Sei sulla pagina 1di 48

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

(provincia di Palermo)

P.U.D.M.

Progettista: Redatto:
Ingegneria
I.I.A. Integrata
Ambientale Controllato:
Via Sardegna, 33 Palermo Verificato:
Tel. 091- 6788257

Committente: Data: Marzo 2008


Comune di Isola Delle Femmine
Rev. 1: Ottobre 2009

Rev. 2: Marzo 2015

Titolo della tavola: Tavola:


Relazione tecnica descrittiva
1
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

INDICE

1 INTRODUZIONE ................................................................................................. 2
1.1 PREMESSA GENERALE .................................................................................................. 2
1.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO .................................................................................. 4
1.3 DEFINIZIONI E INDIRIZZI GENERALI ...................................................................... 5

2 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA ........................................................... 10


2.1 IMPOSTAZIONE DEL PIANO ...................................................................................... 10
2.2 LINEE GUIDA ED INDICAZIONI ................................................................................ 11
2.3 OBIETTIVI DEL PIANO................................................................................................. 13

3 IL TERRITORIO DI ISOLA DELLE FEMMINE ......................................... 14


3.1 DESCRIZIONE DEI CARATTERI DEL TERRITORIO............................................ 14
3.2 REGIME VINCOLISTICO ............................................................................................. 15
3.3 MORFOLOGIA ................................................................................................................ 17
3.4 LITOLOGIA...................................................................................................................... 19

4 IL DEMANIO MARITTIMO DI COMPETENZA DEL COMUNE ............ 20


5 LE PROPOSTE DEL PIANO............................................................................ 21
5.1 I PARAMETRI DI RIFERIMENTO .............................................................................. 21
5.2 ACCESSI AL DEMANIO MARITTIMO ...................................................................... 23
5.3 LE AREE............................................................................................................................ 23
5.4 LE ZONE ........................................................................................................................... 26
5.5 LE DESTINAZIONI D’USO E LE CONCESSIONI PREVISTE NEL PIANO ........ 29

6 LE LUNGHEZZE DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO ................ 38

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 1 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

1 INTRODUZIONE
1.1 PREMESSA GENERALE
Con l’espressione Demanio Marittimo si indica l’insieme dei beni, ivi comprese le pertinenze
demaniali, destinati a soddisfare gli interessi pubblici riguardanti la navigazione, il traffico
marittimo e, più genericamente, i pubblici usi del mare.

I beni appartenenti a questa categoria trovano elencazione, oltre che nei richiamati artt. 822 e segg.
del C.C., nell’art. 28 del Codice della Navigazione.

La Regione Siciliana con la Legge Regionale 15/2005 del 29 novembre 2005, “Disposizioni sul
rilascio delle concessioni di beni demaniali marittimi e sull’esercizio diretto delle funzioni
amministrative in materia di demanio marittimo”, ha fissato le procedure per il rilascio delle
concessioni demaniali marittime e per l'esercizio diretto delle funzioni amministrative a esse
connesse.

In particolare, all’art. 4 comma 1 della suddetta Legge Regionale, è stato previsto che le attività e le
opere sul demanio marittimo devono essere esercitate e autorizzate mediante appositi piani di
utilizzo delle aree demaniali marittime, approvati dall’Assessorato Regionale del Territorio e
dell’Ambiente su proposta dei comuni costieri.

Alla legge ha fatto seguito il Decreto Assessoriale del 25/05/06, concernente le “Linee guida per la
redazione dei piani di utilizzo del demanio marittimo della Regione siciliana”.

Con deliberazione n° 20 del 23/03/2009, il Consiglio Comunale ha adottato, con prescrizioni, il


Piano di Utilizzo delle aree del Demanio Marittimo (d’ora in poi P.U.D.M.); successivamente il
Comune ha trasmesso tale piano all'Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente per
l’approvazione, attivando la procedura di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), ai sensi
dell’art. 11 e successivi del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii., e la procedura di Valutazione di Incidenza
(V.I.), così come previsto al punto 5 dell’Allegato A del D.A: 04/07/11; quest’ultima procedura è
resa necessaria dal fatto che il territorio del Comune di Isola delle Femmine ricade parzialmente in
Siti di Interesse Comunitario (S.I.C.) identificati da ITA 020005 “Isola delle Femmine” e ITA
020047 “Fondali di Isola delle Femmine – Capo Gallo”, dalla Riserva Naturale Orientata di Isola
delle Femmine, istituita con D.A. 584 del 1/9/1997 (coincidente con l’omonimo SIC) e dalla

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 2 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Riserva Naturale Orientata di Capo Gallo, istituita con D.A. 438 del 21/06/2001 (coincidente solo in
parte con l’omonimo SIC).

In data 19/08/11 è stato pubblicato sulla G.U.R.S. il Decreto Assessoriale del 04/07/11 “Linee guida
per la redazione dei piani di utilizzo del demanio marittimo della Regione Sicilia” che sostituisce il
precedente D.A. del 25/05/06.

Negli ultimi anni ci sono state inoltre modifiche sostanziali al P.U.D.M. dovute a:

sentenza della suprema Corte di Cassazione n° 6094/11 in cui si sancisce definitivamente


l’esatta porzione di area privata ricadente nel Lido del Carabiniere e nel Lido Battaglia

nuove concessioni rilasciate dal Servizio 5 Demanio Marittimo dell’A.R.T.A.

Pertanto si è reso necessaria una revisione ed adeguamento del P.U.D.M., così come meglio
specificato più avanti, ai fini del rilascio del parere di approvazione da parte dell’A.R.T.A..

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 3 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

1.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO


Normativa generale

Oltre che dalle norme di carattere generale contenute negli artt. 822 e segg. del codice civile i beni
demaniali marittimi sono disciplinati da una legge speciale, comunemente denominata Codice della
Navigazione, il cui testo definitivo venne approvato con R.D. del 30/03/42, n° 327, nonché dal
relativo Regolamento di esecuzione, approvato con D.P.R. n° 328 del 15/2/52.

Nell’ambito della Regione Siciliana occorre tenere conto, altresì, delle disposizioni normative
contenute nello Statuto e nelle successive norme di attuazione. In particolare, l’art. 32 Statuto
assegna alla Regione i beni del demanio dello Stato esistenti nella Regione medesima, eccetto quelli
interessanti la difesa dello Stato o servizi di carattere nazionale.

Normativa specifica di riferimento

Legge Regionale 15/2005 del 29 novembre 2005, “Disposizioni sul rilascio delle concessioni di
beni demaniali marittimi e sull’esercizio diretto delle funzioni amministrative in materia di
demanio marittimo” e ss.mm.ii.

Decreto Legge 194/2009 “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”.

Decreto Assessoriale del 04/07/11 “Linee guida per la redazione dei piani di utilizzo del demanio
marittimo della Regione Sicilia”

Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179 che con l’art. 34 duodecies, novellando il citato articolo 1,
comma 18, del D.L. n. 194/2009, ha disposto la proroga sino al 31 dicembre 2020 delle
concessioni demaniali in essere alla data del 30 dicembre 2009 (data di entrata in vigore del D.L. n.
194/2009) ed in scadenza entro il 31 dicembre 2015.

Legge n. 228/2012 che all’art. 1 comma 547 ha esteso le previsioni dell’articolo 1, comma 18, del
D.L. n. 194/2009, come sopra modificato, alle concessioni aventi ad oggetto:

il demanio marittimo, per concessioni con finalità sportive;


il demanio lacuale e fluviale per concessioni con finalità turistico-ricreative e sportive;
i beni destinati a porti turistici, approdi e punti di ormeggio dedicati alla nautica da diporto.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 4 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Decreto Assessoriale 12/08/14 “Proroga della durata degli atti di concessione di beni demaniali
marittimi in scadenza alla data del 31 dicembre 2015” al 31 dicembre 2020.

1.3 DEFINIZIONI E INDIRIZZI GENERALI


Qui di seguito si riportano alcune definizioni ed indirizzi generali riportati nel Decreto Assessoriale
del 04/07/11 “Linee guida per la redazione dei piani di utilizzo del demanio marittimo della
Regione Sicilia” ai fini di una più facile comprensione di quanto di seguito riportato. Nell’ambito
degli indirizzi di carattere generale possono essere posti dei limiti o delle variazioni da parte
dell’Amministrazione Comunale (si veda a tal proposito il paragrafo 2.2).

