Sei sulla pagina 1di 52

NUOVO

Espresso
corso di italiano

4
guida
per l’insegnante
Premessa

NUOVO Espresso è un corso di italiano in 5 volumi, concepito per un pubblico di adulti, che può essere
utilizzato con successo anche nelle scuole superiori.

NUOVO ESPRESSO 4 si rivolge a studenti di livello intermedio che intendono acquisire una competenza
di livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Presta particolare attenzione allo sviluppo
delle quattro abilità linguistiche (ascoltare, parlare, leggere e scrivere) e all’apprendimento delle strutture
morfosintattiche della lingua italiana.

NUOVO ESPRESSO 4 comprende:


 un manuale con eserciziario integrato;
 un CD audio, contenente gli audio delle lezioni e degli esercizi (scaricabili gratuitamente in
formato mp3 nell’@rea web del sito www.almaedizioni.it);
 un’@rea web con test, esercizi, attività extra, giochi, glossari;
 la presente guida per l’insegnante, con suggerimenti didattici specifici per ogni singola attività.

NUOVO ESPRESSO 4 offre materiale didattico per circa 90 ore di corso (più l’eserciziario per il lavoro a
casa).

Struttura del manuale


NUOVO ESPRESSO 4 è un manuale rivolto a studenti di livello avanzato che si compone di 10 lezioni –
organizzate secondo uno schema adattato alle diverse fasi che scandiscono il processo di
apprendimento di una lingua straniera – e che si prefigge come scopo principale quello di immergere gli
studenti nella lingua autentica dell’Italia di oggi. I temi trattati riguardano la cultura e la società.
Al manuale segue un Eserciziario, il cui contenuto mira a far fissare lessico e strutture. Gli esercizi sono
pensati per un lavoro individuale a casa (le soluzioni sono riportate alla fine del manuale).
Viene proposta inoltre una Grammatica sistematica che riprende in modo più esaustivo, e appunto
sistematico, tutte le forme grammaticali via via apparse e suddivise per argomento.

Struttura di una lezione


Ogni lezione è introdotta da una pagina di apertura con un’immagine legata al tema della lezione,
l’indice dei contenuti comunicativi e grammaticali e un glossario espresso con le principali espressioni e
parole utilizzate e uno spazio in cui ogni studente può inserire la propria traduzione o spiegazione.
L’ordine di apparizione delle varie attività ha una sua logica che va seguita (svolgetele, pertanto, così
come appaiono nel libro). L’unità ha un andamento per così dire elicoidale: parte da un punto e si
amplia, ma il cerchio seguente (la singola esercitazione) abbraccia in parte quello precedente e ne è
insieme la prosecuzione. Ogni lezione si apre con un’attività utile a introdurre il tema dell’unità e il
lessico specifico di una determinata area. Segue poi un breve esercizio per mettere in pratica – in modo
comunicativo – i nuovi vocaboli. Appare poi il primo dialogo che riprende il lessico appreso e ne
introduce di nuovo, assieme alle strutture che si intendono insegnare.
All’interno di una lezione vengono esercitate tutte e quattro le abilità linguistiche, sia singolarmente che
in modo integrato. Non esiste una successione identica per ogni capitolo, ma in ogni modo appaiono
sempre sia dialoghi che letture, esercizi di parlato e di ascolto.
Da sottolineare che a ogni attività nuova segue un’esercitazione che ha lo scopo di consolidare strutture
e lessico appresi in precedenza; in tal modo non manca mai l’alternanza di presentazione-presa di
coscienza e di fissaggio-produzione.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 1


Dialoghi
I brani presenti in NUOVO ESPRESSO 4 sono conversazioni formali o informali in luoghi privati o
pubblici, interviste, ecc. Si è cercato di renderli il più autentici possibile, cioè vicini alla realtà quotidiana.
Sono stati registrati da parlanti nativi, con una velocità e un ritmo naturali. Sono stati scelti dialoghi di
relativa lunghezza e complessità nei quali figurassero segnali discorsivi tipici della lingua parlata (mah,
senta, vabbe’, guarda, eh, ecc.), con i quali gli studenti in ogni caso si confronterebbero una volta in Italia e
che, pur se spesso intraducibili in una lingua straniera, servono a esprimere sensazioni di meraviglia,
impazienza, accordo, disaccordo, attenzione, ecc.
Si è preferito non ricorrere a speaker professionisti e offrire dialoghi forse non “perfetti” e con qualche
inflessione tipica delle diverse regioni di provenienza.
Nel manuale sono presenti due tipi di dialoghi: uno (più breve) con trascrizione del testo, uno (più
complesso) senza trascrizione (a disposizione del solo insegnante nella presente Guida). La differenza
consiste nel fatto che i due tipi di dialoghi hanno funzioni diverse. Mentre il primo, che come “canale”
ha, oltre alla traccia audio, la pagina scritta, si prefigge di presentare e insegnare lessico e strutture – e
pertanto è stato trascritto e va compreso completamente – il secondo, che come “canale” ha la traccia
audio, ha come scopo il vero e proprio ascolto. In quest’ultimo caso gli studenti non hanno la
possibilità di leggere il testo, così come nella realtà non “vedono” quanto gli viene detto. Il loro
compito è, in questo caso, quello di capire le informazioni principali. La verifica di tale comprensione
viene effettuata attraverso lo svolgimento di domande e/o esercizi specifici. In entrambi i casi,
comunque, visto che un atto comunicativo non si realizza nel vuoto, si tratta sempre di dialoghi
contestualizzati.

Letture
Lo spunto per i brani di lettura è stato offerto da riviste /giornali italiani, da Internet e da opere
letterarie contemporanee: si è ritenuto auspicabile proporre il più possibile allo studente la lingua
autentica della stampa generale o di settore, dei blog, dei forum online, ecc., e permettergli di
confrontarsi anche con brani letterari articolati. Da qui la proposta di testi originali o leggermente
adattati di vario genere (articoli, editoriali, post, estratti di romanzi, interviste, ecc.), di cui si richiede una
comprensione globale, dettagliata o selettiva.

Produzione orale
Poiché lo scopo principale nell’apprendimento di una lingua straniera è la comunicazione, si è dato
particolare peso alla produzione orale, sia guidata che libera. La varietà delle esercitazioni proposte
(scambi sui propri gusti e sulle proprie opinioni, sondaggi e interviste, narrazioni di esperienze
personali, giochi divertenti e istruttivi, ecc.) dovrebbe stimolare lo studente ad acquisire una sempre
maggiore scioltezza linguistica ed accuratezza formale.
Vengono proposti diversi spunti per il dialogo sia all’inizio di ogni lezione che al termine, dove la
discussione diventa quasi un riassunto complessivo dell’unità.

Produzione scritta
In ogni lezione appare un esercizio di produzione scritta (guidata o libera) che segue evidentemente una
progressione sempre più complessa: di volta in volta gli studenti dovranno scrivere un’e-mail, una
ricetta, un articolo di cronaca, una lettera a un giornale… Si è cercato, insomma, di variare la tipologia
delle attività per motivare il più possibile lo studente, che spesso trova particolarmente arduo questo
tipo di lavoro.

Esercizi
Quelli presenti nel manuale – pur avendo una funzione prevalentemente grammaticale – non hanno
quasi mai il classico aspetto di “esercizi” e mirano a verificare se le strutture acquisite sono state
apprese, consolidandole ulteriormente. Si tratta di esercitazioni da svolgere in classe, anche perché
spesso richiedono un lavoro di coppia o di gruppo.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 2


Funzione dei riquadri
Nei riquadri blu e gialli si forniscono indicazioni grammaticali, lessicali o note culturali. Con tale
accorgimento tipografico si è inteso facilitare l’induzione di una regola e l’uso di vocaboli specifici.

Grammatica
La grammatica è stata introdotta in NUOVO ESPRESSO 4 in modo induttivo. Si consiglia di non fornire
una regola, ma di stimolarne la ricerca attraverso l’osservazione del materiale in cui è stata esposta. Gli
studenti saranno perciò indotti a formulare ipotesi e l’insegnante interverrà solo per chiarire una regola
particolarmente ostica o che sia stata esposta in modo poco chiaro o errato.
La grammatica appare sia in tabelle esplicative poste a lato di una determinata lettura / di un dialogo
(serve qui come “segnale grammaticale” e richiama l’attenzione o su una coniugazione verbale, o su un
fenomeno grammaticale importante), sia al termine di ogni singola unità, dove un’esposizione
riassuntiva intende “far ricordare” le principali strutture scoperte in quel capitolo. Alcuni aspetti
grammaticali, per esempio la concordanza dei tempi, vengono presentati in diverse unità e ampliati a
più riprese.

Questo simbolo rinvia alle attività dell’Eserciziario. Con tale soluzione grafica viene dunque facilitato
il compito sia dell’insegnante, che a queste attività può ricorrere come “riempitivo”, sia dello studente,
che in ogni momento saprà quali esercizi poter svolgere.

Alla fine di ogni unità figura la sezione video e grammatica, una pagina sintetica e sistematica sulla
grammatica presentata in quel capitolo. Costituisce un pratico mezzo di consultazione e di sistematica
revisione: lo studente ha così in mano gli strumenti per verificare, al termine di ogni singola lezione, se
ha assimilato e ricorda quanto ha appreso. Gli argomenti affrontati alla fine di ogni lezione vengono poi
ripresi ad ampliati nella Grammatica sistematica.
Nei volumi 4 e 5, questa sezione presenta anche un’attività video, strutturata su un video di alma.tv, di
cui si fornisce il link diretto nella presente Guida.

Facciamo il punto
Al termine della seconda, della quinta, della settima e della decima lezione, vengono proposte delle
attività di revisione e consolidamento divise in tre sezioni.

Bilancio
Questa sezione propone una breve autovalutazione delle competenze comunicative.

Cose nuove che ho imparato


Si tratta di un’autovalutazione tramite scelta multipla delle intenzioni comunicative e dei compiti
cognitivi che lo studente sa mettere in atto (ad esempio: esprimere rammarico; mostrare stupore e
incredulità; descrivere una pietanza; esprimere percentuali e statistiche e commentarle…). Le intenzioni
comunicative e i compiti menzionati in questa sezione corrispondono a quelli sviluppati nelle lezioni
precedenti.

Progetto
Dopo aver riflettuto sulle proprie abilità generali e le proprie competenze specifiche, lo studente è
invitato a eseguire un compito concreto: creare un ricettario, elaborare un sondaggio e raccogliere dei
dati, allestire una mostra, ecc. La parte conclusiva dei progetti non è indicata e può prestarsi ad attività
di revisione, o costituire uno spunto per una produzione orale libera o guidata, ecc. a seconda delle
esigenze.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 3


Per approfondire
In questa sezione, che rappresenta una novità rispetto ai volumi 1, 2 e 3 di Nuovo Espresso, vengono
segnalati libri, film e siti che consentono di approfondire (in classe o a casa) gli elementi trattati nelle
lezioni precedenti.

Eserciziario
Al termine delle lezioni si trovano gli esercizi, raggruppati in 10 capitoli che seguono la progressione
delle corrispondenti unità del manuale. Funzione di queste pagine è fissare e sistematizzare strutture e
lessico appresi nel corso della rispettiva lezione e permettere allo studente di verificare i progressi
realizzati.
Mentre gli esercizi integrati nelle lezioni hanno un carattere prevalentemente interattivo (nella
maggioranza dei casi presuppongono, infatti, di essere svolti in coppia o in piccoli gruppi), in questo
caso si tratta di esercizi “veri e propri”.
La tipologia è composita: esercizi di completamento, abbinamento, riflessione grammaticale,
trasformazione e applicazione delle funzioni comunicative, attività con domanda-risposta, parole
incrociate, compilazione di tabelle, ecc.
Tali esercizi sono pensati per un lavoro individuale a casa e non prevedono la correzione in classe,
poiché in appendice ne vengono riportate le soluzioni.
È possibile, tuttavia, che a volte si abbia bisogno di riempire un piccolo spazio di tempo, o che un
argomento si sia rivelato particolarmente ostico. In tal caso durante la lezione si può far svolgere
qualche esercizio tratto da questa sezione.

Guida per l’insegnante


Questa guida vi seguirà passo per passo per facilitare il vostro compito. Illustra lo scopo, il
procedimento, la progressione di ogni singola attività. Si tratta ovviamente di proposte: la modalità
precisata può essere variata in base alla composizione del vostro gruppo: se osservate ad esempio che i
vostri studenti amano “giocare”, prediligete la modalità “due o piccoli gruppi”, assegnando i punti ed
eleggendo un vincitore. In caso contrario fate fare un più tranquillo lavoro di coppia, senza punteggio
né vincitori / perdenti.

