Sei sulla pagina 1di 19

CONTRIBUTI

IL PAESAGGIO SICILIANO:
TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

DORA MARCHESE
Università degli Studi di Catania

Abstract:
Entrata in ritardo tra le tappe del Grand Tour, la Sicilia, tra Sette e Ottocento,
esercita nell immaginario del viaggiatore un irresistibile fascino. Ma se i
visitatori stranieri giungono sull isola per verificare un idea preconcetta, già
consolidata, fissata da studi e resoconti propri e altrui, e, nel rappresentare la
realtà che trovano, usano la lente dell oleografia e dell artifizio, gli scrittori
siciliani, dai veristi in poi, al contrario, per primi consegnano un immagine
autentica del paese, osservato perlopiù da lontano, attingendo al serbatoio
della memoria, tracciandone un ritratto ora mitico e idillico, ora crudamente
realistico e tragico, sempre storicamente connotato. In tal senso, Giovanni
Verga può essere considerato un vero e proprio caposcuola non soltanto per
avere istituito un codice paesaggistico originale, superamento di una
descrizione vista come adeguazione analogica della realtà, ma anche per
avere concepito una poetica ed un linguaggio innovativi, sempre presenti agli
scrittori coevi e successivi che, ora prendendone le distanze, ora
riallacciandovisi in modo autonomo e personale, hanno dovuto confrontarsi
con la lezione verghiana.

Parole chiave:
Paesaggio, scrittori siciliani, Otto/Novecento, storia/invenzione,
narrativa/poesia, fuga/ritorno.

Non credo né alle parole


né alle opere degli uomini
che non hanno radici
profondamente radicate nella loro terra:
sono sempre opere e parole campate in aria.
(U. Saba)

ema prediletto d una vasta letteratura, la rappresentazione del


paesaggio siciliano non nasce dall amore dei siciliani per la propria
terra. Al contrario. Spazio fisico ed insieme proiezione del proprio
substratum culturale, delle proprie radici e della propria identità, nel suo
essere e nel suo evolversi, il paesaggio di Sicilia è sempre stato visto con
sospetto dai suoi abitanti che ne hanno colto, perlopiù, l ostilità, la
18
DORA MARCHESE

costrizione, l ambiguità, volgendo sovente lo sguardo altrove , evadendo,


quando possibile, in una realtà altra , generalmente lontana, antitetica,
persino artificiale , anelando lasciare la campagna per le grandi e popolose
città, non solo del continente .
La contraddittoria bellezza del paesaggio siciliano ci è stata trasmessa,
invece, da persone aliene all isola, genti estranee che hanno consegnato alla
storia un immagine soggettiva, spesso falsata o stereotipata, incapace di
restituire, ed a volte persino d intuire, la sua complessità socio-economico-
culturale.
Come è noto, l Italia è meta di viaggiatori sin dal secolo XVII. Ma il
viaggio in Italia diviene un fenomeno di costume dal Settecento in poi,
assumendo un carattere sistematico e diffuso dalla seconda metà del XVIII
secolo.
La Sicilia entra in ritardo tra le tappe del Grand Tour, costituendo
un attrattiva per palati fini a causa della sua posizione remota, difficilmente
raggiungibile, all alone di mistero e d incognito che l avvolge, all ingente
patrimonio artistico, all antichità e consistenza delle sue tradizioni. Tra Sette
e Ottocento, la nostra regione esercita nell immaginario dei visitatori
d oltralpe un irresistibile fascino. Esploratori e viaggiatori descrivono il
mondo siciliano con le sue curiosità naturali e le sue caratteristiche etno-
antropologiche non soltanto come esse appaiono ai loro occhi, bensì filtrate
attraverso la lente deformante e caleidoscopica delle loro credenze, dei loro
pregiudizi e della loro cultura [ ]. Riflette una carta mentale soggiogata da
aspettative neoclassiche, impreziosita dall entusiasmo iniziatico e disegnata
con un linguaggio immaginifico e letterario 1. Sicché il paesaggio
rappresentato non è proprio il rispecchiamento della territorialità umana,
ma, piuttosto, il grado di elaborazione concettuale e traduzione linguistica di
valenti scrittori 2.
Se ampia è la produzione letteraria (diari di viaggio, resoconti,
testimonianze, relazioni, iconografie, dipinti), monocorde ne è il palinsesto.
Limitati di norma alle coste, gli itinerari segnavano un paese privo di strade,
dall economia stagnante (campi incolti o lavorati con tecniche obsolete,
agricoltura arretrata, schiacciata dal latifondo) e dal mancato progresso
industriale. Sola eccezione: l estrazione dello zolfo, che avveniva in
condizione sub-umane e primitive. Eppure, i drammi economici e sociali
dell isola sono interpretati con sensibilità arcadica o romantica, divenendo
scorci di pittoresco . Dei contadini, ad esempio, si sottolinea l estrema
semplicità, l ingenuità, la superstizione, l ignoranza.
Attraversato, riportato, reinventato quando non inventato ex novo il
paesaggio siciliano è, fino alla metà dell Ottocento, un paesaggio truccato .
Un topos letterario. La Sicilia dichiara Guy de Maupassant non è altro
che un paesaggio, ma un paesaggio dove si trova tutto ciò che sulla terra
sembra fatto per sedurre gli occhi, lo spirito e la fantasia 3.

19
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

E tuttavia, le popolazioni che vi abitavano, soggette a continue invasioni, a


stravolgimenti politici e naturali, esposte alla violenza del clima, all insidie
del mare, alla pericolosità dei litorali infestati dai pirati, alle distruzioni del
vulcano, alla mefiticità delle paludi malariche, alle secche ed alle piene dei
fiumi, poco coglievano l aspetto seduttivo della propria terra.
A costoro, alle plebi rurali, ai pastori, agli artigiani, agli strati più poveri
della società, diedero voce gli scrittori veristi. Capuana e Verga in primis.
Con e per loro nasce il paesaggio siciliano autentico , esperito, partecipato,
raccontato da siciliani. Nondimeno, anch esso è stato accusato di
mistificazione, tacciato di falsità.
Date alle stampe Vita dei campi, Novelle rusticane, Don Candeloro & C.,
C era una volta, Il raccontafiabe, la critica, con in testa il napoletano
Eduardo Boutet (noto con lo pseudonimo Caramba)4, denuncia i veristi di
non essere andati oltre un folklorismo amabile e sentimentale , di aver
rappresentato una Sicilia di maniera , frutto di esercitazione letteraria , non
veridica, servendosi delle sue ataviche sciagure, dei suoi rituali di pregiudizi
e violenza (Cavalleria rusticana) per farne macchiette e bozzetti, celando, in
realtà, un sentimento di opportunismo e l intento d innestare le proprie
fortune letterarie sui drammi della povera gente.
Nell accorata replica con cui difende l opera sua e del Verga, Luigi
Capuana rimanda alle più significative tra le Novelle rusticane (come
Libertà) ed a Vita dei campi. Successivamente, nella dedica all amico e
sodale de L isola del sole, lo scrittore di Mineo esprime la sua amarezza,
rivendicando e ribadendo la genuina sincerità della comune concezione
letteraria:

