Sei sulla pagina 1di 7

Stella Rossa sul italia

di
Emanuele Nicolosi

correva l'anno 1948...

gli Stati uniti d'america, dopo la fine della 2° guerra mondiale, sottovalutarono troppo la minaccia
rossa, convinti che l'URSS fosse troppo disastrata e stremata dopo la guerra mondiale, gli americani
rinunciarono a varare il Piano Marshall, dopo che la proposta da parte del generale americano
George Marshall, venne respinta dal governo americano, convinto che i paesi europei, avrebbero
potuto cavarsela da soli e riprendersi economicamente da soli, senza bisogno di alcun aiuto,
convinti che l'URSS avrebbe rinunciato ai piani d'espansione del comunismo, ripiegandosi in se
stesso e ritrovandosi troppo indaffarata in una lunga e faticosa ricostruzione Post-Bellica, per poter
minacciare il mondo libero...

con gli accordi di Postdam del 1945, l'Europa venne spartita tra la zona occidentale a influenza
americana e la zona orientale, a influenza sovietica...

per il governo americano, gli Europei e l'Europa occidentale, doveva arrangiarsi, doveva cavarsela
da sola a livello economico, poichè gli Stati uniti d'America, iper-indebitati per via dello sforzo
bellico condotto durante la 2° guerra mondiale, dovevano risolvere i loro problemi di debito, a
incrementare questa deriva, fu anche l'avvento di una politica isolazionista nel governo americano...

ma la ripresa economica del Europa occidentale, tanto sbandierata dagli americani, non avvenne,
l'Europa occidentale, piombò in una crisi e depressione economica profonda, l'europa occidentale,
non riuscendo a riprendersi dalle devastazioni del conflitto, piombò nella povertà e nella miseria,
questo, fece rafforzare e alimentare la diffusione del comunismo nei paesi Europei occidentali,
sopratutto in Italia e Francia, dove c'erano i più grandi partiti comunisti del Europa occidentale...

nel 1948, avvenne la “Rivoluzione comunista Italiana”...

i comunisti, presero il sopravvento in Italia, instaurando la “Repubblica Socialista Popolare


Italiana”, retta da Palmiro Togliatti e dal Partito Comunista Italiano

ma questo, diede il via alla “Guerra civile italiana” (1948-1950), che contrappose le forze
comuniste e rivoluzionarie italiane, aiutate e supportate da Unione Sovietica, Yugoslavia e Blocco
di Varsavia, alle forze “Bianche” e conservatrici italiane, composte da Democristiani, Monarchici
savoiardi, Cattolici e Fascisti italiani, che vennero sostenuti dagli Stati uniti d'America, Inghilterra e
Spagna Nazionalista e Irlanda.
i Partigiani italiani, gli stessi che avevano combattuto durante la 2° guerra mondiale, contro i
Nazifascisti, si schierarono nel lato comunista, entrando in guerra al fianco dei Comunisti italiani e
del “Italia Rossa”, contro le forze “Bianche” italiane, le fazioni partigiane italiane, vedevano nella
guerra civile italiana, una continuazione della “Lotta Partigiana”, che se prima era contro Nazismo e
Fascismo, ora invece, era contro l'Italia monarchica e cattolica e contro gli AngloAmericani...

durante la guerra civile italiana, le milizie comuniste italiane, si lasciarono a stragi e massacri dei
Cattolici e dei monarchici, dando il via a una violenta e spietata persecuzione degli “Anti-
Comunisti” e degli “Anti-Rivoluzionari” e dei “Nemici del Popolo”...

il governo americano, di fronte alla prospettiva di un italia in mano ai comunisti, iniziò a progettare,
assieme alle forze armate americane, un piano di guerra, ovvero “l'Operazione Woodpecker”
(Operazione Picchio), con cui l'esercito americano, assieme al Inghilterra, progettava un invasione
armata del Italia, per sconfiggere le forze comuniste italiane e far salire al governo in Italia, un
governo reazionario filo-americano, che doveva essere retto o dai Savoia, oppure da una forza
politica Cattolica (come i Democristiani), o se necessario, instaurare un regime fascista in italia, con
l'aiuto di resti del passato regime fascista italiano, che dovevano diventare alleati nella lotta al
comunismo...

