Sei sulla pagina 1di 80

REGIONE CAMPANIA

AUTORITA’ DI BACINO REGIONALE DESTRA SELE

PIANO PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO

SEZIONE: NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE


ELABORATO: NORME DI ATTUAZIONE
CODICE: N_NA_ALL MARZO 2011
STUDI RILIEVI E ELABORAZIONI UFFICIO DIREZIONE DELL’ESECUZIONE
RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI PROFESSIONISTI
GEORES - studio associato di geologia (mandatario) geol. Crescenzo Minotta - Direttore dell’Esecuzione - Rischio da frana
geol. Antonio Carbone, geol. Antonio Gallo
geol. Gerardo Lombardi - Direttore dell’Esecuzione - Rischio Idraulico

arch. Emilio Buonomo ing. Gianluca D’Onofrio - Assistente alla direzione dell’esecuzione

geol. Filomena Moretta - Assistente alla direzione dell’esecuzione

ing. Maria Nicolina Papa COORDINATORE PER LA SICUREZZA


ing. Sergio Iannella

UFFICIO DEL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO


avv. Maria Affinita - Coordinatore Amministrativo

RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO


arch. Giuseppe Grimaldi

IL SEGRETARIO GENERALE
avv. prof. Luigi Stefano Sorvino
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

INDICE
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI..................................................................................................... 5
Art. 1. Finalità e contenuti del Piano per l’Assetto Idrogeologico ..................................................... 5
Art. 2. Definizioni...................................................................................................................... 6
Art. 3. Elaborati del Piano .......................................................................................................... 6
Art. 4. Ambiti territoriali d’applicazione ........................................................................................ 7
Art. 5. Procedimento di adozione e pubblicità del PAI.................................................................... 7
Art. 6. Efficacia ed effetti del Piano ............................................................................................. 7
Art. 7. Pareri dell’Autorità .......................................................................................................... 8
TITOLO II - RISCHIO IDRAULICO ........................................................................................................ 10
CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO IDRAULICO............................................................ 10
Art. 8. Disposizioni generali per le aree a rischio idraulico.............................................................10
Art. 9. Interventi per la mitigazione del rischio idraulico ...............................................................11
CAPO II – AREE A RISCHIO IDRAULICO ....................................................................................................... 12
Art. 10. Disciplina delle aree a rischio idraulico molto elevato (R4) ..................................................12
Art. 11. Disciplina delle aree a rischio idraulico elevato (R3) ...........................................................13
Art. 12. Disciplina delle aree a rischio idraulico medio e moderato (R2 e R1) ....................................13
TITOLO III - RISCHIO DA FRANA ......................................................................................................... 14
CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO DA FRANA ............................................................. 14
Art. 13. Disposizioni generali per le aree a rischio da frana .............................................................14
Art. 14. Interventi di mitigazione del rischio da frana .....................................................................15
CAPO II – AREE A RISCHIO DA FRANA......................................................................................................... 15
Art. 15. Disciplina delle aree a rischio molto elevato da frana (R4) ..................................................15
Art. 16. Disciplina delle aree a rischio elevato da frana (R3) ...........................................................16
Art. 17. Disciplina delle aree a rischio medio e moderato da frana (R2 e R1) ....................................17
TITOLO IV - RISCHIO DA COLATA ........................................................................................................ 18
CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO DA COLATA............................................................ 18
Art. 18. Disposizioni generali per le aree a rischio da colata............................................................18
Art. 19. Interventi per la mitigazione del rischio da colata ..............................................................19
CAPO II – AREE A RISCHIO DA COLATA....................................................................................................... 19
Art. 20. Disciplina delle aree a rischio molto elevato da colata (R4) .................................................19
Art. 21. Disciplina delle aree a rischio elevato da colata (R3) ..........................................................20
Art. 22. Disciplina degli elementi antropici a rischio medio da colata (R2)........................................20
TITOLO V – AREE A PERICOLOSITA’ IDROGEOLOGICA......................................................................... 21
CAPO I – PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A PERICOLOSITA’ IDROGEOLOGICA ......................................... 21
Art. 23. Disciplina generale delle aree a pericolosità idraulica, da frana e da colata ...........................21
CAPO II – AREE A PERICOLOSITA’ IDRAULICA.............................................................................................. 22
Art. 24. Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale A..........................22
Art. 25. Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale B..........................22
Art. 26. Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale C..........................22
Art. 27. Disciplina dei corsi d’acqua non studiati mediante verifiche idrauliche ..................................23
CAPO III – AREE A PERICOLOSITA’ DA FRANA .............................................................................................. 23
Art. 28. Disciplina delle aree a pericolosità da frana molto elevata e elevata (P4 e P3).......................23
Art. 29. Disciplina delle aree a pericolosità da frana media e moderata (P2 e P1) ..............................23
CAPO IV – AREE A PERICOLOSITA’ DA COLATA............................................................................................. 23
Art. 30. Disciplina delle aree a pericolosità da colata molto elevata e elevata (P4 e P3)......................23
Art. 31. Disciplina delle aree a suscettibili a fenomeni di colata (ASC) ..............................................24
TITOLO VI - DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DEL TERRITORIO PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO....... 25
CAPO I - PRESCRIZIONI GENERALI PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO ............................................................. 25
Art. 32. Finalità e contenuti ........................................................................................................25

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 2 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Art. 33. Costruzioni in ipogeo - disposizioni generali ......................................................................25


Art. 34. Principi per la prevenzione del rischio idrogeologico in materia di protezione civile.................25
Art. 35. Criteri per le azioni di riqualificazione ambientale e di recupero naturalistico .........................25
Art. 36. Esercizio delle attività agricole .........................................................................................26
Art. 37. Esercizio delle attività silvo-colturali .................................................................................26
Art. 38. Disciplina delle attività estrattive......................................................................................27
Art. 39. Disciplina delle opere in sotterraneo e interrate .................................................................28
Art. 40. Disciplina per le infrastrutture ed impianti a rete pubblici o di interesse pubblico ...................28
Art. 41. Studio di compatibilità idraulica/Valutazione pericolosità-rischio residuo ...............................29
Art. 42. Studio di compatibilità geologica/Valutazione pericolosità-rischio residuo..............................29
Art. 43. Gestione del Vincolo Idrogeologico (Regio Decreto Legge del 30/12/1923, n° 3267)..............30
Art. 44. Attività di ricognizione e di polizia idraulica .......................................................................30
TITOLO VII - ATTUAZIONE E MODIFICHE DEL PIANO .......................................................................... 31
Art. 45. Vigilanza e strumenti di attuazione del Piano.....................................................................31
Art. 46. Aggiornamento variazione e modifiche del Piano ...............................................................31
Art. 47. Programmazione finanziaria ............................................................................................32
Art. 48. Norme di rinvio..............................................................................................................32
ALLEGATO A - ELABORATI DEL PIANO PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO ............................................ 35
ALLEGATO B - SCHEMI PER L’ATTRIBUZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO............................................... 38
ALLEGATO C - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI IDRAULICI E DEGLI STUDI DI
COMPATIBILITA' IDRAULICA ............................................................................................................... 40
C.1 STUDI IDRAULICI................................................................................................................................ 40
C.1.1 Contenuti degli studi idraulici .............................................................................................................. 40
C.1.2 Portate di progetto............................................................................................................................ 41
C.1.3 Parametro di scabrezza, reologia e altri parametri.................................................................................. 41
C.1.4 Sezioni fluviali ................................................................................................................................. 42
C.1.5 Franchi di sicurezza nelle verifiche di opere esistenti .............................................................................. 42
C.2 INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI DI COMPATIBILITA’ IDRAULICA ................................ 43
ALLEGATO D - VALORI DI PORTATA AL COLMO DI PIENA PER EVENTI CON TEMPI DI RITORNO
ASSEGNATI........................................................................................................................................... 45
ALLEGATO E - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI DI COMPATIBILITA' GEOLOGICA
............................................................................................................................................................. 50
ALLEGATO F - LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE A PERICOLOSITÀ E RISCHIO DA
FRANE, ALLUVIONI E COLATE............................................................................................................... 54
F.1 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE FASCE FLUVIALI E DELLE AREE CLASSIFICATE A RISCHIO
IDRAULICO ................................................................................................................................. 54
F.1.1 Approfondimenti su tratti di corsi d’acqua già oggetto di studio da parte dell’Autorità .................................. 54
F.1.2 Definizione ed individuazione delle fasce fluviali..................................................................................... 55
F.1.3 Rilievi topografici e di sezioni idrauliche ................................................................................................ 56
F.1.4 Tratto di corso d’acqua oggetto di studio .............................................................................................. 56
F.1.5 Modellistica idraulica e studi pregressi .................................................................................................. 57
F.1.6 Documentazione minima costituente la richiesta di aggiornamento della perimetrazione .............................. 57
F.2 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE DI PERICOLOSITA’ E RISCHIO DA FRANA.................. 57
F.2.1 Elaborati di base ............................................................................................................................... 58
F.2.2 Riperimetrazioni di ambiti geomorfologici non interessati da frane ............................................................ 62
F.2.3 Riperimetrazioni delle aree di frana...................................................................................................... 62
F.3 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE DI PERICOLOSITA’ E RISCHIO DA COLATA................ 63
F.3.1 Stima dei volumi e degli idrogrammi solido-liquido ................................................................................. 63
F.3.2 Stima delle aree di invasione............................................................................................................... 64
F.3.3 Stima della pericolosità ...................................................................................................................... 65
ALLEGATO G - CRITERI DI MASSIMA PER LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE IDRAULICHE, DEGLI
INTERVENTI IDRAULICI E DELLE OPERE PUBBLICHE INTERFERENTI CON LA RETE IDROGRAFICA .... 66
G.1 PORTATA DI PIENA DI PROGETTO ........................................................................................................ 66

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 3 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

G.2 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE, SISTEMAZIONE, REGIMAZIONE, DIFESA E MANUTENZIONE


IDRAULICA E IDRAULICA FORESTALE.......................................................................................................... 66
G.2.1 Finalità degli interventi ...................................................................................................................... 66
G.2.2 Tipologia degli interventi.................................................................................................................... 66
G.2.3 Interventi di riqualificazione fluviale, manutenzione idraulica e idraulica forestale ....................................... 67
G.2.4 Interventi di regimazione e di difesa idraulica........................................................................................ 68
G.2.5 Indirizzi generali di gestione territoriale in funzione della corretta sistemazione idraulica.............................. 70
G.3 ATTRAVERSAMENTI E RILEVATI INTERFERENTI CON LA RETE IDROGRAFICA ............................................. 71
G.3.1 Attraversamenti aerei e rilevati interferenti con la rete idrografica ............................................................ 71
G.3.2 Attraversamenti in sotterraneo............................................................................................................ 73
G.3.3 Tombinature e coperture ................................................................................................................... 73
G.4 AGGIORNAMENTO DELLA PERIMETRAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ E DEL RISCHIO DA ALLUVIONI A SEGUITO
DELLA REALIZZAZIONE DI OPERE............................................................................................................... 74
ALLEGATO H - CRITERI DI MASSIMA PER LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE E LA
MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI DI DIFESA DEI
VERSANTI............................................................................................................................................. 75
H.1 FINALITÀ E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DI DIFESA DEI VERSANTI....................................................... 75
H.2 INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE OPERE DI DIFESA DEI VERSANTI.................................................. 76
ALLEGATO I - MISURE TECNICO COSTRUTTIVE PER LA MITIGAZIONE DELLA VULNERABILITA’
RIFERITA A FENOMENI IDRAULICI E DA COLATA ................................................................................ 78
ALLEGATO L - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI GEOLOGICI DI CUI AL COMMA 2
ARTICOLO 48........................................................................................................................................ 79

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 4 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

ARTICOLO 1
Finalità e contenuti del Piano per l’Assetto Idrogeologico
1. Il Piano per l’Assetto Idrogeologico dell’Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele (di
seguito denominata Autorità) costituisce Piano Stralcio del Piano di Bacino, ai sensi della
vigente normativa in materia di difesa del suolo ed ha valore di Piano territoriale di settore. Il
Piano per l’Assetto Idrogeologico (di seguito denominato PAI) è lo strumento conoscitivo,
normativo e tecnico-operativo mediante il quale sono pianificate e programmate le azioni, le
norme d’uso del suolo e gli interventi riguardanti l’assetto idrogeologico del territorio di
competenza dell’Autorità.
2. Ai sensi della vigente normativa in materia di difesa del suolo, il PAI:
a) individua le aree a pericolosità e rischio idrogeologico molto elevato, elevato, medio e
moderato, ne determina la perimetrazione e definisce le relative norme di attuazione;
b) individua le aree oggetto di azioni per prevenire la formazione e l'estensione di condizioni
di rischio;
c) individua le tipologie per la programmazione e la progettazione degli interventi, strutturali
e non strutturali, di mitigazione o eliminazione delle condizioni di rischio.
3. In tutte le aree perimetrate con situazioni di rischio o di pericolo il PAI persegue in
particolare gli obiettivi di:
a) salvaguardare, al massimo grado possibile, l’incolumità delle persone, l’integrità strutturale
e funzionale delle infrastrutture e delle opere pubbliche o d’interesse pubblico, l’integrità
degli edifici, la funzionalità delle attività economiche, la qualità dei beni ambientali e
culturali;
b) impedire l’aumento dei livelli attuali di rischio oltre la soglia che definisce il livello di
“rischio accettabile” di cui all’articolo 2, non consentire azioni pregiudizievoli per la
definitiva sistemazione idrogeologica del bacino, prevedere interventi coerenti con la
pianificazione di protezione civile;
c) prevedere e disciplinare le limitazioni d’uso del suolo, le attività e gli interventi antropici
consentiti nelle aree caratterizzate da livelli diversificati di pericolosità e rischio;
d) stabilire norme per il corretto uso del territorio e per l’esercizio compatibile delle attività
umane a maggior impatto sull’equilibrio idrogeologico del bacino;
e) porre le basi per l’adeguamento della strumentazione urbanistico-territoriale, con le
prescrizioni d’uso del suolo in relazione ai diversi livelli di pericolosità e rischio;
f) conseguire condizioni accettabili di sicurezza del territorio mediante la programmazione di
interventi non strutturali e strutturali e la definizione dei piani di manutenzione,
completamento ed integrazione dei sistemi di difesa esistenti;
g) programmare la sistemazione, la difesa e la regolazione dei corsi d’acqua, anche
attraverso la moderazione delle piene e la manutenzione delle opere, adottando modi
d’intervento che privilegino la conservazione ed il recupero delle caratteristiche naturali del
territorio;
h) prevedere la sistemazione dei versanti e delle aree instabili a protezione degli abitati e
delle infrastrutture, adottando modi d’intervento che privilegino la conservazione ed il
recupero delle caratteristiche naturali del territorio;
i) indicare le necessarie attività di prevenzione, di allerta e di monitoraggio dello stato dei
dissesti.
4. A tal fine, inoltre, il PAI:

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 5 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

a) definisce un quadro conoscitivo dei processi di versante e fluviali attraverso la raccolta,


l’organizzazione e l’integrazione delle conoscenze disponibili, in modo da rappresentare il
quadro dei fenomeni, per il territorio di competenza dell'Autorità di Bacino, su elaborati
cartografici in scala 1:5000;
b) individua e perimetra le aree classificate pericolose ed a rischio idrogeologico,
considerando la propensione ai dissesti e le rispettive interferenze con la presenza di beni
ed interessi vulnerabili.

ARTICOLO 2
Definizioni
1. Ai fini di una corretta interpretazione delle norme e degli elaborati di Piano, si riportano di
seguito le seguenti definizioni:
a) Pericolosità idrogeologica: probabilità di occorrenza di un fenomeno di tipo idraulico
e/o gravitativo di versante (frana) entro un dato intervallo di tempo ed in una data area;
b) Rischio idrogeologico: entità del danno atteso in una data area ed in un certo intervallo
di tempo al verificarsi di un fenomeno di tipo idraulico e/o gravitativo di versante (frana);
c) Rischio accettabile: il livello di rischio medio R2: per il quale sono possibili danni minori
agli edifici, alle infrastrutture e al patrimonio ambientale che non pregiudicano l'incolumità
delle persone, l'agibilità degli edifici e la funzionalità delle attività economiche (definizione
di cui al D.P.C.M. 29 settembre 1998);
d) Pericolosità residua: il livello di pericolosità che persiste in una data area a seguito della
realizzazione di un intervento di sistemazione idrogeologica;
e) Rischio residuo: il livello di rischio che residua dopo la realizzazione dell’intervento
f) Alveo strada: alveo utilizzato parzialmente o completamente come strada, che, allo
stato, assume rischio elevato o molto elevato;
g) Opere in sotterraneo: manufatti costruiti totalmente nel sottosuolo, come definiti al §
6.7 delle “Norme Tecniche per le Costruzioni”
h) Opere interrate: manufatti costruiti al di sotto dell'originario piano di campagna previo
sbancamento “a cielo aperto”dello stesso e successivo rinterro.
2. Per le definizioni afferenti gli interventi edilizi si rinvia all’art.3 del D.P.R. 380/2001 e ss.mm.
e ii., fatto salvo quanto specificato nelle presenti norme.

ARTICOLO 3
Elaborati del Piano
1. Il PAI è costituito dagli elaborati di cui all'Allegato A, di seguito indicati, i quali formano parte
integrante e sostanziale dello stesso:
 Relazione generale;
 Relazioni tecniche di settore;
 Norme di attuazione;
 Elaborati cartografici;
 Quaderno delle opere tipo;
 Programma degli interventi.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 6 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ARTICOLO 4
Ambiti territoriali d’applicazione
1. Il PAI, con le relative norme d’attuazione, si applica al territorio di competenza dell’Autorità,
così come individuato dalla L.R. 7 febbraio 1994, n.8 e dalle successive modifiche e/o
integrazioni avvenute con deliberazioni del Comitato Istituzionale o altro provvedimento
regionale.
2. Il perimetro dell’Autorità è specificamente indicato nella cartografia allegata al Piano.

ARTICOLO 5
Procedimento di adozione e pubblicità del PAI
1. Il PAI è adottato dal Comitato Istituzionale dell’Autorità, tenuto conto delle determinazioni
assunte a seguito della Conferenza Programmatica (articolo 68, comma 3 del Decreto
Legislativo 3 aprile 2006, n. 152) indetta dall’Autorità, alla quale partecipano le Province ed i
Comuni interessati. La Conferenza, si esprime sulla coerenza tra il progetto di Piano e gli altri
strumenti di pianificazione territoriale con particolare riferimento all’integrazione a scala
provinciale e comunale dei contenuti del Piano.
2. L’Autorità provvede alla pubblicazione dell’avviso di adozione del PAI sul Bollettino Ufficiale
della Regione Campania.
3. L’originale del Piano è depositato presso l’Autorità. Copia integrale su supporto informatico
dei medesimi atti, è depositata presso il Settore Difesa del Suolo della Regione Campania e le
Province di Avellino, Napoli e Salerno. Di tale deposito è data comunicazione ai Comuni
interessati.
4. I Comuni provvedono a pubblicare nell’Albo Pretorio, per la durata di almeno trenta giorni,
comunicazione dell’avvenuta pubblicazione dell’avviso di adozione del Piano sul Bollettino
Ufficiale della Regione Campania e della comunicazione dell’avvenuto contestuale deposito
della documentazione di Piano nelle sedi di cui al precedente comma 3.

ARTICOLO 6
Efficacia ed effetti del Piano
1. Le presenti norme e la relativa cartografia assumono valore di prescrizioni vincolanti dalla
data di pubblicazione sul BURC della delibera di adozione del presente Piano.
2. Ai sensi dell’articolo 65 commi 4, 5 e 6 e dell’articolo 68 comma 3 del Decreto Legislativo 3
aprile 2006, n. 152 e dell’articolo 11 della L. R. n. 8/94 gli Enti Territoriali sono tenuti ad
adeguare la propria strumentazione urbanistica alle disposizioni del PAI.
3. In conformità al presente Piano si conferma l’obbligo di adozione, anche da parte degli
organi di protezione civile, della conseguente pianificazione di emergenza.
4. A decorrere dalla data di adozione del Piano, le Amministrazioni non devono rilasciare
permessi, concessioni ed autorizzazioni in contrasto con il contenuto delle norme di attuazione
e delle prescrizioni del Piano ed assumono gli eventuali provvedimenti inibitori e sanzionatori.
Sono fatti salvi tutti gli interventi muniti di regolare autorizzazione o concessione, i cui lavori
siano iniziati prima della data di pubblicazione dell'avviso di adozione del PAI sul Bollettino
Ufficiale della Regione Campania. Per gli interventi riguardanti opere pubbliche o di interesse
pubblico realizzati per “lotti”, così come definiti dalla vigente normativa di settore, l’inizio dei
lavori è da intendersi quale inizio dell’intera opera.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 7 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

5. All’interno delle aree perimetrate a pericolosità o a rischio idrogeologico dal PAI, i


provvedimenti di rilascio di autorizzazione e/o permesso in sanatoria non ancora emanati e non
tacitamente formatisi, sia in materia di recupero e sanatoria di opere abusive che in materia di
accertamento di conformità edilizia, possono essere perfezionati positivamente, anche con
opere di completamento e di adeguamento alla vigente normativa in materia di sicurezza
statica ed antisismica, solo a condizione che – considerata natura, destinazione e rilevanza
delle alterazioni prodotte dai lavori eseguiti – gli stessi non siano tali da pregiudicare gli
interessi tutelati dai vincoli imposti dal PAI. Tali condizioni sono attestate con perizie
asseverate, redatte da tecnici abilitati nell’ambito delle rispettive competenze inerenti gli
aspetti tutelati dal PAI.
6. L’Autorità, su richiesta degli Enti competenti, esprime un parere obbligatorio e vincolante in
relazione ad eventuali accertamenti di conformità di opere di mitigazione del rischio
idrogeologico per i soli casi previsti dal successivo articolo 7, comma 1, lett. a).
7. I Comuni hanno l’obbligo di introdurre nei certificati di destinazione urbanistica i dati relativi
alla perimetrazione della pericolosità/rischio idrogeologico definita dal PAI.

ARTICOLO 7
Pareri dell’Autorità
1. Fatto salvo quanto previsto dagli altri studi e/o misure di salvaguardia vigenti dell’Autorità,
nonché di quanto stabilito dall’articolo 14 della L.R. 7 febbraio 1994, n. 8 e dalle norme del
presente Piano, spetta all'Autorità esprimere un parere preventivo, obbligatorio e vincolante su
progetti definitivi e/o atti di pianificazione comunque denominati, relativi a:
a) accertamenti di conformità per gli interventi rientranti nella fattispecie di cui alle successive
lett. b), c), d);
b) interventi idraulici, opere idrauliche e interventi di sistemazione ambientale, di cui all'articolo
9, comma 1, lett. b), c), d), ed e) e all’articolo 19, comma 1, lett. b), c), d), e) ed f) tesi
alla messa in sicurezza delle aree a rischio e alla riduzione del rischio idraulico e da colate;
c) opere di bonifica e sistemazione dei movimenti franosi e dei dissesti di versante, gli
interventi di sistemazione ambientale, di cui all'articolo 14, comma 1, lett. b), c), d), ed e)
e all’articolo 19, comma 1, lett. b), e) ed f) tese alla messa in sicurezza delle aree a rischio
e alla riduzione del rischio frane e da colate;
d) opere ed interventi, da attuare nelle aree a pericolosità idrogeologica, di cui all'articolo 23,
comma 5, lett. b), c) e d), articolo 24, articolo 27, articolo 28, comma 1, lett. a) e b),
articolo 30 – comma 1 – lett. a) e b), e articolo 31;
e) interventi che regolano l’attività estrattiva di cui all’articolo 38, comma 4;
f) opere in sotterraneo di cui all’articolo 39;
g) interventi su infrastrutture ed impianti a rete di cui all’articolo 40, comma 2 e 3;
h) opere relative alla tutela e gestione delle risorse idriche di cui all’articolo 48 – comma 4;
i) piani di Emergenza di cui all’articolo 34, comma 2;
j) piani forestali e di bonifica montana di cui alla L.R. n.11/1996;
k) piani urbanistici attuativi (LR 16/04);
l) piani territoriali e urbanistici, di coordinamento e di settore, loro varianti e aggiornamenti;
m) proposte di aggiornamento, varianti e modifiche al PAI di cui all’articolo 46.
2. I pareri di cui al comma 1 lett. k), ove non conformi ai piani urbanistici comunali, l) ed m)
rientrano nella competenza del Comitato Istituzionale; quelli di cui alle lett. da a) a k), sono
delegati al Segretario Generale resi, previo parere del Comitato Tecnico.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 8 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

3. I pareri delegati al Segretario Generale sono espressi entro il termine di 60 giorni, trascorso
inutilmente il quale si configura il silenzio–rifiuto.
4. I pareri di cui al comma 1 lett. h) sono espressi dal Segretario Generale entro 40 giorni dalla
ricezione dell’istanza.
5. Per i pareri di cui al comma 1, l’Autorità, a suo insindacabile giudizio, può richiedere specifici
elaborati per le finalità di cui all’articolo 1.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 9 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO II - RISCHIO IDRAULICO

CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO IDRAULICO

ARTICOLO 8
Disposizioni generali per le aree a rischio idraulico
1. Gli elaborati tecnici individuati nell’allegato A definiscono, per il territorio di competenza
dell’Autorità, le aree a rischio idraulico molto elevato (R4), elevato (R3), medio (R2) e
moderato (R1), i punti e le fasce di possibile crisi idraulica localizzata e/o diffusa, le aree
inondabili e il reticolo idrografico.
2. In tutte le condizioni di rischio descritte al precedente comma si applicano, oltre a quelle del
presente Titolo II – Rischio Idraulico, le disposizioni dei Titoli V – Aree a pericolosità
idrogeologica - e VI - Disposizioni per la tutela del territorio per l’assetto idrogeologico.
3. Nelle aree a rischio idraulico continuano a svolgersi le attività antropiche ed economiche
esistenti alla data di adozione del PAI, osservando le cautele e le prescrizioni disposte dalle
presenti norme.
4. Le costruzioni in ipogeo esistenti nelle aree a rischio idraulico, ove agibili, devono conservare
la precedente destinazione d’uso solo a seguito di adeguamento alle prescrizioni tecniche volte
alla mitigazione della vulnerabilità di cui all'allegato I.
5. Nelle aree di cui al precedente comma 1 sono consentiti esclusivamente gli interventi indicati
nel presente Titolo, anche con riferimento ai contenuti del D.P.C.M. 29 settembre 1998, nel
rispetto delle condizioni e delle prescrizioni generali stabilite nei commi seguenti.
6. Ai fini della compatibilità, per tutte le nuove attività ed opere, va preliminarmente valutato il
livello di “rischio” da esse generato, attraverso gli “Schemi per l’attribuzione dei livelli di
rischio” di cui all’Allegato B alla presenti norme. Non sono consentite, in ogni caso, modifiche
del territorio o trasformazioni dei manufatti esistenti che comportino un aumento del rischio
generato oltre la soglia del “rischio accettabile – R2” come definito all'articolo 2. Gli esiti di
dette valutazioni vanno riportate nello studio di compatibilità idraulica di cui all'articolo 41,
laddove prescritti dalle presenti norme.
7. Tutte le nuove attività, opere e sistemazioni e tutti i nuovi interventi consentiti nelle aree a
rischio idraulico devono essere, rispetto alla pericolosità idraulica dell’area, tali da:
a) migliorare o comunque non peggiorare le condizioni di funzionalità idraulica;
b) non costituire in nessun caso un fattore di aumento della pericolosità idraulica né
localmente, né nei territori a valle o a monte, producendo significativi ostacoli al normale
libero deflusso delle acque ovvero causando una riduzione significativa della capacità di
invaso delle aree interessate;
c) non costituire un elemento pregiudizievole all’attenuazione o all’eliminazione delle
specifiche cause di rischio esistenti;
d) non pregiudicare le sistemazioni idrauliche definitive né la realizzazione degli interventi
previsti dalla pianificazione di bacino o da altri strumenti di pianificazione;
e) garantire condizioni adeguate di sicurezza durante la permanenza di cantieri mobili, in
modo che i lavori si svolgano senza creare, neppure temporaneamente, un ostacolo
significativo al regolare deflusso delle acque, un significativo aumento del livello di rischio o
del grado di esposizione al rischio esistente;
f) limitare l’impermeabilizzazione superficiale del suolo impiegando tipologie costruttive e
materiali tali da controllare la ritenzione temporanea delle acque anche attraverso adeguate