E ora mettiamo in pratica! Alcuni suggerimenti prima di iniziare…


Per ottenere risultati soddisfacenti in qualsiasi disciplina (il discorso vale soprattutto per gli adulti), è
importante riuscire a creare, fin dalla prima ora di lezione, un buon clima di classe.
La socializzazione è un elemento irrinunciabile per avere successo. La validità di un insegnante – come
pure quella di un manuale – è di certo importante, ma se gli studenti non hanno un buon rapporto fra
di loro sarà davvero difficile raggiungere risultati apprezzabili. Considerazioni che valgono per
l’apprendimento in generale, ma se ci riferiamo all’apprendimento di una lingua straniera che per
antonomasia è comunicazione, scambio di conoscenze, ma anche di emozioni e di affettività, diventa
logico parlare di collaborazione fra i discenti, strumento indispensabile di acquisizione e
consolidamento dei contenuti appresi. Dovrete avere quindi cura di favorire la collaborazione tra gli
studenti e di stimolarli ad apprendere in modo autonomo, intervenendo solo quando è strettamente
necessario e nel modo meno invasivo possibile.
Nelle classi che non hanno lavorato con i primi volumi del corso, si consiglia di spiegare fin dalla prima
ora di lezione la metodologia intrinseca al manuale, soprattutto per quanto concerne le strategie di
lettura e di ascolto. Questo per evitare che gli studenti pretendano una traduzione che si rivelerebbe
inutile e per di più andrebbe a scapito del metodo stesso.
La vostra lezione sarà più viva e interessante se varierete il tipo di lavoro. Cercate di alternare il più
possibile il lavoro di coppia con quello in piccoli gruppi e in plenum ed evitate che uno studente venga
a contatto sempre con le stesse persone. Per formare le coppie in modo semplice ed eliminare eventuali
tensioni iniziali, avete diverse possibilità a disposizione: potete usare le carte del memory (chi scopre la
carta col medesimo simbolo lavora insieme), o preparare voi stessi dei bigliettini con scritti due volte gli
stessi numeri o le stesse parole, o raffiguranti due disegni uguali; la formazione delle coppie sarà così
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 4
casuale. Per formare dei piccoli gruppi procedete in modo analogo: preparate dei cartoncini con 3-4
simboli, disegni, numeri, lettere dell’alfabeto, parole uguali e mettete insieme le persone che hanno
pescato il medesimo simbolo, disegno, numero, ecc.
Pianificate bene la vostra lezione in base al gruppo con cui lavorate. Programmate fino a dove volete
arrivare, ricordando che un argomento va completato con i relativi esercizi di fissaggio e produzione.
Non iniziate una nuova attività se pensate di non riuscire a finirla e ricorrete piuttosto, come riempitivo,
agli esercizi della sezione finale.
Ricordate che la vostra funzione è quella di introdurre l’argomento, presentare il manuale, “dirigere” il
lavoro, ma che la parte attiva è rappresentata dagli studenti: in alcuni momenti possono avere la vostra
medesima competenza, o portare dei contributi originali. Quando lavorano da soli, cercate di
intervenire il meno possibile. È la loro unica opportunità di parlare e non è opportuno che vengano
bloccati (in tutti i sensi) in questa loro sperimentazione.
In tale fase l’insegnante dovrà agire come attento e intelligente “collaboratore”, intervenendo
eventualmente solo in un secondo tempo, al termine dell’esecuzione del compito, per correggere o,
piuttosto, invitare all’autocorrezione. Lo studente si sente “schiacciato” da un insegnante troppo
invadente: deve invece avere l’opportunità di provare, sperimentare, rischiare.

All’inizio di ogni lezione si consiglia un breve ripasso dell’unità precedente. Questo può avvenire anche
all’inizio di ogni singola ora di corso. Dedicate pertanto i primi 5 minuti della lezione alla ripetizione,
lasciando gli studenti liberi di lavorare autonomamente. A due a due ripeteranno quanto appreso,
facendo tutte le domande che ritengono opportune. Avranno così la possibilità di rivedere le
espressioni comunicative, i vocaboli, i verbi, le regole grammaticali, ecc. appresi fin qui.
Questo spazio dedicato al ripasso crea un’atmosfera piacevole e rilassata, rompe il ghiaccio, abitua lo
studente all’autonomia, è un utile strumento di autocontrollo ed evita l’ingombrante (onni)presenza
dell’insegnante. Se tuttavia si preferisce “perdere” questo tempo solo al termine di un’unità, si può
scegliere un qualsiasi argomento della lezione precedente e proporlo sotto forma di gioco.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 5


Proposta: Come si è accennato, per ottenere risultati soddisfacenti è indispensabile che ci sia una
buona intesa all’interno del gruppo; se questo è composto in toto o in parte da studenti che non si
conoscono, perché accorpati da corsi diversi o per altri motivi, è utile dare loro la possibilità di rompere
il ghiaccio, di conoscersi, di conoscere l’insegnante e il manuale che utilizzeranno. Consigliamo in questi
casi di investire parte della prima ora di lezione in questa attività. Ecco dunque alcuni suggerimenti per
chi inaugura un corso con studenti nuovi.
Iniziate col presentarvi brevemente e date poi agli studenti una decina di minuti affinché si chiedano
perché studiano l’italiano, se sono già stati in Italia e dove, se hanno già frequentato altri corsi di lingue,
ecc. Alla fine ogni studente presenterà il proprio compagno in plenum. Se occorre, spiegate infine la
struttura del manuale, gli obiettivi didattici, l’utilizzazione ottimale e la metodologia utilizzata.

1 Tu, ti ricordi?
Obiettivo: Introdurre l’argomento della lezione; arricchire il vocabolario.
Procedimento: Dividete gli studenti in coppie e avviate il confronto. Alla fine, raccogliete alcune idee
in plenum. Poi proponete l’attività sul lessico.

2 Ti piaceva?
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Cambiate le coppie e avviate il confronto.

3 Eri bravo in matematica? 2


Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Ci sono diversi modi di presentare un dialogo alla classe. La nostra proposta è di
cominciare a libro chiuso, scrivendo alla lavagna il titolo dell’ascolto, in questo caso Eri bravo in
matematica?
Il primo punto è l’introduzione del tema che potrà avvenire:
1. da parte vostra (Qui si parla di…);
2. da parte degli studenti, che in base al titolo formuleranno delle ipotesi (Probabilmente qui si parla di…);
3. da parte degli studenti, che dopo un primo ascolto a libro chiuso cercheranno di capire l’argomento
generale (Il tema è...).
A questo punto, indipendentemente da come avrete introdotto il tema, fate ascoltare la traccia a libro
chiuso. Formate delle coppie e invitatele a dire qual è l’argomento generale del dialogo. Fate seguire un
ulteriore ascolto, ponendo alcune domande-guida che scriverete alla lavagna, per esempio: Chi sono le
persone che parlano? Perché parlano? Dove sono? Di cosa parlano? ecc.
Dopo un altro ascolto e un confronto tra studenti sul contenuto generale, fate eseguire il compito
assegnato nell’attività. Proponete la lettura della trascrizione solo in fase di verifica.
Soluzione: ha trovato l’ascensore rotto (Marco); andava bene a scuola (Marco, Giovanna); aveva
problemi in matematica (-); ha avuto un periodo difficile a scuola (-); aiuta la figlia a studiare (-);
studiava anche di notte (Giovanna); non è felice del lavoro che fa (Giovanna); ha cambiato idea sul
valore dello studio (Giovanna).

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 6


4 Che significa?
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite la consegna e proponete una verifica a coppie.

Soluzione: 1. fiatone; 2. ho beccato; 3. colpo di grazia; 4. sfiga; 5. consolarti; 6. secchione; 7. ci


ripenso; 8. sprecato; 9. insonni.

5 Verbi ausiliari
Obiettivo: Gli ausiliari con salire e passare.
Procedimento: Come accennato nella Premessa, la grammatica, dove possibile, è stata introdotta in
modo induttivo. Si consiglia di non fornire una regola, ma di stimolarne la ricerca e l’esposizione
sull’osservazione del materiale in cui essa è stata presentata. Gli studenti saranno perciò indotti a fare
ipotesi e voi interverrete solo per sistematizzare la regola.
Seguite dunque la consegna, proponete poi una verifica a coppie e infine in plenum.

Soluzione: salire: ho salito, sei salito; passare: sono passato, ho passato.


avere; essere.

6 Essere o non essere?


Obiettivo: Esercitare gli ausiliari con salire e passare.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzioni possibili: aumentare (il capo mi ha aumentato lo stipendio; il valore del dollaro è
aumentato); diminuire (hanno diminuito il prezzo dei biglietti del cinema; il livello dell’acqua è
diminuito); peggiorare (imparare l’italiano ha peggiorato il mio spagnolo; il tempo è peggiorato);
cambiare (ho cambiato macchina; Linda è cambiata molto dopo il viaggio in Argentina); trascorrere
(ho trascorso l’estate in Sardegna; sono trascorsi tanti anni dai tempi della scuola); bruciare (ho
bruciato la caffettiera; è bruciato un bosco).

7 Verbi pronominali
Obiettivo: Alcuni verbi pronominali.
Procedimento: Seguite la consegna. Assicuratevi poi che sia noto il significato degli altri verbi
pronominali. Per far questo, dividete gli studenti in gruppi di tre e chiedetegli di indicare il significato di
ogni verbo, in modo che possano colmare a vicenda le loro eventuali lacune. Alla fine chiedete in
plenum quali verbi i gruppi non sono riusciti a spiegare. Ancora, se possibile, anziché fornire voi la
risposta, fatela fornire da altri gruppi.

Soluzione:
Riuscire in qualcosa, superare una difficoltà me la son cavata (infinito: cavarsela)
Avere relazione con qualcosa, avere a che fare con qualcosa c’entra (infinito: entrarci)

8 Giochiamo
Obiettivo: Esercitare i verbi pronominali.
Procedimento: Seguite le consegne.

9 Pensieri sulla scuola


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale e la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite la consegna, lasciando sempre il tempo di leggere con calma e raccogliere le
idee.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 7


10 Poi un giorno…
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un racconto; arricchire il lessico.
Procedimento: Potete scegliere di far continuare l’incipit in forma scritta oppure oralmente. Procedete
poi con la lettura del testo completo a pagina 11 e con la seconda attività, chiarendo, se necessario, il
significato degli aggettivi.

11 Tempi passati
Obiettivo: I tempi passati dell’indicativo.
Procedimento: In molti casi non è incontrovertibile la differenza tra situazione e abitudine: se gli
studenti non si trovassero concordi, incoraggiate il confronto piuttosto che imporre una soluzione
come corretta e l’altra come errata.

Soluzione possibile:
Descrivere una situazione aveva (una Porsche), era (convinto), si trattava
(più), era (anche).
Descrivere una persona era (alto), era (un esperto)
Parlare di un evento psicologicamente diede, consigliò, fu, disse…
lontano
Indicare un’abitudine volava (alto), pensava (per niente), pretendeva
(che), trattava (da adulti), era (convinto)
Esprimere le conseguenza di un avvenimento ho intuito

12 Intervista
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Questa attività può essere proposta nel modo classico oppure come uno speed-date. In
questo caso, si dispongono tutte le sedie della classe in due file parallele, le une rivolte verso le altre, e si
fanno accomodare gli studenti (si creano così delle coppie che si guardano in volto). Si porta in classe
un timer da cucina e si imposta un tempo (ad esempio 3 minuti). Si spiega agli studenti che hanno
pochissimo tempo per raccogliere più informazioni possibili sulla persona con cui dialogheranno,
seduta di fronte a loro. Quando il timer trilla, si cambiano le coppie (gli studenti di una delle file restano
fermi, gli altri slittano di un posto). Si ripete per 5 o 6 volte. Alla fine si può chiedere agli studenti chi è
la persona, tra quelle con cui hanno parlato, con cui condividono ricordi di scuola più simili.

13 Un buon insegnante
Obiettivo: Esercitare la produzione orale; arricchire il lessico.
Procedimento: Prima di avviare il confronto, chiarite il significato di eventuali termini non noti.

14 Assurdo, guarda! 3
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale, tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3. Proponete la
lettura della trascrizione solo in fase di verifica.

Soluzione: 4.

15 Come si dice?
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: 1. non ci posso credere; 2. sarà pure vero; 3. a quanto pare, a sentire lei; 4. ma che
stupidaggini; sono fuori di testa.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 8


16 Chi
Obiettivo: Il pronome chi.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione:
Chi? Barbie? (usato per fare una domanda su una persona)
Chi può permetterselo… (usato al posto di “le persone che / qualcuno che”)
C’è addirittura chi gli fa fare… (usato al posto di “le persone che / qualcuno che”)

17 Non sono tanto d’accordo


Obiettivo: Esercitare la produzione orale.
Procedimento: Formate delle coppie e mostrate la consegna. Lasciate qualche minuto agli studenti
perché possano raccogliere le idee e avviate il confronto. Alla fine, potete raccogliete qualche parere in
plenum.

18 Scuole del mondo


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale e la comprensione scritta.
Procedimento: Prima di proporre l’attività, potete chiedere agli studenti di disegnare o scrivere un
breve testo per descrivere la loro scuola ideale, e poi presentarla a un compagno. Dopo aver svolto le
attività del libro, proporre questo follow-up: La loro idea di scuola ideale è cambiata dopo aver letto la
descrizione di queste scuole innovative?

Soluzione: a./1; b./3; c./4; d./2; e./5.

19 Una scuola un po’ speciale


Obiettivo: Esercitare la produzione scritta.
Procedimento: Seguite la consegna.