ma “l'operazione Woodpecker” venne annullata, dopo che l'Italia comunista, si alleò con l'Unione
Sovietica, aderendo al Blocco di Varsavia e al COMECON, dopo che Yosif Stalin, in discorso,
affermò che l'URSS sarebbe intervenuta in aiuto e soccorso del Italia Rossa, se quest'ultima,
sarebbe stata aggredita dagli Anglo-Americani...

i Savoia, la monarchia italiana, dovettero scappare in Sicilia, dove i soldati americani, avevano
preso il controllo militare della Sicilia con “l'Operazione Torpedo”, allo scopo di creare un “Italia
Bianca”, contrapposta al “Italia Rossa”...

la monarchia dei Savoia, ma anche il Papa e il clero vaticano, dovettero scappare dal Italia, per
rifugiarsi in Sicilia, sotto la protezione militare del esercito americano...

la Sicilia, divenne la “Taiwan” italiana, retta dalla monarchia dei Savoia, l'italia “Bianca”,
contrapposta alla penisola italiana, ovvero “l'Italia Rossa”...

il regime comunista italiano, scatenò violente e spietate persecuzioni dei Cattolici e dei monarchici
italiani, che furono costretti a migrare al estero o a scappare in Sicilia,

i dissidenti politici italiani, vennero deportati in dei “Campi di Rieducazione socialista”, creati dal
italia Rossa in Sardegna e nel Alto-Adige, campi che divennero i “Gulag” italiani...

dal 1948, l'Italia comunista e retta da Palmiro Togliatti, che rese l'Italia, un burattino e fantoccio del
URSS, una specie di “Colonia” sovietica in Europa...

venne creata “l'Armata Rossa Italiana”, che divennero le forze armate italiane del “Italia Rossa”;
che ricevevano armamenti ed equipaggiamenti dal Unione Sovietica e dal Blocco di Varsavia...

l'Armata Rossa sovietica e gli eserciti comunisti del blocco di Varsavia, vennero schierati e
mobilitati nella penisola italiana, dopo che i Sovietici, puntavano a rendere l'Italia, una grande
“Portaerei” per il controllo strategico del Mar Meditteraneo...

L'Italia, divenne una grande e immensa "portaerei" del Unione Sovietica nel Mar Meditteraneo, il
controllo del italia da parte dei sovietici, permetteva al URSS, un controllo strategico di tutto il Mar
Meditteraneo, permettendo al "Armata Rossa" e alle forze aereo-navali sovietiche, di tenere sotto
controllo il Bacino del Meditteraneo e le forze aereo-navali americane e della NATO nel
Meditteraneo, permettendo al URSS, di rendere l'inter Mar Meditteraneo, un "lago Sovietico", un
"Mare Nostrum" italo-Sovietico...

ma in Italia, affluirono interi eserciti di agenti del KGB, che fecero del italia, una vera e propria
centrale operativa spionistica nel continente Europeo...
in Italia, si crearono innumerevoli basi militari sovietiche, non solo terrestri, anche aeree e navali,
l'URSS fece ammassare le sue forze militari nella penisola italiana, con lo scopo di mantenere il
controllo bellico-militare del Italia, per via della massima importanza strategica della penisola
Italiana...

nel 1959, avviene la “Crisi dei missili siciliani”, quando gli Americani, fecero schierare dei missili
a lunga gittata nella “Repubblica Siciliana”, detta anche “Repubblica Nazionalista italiana”, retta
da un regime autoritario filo-Americano e di destra, dove il potere era retto dalla monarchia dei
Savoia, che si co-gestivano il potere locale, assieme alla “Mafia” e alla Chiesa cattolica, che aveva
creato la sua sede a Gela, nella Sicilia meridionale...

gli AngloAmericani, sostenevano la “Mafia” in funzione anti-comunista, con il risultato che la


Mafia, divenne una terza forza politica, sociale ed economica, tra la monarchia dei Savoia e la
Chiesa cattolica...