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 10 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

reti di regimazione e di drenaggio, avendo cura di limitare lo scarico proveniente da piazzali


nei tratti dei corsi d’acqua definiti a rischio/pericolosità idraulica;
g) rispondere a criteri di basso impatto ambientale, prevedendo, ogni qualvolta possibile,
l’utilizzo di tecniche di ingegneria naturalistica di cui al Decreto Presidente della Giunta
Regionale della Campania n. 574 del 22 luglio 2002.
8. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico, a rischio da frana o a rischio da colata, le
prescrizioni relative si applicano contemporaneamente, ciascuna operando in funzione della
rispettiva finalità; le disposizioni più restrittive prevalgono sempre su quelle meno restrittive.
9. Per gli alvei-strada esistenti deve essere ripristinata la funzionalità idraulica attraverso idonee
opere atte a separare la funzione di strada da quella di deflusso delle acque.
10. Ai manufatti connotati da diversi livelli di rischio si applicano le disposizioni più restrittive,
salvo il caso in cui si dimostri, con apposita perizia asseverata redatta da tecnico abilitato, che le
parti interessate dai livelli di rischio minore non risultino influenzabili dai fenomeni generanti
livelli di rischio superiori come individuati dal PAI.
11. I progetti di nuove opere di difesa idraulica o di nuovi attraversamenti, o di qualsiasi altra
opera interferente con i corsi d’acqua, devono seguire gli indirizzi, raccomandazioni e
orientamenti contenuti nell’allegato G “Criteri di massima per la progettazione delle opere
idrauliche, degli interventi idraulici e delle opere pubbliche interferenti con la rete idrografica”.
12. I criteri generali per la progettazione, la realizzazione e la manutenzione ordinaria e
straordinaria delle opere idrauliche e degli interventi di manutenzione dei corsi d’acqua, devono
far riferimento, possibilmente, alle tipologie costruttive riportate nel Quaderno opere tipo del
PAI e, comunque, tener conto dei contenuti di cui al D.P.G.R. Campania n.574 del 22 luglio
2002.
13. In applicazione a quanto disposto dall’articolo 8 della L.37 del 05 gennaio 1994, nelle aree
inondabili le nuove concessioni di pertinenze idrauliche demaniali, ai sensi degli articoli 5 e 6 del
Regio Decreto 18 giugno 1936, n. 1338, convertito con modificazioni dalla L. 14 gennaio 1937,
n. 402, recante “Provvedimenti per agevolare e diffondere la coltivazione del pioppo e di altre
specie arboree nelle pertinenze idrauliche demaniali”, sono subordinate alla presentazione e
all’approvazione di programmi di gestione finalizzati anche al miglioramento del regime idraulico
e idrogeologico, alla ricostruzione dell’ambiente fluviale tradizionale, all’incremento della
biodiversità e del livello di interconnessione ecologica tra aree naturali. In mancanza di tali
programmi, sono vietate nuove concessioni di pertinenze idrauliche demaniali e non sono
rinnovate quelle giunte a scadenza.
14. Sono vietate tutte le opere idrauliche, le costruzioni ed i manufatti che possano deviare la
corrente verso rilevati ed ostacoli nonché scavi o abbassamenti del piano di campagna che
possano compromettere la stabilità delle opere di difesa idraulica.
15. In tutto il territorio di cui all’art. 4 sono inibite le intubazioni o le tombinature dei corsi
d’acqua superficiali. Fanno eccezione gli interventi di mitigazione del rischio per i quali
ricorrono i presupposti di cui all’articolo 115 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

ARTICOLO 9
Interventi per la mitigazione del rischio idraulico
1. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico sono sempre ammessi:
a) la manutenzione ordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
b) la manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
c) gli interventi idraulici e le opere idrauliche per la messa in sicurezza delle aree e per la
riduzione o l’eliminazione del rischio;

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 11 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

d) gli interventi di sistemazione e miglioramento ambientale finalizzati a ridurre il rischio


idraulico, che favoriscono, tra l’altro, la ricostruzione dei processi e degli equilibri
naturali, il riassetto delle cenosi di vegetazione riparia, la ricostituzione della vegetazione
spontanea autoctona. Tra tali interventi sono altresì compresi i tagli di piante autorizzati
dall’autorità forestale o idraulica competente per territorio, nell’ottica di assicurare il
regolare deflusso delle acque, in coerenza del disposto del Decreto Presidente della
Repubblica 14 aprile 1993, “Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri
e modi per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale”;
e) gli interventi urgenti delle autorità di difesa del suolo e di protezione civile competenti
per la salvaguardia dell’incolumità delle persone e della conservazione dei beni a fronte
del verificarsi di eventi pericolosi o situazioni di rischio.
2. I progetti di cui al comma 1, lett. b), c), d) ed e) devono essere corredati dallo studio
idraulico di cui all'articolo 41, comma 2.
3. Gli interventi posti in essere con il rito della somma urgenza, da parte degli Organi
competenti in materia di difesa del suolo e di protezione civile, rivolti alla salvaguardia della
incolumità delle persone e alla conservazione dei beni, a seguito di eventi calamitosi o
situazioni di rischio eccezionali, devono essere comunicati all’Autorità, contestualmente all’inizio
dei lavori, affinché quest’ultima, se richiesto, possa mettere in atto ogni utile attività di
cooperazione e di supporto tecnico- scientifico.

CAPO II – AREE A RISCHIO IDRAULICO

ARTICOLO 10
Disciplina delle aree a rischio idraulico molto elevato (R4)
1. Nelle aree a rischio idraulico molto elevato (R4) sono consentiti esclusivamente gli interventi
e le attività espressamente ammessi ai sensi del presente Titolo II – Rischio Idraulico.
2. Ferme restando le disposizioni generali per gli interventi ammissibili nelle aree a rischio
idraulico di cui all'articolo 8, gli interventi di cui al presente articolo e di seguito specificati,
devono essere attuati senza aumenti di superficie o volume utile, entro e fuori terra, e non
devono comportare aumento del carico urbanistico e/o insediativo.
3. Nelle aree a rischio idraulico molto elevato, fermo restando quanto disposto dall’art. 8
comma 3, è prioritario perseguire la delocalizzazione in aree a minore o nulla pericolosità o, in
alternativa, realizzare interventi complessivi di messa in sicurezza delle stesse.
4. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico molto elevato, fermo restando quanto previsto al
precedente comma 3, sono esclusivamente consentiti, in relazione al patrimonio edilizio
esistente:
a) demolizione di edifici senza ricostruzione;
b) la manutenzione ordinaria;
c) la manutenzione straordinaria, il restauro, il risanamento conservativo, ed interventi di
adeguamento igienico-sanitario;
d) interventi volti all’adeguamento alla vigente normativa antisismica;
e) l’installazione di impianti tecnologici essenziali;
f) gli interventi di sistemazione e manutenzione di superfici pertinenziali scoperte
appartenenti ad edifici esistenti che non comportano aumento del deflusso superficiale;
g) l’adeguamento degli edifici alle norme vigenti in materia di eliminazione delle barriere
architettoniche ed in materia di sicurezza;

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 12 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

h) gli interventi di adeguamento e rifunzionalizzazione della rete scolante artificiale (fossi,


cunette stradali, ecc.).
i) i manufatti non qualificabili come volumi edilizi;
5. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico molto elevato, in relazione alle opere pubbliche o di
interesse pubblico, sono ammessi altresì:
a) gli interventi necessari per l'adeguamento di opere e infrastrutture pubbliche e di
interesse pubblico;
b) gli interventi di adeguamento funzionale e prestazionale degli impianti esistenti di
depurazione delle acque e di smaltimento dei rifiuti, principalmente per aumentarne le
condizioni di sicurezza e igienico-sanitarie di esercizio o per acquisire innovazioni
tecnologiche;
c) la realizzazione di servizi a rete come disciplinati al successivo articolo 40.

ARTICOLO 11
Disciplina delle aree a rischio idraulico elevato (R3)
1. Nelle aree a rischio idraulico elevato (R3) oltre agli interventi e le attività previste nelle aree
a rischio molto elevato, sono consentite, in relazione al patrimonio edilizio esistente:
a) gli interventi di ristrutturazione edilizia che non comportino aumento del carico
urbanistico e/o insediativo;
b) le realizzazioni di manufatti non qualificabili come volumi edilizi;
c) gli interventi di edilizia cimiteriale, a condizione che siano realizzati negli spazi interclusi
e nelle porzioni libere degli impianti cimiteriali esistenti.
2. I progetti di cui al precedente comma 1, lett. a) devono essere corredati dallo studio di
compatibilità idraulica di cui all'articolo 41, asseverato, da tecnico abilitato.

ARTICOLO 12
Disciplina delle aree a rischio idraulico medio e moderato (R2 e R1)
1. Nelle aree rischio idraulico medio (R2), oltre agli interventi e le attività previste nelle aree a
rischio idraulico molto elevato ed elevato, sono consentiti:
a) cambio di destinazione d’uso;
b) gli interventi di ristrutturazione edilizia;
c) gli interventi di ristrutturazione urbanistica;
d) le nuove costruzioni;
e) nuovi insediamenti produttivi;
f) nuove opere pubbliche o di interesse pubblico.
2. I progetti di cui al comma 1, lett. b), c), d), e) e f) devono essere corredati dallo studio di
compatibilità idraulica di cui all'articolo 41, asseverato, da tecnico abilitato.
3. Nelle aree a rischio idraulico moderato (R1) oltre agli interventi e le attività consentite nelle
aree a rischio molto elevato (R4), elevato (R3) e medio (R2) è consentito qualunque intervento
previsto dallo strumento urbanistico comunale o da altra pianificazione sovraordinata.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 13 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO III - RISCHIO DA FRANA

CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO DA FRANA

ARTICOLO 13
Disposizioni generali per le aree a rischio da frana
1. Gli elaborati tecnici individuati nell’allegato A delle presenti norme definiscono, per il
territorio dell’Autorità, le aree a rischio da frana molto elevato (R4), elevato (R3), medio (R2) e
moderato (R1).
2. In tutte le condizioni di rischio descritte al precedente comma si applicano, oltre a quelle del
presente Titolo III – Rischio da frane, le disposizioni dei Titoli V – Aree a pericolosità
idrogeologica - e VI - Disposizioni per la tutela del territorio per l’assetto idrogeologico.
3. Nelle aree a rischio da frana continuano a svolgersi le attività antropiche ed economiche
esistenti alla data di adozione del PAI osservando le cautele e le prescrizioni disposte dalle
presenti norme.
4. Nelle aree a rischio da frana sono consentiti esclusivamente gli interventi indicati nel
presente Titolo, anche con riferimento ai contenuti del D.P.C.M. 29 settembre 1998, nel
rispetto delle condizioni e delle prescrizioni generali stabilite dai seguenti commi.
5. Ai fini della compatibilità per tutte le nuove attività ed opere va preliminarmente valutato il
livello di “rischio” da esse generato, attraverso gli “Schemi per l’attribuzione dei livelli di
rischio” di cui all’allegato B alla presenti norme. Non sono consentite, in ogni caso, modifiche
del territorio o trasformazioni dei manufatti esistenti che comportino un aumento del rischio
generato oltre la soglia del “rischio accettabile – R2” come definito all'articolo 2. Gli esiti di
dette valutazioni vanno riportate nello studio di compatibilità geologica di cui all'articolo 42,
laddove prescritti dalle presenti norme.
6. Tutte le nuove attività, opere e sistemazioni e tutti i nuovi interventi consentiti nelle aree a
rischio da frana, rispetto alla pericolosità dell’area, devono essere tali da:
a) migliorare o comunque non peggiorare le condizioni di stabilità del territorio e di difesa
del suolo;
b) non costituire in nessun caso un fattore di aumento della pericolosità da dissesti di
versante (diretto e indiretto), attraverso significative e non compatibili trasformazioni
del territorio;
c) non compromettere la stabilità dei versanti;
d) non costituire elemento pregiudizievole all’attenuazione o all’eliminazione definitiva
delle specifiche cause di rischio esistenti;
e) non pregiudicare le sistemazioni definitive delle aree a rischio né la realizzazione degli
interventi previsti dalla pianificazione di bacino o da altri strumenti di pianificazione;
f) garantire condizioni adeguate di sicurezza durante la permanenza di cantieri mobili, in
modo che i lavori si svolgano senza creare, neppure temporaneamente, un significativo
aumento del livello di rischio o del grado di esposizione al rischio esistente;
g) rispondere a criteri di basso impatto ambientale, prevedendo, ogni qualvolta possibile,
l’utilizzo di tecniche di ingegneria naturalistica di cui al Decreto Presidente della Giunta
Regionale della Campania n. 574 del 22 luglio 2002.
7. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico, a rischio da frana o a rischio da colata, le
prescrizioni ad esse relative si applicano contemporaneamente, ciascuna operando in funzione
della rispettiva finalità. Le disposizioni più restrittive prevalgono sempre su quelle meno
restrittive.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 14 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

8. Ai manufatti connotati da diversi livelli di rischio si applicano le disposizioni più restrittive,


salvo il caso in cui si dimostri, con apposita perizia asseverata redatta da tecnico abilitato che
le parti interessate dai livelli di rischio minore non risultino influenzabili dai fenomeni generanti
livelli di rischio superiori come individuati dal PAI.
9. I progetti di nuove opere di difesa dei versanti, devono seguire gli indirizzi, raccomandazioni
e orientamenti contenuti nell’allegato H “Criteri di massima per la progettazione, la realizzazione
e la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere e degli interventi di difesa dei versanti”.
10. I criteri generali per la progettazione, la realizzazione e la manutenzione ordinaria e
straordinaria degli interventi di difesa dei versanti, ovvero delle opere e gli interventi di difesa
nelle aree a diverso rischio e pericolosità da frana, devono far riferimento, possibilmente, alle
tipologie costruttive riportate nel Quaderno delle opere tipo del PAI e, comunque, tener conto
dei contenuti di cui al Decreto Presidente della Giunta Regionale della Campania n.574 del 22
luglio 2002.

ARTICOLO 14
Interventi di mitigazione del rischio da frana
1. Nelle aree perimetrate a rischio molto elevato da frana sono sempre ammessi:
a) la manutenzione ordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
b) la manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
c) gli interventi di bonifica e di sistemazione delle aree di possibile innesco e sviluppo dei
fenomeni di dissesto;
d) gli interventi di sistemazione e miglioramento ambientale finalizzati a ridurre i rischi,
sempre che non interferiscano negativamente con l’evoluzione dei processi e degli
equilibri naturali e favoriscano la ricostituzione della vegetazione spontanea autoctona;
e) gli interventi urgenti delle autorità di difesa del suolo e di protezione civile competenti
per la salvaguardia della incolumità delle persone e della conservazione dei beni a
fronte del verificarsi di eventi pericolosi o situazioni di rischi.
2. I progetti di cui al precedente comma 1, lett. b), c), d) ed e), devono essere corredati dallo
studio geologico di cui al successivo articolo 42, comma 2.
3. Gli interventi posti in essere con il rito della somma urgenza, da parte degli Organi
competenti in materia di difesa del suolo e di protezione civile, rivolti alla salvaguardia della
incolumità delle persone e alla conservazione dei beni, a seguito di eventi calamitosi o
situazioni di rischio eccezionali, devono essere comunicati all’Autorità, contestualmente all’inizio
dei lavori, affinché quest’ultima, se richiesto, possa mettere in atto ogni utile attività di
cooperazione e di supporto tecnico-scientifico.

CAPO II – AREE A RISCHIO DA FRANA

ARTICOLO 15
Disciplina delle aree a rischio molto elevato da frana (R4)
1. Nelle aree a rischio molto elevato da frana (R4) sono consentiti esclusivamente gli interventi
e le attività espressamente ammessi ai sensi del presente Titolo III – Rischio da frana.
2. Ferme restando le disposizioni generali per gli interventi ammissibili nelle aree a rischio da
frana di cui all'articolo 13, gli interventi previsti dal presente articolo e di seguito specificati,
devono essere attuati senza aumenti di superficie o volume utile, entro e fuori terra, e non
devono comportare aumento del carico urbanistico e/o insediativo.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 15 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

3. Nelle aree di cui al presente articolo, fermo restando quanto disposto dall’art. 13 comma 3, è
prioritario perseguire la delocalizzazione in aree a minore o nulla pericolosità o, in alternativa,
realizzare interventi complessivi di messa in sicurezza delle stesse.
4. Nelle aree perimetrate a rischio molto elevato da frana, fermo restando quanto previsto al
comma 3, sono esclusivamente consentiti, in relazione al patrimonio edilizio esistente:
a) la demolizione di edifici senza ricostruzione
b) la manutenzione ordinaria;
c) la manutenzione straordinaria, il restauro, il risanamento conservativo, ed interventi di
adeguamento igienico-sanitario;
d) interventi volti all’adeguamento alla vigente normativa antisismica;
e) l’installazione di impianti tecnologici essenziali;
f) gli interventi di sistemazione e manutenzione di superfici pertinenziali scoperte a
servizio di edifici esistenti;
g) l’adeguamento degli edifici alle norme vigenti in materia di eliminazione delle barriere
architettoniche ed in materia di sicurezza;
a) gli interventi di adeguamento e rifunzionalizzazione della rete scolante artificiale (fossi,
cunette stradali, ecc.).
b) manufatti non qualificabili come volumi edilizi.
5. Nelle aree perimetrate a rischio molto elevato da frana, in relazione alle opere pubbliche o di
interesse pubblico, sono ammessi altresì:
a) gli interventi necessari per l'adeguamento di opere e infrastrutture pubbliche e di
interesse pubblico;
b) gli interventi di adeguamento funzionale e prestazionale degli impianti esistenti di
depurazione delle acque e di smaltimento dei rifiuti, principalmente per aumentarne le
condizioni di sicurezza e igienico-sanitarie di esercizio o per acquisire innovazioni
tecnologiche;
c) la realizzazione di servizi a rete come disciplinati al successivo articolo 40.
6. I progetti di cui al comma 5, lett. a) e c) devono essere corredati dallo studio di
compatibilità geologica di cui all'articolo 42, asseverato, da tecnico abilitato.

ARTICOLO 16
Disciplina delle aree a rischio elevato da frana (R3)
1. Nelle aree a rischio elevato da frana (R3) oltre agli interventi e le attività previste nelle aree
a rischio molto elevato da frana, sono consentite, in relazione al patrimonio edilizio esistente:
a) gli interventi di ristrutturazione edilizia esclusa la demolizione con ricostruzione, che
non comportino aumento del carico urbanistico e/o insediativo;
b) la realizzazione di manufatti non qualificabili come volumi edilizi.
c) gli interventi di edilizia cimiteriale, a condizione che siano realizzati negli spazi interclusi
e nelle porzioni libere degli impianti cimiteriali esistenti;
2. I progetti di cui al comma 1 devono essere corredati dallo studio di compatibilità geologica
di cui all'articolo 42, asseverato da tecnico abilitato.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 16 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ARTICOLO 17
Disciplina delle aree a rischio medio e moderato da frana (R2 e R1)
1. Nelle aree a rischio medio da frana (R2), oltre agli interventi e le attività previste nelle aree
a rischio molto elevato ed elevato da frana, sono consentiti:
a) cambio di destinazione d’uso;
b) gli interventi di ristrutturazione edilizia;
c) gli interventi di ristrutturazione urbanistica;
d) le nuove costruzioni;
e) nuovi insediamenti produttivi;
f) nuove opere pubbliche o di interesse pubblico.
2. I progetti di cui al comma 1, lett. b), c), d), e) e f) devono essere corredati dallo studio di
compatibilità geologica di cui all'articolo 42, asseverato, da tecnico abilitato.
3. Nelle aree a rischio moderato da frana (R1) oltre agli interventi e le attività consentite nelle
aree a rischio molto elevato (R4), elevato (R3) e medio (R2) è consentito qualunque intervento
previsto dallo strumento urbanistico comunale o da altra pianificazione sovraordinata.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 17 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO IV - RISCHIO DA COLATA

CAPO I - PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A RISCHIO DA COLATA

ARTICOLO 18
Disposizioni generali per le aree a rischio da colata
1. Gli elaborati tecnici individuati nell’allegato A definiscono, per il territorio di competenza
dell’Autorità, le aree a rischio da colata molto elevato (R4), elevato (R3) e medio (R2).
2. In tutte le condizioni di rischio descritte al comma 1 si applicano, oltre a quelle del presente
Titolo IV – Rischio da colata, le disposizioni dei Titoli V – Aree a pericolosità idrogeologica - e
VI - Disposizioni per la tutela del territorio per l’assetto idrogeologico.
3. Nelle aree a rischio da colata continuano a svolgersi le attività antropiche ed economiche
esistenti alla data di adozione del PAI osservando le cautele e le prescrizioni disposte dalle
presenti norme.
4. Le costruzioni in ipogeo esistenti nelle aree a rischio da colata, ove agibili, possono
conservare la precedente destinazione d’uso solo a seguito di adeguamento alle prescrizioni
tecniche volte alla mitigazione della vulnerabilità di cui all'allegato I.
5. Ai fini della compatibilità, per tutte le nuove attività ed opere, va preliminarmente valutato il
livello di “rischio” da esse generato, attraverso gli “Schemi per l’attribuzione dei livelli di
rischio” di cui all’allegato B. Non sono consentite, in ogni caso, modifiche del territorio o
trasformazioni dei manufatti esistenti che comportino un aumento del rischio generato oltre la
soglia del “rischio accettabile – R2”, come definito all'articolo 2. Gli esiti di dette valutazioni
vanno riportate negli studi di compatibilità idraulica di cui all'articolo 41, laddove prescritti dalle
presenti norme.
6. Gli interventi consentiti a carico degli elementi antropici definiti a rischio da colata, devono
soddisfare, in ogni caso, i seguenti criteri:
a) non determinare un aumento della pericolosità da colata, né localmente né nei territori
circostanti, alterando significativamente il deflusso della colata rispetto a quanto previsto
negli elaborati di Piano, a scapito di elementi antropici limitrofi;
b) non pregiudicare le sistemazioni idrauliche ed idrogeologiche definitive né la
realizzazione degli interventi previsti dalla pianificazione di bacino.
7. Ai manufatti connotati da diversi livelli di rischio si applicano le disposizioni più restrittive,
salvo il caso in cui si dimostri, con apposita perizia asseverata redatta da tecnico abilitato che
le parti interessate dai livelli di rischio minore non risultino influenzabili dai fenomeni generanti
livelli di rischio superiori come individuati dal PAI.
8. Nelle aree perimetrate a rischio idraulico, a rischio da frana o a rischio da colata, le
prescrizioni ad esse relative si applicano contemporaneamente, ciascuna operando in funzione
della rispettiva finalità. Le disposizioni più restrittive prevalgono sempre su quelle meno
restrittive.
9. I criteri generali per la progettazione, la realizzazione e la manutenzione ordinaria e
straordinaria delle opere idrauliche e degli interventi di manutenzione dei corsi d’acqua, devono
far riferimento possibilmente alle tipologie costruttive riportate nel Quaderno opere tipo del PAI
e, comunque, tener conto dei contenuti di cui al Decreto Presidente della Giunta Regionale della
Campania n.574 del 22 luglio 2002.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 18 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ARTICOLO 19
Interventi per la mitigazione del rischio da colata
1. Nelle aree perimetrate a rischio da colata sono ammessi:
a) la manutenzione ordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
b) la manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
c) gli interventi idraulici e le opere idrauliche per la messa in sicurezza delle aree e per la
riduzione o l’eliminazione del rischio;
d) gli interventi di sistemazione e miglioramento ambientale finalizzati a ridurre il rischio,
che favoriscano tra l’altro la ricostruzione dei processi e degli equilibri naturali, il
riassetto delle cenosi di vegetazione riparia, la ricostituzione della vegetazione
spontanea autoctona. Tra tali interventi sono compresi i tagli di piante autorizzati
dall’autorità forestale o idraulica competente per territorio nell’ottica di assicurare il
regolare deflusso delle acque, in coerenza con quanto disposto dal Decreto Presidente
della Repubblica 14 aprile 1993, “Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante
criteri e modi per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica”;
e) gli interventi di sistemazione delle aree di possibile sviluppo dei fenomeni di colata
nonché le opere di difesa;
f) gli interventi urgenti delle autorità di difesa del suolo e di protezione civile competenti
per la salvaguardia dell’incolumità delle persone e della conservazione dei beni a fronte
del verificarsi di eventi pericolosi o situazioni di rischio.
2. I progetti di cui al precedente comma 1 lett. b), c) d), e) ed f) devono essere corredati
dallo studio idraulico di cui al successivo articolo 41 comma 2.
3. Gli interventi posti in essere con il rito della somma urgenza, da parte degli Organi
competenti in materia di difesa del suolo e di protezione civile, rivolti alla salvaguardia della
incolumità delle persone e alla conservazione dei beni, a seguito di eventi calamitosi o
situazioni di rischio eccezionali, devono essere comunicati all’Autorità, contestualmente all’inizio
dei lavori, affinché quest’ultima, se richiesto, possa mettere in atto ogni utile attività di
cooperazione e di supporto tecnico-scientifico.