Hai sentito [ ] anche tu, o Giovanni Verga, la stessa acuta punta di


rimorso, ripensando alla tua Vita dei campi, alle tue Novelle rusticane,
dove vive felicemente, e per l eternità, la parte più umile del popolo
siciliano, con le sue sofferenze, con la sua rassegnazione orientale, con le
sue forti passioni, con le sue ribellioni impetuose e coi suoi rapidi
eccessi? Poveri illusi! [ ] preoccupati soltanto del problema artistico
[ ] non abbiamo mai sospettato che la nostra sincera opera d arte
fraintesa o mal interpretata, potesse venire adoprata a ribadire pregiudizi,
a fortificare opinioni storte o malevoli, a provare insomma il contrario di
quel che era nostra sola intenzione rappresentare alla fantasia dei lettori.
[ ] Per trovare un filone nuovo, inesplorato, noi avevamo dovuto
inoltrarci nella grande miniera del basso popolo delle cittaduzze, dei
paesetti, dei villaggi, interrogando creature rozze, quasi primitive, non
ancora intaccate dalla tabe livellatrice della civiltà5.

Con gli scrittori veristi, dunque, alle immagini perpetratesi per secoli di una
Sicilia esuberante, fonte inesauribile di ricchezza e fecondità, che affonda le
sue radici nel mito di Cerere, Persefone, Efesto e i Ciclopi, nella vita beata
20
DORA MARCHESE

dei pastori teocritei, di una Sicilia esotica e arcana, paese delle favole , terra
africana ai margini del mondo europeo, isola subtropicale avente come note
dominanti l arancio, l olivo, il pino, il cipresso, l agave e il ficodindia o fico
di Barberia [ ] i profumi del cisto, del mirto e del lentisco, dell iris, della
ginestra, della violetta e dell enotera; in febbraio dell asfodelo e dei mandorli
in fiore 6, si aggiunge e si sovrappone quella di un paese sede di contrasti,
spesso ostile, i cui abitanti devono lottare ogni giorno per la propria
sopravvivenza.
Nelle Novelle rusticane7 trionfa una visione materialista e pessimista,
imperniata quasi esclusivamente sul dominante motivo della roba,
contrassegnata nella centralità territorio agrario storicamente e
realisticamente connotato, che troverà in seguito, nel Mastro-don Gesualdo,
la sua più compiuta espressione. Riflesso del destino di un umanità trafitta
dalla necessità e dalla miseria, manifestazione profonda della natura, sua
ipostasi, il paesaggio è monito per i vinti verghiani, qualunque sia la loro
condizione sociale, qualunque sia l incidenza del progresso sulle loro vite,
che l esito finale è sempre la sconfitta. L uomo crede di potere modificare e
soggiogare l ambiente ma, inevitabilmente, ne è fagocitato. Emblematica la
novella Di là del mare, compendio dei motivi posti a fondamento della
silloge, in cui si fa esplicito riferimento al paesaggio, entità immanente alla
vita e ai drammi dei suoi umili protagonisti, elemento nodale per la
comprensione della Weltanschauung sottesa alla poetica dello scrittore8.
La desolazione, l ostilità, l impenetrabilità del paesaggio siciliano in Verga
è traslato della negazione del progresso , imputazione del fallimento degli
ideali accarezzati dalla borghesia di fine Ottocento, testimonianza del
predominio riconosciuto alle leggi naturali ed economiche, che vanificano le
speranze di nuovi valori: lo scacco della generazione risorgimentale è
divenuto visione del mondo 9.
Verga è un caposcuola non soltanto per avere istituito un codice
paesaggistico nuovo e innovativo, superamento della descrizione paesistica
come adeguazione analogica delle cose 10, ma anche per avere generato
abitudini, sistemi di aspettative, manierismi in quegli scrittori che ne hanno
accolto la lezione di spazialità immota e immutabile che sconfigge la
temporalità, il divenire, la storia dell uomo 11.
Grande eversore del naturalismo , Luigi Pirandello in alcune fasi del suo
impegno letterario presenta la Sicilia come luogo dove le figure e i fatti
possono ancora incarnarsi attraverso una rappresentazione, una problematica
di stampo naturalistico 12. In proposito, si rileggano le pagine iniziali del
romanzo I vecchi e i giovani:

Pioggia e vento parevano un ostinata crudeltà del cielo sopra la


desolazione di quelle piagge estreme della Sicilia, su le quali Girgenti, nei
resti miserevoli della sua antichissima vita raccolti lassù, si levava
silenziosa e attonita superstite nel vuoto di un tempo senza vicende,
21
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

nell abbandono di una miseria senza riparo. [ ] Qualche triste uccelletto


sperduto veniva, col timido volo delle penne bagnate, a posarsi su essi [gli
alberi]; spiava e non ardiva mettere neppure un lamento in mezzo a tanto
squallore. Vi strillava, al contrario (almeno a prima vista), una giumenta
bianca montata da un fantoccio in calzoni rossi e cappotto turchino. Se
non che, a guardar bene, quella giumenta bianca si scopriva anch essa
compassionevole: vecchia e stanca, sbruffava ogni tanto dimenando la
testa bassa, come se non ne potesse più di sfangare per quello stradone; e
il cavaliere [ ] non appariva meno avvilito della sua bestia, le mani
paonazze, gronchie dal freddo, e tutto ristretto in sé contro il vento e la
pioggia13.

Lo squallore, la sofferenza, la pietà sono gli stessi fissati nella novella Storia
dell asino di San Giuseppe14.
E più oltre:

L accidia, tanto di far bene quanto di far male, era radicata nella più
profonda confidenza della sorte, nel concetto che nulla potesse avvenire,
che vano sarebbe stato ogni sforzo per scuotere l abbandono desolato, in
cui giacevano non soltanto gli animi, ma anche tutte le cose. E a Sciaralla
parve di averne la prova nel triste spettacolo che gli offriva, quella
mattina, la campagna intorno e quello stradone. [ ]
Veramente da quella triste contrada maledetta dai contadini, costretti a
dimorarvi dalla necessità, macilenti, ingialliti, febbricitanti, pareva
spirasse nello squallore dell alba un angosciosa oppressione di cui anche
i rari alberi che vi sorgevano fossero compenetrati15.