Area: l’insieme di ambiti costieri demaniali marittimi, compresi all’interno dei confini comunali,
tendenzialmente omogenei e cioè aventi medesime caratteristiche ambientali, morfologiche ed
infrastrutturali. Ogni area deve costituire inoltre la rappresentazione di uno o più insiemi costieri
identificati tenendo presente la loro finalità secondo criteri che consentano una trattazione unitaria
dei territori da essa individuati e delle norme ad esso collegate.

Zona: superficie con particolarità specifiche tali da giustificare una regolamentazione specifica e le
cui esigue dimensioni non consentono la costituzione di un’area; la regolamentazione di dettaglio
della zona è dettata dalle caratteristiche ambientali (pericolo geologico; fenomeni erosivi;
salvaguardia degli ecosistemi; salvaguardia del paesaggio) ovvero da motivate e specifiche scelte di
recupero o, al contrario, di sviluppo degli ambiti territoriali, e comunque funzionali al riassetto del
territorio costiero.

Lotto: porzione delimitate di superfici, individuate attraverso l’identificazione delle relative


coordinate geografiche, che hanno formato o che sono destinate a formare oggetto di concessioni
demaniali marittime.

Stabilimenti balneari: devono prevedere i seguenti servizi e attrezzature:

servizi igienici per i bagnanti, per un minimo di 3 di cui 1 per portatori di handicap;

cabine spogliatoio, per un minimo pari al 10% dei punti ombra (ombrelloni);

docce al coperto per un minimo di 2;

docce all’aperto per un minimo di 4, ad acqua fredda e senza possibilità di uso di saponi;

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 5 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

servizi per la sicurezza della balneazione - locale di primo soccorso - deposito per attrezzature
- locale tecnico - una passerella principale in doghe di legno appoggiata al suolo e collegate
fra loro - percorsi per disabili;

un gruppo di contenitori attrezzati per fornire un sistema di raccolta differenziata dei rifiuti.

Sono ammesse anche attività e attrezzature, complementari alla balneazione, quali: bar, ristorante,
giochi, attrezzature sportive, ecc.... La superficie da assentire in concessione non deve eccedere, in
linea di massima, i 3.000 mq., e quella coperta non può essere più dei 10%. Al fine di non costituire
barriere visive, le strutture devono essere disposte in modo ortogonale alla linea di costa e non
possono, in linea di massima, superare il 30% del fronte concessorio.

Aree attrezzate per la balneazione: devono prevedere i seguenti servizi minimi:

cabine e/o spogliatoi collettivi, per un massimo di 8;

servizi igienici pubblici per un minimo di 3 di cui 1 per portatori di handicap;

magazzino;

docce all’aperto, almeno 1 con interruzione automatica dell’erogazione dell’acqua;

servizi per la sicurezza della balneazione;

servizi per la raccolta dei rifiuti.

Sono anche ammessi: punti di ristoro e relativi spazi ombreggiati, eventuali giochi a carattere
stagionale. La superficie da assentire in concessione, in linea di massima, non può superare i 2.000
mq. di cui non più del 5% coperta.

Aree attrezzate per pratiche sportive Parte del territorio demaniale marittimo destinato ad attività
sportive, ove è ammesso il noleggio delle attrezzature necessarie e dove si possono svolgere attività
tese all’insegnamento e alla pratica di vela, windsurf, canoe, pattini e similari, con i seguenti servizi
minimi:

servizi igienici per gli utenti, per un minimo di 3 di cui 1 per portatori di handicap;

cabine spogliatoi e doccia collettivi per un massimo di 4;

rimessa o magazzino;

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 6 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

punto di primo soccorso;

servizi per la raccolta differenziata di rifiuti.

Sono anche ammessi eventuali punti di ristoro e spazi ombreggiati. Per i suddetti servizi la
superficie coperta non può superare complessivamente 100 mq.

Aree attrezzate per l’accesso di animali di affezione: si dovranno prevedere, in prossimità di


alcuni stabilimenti balneari, degli spazi riservati al soggiorno degli animali domestici (cani e gatti)
ai sensi dell’art. 4 della Legge Regionale n. 15/05. In tali spazi si potranno inserire strutture ed
attrezzature del tipo:

n. 1 area gioco e n. 1 area lavoro/addestramento attrezzata per l’attività di “agility”, entrambe


non superiori a mq. 200 adeguatamente recintate con tavolato alto mt. 1,50;

n. 10 (massimo) box per il soggiorno all’ombra dei cani di dimensione mt. 1,40x1,40 e altezza
massima mt. 1,40 realizzati con struttura in legno e con copertura in canne o similari. In
aderenza ai box dovranno essere realizzati i servizi di pulizia e doccia per gli animali, dotati di
piattaforma ed impianto idoneo per la raccolta delle acque di scarico. All’interno dell’arenile
è consentita l’attività di addestramento e allevamento di cani abilitati al salvamento.

L’arenile in concessione dovrà essere delimitato con recinzione in tavolato e rete metallica
aventi altezza massima non superiore di mt. 200, dotato di un adeguato numero di aperture
provviste di porte. L’igiene e la pulizia inerente l’attività nel suo complesso dovranno essere
garantiti da un insieme di fattori definiti sia in fase di progettazione che in fase di gestione nel
rispetto delle norme igienicosanitarie.

Punto di ristoro: Sono ammessi servizi di ristoro aventi tipologia di chiosco, con la possibilità di
situarvi manufatti e spazi ombreggiati. Devono essere assicurati i servizi per la raccolta
differenziata dei rifiuti. La superficie occupata dal chiosco nei corpi principali non può superare i
100 mq. in linea di massima, al netto di pedane, piattaforme, camminamenti, ecc…

Ormeggio rimessaggio e noleggio natanti: Porzioni di demanio marittimo e specchio acqueo


possono essere adibiti a sosta o stazionamento delle imbarcazioni mediante installazioni di strutture
precarie (campi boe, pontili galleggianti, ricoveri, ecc…) previa verifica delle condizioni di
sicurezza legate alle esposizioni del sito agli eventi meteo-marini. Dovranno essere dotati dei
seguenti servizi minimi:

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 7 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

• servizi igienici per gli utenti, per un minimo di 2 di cui 1 per portatori di handicap;

• magazzino;

• servizi per la raccolta differenziata dei rifiuti.


La superficie coperta delle suddette strutture, in linea di massima, non può superare i 50 m2. Sono
ammessi i seguenti servizi:

• cabine spogliatoio e doccia collettivi per un massimo di 3;

• bar con annesso magazzino, spogliatoio, wc per il personale e di servizio, area lavoro;

• corridoi di lancio come esplicitato nel paragrafo “specchi acquei”.


Per i suddetti servizi la superficie coperta può essere estesa complessivamente fino a 100 m2.

Attività commerciali - Esercizi di ristorazione e somministrazione in bevande, cibi precotti e


generi di monopolio: La realizzazione di strutture per gli esercizi commerciali in genere, di
ristorazione e somministrazione di bevande, cibi precotti e generi di monopolio, al di fuori di
strutture balneari è consentita nell’ambito della prudente valutazione del fabbisogno, privilegiando
il rapporto di complementarietà con gli usi del mare e/o di servizio ad altre attività comunque
rivolte alla diretta fruizione del mare. La superficie da assentire in concessione non può superare, in
linea di massima, i 400 m2 di cui non più dei 50% coperta.

Giochi: È ammesso il posizionamento all’interno dell’area in concessione di giochi e attrezzature


per attività ludiche sportive.

Spazi ombreggiati: Sono sempre ammessi, fatti salvi specifici divieti contenuti nelle norme del
P.U.D.M., e purché a carattere stagionale, spazi ombreggiati, ossia spazi per la sosta delle persone
all’ombra, da realizzarsi tramite sedute in legno o similari, con copertura in tessuti o similari.

Porti e approdi turistici: nei P.U.D.M. possono essere previsti, a titolo meramente indicativo, delle
aree per la realizzazione di porti e/o approdi turistici regolamentati da precisa normativa in materia.
Le eventuali scelte per il posizionamento di queste aree devono tenere conto:

• della rete dei collegamenti turistici costieri;

• del dimensionamento legato alle reali esigenze del mercato;

• della dotazione quali-quantitativa dei servizi.


