Sei sulla pagina 1di 17

Diapositiva 1

Unità didattica 28
Impianti elettrici
di cantiere 1
A cura di: Ing. Francesco Crinelli
Ing. Chiara Sutera

Diapositiva 2

Introduzione

Generalità

Analisi delle condizioni del


cantiere

Alimentazione

In questa ventottesima unità didattica saranno trattati tre argomenti.


Inizieremo parlando di impianti elettrici di cantiere in maniera generale, dando alcune definizioni.
Quindi passeremo ad analizzare le condizioni generali del cantiere e tutti quei fattori che possono
avere una qualche influenza sugli impianti.
Infine descriveremo le diverse modalità di alimentazione degli impianti di cantiere.
Diapositiva 3

Il cantiere

Il cantiere è un luogo di lavoro


molto particolare e le
caratteristiche dell'impianto
elettrico devono tenere conto
del maggiore rischio elettrico
Durata del cantiere
Rischio di urti
Presenza di polveri e acqua
Presenza di persone
Presenza di ambienti rischio incendio
Presenza di ambienti rischio esplosione

Il cantiere è un luogo di lavoro molto particolare e le caratteristiche dell'impianto elettrico devono


tenere conto del maggiore rischio elettrico: occorre infatti tenere presente le condizioni climatiche,
variabili per tutta la durata del cantiere, il rischio di urti, la presenza di polveri ed acqua, la
presenza più o meno elevata di persone, la presenza di eventuali ambienti a maggior rischio in caso
d'incendio o con pericolo di esplosione.

La provvisorietà e la continua evoluzione, tipica della struttura, che induce spesso a trascurare i
problemi legati alla sicurezza, alle condizioni ambientali gravose e alla presenza di persone poco
consapevoli del rischio elettrico rendono questo ambiente di lavoro particolarmente pericoloso,
come purtroppo confermano le statistiche sugli infortuni sul lavoro.
Diapositiva 4

L’impianto elettrico in cantiere


è l’insieme dei componenti elettrici,
ubicati all’interno del recinto di cantiere,
tra loro elettricamente associati in modo
da rendere disponibile l’energia elettrica
a tutti gli apparecchi utilizzatori del
cantiere
ûVita breve
û Riutilizzo dei materiali impiegati
û Funzionalità e consistenza in
funzione del cantiere

Campo di applicazione
û lavori di costruzione nuovi edifici;
û lavori di riparazione, trasformazione,
ampliamento o demolizione di edifici
esistenti;
û costruzione di strade, viadotti, parchi,
canali, teleferiche;
û lavori di movimentazione o escavazione
di inerti, pietre e ghiaie;
û interventi di manutenzione in banchina e
di costruzione navale.

L’impianto elettrico di cantiere è l’insieme dei componenti elettrici, ubicati all’interno del recinto di
cantiere, tra loro elettricamente associati in modo da rendere disponibile l’energia elettrica a tutti
gli apparecchi utilizzatori del cantiere. L’impianto ha in genere una vita breve, e viene dismesso a
fine lavori con il recupero, per un successivo riutilizzo, di gran parte degli impianti e delle
attrezzature.
La funzionalità e la consistenza dell'impianto elettrico sono funzione della durata e delle
dimensioni del cantiere e pur non essendo richiesto dal DM n. 37/2008 nessun tipo di progetto, è
sempre consigliabile, almeno per i cantieri di dimensioni considerevoli, approntare una
documentazione completa (schemi di quadri e condutture, misure di protezione dai contatti diretti
e indiretti e schema dell'impianto di terra) delle principali caratteristiche dell'impianto.

L’impianto elettrico di cantiere deve essere realizzato nel rispetto delle Norme CEI, in particolare
deve rispondere alla Norma CEI 64-8/7, alla Guida CEI 64-17, nonché alle prescrizioni delle Norme
CEI applicabili ai singoli componenti dell’impianto.
Gli impianti elettrici da cantieri sono soggetti alle prescrizioni riportate nella sezione 704 della
Norma CEI 64-8, che si applicano sia agli impianti fissi sia agli impianti movibili o trasportabili ad
esclusione degli apparecchi utilizzatori, e si riferiscono ad impianti temporanei destinati a:
- lavori di costruzione nuovi edifici;
- lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti;
- costruzione di strade, viadotti, parchi, canali, teleferiche, ecc.;
- lavori di movimentazione o escavazione di inerti, pietre e ghiaie;
- interventi di manutenzione in banchina e di costruzione navale.
Diapositiva 5

