Sei sulla pagina 1di 16

Giovani di tutto

il mondo unitevi
Cari ragazzi, vi auguriamo che possiate combattere con la sola arma
dello studio i pregiudizi di sesso, di razza e di religione

Foto dal mondo di Giuseppe Beltotto


EDITORE
GlobeGlotter

REGISTRAZIONE
Iscriz. Reg. Periodici
Tribunale di Foggia
n. 414
del 31/03/2006

Sindaco, meno polemiche e più fatti DIRETTORE


RESPONSABILE
La società di revisione KPMG spa a dicembre 2015 consegnò al consorzio SIA una Nico Lorusso

lunga relazione in cui si dava conto della attività svolta e si elencava una serie di REDAZIONE
Antonietta D’Introno
criticità in merito alla gestione della discarica , ai contratti di erogazione dei servizi
comunali, alla situazione economico-finanziaria, alla organizzazione del personale DIREZIONE REDAZIONE
via Staffa 4
76015 Trinitapoli BT
ANTONIETTA D’INTRONO menti ed il mancato rispetto debiti nel giro di 5 mesi e ri- t. 0883 634071
del codice degli appalti. scuote i propri crediti www.ilpeperoncinorosso.it
2) Riguardo ai contratti di eroga- all’incirca dopo un anno! Situa- info@ilpeperoncinorosso.it
el 1998,i comuni di Trinita- zione dei servizi comunali, la zione paradossale considerato
N poli, Cerignola, Ortanova,
San Ferdinando di Puglia,
Margherita di Savoia, Carapelle,
società di revisione rilevò che
il corrispettivo annuo contrat-
tualmente definito per ciascun
che i debitori della SIA sono
prevalentemente i comuni che
ne hanno il controllo.
STAMPA
Grafiche Del Negro
via Zuppetta, 6
Stornarella, Stornara e Ordona, si comune, non è stato determina- Sotto l’aspetto di organizzazio- 76015 Trinitapoli BT
costituirono in consorzio per la to sulla base di un piano econo- ne del personale la relazione evi- t. 0883 631097
gestione integrata del servizio di mico che, tenendo conto dei denzia come i dipendenti non ven- delnegrolina@virgilio.it
raccolta e smaltimento dei rifiuti costi attesi, assicuri un’adeguata gano assunti a seguito di procedura
DISTRIBUZIONE
prodotti nei comuni stessi. marginalità alla SIA. concorsuale come si dovrebbe per Gigino Monopoli
Il consorzio a sua volta costituì 3) Per quanto riguarda la situazio- la natura pubblica della società e
con capitale interamente pubblico ne economico-finanziaria la re- che sulla attività del personale man-
una società, la SIA (Società di Igie- lazione evidenzia che la SIA ha ca un adeguato e formale sistema
ne Ambientale) a cui affidò nel difficoltà, così come è organiz- di controllo. TESTI DI:
Luisa Bossa
2.000 la gestione integrata del ser- zata, a conseguire risultati eco- Queste riportate sono solo una Franco Carulli
vizio. nomici positivi. I costi di eser- piccola parte delle anomalie riscon- Luca Carulli
Nel 2014, l’allora amministra- cizio che nel 2010 trate dalla KPMG. Valeria De Iudicibus
tore del consorzio Michele Lamac- ammontavano ad euro A questo punto sorge sponta- Pietro di Biase
Antonietta D’Introno
chia, sindaco di S.Ferdinando di 2.831.000 ,nel 2014 salgono ad nea una domanda: che cosa è stato Raffaele Floro
Puglia, incaricò una società spe- euro 3.444.000 e che la SIA fatto dal sindaco di Trinitapoli per Flavio Labianca
cializzata( la KPMG spa) di com- rispetto a società analoghe riportare la gestione della SIA
piere una indagine conoscitiva sulla (AMIU Trani, AMIU-Puglia nell’ambito della regolarità ammi-
gestione della SIA. ecc) registra una maggiore in- nistrativa, contabile,della efficienza FOTO DI:
Giuseppe Beltotto
La società di revisione a dicem- cidenza del costo del personale e della economicità e della lotta Autori vari
bre 2015 consegnò al consorzio nel valore della produzione. agli sprechi?
una lunga relazione in cui si dava Non solo! Fu rilevato come Si ha l’impressione che per
conto della attività svolta e si elen- moltissimi fornitori venissero scelti distrarre i cittadini dalla sostan- Questo numero
è stato chiuso in redazione
cava una serie di criticità in merito su base fiduciaria senza una qual- za dei problemi si preferisce, co- il 28 dicembre 2017
alla gestione della discarica , ai che procedura di selezione pubbli- me al solito, insultare i critici.
contratti di erogazione dei servizi ca,agivano senza avere firmato un Ora esaurita la fase della lotta
comunali, alla situazione economi- formale contratto e riscuotevano i con i manifesti sentirà il sindaco
co-finanziaria, alla organizzazione corrispettivi in base alla semplice il dovere di informare i cittadini
del personale. presentazione delle fatture, queste su quello che ha fatto o ha inten-
1) In merito alla gestione della non venivano sottoposte ad un for- zione di fare per affrontare le
discarica la società rilevò il ri- male controllo della corrisponden- criticità rilevate dalla società di
schio di mancato rispetto della za tra quanto richiesto e quanto revisione? Prima di ciò non è
normativa ambientale, del lavo- fornito. Si tratta di forniture per lecito sottrarre al bilancio del
ro, fiscale, contributiva e possi- centinaia di migliaia di euro. comune, e di conseguenza ai cit-
bili violazioni di leggi e regola- 4) La SIA, infine, paga i propri tadini, ulteriore danaro.
Non c’è sinistra sul pianeta PD
Molti compagni del Partito Democratico hanno aderito ad Articolo 1 MDP perché nello spazio angusto del PD
non c’è più ossigeno per le radici della sinistra
LUISA BOSSA dere. Ma in ogni caso, si
continua a far finta che
alle prossime elezioni vin-
lla fine si è arreso an- cerà qualcuno. Non vince-
A che Pisapia, dopo
mille dubbi, tenten-
namenti, tira e molla. Si è
rà nessuno. Lo hanno de-
ciso a tavolino con il
Rosatellum. Non ci sarà
arreso anche lui, che ci ha premio di maggioranza.
messo più tempo e più Per poter fare un governo,
fatica. Non c’è sinistra sul una coalizione o una forza
pianeta Pd, inutile sperare politica dovrà prendere il
nel miracolo. Del resto, 51%. Non accadrà per
non è certo senza soffe- nessuno dei tre grandi
renza o per gioco che molti contendenti. Ci sarà un
di noi se ne sono andati, parlamento in equilibrio,
avventurandosi su una le coalizioni si scompor-
strada tutta nuova. Se gente ranno (infatti sono finte)
come Bersani, uomo di e le maggioranze si co-
governo e di mediazione; struiranno dopo, con i nu-
se persone come Speranza, meri che ci saranno.
come Vasco Errani, gente Noi, in quel Parlamen-
tutt’altro che massimalista, to, vogliamo portare molte
hanno deciso che nello L’On. Luisa Bossa brinda con Roberto Speranza al futuro di Articolo 1 MDP voci della sinistra. Molte
spazio angusto del Pd, così voci per il lavoro, per la
come si stava configu- slanci e ideali storici: la L’antimafia in terra di Si- ti sullo stesso piano, dal giustizia sociale, per
rando, non ci fosse ossi- sinistra unisce, non divide. cilia, l’amicizia con Gio- basso, dall’alto, il vecchio l’equità, per il welfare, per
geno per le radici della Non lacera il vecchio per vanni Falcone, la guida e il giovane. Uguali e di- la sanità, per i diritti. La
sinistra, è perché la situa- lanciare il nuovo ma co- della procura nazionale, versi, direi. Dove la diver- partita vera, per la vittoria
zione davvero non con- struisce mano nella mano, la presidenza del Senato. sità è ricchezza, apertura o la sconfitta, sarà dopo,
sentiva spazi di dialogo. il futuro dal passato. La formazione, il lavoro di orizzonte, discontinuità. quando si dovranno co-
L’assemblea di do- Un uomo come Gras- e la voce comunque bassa, Tutto questo, mi si di- struire le azioni di governo
menica 3 dicembre Roma so che è giovane per la un tono sotto, non per pa- rà, è molto idealistico e in una fase di grande equi-
ha segnato, invece, già nel politica, di esperienza per ura ma per dignità. poco pratico. Alle prossi- librio: lì conterà avere for-
clima l’aria nuova che la vita, è davvero un sim- Questo è Pietro Gras- me elezioni, divisi, perde- za. E noi speriamo di riu-
cercavamo. Una platea di bolo alto per la nuova sta- so, ma questa è la nostra rete. Ho già detto che per- scire a farlo capire bene,
giovani e sul palco un si- gione che vogliamo aprire. comunità. Liberi, come sonalmente ho sempre a prendere così tutta l’aria
gnore settantenne come Sobrietà, umiltà, dialogo, siamo sempre stati, corag- preferito non perdere i che ci servirà, e poi resti-
Pietro Grasso che cita quasi timidezza, un passo giosi, forse incoscienti, nel miei ideali e la mia cultu- tuire sinistra a un popolo
l’articolo 3 della Costitu- indietro e niente spavalde- dire sempre come la pen- ra, prim’ancora che le ele- e a un paese che ne ha un
zione. Nuove generazioni rie. Eppure una storia di siamo, anche rischiando; zioni. Perdersi mi sembra drammatico bisogno.
e vecchie passioni, nuovi coraggio e lucidità. e uguali, perché siamo tut- il problema, più che per-