CAPO II – AREE A RISCHIO DA COLATA

ARTICOLO 20
Disciplina delle aree a rischio molto elevato da colata (R4)
1. Nelle aree a rischio molto elevato da colata (R4) sono consentiti esclusivamente gli
interventi e le attività espressamente ammessi ai sensi del presente Titolo IV – Rischio da
colata.
2. Ferme restando le disposizioni generali per gli interventi ammissibili nelle aree a rischio da
colata di cui al precedente articolo 18, gli interventi previsti dal presente articolo devono essere
attuati senza aumenti di superficie o volume utile, entro e fuori terra, e senza aumento del
carico urbanistico e/o insediativo.
3. Nelle aree perimetrate a rischio da colata molto elevato, fermo restando quanto disposto
dall’art.18 comma 3, è prioritario perseguire la delocalizzazione in aree a minore o nulla
pericolosità o, in alternativa, realizzare interventi complessivi di messa in sicurezza delle stesse.
4. Nelle aree perimetrate a rischio da colata molto elevato, fermo restando quanto previsto al
precedente comma 3, sono esclusivamente consentiti, in relazione al patrimonio edilizio
esistente:

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 19 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

a) la demolizione di edifici senza ricostruzione;


b) la manutenzione ordinaria;
c) la manutenzione straordinaria, il restauro, il risanamento conservativo, ed interventi di
adeguamento igienico-sanitario;
d) interventi volti all’adeguamento alla vigente normativa antisismica;
e) l’installazione di impianti tecnologici essenziali;
f) gli interventi di sistemazione e manutenzione di superfici pertinenziali scoperte a
servizio di edifici esistenti;
g) l’adeguamento degli edifici alle norme vigenti in materia di eliminazione delle barriere
architettoniche ed in materia di sicurezza;
h) gli interventi di adeguamento e rifunzionalizzazione della rete scolante artificiale (fossi,
cunette stradali, ecc.);
i) manufatti non qualificabili come volumi edilizi.
5. Nelle aree perimetrate a rischio molto elevato da colata, in relazione alle opere pubbliche o
di interesse pubblico, sono ammessi altresì:
a) gli interventi di adeguamento funzionale e prestazionale degli impianti esistenti di
depurazione delle acque e di smaltimento dei rifiuti, principalmente per aumentarne le
condizioni di sicurezza e igienico-sanitarie di esercizio o per acquisire innovazioni
tecnologiche;
b) la realizzazione di servizi a rete non altrimenti localizzabili, come disciplinati al
successivo articolo 40
6. I progetti di cui al comma 5, lett. b) devono essere corredati dallo studio di compatibilità di
cui all'articolo 41, asseverato da tecnico abilitato.

ARTICOLO 21
Disciplina delle aree a rischio elevato da colata (R3)
1. Nelle aree a rischio elevato da colata (R3), oltre agli interventi e le attività consentite nelle
aree a rischio molto elevato da colata, sono consentiti gli interventi di edilizia cimiteriale, a
condizione che siano realizzati negli spazi interclusi e nelle porzioni libere degli impianti
cimiteriali esistenti.

ARTICOLO 22
Disciplina degli elementi antropici a rischio medio da colata (R2)
1. Per i servizi a rete classificati a rischio medio R2 da colata, sono consentiti gli interventi di
adeguamento e ristrutturazione.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 20 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO V – AREE A PERICOLOSITA’ IDROGEOLOGICA

CAPO I – PRESCRIZIONI COMUNI PER LE AREE A PERICOLOSITA’ IDROGEOLOGICA

ARTICOLO 23
Disciplina generale delle aree a pericolosità idraulica, da frana e da colata
1. Gli elaborati tecnici riportati nell’allegato A individuano, per il territorio di competenza
dell’Autorità, le aree a pericolosità idrogeologica come di seguito definite:
a) le aree a pericolosità idraulica:
- fascia fluviale A e/o alveo di piena ordinaria (molto elevata);
- fascia fluviale B1 (elevata);
- fascia fluviale B2 (media);
- fascia fluviale B3 (moderata);
- fascia fluviale C;
b) le aree a pericolosità da frana:
- P4 (molto elevata);
- P3 (elevata);
- P2 (media);
- P1 (moderata);
c) le aree a pericolosità da colata:
- P4 (molto elevata);
- P3 (elevata);
- ASC (Aree a suscettibilità da colate).
2. Le disposizioni del presente Titolo V – Aree a pericolosità idrogeologica - contengono, tra
l’altro, le prescrizioni generali dirette ad assicurare la prevenzione dai pericoli idrogeologici
impedendo trasformazioni territoriali che possano generare condizioni di rischio superiori alla
soglia di “rischio accettabile” di cui all'articolo 2.
3. Ai fini della compatibilità, per tutte le nuove attività ed opere, va preliminarmente valutato il
livello di “rischio” da esse generato, attraverso gli “Schemi per l’attribuzione dei livelli di
rischio” di cui all’allegato B. Tali valutazioni vanno riportate, a seconda della tipologia di rischio
generato, negli studi di compatibilità di cui agli articoli 41 e 42, laddove prescritti dalle presenti
norme.
4. Per gli elementi antropici presenti in aree classificate a pericolosità, e non rappresentati negli
elaborati cartografici del PAI, si applicano le disposizioni di cui ai Titoli II – Rischio Idraulico, III
– Rischio frane e IV – Rischio da colata, coerentemente con la tipologia e il livello di rischio che
viene loro attribuito sulla base delle tabelle di cui all’allegato B.
5. Nelle aree a pericolosità idrogeologica sono, in ogni caso, consentiti:
a) la manutenzione ordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
b) la manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e di sistemazione dei versanti;
c) gli interventi per la mitigazione della pericolosità idrogeologica;
d) gli interventi di riqualificazione ambientale;
e) gli interventi di somma urgenza posti in essere dalle autorità di difesa del suolo e di
protezione civile competenti per la salvaguardia di persone e beni a fronte di eventi
calamitosi imprevedibili o di particolare intensità. La natura e la tipologia di tali
interventi, nonché l’ubicazione delle relative opere, devono essere comunicati, per
opportuna conoscenza, all'Autorità.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 21 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

6. Gli interventi, di cui al comma 5 lett. b), c) e d) devono essere corredati da studi di
compatibilità idraulica e/o geologica di cui agli articoli 41 e 42.
7. Tutti gli interventi consentiti nelle aree a pericolosità idrogeologica non devono precludere la
possibilità di effettuare successivi interventi di mitigazione o sistemazione.
8. I criteri generali per la progettazione, la realizzazione e la manutenzione ordinaria e
straordinaria delle opere idrauliche e degli interventi di manutenzione dei corsi d’acqua, nonché
per quelli di sistemazione dei versanti, devono far riferimento possibilmente alle tipologie
costruttive riportate nel Quaderno opere tipo del PAI e, comunque, tener conto dei contenuti di
cui al D.P.G.R. Campania n.574 del 22 luglio 2002.

CAPO II – AREE A PERICOLOSITA’ IDRAULICA

ARTICOLO 24
Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale A
1. Negli alvei di piena ordinaria, oltre a quanto previsto dall'articolo 23, comma 5, sono
esclusivamente consentiti interventi di riqualificazione ambientale e fluviale, la sistemazione,
regimentazione, difesa e manutenzione idraulica e idraulico-forestale, come indicati e disciplinati
nell’allegato G punto 2.
2. Nelle aree ricomprese nella Fascia fluviale A, oltre a quanto previsto dal precedente comma
1, sono consentite opere di miglioramento agrario e fondiario, di rimboschimento, ed altri
interventi di qualificazione comunque denominati tesi alla riduzione del rischio idraulico o che,
comunque, non ne determinano un aggravio.
3. Gli interventi di cui ai commi 1 e 2, devono essere corredati dello studio idraulico di cui
all'articolo 41, comma 2.

ARTICOLO 25
Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale B
1. Nelle aree ricomprese nella fascia fluviale B1, fatto salvo quanto disciplinato al successivo
articolo 40, oltre alla realizzazione degli interventi possibili per le aree ricomprese in fascia
fluviale A, con la medesima disciplina di cui all'articolo 24, sono consentiti, esclusivamente,
volumi tecnici, purché ogni apertura o luce ingrediente sia posta ad almeno 0,5 m oltre la quota
del livello di piena centennale previsto per l'area d’intervento e sempre che non costituiscano
ostacolo al normale deflusso delle acque ed incremento della pericolosità nelle aree contigue.
2. Nelle aree ricomprese nella fascia fluviale B2 e B3 è ammesso, oltre a quanto previsto dal
comma 1, qualunque intervento previsto dallo strumento urbanistico comunale o altra
pianificazione sovraordinata, purché compatibili con le prescrizioni di cui all’articolo 8, comma 6.
I relativi progetti devono essere corredati dallo studio di compatibilità idraulica di cui all'articolo
41, asseverato da tecnico abilitato.

ARTICOLO 26
Disciplina delle aree a pericolosità idraulica comprese nella fascia fluviale C
1. Nelle aree definite come fascia C sono consentiti tutti gli interventi previsti dallo strumento
urbanistico comunale o altra pianificazione sovraordinata.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 22 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ARTICOLO 27
Disciplina dei corsi d’acqua non studiati mediante verifiche idrauliche
1. Relativamente ai corsi d'acqua del reticolo minore, per i quali non sono individuate fasce
fluviali, è fissata una fascia di rispetto pari alla larghezza del corso d'acqua, misurata dalle
sponde o dal piede esterno delle opere di difesa idraulica e, comunque, non inferiore a 10 m,
per ciascun lato. Salvo diverse disposizioni di legge più restrittive, entro tale fascia sono
consentiti interventi urbanistico – edilizi, a condizione che siano corredati di uno studio idraulico
di dettaglio, redatto secondo i criteri dell’allegato C. Su detto studio occorre acquisire il
preventivo parere dell’Autorità.

CAPO III – AREE A PERICOLOSITA’ DA FRANA

ARTICOLO 28
Disciplina delle aree a pericolosità da frana molto elevata e elevata (P4 e P3)
1. Nelle aree a pericolosità da frana molto elevata (P4) ed a pericolosità da frana elevata (P3),
oltre a quanto previsto dall'articolo 23, comma 5, e dall’articolo 48, comma 2, sono consentiti:
a) gli interventi di bonifica e di sistemazione delle aree di possibile innesco e sviluppo dei
fenomeni di dissesto;
b) gli interventi di sistemazione e miglioramento ambientale finalizzati a ridurre la pericolosità
dell’area;
c) la manutenzione ordinaria e straordinaria di muretti a secco e la realizzazione di manufatti
non qualificabili come volumi edilizi, strettamente connessi alle attività agricole.
2. Gli interventi di cui al comma 1, lett. a) e b) devono essere corredati dello studio di
compatibilità geologica di cui all'articolo 42.

ARTICOLO 29
Disciplina delle aree a pericolosità da frana media e moderata (P2 e P1)
1. Nelle aree a pericolosità da frana media (P2) e moderata (P1), è ammesso, oltre a quanto
previsto dall'articolo 28, qualunque intervento previsto dallo strumento urbanistico comunale o
altra pianificazione sovraordinata.
2. Gli interventi di cui al comma 1, quando ricadenti in aree a pericolosità media da frana (P2),
devono essere corredati dallo studio di compatibilità geologica di cui all'articolo 42, asseverato
da tecnico abilitato.

CAPO IV – AREE A PERICOLOSITA’ DA COLATA

ARTICOLO 30
Disciplina delle aree a pericolosità da colata molto elevata e elevata (P4 e P3)
1. Nelle aree a pericolosità da colata molto elevata (P4) e elevata (P3), oltre a quanto previsto
dall’articolo 23, comma 5, sono consentiti:

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 23 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

a) interventi di riqualificazione fluviale, sistemazione, regimazione, difesa e manutenzione


idraulica e idraulico-forestale, difesa dalle colate, come indicati e disciplinati nell’allegato
G punto 2;
b) opere di miglioramento agrario e fondiario, di rimboschimento, nonché interventi agricoli
e forestali comunque tesi alla riduzione del rischio idraulico e/o da colata e che,
comunque, non ne determinano un aggravio.
2. Gli interventi di cui al comma 1 devono essere corredati dello studio di compatibilità idraulica
di cui all'articolo 41.

ARTICOLO 31
Disciplina delle aree a suscettibili a fenomeni di colata (ASC)
1. Ai fini dell'applicazione della presente normativa, le “aree suscettibili a fenomeni di colata”
(ASC), in mancanza di studi di approfondimento che identificano i vari livelli di pericolosità da
colata conformemente alle indicazioni di cui agli allegati B ed F, vengono considerate come aree
connotate da pericolosità da colata molto elevata (P4) e sono disciplinate, pertanto, dalle
disposizioni di cui all'articolo 30.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 24 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO VI - DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DEL TERRITORIO PER


L’ASSETTO IDROGEOLOGICO

CAPO I - PRESCRIZIONI GENERALI PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO

ARTICOLO 32
Finalità e contenuti
1. Le disposizioni del presente Titolo contengono prescrizioni generali nonché indicazioni in
materia di assetto e gestione del territorio, destinazioni di uso del suolo, criteri di realizzazione
di interventi e modi di esercizio di attività economiche o altre attività antropiche, allo scopo di
assicurare la prevenzione dai pericoli idrogeologici nel territorio dell’Autorità e di impedire il
crearsi di nuove situazioni di rischio a carico degli elementi definiti vulnerabili dal Decreto
Presidente Consiglio dei Ministri 29 settembre 1998 o dal presente PAI.

ARTICOLO 33
Costruzioni in ipogeo - disposizioni generali
1. Le costruzioni in ipogeo esistenti nelle aree a rischio idraulico e da colata, ove agibili,
possono conservare la precedente destinazione d’uso solo a seguito di adeguamento alle
prescrizioni tecniche volte alla mitigazione della vulnerabilità di cui all'allegato I.

ARTICOLO 34
Principi per la prevenzione del rischio idrogeologico in materia di protezione civile
1. Secondo quanto disposto dall’articolo 67, comma 6, del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, entro il
termine stabilito dal comma 5 del medesimo articolo, gli Enti competenti provvedono a
predisporre, per le aree a rischio idrogeologico molto Elevato R4 ed Elevato R3, piani urgenti di
emergenza contenenti le misure per la salvaguardia dell'incolumità delle popolazioni
interessate, compreso il preallertamento, l'allarme e la messa in salvo preventiva.
2. I piani di Emergenza di cui al comma 1 sono soggetti, ai sensi dell’articolo 7 delle presenti
norme, a parere dell’Autorità al fine della verifica di congruenza con gli scenari del PAI.

ARTICOLO 35
Criteri per le azioni di riqualificazione ambientale e di recupero naturalistico
1.Gli interventi in materia di difesa del suolo devono essere progettati e realizzati anche in
funzione della salvaguardia e della promozione della qualità dell’ambiente ai sensi della
normativa vigente.
2. Quando l’intervento prevede la costruzione di opere, è necessario adottare metodi di
realizzazione tali da non compromettere in modo irreversibile le funzioni biologiche
dell’ecosistema in cui sono inserite arrecando il minimo danno possibile alle comunità vegetali
ed animali presenti, rispettando contestualmente i valori paesaggistici dell’ambiente fluviale,
vallivo, collinare, montano e litoraneo.
3. Nel momento della progettazione preliminare, devono essere esaminate diverse soluzioni,
tenendo conto, nella valutazione costi-benefici, anche di tipo ambientale, optando per la
soluzione che realizza il miglior grado di integrazione tra i diversi obiettivi.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 25 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

4. Gli interventi di riqualificazione e recupero ambientale promossi dall’Autorità e dalle


amministrazioni competenti nelle aree di interesse del presente Piano, rispondono, tra l’altro,
alle finalità di ripristinare le zone umide e i corridoi e le reti ecologiche, sviluppare la
biodiversità e le specie vegetali autoctone, rispettando i processi spontanei naturali.

ARTICOLO 36
Esercizio delle attività agricole
1 Al fine di prevenire l’insorgenza di condizioni di pericolosità e di rischio nell’esercizio delle
attività agricole sul territorio vanno sviluppati ed incentivati:
a) metodi di irrigazione compatibili con le esigenze dell’equilibrio idrogeologico dei
terreni individuati a rischio dall’Autorità;
b) metodi di coltivazione estensiva;
c) gli impianti arborei;
d) tecniche di inerbimento su versanti collinari;
2. Tutti i nuovi interventi di natura agricola o miglioramento fondiario dei versanti devono
essere realizzati senza comportare esboschi né modifiche della morfologia dei luoghi tali da
compromettere le condizioni di stabilità.
3. Sono favorite azioni anche coordinate con altri enti pubblici con l’obiettivo di:
a) contenere gli effetti negativi di alcune tecniche agricole sull’equilibrio idrogeologico dei
terreni;
b) avviare sperimentazioni di turnazioni di riposo nella lavorazione dei terreni;
c) ammodernare i sistemi irrigui;
d) trasformare determinati seminativi in prati permanenti o pascoli;
e) introdurre le minime lavorazioni meccaniche del suolo per la conservazione della
struttura e l’accrescimento ponderale della materia organica dei suoli;
f) promuovere l’adozione delle più adeguate tipologie di sistemazione superficiale dei suoli
di montagna e di collina.

ARTICOLO 37
Esercizio delle attività silvo-colturali
1. Entro la fascia di rispetto di dieci metri dalle sponde, al fine di disciplinare gli interventi sulla
vegetazione che avvengono anche in occasione di specifiche attività di manutenzione e
contenimento delle stesse, è essenziale:
a) verificarne la compatibilità idraulica; la progettazione deve prevedere la conservazione
delle caratteristiche di naturalità degli ambienti fluviali;
b) in linea di massima la vegetazione va sempre mantenuta, soprattutto nelle zone di
espansione naturale dove si può sviluppare una vegetazione più “matura”;
c) ove è dimostrabile che la vegetazione interferisca con gli eventi di piena, si può
ricorrere ad interventi mirati, volti a mantenere le associazioni vegetali in condizioni
“giovanili ” ed al taglio degli individui ad alto fusto morti, pericolanti o debolmente
radicati;
d) nel caso di tagli di sfollamento, per evitare che i parametri ambientali, irraggiamento,
temperatura, umidità, ecc., varino repentinamente al taglio della vegetazione,
provvedere ad alternare la manutenzione sulle due sponde effettuandola in tempi
diversi.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 26 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

2. Tutti i nuovi interventi di natura forestale devono essere realizzati senza comportare
esboschi né modifiche della morfologia dei luoghi tali da compromettere le condizioni di
stabilità.
3. In tutte le aree di interesse del PAI sono ammesse le opere di miglioramento del patrimonio
forestale. I rimboschimenti devono avere forma ed andamento irregolari ogni qualvolta
l’andamento e le caratteristiche dei terreni lo consentano e non devono aumentare le
condizioni di pericolo o di rischio. Nel caso di aree boscate governate a regime ceduo, semplice
o composto, l’obiettivo è la conversione in fustaia disetanea e comunque il taglio deve essere
limitato a particelle di dimensione ridotta, e va effettuato parallelamente alle curve di livello. Si
consiglia la ripetizione di tagli ogni 10 anni con rilascio delle matricine migliori (tra 80 e 100
piante per ettaro). Le matricine dette anche “riserve” o “salve” devono assolvere le seguenti
funzioni:
a) provvedere alla disseminazione naturale per avere piante nate da seme le quali
sostituiscono man mano le ceppaie che si esauriscono assicurando il mantenimento
della normale densità e produttività del ceduo;
b) proteggere il ceduo dall’eccessivo irraggiamento e dal vento, specialmente nel primo
periodo di sviluppo dei polloni;
c) fornire legname da opera. In questo modo, nel periodo medio di 30 – 40 anni, si
otterrà la sostituzione del ceduo con la fustaia.
Le matricine da rilasciare, nelle aree perimetrate ad innesco dei fenomeni franosi, devono
essere scelte prevalentemente tra le latifoglie decidue ad apparato radicale più robusto e
profondo.
Il pascolo va comunque escluso in tutte le aree soggette ad incendio o nelle aree boschive
trattate a taglio raso e comunque non prima che l’altezza media arborea abbia raggiunto i due
metri d’altezza. Per tutti i casi non contemplati valgono le prescrizioni di polizia forestale
previste dalla legislazione vigente.

ARTICOLO 38
Disciplina delle attività estrattive
1. Ai sensi dell’articolo 7, comma 1, lett. l) delle presenti Norme di Attuazione, le varianti al
Piano Regionale delle Attività Estrattive (P.R.A.E.) devono essere sottoposte al parere
dell’Autorità di Bacino.
2. Per le aree individuate nelle carte della pericolosità e del rischio con la dicitura “area di
cava/sbancamento”, sono consentite le attività estrattive già autorizzate. Le necessarie verifiche
sono deputate ai Settori Provinciali del Genio Civile, competenti in materia di attività estrattive,
secondo quanto disposto dall’articolo 118 del D.P.R. n.128 del 9 aprile 1959 e della relativa
normativa regionale.
3. Ove l’ “area di cava/sbancamento”, di cui al comma 2, corrisponda a cava dismessa,
abbandonata, a cava non autorizzata o comunque a sbancamento in genere, l’utilizzo della
stessa ai fini non estrattivi, è subordinato alla definizione univoca delle condizioni di pericolosità
e rischio presenti all’interno dell’area stessa derivanti, anche, dalle condizioni di pericolosità e
rischio al contorno e da proporre mediante la procedura prevista dall'articolo 46.
4. Per il rilascio dell’autorizzazione e/o della concessione per l’apertura di nuove cave, così
come regolato dalle Norme di Attuazione (N.d.A.) del P.R.A.E., il progetto deve contenere uno
studio di compatibilità idraulica e/o geologica ai sensi dei successivi articoli 41 e 42 e deve
essere sottoposto al parere di competenza dell’Autorità.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 27 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

5. Per le definizioni riguardanti l’attività estrattiva di cui al presente articolo, si fa esplicito


riferimento a quelle richiamate all’articolo 3 della norma di attuazione del PRAE Campania.

ARTICOLO 39
Disciplina delle opere in sotterraneo e interrate
1. Nelle aree classificate a pericolosità/rischio da frana, è consentita la realizzazione di opere in
sotterraneo ed interrate, così come definite dall’art. 2, comma 1) lett. g) ed h) delle presenti
Norme di Attuazione, purché siano soddisfatte le seguenti condizioni :
 sia assente qualsiasi tipo di interferenza dell’opera con eventuali superfici di scorrimento
di frane e con il reticolo idrografico;
 sia verificata l’interferenza tra gli imbocchi e le altre luci ingredienti i locali interrati o
sotterranei, con le eventuali situazioni, dirette ed indirette, di pericolosità/rischio dei
versanti;
2. Gli elaborati del progetto definitivo, come meglio specificato nell’allegato E, dovranno
contenere:
 descrizione dettagliata dei metodi di scavo e degli opportuni accorgimenti tecnico-
costruttivi finalizzati a garantire, anche in fase realizzativa, la stabilità oltre che dei
versanti anche dei manufatti al contorno;
 caratterizzazione geotecnica dei terreni e/o rocce impegnate dagli scavi
 valutazione della vulnerabilità dell’intera opera, comprese le opere di superficie (ingressi
carrabili e pedonali, aperture di ventilazione, ecc.), con la previsione di tutti gli
accorgimenti tecnico-costruttivi e gestionali mirati a mitigare eventuali condizioni di
pericolosità al contorno;
 valutazione della fattibilità dell’intervento in condizioni di sicurezza sia in fase di
realizzazione che 'post operam';
 eventuali piani di monitoraggio strumentale dell’opera nonché dei manufatti preesistenti
prossimi allo scavo.
3. Il progetto definitivo delle opere di cui al comma 1 deve essere corredato dallo studio di
compatibilità geologica di cui articolo 42 da redigere in conformità dell’allegato E.

ARTICOLO 40
Disciplina per le infrastrutture ed impianti a rete pubblici o di interesse pubblico
1. Nelle aree classificate a pericolosità e/o rischio idrogeologico, fermo restando quanto previsto
dagli artt. 10, 15 e 20, è consentita la realizzazione, l’ampliamento e la ristrutturazione di
impianti tecnologici a rete, pubblici o di interesse pubblico, riferiti a servizi essenziali e/o non
altrimenti localizzabili, purché sia salvaguardata l’integrità dell’opera.
2. Nelle aree classificate a pericolosità e/o rischio idraulico gli attraversamenti di impianti a rete
in sotterraneo, devono essere realizzati in conformità di quanto previsto all’allegato G, punto
3.2; in caso di dimostrata impossibilità tecnica è concessa la realizzazione di un
attraversamento aereo secondo le modalità di cui all’allegato G, punto 3.1. Dette opere devono
essere corredate dallo studio di compatibilità idraulica di cui al successivo articolo 41.
3. Nelle aree classificate a pericolosità e/o rischio idrogeologico, fermo restando quanto previsto
dagli artt. 10, 15 e 20, è consentita la realizzazione, l’ampliamento e la ristrutturazione di
infrastrutture di trasporto stradale, ferroviario, a fune, a cremagliera ecc…, pubbliche o di
interesse pubblico, non altrimenti localizzabili, purché siano soddisfatte le seguenti condizioni
relative a ciascuna fattispecie di pericolosità/rischio idrogeologico:

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 28 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

a) nelle aree a pericolosità/rischio idraulico, in corrispondenza degli alvei di piena ordinaria


gli attraversamenti stradali e ferroviari siano progettati adeguandosi alle prescrizioni di
cui all'allegato G punto 3; in corrispondenza della fascia B1 l’asse viario dovrà essere
realizzato in modo da non interferire con le aree alluvionabili relative a tale fascia,
adeguandosi alle prescrizioni di cui all’allegato G punto 3.1;
b) nelle aree a pericolosità/rischio da colata molto elevato ed elevato, siano adottate
idonee soluzioni tecniche atte a ridurre la vulnerabilità delle strutture e a prevenire
danni, anche attraverso l’adozione di sistemi di monitoraggio e blocco del traffico in caso
di avvenuto innesco di fenomeni di colata secondo le indicazioni di cui all’allegato I;
c) nelle aree a pericolosità/rischio da frana molto elevato ed elevato, siano adottate
soluzioni tecnico – costruttive e gestionali mirate a mitigare le condizioni di pericolosità,
oltre a soluzioni tecniche atte a ridurre la vulnerabilità delle strutture.
4. I progetti degli interventi di cui al comma 3, ricadenti nelle aree indicate alle lett. a) e b),
devono essere corredati dallo studio idraulico di cui all'articolo 41 comma 2; i progetti degli
interventi di cui al comma 3, ricadenti nelle aree indicate alla lett. c) devono essere corredati
dallo studio geologico di cui all'articolo 42 comma 2.
5. Gli interventi di cui ai precedenti comma sono, in ogni caso, ammissibili solo a condizioni che
non aumentino le condizioni di rischio e pericolosità.

ARTICOLO 41
Studio di compatibilità idraulica/Valutazione pericolosità-rischio residuo
1. Nei casi espressamente previsti dalle presenti norme, i progetti relativi ad interventi (opere,
manufatti, infrastrutture ecc.) ricadenti in aree a pericolosità/rischio idraulico e/o da colata sono
corredati da uno studio di compatibilità idraulica, contenente valutazioni e verifiche
sull’ammissibilità, la natura e l'importanza qualitativa e quantitativa degli effetti di ciascun
progetto sullo scenario idraulico definito negli elaborati costituenti il PAI. Le Amministrazioni
preposte all’approvazione dei progetti, prima del rilascio del titolo abilitante alla esecuzione degli
interventi, verificano, che i progetti siano corredati, ove richiesto, dal predetto studio di
compatibilità debitamente asseverato, da tecnico abilitato, o che sugli stessi sia stato acquisito il
preventivo parere dell’Autorità se espressamente previsto dalle presenti norme. Gli studi di
compatibilità idraulica sono predisposti secondo le indicazioni dell'allegato C alle presenti norme.
2. Nei casi espressamente previsti dalle presenti norme, i progetti relativi ad interventi di
mitigazione che comportano significative variazioni dei livelli di pericolosità/rischio idraulico sono
corredati da uno studio idraulico e da una valutazione della pericolosità/rischio residuo secondo
le indicazioni di cui all'allegato C alle presenti norme.

