Sei sulla pagina 1di 2
4 SIFC 78/3 (4885) ns Syutahte tarda conoscenza del mondo di tipo ontalogico.. d'alera parte la simati- 1 Waltscbt ba i compito di porte in. risato ed acceatuare per mezzo della similitudine Vagiee al fine di attcibuirgli un dcterminato sigot ficato». Coa una sottile logica di discorso il Recher «problematizza» lia de ricortendo a paramets critici che non possono non interessare il let tore modemo, Sotto tale asperto il suo conteibuto promozionale é meri Un‘obbiezione che il Glologo pud forse muovergli & quella di aver talvolta emarginato ~ pur riconoscendoli — i driti della poesia (per © sempio.nega agli epiteti la funzione moramente esorsativa dal Parry vincolata alla formula) a beneficio di una lettura metodicamente srazio- nalizzante» tes a dare dei tanti episodi ¢ discotsi che costellano Miade vista come «il palcoscenico dellagire aristocratico» (p. 464) ~ una ra sgione fondata su un priat ed un pasteriaslogico e temporal. [G. Espoti- 0 Valge Gigante) 2. La nastita del codive 1 passagaio dal rotolo al codice, avyenimento capitale nella storia del libro, € il tema rratiaro nella breve ma densa monografia di C. H. Roberts © T. C. Skeat, The Birth of the Codex, London-Oxford 1983, Non si tratta certo di argomento nuovo, ed anzi il volumerto costitui: sce la redazione ampliata ~ in pratica opportunamente aggiomata ¢ af- riechita di nuove suggestioni ed ipotesi soprattuto ad opera di Skeat di un saggio, divenuto classico, dello stesso Roberts, The Cedex, pubbli- ato in «Proceedings of the British Academy XI. (1934), pp. 169-2045 ‘ma, ove ci si voglia rendere conto piil in generale di quanto il problema sia stato dibattuto, si veda la rassegaa bibliografia premessa ala tatta- zione, Gli autori fon hanno la peetesa di dare soluzioni definitive, ma soltanto di formulare jpotesi sul foadamento della documentazione su- pptstte; © da questa risula irrefutabilmence che ad adottare per primi in ‘modi sistematici la forma librasia del codice furono i crstian, Perché? Gli autori propongono due ipotesi alternative luna al'alea. 2) Ipotesi ‘occidentale: si ritiene che il Vangelo di Masco sia stato scritto su foghi di pergamena in forma di modesto «notebook» ¢ in ambito. romano, ove tipologie librarie del genere risultano attestate git verso la fine del I secolo d.C; e poiché Marco, a quanto risulta da fonti quali Eusebio © Girolamo, ¢ associato alla fondazione della Chiess di Alessandria, que~ s€altima, recepitone il Vangelo in forma di codiee, pub aver determina Sta uy 10 la diffasione il trionfo tui cristiani del nvovo tipo 4 libro, ma in opie su papiro wiacché in Egtto si tratava della materia seritoria cor aetna vinta I Jetoed ocanaie, pee to arenes sella prasi librara exstiana U'gs0 del codice risulta associato a quello dei momine sacra, quali io Ambito occidentale Gon sembrano essere stati adoperati regolarmente in epoca alta, sicché la nascita del codice & pid probabile si collochi in Oriente ¢, di conseguenza, in centti «having fulicient authority to devise such innovations and impose them on Christendom generally», sopratutto Gerusalemme e Antiochia; in que- ultima in particolare ad sspnare la nuova forma ibearia potrebbero tssere state «papyrus tablet» adoperate, al part di tavolete cerate © fon, nelle cerchie giudaiche antiochene fin da eta ellenistia per Tinse- ‘gramento della Legge. ison triable ioc fain ie on ‘se di pupiro'o di ~altgo non era @ quanto sro Rober « Skort smmtion, che modesto xnorchook» adoperto pet minute © annotazioni (¢ ultimamente le tavolette di Vindolands ‘hanno