20 La scuola in Italia 4
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale.
Procedimento: Qui appare per la prima volta un audio senza trascrizione, che va quindi affrontato
come vera e propria attività di ascolto. Agli studenti di questo livello dovrebbe essere ormai chiaro, ma
è bene precisare ancora che la fase di ascolto è fondamentale per imparare una lingua straniera, e
soprattutto chiarite che ascoltare (anche ai livelli avanzati) non significa assolutamente dover capire
parola per parola, bensì capire il senso generale, la situazione e cogliere le informazioni utili per lo
scopo che ci si prefigge.
Dopo un primo ascolto formate delle coppie e dite loro di confrontarsi su quello che hanno capito.
Dopo un primo scambio di informazioni fate ascoltare di nuovo il brano. Formate poi delle nuove
coppie e dite di ripetere lo scambio di informazioni. Dite loro che sicuramente la seconda volta avranno
capito di più o che il nuovo partner gli darà delle nuove informazioni (ricordate che spiegare in classe il
perché di determinati procedimenti è fondamentale).
A questo procedimento faremo riferimento ogni volta che nel manuale apparirà un’attività di ascolto
senza trascrizione.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 9


Soluzione:
Età Esame finale
Scuola d’infanzia (scuola materna) 3 -6 NO
Scuola primaria (scuola elementare) 6 - 11 NO
Scuola secondaria di 1° grado (scuola media) 11 – 13 SÌ
Scuola secondaria di 2° grado (scuola 13 - 18 SÌ
superiore)
Liceo scientifico
Liceo classico
Liceo musicale
Liceo psicopedagogico
Istituto tecnico
Istituto professionale

Trascrizione:

Signora: Buongiorno.
Segretaria: La signora Müller, giusto? Non so se l’ho pronunciato bene…
Signora: Sì, sì…
Segretaria: Si accomodi, prego.
Signora: Grazie.
Segretaria: Allora, Lei è qui per avere alcune informazioni sulla scuola in Italia.
Signora: Sì, bene, sì, esatto. Sa sono qui con la mia famiglia da due mesi e le bambine a settembre dovrebbero
cominciare la scuola.
Segretaria: Quanti anni hanno?
Signora: 6 e 11.
Segretaria: Ah, allora la piccola dovrebbe cominciare con la scuola primaria, le cosiddette elementari, e la grande
con la scuola media.
Signora: La scuola media? Cioè il liceo? Perché da noi in Germania dopo quattro anni di elementari si va alle
superiori. Si chiamano così, no?
Segretaria: Sì, sì chiamano così. Ma da noi il sistema è diverso. Mi sembra di capire che da voi non esistano le
medie.
Signora: No, infatti.
Segretaria: Allora, dunque. In Italia dopo cinque anni di elementari si va alle medie e dopo tre anni alle scuole
superiori.
Signora: E mia figlia potrebbe andare subito alle medie?
Segretaria: Mah, bisogna vedere se farle fare ancora un anno di elementari, il quinto, o mandarla subito alle medie.
Forse la cosa migliore sarebbe farle fare ancora un anno prima di passare alla scuola media.
Signora: Sì, forse è meglio, anche per la lingua…
Segretaria: L’italiano lo parla bene?
Signora: Sì, l’ha studiato a scuola e poi adesso sta prendendo lezioni private.
Segretaria: Bene.
Signora: Senta, ma qui al liceo ci vanno tutti o solo i bambini che hanno un buon voto?
Segretaria: No, tutti, cioè coloro che superano l’esame alla fine delle scuole medie.
Signora: Quindi il voto non conta?

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 10


Segretaria: No, se si supera l’esame di licenzia media si può proseguire con le scuole superiori scegliendo tra il liceo,
l’istituto tecnico o l’istituto professionale.
Signora: C’è un solo tipo di liceo?
Segretaria: No, c’è il liceo classico, lo scientifico, il liceo musicale, lo psicopedagogico e chiaramente ci sono diversi
indirizzi per gli istituti tecnici e altrettanti per gli istituti professionali…
Signora: Ah, più meno come da noi… e qual è la differenza? Dopo quale scuola si può andare all’università?
Segretaria: Beh! Dopo tutte in realtà. La scuola superiore dura cinque anni, alla fine si fa l’esame di maturità e
tutti quelli che lo superano hanno accesso all’università, indipendentemente dalla scuola che hanno
frequentato.
Signora: Ah, interessante, da noi non è così. Il sistema è più selettivo. Va all’università solo chi ha fatto il liceo.
Segretaria: Ah, capisco.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 1: Il monologo dell’insegnante.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 11


1 Il valore del cibo
Obiettivo: Introdurre il tema dell’unità; esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite la consegna. Per l’attività di abbinamento non c’è una soluzione univoca,
l’abbinamento è basato su considerazioni personali. Fate argomentare gli studenti per motivare la loro
scelta.

2 Io e il cibo
Obiettivo: Esercitare la produzione orale; arricchire il lessico.
Procedimento: Chiarite il significato dei termini non noti e avviate il confronto. Alla fine, potete fare
un sondaggio in plenum per alzata di mano per vedere le statistiche della classe: qual è la categoria
prevalente?

3 Dimmi come mangi e ti dirò chi sei


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite la consegna. Potete proporre la stesura di testi descrittivi per i tipi mancanti
(amante delle diete, bravo cuoco…).

Soluzione: 1./a; 2./g; 3./d; 4./l; 5./h; 6./e.

4 Parole, parole
Obiettivo: Arricchire il lessico; esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Dover aver completato la tabella con i termini presenti nel testo, potete invitare gli
studenti ad arricchirla con altre parole a loro già note. Potete anche proporre lo svolgimento dell’attività
su cartelloni da appendere poi in classe, assegnando ogni categoria a un diverso gruppo di studenti.

Soluzione:
Luoghi in cui è possibile
Cibi e spezie Pasti Utensili da cucina
mangiare
pane, fichi d’india, uva, colazione, pranzo, cena, trattoria, osteria, forchetta, coltello,
pane, melone, yogurt, merenda, spuntino di paninoteca, pizzeria, portaposate, bacchette,
cibi biologici, curry, mezzanotte enoteca, tavola calda vaporiera, pentola wok,
cumino, coriandolo, scolapasta
cous cous, germogli di
soia, pasta alla
carbonara, pasta e
fagioli, pasta e ceci,
bistecca, pollo alla
cacciatora, parmigiana
di melanzane, lasagne,
pasta, carne, formaggio,
pesce, latticini

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 12


5 Ancora utensili
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite la consegna. Dopo aver svolto le attività, per aiutare la memorizzazione dei
termini (verbi e nomi degli utensili) potete proporre un gioco di mimi a squadre. Scrivete le parole su
dei bigliettini, fate pescare un bigliettino a uno studente, che dovrà mimare la parola. La squadra che
indovina per prima ottiene un punto. Poi si continua con un altro studente che pesca un bigliettino e
mima un’altra parola, fino a che una squadra non raggiunge il punteggio di 8.

Soluzione:
vassoio bilancia tagliere pentola insalatiera padella coperchio
5 4 3 2 6 1 7
servire pesare affettare, lessare condire, friggere, coprire
tagliare mescolare ripassare

6 Nessuno, ogni…
Obiettivo: I pronomi e gli aggettivi indefiniti.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: ogni: aggettivo; tutti: aggettivo e pronome; chiunque: pronome; nessuno: aggettivo e
pronome (come aggettivo è normalmente preposto al sostantivo a cui si riferisce e subisce elisione
e troncamento allo stesso modo che l’articolo uno: nessun cane, nessun uomo, nessun’anima, nessuno scopo, ecc);
qualsiasi: aggettivo; qualunque: aggettivo.

7 Indefiniamo…
Obiettivo: Esercitare i pronomi e gli aggettivi indefiniti.
Procedimento: Seguite la consegna.

8 Dolce o salato? 5
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale; arricchire il lessico.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.
Chiarite alla fine il significato degli aggettivi non noti. Per favorire la memorizzazione degli aggettivi
non noti, fate indicare agli studenti un cibo per loro rappresentativo di ciascun aggettivo.

Soluzione: salato (U), croccante (U), scotto (U), sottile (-), ordinario (D), raffinato (D), stucchevole
(U), leggero (U), gommoso (D), spesso (-), piccante (-), delizioso (D).

9 Analizziamo
Obiettivo: Il futuro anteriore.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione:
Le altre due forme del futuro anteriore sono: avrò finito; avrò digerito
Il futuro anteriore si forma con il futuro di essere/avere + il participio passato.

Esprimere che un’azione avverrà una volta che un’altra si è conclusa avrò finito; avrò digerito
Fare un’ipotesi che si riferisce al passato sarà costato

10 Che cosa dici?


Obiettivo: Esercitare il futuro anteriore.
Procedimento: Seguite la consegna.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 13
11 La dislocazione a sinistra
Obiettivo: La dislocazione a sinistra.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: c.
Ma tu la vera pizza napoletana l’hai mai mangiata?

12 La cucina italiana nel mondo


Obiettivo: Esercita la produzione orale.
Procedimento: Formate delle coppie e mostrate la consegna. Lasciate qualche minuto agli studenti
perché possano raccogliere le idee e avviate il confronto. Alla fine, potete raccogliete qualche parere in
plenum.

13 Un’opinione
Obiettivo: Esercita la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: a, c, e, g.

14 A buon mercato
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: a/6; b/4; d/1; e/2; f/8; g/5; h/7.

15 Discussione
Obiettivo: Esercitare la produzione orale.
Procedimento: Dividete la classe in quattro gruppi: i cuochi italiani, gli esterofili, i vegetariani, le
casalinghe. Invitateli a prepararsi insieme, per poi poter andare ad “affrontare” singolarmente gli altri
opinionisti. Fate stilare ai vari gruppi una serie di idee sul tema del mito della cucina italiana. Formate
poi gruppi di 4, formati ciascuno da un cuoco, un esterofilo, un vegetariano e una casalinga, e avviate il
confronto.

16 Una ricetta 6
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto della descrizione di una ricetta.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione:

carciofi alla giudia carciofi alla romana

1. togliere le foglie esterne; 2. mettere in una ciotola con acqua e limone; 3. farli asciugare; 4. sbattere i
carciofi a testa in giù su un ripiano; 5. friggere; 6. scolare, 7. condire; 8. friggere.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 14


17 Passivo, passivo
Obiettivo: Il passivo.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione:
Esempi di forme passive con il verbo essere sono cotti, sono fritti, sono immersi
Esempi di forme passive con il verbo venire vengono fritti, vengono conditi
Esempi di forme passive con il verbo andare vanno usati, vanno messi, vanno fritti, va messo
Esempi di forme passive con verbo modale + devono essere immersi
essere
Esempi di si passivante (pronome personale si + si sbucciano, si tolgono, si immergono, si
verbo attivo) asciugano, si battono,

Quali delle forme usate esprimono un obbligo? Forma passiva con il verbo andare; verbo dovere + essere
a: impersonale; b: passiva

18 I cinque sensi in cucina


Obiettivo: Arricchire il lessico e favorire la memorizzazione.
Procedimento: Seguite la consegna.

19 Un piatto tipico
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di una ricetta.
Procedimento: Seguite la consegna. Se possibile, fate corredare il testo da immagini. Potete anche
proporre poi di girare un piccole video a casa con la videoricetta.

20 Slow food 7
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un’intervista.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Trascrizione:

Intervistatore: Signor Morellini, si sente spesso parlare di Slow food. Ci potrebbe spiegare esattamente cos’è?
Signor Morellini: Beh, Slow food è un movimento internazionale che si occupa di cultura alimentare, di lavoro,
di informazione e di educazione non solo al cibo, ma anche verso l’agricoltura, la pesca, insomma
verso tutte quelle attività che garantiscono il cibo quotidiano.
Intervistatore: Il vostro motto è “buono, giusto e pulito”. Potrebbe spiegarci in che senso?
Signor Morellini: Allora buono, perché vogliamo diffondere un cibo di qualità, gustoso e sano. Pulito perché ci
battiamo affinché la produzione del cibo non danneggi l’ambiente e giusto perché le condizioni
lavorative e i salari siano uguali per tutti i produttori.
Intervistatore: Ecco, da quando esiste il movimento?
Signor Morellini: Il movimento è nato nel 1986, in Piemonte, ma ormai si è radicato in più di 150 paesi.
Intervistatore: Senta, e che cosa è cambiato in fatto di alimentazione negli ultimi anni?
Signor Morellini: Mah, vede, molte delle realtà virtuose un tempo venivano trasmesse da madre in figlio, da padre
in figlio, nella società contadina. Poi è arrivata la società industriale, oggi siamo nella società
postindustriale e questo cordone ombelicale è stato tagliato, oggi non c’è più trasmissione di
sapere.
Intervistatore: E quindi? Cioè, cosa secondo Lei possiamo fare per recuperare questo legame?
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 15
Signor Morellini: Possiamo ricostruirlo solo se facciamo un grandissimo sforzo di informazione ed educazione,
specialmente delle giovani generazioni, per ridare valore al cibo perché il vero responsabile di
questo disastro ambientale che ruota intorno al cibo è la perdita di valore del cibo. Gli abbiamo
tolto il valore, il cibo è diventato merce.
Intervistatore: In che senso?
Signor Morellini: Oggi ci chiediamo quanto costa, non quanto vale, ma per sapere quanto vale io devo sapere le
tecniche di produzione, devo conoscere personalmente le comunità, i territori, i prodotti. Tutto
questo non c’è più e siamo vittime di ore e ore di pubblicità.
Intervistatore: E senta, come agite nel concreto?
Signor Morellini: Agiamo educando, ad esempio con la creazione degli orti, di cui parlavo prima, con la diffusione
dei laboratori del gusto, attraverso l’università di scienze gastronomiche. Valorizzando il lavoro e
i piccoli produttori, ad esempio con i presidi Slow food, proteggendo i prodotti a rischio
d’estinzione e chiaramente organizzando eventi, come il Salone del gusto, Terra madre,
Slow fish…
Intervistatore: Bene, bene, bene, la ringrazio infinitamente per le informazioni.
Signor Morellini: Grazie a Lei!

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande/dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 2: Milano | Seconda parte.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 16


facciamo il punto 1
Bilancio

Cose nuove che ho imparato


Obiettivo: Riflettere in modo approfondito sulle competenze acquisite nel corso delle lezioni
precedenti, non in termini di specifiche funzioni grammaticali o di lessico ma di funzioni e modalità
espressive.
Procedimento: Illustrate agli studenti, se non la conoscono, il fine dell’autovalutazione (essere
consapevoli delle proprie competenze). Lasciate poi il tempo di riflettere e completare il bilancio.

Progetto
Obiettivo: Realizzare un compito concreto attraverso l’uso pragmatico della lingua.
Procedimento: Come accennato nella Premessa, a seconda dei casi potete far svolgere tutta l’attività
in classe o assegnarla come compito a casa (parziale o meno); se è prevista una produzione scritta,
potete decidere se utilizzarla per un lavoro di editing o come spunto per una produzione orale libera o
guidata.

Per approfondire
Obiettivo: Approfondire i temi della lezione; favorire l’autonomia dello studente.
Procedimento: A seconda delle esigenze, questa sezione può essere sfruttata per indirizzare gli
studenti nell’approfondimento linguistico e culturale portato avanti in modo autonomo fuori dalla
classe, oppure come punto di partenza per l’insegnante, per lo sviluppo di attività integrative.