ARTICOLO 42
Studio di compatibilità geologica/Valutazione pericolosità-rischio residuo
1. Nei casi espressamente previsti dalle presenti norme, i progetti relativi ad interventi (opere,
manufatti, infrastrutture, ecc) ricadenti in aree a pericolosità/rischio da frana sono corredati da
uno studio di compatibilità geologica, contenente valutazioni e verifiche sull’ammissibilità, la
natura e l'importanza qualitativa e quantitativa degli effetti di ciascun progetto sullo scenario di
pericolosità/rischio da frana definito negli elaborati costituenti il PAI Le Amministrazioni
preposte all’approvazione dei progetti, prima del rilascio del titolo abilitante alla esecuzione degli
interventi, verificano, che i progetti siano corredati, ove richiesto, dal predetto studio di
compatibilità debitamente asseverato da tecnico abilitato, o che sugli stessi sia stato acquisito il

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 29 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

preventivo parere dell’Autorità se espressamente previsto dalle presenti norme. Gli studi di
compatibilità geologica sono predisposti secondo le indicazioni di cui all'allegato E alle presenti
norme.
2. Nei casi espressamente previsti dalle presenti norme, i progetti relativi ad interventi di
mitigazione che comportano significative variazioni dei livelli di pericolosità/rischio da frana sono
corredati da uno studio geologico e da una valutazione della pericolosità/rischio residuo secondo
le indicazioni di cui all'allegato E alle presenti norme.

ARTICOLO 43
Gestione del Vincolo Idrogeologico (Regio Decreto Legge del 30/12/1923, n° 3267)

1. Nelle aree classificate a pericolosità e rischio idrogeologico la normativa recata dal PAI
prevale sui provvedimenti rivolti alla esenzione totale o parziale del vincolo idrogeologico (ex
articolo 12 del Regio Decreto Legge del 30 dicembre 1923, n°3267) da parte delle Autorità
competenti.

ARTICOLO 44
Attività di ricognizione e di polizia idraulica
1. Ai sensi della vigente normativa, ogni qualvolta si verifichino eventi alluvionali e dissesti
idrogeologici, l’Autorità, nell’ambito del territorio di propria competenza, coordina le attività
straordinarie di ricognizione, di cui alla Legge 11 dicembre 2000, n. 365, lungo i corsi d’acqua e
le relative pertinenze, nonché nelle aree demaniali, attraverso sopralluoghi finalizzati al
rilevamento delle situazioni che possono determinare maggiore pericolo, incombente e
potenziale, per le persone e le cose ed ad identificare gli interventi di manutenzione più urgenti.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 30 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

TITOLO VII - ATTUAZIONE E MODIFICHE DEL PIANO

ARTICOLO 45
Vigilanza e strumenti di attuazione del Piano
1. L’Autorità è preposta all’attuazione del Piano nei modi e sensi previsti dalla legge e secondo
le competenze ivi stabilite.
2. I mezzi di attuazione del PAI sono:
a) gli interventi identificati negli elaborati di Piano di cui all'articolo 3;
b) i programmi triennali di intervento predisposti dall'Autorità, nonché i programmi
straordinari, con contenuti e graduazione delle priorità che la stessa Autorità desume dal
quadro generale degli interventi;
c) gli interventi previsti dai programmi triennali sono di norma attuati in forma integrata e
coordinata dai soggetti competenti, in base a convenzioni, intese, atti e contratti di
diritto privato ed accordi di programma ai sensi dell'articolo 34 del D.L. 18 agosto 2000,
n. 267;
d) le attività dell'Autorità per la ricerca e l'acquisizione delle risorse disponibili all'interno di
programmi comunitari, nazionali e regionali, anche nel quadro delle azioni di
programmazione negoziata, intese istituzionali, accordi di programma allo scopo di
promuovere o realizzare interventi per la tutela idrogeologica nel bacino;
e) la promozione e l'adozione di provvedimenti amministrativi, anche non previsti dal PAI,
di competenza dell'Autorità, della Regione Campania, della Provincia, degli enti locali
nonché di amministrazioni diverse anche di livello statale, allo scopo di assicurare il
raggiungimento delle finalità del Piano;
3. L'Autorità ogni sei mesi:
a. predispone il monitoraggio sui programmi di intervento disposti ai sensi della vigente
normativa;
b. analizza le interazioni con il territorio interessato e l’efficacia rispetto alle prescrizioni del
PAI;
c. elabora ed imposta le misure e le rettifiche anche non comportanti varianti al Piano.
4. In caso di inerzia o grave ritardo da parte degli Enti interessati nella esecuzione degli
interventi previsti, dal programma di cui al comma 2 del presente articolo, nelle aree a
pericolosità/rischio idrogeologico, nonché dai piani triennali o straordinari, l’Autorità può
invocare i poteri di intervento sostitutivo ai sensi della vigente normativa.

ARTICOLO 46
Aggiornamento variazione e modifiche del Piano
1. Il PAI può essere aggiornato, integrato e sottoposto a varianti dall’Autorità, anche a seguito
d’istanze di altri soggetti pubblici i quali avranno anche il compito di trasmettere le eventuali
richieste di soggetti privati, corredate da documentazione e rappresentazioni cartografiche
idonee; tali elaborati dovranno essere sviluppati con le stesse procedure necessarie per la sua
adozione ed approvazione, in relazione a:
a) studi specifici corredati da indagini ed elementi conoscitivi di maggior dettaglio;
b) nuovi eventi idrogeologici in funzione dei quali sia modificato lo scenario della
pericolosità/rischio idrogeologico;
c) nuove emergenze ambientali;
d) significative modificazioni di tipo agrario-forestale sui versanti o incendi su grandi

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 31 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

estensioni boschive;
e) realizzazione di interventi di mitigazione che comportano significative variazioni dei
livelli di pericolosità/rischio idrogeologico;
f) acquisizione di nuove conoscenze in campo scientifico e tecnologico;
2. Le proposte di variante al PAI devono essere redatte in conformità di quanto previsto
all’allegato F.
3. Il PAI ha valore a tempo indeterminato ed è comunque periodicamente aggiornato con le
stesse procedure necessarie per la sua adozione ed approvazione.
4. Le modifiche degli allegati tecnici del Piano che hanno carattere di riferimento conoscitivo, o
di metodologia scientifico-tecnica, e non aventi natura normativa, non costituiscono varianti del
Piano e sono approvate dal Comitato Istituzionale dell’Autorità senza l’osservanza delle
procedure di cui al comma 1.
5. Il Comitato Istituzionale dell’Autorità, in funzione delle acquisizioni di nuove conoscenze ed in
funzione di esigenze sopravvenute, senza che ciò costituisca variante al PAI, può deliberare in
qualsiasi momento l'integrazione o la modifica del quadro degli interventi delineato dal PAI
6. Al fine di consentire gli adempimenti previsti dalla presente normativa, a partire dalla data di
adozione del PAI, è fatto obbligo ai Comuni di trasmettere:
a) la documentazione riguardante indagini geognostiche effettuate ai sensi delle vigenti
disposizioni normative;
b) gli studi di compatibilità idraulica e geologica sugli interventi ricadenti nel territorio di
competenza, che non rientrano tra quelli sui quali l’Autorità è tenuta ad esprimere
parere;
7. Ai fini dell’aggiornamento degli scenari di pericolosità/rischio idrogeologico, le
Amministrazioni proponenti trasmettono i dati relativi a nuove situazioni di pericolosità/rischio
idrogeologico, alla esecuzione e collaudo di interventi di mitigazione, alla esecuzione di opere
prescritte dall’Autorità nei pareri resi ai sensi delle vigenti leggi.
8. È fatto obbligo ai Comuni di trasmettere all’Autorità ogni aggiornamento cartografico ed ogni
variazione dello stato territoriale al fine di consentire gli aggiornamenti al PAI
(aggiornamenti/varianti strumenti urbanistici, Decreto del Presidente della Repubblica 20
ottobre 1998, n. 447 articolo 5, ecc..).
9. Tutti gli elaborati di cui ai commi precedenti devono essere trasmessi all'Autorità oltre che in
forma cartacea anche in formato digitale editabile e georiferito nel sistema UTM-WGS84 fuso
33N.

ARTICOLO 47
Programmazione finanziaria
1. L'Autorità predispone il Piano finanziario per l'attuazione del PAI, definisce i fabbisogni per la
realizzazione degli interventi previsti ed in particolare precisa le forme di diversificazione delle
risorse utilizzabili mettendo anche in evidenza i tempi ed i costi di investimento, i costi di
gestione ed i potenziali benefici di ciascun intervento.

ARTICOLO 48
Norme di rinvio
1. Per la salvaguardia e la tutela della fascia costiera di competenza si rinvia alle vigenti
“Misure di salvaguardia della Costa”, fatta salva l’applicazione, in ogni caso, delle norme del
presente Piano ove più restrittive.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 32 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

2. Nelle more della redazione del Piano Stralcio di Tutela della Costa, lo svolgimento di attività
turistico-balneari prossime alla costa, anche mediante strutture amovibili stagionali, in aree a
pericolosità/rischio da frana, è subordinato all’accertamento di cui all’allegato L.
3. Per ogni ulteriore profilo di prevenzione del rischio in materia di attività estrattiva si rinvia,
per quanto non stabilito nel presente Piano, al Piano delle Attività Estrattive (P.R.A.E.).
4. Nelle more della redazione di specifiche misure di salvaguardia per la tutela e la gestione
quantitativa delle risorse idriche nell'alveo di piena ordinaria sono consentite le derivazioni
idriche a condizione che non siano variate le condizioni di pericolosità e rischio e fermo restante
gli adempimenti di cui all’articolo 115 Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
5. Sul territorio di competenza di questa Autorità, come individuato al precedente articolo 4, i
progetti relativi a nuove costruzioni, nuovi insediamenti produttivi, nuove opere pubbliche o di
interesse pubblico devono essere, in relazione all’entità dell’intervento, corredati della seguente
documentazione:
a) calcolo del fabbisogno idrico effettuato in relazione alle esigenze scaturenti dalla tipologia
dell’intervento, ovvero in funzione del numero di abitanti equivalenti, con attestazione del
suo soddisfacimento resa dall’Ente erogatore del servizio;
b) calcolo dei reflui, sia essi meteorici, che civili e/o industriali con dimensionamento e
verifica di massima delle reti di scarico, previsione delle eventuali opere di trattamento e
smaltimento, indicazione dei recapiti finali, sia essi sistemi di reti fognari ovvero a tenuta,
che impluvi naturali, in tale ultimo caso eventuale calcolo di verifica idraulica del corpo
ricettore commisurato all’entità della portata da smaltire – il tutto nel rispetto del D.Lvo
152/06 e successive modifiche e/o integrazioni;
c) assenso da parte dell’Ente Deputato a ricevere i calcolati reflui, sia in caso di collettore
fognario che di impianto di depurazione e, nel caso di smaltimento statico, dichiarazione di
periodico espurgo da parte di ditta autorizzata. Per eventuali immissioni in alvei, previsione
di adeguate opere di protezione allo sbocco;
6. L'Autorità promuove specifiche intese con le altre Autorità di Bacino al fine di garantire una
gestione integrata e coordinata del territorio, soprattutto, per i comuni e le provincie il cui
territorio ricade nella gestione di più Autorità. Per tale finalità si provvederà con successivo
provvedimento, d'intesa tra le parti a disciplinare forme coordinate d'istruttoria per l'esame dei
progetti e dei piani interessanti più Autorità.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 33 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATI

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 34 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO A - ELABORATI DEL PIANO PER L’ASSETTO IDROGEOLOGICO


CODICE ELABORATO NUMERO
SEZIONE ELABORATO
STAMPA ELABORATI
Carta degli elementi antropici (scala 1:5.000) D_ELANT_XXXXXX 111
Carta degli elementi antropici - aree vincolate (scala
D_VINC_XXX 11
URBANISTICA 1:25.000)
CODICE "D" Carta del danno potenziale atteso (scala 1:5.000) D_DPA_XXXXXX 111
Relazione tecnica “elementi antropici e danno potenziale
D_RLZ 1
atteso”
Carta inventario dei dissesti segnalati (scala 1:25.000) F_I_INVDSS_XXX 11
Carta inventario delle indagini disponibili (scala 1:5.000) F_INVIND_XXXXXX 46
Raccolta delle indagini geognostiche disponibili F_INVIND_DATI 1

Carta geolitologico - strutturale con indicazioni


F_GLT_XXXXXX 111
idrogeologiche (scala 1:5.000)

Carta degli spessori delle coperture detritico-piroclastiche


F_SPS_XXXXXX 111
(scala 1:5.000)

GEOLOGIA Carta delle pendenze dei versanti (scala 1:25.000) F_PND_XXX 11


CODICE "F"
Carta geomorfologica finalizzata alla valutazione della
F_GMRF_XXXXXX 111
pericolosità da frana (scala 1:5.000)
Carta inventario dei fenomeni franosi e della relativa
intensità in funzione delle massime velocità attese (scala F_INVFRN_XXXXXX 83
1:5.000)
Schede IFFI F_IFFI_DATI 1
Carta della pericolosità da frana (scala 1:5.000) F_PRCL_XXXXXX 111
Carta del rischio da frana (scala 1:5.000) F_RIS_XXXXXX 111
Relazione tecnica pericolosità e rischio da frana F_RLZ 1
Carta delle aree inondabili (scala 1:5.000) I_AI_XXXXXX 52
Carta delle fasce fluviali e del reticolo idrografico (scala
I_FFI_XXXXXX 109
1:5.000)
Carta del rischio idraulico (scala 1:5.000) I_RIS_XXXXXX 52
Carta della pericolosità da colata (scala 1:5.000) I_PC_XXXXXX 35
Carta del rischio da colata (scala 1:5.000) I_RC_XXXXXX 35
Relazione tecnica rischio idraulico e da colata I_RLZ 1
IDRAULICA Carta dell’ubicazione delle portate di piano (scala
CODICE "I" I_SQP_XXX 11
1:25.000)
Perimetrazione della “fascia di mobilità funzionale “ lungo
il tratto di asta fluviale campione del T. Prepezzano (scala
I_FMF_TAVX 2
1:5.000)

Analisi dell’evoluzione storica dell’alveo del T. Prepezzano


I_FMFCOS 1
(scala 1:5.000)
Relazione tecnica sulla perimetrazione della “fascia di
mobilità funzionale “ lungo il tratto di asta fluviale I_FMF_REL 1
campione del T. Prepezzano
XXX = numero sezione I.G.M. - XXXXXX = numero elemento Carta Tecnica Regione Campania
TAVX = numero progressivo tavola (TAV1, TAV2, ecc.)

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 35 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

CODICE NUMERO
SEZIONE ELABORATO ELABORATO ELABORATI
STAMPA

Carta inventario delle opere idrauliche (scala 1:25.000) I_IOI_3400 1

Carta inventario delle stazioni pluviometriche (scala 1:100.000) I_ISP_3403 1


Dati pluviometrici ed idrometrici: (piogge di breve durata e notevole
intensità)
Dati pluviometrici ed idrometrici: (piogge cumulate 1 – 5 giorni)
I_DPI_3404 4
Dati pluviometrici ed idrometrici: (portata)
Dati pluviometrici ed idrometrici: (pioggia oraria)
Analisi dei principali eventi pluviometrici ed idrometrici del passato I_API_3405 1
Monografia delle curve di probabilità pluviometriche I_MCPP_3406 1
Carta delle zone e sottozone pluviometriche
I_ZSP_3407 1
(scala 1:100.000)
Carta dei bacini idrografici (scala 1:25.000) I_BI-3408 4
Monografia delle caratteristiche geomorfometriche dei bacini I_MGB_3409 1
Curve ipsometriche dei bacini e sottobacini I_CIBS_3410 1
Profili speditivi dei corsi d’acqua principali (T.Asa, T.sambuco Regina
Maior, T.Prepezzano, F.fuorni, T. Sordina, F.Irno, V.Cornea,T..Bonea,
I_PS_3411 3
T.Dragone, T. grevone, F.Tusciano, Fiume Picentino)
(scala 1:25.000)/ (scala 1:5.000)
Relazione Idrologica I_RI_3412 1
Data-base afferente le opere idrauliche esistenti, progetti e studi I_DOI_3413 1

Monografia relativa al censimento, acquisizione ed informatizzazione


I_MRA_3414 1
dei rilievi aerofotogrammetrici e topografici esistenti
IDRAULICA
CODICE "I" Data-base consistente nella raccolta, catalogazione ed analisi
I_DASA_3416 1
qualiquantitativa dei dati storici di allagamento
Monografia delle situazioni critiche I_MSC_3417 1
Monografie di calcolo dei Comuni
I_MCC_3422-1 Acerno
I_MCC_3422-2 Agerola
I_MCC_3422-3 Amalfi
I_MCC_3422-4 Atrani
I_MCC_3422-5 Baronissi
I_MCC_3422-6 Battipaglia
I_MCC_3422-7 Bellizzi
I_MCC_3422-8 Castiglione del Genovesi
I_MCC_3422-9 Cava de Tirreni
I_MCC_3422-10 Cetara
I_MCC_3422-11 Conca dei Marini
I_MCC_3422-12 Furore
I_MCC_3422-13 Giffoni sei Casali I_MCC_3422_nn 33
I_MCC_3422-14 Giffoni Valle Piana
I_MCC_3422-15 Maiori
I_MCC_3422-16 Massa Lubrense
I_MCC_3422-17 Minori
I_MCC_3422-18 Montecorvino Pugliano
I_MCC_3422-19 Montecorvino Rovella
I_MCC_3422-20 Olevano sul Tusciano
I_MCC_3422-21 Pellezzano
I_MCC_3422-22 Pontecagnano Faiano
I_MCC_3422-23 Positano
I_MCC_3422-24 Praiano
I_MCC_3422-25 San Cipriano Picentino
I_MCC_3422-26 San Mango Piemonte

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 36 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

I_MCC_3422-27 Salerno
I_MCC_3422-28 Scala
I_MCC_3422-29 Tramonti
I_MCC_3422-30 Vietri sul Mare
I_MCC_3422-31 Ravello
I_MCC_3422-32 Piano di Sorrento
I_MCC_3422-33 Vico Equense
34XX = numero elaborato P.S.A.I. adottato con delibera del Comitato Istituzionale n. 80 del 17.10.2002 e non
modificato con la variante generale

CODICE
NUMERO
SEZIONE ELABORATO ELABORATO
ELABORATI
STAMPA
Carta dei tipi idro-geomorfologici con indicazione della
P_IGMRFPD_TAVX 4
pedologia delle coperture (scala 1:2.000)
Carta delle aree suscettibili alla mobilizzazione delle coperture
P_SM_TAVX 4
(scala 1:2.000)
Carta dei volumi unitari di copertura suscettibile di
P_SMVU_TAVX 4
mobilizzazione (scala 1:2.000)
Carta della ricorrenza alla mobilizzazione delle coperture sciolte
P_SMRIC_TAVX 4
di versante (scala 1:2.000)
Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T030nc 1
elevata – Assenza di abitazioni
Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T100nc 1
media – Assenza di abitazioni
Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T300nc 1
bassa – Assenza di abitazioni
PROGETTO Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
PILOTA COLATE velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T030cc 1
CODICE "P" elevata – Con abitazioni
Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T100cc 1
media – Con abitazioni
Carta dei risultati delle simulazioni: massimi tiranti, massime
velocità e massima forza d’impatto – Tipologia 2 – Ricorrenza P_OUTS2_T300cc 1
bassa – Con abitazioni
Carta del fattore di impatto totale
P_FIT 1
(scala 1:2.000)
Carta degli scenari di pericolosità connessi ai fenomeni misti di
colata rapida di fango - trasporto di massa lungo il conoide del P_PC 1
torrente Sambuco (scala 1:2.000)
Carta degli scenari di rischio connessi ai fenomeni misti di
colata rapida di fango-trasporto di massa lungo il conoide del P_RIS 1
torrente Sambuco (scala 1:2.000)
Rilievo delle sezioni idrauliche P_SEZ 1
Carta dell’ubicazione del rilievo delle sezioni P_SEZPLAN_TAVX 2
Relazione tecnica P_RLZ 1
Norme di attuazione N_NA_ALL 1
Relazione generale N_RLZ 1
Quaderno opere tipo N_OT 1
NORMATIVA E Indicazioni generali per l'assetto idrogeologico N_IGR 1
DOCUMENTAZIONE Monografie comunali N_MNGR_nnn 39
CODICE "N" Relazione Programma degli interventi con Allegati N_RINT 1
Carta programmatica degli interventi – Rischio Frane N_PGMINT_FRN 11
Carta programmatica degli interventi – Rischio Alluvioni N_PGMINT_ALL 4
TAVX = numero progressivo tavola (TAV1, TAV2, ecc.) - nnn = nome comune

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 37 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO B - SCHEMI PER L’ATTRIBUZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO


La valutazione del rischio (R) nel PAI è stata effettuata utilizzando la relazione R=P*D, dove "P"
rappresenta la pericolosità e "D" il danno potenziale atteso, così come definiti e descritti, in
dettaglio, negli elaborati tecnici di Piano (cfr. Relazione tecnica elementi antropici e danno
potenziale atteso, relazione tecnica pericolosità e rischio da frana e relazione tecnica rischio
idraulico e da colata).
Ai fini della valutazione del Rischio (R) generato dai nuovi interventi, progettati o pianificati, in
aree di assegnata pericolosità (P), nel presente allegato sono riportate sia la tabella per
l'assegnazione del grado di danno potenziale atteso (D) che le matrici per la conseguente
valutazione del rischio (R).

GRADO DI DANNO POTENZIALE ATTESO


danno
elementi antropici
atteso
Zona A - Centro storico D4
Zona B - Zona di completamento "satura e non satura” D4
Zona C - Zona di espansione D4
Zona D - Zona industriale /commerciale D4
Zona F - Zona di interesse collettivo D4
Zona T - Zona turistico – ricettiva D4
Area cimiteriale D3
Edilizia pubblica: scolastica, sanitaria, religiosa, sportiva, ecc. D4
Strutture e aree ricettive: campeggi, discoteche, alberghi, aree mercatali, ecc. D4
Discarica D4
Edilizia rurale D4
Centrale elettrica, depuratore, impianto trattamento rifiuti. D4
Impianti tecnologici: cabina elettrica, serbatoio - cisterna, elettrodotto, acquedotto,
monorotaie per trasporto merci, impianti di energia alternativa, impianti telefonici e D2
radioelettrici, ecc.
Infrastrutture di trasporto: aeroporto, parcheggio, porto,stazione ferroviaria, viabilità
D4
interna, autostrada, superstrada, strada statale, svincolo, linea ferroviaria
Strada comunale, strada provinciale e strada secondaria D3

dove:
D1 = Danno potenziale moderato D2 = Danno potenziale medio
D3 = Danno potenziale elevato D4 = Danno potenziale molto elevato

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 38 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Si riporta di seguito, per ciascuna tipologia di pericolosità considerata, la classe di rischio


assegnata a ciascuna combinazione tra "Pericolosità" e "Danno potenziale atteso".

RISCHIO DA FRANA
Danno potenziale Pericolosità
atteso P4 P3 P2 P1
D4 R4 R3 R2 R1
D3 R3 R3 R2 R1
D2 R2 R2 R1 R1
D1 R1 R1 R1 -

RISCHIO IDRAULICO
Danno potenziale Fascia fluviale
atteso A B1 B2 B3
D4 R4 R3 R2 R1
D3 R3 R3 R2 R1
D2 R2 R2 R1 R1
D1 R1 R1 R1 -

RISCHIO DA COLATA
Danno potenziale Pericolosità
atteso P4 P3
D4 R4 R3
D3 R3 R3
D2 R2 R2
D1 R1 R1

R4 RISCHIO MOLTO ELEVATO (rosso)

R3 RISCHIO ELEVATO (arancione)

R2 RISCHIO MEDIO (giallo)

R1 RISCHIO MODERATO (verde)

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 39 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO C - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI IDRAULICI E


DEGLI STUDI DI COMPATIBILITA' IDRAULICA

C.1 STUDI IDRAULICI


C.1.1 Contenuti degli studi idraulici
Gli studi idraulici devono contenere il censimento e il rilievo delle opere e del profilo dell’alveo
sul quale basare le verifiche idrauliche per le diverse portate. Sulla base di tali dati e della
topografia delle aree limitrofe al corso d’acqua, si determinano i livelli idrici attesi in
corrispondenza alle portate di piena da esaminare.
Gli studi idraulici devono sempre essere corredati da adeguate valutazioni per appurare se nel
tratto di reticolo idrografico in esame sia o meno significativo il trasporto solido di fondo e se
esso sia o meno soggetto al transito di correnti di detriti (colate); nei casi in cui queste
dinamiche risultino significative le verifiche delle sezioni e il dimensionamento delle opere
idrauliche dovrà essere condotto tenendone conto e applicando opportune modellistiche.
In considerazione della complessità del fenomeno da studiare e del grado di approfondimento
necessario, possono essere utilizzati schemi di moto permanente monodimensionale, moto vario
monodimensionale o quasi-bidimensionale, moto vario bidimensionale, ciascuno dei quali tiene
conto di rappresentazioni delle condizioni di moto di complessità crescente.
Di norma, ed in particolare nel caso della verifica di opere, può essere impiegato lo schema di
corrente monodimensionale in condizioni di moto permanente, salvo specifiche indicazioni
dell’Autorità e salvi i casi in cui sia necessario determinare valori locali della velocità della
corrente o modificazioni della capacità di laminazione. Nei casi in cui sia riconosciuto come
significativo il trasporto solido di fondo e nello studio del transito di correnti di detriti si deve
comunque fare riferimento a modelli di moto vario.
Lo studio va condotto sempre per un tratto di corso d’acqua “idraulicamente significativo”,
delimitato cioè da sezioni in cui sia possibile assegnare il valore del livello idrico della corrente.
Nello studio deve essere sinteticamente descritto il modello matematico utilizzato per le
verifiche idrauliche, con l’esplicita indicazione di ogni elemento utile alla interpretazione dei
profili di rigurgito, con particolare riferimento alle scabrezze utilizzate, alle condizioni al contorno
assunte e a ogni altra ipotesi adottata nel calcolo.
Negli studi finalizzati alla determinazione dei tratti critici e delle aree inondabili particolare
attenzione va posta ai tratti in corrispondenza di opere, per le quali devono essere previste
opportune valutazioni di riduzione di sezione utile per gli effetti di piena (ostruzioni di arcate di
ponti o coperture per eccezionale trasporto solido, etc.).
Nei vari tratti del corso d’acqua si deve determinare, inoltre, il valore della massima portata che
può essere smaltita allo stato attuale senza esondazioni.
Nei tratti in cui le portate massime, corrispondenti ai vari tempi di ritorno, non trovano più
capienza certa nell’alveo, devono essere determinate, alla scala almeno 1:5.000, le aree
perifluviali contigue ai corsi d’acqua conseguentemente inondabili e passibili di essere invase
dalle correnti di detriti. La relativa determinazione è effettuata applicando l’opportuno schema di
moto, come sopra indicato, in considerazione della morfologia del sito e delle caratteristiche dei
fenomeni fisici da considerare.
In particolare, al fine di valutare il grado di pericolosità delle aree inondabili o esposte
all’invasione da parte di correnti di detriti, devono essere determinati i livelli idrici e gli spessori
dei depositi che vi si realizzano, nonché le velocità di scorrimento.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 40 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

C.1.2 Portate di progetto


Lungo le aste principali del reticolo idrografico, lo studio idrologico a base del Piano ha
provveduto a calcolare le portate idrauliche di picco che si verificano per i diversi tempi di
ritorno. Per la redazione degli studi idraulici relativi a queste aste dovranno essere utilizzate le
portate indicate nell’allegato D. L’ubicazione delle sezioni a cui si riferiscono tali portate sono
ubicate nell’elaborato di Piano “I_SQP Carta dell’ubicazione delle portate di progetto“. A favore
di sicurezza, in ogni tratto di corso d’acqua studiato, dovrà essere utilizzata la portata calcolata
alla sua estremità di valle.
Nel caso di verifiche in ipotesi di moto vario, relativamente agli idrogrammi deve esplicitamente
essere descritta e motivata la forma dell’idrogramma, nonché verificata la coerenza:
 del volume sotteso con il volume delle precipitazioni sul bacino drenato;
 della durata della fase di crescita con le valutazioni in merito contenute nello studio
idrologico a base del Piano;
 della portata di picco con le indicazioni di cui sopra.
Per il dimensionamento e la verifica di opere per le quali l’evento critico non è necessariamente
quello di portata massima (tipicamente invasi di laminazione) andranno stimati idrogrammi
conseguenti a precipitazioni di durata differente dal tempo di ritardo. Per queste stime
andranno utilizzati modelli idrologici coerenti con quelli a base di Piano in associazione alla
legge di probabilità pluviometrica stimata per la sezione di chiusura di cui all’elaborato “I_SQP
Carta dell’ubicazione delle portate di progetto“ più pertinente.
Per lo sviluppo di studi idraulici su aste secondarie, le portate e gli idrogrammi da impiegare,
andranno stimati attraverso l’uso di modelli idrologici coerenti con quelli a base di Piano, in
associazione alla legge di probabilità pluviometrica stimata per la sezione di chiusura del
sottobacino entro cui l’asta in esame ricade.
Alle prescrizioni di cui sopra si potrà derogare qual’ora studi di approfondimento dimostrino che
le condizioni di sollecitazione siano più gravose di quelle qui introdotte.
Nei casi in cui sia stato riconosciuto come significativo il transito di correnti di detriti, gli
idrogrammi di progetto andranno valutati secondo la metodologia introdotta all’allegato F. Nei
territori nei quali siano stati adottati studi di approfondimento sulla base delle indicazioni di cui
all’allegato F, questi devono essere posti come riferimento per la definizione delle portate di
progetto.
C.1.3 Parametro di scabrezza, reologia e altri parametri
Il parametro di scabrezza rappresenta, per il tronco fluviale compreso fra due sezioni di calcolo,
oltre alla natura e alle condizioni dell’alveo e delle sponde, macroresistenze dovute alla
variabilità longitudinale della geometria o a possibili variazioni brusche del perimetro bagnato al
crescere della portata; ciò assume particolare rilevanza nei casi in cui il rilievo delle sezioni
disponibile non sia fitto lungo il corso d’acqua. In questi casi, il parametro di scabrezza deve
tener conto di molteplici processi di resistenza e dovrebbe essere assunto inferiore (in termini di
Strickler) a quanto detterebbero condizioni solo locali dell’alveo.
I parametri di scabrezza da utilizzare nel calcolo idraulico devono tenere conto delle reali e
documentabili condizioni di manutenzione del corso d’acqua. Tali valori di parametro di
scabrezza, di norma assunti con riferimento a corsi d’acqua naturali, devono essere desunti da
quelli individuati dalla tabella seguente (per semplicità riportati solo in termini di scabrezza di
Gauckler-Strickler), tenendo conto che gli stessi dovrebbero essere considerati valori massimi
non superabili.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 41 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Descrizione corso d’acqua kS di Strickler


m1/3s-1
tratti di corsi d’acqua naturali con salti, rocce o vegetazione anche arbustiva-arborea in
25-30
alveo
corsi d’acqua naturali con vegetazione e movimento di materiale sul fondo 30-35
tratti urbanizzati di corsi d’acqua naturali con argini cementati (e/o platee) in buono
35-40
stato
corsi d’acqua con fondo ed argini totalmente cementati in ottimo stato ed assenza di
40-45
manufatti (tubi, cavi, ecc.) o discontinuità interferenti con le acque
tombinature perfettamente lisciate e dotate a monte di dispositivi atti ad assicurare la
trattenuta di trasporto solido di fondo e in sospensione (briglie selettive, vasche di 45-55
sedimentazioni, ecc.)

