m az i o n e d el m a cr o co sm o ed i p r o ce ssi a l ch e m i ci . Al l o r i gi n e
d e l l ’i n t e r a r e a l t à n a t u r a l e st a i n f a t t i u n u n i co p r i n ci p i o , il ca l o r e, ch e
d i sce n d e d a D i o a t t r a ve r so u n a se r i e d i p a ssa ggi co sì sch e m a t i z z a b i l i :
d a D i o p r o m a n a il V e r b o d i vi n o , d a l q u al e è cr e a t a l ’a z i o n e ch e g e n e ­
r a i l m o t o e co n esso il ca l o r e st e sso , d al cu i d i n a m i sm o h a o r i gi n e la
r e a l t à n a t u r a l e . L ’a z i o n e d e l ca l o r e , p r o d o t t o d e l l a cr e a z i o n e , si d i f f e ­
r e n z i a t u t t a vi a i n m a n i e r a n e t t i ssi m a d a l l ’a z i o n e d i vi n a . L a r a d i ca l e d i ­
v e r si t à f r a i l cr e a t o r e e i l m o n d o cr e a t o è so t t o l i n e a t a si a a l i vel l o t e r ­
m i n o l o gi co ( D i o cr e a ; i l ca l o r e e l e d i n a m i ch e ch e d a e sso d i sce n d o ­
n o , i n ve ce , ge n e r a n o ) , si a a t t r a ve r so l ’e n u n ci a z i o n e d e l p r i n ci p i o ch e
t u t t e l e co se ch e so n o g e n e r a t e l o so n o a t t r a ve r so l ’a z i o n e d el si m i l e e
d e l co n t r a r i o , m e n t r e D i o - l ’i n a cce ssi b i l e - n o n h a si m i l i t u d i n e , n o n
h a sp e ci e , n o n h a co n t r a r i o 5.
M o t o e ca l o r e si i m p l i ca n o r e ci p r o ca m e n t e , sen z a ch e si a p o ssi b i l e
d i st i n gu e r e u n a p r i o r i t à f r a i d u e : è d al l a l o r o az i o n e , d a l p r o d u r si d e l
ca l o r e d a l m o t o e d el m o t o d al ca l o r e , ch e h a i n i z i o l a ge n e r a z i o n e
d e l l e co se n a t u r a l i , ed è a n co r a q u e st a d i n a m i ca m o t o - ca l o r e ch e p o r -

80
5- C O S M O I .O C Ì I L - A L C H L M I C l l i ;

t e r à al su o com pim en t o perfet t o 6. Il m ot o e il cal ore, t ram it e un pr o­


c esso per cui il t radut t or e lat ino im piega il t erm i ne su b l i m a t i o y pr odu ­
c o n o la st rat ifi cazi one dell a m at eri a prim ordiale, sost anza incor por ea
c h e soggi ace a tutta la nat ur a cor por ea e ch e non sem br a essere alt ro
se n on l o st esso calore che, r arefacen dosi e con densan dosi, si pola­
r i z z a in du e estrem ità: le qualit à del caldo e del fr ed do. Il dinam ism o
a l l ’ i n t er n o del pr in ci pi o uni co pr im ordi al e, calore-m at eri a-energi a,
p r o d u c e una di fferen zi azi one al l’int erno dei due est rem i dan do luogo
a set t e sfer e, che corr ispon don o a diversi li velli d ’int ensit à del calore
e so n o sede dei pianeti e pr i n ci pi o dei segni zodiacal i. Si ot t iene così
u n or di nam en t o della m at eri a cosm ica, in cui la polar it à origi naria di
c al d o e fr eddo si m anifest a at t r aver so una seri e di coppi e: alt o-basso,
l egger o- p esan t e, at t i vo-passi vo, m aschi le-fem m i ni le.
L a pol ar it à prim aria, pr osegue il testo, si unisce in co n n u bi o , (noz­
z e) dall e quali nascono due qu al it à ult eri ori , il secco e l ’um ido. In
r eal t à le due qualit à non sem br ano essere il pr odot t o del calore e del
f r ed d o , ma piut t ost o la m anifest azione del lor o l i vell o occult o; at t ra­
v er so la sci ssione di ci ascu na qualit à occult a da quell a m anifest a e le
r i com b i n azi on i possi bi li si ot t i ene la form azi one di realt à nat urali ul­
t er i o r i e pi ù com plesse, fi no ai cor pi elem ent ari con cr et i (minerali, ve­
g et al i e anim ali), secon do un dinam ism o ch e pr esen t a sost anziali ana­
l o g i e in tutti i suoi st adi di svolgim ent o. L e sost anze che, sci ndendosi
al p r op r i o int erno, ren don o possi bi l e l ’un i on e con i l oro oppost i dan­
n o l u ogo ad un processo i rr ever sibil e e la dinam ica i nt erno-est erno
c h e in tal m odo si realizza i st i t ui sce un n esso di recipr oci t à fra alto e
b asso in cui risiede, com e vedr em o fra poco, la nozi on e chi ave della
T a b u l a sm a r a g d i n a \ infine, le t rasfor m azi oni della m at eri a cosm ica i n ­
t er p r et at e secon do quest a di nam i ca present ano not evolissi m e affinità
c o n la t rasform azi one alchem i ca, nella quale il m om en t o int erm edio o
d e l passaggio, lungi d al l ’essere car at t erizzat o dalla cat egori a m et afisica
d el l a pri vazi one (com ’è nella filosofia ar ist ot el ica), ot t iene una consi ­
st en za on t ol ogi ca pari a quell a degli est r em i dell a t rasform azione
st essa 7.
I l carat t ere reale di quest o m om ent o di passaggio, e insiem e la
d i f f i co l t à di concet t uali zzarl o, son o chiaram ent e i ndicat i dal l ’uso da
p ar t e del l ’aut ore di un t erm i ne negat ivo, n o n - n a t u r a y che ha una r eal­
t à e una consist enza posi t i va, anche se n on pu ò essere i dent i fi cat o
c o n una qualit à o un elem ent o det erm inat o. Tal e realt à è affine a
q u el l a che gl i alchim ist i m edi eval i i ndicheranno con il t erm ine m e ­
d i u m e che in Par acelso e nell a t radizione da lui derivat a si fisserà
n el l a considerazi one del sa l e . N el L i b r o d e i se g r e t i d e l l a cr e a z i o n e que­
st a realt à i ndefinit a, r adi ce e cau sa m at eriale e for m ale di t utte le real­

81
A R C A N A S A P I E N Z A

tà, vi en e present at a com e u n ’acqu a «che è m at eri a pr in ci pal e di tutte


le cose che ven gon o generat e [ ...] e perciò è r ad i ce e causa di t utte le
gen erazi oni » 8. L a mente t om a all or a all’acqua di vi na di Zosi m o, al
l i qu i do pr odot t o dalle di st i ll azion i nei vasi di M ar ia, st rum ent o op e­
r at i vo per est r ar re e “ m at er iali zzare” il pr i n ci pi o vit ale, il fluido co­
sm i co che gl i st oici avevano ch i am at o p n e u m a , afferm andone con
chi arezza la nat ura m at eri ale sot t i le 9.
L a cosm ol ogia di BalInOs, pu r m ost rando di avere fr a le sue font i
d ’i spi razi on e i processi al chem i ci descri tt i nei t est i gr eci , l i dilata alla
di m ensione del m acrocosm o e r en de esplicit a la concezi one logica
t ri adi ca sot tesa ai pr ocessi di dist ill azione e subl i m azione, utilizzata
ma n on enunciat a nell’alchi m i a ellenist ica. I n t ale con cezi one consist e
peral t r o la peculi ari t à st ru t t ur al e pi ù pr ofon da d el l ’alchim ia intesa
com e é v é n e m e n t é n é r g e t i q u e : l ’A r t e Sacra, com e la fi sica cont em por a­
nea, r ich i ede una logica n on arist ot el ica e n on cart esi ana, che r im ­
piazzi i pr in ci pi di ident it à, di non con t raddi zi on e e del t erzo escluso
con un a st rut t ura t ri adi ca non opposi t i va, i n cui la dicot om ia fra
pr i n cipi cont rari cede il passo ad una dualit à che defi ni sce uno sp a z i o
(la r eal t à ont ologi ca della t rasfor m azi one, il m e d i u m , il sa l e ) , di cui la
coppi a di pr in cipi espri m e la polarizzazi one ro.

5- 2
L a T abu la sm ar agdin a

La legit t i m i t à di una l et t ur a al chem i ca del L i b r o d e i se g r e t i d el l a cr ea ­


zion e è segnalat a dal fat t o che l o scr it t o si ch i ude, sia nella redazione
araba che nella t raduzione lat ina, con la presen t azi one del testo che
la su ccessi va t radizione al chem i ca islamica ed occident ale avrebbe
con si derat o fondat ivo, la T a b u l a sm a r a g d i n a 11. Essa è int rodot t a at­
t raverso il rit or no al m ot ivo m it ico carat t erist ico dell a t radizione er ­
m et ica ed alchem ica, la di scesa sot t o t erra, ovver o il passaggio dal
m ani fest o al l ’occult o: «En t r an do in una cri pt a sot t erranea, trovai una
t avol a di sm eraldo fra le m ani di Er m et e; su quest a t avola era scrit t a
la ver i t à r acchi usa in quest e par ol e». Com e un si gillo finale, il br eve
test o afor ist i co ch e mette in par allelo la for m azi one del cosm o e Y o -
p u s i n vi t a dun que a scender e dent ro l e viscere del l ’am pi o trattato che
lo pr ecede, leggendone il senso pi ù pr ofon do che senza sfum at ure è
det t o essere “ la ver i t à” ; e infat t i la versi one pi ù di ffusa dell a T a b u l a si
apre con la lapi dari a afferm azi on e ch e in essa è cont enut a la «veri t à
senza m enzogna, certa, assolut am ent e vera».

82
5- C O S M O L O G I A A L .C H E M I C M i :

Gl i afor ism i della T a b u l a sm ar agd i n a sono m ol t o densi , ed espri ­


m o n o con chi arezza alcune i dee fondam ent ali dell a cosm ol ogia erm e­
t i c a e del suo r apport o con la pr at ica dell 'alchim i a; per quest o m ot ivo
e p er la sua i m port anza nell a t radi zi on e al chem i ca la analizzerem o i n ­
t egr al m en t e, sot t ol in ean don e le cor ri spon denze con gli elem ent i della
co sm o l o gi a del L i b r o d ei segr et i appena ricordat i I2.
«Ci ò che è in basso è com e ci ò che è in alt o, e ci ò che è in alto è
co m e ci ò che è in basso, per com pi er e i m i racoli dell a realt à che è
U n o » : il pr im o aforism a ci i nt roduce nella di m ension e cosm ologica
u n i t ar i a, in cui non si dà né separazi on e on t ologi ca fra l ’alt o e il bas­
so né un caos indist int o, dal m om ent o che “ al t o” e “ b asso” , arm oni o­
sam en t e cor relat i sulla base del l ’anal ogi a recipr oca, r im angono dist in­
t i . I nfat t i pr opr i o il loro sdoppi am en t o è con di zi one dell a m anifest a­
zi o n e del l a realt à che in sé «è U no».
«E com e t ut t e le cose ebber o or igi ne dall ’U n o, nel r espi ro dell’U-
n o , così tut t e le cose nacquero da quest a realtà uni ca, una volt a ot t e­
n u t al a t angibilm ent e». L ’afor ism a successi vo chi ar isce l ’origi ne dello
sd op p i am en t o, alm eno se si i nt ende il lat ino m ed i t a t i o n e u n i u s com e
“ i l r espir o del l ’u n o” , r i cor dando l ’origi ne orient ale del l e concezioni
esp r esse nella T a b u l a e il l egam e fr a le prat i che di respi razione e la
m ed i t azi on e com e concent razione creat iva. N el r espir o cosm ico la
r eal t à una si espande e si con t r ae ed il calore, che è m at eria-energia,
si r arefà e si con densa, dan do or igi ne a tutte le cose. L ’analogia fon ­
d am en t al e fra la realtà m acr ocosm i ca e il pr ocesso alchem i co è du n ­
q u e la possi bi l it à del l ’U no di gen erar e il m ol t epli ce at t r aver so il di na­
m i sm o regolat o del calore, che per l ’alchim ist a è il fu oco del suo l a­
b o r at or i o.
Pr op r i o l ’i dent i tà del l ’agent e, il fu oco com e m anifest azione sensi ­
b i l e del cal ore che è all’ori gi ne di t ut t o, fa sì che il risult at o del Yopu s,
f r u t t o del l a m anipolazi one dei quat t ro elem ent i, possa essere definito
"‘ f i gl i o ” dell e for ze cosm iche, e da quest a origine t ragga la sua capaci ­
t à di operar e m eraviglie: «Su o padr e è il sole, sua m adre è la luna, il
ven t o l ’ha por t at o nel suo gr em bo, la t erra è la sua nut rice. E all’ori-
gi n e di t ut t e l e vir t ù segret e di quest o m ondo. L a sua pot en za è com ­
p l et a se di vent a t errest re». Q u est e par ol e, di gr an de suggest ione sul
p i an o si m bol i co 1\ m ost rano che il prodot t o d el l ’alchi m i a è la radice
d el l e vi r t ù m acrocosm i che resa “ t er r est r e” , ci oè è la m at eria-energia
d el l a cr eazione che l ’alchi m i st a r i pr odu ce, com e abbiam o vist o nel
caso d el l ’alchim ia cinese, su scala adeguat a alla di m ension e umana. E
l ’ acqua divina, m at eria, for m a e r adi ce di tutte l e cose, da cui la r i ­
cr eazi on e può aver e inizio.

83
A R C A N A S A P I E N Z A

Ci ò che segu e sono l e ist ruzioni fondam ent al i per operar e t ale
m an ipol azion e, in t erm i ni chi aram ent e i spi rat i alla t ecni ca dist illat o-
ria: «Separ er ai l a t erra dal fuoco, ci ò che è den so da ciò che è sot t ile,
l ent am ent e e con gr an de i ngegno». E nell a dist illazione che l ’unit à
del t ut t o viene con cr et am ent e m ost rat a; ed è in essa che si realizza su
scal a um anam ent e accessi bi le la di nam ica del l a recipr oci t à fra l ’alt o e
il b asso che con du ce al la form azi one della nat ura: «Sale dal la t er ra in
ci el o e poi r idiscen de sul la t erra, e r iceve l a for za di ciò che è in alt o
e d i ci ò che è in basso».
I l richiam o al pr ocesso operat ivo si con cl u de con la pr om essa al-
l ’ar t efìce di ot t enere l a l u ce della gl ori a e del l a conoscenza: «Così ot ­
t er r ai la gloria d i t ut t o il m ondo; per ci ò si allont anerà da te ogni
oscur i t à». I nfat t i ci ò che in t ale pr ocesso si ot t iene, quell o che gen e­
r azi on i di alchim ist i cont i nueranno a cer car e di ot t enere anche con i
m et odi più st rani, è la for za della cr eazi on e st essa, m ediant e la qual e
l ’ar t efi ce si fa cr eat or e ed operat or e di effet t i m eravigliosi: «I n essa
r isi ede la forza possent e di tutto ci ò che è for t e: vince t ut t o ciò che è
sot t i l e, penet ra t ut t o ci ò che è soli do. Così fu creato il m ondo. D a
essa si ot t erranno in quest o modo m er avigl ie». N on si pot r ebbe esp r i ­
m er e con m aggi or e chi arezza il sogno su pr em o del l ’um anit à: qu el l o
di uguagli are la pot enza di vina e di “ r i-cr ear e” il m ondo.
Si esprim e du n qu e gi à nel t esto fon dat ivo il legam e della r icer ca
al ch em i ca con l a spint a t ecnologi ca che di ver r à evident e nel Ri n asci ­
m en t o, sicché n el l ’int erpret azione di M i rcea El i ad e l ’alchim ist a ha p o­
t ut o essere int er pr et at o com e figura di t ransizi one dall 'h o m o f a b er al
m odern o dom inat ore del l a natura. Ed è in quest a i nt erpret azi one m a­
cr ocosm i ca, est er iori zzant e e ogget t ivant e, ch e trova fon dam ent o il
car at t er e di vergent e di quest o sapere nella sua evol uzione occiden t al e
r ispet t o agli svi l u ppi or ient al i concent rat i sul sogget t o del l a t r asfor m a­
zi one nella sua rel azione col m ondo. L ’am biguit à dell’alchi m i a occi ­
den t ale, si m bol eggi at a dal l a natura di Er m et e, si espri m e nell ’osci l l a­
zi on e fra onni pot enza t ecnologi ca e int eri orit à.
T u t t e le ver sion i del l a T abu l a si ch i udon o con la sot t oscri zi on e
del l o stesso Er m et e, ch e denom ina se st esso e la sapi enza r acch iu sa
nell e parole i nci se sulla ver de pi et ra pr ezi osa com e “ t r i pl i ce” o “ t re
vol t e grande” . Ri salt a, p u r nel sost anziale accor do con l e i dee esp r es­
se n ei fram m ent i a lui at t ribuit i in età elleni st ica e bi zant i na, il ca­
r at t ere pr ofondam ent e nat uralist i co di qu est o che è il prim o t est o
com pl et o, seppu r m olt o br eve, che ci rcola sot t o il suo nom e e che,
ri cordi am ol o, t r oviam o at test ato p er la pr i m a volt a n el l ’Islam del i x
secol o. Se nel L i b r o d ei segr et i del l a cr eaz i on e e nella sua di ffu si ssim a
appen dice sono davvero present i elem ent i del l a visione har ran ian a del

84
5- C O S M O L O G I E A L C H E M I C H E

mondo, non possi am o i gn orar e qu an t o - nel ben e e n el male - l a


nostra ci vi lt à debb a a quest i l on t an issi m i e per l o più i gn ot i ant enat i.
La spi nt a a t rasform are la nat ura i nserendosi nel pr ocesso cr eat i vo
inaugurat o da D i o t rova i nfat t i nella T a b u l a sm a r a g d i n a l a sua pr im a,
i neguagliabile for se perché an cor a “ i n n ocua” , espr essi one.

U n co n gr e sso d i al ch i m i st i

La fi losofia alchem i ca espost a nel L i b r o d e i se g r e t i d e l l a cr e a z i o n e non


è Tunica che il m ondo i slam i co con obbe. Alla st essa ep oca (ix secolo)
risale la st esura araba di un t est o m ol t o not o, la cui t raduzione col
titolo T u r b a p h i l o so p h o r u m ebb e am pi a di ffusione nel m on do l at in o
divent ando un m odello di scri tt ura e quasi un sinon im o della t r ad i ­
zione alchem i ca st essa ' 4. L a cor ni ce narrativa presen t a u n congr esso
o “ assem bl ea” di filosofi, con vocat o da Pit agora, in cui si discut e su l ­
l ’alchim ia e sullo sfondo fi l osofico n el quale essa si i nseri sce, descr i ­
vendo succi nt am ent e una st rut t ura del cosmo affine p er certi aspet t i
ma n on i dent ica a quella espost a dal l o pseu do-Apol lon i o, e analizzan­
do a fon d o le sost anze e l e pr ocedu r e operat i ve che gli alchim ist i d i
lingua gr eca avevano descri t t o.
Ci t roviam o dunque di fr on t e ad una dossogr afia in form a di f i c ­
t i o n , nell a quale il m odello i naugur at o da O li m pi odor o viene r i pr opo­
sto e allargat o. 1 nom i appar en t em en t e invent at i con cui l a t radizi on e
latina den om i na i “ filosofi a con gr esso” sono st at i r icondot t i defi n i t i ­
vament e a quell i di nove filosofi pr esocrat ici : Anassi m andro, A n assi -
mene, A n assagor a, Em pedocl e, A r ch elao, L eu ci pp o, Ecfan t o, Pi t ago­
ra e Senofan e I5. Gl i ar gom ent i del dibat t it o son o la form azi one d el
m ondo ed i pr in ci pi del Y o p u s: al pr im o t em a son o dedicat i i p r i m i
dieci i nt er ven t i, m ent re i su ccessivi (in totale son o set t ant adue) “ n avi ­
gano” n el l ’am pi o e con fuso lasci t o t est uale d el l ’alchi m i a ellenist ica e
bizant ina, sofferm andosi su ll e n ozion i più r ilevant i int rodot t e dai v ar i
autori: il vapor e, ovvero la “ n u b e” che sale n el Tal am bicco durant e i l
pr ocesso di dist ill azione {a i t h à l e n el l ’alchim ia greca, che diventa e t h e -
lia nell a T u r b a ) ; l a m agnesia; Y i k sl r y che la T u r b a defin i sce “ ani m a” e
per il qu al e si gnificat ivam ent e non usa la for m a com plet am ent e ar a-
bizzat a ch e t roverem o in alt ri t est i alchem ici ( a l - i k si r ) ; l ’argento v i v o ;
la “ gom m a” dei filosofi; l a cr i socoll a ( co r su f l e) \ il vel en o, che è u n a
delle possi bi l i t raduzioni del t er m i ne greco t o sy da cui l a i ò si sy ma ch e
sem bra anche i ndicar e la con oscenza da part e del l ’au t ore della T u r b a
di un t est o d ’alchim ia i n dian a, il L i b r o d e i v e l e n i di Kaut ilya; e so ­

85
A R C A N A S A P I E N Z A

prat t ut t o Facqua, denom i nat a a q u a su l f u r i s e a q u a p e r m a n e n s m a an­


che, qu i per la pr i m a volt a, a q u a vi t a e ci oè u n ’acqua «che t ut t i i filo­
sofi hanno denom i nat o vit a, perché ci ò che viene m escolat o ad essa
m u or e per poi r ivivere e ringi ovani re» (59).
Il carat t ere let t erari o del l a T u r b a è sot t ol i neat o dai fr equent i ri ­
chi am i ai l ibri dei filosofi, nei quali occor r e cercar e il vero sapere del ­
l ’alchim ia, sviscerandone i significat i:

C h i cu r v a l a sch i e n a p e r l e g g e r e i n o st r i l i b r i e d e d i c a a d essi il su o t e m p o ,
se n z a l a sci a r si co i n v o l g e r e d a p e n si e r i i n u t i l i , e i n f i n e r i v o l ge a D i o l a su a
p r e g h i e r a , r e gn e r à n e l l ’ a b b o n d a n z a f i n o a l l a m o r t e [ . . . ] i n f a t t i , p e r q u a n t o l e
m i e p a r o l e si a n o m o r t e , l a v i t a ch e è i n e sse si m o st r a a co l o r o c h e sa n n o
co m p r e n d e r l e e n o n si p e r d o n o d ’ a n i m o p e r l ’ a m b i g u i t à ch e vi i n co n t r a n o .
L e g g e t e sp e sso e r i p e t u t a m e n t e : p a r o l a m o r t a i n f a t t i è i l d i sco r so scr i t t o , m a
q u e l l o p r o n u n ci a t o a v o c e è v i v o (39).

L a t ensione fra Fin segn am ent o in presenza e la t rasm issione at t raver ­


so la scri tt ura è u na car at t erist ica st rut t urale del l ’alchimia, così com e
l ’opposi zi on e - an ch ’essa ben present e nella T u r b a - fra Fi n segn a­
m ent o ch i ar o dei ver i alchim ist i filosofi e qu el l o ret icent e degli “ i nvi­
d i osi ” , col or o che occu l t an o il pr opr io sapere «par lando di m ol t e ac­
que, m ol t e cot t ure, m olt i cor pi , molte pi et r e e m et alli, per ingannar vi
facendovi di sperdere di et ro a molti saper i » ( n ) . G l i invidiosi infat ti
«han no separat o quest o segr et o sm em bran dol o nell a fisica, n el l ’ast ro­
nom ia, n el l ’arte del l e im m agini m agico-ast r ologiche, nella sci en za d el ­
l e piant e, dei m et alli , dei fenom eni m et eorol ogi ci e degli ani m ali , e
hanno r eso am biguo per quant o hanno pot ut o, rivest endolo di m olt e
par ol e, ci ò che può essere percepi t o com e la sol i da base di ogn i loro
oper a» (58).
Ci ò che invece gl i alchim ist i filosofi i nsegnano è che t ut t o Y o p u s
risiede nei quat t ro elem ent i, com e ai quat t ro elem ent i è r i con ducibil e
l a form azi one del l’i nt er a realt à. Pr opr io nei discor si d ’apert ura i fi l o­
sofi della T u r b a m ost r an o infat t i come l ’uni t à dell a m at eria-nat ura sia
il risult at o di un pr ocedi m en t o di di st ill azione m acrocosm i ca, nel
qu al e il sol e estrae dal l ’aria una m at eria sot t ile che è lo spi r i t o e la
vi t a di t ut t e le cr eat ur e: «A ffer m o che il pri n ci pi o di tutte l e cose è
un a cert a nat ura ch e è et erna e che p r odu ce col calore t ut t e le cose
[ ...] . Fu il calore del sole ad est rarre u n qualcosa di tenue d al l ’aria,
ch e è spi ri t o e vita p er t ut t e le creat ure» (1).
L ’uni form it à fra l a di nam i ca m acrocosm i ca e l ’alchimia è r esa evi ­
dent e d al l ’uso pecu li are della m et afora d el l ’uovo: «Tu t t i i fi losofi han­
n o ut ilizzat o l ’esem pi o del l ’uovo in qu est ’art e nobilissim a, pon en dol o

86
5. < : o sM O L < x ; i K a l c i i f m i c .i ir-:

co m e m o d e l l o d e l p r o p r i o o p e r a r e » (4). L a q u a d r i p a r t i z i o n e d e l l 'u o ­
v o , i n f a t t i , e se m p l i f i ca l a m a t r i ce u n i t a r i a d e i q u a t t r o e l e m e n t i vi si b i l i
d i cu i i co r p i m i st i so n o co m p o st i , m a t r i ce a cu i so l o l a d i st i l l a z i o n e
a l ch e m i ca p e r m e t t e d i a cce d e r e : e ssa r i si e d e n e l p u n c t u s sa l i e n s , l ’e m ­
b r i o n e ch e st a n e l m e z z o e ch e r a p p r e se n t a i l p r i n ci p i o v i t a l e d e l l ’i n ­
t er a n at u r a. P e r ci ò e st r a r r e a l ch e m i ca m e n t e il se gr e t o n a sco st o n e i
q u a t t r o e l e m e n t i si gn i f i ca p r o d u r r e l ’a cq u a d i vi t a , m a d r e d i t u t t e l e
r eal t à, ch e d a t u t t e si p u ò o t t e n e r e e a t t r a ve r so l a q u a l e si co m p i e
l ’o p e r a z i o n e f o n d a m e n t a l e r a cco m a n d a t a d a E r m e t e : « r e n d e r e i n co r ­
p o r e i i co r p i , e co r p i l e r eal t à i n co r p o r e e [ . . . ] p e r ch é il c o r p o m e t a l l i ­
co n o n p u ò t i n ge r e se st e sso , se n o n n e v i e n e e st r a t t o l o sp i r i t o ch e
st a o ccu l t o n el l e su e v i sce r e , se p a r a n d o co sì il co r p o e P a n i m a » (25).

54
La chiave della sapienza

A d E r m e t e a v e v a r i co n d o t t o la p r o p r i a co m p l e ssa f i l o so f i a n a t u r a l e l o
p se u d o - A p o l l o n i o ; e d è a q u e st ’u l t i m o , « i l n o st r o m a e st r o B e l e n o f i l o ­
so f o » , ch e r i p o r t a il p r o p r i o sa p e r e u n p e r so n a g gi o m i st e r i o so d e l l a
t r ad iz io n e a l ch e m i ca ar ab a, au t o r e di un t e st o il cu i tito lo ar ab o,
M i f t à h a l - H i k m a , v e n n e t r a d o t t o l e t t e r a l m e n t e in C l a v i s sa p i e n t i a e d ai
l at i n i ch e r e se r o il su o n o m e co n “ A r t e f i u s” . Si d e l i n e a co sì u n a ve r a
e p r o p r i a ge n e a l o gi a d e l l ’i n se gn a m e n t o e r m e t i co , l a cu i ca r a t t e r i st i ca
è q u e l l a d i t r a m a n d a r e il sa p e r e d e l l a t r a sf o r m a z i o n e m a t e r i a l e in u n
co n t e st o di n a t u r a l i sm o f i l o so f i co ch e è so l o in p a r t e r i co n d u ci b i l e
a l l e fo n t i gr e ch e .
L a p e r so n a l i t à d i A r t e f i o è a n co r a o g g i p i u t t o st o o scu r a , a n ch e se
f o r se il su o n o m e se gn a l a il co i n v o l g i m e n t o co n l ’a l ch i m i a d i u n o d e i
m a g gi o r i f i l o so fi e l l e n i z z a n t i d e l l a t r a d i z i o n e i sl a m i ca , a l - F à r à b l , il cu i
n o m e v e n i v a ci t a t o d a i so st e n i t o r i a r a b i d e l l ’a l ch i m i a co m e q u e l l o d i
u n m a e st r o , ed a cu i r i sa l i r e b b e u n v e r o e p r o p r i o co r p u s d i t r at t at i
a l ch e m i ci , 6 . C o m u n q u e si a, l a C l a v i s sa p i e n t i a e r i sa l e al x se co l o e la
su a co m p o si z i o n e p u ò e sse r e r i p o r t a t a al m e d e si m o a m b i e n t e cu l t u r a ­
l e cu i l ’o p e r a f i l o so f i ca d e l l o st e sso a l - F à r à b l a p p a r t e n n e , d o v e si co n ­
t i n u a v a l a t r a d i z i o n e d i a cq u i si z i o n e e r i e l a b o r a z i o n e d e i sa p e r i e x t r a i ­
sl a m i ci se co n d o il m o d e l l o d e l l a C a sa d e l l a Sa p i e n z a .
L a co st r u z i o n e co sm o l o g i ca e l a b o r a t a n e i t r e ca p i t o l i i n cu i si d i ­
v i d e l a C l a v i s p r e se n t a a l cu n i t r at t i m a r ca t a m e n t e si m i l i a q u e l l i d e l
L i b r o d e i se g r e t i d e l l a cr ea z i o n e \ A r t e f i o se m b r a v o l e r p r e ci sa r e u l t e ­
r i o r m e n t e l o sca n d i r si d e l co sm o i n su cce ssi v i l i ve l l i e so p r a t t u t t o l ’i n ­
t e r r e l a z i o n e r e ci p r o ca d i essi . O l t r e ch e d a i r i ch i a m i e sp l i ci t i a l “ m ae-

87
A R C A N A S A P I E N Z A

st ro Bel en o” il l egam e con il S i n al -h al i qa è segnalat o da una ci t azio­


ne del l a T abu l a sm ar agdi n a nell a part e iniziale del M i ft à h : «t ut t i i sa­
pi ent i ant ichi di ssero ad una voce, senza di vergenze, che ci ò che è in
alt o è com e ciò che è in basso, e il con t r ar io, e che t utto ci ò che è
sot t ile pr ovi ene da ciò che è spesso, e ci ò che è spesso da ci ò che è
sot t i le» 17. Com e lo pseu do-Apol lon io, A r t efio sot t ol inea inolt re la d i ­
pen den za del m on do da D i o per il t ram it e del suo Ver bo, e insiem e
l a net t a separazi one che garan t i sce la t rascen denza divina.
L a conoscenza di t ut t a l a realtà creat a con si st e nella conoscenza
del l egam e «dell ’anim a cor por ea con l ’anim a cor por ea, dell ’anim a sp i ­
rit uale con l ’anima cor por ea, e dell’anim a spi ri t uale con l ’anim a spi r i ­
t uale» (503a), poi ché è nell a reciproca i nt er di penden za fr a a n i m a , o
p r i n ci pi o sot tile occult o, e co r p u s , o pri nci pi o con cret o m anifest o, che
r isiede la sapienza. L a t em a “ cor po, spi ri t o, an i m a” è il m odel lo ge­
nerale in base al qu al e possi am o leggere sia la st rut t ur a del cr eat o nel
su o com plesso sia ci ascu no dei livelli che lo cost i tui scono.
N el l a creazione, che avvi ene at t raverso il V er b o senza parole di
D i o, la l u ce e la t en ebr a o m at eri a - espressam ent e ident ificat a con la
u l e del T i m eo plat oni co e assim ilat a alla pura pot enzial it à dell a fisica
di A r i st ot el e - si scan di scon o at t raverso l ’int erposi zione di t ermini
m edi, ch e vengono ripor t at i da Art efio a pr oporzi on i arit m et iche, ge­
n er an do così il cosm o or di nat o. Con si deran do la pi enezza dell a luce e
dell a t en ebr a com e est rem i oppost i, il m edio fra i due sarà cost it uit o
d a una m escolanza par it ari a di luce e t en ebr a, ed a metà fr a quest o
m edi o e ciascuno dei due est rem i si i n di vi du er an no due ult eriori
punt i i nt erm edi, più luce ch e t enebra quel l o fra “ al t o” e punt o m e­
di ano, pi ù t enebra che l uce qu el l o esist ent e fra il punt o m ediano e il
“ basso” ; si hanno così ci n qu e livelli e quat t ro zon e cosm iche da essi
deli m i t at e l8.
I t re li velli i nt erm edi e com posit i ven gon o denom inat i I nt ellet t o,
A ni m a e Spi ri t o. Essi hanno una certa si m il it udi ne con le em anazioni
n eoplat on i che, ma si t rat ta di u n’analogia solo for m ale; m ent re infat ti
l e em anazi on i n eopl at oni che provengon o dalTU n o at t raverso un pr o­
cesso l i n ear e di espansi one e depot enzi am ent o ver so il basso, i livelli
del cosm o descritt i nell a C l a v i s sa p i en t i a e sono il risult at o del l a i nt e­
razione r ecipr oca fr a alt o e basso che è enunciat a al l ’inizio. L e quat ­
t r o zone cu i quest a di n am i ca dà origine cost i t u iscon o l ’i nsiem e della
nat ura.
Fr a il calore-m ovim en t o, m anifest azione dell a l uce cr eat ri ce, ed il
fr edd o avvi en e un r eci p r oco scam bio nell a for m a di rarefazi one e
con densazion e, da cu i der i va la m anifest azione e la st rat ificazione del ­
l e quat t ro qualità elem ent ari o nat ure ch e, i nsiem e al punt o cent rale

8 8
5. C. ( > S M < ) L ( H ; I K A L < H K M I C f i l ­

il e ;UKA 5

N e l l ’ a l ch i m i a i sl a m i ca l a c o n c e z i o n e e r m e t i c a d e l T U n o - T u t t o d à v i t a a d u n ’a r t i c o ­
l a t a co sm o l o g i a a l c h e m i c a , se g n a l a t a d a i si m b o l i i n scr i t t i n e l Y O u r o b o r o s c h e r a c ­
ch i u d e l a t e r r a ( al c e n t r o ) e i t r e e l e m e n t i su p e r i o r i r a p p r e se n t a t i d a t r e u cce l l i d i
d i v e r so c o l o r e ( b i a n c o - a z z u r r o , v e r d e e r o sso )

i > S« 5 W»

*** M io j

4 • ,

h m t e . d a l m a n o scr i t t o L o n d o n , B r i t i sh L ib r ar y. Ad d itio n al 25724 . riprod otto in A l ch i m i a , la t r a d i z i o n e '


i n O a u l f t ì t e . a cu r a d i M . G a b r i e l e , L a B i e n n a le -L I e ct a K d i t r i ce . V e n e z i a 19 8 6 , p . 5 7 l a c o l o r i n e l l 'o r i g i ­
n a le ; e l a b o r a z i o n e g r a fi ca : 1; . D i Pietro).

89
A R C A N A S A P I E N Z A

in cu i i quat t ro elem ent i sono in perfet t o equ i l i br i o {aequ al i t as) , cor ri ­


spon don o ai cinque l i vell i di em anazione: alla L u ce cor ri spon don o
cal or e pi ù si cci tà, alla Ten ebr a fr eddo e sicci t à, alTInt ellet t o calore e
um i di t à, al lo Spi ri to fr ed do e um idit à; l ’equ i l i br i o cor r ispon de dun­
qu e al l i vell o delTAnim a.
U n analogo dinam ism o, basat o sul l’i n dividuazi on e di t erm ini medi
e su l l ’ordi nam ent o si m m et r ico dell e qualit à elem ent ari , dà l u ogo alla
for m azion e del m ondo i nt er m edi o, post o t r a lo Sp i r i t o o sfera delle
Cost el l azi oni e la Ten ebr a. Il m on do i nt er m edio è suddi vi so nel l e set ­
te sfer e dei pianet i. L ’ult im o m on do, il pi ù i nt er no, si t rova al di sot ­
t o del l a sfera della Lu n a, dove la densit à est r em a del l a sost anza viet a
ch e il di nam ism o si realizzi at t r aver so il m ot o ci rcol ar e; il cosm o su b­
l u nar e ha dun que la for m a di st rat i elem ent ari sovrappost i , in cui il
m ovim ent o è quello r et t ili neo di ascesa e risalit a.
Si ri t r ova qui lo schem a cosm ologico di Ar ist ot el e, ma con una
di fferen za fondam ent ale: quell o che nel D e cael o è l ’am bit o d el l ’et e­
re, il quint o elem ent o ch e cost it ui sce le sfer e celest i ed è “ i ncom m i ­
st o ” con i quat t ro elem ent i del m on do su bl un are, risult a qui for m at o
del l a st essa m at rice degl i elem ent i m at eriali concr et i ; la di versificazio­
n e è fra “ spesso” e “ sot t i l e” , non fra sost anze ont ol ogi cam ent e di ­
ver se. N on c ’è dunque il t agli o fra l ’alto e il basso che cost i tui sce
l ’assunt o fondam ent ale dell a fisica arist ot el ica, ma una cor ri spon den­
za ch e si m anifest a n ell ’organizzazi one t ri adi ca i nt erna al m on do su­
bl u n ar e, di vi so in tre l i vell i (a com inciare dal basso: m inerale, veget a­
le, anim ale) a loro volt a su ddivisi ciascuno in t re (dal basso: cor po,
spir it o, anim a).
Fr a quest i strati del m on do cor por eo c ’è una cont inuit à di gradi
ch e rende possi bi l e la t rasfor m azi one r eci pr oca, com e un passo del
t est o arabo chi aram ent e illustra:

T u t t o ci ò ch e si ge n e r a d a u n a co sa , i n q u el l a c o sa si t r a sf o r m a ; co sì g l i e l e ­
m e n t i si t r a sf o r m a n o i n n a t u r e 19 q u a n d o si e sa u r i sce l a l o r o co m p o si z i o n e ,
p o i l e n a t u r e t o r n a n o a d e sse r e e l e m e n t i q u a n d o l a l o r o co m p o si z i o n e si r e a ­
lizza. I m in erali si g e n e r a n o d a gl i e l e m e n t i e i m i n e r a l i si t r a sf o r m a n o [in
e l e m e n t i q u a n d o si e sa u r i sce l a l o r o c o m p o si z i o n e ] ; p o i gl i e l e m e n t i t o r n a n o
a d e sse r e m i n e r a l i q u a n d o l a l o r o co m p o si z i o n e si r e a l i z z a . L e p i a n t e si g e n e ­
ran o dai m in erali e si t r a f o r m a n o in m i n e r al i qu an d o si e sa u r i sce la loro
co m p o si z i o n e ; p o i i m i n e r a l i t o r n a n o a d e sser e p i a n t e q u a n d o la l o r o c o m p o ­
si z i o n e si r e a l i z z a . G l i a n i m a l i si g e n e r a n o d a l l e p i a n t e e si t r a sf o r m a n o in
p ian te q u a n d o si e sa u r i sce la lo r o co m p o si z i o n e ; p o i l e p i a n t e t o r n a n o a d
e sse r e a n i m a l i , q u a n d o l a l o r o co m p o si z i o n e si r e a l i z z a . Q u e s t o i n l i n g u a g g i o
m e t a f o r i c o 2°.

90
5- ( .( ) S.M ( ) L ( K ' ,I I - A L t . I I I l M I C m .

O g n i co sa si t r a sf o r m a i n u n ’al t r a, e o gn i co sa r i p r o d u ce i n se st e ssa i
tre l i v e l l i d el l a st r u t t u r a m a cr o co sm i ca : b a sso , m e d i o , al t o ; co r p o , sp i ­
rito , an im a; m in er al e o n a t u r a l e , ve ge t a l e , a n i m a l e 2 1. D u n q u e o gn i
co sa p u ò esser e t r a sf o r m a t a i n d a ga n d o n e l a st r u t t u r a o ccu l t a , e n o n
f e r m a n d o s i a ci ò ch e su p e r f i ci a l m e n t e si v e d e : a q u e st o si r i f e r i sce l a
c h i u s u r a d el p a sso ci t a t o . Q u e st a co n ce z i o n e , a p p l i ca t a ai m e t a l l i , i n ­
d u c e A r t e f i o ad u n a cr i t i ca e sp l i ci t a d e l l a d o t t r i n a a l ch e m i ca d i o r i g i ­
ne a r i st o t e l i ca d e l l a f o r m a z i o n e d e i m e t al l i d a z o l f o e d a m e r cu r i o e
c o n se g u e n t e m e n t e d e l l a p o ssi b i l i t à d i o t t e n e r l i a r t i f i ci a l m e n t e i n l a b o ­
r a t o r i o p a r t e n d o d a q u e st e so st a n z e co sì co m e si t r o va n o i n n a t u r a ; è
co m e - e se m p l i f i ca l ’a u t o r e - se si vo l e sse f a r e il sa p o n e m e sco l a n d o
o lio e p o t a ssa se n z a p r e v e n t i v a m e n t e sci o gl i e r l i m e d i a n t e l a co t t u r a .
A l l ’o r i gi n e , r i t i e n e A r t e f i o , vi è u n a q u a , e d è a d essa ch e o cco r r e
r i p o r t a r e o gn i g e n e r a z i o n e ar t i f i ci a l e, r i ca v a n d o l a d ai co r p i e si st e n t i ; è
s o l o q u e st ’a cq u a ch e p u ò d a r e o r i gi n e ad u n a n u o v a p r o d u z i o n e , e d è
per q u e st o ch e è p a r a g o n a t a a l l ’u o v o , m e t a f o r a d e l p r i n ci p i o ge n e r a t i ­
vo l a t e n t e in o gn i co r p o . C o n m o d a l i t à d i v e r se q u e st ’a cq u a - u o v o p u ò
e s s e r e est r a t t a d a i m i n e r a l i p r e v i a m e n t e t r i t u r a t i ; d a l l e p i a n t e , ch e i n ­
v e c e n o n d e vo n o e sse r e so t t o p o st e a t r i t u r a z i o n e , p e n a l a p e r d i t a d e l ­
la p o t e n z i a l i t à f o r m a t r i ce ; d a gl i a n i m a l i , m e d i a n t e l a d i st i l l a z i o n e . Si
pu ò p e r ò a n ch e i n t e n d e r e ch e , d a t o u n c o r p o q u a l si a si , e sso d e b b a
e s s e r e d a p p r i m a m a ce r a t o ( e q u i va l e n t e d e l l a t r i t u r a z i o n e d e i m i n e r a ­
li), r i d o t t o al l o st a t o f l u i d o m e d i a n t e l a p u t r e f a z i o n e ( e q u i va l e n t e d e l ­
l ’o p e r a z i o n e su l l e p i a n t e ) , e i n fi n e d i st i l l a t o . L ’o n n i va l e n z a d e i t r e l i ­
v e l l i p e r m e t t e i n f a t t i d i l e g g e r e l e i st r u z i o n i o p e r a t i v e si a co m e r i f e r i t e
a c o r p i d i ver si , si a a st a d i d i ve r si d e l l a t r a sf o r m a z i o n e d i u n co r p o . I l
p u n t o d ’a r r i vo è co m u n q u e l o st esso : l ’o t t e n i m e n t o d e l l e “ n a t u r e ” a t ­
t r a v e r s o l a d i st i l l az i o n e , « p o i ch é q u e st ’a cq u a è co m p o st a d e l l e q u a t t r o
n a t u r e i n m i su r a e g u a l e » (506b), e l a l o r o r i co m p o si z i o n e i n u n co m ­
p o s t o t e m p e r a t o co m e è t e m p e r a t a l a n a t u r a d e l l ’a n i m a , si a d e l l ’A n i ­
m a co sm i ca ch e d e l l ’a n i m a d i o gn i e sser e.
Alla d i scu ssi o n e co sm o l o g i ca e a q u e l l a a l ch e m i ca se gu e il t e r z o
c a p i t o l o , d o ve l a ge n e r a z i o n e d e l l e p i a n t e e d e gl i a n i m a l i l a sci a il p o ­
st o ad u n ’e sp o si z i o n e d e l l a f i si o l o gi a u m a n a , b a sa t a a n ch ’essa su l l a
n o z i o n e d i a e q u a l i t a s , ch e è « ca u sa d e l l ’u n i o n e d e l l ’a n i m a e d e l co r ­
p o » (508a). L a p e r t u r b a z i o n e d e l l ’e q u i l i b r i o d e gl i u m o r i ( sa n gu e , c o ­
l e r a , f l e gm a , m e l a n co l i a ) d à l u o go a l l e m a l a t t i e : R u g ge r o B a co n e , ch e
c o n o sc e v a l a C l a v i s sa p i e n t i a e , a v r e b b e f a t t o n e l m o n d o l a t i n o il p a sso
c h e A r t e f i o n o n f a , p r o p o n e n d o il p r o d o t t o d e l l 'o p u s a l ch e m i co co m e
m e d i c i n a d ei co r p i u m a n i 22. I l t e st o a r a b o i n v e ce p r e se n t a a q u e st o
pu n to u n a svo l t a i n a sp e t t a t a , p o i ch é a l l ’a f f e r m a z i o n e ch e i n a l cu n e
m alattie al l o sq u i l i b r i o tem peram en tale a diu n get se dia bolu s se gu e

9 1
A R C A N A S A P I E N Z A

u n ’am pi a di sam i na dei mezzi per l i ber ar si dal la pr esenza dem oniaca
at t raverso im m agini e rit uali m agici.
L a con t i gui t à fra i saperi del l ’occul t o si m anifest a in quest o testo
con chiarezza, m a è alt ret t ant o evi dent e ch e si t rat t a di pr at ich e di­
ver se, cui fa da sfondo uni t ari o la cosm ol ogia nat uralist i ca nell a quale
il pr i n ci pi o m at eri ale e quell o di vin o sono l e due pol ar it à insci ndibi li
d el l ’unit à or iginari a, dot at e di u gu al e r eal t à e pot enza 23. L a di fferen­
za d i quest a vi si on e del m ondo, che in senso lat o possi am o definire
erm et i ca, r ispet t o a quell e della fi losofia gr eca, p er cui la m at eria è
p u r a pot enzial it à, e dell e r el igioni m onot ei st i che, per cui D i o crea
“ dal n ul l a” , m ant er rà una perm anent e t ensione fra i saperi del l a tra­
sfor m azi one e gli svi l u ppi della fi losofia e dell a t eol ogia fino alle so­
gli e del m on do m odern o e olt re.

N ote

1. D ’A n co n a Co st a ( 19 9 6 ) ; D e L i b e r a ( 19 9 4 , cap . 2) ; Baffì on i ( 19 9 1) .
2. Pet er s ( 19 9 0 ) ; G r e e n ( 19 9 2) . C f r . M assi gn o n ( 19 4 6 ) .
3. A p o l l on i o d i T yan a è u n p er so n aggi o del q u al e si h an n o p o ch e n ot i zi e ch e lo
m et t on o in r el azi on e d a un l at o col n eop i t ago r i sm o , d al l ’altr o con la t r ad i zi on e dei
m agh i or i en t ali ( m agi , b r am an i , gi m n osofi st i ) : W e i sser ( 19 8 0 , p p . 10 - 39 ) .
4. N e l l ’an ali si di qu est o t est o segu o T r a va gl i a ( 19 9 8 e 20 0 0 ) .
5. E b en e sot t ol i n ear e ch e la r i fl essi on e fi losofi ca sulla cr eaz i on e è est r an ea alla
fi losofi a gr eca cl assi ca e car at t er i zza i n vece il p en si er o ebr ai co, cr i st i an o ed i slam ico.
6. «I l m ot o e il cal or e [ ...] si p r o d u co n o r eci p r ocam en t e. I n tal m o d o l ’azion e
r eci p r o ca vi en e a car at t er i zzar e lo st esso i n izio della p r o d u z i on e d el l a n at u r a» T r a va ­
gli a ( 19 9 8 , p. 12 7) . Su ccessi vam en t e (pp. 14 7- 8 , n ot a 4 7) vien e m essa in r i l i evo l’affi­
n i t à con aspet t i d el l a co sm o l o gi a st oica.
7. I vi , p. 14 3, con un r i ch i am o alla d i scu ssi on e d i Li n d say ( 19 70 , p. 177) .
8. Ci t . in T r a va gl i a ( 19 9 8 , p. 155) .
9. Se co n d o T a yl o r ( 19 5 3, p p . 24 8 - 52) in età el l en i st i ca si so t t o p on eva a dist illa­
zi on e t u t t o ciò ch e con t en eva «l o spir ito gen er at i vo cel est e», e ci oè sost an ze or gan i ch e
e r u gi ad a.
10 . Fai vr e ( 19 7 1) .
11. G l i st u d i fon d am en t al i di r i fer i m en t o sulla T a b u l a sm a r a g d i n a son o: Rusk a
( 19 26 ) ; Pl essn er ( 19 2 7) ; St eel e, Si n ger ( 19 28 ) . M ol t i m at er i ali d el l a t r ad i zi on e al ch em i ­
ca m ed i eval e e r i n asci m en t al e relat i ve a q u est o t est o, in t r ad u zi on e fr an cese, so n o in
K ah n ( 19 9 1) .
12. L a T a b u l a sm a r a g d i n a è qu i p r esen t at a n el l a su a for m a p i ù d i ffu sa. Per la
t r ad u z i on e del t est o m i ser vo , con q u al ch e m od i fi ca, d i quella gi à p u b b l i cat a in C r i ­
sci an i , Per ei r a ( 19 9 6 , p p. 115 - 7 ) .
13. D figlio d el l a q u at em i t à degli el em en t i , ch e o p er a m er avi gl i e, n on p u ò non
r i ch i am ar e la p si co l o gi a di Ju n g ch e ved eva n ella r i con d u z i on e al l’u n o della q u at em i t à
al ch em i ca degli elem en t i u n o d ei sim boli p i ù i m p or t an t i dell’em er ger e p si col ogi co del
Sé; cfr . in p ar t i co l ar e Ju n g ( 19 79 , p. 46) .

92
5 . c : o s M o i . o G in a l c h e m i c h e

14 . I I t est o è e d i t o in R u sk a ( 19 31) ; cfr . Pl essn er ( 19 54 ) ; An aw at i ( 19 9 6 ) . I l t est o


lat i n o è Pu n i co con ser vat o i n t egr al m en t e, m a u n am p i o fr am m en t o d e l l ’o r i gi n al e a r a ­
b o è st at o ed i t o da Pl essn er ( 19 7 5 ) . I rin vii fr a p ar en t esi son o al n u m er o d ei d i sco r si /
cap i t ol i n el l ’ed. Ru sk a.
15. Pl essn er ( 19 75) .
16 . C ar u si ( 19 9 5) . L ’i pot et i ca d er i vazi on e del n o m e d a qu el l o d el fi l osofo ar ab o
a l - F à r à b l è esam i n at a d a C ar u si ( 19 9 3) . Al l e an ali si d i P ao l a Car u si , ch e lavor a sul
test o ar a b o d el l a C l a v i s , son o in p ar t e d eb i t r i ce p er l ’esp o si zi on e ch e segu e.
17. C l a v i s sa p i e n t i a e , in J. J. M an get , B i b l i o t h e c a C h e m i c a C u r i o sa , G i n e v r a 170 2 ,
voi . 1, p . 50 3a . I rin vii d at i n el t est o fra par en t esi son o a qu est a ed izion e.
18 . C ar u si ( 19 9 5, p. 60 ) ; cfr . la figura cosm o l o gi ca (ivi, p. 73) .
19 . C i o è nelle q u al i t à el em en t ar i ch e ven go n o p r i m a d egl i elem en t i con cr et i .
20 . C i t . in Car u si ( 19 9 5, p. 6 3, n ota 2; il co r si vo è m i o) . I l passo n on t r ova cor r i ­
sp o n d en z a lett er ale n ella C l a v i s lat i n a, m a cfr . p. 50 5a - b , cio è i p ar agr afi con cl u si vi
del p r i m o capit olo.
2 1. C f r . Car u si ( 19 9 5, p p . 6 4 - 5) .
22. Ar t ef i o vi en e esp l i ci t am en t e cit at o d a Ba co n e co m e esem p i o d i p r ol on gevi t à
ot t en u t a m ed i an t e l ’al ch i m i a.
23. C f r . f a k . 6 .6 . C ar u si ( 19 9 7, p. 56 ) sot t ol i n ea il fo n d am en t o di en t r am b i i sa ­
p er i in «u n a filosofia d el l a n at u r a ben st r u t t u r at a e d i car at t er e assolu t am en t e gen e­
r al e».

93
6

L a sap i en z a t r asf o r m at r i c e

6 . 1

L ’a l ch i m i a n el l ’I sI am

L ’ al ch i m i a era stata la pr im a dell e scienze greche ad at t rarre l ’at ten­


z i o n e degl i arabi, ed in quest o prim at o giocò cert am ent e un r uolo i m ­
p o r t an t e il fat t o che le con oscenze t ecni che e le speri m ent azi oni pos­
so n o t rasfer ir si con una cert a faci li tà fra ci vilt à di verse anche se con
v ar i azi o n i , speci alm ent e nel l inguaggio, l egat e al con t est o in cui la di f­
f u si o n e avviene. La vast a espan si on e del l ’alchi m i a nel m ondo m usul­
m an o è d ’alt ronde t est im oniat a dalla quant it à di riferim ent i anche al
d i fu or i dell a let t erat ura al ch em i ca vera e pr opr ia, e dalla vari et à de­
g l i am bi t i in cui il l i nguaggio dell a t rasform azi one dell a mat eria venne
u t i l i zzat o (ad esem pio nella m i st i ca sufi). N el l ’en ci cl opedi a dei Frat elli
d el l a Pu r i t à, scritt a in form a epist olare nel cor so del x secolo, l ’al ­
ch i m i a è present e al l ’i nt erno del l a prim a gr an de sist em azione islamica
d e l sapere, dedicat a alla for m azi on e dell ’u om o pu r o e perfet t o '.
N el Fi h r i st di I bn al -N adl m t roviam o la prim a esposizi one della
st o r i a d el l ’alchim ia n el l ’IsIam , dall a quale appren di am o innanzit ut to
c h e , accant o alla m it ica fi gura di Er m et e-Idri s, fon dat or e del l ’alchimia
e an ch e di num erose alt re art i t ecni co-pr at i che, m olt i filosofi del
m o n d o greco furono con si derat i font i d el sapere alchem i co; i loro
“ d et t i ” erano utilizzati com e aut orevole con val ida del l e dot t ri ne t ra­
sm u t at o n e, e alcuni t est i ci r col avano sot t o il l or o nom e. N on è sol­
t an t o la T u r ba p h i l o so p h o r u m ad avvalersi dei nom i di Pi t agor a, A r ­
ch el ao , Socrat e; ad essi si aggi ungono Pl at on e (Aflàt ù n: una t radizio­
n e alchem i ca prende spunt o d al T i m eo ) e A r ist ot el e, quest ’ultimo
n o n t ant o per il quart o l i br o del l e M et eo r e, quant o in collegam ent o
c o n l ’i nsegnam ent o ad A l essan d r o M agno e du n qu e con la vasta e
ar t i co l at a leggenda i spi rat a dal l a figura del sovran o m acedone.
Er an o conosciut i nat ur al m ent e gli alchi m i st i alessandri ni , anche se
i t em i religiosi pr opr i di Zosi m o sem br ano esser e stati int rodot t i

95
A R C A N A S A P I E N Z A

quando l ’alchi m i a com e sapere t ecn ico pr at i co con for t i val enze filo­
sofiche si era già radicat a nell a ci vilt à islamica. A ccan t o a questi
nom i, qu el l i di personaggi appar t enent i a t radizioni di verse da quella
greca, com e M ani e num erose fi gur e dell a Bi bbi a (A dam o, Set h, Mo-
sè, D avid ecc.) ven gon o for m an do una genealogia che si trasm et terà,
arri cchi t a dei nom i degli alchi m i st i i slam i ci stessi, al l ’O cci den t e lati­
no.
Con cr et am ent e la t rasm issione al l ’IsIam dovet te avveni re at t raver­
so l ’alchim ia bi zant i na, com e t est i m oni a il pr ologo ar abo del Test a­
m en t o di M or i en o, fat t osi di scepol o di St efano d ’A lessan d r i a e dive­
nu t o poi m aest ro del sovrano ar abo Kh àl i d 2. Secon do I bn al-N adìm
fu pr opri o il pr in ci pe om ayyade Kh àl i d i bn Yazl d , m or t o nel 704,
che or di nò la t raduzion e di al cun i t est i alchem ici dal greco e dal cop­
t o e - aggi un ge lo st ori co - fu r on o quest e le prim e t raduzi on i in ara­
b o effet t uat e 3. I prim i a scri vere d ’alchi m i a nell’I sI am fu rono l o stes­
so Khàli d; l ’i m am Ja ’far al-Sàdi q, con siderat o il m aest ro di Jab i r ; e
l ’alchim ist a poet a D h u al-NGn al - M i sr l 4. M a i tre m aggi ori esponent i
d el l ’alchim ia islam ica, a cui si deb bon o sviluppi pr at ico-t ecni ci e teo­
rici i nnovat ivi r ispet t o all ’alchi m i a di li ngua greca, fu ron o Jàb i r , RàzI
e I bn U m ayl .

6 .2
L a B i l a n ci a

Se dovessi m o i ndi car e l ’autore che da solo può r appr esent are l ’alchi­
m i a islam ica, dovr em m o senza alcun du b bi o scegliere “ G eb er ” , Jàbi r
i bn H ayyàn; con quest o nom e, infat t i, ci è stata t ram andat a la più
am pi a e si gn ificat iva raccolt a di scri tt i alchem ici a r a b i M a ci accor­
gerem m o ben prest o che quest a scelt a è generat a d a u n ’i llusione otti­
ca: diet ro il nom e del l ’im por t ant e personaggi o real m ent e esist i t o, in­
fat t i , si cela un n u m er o i m precisat o di alchimisti, u n a vera e propri a
scuola dell a quale sappiam o per ò così poco che ancora oggi si dibat t e
persino su l la sua collocazione cr on ologi ca.
Jàb i r , il fon dat or e, nacque i n t om o al 721 a Tus, m a t rascorse gran
p an e della sua vit a a Kù fa, dove si recò dopo un p er i od o t rascorso in
A rabi a, e a Bagh dad dove fu prot et t o dai Barm eci di , visir degl i Ab-
basidi . D i ven n e am i co personale del sest o Im am sci i t a, Ja ’far al-Sàdi q,
ch e con si der ò sem pr e com e il su o m aest ro, ed i ni ziò con lui a prat i­
car e l ’alchi m i a. Coi n vol t o nella cadu t a in disgrazia dei Bar m eci di all’i ­
n i zi o del i x secolo, si rit irò defini t i vam ent e a Kùfa, dove m or ì. I l suo

96
6 . L A S A P I E N Z A T R A S F O R M A T R I O !

l a b o r a t o r i o f u r i t r o va t o d u e se co l i d o p o l a su a m o r t e n el l e v i c i n a n z e
d e l l a P o r t a d i D a m a sco ; f r a l e a p p a r e cch i a t u r e d i c u i e r a d o t a t o c ’e r a
u n m o r t a i o d 'o r o d e l p e so d i ci r ca u n ch i l o .
I l r a p p o r t o di Jà b i r co n l ’i m a m Ja ’f a r , ch e se co n d o l a t r a d i z i o n e
lo ave va i n i z i a t o a l l ’i n t e r p r e t a z i o n e e so t e r i ca ( t a ’w i l ) d ella r eligi o n e
co r a n i ca - n u cl e o ce n t r a l e d e l l o sci i sm o - , i n t r o d u sse l ’a l ch i m i st a a l l a
sci e n z a d e l l e l et t er e, co sì ca r a t t e r i z z a t a da un p iù t a r d o e sp o n e n t e :
« Sa p p i ch e i segr et i d i D i o e gl i o gge t t i d e l l a su a sci e n z a , l e r e a l t à
so t t i l i e q u e l l e d e n se , so n o d i d u e ca t e go r i e : i n u m e r i e l e l et t e r e . I
segr et i d e l l e l et t er e so n o n ei n u m e r i e l e e p i f a n i e d e i n u m e r i s o n o
n el l e l e t t e r e . I n u m e r i so n o l e r eal t à ce l e st i , a p p a r t e n e n t i a l l e e n t i t à
sp i r i t u al i ; l e l et t er e a p p a r t e n g o n o al ci r co l o d e l l e r e a l t à m a t e r i a l i e d e l
d i ve n i r e » 6. P r o p r i o su l l a b a se d i q u e st a sci e n z a v e n n e e l a b o r a t a l a
d o t t r i n a j a b i r i a n a d e l l a B i l a n ci a , ch e a gl i o cch i d e l su o p i ù e m i n e n t e
st u d i o so , P a u l K r a u s, h a r a p p r e se n t a t o il t e n t a t i v o m e d i e v a l e p i ù r i ­
g o r o so d i f o n d a r e su u n a b a se q u a n t i t a t i va l e sci e n z e n at u r a l i . Si t r a t ­
t a p er ò d i u n a q u a n t i f i ca z i o n e st r e t t a m e n t e l e ga t a a co n ce z i o n i e so t e ­
r i ch e d i o r i g i n e r e l i gi o sa , e n o n d i u n u so d e l l a m i su r a z i o n e a n a l o go a
q u e l l o d e l l a sci e n z a m o d e r n a .
L a sci e n z a d e l l a B i l a n ci a h a i n f at t i l ’o b i e t t i v o d i sco p r i r e i l r a p ­
p o r t o f r a m a n i f e st o e o ccu l t o ch e esi st e i n o gn i co r p o , e d è p e r q u e ­
st o ch e Y o p u s a l ch e m i co , ch e n e è il p r i n ci p a l e ca m p o d i a p p l i c a z i o ­
n e, p u ò p o r t a r e a d d i r i t t u r a a l l a p r o d u z i o n e d i e sse r i vi ven t i . M a p o i ­
ch é l a d i n a m i ca d i m a n i f e st o e o ccu l t o è l a d i n a m i ca st essa d e l l a c r e a ­
z i o n e, i n cu i l a f o r z a d e l l a v i t a d i vi n a si è r e sa v i si b i l e co m e a n i m a d e l
m o n d o , l ’a l ch i m i a p u ò a ssu m e r e l a va l e n z a si m b o l i ca di u n lavo r o
su l l 'a n i m a st essa, a t t r a v e r so l e t r a sf o r m a z i o n i r eal i cu i l e so st an z e m a ­
t er i al i v e n g o n o so t t o p o st e .
C o n m o l t a n e t t e z z a H e n r y C o r b i n , i l gr a n d e st u d i o so d e l l a t r a d i ­
z i o n e f i l o so f i ca d e l l ’I sI a m , co sì si e sp r i m e i n p r o p o si t o : « L ’o p e r a z i o n e
a l ch i m i ca si a n n u n ci a d u n q u e co m e u n a t i p i ca o p e r a z i o n e p si co - sp i r i ­
t u ale, n o n ce r t o n e l se n so ch e i t est i a l ch i m i ci si a n o u n a “ a l l e g o r i a
d e l l ’A n i m a ” , m a n e l se n so ch e l e fasi d e l l ’o p e r a z i o n e r e a l m e n t e c o m ­
p i u t a su d i u n a m a t e r i a r e a l e y si m b o l e g g i a n o co n l e f a si d e l r i t o r n o
d e l l ’A n i m a a s é » 7. N e l su o l a b o r a t o r i o l ’a l ch i m i st a si p r e n d e c u r a
d e l l ’a n i m a d e l m o n d o e d è p e r q u e st o ch e l ’a l ch i m i a n o n è u n a v o l g a ­
r e at t i vi t à u t i l i t a r i st i ca , m a u n a f o r m a d i t a w i l \ il so m m o a l ch i m i st a è
i n f o n d o l ’i m a m , p e r cu i l a t r a sm u t a z i o n e è u n m e z z o d i a sce sa a l l a
r eal t à sp i r i t u a l e . I l co l l e g a m e n t o f r a a l ch i m i a e r i ce r ca m i st i ca, g i à
ad om brato n e gl i au t or i b iz an t i n i , d i ve n t a e sp l i ci t o in m olti au tori
i sl am i ci .

97
A R C A N A S A P I E N Z A

I l cor pu s di scrit t i jabi ri an i com pr en de, com e si è accennat o, quel ­


l i del capost i pi t e e quelli dei suoi seguaci, ism ailit i ch e scri ssero fra
il i x e il x secol o d.C. (i i i -i v secolo dal TEgi ra) H. A un nucleo pr im i ­
t ivo di t est i alchem i ci di carat t ere essenzialm ent e t ecn ico i com m en­
t at or i successi vi aggi unsero gl osse e spi egazi oni dot t ri nal i, di chi ar an­
done l 'or i gi n e jabiriana e jafariana. Gl i aut ori effet t ivi si annullavano
nell a t radi zi on e di origi ne sciita nut rit a di appor t i erm et i ci e gnost i ­
ci, ed il l or o nom e scom pari va al con fron t o con l ’aut orevolezza degli
i ni ziat ori: è per quest o ch e t ut t i gli scritt i ven nero at t ri buit i a Ja ’far
o a Jàb i r . I gr u pp i più i m por t ant i di quest i scrit t i sono: i C e n t o d o d i c i
l i b r i , opera basat a sulla T a b u l a sm a r a g d i n a e dedi cat a ai Bar m eci di; i
Se t t a n t a l i b r i , da cui fu ron o t radot t i in l at in o m olt i t rat t at i; i D i e c i
l i b r i , in cui son o descri tt e le fon t i dell ’alchim ia jabi r ian a (Pit agora,
Socr at e, Pl at on e ecc.); i L i b r i d e l l a B i l a n c i a , in cui la dot t ri na è espo­
sta nell a sua com plet ezza l>. L a scri t t ura è spesso allusi va e oscura,
t ut t avi a non si fa uso di allegori e e l ’effet t o di occult am ent o dei m i ­
st eri alchem i ci ai let tori non i niziat i è ot t enut o con la di spersi on e de­
gli ar gom en t i in scritt i di versi e con altri art ifici di or di n e com posi t i ­
vo (sospen sioni , ripet izioni, rinvii) piut t ost o che con l ’uso di un codi ­
ce sim bol i co.
L a t rasfor m azi one alchem i ca si realizza al l ’int erno di un cosm o la
cui for m azion e present a fort i suggest i oni n eopl at on i che, analoghe a
quell e present i nel L i b r o d e i se g r e t i d e l l a cr e a z i o n e e nella t radizione
che ad esso si richiam a. N el L i b r o d e l l a t r a sm u t a z i o n e ( K i t à b a l - t a sr l f )
l ’i nt er a realt à è r affi gurat a com e cont enut a in «un ci r col o di est rem it à
infinit a, con gi un t o col pr im o fra qu el l i che cont i ene; i filosofi l ’hanno
chi am at o “ cau sa prim a” », e si st rut t ur a in ci rcol i i n cl u si l ’uno dent ro
l ’al t r o secon do precise di st anze che ne scan di scon o l a posizione e ne
i ndicano il val or e in una ger ar chi a cosm ica ar m oni cam en t e st rut t ur a­
ta. I l t erzo di quest i ci rcol i è il ci r col o dell’anim a, cu i segue il ci r col o
dell a sost anza; dal la loro unione si origina il m ondo sensi bi le: «Q u an ­
to al l ’anim a pri m a, che h o m enzi onat o sot t o il m on do dell ’int ellet t o,
e ci oè il t erzo dei primi ci rcol i , essa si at tacca al ci r col o che è sot t o di
essa, cioè al ci rcol o dell a sost anza, ed ent ram bi di vengon o u n ’unica
cosa visibi le, ci oè la pr im a cosa ch e pat isce, i n cui c ’è l ’inizio ver so il
m on do ad essa i nferiore ver so il di veni re» ( 174) . La raffi gurazi one dei
ci r col i i nferi or i e del m on do degl i elementi d à l u ogo ad una di scu s­
si on e di di ver se posi zioni dei “ fi l osofi ” , in cu i si avver t e la presenza
dell a t radi zi on e nat uralist i ca e di quell a alchem i ca, par t i col ar m ent e di
O l i m pi odor o.
L ’alchim ia ha luogo nel m on do del di veni re ed il suo m et odo è

98
6 . L A S A P I E N Z A T R A S F O R M A T R I C I E

elaborat o a par t i re dalla sci enza del l e let tere: «A ven do esauri t o t u t t i
questi fondam ent i, com incerem o con l a t rasm ut azione del l e n at ur e, e
direm o com e quell a secon do le l et t ere, se D i o vuole, in m odo ch e i l
discent e se la r appr esent i con una rappr esent azi on e bel l a» ( 175) . I n ­
fatti l a natura di ogn i cosa è definita dal le let t er e che com pon gon o i l
suo nom e, e a ci ascuna di esse è assegn at o un valore n um er i co, c h e
varia a seconda dell a posi zi on e che l a let t era occu pa nell a par ol a. C i ò
significa che i cor p i le cui lettere dan no val or i uguali son o fra l o r o
affini, e che ogni t rasfor m azi one pu ò avveni re sol o in r appor t o a q u e ­
sto val or e perché «i l flui re delle n at u re è com e la decl in azione d el l e
let t ere» (166).
Com e tutta l a t radi zi on e greca, Jàb i r r it ien e che ogni cor po p o s­
segga, in grado di verso, t ut t e le qu at t ro qualit à; ma rifiut a di accet t a­
re che le t rasform azi oni (in primo l u ogo quel l e cui sono sot t opost e l e
sost anze utilizzat e com e farm aci) si ano gest i bi li solo at t r aver so la p r a ­
tica em pi ri ca o il pu r o ragi onam ent o 10. Si pr opon e pert ant o di c er c a­
re un sistema di quant ifi cazi one non ar bi t r ar ia delle qualit à el em en t a­
ri, e l o trova nell a possi bi lit à di m i surar e r azionalm ent e l ’i n t en si t à
delle qualit à nei cor pi com post i , assi m il ando il pr inci pi o che go v er n a
i m ut am ent i dei cor pi i nferi or i a qu el l o che governa i m ot i dei c o r p i
celesti. Q uest o pr i n ci pi o è la proporzi on e 1 : 3 : 5 : 8; la l or o so m m a,
17, è il fondam ent o della Bi lanci a, m ediant e cui l'al ch im i st a sco p r e
non solo la st rut t ur a occul t a dei m et alli pr ezi osi e può t rasfor m ar li i n
oro, m a anche qu el l a delle sost anze vivent i, ch e può così r i p r o d u r r e
m ediant e la gen erazi one art ificiale, fat t a ogget t o di uno speci fi co t r a t ­
tato, K i t à b a l - T a j m T c ( I l l i b r o d e l l a co n ce n t r a z i o n e ), che è la p r i m a
enunciazione del t em a dell 'h o m u n c u l u s 11.
O gn i nat ura, com e ogni parola, è com post a: «U na let t era i so l at a
non pu ò essere pr on u n ci at a [ ...]. D u n q u e non possiam o con oscer e i l
peso di una nat ur a, se n on è unita ad u n'al t ra natura e di vent a c o sì
int elligibile [ ...] . L a com bi nazi one dell e let t er e nel li nguaggio c o r r i ­
sponde alla com bi nazion e delle n at ur e in t ut t i gli ogget t i n at u r a­
li» ,2.
L o st ret to l egam e t ra filosofia n at ur ale e t eori a del l i nguaggio c h e
Jàb i r istituisce si avvale di una cul t ura a l ar go raggio, r adi cat a n el l e
discipline cl assi che e nell a gram m at i ca araba. L ’origi nali tà di Jà b i r
consist e n el l 'ardi t a sint esi che opera fon dandosi su una co n cezi o n e
dell 'ori gi ne del l i n gu aggi o non com e con venzi on e m a com e «i n t en zi o ­
ne nat urale del l'an im a»: il linguaggio dà cor po alle r ap pr esen t azi on i
m ent ali che sono a loro vol t a Tessenza e la real t à dell’essere. L a p o s­
sibilit à di r idur re il li nguaggio e le n at ur e alle loro com ponent i e l e ­

99
A R C A N A S A P IE N Z A

ment ari è così fondat a su u n a equi valenza on t ol ogica fr a li nguaggio


ed essere.
L ’uom o, che possi ede il l i nguaggio, r appr esent a al l or a il “ t rasfor ­
m at ore” dell e ener gi e cosm iche, e soprat t ut t o p u ò, at t raverso l ’opera
a r t i f i ci a l e d el l ’alchim ia, r en der e l a m at eria n u ovam en t e perm eabil e
alla di n am i ca dei m ondi spi ri t u al i . Q u est a «r iat t ivazi one del ciclo d el ­
la vit a» 13 avvi ene m ediant e il r it orn o alla m at eri a pr im a, int esa com e
lo st at o del m on do m i nerale in cu i l e energie di scen den t i del cosm o
hanno r aggiu nt o il livello m assim o di occult am ent o e di pot enzialit à.
Da quest a con cezi one der i va la di scussi one pecu l i ar e sulle sost anze
da cui deve essere ricavat o 1’eli xir , che Jàb i r svi l u ppa in uno dei t est i
che sar ebber o st ati t radot t i in lat ino, influenzando l ’al chi m i a occiden ­
tale: il L i b e r M i se r i c o r d i a e ( K i t a b a l - R a b m a ) .
Q u est ’opera pr opone espl ici t am ent e la cor r i spon den za fra l ’u o­
mo e il m on do nei t erm ini della t radizione erm et i ca del m i cr oco­
smo, e pr osegue afferm an do che l ’alchim ia è cr ea t u r a t e r t i a , perché
si pon e al l i vell o i nt erm edio fra m acrocosm o e m i cr ocosm o M. Per
questa r agi one è cent rale l a probl em at ica dell a com posizione dell ’e­
li xi r e l a quest ione su cosa gli con feri sca la vit a: al n et t o rifiuto di
ut ilizzare sost anze or ganiche, «per ch é le cr eat ur e vivent i sono qu al ­
cosa di m ol t o di verso dal l a pi et ra», fa riscont ro un’accur at a di scu s­
sione su l m odo in cui ani m a, spi ri t o e corpo sono pr esen t i in t ut t e
le sost anze, così come n el l e nat ur e sono pr esen t i t ut t e le qualit à
elem ent ari. Tu t t avi a le pr op or zi on i in cui son o pr esent i possono
r endere est rem am ent e di ffi ci l e r icavar e Tel i xi r da qualsiasi cosa,
come se si vol esse «dist illar e il m i el e dal m ar e» 15. Per questo il
m agist ero al ch em i co può essere com piut o sol o a par t i re dalle so ­
stanze m i nerali , seppure con l ’ap por t o di u n ct u o si t a t e s e t a q u a e che
der ivano da sost anze ani m ali e veget al i.
N el t rat t at i di Jàbi r si t rova fr a l ’altro u n a classificazione dell e
sost anze che ent ran o nell "o p u s, che prende le m osse da uno schema
t ri adi co affine a quello ch e abbiam o visto in A rt efio e che rit rove­
remo nel D e a n i m a i n a r t e a l ch e m i a e pseu do-avicen ni an o u\ Le
“ pi et r e” , ovver o le sost anze di cui si occupano gli alchim ist i, sono
a lor o volt a divise in t re classi : gli spiriti, ci oè le sost anze che p o ­
ste n el fu oco si volat i li zzano com plet am ent e; i m et alli , che sono
dut t ili e sonori ; e i cor pi , che posson o essere ridot t i in polveri. A
tale pr oposi t o nel L i b r o d e l p a ssa g g i o da l l a p o t e n z a a l l 'a t t o sono ri­
port at i nu m er osi pareri d ei “ sapi en t i ” r iguardo al l’ordi nam ent o dei
vari t i p i di cor pi , m ost rando la presenza di una consist ent e attivit à
cl assi fi cat ori a n el l ’ alchimia i slam ica già ad u n ’epoca piut t ost o p r e­
coce.

ioo
6 . L A S A P I E N Z A T R A S F O R M A T R I C E

6 .3
Sostanze e operazioni

Gli aspetti classificatori e “sper im en tali” ven gon o in p ien a luce n e lla
produzion e alch em ica di u n ’in teressante figura di m ed ico scien zia t o
che m ira all’elaborazion e di un sap er e naturalistico liber o da q u a lsia si
ipoteca religiosa: Ab ù Bakr al-RàzT, cu i è attribuito fra gli altri un L i ­
ber d e a lu m in ib u s et sa lib u s , che ap p r ofon d isce la con sid er azion e d i
questa com p on en te dell'o p u s y e ch e, tradotto dall’ar abo, ven n e a t t r i­
buito altern ativam ente ad Er m ete 17.
RàzT era n ato in Iran p oco d op o la metà d el ix secolo, ed a ve va
una cultu ra en ciclop edica ed un a n atura in quieta, ragion per c u i è
stato p ar agon ato com e figura a Paracelso. La sua op er a m ed ica (L i b e r
Con t in en s) fu u n o dei testi-base d ell’in segnam en to m ed ico nel m o n d o
latino m edievale, accanto al Ca n o n e d i Avicen n a, a cui RàzT fu p r o b a ­
bilm ente su p er ior e nella cap acità d i osservazione. Fu un o s cr it t o r e
molto p rolifico (sembra abbia p r od ot t o circa 200 trattati) e si o c c u p ò
anche di m usica; diresse l’osped ale d i Rayy, sua città n atale, e p o i d i
Baghdad; con d u sse una vita m olto m ovim en tata p er p roblem i p o lit i­
ci l8.
L ’op er a alch em ica prin cipale di RàzT è un testo di cu i co n o s cia m o
l’origin ale arabo, il Libr o d e i seg r eti {Kitd b al-asràr, trad otto in la t in o
col titolo di L ib e r secretor u m d e v oce Bu ba ca ris). Car atterizzato, c o m e
la sua op er a m edica, da un a rigorosa indagine razionale, il testo d i
RàzT è com pletam en te ded ica to alla ricerca sui m ateriali d i la b o r a t o ­
rio, e n ulla con ced e alla sp ecu lazion e tipica dei testi del corpus ja b i-
riano. L ’ap p or to m aggiore del L ib r o d ei seg r eti con siste dun que n e l
tentativo di classificazion e delle sostan ze minerali: oltre ai m etalli si
distin guon o in p rim o lu ogo gli “sp ir iti” (zolfo, arsenico, sale a r m o n ia -
co, m ercurio), ovverosia le sostanze ch e si volatilizzan o co m p let a m en ­
te per azion e d el calore. Le altre sostan ze m inerali son o su d d ivise in
quattro classi: vetrioli, bor aci, sali e pietre. Il carattere prin cipale u t i ­
lizzato n ella classificazione è la solubilità o in solubilità di una s o s t a n ­
za, accan to ad altr e proprietà sen sibili, in prim o lu ogo il sapore. O l ­
tre a ciò, RàzT effettu ò un p rim o ten tativo di or din am en to delle o p e ­
razioni alch em ich e, distin guen do i processi d i p ur ificazion e del m a t e ­
riale, sep ar azion e in parti sottili, m escolan za e solidificazion e ,9.
Qu esta sistem azione della pratica troverà spazio in Occid en te n e ­
gli scritti d el p iù im portan te alchim ista del x i i i secolo, P a olo di T a ­
ranto, tradizion alm en te con osciu to con il n om e d i Geb er e co n fu s o
con J àbir fin o ai primi anni del secolo scorso. A lu i si d eve la r e d a ­
zione della S u m m a p er fect ion is m a g ist er ii , che costituisce una p ie t r a

10 1
A R C A N A S A P I E N Z A

m i l i a r e n e l l a st o r i a d e l l ’a l ch i m i a l at i n a; i n a l cu n i t est i p r e p a r a t o r i P a o ­
l o si er a se r vi t o p r o p r i o d e l L i b e r se c r e t o r u m de v o c e B u b a c a r i s p er

cl a ssi f i ca r e e o r d i n a r e so st a n z e e p r a t i ch e d i l a b o r a t o r i o . E n el l a St i m ­
m a ch e t r o v i a m o p e r l a p r i m a v o l t a l a se q u e n z a o r d i n a t a d e i p r o ce ssi
ch e n el l o r o i n si e m e co st i t u i sco n o Y o p u s : su b l i m a z i o n e , d i st i l l az i o n e,
ca l ci n a z i o n e , d i sso l u z i o n e , co a gu l a z i o n e , f i ssa z i o n e , f l u i d i f i ca z i o n e
i c e r a t i o ) 2°.
A c c a n t o a gl i scr i t t i d i R à z I P a o l o d i T a r a n t o a v e v a u t i l i z z a t o a b ­
b o n d a n t e m e n t e d u e o p e r e d e l co r p u s j a b i r i a n o : i l L i b e r d e se p t u a -
g in t a e i l L i b e r M i s e r i c o r d i a e 2 1. E d u n q u e al l a l i n e a Jà b i r - R à z I - G e -
b e r l a t i n o ch e si d e v e l a ca n o n i ca e l a b o r a z i o n e d e l l a st r u t t u r a d el -
Y o p u s t r a sm u t a t o r i o , r i m a st a so st a n z i a l m e n t e i n a l t e r a t a n e l su cce ssi ­
vo sv i l u p p o d e l l ’a l ch i m i a o cci d e n t a l e . N el Lib er de a lu m in ibu s et
s a l i b u s , co sì co m e i n un a l t r o t r a t t a t o co m p o st o n el la Sp a g n a i sl a­
m i ca e att ribu it o ad A r i st o t e l e , il D e p e r f e c t o m a g i st e r i o o Lu m en

l u m i n u m , co m p a i o n o i n o l t r e i p r i m i a cce n n i ai co m p o st i ch e i l at i ­
n i ch i a m e r a n n o “ a c q u e ” , gl i a ci d i m i n e r a l i p r e p a r a t i a t t r a v e r so p r o ­
ce ssi d i d i st i l l a z i o n e 22.

6 .4
Allegorie

F r a il x e l ’x i se co l o l 'a l ch i m i a i sl a m i ca co n o b b e u n a r i cca f i o r i t u r a
si a n ei ca l i f f a t i d ’O r i e n t e ch e in qu ello sp a gn o l o di Co r d o va. Ad
O r ien t e le f i gu r e più r i l eva n t i , a n ch e se d i assai d i v e r so car a t t e r e ,
fu r on o I b n U m a y l e A v i ce n n a . I l p r i m o è l ’a u t o r e q u a si sco n o sci u ­
to d i u n ’e p i st o l a p o e t i ca , l a L e t t e r a d e l so l e a l l a lu n a c r e sc e n t e (R i­
sà i a t a l - sh a m s w a -l-h ilà l) e di un co m m e n t o ad e ssa in p r o sa , I l
libr o d e l l 'a c q u a d 'a r g e n t o e della t e r r a st e l l a t a (K it à b a l -m a a l -w a r a q i

w a -l-a r d a l -n a i m i y y a ) , ch e f u r o n o t r ad ot t i in lat i n o ce r t a m e n t e p r i ­
ma d el x i v se co l o co n i t i t o l i , r i sp e t t i va m e n t e , E p i s t o l a so l i s a d l u -

nam c r e sc e n t e m e T a bu la ch e m i ca . I l n o m e d e l l ’a u t o r e , a d i f f e r e n z a
d i m o l t i a u t o r i a r a b i , n o n v e n n e t r a sl i t t e r a t o m a r e so co n u n t e r m i ­
ne l at i n o ch e ne i n d i ca l ’a u t o r e vo l e z z a : Se n i o r Zad ith o so l t a n t o
Se n i o r 2?.
I d u e t e st i d i I b n U m a y l ci m o st r a n o fi n o a ch e p u n t o l e i d ee
e r m e t i ch e f o sse r o p e n e t r a t e n e l l ’a l ch i m i a a r a b a , e so n o sp e ci a l m e n t e
i m p o r t a n t i p e r ch é i n q u a d r a n o l e o p e r a z i o n i a l ch e m i ch e in u n a co m ­
p i u t a e r i cch i ssi m a co r n i ce a l l e go r i ca . D a l m o t i v o ce n t r a l e , l e n o z z e
d e l so l e co n l a l u n a , h a o r i gi n e u n a ser i e d i i m m a gi n i d e l l a c o n i u n c t i o

10 2
6 . L A SA P I E N Z A T R A SI X >R \1 A T K K ;K

l'UIURA 6
Su l r e t r o d e l f r o n t e sp i z i o d e l l ’e d i z i o n e d e l D e c h e m i a S e n i o r i s ( St r a sb u r g o i56 < S)
q u e st a i n ci si o n e r a f f i g u r a l a st a t u a se d u t a n e l l a p a r t e p i ù i n t e r n a d e l l a d o m u s s o t ­
t e r r a n e a d e scr i t t a d a I b n U m a y l , c h e « t i e n e n e l l e m a n i , a p p o g g i a n d o l a su l l e g i n o c r -
c h i a , u n a t a v o l a d i m a r m o [ . . . ] c o m e u n l i b r o a p e r t o p e r q u e l l i ch e e n t r a n o »

T o n t e : r e t r o d e l f r o n t e sp i z i o d e l l 'e d i z i o n e D e c k e m i a S e n t o r i s , St r a sb u r g o 15 6 6 . r i p r o d o t t a i n J. F a b r i ci u s.
T h e M e d i e v a l A l c h e m i s t s ìUì J t h e i r R o y a l A r f . C o p e n h a g e n 19 7 6 . p . 14 7 .

IO3
A R C A N A S A P I E N Z A

o ppo si t o r u m che, utilizzat e com e m et afor e linguist iche nei t est i latini
dei secoli x i v e x v , si rit rovano com e ver e e pr opri e raffi gurazi oni
alla base dei m ot ivi pi ù diffusi n el l ’i con ogr afia alchem ica r inasci m en­
t ale, da cui son o st at e font e di i spi razi one per l ’i nt er pr et azione jun­
ghi ana del l ’alchi m i a 24.

D i sse la l u n a al sole: « T u hai b i sogn o di m e com e il gal l o del l a gal l i n a, ed io


h o bi sogn o d el l a t u a oper azi on e, o sol e [ ...] . I o son o la l u n a cr escen t e, fr ed ­
d a e u m ida, e t u, o sol e, sei cal d o e secco; m a qu an do ci sar em o con gi u n t i
p ot r em o p er m an er e i n u n o st at o di t em p er an za in cui n o n vi si a n i en t e se
n on ciò ch e, essen d o l egger o, h a i n sé i l su o pesan t e, e sar em o ch i am at i e
d avver o sar em o l a sp o sa e il suo sp o so » [ ...] . Ri sp ose il sol e: «Se f ar ai qu est o
sen za far m i d el m al e, o l u na, e il m i o co r p o r i t or n er à co m ’er a, t i d ar ò una
n u o va vi rt ù d i p en et r azi on e [ ...] . Beat i co l o r o ch e m edi t an o su l l e m i e par ol e,
p er ch é la m i a di gn i t à n on sar à l or o n egat a, ed il l eon e i n fer m o n on s’i n d eb o­
l i r à nella car n e» 25.

A simili al legor ie ed al testo in prosa che le com m ent a, m an t enen­


do uno st i le im m aginifi co ricco di r ifer im en t i ast rologi ci , bi ol ogi ci e
sessuali, fa da int roduzione un pr ol ogo che present a con inusit at a
ricchezza di det t agli il tema del l a di scesa in una d o m u s sot t erranea,
l e cui par et i e il cu i tet t o sono di pi nt i con altre fi gu re allegoriche:

n o ve aqui l e con l e al i aper t e com e se vo l asser o ed i p i ed i al l ar gat i , e ai


p i ed i di ci ascu n a di esse un ar co com e l o p or t an o gli ar ci er i [ ...] e i m m a­
gi n i di u om i n i in p i ed i , bel l i ssi m i , vest i t i di vest i var i op i n t e, ch e i n d i can o
con l e m ani n el l ’i n t er n o del t al am o u na st at u a sedut a n el l a par t e p i ù i n t er ­
n a del la casa [ ...] su u n a cat t edr a si m i l e a qu el l a dei m edi ci . Essa t iene
n el l e m ani, ap p o ggi an d o l a sull e gi n o cch i a, u n a t avola d i m ar m o l u n ga un
b r acci o e l ar ga un p al m o , e il su o di t o è p i egat o al di sop r a di essa, e la
t avol a è co m e un l i b r o aper t o p er qu el l i ch e ent r an o 26.

Er a evident em ent e m ol t o faci le, per i let t ori lat ini, connet t er e qu e­
st ’im m agine all’erm et i ca T a b u l a sm ar agdi n a e at t r ibui re al l ’aut ore
del testo qu el car at t ere di ant ichit à conferendogli i l nom e di Senior
( l ’Anziano) car ico di risonanze m agiche e sacrali.
L 'o p u s ch e la T a b u l a ch em i ca descri ve riprende il t ema enu ncia­
t o nel jabi r ian o L i b er M i ser i co r d i a e: l ’est razione d el l ’anima dal cor­
p o e la l o r o su ccessi va ri congiun zi on e per m ezzo dell o spirit o:
t em a che sar ebbe divenut o cent rale n el l ’alchim ia del l ’el i xi r e che
m ost ra fi no a che pu n t o la con cezi on e erm et ica d el l a pr esen za del­
l ’anima in t ut t i i cor p i fosse st at a assi m il at a ed el abor at a nel cont e­
st o dell’alchi m i a i slam i ca, di venendon e una st rut t ura por t an t e.