to di non aver compiuto il terreno è meno soffitta di

I costruttori di soffitte compito del presente: come


sarebbe più comodo se i
genitori avessero già fatto
il lavoro dei figli. Nella sva-
quella sul decimo o trente-
simo piano? Una generazio-
ne che sa far solo soffitte si
lamenta che i predecessori
na generazione può grandezze e il significato e forte, che si propone di lutazione del passato è im- non abbiano già costruito
U essere giudicata dallo
stesso giudizio che es-
sa dà della generazione pre-
necessario, non può che es-
sere meschina e senza fidu-
cia in se stessa, anche se
lavorare e di affermarsi, ten-
de invece a sopravalutare
la generazione precedente
plicita una giustificazione
della nullità del presente:
chissà cosa avremmo fatto
palazzi di dieci o trenta pia-
ni. Dite di esser capaci di
costruire cattedrali, ma non
cedente, un periodo storico assume pose gladiatorie e perché la propria energia le noi se i nostri genitori aves- siete capaci che di costruire
dal suo stesso modo di con- smania per la grandezza. È dà la sicurezza che andrà sero fatto questo e soffitte.”
siderare il periodo da cui è il solito rapporto tra il gran- anche più oltre; semplice- quest’altro… ma essi non tratto da
stato preceduto. Una gene- de uomo e il cameriere. mente vegetare è già supe- l’hanno fatto e, quindi, noi Passato e Presente,
razione che deprime la ge- Fare il deserto per ramento di ciò che è dipinto non abbiamo fatto nulla di quarto e ultimo volume dei
nerazione precedente, che emergere e distinguersi. come morto. più. “Quaderni dal Carcere”
non riesce a vederne le Una generazione vitale Si rimprovera al passa- Una soffitta su un pian- di Antonio Gramsci
In sezione per degli auguri speciali
Il tradizionale scambio di auguri nella sezione di corso Trinità ha avuto un significato speciale perché l’anno che verrà,
con la lista “Liberi e uguali”, segnerà la riorganizzazione di un grande movimento di sinistra
le modalità di partecipa- stradale.
zione alle elezioni politi- Le festività natalizie
che 2018 ma soprattutto non hanno dato tregua a
di come riorganizzare un questo impegno perché i
grande Partito della Sini- due mesi che mancano
stra dopo la deriva di de- alla consultazione eletto-
stra degli ultimi governi rale di marzo richiedono
e il disastro politico del assemblee ravvicinate
Partito Democratico di per la formazione delle
Renzi. liste.
C’è molta attesa e Questi incontri si
piena disponibilità stanno svolgendo a diver-
all’impegno per questa si livelli con le altre due
nuova esperienza da parte formazioni politiche di
di compagni che non han- Sinistra Italiana e Possi-
no mai smesso di credere bile che insieme a
nei valori di uguaglianza Articolo1MDP hanno
e di giustizia sociale che dato vita al progetto di
devono essere alla base “Liberi e Uguali”.
23 dicembre 2017. In sezione a discutere di una forza politica che Noi faremo ogni sfor-
voglia definirsi di sinistra. zo ma avremo bisogno
FRANCO CARULLI nanzitutto perché ora la Pietro Grasso guiderà Gran parte di coloro che del sostegno e dell’en-
sezione è adibita anche a alle prossime elezioni po- hanno lasciato il PD so- tusiasmo di tutti quelli
sede provinciale di Arti- litiche. stengono a chiare lettere che credono nella possi-
ome da tradizione, colo UNO Movimento Si tratta di un percor- di aver ritrovato una casa bilità di avere un altro
C sabato 23 dicembre
i compagni di Trini-
tapoli si sono scambiati
Democratico e Progressi-
sta. L’incontro, pertanto,
ha avuto anche la parteci-
so iniziato già dall’estate
scorsa e giunto alla gran-
de assemblea nazionale
dove la parola SINISTRA
non è solo un’indicazione
mondo possibile.

gli auguri per le feste pazione dei compagni che si è tenuta a Roma il
natalizie nella loro se- della provincia. 3 dicembre, attraverso le
zione storica di Corso L’occasione è stata numerosissime assemblee
Trinità. utile per discutere sul fu- territoriali specifiche e
Quest’anno però lo turo del nuovo progetto unitarie dei diversi movi-
scambio di auguri ha politico che vede uniti tre menti e partiti della sini-
avuto un carattere e un partiti nella lista di sini- stra. In quelle assemblee
significato speciali. stra “Liberi e Uguali” che si è discusso non solo del-

23 dicembre 2017. Auguri per un mondo di liberi e uguali!


Storie per Natale
È il tema assegnato alla poetessa Grazia Stella Elia e al dottor Michele di Biase il 22 dicembre per festeggiare il
Natale con qualche riflessione insieme agli studenti dell'Istituto superiore Scipione Staffa. È l’augurio vagheggiato
dai docenti per promuovere, con la poesia e la storia, nuove passioni e nuovi interessi
ANTONIETTA D’INTRONO in due parti: una “seria”, se ha colto l’occasione per
e cioè la storia, per fuga- mostrare copia di alcuni
cissimi cenni, di Scipione scritti autografi di Scipione
razia Stella Elia, au- Staffa e di Giuseppe Staffa e di sentenze pre-
G trice, come è noto,
anche del monumen-
tale “Dizionario del dialet-
Tammeo (i due erano
amici); ed un’altra - “quasi
seria” ha detto - costituita
torili per cause fra cittadini
di Trinitapoli, San Ferdi-
nando e Margherita di
to di Trinitapoli”,che da storielle tratte sia da un Savoia intraprese sotto i
l’Accademia della Crusca delizioso volumetto Borboni (Regno delle due
ha inteso annoverare nella (“Repertorio dei matti Sicilie) e concluse sotto
sua preziosa raccolta, ha della città di Lucera e Vittorio Emanuele II di
letto, prima in vernacolo della Capitanata” a cura Savoia (Regno d’Italia).
poi in lingua, la lirica che di Paolo Neri, Marcos y Ha letto i nomi dei
abbiamo il piacere di ripro- Marcos, 2017) e sia dal già “contendenti”. Alcuni al-
durre in questo numero sul- citato Stravaganti Asso- lievi dell’ Istituto Staffa ne
la quarta di copertina. ciati. 22 dicembre 2017. Gli studenti dello Staffa ascoltano in “religioso silenzio” avevano uno uguale. Sa-
Richiamando il suo Il dottor di Biase ha ranno loro discendenti?
“Cultura economica e so- precisato che Scipione “La donna al cospetto dei le di questi due “Figli del Agli “auguri scomodi”
cietà civile in Scipione Staffa, al quale è intestato secoli”, rispettivamente del Casale” , quello stesso di Don Tonino Bello dati
Staffa” indicato nel risvolto il Liceo, (Casaltrinità 1820, 1875 e 1882. Giuseppe “Casale” in cui - forse non dal parroco e a quelli più
di copertina della sua ulti- Napoli 1892) - figlio del Tammeo (Casaltrinità tutti lo sanno -, tramando laici indirizzati dal sindaco
ma pubblicazione barone Vincenzo Staffa 1851, Napoli 1897), come segretamente contro i Bor- di Trinitapoli agli studenti,
(“Stravaganti Associati, (sindaco di Trinitapoli dal ha raccontato il prof. Pietro boni, si riunivano, in quella si aggiungono gli “auguri
2017) ed il settimo volume 1833 al 1836) e di Celesti- di Biase in “Ipogei”, allie- che ora è la Farmacia Pa- rivoluzionari” che i due
di “Figli e Fogli del na Cautano Frangipane dei vo prediletto di Francesco rente, i carbonari, o calde- intellettuali trinitapolesi
Casale” (in cui, tra l’altro, duchi di Mirabella – non è De Sanctis alla cui rari, negli anni ’10 e ’20 rivolgono ai giovani nella
si parla degli Staffa e dei stato, come comunemente “Scuola” si era formato an- dell’800. Tra gli altri, erano speranza che la POESIA
Sarcina-Staffa: già proprie- si ritiene, soltanto un eco- che lo Staffa a soli quindici affiliati Michele Torraca, e la CURIOSITÀ, anche
tari - questi ultimi - del nomista di rango. È stato anni, nel 1866 combatte Michele Pasquale, Ludovi- per la nostra storia, che è
palazzo in Corso Trinità molto di più: basti ricorda- con Garibaldi e a soli ven- co Peschechera, Pietro Sar- fatta anche di storielle
attuale sede della Globe- re due importanti produzio- tisette anni è libero docente cina, Cesare Tammeo e il “stravaganti”, provochi
glotter), Michele di Biase ni: “Degli scioperi degli di statistica . parroco Patruno). crescita culturale e benes-
ha distinto il suo intervento operai nel 19° secolo” e Storie poco note, quel- Il dott. Michele di Bia- sere per tutti.

Non si uccide per amore!