Nel caso di correnti di detriti assume rilevanza il comportamento reologico del miscuglio, che
dovrà essere caratterizzato per mezzo di prove reologiche di laboratorio o facendo riferimento a
dati di letteratura relativi a miscugli caratterizzati dalla medesima composizione granulometrica.
Ogni parametro influente sui risultati delle modellazioni dovrà essere opportunamente descritto,
con riferimento al suo significato fisico e alla sensitività del modello rispetto alla possibile
variabilità dei valori da esso assumibili; andrà motivata la scelta dei valori adottati.
C.1.4 Sezioni fluviali
Le sezioni fluviali da utilizzarsi per la modellazione idraulica dovranno essere rilevate con una
distanza reciproca non superiore a cinque volte la larghezza dell’alveo. Le sezioni saranno
convenientemente estese alle aree golenali tenendo conto, laddove presenti, delle fascia fluviali
perimetrate negli elaborati del PAI In caso di tratti arginati, queste saranno estese fino al piano
di campagna esterno all’argine.
C.1.5 Franchi di sicurezza nelle verifiche di opere esistenti
Tutte le opere esistenti devono avere franchi adeguati, rispetto al livello di piena previsto per la
portata centennale. Alla loro valutazione devono concorrere considerazioni sia relative all’opera
e alla sua rilevanza determinata anche dalla vulnerabilità delle zone limitrofe, sia relative alle
caratteristiche cinetiche della corrente, con la distinzione dei casi di correnti lente e di correnti
veloci.
In ogni caso i franchi non devono essere inferiori al valore maggiore tra:
a) 0,5 volte il carico cinetico della corrente determinabile come V2/2g, dove V è la velocità
media della corrente (m/s) e g è l’accelerazione di gravità (m/s2) (valore particolarmente
rilevante per correnti veloci);
b) il valore di cm 50/100 per argini e difese spondali, ove i valori estremi corrispondono a
bacini poco dissestati con modesto trasporto solido ed a bacini molto dissestati con forte
trasporto solido in caso di piena. Vanno pertanto evidenziate le opere esistenti nel tronco
fluviale oggetto di studio che non garantiscono tali franchi di sicurezza.
Nei casi in cui il trasporto solido di fondo sia stato riconosciuto come significativo, i massimi
livelli idrometrici della corrente e, conseguentemente, i franchi, andranno valutati tenendo conto
di possibili fenomeni di aggradamento dell’alveo durante l’evento di piena.
Per quanto concerne la progettazione di nuove opere idrauliche si farà riferimento a quanto
descritto con maggiore dettaglio nell’allegato G.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 42 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

C.2 INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI DI COMPATIBILITA’


IDRAULICA
Lo studio di compatibilità idraulica di cui all'articolo 41 delle Norme di Attuazione del PAI, ferma
restando l’osservanza della normativa tecnica vigente, regionale e nazionale, deve essere
conforme alle indicazioni riportate nel presente allegato.
Lo studio di compatibilità idraulico costituisce l’elaborato indispensabile ai fini autorizzativi, a cui
deve essere allegato il progetto definitivo degli interventi previsti. Esso, preliminarmente, dovrà
prendere in esame le cartografie di analisi del presente Piano e deve rappresentare un attento
approfondimento dello stesso.
Gli studi devono essere commisurati alle effettive problematiche dell’area di interesse, in
particolare dovranno valutare la necessità o meno di considerare la presenza di trasporto solido
di fondo e del verificarsi di correnti di detriti (colate).
Lo studio va condotto sempre per un tratto di corso d’acqua “idraulicamente significativo”,
delimitato cioè da sezioni in cui sia possibile assegnare il valore del livello idrico della corrente.
Gli studi di compatibilità relativi ad interventi per i quali non è richiesto il parere dell’Autorità, ai
sensi dell’articolo 7 delle Norme di attuazione, devono essere asseverati da tecnici abilitati.
Lo studio, oltre agli elaborati di progetto previsti dalla normativa vigente necessari per illustrare
la natura e tipologia dell'opera dovrà contenere, rispetto alle problematiche trattate nel PAI, i
seguenti elaborati di base:
 una relazione idrologica ed idraulica finalizzata all’individuazione, per il tratto d’alveo di
influenza, delle portate utilizzate (cfr. paragrafo C.1.2) e dei parametri idraulici in relazione
sia allo stato di fatto che alle previsioni di progetto, in cui dovranno essere evidenziati oltre
agli effetti che l’intervento produce sulla dinamica fluviale, i seguenti aspetti:
o ubicazione di dettaglio e tipologia dell'intervento;
o criteri per la definizione dell'area di studio;
o classe di pericolosità (fasce fluviali, pericolosità da colata) e rischio individuata nel PAI;
o compatibilità degli interventi con le classi di rischio e pericolosità (fasce fluviali e
pericolosità da colata);
o compatibilità delle strutture progettate con la forza di impatto totale esercitata dalla
eventuale colata, e con le variazioni morfologiche in alveo sia durante l’evento di piena
che di lungo periodo, laddove pertinente;
 una relazione geologica e geotecnica finalizzata all’individuazione, per il tratto d’alveo di
influenza, del grado di stabilità attuale dell’alveo e delle sponde, di eventuali dissesti in atto
e potenziali e delle probabili tendenze evolutive degli stessi anche in connessione con la
stabilità dei versanti tenendo conto anche degli elaborati del PAI relativi alla
pericolosità/rischio da frana; la relazione dovrà contenere una valutazione degli effetti che
l’intervento produce sulle condizioni di stabilità attuali per un significativo tratto del corso
d’acqua, sia a monte sia a valle dell’intervento;
 ove significativa, una relazione che descriva la vegetazione presente nella zona di intervento
e nel territorio circostante, con relativa carta tematica; verranno quindi valutati gli effetti
che l’intervento produce sull’assetto vegetazionale preesistente.
La compatibilità dell'intervento o dell’opera di progetto, rispetto alla pericolosità/rischio da
alluvione, deve essere resa da un tecnico abilitato.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 43 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Valutazione della pericolosità/rischio residuo


Nei casi in cui il progetto è finalizzato alla realizzazione di interventi di mitigazione della
pericolosità/rischio da alluvione, la documentazione tecnica di progetto, deve comprendere uno
studio idraulico redatto secondo le indicazioni di cui ai precedenti paragrafi. In questo caso la
dichiarazione di compatibilità idraulica va sostituita da valutazioni sulla pericolosità e rischio
residuo determinato dagli interventi di sistemazione idraulica. Dette valutazioni vanno riportate
in un apposito elaborato a firma di tecnico abilitato, ad integrazione del progetto definitivo. Ove
da tali valutazioni risultino modifiche degli scenari di pericolosità/rischio del PAI, esse vanno
successivamente riconfermate, in conformità con quanto previsto all'articolo 46 (aggiornamento
variazione e modifiche del Piano).
Nei casi in cui è prevista la realizzazione di opere per le quali, in relazione al livello di
pericolosità/rischio del sito, è necessario prevedere opere che strutturalmente, garantiscono, in
esercizio, condizioni di sicurezza, il progetto definitivo dell’opera deve essere corredato da uno
studio idraulico redatto secondo le indicazioni di cui ai precedenti paragrafi. In questo caso la
dichiarazione di compatibilità idraulica va sostituita da valutazioni sulla vulnerabilità dell’opera.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 44 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO D - VALORI DI PORTATA AL COLMO DI PIENA PER EVENTI CON TEMPI DI


RITORNO ASSEGNATI
I valori di portata al colmo di piena per eventi con tempi di ritorno assegnati sono
sinteticamente riportati nella tabella seguente, in mc/s. Valori di portata al colmo per altri tempi
di ritorno, dei tempi di ritardo e dei parametri delle leggi di probabilità pluviometrica si trovano
nelle tabelle allegate alla relazione idrologica del Piano.
La posizione delle sezioni indicate è riportata nell’elaborato “I_SQP Carta dell’ubicazione delle
portate di piano“

Sezione T = 30 anni T = 100 anni T = 200 anni T = 300 anni


1 - V. Marina di Ierano 1 2 2 2
2 - V. di Nerano 11 15 17 18
3 - Acchiungo 15 21 24 25
4 - Campi 2 3 3 3
5 - Scrivanessa 6 9 10 11
6 - Viarito 14 19 21 23
7 - V. Torca (s1) 5 7 8 8
8 - V. Torca (s2) 3 4 4 4
9 - R. Rimauolo 6 9 10 11
10 - V. Malaccola 4 6 6 7
11 - Belvedere 12 16 19 19
12 - V. Pontecorvo 5 7 7 8
13 - V. Colli San Pietro 3 4 4 4
14 - V. Colli San Pietro 3 4 4 4
15 - V. Ulivella (s1) 3 5 5 6
16 - V. Ulivella (s2) 3 4 4 4
17 - Monte Comune A 1 2 2 2
18 - Monte Comune B 0 1 1 1
19 - Monte Comune C 0 1 1 1
20 - Monte Comune D 3 4 5 5
21 - Monte Comune E 1 2 2 2
22 - Monte Comune F 0 1 1 1
23 - V. del Corvo (s1) 2 3 3 3
24 - V. del Corvo (s2) 1 2 2 2
25 - V. Positano (s1) 6 9 11 11
26 - V. Positano (s2) 1 2 2 2
27 - V. Positano (s3) 6 8 9 9
28 - V. Montepertuso A 1 2 2 2
29 - V. Montepertuso B 3 4 5 5
30 - V. Porto (s1) 4 6 7 7
31 - V. Porto (s2) 0 1 2 2
32 - V. Nocella A 1 2 2 3

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 45 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Sezione T = 30 anni T = 100 anni T = 200 anni T = 300 anni


33 - V. Nocella B (s1) 6 9 11 12
34 - V. Nocella B (s2) 1 2 3 3
35 - V. Nocella B (s3) 2 3 3 4
36 - V. Nocella B (s4) 4 6 7 8
37 - V. Campo A 0 1 1 1
38 - V. Campo B 0 1 1 2
39 - V. Campo C 0 1 2 2
40 - V. S. Domenico 2 3 3 4
41 - V. Fontanelle 3 4 5 5
42 - V. di Praia (s1) 15 21 24 26
43 - V. di Praia (s2) 15 21 24 26
44 - V. di Praia (s3) 4 6 7 8
45 - V. di Praia (s4) 1 2 2 2
46 - V. di Praiano A 1 2 3 3
47 - V. di Praiano B 5 7 8 9
48 - V. Furore(s1) 69 92 104 111
49 - V. Furore(s2) 62 83 94 101
50 - V. Furore(s3) 29 39 45 48
51 - V. Furore(s4) 16 22 26 27
52 - V. Furore(s5) 40 54 62 66
53 - V. Furore(s6) 9 12 13 14
54 - V. Furore(s7) 31 42 48 51
55 - V. Furore(s8) 2 3 3 4
56 - V. Furore(s9) 21 28 32 34
57 - V. Furore(s10) 13 18 20 22
58 - V. Furore(s11) 5 7 8 9
59 - V. Furore(s12) 4 6 7 8
60 - V. di Punta Varo 2 3 4 4
61 - V. Tovere 2 3 3 3
62 - V. Torre di Capo Ve 5 7 9 9
63 - V. Vettica Minore 1 2 3 3
64 - V. Vocito 4 6 7 8
65 - V. di Amalfi A 2 3 3 3
66 - V. di Amalfi B 2 3 3 3
67 - V. Grevone (s1) 12 17 20 22
68 - V. Grevone (s2) 11 15 17 18
69 - V. Dragone (s1) 46 61 70 74
70 - V. Dragone (s2) 44 59 67 72
71 - V. Dragone (s3) 5 7 8 9
72 - V. Dragone (s4) 40 54 61 66

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 46 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Sezione T = 30 anni T = 100 anni T = 200 anni T = 300 anni


73 - V. Dragone (s5) 7 10 12 12
74 - V. Dragone (s6) 35 47 54 57
75 - V. Dragone (s7) 10 14 16 17
76 - V. Dragone (s8) 19 26 30 32
77 - T. Sambuco (s1) 12 16 18 20
78 - T. Sambuco (s2) 2 3 4 4
79 - V. San Francesco 2 3 4 4
80 - T. Reginna Maior (s1) 115 153 173 185
81 - T. Reginna Maior (s2) 3 4 5 5
82 - T. Reginna Maior (s3) 114 151 171 183
83 - T. Reginna Maior (s4) 5 7 8 9
84 - T. Reginna Maior (s5) 0 1 1 1
85 - T. Reginna Maior (s6) 110 146 166 178
86 - T. Reginna Maior (s7) 3 5 5 6
87 - T. Reginna Maior (s8) 4 6 7 7
88 - T. Reginna Maior (s9) 99 131 148 159
89 - V. di Maiori A 5 7 8 9
90 - V. di Maiori B 1 2 3 3
91 - V. di Maiori C 0 1 1 1
92 - V. di Maiori D (s1) 6 9 12 13
93 - V. di Maiori D (s2) 6 9 11 12
94 - V. di Maiori E 0 1 2 2
95 - V. di Maiori F 0 1 2 2
96 - V. di Maiori H 1 2 3 3
97 - V. di Maiori G 1 2 3 3
98 - V. San Nicola (s1) 11 15 20 21
99 - V. San Nicola (s2) 9 13 17 19
100 - Sovarano 3 4 5 5
101 - V. Grande 15 20 27 29
102 - V. di Cetara A 1 2 2 2
103 - V. di Cetara B 0 1 2 2
104 - V. di Cetara C 1 2 3 3
105 - V. di Cetara D 0 1 1 1
106 - Manganala 5 7 8 8
107 - T. Bonea (s1) 80 107 122 131
108 - T. Bonea (s2) 4 6 7 7
109 - T. Bonea (s3) 77 103 117 126
110 - T. Bonea (s4) 28 38 44 47
111 - T. Bonea (s5) 77 103 117 125
112 - T. Bonea (s6) 7 10 12 12

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 47 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Sezione T = 30 anni T = 100 anni T = 200 anni T = 300 anni


113 - T. Bonea (s7) 21 28 32 35
114 - T. Bonea (s8) 26 35 40 43
115 - T. Bonea (s9) 3 4 5 5
116 - V. di Vietri A 1 2 3 3
117 - V. di Vietri B 3 4 5 5
118 - V. Fusandola 9 12 15 16
119 - T. Rafastia 9 13 15 16
120 - F. Irno (s1) 202 268 305 328
121 - F. Irno (s2) 187 248 283 303
122 - F. Irno (s3) 82 109 125 134
123 - F. Irno (s4) 17 23 26 28
124 - F. Irno (s5) 9 13 15 16
125 - F. Irno (s6) 28 37 43 46
126 - F. Irno (s7) 143 190 217 233
127 - F. Irno (s8) 10 14 16 17
128 - F. Irno (s9) 127 169 193 207
129 - F. Irno (s10) 4 6 7 7
130 - F. Irno (s11) 119 158 180 193
131 - F. Irno (s12) 18 24 27 29
132 - F. Irno (s13) 6 9 11 11
133 - F. Irno (s14) 2 3 3 3
134 - F. Irno (s15) 5 7 9 9
135 - F. Irno (s16) 108 143 163 175
136 - F. Irno (s17) 27 36 41 44
137 - F. Irno (s18) 7 10 11 12
138 - F. Irno (s19) 17 23 26 28
139 - F. Irno (s20) 3 4 4 5
140 - F. Irno (s21) 15 20 23 25
141 - F. Irno (s22) 8 11 12 13
142 - F. Irno (s23) 7 10 11 12
143 - F. Irno (s24) 6 9 11 11
144 - F. Irno (s25) 18 25 28 30
145 - F. Irno (s26) 74 99 113 121
146 - F. Irno (s27) 10 14 16 17
147 - F. Irno (s28) 7 10 12 12
148 - F. Irno (s29) 15 21 24 25
149 - V. Rumaccio 17 23 26 28
150 - R. Mercatello 55 73 82 88
151 - R. Mariconda 51 68 77 83
152 - F. Fuorni (s1) 141 191 218 237

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 48 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Sezione T = 30 anni T = 100 anni T = 200 anni T = 300 anni


153 - F. Fuorni (s2) 71 94 108 115
154 - F. Fuorni (s3) 14 19 21 23
155 - F. Fuorni (s4) 52 69 78 84
156 - F. Fuorni (s5) 43 57 65 70
157 - F. Fuorni (s6) 31 41 46 50
158 - F. Picentino (s1) 327 432 493 529
159 - F. Picentino (s2) 299 396 452 484
160 - F. Picentino (s3) 130 172 196 210
161 - F. Picentino (s4) 22 30 34 37
162 - F. Picentino (s5) 15 21 24 26
163 - F. Picentino (s6) 63 84 96 103
164 - F. Picentino (s7) 19 26 30 32
165 - F. Picentino (s8) 215 285 326 349
166 - F. Picentino (s9) 179 237 270 290
167 - F. Picentino (s10) 45 60 69 74
168 - F. Picentino (s11) 66 88 100 108
169 - F. Picentino (s12) 35 47 54 58
170 - F. Picentino (s13) 20 27 31 33
171 - F. Asa (s1) 252 333 380 408
172 - F. Asa (s2) 85 113 129 139
173 - F. Asa (s3) 151 200 228 245
174 - F. Asa (s4) 71 95 109 116
175 - F. Asa (s5) 74 98 112 120
176 - F. Tusciano (s1) 455 602 687 736
177 - F. Tusciano (s2) 99 131 149 160
178 - F. Tusciano (s3) 146 193 220 236
179 - F. Tusciano (s4) 115 152 173 185
180 - F. Tusciano (s5) 362 479 546 585
181 - F. Tusciano (s6) 79 105 120 128
182 - F. Tusciano (s7) 53 71 81 86
183 - F. Tusciano (s8) 227 300 342 366
184 - F. Tusciano (s9) 208 276 315 337
185 - F. Tusciano (s10) 127 168 191 205
186 - F. Tusciano (s11) 65 87 99 106
187 - F. Tusciano (s12) 143 189 216 231
188 - F. Tusciano (s13) 46 62 71 75
189 - F. Tusciano (s14) 119 158 180 193
190 - F. Tusciano (s15) 53 71 81 86
191 - F. Tusciano (s16) 86 114 130 139

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 49 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO E - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI DI


COMPATIBILITA' GEOLOGICA
Lo studio di compatibilità geologica di cui all'articolo 42 delle Norme di Attuazione del PAI,
ferma restando l’osservanza della normativa tecnica vigente, regionale e nazionale, deve essere
conforme alle indicazioni riportate nel presente allegato.
Lo studio di compatibilità geologica costituisce documentazione indispensabile ai fini
autorizzativi e fa parte degli elaborati del progetto definitivo, integrando, nei contenuti, gli
elaborati geologici redatti ai sensi delle N.T.C. di cui al D.M. 14/01/2008.
Lo studio deve essere commisurato alle effettive problematiche dell’area di interesse ed esteso
ad un ambito geomorfologico significativo. L'ambito geomorfologico è rappresentato dalla
porzione di territorio in cui i processi morfoevolutivi di versante interferiscono direttamente o
indirettamente con le aree interessate dalla progettazione. Esso deve comprendere, inoltre, le
eventuali aree sottese a quella di intervento per la valutazione degli effetti che le opere da
realizzare possono determinare a valle delle stesse.
Lo studio di compatibilità geologica, redatto da un tecnico iscritto alla sezione A dell'albo
professionale dei geologi, dovrà prendere in esame, preliminarmente, le cartografie di analisi
del presente Piano e dovrà rappresentare un attento approfondimento dello stesso.
Esso dovrà contenere i seguenti elaborati di base:
A. Relazione geologica contenente, oltre a quanto previsto dalle sopra citate N.T.C., le
seguenti informazioni minimali:
 ubicazione di dettaglio e tipologia dell'intervento;
 classe di pericolosità e/o rischio da PAI (stralcio cartografico);
 valutazione preliminare del rischio generato dalla tipologia di intervento, determinato
sulla base degli schemi di cui all’allegato B alle Norme di Attuazione.
 criteri per la definizione dell'area di studio (individuazione dell’ambito geomorfologico
significativo);
 modello geologico, idrogeologico e geomorfologico dell'area (correlato con il fascicolo
di cui al successivo punto B);
 descrizione di eventuali opere di mitigazione;
 compatibilità dell'intervento e/o dell'opera di progetto rispetto alle classi di rischio e
pericolosità da frana.
B. Fascicolo delle indagini geognostiche, laddove necessarie, finalizzate alla valutazione
della pericolosità da frana.
C. Elaborati cartografici (alla scala di dettaglio 1/2.000 e comunque non inferiore a
1/5.000):
 Carta geolitologica 1 con indicazioni idrogeologiche;
 Carta ubicazione delle indagini;
 Carta della tipologia e degli spessori dei depositi di coperture (laddove necessaria in
funzione dei diversi contesti geologici in seguito illustrati);
 Carta geomorfologica;
 Carta inventario dei fenomeni franosi;
 Carta delle pendenze estesa all'intera area di studio;

1
La carta geolitologica deve essere integrata da sezioni geologiche illustrative in numero significativo e,
dove necessario, quest’ultime integrate e coerenti con i risultati delle indagini di seguito descritte. La
cartografia si intende estesa al tratto di territorio utile per la comprensione degli eventuali fenomeni
franosi incluse le aree di alimentazione e di possibile invasione.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 50 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Inoltre, in relazione al contesto geologico nel quale l’intervento in progetto ricade, lo studio
deve contenere:
1. contesto carbonatico con coperture detritico-piroclastiche
a) verifiche analitica di stabilità ante e post operam del versante interessato dalle opere.
Se queste ultime sono ubicate in aree pedemontane e/o di conoide, andranno
utilizzati modelli che consentono l’analisi dei caratteri cinematici delle masse instabili
e/o verifiche di run-out per le colate rapide “incanalate”. Per la “taratura” dei modelli
si dovrà tener conto anche dei movimenti franosi eventualmente già inventariati dal
PAI, nell’ambito geomorfologico di riferimento.
2. contesto carbonatico senza coperture piroclastiche
a) per gli interventi ricadenti lungo costoni e/o scarpate suscettibili all’innesco e/o
transito di frane da crollo:
 rilievo prospettico del costone necessario, tra l’altro, alla rappresentazione di
alcuni dei tematismi di cui ai successivi punti;
 caratterizzazione geolitologica e geomorfologica del costone;
 caratterizzazione strutturale e geomeccanica dell’ammasso roccioso da effettuare
secondo metodologie consolidate;
 individuazione del “masso di progetto” da effettuare su base strutturale e/o da
evidenze geomorfologiche (con riferimento al costone che sottende l’area
d’invasione)
 identificazione delle fenomenologie cinematiche più probabili da “tarare” anche
sulla base degli eventuali dissesti già inventariati nel PAI presenti nel medesimo
ambito geomorfologico di riferimento
 verifiche cinematiche e delle traiettorie dei massi
b) per gli interventi ricadenti in aree suscettibili all’invasione di frane da crollo:
 individuazione del “masso di progetto” da effettuare su base strutturale e/o da
evidenze geomorfologiche (con riferimento al costone che sottende l’area
d’invasione)
 verifiche delle traiettorie dei massi e delimitazione delle aree di invasione
c) per gli interventi ricadenti lungo versanti suscettibili di colate estremamente rapide di
detrito:
 identificazione delle fenomenologie e delle cinematiche più probabili da “tarare”
anche sulla base degli eventuali dissesti già inventariati nel PAI nel medesimo
ambito geomorfologico di riferimento
 verifiche analitiche delle cinematiche e, nel caso, verifiche di run-out per le colate
di detrito incanalate.
3. contesto in successioni terrigene o piroclastiche
a) interventi ricadenti in aree dove non sono state riconosciute frane:
 verifiche di stabilità del pendio ante e post operam.
b) interventi ricadenti in aree dove sono state riconosciute frane a cinematismo lento o
moderato, in qualsiasi stato di attività e dimensione:
 indagini geognostiche finalizzate alla definizione della geometria e della superficie
di scorrimento della frana;
 monitoraggio strumentale finalizzato alla valutazione delle deformazione dei
terreni, delle oscillazioni della quota piezometrica delle falde acquifere
eventualmente presenti. Tali letture dovranno essere estese almeno ad un intero
anno solare.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 51 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Opere in sotterraneo e interrate