Come la pianura di Malaria, lacerata dalla strada ferrata, la campagna


agrigentina è sfregiata dai segni del progresso :

Qua, le coste aride, livide di tufi arsicci, non avevano più da tempo un filo
d'erba, sforacchiate dalle zolfare come da tanti enormi formicaj e bruciate
tutte dal fumo. [ ] Per tutti, infine, era come un paese di sogno quella
collina lontana. Di là veniva l olio alle loro lucerne che a mala pena
rompevano il crudo tenebrore della zolfara; di là il pane, quel pane solido
e nero che li teneva in piedi per tutta la giornata, alla fatica bestiale; di là
il vino, l unico loro bene, la sera, il vino che dava loro il coraggio, la
forza di durare a quella vita maledetta, se pur vita si poteva chiamare:
parevano, sottoterra, tanti morti affaccendati16.

L ambiente naturale, trascorso dal vento e dalla malattia, screpolato, eroso,


desolato, pervade ogni cosa di morte, lasciando i suoi abitanti macilenti,
ingialliti, febbricitanti, sconfitti. Anche in Pirandello il paesaggio appare
talvolta indifferente, se non ostile, all uomo.
22
DORA MARCHESE

In un altro eloquente parallelismo, questa volta con Libertà, la folla è


associata all immagine del torrente; la scena si svolge sotto la pallida luce
notturna:

Nel bujo della sera, sotto il pallore dei lampioni, per l angusta via passò
tumultuando quel torrente di popolo, che si lasciava trascinare senza il
minimo entusiasmo, come un armento belante, dalla volontà di due o tre
interessati17.

Alla costante presenza del sole e del meriggio nel Verga, lo scrittore
agrigentino oppone la melanconia della pioggia e l alba; in entrambi il
paesaggio è emblema dell organizzazione culturale ed esistenziale di una
società che ha fallito il progetto di un reale e concreto rinnovamento di sé18.
Il corrompersi degli ideali di un intera generazione, il senso di vacuo e di
disfacimento della vecchia nobiltà feudale, si riverberano nel lento sgretolarsi
dei palazzi aviti, nei simboli logori dell antica superbia aristocratica. Così
nella descrizione del Monastero di Santo Spirito che richiama da presso
quella di Palazzo Trao nel Mastro-don Gesualdo:

Quella Badìa, già castello feudale dei Chiaramonte, con quel portone
basso tutto tarlato, e la vasta corte con la cisterna in mezzo, e quello
scalone consunto, cupo e rintronante, che aveva il rigido delle grotte, e
quel largo e lungo corridojo con tanti usci da una parte e dall altra e i
mattoni rosi del pavimento avvallato che lustravano alla luce del
finestrone in fondo aperto al silenzio del cielo, tante vicende di casi e
aspetti di vita che aveva accolto in sé e veduto passare [ ]. Il
parlatorietto era bujo, tanto che in prima non potei discernervi altro che la
grata in fondo, appena intravista alla poca luce entrata dall uscio
nell aprirlo19.

Similmente al Verga, in Pirandello l immagine arcana e mitica della Sicilia è


appannaggio della memoria, del sogno, della nostalgia. Al contrario, nella
realtà è luogo percorso dalla sofferenza e dall abbandono. Il personaggio di
Didì ne La veste lunga vive l antitesi tra paesaggio interiorizzato
(espressione dei propri desideri) e paesaggio effettuale:

Tuttora, dire Zùnica e immaginare un profondo bosco d olivi saraceni e


poi distese di verdissimi vigneti e giardini vermigli con siepi di salvie
ronzanti d api e vivai muscosi e boschetti d agrumi imbalsamati di zagare
e gelsomini, era per Didì tutt uno, quantunque già da un pezzo sapesse
che Zùnica era una povera arida cittaduzza dell interno della Sicilia, cinta
da ogni parte dai lividi tufi arsicci delle zolfare e da scabre rocce gessose
fulgenti alle rabbie del sole20.

23
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

Ne Il professor Terremoto, rievocando la distruzione di Messina, Reggio


Calabria e altre città del meridione, Pirandello si riallaccia alla coraggiosa
denuncia ed al desiderio di oggettività propri degli scrittori veristi
trasformando, però, situazioni e paesaggi in metafore esistenziali, spie del
malessere di un umanità composta da piccoli uomini feroci , sintomo
dell indifferenza della Natura e della Storia.

Quanti, di qui a molti anni, avranno la ventura di rivedere risorte Reggio e


Messina dal terribile disastro del 28 dicembre 1908, non potranno mai
figurarsi l impressione che si aveva, allorché, passando in treno, pochi
mesi dopo la catastrofe, cominciava a scoprirsi, tra il verde lussureggiante
dei boschi d aranci e di limoni e il dolce azzurro del mare, la vista atroce
dei primi borghi in rovina, gli squarci e lo sconquasso delle case.
Io vi passai pochi mesi dopo, e da miei compagni di viaggio udii i
lamenti su l opera lenta dello sgombero delle macerie, e tanti racconti di
orribili casi e di salvataggi quasi prodigiosi e di mirabili eroismi. [ ]
Ce ne fu un altro, quindici anni fa, quand io venni professore di filosofia
al liceo, a Reggio di Calabria.
Il terremoto d allora non fu veramente come quest ultimo. Ma le case,
ricordo io, traballarono bene. I tetti si aprivano e si richiudevano, come
fanno le palpebre. Tanto che, dal letto, in camera mia, attraverso una di
queste aperture momentanee, io, con questi occhi, potei vedere in cielo la
luna, una magnifica luna, che guardava placidissima nella notte la danza
di tutte le case della città21.

In questo atteggiamento risiede la consanguineità letteraria e morale col


Verga. Infatti, nell intera sua opera, privata della funzione referenziale
propria del verismo da cui pure Pirandello ha inizialmente preso le mosse,
l isola diviene motivo di sublimazione umoristica in virtù di quel sentimento
del contrario che sta alla base del corrosivo raziocinare dell agrigentino 22. Il
binomio asprezza e indomabilità dell ambiente da una parte, fallimento degli
ideali risorgimentali dall altra, è largamente presente nella produzione
siciliana coeva e successiva al Verga23.
Celeberrimo il passo del Gattopardo in cui la violenza del paesaggio e la
crudeltà del clima sono messi in relazione all accidia del popolo siciliano,
al suo corteggiare la morte, al desiderio d immobilità voluttuosa , allo
scetticismo verso ogni forma di cambiamento. Ancora una volta il paesaggio
è sfinge [ ] con un carattere di necessità fatale 24, archetipo del famoso
corollario se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto
cambi 25:
D altronde vedo che mi sono spiegato male: ho detto i Siciliani, avrei
dovuto aggiungere la Sicilia, l ambiente, il clima, il paesaggio. Queste
sono le forze che insieme e forse più che le dominazioni estranee e
gl incongrui stupri hanno formato l animo: questo paesaggio che ignora le
24
DORA MARCHESE