Come chiusura e verifica di quanto studiato finora, potete far svolgere il test 1 a pagina 130.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 17


1 Come ti informi?
Obiettivo: Introdurre il tema e il lessico dell’unità, esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite la consegna.

2 Come si informano gli italiani?


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un articolo.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: digitale, prudenza, utenti, informazione, intervistati, media, novità, novità, convinzione.
1, 3, 5, 6.

3 Preposizioni
Obiettivo: Preposizioni rette da verbi.
Procedimento: Seguite la consegna.

Soluzione: trattarsi di, accedere a, continuare a, navigare su.

4 Un’indagine in classe
Obiettivo: Esercitare la produzione orale e scritta.
Procedimento: Seguite la consegna. Se avete dei computer o dei tablet a disposizione potete chiedere
agli studenti di elaborare dei grafici per accompagnare il testo.

5 Tutti gli occhi su Marte 8


Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Seguite le consegne. Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi
l’attività 3 dell’unità 1. Proponete la lettura della trascrizione solo in fase di verifica.

Soluzione: 1, 3, 4, 5.

6 Ha detto che…
Obiettivo: Il discorso indiretto.
Procedimento: Seguite le consegne. Proponete una verifica a coppie e poi in plenum della seconda
parte dell’attività (p. 34).

Soluzione: Dice di essersi salvata grazie alla respirazione yoga; Consiglia di esercitarlo; Avevano detto
che sarebbe stato possibile per chiunque andare sulla Luna; Aveva detto che sarebbe venuta a trovarci
questo fine settimana; Mi ha chiesto se poteva venire con il suo nuovo compagno.
1. infinito, di; 2. infinito, di; 3. condizionale passato; 4. se.

7 Passaparola
Obiettivo: Esercitare il discorso indiretto.
Procedimento: Seguite le consegne.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 18


Soluzione:
(Tre anni fa) I partecipanti alla conferenza sul clima hanno detto che avrebbero abbassato la
temperatura entro il 2025.
(Domenica) Il Papa ha detto che vuole riformare ancora molte cose all’interno della Chiesa cattolica. /
Il Papa ha detto di voler riformare ancora molte cose all’interno della Chiesa cattolica.
(Due giorni fa) Uno scienziato ha detto che hanno confermato la presenza di acqua su Marte.
(Due anni fa) Un politico ha detto che avrebbero fatto di tutto per combattere l’evasione fiscale.
(L’altro ieri) Una modella ha detto che si è stancata di essere perennemente a dieta. / Una modella ha
detto di essersi stancata di essere perennemente a dieta.
(Ieri) Il sindaco ha detto di lasciare la macchina a casa domenica e di andare a piedi.
(L’anno scorso) Il Presidente dell’AS Roma ha detto che quest’anno avrebbero vinto lo scudetto.

8 Un articolo di cronaca
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di un articolo di cronaca.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione possibile: quando: 27 marzo; chi: una ragazza milanese; che cosa: un incidente stradale
non fatale; come: a causa di un gatto.

9 Libertà di parola per tutti?


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. E, 2. M, S; 3. M, S; 4. E, S; 5. M; 6. E.

10 Sinonimi
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne.
Soluzione:
stare in silenzio tacere
Eco colui che possiede detentore
il diffondersi il proliferare
dire una cosa diversa da quanto affermato da un’altra persona contraddire
de Martin dire qualcosa con fermezza / certezza affermare
permettere, dare concedere
non sopportare detestare
Severgnini capire, intuire intendere
giudicare positivamente apprezzare

11 Uso del condizionale


Obiettivo: Il condizionale per esprimere un’ipotesi non confermata.
Procedimento: Seguite le consegne.
Soluzione: b.

12 Io dico che…
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Formate delle coppie e mostrate la consegna. Lasciate qualche minuto agli studenti
perché possano raccogliere le idee e avviate il confronto. Alla fine, potete raccogliete qualche parere in
plenum.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 19


13 Cosa danno in TV? 9
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Soluzione: a, b, e, h
1. è senza dubbio; 2. tutti i torti Carlo non ce li ha; 3. io non sono del tutto d’accordo però; 4. il punto
è; 5. No, non direi.

14 Domande indirette
Obiettivo: Le domande indirette.
Procedimento: Seguite le consegne. Proponete poi una verifica a coppie e in plenum.

Soluzione: maggior, più.


Io non metto in dubbio che dei programmi decenti ci siano.

15 Un po’ di storia della TV


Obiettivo: Esercitare le domande indirette.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione:
Mi chiedo / Mi domando / Non so quando sia la nata la TV a colori.
Mi chiedo / Mi domando / Non so quanti canali esistessero all’inizio.
Mi chiedo / Mi domando / Non so che funzione avesse la TV all’inizio.
Mi chiedo / Mi domando / Non so quando sia nata la TV in Italia.
Mi chiedo / Mi domando / Non so quali siano i programmi più seguiti.

16 Viva la radio 10
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un’intervista.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Soluzione: b, c, d, g.

Trascrizione:

Intervistatrice: Dottoressa Pertici, Lei è docente presso il corso di laurea di “Linguaggi dei Media” alla
Cattolica di Milano.
Dott.ssa Pertici: Esatto.
Intervistatrice: Quindi un’esperta di media.
Dott.ssa Pertici: Beh, più o meno.
Intervistatrice: Secondo gli ultimi dati Eurisko la radio anche nell’era digitale, al contrario di quanto si
potrebbe ipotizzare, gode di ottima salute, i dati la premiano: ascolti, pubblicità e credibilità delle
emittenti continuano a crescere.
Dott.ssa Pertici: Sembra di sì.
Intervistatrice: Ebbene, come spiega Lei questo fenomeno?
Dott.ssa Pertici: Beh, la radio ha risposto alle sollecitazioni dell’era digitale con una grande capacità di reazione.
La radio è digitale, ma anche analogica, è mobile, ma anche domestica, è un media che fa
compagnia, ma crea allo stesso tempo ottimi contenuti. Insomma, si intreccia benissimo con i
social media.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 20
Intervistatrice: Vale a dire?
Dott.ssa Pertici: Le faccio un esempio, l’ascolto della radio convive con la fruizione della musica online e anzi si
rafforza. Il 90% di chi ascolta musica online, ascolta anche la radio, i notiziari o altri
programmi, quindi se l’ascolto di musica aumenta, cosa che è successa, aumenta anche l’ascolto di
altri programmi radiofonici.
Intervistatrice: Questo vale per i giovani?
Dott.ssa Pertici: No, in realtà gli utenti radiofonici sono tanti anche nelle fasce d’età più alte. Pensi che nella
fascia d’età dai 75 anni in poi le percentuali si aggirano intorno al 91%.
Intervistatrice: In quel caso sicuramente si tratta di ascolto radiofonico in casa.
Dott.ssa Pertici: Certo. E comunque la maggior parte degli utenti la ascolta in macchina e poco meno della metà
ancora su apparecchi classici, solo un 13% la ascolta sugli smartphone.
Intervistatrice: Secondo i dati la radio per molti è più credibile della TV.
Dott.ssa Pertici: Sì, è esatto, questo vale per i notiziari, naturalmente. Sembra che abbia più valore un “l’ha detto
la radio” che “l’ho sentito alla TV”.
Intervistatrice: E questo da che dipende?
Dott.ssa Pertici: Per molti la radio è meno politicizzata e quindi meno controllata della TV, quindi de facto più
libera. Alla radio non c’è trucco e non c’è inganno, non ci sono belle donne e bei vestiti, quindi il
contenuto è ancora più importante che in TV, dove molto, invece, si basa sull’immagine.
Intervistatrice: Ahhh….
Dott.ssa Pertici: Nessun media riesce a raccontare o rappresentare emotivamente meglio gli stati d’animo della
gente. Ecco perché è immortale.
Intervistatrice: Bene, allora buon ascolto!

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 3: L’italiano dei giornali.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 21


1 Il mondo del lavoro
Obiettivo: Introdurre il tema dell’unità, esercitare l’interazione orale; arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

2 Lavori del futuro


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un articolo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. Organizzatore di gruppi; 2. Consulente per la casa intelligente; 3. Specialista sanitario in


remoto; 4. Senior carer.

3 Espressioni fisse
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1./h; 2./m; 4./f; 5./b; 6./d; 7./c; 8./n; 9./l; 10./e; 11./i; 12./a.

4 Qualcosa che…
Obiettivo: Le frasi relative con il congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne e poi verificate in plenum.

Soluzione: a, c.
Che modo verbale si usa quando il requisito espresso dalla frase relativa è la descrizione di una
caratteristica nota all’interlocutore? L’indicativo.
Che modo verbale si usa quando il requisito espresso dalla frase relativa è un’idea, una limitazione, una
condizione richiesta? Il congiuntivo.

5 Requisiti
Obiettivo: Esercitare le frasi relative con il congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: Cerco un team che sia piacevole; Cerco un impiego che mi permetta di lavorare da casa;
Cerco una professione che mi faccia guadagnare bene; Cerco un lavoro che sia creativo; Cerco un
lavoro che mi permetta di stare all’aria aperta.

6 Che lavoro fai? 11


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di una conversazione.
Procedimento: Seguite le consegne. Mostrate poi il box in giallo in cui viene evidenziata la forma del
superlativo relativo con il congiuntivo.
Soluzione: Che lavoro fai?; Mai sentito!; No, veramente no.; E in cosa consiste concretamente?; Ah,
interessante!; Però immagino che sia anche molto faticoso, no?; E senti, per chi lavori?; E quindi non
hai né un contratto né un orario di lavoro fisso?; E lo stipendio è buono?

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 22


7 Non esageriamo un po’?
Obiettivo: Il superlativo relativo con il congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: È la situazione più imbarazzante che abbia mai vissuto; È il lavoro più stravagante di cui
abbia mai sentito parlare; È il collega più pesante che abbia mai avuto; È il capo più piacevole con cui
abbia mai lavorato; È il team più stimolante con cui abbia mai lavorato; È il progetto più interessante a
cui abbia mai partecipato.

8 E tu? Che lavoro fai?


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Formate delle coppie e seguite le consegne.

9 Il lavoro agile
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un articolo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione:
vantaggi svantaggi
Si risparmia il tempo per andare in ufficio. Si rischia di lavorare troppo.
Ci si stressa meno. Manca il confronto con i colleghi.
Si è più produttivi.
Si ha più tempo per la famiglia.
Si ha tempo per gestire le faccende domestiche.
Ci si concentra meglio.

10 Gerundio
Obiettivo: La funzione causale e ipotetica del gerundio.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. Causale; 2. Modale.

11 Tris
Obiettivo: Esercitare la funzione causale e ipotetica del gerundio.
Procedimento: Dividete gli studenti in coppie, assicuratevi che le consegne siano chiare e avviate il
gioco.

12 Mi piacerebbe che… 12
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo formale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione: c, e, f.

13 Desideri
Obiettivo: Concordanza dei tempi (il condizionale con il congiuntivo).
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione:
Frase principale Frase secondaria
2. Preferirei che ci parlasse Lei.
3. Non vorrei si facesse un’idea sbagliata.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 23


Quando nella frase principale c’è un verbo di desiderio o volontà al condizionale presente, nella
secondaria segue il congiuntivo imperfetto.

14 E ancora desideri
Obiettivo: Esercitare la concordanza dei tempi (il condizionale con il congiuntivo); esprimere desideri.
Procedimento: Seguite le consegne. Raccogliete poi alcune idee in plenum.

15 Parità nel mondo del lavoro?


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Dividete gli studenti in piccoli gruppi e avviate il confronto. Poi raccogliete alcune idee
in plenum.

16 Il vigile o la vigilessa?
Obiettivo: Il femminile dei nomi di professione.
Procedimento: Seguite le consegne. Per un approfondimento su questo tema, potete proporre l’attività
video di pagina 52. Per un ulteriore approfondimento, consigliamo questo articolo dell’Accademia della
Crusca.

Soluzione:
maschile femminile maschile femminile maschile femminile
sarto sarta cuoco cuoca traduttore traduttrice
idraulico idraulica avvocato avvocata ingegnere ingegnere
falegname falegname vigile vigilessa giornalista giornalista
contadino contadina medico medico commesso commessa
elettricista elettricista ministro ministra cantante cantante

17 Notizie dal mondo del lavoro


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

18 Opinioni 13
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Soluzione: 1, 3
1. Paolo; 2. Paolo; 3. Paolo e Gianni; 4. Gianni; 5. Gianni; 6. Paolo; 7. Gianni.

Trascrizione:

Gianni: Allora Paolo, quando parte tuo figlio per la Germania?