Definizioni
Impianto elettrico di cantiere
componenti elettrici, associati in modo da rendere disponibile
l’energia elettrica degli apparecchi utilizzatori del cantiere

Impianto elettrico fisso di cantiere


componenti elettrici fissati in modo rigido a parti
strumentali od infrastrutturali del cantiere

Impianto elettrico movibile di cantiere


componenti elettrici non fissati a parti strutturali od
infrastrutturali del cantiere

Impianto elettrico di cantiere: insieme di componenti elettrici, ubicati all’interno del recinto di
cantiere, elettricamente associati in modo da rendere disponibile l’energia elettrica degli
apparecchi utilizzatori del cantiere.
Impianto elettrico fisso di cantiere: impianto costituito da componenti elettrici fissati in
modo rigido a parti strumentali od infrastrutturali del cantiere.
Impianto elettrico movibile di cantiere: impianto costituito da componenti elettrici non fissati a
parti strutturali od infrastrutturali del cantiere .
L’impianto di cantiere trae origine dal punto di allacciamento della linea di alimentazione del
quadro generale dell’impianto. Se invece l’alimentazione deriva da un impianto esistente, il punto
di alimentazione coincide con i morsetti dell’interruttore immediatamente a monte della linea di
cantiere.
Diapositiva 6

Generalità

Entro 3 m dall’origine dell’impianto in


qualsiasi cantiere deve essere
installato un interruttore generale

In mancanza di specifiche contrattuali


l’impresa appaltante non è tenuta
fornire alle imprese subappaltante il
servizio relativo all’impianto elettrico di
cantiere

Il progettista o il coordinatore per la


sicurezza dovrebbe inserire nei
compiti di fornitura di servizio la
realizzazione di un impianto elettrico di
cantiere

Entro 3 metri dall’origine dell’impianto, in qualsiasi cantiere deve essere installato un interruttore
generale, dotato di chiusura a chiave se ubicato in luogo accessibile a più persone.
In mancanza di specifiche contrattuali l’impresa appaltante non è tenuta fornire alle imprese
subappaltante il servizio relativo all’impianto elettrico di cantiere.
I rapporti contrattuali non coinvolgono direttamente il committente ma l’impresa affidataria,
coinvolgendo inoltre le altre imprese subappaltanti quali ulteriori utenti dell’impianto.
Per evitare il proliferare di impianti sul cantiere, il progettista o il coordinatore per la sicurezza
dovrebbe inserire nei compiti di fornitura di servizio la realizzazione di un impianto elettrico di
cantiere.
Diapositiva 7

Rapporti tra imprese


Devono essere informati gli operatori in
merito a
ûcaratteristiche dell’impianto elettrico
û criteri di sicurezza da adottare per un
utilizzo corretto dell’impianto elettrico
û rischi correlati all’utilizzo dei componenti
elettrici

In caso di edificio esistente


û informazioni relative alla presenza di
impianti elettrici attivi
û presenza di ambienti a maggior rischio
in caso di incendio
û presenza di ambienti con pericolo di
esplosione

Il responsabile dei lavori (o il committente) o il coordinatore per la progettazione, deve tener conto
dei rapporti contrattuali fra l’impresa appaltante e le imprese utilizzatrici che eseguono lavori
elettrici e non. È necessario che le persone preposte informino gli operatori di cantiere in
merito:
- alle caratteristiche dell’impianto elettrico;
- ai criteri di sicurezza da adottare per un utilizzo corretto dello stesso;
-ai rischi correlati all’utilizzo dei componenti elettrici.
Quando si procede ad attività di trasformazioni di edifici esistenti, il titolare deve fornire
informazioni in merito ai rischi ambientali, tra cui:
- informazioni relative alla presenza di impianti elettrici attivi;
- presenza di ambienti a maggior rischio in caso di incendio;
- presenza di ambienti con pericolo di esplosione.
Diapositiva 8

PROPERTIES
On passing, 'Finish' button: Goes to Next Slide
On failing, 'Finish' button: Goes to Slide
Allow user to leave quiz: After user has completed quiz
User may view slides after quiz: After passing quiz
User may attempt quiz: Just Once