Coreografie, musica e parole contro la violenza sulle donne si sono intrecciate nella lezione-spettacolo realizzata
dal Liceo Staffa il 18 dicembre presso l’Auditorium Ninì Ungaro della scuola media
ANTONIETTA D’INTRONO è stato letto “L’amore scorso nell’Auditorium molto ben armonizzata tra Maddalena Vagnoni 2ª B,
rubato” di Dacia Maraini. Ninì Ungaro della scuola le parti che la componeva- Giovanna Virgilio 2ª B, Ga-
Alcuni dei racconti conte- media e si è avvalsa della no. Alle introduzioni delle briella Antonini 2ª B e delle
istituto superiore nuti nel libro sono stati re- collaborazione delle scuole assessoresse Maria Grazia ballerine che frequentano
L’ Staffa, nell’ambito
del progetto lettura,
quest’anno ha proposto agli
citati dagli studenti durante
una performance che gli
assessorati alle Pari Oppor-
di danza “Arte in
movimento” di Ilaria Dav-
vanzo e “Kinderballet” di
Iannella, Marta Patruno e
del preside Carmine Gissi,
sono seguite le suggestive
lo Staffa Chiara Samarelli
3ª C, Silvia Di Fidio 3ª C,
Michela Leone 2ª C, Mi-
studenti di leggere opere tunità e alla Cultura del Co- Rosa Lacerenza. L’orga- coreografie di Rosa Lace- chela Caputo 2ª C e Maria
che affrontino problemati- mune di Trinitapoli hanno nizzazione e la direzione renza e Ilaria Davvanzo che Pia Mininni 2ª C.
che legate alla vita della patrocinato insieme ad altre dell’iniziativa è stata curata si sono alternate ai reading La mattinata si è con-
donna. iniziative sull’argomento dalla professoressa Maria degli studenti Elena Ferran- clusa con un interessante
Le seconde e le terze realizzate dalla Biblioteca Grazia Miccoli. te 4ª B, Francesca Carano intervento del dott. Raffaele
classi delle Scienze Umane e dall’Associazione Foren- Il folto pubblico pre- 3ª B, Emanuele Cimmino Floro, rielaborato in sintesi
hanno deciso di approfon- se. sente ha partecipato con 5ª L, Emanuele Landriscina dallo stesso autore per i let-
dire il tema della violenza La manifestazione ha grande emozione ad una 3ª B, Luigi Di Leo 3ª B, tori del Peperoncino Rosso.
sulle donne e, a tale scopo, avuto luogo il 18 dicembre sorta di lezione –spettacolo Simona Landriscina 3ª B,
Perché la violenza sulle donne?
Manca l'abitudine al dialogo, al rapporto Io-Tu, in cui ognuno riconosce nell'altro il proprio simile e non il proprio
nemico. L’educazione alle emozioni dovrebbe essere materia di insegnamento pratico nelle scuole sin dalle elementari
RAFFAELE FLORO all’interno della persona e potere e controllo sulla
della coppia. vittima in una relazione
Che cosa dice il marito che corrisponde alla sin-
l mondo della violenza nel racconto, “Marina ca- drome di Stoccolma, in
I sulle donne è variegato
e comprende i maltrat-
tamenti, le molestie, lo
duta dalle scale”? “Vieni
qui, bambina mia, abbrac-
ciami. Siamo una sola cosa
cui il rapporto di coppia,
improntato alla condizione
dove di fatto uno è il car-
stalkeraggio e il femmi- tu e io, lo sai? Tu mi ami nefice e l’altra la vittima,
nicidio. I dati sono im- e io ti amo. Nessuno può si realizza e si sostiene
pressionanti: secondo dividerci. Abbracciami anche stabilmente per via
l’ISTAT 3,5 milioni di amore mio, sei l’unica per- di una cattiva considera-
italiane avrebbero subito sona al mondo che abbia zione della gelosia. Non è
molestie o maltrattamenti. mostrato affetto per me. amore ma è la sindrome
L’analisi delle cause di Lo sai che ho perso mia di Otello quella gelosia
questi fenomeni si è oc- madre a 7 anni. Uccisa da delirante che si costruisce
cupata soprattutto degli Dott. Raffaele Floro mio padre, lo sai, l’ho rac- intorno all’infedeltà del
aspetti sociali, culturali e contato tante volte”. Pos- partner. Non è necessario
antropologici, molto meno superiore. tiva, bieca e violenta: la sono sembrare parole ro- il tradimento, spesso basta
di quelli psicologici che E qui veniamo alle rabbia soprattutto, che è mantiche, in realtà sono il sospetto che diventa os-
riguardano nello specifico cause psicologiche. Innan- indice di una personalità molto manipolative e ven- sessione. Il 70% degli uo-
la relazione di coppia e la zitutto In una società che fragile perché l’uomo che gono dette per far breccia mini che uccide la compa-
personalità del maltrattan- premia e ammira i vincenti ricorre alla mani lo fa in nel cuore della donna su- gna soffre di gelosia
te. non è permesso mostrare quanto non riesce a soste- scitandone l’istinto da cro- delirante. In loro manca
Dal punto di vista cul- la propria vulnerabilità. nere un confronto dialogi- cerossina, scambiato per totalmente la comprensio-
turale per molti anni si è Nella violenza di gruppo co con la donna. È questo amore: è la sindrome di ne delle ragioni dell’altra:
creduto che le violenze sul- raccontata da Dacia Marai- che manca, l’abitudine al Nightingale. Per questo è esiste solo il desidero di
le donne fossero stretta- ni uno dei protagonisti ne- dialogo, al rapporto Io-Tu importante riconoscere punire.
mente legate alla società fasti, Mammolo, deve di- in cui ognuno riconosce l’intenzione manipolativa Come si arriva a pu-
patriarcale in cui l’uomo, mostrare di essere un nell’altro il proprio simile del maltrattante sapendo nire così violentemente
forte della sua autorità la- uomo partecipando al con- e non il proprio nemico. che è un attacco diretto un essere umano? La ri-
vorativa e finanziaria, era sumo della violenza ses- L’educazione alle emozio- contro la fiducia in sé e sposta è che all’interno
il garante della stabilità in suale pur non volendo. ni dovrebbe essere materia l’autostima di una persona. della coppia la donna vie-
famiglia alla cui volontà Francesca, invece, la di insegnamento pratico Comprende comportamen- ne deumanizzata e questo
la donna doveva sottostare. vittima, è innamorata di nelle scuole sin dalle ele- ti come le critiche costanti, perché il senso di sé al
Non è raro che quando la lui e per questo accetta di mentari. la derisione, le accuse di femminile viene negato e
donna viene maltrattata dal seguirlo. Roberto Giaquinto uc- infedeltà, l’intolleranza rivisto in termini di sod-
marito i familiari pensino Possiamo imparare cise la fidanzata perché verso il disaccordo, la sva- disfacimento dei bisogni
che non sia capace di sod- qualcosa da questa ragazza “Avevo il tarlo che dovesse lutazione dell’autorità ma- del sé maschile.
disfarlo e che debba fare violentata a causa della sua essere mia e avevo paura terna alla presenza dei fi-
di più per tenerlo buono. ingenuità malversata (i che qualcuno me la portas- gli, il controllo dei
Al contrario i reati violentatori avevano se via. Erano paure assur- movimenti, l’umiliazione
contro le donne negli ulti- un’immagine distorta di de, erano più forti di me. in pubblico.
mi 10 anni sono aumentati lei, erano convinti che li Vedevo delle cose che non La violenza psicolo-
e l’incremento è dovuto a deridesse)? esistevano. Vedevo Moni- gica si esercita anche con
una crescita Il sentimento, l’affetto ca come la pensavo io, non l’isolamento della donna,
dell’autonomia e e in generale le emozioni come lei era veramente”. epifenomeno del possesso.
dell’autodeterminazione sono la chiave di svolta Roberto aveva bruschi E qui bisogna sottolineare
della donna. Ciò vuol dire nelle relazioni tra uomo e sbalzi d’umori e affermava come molte donne si
che i maltrattamenti sono donna. Molti uomini sen- nei temi di avere due per- facciano privare di una
aumentati in una condi- tono il peso del codice del- sonalità diverse, una buona rete sociale di riferimento
zione di uguaglianza tra i la virilità e non si rendono e una cattiva. Perché nes- facendosi allontanare dalle
sessi e non il contrario. conto che per questo non suno si accorse di quello proprie occupazioni, dagli
Le donne sono più libere sono in grado di affrontare che appariva come un nor- interessi, dagli affetti e
ma proprio per questo fan- le frustrazioni. Se non si male disagio adolescenzia- dalle amicizie divenendo
no più paura e ciò le rende conoscono le emozioni le e invece era già una psi- così sempre più vulnera-
vulnerabili perché l’uomo non bastano i cambiamenti c o p a t o l o g i a ? bili. In questo modo il
quando non riesce a con- educativi o il controllo giu- Sottovalutazione, certo, ma maltrattante realizza la più
frontarsi in maniera matu- ridico. Le emozioni non dovuta alla non conoscen- specifica e deleteria mo-
ra ed evoluta ricorre alla riconosciute si manifestano za delle dinamiche psichi- tivazione dei suoi com-
forza fisica nella quale è nella loro forma più istin- che che agiscono portamenti: esercitare
L’uomo contemporaneo
ridotto a fantoccio
Il cortometraggio realizzato dai giovani della compagnia “Figli d’arte” trae da
Pirandello ispirazione per proporre una riflessione sull’uomo contemporaneo
FLAVIO LABIANCA questo con-
nubio è
l’eliminazio-
Atelier de Fanto- ne della di-