i Savoia, per mantenere e preservare il loro potere, avevano creato una polizia politica, la “Guardia
Sabauda” o “Guardia cittadina Savoiarda”, simile al “Ochrana” della Russia zarista o al
“SAVAK” del Iran monarchico dello “Shah”, la Guardia Sabauda, venne creata per impedire la
dilagazione e diffusione del comunismo in Sicilia, nel “Italia bianca”, per mantenere e preservare il
potere dei Savoia, sostenuto dagli Stati uniti d'America e dalla chiesa cattolica...

la Repubblica Siciliana, varò una poderosa “corsa agli armamenti”, con l'aiuto AngloAmericani,
ricevendo tonnellate di armamenti dagli Stati uniti d'America e facendo iper-fortificare e iper-
militarizzare la Repubblica siciliana, con lo scopo di renderla un isola-Fortezza nel Mar
Meditteraneo, cosa voluta dagli americani, che cercavano di mantenere la loro presenza militare nel
Mar Meditteraneo, tramite il controllo della Sicilia e della “Repubblica Siciliana”...

l'URSS divenne il maggior fornitore di grano del Italia, creando una rete di collegamenti navali, che
collegavano i porti italiani, ai porti sovietici, collegamenti navali a cui l'italia era divenuta
largamente dipendente, per reggere l'industria nazionale della Pasta italiana, che sotto il
comunismo, venne nazionalizzata e statalizzata...

come segno del amicizia italo-Sovietica, la FIAT, che era finita nazionalizzata, fece creare un
immenso centro di produzione automobilistica nel URSS, una vera e propria “Detroit” italo-
Sovietica, vicino ai monti Urali, quel centro industriale automobilistico, venne chiamato dai
sovietici “Togliattigrad”, in segno di amicizia e riconoscimento del PCUS, verso il capo del italia
comunista Palmiro Togliatti...

l'ENI, anch'essa, finita nazionalizzata, fece creare una rete di gasdotti e oleodotti tra l'Italia e
l'Unione Sovietica, per l'approvigionamento energetico del italia, che era divenuta dipendente dalle
riserve energetiche sovietiche di Gas e petrolio...

in Italia, la lingua straniera più studiata nelle scuole, divenne il Russo, nei cinema italiani, i film
americani di Hollywood, vennero vietato e banditi, si proiettavano nelle sale o solo film di
propaganda comunisti creati dal Italia Rossa, a Cinecittà, divenuta “Città del Cinema popolare”; la
Cinecittà comunista, oppure film di propaganda del Unione Sovietica doppiati in italiano...
i fumetti americani e i romanzi di fantascienza americani, vennero vietati e banditi ritenuti
“Conservatori” “Reazionari” “Borghesi” e “mezzi del imperialismo culturale americano”, la
Mondadori, fu costretta a chiudere la sua collana di fantascienza “Urania” e a bloccare le
pubblicazioni dei fumetti della “Disney”, come per esempio “Topolino”; bandito dal PCI – partito
comunista italiano, come “mezzo del imperialismo capitalista americano” per corrompere la società
italiana, la filiale italiana della Disney, fu costretta a chiudere i battentii e a sloggiare...

tra i pochi fumetti che rimasero legali, ci fu un Pinocchio comunista, con il celebre “Pinocchio” di
Carlo Collodi, che venne strumentalizzato dal PCI, diventando strumento della propaganda
comunista italiana, mentre “il Corriere dei Piccoli” divenne un giornale a fumetti di propaganda
comunista, con eroi-bambini intenti a combattere i capitalisti banchieri in giacca e cravatta e capelli
a cilindro nero, oppure la chiesa cattolica e le religioni, oppure i “Revisionisti traditori” o le “Forze
anti-Comuniste...

la politica estera italiana, si orientò inizialmente sul Unione Sovietica e il blocco di varsavia e poi,
sui paesi Afro-Asiatici, poiché la politica italiana era anti-colonialista e anti-imperialista,
sostenendo la decolonizzazione del Terzo mondo...