10 4
6 . L A S A P I E N Z A TR A S F O R M A T R I C E

6.5
U n gi u d i z i o f i l o so fi co

D el t ut t o diversa, est r em am ent e più sobr ia - com e ci si aspet t a d a u n


filosofo - la trat tazione dell a pr epar azi one del l ’el i xi r nella E p i st o l a a d
H a se n r e g e m d e r e r ect a che, dopo la con t est azi on e d el Pat t r i b u zi on e
effet t uat a dalla cr it i ca del pr im o N ovecen t o, è oggi considerat a o p er a
aut ent i ca di Avi cenna 27. N on è possi bi l e t r acciar e qui un p r o f i l o ,
n eppur e som m ario, di I bn Sln à, che i lat ini chi am arono A v i cen n a:
nella sua com plessa fi gura con vi vono il gran de u om o poli ti co, il f i l o ­
sofo pr ofondam ent e legat o all a t radizione or ien t al e, e il com m en t at o-
r e di Arist ot ele che avrebbe esercit at o una pr ofon da influenza su l l a
scol ast ica latina; e ancora, e non da ult im o, l ’au t or e del C a n o n e , m o ­
nu m en t ale sistemazione dell a m edicina gal en i co-ar aba e car di n e d e l ­
l ’insegnam ent o m edico fino al l ’età rinascim ent ale 2*.
A d Avi cen na si deve an ch e un’opera di geol ogi a e m i n er al o gi a
ch e cont i ene, nella part e finale, una con t est azi one della p o ssi b i l i t à
d el l ’alchi m i a, su cui m ol t o h ann o di bat t ut o i fi losofi e gli al ch i m i st i
del M edi oevo. Si t rat t a dell o scri tt o A l A f à i t ua a l - i n f i à l a t ( Su l l e a z i o ­
n i e l e p a ssi o n i , che è una par t e della sum m a fi losofica ar i st o t el i ca,
K i t à b a l - Sh i f a ) not o in lat ino col t itolo D e co n g e l a t i o n e et c o n g l u t i n a -
t i o n e l a p i d u m , ma anche considerat o oper a di Ar ist ot ele e i n t i t o l at o
sem pli cem ent e D e m i n e r a l i b u s 29. Avi cenn a vi esam ina dap p r i m a l e
con di zion i di form azi one dell e sostanze m i nerali e m et alliche, p er l e
qual i si serve di m at eri ali t rat t i dalla let t er at ur a alchem ica, so st en en d o
l ’i dent i fi cazi one dell e du e esalazioni i ndi cat e da Arist ot ele nel t er z o
l i br o dei M e t e o r o l o g i ca con lo zolfo e il m er cu ri o *°. Con cl ude p e r ò
di ch i ar an do che è i m possi bi l e operare la t rasm ut azi one dei m et al l i :

G l i al ch i m i st i posson o t i n ger e il m et al l o r osso d i b i an co , cosi cch é si a si m i l e


al l ’ ar gen t o , o t i n ger l o di gi al l o, cosi cch é sem br i o r o [ ...] . M a la n at u r a e sse n ­
zi al e del m et al l o r i m an e i m m u t at a [ ...] . Po sso n o r aggi u n ger e un gr ad o t al e d i
accu r at ezza da i n gan n ar e an ch e i p i ù esper t i , m a l a p ossi b i l i t à di el i m i n ar e o
t r asm et t er e l a di ffer en za sp eci f i ca n on m i è ch i ar a [ ...] . La di ffer en za sp e c i f i ­
ca è i n fat t i i m p ossi b i l e da con oscer e, e com e si p u ò p r o d u r r e o d i st r u g g er e
q u al co sa ch e non si co n o sce? [ ...] . N on si p u ò t r asfo r m ar e un m et al l o i n u n
al t r o , se n on spezzan d on e l a com p osi zi on e e t r asfor m an d ol a n el l a c o m p o si ­
zi o n e di q u el l o in cu i si vu o l e t r asfor m ar e. M a qu est o n on si p u ò ef f et t u ar e
so l o m ed i an t e la l i q u ef azi o n e ( 4 1- 4 2) .

L ’i m possi bi l it à del l ’alchi m i a, o almeno di ci ò che int endeva con q u e ­


st o nom e la t radizione jabi r ian a (molto m en o quell a di Ràzì), è c o sì
san cit a i n t ermini apparent em ent e defi ni ti vi, anche se gli al ch i m i st i

10 5
A R C A N A S A P I E N Z A

con t i n u ar on o a rit enere che le l or o operazi oni non fosser o semplici


“ l i qu efazi on i ” .
D ’alt ra par t e ad A vi cenn a st esso fu ron o at t ribuit i t re t rat t at i al­
chem i ci : il D e a n i m a i n a r t e a l c h e m i a e , la D e cl a r a t i o l a p i d i s p h y si ci
A v i c e n n a e f i l i o su o A b o a l i , e la già nom inat a E p i st o l a a d H a se n r eg em
d e r e r ect a (o anche, con un r ichi am o al segret o alchem i co, d e r e t ec­
t a : l a for m a dell e l et t ere r e / in alcuni t ipi di scri t t ura m edi eval e po­
t eva dar l u ogo ad ent ram be l e l et t ure). I l D e a n i m a e la D e cl a r a t i o
son o due apocr i fi di i m port anza i neguale, di cui abbiam o solo reda­
zi on i lat ine; sul pr im o, che for se è una t raduzione dal l ’ar abo e co­
m un que è st ret t am ent e legat o al l'al ch i m i a i slam ica t orn erem o nel
pr ossi m o capi t ol o; il secon do n on ha riscont ro n ell a pr odu zion e al­
chem i ca i slam i ca
L 'E p i st o l a a d H a se n ha i nvece un origi nale ar abo, R i sà l a t a l -I k sT r
( L e t t e r a su W e l i x i r ) *2, e sem bra orm ai cert o che sia davvero oper a del
gran de fi losofo; in par t i colar e essa r isal i rebbe al secon do per i odo del­
la sua vit a 33, epoca in cui A vi cen n a viaggi ò molto. I n uno di questi
vi aggi i n con t r ò lo sceicco AbQ 1-H asan al-Sahli, a cu i l ’epist ola è de­
di cat a. I n fat t i , n el l ’i nt roduzione che pr ecede i nove capi toli di cui è
com post o il br eve t rat t at o, A vi cen n a di ce di aver avu t o uno scam bio
di opi ni oni con lui - che nel l at in o di vent a H a se n r e x - a proposit o
del segret o d el l ’arte: «Egl i mi chi ese di present argl i un a br eve relazio­
ne in pr oposi t o, un'esposi zi one som m ari a com post a apposit am ent e
per lui, per m ost rargli il punt o di vist a ch e mi er o fat t o sulla base
dell e mie riflessi oni , i nt er pr et azi oni e m edit azioni» ( 313) .
Così A vi cen n a espon e i pr in ci pi gen erali dell 'alchim i a, esam inan­
don e prim a di t ut t o la possi bi lit à: «si hoc est, qu om odo est , et quo-
m odo non est » t raduce il t esto l at in o («se esist e, e com 'è e com e non
è»: 327), ed inst aur an do una r icer ca spregi udi cat a sul la val idi t à del­
l 'alchi m i a in sé, nonost ant e lo spr ezzant e giudizio su l l ’inconsist enza
del l e argom ent azi oni che gli alchi m i st i adot t ano in di fesa di essa.

D o vevo fr a l ’al t r o st u di ar e l e ar gom en t azi on i d ei par t i gi an i d el l ’al ch i m i a, per ­


ch é i sapi en t i l i co n t r ad d i con o e r esp i n go n o l e l or o o p i n i o n i com e f al se. Er a
d over o so, n el l a m i a q u al i t à [ di f i l o so f o ] , con oscer e l e d o t t r i n e di en t r am bi i
p ar t i t i . A l l o r a l essi l a m aggi o r p ar t e d ei l i b r i d i qu el l i ch e p r et en d on o di d e­
d i car si a q u est 'ar t e, t r o van d ol i p r i v i d el l a d i m ost r azi on e si l l o gi st i ca ch e è alla
b ase di ogn i sap er e e r i scon t r an d o ch e qu el ch e vi è scr i t t o sem b r an o pi u t t o­
st o dell e fan t asi e di pazzi ( 3 13 ) ( «al i en at i o n i si m i l i u s» n el t est o l at i n o: 32 7) .

M a nem m eno le confut azi oni d el l ’alchi m i a si salvano, perché «h o esa­


m inat o i l i br i di quant i li con t r addi cono, t rovandovi una cri ti ca debo-

10 6
6 . I .A S A P I E N Z A T R A S F O R M A T R I C E

l e e argom ent azioni risibili: non è con dei di scor si che si pu ò co n f u t a­


r e un’art e» ( 313) .
A v i ce n n a d e ci se a l l o r a d i d e d i ca r si a d u n p e r i o d o d i sp e r i m e n t a ­
z i o n e , v o l e n d o ca p i r e d a sé q u a n t o d i v e r i t à vi si a n el l 'o p u s e se si a
p o ssi b i l e t r o v a r e « u n f a r m a co ch e t i n ga d i gi al l o e d i b i a n co , c h e si
m e sco l i ai m e t al l i , c h e n o n b r u ci e n o n si d e co m p o n g a » ( 314 ) . I ca p i­
t o l i su cce ssi vi so n o d e d i ca t i a l l a d e scr i z i o n e d i q u e st a sp e r i m e n t a z i o ­
n e , in cu i l e so st a n z e p r i n ci p a l i u t i l i z z at e so n o il m e r cu r i o p e r t i n g e r e
d i b i a n co e l o z o l f o p e r t i n ge r e d i r o sso ; si a n a l i z z a n o l a c o m p o si z i o ­
n e d el l e d i ve r se so st a n z e , l ’u t i l i z z a z i o n e d i m a t e r i a l i o r ga n i ci , i p r o c e ­
d i m e n t i d i ca l ci n a z i o n e e so l u z i o n e . L a so st a n z a ce r ca t a è p r e se n t a t a
n e l n o n o ca p i t o l o : si t r a t t a d e l l ’e l i x i r ch e «t i n gi t t i n ct u r a su a » , c h e è
ci o è in g r a d o d i o p e r a r e p e r ch é h a i n co r p o r a t o l a d i n a m i ca d e l l e o p e ­
r azion i fat t e p er p r ep ar ar l o .
L a p o si z i o n e d i A v i ce n n a se m b r a so p r a t t u t t o d e fi n i t a d a u n i n t e ­
r e sse e p i st e m o l o gi co d i f o n d o , ch e g i o ca q u i i n m a n i e r a a l t r e t t a n t o
ch i a r a ch e n el D e c o n g e l a t i o n e , co n r i su l t a t i d i ve r si so l o in su p e r f i c i e .
I n f a t t i n el Y E p i s t o l a ad H a se n si p a r l a e scl u si v a m e n t e d i “ t i n g e r e ” e
l 'o p i n i o n e su gl i a l ch i m i st i n o n si d i f f e r e n z i a d i m o l t o d a q u e l l a d el­
l 'a l t r o scr i t t o . L a t r a d i z i o n e l a t i n a h a p e r ò a cco l t o co m e u n v e r o e
p r o p r i o t r a t t a t o su l l ’e l i x i r l ’a ccu r a t a d e scr i z i o n e d i o p e r a z i o n i d i l a b o ­
r a t o r i o co n t e n u t a n e l l ’e p i st o l a , i n se r e n d o n e l a cr i t i ca i n i z i al e n e l m o t i ­
v o d el l a co n t r a p p o si z i o n e f r a v e r a e f a l sa a l ch i m i a ch e , co m e a b b i a m o
v i st o , er a g i à p r e se n t e n e l l ’e l l e n i sm o e d i v e r r à u n v e r o e p r o p r i o t o p o s
n e l l ’a l ch i m i a o cci d e n t a l e . O g g i p o ssi a m o i n v e ce r i co n o sce r e i l c a r a t t e ­
r e f i l o so f i co d e l l 'i n t e r e sse d i A v i ce n n a p e r l ’a l ch i m i a i n e n t r a m b i gli
scr i t t i a p p o si t a m e n t e d e d i ca t i a q u e st 'a r t e , e so t t o l i n e a r e ch e e s s a è
st a t a d a l u i p r e sa se r i a m e n t e i n co n si d e r a z i o n e n e l l a su a p a r t e “ s p e r i ­
m e n t a l e '', a ccu r a t a m e n t e d i st i n t a d a l l e « f a n t a si e d a p a z z i ».

6.6
Propedeutica della sapienza

C h i ssà co sa a v r e b b e p e n sa t o il gr a n d e f i l o so f o a p r o p o si t o d e l t r a t t a t o
a l ch e m i co co m p o st o d a u n a u t o r e sp a gn o l o a l u i q u a si c o n t e m p o r a ­
n e o , q u e l l 'a l - M a j r l t l a cu i si d e v e a n ch e l a p i ù i m p o r t a n t e o p e r a di
m a gi a t r a sm e ssa d a l m o n d o i sl a m i co a q u e l l o l a t i n o , il P i c a t r i x . C o m ­
p o st o p rim a di q u e st ’ u l t i m a , l o scr i t t o a l ch e m i co d o veva in effetti
p r e ce d e r e l a l e t t u r a d i q u e l l o m a gi co , co m e a n ch e i l o r o t i t o l i i n d i c a ­
n o : il t e st o d 'a l ch i m i a è i n fat t i d e n o m i n a t o R u t b a t a l - H a k T m (Il ca m -

10 7
ARC ANA S A P IE N Z A

m i n o p r o p e d e u t i co d e l sa g g i o ) , m ent re quell o di m agia G h à y a t a l -H a -


k ìm ( L a m et a d e l sa g g i o ) 34.
I l P i ca t r i x ebbe una gran de for t un a n elTO cci dent e lat ino m edi eva­
l e e soprat t ut t o rinasci m ent ale: fu ut i li zzat o da Fi ci no e da A gr i pp a
d i N et t eshei m nell a sua sum m a m agica, il D e O ccu l t a P h i l o so p h i a 55.
D el l a R u t b a t non si eb b er o invece t r adu zi on i lat ine, e non si sa nulla
d i u n a sua influenza su l l ’alchim ia post er i or e; è però l ’uni co t est o al­
ch em i co di li ngua ar aba di cui sappi am o ch e è stato com post o nella
Spagn a islam ica 36. Si t rat t a di u n’oper a i m por t an t e per l ’i n qu adr a­
m en t o epist em ologi co d el l ’alchimia e per il fat t o che, pr odot t a nella
Spagn a dell’xi secolo (o for se del x 37), è u n a t est im onianza d el l ’ela­
borazi on e di i dee espr esse nel cor pu s di Bàl i n ù s in un cont est o fi l oso­
fi co com plet am ent e islam i zzat o e del la l or o di ffusione in quel cr o­
gi u ol o di cult ure che fu l a Spagna d el l ’epoca alm ohade ( i 150 - 1250 ) .
Pr opedeu t i ca del saggi o, l ’alchim ia i n t roduce alla conoscenza t ot a­
le dell a natura e al pr im o grado di pot er e su di essa, poi ch é i nsegna
ad operar e t rasfor m azi on i nel m on do su bl un ar e; è pert ant o pr el i m i ­
n ar e al definit ivo com pi m ent o del cam m in o del l a sapienza, la m agia,
ch e è meta del saggi o per ch é i nsegna a ut i li zzare le anim e ast rali per
r icongiunger e l a t erra al cielo. Pr i m a di accost ar si all’alchi m i a, t ut t a­
vi a, col ui che aspi ra alla sapienza dovrà assi m il are le disci pli ne di
base: m at em at ica, geom et r ia, ast ronom ia, fi losofi a nat urale (per cui la
R u t b a t indica com e t est i le opere di Ar ist ot el e); i ndispensabile per la
for m azi one del sapi en t e è Y E p i st o l a d e i F r a t e l l i d el l a P u r i t à , di cu i al-
M aj r i t l si di chi ar a l ’au t ore. L ’approcci o al l ’alchim ia avvi ene sui testi
del l a t radizione al chem i ca ellenist ica ma an ch e su quelli dell ’alchi m i a
m usulm ana (Kh àl i d, Jàb i r , RàzI ecc.).
A proposit o del l ’alchi m i a, la R u t b a t pr ocede con un accur at o esa­
m e del ruolo in essa gi ocat o dall’at t i vi t à di laborat orio: se la t r asm u ­
t azi on e sia possi bi l e, che cosa sia esat t am ent e e quali l e pr ove dell a
sua esistenza.

Q u an d o m escol i u n o di q u est i m et al l i, l o fon d i e gl i en e get t i sopr a u n al t r o


in m o d o che gl i si m escol i e penet ri i n esso, ch e cosa p en si di ci ò ch e si
p r o d u ce dai du e, ch e è u n o dei due o u n a cosa d i ver sa dai d u e? Se è d i ver so
dai d u e, all ora l 'al ch i m i a esi st e, per ch é i l m et al l o si è t r asfor m at o; se i n vece il
m et al l o non si è t r asfo r m at o e non h a accol t o q u el l o che vi er a st at o get t at o
so p r a, all ora r al ch i m i a è fal sa, per ch é il cor p o n on è d i ven t at o d i ver so *8.

L ’aut or e si pon e du n qu e in una posi zione analoga a quell a di A vi ­


cen n a: quella del fi l osofo naturale che indaga su una sci enza non p u ­
r am ent e t eoret ica, ma operat iva.

10 8
6 . L A S A P I E N Z A T R A S F O R M A T R I C E

È il cal or e che oper a la t rasfor m azi one al ch em i ca, e la con st at a­


zi on e della sua pot enza agent e è confort at a da num erose alt re sci enze
del l a nat ura, in prim o l u ogo l'ast r onom i a: com e il calor e del sole p r o­
voca la di versi t à dei cl i m i e l ’alt ernanza del l e st agi oni , gover nan do la
gen erazi one delle speci e nel m on do subl un are, così il calore del fuoco
al ch em i co p u ò iniziare un n u ovo processo gen er at ivo. D unque è p os­
si bi l e ot t ener e art ificialm ent e un a t rasform azi one “ ver t i cal e’' anal oga a
qu el l a i nst aurat a n el l 'at t o dell a creazione: l a cat ena di gen erazione
“ nat ure-elem ent i-m inerali-piant e-anim ali-uom o” può infat ti essere p er ­
cor sa dal l'al chim ist a a r it roso fi n o a r iot t enere il “ sem e” ger m i nale da
cu i pr en de avvi o un n u ovo inizio.
I l pu nt o di part enza dell 'oper azion e ar t i ficial e è, per l 'au t or e dell a
R u t b a t , ciò ch e di più perfet t o l a nat ura ha pr odot t o: l'or o, da cui si
p u ò est r ar re Yi k sl r che ne è la nat ura equ il i br at a e vit ale, capace di
con vert ir e nell a nat ura del l 'or o l e nat ure i nfer ior i. L'al ch i m i st a col la-
b or a con l a nat ura com e un servi t ore, per ch é il suo operar e per cor r e
l e st esse vi e che la n at ur a percorr e. Q uest i du e punt i qualificant i ca­
r at t eri zzeran no anche l a posi zion e assunt a esplicit am ent e dai t est i l at i ­
ni del pr i m o Trecent o su l l 'el i xi r , ed è for se nel l egam e con la t r ad i ­
zi on e di Bal l nùs, in cui la st essa Ru t b a t si col l oca, ch e possi am o r i n ­
t racci ar e le radici dell 'elem en t o i nnovat ivo dell 'al chi m i a del l ’el i xi r r i ­
spet t o a quell a di “ Geb er l at i n o” . I l sapere alchem i co, non dobb i am o
di m en t i car l o, non si t rasm et t e sol o at t r aver so i t est i scrit t i, e l 'al ch i ­
m i a del l ’el i xi r si or igi nò in r egi oni cont igue ad al-Andalus, nell a Cat a­
l ogn a e nell a regione occit ani ca.

N ote

1. Baffi o n i ( 19 9 1) ; C o r b i n ( 19 8 9 ) ; L o r y ( 19 8 9 ) ; C a r u si ( 19 8 6 ) .
2. C f r . p a r . 7.3.
3. L o r y ( 19 8 9 , pp. 13 ss.) r i bad i sce l a ver osi m i gl i an za di u n a p r at i ca al ch em i ca
an t i ca p r esso gl i ar abi, sot t ol i n ean d o a q u est o r i gu ar d o l ’i m p o r t an z a d elle p op o l az i on i
ar a b o fo n e d el l a N ab at ea e d el l a Si r i a su d -o cci d en t al e, i cu i con t at t i con la cu l t u r a gr e ­
ca e or i en t al e r isalivan o al l’e p o ca pr ei sl am i ca.
4. A n a w a t i ( 19 96 ) .
5. K r au s ( 19 8 5) ; L o r y ( 19 8 5, cap p . 11 e 111). I n i t al i an o esi st on o d u e b u o n e e sp o ­
si zi on i d el l ’al ch i m i a di Jà b i r : C o r b i n ( 19 8 9 , p p . 136 - 4 0 ) ; B a f f o n i ( 19 9 1, p p . 16 2 - 7 7) .
C f r . an ch e A n a w a t i ( 19 9 6 , p p . 8 6 5- 7) .
6. Ci t . i n Co r b i n ( 19 8 9 , p. 151) .
7. I vi , p . 138 ; cfr. p. 29 : « I l si m b o l o è T u n i ca esp r essi on e p ossi b i l e d el si m b o ­
l eggi at o , cioè del sign ificat o co n c u i esso si m b o l eggi a».
8. N a q ( 19 9 4 ) fa i n vece r isalir e a Jà b i r st esso, e d u n q u e al l ’vi i i seco l o , t u t t i gli
scr i t t i d el co r p u s.

10 9
A R C A N A S A P I E N Z A

9. U n el en co com plet o d el l e ed i zi on i e t r ad u zi on i m o d er n e d e i testi di Jà b i r si


t r ova i n N a q ( 19 9 4 , p p . 255- 8 ) . G l i u n i ci t est i d i sp on i b i l i in i t ali an o son o i passi tr a­
d ot t i in Baffì o n i ( 19 9 1) ; di essi m i ser vi r ò, sal vo di ver sa i n d i caz i o n e, r i n vi an d o fr a pa­
r en tesi al n u m er o di pagi n a.
10 . A n a l o ga esigen za er a st at a esp r essa n el t r at t at o f ar m aco l o gi co di al -K i n d i
( T r avagl i a , 19 9 9 ) , su lla cui b ase sar à r i p r esa n el m on d o l at i n o d a A r n a l d o da V i l l an o ­
va ( M cV a u gh , 19 75) .
11. N a q ( 19 9 4 , PP- 6 2-6 ) .
12 . I l p r i m o p asso p r ovi en e dal Libro d e l l a t r a sm u t a z i o n e , il secon d o e il terzo
dal l i b r o H à si l y tutti cit . in N a q ( 19 9 4 , p p . 8 2- 3) . Sul K it à b a l - H a si l cfr . R yd in g
( i9 9 7 ) -
13 . L o r y ( 19 8 9 , p. 31) .
14 . D ar m st aed t er ( 19 6 5, p . 19 2) .
15. I vi , p. 19 1.
16 . D a t o il car at t er e n on d efin i t ivo d el l e r i cer ch e con cer n en t i la dat azi on e di
m olt i t est i al ch em i ci i sl am i ci, i r ap p or t i d i p r eced en z a e d i p en d en z a fr a essi son o an­
cor a d a con si d er ar si fluttuan ti.
17 . St eel e ( 19 29 ) ; An aw at i ( 19 9 6 , p. 8 71) .
18 . Baffi o n i ( 19 9 1, pp. 14 3- 6 1) ; A n a w a t i ( 19 9 6 , p p . 8 6 7- 9 ) .
19 . R u sk a ( 19 35 e 19 37) ; St ap l et o n , A z o , H u n ai n ( 19 27) .
20 . L a d escr i zi on e dei p r o cessi o p er at i vi è nel se co n d o l i b r o ( N e w m an , 19 9 1, pp.
245- 6 e 35I-455)-
2 1. N e w m a n ( 19 9 1, p p. 57- 72 ) .
2 2. M u l t h a u f ( 19 6 6 . p p . 16 3- 4 ) .
2 3. St ap l et o n , H u sai n ( 19 33) ; St ap l et o n , Lew i s, T a yl o r ( 19 4 9 ) ; An aw at i ( 19 9 6 ,
p p. 8 70 - 2) .
24 . C f r . p a r . 11. 3 .
2 5. T r a d u co dal testo lat i n o ed i t o in M an get , B i b l i o t b e c a C h e m i c a C u r i o sa , cit.,
vol. n , p. 2 17 . A d u n ’ed izion e cr i t i ca del t est o latino st a l avo r an d o I t al o Ron ca (cfr.
R o n ca, 19 9 5) .
26 . B i b l i o t h e c a C h e m i c a C u r i o sa , cit ., p. 2 16 . N el l a t avol a fr a p p . 2 16 e 2 17 son o
r i p or t at e al cu n e i n ci sion i con le fi gu r e della T a b u l a .
27. A n a w a t i ( 19 9 6 , pp. 8 75- 9 ) .
28 . O l t r e a Baffì on i ( 19 9 1) e Co r b i n ( 19 8 9 ) , cfr. D ’A l v e m y ( 19 9 3)
29 . I l t est o ar ab o con t r ad u zi on e i n gl ese e qu ello l at i n o so n o ed i t i in H ol m yar d ,
M a n d evi ll e ( 19 27) . L e cit azi on i r i n vi an o al n u m er o di p agi n a di q u est a edizion e. Cfr .
Fr en ch ( 19 9 9 ) .
30 . Su gl i aspet t i geol ogi ci e m i n er al ogi ci del D e c o n g e l a t o n e cfr . Fr eu d en t h al
( 19 9 1) .
3 1. R u sk a ( 19 34 ) ; An aw at i ( 19 7 1 e 19 9 6 ) .
32. L ’ed izion e cr i t i ca del t est o ar ab o, p u b b l i cat a d a A h m e d A t e ch in “T u r k yat
M e cm u asi ” n el 19 52, è r i p r op ost a, con u n a t r ad u zi on e f r an cese e la r i st am pa del testo
latin o m ed i eval e, d a An aw at i ( 19 7 1) a cu i si r i fer i scon o i rin vii fr a par en t esi n el t e­
sto.
33. L a d i st i n z i on e della vi t a d i Avi ce n n a in sei p er i o d i risale alla su a stessa aut o-
bi ogr afi a: cfr . A n a w at i ( 19 9 6 , p . 8 79 ) .
34 . Su l l a R u t b a t cfr . Car u si ( 19 8 7) su cu i è basata l ’an alisi ch e segu e.
35. P e r r o n e C o m p agn i ( 19 9 2a ) . Su l P i c a t r i x cfr. P i n gr ee ( 19 8 6 ) .
36 . V e r n e t , Sa m só ( 19 9 6 , p p . 26 0 - 1) .
37. C a r u si ( 19 8 7 , pp. 43- 4) -
38 . I vi , p. 48.

110
7
F r a d u e ci v i l tà

7- 1
L ’o r o sp a gn o l o

La di ffu si on e d el l ’alchim ia in al-Andal us, la Spagn a islam i ca, è t est i ­


m oniat a non sol o dalla R u t b a t a l - H a k m , m a anche d a alcuni r i f e r i ­
ment i precoci a ricette alchem i che proveni ent i dal la peni sola i b er i ca.
L e t raduzioni di testi fu r on o infat t i cert am ent e pr ecedu t e da i n f i l t r a­
zioni pi ù o m eno riconosci bili di elem ent i alchem i ci sia dal l’o r i en t e
bi zant i no, com e abbiam o vist o nel caso dell a cr on aca di A d am o d i
Br em a, sia dal m ondo m usul m an o e in par t i colar e d al l ’IsIam sp agn o ­
lo, con cui il m on do lat ino i nt rat t eneva scam bi sul pi an o cul t ur al e f i n
dal x secolo, com e t est im oni ano la st oria di Ger b er t o d ’A u r i l l ac
(papa Si l vest ro n, che per le conoscenze di t ipo sci ent ifico acq u i si t e
in Spagn a ven ne sospet t at o di m agia) e quell a del m onast ero cat al an o
di Ri pol l \ U n not evole num er o di riferim ent i alla pr at i ca al ch em i ca
di “ sar aceni ” , l a cui col locazi one geogr afica è spesso i ndicat a con p r e ­
cisione, s’i n con t r a nellVlrs a l k i m i a e di M i chele Scot o, che esam i n er e­
m o in seguit o. L a più ant i ca t est im onianza di una ricet t a co m p r en ­
dent e il cosi ddet t o “ oro spagn ol o” è t ut t avia quell a che t r ovi am o i n
un m anuale l at in o di ricet t e art i gi anali com post o for se prim a d e l
1130 , l a Sch ed u l a d i ver sar u m a r t i u m del m onaco Teofi l o nell ’ab b az i a
benedet t ina di St avel o t 2.
«V i è un or o detto or o spagn olo, che si fa con ram e rosso, p o l v e ­
re di basi l isco, sangue u m an o e acet o»: così i nizia la r icet t a 111.48 i n t i ­
t olat a “ D e aur o h yspan i co” . Si deve in pr im o l uogo gen erar e il b asi l i ­
sco, ani m ale favol oso che nasce da uova di gallo (sic) covat e da r o sp i
in una fossa; esso ha l ’aspet t o di un pi ccolo gallo con la coda di se r ­
pent e ed è capace di spr ofon dar e nella t erra e anche, di cono a l t r e
font i, di u cci der e con lo sguar do; m a nella ricet t a alchem i ca non f a i n
t em po a esercit are le sue capaci t à perché viene cat t urat o, t enuto p e r

i n
A K ( A N A S A P I E N Z A

sei m esi in un vaso di ram e con pi ccol i fori p er n ut ri rl o, e poi ince­


neri to.

D o p o di ch e l o si l asci r aff r ed d ar e, l o si t r i t i d i l i gen t em en t e e gl i si aggi u n ga


u n t er zo di san gu e d ’u n u o m o d ai cap el l i r ossi , essi ccat o e t r i t at o. Si m e­
scol i n o l e d u e p ol ver i con d el l ’acet o fo r t e i n un vaso p u l i t o; p o i si p r en dan o
d u e l am i n e sot t i l i ssi m e di r am e r osso p u r i ssi m o, si sp al m i n o con qu est o i m ­
p ast o d al l ’u n a e d al l ’al t r a par t e e l e si m et t a al fu o co . Q u an d o son o di ven t a­
t e i n can d escen t i , l e si est r agga d al f u o co e l e si i m m er ga r i p et u t am en t e n el ­
l ’ i m p ast o, fi n ch é qu est o non p en et r i n el r am e con fer en d ogl i i l peso e il col o­
r e d el l 'o r o . Q u est ’or o è adat t o p er t ut t i gl i u si 5.

I l capit ol o sul l’oro spagn ol o st a in m ezzo a du e ricet t e che t rat t ano


ent ram be del l ’oro nat urale, e la pr ecisazi one fi nale di ce chiaram ent e
che secon do Teofi l o anche il ram e così t rat t at o può essere utilizzato
con t ranqui lli t à per con fezi on are m onili, ar redi sacri , i nchiost ro
d ’or o; e for se «t ut t i gli usi» i n clu don o anche qu el l o m edici nal e, at t e­
st at o nel C a n o n e di A vi cenn a. L a ricet t a deri va da un t ipo di pr ocedi ­
m ent o m et allurgi co, la cem ent azi one, ut ilizzat o in raccolt e ant iche e
m edi eval i, com e il papi ro di Lei da e la M a p p a e C l a v i c u l a , m a anche
i n t est i ar abi d ’alchim ia, com e il L i b e r sa ce r d o t i * m 4.
N on è del t utto chiaro se il «sangue d ’un u om o dai capelli rossi»
debba esser e int eso alla l et t era o com e nom e m et afor ico di un p r o­
dot t o di col ore rosso: l ’u so di m at eriali organici, fr a cui il sangue,
non è i nsoli t o nella let t erat ura alchem i ca, ma l e m et afore sono alt ret ­
t ant o di ffu se. Il basi li sco pot r ebbe desi gnare la pol ver e di pr oiezi one
o il m ercu ri o; la su a pr odu zi on e si pu ò com u nque i nseri re in una
doppi a t radizi one alchem i ca: il l avoro con le uova, at t est at o (come
l ’uso del sangue) anche nel D e a n i m a i n a r t e a l ch e m i a e pseudoavi-
cenni ano, e la generazione di esseri vivent i con si derat a possi bi le nel­
l ’ alchim ia di Jàbi r .
L ’espl i ci t o riferim ent o alla Spagna può sem pli cem ent e segnalare
l ’effet t iva pr oveni enza della ricet t a, m a non possiam o escluder e che
l a denom i nazi one h y sp a n i cu s fosse in qualche m odo i ndicat i va del
suo carat t ere alchem i co. E del t ut t o ovvi o che l ’alchim ia, che fin
dai pr i m or di dell ’IsIam aveva avut o una di ffusi one così im port ant e,
avesse fat t o lo st esso per cor so della civilt à in cui veniva prat icat a;
di fat t o com inci ò a di ffon der si nella cult ura lat ina quando si ac­
cent u ar ono i cont at t i fra cri st i ani e m usulm ani in Spagna e in Si ci ­
lia. A l cu n i testi r edat t i nell a peni sola i berica, che pr esent ano carat ­
t eri t i pi ci del l’alchi m i a i sl am i ca m a sono con servat i solt ant o nella
r edazi one lat ina \ sono la t est i m oni anza più ch i ar a di quest o pas­
saggio.

1 12
J. FRA nur. CIVILT À

? '2
I segr et i di Er m e t e

L e i ndicazi oni t eori co-pr at i che ch e perm et t ono di ar ri vare a p r od u r r e


l a “ cosa” m irabile, di cui la T a b u l a sm a r a g d i n a par l ava in t on o quasi
pr ofet i co, sono ogget t o di un t rat t at o at t ri buit o ad Er m et e e di ff u so a
par t i r e dal xn secolo, i Se cr e t a H e r m e t i s , il cui t i t ol o com plet o è: I
se g r e t i d i E r m e t e f i l o so f o , ch e h a sco p er t o l a n a t u r a d e l l a t r a sf o r m a z i o ­
n e d e i m e t a l l i 6.
I segret i alchem ici sono inserit i in un cont est o ast rologi co, ed il
t est o inizia afferm ando: «i pi anet i sono set t e e t ut t e le cose i n fer i or i
son o governat e dal l or o m ovi m ent o e r ecano l ’i m pr on t a della l or o n a­
t ur a, in m odo più o m en o evi dent e» (54). Ci ascu n o dei pi anet i go­
ver n a uno dei sette m et alli , e così ad esem pio il piom bo «dai filosofi
è chi am at o Sat urno, poi ch é r iceve da qu el pi anet a la sua nat ur a»
(55). 1 collegam ent i son o orm ai quelli defi ni t i vi: argent o vivo-M er cu-
r i o; st agn o-Gi ove; ferr o-M ar t e; oro-Sole; ar gent o-Lu na; ram e-Vene-
r e 7. Ch i si accinge al l ’oper a dell a t rasm ut azione d eve pert ant o pr en ­
der e pr im a di tutto in considerazi one la nat ura dei pianeti, perché
p er suo t ram it e pot rà com pr en der e a fon do la nat ur a dei m et alli , an a­
lizzat a nel t est o solo in un secon do m om ent o.
A t t r aver so la cor r ispon denza planet aria si posson o ri conoscere le
quali t à elem ent ari (cal or e, si cci tà, freddezza, um idit à) che defi ni scon o
le pr opri et à sensibili dei met alli. Ri con osci am o qui l ’idea dell a for m a­
zi on e dei m et alli sost en ut a nei t esti del cor p u s di BalTnùs, ch e r i con ­
du ceva alla «radi ce u n i ca» (la prim a m at eria) le quat t ro qualit à ed i
qu at t ro elem ent i in t ut t o il m on do fisico, i ndi vi duandovi il fon dam en ­
t o dell a possi bi lit à di r i pr en der e dal l’i ni zi o il pr ocesso della gen er a­
zi one in accor do con i pr ocedi m ent i della nat ura.
Secon do il t rat t at o erm et i co le pr opri et à dei m et alli di pen dono
dal la gradazione dell e qualit à elem ent ari, i nt erne ed occulte, da cui
der i van o carat t ere e int ensit à di quelle est er ne e percepi bi l i da esse
pr odot t e: p er esem pio, i l pi om bo si offr e al la percezi on e sensibile con
l e sue carat t erist iche d i freddezza, opaci t à, pesant ezza, dut t ilit à, p er ­
ché è fr eddo al t erzo grado e um ido al secon do. Olt re alle qualit à
elem ent ari vere e pr opr i e, anche alcune car at t eri st iche sensi bi li sono
quant ifi cat e con un i ndicat or e di grado; così, del pi om bo si di ce an ­
che che è bi anco al t er zo gr ado e fisso al secon do.
I nt r oducen do i gr adi elem ent ari , la dot t ri na alchem ica r i pr en de
u n ’i dea di origine ar aba accolt a nella fi losofi a nat urale lat ina del xn
secol o. Ci ascun cor po m at eri al e o e l e m e n t a t u m è com post o di tut t i i
qu at t ro elem ent i; il pr edom i n i o di uno di essi det erm ina la qualit à
A R C A N A S A PI E N Z A

I K i L 'R A 7

D a l l ’ al t o : d u e a l a m b i cch i , u n a f i a l a , u n r e ci p i e n t e p e r l a ce m e n t a z i o n e , u n a l u d e l e
u n a c u c u r b i t a . D i se g n i c o m e q u e st i si t r o v a n o i n n u m e r o si m a n o scr i t t i a l ch e m i ci
l a t i n i f i n d a l x m se co l o

s m

t‘ t u r -

A*-

I o n / e : d a l m a n o sc r i t t o C a m b r i d g e , T r i n i t y C o l l e g e 2 1 is, r i p r o d o t t i in I. R ou aze, ( . '« a t e l i e r d e Jì st i U a t i t m


du St i o y v n in “ Bu lletin A r e h é o lo giq u e \ P aris i «->Sy, p p . 2 0 4 , 2 1 5 , 2 18 , 2 2 1.

114
7- F RA D U E C I V I L T À

elem ent are che i sensi r i l evan o nel cor po, m ent re gli alt ri elementi
sono in esso pr esent i in gr ad o i nfer ior e e, di con seguenza, in m odo
più o m eno occu l t o: il fu oco ch e noi t occhi am o non è il fuoco el e­
mento pu r o, m a è un com post o elem ent are a predom i nanza ignea, e
così la t er r a che abbiam o sot t o i pi edi, l ’aria che r espi r iam o, l ’acqua
che scor r e nei f i u m i 8.
Su quest a st essa base gli alchim ist i con cepir on o l ’idea che i m e­
talli pot essero essere dissolt i nell e loro com ponent i elem ent ari ultime
e poi r icom post i i n pr opor zi on i tali da cost it uire un cor po perfet t o:
quest ’i dea ci rcol ò t alvol t a in con t r apposi zi on e, m a pi ù spesso a fianco
di quella di or igi ne arist ot elica che vedeva i m et alli com post i di m er­
curio e zol fo. M ent r e però i gr adi degli element i r eper ibi li nei corpi
animali e veget al i sono quat t ro, nei Seg r et i d i Er m et e si afferm a che
nei m et alli gli elem ent i possono al m assim o r aggiun ger e il t er zo grado
d ’intensità.
O lt re alla det t agli at a at t r ibuzi one dell e qualit à elem ent ari ai m e­
talli c’è in quest o br eve t rat t at o u n ’altra i dea nuova e im port ant e: an­
che i sali, i ngredi ent e i ndi spensabi le dell a t rasm ut azione, vengono
qualificat i com e com post i elem ent ari graduat i . Com e nel caso dei m e­
talli, si at t r ibuisce una gradazione anche ad alcune car at t er ist iche sen­
sibili: per esem pio del sale ar m oni aco si di ce che «p er nat ura è caldo
al t erzo grado, secco al secon do, por oso al quart o e bi an co, ancora, al
quart o gr ado» (56). La por osit à, la durezza e i l or o con t r ar i, così
come il col ore, sono dunque ogget t o di un t ent at ivo di quant ificazi o­
ne analogo a quell o operat o per l e qualit à elem ent ari.
I sali son o sett e: il sale arm oni aco; il sale com une; il salgem m a; il
salnit ro; il sale di t alco; il sale alleali; e i nfi ne il sale el em b r o t (o al l e-
br oc , al em br o c) . Son o evident i il carat t ere ordi nat ore del n u m er o e la
volont à di m et t ere in luce una sim m et ria che garan t i sca la possi bi lit à
dell’int ervent o operat i vo dal l’i nt er n o dei canoni st essi della nat ura. In
realtà quat t ro dei set t e sali sono con siderat i com post i di alt ri sali ap ­
partenenti alla st essa serie - com e in una giost ra di passaggi - anche
se t alvolt a son o com bi nat i con sost anze di verse: del salgem m a si dice
che «è fat t o di sale alleali e di sale com une e d el l ’acqua salat a del
m are» (56), il saln it ro è fat t o di salgem m a e sale alleali, il sale di talco
è fatto di salnit ro e sale el em b r o t y il sale alleali è fat t o di salgem m a e
vet ro t ri t urat o finem ent e. I l sale com une si ot t i ene dall ’acqu a del
mare, m ent re il sale arm oniaco è ot t enut o dalla di st ill azione del san­
gue um ano, ed il sale el em b r o t è fatto «dal succo di ci nque erbe»
(59), il che di m ost ra com e il n esso fra alchim ia ed erbor ist eri a sia
presente fin nel cuor e della dot t ri n a m et allurgi co-t rasm ut at ori a.

115
A R C A N A S A P I E N Z A

Q u est ’ult im o sale è defi ni t o m agi st er m a gi st r o r u m , ad indicarne


l ’i m por t anza prem inent e nel Yo pu s, e la sua descri zione sem bra ant i­
ci par e qu el l e che, negli svil u ppi successi vi del l ’ alchi m i a lat ina, saran­
no l e car at t eri st iche dell’el i xir : infat t i «è caldo, um i do, por oso, duro,
pesant e, bi anco al l ’i nt erno e rosso all’esterno. D i per sé ha la pr o­
priet à di coagu lare e soli di fi care il m ercurio, t rasfor m an dolo in luna
[ ci oè ar gen t o] , e t rasform a la luna in sole [ or o] pur issim o» (62).

7 *3
« Q u e st o p e r a so m i gl i a al l a cr e az i o n e d i u n u o m o »

A l l ’el i xi r com e agent e di perfezi one dei met alli con du ce esplicit am en­
te il L i b er d e co m p o si t i o n e a l ch i m i a e di M or ieno, pi ù not o com e T e­
st am en t o , di cui conosci am o con esat t ezza la dat a dell a t raduzione l a­
t ina, il 114 4 , e il nom e del t radut t or e, Robert o di Chest er , noto per
alt re t raduzion i scient ifiche e per aver reso in lat ino il Cor an o.
D el l ’at t o culm inant e del pr ocesso alchem i co M or ien o dice:

Q u est a è l a com posi zi on e d el l a cu i d i ff i col t à si son o r am m ar i cat i m olt i ssim i


sap i en t i , ch e d i sser o : «Se q u al cu n o r i esce a t r ovar e con l a p r o p r i a scienza
qu est a co m p osi zi o n e, all or a p o t r à i m p ar ar e faci l m en t e t u t t a q u est 'op er a». E
chi n on r i u sci r à a scop r i r e q u est a com posi zi on e, r est er à com pl et am en t e al l ’o ­
scu r o d el l ’op er a [ ...] . È t ale q u al e i sap i en t i di sser o esser e l a t r asfor m azi on e
del l e n at u r e, e fr a esse l a m escol an za m er avi gl i osa d el cal d o col fr ed d o, ci oè
del f u o co con l ’acq u a; e d el l ’u m i d o col secco , ci oè d el l ’ar i a con l a t er r a, se­
con d o u n a com p osi zi on e m ol t o sot t i l e 9 (58-9).

Poco ol t r e pr ecisa che qu est o com post o «in ar abo si chiam a aci r »
(61). M or i en o insegna du n qu e che Peli xir si fa at t r aver so un processo
analogo a quell o dell a t rasfor m azi one degli elem ent i (le “ n at u r e” ) l ’u ­
no n el l ’alt ro, di cui sia la fil osofia arist ot elica n el D e g en er a t o n e et
co r r u p t i on e che quel l a erm et i ca nel L i b r o d ei seg r et i d el l a cr eazi on e
offri vano spi egazi oni int eressant i per gl i alchim ist i.
L a com posizion e del l’el i xi r cost it uisce, nel t est o di M or ieno, il
punt o d ’arri vo di un pr ocesso che ini zia con l ’ot t enim ent o della m a­
teria pri m a, offr en do un m odel l o operat i vo che gli alchim ist i occiden ­
tali t er rann o com e base del l or o sapere. M a la descri zione del V opu s è
pr ecedut a da u n’am pi a par t e i n t rodut t iva che m et t e in pr im o piano il
carat t ere segret o d el l ’alchi m i a, m ost r ando com e t ale sapere non possa
essere ot t enut o se non con l ’assunzi one della fat ica e dell a pazienza
che la r i cer ca r ichiede, e com e non possa essere dat o se non in segui-

116
7- f r a d u e c i v i l t à

t o all o st abilirsi di una relazione di r eci pr oca fiducia fr a chi i n segn a e


chi apprende.
M orieno narra di aver ricevut o la dot t ri na dal suo m aest ro A d f a r
(St efano d’Alessandri a) non nel m om ent o in cui gl i er aveva ch i est a,
m a quando A dfar aveva deciso ch e egli era pront o ad essere «i l f i g l i o
a cu i trasmet tere t ut t a l a m i a dot t ri na» ( 37) ; e a sua vol t a M or i en o l a
t rasm et t e al sovran o K h àl i d dopo una lunga frequent azione in cu i n e
ha m esso alla prova le qualit à m or ali : «Per la tua devozi one, l a t u a
bon t à, il t uo affet t o, ho capi t o che non è oppor t u n o che uno c o m e
m e ti tenga al l ’oscur o del l e cose che vuoi sapere» ( 4 3) . Lo sv i l u p p o
di quest e qualit à è necessar io in pr im o l u ogo perché il sapere d el l ’ a l ­
ch im i a è un sapere che con feri sce pot enza, m a anche perché il p r o ­
cesso alchem ico r ichiede prim a di ogni alt ra una dot e del car at t er e, l a
pazienza, che dona al l’art efice la capaci t à di i nserirsi con r i sp et t o e
senza violenza nel t em po della nat ura.
Poi ché l ’alchim ist a è “ m i ni st r o” della n at ur a, i nfat t i, il t em po d e l
l avor o alchem ico non pu ò essere det erm i nat o est ri nsecam ent e e l a
du r at a del Yo pu s coi nci de con la cur a del pr ocesso ch e dev’essere p a ­
zi ent em ent e auscult at o. L ’afferm azione, pr esent e in num erosi t est i ,
ch e l ’alchim ist a fa in poch i giorni quell o ch e la nat ura fa in m i l l en n i
non va dunque i nt er pr et at a com e u n ’arbi t r ari a e fret t olosa d et er m i n a­
zi on e t em porale, ma com e la con sapevolezza che l ’opera è t ut t a n el l a
responsabi li t à del l ’art efice umano. «E stai at t ent o a non d i m i n u i r e i
gior ni e a non di m ent i cart ene» (60) am m oni sce M orieno, che n on i n ­
segna ricet t e m a una m odali t à del l ’oper ar e par agon abi l e piut t ost o a l l a
generazi one um ana che non ad una t ecnica.

N el por t ar e avan t i q u est 'o p er a ti son o n ecessar i e l e n ozze, il co n c ep i m en t o ,


l a gr avi d an za, l a n asci t a e l 'al l evam en t o . Q u an d o i n fat t i c e una c o n g i u n z i o ­
n e, c ’è il co n cep i m en t o, ch e dà i n i zio al l a gr avi d an za, e q u est a è segu i t a d a l l a
n asci t a. D u n q u e p o r t ar e avan t i q u est ’op er a som i gl i a al l a cr eazi on e d i u n
u om o. I n fat t i il cr eat or e som m o h a cr eat o l ’u o m o non co m e si ed i f i ca u n a
casa, n é ci ò assom i gl i a al l a cost r u zi on e d i u n a casa o ad u n 'al t r a cosa f a t t a
d al l e m ani d el l ’u om o (56- 7).

I n quest o par agon e st a racchiusa una possi bi l it à fon d am en t al m en t e


am bi gua di pen sar e l ’operar e um ano: pu ò i nfat t i essere int eso c o m e
un a dupli cazi one del l’op er a del cr eat or e, secon do u n ’i n t er p r et azi on e
che sem bra già gravida del l a h ybr i s t ecnol ogica della m odernit à; m a si
pu ò anche i nt en der e ch e l ’alchim ia si svi l u ppa seguendo il m o d el l o
dell a sessualit à e dell a generazi one um ana, ch e cont inuano nella st o r i a
l ’opera creat ri ce di D i o. Int esa in quest o senso, l ’alchim ia r i ch i ed e l a

117
A R C A N A S A P I E N Z A

con gi un zion e dell a mente um ana con l a nat ura, il m at rim oni o di due
ent it à viven t i.
I l legam e d el l 'o p u s coi pr ocessi vit al i è il dat o di fon d o del l ’inse­
gnam ent o di M or i en o, dove è det t o ch e ciò che si chi am a col nome
della pi et r a in r eal t à non è u na pi et r a e che la m i st eri osa r adi ce unica
del l ’oper a, la m at eri a prim a che i fi l osofi hanno chi am at o con nomi
m ol t epl i ci , r isi ede n el l ’art efice st esso: «si est rae da te, t u sei la sua
m iniera, l a si pu ò t rovare pr esso di t e e t rarla da te, e dopo che ne
avrai fat t o esper ienza aum ent erà in t e l ’am ore p er essa» (55). L a m a­
t eria pr i m a è «p er i ricchi e per i pover i , per i gen erosi e per gli
avari, p er chi vi aggi a e per chi st a ferm o, viene get t at a p er le vie e
viene cal pest at a n ei let amai [ ...] . E sol o i sapi ent i sann o che è una
cosa sola, nascost a, ed i quat t ro elem ent i sono in essa, m a essa è più
fort e di l or o» (54-5).
Tal i afferm azion i, che a par t i re dal Ri nascim ent o sar an n o post e a
fondam ent o dell e int erpret azioni spi ri t u al i del l ’alchim ia, fur ono lette
da m olt i alchi m i st i m edievali com e i ndicazi one della cont i nui t à fra
l ’art efice e la sua opera, un a cont i nui t à m at eriale per cui è il corpo
stesso d el l ’uom o (il sangue, Furi na) ch e forni sce l a m at eria prim a del-
Yopu s. Q u est ’i dea si innesta su una concezi one d el l ’essere umano in
cui cor po e anim a sono t en ut i assi em e da u n’ist anza i nt erm edia, che
la l et t erat ura m edi ca e filosofica del l ’epoca chiam a col nom e di spir i-
t u s, e di cui il san gue è il pr in ci pal e vei col o. L ’i nt er pr et azi one “ spi ri ­
t ual e” d el det t o d i M or ien o è du n qu e legit t im a, purché non si d i ­
m ent ichi che l o spi ri t o di cu i par lano gli alchim ist i non è l ’oppost o
della m at eri a, com e nella cult ura post -scolast ica e post -cart esiana, ma
è con cepi t o com e il “ corpo sot t i l e” ch e è la m at rice uni t ari a del m on­
do e d el l ’uom o, d el l ’artefice e della m at eri a su cui opera.

74
L ’an i m a n e l l ’al ch i m i a

Uno dei t est i pi ù int eressant i, ma anche più com plessi, fr a quant i t ra­
smisero i con t en ut i dell’alchim ia i sl am i ca m at ura è il D e a n i m a in ar t e
a l ch em i ae at t r ibui t o t radizionalm ent e ad Avi cenna 1Q, ch e grazie al
suo cont enut o — dot t rine e m at eri ali legat i alla t radizi one islam ica di
Ballnus 11 - e al l ’at t ri buzione ad A vi cen n a giocò un r uol o i m port ant e
nel dare form a al l a successi va t radizi one occident ale. L ’i ncert ezza su l ­
la sua or igin e (t raduzione o com pilazi one di testi arabi? o for se addi­
rittura esposi zi one di temi d el l ’alchi m i a islamica fatta da un autore
latino?) pot r ebbe t rovare u n a soluzi one nell’i pot esi di un a com posi ­

118
7- FRA D U E CI VI LTÀ

zione in du e t em pi dell e due par t i , assai ineguali p er di m en si on i e


per temi, di cui il t est o com e ci è perven u t o si com pon e: un a b r ev e
ma densissim a e com plessa par t e i nt rodut t iva int it olat a P o r t a e l e m e n -
t o r u m y ed il t rat t at o ver o e pr opr i o, suddivi so in di eci part i (d i c t i o n e s )
di varia lunghezza I2.
Nella P o r t a e l e m e n t o r u m la prat ica alchem ica vi en e ri con dot t a a d
una dot t ri na della com posi zi one dei cor p i elem ent ari che t r ova r i ­
scontro in un t rat t at o della t radi zi on e salernit ana ,3, i l D e e l e m e n t i s d i
M ario salerni tano, ch e secondo alcuni pot rebbe esser e un ebr eo c o n ­
vert it o di H uesca, M osè Sefar di , che assunse il nom e lat ino d i Pi et r o
Alfonsi e scr i sse opere nat uralist i che e di con t r oversi st i ca t eol ogi ca ( l a
D i sc i p l i n a c l e r i c a l i s) ' 4. In for m a dial ogica un M a g i st e r spi ega al su o
discepolo che il pr i n ci pi o del m agist ero alchem i co pr ovi en e «dal l a c o ­
noscenza degli elem ent i» (4), i qu al i m anifest ano ai sensi le l or o n at u ­
re occulte m edian t e com bi nazi oni a cui si ri con ducon o gli i n n u m er e­
voli com post i elem ent ari del m on do nat urale. L ’i nt en t o ch i ar am en t e
esplicat ivo di quest o br eve pr ol ogo e il carat t ere rel at ivam en t e si st e­
mat ico del di scor so sugli elem ent i suonan o ben di versi dal l ’ am p i a
t rat tazione che segue.
La pr im a part e si apre con una difesa della ver i t à dell ’al ch i m i a,
prosegue con un resocont o di vari e di spu t e dell’aut or e con alt ri al ch i ­
misti, e si con cl ude con la present azi one dell a pi et ra m i nerale, v eget a­
le e anim ale. L e successi ve t re par t i t rat t ano t ipologia e pr obl em i d e l ­
le operazi oni alchem i che; la qui nt a e la sest a passano in r assegn a l e
sostanze (m et alli e m i nerali, m a anche capelli , ur in a, uova, san gu e)
im piegat e n e ì T o p u s e le relat ive pr epar azi oni ; il pr ocesso ver o e p r o ­
prio è t rat t at o nelle d i c t i o n e s 7-9, l ’ult im a delle quali com pr en de u n
capit olo cont enent e in com pen di o t ut t o l ’insegnam ent o, e due cap i t o ­
li sulle nozze dell a luna e quell e del sole; la decim a par t e i nfine a n a ­
lizza pr obl em i di quant ifi cazi one e ri pr esen t a som m ariam ent e t ut t i g l i
argom ent i t rat t at i.
La realt à m at eri ale è con cepi t a nel D e a n i m a com e una st r u t t u r a
t riadica i cui li vell i possono essere denom i nat i, secon do una ger ar ch i a
che va dal basso verso l ’alt o e dal l ’est erno verso l ’i nt er no, n a t u r a l i s ( o
anche m i n e r a l i s) , h e r b a l i s , a n i m a l i s (ma anche c o r p u s , sp i r i t u s, a n i m a ) .
Com e nell a C l a v i s sa p i e n t i a e di A r t efio, l a t ri part i zione si ap pl i ca ad
ogni l i vell o di realt à ed ha una val enza di nam ica ol t re ch e st at i ca. C i ò
significa che l o schem a dell a t ri ade cont i ene fondam ent al m ent e d u e
oppost i ed un t erm i ne m edio e pu ò essere utilizzat o si a per cl assi fi ca-
re sost anze ch e stati di esse, nonch é le fasi delle operazi on i. È t r i ad i ­
ca la st rut t ura st essa del pr ocesso al ch em i co, le cui fasi posson o esse­
re anche let t e secon do lo schem a ar ist ot el ico del passaggio dall a p o -

119
A R C A N A S A P I E N Z A

t enza all ’at t o, m a sol o se al t er m i ne “ passaggi o” si at t r i bu isce il valore


di “ m ed i o” i nt eso si a com e m om ent o del processo si a com e st at o di
realt à. L ’oper a alchem i ca è du n qu e scan di t a dalla t ri pli ci t à, per cui si
pu ò i m piegare qualsiasi t em a di nom i per indicare qualsiasi t riade,
per ch é essi si gn ifi cano sem pre e solt ant o «una “ posi zi on e” in uno
schem a fat t o di t re» l5.
E abbast an za faci l e com prender e che quest o “ gi oco” del l e t riadi
cosm ol ogico-alch em i ch e può r egger e sol t ant o al l'i nt er no di una vi si o­
ne erm et i ca del cosm o, nella qu al e non si dà separazi one net t a fra
m at eri a i nani m at a e m at eria vivent e. I n quest a l u ce r isult a anche
com prensi bi l e il r ifer im en t o for t e (qualcosa di pi ù di u n ’analogia)
del Y o p u s al chem i co all 'esser e um ano: nel D e a n i m a i n a r t e a l ch e m i a e
r it rovi am o la cent ralit à del Y h o m o nel processo, a cui è st ret t am ent e
connessa la cent rali tà dell a t erna c o r p u s- sp i r i t u s- a n i m a e che giust ifica
l ’uso di t erm i ni riferit i a tessut i cor por ei.
Q u an do al filosofo A r a m u s (forse u na deform azi one di H e r m e s)
ven ne chi est o «che cos'è la pi et r a? Egli si alzò in pi ed i nella sua casa
e prese in bracci o suo figlio e disse nel nom e di D i o cr eat or e del
ci elo e dell a t erra: “ L a piet ra è fat ta di m e e di l u i ” . Poi prese una
spada e la infi lzò nel suo ven t r e» ( 30 6 - 7) . « L ’uom o è dun que il m agi­
st ero, cioè l ’el i xir » ( 4 3 1) : e pr opr i o l ’el i xi r int eso com e sost anza e
m om ent o i nt er m edi o dell a t rasm ut azi one è l ’idea chi ave che il D e
a n i m a pseudoavicen ni an o t rasm et t e all’alchi m i a occident ale at t raverso
la let t ura fat t ane da Rugger o Bacon e ìC\
«D i sse A vi cen n a: D i r ò ora a che scopo è l ’eli xir: l ’eli xir è la cosa
che pr oiet t i am o sul cor po m aggi or e affin ché t rasfor m i una cosa dalla
pr opri a nat ur a in u n'al t ra. L o chi am ano el i xi r quan do vi m escol ano il
cor po m i nore e lo spi ri t o e gli elem ent i e il ferm ent o, e di t ut t e que­
st e cose vi en e fat ta una sola co n f e ct i o . El i xi r è una par ola greca e si
divide in i c - x i r , e vuol di re g r a n d e t e so r o » ( 10 8 ) 17.
D al l ’anal isi det t agliat a della com posi zi on e dell ’el i xi r , descri t t a nel­
la settima d i c t i o , risult a che per ot t enerlo devono essere utilizzat i ma­
t eri ali che con t engan o in sé il pr in ci pi o dell a vita; di essi il pi ù im­
port ant e è il sangue. «I l sangue necessari o nel m agist ero è quel l o del­
l ’essere um an o; e poi ch é l 'ani m a del l 'u om o è la m i gl iore di t ut t e, ed
il cor po m i gl i or e di t ut t i è qu el l o del sol e e della luna [ ci oè oro e
ar gen t ol, per ci ò vi i m m et t iam o il sangue dell 'uom o, che è l ’anima,
perché l ’an i m a del l 'u om o è il san gue e il sangue è l 'ani m a, e per que­
st o è chi am at o l a p i s a n i m a l i s» (397).

12 0
7- I R A D U F C I V I L T À

7- 5
Il m agi st er o p e r f e t t o

Le diverse l i nee d el l ’alchim ia i slam i ca risalent i a Bal i n ùs, Jàb i r e RàzT,


convergono nel D e p e r f e ct o m a g i st e r i o , at t ri buit o ad A r i st ot el e e t r a­
dot t o da un o dei pi ù celebri t radu t t or i del xi i secol o, Ger ar d o d a
Crem ona l8. Q u est o t rat t at o è anche not o com e L u m e n l u m i n u m , t i ­
t olo che in realt à cop r e un pi ccol o e con fuso gr u ppo di t est i, du e d ei
quali sono r edazi oni dist int e dell o scr it t o pseudoar ist ot el i co, m ent re i l
terzo è m ol t o di ver so ed è cer t am en t e un prodot t o pr ecoce d el l ’al -
chimia lat ina.
Si può aver e u n 'i dea della com pl essit à m at eriale della t r ad i zi on e
testuale d el l ’alchi m i a pr opri o con si deran do i vari t est i i nt it olat i L u ­
m e n l u m i n u m : un m anoscrit t o con servat o alla Bi bl iot hèqu e N at i on al e
di Parigi (lat. 6514) cont iene le due r edazi oni del D e p e r f e c t o m a g i ­
st er i o , , ent ram be at t ri buit e a RàzT. L a pi ù breve, ch e cor r i spon de al
testo st am pat o, è at t ri buit a in alt ri m anoscr it t i a Rai m on do di M ar si ­
glia. Una copi a dell a redazione più lunga, quella con servat a nel m a­
noscrit to Ri ccar dian o 119 , riport a la di chi arazione che l ’opera è st at a
t radotta da Ci pr i an o e com post a [ si c] da Frat e El i a. I l t erzo L u m e n
l u m i n u m , infine, è at t ri buit o a M i chel e Scot o. A t t or no a quest o t i t ol o
si r accolgono du nqu e, sot to l ’egi da di Ar ist ot ele i nom i dei pr im i al ­
chimisti di li ngua lat ina, attivi nei decen ni iniziali del xm secolo.
Lasci ando da par t e quest o pr obl em at ico int reccio ed esam i n an do
invece il cont enut o dei tre testi, ci si pu ò r endere con t o che al cen t r o
vi è una nozione alchem ica for t e e dest inat a ad am pi svi luppi : qu el l a
che descrive il prodot t o del l ’alchim ia com e una sost anza di sp l en d or e
crist allino, «u n ’acqua che penet ra e rischi ara, che accende le can d el e
illum inando la casa, che dà sost ent am ent o a tutti i fi losofi» (658).
Q u est ’acqua è denom i nat a a q u a v i t a e , ed è essenziale per Y o p u s: i n
un testo di carat t ere prat ico dal t it olo L i b e r x i i a q u a r u m ( L i b r o d e l l e
d o d i c i a c q u e ) , i ncast onat o in ent ram be le redazioni del D e p e r f e c t o
m a g i st e r i o , ven gon o dat e infat ti sist em at iche ist ruzioni per la p r ep ar a­
zione di quest a e dell e alt re acque che sono «radi ce e fondam ent o d i
ogni processo di purificazione» (642).
Prim a di ar ri vare alla part e operat iva, Faut ore del D e p e r f e ct o m a ­
g i st e r i o espone l a pr opri a dot t rina alchem i ca, descri ven do la com p osi ­
zi one dei cor pi e dei metalli in base alle dinam iche di m anifest o e
occult o, desi gnat e rispet t ivam ent e a l t i t u d o e p r o f u n d i t a s\ del i n ean d o
l a form azione degli element i, degl i um ori , delle qualit à, dell e co m ­
plessioni, dei col ori , sapori e odori ; e int roducendo anche il t em a d el
carat t ere m aschi le e fem m inile dei corpi . In breve, r iper cor re ed

12 1
A R C A N A S A P I E N Z A

espone sint et icam ent e i t em i svil uppat i nelTorm ai secol ar e t radizione


alchem i co-cosm ologica erm etica.
L ’eli xi r, «vera m edicina di quest ’art e, piet ra che non è una piet ra,
cor po spi ri t uale e spirito cor por eo» (640), non è per ò il risult at o di
una t rasfor m azi on e “ ver t i cale” t ra sost anze m inerali, veget ali e anim a­
li né dell a l or o unione, ma è «com post o dei quat t ro spi ri t i princi pal i,
cioè ar gent o vi vo, zolfo, arsenico e sale arm oni co» (ivi). Pr op r i o l ’uso
di quest e sost anze nella pr odu zi on e dell el i xi r, accant o al l’i m port anza
at t ribuit a alle acque, indica che la pr at i ca del D e p er f ect o m agi st er i o
di pende sost anzialm ent e dal l a t radizi one iniziat a da RàzT. M a se è
vero ch e a quest i cont enut i il t rat t at o pseudoar ist ot el ico deve la sua
fort una pr esso gli alchim isti p o st er i o r i I9, senza alcun dubbi o esso
vei col ò anche i t em i cosm ologici e la dinam ica occult o-m ani fest o che
RàzT aveva deli berat am ent e eli m inat o dalla pr opri a ot t i ca alchem ica;
nel D e p er f ect o m agi st er i o vien e du n qu e realizzat a una sint esi delle r i ­
cerche al ch em i ch e arabe, la cui i m por t anza è sancit a dal l ’at t ribuzione
alla m assim a aut ori tà filosofica del l ’epoca.

7.6
T r an slat io alch em iae

Il percorso del l ’alchim ia d al l ’IsIam alTO cci dent e lat ino accom pagn ò
quella ch e è st at a definita - ut i li zzando u n’i m m agine con iat a pr opri o
nel M edi oevo - la t r a n sl a t i o st u d i o r u m nella sua t appa pi ù eclat ant e,
cioè nel m om ent o del r ecuper o del l e scienze ant i che e dell a filosofia
arist ot elica at t raverso le t raduzioni d al l ’arabo 2°.
Gl i aut ori che, nel cont est o del rinnovam ent o sci ent ifico del xn
secolo, danno t est im onianza del diffon dersi del sapere alchem i co ne
parlano però com e di una assolut a novit à. D i ver sam ent e infat t i dagli
altri saperi nat uralist i ci (m edicina, ast ronom ia, m usica, geogr afia, d i ­
scipline m at em at i che) in cui le t raduzioni dal l’ar abo si i nnest avano su
una base en ci cl opedica che ne aveva t ram andat o gli elem ent i essen­
ziali d al l ’ant ichit à classica, l ’alchim ia non aveva pr eceden t i nel m ondo
latino. Elem ent i di m et allurgia e con oscenze in par t e sci ent ifiche e in
parte m i t ol ogich e sui m i nerali e le pi et re erano present i nelle font i
classiche (in par t i col ar e n ell a H i st o r i a n a t u r a l i s di Pl in io), e da esse
ripresi nell e enci cl opedi e e n ei l api dar i alt om edievali, m a non aveva­
no car at t er e alchem i co.
D el l a t radi zi on e al chem i ca el leni st ica e bi zant i na n on vi sono
t racce se non al l ’int erno del l a let t er at ur a ricet t arist ica pr im ari am ent e
orient at a in senso art igianale, rappresent at a - assiem e al la Sch ed a l a

12 2
7- FRA D U E C I V I L T À

ài ver sar u m a r t i u m del m onaco T eofi l o - d al l a M a p p a e c l a vi cu l a , c h e


sem bra con t en er e fram m ent i di un t rat t at o greco d ’alchi m i a al l ’i n t er ­
no di una r accol t a com posit a di ricet t e di leghe, i nchi ost ri , co l o r i ,
vernici, cem ent i e pr epar at i pi rot ecni ci . Il br eve pr ol ogo r i con d u ce il
contenut o ai «l i br i di Erm et e» e com e gl i scritti alchem i ci r acco ­
m anda di m ant enere il segreto, par agon an d o le spi egazi oni del l e r i ­
cet t e alla ch i ave con cui ci si può i m padr on i r e di ci ò che è cu st o d i ­
to al l ’int erno di una di m ora. Tu t t avi a il t rat t at o non esi bisce el em en ­
ti dot t rinali e fi losofici propri dell a l et t erat ura al ch em i ca in sen so
stretto 21.
Accant o alle t raduzioni dei t est i d ’alchi m i a i latini pot evan o t r o v a­
re indicazioni relat ive a quest o saper e in alcu ni t rat t at i di ast r ol o gi a,
che all’alchim ia facevan o riferim ent o nom inandola nel cont est o d el l e
i nt er rogazi on i” 22. A gl i ast rologi si ch i edeva com e r i con oscer e se
qualcuno che si pr ofessa alchim ista sia veram ent e in possesso deH ’ar t e
o non sia pi ut t ost o un ci arlat ano, m a anche quale sia il m om en t o c e ­
lest e più oppor t u n o per i nt rapr ender e Yo pu s. Nel secon do caso ch i
i nt erroga sem br a essere propri o un alchi m i st a, m ent re il pr i m o t i p o
di int errogazi one t est im onia l ’int er esse di ffi dent e nei con fr on t i d el l a
t rasm ut azione, che ven ne m anifest at o ben prest o dai sovran i e d ag l i
intellettuali.
I t radut t ori fu rono gl i stessi per i testi alchem ici e per quel l i f i l o ­
sofici e sci ent ifi ci ; fra i più im por t an t i si segnalano Rob er t o di C h e­
st er, Ger ar do da Cr em on a, U go d i Sant alla, Plat one di Ti vol i . E ssi
non operar ono una scelt a al l’i nt erno delle diverse t ipol ogi e di scr i t t i
alchemici ar abi ; t radusser o di t ut t o, i nt er pr et ando secon do le p r o p r i e
coordinat e m ent ali e t alvolt a addir it t u ra n on com pr en den do b en e
quello che t raducevan o, sicché det t er o l u ogo ad una pr im a fase d e l ­
l’alchim ia lat ina si ngolarm ent e oscur a e com p l essa21.
II peri odo chi ave in cui le t raduzioni alchem iche i ni zi ar ono ad es­
sere assimilate e a pr odu r r e una riflessi one aut onom a da par t e dei l a­
t ini coincide gr osso m odo con gli anni in cu i regnò Feder i co n H o -
henst aufen ( 1210 - 1250 ) 24. Fi gur a di pr im o pi ano dell a cult ura f ed er i -
ciana fu M i ch el e Scot o, che aveva t rascorso diversi anni in Sp agn a a
cont at t o della cult ura ar aba ed aveva t radot t o prim a del 1220 m o l t i
t est i filosofici e sci ent ifi ci , fra cui i com m ent i di A ver r oè ad A r i st o t e­
le. M ichele vi aggi ò per di versi anni r ecandosi a Rom a, Bol ogn a e i n
alt re città i t ali ane, finché ver so il 1228 ent rò al servizio di Fed er i co 11,
ed è durant e gli anni t rascorsi alla cort e palerm it ana, fino alla m o r t e
avvenut a nel 1235, che scrisse le sue opere originali. L a com p et en za
di M ichele n el l ’ast rol ogi a e in alt re sci enze di derivazione or ient al e gl i
valsero la fam a di m ago e D ant e l o r acch i use nell’ot t avo cer ch i o d el -

12 3
A R C A N A S A P I E N Z A

T l n fer n o, perché «del le m agi che fr ode seppe il gioco» (/ «/ ., x x .116 -


17) 25-
N el suo L i b e r i n t r o d u c t o r i u s , che com pr en d e uno dei pr i m i e pi ù
i nt er essant i t rat t at i lat ini di ast rologi a, vi son o di versi r ifer im en t i al ­
l ’alchi m i a, e fr a le oper e al chem i che at t r ibui t egl i si an n over ano
u n A r s a l k i m i a e e, com e si è vist o, u n o dei var i L u m e n l u m i n u m 26.
\ JA r s a l k i m i a e si apr e con quest a si gn ifi cat iva afferm azione: «M i sono
r eso con t o che quest a n obi l e scienza è quasi ignot a presso i lat ini, e
che per quest o n essu no pu ò arrivare alla perfezi one, a m ot i vo dell a
con fu sion e che c'è nei l i br i dei filosofi. Per ci ò ho rit enut o oppor t u n o
r i velare i segreti del l a n at ur a in m od o da r enderli com pren si bi l i»
(532). N on è ch i ar o se qu el l a cercat a d a M i ch el e è la perfezione dell a
sci enza alchem ica o la perfezi one dei m et alli . I l t est o lat ino è gen eri co
(«ad perfeccion em ven ir e»), e l'am bi gu it à fr a scienza e pr odot t o ca­
r at t eri zza anche i l T e st a m e n t o di M or ien o, dove l o stesso t er m i ne a l -
k i m i a li indica ent ram bi .
L ’A r s a l k i m i a e si divi de in una par t e i n t rodut t iva e una ricet t ari-
st ica. N el l a prim a i pr in cipi dell ’alchi m i a son o spiegati sul la base dei
«li br i ph i l osoph or um »; alla lista del l e cor ri spon denze fr a m et alli e
pi anet i segue un si nt et ico e x cu r su s su l l e qual it à elem ent ari dei m et alli
e una pi ù ampia esposizi on e degli spi ri t i , dei sali e degli allum i: «d el ­
le nat ur e dei sali e degli allum i dir em o segret am ent e com e operan o
n el l ’alchim ia» (534). Su quest o aspet t o l 'au t or e si di ffonde a l ungo,
dan do det tagli su ll a pr oveni enza e le car at t eri st iche delle sost anze m i ­
nerali, olt re a r icet t e nelle qual i sono ci t at i l u oghi e personaggi di t u t ­
ta l ’area m edit erranea.
Fr a gli ingredient i necessar i per Y o p u s è r icordat a anche «u n 'er ba
che si t rova in Spagn a ed è detta m a t e r si l v a » , nonché il «san gue di
un uom o dai capel l i r ossi » (537), che è il pr im o ingredient e del
“ m agist ero m aggi or e” . Inauguran do un a t radizi on e che ver r à r ipr esa
da pi ù di un al chi m i st a post eri ore, infat t i , M i ch ele di st ingue u n’op e­
ra m aggi or e ed u n a m i nore. L ’i ndicazione del sangue è pi ut t ost o am ­
bi gua: si dice che il sa n g u i s h o m i n i s r u f f i «b r u ci a il sangue di r ospo»
e addi ri t t ura ch e «bru cia tutti i m et alli », apr en do un consist ent e
du bbi o che non di sangue si tratti, m a di un acido con un ru ol o
chi ave nel pr ocesso. M a in altri testi d el l ’epoca e anche di m ol t o p o ­
st eri ori il sangue um ano ven ne cert am ent e i nt eso alla l et t era, dan do
l uogo a una int eressant e variazione su l t em a dell e m anipolazi oni d i ­
st ill at ori e 27.
M i ch ele è ani m at o da u na pr eoccupazione innanzit ut t o en ci cl ope­
dica: «V ogl i o m et t er e a disposizione tut t a l ’alchim ia» ( 533) , afferm a
nel pr ologo 28. D i fat t o la sua conoscenza dei mat eriali e del l e r icet t e

I2 4
7- F R A D U E C I V I L T À

operat ive è spesso ricondot t a, com e nelle en ci cl opedi e del t em po, agli
au ct or es: sol o che qu i non si t rat t a, o non solt ant o, di aut ori di testi
scrit t i, quant o di alchi m i st i sia lat ini che «sar aceni », e anche d i opera­
t or i non st ret t am ent e appart enent i al l ’alchi m i a, com e i far m aci st i di
M on t pell i er. N el l a par t e ricet t arist ica son o num erosi i person aggi ci ­
t at i per nom e: M ael i s o Baesis, sar aceno di M ai orca; Bar bar an u s, sa­
raceno di A l ep p o; Teodosi o, sar aceno di Tuni si; il m aest ro Gi acom o
ebr eo che opera «ap u d Sarzanum »; M od i far fi l osofo sar aceno «de
A fr i ca» e così via. Fr at e Eli a vi ene r i cor dat o più vol t e, e addi ri t t ur a
u n a delle ricet t e è “ fi rm at a” da Bar ac Sar aceno ch e dice di averla
«t rasm essa a te, fr at e El i a»( 549 ) 29. L 'i n t r ecci o at t orno al L u m en lu-
m i n u m non era du n qu e un caso isolat o, e l 'im pression e che si ricava
in generale da quest i t est i è quel l a di un brul i care di r icer che nell ’a­
r ea m edit erranea e di una vivaci tà di scam bi fra alchim ist i, a t est i m o­
ni anza di u n ’am pi a r et e i nt ercult urale.
N ellVlr s a l k i m i a e riscont ri am o anche il primo affacci ar si in uno
scri tt o sicuram ent e l at in o di m et afore com e quella dell a fon t an a e del
serpent e, dest inat e a divent are m ot i vi cent rali n ell’i con ogr afia alche­
m i ca alle soglie del Ri nascim ent o.

Q u i è la fon t e d o ve si n ascon d e il ser p en t e il cu i vel en o m et t e a m o r t e t ut t i i


co r p i , e qu est o è i l segr et o dei segr et i di q u est a scienza, qu el l o ch e i fi l osofi
h an n o occu l t at o n ei l or o l i b r i per ch é n essu n o p o ssa con faci l i t à i m p ad r o n i r si
d i t ant o segr et o. E q u est o il t esor o del l a co sa ch e i n n al za il p o v er o dall a
p ol ver e e n e fa u n r e, l a cosa per cu i il fi l osofo Er m et e di sse di esser e i n n al ­
zat o al di sop r a di ogn i t i t ol o (534).

A questa enfat ica dichi arazione segu e la raccom andazi one r ivol t a al
dest inat ario del l ’opera, affinché sveli i segret i di cui è deposi t ari o solo
a quant i ne sono degni , escludendo gli st olt i e gli avari , ma anch e i re
e i magnati. L a di ffu sion e dell’alchi m i a va di pari passo con l ’esor t a­
zi one alla caut el a ri vol t a a quant i ent rano in possesso del suo sapere
segr et o e pot en t e, che è tut t avia t rasm esso per scrit t o, e qu i n di p o­
t enzialm ent e r eso accessi bi le a m olt i. L'in con gr u i t à di quest o «dire
segret am ent e» non ver r à mai risol t a, né esplicit am ent e affr on t at a, nel­
la t radizione lat ina.

N ote

1. Rier a i T u è b o l s ( 19 8 3, p p . 2 1, 33- 59 ) .
2. O p so m er , H a l l e u x ( 19 9 4) .

125
A R C A N A S A P I E N Z A

3. D o d w el l ( 19 8 6 , pp. 96-8). La ricet t a co m p ar e an ch e in al t r i con t est i , p er


esem pi o in un m an oscr i t t o p r at i co -n at u r al i st i co ( L o n d o n , Br i t i sh L i b r ar y, A r u n d el
2 5 1, f . 19 V ) , d ove è T u n i ca esp l i ci t am en t e con si d er at a al ch em i ca.

4. O p so m er , H al l eu x ( 19 9 4 , p . 4 4 0 ) .
5. Q u est o n on si gn i fi ca, n at u r al m en t e, ch e u n o r i gi n al e ar a b o n on esi st esse, an zi
il con t r ar i o è cer t o p er il T e st a m e n t o di M o r i en o e m o l t o p r o b a b i l e p er il D e a n i m a i n
a r t e a l c h e m i a e . Pi ù d i ffi ci l e, p er l a m an can za d i sp eci fi ci st u d i , p r on u n ci ar si sull e f f e t ­

tiva o r i gi n e dei Se cr e t a H e r m e t i s e d el D e p e r f e c t o m a g i st e r i o .
6. T h o r n d i k e ( 19 3 0 e 19 4 3 ) . D t esto è ed i t o, col t i t o l o di Se c r e t a H e r m e t i s p h i l o -
so p b i i n v e n t o r i s m e t a l l o r u m se c u n d u m m u t a c i o n i s n a t u r a m , i n T h o r n d i k e ( 19 4 3 ) , a cu i

si r i fer i scon o i rinvii f r a p ar en t esi n el testo.


7. Su l l e var i azi on i n el col l egam en t o fr a p i an et i e m et al l i cfr . su p r a , p a r . 2 . 2 .
8. Silverstein (1954).
9. Ed i z i o n e cr i t i ca in St aven h agen ( 19 7 4 ) . L e ci t azi on i son o tr at t e dalla t r ad u z i o­
ne it ali an a, Per eir a ( 19 9 6 ) .
10 . A n ch e di q u est ’op er a esi st e solo il t est o l at i n o ch e si r it ien e r ed at t o d a u n
au t or e sp agn o l o sulla b a se di m at er i al i arabi: cfr . R u sk a ( 19 3 4 ) , An aw a t i ( 19 7 1) . C a r u ­
si ( 19 9 5 ) ri t i en e i n vece si tr att i d i u n a ver a e p r o p r i a t r ad u z i on e di u n o o più testi
arabi.
11. C ar u si ( 19 9 5, p p . 69, 72) .
12 . I l t est o è ed i t o n ella r acco l t a A r t i s C h e m i c a e P r i n c i p e s st am pat a a Basi lea n el
15 7 2 . I r i fer im en t i fr a p ar en t esi n el t esto son o alle p agi n e d i q u est a ed izion e.
13. C i o è col l egat o alla scu o l a m ed i ca di Sal er n o. I n q u est o cen t r o d ’i n segn am en ­
to m e d i co di an t ica fo r m az i on e si svi l u p p ò a par t i r e d a l l ’xi secol o u n ’el ab or azi on e
t eor i ca d el l a m ed i ci n a, favor i t a d a l l ’i n t r od u zi on e dei t esti d el l a t r ad i zi on e gr eco -ar ab a
t r ad ot t i d a Cost an t i n o Af r i can o .
14 . Bu m e t t ( 19 8 8 , p. 17 2 ) ; Ja cq u a r t ( 19 8 8 , p. 4 2 7 ) . Pr o fi l o b i ogr afi co in D r o n k e
( 19 8 8 , p p . 4 5 3 - 4 ) . Se co n d o O p so m er , H al l eu x ( 19 9 4 , p. 4 3 8 ) , n ella D i sc i p l i n a cl e r i c a l i s

vi è fo r se q u al ch e al l u si on e al l ’al ch i m i a.
15 . A cco l go qui l ’i n t er p r et azi on e p r o p o st a da Car u si ( 19 9 5 ) , ch e essa si n t et izza
i r on i cam en t e affer m an d o ch e il D e a n i m a i n a r t e a l c h e m i a e « è un esem p i o eccel l en t e
di co m e u n con cet t o esp r i m i b i l e con due o t r e p ar ole p o ssa essere ab i l m en t e d i ssim u ­
lat o sot t o u n a colt r e d i i m m agi n i » ( p. 51) .
16 . Cfr . pa r . 8 .5.
17. C f r . Per eir a ( 19 9 5b , p p . 116 - 20 ) .
18 . K n o x , Sch m i t t ( 19 8 3 ) , n. 5 8 (cfr . n. 5 6 per la r ed azi on e b r eve) ; M u l t h a u f
( 19 6 6 , p p . 16 3 - 4 ) . H a l l e u x ( 19 9 6 ) defin i sce il D e p e r f e ct o m a g i st e r i o «a gr eat classi c o f
al ch em y». I l testo si p u ò legger e n el l 'ed i zi on e vu l gat a con t en u t a nel t er z o vol u m e d el
T h ea t ru m C h e m i c u m , e in M a n ge t , B i h l i o t h e c a C h e m i c a C u r i o sa , cit., voi . 1, pp. 6 3 8 - 5 9

(a q u est a si r i fer i scon o i r invii f r a par en t esi) .


19 . M u l t h au f ( 19 6 6 , p. 16 4 ) .
20 . L ’id ea che gl i st u d i a h u m a n i t a t i s fosser o stati “ t r asp or t at i ” dalla G r e ci a a
R o m a, e d a lì nelle i so l e b r i t an n i ch e, per p oi t or n ar e n el l ’Eu r o p a car ol i n gi a, era st at a
fo r m u l at a in un p r i m o m om en t o al l ’epoca della r ifor m a d el l e scu ole di C ar l o M a gn o e
A l cu i n o . D e Li b er a ( 19 9 4 ) r i p r en d e qu esta “et i ch et t a” st o r i ca per d escr i ver e il co m ­
pl esso p er co r so della filosofia, d al l a G r eci a at t r aver so Bi san zi o, la Si r i a e l ’I sI am fi n o
alla scol ast ica latina.
2 1. H a l l e u x. M e yva er t ( 19 8 8 ) la d efin i scon o «cah i er s d e l abor at oi r e [...] [ q u i ]
l aisse les t h éor ies à l ’ar r i èr e-p l an ».

12 6
7 - TRA D U E C I V I L T À

22. Bu m et t ( 19 9 2) . L e “i n t er r ogazi on i ” so n o u n o sp e ci al e r am o d e l l ’ast r o l ogi a


che t r ae d al l ’aspet t o d el cielo la rispost a a u n q u esi t o r e l at i vo a si t u azi on i d i fat t o o
all esito di iniziative ch e si p r o get t a di i n t r apr en d er e.
23. H al l eu x ( 19 9 6 , p p . 8 9 1- 3) .
24. Su l l al ch i m i a al la cor te d i Fed er i co 11 cfr . H a l l e u x ( 19 9 4) .
25. Bu m et t ( 19 9 4 ) .
26. L 'A r s a l k i m i a e è edita in T h om son ( 19 38 ) , alle cu i pagin e r i n vi o n el t est o; il
Lu m en l u m i n u m è in Br o w n ( 18 9 7) .
27. C f r . Per eir a ( 19 9 5a ) ; R om sw i n k el ( 19 74 ) .
28 . «T ot am vo l o t r a n si t a r e alk im iam ». I l ver b o l at i n o t r a n c i a r e d er i va dal cl a s­
sico t r a n s f e r r e , che i n d i ca sia la tr ad u zi on e l i n gu i st i ca ch e il t r aspor t o m at er i al e, d u e
m odi d i ver si e com p l em en t ar i d i «m et t er e a d i sp o si zi on e».
29 . E chiaro d al l a p r esen t azi on e di qu est a r i cet t a e d a altri p ar t i col ar i ch e il t est o
che i m an oscr it t i ci h an n o t r am an d at o non p u ò esser e in t er am en t e o p e r a di M i ch e l e
Scoto.