Paolo: Fra due settimane.
Gianni: Ma ha già trovato qualcosa?
Paolo: Sì, sì. Tu pensa che ha spedito un paio di curriculum e dopo una settimana l’hanno chiamato due ditte.
Gianni: Beh, bravo! Dovresti essere orgoglioso.
Paolo: Mah, è chiaro che sono orgoglioso di lui, solo che mi vengono i nervi a pensare che per trovare un lavoro deve
lasciare il Paese. Avrei preferito che restasse qui.
Gianni: Sì, lo capisco, ma magari fa un po’ di esperienza all’estero, impara la lingua e poi torna.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 24


Paolo: Eh, caro Gianni, tu ci credi? Io no. E comunque è una vergogna che non si riesca a far nulla per far restare
qui i nostri giovani. Tu pensa, lavoriamo sodo, facciamo un sacco di sacrifici…
Gianni: E anche loro, ovviamente!
Paolo: E certo, mio figlio dopo la laurea, a pieni voti in fisica, ha fatto due master. E questo lavoricchiando per
mantenersi. Mah, guarda, sono così amareggiato per come funzionano le cose. Noi dovremo lavorare sempre più
a lungo e i giovani competenti… se ne vanno.
Gianni: Prima o poi l’Italia diventerà un Paese per vecchi.
Paolo: Per vecchi e immigrati. Anzi se non ci fossero loro saremmo già un Paese per soli anziani.
Gianni: Mah, quante cose son cambiate in questi ultimi 50 anni! Non lo so, a me sembra anche che le figure
professionali una volta fossero più definite. Io a volte mica lo capisco che lavoro fanno certe persone.
Paolo: Hai ragione. E comunque sai, il problema non è solo la disoccupazione è un po’ tutto il mercato del lavoro che
è cambiato. Il senso stesso del lavoro si è impoverito.
Gianni: In che senso?
Paolo: Non so, penso a questo senso di precarietà, a questa insicurezza, incertezza per il futuro. Il lavoro in fondo non
è solo lavoro, nel senso che non è solo quello che ti permette di arrivare a fine mese, è anche ciò che dà dignità
alla tua vita, forma, struttura. Io questi giovani li vedo disorientati, persi. E noi anziani invece siamo stanchi.
Gianni: Hai perfettamente ragione, però non lo so, dall’altra parte penso che forse li dovremmo aiutare, sostenere, dargli
più speranza, perché, perché il punto è anche questo, secondo me manca l’energia, la volontà di venirne fuori.
Paolo: Tu dici?
Gianni: Sì, io credo che a volte ci arrendiamo troppo presto, che dovremmo imparare a essere più positivi, più costruttivi.
Non lo so, penso a chi resta, a chi non si arrende. La figlia di mia sorella per esempio ha studiato archeologia e
ora si è aperta una piccola sartoria. Ha sempre avuto la passione del cucito e adesso si è inventata questa
attività che sembra vada anche molto bene.
Paolo: Hmmm…
Gianni: E poi pensa agli imprenditori che hanno investito nel Paese, che ne so, a Cucinelli, a Farinetti e al successo che
ha avuto con Eataly.
Paolo: Sì, ma sono eccezioni! Il resto scappa.
Gianni: Sì, però ripeto, per me è anche una questione di mentalità. In fondo ci dimentichiamo quello che siamo e siamo
stati, il nostro passato, il Made in Italy, le nostre eccellenze, la creatività e tutto quello che ci ha sempre
caratterizzato e che ci ha permesso nel passato di fare un salto da Paese contadino a grande Paese industriale.
Secondo me ci siamo persi per strada anche la fiducia. Certo nessuno mette in dubbio i danni delle crisi, ma….

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 4: Il sessismo della lingua.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 25


1 Emozioni
Obiettivo: Introdurre il tema dell’unità; arricchire il lessico; esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

2 Trasformiamo
Obiettivo: La derivazione (dal nome all’aggettivo); arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne. Per rendere l’attività più giocosa potete usare un timer da cucina e
impostare un tempo molto ridotto (ad esempio un minuto): qual è la squadra che è riuscita a trovare più
aggettivi corretti?

Soluzione: rabbia / arrabbiato; felicità / felice; fastidio / infastidito; stupore / stupito; paura /
impaurito; imbarazzo / imbarazzato; disgusto / disgustoso, disgustato; orgoglio / orgoglioso; noia /
annoiato; delusione / deluso; commozione / commosso; ansia / ansioso.

3 Questo è il mondo? 14
Obiettivo: Esercitare tutte le abilità; apprendere alcune espressioni colloquiali che si usano per
descrivere gli stati d’animo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: ti gira male?; sono solo un po’ giù; ti ha dato fastidio; non c’entri niente; vedi tutto nero; te
ne esci pure tu; mi fa imbestialire; dire la propria; è uno schifo; fa spavento.

4 In altre parole
Obiettivo: Espressioni colloquiali che si usano per descrivere gli stati d’animo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: tristezza / delusione: girare male; essere giù; vedere tutto nero. rabbia: fare imbestialire.
paura: fare spavento.

5 Come si dice?
Obiettivo: Espressioni colloquiali che si usano per descrivere gli stati d’animo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione:
Emozione Espressione colloquiale
RABBIA sono fuori di me, sono nero, mi fa incavolare / mi incavolo
RIBREZZO / DISGUSTO mi fa schifo
PIACERE ho un debole per; vado pazzo per; mi fa / fanno impazzire
TRISTEZZA mi gira storto
GIOIA / FELICITÀ sono su di giri, sono al settimo cielo
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 26
6 Mi fa piacere…
Obiettivo: Esercitare le espressioni per esprimere gli stati d’animo.
Procedimento: Seguite la consegna. Potete anche far svolgere l’attività in questo modo: portate in
classe dei pennarelli colorati e sette fogli grandi (uno con al centro la scritta Mi fa piacere, uno con la
scritta Mi rende triste, ecc) e appendeteli al muro. Fate alzare gli studenti e fategli completare i cartelloni
con le loro frasi, scritte con i colori che preferiscono. I cartelloni possono poi rimanere appesi per
aiutare la memorizzazione delle espressioni.

7 Emozioni di scena
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

8 Un blog
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un post in un blog.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: pesantezza, pesante, leggerezza, leggerezza, leggerezza, leggeri, leggeri.

9 Alcune espressioni
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 2 + 15 / g; 3 + 13 / d; 4 + 14 / e; 5 + 16 /a; 6 + 11 / c; 7 + 12 / h; 8 + 10 / f

10 Proprio
Obiettivo: Il possessivo proprio.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: Si usa proprio perché la frase ha un soggetto indefinito.

11 Il contrario
Obiettivo: La derivazione (prefissi per formare i contrari).
Procedimento: Seguite le consegne e poi verificate in plenum.

Soluzione: contento / scontento; resistibile / irresistibile; organizzato / disorganizzato; tipico /


atipico; responsabile / irresponsabile.
s-, dis-, a-
Il prefisso in- diventa: il- davanti a l, im- davanti a b, m o p, ir- davanti a r.

12 Il tuo intervento
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di una lettera.
Procedimento: Seguite le consegne. Proponete poi una revisione a coppie.

13 Interviste 15
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale, tramite l’ascolto di varie brevi interviste; arricchire il
vocabolario.
Procedimento: Far fare un primo ascolto proponendo la prima attività. Proponete poi un secondo (e
eventualmente un terzo) ascolto a libro chiuso. Fate riaprire il libro e completare la seconda attività.
Chiarite che la risposta è soggettiva: ognuno deve spuntare gli aggettivi sulla base delle impressioni che
ha avuto sugli intervistati. Questi sono gli aggettivi citati nell’ascolto: Laura: sensibile, sincera, ironica,
riflessiva; Claudio: generoso, spendaccione, impaziente, socievole; Flavia: generosa, pigra, sincera.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 27
Trascrizione intervista 1:

Intervistatore: Laura, tre difetti e tre pregi.


Laura: Oh, ci devo pensare, allora tre difetti, sono disordinata, impulsiva e permalosa. Tre pregi, sensibile,
ironica e riflessiva.
Intervistatore: Di che cosa hai paura?
Laura: Ho paura di non riuscire a vedere i miei figli “sistemati”, cioè che non siano economicamente
indipendenti prima che io muoia.
Intervistatore: E senti, chi è la persona a cui ti rivolgi quando hai bisogno?
Laura: Dipende dal motivo o dall’occorrenza. Una mia cara amica se ho litigato con mio marito, mio
marito se ho problemi al lavoro o con i figli.
Intervistatore: L’ultima volta che hai pianto o riso fino alle lacrime.
Laura: Hmmm, sinceramente riso fino alle lacrime non me lo ricordo, non so neanche se ho mai riso fino a
piangere. Pianto invece sì, l’altra sera, al cinema, ho visto un documentario su Lampedusa, sui
rifugiati. E lì, sì, ho pianto. In genere ho il pianto facile.
Intervistatore: Cosa porteresti via se dovessi scappare di casa all’improvviso?
Laura: I miei disegni. Li conservo gelosamente da una vita.
Intervistatore: Se tu potessi cambiare qualcosa del tuo passato, cosa cambieresti?
Laura: Non sarei più tanto sincera col prossimo, come lo sono stata. Non lo so, penso che a volte a essere
sinceri ci si rimette.

Trascrizione intervista 2: vedi p. 60 del libro.

Trascrizione intervista 3:

Intervistatore: Flavia, dimmi tre pregi e tre difetti.


Flavia: Allora, comincio con i pregi, aperta, sincera e generosa e i difetti, hmmm, pigra, disordinata e
ritardataria.
Intervistatore: E senti, c’è qualcosa di cui hai paura?
Flavia: Di non riuscire a raggiungere gli obiettivi che mi pongo.
Intervistatore: E senti, chi è la persona a cui ti rivolgi quando hai bisogno?
Flavia: Mia madre.
Intervistatore: L’ultima volta che hai pianto o riso fino alle lacrime?
Flavia: Non ricordo.
Intervistatore: Cosa porteresti via se dovessi scappare di casa all’improvviso?
Flavia: Il mio gatto.
Intervistatore: Se tu potessi cambiare qualcosa del tuo passato, cosa cambieresti?
Flavia: Niente. Se sono così oggi è grazie a ciò che ero ieri.

14 Ipotesi
Obiettivo: Le frasi ipotetiche.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. Nel caso in cui tu abbia bisogno, 2. Se ho bisogno, 3. Qualora dovessi scappare di casa
all’improvviso; 4. Se penso a quello che mi riesce; 5. Se potessi cambiare, 6. Se avessi saputo che è così
difficile vivere all’estero, 7. Se non fossi partito.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 28


15 Non solo se
Obiettivo: Modi diversi di esprimere il se nel periodo ipotetico.
Procedimento: Seguite le consegne. Proponete poi una verifica a coppie e infine in plenum.

Soluzione: nel caso in cui, qualora


Nel caso in cui tuo figlio abbia bisogno; Qualora tuo figlio abbia bisogno.

16 Le vostre interviste
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

17 Indovina chi?
Obiettivo: Descrivere una persona.
Procedimento: Seguite le consegne.

18 Le lettere della vita


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un brano letterario.
Procedimento: Seguite le consegne.

19 Che cos’è?
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Cominciate facendo compilare l’esercizio agli studenti con le proprie libere
associazioni. Ad esempio, potrebbero scrivere queste parole: aprire, attrazione, acqua, porta, bambina. Poi
fate cercare nel brano le parole che si possono associare all’immagine.

Soluzione: La prima risposta è soggettiva.


La seconda risposta è: 1. coperchio, 2. calamita, 3. pozzo, 4. maniglia, 5. occhiolino.

20 Ti è piaciuto?
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

21 Come se, senza che…


Obiettivo: Come se/Senza che + congiuntivo.
Procedimento: Prima di avviare l’attività, assicuratevi che la struttura sia chiara, mostrando il box
giallo.

22 ABC
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne. Se possibile assegnate una o due lettere diverse a ciascuno
studente, per poter poi creare l’alfabeto di classe raccogliendo insieme i racconti di tutti.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 5: Il nero e l’argento.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 29


facciamo il punto 2
Bilancio

Cose nuove che ho imparato


Obiettivo: Riflettere in modo approfondito sulle competenze acquisite nel corso delle lezioni
precedenti, non in termini di specifiche funzioni grammaticali o di lessico ma di funzioni e modalità
espressive.
Procedimento: Illustrate agli studenti, se non la conoscono, il fine dell’autovalutazione (essere
consapevoli delle proprie competenze). Lasciate poi il tempo di riflettere e completare il bilancio.

Progetto
Obiettivo: Realizzare un compito concreto attraverso l’uso pragmatico della lingua.
Procedimento: Come accennato nella Premessa, a seconda dei casi potete far svolgere tutta l’attività
in classe o assegnarla come compito a casa (parziale o meno); se è prevista una produzione scritta,
potete decidere se utilizzarla per un lavoro di editing o come spunto per una produzione orale libera o
guidata.

Per approfondire
Obiettivo: Approfondire i temi della lezione; favorire l’autonomia dello studente.
Procedimento: A seconda delle esigenze, questa sezione può essere sfruttata per indirizzare gli studenti
nell’approfondimento linguistico e culturale portato avanti in modo autonomo fuori dalla classe, oppure
come punto di partenza per l’insegnante, per lo sviluppo di attività integrative.

Come chiusura e verifica di quanto studiato finora, potete far svolgere il test 2 a pagina 144.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 30


1 Per me il cinema è…
Obiettivo: Introdurre il tema dell’unità; esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

2 Che film è?
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale; arricchire il lessico.
Procedimento: Se ne avete la possibilità, potete proporre la stessa attività mostrando, anziché le
immagini del libro, alcuni brevi spezzoni di film italiani di generi differenti.

3 La pazza gioia
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

4 La trama
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

5 Indovina
Obiettivo: Esercitare la produzione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

6 Dalla parte del pubblico


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1./b; 2./e; 3./d; 4./a; 5./c.

7 La posizione dell’aggettivo
Obiettivo: La posizione dell’aggettivo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: c.
uomo sbagliato; profonda amicizia; malattia mentale; delicatezza unica; universo femminile;
sentimenti veri; mondo egoista; secondo piano; cura farmacologica; solida sceneggiatura; ultimo
film; bel film; grandi autori italiani.

8 Ancora regole
Obiettivo: La posizione dell’aggettivo.
Procedimento: Fate svolgere l’attività in coppie e poi verificate in plenum.
Soluzione: 1. soggettivo, connotativo; neutro, oggettivo; 2. Si trovano dopo il nome; 3. Si trova dopo il
nome; 4. prima del.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 31


9 Aggettiviamo
Obiettivo: Esercitare le regole sulla posizione dell’aggettivo.
Procedimento: Per rendere l’attività più giocosa, consigliamo di usare un timer da cucina per segnalare
il tempo a disposizione.

10 Io direi che…
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di una recensione.
Procedimento: Seguite le consegne.

11 Che danno al cinema? 16


Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale; apprendere
alcune espressioni colloquiali.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione: a. vero; b. falso; c. vero; d. falso; e. falso; f. vero.