Diapositiva 9

Rischi propri del cantiere

Il cantiere edile per quanto attiene alle


installazioni elettriche costituisce un luogo
ad alto rischio

Non risulta sufficientemente protetto da


intemperie o da altri fattori possibili di
danneggiamento

Luogo facilmente “conduttore”

L’impianto elettrico di cantiere deve essere


costituito da elementi ad alto grado di
isolamento e protezione

Il cantiere edile, per quanto attiene alle installazioni elettriche, costituisce un luogo ad alto rischio,
poiché generalmente non risulta sufficientemente protetto da intemperie o da altri fattori possibili
di danneggiamento.
L’area del cantiere normalmente non è asciutta, inoltre vi è presenza di polvere, agenti corrosivi e
corpi solidi di piccole dimensioni, presentando, quindi, rischi di urto e allagamento, nonché
particolari situazioni di vibrazioni e temperature variabili. In sostanza l’ambiente cantieristico
rappresenta un luogo facilmente “conduttore” anche per la presenza di scavi e superfici metalliche
e richiede pertanto che l’impianto elettrico di cantiere sia costituito da elementi ad alto grado di
isolamento e protezione.
Diapositiva 10

Le condizioni caratteristiche della realtà del cantiere, che hanno concrete conseguenze sugli
impianti di cantiere sono le seguenti:

-durata: l’impianto di cantiere è per sua natura temporaneo; ne consegue che in un cantiere per il
quale si prevede una lunga durata dell’impianto debba essere progettato e realizzato con maggior
funzionalità rispetto ad uno di breve durata. Inoltre vanno programmate revisioni periodiche;
- condizioni climatiche: un cantiere è soggetto ai cambiamenti delle condizioni climatiche, quindi
l’impianto elettrico deve sopportare intemperie e temperature variabili con la stagione;

- rischio di urti: è legato alla movimentazione di materiali e alla presenza di mezzi di cantiere.
Vanno studiate le ubicazioni più adatte per linee e quadri e, se necessario, previste apposite
barriere protettive;
- dimensione: come la durata anche l’estensione condiziona il progetto, richiedendo attenzione alle
cadute di tensione per le dorsali quando queste si avvicinano al centinaio di metri. Inoltre se si
prevede un’intensa attività bisogna prevedere più quadri di distribuzione;

- presenza di linee aeree e interrate: agenti esterni possono provocare contatti accidentali con le
linee, quindi si deve redigere il cosiddetto “piano di posa delle linee elettriche”, che deve essere
realizzato tenendo conto delle esigenze di attività del cantiere;
- accessibilità del potenziale di terra: nei locali conduttori ristretti le attrezzature elettriche devono
essere conformi alle particolari prescrizioni normative;

- presenza di polveri e acqua: le polveri presenti nei cantieri richiedono elevati gradi di protezione
per le custodi. Se la presenza di polveri è ben localizzata, i quadri di distribuzione vanno ubicati a
distanze opportune da tali zone. Come per le polveri, il rischio di presenza d’acqua condiziona la
scelta delle custodie, ma anche in generale il posizionamento dei quadri elettrici;
- presenza di persone: la progettazione deve tener conto che in alcuni periodi il cantiere potrebbe
affollarsi di persone con compiti molto diversi tra di loro e si deve predisporre l’impianto in modo
da permettere il contemporaneo esercizio delle varie attività;

- presenza di impianti elettrici attivi: gli impianti elettrici estranei al cantiere possono
rappresentare un pericolo, quindi si deve provvedere al loro sezionamento. Se, per esigenze
produttive, questi impianti devono essere mantenuti, si deve valutare la compatibilità di detti
impianti con il cantiere (acqua, polveri, mezzi in movimento), studiare le misure comportamentali
per le maestranze e le protezioni meccaniche da applicare agli impianti;
Diapositiva 11

PROPERTIES
On passing, 'Finish' button: Goes to Next Slide
On failing, 'Finish' button: Goes to Slide
Allow user to leave quiz: After user has completed quiz
User may view slides after quiz: After passing quiz
User may attempt quiz: Just Once

Diapositiva 12

L’impianto elettrico di cantiere può essere alimentato secondo varie modalità, sulla base in
particolare dei carichi prevedibili e delle misure di protezione, soprattutto contro i contatti indiretti
e contro le sovracorrenti.
Il sistema di alimentazione del tipo IT, che richiede la presenza di un dispositivo per il costante
controllo dell’isolamento che segnali in manifestarsi del primo guasto a terra, nei cantieri è
generalmente sconsigliato.
Nel caso di alimentazione dalla rete pubblica in bassa tensione, i collegamenti a terra vengono
effettuati secondo il sistema TT, che prevede che le masse dell’impianto di cantiere siano collegate
ad un impianto di terra elettricamente indipendente da quello previsto per il collegamento a terra
di un punto (il neutro) della rete pubblica di alimentazione.