Nel caso particolare della portualità turistica sono due le azioni di trasformazione indicate:

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 8 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

• il recupero delle strutture preesistenti;

• la costruzione di nuove strutture.


Nei casi in cui è possibile procedere con il completamento, il recupero e il riutilizzo delle
infrastrutture portuali esistenti, poiché non sempre le condizioni attorno lo permettono, occorre
ottimizzare l’uso del bacino portuale tramite la scelta dello schema con cui disporre i pontili e
dotare l’area di parcheggi, strade di accesso e servizi in relazione agli standard richiesti. In generale,
i porti turistici non devono essere concepiti e gestiti come posteggi di barche di proprietà dei
residenti, ma devono rappresentare una attrattiva per incentivare flussi turistici che accedendo dal
mare, inizino itinerari di fruizione turistica non limitati alle attrattive costiere, ma che spazino su
tutti i segmenti che compongono l’offerta turistica dell’isola, da quello culturale, a quello
enogastronomico, dai circuiti tematici alle tradizioni etnoantropologiche. Sono fatte salve le
procedure di cui al D.P.R. n. 509/97, come recepite in Sicilia dall’art. 78 della L.R. n. 4/2003.

Specchi acquei e imbarcazioni: Non è ammesso lo stazionamento di imbarcazioni in genere, se


non quelle previste per il salvataggio, all’interno o negli specchi acquei prospicienti le strutture per
la balneazione, fino ad una distanza all’uopo stabilita dall’Autorità marittima e/o
dall’Amministrazione regionale competente. La sosta ed il noleggio di pedalò, canoe, surf, etc. è
consentita all’interno di aree c/o porzioni di specchio acqueo appositamente delimitate e le partenze
e l’atterraggio devono avvenire tramite corridoi di lancio di adeguate dimensioni. Le corsie di
lancio per le imbarcazioni di norma sono consentite in prossimità di concessioni demaniali per lo
stazionamento a terra delle imbarcazioni secondo i criteri stabiliti dalla competente Capitaneria di
porto. L’installazione stagionale di corridoi di lancio per le attività esistenti è ammessa in ragione
della effettiva necessità. I prelievi per gli usi consentiti di acqua marina sono autorizzati previo
rilascio di concessione demaniale marittima. Nei tratti antistanti la costa giudicati idonei e sicuri per
la balneazione sono ammesse attrezzature a carattere temporaneo (stagionale) tese alla migliore
fruizione della balneazione come piattaforme galleggianti e simili, previa la prescritta
autorizzazione rilasciata dalla Capitaneria di porto competente per territorio o dall’A.R.T.A..

Ed inoltre non compresa nel Decreto Assessoriale del 04/07/11:

Spiaggia libera: area demaniale marittima, non concessa a terzi, di uso pubblico e accesso libero e
gratuito. In tali aree non è fornito, salva diversa indicazione mediante idonea cartellonistica, il
servizio di salvamento e di controllo della balneazione e pertanto tali attività rimangono a rischio e
pericolo del soggetto che le esercita.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 9 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

2 IMPOSTAZIONE METODOLOGICA
2.1 IMPOSTAZIONE DEL PIANO
Ai sensi del punto 1, Allegato A del D.A. 04/07/11 sono tenuti a redigere il P.U.D.M., ai sensi
dell’art. 4 della Legge Regionale n. 15/2005, tutti i comuni della Regione siciliana il cui territorio
sia prospiciente sul demanio marittimo. Il P.U.D.M redatto da ciascun comune interessato riguarda
tutta la fascia prospiciente l’ambito territoriale di competenza che appartiene al pubblico demanio
marittimo.

Al presente piano si è pervenuti con la revisione del piano originario approvato in Consiglio
Comunale nel 2009.

Per fare ciò è stato necessario:

richiedere al Servizio 5 Demanio Marittimo dell’A.R.T.A. le planimetrie di tutte le


concessioni demaniali rilasciate sulla fascia prospicente l’ambito territoriale comunale (le
concessioni e le relative planimetrie sono allegate al presente documento); lì dove sono stati
individuati riferimenti certi, le concessioni de quo sono state riportate sugli elaborati grafici
del P.U.D.M.

verificare l’eventuale aggiornamento della cartografia rilasciata dal Sistema Informativo del
Demanio della Regione Siciliana (S.I.DE.R.SI.): dall’esame svolto congiuntamente con
l’Ufficio Tecnico del Comune è stato possibile appurare che la cartografia di base sulla
quale riportare gli elaborati grafici del P.U.D.M. non è variata

svolgere numerosi tavoli tecnici con i rappresentanti del Comune per la definizione delle
Linee Guida Generali da inserire nel Piano (si veda paragrafo 2.2)

Dall’elaborazione dei dati acquisiti è stato possibile redigere il presente documento di


pianificazione che si compone dei seguenti elaborati:

Quadro di unione con la ripartizione delle aree (scala 1:10.000)

Planimetrie stato di fatto di ogni area (scala 1:1.000)

Planimetrie di previsione del piano di ogni area (scala 1:1.000)

Relazione tecnico descrittiva

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 10 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Regolamento di attuazione

Documentazione fotografica

Legenda delle destinazioni d’uso

Planimetrie di dettaglio delle strutture previste

2.2 LINEE GUIDA ED INDICAZIONI


In data 17/02/15 e 14/04/15 sono stati svolti tavoli tecnici con rappresentanti del Comune (i cui
verbali sono allegati al presente documento) per la definizione delle Linee Guida ed Indirizzi
Generali da tenere conto nella redazione del P.U.D.M.. In sintesi le principali indicazioni ricevute
dallo scrivente, con riferimento agli elaborati grafici del P.U.D.M. approvato nel 2009, sono:

Alla scadenza delle concessioni demaniali, sull’area identificata come scogliera, la superficie
massima consentita per la concessione è di 1.000 m2

Fermo restando quanto asseverato alla lettera e) del punto 7) dell’Allegato A al D.A. 07/07/11,
le strutture a servizio degli stabilimenti o delle aree attrezzate (bar, wc, spogliatoi, ecc…)
devono essere previste, lì dove possibile, perpendicolari al fronte strada al fine di non costituire
barriera visiva al litorale

Alla scadenza delle concessioni demaniali, entro due anni dall’avvenuto rinnovo, deve essere
prevista la riduzione del 50% del numero delle cabine, di qualsiasi forma e natura, e/o della
superficie occupate dalle stesse e riportata nelle planimetrie allegate in concessione

TAV. 3.A: disciplina la zona dal confine con il Comune di Palermo al ristorante-hotel Scogliera
Azzurra:

• Sulla zona limitrofa al confine con il Comune di Palermo, visto il P.U.D.M. approvato dal
Comune di Palermo e considerato che la zona presenta un particolare pregio ambientale e
paesaggistico, occorre prevedere solo l’utilizzo come “spazi ombreggiati”, così come
definiti nel paragrafo 1.3

• Sulla zona limitrofa al porto inserire la possibilità di realizzare aree pertinenti alle attività
commerciali esistenti sulla fascia prospicente il demanio

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 11 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

TAV. 3.B: disciplina la zona Torre, da via dei Villini fino al viale A. Vespucci:

• In considerazione del fatto che l’area riveste particolare pregio dal punto di vista
paesaggistico ed ambientale e che è caratterizzata da violente mareggiate si prevede il
prolungamento della zona denominata “C2” (non utilizzabile ai fini della concessione) fino a
ridosso del lotto 2 denominato “Free Beach”

• Individuare un’area, compresa tra via De Gasperi e Punta del Passaggio, per lo svolgimento
di eventi culturali temporanei per la promozione del territorio così come previsto alla lettera
Q) del punto 7 dell’Allegato A alle Linee Guida

TAV. 3.C: disciplina la zona di Viale Marino, da Costa Corsara al cimitero:

• E’ stata inoltrata al Servizio 5 Demanio dell’A.R.T.A., da parte del Comune di Isola delle
Femmine, richiesta di subentro alla concessione n° 230/06, in decadenza (Nota del Serv. 5
Demanio Marittimo A.R.T.A. n° 54976 del 26/11/14), intestata alla ditta “Acqua e Vento”
di Mancuso Rosalba (Lotto 4); per tale lotto è previsto l’utilizzo solo come “spazi
ombreggiati”, così come definiti nel paragrafo 1.3