127
8

F al sar i e f i l o so f i

8.1
Si m ia n at u r ae

N e l l a se co n d a m e t à d e l D u e ce n t o , a p o co p i ù d i u n seco l o d a l l a t r a ­
d u z i o n e d e i p r i m i t e st i su l l a t r a sm u t a z i o n e , l 'i n t e r e sse p e r l 'a l c h i m i a
er a d i f f u so n e l T O cci d e n t e l a t i n o a t u t t i i l i ve l l i so ci a l i : o l t r e a q u a n t i
scr i v e v a n o p er r i f l e t t e r e su q u e st o n u o v o sa p e r e o p e r co m u n i ca r n e i
segr et i , a n co r a p i ù n u m e r o si e r a n o co l o r o ch e si d e d i ca v a n o co n f e r ­
vo r e al l e p r a t i ch e t r a sm u t a t o n e , e si cu r a m e n t e m o l t i v e d e v a n o i n e s s e
u n a sco r ci a t o i a p e r p r o cu r a r si r i cch e z z e e il f a v o r e d ei p o t e n t i . N e l
p i ù v a st o a m b i t o d e l l a so ci e t à c'e r a ch i , se n z a t r o p p o p r e o c c u p a r si
d e l l e q u e st i o n i t e o r i ch e , d a v a cr e d i t o a gl i a l ch i m i st i , e ch i n e d e r i d e v a
gli sf o r z i : f r a i p r i m i f i gu r a n o d i ver si so v r a n i al l e p r e se co n p r o b l e m i
e co n o m i ci se m p r e p i ù p r e ssa n t i (le v i ce n d e e co n o m i ch e d el l a F r a n c i a
so t t o F i l i p p o il B e l l o n e so n o l 'e se m p i o p i ù cl a m o r o so , m a n on il
sol o) '.
Il t e st o d i M i ch e l e Sco t o ci h a gi à i n d i ca t o la p r e se n z a d i u n a r e t e
di r i ce r ca t o r i e l 'i n t e r e sse d e l l a co r t e f e d e r i ci a n a p e r l 'a l ch i m i a . A n a ­
l o ga su gge st i o n e si r i ca v a d a t e st i m o n i a n z e e st e r n e al l a t r a d i z i o n e a l ­
ch e m i ca .
C o n si d e r i a m o i n p r i m o l u o g o i ve r si d e d i ca t i , n e l l a D i v i n a C o m ­
m e d i a , ai d u e a l ch i m i st i ch e D a n t e co l l o ca n e l l 'i n f e r n o , n el l a b o l g i a
d ei f a l s a r i L ’i m m a gi n e ch e n e vi en e d a t a è e st r e m a m e n t e i n d i ca t i v a
d e l l a p e r ce z i o n e ch e d i essi si a ve va n el l a v i t a ci t t a d i n a : i n u n p a e ­
sa ggi o so r d i d o d u e p e r so n a gg i co n l a p el l e r o vi n a t a d a l l a sca b b i a si e ­
d o n o f i a n co a f i a n co , r i v e l a n d o co n il co n t i n u o gr a t t a r si il t o r m e n t o
ch e, l et t e r a l m e n t e , l i r o d e . I l p r i m o d e i d u e , G r i f f o l i n o d 'A r e z z o , r a c ­
co n t a l a su a st or i a: a v e v a d e t t o a d u n p o t e n t e cr e d u l o n e d i sa p e r si
l e va r e i n vo l o , e q u e l l o , co n st a t a n d o ch e l 'a f f e r m a z i o n e n o n co r r i ­
sp o n d e v a a ver i t à , l 'a v e v a f at t o co n d a n n a r e a m o r t e p e r n e cr o m a n z i a

12 9
A R C A N A S A P I E N Z A

ed eresi a. Tu t t avi a Gr i ffol i n o sot t ol in ea che la sua era st at a solo una


vant er i a, u n o sch er zo (e i nfat t i D an t e non lo col l oca nell a cerchia d e­
gli er et ici), m ent re la con dan n a di vin a è dovu t a alla pr at i ca dell’al ­
chim ia ( x x v m , 118 - 20 ) : «M a n el l ’ult im a bol gi a dell e di ece / me per
l ’alchi m i a che nel m ondo u sai / dan n ò M inòs a cui fal lar non l ece».
L ’alt ro al chi m i st a, Capocch i o da Si en a, ch i ar isce per ch é l ’alchimia
fosse m ot i vo di dannazi one (ivi, 136-9) : «sì vedr ai ch ’i o son l ’om bra
di Capocch i o, / ch e falsai l i m et alli con alchim ia: / e t e dee ricordar,
se ben t ’adocch i o, / com ’io fu i di nat u ra buona sci m i a». L a «scim m ia
della n at u r a» è, ovvi am ent e, il fal sar io, e il car at t er e negat i vo dell a
m et afora, di uso frequent e n ei secol i xn e xm , è i n d u bbi o \
D a n t e scr i v e v a n o n m o l t i an n i p r i m a d e l l a co n d a n n a d e gl i a l ch i ­
m i st i , ch e G i o v a n n i xxn a v r e b b e e m a n a t o n el 1317, a ccu sa n d o l i n el l a
b o l l a S p o n d e n t q u a s n o n e x h i b e n t d i p r o m e t t e r e ci ò ch e n o n p r o d u co ­
n o 4; m a il d u b b i o su l l a l i ce i t à d e l l ’a r t e e su l l a su a co n t i gu i t à co n l e
p r a t i ch e d i f r o d e e r a e m er so gi à d a t e m p o n el l ’a m b i t o d e l l a d i scu ssi o ­
n e sco l a st i ca su l l ’a l ch i m i a . C i ò n o n o st a n t e , T o m m a so d ’A q u i n o a v e va
scr i t t o n el l a Su m m a T h e o l o g i a e ch e « se gl i a l ch i m i st i f a ce sse r o o r o
v e r o co n l a l o r o a r t e , sa r e b b e l e ci t o u sa r l o » ( n - n a e , q . 77), e d i gi u r i ­
st i co n t i n u a r o n o a l u n go a d i b a t t e r n e , p i ù sp e sso a sso l v e n d o la p r a t i ­
ca a l ch e m i ca ch e n o n co n d a n n a n d o l a . L a p e r ce z i o n e p i ù d i ff u sa e r a
t u t t a vi a ch e gl i a l ch i m i st i f o sse r o se m p l i ce m e n t e d ei f a l sa r i , la cu i
p r o d u z i o n e se r vi va a co n i a r e f a l sa m o n e t a , a r r e ca n d o u n d a n n o g r a ­
vi ssi m o a l l ’i n t er a co m u n i t à so ci a l e . I n f a t t i , in co n se g u e n z a d e l l a cr i si
m o n et ar ia m a n i f e st a t a si a p a r t i r e d a gl i an n i O t t a n t a del D u e ce n t o ,
co n l ’a p p r e z z a m e n t o d e l l ’o r o e il r a f f o r z a m e n t o d e l b i m e t a l l i sm o , a t ­
torn o al 1300 il p r o b l e m a d e l l a f al si f i ca z i o n e d e l l ’o r o e r a d i ve n u t o
d ’a t t u a l i t à in t u t t a E u r o p a \
Pi ù o m eno alla stessa ep oca r isalgono le pr i m e con dann e em ana­
te dai capi t ol i generali degl i or di ni m endicant i con t r o col oro che si
dedicavan o alla t rasm ut azi one (\ L a prim a fu em essa dal capit olo ge­
nerale dei dom eni cani nel 1273, l ’ult im a nel 1434; si viet ava «a tutti i
frati di st udi are, insegnare o pr at icar e l ’alchimia in qualsiasi m odo» e
di t enere l ibr i di quest a sci enza, m a ni ent e di pr eci so viene det t o su l ­
le loro pr at i che, se non che com por t avan o p e r i cu l a sca n d a l o sa 7. A l l ’i ­
nizio n on erano previ st e puni zi oni , ma nel 1287 com par e la condanna
alla pr igi on e e f r a i l i 3 i 3 e i l 1323 la scom unica. Un cr escendo an a­
logo si r egi st ra nell e condanne em esse d al l ’or di ne fr an cescan o, in cui
l ’i nt eresse per l ’alchimia era cert am ent e stato vi vo fin d al l ’epoca di
El i a da Cor t on a, generale d el l ’or di ne dal 1226 al 1239 . E st at a perfi­
no i pot izzat a la presenza di una soci et à segret a di alchim ist i tra i
francescani 8. E cer t o.ch e u n num ero così elevat o di diviet i most ra l a

13 0
8 . F A L SA R I li F I L O S O F I

persist enza, e anzi verosi m i lm ent e l 'in cr em ent o del l e pr at i ch e ripet u­


tamente viet at e.
Della diffu si on e del l 'opi ni one che vede negli alchi m i st i dei falsari
- con la vari ant e, t ut t o som m at o ben evola, che n e fa sem pli cem ent e
dei creduloni illusi e pront i ad illudere - , si hanno num er osi esem pi
nella let t erat ura del Trecent o: Paol o da Cer t aldo afferm ava ch e non si
doveva cr eder e a nessuno che si di ch i ar i alchim ist a, m ent re il Sac­
chet ti nel suo T r e c e n t o n o v e l l e usa la par ol a a r ch i m i a com e sinonim o
d i “ i ngan n o” . I r on i ci apprezzam ent i sul l'al chi m i a si t rovan o presso
u n anonim o M e i st e r si n g e r t edesco, così com e nel poem a di W i lliam
Lan gl an d, P i e r s t h e P l o w m a n ; e gli esem pi pot rebbero m ol t i plicarsi,
t ant o da far sospet t ar e che in br eve t em po la figur a del l ’alchim ist a
falsario fosse di venut a uno st er eot ipo, ch e si t rasm et t e com e t ale alla
let t erat ura delle epoch e successive. I du e esem pi più celebr i di età
m edievale sono il Cal an dr i no del Boccacci o, non un ver o alchim ist a
m a un sem pl i ci ot t o che cer cava la “ pi et r a” e fu ogget t o di i nnum er e­
voli beffe da par t e dei suoi com pagni; e il vallet t o del can on i co di
Chaucer, che r accon t a la st oria del suo padr on e senza apparent em en­
t e mai du bi t ar e del l a sua capaci t à e dell a sua onest à, ma m et t endone
candi dam ent e a n u do i fallim ent i; nel Ri nascim ent o bast a pensar e a
U a l c h i m i st a di Ben Jon son ( 16 10 ) . Con cent r an dosi sugli aspet t i nega­
t ivi e i pocr it i del l 'ar t e, quest i t est i i l lust r ano l ’opi ni one cor rent e: pu r
non rifiut ando del t ut t o la possi bi l it à dell a t rasm ut azione, si è in ge­
nere convint i che la ricerca alchem i ca possa sfoci ar e solo n el l ’i m pove­
rimento e n ell 'aut oin gan no, se non addi ri t t ur a nell a folli a o nel cr i­
m ine 9.
Il d u bbio d i f f u so su l l a ve r i t à d e l l 'a l ch i m i a , r affo r z at o f i l o so f i ca ­
m e n t e d a l l a d i scu ssi o n e ch e n e a v e v a f a t t o A v i ce n n a , p r o v o cò il t e n ­
t a t i vo d a p a r t e d e gl i al ch i m i st i d i d i f e n d e r e la v a l i d i t à d e l proprio
o p e r a t o . U n t e st o d i e st r e m o i n t e r e sse , co m p o st o p r o b a b i l m e n t e n e l l a
p r i m a m e t à d e l D u e ce n t o e i n t i t o l a t o se m p l i ce m e n t e L i b e r H e r m e t i s ,
ch i a r i sce i n m a n i e r a r a d i ca l e il r a p p o r t o f r a l e o p e r a z i o n i d e l l ’a l ch i ­
m i a e q u e l l e d e l l a n a t u r a ro. L 'a l ch i m i a , ch e i n se gn a co sa si a n o « l 'e s­
se n z a d e i m e t a l l i e l a l o r o t r a sf o r m a z i o n e » , r e n d e p o ssi b i l e f a r e l 'o r o
cu i l a st e ssa « m e n t e d e l l a n a t u r a » t e n d e co m e r i su l t a t o p e r f e t t o a n ch e
q u an d o p r o d u ce gl i al t r i m e t al l i . In q u e st o m odo l 'a r t e a l ch e m i ca
p r o cu r a b e n e sse r e e so d d i sf a z i o n e : « d o n a a l l 'a n i m a g r a n d e gi o co n d i t à
e l i b er a il co r p o d a l l a sch i a v i t ù » , a t t r a v e r so u n 'a t t i v i t à a r t i f i ci a l e ch e
p r o d u ce o p e r e i d e n t i ch e o su p e r i o r i a q u e l l e n a t u r a l i .

L e oper e u m an e in d i ver si casi son o l e st esse d i qu el l e n at u r al i [ ...] . A n zi , i


p r od ot t i ar t i fi ci al i son o m i gl i or i di q u el l i n at u r al i , com e co n fer m an o gl i

13 1
A R C A N A S A P I E N Z A

esper t i d el l e sost an ze m i n er al i [ ...] . L ’al b er o sp on t an eo e l ’al b er o i n n est at o


ar t i fi ci al e son o al ber i en t r am b i ; l e ap i n at u r al i e l e api p r o d o t t e d al l a car cassa
di u n b u e son o ap i en t r am b e; del r est o n on è pr op r i am en t e l ’ar t e ch e fa
qu est e cose, m a p i u t t ost o ai u t a l a n at u r a a f ar l e [ ...] l e o p er e u m an e p osson o
d u n q u e esser e n at u r al i p er q u el ch e r i gu ar d a l ’essen za [ d el l a cosa fat t a] e
ar t i fi ci al i p er qu el ch e r i gu ar d a l a p r o ced u r a ar t i f i ci al e [ p er far l a] .

Il Liber H er m et is p on e t u t t a v i a u n a ch i a r a d i st i n z i o n e , i n b a se al l a
q u a l e l ’a r t e p r o d u ce co se m i gl i o r i d e l l a n a t u r a n e l l ’a m b i t o d e l l e m a t e ­
r i e i n a n i m a t e , m e n t r e è se m p l i ce co a d i u t r i ce n ei p r o ce ssi a r t i f i ci a l i
ch e r i gu a r d an o i co r p i vi v e n t i . G li a l ch i m i st i ge n e r a l i z z e r a n n o en ­
t r a m b e l e p o ssi b i l i t à o sci l l a n d o f r a e sse , o r a a t t r i b u e n d o a l l ’a r t e l a
se m p l i ce f u n z i o n e d i co a d i u t r i ce d e i p r o ce ssi n a t u r a l i , o r a r i t e n e n d o l a
ca p a ce d i o p e r a r e o l t r e i l i m i t i d e l l a n a t u r a r i sp e t t o a t u t t i i co r p i ,
an i m a t i e i n a n i m a t i ; si a p r i v a co sì l a st r a d a ai p i ù sf r e n a t i so gn i d i
m a n i p o l a z i o n e d e l l a r e a l t à m at e r i a l e.

8 . 2

U n n u o v o sa p e r e

Le t r a d u z i o n i sci e n t i f i ch e d a l l ’a r a b o f u r o n o u n f a t t o r e d e t e r m i n a n t e
n e l l a r i d e f i n i z i o n e sco l a st i ca d e l l a f i l o so f i a n e l l e u n i ve r si t à . A l c u n i d e i
p e n sa t o r i ch e e l a b o r a r o n o e sp l i ci t e r i f l e ssi o n i su l l a n u o v a o r ga n i z z a ­
z i o n e d e l l e sci e n z e ce r ca r o n o d i i n se r i r v i l ’a l ch i m i a , i cu i a u t o r i si e r a ­
no t r ad izi on al m en t e d en om in at i f i l o so fi , t alor a co n si d e r a n d o l a una
p a r t e d e l l a sci e n z a n a t u r a l e ( ch e er a, a p p u n t o , u n a d e l l e p a r t i d el l a
f i l o so f i a n e l l a vi si o n e i n n o va t i v a d i D o m e n i co G u n d i sa l v i ) , t a l o r a su ­
b o r d i n a n d o l a a l l ’a st r o n o m i a , co m e f e ce f r a gl i al t r i u n i m p o r t a n t e f i ­
l o so f o i n gl e se d ei p r i m i d e l D u e ce n t o , R o b e r t o G r o ssa t e st a 11.
D o p o i p r i m i t e n t a t i v i d i i n se r i r e l ’a l ch i m i a n el q u a d r o d e l l e d i sci ­
p l i n e sco l a st i ch e v i f u si cu r a m e n t e u n p e r i o d o in cu i essa f u o gge t t o
d ’a t t e n z i o n e n e l l ’a m b i t o d e l l e u n i v e r si t à , co m e t e st i m o n i a n o l e Q u a e -
st i o n e s d i m e t e o r o l o gi a d i N i co l a P e r i p a t e t i co 12 e i l L i b r o d e i se g r e t i
d e l l ’a l ch i m i a , scr i t t o d a u n o st u d e n t e d i m e d i ci n a d i B o l o g n a , C o st a n ­
t i n o P i sa n o , il cu i t e n t a t i v o d i l e gi t t i m a r e sci e n t i f i ca m e n t e il d i sco r so
su l l a t r a sm u t a z i o n e « p e r ch é i se gr e t i [ d e l l ’a l ch i m i a ] so n o m o l t o co n ­
f u si e so n o n o t i a p o ch i ssi m i » se m b r a r i f l e t t e r e p a r t e d i u n co r so u n i ­
v e r si t a r i o su l t est o a r i st o t e l i co d e i M e t e o r o l o g i ca I 3.
C o st a n t i n o , co m e g i à Sco t o , r i p o r t a m o l t e r i cet t e e a d d i r i t t u r a u n
i n t e r o t r a t t a t e l l o d i p r a t i ca t r a sm u t a t o r i a , l a Sem i t a r ect a \ m a so p r a t ­
t u t t o se m b r a a n i m a t o d a u n a p r e o ccu p a z i o n e e p i st e m o l o gi ca ch e l o

13 2
8 . FA L SA R I IZ F I L O S O F I

p o r t a a t en t ar e u n a ser i e d i p ar al l el i co n sa p e r i p i ù sa l d a m e n t e a n c o ­
rati n el l a cu l t u r a d e l t e m p o : a l ch i m i a e m e d i ci n a , p e r ch é e n t r a m b e
d i p e n d o n o d a l l a p h ysi ca \ a l ch i m i a e d a st r o l o gi a , p e r ch é « n e ssu n o p u ò
a d d en t r ar si n e l l ’ a l ch i m i a se n on co n o sce i n f a l l i b i l m e n t e i l m o t o dei
co r p i cel est i »; in fin e a l ch i m i a e p rofezia, p e r ch é Ya r s a l ch i m i ca è
« m o l t o p r o f o n d a e m o l t o o scu r a [ . . . ] co m e l a sci e n z a n e i p r o f e t i , c o s ì
l’a l ch i m i a n el l ’a m b i t o d e l d i sco r so f i l o so f i co » *4 .
A n ch e a l cu n i e n ci cl o p e d i st i a cco l g o n o n ei l o r o t e st i i l n u o v o s a p e ­
re. A r n o l d o d i Sa sso n i a r i t i e n e d i p o t e r co n f u t a r e l a cr i t i ca a v i c e n n i a -
na d e l l ’a l ch i m i a a t t r i b u e n d o ad E r m e t e (e co sì r o v e sci a n d o l a d i se ­
gn o ) l ’a f f e r m a z i o n e f i n al e d e l l o Sc i a n t a r t i f i ce s , ch e l a t r a sm u t a z i o n e
dei m e t al l i è i m p o ssi b i l e « a m e n o ch e i m e t a l l i n o n si a n o r i p o r t a t i a l l a
l o r o p r i m a n a t u r a » ; la p r i m a m at e r i a, p r i n ci p i o ast r at t o e i n a c c e ssi b i l e
n el l a fi l o so fi a a r i st o t e l i ca , è i n fat t i p e r gl i a l ch i m i st i u n o st a t o c o n ­
cr e t o d ei co r p i , ch e so n o co n vi n t i d i o t t e n e r e n d Y o p u s. L o st e sso ar­
go m e n t o è u t i l i z z a t o d a V i n ce n z o d i B e a u v a i s si a n el l o Sp e c u l u m d o c -
i r i n a l e , d e d i ca t o a l l a d i scu ssi o n e su l l e sci e n z e , l e ar t i e l a t e o l o gi a , c h e
n el l o Sp e cu l u m n a t u r a l e , d e d i ca t o a l l a d e scr i z i o n e d e l l a r eal t à. L ’a m ­
b i gu o st at u t o e p i st e m o l o gi co d e l l ’a l ch i m i a , ch e « p u ò e sse r e a b u o n
d i r i t t o a n n o v e r a t a f r a le a r t i m e cca n i ch e » m a « d i p e n d e d a q u e l l a p a r ­
te d e l l a f i l o so fi a n a t u r a l e ch e r i g u a r d a i m i n e r a l i , co m e l ’a g r i c o l t u r a
d a q u e l l a ch e r i g u a r d a i ve ge t a l i » è e v i d e n t e a n ch e d al d u p l i ce c o n t e ­
st o i n cu i V i n ce n z o n e d i scu t e , 5.

8 .3
A l ch i m i a e f i l o so f i a n at u r al e

A q u e st i p a st i ch e s e p i st e m o l o gi ci si co n t r a p p o n e l a ch i a r e z z a d e l d i­
sco r so d i A l b e r t o M a g n o su l l ’a l ch i m i a . N o n è q u e st a la se d e p e r r i c o ­
st r u i r e , n e p p u r e so m m a r i a m e n t e , l a f i gu r a d i q u e st o i n t e l l e t t u a l e d a l l e
a m p i e ve d u t e , i l cu i i n se gn a m e n t o i n cl u se i t e st i d i A r i st o t e l e a f i a n c o
d i gr a n d i e sp o n e n t i d e l l a t r a d i z i o n e n e o p l a t o n i ca co m e D i o n i g i p s e u -
d o - A r e o p a g i t a e i l L i b e r d e ca u si s, e a p r ì l a vi a a p e n sa t o r i co sì d i v e r s i
co m e T o m m a so d ’A q u i n o , Si gi e r i di B r a b a n t e , M e i st e r E ck h a r t , 6 .
B a st e r à r i co r d a r e ch e a f i a n co d e gl i i n t e r e ssi f i l o so f i ci e t e o l o g i ci A l­
b e r t o co l t i vò u n a cu r i o si t à sci e n t i f i ca a m p l i ssi m a , a r r i cch e n d o il s u o
sa p e r e co n a p p o r t i so st a n z i o si d e l l e sci e n z e a r a b e . P r o p r i o l a su a c o ­
n o sce n z a d i f o n t i n a t u r a l i st i ch e e x t r a - a r i st o t e l i ch e l o r ese c o n sa p e v o l e
d i u n a l a cu n a n e l si st e m a sci e n t i f i co r a cch i u so n ei l i b r i d i A r i st o t e l e :
u n a sci e n z a d e i m i n e r a l i è so l o p r o m e ssa al l a f i n e d e l t e r z o l i b r o d e l l e
M e t e o r e , e co m e si è v i st o gi à A v i c e n n a a v e v a sen t i t o l a n e ce ssi t à di

133
A R C A N A S A P I E N Z A

com pletare l'esp osizion e aristotelica scr iven do il D e con g ela t ion e et
con g lu t in a t ion e la p id u m 17. Alber to fa lo stesso, ricorren do agli alchi­
m isti com e a fonti credibili di sapere.
Nel suo D e m in er a lib u s il ter zo libr o inizia con queste parole:

Dopo aver indagato la natura delle pietre, è ora il momento, conseguente­


mente, di indagare la natura dei metalli [...]. Ai fini della stesura di questo
libro, come dei precedenti, non ho visto la trattazione di Aristotele se non
per estratti, che ho ricercato con diligenza in varie parti del mondo. Esporrò
dunque secondo ragione sia quanto è stato tramandato dai filosofi, sia ciò di
cui mi sono accertato per esperienza. E infatti mi son fatto un tempo viag­
giatore, recandomi in remote zone minerarie, per poter avere esperienza del­
la natura dei metalli. A questo scopo ho anche indagato le trasmutazioni dei
metalli nei testi alchemici, per ricavare da essi una qualche chiarezza circa la
natura dei metalli e gli accidenti loro propri (144).

L ’alchimia è con siderata da Alb er t o u n ars, ma non un a pura tecnica


com e lo son o le “arti m eccan iche” : essa è infatti sorretta da un a teo­
ria specifica, quella della gen erazion e dei metalli, ch e rientra a pieno
titolo nella filosofia naturale. La v ir t u s for m a t iv a , ch e p rovien e dagli
astri, dispon e il m isto elem entare secon d o la forma sp ecifica dei me­
talli, «come la virtù formativa ch e è n ello sperma d egli anim ali» lh,
ovver o con ferisce a ciascun o di essi la sua identità; tale con cezion e è
con divisa d a m olti filosofi scolastici e, in particolare, da Tom m aso
d ’Aquin o.
Alberto si m ostra p er ò con sapevole ch e per la p ar te op er ativa l’al­
chim ia esula dalla filosofia naturale: «Per quan to con cer n e p oi la tra­
sm utazione di questi cor p i e la m u tazion e d i uno n ell’altro, n on spet­
ta al filosofo n aturale stabilire la verità al riguardo, m a all’arte che è
detta alchim ia» (145). Pertanto il filosofo prende in con sid er azion e le
varie opin ion i espresse nei libri d ’alchim ia: dopo le “sen ten ze degli
an tichi” ne esam ina un a che

asserisce che la sola specie dell'oro è la forma dei metalli, e che ogni altro
metallo è incompleto ed è ancora una tappa verso la specie dell'oro, come
appunto una cosa incompleta è un percorso verso la perfezione: pertanto ne
consegue che devono essere “malati” quei metalli che nella materia non han­
no la forma dell'oro. Gli alchimisti perciò si sono dedicati alla ricerca di una
medicina che chiamano elixir, tramite cui potessero rimuovere le malattie dei
metalli nella loro commistione e nei componenti (149).

Esamina successivam en te l'op in ion e di «Erm ete e d i altri filosofi» e


qu ella di Avicen n a; in breve, accu m u la a u ctor ita tes a favore di tesi

1 3 4
8 . F A L S A R I E F I L O S O F I

diverse, com e se stesse elaboran do il testo di un d ibattito un iversita­


r io (q u a estio) , la cu i soluzion e si basa sul par agon e fra alch im isti e
m edici: «gli esperti tra gli alchimisti op er an o com e i periti tra i m edi­
ci» , che p u r gan d o e rafforzan d o il cor p o sosten gon o la vir tù n aturale
p er m etten do la gu arigion e ad op er a della natura (n on d u n qu e p r od u ­
cen dola direttam en te).

Proprio alla stessa maniera sosteniamo che gli alchimisti periti operano nella
trasmutazione dei metalli. In primo luogo infatti purificano a fondo la mate­
ria dell’argento vivo e dello zolfo [...] rafforzano le virtù insite nella materia
- elementari e celesti - secondo la proporzione della mistione del metallo
che intendono produrre: e allora è la stessa natura che opera, e non Parte, se
non nel senso che questa interviene come strumento (159).

Alber to ritiene d u n qu e possibile l’alchim ia, ma n e limita la portata


alla preparazione della materia m edian te la dissoluzion e, riservan do
alla natura il con ferim en to della n u ova forma. Il suo ap p r occio co­
stituirà il riferim en to di quanti, filosofi ed alchim isti, s'in ter rogh eran ­
n o sulla verità di q u est ’arte; fra questi il già ricordato Vin cen zo di
Beauvais nello S p ecu lu m d octr in a le , e Tom m aso d ’Aqu in o. Qu esti
analizza lo sta tu s epistem ologico d ell’alchim ia nel p r ologo al D e Tri-
n it a t e di Boezio, d ove abbozza un qu ad r o sistem atico del saper e sco­
lastico: l’alchim ia è un 'ars m ech a n ica p er ch é è rivolta all’utilità del
cor po, ma com e la m edicin a e l’agricoltura ha necessità di con oscen ze
teoriche ch e d iscen d on o dalla filosofia n aturale e in p articolare d all’a-
strologia. Nel com m en to di Tom m aso alle M et eor e (la cui parte finale
è però opera di un discepolo) si arriva a definire l ’alchim ia un ’arte
«vera ma difficile a causa dell’occu lto op er ar e della virtù celeste» ,y.
Il dibattito su ll’alchim ia assum e p r opor zion i rilevanti in altri testi:
n ella Su m m a p er fect ion is m a g ister ii di Paolo di Tar an to/ Geber latino,
alchimista, sul quale tornerem o nel paragrafo successivo; n ella qu a e­
s t io scritta su ll’argom en to da un filosofo del Trecen to, Tim on e G iu ­
d eo, m agister a r t iu m a Parigi; e n ella Pr et iosa m argarita n ov ella del
m edico Pietr o Bon o da Ferrara ch e scriveva fra il secon d o e il terzo
decenn io del x iv secolo 2°.
Tim on e affron ta la problem atica relativa all’alchim ia n ell’am bito
d el com m ento alle M et eo r e e, com e Alb er t o Magno, tiene in debito
con to le op in ion i degli alchimisti a fian co di quelle dei filosofi, per
con cludere ch e l’alchim ia «esiste e p uò essere con osciu ta » 2'. Ma,
prosegue, «è assai difficoltoso e an ch e per icoloso per m olti m otivi d e­
dicarsi inten sam ente alla ricerca e allo stu d io di qu est’arte», p erché il
lin guaggio elusivo degli alchimisti, il labile confine fra alchim ia e p ra­

135
A R C A N A S A P I E N Z A

tich e di falsificazione, gli am bigu i rapporti con i poten ti ne m ostran o


le in qu ietan ti im plicazion i econ om iche, sociali e politiche.
Al con trario della m isurata disamina di Tim on e Giu d eo, la q u a e­
s t io del m edico Pietr o Bon o si svilupp a fino a diven tare un trattato di
am p ie p ropor zion i, la Pr et iosa m argarita n o v e lla , ch e la tradizion e al­
ch em ica successiva avr ebbe in globato com e op era d i e non (com ’era
di fatto) ^ / / 'alchim ia 22. Le n um erose e com p lesse obiezion i raccolte
son o esaminate con un con fr on to sim ile a q u ello istituito nel Co n cilia ­
t or dal m edico Pietr o d ’Ab an o p er raccordare filosofia naturale e
m ed icin a.
L ’analisi del lin gu aggio d ell’alchim ia è con d otta da Bon o m olto a
fon d o, per m ostrare che, se si in terpretano correttam en te le m etafore
usate dagli alchimisti, si posson o ricon d urr e le loro teorie app aren te­
m en te bizzarre ai discorsi della filosofia scolastica. « L’arte d ell’alch i­
m ia, su b alt er n an d osi25 alla filosofia n aturale e più propriam en te a
qu el su o settore che è la scienza dei m inerali, deriva dall’alto tutte
qu este con oscen ze [...] im posta u n ’ulteriore ricerca [...] e analizza
fino in fon d o l’op er azion e della natura nei m etalli, cosicché non resti
più n ulla di oscu ro negli arcani della natura cir ca la loro gen erazion e
e trasform azion e» (205).
Da t o il livello di specializzazion e raggiun to, per Bon o - com e già
p er Alb er to Magn o - spetta solo agli alchim isti trarre con clusion i (d e ­
t er m in a r e ) a p roposito della loro ars\ a tale ricon oscim en to si aggiu n ­
ge qu ello, anche più rilevan te, che alcuni aspetti teorico-pratici d el­
l’alch im ia non posson o com u n que essere an alizzati secon do i criteri
della razionalità scolastica, rim anendo aperti verso 1'ex p er im en t u m da
un lato e verso la con oscen za di tip o in tuitivo (illuminazione, d o n u m
D ei) d all’altro: «Più in gen er ale afferm iam o - poiché qu est’arte ci co ­
str in ge sia per la sua difficoltà, sia p er la sua peculiarità, ad am pliare
il d iscorso - ch e essa in parte è naturale e in parte è divina, cioè
sopra la natura [...]. E in oltr e si può afferm are che gli antichi Filosofi
di q u est ’arte, p r op r io scr iven d o in qu est’arte divina, in qualche m od o
fecer o profezie circa even ti futuri» (206).
N e ll’ottica di Bon o qu esta peculiarità d e ll’alchimia schiude i m i­
steri cristiani: qu ello della resurrezione dei cor p i innanzitutto, e p oi
qu ello della nascita ver gin ale e quelli, suprem i, d ell’in carn azion e di
Cr isto e della Trin ità. La «scienza sup eriore e divina», cui secon d o
M or ien o l’alchim ia in tr odu ce, per Pietr o Bon o si con den sa nei d ogm i
cristian i. Ritroverem o com e con ten u to cen trale della tradizion e a lch e­
m ica n el Rinascimento il legam e così forte e dir etto istituito nella Pr e­
tiosa m argarita con temi e figure della religion e cristiana. Fra la fin e
del Du ecen to e i primi anni del secolo successivo il registro in t er ­

13 6
8 . F A L S A R I E, F I L O S O F I

p retativo era rim asto in vece prevalentem en te qu ello filosofico in augu­


rato da Alber to Magno e proseguito da “G e b e r la tin o” e Ru ggero
Bacon e.

8 .4

La tr asm u ta zion e dei m etalli

L ’ap p or to di “Geb er la t in o” alla discussione su ll’alchim ia è quello di


un pratican te d e ll’arte ch e, r accoglien d o i m ateriali della tradizion e e
verifican doli alla luce d ell’esperien za, si accin ge ad un ’esposizion e
com plessiva (s u m m a ) 24. N on si sa tuttavia a qu ale p u b b lico esatta­
m ente fosse rivolto il suo lavoro di sistem azion e, fru tto di un articola­
to p rogetto iniziato con la rielaborazion e del L ib er secr etor u m d e v oce
Bu ba ca r is di RàzT col titolo D e in v est ig a t ion e p er f ect io n is , e proseguito
con la redazion e della T h eor ica et pratica e della S u m m a p er f ect ion is
m a g ister ii 2\
L ’identità d e ll’autore è stata scoperta solo d i recente: si tratta di
un fr an cescan o italiano, P a olo di Taran to, in d icato in un m an oscritto
com e lettore dei frati m in ori ad As s is i26. Di lu i n on si trova traccia
nelle fon ti dell’ordin e fr an cescan o, ma la sua apparten en za ad esso è
verosim ile; l’alchim ia vi era infatti largam ente praticata, com e m ostra
- oltre alle ripetute con d an n e - an ch e il fatto che n egli anni Sessanta
scriveva sicuram ente di alchim ia un altro fran cescan o, im portan te e
ben n oto per le sue attività di predicatore e di am m in istratore all’in ­
tern o d ell’ordin e: Bon aven tura da Iseo, autore del L ib er Co m p o s t ille ,
in cui son o accuratam en te esposte le con oscen ze relative ai metalli,
agli acidi m inerali e alla distillazion e, com e in un ordin ato sch edario
(in latin o: com p ost ile ) 27.
Solo n el secolo scorso si è defin itivam en te com p reso ch e la S u m ­
m a p er f ect ion is m a g ister ii n on è di origin e ar aba, ma è opera di un
alchim ista latin o che alla tradizion e islamica, di J àbir e RàzI in p ar ti­
colare, è fortem en te legato 28. Q u est ’opera è il p rim o esem pio im p or ­
tante di pseudoepigrafia n ell’alchim ia latin a, ed è p robabile che il
n om e d ell’autore presu n to sia una precisa in d icazion e della tradizion e
a cui l’autore reale in ten d eva ricollegarsi. Le sue fonti son o in fatti
tutte d i origin e araba e tu tte apparten en ti alla linea che privilegia la
ricerca di laboratorio r ispetto alle in dagin i cosm ologich e: RàzT [L ib er
secr et or u m e L ib er d e a lu m in ib u s et sa libu s), J àbir (L ib er d e septu a-
g in t a ), p seu do-Aristotele (D e p er f ect o m a g ist er io ), Avicen n a (D e con ­
g e la t a n e et con g lu t in a t ion e la p id u m , E p ist ola a d H a sen r eg em d e re

1 3 7
A R C A N A S A P I E N Z A

recta). Fra le fon ti latine è particolarm en te rilevan te il L ib er H er m e t is ,


con la sua discussion e d ell’artificiale 2y.
N el prim o lib r o della S u m m a (che si d ivid e in tre libr i per com ­
plessivi n ovan taquattro capitoli) Paolo di Tar an to passa in rassegn a,
con futan dole, le obiezion i gen eralm ente sollevate nei dibattiti scola ­
stici sulla verità d ell’alchim ia, per togliere di m ezzo tutti i possibili
intralci all’esposizion e ch e deve seguire. N on m ostra però alcu n in te­
resse p er il dibattito scolastico in qu an to tale; infatti, con trar iam en te
al m od o in cui si svolgon o le discussioni di scuola, non ven gon o p r e­
sentati argom en ti a favore, ed è ch iaro che ciò che può dim ostrare la
validità d ell’alchim ia è ai suoi occhi solo l’effettiva e con cr eta realiz­
zazion e d ell'op u s . Tuttavia Paolo esplicitam en te si inscrive in una tr a­
dizion e filosofica: «Di tutta la nostra scienza, che nei m iei scritti h o
ripreso, abbrevian dola, dai libri degli antichi, voglio ora red iger e una
su m m a [...] affin ché ai sapien ti sia reso m an ifesto l’intero con ten uto
di q u esta pa rte d ella f ilos of ia tanto eccellen te e on orevole» (249).
D o p o l’esposizion e e la con futazion e delle obiezion i sollevate co n ­
tro l’alchim ia seguon o, a con clusion e del p r im o libro, i cap itoli d ed i­
cati ai metalli, in dicati prevalen tem en te con i n om i dei pian eti cor r i­
spondenti: ser m o p a r ticu la r is d e sole (riguardan te l’oro), ser m o in lu n a
(sull’argento) e così via. Il secondo libro si apre con l’affer m azion e
basilare che «trattare d ella cosa ch e rende perfetti significa trattare
della scelta della pura sostanza d ell’argen to vivo» (355). La base del-
Y op u s è il m er cu rio, ma n on quello com un e; alla descrizion e dei p r o­
cedim en ti operativi per otten erlo è riservata l’intera trattazione in tito­
lata ai «prin cipi d el m agistero alchem ico».
N el corso d e ll’esp osizion e ven gon o affrontati il tema della gen er a­
zion e dei metalli, della com p osizion e del m isto e della struttura della
m ateria, con siderata r id u cibile in m in im a , particelle sottili e qu alitati­
vam en te sem plici, dalle qu ali è p ossibile otten ere la p r od u zion e di
com p osti om ogen ei *w. Qu esta presen za di tem atiche filosofiche n on
sovrasta tuttavia la trattazion e, che è la più dettagliatam ente tecn ica
della sua epoca: caratteristica che sp iega il perdurare della sua for t u ­
na e an che l’in teresse m anifestato p er il testo d i “Geb er ” dagli storici
d ella chim ica di Ot t o e Novecen to.
Lo schema op er ativo è scandito n elle sette procedure orm ai d ive­
n u te can on iche, ch e nel lor o insieme d escr ivon o i modi con cui i m e­
talli son o riportati allo stato di m ateria prim a (la «pura sostanza d el­
l’ar gen to vivo») p er poi otten ern e la m ed icin a in grado di trasm utare
i m etalli con cu i viene p osta a con tatto. Qu este operazion i non son o
com pletam en te affini all’agir e della natura: « L’arte non im ita in tu tto
le op er e della n atura, m a la imita p er quan to p uò [...] ca d on o in er ­

13 8
8 . F A L SA R I i: F I L O S O F I

r ore quegli art efici che vogl i on o im it are l a nat ura in t ut t i i diversi
passaggi di quell o che fan n o» ( 251) .
L e set t e fasi d ei r o p u s ven gon o defi ni te in m aniera precisa e de­
scr it t e det t agli at am ent e: m ediant e la subl i m azi one gli spi ri ti sono
m on dat i dalla t errosit à; la di st ill azione è l 'ascesa dei vapori acquei nel
vaso; la cal cin azione è la r iduzione in pol ver e di una sost anza secca
m edi an t e il fu oco, causat a dal la sot t razi one del l ’um i di tà che t iene i n­
si em e l e part i; l a sol uzi one è la r iduzione di una sost anza secca in
l i qu i do; l a coagul azione è la soli di fi cazione di una sost anza li qui da,
p er sot t razi one delTum i di t à; la fi ssazione è il consoli dam ent o dell e so­
st anze volat i li ; la flu idi ficazion e (ce r a t i o ) è l ’am m orbidim en t o di una
sost anza dura fi no a con fer i r l e la consist enza dell a cera. I det t agli
operat i vi e l 'accur at ezza dell a nom enclat ura delle sost anze forni scono
i nfor m azi oni pr ezi ose sul l abor at or io alchem i co alla fine del D u ecen ­
t o; Fuso delle m et afore è pressoché nullo, e anche nei capi toli dedi ca­
ti alla m edici na che perfezi on a i met alli il l i nguaggio è m olt o sobr io.
A ll a m edici na, che si pu ò ot t enere in t re gradi di versi di perfezi o­
ne e di efficacia, è dedicat o t ut t o il terzo l i br o. L ’uso del t erm ine m e ­
d i c i n a per Pagent e dell a t rasm ut azione è probabil m en t e un eco della
con cezi on e del l 'al ch i m i a elabor at a da A l b er t o M agn o **, ma la st rut ­
t ura di fon do d el l ’op er ar e di “ Geb er l at i n o” è di versa e sicuram ent e
pi ù orient at a nel senso “ speri m ent ale” che abbi am o ri conosci ut o nel-
Y E p i st o l a a d H a se n avicenni ana. Si trat ta i nfat t i di t ogli er e dai met alli
i m perfet t i t ut t e le l oro superflui t à, renderli lucent i e di col ore bi anco
o giall o, fusi bi l i, i nalt erabili e pesant i, m ediant e operazi on i art ificiali
che null a hanno a che veder e con l ’induzi on e di una nuova form a nel
m ist o.
N on ost an t e ciò, la sost anza ot t enut a è esalt at a in t erm ini vi ci ni a
quell i pi ù t radizionali d el l ’alchim ia ed «i l preziosissi m o arcano su pe­
r ior e alle scienze di quest o m on do, t esoro i nest i m abil e [...] subli m e
don o di D i o» (587) col l oca senza i ncert ezze Y o p u s di Paol o di T a­
rant o sulla st essa linea di quell o d e l Y e x p e r i m e n t a t o r con siderat o con
am m i rat a at t enzione da un francescan o di ben alt ra st at ura fi losofica,
Ru gger o Bacon e.

8 *5
Alchimia, medicina e prolungamento della vita

U om o anim at o dalla percezion e d el l ’i nadeguat ezza dell a so ci e t a s Ch r i ­


nei confront i dell e sfide del suo t em po, Ru gger o Bacon e è una
st i a n a
dell e figure pi ù com plesse e affascinant i del xm secol o I n glese di

139
A R C A N A S A P I E N Z A

n ascita, studen te e m a g ister ad O xfo r d e a Par igi, fu un o dei prim i a


com m en tar e i testi di Ar istotele n ell’università fran cese, dove l’in gr es­
so d el naturalism o filosofico veicolato dagli scr itti aristotelici era stato
ostacolato nei prim i decen n i del Du ecen to da svariati divieti.
Già negli anni Qu ar an ta, com m en tando il D e p la n t is che nel cu r r i­
cu lu m della facoltà di Ar t i ven iva studiato com e op er a di Aristotele
fra i Parv a n a tu r a lia 3\ Bacon e si era posto il problem a del rapporto
fra le trasform azion i n aturali e qu elle artificiali, e aveva con cluso ch e
«le sp ecie [cioè le form e o essenze] delle cose n on posson o essere
trasm utate d all’arte, ma [Aristotele] non n ega che possano esserlo
dalla natura» 54. In questa argom entazion e er a an cora lo Scia n t a r t ifi­
ces di Avicen n a ad or ien tare il d iscorso bacon ian o, ch e in seguito si
sar ebbe svilu pp ato in m od o ben diverso. L ’in teresse p er l’alchimia
era stato evidentem en te p resen te fin dall’in izio nella riflessione di Ba­
con e, sepp ur e offuscato in alcune oper e dalla polem ica con trap posi­
zion e fra Yars a lk im ia e , id en tificata con la trasm utazion e metallica, e
la scien t ia ex p er im en t a lis . In altri passi, addirittura degli stessi scritti,
Ru gger o sem bra però aver in dividu ato x m a lk im ia p iù affine alla p r o ­
pria ricerca, m ostrando d i seguire con atten zion e l’evoluzion e co n ­
tem poran ea della stessa arte trasm utatoria 35.
Di Avicen n a Bacon e con ob b e certam ente an ch e Y E p ist ola a d H a-
sen e lo pseu doepigrafo (m a da lui ritenuto au ten tico) D e a n im a in
arte a lch em ia e *6. Ma il su o rapp or to con l’alch im ia fu orientato so­
prattu tto da d u e opere n on appartenenti alla tradizion e alchem ica in
senso stretto: il Secr etu m secr etor u m pseud oar istotelico 37 e il D e re-
ta r d a t ion e a ccid en tiu m s en ect u t is , com parso n ella cu ltura latina nella
prim a metà del Du ecen to e le cu i origini son o an cora avvolte nel
m istero **.
Il S ecr et u m è un m an u ale arabo di buon gover n o in cu i la saggez­
za p olitica orien tale è collegata a tem atiche occu lte, p er ch é il sovran o
rappresen ta nel m on do d egli uom ini la giustizia intesa com e legge co ­
smica. Tr ad otto in latino, qu esto testo circolò tan to n ella curia papale
che n elle un iversità con l ’attr ibuzion e ad Ar istotele, la cui identità fi­
losofica era a qu ell’epoca m olto sfaccettata: oltre alle sue opere au ­
t en tich e e a quelle di scu ola peripatetica gli erano attribuiti infatti
com p ilazion i n eop laton ich e di origin e islamica, com e il L ib er d e cau-
sis e la T h eolog ia A r is t o t elis , e testi legati alla tradizion e occulta *9. H
S ecr et u m secr etor u m for n iva un ulteriore risvolto, presen tan do nella
cor n ice di uno scam bio ep istolare fra il filosofo e il su o discepolo
Alessan d r o Magn o m ateriali così diversi com e l’astrologia, la dieteti­
ca, la fisiogn om ica e l’alchim ia, inquadrati in una dottrin a della ge-

14 0
8. FALSARI I. F I L O S O F I

n o i RA 8
I l f i l o so f o R u gge r o B a co n e , ch e i n f l u ì in m a n i er a i m p o r t a n t e su l l o sv i l u p p o d e l P a l -
ch i m i a l a t i n a , è r af f i gu r a t o n e l l 'a t t o d i p or r e i q u at t r o e l e m e n t i in p e r f e t t o e q u i l i ­
b r i o (a e q u a h t a s)

i 'i i K t c. d a M . M a i e r . S y m b o L ì A u r a t e M e t ;su e ( c t r . i l i . . 1 ). p . 4 5 0 .

st ione d el pot ere che ne decr et ò il successo sopr at t ut t o fuor i dal l e


u ni versi t à 4°.
Bacon e t rovò nel S e c r e t u m m at eriali fondam ent al i per cost rui re la
nuova i m m agine dell a sapi en za crist iana per la quale aveva cer cat o,
nel 126 7, l ’appoggio con cr et o del papa Clem en t e iv, fau t or e del l e
i st anze d i rinnovam ent o spi ri t uale vagheggi at e sopr at t ut t o in seno al-
Por din e francescano. Pr op r i o al l ’inizio del t est o si fa infat t i m enzi one
del «m assi m o segret o fra t ut t i i segret i» che è in grado di am pli are al
m assi m o il pot ere del sovran o; Bacone i dent i fi cò quest o segret o con
la som m ari a ed eni gm at i ca enunciazione dei pr i n ci pi del l ’alchim ia l e­
gat a alla T a b u l a sm a r a g d i n a , inserit a nel t est o e ugualm ent e den om i ­
nat a m a x i m u m se c r e t u m 41.
«Pr en di la pi et ra che non è una pi et ra, che si t rova in ogni uom o
e in ogn i luogo e in ogni t em po; quest a pi et ra si chiam a “ uovo dei

14 1
A R C A N A S A P I E N Z A

filosofi” e si definisce in base all’essenza d ell’u ovo. Divid ila poi in


quattro, terra, acqua, aria e fu oco. Qu a n d o l’avrai così sistemata, le
darai vita e la farai bianca, se D io vuole» 42. Alla decifrazion e di que­
sto passo enigm atico, nel quale si ricon osce l’im p ron ta della trad izio­
ne islam ica di Ballnùs e Ar tefio, il filosofo in glese d ed icò m olto tem­
p o ed en er gie, adden tran dosi a fon d o n ello stud io d ell’alchim ia in
quattro scritti diversi, tre dei qu ali son o parti d ell’O p u s m in u s e del-
Y O p u s t er t iu m , m entre quello ch e doveva essere un lib r o interamente
alch em ico risulta perd uto. An ch e nella E p ist ola d e secr etis op eribu s
n a tu r a e e t a rtis et d e n u llit a t e m a g ia eAi troviam o, n ei capitoli finali
(che per ò forse son o in terp olati), un o svilu pp o del tem a dell’u ovo dei
filosofi; in n um erose altre op er e, in particolare n egli scritti m edici, vi
son o espliciti cenni a ll’alchim ia e in particolare alla distillazion e, cui
si riferisce la divisione della «pietr a che n on è una pietra» nei quattro
elem en ti, ch e porta a otten ere la materia prim a.
Materia prim a, per Aristotele, era la p ur a privazion e, poten za pri­
va di forma; a questa idea aveva fatto riferim en to Avicen n a, in dican ­
d ola com e l’irraggiun gibile con d izion e della trasm utazion e dei metalli.
La riflessione di Bacon e in p r op osito fu con tin u a e lo portò a ricerca­
re addirittu ra nei testi dello stesso Aristotele ar gom en ti per confutare
lo S cia n t a rtifices. Nei Com m u n ia n a tu r a lia , per esem pio, il filosofo
in glese così si esprime: «a p r op osito della m ateria prima, lo stesso
Ar ist otele n el n ono libr o della M eta fisica d ice che un vivo n on può
p roven ir e da un m orto se n on avviene il disfacim en to nella materia
prim a» 44, e di seguito ad dirittura sostiene ch e Ar istotele ha insegnato
an ch e l’alchim ia, sebben e n on «in libris vulgatis».
Ma ch e cos’è la m ateria prim a per Bacon e? N el T ra tta to su lla ge­
n er a z ion e d e lle cose n a t u r a li (parte d ell’O p u s t er t iu m ) egli scarta l’ipo­
tesi che l’alchim ia m anipoli la m ateria prim a della creazion e e che la
m ateria prim a dell 'op u s sia la sostan za corp orea del cielo; essa va in­
vece iden tificata con la «sostan za corporea n on celeste», che è la mas­
sa in form e e oscura ch e risulta dalla pu trefazion e e ch e gli alchimisti
otten gon o n ella prim a fase d t ìY o p u s , la solu cio. Si tratta di un sostra­
to cor p oreo dal quale ha or igin e la stessa materia prim a dei metalli
(m ercurio e zolfo), e ch e p er tan to può essere otten u to sia a partire
d ai corp i m etallici che dalla dissoluzion e di qualsiasi cor p o com posto:
m in erale, vegetale o an im ale (com e nel D e an im a in arte a lch em ia e ,
q u est ’ultim o caso è con sid er ato il migliore) 45. Materia prima è dun ­
q u e il m isto in differen ziato dei quattro elem en ti, il m ercu rio n on vol­
gar e, la sostan za originaria n on strutturata a cui l’alch im ia p u ò ricon ­
d u r r e tutti i cor pi e d a cui si p osson o ricom porre cor p i perfetti; è, in
u n a parola, prin cipio e radice della gen erazione di tu tte le cose, che

14 2
8 . F A L S A R I L F I L O S O F I

l’alchim ista ottien e nei su oi alam bicchi. È una n ozion e fisica c h e


sconfina nella metafisica.
Bacon e è il p rim o autore latino ch e afferm a senza esitazion e il c a ­
rattere di scien tia sp ecu la tiv a dell’alchim ia, d istin guen d olo dal c o n t e ­
nuto operativo:

L ’a lch im ia è d u p lice : s p e cu la t iva , o vve r o ch e s p e cu la su t u t t e le co s e i n a n i ­


m a te e s u lla ge n e r a zio n e d i t u t t e le co s e d a gli e le m e n t i. E a n ch e o p e r a t iv a e
p r a t ica , o vve r o in s e gn a a fa r e a r t ificia lm e n t e i m e t a lli n o b ili, i co lo r i e a l t r e
co se, m e g lio e in m a g g io r q u a n t it à d i q u a n t o n o n s ia n o fa t t i in n a t u r a [ . . . ] .
D u n q u e q u e s t a s cie n za è u t ile d i p e r sé; e in o lt r e , co n le su e o p e r e , c o n f e r i ­
sce ce r t e zza a ll’a lch im ia s p e cu la t iva e d i co n s e gu e n za a n ch e a lla filo s o fia n a ­
t u r a le e a lla m e d icin a , co m e si p u ò ve d e r e n ei lib r i d e i m e d ici 4<\

Bacon e indica d u n qu e il fon d am en to d ell’alchim ia nel p rocesso u n it a ­


rio della gen erazion e naturale che lega in una caten a tutti gli e s s e r i
inanim ati ed anim ati, eredità del p en siero erm etico; e ne sott olin ea il
parallelism o con la filosofia naturale e con la m edicina, fon d ato n e lle
loro «radici com u n i in n a tu r a lib u s », sicch é la lingua dell’un a p ar la v e ­
latam ente anche delle altre.
In particolare il filosofo sottolin ea l'affin ità e gli scam bi r e cip r o c i
fra alchim ia e m edicin a, p er ché la p resen za in en tram be di una r i le ­
vante p ar te operativa le assimila, distin guen dole sia dalle arti m e c c a ­
niche, sia dalle scien ze puram en te teoretiche. Il Du ecen to è l’e p o ca in
cui la m edicin a otten n e lo sta tu s di scien za insegn abile n elle u n ive r s i­
tà 47, e su ll’affinità con essa si basan o alcun e delle ar gom en tazion i f a ­
vorevoli all’in tegrazion e d ell’alchim ia n el sistema delle scienze. M a a
differ en za della m edicin a, dove l’oggetto - il cor p o um an o - e s is t e
in dipen den tem en te dal processo della cura a cu i viene s o t t o p o s t o ,
l’alchim ia è in prim o lu ogo un fare. L ’alchim ista app r en de e in s ie m e
dim ostra i prin cipi della sua scienza solo p rod u cen d o il su o o g g e t t o ,
in un cor tocir cu ito epistem ologico ch e da una p ar te rinvia a q u e lle
m odalità in tuitive di con oscen za che diverran n o esplicite n ei testi d i e
sull’alchim ia d ell’in izio del Tr ecen to (per esem pio nella Pr et iosa m a r ­
garita n ov ella di Pietr o Bon o), d all’altra è in com patibile con la c h ia r a
scan sion e del p rocesso con oscitivo n ella gn oseologia scolastica.
L ’alchim ia è un o dei saperi che Bacon e defin isce ex p er im en t a le s
(gli altri son o l’ottica e la tecn ologia), che con validan o le co n clu s io n i
della filosofia n aturale, ma soprattutto apron o territori n u ovi d el s a ­
pere, an dan do oltre le verità dim ostrabili logicam en te 4*. La s c i e n t i a
ex p er im en t a lis di Bacon e n on ha tuttavia nessuna delle ca r a t t er ist ich e
(m atem atizzazione, riprodu cibilità ecc.) d el “m etodo sp er im en tale” s u

143
A R C A N A S A P I E N Z A

cu i si fon d er à la scien za m od ern a; piuttosto, essa eredita dalla civiltà


islam ica la valor izzazion e d ell’in tegrazione fra tecn ica e scien za, p ro­
p on en d o un m odello n uovo d i con oscen za e di in ter ven to sulla realtà
naturale.

8 .6

A u r u m p er m a g isteriu m

La sp ecificità della con oscen za alchem ica è solo un aspetto d ella com ­
plessità d el rapp orto fra “a r te” e “n atura”, che Bacon e m ette a fuoco
in m an iera articolata, distin gu en do «che cosa p u ò essere fatto dalla
n atura, ch e cosa dall’op er osità d ell’arte, ch e cosa d a ll’in gan n o degli
uom in i, ch e cosa dalle op er azion i degli esseri sp ir itu ali» 49. Esclu de
in fatti ch e siano op era d ell’in gan n o um an o o d em on iaco le p ratiche
ch e con d u con o alla com p ren sion e delle p ropr ietà occu lte delle cose e
alla p r od u zion e di m eravigliosi «segreti»: l’acqua ch e br ucia senza
con su m arsi (aqua a r d en s , l’a lcool la cui p rep arazion e era già n ota ne­
gli am bien ti m edici 5°), il fu oco gr eco, e soprattu tto il farm aco in gra­
d o di trasform are la “com p lession e” elem en tare d el corpo um ano
p or tan d ola a ll’equilibrio p er fetto (a equ a lita s) , p rop r io del cor p o di
Ad am o prim a della caduta e dei corpi gloriosi nel dogm a cristian o
della resurrezion e della carn e 51. Qu esto farm aco è l’oro trasform ato
m edian te tecn ich e artificiali (a u r u m p er m a g ist er iu m ) che, in quan to
cor p o tem peratissim o, con ferisce l’equilibrio p er fetto degli elem en ti
ch e sono alla base della costitu zion e del cor p o um an o.
Alla cor te papale del Du ecen to, dove le scienze privilegiate da Ba­
con e eran o oggetto d i un vivissim o interesse scien tifico e filosofico,
er a giun to nella prim a m età del xm secolo un testo che propugn ava
l ’idea ch e fosse possibile, m ed ian te l’uso d i appositi farmaci, p r olu n ­
gar e la vita e m antenere la perfetta efficienza del corpo, strum ento
in disp en sabile del p oter e p olit ico anche p er il papa 52: il D e retarda-
t io n e a ccid en t iu m s en ect u t is , la cu i tradizion ale attribuzion e a Ru ggero
Bacon e ha valso a q u est’ultim o il giudizio entusiasta di J oseph N eed ­
ham , che ved e in questo scritto «l’esem p io più gr an d e e n otevole di
m ed icin a h s ien [...] nel m on d o occid en t a le» 53. In questo testo, che
tratta diffusam en te dei farm aci p er p rolun gar e la vita, è presen te un
tem a caratteristico d ell’alchim ia cinese, q u ello del vaso d’or o con te­
n en te il liqu or e d ell’im m ortalità, che così Bacon e riprende n el suo
O p u s m a iu s : «Al tem p o del re Gu glielm o di Sicilia c ’era un uom o
[...] che aveva trovato un liq u id o speciale in un vaso d o r o n ascosto
in terra n el suo cam po; lo tr ovò mentre arava, e pen san do ch e il li­

14 4
8. F A L S A R I E-: F I L O S O F I

q u i d o f o sse r u gi a d a ce l e st e l o b e v v e e si l a v ò l a f a cci a ; e la su a m e n t e
e il su o co r p o si r i n n o v a r o n o i n m a n i e r a st u p e f a ce n t e » 54.
Il l i q u i d o t r o va t o d a l co n t a d i n o n el v a so d 'o r o è u n p r o d o t t o d e l ­
l 'a l ch i m i a ? C e r t a m e n t e n o n n el D e r e t a r d a t i o n e , i n cu i t u t t i i f a r m a ci
d e l l a p r o l o n g e v i t à so n o so st a n z e n at u r al i . M a u n a d i q u e st e so st a n z e ,
d e f i n i t a « ci ò ch e è t e m p e r a t o al q u ar t o g r a d o » , B a c o n e la i d e n t i f i ca
co n l 'o r o : « L a so st an z a t e m p e r a t a al q u a r t o g r a d o è l ’o r o [ . . . ] l a p i ù
a f f i n e d i t u t t e alla n a t u r a [ u m a n a ] . E se si p o t e sse o t t e n e r e co n o p e ­
r a z i o n i e f f i ca ci ( p e r e x p e r i e n t i a m ce r t a m ) il m i g l i o r e ch e esi st e , o a l ­
m e n o assai m i gl i o r e d i q u a n t o n a t u r a e a r t e a l ch e m i ca p o ssa n o f a r e ,
co m e qu ello d el va so t r o va t o d al co n t a d i n o , e lo si sci o gl i e sse in
u n ’ a cq u a co m e q u e l l a d a l u i b e v u t a , al l o r a o p e r e r e b b e m e r a vi gl i e n el
co r p o u m a n o » L ’ u so d e l l ’o r o n at u r al e co m e f a r m a co n o n e r a sco ­
n o sci u t o i n O cci d e n t e , d a l m o m e n t o ch e l o st e sso A v i ce n n a n el C a ­
n o n e l o i n d i ca v a co m e f a r m a co p e r il cu o r e , e T o r o f a t t o d a l Y a r s a l k i -

m i a e è si cu r a m e n t e q u a l co sa d i si m i l e al l ’ “ o r o sp a g n o l o ” L 'o r o ch e
d o n a l a l u n g a vi t a è i n v e ce q u e l l o p r e p a r a t o m e d i a n t e la d i st i l l a z i o n e ,
in se gu i t o d e n o m i n a t o « o r o p o t a b i l e » , ch e « n o n so l o p r o cu r e r e b b e
a l l o st a t o t u t t i i v a n t a ggi d e si d e r a t i d a n d o a b b o n d a n z a d 'o r o , m a -
co sa i n f i n i t a m e n t e p i ù i m p o r t a n t e - p o t r e b b e p r o l u n ga r e l a v i t a » 57.
L ’a p p a r e n t e i n co e r e n z a d e l l e d i ch i a r a z i o n i b a co n i a n e r i gu a r d o a l l 'o r o
a l ch e m i co p u ò d u n q u e r i co n d u r si alla t r a d i z i o n a l e co n t r a p p o si z i o n e
f r a “ v e r a ” e “ f al sa ” a l ch i m i a .
B a co n e è st at o il p r i m o a u t o r e o cci d e n t a l e a r i co n o sce r e n e l l ’a l ­
ch i m i a il m o t i v o d e l f a r m a co d e l l a l u n ga vi t a , r i co n gi u n ge n d o si v i r ­
t u a l m e n t e a l l a t r a d i z i o n e a l ch e m i ca i n d i a n a e ci n e se . I l f at t o ch e esse
ci a p p a i a n o o ggi m o l t o l o n t a n e r i sp et t o a ci ò ch e u n f i l o so f o sco l a ­
st i co p o t e v a p e n sa r e e sp e r i m e n t a r e r i gu a r d o al c o r p o e d ai co r p i i n ­
d i ca il l i m i t e t e o l o gi co ch e e r a d e st i n a t a a i n co n t r a r e in O cc i d e n t e
l ’i d e a d e l l 'i m m o r t a l i t à m a t e r i a l e . E p p u r e q u e st ’i d e a si a f f a cci a n e l l a f i ­
l o so f i a a l ch e m i ca d i a l cu n i a u t o r i ch e, a gl i i n i z i d e l T r e ce n t o , ce r ca r o ­
n o d i sv i l u p p a r e l e i n t u i z i o n i b a co n i a n e n e i t e st i ce n t r a t i a t t o r n o a l l 'i ­
d e a d e l l ’e l i x i r .

Note

1. O gr i n c ( 19 8 0 ) ; O b r i st ( 19 8 6 ) .
2 . C fr . Bo t t er iU ( 19 9 5 ) .
3. C fr . l a n utr it a ser i e d i esem p i d el l ’uso d i q u est a l o cu z i on e in Cu r t i u s ( 19 9 2 ,
p p . 6 0 1- 3) .
4. Cfr . in fr a , par. 10 . 2 .

M 5
A R C A N A S A P I E N Z A

5. O b r i st ( 19 8 6 , p p . 50 - 3) ; M i g l i o r i n o ( 19 8 1) ; G a g n o n ( 19 7 5 ) . I l b i m e t al l i sm o è
l ’u so p a r a l l e l o d e l l ’o r o e d e l l ’a r ge n t o p e r co n i a r e l e m o n e t e .
6. T h e i se n ( 19 9 5 ) .
7. B . M . R e i ch e r t , A ct a ca p i t u l o r u m g en er a liu m o r d i n i s p r a e d i ca t o r u m , 18 9 8 . 1,
p p . 17 0 , 2 3 8 - 9 , 2 5 2 ; 18 9 9 , 11, p p . 6 5 - 6 , 14 7 .
8. T h e i se n ( 19 9 5 , p p . 2 4 2 - 5) . C f r . B e r t h e l o t ( 18 9 3 , v °l - 2 > P- 77) -
9. U n a r i cca se r i e d i t e st i m o n i a n z e l e t t e r a r i e i n O g r i n c ( 19 8 0 ) . P e r l ’e t à r i n asci ­
m en t a l e e b a r o cca cf r . L i n d e n ( 19 9 6 ) e C o u d e r t ( 19 8 0 ) .
10 . P a r i s, B i b l i o t h è q u e N a z i o n a l e , m s. l at . 6 5 14 , f f. i 3 5 r b - i 3 5 v b . I p a ssi ci t at i
in fr a si t r o v a n o t u t t i al f . i 35 v a . U n a p a r t e d e l t e st o è e d i t a i n N e w m a n ( 19 9 1, p p .
52 - 6 ) .
11. C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 3 1- 4 ) .
12 . H a l l e u x ( 19 9 4 ) .
13. O b r i st ( 19 9 0 ) . Su l co l l e ga m e n t o f r a i M et eo r o lo g i ca d i A r i st o t e l e e T a l ch i m i a
cf r . su p r a , p ar. 1. 2 .
14 . I n O b r i st ( 19 9 0 , p . 73) .
15. V i n ce n z o d i B e a u va i s, Sp e cu l u m Q u a d r u p l e x , D o u a i 16 2 4 , 1 . vi i , p p . 4 26 - 9 2, e
1. x i , p p . 10 5 4 - 7 2 . A r n o l d u s Sa x o , L i b e r d e fl o r i b u s r er u m n a t u r a l i u m , v - D e v ir t u t i -
b u s l a p i d u m , e d . E . St a n ge , “ K gl . G y m n a si u m z u E r f u r t , B e i l a g e z u m Ja h r e sb e r i ch t
19 0 5 - 19 0 7 ” , p p . 4 2 - 5 . C f r . St u r l e se ( 19 9 6 , p p . 14 - 2 4 ) . L ’a l ch i m i a è a ssen t e d al L i b e r
d e n a t u r a r er u m d i T o m m a so d a C a n t i m p r é e d al D e p r o p r i et a t i b u s r er u m d i B a r t o l o ­
m e o A n g l i co ( P a r i s, B i b l i o t h è q u e N a t i o n a l e , m s. lat . 16 0 9 8 ) .
16 . Su A l b e r t o M a g n o cfr . St u r l e se ( 19 9 6 , p p . 6 9 - 12 5 ) e W e i sh e i p l ( 19 8 0 ) . I r in ­
v ì i n el t e st o so n o al l e p a r t i d el D e m i n e r a l i b u s t r a d o t t e i n C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 ) .
C f r . W y c k o f f ( 19 6 7 ) .
17. C f r . su p r a , par. 6 . 5.
18 . A l b e r t i M a gn i , D e M i n e r a l i b u sy i n .6 , p . 2 4 9 , in O p er a O m n i a , e d . P . Ja m m y ,
L i o n e 16 5 1, vo i . n.
19 . C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 8 6 , p p . 36 - 7) .
20 . C r i sci a n i ( 19 7 6 ) .
2 1. C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 4 4 - 5) -
22. C r i sc i a n i ( 19 7 3 e 19 76 ) . C f r . C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 4 1- 4 ) , cu i si r i f er i ­
sco n o i r i n vì i f r a p a r e n t esi .
23. L a su b a l t e r n a z i o n e è il n e sso e p i st e m o l o gi co in cu i d e t e r m i n a t e co n cl u si o n i
d i u n a d i sci p l i n a ( p e r e se m p i o la d o t t r i n a d egl i el em en t i n e l l a f i l o sofì a n at u r al e) co ­
st i t u i sco n o i p r i n ci p i d i u n ’al t r a d i sci p l i n a , p i ù set t o r i al e, ch e d a l l a p r i m a e p i ù am p i a
d i p e n d e ( p e r e se m p i o , l a m ed i ci n a ) .
24. Su m m a n el l i n gu a ggi o sco l a st i co è l ’e sp o si z i o n e si st e m a t i ca d ei co n t e n u t i d i
u n a d i sci p l i n a .
25. N e w m a n ( 19 9 1, p p . 5 8 - 7 2 , i n p a r t i co l a r e p . 6 5) . C f r . C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 ,
p p . 4 0 - 1) . I r i n vi i f r a p a r e n t e si n el t e st o so n o ai n u m e r i d i p a g i n a d e l l ’ed . N e w m a n ;
p a r t e d el t e r z o l i b r o è t r a d o t t a in i t a l i a n o in C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 17 1- 9 ) .
26 . N e w m a n ( 19 9 1, p p . 10 0 - 2) .
2 7. C a r l i ( 19 9 9 ) .
28 . I l p r i m o a r e n d e r si co n t o d i u n a so st a n z i a l e d i f f e r e n z a f r a i t est i d e l co r p u s
j a b i r i a n o e i l n o st r o “G e b e r ” er a st a t o M a r ce l i n B e r t h e l o t ( cfr . N e w m a n , 19 9 1, p. 60 ) .
N e l 19 4 2 P a u l K r a u s e f f e t t u ò la d e f i n i t i va d i m o st r a z i o n e d e l l a n o n i d e n t i t à d ei d u e
“ G e b e r ” ( K r a u s, 19 8 5) .
29 . N e w m a n ( 19 9 1, p p . 2 15 e 2 2 6 ) . C f r . P e r e i r a ( 19 9 5c) .
30 . C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 6 1- 2 ) .

14 6
8. F A L S A R I E F I L O S O F I

3 1. Su A l b e r t o M a g n o co m e f o n t e p o ssi b i l e d el l a S u m m a cf r . N e w m a n ( 19 9 1,
p p . 2 15 - 2 3 ) .
32. H a c k e t t ( 19 9 7 ) .
33. Si t r a t t a d egl i scr i t t i ( n o n t u t t i d i A r i st o t e l e ) ch e v e n i v a n o l et t i p e r u l t i m i f r a
i l i b r i d i f i si ca : D e sen su et sen sa t o , D e so m n o e t v i g i l i a , D e p l a n t i s, D e m e m o r i a et
r e m i n i sce n t i a ; D e d i ff e r e n t i a sp ir it u s e t a n i m a e, D e m o r t e et v i t a . L ’a u t o r e d e l D e p l a n -
t i s è N i co l a d i D a m a sco ( i se co l o d . C . ) .
34. R . B a co n e , Q u a e st i o n es i n lib r u m d e p l a n t i s , i n O p e r a h a ct en u s i n e d i t a y v o i .
11, C l a r e n d o n P r e ss, O x f o r d 19 3 7 , p . 2 5 2 .
35. U n a l et t u r a e v o l u t i va d el l a r i f l essi o n e d i B a co n e su l l ’a l ch i m i a è st a t a p r o p o st a
d a A go st i n o P a r a vi ci n i B a gl i a n i a l co n v e gn o “ A l ch i m i a e m e d i ci n a ” ( P a v i a , m a r z o
20 0 0 ; at t i i n co r so d i st a m p a a cu r a d i C . C r i sci a n i n el l a co l l e z i o n e d i “ M i c r o l o g u s
L i b r a r y ") .
36 . N e l l a r a cco l t a Sa n i o r i s m e d i ci n a e D . R o g e r i i B a co n i s A n g l i d e A r t b e C h y m i a e
scr ip t a ( F r a n co f o r t e 16 0 3) f i gu r a n o am p l i ssi m i est r at t i d a l t e st o p se u d o a v i ce n n i a n o ,
cu i B a co n e f a ch i ar o r i f e r i m e n t o n e l l e p a r t i d el T O p w * m i n u s e d e l Y O p u s t e r t i u m su l ­
l 'a l ch i m i a .
37. R y a n , Sch m i t t ( 19 8 2 ) ; W i l l i a m s ( 19 9 7 ) .
38. P a r a v i ci n i B a gl i a n i ( 19 8 7 ) .
39. K n o x , Sch m i t t ( 19 8 3) .
40 . G r i g n a sch i ( 19 8 2 ) . W i l l i a m s ( 19 9 7 , p . 38 0 ) r i t i en e ch e i l co m m e n t o d i B a c o ­
n e f o sse scr i t t o p e r u n so vr a n o i n gl e se , E n r i co 111 o E d o a r d o 1.
4 1. T r a d . it. in C r i sci a n i , P e r e i r a ( 19 9 6 , p p . 15 8 - 6 1) .
4 2. R . B a co n e , U n fr a g m e n t i n é d i t d e l ’O p u s T e r t i u m y e d . P . D u h e m , C o l l e g i o
Sa n B o n a v e n t u r a , Q u a r a cch i 19 0 9 , p . 18 2 .
4 3. T r a d . it. in B o t t i n ( 19 9 0 ) .
4 4 . R . B a co n e , C o m m u n i a n a t u r a l i a , i n O p er a h a ct en u s i n e d i t a , vo i . 2 , C l a r e n d o n
P r e ss, O x f o r d 19 0 5, p p . 6 - 7.
4 5. P e r e i r a ( 19 9 2 a , p . 6 5) .
4 6 . R . B a co n e , O p u s t e r t i u m i n O p er a q u a ed a m h a ct en u s i n e d i t a , L o n d r a 18 5 9 , P *
4°.
4 7. A g r i m i , C r i sci a n i ( 19 8 8 ) .
4 8 . A g r i m i , C r i sci a n i ( 19 9 0 ) .
4 9 . B a co n e , U n fr a g m e n t cit . p . 15 1.
50 . C f r . p a r . 9.1.
5 1. P e r e i r a ( 19 9 2 a , p p . 6 8 - 70 ) . Su l l a r e su r r e z i o n e d ei co r p i , B yn u m ( 19 9 5 ) .
52 . P a r a v i ci n i B a gl i a n i ( 19 9 1 e 19 9 4 ) .
53. N e e d h a m ( 19 7 4 , p . 35) . I l D e r e t a r d a t io n e n o n f u scr i t t o d a B a co n e m a da
l u i u t i l i z z a t o : P a r a vi ci n i B a gl i a n i ( 19 8 7 ) .
54 . R . B a co n e , O p u s M a i u s, C l a r e n d o n P r e ss, O x f o r d 18 9 7 - 19 0 0 , p . 20 9 .
5 5 . I v i , p . 2 10 .
56 . C f r . su p r a , pa r . 7 . 1.
57 . B a co n e , O p u s m a i u s, ci t ., p . 2 15 .

147
9

D al so g n o d el l ’el i x i r
al l a p r o d u z i o n e d el l a q u i n t essen z a

9-1
Il segreto dei segreti d ella n atur a

Nell'A n t id o t a r iu m e nel D e erroribu s m ed ico r u m , p olem izzan do con ­


tro la m edicina tradizion ale, Ruggero Bacon e aveva in d icato n ell’al­
chimia e in p articolare n ella pratica della distillazion e il rim edio
per far fronte agli incerti risultati della preparazion e dei farm aci
com posti, oggetto di riflessione a m età del Du ecen to n ell'un iversità
di Parigi soprattu tto ad op era di Giova n n i di Sain t-Am an d, e n el­
l’università di Mon tp ellier alla fine d el secolo con Ar n ald o da Vil­
lanova. La p osizion e di Bacon e è par ticolarm en te rilevante perché,
portan do alle estrem e con seguen ze il razion alism o delle discussioni
parigine, sostiene la necessità che il m ed ico sia anzitutto un filosofo
e che la farm acologia sviluppi una dim en sion e speculativa, che per­
metta di com p ren d ere appien o la n atura e le possibilità dei farmaci
prodotti. Infatti i rim edi com posti n on agiscon o come som m a dei
loro ingredienti, m a han n o un ’efficacia specifica derivan te dalla
nuova individualità {form a m ix ti) artificialm ente prodotta; e tale ef­
ficacia è in gen er e m aggiore e più m irata di quella dei rimedi
sem plici \
« Molte cose d evon o essere prep arate con il m etodo alchemico
(per v ia m a lk im ie ), per esem pio m olte sostanze oleose e moltissime
acque salutari, utilizzan d o la distillazione. Tu tte queste cose, se ven­
gono preparate utilizzan d o i veri artifici d ell’alchimia, son o di gran
lunga più poten ti» 2. Un ’analoga con vin zion e aveva com in ciato da
qualche tem po a diffon d ersi tra i m edici scolastici: il prim o a servirsi
di acqu e m edicin ali otten ute per distillazion e fu a quanto p are Pietro
Ispano, un m edico attivo a Siena fra il 1250 e il 1260, che vien e tra­
dizion alm ente iden tificato con Pietro Giu lian i di Lisbon a, autore del­
le S u m m u la e log ica les e papa col n om e di Giovan n i xxi (m. 1277).

14 9
A R C A N A S A P I E N Z A

Attorn o agli anni Sessanta le acque distillate, otten ute dal semplice
vino (a qu a a rd en s o aqua v ita e sim p lex ) o con l’aggiun ta di er be m edi­
cinali o d i sostan ze balsam iche di origin e orien tale (rispettivam ente
aqua v it a e com p osita e p er fet t issim a ), erano r icord ate nel trattato di
chirurgia di Teod or ico Borgogn on i, dom en ican o e vescovo di Cervia
dal 1266; una ven tin a d ’anni d op o lo stesso preparato com par e nella
raccolta d i Co n s ilia del m ed ico Tad d eo Ald er otti, ch e in segn ò nello
studio fran cescan o di Santa Cr oce a Firen ze. Tad d eo definì Vaqua v i­
tae «m adre e sign ora di tutte le m edicin e» 3.
Più incerta è l’epoca in cu i com p aion o trattati alch em ici dedicati
alla preparazion e d ell'a q u a v it a e : ne esiste un o attribuito al fran cesca­
no proven zale Ram on Gau fr ed i e un o che cir colò sotto il nom e di
Raim ondo Lu llo, l'A r s op era tiv a m ed ica . Sicuram en te n ell’ultim o de­
cennio d el xiii secolo Ar n aldo da Villan ova, nel L ib e r d e v in is , attri­
buiva la tecn ica della distillazion e ai «figli di Erm ete», in dican do
chiaram ente com e essa ven isse ormai com u n em en te considerata ap­
partenente al ca m p o dell’alchimia. Fra le ricette delle acqu e con ten u­
te nel D e p er fect o m a g isterio ce n ’era un a per preparare In acq u a della
vita”, m a non è chiaro quale fosse il m ateriale sottoposto a distillazio­
ne, e com u n qu e l’uso cui era destinata n on era qu ello di un farm a­
co 4. P er ò nella sua en ciclop ed ia alchem ica com p osta alla fine degli
anni Sessanta Bon aven tura da Iseo - che attinse diversi m ateriali dal
testo pseu doaristotelico - aveva già in serito acqu e alch em ich e ed ac­
que m edicinali fian co a fianco, e la ricetta delX aqua v ita e da lui forn i­
ta è qu ella di un distillato di vin o con in d icazion i farm acologiche
m olto am pie:

P r en d i d e l vin o r osso o n er o, il m iglior e ch e p otr a i t r o va r e p er o d o r e e sa p o­


r e, e d istillalo con l ’a lu d el a ser p en t in a \ La p r im a d ist illa zion e è b u o n a , m a
la secon d a è p iù u t ile e Fu tilità a u m en ta se la d istilli cin q u e, se t t e o d ieci
vo lt e o a n ch e di p iù . E se in essa p or r a i q u a lch e sosta n za p olver izza t a o
q u alch e e r b a p r o fu m a t a , n e a ttir er à a sé l ’o d o r e e le p r o p r ie t à m ed icin a li n el
gir o di t r e o r e ft.

G li usi m ed ici del distillato d i vino, in dicati da Bon aven tu ra e ge­


n eralm en te r icon d ucibili alla cura delle m alattie p rovoca te dall’ec­
cesso di um ore fr ed d o 7, son o elencati dettagliatam en te da Teod or i­
co Borgogn oni: cura rapidam ente il cor p o um an o da tu tte le ma­
lattie curabili; cura il mal di testa cr on ico di n atura fred da; ridà il
colore ai capelli bianchi; cu ra l’alopecia e la scabbia; con ferisce
buon a m em oria e fa ben e al cervello; guarisce le ostruzion i del

15 0
9 . d a l s ( k ;n o d e l l ’e l i x i r a l l a p r o d u z i o n e d e l l a q l i n t e s s l v z a

naso; bevuta insiem e a vin o e ter iaca * guarisce la a p op lex ia m i n o r ,


le paralisi d egli arti e d ella lingua, le paresi facciali; cura m a lin co ­
nia e tristezza e conforta le virtù animali (direm m o oggi che è u n
an tidepressivo); guarisce varie m alattie degli occh i e della p elle, la
gotta, la sterilità fem m inile, le in tossicazion i, i calcoli dei r e n i e
della vescica, il mal di d en ti, la cattiva digestion e e i cram pi a d d o ­
m inali, le contrazion i dei nervi. In oltre è un ottim o cosm etico, r i-
pristin a la qu alità del vin o an dato a male e preserva i corpi m o r t i
dalla p u tr efazion e y.
Di questa pan acea abbiam o un a versione sem i-alchem ica in u n
trattatello talvolta attribuito a Ru gger o Bacone, il S ecr et u m s e cr e t o r u m
n a tu ra e. I p r od otti delle varie fasi della n orm ale distillazion e ve n g o n o
iden tificati con i quattro elem en ti e si in dican o gli usi m edicin ali d i
acqua, aria e fu oco, senza per ò dire esplicitam en te qual è la so s t a n za
che vien e distillata (ma certam en te è u n ’erba). L ’ultim o p rodotto d e l ­
la distillazion e, il “fu oco”, «rin giovan isce i vecch i e fa rivivere i m o r t i.
Cioè, se in p u n to di m orte si dà a qualcun o questo fu oco - n e lla
dose di un ch icco di gran o disciolto nel vino, sicch é possa in ger ir lo —
lo resuscita arrivan do fin o al cu ore e riportan dovi il calore [...] e p e r ­
ciò qu esto fu oco è detto “elixir di vit a ”». 10 La terra, cioè il r e s id u o
solido della distillazione, trattata op p or tu n am en te dà in vece un « e l i ­
xir p er il m er cu rio vivo».
Le stesse vir tù sono attribuite al sangue um an o distillato: ad A r ­
n aldo da Villan ova risale il prim o trattatello su ll’ar gom en to, da cu i s i
origina un vero e p roprio filone specialistico 11. Il p r oced im en to è
esattam ente lo stesso del testo preceden te, e son o uguali anche le i n ­
dicazion i dei vari prodotti otten uti, trann e che n on si parla della ‘‘t e r ­
ra”. Il testo arnaldiano è p er ò arricch ito da un an ed doto co n cer n en t e
la virtù suprem a del “fu oco”, che perm ette di ca p ir e p erché il fa r m a ­
co alchem ico otten n e rapidam ente successo n egli am bienti sp ir itu a li:
« H o fatto in qu esto m odo e ho visto accadere un m ir acolo al c a p e z­
zale di D ., con te di Parigi: giaceva quasi m orto, e subito d op o a v e r
ingerito la m ed icin a con fessò il suo crim in e con gr an de p en tim en to, e
d op o u n ’ora spirò» I2. Nel secolo successivo i gesuati, or din e fo n d a t o
dal senese Giova n n i Colom bin i d op o le prim e gr an d i epidem ie di p e ­
ste, utilizzavan o Yaqua v ita e o quin tessenza per ten ere in vita i m o r i­
bon d i il tem po sufficien te a con fessarsi e a fare testam en to. Le lo r o
fon d azion i com pren devan o sem pre un labor atorio di d istilla zion e,
tanto ch e essi er an o con osciu ti col sopran n om e di “frati sp eziali” o
anche “fratelli d e ll’acqua vit e” - fin ché l’uso, diven u to abuso, n o n
m otivò la soppression e d ell’ordin e I3.

15 1
A R C A N A S A P I E N Z A

9-2
Un a scu ola di alch im isti

La distillazione dei qu attro elem enti, Tu so di sostan ze vegetali e del


sangue, l’azione sui cor p i um an i viventi e su quelli inerti dei metalli,
costitu iscon o altrettanti segnali del legam e - sia pu re m ediato - con
la tradizion e alchem ica risalente a Balihùs. Dalla trattatistica su llyaqua
v it a e , tuttavia, è com p letam en te assente ogn i elem en to cosm ologico e
filosofico, e del gran dioso scen ario della T a b u la sm aragdin a sembra
essere rimasta soltanto l’idea che «si otter ran n o in questo m od o me­
raviglie». Ma nei p rim i decen n i del Tr ecen to la filosofia alchem ica di
origin e erm etica rivive in un a vera e p rop r ia “scu ola ” di alchimisti.
Le sue radici affon dan o n ella regione catalan a e occitan ica, d ove l’u­
so m edicin ale della distillazion e p otr ebbe essere derivato da pratiche
r ituali di antichissim a origin e con servate nelle numerose com un ità
catare del Midi; le ricette segrete, preservate sotto la facciata di “ac­
qu e per la vista” (un d op p io senso con sign ificato iniziatico), sareb­
b er o in seguito state con siderate sem plicem en te ricette di a cq u e me­
dicin ali I4.
N on abbiam o p er ò alcun dettaglio con cr eto sull’am biente e sulle
vicen d e degli autori dei du e p iù im portan ti testi latin i sull’elixir, il
T es ta m en t u m e il R o sa r iu s , anche se en tr am bi van n o ricon d otti alla
sfer a d ’influenza della facoltà m edica di Mon tp ellier , e l’au tor e del
p rim o testo si m u oveva fra le corti di Maior ca, N ap oli e Lon d r a nei
p rim i decen n i del Trecen to. L ’esistenza di redazion i in lingue rom an­
ze - il catalan o per il T est a m en t u m e l’occitan ico p er il R osa r iu s - e
di un p oem etto alch em ico in catalano, la cosid detta Ca n t ilen a , di cui
il T est a m en t u m costitu isce un amplissimo svilu pp o in prosa, rafforza­
n o com un qu e le in dicazion i relative alla lor o o r igin e 15. La regione
catalan a e quella occitan ica, territorialm en te con tigue e politicam en te
legate, costituivan o un a zon a culturale om ogen ea, n ella quale l ’alchi­
m ia ebbe un a larga d iffu sion e e da cui si allargò verso la Fran cia e
l’In gh ilter ra l6.
Il T est a m en t u m e il R osa r iu s sono attr ibu iti a d u e celeberrim i in­
tellettuali catalani attivi fra il xm e il xiv secolo, rispettivam ente il
filosofo m aiorchin o Raim on d o Lullo, in ven tor e d eìl'a r s com b in a t o­
ria 17, ed il m edico e profeta Ar n aldo da Villan ova l8. E cer t o che
Lu llo non scrisse né il T es ta m en t u m né le n um erosissim e op er e alche­
m ich e ch e dalla secon d a m età d el Tr ecen to in p oi com in ciar on o a
cir colar e sotto il suo nome; ma l’autore d el T est a m en t u m con osceva
b en e i dispositivi fon d am en tali della filosofia lullian a, e com p letò la

15 2
9 . d a i . s o c ;n o d l l l ’l l i x i r a l l a p r o d u z i o n e d l l l a q u i n t i ì s s l n z a

I I CiLH A 9

D u e f i gu r e d a l T e st a m e n t u m a t t r i b u i t o a R a i m o n d o L u l l o : l e t r e sf er e i n b a sso r a p ­
p r e se n t a n o il d i sp o r si d el l a m a t er i a u n i ve r sa l e (q u i n t a su b st a n t i a ) n el l a cr ea z i o n e ;
l a f i gu r a in a l t o r i p o r t a in u n o sch e m a co m b i n a t o r i o il p a ssa ggi o d al l a m a t er i a co n ­
f u sa al l e so st a n z e d el l 'o p u s

V o t i l e : d a l m a n o scr i t t o P r a g a , U n i v e r si t n i K n i h o v n a , L o b k . 2 4 9 , f f . 6 v e 6 5V .

153
A R C A N A S A P I E N Z A

sua opera con una serie di figure com bin atorie simili, p er qu an to non
identiche, a quelle delYars. Per qu el che riguarda Ar n a ld o da Villa n o­
va la situazion e è p iù in certa, ed è possibile che alcu n i degli scritti
attribuitigli siano op er a di suoi d is ce p o lil9.
Ar n ald o era stato m ed ico d el pap a Bon ifacio vm e alla cor te cata­
lan o-aragon ese, dove agli inizi d el Tr ecen to l’in teresse per la cu r a del
cor p o era m olt o vivo e aveva com in ciato a diffon d er si an che presso le
p op olazion i delle cit t à 20. Son o catalan e le prim e trad u zion i d i testi
m ed ici in lin gu a volgare fra cu i spicca, p er la p r ecocità e la d iffu sio­
ne, la Ch ir u r g ia di Teod or ico Borgogn on i, nella qu ale i farm aci di­
stillati ven ivan o im piegati per usi m edici 21. La form azion e dei m edici
catalan i avven iva generalm en te a Mon tp ellier, dal 1 2 8 6 sotto il dom i­
nio dei sovran i di Maiorca e p oi del regn o catalano-aragonese; anche
d op o la fon d azion e d ello studio m ed ico di Llérida, n el 1 3 0 0 , la città
rossiglion ese rimase il ver o p u n to di riferim ento della cultura scienti­
fica dell’in tera regione. E d è a Mon tp ellier ch e ci r icon d u con o sia il
T est a m en t u m ch e il R osa r iu s.
Le dottrin e alchem ich e svilu pp ate nei d u e testi son o parallele, ma
ven gon o esposte m olto am p iam en te e con in ten ti ch iaram en te filosofi­
ci solo nel T es ta m en t u m . An ch e la p ractica d i questo testo è p iù com ­
plessa: una parte con cer n e la p rod uzion e d ell’elixir, u n ’altra n e detta­
glia i vari cam p i di ap p licazion e m edico-alchem ici (fra cui la p r od u ­
zion e di p er le artificiali); infine vi son o alcuni cap itoli sulla trasm uta­
zion e dei m etalli che si richiam an o alle p roced u r e della S u m m a p er­
f ect io n is m a g ist er ii di Paolo di Taran to. Il R osa r iu s in vece si limita
alla preparazion e d ell’elixir, esaltato in en tram bi i testi in du e passi
paralleli che r icordan o da vicin o i pan egirici delYa qu a v ita e nella let­
teratura m edica duecen tesca 2i.

Questa è la pietra eccelsa di tutti i filosofi, tenuta nascosta agli ignoranti e


agli indegni e rivelata a te. Essa trasforma ogni corpo imperfetto in un agen­
te che produce all'infinito vero oro e vero argento, a seconda di come Telixir
viene preparato e raffinato. E similmente ti diciamo che ha virtù ed efficacia
superiore a quella di tutte le altre medicine, perché può risanare realmente
tutte le malattie del corpo umano, di natura sia fredda che calda. Perciò,
poiché è di natura sottilissima e nobilissima, capace di riportare tutto al più
pieno equilibrio (ad su m m a m equalitatem ) conserva la salute e conforta le
energie e le moltiplica tanto da poter ringiovanire i vecchi; e scaccia dal cor­
po ogni altra infermità, fluidifica le arterie del cuore e scioglie la materia
fredda rappresa nei polmoni, cura e cicatrizza le ferite, purifica il sangue,
rafforza tutti gli spiriti e li custodisce e li conserva in salute [...]. Se hai que­
sta medicina, figlio, possiedi un tesoro durevole (376).

*5 4
9- D A L S O G N O D E L I / E L I X I R A L L A P R O D U Z I O N E D E L L A Q U I N T E S S E N Z A

I due scritti son o elaborazioni con tem por an ee - più filosofico e d id a ­


scalico il T es t a m en t u m , assai p iù sem plice e diretto il R osa r iu s - d i
autori diversi che con dividevan o la stessa con cezion e d ell'elixir co m e
farmaco e l'id ea che la materia prim a delY op u s sia il m er cu rio “n o n
volgare”, da cu i der ivan o i com p on en ti origin ari dei m etalli (m er cu r io
comune e zolfo), ma che può essere ricavato da qualsiasi so st a n za
mediante la putrefazion e; anche le ricette son o spesso le stesse, e l ' i ­
dea che una “scu ola” di alchimisti «d iscep oli di Lu llo» fosse p r esen t e
nella regione catalan o-occitan ica è qu alcosa di più ch e u n 'ip o t e s i2*.
Lullo e Ar n ald o si erano in con trati solo una volta n el cor so d e lle
loro dinamicissime vite, ma le d ottr in e di entram bi er an o egu a lm en t e
al centro degli in teressi del m ovim en to d egli spirituali fr an cesca n i,
protetti nei prim i anni del xiv secolo presso le stesse corti di N a p o li,
Sicilia, Barcellon a e Maiorca, d ove si in crociavan o interessi m ed ici e
alchemici. G li autori d el T est a m en t u m e d el R osa r iu s diver ran n o n e i
secoli successivi i protagon isti di una leggen da in cui Ar n ald o in segn a
a Lullo la p ratica alchem ica, con vin cen d olo della verità della t r a sm u ­
tazione, ed il filosofo m aiorchin o gliene svela le im plicazion i filosofi-
che 24. La leggen da m ette in p rim o piano i rapporti tipici d ella le t t e ­
ratura alchem ica 25: qu ello fra m aestro e discep olo, basato su un a t r a ­
smissione di sapere riservata e rivolta essenzialm en te al fare; e q u e llo
fra s o d i , com p agn i n ella ricerca e n ella realizzazion e delY op u s, di c u i
il T est a m en t u m stesso offre alcu n e testim onianze di sapore r ea list ica ­
mente autobiogr afico. Per m olti aspetti, in realtà, qu esto testo sem b r a
essere opera di un d iscep olo di Ar n ald o d a Villan ova, il cui in segn a ­
mento m ed ico vien e p er ò alterato e in terpretato alla lu ce della p r o ­
spettiva bacon ian a d el rapporto fra m edicin a e alchim ia.
Alla leggen d a fa riferim en to an ch e u n passo au tobiogr afico d e l
Cod icillu s , u n 'op er a p seu dolullian a p iù br eve, che sin tetizza la filo s o ­
fia alchem ica d el T est a m en t u m sulla falsariga di un com m en to a lla
Tabu la sm a r a g d in a , ed è un o dei prim i testi in cu i le fasi d elY o p u s
son o raggru p pate secon d o lo schem a dei quattro color i (n ig r ed oy v ir i-
ditas o cauda p a v o n is , a lb ed o , r u b ed o) poi diven uto classico. L 'a u t o r e
ricorda la d ifficoltà in con trata n el con fr on to con la trad izion e d is t illa ­
toria, e attr ibu isce ad Ar n ald o l'in segn am en to risolutivo:

I filosofi hanno detto correttamente che Yopus m agnum non è altro che scio ­
gliere e solidificare; queste operazioni si fanno col metodo delle circolazioni,
per la cui ignoranza molti si sono ingannati nel magistero alchemico [...]. I o
sono, fra costoro, uno di quelli che più hanno penato, non lo nascondo. C r e ­
devo di poter conoscere senza errori la natura affidandomi alla tem eraria
presunzione della scienza altrui, e in questo modo non capivo niente; fin ch é

1 55
A R C A N A S A P I E N Z A

ve n n e u n tem p o in cu i, n on im m ed ia t a m en te m a co n la m ed ia zio n e d el M a e­
st r o Ar n a ld o da Villa n ova , ch e m i ha isp ir a t o co n la su a im m en sa gen er osità
e m i h a r ip or ta t o su lla rett a via, r iu scim m o a fa r cir cola r e gli sp ir iti secon d o
le figu r e r oton d e, p a r t en d o d a un a sostan za ve ge t a le , p e r ch é con sosta n ze
m in er a li n on si r iesce a ssolu ta m en te a fa r e Y o p u s 2t>.

P er m otivi cron ologici n on è possibile che l'in segn am en to attribuito


ad Ar n ald o - l'ab b an d on o delle sostanze m in erali utilizzate nel T e­
s t a m en t u m a favor e della distillazione di sostan ze vegetali - fosse sta­
to im p artito direttam en te, e dev'essere stato piuttosto app reso dai
suoi libr i sulla distillazion e, il già nom inato L ib e r d e v in is e il L ib er d e
a qu is m ed icin a libu s. La m ateria prim a otten uta distillan d o sostanze
or gan ich e e in particolare il vino, spesso den om in ata m er cu r iu s vege-
t a b ilis , si affianca così, e finirà poi p er sostituirsi al m er cu r iu s n on vul-
g iy e p r op r io gli alchim isti che con p iù forza afferm ano l'u n icità del
p rin cip io dell 'op u s apron o di fatto la sperim en tazion e alchem ica alla
ricerca di nuove sostanze e nuovi proced im en ti.