introdotto novi sullo stesso formarsi di un «notebook in for ima di codice: v. A..K. Bowman-J. D. Thomas, Vindolenda: The Lat Writing- Tablets, London 198s, pp. 3844) si tattava, percio, dun sup- porto sertorio a buon mercat, il quale non potevs non diventare vet tore di cultura scritta tra le classi medie in un'epoca, i primi secoli del- impero, di pis larga diffasione sociale della scrittura © i fasce di let tori diverse da quelle cltarie di sempre. In questa prospettiva Ia forma libearia del codicesignificava roctura con la tradizione del rotolo e dels ristrctta cezchia dei suo' fruitosiabiteal: nell'avvento del codice, infat- 1, senivano ad interagite fatton economiel (eisparmio di materia seit toria a pasita quanttaiva di testo), pratici (Forma pit atta alla letra € alla comsultazione), ideologci (ipologia in contestazione con quella tr disionale, e propeio per questo fata propria dai cristian)), A quest alt- zo proposito va, notuto che per testi indole non-scritturale circolanti ade cerchie cristiane (patristic, agiografci, liturgici il rotolo ~ pur se jn misura non rilevanee ~ coatinud ad essere adoperato,laddove invece per i libe sertraline pud considerare uso pressoché inesistente: cera il messaggio della nuova religione, infat, che connotato comers di ‘uoa forte catia ideologiea veniva ad exprimersi esclusivamente, in pro- ‘ica, in una forma libraria ~ quella del codice ~ che gravitava nella sfera della peoduzione basa e che tutto lscia credere scarsamente accetta in ‘origing al pubblico colto (donde T'isolamento, silevato. dagli stessi Ro> herts € Skeat, di uo Marsiale nel propagandare ad uso di opere letter ‘e una tipologia libraria votata momentancamente allinsuecesso perche i tempi non erano ancora matusiad accogiierla, almeno per test di ta- sas Swabia Syutatie iat LAV quella di P. Duke ine. 5 Platone, Parmenidt), eat stenut, ma sempre a toro, del IT da Roberts Skea; e perro, i fammento pla- tonteo f Veale In considerzione sol fondamento di motvazion! fra fiche € storico-culturali una date sncor pi tad quella del V/VI Dungue, solo dodiei codici noncrstiani hanno rea possibilit di esse. re del Ito III secolo: ¢ tra questi s'inconteano pezsi di narcativa Ge eneenen amincaennenemanh eae da Omero inserite in un responso onicolare y+ 183) € test omer evideemente desta ad eri di scuola (Pack? 47 Lind V; Pack? 2517: lessico), manual di gramnmatica (Pack? 2145 ©2155, Pet ual rtavin noo pu ender wn dane aioe Me colo), dteplne tcniche (Pack? 2340 © 2355, Tuno e Valtro trattixiont mediche drcaratere praca): si tata per lo pid di prodoet di seconda qualita, che inicano pers net codice il Iibro adoperato in epoca pid antica per letare dintattenimento e talora di seadente lvello igus co-leteratio, pet test sola! 0 anche per opere di materi tecniche € applicate, disdegnat, sis, dalle classi alte fino a quand, in et pitta da, este non si emanciparono dal tradizionale ato di soggerione. Gli ‘ultim ere testimoni citai dz Roberts e Skeat ~ Pack? 1362, 1546 € $197 = gravitano nella sfera della lecratara di qualita elevata in quanto com- tengono, rpctivement; {Poa di Pindato, ls Giepale ci Senofone € 1a Repabtice di Platone, «sono questi, petci, che st possono considera- *© coc ame dl cometo leteasowcasico» pet eos di ‘a, significivamente, il loro numero rsulta asai searso. La «spina dhl basso», dunque, rapporabile a pia general ator di ordine storico- sociale ed economico, sembes qundi essere stata‘ fondamenco di quel In ivoluzionelibraria che si suoleindieare come passagyio dal rotolo al codiee. E merito di Roberts