vie di mezzo fra la mollezza lasciva e l asprezza dannata; che non è mai
meschino, terra terra, distensivo, umano, come dovrebbe essere un paese
fatto per la dimora di esseri razionali: questo paese che a poche miglia di
distanza ha l inverno attorno a Randazzo e la bellezza della baia di
Taormina, ambedue fuor di misura, quindi pericolosi; questo clima che
c infligge sei mesi di febbre a quaranta gradi; li conti, Chevalley, li conti:
Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre, Ottobre; sei volte trenta
giorni di sole a strapiombo sulle teste; questa nostra estate lunga e tetra
quanto l inferno russo e contro la quale si lotta con minor successo; Lei
non lo sa ancora, ma da noi si può dire che nevica fuoco, come sulle città
maledette della Bibbia; in ognuno di quei mesi se un Siciliano lavorasse
sul serio spenderebbe l energia che dovrebbe essere sufficiente per tre; e
poi l acqua che non c è o che bisogna trasportare da tanto lontano che
ogni sua goccia è pagata da una goccia di sudore; e dopo ancora, le
piogge, sempre tempestose che fanno impazzire i torrenti asciutti, che
annegano bestie e uomini proprio lì dove una settimana prima le une e gli
altri crepavano di sete. Questa violenza del paesaggio, questa crudeltà del
clima, questa tensione continua di ogni aspetto, questi monumenti, anche,
del passato, magnifici ma incomprensibili perché non edificati da noi e
che ci stanno intorno come bellissimi fantasmi muti; [ ] tutte queste cose
hanno formato il carattere nostro che rimane così condizionato da fatalità
esteriori oltre che da una terrificante insularità d animo26.

Il clima, che [ ] infligge sei mesi di febbre a quaranta gradi , genera un


paesaggio che ignora le vie di mezzo , un ambiente in cui ogni azione, ogni
progetto necessita dell energia che dovrebbe essere sufficiente per tre . Non
semplice frons scaenae, il landscape lampedusiano diviene elemento nodale
della narrazione, in stretto rapporto coi personaggi.
Conformemente al dettato verghiano, nel Gattopardo ricorrono la siccità
determinata dal sole a picco, la distruttività delle piogge tempestose, la
rigidità dell inverno e l arida sterilità dell estate, il simbolismo legato all alba
ed al tramonto. Il paesaggio coltivato, la terra lavorata dall uomo, viceversa,
è poco presente. Nel romanzo di Tomasi di Lampedusa prevalgono gli spazi
progettati e fruiti dall aristocrazia palazzi nobiliari e giardini, luoghi di
piaceri e comodità e quelli naturali, selvaggi e poco curati, come la
boscaglia :

Nel termine campagna è implicito un senso di terra trasformata dal


lavoro: la boscaglia invece [ ] si trovava nell identico stato d intrico
aromatico nel quale la avevano trovato Fenici, Dori e Ioni, quando
sbarcarono in Sicilia, quest America dell antichità27.
Nei Ricordi d infanzia, in alcune delle Lettere a Licy, la rêverie delinea un
paesaggio idillico che, lungi dall essere contraddittoria cecità di fronte ai
guasti denunciati nel romanzo, ritrattazione del suo scetticismo politico,
25
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

religioso e sociale dello scrittore, diviene spazio lirico ove convergono


memoria autobiografica, storica e mitica:

Cosi parlammo della Sicilia eterna, di quella delle cose di natura; del
profumo di rosmarino sui Nèbrodi, del gusto del miele di Melilli,
dell ondeggiare delle messi in una giornata ventosa di Maggio come si
vede da Enna, delle solitudini intorno a Siracusa, delle raffiche di
profumo riversate, si dice, su Palermo dagli agrumeti durante certi
tramonti di Giugno. Parlammo dell incanto di certe notti estive in vista
del golfo di Castellammare, quando le stelle si specchiano nel mare che
dorme e lo spirito di chi è coricato riverso fra i lentischi si perde nel
vortice del cielo mentre il corpo, teso e all erta teme 1 avvicinarsi dei
demoni28.

Ho fatto lunghe e belle passeggiate a piedi in quelle piccole affascinanti


vallette tutte frastagliate e piene d acque correnti che si trovano là dietro.
Un paesaggio tutto greco, nel senso della Grecia pastorale, Arcadia ecc.,
questo genere di cose29.

Natura e storia, percezione e riflessione, cruda disamina della realtà e


rievocazione elegiaca del passato, si fondono nelle pagine di Tomasi di
Lampedusa: mitico o demistificante, a seconda dei casi, il paesaggio è
presente pressoché in tutti i momenti chiave del testo 30.
Trasmigrando dalla narrativa alla poesia, pure quest ultima risente del
codice paesaggistico verghiano, recuperandone la dimensione acutamente
nostalgica e insieme funerea del disfacimento e della precarietà di ogni cosa.
Il pensiero corre al Quasimodo di Vento a Tindari e Lamento per il Sud:

Ho dimenticato il mare, la grave


conchiglia soffiata dai pastori siciliani,
le cantilene dei carri lungo le strade
dove il carrubo trema nel fumo delle stoppie [ ].
Oh, il Sud è stanco di trascinare morti
in riva alle paludi di malaria,
è stanco di solitudine, stanco di catene,
è stanco nella sua bocca
delle bestemmie di tutte le razze
che hanno urlato morte con l eco dei suoi pozzi
che hanno bevuto il sangue del suo cuore31.

Come non udire gli echi, tematici e linguistici, de I Malavoglia, Jeli il


pastore, Rosso Malpelo, Libertà, le cantilene mormorate dai braccianti di
Mazzarò, come non riconoscere i solchi che fumano di Malaria, le stoppie

26
DORA MARCHESE

riarse , la dura lotta contro le avversità intentata dai protagonisti del Mastro-
don Gesualdo?
I paesaggi siciliani del Verga nascono dalla rimembranza e dalla nostalgia,
sono attinti dai meandri della memoria, segnati dalla presenza di miti e di
tradizioni e di antiche pratiche popolari del costume, in piena consapevolezza
del valore delle profonde radici etniche della realtà regionale 32. Anche in
Quasimodo la scrittura riveste una funzione catartica e salvifica, risarcimento
alla lontananza e all esilio, solo mezzo per oltrepassare e sconfiggere i limiti
naturali e sociali che vincolano l uomo33. I luoghi dell infanzia divengono
espressione di un ethos affettivo 34 che lega indissolubilmente il poeta alla
terra natale:

Ma poi: quale poeta non ha posto la sua siepe come confine del mondo,
come limite dove il suo sguardo arriva più distintamente? La mia siepe è
la Sicilia: una siepe che chiude antichissime civiltà e necropoli e latomie e
telamoni spezzati sull erba e cave di salgemma e zolfare e donne in pianto
da secoli per i figli uccisi, e furori contenuti o scatenati, banditi per amore
o per giustizia. [ ]
Anch io non ho cercato lontano il mio canto, e il mio paesaggio non è
mitologico o parnassiano: [ ] un amore, come dicevo, non può dire alla
memoria di fuggire per sempre da quei luoghi35.