9-3
U n tesoro d u r evole

La dottr in a del “m ercurio so lo ”, cioè delForigin e dei qu attro elementi


e delle d ue esalazioni (m ercurio e zolfo) da un a materia flu id a equi­
parata alla «sostanza cor p or ea non celeste» di Bacon e, è una delle
p ossibili traduzion i in term in i operativi della cosm ologia alchemica
sviluppata nel T est a m en t u m , che si collega alla tradizion e nata con il
L ib r o d e i segreti d ella cr ea zion e. Nei primi cap itoli l’autore presenta
in fatti un a dottrina che attualizza, rivesten dola di termini platon ici e
aristotelici, la form azion e del cosm o d a un’un ica sostanza.

Al di so p r a della p o t e n za d ella n atur a vi è il som m o D io d ei cieli [...]. La


n atu r a D io V ha cr e a t a dal n u lla in un a p u r a sostan za , ch e ch ia m ia m o qu in ta
essen za, in cu i tu t ta la n atu r a è con t en u t a . Di q u est a sostan za , d ivisa in tre
p a r ti se co n d o la su a essen za, D io ha cr e a t o gli a n geli d a lla p a r te p iù pur a; il
cielo, le stelle e i p ia n e t i d a lla secon d a p a r te; e d a lla ter za p a r te, ch e era la
m en o p u r a , Dio ha cr ea t o il m o n d o n el m o d o ch e ti d ir em o (12).

La filosofia che sta dietro a questa con cezion e è la dottrina ilemorfica


di Ibn Gabirol, app r ezzata da Bacon e ma duram en te respin ta da
Tom m aso d ’Aquin o: il filosofo ebreo aveva con cep ito la m ateria uni­
versale, prim a realtà creata, com e il sostrato di tutta la realtà, elimi­
n an do in linea di p rin cip io la distin zion e fra fisica e m etafisica (anche

15 6
9 - D A L S O G N O D E L L ’ E L I X I R A L L A P R O D U Z I O N E D E L L A Q U I N T E S S E N Z A

se, n aturalm en te, la m ateria degli angeli n on va intesa com e u g u a le


alla materia grossa delle creature terrestri). Ab b ia m o già visto c o m e
Bacon e avesse elaborato un a sud division e della m ateria prima, « g e n e ­
re gen eralissim o», in tre p ar ti diverse, di cu i Yop u s alch em ico a t t in g e
la terza parte, m in u s p u r a . La n ovità in trodotta d a ll’autore d el T e ­
s ta m en t u m è la design azione della materia prim a com e qu in ta e s s e n ­
tia.
La storia d ella quinta essenza, ch e inizia n ell’an tica Acca d em ia in
relazion e ad un passo d el T im eo platon ico d i difficile in t er p r et a zion e,
in tr odu ce n ella costituzion e d ell’un iverso u n ’idea di origin e p it a go r i­
ca, la con cezion e di un qu in to elem en to ch e secon d o Filolao co n t ie n e
gli altri qu attro «come un a nave». Fra le varie posizion i espresse d a i
discep oli di Platon e si distin se qu ella di Ar istotele, n ella cui co s m o lo ­
gia il quin to elem en to in corr u ttib ile (che n el D e ca elo è chiam ato e t e ­
re, n on quin ta essenza) si differ en zia in m aniera nettissim a dai q u a t ­
tro elem en ti em p edoclei (fuoco, aria, acqua, terra) soggetti al c ic lo
della gen er azion e e corruzion e. Sem bra però che nel p er d u to d ia lo g o
S u lla filosof ia Ar istotele avesse con cep ito la sostanza d ell’anima c o m e
iden tica a qu ella del cielo; aristotelica o n o, questa idea venn e u t i ­
lizzata in età ellenistica in con n ession e con quella della p r o ven ien za
celeste delle anim e e del lor o ritorn o agli dei in un veicolo co r p o r e o
sottile o “cor p o spirituale”, e con certe varian ti fu an ch e accolta d a
alcuni pen satori cr istian i27.
Prim a di essere utilizzato nella tarda scolastica per in dicare la s o ­
stanza del cielo in senso schiettam en te aristotelico, il termine era r i­
com p arso nei prim i decen n i del Du ecen to in am bito cosm ologico e
an tropologico. Nel D e g en er a t ion s stella r u m attribuito a R o b e r t o
Grossatesta, filosofo oxon ien se della gen erazione preced en te R u gge r o
Bacon e, si d ice che secon do i d octor es a lch im ia e tan to i corpi ce le s t i
ch e quelli sublun ari sono com p osti dei quattro elem en ti e della q u in ­
ta essenza; Rober to peraltro insegnava che «in ogn i cosa t er r est r e
com p osta vi son o realtà cor p oree spirituali, som iglianti alle nature c e ­
lesti» 28, e un altro teologo fr an cescan o, Giovan n i de la Rochelle, r it e ­
n eva ch e la quin ta essenza fosse un m ed iu m di natura lum inosa c h e
r accord a l’an im a e il cor p o 29. L ’au tore del T est a m en t u m non è d u n ­
que il solo a utilizzare qu esto term ine in senso com pletam en te d iv e r ­
so da qu ello degli aristotelici suoi con tem poran ei: lun gi d all’in d ica r e
l’assoluta alterità di cielo e terra, la quinta essenza alchem ica, c o r p o
spirituale e sp irito corporeo, ne è il fattore unificante.
Nella filosofia sviluppata n ell’opera pseudolullian a qu est’idea v i e ­
ne espressa an che come qu ella di un m ed iu m , che tiene insieme t u t t o
il m on d o creato ed è d u n qu e amore; e p oich é la quin ta essenza è la

1 5 7
A R C A N A S A P I E N Z A

m atrice ch e gen era gli elem en ti d a ll’interno, essa è il prin cip io m ate­
riale aperto a tutte le for m e che vien e ritrovato nella dissoluzion e dei
corpi, il “sale” 3°. Gli elem en ti, all'in izio della creazion e, erano «puri
e chiari a m otivo della p ar te chiara della n atura in cu i eran o creati»
(14): la natura lum inosa della quin ta essenza, elem en to purissim o, si
riverberava d un que su tu tta la realtà m ateriale 31, m a questa chiarità
durò soltan to «fino al tem p o del p ecca to [...] d op o di che gli uomini
e gli anim ali han n o com in ciato a m orir e e le pian te ch e nascono dalla
terra a seccarsi» (ivi) ed è in iziato il ciclo della gen erazion e e della
corru zion e «perché la n atu ra non p u ò più fare le cose così perfette, a
m otivo della sua natura grossolan a e corrotta, com e le aveva fatte al­
l'in izio» (ivi).
In questa natura decad uta giace im p rigion ato e n ascosto il prin ci­
pio quintessen ziale che, se liberato, p uò riportare tutta la terra allo
splen dore purissim o del cristallo. Al discepolo, ch e chiam a “figlio”,
l’alchim ista raccom an da di ascoltare il suo discorso con un atteggia­
m ento razionale e - dice testualm en te - n on a giografico n e c vulgarifi-
co. Lo scenario escatologico che si apre all'alchim ista d ev’essere fatto
oggetto di una com p ren sion e che dia lu ogo ad un operare con sapevo­
le e lun gim irante, e non stru m en talizzato com e m ateria in candescen te
di predicazion e. L'id ea di un tem po « d op o il peccato» richiama in ­
du bbiam en te qu ella della sesta età di Gioacch in o da Fiore, ma l'a l­
chimista n on è interessato ad utilizzare questo argom en to com e m ate­
riale d i p ropagan d a, bensì a p rodu rr e le con d izion i p er l’avven to d el­
la r en ov a t io n ell’oscuro la bor ioso silenzio del suo operare, cercan do
«nel cen tr o della terra l'elem en to vergin e e ver o ch e il fu oco non p o­
trà br u ciar e nel giorn o terribile» (16).
Il d iscep olo dovrà d u n qu e sapere che «questa terra ch e calpestia­
m o n on è il ver o elem en to, ma è un com p osto elem en tare fatto dal
vero elem en to quinto. E chiaro: la sostanza elem en tare dei corpi ele­
mentari, da cui è form ata la terra con la sua causa, la quinta realtà, la
troverai priva della virtù form ativa, com e ciò ch e è inanim ato e p u ­
trefatto, com e m ateria sen za forma» (ivi). Si p u ò ricon oscere in qu e­
sto passo la presen za di alcu n i term ini strettam en te appartenenti al
vocabola r io della filosofia scolastica (materia e form a, virtù form ati­
va); ed in effetti l'op er azion e am biziosa tentata n ella T h eor ica T esta ­
m en t i è quella di “trascriver e” l’esperienza alch em ica nel lin guaggio
della filosofia naturale e d ella m edicin a, com e Bacon e aveva teorizza­
to. An ch e alcune n ozion i cen trali d ell’in segn am en to m ed ico di Mon t­
pellier son o am piam ente utilizzate nel T es t a m en t u m , in prim o luogo
quella d e ll’h u m id u m r a d ica le , materia oleaginosa sottile ch e letteral­
m ente n u tr e il ca lor e vitale m an ten en d o in vita il corpo, consuman-

15 8
9 - D A L s o c ; N O D E L L ’ E L I X I R A L L A P R O D U Z I O N E D E L L A Q U I N T E S S E N Z A

dosi più o m en o in fretta fino a determ in ar n e la m or te, m a ch e l ’a l­


chimista ritiene di poter “restaurare” indefinitam ente col suo e lix ir ,
sfiorando l’idea della produ zion e d e ll’im m ortalità m ateriale *2.
Il tentativo di fon d are una filosofia alchem ica non facilitò l’in s e r i­
m ento dell’alchim ia n ell’istituzion e universitaria - d el resto n o n è
p robabile che qu esto fosse lo scop o d ell’autor e - , m a eb b e a m p ie e
im portanti ripercussion i nella trad izion e posteriore, sicur am en te fin o
al Rinascim en to e anche oltre; an cor a nel xvm e xix secolo R a im o n ­
do Lullo, in qu an to presun to au tor e del T est a m en t u m , era r it e n u t o
un o dei più gr an di alchim isti di tutta la tradizion e occid en tale
Non a torto: in qu est’op era viene infatti form ulata filosoficam en te l ’i ­
dea centrale d ell’alchim ia. Ritrovan do la m atrice purissim a della c r e a ­
zion e, e op er an d o secon d o le r egole della natura per « riform are» la
natura stessa attraverso « lo spirito della quin ta essenza che è co m e la
form a di tutte le forme» (160), si p u ò p rodu rr e un cor p o p u r issim o
dotato della suprem a a eq u a lita s , ch e è prin cip io di vita allo s t a t o
puro, l’elixir «tesor o dur evole [...] calor e naturale infisso nel suo p r o ­
p rio um ido radicale» (378). L ’idea ch e qu esto elixir possa essere u t i ­
lizzato sia com e agente di p er fezion e della materia in erte, sia co m e
farm aco della lu n ga vita (se non d e ll’imm ortalità), fa sì che l’a lch im i­
sta ritenga di p oter otten ere, sulla terra e dalla m ateria terrestre, la
fonte del cor p o glorioso che la d ogm atica cristiana riserva all’e p o c a
del giu dizio finale, com pien d o la speran za paolina di una sa lvezza
estesa a tutto il creato (R om . 8, 21) e quella gioachim ita di una t e r r a
senza il male.

9 .4
I sem i della p er fezion e

«Riform are la natura» da parte d ell’alchim ista è possibile perché e g li


ne con osce i m ovim en ti più segreti, se ne è fatto discep olo e la s e ­
gue nelle op er azion i artificiali. P oich é la n atura è p r ea m bu la et e x e m ­
p la r del m agistero alchem ico, la con oscen za delle sue din am iche è il
necessario prerequisito p er poter in ter ven ire su di essa: «quello c h e
la natura fa, n oi lo possiam o distru ggere e p oi riform are p on en d o vi
den tro la natura; senza questa possibilità nessun m ed ico p o t r e b b e
curare» (332). Si sente, com e in m olti altri lu ogh i - p er esem pio n e l­
le lu n gh e discussion i sul ruolo della v ir tu s celestis n ella p r ep ar azion e
d ell’elixir - ch e è stata assimilata la riflession e di Alb er to Magn o; e
del resto l’autore del T est a m en t u m m ostra d i aver appreso la lezio n e
di tutti i rami della tradizion e alchem ica precedente: quello p iù

1 5 9
A R C A N A S A P I E N Z A

str etta m en te op er ativo e q u ello p iù filosofico. Tu t t a via la va lor izza ­


zio n e d ell’op er a a lch em ica è p iù r ad icale ch e in Alb e r t o , d a l m om en ­
to ch e l’a r tefice n on si lim ita a p r ed isp or r e la m ater ia all’op er a zion e
d elle vir tù celesti, m a o p er a com e il cielo, o a d d ir ittu r a al p osto del
cie lo 54.
Co m e il calor e celeste fa m atu r ar e le co se n ei lo r o “va si” n atu rali,
così l’alch im ista “cu o ce ” n ei va si ar tificiali u t ilizza n d o il ca lor e del
fu o co ; e p o ich é p u ò m od u la r n e l ’in ten sità, p u ò d istr u gger e (col fu oco
con tr a n a tu r a m , il p iù in ten so), e p u ò far m atu r ar e (col lieve calor e
svilu p p a t o d al fim o o n el ba gn om a r ia ). Tu t t a via , se l’alch im ista p u ò
a cceler a r e talu n i m om en ti d ella p r o d u zio n e d ei co r p i p er fetti, in altri
d e ve segu ir e il r it m o d ella n atu ra. Secon d o u n a m eta for a sessu ale ch e
co m p a r e or a p er la p r im a volta e ch e d iven ter à un t op o s , l’alch im ista
d eve in gr avid ar e la n a tu r a e p oi asp ettar n e il p arto, d o p o d i ch e sp et­
ta d i n u ovo a lu i n u tr ir e il figlio d ella lor o co n iu n ct io 35. L ’op er a d el­
l’a lch im ista n on im p lica d u n q u e un tota le e lin ear e “sostitu ir si al tem ­
p o ” , com e ha sosten u to M ir cea E liad e, m a un p iù d elica to in serir si
n ei gioch i tem p or ali d ella n atu r a, a n alogo a q u ello r iscon tr a to da
N a t h a n Sivin n ell’a lch im ia cin ese.
Se è cer tam en te ve r o ch e la r ip r esa alch em ica d el sogn o gioach i-
m ita d ella r en ov a tio co n t ien e «la fed e n ella p ossib ilità di cam b iar e la
N a t u r a attr aver so il la vo r o u m an o» e ch e « gli alch im isti, n el lor o d esi­
d er io d i sostitu ir si al Te m p o , h a n n o a n ticip a to q u a n to vi è di essen ­
zia le n ell’id eologia d e ll’u om o m od er n o» *6, p er m an e tu ttavia n ei testi
m ed ieva li la con sa p evolezza ch e il tem p o n a tu r a le n on p u ò essere vio ­
len ta to d a ll’in ter ven to d e ll’u om o e ch e esiston o d egli a sp ett i fem m in i­
li e segr eti d ella n atu ra ch e n on p osson o essere r ip r od ot ti n ell’im p a ­
zien t e d om in io d ell’er oe.
Ar tefice e n atu ra p a r t ecip a n o en tr am bi d ell’in telligen za p osta in
essi d al cr ea tor e p er con tin u a r n e l’opera; tu ttavia q u esta in telligen za,
ch e n ella n atu r a è istin to, ha su b ito in essa un d eter ior am en to con il
p e cca t o or igin ale, p er cu i la ver a e p r op r ia scien tia in t ellect u a lis p u ò
esser e r aggiu n ta solo attr aver so la coscien za um ana. Co m e n el m ito
gn o st ico l’u om o solta n to p u ò estr ar r e la scin tilla d ivin a im p r igion ata
n ella m ateria, così n ell’alch im ia l ’artefice estr ae il sem e della p er fezio ­
n e dalla n atu ra stessa e lo m oltip lica col p r o p r io a gir e illu m in ato da
u n sap er e “n a tu r a le” . I sem i di p er fezion e son o l’or o e l’ar gen to ch e
si tr ova n o in n atura, sep p u r e r ar am en te, e ch e n ell’a lch im ia d ell’elixir
ven go n o in tr od ot ti n ella “m ateria p r im a ” com e il fer m en to n ella p a ­
sta , p er tr asfor m ar la r ip or t a n d ola alla sua p er fezion e q u in tessen ziale
or igin ar ia . Lo scop o d e ll’alch im ista n on è in fatti q u ello di fare l’or o o
l’a r gen t o, m etalli di p er sé in erti, m a di estr ar n e il p r in cip io qu in tes-

16 0
9 . 1> AL S O CJ X O d l l l ' l l i x i r a l l a p r o d u z i o n e ; d e l l a q u i n t l s s l - : n z a

senziale d eirin cor ru ttibilità e della perfezion e e di m oltip licar lo co n


la ra tion a bilis in d u str ia che si form a n ell’esperienza.

9-5
La qu in tessen za

La con vin zion e di p oter otten ere con artifici di laboratorio la m ater ia
unica di cu i son o fatti i cieli e il cu ore occu lto d elle cose ter r estr i,
scompagina il sistema cosm ologico di Aristotele e della scolastica, e
rende gli alchim isti-distillatori i dem olitori convinti della logica d u a li­
sta che «fa ostacolo alla defin izion e di un a costanza, di un a p er m a ­
nenza sotto la diversità dei viven ti», qu ale invece rin tr accian o n ella
quinta essenza, erede del pn eum a stoico *7.
L ’identificazion e della quintessenza alchem ica con l’alcol d istilla to
dal vino si deve a Giovan n i da Rupescissa, autore a metà d el T r e ­
cento di un singolare libretto in cui la descr izion e di tecn ich e di d i-
stillazione e ricette p er la preparazion e di farm aci s’in treccian o a d
elaborazion i filosofiche e a riferim enti ai «poveri evangelici». E a q u e ­
sto per son aggio, origin ario d el Mid i e rappresen tan te em b lem a tico
della cor ren te dei fr an cescan i spirituali, “p en tito” della cu ltur a u n i­
versitaria ch e decide di redim ere m etten dola a fr utto a favore d ell’a t ­
tività di propagan d a evangelica, che si d eve la con cr etizzazion e d e l­
l’azzardato pen siero d i poter p rodu rr e in labor atorio una sostan za in ­
corruttibile com e qu ella del cielo, radice della vita e ca elu m h u m a -
n u m «chiam ata quin tessenza per ché sta in rapporto col n ostro co r p o
com e il cielo sta in rapp or to col m on do in tero» (31)
«Non tacciarm i d i m enzogn a poiché, p u r ch iam an do qu in tessen za
l’acqua ar den te, ho afferm ato che n essuno dei m edici m odern i la c o ­
nosce; è ver o che l’acqu a ardente oggigior n o si trova d app er tu tto, m a
io ho detto la verità. La dottrin a della quin tessen za infatti è segr et a
[...]. E in ver ità afferm o ch e la quin tessen za è acqu a ardente e n on è
acqua ar den te» (29). Così si apre un o dei primi cap itoli del L ib er d e
co n s id er a t o n e q u in t a e essen t ia e d el Rupescissa, il trattato scritto a t t o r ­
no al 13 51-13 52 che rappresen ta l ’apogeo della tradizion e a lch em ica
occidentale.
Qu esta dottr in a segreta e paradossale d ev’essere con servata ge lo ­
samente n ascosta da parte degli «uom in i evangelici» cu i Giovan n i h a
deciso di com u n icar la, per ch é il p rod otto ch e essa insegna a fare è u n
vero e p r op r io a rca n u m D e i , un segreto m irabile e potentissim o, la
cui rivelazion e agli in d egn i ap r ir eb be la via a con seguen ze catastr ofi-
che. La cifr a d i questo segreto sta nel carattere paradossale d ell’id e n ­

16 1
A R C A N A S A P I E N Z A

tificazione: così com e il p rod otto d ell’alchim ia, la «pietra dei filosofi»,
è e n on è una pietra, la quintessenza è e in siem e non è acqua ar den ­
te, che è essa stessa qu alcosa di par adossale - acqua ch e br ucia -
perché con trad d ice la scan sione d elle qualità che perm ette la stabilità
del m on d o e le sue ordin ate trasform azion i 39.
Un filo per com p ren d er e il paradosso rupescissiano lo troviam o
com u n qu e tor n an d o su d u e testi di p oco p reced en ti il L ib e r d e con si-
d er a t ion e q u in t a e essen t ia e, che com e esso trattan o delle applicazion i
m ed iche del distillato di vino: si tratta dei Co n s ilia di Ta d d eo Alde-
rotti e di una d elle più an tiche opere alch em iche attribuite a Raim on ­
do Lu llo, YA r s op era tiv a m ed ica 4°.
Tad d eo aveva in segn ato a preparare X aqua ard en s o a qu a v ita e in
diversi gradi di p er fezion e (235-6):

Sap p i ch e di d ieci u n it à di m isu r a solit a m en t e n e esce la d ecim a pa rte. Se


p er ò il vin o è m o lt o for t e, n e u scir a n n o d u e u n it à, cioè la q u in t a p a r te, e
qu esto è già m olto, se riesci a r a ccoglier e t u t t o ciò ch e esce. Se p o i d istiller ai
u n a secon d a volt a n el m o d o in d icat o, d i d u e u n it à n e ott er rai la m et à (m età,
vo glio d ir e , di ciò ch e avr ai p o st o n el va so d i d istillazion e). E se il d istillato
lo d istiller a i una t er za volt a , su cin q u e u n it à d i m isu r a n e ott er ra i q u a tt r o. Se
d istiller ai p er la q u a r t a vo lt a , e p r oced er a i cor r et t a m en t e, t r over a i ch e la
qu an tità ch e hai p o s t o n el va so n on è d im in u it a p er n ien te, o so lo d i p o co
[...]. Se p o i vu oi r a ggiu n ger e la p er fezion e som m a , n ella prim a d ist illa zion e
r a ccogli la d ecim a p a r t e, e d istillala p er d ieci vo lt e com p lessive, r a cco glien d o
in ogn i d ist illa zion e solt a n t o la d ecim a p a r te. Q u a n d o sarai a r r iva t o alla setti­
m a d istillazion e, q u e st 'a cq u a vie n e d etta p e r f e c t a , p o ich é op er a m er a vigliosa ­
m en te. Alla d ecim a d ist illa zion e in vece è ch ia m a t a p er f et t is s im a , p e r ch é p er
la sua n o b ilt à p e r fe zio n a e r en d e lu m in ose t u t t e le cose.

Da una tecnica di distillazion e ragion evolm en te praticabile si, passa


quasi in avvertitam ente ad un a m an ipolazion e che somiglia straordin a­
riam ente al p rocedim en to ch e gli alchim isti definivano di “m oltip lica ­
zion e” d ella m ed icin a o la p is , d op o ch e essa era stata otten u ta in
quan tità limitata m edian te le operazion i trasm utatorie estrem am ente
com p lesse com p iute a partire da m etalli, m inerali e sostanze acide va ­
riam ente denom in ate. La m u ltip lication ch e avven iva per successive d i­
luizion i 1:10 e « cir colazion i» (distillazion i in vaso chiuso) d el p r od ot­
to dell 'op u s, era il ver o e propr io cu lm in e del processo alch em ico, in
cui una poten za d i p er fezion e infinita p oteva ven ir sviluppata a p arti­
re da quantità p iccolissim e di materia t r a t t a t a 41.
La stessa distin zion e fra vari livelli di p erfezion e del distillato di
vin o si in con tra n ella pseudolullian a A r s op era tiv a m ed ica , ch e aggiu n ­
ge questa in teressante precisazion e: il p rod otto della distillazion e

16 2
9 - D A L SO C .N O D E L L ’ E L I X I R A L L A P R O D U Z I O N I : D E L L A Q U I N T E S S E N Z A

«non a sproposito suole essere chiam ato una sp ecie di qu in ta esse n ­


za» (q u in t a qu ed a m essen tia ) 42. L ’autore d ell7 1 rs op era tiv a t n ed ica
rappresenta dun que l’anello di con giun zion e fra il p u n to di vista m e ­
dico d ell’Alderotti, quello alchem ico-filosofico d el T est a m en t u m e
quello alchem ico-tecn ico di Giovan n i da Rupescissa, che con clu d e il
percorso:

H o d ett o ch e il Som m o D io h a cr ea t o la q u in tessen za , ch e si est r a e, m e ­


d ian te op er a zion i artificiali fa tte d a gli u om in i, d al co r p o d ella n a t u r a c r e a t a
d a D io; e la ch iam er ò coi tr e n om i ch e i filosofi le h a n n o d ato. E d ett a A c ­
q u a a r d en t e, An im a d el vin o o a n ch e sp ir ito, e Acq u a d i vita. E q u a n d o t u
vor r a i t en er la segr eta, la ch iam er a i Q u in t esse n za , p o ich é q u esta su a n a t u r a e
q u est o su o n om e gli eccelsi filosofi n on vo lle r o r ivela r lo a n essu n o (20).

9 *6
Distillar e la radice d ella vita

La differen za fra la quin tessenza del Rupescissa e le acqueviti o a cq u e


arden ti raccom an date dai suoi predecessori risiede nei due elem en ti
fra loro strettam ente connessi, ch e il fr ancescan o spirituale assum e d i ­
rettam ente dalle elaborazion i degli alchimisti: è l’in n ovazion e, t ecn ica
e filosofica insieme, che fa sì ch e la quin tessenza «sia e non sia» a c ­
qua arden te. Tecn icam en te, la distillazion e farm acologica ha co m e
obiettivo qu ello di separare la parte più sottile (volatile) della sosta n ­
za dalle f e c e s o residuo solido; la distillazione alchem ica avviene in ve ­
ce in un vaso erm eticam en te sigillato, d ove separazion e e r icon giu n gi­
m en to si susseguon o in una ripetuta a scen sio e d escen sio d ell’in t er a
sostanza n el vaso. L ’im p licazion e filosofica è che in tal m odo tu tta la
sostanza di partenza si dissolve e si trasform a n ella propria m a t r ice
m ateriale purissima.
Sul p ian o operativo, insegna Giovan n i da Rupescissa, il vin o « m i­
gliore ch e si possa trovare» va distillato «per esem p io da tre a se t t e
volte: e si ha l’acqua arden te [...] m ateria da cui si estrae la q u in tes­
senza, ch e è il nostro in ten to prin cipale in questo libr o» (30). L ’a cq u a
ardente è allora qualcosa di sim ile alla m ateria prim a della tr asm u ta­
zion e, ch e a sua volta è già il fr u tto di una serie di operazion i volt e a
d ecom p or r e i misti elem en tari. P er otten ere la quintessenza b iso gn a
poi far fabbr icar e un vaso distillatorio senza giun tur e, con u n ’u n ica
apertura in alto, che va sigillata con il «m astice della sapienza» (32 ).
Il vaso d eve avere due «can ali a form a di br accia» che p er m ettan o
alla stessa acqu a ardente di elevarsi e discen dere sem pre all’interno d i

16 3
A R C A N A S A P I E N Z A

esso. In qu esto m od o si realizza un a circolazion e con tin uam en te ripe­


tuta d ie a c n oct e «p er m olti giorni [la durata del processo n on viene
determ inata esattam ente] [...] fin ché l’acqu a ardente non si con verta
in quin tessenza p er la volon tà d i Dio dal cielo» (30). Ecco d u n qu e
p er ché la quin tessen za è un 'acqua ardente.
Ma ch e cosa è successo in questa distillazion e ripetuta in d efin ita­
m en te, per giu stificare l'altra metà d ell’asserzione, che cioè la qu in tes­
senza non è acqua arden te?
Rupescissa spiega il significato della sua in novazion e pratica (in t ei
lect u s op er a tion is) ravvisandovi la p r od u zion e di una cosa ch e non
con tien e in sé alcu n o dei quattro elem en ti, e dun que n on è p iù sog­
getta al ciclo di gen erazion e e corru zion e ch e dipen de dalle lor o com ­
posizion i e scom posizion i:

Il sen so d i q u est a o p e r a zio n e è q u esto: p o ich é la m iglior e a cq u a a r d en t e ch e


si p ossa o t t e n e r e con il p r o ced im en t o com u n e n o t o a tu tti con t ien e a n cor a
u n a com m ist ion e m a t er ia le d ei q u att r o elem en t i, così per isp ir a zion e d ivin a si
è in ven ta to (es t in g en ia t u m ) d i sep a r a r e la d esid er a ta q u in tessen za d a l com ­
p o s t o cor r u t t ib ile d ei q u a t t r o elem en t i, a t t r a ver so r ip etu te eleva zion i e d isce­
se. Q u est o a vvien e p e r ch é la sosta n za ch e vien e su b lim a ta u n a secon d a volt a
e r ip et u t a m en t e è p iù sot t ile e glor ifica t a e sep a r a ta d alla co r r u zio n e dei
q u a t t r o elem en t i, ch e n on q u a n d o si eleva u n a vo lt a sola. E così co n t in u a n d o
a su b lim a r e co n eleva zio n i e d iscese fin o a m ille vo lt e giu n ge ad u n a glo r ifi­
ca zio n e così eccelsa d a d iven t a r e u n co m p o st o in co r r u t t ib ile quasi co m e il
cie lo , e p e r ciò, d al fa t t o ch e h a la n a t u r a d el cie lo , è ch ia m a ta q u in t essen za ,
p o ich é sta in r a p p o r t o co l n ostr o co r p o com e il cielo sta in r a p p o r t o col
m o n d o in ter o (3 1).

Il p roced im en to in ven tato da Rupescissa, o m eglio da lui per prim o


divulgato, ha d u n qu e lo scopo di superare Y im passe operativa ch e si
op p on e alla p r od u zion e di un 'acqua p er fectissim a . Men tre l’op er azio­
n e descritta n ei Co n s ilia d ell’Ald er otti richied er ebbe infatti di im p ie­
gare nella prim a distillazion e quan tità strabilianti di vin o per otten ere
p och e gocce di aqua a r d en s p er fect issim a , con la tecn ica rupescissiana
si p u ò trasform are in quin tessenza una qu an tità qualsiasi di distillato
di vin o facen d olo «circolare» in un vaso er m eticam en te chiuso, senza
dispersion e di materia. Alla base d i questa possibilità sta un ’im p licita
equivalenza, a livello di p erfezion am en to d ella materia, fra l’iter azion e
in defin ita del m ovim en to ed il raffin am en to prodotto con la tecn ica
alderottiana: com e se la ripetizion e «m ille volte» nel vaso sigillato riu­
scisse a per fezion ar e an ch e quelle particelle di materia che n ella d i­
stillazion e in alam bicco ven gon o elim in ate com e residuo.

16 4
9- D A L S O C N O D i -L i / L L I X 1K A L L A P R O D U Z I O N I . D l -L L A Q U I N T E S S F-N Z A

Ma il m u tam en to di prospettiva rispetto ai Co n s ilia è anche p i ù


radicale: p oiché com un que le acque ardenti della trad izion e m e d ica ,
semplici o p er fette (e forse anche quelle perfettissim e, im p o ssib ili
però da p rod u r r e e solo im m aginate) eran o con sid erate u n fa r m a co
ancora caratterizzato dal p u n to di vista elementare, e d u n q u e a d a t t o
alla cura di un solo tipo di m alattie, qu elle p rovoca te dall’eccesso d e l ­
l’umore fr e d d o 45. Invece la quin tessen za è una realtà tan gibile, m a
essendo «separata dal misto cor ru ttibile degli elem en ti» n on ha di p e r
sé nessuna qualità elementare, ed è in grado di assum erle tutte: d i
questo è segno il suo color e sp len d id o ed il m irabile p rofu m o c h e
emana qu an d o alla fine delle in n um er evoli - m ille n on è, ovvia m en t e,
da pren d ersi alla lettera - cir colazion i il vaso vien e dissigillato. È
dunque la realizzazion e con cr eta d ell’elixir, farm aco m iracoloso d e l
quale con d ivid e le caratteristiche: «rim anendo all’interno d el t e r m in e
della vita prefissato da Dio [può] m antenere il n ostr o co r p o lib e r o
dalla cor ru zion e, guarirlo e con sen 'ar lo, curarne le m alattie, r id o n a r ­
gli le for ze, fin ché non giun ga l’ultim o giorn o secon d o il term in e s t a ­
bilito da Dio» (15). Pur n on p oten d o con ferire, n ell’or izzon te cr is t ia ­
no, la ver a e p ropr ia im m ortalità m ateriale, il farm aco alch em ico g a ­
rantisce ch e i gior n i della vita n on verran n o abbreviati da lle m a la t t ie
e dalla d ecad en za in trodotte dal p eccato originale: è la r ad ice st e ssa
della vita ch e ripor ta i corpi a ll’origin aria in corruttibilità.

Note

1. M cVa u gh (19 75); Getz (19 9 1). La discussion e scolastica sulla fo r m a m i x t i è


analizzata in M aier (198 4).
2. R. Bacon e, D e erroribus m edicorum , in Opera hacten us in edita , Cla r en d on
Press, Oxfor d 1932, voi. ix, p. 165.
3. Wilson (198 4, pp. 61-2, 67-8 , 8 1-4); Taylor (1945); Gu ei, Needham , N eed h a m
(1972, pp. 6 9 -71). Sui farmaci distillati ha portato nuovi contributi Michael M cVa u g h
nel recente seminario “Alchimia e m edicin a”, su cui cfr. supra , c . a p . 8, n ota 36.
4. Cfr . supra, p a r 7.5. L 'aqua v itae di cui vien e data la ricetta (in Man get, B i -
bliotheca Chem ica Curiosa , cit., voi. 1, p. 649) è un p repa rato a len ta co m b u st io n e e
alta lum in escen za.
5. Il tu b o di uscita a serpentina inserito sull'apparecchio distillatorio tr ad izion ale
permetteva, mediante un efficace raffreddam ento, la riduzione allo stato liquido d e l
vapore di alcol distillato e la sua effettiva raccolta. Tale dispositivo entrò in uso fr a il
xii e il xiii secolo.
6. Pereira (1999a, p. 63).
7. È un riferimento alla teoria um orale galenico-scolastica, secon do cui la m a ­
lattia s i determ in a per il prevalere di uno degli umori e della relativa qualità elem en ta­
re. L’afferm azion e che Yaqua v it a e «guarisce tutte le malattie di natura fredda» si t r o -

16 5
A R C A N A S A P I E N Z A

va n ei Co n s ilia delTAld erotti (T. Ald er otti, / “Co n s ili a ”, ed . G . M. Nard i, Tor in o
I9 3 7 » P- 235).
8. La ter iaca era un far m aco com p osto, n ella cu i ricetta en travan o a n ch e velen i
d i origin e an im ale; era con sid era ta un an tid oto con tr o tutti i velen i e le m alattie da
avvelen a m en to.
9. T . Borgogn on i, L i b e ll u s s ecr et o r u m , Lon d on , Br itish Museum , Ad d ition a l
2 50 3 I, ff. 2 JT-V.
10. R. Bacon e (ps.), Se cr e t u m secr et or um n a t u r a e , in Sa n ior is M e d ic in a e , p p .
289-90 .
11. P a yn e (1903); Rom swin kel (1974 ); Pereira (19 9 5a, p p . 164-71).
12. P er eir a (1995a, p . 169).
13. Ea m on (1994, PP- *65, 394-5X
14. W ilso n (1984).
15. Per eir a, Spaggiari (1999 , p p . x x x i x - x l i i l x v - c x x v i i , 519 -2 5). È cer to che il
Te s t a m e n t u m fu scritto in latin o e p o i tra dotto in ca ta lan o, m en tre p er la Ca n t ile n a la
situ azion e è esattam ente l’in versa.
16. Soler (1998). Cfr . Th iolier -M éjean (1999), con l’ed izion e d i due testi in lin ­
gu a d ’O c e d elle loro tr ad u zion i in francese: Ob r a t g e d els p b ilo s o p b e s , So m a . Tr a d u ­
zion i in lin gu a d ’oil eb b er o an ch e il Rosa r ius e il Te s t a m e n t u m , e di quest’ultim o si
con osce a n ch e un a version e in an glon orm an n o.
17. L 'a rs co m b in a t o r ia , ch e an cor a Leibn iz ap p r ezza va , era un m etodo un iversale
d i acq u isizion e e dim ostr azion e d elle con oscen ze otten u to in d ican d o con ser ie id en ti­
ch e d i lettere d ell’alfa beto le n ozion i di base della vision e m ed ievale del m on d o, le
m od alità d i relazion e fra n ozion i e le dom an d e p ossib ili su di esse. Disp oste queste
letter e su figu r e circolari com p oste d i va ri cerchi con cen tr ici, ruotan dole si p osson o
otten er e m atr ici con tutte le p ossib ili com bin azion i. N e i testi alch em ici p seu d olu llian i
le n ozion i di b ase sono sostit u ite con i ter m in i fon d am en tali d ell fop us.
18. Su i var i aspetti d ella figur a di Ar n ald o cfr. Pera rn au (19 95).
19. P er eir a (1989 e 199 5a ); Ca lvet (1995). Te s t a m e n t u m , R o s a r iu s e n u m erose al­
tr e op er e attr ibu ite a Lu llo e Ar n ald o, p ub blica te n ei secoli xvi e xvn , so n o edite
a n ch e nel p r im o volum e d ella Bib lio t b e ca Chem ica Cu r io s a , cit., d el Manget. U n a n u o­
va ed izion e latin a del Te s t a m e n t u m (cui si riferiscon o i rim ai fra paren tesi n el testo),
in siem e alla p rim a ed izion e catalan a, è in Pereira, Sp aggiar i (1999 ); quella occitan ica
d el R o s a r iu s in Ca lvet (19 97).
20. M cVa u gh (1993).
21. Ba d ia (1996).
22. P er il Tes t a m en t u m cfr. Pereira , Spaggiari (19 99 ), In t r o d u z io n e st or ica ; e P e ­
reira (1992a, ca p . 3). Per il Ro s a r iu s Ca m illi (1995); e Ca lvet (19 9 7), Int r o d u ct io n .
23. Ber th elot (18 93b); Th iolier -M éjean (1999).
24. Ca r r er as y Artau (19 72 ); Pereir a (1989, cap . 3).
25. Cr iscia n i (1995).
26. R. Lu llo (ps.), Co d ic il lu m , cap. 63, in M a n get, Bib lio t b e ca Chem ica Cu r io s a ,
cit ., voi. 11, p. 908. Cir cu la r e , cir cula t io in d ican o la d istilla zion e n el vaso sigillato. Nelle
“ figu r e r o t o n d e” vi è cer tam en te u n ’allu sion e alle figu r e com b in ator ie del Te s t a m e n ­
tum .
27. M or a u x (1963).
28. R. Grossat est a, D e co m e t is, in D i e p h ilo s o p h is cb en W e r k e d es R o b er t Gr o s s e -
t es t e, Bis cb o fs v o n Li n c o ln , ed . L. Ba u r (Beit rà ge z u r Ge s ch icb t e d e r Ph ilo s o p h ie d es
M it t e la lt e r s , 9, 19 12), p. 38.
29. P er eir a (1997).

16 6
9- d a l s o r ,n o d e l l ’e l i x i r a l l a p r o d u z i o n e d e l l a q u i n t e s s e n z a

30. Pereira (19 9 2 a, pp. 166-73). L ’im p ort an za del sale n ell’alchim ia verr à p i e n a ­
m ente alla luce con Par acelso (cfr . infray p a r . 12 .1). Sul va lor e sim b olico d el sale c f r .
J un g (1990 -9 1, voi. 1, cap. 5), e sop r attu tto H illm an (198 7).
31. Lo spirito d ella quinta essenza è ch iam ato «an im a dei q u a ttr o e le m e n t i, e
luce, e chiarità, e ch ia r or e lum in oso» (160 ).
32. Sulla n ozion e d i h u m id u m radicale aveva scritto un b reve tratta to Ar n a ld o d a
Villan ova, sosten en do p er ò che questa sostan za, base d ella vita, n on p u ò esser e i n
alcun m od o recu p era ta (M cVau gh , 1974).
33. P er tutti cfr. W a ite (188 8 ). An cora oggi gli esoter isti n on esitan o a m a n t e n e ­
re le attr ibuzion i tra dizion ali.
34. O b r ist (1996).
35. Il tema d ella co n iun ct io diven ter à cen tra le n ell’alchim ia rin ascim en tale, d a n d o
luogo an ch e a cicli figu rativi ben n oti. Cfr . infr a y p a r . 11.3 .
36. Eliad e (198 0 , p p . 154 e 160).
37. Coln or t-Bod et (1979, p. 298). Cfr . Pereir a (2000a).
38. Li b e r d e con s id er a i io n e q u in t a e es s en t ia e o m n iu m r er um t r a d it us p a u p e r ib u s e t
ev a ng elicis viris, ser v is D o m i n i n o s t r i les u Ch r ist i, co m p o s it u s a Ma g ist r o Io a n n e d e R u -
pesctssa sa cra e t h eo lo g ia e p r ofess or e ac p h ilo s o p ho eg r eg io , Basilea 156 1; i rin vìi n el t e ­
sto son o alle pagin e d i questa edizion e. N on esiston o stu di che con sid er in o la fi g u r a
di Rupescissa in tutti i suoi asp etti; p er q u ello alch em ico, cfr. H a lleu x (19 8 1); p e r
l’attività p rofetica Bign a m i-Od ier (1952); Va u ch ez (1990 ).
39. Coln or t -Bod et (1989).
40. Per l’ed izion e del testo d i Ald er ott i, alle cui p agin e rin vio fra p ar en tesi, c f r .
sup r a „ n ota 7. L’a ttr ib u zion e di questi cap itoli a Ta d d eo è stata da a lcu n i m essa i n
du bbio, m a ciò n on com p ort a u n o sp ostam en to cr on ologico sign ificat ivo delia l o r o
com p osizion e. L 'A r s o p er a t iv a m ed ica ven n e ed ita p er la prim a volta in B. L a v in h e t a ,
Exp la n a t io co m p en d io s a q u e exp lica t io a rt is R a i m u n d i L u l l i , Lion e 1523, e r is t a m p a t a
assieme al Lib e r d e con s id er a t io n e q u in t a e es s en t ia e d el Rupescissa e ad altr i testi s u lla
distillazion e n ell’ed izion e citata alla nota 38.
41. Cfr . i capp. 78 -8 1 e 92 della S u m m a p e r fect io n is m a g ist er ii (N ewm an , 1 9 9 1 ,
p p. 570 -90 , 27-30 ); ed i capp. n, 22-24, 11, 30 -31 d el Tes t a m e n t u m (Per eir a, S p a g g ia r i,
1999* PP- 348-62, 376-8 0 ). Non si p uò n on rilevar e, a p r op osito della m o lt ip lica zio n e
della m edicin a , la straord in aria som iglian za con il m etod o di dilu izion e e d in a m izza -
zion e im p iegato da Sa m u el H ahn em an n n ella p r ep a r a zion e dei far m aci o m e o p a t ic i
( Or g a n o n . D e l l ’a r t e d e l g ua r ir e , 18 10 , trad it. c e m o n , N a p oli 198 1, par. 270 ).
42. R. Lu llo (p s.), A r s Op er a t iv a M e d i c a , in Lavin heta, Exp la n a t io , cit ., f.
C L X X V V .

43. Ald er otti, / *Co n s ili a ", cit., pp. 235-6, 241-2.

1 6 7
IO

R eal tà , l eg g en d e e si m b o l i
al l a f i n e d el M ed i o ev o

IO.I

L ’oro, il sole, il cu or e

Giovan n i da Rupescissa riteneva di avere realizzato in un a materia


con creta Pun ificazion e di terra e cielo, sup eran do id ealm en te (prima
di Galileo e in direzion e opposta) la scission e che caratterizza la filo­
sofia aristotelica \ L'om ogen eità della m ateria di cielo e terra, da cui
la visione m odern a d el m on do avr ebbe p reso l’avvio, sem brava com ­
piersi n ell’alam bicco di distillazion e attraverso la p r od u zion e di una
materia in corru ttibile com e l’etere e co m ’esso lum inosa, fatta nel
m on do um an o e destin ata alla guarigion e e al per fezion am en to dei
corpi.
La quin tessenza, che di p er sé n on ha qualità elem en tari, p u ò
per ò assum erle tutte attraen do a sé le vir tù occulte di tutte le sostan­
ze; virtù occu lte che non sono qualcosa di m ateriale ma il p rin cip io
sottile, il cu or e pulsante degli esseri, da cu i tutte le qualità attive trag­
gon o origin e. L ’idea ch e sem bra balen are a tratti dietro tutta la trad i­
zion e er m etica, dalla T a bu la sm aragdin a alla quin tessenza rupescissia-
na, è quella - specialm en te in tu ibile nei tem i della lum in osità e delle
virtù occu lte - di una m ateria/ energia.
N el m od o in cui avviene l ’estrazion e delle vir tù occu lte em erge
con chiarezza il nesso ch e lega cielo e terra, che si esprim e n ei legam i
d i sim patia esistenti fra astri e corpi terren i. «Io rivelerò qu esto in ­
flusso e qu esto legam e d ’am ore che vi è fra i cor p i celesti e le cose
che loro cor r isp on d on o sulla terra» ( 2 6 ) 2. Fin dal loro apparire le
dottr in e astrologich e di origin e islamica avevan o rin vigorito nella cu l­
tura latina la creden za trad izion ale n ell’in fluen za d egli astri sulle cose
terrene; m a Rupescissa con precisa con sap evolezza in dica ch e tale in ­
fluen za n on ha il r uolo gen erico di un a cin ghia di trasm issione del
voler e d ivin o alla terra; essa rivela p iu ttosto la con tin uità e l ’armonia

16 9
A R C A N A S A P I E N Z A

di un cosm o in cu i alto e basso si cor risp on d on o secon d o lin ee ca­


ratterizzate da am ore o, com e diran no gli autori rinascim entali, da
'‘sim patia”.
Un a corrisp on d en za assai speciale è quella fra il sole e l’oro.
« Com e il cielo d a ll’alto n on influisce p er sé solo con ser van do il m on ­
d o con le sue m irabili in fluen ze, ma lo fa attraverso le virtù d el sole e
delle altre stelle, così qu esto nostro cielo, la quin tessenza, desidera
essere ador n ato dal sole m irabile, fatto in m od o ch e sia, com e quello
celeste, sp len d id o e in corruttibile» (22). Il sole m irabile è appun to
Toro «figlio del sole celeste, da cui si fa la p ietra dei filosofi, gen erato
dagli in flussi del sole n elle viscere della terra; il sole gli attribuisce
con la p ropr ia in fluen za la natura, il color e e la sostanza in corru ttibi­
le» (23). L ’oro n aturale p er fetto e in corruttibile, che n el T est a m en t u m
era il sem e e il f er m en t u m della perfezion e d ell’elixir, è parte essen­
ziale della m edicina alch em ica elaborata da Rupescissa, nella quale il
fru tto d el m atrim on io cosm ico fra il sole e le viscer e della terra si
unisce al frutto artificiale d ella distillazione, il p r od otto perfetto della
natura sposa il p r od otto p er fetto d ell 'in g en iu m um an o. In izia così il
lun go cam m in o d ell’or o p otab ile \
Il farm aco au reo quintessenziale, arricch ito ulteriorm en te con le
virtù delle «stelle terren e» - le erbe m edicin ali - , p u ò «procur are ri­
m edi q u a s i m iracolosi ai seguaci della vita evan gelica» (26), poiché
«influisce n el cu ore l’in flusso radiante d el calore n aturale e della vita»
(123), sì da far qu asi r isor ger e i m orti. Le «stelle terrene» con feri­
scon o alla quin tessen za le vir tù elementari, m edian te le quali agisce in
m aniera sim ile ai farm aci tradizion ali (raffr ed dan d o l’eccesso di calo­
re, riscaldan do l’eccesso d i fr ed d o ecc.) an che se con poten za m olto
m aggiore; perciò la secon d a parte del D e co n s id er a t o n e q u in t a e essen -
t ia e esp on e malattie e rim edi in base allo schem a classico dei trattati
m edici m edievali “dalla testa ai p ied i”. Ma è la cap acità di rafforzare
il cuore, in cui le vir tù con for tative tradizion alm en te attribuite all’oro
con ver gon o con la forza radian te della quin tessen za-cu ore d ella m ate­
ria, l’in n ovazion e ch e garan tisce il successo dei distillati alchem ici n el­
la secon da metà d el Tr ecen to, in una società duram en te scossa dalle
ricorren ti epidem ie di peste e alle prese con l’in adeguatezza dei rime­
d i prep arati con m etod i tradizion ali 4.
Nella secon da m età del xiv secolo il legam e fra alchimia e farm a­
cologia era ormai sald am en te istituito, com e attesta fra l’altr o il ri­
trovam en to dei resti di un labor atorio di distillazion e che si trovava a
Parigi nei giardini d ella scu ola di Sain t-Nicolas attor n o agli an n i Ses­
santa \ Il dato ar ch eologico è con ferm ato d all’esistenza d i diversi
scritti m ed ico-alch em ici, tra cu i lo scam bio epist olar e fra Tom m aso

170
IO. R E A L T À , L I X i C i E N D E E S I M B O L I A L L A F I N E D E L M E D I O E V O

da Bologn a e Ber n ar do Trevisan o e l’an on im o trattato d el “M ed ico


Illustr e” (S olem n is M ed icu s) (\
M olti di questi scritti si con cen tran o sulle proprietà d ell'or o p o t a ­
bile. La p reoccup azion e di eliminare le qualità p ericolose del m etallo
aveva già spinto Bacon e a ricercare un or o su p eriore a q u ello n atu r a­
le e a quello p r od otto m edian te l’alch im ia trasm utatoli a, e Giova n n i
da Rupescissa aveva raccom an dato di d iscioglier e nella qu in tessen za
solo or o naturale, n on lo r o corrosivo degli alchim isti. Su questa lin ea
il M ed ico Illustre, che denom ina ix ir l’or o p otabile, scrive: « È q u esto
il p u n to del m agistero, fargli perdere l’ar dore ch e in cen erisce e ca lci­
na, e le qualità n ocive, e ren derlo d olce [...]. Tr e o qu attr o p r oced u r e
per far lo le ha insegn ate Avicen n a n el Ca n o n e , ma la qu in ta n on r ie­
scon o a capirla se non quelli che han n o qualch e n ozion e d ’a lch i­
mia» 7.
Nella prima m età del Qu attr ocen to or o potabile e farm aci quin -
tessenziali sono orm ai d iffu si e accettati n on solo negli am bien ti a l­
chem ici, ma an ch e da parte di m ed ici di form azion e trad izion ale,
com e J acques Desp ars e Gu glielm o Fabr i in Fran cia, An ton io Gu a i-
nieri e Michele Savon arola in Italia. L ’uso dei farmaci distillati ten d e
tuttavia a differenziarsi, presso m olti dei m ed ici che li im p iegan o n el­
le cu re, rispetto all’insiem e della tradizion e alchem ica da cui i rim edi
quint essenziali derivan o 8. Marsilio Ficin o, ch e nel D e v ita lon g a so­
stiene che « lo r o è apprezzato da tutti sopra ogn i cosa, com e la cosa
più tem perata di tutte, la più im m une dalla corru zion e [...] e p er tan ­
to p u ò m eravigliosam en te tem perare il calor e naturale con l’um ore»,
si lim ita a raccom an dare un a ricetta della tradizion e m edica per fare
l’oro q u a si potabile. Qu esta ricetta, che tem pera l’oro con varie so­
stan ze, corrisp on de ad un a con cezion e del farm aco aureo evid en te­
m ente diversa d a quella di color o che «riten gon o che la cosa m igliore
sa r ebbe rendere l’oro p otabile senza m escolar lo ad alcunché», cioè
degli alchim isti 9.
All’origin e di questa presa di distan za sta forse il fatto che la ca ­
pacità di prep arare rim edi distillati p oteva essere utilizzata anche da
n on -m edici per trasform arsi in guaritori di successo: è quan to accad ­
de nel caso d ell’or afo fioren tin o Lor en zo da Bisticci che, avendo ap ­
preso le tecn ich e di preparazion e d ell 'aqu a v ita e , «ottenn e il Cristo
delle m edicin e con tro le m alattie più disperate» io. Lor en zo suscitò
n ell’am biente dei m edici fiorentini un a forte diffidenza; al contrario,
di un eremita ch e sapeva curare la paralisi con la quintessenza r ac­
con ta con una cer ta am m irazione il m ed ico pavese An ton io Guain ie-
ri, testim one d e ll’interesse che anche i professionisti di form azione
tradizion ale talora m ostravan o per la farm acologia alchem ica 11. Da

17 1
A R C A N A S A P I E N Z A

questo clim a di ricerca sar ebbe em ersa, all’in izio del secolo successi­
vo, la n ovità della iatrochim ica di Paracelso.

10 .2
L ib er lib r u m a p erit

Lor en zo da Bisticci aveva appreso Parte di prod urr e rim edi distillati
leggen d o il D e co n s id e r a t o n e q u in t a e essen t ia e e Y A r s op era tiv a m ed i­
ca , e la esercitava «con gran de on or e e con n on p iccolo guadagn o e
gu ar en do i m alati, com e prom ette Raim on do nei suoi scritti» I2. A
m età del Qu attr ocen to un gr u p p o di ricercatori vicini alla corte in gle­
se chiese al re il perm esso di p rodu r r e l’elixir, «gloria in estim abile e
madre di tutte le m edicin e», appoggian dosi alla vasta d ocu m en ta zio­
ne che un o di lor o, il can on ico J ohn Kir keby, aveva raccolto e che
com p ren deva il T es ta m en t u m con n um erose altre op er e attribuite a
Raim on do Lullo. Fra esse spicca il L ib e r d e secretis n a tu r a e seu d e
qu in ta ess en t ia , ch e r ip r od u ce il trattato rupescissiano aggiu n gen dovi
una terza parte ded icata alla trasm utazion e dei metalli, e che forse
per questo su p er ò in fama e diffu sion e il suo m odello 1\ Lor en zo da
Bisticci e J ohn Kir keb y son o due testim on i eminenti del fatto che a
partire dalla secon d a metà d el Tr ecen to e per tutto il secolo successi­
vo lo svilu p p o della farm acologia alchem ica si centrò sui n um erosi
testi attribuiti ad Ar n ald o da Villan ova e a Lullo.
Più in generale, la ricerca alchem ica si sviluppò p or ta n d o avanti
le prin cipali lin ee d ’in dagin e aperte fra il xrn e il xiv secolo nei testi
dei filosofi. Le collezion i di scritti alch em ici ch e cir colaron o sotto i
loro n om i cr eb b er o su se stesse, arricchen d osi di testi che p rom etto­
no di offr ir e un m etodo corretto (la S em it a recta attribuita ad Alb er ­
to), con sid er azion i in troduttive (A p er t or iu m p seu dolullian o), d elu ci­
dazioni ( N ov u m lu m en arnaldiano), un a sintesi delle con oscen ze al­
ch em iche [S p ecu lu m a lk im ie , che cir cola sotto il nome di Bacon e), e
così via. Il p r in cip io guida di questa p roduzion e è dich iar ato nel
p roem io del R osa r iu s arnaldiano: « Ch i sarà stato pigro n el leggere i
libri n on potrà essere abile nelle prep arazion i pratiche. Un libro ne
spiega un altro ( lib er libr u m a p er it ), in fatti, e un a parola ren d e l’altra
com pren sibile, p er ch é quello che m an ca in un o viene com p leta to da
un altro» M.
Si d eve sottolin eare che non esiste in pratica un cor p u s di testi
attribuito a Geb er latino n el xiv e x v secolo, e che gli autori, i cui
nomi son o scelti quasi com e il s e n b a l dei trovatori proven zali, son o
tutti filosofi. A ripr ova di questa ten den za si assiste, sem pre fra Tre e

17 2
IO. R E A L T À . LECi Ci I . N I ) t L SI M B O L I A L L A PINI- D E L M E D I O E V O

Qu attrocen to, alla p rod u zion e di testi alch em ici, teorici e pratici, a t ­
tribuiti a Tom m aso d ’Aq u in o e p ersin o a Du n s Scoto, il cui co in vo l­
gim en to con l’alch im ia era stato assolutam ente n u llo
N o n con oscen do chi siano i veri autori dei testi p seu d oep igr a fi,
non possiam o delin ear n e con certezza le in ten zion i. Si p u ò però r it e ­
n ere ch e quelle ch e noi oggi definiam o “attribuzion i p seu d oep igr a fe”
non fossero propriam en te dei falsi, m a - qu an d o erano in ten zion ali -
significassero la volon tà di inserire i n u ovi testi in una linea di p en sie­
ro e/ o operativa, senza rivendicare alcu n “d ir itto d 'a u t or e”. Il sen so
della proprietà letteraria, com e lo in ten diam o oggi, non si ap p lica a d
autori m edievali che si propon evan o di tram an dare il sapere loro t r a ­
sm esso, can cellan do di fr on te ai gran di maestri la propria iden tità, e
in differen ti al fatto che la loro opera, copiata d a mani diverse, a vr e b ­
be p otu to subire alterazion i - com e di fatto avven n e m olto spesso -
da p ar te di successivi “sp erim en tatori” u\
La form azion e dei cor pu s pseu doepigrafi è però accom p agn ata,
sopr attu tto a p artire dal xv secolo, da un 'attività di scrittura a lch em i­
ca più personale: an ch e se le ricette, co m ’è com pren sibile, con tin u an o
a cir colare per lo più anon im e, m olti au tori di scritti - sop r attu tto di
p r a ctica e o di com p ilazion i dai testi m aggiori - in dican o senza p r o ­
blem i il proprio n om e, il ch e significa ch e l’alchim ia, per qu an to co n ­
troversa e da p iù parti condann ata, n on era an cora con siderata un a
pratica occulta e che la pseud oep igrafia non è, o almeno n on in p r i­
ma istanza, una m isura d i protezione. Martin o Or tolan o, Tom m aso
da Bologn a, Ber n ar d o il Gr an d e, Pietr o da Silen to, Gu glielm o Sed a-
cer, Walter da Od in gton sono soltan to alcuni dei nomi di autori di
trattati anche di n otevole spessore, ch e testim oniano di una ricerca
diffusa e diversificata ,7.
Le linee della ricerca alchemica an daron o differen zian dosi n el
corso del Trecen to. L'alch im ia centrata sulla trasm utazion e m etallica
con tin u ò a sussistere, n onostante fosse stata aspram ente con dan n ata
da Giovan n i xxu nel 13 17 con la bolla S p o n d en t qu as n on e x h ib e n t :

P r o m e t t o n o , i d is gr a zia t i a lch im is t i, r ic c h e zze ch e p o i n o n s o n o in g r a d o d i


p r o d u r r e [...] c a d o n o n e lla fo s s a ch e s i s o n o s ca va t a co n le lo r o m a n i ... si
p r e n d o n o gio co l'u n o d e ll’a lt r o [...] d a n n o fo n d o a lle lo r o s o s t a n ze [...] d is s i­
m u la n o co n p a r o le la lo r o fa ls it à [...] co n ia n o i ca r a t t e r i ai g a r a n t it i m e t a lli
d e lla m o n e t a p u b b lic a p e r o c c h i t r o p p o fid u cio s i, e n o n a lt r im e n t i ch e co l
fu o c o a lch e m ico d e lla fo r n a c e in ga n n a n o il v o lg o ign o r a n t e l8.

L ’alchim ia della quin tessen za e quella d e ll’elixir, da cui essa deriva


(epistem ologicam en te “n on falsificabili”, data l'op in ion e corren te che

173
A R C A N A S A P I E N Z A

guarire le malattie era possibile solo se Dio n on aveva stabilito ch e


un in d ivid uo dovesse in qu el pun to m orire), a lor o volta eb b er o m olti
seguaci fra cui, com e si è visto, si d istin guon o abbastanza p resto gli
utilizzatori, per così dire, “estrinseci” d ei rim edi quin tessenziali, da
quan ti con tinuano a cam m in are nel solco della tradizion e alchem ica.
Altr i aspetti - per esem p io l’id en tificazion e che il catalano Gu glielm o
Sed acer fa del vetr o com e prin cipio qu in tessen ziale e scop o dell'ar te
alchem ica 19 - in d ican o già gli in num erevoli esiti innovativi sul piano
tecn ico ch e la tradizion e trasm utatoria p rodu rr à a partire d a ll’epoca
rinascim entale.
An ch e la lin gua in cu i scrivevano gli alchim isti cessò d i essere
esclusivam en te il latin o; e propr io una analisi degli scritti alchem ici
n elle varie lingue n azion ali m ostra in qu an ti rami la tradizion e con ti­
nuava, m utando vo lt o e, p er così dire, sp ecializzan dosi. Trasm u tazio­
n e m etallica, elixir, quin tessenza, fabbr ica zion e del vetro e pratiche
artigianali varie, m a an ch e allegorie p oetich e e i primi cen n i di un
avvicin am en to alla m agia, son o trasmessi da testi in lingua italiana,
fran cese d ’od, catalan a e occitanica, ted esca, cèca e fia m m in ga 2<).
L ’affascinan te sapere ven u to d all’Or ien te attraverso al-An dalus, d iffu ­
sosi dapprim a sulle sp on de d el Mediterran eo, saliva lentam ente alla
con qu ista d ell’Eu r op a, fino ad insediarsi saldam en te nel cu or e della
Germ an ia in quelle corti che, prima fr a tutte Pr aga, sar ebber o rim a­
ste per secoli le r occh efor ti della ricerca alchem ica europea.

IO -3 .

Vit a d ’alchim ista

Un docum en to del re d ’In ghilterra Ed oar d o in, datato 1329 (cioè tre
anni prim a della d ed ica del T est a m en t u m allo stesso sovran o), mostra
con quale determ inazion e i regnanti p otesser o cercare di otten ere i
servigi d egli alchim isti, non esitan do a r icorr er e alla forza 21. Il re ca­
talan o Pietr o il Cer im on ioso, d op o aver assunto n el 1346 p er via ere­
ditaria il dom in io su l regn o di Maiorca fino ad allora in dipen den te,
chiam ò al suo ser vizio Menahem , un m ed ico alchimista eb r eo che
aveva praticato l’a r te a Maior ca negli an n i preceden ti. Il su o succes­
sore, Giovan n i 1, aveva egli stesso precise con oscen ze alchem iche, sic­
ch é in un a lettera d à m an dato ad un su o fun zion ar io di far ven ire a
cor te un vescovo, n oto com e pratican te d ell’alchim ia, con q u este p a­
role: «Se il vescovo di cui ci parlate sa fare l’opera alchem ica p er fet­
tam en te, com e dite, vogliam o decisam en te che ven ga da n oi; perché

*7 4
I O . R I - A L T A , L E G G E N D E E SI M B O L I A L L A F I N E D E L .M E D I O E V O

p otr eb be essere ch e abbia cer te con oscen ze relative a quest’arte che a


noi m an can o, e ch e noi stessi sappiam o cose che egli ignora» 22.
Di un vero e p rop r io sodalizio operativo fra d u e alchimisti e un
sovran o aveva fatto parte l’autore del T es t a m en t u m , che in oltre r ac­
con ta di essere stato testim on e di un ep isod io di trasm utazion e avve­
n u to «a p och e legh e da N ap oli» alla presen za di un fiduciario basco
del re d ’In ghilterra, Ber n ar do d e la Bret. Alcu n i trattati lullian i e ar-
n aldiani son o dedicati a Rober to d ’An giò, re di Nap oli dal 1308 e
m arito della principessa m aiorchin a San cia, p rotettr ice dei fran cescan i
sp ir it u a li2*.
Tor n a n d o a Giovan n i 1 scopriam o ch e qu esto sovran o, p er quan to
cr edesse nella possibilità della trasm utazione, non era però disposto a
farsi ingannare; dich iara in fatti di avere una ricetta per saggiare Toro
o l’ar gen to che il vescovo alchim ista p reten d e di fare. Era questo il
p er icolo ch e correvan o gli alchimisti: i poten ti n on in coraggiavano le
loro ricerche per m otivi puram en te scientifici, ma per avere d ispon i­
bilità di metalli da con io. Il fallim ento delY op u s poteva essere facil­
m ente scop er to m edian te tecn ich e d ocim astich e ben n ote, quali la
cop p ellazion e e la cem en tazion e 24. A qu el p u n to la situazione d ell’ar­
tefice diven tava m olto critica sia dal p u n to di vista personale, sia p er ­
ché dava il m ovente p er u n ’azion e legislativa che colpiva tutta la “ca ­
tegoria” : n el 1380 Car lo v di Francia, alla cui cor te aveva op er ato il
m edico, astrologo e alchim ista Tom m aso da Bologn a, em ise un d e­
creto ch e vietava la pratica d ell’alchimia; altrettan to fece nel 1403 E n ­
rico iv d ’Inghilterra.
Delle periclitanti sorti person ali dei seguaci d ell’arte ci testim onia
la vicen d a di un p rotetto del re catalan o Giovan n i 1, il fran cese J ac­
ques Lustrach, defin ito nei docum en ti a lq u im ia y r e , con un termine
cioè ch e sfiora il cam po sem an tico della m agia. In sediato nel labor a­
torio alch em ico d ell’Alm u d ain a a Maiorca nel 1395, dopo la m orte
del re, avven uta di lì a p oco, con tin uò a dedicarsi alle sue ricerche,
in distu rbato e ben pagato. Ma n el 1399 il n u ovo sovran o, Martin o -
forse più diffiden te del suo predecessore, o forse solo stan co di n on
ved er e risultati - decise di ch ied er gli con to del suo operato; Lustrach
n on fu in grado di esibire al re altro ch e un p r od otto car taceo, un
trattatello intitolato La f e n ic e , e fu im prigion ato. Ven n e p er ò liberato
p och i m esi dopo, sem bra per intercessione della regina; le op in ion i in
seno alla corte n on si eran o dun que im p rovvisam en te com p attate
con tro l’alchim ia 25.
La vicen da di Lustr ach, com e il più o m en o con tem poran eo tac­
cu in o di viaggio redatto da un altro alchim ista fran cese, Leon ar d o di
Maur p erg, che si trovava alla corte inglese verso il 1390, m ostra ch e

17 5
A R C A N A S A P I E N Z A

la difficoltà d ell'o p u s trasm utatorio n on era ancora riuscita a scorag­


giare n é gli alchim isti - che con tin u avan o a leggere, r icercare e scrive­
re, ten tan d o di trovare in fin e l'in castr o giusto fra testi e sperim enta­
zion e - né, in fon d o, i sovrani.
Così la con segu en za dei divieti n on fu la cessazion e delle pratiche
alchem iche, m a un più for te assoggettam ento alla volon tà dei regn an­
ti, com e m ostr an o le n um erose p etizion i degli alchim isti inglesi n egli
anni attor n o alla fine della guerra dei Cen to An n i (1453), in cui si
prom etteva di «trasmutare i m etalli im perfetti, m edian te la sopradetta
arte, dal lor o gen er e in qu ello d ell’or o e dell'argen to, ch e avrebbero
resistito a tu tte le prove di saggiatura proprio com e l’o r o e l’argento
cresciuti nelle m iniere» 26. Ma in un d ocum en to datato 1452 lo stesso
sovran o cui ven ivan o rivolte le petizion i, En rico vi, or d in a la con d an ­
na di alcun i “falsar i” che avevan o prom esso d i fare l'o r o senza riu­
scirvi. Il fin ale della leggen da di Raim on do Lu llo ci m ostra il maior-
chino ch e, d op o aver appreso l'alchim ia, venn e invitato alla corte in ­
glese d a un fan tom atico abate di Westm in ster di n om e Crem er. La
trasm utazion e, si dice, riuscì, ma l'o r o alchem ico p r od otto, con cu i
furon o con iate delle m on ete dette R o s en o b les y fu utilizzato dal sovra­
no n on per com battere gli in fedeli, com e l’alchim ista chiedeva, ma
per far guerra ad altri cristian i (i francesi). Alle rim ostran ze dell’al­
chimista, ch e im persona con verosim iglianza l'in teresse del vero Rai­
m ondo Lu llo p er la conversion e, p iù o meno forzata, d ei non cristia­
ni, il re lo fece incarcerare 27.
Sosp esi fra le enormi aspettative proprie ed altrui e la frustrante
realtà con creta, con l’annessa dose d i rischio, m eglio avr ebber o fatto
gli alchim isti ad attenersi alle auree regole di p ru den za suggerite in
un T r a t ta t ello d 'a lch im ia risalente alla fine del Du ecen to, talmente vi­
cino alle idee di Alber to Magn o da essere stato in clu so n ell’edizion e
seicentesca degli Op er a o m n ia 2K. D o p o aver esam in ato le problem ati­
che relative ai m etalli e all 'op u s, si davan o all'artefice qu esti sugger i­
menti: di m an ten ere il segr eto sul su o operare, perché «quan do sarà
stato d ivu lgato tale segreto, l'ar tefice avrà fama di falsario e l'op u s r i­
marrà in com piuto»; di rim an ere appartato an che fisicam ente «in
un’abitazion e particolare, lon tan o d alla vista d egli uom in i»; di presta­
re atten zion e al tem po op portu n o; d i essere diligen te e perseverante e
di seguire le r egole dell'arte, in particolar e cu ran d o di utilizzare i r e­
cipien ti adatti; e infine, «il settim o p recetto è ch e tu d ovr ai sopr attu t­
to stare attento n el lavorare presso p rin cip i o potenti». Spesso, infatti,
«non san no aspettare la fin e dell 'o p u s » , cioè im p on gon o all’im p rovvi­
so un a verifica, com e nel caso di Lustrach, e allora son o guai. Ma
anche il successo operativo non è u n a garanzia: «se in vece avrai con -

17 6
i o . r e a l t à , l e c ; c ; e n e >e l s i m b o l i a l l a i i n e d e i . m e d i o e v o

seguito un bu on esito, tram erann o per trattenerti presso di loro p e r


sempre e non ti consen tiran n o di andartene», m entre è essenziale p e r
l ’alchimista viaggiare, poter si m uovere in liber tà per com p ier e fin o in
fondo la sua ricerca. O lt r e a tutto ciò, l’ottavo p recetto s u gge r is ce
«che nessuno in trapren da queste operazion i se non ha fon d i a b b o n ­
danti [...]. Se u n o inizia ugualm ente, e poi gli m ancano i fondi, p e r ­
derà le sostanze e tutto».
La solitudine e la pru den za nei contatti caratterizzan o la fig u r a
dell’alchim ista distin guen dola da quan ti si dedican o a ll’a p p r e n d im e n ­
to e alla pratica dei saperi n ell’istituzion e un iversitaria. Al lu ogo p u b ­
blico di elaborazion e del sapere si con trap p on e il segreto r ico n o sce r si
degli alchimisti ch e durante la lor o vita errabon d a s’in con tran o e si
associano: «fra gli artefici n on ve n e sono altri così pron ti a s t r in ge r e
rapporti fra lor o com e gli alchimisti: infatti, se in un paese ce ne s o n o
due, l’uno in con tra subito l’altro e si fa suo socio»
Viaggiare, com p rar e libri, procurarsi la “m ateria p rim a” e i
“semi” preziosi necessari p er la riuscita òeW op u s costa; m a l’in ve s t i­
mento dovette sem brare ottim o a m olti, specialm en te qu an d o c o m in ­
ciarono a diffon d er si storie com e quella di Nicola s Flam el e di s u a
moglie Perren elle, che è forse la più celebre ed em blem atica le g g e n d a
alchemica del m ed ioevo eur op eo.
La leggenda apparve p er la prim a volta in un testo a stam pa d e l
xvii secolo, com e altri r accon ti del genere, quali ad esem p io q u e llo
sulla visione alch em ica di Merlin o e quello relativo ad un testo fa n t a ­
sma intitolato I I sog n o v er d e La storia di Flam el ven iva r ip o r t a t a
come in troduzion e ad un L ib r o s u lle fig u r e g er og lifich e a lui a t t r ib u it o ,
che in terpretava com e illustrazion e sim bolica d elY op u s un affr esco a l­
lora esistente - oggi non p iù - sulla facciata della Cap p ella degli I n ­
nocenti a Parigi Si n arra ch e Flam el, copista e libraio a P a r ig i,
avesse acquistato nel 1357 un an tico libro d ’alchimia. D o p o v e n t i
anni di studio in fr uttuoso, duran te un pellegrin aggio a San tiago d i
Com postella, in con tr ò alcu n i alchim isti che glien e for n ir on o s p ie g a ­
zioni parziali. Rien trato a Parigi, d op o altri tre anni di sp er im e n t a zio ­
ni com piuti in siem e alla m oglie Perren elle riuscì a fare la p r o ie zio n e
ad a lbu m (cioè a p r od u r r e argento) il 17 gen n aio 1382 e qu ella a d
r u beu m (l’oro) il 25 aprile dello stesso anno. Diven u to r icch is s im o ,
donò ai poveri della città la Cap p ella degli In n ocen ti e altri ed ifici.
La vera storia sar ebbe quella di un r icco copista e libr aio di P a r i ­
gi, vissuto fra il 1330 e il 1418 , che accum ulò gran di ricch ezze c o n il
lavoro e le in crem en tò sposan dosi con un a ricca ved ova, e con s p e c u ­
lazioni im m obiliari. Il libr o a lui attribuito è sicuram en te un falso c o ­
struito nel Seicen to, un o p seu d oep igr afo in senso p rop r io, in cui v ie -

17 7
A R C A N A S A P I E N Z A

n e d a ta u n 'in ter p r eta zion e alch em ica alle im m agin i d ei ser p en ti e d e l­


la str age degli in n ocen ti ch e si p r eten d eva fosser o state r ip r ese d a l
lib r o a n tico, il cu i a u tor e er a d en om in ato “Àb r a m o l’e b r e o ” . La scia n ­
d o p er il m om en to da p a r te il com p lesso a m b ien te d egli alch im isti
fr an cesi d el G r a n d Siècle, in cui il lib r o e la leggen d a ven n er o alla
lu ce, o ccor r e r ilevar e ch e il r accon to su Fla m el m ette in p r im o p ia n o
il lega m e fra r icer ca a lch em ica, tem i r eligiosi e visu a lizza zion e sim b o­
lica ch e si era ven u t o m an ifesta n d o p r o p r io a ll’ep oca d ella vita d el
Fla m el stor ico, a p r en d o la str ada al r icch issim o svilu p p o ico n ogr a fico
e sim b olico d ell’a lch im ia in età rin ascim en ta le e b a r occa .

10 .4
Vision i, p ar abole, p r ofezie

Il collega m en to fr a p r a tich e a lch em ich e e tem i r eligiosi, con la con se­


gu en t e lettu r a sim b olica d ei passaggi ch ia ve d ell'o p u s , risale - com e si
è visto - in ultim a istan za a Zosim o 32. M a il m o n d o latin o, r iceven d o
la tr a d izion e d ell’Ar t e Sacr a attr aver so il filtro isla m ico, n e aveva svi­
lu p p a t o p iu ttosto gli a sp ett i filosofici ch e n on qu elli sim b olici, u t iliz­
za n d o i m otivi a llegor ici, d er iva ti da I b n Um ayl e d a altri testi com e
la V is io A r is le i , co m e m eta for e p er le sosta n ze e le fasi dell 'op u s p iu t ­
tost o ch e com e p or t a t o r i d i un sign ificato sim b olico, n on osta n te l’a f­
fer m a zion e di M o r ien o ch e l ’alch im ia in t r o d u ce ad un a scien za altr a
ed ign ota. E n ell’a m b it o d e ll’alch im ia d e ll’elixir , in cu i affior an o e le ­
m en ti escatologici in d ip en d en t i r isp etto alla p r eced en t e tr a d izion e a l­
ch em ica e der ivan ti p iu t t ost o da qu ella d ella p r olon gevità , ch e t r ovia ­
m o i p r im i testi la t in i r ed a tti in for m a di vision e e p or tator i di u n
sim b olism o, in sé n o n n u ovo, che r egistr a un m u tam en to d i lin gu a g­
gio e d i a tteggiam en to: alla fid u cia n ella costr u zion e d ottr in ale vien e
sostit u en d osi l’a ccen t u a zion e della m od a lità r ivela ta , cioè in tu it ivo-
s im b olica , d i a cq u isizion e d el sapere a lch em ico.
Co m e r icon osce P iet r o Bon o, che scr iveva fr a il secon d o e il t er zo
d ecen n io d el Tr ecen t o , l’alch im ia n on è solo u n a filosofia d ella n a t u ­
ra, secon d o l’im p osta zion e b acon ia n a, n é ta n tom en o solo un a su a
p a r te, m a è a n che u n sap er e «sopr a la n atu ra» i3. Il r icon oscim en to
esp licito d e ll’asp etto p r eter n a tu r a le d ella p r od u zio n e artificiale, en u n ­
cia t o n el lin gu aggio d ella r a gion e scola stica, p ot eva p or tar e al sosp et­
t o di un in ter ven to d em o n ia co n ell'a r s, a ffacciatosi effettivam en te in
a lcu n i t eo lo gi di fin e D u ecen t o 54. L ’a n a logo r icon oscim en to effettu a ­
to a ll’in t er n o d ella tr a d izion e alch em ica p or tò in vece, n on sor p r en ­
d en tem en te, ad u n m u ta m en to di str ategie lin gu istich e, r ealizzate

17 8
I O . R E A L T À , L E G G E N D E E S I M B O L I A L L A F I N E D E L M E D I O E V O

d a p p r im a con la scrittu r a d i testi alch em ici in for m a d i vision i, ch e


in izia p r a tica m en te in co n t em p or a n ea alla stesu r a d ei gr an d i testi
sulT elixir .
N e l Fior e su p r em o (Flos f lo r u m ) attr ib u ito ad Ar n a ld o da Villa n o ­
va la r ivela zion e alch em ica si d eve ad «un vecch io ch e em an ava u n a
sp len d id a lu ce e ten eva in m an o u n lib r o ch iu so e sigillato con si­
gilli» L ’im m agin e d ell’An zia n o d ei Gio r n i ò d K A p o ca lis s e si fo n d e
con q u ella alch em ica di S en io r (Ibn Um ayl), r a ffor za n d o il m otivo a r ­
ch etip ico d el s e n e x n ell’im m a gin a r io alch em ico.
A J oh n Da stin , au tor e in glese d i un testo in titolato R osa r iu s com e
q u ello a m a ld ia n o, e com e q u ello d ed ica to alla p r ep a r a zion e d e ll’eli-
xir, si d eve u n a d elle p r im e v isio n i alch em ich e: in un a r a p p r esen t a zio­
n e di stile teatr ale i m eta lli e gli altri in gr ed ien ti d el Y op u s ven gon o
a llegor izzat i in figu r e u m an e (il Re e i suoi fr atelli, la su a sp osa e so­
rella, le n ove ver gin i) e in ter p r eta n o un a vicen d a di sacr ificio, n ozze,
m or te e r esu r r ezion e n ar r ata con ch ia r i r ich iam i al lin gu a ggio b ib li­
co E cen tr a le in qu esta vicen d a la figura d el ser p en te, il draco ch e
col su o velen o u ccid e, p er m et t en d o la tr a sfor m a zion e e la rin ascita;
d o p o l’u n ion e d el re con « u n a ver gin e assai leggiad r a , figlia d i sua
m ad r e [...] l’a st u to ser p en te, ch e r im u gin ava an tich e in im icizie ver so
la D o n n a , str isciò nel ta la m o e p r ese a sp ar ger e il velen o a p o co a
p o co p er n on scu oter e i d or m ien ti n el son n o; e q u esto tossico, sa­
len d o p ian p ian o, faceva a p ezzi gr ad atam en te il co r p o d el Re d o r ­
m ien te». E di testi com e q u est o ch e si n u tr e l’in ter p r eta zion e sim b oli­
ca d e ll’alch im ia n ella p sico logia d el p r o fon d o il cu i o p u s , com e q u ello
a lch em ico, è p r a et er n a tu r a m e d eve r icor r er e ad im m agin i sim b olich e
p er p ot er si esp r im er e sen za tr a d ir e con il lin gu a ggio u n ivo co d ella r a­
gion e scien tifica le tr asfor m azion i ch e op er a.
Il ser p en te è un sim b olo d ella tr asfor m azion e fin d ai m iti or igin ar i
della D ea ; ed il fatt o ch e n elle vision i a lch em ich e com e qu ella di D a ­
stin o qu ella d i u n altro a lch im ista in glese, E d o a r d o 57, sia r icon osci­
b ile co m e u n ’allegor ia d el fu o co n on ne sm or za la for za evocativa,
an zi la a ccr esce. Il car atter e tellu r ico, ch e n e faceva il sim b olo d elle
tr a sfor m a zion i n atu rali, si a r r icch isce di q u ello ign eo ch e p er m ette d i
con cep ir e tr asfor m azion i a r tificiali a ltr ettan to r ileva n ti.
La V is io n e d i Dastin u tilizza cit azion i eva n gelich e; q u ella di E d o a r ­
d o scan d isce il tem p o d el Y op u s d alla data d ella cir con cision e di Cr i­
sto alla P asq u a; P ietr o Bo n o esp licitam en te p r o p o n e il p ar allelism o
fra il la p is p h ilosop h or u m e Cr isto. Il m ito a lch em ico d el p er fezion a ­
m en to d ella m ater ia tr ova n el Cr ist o r isor to l ’im m a gin e gu id a ch e tie­
n e la r icer ca a lch em ica sald a m en te all’in ter n o d e ll’o r izzon t e cr istian o
m a p r o p o n e im p licita m en te u n ’in ter p r etazion e d ella r ed en zion e b en

1 7 9
A R C A N A S A P I E N Z A

T I C, I J R A IO
L ’allegor ia d ella m or te e della r esu r rezion e del re ven n e utilizzata a p iù riprese ed
in m od o an che m olto articolato in n u m er osi testi alchem ici, a pa r tir e dalla Visio di
J ohn Dastin

d a P ie t r o B o n o , Pretuna Margarita hi nella. V e n e z i a 15 4 ^ , r ip r o d o t t o in Ics symhtdi'\ \f>/ritue!< Jc


ì'alchimie, B i b li o t h e c a P h ilo s o p h ic ; » l l e r m e t i c a . A m s t e r d a m p p . 56-N.

diversa da quella della teologia, com e com prese Ca r i Gu stav J ung


qu an d o vid e n ell’alchim ia il ten tativo di esten dere la salvezza al mon­
d o della m ateria
Se lo avesse con osciuto, J u n g avrebbe sicuram ente valorizzato il
b r eve trattato in titolato Pa ra bole, A n a lo g ie , o E s em p i a lch em ici , attri­
b u it o ad Ar n ald o da Villan ova e rimasto inedito fin o a p oco tempo

18 0
fa Il titolo, o lt r e al sign ifica to scola stico d i “ a n a logie” , r ich iam a gli
ex em p la u tilizza ti dai p r ed ica tor i p e r r en d er e p iù facilm en te co m ­
p r en sib ile l’esp osizion e d ei con ten u ti d ogm a tici e/ o m orali; fr a q u esti,
la m ed ita zion e sulla p assion e di Cr ist o era, n el Tr ecen t o, un tem a
p a r ticola r m en te car o agli sp ir itu ali (si pen si, fr a i tanti, al L ig n u m v i­
tae d i U b er t in o d a Casale) e ai m istici (per esem p io An gela da F o li-
gno).
N e l tr a tta tello ar n ald ian o n on è il m er cu r io ad esser e u sato p e r
sp iega r e n ascita e p assion e di Cr isto, m a l’in ver so; ed è il co r p o d i
Cr ist o, le sue vicen d e d a lla n ascita ai d etta gli fisici d ella p assion e, alla
m or te e r esu r r ezion e d el cor p o , ch e r eggon o l ’an alogia 4<\

Com inciano gli esempi n ell’arte dei filosofi dai detti dei profeti e dalle loro
parabole circa la venuta di Cristo. E secondo il suo avvento si può com ­
prendere quest’arte e anche orientarsi nella sua realizzazione, poiché Cristo
fu esempio di ogni cosa. Pertanto il nostro elixir può essere compreso se­
condo il concepimento e generazione e natività e passione di Cristo [...]. Fi­
gli dei filosofi, com prendete ora in che m odo noi trattiamo il m ercurio se­
condo il m odello di Cristo. Ripensate al fatto che quattro furono le passioni
nel m odello di Cristo, e che quattro sono reperibili nel mercurio [...]. Ecco
dunque che abbiam o quattro passioni che si individuano nel m ercurio per
segnalarne la morte. Poi deve venir collocato nel sepolcro, e qui starà per tre
giorni e tre notti come Cristo, e resusciterà can dido e rubicondo (236, 239).

N ella ser ie di im m agin i ch e illu str er an n o il t a r d o R osa r iu s di cu i J u n g


si ser vì n ella Psicolog ia d ella tr a sla zion e l'u ltim a è a p p u n t o q u ella d i
Cr ist o r is o r t o 41.
Il tem a d ella p assion e, m or te e r esu r r ezion e con n ette q u esto t est o
alle a n alogh e V is io n i di or igin e in glese, ch e h a n n o p er ò un a n d a m en ­
t o quasi d a fiaba; il ser p en te ch e in esse com p a r e n on è estr an eo d el
resto all’op er a d ella salvezza cristian a. D elle im m agin i a r ch et ip ich e
d ell’alch im ia, r im an e fu or i dal con testo r eligioso del testo ar n ald ia n o
solo q u ella d elle n ozze, p r esen te n elle d u e V is io n i e cen tr ale in u n o
d egli scritti p iù affascin an ti d el ta r d o M ed io evo , Y A u r or a Con su r g en s
ch e la tr a d izion e com p a tta m en te assegn a al som m o teo logo della s co ­
lastica, Tom m a so d ’Aq u in o .
M a r ie Lo u ise von F r a n z, ch e h a ed it o e stu d ia to la p a r te vision a ­
ria d el testo, r it ien e p la u sib ile l ’a ttr ib u zion e e la collega alle vicen d e
degli u ltim i m esi della vit a d i Tom m a so, q u a n d o - d op o u n ’esp er ien ­
za m istica ch e lo aveva p r ofo n d a m en t e tu r b a t o - egli a b b a n d o n ò la
scrittu r a d ella S u m m a t h eolog ia e (ch e in fatt i è in com p iu ta) d icen d o al
suo segr eta r io ch e tu tto ciò ch e aveva fin o a d allor a scr itto gli sem ­
b r ava or a « paglia» 42. La d iscep ola e co lla b or a t r ice di J u n g r ip or ta il

18 1
A R C A N A S A P I E N Z A

t o n o m ist ico dell 'A u r or a , e l'im m a gin e della Sa p ien za con cu i il testo
si a p r e, a d una d in a m ica en a n t iod r om ica , cio è a ll'in vasion e d ella c o ­
scien za d a p arte d i con t en u t i rim ossi: in q u esto ca so il p r in cip io fem ­
m in ile sim b oleggia to dalla m ater ia, in cu i gia ce sep olta la scin tilla d i­
vin a e la cu i lib er a zion e p otr à avven ir e solo co n la tr a sfor m a zion e
d ella m ater ia stessa. Il p r in cip io d ivin o n on d e v’esser e cer ca t o n el d i­
st a cco d a lla m ad r e-m ater ia, m a n el r icon giu n gim en to della coscien za
co n essa.

Tu tti i beni sono ven uti a me insieme a quella Sapienza del m ezzogiorno che
predica all’aperto, n elle piazze fa sentire la sua voce, grida alla testa delle
folle, pronuncia il suo discorso sulle porte della città, dicendo: «Venite a me,
e sarete illuminati, e le vostre opere non saranno confuse; tutti voi che mi
desiderate, sarete ripieni delle mie ricchezze. Orsù, figli, venite: vi insegnerò
la scienza di Dio. Chi è sapiente la comprende, quella di cui Alfidio dice che
gli uomini e i fanciulli la sfiorano per via senza fermarsi, che le giumente e le
greggi la calpestano nello sterco» ( 5 0 ) 4 \

L'a lch im ia , ch e la vor a la m ater ia vile e d isp r ezza ta p er estr ar n e la


p er fezio n e e m olt ip licar la, in segn a d u n q u e la scien t ia D e i , ed a chi si
a vven tu r a n ella r icer ca d on a l'Au r or a , ch e «è q u asi com e d ir e aurea
b or a , p o ich é qu esta scien za r acch iu d e in sé l'o r a in cui co lo r o ch e
op er a n o r ettam en te otter r a n n o il lor o au r eo fin e» (68). D on a l’a cces­
so alla casa della Sa p ien za e alle elar gizion i d ello Sp ir ito, e in fin e le
n ozze m istich e fra lo Sp oso e la Sp osa, an n u n ciate con un colla ge d i
p assi d al Ca n tico d e i Ca n tici.
Il testo è un fin e in ta r sio d i cit azion i b ib lich e, p er lo p iù d ai libr i
sap ien ziali, a cu i so n o aggiu n ti br evi com m en ti a lch em ici esp licit a ­
m en te r icon d otti ad au tor i im p or ta n ti d ella t r a d izion e isla m ica com e
Alfid io, Sen ior , M or ien o; secon d o q u a n to a ffer m ava l'ed it or e cin q u e­
cen tesco della secon d a p ar te, str ettam en te op er ativa, delY A u r o r a , «la
verità d e ll’alchim ia è p r ovata d alla Bib b ia» 44, co m e n elle Pa r a b ole ar-
n ald ian e. M a Y A u r or a va oltr e il testo cr istologico, p er ch é in clu d e e
an zi assu m e com e cen t r o la sim b ologia fem m in ile d ella Sa p ien za r in ­
n ovatr ice 45.
L'esp licit o a ccosta m en to a ll'o p er a d i r ed en zion e ed il r ico r so alla
m od alità con oscitiva della r ivela zion e e a ll’uso d el lin gu aggio b ib lico
si r it r ovan o in un t est o a lch em ico-p r ofetico scritto in ted esco, il L ib r o
d ella Sa n tissim a T r in it à . D a t a t o con esattezza (14 16 -19 la p r im a r ed a ­
zion e, 1433 la secon d a), q u esto testo è op er a di un fr a n cescan o, Ala-
m an n us o Ulm an n us: un ta r d o ep igon o d ella t r a d izion e sp ir itu ale, un
vision ario d ell’ep oca del Co n cilio di Cost a n za (1414-18 ), ch e voleva

18 2
I O . K Lì A L I A , L EC Ì C iL N D E E S I M B O L I A L L A F I N E D E L M E D I O E V O

cam biar e il m o n d o e, a d iffer en za d i q u a n to aveva fa tt o Gio va n n i da


Ru p escissa, n on ten n e separ ato il p r op r io coin volgim en to co n l’alch i­
m ia da q u ello con la p olitica e la r eligion e d el suo t em p o 46.
Il p r ocesso d i p r od u zion e d el lap is p h ilosop h or u m vi è m escolato a
en u n ciati filosofici e p r ofetici in cu i il tem a della lot t a con t r o l’An ti-
cr isto lascia tr a sp a r ir e u n a con cr eta p r esa di p osizion e filoim p er iale
con tr o il m ovim en t o h ussita, e Yop u s a lch em ico è a ccosta to a tem i
religiosi cen tr a ti a ttor n o alle figu r e di G e s ù e Mar ia. La sim b ologia
fem m in ile, p er q u a n to presen te, lo è p er ò in form a m en o d ir om p en te
ch e n é T A u r or a Con s u r g en s , con cu i il L ib r o della S a n tissim a T rin ità
ha in com u n e u n ’altr a car atteristica: i d u e scritti d et ter o lu o go in fatti
ai pr im i cicli d i im m agin i alch em ich e, attestati in m an oscr itti del xv
s e c o lo 47. In essi a p p a ion o per la p r im a vo lt a r affigu r azion i an ch e as­
sai in qu ieta n ti (l’er m afr od it a, an im ali m ostr u osi e sem ia n tr op om or fi,
cor p i sm em br ati), in cu i si r icon osce il ten tativo d i m ostr a r e la d i­
m en sion e p r eter n a tu r a le e p r eter logica d elle tr asfor m azion i alch em i­
che, che gli au tor i d el p r im o Tr e ce n t o si er a n o sfor zati d i d ir e con le
p ar ole d ella filosofia.