Avresti voglia? Ti andrebbe?: Come lo vedi?; Triste, sfortunato: Sfigato; Critichi sempre: Non ti va
bene niente; È un bel tipo: Merita.

12 Si usa perché…
Obiettivo: Usi particolari del congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.
Soluzione:
Si usa il congiuntivo perché c’è… o f
…una frase relativa con valore restrittivo /
X mica facile trovare un film che ti vada bene…
limitativo.
…una congiunzione che esprime una
X Mah, sì, purché non sia quel cinema sfigato…
condizione.
…una negazione nella frase principale X Beh, non è che i film francesi siano tutti uguali!

13 I gusti son gusti


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Lasciate qualche minuto per leggere le trame e per raccogliere le idee e poi avviate il
confronto.

14 Un’idea rivoluzionaria?
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un articolo.
Procedimento: Seguite le consegne.
Soluzione: d.
b, d, e.

15 Sinonimi
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne.
Soluzione: 1. aggeggio; 2. paura; 3. venditori; 4. addirittura; 5. possibilità; 6. evoluzioni; 7. perdita;
8. interessanti; 9. si lamentano.

16 Far fare
Obiettivo: La costruzione fare + infinito.
Procedimento: Seguite le consegne e poi verificate in plenum.
Soluzione: a.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 32
17 Gli ebook faranno scomparire i libri?
Obiettivo: Esercitare la costruzione fare + infinito.
Procedimento: Seguite le consegne.

18 Cinema italiano 17
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale; apprendere
alcune nozioni di storia del cinema italiano.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Soluzione: 1, 2, 4, 5, 6, 7.

Trascrizione
Mauro: Scusa Luca, ma quanti DVD hai? Pazzesco! Saranno migliaia!
Luca: Veramente con esattezza non lo se neanche io. Non li ho mai contati!
Mauro: Incredibile! Sapevo che fossi un appassionato, ma non pensavo a questo livello.
Luca: Sì, il cinema è la mia passione e poi sai che ogni tanto vado nelle scuole a fare dei seminari sul cinema italiano.
Mauro: No, veramente non lo sapevo. Senti, ma fai vedere anche i vecchi film?
Luca: Sì, certo. Come fai sennò a parlare di cinema italiano saltando il neorealismo o la commedia all’italiana?
Mauro: E la reazione dei ragazzi qual è? Perché vedersi un mattone come Ladri di biciclette o Roma città aperta
non è che sia il massimo del divertimento.
Luca: Beh, prima di tutto non è che i film debbano necessariamente divertire e poi dipende molto da come glieli
presenti e dal lavoro che poi ci fai. Ladri di biciclette piace tantissimo ai ragazzi, in genere si commuovono
tantissimo. E poi quando gli spiego che il neorealismo faceva uso di attori non professionisti, che le scene erano
girate all’aperto in modo anche un po’ provvisorio e che il neorealismo ha reso grande il cinema italiano nel
mondo si inorgogliscono.
Mauro: Ah, beh, fammi un po’ vedere che c’hai ancora … No! Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli.
Questo è un mito. Te la ricordi la scena in cui il padre rapisce l’assassino del figlio?
Luca: Certo che me la ricordo. Alberto Sordi in quel film supera se stesso.
Mauro: Certo che chiamare un film del genere commedia non è proprio esatto.
Luca: Beh, però la caratteristica della commedia all’italiana era, ed è direi, proprio questa, mostrare anche il lato
tragico delle cose, ridere delle disgrazie…
Mauro: È vero, è vero se penso a Virzì, che è considerato l’erede della commedia all’italiana … E senti, Fellini? Ti
piace? Perché io sinceramente lo trovo un po’ ostico.
Luca: Beh, è stato indubbiamente un grande del cinema italiano, ha fatto dei capolavori, tipo Amarcord, La
strada. Gli ultimi però non mi hanno convinto.
Mauro: A me non piace, non lo so, il cinema d’autore non è proprio il mio genere, neanche Antonioni e Pasolini mi
piacciono. Dei geni, senza dubbio, ma non fanno per me, troppo intellettuali … hmm, che hai ancora …
Questo? Nuovo mondo di Crialese, non lo conosco. È bello?
Luca: Magistrale direi. Un bellissimo film sull’emigrazione italiana dei primi del Novecento. Crialese è un regista
contemporaneo, ha fatto anche un altro film molto bello sul tema dell’immigrazione, Terraferma, lo conosci?
Mauro: No, veramente no. E senti, c’è un genere che non ti piace?
Luca: Sì, gli horror, e non mi convince un granché il cinema degli anni Ottanta, Novanta, troppo americano, troppo
commerciale… con delle eccezioni ovviamente.
Mauro: Tipo?
Luca: Beh, tipo Mediterraneo di Salvatores o Nuovo cinema paradiso di Tornatore.
Mauro: Che infatti hanno vinto un Oscar, no?
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 33
Luca: Sì, esatto.
Mauro: E dei registi attuali chi ti piace?
Luca: Mah, secondo me ce ne sono diversi veramente bravi. Mi sembra che a partire dal duemila ci sia stata un po’
una rinascita del cinema italiano … alcuni registi mi sembrano abbiano recuperato la forza di denuncia del
neorealismo, penso a Gomorra, o a Il Divo, a I cento passi…
Mauro: Anche se ci sono una marea di filmacci in giro.
Luca: Va be’ quello è chiaro. Però se pensi a film come La grande bellezza di Sorrentino …
Mauro: No, quello non mi è piaciuto per niente, decisamente sopravvalutato…
Luca: Questione di gusti. Indubbiamente è un film complesso.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 6: Roma | Prima parte.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 34


1 Sai dov’è?
Obiettivo: Elicitare le conoscenze pregresse; suscitare interesse per l’argomento della lezione.
Procedimento: Seguite le consegne. Se gli studenti hanno nei loro cellulari foto di viaggi fatti in Italia,
potete sfruttarle per stimolare la conversazioni in piccoli gruppi.

2 L’Italia dell’arte
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta; arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: Paese; mondo; città d’arte; 95.000; centri storici; Firenze; Pompei; 50; Umanità; Nord;
Centro Italia; Campania.

3 In o a?
Obiettivo: L’uso delle preposizione in e a.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione:
La preposizione a si usa prima di una città. Es.: a Venezia.
La preposizione in si usa prima di una regione. Es.: in Toscana.
La preposizione in + articolo si usa quando il nome della regione che segue è al plurale. Es.: nelle
Marche.
La preposizione in + articolo si usa anche quando il nome della città, della regione o del Paese è
ulteriormente connotato, ovvero se c’è un’ulteriore informazione. Es.: nel Centro Italia.
Con i punti cardinali si usa la preposizione a. Es.: al Nord.

4 Una ricerca
Obiettivo: Esercitare tutte le abilità; scoprire un luogo d’Italia.
Procedimento: Se l’attività viene svolta in classe, invitate gli studenti a usare i loro smartphone per
svolgere la ricerca. Se possibile, fate preparare una presentazione su PowerPoint o software analoghi
con molte foto per rendere più dinamica l’esposizione.

5 Che meraviglia! 18
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di un dialogo informale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione: a. Perché ha paura che la chiesa chiuda a ora di pranzo; b. Laura è stupita. Pensava che la
chiesa fosse più vistosa, più grande. È stupita anche dal quadro: trova che l’opera sia bellissima e molto
particolare; c. Perché la Madonna è raffigurata come una donna qualunque: scalza e vestita con abiti
poveri; d. Nelle due immagini si vede lo stesso portone, che è quello della casa dove abitava Caravaggio
quando realizzò il quadro.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 35


6 La concordanza dei tempi
Obiettivo: La concordanza dei tempi.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione: secondaria, principale.

7 Cerca gli esempi


Obiettivo: La concordanza dei tempi al congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione:
anteriorità contemporaneità posteriorità
Frase principale al Immagino che allora il Sei sicura che sia questa? Temo che la chiesa
presente quadro glielo abbiano chiuda a ora di pranzo.
rifiutato.

Alcuni dicono che la


donna rappresentata
fosse una delle sue
amanti.
Frase principale al Pensavo le avessimo viste Immaginavo fosse più Pensavo che saremmo
passato già tutte. vistosa, più grande. andate a prenderci un
gelato!
So che la donna era la sua amante. So che il quadro glielo rifiutarono.

8 La concordanza al congiuntivo
Obiettivo: La concordanza dei tempi al congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione:
Azione della secondaria
Tempo della principale anteriore contemporanea posteriore
(prima) (durante) (dopo)
Congiuntivo passato o
presente Congiuntivo presente Congiuntivo presente
imperfetto
Congiuntivo imperfetto
passato Congiuntivo trapassato Congiuntivo imperfetto
o condizionale passato

9 Tu lo sai?
Obiettivo: Esercitare la concordanza dei tempi; ampliare le conoscenze di storia dell’arte italiana.
Procedimento: Seguite le consegne.

10 Concordiamo
Obiettivo: Esercitare la concordanza dei tempi.
Procedimento: Seguite le consegne.

11 Al museo
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Lasciate qualche minuto per raccogliere le idee e poi avviate il confronto.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 36


12 Una lettera al giornale
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di una lettera a un giornale; esercitare
l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

13 Cerca l’equivalente
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: guardare intensamente / contemplare; importanti opere d’arte / capolavori; tuttavia /


c’è un però; in modo casuale / a casaccio; ogni cosa, senza scegliere / tutto quello che capitava a
tiro; non rispettata / disattesa; pretende / esige; con calma / in santa pace; so / mi risulta.

14 Caro Augias,…
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la lettura di una lettera.
Procedimento: Seguite le consegne e proponete una correzione a coppie.

15 La Presentazione al tempio 19
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale tramite l’ascolto di una lezione di storia dell’arte; arricchire
il lessico.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione:
L’opera descritta è la numero 1.
L’artista del dipinto 1 è Andrea Mantegna. L’artista del dipinto 2 è Giovanni Bellini.
Le parole nominate sono: opera, quadro, in primo piano, pittore, tridimensionalità, di profilo, sullo
sfondo, in posizione frontale.

16 A caccia di pronomi relativi


Obiettivo: I pronomi relativi.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione: 1./b; 2./c; 3./a


il cui, il che

17 Questione di punti di vista 20


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale e la comprensione orale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1.

Soluzione: 1. A Roma, presso la mostra su Bansky; 2. Sia la street art che i graffiti sono forme d’arte,
anche se chi scrive cose stupide sui muri non può essere considerato un artista; 3. Pensa che sia una
forma d’arte accessibile a tutti perché presentata nello spazio pubblico e non all’interno di musei. Pensa
inoltre che offra la possibilità di esprimere un’idea, spesso una protesta contro il sistema. 4. Pensa che
l’arte di strada sia una forma di vandalismo e che rappresenti una mancanza di rispetto verso i cittadini.

Trascrizione

L’arte di strada, meglio conosciuta come street art, ha preso piede ormai anche in Italia. Ma cosa distingue la street art
dai graffiti? Ed è poi giusto definirla arte o sarebbe forse più giusto, come sostengono molti, considerarla solo vandalismo?
Lo abbiamo chiesto ad alcuni visitatori della mostra organizzata a Roma fino a settembre su Bansky, l’artista inglese
considerato, al momento, il maggiore esponente della street art.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 37


Intervistatrice: Salve!
Ragazzo: Salve!
Intervistatrice: Le è piaciuta la mostra?
Ragazzo: Sì, tantissimo, tantissimo…
Intervistatrice: Una domanda. Per Lei la street art è arte?
Ragazzo: Certamente, è arte a tutti gli effetti. Una forma d’arte che si manifesta in un luogo pubblico, il muro
di un palazzo, un edificio abbandonato, un ponte… per me è l’arte che si riappropria dello spazio
pubblico, l’arte che esce dai musei e diventa accessibile a tutti.
Intervistatrice: Ma in questo modo non si rischia di giustificare chi imbratta muri o edifici che in fondo
appartengono a tutti?
Ragazzo: Mah, secondo me bisogna distinguere tra chi con le bombolette di vernice si diverte solo a scrivere o
disegnare idiozie sui muri e chi, invece, ha qualcosa da dire. La maggioranza degli artisti oggi critica
il sistema, quindi ha qualcosa da dire, da esprimere e lo fa in questo modo.
Intervistatrice: E i graffitari? Considera anche loro artisti?
Ragazzo: In un certo modo sì… Anche se loro usano le parole, non le immagini. E comunque anche in questo
caso dipende, perché chi scrive sui muri “Laura ti amo” o “Lazio merda” non può certo essere
considerato un artista.
Intervistatrice: Grazie!
Ragazzo: A te!
Intervistatrice: Signora buongiorno, posso farLe una domanda?
Donna: Mah… Sì, se è una cosa veloce però.
Intervistatrice: Le è piaciuta la mostra di Bansky?
Donna: No, per niente. Sono venuta perché mi ci ha trascinato mia nipote, io non sapevo neanche chi fosse
questo Bansky.
Intervistatrice: Ma la street art Le dice qualcosa?
Donna: Intende gli scarabocchi e le porcherie varie che dipingono sui muri?
Intervistatrice: Diciamo di sì…
Donna: Beh, no, per niente, anzi per me è uno scandalo considerarla arte. Imbrattare un muro non è arte, è
mancanza di rispetto per la cosa pubblica. E poi, scusi, perché dobbiamo essere costretti a vedere
qualcosa che non ci piace? Se qualcuno dipinge il muro di fronte al mio portone con un orribile
disegno io sono costretta a vederlo. Lei mi spiega perché? Non è così per l’arte. In questo caso infatti,
lo decido io se andarmi o no a vedere la mostra. No, questa non è arte, è vandalismo!