Persino in un sedicente anti-verghiano come Elio Vittorini è possibile


ravvisare il visus di una Sicilia solo per avventura Sicilia ma, tout court,
metafora del mondo e della sua fatale immutabilità. Comune al Verga delle
Novelle rusticane, la tendenza in Vittorini a caricare di significati simbolici il
paesaggio, sicché ambienti e personaggi appaiono emblemi di una qualità o
di un idea.
La luminosità estenuante, il calore soffocante, la desolazione silente delle
campagne, il senso di torpore e di morte, la sete sfibrante ed il logoramento
dei venti, l immagine di una terra nutrice e matrigna insieme, dolcemente
onirica e tragicamente reale, caratterizza tutta la letteratura siciliana post-
verghiana, istituendo un vero e proprio topos trattato, tuttavia, con sensibilità
e sfumature inedite:

Non più un filo d acqua in tutti i torrenti per cento chilometri da ogni
parte e dinanzi agli occhi niente altro che stoppie da dove il sole spuntava
sino a dove tramontava. Non c erano case per venti, trenta chilometri da
ogni parte, eccetto, lungo la linea, le case cantoniere schiacciate a terra
dalla solitudine; e ch era una terribile estate significava non un ombra per
tutti quei chilometri, le cicale scoppiate al sole, le chiocciole vuotate dal
sole, ogni cosa al mondo diventata sole36.

E in Francesco Lanza:
27
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

Prima di mezzogiorno non se ne poteva più. I cani avevan perso il fiuto e


non sentivan più nulla: i quicqui tutti erano morti nel silenzio infernale, e
il sole cresciuto a dismisura ci coceva il cuoio. Eravamo madidi e con la
lingua di fuori, insieme con i cani che si tuffavan nel verde in cerca di
fresco, e nelle viottole prendevan l ombra dei nostri corpi37.

La Sicilia di Leonardo Sciascia, metafora dei mali della società più che
della natura, verghianamente è segnata dalla violenza e dalla pregnanza di
paesaggi naturali ed urbani:

A Racalmuto le estati erano caldissime e gli inverni freddissimi, nebbiosi.


Da un lato, un paesaggio nudo e desertico, il regno delle zolfare, dall altro
vigne, uliveti, mandorleti, disordinati e belli. Contro il freddo, un unico
rimedio: i bracieri di rame, in cui bruciava la carbonella. Contro il caldo,
la neve di Cammarata38.

Nell opera dello scrittore di Racalmuto, il rapporto testo-territorio è forte: i


paesaggi, i luoghi, le architetture, sempre presenti, si accampano tra le righe
con brevi tratti asciutti ed essenziali, capaci, tuttavia, di delineare esattamente
contesti ed atmosfere. Le descrizioni ambientali, impregnate da velata
tristezza, d opprimente arsura, povertà, abbandono, raccontano di una regione
amata ed odiata ad un tempo, di un paesaggio desolato, brullo, punteggiato da
stoppie bruciate, alberi rinsecchiti, rocce e greti aspri.
Si rilegga dalla raccolta La Sicilia, il suo cuore la lirica eponima:

Come Chagall, vorrei cogliere questa terra


dentro l immobile occhio del bue.
Non un lento carosello di immagini,
una raggiera di nostalgie: soltanto
queste nuvole accagliate,
i corvi che discendono lenti;
e le stoppie bruciate, i radi alberi,
che s incidono come filigrane.
Un miope specchio di pena, un greve destino
di piogge: tanto lontana è l estate
che qui distese la sua calda nudità
squamosa di luce e tanto diverso
l annuncio dell autunno,
senza le voci della vendemmia.
Il silenzio è vorace sulle cose.
S incrina, se il flauto di canna
tenta vena di suono: e una fonda paura dirama.
Gli antichi a questa luce non risero,
28
DORA MARCHESE

strozzata dalle nuvole, che geme


sui prati stenti, sui greti aspri,
nell occhio melmoso delle fonti;
le ninfe inseguite
qui non si nascosero agli dèi; gli alberi
non nutrirono frutti agli eroi.
Qui la Sicilia ascolta la sua vita39.

In Occhio di capra, discorrendo del suo paese natio, Sciascia intesse ricordo
e rimpianto per una terra mitica, visceralmente sentita propria:

A Racalmuto (Rahal-maut, villaggio morto, per gli arabi: e pare gli


abbiano dato questo nome perché lo trovarono desolato da una pestilenza)
sono nato sessantaquattro anni addietro; e mai me ne sono distaccato,
anche se per periodi più o meno lunghi (lunghi non più di tre mesi) ne
sono stato lontano. E così profondamente mi pare di conoscerlo, nelle
cose e nelle persone, nel suo passato, nel suo modo di essere, nelle sue
violenze e nelle sue rassegnazioni, nei suoi silenzi, da poter dire quello
che Borges dice di Buenos Aires: Ho l impressione che la mia nascita sia
alquanto posteriore alla mia residenza qui. Risiedevo già qui, e poi vi
sono nato 40.

Peculiare della scrittura sciasciana la dicotomia degli spazi: in Una storia


semplice ad un luogo asciutto, pietroso, posto in basso, ne corrisponde uno
umido, boscoso, posto in alto, sulla collina:

Un fiumiciattolo, che scorreva ai piedi della collina, era ormai soltanto un


alveo pietroso, di pietre bianche come ossame; ma la collina, in cima
quella masseria in rovina, verdeggiava41.

La Sicilia, osserva:

è ancora una terra amara. Si fanno strade e case, anche Regalpetra


conosce l asfalto e le nuove case, ma in fondo la situazione dell uomo
non si può dire molto diversa da quella che era nell anno in cui Filippo II
firmava un privilegio che dava titolo di conti ai del Carretto e Regalpetra
elevava a contea42.
L ambiente naturale è introiezione dell autore. La stessa coltre
d invecchiamento, d immobilità, di fatalismo e sconfitta avvolge il paesaggio
sciasciano e quello verghiano:

Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i
punti dolenti del passato e del presente e che viene ad articolarsi come la

29
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

storia di una continua sconfitta della ragione e di coloro che nella


sconfitta furono personalmente travolti e annientati43.

Travolti dalla fiumana del progresso , i vinti del Verga, piegati dalla storia e
dalla collettività, rammentano quelli di Sciascia che, però, giungono alla
sconfitta dopo avere lottato non solo individualmente, esistenzialmente, ma
appunto, come reali soggetti storici 44.

Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo, e spero


di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla
giustizia, cioè dalla ragione45.