10 .5
La con d an n a d ellTn q u isitor e

N el m u ta m en to di str ategie ep ist em o logich e e lin gu istich e d e ll’alch i­


m ia avven u to n el cor so d el Tr ecen t o in ter ven n er o d iver si fatt ori: la
m an cata in tegr a zion e n e ll’in segn am en to u n iver sita r io, le con d a n n e ec­
clesiastich e, le d in a m ich e in tern e alla t r a d izion e testu ale. Sicu r am en te
alla fin e d el x iv secolo il p an or am a d ell’a lch im ia er a p r ofon d a m en t e
d iver so r isp etto a q u ello dei d ecen n i in izia li. Cessa ti i ten tativi di si­
stem azion e d ot tr in a le, si con solid ò la d ivision e d ella p r a tica n ei tre
filon i della tr a sm u t a zion e m etallica, d ella ricer ca d e ll’e lixir e d ella
p r ep ar azion e d ei far m aci q u in tessen ziali, m en tr e la p r o d u zio n e scritta
si d ir am ò in u n a m oltep licità d i n u ovi gen er i letter ar i oltr e ai r icett ar i
e ai trattati: ep ist ole, r a ccolt e d i “d e t t i” o a for ism i estr atti d a gli aucto-
resy com m en ti a testi a u tor evoli, in p a r t icola r e alla T a b u la sm aragdin a.
L’ap p or to d ella letter atu r a “vision a r ia ” r im an e com u n q u e l ’elem en to
più sign ificativo, p er ch é m ostr a già q u a le sar à la d ir ezio n e p r ivilegia ta
d ell’alchim ia occid en t a le n ei secoli su ccessivi. E a p a r tir e d a ll’età r in a­
scim en tale, in fatti, ch e si p u ò r ico n oscer e u n a ver a e p r o p r ia d ir ezio­
ne “sp ir itu ale” d ella r icer ca alch em ica, ch e cu lm in er à n elle in ter p r eta ­
zion i esoter ich e e p sicologich e d el x ix e d el x x secolo.

18 3
A R C A N A S A P I E N Z A

Un testo scr itto n el 1396 in Ca t a logn a , r egion e ch e aveva costit u i­


to un fer tile ter r en o d i r icer ca a lch em ica , p u ò esser e assu n to com e
in d ica tor e p a r a d igm a tico di q u esti m u ta m en ti. Si in titola Tractatus
con tra a lch im ist a s , e fu scr itto d a lTIn q u isitor e della Co r o n a d 'Ar a gon a
N icola s E ym er ich , ch e n ella p a r te fin ale d e l tr attato si r ich iam a alla
d ecr eta le S p o n d en t , in ser en d ola in u n 'in ed it a cor n ice n ar r ativa 4*. «Il
p a p a Gio va n n i xxn r ad u n ò a d Avign o n e t u tti gli alch im isti e i filosofi
n atu ra li ch e p ot è r ad u n ar e, e in d a gò in siem e ad essi se l'a lch im ia fos­
se ver a o n o, con u n ’in ch iesta m olt o atten ta . G li alch im isti sosten eva ­
n o di sì, i filosofi n atu r ali il con tr a r io. Allo r a ch iese agli a lch im isti di
d a r e la p r o va d i q u a n to sosten eva n o, m a n o n ci r iu scir on o e così il
p a p a em an ò la d ecr eta le ch e in izia S p on d en t » (132).
Il tr attatello esam in a, in o t t o q u estion i svilu p p ate sop r a ttu tto col
r icor so a testi b ib lici e ad u n a gen er ica m en te m a a p p r op r iatam en te
in vocata ex p er ien t ia , la gen er a zion e d ei m etalli e d elle p ietr e p r eziose,
la m eta llu r gia, la p ossib ilità d ell'a lch im ia e la sua liceità . E sop r attu tto
n ella d iscu ssion e su gli u ltim i d u e ar gom en ti ch e E ym er ich m otiva la
p r op r ia con d a n n a , già a n n u n ciata n el p r o lo go con l’in ser im en to d el­
l ’alch im ia fr a le arti fr ivole. Le su e a r gom en ta zion i son o la p id a r ie e
sp esso gen er ich e, così com e lo è p er lo p iù la sua con n ot a zion e d el­
l ’alch im ia.
Ciò ch e vien e m esso in d iscu ssion e so p r a ttu tto n el caso d i p r a ti­
ch e com e la p r o d u zio n e d el vet r o e q u ella d elle a cq u e d istillate è il
r a p p or to fra “n a t u r a le” e “a r t ificia le”; la d istin zion e fra i d u e p ian i è
n ett issim a, e il r a p p or to ch e fra essi p u ò sta bilir si n on è m ai, in alcun
m od o, di sca m b io (com e avevan o teor izza to R u gger o Ba con e e gli au ­
tor i dei gr a n d i testi su ll’elixir ) m a esclu sivam en te di gera r ch ia. D o p o
a ver r ib a d ito in fatti ch e l’attività p r op r ia m en te cr ea tr ice ap p ar tien e
solo a D io, l'I n q u isit o r e esam in a il m od o in cu i si p osson o p r ep ar ar e
d eter m in ate sostan ze ar tificialm en te, m a so lo e sem p r e p a r ten d o da
sostan ze n atu r ali a ciò p r ed estin ate. D io so lo p ot r eb b e, m ir a colosa ­
m en te, far e l'o r o d a ll'a r gen to o l ’ar gen to d a l p iom bo; tutti gli a lch i­
m isti son o d u n q u e “fa lsa r i” , e su tu tti cad e p er Eym er ich la co n d a n ­
na della S p o n d en t , p er ch é la sta bilit à d ella n atu ra n on p u ò in alcu n
m o d o sp ezzar si ad op er a di un a r tefice u m a n o.
N elle a r gom en ta zion i d ell’In q u isitor e si d eve sottolin ear e, oltr e
alla gen er a lizza zion e e a ll’in a p p ella b ilità d ella con d an n a, la n ovit à co ­
stitu ita d a ll'a ccu sa d i id olatr ia agli alch im isti ch e in voca n o i d em on i,
o ltr et u tto in u tilm en te, p er ch é

quest’arte non è vera né possibile, com e si è dimostrato, e perciò non può


essere acquisita n eppure ad opera dei demoni. Ma i demoni sanno d ov’è un

18 4
I O . R E A L T À, L E G G E N D E E S I M B O L I A L L A F I N I I D E L M E D I O E V O

tesoro, oro, argento e pietre preziose, e sanno come portarli da un luogo a


un altro, e così procurano queste cose a coloro che li invocano. Ma cose del
genere le sanno fare anche i ladri, è ovvio perciò che i demoni le facciano
[...]. Comunque, servirsi dell’aiuto dei demoni in questo o in altro modo,
invocandoli, non è lecito, ed anzi è un peccato gravissimo [...] e oltre a tutto
le invocazioni sono fatte con riti sacrificali, altrimenti i demoni non obbedi­
scono. Io che parlo sono un inquisitore, e so come stanno le cose ( 1 34) 4V.

Q u est o ricorso all’accusa di n ecrom an zia e d i eresia p er gli alchim isti


è l’estrem a espressione della con dan n a teologica d ell’alchim ia, e n on
stup isce ch e a form ularla per p r im o così seccam en te sia p r op r io un
In quisitore. Qu esti tuttavia non n ega che sia possibile pr odu r r e m e­
talli s im ili a quelli naturali, e salva dalla condan n a gli usi artigianali
dei p rodotti alchemici, p u r cen suran do sen za scam p o l’uso d ell’oro
artificiale per battere m on eta e p er fare m edicin e. Alla fine d el p er io­
do aureo d ell’alchimia m ed ievale du n que Eym erich op er a, p er m otivi
sch iettam en te teologici, un a netta distin zion e fra il sogn o alch em ico,
ch e fa d ell’alchimista un co-cr eator e in gr ad o di p erfezion are la m ate­
ria inserendo l’operare um an o n el corso della n atura, e la realtà di
tecn ich e di laboratorio sem pre p iù evolute, dotate di una lor o dign ità
e specificità nei limiti delle possibilità um ane. Tale distin zion e in d ica­
va già embrionalm ente lo spezzarsi della solidarietà fr a agire um an o e
cu r su s n a tu r a e , con d izion i di n ascita della scienza m odern a, da cui
l’alchim ia sarebbe stata alla fine respin ta n ello spazio dell’occulto.

N ote

1. Cfr. Colnort-Bodet (198 9, p. 24): « C’est parce qu’Alexan dre Koyré avait dé-
n oncé les contraintes imposées à l’astronomie et à la physique par l’aristotelisme du
m on de clos , que nous avons pu en treprendre cette recherche [sulla storia e Fepistemo-
logia della distillazione alchemica] dans laquelle il n ous a tout d ’abord guidée». Koy­
ré, autore di studi fondamentali su Galilei e la scienza moderna, scrisse anche un sag­
gio sulla tradizione alchemica: Id. (19 55).
2. Com e nel capitolo preceden te, l ’indicazione si riferisce al numero di pagina
n ell’edizion e Basilea 1561 del D e con sid er a tion quin tae essentiae.
3. Halleux (198 5); Proust (1978 ); Darmstaedter (1925). Chiar a Crisciani ha ri­
preso l’argomento nel recente seminario pavese “Alchim ia e m edicina” (cfr. supra,
c a p . 8, nota 33).
4. Crisciani, Pereira (1998 ).
5. Roua ze (1989).
6. Cr iscian i (1994).
7. Bologna, Biblioteca Universitaria, ms. lat. 10 4, f. 277V; Crisciani, Pereira
(1998 , p. 32).
8 . Ciò è particolarmente chiaro n el trattato di Michele Savonarola, Libellu s de

aqua ardenti, scritto nel 1440 e pubblicato insieme al D e con sideraton e quintae essen-

18 5
A R C A N A S A P I E N Z A

tiae e a llVlr j operativa m edica a Basilea n el 156 1; cfr. J acqu ar t (19 93, p p . 10 9-14);
Bellon i (19 53).
9. In Ta r a b och ia Ca n aver o (19 9 5, p . 155; cfr. p. 47). Co m e tu tti, la trad uttrice
d ice che « F icin o dà la ricetta dell’or o p ota bile» , sen za n ot are ch e egli scrive in vece
« Avr ai l’or o quasi p ota b ile in questo m od o» , e ch e si riferisce alla tr a d izion e alch em i­
ca p r en d en d on e le distan ze.
10. Pereira (198 9 , p. 26).
11. J acq u ar t (1990 ); Pereira (19 93). Sulla “ten tazion e a lch em ica ” d ei m ed ici n el
Q u a ttr ocen to cfr. J acq u ar t (1998 , p p . 488-50 0 ).
12. L ’osser va zion e si trova in un m an oscr itt o ch e trasm ette YArs operativa m edica
e alcun e ricette d i Lor en zo da Bisticci: Ven ezia , Bib lioteca N a zion ale Marcian a, ms.
lat. vi.282, f. 82r.
13. Pereira (’198 9, p p . 17-20 ).
14. In M an get, Bibliotbeca Chem ica Curiosa , cit., voi. 1, p . 662. Ch i a b b ia un p o ’
d i fam iliarità con gli att u ali m anuali d i in for m atica com p ren d e facilm en te, cr ed o, cosa
volesse dire l’alchim ista.
15. H a lleu x (19 79 , pp. 100-9).
16. La d istin zion e fra “p seu doepigra fia in ten zion ale” e '‘occa sion a le” (legata cioè
a fattori casuali) è di Robert H alleu x (cfr. n ota 15). P er le altre osservazion i, cfr.
Th iolier -M éjean (1999, p p . 11-3). Si d eve a questa stu diosa d ella letteratu ra occitan ica
e d ell’am bien te a lch em ico da lei d efin ito «atan or pr oven za le» l’a ccostam en to della
p seu d oep igra fia all’uso d el sen kal n ella cu ltu r a trobadorica .
17. Su qu esti autori, oltre ad alcu n i cen n i in H alleu x (19 79 ), cfr . sopr attu tto
Th or n d ike (19 6 4 , vol. 3, capp . 2-7, 9 -11, 36-7). Il reper tor io p iù com p leto degli autori
di scritti alch em ici è in Fer guson (19 54 ), che utilizza sopr attu tto fon ti a stam p a, m en ­
tre Th or n d ike si avvale di un ricchissim o sp oglio di m an oscr itti delle b ib liotech e eu ­
rop ee e statun iten si.
18. Tr a d . it. della Spondent in Cr iscia n i, Pereir a (1996, p p . 249-50 ). Cfr . Baud
(198 3, cap. 2).
19. Bart h élem y (19 95).
20. P er eir a (19 99 c).
21. Tr a d . it. in Cr iscian i, Pereira (1996, p . 251).
22. De Lu a n co (1998 , pp. 64-5).
23. Pereira , Sp aggia ri (1999, p p . xiv-xxi).
24. H a lleu x (1986).
25. Pereira , Sp aggiari (1999, p p. xxi-iv).
26. La for m u la è stereotipa e ricor r e in tu tte le petizion i alch em ich e rip orta te nel
Calendar o f Paten t R olls d el regno di E n r ico vi.
27. Cfr . supra , c a p . 9, n ota 24. Un a version e p iù tarda del r accon to fa in terven i­
re a questo p u n to gli an geli, che rivela n o segreti sem p re più p r ofon d i, e l’er ed e del re,
ch e si fa d iscep olo d ell’alchim ista e in fin e lo liber a con tutti gli on ori.
28. Alb er t o Magn o (p s.), U bellu s de alchim ia , in Opera Om n ia, ed. P. J amm y,
Lion e 16 51, vol. xxi. Tr a d . it. par ziale in Cr iscian i, Pereira (19 96 , pp. 163-9); i passi
citati sono a lle p p . 168-9. Cfr- H ein es (1958 ).
29. Ben ven u to da Im ola, Com en tum super Dantis Aldigheriis com oediam y ed. G.
F. Lacaita, Ba r b er a Ed itor e, Firen ze 18 8 7, voi. 2, p p . 40 1-3. La con tr ap p osizion e fra i
d u e tipi di vit a è ben illustrata in Cr iscia n i (1995, p. 168).
30 . Kahn ( 19 9 9 ) .
31. H alleux (1983a).
32. Cfr . supra , p a r . 3.2.
33. Cfr . supra , p a r . 8.3.

18 6
I O . R E A L T À , L E G G E N D E L S I M B O L I A L L A F I N E D E L M E D I O E V O

34. Newm an (1989).


35. Città del Vatica n o, Bib lioteca Ap ostolica Va tica n a, ms. lat. 6846, f. 3r.
36. J . Dastin , V is io , in Man get, b ib lio t b e ca Ch e m ica Cu r io s a , cit., voi. 11, pp.
324-6. Il testo della Vis io n e è in teram en te tradotto in Cr iscian i, Pereira (19 96 , pp.
227-32). Su Dastin cfr. Th eisen (1986 e 19 91).
37. Barthélem y, Kahn (19 94 ).
38. Cfr . infr a , f a r . 15.2.
39. Ora ed ito cr itica m en te con tr adu zion e fr a n cese a fron te in Calvet (1992-9 6,
p p. 160 -9). Trad. it. par ziale d al m an oscr itto Ven ezia , Bib lioteca N azion ale M a r cia n a
lat. vi.2 14 , ff. i6 4 r -i6 8 v, in Cr iscian i, Per eir a (1996, p p . 233-9) cu i s* r ifer iscon o i
rin vii n el testo.
40. Cr iscian i (1993, p. 232).
4 1. Cfr . in fr a t p a r . 11.3 .
42. L ’ep isod io è rip ort ato n egli atti p er la ca n on izzazion e scritti da Ba r tolom eo
da Ca p u a , cui lo stesso segreta rio di Tom m aso, Regin ald o da P ip em o, l’aveva n ar rato;
e n ella biografìa d i Tom m aso scritta da Gu glielm o d i To cco .
43. Von Fra n z (1982), cu i si riferiscon o i rin vii n el testo. Cfr . Ob r ist (198 2, pp.
18 3-245).
44. Cit. in O b r ist (198 2, p . 253).
45. Pereira (1999 b).
46. J un ker l i 986).
4 7. Obrist (198 2).
48. Matton (19 8 7), a cu i si riferiscon o i rinvii n el testo.
49. L ’argom en tazion e d i Eym er ich svilu p p a elem en ti già in n u ce n ella d iscu ssio­
n e di alcun i t eologi scolastici, in p ar ticolare di E gid io Rom an o, sull’alchim ia: cfr.
Newm a n (1989).

18 7
I I

N asc i t a d i u n a t r ad i z i o n e

I I .I
U n ’ep o ca di passaggio

Il Qu attrocen to è ancora Med ioevo dal punto di vista della cr on olo­


gia stor ica con ven zion ale, an ch e se in tutti gli am biti dell’attività um a­
na i ferm en ti delPetà n uova, in germ e n ei m utam enti sociali e p olitici
del xiv secolo, d etter o allora luogo a vistosi cam biam en ti. La coscien ­
za di un a “rin ascita” in atto non fu del resto l’im provvisa creazion e
degli in tellettuali raccolti a Firen ze n egli anni splen d id i d i Lor en zo il
Magn ifico (1464-92), anche se furon o lor o - Marsilio Ficin o, Leon ar ­
do da Vin ci, Giovan n i P ico della Miran dola, San dro Botticelli - a
darle p er primi con ch iarezza voce e figura. Nella rinascita delle
scienze e delle arti alla cor te m edicea fu n aturalm ente in clu sa anche
l’alchim ia T, già presen te soprattu tto p er gli aspetti m edici legati alla
quintessenza e p er quelli filosofici con cern en ti la dottrina dello spiri-
tu s n ell’Acca d em ia di Car eggi, ma ch e acqu istò vigore soprattutto
n ell’età di Cosim o 1 (1537-74), per son alm en te coin volto nelle sper i­
m en tazion i della Fon der ia di Boboli; di suo figlio Fr an cesco (suo lo
studiolo affrescato con m otivi n aturalistici e alchem ici in Palazzo
Vecch io a Firen ze); e del figlio di qu esti, don An t o n io 2.
P r o p r io n ella F ir en ze m ed icea o for se n ella vicin a Sien a, a m età
degli an n i Settan ta fu r ed a tto un m a n oscr itto co n m in ia tu r e di rara
b ellezza , ch e r a ccoglieva a ttor n o a ll'id ea della p r o d u zio n e d ell’elixir
testi com p ost i lu n go t u tto il secolo p r eced en t e e a ttr ib u iti a Raim on ­
d o Lu llo e Ar n a ld o d a Villa n ova . Le op er e ivi cop ia te « si tr ovan o,
fr am m en tate e lacer at e, q u asi d a p p er t u t t o [...] e ce ne son o altre di
cu i n on a b b ia m o n ot izia o ch e gia ccio n o n elle m an i d i gen t e ch e n on
n e co n osce il va lor e» 3. Co s ì l'a n on im o com p ila t or e p r esen tava il su o
lavor o ch e, in siem e a q u ello co m p iu t o d a i cu r a tor i d i altr e gr an d i r a c­
colte a lch em ich e d i p o co p r eced en t i o con t em p or a n ee a ll’in ven zion e

18 9
A R C A N A S A P I E N Z A

d ella stam pa, costituisce an cor oggi la base docum en taria indispensa­
b ile per ricostruire le vicen d e d ell’alchim ia m edievale.
Pochi son o infatti i testim on i m an oscritti dell’alchim ia latina risa­
len ti ai secoli della sua diffu sion e ed elaborazion e, pochissim i in
con fr on to all’enorm e qu an titativo di qu elli copiati nel corso del
Qu attr ocen to. Ma questi ultimi con servan o prin cipalm en te testi che
risalgon o ai secoli preceden ti, an che se sp esso rielaborati secon d o .e
esigen ze p ratich e dei cu ltori d ell’alchimia; è del resto all’uso con cre­
to che gli alchim isti facevan o dei m an oscritti, sia teor ico-p ratici che
ricettaristici, che è com un em en te ricon d otta la lor o attuale rarità,
p oich é si ritiene che m olti siano andati p er d u ti in in ciden ti di labo­
ratorio 4.
Le vicen d e del patrim on io m an oscritto ci m etton o dun que imme­
diatam en te di fron te a d ue aspetti, fra lor o legati, delle vicen d e dd-
l’alchim ia fra Med ioevo e Rinascim ento: la con tin uità e anzi la diffu­
sion e sem pre più am pia della pratica; e la durevole im portan za dei
testi elaborati fra il 1250 e il 1350 circa, ch e con tin uan o a costituire
la base di un sapere alch em ico p over o di in n ovazion i di rilievo sia sul
versan te d ella pratica ch e su qu ello della teoria fin o alla diffusione
d elle d ottr in e di Paracelso 5.
Allo stile di sperim en tazion e e di elaborazion e teorica che aveva
gu id ato Alb er t o Magn o e Ru ggero Bacon e, Paolo di Taran to e lo
p seu d o-Lu llo, Ar n ald o da Villan ova e Giovan n i da Rupescissa, si vie­
ne sostitu en d o l’atteggiam en to dei seguaci ch e im itano le pratiche, ri­
taglian o o riscrivon o i trattati o parti di essi, m etton o alla prova le
ricette e le trasm ettono m odifican d ole in base alla p ropr ia esperienza,
com m en tan o i testi, talvolta p ropon en dosi com e seguaci di una delle
lin ee prin cipali ricon osciute, qu ella “di G e b e r ” (latino, s’inten de) e
qu ella “di Lu llo ”, talvolta cercan d o di farli con ver gere. Tip ico esem­
p io di con cord ism o alch em ico è Giovan n i Bracesco (148 2-1555 cir­
ca), i cui D e a lch im ia d ia log i d u o p u bblicati a Norim berga nel 1548
m etton o in scen a un d iscep olo dal mitico n om e di Dem ogor gon e, che
si fa allievo prim a di Geb er (per le problem atiche operative) e p oi di
Lu llo (per l’alchim ia m edica) 6.
Accan to a coloro ch e scrivon o ancora n el nome delle a u ctor ita tes
con solid ate, o i cui scritti vann o a con fluire nelle varie raccolte per
m otivi del tutto estrinseci, si m oltiplican o gli autori che firm ano i
p rop r i scritti, spesso apparten en ti a generi letterari cu i gli alchimisti
m edievali n on avevano fatto ricorso. In p articolar e si sviluppa una
p rod u zion e p oetica, n elle varie lin gu e n azion ali an cor prim a ch e in
latin o, che in clu d e testi am pi e m olto celebri ma an che poem etti fino

19 0
II. NASCIT A :)l I N A T R A D I Z I O N I .

I I C U K A I I

L ’im m a g in e si r ife r is c e al Processum sub form a missae d i M e lc h io r S z e b e n i


(Cibine ns is ), e s e mplar e r appr e s e ntante de lla conve r ge nza fra ricerca alc he mic a e
s imbolog ia religiosa ne l xv s ecolo

\ \ d a M. M ìiìc t , Nvw'W.v Aim u ic (d r . ru;. i i. p. sog.

ad oggi scon osciu ti: la Ca n t ile n a e il C o m p o u n d o f a lch em y di G eo r ge


Ripley, segu ace in glese d e ll’alch im ia lu llian a; Y O r d in a l o f a lch em y del
suo d iscep olo Th om a s N o r t o n ; il S o m m a n e p h ilo s o p h iq u e e la Fo n t a i­
n e d es a m o u r eu x d es scien ces', il p oem a d i “ Gr a t h eu s filiu s ph iloso-
p h i” in fiam m in go, d ove l’alch im ia vien e collega ta ad una tr attazion e
astr ologico-m agica dai tr atti or igin ali; il t ed esco S o l u n d L u n a , col
m otivo d elle n ozze a lch em ich e da cu i p r en d er a n n o sp u n to alcu n e
d elle ser ie icon ogr a fich e p iù n ot e e su ggestive d e ll’età r in ascim en ta ­
le 7. M en o fam osi, m a n on p r ivi di in ter esse, a lcu n i com p on im en ti
p oetici in italian o e in ca t a la n o m ostr an o fra l’a ltr o q u an to fosse or ­
mai d iffu so l’a ccosta m en to d elle tem a t ich e op er a tive a lch em ich e a
quelle r eligiose H.
Il p r im o p oem a a lch em ico in latin o, la Ch r y s op o eia di Giovan n i
Au r elio Au gu r ello (14 3 4 -153 7), a p p a r ve n el 1510 , p r eced u to dal

19 1
A R C A N A S A P I E N Z A

m en o d iffu so V ellu s a u r eu m d ello stesso autore 9. La convergen za di


alchim ia e poesia trovò un favor evole contesto di realizzazion e nella
cultura rin ascim entale, in cui il carattere di “cr eazion e” ch e op u s al­
ch em ico e poesia con d ivid on o è am piam en te valorizzato. Ma in que­
sta prim a fase la form a poetica è fun zion ale soprattu tto alla trasmis­
sion e allegorizzata del sapere operativo, e n on im p lica (anzi esplicita­
m en te esclu de) una lettura sim bolica di esso.
La vera e propria lettura spirituale d ell’alchim ia sem bra essere
piu ttosto legata alla con vergen za fra ricerca alchem ica e sim bologia
religiosa, sem pre più esplicita n egli scritti legati alla tradizion e delTe-
lixir, com e quelli dei du e celebri alchim isti inglesi della secon da metà
del xv secolo: Geor ge Ripley sostiene nella Pu p illa a lch em ia e che al­
l’acqu a alchem ica «si accenn a n elle um ane preghiere ed è chiaram en­
te descritta nei Salmi, di essa legge il sacerdote all’altare»; Thom as
Nor ton in dica già nel titolo del suo O r d in a l o f a lch em y il carattere
sem ilitu rgico d eir opus: Y O r d in a l è infatti un richiam o alla scansione
d ell’anno litu r gico, e la trasm utazion e m etallica vien e an che chiamata
“tran sustan ziazion e”. A questo tip o di svilu pp o si collega il Pr ocessu m
s u b for m a m issa e , com p osto n egli ultimi anni del Qu attr ocen to o all’i­
n izio del secolo successivo da Nicolau s Melchior Szeben i e dedicato a
Lad islao n, re di Boem ia (dal 14 71) e d ’Un gheria (dal 1490). In esso
un a sim bologia alchem ico-biblica per certi aspetti simile a quella
em ersa n eVCAurora Con su r g en s si riversa nella form a liturgica della
messa cattolica, ed il carattere sim bolicam en te fem m in ile della mate­
ria prima e dell 'aqua v ita e trova espression e nella cen tralità d ell’invo­
cazion e alla Vergine: «Ven ga cantata l 'A v e praeclara , che dovr ebbe
essere chiam ata il “testam ento d ell’ar te”, p oich é in essa è m etaforica­
m en te n ascosta tutta l’arte» io.
Molti altri motivi messi in lu ce in questi trattati m ostrano la so­
stan ziale con tin u ità, ma anche gli spostam enti d ’accen to che il sapere
alchem ico presen ta nella tran sizion e fra Medioevo e Rin ascim ento. In
particolare Geor ge Ripley si collega esplicitam ente all’insegnamento
lullian o di Gu id o di Mon tan or, di cui rileva l’origin e greca e la gran ­
de fama, e di cui ripr od u ce passo passo, n elle «d odici porte» d ell’al­
chim ia, l’elen co dei processi op erativi enum erati com e dodici gradini
n ella Scala p h ilos op h o r u m di Gu id o; ma n el descrivere in rima la pre­
p arazion e d ell’elixir, Rip ley im p iega tutto il repertorio delle m etafore
e im m agini ch e d all’alchim ia araba ai testi allegorico-vision ari del
Tr ecen to er an o state in trodotte, utilizzan do la rison an za allusiva e la
vaghezza di sign ificato delle m etafor e per evocare la com p lessità del-
Y op u s. E così che l’im m agin ario collegato alle trasform azion i della

19 2
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

materia viene in p r im o pian o, dapprim a affian can do e poi fin en do


per sostituire lela b or a zion e con cettu ale, m entre la parte p ratico-r icet-
taristica si diram a in m ille rivoli.

II.2
Segretezza e divulgazione

In con seguenza d ei cam biam en ti messi in luce, e soprattu tto della


m aggiore cir cola zion e del saper e alchem ico, an che il con flitto fra l’al-
chim ia intesa com e sapien za e qu ella con siderata un a volgare pratica
di falsari si accen tua. Du e m odi di inten dere l ’Ar t e Sacra si eran o
con frontati già d a ll’ep oca di Zosim o; ma agli albor i del Rin ascim en to
la con trapposizion e n on è più fra ap p r occi diversi rispetto ai fon d a­
m enti di dottrin e op er ative com u n qu e accessibili a pochi. Q u ello ch e
ora si manifesta è il con flitto fra un sapere sim bolico-sacrale, accessi­
bile solo a quan ti san n o coglier e la stratificazion e d i con ten uti r eligio­
si, cosm ologici, etici ed operativi che un lin gu aggio sem pre p iù ci­
frato veicola; e una pratica dalle m olte facce ma sem pre orien tata al­
l’utile im mediato, chiaram en te ricon oscibile e, m agari, ven dibile: la
letteratura dei segreti, quella farm acologica, quella artigianale e quella
m etallurgica, che si rin n ovan o fra Qu attr o e Cin qu ecen to, p or ta n d o a
prodotti com e la Py r ot ech n ia di Van n occio Birin gu ccio (1540 ), e -
per rimanere in Italia - Y A r t e v etraria di An ton io Neri (1618 ) JI.
La discussione su ll’alchim ia viene ripresa in term ini an aloghi a
quelli del dibattito scolastico da Pietro Pom p on azzi e da Ben ed etto
Varchi, che si m an ten gon o en tram bi su un a p osizion e possibilista; ma
presso la m aggior parte degli autori si focalizza sulla distin zion e fra
“ver a ” e “falsa” alchim ia, che suscita un interesse trasversale nella
cultura del Rin ascim en to in relazione al diffu so d ibattito su arte e n a­
tura, e taglia in m aniera m olto diversa, a secon da dei vari au tor i, la
p rod uzion e sui segreti della trasm utazione: Bir in gu ccio, ch e utilizza le
du e categorie nella sua Pir ot ech n ia , è a sua volta con sid erato un “sofi­
sta” da Giovan Battista Nazzar i, m entre Evan gelista Qu attram i e G io ­
van n i Augusto Pan teo m oltiplican o le sudd ivision i d ell’alchim ia se­
con d o schemi diversi r2. Nella con trap posizion e con i “sofisti” e con
il volgo viene delin ean dosi l’im m agine d ell’alchim ista com e cu stod e
della tradizione.
A Ripley si deve questa sprezzante descrizion e, n el L ib e r d u od e-
cim portaru m , dell’attrazion e esercitata d a ll’alchim ia sulla società in ­
glese del suo tem po:

193
A R C A N A S A P I E N Z A

Questa società s’è invaghita della nostra pietra e ritiene con essa di arric­
chirsi più del re, anzi addirittura voglion o aiutarlo affinché non sia costretto
a svendere i suoi beni per vincere la Gallia [...]. Spettacolo incredibile la
cattedrale di Westminster, in cui questi filosofi si radunano spesso, e posso­
n o vantarsi di tante ricchezze che mostrano orgogliosamente [...]. Il popolo
sciocco li venera e li segue, convinto di ottenere così grandi ricchezze [...]. I
ministri di giustizia li cercano dappertutto, i mercanti e gli orafi li stanno a
guardare [...] li cacciano come i gatti cacciano i topi, convinti che guada­
gneranno un tesoro così immenso che la loro ricchezza non avrà mai fine.

Elem en to della d iffu sion e del sapere alchem ico, e p er molti della sua
sofisticazion e, fu la divulgazion e d ei suoi scritti al d i fuori degli am­
bien ti d ell’alta cu ltur a, in particolare attraverso la trad uzion e dei testi
latin i e la com p osizion e di opere in lin gua volgare. Un con tem pora­
n eo di Ripley, l’alchim ista italiano Cristofor o da Parigi, m etteva in
guardia con tro i rischi derivanti dalla scrittura di testi alchem ici nelle
lin gue parlate, ben ch é egli stesso fosse ricorso all’uso d ell’italian o in
alcun i trattati (la S om m et ta , la V iolet ta ) e nelle lettere sull’alchim ia
inviate ad un suo n obile corrispon d en te ven ezian o, An d r ea Ogn iben .
N e ll 'E lu cid a r iu s, la sua opera m aggiore (scritta in latin o), nella quale
prom uove un a con cezion e d ell’alchim ia di ispirazion e lulliana com ­
prensiva di tu tti i rami della p r actica svilu ppati al suo tem po, così si
esprime: «non svelerem o totalm ente l'ar te per non agire scorretta­
m en te, ma la in segn er em o in m od o che n essu n o dell’infima feccia del
volgo ci possa im itare [...] se fra m ille artisti anche u n o solo giu n ges­
se alla con oscen za d ell’arte, sar ebbe abbastan za [...] qu este cose spet­
tan o infatti soltan to a quan ti con oscon o ben e il latino ed h an n o una
provata con oscen za della filosofia e delle arti naturali» 1\
La perm eabilità, strutturalm en te legata ai saperi pratici, fra com u ­
n icazion e orale e scrittura, e l’uso delle lin gu e volgari nella scrittura
scientifica, si m an ifestò precocem en te n ell’alchimia A partire dal
xv secolo fu r on o redatti num erosi m an oscritti bi- o plurilin gui, in cui
trattati e ricette in latin o si affian cano a trattati e ricette in lin gue
volgari o add irittu ra com positi, e com in cian o a com p arire glossari
specialistici in latin o e in volgare o altrim enti bilingui.
La diffu sion e m ateriale dei testi e la lor o m aggiore accessibilità
linguistica r afforzan o in evitabilm en te la ten sion e fra com u n icazion e e
ingiun zion e d el segreto, caratteristica della letteratura alchem ica fin
dalle origini e am piam en te ribadita nella tradizion e m edievale. Così,
m en tre il flusso della p roduzion e scritta sem bra farsi in arrestabile, un
n u ovo lin gu aggio alch em ico si fa spazio, qu ello delle im m agini. E in
esse che la ricch ezza di con tenuti d ell’alchim ia m edievale si rin n ova,

19 4
I I . N A SC I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

en tran do in sintonia con le for m e di com u n icazion e visiva cu i Tetà


rin ascim entale darà am p io sviluppo, com e gli em blem i; ed in alcuni
am bien ti, ch e costitu iscon o il tram ite con la vera e propria tradizion e
alchem ica esoterica d ell'età m odern a, in izia a costituirsi un r ep er tor io
icon ogr afico propriam en te alchem ico, in cu i trovan o espression e p r i­
vilegiata il carattere sim bolico d eìl'o p u s e la sua ir r id ucibilità al lin ­
guaggio della filosofia.
Mentre la tradizion e islamica e latina m edievale avevan o con d izio­
n ato soprattutto alla m aturazion e etica e in tellettuale del d iscep olo la
pien a com pren sion e d el legam e fra con oscen za e operatività, tale
com pren sion e vien e or a a identificarsi col possesso della ch iave ne­
cessaria per la decrittazion e di un lin gu aggio che si ch iu de attraverso
l’uso di m etafore, segn i grafici, alfabeti cifrati, imm agini allegorich e.
All’in iziazion e in tellettuale e sopr attutto m orale d e ll’artefice, che si
esprim eva nella con sapevolezza e respon sabilità legate alla con oscen za
dei “segreti della n atu r a” e alle pratiche di trasform azion e, si sostitui­
sce a poco a p oco u n ’iniziazione che lega m aestro e d iscep olo nel
sem plice possesso di un segreto op er ativo, separan doli dal con testo
com u n icativo della cu ltura di apparten en za I5. Nasce la tradizion e o c­
cu lta dell’alchim ia.

1 1 3
Il lin gu a ggio d elle im m agin i

A parte l’im m agin e sim bolica d ell 'ou r ob or os y presente già nei m an o­
scritti più an tichi, le raffigurazioni che accom p agn an o i testi alchem ici
m edievali son o essenzialm ente legate alla pratica di laboratorio: forni,
apparati m etallurgici, alam bicchi per la distillazion e l6. Tu ttavia i
n om i di copertur a im piegati per le sostan ze prin cipali delY op u s già da
Stefan o d ’Alessan dr ia e specialm ente nella tradizion e araba, e gli svi­
lu p p i legati al tem a er m etico del reperim en to del sapere segreto in
un a d om u s sotterranea, avevano di fatto cr eato un repertorio di m eta­
for e estrem am ente suggestive: l’aquila con le ali e quella sen z’ali, la
tartaruga, il re e la regina, il sole e la lu n a, il vecch io, il serpente,
l’albero, la fon te, il tesor o n ascosto, la ch iave erano im m agini fam ilia­
ri agli alchimisti.
L ’albero, in par ticolare, riveste un r u olo fon dam en tale, perché
su llo sfon do ar ch etip ico d el legam e fra terr a (radici) e cielo (chiom a)
si innestano il tem a della trasform azione della materia (il tr on co e i
rami, la cir colazion e della linfa) e qu ello d el p rod otto p erfetto (il fio­
re e il frutto). Il legam e di ordin e m itico e operativo di qu est’im m agi­

195
A R C A N A S A P I E N Z A

n e con Er m ete è ben illustrato da un testo islam ico in cui il d io d i­


chiara: « Io h o posto p er voi nel lato occid en ta le d el tem pio un albe­
ro, i cui rami sono di sm eraldo ver de e le foglie d 'or o; chi lo scioglie
con la solu zion e dei saggi con segu e ciò ch e essi con seguiron o» 17.
Il sign ificato delle im m agini tuttavia n on era fisso ed un ivoco, ma
m obile e d ip en d en te dal con testo in cui esse - e tu tte le altre cui si
riferiscon o gli in n um erevoli D eck n a m en utilizzati n ei testi - avevano
avuto or igin e l8. Ciò significa ch e la lor o decodificazion e, possibile
n el con testo vivo d ella trasm issione orale e pratica d el sapere alche­
m ico da m aestro a d iscep olo, si fa più difficile - e alla fine im possibi­
le - man m an o che la testim onianza scritta di questa trasm issione, ri­
cetta o trattato che sia, si allon tan a nel tem p o e n ello spazio d a lloc-
casion e in cu i è stata p rod otta.
Le im m agini il cu i legam e con la pratica vien e prim a o d op o per­
d u to son o spesso car iche di risonanze m itiche, letterarie e p sicologi­
che: il serpente, la fon te, l'alb ero, lo sp oso rosso e la sposa bianca,
ch e ritorn an o in prim o pian o nella poesia alch em ica del Qu attr ocen ­
to, si affian can o ai m otivi figurativi n uovi, spesso surreali e in quie­
tanti, ch e com p aion o nei prim i cicli di m in iature legati ai testi del-
V A u r or a Con su r g en s e del L ib r o d ella S a n t issim a T r in ità .
I du e cicli, affini p er i m otivi caratterizzan ti le imm agini (in en­
tram bi, in particolare, viene p roposta la figu ra dell'er m afr od ita), han­
n o in realtà un r ap p or to m olto diverso coi testi cu i sono apposti.
L'au tor e del L ib r o d ella S a n tissim a T r in it à ha prescritto dettagliata-
m en te i m otivi e i color i delle sue illustrazion i ,L;, ch e in larga misura
si ispiran o all'icon ogr afia religiosa e sottolin ean o visivam ente il carat­
ter e p rofetico e le im plicazion i teologich e del testo: oltre ai sim boli
degli evangelisti (il bu e, l'an gelo, l'aquila, il leone), son o presen ti di­
ver se raffigurazioni di Cr isto (m entre porta la croce, in croce, risorto)
e della Ver gin e (l'in coron azion e, l'im m acolata Con cezion e, la donna
vestita di sole); le tre ultim e imm agini raffiguran o Cr isto giu d ice nella
m an dorla 2°; Cristo con ali d 'aqu ila m orto, insieme alla Ver gin e; san
Fr an cesco in atto di ricever e le stimmate 21. Ma c'è anche la raffigu­
razion e d ell'An ticr isto, com e erm afrodito dagli attributi diabolici, ed
un erm afrod ito m ercuriale, ch e sta in m ezzo agli alberi del sole e del­
la luna con un d rago sotto i piedi.
Le im m agin i che accom p agn an o VA u r or a Con su r g en s son o m olte
d i più, tren tasette in tutto nei m anoscritti ch e con ten gon o sia il pri­
m o libro d el trattato, qu ello biblico-alch em ico sopra ricordato, che il
secon d o lib r o pratico-oper ativo. Pochissim e però son o di con ten uto
religioso, e nessuna ha risonanze evan geliche ma even tualm en te sa-

19 6
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E *

pienziali (Salom on e, la regina di Saba, la Sapienza stessa, raffigurata


in atto di proteggere i filosofi col suo m a n t o )22.
Per la m aggior p ar te presen tan o m otivi sim bolici, come l’ermafro-
dito sorm on tato da u n ’aquila; la scimm ia che suona uno strum ento a
corde; la cop p ia n u d a coricata; il duello della lu n a, che cavalca un
grifon e, col sole, ch e cavalca un leone; la luna e il sole che legan o il
drago abbattu to (è l'im m agin e finale); la donna partorien te al centro
dello Zod ia co 2*; la Filosofia ch e allatta i suoi seguaci; la d on n a alata
posta sulla m ezzalun a e circon d ata dai raggi del sole, con un cad uceo
n el ven tre aperto 24. Una di qu este imm agini richiam a decisam ente
Pin trod uzion e della T a bu la ch em ìca (un vecch io sed uto in un luogo
sacro con in m an o un a tavoletta, di fron te una p iccola folla di perso­
n e e diverse aquile sul tetto).
Alcu n e figure son o decisam en te grottesche: in una m iniatura, un
person aggio è rappresen tato in atto di urin are o defecare, m en tre un
altro è squartato e m ette in m ostr a il cervello, il cuore, il fegato e i
t est icoli25; in u n ’altra un m ostro, per m età uom o e per m età serpen­
te, ha di fr on te due persone decap itate e un vaso con fiori d ’oro e
d ’argento sul fuoco. Molte presen tan o m otivi ch e verran n o am pia­
m ente r ip rop osti nel Rinascim ento: il pavon e, la bara, la cop p ia nuda,
il basilisco; ed alcu n e li in seriscon o in vign ette realistiche: un uom o
impasta la pasta del p an e m entre nel vaso com p aion o u r obor o, aquila
e corvo; un altro passa al setaccio grani d ’oro e d ’argento, m en tre la
fen ice cova nel suo n id o di fu oco 26.
Nei d u e cicli d ’im m agini si p u ò rilevare una grandissim a ricchezza
di motivi icon ografici, solo in p ar te riutilizzati nei cicli rinascim entali
del R osa r iu m p h ilo s o p h o r u m , d ello S p len d or s olis , d eW A t a la n t a f u g ien s
ecc. La for te presen za di m otivi sim bolici (albero, chiavi, aquile) si
accom pagn a a elem en ti di tipo realistico, soprattu tto nelle figure lega­
te alla pratica; le vign ette con m in atori (simili ai nani delle fiabe o
alle creature fan tastiche di cui Paracelso p op oler à i luoghi m inerari),
fornai e fa b b r i segn alan o che sim bologia e pratica m ateriale son o an­
cora strettam ente legate.
Il legam e d elle im m agin i con i testi cu i si accom p agn an o, chiar a­
m en te ricon oscibile, m ostra ch e l ’icon ografia alch em ica - nata in
u n ’epoca e in un con testo determ in ati - n on va con siderata esp ressio­
n e di un astorico repertorio di sim boli. Si p u ò an ch e riscon trare una
cen a con tin u ità fra i cicli di m in iature ricor dati e l’uso d id ascalico
che caratterizza i prim i timidi ep isod i di in trod u zion e di figu re in d o ­
cum enti di assai m in or rilievo storico-ar tistico, qu ali i diagram m i co-
sm ologico-alch em ici ch e accom p agn an o il testo di Costa n tin o Pisan o
e le figurin e d el poem a di Gr ath eu s 27. Tu ttavia è altrettan to da sott o­

1 9 7
A R C A N A S A P I E N Z A

lineare ch e p roprio il ricorso alla figura e al colore, presenti m a senza


par ticolare rilievo nei testi 28, crea un livello di lettura ulteriore ri­
spetto al testo stesso. L ’im m agin e, anche qu an d o è possibile ricostrui­
re il suo legam e origin ario con la parola, veicola qualcosa ch e la pa­
rola non dice, perché n on vu ole o perché n on può; e nel circu ito for­
m atosi fra le parole e le im m agin i si apre un o sp azio che perm ette e
an zi in cer to m odo r ichiede l’in terpretazion e sim bolica.
Legam e coi testi e aper tura sim bolica caratterizzan o anche il ciclo
d i im m agin i con ten u to n el m an oscritto toscan o cui accen n avo in
apertura del cap itolo 29. Illustrato verso il 1475 da Gerolam o da Cr e­
m on a p er un com m itten te quasi certam en te toscan o m a non iden tifi­
cato, il m an oscritto con tien e m iniature di un livello estetico m olto più
elevato dei due esem pi preceden ti, e m oltissim i diagram m i ch e sono
p ar te in tegran te e origin aria dei testi alch em ici pseudolullian i copiati
n el codice. Pr op r io i diagram m i, che gli autori del T es ta m en t u m e del
L ìb e r d e secr etis n a tu r a e seu d e qu in ta essen t ia in seriscon o pren d en d o
ad esem pio le figure della com binatoria lulliana, sem brano in certo
senso design are lo spazio fra parola e im m agin e, e forse han n o stori­
cam en te favorito il p assaggio da un m odo all’altro di espression e *°.
Le figu re costituite da elem en ti geom etrici, m obili (ruotanti su
cer ch i con cen trici) o p er cor r ib ili secon do coor din ate che si esplicita­
n o nel p er cor so d elle «d od ici porte» d e ll’alchim ia lulliana di Ri­
p ley 31, son o chiaram ente su un altro pian o rispetto alle m iniature
ch e illustran o l’inizio dei vari testi, e che raffiguran o tutte qu an te l’al­
ch im ista - “Lu llo” vestito con saio da fran cescan o - in situazion i e
atteggiam en ti riscon trabili all’in tern o dei testi m edesim i; per queste
ultim e, n on ostan te l’affacciarsi anche in esse di m otivi sim bolici, si
p u ò sicuram ente par lar e di una fun zion e didascalica e illustrativa. E
an cora diversam ente va in terpretata la presen za di alcuni alberi, illu­
strati a p ien a pagina con l’aggiun ta di m otivi sim bolici quali le chiavi,
il sole e la luna, la fon te, le allegorie dei pianeti, il serpente ch e ri­
p r en d on o sul piano figu rativo lo schema ad albero delYop u s, centrale
n elle du e op er e fon d am en tali d ell’alchimia pseudolulliana. Le imma­
gin i arboree, nella lor o com plessità, sem bran o in fatti esprim ere la
con sap evolezza che il segreto d ell’albero di Erm ete dalle foglie di
sm er ald o è con ten u to n el com plicato svolgim en to delle operazion i
trasm utatorie, cui i diagram m i ad albero pseudolullian i for n iscon o
un a chiave di ordin e in prim o lu ogo m n em on ico 32.
L ’alber o è il m otivo culm in ante an che in un altro m anoscritto
com p osto verso la fin e del secolo, che n on con tien e nessun vero e
p r op r io trattato alch em ico ma una sintesi dei p rin cip i dell 'o p u s in

19 8
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

form a aforistica. Il con ten uto figurativo prevale su quello testuale, ed


è articolato in diverse tip ologie: riferim enti agli autor i (l’im m agine di
Erm ete, d i Aristotele, di Geb er , e di un alchim ista in n om in ato ch e
p otr eb be essere il com p ilatore del m anoscritto, Giova n n i di Teschen ),
raffigurazion i di apparati, stilizzazioni d i processi operativi, im m agin i
sim bolich e
Astr azion e e realism o con vivon o, in d ican do la n ecessità strutturale
del n aturalism o nelle im m agini alchem iche, «p oich é gli alchim isti er a­
n o m onisti materialisti ch e cercavan o di unire la realtà spirituale e
quella materiale» *4; e p r op r io nel cu or e del ciclo tre straordin arie
raffigurazion i si focalizzan o sul m otivo arboreo: Talbero che n asce dal
fian co di un uom o n u do giacen te; l’alber o che sale dal cap o di una
don n a n uda giacente; Pan in p iedi accan to all’alb er o suona una zam ­
p ogn a il cui otre è un vaso alchem ico.
Se la raffigurazione d ell’u om o n udo è con fron tabile, com e a me
pare, con l’icon ografia della nascita di Èva dalla costola di Ad am o
la con n otazion e fem m in ile d ell’albero com e m ateria prima risulta in ­
dubbia: e il fatto ch e la raffigurazion e successiva radichi lo stesso al­
b er o nel cap o della don n a in d ica Tunità dello sp ir ito con la materia,
di cui rappresen ta la parte “alta” e sottile. Ciò ch e opera questa unità
è la distillazione com p iu ta n ello “str um en to” di Pan , la zam p ogn a
raffigurata com e vaso di distillazion e, in cu i PUn o-Tu tto si ren de con ­
cretam en te visibile. Si spiega così la scritta che accom p agn a l’ultima
im m agin e del m an oscritto, qu ella che raffigura Ar istotele m etten dogli
in bocca queste parole: « L’op er a dell’elixir, cioè l’opera dei filosofi,
n on è altro che far salire dalla terra al cielo».
L ’apparen te richiam o alla T a bu la sm aragdin a è a ben guardare
una deform azion e del suo senso più vero: n on di un a circolarità in fat­
ti qui si tratta, ma di u n ’ascension e. L’alchim ia, com e la m usica evo­
cata dalla zam pogn a di Pan (e dal flauto ch e Mer cu r io suona in un o
dei capilettera dell’altro m an oscr itto fiorentino), p r od u ce lo s p ir it u s : il
p rin cip io che nelle con cezion i er m etiche del tardo Qu attr ocen to p er ­
m ette l’ascesa purificatrice dalla terra al cielo. Ma qu est’ascesa, negli
am bien ti erm etici d ell’epoca, è attuata sopr attu tto attraverso la m agia,
en tro cui l’alchim ia ten de a ven ir e riassorbita. Un a simile id ea d ell’al­
chim ia la ritroviam o n egli scritti di Marsilio Ficin o che, p er quan to
sicuram en te con oscesse la tradizion e alchem ica d ell’elixir, e n el tratta­
re d ello sp ir itu s m u n d i m ostri di con oscere le elaborazion i alchem iche
sulla quintessenza, n on m anifesta nelle sue opere qu el vero e p rop r io
coin volgim en to con l’alchim ia ch e in vece gli fu attr ibuito dalla tr adi­
zion e alchem ica successiva 5<s.

19 9
A R C A N A S A P I E N Z A

I I -4
B ib liot h eca Ch em ica

Oltr e alla n ovità costituita dall’icon ografia, in bu on a parte dei m an o­


scritti alch em ici del Qu attr ocen to si riscon tra un 'atten zion e alla tra­
sm issione del patrim on io testuale che va in direzion e op p osta rispetto
all'u tilizzazion e fram m entaria e libera di esso. Accan to agli alchim isti
pratican ti ed agli artigiani, ai farm acisti, agli scrittori di “segr eti” che
son o interessati all’utilizzazion e e alla con ser vazion e della parte ricet-
taristica, vi son o ormai “alchim isti di b ib liot eca ” ch e con cen tr an o i
lor o sforzi n ella trasm issione del com plesso testuale e con cettu ale del
sapere alch em ico, or gan izzan d olo e am plifican dolo in m od o tale che
possa essere fruito sia p er il p u r o piacere d ell'er u d izion e, sia per le
esigen ze di quanti con tin u an o ad affannarsi all'o/ wj a scopi tan to pra­
tici ch e spirituali. Esem plari in questo senso il trattato sulTelixir di
Gu glielm o Fabr i, ma an ch e l’oper a di com p ilazion e di J ohn Kirkeby
e di Ar n ald o di Bru xelles, che raccolgon o un a vasta e coeren te d ocu ­
m en tazion e alchem ica com p ren siva di testi in lingue volgari 37.
La volon tà di preservare e di riordinare il patrim on io testuale d el­
l’alchim ia latin a segnala il riflettersi del m u tato clim a culturale gen e­
rale: il xv secolo è in fatti quello in cui cu lm in a l’esigen za um anistica
di r ecu p ero dei testi antichi, tan to della tradizion e letteraria ch e di
quella filosofica e biblica. An ch e i testi scien tifici e qu elli m edici ven ­
n ero fatti oggetto di atten zion e filologica *8, ed è com p ren sibile che i
cu ltori dell'alchim ia si sian o lasciati perm eare dalla dom in an te cu ltu ­
rale d ellep oca . Non ostan te il lor o m odo di recuperare i “classici”
dell'alchim ia n on fosse esattam en te con form e ai rigorosi criteri di un
Valla, gli “alchim isti di b ib lioteca ” costituiscon o il p u n to di sn odo
cen trale fra la ricerca alchem ica an tica e m edievale e la tradizion e al­
ch em ica d ell'età m oderna.
A differen za di tutti gli altri cam p i del sapere, l'ar te trasm utatoria
non aveva un a tradizion e classica da recuperare; gli sfor zi degli alch i­
misti-filologi si rivolsero allora ai m an oscritti bizan tin i com pilati nel-
Pxi secolo, ai quali d obbiam o in pratica tu tta la n ostra con oscen za
dei prim ordi d ell’alchim ia occiden tale. Sul versante dell'alch im ia lati­
na, a partire dal 1450 cir ca, in izian o ad essere com p ilate raccolte m a­
n oscr itte delle op ere attr ibuite a Geb er , Lu llo, Arn ald o; non m an ca­
no p er ò collezion i di testi più antichi in p arte di origin e islamica,
com e l'im p or tan te m an oscr itto latin o 6514 d ella Biblioth èqu e Natio-
nale di Parigi, o il Riccard ian o 119 ; né r accolte di autori “m in or i”,
com e quelle con servate n el m an oscritto Old a n i di Pavia e nel Rylands
51 d ella biblioteca un iversitaria di Man chester. Da qu esti ultimi p os­

20 0
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

siamo ricavare un a m ir iad e di n otizie sugli alchim isti attivi gr osso


m odo fra il 1350 e il 1450 , che fu ron o il filtro effettivo n ella trasm is­
sione delle d ottr in e trasm utaton e e d ell’elixir 39.
In qu est’ottica appare a tutta prim a sin golare la scarsità di op er e
a stam pa d ’alchim ia n ell’età degli in cu n aboli (1450 -150 0 ). Esiste u n ’e ­
d izion e in cun abola della S u m m a p er f ect ion is m a g ister ii , m a n essun o
dei testi pseudolulliani vid e la luce prim a del 1514 ; alcuni degli scritti
attr ibu iti ad Ar n ald o da Villan ova en traron o n ella prim a collezion e
delle sue opere m ed ich e, stam pata a Lion e n el 1504, m a in pratica
fino alla metà d el xvi secolo non si han n o r accolte a stam pa di testi
“classici” d ’alchim ia, per quan to le op er e di n u ovi autori (Au gu r ello,
Pan teo, Bracesco per esem pio) ven issero stam pate con relativa fr e­
qu en za 4°.
Le prim e collezion i im portanti, verso la m età del Cin q u ecen to,
presen tan o com e pezzi for ti i testi della tradizion e m edievale, fra i
quali fan no la parte del leon e il D e m in er a lib u s di Alb er to Magn o,
Geb er latino e la tradizion e pseudolulliana; ma accolgon o an ch e scr it­
ti elaborati n ell’età di transizione, com e la Pr actica del m a g ister O d o -
m a r u s , il Cla n g or B u ccin a e , la Scala p h ilosop b or u m \ e sem bra aver a vu ­
to un certo successo la p rod uzion e di Giovan n i Bracesco, nei cu i
scritti si affaccia la prim a spiegazion e sistem atica della m itologia an ti­
ca com e forma nascosta d ella filosofia alchem ica e dell 'op u s.
N el 1550 com parve a Fran coforte un a raccolta in due volum i ch e
com pren deva testi m edievali e più recen ti, sia anon im i com e il tracta-
tu lu s in titolato O p u s m u lier u m siv e lu d u s p u er o r u m , sia p seu d oep igr a­
fi, com e Y A r ist ot elis tr a cta tu s d e practica la p id is . L 'Op u s m u lier u m t e­
stim onia che un aforism a utilizzato nei testi tar d o m edievali, che cioè
l’alchim ia, per chi la com p ren de, è lieve com e un “lavoro da d on n e”
e sem plice com e un “gioco da b am b in i”, è già diven tato em blem ati­
co. Il secon do volu m e della raccolta si apre col R osa r iu m p h ilos op h o-
r u m y un centone di detti alchem ici costr uiti attorn o al p rim o ciclo
icon ografico fissato nella trad izion e, costan te p u n to di riferim en to p er
i secoli successivi, oltre ad essere forse il più n oto nel n ostr o secolo,
per ché è stato utilizzato d a J ung com e filo per l ’esposizion e della sua
riflessione “alch em ica” sul problem a d el t r a n sfer t 41.
L ’ed itore di questa r accolta scriveva, nella lettera di d edica al
Con te palatino Ot t on e En r ico di Baviera, che «nei tem pi an tichissi­
mi» l’alchim ia e la m ed icin a erano tutt’u n o, ma i «m oderni tru ffatori»
l’han n o stravolta p er fare l’oro; fortu n atam en te T h eop h r a st u s qu id a m
T r a n silv a n u s, ovvero Paracelso, ha p en etr ato i p iù p rofon d i m isteri d i
qu est’arte, che gli antichi avevan o cop er to «con parabole e velami»;
per qu esto l’editor e ha sen tito la n ecessità di rip u bblicar e gli «antichi

201
A R C A N A S A P I E N Z A

filosofi». Il legam e fra la “riform a” paracelsian a della farm acologia, su


cu i torn erem o n el prossim o cap itolo, e il rin novato interesse p er l'a l­
chim ia testim on iato dalla com parsa di gr an di collezion i a stam pa, è
eviden te.
An ch e le raccolte cu rate dal m ed ico italian o Gu glielm o Gr atar olo,
qu ella dei testi sulla distillazion e 42 e la V er a e a lck em ia e a r tisqu e m e-
ta llica e citra a en ig m a ta d octr in a , en tr am be ed ite a Basilea n el 156 1,
n ascon o dalla m edesim a esigenza, com e attestano sia la d ed ica dello
stesso Gr atar olo a Ferd in an d o, con te di Or ten bu rg, sia i du e trattati
scritti in prim a p erson a dall'ed itor e, en tr am bi con cern en ti la qu in tes­
senza o acqua arden te. La distillazion e e il suo uso farm acologico era­
n o il sapere alch em ico rim asto più degli altri p ubblicam en te accessi­
bile e valorizzato, utilizzato da m edici com e Filip p o Ulstad io e H ier o­
nym us Bru n sch wig, che senza p r oblem i confessavan o il loro debito
nei con fron ti della trad izion e alchem ica, pur sottolin ean do di n on far­
n e parte 4 La riform a paracelsiana s’inn estò su questo filone, con ­
tr ib u en d o così a rivitalizzare l’in teresse per la tradizion e alchem ica
m edievale.
Occor r er à p er ò atten dere gli u ltim i d ecen n i del Cin qu ecen to, e
sopr attutto il secolo successivo, p er assistere ad un ver o p roflu vio di
ed izion i alchem iche: raccolte oggi d iven u te rarissime, sp esso ed ite su
com m ission e o com u n qu e dedicate a n obili m ecenati d i p iccole corti
del cen tro Eu r op a e/ o espression e d i gru ppi d i ricercatori alchim isti
semisegreti 44. Il p rim o gran de collettor e d ello sforzo ed itoriale alch e­
m ico fu la r accolta in sei volumi ed ita da Lazzaro Zet zn er a Str a­
sb ur go, il T h ea t r u m Ch em icu m , ch e eb b e d iverse edizion i dal 1610 al
1659; l’ultim o bestseller fu la B ib liot h eca Ch em ica Cu r iosa edita dal
m edico gin evrin o J ean J acques Man get nel 170 2 4\ A qu este d ue am ­
pie raccolte, e talora ad altre più rare, occor r e ancora attingere per
p oter leggere la stragran de m aggioran za dei testi dell’alchim ia latina,
e si p u ò asserire che in esse si è depositata la tradizion e occid en tale.
La semplice lettu ra dei titoli con ten uti nei lor o indici costituisce già
un app r occio cap ace di mostrare la com plessità del p atr im on io t e­
stuale d ell’alchim ia.

11. 5
Il ritorn o d i Er m ete

La m ancanza di u n 'or igin e classica per l’alchimia, avvertita com e


u n ’anom alia con particolare acu tezza in età umanistica, pr odu sse
u n ’accen tuazion e del tema dell'origin e antichissima di qu esto sapere.

202
I I . N A SC I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

Il legam e con Erm ete rendeva del resto quasi autom atica la sua a sso­
ciazion e col tem a della prisca p h ilosop h ia - cioè di una sapienza or igi­
naria rivelata, cu i la stessa filosofia greca delle origini sarebbe stata
debitrice - n ata proprio negli am bien ti erm etici fiorentini in collega­
m en to con la traduzion e delle op ere filosofiche del cor p u s H er m et i-
curn , effettuata da Marsilio Ficin o, il tradu ttore dei dialoghi di P la t o ­
ne e delle E n n ea d i plotin ian e 46.
P er quan to l ’alchimia n on fosse p ropriam en te un p or tato della fi­
losofia n eoplaton ica, il n esso di alcuni dei suoi con cetti fon dam en tali
con idee m etafisico-cosm ologiche elaborate n el n eoplaton ism o gr eco è
già stato sottolin eato, e le sue vicen d e nel Rin ascim en to lo con ferm a­
no am piam en te. E infatti negli am bienti p iù fortem en te in fluenzati
dalla filosofia ficiniana, e cioè dalla lettura er m etizzan te di Platon e e
Plotin o, collegata ad una valorizzazion e della magia e della tradizion e
cabalistica ebraica, che l'alchim ia si diffuse. Il caso di En r ico Cor n e­
lio Agr ip p a di Nettesheim , autore del più rappresen tativo testo rin a­
scim entale d ella tradizion e m agico-occulta, il D e occu lta p h ilo s op h ia ,
appare in qu est’ottica p articolarm en te significativo per ch é, n on ostan te
la sua sarcastica critica d ell’alchim ia n el D e v a n tia te s cien t ia r u m y m o­
stra nel con testo della sua opera di distin guere, secon d o la tradizion e,
la volgare ricerca dell’or o da un ’alchim ia “n ob ile”, parte non ir rile­
vante del p r ogetto di pur ificazion e e riform a religiosa veicolato so­
prattutto dalla rilettura in chiave spirituale della magia n aturale che
egli propu gn ava 47.
All’origin e antichissim a della sapien za alch em ica e al suo sign ifica­
to religioso si richiam ano gli autori ch e la collegan o alla cabala, in
p r im is il prete ven ezian o Giovan n i Agostin o Pan teo, ch e nella sua
opera più celebr e - la V oa r ch a d u m ia con tr a a lch im ia m , ars d istin cta ab
a lch im ia et sop h ia (1530 ) - in parte p er m otivi di p ru den za (accen n a
a un decreto con tr o l’alchim ia em esso dal sen ato ven eto n el 1488), in
parte p er una precisa scelta di cam p o, con d an n a l’alchim ia “sofistica”
per sostituirle u n ’arte diversam en te d en om in ata con un n om e di or i­
gine “ca ld aica” e con sisten te in un a “cabala dei m etalli”. Così l ’al­
chim ia en trò a far parte d ell’in siem e di saperi n oto com e “cabala cr i­
stiana”, p er d en d o in p ar te la sua specificità ad op era di questo in ser i­
m ento, che tuttavia ne facilitava l’accetta zion e presso m olti espon en ti
della filosofia rin ascim en tale 48.
Il “ritorn o di Er m ete” e la d iffu sion e dei saperi occu lti nel Rin a­
scim ento, tu ttavia, non con ferir on o a ll’alchim ia un o st a t u s p rivilegia­
to, favoren do p iu ttost o - com e si è già accen n ato - il su o in serim en to
in posizion e su bor d in ata air in ter n o del cam p o della m agia. Lu d ovico
Lazzarelli, un um anista ch e era stato an ch e allievo di un alchim ista di

20 3
A R C A N A S A P I E N Z A

trad izion e tulliana, Giova n n i Rigaud d e Branchiis, m ostra in maniera


esem plare questo esito nella classificazion e di tre form e di m agia, che
definisce: n a tu r a lis , ovver o alchim ia; celes t is , ovver o m agia astrale e
delle imm agini; sa cer d ota lis et d iv in a , espressa n elle sacre scritture e
sopr attu tto da Cr isto stesso n ei van geli. Nel com p ilare una propria
m iscellan ea alchem ica, Pim en to di Lazzar elli sem bra allora qu ello di
sussum ere i testi trad izion ali, che r iportan o d ottr in e e p r oced u r e tec­
n iche, n ella corn ice di u n ’alta valutazion e filosofico-erm etica d ell’al­
chim ia n el suo com plesso, e non qu ello di con cretizzare nelY op u s l’i­
stanza d i trasform azion e ch e il corpus H er m et icu m p ropon eva con ele­
vati accen ti filosofici 49. An ch e Gior d an o Brun o, qu an do afferm a che
«m ago, in secon d o lu ogo, s’in ten de chi opera m ir a bilia soltan to uti­
lizzan d o le qualità attive e quelle passive, com e fan no la m edicin a e
l’alchim ia», ribad isce il prim ato della filosofia e della teoria generale
della m agia rispetto alla m edicin a e all’alchim ia, ch e n on ne son o che
una p iccola parte 5°. Ciò sp iega perché, p ur rim an en do presente nel
dibattito filosofico fin o ben den tro e oltr e il xvn secolo, l ’alchimia
trasm utatoria possa essere con siderata nel con testo della tradizion e
esoterica con tem poran ea un “m istero m in or e”, n onostan te il n on pic­
colo n u m ero di seguaci, la sterm inata p rod u zion e scritta in gr an parte
an cora in edita e l’esistenza di un p r op r io canale d i trasm issione ini­
ziatica.

N ote

1. N ei prim i due paragrafi di qu esto cap itolo rip ren do alcun i tem i ela bora ti as­
siem e a Ch ia r a Cr iscian i p er il cap. xiv del voi. iv della St or ia d ella scienza delTEnci-
clop ed ia Italian a, di im m in en te p u bblicazion e. M olti degli alch im isti che verr an n o no­
m in ati com p aion o n el rep er tor io d i Fer guson (1954 ); cfr. in oltr e Th or n d ike (1964,
voli. 3, 4, p a s s im ).
2. Z a m b e l l i (1980); P e r i f a n o (19 97).
3. Bib lioteca N a zion ale Cen tr ale, Firen ze m s. b r 52, f . 5r. Q u esto m an oscritto è
m olto vicin o, sia per l'e p o ca della red azion e che p er altri asp etti, al m an oscr itto vene­
zian o citato n el p a r . i . i , ch e ch iu d eva l’elen co d egli alchim isti “m odern i” co n i nomi
d i Lu llo e Arn ald o.
4. Zw ed e r von M ar tels ha in cor so una ricerca quan titativa sui m an oscr itti alche­
m ici qu attr ocen tesch i, i cu i dati ha cortesem en te m esso a d isp osizion e mia e di Chiara
Cr iscian i p er il lavoro di cu i alla n ota 1.
5. C fr . pa r r .. 12 . 1- 2 .
6. Il te sto del B r a c e sc o , in t r a d u z io n e la t in a , se g u e im m e d ia t a m e n t e g li sc r it t i

p se u d o lu l l ia n i n e lla Bib lio t h eca Ch e m ica Curiosa d e l M an get (voi. 1, p p . 9 11-3 8 ).


7. G . R ip la e i, Op er a o m n ia che m ica , C a sse ll 1649; R e i d y (19 75); K a h n (1992-96);
B ir k h a n (1992); (198 0 ).
T e lle

8. P e r e ir a (1999c).

204
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

9. Vo n M a r tels (19 9 3; 19 9 4 ).
10. In L. Zetzen er, Tb e a t r u m Ch e m ic u m , Stra sbu r g 1659, voi. 3, p. 853. J un g
(19 8 1, p. 395), riporta l’in n o A v e p r a ecla r a , che richiam a fra l’a ltr o i tem i d ella fon te,
della pietra e d el serpente.
11. Cfr . Eam on (1994); Palm er (198 5); Perifan o (1997); G a llu zzi (198 2).
12. Per ifa n o (1997).
13. Cr istofor o d a P a r i g i , Elu cid a r ius artis t r a n s m ut a t o r ia e m et a llo r u m s um m a
m a io r , i n Zet zn er , Thea t r u m Ch e m ic u m y cit.. voi. vi, p. 195.
14. P e r e i r a (1999c).
15. Il caratter e di sap er e in tellettu ale “sep ara to” e avalu tativo finirà p er ca ratte­
rizzar e an ch e il sapere scien tifico d ell’età m odern a: (Eam on 19 9 4 , in p ar ticolare cap.
1 0 ).
16. Rip rod u zion i in Ca r b on elli (19 25); Taylor (1945); Rou a ze (1989) e in n u m e­
rosi altri studi.
17. Ca r u si I1992). Su ll’albero alch em ico c e u n 'a m p lifica zion e in J un g (1990 -9 1,
voi. 2, cap. 4), ch e pur basan dosi su u n ’erronea let tu r a del testo (la Ca n t ilen a di Ri­
pley: « Ch risti a b ore» è st ato letto « Ch risti arbore»), risp on d e tuttavia a un m otivo
realm en te p resen te e anzi cen tra le n ella tradizion e alch em ica.
18. G o lt z (1972); H a lleu x (19 8 1). Sui prim i cicli d ’im m agin i, Ob r ist (1982) e
Ga b r iele (19 97).
19. O b r ist (198 2, p. 174 ). I m an oscr itti illustrati d el Lib e r d e Sa nct issim a T r i n c a ­
t e , tutti del xv secolo, son o elen cati a lle pp. 261-75.
20. La m an d orla è un m otivo tradizion ale d ell’icon ogra fia sacra ch e raffigura
l ’on n ip oten za divina.
21. Le im m agin i son o in tu tto d iciot t o nel ms. N u r em b er g, Ger m an isch es Natio-
n alm u seum , 80 0 61 (Obrist, 198 2, p p . 261-2).
22. M otivo che ricor da l’icon ogra fìa della « M a d on n a d elle Gra zie» (N eu m an n ,
19 8 1, t a w . 176-8 ).
23. Q u est a sem bra il rovesciam en to in ter n o/ estern o d i Neum an n (19 8 1, tav.
166).
24. An ch e di questi m otivi tr oviam o l’equ ivalen te in im m agin i com m en tate da
E r ich Neu m an n nella sezion e del suo lib r o d ed icat a alla “tra sfor m azion e sp ir itu a le”
(N eu m an n , 19 8 1, rispettivam en te t a w . 174 e 167). N o n m i r isu lta sia stata in tr apr esa
un a ricer ca sistem atica su qu esta p r esen za del sim b olism o fem m in ile n ell’Aurora -, di
cer to l’in d agin e di Barbara O b r ist , orien tata da u n a vis p olem ica assai acu ta con tr o
l’in ter p r etazion e jun ghiana d e ll’alch im ia, n e rifu gge com p letam en te.
25. Ch e n ella m edicin a m ed ievale son o le m em b r a p r in cip ali, ovver o q u elle ch e
r egola n o la din am ica vitale d el cor p o um an o.
26. Le im m agin i relative ai d ue testi sono r ip or ta te n el lib r o in O b r ist (198 2 ), in
p ar te a colori. La serie com p leta d éH’Au r o r a Co n s u r g e n s , a color i, così com e m olti
altr i cicli di im m agin i alch em ich e, è visib ile n el sito In tern et www.levit y.com , cu r ato
d a Ad a m M cLea n , che è u n o dei p iù fin i studiosi con tem p or a n ei della tr a d izion e al­
ch em ica .
27. È qu esta la tesi d i fon d o d i O b r ist (198 2) sulle or igin i dell’icon ogr a fia al­
ch em ica .
28. Cfr . O b r ist (ivi, p . 243: « N i da n s le t ext e d e VAu r o r a consur g ens, n i dan s
celu i d e la Ta b u la chem ica , le sym b olism e des cou leu r s n ’est d évélop p é en detail» .
29. Fir en ze, Bib lioteca N a zion a le Cen tr ale, b r 52. Cfr . P er eir a (1984); Szu lakow-
ska (198 6 e 1988).

20 5
A R C A N A S A P I E N Z A

30. D e vo questa osservazion e al la voro di u n ’allieva sen ese, Man u ela Sini, che
n ella tesi d i laurea ha esam in ato Tap p ar ato icon ogr afico d i b r 52 (M a t er ia da pensare.
Tes t o e im m a g in e in u n m a n o s cr it t o a lchem ico d e l Q u a t t r o ce n t o , Un iversità di Siena,
Facoltà d i Letter e e Filosofia, a.a. 1998 -99).
31. Szu la kowska (19 92).
32. U n a ela bor azion e più tar d a della figur a ch e ha al cen tr o la fon tan a e l’albero
è utilizzata a n ch ’essa in Neu m an n (19 8 1) n el cap itolo sulla “Tr asfor m azion e sp iritua­
le ”, tav. 17 1. G li alberi di b r 52 so n o r ip r od otti in Card in i, Ga b r iele (1992, pp. 20,
22-3). M olt e m in iature d ei capilettera e alcu n i d ei diagram m i son o an ch ’essi riprodotti
n el con testo d elle p p . 12-25.
33. Fir en ze, Bib lioteca M ed icea Lau r en zian a, Ash b u m a m 116 6 (ne esiste una co ­
p ia seicen tesca, Lon d on , W ellcom e M ed icai Lib r ar y, ms. 190 ). La ser ie com pleta di
im m agin i è riportata in Card in i, Ga b r iele (198 2 , p p . 55, 57-8 , 6 1-2 , 71-2 , 75-6, 79-0,
83-4, 86, 89, 9 1, 93).
34. Szu la kowska (19 9 5, p. 2 51).
35. L ’im m agin e è r ip r od otta e com m en tata in J un g (19 8 1, fig. 131). Su ll’icon o­
grafia della n ascita di E va cfr. R Za p p er i, Po t e r e p o lit ico e cult ur a fig u r a t iv a : la rap­
p r es en t a z io n e d ella n a scit a d i Èv a , in St oria d e ll ’a r t e it a lia na , x, Co n s er v a z ion e, fa lso,
rest a ur o , Ein au d i, Tor in o 1981.
36. M a tton (1993) argom en ta am piam en te a favore della cen tralità d ell’alchimia
n el p en sier o di Ficin o; m a più p er su asivo m i p ar e quan to asser isce Ch iar a Criscian i:
«le m oltep lici istan ze trasform atr ici n on han n o, p er Ficin o, b isogn o d i in can alarsi in
m od o p rivilegiato n elle op er azion i del la b or ator io alchem ico» (cfr. s up r a , n ota 1). Cfr .
Cr iscian i (20 0 0 ). Sul r a p p or to fra s p ir it u s e m usica W a lker (19 53).
37. Su Fab r i, cfr. Cr iscian i (19 9 5). Su Kir keb y e Ar n ald o d i Br u xelles cfr. Perei­
ra (1999c).
38. G a llu zzi (1980 ).
39. T u t t i i m an oscritti in dicati, olt re a n um erosissim i altri, son o stati presi in
con sid er azion e da Th or n d ike (1964), an ch e se n essun o in m od o così sistem atico com e
il ms. O ld a n i in Ca r b on elli (1925).
40. H ir sch (1978).
4 1. D e a lchim ia o p uscula co m p lu r a v et er u m p hilo s o p ho r u m , e x o fficina Cy r ia ci Ja ­
cob i, F r a n cofor ti 1550 . Ed izion e an astatica con in tr od u zion e e com m en to: Telle
(1992). L ’in tera serie d elle im m agini è rip r od otta in Telle (19 8 0 ), ch e ricostru isce l’o ­
rigin e del ciclo e ne presen ta alcun i esem p lar i m an oscritti. J u n g (19 8 1b ) rip r od u ce il
ciclo m en o le ultim e tre im m agin i (il leon e col sole n elle fau ci, l’in cor on azion e della
Vergin e, Cr isto risorto) ch e son o p er altr o r ip r od otte e com m en tate in Id. (1981a),
figg. 169, 234, 235.
42. Cfr . sup r a , c a p . 9, nota 38.
43. H . Br u n sch wig, Gr o s s es Bu ch d er Dis t illa t io n , Str a sb u r g 1512; F. Ulstadio,
Co e l u m p h ilo s o p h o r u m , Fr ib ou r g 1525.
44. Su lle ed izion i alch em ich e an tiche: Ga gn on (1974); H a lleu x (1979 ). Sul rap ­
p or t o fra ed izion i e m an oscritti Kah n (1994a). N on m an can o r a ccolte alchem iche in
lin gu e d iver se dal latin o, com e il The a t r u m che m icu m b r it a n n icu m di Elias Ash m ole.
45. D i en tra m be le raccolte esiston o ed izion i anastatiche: p e r il Th ea t r u m Ch em i­
cu m quella d ella Bottega d ’Erasm o, To r in o 1973; p er la Bib lio t h e ca Ch e m ica Curiosa
quella di F o r n i, Bologn a 1976.
46. Ya t es (1989); Cop en h a ver (1992). Su ll’alchim ia n el Rin ascim en to cfr. Margo­
lin , Matton (1993); Ka h n , Matton (19 95).
47. P er r on e Com p a gn i (2000).

20 6
I I . N A S C I T A D I U N A T R A D I Z I O N E

48 . Se c re t ( 19 6 4 e 19 7 1) ; V a so li ( 19 9 3 ) . Su l le g a m e fr a a lc h im ia e c a b a la c fr .

Sch w arz (20 0 0 ), ch e lo c o n sid e r a dal p u n to di v ista a r c h e t ip ic o ; e Sc h o le m ( 19 9 5 ) ,

ch e lo sit u a st o r ic a m e n t e a g l i a l b o r i d e l l ’e t à r in a sc im e n t a le . P iù r ic c o d i d ati, m a m e­

t o d o lo g ic a m e n t e in a ffid a b ile , P a t a i ( 19 9 4 ) .

4 9 . M atton ( 19 9 5 a ) ; C r isc ia n i (2 0 0 0 ) .

50 . C it . in V é d rin e ( 19 9 3 , p p . 3 6 2 -3 ) .

20 7
12

V i si b i l e e i n v i si b i l e

12.1

Atan or m icr ocosm ico

Si è già accen n ato al ruolo cen trale di Paracelso (Teofrasto Bom bast
von H oh en eim , 14 9 3-154 1), e sopr attu tto dei suoi seguaci, nella tra­
sm issione del sapere alch em ico all’età m odern a. E tuttavia la posizio­
n e dello stesso Paracelso non si colloca su una lin ea di sem plice con ­
tin uità con la trad izion e alchem ica, an ch e se ad essa in dubbiam en te è
legata: la creazion e di una n uova term in ologia è il segnale più forte
della svolta determ in ata d all’interesse m ed ico e far m acologico del m e­
dico svizzero, che lo portò ad abban d on ar e l’idea della trasm utazio­
ne, valorizzan d o p iu ttosto l’operatività alch em ica com e m etod o di p u ­
rificazion e delle sostan ze *.
L ’idea che la tecn ica distillatoria fosse un m ezzo per separare l’es­
senza dalle scorie m ateriali delle sostan ze m edicin ali, in trodotta nella
tradizion e farm acologica m edievale, aveva trovato piena espression e
nelle ricerche alch em iche sulla quin tessenza, il cui ritorn o sulla far ­
m acologia era già in atto prim a di Paracelso 2. Tuttavia ciò che qu e­
sti ricava dalla tradizion e alchem ica n on si limita all’utilizzazion e m e­
dicin ale delle sostanze p rod otte m ed ian te i processi di laboratorio,
che con osceva di prim a mano e a cui con tribu ì con alcune in n ovazio­
ni tecn iche 5. Paracelso intuì in n an zitu tto ch e m edian te la separazion e
e la pur ificazion e si p u ò elim inare la tossicità dei farm aci, soprattu tto
di quelli preparati con sostanze m inerali (m ercurio, an tim on io, arseni­
co ecc.), e ciò ebb e com e con segu en za l’am pliam en to e il poten zia­
m en to della m ateria m ed ica . «Nessun o p u ò con d an n ar e una cosa sen­
za con oscern e le trasform azion i o ign or an d o cosa p u ò fare la separa­
zion e. An ch e se un a cosa è un velen o, p u ò essere trasform ata in ciò
che velen o n on è [...]. Non si d eve forse separare il velen o d al bu on o
e pren dere il bu on o in vece del cattivo?» 4.

20 9
A R C A N A S A P I E N Z A

In oltre egli r icon obbe il p rin cip io farm acologico (a r ca n u m o q u in ­


ta ess en t ia ) nella natura in tern a e in visibile d elle cose e non n elle loro
qualità elem entari sensibili. Il farm aco d ev’essere p er ciò p rod otto ri­
cor ren d o a tecn iche alch em ich e ch e p erm ettan o di estrarre tale prin­
cip io, in tu ito in base alla dottrin a della s ig n a t u r a - lo specifico con­
tr ib u to paracelsian o alla con cezion e della sim patia universale 5 - , cioè
all’idea ch e l’esterno visibile di ogn i sostanza sia un segno d el suo
in tern o invisibile.
Qu est ’idea è presen te già nei primi scritti di Paracelso, ma solo
n egli ultim i anni, n el L a b y r in t h u s m ed ico r u m er r a n t iu m (una delle
op er e della «trilogia di Car in zia» , com p oste fra il 1537 e il 1539), egli
dichiara la ragione p er cu i la sim ilitudine ester iore fra sig n a t u r a delle
sostan ze e specifica m an ifestazion e m orbosa è guida alla preparazione
dei farm aci: le m em bra d ell’u om o (il cuore, il cervello, gli organ i ge­
nitali ecc.) si ritrovan o an che nelle erbe; la sim ilitu din e fra le un e e le
altre in dica la presenza della medesima “essen za” ch e - estratta o
“sep ar ata” d all’erba - p u ò essere in trodotta nella parte malata p er ri­
vitalizzarla “sim paticam en te” e ripristinarne le fun zion i. La prepara­
zion e alch em ica e la dottr in a della s ig n a t u r a son o d u n qu e strettam en­
te con n esse nella cura m ed ian te il simile, p ecu liar e in novazion e di Pa­
racelso, ch e recupera il p rin cip io ip p ocr atico «similia similibus curan-
tur», abb an don ato dalla m ed icin a um orale galen ico-avicen n ian a e
scolastica.
Alle preparazion i alch em iche è interam ente d ed icato X A r ch id o x ii ,
com p osto n egli anni 1524-25, che insegna la teoria e la pratica della
p r od u zion e di farm aci destin ati a rinnovare la vitalità del corpo um a­
no. Insiem e ad altri testi più tardi, in par ticolare al D e v ita lo n g a che
ven n e tradotto in latin o da Ger h a r d Dorn (\ Y A r ch id o x is mostra il le­
gam e di Paracelso con il filone bacon ian o e pseu dolullian o d ell’alchi­
m ia m edievale, e perm ette di com pren dere in che sen so l’alchim ia sia
chiam ata, nel Pa r a g r a n u m (1530 ) un o dei qu attr o pilastri della m edi­
cin a insieme alla filosofia, all’astrologia e alla virtù del medico.
Ma c ’è di più. Qu ello della sig n a t u r a è il p rin cip io epistem ologico
ch e guida tutta la filosofia paracelsiana, e ch e sostiene il parallelismo
an ch e fra le perturbazion i m acrocosm iche, cioè i fen om en i m eteor o­
logici, e la malattia com e squ ilibr io delle parti costitutive del cor p o
um an o. E p oich é gli stessi fen om en i sono qu elli ch e Partefice alchi­
m ista è in gr ado di riprod ur re nelle sue op er azion i, si stabilisce
u n ’ulter ior e cor rispon den za, quella fra il for n o alch em ico e il cor p o
um an o, suggestivam en te den om in ato «atan or m icrocosm ico». Rove­
scian d o poi la direzion e d ell’analogia fra fen om en i m eteor ologici e
op er azion i alchem iche, Paracelso p u ò sostenere che p oiché l’alch im i­

2 10
12. V I SI B I L E l : i n v i s i b i l e

sta r en de visibili, separan doli per m ezzo del fu oco, lo Zolfo, il M er ­


curio e il Sale (cioè il p rin cip io ign eo, qu ello fluido-volatile e qu ello
solido) dei corpi, ven iam o posti in grad o di r icon oscere in tali p r in ci­
pi gli invisibili com p on en ti del m acrocosm o e, conseguen tem en te, del
cor p o umano 7.
Al legame con la trad izion e alchem ica si r icon d u con o d u n qu e le
idee portanti d ella riform a della m edicin a p ropu gn ata da Paracelso *,
che si fonda sulla sp ecificità della malattia, risalente ad un agen te p a ­
togen o e non ad uno squ ilibr io um orale, e sulla specificità dell 'a rca­
n u m , ch e risiede nella sua com posizion e o struttura chim ica e n on in
un dosaggio delle qualità elem entari. Le id ee filosofiche che fon dan o
il rifiuto della m edicin a galen ica son o quella della corrispon den za o c­
culta fra il m on d o-m acrocosm o e Tu om o-m icrocosm o, e la sim patia o
relazion e di tip o non causale fra determ in ate serie di fen om en i m acro
e m icrocosm ici. Qu esto sp iega per ch é sia i segu aci che i detrattori del
con troverso riform atore della m edicin a l’abbian o com un em en te in se­
rito nella tradizion e er m etica, per quan to le d ottr in e paracelsiane sia­
no estrem am en te in n ovative e originali, espresse in un lin guaggio che
rende in genere difficile ricon oscern e i d ebiti verso la tradizion e, e
n onostan te egli stesso dichiarasse con or goglio di non aver appreso il
p ropr io sapere dai libri 9.
I farmaci preparati alch em icam en te gu ar iscon o per ché in tr od u co­
no nel corpo m alato i p rin cip i stessi del “cielo”, ricavati dalle sostan­
ze terren e secon do le cor risp on d en ze specifiche:

All’arte medica è concessa questa prerogativa, che cioè essa può introdurre
neirindividuo malato un altro cielo [...]. Un arcanum è infatti quasi un cielo
pieno di potere, messo a disposizione del medico e sottoposto al suo volere.
Cioè il primo cielo, quello superiore, viene tratto in basso, nelle mani del
medico, e riprodotto: onde ciò che il cielo superiore aveva sottratto, quello
inferiore restituisca io.

Si sente, in qu est'afferm azion e, l’eco in d u bbia della con cezion e rupe-


scissiana della qu in tessen za com e “cielo sulla ter r a”, e sul suo sfon d o
la corrisp on d en za di alto e basso afferm ata dalla T a b u la sm aragdin a.
Del resto n ella Ph ilos op h ia sagax Paracelso aveva afferm ato, in li­
nea con la cosm ologia alch em ica m edievale, ch e

Dio dopo aver estratto l’essenza dei quattro elementi e dal firmamento l’es­
senza della sapienza, delle arti e della ragione, le ha messe assieme in una
sola massa che la Scrittura definisce lim us terrae. Così dalla massa sono ve­
nuti due corpi, il corpo sidereo che viene dalle stelle e il corpo elementare.
Secondo la “luce naturale” il lim us si chiama quintessenza. La quintessenza è
A R C A N A S A P I E N Z A

quindi il fondamento e il nocciolo di tutte le essenze e contiene le proprietà


di tutto quanto il mondo 11.

Com e la dottr in a dei tre p rin cip i, ispirati verosim ilm en te alla trad izio­
ne pseu dolullian a I2, anche l’origin e del m on do è rappresentata da
Paracelso in term ini analoghi a quelli delle cosm ologie alchem iche,
m ediante un a progressiva separazion e e differen ziazion e d i parti. I
com p on en ti m ateriali di tutti i livelli della realtà son o i tre prin cipi,
che derivan o dagli elem enti i quali esistono, puri ricettacoli privi di
qualità, com e “m a d r i” o m atrici della realtà materiale.
Il significato p rofon d o d el legam e paracelsian o con l’alchim ia si
chiarisce in maniera definitiva n el Para gran um col ricon oscim en to che
essa non è solo l’arte della separazion e, ma è in p rim o lu ogo una d ot ­
trina che insegna, seguen do la n atura sagax «m adre d ell’esperienza»,
a portare a p erfezion e ciò che la natura stessa ha lasciato in com p iuto,
secon do il m odello di in terazion e fra arte e natura ch e era già en un ­
ciato nei testi su ll’elixir.

La natura è cosi sottile e sagace nelle sue cose che non vuol essere adoperata
senza una grande arte; essa infatti non porta nulla alla luce che sia già di per
se stesso compiuto, è l’uomo invece che deve portarlo a compimento. Que­
sto perfezionamento si chiama alchimia. Poiché Talchimista è in ciò simile al
fornaio che cuoce il pane, al vignaiuolo che fa il vino, al tessitore che fa il
panno. Colui dunque che realizza in tutto quanto cresce nella natura a bene­
ficio dell’uomo, la destinazione voluta dalla natura, è un alchimista M.

12.2
La lu ce d ella n atura

Secon d o J u n g, è l’in tuizion e del lu m en n aturae ch e guida l’op er a pa-


racelsiana d i riform a della m edicin a, perché per Paracelso in questa
«luce della natura», con cord an te con la «luce della rivelazione» ma
in d ip en d en te da essa, risiede l ’un ica legittim a guid a del m ed ico I4. La
com p ren sion e in tuitiva dei fatti è un a sp ecie di illum in azion e, che
perm ette d i veder e - oltre le apparen ze - la sig n a tu r a r er u m , divi­
n an do l’in ter n o d ella natura m edian te le linee e i segni esteriori,
com e la ch irom an zia e la fisiogn om ica perm etton o di divin are l’inte­
riorità d ell’uom o attraverso i su oi lineamenti. La lu ce della natura fa
sì che l’u om o com p ia la sua missione: «La luce della natura opera
soltanto n el cor p o invisibile, giacché la lu ce viene dal corpo invisibile
ed è essa stessa invisibile»; essa viene raggiunta d a ll’operare sensibile,
p oich é « l’u om o con le sue m em bra che afferrano fa quello ch e dio fa

2 1 2
12. VISIBILI: F-: I N V I S I B I L I ' .