Per quanto attiene le opere in sotterraneo ed interrate di cui all’articolo 39 delle Norme di
Attuazione, andrà condotto uno specifico studio di compatibilità geologica che dovrà dimostrare
la fattibilità dell’intervento in condizioni di sicurezza ante e post operam.
In particolare, in detto studio:
a) deve essere eseguita, secondo quanto riportato nei precedenti punti, una
caratterizzazione dell’ambito geomorfologico nel quale l’intervento è inserito;
b) deve essere verificata l’assenza di qualsiasi tipo di interferenza dell’opera con eventuali
superfici di scorrimento di frane e con il reticolo idrografico;
c) deve essere verificata l’ubicazione delle “luci ingredienti” il locale interrato e/o
sotterraneo (ingressi carrabili e pedonali, aperture di ventilazione, ecc.) rispetto agli
effetti diretti ed indiretti di eventuali situazioni di pericolosità/rischio che caratterizzano il
sito;
d) deve essere ricostruito un modello geologico del versante e del sito, individuando
eventuali falde idriche interferenti con l’opera; andrà prevista anche la caratterizzazione
geomeccanica degli ammassi rocciosi e/o delle terre costituenti il sottosuolo.
Il progetto dell’opera, in virtù delle suddette determinazioni e dell’entità dell’intervento, dovrà
garantire:
a) per le opere interrate
 la non-vulnerabilità dell’intera opera e delle opere di superficie, prevedendo altresì tutti
gli accorgimenti tecnico-costruttivi e gestionali mirati a mitigare eventuali condizioni di
pericolosità al contorno;
 la stabilità dei versanti e dei manufatti al contorno in virtù degli sbancamenti e scavi a
farsi che, pertanto, dovranno essere opportunamente protetti, già in fase realizzativa,
con opportune opere strutturali. Successivamente, a costruzione ultimata, l’opera dovrà
risultare completamente interrata e ricoperta da uno strato di terreno vegetale atto a
garantire il ripristino dei luoghi ante-operam ed, in caso di modifica, la situazione post-
operam dovrà essere migliorativa per la sicurezza dei luoghi.
b) per le opere in sotterraneo (così come definite al § 6.7 delle “Norme Tecniche per le
Costruzioni” di cui al D. M. 14.01.2008)
 l’adeguata metodologia di scavo in relazione ai litotipi impegnati;
 la non-vulnerabilità dell’intera opera, e delle opere di superficie (ingressi carrabili e
pedonali, aperture di ventilazione, ecc.), prevedendo altresì tutti gli accorgimenti
tecnico-costruttivi e gestionali mirati a mitigare eventuali condizioni di pericolosità al
contorno
Valutazione della pericolosità/rischio residuo
a) Nei casi in cui il progetto è finalizzato alla realizzazione di interventi di mitigazione della
pericolosità/rischio da frana, la documentazione tecnica di progetto, deve comprendere uno
studio geologico redatto secondo le indicazioni di cui ai precedenti paragrafi. In questo caso
la dichiarazione di compatibilità geologica va sostituita da valutazioni sulla pericolosità e
rischio residuo determinato dagli interventi. Dette valutazioni vanno riportate in un apposito
elaborato a firma di tecnico/i abilitato/i, ad integrazione del progetto definitivo. Ove da tali
valutazioni risultino modifiche degli scenari di pericolosità/rischio del PAI, esse vanno
successivamente riconfermate, in conformità con quanto previsto all'articolo 46
(aggiornamento variazione e modifiche del Piano).
b) Nei casi in cui è prevista la realizzazione di opere per le quali, in relazione al livello di
pericolosità/rischio del sito, è necessario prevedere opere che strutturalmente, garantiscono,
in esercizio, condizioni di sicurezza, il progetto definitivo dell’opera deve essere corredato da

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 52 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

uno studio geologico redatto secondo le indicazioni di cui ai precedenti paragrafi. In questo
caso la dichiarazione di compatibilità geologica va sostituita da valutazioni sulla vulnerabilità
dell’opera.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 53 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO F - LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE A


PERICOLOSITÀ E RISCHIO DA FRANE, ALLUVIONI E COLATE
Le indagini e gli studi che hanno condotto alla perimetrazione della pericolosità e del rischio
nell’ambito dell’aggiornamento del Piano, costituiscono un quadro dell’assetto idrogeologico a
scala di bacino.
Le elaborazioni effettuate, seppur valide a scala di bacino, possono essere soggette a diverse
valutazioni se analizzate sulla base di dati puntuali ed approfonditi, riferiti alla scala di sito, di
progetto o a scala di pianificazione urbanistica.
Il PAI, pertanto, può essere integrato e sottoposto a varianti su iniziativa dell'Autorità nonché di
altri soggetti pubblici o privati con le procedure di cui all’articolo 46 delle Norme di attuazione.
Le varianti possono essere proposte sulla base di:
a. studi specifici corredati da indagini ed elementi conoscitivi di maggior dettaglio;
b. nuovi eventi idrogeologici in funzione dei quali sia modificato lo scenario della
pericolosità/rischio idrogeologico;
c. nuove emergenze ambientali;
d. significative modificazioni di tipo agrario-forestale sui versanti o incendi su grandi
estensioni boschive;
e. realizzazione di interventi di mitigazione che comportano significative variazione dei
livelli di pericolosità/rischio idrogeologico;
f. acquisizione di nuove conoscenze in campo scientifico e tecnologico.
Le proposte di riperimetrazione devono giustificare, in dettaglio, la revisione del grado di
pericolosità e di rischio idrogeologico.
La revisione della pericolosità/rischio di cui al punto e), in particolare, deve essere proposta solo
a seguito del collaudo delle opere e della riproposizione degli elaborati cartografici relativi ai
nuovi livelli di pericolosità/rischio generati dall’intervento realizzato a conferma delle ipotesi sulla
pericolosità/rischio residuo di cui agli articoli 41 e 42, giustificando eventuali modifiche.
Nel caso in cui si preveda la realizzazione di un sistema di opere di mitigazione della pericolosità
articolata in più stralci funzionali, è possibile richiedere un conseguente aggiornamento per
stralci di pericolosità e rischio.
In questo caso dovrà essere sottoposta all’approvazione il progetto dell’intero insieme di
interventi e la documentazione di cui ai precedenti paragrafi relativa alla realizzazione di ognuno
degli stralci.
Le nuove perimetrazioni conseguenti agli interventi realizzati entreranno a fare effettivamente
parte del Piano, come aggiornamento.
Tutti gli elaborati dovranno essere presentati all'Autorità in formato cartaceo e, per quanto
riguarda gli elaborati cartografici, anche in formato *.shp nel sistema di riferimento
WGS_1984_UTM_Zona_33

F.1 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE FASCE FLUVIALI E DELLE AREE
CLASSIFICATE A RISCHIO IDRAULICO
F.1.1 Approfondimenti su tratti di corsi d’acqua già oggetto di studio da parte
dell’Autorità
La modifica o l’aggiornamento delle perimetrazioni approvate nel PAI vigente devono
necessariamente derivare da studi ed approfondimenti di maggior dettaglio rispetto a quanto
effettuato nell’ambito della formazione del PAI Pertanto, la proposta di riperimetrazione deve:

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 54 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

a) essere verificata sulla base di studi idraulici in funzione dei quali vengono effettuate le
nuove determinazioni, accertando che questi siano di maggior approfondimento rispetto
a quelli del piano di bacino vigente;
b) essere verificato che lo studio porti sempre ad una determinazione più affidabile delle
aree inondabili e delle relative caratteristiche di inondazione, assicurandosi quindi che
l’approfondimento abbia presupposti tecnico–scientifici tali da escludere ragionevolmente
che eventuali ulteriori affinamenti possano nuovamente mutare in modo sostanziale i
risultati ottenuti.
Si rileva che il “maggior dettaglio” dipende da vari fattori, spesso interagenti, e che, in ogni
caso, l’impiego di modelli idraulici dalle caratteristiche differenti da quelli utilizzati per le
verifiche dell’Autorità, non giustifica, di per sé, la modifica alle perimetrazioni vigenti, ma va
accompagnata da un reale e concreto approfondimento di dati di base, valutazioni, modellistica,
etc., come di seguito meglio evidenziato.
Il tipo di indagine e di acquisizione di nuovi dati sono comunque commisurati anche all’entità
della riperimetrazione richiesta.
Gli studi presentati dovranno, pertanto, contenere gli elementi adeguati per valutare tali aspetti,
prevedendo una apposita relazione che illustri le tematiche di seguito individuate e certifichi la
sussistenza delle condizioni di cui sopra.
Le istanze di riperimetrazione devono possedere tutte le caratteristiche ed essere corredate di
tutte le documentazioni tecniche indicate all’allegato C.
F.1.2 Definizione ed individuazione delle fasce fluviali
Le fasce fluviali sono state così definite:
1. Alveo di piena ordinaria. Si definisce alveo di piena ordinaria la parte della regione
fluviale interessata dal deflusso idrico in condizioni di piena ordinaria, corrispondente al
periodo di ritorno T = 2-5 anni. Nel caso di corsi d'acqua di pianura, l'alveo di piena
ordinaria coincide con la savanella, cioè con la fascia fluviale compresa tra le sponde
dell'alveo incassato. Nel caso di alvei alluvionati, l'alveo di piena ordinaria coincide con il
greto attivo, interessato (effettivamente nella fase attuale oppure storicamente) dai
canali effimeri in cui defluisce la piena ordinaria.
2. Alveo di piena standard (Fascia A). La Fascia A viene definita come l'alveo di piena che
assicura il libero deflusso della piena standard, di norma assunta a base del
dimensionamento delle opere di difesa. Si assume, come piena standard, quella
corrispondente ad un periodo di ritorno pari a 100 anni, calcolata portando in debito
conto l'influenza delle varie opere esistenti nel bacino a monte e lungo le varie aste, e le
eventuali esondazioni nei tratti a monte.
3. Fascia di esondazione (Fascia B). La Fascia B comprende le aree inondabili dalla piena
standard, eventualmente contenenti al loro interno sottofasce inondabili con periodo di
ritorno T< 100 anni. In particolare dovranno essere considerate tre sottofasce:
- la sottofascia B1 è quella compresa tra l'alveo di piena e la linea più esterna tra la
congiungente l'altezza idrica h=30 cm delle piene con periodo di ritorno T=30 anni e
altezza idrica h=90 cm delle piene con periodo di ritorno T=100 anni;
- la sottofascia B2 è quella compresa fra il limite della Fascia B1 e quello dell'altezza
idrica h=30 cm delle piene con periodo di ritorno T=100 anni;
- la sottofascia B3 è quella compresa fra il limite della Fascia B2 e quello delle piene
con periodo di ritorno T=100 anni.
Nell'individuazione delle fasce si terrà conto, laddove possibile o significativo, anche della
velocità della corrente che può rappresentare un indicatore dell'intensità dell'evento in

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 55 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

alcuni casi più significativo del tirante idrico (una velocità elevata, ad esempio maggiore
di 1 m/s, con tirante di 60 cm corrisponderebbe ad una situazione di pericolosità
maggiore di quella della sottofascia B2 e pertanto classificherebbe la zona in fascia B1)
4. Fascia di inondazione per piena d'intensità eccezionale (Fascia C). E' quella interessata
dalla piena relativa a T = 300 anni o dalla piena storica nettamente superiore alla piena
di progetto.
F.1.3 Rilievi topografici e di sezioni idrauliche
Gli studi finalizzati all’aggiornamento delle perimetrazioni, per assumere caratteristiche di
“maggior dettaglio”, devono prevedere rilievi topografici sufficientemente accurati della zona di
indagine, riguardanti le sezioni d’alveo, le golene e comunque le aree interessate dalla
propagazione della piena e delle zone ad esse limitrofe.
Per il rilievo delle sezioni idrauliche ci si deve attenere alle indicazioni di cui all’allegato C.
L’estensione dei rilievi plano-altimetrici nelle aree limitrofe all’alveo e il numero e la distribuzione
dei punti battuti sarà commisurata all’entità ed alla rilevanza della modifica richiesta ed
all'articolazione del territorio.
Detti rilievi devono, in ogni caso, essere riferiti a capisaldi di livellazione materializzati sul
terreno (es. IGM, punti fiduciari catasto, altri disponibili) ovvero inquadrati plano-
altimetricamente attraverso strumentazione G.P.S. di alta precisione; è inoltre necessario
verificare la coerenza dei rilievi eseguiti con le cartografie di supporto del vigente Piano. Nei casi
in cui la ridefinizione delle aree allagabili e delle fasce fluviali sia condotta sulla sola base di una
ridefinizione della morfologia locale del terreno, prendendo a riferimento quote idrometriche
derivate dagli studi originali a supporto della prima stesura del PSAI 2002, dovrà essere
verificata la coerenza delle quote usate in quegli studi con il sistema di riferimento dell’attuale
base cartografica.
È necessaria la produzione di una carta e/o di una relazione che dettagli lo schema dei punti
quotati utilizzati, con distinzione della provenienza (CTR, altre cartografie, punti rilevati ad hoc).
È inoltre necessaria la restituzione di tali dati in formato informatico compatibile con i sistemi
informativi dell’AdB.
F.1.4 Tratto di corso d’acqua oggetto di studio
Le verifiche idrauliche, devono sempre riguardare tratti di corsi d’acqua “idraulicamente
significativi”. Dal punto di vista della simulazione idraulica in alveo, nell’allegato C sono già
definiti come “idraulicamente significativi” tratti di corso d’acqua delimitati da sezioni per le quali
sia possibile assegnare a priori il livello idrico della corrente (es. attraversamento dello stato
critico per brusco restringimento o allargamento, presenza di soglie, ponti, traverse etc. oppure,
ad esempio, deflusso in un ricettore con livello noto). Questo principio consente, di individuare
tratti di corso d’acqua idraulicamente “sconnessi” l’uno dall’altro, tali cioè da poter assumere
che il comportamento idraulico di un tratto non sia influenzato e non sia influenzabile da tratti a
monte e a valle.
Laddove possibile, in particolare per corsi d’acqua di dimensioni limitate, considerato che la
riperimetrazione proposta va ad inserirsi in aree già perimetrate, è comunque auspicabile che gli
approfondimenti interessino l’intero.
Nel caso in cui si proceda per stralci più limitati, deve essere valutato e dimostrato che, oltre al
tratto di corso d’acqua investigato, anche le aree inondabili oggetto di studio e di
approfondimento risultino “sconnesse” da quelle limitrofe, poste a monte e a valle.
Ciò significa, in generale, che le rideterminazioni effettuate in una zona, per poter costituire
aggiornamento delle perimetrazioni di piano, devono risultare coerenti con quelle delle aree

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 56 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

limitrofe e non devono influire sulle valutazioni precedentemente effettuate, e che comunque
non possano risultare influenzate da fenomeni di esondazione indiretti provenienti da sezioni del
corso d’acqua esterne al tratto indagato. Analogamente dovrà essere dimostrato che i fenomeni
di esondazione che si verificano nel tratto oggetto di indagine non interessino aree esterne di
quella di studio.
F.1.5 Modellistica idraulica e studi pregressi
L’aggiornamento del quadro conoscitivo conseguente alla presentazione di studi ed indagini di
maggiore dettaglio deve sempre avvenire in un contesto di coerenza ed omogeneità tecnica con
gli studi condotti da questa Autorità.
Gli studi approvati dall’Autorità, dai quali discende il quadro conoscitivo vigente, devono
pertanto costituire una base di partenza per gli approfondimenti proposti.
Qualora le valutazioni relative al deflusso delle acque di piena siano basate su ipotesi della
dinamica dell’esondazione diverse da quelle poste negli studi originari, devono essere
ampliamente motivate le nuove ipotesi di base.
In particolare quando il moto ed il deflusso risulti condizionato da situazioni non rappresentate
da opere idrauliche (quali allagamento tramite sottopassi, deflusso attraverso strade e centri
insediati, etc.), e pertanto legato a situazioni che possono rivelarsi contingenti, soprattutto
quando derivanti da motivi e condizioni di tipo urbanistico-edilizio, deve essere garantito che le
ipotesi poste a base dello studio non abbiano a venir meno né siano influenzate e modificate da
eventuali interventi antropici, soprattutto quando questi non risultino soggetti a pareri ed
autorizzazioni da parte delle autorità idrauliche competenti.
In assenza delle garanzie suddette devono essere assunte perimetrazioni che prendano
contemporaneamente in considerazione tutte le ipotesi di dinamica dell’evento di esondazione,
attraverso l’inviluppo dei diversi scenari di pericolosità idraulica.
F.1.6 Documentazione minima costituente la richiesta di aggiornamento della
perimetrazione
La documentazione tecnica relativa ad un aggiornamento della perimetrazione deve essere
costituita almeno da quanto segue:
a) Tutta la documentazione di cui all’allegato C
b) Rappresentazioni cartografiche (scala non inferiore a 1:2.0002):
1. le aree inondabili con periodi di ritorno T=30, 100 e 300 anni;
2. le fasce fluviali così come definite nel paragrafo F.1.2;
3. una carta degli elementi antropici aggiornata;
4. carta del danno;
5. carta delle aree a rischio derivante dalle precedenti.
Gli studi idraulici a supporto della richiesta di riperimetrazione entrano a far parte integrante del
piano, sostituendo, modificando o integrando i corrispondenti elaborati del Piano.

F.2 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE DI PERICOLOSITA’ E


RISCHIO DA FRANA
Gli studi finalizzati alla revisione delle perimetrazioni dovranno essere condotti secondo la stessa
procedura e criteri utilizzati per la redazione del PAI, così come illustrati nella relazione tecnica

2
Laddove non sia disponibile una copertura aerofotogrammetrica in scala 1:2.000 è possibile rappresentare i dati di analisi e di
sintesi alla scala minima richiesta partendo dalla C.T.R. (ed. 2004) in scala 1:5.000

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 57 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

pericolosità e rischio da frana, e realizzati ad una scala di maggiore dettaglio, non inferiore a
1:2.0002. In ogni caso gli studi possono essere supportati e/o integrati da ulteriori verifiche,
valutazioni e rilievi puntuali.
La documentazione tecnica a corredo delle istanze di riperimetrazione dovrà essere asseverata
da un geologo iscritto alla sezione A dell'albo professionale dei geologi.
F.2.1 Elaborati di base
Gli studi geologici finalizzati alla revisione delle perimetrazioni di pericolosità e rischio da frana
individuate dal PAI devono essere sempre corredati dai seguenti approfondimenti ed elaborati
minimi:
a) Relazione tecnica riportante i dati di analisi rilevati e di sintesi.
b) Rilievi geologici, geomorfologici, idrogeologici riferiti sia all’area d’interesse sia ad un
ambito geomorfologico significativo, nel quale siano compresi tutti i processi di dissesto
avvenuti e potenziali;
c) Indagini geognostiche per la caratterizzazione lito-stratigrafica dei terreni; prove in sito
e/o di laboratorio per la caratterizzazione geotecnica, rilievi geomeccanici (per la
caratterizzazione degli ammassi rocciosi);
d) Rappresentazioni cartografiche (scala non inferiore a 1:2.0003):
 Carta dell'ubicazione delle indagini geognostiche;
 Carta geolitologico - strutturale con indicazioni idrogeologiche;
 Carta della tipologia e degli spessori dei depositi di copertura detritico-piroclastica con
classi di spessore non inferiori a quelle individuate nel PAI (solo per gli interventi
ricadenti nel contesto carbonatico con coperture detritico-piroclastiche);
 Carta delle pendenze dei versanti con classi di pendenza non inferiori a quelle
individuate nel PAI;
 Carta dei danni esistenti e pregressi (laddove esistenti);
 Carta geomorfologica finalizzata alla valutazione della pericolosità da frana (con
l’individuazione dettagliata delle classi di forme indicate nel corrispondente elaborato
PAI);
 Carta inventario dei fenomeni franosi e della relativa intensità in funzione delle
massime velocità attese;
 Carta degli elementi antropici aggiornata;
 Carta del danno potenziale atteso;
 Carta della pericolosità da frana;
 Carta del rischio da frana derivante dalle precedenti.

Per la redazione della carta inventario dei fenomeni franosi vanno impiegate la legenda e
la metodica rappresentativa di seguito riportate:

3
Laddove non sia disponibile una copertura aerofotogrammetrica in scala 1:2.000 è possibile rappresentare i dati di analisi e di
sintesi alla scala minima richiesta partendo dalla C.T.R. (ed. 2004) in scala 1:5.000

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 58 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Legenda dei fenomeni franosi scala 1:2.000


Codici Tipologia di movimento e nomenclatura delle parti Simbologia

a q r/s

CR Crolli (Falls)
CR1 Zona di distacco
CR2 Zona di transito
CR3 Zona di recapito - accumulo
RB Ribaltamenti (Topples)
RB1 Zona di distacco
RB2 Zona di transito
RB3 Zona di recapito - accumulo
Scorrimenti (Slides)
SCR Scorrimenti rotazionali r, s
SCR1 Nicchia
SCR2 Corpo
SCR3 Cumulo
SCT Scorrimenti traslativi r, s
SCT1 Nicchia
SCT2 Zona di transito
SCT3 Cumulo
EL Espansioni laterali (Lateral spreads) r, s
EL1 Scarpata principale
EL3 Corpo
DGPV Deformazioni Gravitative Profonde
DGPV Versante interessato da deformazione profonda
DGPV_TRNC Trincea
DGPV_GRD Gradino
DGPV_CPD Contropendenza
DGPV_CRST Doppia cresta
DGPV_DPR Depressioni chiuse
Colamenti (Flows)
CRPS Creep superficiale (Soil creep)

CRPP Creep profondo (Mass creep)

CLL Colata lenta (earth flow) r, s


CLL1 Nicchia
CLL2 Canale
CLL3 Cumulo

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 59 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Colate 'rapide'

CLRT Colata rapida di terra


r, s
CLRT1 Nicchia
CLRT2 Canale
CLRT3 Cumulo
Colata estremamente rapida di
CERF
fango r, s
CERF1 Zona di alimentazione
CERF2 Zona di transito
CERF3 Zona di invasione
Colata estremamente rapida di
CERD
detrito r, s
CERD1 Zona di alimentazione
CERD2 Zona di transito
CERD3 Zona di invasione
Combinazione di due o più tipologie di
Frane complesse
movimento
Esempio 1
SCR_CLL1 Nicchia
SCR_CLL2 Corpo
SCR_CLL3 Cumulo

Esempio 2

CLL_CLR1 Nicchia
CLL_CLR2 Canale
CLL_CLR3 Cumulo

Elementi connessi a fenomeni franosi


grd Gradino di frana (o scarpata secondaria)
cpnd Contropendenza
fsr Trincea o fessura
frt Frattura
lgst Laghetto stagionale
lgpr Laghetto permanente

I suffissi “a” (attiva), “q” (quiescente), “r” (relitta) e "s" (stabilizzata) indicheranno lo stato di attività
(sensu Cruden e Varnes, 1996)
NOTE: Qualora non sia possibile, nell’ambito del materiale mobilizzato, distinguere, senza
approfondite indagini geognostiche, tra “corpo di frana” (parte del materiale spostato che
ricopre la superficie di rottura tra la base della scarpata principale e il margine inferiore della
superficie di rottura, il quale può presentarsi anche poco deformato e conservare in parte
l’originario assetto stratigrafico dei terreni coinvolti) e “cumulo di frana” (parte del materiale
spostato che si trova a valle del margine inferiore della superficie di rottura, il quale si presenta
in genere maggiormente deformato o con struttura caotica), verranno utilizzati solo i codici 1 e
3 (come illustrato nell’Esempio a).

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 60 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Rappresentazione:
Tutte le frane con estensione cartografabile in scala 1:2.000, andranno rappresentate
arealmente, perimetrando le singole parti mediante poligoni chiusi. La tipologia e lo stato di
attività saranno indicate, negli elaborati cartografici, dai simboli corrispondenti, mentre negli
elaborati digitali saranno utilizzati i codici alfanumerici (vedi esempi).
Le frane di limitata estensione e non cartografabili andranno rappresentate usando solo il
simbolo relativo alla loro tipologia.
Esempio a Esempio b
Scorrimento rotazionale evolvente a colata lenta quiescente Colata di fango attiva
scr_cll1_q Nicchia cerf1_a Zona di alimentazione
scr_cll3_q Corpo e/o cumulo cerf2_a Zona di transito
cerf3_a Zona di accumulo

Carta inventario dei danni al suolo, alle strutture e alle infrastrutture, riconducibili

a fenomeni franosi. Laddove non si rilevano danni esplicitarne l'assenza
esclusivamente in relazione;
 Carta della revisione della pericolosità da frana;
 Carta della revisione del rischio da frana;
e) Schede delle frane inventariate – a tal scopo va utilizzata la scheda IFFI (Inventario dei
Fenomeni Franosi in Italia) nella versione più aggiornata disponibile al momento della
redazione dello studio.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 61 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Gli elaborati di base, riportati nel precedente elenco, dovranno essere integrati, con gli
approfondimenti indicati nei successivi paragrafi, in riferimento sia agli scenari di franosità attesi
sia a ciascuna delle seguenti fattispecie:
a) Riperimetrazioni di ambiti geomorfologici non interessati da frane;
b) Riperimetrazioni delle aree di frana;
c) Riperimetrazioni a seguito di opere di sistemazioni definitive.
F.2.2 Riperimetrazioni di ambiti geomorfologici non interessati da frane
Le proposte di riperimetrazione di ambiti geomorfologici non interessati direttamente da frane
pregresse, devono contenere tutti gli elaborati citati al § F.2.1. e devono essere integrati, in
relazione agli scenari di franosità tipici di ciascuno ambito, con i seguenti approfondimenti:
Ambiti caratterizzati da scenari dove possono verificarsi frane estremamente rapide di fango e/o
di detrito.
 verifiche di stabilità del pendio relative all'innesco e alla propagazione di potenziali
movimenti gravitativi riguardanti i depositi di copertura eventualmente presenti;
Ambiti caratterizzati da scenari dove possono verificarsi frane di crollo e/o ribaltamento.
 rilievo prospettico dell’ambito, quando questo non è ben rappresentabile in pianta per la
sua elevata verticalità;
 rilievi geostrutturali e geomeccanici;
 definizione dei volumi potenzialmente instabili;
 caratterizzazione dei punti critici;
 identificazione delle fenomenologie cinematiche più probabili;
 verifiche cinematiche;
 verifiche di stabilità;
 simulazione caduta massi;
 analisi delle traiettorie e delle altezze di rimbalzo.
Ambiti caratterizzati da scenari dove possono verificarsi frane in successioni terrigene e/o
piroclastiche
 indagini geognostiche finalizzate all'accertamento di un substrato geologico non
interessato da fenomeni franosi o di aree in frana non censite nel PAI;
 verifiche di stabilità del pendio.
F.2.3 Riperimetrazioni delle aree di frana
Le proposte di riperimetrazioni relative ad aree censite in frana nel PAI di qualsiasi tipologia,
cinematismo e stato d’attività, devono contenere tutti elaborati citati al § F.2.1. e devono
prevedere, inoltre, i seguenti approfondimenti:
 indagini geognostiche finalizzate alla definizione della geometria di frana e, nel caso di
frane in depositi detritico-piroclastici, dei volumi residui dei depositi di copertura;
 verifiche di stabilità del pendio;
nel caso di frane in successioni terrigene inoltre:
 monitoraggio strumentale, della durata di almeno 1 anno solare, finalizzato alla
valutazione delle deformazioni dei terreni, delle oscillazioni piezometriche delle falde
acquifere eventualmente presenti e delle pressioni interstiziali in terreni saturi.
La complessità del caso di studio potrebbe, inoltre, rendere necessario:
 il monitoraggio dei versanti al contorno della frana sia per quello che riguarda le cause
(esempio: piogge o livelli piezometrici) sia gli effetti (esempio: spostamenti);

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 62 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

I risultati delle verifiche e delle modellazioni, qualora risultassero in disaccordo con i dati di
franosità avvenuta e/o accertata, potranno essere presi in considerazione solo a seguito
dell’avvenuta e documentata realizzazione di interventi di sistemazione e/o modificazione
antropica dei luoghi. In tal caso sarà necessario procedere alla valutazione e verifica delle
interazioni tra le opere/interventi esistenti e l’assetto idrogeologico. Tali verifiche e valutazioni,
dovranno essere a firma di un tecnico abilitato.