Nel tredicesimo dei quattordici punti dell identikit del Siciliano Assoluto
tracciato da Gesualdo Bufalino, lo scrittore annota: Sentimento pungente
della vita e della morte, del sole e della tenebra che vi si annida [ ] 46. Luce
ed ombra, eros e thanatos, idillio e suo rovesciamento, sono sempre in
agguato anche nella pagina verghiana. Persino quando si descrivono scorci
lirici, che affondano le radici nelle memorie dei verdi anni, dominano il
contrasto e il chiaroscuro. Così in Jeli il pastore:

Ora il cielo s era fatto bianchiccio, e i monti tutto intorno parevano che
spuntassero ad uno ad uno, neri ed alti. Dalla svolta dello stradone si
cominciava a scorgere il paese, col monte del Calvario e del Mulino a
vento stampato sull albore, ancora foschi, seminati dalle chiazze bianche
delle pecore, e come i buoi che pascolavano sul cocuzzolo del monte,
nell azzurro, andavano di qua e di là, sembrava che il profilo del monte
stesso si animasse e formicolasse di vita47,

e nel Mastro-don Gesualdo:

Era ancora buio. Lontano, nell ampia distesa nera dell Alìa, ammiccava
soltanto un lume di carbonai, e più a sinistra la stella del mattino, sopra un
nuvolone basso che tagliava l alba nel lungo altipiano del Paradiso. Per
tutta la campagna diffondevasi un uggiolare lugubre di cani. E subito, dal
quartiere basso, giunse il suono grave del campanone di San Giovanni che
dava l allarme anch esso; poi la campana fessa di San Vito; l altra della
chiesa madre, più lontano; quella di Sant Agata che parve addirittura
cascar sul capo agli abitanti della piazzetta. Una dopo l altra s erano
svegliate pure le campanelle dei monasteri, il Collegio, Santa Maria, San
Sebastiano, Santa Teresa: uno scampanìo generale che correva sui tetti
spaventato, nelle tenebre48.

E gli esempi sarebbero numerosi. Alla dialettica luminosità-oscurità,


prosperità-disfacimento, Vitaliano Brancati, come anche Gesualdo Bufalino,
30
DORA MARCHESE

assegna valore esistenziale e antropologico, facendola assurgere a simbolo di


una Natura leopardianamente dal volto mezzo tra bello e terribile :

Nonostante la sua intensità, o forse a causa di questa, la luce del sud


rivela nella memoria una profonda natura di tenebra. Nella sua
esorbitanza, varca continuamente i confini del regno opposto, e quando si
dice ch è accecante si vuole forse alludere, senz averne esatta coscienza, a
certi guizzi di buio che vengono dal suo interno49.

Nell immaginario del poliedrico scrittore Giuseppe Bonaviri, il paesaggio


siciliano diviene linfa vitale , luogo dell anima , speculum mundi , di cui
s impregna una scrittura fisionomico-ambientale 50.
In principio era Mineo . Dalle pieghe della memoria i ricordi relativi al
suo paese Menàinon per i Greci, Menàini per i Cartaginesi, Menae per i
Romani, Qalàt-Minàv per gli Arabi ed all infanzia ivi trascorsa vengono
distillati in pagine vibranti e poetiche, nelle quali si percepiscono i suoni, gli
odori ed i sapori di una terra che l immaginario bonaviriano ha reso
omphalos e paradigma dell intero universo. Luogo reale, vivo, concreto, con
le viuzze, le case, i palazzi, le chiese, la campagna circostante, l altipiano di
Camuti, pieno di grilli e di sole , odorante di fior di nepitella e di iris ,
teatro e spazio d azione del suo epos familiare, elemento fondante nella
produzione lirica e narrativa.
Raccontata nei romanzi storici e nelle avventure del commissario Salvo
Montalbano, pure in Andrea Camilleri la Sicilia è isola di grande fascino e di
grandi contraddizioni, pervasa di luce accecante ed inquietanti chiaroscuri. È
una terra alla quale l autore si sente inscindibilmente legato, e di cui
immortala, nella sua inconfondibile e straordinaria lingua, quella sorta di
teatralità intrinseca che tanto la caratterizza 51. Come Verga crea un peculiare
codice linguistico per dar voce all epopea dei vinti, trovando la sua vena più
felice quando assegna al paesaggio il compito di esemplificare l humus più
autentico del loro destino, così Camilleri accanto alla Sicilia stravolta dai
giochi del potere e dalle spire del progresso, raffigura una Sicilia poco nota,
più autentica, spoglia e inospitale, in cui risuonano gli echi del magistero
verghiano. Se infatti nelle descrizioni dei romanzi è possibile riconoscere
Porto Empedocle, la torre Carlo V, la scala dei Turchi, la spiaggia di
Marinella, la sabbia e il mare di questa mia zona afferma l autore è
però presente quasi sempre anche un altra Sicilia, che chissà perché, viene
poco rilevata. Da qualche parte ho scritto, forse nel Cane di terracotta, che a
Montalbano piace attraversare il paesaggio tipico della Sicilia aspra, arida,
brulla, con le casucce in bilico sulle colline, quasi sul punto di precipitare. È
un immagine di Montalbano poco nota: a lui piace questa Sicilia, e quando
può, tralasciando le strade principali, sceglie percorsi alternativi per vedere
quei luoghi riarsi 52.

31
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

Un paesaggio, quello siciliano, che vive essenzialmente come ricordo,


nostalgica rievocazione di scrittori che avvertono da un lato l urgenza di
sgusciare dalle anguste maglie della terra natia per poi, dall altro lato,
renderla fulcro irrinunciabile e luogo imprescindibile della propria inventio
letteraria.
La storia degli autori nostrani e, fatalmente, quella del paesaggio da essi
creato e fissato dalla scrittura, è una storia lunga, fatta di fughe (non solo
in continente ) e di nóstoi, di malinconica rimembranza e disillusa analisi.
Una storia che vede, singolarmente, saldarsi due opposte tensioni all interno
delle loro opere: una centrifuga, verso l esterno e l estero (si pensi ai proficui
contatti tra Otto e Novecento instaurati con le letterature francese, spagnola
ed anglo-americana), ed una centripeta, originata dall attaccamento dei vinti
alla propria terra come ostriche legate allo scoglio . Nato da Verga sullo
scorcio dell Ottocento, il paesaggio siciliano diviene da quel momento in poi
elemento irrinunciabile della narrazione. Impossibile non confrontarsi col
Maestro.
Se i visitatori stranieri giungono sull isola per verificare un idea
preconcetta, già consolidata, fissata da studi e resoconti propri e altrui, e, nel
rappresentare la realtà che trovano, usano la lente dell oleografia e
dell artifizio, deformandola spesso in chiave fasulla e stereotipata, gli
scrittori siciliani, da Verga in poi, al contrario, per primi consegnano
un immagine autentica del paese, osservato perlopiù da lontano, attingendo al
serbatoio della memoria, tracciandone un ritratto ora mitico e idillico, ora
crudamente realistico e tragico, sempre storicamente connotato.
La lezione del Verga epico-lirico di Vita dei campi e dei Malavoglia, in cui
è ancora viva la speranza di preservare il focolare domestico, la famiglia,
l integrità di antiche tradizioni dall azione distruttiva dell incombente
progresso , è rinsanguata dalla vena fantastica ed elegiaca di Vittorini,
D Arrigo, Bufalino, Bonaviri, Consolo. Al mondo acre e disincantato delle
Novelle rusticane e del Mastro-don Gesualdo, è riconducibile la vis critica,
introspettiva e problematica di De Roberto, Pirandello, Tomasi di
Lampedusa, Borgese, Brancati, Sciascia, Patti. Cifra comune: la ricerca
spasmodica, lo sperimentalismo, l innovazione linguistica che va dal
sorprendente indiretto libero di Verga al neo linguaggio di D Arrigo.
Due linee che si diramano dal Verga, parallele, spesso intrecciate, che
riescono, paradossalmente ma mirabilmente, a coniugare un apparente
ossimoro: la volontà di ripiegarsi su se stessi e, contemporaneamente, di
aprirsi verso il mondo.
_______