18 Io la penso diversamente
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Lasciate qualche minuto per raccogliere le idee e poi avviate il confronto.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 7: Venezia | La Biennale.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 38


facciamo il punto 3
Bilancio

Cose nuove che ho imparato


Obiettivo: Riflettere in modo approfondito sulle competenze acquisite nel corso delle lezioni
precedenti, non in termini di specifiche funzioni grammaticali o di lessico ma di funzioni e modalità
espressive.
Procedimento: Illustrate agli studenti, se non la conoscono, il fine dell’autovalutazione (essere
consapevoli delle proprie competenze). Lasciate poi il tempo di riflettere e completare il bilancio.

Progetto
Obiettivo: Realizzare un compito concreto attraverso l’uso pragmatico della lingua.
Procedimento: Come accennato nella Premessa, a seconda dei casi potete far svolgere tutta l’attività
in classe o assegnarla come compito a casa (parziale o meno); se è prevista una produzione scritta,
potete decidere se utilizzarla per un lavoro di editing o come spunto per una produzione orale libera o
guidata.

Per approfondire
Obiettivo: Approfondire i temi della lezione; favorire l’autonomia dello studente.
Procedimento: A seconda delle esigenze, questa sezione può essere sfruttata per indirizzare gli studenti
nell’approfondimento linguistico e culturale portato avanti in modo autonomo fuori dalla classe, oppure
come punto di partenza per l’insegnante, per lo sviluppo di attività integrative.

Come chiusura e verifica di quanto studiato finora, potete far svolgere il test 3 a pagina 154.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 39


1 Riflessioni
Obiettivo: Elicitare il lessico già noto; introdurre il tema della lezione.
Procedimento: Dividete gli studenti in piccoli gruppi e avviate il confronto.

2 Succede che…
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: a./1; b./3; c./4; d./5; e./2; f./6.

3 Per un mondo sostenibile


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Chiarite eventuali dubbi sul lessico, poi dividete gli studenti in piccoli gruppi e avviate
il confronto.

4 L’Italia che cambia


Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta tramite la lettura di un articolo.
Procedimento: Seguite le consegne.

5 Caccia alla parola


Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: Le Banche del Tempo: a. istituto di credito, b. denaro, c. debito, d. coniugare;


Leila: a. condominio, b. equità, c. salvaguardia, d. impatto.

6 Prima o dopo?
Obiettivo: Posizione dell’aggettivo e differenze di significato.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. importante, 2. non usato; 3. di diverso genere, differenti; 4. un’altra, ulteriore; 5. molte,
numerose.
Soluzione possibile: Mauro ha comprato un’auto grande perché ha tre figli.

alto: così come grande, bello e buono, può essere usato come intensificatore. In questo caso, è collocato
prima del nome. Esempi: un alto magistrato (=importante) – un magistrato alto (=di statura). Si trova
sempre prima del nome nell’espressione in alto mare, un alto tasso (ad es. di disoccupazione). Quando
accompagna la parola pressione, assume una posizione differente a seconda del significato del nome: è
collocato prima se si parla della pressione atmosferica (“Nei prossimi giorni arriverà l’alta pressione”), è
collocato dopo se si parla di pressione arteriosa (“Mia madre soffre di pressione alta”).
bello: Questo aggettivo normalmente si trova prima del nome. Si trova sempre prima del nome in
espressioni come il bel mondo, la bella vita, un bel giorno. Esempi: un artista bello (=di aspetto gradevole) - un
bell’artista (=un artista di valore).
buono: un buon insegnante (=un insegnante capace); un insegnante buono (=un insegnante comprensivo).
povero: un pover’uomo (=un uomo disgraziato); un uomo povero (=un uomo con pochi soldi).
vecchio: un vecchio amico (=un amico di lunga data); un amico vecchio (=un amico anziano).

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 40


7 La posizione dei pronomi
Obiettivo: La posizione dei pronomi.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: La risposta è sempre seguono il verbo.

8 Pensieri…
Obiettivo: Esercitare la posizione dei pronomi.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. avergli, 2. obbedendole, 3. rovinarla, 4. la prendiamo, 5. li strappiamo, li abbattiamo, gli


viene detto.

9 Una mail
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di una mail informale.
Procedimento: Seguite le consegne e proponete una verifica a coppie.

10 Sempre colpa del tempo! 21


Obiettivo: Esercitare la comprensione orale e scritta; arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1, 2, 5, 10, 12, 13.


afa, ombra, temporali, primavere, stagioni, allarmismi, clima, pappagalli, inondazioni, sparizione.

11 C’è futuro e futuro


Obiettivo: Funzioni del futuro.
Procedimento: Seguite le consegne e verificate in plenum.

Soluzione: 1. Mah, sarà poi vera questa cosa?, 2. …figurati che caldo farà a luglio!, 3. Ci saranno
almeno 30 gradi…, 5. Tua nonna avrà detto pure le stesse cose…

12 Continuate voi
Obiettivo: Esercitare le funzioni del futuro.
Procedimento: Seguite le consegne.

13 Le Social Street
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

14 La posizione dell’avverbio
Obiettivo: La posizione dell’avverbio.
Procedimento: Seguite le consegne e poi proponete una verifica in coppie e infine in plenum. Fate
presente che si tratta di una regola generale, non priva di eccezioni, anche perché una diversa posizione
(di avverbi come di aggettivi) spesso può contribuire a aggiungere sfumature importanti a quello che si
vuole esprimere.

Soluzione: Normalmente l’avverbio va prima dell’aggettivo (esempio 3, 5). Quando accompagna un


verbo, l’avverbio va dopo il verbo (esempio 1, 6). Nei tempi composti va sia tra l’ausiliare e il
participio passato che dopo il verbo (esempio 2, 4).

15 Idee ce ne sono
Obiettivo: Esercitare la produzione orale.
Procedimento: Seguite le consegne. Raccogliete poi alcune idee in plenum.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 41
16 Architettura green 22
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1. Per approfondire: Bosco Verticale; 25 verde.

Soluzione: 1. Bosco verticale; 3. 25 verde.


a. falso; b. falso; c. vero; d. vero; e. vero; f. falso; g. vero.

Trascrizione

Uomo: Wow, cos’è questo?


Donna: Ma è il Bosco verticale!
Uomo: Il bosco che?
Donna: Il Bosco verticale, non mi dire che non ne hai mai sentito parlare. Un paio di anni fa ha anche vinto il
premio come migliore edificio ecosostenibile del mondo.
Uomo: Beh, a dirti il vero non ho la più pallida idea di cosa sia …
Donna: Scusa, ma dove vivi? Se n’è parlato tantissimo! Ma li leggi i giornali?
Uomo: Sì, scusa, ma lo sai che io non mi interesso molto di architettura.
Donna: Sì, però, una volta che l’Italia si fregia di un premio importante… va be’, allora te lo dico io cos’è. È un
edificio, o meglio, un grattacielo costruito a Milano da Stefano Boeri, un famoso architetto, che rappresenta
il primo esempio di integrazione tra l’elemento naturale e l’elemento umano. Guarda, li vedi gli alberi tra le
terrazze…
Uomo: Wow, fantastico, veramente impressionante, ora capisco perché lo hanno chiamato Bosco verticale. La
prossima volta che andiamo a Milano voglio andare assolutamente a vederlo. In quale zona è?
Donna: Nella zona dei Giardini di Porta Nuova, non molto distante dal centro…
Uomo: Be’, l’idea è geniale, praticamente hai gli alberi in casa… pensa che bello!
Donna: Sì, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Non è che si tratti infatti, solo di una questione estetica sai! Gli
alberi filtrano le poveri sottili, depurano l’aria sottraendo CO2, anidride carbonica ed emettendo ossigeno.
Uomo: Geniale!
Donna: E in più attenuano anche l’inquinamento acustico.
Uomo: Wow… ma ce ne sono altri di edifici simili in Italia?
Donna: Beh, c’è il 25 verde a Torino, il primo edificio foresta realizzato in Italia. Aspetta che c’era una foto da
qualche parte… Eccolo, guarda! Bello pure questo, no!
Uomo: Sì, anche se l’altro mi piace di più.
Donna: Sì, ma qui puoi abitarci, vedi? È una struttura di 5 piani composta da vari appartamenti, tutti diversi tra
loro, guarda… il palazzo è arricchito da 150 alberi che spuntano dai vari terrazzi e che creano una sorta
di giardino verticale…
Uomo: Pensa che bello abitarci! La mattina ti svegli con gli uccellini!

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 8: Roma | Seconda parte.
NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 42
1 Lo stivale
Obiettivo: Elicitare le conoscenze pregresse di geografia italiana; motivare l’interesse per il tema della
lezione.
Procedimento: Seguite le consegne. Per rendere l’attività più giocosa portate in classe un timer da
cucina per segnare il tempo.

Soluzione: Per la verifica, utilizzate la mappa in III di copertina.

2 Curiosità geografiche 23
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale; scoprire alcune informazioni sulla geografia italiana.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto senza trascrizione, vedi l’attività
20 dell’unità 1. Per approfondire: il catalano in Sardegna; il francese in Val d’Aosta.

Soluzione: 1. la Val d’Aosta; 3. il Po; 4. tre; 5. il francese; 6. Sicilia; 7. Sardegna; 8. vulcani.

Trascrizione

Insegnante: Allora… ho una domanda per voi. Quanto è importante per voi conoscere la geografia del Paese di cui
si studia la lingua? Paul?
Paul: Mah, io direi molto. Insomma, sapere dov’è Milano piuttosto che Napoli, sì, direi che è utile…
Luca: Sì, però, questo lo sanno tutti!
Insegnante: Tu dici Luca? Non ne sarei così sicuro. La scorsa settimana ho fatto un quiz sulla geografia con una
classe di livello avanzato e ti assicuro che ne hanno dette di tutti i colori: Bari secondo loro stava in
Veneto e il capoluogo di regione della Liguria era Ancona …
Luca: Sì, va bene, però io mi chiedo a che ci serve sapere che la Sicilia è la regione più grande, che il monte
Bianco è il monte più alto dell’Italia, il Gran Sasso quello degli Appennini…
Marie: Il monte Bianco è in Italia? Io ho sempre pensato che fosse in Francia!
Insegnante: Se lo dividono la Francia e l’Italia… il versante italiano è in Val d’Aosta…
Marie: Val che …
Luca: Val d’Aosta? Mai sentita? La regione più piccola… e una delle più ricche d’Italia …
Insegnante: Luca, per essere uno che contesta l’utilità della geografia ne sai parecchio però…
Luca: È perché a scuola ci hanno bombardato di notizie di geografia… e comunque insisto che la geografia
non serve a niente. Molti non conoscono neanche la geografia del proprio Paese!
Marie: Questo che c’entra! Io la penso come Paul. Credo sia importante… così come sarebbe importante
conoscere un po’ di storia dell’Italia… sennò, in fondo, l’idea che uno ha dell’Italia si riduce a moda e
gastronomia. Io per esempio non lo sapevo mica che il lago di Garda appartiene a tre regioni.
Paul: Davvero? Non lo sapevo neanche io. E quali?

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 43


Marie: Il Trentino, il Veneto e la Lombardia… giusto no? E tu lo sapevi che l’Italia, insieme all’Islanda, è il
Paese con il numero più grande dei vulcani attivi?
Paul: Davvero? Io conosco solo l’Etna.
Marie: E il Vesuvio, lo Stromboli, Vulcano.
Luca: Sì, va bene, e adesso che lo sapete? L’isola d’Elba è di fronte alla Toscana, Capri di fronte a Napoli e
le isole Eolie in Sicilia. E allora? A che serve saperlo? Per questo capisco meglio l’Italia?
Insegnante: Luca, secondo me bisognerebbe distinguere tra nozioni e informazioni. Hai ragione, forse che il Po sia il
fiume più lungo d’Italia non interessa a nessuno, però sapere che è un fiume ricco di tradizioni, con un
suo specifico patrimonio storico, importante per l’economia di alcune regioni… forse questo è importante.
Marie: Io sono d’accordo con Luisa, per esempio prima, quando sentivo parlare di meridione non capivo mai
cosa si intendeva, e invece secondo me è importante, perché la geografia di un posto ti fa capire, a volte,
anche lo sviluppo economico, storico…
Insegnante: linguistico… vi siete mai chiesti perché in alcune zone della Sardegna si parli ancora una specie di
catalano o perché in Val d’Aosta si parla il francese?
Paul: Be’ perché sono regioni speciali, no?
Insegnante: Sì, sono regioni a statuto speciale, però non è la spiegazione del perché si parli il francese.
Marie: Che cosa sono le regioni a statuto speciale?
Insegnante: Regioni che hanno una certa autonomia rispetto alle altre, è una storia un po’ complessa legata
soprattutto alla storia di queste regioni. Comunque per ritornare alla mia domanda iniziale. Io capisco
l’obiezione di Luca, ma secondo me dipende sempre da come si trasmettono le cose, se la geografia si
riduce a una lista di nomi da imparare a memoria, sicuramente non è utile, però, secondo me è
importante per capire lo sviluppo di un luogo.

3 E l’articolo?
Obiettivo: Articolo determinativo e nomi geografici.
Procedimento: Seguite le consegne. Attenzione: Stati e regioni, perdono l’articolo quando preceduti
dalla preposizione in (nell’ascolto: in Francia, in Veneto, in Val d’Aosta).

Soluzione:
L’articolo determinativo con i nomi geografici si Esempi dal dialogo
deve sempre mettere:
1 davanti ai nomi di città. Milano, Napoli
2 X davanti ai nomi di Stati. la Francia
3 X davanti ai nomi di regioni. alla Toscana
4 X davanti ai nomi di laghi. il lago di Garda
5 X davanti ai nomi di monti / catene montuose. il Monte Bianco
6 X davanti ai nomi di fiumi. il Po
7 X davanti ai nomi di isole. le Eolie

4 Quiz di geografia
Obiettivo: Geografia italiana, articolo e nomi geografici.
Procedimento: Seguite le consegne.

5 Indovina il Paese
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 44


6 Curiosità culturali
Obiettivo: Esercita la comprensione scritta tramite la lettura di un forum.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. La festa di San Gennaro; 2. Il festival della letteratura di Mantova; 3. Per la festa del
Redentore; 4. La notte della taranta; 6. La festa di San Gennaro.