• Nel tratto compreso tra il Lotto 4 e la nuova area destinata ad “Area attrezzata per la
balneazione” non sono più previsti l’utilizzo di “Campi boe” e “Giochi”, ma solo l’utilizzo
come “spazio ombreggiato”, così come definiti nel paragrafo 1.3

• Alla scadenza della concessione demaniale il Lotto 4-bis “Sikulo”, concessione n° 47/2010
si dovrà adeguare alle linee guida stabilite nel presente Piano

• Alla scadenza della concessione demaniale il Lotto 6 “Pietra Campana”, concessione n°


9/2003 dovrà spostarsi presso la prevista “Area attrezzata per la balneazione” e
contestualmente si dovrà adeguare alle linee guida stabilite nel presente Piano

• Alla scadenza dei termini previsti dalla normativa, la concessione demaniale del lotto 5
“Kalos”, concessione n° 335/06, non è più prevista per motivazioni di natura tecnica
(presenza di pompe di sollevamento del nuovo piano fognario); il lotto sarà accorpato al tratto
di spiaggia libera in concessione al Comune

TAV. 3.D: disciplina il tratto di spiaggia tra la via Garibaldi e il confine con il Comune di
Capaci:

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 12 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

• Nei tratti in concessione al Comune denominati L1, L2 ed L3, non devono essere previsti
chioschi, piattaforme, pedane, camminamenti, o qualsiasi struttura, anche temporanea,
dedita ad attività commerciale e/o di ristoro

• Nel tratto L1 in concessione al Comune deve essere previsto l’utilizzo di “Aree attrezzate
per l’accesso di animali di affezione”, così come definito nel paragrafo 1.3.

2.3 OBIETTIVI DEL PIANO


Il P.U.D.M. individua le modalità di utilizzo del litorale marino e ne disciplina gli usi sia per finalità
pubbliche, sia per iniziative connesse ad attività di tipo privatistico regolamentate mediante rilascio
di concessioni demaniali marittime in conformità alle vigenti disposizioni in materia di pubblico
demanio marittimo (definizione P.U.D.M. di cui al punto 1 dell’Allegato A al D.A. del 04/07/11).

Le nuove concessioni demaniali marittime e quelle in essere (il cui termine di scadenza è il
31/12/2020) in fase di rinnovo, dovranno adeguarsi ai parametri e disposizioni riportate nel
P.U.D.M. condiviso dal Consiglio Comunale ed approvato definitivamente dall’A.R.T.A..

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 13 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

3 IL TERRITORIO DI ISOLA DELLE FEMMINE


3.1 DESCRIZIONE DEI CARATTERI DEL TERRITORIO
Il centro abitato di Isola delle Femmine risulta delimitato da una poligonale costituita da un tratto di
S.S. 113, esteso metri lineari 2800 e compreso tra il Km. 275,000 e il Km 277,800, e le strade
denominate Via Palermo, Via dei Villini, Via Amerigo Vespucci, Viale Marino, Viale dei Saraceni,
Via Kennedy (tratto di strada di proprietà del comunale di Capaci) fino all’incrocio con Via degli
Oleandri, Via degli Oleandri fino all’incrocio con la S.S. 113.

Seguendo in senso antiorario la linea di confine del territorio comunale, da Punta della Catena,
posta al confine con Palermo, si prosegue lungo la linea di costa, rocciosa e frastagliata,
comprendendo la piccola penisola dominata dalla Torre in Terra fino alla Punta del Passaggio a
nord, per proseguire ad ovest lungo la spiaggia sabbiosa che si sviluppa per circa 1 km (La Praia)
fino ad incontrare il confine del territorio comunale di Capaci. Da questo punto, la linea di confine
prosegue in direzione sud-sud/est per risalire, seguendo una poligonale costituita da tratti rettilinei
rispettivamente ortogonali e paralleli alla linea di costa, fino a raggiungere Portella della Balata, da
cui prosegue lungo lo spartiacque della Montagna Raffo Rosso e Pizzo Mollica (533 m s..m) per poi
ridiscendere repentinamente di nuovo verso Punta della Catena.

Il territorio comunale comprende, infine, un piccolo isolotto disabitato, denominato appunto Isola
delle Femmine o Isola di Fuori, posto proprio di fronte all’estrema propaggine della piccola
penisola della Torre in Terra (Punta del Passaggio) e sorvegliata dalla Torre di Fuori.

Il territorio comunale di Isola delle Femmine si estende per Ha 354 circa lungo la fascia costiera e
confina con il Mare Tirreno e con i territori dei Comuni di Palermo, Capaci e Torretta.

Il territorio, attraversato longitudinalmente dall’autostrada Palermo-Mazara, dalla strada statale 113


e dalla linea ferrata Palermo-Trapani, risulta nettamente suddiviso in tre fasce:

1. la fascia costiera, compresa fra il mare Tirreno, la ferrovia PA-TP ed il confine con il
territorio di Capaci;

2. la zona intermedia, delimitata a valle dalla predetta ferrovia e a monte dall’autostrada;

3. la fascia che si sviluppa a monte dell’autostrada e risulta delimitata dai rilievi montuosi che
fanno da coronamento all’intero territorio comunale.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 14 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

3.2 REGIME VINCOLISTICO


Il territorio di Isola delle Femmine risulta soggetto ad un regime vincolistico particolarmente
complesso riportato in Fig. 1.

Tale regime vincolistico discende in parte dall’applicazione di disposizioni di legge nazionali e/o
regionali, in parte dalla emanazione di specifici provvedimenti amministrativi, a tutela di interessi
di varia natura: paesaggistica, ambientale, di igiene pubblica, di sicurezza del traffico, ecc…

Si riporta di seguito l’elenco dettagliato dei vincoli e delle prescrizioni esistenti.

L’intero territorio comunale risulta sottoposto al vincolo a tutela dei beni paesaggistici ed
ambientali di cui alla Legge 1497/39.

Fascia di rispetto costiero (L.R. 78/76 art. 15)


Con l’entrata in vigore della L.R. 12/06/1976 n° 78, pubblicata sulla G.U.R.S. n° 36 del
16/06/1976, viene imposto il vincolo di inedificabilità assoluta entro la fascia di 150 metri
dalla battigia (art. 15, lettera a) mentre ai sensi del medesimo articolo 15 lettere b) e c) l’indice
di densità territoriale massima entro la fascia di 500 metri e di 1000 metri dalla battigia è
determinato rispettivamente in 0,75 mc/mq e 1,5 mc/mq.

Fascia di rispetto del demanio marittimo


Ai sensi dell’art. 55 del Codice della Navigazione approvato con R.D. 30/03/1942 n° 327,
l’esecuzione di nuove opere entro una zona di trenta metri dal demanio marittimo o dal ciglio
dei terreni elevati sul mare è sottoposta ad autorizzazione.

Fascia di rispetto impianto di pretrattamento (art. 46 L.R. 27/86)


Il Comune di Isola delle Femmine risulta dotato di un impianto di pretrattamento dei reflui di
secondo livello pertanto, ai sensi dell’art. 46 della L.R. 27/86, la larghezza della fascia di
rispetto, con vincolo assoluto di inedificabilità, circostante l'area dell'impianto di depurazione
è di 50 metri.

La Riserva Naturale Orientata di Isola delle Femmine


Con D.A. 01/09.1997, ai sensi e per gli effetti dell'art. 4 della legge regionale n. 14/88, è stata
istituita la Riserva Naturale “Isola delle Femmine, elemento caratterizzante del territorio
comunale e del borgo marinaro.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 15 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Il territorio del Comune di Isola delle Femmine ricade inoltre parzialmente in Siti di Interesse
Comunitario (S.I.C.) identificati da ITA 020005 “Isola delle Femmine” e ITA 020047 “Fondali di
Isola delle Femmine – Capo Gallo”.
La Riserva Naturale Orientata di Isola delle Femmine, istituita con D.A. 584 del 1/9/1997, coincide
con l’omonimo SIC.
La Riserva Naturale Orientata di Capo Gallo, istituita con D.A. 438 del 21/06/2001, coincide solo in
parte con l’omonimo SIC.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 16 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Fig. 1 Carta dei vincoli

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 17 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

3.3 MORFOLOGIA
Dal punto di vista morfologico, il territorio comunale appare come una sorta di “anfiteatro naturale”
composto da tre settori nettamente distinti.