Una coreografia della lezione spettacolo sulla violenza


L’ ches nasce da una
riflessione sulla
società contemporanea. Il
versità degli
individui e la
trasformazio-
cortometraggio, ispirato da ne delle per-
La donna viene identi- una ferita narcisistica e non “L’umorismo” di Pirandel- sone in mani-
ficata come un oggetto a caso il disturbo narcisisti- lo è una metafora che evi- chini.
deumanizzato e quel che co è il più presente in que- denzia con ironia le osses- È possi-
è più grave è che questa sti soggetti. Sue caratteri- sioni che nascono dal bile visionare
rappresentazione del fem- stiche riconoscibili sono lo desiderio di rispettare de- il cortome-
minile si costruisce psico- scarso controllo della rab- terminati canoni estetici. traggio sulla
logicamente a partire dal bia e l’uso impulsivo della Il personaggio centrale pagina face-
tipo di relazioni vissute in violenza. È utile sottoline- ricopre nel contempo il book di “Figli
famiglia e basate su: are che i maltrattanti arri- ruolo di “influencer” e d’arte”,
1) Comportamenti aggres- vano ad agire la violenza quello di artigiano. In que- l’associazione
sivi agiti dal padre sulla perché in loro si attiva a sta duplicità è racchiuso il teatrale che lo
madre, che possono livello psicofisiologico il significato dell’intero cor- ha prodotto. Il
portare il figlio, ma- cosiddetto ciclo della vio- tometraggio. L’influencer, progetto è
schio o femmina che lenza che inizia con: infatti, plasma la mente stato coordi-
sia, ad identificarsi con 1) La fase della costru- delle masse al pari nato dalla
l’aggressore o a imme- zione della tensione: dell’artigiano che crea i coreografa
desimarsi nella vittima. per cause che non rie- propri manichini. Maddalena Di
2) Abuso subito, reali o scono a precisare inizia- La figura del fantoccio Benedetto che
minacciati. no a sentirsi preoccupa- che dà il nome al progetto ha curato anche il concept. gio sono opera di Flavio
3) Stile di attaccamento ti e minacciati, rappresenta l’uomo con- Il cast è composto da Labianca. Rosa Morelli ha
formatosi sul modello vulnerabili, tesi e im- temporaneo alla mercè del- Luca Carulli, Daniela Ven- curato la scenografia men-
delle esperienze infan- pauriti). le mode, delle sue regole triglia, Francesca Russo, tre il make up è stato rea-
tili con le figure paren- 2) Continua con la fase rigide e dei suoi repentini Lucrezia Capuano, Madda- lizzato da Mariangela
tali. Non sono tanto gli dell’esplosione acuta cambiamenti. lena Di Benedetto, Maria Montenero, Marcella Car-
stili di attaccamento della violenza: vi è un I social media convi- Morelli e Raffaele Anto- rer, Maria Morelli e Rosa
evitante e resistente ad vero e proprio stato dis- vono con le persone e le nucci. Morelli.
essere implicati nella sociativo in cui perdono influenzano; l’effetto di Le riprese e il montag-
p e r s o n a l i t à il controllo e a cose fat-
dell’aggressore, ma te non ricordano che co-
quello disorganizzato sa sia successo. La vio-
dove predomina lenza provoca il rilascio
un’impulsività che non della tensione attraver-
mediato dal pensiero so una scarica di adre-
passa direttamente e nalina e un aumento
senza filtri all’azione della serotonina.
violenta. 3) Da qui passano alla fase
In base a tutte queste della contrizione che
determinanti psichiche i consiste nel diniego
sentimenti verso le donne delle proprie responsa-
si possono trasformare pro- bilità e nella ricerca del
gressivamente nel bisogno perdono. Assumono un
di denigrarle, di controllar- atteggiamento infantile
le e di considerarle oggetti simile a quello del bam-
da conquistare, non da bino colto in fallo che
amare ma da dominare gli fa cedere provviso-
senza alcun rispetto. riamente il potere alla
Gli uomini dichiarano donna, la quale gli cre-
che la loro estrema gelosia de convinta che questa
altro non è che la conferma bonarietà sia la sua vera
della passione che provano natura e per questo de-
per la loro compagna. Non cide di continuare il Gli auguri della Libreria Kublai di Lucera con la copertina del “Repertorio dei matti della Città di Lucera e della
è vero, si tratta invece di rapporto. Capitanata” all’interno del quale ci sono testi di Antonietta D’Introno e Valeria De Iudicibus
È il vissuto quotidiano la trama vera
della storia di una comunità
Il settimo numero di Figli e Fogli del Casale è, come i precedenti volumi, un’opera di recupero delle piccole storie
dove grande importanza hanno i racconti, fatti soprattutto da quelle biblioteche viventi che sono gli anziani
PIETRO di BIASE Lettura Globeglotter) per
estratto della presentazione scrivere “Emilia e gli altri.
Cronache familiari tra ’800
e ’900”. Il romanzo narrava
l titolo della serie (Figli le vicissitudini della sua
I e fogli) è chiaro nel suo
significato: questi vo-
lumetti mirano a raccogliere
famiglia, proprietaria per
più di un secolo dell’intero
immobile che si affaccia su
notizie su persone e per- corso Trinità, su via Scipio-
sonaggi del Casale (i figli) ne Staffa e su via Capitan
e su storie casaline scritte Leone. Il libro venne pub-
o raccontate (fogli). blicato dall’editore Lacaita
Ma ancor più chiaro e, di Manduria e presentato la
per me, più accattivante è sera del 12 giugno1993 nel
l’intento sotteso all’intera giardino di palazzo Staffa.
serie di Figli e fogli, cioè L’autrice riesce a rega-
quello di recuperare le Auditorium dell’Assunta, 15 dicembre 2017. Il prof. Pietro di Biase durante la presentazione del VII volume di Figli e Fogli del Casale larci pagine di grande effi-
piccole storie, la storia della cacia narrativa, nelle quali
gente, il vissuto quotidia- la storia privata di una fa-
no, che costituisce la trama cende della sua vita. niva meno in tutto il paese back – è dato da un viaggio miglia di Trinitapoli si in-
vera della storia di una Il volume è diviso in e la squadra di elettricisti, nella memoria. treccia con quella più gene-
comunità; i grandi eventi, due sezioni. Nella prima subito allertata, si preparava Per evitare i pericoli rale di un’epoca piena di
infatti, sono solo delle brevi sono riportate le “voci ad uscire in aperta campa- che incombevano su Roma grandi trasformazioni. Epi-
parentesi nel fluire della narranti” dei figli e degli gna. In condizioni climati- durante la seconda guerra che sono le pagine dedicate
vita di tutti i giorni. amici dei personaggi ricor- che davvero proibitive, tra mondiale Marise aveva tra- alla fillossera, il flagello che
E in questa opera di dati. A cominciare lampi, tuoni e vento, questi scorso un lungo periodo a distrusse le splendide vigne
recupero delle piccole storie dall’elettricista “Min- uomini dovevano provve- Trinitapoli, ospite dello zio pugliesi, infliggendo un du-
grande importanza hanno guccio” Triglione, descrit- dere a ripristinare, quanto Ciccio, il suo mentore. ro colpo alla ricca borghesia
i racconti, fatti soprattutto to con nostalgica tenerezza prima, la corrente elettrica. Dopo anni torna a Tri- terriera. Non meno interes-
da quelle biblioteche viventi dal figlio Michele. Minguc- Alla vicenda di Min- nitapoli per un ultimo salu- sante è la ricostruzione del
che sono gli anziani: per cio faceva parte della squa- guccio l’elettricista seguono to proprio allo zio e, in un furto alla Cassa Agricola di
loro è un piacere raccontare, dra di elettricisti alle dipen- le pagine dedicate a due dolce e muto colloquio con S. Ferdinando di Puglia,
per noi è un obbligo sal- denze della Società scrittrici di origini trinitapo- quella persona a lei tanto avvenuto ad opera di un
vaguardare questi fram- Generale Pugliese di Elet- lesi, Marise Pallottino Di cara, un colloquio di rara impiegato dileguatosi nel
menti di storia orale, di- tricità, una squadra la cui Leo e Angela Sarcina. intensità emotiva, riporta nulla con il danaro.
versamente destinati a finire sede operativa era ubicata Nata a Roma da genito- gradualmente alla luce la L’enorme ammanco, in se-
nel mare magnum in Via Marconi, e si svilup- ri trinitapolesi, Marise Pal- vita del paese, il mondo guito, venne totalmente co-
dell’oblio. pava all’interno del vicolo, lottino con Trinitapoli ha contadino con i suoi usi e perto dal presidente, un ga-
Il settimo numero di confinando (e comunican- un legame davvero profon- costumi, i suoi miti e i suoi lantuomo che preferì la sua
Figli e Fogli del Casale si do) con l’abitazione del ca- do, che non si è mai inter- riti, i suoi valori che, nella rovina finanziaria a quella
avvia con i versi del poeta po ufficio Domenico rotto, malgrado la sua lon- loro semplice grandezza, dei contadini che avevano
Franco Arminio: «Prendi D’Emiliano. tananza fisica dal paese. davano risposta a tanti per- affidato i loro risparmi
un angolo del tuo paese / La squadra doveva far Questo legame, questo ché e un senso all’esi- all’Istituto di Credito. In
e fallo sacro. / Vai a fargli fronte alle esigenze del pa- vincolo quasi viscerale con stenza. questa cornice nasce il pu-
visita prima di partire / e ese con l’attivazione e la Trinitapoli lei l’ha anzitutto Il racconto si conclude dico amore di Emilia e An-
quando torni. / Ascolta un gestione delle utenze, la ri- vissuto e poi lo ha saputo con il saluto, forse l’ultimo, drea che riusciranno a sov-
anziano, lascia che parli parazione di guasti e gli raccontare con la forza evo- al caro assolato paese, dal vertire la regola del
della sua vita». interventi sul territorio. cativa della sua scrittura quale lei riparte con gli oc- matrimonio combinato tra
Versi bellissimi che Per gli elettricisti casa- limpida, quasi cinematogra- chi pieni di lacrime nel le famiglie più in vista del
richiamano alla mente lini il periodo più critico fica, così piena di sapore, mentre guarda, nel vetro paese.
quelli che potremmo defi- dell’anno, negli anni ’50- di colore, di voci e di im- posteriore della macchina Un altro figlio del Ca-
nire “i luoghi del cuore”: ’60, era l’inverno, quando magini, nel suo libro Al di che corre, il campanile che sale è Scipione Sarcina
un angolo del tuo paese, un temporali e tempeste, che là della piana fra gli ulivi, si allontana…, e ai lati della Staffa, nato a Trinitapoli il
quartiere, una strada, dove si verificavano frequente- pubblicato nel 1991. strada, vivi da secoli, guar- primo agosto del 1901 da
risuonano voci amiche, mente a notte inoltrata, pun- Quattro giorni in un pa- dano immoti, gli ulivi. Vincenzo Sarcina ed Ange-
dove anche i muri delle case tualmente mettevano in cri- ese del Sud immerso tra gli Dal canto suo la scrit- la Staffa, ultimo di quattro
sanno tutto di te; e poi la si la ‘linea elettrica’ che da ulivi: è la fabula di questo trice Angela Sarcina chiese figli di una famiglia di ric-
storia di questo luogo che Trinitapoli si sviluppava sapido e lungo racconto, il di essere alloggiata, alla fine chi proprietari terrieri.
ti viene raccontata da un verso Zapponeta. cui intreccio – realizzato degli anni ’80, a palazzo Grande è stato l’amore per
anziano attraverso le vi- L’energia elettrica ve- attraverso continui flash- Sarcina (sede del Centro di la sua terra di origine, che
sfera degli affetti e delle avevano inizio e conclusio-
vicende familiari, la foto- ne tutti i cortei, le manife-
grafia si è pian piano affer- stazioni di protesta e tutte
mata come strumento indi- le campagne elettorali. Le
spensabile del lavoro dello foto presentano momenti
storico, dell’etnologo, di vita quotidiana, con gli
dell’antropologo: ormai le anziani che,ai tavolini si-
si riconosce la capacità di stemati sui larghi marcia-
“fare storia”. piedi, giocano a carte, e
Gli album di famiglia, momenti più importanti,
ad esempio, con le foto di come il comizio tenuto da
momenti importanti o della Nichi Vendola durante la
quotidianità della vita, con- festa di Liberazione nel set-
sentono di ricostruire non tembre 2005, allorché il
solo la storia di quella fami- Governatore della Puglia
glia, ma della società in cui venne a ringraziare i trini-
essa è inserita. Allorché tapolesi che con 1.050 voti
l’obiettivo coglie poi un avevano espresso per lui il
momento “pubblico” (una consenso più alto di tutta
festa, una manifestazione la provincia.
Il pubblico tra cui Sergio e Stefano Sarcina Staffa in prima fila accanto al giornalista Gaetano Samele politica o sindacale, una Storicamente e social-
cerimonia ufficiale, …), mente importanti sono poi
ha sempre manifestato nel soprannominato Francesco, che l’uomo Mennea. cattura un pezzo di storia le foto dedicate a quelli che
suo lavoro, nelle sue opere riuscì a capire negli anni La frequentazione con di quella comunità. vengono chiamati “Gli
artistiche e nella sue abi- ’50/’60 del secolo scorso Pietro è continuata anche Personalmente anni fa eroici ribelli del secolo
tudini quotidiane. Im- che il benessere delle fami- dopo che Pinuccio aveva diedi alle stampe un volume scorso”, cioè quel movi-
provvise e imprevedibili glie dipende da quello di concluso la sua attività ago- dal titolo “Il volto della città mento di braccianti e operai
avversità finanziarie co- tutti i cittadini che si guada- nistica con l’Avis. nel tempo”, che era una sto- che, guidati da una classe
strinsero la sua famiglia a gnano il pane lavorando, Si videro, l’ultima vol- ria fotografica di Trinitapo- politica e sindacale corag-
cambiare interamente le che la solidarietà è alla base ta, a dicembre 2011, nello li. L’obiettivo sotteso a giosamente combattiva,
colture della vasta pro- della convivenza civile e stadio “Lello Simeone” di quella pubblicazione era approdò a conquiste signi-
prietà, a vendere parte del che bisogna lottare insieme Barletta, per girare alcune quello di raccogliere in vo- ficative come lo Statuto dei
patrimonio e a trasferirsi a per non fa prevalere le in- scene del film-docu- lume – una specie di Lavoratori, la legge sul col-
Napoli. giustizie e lo sfruttamento mentario su Pietro del regi- “archivio a stampa” – e, locamento contro il vergo-
Laureatosi in Archi- dell’uomo sull’uomo. sta Sergio Basso, dal titolo quindi, mettere in salvo un gnoso mercato umano di
tettura, iniziò la sua attività Una grave malattia lo ’19 e72’: il tempo dei suoi materiale prezioso per la piazza, i piani per le case
a Roma, dove collaborò alla condusse alla morte a soli 200 metri piani, record storia della nostra comunità, popolari, la scuola e la sa-
realizzazione degli impianti 58 anni. Non era solito la- mondiale a Città del Messi- un materiale disperso in nità pubbliche, la parità sa-
del Foro Italico e alla pro- mentarsi. Anzi, scherzando co. mille rivoli e soggetto ad lariale uomo/donna. Ci so-
gettazione della prima ripeteva spesso che era mol- Nel 2013 Pinuccio ulteriore dispersione e/o di- no foto di manifestazioni,
metropolitana di Roma. to ricco perché possedeva invitò Pietro Mennea ad un struzione. come quella per il contratto
Poliedrica ed interessante “le cose migliori della vita” incontro con gli alunni Quella mia iniziativa in agricoltura del 1963, che
la sua attività professionale, che per lui erano: la fami- dell’Istituto Alberghiero, viene portata avanti da An- inevitabilmente si conclu-
che non gli vietò di dedi- glia, i compagni, il sonno, ma il grande Pietro gli tonietta D’Introno, che con devano in Piazza Munici-
carsi anche alla pittura e le risate e i bei ricordi. Tutte comunicò che non era in le numerose fotografie in- pio, davanti alla sede del
alla scultura. cose gratis che molti altri, condizione di prendere im- serite nei volumi di Figli e Comune, al fine di spingere
Intrecciò relazioni con poveri sfortunati, dovevano pegni al momento. Un mese fogli mira alla creazione di la civica amministrazione
grossi gruppi industriali pagarsi a caro prezzo. dopo venne a mancare. un archivio storico che pos- a prendere posizione a fian-
europei, soprattutto tedeschi Chiude questa prima L’articolo ricorda an- sa lasciare una memoria co dei lavoratori.
e francesi,di cui diventò parte dedicata ai Figli del che i vari record detenuti iconografica delle trasfor- E proprio Piazza Muni-
consulente in qualità di Casale il ricordo commosso dal grande Pietro Mennea. mazioni avvenute nel paese cipio simboleggia quello
architetto. Ma non del grande atleta barlettano La seconda parte del e nel suo popolo. che Antonietta D’Introno
dimenticò mai Trinitapoli, Pietro Mennea, che consi- volume ha come titolo La carrellata di imma- chiama “Il lungo cammino
dove si recava almeno due, deriamo un po’ casalino per “Una foto, una storia”: un gini presente in questa se- della democrazia”, dal mo-
tre volte l’anno per curare la grande e lunga amicizia titolo molto bello e molto… zione comincia con le foto- mento che vi sono foto che
gli interessi della famiglia. che lo legò al nostro Pinuc- vero, perché in quel più o grafie di Luciana Galli, che ritraggono la piazza durante
Ha tramandato la memoria cio Acquafredda. Ed è pro- meno piccolo cartoncino riprende in bianco e nero le esercitazioni ginniche del
dei suoi avi attraverso il prio Pinuccio a tratteggiare ogni foto racchiude una sto- alcuni scorci del centro sto- periodo fascista e foto che
ritrovamento di documenti, la figura di Mennea intrec- ria. rico. la vedono invasa dai brac-
foto, libri, come il trattato ciandola con la scia dei ri- È per questo che ormai Sono numerose le foto cianti in lotta per ottenere
del suo omonimo, l’eco- cordi. da tempo la fotografia si è dedicate a Corso Trinità, orari di lavoro più umani e
nomista Scipione Staffa da A partire da quel 1968 affiancata alla scrittura co- che è stato per decenni tea- un salario più giusto in agri-
cui, forse, ereditò le sue doti in cui Pinuccio e Pietro fa- me strumento volta a volta tro dei grandi avvenimenti coltura: dalla dittatura alla
umanitarie e i suoi molte- cevano parte della staffetta di ricerca, di documentazio- del paese, oltre che cuore democrazia, quindi.
plici interessi culturali. 4x100 dell’AVIS di Barlet- ne e di espressione. Venuta pulsante, nella sua parte Il volume si chiude con
“Pane, politica e ta. Per tre anni Pinuccio, meno la dimensione esclu- nord, del mercato delle una lirica di Peppino Lu-
onestà” è il titolo dato alla che frequentava il liceo sivamente “privata”, quasi braccia, cioè della piazza po: pochi versi in cui, con
biografia di Francesco Di Scientifico, ogni pomerig- “domestica” dell’immagine dove si andava a poche pennellate, Peppino
Vincenzo, sindacalista e gio tornava a Barletta per fotografica, sorretta da un “permettere”. Braccianti, ci descrive il nostro Casale,
comunista. Senza aver mai allenarsi insieme a Pietro sentire comune che attribu- contadini e mediatori si in- in un modo che ce lo fa
conseguito una laurea, “U’ Mennea, avendo così la iva all’istantanea un valore contravano numerosi in amare ancora di più.
Tugnusidd”, come era possibilità di conoscere an- documentario solo nella quel luogo, dove tra l’altro
Season’s greetings and Happy New Year!
Durante questi giorni di festa e alle porte del nuovo anno, i nostri compaesani all’estero desiderano che giungano
fino a noi i loro saluti e desideri più sinceri. (Biografie a cura di Valeria De Iudicibus)