l'Italia rossa varò una politica estera filo-Palestinese e anti-Israeliana, vedendo in Israele, un
burattino e fantoccio del imperialismo americano e del Capitalismo in Medio Oriente...

l'Italia Comunista, spedì quintali di armamenti italiani e di finanziamento al OLP e al “Partito


comunista Rivoluzionario Palestinese”, al epoca, sostenuto dal Unione Sovietica e dalla Cina
Maoista, nella loro lotta contro lo Stato di Israele...

soldati e volontari comunisti italiani, affluirono in Palestina e in Libano, per aiutare i movimenti
comunisti di Libano e Palestina, a combattere contro lo stato di Israele, visto come una roccaforte e
baluardo del capitalismo e del imperialismo americano in Medio oriente, come una “Colonia”
americana in Medio oriente...

l'Armata Rossa Italiana, condusse sostegno militare di ogni sorta ai paesi comunisti del terzo
mondo, sopratutto asiatici e africani, con lo scopo di aiutare e sostenere i movimenti rivoluzionari
comunisti, in ogni zona e angolo del mondo, per aiutare i popoli oppressi a ribellarsi e a svilupparsi
sotto lo stendardo del Socialismo internazionale...

numerosi soldati comunisti italiani, combatterono in Corea, Etiopia, Angola, Vietnam, affiancando
le lotte rivoluzionarie comuniste nel terzo mondo...

molti volontari italiani, combatterono nelle “guerre rivoluzionarie” di Santo Domingo, Nicaragua,
El Salvador, Colombia, Bolivia, Turchia e Nepal

ma al interno del Italia Comunista, iniziò a crearsi e formarsi, un grosso e poderoso movimento
Maoista e filo-cinese, che confluì nel “Partito Maoista Italiano” o PMI, fondato nel 1962, da
Giulio Melegoni, chiamato dalla stampa Internazionale, il “Mao Zedong italiano”, Giulio Melegoni,
era un intelletuale comunista, un grande ammiratore di Mao Zedong e della Cina Maoista, Melegoni
che aveva visitato molte volte la Cina Maoista, vedeva nel Maoismo, il vero e autentico
comunismo, vedendo nel Unione Sovietica, una fazione revisionista e traditrice del vero
comunismo, Melegoni iniziò a progettare un “Golpe” militare, nel tentativo di detronizzare il
governo del PCI – Partito comunista italiano, per instaurare nella penisola italiana, un regime
Maoista e filo-Cinese...

così, nel 1962, Giulio Melengoni, assieme a frange filo-maoiste italiane, progettarono il loro colpo
di stato, di nascosto, cercando di ricevere aiuti dalla Cina Maoista, per Melengoni, quello, non
doveva semplicemente, essere un “Golpe” o un colpo di stato, ma una vera e propria rivoluzione
maoista nella penisola italiana, una “Rivoluzione Maoista italiana”, con lo scopo di far aderire
l'italia Rossa alla “Quinta Internazionale”, ovvero, l'Internazionale Maoista, che venne creata dalla
Cina Maoista, con il “Congresso di Hangzhou” del 1961, uno schieramento filo-cinese, che si stava
affermando come un grande movimento rivoluzionario e proletario, di scala globale e
internazionale, estendendosi sopratutto alla Afro-ASia e ai paesi Afro-Asiatici, poiché l'Eurasia e i
paesi Euro-Asiatici, erano sotto saldo controllo del Unione Sovietica

il “Golpe Maoista” però fallì, venendo sconfitto e respinto e sventato dalle forze comuniste italiane,
alleate di Mosca e del COMINTERN, il golpe venne sventato da un azione congiunta del KGB e dei
servizi segreti comunisti italiani...

ma questo, fece scatenare un insurrezione dei Maoisti italiani, guidati dal Partito Maoista italiano,
dopo che si era creato un grosso e poderoso movimento Maoista nella penisola italiana, fatto di
comunisti ortodossi e duri e puri, che vedevano nel governo comunista italiano filo-sovietico, un
paese revisionista, traditore del vero e autentico comunismo...