7 Tra di voi
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Dividete gli studenti a coppie, lasciate qualche minuto per raccogliere le idee e poi
avviate il confronto.

8 Il gerundio
Obiettivo: Funzioni del gerundio.
Procedimento: Seguite le consegne, poi proponete una verifica in coppie e poi in plenum.

Soluzione:
Funzioni del gerundio Esempi
causale Essendo io napoletana…
temporale …tornando dalla Puglia…
concessiva …pur non essendo un’esperta…
Pur essendo un evento sostanzialmente religioso…
modale …costruendo un ponte…
ipotetica Volendo sintetizzare…

9 Volendo concordare
Obiettivo: I tempi del gerundio.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1./b/gerundio presente; 2.-3.-4./a/gerundio passato

10 Volendo provare…
Obiettivo: Il gerundio.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. Avendolo saputo…(ipotetico); 2. …mettendo (temporale); 3. Pur essendoci già stata…


(concessivo); 4. …scrivendole (modale); 5. Avendo fatto tardi… (causale); 6. …facendo un sacco di
sport (modale / causale); 7. Volendo…; 8. …giocando a tennis (temporale).

11 Il tuo post
Obiettivo: Esercitare la produzione scritta tramite la stesura di un post su un forum.
Procedimento: Seguite le consegne.

12 Curiosità linguistiche 24
Obiettivo: Esercitare la comprensione orale; le omonimie.
Procedimento: Seguite le consegne. Proponete la lettura solo in fase di verifica. Mostrare poi il box in
giallo in cui sono evidenziate alcune espressioni idiomatiche. Se volete approfondire l’espressione
arrampicarsi sugli specchi, potete mostrare questo video di ALMA.tv.

Soluzione: 1. falso; 2. vero; 3. vero; 4. vero; 5. falso.


NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 45
13 Omonimie
Obiettivo: Alcune parole omonime.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1./c; 2./d; 3./e; 4./b; 5./f; 6./a.

14 Gioco degli omonimi


Obiettivo: Alcune parole omonime.
Procedimento: Seguite le consegne. Per rendere l’attività più giocosa potete usare un timer da cucina
per calcolare il tempo concesso per lo svolgimento del gioco.

15 Tanti plurali
Obiettivo: I doppi plurali.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione:
Primo plurale Secondo plurale
il ciglio parte degli occhi: 3 bordi di una strada: 6
il dito viste nel loro insieme: 1 considerate singolarmente: 4
il fondamento principi di una disciplina: 2 parte di un edificio: 5

16 Tutto quel che avreste voluto sapere…


Obiettivo: Risolvere alcuni dubbi sull’italiano.
Procedimento: Seguite le consegne.

17 Curiosità
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta; scoprire alcune curiosità sull’Italia.
Procedimento: Seguite le consegne.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 9: Bologna.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 46


1 Riflessioni
Obiettivo: Esercitare l’interazione orale; riflettere sulle varie facce dell’italianità.
Procedimento: Seguite le consegne.

2 Mille e una lingua 25


Obiettivo: Esercitare la comprensione orale; italiano, varietà regionali e dialetti.
Procedimento: Per indicazioni generali su come impostare un ascolto, vedi l’attività 3 dell’unità 1.

Soluzione:
Nord Centro Sud
stampella
gruccia
giacchetto
golfino / maglione
anguria
mellone
cocomero
tegoline
cornetti
ramaiolo
sgommarello
inzuppare
pucciare / pocciare
gomma
cicca
ciunga
1./c; 1./d; 1./f; 2./a; 2./b; 2./e.

Trascrizione

Intervistatrice: Professor Marani, ciclicamente ritorna la discussione sull’uso dell’italiano e del dialetto. Molti esperti
fino a qualche anno fa sostenevano che i dialetti sarebbero via via scomparsi, invece sembra che siano
ancora vivi e vegeti. Lei che ne pensa?
Prof. Marani: Mah, io a dire il vero, la smetterei di vedere l’italiano e il dialetto come qualcosa di contrapposto, o
questo o quello, o nero o bianco. Siamo ormai lontani da una situazione in cui gli italiani parlavano
o l’uno o l’altro. In fondo le differenze tra l’italiano e il dialetto sono meno numerose e meno
importanti di quanto la gente creda. L’italiano e il dialetto, insomma, sono più vicini di quanto si
possa immaginare.
Intervistatrice: Ovvero?

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 47


Prof. Marani: Beh, innanzitutto la storia dei dialetti italiani è, per molti versi, la storia stessa dell’italiano…
Intervistatrice: In che senso?
Prof. Marani: Nel senso che l’italiano deriva dal latino, così come i dialetti. Inizialmente tutte le lingue derivate dal
latino venivano chiamate lingue volgari. Così il siciliano, il bolognese, il piemontese, il veneziano, il
lombardo, che oggi chiamiamo dialetti, all’inizio erano lingue volgari. Il toscano all’inizio era solo
uno dei tanti volgari. L’italiano si chiama così, infatti, solo dal XVI secolo; e con il termine
italiano si indica il volgare toscano riconosciuto ormai come lingua di tutta la nazione. Comunque
oggi non parlerei più di dialetti quanto piuttosto di varietà regionali. Ciò non significa che non ci
siano persone che usano ancora quasi esclusivamente il dialetto, ma direi che oggi quasi tutti
alternano a seconda dei contesti d’uso.
Intervistatrice: E senta, in cosa si distingue l’italiano regionale dal dialetto?
Prof. Marani: In realtà quasi tutti, quando parliamo, usiamo un italiano regionale. Talvolta è la scelta del lessico,
delle parole che usiamo a svelare la nostra provenienza, talvolta la sintassi, ma il più delle volte è
l’uso di certe caratteristiche fonetiche o ancora più spesso l’intonazione.
Intervistatrice: E per quanto riguarda invece il lessico? Mi sembra in questo caso si parli di geosinonimi, giusto?
Prof. Marani: Esatto, vengono definiti così. Beh, la cosa in questo caso si fa interessante. Se io, romano, chiedo una
stampella a un milanese, lui probabilmente mi darà una cosa diversa da quella che gli sto
chiedendo, non l’oggetto che si usa per appendere i vestiti, bensì quello che si usa per sostenersi
quando si cammina. Al Nord infatti, l’oggetto che si usa per appendere gli abiti è la gruccia. Il
giacchetto a Roma è un maglione con i bottoni, definito pullover, maglione o golfino, al Nord.
Per non parlare poi della differenza di lessico nel campo del cibo. Qui potremmo parlare a lungo…
Intervistatrice: Ci faccia qualche esempio.
Prof. Marani: Beh, il classico anguria, usato al Nord e in Toscana, cocomero al centro, mellone in alcune
zone del sud, o il cetriolo che addirittura in alcune zone della Sicilia viene definito anguria, i
fagiolini, si chiamano tegoline in Veneto e cornetti in Lombardia, il prezzemolo viene chiamato
erbetta in alcune zone del centro, il verbo intingere, ad esempio i biscotti nel latte, al nord è
pucciare, a volte pocciare, al sud inzuppare… o alcuni utensili da cucina, come ad esempio il
mestolo, che in Toscana viene chiamato ramaiolo in altre zone del centro sgommarello.
Divertente è anche il chewingum, che è una gomma in alcune zone del centro, una cicca in
alcune del Nord – a Roma la cicca invece è il mozzicone della sigaretta – e la ciunga in Sicilia.
Intervistatrice: Simpatica è anche l’espressione per indicare la stanchezza del dopo pranzo…
Prof. Marani: Esatto, l’abbiocco. Al centro è la cicagna o cecagna, in Puglia la papagna…
Comunque per ritornare a bomba, come diceva un mio vecchio professore, piuttosto che italiano
regionale sarebbe forse addirittura più corretto parlare di italiano locale data la nota non
corrispondenza tra regioni amministrative e aree linguistiche.

3 Comparare
Obiettivo: Comparativi con il congiuntivo.
Procedimento: Proponete una riflessione in coppie e poi in plenum raccogliete altri esempi di frasi in
cui compaiano comparativi con il congiuntivo.

Soluzione: I due esempi di comparativo sono: “Le differenze tra l’italiano e il dialetto sono meno
numerose e meno importanti di quanto la gente creda” e “L’italiano e il dialetto sono più vicini di
quanto si possa immaginare”. Il modo verbale utilizzato nel secondo termine di paragone è il
congiuntivo.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 48


4 Con un po’ di immaginazione
Obiettivo: Esercitare il comparativo con il congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne.

5 La vostra indagine
Obiettivo: Riflettere sulle proprie abitudini linguistiche; esercitare l’interazione orale.
Procedimento: Seguite le consegne.

6 L’Italia prima dell’Italia


Obiettivo: Esercitare l’interazione orale e la comprensione scritta; apprendere alcune nozioni di storia
d’Italia.
Procedimento: Seguite le consegne.

7 Lo sai?
Obiettivo: Esercitare tutte le abilità; memorizzare le informazioni contenute nel testo dell’attività
precedente.
Procedimento: Seguite le consegne.

8 Ancora congiuntivo
Obiettivo: Le espressioni consecutive che richiedono il congiuntivo.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: in modo che, fare sì che.

9 Sinonimi
Obiettivo: Arricchire il vocabolario.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: fare i conti con / confrontarsi; impongono / costringono ad adottare; accomuna /


rende uguali; sono giunte / sono arrivate; appaiono / sembrano essere.

10 Tutto il mondo è paese! 26


Obiettivo: Le differenti usanze a Sud e a Nord.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. N; 2. S; 3. S; 4. S; 5. N; 6. S; 7. S; 8. N.

11 Parole composte
Obiettivo: I plurali composti.
Procedimento: Seguite le consegne. Per un approfondimento sui plurali dei nomi composti, si rimanda
a questo articolo.

Soluzione:
Singolare Plurale
sottaceto sottaceti
stuzzicadenti stuzzicadenti
lavastoviglie lavastoviglie
cavolfiore cavolfiori
1. un sostantivo al plurale; 2. un verbo

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 49


12 Alcune forme colloquiali
Obiettivo: Alcune forme colloquiali.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: 1. Non te la prenderai; 2. Ci dà giù 3. Che c’entra; 4. Queste cose non vanno prese sul serio;
5. Suona meglio; 6. Lasciamo stare.

13 Alfabeto italiano
Obiettivo: Esercitare la comprensione scritta.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: sofferenza, arcinote, dibattute, gratificazioni, condivisibili.


a./2; b./4; c./7; d./3; e./1; f./5; g./6.
5, 6, 7.

14 La giusta collocazione
Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.

Soluzione: tratto / di legge; fonte / di neve; foresta / boscosa; spiaggia / truccata; carta / di
viaggio; tavola / familiare; cucina / urbana.

15 L’Italia dei contrari


Obiettivo: Arricchire il lessico.
Procedimento: Seguite le consegne.
Soluzione: 1. montuosa, 2. inequivocabile, 3. urbani, 4. fragile; 5. manuale; 6. umili; 7. imbandita;
8. penuria.

16 Il tuo alfabeto italiano


Obiettivo: Esercitare la produzione scritta.
Procedimento: Se possibile, raccogliete i vari testi in un quaderno ad anelli, in un cartellone oppure su
un blog, dal titolo “Il nostro alfabeto italiano”.

17 Caccia all’intruso progressiva


Obiettivo: Giocare.
Procedimento: Seguite le consegne. Il gioco può iniziare ad esempio eliminando inequivocabilmente che è
l’unico avverbio.

video e grammatica
Spiegate agli studenti la funzione e l’importanza di questa pagina, indicando che, trattandosi di
un’esposizione sintetica e sistematica, costituisce un pratico strumento di consultazione e di
autocontrollo. Invitateli a più riprese, nel corso della settimana, a ripetere sia la grammatica che le
espressioni utili alla comunicazione che appaiono in queste pagine e a prendere nota per la volta
successiva di eventuali domande /dubbi che potrebbero sorgere a casa.
La novità di Nuovo Espresso 4 e 5 rispetto ai volumi precedenti è che questa sezione è aperta da
un’attività video, basata su un video di ALMA.tv.
Video della lezione 10: Lingua e dialetti.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 50


facciamo il punto 4
Bilancio

Cose nuove che ho imparato


Obiettivo: Riflettere in modo approfondito sulle competenze acquisite nel corso delle lezioni
precedenti, non in termini di specifiche funzioni grammaticali o di lessico ma di funzioni e modalità
espressive.
Procedimento: Illustrate agli studenti, se non la conoscono, il fine dell’autovalutazione (essere
consapevoli delle proprie competenze). Lasciate poi il tempo di riflettere e completare il bilancio.

Progetto
Obiettivo: Realizzare un compito concreto attraverso l’uso pragmatico della lingua.
Procedimento: Come accennato nella Premessa, a seconda dei casi potete far svolgere tutta l’attività
in classe o assegnarla come compito a casa (parziale o meno); se è prevista una produzione scritta,
potete decidere se utilizzarla per un lavoro di editing o come spunto per una produzione orale libera o
guidata.

Per approfondire
Obiettivo: Approfondire i temi della lezione; favorire l’autonomia dello studente.
Procedimento: A seconda delle esigenze, questa sezione può essere sfruttata per indirizzare gli studenti
nell’approfondimento linguistico e culturale portato avanti in modo autonomo fuori dalla classe, oppure
come punto di partenza per l’insegnante, per lo sviluppo di attività integrative.

Come chiusura e verifica di quanto studiato finora, potete far svolgere il test 4 a pagina 168.

NUOVO Espresso 4 – guida per l’insegnante © 2017 ALMA Edizioni | 51