F.3 LINEE GUIDA PER LA RIPERIMETRAZIONE DELLE AREE DI PERICOLOSITA’ E


RISCHIO DA COLATA
Gli studi di approfondimento volti alla perimetrazione della pericolosità da colata devono avere
le seguenti caratteristiche minime generali:
1. Per ogni scenario di evento si dovranno produrre le distribuzioni spaziali delle intensità,
definite in termini di velocità e spessore della corrente. Ad ogni scenario di evento dovrà
essere associata la corrispondente probabilità di accadimento.
2. La probabilità di accadimento, di uno scenario di evento, sarà dedotta a partire dalla
probabilità di accadimento della precipitazione potenzialmente responsabile dell’innesco del
fenomeno. Si dovrà fare riferimento a tre possibili scenari, corrispondenti rispettivamente a
probabilità di accadimento elevata (tempo di ritorno pari a 30 anni), media (tempo di
ritorno pari a 100 anni) e bassa (tempo di ritorno pari a 300 anni).
3. Dovranno essere presi in considerazione i due possibili meccanismi d’innesco e formazione
dei processi, ovvero:
 tipologia di formazione 1 (evoluzione di una corrente idrica in una corrente di detriti):
progressivo aumento della concentrazione solida di una corrente idrica superficiale, per
effetto dell’erosione di sedimenti sciolti, presenti sulla superficie del bacino ed in
particolare nel letto dei torrenti, dovuta ad azioni di tipo idrodinamico.
 tipologia di formazione 2 (evoluzione di un movimento franoso in una corrente di
detriti): mobilitazione di un intero ammasso detritico saturo o prossimo alla saturazione
per effetto della riduzione delle tensioni efficaci dovuto all’incremento delle tensioni
neutre (meccanismo di rottura alla Coulomb).
Coerentemente con i due processi di formazione indicati, dovranno essere stimati i volumi solidi
coinvolti dall’evento, i corrispondenti volumi solido-liquido e gli idrogrammi delle portate solido-
liquido.
F.3.1 Stima dei volumi e degli idrogrammi solido-liquido
Con riferimento alla tipologia di formazione 1, gli idrogrammi solido-liquido potranno essere
dedotti a partire dagli idrogrammi di piena della corrente idrica conseguente all’evento di
precipitazione di assegnata probabilità di accadimento. L’idrogramma di piena andrà stimato
seguendo le prescrizioni di cui al paragrafo C.1.2 dell’allegato C.
La concentrazione solida della corrente potrà essere fissata con riferimento alle condizioni di
saturazione della capacità di trasporto della corrente, quest’ultima definita in funzione delle
caratteristiche locali di pendenza del fondo e angolo di attrito.
Il volume solido-liquido e il corrispondente volume solido, complessivamente coinvolti, potranno
ottenersi per integrazione dei rispettivi idrogrammi.
Con riferimento alla tipologia di formazione 2 i volumi complessivamente coinvolti dalla corrente
dovranno essere stimati sulla base dell’analisi di stabilità delle coltri. Sarà necessario
implementare un modello che consenta di definire i volumi mobilizzati da una precipitazione di

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 63 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

assegnata probabilità di accadimento. L’intensità della precipitazione di riferimento potrà essere


definita, a partire dalla durata dell’evento responsabile dell’innesco, attraverso la legge di
probabilità pluviometrica, dedotta dallo studio idrologico a supporto del Piano secondo le
indicazioni di cui all’allegato C. Si dovrà fare riferimento alla curva di probabilità pluviometrica,
relativa alla probabilità di accadimento fissata.
I modelli per la stima dei volumi mobilizzabili dovranno essere di tipo distribuito e dovranno
basarsi sulla conoscenza della distribuzione areale delle caratteristiche dei depositi di copertura.
In particolare dovranno essere restituite le distribuzioni areali delle seguenti caratteristiche:
 spessore e stratificazione delle coperture sciolte
 permeabilità e peso specifico dei suoli
 parametri di resistenza (angolo di attrito e coesione)
Lo studio di cui sopra dovrà essere condotto in scala di dettaglio adeguata alle situazioni che si
vogliono descrivere, comunque la scala non dovrà essere inferiore a 1: 2.000 e i pixel di calcolo
non dovranno avere lati di dimensioni superiori ai 5 m.
Le durate della fase crescente dell’idrogramma solido-liquido, corrispondenti ai diversi scenari di
volume mobilizzabile, e quindi la forma dell’idrogramma stesso, dovranno essere stimati sulla
base di considerazioni relative alla velocità di formazione degli idrogrammi stessi e quindi in
funzione delle proprietà reologiche dei miscugli, e delle caratteristiche geometriche delle aree
oggetto di studio.
F.3.2 Stima delle aree di invasione
Lo studio della propagazione verso valle delle correnti e della conseguente invasione delle aree
di conoide dovrà essere effettuata attraverso un modello matematico e numerico che soddisfi i
seguenti requisiti:
 condizioni di moto vario;
 schema numerico di tipo bi-dimensionale;
 possibilità di simulare l’effettivo comportamento reologico del miscuglio;
 possibilità di tenere in conto la presenza degli edifici e di altri possibili ostacoli al flusso;
 possibilità di simulare il contributo di possibili vie preferenziali per la corrente quali ad
esempio i canali naturali o artificiali e le strade.
Il comportamento reologico del miscuglio dovrà essere studiato per mezzo di prove reologiche
di laboratorio. I test di laboratorio dovranno fornire i valori dei parametri reologici per i diversi
valori della concentrazione solida del miscuglio. In alternativa si potrà fare riferimento a dati di
letteratura relativi a miscugli caratterizzati dalla medesima composizione granulometrica.
La topografia della zona di scorrimento e di deposito dovrà essere descritta da un DTM,
ottenuto per mezzo di appositi rilievi. La scala topografica di riferimento dovrà avere dettaglio
pari o superiore a 1:2.000. Particolare cura dovrà essere dedicata alle aree urbanizzate per
evitare di confondere le quote sommitali dell’edificato con le effettive quote del terreno.
Il passo della griglia di calcolo, da utilizzarsi nelle simulazioni numeriche, dovrà essere il più
piccolo possibile, tenuto conto dei limiti dovuti ai criteri stabilità numerica.
Le simulazioni del deflusso nella zona edificata dovranno tenere in conto la presenza degli edifici
e allo stesso tempo valutare il caso in cui gli edifici stessi non resistano alla forza di impatto
della colata. Poiché in molti casi, la valutazione della resistenza degli edifici può essere
eccessivamente onerosa o affetta da gravi incertezze, si faranno due simulazioni di cui una in
presenza ed una in assenza di tutti gli edifici.
Particolare cura dovrà essere dedicata alla corretta descrizione del comportamento della colata
in corrispondenza di opere longitudinali e trasversali che possano interferire con la corrente
stessa. A questo proposito dovranno essere presi in considerazione scenari alternativi per

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 64 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

quanto riguarda la piena funzionalità o meno durante l’evento di cunettoni, eventuali tratti
tombinati ed attraversamenti.
F.3.3 Stima della pericolosità
In ogni cella di calcolo dell’area oggetto dello studio si dovrà definire il livello di intensità sulla
base dei valori calcolati del massimo spessore della colata e della massima velocità, secondo il
seguente schema:
Intensità Massimo spessore Massima velocità
[m] [m/s]
elevata h > 1,0 O v > 1,0
media h ≤ 1,0 E v ≤ 1,0
La carta delle intensità corrispondente ad ogni probabilità di accadimento, si otterrà quindi
dall’inviluppo delle aree di invasione e delle massime intensità ricavate da ogni scenario avente
la data probabilità di accadimento.
La pericolosità è definita, in ogni cella di calcolo, come una combinazione discreta di intensità e
probabilità di accadimento, come mostrato nella figura sottostante.
INTENSI

ELEVATA P4 P4 P4
TA’

MEDIA P4 P3 P3

ELEVATA MEDIA BASSA


Tr = 30 anni Tr = 100 anni Tr = 300 anni

PROBABILITA’ DI ACCADIMENTO

P4 – PERICOLO MOLTO ELEVATO (rosso)

P3 – PERICOLO ELEVATO (arancione)

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 65 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO G - CRITERI DI MASSIMA PER LA PROGETTAZIONE DELLE OPERE


IDRAULICHE, DEGLI INTERVENTI IDRAULICI E DELLE OPERE
PUBBLICHE INTERFERENTI CON LA RETE IDROGRAFICA

G.1 PORTATA DI PIENA DI PROGETTO


La portata di piena (sia relativa alle portate liquide che alle colate) da assumere nella
progettazione relativa ad opere strutturali, ad esclusione di quelle di cui al successivo paragrafo
G.3.1, e salvo i casi particolari in cui sia necessario assumere un tempo superiore ovvero in cui
le opere di protezione e sistemazione presenti siano dimensionate per un tempo di ritorno
superiore, è quella con tempo di ritorno centennale (T=100 anni) indicata nell’allegato D o
altrimenti stimata secondo le indicazioni di cui al paragrafo C.1.2 dell’allegato C.
Gli indirizzi di carattere tecnico ed i requisiti minimi degli studi idraulici relativi a progetti di
sistemazione idraulica, a richieste di autorizzazioni idrauliche sono indicati nei paragrafi seguenti
e nell’allegato C.

G.2 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE, SISTEMAZIONE, REGIMAZIONE,


DIFESA E MANUTENZIONE IDRAULICA E IDRAULICA FORESTALE
G.2.1 Finalità degli interventi
Gli obiettivi del piano vengono raggiunti attraverso l’attuazione di interventi strutturali e non
strutturali. I primi si dividono in interventi strutturali di tipo attivo che modificano il valore della
portata di piena per assegnato periodo di ritorno che può affluire ad un dato tronco d’alveo,
producendo anche effetti a valle, ed interventi strutturali di tipo passivo che costituiscono opere
di difesa e non modificano la portata di piena per assegnato periodo di ritorno; i secondi invece
tendono a ridurre il grado di rischio accertato limitando o modificando l’attuale uso del territorio.
G.2.2 Tipologia degli interventi
Gli interventi strutturali attengono alla riqualificazione fluviale, alla manutenzione idraulica, alla
regimazione e difesa idraulica, all’idraulica forestale, alla delocalizzazione. Gli Interventi non
strutturali invece, sono costituiti da norme relative alla regolamentazione d’uso delle fasce
fluviali ed a interventi agro-forestali ed alla eventuale realizzazione di parchi fluviali.
Gli interventi strutturali devono essere progettati e realizzati anche in funzione della
salvaguardia e della promozione della qualità ecologica e morfologica dei sistemi fluviali.
Quando l’intervento prevede la costruzione di opere, è necessario adottare metodi di
realizzazione tali da non compromettere in modo irreversibile le funzioni biologiche
dell’ecosistema in cui vengono inserite e da arrecare il minimo danno possibile alle comunità
vegetali ed animali presenti, rispettando contestualmente i valori paesaggistici dell’ambiente
fluviale. In fase di progettazione preliminare, devono essere esaminate diverse soluzioni,
tenendo conto nella valutazione costi-benefici anche dei costi e dei benefici di tipo ambientale,
ed optando per la soluzione che realizza il miglior grado di integrazione tra i diversi obiettivi.
Dovrà essere di norma evitata la realizzazione di interventi che prevedano:
a) manufatti in calcestruzzo (muri di sostegno, briglie, traverse), se non adiacenti ad
opere d’arte e comunque minimizzandone l’impatto visivo;
b) scogliere in pietrame o gabbionate non rinverdite;
c) rivestimenti di alvei e di sponde fluviali in calcestruzzo;
d) tombinamenti di corsi d’acqua;

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 66 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

e) eliminazione completa della vegetazione riparia arbustiva e arborea.


Tra gli interventi strutturali si citano:
a) gli interventi di riqualificazione fluviale, finalizzati alla riqualificazione e alla protezione
degli ecosistemi relittuali degli habitat esistenti e delle aree naturali esistenti e alla
salvaguardia e al ripristino delle dinamiche morfologiche;
b) gli interventi di manutenzione ordinaria, rivolti alla conservazione della sicurezza
attuale del territorio attraverso il mantenimento della officiosità delle sezioni, intesa
come vocazione delle stesse a garantire il normale deflusso delle acque, alla
salvaguardia delle caratteristiche di naturalità dell’alveo fluviale ed al rispetto delle
aree di naturale espansione. Per loro natura si tratta di interventi a carattere
periodico, generalmente rappresentati da:
- pulizia degli alvei, tendente ad eliminare gli ostacoli al deflusso della piena in
alveo, limitando gli abbattimenti agli esemplari di alto fusto morti, pericolanti,
debolmente radicati, che potrebbero essere facilmente scalzati ed asportati in
caso di piena;
- mantenimento della piena funzionalità delle opere idrauliche esistenti, avendo
cura di ricercare per quanto possibile, di minimizzazione l’impatto attraverso
opportuni interventi di mitigazione da valutare caso per caso;
c) gli interventi di regimazione e difesa idraulica, in grado di aumentare il periodo di
ritorno critico dell’asta fluviale;
d) gli interventi di idraulica forestale, finalizzati alla riduzione del grado di
compromissione di aree soggette ad erosione.
Tra gli interventi non strutturali si citano gli interventi di monitoraggio (es. morfologico) del
corso d’acqua, limitazioni d’uso di tipo agronomico e per la gestione forestale e per la
predisposizione di adeguati piani di emergenza.
G.2.3 Interventi di riqualificazione fluviale, manutenzione idraulica e idraulica
forestale
I progetti di riqualificazione fluviale, di manutenzione idraulica, di idraulica forestale devono
tendere al recupero e alla salvaguardia delle caratteristiche ecologiche e morfologiche degli
alvei.
In merito alle tipologie di intervento, l’uso dei mezzi meccanici dovrà essere preferito in quanto
di maggiore economicità e celerità, esclusivamente nel caso che riesca a garantire una qualità
d’intervento non inferiore a quella ottenibile mediante l’uso di manodopera. Per qualità di
intervento si intende una salvaguardia della vegetazione ed in generale degli habitat presenti
nelle aree di intervento che l’utilizzo di mezzi meccanici non è sempre in grado di garantire.
L'esecuzione degli interventi volta a realizzare sezioni d'alveo che garantiscono il deflusso delle
portate di piena ammissibili deve essere effettuata in modo tale da non compromettere le
funzioni biologiche del corso d'acqua e delle comunità vegetali ripariali. Eventuali deroghe sono
da porre in relazione a fenomeni di rischio per i centri abitati e per le infrastrutture e pertanto
da giustificare dal punto di vista tecnico.
La manutenzione ed il ripristino, anche parziale, delle opere trasversali in alveo deve prevedere
gli opportuni accorgimenti per assicurare il mantenimento della continuità biologica del corso
d'acqua tra monte e valle, con particolare riferimento alla fauna ittica (dei passaggi per pesci,
rampe, ecc.).
Il progetto esecutivo delle opere di riqualificazione fluviale, manutenzione ed idraulica forestale
deve contenere, oltre alla descrizione degli interventi, una relazione concernente:
a) le finalità e gli obiettivi dell'intervento;

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 67 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

b) la descrizione del contesto ambientale entro cui l’intervento si inserisce, corredata di


documentazione fotografica d’insieme e di dettaglio dell’area;
c) gli aspetti idrologici caratterizzanti il regime delle portate di piena del corso d'acqua;
d) per il tratto d’asta d’influenza, il grado di stabilità attuale dell’alveo e delle sponde, gli
eventuali dissesti in atto e potenziali e le probabili tendenze evolutive degli stessi
anche in connessione con la stabilità dei versanti;
e) la valutazione degli effetti che l’intervento produce sulle condizioni di stabilità attuali
per un significativo tratto del corso d’acqua, sia a monte che a valle dell’intervento;
f) ove significativa, l’illustrazione della vegetazione presente nella zona d’intervento e
nel territorio circostante con relativa carta tematica, nonché gli effetti che l’intervento
produce sull’assetto vegetazionale preesistente;
g) l’indicazione delle sezioni da tenere sotto osservazione per valutare gli effetti degli
interventi;
h) la conduzione dei lavori e l'organizzazione del cantiere, con indicazione dei mezzi
meccanici utilizzati, della localizzazione delle discariche autorizzate al conferimento
del materiali di risulta, della destinazione degli eventuali beni demaniali reperiti
(materiali litoidi, legname).
Il grado di approfondimento della relazione sarà necessariamente commisurato alla tipologia ed
alla importanza degli interventi proposti.
Quando, anche in applicazione delle norme di attuazione, è prevista la ricollocazione in alveo del
materiale di risulta degli interventi, il progetto deve contenere l'individuazione cartografica delle
aree di accumulo, la giustificazione e le finalità perseguite dal progetto.
In caso di asserite situazioni di sovralluvionamento, dovrà essere condotta un’attenta analisi
geomorfologica che accerti l’effettiva presenza di detta condizione e le sue cause. In via
prioritaria gli interventi dovranno essere mirati alla rimozione o mitigazione di queste cause e,
solo in seconda istanza, di fronte alla dimostrata impossibilità di agire in tal senso, si potrà
procedere con interventi di carattere sintomatico. In ogni caso andrà verificata la compatibilità
della rimozione dei sedimenti con il complessivo equilibrio morfologico del corso d’acqua e della
linea di costa, privilegiandone una ricollocazione nei tratti di reticolo idrografico più a valle.
Le alberature interessate dagli eventi di piena con tempo di ritorno trentennale, nei tratti fluviali
di intervento, devono essere sottoposte al taglio selettivo, al fine di evitare la formazione di
sezioni critiche in occasione del possibile sradicamento.
Gli alvei e i canali oggetto d’intervento devono essere resi percorribili almeno da un lato con
stradelle di servizio per l’uso dei mezzi meccanici per la manutenzione, o attraverso servitù dei
terreni frontisti o con espropriazioni delle strisce di servizio.
Il capitolato speciale d'appalto dovrà contenere le prescrizioni relative al taglio, al reimpiego e
all'allontanamento del legname. Il materiale legnoso non potrà di norma essere lasciato a rifiuto
in alveo. Quello non collocabile sul mercato - arbusti, ramaglia, ecc. - dovrà essere cippato sul
posto e comunque collocato al di fuori dell'alveo attivo.
L'impresa appaltatrice dei lavori deve altresì impegnarsi al trasporto in discarica autorizzata ed a
proprie spese dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali raccolti nell'alveo.
G.2.4 Interventi di regimazione e di difesa idraulica
Gli enti territorialmente competenti potranno presentare proposte di interventi finalizzati al
superamento delle situazioni di rischio individuate.
Ciascuna soluzione deve essere proposta attraverso uno studio di fattibilità, con la
presentazione di elaborati che forniscano un quadro descrittivo-informativo in grado di

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 68 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

consentire analisi e valutazioni in merito a quanto sopra riportato avendo a riferimento quanto
disposto dalla vigente normativa.
Devono essere esaminate diverse soluzioni, tenendo conto della valutazione costi-benefici e
considerando anche i costi e i benefici di carattere ambientale, optando per la soluzione che
realizza il miglior grado di integrazione tra i diversi obiettivi.
Gli elaborati da allegare allo studio di fattibilità sono:
a) un testo sintetico con la giustificazione del progetto, la descrizione dei risultati che
con esso si intende raggiungere e le eventuali interconnessioni con i progetti
riguardanti altre aree critiche;
b) una cartografia in scala non inferiore a 1:5.000, con la localizzazione delle opere e
degli interventi proposti;
c) una scheda con l’indicazione delle caratteristiche dell’intervento; il grado di dettaglio
nella descrizione dell’opera deve essere sufficiente per un’attendibile stima dei costi;
d) l’analisi costi – benefici delle soluzioni esaminate.
Nella definizione delle soluzioni progettuali, gli obiettivi di salvaguardia delle dinamiche
ecologiche e morfologiche, nonché di rispetto delle aree di naturale espansione devono essere
posti su di un piano di pariteticità con quelli di riduzione della pericolosità idraulica.
Interventi mirati alla stabilizzazione di alvei incisi o in incisione, in sovralluvionamento o
sovralluvionati, dovranno essere supportati da attenta analisi geomorfologica che individui le
cause di dette instabilità. In via prioritaria gli interventi dovranno essere mirati alla rimozione o
mitigazione di queste cause e, solo in seconda istanza, di fronte alla dimostrata impossibilità di
agire in tal senso, si potrà procedere con interventi di carattere sintomatico.
Nel momento della progettazione definitiva il dimensionamento delle opere di difesa idraulica
andrà definito in funzione:
a) degli elementi idrologici del corso d'acqua in termini di portate di piena di progetto ed
eventualmente di altre portate caratteristiche, nel caso di opere di regimazione;
b) delle valutazioni sull'assetto morfologico dell'alveo e della relativa tendenza evolutiva
(erosioni di sponda e di fondo, depositi, caratteristiche tipologiche dell'alveo);
c) delle valutazioni sulle componenti naturali proprie del corso d'acqua e sulle relative
esigenze di protezione, ripristino, conservazione;
d) delle caratteristiche idrauliche della corrente in relazione alle portate di
dimensionamento delle opere (velocità di corrente, altezza idrica, resistenza
dell'alveo);
e) della dinamica del trasporto solido e delle relative fonti di alimentazione, per tutti gli
aspetti interferenti con il buon funzionamento delle opere in progetto;
f) degli effetti indotti dalle opere in progetto sul comportamento del corso d’acqua per i
tratti di monte e di valle;
g) delle condizioni d'uso a cui destinare le pertinenze demaniali in rapporto alla
situazione in atto.
Deve costituire parte integrante del progetto la definizione delle esigenze di manutenzione delle
opere da realizzare, corredata dalla stima dei costi connessi.
Il progetto deve evidenziare gli aspetti connessi alla fase realizzativa delle opere che possono
indurre effetti negativi sull'ambiente in cui si inseriscono le opere da realizzare; in particolare
vanno valutati i problemi posti dal cantiere e dalla viabilità di accesso allo stesso e deve essere
prevista, nella fase esecutiva del progetto, la definizione precisa dei ripristini e delle sistemazioni
necessarie per ridurre i danni ambientali conseguenti.
Il progetto delle opere deve consentire il raggiungimento delle finalità prefissate senza necessità
di successivi interventi. Particolare attenzione va posta al fatto che gli interventi abbiano una

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 69 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

sufficiente flessibilità atta a garantire la necessaria compatibilità con la possibile evoluzione dei
fenomeni oggetto di controllo.
Gli eventuali interventi a stralcio, rispetto al progetto complessivo, devono avere comunque
carattere di completezza e funzionalità in rapporto al conseguimento almeno parziale delle
finalità generali che presiedono all'insieme delle azioni da attuare.
Oltre alla documentazione progettuale prevista dalla normativa vigente, dovrà essere
predisposta:
a) la documentazione attestante le finalità da conseguire attraverso l’intervento proposto e
le conseguenti modalità esecutive prescelte;
b) una relazione geologica - geomorfologica finalizzata all’individuazione, per il tratto d’asta
d’influenza, del grado di conservazione/alterazione delle dinamiche morfologiche, del
grado di stabilità attuale dell’alveo e delle sponde (tenendo conto che la presenza di
dinamiche morfologiche non è di per se espressione di instabilità o dissesto), di eventuali
dissesti in atto e potenziali e delle probabili tendenze evolutive degli stessi anche in
connessione con la stabilità dei versanti; la relazione dovrà contenere una valutazione
degli effetti che l’intervento produce sulle condizioni di stabilità attuali per un significativo
tratto del corso d’acqua, a monte e a valle dell’intervento;
c) una relazione idrologica ed idraulica finalizzata all’individuazione, per il tratto d’asta di
influenza, dei parametri idraulici ed idrologici in relazione sia allo stato di fatto sia alle
previsioni di progetto; infine, dovranno essere evidenziati gli effetti che l’intervento
produce sulla dinamica fluviale;
d) ove significativa, una relazione che illustri la vegetazione presente nella zona d’intervento
e nel territorio circostante con relativa carta tematica; verranno quindi valutati gli effetti
che l’intervento produce sull’assetto vegetazionale preesistente;
e) qualora nelle zone oggetto di intervento siano presenti opere d’arte o manufatti,
dovranno essere allegate sezioni eseguite in corrispondenza di dette strutture, di cui
dovranno essere riportate dimensioni e caratteristiche.
Gli interventi dovranno essere progettati e realizzati anche in funzione della salvaguardia e della
promozione della qualità dell'ambiente (dinamiche ecologiche e morfologiche); è pertanto
necessario che nella costruzione delle opere siano adottati metodi e tipologie che consentano il
migliore inserimento ambientale delle stesse, mirando alla salvaguardia delle dinamiche
morfologiche alle diverse scale, prendendo in considerazione le più recenti tecniche di
ingegneria naturalistica, in modo da non compromettere irreversibilmente le funzioni biologiche
e morfologiche dell'ecosistema in cui vengono inserite, rispettando nel contempo i valori
paesaggistici dell'ambiente fluviale, vallivo e litoraneo.
Gli alvei e i canali oggetto d’intervento devono, analogamente a quanto previsto per la
manutenzione, essere resi percorribili almeno da un lato con stradelle di servizio per l’uso dei
mezzi meccanici, o attraverso servitù dei terreni frondisti o con espropriazioni delle strisce di
servizio.
G.2.5 Indirizzi generali di gestione territoriale in funzione della corretta
sistemazione idraulica
Vanno promosse le attività dirette a mantenere efficiente la rete scolante generale (fossi,
cunette stradali) e la viabilità minore (poderale, interpoderale, sentieri, mulattiere e le
carrarecce), che a tal fine deve essere dotata di cunette taglia acqua e di altre opere simili.
Qualora venga individuata, in occasione di scavi connessi alla realizzazione di interventi
urbanistico-edilizi, la presenza di acque sotterranee, vanno eseguite opere dirette alla relativa
intercettazione.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 70 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