Nel caso di grandi cantieri può essere necessario alimentare l’impianto elettrico a media tensione
realizzando una cabina di trasformazione di cantiere. Quando il cantiere sia destinato a lavori in
edifici già dotati di cabina di trasformazione del committente, l’impianto elettrico può essere
alimentato tramite questa cabina.
In caso contrario occorre realizzare una cabina di trasformazione media tensione/bassa tensione di
cantiere.
In tal caso le masse dell’impianto di cantiere risultano collegate, per mezzo di un conduttore di
protezione al punto di collegamento a terra della cabina di trasformazione (lo stesso sistema può
essere adottato anche se l’alimentazione avviene tramite gruppo elettrogeno).

L’impianto elettrico di cantiere può essere alimentato da gruppi generatori funzionanti in isola
oppure utilizzati come riserva in alternativa alla alimentazione pubblica.
Non viene utilizzato il sistema di gruppi generatori in parallelo con l’alimentazione pubblica
dell’energia.
Se il gruppo elettrogeno utilizzato è di potenza limitata (in genere monofase) ed alimenta un solo
apparecchio utilizzatore, l’alimentazione avviene mediante “separazione elettrica”, senza realizzare
alcun collegamento intenzionale a terra delle masse e dello stesso gruppo elettrogeno.
Nel caso di gruppo elettrogeno in riserva i generatori vengono adoperati in alternativa
all’alimentazione pubblica.
In questo caso ci si riferisce all’utilizzo di gruppi elettrogeni di potenze medie o elevate per le quali
si deve collegare a terra il centro stella dello stesso generatore, ottenendo il sistema TN-S o TN-C.
E’ consentita l’alimentazione di apparecchi utilizzatori mobili o trasportabili tramite le prese di un
impianto fisso preesistente al cantiere, rispettando comunque le seguenti condizioni:
- le prese utilizzate devono essere protette da un interruttore differenziale con Idn ≤ 0,03 Ampere;
- l’impianto esistente deve essere a regola d’arte, realizzato secondo le norme di buona tecnica;
- l’impianto esistente deve essere adatto a sopportare le particolari condizioni ambientali
(presenza di polveri, spruzzi d’acqua, sollecitazioni meccaniche) derivanti dall’attività di cantiere;
tale condizione risulta comunque di difficile realizzazione proprio in cantiere, in quanto spesso è
difficile conciliare l’intenzione con la realtà dei fatti.

Diapositiva 13

PROPERTIES
On passing, 'Finish' button: Goes to Next Slide
On failing, 'Finish' button: Goes to Slide
Allow user to leave quiz: After user has completed quiz
User may view slides after quiz: After passing quiz
User may attempt quiz: Just Once
Diapositiva 14

Riepilogo

GENERALITA’
Caratteristiche dell’impianto elettrico di
cantiere
Indicazioni generali e rapporti tra imprese

ANALISI DELLE CONDIZIONI DI CANTIERE


Rischi propri del cantiere

ALIMENTAZIONE
Alimentazione in BT, MT, con gruppo elettrogeno o
con impianto esistente

In questa ventottesima unità didattica sono stati trattati tre argomenti.


Abbiamo iniziato descrivendo le caratteristiche dell’impianto elettrico di cantiere e dando alcune
indicazioni generali a livello tecnico, oltre a specificare i ruoli in caso di presenza di più imprese.
Poi abbiamo continuato analizzando tutte le condizioni del cantiere che possono avere delle
ripercussioni sulla progettazione, sulla realizzazione e sulla manutenzione dell’impianto di cantiere.
Infine abbiamo parlato dell’alimentazione dell’impianto elettrico di cantiere da bassa tensione, da
media tensione e da gruppo elettrogeno.
Nella prossima unità didattica continueremo il discorso sugli impianti elettrici di cantiere.