La platea è costituita da un vasto pianoro che si affaccia sul Mare Tirreno secondo una linea di
costa molto articolata, costituita in parte da una scogliera rocciosa ed in parte da un litorale
sabbioso, e degrada dolcemente fino alle pendici dei rilevi montuosi; quest’area subpianeggiante,
compresa tra 0,00 e 45,00 metri sul livello del mare, risulta caratterizzata da una pendenza lungo la
direttrice nord-ovest variabile tra lo 0 e il 10 %.

Allontanandosi dalla linea di costa, la pianura si trasforma in un versante particolarmente acclive (la
gradinata), costituito da una larga fascia di detrito di falda (contrada Coste Estremola), che,
sviluppandosi fra quote variabili tra i 45,00 e i 110-300 m s.l.m., raggiunge valori di pendenza
superiori al 30 %, e si raccorda, infine, bruscamente con le pareti sub-verticali dei rilievi della
Montagna Raffo Rosso e di Pizzo Mollica (533 m s.l.m.).

Pianura e depositi costieri. Procedendo da nord verso sud si estende un’ampia area sub-
pianeggiante, compresa tra 0,00 e 45,00 m. s.l.m., dalla morfologia modellata, risultato dell’azione
morfologica del mare quaternario, che provocando cicli alterni di deposizione ed erosione ha creato
un ampio terrazzo 29 marino, che si ritiene costituisca la parte ribassata di una faglia presunta,
avente direzione Nord- Sud ubicata alle pendici dei rilievi alto-collinari.

Per quanto riguarda il perimetro costiero, la parte settentrionale si presenta caratterizzata da scogli
rocciosi che degradano dolcemente verso sud-ovest con la spiaggia, che si estende per circa 1 km
con andamento regolare ed uniforme.

Da un’analisi dell’andamento della spiaggia e delle correnti prevalenti del moto ondoso, risulta che
la spiaggia è in arretramento probabilmente a causa del limitato apporto solido del torrente Ciachea.

In prossimità del centro abitato, ubicato nella parte settentrionale del territorio comunale, la costa
frastagliata assume la forma di una cala che ha permesso la realizzazione di una piccola area
portuale per l’attracco dei pescherecci locali.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 18 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

3.4 LITOLOGIA
Dal punto di vista strettamente geologico i terreni dell’area in questione insistono su un basamento
flyschoide di età Oligocene superore – Miocene inferiore che non affiora ma è stato intercettato a
varie profondità durante l’esecuzione di campagne geognostiche.

Su di esso poggiano i detriti calcarei della Piattaforma Panormide di età compresa tra il Trias e
l’Eocene che costituiscono i rilievi calcarei presenti.

I depositi costieri attuali costituiscono la fascia perimetrale occidentale per una lunghezza di circa 1
km. Sono costituiti da elementi con granulometria sabbiosa prevalentemente carbonatica, di origine
organogena, di colore giallastro, con fauna strettamente litorale.

Il detrito di falda, costituito da una coltre di detriti di spessore compreso tra 3,00 e 5,00 metri,
provenienti dalla disgregazione del litotipo carbonatico presente a monte, risulta ubicato ai piedi dei
rilievi alto-collinari nascondendo il contatto stratigrafico dei due litotipi sottostanti.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 19 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

4 IL DEMANIO MARITTIMO DI COMPETENZA DEL


COMUNE
Il perimetro costiero, presenta la parte settentrionale caratterizzata da scogli rocciosi che degradano
dolcemente verso sud-ovest con la spiaggia, che si estende per circa 1 km con andamento regolare
ed uniforme.

Seguendo in senso antiorario la linea di confine del territorio comunale, da Punta della Catena,
posta al confine con Palermo, si prosegue lungo la linea di costa, rocciosa e frastagliata,
comprendendo la piccola penisola dominata dalla Torre in Terra fino alla Punta del Passaggio a
nord, per proseguire ad ovest lungo la spiaggia sabbiosa che si sviluppa per circa 1 km (La Praia)
fino ad incontrare il confine del territorio comunale di Capaci in prossimità dell’hotel “Saracen”.

Dal punto di vista economico-sociale il centro balneare, nell’ultimo ventennio, ha mostrato un


cospicuo aumento del numero di bagnanti; la scelta della spiaggia di Isola delle Femmine come
attrattiva balneare deriva principalmente dalla bellezza originaria dei luoghi e poi da fattori
secondari quali la facilità di raggiungimento, il mare pulito, le numerose iniziative ludiche che la
gente di Isola realizza, la possibilità di intrattenersi in un borgo con un marcato fascino marinaro,
ecc…

La politica attuata dall’amministrazione comunale negli ultimi tempi, ha condotto alla eliminazione
di grandi strutture che si erano venute a determinare nell’utilizzo della fascia costiera del territorio
proprio a causa della vicinanza del centro balneare con l’area metropolitana di Palermo. Sono state
eliminate strutture di notevole impatto ambientale e si è vigilato affinché tutti gli interventi pubblici
e privati riguardanti la fascia costiera fossero indirizzate al rispetto del decoro e della bellezza
paesaggistica del territorio.

Con la realizzazione del presente Piano, l’Amministrazione comunale intende proseguire nella
direzione intrapresa ed ottenere la riqualificazione della costa conseguendo il completo sviluppo
economico e sociale dell’intera fascia costiera e non solo di quella specificatamente balenabile.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 20 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

5 LE PROPOSTE DEL PIANO


5.1 I PARAMETRI DI RIFERIMENTO
Le concessioni demaniali marittime da rilasciare e/o da rinnovare devono rispettare, oltre ad
osservare le disposizioni previste dalle specifiche norme vigenti (sicurezza, igiene, barriere
architettoniche, ecc...), i seguenti parametri:

tra ogni concessione di nuova previsione, esclusivamente per le tipologie stabilimenti balneari,
aree attrezzate per la balneazione e punti di ristoro (così come descritte al paragrafo 1.3), deve
essere lasciata una distanza minima di almeno 100 ml; la medesima distanza deve essere
rispettata ai fini del rilascio delle nuove concessioni anche rispetto a quelle esistenti. Al fine
della verifica delle suddette distanze non vengono considerate le concessioni assentite in favore
dei comuni e delle altre amministrazioni per finalità di pubblico interesse, nonché quelle
comunque dirette a consentire l’utilizzo pubblico e gratuito del bene demaniale marittimo.
L’obbligo di rispetto della distanza minima non trova comunque applicazione per le
concessioni all’interno degli ambiti portuali.

il fronte mare di ogni singola concessione di nuova previsione per uso turistico-ricreativo degli
arenili non può essere superiore a 100 ml ad esclusione di interventi di interesse pubblico;

l’altezza di qualsiasi manufatto o fabbricato non potrà superare 4,5 m da terra;

l’altezza per le cabine non potrà superare m 2,40;

la recinzione dei lidi deve essere tale da non impedire la vista del mare e al confine con il ciglio
della strada, non deve superare m 1,20;

gli scarichi, in assenza di idonea rete fognante, devono essere convogliati in fosse settiche a
tenuta, opportunamente dimensionate;

le acque meteoriche devono essere smaltite a dispersione;

i manufatti dovranno avere forme contenute ed essere realizzati con la dimensione maggiore
ortogonale alla battigia in modo da consentire la visione del mare dalla strada; i manufatti
dovranno avere, in generale, la caratteristica di precarietà e devono essere realizzati con
materiali e metodologie che ne consentano, ove prevista, la facile rimozione. Dovranno essere
utilizzati materiali eco-bio-compatibili anche di tipo innovativo, lignei. Non è consentita la