MC ; 11 R A 12
La N a t u r a è r a ffigu r a t a n z \ Y A t a la n t a F u g i e n s di M ic h a e l M a ie r c o m e g u id a d e ll’a l­
ch im is t a n el p e r c o r s o ch e c o n d u c e a lla s a p ie n za

Vt.nlc: d a M . M a ie r . Al ala k !a ìu giem . e m b le m a 4 2 . I n d izio n i M e d i t e r r a n e e . R o m a , 19 S 4 , p . 2 2 8 .

nello Spirito [...]. La volon tà di Dio è che l ’invisibile diven ti visibile


[...]. Egli vu ole che l’u om o in cessantem en te lavori p er ricercare i m i­
steri della natura» I5. Op er ar e secon d o la m etodologia alchem ica,
rendendo visibile l’in visibile, p r od u ce qu in di una rivelazion e analoga
a quella profetica.
L ’autentica esperien za del m ed ico si fon d a in una relazion e d ell’a­
nima con la n atura l6, an che se - sostien e an cora J un g - «Paracelso
non si accorge ch e la verità della Ch iesa e il punto di vista cristian o
non avrebbero m ai e p oi mai p otu to con ciliar si con l’id ea di fon d o
implicita n ell’alchim ia, ch e è qu ella del “D io sotto di m e”». J u n g ri­
tiene infatti ch e la valorizzazion e del lavoro sulla materia, p rop ria d el­
l’alchimia, costituisca l ’elem en to d i m od ern ità di Paracelso, quello

2 13
A R C A N A S A P I E N Z A

ch e lo collega alla n ascita della scien za sp erim en tale. Se è eccessivo


legger e il tem a del lu m e n n a t u r a lis com e vera e p rop ria espression e
delFem p irism o e del n aturalism o della scien za m odern a, e va piutto­
sto sottolin eato a qu esto p rop osito il suo carattere religioso, il ricon o­
scim en to d ella rilevan za dei fattori “non scien tifici” n el m odellare le
id ee degli scienziati d el passato trova p er ò p r op r io in Paracelso il pri­
m o n otevolissim o esem p io I7.
Il carattere m istico e ten den zialm en te er etico d ell’esperien za del­
la lu ce n aturale em erge con forza in q u egli svilu pp i della m edicina
paracelsian a cui si richiam erà il m ovim en to rosacrocian o, e viene
con ferm ato nella ripresa del tem a della s ig n a t u r a in J acob Bòhm e
(1575-1624 ) e in un altro m istico preced en te e m en o noto, Valentin
W eigel (1533-158 8 ). L ’in d u b bio influsso paracelsian o su questi due
autori, e - soprattu tto per il tram ite di Boh m e - su molti sviluppi
ulteriori della ricerca m istica, n on deriva in fatti, com e forse potrem ­
m o aspettarci, dagli scritti religiosi, ma da quelli m edico-naturalisti­
ci, dai quali viene en u cleata la particolare lettura della sig n a t u r a e la
sua im m ediata con n ession e col tem a della lingua naturale. «Dalla fi­
gu r a esterna di ogn i creatura [...] dal su on o che essa emette, dalla
voce, dalla lingua si ricon osce lo spirito n ascosto, perché la natura
ha dato ad ogni cosa il suo linguaggio secon d o la sua essenza e fi­
gu r a [...]. Mi è stata rivelata la lingua naturale, cosicché io possa
com p ren d er e nella mia lin gua naturale i m isteri più sublimi» lK.
Il lin guaggio alchem ico, che dà un n om e alla materia pu ra della
creazion e - il s a ln it t e r , forza divina che si trova in tutto il creato
com e corporeità lum in osa - e insegna com e liberare Y a r ca n u m im pri­
gion ato nella grossolana materia dei corpi terreni, p u ò essere im pie­
gato per dire la presen za del divin o nel m on d o e n ell’interiorità del­
l’uom o, e p er rendere visibile questa in visibile presenza m ediante I V
p u s di trasform azion e m istica, che anticipa sulla terra ciò ch e il dog­
m a cristiano rinvia alla fine dei tempi, qu an d o «del m ondo resterà
solo la specie celeste e cristallina, e an che d ell’u om o rim arrà solo la
ter ra spirituale, p oich é egli stesso d iv en t er à simile a qu el m on do spiri­
tu ale che ora è n ascosto» It;.
I tre prin cipi paracelsiani ven gon o m essi in rapp or to con la trini­
tà divina n el D e s ig n a t u r a r er u m ; la gran de opera d egli ultimi anni di
Bòh m e (1622), non secon d o un parallelism o letterale che “tradu ca”
un termine n ell’altro alla maniera di testi m edievali com e gli E x em p la
arnaldiani, m a piuttosto fon den do i due lin guaggi, quello alchem ico
e quello teologico, p er dire nella “lingua n atu r ale” il sapere in dicibile
d el mistico. «Il Figlio tin ge il Padr e con la libertà, com e col Nulla, e
il padre tin ge il Nu lla per produrvi una vita eterna - non il Nulla

2 14
i 2 . v i s i b i l i : l i n v i s i b i l i ;

ma una voce o un ’eco della rivelazion e d ell’eternità» 2°. La dinamica


per cui la tin ctu r a , prodotta dalla separazion e alchem ica, tin g ir et a
sua volta p rodu cen do la perfezion e, perm ette di dire l’articolazion e
della Divin ità che secon d o la tradizion e della m istica speculativa si
esperisce com e Nu lla. Nella stessa opera lo sdoppiam en to di su lp h u r
n elle d u e polarità espresse dalle due sillabe che lo com p on gon o vie­
n e posto alla base di una serie d i speculazion i teologich e e mistiche,
ch e trovan o nelle p rocedu r e d ell’alchim ia paracelsiana esem p io ed
esp r ession e21.
In Bòhm e si in con tra p er la prim a volta la chiara en un ciazion e
della corrisp on den za necessaria fra l'o p u s interiore e quello esteriore,
che trova fon dam en to nella corrisp on den za creaturale delPuom o col
m on do sottolineata già da Valen tin W eigel e, più addietr o, nelle ri­
cerche tre e quattrocen tesch e ch e da Pietr o Bon o in p oi avevano
messo in luce il p or tato religioso della trasm utazion e. N on solo chi
con osce se stesso con osce an che Dio, ch e ha creato la sua parte im ­
m ortale, e il m acrocosm o, che il suo cor p o m ortale rispecchia; ma
sopr attutto, “tin ge” solo chi si è sottop osto alPoperazion e d i tintura,
separa solo chi ha su bito la separazion e, unisce solo chi è stato un ito
otten en d o la vita. « L'u om o n on p u ò trasm utare la natura se non ha
prim a trasm utato se stesso» 22.
La corrisp on d en za fra op u s in teriore ed esteriore, che J u n g rileva­
va nel paracelsiano Ger h ar d D o m com e con sapevolezza d el carattere
p sicologico d ell’a lch im ia 23, cerca di esprim ere il sign ificato com p les­
so, m ateriale e spirituale insiem e, della tradizion ale ricerca alchem ica
in un con testo filosofico sem pre p iù nettam en te dualistico, d ove affer­
m are la “cor risp on d en za ” di in tern o ed esterno era rim asto forse Pu­
n ico m od o per dire l'in tegrità d ell’essere e dell’op er ar e um an o nella
natura.

12 .3
Sig n a tu ra rer u m

Lo stesso tem a en un ciato dai m istici - la presen za d ell’an im a nella


natura e della natura n ell’anim a - risuon a n ell'op er a di d u e m edici:
Pietr o Severin o, il seguace dan ese di Paracelso au tor e della I d ea m e­
d ia r n e p h ilo s o p h ic a e ( 15 7 1) 24, e Oswald Cr oll, la cu i B a s ilica Ch y m i-
ca ebb e diciotto ed izion i a stam pa fra il 160 8 e il 1658 25.
N el trattato di Severin o la m ed icin a paracelsian a vien e collegata
alle ricerch e degli «an tichi sapien ti e p r is c i p h ilo s o p h i» 26 e con tr ap ­
posta alla m edicin a galen ica, ar aba e “m od er n a” ch e si basa sul m eto­

2 13
A R C A N A S A P I E N Z A

do dim ostrativo, incapace di seguire con la pazien za e la fatica p r o­


prie d el ver o m ed ico le in dicazion i della natura, sicch é fallisce sp e­
cialm en te di fron te alle n u ove m alattie. Ogn i m ed icin a «è stata creata
da Dio e posta nella n atura, e se viene preparata adeguatam ente e
separata dalle im purità p uò, col suo potere e la sua for za vitale, t o ­
gliere ogn i m alattia dal cor p o um ano; non riscaldan do, raffreddan do,
um idifican do, seccan do, n é detergen do, in ciden do, pen etran do, ma
per un a propr ietà m olto p iù elevata che si fon d a sul p rin cip io vitale,
seme e balsam o delle sostanze vegetali, animali e minerali» 27.
Il m ed ico dun qu e, n on deve im parare dai libri, ma dal con tatto
diretto con la natura e la sua luce:

Ve n d e t e le vo st r e ter r e, le vo st r e case, i vestiti e i gioielli; b r u cia t e i vostr i


libr i. Al p o st o di q u est e cose, com p r a t evi d elle sca r p e r ob u st e e via ggia t e p e r
le m on t a gn e, le va lla t e, i d eser t i, le r ive d el m are e le p iù p r o fo n d e cavità
d ella ter r a; n ot a t e con cu ra la d ist in zion e fr a gli a n im a li, la d iffer en za d elle
p ian te, i var i gen er i d i m in era li e le p r o p r iet à e l’or igin e di t u t t e le cose ch e
esiston o. N o n ver gogn a t evi d i stu d ia r e d iligen t em en t e l ’a st r on om ia e la filo ­
sofia n a t u r a le d ei con t ad in i. In fin e co m p r a t e d el ca r b o n e , co st r u it e u n a fo r ­
n ace, sor ve glia t e il fu o co e o p er a t e con esso sen za m a i sta n ca r vi. In q u esto
m od o, e in n essu n alt ro, a r r iver et e alla con o scen za d elle cose e d elle lo r o
p r op r iet à .

In questo appassionato ap p ello attribuito da un a lun ga tradizion e st o­


riografica a Pietr o Severin o (ma senza preciso riferim en to alla sua
opera) 2*y torna il tradizion ale tema alch em ico d el viaggio, con l’esor-
tazione ad affidarsi com pletam en te al con tatto con la n atura per l’a c­
qu isizion e della con oscen za che è - com e ha fatto n otare J oseph
Need ham - qualcosa di p iù di un richiam o a ll’esperien za sensibile:
esso com p ren d e il ricon oscim en to ch e anima e natura son o intim a­
mente legate, in segnam ento ch e la dottr in a della sig n a t u r a ha veicola­
to nella storia del pen siero occid en tale ma che è in com p atibile con il
dualism o e con il m eccan icism o 2y.
Cr oll, ch e trascorse gli ultim i an n i della sua vita n ella Praga d i
Rod olfo il, è p robabilm en te l ’autore p iù rappresen tativo di quei se­
guaci d i Paracelso che col lor o la vor o di in terpretazion e e sistem a­
tizzazion e delle id ee del m aestro gettaron o le basi della “filosofia ch i­
m ica”, svilu pp atasi d all’idea paracelsian a che la separazion e alchem ica
fosse la ch iave p er giun gere ad una com p ren sion e della n atura in a c­
cor d o co n la religion e cristian a ?°. Nella B a s ilica Ch y m ic a , d op o
u n ’am plissim a in trod uzion e teorica basata sullo stretto r app or to fra
filosofia n aturale e m ed icin a paracelsiana, Cr oll offre un repertorio
della n u ova farm acologia, n ella qu ale utilizza, oltr e alla distillazione,

2 16
1 2 . V I S I B I L E E I N V I S I B I L E

la capacità reagente d egli acidi minerali p er p r op or r e un’«anatom ia


chim ica» ch e permetta all'u om o, «quintessenza del m acrocosm o», di
in dividuare la segnatura che gia ce all’in tern o delle cose, di cu i la se­
gnatura estern a è solo una par ziale in dicazione.

Le membra, o parti del macrocosmo sono i rimedi delle membra del mi­
crocosmo, perché c’è accordo fra l’anatomia esterna e quella interna E
per quanto possa esserci nota la virtù occulta delle erbe e le stelle di quel
medico che è il cielo, la cosa principale che il medico deve considerare è di
apprendere la simpatia della natura, cioè in che modo egli può accordare
l’astro della medicina, il cielo magico, con l’astro interno dell’uomo 31.

L ’esposizion e sintetica delle dottrin e paracelsiane e il loro svilu pp o


n ei testi di Severino e di Cr oll han n o di fatto costituito un im p or tan ­
te veicolo storico della m od alità di app r occio non m eccan icistico alla
m edicin a e alla farm acologia, ch e troverà infine accoglien za da parte
del fon d ator e dell’om eopatia, Sam uele H ahn em an n 32. N ell*Or g a n on
H ah n em an n riattualizza in am bito farm acologico la con cezion e della
sim ilitudin e, che ripren deva l’an tico p rin cip io ip p ocratico su cui Se­
verin o aveva im postato il suo ten tativo di far accettar e la n ovità p ar a­
celsiana; la ratio dei farm aci basati sulla sim ilitudin e era stata così
spiegata d a Croll: «se l’un o ha l’anatomia d ell’altro, con chi si deve
con fr on tare il simile se n on col suo sim ile?» 33.
Nella riflessione di H ahn em an n la cura m edian te il simile e la m o­
dalità alchem ico-paracelsian a di estrazione e m oltiplicazion e del p r in ­
cipio sp irituale dai farm aci si in con trano con il m etod o sperim entale
di Fr an cesco Bacone, ch e fu a n ch ’egli p er qu alch e aspetto debitore
della lezion e paracelsiana, am piam ente diffu sa dai seguaci in glesi del
m ed ico svizzero e accolta da filosofi naturali com e il m edico Thom as
Moffet e il mago e alchim ista J ohn Dee 34. Qu est ’ultim o possedette
p arecchi m anoscritti con testi d ella tradizion e alchem ica m edievale, in
p articolare pseudolulliani e con cern en ti la ricerca d e ll’elixir: la for te
p resen za d i una tradizion e alchem ico-m edica sem bra del resto aver
ovun que favorito la d iffu sion e delle idee paracelsian e, com e m ostra
l’esem p io d i Leon ard o Fior avan ti, m edico em p ir ico ed alchim ista che
nei suoi lu n ghi viaggi t occò am bienti m olto diversi, fra cui la cor te
spagn ola di Filippo n 35.
Fr an cesco Bacone, d a parte sua, sem bra trad u rre in p roced u r e
analitiche intellettuali le separazion i p er ig n em descr itte da Pietr o Se­
ver in o, qu an d o elabora la sua m etod ologia sp erim en tale di ap p r occio
qualitativo e quan titativo (le ta bu la e) alla realtà naturale; e certam en te
risen te di letture alch em ich e la com plessa id ea del r apporto fra artefi­

2 1 7
A R C A N A S A P I E N Z A

ce um an o e natura, nella quale Pim m agin e del rapp orto fra m a g istr a e
“m in istro” si m uta tuttavia in sen sibilm en te in quella tecn ologica dello
scien ziato ch e sottop on e a tortura la natura per str appar le i suoi se­
greti in visib ili36.
Il d u p lice scop o della scien za in dividu ato nel N o v u m O r g a n u m
(11.1), la s co p er t a delle form e e la p r o d u z io n e di n u ove nature, trova
n ella trasm utazion e d ell’or o espression e esem plare. E in fatti nella S y l­
v a sy lv a r u m Bacon e presenta un ver o “esperim en to m en tale” relativo
p rop r io alla trasm utazione, ch e con tribu ì a m antenere viva l’atten zio­
ne dei filosofi sperim entali inglesi per l’alchim ia *7. La scien za orien ­
tata all’utilità um an a e al r ecupero della p erfezion e cor p orea prelap-
saria - l ’er edità alchem ica evid en te soprattutto n ell’affacciarsi del
tem a della prolon gevità n elle op er e di Fr an cesco Bacon e - divien e, al
cospetto di una natura spogliata di ogni carattere sacrale e “sottop o­
sta a tor tu r a” com e le streghe n ell’Eur opa rinascim entale, l’ideologia
del dom in io tecn ologico degli uom ini sulla Terra M ad r e

12 .4
La filosofia ch im ica

Le idee paracelsian e si diffu sero in Eu ropa soprattu tto a partire dagli


ultim i anni del Cin qu ecen to, qu an d o la stam pa in cin q u e volum i d el­
le op er e di Paracelso curata da J ohan n H u ser a Basilea nel 1589-90
ne rese d isp on ibile praticam en te l ’intera p rodu zion e m edico-farm aco-
logica In Fran cia p er ò J acques Goh or y aveva p u b b licato già nel
1567 un C o m p e n d iu m della m ed icin a paracelsiana, in qu ad r an d o le
teorie del m ed ico svizzero nel con testo della tradizion e platon ico-er­
metica; al su o lavoro editoriale si deve pertan to la prim a diffusion e
del paracelsism o in Fran cia, che si innestò in un am bien te in cui con ­
vivevan o i filoni alchem ici di origin e m edievale accan to alle n uove
elaborazion i legate all’in fluenza d ella cabala cristiana, delle dottrin e
ficin iane e d ell’in terpretazion e alchem ica d ella m itologia 4°.
Le edizion i di testi alchem ici p r e e postparacelsian i si fecero sem ­
pre più n u m erose in tutta Eur opa a partire dagli anni Settanta; nel
1572 venn e p u bblicata la prima con fu tazion e delle id ee di Paracelso,
le D is p u t a t io n e s d e m ed icin a n o v a P h ilip p i T h eo f r a s t i Pa r a cels i di
Tom m aso Erasto. In Fran cia, d ove la posizion e paracelsiana trovò un
autorevole espon en te in J oseph D u Chesn e (Quer cetan u s), si diffu se­
ro fra l’altro scritti attribuiti a person aggi m edievali com e Bern ardo
Trevisan o o N icola Flam el, la cu i leggen da ebbe nel variegato am ­
bien te del paracelsism o fran cese la sua o r igin e 4'. Le ricerch e alch e­

2 18
12 . VIS IBILI:' II I N V I S IB I LE

m ich e e fa r m a cologich e, le tr a d u zion i di testi p ara celsian i d i G e r h a r d


D o r n , la d iffu sion e d elle n u ove tecn ich e d i la b or a t or io si in t r eccia r o ­
n o con le sor ti dei gr u p p i p olit ici legati a Fr an cesco d i Va lois e Lu igi
Go n za ga , tr ova n d o in fin e a ccoglien za p r esso la cor te d i E n r ico d i N a ­
var r a, al cu i ser vizio co m e m ed ici si alter n ar on o p r a tica m en te tu tti gli
esp on en ti d i rilievo d el p ar acelsism o fr an cese.
N el 1566 la facoltà m ed ica d i P ar igi e il p ar lam en to d ella città a veva ­
n o b a n d ito l ’uso dei far m aci a b a se di an tim on io e s o lo n el 1593, con
l’ascesa al tr on o di E n r ico iv, i segu a ci di P ar acelso p o t er on o r ia lzar e la
testa 42. La p olem ica r ip r ese vigo r e p er ò n egli ann i 1603-08, p e r co n ­
clu d er si a n cor a un a volt a a va n t a ggio dei segu a ci d ella m ed icin a “ er m e­
t ica ”. Solo p iù tardi, n el con testo della cu ltu r a lib er tin a, gli a tta cch i an-
tip ar a celsian i, in p a r ticola r e q u ello ch e aveva com e ob iet t ivo d ich ia r a t o
i R o s a cr o ce 41, otten n er o q u a lch e su ccesso al di fu o r i degli a m bien ti
m ed ici str ettam en te lega ti all’u n iver sità p arigin a. Si t r a t t ò di u n co n t r a t ­
t a cco di or d in e filosofico e t eolo gico di p or tata m o lt o am pia: se in fatti
l ’op p o sizio n e al n atu r a lism o esp r essa da u n filosofo com e M a r in Mer -
sen n e tr ova va n egli alch im isti e n ei p ar acelsian i un lo gico b er sa glio 44,
an ch e un alch im ista d ’im p osta zion e aristotelica , q u a le fu An d r ea Lib a -
vio, n ell’A lc h y m ia t r iu m p h a n s d el 160 7 p ot eva a tta cca r e i segu aci d i P a ­
r acelso com e er etici, p u r d ifen d en d o l’u so delle t ecn ich e a lch em ich e
n ella p r ep a r a zion e d ei far m aci 45. N on m an ca r on o com u n q u e le voci
p iù con cilian ti, com e G u in t e r d e An d er n a ch e sop r a ttu tto D a n iel Sen-
n er t, ch e in un o scr itto sign ificativam en te in titolato D e ch y m ico r u m cu m
a r is t o t e licis e t g a len icis co n s en s u a c d is s en s u (1619) si p r op ose d i ver ifi­
ca r e l ’efficacia della n u o va m ed icin a e la p ossib ilità d i in serir la n el co n ­
testo d ella m ed icin a scola stica 46.
In In gh ilter r a, d o ve la d iffu sion e d ell’alch im ia d e ll’elixir a p artire
d a lla m età d el Q u a t t r o ce n t o aveva sicu r am en te p r ed isp ost o il ter r en o,
la far m acologia p a r a celsian a t r o vò m iglior e a ccoglien za . M em b r i a u to­
r evoli del Royal Co lle ge o f P h ysician s, fon d a t o n el 1518 , si sch ier ar o­
n o a favor e di essa, sicch é la p r im a Ph a r m a co p o eia u fficiale in glese,
p u b b lica t a n el 1618 , in clu se n u m er osi fa r m aci “ch im ici” 47. N o n er a­
n o solo i n u ovi far m aci a d esser e d iscu ssi, m a le fon d a m en ta li co n ce­
zion i p aracelsian e: la co r r isp o n d en za fra m acr o- e m icr ocosm o, i tre
p r in cip i, la sep ar a zion e a lch em ica com e m et od o d i con oscen za . « P er ­
ciò d icia m o ch e il co r p o d e ll’u o m o con siste solo d i zolfo, m er cu r io e
sale, n on p er ch é lo sa p p ia m o co n la scien za di Ad a m o , m a p er ch é la
d issolu zion e di ogn i gen er e di co r p i n a tu r a li e art ificiali ci m ost ra che
è co s ì» 48. All’in izio tu tta via gli asp etti d i p or tat a p iù am p ia m en te
t eor ica d ella “filosofia ch im ica ” t r ova r on o p o co a scolto in In gh ilter r a.
So lo a p a r tir e d al 1620 , d o p o la p u b b lica zio n e n el 1618 d ella Utr iu s-

2 19
A R C A N A S A P I E N Z A

q u e cosm i h istor ia di Robert Flu d d , e soprattutto d op o il 1648, quan ­


d o apparve l 'O r t u s m ed icin a e di J ean Bap tiste van H elm on t, problem i
di portata gen erale com e quello d ello spirito universale e degli atomi
divenn ero oggetto di discussioni anim ate.
Com e m olti p ar acelsian i, F lu d d (1574-1637) ce r cò d i u tilizzar e
l’alch im ia co m e ch ia ve p er l'in t er p r et a zion e fisica d ella Sacr a Scr ittu ­
ra. En tr ato in con ta tto con le id ee d i P a r a celso d u r a n te un via ggio in
E u r op a, al su o r it or n o in In gh ilter r a in con t r ò n ot evoli d ifficolt à p r i­
m a di p oter en tr a r e a fa r p ar té d el Lo n d o n Co llege o f P h ysicia n s nel
160 9, m a in segu ito eser citò la p r ofession e m ed ica co n su ccesso. Fin
d a allora sem b r a lavor asse alla stesu r a d ella sua o p er a m aggior e, an­
ch e se com in ciò a p u b b lica r e solta n to n ell’am bito d elle vivaci d iscu s­
sion i sollevate d a ll’u scita dei m an ifesti Rosa cr oce n el 1614-15 49. Di
P ar acelso e d ei su oi segu aci F lu d d con d ivid eva l’in sod d isfa zion e nei
con fr on ti d e ll’ed u ca zio n e del su o t em p o, sop r a ttu tto r igu a r d o alla fi­
losofia n a tu r ale, la m ed icin a, l ’alch im ia, m a an ch e la m u sica e la m a­
t em at ica (i cu i con fin i con la m agia n a tu r a le er an o a lq u a n to in cer ti,
com e m ost ra la figu r a d i J oh n D ee). In b r eve, riten eva ch e si d ovesse
rin n ovar e com p let a m en t e l’a p p r o ccio alla con oscen za d ella n atu ra e,
in qu an to m ed ico, con sid er ava p a r ticola r m en te im p or ta n te lo stu d io
d e ll’u om o n ei su oi r ap p or ti con il m acr ocosm o, e in p r im o lu ogo il
m od o in cu i il co r p o u m an o a ssor b e lo Sp ir ito cosm ico, qu in ta essen ­
za e lu ce d ivin a ch e è a ll’or igin e d ella vita e d el m ovim en to. « O cco r ­
re com p r en d er e com e ogn i essere an im ato sia n u tr ito in visibilm en te
d a qu esta q u in t a essen za in d u e m od i, cioè in q u a n t o essa si tr ova
n ell’aria e vien e attr atta al cu or e a ttr aver so la r esp ir azion e [...] e in
q u a n to si r a ccoglie e si con d en sa occu lt a m en t e nella sostan za co m p o ­
sta d el cib o» 5°.

1 2 ’5
La filosofia Mosaica

Il lega m e fra alch im ia e cosm ologia era sta to quasi n a tu r a lm en te a c­


co lt o ed am p ia m en t e elab or a to in un con testo m olt o p articola r e,
q u e llo d ella Ca b a la e b r a ic a 51. L ’in ter esse d i m olti p en sa tor i r in asci­
m en ta li, in p r im o lu ogo Giova n n i P ico d ella M ir a n d ola , aveva in n e­
sta to la t r a d izio n e cabalistica in q u ella d ella prisca p h ilo s op h ia ficinia-
n a, fa cen d ola con ver ger e con le con cezio n i p la ton ich e ed er m etich e
con le qu ali con d ivid eva , a livello d i filosofia n atu r ale, il p r evaler e
d e ll’in ter esse p e r la gen esi e le t r a sfor m a zion i del co sm o r isp etto a
q u ello più a n a litico p er la sua str u ttu r a, o gget t o della filosofia n a tu r a ­

220
1 2 . V IS IB ILE E I N V IS IB ILE

le ar istotelica. Il n esso con l ’alch im ia ver teva d u n q u e su i su oi co n t e ­


nuti filosofici e cosm ologici, p iù ch e sulle p r atich e d i lab or at or io.
D e l resto l’a ffer m a zion e d ell’or igin e an tichissim a d ell’alch im ia er a
stata fin d a ll’e p o ca ellen istica un m o d o p er asser ir n e l’a u t or evolezza ,
e il collega m en to con la Ca b a la r a ffor za qu esta p r etesa r elativa a ll’o ­
rigin e; si d elin ea p er ò b en p r esto n egli a m bien ti p ostp ar acelsian i u n a
b ifor ca zion e fra i sosten itor i d ell’or igin e gr eca d el sap er e a lch em ico,
e qu elli d ell’o r igin e b ib lica , p er i q u a li la lon gevità estr em a d ei p a ­
tr iar ch i sar ebbe stata con fer ita p r o p r io d a ll’e lixir 52. P er i sosten itor i
d ell’or igin e b ib lica , l’a lch im ia fon d a va un sap er e fisico ch e si r it en e­
va in a ccor d o — n atu r alm en te attr aver so elab or a te in ter p r etazion i -
con la r ivela zion e gen esiaca, e d u n q u e un p ot en t e str u m en to n ella
lotta con t r o le con segu en ze m etafisich e e r eligiose d ella n u ova “filo ­
sofia m ecca n ica ” . Lo stesso N ewt o n , ch e com e ved r em o in segu ito
com in ciò ad in ter essar si a ll’alch im ia d o p o a ver com p iu t o la sua fo r ­
m azion e scien tifica, fu ch ia r am en te or ien ta to a ciò dalla sua p o s izio ­
n e religiosa.
N ella U t r iu sq u e cosm i h istor ia F lu d d cer cò di elab or a r e u n a ver a e
p r op r ia “filosofia M o sa ica ” , con voglia n d o an tico e m od er n o, co n ce ­
zion i p a ga n e e cr istian e, r agion e e r ivela zion e in u n a sin tesi ch e, a t t r a ­
ver so i lib r i d ei filosofi, il lib r o d ella n atu ra e q u ello d i D io (la B ib ­
bia), m ir ava a r a ggiu n ger e l ’u n ica ver ità 5*. L ’or igin e del m on d o, s p ie ­
gata con r a tion es in tese a ten er e in siem e la tr a d izion e filosofica, l ’e ­
sp erien za sen sibile e la r ivela zion e, vien e d escr it ta in ter m in i esp licit a ­
m en te alch em ici. « Fu p er la vir tù sp agir ica cio è su b lim em en te ch im i­
ca della p ar ola e d e ll’op er a d ello Sp ir ito ch e la sep ar a zion e di u n a
r egion e d a ll’altr a e la d istin zion e di u n a vir tù for m ativa d a ll’altra ve n ­
n e cr eata , cioè fatta. D i q u est o p a r la il Salm ista q u a n d o d ice, D a lla
parola d e l S ig n or e s on o s t a t i f a t t i i cieli, e d a llo sp ir ito d ella sua bocca
t u tte le v irtù » 54. F lu d d in oltr e ela b or ò u n ’ar ticolata sp iega zion e p er
m etter e in r ela zion e i tr e p r in cip i p ar acelsian i con i q u a ttr o elem en ti,
id en tifican d o i t r e p r in cip i a livello cosm ologico con le t en eb r e, la
lu ce e le acq u e, d a cu i m ed ia n te la d ivin a a lch im ia son o state d istin te
le sfere celesti e q u elle su b lu n ar i. « L ’in ter o m o n d o esiste ed è fa t t o
delle a cq u e e d a lle a cq u e, p r od ot t e d alla p a r ola d i D io» 55.
E im p ossib ile in q u esta sed e a n ch e solo sin tetizzar e a d egu a t a m en ­
te l’in ter o d isp iega r si d ella cosm ologia flu d d ean a. Baster à solo r ilevar e
ch e n ella d et taglia ta sp iega zion e d el d isp or si d e ll’or d in e cosm ico, illu ­
strata n elle celeb er r im e figu r e ch e a ccom p a gn a n o il testo d ella Utriu s-
qu e cos m i h ist or ia , sem b r a d i r itr ovar e u n ’eco lon ta n a d elle co s m o lo ­
gie alch em ich e isla m ich e, ar r icch ita si e fattasi a n cor p iù com p lessa
p er gli a p p or ti d ella filosofia n eop la t on ica r in ascim en ta le, fr a cu i o c ­

2 2 1
A R C A N A S A P I E N Z A

cu p a n o un r u olo p r eva len te la n ozion e ficin ian a d ello sp ir itu s m u n d i e


le d ot t r in e p ara celsian e d ella sim p atia u n iver sale e d ei tr e p r in cip i.
Er a im p ossib ile ch e le id ee di Flu d d , d efin ite d a Alien D eb u s «la sin ­
tesi p iù com p leta d ella filosofia ch im ica» 56, ven isser o a ccolte d agli
stu d iosi avversi a d essa e alla m ed icin a p ar acelsian a; d i fa tto esse s o l­
leva r on o n u m er osi a ttacch i a cui, a n ch e p er la n atu ra p olem ica d ello
stesso F lu d d , egli r isp ose d a n d o vita a im p or ta n ti dibattiti: d a q u ello
in tr a tten u to con Kep ler o , ch e è oggi con sid er a t o u n a d elle fon ti st or i­
ch e p iù im p or tan ti n elle d iscu ssion i su l r a p p or t o fr a er m etism o e r i­
vo lu zio n e scien tifica, a q u elli con gli esp on en t i d ella n u ova filosofia, e
p a r ticola r m en te co n M ar in M er sen n e e P ier r e G a s s e n d i57.

12 .6
Con tin u ità e r ottu r e

Un a cr it ica m olt o severa d i F lu d d , giu d ica t o « m ed ico da p o co e a l­


ch im ista an cor d a m en o» , è espressa in u n a d elle letter e scritte a
M er sen n e da un a u tor e ch e p er ò n on a p p a r t en n e al cam p o d ella filo ­
sofia m ecca n icistica , m a - al p ar i d i F lu d d , b e n ch é in m an ier a diver sa
- a q u ello della “filosofia ch im ica ” : J ean Bap tiste van H elm on t
(1579-164 4) 58. Sco n t en t o d e ll’ed u ca zion e scola stica, van H elm on t
aveva p er cor so u n n ot evole tr agitto d i r icer ca p r im a d i a ffr on ta r e le
op er e d i P ar acelso: la lettu r a d egli stoici, ch e er an o al cen tr o di un
ver o e p r op r io r ev iv a l filosofico, d ei m istici fia m m in gh i ta r d o m ed ie­
va li, e in fin e di t u tta la tr a d izion e m ed ica da I p p ocr a t e e G a le n o ad
Avicen n a 5c;. Solo d iver si a n n i d op o, d u r a n te sette an n i di st u d io soli­
tar io, lesse tu tte le op er e d i P ar acelso e in iziò a svilu p p ar e le p r op r ie
d ot tr in e, u tilizza n d o in m o d o assai cr it ico le id ee d el m ed ico svizzer o
e sp esso p r op on en d o con cezio n i in n ovative. La su a op er a p r in cip a le è
l ’Or t u s m ed icin a e , ch e r a cco glie testi scr itti in p er iod i d iver si, p u b ­
b lica t a p ostu m a d a l figlio Fr a n cesco M er cu r io n el 1648. In vita van
H elm o n t aveva p u b b lica t o p oco : u n ’op er a su lla m ed icin a sim p a tica e
il m agn etism o, ch e aveva su scita t o m olt e p o lem ich e p r ovoca n d o a d d i­
r it tu r a u n p r ocesso p er er esia e m agia; e un testo su lle a cq u e term ali
(a r gom en to m olto d ib a t t u t o fin dal t a r d o M ed ioevo) in cui sosten eva
teor ie an titr a d izion ali.
Tr a d izio n e e n ovit à s ’in tr eccia n o in tu tta la su a opera: a cca n to al
p r im a to sch ietta m en te p a r a celsian o a ccor d a to alla m ed icin a, cu i si a c­
ced e a ttr aver so la co n oscen za d ella n atu r a ott en u t a m ed ian te la ch ia ­
ve “ch im ica ”, tr ovia m o il p r ogr essivo r igetto d ella cor r isp on d en za fra
m a cr o co sm o e m icr ocosm o: «Il n om e d i m icr ocosm o o p icco lo m on ­

222
12. VISIBILE I- I N V I S I B I L E

do è poetico, classicheggiante, m etaforico, ma n on è naturale e


ve r o » 6o. Tr oviam o però anche una schietta creden za n ell’alchim ia
com e arte della trasm utazion e e m etodo di con oscen za della natura:
«Solo l’A lc h im ia è lo sp ecch io della vera com p ren sion e, e m ostra
com e toccare con mano e ved er e la verità delle cose n ella chiara lu ce.
Non ad du ce argom en ti logici, p er ch é essi son o t r op p o rem oti e d i­
stanti dalla chiara lu ce» 61.
Men tre si d ed ica alla ricerca dell'eviden za sperim en tale (per esem ­
pio in troduce n elle separazion i m edian te il fu oco la m isurazion e a ccu ­
rata dei pesi), van H elm on t elabora una teoria vitalista della terra e
dei metalli, basata sulla n ozion e di una forza din am ica (a r cb eu s ) ch e
si m anifesta nei prin cipi dei cor pi materiali denom in ati s em in a . Q u e ­
sta n ozion e «lun gi dall'essere una con cezion e rigorosam en te meccani-
cistica della n atura, con tien e in sé numerose idee di carattere vitali-
stico» 62; essa diverrà cen trale n elle discussioni dei “filosofi ch im ici"
fino a Robert Boyle, in con tr an d osi da una parte con l’atom ism o di
filosofi m odern i, quali Fr an cesco Bacon e e Pier re Gassen d i, e dall’al­
tra riallaccian dosi alle id ee alch em ich e m edievali su m in im a , cor p u ­
scoli, s em in a elaborate in particolare nella S u m m a p er f e ct io n is e n el
T es ta m en t u m .
La ricerca d ei prin cipi della natura basata sul r esocon to biblico
della creazion e, unita alla con siderazion e sp erim en tale ch e il fu oco
non rivela i p rin cip i, ma li p rod u ce, con dusse van H elm on t a con ce­
pire un un ico p rin cipio, l’acqua, p iù origin ario dei tr ia p r im a para-
celsiani, ed un potere d in am ico universale, da lui ch iam ato b ia s , ch e
esprim e attraverso il m oto e la vita il volere d ivin o in tutti i livelli d el
creato, cielo («m eteore»), terra ed esseri viventi.
Vien e m esso così in cir colazion e un m odello d el m on d o di carat­
tere biologico-alchem ico, ch e fu a lu n go con corr en ziale con la d o t ­
trina m eccan icistica della m ateria e d el m oto d 'im p ian to cartesiano M.
E in qu esto con testo che van H elm on t in trodusse l’idea d i un liqu id o
capace di ridu r r e alla m ateria prim a i corpi con servan d on e il potere
seminale, e qu in d i la possibilità di rigenerarsi secon d o l’ideale alche­
m ico della perfezion e: qu esto liq u id o, da lui den om in ato a lk a h es t , fu
al cen tr o delle discussion i di m olti filosofi ch im ici e alchim isti tr ad i­
zionali nella secon d a m età d el Seicen to 64.
La discussion e helm on tian a dei t r ia p r im a p aracelsian i costituisce
un p u n to di svolta, ed è già estrem am en te sim ile a qu ella che verr à
svolta d a Rober t Boyle (16 2 7-16 9 1), che n el C h im ic o s cet t ico ( T h e
S cep t ica l C h y m is t , 1661) si p r op on eva com e scop o il riesam e della
dottrin a degli elem en ti d a n d o sp azio all’ipotesi a t o m ist ica 65. « Th e
small parts o f m atter» si collocan o tuttavia in un a sp iegazion e filosofi-

223
A R C A N A S A P I E N Z A

ca d ella n a t u r a ch e p u ò a ccor d a r si con la “filosofia M o s a ica ” e con


l'a lch im ia . Co sì, se p er Boyle co m e p er va n H elm on t è p ossib ile p ar ­
la r e in ter m in i gen er ali d ei tr e p r in cip i p ar acelsian i, l’u so d el m etod o
d ella sep a r a zion e (a n a ly sis ) m ost r a ch e i cosid d etti p r in cip i n on son o
tali, p er ch é son o p r o d ot t i d a ll’o p er a d el fu o co a p a r t ir e da u n p r in ci­
p io (o d a u n o str ato) m ater iale om o gen eo p iù p r im itivo. Il fu o co , n on
essen d o n om in a to n el G e n e s i , n on vien e con sid er a t o d a Boyle un ele­
m en to m a « str u m en to gen u in o e u n iver sale p er l’a n alisi dei co r p i m i­
sti» 66, e il Ch im ico scet t ico fa u n p asso u lter ior e r isp et t o alla p osizio­
n e h elm on tia n a , a ggiu n gen d o ai m et od i d i scom p osizion e d ei cor p i
l ’u so d ei r eagen t i acid i. Co m e va n H elm on t , Boyle r icer ca attr aver so
il m et o d o ch im ico d ella sep a r a zion e l’u n ico p r in cip io m ater iale or igi­
n ar io, la cu i str u ttu r a cor p u sco la r e n on gli im p ed ir à di m etter lo a
co n fr o n t o con l’id ea alch em ica d ella m ater ia prim a o m er cu r io filoso­
fico, m ost r a n d o q u a n to d ell’a lch im ia tr ad izion ale fosse an cor a a ll’op e­
ra n elle r icer ch e sp er im en tali 67.
Le r agion i p er cu i, n on ostan te la cr itica degli alch im isti « volgar i»
n el Ch im ico S cet tico , Boyle si d e d icò alla r icer ca alch em ica p er tu tto il
cor so d ella su a vita, fu r on o di or d in e n atu r alistico (l’alch im ia com e
an atom ia d ella n atu ra), p r atico (la p r od u zion e di m ed icin e n u ove e
p oten ti) e filosofico-teologico. L ’alch im ia in fatti gli sem b r a va offr ir e
u n ter m in e m ed ian o o u n collega m en to fr a filosofia n atu r ale e teolo­
gia, e un in solito a p p r o ccio alla d im ost r a zion e d ell’esisten za d elle en ­
tità sp ir itu ali, ch e - d ob b ia m o r icor d a r e - p er i filosofi di Ca m b r id ge
com e M or e e Cu d w o r t h r ap p r esen tava u n a via p r ivilegia ta n ella lotta
con t r o l’a teism o h ob b esia n o. Bo yle r iten eva, p u r p on en d osi al r igu ar ­
d o sign ificativi scr u p oli di or d in e m orale, ch e il la p is p h ilosop h or u m
fa t t o a p a r tir e dal m er cu r io filosofa le p otesse ad d ir ittu r a evoca r e gli
sp ir iti an gelici, m otivo ch e svela il su o legam e con la scu ola in glese di
“alch im ia sp ir it u a le” di cu i parla Elias Ash m ole n ell’in t r o d u zio n e alla
sua gra n d e r accolt a di scritti a lch em ici, il T h ea tr u m Ch em icu m Bri-
ta n n icu m (1652) ("H.
N el com p lesso, le r icer ch e d ei “ filosofi ch im ici” m ost r a n o ch e l’al­
ch im ia d el Seicen to n on rim ase con fin ata n ella tr a d izion e, e ch e le
id ee a lch em ich e in ter agir on o a m p iam en te e a lu n go co n il com p lesso
ca m p o di r icer ca n ato d alla r ifor m a p aracelsian a 6y. C i son o for ti affi­
n ità e m olti elem en ti in com u n e fr a i d u e am biti, ch e im p ed iscon o la
sem p licistica con tr a p p osizion e fr a « alch im ia m istica» e « filosofia ch i­
m ica» sosten u ta an cor a d a Alien D eb u s n el 1977, p r im a ch e la ri­
p r esa delle r icer ch e su ll’alch im ia, sop r a ttu tto quella m ed ievale, in tr o­
d u cesse n u ove p r osp ettive, u scen d o d all’a ltem ativa fr a l’in ter p r etazio­
n e p osit ivistica e q u ella esoter ica. P r op r io l’a p p r ofon d im en to d egli

224
12 . VIS IB ILI: E IN VIS IB ILI-

stu d i r ela tivi ai testi alch em ici m ed ievali m ostr a p e r ò ch e n on è p ossi­


b ile tr a cciar e un a sem p lice lin ea d i con tin u ità fra l'a lch im ia e la m ed i­
cin a p ar acelsian a, ch e r a p p r esen tò effettivam en te u n p u n to d i svolta,
an ch e se n on un a r ottu r a com e nei con fr on t i d ella m ed icin a scola ­
stica.
L ’a b b a n d o n o d e ll’id ea d ella tr asm u tazion e d ei m et a lli , ch e già P a ­
gel r ilevava in P ar a celso, n on è l ’u n ica d iffer en za , e sop r a ttu tto n on è
con d iviso d a tu tti i “filosofi ch im ici” (lo stesso Bo yle sosten n e la p os­
sibilità d ella tr asm u tazion e). Ben p iù gen er ale è la scom p ar sa d el le­
gam e fra l ’id ea d ella p er fezio n e m ateriale u n iver sale e qu ella d e ll’eli­
xir in teso com e fa r m a co u n ico , ca p a ce d i op er ar e o g n i tip o d i tr a sfor ­
m azion e, ta n to dei m etalli co m e dei cor p i um ani. Sia P a r a celso ch e i
suoi segu a ci a b b a n d on a r on o in fatti la con vin zion e alch em ica d i p oter
tr asferir e in un p r o d o t t o m ater iale con cr et o la p r op r ietà d e ììyu n iv er sa ­
lità, ch e i filosofi ar istotelici a ttr ib u iva n o alle sp ecie in telligib ili n el­
l’am bito d ella con oscen za . P er qu an to già G io va n n i da Ru p escissa
avesse n ei fatti ela b or a t o un m od ello p lu r ale di p r ep a r a zion e d ei fa r ­
m aci alch em ici, il su o elogio d ella q u in tessen za la p r esen tava an cor a
nei ter m in i d e ll’agen te u n iver sale di p er fezion e m ater iale. P a r a celso e
i p ar acelsian i r icer can o in vece u n a m oltep licità di far m aci: le q u in t es­
sen ze, g li arcan a; e se a lcu n i "filosofi ch im ici” r iten evan o a n cor a p os­
sibile p r o d u r r e l ’or o d a gli altri m etalli, cer t o n on cr ed eva n o p iù ch e
qu esto fosse p ossib ile ad op er a d el far m aco dei co r p i um an i. L ’idea
cen tr ale d e ll’alch im ia, ch e l’op er a r e u m an o p ossa p r o d u r r e u n a g en te
u n ico ca p a ce di p er fez ion a r e tu tto il m on d o d ella m ater ia, è r ico n o ­
sciu ta or m ai im p ossib ile, com e ica sticam en te affer m a M ich a el Sen d i-
vogiu s n el N ov u m lu m en ch y m icu m (1616): « L ’u n ica cosa ch e ci m a n ­
ca è d i sap er far e q u ello ch e lo r o [Geb er e Lu llo, citati p o ch e righ e
pr im a] fa ceva n o, e cio è la p ietr a filosofa le, la tin tu r a n atu rale. N o i la
r icer ch iam o, m a tr ovia m o altre cose» 7°.
Ciò n on ostan te r estan o d u e elem en ti for t i di con tin u ità: u n o è di
or d in e m et o d olo gico, e con siste n ell’u tilizza zion e d ella “via ” a lch em i­
ca o sp agir ica (la d istillazion e, la sep ar a zion e m ed ia n te il fu o co , F “ a-
n atom ia ch im ica ” ) p er la con oscen za delle r ealtà n atu r ali occu lte; l ’a l­
tr o è d i or d in e d ot tr in a le, dal m om en to ch e l ’in ter p r eta zion e a lch em i­
ca della m ater ia pr im a e d ella for m a zion e d el m a cr ocosm o offr iva un a
teor ia d ella m ater ia alter n ativa a qu ella p er ip a t et ica e a q u ella m e cca ­
n icistica car tesian a, ch e a m olti a p p a r ve p iù fu n zio n a le ad u n a r in n o ­
vata lettu r a d el G en e s i in fu n zion e an tiateistica. M en t r e il m et od o
sp agir ico collega su u n a lin ea d i svilu p p o sen za r ot t u r e gli alch im isti
agli sp er im en ta tor i d i la b or a t or io, n el cu i a m b ito si for m er à lo sp azio
della r icer ca p r op r ia m en te ch im ica , il p er m a n er e d ella d ot tr in a della

225
A R C A N A S A P I E N Z A

m ateria prim a con forte in ton azion e religiosa spiega Pinteresse p er la


tr adizion e alchem ica an ch e da parte di filosofi com e Fr an cesco Ba co­
n e e Pierre Gassen d i, e di scienziati com e Rober t Boyle, le cui teorie
della materia p resen tan o un a com bin azion e di atom ism o e con cezion i
vitalistiche che sem bra arm on izzare ricerca fisica e rivelazione. Le di-
siecta m em br a d ell’alchim ia con tin uar on o a lu n go ad abitar e n el cor ­
p o della scien za m odern a.

N ote

1. Pa gel (198 9); Bian ch i (198 7); Zan ier (1988); D e b u s {1996). U n a p resen ta zion e
gen er a le della figur a d i Pa r acelso, com p resi gli in teressi teologici e p r ofetici q u i n on
con sid era ti, è in Bian ch i (19 95). Cfr . anche G r e ll (1998 ).
2. Cfr . sup r a , p a r r . 9 .1, 9.5, 10 .1, 11.1. Cfr . a n ch e Mu lth au f (19 56 ).
3. Pa gel (198 9 , p. 345, n ota 231). Su lle con oscen ze di la bor ator io di P ar acelso
cfr. Sou ku p , Mayer (1997).
4. Sette autodifese , cit. in Bian ch i {19 9 5, p. 71). P a gel (1989, p p . 122-4) m ett e in
rilievo l ’affinità di qu esta con cezion e far m acologica con il prin cipio ch e gu id a la p r e­
p ar azion e dei rim ed i om eop atici.
5. Perr on e Com p a gn i (19 92b).
6. L ’att r ib u zion e di qu esto trattato a P a r acelso è in cer ta, ma la su a m atr ice p ar a­
celsian a è in d ub bia.
7. Su ll’alchim ia com e m od ello ep istem ologico p er la con cezion e p ar acelsian a cfr.
Bian ch i (1994).
8. W eb ster (19 8 4 , p. 16): «la prim a gr a n d e b a tta glia della rivolu zion e scien tifica
fu com batt u ta tra Par acelso e Ga len o, p iu ttosto ch e tra Cop er n ico e Tolom eo» .
9. Pagel (198 9 , p p . 167-233) ha messo in evid en za un a fìtta rete d i cor r isp on d en ­
ze fra le dottrin e m ed ich e p aracelsian e e var i filon i d ella tradizion e m ed ievale: dalla
tr a d izion e erm etica al vitalism o degli scritti d i Ild egard a d i Bingen, d a lle d ottrin e ilo-
m orfich e di Ibn Ga b ir o l al “pan teism o p o p o la r e ” a ll’alchim ia. Al con tr ar io Bian ch i
(19 8 7) n e sottolin ea il caratter e di origin alità ed il legam e con m otivi della tr a d izion e
orale di origin e m itica.
10. Undici trattati, cit. in Bia n ch i (19 95, p. 6).
11. Philosophia Sagax, ni, trad, par ziale in Gran de Antologia Filosofica , ed. M a r ­
zor ati, voi. 8, p. 1556 .
12. Il sale com e p rin cip io in term ed io e legam e fra zolfo e m ercu r io com p ar e n el
Testam entum (cfr. supra , p a r . 9.3).
13. Paragranum , trad, in Masin i (19 71, p . 135).
14. Il saggio Paracelso com e fen om en o spirituale (19 42) è in J u n g (1989).
15. Philosophia sagax , in Gran de An tolog ia Filosofica , cit., pp. 1557-8 .
16. La sim p atia un iversale, scrive Vit to r ia P er r on e Com p agn i (19 92b, p . 88),
«n on è altro che la possibilità d ell’anima d i im itare la n atur a, cioè se stessa, p er lib e ­
rarsi da se m edesim a com e lim itazion e e disp er sion e» .
17. Koyré (19 55); cfr. P a gel (1992) e W eb ster (cit. sup r a y nota 8).
18. I bran i, tr a tti dal D e signatura rerum e da un a delle lettere d i Bòh m e, so n o
citati in Cu n ibert o (2000, p p . 76 e 85).
19. La vita sovrasensibile , trad, in Ce r ch io (1997, p. 82).
20. De signatura rerum , cit. in Marquet (1995, p p . 665 ss).

226
1 2 . V I SI B I L E L I N V I S I B I L E

2 1. Marquet (1995» pp. 667-9).


22. Ivi, p. 669.
23. Jung (1990 -9 1).
24. P. Severin us, Idea M edicin ae Philosophicae, Fundam ent a Con t inert s Totiu s
Doctrinae Paracelsìcae, Hippocraticae et Galen icae , Basilea 1571- N eed h am (19 74 ) 1°
in serisce nella tr a d izion e ch e d efin isce d ella “m a cr ob iotica occid en ta le”.
25. O . Cr olliu s, Basilica Chym ica: D e Signaturis, seu vera et viva anatom ia m aioris
et m inoris m undi, Pr aga 160 8.
26. La p osizion e di Sever in o è defin ita «una va r ia n te eclettica e n eop laton ica del
paracelsism o» d a G r e ll (1998 , p . 245).
2 7. Severin us, Idea cit., p . 30. Le m od alità con cu i la m ed icin a non agisce son o
quelle proprie d ella m edicin a galen ica. Si n oti l’affin ità con il caratter e n on elem en tare
della quin tessen za del Ru p escissa ( p a r . 9 .6 ) .
28. Da ultim o, il passo è riportato da Need h am (19 74 , p- 5°9)-
29. Cr ed o ch e sar eb be im p ortan te riesam in are le fon d am en ta ep istem ologich e
della m edicin a di Pa r acelso, D o r n , Sever in o e Cr oll alla lu ce delle riflession i d i G a d a ­
mer (19 95). L’id ea ch e la m ed icin a d eb b a ten ere in con to l ’arm on ia fra u om o e m on ­
do - ch e Gad a m er riporta a P la ton e - si esp rim e, n ella cu lt u r a occid en tale, a tt r aver so
le cosid d ette m ed icin e “alt er n ative”, in p r im o lu ogo q u ella om eop atica.
30. Debus (19 77, voi. 1, ca p . 1 e p p . 60 -1). Su Cr olliu s, pp. 117-24*
31. Cr olliu s, Basilica Chy m ica , cit., p. 24.
32. Nel xix secolo H ah n em an n fu in effett i accu sa to di riattu alizzare il p ar acelsi­
smo d a C. R. A. W u n d er lich (Bian chi, 19 9 5, p. 126). Cfr . i saggi di Roger Co o t e r e
Ch ar les Webster, in Coot er (19 8 8 ).
33. Crollius, De signaturis , cit., p. 43.
34. Rees (19 75a e 19 75b ); cfr. W eb ster (19 8 4 , p. 18). Su D e e cfr. Clu le e
[1988).
35. Eam on (2000).
36. Bianchi (19 95, p. 114 ). Mary An n Atw o o d , a m età O tt ocen t o, rilevava l ’am ­
bigu ità della ricerca di Ba con e ( H erm etic Philosophy , cit. al p a r . 14.3, n ota 16).
37. Clericuzio (198 4 e 1998 ).
38. Merchan t (1988 ). Su Fra n cesco Ba con e e lo svilu p p o d ella tecn ologia Rossi
(1974)-
39. Bianchi (19 9 5, pp. 134 -4 1).
40 . Kahn (1998 a), le cu i con clu sion i, basate su u n ’accur atissim a e in n ovativa ri­
cerca, son o qui sch em atizza te a llestr em o.
4 1. Kahn (1999 ). Cfr . supray p a r . 10 .3.
42. Sugli asp etti p iù tecn ici delle in n ovazion i p ar acelsian e cfr. an ch e M u lt h a u f
(1966, ca p. 10).
43. Cfr. infra y p a r . 13.1.
44. Beaulieu (19 93).
4 5. Moran (1998 ).
46. Debus (19 77, vol. i , p p . 191-20 0 ).
4 7. Ivi, pp. 18 2-9 1.
48. T . M offet, D e iure et praestantia chem icorum m edicam entorum , in Zetzn er ,
Theatrum Chem icum , cit., vol. 1, p . 100.
49. Debus (19 77, pp. 20 5-93).
50 . Tractatus apologeticus , cit. in D eb u s (19 77, vol. 1, p . 223).
5 1. Patai (19 94 ); Sch olem (1995).
52. Cfr . Cler icu zio (19 95). D m ito d ell'an tich ità d e ll’alchim ia è an cor a a ccolto da
Sch warz (2000).

227
A R C A N A S A P I E N Z A

53. Bu m e t t (1999, p p . 118 -9). Cfr ., alla p. 114 , lo sch em a riassu n tivo d e ll’op er a
d i Flu dd .
54. R. F lu d d , Ut r iu s q u e co s m i , O p p en h eim 16 17, p. 175.
55. M o s a ica t i Philo s o p h y , cit. in Debu s (19 77, voi. 1, p . 227).
56. D e b u s (19 77, voi. 1, p. 292).
57. W estm a n (1984); H u fm an (198 8); Dar m on (1998 ).
58. D e b u s (19 77, voi. 2, p p. 295-379); Pa gel (198 2); H a lleu x (1983).
59. Va n H elm on t aveva rifiutato il titolo d i m a g ist er a r t ium , m a si a d d ott or ò in
m edicin a n el 1599.
60. O r t u s m e d icin a ey cit. in D eb u s (19 77, voi. 2, p. 315).
61. D e lithiasiy cit. in Deb u s (19 77, voi. 1, p. 14).
62. Cle r icu zio (19 97, p. 113).
63. Cle r icu zio (1990 ).
64. Cfr . p a r . 13.4.
65. Su l n esso van H elm on t-Boyle cfr. Cler icu zio (1993).
66. Cit . in Deb u s (19 77, voi. 2, p. 482).
67. Su gli in teressi alchem ici di Boyle, testim on iati da un a for te presen za d i temi
d e ll’alchim ia spir ituale n elle sue ca rte m an oscr itte, cfr. H u n t er (1994) e P r in cip e
(1998 ).
68. P r in cip e (1998 , p p. 191-20 4). Sui p r oblem i m ora li sollevati d all’alch im ia in
Boyle cfr. H u n t er (1990 ).
69. P r in cip e (1998 , p. 220) va an cor a oltr e, sost en en d o un a sostan ziale con tin uità
fra alchim ia e ch im ica, p oich é ritien e ch e il cor p u scolar ism o alch em ico sia p r ivo di
elem en ti vitalistici e in p ien o a ccor d o con le r icer ch e della filosofia m eccan icistica. D i
op p osto p ar er e Cler icu zio (19 90 e 1993).
70. In Man get, Bib lio t h eca Chem ica Cu r io s a , cit., voi. 1 1 , p. 465a.

228
I3

I l sap er e o c c u l t at o

13 1
Sogn i e u top ie

La p r esen za d e ll’alch im ia n e ll’età b a r o cca n on d ev'esser e r id uttiva-


m en te giu d ica t a com e un r esid u o oscu r o (o p eggio oscu r an tista) d el
passato, p r ivo di qualsiasi va lor e. G li alch im isti co n t in u a r on o a p r a t i­
care r icer ch e di la b or a t or io e a svilu p p a r e d ot tr in e a p p r ezza te n egli
am bien ti a n tim eccan icistici, e fr a lor o e gli esp on en ti d ella “filosofia
ch im ica” n on si in n alzar on o b ar r ier e; m olti asp ett i, dalla r ilettu r a p a ­
racelsian a d elle p r atich e tr a sm u t a ton e alTu tilizza zion e d el m it o di E r ­
m ete e d ella gen ea logia a lch em ica , in d ica n o p iu ttosto u n a d u r atu r a
p er m eabilità tra i d u e saperi, ch e tu tta via in lin ea d i p r in cip io si fa n ­
n o a q u est 'ep o ca distin ti.
Q u est a p er m ea b ilità si m an ifesta n ella sin on im ia dei d u e term in i,
qu ello tr a d izion a le di alchy m ìa e q u ello di ch y m ia , in tr od ot to d a
Gio r gio Agr ico la (149 4-1555), u m an ista e scien zia to con tem p or a n eo
di P a r a celso ed a u tor e del p r im o tr a tta to D e re m eta llica (1556), con
cui aprì d i fatto u n n u ovo ca m p o di in d agin e, la m in er alogia. Co n
tip ico tr a tto d a u m an ista, Agr ico la p r op o se d i a d otta r e il n u o vo vo ca ­
b olo (ch y m ia ) p er d ep u r ar e la lin gu a latin a d a ll'in flu en za araba in
esso m an ifesta, sen za im p lica r e co n ciò alcu n a va r ia zion e d i sign ifica­
to \ La su a d u p lice in n ova zion e, n el con t en u t o e n ella ter m in ologia ,
fu d ecisiva p e r l'a p er tu r a ch e len ta m en te a vr eb b e p or ta t o alla for m a ­
zion e d el lin gu a ggio tecn ico d ella ch im ica 2. L'esigen za d i r iflession e
sul lin gu a ggio alch em ico si d iffu se com u n q u e sop r a ttu tto n e ll’a m b ito
dei p ar acelsian i, m an ifesta n d osi in m an ier a evid en te n ella r ed a zion e
di lessici sp ecialistici: da M ich a el To xit e s a Ger h a r d D o m , d a M ar tin
Ru lan d a ll’in glese W illia m J o h n son , i n u ovi str u m en ti lessicali allor a
p r od otti o ffr o n o a n cor oggi in d isp en sa b ili r ifer im en ti p er co m p r e n d e ­
re il m u ta m en to d i p r osp ett iva in t r od ot t o da lle in n ova zion i p a r a cel­
sian e su sostan ze e p r ocessi op er a tivi 3.

229
A R C A N A S A P I E N Z A

Gli autori che con tin uaron o in ten zion alm ente a richiam arsi, sia
nei con ten u ti ch e nei riferim enti culturali, all'alchim ia depositata nei
testi m edievali, portaron o in vece a com p im en to nel cor so del x v i i se­
colo il m utam en to di strategie lin guistiche in iziato n el Quattrocen to:
lin guaggio p oetico 4, m etafore, riferim enti m itologici, icon ografia sim­
bolica diven n ero il veicolo pressoch é esclusivo di qu ella che era stata
una ricerca filosofica e pratica sulla materia e sulle su e possibilità di
trasform azion e. L ’in terpretazione alchem ica d ei miti antichi, in augu­
rata agli inizi del Cin qu ecen to e diffusa sopr attu tto attraverso la
Ch r y so p o eia delTAu gu rello, aveva aper to una stagion e di lunga dura­
ta, ch e prim a di culm in are n eW A t a la n t a f u g ie n s d i Michael Maier
(1617) e nella sistem azione effettuata nel D ic t io n n a ir e m y t h o -h er m ét i-
q u e di A. J. P em éty (178 7), p rodu sse per tu tto il xvi secolo u n ’a b ­
bon d an te, an ch e se spesso ripetitiva, letteratura m ito-alchem ica, di
cui d u e esem pi fra tanti sono: il già ram m entato d ialogo in cui G io ­
vanni Bracesco (1542) in trodu ce l ’allegoria di Dem ogor gon e, successi­
vam en te ripreso da Robert Flu d d, ch e lo in terpreta com e il prin cipio
divin o veicolato n ello s p ir it u s o n elTelixir 5; e il rid on dan te M o n d o
m it ico d e g li H e r o i di Cesar e della Riviera (160 5), ch e collega alchi­
mia e m agia in un a rilettura d ell’in ter a tradizion e erm etica e sapien­
ziale.
I p erson aggi e le vicen d e della m itologia classica, utilizzati in prin ­
cipio com e significanti allegorici dell 'op u s , fin iron o in realtà per m o­
dificare profon dam en te la lettura stessa d ell’alchim ia, veicolan don e
un ’in ter p retazion e sempre più lon tan a dalla pratica di laboratorio e
sem pre più intrisa di valen ze spirituali o, più sem plicem en te, dando
com p iu to svilu p p o a quella “alchim ia da b ib lioteca” ch e aveva inizia­
to a m anifestarsi nel Qu attrocen to 6. Tu tto ciò è efficacem en te sim bo­
leggiato nella celebr e illustrazion e d el laboratorio alch em ico che ac­
com p agn a la prim a ed izion e (160 9) d ell’opera di H ein rich Khunrath
in cui la «sapien za eterna cristian o-cabalistica» viene trasmessa attra­
verso la scienza magica e quella alchem ica: l’alchim ista prega in un
an golo raccolto d ell’am pio locale in cui libri, strum enti alchem ici e
strum en ti m usicali rappresentano le diverse m odalità di accesso all’ar­
monia cosm ica 7.
An ch e nella letteratura alchem ica più legata alla sperim entazione
dei n u ovi farm aci il richiam o m itologico del passato e qu ello dei n u o­
vi lin guaggi si fecer o avvertire. Un o dei seguaci di Paracelso fu il co­
sid detto Basilio Valen tin o, autore di due op er e di am pia diffusione:
L e d o d ic i ch ia v i d ella f ilo s o f ia (1599) e il Ca r r o t r io n f a le d e ll’a n t im o n io
(160 4), in cu i la farm acologia spagirica si riveste di im m agin i e m eta­
fore d iven u te orm ai tradizion ali 8. Il nome fittizio cop r e la figura di

230
1 3 . Il S A I ’ F ' .R k i )( ( UL TA I ( )

I IC11. K A 13
N e lla c e le b r e im m a g in e c h e o r n a il fr o n t e s p iz io d e ll ’A m p h i t h e a t r u m S a p i e n t ia e
A c t c r n a c di H e in r ich K h u n r a t h l ’a lch im is t a è in p r e g h ie r a n el s u o la b o r a t o r io e d il
s ig n ific a t o s im b o lic o d e W 'o p u s è s o t t o lin e a t o d a g li s t r u m e n t i m u s ica li in p r im o
p ia n o

i o n ie : H e in r ich ( .'on ra d K h u n r a t h , A m p h iih cu ir u f n S a p ie u iia e Ae!er*tiU\ H a n a u 16 0 4 . r ip r o d o t t o in


l ’a b r iciu s . T h e M e d iev a l A ic h e m ù ls <ctr. r ic.. 6 ). p. 7.

un paracelsiano ted esco, J ohan n Tòld e, isp ettore delle m iniere di


Cran ach vissuto nella secon d a metà del xvi secolo 9, la cui fama è
soprattutto dovuta alla retrod atazion e delle sue op er e, che lo fece a p ­
parire com e un precur sor e delle dottrin e paracelsian e che propagava.
La scelta di un n om e fittizio e la fin zion e d eir an tich ità con ferm an o
che la pseudoepigrafia era orm ai diven uta un m ezzo coscien tem en te
utilizzato per con ferire u n ’aura di au tor evolezza e m istero alle n u ove

2 3 1
A R C A N A S A P I E N Z A

sp er im en ta zion i. Lo stesso car a tter e m ost r a n o le o p e r e attr ib u ite a


Ra im on d o Lu llo m a r isalen ti for se all'a ttività in Italia d i d u e segu aci
scozzesi d i R ob er t F lu d d , i fr atelli M cCo ll, ch e r ip r en d o n o titoli e
m otivi d elle op er e p seu d olu llia n e p iù a n tich e in ser en d ole in u n a cor ­
n ice d i r ivela zion i a n gelich e n ar r ate all’in ter n o di u n ’ar ticolata r ilettu ­
ra d ella leggen d a a lch em ica r igu ar d a n te il filosofo m a ior ch in o ,0.
An t ich it à e m ister o, in siem e a d u n ’in ton azion e d ecisa m en te u top i­
ca e sp ir itu alista , ca r a tter izza n o an ch e i m an ifesti d ei Rosacr oce,
stam p ati a Ka ssel n el 16 14 e 16 15 e su b ito d iffu si in Fr an cia, d ove
d ivam p ava la p olem ica su lla m ed icin a p ar acelsian a Fr a i p r im i se­
gu a ci d i P a r a celso il co m p it o d el m ed ico er a stato co n cep it o com e
un a for m a d i r icer ca r eligiosa, ed è in q u esto sp ir ito ch e la Fa m a fra-
ter n it a t is e la Co n f es sio f r a t er n it a t is r in vian o alla d ot tr in a d e ll’u om o
com e m icr ocosm o e sosten gon o il r u olo fon d a m en ta le d ella m ed icin a
n el p r ogr a m m a di r ifor m a p olitica e filan tr op ica r osacr ocia n a. In p ar ­
ticola r e sem b r a di d er iva zion e p ar acelsian a il tem a d ella lin gu a n atu ­
rale, d elin ea to n ella Co n f es s io in ter m in i ch e r ich iam an o le allusion i
d el D e sig n a tu r a rerum .
N e i gr u p p i p ar acelsian i n u ovi gen er i letter ar i s ’im p oser o, da i r o­
m an zi a lch em ici al p u llu la r e di u n a vera e p r op r ia m itogr afia ch e
com p r en d e t a n to i falsi r a ccon ti a u t ob io gr a fici di cu i è esem p lar e la
leggen d a di Fla m el, q u a n t o m iti co m e q u ello d elle N o z z e ch im ich e d i
Ch r ist ia n R o s en k r eu t z , fin o ai p r im i r esocon ti d i tr asm u tazion i, ch e ri­
sa lgon o alla fin e d el xvi secolo, e d ai “s o gn i” , ch e si r ia lla ccian o in
m an ier a a m b igu a alla letter atu r a vision ar ia m ed ievale Ti. Il tem a del
sogn o si era r ivela to già n el secolo p r eced en t e com e u n m ezzo p ar ti­
cola r m en te a d a tto a costr u ir e com p lesse a llegor ie d el p er cor so a lch e­
m ico, d a ll’u tilizza zion e d el sim b olism o tr a d izion ale n ei D e la trasm u ­
t a t o n e m eta llica sog n i t r e di G io va n n i Battista N azzar i, sulla tr asm u ­
ta zio n e sofistica, su q u ella reale com u n e, e su quella r eale filosofica,
alla p iù scin tilla n te r icch ezza d e ll’icon ogr a fia r in ascim en ta le n ella
t ìy p n er ot om a ch ia Po ly p h ili M.

1 3 . 2

Icon e e m usica

Il cam b ia m en to di lin gu a ggio è la m an ifesta zion e p iù evid en te d ella


r aggiu n ta con sa p evolezza d i un a m od alità d i p en siero ch e si esp rim e
occu lta n d osi, cu i p ossia m o - con Fr an goise Bon ar d el - attr ib u ir e il
t er m in e “filoso fa le”, esten d en d o a ll’in tera r icer ca alch em ica il car a tte­
re in essa a ttr ib u ito alla “ p ietr a ” cer cata l4. In q u esto p r ocesso un

232
13- IL S A P E R E O C C U L T A T O

elemento saliente è sicuram ente il fissarsi del lin gu aggio delle im m agi­
ni alchem ich e in un repertorio icon ografico che, in parallelo con la
tradizion e rinascim entale della pietà p oesis e pren d en do sp un to dal-
l allegorizzazion e dei termini m etaforici delY op u s già realizzata nella
letteratura quattrocen tesca, si caratterizza soprattu tto per il fatto di
presentare i processi alchem ici attraverso figure um an e e divin e I5.
Il p rim o di questi cicli ad essere stam pato fu il R osa r iu s p h ilo s o­
p h or u m : in esso la com p on en te testuale è un florilegio da opere tar ­
do-m edievali m en tre le im m agini p ortan o a com pim en to il processo
di allegorizzazion e la cui più antica radice risiede nella Letter a d e l
S ole a lla L u n a cr escen te ,<s. L ’im m agin e di apertura è quella della fon ­
te m ercuriale, ch e defin itivam ente san cisce il collegam en to fra la r i­
cerca d e ll’elixir e la m itologia della fon tan a di vita. Il sole e la luna
sovrastano la fon te, «prin cipio dei m etalli e prim a natura / m ediante
cu i l’arte p rod u ce l ’eccelsa tintura» (io ) ' 7, e la lor o person ificazion e
come Re e Regina guida la scansione di un testo ch e si p ropon e di
in trodurre alla «verissima con oscen za della scien za m aggiore filosofi­
ca» (3). Il p rocesso di trasm utazion e ch e con d u ce alla resurrezion e
del Re e della Regina e alle N ozze Ch im ich e - la con giu n zion e degli
opposti - è an che il tema del più alch em ico dei testi rosacrocian i, le
N ozze Ch im ich e d i Ch r ist ia n R o s en k r eu t z y e rimarrà un leit-m otiv d el­
l’icon ografia alchem ica. Ad una storia di viaggio iniziatico, m orte, re­
surrezion e e n ozze si ispirerà anche la prim a in ter p retazion e p sicolo­
gica d ell’alchim ia, quella di H er ber t Silberer, p reced en te quella di
J ung e a questi n ota lK. In form a solo apparen tem en te più sem plice è
raffigurata la collabor azion e del p rin cip io m aschile e di qu ello fem m i­
nile n ell’opera ch e unisce alto e basso (la forza del sole e quella della
terra n ella rugiada) fin o alla p r od u zion e del f iliu s p h ilosop h or u m n el
M u t u s lib er y ch e si con clu d e con l’esortazion e a «pregare, leggere,
leggere an cora, lavorare p er p oter otten ere il risultato» I9.
L ’utilizzazion e delle figure um ane nei cicli icon ogr afici rinasci­
mentali favorisce l’in terp retazion e puram en te sp irituale e p oi p sicolo­
gica d cìY o p u s y in cui la trasform azion e in teriore d e ll’artefice ten de a
sostituirsi a qu ella della m ateria e dei cor pi, non ad integrarsi e rea­
lizzarsi con essa. Il recup ero d ei testi greci, e in particolare di Zosi-
mo, con il suo sim bolism o an tr op om orfo d ell’opz/ j, ha verosim ilm en te
avuto un ruolo im p ortan te n ello stabilizzarsi di qu esto tip o di icon o­
grafia. N ell’ed izion e della Pr et iosa M a rg a rita N o v ella stam pata a Ve ­
nezia nel 1546, il testo è p reced u to da u n ’allegoria che richiam a la
narrazion e della V is io n e di J ohn Dastin: in qu attor d ici vign ette è raf­
figurata l’uccision e di un re da parte d el prim o di sei figli, ch e entra
con lui n el sepolcro d ove si d ecom p on gon o e da cu i, diven u ti un ’u n i­

2 3 3
A R C A N A S A P I E N Z A

ca per son a, alla fin e riem erge il n u ovo re, che si accin ge ad in coron a­
re gli altri cin que figli 2°.
La presen za del sep olcro e la resurrezione finale un ifican o i due
cicli d ’im m agini: n el R osa r iu s son o il Re e la Regin a a en trare insieme
nel sep olcro, n ella Pr etiosa M a r ga r ita son o il Re e suo figlio, ma in
en tram bi i testi è un o solo colu i ch e risorge un ifican do gli opposti
(u om o/ don n a, vecchio/ giovan e): il Cr isto glorioso da un lato, il n u o­
vo Re d a ll’altro. Il sepolcro è il vaso alchem ico d ove i d ue principi
della n atu ra m etallica realizzan o, o piuttosto rivelan o, la n atura unica
che li con tien e e la cui estrazion e e riunificazione p r od u con o l’agente
della p er fezion e dei corpi. In form a diversa, e spesso assai com plessa,
il tema d ella m orte e resurrezion e torn a in m olti cicli d ’immagini: il
padre ch e divora il figlio ed insiem e risorgon o «riuniti in uno, affin­
ché rim an gan o insieme in eterno» del D e la p id e p h ilosop h ico di
Lam bsp r in ck (1625); lo sch eletro ch e giace in un cim itero, circon dato
da p erson aggi em blem atici, n el V ir id a r iu m cby m icu m di Dan iel Stol-
cius (1624); l’er m afrodito ch e «sem bra morto, qu an d o gli manca l’u ­
midità» e che necessita del fu oco p er riaverla, illustrato nel trenta­
treesim o em blem a d eW A t a la n t a f u g ie n s , ne sono forse gli esempi più
celebri.
L ’erm afrod ito, sim bolo d ell’unità iniziale e fin ale della materia,
era com p ar so già n ei primi cicli alchem ici; l’elabor azion e più splendi­
da, an ch e dal p u n to di vista gr afico, è però quella ch e ne dà Salom o­
ne Trism osin n ello S p len d or S o lis , il cui m an oscritto più an tico risale
agli anni 1532-35, mentre la prim a ed izion e a stam pa com parve nel
1598. Le ven tid ue illustrazion i colloca n o i p erson aggi allegorici in
una ricca e raffinata cornice architetton ica e paesaggistica, m ostrando
nel vaso alch em ico le fasi d ell'o p u s con simboli di estrem a suggestio­
ne, fino alle due m iniature fin ali del sole che tram on ta e del sole che
sorge, ch e sem bran o richiam are la con clusion e dei sin goli giorn i della
creazion e n el G e n e s i , «e fu sera e fu mattina, un altro giorno». Le
immagini utilizzate rinviano a m otivi topici d ell’alchim ia m edievale
(gli uccelli, il drago, il re e la regina) che ricom paion o an che nei fr on ­
tespizi d elle gran di raccolte alchem ich e seicentesche: per esem pio il
T rip u s A u r eu m (Francoforte, 1618 ), il M u sa eu m H er m et icu m reform a-
tu m et a m p lifica t u m (Fran coforte, 1677) ecc.
An ch e la prima edizione d eìl'A t a la n t a fu g ien s, h o c est E m b lem a t a
N ov a d e Secr etis N a tu ra e Ch y m ica , stampata ad Op p en h eim nel
1618 , r ip or ta sul fron tespizio una serie di im m agini che, com e sarà
chiarito n el corso d ell’opera, han no significato alchem ico. Tuttavia i
person aggi illustrati, che si m u ovon o nel giar din o delle Esperidi,
sono Ven er e ed Ercole, Ip pom en e ed Atalanta, le Esp eridi stesse.

2 34
I J. IL S A P E R E O C C U L T A T O

Nella raccolta di em blem i predisposta d a ll’alchim ista e m ed ico Mi­


chael Maier (1568 -1622) tutti i linguaggi di cui la letteratura alche­
mica è ven u ta appropriandosi n el corso d el Cin qu ecen to si unifica­
no, p r od u cen d o l’opera più rappresen tativa d ell’alchim ia bar occa.
L 'A t a la n t a f u g ien s presenta i tem i codificati d ell’alchim ia in forma
molto suggestiva, collegan do ogn i passaggio delY op u s ad un em ble­
ma con didascalia poetica, ad un a fuga m usicale a tre voci, e ad
un “d iscor so” o capitolo in p rosa, ricco di riferim enti filosofici, m i­
tologici ed eruditi più che di con ten uti op er a t ivi21.
Nella prefazion e l’autore d elin ea la propria posizion e, sostenendo
che

p er a c c r e sc e r e T in te llig e n z a D io h a c e la to n e lla n atu ra u n a in fin it à d i arcan i

ch e si c a v a n o c o m e fu o c o d a lla se lc e e si u sa n o m e rcé le sc ie n z e e le a r t i.

T ra q u e sti i se c r e ti c h im ic i n o n so n o ce rto u lt im i, m a i p r im i p iu t t o st o , e i

p iù p r e z io si, d o p o la r ic e r c a d e lle c o se d iv in e . D e v o n si r ic e r c a r e n o n p r e sso i

c ia r la t a n i d e lle fie r e o i fa lsi c h im ic i in g a n n a to r i [...] m a d a g li sp ir it i e le v a t i,

r ic c h i d ’u n a e d u c a z io n e lib e r a le e n ati p er sc r u ta r e le p iù a lte r e a lt à ( 2 7 ) 22.

Ed il carattere intellettuale, più ch e operativo, della ricerca alchem ica


risulta con chiarezza dalla con cession e ch e «se l’uso [del lib r o] sarà
più in tellettuale che materiale, un dì ne trarrai m aggior profitto» (28).
La chiave dell'allegor ia è data esplicitam en te, iden tifican do Atalan ta
con «il m er cu rio filosofico fissato nella sua fu ggevolezza d al solfo
d ’oro. Ch i lo sa ferm are possederà la femmina cercata, se n o perderà
tutto e m orrà» (29). L ’in iziazion e alchem ica passa orm ai per le im m a­
gini del m ito e con d u ce ad un ’in telligen za dei segreti naturali che b a ­
sta a se stessa.

x 3 *3
I segreti d elle cor ti

Michael Maier, n om in ato con te palatino dall'im peratore Rod olfo 11,
noto cu ltor e e m ecen ate d ell’alchim ia 25, fu tra i p rim i a discutere e a
im portare in Inghilterra le idee rosacrocian e, cui d ed icò due scritti, il
S ilen t iu m p o st cla m or es (16 17) e la T h em is aurea (16 18 ), nei quali
presenta il m ovim en to Rosacr oce com e un 'associazion e segreta di u o­
mini e don n e interessati alle scien ze naturali e in particolare all'al­
chimia: la sua apologia della con frater n ita diven n e di fatto l'ap ologia
dell'alchim ia e dei van taggi che essa può portare all'um an ità.

2 3 5
A R C A N A S A P I E N Z A

L ’insiem e delle sue attività di scrittore (au tore fra l ’altro dei Sy m -
bola a u rea e m en sa e d u od ecim n a t ion u m , in cu i raffigura i p iù im por­
tanti alchimisti della tradizion e da ll’età antica a Paracelso) e di alchi­
mista sperim en tatore ne fa una figura p articolarm en te rappresentativa
del suo tem po. Interessatosi all’alchim ia a partire dalla profession e
m edica d op o aver assistito, racconta, ad un a gu arigion e apparen te­
m ente m iracolosa, mise a fr u tto le am pie lettu re sull’argom en to inizia­
te n el 160 1, preparan do n el 1604 «la vera m ed icin a un iversale di co­
lore giallo vivo» e ten tan do negli anni successivi di com p letar e con la
m oltiplicazion e e la p roiezion e della m ed icin a il per corso operativo.
Non ostan te l’in successo, n el 1608 si recò a Pr aga m a n on ebbe da
Rod olfo 11 tutto il su p p or to sperato, che con tin u ò a cercare presso
altri sovrani tedeschi, fra cu i il protettore di Oswald Croll, Christian
di An halt-Bern bur g, cui d ed icò u n ’opera. N el 160 9 finalm ente Rodol­
fo lo chiam ò al suo servizio.
N egli anni successivi Maier con tin uò a viaggiare, sia presso varie
corti ted esche ch e in In ghilterra, dove rimase dal 16 11 al 1615. Se­
guire nei dettagli le sue peregr in azion i alla ricerca dei segreti dell’o-
p u s e di protettori disposti a fin an ziarlo sign ifich erebbe ricostruire in
pratica la geografia della rete di ricercatori che si era form ata m etten­
do insiem e, in p r op or zion i variabili, le novità della m edicin a paracel­
siana con la tradizion e alchem ica m edievale e con l ’utopia rosacrocia­
na e che spesso s’in tersecava con la p iù ampia r ép u b liq u e d es lettres,
con solidan dosi com e quella in rapporti di m ecen atism o e di società
segrete. Gli alchim isti d ell’epoca fu r on o viaggiatori, spesso diplom ati­
ci e traduttori, esp lican d o in ambiti diversi le cap acità “m er cu riali” -
la duttilità, la cap acità di cogliere in d izi an che minimi, l’in faticabile
operare trasform azion i - appr ese nel pazien te in seguim en to d ell’uto­
pia d ell’elixir in in n um er evoli, elusive e ripetitive pratiche di labora­
torio. La tipologia di queste figure e degli am bien ti in cui si m uovo­
no, che spesso già presen tan o i caratteri d elle logge massoniche, è
ben delin eata p r op r io n ell’ideale del “vero ch im ico” illustrato nell’E-
xa m en Fu cor u m Pseu d o-Ch y m icor u m d ello stesso Maier (16 17), la cui
p olem ica fra '‘ver i” e “falsi” alchimisti risuona anche in questa auto­
presen tazione: « N on son o un alchimista, né desidero esserlo: sono un
filosofo m edico; e r ifu ggo d a quel gen er e volgare di alchim isti che è
p eggior e di un can e o d i un serpente; e con siglio a chi voglia ascol­
tarmi di fare lo stesso» 24.
E agli am bienti descritti da Maier, che si con trap p on evan o ai vol­
gari “soffiatori” di labor atorio (con trap posizion e che si riflette anche
nelle raffigurazion i di celebr i artisti com e Bru egel il Vecch io e David
Ten iers), ch e si d eve l’aver m anten uto vivo l’im p ulso postparacelsiano

236
13 - IL S A P E R E O C C U L T A T O

all’ed itoria alch em ica, iniziata in Fran cia ma ch e nel xvn secolo si svi­
lu p p ò anche a Praga e presso n um erose cor ti tedesche: r icor d iam o la
collabor azion e d i Robert Duval con Gu illa u m e Gu illar d, di Th éod or e
Zwin ger con P iet r o P em a , di Ben ed etto Figu lo con Lazzar o Zetzn er ,
e an cora le figu re di Ad a m von Boden stein e Gerhard D o m 25.
Qu elli che si autodefin ivan o an cor a cir coli di “alch im isti”, raccolti
in tor n o a p rotettor i com e Christian di An h alt , Eu gen io di Baviera,
M or itz von Kassel 2(\ er an o am bien ti di r icerca s u i g en er is , d ecisa­
m en te im prontati alle id ee e alle esigen ze d ei poten ti. Il coin volgi­
m en to con essi poteva essere rischioso, ma rimase Tun ica possibilità
di p ortar e avanti sperim entazioni ch e sem pre più an d avan o p er d en d o
il carattere u t op ico delle ricerche alch em ich e tradizion ali, p er con cen ­
trarsi sulla p r od u zion e attraverso il m etod o alchem ico di sostan ze di
utilità specifica e con cr eta: oltre alla sperim en tazion e di sem pre n u ovi
o n uovam en te con fezion ati farmaci spagirici, quella di “sali” utili ad
increm entare la produ ttività agricola o altre forme di p r od u zion e,
com e ad esem p io la porcellan a, il cu i p roced im en to di fabbr icazion e
ven n e scoperto da Bòttch er nel cor so di r icerche alchem iche. Il m ece­
n atism o dei sovran i si esercitava d el resto sen za distin zion e nei co n ­
fron ti di alchim isti, paracelsiani e “filosofi ch im ici”, m ir an d o a r icava­
re d alle loro r icerche p rodotti di con cr eta utilità.
G li interessi di color o che si d ed icavan o alle attività di labor atorio
stavan o in tal m od o evolven d o da alchem ici e medici a “ch im ici” in
sen so proprio. La creazion e di u n o spazio in cui la ch im ica com e
scien za sperim entale avr ebbe trovato la p ropr ia defin izion e è un p r o ­
cesso che dura p er gran parte del xvn secolo e non p u ò essere ri-
duttivam en te iden tificato n é con l’im p ortan za attribuita alla sp er im en ­
tazion e, su cu i con vergevan o alchim isti, paracelsiani e “ch im ici”, né
con l ’abban don o d ell’ideologia erm etica, che anzi verrà an cora u t iliz­
zata da uno scien ziato d el calibro di Geor g Stahl per legittim are -
con il ricorso all’origin e antichissim a - p rop r io la n uova scien za ch i­
m ica in form azion e 27.
E se il m iraggio d ella p roduzion e d ell’or o era an cora presen te,
tan to da dar lu ogo a con tin u i ten tativi di trasm utazione, d i alcun i dei
quali si raccon tava che fossero riusciti - esiston o m on ete e m edaglie
con iate all’epoca con “or o alch em ico” 28 - , sperim entatori e sovran i si
ren devano con to orm ai ch e le ricerch e di laboratorio p otevan o an ch e
in altri modi favor ir e il ben essere e l’econ om ia degli stati. Ne è un
esem pio fra gli altri la ripresa delle r icerche sul vetro, p er le quali i
sovrani della Catalogn a avevano nel Trecen to favorito l’attività d ell’al­
chim ista Gu glielm o Sed acer e ch e er an o state riprese, n ella Firen ze
m edicea, da An ton io N e r i29. V A r t e v etraria del Neri, tradotta in la ti­

2 3 7
A R C A N A S A P I E N Z A

n o e annotata dall'in glese Ch ristop her Merr ett n el 1662, venne infine
ristam pata in Germ an ia a cu ra di J ohann Ku n ckel nel 1679
Gli ideali paracelsiani si eran o manifestati, fra l'altro, nel progetto
di una riform a d ell’ed u cazion e che favorisse una con oscen za di prima
m an o, n on libresca, della natura (com e si è visto n ell'ap p ello di Pie­
tr o Severin o), e il m etod o “ch im ico'' - la separazion e e la com bin a­
zion e di sostanze in la bor atorio - divenne il fu lcr o di questo n uovo
ap p r occio. Risale al 1609 l'in staurazion e ufficiale d el prim o insegna­
m en to di chy m iatria a Marburg; il prim o ad in segnare questa n u ova
disciplin a fu J ohann H artm an n (156 8 -1631), com m en tatore della Ba­
s ilica Ch y m ica di Cr oll e autore di un m an uale spesso ristampato in­
siem e ad essa, la Pr a x is chem ia tr ica . Nel cor so del secolo poi, l'istitu­
zion e dei prim i orti botan ici, com e il ]a r d in d es p la n t es di Parigi, creò
i p rim i im portan ti spazi p u bblici di sperim en tazion e - agli orti b ota ­
n ici eran o in genere annessi laboratori p er la trasform azione delle
p ian te in farm aci - e di insegnamento.
L ’attività di due “filosofi ch im ici” ted eschi, Ru d olf Glauber e J o­
h an n J oachim Becher è particolarm ente significativa in questo con te­
sto. Gla u b er (160 4-1670 ) è considerato il fon d ator e d ell’industria ch i­
m ica in Germ an ia, d ov'er a n ato anche se visse a lu n go nei Paesi Bassi
(il suo laboratorio di Am ster dam fu meta di n um erosi ricercatori). Il
su o atteggiam ento n ei con fr on ti del ben essere della nazion e tedesca
riecheggia quello di Mich ael Maier, che n el V er u m in v en t u m aveva
esaltato le in ven zion i dei suoi com patrioti; ed en tram bi richiamano la
filosofia di Fran cesco Bacon e, volta alla I n sta u r a tio m agna d ell'ep oca
d el dom in io um an o sulla natura. L ’opera di Gla u b er , Fu m i n ov i p hi-
lo s o p h ici , rivela che n ella sua attività di labor atorio, inquadrata in una
con cezion e del m on d o di chiara im postazion e paracelsiana («in Sole
et Sale om nia» era il suo m otto), distillò o d ecom p ose quasi tutti i
m ateriali a sua disposizion e nella con vin zion e che la nuova filoso­
fia chim ica dovesse d iven tare la base per la riform a econ om ica e m ili­
tare dello stato. « Colu i ch e con osce ben e il fu oco e il suo uso non
sarà op presso dal bisogn o. Ch i n on lo con osce non potrà ricercare i
tesor i della natura. Da tu tto ciò risulta quali tesori n oi tedeschi posse­
d ia m o senza saperlo, e senza riuscire a trasform arli p er la nostra uti­
lità»
An ch e il m ed ico J ohan n J oach im Bech er (1635-168 2) m uoveva da
u n 'im p osta zion e paracelsian a, e il suo in teresse per la sperim en tazio­
n e sulle terr e, i suoi p rogetti per la prosperità econ om ica dello stato,
la riform a d ell’edu cazion e, l'effettiva fon d azion e di un centro di atti­
vità p rod u ttive a Vien n a, dove fu n om in ato con sigliere imperiale per
il com m er cio nel 1666, posson o essere con sid er ati elem enti della “fì-

238
1 3 - IL SA PM R L O C C U L T A T O

losofia ch im ica ” , le cui tem atiche risuon an o nella Ph y sica su bterra n ea


(1669) Ma la sua prim a opera, scritta a dician n ove anni, era stata
un trattato di alchim ia m edica p u bb licato con lo p seu d on im o di Soli-
nus Salzthal *4; e la con clu sion e d ella sua vita intensa, fatta di con ti­
nui viaggi e n u ove im prese, si con figur a com e una vera e propria
fctrasm utazion e” definitiva dell’alch im ia stessa, intesa com e l’am bito
in cu i le p rom esse della natura, d e ll’arte, della tecn ica p osson o ven ire
portate a com p im en to con cr etizzan d o le con cezion i m etafisiche e co ­
sm ologiche in in dustriosità terren a 55. L ’alchim ia dette a Bech er il
m ezzo per conquistarsi la fiducia d ell’im peratore Leop old o, e la com ­
prension e della possibilità di m an ipolare le risorse m ateriali - la cr ea­
zion e di ricch ezza attraverso l’in dustria - oltr e ad uno strum en to in­
tellettuale che doveva rivelarsi p r ezioso per la com p ren sion e d ell’eco­
nomia: la con cezion e della ciclicità *{\

13 . 4
A lk a h e s t

Il legam e d ell’alchim ia con la sperim en tazion e, costitutivo fin dalle


origini, è forse il più im portan te degli elem enti di con tin u ità fra la
tradizion e m edievale, quella paracelsian a e l ’em ergere della chim ica
propriam en te detta. Ma nel cor so del xvn secolo p r op r io qu esto è
anche l’am bito in cui si m anifesta con m aggiore ch iarezza la distanza
creatasi fra il sign ificato della pratica alchem ica e qu ello ch e guida le
sperim entazioni di tipo n uovo. La storia d ell 'a lk a h est , ch e si collega
nella sua origin e alla ricerca di n u ovi m ateriali cap aci d i sostituire il
fuoco n ell’op era di “separazion e”, finirà p er rivelare tutta l’am biguità
della dottrin a alchem ica, diven tan do di fatto l’ultim o utop ico fin e
dell 'op u s 37.
La discussion e in atto per tutto il secolo a p r op osito della costitu ­
zion e cor p u scolar e della materia aveva con ser vato alle id ee alch em i­
che un loro r u olo sia per ché la volon tà di accor d ar e le sp eculazion i
fisiche con la fed e non si accon ten tava della filosofia m eccan icistica,
sia an ch e p erché, com e avr ebbe sosten uto con ch iar ezza an cora H er ­
mann Boerh aave nei suoi E lem en t a Ch em ia e (1732), «gli alchim isti
avevano ten tato di fare della fisica una scienza com e si auspicava l ’il­
lustre can celliere Bacon e, in qu an to n ei lor o scritti avevan o rin tr accia­
to com e cause dei fen om eni qu elle che, r ipr od u cen dole, p r od u cevan o
gli stessi fenom eni». Ma p ropr io lo strum ento ch e a vr eb b e d ovu to
perm ettere il defin itivo accer tam en to della natura della m ateria - il
solvente un iversale capace di an dare oltre l’op era del fu oco n ell’anali-

2 39
A R C A N A S A P I E N Z A

s i d e i corp i - n on solo n on è r ip r od u cibile, m a n em m en o p r od u cib i­


le : u n a sostanza m er am en te pen sata, nel m igliore dei casi u n ’idea li­
m i t e con cr etizzabile solo in una pluralità di approssim azion i, u n ’idea
c h e d ell’alchim ia con ser va l’im possibile pr etesa di p rodu rr e qu alcosa
c h e sia m ateriale e un iversale allo stesso tem po.
I l m er cu rio filosofico, o an che m en s tr u u m (per an alogia con le
q u a lit à distru ttive attr ib u ite dalla m edicin a m edievale al san gue m e­
s t r u a le ) , di cu i avevan o scritto gli alchim isti m edievali, si con figur ava
c o m e un solven te la cu i poten za er a in gr a d o di estrarre il p rin cip io
m a t e r ia le or igin ario dei corp i com posti, occu lta to sotto la grossolan a
m a t e r ia con creta. Per su o tramite si effettu ava il passaggio op er ativo
p i ù n ecessario per l’alchim ia, p er ch é la m ed icin a perfetta si poteva
o t t e n e r e solo d issolven d o i corpi n ella m ateria prima. Ma n egli svi­
l u p p i seicen teschi l’idea di a lk a h est verrà solo m arginalm ente legata a
q u e lla che era in vece la finalità prim aria n ella ricerca alchem ica, e
c i o è la p rod u zion e d ell’agente di p er fezion e. Si p otr eb be forse dire
c h e ciò che va perso, in questo con testo, è il carattere sim bolico-cr ea -
t i v o d ell’alchim ia (la produ zion e d ella m ateria perfetta e p er fezion a­
t r ic e ) , m entre si m an tien e - in una form a di razionalità che è an cora
“ n o r m a le ” per quel tem p o - il su o con ten u to sp er iìn en t a le-a n a lit ico
( la r icer ca della materia prima) *8. Du n q u e il significato del d ivar icar ­
s i d e lla ricerca degli “alchim isti” d a quella dei “filosofi ch im ici” sem ­
b r a con ferm ato p r op r io da ll’ultim a “n ovità ” alchem ica p rod otta in
e t à m od er n a.
I l termine a lk a h est era com par so n elle op er e di Paracelso, dove
in d ic a v a un farm aco di n atura m ercu riale p er le m alattie del fegato.
J e a n Baptiste van H elm on t, ripren den do un a posizion e che era stata
d e g l i alchim isti d ell’elixir , dette esp licitam en te a questa sostan za il ca ­
r a t t e r e di solven te un iversale e di pan acea alchem ica, affer m an d o ad
e s e m p io che «com e il fu oco distrugge tutti gli insetti, X a lk a h est ri­
s o lv e tutte le m alattie». La som iglianza col fu oco è ribadita n ell’affer ­
m a zio n e che gli alchim isti «brucian o m edian te quest’acqua»: X alka-
b e s t è dun que l ’ultim o er ed e dell 'a qu a a r d en s , con la qu ale il con n u ­
b i o fr a m edicin a e alchim ia era com in ciato. E d in effetti una ricerca
a lch e m ica di tip o tradizion ale, che si con cen tr a sul r u olo del m er cu ­
r io , « acq u a viscosa e mercuriale, ch e è l’acqu a della n ostra pietra», è
a n c o r a viva all’ep oca di van H elm on t e oltre.
N e ll’opera di Pierre J ean Fabre (158 8 -1658 ) 59 X a lk a hest

è il m e r c u r io p u r o , e stra tto d a l re gn o m in e r a le e d e n o m in a t o co n tre n o m i,

a n im a le , v e g e t a le e m in e r a le [ ...] si v e d r à co m e n e l re gn o m in e r a le sia n o c o l­

le g a t i g li a ltr i d u e r e g n i, a n im a le e v e g e ta le , a tal p u n to c h e n o n p o sso n o

240
i 3 - i l s a p e r i : o c c u l t a t o

e sse r e se p a r a t i, e sa r à e v id e n t e ch e il n o str o m e r c u r ia le m e t a llic o h a in sé

c o n g iu n te le d u e a ltr e so sta n z e m e t a llic h e 40 in m o d o t a le ch e n o n è n e c e ssa ­

r io c o n g iu n g e r le p e r o tte n e r n e la p e r f e z i o n e [...] il liq u o r a lk a h e s t a ltr o n o n è

ch e il m e r c u r io d e i filo so fi, la p arte p r in c ip a le d e lla n o str a p i e t r a 4 '.