nel 1963, l'Italia comunista, piombò in una guerra civile, tra i comunisti filo-SOvietici e i comunisti
Filo-Maoisti, guerra che venne chiamata la “Guerra Maoista”...

la “Guerra Maoista”, causò grandi devastazioni al interno della penisola italiana, lo schieramento
governativo, lo schieramento filo-Sovietico, venne sostenuto da URSS, Unione di Varsavia e paesi
del COMECON, lo schieramento filo-sovietico, controllava il nord Italia e il centro italia, mentre lo
schieramento filo-Maoista, controllava il Sud Italia, ed era appoggiato da Cina Maoista e dai paesi
del “Internazionale Maoista” come il Ghana, Nigeria, Kenya, Iran, il Nepal, Somalia, Albania,
Congo e Benin e Palestina...

la “Guerra Maoista”, giunse al termine nel 1973, la guerra venne vinta dallo schieramento filo-
Sovietico, che era più forte, potente e numeroso dello schieramento filo-Maoista...

l'Italia Rossa, era finita, stremata, piegata e disastrata dalla “Guerra Maoista”, che aveva piegato
infrastrutture ed economia della penisola italiana...

nel 1975, Terenzio Laurani, figura d'alto spicco, del Partito comunista italiano, salì al governo nel
italia Comunista, proclamandosi come “Messia” e “Salvatore” del Italia dalle devastazioni causate
dai Maoisti...

Terenzio fu il maggiore teorico di un “Comunismo italiano”, di una “Via italiana al Socialismo”,


puntando a creare un “Socialismo nazionale” italiano...
Terenzio faceva parte di quella corrente di pensiero socialista, per cui, non tutte le nazioni,
sarebbero al socialismo allo stesso modo, per cui, ogni popolo, cultura e nazione ed etnia, aveva la
propria “Strada” o “via” o “percorso” verso il Socialismo, un “Socialismo a più velocità”, un
socialismo a tante velocità diverse, ritenendo che non tutti i paesi e nazioni della terra, potevano
arrivano al Socialismo con la stessa velocità e allo stesso modo, poiché tanti paesi, avevano gradi di
sviluppo e progresso diversi, non si poteva pretendere che paesi poveri o arretrati o scarsamente
industrializzati, arrivassero al istante al socialismo o diventassero automaticamente “Comunisti” o
“Socialisti”, ritenendo che l'adesione al socialismo, doveva essere un processo graduale e costante e
non un processo imposto dal alto o imposto con la forza...
poi, Terenzio, riteneva che ogni popolo e cultura fosse troppo differenziata e variegata tra di loro,
troppe diversità etno-culturali, per avere un solo e unico socialismo o sistema socialista, per cui,
ogni popolo e cultura doveva avere il proprio socialismo sociale, non “il Socialismo” al singolare,
ma “i Socialismi” al plurale...
per Terenzio, l'idea di imporre un unico “socialismo globale”, come un unico “sistema universale”
socialista, era una pura illusione, una cosa impossibile e irrealizzabile...

dal 1981, l'Italia comunista proclamò il suo scisma dalla Cina Maoista e dal Unione Sovietica, dopo
che Deng Xiaoping e Yuri Andropov, vararono dal 1979 in poi, le riforme per l'apertura della Cina
comunista e del Unione Sovietica al economia di mercato...
l'Italia Terenziana, accusava Cina e URSS di “Revisionismo”, di aver tradito l'ideale proletario e
socialista, di essersi svenduti al Capitalismo e alle forze “conservatrici e reazionarie”...

così, Terenzio Laurani, fece proclamare la creazione di un nuovo comunismo, un comunismo


nazionale italiano, che doveva guidare la rivoluzione proletaria mondiale, contro le forze capitaliste,
borghesi e conservatrici, il comunismo italiano o corrente italiana del comunismo venne chiamato
“Terenzismo”, corrente che affianco lo “Juchismo” della Corea del Nord, “l'Hoxhaismo” del
Albania e il “Senderismo” del Perù Comunista...