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 21 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

costruzione di opere fisse in cemento, se non limitatamente, alle esigenze tecniche di


ancoraggio a terra dei manufatti e comunque previo utilizzo di soluzioni facilmente amovibili;

sui manufatti esistenti sono sempre ammessi gli interventi di manutenzione ordinaria, nonché,
nel rispetto delle previsioni di legge, la manutenzione straordinaria e il restauro conservativo;

ogni manufatto potrà essere colorato con un massimo di tre colori (bianco, azzurro, giallo);

negli stabilimenti e nelle aree attrezzate si dovrà porre una segnaletica in legno, senza opere di
fondazione, indicante l’ingresso, l’uscita, il nome ed il confine della concessione;

nelle aree in concessione tutte dovranno essere garantite condizioni di facilità e sicurezza del
movimento delle persone anche attraverso la posa di camminamenti da realizzarsi in legno con
tavole appoggiate al suolo e collegate fra loro; devono essere garantite le condizioni di fruibilità
ai portatori di handicap;

l’eventuale eccezionale mantenimento degli stabilimenti balneari oltre il periodo della


balneazione, ai sensi dell’art. 2 della Legge Regionale n. 15/2005, può essere consentito
esclusivamente in funzione dello svolgimento delle attività collaterali alla balneazione, purché
ammesse dal titolo concessorio e, comunque, limitatamente alla parte delle strutture
effettivamente utilizzate ed in proporzione alle reali esigenze. Il mancato smontaggio a fine
stagione delle porzioni non autorizzate al mantenimento comporta la decadenza della
concessione ai sensi dell’art. 47 C.N.;

gli spazi utilizzati e quelli limitrofi per una lunghezza pari al fronte mare demaniale marittimo
in concessione da entrambi i lati e per tutta la profondità della fascia demaniale, non oggetto di
altre concessioni, devono essere puliti per tutto l’anno dai concessionari;

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 22 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

5.2 ACCESSI AL DEMANIO MARITTIMO


Ai fini del libero transito dovrà essere lasciato un passaggio non inferiore a ml 1,5 dal ciglio dei
terreni elevati sul mare, mentre sull’arenile o sulle scogliere basse dovrà essere lasciata libera una
fascia misurata dalla battigia media per la profondità minima di ml 5,00.

In tale fascia non sono consentite istallazioni di alcun tipo né la disposizione di ombrelloni o sedie
sdraio o qualsiasi attrezzatura anche se precaria. Va comunque vietata qualsiasi attività o
comportamento che impedisca il transito alle persone ed ai mezzi di servizio e soccorso dalla costa
o spiaggia verso il mare e viceversa. Occorre prevedere sempre dei percorsi pedonali di accesso o di
uso pubblico, realizzabili mediante progetti d’iniziativa pubblica o privata convenzionata.

Gli accessi alla spiaggia devono essere conformi alla normativa sull'abbattimento delle barriere
architettoniche. Tali accessi saranno, di norma, assicurati ad intervalli non superiori a 150 m l’uno
dall’altro.

È vietato l’accesso al mare e l’attraversamento degli habitat costieri al di fuori delle strade e dei
luoghi che sono esplicitamente designati a tale funzione ad ogni mezzo meccanico che non sia di
servizio, se non esplicitamente autorizzato. Ad ogni sbocco pubblico, ove questo arrivi nell’area
demaniale, va lasciato libero un corridoio di larghezza adeguata e comunque non inferiore a mt.
5,00. Gli accessi alla spiaggia devono essere conformi alla normativa sull’abbattimento delle
barriere architettoniche.

5.3 LE AREE
Il territorio Comunale, relativamente al demanio marittimo di propria competenza, è stato suddiviso
in due aree, così come definite nel paragrafo 1.3:

Area scogliera: la parte settentrionale che si presenta caratterizzata da scogli rocciosi che
degradano dolcemente verso sud-ovest. La linea di costa ha inizio da “Punta della Catena”, posta
al confine con il territorio comunale di Palermo, e prosegue lungo la linea di costa, rocciosa e
frastagliata, comprendendo la piccola penisola dominata dalla “Torre in Terra”, e attraversando la
“Punta del Passaggio a nord” arriva, ad ovest, in prossimità della via Garibaldi dove ha inizio la
spiaggia. L’Area costa si estende per una lunghezza del fronte demanio marittimo di circa 3.950 ml.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 23 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Nell’area in oggetto risultano in atto rilasciate le seguenti concessioni (si vedano gli elaborati 2.A,
2.B e 2.C per individuare l’ubicazione delle stesse):

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 24 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
SUPERFICIE
TAV. DI ESTREMI TIPOLOGIA AUTORIZZATA IN
LOTTO SCOGLIERA CONCESSA
RIFERIMENTO CONCESSIONE CONCESSIONE
[mq]
40/04 del 05/04/04
Lotto “1” – “La Rosa dei Venti” 780 piattaforma per uso elioterapico
Capitaneria di Porto
2A 244/2010 del 29/06/2010
Lotto “1 bis” – “Il Delfino Ristorazione” Assessorato Territorio ed 290 area attrezzata per la balneazione
Ambiente
303/07 del 18/06/07
Lotto “2” – " Free beach" F.lli Ciaramitano Assessorato Territorio ed 1.620 area attrezzata per la balneazione
Ambiente
2B
244/2011 del 01/08/2011
Lotto “3” – “Club Nautico La Piatta” Assessorato Territorio ed 372 area per attività sportive del Circolo
Ambiente
230/06 del15/05/06
area attrezzata per la balneazione
Lotto “4”- “Acqua Vento” Mancuso Rosalba Assessorato Territorio ed 1.800
con solarium
Ambiente - decaduta
47/2010 del 17/03/2010
Lotto “4 bis”- “Sikulo” B&C s.r.l. Assessorato Territorio ed 1.179 struttura balneare ad uso pubblico
2C Ambiente
20838 del 08/05/14
area attrezzata per la balneazione
Lotto “5”- "Kalos" Assessorato Territorio ed 1.400
con solarium
Ambiente
9/03 del 12/02/03 area attrezzata per la balneazione
Lotto ”6”- Roca Morena 1.600
Captitaneria di Porto con solarium
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Area spiaggia: si estende per circa 1 km con andamento regolare ed uniforme. Il litorale si estende
lungo il “Viale Saraceno”, iniziando in prossimità di via Garibaldi (in corrispondenza del cimitero)
fino al confine con il territorio comunale di “Capaci

L’Area Spiaggia si estende per una lunghezza del fronte demanio marittimo di 948 metri lineari di
cui 703 ml sono concessi a terzi.

Nell’area in oggetto risultano in atto rilasciate le seguenti concessioni (si veda l’elaborato 2.D per
individuare l’ubicazione delle stesse):

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 25 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
SUPERFICIE
ESTREMI FRONTE DEMANIO TIPOLOGIA AUTORIZZATA IN
TAV. LOTTO SPIAGGIA CONCESSA
CONCESSIONE MARITTIMO [ml] CONCESSIONE
[mq]
95/05 del 18/05/05 stabilimento balneare ad uso
Lotto 1 – lido Nettuno 1020 60
Captitaneria di Porto pubblico
94/05 del 13/05/05 stabilimento balneare ad uso
Lotto 2 – lido Battaglia 4260 130
Captitaneria di Porto pubblico
414/2013 del 25/06/2013
stabilimento balneare per i militari
Lotto 3 – lido del Carabiniere Assessorato Territorio ed 1060 80
dell'arma
Ambiente
302/06 del 23/05/06
Lotto 4 – lido del Ferroviere Assessorato Territorio ed 3000 75 stabilimento balneare
Ambiente
54/05 del 02/04/2005 stabilimento balneare ad uso
Lotto 5 – lido Miramare 2100 60
Capitaneria di Porto pubblico
verbale consegna demanio stabilimento balneare per i
Lotto 6 – lido Regione cral Trinacria 1939 30
2D 25/11/04 dipendenti regionali
224/06 del 12/05/2006
Lotto 7 – lido Cocorita G.F.F. Assessorato Territorio ed 1100 25 spiaggia libera attrezzata
Ambiente
51/04 del 29/04/2004
Lotto 8 – lido Rosamarea (Stassi) 1350 30 area attrezzata per la balneazione
Capitaneria di Porto
308/2012 del 05/07/2012 stabilimento balneare ad uso
Lotto 9 – lido Sirenetta Assessorato Territorio ed 8000 190 pubblico con corridoio di lancio ad
Ambiente uso non esclusivo
58/05 del 12/04/2005 spiaggia attrezzata per gli ospiti
Lotto 10 – lido Saracen Hotel 2070 53
Capitaneria di Porto dell'albergo
52/05 del 02/04/05 stabilimento balneare per i
Lotto 11 - Lido Polizia (parte) 2800 70
Capitaneria di Porto dipendenti della Polizia di Stato
64/02 del 18/06/2002
Lotto L1-L2-L3 - Comune di Isola delle Femmine 5905 spiaggia libera attrezzata
Capitaneria di Porto
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

5.4 LE ZONE
Così come previsto al punto 7) lettera A) del D.A. 04/07/11 è possibile suddividere le aree in zone
la cui regolamentazione di dettaglio è dettata da caratteristiche ambientali e di sviluppo peculiari.
Pertanto l’area scogliera è stata suddivisa in tre zone di seguito descritte:

Zona denominata con il simbolo cartografico “C1” estesa tra il confine territoriale con il comune di
Palermo e il porto turistico peschereccio.