Il M a n u scr ip tu m a d Fr id er icu m , d ed icato da Fabr e al d u ca Fed er ico


di Schleswig-H olstein il 15 m aggio del 1653 e stam pato an on im o a
cura di un altro alchim ista tedesco, Ga b r iel Clauser, si d iffon d e su
molti dei m otivi sim bolici della tradizion e alchem ica, e term ina con
un ’am pia trattazione ch e attribuisce al liq u or a lk a h est le caratteristi­
che alchem iche di perfezion e e m oltiplicabilità d cW ip se la p is , r ich ia­
m ando in p roposito un a citazione di «Augurello, Poeta ch im ico».
Solo successivam ente Fabr e pone in relazione questa n ozion e con il
dibattito sui tria p r im a paracelsian i, affer m an do che 1’a lk a h est p ossie­
de in sé sale, zolfo e m er cu rio dei filosofi.
Ru d olf Gla u b er arriva a paragonare la propria tintura an tim on iale
«all’acqu a m ercuriale di Basilio Valen tin o, all 'a lk a h est di Paracelso e
di H elm on t», m entre il carattere “m ed ievale” del solvente un iversale
risuona nella d efin izion e di m en st r u u m secr et u m , datane dal m edico
di Vien n a e autore della Ph a r m a cop oeia augustan a J ohan n Zwelfer ; e
nell’id ea espressa da Ch ristian -Ad olp h e Baudouin , sopr an n om in ato
nientem eno ch e Erm ete n ell’accadem ia di cui era m em bro, che q u e­
sta sostanza si p rod uca dalla sostanza eterea o um ido radicale che van
Helm on t aveva ch iam ato m a g n a le m a g n u m .
Le differen ze fra Y a lk a h es t e il m er cu r iu s p h ilosop h icu s sono ch ia ­
ramente enun ciate dal m aceratese Lu igi De Con ti, il p rim o a com p i­
lare n el 1661 un trattato sistem aticam ente dedicato alla n u ova sostan ­
za, ch e si apre nel n om e di van H elm on t e Paracelso m a si svolge
interamente sotto l’egida di autori apparten en ti alla tradizion e a lch e­
mica m edievale, dai S ep t em T racta tus di Erm ete al Cod icillu s pseud o-
lulliano, da Morien o a Bern ard o Trevisan o. De Con ti con clu d e la sua
esposizione con queste argom en tazion i: al con trario d ell’elixir , Y a lk a ­
hest resta a qu a , n on p u ò cioè essere coagu lato; per otten erlo si d eve
usare un fu oco violen to, n on lieve e d olce; n on può essere m olt ip lica­
to; e p er quan to renda i m etalli m ed icin e «più poten ti ed efficaci p er
scacciare le malattie», Va lk a h est li m an tien e im perfetti, an zi li r en d e
ancora più im perfetti p er ch é ne separa le diverse com p on en ti. « In ve­
ce Pelixir dei filosofi p erfezion a i m etalli im perfetti, li trasm uta r eal­
mente, e non p er qu esto ha m in ore for za com e m edicina, an zi n e ha
di più, e non si è ancora scoper ta una m ed icin a più sicura e sublim e
[...] a questo p rop osito occor r e dir e ch e lo stesso van H elm on t si è
sbagliato» 42. A differen za d ell’elixir, ch e è un p rodotto p h y s icoch im i-

241
AR CAN A S APIEN ZA

cu s - in cui cioè collabor an o natura e artificio - , Xa lk a h es t è un p r o­


dotto esclusivam ente artificiale.
Le con clusion i di De Con ti trovan o riscon tro nel carattere prati­
co-sperim en tale delle argom entazion i por tate contro l'un iversalità del-
Pa lk a h est ', l’afferm azion e di J ohann Kun ckel, il teorico del vetr o, per
cu i se esistesse un solven te universale nessun recipien te p otr eb b e
con ten erlo, per ché ne ver rebbe dissolto (ed ironicam en te Ku n ckel
con trap pon e all’etim ologia A lle G e i s t , cioè t o t u s s p ir it u s 43 «il vero
n om e» d e ll’a lk a h es t , che sarebbe A lle s L u g e n h eisset , o d er A lle s L u -
g en est, cioè «sono tutte bugie»); la polem ica di Otto Tach en iu s con ­
tro Zwelfer, tesa a m ostrare che il m eraviglioso solvente segreto n on è
segreto affatto, e che ricette diverse di acidi particolari - d u n qu e non
certo di un p r od otto con valen za un iversale - sono utilizzate da m olti
distillatori; infine la ricerca orientata ad una pluralità di sostan ze (sol­
ven ti e/ o m edicine) fra i paracelsiani inglesi del cir colo di Sam uel
H artlib, frequen tato da Boyle e da Geor ge Starkey, l’alchim ista am e­
rican o autore di m olte op er e “ch im ich e” m a anche, con lo p seu d on i­
m o di Eiren aeus Philaletes, di una d elle p iù im portanti op er e alch e­
m iche del secolo, Y I n t r o it u s a p er t u s a d o cclu s u m regis p a la t iu m , in cui
Y o p u s è presentato con gran de dovizia di m etafore e in serito in una
lettura alchem ica della creazion e ch e iden tifica il cen tro del ch a o s ter ­
reno col co elu m p h ilo s o p h o r u m 44.
Boyle utilizzò Y a lk a h es t com e ipotesi argom entativa e m od ello
ideale d ell’esistenza di solven ti più poten ti e specifici d el fu oco p er
“ap r ir e” i metalli, senza occuparsi d ella sua reale produ cibilità. Star-
key, ch e a Boyle aveva in segnato l’alchim ia, tom a più volte su ll’ar go­
m en to, in p articolare nel com m en to al L ib e r d u o d ecim p o r t a r u m di
Geor ge Ripley (com m en to che fu p u b b lica to in due form e diverse,
sotto i due diversi nom i), ed in un trattato specifico, L iq u o r A lc h a -
h est , o r a d isco u r se o f t h a t im m o r t a l d is s o lv e n t o f Pa r a celsu s a n d H e l­
m o n t , dedicato a Rober t Boyle e p u b b lica to col vero n om e di Star key
solo d op o la sua m orte, n el 1675. L ’a lk a h e s t p uò essere stato p r o­
dotto, se lo è stato veram en te, soltan to a partire dall’urina: ed il L i ­
q u o r A lc h a h e s t è com p letam en te d ed icato al p roced im en to ch e in se­
gn a a estrarre il s a le a r m o n ia co d all’urina, la cu i distillazion e era p ra­
ticata già n ell’alch im ia m edievale. Com m en tan d o Starkey, il fr an cese
J ean Le Pelletier (16 3 3 -1711) con clu der à p er ò ch e questa fa b b r ica zio­
n e è im possibile, ch e si tratta di « u n ’idea rin tracciabile soltan to in
questi scritti» e ch e tuttavia la ricerca d e li'a lk a h e s t è giu stificata dalla
volon tà d i trovare rim edi ch im ici «p iù facili da som m inistrare, più si­
cu ri e p iù efficaci n ello sradicare le m alattie, ch e non i com un i rim edi
galen ici».

242
IJ . 11. S APER E O CCU LTA TI)

135
Il criptogramma deirOnnipotente

Starkey diffuse solo m an oscritte le sue opere alchem ich e, ln t r o it u s


apertus e R ip ley r ev iv 'd , sotto lo p seu don im o di Eiren aeus Philaletes
(“Pacifico Am an te della Ver it à ”). In esse si m anifesta la sua apparte­
nenza alla tradizion e, di cui utilizza am piam en te le m etafore, m o­
strandosi ben coscien te di usarle per trasm ettere riservatam en te qu al­
cosa che potrà essere decifr ato senza in certezze, ma solo d a chi p os­
siede la “ch iave” del lin guaggio utilizzato:

Ho in qualche modo rivelato in metafora i nostri veri principi, pur se l’ho


fatto in maniera così piana che possiate, se vi applicate con diligenza, com­
prenderne il significato; se non sapete questo, però, procederete come ciechi
nelTo/>//J [...] perché i nostri libri sono pieni di oscurità e i filosofi scrivono
metafore paurose ed enigmi per coloro che non posano su una base sicura, e
che finiscono per trovarsi come in una corrente che li getterà a capofitto nel­
la disperazione, cui non potranno sfuggire finché non comprenderanno i no­
stri scritti, in modo da discernere la Materia che è l’oggetto dei nostri se­
greti; ma quando avranno capito questo, non c'è nient’altro di difficile 4\

Starkey ebbe la sua notorietà p ropr io da queste opere, ch e sosteneva


di aver ricevuto da un am ico p h ilo s op h u s A m er ica n u s , ed in cu i m ira­
va a fon dere il n u cleo delle dottr in e helm on tian e con le con cezion i
trasm utaton e dell'alch im ia m edievale. Sulle op er e di Philaletes, lette
anche da Leib n iz e da Stahl, m editò a lu n go Isaac Newton
(1642-1727) 4<\ e la valu tazion e del r uolo degli interessi alch em ici n el
suo pen siero costitu isce il caso più em blem atico e p roblem atico del
rapporto fra trad izion e erm etica e rivoluzion e scientifica. La “ten ta­
zion e” di trascurare gli interessi alch em ici di un o scien ziato com e
Fautore dei Pr in cip ia 47, che aveva caratterizzato un p o ’ tutta la lette­
ratura critica su N ewton fino alla metà del xx secolo, è orm ai supera­
ta, dopo che gli stu di di Betty J o Teeter Dob b s han n o rivelato l'im ­
portanza dei m an oscritti alchem ici che, assieme a qu elli di argom en to
teologico e stor ico, ma anche a m olti scritti di m atem atica, d i ottica e
di fisica, son o rimasti fino ad oggi per la m aggior parte in e d it i48.
La ricerca alch em ica fu praticata da Newton n el p er iod o centrale
della sua vita e della sua p r odu zion e scientifica. In un rapido p er cor ­
so, stimolato dalla lettura di un testo di Boyle e d all’interesse per l’a l­
chimia nel cir colo di Sam uel H artlib, passò dalle ricerche “ch im ich e”
attestate dai taccuin i del 1667 a letture com e Philaletes e Mich ael
Maier 4';. Nel 1669 fece i prim i im portan ti acquisti legati a questo in ­

243
A R C A N A S A P I E N Z A

teresse: i sei volu m i del T h ea t r u m C h e m ic u m edito dallo Zetzn er e


un 'ap parecchiatura di labor atorio p er sperim entare; tu tto ciò n ello
stesso anno in cui era diven u to f e llo w del Tr in ity College a Ca m b r id ­
ge. Con tin u ò a sp erim en tare per an n i, nel labor atorio allestito n el
giardin o antistante la sua stanza a Trin ity, in d ue per iodi d i sei setti­
m ane in prim avera e in autunno. La sua biblioteca arrivò a con ten ere,
com plessivam ente, 169 libr i di alchim ia e “ch im ica”: cifr a secon d a
solo a quella dei libr i di teologia, ch e possedette in n um er o di 477;
ad essi va aggiun to, an cor più significativo, il n otevolissim o n u m ero
di m an oscritti autografi 5°.
L'attività di ricerca alchem ica sem bra essersi addirittura in ten sifi­
cata negli anni successivi alla p u bblicazion e dei Pr in cip ia (168 7), e
forse possiam o leggere qu esto fatto alla luce della con statazion e d ello
S ch o liu m g en er a le , che «n on vi è sufficien te abbon dan za di esp er i­
menti» per dim ostrare la natura delle forze attive che gover n an o fe ­
nom eni com e l'elettricità, il m agn etism o, la vita.

Ora sarebbe lecito aggiungere qualcosa circa quello spirito sottilissimo che
pervade i grossi corpi e che in essi si nasconde; mediante la forza e le azioni
del quale le particelle dei corpi a distanze minime si attraggono [...] i corpi
elettrici agiscono [...] la luce viene emessa [...] tutta la sensazione è eccitata e
le membra degli animali si muovono a volontà [...]. Ma queste cose non pos­
sono essere esposte in poche parole; né vi è sufficiente abbondanza di esperi­
menti, mediante i quali le leggi delle azioni di questo spirito possano essere
accuratamente determinate e mostrate 51.

L'id ea d ello “sp irito sottilissim o” o eter e, per qu an to an cora interna


al ten tativo di sp iegazion e m eccan icistica, richiam ava in du bbiam en te
l'atten zion e sull’id ea di s p ir it u s elaborata sia n ella tradizion e alch em i­
ca che in quella p laton ica 52.
La tren tun esim a Q u e s t io n e d ell' O t t ica (170 6) si avvale di con o­
scen ze alch em ich e desun te sia dalla sp erim en tazion e in p rop r io che
d alle lettu r e di Morien o, Zosim o, T u r b a p h ilo s o p h o r u m y S ca la s a p ien ­
t ia e , R o s a r iu s , Geor ge Ripley, Mich ael Maier, Michael Sen divogius,
Eir en aeu s Philaletes 53. Ricorre con insistenza n el trattato il p roblem a
d ella coesion e dei cor p i m in erali e viven ti, un 'id ea estrem am ente im ­
p or tan te e di lu n ga durata in alchim ia 54, qui utilizzata in fun zion e
an ti-cartesian a, cioè anti-m eccanicistica. An che il richiam o finale al
« m etod o analitico», che «consiste nel fare esperim enti e osser vazion i
e trarre da questi, m edian te l’in duzion e, con clusion i generali», su gge­
r isce il par allelism o con la con oscen za attraverso l ’analisi co l fuoco o
co n gli a c id i55.

244
I 3 . IL S A P E R E O C C U L T A T O

All’alchimia Sir Isaac sembra essersi accostato con un a d isp osizio­


ne erm eneutica, in cerca del conten uto di verità che i testi trad izion a­
li - com e gli scritti dei profeti e qu elli degli antichi filosofi - p ot eva ­
no racchiudere, p er chiarire la natura delle com p on en ti ultim e d ell’u ­
n iverso. I m an oscritti alchem ici, lu n gi dal presentarci un attar dato
espon en te d ell’erm etism o rinascimentale, rivelan o tutta l’am p iezza di
una ricerca or ien tata allo «studio dei m od i d ell’azion e divin a nel
m on do» 56, al r itr ovam en to di una verità origin aria che d ev’essere in ­
tegrata nella rin n ovata con cezion e della fisica 57. In u n ’in terp retazion e
equilibrata della figura d el grande scien ziato, si può d u n qu e leggere
la presenza d ell’alchim ia nella vita in tellettuale di Isaac Newton com e
segnale dell’esigen za m orale di un a sintesi scientifica di ord in e su p e­
riore a quella offer ta dalla “filosofia m eccan ica” 5*.
L ’alchimia perm ise a Newton di p ren d ere in con siderazion e co n ­
cetti più ampi d ell’on tologia m eccan icistica p er lui in sodd isfacen te,
m ostrandogli “sp erim en talm en te” ch e la n atura non si ridu ce a parti-
celle di materia in erte m a con tiene un p rin cip io di attività espresso
nel prin cipio quin tessen ziale della m ateria prim a; sicché n ella I p o t es i
sulla lu ce inviata alla Royal Society nel 1675 scriveva, in term in i ch e
richiam ano qu elli delle cosm ologie alchem ico-cabalistiche: «La n atura
è un ’oper azion e cir colare perpetua, ch e gen era fluidi dai solidi e soli­
di dai fluidi, il fisso dal volatile e il volatile dal fisso, il sottile dal
grosso e il grosso dal sottile. Ci son o cose ch e ascen don o e for m an o i
liqu idi della su p er ficie terrestre, i fium i e l’atmosfera; e p er con se­
guenza altre cose discen d on o, per com pen sarle» <59.
Ma per il filosofo-scien ziato ch e rifuggiva dalle ipotesi e che cer ­
cava la certezza sperim en tale e qu an titativam en te m isurabile dei fen o­
meni, qualcosa dovette spezzarsi p r op r io n el m om ento in cui cr ed eva
raggiunto il cu lm in e della ricerca alchem ica: l’anno della stesura d el
suo scritto alch em ico più ampio e im p egn ativo, la Pr a x is , n el qu ale la
m oltiplicazion e d e ll’oro è descritta com e se fosse stata veram ente r ea­
lizzata, è infatti qu ello stesso 1693 che vid e cadere Newton in un a
gravissima crisi person ale, alla quale segu ir on o, pochi anni d op o, l ’a b ­
ban d on o della carr ier a accadem ica e, contestualm en te, la drastica d i­
m in uzion e fin qu asi alla scom parsa d ell’interesse per l’alchim ia. N o ­
nostante il m ilion e e più di parole scritte di p ropr io p u gn o sull’a r go­
m ento, e n on ostan te ch e alcuni elem en ti d el suo epistolario (fra cui
uno scam bio di lettere con J ohn Locke) m ostrin o che Newton fece
parte di un cir colo di ricercatori ch e si scam biava in form azion i sotto
il vin colo del segr eto 6w, n on si p u ò infine ign orare il fatto che n on
p u bblicò nulla di qu ello ch e aveva scritto sulla trasm utazione.

2 4 5
A R CA N A S A PI E N Z A

I suoi in teressi alchem ici si com p ren d on o se li in quadriam o nella


com plessità d ell’am bien te scien tifico e filosofico d el xvn secolo, n el
quale era ancora p ossibile ricorrere seriam en te alla sperim entazione
alchem ica per ten tar e di chiarire p roblem i relativi a quella che oggi
chiam erem m o la “scien za della m ateria” (non ancora suddivisa e con ­
tesa fra chim ica e fisica) 61. Ma se letture ed esperim enti d ’alchim ia
posson o essere in ter pr etati com e una lun ga e stren ua ricerca di p rove
utili a p erfezion are la con cezion e del m on d o basata sulla m ateria e il
m ovim en to, esten d en d ola s p e r im en t a lm en t e 62 al di là della dim en sio­
n e m acrofisica e d otan dola di prin cipi m etafisici com patibili con una
p rofon d a adesion e alla fed e, si deve forse pen sare che, in un m om en ­
to di p rofon d a crisi person ale, Newton d ovette in qualch e m od o r ico­
n oscere ch e queste ricerche non lo avr ebber o portato m ai là dove
aveva sperato di giun gere.
E m en tre la tradizion e alchem ica dei secoli successivi n on ebb e
n em m en o il sentore di p oter reclamare fra i suoi rappresen tanti il
gran de scien ziato, la separazione fra filosofia e scienza e l’assun zion e
della scien za n ewton ian a n elPam bito della filosofia m eccan icistica
han n o com p ren sibilm en te oscu rato fino ad oggi le più in quietan ti
(per la “m entalità scien tifica”) fra le m olteplici facce della “filosofia
sp er im en tale” 65 di un au tore che in un o dei testi fon dan ti della
scienza m odern a aveva scritto: «il m u tam en to dei cor p i in lu ce e della
lu ce nei cor p i è strettam en te con for m e al cor so della natura, ch e sem ­
br a prediligere le trasform azion i (t r a n s m u t a t io n s )» 64.

Note

1. Rocke < 19 8 5 ) .

2. B e r e tta { 19 9 3 , p p . 7 8 -8 9 ) .
3. Halleux ( 1 9 8 3 ) ; J oly ( 1 9 9 6 , pp. 3 4 7 - 8 ) . Cfr. Crosland { 19 6 2 ) .

4. Una nutrita serie d i poemi alchemici dei secoli x v i - x v n è stata edita da Schu­
ler ( 19 9 5 ) .

5. Matton ( 1 9 9 5 b ) .
6. Sul primo aspetto cfr. Secret ( 19 6 4 e 19 9 2 ) . Per il secondo tema, Crisciani
( i 995 )-
7. Am p h it e a t r u m Sa p ien t ia e a et er na e, so lius v era e, Ch r ist ia n o -K a b a list icu m , d w in o -
m a g icum , n e c n o n p hy s ico -chy m icu m . H an n o ver 16 0 9 .

8. Principe ( 19 8 7 ) .

9. P r i e s n e r ( 19 8 6 ) .

10 . P e r e i r a ( 19 8 9 , pp. 3 4 - 7 ) .
11. Yates ( 19 7 2 ) ; Debus ( 1 9 7 7 , vol. 1, pp. 2 13 -5 ) ; Edighoffer { 19 9 2 ) . I testi sono
in van Dulman ( 19 7 3 ) .

246
13- I L S A P E R E O C C U L T A T O

12. Secret (19 75); M atton (1988); D u m o r a - M a b ille (1998); K ah n (1999). C fr .» fr a

m o lt i a ltr i e se m p i p o ssib ili, il so g n o a lc h e m ic o di van H e lm o n t rip o rta to in D eb u s

(19 77, v o i . 2 p p . 322-5).


13. G . B . N a z z a r i , Della t r a s m u t a t o n e m et a llica s o g n i t r e , B r e sc ia 1572; Y H y p n e-
r o t o m a chia Po ly p h ili è sta ta recen tem en te r ie d it a , c o n a m p io co m m en to, d a G a b r ie le ,

(1998 ).
A r ia n i

14. C f r . infr a , p a r . 15.3. F ilo so fa le n on è e q u iv a le n t e a ir r a z io n a le : c fr . G r e in e r

{19 98 b), c o n u n a i n t e r e s s a n t e a p p e n d ic e d i t e sti su lle t e o r iz z a z io n i del se g r e to in a l­

c h im ia .

15. L o s t u d i o f o n d a m e n t a l e a l r i g u a r d o è v a n L e n n e p (1966, ca p p 2, 3). C f r . van

Len n ep (1984).
16. C f r . sup r a , p a r . 11.4 .
17. T e l l e (19 9 2 ), c u i s i r i f e r i s c o n o i r i n v i i n e l t e s t o .
18. C f r . sotto, p a r . 14.4.
19. « O r a , l e g e , r e l e g e , l a b o r a e t i n v e n i e s » s o n o l e u n i c h e p a r o l e d e l t e s t o ch e

sig illa n o in m a n ie r a o r a c o la r e il “se g r e t o ” co n se g n a to a lle im m a g in i. In M an get, Bi-


b liot heca Chem ica Cu r io s a , c it. v o i. 1, p p . 939 s s . C f r . K u n z l e (1980 ).
20. L ’intera ser ie delle im m agin i è r ip ortata in D e J on g (1988 ), ch e con Dom in i
(1986) e Ga b r iele (198 6a), p er m et te una p rim a sufficien te r icogn izion e d ell’icon ogra fia
alch em ica rin ascim en tale. Natu ra lm en te an ch e m olti cicli rin ascim en tali son o visibili
nel già citato sito In ter n et cu r a to da Ad am M cLean , www.levity.com , ch e costitu isce
p roba bilm en te il p iù com p leto reper tor io oggi d isp on ibile p er qu esto tip o di d o cu ­
m en tazion e.
2 1. D e J o n g (1969).
22. At a la n t a fu g i e n s , i n C e r c h i o (198 4), c u i s i r i f e r i s c o n o i r i n v i i n e l t e s t o .
23. I p i ù r e c e n t i a g g i o r n a m e n t i b i o g r a f i c i s u M a i e r , c o n v a s t i r i n v i i b i b l i o g r a f i c i ,
i n N e u m a n n (1993) e F i g a i a , N e u m a n n (19 95). S u l l ’a l c h i m i a e i l s u o r a p p o r t o c o n g l i

i d e a l i i r e n i c i e c h i l i a s t i c i d e l l a p o l i t i c a r u d o l f ì n a , E v a n s (19 73).

24. C i t . i n F i g a i a , N e u m a n n (1995, p. 663).


25. K a h n (19 9 4 b ).
26. H a l l e u x , B e m è s (19 95); M o r a n (19 9 1).
27. Ab b r i (20 0 0 ).
28. K a r p e n k o (1988); M u l l e r - J a h n c k e , T e l l e (198 6). C f r . S m i t h , p p . 173-6, 18 1-6
e fig. 16).

29. A r t e v et r a r ia d ist inct a in lib r i s e t t e , F i r e n z e 16 12 . C f r . G a l l u z z i (198 2 , p p .


- >-
49 57
30. J o l y (1996a).
31. Debu s (19 77, voi. 2, p . 426).
32. D i e Teu t s ch la n d t s W o lfa h r t , p . 348, c i t . i n D e b u s (19 77, voi. 2, p . 435).
33. Sm ith (19 94 ).
34. Dis k u r s v o n d er Gr o s s m à ch t ig en Ph ilo s o p b is ch e n Univ er s a l-A r t z n e y , cfr. S m it h

(1994, p p . 4 1, 20 2-3).
35. S m i t h (19 9 4 , pp. 198 -227 e c o n c l u s i o n e ) .
36. Teich (1990 ).
37. J o l y (19 96 a). Q u e s t o p a r a g r a f o s e g u e l ’i n t e r p r e t a z i o n e d i J o l y , u t i l i z z a n d o an ­

ch e - qu an d o n on d iv e r sa m e n t e in d ic a t o - i te sti d a lu i c it a t i.

38. « L’alchim ie s ’in scrit d on e p ar faitem en t à l’in térieu r de la “scien ce n or m a le”


de son époque», scr ive J oly (1992, p. 10 3). M a n on è tutta l’alch im ia. R icor d o ch e
con “carattere sim b o lico ” n on in ten d o in d icar e l’uso di m etafore e im m agin i n ell’a l­
chim ia, m a la con sa p evolezza ch e Yop us e di con segu en za il lin gu aggio d ell’alch im ia
son o tesi alla p r od u zion e di un ign oto. Cfr . s up r a , c a p . 6, n ota 7.

2 4 7
A R C A N A S A P I E N Z A

39. J oly (1992).


40. I tra d izion ali zo lfo e m ercur io, ovver o la forza coesiva e q u ella dissolven te
della prima m ateria.
41. M a n u scr ip t um a d Fr id er icum , ed ito in J oly (1992, pp. 20 0 -2).
42. Lu d ovicu s d e Com it ib u s, Dis cep t a t io . . . D e Liq u o r e A lcb a b e s t , in Man get, B i ­
b l i o t e c a Ch em ica Cu r io s a , cit., voi. n , p . 78 1.
43. Q u est a defin izion e era rip ortata da D e Co n t i allo stesso Par acelso, «p er ch é si
accorse ch e q u esto liq u or e era tutto spir ituale, cioè ten uissim o» (D is cep t a t io , cit. p.
766).
44. In t r o it u s A p e r t u s a d O cclu s u m regis Pa la t iu m A u t b o r e a n o n im o Phila let b a
Philo s o p h o , in Man get, Bib lio t b eca Ch e m ica Cu r io s a „ voi. n, p . 6 6 1 ss.; ca p p . 5-6; p.
663. Su Starkey-Filalete cfr . Newm an (1994; s v XOl a lk a k e s t in p ar ticolar e il ca p . 5).
45. Cit. in N ewm an (1996, p. 174 ).
46. Per u n a rap id a m a esaurien te p r esen ta zion e della vita e d el p en sier o d i N ew­
ton , Mam ian i (1990 ). Su l rap porto con Starkey, N ewm a n (1994, ca P- 6).
47. « Cer to è facile ced er e alla ten tazion e di adotta re 1’“er m etism o" com e ca tego­
ria altern ativa e in qu ad ra re gli scien ziati valid i sotto le ban diere d ella “filosofia m ecca­
n icistica” e i n on valid i sotto quella d e ll’“er m etism o”», scriveva W eb ster (1984, p.
2 8 ).
48. All’or igin e d ella riscoperta di N ewton “m a go ” che « con sid er ava l’un iverso
com e un cr ip togr am m a d ell’On n ip oten te» , è un b r eve saggio d i J . M. Keyn es, N e w ­
t o n , t he M a n (1942; tr ad it. in Polit ici e d e co n o m is t i , Ein audi, To r in o 19 51). Betty J o
Teet er D ob b s (19 75, 19 9 1) ha com p iu to il lavoro ch e Keynes au sp ica va com e «inte­
ressan te, ma n on utile [...] stabilire il r a p p or to esatto fra N ewton , la tr ad izion e e i
m an oscr itti d el tem po». N el vivo della d iscu ssion e sul rapporto fra er m etism o e rivo­
lu zion e scien tifica si colloca l'equ ilibra to saggio di Westfall (19 8 4 ). Cfr. an ch e Figaia
( i 9 7 7 )-
49. D o b b s (19 75, p p . 126-34, 19 1-2 ).
50. D o b b s (19 75) d istin gu e nei m an oscr itti sei p er iod i di st u d i alch em ici d a p ar ­
te d i Newton : 166 7-69, 16 70 -75, 1675-80 , 168 0 -8 1, 1682-93, 16 9 3 -172 7, in p ratica un
in teresse in in ter rotto d a ll’età di ven ticin qu e an n i alla m on e. Tu t t a via W estfa ll (1984)
p u n tu alizza ch e circa m età dei m an oscr itti alch em ici risale al so lo p er iod o 1682-93.
G li acquisti d i lib ri alch em ici da parte d i N ewton cessaron o a tt or n o ai prim issim i anni
del Settecen to.
51. Così si con clu d e lo Scho lium g e n er a le , Ph ilo s o p h ia e Na t u r a lis Pr incip ia M a t e­
m a t ica , 11 ed., trad. it. in Pa la (1965, p. 796).
52. D o b b s (19 75, ca p . 5, in p ar ticolare p. 193).
53. Tu tti gli au tori ricor d ati (e a n ch e altri) son o rap presen tati n elle n ot e m an o­
scr itte di N ewton ; cfr. D o b b s (1975, p p . 235-48). Su l rapporto fr a la sp er im en tazion e
alch em ica e la m od est a m a n on in sign ifican te tr accia che ne rim an e n elle op er e a
st am p a, cfr. Mam ian i (1990 , p p. 97-8).
54. Freu d en th al (1990 ) su ll’origin e stoica e lo svilup p o di qu esta n ozion e. Non
fa m en zion e d i N ewton .
55. O t t i ca , trad . it. in Pala (1978, p . 589). La Q u e s t io n e 3/ , ch e è l’ultim a, cop re
25 p agin e di testo (pp. 58 1-60 5). Sullo «sp ecifico program m a d i chim ica» origin ato
d a lle «novità r ivolu zion a r ie n ell’im m agin e della str u ttu r a della m ateria» p resen tate in
Q . j / , cfr. Ab b r i (198 4, p p . 39-41)
56. D ob b s (19 9 1, p. 18).
57. D o b b s (19 75, p. 233). Cfr . Mam ian i (1990 , in par ticolare p. 113).
58. D o b b s (19 9 1); cfr . Gu icciard in i (1999, p p . 30 -1).
59. Cit. in Westfall (198 4, p. 323).

248
I 3 . I L SA PE R E O C C U L T A T O

60. La notizia è riportata in D . Brewster, M e m o ir s o f t h e Life , W r it in g s , a n d D i ­


scov eries o f Sir Isa a c N e w t o n (18 55), cit. in D ob b s (19 75, p. 10).
6 1. Dob b s (19 9 1, capp . 2 e 3).
62. Sulla m isur azion e q u an titativa d elle sp er im en tazion i alch em iche in N ewton
cfr. F iga ia (1977).
63. Sulle ricerch e con cer n en ti gli interessi religiosi, stor ico-cr on ologici, p r ofetici
cfr. Mam ia n i (1990 , p p . 120 -1). D o b b s (19 9 1) sottolin ea il carattere an ti-scettico d ella
ricerca d i un a con oscen za in tegr ata in cui N ewton « in clu d ed also the kn owled ge h e
had ga r n er ed from th eology, r evelation , alchem y, history, an d the wise an cients» (ivi,
pp. 8-9), e il valore delTalchim ia p er lo scop o ultim o della su a ricerca: « Newton w is h ­
ed to lo o k through n atur e to see G o d » (ivi, p. 12).
64. O t t ica , in Pa la (1978 , p. 580).

249
x 4

C h i m i c a su b l i m e

14 . 1
L ’alchim ia n e ll’età d ella ch im ica

A ch i a b b ia segu ito l'esp osizion e dei d u e cap itoli p r eced en t i r isu lterà
or m ai ch ia r o ch e il p assaggio d a ll'a lch im ia alla ch im ica n on è un p e r ­
cor so lin ear e p oich é l’alch im ia n on fu u n a r u d im en tale p r otoch im ica
n é il su o m istich eggian te o p p o st o , ma u n sap er e str u ttu r alm en te d i­
ver so. La “ r ivolu zion e ch im ica ” , da cui e b b e or igin e l’u ltim a n ata d el­
le scien ze m od er n e, si p r od u sse in fatti n el com p lesso p an or am a d i r i­
cer ca ch e p er tu tto il xvn secolo aveva visto in tr eccia te n elle stesse
p er son e, n egli stessi am b ien ti e attor n o a p r atich e di la b or a t or io m o l­
t o sim ili, se n on id en tich e, t eo r ie di or igin e e n a tu r a diver sa. Di tale
in tr eccio è spia il p er d u r a r e fin o alla fin e d el x vn secolo d ei ter m in i
alchy m ia e chy m ia com e sin on im i p er d esign ar e sia le r icer ch e ch e si
in scr iveva n o n el p an or am a t eo r ico p ostp ar a celsian o, sia q u elle ch e
com b in a va n o la p r atica sp er im en ta le co n un a filosofia m eccan icistica,
sia l’alch im ia tr ad izion ale
Du n qu e la nascita della chim ica com e scienza, che la storiografia
scientifica attuale data con l'a p p ar izion e d el T r a it i d e ch im ie di An ­
toin e Lavoisier (178 9), n on sostituì un sapere con un altro (e ancora
m en o un atteggiam en to irrazion ale con u n o razion ale), ma piuttosto
san cì lo sd oppiam en to in iziato con la separazion e fra l’aspetto simbo-
lico-p r od u ttivo e qu ello sperim en tale-cogn itivo delle ricerche di la b o­
ratorio.
Per qu an to la crisi n ewton ian a del 1693 possa apparire em blem a­
tica del fatto che l'alchim ia n on poteva trovare p iù spazio n ell’am bito
d elle scienze sperim entali, la p u b b lica zion e a Gin evr a nel 1702 della
B ib liot h eca Ch em ica Cu r iosa ad opera d el m edico J ean J acques Man-
get segnala ch e la vitalità della tradizion e trasm utatoria n on si era af­
fatto spenta. Va letta in questa lu ce la prefazion e ai due volum i che,

2 5 1
A R C A N A S A P I E N Z A

r ich iam an d osi alla letter atu r a er u d it a sulle or igin i d ell'a lch im ia , r ac­
ch iu d on o testi d egli au tori p iù an tich i, dal m itico Er m ete agli arabi,
agli alch im isti m ed ievali e r in ascim en ta li fin o ai segu aci d i P ar a celso e
ai tr attati s v ìi'a lk a h est, p er co n clu d er si con le im m agin i d el M u t u s li­
b er e gli em b lem i d el Y H o r t u lu s H er m et icu s.
Ma il m ed ico gin evr in o n on aveva in ten zion e d i fare p u r a op er a
di er u d izion e. La qu an tità d i tr asfor m azion i op er ab ili in lab or at or io
(del vin o in a lcool, dei sali in « acq u a in sapor e» , di m ater ie vegeta li
« in q u a lcosa di fer r u gin oso» 2 ecc.) m ostr a a su o avviso la p la u sibilità
d ella tr a sm u tazion e, p er ch é « d al p iom b o e d al m er cu r io alP or o c ’è
m in or e d ista n za d i qu ella ch e passa fr a le sostan ze sop ra n om in ate»;
tan to ch e n ella Prae/ atio a d lect or em M a n get r ip or ta p er esteso d u e
p r oced im en t i alch em ici e n ar r a d u e ep isod i d i tr asm u tazion e, avven u ­
ti l’u n o a Gin evr a n el 1650, l ’altr o n el 1685 n el la b or a t or io d i Rob er t
Boyle, d o ve « u n o scon osciu to p over am en te vestito» fece d e ll’or o e «il
sign or Bo yle [...] d ovette am m etter e, d o p o aver lo sottop osto a tu tte le
p r ove d i saggiatu r a, che era or o b u o n o, tr an n e p er il fatto d i pesar e
un p o ’ m en o [d i q u ello n atu r ale]»
Su ll’a lt r o ver sa n te l’a u tor evolezza d ell’an tich issim o sap er e di E r ­
m ete p o t e va a n cor a essere sp esa da q u a n ti p r atica va n o u n a r icer ca or ­
m ai m olto d iver sam en te or ien tata 4. Co m e p r esso i “filosofi ch im ici” e
N ewton , i p r oced im en t i er ed itati da secoli di p r a tich e tr asm u tator ie
ven ivan o or a esegu iti a sco p o sp er im en ta le, e l’id ea di p ot er p r od u r re
l’agen te u n ico d ella p er fezion e m ater iale aveva d efin itiva m en te lascia ­
to il p o s t o , nei la b or a t or i ch im ici , alla r icer ca d ella sostan za fon d a-
m en tale p e r sp iegare le d in a m ich e d ella m ateria. A qu esta esigen za r i­
sp on d eva la for m u la zion e d ella d ottr in a del flogisto, ch e p er altr o si
colloca a n cor a n ella flu id a zo n a di sca m b io r ap p r esen ta ta d a lla “filo­
sofia ch im ica ” p ostp ar a celsian a, b en ch é com e u lt im a t a p p a d el p er ­
cor so ch e va d alla d ottr in a a lch em ica d el “m er cu r io dei filo sofi” alla
Tav ola d e g li elem en t i di La voisier \
U n ’in t er p r et a zion e m ecca n icistica d elle d in a m ich e ch im ich e a par ­
tir e dal m o t o di p a r ticelle di m ater ia d i for m a d iver sa era stata a cco­
stata all’a ccet t a zion e dei tre p r in cip i para celsian i d a N icola s Lém er y
n el Cou r s d e Ch y m ie (1675) d ove p er ò, in con tr a st o con i ch em ica l
p h ilo s o p h er s , l’a u t or e d eliber a ta m en te esclu d eva d a ll’a m b ito d ella p r o­
pr ia r icer ca la sp ecu la zion e su lle or igin i d el cosm o e su en tità m etafi­
sich e co m e la n o zio n e di Sp ir it o U n iver sa le 6. Q u e s t o ten t a tivo di in ­
serir e le r icer ch e “ch im ich e” n ella “filosofia m ecca n ica ” , p er p et u a to
d ai segu a ci di Lém er y (fra cu i il figlio Lou is), si r ivelò b e n presto
con tr a d d ittor io, m ost r a n d o co n ogn i evid en za ch e si era resa n ecessa­
ria una n u ova t eor ia in ter p r etativa d ei fen om en i. A p arte H er m an n

252
14 - C H I M I C A S U B L I M I .

Boer h aave, che n egli E lem en t a cb em ia e (1732) sosten n e ch e l’arte ch i­


m ica n on p uò ot t en er e i “p r in cip i” e ch e è di con segu en za im p o ssib i­
le elabor ar e sulla sua base u n a con cezio n e teor ica della m ater ia, n ella
ricerca d ei pr im i d ecen n i d el Settecen t o il p r ob lem a d e ll’a p p r o ccio
filosofico alla r icer ca ch im ica era gen er alm en te con sid er ato fon d a -
m en tale, ed è in q u es t ’a m b ito ch e G e o r g E. Sta h l (1660 -1734) ven n e
elab or a n d o la su a teor ia d el flogisto 7.
Il flogisto er a la com p on en t e d ei m eta lli ch e ven iva p er d u t a n ella
calcin azion e e r ia cq u istata n ella r id u zion e; l’a ver ch iar ito il r u olo d i
queste d u e op er a zion i è il p r egio m a ggior e d ella teoria stahlian a. N e l­
la calcin azion e il m etallo, com p osto d i ter r a e flogisto, sot t op ost o al
fu oco d iven ta ca lce, ovver o ter ra p r ivata d el flogisto, ch e si d isp er d e
n ell’aria; nella r id u zion e la calce, b r u cia ta in siem e al ca r b on e, r id i­
ven ta m etallo, cio è la terr a r ia cq u ista il flogisto dal ca r b on e 8. Stah l
con cep iva il flogisto com e u n a sostan za oleosa, id en tifican d ola co n
un o d ei p r in cip i m in er a logici di Bech er , la terra pinguis\ ed è p o s sib i­
le r itrovar e in q u este n ozion i una t r a ccia an cor a r icon oscib ile d e ll’i­
dea m ed ievale d i or igin e m ed ica, fatt a p r op r ia dagli a lch im isti, d i
“u m id ità r ad ica le” com e p r in cip io d ella coesion e dei c o r p i P e r
qu an to p r ofon d a m en t e tr asfor m ata n elle in ter p r etazion i su ccessive, la
n ozion e di flogisto costit u ì l’elem en to p or tan te d elle d iscu ssion i ch i­
m ich e d i quan ti r it en eva n o essen ziale in q u a d r a r e gli esp er im en ti in
un a teor ia di p or tat a gen er ale.
Stahl aveva im p osta to le sue r icer ch e r ia ffer m an d o con for za, co n ­
tr o il r id u zion ism o m ecca n icistico, la d iffer en za fr a m ateria e vita, e
tor n a n d o di con segu en za a cer car e un a p p r o ccio q u alitativo alla ch i­
m ica. N o n a caso la sua p osizion e, p er q u a n t o a ll’op p osto di q u ella d i
N ewton (dalla cu i r iflession e aveva p r eso avvio u n ’altra in t er p r et a zio ­
n e delle d in am ich e ch im ich e, qu ella basata sulle “ affin ità ” ), p otè esse­
re ad ottata da a lcu n i segu a ci di Sir Isaac quasi com e su o n a tu r a le
com p lem en to u>. Sia Stah l ch e N ewt on , sep p u r e in am biti e con esiti
diversi, avevan o in fatt i co lt o l’in su fficien za d el m eccan icism o p e r
sp iegar e even ti d iver si da q u elli m acr ofisici.
N e ll’asp etto q u a lita tivo d ella r icer ca ch im ica e n ella co n cezio n e
vitalistica che lo sot t en d e r isied e l’u ltim o lega m e d i Stahl e d ei “flogi-
stisti” co n l’alch im ia. Tu tta via , a cca n to al m olt ip licar si e a ll’in tr eccia r -
si delle teor ie flogistich e e d elle r icer ch e d i lab or ator io ad esse lega te,
un in d ir izzo p iù n itid a m en te sp er im en tale, teso a staccar e la “filosofia
ch im ica ” dalla “ p r atica ch im ica ”, p r ed isp o se n el cor so d el x vm s e co ­
lo la m assa di esp er im en ti d a cu i ven n e in fin e em er gen d o l’id ea ch e
le d efin izion i d ei p r in cip i ch im ici d ovesser o essere di car atter e o p er a ­
tivo, q u in d i in d ip en d en ti d alla teor ia su lle or igin i d el m on d o. Ca d eva

253
A R C A N A S A P I E N Z A

così an ch e l’u ltim o filo sottile con la tr a d izion e a lch em ica, la r icer ca
d el p r in cip io d e ll’u n ità d ella m ater ia d ietr o la d iver sità d elle su e m a­
n ifestazion i; e tu ttavia qu esta id ea rim ase, an ch e d o p o Lavoisier ,
com e u n ’in q u iet u d in e n ella ch im ica, m ai d el tu tto sop it a e sp esso sot­
tesa alle d iscu ssion i fr a ch im ici e fisici su i “fon d a m en t i” d ella scien za
d ella m ater ia 11.

I 4 -2
La p er fezion e d ella ch im ica

Il r isu lt ato u lt im o d el p r ocesso d i sep a r a zion e fra l ’asp etto m itico-


sim b olico d e ll’a lch im ia e la r icer ca d i lab or at or io, già in izia to d en tr o
la t r a d izion e alch em ica a p artire d a l Q u a t t r ocen t o e sop r a t t u t t o con
P ar a celso, è p ien a m en te evid en te n ella p r esen za di d u e voci d istin te -
a lch im ie e ch im ie , r ed a tte da au tor i d iver si - , n ell 'E n cy clop éd ie I2.
« Alch im ie est la ch im ie la p lu s su btile» : così in izia la vo ce p r in ci­
pale r ed atta d a P a u l J a cq u es M a lou in (170 1-1778 , sigla t o “M ” ), cu i si
d evo n o an ch e a lch im ist e , a lk a h est e le altr e voci con cer n en ti tem at i­
ch e a lch em ich e. L ’a lch im ia è u n ’attività « m ed ia n te la q u ale si fan n o
str aor d in ar ie op er a zion i d i ch im ica, ch e p r o d u co n o p iù velocem en te
le stesse cose ch e la n atu r a im p iega un lu n go tem p o a p r od u r r e» : la
straordin arietà in d ica il car atter e d ella r ela zion e ch e l ’alch im ia eb b e
con lo svilu p p o settecen tesco d elle r icer ch e sulla m ater ia; m en tr e l’i­
d en tificazion e co n l’attività della n atu r a si collega d ir etta m en te alla
tr a d izion e a lch em ica e a lle d iscu ssion i in izia te nel M ed io evo e r icor ­
r en ti an ch e n ella letter atu r a più t a r d a sul r a p p or to art e-n atu ra .
« Le op er a zion i d ell’alch im ia h a n n o q u a lcosa di a m m ir evole e m i­
ster ioso; m a si d eve n ot ar e ch e d a l m om en to in cui la lor o co n o scen ­
za si è d iffu sa, h an n o p er so il lor o car atter e m er a viglioso, e son o state
m esse n el n over o d elle op er a zion i d ella ch im ica or d in ar ia [...] ch e si
serve d ei va n t aggi r icevu ti d all’alch im ia sen za esser glien e grata» . D u n ­
que M a lou in , ch e n el segu ito d à u n r esocon to su ccin to m a m olto in ­
ter essa n te d ello svilu p p o stor ico d e ll’alch im ia, sottolin ean d o fr a l ’altro
ch e « n on se n e tr ova t r a ccia n egli au tor i d e ll’an tich ità» , r ileva un a
p r ecisa cor r isp on d en za fr a la p er d ita della segr etezza e l ’a b b a ssa m en ­
to d ello statu s ep ist em ologico d e ll’alch im ia. L ’eccellen za d e ll’an tica
tr a d izion e r isied e a suo giu d izio n el n om e stesso: «la p a r ola alch im ia,
in b a se alla f o r ce d u m o t y sign ifica “ch im ica su b lim e” , “ch im ica p ar
ex cellen ce ”». La f o r ce d u m ot con sisteva, secon d o u n a tr a d izion e in i­
ziata con il L ex ico n di M ar tin R u la n d (1612), nel fa tt o ch e l’a r ticolo

2 5 4
14 - C H I M I C A S U B L I M A

arabo a l avr ebbe con ferito una p articolare inten sità di sign ificato al
termine a lchy m ia
La chim ica, n ata da un d epoten ziam en to della ricerca alchem ica,
ne è p er ò diven uta la via d ’accesso; e il ten tativo d ell’autore, ribadito
nella voce successiva (a lch im ist è), è qu ello di m antenerle in stretta re­
lazione com e d u e m om enti di un 'u n ica ricerca, in cui la ch im ica p r e­
siede al m om en to iniziale, attraverso prin cip i e p r oced u r e n oti, m en ­
tre l’alchim ia è la parte finale e più sublim e del percorso, quella che
porta all’ignoto; sicché gli alchim isti si distin guon o in ver i e falsi a
seconda del m od o di accesso alla «chim ica così p erfezion ata che si
chiama alchimia»: «Quelli veri sono color o che d op o essersi applicati
alla chim ica ord in aria [...] sp in gon o più lon tan o le loro r icerche [...]
sempre fon dan d osi sulla natura e im itan dola nella sua bellezza [...]
mentre color o ch e senza saper ben e la chim ica ordinaria [...] si getta­
no n ell’alchimia senza m etodo e sen za prin cipi, non leggen d o altro
che libri enigm atici [...] son o i falsi alchimisti».
Sarebbe interessante verificare se alcuni, ed even tualm en te quanti,
con dividevan o questa distin zion e fra color o che si in scrivevan o d eci­
samente nella trad izion e alchem ica e che ancora per tutto il xvm se­
colo con tin u ar on o non solo a leggere, ma anche a copiare e talvolta
illustrare gli an tichi testi (i “libri en igm atici”) in volum i m anoscritti
che in altri am biti del sapere la stam pa aveva orm ai com p letam en te
soppiantato ‘4. La quan tità di codici alchem ici in cir colazion e nel Set­
tecento, talvolta addirittura copie dalle orm ai n um erosissim e edizion i
a stampa, dovette essere m olto alta, com e m ostrano i fon d i delle b i­
blioteche eu rop ee e americane. Tu ttavia nessuno ha finora stud iato se
e in quale m isura i testi di questi p r on ip oti di Erm ete risen tono, a
livello term in ologico od operativo, degli svilu ppi coevi delle ricerche
chim iche; se e qu ali scam bi abbian o con tin u ato ad esservi, p er esem­
pio n elle accadem ie, fra gli espon en ti della n uova scien za e quelli del
sapere che con tin uava ad essere, agli occh i degli adepti, un a tradizio­
ne di antichità im m em orabile, la cui “stor ia” si esaurisce n ella gen ea­
logia erm etica raccon tata dall'abate Nicola s Len glet Du fr esn oy I5.

14 .3
Esperim en to vitale

Un tentativo di m ettere in rapp orto l ’alchim ia con le ricerch e più at­


tuali d ell’epoca in un ’ottica p er qu alch e aspetto con fr on tabile con
quella d ell’E n cy clop éd ie, ma che soprattu tto sembra rin novare in m a­
niera origin ale l'in tr eccio fra pratica alchem ica e riflessione filosofica,

255
A R C A N A S A P I E N Z A

è al cen tro del sin golarissim o libr o scritto n el xix secolo da una d on ­
na, l ’inglese Mar y An n South (18 17-19 10 ), la cui S u g g estiv e E n q u ir y
in t o “T h e H er m et ic M y st er y ” w ith a d isser t a t ion on t h e m or e celeb r a ­
t e d o f t h e a lch em ica l p h ilo s op h er s , fu p u bb licata anon im a nel 1850 a
spese del padre d ell’autrice, ma n on cir colò fin o alla ristampa p ost u ­
m a, edita nel 19 18 col titolo di H er m et ic Ph ilo s op h y a n d A lch em y e
col cogn om e acqu isito della donna, At wood ,6.
Le ricerche cu i la gen tildon n a in glese si era dedicata fin da m olto
giovan e insieme al padre n on riguardavano la chim ica, m a la “scien za
sperim en tale* p iù n uova e discussa del su o tem po, il m esm erism o,
ch e aveva segnato la ripresa dell’interesse p er il rapp orto fra sp irito e
m ateria che in In ghilterra era stato al cen tro della filosofia dei P la t o­
n ici di Cam b r id ge e an che di Newton I7. Diver si fra i prim i scritti di
Fr an z A. Mesm er furon o editi a Lon d r a n egli anni Ottan ta del xvm
secolo; e cer tam en te “su ggestivo” era, per dei seguaci della tradizion e
alch em ica com e i South p ad r e e figlia, leggere n elle prim e due p r o p o­
sizion i ch e riassum ono i conten uti della M ém o ir e sur la d écou v er t e d u
m a g n ét ism e a n im a i (1779) queste afferm azioni: «1. Esiste u n ’in fluen za
r ecipr oca fra i cor p i celesti, la terra e i cor p i animati; 2. Un flu id o
un iversalm ente d iffu so e con tin uo, senza alcu n vuoto, di sottigliezza
in com parabile, e ch e per natura è suscettibile di ricevere, p rop agare e
com un icar e tutte le im pressioni d el m oto, è il messo di questa in ­
fluen za» che, com e precisan o le p roposizion i successive, è particolar­
m en te sensibile n ell’essere umano l8.
D o p o essersi p er anni dedicati a letture alchem iche e sperim en ta­
zion i di cui sappiam o p oco, padre e figlia avevan o deciso di scrivern e
un resocon to, lavoran do ciascun o in solitudin e per poi con fron tare i
recipr oci scritti. Il padre com pose un poema n ello stile della tradizio­
ne in glese iniziata con Rip ley e Nor ton ; la figlia un am pio trattato che
en tusiasm ò il gen itore, spin gen d olo a darlo alle stampe. Tu ttavia, con
una bru sca giravolta, fu lo stesso Mr. South a far ritirare dalle libr er ie
le cop ie appena stam pate, perché p ar e si fosse con vin to che la figlia
avesse “rivelato t r op p o” n elle sue pagine. Mar y An n obbed ì all’in ­
giu n zion e del silen zio an ch e dopo il m atrim on io con il reveren do At ­
wood , ch e la p or t ò a viver e nella rem ota can on ica di Kn ayton n ello
Yor ksh ir e. Con ser vò tuttavia una cop ia d ell’ed izion e, sulla quale a g­
giunse an notazion i varie, e soprattutto dopo la m orte del marito m an ­
tenne un a rete d i relazioni con p och i, scelti amici che andavano a
trovarla per conversare con lei sulle idee che eviden tem en te non a ve­
va mai cessato d i coltivare I9.
O lt r e a por re in com un icazion e la ricerca del suo tem po con la
tradizion e, Mary An n At wood cerca di collegare l’aspetto storico e

256
14. c h i m i c a s u b l i m i -:

quello astorico d e ll’alchimia qu an do, riflettendo su ll’origin e di questo


sapere, afferma ch e la verità, in sé eterna, ha origin e lad d ove è com ­
presa, e dichiara d i scegliere Erm ete r icon oscen d o nella sua figura m i­
tica la sorgen te priva di in izio cu i la ricerca alchem ica ten de. Storica­
mente, l’autrice considera l’alchim ia com e una r ipr oposizion e degli
antichi Misteri, i cu i caratteri fon d am en tali (trasmissione iniziatica, sa­
pere segreto, salvezza com e ob iettivo) si riscon tran o effettivam ente
nella tradizion e transmutatoria. In tal m odo At wood si inscrive in
maniera origin ale nella linea che, da Au gu r ello a Maier al D ict ion n a i-
re m y t h o -h er m ét iq u e di Dom An toin e Pem éty (178 7), aveva elaborato
il parallelo fra l’alchimia e la m itologia classica. «Siam o riusciti a co l­
legare l’alchim ia con l’evolu zion e di questi Misteri (Eleusini). E l’arte
m oderna, chiam ata Mesm erism o, con cord a in m aniera im pressionante
con en tram be qu este an tiche p ratiche» (542).
At wood un ifica tutte queste esperien ze con l’espression e v ita l e x ­
p er im en t , e afferm a che «il più gran de e un ico di tutti i misteri è l’e­
sistenza; e com e il fuoco e la lu ce son o un o e p er cep ito ovun que allo
stesso m odo, così la vita è in ogn i particolare la stessa im p erscrutabile
identità attraverso il tutto» ( 16 0 ) . Solo la «scien za ermetica» p u ò
però superare la scission e fra m ateria e spirito, che affligge la filosofia
moderna, attraverso operazion i m ateriali che si effettu an o n ell’essere
umano; in esso, «laboratorio d ell’arte», si p uò p r od u r r e la divinità:
«Questo è il gr an de segreto erm etico, ch e c e un soggetto universale
nella n atura, e qu el soggetto p u ò essere n utrito n ell’essere um ano [...]
che p u ò non solo ritrovare (in sé) la natura divina, m a renderla effet ­
tivamente o p e r a n t e » !^ ) .
L ’idea di alchim ia che vien e p roposta è u n ’idea forte, ed il libr o
della At wood è forse l’ultim o coscien te richiam o an tidualistico fatto
non com e riflessione p sicologica o epistem ologica “a partire dall’al­
chim ia”, ma all’in terno di una pratica ch e si defin isce alchim ia t ou t -
court. E sopr attu tto c e , nella pagina sopra citata (che è tratta dalla
conclusion e), la chiara fon d azion e d el n esso fra l’alchim ia e la ricerca
mistica, la cui presen za abbiam o segnalato a p rop osito di trattati
come l’A u r o r a Con su r g en s o di autori com e J akob Bòhm e: il «sogget­
to un iversale n ella natura», ch e attraverso op er azion i m ateriali p u ò
“essere p r o d ot t o” n ell’uom o, com e il ver bo d ivin o della m istica sp e­
culativa ted esca, è radicato n ella cor p oreità anche se non d eve essere
m aterialisticam en te e pan teisticam en te in terpretato com e D eu s s iv e
n atura , m a even tualm en te richiam a la tem atica d ell’anima d el m on do,
lo sp ir itu s che è vita della m ateria. L ’accen to è p osto sulle “op er azio­
ni m ateriali”, ch e l’autrice p en sa essere le pratiche teu rgich e dei m i­
steri e d el n eoplaton ism o; l 'o p u s alch em ico ne è un p ossibile com p i­

2 5 7
A R C A N A S A P I E N Z A

m en to, com e altre “op er azion i m ateriali” posson o esserlo in altri con ­
testi (la cir colazion e del respiro n ell’alchim ia taoista, le pratiche yoga,
la dan za rituale dei sufi). La nascita del prin cip io divin o n ell’anima è
un even to ch e accade nella e attraverso la m aterialità del corp o, met­
ten do in com u n icazion e l’anim a in dividuale con l’anima del mondo,
la coscien za con la vita un iversale.
La struttura d i fon d o della con cezion e che At wood ha della realtà
e del p rocesso alchem ico è relativam ente sem plice. N e in dicherò i
punti essen ziali, tralascian do n um erosi altri aspetti del libr o che pure
m er iter ebb e una lettura accurata. In prim o lu ogo l’autrice adotta la
con cezion e tradizion ale dei tre regn i della natura, dei quali solo uno,
quello anim ale, è arrivato alla coscien za. Lo scop o d eìT op u s alchemi­
co è qu ello di collegar e l’autocoscien za um ana agli altri livelli del rea­
le, e in p articolare al regn o m inerale, m ostr an d on e e realizzandone
coscien tem en te l’unità vitale 2°.
Il r egn o vegetale e qu ello m in erale «diven tan o coscien ti solo attra­
verso color o che vi son o entrati sperim en talm en te p er provare l’azio­
ne e la passione sostanziale delle essenze operative della vita» (542).
La trasm utazion e, che ha in izio nella «felice p or ta della n igredo»
(happy g a te o f b la ck n es s , 216), è du n qu e il v it a l ex p er im en t che per­
m ette di «ren dere coscien te» la vita vegetale e qu ella m inerale, con ­
giu n gen d o l’anima con la m ateria universale. E qu esto, con tin ua l’au­
trice, è il sign ificato dei Misteri Eleusin i e degli altri misteri antichi,
«la reale in d uzion e dello Spir ito Un iversale alla sua sorgente», poiché
«la vita è il n u cleo del m istero erm etico, e la sua chiave è la luce»
(560). La prim a m ateria altro n on è che l’energia vitale; e l’operazio­
ne alchem ica consiste n ell’«in trovertirn e» il cor so n aturale, perché
possa m anifestarsi perfettam en te. In questo m od o la materia prima/
vita si m anifesta com e vita m inerale, in seguito den om in ata «terza
vita», sicch é «la com un e Pietra Filosofale è soltanto la perfezion e del­
la vita m in erale in noi» (568).
Il cen tr o di ogn i essere è un o spirito proven ien te dall’origin e del
m on do, «la madre di tutti gli esseri», ch e è separato dalla coscienza
in tutto il m on do materiale, fu or ché n ell’essere um an o. Qu esta ma­
trice spiritu ale della materia, irraggiu n gibile nel m on d o fenom en ico, è
il «m ercurio invisibile», il m istero d ell’esistenza, la vita defin ita come
«la stessa identità im p erscru tabile attraverso il tutto». Ma p er scoprir­
la occor r e sperim entare, «usare le mani e non la fantasia» (16 1). Così
la vita tr ova la sua p erfezion e nella sapienza, ed in questo risiede il
m istero d ella resurrezione 21. Rigen erazion e è la scop er ta della «regio­
n e fon tale», il superam ento d ella separatezza attraverso il cam biam en­
to dei rapp orti fra gli elem en ti vitali: un processo paragon abile alla

258
14 . C H I M I C A S U B L I M E

p rod uzion e del p er f ect u m tem p er a m en t u m ricercata n ell’alchim ia del-


l'elixir. Tuttavia l’esperien za (ex p er im en t ) m edian te cui avvien e qu e­
sto p rocesso è un op u s rivolto all'in tern o d e ll’essere um ano ed esegu i­
to intuitivamente: esplicitam en te l'autrice d iffer en zia la sua alchim ia
da ciò che fa la chim ica m o d er n a 22, afferm an d o ch e l'alter azion e vi­
tale può essere p r odotta solo dalla forza vitale «raffor zan do il veicolo
dell'an im a m ediante riti m ateriali» (178).
L ’alchim ia è d u n qu e per M ar y An n At wo od un lavoro dell'esser e
um ano su di sé, ma n on un lavor o “sp ir itu ale” n el senso ch e il lin ­
gu aggio della filosofia m odern a d à a questo termine; ed in ciò si r ico­
n osce la sua base op er ativa n egli esperim enti sul m agnetism o. La filo­
sofia della tradizion e occiden tale, che secon d o l'au tr ice ha il su o fon ­
dam ento in questo tip o di esperienza, d istaccan d osen e ha reso im p os­
sibile com p ren der e la sapienza degli antichi; ed è m olto rilevan te che
l'im possibilità di cui si parla venga esplicitam en te elaborata com e
u n 'in capacità della filosofia m odern a di com p r en d er e, se n on ridutti-
vamente, l'id ea di causa. L'alch im ia, rivelan do sp erim en talm en te «la
natura causale e il m ed iu m in cu i si sviluppa», ren de accessibile il se­
greto della “sorgente della causalità”: la m en te um an a «em brion e im ­
perfetto», il cui sviluppo con siste non tan to n ello scopr ir e in tellettu al­
m ente la propria natura divina, quan to n el renderla operan te (vi, vm ,
xiv).
Qu este ultim e p arole, che app arten gon o alla Pr efa z ion e ma sign ifi­
cativam ente n on han n o svilu pp o argom en tativo n el corso d el libr o,
sem bran o adom brare ch e il sign ificato ultim o della trasm utazion e al­
chem ica con sista nel ren dere il soggetto cap ace di agire non secon d o
la legge estrinseca della causalità m eccan ica, ma alla m aniera della
Prim a Cau sa n eoplaton ica, per un 'espan sion e spontanea che origin a
la realtà, affine sia all’“azion e senza p er ch é” della m istica speculativa,
sia all’azion e com e irraggiam en to elaborata dal p rim o “filosofo degli
arabi” al-Klndi. In una pagina im portante del M y st er iu m Con iu n ct io-
n is anche J un g accen n erà al fatto che Y op u s e il p er corso m istico ten ­
don o all’iden tità d ell’in d ivid uo col p rin cip io divin o com e cap acità di
«creare il m on do» 23.
Se sul p ian o dell'azion e Mar y An n At wo od si ferm a sulla soglia
del suo segreto, sul p ian o m en o com p rom etten te della con oscen za il
p ercorso alch em ico la p orta a riform ulare n ien tem en o che il m ito p la ­
ton ico della caverna:

L ’anima, quando guarda le cose che sono dietro di lei, possiede solo le om­
bre e le immagini del vero. E quando si converte a sé [...] all’inizio vede solo
se stessa; ma quando penetra più a fondo nell'esame di sé, trova in sé com­

259
A R C A N A S A P I E N Z A

prensione e ragione degli esseri creati. E quando procede nei recessi più inti­
mi, nell'aditum della vita, percepisce con gli occhi chiusi il genere degli dei,
che sono l’unità di tutte le cose (249).

L ’inattuale — ai suoi tem pi e tan to più p er n oi —ricerca della solitaria


sp erim en tatrice è ap p rodata, attraverso il lu n go percorso n ella margi-
n alizzata ed oscurata tradizion e alch em ica, ad una sapienza d a n ovella
Diotim a 24.

14 . 4
L'id eale della perfezion e

Ritrovare in sé la “com p ren sion e e ragion e degli esseri cr eati” attra­


ver so una pratica che m etta l’anima in d ividuale in com un icazion e con
l’anim a del m on d o p u ò richiam are sia la dottrina paracelsian a delle
segnature, sia la filosofia naturale di Goet h e, in cui i sensi e la m ente
m etodicam en te affinati diven tan o strum en to della com p ren sion e d al­
l’in tern o delle form e naturali, in un a vision e an tim eccan icistica delle
dinam iche con cui la m ateria p r oced e verso la purificazion e e il p er fe­
zion am ento. Qu esto p rocesso, p r op r io di tutti i regni della natura,
trova la sua massima espression e nella M et a m or f or si d elle p ia n t e e
n ella T eor ia d e i c o lo r i25.
Nella for m azion e giovan ile di Goet h e le opere di Paracelso e di
alcun i suoi seguaci fra i più significativi (da Basilio Valen tin o a van
H elm on t, dalle N o z z e ch im ich e d i Ch r ist ia n R o s en k r eu t z al Philaletes)
avevan o giocato un r u olo im portan te, com e egli stesso rileva n ella se­
zion e storica della T eor ia d e i co lor i , qu an do osserva ch e, se si p ren d e
in con siderazion e il lato p oetico d ell’alchim ia, si com p ren don o in tu iti­
vam en te e in form a un iversale i fen om en i naturali z<\
Con l’alchim ia, diffu sa negli am bien ti pietisti tedeschi alla fin e del
Settecento, Goeth e era en trato in con tatto p er l’influenza di Sop hia
von Kletten berg; l’en igm atica trad izion e gli era sem brata offr ir e il
m odello sim bolico e lo stim olo alla ricerca di una sapienza della n atu ­
ra che, im pegn an do tu tto l’uom o, superasse l’op p osizion e fra sogget ­
tivism o arbitrario e oggettività esteriorizzan te. Ma la distan za fr a ciò
che è possibile (soggettivam en te con cep ibile) e la realtà (oggettiva)
n on è realmente colm ata dall’alchimia; d a ll’acquisita con sap evolezza
di questo scacco deriva la critica della ricerca alchem ica da p ar te del
Goet h e m aturo, che ved e in essa «d er Missbrauch d es Echten un d
Wah ren » (il fr ain ten dim en to di ciò ch e è auten tico e vero).

260
14- OHM ICA SU B L I M I ­

M I , ! IR A 14
Il la vo r o m a t e r ia le e s im b o lico d e lla c o p p ia a lch e m ica . I n u m e r i n e ll’u lt im a v ig n e t ­
ta in d ic a n o la n n d t i p h c a t i o , o v v e r o il p r o c e s s o d i d iffu s io n e a ll’in fin it o d e lla p e r fe ­
zio n e m a t e r ia le

261
A R C A N A S A P I E N Z A

II m od ello sim bolico p r op osto dalla ricerca alchem ica permane


tuttavia n ell’opera letteraria: nella M à r ch en e soprattu tto nella secon ­
da parte del Fa u st , dove la presenza della tradizion e alchem ica si fa
esplicita n ella descrizion e del lab or atorio del padr e di Faust. Nell'am ­
b it o delle ricerche p sicologich e il p er cor so di Faust è norm alm ente
in ter pr etato com e p er cor so alch em ico 27\ ed è certam en te da in divi­
duare n ell’opera di Goet h e il p u n to p iù alto di visibilità del perm an e­
re di un in teresse creativo per la tradizion e occu lta, e al suo interno
p er l'alchim ia, all’in izio del x ix secolo 28.
Si tratta però di un in teresse che attinge ai significati sim bolici
d ell’alchim ia, ma n on si coin volge n elle pratiche di trasm utazion e, per
quan to “aggior n ate”, com e è in vece il caso della “cop p ia di alchim i­
st i” South padre e figlia. Del resto anche l’adesione non letteraria alla
tradizion e p u ò fin ire per realizzarsi soltan to sul p ia n o m entale e spiri­
tuale, com e mostra un altro fr utto della letteratura erm etica del tardo
Ottocen to, R em a r k s u p on A lch em y a n d t h e A lc h e m is t s , pu bblicato a
Boston n el 1857 dal gen erale d ell’esercito am erican o Ethan Allen
H itch cock (1798 -18 70 ), il cui interesse p er l’alchim ia era radicato n el­
lo studio d i Sweden borg e della tradizion e erm etica 29.
Qu an d o H itch cock afferma che il soggetto d ell’alchim ia è l’uomo,
n on in ten de certo d ir e che occor r e m ettere n ell’alam bicco parti della
sostanza cor p orea d ell’uom o, com e avevan o fatto gli alchim isti m edie­
vali, ma n ep pu r e si richiam a ai «riti m ateriali» della Atwood . La m a­
teria stessa qui è scom parsa, ed il n on-dualism o della tradizion e ha
lasciato il posto ad un riduzion ism o spiritualista b en esem plificato in
questa afferm azion e: « l’opera degli alchim isti era u n ’opera di con tem ­
plazion e e non un lavoro manuale. Il loro alam bicco, il forn o, la cu ­
curbita, la storta e l’uovo filosofico [...] era l’uom o, proprio tu, amico
lettore»
Qu ello che secon d o H itch cock occor r e porre n ell’alam bicco era­
n o le facoltà spirituali umane; anche l’idea che si possa p r od u r r e la
p er fezion e m ediante l’attività um ana con serva traccia, sia p ur e alte­
r an don e il sign ificato, della con cezion e p ropriam en te alchem ica della
p r od u zion e della perfezion e m ateriale. An ch e se or a la perfezion e è
con cep ita com e spirituale, vien e detto esplicitam en te che non va in te­
sa nel sen so religioso della Gr azia, liber o e im perscrutabile d on o divi­
n o o ricom pen sa di un atteggiam en to m orale, secon d o le diverse in ­
ter p r etazion i cristiane. La perfezion e spirituale è p er H itch cock una
cr eazion e auton om a della vita m orale umana, secon d o un percorso
et ico d ebitor e p er ò alla filosofia classica più che a ll’alchim ia. « L’u o­
m o era il soggetto d e ll’alchimia, e l’oggetto d ell’Ar t e era la p er fezio­
n e, o alm en o il m iglioram en to, d ell’uom o. La salvezza d ell’u om o - la

262
1 4 - C H I M I C A SU B L I M I *

sua trasform azion e da m alvagio a bu on o, o il suo passaggio dallo sta­


to di n atura allo stato di grazia - era sim boleggiata dall’im m agine d el­
la trasm utazion e dei m etalli» Non in aspettatam en te, il “m ercurio
filosofico ”, la m ateria prima dell 'o p u s , viene iden tificato con la co ­
scienza, com p ien d o il passo defin itivo ver so qu ella “alchimia spiritua­
le” le cu i radici affon dan o n ella tradizion e post-m edievale. La perdita
com pleta della dim ension e m ateriale dell'alch im ia si riverbera nella r i­
duzion e del valore sim bolico della trasm utazion e a quello di allegoria
del p rocesso di ed ucazion e m orale. An ch e n ell'alchim ia, com e era av­
ven uto m olti secoli prim a e con una portata b en più am pia n el cri­
stianesimo, il m istero è soppian tato dalla m orale, la m istagogia dalla
pedagogia.
Il carattere spirituale della perfezion e alch em ica, l’id en tificazion e
della materia prim a dell 'op u s con la coscien za, la riduzion e della p or ­
tata sim bolica del processo, caratterizzan o an che la prima in terp reta­
zione psican alitica d ell’alchim ia, quella p rop osta dal d iscep olo di
Freud H er ber t Silberer, apparten en te alla Masson eria, m or to suicida
nel 1923 Il suo libro, P r o b le m e d er M y s t ik u n d I b r er S y m b o lik ,
p u bblicato a Vien n a nel 19 14 e trad otto tre an n i d op o in inglese,
p ren deva le m osse da un raccon to alchem ico d i struttura sim ile alle
N o z z e ch im ich e d i Ch r is t ia n R o s e n k r e u t z y che er a stato stam pato in
una tarda raccolta di m ateriali rosacrocian i
Tratta n d o il raccon to com e se fosse un sogn o, Silberer n e dà p ri­
ma di tutto una in terp retazion e psican alitica classica, con clu d en d o
che il protagon ista im person a i desideri in cestuosi d ell’autor e fino
«alla pr ocr eazion e di sé, il figlio, nascita n uova e m igliore» (10 1). Ciò
corrisp on de alla con cezion e allora corren te, ma an cora oggi con sid e­
rata cen trale - p er esem pio n elle letture alch em ich e del Fa u s t - che il
con ten uto prin cip ale d ell’alchim ia fosse la p rod u zion e dell 'h o m u n c u ­
lu s.
L ’in terp retazion e in chiave freudian a del r accon to non n e esauri­
sce tuttavia il sign ificato per l ’autore, ch e per la sua for m azion e m as­
sonica con osceva l’in terp retazion e esoterica d ell’alchim ia e così scrive­
va: « N on ci accon ten terem o d ell’analisi, ma cer ch er em o d i segu ire
certe ten den ze evolu tive che, espresse in sim boli p sicologici che si
sviluppan o secon d o leggi n aturali, ci p or ter an n o a ipotizzar e un a co ­
struzion e spirituale o un p rocesso che si p ot r eb b e chiam are anabasi»,
e cioè “ascen sion e”(17) 34. Qu est o p r oposito, collegato all’in ter p r eta­
zion e d ell’alchim ia com e « u n ’op er a di m isticism o» (164), m ostr a p er ò
u n ’in com p ren sion e radicale d ella con cezion e alch em ica della r ecip r o­
cità di alto e basso; la circolarità del p rocesso alch em ico vien e tra­
dotta n ella linearità d ell’ascesa, m otivata dalla spin ta coscien te alla

263
A R C A N A S A P I E N Z A

perfezion e in op p osizion e ai «poteri in con sci titanici [...] ch e deside­


rano ciecam en te e n on si preoccu p an o di n ien t’altro» ( i n ) .
L ’in terpretazion e erm etica «dim ostra ch e la par abola, com e altri
testi alch em ici profon di, è un ’in trod u zion e alla vita m istica religiosa»
(215). La d istin zion e fra “sim boli m ateriali” e “sim boli fu n zion a li” è
il com p rom esso ch e perm ette di far con viver e la dim en sion e spiritua­
le con qu ella psican alitica, perché «com p ren diam o solo la m età degli
im pulsi p sichici, com e di ogni svilu p p o spirituale, se guar diam o sola­
m en te alle lor o radici. Dobbiam o guar dar e non solo da d ove venia­
m o, ma an ch e d ove andiam o» (251) 35; m a le due d ir ezion i in cui il
sim bolo p u ò por tar e sono, p er Silberer, direzion i op p oste e al più
percor ribili un a alla volta, non un per cor so circolare in cui, com e nel-
Y o u r o b o r o s , la fine e l’inizio coin cidon o.
Lo scop o d ell’alchim ia viene in terp retato com e u n ’elevazion e di
ord in e sp irituale e id ea le , che «trasform a il soggetto n ell’oggetto ama­
to» (339), scrive Silber er citan do E. A. H itch cock. Qu esto avviene
attraverso un p rocesso di in troversion e in cu i «la lib id o com in cia, per
così dire, ad em ettere se stessa com e oggetto; n ell’ideale le offriam o
un nucleo p er qu esto processo, affin ché essa possa form are il n uovo
oggetto attor n o ad esso e irrigarlo con la sua stessa vita. Così, “m agi­
cam en te” si form a un n uovo m on d o, le cu i leggi son o quelle d ell’i­
deale» (349). L ’un ion e degli op p osti ha orm ai lasciato il passo ad una
dinam ica p sicologica in trovertita, l’elixir è sostituito d a ll’ideale, por­
tan d o alla defin itiva perdita di senso del m otto erm etico: «Se non
ren di in corp or ei i cor p i e non rendi cor p or ee le cose prive di corpo,
il risultato atteso non ci sarà».

14 5
Dairerudizione alla storia
Un a lettura d ell’alchim ia di segn o com pletam en te op p osto ven n e data
da quegli studiosi - p er lo più chim ici di profession e - che si dedica­
r on o a ricostruirn e la storia alla ricerca d elle origini della chim ica 0
com u n que in relazion e agli svilu pp i di questa scienza. Ab b iam o già
avu to m odo di con statare ripetutam en te com e la r icerca delle origini
e la costru zion e di una gen ealogia di alchim isti siano un tem a ricor­
ren te dall’ep oca bizan tin a al xvn secolo. Il trattato di Olau s Borri-
chius, D e o r t u e t p r o g r ess u ch e m ia e , insiem e al suo Co n s p e ct u s Scrip-
t o r u m Ch e m ico r u m Ce le b r io r u m , ogn i cap itolo del q u ale è un a “sche­
d a ” relativa ad un autor e o ad un testo im portante d ella storia d ell’al­
chim ia, p u ò esserne con siderato il pun to d ’ap p rodo ma con il di­

264
1 4 - C H I M I C A S U B L I M E

sp iegam en to d i er u d izion e car a tter istico della letter atu r a d otta s eicen ­
tesca, m esso d a Bor ch al ser vizio d i u n a p olem ica con H er m an n C o n ­
rin g su ll or igin e greca o egizian a d e ll’alch im ia, q u esto test o ci for n isce
an cor a oggi u n a p iatt afor m a d ocu m en ta r ia ta lvolta in d isp en sa bile *7.
Co m e in d ica il titolo stesso, Bo r ch si colloca va d en t r o l'a n n osa d i­
scu ssion e su lle or igin i, alla qu ale d ed ica p iù d ella m età d el suo testo,
r icostr u en d o la gen ealogia er m etica d ell'a lch im ia e d elin ea n d on e in
qu esti term in i il p er cor so: « l'arte sacr a fu tr asm essa d a Tu b a lca in alla
stirp e di Ch a m , dai cui d iscen d en ti fu svilu p p ata in E gitto; d all’E git t o
si tr asfer ì in G r e cia e n el m on d o latin o, p oi fr a gli ar a b i, i cin esi, e
in fin e in Sp a gn a e n ella Gallia, e or m ai si a ggir a p e r tu tta l'E u r o ­
pa» iH. All’e p o ca an ted ilu via n a, r ap p r esen ta ta da Tu b a lca in , r isale
l'in ven zion e d ella m etallu r gia e d elle arti con n esse; m a il ver o e p r o ­
p r io in ven tor e d e ll’alch im ia fu E r m ete, ed u n 'a m p ia d isam in a è d e d i­
cata alla T a b u la sm a r a g d in a e al co r p u s H e r m e t icu m , p er qu an to fo sse­
ro or m ai tr ascor si p a r ecch i d ecen n i d a q u a n d o, n el 16 14 , Isaac Ca-
sau b on aveva d im ostr a to con p r o ve filologich e r igor ose ch e gli scr itti
“di E r m et e” er an o stati com p osti n ei p r im i secoli d e ll’er a cristian a.
Ciò n on ostan te, la letter atu r a a lch em ica e “ ch im ica ” con tin u a a r ife ­
rirsi a ll’an tich ità e a ll'a u tor evolezza d el m itico fon d a t or e an cor a p er
tu tto il xvii secolo; lo stesso Bor ch con osce, cit a e d iscu te Ca sa u b on ,
e tu ttavia m a n tien e la p osizion e tr a d izion ale.
La storia d ella filosofia “e r m et ica ” di N ico la s Len glet D u fr esn oy
offr e, un secolo d o p o il D e o r t u d i Bor ch , un r iscon t r o di qu esta co n ­
tin u ità d ’im p osta zion e, a ll’in ter n o d i un a m b ien te ch e or m ai si er a
ch iu so su se stesso; an ch e se p r o p r io dal p er m a n er e d ella tr a d izion e
esoter ica è stata p or tata un a con t in u a sfida a ll'o r t od ossia scien tifica
della m od er n ità . Co n vin t o ch e « gli er u d it i ch e si d ed ica n o alla r i­
cer ca stor ica d isp r ezza n o tu tto ciò ch e r igu ar d a l'a lch im ia ; e i filo s o ­
fi 4°, occu p a t i so lo n elle lor o o p er a zio n i, n e t r a scu r a n o la stor ia» , l'e ­
r u d it o fr a n cese d ich ia r a d i vo ler « d a r e in q u esta op er et t a la stor ia
della p iù gr a n d e follia e d ella p iù gr a n d e sa ggezza d i cu i son o ca p a ci
gli u o m in i» 41. D i fatto egli h a a ccu m u la t o n ei tr e volu m i u n ’en o r m e
m assa d i in for m a zion i su a u tor i, stor ie di tr a sm u t azion e, op er e m a n o ­
scritte e a sta m p a e, n el secon d o vo lu m e, h a p u b b lica t o com e in t r o ­
d u zion e a ll'o p a j q u a ttr o testi di E ir en a eu s P h ilaletes.
An co r a a ca va llo fra O t t o e N o ve ce n t o la r icer ca er u d it a n on p o ­
teva n on a ttin ger e a m p ia m en te a q u est o t ip o d i fon ti, com e m o st r a
l'im p on en te e a n cor a in sostitu ib ile B ib lio t h e ca C h e m ica d i J am es F e r ­
gu son p u b b lica t a n el 190 6 42. Tu t t a via a p a r t ir e d alla secon d a m et à
del x ix secolo gli stu d i stor ici e i la vo r i di r icost r u zion e e in t er p r et a ­
zion e segu iva n o or m ai il m et od o d ella stor iogr afia p osit ivista, o r ie n ­

265
A R C A N A S A P I E N Z A

t a n d o la r icer ca ver so il p ia n o d ocu m en ta r io ed a ll’an alisi, p u b b lica ­


zio n e e t r a d u zion e d ei m an oscr itti (com p it o in a u gu r a to d a M a r cd in
Ber t h elot , e d i cu i gli u lt im i d ecen n i d el x x secolo h a n n o con osciu to
u n a vigor o sa rip resa), m en tr e su l p ian o in ter p r etat ivo l'a lch im ia viene
a lu n go in d agata p er il d ep osit o di co n oscen ze p r ot och im ich e che
con tien e: p r op r ietà d i m in er ali e m etalli, str u m en ti e op er a zion i d i la­
b or a t o r io, p r od ot t i a r t ificia li45.
L'id e a ch e l’a lch im ia fosse stata in far cita d i false t eor ie ch e aveva­
n o « fa tto m ar cir e l'a lb e r o d ella scien za ch im ica» er a stata sosten uta
n ella R icer ca stor ico-critica s u l l a lch im ia , o l'a r t e im m ag in a ria d ella fa b ­
b r ica z ion e d e l l oro d i J . C. W ie gle b (1777), m olto p o lem ico n ei con ­
fr o n t i d ella an cor a for t e p r esen za d ell'in ter esse p er l'a r te d ella tra­
sm u ta zion e n elle cor ti ted esch e 44; m en tr e il la p id a r io giu d izio d i La­
voisier su lle teor ie filosofich e e alch em ich e d ella m ater ia (« Costru iva­
n o sistem i q u a n d o a n cor a n on aveva n o dei fa t t i» 45) è com p r en sibile
su lla base d i una for tissim a m otiva zion e in ter n a: il ch im ico fran cese
sottolin ea va la p r op r ia p r esa di d istan za tota le d a ll'in t r eccio di saperi
ch e aveva fin o ad allor a car a tter izza to il ca m p o di r icer ca 46.
U n a cesu r a m en o p olem ica m a altr ettan to n etta n ei con fr on ti del­
l'a lch im ia q u a le “ch im ica su b lim e” , co m ’er a p r esen tata n ell 'En cy cio-
p é d ie , si r it r over à in q u egli stor ici d ella ch im ica ch e scr isser o d o p o la
p u b b lica zio n e del Cou r s d e p h ilo so p h ie p o sit iv e di Co m t e (1830 ), che
a veva collo ca t o n ello “sta d io in fa n t ile” d elle scien ze « le stim olan ti il­
lu sion i d e ll’alch im ia [sen za le q u ali] d ove avr em m o m ai attin to la co­
sta n za e l'a r d or e n ecessar i p er r accoglier e lu n gh e ser ie d ’osservazion i
e d i esp er ien ze ch e in segu ito h a n n o fatt o d a fon d a m en to alle p rim e
t eor ie p osit ive?»