CINZIA DE VINCENZIIS, ALESSIA PERLA,


LONDRA (INGHILTERRA) LONDRA (INGHILTERRA)
Estate 2017, nella libreria Londra è stimolante e avvin-
dell’isola greca di Naxos scovo cente, un mix di vibrazioni contra-
l’edizione italiana di La stranezza che stanti. Spesso l’ho percorsa a piedi
ho nella testa dello scrittore turco per chilometri, per esplorare e rivi-
Orhan Pamuk. Il testo descrive la vere quanto studiato tra le mura
trasformazione della città di Istanbul spoglie della facoltà di Lingue e
attraverso lo sguardo e l’esperienza Letterature straniere di Bari, per
di vita del protagonista, Mevlut Ka- godere del privilegio di sentirmi
rata?, un venditore di boza (tipica conterranea di Shakespeare, di
bevanda turca leggermente alcolica). In una città che cambia Virginia Woolf, di Dickens. Di re-
negli usi e nelle forme, notevole è la perseveranza del protagonista cente ho avuto il piacere di rivedere
nel tenere vivo uno dei mestieri più antichi della Turchia. Con A Christmas Carol presso l’iconico
la stessa passione che caratterizza Mevlut, spero che la Trinitapoli Old Vic Teather di Londra, la-
che ha deciso di rimanere saprà unire risorse e creatività per sciandomi conquistare ancora una volta da questa magica
continuare a costruire una nuova visione della città capace di storia e dal suo più profondo messaggio: la vera ricchezza da
conservare e valorizzare memorie e tradizioni della nostra custodire è il donare. Vi porgo i miei più sinceri auguri di
cittadina con uno sguardo sempre aperto verso il cambiamento. pace e buon anno nuovo!

DANIELE CALVELLO, TANO MOZZO,


GZIRA (MALTA) SYDNEY (AUSTRALIA)
Voi tra frittele, cartellate e boc- Come cita una canzone di J-AX:
conotti (anche se non rende così, “Per me rimarrà la penisola che non
molto meglio bucchenòtte), io tra tà- c’è, la amo e la odio, questa è l’Italia
pastizz, tal-marmurat e Liker ta’zeppi per me”. Saluto i miei cari compa-
maltija. Siamo distanti, divisi dal mare esani che ahimè si trovano a 27 ore
ma non posso e non riesco a scordare di distanza e auguro a tutti loro i
la mia terra, il mio paese e i miei miei più sinceri auguri di Natale e
casalini. Vi saluto con una citazione buon anno nuovo, nella speranza che
tratta da un libro a me caro Cent’anni questo sia portatore di tanti cam-
di solitudine di Gabriel Garcia Marquez: “Non è vero che le biamenti per il nostro piccolo paese e per la nostra nazione.
persone smettono di inseguire i sogni perché invecchiano, Mi fa piacere suggerirvi un libro che narra di due realtà
diventano vecchie perché smettono d’inseguire sogni”. Buone affascinanti, politica e famiglia, indagando sui temi
feste e sena dida kuntenta (felice anno nuovo). dell’informazione e dell’istruzione: Meglio liberi di Alessandro
Di Battista.