G.3 ATTRAVERSAMENTI E RILEVATI INTERFERENTI CON LA RETE IDROGRAFICA


G.3.1 Attraversamenti aerei e rilevati interferenti con la rete idrografica
Per la progettazione degli attraversamenti aerei (ponti stradali e ferroviari, ponti canale, ecc.) si
richiamano le norme vigenti in cui sono contenuti indirizzi e prescrizioni circa il
dimensionamento idraulico dei manufatti (cfr. punto 5 delle nuove Norme Tecniche per le
costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008).
Il valore della portata di piena da assumere per le verifiche idrauliche degli attraversamenti
aerei è fissata pari a quella con tempo di ritorno di 200 anni (sia relativa alle portate liquide che
alle colate), salvo i casi particolari in cui sia necessario assumere un tempo superiore ovvero in
cui le opere di protezione e sistemazione presenti siano dimensionate per un tempo di ritorno
superiore.
Si dovrà provvedere a valutare se per il corso d’acqua su cui si intende realizzare
l’attraversamento sia o meno significativo il trasporto solido di fondo e se esso sia o meno
soggetto al transito di colate; nei casi in cui queste dinamiche risultino significative le verifiche
idrauliche dovranno essere condotte tenendone conto.
Deve essere evitata l’introduzione di pile in alveo, fin tanto che i vincoli tecnici e costruttivi lo
permettono.
Eventuali pile e le spallette degli attraversamenti devono essere fondate a sufficiente profondità
da non essere instabilizzate da variazioni altimetriche dell’alveo connesse alle normali dinamiche
morfologiche (in particolare la migrazione delle barre) e dagli scavi localizzati durante gli eventi
di piena.
Non è ammessa la stabilizzazione delle fondazioni di pile e spallette attraverso la realizzazione di
soglie in alveo, salvo che dimostrati vincoli tecnici e costruttivi impediscano di fondare a
sufficienza le strutture per renderle autonomamente stabili.
Le eventuali traverse che si dovessero comunque costruire dovranno essere minimizzate
nell’elevazione ed essere conformate in modo da non costituire una interruzione della continuità
ecologica dell’ambiente acquatico (attraverso l’uso di rampe in massi o la realizzazione di
passaggi per pesci, ad esempio).
Il progetto degli attraversamenti aerei, oltre alla documentazione prevista dalla normativa
vigente, dovrà essere corredato da una relazione di progetto idraulico dei manufatti contenente:
a) descrizione e giustificazione della soluzione progettuale proposta in relazione
all'ubicazione e alle dimensioni degli elementi strutturali interessanti l'alveo (sia in fase di
costruzione sia d'esercizio) in rapporto all'assetto morfologico attuale dello stesso e alla
sua prevedibile evoluzione, alla natura geologica della zona interessata, al regime
idraulico del corso d'acqua;
b) definizione della portata di piena di progetto;
c) calcolo del profilo per la piena di progetto in condizioni di moto stazionario in assenza e
in presenza dei manufatti stradali o ferroviari con evidenziazione degli effetti di rigurgito
eventualmente indotti;
d) evidenziazione delle interazioni con l'alveo di piena in termini di eventuale restringimento
della sezione di piena, orientamento delle pile in alveo in rapporto alla direzione della
corrente, eventuale riduzione delle aree allagabili, eventuali effetti di possibili parziali
ostruzioni delle luci a causa del materiale galleggiante trasportato dall'acqua;
e) verifica della capacità della struttura (pile in alveo, spallette, eventuali soglie di fondo di
stabilizzazione) di resistere all’impatto dell’evento di colata di progetto, laddove si sia
riconosciuto che il corso d’acqua attraversato è soggetto a questo tipo di eventi;

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 71 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

f) individuazione e progettazione degli eventuali interventi di sistemazione idraulica (difese


di sponda, argini) che si rendano necessari in relazione alla realizzazione delle opere
secondo criteri di compatibilità e integrazione con le opere idrauliche esistenti;
g) quantificazione dello scalzamento necessario prevedibile sulle fondazioni delle pile in
alveo, delle spalle e dei rilevati e progettazione delle eventuali opere di protezione
necessarie;
h) indicazione delle eventuali interferenze delle opere di attraversamento con le sistemazioni
idrauliche presenti (argini, opere di sponda, ecc.) e delle soluzioni progettuali che
consentano di garantirne la compatibilità.
L'ampiezza e l'approfondimento del progetto idraulico e delle indagini che ne costituiscono la
base dovranno essere commisurati al grado di elaborazione del progetto generale.
I progetti degli attraversamenti dovranno prevedere, al fini della sicurezza delle stesse strutture,
le seguenti verifiche:
a) franco minimo tra quota di massima piena di progetto e quota di intradosso del ponte
pari a 0,5 volte l'altezza cinetica della corrente e comunque non inferiore a 1,50-2,00 m
(cfr. Circolare Ministero Infrastrutture e Trasporti del 02/02/2009 n.617- Istruzioni per
l’applicazione delle “nuove Norme Tecniche per le costruzioni” di cui al D.M. 14/02/2008);
b) interasse minimo tra le pile adeguato a non provocare fenomeni di ostruzione;
c) scalzamento massimo, in corrispondenza delle fondazioni delle pile e delle spalle, che
tenga conto dello scalzamento diretto e della tendenza evolutiva dell’alveo tale da non
compromettere la stabilità della struttura.
Il progetto dei rilevati in area perifluviale dovrà prevedere le seguenti verifiche:
a) franco minimo tra quota di massima piena di progetto e quota del piano viabile pari a 0,5
volte l'altezza cinetica della corrente e comunque non inferiore a 1,00 m;
b) scalzamento massimo ammissibile al piede compatibile con la stabilità del rilevato ed
eventuali opere di protezione.
Dovrà essere inoltre verificato che la presenza dell’attraversamento e/o del rilevato non
provochi ostruzioni e condizionamenti delle modalità di deflusso dell'alveo di piena incompatibili
con le condizioni di sicurezza dell'area circostante e con le caratteristiche delle opere di difesa
esistenti. Dovrà pertanto essere condotta la valutazione della compatibilità dei manufatti con
l'assetto dell'alveo in termini di:
a) effetti di restringimento dell'alveo e/o di indirizzamento della corrente;
b) effetti di rigurgito a monte;
c) compatibilità locale con le opere idrauliche esistenti;
d) effetto di riduzione della capacità di invaso dovuto alla realizzazione dei rilevati.
Per le opere minori di attraversamento (ponticelli e scatolari) il dimensionamento idraulico
dei manufatti dovrà considerare e definire i seguenti elementi essenziali:
a) condizioni di deflusso in funzione della portata liquida e solida di progetto;
b) protezione relativa allo sbocco e contro l'erosione.
I criteri descritti si riferiscono anche alla verifica delle opere di attraversamento e dei rilevati
esistenti. Rispetto a tali opere dovrà essere definito, entro un anno dalla data di pubblicazione
dell’atto di approvazione del piano, a cura degli Enti gestori, un programma di graduale
adeguamento per quelle che risultassero inadeguate rispetto alle verifiche da effettuarsi
secondo i criteri sopra fissati. Per quelle opere che risultassero incompatibili con le sistemazioni
idrauliche previste nel presente piano dovranno essere adottati i provvedimenti necessari
contestualmente alla realizzazione degli interventi idraulici.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 72 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

G.3.2 Attraversamenti in sotterraneo


Gli attraversamenti in sotterraneo di infrastrutture viarie e a rete devono essere fondate a
sufficiente profondità da non essere interessate da variazioni altimetriche dell’alveo connesse
alle normali dinamiche morfologiche (in particolare la migrazione delle barre) e da trovarsi
integralmente al di sotto dello spessore di sedimenti rimaneggiato e mobilizzato dalle piene con
tempo di ritorno 100 anni.
Non è ammessa la stabilizzazione delle infrastrutture contro il rischio che vengano scoperte dal
soprastante strato di sedimenti attraverso la realizzazione di soglie in alveo, salvo che dimostrati
vincoli tecnici e costruttivi impediscano di fondare a sufficienza le opere per renderle
autonomamente stabili.
Le eventuali traverse che si dovessero comunque costruire dovranno essere minimizzate
nell’elevazione ed essere conformate in modo da non costituire una interruzione della continuità
ecologica dell’ambiente acquatico (attraverso l’uso di rampe in massi o la realizzazione di
passaggi per pesci, ad esempio).
G.3.3 Tombinature e coperture
Sul reticolo idrografico non sono consentite nuove tombinature o coperture, o il prolungamento
di quelle esistenti, salvo quando connesse alla realizzazione di infrastrutture viarie e solo sui
colatori minori, previo parere della Autorità.
Le opere di tombinatura, ove ammesse, devono essere realizzate, salvo specifiche integrazioni
richieste da parte dell’Autorità, secondo i seguenti indirizzi generali:
 deve essere garantita una sezione netta interna di dimensioni tali da assicurare
l’accessibilità per gli interventi di pulizia e manutenzione e comunque superiore al metro
quadrato;
 devono essere dimensionate tenendo conto degli effetti del trasporto solido in termini di
riduzione della sezione di deflusso durante l’evento di piena di progetto;
 devono essere dimensionati anche in funzione del transito in sicurezza di correnti di detriti
(colate), laddove si sia riconosciuto che il colatore è soggetto a questo tipo di eventi;
 devono essere corredate da un programma di mantenimento della sezione di deflusso
prevista in progetto;
 deve essere effettuata almeno due volte all’anno, e comunque ogni qualvolta se ne
presenti la necessità, la pulizia degli attraversamenti da parte del proprietario e/o
concessionario.
I soggetti pubblici o privati proprietari o concessionari predispongono, entro un anno dalla data
di pubblicazione dell’atto di approvazione del piano, una verifica idraulica delle opere di
tombinamento dei corsi d’acqua naturali in corrispondenza degli attraversamenti dei centri
urbani. Le Amministrazioni competenti in relazione ai risultati della verifica menzionata,
individuano e progettano gli eventuali interventi strutturali di adeguamento necessari, con le
modalità previste al comma 1, privilegiando ovunque possibile il ripristino di sezioni di deflusso
a cielo libero. L’Autorità, su proposta delle Amministrazioni competenti e in coordinamento con
la Regione Campania, inserisce nei Programmi triennali di intervento di cui agli artt. 21 e
seguenti della Legge 18 maggio 1989, n. 183, gli interventi di adeguamento di cui al precedente
comma, unitamente alle altre opere che comportano l’eliminazione delle condizioni di rischio
idraulico per gli abitati.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 73 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

G.4 AGGIORNAMENTO DELLA PERIMETRAZIONE DELLA PERICOLOSITÀ E DEL


RISCHIO DA ALLUVIONI A SEGUITO DELLA REALIZZAZIONE DI OPERE
Qualora la realizzazione degli interventi di cui al presente allegato, con la sola esclusione degli
interventi di manutenzione ordinaria degli alvei e delle opere esistenti, sia tale da determinare
una modifica nei livelli idrometrici di piena e, come conseguenza di ciò, dell’estensione delle
aree allagabili esterne agli alvei, è obbligatorio sottoporre all’Autorità una richiesta di
aggiornamento della perimetrazione della pericolosità e rischio idraulico, con le procedure di cui
all’articolo 46 delle Norme di attuazione.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 74 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO H - CRITERI DI MASSIMA PER LA PROGETTAZIONE, LA REALIZZAZIONE


E LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE OPERE E
DEGLI INTERVENTI DI DIFESA DEI VERSANTI

H.1 FINALITÀ E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI DI DIFESA DEI VERSANTI


Il presente allegato definisce i criteri di massima per la progettazione degli interventi non
strutturali e strutturali finalizzati alla mitigazione o all’eliminazione del rischio da frana.
Tutti gli interventi devono essere progettati sulla base di studi di tipo geologico e geotecnico
mirati a definire la tipologia e il livello di pericolosità, lo scenario di rischio presente nonché
individuare e giustificare la progettazione degli interventi più opportuni.
La progettazione d’interventi finalizzati alla mitigazione o alla eliminazione del rischio da frana
può essere indirizzata alla riduzione di uno o più fattori che concorrono alla definizione del
livello di rischio: pericolosità, elementi antropici esposti e vulnerabilità.
La riduzione del fattore relativo agli elementi antropici esposti può essere conseguita anche con
interventi non strutturali, in particolare, attraverso una attenta pianificazione territoriale a scala
comunale che preveda, tra l’altro la delocalizzazione degli elementi esistenti e/o delle aree di
previsione di sviluppo urbanistico.
Nel caso di centri abitati e infrastrutture non delocalizzabili la mitigazione può conseguirsi
attraverso la progettazione d’interventi finalizzati alla riduzione della pericolosità e/o della
vulnerabilità dei beni esposti attraverso interventi strutturali.
La riduzione della pericolosità può conseguirsi mediante:
 interventi “attivi” preventivi sulle cause dell’instabilità (opere di bonifica e di
sistemazione idrogeologica del territorio, ecc...);
 interventi di difesa “passiva” per evitare la propagazione verso valle di possibili
movimenti franosi;
 interventi di sistemazione delle frane esistenti, al fine di stabilizzarle e impedirne la
successiva riattivazione o limitarne l’evoluzione.
La riduzione della vulnerabilità può conseguirsi mediante:
 interventi di rinforzo strutturale degli elementi antropici a rischio (riducendo un
eventuale danneggiamento da parte del fenomeno franoso)
 protezioni di tipo passivo, mirate a diminuire la probabilità che l’evento danneggiante
possa interessare gli elementi a rischio
 piani d’allertamento e di protezione civile, finalizzati prevalentemente alla
salvaguardia delle vite umane, attraverso la progettazione di sistemi di allarme.
Gli interventi di mitigazione, pur distinti in funzione della tipologia di dissesto, possono essere
sia di tipo estensivo sia di tipo intensivo.
Di seguito si descrivono queste due tipologie di intervento; le opere relative a ciascuna di tali
tipologie sono elencate e descritte nel quaderno delle opere tipo, che costituisce parte
integrante del Piano.
Gli interventi di tipo estensivo, a carattere permanente e diffuso, riguardano estesi ambiti
territoriali e sono finalizzati: a migliorare l'assetto idrogeologico e a prevenire fenomeni di
dissesto di versante. Per il conseguimento di tali finalità sono da preferire:
 misure di regimazione delle acque di ruscellamento superficiale attraverso opere di
idraulica forestale sul reticolo idrografico minore;
 la razionalizzazione dell’uso agricolo del suolo preferendo coltivazioni su superfici
terrazzate con scarpate ben drenate e opportunamente contenute.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 75 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

Limitatamente ai versanti molti acclivi non utilizzati dal punto di vista agricolo, al fine di limitare
l’erosione concentrata di suolo, sono, inoltre, consigliabili interventi di forestazione o di
ingegneria naturalistica.
Gli interventi di tipo intensivo, a carattere permanente e localizzato, sono consigliabili per quelle
situazioni dove si ravvisa un rischio diretto per i centri abitati o per altri elementi antropici
esposti; essi sono finalizzati alla sistemazione definitiva dei fenomeni di dissesto o,
quantomeno, a contrastarne gli effetti.
Tali opere, localizzate e dimensionate in modo opportuno in fase di progettazione esecutiva,
dovranno essere diversificate in funzione delle tipologie dei dissesti:
Di seguito si riportano la casistica delle tipologie di dissesto caratteristiche del bacino Destra
Sele e gli interventi più comuni per la mitigazione di ciascuno di essi.
Frane superficiali estremamente rapide nella coltre detritico-piroclastica o in quella di
alterazione del substrato arenaceo-argilloso e ambiti geomorfologici suscettibili alle stesse
tipologie di frana: palizzate, drenaggi superficiali e sotterranei, canalette inerbite, risagomature
del versante, muri di contenimento, gabbionate, ecc….
Frane di crollo e ribaltamento o ambiti geomorfologici suscettibili alle stesse tipologie di frana:
reti metalliche paramassi rinforzate con funi, chiodature e tirantature, barriere paramassi, ecc…
Frane superficiali e profonde in successioni terrigene e ambiti geomorfologici suscettibili alle
stesse tipologie di frana: palificate, drenaggi superficiali e sotterranei, pozzi drenanti e dreni
sub-orizzontali, ancoraggi e tirantature, risagomature del versante, muri di contenimento,
gabbionate, ecc…
Tra gli interventi strutturali di tipo intensivo rientrano anche quelli di rinforzo strutturale e le
opere passive di protezione all'edificato esistente nonché quelli a carattere emergenziale
(“somma urgenza”). Quest’ultima tipologia, in particolare, è da attuare, ai fini di protezione
civile, in caso di accadimento di un evento o quando si rilevano indizi che lasciano supporre il
verificarsi in tempi brevi di un evento di dissesto che può mettere a repentaglio l’incolumità di
beni e persone. Essi, pertanto, sono finalizzati, prevalentemente, alla salvaguardia della vita
umana e, in subordine, dei beni esposti. Si tratta principalmente di interventi di sgombero della
popolazione esposta, di limitazione d’uso di spazi pubblici e infrastrutture, di opere e/o
interventi di rapida realizzabilità, anche provvisionali, per la messa in sicurezza delle aree colpite
o potenzialmente esposte.

H.2 INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE OPERE DI DIFESA DEI VERSANTI


Le opere strutturali necessitano di interventi di manutenzione a carattere sia straordinario, da
attuare occasionalmente a seguito di eventi idrogeologici, sia ordinario, cioè da effettuare
periodicamente con frequenza stabilita.
Le prime sono rappresentate da azioni di ripristino, riparazione ed eventuale rifacimento delle
opere danneggiate da eventi critici o per vetustà; le seconde, invece, da azioni mirate a
ripristinare l’efficacia delle opere con semplici operazioni di routine.
La progettazione ex-novo di opere di mitigazione o di sistemazione definitiva deve contenere,
tra l’altro, un piano di manutenzione degli interventi previsti con l’indicazione della modalità, dei
tempi nonché l’individuazione del soggetto preposto a tale attività.
Di seguito si riportano, suddivise per tipologia di frana, le principali misure di manutenzione:
a) per le frane di crollo: disgaggio dei massi instabili; taglio della vegetazione al ciglio
delle pareti quando le radici penetranti nelle fratture esercitano un’azione negativa;
azioni finalizzate a ridurre l’erosione al piede di blocchi fratturati; pulizia e ripristino delle
reti paramassi ostruite dall’accumulo di materiale detritico; ripristino delle opere di

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 76 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

consolidamento soggette a fenomeni di corrosione mediante sostituzione di parti o


integrazione del sistema con elementi aggiuntivi; ripristino e riqualificazione di opere
strutturali lesionate mediante rinforzi; ecc...
b) per le colate di materiale incoerente: controllo, pulizia ed eventuale ripristino della
rete drenante superficiale; controllo degli scarichi antropici delle abitazioni, delle strade
ecc. e allontanamento delle relative acque in modo controllato;
c) per le frane in generale: controllo ed eventuale ripristino delle opere di stabilizzazione
e di sostegno eseguite, con particolare attenzione allo scarico dei drenaggi; controllo ed
eventuale sigillatura di fratture nel terreno, sintomo di attività da parte della frana;
messa in opera e/o l’integrazione di specie arbustive ed arboree capaci di ridurre
l’infiltrazione superficiale e consolidare col proprio apparato radicale gli strati più
superficiali.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 77 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO I - MISURE TECNICO COSTRUTTIVE PER LA MITIGAZIONE DELLA


VULNERABILITA’ RIFERITA A FENOMENI IDRAULICI E DA COLATA
Vengono di seguito definiti gli accorgimenti tecnico-costruttivi di edifici ad uso residenziale e
non finalizzati ad evitare l'incremento del rischio idraulico e da colata esistente, tendendo ad
una sua riduzione.
Dalla definizione generale del rischio si evince che, affinché l’introduzione di un nuovo elemento
in un’area a pericolosità, o la trasformazione di uno esistente, non determini un aumento delle
condizioni di rischio e tenda alla loro riduzione, deve poter essere eliminata o ridotta la
vulnerabilità dell’elemento stesso nei confronti dell’evento temuto. Pertanto gli accorgimenti
tecnico-costruttivi finalizzati ad evitare l'aumento del rischio e a ridurre quello attuale, devono
essere in grado, a seconda dei casi, di proteggere l’elemento stesso dagli allagamenti e/o
dall’impatto delle colate.
Ai fini dell’ammissibilità degli interventi relativi al patrimonio edilizio ed alle opere pubbliche
consentiti dalle norme di attuazione, occorre verificare, caso per caso, l’efficacia degli
accorgimenti nella protezione del nuovo elemento, in considerazione, in particolare, sia delle
caratteristiche dell’evento atteso (quali altezze idriche, spessore massimo della colata, velocità
di scorrimento) sia dell’alta vulnerabilità intrinseca di alcuni elementi (per esempio locali interrati
o campeggi).
Detta verifica deve essere effettuata mediante un’analisi tecnica basata sulle determinazioni del
presente piano relativamente ad eventi con tempo di ritorno di 100 anni.
Qualora tali determinazioni non risultino sufficientemente approfondite per i casi in questione
deve essere prodotto uno studio idraulico di dettaglio finalizzato a valutare l’entità e le
caratteristiche del fenomeno nell’area di interesse.
Nei confronti della pericolosità idraulica, le finalità sopra indicate possono essere perseguite
attraverso l’adozione, sia singolarmente sia congiuntamente, delle seguenti misure od
accorgimenti tecnico–costruttivi, elencati a titolo esemplificativo:
a) il confinamento idraulico dell’area oggetto dell’intervento mediante sopraelevazione o
realizzazione di barriere fisiche per la corrente di inondazione (es. argini a coronella);
b) l’impermeabilizzazione dei manufatti fino a una quota congruamente superiore al livello di
piena di riferimento mediante sovralzo delle soglie di accesso, delle prese d’aria e in
generale di qualsiasi apertura;
c) il diniego di concessioni per locali interrati o insediamenti ad alta vulnerabilità;
d) il divieto di destinazioni d’uso che comportino la permanenza nei locali interrati.
In ogni caso la quota del piano terra abitabile delle nuove edificazioni deve essere posta ad un
livello adeguatamente superiore a quello del tirante idrico associato alla piena di riferimento e le
eventuali strutture interrate devono prevedere accessi posti ad una quota superiore al tirante
anzidetto maggiorato di metri 0,50 ed essere completamente stagne e collegate direttamente
con le reti di smaltimento bianche e nere.
Nei confronti della pericolosità da colata, le finalità sopra indicate possono essere perseguite
attraverso l’adozione, sia singolarmente sia congiuntamente, delle seguenti misure od
accorgimenti tecnico–costruttivi, elencati a titolo esemplificativo:
1. l’impermeabilizzazione dei manufatti fino a una quota congruamente superiore al livello di
piena di riferimento mediante sovralzo delle soglie di accesso, delle prese d’aria e in
generale di qualsiasi apertura;
2. il rinforzo delle caratteristiche strutturali dell’elemento, tale da renderlo resistente
all’impatto della colata;
3. il diniego di concessioni per locali interrati o insediamenti ad alta vulnerabilità;
4. il divieto di destinazioni d’uso che comportino la permanenza nei locali interrati.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 78 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

ALLEGATO L - INDIRIZZI TECNICI PER LA REDAZIONE DEGLI STUDI GEOLOGICI DI


CUI AL COMMA 2 ARTICOLO 48
Lo svolgimento di attività turistico-balneari, anche mediante strutture amovibili, prossime alla
costa in aree a pericolosità/rischio da frana, secondo quanto previsto dal comma 2 dell’art. 48
delle Norme di Attuazione, è subordinato alla redazione di un apposito studio geologico
riguardante le falesie rocciose su di essi incombenti.
Tale studio, firmato ed asseverato da un geologo iscritto all’elenco A del relativo albo
professionale, va eseguito con cadenza annuale anche con l’ausilio di geologi rocciatori e dovrà
certificare la fruibilità degli arenili limitatamente al periodo estivo di riferimento.
Lo studio dovrà analizzare una serie di aspetti che hanno una diretta influenza sulla stabilità
della falesia rocciosa stessa. Quest’ultima va intesa come il fronte roccioso incombente
sull’arenile a partire dalla sua base fino alla “fascia di coronamento”, marcata, in genere, dalla
presenza di una netta rottura di pendenza del rilievo.
In particolare andranno analizzati:
 aspetti litologici - andranno distinti i litotipi affioranti in funzione dell’omogeneità
litologica, giaciturale e tessiturale sottolineandone gli aspetti tecnicamente utili allo
scopo dell’indagine;
 elementi strutturali - con apposita simbologia dovranno essere riportati sia i dati
relativi ai principali elementi strutturali di origine primaria sia quelli di origine secondaria;
 stato dell’ammasso roccioso - dovrà essere evidenziato lo stato di fratturazione e di
alterazione dei complessi litologici affioranti mediante le consuete metodologie di
rilevamento;
 elementi idrogeologici – eventuali venute d’acqua, sorgenti e zone umide presenti
lungo il costone;
 Individuazioni di elementi critici quali:
 fratture beanti (soprattutto se con presenza di limo e/o apparati radicali vivi);
 zone di pregressi distacchi di blocchi;
 presenza di massi già crollati;
 presenza di massi instabili totalmente o parzialmente svincolati dalla parete;
 presenza di coperture ed accumuli detritici sciolti lungo il costone;
 presenza di vegetazione arborea ed arbustiva che genera instabilità dell’ammasso
con i suoi apparati radicali;
 tetti in roccia, pinnacoli, diedri e sgrottamenti;
 piani di faglia, fasce cataclastiche o milonitiche.
Inoltre, in relazione alle eventuali opere di mitigazione del rischio presenti lungo la falesia, ai fini
dell’accertamento dello stato di efficienza delle stesse, andranno evidenziati, tra l’altro:
 presenza di sacche di detrito e massi crollati a tergo delle reti in aderenza e/o delle
barriere paramassi;
 presenza di chiodature e/o tiranti sfilati e/o particolarmente ossidati;
 esistenza di strappi nelle reti in aderenza e/o nelle barriere paramassi;
 ossidazione delle reti e delle funi per le reti in aderenza e danni ai montanti e relative
piastre di base per le barriere paramassi;
 lesioni, danni ed esposizione delle fondazioni per muri di contenimento e/o
sottomurazioni.
I risultati dei suddetti rilievi andranno sintetizzati, oltre che in un’apposita relazione (che dovrà
contenere a conclusione della stessa la suddetta certificazione) anche in grafici e carte
tematiche per la redazione delle quali dovrà essere utilizzata, come base, almeno una

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 79 di 80
Autorità di Bacino Regionale in Destra Sele

rappresentazione fotografica prospettica, anche non metrica, della falesia. Allo studio potranno
essere allegati eventuali ulteriori elaborati e verifiche utili al rilascio della suddetta concessione.
Nel caso in cui la suddetta certificazione sia subordinata alla realizzazione di nuove opere di
mitigazione del rischio, il relativo progetto, da redigere secondo le indicazioni contenute negli
allegati E ed H, dovrà essere trasmesso all’Autorità per l’acquisizione del relativo parere. In
questo caso, solo a seguito della realizzazione delle opere ed il collaudo delle stesse (da
trasmettere all’Autorità a titolo conoscitivo), potrà essere autorizzato, limitatamente al periodo
estivo di riferimento, lo svolgimento delle attività.

Norme Attuazione PAI - adottate con Delibera Comitato Istituzionale n° 10 del 28 marzo 2011 Pagina 80 di 80