Foto 1 - veduta AREA SCOGLIERA zona"C1"

Foto 2 - veduta AREA SCOGLIERA zona "C2"

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 26 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Zona denominata con il simbolo cartografico “C2” estesa tra il porto turistico peschereccio e la via
De Gasperi comprendendo la Punta del passaggio a nord. (vedi Foto 2).

Zona denominata con il simbolo cartografico “C3” estesa tra la via De Gasperi e l’incrocio tra il
viale Marino e la via della Torre.

Foto 3 – veduta AREA SCOGLIERA zona “C3”


Zona denominata con il simbolo cartografico “C4” estesa tra l’incrocio tra il viale Marino e la via
della Torre e la via Garibaldi.

Foto 4 – veduta AREA SCOGLIERA zona “C4”

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 27 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

L’area spiaggia presenta caratteri di continuità sia morfologici che di sviluppo tali che non si è
ritenuto necessario suddividerla in zone

Foto 5 – veduta ZONA SPIAGGIA


Nell’Elaborato “Quadro d’unione” sono rappresentate tutte le suddette zone.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 28 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

5.5 LE DESTINAZIONI D’USO E LE CONCESSIONI PREVISTE NEL


PIANO
Qui di seguito, per ogni zona descritta nel precedente paragrafo, saranno descritte le concessioni demaniali
rilasciate e i possibili utilizzi:

ZONA COSTA C1 (rappresentata nella TAV. 3-A)

Concessioni demaniali previste nel P.U.D.M.

Tipologia autorizzata
Identificazione lotto Estremi della concessione
in concessione

Lotto “1” – “La Rosa 40/04 del 05/04/04 piattaforma per uso
dei Venti” Capitaneria di Porto elioterapico

244/2010 del 29/06/2010


Lotto “1 bis” – “Il area attrezzata per la
Assessorato Territorio ed
Delfino Ristorazione” balneazione
Ambiente

Possibili utilizzi previsti nel P.U.D.M.

Nel tratto di circa 200 m compreso tra il confine con il Comune di Palermo e il confine nord-est
della particella identificata come 1002 nella cartografia SIDERSI di base:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

Nel tratto compreso tra il confine nord-est della particella identificata come 1002 nella
cartografia SIDERSI di base e il confine est del lotto 1:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Stabilimenti balneari”, simbolo cartografico “Sb”, così come definiti al paragrafo 1.3
- “Aree pertinenti alle attività commerciali esistenti sulla fascia prospicente il demanio”,
simbolo cartografico “Ap”, così come indicato al paragrafo 2.2

Nel tratto compreso tra il confine ovest del lotto 1 e il confine est della particella identificata
come 998 nella cartografia SIDERSI di base:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 29 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Nel tratto compreso tra il confine est della particella identificata come 998 nella cartografia
SIDERSI di base ed il porto turistico peschereccio:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Aree pertinenti alle attività commerciali esistenti sulla fascia prospicente il demanio”,
simbolo cartografico “Ap”, così come indicato al paragrafo 2.2

Su tutta la zona de quo, la superficie da assentire in nuova concessione non deve eccedere i
1.000 m2.

Su tutta la zona de quo, le concessioni in essere (il cui termine di scadenza è il 31/12/2020), in fase
di rinnovo, non devono eccedere la superficie 1.000 m2.

Al fine di non costituire barriere visive, le strutture devono essere disposte in modo ortogonale alla
linea di costa.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 30 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

ZONA COSTA C2 (rappresentata nella TAV. 3-B)

Concessioni demaniali previste nel P.U.D.M.

Nessuna

Possibili utilizzi previsti nel P.U.D.M.

In considerazione del fatto che la zona riveste particolare pregio dal punto di vista paesaggistico ed

ambientale e che è caratterizzata da gravosi fenomeni meteomarini che si verificano durante il corso

dell’anno, anche nella stagione estiva, con particolare violenza ed intensità, su di essa non è

consentito nessun titolo concessorio.

L’area demaniale, compresa tra via De Gasperi e Punta del Passaggio, ed indicata col simbolo “Mc”

può essere utilizzata per eventi culturali temporanei per la promozione del territorio comunale e/o

del mare così come previsto alla lettera q) del punto 7 dell’Allegato A alle Linee Guida.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 31 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

ZONA COSTA C3 (rappresentata nella TAV. 3-B)

Concessioni demaniali previste nel P.U.D.M.

Tipologia autorizzata
Identificazione lotto Estremi della concessione
in concessione

303/07 del 18/06/07 area attrezzata per la


Lotto “2” – “Free
Assessorato Territorio ed balneazione
beach” F.lli Ciaramitano
Ambiente

244/2011 del 01/08/2011 area per attività sportive


Lotto “3” – “Club
Assessorato Territorio ed del Circolo
Nautico La Piatta”
Ambiente

In considerazione della particolare vicinanza di aree abitate prospicenti la zona demaniale, i


concessionari esistenti devono rispettare la chiusura di ogni attività alle ore 22:00. Deroghe
particolari potranno essere concesse solo per eventi eccezionali e sporadici, previa specifica
autorizzazione rilasciata dall’Amministrazione Comunale di Isola delle Femmine (notte di
ferragosto e simili).

Possibili utilizzi previsti nel P.U.D.M.

Su questa zona, data la particolare conformazione morfologica della fascia costiera in questione e
considerata la vicinanza della stessa ad un area ad elevata urbanizzazione adibita ad uso abitativo
residenziale, non è consentito nessun altro titolo concessorio oltre quelli esistenti.

Su tutta la zona de quo, le concessioni in essere (il cui termine di scadenza è il 31/12/2020), in fase
di rinnovo, non devono eccedere la superficie 1.000 m2.

Al fine di non costituire barriere visive, le strutture devono essere disposte in modo ortogonale alla
linea di costa.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 32 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

ZONA COSTA C4 (rappresentata nella TAV. 3-C)

Concessioni demaniali previste nel P.U.D.M.

Tipologia autorizzata in
Identificazione lotto Estremi della concessione
concessione

Lotto “4” – Comune di Isola delle


In fase di rilascio Spazi ombreggiati
Femmine

47/2010 del 17/03/2010


Lotto “4 bis” - “Sikulo” B&C s.r.l. Assessorato Territorio ed struttura balneare ad uso pubblico
Ambiente

Lotto ”6” - Pietra Campana area attrezzata per la balneazione


-
(Cardinale Enrico) con solarium

Possibili utilizzi previsti nel P.U.D.M.

Nel tratto compreso tra il lotto 4 e il lotto 4-bis:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

Nel tratto compreso tra il Lotto 4-bis e la nuova area destinata ad “Area attrezzata per la
balneazione”

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

Nel tratto compreso tra la nuova “Area attrezzata per la balneazione” e l’Area spiaggia

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Campi boe”, simbolo cartografico “Cb”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Giochi”, simbolo cartografico “Gi”, così come definiti al paragrafo 1.3

Su tutta la zona de quo, la superficie da assentire in nuova concessione non deve eccedere i
1.000 m2.

Su tutta la zona de quo, le concessioni in essere (il cui termine di scadenza è il 31/12/2020), in fase
di rinnovo, non devono eccedere la superficie 1.000 m2.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 33 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Al fine di non costituire barriere visive, le strutture devono essere disposte in modo ortogonale alla
linea di costa.

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 34 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

ZONA SPIAGGIA (rappresentata nella TAV. 3-C e nella TAV. 3-D)

Concessioni demaniali previste nel P.U.D.M.