14 . 6
Il primo errore
La co llo ca zio n e d ell'a lch im ia n el p r im o sta d io d ello sp ir it o scien tifico
r im ase il tr a tto com u n e a qu an ti la a n a lizzar on o co m e storici della
ch im ica o co m e stor ici d ella cu ltu r a n el xix secolo e n ella pr im a m età
d el su ccessivo , secon d o u n ’a r t icola zion e d ia cr on ica d e l r a p p or to fra
alch im ia e scien za ch e a p p oggia su lla scan sion e t em p or a le u n a sorta
d i scala gr a d u a ta d a un m in im o a u n m assim o d i “r a zion a lit à ”. H er ­
m an n Ko p p , in ser en d o l'a lch im ia n ella sua Storia d ella ch im ica in
q u a t t r o vo lu m i (18 43-47), p r esen ta u n a p er io d izza zio n e a tre stadi,
d o ve l'a lch im ia r ap p r esen ta d a p p r im a l ’u n ico sap ere r ela tivo alle tra­
sfor m a zion i d ella m ater ia, a cu i in un a fase su ccessiva si m escola la

266
14- C H I M I C A S U B L I M E

ver a e p r op r ia ch im ica. Nella t er za fase i d u e saper i son o or m a i d i­


stin ti, p er ch é « l'a lch im ia da m olt o t em p o n on ha p iù sign ifica to p er
la ch im ica; in com p en so ne ha p er la stor ia della cu ltu r a , in q u a n to
a b er r a zion e p er sisten te e lar gam en te d iffu sa» .
Qu est o m u ta m en to d i cam p o d e ll’alch im ia, n on ostan te il giu d izio
sfavor evole ch e lo m otivava (del resto Ko p p , com e gli altri a u t or i di
stor ie della ch im ica, la valu tava in b a se ai cr iter i d ella “scien za p osit i­
va ” ), si rivelò im p or ta n tissim o, p er ch é è n e ll’am bito d ella K u lt u r g e -
s ch ic h t e ch e si in n esta r on o i la vor i d ed ica t i alla stor ia d e ll’alch im ia
n ella prim a m età del N ovecen t o. In oltr e sia Kop p , sia J . C. F e r d i­
n a n d H òfer , sia sop r a ttu tto M a r celin Ber t h elot in d ica r on o l’im p or t a n ­
za d ella r icer ca sulle fon ti m an oscr itte ed in izia r on o a p r a tica r la in
p r im a p er son a, m etten d o basi solid e p er u n vero e p r op r io salto di
q u a lità sul p ia n o della stor iogr afia, n on p iù costr etta a fon d a r si su lle
ed izion i dei secoli xvi- xvm , d ove le a ttr ib u zion i p seu d oep igr a fe e la
m escolan za d i testi p r od ot t i in ep o ch e e am bien ti d iver sissim i n on
p er m etteva n o n em m en o di p or si il p r ob lem a di un a p p r o ccio s t o r ico
al sap er e alch em ico.
Com e H ò fe r , Ber t h elot va lor izza la r a gion evolezza d elle t eor ie al­
ch em ich e in r a p p or to a lle osser vazion i e a lle più gen er ali teor ie filoso ­
fich e d ell’ep o ca in cu i si eran o svilu p p a te, e le con sid er a un passo
n ecessar io n el lu n go p er cor so ver so la scien za del su o tem p o: « Per
com p r en d er e il p assato, occor r e tor n a r e su lle op in ion i ch e un t em p o
a p p a r iva n o ch ia r e agli in tellett u ali» 47. E q u esto r it or n o, fa vor it o an ­
ch e d a ll’a tten zion e p er i saperi tecn ici e ar tigian ali d ella tr a d izion e,
ch e l’in d u str ia lizza zion e com in ciava a far scom p a r ir e, fu effet t iva m en ­
te p r aticato d a llo stu d ioso fra n cese, a cu i si d evon o ed izion i e t r a d u ­
zion i di testi a lch em ici, sop r a ttu tto gr eci e d arabi, da i q u a li a n cor a
oggi p r en d e a vvio la con sid er a zion e stor ica 4*.
N ella p r im a m età d e l x x secolo la t r a d izion e p osit ivista p r osegu e,
d a n d o or igin e d a un la t o a r icer ch e er u d it e sp ecialm en te a tten te agli
asp etti tecn ici d el sap er e alch em ico: fr u t t o di qu esta im p osta zion e
son o i cap itoli s u ll’a lch im ia e le con n esse t ecn ologie n ella S t or ia d ella
t ecn o lo g ia di Ch a r les Sin ger , e la va sta in d a gin e d i Lyn n Th o r n d ik e
su lle fon ti d i t u t t e le scien ze occu lt e, con flu it a n ella m on u m en t a le H i ­
s t o r y o f M a g ic a n d E x p e r im e n t a l S c ie n ce 49.
L ’altro asp etto d ello sviluppo stor iogr afico nel segn o della con ti­
n u ità m ette in eviden za il ruolo d ell’alch im ia nella storia della cultura.
In qu esto filon e si in scrivon o il ten tativo di riportare le radici d e ll’al­
chim ia alla filosofia gr eca, di Ar th u r J . H op kin s (1934), e soprattu tto
la sottolin eatur a degli aspetti religiosi n ella tradizion e alch em ica, in
particolare lo svilu p p o d el parallelo fra l’elixir e Cristo: fu per p rim o

267
A R C A N A S A P I E N Z A

W ilh e lm Ga n zen m u ller ad effettu ar e q u esta op er a zion e, ch e d i fatt o


ven iva a con ver ger e co n il m otivo cen tr ale d ell'in ter p r eta zion e d e ll’al­
ch im ia ch e Ca r i G u s t a v J u n g aveva com in cia t o a d elab or ar e n egli
a n n i Tr en t a 5°.
La p osizion e ep ist em ologica m en t e m atu r a d ella con cezion e d e ll'a l­
ch im ia com e esp r ession e d el « p r im o sta d io d ello sp ir ito scien tifico»
em er ge in u n au tor e ch e n on è p iù p ossib ile d efin ir e “p osit ivista ” , sia
p e r le coor d in a te cr o n o lo gich e in cu i si situ a il su o lavor o, sia p er la
com p lessità della su a in ter p r etazion e. P e r Ga st o n Bach ela r d (1937)
l’alch im ia h a r isp etto alla scien za q u alcosa “in p iù ” , ch e l'ep istem olo-
go in d ivid u a n ella d u p lice for m a di « ost a colo ep ist em ologico» , ch e
con tr a sta co n la p u r ezza d ella razion alit à scien tifica, e di « va lor e p si­
co lo gico » p or tat o d a l car a tter e sim b olico, q u ello ch e con tr a p p on e al
p r ou v er n eu tr ale d el ch im ico Y ép r ou v er a lch em ico a ffettivam en te co n ­
n ot a to, ver so cui Ba ch ela r d si sen te attr atto alm en o ta n to q u a n to vu o ­
le d ifen d er sen e.

Ta lvo lt a , co m e in segn a n te d i ch im ica , ho a vu t o o cca sio n e d i scop r ir e ch e il


d is ce p o lo d e l l a lch im is t a h a a n cor a la sua str a d a da fa r e n ella m en te d ei gio ­
va n i. P er esem p io m en t r e fa ce vo , in u n a m a t t in a d 'in ver n o, l'a m a lga m a
d 'a m m o n io (o b u r r o d ’a m m on io, com e a n cor a lo ch ia m a va il m io ve cch io
m a est r o) m en t r e im p a st a vo il m er cu r io sp u m eggia n t e, le gge vo n ei gio va n i o c ­
ch i atten ti la p a ssion e [...] e m i son o r icor d a t o d elle a n t ich e p a r ole d i Eir e-
n a e u s P h ila let es 51.

Ba ch ela r d d el resto si r ich iam ava esp licita m en te n ella sua t r a tta zion e
d e ll’alch im ia alla p osizio n e d i H élèn e M et zger , stor ica della ch im ica
m or t a ad Au sch w it z n el 1944, ch e p r o p on eva u n m et od o “filo s o fico ”
(cio è esp licit am en te a n ti-p ositivista) di lettu r a dei testi storici, co n t e ­
stu a lizza n d oli e in siem e n on r in u n cia n d o a coglier n e le str u ttu r e d in a ­
m ich e in u n o sfor zo d i com p r en sion e a n ch e a ffettiva 52. P a r t it o dal
co n fr on t o co n qu esta p osizion e, Bach ela r d si ap rì a ll’in ter p r etazion e
p sicolo gica d e ll’alch im ia p r op ost a da J u n g, e n ella Tetr a log ia d eg li
elem en t i a r r ivò a m etter e in atto n ella scr ittu r a, fatt asi lin gu a ggio a l­
ch em ico e n on d iscor so su ll'alch im ia, la ten sion e ver so l ’in tegr it à e la
tota lità scop er ta n elle d iver se esp r ession i d ella co n iu n ct io 53. La su p e­
r ior ità d ell’alch im ia r isp et t o alla filosofia a p p a r e or m ai n etta, co m e lo
er a in M a r y An n At w o o d , attu alizzan d osi p e r ò ed esp r im en d osi attr a ­
ve r s o l’im m a g in a zion e m a ter ia le scop er ta n ella tr a d izion e a lch em ica:
« I gioch i d i p en sier o d ei filosofi ch e co n d u co n o le lor o d ia let t ich e
d e ll’essere e d el n u lla in ton o p u r a m en te lo gico d iven ta n o d r a m m a t i­
ca m en te con cr eti d a va n t i alla lu ce che n a sce e ch e m u or e [...]. Tu t t o

268
14 . C H I M I C A S U B L I M E

è d r a m m a tico n ella vit a delle co se e d ell’u n iver so. La m ed ita zion e di


fr on t e alla fiam m a d iven ta , s eco n d o l’esp r ession e d i P a r a celso, una
ex a la t io u t r iu s q u e m u n d i (r esp ir o d i en tr a m b i i m on d i)» 54.

Note
1. N ewm a n , Pr in cip e (1998 ) in terp retan o in sen so op p osto questa sin on im ia. La
lor o ricostru zion e è però ip otecata d alla volon tà di con ten er e l’alch im ia d en tro i can o­
n i d ella ragion e scien tifica m od er n a ch e li por ta fin o ad asserire, con tr o ogn i evid en za
stor ica, ch e «il collegam en to d ell’alchim ia con tem atich e sp iritu ali è m olto p oster ior e
al xvii secolo» (p. 38, n ota 126).
2. Esp erim en to realizzato da J. J . Bech er nel 1670 , est r aen d o il fer ro da argilla e
olio di semi d i lin o, che eb b e rison an za fin an ch e nella Royal Society di Lon d r a
(Sm ith , 1994, p. 18).
3. Manget, Bibliotkeca Cbem ica Curiosa , Praefatio ad lectorem , cit., vol. 1, pp. 1-11.
Sul permanere dell’interesse per molti tipi di trasmutazione e distillazione n ella speri­
mentazione chimica del Settecento, cfr. (Abbri, 198 4, cap. 2). Sulle storie di trasmuta­
zione, Newman (1994, pp. 4-5) e Prin cipe (1998, cap. 4). Sulla complessità d ell’atteg­
giamento di Boyle al riguardo, Hunter (1990 ).
4. Abbri (2000).
5. Beretta (19 93, pp. xv-xvi e capp. 4-5). Abbri {1984). An che Multhauf (1966,
cap. 13) presenta ancora elementi d ’interesse per mettere a fuoco questo delicato
passaggio.
6. Abbri (198 4, pp. 14-9).
7. Tu gn oli-P attar o (198 3).
8. Abbri (198 4 , pp. 27-8 ).
9. Sul rapp orto con la dottrina delì'hu m idu m radicale cfr. Freudenthal (1990 ).
10. Abbri (198 4, p. 4 1).
11. Siegfried, Dobbs (1968 ).
12. A G . Ven el si deve la maggior parte delle voci relative alla chimica, a J. P.
Malouin quelle relative all’alchimia.
13. Newm an, Principe (1998 , p. 4 1).
14. Un n oto manoscritto settecentesco che riprende i motivi dei cicli icon ografici
rinascimentali è Paris, Bibliothèque Nationale, Fr. 14 6 75, che riporta le Figures d ’A ­
braham Eleazar (molte delle quali commentate in J ung, 1990 -91). Cfr. anche la Cabala
M in eralis di Simeon ben Can tara (ed. anastatica, Bailly, Paris 1986) e le immagini nel
trattato di Sabine Stuart Chevalier, Discours philosophique sur les trois principes, an i­
m ai’ végétal et m inéral, ou la clef du sanctuaire p hilosop hique , Paris 178 1.
15. N. Len glet Dufersnoy, H istoire d e la p hilosop hie herm éiiqu e , 3 voli., Paris
1742 (rist. anastatica, H ildesheim 1975).
16. L’opera è stata ristampata con il titolo breve da J ulian Press, N ew Yo r k
i9 6 0 , e questa edizion e è stata a sua volta riprodotta da a m s Press, New Yo r k (senza
data), alle cui pagin e rinvio nel testo.
17. Dam ton (1968 ); Teich er (1988).
18. Testi citati in Dam ton (1968 , p. 177).
19. Un ’am pia biografia si legge nell 'In troduzion e di Walter L. Wilm hurst all’ed i­
zione del 1918 (fon te delle pagine dedicate alla Atwood in J ung, 19 8 1b ), sulla base
dei ricordi di Isabelle de Steiger, amica della At wood e prom otrice dell’edizion e p o­
stuma del libro. Degli scam bi intellettuali fra l’autrice e la de Steiger danno un ’idea

269
A R C A N A S A P I E N Z A

gli aforismi riportati in appendice, Ta b le t a lk s a n d m em o r a b ilia o f M. A . A y w o o d b e ­


Il libro era n oto all’occultista Eliphas Levy già nel 18 55 e le idee
gun A u g u s t i8 6 0 .
dell’autrice si diffusero fra gli esoteristi del circolo della Gold en Dawn (Merkur 1990 ,
P- 35>-
20. Questa unità vitale è indicata con il n om e di Th ir d life nei Ta b le t a lks. Il
termine non compare nel testo, ed è probabilmente il fr utto di ulteriori riflessioni e
forse di ulteriori letture dell autrice.
21. Questo richiamo della Atwood al mistero centrale del cristianesimo (379) la
collega alla tematica della resurrezione dei corpi affacciatasi n ell’alchimia medievale
delTelixir. Ma, guardan do avanti, p u ò anche far pensare alle ricerche sulla «circolazio­
ne del ch ’i» d ell’alchimia taoista { Il seg r et o d e l fio r e d ’o r o , in J ung, Wilhelm , 198 1), e
soprattutto agli esperimenti di Sri Aurobin do e Mère, alla ricerca del “segreto perdu­
t o”, T«anima presente in n oi quanto nelle cose»: Satprem (19 9 1, pp. 34, 64).
22. In particolare n el cap. 4 della terza parte dell’opera, che contiene v a r ious
p r a ct ica l ins t r uct io n s .
23. J ung (1990 -91, vol. i, p. 132).
24. P iù con ven zion ale ma n on p rivo d ’in teresse il tr atta to d ’alchim ia scr itto da
u n ’altra d on n a alla fine d el xvin secolo: Stuart d e Ch evalier , Disco u r s p b i lo s o p b iq u e ,
cit.
25.Gr ay (1952). L ’idea di “scienza goethiana” come “incontro della mente col
m on do n aturale” è anche analizzata in rapporto a problem atiche epistem ologiche con ­
tem poran ee da Bohm (198 2), ed è coltivata n ell’ambito della filosofia steineriana:
Koepf, J olly (1978 ).
26. Raphael (1965).
27. Alice Raphael - la traduttrice del Fa ust in inglese - ha realizzato una detta­
gliata disamina dei m otivi archetipici presenti nel Fa u s t 11 e nella M à r cb e n (Raphael
1965). Molto più generica Centeno (19 77). Cfr. infine Bonardel (1993, pp. 187-200 ).
28. Cfr. Debus (19 77, voi. 2, pp. 547-53).
29. Martin (1975). H itch cock scrisse anche un libro su Sweden borg e volumi su
Spenser, Shakespeare e Dan te, e recensì la traduzion e inglese della Ge s ch ich t e d er A l -
che m ie di Hermann Kop p , uno dei primi lavori della storiografia positivista sull’argo­
mento.
30. R e m a r k s , p. 117, cit. in Martin (1975).
31. R e m a r k s , pp. iv-v.
32. Le n otizie biografiche su Silberer sono desunte da Martin (1975).
33. G e b e i m e Fig u r en d er R o s en k r e u t z e r a us d e m i6 t e n u n d 17t en Ja b r b u n d e r t ,
Alton a 178 5-90 . Il raccon to è ripreso in apertura del volume di Silberer, ch e leggo in
una riedizione della traduzion e del 19 17: H id d e n Sy m b o lis m o f Alcb em y a n d t b e O c ­
cu lt A r t s , Dover Press, N ew York 19 71, cui si riferiscono i rinvìi nel testo. Dal titolo
d ell’edizion e più recente è scomparso il riferimento alla mistica, che era stato mante­
n uto nella prim a edizione della traduzion e inglese.
34. Su ll’origine “esisten ziale” del ricorso d i Silberer all’alchimia, cfr. Martin
(19 75, p. 12).
35. Qu esta distinzione presenta molte analogie con quella proposta da Freud in
una nota aggiunta alla In t e r p r et a z io n e d e i s o g n i n el 1925 { Op e r e, voi. 3, p p . 460-2).
36. H alleux {1980). Cfr . Peters (1968 ).
37. I due testi, pubblicati rispettivamente n el 1668 e 1648 , sono ristampati in
Manget, Bib lio t b e ca Cb e m ic a Cu r io s a , cit., vol. i, pp. 1-37 e 38-53. Cfr. Clericuzio
( i 995)-
38. D e o r t u , p. 37.
39. Cfr. infr a , pa r . 15 .1, e n ota 1.

2 70
1 4 - C H I M I C A SU B L I M E

40. Naturalmente si tratta degli alchimisti.


4 1. Histoire d e la Philosophie herm étique (cfr. supra, nota 15), vol. 1, Preface e p.
1.
42. Ferguson (1954-57). Costruita com e un dizionario bio bibliografico degli au ­
tori e delle opere anonime, l'opera di Ferguson spesso costituisce an cora il punto di
partenza per la ricerca.
43. Beretta (19 92); Obrist (19 95), cui rinvio - quan do non diversamente indicato
- per i riferimenti agli autori dei secoli xvm e xix.
44. Goltz (19 72 b ).
45. Traité élém entaire de chim ie, Paris 178 9, p. xv.
46. È significativo che l’espressione “rivoluzione ch im ica” a prop osito di Lavoi­
sier sia stata utilizzata» partendo da spunti presenti n ell’opera stessa del chimico, da
Marcelin Berthelot (su cui cfr. infra ).
47. Berthelot (18 8 5, p. 282).
48. Cfr., all'in izio di questo volume, l’uso concreto fatto di Berthelot (18 8 5).
L’altra sua importante realizzazione, La Ch im ie au Moy en A g e {18 93a) è dedicata al­
l’alchimia araba e latina, ed è sicuramente superata per ampi e importanti settori, ma
anch’essa d ev’essere tenuta tuttora presente nei lavori di ricerca sulle fonti. Di en ­
trambe le opere esistono ristampe anastatiche realizzate dagli editori Zeller di Osn a-
bruck e Cu lture et Civilization di Bruxelles.
49. Singer (1961-8 4); Thorn dike (1964).
50. Sull’interpretazione di H opkins cfr. supra, c a p . 3, nota 24. Ganzenm ùller
(1940 ).
51. Bachelard (1992, p. 54).
52. Freuden thal (1987).
53. Gam bazzi (1989).
54. La fia m m a d i una ca n d ela , cit. in Gam bazzi (1989).

271
15

L a G r a n d e O p er a

Cattedrali15alchem
1
iche
La difficoltà della collocazion e epistem ologica d ell’alchim ia si fa evi­
dente qu an d o la sua storia cessa di essere con siderata parte della
“storia della ch im ica ”, per essere in tegrata dapprim a nella Ku lt u r g e-
sch ich te e poi, ver so la metà d el xx secolo, nella n uova storia del p en ­
siero scientifico. Ma proprio questa d ifficoltà m ostra che c ’è d ell’altro
nel cam p o del p en sier o rispetto a ciò che è stato defin ito “filosofia” e
“scien za” nel cor so della storia occiden tale: il valor e psicologico, ch e
era stato attribuito all’alchim ia già n elle in terpretazion i m itico-sim bo-
liche del tardo Rin ascim ento e ch e oggi è ribadito dalla psicologia del
profon d o, in dica che in essa è presen te un con ten u to significativo
non an cora pien am en te in tegrato nella razionalità occiden tale.
Questa riflession e si incontra con qu ella di un epistem ologo com e
Gaston Bach elar d e di storici d el pen siero scien tifico com e J oseph
Needham e W a lt er Pagel; ma for se il segn ale più forte in questa stes­
sa direzion e è il perm anere della tradizion e erm etica ben oltr e tutti i
processi storici che avrebbero p otu to segnarne la fine '. Si d evon o
dun que p ren d er e in con siderazion e, sia p u r e nei lim iti im p osti dal ca ­
rattere di qu esto studio, le ar gom en tazion i di quan ti si p r op on gon o
com e i veri er ed i della tradizion e alch em ica, la cu i storia h o cercato
fin qui di ricostruire m ostrando com e essa propon ga un uso della ra­
gione e una con cezion e del r ap p or to fra um an ità e n atura ir ridu cibili
alla con cezion e oggi dom in an te della razionalità scien tifica ed alla
prassi tecn ologica.
Né la n atura di questo libr o né la form azion e d ell’autrice perm et­
ton o tuttavia di dar conto della p rod u zion e strettam en te interna ai
circoli erm etizzan ti, difficile da delim itare dall’estern o di essi e spesso
sem plicem ente ir r a g g iu n g ib ile P e r quel che p er m etton o di com-

273
A R C A N A S A P I E N Z A

pren d er e i libri ch e ne portan o i con ten u ti all’esterno, offr en d on e pe­


raltro l’accesso in forme di com u n icazion e m olto diver se da quelle
della saggistica storica, essa con tin ua a ripetere i m otivi codificati nel­
la tradizion e d ell’alchimia rinascim entale, m etten doli a fu oco su
espression i diverse del fare, di cui le prin cipali son o l’operatività spa-
girica e la creazion e artistica 5.
Della p r od u zion e esoterica del N ovecen to il titolo forse più noto,
anche se n on sem pre alla con oscen za d el titolo fa seguito u n ’effettiva
lettura d ell’oper a, è quello d e II m ist er o d elle ca t t ed r a li , cap olavoro
d ell’alchim ista fran cese Fulcanelli, cu i si deve anche u n ’altra m on o­
grafia centrata sulla “fissazion e” dell 'op u s nella pietra da costruzione,
L e d im or e f ilo s o f a li 4. Il m otivo sim bolico del com p im en to d ell’opera
nella pietra, legan dosi a suggestion i m assoniche ben com pren sibili a
partire dalla con flu en za della trad izion e rosacrociana n elle prim e log­
ge, aveva p r od otto fino dal xvi secolo una serie di leggen d e relative a
n um erosi edifici considerati sia oper a d ’alchimia ch e espression e alle­
gorica d ell 'opus: l ’arcata del cim itero degli In n ocen ti legata alla leg­
gen da di Flam el n e è il prototip o; la casa di J acques Coeu r a Bour-
ges, l’h òtel Lallem an t sem pre a Bour ges e l’hòtel d ’Escoville a Caen,
il castello di Dam pierr e-sur -Bouton n e, il palazzo delTEscorial vicino a
Madr id son o i casi più famosi; ma il lor o significato alchem ico, ana­
lizzato sen za p regiu dizi ma criticam en te, risulta essere un m ito da
sfatare \
Davver o legati all’alchim ia, an che se con m odalità diverse, sono
in vece altri lu oghi architetton ici celebri: lo stu diolo di Fr an cesco d e’
Med ici a Palazzo Vecch io a Firen ze, d ove gli affreschi dello Stradano
dedicati ai qu attro elementi e al r ap p or to fra arte e n atura, oltre alla
posizion e cen trale e segreta n el palazzo, ne facevan o un lu ogo ideale
per m editare su ll’alchimia il palazzo costruito da Pierre J ean Fabre
a Casteln audary con i proven ti legati alla sua attività alch em ica 7\ infi­
ne, u n ico luogo sicuram ente p rogettato e realizzato com e “architettu­
ra alch em ica ”, la P or ta Magica che da va accesso al giard in o di Massi­
m iliano Palom bar a, alchim ista rom an o am ico d ella regina Cristin a di
Svezia H.
Le leggen d e relative agli edifici alchem ici sono uno dei m olti m o­
tivi sim bolici in n estati sulla tradizion e codificata alla fine d el Med ioe­
vo. In realtà, il tem a della d om u s n on aveva avu to p articolar e riso­
nanza p resso gli alchim isti m edievali, anche se era stato introdotto
con la trad u zion e di Ibn Um ayl, il cu i testo con ten eva un motivo
spesso p resen te n e ll’alchimia islamica: la piram ide com e lu ogo di con­
servazion e dei segr eti dell’alchim ia. For se a causa delle difficoltà di

2 7 4
15- LA G R A N D E O P E R A

tradu zion e il m otivo n on ven n e ricon osciu to, e gli un ici cen n i alla
form a piram idale nei m anoscritti latini m edievali con cer n on o vasi e
f o r n i E anche p ossibile che la con trap posizion e istituita n el Testa ­
m en t o di Morien o fr a la costr u zion e di un a casa e la con cezion e di
un essere um an o, con l’afferm azion e ch e solo qu esto secon d o p r o­
cesso è m od ello dell'o p u s , ren desse in un prim o tem p o difficile l’e­
m ergere di an alogie ar chitetton iche. Il sign ificato allegorico della pira­
m id e ven n e in trod otto nei testi alch em ici rinascim entali più sp regiu­
dicati n ell'elaborare sim bologie cabalistich e, astrologiche e m itologi­
che, cui si affiancò presto Tin terpr etazion e alchem ica di edifici del­
l ’antichità classica ed egizia
Forse preceden ti rispetto alle leggen d e sulle d im ore filosofali, e
certam en te p iù pregn an ti, son o qu elle relative al sign ificato alchem ico
di alcune chiese, com e Saint-Sernin di Tolosa o la cattedr ale di Sens,
ma soprattutto quella di Parigi, Nótr e-Dam e. L ’origin e della sim bolo­
gia alchem ica degli edifici di cu lto p ar r ebbe derivare dalla con ver gen ­
za del riferim en to arch itetton ico n ella leggen da di Nicola s Flam el con
gli sviluppi occid en ta li della barba di Ibn Um ayl, ch e n ell'A u r or a
Co n su r g en s era diven uta la “casa della Sapien za” e n el ciclo icon o­
grafico relativo era stata raffigurata con tratti che la fan n o som igliare
ad una chiesa cristiana. Ven iva in tal m od o visualizzata la con ver gen ­
za del m otivo alch em ico dell’elixir con il tem a cristian o della salvezza,
aspetto dottrin ale che trova riscon tro nella diffu sion e d ell’alchim ia fra
religiosi e sacerdoti, messa in lu ce da tanti docum en ti m edievali. Non
c ’è da stupirsi se, secon d o la testim on ian za di Geor ge Ripley, gli al­
chim isti inglesi del su o tem po si riunivano nella cattedr ale di West­
minster 11; e p er qu an to m an chin o in dicazion i esp licite su questa
usanza nel Med ioevo, n on è im p ossibile ch e p roprio le chiese fossero
il luogo in cu i gli alchim isti presen ti in un a città si in con travan o e si
ricon oscevan o ,2.
Nel xvi secolo l’alchim ista Den is Zecair e aveva in dicato la catte­
drale di Parigi com e il lu ogo in cu i gli alchim isti della capitale fr an ce­
se si radunavano: « N on passava giorn o, in particolare le feste e le
dom eniche, ch e non ci ritrovassim o a casa di qu alcu n o - spesso a
casa mia - o a Nòtr e-Dam e la Gr an d e, ch e è la chiesa p iù frequen ta­
ta di Parigi» Su questa constatazion e, an cora di carattere cron ach i­
stico, s’in n estò una fioritura di m otivi sim bolici collegati alla figura
della Ver gin e, in crescen d o fino al xix secolo, ch e vide la d ivu lgazio­
n e letteraria d el m otivo con Victor H u go, fin ché il cer ch io si chiuse
nel 19 io con il fr on tespizio del M is t er o d elle ca tted r a li d i Fulcanelli,
che presenta sullo sfon do la piram ide e la Sfinge.

2 75
A R C A N A S A P I E N Z A

Insieme allo svilu pp o dei m otivi sim bolici della tradizion e la con ­
tinuità operativa trovò espressione n elle op er e di spagiria, b en rap­
presentate agli in izi del x x secolo d a Ren é Félix Allen dy; en tram bi gli
aspetti dell'alch im ia tradizion ale son o presen tati sin teticam en te da
Eugèn e Can seliet, ch e si dichiara allievo di Fulcanelli I4. Per quan to
bu on a parte della tradizion e esoterista ten da a relegare l'alchim ia al
ristretto am bito operativo, p rivan don e di ricon oscim en to le istanze
teoretiche di car attere più ampio, m en tre altri autori la “salvan o” pri­
vilegian don e l'asp etto spirituale separ ato dal lavoro m ateriale I5, l'in-
scin dibilità delle tem atiche spirituali e filosofiche da qu elle d i la bor a­
torio con serva n elle op ere di Fu lcan elli e dei suoi seguaci il tratto
peculiare e or igin ario della ricerca alchem ica. L'in attualità della loro
scrittura, che ad otta i m oduli retorici della tradizion e, n on sem bra d i­
m inuirne l'attrattiva presso i lettori contem poran ei, e in siem e al sim ­
bolism o religioso sem pre più accen tuato segnala il p er m an ere n ell’u ­
niverso della tecn ologia di un’esigen za di collegam en to con l'an im a
del m ondo, ch e tuttavia è emersa con ben altra incisività nella cultura
con tem poran ea con l ’in terpretazion e dell'alchim ia data da Car i G u ­
stav J ung.

15 . 2
M y ster iu m Co n iu n ct io n is

« Qu ello di J u n g è stato il primo ten tativo, am piam en te riuscito, di


com pren sion e dell'alchim ia»: in qu esti term ini Walter Pagel salutava
la p u bb licazion e di Psicolog ia e a lch im ia , aggiun gen do che «se non
l ’in tera storia d ell'alch im ia, egli ha però affron tato il suo “segre­
t o ”» ,r\ Ven iva così m esso in luce l'elem en to centrale d ell'in ter p r eta­
zion e junghiana, che collega l’alchim ia - intesa come fen om en o stor i­
co - e la p sicologia del p r ofon d o n el ricon oscim en to del carattere
sim bolico di en tram be. «Il sim bolo [...] an dr ebbe in teso com e u n ’i­
dea intuitiva ch e n on p u ò essere form u lata altrimenti o m eglio» 17, ed
è questo il sign ificato ch e J ung attr ibuisce alla meta d egli alchim isti,
l ’oro “non vo lga r e” o Pelixir, che n ella sua in ter pretazion e prefigura
il Sé, ovvero la m eta del processo d ’in d ividuazion e, l’in tegr azion e d el­
la personalità. Ma, com e abbiam o già spesso sottolin eato, la m eta d e ­
gli alchim isti è l ’agen te ch e p rod u ce la perfezion e m a t er ia le ; di con se­
gu en za l’in tegr azion e di ordin e p sicologico, ch e costituisce lo scop o
del processo an alitico, n on esaurisce il sign ificato sim bolico del lap is
p h ilos op h o r u m , m a ne è piuttosto un 'esp ression e analogica e p ar zia­
le ,s.

2 76
1 5 - L A G R A N D E - O P E R A

Di ciò si mostra con sapevole J ung (non sempre in vece i su oi se­


guaci), che nell'ultim a opera dedicata all’alchim ia, il M y s t er iu m Co-
n iu n ct io n is , scriveva:

A lla b a s e d e ll’a lch im ia s t a u n a u t e n t ico e g e n u in o m is t e r o ch e , a p a r t ir e d a l


d icia s s e t t e s im o s e co lo , v e n n e i n t e s o - in m a n ie r a in e q u ivo ca b ile - i n s e n s o
p s i c h i c o . A n c h e n o i m o d e r n i n on p o s s ia m o ve d e r v i a lt r o ch e u n p r o d o t t o
p s ich ico [...]. N o n p r e t e n d o p e r ò c h e l’in t e r p r e t a zio n e p s ico lo g ica d i u n m i­
s t e r o d e b b a n e ce s s a r ia m e n t e co s t it u ir e l'u l t i m a p a r o la [...] la p s ico lo g ia p o t r à
p u r e s p o glia r e l ’a lch im ia d e i su oi m is t e r i, s e n za p e r ò r iu s cir e a s ve la r e i l m i ­
s t e r o d e i m i s t e r i . D o b b ia m o p e r ciò a t t e n d e r ci c h e , in u n t e m p o fu t u r o , il n o ­
st r o t e n t a t ivo ve n ga co n s id e r a t o co m e m e t a fo r ico e s im b o lico , a llo s t esso
m o d o in cu i n o i a b b ia m o fa t t o p e r l ’a lch im ia ,<J.

Non è l’alchim ia ad essere un mistero: l’alchim ia è un sapere stor ica­


mente costituito, che p u ò essere in dagato com e ogni altro e p u ò esse­
re inteso o frainteso, usato o abusato com e ogni altro. Ciò in cu i ri­
siede i l m is t er o d e i m is t e r i è il suo f o n d a m e n t o , e cioè il r app or to fra
la materia e lo spirito. Per questo l’attività degli alchim isti n on p uò
essere con siderata un ’espression e d ell’in con scio (com e i sogni o le fia­
be) ma va ricon osciuta com e u n ’indagine o p er a t iv a e co s cien t e volta a
s p er im en t a r e , p r o d u c en d o lo y un “oggetto” an cora scon osciuto.
E per qu esto m otivo, e non perché i testi alch em ici siano “sogn i”,
che J ung p otè ricon oscere «n ell’alchim ia l ’equivalen te stor ico della
psicologia d ell’in con scio» , com e egli stesso raccon ta n ell’au tobiogr a­
fia 2°. L ’esigenza di un riscon tro oggettivo p er le din am iche della p si­
che esposte sistem aticam ente n e L ’I o e V in co n s cio (1928) era acu ta­
mente avvertita da J u n g all’epoca. L ’alchim ia gli offr ì un term in e di
paragone che, ben ch é n on possedesse l’oggettività for te delle scien ze
sperimentali cui lo p sicologo zurighese aveva guar dato nei suoi p rim i
lavori sull’associazion e verbale, tuttavia, in qu an to fen om en o storico,
era com un que esterno al s et t in g analitico e alla ricerca in trospettiva in
cui le figure del p rocesso d ’in dividuazion e si erano, per così dire, m a­
nifestate. L ’alchim ia, attraverso la sua tradizion e testuale, con d u sse
J ung alla storia com e cam p o di ricerca, n el quale ritenne di aver t r o­
vato un terreno di con fr on to con le p rop r ie esperien ze.
La letteratura alch em ica di cu i J un g si servì era quella con ten u ta
nelle gran di raccolte d ei secoli xvi e xvn ; oltre ch e ai testi la sua
attenzione si rivolse su bito, com p ren sibilm en te, ai gran di cicli di im ­
magini, sicché i volum i “alch em ici” della raccolta di opere com p lete
(e n on solo quelli), costituiscon o un ricchissim o “alb u m ” d ell’icon o­
grafia alchem ica, facilm en te accessibile an che se cron ologicam en te d i­
sordinato e non sem pre rigorosam en te delim itato 21.

2 7 7
A R C A N A S A P I E N Z A

Il R o s a r iu m p h ilo s o p h o r u m con il ciclo di im m agin i illustranti le


“n ozze ch im ich e” del re e della regin a scan disce la riflession e p sicolo­
gica sul transfert, n ell’opera che più linearm ente u t iliz z a la sim bologia
alch em ica p er con fron to e riscon tro delle din am iche psichiche: la P s i­
co lo g ia d ella t r a sla z io n e , p u bblicata nel 1946. Ma già in alcuni saggi
p reced en ti, raccolti poi n el volu m e Ps ico log ia e a lch im ia (1944), J un &
aveva in trecciato alla ricerca sulla sim bologia alch em ica com e espres­
sion e del p rocesso d ’in dividu azion e una lettura p iù direttam ente
orien tata alla com p ren sion e d ell’alchim ia com e fen om en o storico in
sé e del su o legam e con la problem atica religiosa d ell’Occid en te cr i­
stiano.
La materia, con la sua sim bologia di or d in e fem m in ile e con il
suo legam e col male e il chaos, costituisce il prin cip io m ancante nel
sim bolo trin itario del p rin cip io d ivin o, il “qu ar to dei t r e ”, la cui rein ­
tegrazion e è richiesta dal carattere di quaternità con cu i il con ten uto
n u m in oso d el Sé (l’im m agine divin a) si presenta n el processo d ’in d i­
vid uazion e 22; la ricerca alchem ica, orientata al perfezion am en to della
m ateria, m ostra dun que il p rop r io carattere di com plem en tarità ri­
sp etto alla d ogm atica cristiana. Il lavor o sulla materia riabilita sim bo­
licam en te la polarità fem m inile e oscura della realtà, qu ella che ch ia­
m iam o “m ale”, ch e la teologia cristiana di Agostin o, d op o la sconfitta
d ello gn osticism o e del m an ich eism o, aveva privato di realtà on tolo­
gica.
La lettura junghiana d ell’alchim ia si esplica an che n ei saggi r accol­
ti in Ps ico lo g ia e r e lig io n e , sopr attu tto ne I I s im b o lo d ella t r a sfo r m a zio­
n e n e lla m essa (1942); m en tre alcu n i momenti chiave d e ll’alchimia o c­
ciden tale ven ivan o in dagati nei saggi dedicati a Zosim o, a Paracelso,
allo “spirito M er cu r io” e al sim b olo dell’alber o, ch e insieme con il
com m en to al S e g r et o d e l f io r e d 'o r o sarebbero stati r accolti nel volu ­
me xiii delle op er e com plete, gli S t u d i s u W a lch im ia .
Era stato nella lettura del S e g r et o d el f io r e d 'o r o , un testo d ’al­
chim ia taoista ch e insegn ava a far circolare l’energia vitale all’interno
del cor p o um an o in or d in e alla sua trasform azione, ch e J ung aveva
in izialm en te p er cep ito il sign ificato ed il r ilievo d ell’alchim ia p er la
p ropr ia ricerca. Qu an d o an cora con osceva p och issim o i conten uti
della tradizion e alchem ica occid en ta le, in una nota estrem am en te rile­
van te del suo com m en to al S eg r et o aveva m esso in relazion e la ricerca
cin ese d ellelixir interno { n e i t a n ) con il tem a cristiano del corpo sp i­
rituale, che abbiam o visto em ergere nelTalchimia m ed ievale 2\ G u i­
dato da questa in tuizion e origin aria, J ung giu n se a n om in ar e il segr e­
to d ell 'op u s com e co n iu n ct io o p p o s it o r u m : l’un ion e d egli opposti (il
perfezion am en to della m ateria o la sua trasm utazione in “materia sp i­

2 78
1 5 - 1. A G R A N D E O P E R A

rituale”) ch e, im possibile da esprim ere in qualsiasi lin gu aggio con cet­


tuale, si cela e si manifesta nella Gr an d e Oper a alchem ica.
L'u ltim o scritto dedicato da J ung all'alchim ia, ch e è an ch e l’ulti­
mo lavor o di gran de respiro da lui p u bblicato p och i anni prima di
morire, è infatti qu el M y s t er iu m Co n iu n ct io n is in cui il f o n d a m e n t o
dell’alchim ia viene in dagato più a fon d o che in ogn i altro tentativo
in terpretativo d ’età m oderna, attraverso una lettu r a di testi-chiave
della tr adizion e alchem ica postm edievale: Ripley, il paracelsian o
Dorn , Ab r ah am Eleazar sono i prin cipali autori con siderati. La lettu­
ra di J u n g n on è im postata storicam en te m a erm en euticam en te, e sen­
za d u b b io sottovaluta il versante op er ativo storicam ente pertin ente al­
l ’alchimia - l'u n ico sviluppato n elle ricerche storico-chim ich e - per
privilegiarne l’espression e sim bolica. Ciò n on ostan te, arriva sulla so­
glia d ell’in tuizion e che la c o n iu n ct io ricercata è qu ella della materia e
dello sp irito in un “lu ogo” in term edio, adom brato nel richiam o alla
«form a p sicoid e che è alla base di ogni rappresen tazion e ar chetipi­
ca» 24, lu ogo in term edio (m e t a x ù ) che em ergeva n egli stessi anni con
la n ozion e di im a g in a le elaborata dall’islamista H en r i Cor b in 25: l'in ­
tegrazion e di coscien za e m ateria nella p siche um an a e nella relazione
col m on do.
Nel M y s t e r iu m , seguen do il paracelsiano Ger h a r d D o m , J ung
com p ren de ch e l’apparizion e d el “quarto dei t r e” (cioè della materia
com e in tegrazion e del prin cip io divin o trinitario) n el p ercor so d ’in di­
vid uazion e è sì il sim bolo della totalità, ma non n e è la realizzazion e
ultima; in dica infatti la mera possibilità del suo produr si, ch e piena­
mente si dà solo n ell’un ione d ell'u om o - purificato e dotato del cor ­
po p er fetto - con il «m on do d el prim o giorn o d ella creazione». E
questa l'esperien za ch e Dor n aveva in dicato col n om e di u n u s m u n -
d u s , e ch e J u n g poteva r icon oscer e an che nelle p ar ole di Mary An n
Atwood sulla «con oscen za di sé che possa essere un a via di con o­
scenza della natura un iversale» 2<s. Su questa soglia J ung si ferma,
con sapevole d i aver raggiunto «i limiti di ciò ch e poteva afferrare
scientificam ente, l’essenza d ell'ar ch etip o in sé, su cu i non si posson o
più fare afferm azion i scien tifiche» 27.
La soglia sfiorata da J ung è stata varcata da d u e con tin uatori della
sua op er a, Marie Lu ise von Fr an z e Robert Gr in n ell. Von Franz,
stretta collabor atr ice di J un g ed editrice ò d i? A u r o r a Co n s u r g en s 28,
sviluppa l'in tu izion e alchem ica collegan d ola all’idea di sincronicità, da
lei defin ita com e «un a d isp osizion e significativa d egli eventi n ell’uni­
verso, sim ile alla coscien za u m an a [...]. In base a questo prin cipio,
che ci è an cora in teram ente scon osciu to, il m acrocosm o e il m icroco­
smo di fatto si am algam ano in un a realtà totale e unitaria psico-m ate-

2 7 9
A R C A N A S A I U I 'N / A

I Ki UKA 15
II s o le e la lu n a , il m a s c h ile e il Fem m in ile, la m e n t e e la m a t e r ia si u n is c o n o n ella
G r a n d e O p e r a d e ll’a lch im ia

R o 'i ir i u w P h ilo s a p h t ir u m U a k s i m i L- ik-r i l l i i s t n o r t c n I .r ^ t a u s g a h c Frankfurt 15 5 0 ) , e J |. T c l l c


vi 11, W e i n h c i m p . u.i.

2 8 0
15 - L A g r a n d e o p e r a

riale o an trop o-cosm ica» 29. Gr in n ell invece, r im an en do all’in tern o


del set tin g analitico, utilizza il lin guaggio alch em ico p er descrivere
«quei processi da J ung chiam ati “p sicoid i”: processi cioè che n on
posson o essere definiti con sicurezza solo com e “m ateria” né, d 'altr a
parte, posson o esser con siderati solo com e “sp ir ito”» 3°.
Si ripresen tan o in questi svilu pp i della lettura jun ghian a d ell'al­
chimia i temi erm etici fon dam en tali, la corrispon den za fr a m acr oco­
smo e m icrocosm o e la con tin uità di materia e spirito, espressi n el
lin guaggio psicologico che, al con trario di quello erm etico, è accettato
nella m odernità. Oggi, qu an do la fecon dità dell'in ter pr etazion e di
J ung, percepita da Pagel, com in cia ad essere com m isur abile con gli
sviluppi della ricerca storica in senso p roprio }I, e l'im portan za del
lin guaggio alchem ico com e com p en sazion e e cor rezion e d el lin guag­
gio occid en tale, che «è la sede cr on ica della nostra n evr osi colletti­
va» i2, è am piamente recepita in am bito clin ico, l'ap er tu r a all'in tegra­
zione fra cor p o e spirito e fra esseri um ani e m on d o - le du e coor d i­
nate dell'agir e alchem ico - p uò essere letta, da chi n on si ponga in
atteggiam ento p olem ico né settario, com e il con tribu to p iù p roprio di
Cari Gu stav J ung a quella tradizion e alchem ica al cui stu d io « si v id e
con dann ato» dai suoi sogn i )3.

Alchimia e modernità
Si deve du n qu e a J ung il gesto d ’im portan za capitale p er la rein te­
grazione del portato p ropr io d ell’alchim ia nella cultura con tem por a­
nea. A differen za degli alchim isti form atisi n ell'alveo dell'esoterism o,
infatti, lo p sicologo zurighese n on eb b e dubbi su ll’im portan za di o f­
frire ai lettori con la massima ch iar ezza possibile - d i fatto p erò,
spesso, non molta! - i risultati delle lu n ghe ricerch e sui testi alchem i­
ci e sulle din am iche d ell’in con scio, la sua m ateria p r im a . Si può con ­
cordare con m olte delle critiche ch e gli sono state rivolte, da qu elle
più gen erali relative all’oscurità di m olte sue pagin e e alla ten den za a
ricon d urr e all'alchim ia ogn i espr ession e di sim bolism o rintracciata
nella vasta docum en tazion e storica di cu i si è servito, fin o alle tan te
possibili in dettaglio nella sua lettura d ei testi alchem ici. Ciò su cui
mi sem bra in vece im possibile discuter e è il rilievo del su o lavoro, ch e
tanto sul pian o p sicologico ch e su qu ello culturale si è proposto di
rimettere in com u n icazion e le istanze coscien ti con qu elle in om bra
perché rim osse o n on an cora em erse, verso un 'in tegrazion e espressa

281
A R C A N A S A P I E N Z A

sim bolicam ente dal Sé sul pian o dell'in dividu o, e dalia n ozion e dell V
n u s m u n d u s sul pian o del rapporto con la realtà.
A queste due forme di in tegrazione fa riferim en to una lettura d el­
l ’alchim ia radicata in quella parte d ell’esoterism o fran cese ch e orm ai
da tem p o ha cr eato canali di com un icazion e col più am p io m on d o
della cultura, in particolare con gli studi di An toin e Faivre, e che si
presenta assai lontan a dalle istanze an tim oderne espresse d ai seguaci
di Fulcan elli u . Fran^ oise Bonardel, la cui ricerca è in fluenzata an che
dall’an tropologia d ell’im m aginario di Gaston Du ran d , presen ta le
Gr a n d O eu v r e 55 a partire dalla «resurrezion e “oscu r a ” d ell’alchim ia»
che ved e in atto n ella cultura con tem poran ea *A. Sap er e doppiam en te
esoterico, perché “occu lta to” oltre ch e “occu lt o”, l’alchim ia è però,
per questa ricercatrice solitaria, un sapere m oder n o per la qualità d el­
l’im pegn o spirituale che espr im e nel lavoro sulla m ateria origin ato dal
desiderio d ’im mortalità. Il chiasm o erm etico fra cor p o e spirito viene
esplicitam en te richiam ato n ell’in troduzion e d e L a p b d o s o p h ie d e l ’al-
ch im ie e riportato ad una filosofia della natura in cu i «n atura e m ate­
ria n on posson o ch e essere una e animata», un a filosofia cioè che si
riallaccia alla con cezion e prem odern a e organ icistica della natura
com e figura fem m inile divin a.
La speciale m odern ità d ell’alchimia viene con trapposta da Bon ar­
del n on solo all’im m obilità della tradizion e occu lta , ma an che e so­
prattutto alla defin izion e m odern a della razion alità, che esclud e l’a l­
chim ia n on r icon oscen do ch e la ragion e umana possa essere orientata
da un fin e con cep ito com e valore. Per l’autrice, d el resto, il m odello
d ell’alchim ista auten tico è Erm ete, non il Faust o il Prom eteo di cui
parlano gli storici della scien za o della religion e *7: essa individua anzi
nei secoli xvii-xvm uno slittam en to graduale dalla posizion e erm etica
a quella p rom eteica, accom pagn ato da un allontan am ento d al caratte­
re di totalità dell 'oeu v r e, ch e finirà per essere sostituito dalla visione
rom an tica dell’alchim ia com e n igredo e dalla esaltazione del suo
aspetto n otturn o, ch e Bon ar d el legge nei poeti d ell’Ottocen to e nei
surrealisti, e che torn a n el carattere faustian o di Zén on , il p rota gon i­
sta d ell’Op er a a l n er o di Marguer ite You r cen ar , il più bel rom an zo a
tem a alch em ico d el n ostro tem p o 58.
Il lib r o di Bon ard el tocca un p o’ tutti i m om en ti del percorso sto­
rico d ell’alchim ia con una im postazion e n on storico-d escr ittiva ma er ­
m en eu tica, con cen tr an dosi soprattu tto sulla presen za esplicita del
tem a alch em ico n ella cu ltur a rom an tica e postrom an tica, di cu i sotto-
linea l’am biguità costitu ita d a ll’entrata e dalla perm an en za n ella notte
com e sostitu to dell 'op u s. N ella poesia e nella m u sica dei secoli xix e
x x il richiam o all’alchim ia è infatti fortem en te presen te, ma il ritrarsi

282
15- LA G R A N D L OP ER A

degli artisti d al lavoro della vita, nel territorio d ell’estetica, ha p r o­


d otto un con flitto fra scrittura e “in car n azion e”, ch e im pedisce ch e la
lor o cr eazion e possa d avver o essere considerata la Gr an d e Op er a. E
tuttavia Bon ard el ritiene che in autori com e Rilke e H eid egger la
poesia s i sia f a t t a alchim ia in virtù della ricon osciuta «vocazion e on t o­
logica» di salvaguardia dell'esser e, mentre in An ton in Ar taud e in
J un g in divid ua le d ue facce, qu ella tragica e qu ella gnostica, del
dram m a con tem poran eo di una cultu ra devitalizzata e d es-o u v r ée.
Com e si p u ò capire, la p osizion e della filosofa francese in r ela zio­
ne alle problem atich e della civiltà con tem poran ea è vicina a qu ella
heideggerian a, ma lo scavo nella tradizion e alchem ica la porta lon tan o
dal n ich ilism o, di cui anzi si presenta com e una critica tenace ed a cu ­
ta, cap ace di riprop orre in term ini attuali una vision e ottim istica del
rapp or to fra esseri um ani e m on d o L ’essen ziale d ell’alchimia è in ­
dicato nel «processo di trasform azion e in teriore che perm ette alla n a ­
tura e all’um an ità di lavorare l’un a per l’altra verso la loro p u r ifica­
zion e» 4°, precisan do ch e il la v o r o f ilo s o f a le , possibile risposta al p er ­
corso filosofico dell’Occid en te, con siste in una vera e propria assun ­
zion e di r es p o n s a b ilit à p e r la ter r a . La legittim ità d ell’autod en om in a­
zion e degli alchim isti com e filosofi diventa legittim azion e della ripresa
della filosofia alchem ica «per m etter e fine all’unilateralità di un d i­
scorso che si sup pon e essere qu ello, quasi unanim e, della m od er n i­
tà» 41. Si p uò allora d ecid er e di visitare

il continente nero in cui il pensiero occidentale ha cessato, a un certo m o­


mento della sua storia, di volersi avventurare, a parte accoglierne, etichettan­
doli come “meraviglioso” e “fantastico” i sottoprodotti messi in pensione da
un’immaginazione divenuta inoperante perché inoperosa42, separati dal lavo­
ro d ’ispirazione alchemica [...] matrice simbolica di una prassi capace di
riannodare l’alleanza con le forze vive della creazione45.

15 .4
Trasformazione e cura del mondo

N el richiam o al “con tin en te n er o” Bon ard el si riferisce esplicitam en te


all’esp ression e utilizzata da Fr eu d per design are la don na e il fem m i­
nile 44 e r ipr opon e, sia pur e in term ini n on esattamente iden tici a
quelli junghian i, il nesso fra tradizion e alch em ica e sim bologia fem m i­
nile 45. E qu esto è il p asso ulteriore, e p er il m om ento l’ultim o, ch e
possiam o fare n el ten tativo di com p ren d er e la ten ace presenza d ell’a l­
chim ia an che al di fuor i dei cir coli esoterici, in una con tem poran eità

283
A R C A N A S A P I E N Z A

ch e sem brer ebbe n on avere p er essa n essu n o spazio. A con ferm a del­
la sensatezza di qu esto passo troviam o in sospettati richiam i a tem i o
im m agini d ell’alchim ia negli scritti di alcu n e filosofe ed epistem olo­
gh e con tem por an ee, ch e senza in scriversi in alcuna delle cor ren ti er­
m en eutiche o storiografiche fin qu i esam in ate in dican o, a ch i sappia
coglierla, un a n on tr op p o sotterranea affin ità fra la ricerca filosofica
fem m in ile e quella filosofale alchem ica.
Sim on e W eil ritorn a più volte su ll’alchim ia n ei Q u a d er n i , dove
son o presenti m olti tem i di fon d o che defin irei alchem ici in maniera
im plicita 4Ó. L 'op u s vien e soprattutto in d agato com e m od ello di azio­
n e, di lavor o m ateriale e insieme spirituale, com e possiam o cogliere
da due dei passi p iù espliciti, il secon d o d ei quali lascia an ch e intra­
ved er e qu alch e lettura sem idim en ticata e un a possibile connession e
con gli in teressi orientalistici d ell’autrice. «Esiste un a vita [...] pura,
bella e com p leta com e una statua greca? O una sola azion e ch e sia
tale? [...] [Socrate, Fran cesco d ’Assisi] Op u s alchem ico?» (i, 240);

L'alchimia non era forse un metodo per scomporre le materie impure, e se­
parare l’acqua e il fuoco, e unirli nell’oro? E ogni operazione chimica non
doveva essere accompagnata dall’operazione spirituale corrispondente? Il
fuoco dell’acqua. Ecco perché l’oro ha virtù curative. Cina. “Oro vegetale’.
Analogia tra Toro e la linfa vegetale. Gli alchimisti consideravano la produ­
zione dell’oro una specie di matrimonio spirituale. Passo di non so quale
opera di alchimia sulla nudità dello sposo e della sposa quando, terminati i
preliminari, fidanzamento e nozze, essi giungevano all’unione nuziale. Unione
dell’acqua e del fuoco puri. Anche le pietre preziose sono unione di acqua e
fuoco. La pietra che nutre nel Graal provenzale è un equivalente dell’Euca-
restia. Anche il Cristo è a un tempo pietra e pane (iv, 352).

Ch e cosa aveva letto W eil su ll’alchim ia? Il riferim ento all’immagine


in iv, 352 sem bra un richiam o al R osa r iu m p h ilo s op h o r u m , ch e si con­
clud eva con le im m agini di Cr isto risorto e d ell’in cor on azion e di Ma­
ria, m entre alcun i passi dai Q u a d er n i in cui la luce, l’en ergia luminosa
ven gon o lette com e “n u tr im en to” sem bran o in dicare una possibile
con oscen za d el S eg r eto d e l f io r e d 'or o. Bon ardel afferm a del resto
esplicitam en te la «dim ension e filosofale» d el per corso d i Sim on e Weil
(la trasm utazion e del m ale, del p eccato in dolor e attraverso la trasfor­
m azione d ella parte im pura n ella parte p u r a di sé), m a ritien e che,
«divisa fra un am ore del m on d o creato ereditato dai Gr eci e un a dif­
fiden za quasi gn ostica p er la m ateria, S. W eil oscilli sem pre fra il ri­
con oscim en to del ruolo m ediatore d ell’alchim ia ed un rifiuto di vede­
re che tram ite essa p ren d e “co r p o” una speran za ch e trova la sua ve­
rità n ell’Eucar estia, definita (nella L et t er a a u n r elig ioso) la sola vera

284
1 5 - L A G R A N D E O P L R A

pietra filosofale» 47. È possibile a m io avviso ch e questa oscillazion e


abbia relazione con la valorizzazion e esclusiva d ella croce rispetto al
tema della resurrezion e, “m ir acolo” e n on “m ister o” per Sim on e 4X,
che non sembra ved ern e, o forse m eglio accettarn e, la cen tralità per
l’esperienza cristiana; m entre è propr io l’idea del corp o di r esur rezio­
ne che d à senso alTalchim ia m edievale e alla tradizion e ch e n e è d e­
rivata.
A questa dim en sion e è certam ente più vicina Maria Zam bran o. La
centralità della trasform azion e, all’op er a nella sua stessa ricerca, l’ha
con dotta a ricon oscere esplicitam ente un a valen za alchem ica nel p r o­
prio percorso. In Q u a s i un a u tobiog ra fia , del 19 8 7 , dichiarava:

E infine sorse questa definizione, che mi sia perdonata, della filosofia com e
trasform azione del sacro nel divino, e cioè come trasformazione di quanto è
viscerale, oscuro, passionale e perennemente oscuro ma aspira a essere salva­
to, nella luce [...]. L ’aurora risulta la mediazione tra il sacro e il divino [...].
È la salvezza; come di uno che è stato nel fondo di una miniera e sale alla
luce; è una salvezza che può anche essere alchimia, ma l’alchimia del pensie­
ro chiaro, della luce, e da qui viene la connessione con il culto per la Vergi­
ne Maria 4"\

Un anno prima aveva scritto: «Senza saperlo, d a molti anni an ch ’io


stavo pratican do l ’alchimia» ’°.
E possibile ch e l’attenzion e esplicita alla tem atica alchem ica p r o­
venisse a Maria Zam bran o da due fonti: la con oscen za d i lavori di
J ung, e la con su etudin e, durante gli anni della sua perm an enza in Ita­
lia, con Cristin a Ca m p o ed Elém ire Zolla 51. Ma la fon d am en tale in ­
tuizion e che gu id a la sua ricerca filosofica, ovver o che la filosofia m o­
derna ha reciso il legam e con le en tr a iia s , le viscere, la m ateria oscura
della con d izion e creaturale, e il suo ten tativo d i dare voce ad un a
“ragion e p oetica” che ristabilisca il n esso fra la vita e la p arola attra­
verso u n ’opera di trasform azione, han n o in sé origin ariam en te un a
stupefacen te con son an za con l’alchim ia 52.
In u n o scritto degli ultim i anni della vita dell’autrice, D e ll’A u r o r a y
la tem atica alchem ica affiora esplicitam en te più volte, tan to da p er ­
m ettere un p er cor so “alch em ico” del testo a p artire dal parallelism o
con qu ello forse più sin golare e più alto della tradizion e alch em ica
m edievale, X A u r or a Con su r g en s (e ricord iam o ch e anche la prim a
opera d i J akob Bòhm e s’in titolava A u r or a ). Zam br an o con osceva
r A u r or a Con su r g en s , ch e richiam a esplicitam en te 53. Molti dei m otivi
sim bolici che affioran o in D e ll1A u r or a (le acque prim ordiali, il fu oco,
la quin tessenza) son o ricon oscibili nelle pagine d ell’opera m edievale,

285
A R C A N A S A P I E N Z A

ch e in treccia il lin guaggio esplicitam ente alchem ico e q u ello mistico


in un p er cor so affin e a quello della filosofa, cui infine l’Au r or a si m a­
nifesta n ella «m isteriosa con giun zion e degli elementi» che p r od u ce la
nascita d ella parola: nascita ch e richiama il tema cen trale della tradi­
zion e m istica speculativa, la nascita d el Ver b o n ell’anima, sicché il
collegam en to d ell’alchim ia con il cu lto della Ver gin e va oltr e l’eco
d ell’esoterism o con tem poran eo, per raggiun gere le radici p rofon d e
del pen siero della filosofa spagnola.
In term in i vicin i a quelli della storiografia scientifica l’alchim ia si
affaccia in vece in un testo fon dam entale nella critica fem m in ista alla
scienza, S u l g en er e e la scien za di Evelyn Fox Keller 54. N e ll’in trod u ­
zion e, in cu i critica le categorie del pen siero scientifico occid en tale -
in particolare la con cezion e della natura com e oggetto di dom in io -
ch e son o fon d ate sul dom in io di genere e a loro volta ne fon d an o la
r ip r od u zion e, l’autrice indica infatti esplicitam en te n ell’alchim ia l’e­
sem pio di quella com un an za (o m eglio com un ione) fra m en te e n atu­
ra, senza cu i non p u ò darsi con oscen za efficace, capace di superare la
dicotom ia ch e op p on e la critica radicale della scienza (che n e ignora
l ’efficacia) alla «giustificazion e che trae alim ento da questa efficacia
p er con servare sostanzialm ente imm utata la tradizion ale filosofia della
scienza» 55.
Con sapevole di m uoversi su un ter r en o fortem en te problem atico
(n om inare la “n atu r a” si attira in evitabilm en te, in am bito ep ist em olo­
gico, accu se di in genuità e/ o di essenzialism o) Fox Keller ha in segui­
to argom en tato l’im possibilità a rin un ciare all’uso d i questo termine.
Di esso abbiam o an cora n ecessità per in dicare il m on d o dei fen om eni
prelin gu istici e preteor etici di cu i siam o parte e con cui dobbiam o
n egoziare la nostra sopravviven za, le n ostre rappresen tazion i, i nostri
risultati tecn ologici, p oich é «il lu ogo della forza reale nel m on d o è
fisico, non m entale» 5(\ H a così messo in chiaro il tema d el potere
della con oscen za am m etten do, com e gli alchim isti, che le “leggi di
n atu r a” oggetto della scienza son o il fr u tto tanto della m en te umana
qu an to d ella natura stessa. Al con trario della “scienza disin carn ata”
nata sull’id eologia d el dom in io e sulle sp oglie della natura, si p uò al­
lor a in dividuare p r op r io n ell’alchim ia u n a m odalità di con oscen za
fon data sul r icon oscim en to d ell’app arten en za reciproca di um an ità e
natura, e d ella responsabilità ch e con segue ad ogni in terven to di tra­
sform azion e.
Ciò ch e occorr e disfare n on è, p er l ’epistem ologa fem m inista, il
sapere scien tifico in qu an to tale, ma le d icotom ie gerar ch ich e che lo
m od ellan o occu ltam en te; è n ecessario rivelare ciò ch e rim ane im p lici­
to, nascosto nei discorsi della scien za 57. Q u i Fox Keller sem bra assu­

286
15. LA G R A N D E O P E R A

mere la p osizion e alchem ica stessa che cer ca di disoccultare l’occulto,


di rendere visibile l’invisibile, sapen do ch e “n atura” non è ciò che si
vede (l’oggetto della fisica), ma la forza strutturante la realtà ch e resta
invisibile ai sensi, se n on è ritrovata con un lavoro. Si ch ied e infine:
«la teoria fem m in ista ci ha aiutato a riconsiderare la scienza com e di­
scorso, ma non la scienza com e agen te del cam biam ento [...] quali
differenti possibilità d i cam biam ento p otrebber o essere im plicate da
questi differen ti tipi di rappresen tazion i?» 5*.
«Im magini, m etafore, miti e m odi d i descrizion e p osson o legitti­
mare i sistemi con cettu ali dom in an ti o presentare altern ative ad essi»,
aveva afferm ato in preced en za la storica femminista Car olyn Mer­
chant la cu i provocatoria r icostruzion e delle origin i della r ivolu zio­
ne scientifica richiam a fra l’altro l’atten zion e, sia pur e in term in i al­
quanto gen er ici, sul nesso fra la con cezion e organ icistica della natura
e le dottrine alch em ich e e paracelsian e r>°. Più esplicitam en te, per Fox
Keller la via alla con oscen za guid ata d a ll’amore trova n ell’alchim ia -
e nella m etafora della con iu n ct io che la caratterizza - u n ’espression e
centrale ftI. L ’im p ortan za di ten ere presen te il sim bolism o alch em ico e
la prassi a cui si collega, per chi ricerchi la possibilità di stili diversi
nel rapporto fra gli esseri um ani e la “n atura”, trova con ferm a n el­
l’immagine m ed ievale della collabor azion e fra alchim ista e n atura, col
richiamo all’attesa e alla cura («quan do l’avrai in gravidata, aspettane
il parto, e qu an d o avrà partorito, nutri il figlio» 62). Pr esso gli alch i­
misti d ell’elixir n on era ancora vigen te il prom eteico “fare di p iù ” o
più in fretta della n atura che oggi associam o quasi in evitabilm en te ad
ogni in terven to di trasform azion e e di p r od uzion e artificiale, e di cui
appare p r ofeticam en te e am biguam en te con sapevole l’autore del Te-
sta m en tu m pseu dolullian o, qu an d o in apertura del testo in trodu ce
Natura, per son ificata e piangente, che cer ca presso l ’alchim ista p rote­
zione con tro quanti la stanno u ccid en d o (m or t i m e trad er e v o lu n t )y
prom etten dogli in cam bio la rivelazion e dei suoi segreti.
L ’alchim ia, com e tutta la sua storia ci ha m ostrato, è in effetti un
sapere della natura e della trasfor m azion e che fun zion a discorsiva­
mente in m od o d iver so dalla scien za oggi criticata in n om e della teo­
ria fem m inista ed ecologista, in p articolar e dall’idea della “scien za
p u r a”. Così, p iù efficacem en te for se ch e non la scelta «di un altro
obiettivo» della con oscen za scien tifica 63, una rilettura del saper e al­
chem ico p u ò perm ettere un ’apertura d ell’im m agin ario che con sen ta
di andare oltr e il paradigm a scien tifico e tecn ologico della m odern ità,
p er elaborare un m odello di azion e altern ativo a qu ello fon d ato sul
distacco e il d om in io. E se, com e an cora afferma F o x Keller, «il lavo­
ro materno [...] for n isce una m etafora prom etten te p er p en sare rela­

287
A R C A N A S A P I E N Z A

zion i altern ative fra la con oscen za scientifica e Tazion e efficace», p r o­


p rio alcu n e r ecen ti riflessioni sul “lavoro m ater n o” che m etton o in
lu ce la cen tralità d ell’idea di relazion e, cura e respon sabilità 64 ci r i­
p or tan o alla defin izion e ch e Bon ard el dà d el lavoro alchem ico com e
«resp on sabilità p er la terra».
L ’alch im ia, letta alla lu ce della critica fem m in ista al m on do della
scien za, rivela così un altro fram m ento del suo por tato sim bolico,
p rom etten d o la p rod u zion e di un elixir per il ter zo m illenn io, un m o­
dello efficace di in terazion e con la “realtà p reteor etica e prelin guisti­
ca ” che n on si iden tifichi con il d om in io tecn ologico sulla natura e, in
defin itiva, su n oi ch e le ap parten iam o.

Note
1. W eb st er (198 4 , p. 8): « La prin cipa le sfid a all’ort od ossia scien tifica è stata tr a­
d izion alm en te p ortata dagli occu ltisti, i quali si son o sem p r e occu p ati della p er m a­
n en za di filosofie ufficialm en te destitu ite» .
2. N o n verrà p r esa in con sid era zion e la m olta let tera tu ra ban ale e ripetitiva di
cui le “scien ze o ccu lt e ” son o vittim e. I l tesoro d elle scienze occulte di Gr illot de Givr y,
uscito n el 1929, offr iva in vece u n a b u on a p resen tazion e dell'alch im ia (1<J., 1976, p p .
28 7-313). E in teressan te sott olin eare ch e l’a u tore, p u r riferen d osi com e tutti gli o c ­
cultisti a ll’origin e an tichissim a e cc., fa coin cid er e cr on ologica m en te il com p im en to
d ell’alch im ia con la cr ist allizzazion e con cettu ale della ricerca alchem ica tar do-m edieva­
le: «dal x v secolo l’alchim ia, la scien za che gli ad epti p r eten d evan o essere la vera, si
presenta com e un a d ottrin a com p leta , im m utabile, m ai ch iaram en te esp osta, ma d efi­
nita con sim bolism i le cui for m u le si con ser veran n o in va riate sin o ai n ostri gior n i,
dottrin a m isteriosa, ch e n on p oteva p rogr ed ir e p er ch é aveva raggiun to sin dall’in izio
\ sic) la su a m assim a p er fezion e e ch e non p oteva su bire m od ificazion i, p er altro n on
n ecessarie» (h i, p. 289).
3. Allen d y (19 12 ); Sch warz (1980 ).
4. Fu lcan elli (19 9 6 e 1994). Fu lcan elli è un o p seu d on im o d ell’au tore, che forse è
da iden tificare con J u lien Ch am p a gn e, il p itt or e che firm ò la cop er tin a del M istero
delle cattedrali n ell’ed izion e or igin ale.
5. Va n Len n ep (19 66 , cap. 6). L ’analisi cr itica ch e segu o in qu esto p aragrafo è
in Kahn (1998 a).
6. H a r tla u b (1958 ).
7. Kahn (1998 b, p . 299).
8. Ga b r iele (198 6 a).
9. Il term in e ch e com p ar iva n el testo ar ab o è una p ar ola di origin e copta, barba
o birba , ch e sign ifica “an tico tem p io egizian o” , du n que p ira m id e. Ron ca ( 19 9 5 ) ; cfr.
Kahn (19 98 b, p. 303).
10. Ka h n (1998 b, p p . 30 3-9), in dica in p rop osito: la Voarcbadum ia d el Pan teo, i
Sogni di Gio va n Battista Nazzari e Polifilo, gli Arcana arcanissim a di M ich a el Maier, le
Nozze chim iche d i Christian R osen k reutz , il Lum en de lu m in e di Th om as Vaugh an , i
Fortuita d i J akob Tolliu s, infin e il Dictionnaire e le Fables égy ptiennes di A.-J . P em e-
t y-
11. Cfr . supra , p a r . 11.2.

288
I}. LA GRANDE OPERA

12. Cfr . supra, c a p . i i , n ota 29.


13. Cit. in Kahn (19 98 b, p. 317).
14. Canseliet (1985).
15. Fra i prim i J ulius E vola e Ren é Guen on . L ’in glese E. A. Waite sep ara i due
asp ett i tra ccian d o una sorta d i discrim in e fra gli alchim isti a n tich i, che a su o avviso
er a n o stati più chim ici ch e m istici (W aite, 1888), e la tra d izion e recente, vera e p r o ­
p ria alchim ia sp irituale (18 9 3). Nel s o lco della tra d izion e occu ltista si colloca anche
Bu r ckh ar d t ( 1 9 7 4 ) .
16. Pa gel (1948 , p. 48).
17. Alla voce “sim bolo” nel Dizionario d i Psicologia analitica di A. Samuels, B.
Shorter, F. Plaut (trad. it. Cortin a, 19 8 7). Cfr. c a p . 6, nota 7.
18. Pereira (1992).
19. J ung (198 9, pp. 16 5-6 ) (il prim o e l’ultimo corsivo son o miei).
20. J un g (198 4, p. 250 ).
2 1. Verso la lettura alchemico-simbolica di immagini non appartenenti alla tradi­
zion e dell’alchimia in senso stretto, è m olto critica Obrist (19 8 2) Nell’am bito della
storia dell’arte, invece, le idee di J ung hanno dato il via a diversi esempi di inter­
pretazion e alchemica di op er e non esplicitamente connesse ad autori o testi d ’alchi­
mia; si segnala in particolare la produzion e di Laurinda Dixson , il cui lavoro più im­
portan te è la penetrante lettura del Giardin o delle Delizie di J eronimus Bosch (Dix­
son, 198 1).
22. Cfr . Pereir a (1992a, p p. 423-7).
23. J un g, Wilhelm ( 19 8 1, p. 61).
24. L ’albero filosofico in J ung (198 9 , p. 70). Cfr . supra , c a p . i, nota 25.
25. J un g e Cor b in p ar tecip ar on o en tram bi a m olti degli in con tr i di Eran os, ad
Ascon a . Sul ra p p or to fra m ater ia e sp ir ito cfr. Co r b in (1986).
26. An iela J affé (1968 ), allieva e collabor atr ice di J un g, scrive: « Nei testi a lch e­
m ici il p ar ad osso del m er cu r io è così p r ofon d o che esso vien e descritto com e un esse­
re sia m ateriale ch e sp iritu ale. J ung ha avan zato u n ’ip otesi sim ile rispetto alla n atura
d e ll’in con scio [...]. H a d escr itto la su a n atura com e “p sicoid e” , cioè n on esclusiva-
m en te psichica m a in certa m isura organ ica [...]. Tor n a n d o su questa idea n ei suoi
ricor d i, J un g am m ise di a ver raggiun to il lim ite d ella p ossibilità di com p ren sion e
scien tifica, e p er questo m otivo definì il My sterium Con iu n ction is la sua ultim a opera»
(ivi, 1968, pp. xxvm -xxix) .
27. J un g (198 4 , p. 268).
28. Ricor diam o che l’edizion e e tr adu zion e com m en tata cur ata da M. L. von
Fr a n z ven n e p u b b lica ta co m e a p p en d ice al My sterium Con iun ction is in un volu m e
ch e, n ell’ed izion e origin ale d elle op er e d i J ung, figur a com e Gesam m elte W erke xivc.
Q u e s t o volu m e n on è stato tra dotto in italian o, forse p er u n a sorta di dam natio si-
len t ii editoriale, ch e tuttavia n on ha p o tu to far scom p ar ire le op er e d ed ica te da J u n g
a ll’alch im ia, an ch e se in m olti am bien ti psican alitici, sop r attu tto accad em ici, la lor o
esisten za sem br a p r ovoca r e un qualche im barazzo.
29. Von Fr an z (1965, p p . 32-4).
30. Grinn ell (19 73, p. 128 ).
31. Su questo aspetto cfr., in am bien te psicanalitico, i lavori di David H olt. La
recensione di Walter Pagel citata s up r a , alla nota 16, ha aperto la strada a numerose
altre pubblicate su “Am b ix”, in occasion e della pubblicazion e e delle traduzioni, spe­
cialmente inglesi, delle opere di Jung. Tuttavia gli storici dell’alchimia continuano ad
oscillare fra l’accettazion e acritica e il rifiuto ostinato d ell’interpretazione junghiana da
molti giudicata sem plicisticamente “irrazionale”.
32. H illm an (19 78 p. 146).

289
A R C A N A S A P I E N Z A

3 3 . J u n g ( 1 9 8 4 , p . 2 5 0 ) . Un rileva n te con tr ib u t o sul tem a d ella d u p lice in tegra­


zion e è offer to n el la vor o d ell’analista ju n gh ia n o e om eop ata E d w a r d W h itm on t , Psy­
che and Substan ce ( 1 9 8 7 ) .
3 4 . Sul p ia n o ed itor iale ne è esp ression e sop r attu tto la collezion e Cahiers de
iH er m etism e.
35. Per q u a n to in fr an cese il ter m in e oeuv re sia n or m alm en te fem m in ile, n ell’ac­
cezion e a lch em ica ch e tr a d u ce opus vien e u tilizzato al maschile.
36. Bon a r d el (19 93).
3 7 . L’in ter p r eta zion e presa di m ira att r aver so la n egazion e d el ca rattere faustian o
e p rom eteico d ella r icer ca alchem ica è q u ella di M ir cea Eliade (su cu i cfr. su p r a, p a r .
1.2).
38. Alcu n i altri esem p i di fiction a lch em ica, p u b b lica ti n ell’u ltim o d ecen n io: L.
Cla r ke, The Ck y m ica l W eddin g (1990 , esp osizion e rom an zata d ella vicen d a di Mary
An n Atwood ); E . S. Con n ell, The A lchy m ist’s ]ou m a l (19 9 1, foca lizza t o su Paracelso);
e il best-seller d i P. Co elh o , O alquim ista (19 92, l’u n ico che si d iscosti d a m odelli
stor ici).
39. Mi sem b r a assai sign ificativa, vicever sa, l’assen za totale d e ll’alchim ia dal re­
cen te Psiche e techne. L 'u om o nell'età della tecnica , di U. Galim b er ti (Feltr in elli, Mila­
n o 1999).
40. Bon a r d el (1993, Conclusione).
41. Ivi, p . 9.
42. In q u esta categor ia si p otr eb b er o forse p or r e quei libri p er cui la tradizion e
alchem ica è d iven u ta un a riserva di “m er a viglie” («Lavorare fa ved er e cose bellissi­
m e», così si con clu d e L e m eraviglie della natura. Introduzione aW alchim ia di Elém ire
Zo lla , Marsilio, Ven ezia 19 9 1, dop o essersi aggir ato in maniera su ggestiva p er tutti i
labirin ti della tra d izion e).
43. Bon ar d el (19 93, p p . 9, 14).
4 4 . In u n a n ota al p asso citato Bon ar d el scrive: «Esp ression e [con tin en te nero]
con cui Freu d , p er altro d esid er oso d i er iger e il d ogm a della sessu alità con tr o i “flutti
d i acque n ere d ell’occu ltism o ”, pen sò d i p oter design a re la d on n a , il fem m in ile» . Si
con fr on ti con qu an to, p iu ttosto en igm aticam en te, dichiar ava J u n g ( 1 9 8 4 , p. 4 1 7 ) : «Il
p roblem a d ello sp ir ito cton io mi ha o ccu p a to fin d a quando ven n i a con ta tto con il
m on d o dell’alch im ia. Fon d am en talm en te qu esto in teresse fu risveglia to in m e d a quel
p r im o colloqu io con Fr eu d quan do avver tii com e egli fosse p r ofon d am en te p ossedu to
dal fen om en o d ella sessualità, pur sen za sap erm elo spiegare».
4 5 . Cfr. supray c a p . i i , n ote 2 2 - 2 4 . Cfr . an ch e Schwarz ( 2 0 0 0 , cap. 5 ) .
4 6 . S. W e il, Quadern i , ed . G. Ga et a , 4 voli. {Ad elp h i, Milan o 1 9 8 2 - 9 3 ) . Oltr e ai
passi indicati n el testo, cfr. 1, 1 3 2 , 1 7 4 , 2 0 1 , 3 0 0 , 3 1 0 , 3 1 5 , 3 3 2 ; 11, 6 2 ; 111, 2 0 7 , 2 1 4 ; iv,
1 1 , 9 1 , 1 1 9 , 2 2 6 , 3 6 0 . I testi delle autrici con sid era te in questo p ar agr afo n on posson o

certam en te esser e in clu si in un a b ibliogr afìa p er tin en te la storia d e ll’alchim ia; pertan to
verr an n o citati p er esteso in n ota.
47. Bon ar d el (1993, p. 327).
4 8 . Lettera a un religioso , trad, it., Ad elp h i, M ila n o 19 9 6 , p. 56.
4 9 . Trad. it. di E. Lau r en zi in Maria Zam brano. Pensatrice in esilio , in “aut-au t”,
2 7 9 ( 1 9 9 7 ) , p p . 1 2 5 - 3 4 . La con n ession e fra l’alch im ia e il culto d ella Ver gin e Maria
richiam a, n atur alm en te, il sim bolism o a lch em ico di Nòtre-Dam e.
50. « Yo n o lo sabia, p er o desde h a cìa m uchos an os yo ta m b ién an d aba hacien do
alquim ia», in “ Cu a d em o s d el Norte”, 198 6.
51. Per u n p rim o ap p r occio alla b iogr afia e alla p rodu zion e filosofica d i Maria
Zam br an o cfr. i saggi e i testi raccolti n el n um ero m on ografico d i Maut-au tw, cit. L’au­
tobiografia, Delirio e d estin o , è ora ed ita in tra d u zion e italiana d a Cor tin a, Milan o

290
I 5- LA GRANDE OPERA

199 9 , a cura di R. Pr ezzo. Co sì il testo cu i si fa r iferim en to di seguito: D ell’Aurora , a


cu r a di E. Lau r en zi, Marietti, Gen ova 2000.
52. Sulla “ragione poetica” cfr. gli scritti raccolti in Verso un sapere d ell’anim a ,
trad. it. Cortina, Milano 1996.
53. D e ll Aurora, cit., p. 99.
54. Sul genere e la scienzay trad. it. Garzanti, Milan o 1987.
5 5 Ivi, p. 29.
56. E. Fox Keller, Secrets o f Life, Secrets o f Dea th , Routledge, Lon don 1992, p.
3
57. E che l’analisi della Fox Keller lucidamente individua nella dicotom ia e ge-
rarchizzazione del rapporto uomo/ donna; ma qui non è possibile allargare il discorso
a tanto. Nella distinzione fra il sapere scientifico e la struttura occulta che lo modella
risiede la principale differenza fra la posizione epistem ologica di Fox Keller e l’ap­
pr od o ad un ecologism o integrale ed antiscientifico di C. Merchant, R adical Ecology.
T h e Search f or a Liv able W orld , Roudedge, Lon don 1992.
58. Secrets o f L ife , cit., p. 35.
59. Isis Consciousness R aised , in “Isis”, n. 73 (1982).
60. Merchan t (198 8, p p . 52-9, 166-70 ).
6 1. In questo Fox Keller converge con un’affermazione di J ames H illm an , nel
saggio Sulla fem m in ilità psicologica (trad. it. in II m ito d ella n a lisi , Ad elphi, Milano
x979)> P- 259: « L’alchimia era modellata su un’altra struttura di coscienza. N ell’al­
chimia, la coscienza è unita con la materia sin dall’inizio; sono coinvolte l’una con
l’altra, cosicché la bisessualità della con iunctio è implicita in tutto il processo».
62. Il passo si trova, identico, nel Testam entum pseudolulliano e nel R osarius ;
cfr. supra , p a r r . 9.2-3.
63. Ch e è la p r op osta fin ale di Secrets o f L if e , tan to d eb ole q u a n to in cisiva è
tu tta l’analisi effett u ata n el lib r o. La scelta d i un ob iettivo diver so r ip r op on e il p r im a ­
to del soggetto, e sem br a r ip ortare stran am en te u n ’eco della con cezion e d e ll’“id ea le”
com e meta alchem ica in H it ch co ck e Silb er er (cfr. su p ra , p a r . 14.4).
64. S. Veget t i Fin zi, I l bam bino della notte. Div en ire donna, div en ire m adre,
M on d ad or i, M ilan o 1990; C. Gilligan , Con voce d i donna. Etica e form azion e della
personalità , trad, it., Feltr in elli, Milan o 198 7, M. Ca llo n i et a i , I l f em m in ile fra p o­
tenza e potere , Ar lem , Rom a 1995.

291
C o n c l u si o n e

Co lu i ch e n on n e è con ten to
n on ha b isogn o di fam e u so.
C. G. Jung, Prefazione a I King

P r ovia m o ora a d a b b r a ccia r e con u n o sgu a r d o sin tetico il p er cor so


d ell’alch im ia ch e si è fin qu i cer ca t o di r icostr u ir e. D ie t r o la co m ­
p lessità d elle vice n d e di q u esto sap er e, ch e str u ttu r a lm en te e fin d a l­
l’in izio tien e in siem e sp er im en ta zion e pr atica, ista n ze filosofich e e r e ­
ligiose, p r od u zion e d i testi e im m agin i, a b b ia m o r icon osciu t o la co m ­
parsa e l’ela b or a zion e n ella civiltà occid en ta le d i un m ot ivo m itico:
l’id ea ch e att r aver so il la vor o d i tr a sfor m a zion e d ella m ater ia sia p o s ­
sibile p r od u r r e u n co r p o p er fetto n on segn ato d a lla d icotom ia m a t e­
r ia / sp ir it o e ca p a ce d i p er fezion a r e la totalità d el m on d o m ater iale ed
il co r p o um an o. D i q u est’id ea n on si t r ova n o tr a cce n e ll’età gr eca
cla ssica, n é n ella m itologia p r eellen ica , n é n el Ve cch io Testa m en to.
Un a cer ta affin ità con q u esto m ot ivo la si r icon osce in vece n ell’e la b o ­
r azion e t eologica cr istian a a ttor n o al tem a d ella r esu r r ezion e d ella
car n e e d el co r p o glor ioso; la riflession e d egli alch im isti ar r ivò t u t t a ­
via a con fr on ta r si esp licita m en te co n qu esto tem a solo alla fine d el
M ed ioevo, ed a n ch e allor a in m an ier a in cer ta e fr am m en tar ia.
Allo stato a ttu a le d elle n ostr e con oscen ze è im p ossib ile d ir e se la
m atr ice di qu esta id ea sia a u t o ct o n a , o se n on sia un in n esto di d o t ­
tr in e ven u te d a ll’O r ien t e, d a ll’in d ia o dalla Cin a . Si p u ò solo so t t o li­
n ear e la co m p a t t ezza con cu i l ’a lch im ia in d ian a e cin ese in d ican o n e l­
la p r olon gevità e n ella p r od u zion e d el co r p o sottile im m or tale lo s co ­
p o d elle p r a tich e d i lab or at or io; in oltr e si d e ve ten er e n ella d ovu ta
con sid er a zion e l ’an tich ità d elle r isp ettive tr a d izion i, b e n ch é i testi
scritti ch e co n o scia m o sian o stati r ed a tti in età su ccessiva ai pr im i d o ­
cu m en ti d ell’a lch im ia occid en ta le. E tu ttavia, solo n elle civiltà d el
M ed iter r a n eo si er a d iffu so, n ei p r im i secoli d i q u ella ch e ch ia m iam o
l ’era cr istian a, l’a n n u n cio ch e il figlio d i D io si er a fa tt o car n e ed er a
r isor to dalla m or te. L ’affin ità fr a l’elixir a lch em ico e il Cr is t o r isor to,
esp licita m en te a ffer m a t a in testi e im m agin i a p a r tir e d a ll’età m ed ie­
vale, in d ica con su fficien te ch ia r ezza ch e, q u a lu n q u e sia l ’or igin e u lt i­
m a d e ll’id eale a lch em ico , esso n on è d i p er sé in op p osizion e con il

29 3
A R C A N A S A P I E N Z A

m ister o d ell’in ca r n azion e e d ella Resu r r ezion e, p er qu an to in vece sia


in con cilia b ile con gli svilu p p i d ogm atici del cristian esim o.
In O ccid en t e la r icer ca alch em ica h a attr aver sa to q u attr o civiltà
d iver se (la tarda an tich ità , Bisan zio, l’IsIam, il M ed ioevo cr istian o)
prim a d i crista llizzar si n ella for m a ch e la tr a d izion e esoter ica ha co n ­
ser vato in una n icch ia , al r ip a r o d a ll’im p ossib ilità ep ist em ologica con
cu i la m od er n ità h a con fin at o n ell’a m b ito d el tr a scen d en te l’id ea della
salvezza. Dalle sp on d e d el M ed iter r an eo or ien ta le si è d iffu sa ver so
O ccid en t e: a l-An d alu s, la Sicilia fed er ician a, la Fr a n cia m er id ion ale,
p er p oi esp an d er si a N o r d , ver so l’In gh ilter r a e le r egion i cen tr ali
d ’E u r op a , fino alla Pr aga im p er iale e oltr e. N e l su o p er cor so ha in ­
cr o cia t o le vie d ella m etallu r gia, d ella m ed icin a e d ella b ota n ica, della
filosofia e d ella letter atu r a, d ell’arte e d e ll’u t o p ia religiosa; in tal
m od o h a u tilizzato un a m oltep licità di lin gu a ggi, veicola n d o n on sen ­
za fr ain ten d im en ti e p r oteifor m i tr avestim en ti la p r op r ia ver ità: l ’u n ità
reale o lt r e l’ap p a r en te d u a lism o di m ater ia e sp ir ito, e la p ossibilità di
r icon giu n ger e coscien t em en t e q u est’u lt im o alla sua m atr ice m ater iale.
Al d i là del lin gu a ggio d egli alch im isti, p r em od er n o in sen so sia
stor ico ch e ep ist em ologico, il m otivo di fo n d o d e ll’alch im ia n on è in ­
fatti così lon tan o d a ll’affer m a zion e d e ll’eq u a zion e m ater ia -en er gia, a
cu i in fo r m e e con lin gu aggi d iver si le scien ze con tem p or a n ee si r i­
ch ia m an o. Ma la co n vin zio n e car atter izzan te l ’alch im ia, q u ella ch e
n on vien e m en o n ep p u r e n elle su e m an ifesta zion i p iù p ar ziali o e c­
cen tr ich e, è che lo svelam en to d e ll’unità d ella m ater ia e d ello sp ir ito,
o m eglio il loro r icon giu n gim en t o coscien te, n on è il fr u tto di u n a
co n o scen za teor etica o sp er im en ta le, m a il r isu ltato di un la vor o, Yo-
p u s . Un lavor o in cu i lo sp ir ito, che n ella m en te um ana h a tr ovato
esp r ession e nel p er cor so d e ll’evolu zion e, tor n a coscien t em en t e alla
p r op r ia fon te, la m ater ia n ella sua form a p iù p r im itiva, la « vita m in e­
rale»; e q u esto avvien e a ttr aver so un p r ocesso di m essa a m or t e della
r ealtà esisten te ch e p er m ette il r icom in cia m en to d el p r ocesso n atu r a­
le, effet t u a t o d a ll’alch im ista ch e sa p o r r e ar tificialm en te « la n atu ra
d en t r o la n atura».
Le m o lt e m od alità ch e q u est o la vor o h a assu n to sp iegan o la p o li­
sem ia d el term in e a lch im ia n ella storia occid en ta le: m etallu r gia tra-
sm u ta tor ia , d istillazion e d i sostan ze or ga n ich e, p r a tich e di tr a sfor m a ­
zio n e p sicosom a tica son o sta te in m om en ti d iver si con sid er ate la ver a
alch im ia. D a qui la ten d en za r id u ttivistica d elle in ter p r eta zion i ch e n e
s o n o sta te date m et t en d o l ’a ccen t o su ll’u n o o l’a lt r o asp etto o m o­
m en t o stor ico. Da q u i an ch e, o m eglio p r im a, la d istin zion e op er ata
d a tu tti co lo r o ch e si son o d ich ia r ati a lch im isti, fr a la “ver a” alch im ia
(la p r op r ia ) e la “fa ls a ” a lch im ia (qu ella p r aticata d agli alt r i), con il

294
c o n c l u s i o n i :

r ich iam o alla n ecessit à di una tr asm ission e attr aver so can ali riser vati
ch e ne gar an tisser o la purezza. M a il segr eto d ell’alch im ia n on risiede
in u n con t en u t o ch e possa esser e ogget tiva t o (l’id en t ità d ella pr im a
m ater ia o u n a seq u en za op er ativa o altr o) né in u n ’in ter p r eta zion e
ch e tr ad u ca d a un lin gu aggio a d un altr o testi o im m agin i p r esi com e
r ap p r esen ta tivi d e ll’in ter a tr ad izion e. D « segr eto d el segr eto» è l’idea
ch e l’in cor r u ttib ilità e l’im m or talità, cui l’u m an ità asp ir a e ch e le tr a­
d izion i r eligiose colloca n o nel m on d o tr a scen d en te (n ell’“altr a vit a ”),
p ossa n o esser e p r o d o t t e dal la vor o u m an o in q u es t o co r p o , in q u e s t o
m on d o.
Il sogn o d i u n a m ater ia in cor r u ttib ile r icr eata « con le m an i e n on
con la fan tasia» si è d eter ior ato, n ella m od er n ità, gon fia n d osi n ell’ar ­
r oga n t e ip er tr ofia tecn ologica, o a ll’o p p o s t o tr a d en d o la p r op r ia m a­
t r ice n el r id u zion ism o spir itualista. Ma la su a m em or ia fa p a r te della
n ostr a stor ia, e d al n on -lu ogo ch e abita n e ll’im m agin ar io d ella n ostr a
con tem p or a n eità p u ò an cora offr ir si alla riflession e d i q u a n ti n e a v­
ver t on o il fascin o.

295