RAFFAELLA DI MOLFETTA,
AYR (QUEENSLAND, FRANCESCA RAGNO,
AUSTRALIA) ANVERSA (BELGIO)
“C’è tanta gente infelice che È natale. Ancora. Un nuovo
tuttavia non prende l’iniziativa di anno che sta per finire (o che sta
cambiare la propria situazione perché per iniziare, decidete un po’ voi).
è condizionata dalla sicurezza, dal Primo buon proposito per il 2018:
conformismo, dal tradizionalismo, mettere da parte le letture inutili,
tutte cose che sembrano assicurare via le stupidaggini consolatorie,
la pace dello spirito, ma in realtà per rinunciare a finire quel libro solo
l’animo avventuroso di un uomo non perché abbiamo stretto un patto con
esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo noi stessi. Meno titoli, scegliendo
dello spirito vitale di una persona è la passione per l’avventura. però tra quelli che sconvolgono e graffiano e restano dentro.
[…] Non dobbiamo che trovare il coraggio di rivoltarci contro Serve forse qualche idea? Il silenzio del mare di Vercors,
lo stile di vita abituale e buttarci in un’esistenza non Il giardino delle mosche di Andrea Tarabbia e Winesburg,
convenzionale”. Con le parole scritte da Christopher McCandless Ohio di Sherwood Anderson. Sono ancora valide idee per
(meglio conosciuto come Alexander Supertramp), noto viag- regali di natale dell’ultimo minuto, a pensarci bene. In ogni
giatore americano che ha ispirato il libro e il film Into the Wild, caso, buone feste, buon fine e buon inizio d’anno e che il
vi auguro buone feste dalla terra dei canguri e un 2018 pieno 2018 porti con sé ottime letture e viaggi indimenticabili,
di avventure! Un bacione alla mia piccola città. magari a partire proprio da Anversa.
GRAZIANO VANNI, TIZIANA PAPPALETTERA,
LONDRA (INGHILTERRA) LONDRA (INGHILTERRA)
Vivere all’estero mi ha fatto capire In questo periodo di festa il mio
che la lontananza tra le persone non è pensiero vola ai miei compaesani.
quella che si misura in chilometri. Ci- Che possa essere per tutti voi un
tando Alessandro Baricco in Oceano momento di gioia, pace e serenità.
mare “Questo continuerebbero a rac- Dalla fredda Londra vi invio i miei
contare, per sempre, nelle terre di Ca- più autentici auguri e ne approfitto
rewall, perché nessuno possa dimenti- per suggerirvi Etica per un figlio,
care che non si è mai lontani abbastanza libro dello scrittore e filosofo spa-
per trovarsi”, vi auguro che possiate gnolo Fernando Savater.
usare questa occasione per colmare le
vostre distanze, di qualunque natura
siano. Buon feste e auguri per il nuovo
anno!

Scompare una generazione di combattenti


Il comunista Michele D’Ambrosio è morto il 17 dicembre scorso, appena un giorno dopo Ciccillo Falco, un altro caro
compagno suo coetaneo. Restano i racconti e gli insegnamenti di una vita trascorsa a lottare per la giustizia sociale
all’impegno. sua voce veniva coperta vedeva tutti noi e i suoi
Di suo padre amava da scroscianti applausi. nipoti intorno alla sua ta-
raccontare il modo con cui La sua vita, fino alla vola raccomandava di non
si rivolse alla commis- fine, non è stata però se- arrendersi mai. Anche ne-
sione provinciale del la- gnata solo da racconti ma gli ultimi anni, quando la
voro venuta da Foggia per da un continuo interessa- sua mente era stata offu-
cercare di stabilire un mento alla vicenda politi- scata dalla malattia, aveva
aumento delle ore lavo- ca dell’Italia e della nostra numerosi sprazzi di luci-
rative per i “cavatori”. città, unito ad un costante dità durante i quali amava
Narrava che, mentre incitamento alla lotta, a esternare analisi e giudizi
questi erano in audizione, non mollare mai, a non sui fatti politici. La sera
suo padre si recò a ca- limitarsi al solo momento del 3 dicembre scorso, in-
sa,prelevò il piccone e la elettorale. formato da mia moglie
mazza (grosso martello Lo dimostrò quando Marta che eravamo appe-
che rompeva la roccia) e negli anni ‘80 con capar- na tornati dalla grande as-
li portò in Comune, li bietà si rivolse a me, allo- semblea romana di “Liberi
scaricò ai piedi dei ra consigliere comunale, e Uguali” con Pietro Gras-
membri della commis- e al Sindaco Arcangelo so, ci chiese conto di cosa
1998. Michele D’Ambrosio con il nipotino Luca saluta Fausto Bertinotti in sione e chiese loro di Sannicandro per ottenere si fosse detto. Apparve fe-
visita alla sezione del P.R.C. di Trinitapoli provare a lavorare con a beneficio di tutti gli agri- lice di sentire che le sue
quelli solo per un’ora. coltori di Trinitapoli la pa- idee di sinistra avrebbero
FRANCO CARULLI stride con il trend di rin- N a t u r a l m e n t e vimentazione delle strade ricevuto nuova linfa
chiudersi negli affari pro- dell’aumento dell’orario di campagna. dall’unione di Articolo
pri che caratterizza la so- di lavoro non se ne fece Ogni volta che mi af- 1MDP, Sinistra Italiana e
on si tratta di rac- cietà odierna. più nulla. facciavo a casa sua o che Possibile.
N contare una storia
privata su un giorna-
le che si occupa soprattut-
Figlio di Nicola
D’Ambrosio, socialista e
dirigente molto attivo del-
Di sé, giovanissimo,
diceva di un suo incarico
a partecipare insieme ad 1
to di questioni pubbliche. la Camera del Lavoro di altri delegati della Camera
La storia personale di Trinitapoli, se ne distacca del Lavoro di Trinitapoli 2
mio suocero come quella per aderire al Partito Co- ad un’affollatissima as-
di Ciccillo Falco, di Con- munista Italiano. Attivis- semblea che si tenne a Ce-
cetta Caprioli, di Venan- simo nelle battaglie sinda- rignola con Giuseppe Di
zio Bombino, di Cenzino cali e politiche di cui ha Vittorio. Rientrato a Tri-
dell’Olio, di Michele sempre conservato e rac- nitapoli, ai compagni cu-
Buonarota,di Mimino contato, ai figli prima e riosi di sapere cosa avesse
Franco, di Mimino Vito- ai nipoti in seguito, tutti ascoltato rispondeva che
bello e di tanti e tanti al- gli aneddoti con orgoglio non vi era stato modo di
tri, se ci pensate bene, ha e con la voglia di traman- comprendere nulla perché
molto di collettivo e dare un insegnamento e di appena il compagno Di 1993. Ciccillo Falco (1) e Cenzino Dell’Olio (2) all’inaugurazione della sezione
d’interesse pubblico. Essa incitare il suo uditorio Vittorio apriva bocca la del P.R.C. con il segretario nazionale Sergio Garavini
Radici e ali: la storia di tre casalini a Malta
Francesco, Daniele e Francesca sono giovani trinitapolesi che da qualche anno vivono a Malta. Abbiamo tre storie
che in vari modi si incrociano e ci raccontano giorni neri e giorni rosa di questa esperrienza
VALERIA DE IUDICIBUS L’alunno viene inserito in
una delle nostre 450 im-
prese partner per uno stage
uando qualcuno dal e può al contempo fre-
Q sud Italia vede Malta
per la prima volta,
prova una certa familia-
quentare un corso di lin-
gua in una scuola di in-
glese. Per chi ha problemi
rità: tutti guidano come legati al budget conce-
matti, ci sono paesini diamo delle borse di studio
fantasma, le città non sono e la nostra consulenza
pulitissime, riconosci la gratuita per l’ottenimento
disorganizzazione dei di fondi europei come i
mezzi pubblici, PON e POR.
l’incoerenza tra gli stili DANIELE: La Mal-
architettonici. Ha il fa- taForEnglish è stata
scino delle cose imperfette l’agenzia che ho contattato
e non può celare la sua quando anni fa ho fre-
mescolanza di stili, riu- quentato un corso di in-
scendo per di più nel I coniugi Francesco Pagano e Francesca Sarcina a Malta glese in una delle scuole
prodigio di farli coesistere. partner. È stata una grande
È informale quest’isola, Cosa ti ha convinto a tra- ne e a Malta, dopo alcune La maltaforenglish appa- opportunità per migliorare
questo grande scoglio nel sferirti? E perché la tua esperienze nel Telemarke- re ai miei occhi come una la lingua, stringere legami
Mediterraneo, e non le scelta è ricaduta su Mal- ting, ho cominciato a lavo- sorta di ponte nel Medi- con gente di ogni naziona-
piace fare la schizzinosa, ta? rare in una Betting Com- terraneo che lega l’isola lità e crescere professio-
perciò si fa presto a sen- FRANCESCO: Dopo pany. all’Italia, offrendo una nalmente e come persona.
tirla come “casa”. Ma per la laurea mi sentivo come FRANCESCO: Ho serie di vantaggiosi e in- Perciò… aggiungetelo alla
chi viene dal paesino, uno un personaggio alla ricerca sempre desiderato fare im- novativi percorsi lingui- lista delle cose da fare!
come il nostro, è diverso. di un luogo dove realizza- presa nel campo del socia- stici. Dimmi di più.
“Capii lì per lì che cosa re le mie ambizioni, cre- le e della formazione e ci FRANCESCA P.: Hai dovuto misurarti
vuol dire non essere nato scere professionalmente, ho provato concretamente MaltaForEnglish è con alcune difficoltà? La
in un posto, non averlo nel migliorare certe compe- con due progetti: un’agenzia di formazione lingua rientra tra que-
sangue, non starci già tenze. Troppo fredda Bru- “L’autocostruzione come s p e c i a l i z z a t a ste?
mezzo sepolto insieme ai xelles, troppo lontana soluzione al disagio nell’organizzazione di cor- FRANCESCO: Cer-
vecchi”, scrive Pavese ne l’Australia: ho scelto Mal- abitativo” della provincia si di inglese, stage lavora- to, è l’aspetto più impor-
La luna e i falò. Chi parte ta per il clima e per BAT, idea che coinvolse tivi e formazione del per- tante. Non c’è integrazione
non rinnega questa terra, l’impressionante crescita altre menti casaline e fu sonale docente. Malta è un senza comunicazione. Ho
queste strade, questi odori, economica. vincitrice di Principi Attivi ottimo compromesso per infatti frequentato un corso
ma con coraggio prova a FRANCESCA P.: 2010; la sperimentazione noi italiani per la sua posi- d’inglese di sei mesi che
costruire buone fonda- Ho seguito l’amore. Mio dei tablet all’interno della zione nel Mediterraneo, mi ha permesso di entrare
menta per un futuro anti- marito si era trasferito da didattica universitaria con per il clima e per la pre- nel mondo lavorativo in
sismico. E talvolta realizza qualche mese e l’isola of- l’obiettivo di eliminare senza di turisti e studenti maniera piuttosto celere.
qualcosa di utile e pre- friva svariate opportunità l’illegalità delle copisterie, provenienti da tutto il Poi ovviamente devi misu-
zioso, capace di tendere di lavoro e la possibilità accrescere il ricavo delle mondo. Le nostre scuole rarti con il caro vita che
una mano a questa peni- di migliorare il mio ingle- case editrici e dimezzare partner hanno inoltre un comporta un posto così tu-
sola sgangherata. se. il costo dei libri per gli ottimo rapporto qualità- ristico e con la nostalgia
DANIELE: Io lavora- studenti. Con grande rab- prezzo e organizzano atti- di casa e la lontananza da-
Presentati: chi sei, quanti vo quando ho deciso di bia e frustrazione ho visto vità extra didattiche che gli affetti.
anni hai, da quanto vivi partire ma avevo contatti il primo progetto arenarsi rendono l’apprendimento FRANCESCA P.:
a Malta. con amici che vivevano nella burocrazia delle am- coinvolgente e piacevole. All’inizio mi sentivo un
FRANCESCO: Fran- già lì ed ero sempre più ministrazioni locali e il FRANCESCO: Mal- pesce fuor d’acqua. Anche
cesco Pagano, 33 anni. Vi- entusiasta all’idea di fare secondo ancora in attesa taForEnglish è una startup io ho frequentato un corso
vo qui da quasi cinque an- nuove esperienze e miglio- di essere collocato nata qualche anno fa e che di lingua e ho cercato di
ni. rare la mia situazione la- all’interno dell’agenda di- oggi conta più di 2000 integrarmi al meglio, sep-
FRANCESCA P.: vorativa. Così mi sono tra- gitale europea e Horizon clienti. La nostra attività pur consapevole della di-
Francesca Paola Sarcina, sferito. 2020. si focalizza sulla centralità versa mentalità maltese,
33 anni e sono a Malta FRANCESCA P.: della lingua inglese e si delle abitudini e dei costu-
dall’agosto del 2013. Di cosa ti occupavi prima Ero una pallavolista. Ora rivolge soprattutto agli stu- mi differenti. Ora va molto
DANIELE: Daniele di partire? a Malta sono Operations denti delle scuole superiori meglio, continuo anche a
Calvello, 29 anni. Ormai DANIELE: Lavoravo Manager della MaltaFo- attraverso programmi di praticare la pallavolo con
vivo qui da due anni. nel campo della ristorazio- rEnglish. alternanza scuola-lavoro. un team locale!
DANIELE: In tutta tanei che hanno difficoltà un dubbio?
onestà, escludendo la nel trovare un impiego o
mancanza delle cime di quelle di coloro che si so- FRANCESCO: La
rapa e degli affetti più no dovuti spostare nel narrazione di Calvino nel
cari, non ho incontrato nord Italia. Ma lasciare la libro è come spezzettata
grosse difficoltà. Il pro- tua terra non significa vol- in tanti tasselli. E anche
blema della lingua può tarle le spalle. La Malta- io, se mi è permesso usare
essere affrontato facil- ForEnglish lavora con un parallelismo, sono un
mente con un po’ di in- centinaia di scuole italiane piccolo tassello di un qua-
traprendenza… e un piz- e desideriamo coinvolgere dro preoccupante tutto ita-
zico di gestualità! anche le scuole della BAT liano: in assenza di rispo-
nei progetti di alternanza ste e proposte concrete,
Domanda classica: cosa scuola-lavoro. 250 mila ragazzi ogni an-
ti manca dell’Italia? DANIELE: La nostra no sono costretti a lasciare
Pensi mai di ritornare? cucina per me è insostitui- il proprio paese dopo es-
FRANCESCO: bile! Tornare a casa è un sersi formati non senza sa-
Dell’Italia mi mancano la pensiero che spesso mi crifici, con un danno di
famiglia e gli amici, i torna in mente perché so- investimento per lo Stato
colori, il cibo! Quando gno di realizzarmi nel luo- e una scoraggiante disper-
scegli di partire non ci go a cui sento di apparte- sione di capitale umano.
pensi ma poi la nostalgia nere: il mio amato Prima di ogni viaggio o
bussa alla tua porta e a Casoile! sfida mi interrogo e la ri-
volte non è semplice. In sposta che mi do è che non
quei momenti ti dai forza Domanda alla Marzullo: è sufficiente abitare e sco-
pensando che per il mo- ne Le città invisibili di prire un nuovo luogo, è
mento è necessario e trovi Calvino si può leggere necessario cambiare se
conforto nella famiglia un famoso dialogo tra stessi, riscoprirsi grazie a
che stai costruendo e nella Marco Polo e Kublai quel luogo preservando i
certezza di riabbracciare Kan: valori in cui si crede.
i tuoi cari appena possi- - […] D’una città non FRANCESCA P.: A
bile. Il dover restar lontani godi le sette o settanta- Malta ho lavorato per
non è una legge divina o sette meraviglie, ma la quattro anni in un’agenzia
un dogma. Tutto può risposta che dà a una di marketing fino a quan-
succedere nella vita. An- tua domanda. do tre mesi fa la possibilità
che se ora che abbiamo - O la domanda che ti di iniziare una nuova av-
comprato casa e il nostro pone obbligandoti a ri- ventura con la MaltaFor- Daniele Calvello
lavoro viene apprezzato, spondere, come Tebe English ha bussato alla
un eventuale ritorno mi per bocca della Sfinge. mia porta. Senza pensarci voli abitudini, ma ora se radicate e dubbi. Ritornan-
sembra prematuro. È stato così anche per troppo, mi ci sono buttata mi guardo indietro sorri- do a Calvino, la mia rispo-
FRANCESCA P.: te? Hai dovuto misurarti a capofitto, ricominciando do: una scelta che rifarei! sta sta nella consapevolez-
Più di tutto i miei cari, ma con te stesso, affrontare tutto da zero e cercando DANIELE: Credendo za della forza delle mie
per il momento non ho una paura o un limite? di dare il meglio per il be- in te stesso, imparando a gambe e del loro incedere,
intenzione di ritornare. Hai imparato qualcosa ne dell’azienda. È impos- conoscerti e a riscoprirti, e la domanda che permane
Quella italiana è una dura di nuovo, che ha rivolu- sibile schivare le paure e aprendoti al mondo che ti è capire dove queste mi
realtà, tocco con mano le zionato o sradicato una rivoluzionare a cuor leg- circonda, puoi affrontare porteranno.
esperienze dei miei coe- tua convinzione, un’idea, gero le proprie conforte- tutto: paure, convinzioni