NOTE

32
DORA MARCHESE
1
N. Famoso, Introduzione, in AA.VV., Il paesaggio siciliano nella
rappresentazione dei viaggiatori stranieri, a cura di N. Famoso, Catania:
C.U.E.C.M., 1999, p. 26.
2
Ivi, p. 27.
3
G. de Maupassant, Sicilia perla del Mediterraneo, traduzione italiana di E.
Papa, introduzione di M. Collura, Siracusa: Edizioni dell Ariete, 1989, p. 70.
4
Cfr. Caramba (E. Boutet), Sicilia verista e Sicilia vera, in Don Chisciotte,
Roma, 7 gennaio 1894; ora in L. Capuana, Gli Ismi contemporanei,
Catania: Giannotta, 1898, pp. 323-28.
5
L. Capuana, La Sicilia e il brigantaggio, in L isola del sole, Catania:
Giannotta, 1914; ora, con introduzione di N. Mineo, Caltanissetta:
Lussografica, 1994, pp. 43-44.
6
R. Peyrefitte, Dal Vesuvio all Etna, traduzione italiana e nota di E. Papa,
introduzione di G. Bufalino, fotografie di K. Helbig, Siracusa: Ediprint, 1986,
p. 12.
7
Circa l incidenza del paesaggio nella silloge, ci sia consentito rinviare al
nostro La poetica del paesaggio nelle Novelle rusticane di Giovanni
Verga, Acireale-Roma: Bonanno, 2009.
8
Solo rimaneva solenne e immutabile il paesaggio, colle larghe linee
orientali, dai toni caldi e robusti. Sfinge misteriosa, che rappresentava i
fantasmi passeggieri, con un carattere di necessità fatale (G. Verga, Tutte le
novelle, a cura e con note di C. Riccardi, Milano: Mondadori, 1982, Vol. I, p.
335).
9
R. Bigazzi, Su Verga novelliere, Pisa: Nistri-Lischi, 1975, pp. 204-05.
10
S. Romagnoli, Spazio pittorico e spazio letterario da Parini a Gadda.
Rêveries e realtà, in AA.VV., Storia d Italia. Il paesaggio, a cura di C. De
Seta, Torino: Einaudi, 1985, p. 509.
11
G.-P. Biasin, Epifanie siciliane. Ideologia del paesaggio, in AA.VV., Dal
Novellino a Moravia, a cura di E. Raimondi-B. Basile, Bologna: il Mulino,
1979, pp. 201-02.
12
G. Debenedetti, Il romanzo del Novecento, Milano: Garzanti, 1976, pp.
149, 386.
13
L. Pirandello, I vecchi e i giovani, in Tutti i romanzi, a cura di G. Macchia
e con la collaborazione di M. Costanzo, Milano: Mondadori, 2005, Vol. II,
pp. 5-6.
14
Allora lasciava cascare il muso e le orecchie ciondoloni, come un asino
fatto, coll occhio spento, quasi fosse stanco di guardare quella vasta
campagna bianca la quale fumava qua e là della polvere delle aie, e pareva
non fosse fatta per altro che per lasciar morire di sete e far trottare sui covoni.
[ ] Alla sera tornava al villaggio colle bisacce piene, e il ragazzo del
padrone seguitava a pungerlo nel garrese, lungo le siepi del sentiero che
parevano vive dal cinguettìo delle cingallegre e dall odor di nepitella e di
ramerino, e l asino avrebbe voluto darci una boccata, se non l avessero fatto
trottare sempre, tanto che gli calò il sangue alle gambe, e dovettero portarlo
33
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?