e Skeat Faver liberato il terreno da quel fatori indole praia speso invocati per motivate la eamszione ta due epo= ‘che della tora del bro (preferenza accordata al codice perché di capa- cit pi ampia, di formato pia maneggevolee di consultazione pit fac le) quindt Vayerintuito che, a monte del fenomeno, vi sono timplica- oni di catere pil generale; ma questeultime non possono essere ‘ereate in fate Ambit ciecoscrit (la prima Chiesa cristiann di Roma: ‘Alessandria o le comunita giudaiche di Antiochia-Gerusalemme) ma 1 portate 1 quelle che ~sott ia spinta di mutate condiion! storico-socali “farono le tasformazioni della cultura e det suoi strumenti nella tarda antichita. (Gaghielme Cara) ditione aka). A determinate nell tarda antichia i tinnovamento tecno- logico det ibro fu quindi, in ulema analisi, una spinta dal basso che venne, in Occideate rrme in Oriente, da milieu, pruppi, individu, | ‘ual, nel prendere coscienza del loro ruolo storico, fanno di seritury € libro strumenti di emancipazione sociale. Non & un caso che, tea | i amtch, ert codici non-cistani contengano narrativa wd consumos 4 Phaiibiké di Lolliano, ad esempio ~ di livellolesterario piutost scx dente rvolta ad un pubblico di nuovialfabet, il quale nom possedevs le artrezzature imtlleteuali della grammatica e della retoriea: ebierione di Roberts © Skeat a questo angolo visuale — fato un ‘aventario dei material pi antchi contenent testi di qualita letteraria aon elevata, xpopolare» per cos dire ~ sono fondamentalmente de 2) 00 si siews una predominanza dela tipologia del colic rspeto quella del rorolo per tlt testi; ) i cod recat sitio genere dt lete ‘atuct non risetano pill mumeros dei coevi di altco cootenuto. Alla ima obierione facile rispondere che, proprio in qasatocircolant n= {£0 uo pubblico che non er quello delle lites tradzonal, code! con: teneati *Trivaliterstur’ erano destinti a perdersi giacché la mentalita stessa di conservazione @ prerogativa delle elasi social clevate (eel cas0 dei tei cristan a. far “settare’ fin dall'nizio meccaniom di conserva. zone furono alti fatori: ideologici, propagandistci,organtzeativi) su. Peri’, dunque, rsultano sopmteoto rotoli giacché, ssendo Ia “Tic aur’ fenomeno «trasversile, passant attraverso le classi socia Ii, poteva meglio conservarsi ove diftsa anche tra un public di leto- fi abitual, quelli della tradizione del rorolo. La fragilita ella scconda biezione avanrata da Roberts e Skea si ivela ad una analisi dettagliata ei conic ritenuti pid antichi, vale a dite del Io deh I-III secolo, ed jnvero taj diciassette coded non-erstianich'essi segnalano pee queste= Poss, ve ne sono almeno cingue che, a quanto mosteano } curate pre fii, sono da attribuire dune eronologia pi tarda. 1 membranacel Pack? 293 (Demostene, Silla alse amharrera) © Pack? 437 (Buripide, Craw 3 comtinivano a tomo ad assegnate al TL secolo, tnddove invece "uno ¢ Valera si devono rtenerepiutosto de pieno Ill, e per il eotice demostenico in particolare non farebbe difcolt ua datatone aliai. *ovdel IV; del reto gis Ente G. Turner tendeva ad abbacsae la dats 4el!Buripide © ~ pur senza metteroc in discussione la eronologia~ clas sifcava to relaione al formato in laphezza, il Demostene tel gruppo Vi, vale a dire in-un grappo ove s'incontrino, oltre al manoserit va «same, solo prodotti del IV, V'e VI secolo (v, E, G. Turner, Te Type. ‘og of the Early Codex, University of Pennsylvania 1977, p. 28). Lo sex. 0 Turner ba spostato al Ill seeolo ln eronologia di Pack? 311 (com mentatio a Demostene, Contre Aristuratt)€ di Pack? 868 (lade I) al