ma Terenzio Laurani, che voleva restaurare il comunismo “duro” e “Puro” delle origini, proclamò
l'URSS e la Cina come forze “revisioniste”, tacciandoli di “revisionismo”, di tradimento del
internazionale socialista, alle forze capitaliste e reazionarie...

l'Italia comunista, orientandosi nella dottrina del “Lauranismo” (alcuni studiosi lo chiamavano
anche “Terenzismo”), o “Comunismo italiano” o “Via italiana al Socialismo, si chiuse in sé stesso,
isolandosi dal resto del mondo, puntando sul Autarchia, rifiutando completamente l'economia di
mercato, il capitalismo e la libera impresa, puntando tutto su un socialismo duro e puro, sulla totale
pianificazione statale del economia e della società italiana...

l'italia comunista, tentò di esportare il Lauranismo nel mondo, cercando di finanziare la creazione di
partiti e movimenti comunisti Lauranisti a livello internazionale, tentando pure, ma fallendo
miseramente, nel tentativo di creare una “Internazionale” Lauranista, una internazionale Filo-
Italiana...

si crearono movimenti Lauranisti nei Balcani e nel Europa del Est, come nei paesi afro-Asiatici, ma
il movimento Lauranista era debole e scarso, rispetto ai più poderosi comunismi di URSS e Cina...

qualche regime Lauranista, prese il potere in qualche stato asiatico e africano, paesi come per il
compimento del Socialismo reale, non guardavano più a Unione Sovietica o Cina, ma al Italia
Lauranista, visto come modello del comunismo e del socialismo...

il regime Lauranista italiano, fece ammassare le forze militari comuniste italiane, in Calabria,
rendendo lo stretto di Messina, una zona d'alta tensione militare, con Laurani, che divenuto
bellicoso, minacciò un invasione armata su larga scala per conquistare la Sicilia, rivendicata da
Laurani come “territorio Socialista italiano”...

l'Italia giunse a chiudersi e isolarsi del tutto dal mondo esterno, dal resto del mondo, perdendo ogni
contatto con il resto del mondo, diventando una “Corea del Nord” del Mar Meditteraneo, dove
l'unico contatto o passaggio con il mondo esterno, era la Sicilia o “Italia Bianca”, dove Messina, era
divenuta una città-Stato, una “Hong Kong” italiana...

l'Italia comunista dal 1983, iniziò a piombare nella povertà e nella miseria, oramai, l'Italia rossa era
stata abbandonata da tutti, anche dal Unione Sovietica e dalla Cina, anche dallo stesso schieramento
comunista...

la fame e la miseria, fecero diffondere nella gente, la disillusione e il malcontento popolare verso il
PCI, sopratutto dopo che Terenzio Laurani, aveva fatto concentrare a sé il potere, facendo
sterminare e massacrare i membri rivali del PCI, durante la “Strage del Quirinale”, quando una
divisione armata del “Armata Rossa Italiana”, fece irruzione del Quirinale, perpetrando una strage e
massacro, di tutti i membri del PCI, che erano contro lo strapotere di Terenzio Laurani...
Terenzio Laurani, si fece proclamare come “padre della patria” e “Grande guida del popolo italico”,
facendo concentrare a sé tutti i poteri...

nel 1992, avvenne la caduta del regime comunista italiano, travolto dalla “Primavera Romana”,
quando la popolazione ribelle, riversandosi nelle strade di Roma e delle maggiori città italiane, si
ribellarono, scontrandosi contro la polizia e l'esercito, a Roma, la popolazione, assaltò i palazzi del
potere...

ai giornalisti e reporter stranieri, che giunsero nella penisola italiana, l'italia sembrava un paese
dove il tempo si era fermato, un paese rimasto fermo al medioevo, un paese arcaico e feudale...

ma oramai, il nuovo governo costituente italiano, fece creare la “Repubblica democratica italiana
nel 1993, che entrava nel orbita occidentale e nella NATO...

nel italia post-comunista, si diffusero numerosi “Oligarchi”, che iniziarono ad arricchirsi a spese
della gente e della popolazione italiana, tra questi, c'era Silvio Berlusconi...