Sei sulla pagina 1di 35

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 1

Valitutti, Tifi, Gentile

Esploriamo la
chimica
Seconda edizione di Chimica: molecole in
movimento
Capitolo 13 Le proprietà delle
soluzioni
1. Perchè le sostanze si sciolgono?
2. La solubilità
3. La concentrazione delle soluzioni
4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
5. Le proprietà colligative

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 3


1. Perché le sostanze si sciolgono?
Nella formazione di una soluzione le molecole di solvente
circondano le molecole di soluto. Tale fenomeno è
chiamato solvatazione ed è dovuto alle attrazioni che si
esercitano fra solvente e soluto.
Quando il solvente è l’acqua la solvatazione prende il
nome di idratazione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 4


1. Perché le sostanze si sciolgono?
La capacità di un soluto di sciogliersi in un dato solvente
dipende da molti fattori, tra cui i tipi di legami che si
devono spezzare nel soluto e nel solvente e quelli che si
possono formare nella soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 5


1. Perché le sostanze si sciolgono?
I composti molecolari formano soluzioni per dispersione
nell’acqua delle molecole elettricamente neutre; l’acqua
rompe i deboli legami intermolecolari.

Queste soluzioni non conducono elettricità.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 6


1. Perché le sostanze si sciolgono?
I composti polari (come gli acidi) in acqua si ionizzano:
le molecole dipolari dell’acqua spezzano i legami
covalenti polari della molecola con conseguente
formazione di ioni

HCl(g) ⇄ H+(aq) + Cl–(aq)

Queste soluzioni conducono elettricità.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 7


1. Perché le sostanze si sciolgono?
I composti ionici in acqua si dissociano, ovvero liberano
ioni: le molecole d’acqua separano gli ioni di carica
opposta già presenti nel composto. Questo processo
viene chiamato dissociazione.

NaCl(s) ⇄ Na+(aq) + Cl-(aq)

Queste soluzioni conducono elettricità.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 8


1. Perché le sostanze si sciolgono?

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 9


1. Perché le sostanze si sciolgono?
Le sostanze non polari non si miscelano con l’acqua ma
solo con i solventi non polari.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 10


1. Perché le sostanze si sciolgono?
Un elettrolita è una sostanza che rende elettricamente
conduttrice la soluzione acquosa in cui è disciolto.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 11


1. Perché le sostanze si sciolgono?
Soluzioni con alta conducibilità elettrica contengono soluti
detti elettroliti forti.
Soluzioni con modesta conducibilità elettrica contengono
soluti detti elettroliti deboli.
Soluzioni che non presentano conducibilità elettrica
contengono soluti detti non elettroliti.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 12


1. Perché le sostanze si sciolgono?

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 13


2. La solubilità
La solubilità è la quantità massima di soluto che si può
sciogliere in una determinata quantità di solvente.

Per la maggior parte delle sostanze solide, la solubilità


cresce all’aumentare della temperatura.
Per tutti i soluti gassosi la solubilità diminuisce
all’aumentare della temperatura.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 14


2. La solubilità

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 15


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione di una soluzione è il rapporto tra la
quantità di soluto e la quantità di solvente in cui il soluto è
disciolto.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 16


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione percentuale in massa (% m/m)
indica la quantità in grammi di soluto sciolta in 100
grammi di soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 17


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione percentuale massa su volume (%
m/V) indica la quantità in grammi di soluto sciolta in 100
mL di soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 18


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione percentuale in volume (% V/V)
indica il volume in millilitri di soluto sciolto in 100 mL di
soluzione.

Il grado alcolico di una bevanda corrisponde ai millilitri di


alcol disciolti in 100 mL di bevanda.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 19


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione in parti per milione (ppm) indica il
numero di parti di soluto presenti in un milione di parti di
soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 20


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione molare (M) o molarità indica il
rapporto fra le moli di soluto e il volume in litri della
soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 21


3. La concentrazione delle soluzioni
Soluzioni a concentrazione nota si possono preparare o
con il metodo della diluizione, oppure con il metodo della
titolazione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 22


3. La concentrazione delle soluzioni
La concentrazione molale (m) o molalità è il rapporto
tra le moli di soluto e la massa del solvente espressa in
kilogrammi.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 23


4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
Le soluzioni che contengono ioni conducono elettricità e
vengono dette elettrolitiche.
Gli acidi sono gli elettroliti che in acqua liberano ioni H+; le
basi invece liberano ioni OH-.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 24


4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
Le soluzioni acide che si usano nella vita quotidiana sono
numerose: il limone, l’aceto e l’acido muriatico.
Le soluzioni basiche, invece, sono il detersivo e il
bicarbonato.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 25


4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
Il pH è un numero che misura il grado di acidità (o di
basicità) di una soluzione.
Il valore del pH dipende dalla concentrazione degli ioni
H3O+ presenti nella soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 26


4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
Maggiore è la concentrazione degli ioni, più basso è il
valore del pH. Una soluzione può essere
•  neutra: il pH è uguale a 7,00;
•  acida: il pH è minore di 7,00;
•  basica: il pH è maggiore di 7,00.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 27


4. Le soluzioni elettrolitiche e il pH
Una reazione di neutralizzazione è la razione che
avviene tra una soluzione acida e una soluzione basica in
quantità stechiometrica equivalente.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 28


5. Le proprietà colligative
Quando un soluto si scioglie in un solvente, le particelle
del soluto si legano con le particelle del solvente.
Questi legami modificano il comportamento della
soluzione.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 29


5. Le proprietà colligative
La tensione di vapore, cioè la pressione di vapore della
soluzione, è più bassa della pressione di vapore del
solvente puro, alla stesa temperatura. Ci sono due efffetti
visibili
•  il punto di ebollizione si innalza (innalzamento
ebulloscopico);
•  il punto di congelamento si abbassa (innalzamento
crioscopico).

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 30


5. Le proprietà colligative
Una proprietà colligativa è una proprietà che dipende
soltanto dal numero di particelle di soluto presenti in
soluzione, e non dalla loro natura.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 31


5. Le proprietà colligative
La pressione osmotica è la pressione idrostatica che si
deve esercitare sulla soluzione più concentrata separata
da una meno concentrata (o dal solvente puro) da una
membrana semipermeabile, perché in essa non entri altro
solvente (equazione di van’t Hoff).

πV=nRT

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 32


5. Le proprietà colligative
Se la soluzione è un elettrolita, è necessario introdurre il
coefficiente i.
π=MRTi

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 33


5. Le proprietà colligative
Le soluzioni che presentano uguale pressione osmotica si
dicono isotoniche.

Se due soluzioni hanno diversa pressione osmotica, si


dice ipotonica quella a concentrazione minore,
ipertonica quella a concentrazione maggiore.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 34


5. Le proprietà colligative
Grazie all’osmosi si attua il trasporto dei fluidi nel nostro
organismo o il trasferimento della linfa dalle radici alle
foglie nelle piante.
Le pareti delle cellule animali e vegetali sono membrane
semipermeabili.

Valitutti,Tifi, Gentile, Esploriamo la chimica © Zanichelli editore 2010 35