Foto dall’album di Libriamo 2017

Liceo Staffa, novembre 2017. Sabrine Aouni con gli studenti dopo la presentazione del suo libro Biblioteca, dicembre 2017. Il prof. Giuseppe Acquafredda introduce la serata dedicata a Pietro Mennea
Una scuola d’avanguardia costruita dopo il terremoto
Sono trascorsi soli dodici mesi dall’inizio della raccolta fondi per la costruzione della nuova scuola di Pieve Torina
che ha coinvolto numerosissimi privati, enti, aziende, associazioni, tra cui il Centro di Lettura Globeglotter di Trinitapoli,
in un grande progetto diffuso di solidarietà attiva. L’inaugurazione è avvenuta sabato 16 dicembre
ANTONIETTA D’INTRONO la Primaria e Secondaria
di primo grado, due spazi
interdisciplinari, un am-
amiglia Bezos, Enel biente multifunzionale
F Cuore onlus, Fonda-
zione Teatro alla
Scala, Auser, Diego e
per attività teatrali e gli
uffici della direzione
dell’Istituto Comprensivo
Monica Piacentini, Con- ‘Mons. Paoletti’. Tutte le
federazione Nazionale classi sono complete di
Misericordie d’Italia, nuovi arredi e dotazioni
Gruppo Succisa Virescit, multimediali. Questa è
il Centro di Lettura una struttura scolastica
Globeglotter e lo stesso ‘definitiva’, realizzata
comune di Pieve Torina con il contributo di privati
hanno costituito un fondo che con disinteressato
di oltre un milione e spirito di solidarietà si
cinquecentomila euro per sono prodigati per rea-
la costruzione lizzare un sogno intorno
dell’imponente struttura al quale può ricrescere la
che si sviluppa su oltre comunità colpita dal si-
1280 mq., il cui progetto sma. Un’opera forte-
architettonico è stato mente voluta dal sindaco
donato dal Gruppo Suc- Alessandro Gentilucci per
cisa Virescit che ne ha la rinascita di Pieve To-
seguito attivamente le rina, che parte dai gio-
varie fasi del complesso vani, dalla formazione,
iter realizzativo. Il nuovo dalla cultura e dalla bel-
plesso scolastico è co- lezza, ritenuti pilastri
stituito da una struttura fondamentali per tornare
innovativa, ecososteni- finalmente a vivere con
bile, sicura (in classe serenità il presente e per i ragazzi, per gli inse- partecipato all’evento, che sta tenacemente cer-
d’uso 4) che si articola su guardare con fiducia il gnanti, le famiglie di Pie- condividendo un impor- cando di ritrovare una
due piani, in cui sono futuro. L’inaugurazione ve Torina e per tutti i do- tante e gioioso momento meritata ‘normalità’.
distribuite otto aule per è stata una grande festa natori che hanno della vita di questo paese

Il ringraziamento del
sindaco di Pieve Torina
Nel ringraziarvi per quanto avete fatto
e state facendo per la mia comunità, vi
invitiamo alla cerimonia di inaugurazione
della scuola che si terrà sabato 16 dicembre
alle ore 10 a Pieve Torina. Alessandro
Gentiluzzi, sindaco di Pieve Torina