Tipologia autorizzata in
Identificazione lotto Estremi della concessione
concessione

95/05 del 18/05/05 Capitaneria di stabilimento balneare ad uso


Lotto 1 – lido Nettuno
Porto pubblico

94/05 del 13/05/05 Capitaneria di stabilimento balneare ad uso


Lotto 2 – super lido Battaglia
Porto pubblico

414/2013 del 25/06/2013 Assessorato stabilimento balneare per i


Lotto 3 – lido del Carabiniere
Territorio ed Ambiente militari dell'arma

302/06 del 23/05/06 Assessorato


Lotto 4 – lido del Ferroviere stabilimento balneare
Territorio ed Ambiente

54/05 del 02/04/2005 Capitaneria di stabilimento balneare ad uso


Lotto 5 – lido Miramare
Porto pubblico

Lotto 6 – lido Regione Cral stabilimento balneare per i


verbale consegna demanio 25/11/04
Trinacria dipendenti regionali

224/06 del 12/05/2006 Assessorato


Lotto 7 – lido Cocorita G.F.F. spiaggia libera attrezzata
Territorio ed Ambiente

Lotto 8 – lido Rosamarea 51/04 del 29/04/2004 Capitaneria di area attrezzata per la
(Stassi) Porto balneazione

stabilimento balneare ad uso


308/2012 del 05/07/2012 Assessorato
Lotto 9 – lido Sirenetta pubblico con corridoio di
Territorio ed Ambiente
lancio ad uso esclusivo

58/05 del 12/04/2005 Capitaneria di spiaggia attrezzata per gli


Lotto 10 – lido Saracen Hotel
Porto ospiti dell'albergo

52/05 del 02/04/05 Capitaneria di stabilimento balneare per i


Lotto 11 - Lido Polizia (parte)
Porto dipendenti

Lotto L1 - Comune di Isola 64/02 del 18/06/2002 Capitaneria di


previste in P.U.D.M.
delle Femmine Porto

Lotto L2 - Comune di Isola 64/02 del 18/06/2002 Capitaneria di


previste in P.U.D.M.
delle Femmine Porto

Lotto L3 - Comune di Isola 64/02 del 18/06/2002 Capitaneria di


previste in P.U.D.M.
delle Femmine Porto

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 35 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Alla scadenza delle concessioni demaniali, entro due anni dall’avvenuto rinnovo, deve essere
prevista la riduzione del 50% del numero delle cabine, di qualsiasi forma e natura, e/o della
superficie occupate dalle stesse e riportata nelle planimetrie allegate in concessione.

Possibili utilizzi previsti nel P.U.D.M.

Nel Lotto L1 in concessione al Comune di Isola delle Femmine:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Giochi”, simbolo cartografico “Gi”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Animali di affezione”, simbolo cartografico “Aa”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Specchi acquei ed imbarcazioni”, simbolo cartografico “Sa”, così come definiti al


paragrafo 1.3

- “Aree attrezzate per pratiche sportive”, simbolo cartografico “Ps”, così come definiti al
paragrafo 1.3

- “Spiaggia libera”, simbolo cartografico “Sl”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Area attrezzata per la balneazione” simbolo cartografico “Bn”, così come definiti al
paragrafo 1.3

Nel Lotto L2 in concessione al Comune di Isola delle femmine:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Giochi”, simbolo cartografico “Gi”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Specchi acquei ed imbarcazioni”, simbolo cartografico “Sa”, così come definiti al


paragrafo 1.3

- “Aree attrezzate per pratiche sportive”, simbolo cartografico “Ps”, così come definiti al
paragrafo 1.3

- “Spiaggia libera”, simbolo cartografico “Sl”, così come definiti al paragrafo 1.3

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 36 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

Nel Lotto L3 in concessione al Comune di Isola delle femmine:

- “Spazi ombreggiati”, simbolo cartografico “So”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Giochi”, simbolo cartografico “Gi”, così come definiti al paragrafo 1.3

- “Specchi acquei ed imbarcazioni”, simbolo cartografico “Sa”, così come definiti al


paragrafo 1.3

- “Aree attrezzate per pratiche sportive”, simbolo cartografico “Ps”, così come definiti al
paragrafo 1.3

- “Spiaggia libera”, simbolo cartografico “Sl”, così come definiti al paragrafo 1.3

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 37 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

6 LE LUNGHEZZE DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO (LFDM)

La lunghezza complessiva del fronte demaniale marittimo è pari a 4.900 ml di cui:

area con simbolo “C1”: ml. 1.285;

area con simbolo “C2”: ml. 1.241;

area con simbolo “C3”: ml. 354;

area con simbolo “C4”: ml. 1.072;

area con simbolo Spiaggia: ml. 948;

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO INACCESSIBILE (LFDMI)

La lunghezza del fronte demaniale marittimo inaccessibile è pari a 0,00 ml .

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO ACCESSIBILE (LFDMA)

La lunghezza del fronte demaniale marittimo utilizzabile è pari a 4.900 ml

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO ATTUALMENTE IN


CONCESSIONE (LFDMC)

La lunghezza del fronte demaniale marittimo dato in concessione è pari a 1.290 ml

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO LASCIATO ALLA LIBERA


FRUIZIONE (LFDMLF)

La lunghezza del fronte demaniale marittimo lasciato alla libera fruizione è pari a 245 ml

LUNGHEZZA DEL FRONTE DEMANIALE MARITTIMO CONCEDIBILE (LFDMPC)

La lunghezza del fronte demaniale marittimo concedibile è pari a 2.183 ml

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 38 di 38
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
P.U.D.M. del Comune di Isola delle Femmine (PA) - Relazione tecnico descrittiva

ALLEGATI

Sede legale: Via Sardegna, 33 90144 Palermo


Tel/Fax: +39.091.678.82.57 P.I. 05648830825 Pagina 39 di 39
Mail: info@iiasrl.eu PEC: iia@legpec.it
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
PROVINCIA DI PALERMO
Via C. Colombo n. 3 – 90040 - Isola delle Femmine
Sito ufficiale: http://www.comune.isoladellefemmine.pa.it
p.iva 00801000829 – Tel 091-86176201

VERBALE TAVOLO TECNICO

Addi, 14 del mese di aprile dell’anno 2015, alle ore 12,00 circa presso la casa comunale, previ
accordi si è riunito un tavolo tecnico .

Risultano presenti:

Ing. Gino Bonuso, progettista del PUDM;

Ing. Giuseppe Puleo, assistente al progettista;

Il Sindaco Stefano Bologna – per l’Amministrazione Comunale

L’Assessore Francesco Crisci, l’Assessore Rossella Puccio ed il Consigliere Benedetto Nevoloso –


per l’Amministrazione Comunale;

L’arch. Monica Giambruno – Capo del Settore Tecnico.

Scopo della riunione è la prosecuzione dei lavori intrapresi in data 17 febbraio u.s. relativi alla
revisione, aggiornamento ed adeguamento del PUDM adottato dal Consiglio Comunale con
Delibera del Settembre 2009, alle linee guida di cui al D.A. del 2011.

Preliminarmente vengono consegnate al progettista le copie delle Concessioni demaniali


marittime delle aree gestite dal Comune con allegate le planimetrie.

L’amministrazione Comunale, innanzitutto dà come direttiva al progettista l’individuazione di


un’area compresa tra Via De Gasperi e Punta del Passaggio per lo svolgimento di eventi culturali
temporali per la promozione del territorio, dell’Area Marina Protetta e della R.N.O. Festival del
Mare, delle Biodiversità, della eccellenze e Tipicità Gastronomiche;

Inoltre, considerato che in data 13/03/2015 con nota protocollo n. 3112 è stata inoltrata al
Servizio 5 Demanio Marittimo dell’A.R.T.A. da parte del Comune di Isola delle Femmine, la
richiesta di subentro alla concessione n° 230/06, intestata alla ditta “Acqua e Vento” di Mancuso
Rosalba, si suggerisce di destinare tale area come “spazi ombreggiati”.
Inoltre nella relazione tecnico descrittiva a pagina 29 (ventinove), alla voce:possibili utilizzi previsti
nel PUDM, nel secondo capoverso aggiungere “aree pertinenti alle attività commerciali” così
come definiti a pagina 30 , primo capoverso.

Il Sindaco
F.to Stefano Bologna

F.to L’Assessore Francesco Crisci

F.to L’assessore Rossella Puccio

F.to Il Consigliere Benedetto Nevoloso

Il Responsabile del Settore Tecnico Urbanistica


F.to Arch. Monica Giambruno

Il progettista del PUDM


F.to Ing. Gino Bonuso

L’assistente
F.to Ing. Giuseppe Puleo