dal maniscalco; ma il padrone non gliene importava nulla, perché la raccolta


era stata buona, e il puledro si era buscate le sue trentadue lire e cinquanta. Il
padrone diceva: Ora il lavoro l ha fatto, e se lo vendo anche per venti lire,
ci ho sempre il mio guadagno (G. Verga, Tutte le novelle, cit., Vol. I, p.
275).
15
L. Pirandello, I vecchi e i giovani, cit., p. 12. I corsivi, ove non
diversamente specificato, sono nostri.
16
Idem, Il fumo , in Novelle per un anno, a cura di M. Costanzo, premessa
di G. Macchia, Milano Mondadori, 2007, Vol. I, Tomo I, pp. 50-51. Il
corsivo è nel testo.
17
Idem, I vecchi e i giovani, cit., p. 245.
18
Lì a Girgenti, nessuno si moveva, né accennava di volersi muovere! Paese
morto. Tanto vero dicevano i maligni che vi regnavano i corvi, cioè i
preti (ivi, pp. 11-12).
19
Idem, Uno, nessuno, centomila, in Tutti i romanzi, cit., Vol. II, p. 872. Si
rilegga il brano del Verga: muri rotti, scalcinati, corrosi; dalle fenditure che
scendevano dal cornicione fino a terra; le finestre sgangherate e senza vetri;
lo stemma logoro, scantonato, appeso ad un uncino arrugginito, al di sopra
della porta , in cui si avverte un tanfo di muffa e di cantina che saliva dal
pavimento istoriato col blasone, seminato di cocci e di rottami, pioveva dalla
volta scalcinata, veniva denso dal corridoio nero al pari di un sotterraneo,
dalle sale buie che s intravvedevano in lunga fila, abbandonate e nude, per le
strisce di luce che trapelavano dalle finestre sgangherate (G. Verga, Mastro-
don Gesualdo, a cura e con note di C. Riccardi, Milano: Mondadori, 1983,
pp. 7, 225).
20
Idem, La veste lunga, in Novelle per un anno, cit., Vol. I, Tomo I, p. 692.
21
Idem, Il professor Terremoto, ivi, pp. 683, 689.
22
S. Zappulla-Muscarà, Il freddo capo di una cometa , in Pirandello e la
più bella città dei mortali , a cura di E. Zappulla, Catania: La Cantinella,
2001, p. 17; poi in AA.VV., Luoghi e paesaggi nella narrativa di Luigi
Pirandello, Atti del Convegno di Roma (19-21 dicembre 2001), Roma-
Salerno, 2002, p. 226.
23
Bisogna notare, tuttavia, che in Capuana, di norma, il paesaggio siciliano è
pacato, anonimo e letterariamente non caratterizzato, mentre De Roberto lo
esclude di proposito, focalizzando l attenzione, in prevalenza, sugli interni
domestici.
24
L immagine della Sfinge verghiana ricorda quella di un costone di
basse montagne , vicino Santa Margherita Belice, in cui le ristoppie
bruciate costituiscono altrettante macule nere di un immane belva
accovacciata , leonessa o iena (G. Tomasi di Lampedusa, Ricordi
d infanzia, in Opere, introduzione e premessa di G. Lanza Tomasi, I racconti,
Letteratura inglese, Letteratura francese, a cura di N. Polo, Milano:
Mondadori, 1995, p. 380).
25
G. Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo, ivi, p. 39.
34
DORA MARCHESE
26
Ivi, pp. 172-73.
27
Ivi, p. 178.
28
La sirena, ivi, p. 407.
29
Idem, Lettere a Licy. Un matrimonio epistolare, a cura di C. Cardona,
Palermo: Sellerio, 1987, p. 64.
30
G. Marrone, La storia e il paesaggio , in Nuove Efemeridi (Palermo), IX,
n. 36, 1996, p. 51.
31
S. Quasimodo, Lamento per il Sud, in Tutte le poesie, Milano: Mondadori,
1971, p. 159.
32
S. Romagnoli, Spazio pittorico e spazio letterario da Parini a Gadda, cit.,
p. 504.
33
Emblematica, in proposito, la lettera del Verga al Capuana: L opera d arte
non val più dell autore? Se è riuscita ben inteso. Parmi che si deve arrivare a
sopprimere il nome dell artista dal piedistallo della sua opera, quando questa
vive da sé (G. Verga, Lettere a Luigi Capuana, Firenze: Le Monnier, 1975,
p. 158). Per la centralità del tema della scrittura in Verga, ci sia consentito
rinviare al nostro Paesaggio e scrittura nelle Rusticane : Di là del mare
e I Galantuomini , in Annali della Fondazione Verga, Catania, nuova serie,
n. 1, 2008, pp. 93-136.
34
La definizione è di R. Milani, L arte del paesaggio, Bologna: il Mulino,
2001, p. 8.
35
S. Quasimodo, Una poetica , in Il poeta e il politico e altri saggi, Milano:
Schwarz, 1960, pp. 23-24.
36
E. Vittorini, Conversazione in Sicilia, Milano: Bompiani, 1945, p. 112.
37
F. Lanza, La colubra, in Opere, a cura di S. Zappulla-Muscarà, Catania: la
Cantinella, 2002, p. 448. La presenza di Verga nell opera dello scrittore di
Valguarnera è particolarmente pregnante. Egli stesso se ne riconosce allievo
e debitore in uno scritto apparso su Lunario siciliano intitolato, non a caso,
Omaggio a Verga: In principio dell opera nostra, sentiamo il bisogno di
ricordare Giovanni Verga; vogliamo essere fedeli al suo insegnamento di un
costume letterario dignitoso e severo, senza macchia di vana adulazione,
senza la corruzione che nasce dal mercato della verità e del sapere. La
campagna e il mare di Sicilia vivono nelle sue pagine, che dopo di lui nessun
poeta ha saputo ricreare con pari potenza (p. 314). L ascendenza verghiana è
ravvisabile nel codice paesaggistico adottato da Lanza, che si serve degli
stessi moduli narrativi del Maestro: L ora del sole a picco coglie alla
sprovvista il paese, lo fulmina a bruciapelo, lo fa restare a strapiombo come
sospeso a un filo dall alto deserto del cielo incandescente. Le strade si
spalancano all infinito, squadrate simmetricamente dalla luce abbagliante che
a dirotto vi imperversa, le case si rarefanno addossandosi l una all altra come
per ripararsi, ma invano, a vicenda. I coni dei campanili si sfaldano in
confuse vibrazioni, livellandosi ai tetti distesi in una sola linea all orizzonte;
il panorama s appiattisce sotto l uniforme superficie della canicola (pp. 479-
80).
35
IL PAESAGGIO SICILIANO: TOPOS LETTERARIO O REALTÀ?
38
L. Sciascia, La Sicilia come metafora, Milano: Mondadori, 1989, p. 16.
39
Idem, La Sicilia, il suo cuore, in Opere, a cura di C. Ambroise, Milano:
Bompiani, 1990, p. 973. Notevole l uso di termini evocatori d atmosfere
afose e immobili: nuvole accagliate , radi alberi , calda nudità , silenzio
vorace , greve destino di piogge .
40
Idem, Occhio di capra, ivi, p. 8.
41
Idem, Una storia semplice, ivi, p. 735.
42
Idem, Le parrocchie di Regalpetra, Roma-Bari: Laterza, 1982, p. 12.
43
Ivi, pp. 6-7.
44
N. Tedesco, L influsso spagnolo e la classicità di Sciascia , in La Cometa
di Agrigento. Navarro, Pirandello, Sciascia, Palermo: Sellerio, 1997, p. 73.
45
L. Sciascia, Le parrocchie di Regalpetra, cit., p. 11.
46
G. Bufalino, Quella difficile anagrafe , in La luce e il lutto, Palermo:
Sellerio, 1988, pp. 23-24.
47
G. Verga, Jeli il pastore, in Tutte le novelle, cit., vol. I, p. 145. Il corsivo è
nel testo.
48
Idem, Mastro-don Gesualdo, cit., p. 5.
49
V. Brancati, Paolo il caldo, Milano: Bompiani, 1980, p. 34. E Gesualdo
Bufalino scrive: E come se, navigando fra Scilla e Cariddi, sul solco della
nave due sirene affiorassero e vi tentassero con due lusinghe contrarie: una
celeste, che parla di gelsomini d Arabia, letizie di luna, spiagge simili a
guance dorate; 1 altra scura, infera, con mezzogiorni ciechi a picco sulle
trazzere e sangue che s asciuga adagio ai piedi di un vecchio ulivo . (G.
Bufalino, Pro Sicilia, in La luce e il lutto, cit., p. 13).
50
S. Zappulla-Muscarà-E. Zappulla, Bonaviri inedito, Catania: la Cantinella,
1998, pp. 9, 12.
51
S. Ferlita, Tampasiannu e discurrennu con Andrea Camilleri, in La Sicilia
di Andrea Camilleri. Tra Vigàta e Montelusa, a cura di S. Ferlita, fotografie
di G. Leone, Palermo: Kal s, 2003.
52
Ibidem.

__________

36