Il contributo del Centro di Lettura GlobeGlotter


I
l Centro di Lettura dal terremoto, inviando per gli studenti trinita- va scuola di un buon nu- fondi attraverso una lot-
Globeglotter ha dato il lo scorso marzo il rica- polesi nell’auditorium mero di romanzi sele- teria che si concluderà
suo piccolo ma sentito vato dello spettacolo te- dell’Assunta. Saranno zionati da esperti del a fine gennaio con una
contributo alle ricostru- atrale BARBIANA di spediti anche 250 libri settore editoriale ragaz- manifestazione pubbli-
zione della scuola, di Michela Diviccaro su di narrativa per dotare zi. Si stanno raccoglien- ca.
Pieve Torina, distrutta Don Milani, organizzato la Biblioteca della nuo- do, a tal fine, ulteriori
Musulmano e grande estimatore di Don Tonino Bello
Il libro del curdo Benyamin Somay, presentato agli studenti trinitapolesi, ha suscitato profonde emozioni
e riflessioni su come rendere il mondo più “umano” attraverso la conoscenza
LUCA CARULLI scuotendo le nostre co- Ben, musulmano e grande
scienze e sottolinea quanto estimatore degli insegna-
importante sia la solidarietà menti di Don Tonino Bel-
n occasione di Libriamo, tra gli sfortunati protagoni- lo,racconta la sua storia do-
I rassegna annuale dedi-
cata alla lettura e orga-
nizzata dal Centro di Let-
sti di queste odissee. Lui
non ha mai rinunciato ad
aiutare chi si trovava in dif-
ve viene invitato non solo
allo scopo di far conoscere
la storia del suo paese e i
tura Globeglotter, la co- ficoltà,anche a rischio della motivi del suo viaggio, ma
munità trinitapolese ha sua stessa vita, perché ha anche per lanciare un mes-
avuto il piacere di ap- sempre creduto saggio di fratellanza e soli-
prezzare l’autobiografia di “nell’amicizia” e nel suo darietà. Incontra tanti altri
Benyamin Somay “Il vento significato più profondo. È ragazzi protagonisti delle
ha scritto la mia storia” (la anche grazie ad essa che è sue stesse vicende; dà loro
meridiana edizioni). Ben- riuscito a superare i mille consigli e suggerimenti
yamin è un ragazzo curdo ostacoli che gli si sono per ripartire in una terra
costretto a scappare dal presentati durante il suo che, seppur apparentemen-
Kurdistan iraniano all’età Benyamin Somay scrittore e fornaio cammino. La mattinata si te diffidente, presenta il
di 22 anni, dopo l’arresto chiude con una fotografia lato buono dei tanti che in
di un caro amico guerriglie- Kurdistan. La prima do- sposta emerge la speranza di gruppo e con le numero- silenzio li accolgono e li
ro. Benyamin è timido ma manda che gli pongono gli di tutti coloro che ripongo- se dediche che gli alunni aiutano. Ben è la prova vi-
forte e determinato ed ha studenti è: “perché una ter- no nella non-violenza e nel dello Staffa gli hanno ri- vente che la conoscenza
sempre un sorriso che su- ra con il proprio popolo e dialogo la soluzione alle chiesto. Ancora il tempo può diffondere i valori di
scita tanta serenità. Ho avu- i propri costumi, deve esse- numerose guerre che afflig- per prendere un caffè e per pace, di solidarietà e di ri-
to il piacere di passare qual- re contesa e spartita da al- gono la nostra epoca. Pio- fare qualche altra domanda, spetto delle diverse culture
che ora a cena con lui e mi tre nazioni? La solita guer- vono molti quesiti sulla sua e purtroppo arriva il mo- dei popoli che oggi sem-
ha subito preso la voglia di ra di religione?” Ben ci famiglia, sulla forza e il mento dei saluti. Ben deve brano essere in crisi col
conoscerlo meglio. Appena spiega che l’Iran è diviso coraggio che lo hanno spin- tornare a Verona dove vive dilagare dei nazionalismi
fatta qualche domanda, tra sciiti e sunniti da sempre to a lasciare la sua adorata da qualche tempo e dove e dei razzismi anche nella
Ben si è reso disponibile in lotta. I curdi, principal- madre, simbolo di sacrifi- lavora come fornaio, me- civile Europa. Ben “dà vo-
ad assecondare la mia cu- mente sunniti, dopo aver cio ed amore. Ben ne parla stiere che ha imparato sin ce a chi non ne ha”; per
riosità. Sono stato affasci- combattuto da secoli per emozionato, e spera di rin- da piccolo nella sua questo è fondamentale
nato dalla sua storia: mi l’indipendenza territoriale, contrarla presto insieme Neychalan. Quando lo ab- prendere in mano il suo
aveva accennato solo pochi oggi, stremati da anni di agli altri componenti della braccio ho la sensazione messaggio e diffonderlo.
frammenti della sua vita lotte e morti, chiedono solo sua famiglia. Irrompe così di salutare uno dei miei fra- Perché il vento non
ma sentivo il bisogno di il riconoscimento dei diritti il contrasto con il destino telli. Lui mi promette di solo ha scritto la sua storia,
saperne di più. Ci siamo da parte dei governi centra- più fortunato dei tanti pre- ritornare ed io di leggere il ma ci ha inviato un dono
dati appuntamento al gior- li. “Ma come può quindi senti in quell’aula. Ben fug- suo libro e di fargli sapere che va conservato dentro
no dopo per la presentazio- una sola religione condi- ge, ma il peggio deve anco- le mie impressioni. In due ognuno di noi.
ne del suo libro ai ragazzi zionare i fondamenti della ra arrivare. Molti non giorni divoro tutte le pagine
dell’Istituto Staffa di Trini- natura umana con i suoi riflettono sul fattore rischio con una profonda parteci-
tapoli dove ho conseguito diritti e i suoi doveri?” Un di un viaggio nelle mani pazione emotiva che scatu-
la maturità classica .Fuori po’ forzato come moti- dei trafficanti di uomini. risce da ogni rigo di una
dai cancelli. vo.“Sarà che molto proba- Minacce e violenze che ac- storia straordinaria, ricca
Ben appare leggermen- bilmente le ricchezze petro- compagnano le già precarie di poche gioie e di tanti
te teso ma il desiderio di lifere del sottosuolo, condizioni fisiche e psico- dispiaceri. Ben non è tanto
raccontare la sua storia a allettino il palato delle po- logiche di uomini, donne e diverso da noi, anche lui
quei ragazzi supera ogni tenze medio-orientali ed bambini che spesso non rie- da piccolo ascoltava le sto-
inibizione. Ci accomodia- occidentali?” pensiamo. scono a superare le prime rie dei suoi nonni, anche
mo nell’aula magna e lui Ben ce lo lascia immagina- tappe di un itinerario stra- lui ha una madre che ha
va subito incontro agli re. Tra le tante domande ziante. Sbarcato in Italia, dovuto sopportare numero-
alunni per chiedere loro le che gli hanno rivolto gli dopo una “semplice” navi- si sacrifici per crescere i
prime impressioni sul suo alunni, spicca quella di un gazione in gommone, deci- suoi figli, anche lui ha la-
libro. L’emozione che lo ragazzo, che chiede il mo- de di raggiungere Copena- sciato amici che spera an-
accompagnava nei primi tivo della sua fuga e soprat- ghen, meta da lui sempre cora di rivedere e ringrazia-
istanti viene meno, e Ben tutto il perché non abbia sognata, ma il trattato di re. Ben ha anche molto da
incomincia ad illustrare le impugnato le armi insieme Dublino, che obbliga a re- dare agli altri: è un’altruista
origini del suo popolo con agli altri partigiani nascosti stare nel primo paese di nato. Stabilitosi definitiva-
l’ausilio di una cartina ge- sulle montagne. Ben spiega approdo, si tramuterà nel mente in Italia, prima in
ografica che proiettava i che non tutti sono portati suo peggior avversario. Puglia, poi nell’isola
confini “inesistenti” del per la guerra. In questa ri- Ben ci racconta tutto questo d’Elba e infine a Verona,
Addàure
de Natöle
Vè che ll’àrie nu sùene de zambògne,
nu suène andéche stupöte jind’o còure.
Jònne asscennóute i zambugnöre da Monde
C’annóuce l’addàure du Natöle.
S’hanne resbegghiè pucheröre e pucheròcce,
u mulafùerce, u scarpöre, u zucöre,
la nonònne a felè,
u marenöre a peschè,
u ciücce cu capezzàume a gerè
e u muléne a dacquè,
la lavannöre a lavè
la fundöne a candè
e ttütte chidde crestejöne,
ca, tenénnese che mmöne,
jind’o sckatelàume stàvene a durmì.
S’honne appeccè arröte i casarèdde
de sàupe è mundàgne
e u fùeche sott’o trepìete
che lla caldöra nèggre
e llücete de röme.
A nnu quarte u muléne
E u mulenöre a macenè,
i paparédde a paprescè;
a nn’alte la fèmene a trumbè
e u cacciùele a uardé.
O de mé e, jìnd’o còure de la Capànne,
nu Menìnne bbiünde a ffè la nanne…
Pòute jésse Natöle sénzá l’addàure
de l’èrva chiàtte du presèpie?
Stè angòure, nu picche sculeréte
chèdde de mufallànne ma stè póure chèdda frèscke
è candóune de l’àskre…
Dèffòure, madönne accòume föce fridde!
Jinde, sàupe o vrascìere, s’arròste u caldìedde.

PROFUMO DI NATALE
Va per l’aria un suono di zampogna, / un suono antico conservato nel cuore. / Sono
scesi gli zampognari da Monte Sant’Angelo / A portare l’odore del Natale. / Debbono
svegliarsi pastori e pecorelle, / l’arrotino, il ciabattino, il funaio, / la nonna a filare,
/ il pescatore a pescare, l’asino col paraocchi a girare / e il mulino (la noria) ad
innaffiare, / la lavandaia a lavare, / la fontana a chioccolare / e tutti quei personaggi
/ che,tenendosi per mano, / dormivano nello scatolone. / Debbono riaccendersi le
casette / in cima ai monti / e il fuoco sotto il treppiede / con la caldaia nera / e lucida
di rame. / Da un lato il mulino / e il mugnaio a macinare, / le ochette a divertirsi; /
dall’altro la massaia ad impastare / e il cagnolino ad osservare. / Al centro, nel cuore
della Capanna, / un Bimbo biondo a fare la nanna. / Ci può essere un Natale senza
l’odore / dell’erba piatta( il muschio) del presepe? / C’è ancora, un po’ sbiadita / quella
dell’anno scorso, / ma c’è anche quella fresca / agli angoli del terrazzo… / Fuori,
mamma che freddo! / In casa, sul braciere, / si prepara il pane arrosto.